Il modulo formativo C1 Elementi di dettaglio

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il modulo formativo C1 Elementi di dettaglio"

Transcript

1 INTRODUZIONE AI SISTEMI DI GESTIONE DELLA SICUREZZA Il modulo formativo C1 Elementi di dettaglio 1) Introduzione ai sistemi di gestione della sicurezza; 2) Le attività tecnico amministrative; 3) Affidamento dei lavori all interno dell azienda o dell unità produttiva. 1

2 Introduzione ai sistemi di gestione della sicurezza Gli infortuni sul lavoro rappresentano un significativo costo per la comunità e per le aziende: in questo contesto si inquadra la produzione legislativa di questi ultimi anni che, superata una fase in cui la norma antinfortunistica era semplicemente preventiva, tende ora a organizzare la gestione della sicurezza nell'ottica del coinvolgimento nel processo di tutte le parti interessate. Organizzare la Sicurezza significa, oltre ad intraprendere azioni volte al rispetto delle norme (contenuti minimi), affrontarne le tematiche secondo i moderni schemi gestionali. Cosa si intende per sistema di gestione L'approccio aziendale basato sulla filosofia organizzativa dei sistemi di gestione ha la sua origine in settori industriali particolarmente rischiosi, come quello nucleare ed aeronautico, per i quali la necessità di assicurare la sicurezza dei processi non poteva che essere intrinsecamente legata alla qualità della loro progettazione e esecuzione. In seguito è stato trasferito al campo della qualità della produzione (le prime ISO 9000 sono del 1987), della tutela ambientale (ISO 14000) e quindi a quello della sicurezza delle attività di lavoro, a cominciare da quelle svolte in aziende a rischio di incidente rilevante. 2

3 Spesso gli effetti della produzione, sono percepiti in termini conflittuali perché correlati alle problematiche di sicurezza ed inquinamento connesse ai processi produttivi di un sito aziendale, e non solo positivamente perché associati al valore intrinseco del prodotto offerto. In particolare: gli obiettivi economico-finanziari danno origine al sistema di gestione economico-finanziario di un'azienda; gli obiettivi della qualità del prodotto e della soddisfazione del cliente danno origine al sistema di gestione della qualità (ISO 9001); gli obiettivi del rispetto dell'ambiente danno origine al sistema di gestione ambientale (ISO14001); gli obiettivi della sicurezza sul posto di lavoro e prevenzione dei rischi di incidente rilevante per la popolazione interessata danno origine al sistema di gestione della sicurezza. LE NUOVE TENDENZE La necessità di assicurare il conseguimento di una tale diversità di obiettivi ha determinato anche l'evoluzione delle teorie organizzative aziendali, sempre più correlate alla metodologia di gestione per obiettivi (management by objectives o MBO) ed ai principi dell'autocontrollo e del Miglioramento Continuo. 3

4 Una gestione aziendale che assume volontariamente il rispetto della variabile sicurezza come uno degli obiettivi della sua attività deve attrezzarsi per gestire il nuovo obiettivo considerando l'impresa come un sistema complesso nel quale da una parte entrano lavoro e materie prime (anche pericolose), all'interno si effettuano processi lavorativi (intrinsecamente pericolosi), e dall'altra parte escono non solo i prodotti con le caratteristiche progettate (inclusa la qualità voluta), ma anche emissioni ed effluenti pericolose, o addirittura avvengono incidenti che costituiscono un rischio per i lavoratori ed il pubblico. COSA SIGNIFICA APPLICARE UN SISTEMA DI GESTIONE In sostanza applicare un sistema di gestione significa attuare strumenti organizzativi e di controllo in grado di assicurare in ogni fase del ciclo produttivo la capacità di dominio su tutte le variabili dell'attività operativa di un'azienda, considerate critiche per l'attuazione degli obiettivi aziendali. Per far questo occorre: dichiarare i propri obiettivi; individuare gli interventi per conseguirli; attuare tali interventi; dimostrare ciò che si è fatto; confrontare i risultati con gli obiettivi. 4

5 Come opera un sistema di gestione della sicurezza Il SGS opera sulla base del processo dinamico che prevede le seguenti fasi in sequenza ciclica: "pianificazione, attuazione, verifica, riesame". Tale processo viene attuato attraverso le seguenti fasi: stabilire una politica della sicurezza adeguata alla situazione aziendale; identificare le prescrizioni di legge applicabili per la sicurezza; identificare i pericoli e valutare i rischi per la salute e sicurezza associati con le attività, le sostanze ed i processi aziendali; Come opera un sistema di gestione della sicurezza valutare quali sono le condizioni di rischio residuo da considerare compatibili con l'attuazione dei processi aziendali ed eliminare e ridurre i rischi non tollerabili; creare una struttura organizzativa adeguata per raggiungere gli obiettivi ed attuare la politica, inclusa le necessarie attribuzioni di responsabilità; Informare, sensibilizzare e coinvolgere-il personale addetto a tutti i livelli; stabilire ed attuare modalità operative ed i relativi controlli e monitoraggi che assicurarono la effettuazione dei processi aziendali in sicurezza nelle condizioni di funzionamento normali, di transitorio e di emergenza; 5

6 Come opera un sistema di gestione della sicurezza attuare azioni correttive e preventive, organizzare audit interni periodici, per assicurarsi nello stesso tempo che la politica sia soddisfatta e che il sistema di.gestione della sicurezza sia efficace; fissare le priorità d'intervento, individuando gli obiettivi più appropriati per la continua riduzione dei rischi residui; preparare e gestire programmi di miglioramento per l'attuazione degli obiettivi fissati; riesaminare periodicamente l'efficacia del sistema per essere in grado di adattarsi al cambiamento delle circostanze esterne. Il ciclo del sistema di gestione della sicurezza Il processo è convenzionalmente rappresentato dal ciclo PDCA (pian - do - check - act, ovvero pianifica -fai - controlla - agisci di conseguenza/correggi) che comprende la politica della sicurezza, la struttura organizzativa, le attività di pianificazione, la definizione delle responsabilità, prassi, procedure, processi e risorse finalizzati a sviluppare, attuare, conseguire, rivedere e mantenere la politica della salute e sicurezza dell'organizzazione. L'andamento a spirale del ciclo implica il principio del miglioramento continuo. 6

7 Il ciclo del sistema di gestione della sicurezza L attuazione di u sistema di gestione della sicurezza richiede qualcosa di più del mero adempimento degli obblighi normativi specifici. D'altra parte anche tutta la normativa generale in materia di sicurezza che stabilisce criteri e principi di prevenzione (es. art C.P. e art. 3 e 4 del 626 che parla di "miglioramento nel tempo dei livelli di sicurezza") invita al raggiungimento di obiettivi ulteriori rispetto a quelli rappresentati dalle prescrizioni normative che sono sempre requisiti "minimi" (tutte le direttive europee riportano esplicitamente prescrizioni "minime"). Il ciclo del sistema di gestione della sicurezza 7

8 PLAN partendo dall'analisi e valutazione dei rischi correlati alle attività svolte, l'azienda definisce una politica per la sicurezza e pianifica le azioni per raggiungere gli obiettivi prefissati DO consiste nell'attuazione e nel funzionamento delle azioni pianificate secondo le tempistiche definite dalla pianificazione CHECK consiste nella verifica del raggiungimento degli obiettivi prefissati e nell'apertura di azioni correttive in risposta ad eventuali difformità rispetto a quanto stabilito dalla pianificazione ACT consiste nel riesame e nella riedizione della politica della sicurezza e/o della pianificazione per recepire gli obbiettivi raggiunti e le difficoltà incontrate nei precedenti step. La gestione aziendale della prevenzione attraverso il sistema di gestione sicurezza Le fasi fondamentali del ciclo dinamico di un sistema di gestione della sicurezza sono legate alle problematiche di identificazione dei pericoli (hazard identifìcation) e valutazione dei rischi (risk assessment), che nel loro insieme costruiscono l'analisi Iniziale della Sicurezza (initial safety analyisis), la quale porta alla acquisizione delle necessarie informazioni per la scelta delle più appropriate misure di riduzione del rischio (risk reduction) e controllo del rischio residuo (risk control), permettendo di realizzare in questo modo la gestione aziendale della sicurezza. L'Analisi Iniziale della Sicurezza è da intendersi come il processo fondamentale per la pianificazione e gestione aziendale della prevenzione. Essa risponde alla necessità di valutazione dei rischi di cui agli artt. 17 e 28 del D.Lgs

