DISPENSE FINANZA. Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM Futuro Remoto FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DISPENSE FINANZA. Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO"

Transcript

1 AREA FINANZA

2 DISPENSE FINANZA Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM Futuro Remoto FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO ORGANISMO BILATERALE PER LA FORMAZIONE IN CAMPANIA

3 Fondi comuni di investimento aperti Sono una particolare forma di investimento di medio lungo periodo (almeno 3 / 6 anni) realizzata da una società di gestione del risparmio (Sgr) che provvede ad investire in titoli (azioni, obbligazioni, titoli di Stato ecc. sia italiani che esteri) un patrimonio costituito dalle sottoscrizioni degli investitori. Scopo della gestione e di incrementare nel tempo il capitale ad essa conferito attraverso operazioni di borsa effettuate dalla società di gestione. La partecipazione al fondo comune avviene tramite l acquisto ad un determinato prezzo delle cosiddette quote di partecipazione al fondo : il sottoscrittore è proprietario di una fetta del patrimonio del fondo, tanto più grande quanto più quote di partecipazione egli possiede. Esempio 1 Il Gestore abbia ad esempio a disposizione 10 da investire. Egli, in osservanza degli obiettivi del fondo, decide di acquistare 5 azioni (prezzo 1 ), 3 BoT (prezzo 1 ) e 1 obbligazione societaria (prezzo 2 ); tale fase è detta Asset Allocation. Dopo un mese il prezzo delle azioni acquistate sale da 1 a 2 mentre il valore degli altri titoli rimane invariato. In questo caso il valore della quota di partecipazione al fondo sale. Infatti il diagramma a torta sarà più grande: 2

4 Acquistata la quota, i sottoscrittori lasciano alla Sgr il compito di gestire la somma versata. La Sgr da parte sua si occuperà della compravendita di valori mobiliari in modo da incrementare il valore (prezzo) della quota. Il valore di una singola quota si ottiene dividendo il valore di mercato degli impieghi del fondo (azioni, obbligazioni, Titoli di Stato,..) per il numero delle quote in circolazione. Comunque è la Sgr che provvede a determinare, almeno settimanalmente, il valore delle quote rendendole note attraverso i quotidiani. In qualunque momento il sottoscrittore può chiedere il rimborso della propria quota. Il valore di tale quota verrà calcolato in base al valore degli impieghi del fondo nel giorno della richiesta. I fondi con tale caratteristica sono detti fondi aperti. Dove e come si sottoscrivono i fondi I fondi comuni possono essere sottoscritti presso gli sportelli bancari o le sedi legali della Sgr promotrice del fondo, ma anche tramite promotori finanziari autorizzati. La sottoscrizione delle quote del fondo può avvenire secondo due modalità: Modalità Pic (piano di investimento capitale): consiste semplicemente nel versamento in un unica soluzione di un importo corrispondente al valore delle quote di partecipazione acquisite. Su tale versamento può essere prevista una commissione di sottoscrizione dell ordine 5 % del capitale versato. Modalità Pac (piano di accumulo capitale): consiste nel versamento di una somma iniziale (dell ordine di qualche milione di lire) e di versamenti successivi a cadenza per es. mensile. Tali versamenti successivi possono essere di importo fisso o variabile a scelta del cliente. In genere la durata dei Pac varia dai 5 ai 10 anni. Su ogni versamento successivo può essere prevista una commissione dell ordine del 2% di quanto versato. Per acquistare quote di un fondo occorre sapere se la vendita e curata dagli sportelli di una o più banche, oppure da una rete di consulenti finanziari. Nel primo caso occorrerà recarsi presso gli sportelli incaricati; nel secondo si può richiedere direttamente alla rete di vendita la visita di un Promotore finanziario. L investimento può essere fatto in unica soluzione oppure con Piani di Accumulazione di Capitale (PAC vedere oltre) attraverso versamenti periodici di norma mensili, comunque volontari e non tassativi. Quanto costa acquistare quote di un fondo Distinguiamo tra spese direttamente a carico del sottoscrittore: 1) Fondi che non prevedono commissioni a carico del sottoscrittore ( detti senza spese o no load ). 2) Fondi che prevedono commissioni di ingresso; espresse in genere - in forma percentuale dell importo investito, diminuiscono di norma, all aumentare del capitale affidato. 3) Fondi che non prevedono commissioni di ingresso, ma prevedono commissioni all atto del disinvestimento se questo si verifica prima di un certo periodo di tempo (Es. Se si disinveste prima che siano trascorsi 3 anni dall inizio, si pagherà delle commissioni di uscita; passati i 3 anni il disinvestimento non comporterà spese). 4) Commissioni di switch: sono dovute solo nell ipotesi di passaggio da un fondo ad un altro all interno di una famiglia di fondi gestiti dalla stessa società. e spese a carico del patrimonio del fondo: 1) Commissioni di gestione: sono espresse in misura percentuale. Vengono calcolate quotidianamente sul patrimonio netto del fondo e prelevate periodicamente. Crescono con l aumentare del grado di rischio dei titoli acquistati dal fondo; 2) Commissioni di performance. Vengono pagate dal fondo se e quando raggiunge un rendimento migliore di quanto eventualmente definito nel regolamento di gestione e nel prospetto informativo. Non sono dovute in caso di rendimento negativo. 3) Costi di intermediazione: sono le spese che il gestore sostiene per la compravendita dei titoli. 3

5 Il PAC (Piano di accumulazione di capitale) E possibile investire in quote di fondo conferendo non un capitale in unica soluzione, ma con versamenti periodici (rate). In tal caso il gestore acquisterà le quote nel momento in cui avrà la disponibilità della rata. Nel caso di investimenti per Piani di accumulo, si ricordi che sul blocco iniziale di versamenti (in genere 12) vengono percepite commissioni attorno al 30 per cento dell importo versato; al termine del PAC, comunque, il totale delle spese risulterà pari a quello che si sarebbe pagato per un investimento in unica soluzione di pari entità del piano di accumulazione. Se, ad esempio, si sottoscrive un PAC da 100 euro al mese per dieci anni, la somma delle commissioni percepite sul versamento iniziale e sulle rate successive sarà pari a quelle percepite per un investimento di euro nello stesso fondo in unica soluzione. Si fa spesso un parallelo tra un PAC in fondi e una polizza vita a premio annuo. Attenzione le differenze sono enormi: Il Pac non è assolutamente vincolante: effettuato il versamento iniziale, e possibile continuare con i versamenti periodici; e possibile versare in unica soluzione un numero di rate stabilito dal titolare; è possibile cessare i versamenti e riprenderli anche dopo anni, o non riprenderli affatto; è possibile liquidare le quote di proprietà in qualsiasi momento al prezzo di quotazione ufficiale. Per i Fondi comuni è opportuno ricordare che: a) Nell investimento tramite promotori finanziari è vietato conferire capitali in contanti. b) L assegno di conferimento, sempre non trasferibile, deve essere fatto a favore della società di gestione. Non accettare mai inviti a lasciare in bianco il beneficiario, da qualsiasi parte provengano. c) Entro sette giorni dalla visita del Promotore e possibile recedere inviando un telegramma alla società di gestione. d) Perverrà al sottoscrittore una contabile in cui è indicato: il capitale investito,le eventuali commissioni di entrata,il giorno di acquisto delle quote,il valore delle quote,il numero delle quote di proprietà,il numero identificativo dell investimento. e)e possibile disinvestire una parte o l intero pacchetto di quote in qualsiasi momento. L ordine va dato per raccomandata A.R. ( Fac-simile a parte). La società di gestione è tenuta a disinvestire le quote al valore del giorno successivo alla ricezione dell ordine (verificabile sull Avviso di Ritorno). Per legge, il controvalore del disinvestimento deve essere inviato entro 15 giorni dalla ricezione della raccomandata. f) Dopo un disinvestimento parziale, alcuni fondi con spese permettono un reinvestimento di pari importo senza il pagamento di commissioni. g) Informarsi della possibilità eventuale di trasferire capitali, senza spese, da un fondo ad un altro gestito dalla stessa società. h) E buona norma non investire tutto il proprio patrimonio in fondi di investimento. E sempre opportuno diversificare. i) Diffidate da chi cerca di convincervi ad investire in fondi sulla base dei risultati ottenuti e da chi assicura rendimenti minimi: il fondo di investimento non assicura nulla. Disinvestire quote di Fondi Per liquidare quote di Fondi comuni d investimento non sono necessarie particolari formalità: e sufficiente scrivere una Raccomandata A.R. alla società di gestione del fondo nella quale si da ordine di vendere parte delle quote o l intero pacchetto. I dati sono ricavabili dalla contabile di acquisto inviataci inizialmente dal gestore. Indicheremo quindi le modalità di ricezione della somma: bonifico sul conto, assegno circolare, somma a disposizione. Salvo norme contrattuali più favorevoli al sottoscrittore, la società di gestione dovrà vendere il giorno successivo a quello di ricezione dell ordine (indicato sull Avviso di ritorno della Raccomandata). Il valore della quota del giorno di liquidazione è quello riportato dai giornali di due giorni dopo. Esempio 2 se il gestore riceve l ordine il 15 ottobre, deve vendere le nostre quote il giorno 16 ottobre; potremo leggere il valore di vendita (quotazione del 16 ottobre) sul giornale del 18. Entro 15 giorni dal disinvestimento, la somma deve esserci pervenuta. Per vendere, non occorre quindi richiedere ed attendere la visita del promotore o recarsi allo sportello bancario, ne utilizzare una modulistica 4

