REGOLE DI CONDOTTA DI BSI SA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REGOLE DI CONDOTTA DI BSI SA"

Transcript

1 BANCHIERI SVIZZERI DAL 1873 REGOLE DI CONDOTTA DI BSI SA MAGGIO 2012 BSI SA (di seguito BSI o Banca ) al fine di garantire un sempre maggiore livello di qualità ed efficienza dei servizi e prodotti offerti alla sua clientela e di aumentare il livello di tutela offerto alla stessa, ha deciso, di propria iniziativa, di adottare le presenti regole di condotta. Esse traggono il proprio fondamento dalla presa di posizione dell Autorità federale di vigilanza sui mercati finanziari (FINMA) in materia di produzione e distribuzione di prodotti finanziari, considerando altresì il contesto internazionale e, in particolare, i principali dettami derivanti dalle normative europee in materia di offerta ed esecuzione di servizi finanziari. In tale ottica la Banca intende assicurare al Cliente (di seguito anche Titolare ): un più elevato grado di trasparenza e di informazione; una maggiore consapevolezza dei rischi assunti; le migliori condizioni possibili per l esecuzione degli ordini ricevuti; le informazioni puntuali e accurate sull esecuzione delle transazioni.

2 Indice 1. Informazioni su BSI SA Dati identifi cativi Contatti Autorizzazioni Recapito autorità di vigilanza 1 2. Reclami 1 3. Informazioni sulle modalità di classificazione della clientela e sulla possibilità di richiedere una modifica della stessa Tipologie di classifi cazione Defi nizione delle tipologie di classifi cazione e grado di protezione Modifi ca della classifi cazione 2 4. Informazioni concernenti il deposito e la salvaguardia degli strumenti finanziari e delle somme di denaro della clientela Misure generali approntate per assicurare la tutela dei diritti della clientela Tutele predisposte per le somme di denaro dei clienti Subdeposito degli strumenti fi nanziari della clientela 3 5. Informazioni generali sulla strategia in caso di conflitto di interesse 3 6. Informazioni generali sulla strategia di esecuzione degli ordini 4 7. Esecuzione di ordini su strumenti finanziari Raccolta di informazioni Valutazione dell appropriatezza e adeguatezza dei prodotti e servizi di investimento Esecuzione degli ordini 5 8. Informazioni generali sui costi e sugli oneri 5 9. Informazioni generali sulle indennità ricevute e erogate Indennità monetarie e non monetarie percepite Indennità monetarie e non monetarie erogate Informazioni generali sui rischi principali nel commercio di titoli 6

3 1 1. INFORMAZIONI SU BSI SA 1.1 Dati identificativi Sotto la ragione sociale BSI SA. Sede legale in Via Magatti 2, CH-6900 Lugano 1.2 Contatti Recapito telefonico: +41(0) Numero di fax: +41(0) Indirizzo Sito Internet: 1.3 Autorizzazioni BSI SA è una banca di diritto svizzero autorizzata ad esercitare la sua attività ai sensi della Legge federale dell 8 novembre 1934 sulle banche e le casse di risparmio (Legge sulle banche, LBCR) e relativa Ordinanza del 17 maggio 1972 sulle banche e le casse di risparmio (Ordinanza sulle banche, OBCR). BSI SA è sottoposta alla vigilanza della Autorità federale di vigilanza sui mercati finanziari (di seguito anche: FINMA ). 1.4 Recapito autorità di vigilanza Autorità federale di vigilanza sui mercati finanziari FINMA Einsteinstrasse 2 CH 3003 Berna 2. RECLAMI I reclami trasmessi dalla clientela all indirizzo della sede legale della Banca sono centralizzati presso il dipartimento Compliance e trattati dalle unità interne competenti (Legal & Compliance). Eventuali reclami dei clienti o dei potenziali clienti possono essere indirizzati a: Global Compliance Via Magatti 2, CH-6900 Lugano Il reclamo dovrà contenere almeno: il nominativo del Cliente o potenziale Cliente, i dati anagrafici e i recapiti i dati identificativi del rapporto oggetto di reclamo; l oggetto del reclamo e una breve descrizione dei fatti che lo generano; la quantificazione dell eventuale richiesta economica. Le unità competenti, nella trattazione del reclamo, si faranno parte attiva, per conto dei vertici aziendali, al fine di poter fornire un adeguata risposta ai reclami sottoposti. 3. INFORMAZIONI SULLE MODALITÀ DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA E SULLA POSSIBILITÀ DI RICHIEDERE UNA MODIFICA DELLA STESSA 3.1 Tipologie di classificazione La Banca ha deciso di suddividere la clientela nelle seguenti distinte categorie: a) Private (anche detto Cliente al dettaglio o retail ); b) Professional (anche detto Cliente professionale ); c) Eligible counterparty (anche detta controparte qualificata ); d) Non classificata ( No declaration ).

4 2 3.2 Definizione delle tipologie di classificazione e grado di protezione Clienti Private: sono clienti che posseggono, di regola, minore esperienza e competenza in materia di investimenti e necessitano, quindi, del livello di protezione più elevato. Sono classificati come clienti Private tutti i clienti non espressamente classificati come Professional o Eligible counterparty oppure non espressamente esclusi dalla classificazione ( no declaration ). La protezione della clientela Private consiste principalmente in alcune misure che la Banca ha deciso di introdurre e che sono, in buona parte, descritte nel presente documento. In particolare si fa riferimento alle informazioni fornite alla clientela e relative alla Banca ed alla sua attività, alla strategia di esecuzione degli ordini implementata dalla Banca, alla valutazione dell appropriatezza e/o adeguatezza degli ordini su strumenti finanziari, alla strategia di gestione dei potenziali conflitti di interesse, nonché alle informazioni sui rischi insiti negli investimenti su strumenti finanziari. Clienti Professional: sono i clienti che possiedono l esperienza, le conoscenze e la competenza necessarie per prendere consapevolmente le proprie decisioni in materia di investimenti e per valutare correttamente i rischi che assumono. In considerazione dell elevata esperienza e competenza in materia di investimenti il grado di protezione offerto dalla Banca può essere ridotto. In particolare, la Banca non è tenuta a fornire informazioni dettagliate in merito alla Banca stessa ed alla sua attività, ai rischi insiti negli investimenti su strumenti finanziari, nonché non è tenuta ad implementare misure particolari volte alla valutazione dell appropriatezza e/o adeguatezza degli ordini su strumenti finanziari eseguiti per conto del Cliente Professional. Clienti Eligible counterparty: sono un sottoinsieme dei clienti Professional e possiedono il più alto livello di esperienza, conoscenza e competenza in materia di investimenti. Essi necessitano pertanto del livello di protezione più basso in ambito di servizi di esecuzione di ordini per conto dei clienti e/o di negoziazione per conto proprio e/o di ricezione e trasmissione ordini. Sono, in particolare, considerati come eligible counterparties le banche, le imprese di assicurazione, i fondi pensione e le fondazioni bancarie. La Banca non assicura alcun grado particolare di protezione a questa categoria, fatta eccezione per la sua strategia di gestione dei potenziali conflitti di interesse applicabile a tutta la clientela. Clienti non classificati ( no declaration ): sono quelli che non rientrano in alcuna delle classificazioni sopra riportate. Per tali clienti, la Banca non può assicurare alcuna particolare protezione, fatta eccezione per la sua strategia di gestione dei potenziali conflitti di interesse applicabile a tutta la clientela. La Banca classifica in particolare come no declaration i clienti che hanno conferito una procura amministrativa a un gestore patrimoniale esterno riconosciuto. In questi casi, la Banca può conferire, senza averne alcun obbligo, lo stesso grado di tutela conferito ai clienti Professional. I gradi di protezione delle differenti classificazioni sono determinati dalla Banca e possono essere modificati in qualsiasi momento senza alcun preavviso particolare al Titolare. 3.3 Modifica della classificazione Il cambio di classificazione può avvenire sia su richiesta del Titolare sia su iniziativa della Banca. La Banca riconosce il diritto dei clienti di richiedere una diversa classificazione sia verso classificazioni che prevedono maggiori livelli di tutela (ad esempio da Cliente Professional a Cliente Private), sia verso classificazioni che prevedono minori forme di tutela (ad esempio da Cliente Private a Cliente Professional). La Banca decide in merito alla richiesta del Titolare. Nel caso in cui il cambio di classificazione avvenga su iniziativa della Banca questa si impegna a informare il Titolare dell avvenuto cambio di classificazione e sulle variazioni dei livelli di protezione associati. I clienti sono tenuti ad informare la Banca di qualsiasi cambiamento che potrebbe influenzare la loro classificazione. Se la Banca constata che il Titolare non soddisfa più le condizioni necessarie per la classificazione adottata, essa ha la facoltà di prendere tutti i provvedimenti che ritiene più opportuni. La Banca non può essere ritenuta responsabile di eventuali conseguenze o danni derivanti da una mancata informativa da parte dei clienti suscettibile di influenzare la loro classificazione.