9 La gestione aziendale della prevenzione attraverso il sistema di gestione sicurezza Politica della Sicurezza Non conformità Audit interni Azioni correttive e preventive Riesame Direzione Identificazione dei pericoli Valutazione dei rischi Analisi Iniziale della Sicurezza Riduzione dei rischi (obiettivi e programmi di miglioramento) Verifica conformità legislativa Gestione aziendale della Prevenzione Controllo dei rischi residui (Formazione, Comunicazione, Controllo Operativo, Emergenza, Sorveglianza) Gestione aziendale dei rischi I capisaldi di un sistema di gestione della salute e sicurezza La volontà di attuazione di un sistema preventivo si manifesta attraverso: l impegno al rispetto della legislazione; l impegno a considerare la SSL ed i relativi risultati come parte integrante della gestione aziendale; l impegno al miglioramento continuo delle proprie prestazioni in sicurezza; l impegno a fornire le risorse umane e strumentali necessarie; l impegno a far sì che i lavoratori siano sensibilizzati e formati per svolgere i loro compiti in sicurezza e per assumere le loro responsabilità in materia di SSL; l impegno al coinvolgimento ed alla consultazione dei lavoratori, anche attraverso i loro rappresentanti per la sicurezza; l impegno a definire e diffondere all interno dell azienda gli obiettivi di SSL e i relativi programmi di attuazione. 9

10 Fase di pianificazione I requisiti chiave del processo di pianificazione da tener presenti dovrebbero essere i seguenti: definizione e graduazione degli obiettivi finalizzati al mantenimento e/o al miglioramento del sistema; determinazione dei criteri di valutazione idonei a dimostrare l effettivo raggiungimento degli obiettivi stessi; predisposizione di un piano per il raggiungimento di ciascun obiettivo contenente anche l individuazione delle figure/strutture coinvolte nella realizzazione del piano stesso e l attribuzione dei compiti e delle responsabilità relative; definizione delle risorse necessarie, comprese quelle economiche; previsione delle modalità di verifica dell effettivo ed efficace raggiungimento degli obiettivi. Fase di pianificazione I metodi utilizzati per pianificare il raggiungimento degli obiettivi di sicurezza e salute sul lavoro dovrebbero essere gli stessi utilizzati per pianificare il raggiungimento degli altri obiettivi dell azienda (per esempio: commerciali, tecnologici, opportunità di mercato, costi aziendali, gestione del personale, ecc.). Questa pianificazione dovrebbe tener conto: delle attività lavorative ordinarie e straordinarie, comprese le situazioni di emergenza; delle attività di tutto il personale (inclusi lavoratori con contratto atipico, fornitori, visitatori, ecc.), che ha accesso al luogo di lavoro; delle strutture, dei luoghi, delle macchine/attrezzature, degli impianti, delle sostanze utilizzate, sia proprie dell azienda sia fornite da terzi. 10

11 11

12 Fase di attuazione ed operatività E la fase nella quale si origina e produce lo sforzo esecutivo e si fissano le priorità operative. In particolare in questa fase si definisce la struttura organizzativa si assegnano le responsabilità alle figure chiave della gestione aziendale della prevenzione; si individuano i fabbisogni formativi e si definiscono i programmi di formazione e sensibilizzazione per tutto il personale sia interno sia in outsourcing, esposto ai rischi individuati nella fase di pianificazione. Tale fase gestisce le modalità di comunicazione (informazione) sia interna che esterna dell organizzazione e prepara e controlla la documentazione che stabilisce le regole del sistema dal punto di vista gestionale ed operativo. Definizione dei compiti e delle responsabilità Nella definizione dei compiti organizzativi e operativi della direzione aziendale, dei dirigenti, dei preposti e dei lavoratori, dovrebbero essere esplicitati e resi noti anche quelli relativi alle attività di sicurezza di loro competenza nonché le responsabilità connesse all esercizio delle stesse, ed i compiti di ispezione, verifica e sorveglianza in materia di SSL. Inoltre dovrebbero essere documentate e rese note a tutti i livelli aziendali le funzioni ed i compiti del Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione e degli eventuali addetti, del Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza e degli addetti alla gestione delle emergenze, nonché i compiti e le responsabilità del Medico competente. 12

13 13

14 Coinvolgimento del personale L efficace gestione della sicurezza aziendale richiede il sostegno e l impegno dei dipendenti. Le conoscenze e l esperienza dei lavoratori sono una risorsa necessaria al congruo sviluppo del sistema di gestione. L azienda dovrebbe definire modalità adeguate per realizzare il coinvolgimento dei lavoratori e/o dei loro rappresentanti ed in particolare per attuare: la consultazione preventiva in merito alla individuazione e valutazione dei rischi ed alla definizione delle misure preventive; riunioni periodiche da effettuarsi con frequenza e modalità che tengano conto almeno delle richieste fissate dalla legislazione vigente. Altro ulteriore possibile mezzo di coinvolgimento può essere la raccolta di osservazioni e commenti sulle misure preventive adottate e sulle procedure ed i metodi di lavoro. 14

15 Formazione ed addestramento L azienda dovrebbe definire e mantenere attive le modalità per assicurare che il personale sia ad ogni livello consapevole: dell importanza della conformità delle proprie azioni rispetto alla politica ed ai requisiti di prevenzione stabiliti; delle conseguenze che le loro attività hanno nei confronti della sicurezza e salute aziendale; delle possibili conseguenze (ad es. a carattere normativo) dovute ad un mancato rispetto delle regole. Lo svolgimento di compiti che possono influenzare la sicurezza e salute aziendale, dovrebbe richiedere adeguata verifica di competenza del personale addetto. La competenza è definita in termini di adeguata formazione, addestramento e/o esperienza. Comunicazione e cooperazione La circolazione delle informazioni all interno dell azienda è un elemento fondamentale per garantire livelli adeguati di consapevolezza ed impegno nella realizzazione di quanto pianificato in tema di salute e sicurezza. Maggiore è la condivisione delle informazioni e la partecipazione attiva alla gestione del sistema, maggiore sarà la probabilità di prevenire gli infortuni e le malattie correlate al lavoro. Il processo di comunicazione ed informazione è essenziale per far partecipare il personale e coinvolgerlo per il mantenimento di standard congrui di salute e sicurezza. Il coinvolgimento dei dipendenti e le attività di consultazione devono essere documentate per dare evidenza della consapevolezza del personale di quanto stabilito e pianificato. 15

16 Strumenti dell informazione Esempi di possibili strumenti da utilizzare allo scopo di fornire corrette informazioni ai lavoratori. 1. STRUMENTI - Assemblea - Riunione - Comunicazioni faccia a faccia - Opuscolo - Comunicazioni in busta paga - Comunicazioni in bacheca - Manifesti - Depliant illustrativi - Segnaletica di sicurezza. 2. CONTENUTI - Organizzazione aziendale della sicurezza - Nominativi degli incaricati alla gestione dell emergenza (addetti alla prevenzione incendi e addetti al primo soccorso), del RSPP, del RLS, del medico competente - Rischi generali dell azienda - Rischi specifici dei reparti/mansioni. 16

17 Progettazione delle attività formative FINALITÀ DELL ATTIVITA FORMATIVA: - Avere una esatta conoscenza di tutti i rischi per la sicurezza e la salute e dei possibili infortuni/danni collegati - Avere una esatta conoscenza del funzionamento di macchine, attrezzature e impianti e di tutto ciò che implica la propria mansione - Eliminare o ridurre gli infortuni e le malattie professionali addebitabili all errore umano - Rendere partecipi e responsabili i lavoratori della propria e altrui sicurezza; ottenere il cambiamento dei comportamenti. FINALITÀ: Sapere: (Es.: conoscere cosa prevedono le norme in materia di sicurezza e salute e le conseguenze) Saper fare: (Es.: saper operare seguendo le procedure di sicurezza) Saper essere: (Es.: essere fortemente motivati al lavoro sicuro per sé e per gli altri) I contenuti della formazione Sapere: D.Lgs , diritti e doveri dei lavoratori; rischi ambientali, rischi specifici, misure di prevenzione e protezione adottate; pericoli legati all uso di sostanze e preparati pericolosi; procedure di primo soccorso, prevenzione incendi ed evacuazione; nominativi e ruolo di RSPP, medico competente e addetti alle emergenze. Saper fare: Procedure di sicurezza, utilizzo di dispositivi di protezione (Esempio: esercitazioni pratiche, simulazioni, dimostrazioni, addestramento on the job). Saper essere: Induzione di motivazione (Esempio: attraverso la promozione di un sistema premiante). 17