6 particolare: basta scrivere al gestore del fondo. Se, invece, inoltriamo l ordine tramite promotore o allo sportello bancario (magari utilizzando modulistica specifica) facciamoci dire con precisione il giorno in cui il gestore riceverà il nostro ordine ed annotiamolo (assieme al nome dell impiegato) sulla copia che terremo per noi. Rendimento I Fondi comuni ad accumulazione di proventi possono assimilarsi, relativamente al rendimento, ai titoli privi di cedola, il che significa che durante la loro vita l Sgr non eroga flussi di cassa intermedi. Ma allora dove sta il rendimento? Il rendimento nasce dal fatto che il prezzo di acquisto della quota è sempre differente, solitamente minore, del prezzo di vendita della stessa. Ma quanto rende allora un fondo? Dipende da quando si rivende la quota dopo averla acquistata e precisamente: dove: p v = prezzo di vendita della quota; p a = prezzo di acquisto della quota gg = numero di giorni in cui la quota del fondo è tenuta in portafoglio. I fondi comuni a distribuzioni di proventi invece possono assimilarsi, relativamente al calcolo del rendimento, ai titoli con cedole. In tal caso i proventi sono costituiti dai dividendi e cedole provenienti dai Titoli azionari, obbligazionari, di Stato e vari detenuti dal fondo. Quindi: Il rendimento deve tenere conto quindi: dei proventi di ammontare variabile che si sono incassati; del prezzo di acquisto della quota; del prezzo di vendita della quota. Riportiamo l andamento dei rendimenti dei fondi comuni mobiliari italiani paragonato ad investimenti alternativi. E evidente la forte escursione dei rendimenti degli azionari rispetto ai bilanciati ed ai monetari. E invece interessante notare l andamento dei rendimenti dei BTP particolarmente marcati in un quindicennio di tassi di mercato calanti: 5

7 (1) I dati si riferiscono ai fondi comuni e Sicav armonizzati (2) Variazione percentuale dell indice di capitalizzazione dei titoli quotati alla Borsa italiana; include i dividendi (3) Variazione percentuale dell indice di Morgan Stanley delle borse mondiali; sono inclusi i dividendi, al netto della ritenuta alla fonte, e si tiene conto delle variazioni del tasso di cambio (4) Variazione percentuale dell indice di capitalizzazione relativo ai prezzi dei titolo rilevanti alla Borsa italiana; fino al 1998, calcolata al netto della ritenuta del 12,5% - (5) Tasso all emissione del BOT a 12 mesi all inizio dell anno; fino al 1998, calcolata al netto della ritenuta del 12,5% - (6) Variazione percentuale dell indice J.P Morgan dei mercato obbligazionari mondiali, escluso il mercato italiano; tiene conto della variazione del tasso di cambio. Rischio In un fondo comune aperto il sottoscrittore non è proprietario di uno specifico titolo in cui è investito il patrimonio del fondo, ma è proprietari di una percentuale di tutti i titoli del fondo. Acquistare una quota di un fondo equivale ad acquistare un piccolo portafoglio di titoli, la cui composizione(diversificazione) in termini di tipologia di titoli è identica a quella del fondo. Il risparmiatore si troverà di fronte ad un rischio di portafoglio che dipende dalla natura e prevalenza dei titoli in cui è investito il fondo (azioni, obbligazioni, titoli di Stato, etc). 6

8 Rischio medio alto, poiché il fondo investe principalmente in azioni, e notoriamente le azioni sono più rischiose delle obbligazioni e dei titoli di Stato. Rischio medio basso, poiché il fondo investe principalmente in titoli di Stato, la cui rischiosità è praticamente nulla, e solo marginalmente in azioni. Rischio alto, poiché le azioni dei paesi emergenti sono più rischiose delle azioni dell area Euro. 7

9 Tipologie I fondi comuni sono suddivisi in 8 tipologie che dipendono dalla natura e dalla prevalenza dei valori mobiliari in cui è investito il patrimonio raccolto. 1. Fondi azionari: sono quei fondi che investono più del 70% del patrimonio raccolto in titoli azionari. Esistono poi le sotto-tipologie di fondi azionari: Area Euro; Europa; Area paesi emergenti; Italia; Altri; 2. Fondi obbligazionari: sono quei fondi che investono prevalentemente in titoli di Stato e in obbligazioni societarie. 8

10 Esistono le seguenti sotto-tipologie di fondi obbligazionari: Misti; Area Euro; Area dollaro; Paesi emergenti; Altri; 3. Fondi bilanciati:sono quei fondi che investono in obbligazioni, titoli di Stato ed azioni con il vincolo della quota investita in azioni sia compresa tra il 20 ed il 70 %. Sono quindi una via di mezzo tra i fondi azionari ed i fondi obbligazionari. 4. Fondi di liquidità (o monetari): sono quei fondi che investono in strumenti di brevissimo termine (inferiore ai 6 mesi), quali: titoli di Stato a 6 mesi e pronti contro termine. Non possono investire in azioni. 9

11 5. Fondi flessibili (o globali): sono quei fondi che investono senza nessuna restrizione per ciò che riguarda la tipologia di valori mobiliari. Sono quindi fondi in cui il gestore ha piena libertà sui titoli in cui investire. 6. Fondi Pensione : Sono fondi di investimento destinati a fornire ai lavoratori una pensione aggiuntiva a quella della previdenza statale. Sono anche chiamati il secondo pilastro della previdenza, perche dopo le riforme della previdenza realizzate o in via di realizzazione in tutti i paesi sviluppati, sono destinati a integrare la pensione che si prospetta sempre più magra. I fondi pensione, rispetto agli ordinari fondi comuni, godono di particolari benefici fiscali, e si dividono in due categorie: Fondi pensione chiusi o negoziali: sono destinati ai lavoratori di una determinata categoria o di una determinata azienda. Fondi pensione aperti: sono gestiti da società di gestione abilitate, e sono rivolti in modo particolare a lavoratori autonomi, liberi professionisti, e lavoratori dipendenti che non abbiano aderito a fondi negoziali. 7. Fondi Lussemburghesi: La legge che ha permesso ai fondi comuni di nascere in Italia risale al Prima di allora le societa di gestione che volevano offrire dei fondi agli investitori italiani dovevano avere sede in Lussemburgo. Da qui la denominazione di fondi lussemburghesi. 8. Fondi Armonizzati: Sono fondi comuni esteri, quindi non di diritto italiano, che recepiscono le direttive dell Unione Europea a livello di regolamento. 10

12 La nuova classificazione dei fondi comuni Dal 1 luglio 2003, Assogestioni ha rivisto la classificazione dei fondi azionari, obbligazionari e di liquidità, mentre ha lasciato inalterata quella dei fondi bilanciati. Ecco la nuova ripartizione in vigore dal 1 luglio 2003: Fig. Le nuove categorie Assogestioni; N.B. Le categorie fondi bilanciati (bilanciati obbligazionari, bilanciati, bilanciati azionari) e fondi flessibili non subiranno modifiche. Le tipologie di fondi visti possono poi avere altre due caratteristiche; possono cioè essere: Fondi ad accumulazione dei proventi. Sono quei fondi che non prevedono la distribuzione di proventi, quali ad esempio dividendi e cedole provenienti dai Titoli azionari ed obbligazionari detenuti dal fondo, ma i proventi vengono reinvestiti nel fondo stesso accrescendo il valore della quota; Fondi a distribuzione dei proventi. Sono quei fondi che prevedono la distribuzione dei dividendi, delle cedole, ecc.se la Sgr che gestisce il fondo lo permette, è possibile trasferire il proprio investimento dal fondo iniziale ad un alto fondo gestito dalla stessa società. Tale operazione è chiamata switch. Soglie e Liquidabilità Soglia minima di investimento Normalmente i versamenti minimi richiesti per partecipare ad un fondo aperto sono dell ordine dei 5 milioni di lire, a seconda della Sgr e del tipo di fondo. Si può quindi affermare che i fondi comuni aperti sono una forma di investimento che non richiede patrimoni elevati, bastano cifre minime per poter usufruire di una gestione professionale dei risparmi. 11

13 Possibilità di smobilizzo (liquidabilità) I sottoscrittori di un fondo aperto hanno il diritto di chiedere in un qualunque momento il rimborso del valore della quota (riscatto) secondo modalità previste dal regolamento del fondo. La periodicità del rimborso è almeno settimanale e coincide con quella stabilita per il calcolo del valore della quota. Il rimborso della quota deve essere eseguito entro 15 giorni dalla richiesta. Chi aderisce ad un fondo attraverso un Pac ha anche l'alternativa di beneficiare di un piano di rimborso programmato (piani sistematici di rimborso). I fondi aperti si caratterizzano quindi non solo per la libertà di entrata ma anche per la libertà di uscita, e quindi sono un tipo di prodotto facilmente liquidabile. Disponibilità di informazioni I fondi aperti si caratterizzano per la loro trasparenza. La società di gestione ha infatti l obbligo di determinare il valore della quota e di renderla nota attraverso i giornali nazionali nel giorno indicato dal regolamento, e con periodicità almeno settimanale. Chi sottoscrive un fondo comune aperto ha la possibilità di seguire l andamento del valore della quota attraverso i quotidiani, il televideo o siti internet. 12