5 3 4. INFORMAZIONI CONCERNENTI IL DEPOSITO E LA SALVAGUARDIA DEGLI STRUMENTI FINANZIARI E DELLE SOMME DI DENARO DELLA CLIENTELA 4.1 Misure generali approntate per assicurare la tutela dei diritti della clientela Nella prestazione dei servizi di investimento, gli strumenti finanziari dei singoli clienti (come azioni, quote di investimenti collettivi di capitale e altri titoli) detenuti dalla Banca costituiscono patrimonio distinto da quello della Banca e da quello degli altri clienti. Presso la Banca sono istituite e conservate apposite evidenze contabili degli strumenti finanziari e del denaro detenuti dalla Banca per conto della clientela. Tali evidenze sono relative a ciascun Titolare, nonché aggiornate in via continuativa e con tempestività in modo da poter ricostruire in qualsiasi momento la posizione di ciascun Titolare. 4.2 Tutele predisposte per le somme di denaro dei clienti BSI ha aderito alla Convenzione delle banche e dei commercianti di valori mobiliari svizzeri relativa alla garanzia dei depositi. I depositi intestati a nome del Titolare sono garantiti fino ad un massimo di CHF per Cliente. Valgono quali depositi privilegiati anche le obbligazioni di cassa depositate a nome del Titolare presso la banca emittente. Le presenti informazioni non hanno carattere esaustivo. Ulteriori informazioni in materia di protezione dei depositi, ed in particolare in merito ai requisiti da adempiere per poter considerare i propri depositi come privilegiati, sono reperibili sul sito internet oppure possono essere richiesti direttamente alla Banca per il tramite del proprio consulente di riferimento. 4.3 Subdeposito degli strumenti finanziari della clientela La Banca può depositare gli strumenti finanziari che compongono il patrimonio del Titolare presso altri intermediari ( Depositarie ) con i quali ha concluso accordi per il deposito degli strumenti finanziari. Gli accordi conclusi con le Depositarie possono prevedere la possibilità di sub-deposito presso terzi depositari, anche all estero. Il Regolamento di deposito della Banca, il quale è parte integrante dei documenti di apertura della relazione bancaria, prevede maggiori dettagli in merito alla facoltà di subdeposito. 5. INFORMAZIONI GENERALI SULLA STRATEGIA IN CASO DI CONFLITTO DI INTERESSE Vi è conflitto di interesse quando nella prestazione dei servizi e delle attività di investimento o dei servizi accessori l interesse dell investitore potrebbe essere danneggiato a vantaggio della Banca, dei dirigenti, dei dipendenti, degli agenti collegati a questa o a vantaggio di un altro Cliente. La disciplina adottata dalla Banca per la gestione dei conflitti d interesse si basa sui seguenti principi fondamentali: dovere di agire secondo onestà ed equità: la Banca nella prestazione dei servizi d investimento e/o accessori agisce in modo corretto equo e professionale per servire al meglio gli interessi dei clienti; dovere di identificazione: la Banca identifica le circostanze che generano o potrebbero generare un conflitto di interesse che possa ledere gravemente gli interessi di uno o più clienti; dovere di organizzazione: la Banca definisce procedure da seguire e adotta misure organizzative al fine di gestire i conflitti individuati. La Banca si è dotata di una specifica politica (denominata Politica in materia di conflitti d interesse ) che intende disciplinare il processo di individuazione, prevenzione, contenimento e gestione dei conflitti di interesse nella prestazione di servizi di investimento. Tale politica è a disposizione sul sito internet della banca (www.bsibank.com) e può essere richiesta dal Titolare anche su supporto cartaceo.