18 Programmazione della formazione Quando formare? Al momento dell assunzione, al cambio di mansione, in occasione di cambiamenti organizzativi (attrezzature, tecnologie, macchinari, sostanze e preparati pericolosi) e comunque periodicamente. La durata degli interventi sarà commisurata alla complessità del ciclo produttivo, alla gravità e quantità dei rischi ed al numero di addetti. Scelta delle metodologie didattiche L efficacia della formazione è molto legata alle metodologie didattiche individuate. Sono da privilegiare tutte le metodologie didattiche attive che prevedono il coinvolgimento diretto dei partecipanti (lavori di gruppo, simulazioni, problem solving). Da ridurre al minimo le lezioni frontali che lasciano passivo il partecipante a fronte di conoscenze/nozioni che gli vengono trasferite. Valutazione della formazione Valutazione ex ante: verifica del livello di partenza dei destinatari della formazione per tarare l intervento e per poter valutare i risultati conseguiti. Controllo dello stato aziendale di infortuni, incidenti, comportamenti pericolosi. Valutazione in itinere: monitoraggio del livello di apprendimento con lo scopo di riadattare gli interventi. Valutazione ex post: verifica finale al termine dell attività formativa e dopo un arco di tempo da definire. Si possono prevedere verifiche sulla efficacia anche tramite analisi sulla riduzione degli infortuni, incidenti, comportamenti pericolosi 18

19 Valutazione dell efficacia della formazione Sapere: Es.: questionari di verifica dell apprendimento. È inoltre utile valutare: se i lavoratori pongono domande pertinenti in fase di discussione e se portano esempi coerenti; se cambia il linguaggio e il comportamento. Saper fare: Es.: osservazione del comportamento dei lavoratori (è importante mantenere monitorati i comportamenti di chi impara, correggendo i comportamenti scorretti e rinforzando riconoscimento quelli corretti). Saper essere: Es.: questionari di valutazione della soddisfazione dei partecipanti all attività formativa. 19

20 Controllo operativo L integrazione nei processi aziendali della tutela della salute e sicurezza rappresenta il cuore di un sistema di gestione della prevenzione nei luoghi di lavoro. Occorre pertanto identificare quelle operazioni e attività che sono associate con i rischi identificati e l influenza che lo svolgimento di tale attività ha sulle problematiche di sicurezza e salute sul lavoro di tutti i processi correlati. In conseguenza di ciò si dovrebbe: evidenziare le misure di prevenzione e protezione (compresi gli aspetti organizzativi e relazionali); definire chi fa che cosa e stabilire procedure operative per la gestione dei rischi identificati (es. modalità operative da adottare in fase di avviamento, funzionamento normale e in caso di situazione anomala; manutenzioni; modalità di comportamento) 20

21 21

22 Fase delle verifiche ed azioni correttive È la fase che costituisce il quadro di sorveglianza delle prestazioni per la sicurezza e misurazione dei risultati, di registrazione e diagnosi dei problemi, di individuazione delle azioni correttive per la rimozione delle cause, di ricerca dei modi per imparare dagli errori e dai quasi incidenti e quindi di produrre il miglioramento del sistema. Un tipico esempio è la gestione degli infortuni, degli incidenti, dei comportamenti pericolosi. 22

23 Gestione degli infortuni, degli incidenti e comportamenti pericolosi Definizioni: infortunio: incidente che produce un danno all integrità psicofisica di una persona; incidente: evento casuale, inaspettato ed indesiderato che può degradare una situazione ed in particolare provocare un danno alle cose, impianti, attrezzature, macchine, ecc.; comportamento pericoloso: azioni che possono esporre i soggetti dell azienda ad un rischio di infortunio. Infortuni Ogni infortunio deve essere gestito secondo le seguenti fasi: - attivazione della procedura di primo soccorso; - attivazione della procedura per l analisi e la registrazione dell evento. Successivamente il report di infortunio viene analizzato dal RSPP che provvede a definirne la gestione (azioni correttive adottate e/o da adottare, responsabile dell attuazione, tempi di attuazione). Gli infortuni vengono esaminati al momento dell accadimento per la gestione, ed al momento del riesame del sistema per l ulteriore analisi e verifica delle soluzioni adottate. 23

24 Incidenti In caso di incidente i lavoratori coinvolti, i presenti, i testimoni riferiscono al capo reparto (preposto) le cause oggettive, i comportamenti pericolosi, le possibili azioni correttive. Si raccomanda la compilazione di un report dell incidente. Successivamente il report di incidente viene analizzato dal RSPP che provvede a definirne la gestione (azioni correttive adottate e/o da adottare, responsabile dell attuazione, tempi di attuazione). Gli incidenti vengono esaminati al momento dell accadimento per la gestione, ed al momento del riesame del sistema per l ulteriore analisi e verifica delle soluzioni adottate. Comportamenti pericolosi Ogni anomalia riscontrata nel luogo di lavoro deve essere documentata a cura del capolinea/capo reparto/preposto in base alla funzione individuata dal datore di lavoro. Le azioni correttive/preventive/formative proposte in questi casi sono approvate dalla direzione aziendale e/o dal datore di lavoro e attuate a cura della funzione aziendale individuata. L attuazione delle azioni correttive è verificata durante il riesame del sistema. 24

25 Fase di riesame Dopo la conclusione del ciclo di monitoraggio interno, il vertice aziendale dovrebbe sottoporre a riesame le attività del sistema di gestione della sicurezza per valutare se esso sia attuato adeguatamente e si mantenga idoneo al conseguimento degli obiettivi. Argomenti tipici del riesame possono essere: statistiche infortuni; risultati dei monitoraggi interni; azioni correttive intraprese; rapporti sulla identificazione dei pericoli e sulla valutazione e controllo dei rischi. In conclusione del riesame si dovrebbero stabilire nuovi obiettivi e piani, nell ottica del miglioramento progressivo. 25

Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL)

Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL) Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL) Guida operativa Ottobre 2003 1 SOMMARIO Presentazione pag. 4 Premessa (da Linee Guida UNI-INAIL) pag. 5 A. Finalità (da

Dettagli

E. Struttura e organizzazione del sistema

E. Struttura e organizzazione del sistema E. Struttura e organizzazione del sistema E. Struttura e organizzazione del sistema E.1 Sistema di gestione L azienda dovrebbe strutturare il SGSL seguendo i contenuti espressi nel presente documento,

Dettagli

LINEE GUIDA PER UN SISTEMA DI GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO (S.G.S.L.)

LINEE GUIDA PER UN SISTEMA DI GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO (S.G.S.L.) LINEE GUIDA PER UN SISTEMA DI GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO (S.G.S.L.) Questa pubblicazione non può essere considerata una norma o una specifica tecnica da utilizzare a scopo di certificazione

Dettagli

Sistema di Gestione della Sicurezza CLAUDIO SOAVE

Sistema di Gestione della Sicurezza CLAUDIO SOAVE Sistema di Gestione della Sicurezza CLAUDIO SOAVE L organizzazione della sicurezza secondo D.Lgs. 81/08 Al datore di lavoro vengono attribuiti compiti di regia e di programmazione della sicurezza in azienda,

Dettagli

Le procedure semplificate per l adozione del MOG nelle PMI

Le procedure semplificate per l adozione del MOG nelle PMI Le procedure semplificate per l adozione del MOG nelle PMI Il DM 13 febbraio 2014, approvato dalla Commissione Consultiva nella seduta del 27 novembre 2013, ha lo scopo di attuare quanto previsto dal comma

Dettagli

Rif. Rapporto n.: nome sigla documento del SGSSL esaminato revisione data. Gruppo di verifica ispettiva nome sigla firma

Rif. Rapporto n.: nome sigla documento del SGSSL esaminato revisione data. Gruppo di verifica ispettiva nome sigla firma DIARIO DI VERIFICA S01 Ed. 7-30 giugno 2012 Rif. Rapporto n.: Azienda: Unità: Norma di riferimento BS OHSAS 18001:2007 Tipo di verifica: certificazione rinnovo estensione sorveglianza ESAME DOCUMENTALE

Dettagli

1. B - Caratteristiche essenziali e modalità applicative del Sistema di Gestione Responsible Care

1. B - Caratteristiche essenziali e modalità applicative del Sistema di Gestione Responsible Care 1. B - Caratteristiche essenziali e modalità applicative del Sistema di Gestione Responsible Care 20 gennaio 2009 INDICE Sezione Contenuto 1. Il programma Responsible Care: scopo e campo di applicazione

Dettagli

PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA. BS OHSAS 18001 (ed. 2007) 1/10 progetto Tecnico OHSAS 18001

PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA. BS OHSAS 18001 (ed. 2007) 1/10 progetto Tecnico OHSAS 18001 PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA BS OHSAS 18001 (ed. 2007) Rev. 0 del 13/01/09 1/10 progetto Tecnico OHSAS 18001 Premessa La norma OHSAS 18001 rappresenta uno

Dettagli

Il corretto approccio al Sistema di Gestione Aziendale per la Sicurezza e Salute OHSAS 18001:2007

Il corretto approccio al Sistema di Gestione Aziendale per la Sicurezza e Salute OHSAS 18001:2007 Il corretto approccio al Sistema di Gestione Aziendale per la Sicurezza e Salute OHSAS 18001:2007 GENERALITA Il Sistema di Gestione Aziendale rappresenta la volontà di migliorare le attività aziendali,

Dettagli

Liceo DES AMBROIS. - Oulx - Servizio di Prevenzione e Protezione. della Salute e. Sicurezza sul Lavoro

Liceo DES AMBROIS. - Oulx - Servizio di Prevenzione e Protezione. della Salute e. Sicurezza sul Lavoro Scuola Media Liceo Istituto Professionale ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE DES AMBROIS - Oulx - SPP Servizio di Prevenzione e Protezione S Sistema di Gestione G della Salute e S Sicurezza sul Lavoro

Dettagli

L approccio sistemico nell organizzazione e gestione della sicurezza: i sistemi di gestione della sicurezza sul lavoro.