14 Fondi comuni d'investimento chiusi Sono una cassa collettiva costituita dalle somme versate dai sottoscrittori del fondo. L investimento di ciascun sottoscrittore confluisce in un unico patrimonio che viene investito in valori mobiliari (azioni, obbligazioni, titoli di Stato, ) da società di gestione del risparmio (Sgr). Questi hanno lo scopo di finanziare le piccole e medie imprese, non quotate in borsa, ad alto potenziale di crescita. La partecipazione al fondo comune avviene tramite l acquisto ad un determinato prezzo delle cosiddette quote di partecipazione al fondo : il sottoscrittore è proprietario di una fetta del patrimonio del fondo, tanto più grande quanto più quote di partecipazione egli possiede.acquistata la quota, i sottoscrittori lasciano alla Sgr il compito di gestire la somma versata. La Sgr da parte sua si occuperà della compravendita di valori mobiliari in modo da incrementare il valore (prezzo) della quota. Il valore di una singola quota si ottiene dividendo il valore di mercato degli impieghi del fondo (azioni, obbligazioni, Titoli di Stato,..) per il numero delle quote in circolazione. Comunque è la Sgr che provvede a determinare, almeno semestralmente, il valore delle quote rendendole note attraverso i quotidiani. Per i fondi chiusi, a differenza dei fondi aperti, il numero delle quote di partecipazione è stabilito nel momento della costituzione del fondo; il sottoscrittore non può chiedere il rimborso delle quote in qualunque momento ma solo a scadenze predeterminate e dichiarate nel regolamento del fondo. Dove e come si sottoscrivono i fondi I fondi comuni possono essere sottoscritti presso gli sportelli bancari o le sedi legali della Sgr promotrice del fondo, ma anche tramite promotori finanziari autorizzati. Il fondo chiuso viene generalmente costituito mediante un unica emissione di quote il cui valore totale è pari al patrimonio che la Sgr intende raccogliere. Le quote hanno tutte egual valore e devono essere sottoscritte entro il limite massimo previsto dal regolamento. La modalità di sottoscrizione è quella di un unico versamento. Rendimento I Fondi comuni chiusi possono assimilarsi, relativamente al rendimento, ai titoli privi di cedola, il che significa che durante la loro vita la Sgr non eroga flussi di cassa intermedi. Il rendimento nasce allora dal fatto che il prezzo di acquisto della quota è sempre differente, solitamente minore, del prezzo di vendita della stessa. E quanto rende allora un fondo dipende da quando si rivende la quota dopo averla acquistata; e precisamente si deve tenere conto: del prezzo di acquisto della quota; del prezzo di vendita della quota. 13

15 Rischio Mentre i fondi aperti investono di norma in titoli quotati, i fondi chiusi investono principalmente in titoli (azioni, obbligazioni) di aziende medio piccole, non quotate in borsa, ma ad elevato potenziale di crescita (growth stocks). Prima che tali società possano generare utili, devono trascorrere alcuni anni. Ne deriva che gli impieghi del fondo sono altamente rischiosi. Tali fondi si rivolgono ai risparmiatori con un orizzonte temporale di lungo termine e con una elevata propensione al rischio. Soglie e Liquidabilità Soglia minima di investimento I fondi chiusi si rivolgono ai risparmiatori in possesso di un consistente patrimonio da investire, infatti l ammontare minimo di ogni singola sottoscrizione è dell ordine di 100 milioni di lire. Ciò ha fatto sì che in questi anni i principali sottoscrittori di fondi chiusi sono stati gli investitori istituzionali (banche, assicurazioni,). Possibilità di smobilizzo (liquidabilità) I fondi chiusi si caratterizzano per il fatto che chi vi partecipa non può richiedere il rimborso della quota prima della scadenza del fondo; può però vendere la quota a terzi, pertanto può verificarsi che i titolari delle quote al momento della scadenza del fondo non coincidano con gli iniziali sottoscrittori. Nel complesso si può dire che i fondi chiusi sono un tipo di prodotto non facilmente liquidabile. Disponibilità di informazioni I fondi chiusi sono meno trasparenti di quelli aperti a causa dell impossibilità di un monitoraggio quotidiano del valore della quota. La Sgr provvede a determinare il valore della quota. Tale calcolo e la relativa pubblicazione sui quotidiani avviene normalmente con cadenza semestrale. Sicav Sono delle particolari società per azioni caratterizzate dal fatto che il capitale sociale è continuamente variabile. Al contrario cioè delle tradizionali S.p.A., in cui l acquisto e la vendita di azioni non modificano minimamente l ammontare complessivo del capitale sociale, nel caso delle Sicav ogni nuova operazione su una azione (acquisto o vendita) causa una variazione del capitale sociale della società. Ed in effetti Sicav sta per Società di investimento a capitale variabile. In pratica, ogni azione di una Sicav nasce appositamente quando qualche investitore è disposto ad acquistarla, ed analogamente muore non appena decide di venderla, senza possibilità di scambio su qualche mercato secondario; ed è proprio questo meccanismo che rende variabile il capitale sociale di una Sicav. Infatti, nel caso di una qualunque altra S.p.A. le azioni vengono scambiate sui vari mercati finanziari secondari senza alcuna modifica del capitale sociale delle società emittenti, come già detto. I gestori di una Sicav utilizzano i soldi degli investitori solo ed esclusivamente per degli investimenti in valori mobiliari. Questo significa che non è ad esempio possibile che una Sicav si metta a produrre autovetture, fondi una compagnia assicurativa, estragga petrolio, diventi un produttore televisivo o una società sportiva, ecc. L unica sua attività deve essere quella di investire nei vari mercati finanziari. Tra 14

16 l altro, esistono anche delle limitazioni nell esercizio di questa attività di investimento. Così, ad esempio, non è ammesso che i gestori di una Sicav concedano prestiti, vendano titoli allo scoperto, ecc., e ciò per tutelare gli investitori. Sono invece dei classici esempi di investimenti eseguiti dai gestori di una Sicav: i titoli azionari ed obbligazionari; i fondi comuni di investimento; i titoli di Stato; altri. Di contro, non è consentito l acquisto di azioni emesse da altre Sicav. In ogni caso, tutte le regole alle quali devono sottostare le Sicav, a partire dalla loro costituzione, sono contenute nel decreto legislativo n.58 del 24/2/98 (Testo Unico della Finanza). In ogni momento è possibile acquistare o vendere azioni di una Sicav, il che rende questo strumento finanziario molto simile ai fondi comuni di investimento aperti, con l aggiunta però ora di diventare anche soci della società di gestione, con i conseguenti diritti ed obblighi (nel caso di partecipazione ad un fondo comune di investimento, invece, si acquista semplicemente una quota del fondo senza diventare in nessun modo soci della società di gestione). Le Sicav, al contrario delle tradizionali S.p.A., non possono emettere azioni di risparmio, postergate per i dipendenti. Le uniche azioni che invece possono essere emesse sono di tipo ordinario. Possono altresì classificarsi in azioni nominative o al portatore: sono nominative le azioni che contengono un intestazione personale. Nel caso delle Sicav tali azioni conferiscono all investitore un numero di voti, nelle assemblee ordinarie e straordinarie, pari al numero di azioni di cui si è proprietari; sono invece al portatore le azioni senza intestazioni personali che conferiscono i diritti e gli obblighi del caso semplicemente a chi venga in possesso del titolo. Nel caso delle Sicav tali azioni conferiscono il diritto ad un solo voto nelle assemblee ordinarie e straordinarie indipendentemente dal numero di azioni possedute. Rendimento Il rendimento dell investimento in una Sicav è semplicemente dato dal rapporto: dove al prezzo di acquisto vanno poi aggiunti i costi di commissione pagati all intermediario. Da tale rendimento, se positivo, occorre poi ovviamente sottrarre le imposte. Il prezzo delle azioni di una Sicav, al contrario di ciò che accade per tutte le altre S.p.A, non viene determinato dal mercato in relazione alla domanda ed all offerta (e neanche potrebbe esserlo, avendo infatti prima detto che queste azioni non possono essere scambiate sul mercato), bensì dipende esclusivamente dai risultati ottenuti dai gestori nei loro investimenti. Questo significa quindi che il valore intrinseco delle azioni di una Sicav è quello che viene conferito dalla brillantezza dei risultati di gestione. Infatti le Sicav costituiscono le uniche società in cui il valore delle sue azioni rispecchia esattamente quello delle attività della società (tra l altro, il capitale sociale di una Sicav deve sempre coincidere col suo patrimonio netto). Rischio Rischio emittente Il rischio emittente è quello di una qualsiasi S.p.A. che svolge le sue attività sul mercato. 15

17 1. Rispetto però ad altri settori, quello in cui operano le Sicav può sicuramente essere ritenuto tra i più rischiosi. 2. Rischio di mercato Acquistando azioni di una Sicav, il rischio di mercato dipende intuitivamente dalla capacità di investimento dei gestori, nel senso che se i risultati dei loro investimenti sono scadenti allora il prezzo al quale si potranno vendere le azioni sarà basso, e viceversa, come già detto parlando di rendimento. Si può quindi dire che, nel caso delle Sicav, i rischi emittente e di mercato coincidono. 3. Rischio di cambio Per quanto riguarda le Sicav italiane, le Sicav dell Unione Europea (sia nei casi armonizzati con le direttive europee che in quelli non armonizzati) e quelle straniere esterne all area Euro ma ugual- mente collocate sui mercati finanziari italiani, il rischio di cambio è nullo, dato che infatti in questi casi le azioni sono emesse in Euro. Nel caso invece in cui si volessero acquistare azioni di una Sicav estera non appartenente all area Euro sui mercati finanziari del Paese d origine, il rischio di cambio è legato al rapporto di cambio tra l Euro e la valuta straniera di quel Paese. Soglie e liquidabilità Soglia minima di investimento Indipendentemente dal fatto se si tratti di azioni nominative o al portatore, la quantità di entrambe le tipologie che si è come minimo obbligati ad acquistare quando si decide di investire in una Sicav varia da caso a caso, e comunque può facilmente essere conosciuta ad esempio leggendo il prospetto informativo oppure informandosi presso il proprio intermediario di fiducia (banca, SIM, ecc.). Possibilità di smobilizzo (liquidabilità) E stato già detto come l investimento in una Sicav fosse molto simile a quello in un fondo comune aperto a causa della possibilità, in entrambi i casi, di vendere in ogni momento la propria quota. Ne consegue che le azioni di una Sicav sono degli strumenti finanziari facilmente liquidabili, cioè aventi un elevata possibilità di smobilizzo (non è infatti necessario trovare qualcuno disposto ad acquistare la propria quota di partecipazione nella Sicav (azione), bensì è sufficiente distruggerla causando la già descritta variazione del capitale sociale della società). Disponibilità di informazioni I prezzi delle azioni delle Sicav sono pubblicati ogni giorno su quotidiani, siti internet e stampa specializzata (Il Sole 24 Ore, Milano Finanza, ecc...). Fondi e Sicav di diritto italiano armonizzati UE Sono i fondi e le Sicav gestiti da società italiane con sede legale in Italia e sottoposti per legge comunitaria a una serie di vincoli sugli investimenti allo scopo di contenere i rischi e salvaguardare i sottoscrittori. In particolare, i fondi armonizzati: Non possono investire piu del 10% del patrimonio in strumenti finanziari (azioni o obbligazioni) di un singolo emittente. Non possono investire più del 10% del patrimonio in altri Oicr e prodotti derivati. Non possono impiegare una quota maggiore del 10% del patrimonio in titoli non quotati nei mercati regolamentati. Non possono investire in strumenti derivati per la copertura dei rischi, il cosiddetto hedging, per un ammontare totale che ecceda il valore netto del fondo. Non possono possedere azioni con diritto di voto di una società per un valore nominale superiore al 5% del valore nominale complessivo di tutte le azioni con diritto di voto. 16