6 4 6. INFORMAZIONI GENERALI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI Al fine di garantire un sempre maggiore livello di qualità ed efficienza nei servizi offerti alla clientela, BSI, nell esecuzione di ordini, intende adottare e mettere in atto tutti i meccanismi e le misure ragionevoli per ottenere il miglior risultato possibile per i clienti (cosiddetta Best Execution ). Nell esecuzione degli ordini per conto di clienti privati e, in alcuni casi, per conto di clienti professionali, la Banca determina il miglior risultato possibile dal punto di vista del corrispettivo totale, che rappresenta il prezzo dello strumento finanziario e i costi di esecuzione, incluse tutte le spese sostenute dal Titolare in relazione diretta con l esecuzione dell ordine (spese del sistema di esecuzione, di compensazione e liquidazione e qualsiasi altra spesa pagata a terzi partecipanti all esecuzione). Tuttavia, se vi sono altri fattori di esecuzione essenziali per ottenere il migliore risultato possibile, ad esempio la tempistica o la qualità del servizio, a essi sarà data la precedenza rispetto ai fattori immediati di costo e prezzo. In tale ottica la Banca si è dotata di una specifica politica (denominata Execution Policy ) che definisce la strategia di esecuzione di ordini di negoziazione inerenti strumenti finanziari relativi alla clientela. Questa trova applicazione ogni qual volta la Banca riceve e trasmette ordini dei clienti e/o esegue ordini per conto di un Titolare. Non si applica quando i clienti o loro rappresentanti si rivolgono direttamente ai broker terzi, previa autorizzazione della Banca. Tale politica è a disposizione sul sito internet della banca (www.bsibank.com) e può essere richiesta dal Titolare anche su supporto cartaceo. 7. ESECUZIONE DI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI 7.1 Raccolta di informazioni Il Titolare del conto è reso attento sul fatto che la Banca può richiedere specifiche informazioni concernenti le sue personali conoscenze negli strumenti finanziari, la sua esperienza in materia di investimenti, la sua situazione finanziaria, nonché i suoi obiettivi di investimento, al fine di eseguire delle valutazioni sull appropriatezza o adeguatezza di un determinato prodotto o servizio di investimento rispetto alle risultanze derivanti dall analisi delle predette informazioni. Il Titolare è tenuto a informare la Banca di ogni cambiamento relativo alle sue personali conoscenze negli strumenti finanziari, alle sue esperienze in materia di investimenti, alla sua situazione finanziaria, ai suoi obiettivi di investimento, nonché, più in generale, di ogni cambiamento che possa avere un impatto sulla determinazione dell appropriatezza o adeguatezza dei prodotto e servizi di investimento richiesti o offerti. Se il Titolare omette d informare la Banca di tali cambiamenti, quest ultima non può essere ritenuta responsabile del danno che il Titolare potrebbe subirne di conseguenza. 7.2 Valutazione dell appropriatezza e adeguatezza dei prodotti e servizi di investimento La Banca può valutare se un determinato prodotto o servizio di investimento richiesto su iniziativa del Titolare è appropriato, richiedendo a quest ultimo le informazioni che ritiene necessarie, a suo esclusivo giudizio, per determinare il livello di esperienza e conoscenza dello stesso rispetto al rischio che tale prodotto o servizio comporta. La Banca può valutare se un determinato prodotto o servizio di investimento offerto dalla stessa è adeguato, richiedendo al Titolare le informazioni che ritiene necessarie, a suo esclusivo giudizio, per determinare se tale prodotto o servizio offerto corrisponde agli obiettivi del Titolare, sia finanziariamente sostenibile tenuto conto degli obiettivi di investimento, nonché sia di natura tale per cui il Titolare possiede le necessarie esperienze e conoscenze per comprenderne i rischi. Nel caso in cui il Titolare sia classificato come Cliente professionale oppure agisca per il tramite di un gestore esterno, la Banca considera che egli abbia le conoscenze ed esperienze necessarie per comprendere i rischi di qualsiasi prodotto o servizio di investimento richiesto o offerto. Per quanto riguarda i servizi di investimento forniti su iniziativa del Titolare che comprendono unicamente l esecuzione e/o la ricezione e la trasmissione di istruzioni del Titolare relativamente a strumenti finanziari non complessi come, ad esempio, azioni ammesse alla negoziazione su un mercato regolamentato, obbligazioni o quote di investimenti collettivi, la Banca non provvede a valutare se lo strumento finanziario è appropriato per il Titolare. Per definire se un prodotto è da classificare come strumento finanziario complesso o non complesso, la Banca utilizza delle fonti professionali esterne di informazioni e di classificazione di tali strumenti finanziari. La Banca non può garantire l attendibilità e la completezza di tali informazioni e classificazioni e, di conseguenza, non si assume alcuna responsabilità per i danni che il Titolare potrebbe subire a fronte di informazioni o classificazioni errate o incomplete fornite dalle predette fonti esterne.

7 5 7.3 Esecuzione degli ordini Se la Banca considera che un determinato prodotto o servizio di investimento non è appropriato o adeguato, essa provvede ad intraprendere le misure che ritiene, a sua discrezione, necessarie al fine di avvisare il Titolare. In assenza di istruzioni particolari da parte del Titolare, la Banca è autorizzata, senza esservi tenuta, a eseguire l ordine immediatamente dopo aver intrapreso le predette misure. In tale contesto, la Banca non si assume alcuna responsabilità per i danni che il Titolare potrebbe subire a seguito dell esecuzione o mancata esecuzione dell istruzione. Il Titolare è inoltre reso attento sul fatto che i controlli sull appropriatezza o adeguatezza di un determinato prodotto o servizio di investimento potrebbero causare dei ritardi nell esecuzione di ordini su strumenti finanziari. La Banca non può essere ritenuta responsabile di tali ritardi risultanti da incombenze previste e regolate dalle presenti disposizioni, salvo dolo o negligenza grave da parte della stessa. In caso di istruzioni su strumenti finanziari impartite alla Banca da clienti professionali oppure da gestori esterni conformemente ai poteri di firma conferiti loro dallo stesso Titolare, la Banca non provvede ad effettuare alcuna valutazione dell appropriatezza o adeguatezza dei prodotti o servizi di investimento richiesti. 8. INFORMAZIONI GENERALI SUI COSTI E SUGLI ONERI Le commissioni, spese ed oneri connessi alla prestazione dei servizi di investimento sono riportati in uno specifico documento - comunemente denominato tariffario o estratto delle condizioni a disposizione del Titolare, nonché, se del caso, anche nei documenti di acquisto o nei contratti relativi ai prodotti finanziari o ai servizi di investimento che il Titolare acquista e/o sottoscrive di volta in volta, in relazione agli ordini impartiti. 9. INFORMAZIONI GENERALI SULLE INDENNITÀ RICEVUTE E EROGATE 9.1 Indennità monetarie e non monetarie percepite La Banca offre una gamma completa di attività alla sua clientela che include, tra le altre cose, la selezione e la distribuzione di prodotti di investimento di BSI e di terzi, i servizi di consulenza ed i servizi di gestione dei portafogli. In particolare, BSI offre un assistenza qualificata affinché i clienti possano prendere decisioni di investimento attentamente ponderate. Tali attività implicano dei costi elevati per la Banca dal punto di vista organizzativo e del personale. La Banca può coprire tali costi anche per il tramite di indennità monetarie (remunerazioni, diritti, commissioni, sconti, rimborsi e altre prestazioni monetarie) che essa riceve da altre entità del Gruppo BSI o da terzi in relazione a specifiche attività che essa svolge con queste terze parti. Nello stesso contesto, la Banca può anche ricevere indennità non monetarie consistenti solitamente in formazione e assistenza alle vendite. Da parte degli emittenti dei fondi di investimento o dei prodotti strutturati, la Banca può ricevere pagamenti a titolo di indennità per l attività di selezione e distribuzione svolta. Tali pagamenti sono pertanto strettamente correlati allo svolgimento di quest attività. Per i fondi l ammontare di tali pagamenti si calcola come percentuale sulla commissione di gestione del fondo (di regola circa la metà della commissione). Le predette indennità contribuiscono altresì a contenere i costi all interno della Banca, inclusi i costi commissionali per la clientela. La Banca non è tenuta a retrocedere tali indennità al Titolare. 9.2 Indennità monetarie e non monetarie erogate La Banca può erogare a terzi, quali distributori di prodotti, gestori patrimoniali esterni o apportatori delle indennità monetarie che sono poste a carico della Banca stessa. Il pagamento di indennità monetarie da parte della Banca in favore di tali intermediari finanziari può favorire l elevata qualità dei servizi finanziari forniti al Titolare da parte di questi terzi, mantenendo un equo rapporto tra la prestazione di servizi ed i costi ad essa correlati e favorendo altresì la competitività della piazza finanziaria in termini di contenimento dei costi di gestione a carico del Titolare. La Banca può erogare anche indennità non monetarie a terzi distributori o intermediari finanziari. Tali prestazioni non monetarie riconosciute dalla Banca comprendono, per esempio, materiale di marketing, analisi finanziarie o training relativo a prodotti. Il Titolare è reso attento sul fatto che la Banca non è tenuta in nessun modo a fornire dettagli in merito alle indennità versate a terzi. 1 A titolo esemplificativo e non esaustivo, si consideri il caso degli ordini di basso controvalore su titoli ammessi a quotazione su mercati esteri, per i quali l aggregazione permette di ottenere migliori condizioni di prezzo. Oppure in caso di ordini eseguiti parzialmente il costo commissionale potrebbe risultare superiore a quello applicato qualora l ordine non fosse stato aggregato. 2 Ad esempio, in determinate circostanze, un insieme di ordini aggregati potrebbe essere eseguito meno rapidamente di un ordine singolo, non aggregato.

