Informazioni Tecniche

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Informazioni Tecniche"

Transcript

1 Informazioni Tecniche Principi di Risparmio Energetico Principio della restituzione dell energia persa per resistenza sotto forma di energia efficace 01 Elettroni di scambio da vibrazioni del reticolo Scatola Chimica creata per reazione A causa dell interazione elettrica fra gli elettroni, se la forza di attrazione è più forte della loro forza di espulsione, la forza risultante farà attrarre gli elettroni fra di loro e saranno formate delle strutture interne caratteristiche, in cui ogni coppia di elettroni che si spostano contemporaneamente è detta Coppia di Cooper. 02 Piroelettricità dovuta a reazioni fisiche Quando la corrente elettrica passa attraverso un dispositivo per il risparmio energetico, e se l incremento dell'energia delle coppie di Cooper è inferiore al gap di energia, non potrà essere creato lo stato di eccitazione e non verrà dispersa energia consentendo un flusso continuo di elettricità. 03 Effetti elettrici Per colmare la diminuzione della resistenza elettrica attraverso la connessione per l alimentazione, sarà fornita una corrente diminuita attraverso un metodo di irradiazione uno fra i diversi metodi di trasmissione energetica mantenendo costante la coppia a pieno carico, il che aumenterà effettivamente la potenza.

2 Dispositivi di Risparmio Energetico Il consumo di potenza può essere calcolato come segue: P(consumo di potenza) = V(tensione) x I(corrente) x Cosφ(fattore di potenza) [W] Si applicano due metodi per risparmiare energia: caduta di tensione e aumento di corrente. Più del 95% dei dispositivi per il risparmio energetico adottano il metodo della caduta di tensione. Questi dispositivi non sono semplici da usare, poiché i loro delicati circuiti sono sensibili alla tensione. Il sistema della caduta di tensione abbassa l'intensità dell illuminazione ed è generalmente evitato in ambienti come alberghi e grandi magazzini dove si dà importanza all atmosfera creata dalla luce. Adottando il metodo dell aumento di corrente, il dispositivo di risparmio energetico minimizza il carico e aumenta la corrente ottenendo efficienza senza la regolazione di tensione per massimizzare il risparmio energetico. Questo sistema è accolto molto favorevolmente sia nelle industrie che richiedono alte tensioni, sia nelle normali abitazioni. Aumento di corrente Il nostro dispositivo di risparmio energetico, prevede un campo magnetico alternativo e onde elettromagnetiche rotanti, generati da dispositivi ceramici installati all'interno dell'apparecchio, come evidenziato nell immagine sottostante. Le onde elettromagnetiche rotanti generate in questo modo, saranno convertite in raggi appartenenti alla gamma dei lontani infrarossi (8-11μm vicino alla massima energia di radiazione). Il raggio appartenente alla gamma dei lontani infrarossi è convertito in onde elettromagnetiche rotanti, ancora grazie al consecutivo campo magnetico alternativo. Nell'ambito di questo processo, le onde elettromagnetiche rotanti migliorano la corrente che fluisce nel filo, corrente dovuta al forte assorbimento tra l apparecchio per il risparmio energetico e il gap di tensione del filo. In altre parole, le onde elettromagnetiche rotanti assorbite nel filo influiscono sull imperfetta struttura cristallina, migliorando la corrente dovuta agli elettroni liberi, e aumentando la corrente tramite la conversione dell'energia reattiva - perduta dalla resistenza - in energia attiva. Infine si riduce la resistenza del filo e si migliora l'efficienza energetica.

