Anno accademico 2005/06

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Anno accademico 2005/06"

Transcript

1 1 Modelli Matematici per i Mercati Finanziari Anno accademico 005/06 Prof.ssa Rosella Giacometti

2 Programma del corso A) Il rischio di mercato: A.1) Modelli per il mercato azionario La teoria del portafoglio nello spazio rischio/rendimento Il Capital Asset Pricing Model -CAPM L Arbitrage Pricing Theory -APT A.)Modelli per il mercato obbligazionario - Il prezzo equo di un obbligazione -La duration come scadenza media finanziaria come indicatore di rischio - La duration modificata o volatilità - La duration di un portafoglio - La convessità - Principi di immunizzazione A.3) Dalle misure di rischio tradizionali al VaR

3 Modelli matematici per i mercati finanziari 3 B)Rischio di credito: La valutazione dell esposizione al rischio di default Le perdite attese, inattese delle singole posizioni Stima della probabilità di default La logica di portafoglio Il modello CreditMetrics Il modello CreditRisk+

4 Libri consigliati 4 Rischio di mercato - L economia del mercato mobiliare /Pier Luigi Fabrizi. Egea 003 (Capitoli 9,10,11,1) VaR e Rischio di credito - Opzioni futures e altri derivati /John Hull. 3. ed. basata sulla 5. ed. americana Milano : Il sole-4 ore, 003. (capitolo 16 e 6)

5 Informazioni 5 Ricevimento Martedi Esercitazioni pratiche Modalità della prova di esame

6 La teoria del portafoglio :sommario in dettaglio 6 Rivediamo brevemente gli indicatori statistici per singoli titoli indicatori di rendimento indicatori di rischio varianza e deviazione standard Indicatori statistici per portafogli rendimento e rischio correlazione e covarianza Come confrontare i titoli e portafogli tra loro? La frontiera efficiente - portafoglio con due titoli rischiosi - portafoglio composto da un risk free e un titolo rischioso - portafoglio a n titoli

7 La teoria del portafoglio 7 La teoria del portafoglio studia la miglior ripartizione di un capitale in investimenti finanziari aleatori in funzione del rischio e del rendimento perché gli investitori detengono portafogli diversificati? Perché non investono tutto nel titolo più redditizio? Quale regola adottare per la scelta tra più titoli? Per rispondere a queste domande, partiamo da un esempio (si veda il foglio di lavoro primo foglio.xls) primo foglio.xls

8 Misure di rendimento e rischio 8 Il rendimento di un investimento rischioso è una variabile casuale R. L aleatorieta dei risultati futuri determina il rischio associato al singolo titolo. Tanto più il corso di un azione e variabile, tanto piu l investimento e rischioso e imprevedibile.

9 Misure di rendimento e rischio 9 Ricordiamo che per investimenti con rendimento certo vi sono criteri che individuano i migliori investimenti : V.A.N. o R.E.A., T.I.R. La Teoria del Portafoglio, per investimenti con rendimento aleatorio, di fonda sul criterio MEDIA-VARIANZA. Tra due investimenti si preferisce quello che ha il maggior rendimento atteso e il minor rischio Come misuriamo il rendimento atteso ed il rischio?

10 Misure di rendimento 10 Rendimento ex-post di periodo o holding period return. Media dei rendimenti di periodo Rendimento medio su piu periodi, o time weigthed return

11 Rendimento di periodo 11 Il rendimento su un singolo periodo r i, t = P i, t + D P i, t i, t 1 P i, t 1 r i,t P i,t-1 P i,t D i,t = Holding Period Return = Prezzo di acquisto al tempo t-1 (certo) del titolo i = Prezzo di realizzo al tempo t (incerto) = Dividendo capitalizzato nel periodo [t-1,t) Oss. Le serie sono spesso aggiustate per i dividendi

12 Rendimenti su due periodi? 1 Se r 1 =+10% e r =-10%, quale e la media del rendimento sul singolo periodo? r a = (r 1 + r )/=0 si tratta della media aritmetica r a = (r 1 + r + r r n ) / n

13 Rendimenti su due periodi? 13 Se r 1 =+10% e r =-10%, quale e il rendimento medio realizzato nei due periodi? r g = {(1+10%) (1-10%)} 1/ - 1=-0,5% Si tratta della media geometrica r g = {[(1+r 1 ) (1+r )... (1+r N )]} 1/n -1 La media geometrica prende il nome di time weighted return

14 Esercizio 1 14 Gli HPR ( Holding period return) osservati in 4 periodi sono Calcolare 1) la media dei rendimenti, ) il rendimento medio nei 4 periodi.

15 Come calcolo i rendimenti? 15 Media Aritmetica r a = (r 1 + r + r r n ) / n r a = ( ) / 4 =.10 = 10% Media Geometrica r g = {[(1+r 1 ) (1+r )... (1+r N )]} 1/n -1 r g = {[(1.1) (1.5) (.8) (1.5)]} 1/4-1 = (1.5150) 1/4-1 =.089 = 8.9%

16 I dati di input del modello media-varianza 16 Il modello media- varianza necessita di dati di input quali una stima del rendimento futuro atteso, una stima della rischiosità futura dei singoli titoli, una misura del grado di correlazione tra i diversi titoli. In un primo momento ipotizziamo delle stime basate su dati storici. Vedremo successivamente come migliorare queste stime.

17 Il rendimento futuro atteso 17 In un modello di portafoglio, una previsione del rendimento futuro atteso nel periodo successivo, E(R), puo essere ottenuta utilizzando la media aritmetica dei rendimenti realizzati in passato in un singolo periodo ( ovvero la media del campione). R = 1 n r i i= 1, n

18 Il rendimento futuro atteso 18 Per esempio si supponga che i rendimenti % fatti registrare negli ultimi 5 anni dai titoli A e B siano i stati seguenti: A 10% 10% 9% 10% 11% R A =10% B 5% 9% 8% 5% 8% R B = 15%

19 Misure di rischio: la varianza 19 Il rischio può essere misurato dalla varianza VaR( R) = σ S 1 = [ ri R n 1i= 1.. n della quale la varianza campionaria è una stima La volatilità è ] σ = σ Perchè la varianza è una misura di rischio?. La varianza di un attività priva di rischio e σ = 0

20 Misure di rischio: la varianza 0 A 10% 10% 9% 10% 11% m A =10% B 5% 9% 8% 5% 8% m B =15% Il rischio del titolo A ) = 0.5 Il rischio del titolo B σ A stimata = 0.71% S A = (1 4 S σ B B 1 = (( 10) + ( 6) 4 stimata = 10,65% + ( 7) ) = 113.5

21 Misure di rischio: la varianza 1 I rendimenti ottenuti dal titolo B sono risultati molto irregolari (addirittura peggiori rispetto a quelli ottenuti dal titolo A in ben 3 casi su 5); nonostante ciò, il rendimento medio complessivo del titolo B risulta superiore. Il rischio legato ad un investimento nel titolo B dipende dalla assoluta imprevedibilità dei rendimenti attesi nel breve periodo. Il problema della selezione del portafoglio è un problema di decisioni finanziarie in condizioni di incertezza: infatti sia il rendimento dei singoli titoli che il rendimento del portafoglio sono rappresentati da variabili aleatorie.

22 Utilizzando Excel Media Funzione media Varianza Funzione VAR Volatiltà Funzione radq (VAR) Riprendiamo il nostro foglio excel: calcolare media e varianza delle serie storiche

23 Esempio 3 Rendimenti settimanali Rendimenti % da gennaio 1996 a Luglio 1999

24 Alcune statistiche 4 Data la serie storica dei prezzi settimanali rendimento medio 0,41% varianza 0, volatilità (s.q.m) 5,07%

25 Distribuzione empirica 5 Istogramma dei rendimenti storici Numero di osservazioni rendimenti %

26 Sommario in dettaglio 6 Rivediamo brevemente gli indicatori statistici per singoli titoli indicatori di rendimento indicatori di rischio varianza e deviazione standard Indicatori statistici per portafogli rendimento e rischio correlazione e covarianza Come confrontare i titoli e portafogli tra loro? La frontiera efficiente - portafoglio con due titoli rischiosi - portafoglio composto da un risk free e un titolo rischioso - portafoglio a n titoli

27 Come costruisco un portafoglio con azioni 7 Il rendimento di un portafoglio composto da due titoli è dato da con x 1 +x =1 R = x 1 R 1 +x R Il rendimento futuro atteso di un portafoglio e la media pesata dei rendimenti attesi di ogni azione E[R] = x 1 E[R 1 ] + x E[R ]

28 Rischio di un portafoglio a due titoli 8 Quando due azioni con varianza VAR(R 1 )=σ 1 e VAR(R )= σ, rispettivamente, sono combinate in un portafoglio con pesi x 1 e x, la varianza del portafoglio e data da VAR(R) = VAR(x 1 R 1 +x R )= = x 1 VAR(R 1 )+x VAR(R ) + x 1 x Cov(R 1,R ) Scritto in modo più compatto σ p = x 1 σ 1 + x σ + x 1 x Cov(R 1,R ) Cov(R 1,R ) = Covarianza dei rendimenti delle azioni 1 e

29 La diversificazione dei rischi: la covarianza 9 La covarianza e una misura della dispersione congiunta di titoli intorno alla media. Una stima della covarianza e data da : COV ( R n 1 1, R) = ( r1, i R1 )( r, i R) n 1 i= 1 una covarianza negativa indica, intuitivamente, che quando il rendimento di un titolo è sotto la media, il rendimento dell altro è sopra la media. Cioe i due titoli si muovono generalmente in modo opposto.