8 6 10. INFORMAZIONI GENERALI SUI RISCHI PRINCIPALI NEL COMMERCIO DI TITOLI Il commercio di strumenti finanziari offre opportunità di guadagno, ma espone anche a rischi di diverso genere che potrebbero tramutarsi in perdite finanziarie per il Titolare. Per comprendere i vari strumenti finanziari, nonché riconoscere e limitare i rischi ad essi connessi, è necessario innanzitutto conoscere le loro caratteristiche fondamentali. Inoltre, è importante considerare che i predetti rischi sono impliciti in tutti i tipi di investimento. A seconda dello strumento finanziario, possono coesistere più rischi tra quelli descritti nella presente sezione, con un conseguente incremento del livello generale di rischio assunto dall investitore. I rischi specifici legati agli strumenti di investimento tradizionali (quali: azioni, obbligazioni, fondi, ecc.) e quelli connessi a strumenti non tradizionali (quali: opzioni, future, investimenti alternativi, ecc.) non sono trattati specificatamente nel seguente documento e, per quanto li concerne, si rimanda integralmente all opuscolo «Rischi particolari nel commercio dei valori immobiliari» pubblicato nel 2008 dall Associazione svizzera dei banchieri (ASB). Tale opuscolo è parte integrante della documentazione di apertura delle relazioni bancarie, nonché da considerarsi altresì come parte integrante del presente documento. L opuscolo è a disposizione della clientela in qualsiasi momento, su richiesta della stessa, oppure è reperibile direttamente sul sito internet: Le presenti Regole di condotta non trattano delle conseguenze fiscali o legali attinenti alle operazioni su strumenti finanziari. Pertanto raccomandiamo di richiedere una consulenza professionale specifica su tali questioni prima di effettuare un investimento. La presente pubblicazione non mira a descrivere in maniera esaustiva e dettagliata tutti i rischi connessi con i singoli strumenti finanziari. Il suo intento è piuttosto di fornire delle informazioni basilari e adeguate, nonché di sensibilizzare i clienti su tale tematica. La Banca è a disposizione della clientela per ulteriori spiegazioni in caso di domande o di interesse per specifici strumenti finanziari o per i rischi ad essi inerenti. I / BSI SA 6900 Lugano - via Magatti 2 - tel. +41 (0) fax +41 (0)

Società di Gestione del Risparmio S.p.A. Documento sintetico relativo alla SGR e ai servizi dalla stessa prestati

Società di Gestione del Risparmio S.p.A. Documento sintetico relativo alla SGR e ai servizi dalla stessa prestati Documento sintetico relativo alla SGR e ai servizi dalla stessa prestati Premessa La Direttiva dell'unione Europea MiFID (2004/39/CE), acronimo di Markets in Financial Instruments Directive, ha modificato,

Dettagli

POLICY SULLA CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA

POLICY SULLA CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA POLICY SULLA CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA Delibera del Consiglio di Amministrazione del 19 Febbraio 2016 Premessa In conformità alle disposizioni di cui all Allegato 3 del Regolamento Intermediari CONSOB

Dettagli

Estratto dell Informativa sulla strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini.

Estratto dell Informativa sulla strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini. Estratto dell Informativa sulla strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini. 1. Introduzione - La Direttiva 2004/39/CE (MIFID) e le relative misure di attuazione emanate dalla Commissione europea

Dettagli

Documento di Sintesi della Politica di Gestione delle situazioni in Conflitto di Interessi

Documento di Sintesi della Politica di Gestione delle situazioni in Conflitto di Interessi Documento di Sintesi della Politica di Gestione delle situazioni in Conflitto di Interessi In conformità delle disposizioni normative comunitarie e nazionali attualmente in vigore, Pioneer Investment Management

Dettagli

Cassa Rurale ed Artigiana di Boves Banca Di Credito Cooperativo

Cassa Rurale ed Artigiana di Boves Banca Di Credito Cooperativo DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID Cassa Rurale ed Artigiana di Boves Banca Di Credito Cooperativo La Markets in Financial Instruments Directive

Dettagli

* * * La SGR partecipa ai processi di formazione e informazione della rete di vendita di Poste Italiane.

* * * La SGR partecipa ai processi di formazione e informazione della rete di vendita di Poste Italiane. Informativa ai partecipanti dei fondi comun di investimento BancoPosta Liquidità Euro, BancoPosta Obbligazionario Dicembre 2017, BancoPosta Replay 12 mesi e BancoPosta Obbligazionario Italia Dicembre 2018

Dettagli

Policy. Sulla classificazione della clientela. Compilato da : Banca Popolare Valconca Soc.Coop. per azioni La Direzione Visto

Policy. Sulla classificazione della clientela. Compilato da : Banca Popolare Valconca Soc.Coop. per azioni La Direzione Visto Policy Sulla classificazione della clientela Data ultima modifica 29/03/2016 Compilato da : Banca Popolare Valconca Soc.Coop. per azioni La Direzione Visto Approvato da : Consiglio di Amministrazione Massimo

Dettagli

Avv. Fabio Civale. Docente AIRA Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio Roma, 3 aprile 2009

Avv. Fabio Civale. Docente AIRA Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio Roma, 3 aprile 2009 Docente AIRA Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio Roma, 3 aprile 2009 I SERVIZI E LE ATTIVITA DI INVESTIMENTO NELLA DISCIPLINA MiFID Linee dell intervento A. Classificazione della clientela

Dettagli

MiFID POLICY DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA

MiFID POLICY DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA MiFID POLICY DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA Documento approvato dal C.d.A. del 19/12/2014 Sommario 1. Premessa...3 2. Criteri Di Classificazione Statica Della Clientela...5 2.1. Controparti Qualificate...5

Dettagli

POLITICA DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA

POLITICA DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA POLITICA DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA 1. Obiettivo del Documento... 2 2. Criteri per la classificazione della clientela... 2 2.1 Controparti qualificate... 2 2.2. Clientela professionale... 3 2.3

Dettagli

PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI GENERALI

PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI GENERALI PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI GENERALI La parte Informazioni Generali del Prospetto Semplificato, da consegnare obbligatoriamente all investitore prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare

Dettagli

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI N B.4 Approvato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 10/12/2015 Data di efficacia: 14/12/2015 INDICE 1 PREMESSA... 3 2 BEST EXECUTION...