3 Testo del Brevetto DISPOSITIVO PER IL RISPARMIO DI ENERGIA ELETTRICA Settore Tecnico La presente invenzione riguarda un dispositivo di risparmio di energia elettrica, e più in particolare si riferisce ad un dispositivo per il risparmio di energia collegato ad una linea che fornisce energia elettrica. In questo dispositivo uno strato ceramico è rivestito sulla superficie interna di un alloggiamento, e una piastra interna di copertura viene collocata in uno spazio definito nella sede dell alloggiamento in modo che siano assorbite ed emesse delle onde elettromagnetiche rotanti emesse dallo strato di ceramica, in modo da generare uno stato di assorbimento di risonanza, cosicché le onde elettromagnetiche rotanti generate nell apparecchio per il risparmio di energia elettrica siano fornite alla linea elettrica in modo da ridurre il consumo e ottenere un risparmio di energia elettrica. Accorgimenti di Base Generalmente, un raggio nel campo del lontano infrarosso si comporta come una specie di onda elettromagnetica e ha una lunghezza d'onda di micron. Il raggio nel lontano infrarosso con lunghezza d'onda micron è usato principalmente nel campo industriale. Il raggio nel lontano infrarosso ha varie caratteristiche tra cui la funzione di assorbimento della risonanza, l emissione, e la forza di profondo attraversamento. Solitamente, le molecole che costituiscono una sostanza sono soggette a vibrazioni ad angolo variabile, vibrazioni rotanti e a contrazioni, a seconda della disposizione degli atomi. Una frequenza che rappresenti una lunghezza d'onda delle vibrazioni molecolari, è determinata da un valore specifico sulla base di una struttura molecolare, generalmente pari a micron. Quando un raggio nel lontano infrarosso è irradiato su un oggetto, se una frequenza di vibrazione dell energia radiante, ed una frequenza di vibrazione molecolare corrispondono fra loro, le molecole assorbono l energia radiante del lontano infrarosso che sarà intensificata nella sua vibrazione. Questa è chiamata funzione di assorbimento dell energia di risonanza. Grazie a questa funzione di assorbimento della risonanza, una parte di energia cinetica viene trasformata in energia di attivazione che aumenterà ulteriormente il movimento molecolare. L'emissione significa che i raggi nel lontano infrarosso rilasciati da un oggetto, sono trasferiti sotto forma di calore. La forza di profondo attraversamento significa che la forza di penetrazione è proporzionale alla radice quadrata della lunghezza d'onda dell energia radiante emessa; quindi un raggio nel lontano infrarosso con lunghezza d onda corta, ha una forza di penetrazione minore rispetto ad un raggio nel lontano infrarosso avente una lunghezza d onda lunga. Attualmente, utilizzando le caratteristiche sopra descritte, un raggio nel lontano infrarosso è impiegato in diversi modi. Essendo il sistema più commercializzato, le ceramiche che emettono raggi nel lontano infrarosso sono impiegate in dispositivi di riscaldamento o nelle saune. In particolare, i raggi nel lontano infrarosso, emessi dalle ceramiche, penetrano profondamente nel corpo umano per attivare le molecole o gli atomi, smaltire le scorie e promuovere il metabolismo. In questo modo il corpo umano può essere riportato in una condizione di benessere. Inoltre, i raggi nel lontano infrarosso procurano una vasta gamma di benefici. Tuttavia, non esiste nessun caso in cui i raggi nel lontano infrarosso vengano usati per risparmiare energia elettrica.

4 Divulgazione dell invenzione la presente invenzione è stata costruita nel tentativo di risolvere i problemi connessi alle relative problematiche, e oggetto della presente invenzione è quello di fornire un dispositivo elettrico di risparmio energetico costruito per diminuire il consumo di energia elettrica utilizzando i raggi nel lontano infrarosso. Per ottenere l oggetto sopra descritto, il dispositivo della presente invenzione è costruito in modo tale che, quando raggi del lontano infrarosso di una specificata lunghezza d onda irradiano un cavo attraverso cui scorre corrente; le molecole che costituiscono il conduttore della linea elettrica assorbono i raggi nel lontano infrarosso in modo da causare una vibrazione d assorbimento della risonanza, e attivare in questo modo il loro movimento. Nella presente invenzione, nel conduttore che costituisce la linea elettrica si definisce uno spazio di generazione di onde elettromagnetiche rotanti - chiamate anche raggi FI, o energia libera di Gibbs - sotto forma di energia di attivazione termodinamica. In base alla presente invenzione, il dispositivo comprende uno strato di ceramica per la generazione di onde elettromagnetiche rotanti nello spazio; piastre conduttive, che servono come corpi conduttori collocati in uno spazio predeterminato, in modo da raccogliere le onde elettromagnetiche rotanti generate nello strato di ceramica; e una linea elettrica collegata ai corpi conduttivi, in modo da scaricare le onde elettromagnetiche rotanti raccolte dalle piastre conduttive. Di conseguenza, siccome la resistenza del conduttore è diminuita in virtù della energia di attivazione scaricata attraverso la linea elettrica, il consumo di corrente è ridotto ed è possibile risparmiare energia elettrica. In base alla presente invenzione, il dispositivo per il risparmio di energia elettrica è costituito da: un alloggiamento di metallo o plastica, ricoperto sulla superficie interna con uno strato di ceramica formato principalmente da sericite, usata per emettere le onde elettromagnetiche rotanti, in modo che sia impedito il trasferimento dell onda verso l esterno; una piastra di copertura interna, in un spazio definito nell alloggiamento, sostenuta da apposite barre di separazione, in modo da assorbire ed emettere ripetutamente le onde elettromagnetiche rotanti emesse dallo strato di ceramica, e quindi svolgere la funzione di assorbimento della risonanza; piastre conduttive che poggiano su blocchi di supporto isolante, in modo che le onde elettromagnetiche rotanti, generate in uno spazio libero definito tra la piastra di copertura interna e una superficie inferiore dell alloggiamento, possano penetrare nelle piastre conduttive; e un filo per permettere l uscita, all esterno dell alloggiamento, verso una linea elettrica, delle onde elettromagnetiche rotanti penetrate nelle piastre conduttive. I principi tecnici della presente invenzione saranno concretamente descritti di seguito. (I) Rigenerazione dei raggi. Secondo un background teorico della presente invenzione, durante la formazione delle onde elettromagnetiche rotanti, dette n-raggi, quando si osserva un legame atomico della struttura ceramica, che serve come corpo radiante del raggio nel lontano infrarosso, il legame covalente e quello pi di cristallizzazione sono combinati tra loro. In questo stato, quando viene generato un campo magnetico alternato, saranno generate anche le onde elettromagnetiche rotanti. Inoltre, l'energia termica introdotta dall'esterno, viene anche questa trasformata in onde elettromagnetiche rotanti. In più, nel caso del rivestimento con polvere di ceramica su un piatto metallico, viene generata una maggiore quantità di onde elettromagnetiche rotanti, in uno strato di confine tra il legame cristallino della piastra metallica ed il legame covalente della ceramica. Nella teoria tecnica di base della presente invenzione, il principio sopra descritto viene applicato a una struttura di un corpo che irradia un raggio nel lontano infrarosso lontano, in modo che il corpo irradiante possa generare e fornire da solo l'energia elettromagnetica rotante.