18 Fondi e Sicav di diritto italiano non armonizzati UE Si tratta di una particolare tipologia di fondi istituiti nel settembre 1999 e caratterizzati da una maggiore libertà di investimento del patrimonio raccolto. Ad essi, infatti, non vengono applicati i vincoli e le limitazioni previste dalla legge comunitaria per i fondi armonizzati.per le caratteristiche dei loro investimenti riportiamo qui di seguito due diverse tipologie di fondi non armonizzati: Fondi speculativi (o hedge funds) Letteralmente: fondi siepe di protezione, nel senso che operano investimenti e ricoperture per eliminare il rischio,si caratterizzano principalmente per l estrema liberta negli investimenti di cui godono, perchè possono utilizzare tutti gli strumenti finanziari e tutte le strategie di gestione. In particolare hanno la facoltà di usare senza limiti strumenti derivati per la gestione del rischio e di ricorrere alla leva finanziaria per guadagnare sul mercato anche in fase di discesa. Inoltre, possono investire tutto il patrimonio anche in una sola posizione e regolare a piacimento le modalità di adesione e il rimborso delle quote. Sono esentati dagli obblighi informativi e di pubblicità del rendiconto di gestione e della relazione semestrale. Un fattore chiave del successo, risiede nella loro indipendenza dalla stabilita dei tassi di interesse o dalla crescita dei mercati finanziari. Infatti la volatilità causata dall incertezza economica si traduce per gli hedge fund in opportunità di profitto. Originariamente ciò che li distingueva dai tradizionali fondi era l obiettivo di limitazione dei rischi attraverso tecniche di copertura, chiamate, appunto, di hedging, ma nel tempo gli hedge-fund hanno assunto una caratterizzazione sempre più speculativa, che preclude il loro utilizzo ai piccoli risparmiatori. Gli unici limiti che gli hedge funds sono tenuti a rispettare riguardano il numero massimo di partecipanti al fondo (non più di 100) e il versamento minimo per accedervi (almeno 1 milione di euro). Inoltre non possono essere oggetto di sollecitazione all acquisto. Sono caratterizzati: da un numero ristretto e chiuso di partecipanti; dall elevato investimento richiesto; dalla impossibilità di disinvestire se non trascorso un certo periodo di tempo; dall assenza di vincoli gestionali e di investimento; dalla possibilità di finanziarsi anche procedendo a forti indebitamenti; dalla impossibilità di essere oggetto di sollecitazione del pubblico risparmio. Investono in strumenti derivati, in titoli fortemente depressi o eccessivamente valorizzati, operazioni allo scoperto e leverage (sui mercati a termine, tengono sotto controllo, con un investimento minimo, una posizione notevolmente superiore del titolo sottostante.), procedendo a ricoperture inverse. Di recente, gli hedge fund (nei quali sono investiti 650 miliardi di dollari ) sono tornati nel mirino della Sec. La commissione di controllo dei mercati finanziari americani, torna alla carica e chiede che gli advisor dei fondi chiusi americani siano registrati in un apposito albo depositato presso la stessa commissione. La procedura consentirebbe di attuare controlli più severi. In Italia, sono disciplinati dal T.U. in materia finanziaria e dal decreto del Ministro del Tesoro n 228/1999; possono derogare ai divieti di carattere generale e possono non rispettare le norme prudenziali imposte per gli altri fondi. 17

19 Fig. Da il Sole 24 ore ; Fondi di Fondi Sono fondi il cui portafoglio e costituito non da titoli, ma da quote di altri fondi o sicav (Oicr). La diversificazione e indubbiamente la caratteristica principale di questa tipologia di fondi la cui gestione e incentrata sulla definizione dell asset allocation, vale a dire la valutazione e la scelta dei fondi da inserire in portafoglio (di solito 25-30). Questi ultimi, a loro volta, acquistano sul mercato i titoli da inserire nei propri portafogli. Potendo investire anche in quote di hedge funds, i fondi di fondi costituiscono per il piccolo risparmiatore un accesso diretto a questi ultimi, spesso loro preclusi a causa dell elevata soglia di patrimonio in entrata. I parenti più prossimi dei fondi di fondi sono le gestioni patrimoniali in fondi (Gpf), che si differenziano per una gestione più personalizzata del risparmio, ma sicuramente più onerosa e meno accessibile all investitore medio. Inoltre i fondi di fondi risultano più trasparenti e facili da monitorare, dal momento che la loro quota e riportata quotidianamente sulla stampa specializzata. Fondi Riservati Sono fondi non armonizzati che riservano la partecipazione a definite categorie di investitori quali banche, sim, fondi pensione, sicav, società finanziarie e assicurative e altri particolari soggetti esperti secondo un elenco fornito dalla Consob. TRATTAMENTO FISCALE Il trattamento fiscale riservato all investimento in fondi comuni differisce in funzione del tipo di fondo. Fondi di diritto italiani La normativa prevede un imposta sostitutiva del 12,5% versata dalla società di gestione entro il 28 gennaio di ogni anno, sul risultato di gestione del fondo maturato in ciascun anno, ovvero sulla differenza tra il valore del patrimonio netto del fondo alla fine dell anno aumentato dei rimborsi e dei proventi eventualmente distribuiti durante l anno e il valore del patrimonio netto all inizio dell anno. Il sottoscrittore di quote di fondi mantiene l anonimato su tali proventi in quanto non deve indicare i redditi, siano essi maturati o incassati, in dichiarazione dei redditi. Se il risultato di gestione e negativo la Società di gestione del fondo può portarlo in diminuzione dei risultati di gestione dei periodi di imposta successivi. 18

20 Fondi Lussemburghesi Storici Sono stati costituiti da società italiane nel Lussemburgo prima che in Italia entrasse in vigore la legge istitutiva dei fondi, decreto Eurosim del Sotto il profilo fiscale sono equiparati ai fondi di diritto italiano. Le plusvalenze sono soggette ad una imposta sostitutiva con aliquota del 12,5% e non vi sono obblighi di denuncia in dichiarazione dei redditi. Fondi Esteri autorizzati e armonizzati UE Tali fondi hanno sede in un paese dell unione europea (UE) e dispongono dell autorizzazione della Consob al collocamento. I proventi, compresi gli utili su cambi, sono tassati conformemente a quanto previsto per i fondi nazionali e per i lussemburghesi storici. Fondi Esteri non autorizzati ma armonizzati UE. Tali fondi hanno sede in un paese dell Unione europea e non dispongono dell autorizzazione della Consob al collocamento. I proventi sono soggetti ad un imposta sostitutiva del 12,5% ed e obbligatorio indicarli nella dichiarazione dei redditi. Fondi Esteri non autorizzati e non armonizzati UE A differenza della tipologia di fondi descritta in precedenza, se le quote sono collocate in Italia, l imposta del 12,5% e versata, a titolo di acconto, dal sottoscrittore al sostituto di imposta incaricato del pagamento dei proventi: quindi le plusvalenze concorrono alla determinazione del reddito complessivo imponibile Irpef del contribuente e, conseguentemente devono essere indicate in dichiarazione annuale dei redditi e sconteranno l aliquota Irpef dovuta sul reddito complessivo. Nella eventualità in cui le quote fossero collocate all estero, i proventi erogati ai sottoscrittori, sia sotto forma di differenza tra valore di cessione e valore di acquisto, concorrono a determinare il reddito complessivo del contribuente soggetto a Irpef. 19

Sezione Terza I Fondi comuni di investimento

Sezione Terza I Fondi comuni di investimento Sezione Terza I Fondi comuni di investimento 369. Nella valutazione dei beni del fondo comune di investimento, il valore degli strumenti finanziari ammessi alle negoziazioni su mercati regolamentati è

Dettagli

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto AREA FINANZA DISPENSE FINANZA Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto Prodotti finanziari a medio - lungo termine CTZ: Certificati del Tesoro zero coupon ORGANISMO BILATERALE

Dettagli

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Prodotti finanziari a breve termine BOT: Buoni Ordinari del tesoro

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Prodotti finanziari a breve termine BOT: Buoni Ordinari del tesoro AREA FINANZA DISPENSE FINANZA Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto Prodotti finanziari a breve termine BOT: Buoni Ordinari del tesoro ORGANISMO BILATERALE PER LA FORMAZIONE

Dettagli

Fondi aperti Caratteri

Fondi aperti Caratteri Fondi aperti Caratteri Patrimonio variabile Quota valorizzata giornalmente in base al net asset value (Nav) Investimento in valori mobiliari prevalentemente quotati Divieti e limiti all attività d investimento

Dettagli

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Prodotti Finanziari a medio - lungo termine CCT: Certificati di Credito del Tesoro