L approccio sistemico nell organizzazione e gestione della sicurezza: i sistemi di gestione della sicurezza sul lavoro. L approccio sistemico nell organizzazione e gestione della sicurezza: i sistemi di gestione della sicurezza sul lavoro. ing-. Laura Dizorz INAIL D.R. Friuli Venezia Giulia C.T.E Udine, 21 gennaio 2010

Dettagli

LAVOROSICURO. www.lavorosicuro.tv

LAVOROSICURO. www.lavorosicuro.tv LAVOROSICURO Guida operativa per un Sistema di Gestione della Sicurezza e Salute sul lavoro www.lavorosicuro.tv PRESENTAZIONE Uno degli aspetti più innovativi del decreto legislativo 626 del 1994 e della

Dettagli

MANUALE DEL SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATO

MANUALE DEL SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATO Ragione sociale : XXX Indirizzo : XXX Tel. XXX e mail : XXX web : XXX XXX Pagina 1 di 18 Revisione del XXX INDICE Indice... 2 Le politiche aziendali... 3 Le certificazioni aziendali... 5 Campo di applicazione

Dettagli

CERTIQUALITY Istituto di Certificazione della Qualità Contenuti del disciplinare tecnico DT 76 Esempi e procedure

CERTIQUALITY Istituto di Certificazione della Qualità Contenuti del disciplinare tecnico DT 76 Esempi e procedure CERTIQUALITY Istituto di Certificazione della Qualità Contenuti del disciplinare tecnico DT 76 Esempi e procedure S.Balsotti 18 Maggio 2015 Contenuti 1. Introduzione 2. Descrizione del servizio 3. Scopo

Dettagli

SISTEMA DI GESTIONE SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

SISTEMA DI GESTIONE SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO -0-01/08/2014 1 di 10 SISTEMA DI GESTIONE SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO Ex art. 30 DECRETO LEGISLATIVO 9 aprile 2008 n. 81 e successive integrazioni e modificazioni redatto secondo le Linee Guida UNI INAIL

Dettagli

C41-1. Il Sistema di Gestione della Salute e Sicurezza sul Lavoro (SGSL) CORSO DI FORMAZIONE RESPONSABILI E ADDETTI SPP EX D.Lgs.

C41-1. Il Sistema di Gestione della Salute e Sicurezza sul Lavoro (SGSL) CORSO DI FORMAZIONE RESPONSABILI E ADDETTI SPP EX D.Lgs. SiRVeSS Sistema di Riferimento Veneto per la Sicurezza nelle Scuole Il Sistema di Gestione della Salute e Sicurezza sul Lavoro (SGSL) MODULO C Unità didattica C41-1 CORSO DI FORMAZIONE RESPONSABILI E ADDETTI

Dettagli

3 DECALOGO DELLA QUALITÀ

3 DECALOGO DELLA QUALITÀ GENERALITÀ 1 / 10 Sommario Generalità 1 Politica della Qualità 3 DECALOGO DELLA QUALITÀ 4 Politica Ambientale PREVENZIONE 7 FORMAZIONE CULTURA ED ATTEGGIAMENTO 8 COMUNICAZIONE 8 COLLABORAZIONE CON FORNITORI

Dettagli

I SISTEMI DI GESTIONE PER LA SALUTE E SICUREZZA DEI LAVORI SECONDO QUANTO PREVISTO DALL ART. 30 DEL D.Lgs 81/08. di Paolo Bellotti

I SISTEMI DI GESTIONE PER LA SALUTE E SICUREZZA DEI LAVORI SECONDO QUANTO PREVISTO DALL ART. 30 DEL D.Lgs 81/08. di Paolo Bellotti I SISTEMI DI GESTIONE PER LA SALUTE E SICUREZZA DEI LAVORI SECONDO QUANTO PREVISTO DALL ART. 30 DEL D.Lgs 81/08 di Paolo Bellotti Premessa In questi ultimi anni si è fatto un gran parlare dei sistemi di

Dettagli

I SISTEMI DI GESTIONE DELLA SICUREZZA

I SISTEMI DI GESTIONE DELLA SICUREZZA I SISTEMI DI GESTIONE DELLA SICUREZZA ing. Davide Musiani Modena- Mercoledì 8 Ottobre 2008 L art. 30 del D.Lgs 81/08 suggerisce due modelli organizzativi e di controllo considerati idonei ad avere efficacia

Dettagli

La valutazione dei rischi: requisito comune di BS 18001:2007 e D.Lgs. 81/2008

La valutazione dei rischi: requisito comune di BS 18001:2007 e D.Lgs. 81/2008 La valutazione dei rischi: requisito comune di BS 18001:2007 e D.Lgs. 81/2008 Ricordiamo che tra le finalità della BS OHSAS 18001 richiede di dimostrare che: il sistema di gestione della salute e sicurezza

Dettagli

Seminario su D.Lgs.81/08

Seminario su D.Lgs.81/08 Seminario su D.Lgs.81/08 La Valutazione del Rischio Per individuare le Misure di Prevenzione e Protezione a tutela della Salute e Sicurezza dei lavoratori Piacenza, 17/11/2010 Anna Bosi Dipartimento Sanità

Dettagli

brugherio (mb) POLITICA AZIENDALE

brugherio (mb) POLITICA AZIENDALE brugherio (mb) POLITICA AZIENDALE Brugherio, 20 gennaio 2015 piomboleghe srl via eratostene, 1-20861 brugherio (mb) tel. 039289561, fax. 039880244 info@piomboleghe.it www.piomboleghe.it cap. soc. 1.300.000,00

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE AMBIENTALE COMUNE DI OFFIDA

MANUALE DI GESTIONE AMBIENTALE COMUNE DI OFFIDA NOR DI RIFERIMENTO UNI EN ISO 14001:2004 Pagina 1 di 14 NUALE DI GESTIONE COMUNE DI OFFIDA COPIA CONTROLLATA N 01 COPIA NON CONTROLLATA Rev Data Descrizione Rif. Paragr. Rif. pagina Note 0 Mag.2005 Prima

Dettagli

L impostazione di un sistema di gestione della salute e della sicurezza sul lavoro (SGL) dott.ing.chiara Anselmi

L impostazione di un sistema di gestione della salute e della sicurezza sul lavoro (SGL) dott.ing.chiara Anselmi L impostazione di un sistema di gestione della salute e della sicurezza sul lavoro (SGL) dott.ing.chiara Anselmi La metodologia del miglioramento continuo PLAN 1- Definizione dell area di valutazione/intervento

Dettagli

Sistema di Gestione Sicurezza e Salute sul Lavoro. Manuale del Sistema

Sistema di Gestione Sicurezza e Salute sul Lavoro. Manuale del Sistema Acquedotto Langhe e Alpi Cuneesi SpA Sede legale in Cuneo, Corso Nizza 9 acquedotto.langhe@acquambiente.it www.acquambiente.it SGSL Manuale del SGSL M Rev 01 del 10/06/2013 Sistema di Gestione Sicurezza

Dettagli

Il Sistema di Gestione della Sicurezza e Salute sul Lavoro OHSAS 18000:2007 e il Modello di Organizzazione e Controllo secondo il D.Lgs.