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Informazioni sull attività di gestione collettiva del risparmio di Fabrica SGR ai sensi della Direttiva MIFID

Informazioni sull attività di gestione collettiva del risparmio di Fabrica SGR ai sensi della Direttiva MIFID Informazioni sull attività di gestione collettiva del risparmio di Fabrica SGR ai sensi della Direttiva MIFID Informazioni sull attività di gestione collettiva del risparmio di Fabrica SGR ai sensi della

Dettagli

recepimento della Direttiva MiFID (2004/39/CE)

recepimento della Direttiva MiFID (2004/39/CE) Le principali novità introdotte con il recepimento della Direttiva MiFID (2004/39/CE) Direttiva 2004/39/CE ( dirett. di 1 livello ) Markets in Financial Instruments Directive o MiFID Direttiva 2006/73/CE

Dettagli

ESTRATTO DELLA POLITICA PER LA GESTIONE DELLE SITUAZIONI DI CONFLITTO DI INTERESSE GENERALI Investments Europe S.p.A. SGR

ESTRATTO DELLA POLITICA PER LA GESTIONE DELLE SITUAZIONI DI CONFLITTO DI INTERESSE GENERALI Investments Europe S.p.A. SGR ESTRATTO DELLA POLITICA PER LA GESTIONE DELLE SITUAZIONI DI CONFLITTO DI INTERESSE GENERALI Investments Europe S.p.A. SGR Politica per la gestione dei conflitti d interesse di GENERALI INVESTMENTS EUROPE

Dettagli

POLICY TRASMISSIONE E ESECUZIONE ORDINI

POLICY TRASMISSIONE E ESECUZIONE ORDINI POLICY TRASMISSIONE E ESECUZIONE ORDINI Approvata dal Consiglio di Amministrazione in data 25 giugno 2015 INDICE 1. PREMESSA...1 2. FATTORI RILEVANTI AI FINI DELLA BEST EXECUTION...2 3. PROCEDURA PER IDENTIFICAZIONE

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Introduzione... 1

INDICE SOMMARIO. Introduzione... 1 SOMMARIO Introduzione... 1 CAPITOLO 1 I SERVIZI E LE ATTIVITÀ DI INVESTIMENTO 1. L elenco dei servizi (e delle attività) di investimento... 9 2. Gli strumenti finanziari... 10 3. La nozione di prodotto

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO IN MATERIA DI INCENTIVI E RECLAMI

DOCUMENTO INFORMATIVO IN MATERIA DI INCENTIVI E RECLAMI Informativa ai partecipanti dei fondi comuni di investimento BancoPosta Liquidità Euro, BancoPosta Obbligazionario Dicembre 2017, BancoPosta Obbligazionario Italia Dicembre 2018, BancoPosta Obbligazionario

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI D.D.S. STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI D.D.S. STRATEGIA ESECUZIONE E TRASMISSIONE ORDINI Ed. Marzo 2012 DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

Dettagli

POLICY DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA

POLICY DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA POLICY DI CLASFICAZIONE DELLA CLIENTELA Approvata dal Consiglio di Amministrazione in data 25 giugno 2015 INDICE 1. PREMESSA...1 2. CATEGORIE DI CLIENTI PREVISTE DALLA MIFID...2 3. CRITERI DI CLASFICAZIONE

Dettagli

SERVIZI DI INVESTIMENTO - LE NUOVE NORME DI COMPORTAMENTO NEI CONFRONTI DEI CLIENTI

SERVIZI DI INVESTIMENTO - LE NUOVE NORME DI COMPORTAMENTO NEI CONFRONTI DEI CLIENTI maggio 2007 SERVIZI DI INVESTIMENTO - LE NUOVE NORME DI COMPORTAMENTO NEI CONFRONTI DEI CLIENTI INTRODUZIONE La MiFID (Markets in Financial Instruments Directive) affronta in modo globale la disciplina

Dettagli

Regolamento in materia di modalita di deposito e subdeposito degli strumenti finanziari e del denaro di pertinenza della clientela.

Regolamento in materia di modalita di deposito e subdeposito degli strumenti finanziari e del denaro di pertinenza della clientela. Provvedimento 1 luglio 1998 (II) Regolamento in materia di modalita di deposito e subdeposito degli strumenti finanziari e del denaro di pertinenza della clientela. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA

Dettagli

INFORMATIVA SINTETICA SULLA POLITICA SEGUITA DALLA BANCA IN MATERIA DI CONFLITTI DI INTERESSE

INFORMATIVA SINTETICA SULLA POLITICA SEGUITA DALLA BANCA IN MATERIA DI CONFLITTI DI INTERESSE INFORMATIVA SINTETICA SULLA POLITICA SEGUITA DALLA BANCA IN MATERIA DI CONFLITTI DI INTERESSE 1. PREMESSA Il presente documento ha lo scopo di descrivere sinteticamente la politica che il Gruppo bancario

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Approvata con delibera CdA del 04/09/ 09 Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob 16190/2007. LA NORMATIVA MIFID

Dettagli

POLICY TRASMISSIONE E ESECUZIONE ORDINI

POLICY TRASMISSIONE E ESECUZIONE ORDINI POLICY TRASMISSIONE E ESECUZIONE ORDINI Approvata dal Consiglio di Amministrazione in data 10 maggio 2011 INDICE 1. PREMESSA...1 2. FATTORI RILEVANTI AI FINI DELLA BEST EXECUTION...2 3. PROCEDURA PER IDENTIFICAZIONE

Dettagli

Strategia di gestione degli incentivi

Strategia di gestione degli incentivi Strategia di gestione degli incentivi aggiornamento approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 16 giugno 2015 1 Sommario 1. PREMESSA... 3 2. IL PROCESSO DI GESTIONE DEGLI INCENTIVI... 4 2.1 La

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Prospetto Semplificato. Informazioni Generali. Sistema Pioneer Fondi Italia. Informazioni Generali. Informazioni Generali

Prospetto Semplificato. Informazioni Generali. Sistema Pioneer Fondi Italia. Informazioni Generali. Informazioni Generali Sistema Pioneer Fondi Italia Informazioni Generali Prospetto Semplificato Informazioni Generali La parte Informazioni Generali del Prospetto Semplificato, da consegnare obbligatoriamente all investitore

Dettagli

Tipologia di conflitto di interesse

Tipologia di conflitto di interesse 1 Ricezione e trasmissione di ordini 2 Ricezione e trasmissione di ordini Negoziazione per conto proprio di La prestazione del servizio di ricezione e trasmissione di ordini espone la Banca a situazioni

Dettagli

Dicembre 2013 Direttive concernenti il mandato di gestione patrimoniale

Dicembre 2013 Direttive concernenti il mandato di gestione patrimoniale Dicembre 2013 Direttive concernenti il mandato di gestione patrimoniale Preambolo 1. Le seguenti direttive sono state adottate dal Consiglio di amministrazione dell Associazione svizzera dei banchieri

Dettagli

Sistema Pioneer Fondi Italia. Prospetto Semplificato. Informazioni Generali. Informazioni Generali

Sistema Pioneer Fondi Italia. Prospetto Semplificato. Informazioni Generali. Informazioni Generali Sistema Pioneer Fondi Italia Informazioni Generali Prospetto Semplificato Informazioni Generali La parte Informazioni Generali del Prospetto Semplificato, da consegnare obbligatoriamente all investitore

Dettagli

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ********** Banca del Valdarno Credito Cooperativo 1 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID)