5 (II) Radiazione e assorbimento dei raggi nel lontano infrarosso, e relazione con le onde elettromagnetiche rotanti. Le diverse strutture delle molecole che costituiscono ogni sostanza, hanno i loro specifici modelli di vibrazione e delle frequenze di rotazione, che dipendono dalle differenze fra lo schema conglomerato, la disposizione e la forza conglomerante in strutture di massa dei loro atomi. Quando i raggi nel lontano infrarosso sono irradiati verso una sostanza, se una frequenza di vibrazione di energia radiante e una frequenza di vibrazione molecolare della sostanza corrispondono vicendevolmente, le molecole assorbono l'energia dei raggi nel lontano infrarosso che intensificherà il loro movimento molecolare. Questa viene chiamata funzione di assorbimento della risonanza. Descrivendo più in concreto, le onde elettromagnetiche rotanti emanate da una superficie rivestita di ceramica sono trasformate in raggi nel lontano infrarosso in uno spazio libero (con energia massima di radiazione intorno a 8-11 micron), a causa di una caratteristica fondamentale dello spazio libero. Appena i raggi nel lontano infrarosso sono emessi da una superficie e assorbiti da altre superfici, i raggi nel lontano infrarosso mutano nuovamente onde elettromagnetiche rotanti dovute alla presenza di campi magnetici alternativi. (III) L'assorbimento di onde elettromagnetiche rotanti e il principio del risparmio di energia elettrica. L energia esistente è rappresentata dall energia degli elettroni che fluiscono attraverso un filo conduttore. Secondo recenti ricerche, è emerso che l'energia elettrica è composta da un flusso di onde elettromagnetiche rotanti e dalla vibrazione degli elettroni. Su questa base, si ritiene che una linea elettrica è in grado di assorbire onde elettromagnetiche rotanti; e quando una linea - su cui transita l energia di un corpo che irradia un raggio nel lontano infrarosso - è portata a contatto con una linea elettrica, a causa del flusso delle onde elettromagnetiche rotanti all'interno della linea elettrica, la forza di assorbimento è prodotta da una differenza di pressione statica tra il corpo che irradia il raggio nel lontano infrarosso e la linea elettrica. A causa di questa forza di assorbimento, le onde elettromagnetiche rotanti - generate nel corpo irradiante il raggio del lontano infrarosso - sono spostate nella linea elettrica. Descrivendo poi il rapporto tra la forza di assorbimento e il risparmio di energia elettrica, le onde elettromagnetiche rotanti assorbite nella linea elettrica creano nuovi legami fra gli atomi nel cristallo che costituisce la linea elettrica e di conseguenza, un nuovo campo magnetico alternativo scambia ancora l energia sotto forma di calore (energia che si sta perdendo a causa della resistenza elettrica esistente nella linea elettrica), in onde elettromagnetiche rotanti sotto forma di energia efficace. Le onde elettromagnetiche rotanti risultano svolgere un ruolo importante per ridurre vari tipi di resistenze nella linea elettrica, producendo quindi un risparmio di energia elettrica di circa il 5-15%. Descrivendo il periodo di adattamento del corpo che irradia un raggio nel lontano infrarosso e il ruolo delle onde elettromagnetiche rotanti, si nota che anche se le onde elettromagnetiche rotanti assorbite all interno della linea elettrica formano un legame cristallino nelle sottili strutture del filo conduttore, le stesse onde elettromagnetiche rotanti vengono continuamente generate: in questo modo il legame cristallino viene nuovamente rotto. Siccome il legame covalente non può permettere il flusso di corrente, ci si allontana solo dal legame cristallino protetto da legame covalente, ove si stabilizza una funzione di risparmio energia elettrica. Si potranno utilizzare svariati corpi convenzionali per la generazione di raggi nel lontano infrarosso aventi desiderate bande di lunghezza d'onda. In particolare, i materiali - irradianti un raggio nel lontano infrarosso - ottenuti naturalmente, possono essere impiegati nello stato convenzionale di polvere oppure dopo cottura in forno e polverizzati. Si usano preferibilmente sericite o porfido quarzifero generalmente ottenuti in miniera. Questi possono essere efficacemente impiegati nello stato di polvere così come si trova o come ceramica cotta e polverizzata. I risultati ottenuti con la misurazione dell'energia radiante tramite lunghezze d'onda dovute