Il Sistema di Gestione della Sicurezza e Salute sul Lavoro OHSAS 18000:2007 e il Modello di Organizzazione e Controllo secondo il D.Lgs. Convegno ASACERT Il Sistema di Gestione della Sicurezza e Salute sul Lavoro OHSAS 18000:2007 e il Modello di Organizzazione e Controllo secondo il D.Lgs. 231/01 Centro Congressi Relaisfranciacorta 20 marzo

Dettagli

I SISTEMI DI GESTIONE DELLA SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO: GUIDA PRATICA PER L APPLICAZIONE IN AZIENDA

I SISTEMI DI GESTIONE DELLA SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO: GUIDA PRATICA PER L APPLICAZIONE IN AZIENDA Attenzione: la Guida che state stampando è aggiornata al 10/09/2007. I file allegati con estensione.doc,.xls,.pdf,.rtf, etc. non verranno stampati automaticamente; per averne copia cartacea è necessario

Dettagli

e la norma cogente. L'implementazione in azienda

e la norma cogente. L'implementazione in azienda Il sistema di gestione BS OHSAS 18001 e la norma cogente. L'implementazione in azienda Via dei Mille, 8 - Falconara M.(AN) - Tel. 071.910701 Fax: 071.9169688 pbelardinelli@isaq.it - www.isaq.it 547 + 391

Dettagli

Imprese grandi/imprese piccole

Imprese grandi/imprese piccole Imprese grandi/imprese piccole La sensazione diffusa, non corroborata da dati statistici, è che l adozione delle misure di sicurezza sia disomogenea: migliore nelle grandi opere, dove sono coinvolte imprese

Dettagli

Occupational Health and Safety Assessment Series OHSAS 18001: 1999

Occupational Health and Safety Assessment Series OHSAS 18001: 1999 OHSAS 18001:1999 Sistemi di Gestione della tutela della salute e della sicurezza sul posto di lavoro Specifiche Traduzione in lingua italiana dei principali riferimenti,per esclusivo uso interno. Il presente

Dettagli

La figura professionale dell RSPP e dell ASPP e il rapporto con l organizzazione aziendale.

La figura professionale dell RSPP e dell ASPP e il rapporto con l organizzazione aziendale. Documento del COMITATO TECNICO SCIENTIFICO Linea guida AIAS per: La figura professionale dell RSPP e dell ASPP e il rapporto con l organizzazione aziendale. L esigenza di fornire una linea guida per il

Dettagli

La formazione dei Responsabili e degli addetti del Servizio Prevenzione e Protezione delle aziende bancarie

La formazione dei Responsabili e degli addetti del Servizio Prevenzione e Protezione delle aziende bancarie La formazione dei Responsabili Fondamentale Presentazione Il percorso formativo è abilitante e rivolto ai responsabili e agli addetti del servizio Prevenzione e protezione delle aziende bancarie e finanziarie

Dettagli

POLITICA INTEGRATA QUALITÀ, AMBIENTE E SICUREZZA

POLITICA INTEGRATA QUALITÀ, AMBIENTE E SICUREZZA COMPLETIAMO IL TUO PROCESSO POLITICA INTEGRATA QUALITÀ, AMBIENTE E SICUREZZA Rifra Masterbatches S.p.A. Via T. Tasso, 8 25080 Molinetto di Mazzano (BS) Tel. +39 030 212171 Fax +39 030 2629757 R.I. 01006560179

Dettagli

Organizzazione del sistema prevenzionale nelle Piccole e Medie Imprese con riferimento ai Sistemi di Gestione della Sicurezza.

Organizzazione del sistema prevenzionale nelle Piccole e Medie Imprese con riferimento ai Sistemi di Gestione della Sicurezza. Organizzazione del sistema prevenzionale nelle Piccole e Medie Imprese con riferimento ai Sistemi di Gestione della Sicurezza. Linee guida PRESENTAZIONE Il presente lavoro costituisce un estratto da una

Dettagli

Corso di Qualificazione per. Auditor Interni. dei. Sistemi di Gestione della Sicurezza BS OHSAS 18001:2007 PROGRAMMA DEL CORSO 24 ORE

Corso di Qualificazione per. Auditor Interni. dei. Sistemi di Gestione della Sicurezza BS OHSAS 18001:2007 PROGRAMMA DEL CORSO 24 ORE Corso di Qualificazione per Auditor Interni dei Sistemi di Gestione della Sicurezza BS OHSAS 18001:2007 PROGRAMMA DEL CORSO 24 ORE Responsabile del progetto formativo: Dott. Ing. Antonio Razionale Tutor:

Dettagli

LISTA DI RISCONTRO PER LE VERIFICHE ISPETTIVE DEL SGS

LISTA DI RISCONTRO PER LE VERIFICHE ISPETTIVE DEL SGS LISTA DI RISCONTRO PER LE VERIFICHE ISPETTIVE DEL 1. Documento sulla politica di prevenzione, struttura del e sua integrazione con la gestione aziendale i Definizione della Politica di prevenzione - Verificare

Dettagli

Corso di formazione per RSPP

Corso di formazione per RSPP Corso di formazione per RSPP Corso Normative di riferimento Argomenti/Programma n.ore Corso per Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione a) Il quadro normativo in materia di sicurezza dei

Dettagli

Il sistema di gestione della sicurezza: cos è, a cosa serve, i rapporti delle norme tecniche con il D.Lgs. 81/08

Il sistema di gestione della sicurezza: cos è, a cosa serve, i rapporti delle norme tecniche con il D.Lgs. 81/08 Il sistema di gestione della sicurezza: cos è, a cosa serve, i rapporti delle norme tecniche con il D.Lgs. 81/08 Firenze 15 febbraio 2010 Pisa 1 marzo 2010 Siena 29 marzo 2010 Dott. Ing. Daniele Novelli

Dettagli

www.gardaland.it Codice di Comportamento

www.gardaland.it Codice di Comportamento www.gardaland.it Codice di Comportamento Castelnuovo del Garda, marzo 2009 PREMESSA La Salute e la Sicurezza sono le nostre priorità più importanti, e la Direzione di GARDALAND S.r.l. si impegna a migliorarle

Dettagli

Sistema di gestione UNI EN ISO 9001. C.so Garibaldi, n. 56-00195 Roma (RM) Tel. 0612345678 - Fax. 061234567 DEMO PROCEDURE WINPLE

Sistema di gestione UNI EN ISO 9001. C.so Garibaldi, n. 56-00195 Roma (RM) Tel. 0612345678 - Fax. 061234567 DEMO PROCEDURE WINPLE Sistema di gestione UNI EN ISO 9001 MANUALE DI QUALITÀ INTRODUZIONE MAN-00 Organizzazione AZIENDA s.p.a. C.so Garibaldi, n. 56-00195 Roma (RM) Tel. 0612345678 - Fax. 061234567 Web : www.nomeazienda.it

Dettagli

La gestione della sicurezza nella scuola. Alba, 27 maggio 2009 a cura di Alfonso Lupo

La gestione della sicurezza nella scuola. Alba, 27 maggio 2009 a cura di Alfonso Lupo La gestione della sicurezza nella scuola Alba, 27 maggio 2009 a cura di Alfonso Lupo 1 Sommario Organizzazione e gestione Criticità Percorso per la certificazione sulla sicurezza: progetto risk managament

Dettagli

SISTEMI DI GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

SISTEMI DI GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO Liceo Scientifico Galileo Galilei -Trento - SISTEMI DI GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO BS OHSAS 18001:2007 Maggio 2012 Maurizio Adami 1 Popolazione scolastica anno scolastico 2011/12 Docenti

Dettagli

UNI EN ISO 9001:2008 Sistemi di Gestione per la Qualità: requisiti e guida per l uso

UNI EN ISO 9001:2008 Sistemi di Gestione per la Qualità: requisiti e guida per l uso SORVEGLIANZA E CERTIFICAZIONI UNI EN ISO 9001:2008 Sistemi di Gestione per la Qualità: requisiti e guida per l uso Pagina 1 di 10 INTRODUZIONE La Norma UNI EN ISO 9001:2008 fa parte delle norme Internazionali

Dettagli

La formazione dei Responsabili e degli addetti del Servizio Prevenzione e Protezione delle aziende bancarie

La formazione dei Responsabili e degli addetti del Servizio Prevenzione e Protezione delle aziende bancarie La formazione dei Responsabili Fondamentale Presentazione Il percorso formativo è abilitante e rivolto ai responsabili e agli addetti del servizio Prevenzione e protezione delle aziende bancarie e finanziarie

Dettagli

MANUALE DELLA SICUREZZA MANUALE SICUREZZA. - Rev.1 del 30/09/2012 -

MANUALE DELLA SICUREZZA MANUALE SICUREZZA. - Rev.1 del 30/09/2012 - MANUALE SICUREZZA - Rev.1 del 30/09/2012 - COPIA NON CONTROLLATA COPIA CONTROLLATA N. DISTRIBUITA A IN DATA / / FIRMA RSGA. (da compilare solo in caso di distribuzione cartacea) 1 1. Premessa Il presente