30 Covarianza e correlazione 30 La Covarianza dipende dall unità di misura adottata. Esempio: covarianza tra peso e altezza dei partecipanti al corso. Il coefficiente di correlazione è un indicatore adimensionale. COV ( R, R 1 ρ = σ σ 1 1 ρ 1 Un ρ<1 rivela la possibilità di ridurre il rischio complessivo. ) Oss σ p = x 1 σ 1 + x σ + x 1 x ρσ 1 σ

31 Il coefficiente di correlazione 31 ρ=1 ρ=-1 ρ=0 0<ρ<1

32 Il coefficiente di correlazione 3 ρ=±1 i rendimenti dei due titoli sono legati da una dipendenza lineare perfetta ρ=0 i rendimenti non sono correlati linearmente (rendimenti sparsi) 0<ρ<1 caso più realistico, i rendimenti si muovono insieme ma non perfettamente

33 Esercizio 33 Stima varianza, covarianza e correlazione dei seguenti dati Costruisci portafogli con diverse composizioni settimana A rend % B rend % Puoi arrivare a delle conclusioni? Si veda frontiera efficiente.xls

34 Sommario in dettaglio 34 Rivediamo brevemente gli indicatori statistici per singoli titoli indicatori di rendimento indicatori di rischio varianza e deviazione standard Indicatori statistici per portafogli rendimento e rischio correlazione e covarianza Come confrontare i titoli e portafogli tra loro? La frontiera efficiente - portafoglio con due titoli rischiosi - portafoglio composto da un risk free e un titolo rischioso - portafoglio a n titoli

35 Criterio M-V: M Principio di dominanza 35 Si dice che un portafoglio A domina un portafoglio B: A B Quando vale almeno una delle disuguaglianze con il segno forte A B E[ A] E[ B] σ σ A B

36 Criterio M-V: M Principio di dominanza 36 E(r) B D m p C P A σ p σ D domina A; ha un maggior rendimento atteso C domina A: ha un rischio piu contenuto B domina C; ha un rendimento atteso maggiore

37 37 Criterio M-VM E(r) Portafogli Dominanti C? σ Titoli Efficienti: hanno minor rischio e un maggior rendimento atteso I portafogli C e D non sono confrontabili: il criterio introduce un ordinamento parziale tra portafogli P D? Portafogli Dominati

38 Criterio M-V M V Principio di dominanza 38 Non vogliamo esaminare le singole azioni e scartare quelle dominate. Vogliamo estendere l analisi a tutti i portafogli che posso ottenere combinando le azioni. Si può scoprire che un titolo dominato non deve essere necessariamente escluso dal mio portafoglio perché...

39 Criterio M-V M V Principio di dominanza 39 Portafogli ammissibili: insieme di alternative possibili (che includono le singole azioni e combinazioni lineari delle stesse) Portafogli efficienti: un portafoglio e efficiente quando non e dominato da nessun altro portafoglio ammissibile La scelta tra i portafogli efficienti avviene in base alla propensione al rischio dell investitore, ovvero in base ad una funzione di utilità.

40 Sommario 40 Rivediamo brevemente gli indicatori statistici per singoli titoli indicatori di rendimento indicatori di rischio varianza e deviazione standard Indicatori statistici per portafogli rendimento e rischio correlazione e covarianza Come confrontare i titoli e i portafogli tra loro? La frontiera efficiente portafoglio con due titoli rischiosi portafoglio composto da un risk free e un titolo rischioso portafoglio a n titoli

41 Impostazione del modello 41 Consideriamo un numero n di titoli a rendimento non certo. Si è già visto che i rendimenti dei singoli titoli sono rappresentati da variabili aleatorie che indicheremo con R 1, R,..R n Sia C il capitale disponibile per investire negli n titoli (portafoglio P) Devo decidere quanto investire nel titolo 1, quanto nel titolo,, tenuto conto del criterio di scelta media-varianza, ovvero allo scopo di ottenere portafogli a minimo rischio, per un fissato livello di rendimento.

42 Impostazione del modello 4 Indicato con C 1 l'ammontare da destinare all'acquisto del titolo 1, con C l'ammontare da destinare al titolo, e così via, risulta C 1 + C +..+ C n = C poiché tutto il capitale disponibile viene investito. Per rendere omogenei tali valori, ovvero per confrontare tra loro portafogli di diversi importi, conviene c c C = C C C C 1 cn ovvero x 1 + x +..+ x n = 1

43 Impostazione del modello 43 Essendo x i 0, i, quindi ogni x i rappresenta la quota percentuale investita nel titolo i. Rendimento del portafoglio: variabile aleatoria R P R P = x 1 R 1 + x R +..x n R n somma pesata di n v.a. o combinazione lineare di n variabili. Per ogni v.a. R i, rendimento del titoli i-esimo, si possono calcolare valore atteso e varianza E(R i )=m i e Var (R i )

44 Ipotesi del modello 44 Il modello di Markowitz si basa sulle seguenti ipotesi Gli investitori selezionano i portafogli in base al rendimento atteso e al rischio atteso. L orizzonte temporale è uniperiodale Gli investitori sono avversi al rischio e massimizzano l utilità attesa

45 Portafoglio a due titoli: 45 Come costruiamo la frontiera efficiente a partire da due titoli azionari? A tal fine introduciamo il concetto di diversificazione: come ridurre il rischio totale, senza sacrificare il rendimento. Scopriremo che si può verificare che il portafoglio efficiente a rischio minimo ha un rischio minore di min(σ 1,σ ). Si parla di effetto contrazione del rischio.

46 La Frontiera efficiente a partire da due titoli 46 Come costruiamo la frontiera efficiente a partire da due titoli azionari? Supponiamo di avere due azioni (v.a. R 1 e R ) con E(R 1 )<E(R ) e σ 1< σ Il portafoglio e caratterizzato da E(R p ) = x E(R 1 )+(1-x) E(R ) σ p = x σ 1 + (1-x) σ + x(1-x) σ 1 σ ρ Dobbiamo esprimere il rendimento in funzione del rischio

47 Esempio* 47 Siano dati titoli E(R 1 )= 8%, σ 1 =1% E(R )=10%, σ =15% Facciamo delle ipotesi su ρ Quando abbiamo una contrazione del rischio? Considero 8 portafogli con diversi pesi e ipotizzo diversi coefficienti di correlazione frontiera efficiente.xls *Da Bodie Kane Marcus Essential of investment

48 Esempio* 48 Il portafoglio e caratterizzato da E(R p ) = x E(R 1 ) + (1-x) E(R ) σ p = x σ 1 + (1-x) σ + x(1-x) σ 1 σ ρ 0 x 1 Portafoglio E[r] x 1-x

49 Significato di ρ: coeff. di correlazione lineare 49 ρ =1 Perfetta correlazione lineare positiva. Significa che i rendimenti dei titoli sono perfettamente correlati positivamente: variano nella stessa direzione e per lo stesso ammontare. Nella realtà non esistono titoli che si comportano così: esistono invece titoli con elevata correlazione positiva (ρ =0,8 o ρ =0,9). ρ = -1 Perfetta correlazione lineare negativa. I rendimenti dei titoli sono perfettamente correlati negativamente: variano in direzioni opposte e per lo stesso ammontare. ρ = 0. Assenza di correlazione lineare I titoli non sono correlati né positiva-mente, né negativamente. Nel piano di rappresentazione dei due rendimenti si ottiene una nuvola di punti

50 ρ =1 : perfetta correlazione positiva 50 Riprendiamo la (): σ P = x σ 1 + (1-x) σ + x(1-x) ρ 1 σ 1 σ diventa [ (1 ) ] σ σ σ P = x 1+ x Quindi σ σ σ σ P = P = x 1+ (1 x) da cui si può ricavare la variabile x e sostituire in (1). Risulta: x = σ σ σ σ 1

51 ρ =1 : perfetta correlazione positiva 51 E sostituendo in m P = x m 1 + (1-x) m Si ottiene: m m σ m σ m m = σ + σ e posto σ1 σ σ1 m m β 1 =, risulta β > 0 σ σ Si ha la F.E m = βσ + α Si può verificare che la retta passa per A e B.