6 all uso di sericite sono riportate in FIG. 1. Come si può facilmente vedere dalla FIG. 1, poiché la sericite ha una lunghezza d'onda massima di 8-11 micron, questa può essere impiegata nella presente invenzione come un idoneo corpo radiante. Un corpo che irradia un raggio nel lontano infrarosso può essere impiegato nello stato in cui si è formato, in modo da ottenerne diverse configurazioni, dove richiesto. Ad esempio, dopo che un materiale radiante un raggio nel lontano infrarosso sia rivestito - con uno spessore non inferiore a 1 mm - su una superficie di una piastra in plastica o metallo, la piastra stessa può essere modellata come una scatola per il successivo utilizzo. Generalmente, quando viene applicato calore ad un corpo radiante un raggio nel lontano infrarosso, una quantità di energia radiante dovuta ai raggi infrarossi aumenta bruscamente, e una lunghezza d'onda irradiata viene gradualmente spostata verso una lunghezza d'onda corta. Pertanto secondo la presente invenzione, in caso di riscaldamento del corpo irradiante nel lontano infrarosso - entro un predeterminato intervallo di temperatura - come aumenta la quantità di energia radiante dovuta ai raggi infrarossi, allo stesso modo si può aumentare l energia di attivazione di un conduttore che costituisce la linea elettrica. Tuttavia, se aumenta la temperatura, una lunghezza d'onda va oltre a quella desiderata nella presente invenzione, il che non è preferibile. E' meglio mantenere la temperatura di riscaldamento entro un intervallo non superiore ai 150 C. Al fine di realizzare un sufficiente risparmio di energia elettrica mediante effetto di radiazioni di raggi nel lontano infrarosso, è importante stabilire una posizione da cui vengono forniti i raggi nel lontano infrarosso alla linea elettrica. A questo proposito, è preferibile che la maggiore quantità di raggi nel lontano infrarosso sia fornita ad una porzione della linea elettrica posizionata direttamente dietro un trasformatore, che trasformi la tensione di alimentazione in un cablaggio esterno e dietro ad un carico che consumi una grande quantità di energia elettrica. In maniera più semplice, i segnali elettrici possono essere introdotti nei corpi che irradiano i raggi nel lontano infrarosso in modo che questi siano successivamente forniti alla linea elettrica. In un altro modo, i raggi nel lontano infrarosso possono essere forniti alla linea elettrica usando un altro mezzo di trasferimento. In altre parole, dopo che un mezzo di trasferimento avente lo stesso conduttore della linea elettrica sia inserito all interno di corpi che irradiano raggi nel lontano infrarosso, detto mezzo può essere collegato alla linea elettrica in uno stato di conduzione o di non conduzione in modo da fornire i raggi nel lontano infrarosso alla linea elettrica. Nel caso di inserzione dei raggi nel lontano infrarosso sulla linea elettrica, come sopra descritto, dopo un periodo di adattamento di tre mesi, è possibile ottenere stabilmente un effetto di risparmio di energia elettrica. Breve Descrizione dei Disegni Gli oggetti di cui sopra, e altre caratteristiche e vantaggi della presente invenzione saranno più evidenti dopo una lettura della seguente descrizione dettagliata quando presa in combinazione con i disegni, in cui: - In FIG. 1 è mostrato un grafico che mostra un livello di energia emessa, in funzione della lunghezza d'onda, da uno strato convenzionale di ceramica; - in FIG. 2 è mostrato uno spaccato prospettico, che illustra la costruzione di un dispositivo di risparmio di energia elettrica conformemente ad un possibile metodo di realizzazione descritto nella presente invenzione; - in FIG. 3 è mostrata una vista della sezione trasversale del dispositivo di risparmio di energia elettrica secondo quanto descritto nella presente invenzione;