Dettagli

POLICY DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA

POLICY DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA Tipo: Normativa Pagina: 1/18 POLICY DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA Oggetto Redatto da Validato da Approvazione Data approvazione Policy di Classificazione della clientela della Banca Alpi Marittime

Dettagli

Anima Russell Multi-Asset Sistema Open

Anima Russell Multi-Asset Sistema Open Società di gestione del risparmio Soggetta all attività di direzione e coordinamento del socio unico Anima Holding S.p.A. Informazioni chiave per gli Investitori (KIID) Il presente documento contiene le

Dettagli

THE COMMITTEE OF EUROPEAN SECURITIES REGULATORS. MiFID

THE COMMITTEE OF EUROPEAN SECURITIES REGULATORS. MiFID CESR THE COMMITTEE OF EUROPEAN SECURITIES REGULATORS, no MiFID La Direttiva MiFID: Guida per il Consumatore Investire in prodotti finanziari Marzo 2008 11-13 avenue de Friedland - 75008 PARIGI - FRANCIA

Dettagli

La Direttiva Mifid. Principali novità e procedure di adeguamento. Avv. Fabio Civale Milano, 17 aprile 2007

La Direttiva Mifid. Principali novità e procedure di adeguamento. Avv. Fabio Civale Milano, 17 aprile 2007 La Direttiva Mifid Principali novità e procedure di adeguamento Milano, 17 aprile 2007 1 Linea dell intervento A. La Direttiva MIFID B. Regole di condotta e categorie di clientela C. Valutazione di adeguatezza

Dettagli

2010 Direttive concernenti il mandato di gestione patrimoniale

2010 Direttive concernenti il mandato di gestione patrimoniale 2010 Direttive concernenti il mandato di gestione patrimoniale Preambolo Le seguenti direttive sono state adottate dal Consiglio di amministrazione dell Associazione svizzera dei banchieri allo scopo di

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DEI CLIENTI

CLASSIFICAZIONE DEI CLIENTI CLASSIFICAZIONE DEI CLIENTI A seguito dell'attuazione della direttiva relativa ai mercati degli strumenti finanziari (MiFID) nell'unione Europea e in accordo con i servizi e attività di investimento e

Dettagli

POLICY SINTETICA ADOTTATA DA BANCA LEONARDO S.P.A

POLICY SINTETICA ADOTTATA DA BANCA LEONARDO S.P.A POLICY SINTETICA ADOTTATA DA BANCA LEONARDO S.P.A. PER L INDIVIDUAZIONE E LA GESTIONE DEI CONFLITTI DI INTERESSE NELLA PRESTAZIONE DEI SERVIZI E DELLE ATTIVITA DI INVESTIMENTO E DEI SERVIZI ACCESSORI 1.

Dettagli

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini della Banca del Valdarno

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini della Banca del Valdarno Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini della Banca del Valdarno ********** 1 1. PRINCIPI GENERALI IN TEMA DI BEST EXECUTION Il presente documento descrive le politiche,

Dettagli

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Aggiornamento del luglio 2013 1 PREMESSA La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal

Dettagli

Modalità operative di trasmissione degli ordini

Modalità operative di trasmissione degli ordini Modalità operative di trasmissione degli ordini 18/06/2012 INDICE 1. PREMESSA 3 1.1 Scopo 4 1.2 Riferimenti Normativi 4 1.3 Definizioni 4 2. QUALITÀ DELL ESECUZIONE 6 3. FATTORI DI ESECUZIONE 7 3.1 Eccezioni

Dettagli

POLICY CONFLITTI D INTERESSE

POLICY CONFLITTI D INTERESSE POLICY CONFLITTI D INTERESSE Documento per la clientela 13/01/2014 INDICE 1. PREMESSA 3 1.1 Definizioni 4 2. OBIETTIVI 5 3. ANALISI E VALUTAZIONI: IDENTIFICAZIONE DELLE SITUAZIONI DI POTENZIALE CONFLITTO

Dettagli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli 008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari applicabili all esecuzione di transazioni su titoli Indice Preambolo... 3 A Direttive generali... 4 Art. Base legale... 4 Art. Oggetto... 5 B

Dettagli

Fortune. Transmission Policy. Unifortune Asset Management SGR S.p.A. ASSET MANAGEMENT

Fortune. Transmission Policy. Unifortune Asset Management SGR S.p.A. ASSET MANAGEMENT Unifortune Asset Management SGR S.p.A. Transmission Policy Approvata dal Consiglio di Amministrazione del 28 febbraio 2012 1 1 Premessa La Transmission Policy ( Policy ) illustra la Strategia di Trasmissione

Dettagli

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Fornite ai sensi degli artt. 46 c. 1 e. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob

Dettagli

Gestori di investimenti collettivi di capitale

Gestori di investimenti collettivi di capitale Comunicazione FINMA 34 (2012), 23 gennaio 2012 Gestori di investimenti collettivi di capitale Mercati Einsteinstrasse 2, 3003 Berna tel. +41 (0)31 327 91 00, fax +41 (0)31 327 91 01 www.finma.ch A205545/GB-M/M-AM1

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini su strumenti finanziari

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini su strumenti finanziari Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini su strumenti finanziari AGGIORNATO CON DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 19 DICEMBRE 2014 INDICE 1. PREMESSA... 3 2. RELAZIONI CON ALTRE

Dettagli

Il Governatore della Banca d Italia

Il Governatore della Banca d Italia Il Governatore della Banca d Italia Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo unico delle disposizioni in materia di intermediazione finanziaria, di seguito "Testo Unico"). In particolare,

Dettagli

CONTRATTI RELATIVI AL SERVIZIO DI GESTIONE DI PORTAFOGLI LINEE GUIDA

CONTRATTI RELATIVI AL SERVIZIO DI GESTIONE DI PORTAFOGLI LINEE GUIDA CONTRATTI RELATIVI AL SERVIZIO DI GESTIONE DI PORTAFOGLI LINEE GUIDA AVVERTENZE Le presenti Linee Guida sono state validate dalla CONSOB in data 5 agosto 2009 in esito alla procedura pubblicata il 2 maggio

Dettagli

KJBSIM - ATTI CONSIGLIO - P06/2015 POLICY. Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

KJBSIM - ATTI CONSIGLIO - P06/2015 POLICY. Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini POLICY Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini [Pagina Bianca] Manuale delle procedure aziendali Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini 2 INDICE Indice... 3 1. INTRODUZIONE...