52 Perfetta correlazione positiva 5 m P m B m 1 A ρ = 1 σ 1 σ σ P

53 ρ=-1:perfetta correlazione negativa 53 La () diventa : Quindi [ (1 ) ] σ σ σ P = x 1 x P = P = x 1 (1 x) σ σ σ σ σ P = 1 xσ (1 x) σ, per x 1 σ σ + σ 1 [ ] xσ (1 x) σ, per x 1 σ σ + σ 1

54 ρ=-1:perfetta correlazione negativa 54 Si noti che per x= σ /(σ 1 + σ ) si ottiene un PRT con varianza nulla! Esaminiamo i due casi separatamente: 1 si ricava la variabile x e si sostituisce nella (1). σ + σ x = Si ottiene σ + σ 1 m m1 m m1σ mσ 1 = σ + + σ + σ σ + σ 1 1

55 ρ=-1:perfetta correlazione negativa 55 Per semplificare si pone m1 m β1 = σ + σ e α = 1 1 m1σ + mσ 1 σ + σ 1 Notare che β 1 <0! Si ha la F.E m = β 1 σ + α 1 Si può verificare che tale retta passa per i punti A e C (0, α 1 )

56 ρ=-1:perfetta correlazione negativa 56 si ricava la variabile x e si sostituisce nella (1): σ + σ x = σ 1+ σ m m mσ m Si ottiene m = σ + + σ1+ σ σ1+ σ Posto m m m1σ + mσ 1 1 β =, con β > 0 e α1 = σ + σ σ1+ σ 1 Si ha la F.E m = β σ + α 1 Si può verificare che tale retta passa per i punti C (0, α 1 ) e B. σ 1 1 1

57 PRT con perfetta correlazione negativa 57 m P m B C m 1 1 A ρ = -1 σ 1 σ σ P

58 PRT ammissibili 58 m P m ρ = -1 B C m 1 ρ = -1 PRT ammissibili A ρ=1 σ 1 σ σ P

59 PRT ammissibili 59 m P m ρ -1 B C ρ 1 m 1 A σ 1 σ σ P

60 Esempio 60 Le formule relative ai casi esaminati si semplificano notevolmente quando si sostituiscono valori numerici. Si considerano due azioni tali che: R 1 : m 1 = 10%, σ 1 = 18% R : m =16%, σ = 30% Sia ρ = 1 graficamente abbiamo visto che la F.E. è lineare m% A B σ%

61 Esempio con ρ = 1 61 Calcoliamo m P e σ P m P = 10x+16(1-x)= 16-6x (1) σ P = 18x+30(1-x)= 30-1x Ricavo x : x=(30- σ)/1 e sostituisco in (1) m P = 0,5 σ P +1 F.E. Verifico che passa per A e B.

62 Esempio ρ =- 1 6 Sia ρ = -1. La (1) non cambia m P = 16-6x σ P = 18x-30(1-x) = 48x-30 σ P = 1 48x 30 per x 0,65-48x + 30 per x 0,65 1 σ P = 48x-30 Ricavo x : x=( σ+30)/48 e sostituisco in (1) m P = 1,5 0,15 σ P F.A. Verifico che passa per A e C

63 Esempio ρ = La () diventa σ P = -48x+30, per x 0,65 Ricavo x : x=( 30-σ)/48 e sostituisco in (1) m P = 1,5 + 0,15 σ P F.E. Verifico che non passa per A, passa per B e C:i PRT efficienti sono collocati sul segmento CB m% 16 1,5 10 C A B σ%

64 Esempio ρ = 0 64 Non abbiamo le formule generali, iniziamo con i dati: σ P = x σ 1 + (1-x) σ + 0 = 18 x + 30 (1-x) Sviluppando e raccogliendo risulta σ P = 1.4 x x La varianza del PRT è una funzione di secondo grado che dipende da x. Quando è minima la varianza? d dx σ =.448x =0 x=0.735

65 Esempio ρ = 0 65 Sostituendo questo valore di x in σ P si ha: σ P = 38,, σ = 38, = 15,4% P Quale rendimento medio corrisponde a questo PRT? σ% V x

66 Esempio ρ = 0 66 Dalla (1) m P = 16 6x sostituendo x= 0,735 Si ha m P = 11,58% Possiamo allora cercare di rappresentare la F.E. Sull arco VB sono collocati i PRT efficienti. Una opportuna miscela di A e B conduce al PRT V con σ V = 15,4% < σ 1. Come si spiega? m% 16 m V 10 V σ V A A B σ%

67 F.E. con punto di svolta 67 E opportuno caratterizzare i casi in cui la F.E. ha un punto di svolta. Si dimostra che esiste un ρ* > 0 tale che: se ρ P > ρ* non si ha punto di svolta. La linea dei PRT ammissibili è compresa tra σ 1 e σ e coincide con i PRT efficienti se ρ P ρ* la curva ha un punto di svolta: i PRT efficienti sono collocati sull arco superiore della curva VB

68 F.E. con punto di svolta 68 Possiamo distinguere tre casi possibili 1 3 m m m m 1 V m 1 V m 1 V σ σ σ

69 F.E. con punto di svolta 69 Deve essere V compreso tra m 1 e m : casi e 3. Se V= m 1 x=1 In altri termini la varianza è minima per x=1 σ P = x σ 1 + (1-x) σ + x(1-x) ρ 1 σ 1 σ σ = d dx 0 per x= 1 dσ dx x= 1 σ = σ ρσσ = 0 ρ* = σ

70 F.E. con punto di svolta 70 Quindi in un PRT c è contrazione del rischio se risulta ρ P ρ*. Rivediamo i casi esaminati 1 3 m m 1 m m m 1 m 1 ρ P >ρ* ρ P =ρ* ρ P < ρ* σ σ σ

71 Esempio con contrazione del rischio 71 Riprendiamo l esempio già trattato: si ha σ 1 = 18% e σ = 30% Se fosse ρ P = 0,3 come trovare i PRT efficienti che investono nelle due azioni? Notiamo che risulta Occorre calcolare σ P σ P = 900x 1.476x +900 σ 18 ρ = = = ρ< ρ 1 * 0,6 quindi * σ 30 con i nuovi dati. Si ha σ = x d dx σ = d dx per x= 0,8

72 Esempio con contrazione del rischio 7 Risaliamo alle coordinate in σ e m : σ (x=0,83) =89,84, σ=17,0% m P (x=0,83) =16-6x=11,08% PRT a var Minima: V x = 0.8 = σ = 17% m = 11% PRT efficienti: arco VB m% V A B σ%

73 Esempio con contrazione del rischio 73 Se invece fosse ρ P = 0,7 come trovare i PRT efficienti che investono nelle due azioni? Notiamo che risulta σ 18 ρ = = = ρ> ρ σ 30 1 * 0,6 quindi * Occorre calcolare σ P con i nuovi dati. Si ha σ P = 468x 1.044x +900 σ = x d dx σ = d dx 0 per x= 1,11

74 Esempio con contrazione del rischio 74 La Var è minima per valori non ammissibili! Infatti graficamente si nota che i PRT efficienti sono sull arco AB m% 16 B Non c è contrazione del rischio 10 V A σ% 18 30

75 Effetto delle correlazioni 75 Si può verificare che il portafoglio efficiente a varianza minima abbia varianza minore di min(σ 1,σ ). si parla di effetto contrazione del rischio. Quale relazione deve intercorrere tra i due titoli, perché si verifichi l effetto contrazione?

76 Riassumendo 76 portafoglio con due titoli rischiosi se ρ=1 non ho benefici della diversificazione, tanto vale investire nel titolo a rischio minore, se voglio minimizzare il rischio se ρ<ρ* inizio ad avere benefici nel diversificare, se ρ=-1 posso addirittura annullare il rischio

77 Sommario 77 Rivediamo brevemente gli indicatori statistici per singoli titoli indicatori di rendimento indicatori di rischio varianza e deviazione standard Indicatori statistici per portafogli rendimento e rischio correlazione e covarianza Come confrontare i titoli e i portafogli tra loro? La frontiera efficiente portafoglio con due titoli rischiosi portafoglio composto da un risk free e un titolo rischioso portafoglio a n titoli

78 Portafoglio con due titoli, uno privo di rischio 78 Si consideriamo due titoli 1) investimento certo (0,R f ) ) investimento aleatorio caratterizzato da (σ, E(R )) Ipotizziamo E(R ) >R f

79 Portafoglio con due titoli, uno privo di rischio 79 Il portafoglio generale e caratterizzato da E(R) = x E(R f ) + (1-x) E(R ) σ = x σ 1 + (1-x) σ + x(1-x) σ 1 σ ρ Rischio nullo Correlazione nulla Per cui il tutto si semplifica in (1) () E( R) = R σ f = (1 x) x + (1 x) E( R σ ) Dobbiamo esprimere il rendimento in funzione del rischio

80 I portafogli ammissibili 80 Dalla () ricavo (1 x) σ = σ Sostituisco nella (1) E( R) = R f x + (1 x) E( R ) L insieme dei portafogli ammissibili E( R) = R f + ( E( R ) R f ) σ σ

81 Esempi 81 Investi 100 Euro in un portafoglio. Il portafoglio comprende: 1) un asset rischioso con un rendimento atteso del 1% e deviazione standard del 15% ) un investimento privo di rischio con rendimento 5%. Quale percentuale del portafoglio dovrebbe essere investita in attività prive di rischio in modo che l'intero portafoglio abbia deviazione standard pari al 9%?

82 Soluzione 8 Le equazioni di rendimento e rischio sono E( r ) σ = = 5% x + (1 (1 x) 15% x ) 1% 0 Imponendo che la deviazione standard sia 9% σ x = (1 6 = 15 x)15% = 5 = 9%

83 Esempi 83 Investi 100 Euro in un portafoglio. Il portafoglio comprende: 1) un asset rischioso con un rendimento atteso del 1% e deviazione standard del 15% ) un investimento privo di rischio con rendimento 5%. Quale percentuale del portafoglio dovrebbe essere investita in attività prive di rischio in modo che l'intero portafoglio abbia deviazione standard pari al 9%? La percentuale del portafoglio investita in attività prive di rischio è x=/5 ossia il 40%

84 Esempi 84 Hai 500 Euro da investire. Il tasso di rendimento privo di rischio è 8%, così come quello di finanziamento. Il rendimento di un titolo rischioso è il 16%. Se volessi ottenere un rendimento del %, quanto dovresti investire nell attività priva di rischio?