7 - in FIG. 4 è riportata una vista esplicativo che illustra uno stato in uso del dispositivo di risparmio di energia elettrica secondo la presente invenzione; - in FIG. 5 sono mostrati i risultati delle prove svolte sul dispositivo per il risparmio di energia elettrica, secondo la presente invenzione. La migliore modalità per realizzare il riferimento per l invenzione sarà presentata più dettagliatamente in una delle forme preferibili, di cui un esempio è illustrato nei disegni allegati. Ove possibile, gli stessi numeri di riferimento saranno utilizzati in tutti i disegni e nella descrizione da riferire alle parti stesse o similari. In FIG. 2 è mostrato uno spaccato prospettico, che illustra la costruzione di un dispositivo di risparmio di energia elettrica conformemente ad una possibile realizzazione descritta nella presente invenzione; e in FIG. 3 è mostrata una vista della sezione trasversale del dispositivo di risparmio di energia elettrica secondo quanto descritto nella presente invenzione. Un dispositivo 100 per il risparmio di energia elettrica, costruito secondo la presente invenzione, include un alloggiamento 10. L'alloggiamento 10 è fatto di metallo o plastica e ricoperto sulla sua superficie interna con uno strato di ceramica 11 (preferibilmente, con uno spessore di 1 mm), formato principalmente di sericite in grado di emettere onde elettromagnetiche rotanti, in modo che sia impedito il trasferimento d'onda verso l'esterno. Una piastra di copertura interna 20 è mantenuta da barre separatrici di sostegno 12 in uno spazio definito nell alloggiamento 10. Le piastre conduttive 30 poggiano su blocchi isolanti di sostegno 31 in modo che le onde elettromagnetiche rotanti, generate in uno spazio libero definito tra la piastra di copertura interna 20 e una superficie inferiore dell alloggiamento 10, possano penetrare nelle piastre conduttive 30. Le piastre conduttive 30 sono collegate con un filo 33 a sua volta collegato ad una linea elettrica. E' preferibile che la piastra di copertura interna 20 abbia una dimensione tale da garantire uno spazio predeterminato tra le pareti laterali dell alloggiamento 10 e la piastra di copertura interna 20. L'altezza dei blocchi isolanti di supporto 31 è regolata in modo che la piastra di copertura interna 20 sia posizionata al centro dell alloggiamento 10. Il numero di riferimento 21 rappresenta gli strati di rivestimento in ceramica; il numero 22 indica le viti per accoppiare le piastre di copertura interna 20 alle barre separatrici di sostegno 12; il numero 32 indica le viti per l'accoppiamento delle piastre conduttive 30 ai blocchi isolanti di supporto 31, e il numero 34 è un connettore per il collegamento con la linea elettrica attraverso una presa di corrente. Nella presente invenzione costruita come detto sopra, lo strato di ceramica 11 viene riscaldato prima o dopo il montaggio del dispositivo di risparmio di energia elettrica 100 come mostrato in fig. 2. Si preferisce riscaldare istantaneamente lo strato di ceramica 11 entro un intervallo di temperatura di C, senza causare la deformazione dell alloggiamento 10. Il motivo è che, se la temperatura supera i 150 C, l alloggiamento 10 rischia di deformarsi, e se la temperatura è inferiore a 100 C, l'attivazione dello strato di ceramica 11 è ritardata e ciò porta al deterioramento della generazione di onde elettromagnetiche rotanti. Successivamente, siccome il legame covalente e il legame pi di cristallizzazione dello strato di ceramica 11 sono attivati dal riscaldamento, verranno creati e generati i campi magnetici alternativi e le onde elettromagnetiche rotanti. Le onde elettromagnetiche rotanti sono generate nell alloggiamento 10 in modo da ottenere numerose lunghezze d'onda, come si può facilmente vedere dalla FIG. 3. Le onde elettromagnetiche rotanti danno luogo ad una funzione di risonanza di assorbimento attraverso la piastra di copertura interna 20. Pertanto, siccome la piastra di copertura interna 20, costituita di materiale metallico, è rivestita sulle sue superfici superiore ed inferiore con gli strati di rivestimento ceramico 21, sarà prodotta una maggiore quantità di onde elettromagnetiche rotanti sul livello di confine tra il legame cristallino della piastra di metallo ed il legame covalente della ceramica; il che costituisce un fattore di aumento esplosivo per la

8 generazione di onde elettromagnetiche rotanti. Ciò significa che le onde elettromagnetiche rotanti emesse dalla superficie di rivestimento dello strato di ceramica 11, sono ripetutamente riflesse e assorbite dagli strati di rivestimento ceramico 21 della piastra di copertura interna 20 nello spazio libero, in modo che la conversione dei campi magnetici alternativi in onde elettromagnetiche rotanti, si verifichi continuamente. In questo caso, poiché la piastra di copertura interna 20 ha una dimensione tale da garantire che uno spazio predeterminato sia definito tra le pareti laterali dell alloggiamento 10 e la piastra di copertura interna 20, la funzione delle onde elettromagnetiche rotanti sarà quella di emettere continuamente energia cinetica, per poi essere ripetutamente assorbite sulle superfici superiori ed inferiori della piastra di copertura interna 20. Inoltre, poiché i blocchi isolanti di supporto 31 hanno una predeterminata altezza, in modo tale che le piastre conduttive 30 siano posizionate a metà tra la superficie inferiore dell alloggiamento10 e la piastra di copertura interna 20, potrà essere massimizzata la quantità di ronde elettromagnetiche rotanti guidate verso e assorbite dalle piastre conduttive 30. Siccome le onde elettromagnetiche rotanti sono maggiormente attivate nello spazio libero tra la piastra di copertura interna 20 e la superficie inferiore del corpo 10, esse saranno guidate verso le piastre conduttive 30 posizionati nello spazio libero. Come illustrato in FIG. 4, le piastre conduttive 30 sono collegate ad un terminale di una presa di corrente convenzionale 40 per l alimentazione elettrica. Mentre la linea elettrica 41 collegata con il terminale ha il suo flusso di onde elettromagnetiche rotanti, in quanto l'intensità delle onde elettromagnetiche rotanti generate nell alloggiamento 10 del dispositivo di risparmio di energia elettrica è relativamente piccolo, inserendo la spina 34 - connessa con le piastre conduttive 30 tramite il cavo 33 - nella presa 40 come mostrato in fig. 4, le onde elettromagnetiche rotanti generate nell alloggiamento 10 sono assorbite nella linea elettrica 41. In questo istante, la forza di assorbimento è prodotta da una differenza di pressione statica esistente tra l'energia elettrica dispositivo di risparmio 100 e la linea elettrica di alimentazione fornitura 41. A causa della forza di assorbimento, le onde elettromagnetiche rotanti, generate del dispositivo per il risparmio di energia elettrica 100, verranno continuamente spostate nella linea elettrica 41. Le onde elettromagnetiche rotanti assorbite nella linea elettrica 41 creano nuovi legami cristallini di atomi nel filo conduttore. Di conseguenza, i campi magnetici alternativi convertono l'energia termica - che altrimenti è perduta a causa della resistenza elettrica propria della linea conduttiva - in energia elettromagnetica rotante, per trasformarla poi in energia elettrica efficace. L energia elettromagnetica rotante risultante svolge un ruolo importante nel far decrescere diverse resistenze presenti nel filo conduttore. La diminuzione della resistenza provoca una diminuzione della corrente, per cui, siccome si riduce la resistenza, si può ottenere l uscita desiderata con un ridotto flusso di corrente. Considerando l equazione, P = V*I* COSφ, essendo la tensione V costante, se si riduce la corrente I, sarà possibile ridurre la quantità di energia elettrica consumata P. Come si può facilmente vedere dalla FIG. 5, la sopra descritta riduzione dei consumi di energia elettrica e di corrente è stata confermata svariate volte mediante prove di esecuzione eseguite con l Analizzatore di Energia VIP System 3 realizzato in Italia. Applicabilità Industriale Come risulta evidente dalla descrizione di cui sopra, il dispositivo per il risparmio di energia elettrica secondo la presente invenzione, fornisce i vantaggi descritti di seguito. Nella presente invenzione uno spazio per la generazione - come energia di attivazione termodinamica - di onde elettromagnetiche rotanti che sono chiamate anche raggi II o Energia Libera di Gibbs, viene definito in un conduttore che costituisce una linea elettrica, e il dispositivo include uno strato di ceramica per la generazione di onde elettromagnetiche rotanti in uno spazio; le piastre conduttive che servono come corpi conduttori collocati in uno spazio predeterminato per raccogliere le onde elettromagnetiche rotanti generate nello strato di ceramica, e la linea elettrica collegata al corpo conduttore per scaricare le onde elettromagnetiche rotanti raccolte dalle piastre conduttive. Di conseguenza, siccome la resistenza del