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Prodotti Finanziari a medio - lungo termine CCT: Certificati di Credito del Tesoro AREA FINANZA DISPENSE FINANZA Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto Prodotti Finanziari a medio - lungo termine CCT: Certificati di Credito del Tesoro ORGANISMO BILATERALE

Dettagli

Regolamento del Fondo Interno Strategic Model Portfolio

Regolamento del Fondo Interno Strategic Model Portfolio Regolamento del Fondo Interno Strategic Model Portfolio Art. 1 - Aspetti generali Al fine di adempiere agli obblighi assunti nei confronti del Contraente in base alle Condizioni di Polizza, la Compagnia

Dettagli

Fondi aperti Caratteri

Fondi aperti Caratteri Fondi aperti Caratteri Patrimonio variabile Quota valorizzata giornalmente in base al net asset value (Nav) Investimento in valori mobiliari prevalentemente quotati Divieti e limiti all attività d investimento

Dettagli

REGOLAMENTO DEI FONDI INTERNI

REGOLAMENTO DEI FONDI INTERNI REGOLAMENTO DEI FONDI INTERNI Art. 1 - Aspetti generali Al fine di adempiere agli obblighi assunti nei confronti del Contraente in base alle Condizioni di Polizza, la Compagnia ha costituito quattro Fondi

Dettagli

PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI SPECIFICHE

PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI SPECIFICHE PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI SPECIFICHE La parte Informazioni Specifiche del Prospetto Semplificato, da consegnare obbligatoriamente all Investitore prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare

Dettagli

PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI SPECIFICHE

PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI SPECIFICHE PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI SPECIFICHE La parte Informazioni Specifiche del Prospetto Semplificato, da consegnare obbligatoriamente all investitore prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare

Dettagli

REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO ASSICURATIVO PREVILINK

REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO ASSICURATIVO PREVILINK Allegato 4 REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO ASSICURATIVO PREVILINK Art. 1 - Denominazione del Fondo Interno La Società gestisce, con le modalità stabilite dal presente Regolamento, un portafoglio di valori

Dettagli

PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI SPECIFICHE

PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI SPECIFICHE PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI SPECIFICHE La parte Informazioni Specifiche del Prospetto Semplificato, da consegnare obbligatoriamente all Investitore prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare

Dettagli

PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI SPECIFICHE

PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI SPECIFICHE PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI SPECIFICHE La parte Informazioni Specifiche del Prospetto Semplificato, da consegnare obbligatoriamente all investitore prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare

Dettagli

COMUNICAZIONE AI PARTECIPANTI AL FONDO COMUNE D INVESTIMENTO MOBILIARE APERTO ARMONIZZATO DENOMINATO BANCOPOSTA OBBLIGAZIONARIO FEBBRAIO 2014

COMUNICAZIONE AI PARTECIPANTI AL FONDO COMUNE D INVESTIMENTO MOBILIARE APERTO ARMONIZZATO DENOMINATO BANCOPOSTA OBBLIGAZIONARIO FEBBRAIO 2014 COMUNICAZIONE AI PARTECIPANTI AL FONDO COMUNE D INVESTIMENTO MOBILIARE APERTO ARMONIZZATO DENOMINATO BANCOPOSTA OBBLIGAZIONARIO FEBBRAIO 2014 LA SOSTITUZIONE DELLA SOCIETÀ GESTORE A partire dal 3 giugno

Dettagli

INFORMAZIONI CHIAVE PER GLI INVESTITORI KEY INVESTOR INFORMATION (KIID)

INFORMAZIONI CHIAVE PER GLI INVESTITORI KEY INVESTOR INFORMATION (KIID) INFORMAZIONI CHIAVE PER GLI INVESTITORI KEY INVESTOR INFORMATION (KIID) Il presente documento contiene le informazioni chiave di cui tutti gli investitori devono disporre in relazione a questo fondo. Non

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO ANALITICO

FOGLIO INFORMATIVO ANALITICO Gennaio 2003 FOGLIO INFORMATIVO ANALITICO MEDIOBANCA 2003-2005 INDICIZZATO ALL ANDAMENTO DELL INDICE MIB30 (Cod. ISIN IT0003417075) L investimento nel titolo oggetto della presente offerta è caratterizzato

Dettagli

Offerta al pubblico di RAIFFPLANET. Prodotto finanziario assicurativo di tipo Unit Linked REGOLAMENTO DEI FONDI INTERNI

Offerta al pubblico di RAIFFPLANET. Prodotto finanziario assicurativo di tipo Unit Linked REGOLAMENTO DEI FONDI INTERNI Offerta al pubblico di RAIFFPLANET Prodotto finanziario assicurativo di tipo Unit Linked REGOLAMENTO DEI FONDI INTERNI Raiffplanet Prudente Raiffplanet Equilibrata Raiffplanet Aggressiva (Mod. V 70REGFI-0311

Dettagli

PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI SPECIFICHE

PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI SPECIFICHE PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI SPECIFICHE La parte Informazioni Specifiche del Prospetto Semplificato, da consegnare obbligatoriamente all Investitore prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare

Dettagli

REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO PROGETTO SMART

REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO PROGETTO SMART REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO PROGETTO SMART 1 Denominazione CNP UniCredit Vita al fine di adempiere agli obblighi assunti nei confronti degli Aderenti, in base a quanto stabilito dal Regolamento e dalle

Dettagli

Offerta al pubblico di LIFE INCOME 360 prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto UL14UI) Regolamento dei Fondi interni

Offerta al pubblico di LIFE INCOME 360 prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto UL14UI) Regolamento dei Fondi interni Offerta al pubblico di LIFE INCOME 360 prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto UL14UI) Regolamento dei Fondi interni REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO CREDITRAS INCOME 360 1

Dettagli

Sistema Mediolanum Fondi Italia

Sistema Mediolanum Fondi Italia Informazioni chiave per gli Investitori (KIID) Sistema Mediolanum Fondi Italia Società di Gestione del Risparmio Collocatore Unico retro di copertina Informazioni chiave per gli investitori (KIID) Il presente

Dettagli

ETICA AZIONARIO SISTEMA VALORI RESPONSABILI

ETICA AZIONARIO SISTEMA VALORI RESPONSABILI Società di Gestione del Risparmio appartenente al Gruppo Banca Popolare Etica Informazioni chiave per gli Investitori (KIID) Il presente documento contiene le informazioni chiave di cui tutti gli investitori

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL FONDO BANCOPOSTA LIQUIDITÀ EURO

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL FONDO BANCOPOSTA LIQUIDITÀ EURO appartenente al Gruppo Poste Italiane REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL FONDO BANCOPOSTA LIQUIDITÀ EURO Collocatore Pagina 1 di 12 A) SCHEDA IDENTIFICATIVA funzionamento. Denominazione, tipologia e durata del

Dettagli

info Prodotto Eurizon GP Unica Facile A chi si rivolge

info Prodotto Eurizon GP Unica Facile A chi si rivolge Eurizon Eurizon è il Servizio di Gestione di Portafogli di Eurizon Capital SGR dove l investitore può scegliere tra due Componenti differenziate su tre dimensioni: classi di attività finanziarie (azioni,

Dettagli

SEMPLIFICATO INFORMAZIONI SPECIFICHE

SEMPLIFICATO INFORMAZIONI SPECIFICHE B.P.Vi FONDI SGR S.p.A. Gruppo Bancario Banca Popolare di Vicenza S.c.p.a. PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI SPECIFICHE La parte Informazioni Specifiche del Prospetto Semplificato, da consegnare obbligatoriamente

Dettagli

CASSA DI RISPARMIO DI CARRARA S.p.A. a Tasso Fisso 2,75% 15/03/04-15/03/08 CODICE ISIN IT0003632772

CASSA DI RISPARMIO DI CARRARA S.p.A. a Tasso Fisso 2,75% 15/03/04-15/03/08 CODICE ISIN IT0003632772 EMISSIONE OBBLIGAZIONARIA CASSA DI RISPARMIO DI CARRARA S.p.A. a Tasso Fisso 2,75% 15/03/04-15/03/08 CODICE ISIN IT0003632772 INDICE Documento di Sintesi. Pag. 2 Regolamento del prestito obbligazionario..

Dettagli

Offerta al pubblico di RAIFFPLANET. Prodotto finanziario assicurativo di tipo Unit Linked. Raiffplanet Aggressiva a premio unico

Offerta al pubblico di RAIFFPLANET. Prodotto finanziario assicurativo di tipo Unit Linked. Raiffplanet Aggressiva a premio unico Offerta al pubblico di RAIFFPLANET Prodotto finanziario assicurativo di tipo Unit Linked SCHEDA SINTETICA INFORMAZIONI SPECIFICHE Raiffplanet Aggressiva a premio unico (Mod. V70SSISRA137-0415) Pagina 1

Dettagli

REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO CREDITRAS UNIATTIVA (scad. 12/2017)

REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO CREDITRAS UNIATTIVA (scad. 12/2017) REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO CREDITRAS UNIATTIVA (scad. 12/2017) 1 - ISTITUZIONE, DENOMINAZIONE E CARATTERISTICHE DEL FONDO INTERNO CREDITRAS VITA S.p.A. (di seguito Società) ha istituito e gestisce,

Dettagli

SCHEDA TECNICA DESCRIZIONE SEZIONI DI INVESTIMENTO

SCHEDA TECNICA DESCRIZIONE SEZIONI DI INVESTIMENTO SCHEDA TECNICA DESCRIZIONE SEZIONI DI INVESTIMENTO DURATA CONTRATTUALE LIMITI ASSUNTIVI QUESTIONARI PRESTAZIONE IN CASO DI VITA DELL ASSICURATO (capitale a scadenza) PRESTAZIONE IN CASO DI DECESSO DELL