Dettagli

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Versione 9.0 del 09/03/2015 Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 1 INDICE PREMESSA... 3 1. Significato di Best Execution... 3 2. I Fattori di

Dettagli

STRATEGIA DI BEST EXECUTION

STRATEGIA DI BEST EXECUTION STRATEGIA DI BEST EXECUTION Execution policy e best execution La normativa MiFID supera la facoltà lasciata agli Stati membri d imporre la concentrazione degli scambi nel mercato regolamentato, per cui

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno (delibera CdA 17 Dicembre 2012) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive

Dettagli

Sistema Pioneer Fondi Italia. Prospetto Semplificato. Informazioni Generali. Informazioni Generali

Sistema Pioneer Fondi Italia. Prospetto Semplificato. Informazioni Generali. Informazioni Generali Sistema Pioneer Fondi Italia Informazioni Generali Prospetto Semplificato Informazioni Generali La parte Informazioni Generali del Prospetto Semplificato, da consegnare obbligatoriamente all investitore

Dettagli

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI)

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) - 1 - LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo a: DEPOSITO A CUSTODIA E AMMINISTRAZIONE TITOLI

FOGLIO INFORMATIVO relativo a: DEPOSITO A CUSTODIA E AMMINISTRAZIONE TITOLI NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI Redatto ai sensi del decreto legislativo 1 settembre 1993, titolo VI del Testo Unico ed ai sensi delle Istruzioni di Vigilanza

Dettagli

POLITICA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DI INVESTIMENTO

POLITICA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DI INVESTIMENTO BANCHIERI SVIZZERI DAL 1873 POLITICA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DI INVESTIMENTO GIUGNO 2012 La presente politica intende definire la strategia di esecuzione degli ordini di negoziazione inerenti a strumenti

Dettagli

Transmission and Execution Policy

Transmission and Execution Policy Transmission and Execution Policy Luglio 2014 1 INTRODUZIONE Il presente documento - approvato dal Consiglio di Amministrazione di BG Fund Management Luxembourg S.A. (di seguitio BGFML) - definisce e formalizza

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO Novembre 2010 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è

Dettagli

Strategia di classificazione della clientela relativamente ai servizi d investimento offerti dalla Banca Nazionale del Lavoro SpA

Strategia di classificazione della clientela relativamente ai servizi d investimento offerti dalla Banca Nazionale del Lavoro SpA relativamente ai servizi d investimento offerti dalla Banca Nazionale del Lavoro SpA Classification Policy PREMESSA, FONTI NORMATIVE ED OBIETTIVO DEL DOCUMENTO... 3 1. DEFINIZIONI... 3 1.1. CLIENTI PROFESSIONALI...

Dettagli

Prospetto Semplificato. Informazioni Generali. Sistema UniCredit Soluzione Fondi. Informazioni Generali. Informazioni Generali

Prospetto Semplificato. Informazioni Generali. Sistema UniCredit Soluzione Fondi. Informazioni Generali. Informazioni Generali Sistema UniCredit Soluzione Fondi Informazioni Generali Prospetto Semplificato Informazioni Generali La parte Informazioni Generali del Prospetto Semplificato, da consegnare obbligatoriamente all investitore

Dettagli

Regolamentazione della produzione e della distribuzione di prodotti finanziari

Regolamentazione della produzione e della distribuzione di prodotti finanziari 24. febbraio 2012 Regolamentazione della produzione e della distribuzione di prodotti finanziari ( Documento di posizione FINMA Regole di distribuzione ) Einsteinstrasse 2, 3003 Berna Tel. +41 (0)31 327

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SISTEMA DI NEGOZIAZIONE INTERNO DELLE AZIONI EMESSE DALLA BANCA POPOLARE DI BARI S.C.P.A. E UTILIZZO DEL FONDO ACQUISTO AZIONI PROPRIE

REGOLAMENTO DEL SISTEMA DI NEGOZIAZIONE INTERNO DELLE AZIONI EMESSE DALLA BANCA POPOLARE DI BARI S.C.P.A. E UTILIZZO DEL FONDO ACQUISTO AZIONI PROPRIE REGOLAMENTO DEL SISTEMA DI NEGOZIAZIONE INTERNO DELLE AZIONI EMESSE DALLA BANCA POPOLARE DI BARI S.C.P.A. E UTILIZZO DEL FONDO ACQUISTO AZIONI PROPRIE TITOLO I- DISPOSIZIONI GENERALI INDICE Art. 1 - Oggetto

Dettagli

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI 1. INTRODUZIONE Come previsto dalla disciplina in materia di best execution della direttiva MiFID 2004/39/CE e della direttiva 2010/43/UE (recante modalità

Dettagli

SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso

SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

Direttiva di primo livello, 2004/39/CE, (MiFID) relativa ai mercati degli strumenti finanziari.

Direttiva di primo livello, 2004/39/CE, (MiFID) relativa ai mercati degli strumenti finanziari. Torniamo ai nostri lettori con una edizione del nostro Bollettino Informativo interamente dedicata alla nuova disciplina comunitaria che riguarda i mercati, gli strumenti finanziari ed i servizi di investimento:

Dettagli

DOCUMENTO PRECONTRATTUALE

DOCUMENTO PRECONTRATTUALE DOCUMENTO PRECONTRATTUALE Data di validità del Documento Precontrattuale: dal 01.01.2016 INFORMAZIONI GENERALI SOCIETÀ DI GESTIONE DEL RISPARMIO SYMPHONIA Società di Gestione del Risparmio, ovvero in forma

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO PER LA CLIENTELA

DOCUMENTO INFORMATIVO PER LA CLIENTELA DOCUMENTO INFORMATIVO PER LA CLIENTELA Edizione 05/2011 INDICE Informazioni su CheBanca! e sui servizi di investimento offerti 2 1. Dati che CheBanca! 2 2. Autorizzazione alla prestazione dei servizi di

Dettagli

Tipologia di conflitto di interesse

Tipologia di conflitto di interesse 1 Ricezione e trasmissione di ordini di La prestazione del servizio di ricezione e trasmissione di ordini espone la Banca a situazioni di di ogni qualvolta: -lo strumento o oggetto del servizio risulti

Dettagli

Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI"

Documento di sintesi STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI" Documento del 1 aprile 2011 1 1 INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Fornite ai sensi degli

Dettagli

Documento sulla politica di gestione dei conflitti di interesse e informativa ai clienti sui conflitti di interesse non eliminabili

Documento sulla politica di gestione dei conflitti di interesse e informativa ai clienti sui conflitti di interesse non eliminabili BANCA POPOLARE DEL LAZIO Soc. Coop. per azioni Sede sociale e Direzione Generale Via Martiri delle Fosse Ardeatine, 9 00049 VELLETRI (Roma) Iscr. Registro Imprese di Roma al n. 04781291002 Iscritta al

Dettagli

Circolare 2008/3 Depositi del pubblico presso istituti non bancari

Circolare 2008/3 Depositi del pubblico presso istituti non bancari Banche Gruppi e congl. finanziari Altri intermediari Assicuratori Gruppi e cong. assicurativi Intermediari assicurativi Borse e operatori Commercianti di val. mobiliari Direzioni di fondi SICAV Società

Dettagli

Direttive dell Associazione Svizzera dei Banchieri

Direttive dell Associazione Svizzera dei Banchieri Direttive dell Associazione Svizzera dei Banchieri Relative alla gestione degli averi senza notizie (conti, depositi e cassette di sicurezza) presso le banche svizzere (sostituiscono le Direttive dell

Dettagli

IL SERVIZIO DI CONSULENZA FINANZIARIA. Avv. Luca Zitiello, 22 settembre 2011

IL SERVIZIO DI CONSULENZA FINANZIARIA. Avv. Luca Zitiello, 22 settembre 2011 IL SERVIZIO DI CONSULENZA FINANZIARIA Avv. Luca Zitiello, 22 settembre 2011 1 Inquadramento normativo - la Mifid La Mifid ha introdotto nuove ed importanti modifiche alla disciplina del servizio di consulenza