85 Soluzione 85 L equazioni del rendimento è E( r ) = 8% x + (1 x ) 16% Non ho informazioni sulla volatilità del titolo. Imponendo che il rendimento atteso sia % E( r) = 8% x + (1 x)16% 0 3 x = 4 = %

86 Esempi 86 Hai 500 Euro da investire. Il tasso di rendimento privo di rischio è 8%, così come quello di finanziamento. Il rendimento di un titolo rischioso è il 16%. Se volessi ottenere un rendimento del %, quanto dovresti investire nell attività priva di rischio? La percentuale del portafoglio investita in attività prive di rischio è x=-3/4 ossia dovrei finanziarmi per 375 Euro.

87 Quale portafoglio scegliere? 87 Tutti i punti sulla frontiera efficiente sono buone combinazioni di rischio/ rendimento, tuttavia..non e detto che due portafogli efficienti siano egualmente desiderabili. la scelta tra i portafogli efficienti avviene in base alla propensione al rischio dell investitore

88 Quale portafoglio scegliere? 88 Ogni investitore e caratterizzato da una funzione di utilità che ne coglie le caratteristiche di tolleranza al rischio. La funzione di utilità viene calcolata su una combinazione rischio rendimento e misura l utilità che deriva dal possedere un portafoglio con questo profilo. Proviamo a rispondere alla domanda Hai vinto un premio, scegli tu quale a) $000 subito e certi b) una possibilità del 50% di vincere $5000

89 Quale portafoglio scegliere? 89 Esistono combinazioni di rischio e rendimento che forniscono la stessa utilità ossia i portafogli che danno la stessa utilità sono indifferenti -- Curve di indifferenza Il portafoglio ottimo e ottenuto dal punto di intersezione tra le curve di indifferenza che fornisce la più elevata utilità e la frontiera efficiente.

90 Quale portafoglio scegliere? 90

91 PRT efficienti e curve di utilità 91 Esistono tre tipologie di atteggiamenti nei confronti del rischio: Propensione al rischio Neutralità verso il rischio Avversione al rischio La Portfolio Theory assume l ipotesi che tutti gli individuai siano avversi al rischio. Questo corrisponde a una funzione non decrescente e concava. Quale funzione è atta ad esprimere le preferenze individuali? lineare Quadratica Cubica Logaritmica, od altro?

92 PRT efficienti e curve di utilità 9 Si assume che le preferenze siano ben rappresentate da una funzione di utilità quadratica Sia R una v.a. che rappresenta il rendimento % di un titolo o di un PRT: allora U(R)=R-gR, con g parametro positivo Funzione non decrescente e concava. Verifichiamolo: - U (R)= 1-gR 0, per R 1/(g) -U (R)=-g<0, essendo g>0 Si tratta di una famiglia di parabole con vertice R=1/(g) U(R) R

93 PRT efficienti e curve di utilità 93 Calcoliamo il valore atteso di U(R) (variabile aleatoria) E[U(R)] = E(R-gR )= E(R) ge(r ) (*) Per il momento del secondo ordine E( R ) ricordiamo che vale Var(R)= E(R )- [E(R)], quindi E(R )=Var(R)+ [E(R)] = σ + m e sostituendo in (*) E[U(R)]= m g(σ + m ), dove g misura del grado di avversione al rischio. Indicato con µ una costante, si pone E[U(R)]= µ luogo di utilità costante e si ottiene

94 PRT efficienti e curve di utilità 94 m g σ -gm = µ e dividendo per (-g) σ + 1 m µ m g + g = Con centro C(0, 1/(g)) e raggio 0 Equazione di un fascio di circonferenze concentriche 1 r = 4g c g Nel piano m- σ sono rappresentati da archi di circonferenza per m<1/(g).: sono tratti di curve di isoutilità

95 PRT efficienti e curve di utilità 95 m P Utilità crescente σ P

96 PRT efficienti e curve di utilità 96 m P P Il portafoglio ottimale sara quello efficiente, cioè sulla F.E., che si trova sulla curva di indifferenza piu elevata nel grafico P σ P Il PRT P è il punto di tangenza tra la famiglia di curve di isoutilità a l equazione della F.E.

97 Il modello più semplice : esempio 97 Data la frontiera efficiente m P = 1+0,5 σ P con 18 σ P 30 ci proponiamo di trovare il PRT ottimo, avendo un grado di avversione al rischio pari a g=4. Occorre risolvere max( m g σ -gm ) sapendo che m P = 1+0,5 σ P. 18 σ P 30 Si tratta di mettere a sistema le due funzioni e risalire all unica soluzione. Il testo indica come utilità quadratica: E[ U ( R)] = E( R) 0.5Aσ

98 Avversione al rischio e asset allocation 98 Un elevata avversione/propensione al rischio porta ad un portafoglio con un alta/bassa componente di attività priva di rischio Un investitore può aumentare il grado di rischiosità del suo portafoglio tramite effetto leva o leverage

99 Selezione dei portafogli ottimali e propensione al rischio 99 E(r) P Borrower r f Lender σ

100 Portafogli efficienti in presenza di un tasso di 100 indebitamento h>r f E(r) E(r 0 ) h P r f σ σ 0

101 Frontiera efficiente con tre titoli rischiosi 101 E(r) E(r 3 ) E(r ) E(r 1 )

102 Frontiera efficiente con più titoli rischiosi: esempio intuitivo 10 E(r)

103 103 Frontiera efficiente con più titoli rischiosi Frontiera efficiente con più titoli rischiosi Fissato un livello di rendimento K, determino il portafoglio a varianza minima. Si tratta di minimizzare la varianza. Posso pensare di far girare del software 1 ) ( vincoli rispetto dei ,.. = = i i i i i n n x x x k r E x nel x x x x x x x Min n ρ σ σ ρ σ σ σ σ σ

104 104 Frontiera efficiente con più titoli rischiosi Frontiera efficiente con più titoli rischiosi Spesso si preferisce usare una notazione matriciale. Con vincoli [ ] x x x x Min σ σ ρσ σ ρσ σ [ ] = x x [ ] µ = ) ( ) ( 1 1 r E r E x x

105 Frontiera efficiente con più titoli rischiosi 105 Spesso si preferisce usare una notazione matriciale ancora piu compatta Min ' xv x Con vincoli ' x E( r) = µ x'1 = 1

106 La frontiera dei portafogli efficienti 106 E(r) Frontiera efficiente Portafoglio a rischio minimo singole azioni insieme dei portafogli a rischio minimo St. Dev.

107 Includiamo anche il titolo privo di rischio 107 E(r) retta (M) retta (A) M P A G A M P (retta per il punto a minima varianza globale) r f P P&F M A&F

108 Frontiera efficiente 108 E(r) E( r) = r f + ( E( r ) M σ M r f ) σ B M A rf St. Dev

109 Indice 109 Misure di rischio e rendimento La diversificazione dei rischi I modelli di portafoglio in media e varianza. La frontiera efficiente nello spazio rischio/rendimento Procedimenti per stimare i parametri del modello in media e varianza. Il Capital Asset Pricing Model L Arbitrage Pricing Theory.

Corso di teoria del rischio finanziario La teoria del portafoglio

Corso di teoria del rischio finanziario La teoria del portafoglio Corso di teoria del rischio finanziario La teoria del portafoglio Anno Accademico 2014/2015 - Università degli Studi di Messina Prof. Massimiliano Ferrara Università "Mediterranea di Reggio Calabria -

Dettagli

LEZIONE 4. Il Capital Asset Pricing Model. Professor Tullio Fumagalli Corso di Finanza Aziendale Università degli Studi di Bergamo.