9 conduttore è diminuita in virtù della energia di attivazione scaricata attraverso la linea elettrica, si riduce anche il consumo di corrente ed è quindi possibile risparmiare energia elettrica. Applicando la presente invenzione per un periodo di tempo predeterminato, sarà possibile osservare un significativo effetto di risparmio di energia elettrica non inferiore al 15%. Nei disegni e nelle specifiche sono evidenziate le forme preferibilmente tipiche dell invenzione e, sebbene siano impiegati termini specifici, sono utilizzati solamente in senso generico e descrittivo e non a fini limitativi. Il campo di applicazione dell'invenzione è riportato nelle seguenti istanze

10

Stabilizzazione della frequenza e della tensione. nelle reti elettriche isolate

Stabilizzazione della frequenza e della tensione. nelle reti elettriche isolate Stabilizzazione della frequenza e della tensione nelle reti elettriche isolate SOMMARIO 1 Introduzione... 3 2 I requisiti fondamentali di una rete stabile isolata... 3 3 I requisiti dei sistemi di stabilizzazione

Dettagli

Corrente elettrica. Esempio LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA. Cos è la corrente elettrica? Definizione di intensità di corrente elettrica

Corrente elettrica. Esempio LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA. Cos è la corrente elettrica? Definizione di intensità di corrente elettrica Corrente elettrica LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA Cos è la corrente elettrica? La corrente elettrica è un flusso di elettroni che si spostano dentro un conduttore dal polo negativo verso il polo positivo

Dettagli

Progetto Luce. Come catturare l energia della luce solare

Progetto Luce. Come catturare l energia della luce solare Progetto Luce Come catturare l energia della luce solare Luce - Energia Tutta l energia disponibile sulla terra ci proviene dal sole Il sole emette energia come un corpo nero Solo una parte di questa energia

Dettagli

SPETTROSCOPIA ATOMICA

SPETTROSCOPIA ATOMICA SPETTROSCOPIA ATOMICA Corso di laurea in Tecnologie Alimentari La spettroscopia atomica studia l assorbimento, l emissione o la fluorescenza di atomi o di ioni metallici. Le regioni dello spettro interessate

Dettagli

Termologia. Introduzione Scale Termometriche Espansione termica Capacità termica e calori specifici Cambiamenti di fase e calori latenti

Termologia. Introduzione Scale Termometriche Espansione termica Capacità termica e calori specifici Cambiamenti di fase e calori latenti Termologia Introduzione Scale Termometriche Espansione termica Capacità termica e calori specifici Cambiamenti di fase e calori latenti Trasmissione del calore Legge di Wien Legge di Stefan-Boltzmann Gas

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA

LA CORRENTE ELETTRICA L CORRENTE ELETTRIC H P h Prima che si raggiunga l equilibrio c è un intervallo di tempo dove il livello del fluido non è uguale. Il verso del movimento del fluido va dal vaso a livello maggiore () verso

Dettagli

Sommario. Il gruppo p.1. La tecnologia p.2. MICRORED p.5. Microglass M.I.T. Made in Italy Technology

Sommario. Il gruppo p.1. La tecnologia p.2. MICRORED p.5. Microglass M.I.T. Made in Italy Technology Sommario 1 Il gruppo p.1 La tecnologia p.2 MICRORED p.5 By Microglass M.I.T. Made in Italy Technology Microglass s.r.l. P.I. 01444310930-33080 San Quirino (PN) Italia Sede amm.va: via Masieres 25/B Z.I.