Dettagli

REGISTRO DELLE FATTISPECIE DI CONFLITTO DI INTERESSE

REGISTRO DELLE FATTISPECIE DI CONFLITTO DI INTERESSE REGISTRO DELLE FATTISPECIE DI CONFLITTO DI INTERESSE PROCESSO FINANZA BANCA DELL ALTA MURGIA CREDITO COOPERATIVO REGISTRO DELLE FATTISPECIE DI CONFLITTI DI INTERESSE L art. 26 del Regolamento congiunto

Dettagli

G R U P P O B A N C A F I N N AT SUI SERVIZI DI INVESTIMENTO

G R U P P O B A N C A F I N N AT SUI SERVIZI DI INVESTIMENTO G R U P P O B A N C A F I N N AT DOCUMENTO INFORMATIVO SUI SERVIZI DI INVESTIMENTO Il presente Documento Informativo (di seguito anche Documento ) rivolto ai Clienti o potenziali Clienti di Banca Finnat

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo a: CUSTODIA E AMMINISTRAZIONE DI STRUMENTI FINANZIARI

FOGLIO INFORMATIVO relativo a: CUSTODIA E AMMINISTRAZIONE DI STRUMENTI FINANZIARI NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI Redatto ai sensi del decreto legislativo 1 settembre 1993, titolo VI del Testo Unico ed ai sensi delle Istruzioni di Vigilanza

Dettagli

Policy sintetica di Banca delle Marche S.p.A. per la gestione dei conflitti d interesse

Policy sintetica di Banca delle Marche S.p.A. per la gestione dei conflitti d interesse Policy sintetica di Banca delle Marche S.p.A. per la gestione dei conflitti d interesse 1. Introduzione Banca Marche nel normale esercizio della propria attività e nell erogazione dei propri molteplici

Dettagli

Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino

Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino Deliberato dal CdA della BCC di Buccino nella seduta del 07/08/2009 Versione n 3 Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera

Dettagli

SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE RELATIVO AL PROGRAMMA DI OFFERTA E/O QUOTAZIONE (IL PROGRAMMA ) DENOMINATO

SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE RELATIVO AL PROGRAMMA DI OFFERTA E/O QUOTAZIONE (IL PROGRAMMA ) DENOMINATO SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE RELATIVO AL PROGRAMMA DI OFFERTA E/O QUOTAZIONE (IL PROGRAMMA ) DENOMINATO BANCO POPOLARE Società Cooperativa OBBLIGAZIONI PLAIN VANILLA E STRUTTURATE Emittente e Responsabile

Dettagli

Policy per la Rilevazione e la Gestione degli Incentivi

Policy per la Rilevazione e la Gestione degli Incentivi Policy per la Rilevazione e la Gestione degli Incentivi Approvata dal CdA in data 15 febbraio 2012 Pagina 1 di 16 INDICE PREMESSA Pag. 3 LINEE GUIDA PER LA RILEVAZIONE E LA GESTIONE DEGLI INCENTIVI Pag.

Dettagli

MiFID POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

MiFID POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI MiFID POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Documento approvato dal C.d.A. del 19/12/2014 Sommario 1. PREMESSA...3 2. PRINCIPI GUIDA...3 3. STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI...4

Dettagli

CONTRATTO SOLUZIONE DI RISPARMIO BASIC

CONTRATTO SOLUZIONE DI RISPARMIO BASIC CONTRATTO SOLUZIONE DI RISPARMIO BASIC Il presente contratto (il Contratto) tra il/la Sig./ra, nato/a il, a, C.F., residente in, via, tel., email (il Cliente) e MoneyFarm SIM S.p.A. (MoneyFarm SIM o la

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO PRECONTRATTUALE

DOCUMENTO INFORMATIVO PRECONTRATTUALE DOCUMENTO INFORMATIVO PRECONTRATTUALE DI BANCA POPOLARE ETICA S.C.p.A. gennaio 2015 www.bancaetica.it DOCUMENTO INFORMATIVO PRECONTRATTUALE DI BANCA ETICA S.C.p.A. Il presente Documento Informativo è

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

Documentazione informativa

Documentazione informativa Documentazione informativa Documentazione informativa sui servizi di investimento prestati da Zenit SGR Documento informativo sulla società Di gestione e sui servizi prestati, sui sistemi Di indennizzo

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA PADANA BANCA DI CREDITO COOPERATIVO SOCIETA COOPERATIVA

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA PADANA BANCA DI CREDITO COOPERATIVO SOCIETA COOPERATIVA DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID CASSA PADANA BANCA DI CREDITO COOPERATIVO SOCIETA COOPERATIVA (08 giugno 2010) La Markets in Financial Instruments

Dettagli

REGISTRO DELLE FATTISPECIE DI CONFLITTO DI INTERESSE

REGISTRO DELLE FATTISPECIE DI CONFLITTO DI INTERESSE REGISTRO DELLE FATTISPECIE DI CONFLITTO DI INTERESSE E ISTITUZIONE DELL ARCHIVIO STORICO O REGISTRO ELETTRONICO DELLE OPERAZIONI EFFETTUATE IN CONFLITTO DI INTERESSE Versione 1 1.1 Delibera delibera del

Dettagli

Politica di Valutazione Adeguatezza e Appropriatezza INDICE

Politica di Valutazione Adeguatezza e Appropriatezza INDICE Politica di Valutazione Adeguatezza e Appropriatezza Modalità, Organizzazione e Procedure Valutazione Adeguatezza e Appropriatezza INDICE A PREMESSA...2 1. Normativa di riferimento...2 D APPROPRIATEZZA...4

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO SULLE POLITICHE ADOTTATE DALLA BANCA IN MATERIA DI CONFLITTI DI INTERESSE

DOCUMENTO INFORMATIVO SULLE POLITICHE ADOTTATE DALLA BANCA IN MATERIA DI CONFLITTI DI INTERESSE DOCUMENTO INFORMATIVO SULLE POLITICHE ADOTTATE DALLA BANCA IN MATERIA DI CONFLITTI DI INTERESSE In conformità alle disposizioni di cui all art. 25 del Regolamento congiunto Banca d Italia e Consob del

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE RURALE DI TRENTO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE RURALE DI TRENTO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID CASSA RURALE RURALE DI TRENTO Marzo 2014 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Copia della presente Policy è a disposizione della clientela presso tutte le Filiali e nel sito della Banca www.bancadiimola.it

Copia della presente Policy è a disposizione della clientela presso tutte le Filiali e nel sito della Banca www.bancadiimola.it INFORMATIVA SULLA TRATTAZIONE DELLE AZIONI EMESSE DALLA BANCA DI IMOLA S.P.A (Titolo illiquido ai sensi della Comunicazione Consob n. 9019104 del 2 marzo 2009) Copia della presente Policy è a disposizione

Dettagli

PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI GENERALI

PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI GENERALI PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI GENERALI La parte Informazioni Generali del Prospetto Semplificato, da consegnare obbligatoriamente all investitore prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare

Dettagli

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Febbraio 2014 1 STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI... 1 1 FINALITÀ... 3 2. INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI...

Dettagli

POLICY STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

POLICY STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Data documento 19/11/2012 Pagina 1/13 POLICY STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DELLA BANCA D ALBA CREDITO COOPERATIVO SC Redatto da In collaborazione con Servizio Compliance e Antiriciclaggio

Dettagli