Dettagli

REGOLAMENTO FONDI INTERNI APTUS

REGOLAMENTO FONDI INTERNI APTUS REGOLAMENTO FONDI INTERNI APTUS Art. 1 - Aspetti generali Al fine di adempiere agli obblighi assunti nei confronti del Contraente in base alle Condizioni di Polizza, la Compagnia ha costituito tre Fondi

Dettagli

ASSOCIAZIONE BANCARIA ITALIANA BTP DAY

ASSOCIAZIONE BANCARIA ITALIANA BTP DAY ASSOCIAZIONE BANCARIA ITALIANA BTP DAY 28 NOVEMBRE e 12 DICEMBRE DOMANDE E RISPOSTE DOMANDE GENERALI Che cos è il Btp day? Il BTP-day è una iniziativa che ha l obiettivo di agevolare temporaneamente i

Dettagli

MODI DI FINANZIAMENTO DELL ECONOMIA

MODI DI FINANZIAMENTO DELL ECONOMIA MODI DI FINANZIAMENTO DELL ECONOMIA 1 OPERATORI FINANZIARI ATTIVI E PASSIVI Gli operatori finanziari possono essere divisi in quattro gruppi: Le famiglie; Le imprese; La pubblica amministrazione; il resto

Dettagli

SCHEDA TECNICA DESCRIZIONE SEZIONI DI INVESTIMENTO

SCHEDA TECNICA DESCRIZIONE SEZIONI DI INVESTIMENTO SCHEDA TECNICA DESCRIZIONE SEZIONI DI INVESTIMENTO DURATA CONTRATTUALE LIMITI ASSUNTIVI QUESTIONARI PRESTAZIONI IN CASO DI VITA DELL ASSICURATO (capitale a scadenza) PRESTAZIONE IN CASO DI DECESSO DELL

Dettagli

PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI SPECIFICHE

PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI SPECIFICHE PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI SPECIFICHE La parte Informazioni Specifiche del Prospetto Semplificato, da consegnare obbligatoriamente all investitore prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

INFORMATIVA SULLA FISCALITÀ

INFORMATIVA SULLA FISCALITÀ INFORMATIVA SULLA FISCALITÀ Con la presente comunicazione si desidera fornire una breve sintesi del regime fiscale applicabile ai fondi comuni di investimento mobiliare di diritto italiano, nonché del

Dettagli

RISPARMIO: LE NOVITÀ FISCALI COSA SAPERE SU INVESTIMENTI E DEPOSITO TITOLI

RISPARMIO: LE NOVITÀ FISCALI COSA SAPERE SU INVESTIMENTI E DEPOSITO TITOLI RISPARMIO: LE NOVITÀ FISCALI COSA SAPERE SU INVESTIMENTI E DEPOSITO TITOLI 27% Risparmio: Le novità fiscali 12,5% 20% Cosa sapere su investimenti e deposito titoli INDICE 1. Le imposte dirette Cosa cambia?

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA Crédit Agricole Vita

REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA Crédit Agricole Vita REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA Crédit Agricole Vita 1. Denominazione Viene attuata una speciale forma di gestione degli investimenti, distinta dagli altri attivi detenuti dall impresa di assicurazione,

Dettagli

FULL OPTION Ed. 2009

FULL OPTION Ed. 2009 Offerta al pubblico di FULL OPTION Ed. 2009 Prodotto finanziario assicurativo di tipo Unit Linked SCHEDA SINTETICA INFORMAZIONI SPECIFICHE Option Trend a premio unico (Mod. VM2SSISOT137-0414 ed. 04/2014)

Dettagli

BPER INTERNATIONAL SICAV

BPER INTERNATIONAL SICAV BPER INTERNATIONAL SICAV OPEN SELECTION Comparti a profilo di rischio controllato > COSA È UNA SICAV La Sicav è una società per azioni a capitale variabile avente per oggetto l investimento collettivo

Dettagli

Anima Tricolore Sistema Open

Anima Tricolore Sistema Open Società di gestione del risparmio Soggetta all attività di direzione e coordinamento del socio unico Anima Holding S.p.A. Informazioni chiave per gli Investitori (KIID) Il presente documento contiene le

Dettagli

Regolamento del Fondo Interno LVA Euro Index Azionario Previdenza

Regolamento del Fondo Interno LVA Euro Index Azionario Previdenza Regolamento del Fondo Interno LVA Euro Index Azionario Previdenza Art. 1 - Aspetti generali Al fine di adempiere agli obblighi assunti nei confronti dell Aderente in base alle Condizioni di Polizza, la

Dettagli

Documento Informativo relativo alla sottoscrizione del contratto AZ INFINITY LIFE Prodotto finanziario assicurativo di tipo Unit Linked

Documento Informativo relativo alla sottoscrizione del contratto AZ INFINITY LIFE Prodotto finanziario assicurativo di tipo Unit Linked Documento Informativo relativo alla sottoscrizione del contratto AZ INFINITY LIFE Prodotto finanziario assicurativo di tipo Unit Linked Data di validità: 21 marzo 2012 1. IMPRESA DI ASSICURAZIONE AZ Life

Dettagli

info Prodotto Investment Solutions by Epsilon Forex Coupon 2017-6 A chi si rivolge

info Prodotto Investment Solutions by Epsilon Forex Coupon 2017-6 A chi si rivolge info Prodotto Investment Solutions by Epsilon è il nuovo Comparto del fondo comune di diritto lussemburghese Investment Solutions by Epsilon, istituito da Eurizon Capital S.A. e gestito da Epsilon SGR.

Dettagli

Prospetto Semplificato relativo all offerta di quote del fondo Aureo Finanza Etica adesione a piani di accumulo

Prospetto Semplificato relativo all offerta di quote del fondo Aureo Finanza Etica adesione a piani di accumulo Prospetto Semplificato relativo all offerta di quote del fondo Aureo Finanza Etica adesione a piani di accumulo Informazioni specifiche La parte Informazioni Specifiche del Prospetto Semplificato, da consegnare

Dettagli

Caratteristiche del Fondo

Caratteristiche del Fondo REGOLAMENTO DEI FONDI INTERNI BAPfondi Gold Art. 1 Aspetti generali Denominazione dei Fondi La Compagnia ha istituito e gestisce, secondo le modalità di cui al presente Regolamento, un portafoglio di strumenti

Dettagli

info Prodotto Investment Solutions by Epsilon Valore Cedola x 5-11/2014 A chi si rivolge

info Prodotto Investment Solutions by Epsilon Valore Cedola x 5-11/2014 A chi si rivolge info Prodotto è un Comparto del fondo comune di diritto lussemburghese Investment Solutions by Epsilon, promosso da Eurizon Capital S.A. e gestito da Epsilon SGR. Il Comparto mira ad ottenere un rendimento

Dettagli

REGOLAMENTO DEI FONDI INTERNI

REGOLAMENTO DEI FONDI INTERNI REGOLAMENTO DEI FONDI INTERNI Alternative Fund 1 Alternative Fund 2 Alternative Fund 3 ART. 1) ISTITUZIONE E DENOMINAZIONE DEL FONDO MEDIOLANUM INTERNATIONAL LIFE LTD., Compagnia di Assicurazioni sulla

Dettagli

Prospetto Semplificato relativo all offerta di quote del fondo Aureo Finanza Etica versamento in unica soluzione

Prospetto Semplificato relativo all offerta di quote del fondo Aureo Finanza Etica versamento in unica soluzione Prospetto Semplificato relativo all offerta di quote del fondo Aureo Finanza Etica versamento in unica soluzione Informazioni specifiche La parte Informazioni Specifiche del Prospetto Semplificato, da

Dettagli

OBBLIGAZIONE 209 CODICE ISIN IT0003819247 EMISSIONE DI OBBLIGAZIONI STEP-UP 2005-2015 BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI CAMBIANO Soc. Coop. A Resp. Lim.

OBBLIGAZIONE 209 CODICE ISIN IT0003819247 EMISSIONE DI OBBLIGAZIONI STEP-UP 2005-2015 BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI CAMBIANO Soc. Coop. A Resp. Lim. OGLIO INFORMATIVO ANALITICO PER LA RACCOLTA IN TITOLI DELLE BANCHE (REDATTO AI SENSI DELLA DISCIPLINA IN MATERIA DI TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI) OBBLIGAZIONE 209 CODICE ISIN IT0003819247

Dettagli

REGOLAMENTO DEI FONDI INTERNI

REGOLAMENTO DEI FONDI INTERNI REGOLAMENTO DEI FONDI INTERNI Trio Fund 1 Trio Fund 2 Trio Fund 3 ART. 1) ISTITUZIONE E DENOMINAZIONE DEL FONDO MEDIOLANUM INTERNATIONAL LIFE LTD., Compagnia di Assicurazioni sulla vita appartenente al

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE

CONDIZIONI DEFINITIVE CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA relativa al programma di emissioni denominato BANCA DI CESENA OBBLIGAZIONI A TASSO VARIABILE Banca di Cesena 15/01/2007 15/01/2010 TV EUR ISIN IT0004171218 Le

Dettagli

FULL OPTION ED. 2009

FULL OPTION ED. 2009 Offerta al pubblico di FULL OPTION ED. 2009 Prodotto finanziario assicurativo di tipo Unit Linked SCHEDA SINTETICA INFORMAZIONI SPECIFICHE Euroquota Aggressiva a premio periodico limitato (Mod. VM2SSISEA138-0414

Dettagli

REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO FONDO VALOREAZIONE

REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO FONDO VALOREAZIONE Generali Italia S.p.A. - Impresa autorizzata all esercizio delle Assicurazioni e della Riassicurazione nei rami Vita, Capitalizzazione e Danni con decreto del Ministero dell Industria del Commercio e dell

Dettagli

Il mercato mobiliare

Il mercato mobiliare Il mercato mobiliare E il luogo nel quale trovano esecuzione tutte le operazioni aventi per oggetto valori mobiliari, ossia strumenti finanziari così denominati per la loro attitudine a circolare facilmente

Dettagli

Cassa Padana 11/05/2009 11/11/2011 Tasso Fisso 2,50% ISIN IT0004490352

Cassa Padana 11/05/2009 11/11/2011 Tasso Fisso 2,50% ISIN IT0004490352 ALLEGATO 2 - MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE Cassa Padana Banca di Credito Cooperativo Società Cooperativa Sede Sociale: Via Garibaldi 25, Leno Brescia Iscritta all Albo delle Banche al n. 8340.2 Iscritta

Dettagli

BANCA DELLA MARCA. CREDITO COOPERATIVO SOCIETÀ COOPERATIVA in qualità di Emittente

BANCA DELLA MARCA. CREDITO COOPERATIVO SOCIETÀ COOPERATIVA in qualità di Emittente BANCA DELLA MARCA CREDITO COOPERATIVO SOCIETÀ COOPERATIVA in qualità di Emittente REGOLAMENTO DI EMISSIONE DEL PRESTITO OBBLIGAZIONARIO BANCA DELLA MARCA CREDITO COOPERATIVO 2007/2009 TF 4,5% 106^ EMISSIONE

Dettagli

OBBLIGAZIONE 144 CODICE ISIN IT0003445431 EMISSIONE DI OBBLIGAZIONI STEP-UP 2003-2011 BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI CAMBIANO Soc. Coop. A Resp. Lim.