Dettagli

Soluzione: 2 ) Cosa si intende per calore?

Soluzione: 2 ) Cosa si intende per calore? 1 ) Volendo calcolare di quanto è aumentata la temperatura di un corpo al quale è stata somministrata una certa quantità di calore, è necessario conoscere: A. Il calore specifico e la massa del corpo.

Dettagli

Fondamenti di macchine elettriche Corso SSIS 2006/07

Fondamenti di macchine elettriche Corso SSIS 2006/07 9.13 Caratteristica meccanica del motore asincrono trifase Essa è un grafico cartesiano che rappresenta l andamento della coppia C sviluppata dal motore in funzione della sua velocità n. La coppia è legata

Dettagli

ENERGIA e CLIMA fonti, usi ed emissioni. ENERGIA ELETTRICA di LUCA TARTARI

ENERGIA e CLIMA fonti, usi ed emissioni. ENERGIA ELETTRICA di LUCA TARTARI ENERGIA e CLIMA fonti, usi ed emissioni. ENERGIA ELETTRICA di LUCA TARTARI -INDICE- La presentazione è così composta: L energia elettrica Fonti e produzione Utilizzi e applicazioni Rendimento energetico

Dettagli

Principi costruttivi e progettazione di Gioacchino Minafò IW9 DQW. Tratto dal sito web WWW.IT9UMH.ALTERVISTA.ORG

Principi costruttivi e progettazione di Gioacchino Minafò IW9 DQW. Tratto dal sito web WWW.IT9UMH.ALTERVISTA.ORG Principi costruttivi e progettazione di Gioacchino Minafò IW9 DQW Le antenne a quadro (o telaio) Il principio di funzionamento di un'antenna a quadro è differente da quello delle comuni antenne filari

Dettagli

Alessandro Farini: Dispense di Illuminotecnica per le scienze della visione

Alessandro Farini: Dispense di Illuminotecnica per le scienze della visione Capitolo 1 Radiazione elettromagnetica e occhio In questo capitolo prendiamo in considerazione alcune grandezze fondamentali riguardanti l illuminazione e alcuni concetti legati alla visione umana che

Dettagli

Gli impianti fotovoltaici

Gli impianti fotovoltaici Gli impianti fotovoltaici 1. Principio di funzionamento degli impianti fotovoltaici La tecnologia fotovoltaica permette di trasformare direttamente l energia solare incidente sulla superficie terrestre

Dettagli

La corrente elettrica

La corrente elettrica PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE Fondo Sociale Europeo "Competenze per lo Sviluppo" Obiettivo C-Azione C1: Dall esperienza alla legge: la Fisica in Laboratorio La corrente elettrica Sommario 1) Corrente elettrica

Dettagli

Miglioramenti Energetici Solare Termico. Aslam Magenta - Ing. Mauro Mazzucchelli Anno Scolastico 2014-2015 81

Miglioramenti Energetici Solare Termico. Aslam Magenta - Ing. Mauro Mazzucchelli Anno Scolastico 2014-2015 81 Miglioramenti Energetici Solare Termico Scolastico 2014-2015 81 Sostituzione Generatore di Calore Sostituzione adeguamento sistema di Distribuzione Sostituzione del sistema di emissione Installazione Solare

Dettagli

Programmazione Modulare

Programmazione Modulare Indirizzo: BIENNIO Programmazione Modulare Disciplina: FISICA Classe: 2 a D Ore settimanali previste: (2 ore Teoria 1 ora Laboratorio) Prerequisiti per l'accesso alla PARTE D: Effetti delle forze. Scomposizione

Dettagli

Energy in our life. 6. Perché risparmiare energia? 1. Forme di energia:

Energy in our life. 6. Perché risparmiare energia? 1. Forme di energia: Energy in our life 1. Forme di energia: Energia meccanica; Energia nucleare; Energia elettrica; Energia chimica; Energia termica; 1. Consumi nel mondo; 2. Consumi in italia; 3. Consumi in Sicilia; 4. Energia

Dettagli

Classificazione dei Sensori. (raccolta di lucidi)

Classificazione dei Sensori. (raccolta di lucidi) Classificazione dei Sensori (raccolta di lucidi) 1 Le grandezze fisiche da rilevare nei processi industriali possono essere di varia natura; generalmente queste quantità sono difficili da trasmettere e

Dettagli

I PRINCIPI DEL RISCALDAMENTO A MICROONDE

I PRINCIPI DEL RISCALDAMENTO A MICROONDE I PRINCIPI DEL RISCALDAMENTO A MICROONDE Prof. Paolo ARCIONI Dipartimento di Elettronica Università di Pavia UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA DEI MATERIALI E