LEZIONE 4. Il Capital Asset Pricing Model. Professor Tullio Fumagalli Corso di Finanza Aziendale Università degli Studi di Bergamo. LEZIONE 4 Il Capital Asset Pricing Model 1 Generalità 1 Generalità (1) Il Capital Asset Pricing Model è un modello di equilibrio dei mercati che consente di individuare una precisa relazione tra rendimento

Dettagli

RISCHIO E RENDIMENTO DEGLI STRUMENTI FINANZIARI. Docente: Prof. Massimo Mariani

RISCHIO E RENDIMENTO DEGLI STRUMENTI FINANZIARI. Docente: Prof. Massimo Mariani RISCHIO E RENDIMENTO DEGLI STRUMENTI FINANZIARI Docente: Prof. Massimo Mariani 1 SOMMARIO Il rendimento di un attività finanziaria: i parametri rilevanti Rendimento totale, periodale e medio Il market

Dettagli

Indice. Le curve di indifferenza sulla frontiera di Markowitz UNIVERSITA DI PARMA FACOLTA DI ECONOMIA

Indice. Le curve di indifferenza sulla frontiera di Markowitz UNIVERSITA DI PARMA FACOLTA DI ECONOMIA UNIVERSITA DI PARMA FACOLTA DI ECONOMIA Corso di pianificazione finanziaria A.a. 2003/2004 1 Indice La Capital Market Theory di Markowitz Il Teorema della separazione di Tobin e la Capital Market Line

Dettagli

Rischio e rendimento degli strumenti finanziari

Rischio e rendimento degli strumenti finanziari Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Rischio e rendimento degli strumenti finanziari Capitolo 15 Indice degli argomenti 1. Analisi dei rendimenti delle principali attività

Dettagli

5.4 Solo titoli rischiosi

5.4 Solo titoli rischiosi 56 Capitolo 5. Teoria matematica del portafoglio finanziario II: analisi media-varianza 5.4 Solo titoli rischiosi Suppongo che sul mercato siano presenti n titoli rischiosi i cui rendimenti aleatori sono

Dettagli

Le curve di indifferenza sulla frontiera di Markowitz

Le curve di indifferenza sulla frontiera di Markowitz UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA FACOLTA DI ECONOMIA Corso di pianificazione finanziaria da Markowitz al teorema della separazione e al CAPM Le curve di indifferenza sulla frontiera di Markowitz Markowitz

Dettagli

LA VALUTAZIONE DI PORTAFOGLIO. Giuseppe G. Santorsola 1

LA VALUTAZIONE DI PORTAFOGLIO. Giuseppe G. Santorsola 1 LA VALUTAZIONE DI PORTAFOGLIO Giuseppe G. Santorsola 1 Rendimento e rischio Rendimento e rischio di un singolo titolo Rendimento e rischio di un portafoglio Rendimento ex post Media aritmetica dei rendimenti

Dettagli

Il Capital asset pricing model è un modello di equilibrio dei mercati, individua una relazione tra rischio e rendimento, si fonda sulle seguenti

Il Capital asset pricing model è un modello di equilibrio dei mercati, individua una relazione tra rischio e rendimento, si fonda sulle seguenti Il Capital asset pricing model è un modello di equilibrio dei mercati, individua una relazione tra rischio e rendimento, si fonda sulle seguenti ipotesi: Gli investitori sono avversi al rischio; Gli investitori

Dettagli

Operazioni finanziarie. Asset allocation: come ottimizzare un portafoglio di attività finanziarie. di Amedeo De Luca (*)

Operazioni finanziarie. Asset allocation: come ottimizzare un portafoglio di attività finanziarie. di Amedeo De Luca (*) Operazioni Tecniche Asset allocation: come ottimizzare un portafoglio di attività di Amedeo De Luca (*) Attraverso una composizione del portafoglio di attività strategica e ben condotta i gestori finanziari

Dettagli

Finanza Aziendale. Lezione 12. Analisi del rischio

Finanza Aziendale. Lezione 12. Analisi del rischio Finanza Aziendale Lezione 12 Analisi del rischio Obiettivi i della lezione I rendimenti e la loro misurazione I rendimenti medi ed il loro rischio La misurazione del rischio e l effetto diversificazione

Dettagli

Sommario. Prefazione XI PARTE I INTRODUZIONE 1. Capitolo 1 Arbitraggio e decisioni finanziarie 3

Sommario. Prefazione XI PARTE I INTRODUZIONE 1. Capitolo 1 Arbitraggio e decisioni finanziarie 3 Sommario Prefazione XI PARTE I INTRODUZIONE 1 Capitolo 1 Arbitraggio e decisioni finanziarie 3 1.1 Valutazione dei costi e benefici 4 Utilizzo dei prezzi di mercato per determinare valori monetari 4 Quando

Dettagli

FINANZA AZIENDALE AVANZATO

FINANZA AZIENDALE AVANZATO FINANZA AZIENDALE AVANZATO La diversificazione di portafoglio e il CAPM Lezione 3 e 4 1 Scopo della lezione Illustrare il modello logico-teorico più utilizzato nella pratica per stimare il rendimento equo

Dettagli

Indice. Presentazione

Indice. Presentazione Indice Presentazione di Pier Luigi Fabrizi pag. XIII 1 L economia del mercato mobiliare di Pier Luigi Fabrizi» 1 1.1 Premessa» 1 1.2 L esercizio semantico» 1 1.3 La collocazione della disciplina» 4 Bibliogra

Dettagli

Nella prima parte del corso l attenzione è venuta appuntandosi sui problemi inerenti la valutazione di investimenti aziendali e di strumenti

Nella prima parte del corso l attenzione è venuta appuntandosi sui problemi inerenti la valutazione di investimenti aziendali e di strumenti Nella prima parte del corso l attenzione è venuta appuntandosi sui problemi inerenti la valutazione di investimenti aziendali e di strumenti finanziari in un contesto di flussi finanziari certi, tuttavia

Dettagli

La ricerca di extrarendimenti nella gestione del patrimonio: i fondi di strategia

La ricerca di extrarendimenti nella gestione del patrimonio: i fondi di strategia La ricerca di extrarendimenti nella gestione del patrimonio: i fondi di strategia Indice Premessa Introduzione Capitolo 1: I primi sviluppi della teoria di portafoglio 1.1 La teoria del portafoglio di

Dettagli

TECNICHE DI STIMA DEL COSTO DEL CAPITALE AZIONARIO. Docente: Prof. Massimo Mariani

TECNICHE DI STIMA DEL COSTO DEL CAPITALE AZIONARIO. Docente: Prof. Massimo Mariani TECNICHE DI STIMA DEL COSTO DEL CAPITALE AZIONARIO Docente: Prof. Massimo Mariani 1 SOMMARIO Il costo del capitale: la logica di fondo Le finalità del calcolo del costo del capitale Il costo del capitale

Dettagli

Non esiste un investimento perfetto in assoluto, esiste invece un investimento ottimale per ognuno di noi.

Non esiste un investimento perfetto in assoluto, esiste invece un investimento ottimale per ognuno di noi. ANALISI DEGLI INVESTIMENTI Non esiste un investimento perfetto in assoluto, esiste invece un investimento ottimale per ognuno di noi. Come un comodo abito ogni investimento deve essere fatto su misura.

Dettagli

2 + (σ2 - ρσ 1 ) 2 > 0 [da -1 ρ 1] b = (σ 2. 2 - ρσ1 σ 2 ) = (σ 1

2 + (σ2 - ρσ 1 ) 2 > 0 [da -1 ρ 1] b = (σ 2. 2 - ρσ1 σ 2 ) = (σ 1 1 PORTAFOGLIO Portafoglio Markowitz (2 titoli) (rischiosi) due titoli rendimento/varianza ( μ 1, σ 1 ), ( μ 2, σ 2 ) Si suppone μ 1 > μ 2, σ 1 > σ 2 portafoglio con pesi w 1, w 2 w 1 = w, w 2 = 1- w 1

Dettagli

Indice. Presentazione

Indice. Presentazione Presentazione di Pier Luigi Fabrizi pag. XIII 1 LÕeconomia del mercato mobiliare di Pier Luigi Fabrizi È 1 1.1 Premessa È 1 1.2 LÕesercizio semantico È 1 1.3 La collocazione della disciplina È 4 Bibliografia

Dettagli

GUIDA ALLA LETTURA DELLE SCHEDE FONDI

GUIDA ALLA LETTURA DELLE SCHEDE FONDI GUIDA ALLA LETTURA DELLE SCHEDE FONDI Sintesi Descrizione delle caratteristiche qualitative con l indicazione di: categoria Morningstar, categoria Assogestioni, indice Fideuram. Commenti sulla gestione

Dettagli

Capital budgeting. Luca Deidda. Uniss, CRENoS, DiSEA. Luca Deidda (Uniss, CRENoS, DiSEA) Lecture 19 1 / 1

Capital budgeting. Luca Deidda. Uniss, CRENoS, DiSEA. Luca Deidda (Uniss, CRENoS, DiSEA) Lecture 19 1 / 1 Capital budgeting Luca Deidda Uniss, CRENoS, DiSEA Luca Deidda (Uniss, CRENoS, DiSEA) Lecture 19 1 / 1 Introduzione Scaletta Introduzione Incertezza e costo del capitale Costo del capitale di rischio (equity

Dettagli

Il criterio media-varianza e il modello CAPM

Il criterio media-varianza e il modello CAPM Il criterio media-varianza e il modello CAPM 1 Il criterio media-varianza Se α 1 è la quota della ricchezza destinata all acquisto del titolo 1 e α 2 èlaquota impiegata nell acquisto del titolo 2, il valore

Dettagli

CAPIRE E GESTIRE I RISCHI FINANZIARI Interrelazioni rischio rendimento e misure RAPM

CAPIRE E GESTIRE I RISCHI FINANZIARI Interrelazioni rischio rendimento e misure RAPM CAPIRE E GESTIRE I RISCHI FINANZIARI Interrelazioni rischio rendimento e misure RAPM Prof. Marco Oriani Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano 17 ottobre 2011 - Sala Convegni S.A.F. SCUOLA DI ALTA

Dettagli

In termini di rischio le conclusioni a cui giunge il modello possono riassumersi nelle seguenti proposizioni:

In termini di rischio le conclusioni a cui giunge il modello possono riassumersi nelle seguenti proposizioni: b) Il capital Asset Pricing Model (CAPM) Il modello del CAPM è stato elaborato agli inizi degli anni 60 da tre studiosi americani: Sharpe, Lintner e Mossin. Le ipotesi semplificatrici alla base del modello