OBBLIGAZIONE 144 CODICE ISIN IT0003445431 EMISSIONE DI OBBLIGAZIONI STEP-UP 2003-2011 BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI CAMBIANO Soc. Coop. A Resp. Lim. FOGLIO INFORMATIVO ANALITICO PER LA RACCOLTA IN TITOLI DELLE BANCHE (REDATTO AI SENSI DELLA DISCIPLINA IN MATERIA DI TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI) OBBLIGAZIONE 144 CODICE ISIN IT0003445431

Dettagli

CASSA RURALE ED ARTIGIANA DI CANTÙ Banca di Credito Cooperativo Società Cooperativa CONDIZIONI DEFINITIVE

CASSA RURALE ED ARTIGIANA DI CANTÙ Banca di Credito Cooperativo Società Cooperativa CONDIZIONI DEFINITIVE in qualità di Emittente Sede legale in Cantù, Corso Unità d Italia 11 Iscritta all Albo delle Banche al n. 719 (Cod. ABI 08430), all Albo delle Cooperative al n. A165516, al Registro delle Imprese di Como

Dettagli

BANCA DI CESENA CREDITO COOPERATIVO DI CESENA E RONTA SOCIETA COOPERATIVA

BANCA DI CESENA CREDITO COOPERATIVO DI CESENA E RONTA SOCIETA COOPERATIVA BANCA DI CESENA CREDITO COOPERATIVO DI CESENA E RONTA SOCIETA COOPERATIVA CONDIZIONI DEFINITIVE della NOTA INFORMATIVA BANCA DI CESENA OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO BANCA DI CESENA 11/05/2009 11/11/2011 TF

Dettagli

Offerta al pubblico di RAIFFPLANET. Prodotto finanziario assicurativo di tipo Unit Linked. Combinazione Libera 80RP/20RA a premio unico

Offerta al pubblico di RAIFFPLANET. Prodotto finanziario assicurativo di tipo Unit Linked. Combinazione Libera 80RP/20RA a premio unico Offerta al pubblico di RAIFFPLANET Prodotto finanziario assicurativo di tipo Unit Linked SCHEDA SINTETICA INFORMAZIONI SPECIFICHE Combinazione Libera 80RP/20RA a premio unico (Mod. V70SSISCL137-0415) Pagina

Dettagli

PROSPETTO SEMPLIFICATO

PROSPETTO SEMPLIFICATO NEXTAM PARTNERS S i c a v Società di investimento a capitale variabile di diritto lussemburghese PROSPETTO SEMPLIFICATO Settembre 2009 Prospetto pubblicato mediante deposito all Archivio Prospetti della

Dettagli

Iscritta all albo delle banche Art.13 D.Lgs. 385/93 al n.3556.8 Albo delle cooperative a mutualità prevalente

Iscritta all albo delle banche Art.13 D.Lgs. 385/93 al n.3556.8 Albo delle cooperative a mutualità prevalente FOGLIO INFORMATIVO PER LA RACCOLTA IN TITOLI DELLE BANCHE (REDATTO AI SENSI DELLA DISCIPLINA IN MATERIA DI TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI) OBBLIGAZIONE 235 CODICE ISIN IT0003935365

Dettagli

BG Stile Libero Polizza multiramo a premio unico Per investire sui mercati azionari con i plus del prodotto assicurativo Product Pack

BG Stile Libero Polizza multiramo a premio unico Per investire sui mercati azionari con i plus del prodotto assicurativo Product Pack BG Stile Libero Polizza multiramo a premio unico Per investire sui mercati azionari con i plus del prodotto assicurativo Product Pack Key features Scenario economico Caratteristiche principali e tecniche

Dettagli

Arca Formula II EuroStoxx 2015

Arca Formula II EuroStoxx 2015 Arca Formula II EuroStoxx 2015 PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI SPECIFICHE PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI SPECIFICHE La parte Informazioni Specifiche del Prospetto Semplificato, da consegnare obbligatoriamente

Dettagli

PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI SPECIFICHE

PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI SPECIFICHE PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI SPECIFICHE La parte Informazioni Specifiche del Prospetto Semplificato, da consegnare obbligatoriamente all investitore prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare

Dettagli

ISSIS DON MILANI LICEO ECONOMICO SOCIALE Corso di DIRITTO ed ECONOMIA POLITICA. Liceo Don Milani classe I ECONOMICO SOCIALE Romano di Lombardia 1

ISSIS DON MILANI LICEO ECONOMICO SOCIALE Corso di DIRITTO ed ECONOMIA POLITICA. Liceo Don Milani classe I ECONOMICO SOCIALE Romano di Lombardia 1 ISSIS DON MILANI LICEO Corso di DIRITTO ed ECONOMIA POLITICA 1 NEL MERCATO FINANZIARIO SI NEGOZIANO TITOLI CON SCADENZA SUPERIORE A 18 MESI AZIONI OBBLIGAZIONI TITOLI DI STATO 2 VALORE DEI TITOLI VALORE

Dettagli

SIAMO CIÒ CHE SCEGLIAMO.

SIAMO CIÒ CHE SCEGLIAMO. PAC sui Fondi Etici - 2013 Un piccolo risparmio per un futuro più sostenibile. fondi etici, l investimento responsabile. SIAMO CIÒ CHE SCEGLIAMO. CAMBIARE I DESTINATARI DEGLI INVESTIMENTI PER COSTRUIRE

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE della NOTA INFORMATIVA BANCA DI CESENA OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO. Isin IT0004233943

CONDIZIONI DEFINITIVE della NOTA INFORMATIVA BANCA DI CESENA OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO. Isin IT0004233943 BANCA DI CESENA CREDITO COOPERATIVO DI CESENA E RONTA SOCIETA COOPERATIVA CONDIZIONI DEFINITIVE della NOTA INFORMATIVA BANCA DI CESENA OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO BANCA DI CESENA 01/06/07-01/06/10 - TF

Dettagli

Prospetto Semplificato relativo all offerta di quote del fondo Aureo PrimaClasse Flessibile adesione a piani di accumulo

Prospetto Semplificato relativo all offerta di quote del fondo Aureo PrimaClasse Flessibile adesione a piani di accumulo Prospetto Semplificato relativo all offerta di quote del fondo Aureo PrimaClasse Flessibile adesione a piani di accumulo Informazioni specifiche La parte Informazioni Specifiche del Prospetto Semplificato,

Dettagli

Prospetto Semplificato relativo all offerta di quote del fondo Aureo PrimaClasse Valore adesione a piani di accumulo

Prospetto Semplificato relativo all offerta di quote del fondo Aureo PrimaClasse Valore adesione a piani di accumulo Prospetto Semplificato relativo all offerta di quote del fondo Aureo PrimaClasse Valore adesione a piani di accumulo Informazioni specifiche La parte Informazioni Specifiche del Prospetto Semplificato,

Dettagli

I Piani individuali pensionistici di tipo assicurativo (PIP)

I Piani individuali pensionistici di tipo assicurativo (PIP) I Piani individuali pensionistici di tipo assicurativo (PIP) I Piani individuali pensionistici di tipo assicurativo (PIP) sono forme pensionistiche complementari esclusivamente individuali rivolte a tutti

Dettagli

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. PRODOTTI FINANZIARI A MEDIO-LUNGO TERMINE BTP: Buoni del Tesoro Poliennali

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. PRODOTTI FINANZIARI A MEDIO-LUNGO TERMINE BTP: Buoni del Tesoro Poliennali AREA FINANZA DISPENSE FINANZA Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto PRODOTTI FINANZIARI A MEDIO-LUNGO TERMINE BTP: Buoni del Tesoro Poliennali ORGANISMO BILATERALE PER LA FORMAZIONE

Dettagli

RISOLUZIONE N. 101/E

RISOLUZIONE N. 101/E RISOLUZIONE N. 101/E Direzione Centrale Normativa Roma, 19 novembre 2014 OGGETTO: Consulenza giuridica ai sensi dell articolo 11 della legge n. 212 del 2000 SOSTITUTO D IMPOSTA - CESSIONE QUOTE FONDI MOBILIARI

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE. Banca di Forlì Credito Cooperativo Obbligazioni a Tasso Step-Up

CONDIZIONI DEFINITIVE. Banca di Forlì Credito Cooperativo Obbligazioni a Tasso Step-Up CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA relativa al programma di emissioni denominato Banca di Forlì Credito Cooperativo Obbligazioni a Tasso Step-Up Banca di Forlì Credito Cooperativo 12/2007 12/2010