Dettagli

MANUALE DELSISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE

MANUALE DELSISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE Osservatorio per il Settore Chimico Ministero dell Industria del Commercio e dell Artigianato MANUALE DELSISTEMA DI Responsabile: Aggiornamento: 2 di 49 NOME AZIENDA Manuale del sistema di Gestione Ambientale

Dettagli

LA RESPONSABILITA AMMINISTRATIVA DELLE SOCIETA E I MODELLI ORGANIZZATIVI, CON PARTICOLARE RIFERIMENTO ALLA SICUREZZA SUL LAVORO

LA RESPONSABILITA AMMINISTRATIVA DELLE SOCIETA E I MODELLI ORGANIZZATIVI, CON PARTICOLARE RIFERIMENTO ALLA SICUREZZA SUL LAVORO LA RESPONSABILITA AMMINISTRATIVA DELLE SOCIETA E I MODELLI ORGANIZZATIVI, CON PARTICOLARE RIFERIMENTO ALLA SICUREZZA SUL LAVORO Studio Candussi & Partners Università di Udine 30 aprile 2009 Lo Studio Candussi

Dettagli

FAC SIMILE procedura GESTIONE INFORTUNI, INCIDENTI, COMPORTAMENTI PERICOLOSI, AZIONI CORRETTIVE E PREVENTIVE

FAC SIMILE procedura GESTIONE INFORTUNI, INCIDENTI, COMPORTAMENTI PERICOLOSI, AZIONI CORRETTIVE E PREVENTIVE Pag. 1 di 7 01 Emissione in allegato a procedura verifica GS 4 Maggio 2014 00 Prima emissione Luglio 2013 Revisione Motivo Data FAC SIMILE procedura GESTIONE INFORTUNI, INCIDENTI, COMPORTAMENTI PERICOLOSI,

Dettagli

FORMAZIONE RSPP MODULO C SISTEMA DI GESTIONE PER LA SALUTE E SICUREZZA DEI LAVORATORI. Istituto Pesenti Novembre 2015

FORMAZIONE RSPP MODULO C SISTEMA DI GESTIONE PER LA SALUTE E SICUREZZA DEI LAVORATORI. Istituto Pesenti Novembre 2015 FORMAZIONE RSPP MODULO C SISTEMA DI GESTIONE PER LA SALUTE E SICUREZZA DEI LAVORATORI Istituto Pesenti Novembre 2015 E. Gotti Corso RSPP mod. C 1 Sistemi di gestione illustrati lezione precedente OGGI

Dettagli

Rif. Legge n 123/07. Modello Organizzativo Sicurezza. Zimmer S.r.l. Edizione 00. Rev. 00 del 30.04..2008

Rif. Legge n 123/07. Modello Organizzativo Sicurezza. Zimmer S.r.l. Edizione 00. Rev. 00 del 30.04..2008 l Zimmer S.r.l. Modello Organizzativo Sicurezza Edizione 00 Rif. Legge n 123/07 Rev. 00 del 30.04..2008 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE DEL SGSL...5 1.1 Scopo del SGSL...5 1.2 Campo di applicazione del

Dettagli

Le regole e i modelli organizzativi

Le regole e i modelli organizzativi Dipartimento Tecnologie di Sicurezza Ex ISPESL Le regole e i modelli organizzativi Luigi Monica 29 Marzo 2011 Modelli di organizzazione e di gestione Riferimenti tecnici sui modelli di organizzazione e

Dettagli

Rev. 00. AUDIT N DEL c/o. Auditor Osservatori DOCUMENTI DI RIFERIMENTO. Legenda: C = Conforme NC = Non conforme Oss = Osservazione.

Rev. 00. AUDIT N DEL c/o. Auditor Osservatori DOCUMENTI DI RIFERIMENTO. Legenda: C = Conforme NC = Non conforme Oss = Osservazione. AUDIT N DEL c/o AREE DA VERIFICARE GRUPPO DI AUDIT Lead Auditor Auditor DOCUMENTI DI RIFERIMENTO Auditor Osservatori Legenda: C = Conforme NC = Non conforme Oss = Osservazione Pagina 1 di 19 Rif. 14001

Dettagli

MANUALE Sistema di Gestione della Sicurezza sul Lavoro

MANUALE Sistema di Gestione della Sicurezza sul Lavoro MANUALE Sistema di Gestione della Sicurezza sul Lavoro OHSAS 18001: 2007 SOC. AREZZO MULTISERVIZI SRL Via Bruno Buozzi 1-52100 AREZZO Elaborato ed Approvato dal Rappresentante della Direzione: Data: Firma:

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO. SGSL-GATEF (gas, acqua, teleriscaldamento, elettricità, servizi funerari)

LINEE DI INDIRIZZO. SGSL-GATEF (gas, acqua, teleriscaldamento, elettricità, servizi funerari) LINEE DI INDIRIZZO per l'implementazione dei sistemi di gestione per la salute e la sicurezza nelle aziende di servizi pubblici locali che operano nei settori Energia Elettrica, Gas, e Acqua SGSL-GATEF

Dettagli

Decreto Legislativo 81/08

Decreto Legislativo 81/08 Gli strumenti della Comunicazione dott. Giulio Regosa professionista in comunicazione della salute e sicurezza sul lavoro Comunicazione e D.Lgs.81 Il decreto legislativo 81/2008 individua nella comunicazione

Dettagli

1. DISTRIBUZIONE Datore di Lavoro, Direzione, RSPP, RLS, preposti, personale Alac SpA

1. DISTRIBUZIONE Datore di Lavoro, Direzione, RSPP, RLS, preposti, personale Alac SpA Acquedotto Langhe e Alpi Cuneesi SpA Sede legale in Cuneo, Corso Nizza 9 acquedotto.langhe@acquambiente.it www.acquambiente.it SGSL Procedura Formazione P03 Rev. 02 del 06/05/2013 1. DISTRIBUZIONE Datore

Dettagli

POLISTUDIO. Modulo 1

POLISTUDIO. Modulo 1 Modulo 1 TEORIA DEI MODELLI ORGANIZZATIVI E DI GESTIONE Sistemi di gestione: definizione Con tale termine si intendono tutti i sistemi di gestione organizzativi implementati nelle organizzazioni nei diversi

Dettagli

PARTE SPECIALE D REATI COLPOSI IN VIOLAZIONE DELLE NORME IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

PARTE SPECIALE D REATI COLPOSI IN VIOLAZIONE DELLE NORME IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO PARTE SPECIALE D REATI COLPOSI IN VIOLAZIONE DELLE NORME IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO 1 PARTE SPECIALE E REATI COLPOSI IN VIOLAZIONE DELLE NORME IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

Dettagli

IL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI

IL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI 12 Salone della qualità e sicurezza sul lavoro IL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI NELLA GESTIONE AZIENDALE DELLA SICUREZZA Ing. Davide Musiani STUDIO TECNICO PROF. NERI S.r.l. Bologna, 12 Giugno 2009

Dettagli

REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LUOGO DI LAVORO

REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LUOGO DI LAVORO MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO AI SENSI DEL D. LGS. 231/2001 DI CONSIP S.P.A. a socio unico ***** PARTE SPECIALE D REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LUOGO DI LAVORO IL RISCHIO

Dettagli

MASTER GESTIONE INTEGRATA

MASTER GESTIONE INTEGRATA MASTER GESTIONE INTEGRATA ESPERTI in SISTEMI DI GESTIONE AZIENDALE: QUALITA, AMBIENTE E SICUREZZA ISO serie 9000, ISO serie 14000, OHSAS 18001, OHSAS 18002, ISO 22000, ISO 27001, Reg. EMAS, ISO 19011,

Dettagli

1.0 POLITICA AZIENDALE PER LA SALUTE E LA SICUREZZA SUL LAVORO

1.0 POLITICA AZIENDALE PER LA SALUTE E LA SICUREZZA SUL LAVORO Pagina 1 di 5 1.0 POLITICA AZIENDALE PER LA SALUTE E LA SICUREZZA SUL LAVORO (rif. punto 4.2 BS OHSAS 18001:2007) 1.1 SCOPO La dichiarazione di politica per la salute e la sicurezza nei luoghi di lavoro,

Dettagli

Gruppo Professionale QUALITÀ SICUREZZA AMBIENTE

Gruppo Professionale QUALITÀ SICUREZZA AMBIENTE Gruppo Professionale QUALITÀ SICUREZZA AMBIENTE Chi siamo. Cosa facciamo. Gruppo Professionale nasce con l obiettivo di diventare partner delle aziende, garantendo l erogazione di servizi semplici ed innovativi