Dettagli

SELEZIONE DI UN PORTAFOGLIO EFFICIENTE DI ATTIVITÀ MOBILIARI E IMMOBILIARI

SELEZIONE DI UN PORTAFOGLIO EFFICIENTE DI ATTIVITÀ MOBILIARI E IMMOBILIARI UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTA DI SCIENZE STATISTICHE Corso di laurea in Statistica, Economia e Finanza TESI DI LAUREA SELEZIONE DI UN PORTAFOGLIO EFFICIENTE DI ATTIVITÀ MOBILIARI E IMMOBILIARI

Dettagli

23 Giugno 2003 Teoria Matematica del Portafoglio Finanziario e Modelli Matematici per i Mercati Finanziari ESERCIZIO 1

23 Giugno 2003 Teoria Matematica del Portafoglio Finanziario e Modelli Matematici per i Mercati Finanziari ESERCIZIO 1 23 Giugno 2003 Teoria Matematica del Portafoglio Finanziario e Modelli Matematici per i Mercati Finanziari In uno schema uniperiodale e in un contesto di analisi media-varianza, si consideri un mercato

Dettagli

Valutazione di investimenti e finanziamenti: Strumenti matematici

Valutazione di investimenti e finanziamenti: Strumenti matematici Valutazione di investimenti e finanziamenti: Strumenti matematici di Angelo Fiori Prima parte Premessa Di seguito si indicano gli strumenti matematici che ci vengono in aiuto per valutare sia progetti

Dettagli

MODULO 1 UNITA DIDATTICA 2

MODULO 1 UNITA DIDATTICA 2 MODULO 1 Investimento e rischio di investimento UNITA DIDATTICA 2 Nozioni di base per la valutazione degli investimenti Elementi di distribuzione dei rendimenti e Analisi Rendimento - Rischio per il portafoglio

Dettagli

Finanza Aziendale. Misura e valutazione del

Finanza Aziendale. Misura e valutazione del Teoria della Finanza Aziendale Misura e valutazione del rischio 7 1- Argomenti Il rischio Il rischio negli investimenti finanziari La misurazione del rischio Varianza e scarto quadratico medio Il rischio

Dettagli

La valutazione delle aziende. 4a parte

La valutazione delle aziende. 4a parte La valutazione delle aziende 4a parte 95 Il WACC Il WACC non è né un costo, né un rendimento minimo: è la media ponderata di un costo e di un rendimento minimo. Considerare il WACC un costo può essere

Dettagli

Strategie α nella costruzione di portafoglio. 03 Maggio 2012

Strategie α nella costruzione di portafoglio. 03 Maggio 2012 Strategie α nella costruzione di portafoglio 03 Maggio 2012 AGENDA La costruzione di portafoglio Le strategie alpha Il portafoglio con strategie alpha LA COSTRUZIONE DI UN PORTAFOGLIO FINANZIARIO Un portafoglio

Dettagli

Corso di Risk Management S

Corso di Risk Management S Corso di Risk Management S Marco Bee marco.bee@economia.unitn.it Dipartimento di Economia Università di Trento Anno Accademico 2007-2008 Struttura del corso Il corso può essere suddiviso come segue: 1.

Dettagli

Capitolo 1. Profilo finanziario degli investimenti 1

Capitolo 1. Profilo finanziario degli investimenti 1 Indice Prefazione Introduzione XIII XV Capitolo 1. Profilo finanziario degli investimenti 1 1.1 Definizione e tipologie di investimento 1 1.1.1 Caratteristiche degli investimenti produttivi 3 1.1.2 Caratteristiche

Dettagli

Valutazione di investimenti e finanziamenti Strumenti matematici e utilizzo di Microsoft excel

Valutazione di investimenti e finanziamenti Strumenti matematici e utilizzo di Microsoft excel Valutazione di investimenti e finanziamenti Strumenti matematici e utilizzo di Microsoft excel Prima parte... 2 Premessa... 2 Valore attuale di una rendita... 3 Sintassi per l utilizzo delle formule in

Dettagli

IL RISCHIO D IMPRESA ED IL RISCHIO FINANZIARIO. LA RELAZIONE RISCHIO-RENDIMENTO ED IL COSTO DEL CAPITALE.

IL RISCHIO D IMPRESA ED IL RISCHIO FINANZIARIO. LA RELAZIONE RISCHIO-RENDIMENTO ED IL COSTO DEL CAPITALE. IL RISCHIO D IMPRESA ED IL RISCHIO FINANZIARIO. LA RELAZIONE RISCHIO-RENDIMENTO ED IL COSTO DEL CAPITALE. Lezione 5 Castellanza, 17 Ottobre 2007 2 Summary Il costo del capitale La relazione rischio/rendimento

Dettagli

Il rischio di un portafoglio

Il rischio di un portafoglio Come si combinano in un portafoglio i rischi di 2 titoli? dipende dai pesi e dal valore delle covarianze covarianza a a ρ a b ρ a b ρ b b ρ coefficiente di correlazione = cov / ² p = a² ² + b² ² + 2 a

Dettagli

Capitolo 20: Scelta Intertemporale

Capitolo 20: Scelta Intertemporale Capitolo 20: Scelta Intertemporale 20.1: Introduzione Gli elementi di teoria economica trattati finora possono essere applicati a vari contesti. Tra questi, due rivestono particolare importanza: la scelta

Dettagli

Scelte in condizioni di rischio e incertezza

Scelte in condizioni di rischio e incertezza CAPITOLO 5 Scelte in condizioni di rischio e incertezza Esercizio 5.1. Tizio ha risparmiato nel corso dell anno 500 euro; può investirli in obbligazioni che rendono, in modo certo, il 10% oppure in azioni

Dettagli

Misurazione, gestione e monitoraggio dei rischi finanziari

Misurazione, gestione e monitoraggio dei rischi finanziari CAPIRE E GESTIRE I RISCHI FINANZIARI Misurazione, gestione e monitoraggio dei rischi finanziari Dario Brandolini Banca Intermobiliare Mario Seghelini Banca Esperia 25 Ottobre 2011 - Sala Convegni S.A.F.

Dettagli

La scelta di portafoglio

La scelta di portafoglio La scelta di portafoglio 1 La scelta di portafoglio La scelta di portafoglio: il modo in cui un individuo decide di allocare la propria ricchezza tra più titoli Il mercato dei titoli è un istituzione che

Dettagli

Le operazioni di assicurazione e la teoria

Le operazioni di assicurazione e la teoria Capitolo 1 Le operazioni di assicurazione e la teoria dell utilità 1.1 Introduzione In questo capitolo si discutono alcuni aspetti di base della teoria delle assicurazioni. In particolare, si formalizza

Dettagli

Analisi di bilancio: redditività e finanza

Analisi di bilancio: redditività e finanza Analisi di bilancio: redditività e finanza Analisi di bilancio: redditività e finanza Redditività finale per i proprietari: gli effetti della finanza gli effetti delle imposte e delle rettifiche : la teoria

Dettagli

RISCHIO IN AMBITO FINANZIARIO

RISCHIO IN AMBITO FINANZIARIO FINANCIAL RISK and EFFICIENT PORTFOLIO Il presente Progetto di Ricerca si inquadra nell ambito dell ottimizzazione di impiego di tecnologie avanzate del settore ICT in Organizzazioni Complesse, ovvero

Dettagli

(accuratezza) ovvero (esattezza)

(accuratezza) ovvero (esattezza) Capitolo n 2 2.1 - Misure ed errori In un analisi chimica si misurano dei valori chimico-fisici di svariate grandezze; tuttavia ogni misura comporta sempre una incertezza, dovuta alla presenza non eliminabile

Dettagli

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI Capitolo 9: PROPAGAZIOE DEGLI ERRORI 9.1 Propagazione degli errori massimi ella maggior parte dei casi le grandezze fisiche vengono misurate per via indiretta. Il valore della grandezza viene cioè dedotto

Dettagli

LA STIMA DEL COST OF EQUITY (Ke) Valutazione d impresa aprile 2012 dott. Lanfranco Lodi

LA STIMA DEL COST OF EQUITY (Ke) Valutazione d impresa aprile 2012 dott. Lanfranco Lodi LA STIMA DEL COST OF EQUITY (Ke) 0 CAPM: si fonda sul presupposto che investitori realizzino diversificazione di portafoglio remunerazione solo del rischio non diversificabile R i =K el* = R f + β i x

Dettagli

Modelli di portafoglio

Modelli di portafoglio Università Bicocca - Milano Anno Accademico 2007 / 2008 Modelli di portafoglio Corso di Risk Management Milano, 26 Marzo 2008 Perchè stimare EL e UL: un esempio Actual Portfolio Loss 2.00% 1.80% 1.60%

Dettagli

Indice generale. Parte prima Valore 1. Nota dell editore

Indice generale. Parte prima Valore 1. Nota dell editore 02. indice (V-X) 14-07-2003 16:40 Pagina V Nota dell editore XI Parte prima Valore 1 1 Perché la finanza aziendale è importante 3 1.1 Ruolo del manager finanziario 3 1.2 Chi è il manager finanziario? 5

Dettagli

ANALISI DEL RISCHIO NELLA VALUTAZIONE DEGLI INVESTIMENTI. Docente: Prof. Massimo Mariani