Dettagli

GRUPPO CREDEM GLOSSARIO DEI TERMINI TECNICI UTILIZZATI NEL PROSPETTO

GRUPPO CREDEM GLOSSARIO DEI TERMINI TECNICI UTILIZZATI NEL PROSPETTO GRUPPO CREDEM GLOSSARIO DEI TERMINI TECNICI UTILIZZATI NEL PROSPETTO Agenzie di Rating: società indipendenti che esprimono giudizi (rating) relativi al merito creditizio degli strumenti finanziari di natura

Dettagli

ALLEGATO 1 Regolamento del Fondo Interno Assicurativo

ALLEGATO 1 Regolamento del Fondo Interno Assicurativo ALLEGATO 1 Regolamento del Fondo Interno Assicurativo Art. 1 - Istituzione e denominazione del Fondo Interno Assicurativo Poste Vita S.p.A. (la Compagnia ) ha istituito, secondo le modalità indicate nel

Dettagli

Aderente al Fondo di Garanzia dei Depositanti del Credito Cooperativo. Aderente all Ombudsman bancario. Rating. Not rated

Aderente al Fondo di Garanzia dei Depositanti del Credito Cooperativo. Aderente all Ombudsman bancario. Rating. Not rated GLIO INFORMATIVO ANALITICO PER LA RACCOLTA IN TITOLI DELLE BANCHE (REDATTO AI SENSI DELLA DISCIPLINA IN MATERIA DI TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI) OBBLIGAZIONE 210 CODICE ISIN IT0003820336

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA Banca di Anghiari e Stia - Tasso Fisso

CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA Banca di Anghiari e Stia - Tasso Fisso Banca di Anghiari e Stia Credito Cooperativo Società Cooperativa in qualità di Emittente CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA Banca di Anghiari e Stia - Tasso Fisso Banca di Anghiari

Dettagli

prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked Tariffa RUUA

prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked Tariffa RUUA BNL VITA S.p.A. appartenente ad Unipol Gruppo Finanziario S.p.A. Mod. 3T884 - Ed. 06/09 Offerta pubblica di sottoscrizione di Polizza BNL Revolution Crescita prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit

Dettagli

ATTIVITÀ FINANZIARIE

ATTIVITÀ FINANZIARIE Università Commerciale Luigi Bocconi Anno Accademico 2012-2013 Scienza delle Finanze CLEACC classe 12 ATTIVITÀ FINANZIARIE Francesco Dal Santo ATTIVITÀ FINANZIARIE Ø Definizioni Ø Redditi di capitale Ø

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA

CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA SEZIONE 4 Società per Azioni CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA "BANCA CRV CASSA DI RISPARMIO DI VIGNOLA S.p.A. OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO BANCA CRV CASSA DI RISPARMIO DI VIGNOLA

Dettagli

Risparmio, investimenti e sistema finanziario

Risparmio, investimenti e sistema finanziario Risparmio, investimenti e sistema finanziario Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 26 Il sistema finanziario Il sistema finanziario fa in modo che

Dettagli

PROSPETTI CONTABILI DEI FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO APERTI

PROSPETTI CONTABILI DEI FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO APERTI Allegato A PROSPETTI CONTABILI DEI FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO APERTI A1. Schema di prospetto del valore della quota dei fondi aperti FONDO... PROSPETTO DEL VALORE DELLA QUOTA AL.../.../... A. Strumenti

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA 4CAVITA

REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA 4CAVITA REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA 4CAVITA 1. Denominazione Viene attuata una speciale forma di gestione degli investimenti, distinta dagli altri attivi detenuti dall impresa di assicurazione, denominata

Dettagli

Informazioni chiave per gli investitori

Informazioni chiave per gli investitori Informazioni chiave per gli investitori Il presente documento contiene le informazioni chiave di cui tutti gli investitori devono disporre in relazione a questo Fondo. Non si tratta di un documento promozionale.

Dettagli

Guida alla Riforma della tassazione sui fondi

Guida alla Riforma della tassazione sui fondi Guida alla Riforma della tassazione sui fondi O.I.C.R. - Organismi di Investimento Collettivo del Risparmio 1 luglio 2011 1 luglio 2011 Entra in vigore la riforma del regime di tassazione degli Organismi

Dettagli

RISPARMIO: LE NOVITA' FISCALI SU INVESTIMENTI E DEPOSITO TITOLI RISPARMIO:LE NOVITA' FISCALI SU INVESTIMENTI E DEPOSITO TITOLI

RISPARMIO: LE NOVITA' FISCALI SU INVESTIMENTI E DEPOSITO TITOLI RISPARMIO:LE NOVITA' FISCALI SU INVESTIMENTI E DEPOSITO TITOLI RISPARMIO: LE NOVITA' FISCALI SU INVESTIMENTI E DEPOSITO TITOLI RISPARMIO:LE NOVITA' FISCALI SU INVESTIMENTI E DEPOSITO TITOLI INTRODUZIONE La tassazione è una materia in costante evoluzione,pertanto riteniamo

Dettagli

quadro di sintesi per la professione di Commercialista

quadro di sintesi per la professione di Commercialista La tassazione delle attività ità finanziarie: i i un quadro di sintesi per la professione di Commercialista CLAUDIA ROVINI Viterbo 3 dicembre 2015 Evento valido ai fini della F.P.C.dei dottori commercialisti

Dettagli

Informazioni chiave per gli investitori

Informazioni chiave per gli investitori Informazioni chiave per gli investitori Il presente documento contiene le informazioni chiave di cui tutti gli investitori devono disporre in relazione a questo Fondo. Non si tratta di un documento promozionale.

Dettagli

REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO CREDITRAS E AZIONARIO EUROPA

REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO CREDITRAS E AZIONARIO EUROPA REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO Il presente Regolamento è composto dall'allegato al Regolamento del Fondo interno e dai seguenti articoli specifici per il Fondo interno. 1 - PROFILI DI RISCHIO DEL FONDO

Dettagli

Economia Intermediari Finanziari 1

Economia Intermediari Finanziari 1 Economia Intermediari Finanziari Il rischio, inteso come possibilità che il rendimento atteso da un investimento in strumenti finanziari, sia diverso da quello atteso è funzione dei seguenti elementi:

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA Banca Centropadana Credito Cooperativo Tasso Fisso

CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA Banca Centropadana Credito Cooperativo Tasso Fisso MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE Banca Centropadana Credito Cooperativo in qualità di Emittente e di Responsabile del collocamento CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA Banca Centropadana

Dettagli

Prof. Carlo Salvatori 1. UNA VISIONE D ASSIEME 5. BANCA VERSUS MERCATO. UniversitàdegliStudidiParma

Prof. Carlo Salvatori 1. UNA VISIONE D ASSIEME 5. BANCA VERSUS MERCATO. UniversitàdegliStudidiParma UniversitàdegliStudidiParma Banca e Finanza in Europa Prof. 1 5. BANCA VERSUS MERCATO 1. Una visione d assieme 2. I mercati: le tipologie 3. I mercati creditizi: gli intermediari 4. Gli intermediari in

Dettagli

I fondi riservati: prospettive e criticità

I fondi riservati: prospettive e criticità I fondi riservati: prospettive e criticità Claudio Cacciamani Università degli Studi di Parma Claudio.cacciamani@unipr.it Sala Capranichetta, Piazza di Montecitorio, 127 Roma Martedì, 18 gennaio 2010 1

Dettagli

CREDITO DI ROMAGNA S.p.A.

CREDITO DI ROMAGNA S.p.A. CREDITO DI ROMAGNA S.p.A. CONDIZIONI DEFINITIVE della NOTA INFORMATIVA CREDITO DI ROMAGNA OBBLIGAZIONI A STEP UP STEP DOWN CREDITO DI ROMAGNA S.p.A. STEP UP 02/02/2010 02/02/2013 SERIE 85 IT0004571151

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO ai sensi delle vigenti disposizioni in materia di trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari

FOGLIO INFORMATIVO ai sensi delle vigenti disposizioni in materia di trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari FOGLIO INFORMATIVO ai sensi delle vigenti disposizioni in materia di trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari Servizio di deposito a custodia e amministrazione di titoli e strumenti finanziari

Dettagli

BANCA DELLA MARCA. CREDITO COOPERATIVO SOCIETÀ COOPERATIVA in qualità di Emittente

BANCA DELLA MARCA. CREDITO COOPERATIVO SOCIETÀ COOPERATIVA in qualità di Emittente BANCA DELLA MARCA CREDITO COOPERATIVO SOCIETÀ COOPERATIVA in qualità di Emittente REGOLAMENTO DI EMISSIONE DEL PRESTITO OBBLIGAZIONARIO BANCA DELLA MARCA CREDITO COOPERATIVO 2007/2012 TF 4,58% 118^ EMISSIONE

Dettagli

Regolamento del fondo interno A.G. Italian Equity Pagina 1 di 5. = oéöçä~ãéåíç= ÇÉä=ÑçåÇç= áåíéêåç=^kdk= fí~äá~å=bèìáíó=

Regolamento del fondo interno A.G. Italian Equity Pagina 1 di 5. = oéöçä~ãéåíç= ÇÉä=ÑçåÇç= áåíéêåç=^kdk= fí~äá~å=bèìáíó= = oéöçä~ãéåíç= ÇÉä=ÑçåÇç= áåíéêåç=^kdk= fí~äá~å=bèìáíó= A) Obiettivi e descrizione del fondo Il fondo persegue l obiettivo di incrementare il suo valore nel lungo termine, attraverso l investimento in

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI MASIANO TASSO VARIABILE

CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI MASIANO TASSO VARIABILE 9. MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE Banca di Credito Cooperativo di Masiano (Pistoia) in qualità di Emittente CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI

Dettagli