Dettagli

Corso di Qualificazione per. Auditor Interni. dei. Sistemi di Gestione per la Qualità UNI EN ISO 9001:2008 PROGRAMMA DEL CORSO 24 ORE

Corso di Qualificazione per. Auditor Interni. dei. Sistemi di Gestione per la Qualità UNI EN ISO 9001:2008 PROGRAMMA DEL CORSO 24 ORE Corso di Qualificazione per Auditor Interni dei Sistemi di Gestione per la Qualità UNI EN ISO 9001:2008 PROGRAMMA DEL CORSO 24 ORE Responsabile del progetto formativo: Dott. Ing. Antonio Razionale Tutor:

Dettagli

PANORAMICA SULLE ISO 14000

PANORAMICA SULLE ISO 14000 PANORAMICA SULLE ISO 14000 Premessa La motivazione di fondo che induce un azienda, sia essa pubblica o privata, ad investire nell ambiente è sostanzialmente fondata sulla volontà di organizzare attività

Dettagli

LA GESTIONE DEI GAS MEDICINALI NELLE AZIENDE SANITARIE AI SENSI DELLA UNI EN ISO 7396-1:2010

LA GESTIONE DEI GAS MEDICINALI NELLE AZIENDE SANITARIE AI SENSI DELLA UNI EN ISO 7396-1:2010 LA GESTIONE DEI GAS MEDICINALI NELLE AZIENDE SANITARIE AI SENSI DELLA UNI EN ISO 7396-1:2010 Le misure organizzative per implementare un sistema di gestione degli impianti di distribuzione dei gas medicinali

Dettagli

Il sistema di gestione salute e sicurezza sul lavoro in edilizia e lo standard OHSAS 18001:07

Il sistema di gestione salute e sicurezza sul lavoro in edilizia e lo standard OHSAS 18001:07 Il sistema di gestione salute e sicurezza sul lavoro in edilizia e lo standard OHSAS 18001:07 Claudia Gistri Certiquality Convegno Assimpredil Ance Il T.U. Sicurezza D.Lgs. n n 81/2008 e i Modelli di Organizzazione

Dettagli

LA SCUOLA E UN LUOGO DI LAVORO

LA SCUOLA E UN LUOGO DI LAVORO LA SCUOLA E UN LUOGO DI LAVORO Istituto Tecnico Industriale Statale Via Ponchielli, 16 10021 MONCALIERI (Torino) Il presente Manuale è il documento di riferimento dell Istituto Pininfarina per l applicazione

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE MODULO A PER RESPONSABILI E ADDETTI AL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE (RSPP E ASPP)

CORSO DI FORMAZIONE MODULO A PER RESPONSABILI E ADDETTI AL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE (RSPP E ASPP) CORSO DI FORMAZIONE MODULO A PER RESPONSABILI E ADDETTI AL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE (RSPP E ASPP) Premessa Il Responsabile del Servizio Prevenzione e Protezione (RSPP), come definito nel D.Lgs.

Dettagli

Informazione e formazione in materia di igiene e sicurezza del lavoro

Informazione e formazione in materia di igiene e sicurezza del lavoro in materia di igiene e sicurezza del lavoro Dott. Sergio Biagini Tecnico della Prevenzione Informazione dare notizie (32 volte) Formazione Istruzioni, procedure, modalità operative (93 volte) Addestramento

Dettagli

1. DISTRIBUZIONE Datore di Lavoro, Direzione, dirigenti, RSPP, RLS, preposti, personale Alac SpA

1. DISTRIBUZIONE Datore di Lavoro, Direzione, dirigenti, RSPP, RLS, preposti, personale Alac SpA Acquedotto Langhe e Alpi Cuneesi SpA Sede legale in Cuneo, Corso Nizza 9 acquedotto.langhe@acquambiente.it www.acquambiente.it SGSL Procedura Formazione P03 Rev. 03 del 28/04/2014 1. DISTRIBUZIONE Datore

Dettagli

IL SISTEMA ASSICURAZIONE QUALITA DI ATENEO

IL SISTEMA ASSICURAZIONE QUALITA DI ATENEO IL SISTEMA ASSICURAZIONE QUALITA DI ATENEO Dott.ssa Lucia Romagnoli Ancona, 15 luglio 2015 maggio 2007 UNIVPM ottiene la certificazione del proprio Sistema di Gestione per la Qualità (SGQ) ai sensi della

Dettagli

Analisi con esempi applicativi delle principali procedure di gestione prima parte

Analisi con esempi applicativi delle principali procedure di gestione prima parte La redazione delle procedure del Sistema di Gestione della Salute e Sicurezza in conformità alla norma BS OHSAS 18001 in accordo alla normativa vigente (D.Lgs. 81/08 e s.m.i.) Analisi con esempi applicativi

Dettagli

STANDARD OHSAS 18001:2007 E CORRISPONDENZE CON IL MODELLO ORGANIZZATIVO DEL DECRETO LEGISLATIVO N. 81/2008

STANDARD OHSAS 18001:2007 E CORRISPONDENZE CON IL MODELLO ORGANIZZATIVO DEL DECRETO LEGISLATIVO N. 81/2008 DECRETO LEGISLATIVO n. 81 del 9 aprile 2008 UNICO TESTO NORMATIVO in materia di salute e sicurezza delle lavoratrici e dei lavoratori STANDARD OHSAS 18001:2007 E CORRISPONDENZE CON IL MODELLO ORGANIZZATIVO

Dettagli

La CERTIFICAZIONE DEI SISTEMI DI GESTIONE AZIENDALE

La CERTIFICAZIONE DEI SISTEMI DI GESTIONE AZIENDALE La CERTIFICAZIONE DEI SISTEMI DI GESTIONE AZIENDALE CERTIQUALITY Via. G. Giardino, 4 - MILANO 02.806917.1 SANDRO COSSU VALUTATORE SISTEMI DI GESTIONE CERTIQUALITY Oristano 27 Maggio 2008 GLI STRUMENTI

Dettagli

Palazzo delle Stelline Milano 25 novembre ore 10.00 13.00 ATTI DEL SEMINARIO

Palazzo delle Stelline Milano 25 novembre ore 10.00 13.00 ATTI DEL SEMINARIO Palazzo delle Stelline Milano 25 novembre ore 10.00 13.00 ATTI DEL SEMINARIO D.lgs 81/08 T.U. della salute e sicurezza del lavoro: riflessi sugli Enti locali - Ruoli e Obblighi di Amministratori e Responsabili

Dettagli

INTERNATIONAL STANDARD ISO 29990 Prima Edizione 2010-09-01

INTERNATIONAL STANDARD ISO 29990 Prima Edizione 2010-09-01 Reference number ISO 29990:2010(E) ISO 2010 INTERNATIONAL STANDARD ISO 29990 Prima Edizione 2010-09-01 Servizi di formazione per l educazione e la formazione non formali Requisiti minimi per i fornitori

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI ai sensi del D.Lgs 9 aprile 2008, n. 81 TESTO UNICO SULLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO Azienda: I.I.S. A. GENTILESCHI DI CARRARA via: Sarteschi n. 1 città: Carrara

Dettagli

Corso di Formazione Professionale per RSPP e ASPP (con docenti)

Corso di Formazione Professionale per RSPP e ASPP (con docenti) Corso di Formazione Professionale per RSPP e ASPP (con docenti) Ai sensi all Accordo Stato-Regioni del 26.01.2006 n 2407 (G.U. 14.02.2006 n 37) su direttive dell ex DLgs 195/03 e del vigente DLgs 81/08

Dettagli

CONCETTI E DEFINIZIONI

CONCETTI E DEFINIZIONI Contenuti del DVR CONCETTI E DEFINIZIONI Valutazione globale e documentata di tutti i rischi per la salute e sicurezza dei lavoratori presenti nell ambito dell organizzazione in cui essi prestano la propria

Dettagli

LA GESTIONE DELLA SICUREZZA IN AZIENDA. Relatore: Ing. Antonio Zaritto Febbraio 2015

LA GESTIONE DELLA SICUREZZA IN AZIENDA. Relatore: Ing. Antonio Zaritto Febbraio 2015 LA GESTIONE DELLA SICUREZZA IN AZIENDA Relatore: Ing. Antonio Zaritto Febbraio 2015 1 Sicurezza aziendale Norme anni 50. Serie di norme assai dettagliate per i vari rischi che si incontrano nelle attività

Dettagli

APPROCCIO ALLA VALUTAZIONE DEI RISCHI NEGLI AMBIENTI DI LAVORO

APPROCCIO ALLA VALUTAZIONE DEI RISCHI NEGLI AMBIENTI DI LAVORO APPROCCIO ALLA VALUTAZIONE DEI RISCHI NEGLI AMBIENTI DI LAVORO SIGNIFICATO DELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI La valutazione dei rischi consiste in un esame di tutti gli aspetti attinenti il lavoro, finalizzato