ANALISI DEL RISCHIO NELLA VALUTAZIONE DEGLI INVESTIMENTI. Docente: Prof. Massimo Mariani ANALISI DEL RISCHIO NELLA VALUTAZIONE DEGLI INVESTIMENTI Docente: Prof. Massimo Mariani 1 SOMMARIO Analisi del rischio; limiti del VAN in contesti di incertezza; tecniche di descrizione del rischio dei

Dettagli

Il criterio media-varianza eilmodello CAPM. Enrico Saltari

Il criterio media-varianza eilmodello CAPM. Enrico Saltari Il criterio media-varianza eilmodello CAPM Enrico Saltari 1 Il criterio media-varianza Seα 1 èlaquotadellaricchezzadestinataall acquistodeltitolo1eα 2 èla quota impiegata nell acquisto del titolo 2, il

Dettagli

SOCIETA DI CONSULENZA IN FINANZA AZIENDALE E FORMAZIONE

SOCIETA DI CONSULENZA IN FINANZA AZIENDALE E FORMAZIONE SOCIETA DI CONSULENZA IN FINANZA AZIENDALE E FORMAZIONE Negli ultimi tre decenni, il Capital Asset Pricing model ha occupato un posto centrale e spesso controverso nella maggioranza degli strumenti di

Dettagli

Finanza Aziendale. Rischio e Valutazione degli

Finanza Aziendale. Rischio e Valutazione degli Teoria della Finanza Aziendale Rischio e Valutazione degli investimenti 9 1-2 Argomenti trattati Costo del capitale aziendale e di progetto Misura del beta Costo del capitale e imprese diversificate Costo

Dettagli

1 IL RISCHIO: INTRODUZIONE.2 2 LA VOLATILITA.4

1 IL RISCHIO: INTRODUZIONE.2 2 LA VOLATILITA.4 IL RISCHIO 1 IL RISCHIO: INTRODUZIONE.2 2 LA VOLATILITA.4 2.1 La volatilità storica... 4 2.2 Altri metodi di calcolo... 5 3 LA CORRELAZIONE..6 4 IL VALUE AT RISK....8 4.1 I metodi analitici... 9 4.2 La

Dettagli

Capitolo 23: Scelta in condizioni di incertezza

Capitolo 23: Scelta in condizioni di incertezza Capitolo 23: Scelta in condizioni di incertezza 23.1: Introduzione In questo capitolo studiamo la scelta ottima del consumatore in condizioni di incertezza, vale a dire in situazioni tali che il consumatore

Dettagli

Finanza Aziendale. Lezione 13. Introduzione al costo del capitale

Finanza Aziendale. Lezione 13. Introduzione al costo del capitale Finanza Aziendale Lezione 13 Introduzione al costo del capitale Scopo della lezione Applicare la teoria del CAPM alle scelte di finanza d azienda 2 Il rischio sistematico E originato dalle variabili macroeconomiche

Dettagli

La domanda di moneta

La domanda di moneta Corso interfacoltà in Economia Politica economica e finanza Modulo in Teoria e politica monetaria La domanda di moneta (terza parte) Giovanni Di Bartolomeo gdibartolomeo@unite.it La teoria keynesiana (preferenza

Dettagli

Lezione 5. Livello e composizione della ricchezza delle famiglie

Lezione 5. Livello e composizione della ricchezza delle famiglie Lezione 5. Livello e composizione della ricchezza delle famiglie Scelte finanziarie delle famiglie: a determinano i flussi di risparmio che alimentano lo stock di ricchezza; selezionano le attività patrimoniali

Dettagli

RENDIMENTO E RISCHIO DEI TITOLI AZIONARI. Prof. Marco Di Antonio

RENDIMENTO E RISCHIO DEI TITOLI AZIONARI. Prof. Marco Di Antonio RENDIMENTO E RISCHIO DEI TITOLI AZIONARI Prof. Marco Di Antonio PROBLEMATICITA Per i titoli azionari la costruzione di indicatori di rendimento è ancora più complessa rispetto ai titoli obbligazionari

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 4

Economia monetaria e creditizia. Slide 4 Economia monetaria e creditizia Slide 4 Le teorie diverse che spiegano come di determina la domanda di moneta possono essere ricondotte alle due funzioni di mezzo di pagamento e di riserva di valore la

Dettagli

Scelte in condizione di incertezza

Scelte in condizione di incertezza Scelte in condizione di incertezza Tutti i problemi di decisione che abbiamo considerato finora erano caratterizzati dal fatto che ogni possibile scelta dei decisori portava a un esito certo. In questo

Dettagli

Modelli di Ottimizzazione

Modelli di Ottimizzazione Capitolo 2 Modelli di Ottimizzazione 2.1 Introduzione In questo capitolo ci occuperemo più nel dettaglio di quei particolari modelli matematici noti come Modelli di Ottimizzazione che rivestono un ruolo

Dettagli

La struttura a Termine dei Tassi d interesse

La struttura a Termine dei Tassi d interesse La struttura a Termine dei Tassi d interesse Idee fondamentali Il tempo è rischio, quindi 100 domani non valgono 100 oggi. Ergo si deve attualizzare, ossia trovare il valore attuale dei 100 domani. Tuttosi

Dettagli

Separazione in due fondi Security Market Line CAPM

Separazione in due fondi Security Market Line CAPM Separazione in due fondi Security Market Line CAPM Eduardo Rossi Economia dei mercati monetari e finanziari A.A. 2002/2003 1 Separazione in due fondi Un vettore di rendimenti er può essere separato in

Dettagli

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A.

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A. CLASSE quinta INDIRIZZO AFM-SIA-RIM-TUR UdA n. 1 Titolo: LE FUNZIONI DI DUE VARIABILI E L ECONOMIA Utilizzare le strategie del pensiero razionale negli aspetti dialettici e algoritmici per affrontare situazioni

Dettagli

Derivati: principali vantaggi e utilizzi

Derivati: principali vantaggi e utilizzi Derivati: principali vantaggi e utilizzi Ugo Pomante, Università Commerciale Luigi Bocconi Trading Online Expo Milano 28, Marzo 2003 CONTENUTI In un mondo senza derivati I futures Le opzioni Strategie

Dettagli

Esercitazione di Martedì 28 Ottobre (Rischio-Rendimento) Esercizio n 1, Calcolo dei pesi all interno di un portafoglio costituito da 2 titoli

Esercitazione di Martedì 28 Ottobre (Rischio-Rendimento) Esercizio n 1, Calcolo dei pesi all interno di un portafoglio costituito da 2 titoli Esercitazione di Martedì 28 Ottobre (Rischio-Rendimento) Esercizio n 1, Calcolo dei pesi all interno di un portafoglio costituito da 2 titoli Un portafoglio è costituito dal titolo A e dal titolo B. Il

Dettagli

Valutazione d Azienda Lezione 5

Valutazione d Azienda Lezione 5 Valutazione d Azienda Lezione 5 1 Le prospettive di valutazione [P.I.V. I.7] Generico operatore partecipante al mercato Specifico soggetto 2 I partecipanti al mercato Si tratta della generalità dei potenziali

Dettagli

Modelli di comportamento delle banche

Modelli di comportamento delle banche Modelli di comportamento delle banche INTRODUZIONE Modelli del comportamento delle banche che tengano conto delle peculiarità dell attività bancaria Occorre incorporare l incertezza sui rendimenti delle

Dettagli

Regressione Mario Guarracino Data Mining a.a. 2010/2011

Regressione Mario Guarracino Data Mining a.a. 2010/2011 Regressione Esempio Un azienda manifatturiera vuole analizzare il legame che intercorre tra il volume produttivo X per uno dei propri stabilimenti e il corrispondente costo mensile Y di produzione. Volume

Dettagli

TEST FINANZA OTTOBRE 2013

TEST FINANZA OTTOBRE 2013 TEST FINANZA OTTOBRE 03. Si consideri la funzione f ( ) ln( e ). Determinare l espressione corretta della derivata seconda f ( ). e f( ) ( e ) A B f( ) e f( ) ln ( e ) C D f( ). Dati i tre vettori (, 3,

Dettagli

SECONDA PARTE La teoria delle scelte di portafoglio

SECONDA PARTE La teoria delle scelte di portafoglio SECONDA PARTE La teoria delle scelte di portafoglio Incertezza e domanda speculativa di moneta in Keynes Letture consigliate per la Seconda Parte Bodie Z., Kane A. e Marcus A.J. Investments, McGraw-Hill,

Dettagli

Titolo. Corso di Laurea magistrale in Economia e Finanza. Tesi di Laurea

Titolo. Corso di Laurea magistrale in Economia e Finanza. Tesi di Laurea Corso di Laurea magistrale in Economia e Finanza Tesi di Laurea Titolo Modelli della capital growth e dalla growth security nella gestione di portafoglio. Relatore Ch. Prof. Marco Corazza Laureando Alessio

Dettagli

Firenze, 30 maggio 2012

Firenze, 30 maggio 2012 Firenze, 30 maggio 2012 specchio Specchio, specchio delle mie brame, chi è il fondo più bello del reame? Come selezionate i fondi dei vostri clienti? Quali parametri usate per selezionare i fondi? I rendimenti

Dettagli

Capitolo 2 TEORIA DEL PORTAFOGLIO

Capitolo 2 TEORIA DEL PORTAFOGLIO Capitolo 2 TEORIA DEL PORTAFOGLIO La teoria del portafoglio si propone di studiare il modo ottimale di distribuire la ricchezza fra più titoli disponibili tenendo conto del rischio e del rendimento dei

Dettagli

La stima del premio per il rischio. Aswath Damodaran. Stern School of Business. 44 West Fourth Street. New York, NY 10012. Adamodar@stern.nyu.