Dettagli

LA NORMA UNI EN ISO 9001: 2000 E LA CERTIFICAZIONE. C-La Norma UNI EN ISO 9001: 2000 e la certificazione 1

LA NORMA UNI EN ISO 9001: 2000 E LA CERTIFICAZIONE. C-La Norma UNI EN ISO 9001: 2000 e la certificazione 1 LA NORMA UNI EN ISO 9001: 2000 E LA CERTIFICAZIONE C-La Norma UNI EN ISO 9001: 2000 e la certificazione 1 LE NORME SERIE ISO 9000 Guidare e condurre con successo un'organizzazione richiede che questa sia

Dettagli

Responsabili qualità nelle PMI manifatturiere

Responsabili qualità nelle PMI manifatturiere M MODULI generali Fornire le informazioni e gli strumenti idonei alla impostazione di un sistema di gestione per la qualità in una pmi di produzione Comprendere le esigenze dei clienti Valutare la soddisfazione

Dettagli

CREDITI ECM PER TUTTE LE PROFESSIONI SANITARIE

CREDITI ECM PER TUTTE LE PROFESSIONI SANITARIE Corso di Abilitazione per ASPP/RSPP (Ambito Sanitario) MODULI A-B7-C (corso residenziale) in collaborazione con OMCEO - dei medici-chirurghi e degli odontoiatri CREDITI ECM PER TUTTE LE PROFESSIONI SANITARIE

Dettagli

ISO 45001. il nuovo ponte tra sicurezza e innovazione. Comprendere il cambiamento

ISO 45001. il nuovo ponte tra sicurezza e innovazione. Comprendere il cambiamento ISO 45001 il nuovo ponte tra sicurezza e innovazione Comprendere il cambiamento Premessa L art. 30 del Testo Unico della Sicurezza dice chiaramente che i modelli di organizzazione aziendale definiti conformemente

Dettagli

La sicurezza comportamentale

La sicurezza comportamentale La sicurezza comportamentale Ravenna 12 ottobre 2011 Aude Cucurachi 1 SICUREZZA COMPORTAMENTALE Cosa ci dicono i dati infortunistici? Cosa ci dicono le leggi sul comportamento? Cos è il protocollo BBS?

Dettagli

LA PROMOZIONE DELLA SICUREZZA NELLA SCUOLA. Alessandro PALESE Direzione Sanità Regione Piemonte

LA PROMOZIONE DELLA SICUREZZA NELLA SCUOLA. Alessandro PALESE Direzione Sanità Regione Piemonte LA PROMOZIONE DELLA SICUREZZA NELLA SCUOLA Alessandro PALESE Direzione Sanità Regione Piemonte Il Decreto legislativo 81/2008 Il TU sulla sicurezza prevede l inserimento in ogni attività scolastica di

Dettagli

b) Il responsabile del servizio di prevenzione e protezione dai rischi;

b) Il responsabile del servizio di prevenzione e protezione dai rischi; Lezione 6 La riunione periodica (art 35) La riunione periodica è un momento di discussione sui temi della prevenzione e della tutela della salute e dell integrità psicofisica dei lavoratori, prevista per

Dettagli

MANUALE. Sistema di Gestione della Sicurezza sul Lavoro (SGSL)

MANUALE. Sistema di Gestione della Sicurezza sul Lavoro (SGSL) Pag. 1 di 39 MANUALE Sistema di Gestione della Sicurezza sul Lavoro (SGSL) (D.Lgs. 231/01 - Linee guida UNI INAIL art.30 D.Lgs. 81/08) Copia Controllata n. Rev. Descrizione Data Redatto Verificato Approvato

Dettagli

L approccio sistemico alla gestione della sicurezza sul lavoro: i SGSL

L approccio sistemico alla gestione della sicurezza sul lavoro: i SGSL Salute e Sicurezza sul Lavoro in ambito caseario Implementazione di un Sistema di Gestione Siamaggiore, Loc. Pardu Nou - Giovedì 2 luglio 2015 L approccio sistemico alla gestione della sicurezza sul lavoro:

Dettagli

VOCABOLARIO DELLA SICUREZZA (SAFETY) DEFINIZIONI: Pericolo Rischio Prevenzione Protezione Formazione Informazione Addestramento Buone prassi

VOCABOLARIO DELLA SICUREZZA (SAFETY) DEFINIZIONI: Pericolo Rischio Prevenzione Protezione Formazione Informazione Addestramento Buone prassi VOCABOLARIO DELLA SICUREZZA (SAFETY) DEFINIZIONI: Pericolo Rischio Prevenzione Protezione Formazione Informazione Addestramento Buone prassi federico.ricci@unimore.it Psicologo del Lavoro e delle Organizzazioni

Dettagli

Corso di 28 ore Mega Italia Media - via Cavallera, 10 Torbole Casaglia - Brescia

Corso di 28 ore Mega Italia Media - via Cavallera, 10 Torbole Casaglia - Brescia Soggetto Formatore Nazionale riconosciuto ope legis art. 8bis, comma 3 del D.Lgs. 626/94 Via Cavallera, 10 25030 Torbole C. (Bs) www.aifos.it - segreteria@aifos.it Centro Formazione AIFOS - organizzazione

Dettagli

I sistemi di gestione della sicurezza sul lavoro nelle strutture sanitarie Carmine Esposito INAIL D. R. Lombardia CONTARP

I sistemi di gestione della sicurezza sul lavoro nelle strutture sanitarie Carmine Esposito INAIL D. R. Lombardia CONTARP AZIENDA OSPEDALIERA DI DESENZANO DEL GARDA Sicurezza sul lavoro Il D. Lgs. 81/08 nelle strutture sanitarie alla luce delle nuove modifiche I sistemi di gestione della sicurezza sul lavoro nelle strutture

Dettagli

[A] Descrizione generale del percorso formativo (formazione formale e non formale) Stai visualizzando il I anno

[A] Descrizione generale del percorso formativo (formazione formale e non formale) Stai visualizzando il I anno Società: WEB GATE SRL Sede Legale VIA F. TURATI, 29 - GRUMO NEVANO (NA) C.F.-P.I. 05245101216 Apprendista: DOGNAZZI MATTIA Residente in VIA DEL FORTE TIBURTINO, 162 - ROMA Nato a ROMA Il 10/08/1993 C.F.

Dettagli

MODULO A ORE 28. PROGRAMMA CONTENUTI Modulo A1 DURATA

MODULO A ORE 28. PROGRAMMA CONTENUTI Modulo A1 DURATA MODULO A ORE 28 PROGRAMMA CONTENUTI Modulo A1 DURATA Presentazione del corso La filosofia del D.Lgs. 626/94 in riferimento all'organizzazione di un Sistema di Prevenzione aziendale, alle procedure di lavoro,

Dettagli

Strumenti di miglioramento: la certificazione ambientale

Strumenti di miglioramento: la certificazione ambientale Strumenti di miglioramento: la certificazione ambientale La spirale perversa LEGGI SOCIALI ED AMBIENTALI PIÙ RESTRITTIVE POLITICI INDUSTRIA PERCEZIONE NEGATIVA DEGLI STAKEHOLDER PRESSIONE PER UNA MIGLIORE

Dettagli

ATTREZZATURE E RISCHIO MACCHINE

ATTREZZATURE E RISCHIO MACCHINE SICUREZZA: VERIFICA PERIODICA DELLE ATTREZZATURE E RISCHIO MACCHINE CORSO DI FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO Alessandro Berton Inn Med S.r.l. 30 Gennaio 2013 Parco Scientifico VEGA LEGGI E NORME DI RIFERIMENTO

Dettagli

COORDINAMENTO SPISAL DELLA PROVINCIA DI VERONA

COORDINAMENTO SPISAL DELLA PROVINCIA DI VERONA COORDINAMENTO SPISAL DELLA PROVINCIA DI VERONA BUSSOLENGO, LEGNAGO, VERONA Azienda Presenti al sopralluogo per l azienda: 1 CHECK LIST GESTIONE AZIENDALE DELLA CUREZZA 1. GESTIONE AZIENDALE DELLA CUREZZA

Dettagli

DELIBERA n. 11/13 della seduta del 31 luglio 2013

DELIBERA n. 11/13 della seduta del 31 luglio 2013 DELIBERA n. 11/13 della seduta del 31 luglio 2013 Definizione degli indirizzi in materia di certificazione di qualità delle imprese che effettuano trasporti di merci pericolose, di derrate deperibili,

Dettagli