La stima del premio per il rischio. Aswath Damodaran. Stern School of Business. 44 West Fourth Street. New York, NY 10012. Adamodar@stern.nyu. La stima del premio per il rischio Aswath Damodaran Stern School of Business 44 West Fourth Street New York, NY 10012 Adamodar@stern.nyu.edu La stima del premio per il rischio In finanza i premi per il

Dettagli

09 - Funzioni reali di due variabili reali

09 - Funzioni reali di due variabili reali Università degli Studi di Palermo Facoltà di Economia CdS Sviluppo Economico e Cooperazione Internazionale Appunti del corso di Matematica 09 - Funzioni reali di due variabili reali Anno Accademico 2013/2014

Dettagli

INVESTING FOR THE LONG RUN: PREDICTABILITY AND LOSS AVERSION

INVESTING FOR THE LONG RUN: PREDICTABILITY AND LOSS AVERSION UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTÀ DI SCIENZE STATISTICHE CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE STATISTICHE, ECONOMICHE, FINANZIARIE E AZIENDALI T E S I D I L A U R E A INVESTING FOR THE LONG

Dettagli

No (questo accadrebbe, all incirca, se l elasticità fosse pari a -2) 1.5.3. FALSO. Un aumento del prezzo dell 1%

No (questo accadrebbe, all incirca, se l elasticità fosse pari a -2) 1.5.3. FALSO. Un aumento del prezzo dell 1% Facoltà di Economia Test intermedio di Microeconomia A-K del 7/04/011 Turno A-C SOLUZIONI 1. Attenzione: in questo prototipo l ordine delle domande è diverso da quello di ciascuno dei vostri compiti; inoltre,

Dettagli

Modello di simulazione per un portafoglio diversificato

Modello di simulazione per un portafoglio diversificato Modello di simulazione per un portafoglio diversificato Giulio alomba Università olitecnica delle Marche Dipartimento di Economia giulio@dea.unian.it Maggio 2004 Indice 1 Introduzione 2 2 Il modello analitico

Dettagli

Indice della lezione. Per fare scelte coerenti in termini di Finanza Aziendale. La finanza aziendale. La stima del costo del capitale

Indice della lezione. Per fare scelte coerenti in termini di Finanza Aziendale. La finanza aziendale. La stima del costo del capitale UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA FACOLTA DI ECONOMIA Corso di pianificazione finanziaria Il costo del capitale è un tasso di attualizzazione Quale tasso di attualizzazione? Il Wacc La stima del costo del

Dettagli

Valutazione di attività reali in condizioni di incertezza e flessibilità 1

Valutazione di attività reali in condizioni di incertezza e flessibilità 1 Valutazione di attività reali in condizioni di incertezza e flessibilità 1 Andrea Gamba (andrea.gamba@univr.it) Dipartimento di Scienze Economiche e Finanziarie Università di Verona Via Giardino Giusti,

Dettagli

M. Massari, L. Zanetti, Valutazione. Fondamenti teorici e best practice nel settore industriale e finanziario, Mc Graw Hill, 2008

M. Massari, L. Zanetti, Valutazione. Fondamenti teorici e best practice nel settore industriale e finanziario, Mc Graw Hill, 2008 M. Massari, L. Zanetti, Valutazione. Fondamenti teorici e best practice nel settore industriale e finanziario, Mc Graw Hill, 2008 CAP. 5 (2a PARTE) LA STIMA DEL COSTO OPPORTUNITA DEL CAPITALE 1 LA STIMA

Dettagli

Massimi e minimi vincolati di funzioni in due variabili

Massimi e minimi vincolati di funzioni in due variabili Massimi e minimi vincolati di funzioni in due variabili I risultati principali della teoria dell ottimizzazione, il Teorema di Fermat in due variabili e il Test dell hessiana, si applicano esclusivamente

Dettagli

Investimenti consapevoli e l approccio Risk Parity

Investimenti consapevoli e l approccio Risk Parity 24 Risk Parity Investimenti consapevoli e l approccio Risk Parity Se volessimo descrivere l approccio Risk Parity con una sola parola, Diversificazione sarebbe sicuramente la più indicata. In media, in

Dettagli

Finanza matematica - Lezione 01

Finanza matematica - Lezione 01 Finanza matematica - Lezione 01 Contratto d opzione Un opzione è un contratto finanziario stipulato al tempo, che permette di eseguire una certa transazione, d acquisto call o di vendita put, ad un tempo

Dettagli

= E(X t+k X t+k t ) 2 + 2E [( X t+k X t+k t + E

= E(X t+k X t+k t ) 2 + 2E [( X t+k X t+k t + E 1. Previsione per modelli ARM A Questo capitolo è dedicato alla teoria della previsione lineare per processi stocastici puramente non deterministici, cioè per processi che ammettono una rappresentazione

Dettagli

Note di matematica per microeconomia

Note di matematica per microeconomia Note di matematica per microeconomia Luigi Balletta Funzioni di una variabile (richiami) Una funzione di variabile reale ha come insieme di partenza un sottoinsieme di R e come insieme di arrivo un sottoinsieme

Dettagli

Decisioni in condizioni di incertezza

Decisioni in condizioni di incertezza Decisioni in condizioni di incertezza Paolo Arcaini Roberto Cordone Programmazione in condizioni di incertezza La programmazione in condizioni di incertezza affronta problemi di decisione nei quali occorre

Dettagli

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Strumenti di Valutazione di un Prodotto Finanziario

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Strumenti di Valutazione di un Prodotto Finanziario AREA FINANZA DISPENSA FINANZA Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto Strumenti di Valutazione di un Prodotto Finanziario ORGANISMO BILATERALE PER LA FORMAZIONE IN CAMPANIA Strumenti

Dettagli

Applicazione: Pianificazione di un impianto con il valore attuale netto

Applicazione: Pianificazione di un impianto con il valore attuale netto Applicazione: Pianificazione di un impianto con il valore attuale netto Un azienda intende produrre un farmaco che sarà venduto in modo esclusivo per 20 anni, dopo di che il brevetto diverrà pubblico.

Dettagli

La costruzione di un portafoglio ed il ruolo degli ETF

La costruzione di un portafoglio ed il ruolo degli ETF La costruzione di un portafoglio ed il ruolo degli ETF Prof. Elena Beccalli, Milano ETF DAY Milano, 24 ottobre 2013 Il problema dell'investitore Condizioni di incertezza: riferimento ai dati storici, ma

Dettagli

L avversione al rischio e l utilità attesa

L avversione al rischio e l utilità attesa L avversione al rischio e l utilità attesa Kreps: "Microeconomia per manager" 1 ARGOMENTI DI QUESTA LEZIONE In questa lezione introdurremo il modello dell utilità attesa, che descrive le scelte individuali

Dettagli

Elementi di Statistica

Elementi di Statistica Elementi di Statistica Contenuti Contenuti di Statistica nel corso di Data Base Elementi di statistica descrittiva: media, moda, mediana, indici di dispersione Introduzione alle variabili casuali e alle

Dettagli

La Massimizzazione del profitto

La Massimizzazione del profitto La Massimizzazione del profitto Studio del comportamento dell impresa, soggetto a vincoli quando si compiono scelte. Ora vedremo un modello per analizzare le scelte di quantità prodotta e come produrla.

Dettagli

Appunti di Statistica Descrittiva

Appunti di Statistica Descrittiva Appunti di Statistica Descrittiva 30 dicembre 009 1 La tabella a doppia entrata Per studiare dei fenomeni con caratteristiche statistiche si utilizza l espediente della tabella a doppia entrata Per esempio

Dettagli

COSTI, RICAVI E PROFITTI

COSTI, RICAVI E PROFITTI COSTI, RICAVI E PROFITTI L obiettivo dell impresa è la massimizzazione dei profitti. I profitti sono dati dalla differenza tra i ricavi e i costi. Al variare della quantità prodotta, q, variano sia i costi

Dettagli

Relazioni statistiche: regressione e correlazione

Relazioni statistiche: regressione e correlazione Relazioni statistiche: regressione e correlazione È detto studio della connessione lo studio si occupa della ricerca di relazioni fra due variabili statistiche o fra una mutabile e una variabile statistica

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTÀ DI SCIENZE STATISTICHE CORSO DI LAUREA IN SCIENZE STATISTICHE, ECONOMICHE, FINANZIARIE ED AZIENDALI TESI DI LAUREA GESTIONE DI PORTAFOGLIO: UNA STRATEGIA DI GESTIONE

Dettagli

Elementi di Risk Management Quantitativo

Elementi di Risk Management Quantitativo Elementi di Risk Management Quantitativo (marco.bee@economia.unitn.it) Marzo 2007 Indice 1 Introduzione 2 1.1 Argomenti e testi di riferimento................. 2 2 Nozioni preliminari 3 2.1 Un po di storia..........................

Dettagli