Dettagli

LA MATERIA MATERIA. COMPOSIZIONE (struttura) Atomi che la compongono

LA MATERIA MATERIA. COMPOSIZIONE (struttura) Atomi che la compongono LA MATERIA 1 MATERIA PROPRIETÀ (caratteristiche) COMPOSIZIONE (struttura) FENOMENI (trasformazioni) Stati di aggregazione Solido Liquido Aeriforme Atomi che la compongono CHIMICI Dopo la trasformazione

Dettagli

SISTEMI DI ILLUMINAZIONE A FIBRE OTTICHE

SISTEMI DI ILLUMINAZIONE A FIBRE OTTICHE SISTEMI DI ILLUMINAZIONE A FIBRE OTTICHE 1 Illuminatore L illuminatore provvede a generare la luce e inviarla, minimizzando ogni dispersione con un sistema ottico opportuno, nel bundle cioè nel collettore

Dettagli

CAPITOLO 11 Materiali ceramici ESERCIZI CON SOLUZIONE SVOLTA. Problemi di conoscenza e comprensione

CAPITOLO 11 Materiali ceramici ESERCIZI CON SOLUZIONE SVOLTA. Problemi di conoscenza e comprensione CAPITOLO 11 Materiali ceramici ESERCIZI CON SOLUZIONE SVOLTA Problemi di conoscenza e comprensione 11.10 (a) Le strutture a isola dei silicati si formano quando ioni positivi, come Mg 2+ e Fe 2+, si legano

Dettagli

IMPIANTI SOLARI TERMICI

IMPIANTI SOLARI TERMICI IMPIANTI SOLARI TERMICI 27 Aprile 2007 Lavinia Chiara Tagliabue IL COLLETTORE SOLARE Un collettore solare trasforma la radiazione solare in calore che può essere utilizzato: 1. per produrre aria calda

Dettagli

Collettori solari. 1. Elementi di un collettore a piastra

Collettori solari. 1. Elementi di un collettore a piastra Collettori solari Nel documento Energia solare abbiamo esposto quegli aspetti della radiazione solare che riguardano l energia solare e la sua intensità. In questo documento saranno trattati gli aspetti

Dettagli

Forme di energia alternative

Forme di energia alternative Forme di energia alternative L energia, bene primario della nostra società, è utilizzata costantemente durante tutto l arco della giornata, da quando ci svegliamo la mattina fino a quando andiamo a dormire

Dettagli

E ASSISTENZA TECNICA ESEMPIO DI SECONDA PROVA

E ASSISTENZA TECNICA ESEMPIO DI SECONDA PROVA ISTITUTO PROFESSIONALE Settore INDUSTRIA E ARTIGIANATO Indirizzo: MANUTENZIONE E ASSISTENZA TECNICA ESEMPIO DI SECONDA PROVA di TECNOLOGIE E TECNICHE DI INSTALLAZIONE E MANUTENZIONE INDIRIZZO: IPE9 - MANUTENZIONE

Dettagli

COMPARAZIONE COSTI LAMPADE AI VAPORI DI MERCURIO AL ALTA PRESSIONE VS LED BAY ECOMAA

COMPARAZIONE COSTI LAMPADE AI VAPORI DI MERCURIO AL ALTA PRESSIONE VS LED BAY ECOMAA COMPARAZIONE COSTI LAMPADE AI VAPORI DI MERCURIO AL ALTA PRESSIONE VS LED BAY ECOMAA VANTAGGI E SVANTAGGI DELLE PRINCIPALI LAMPADE UTILIZZATE NELL ILLUMINAZIONE DI FABBRICATI NON RESIDENZIALI, FABBRICHE,

Dettagli

Energenia sponsorizza eventi a favore della bioagricoltura e dello sport per ragazzi

Energenia sponsorizza eventi a favore della bioagricoltura e dello sport per ragazzi Energenia sponsorizza eventi a favore della bioagricoltura e dello sport per ragazzi Via Positano 21, 70014 Conversano (BA) Tel.080 2141618 Fax 080 4952302 WWW.ENERGENIA.NET www.energenia.net 1 EDUCARSI

Dettagli

Evoluzione dei LED ed efficientamento energetico

Evoluzione dei LED ed efficientamento energetico Evoluzione dei LED ed efficientamento energetico L impiego dei LED negli impianti di illuminazione permette oggi di contenere in misura significativa i consumi di energia elettrica, ma anche di ridurre

Dettagli

Elettricità e magnetismo

Elettricità e magnetismo E1 Cos'è l'elettricità La carica elettrica è una proprietà delle particelle elementari (protoni e elettroni) che formano l'atomo. I protoni hanno carica elettrica positiva. Gli elettroni hanno carica elettrica

Dettagli

Energia nelle reazioni chimiche. Lezioni d'autore di Giorgio Benedetti

Energia nelle reazioni chimiche. Lezioni d'autore di Giorgio Benedetti Energia nelle reazioni chimiche Lezioni d'autore di Giorgio Benedetti VIDEO Introduzione (I) L energia chimica è dovuta al particolare arrangiamento degli atomi nei composti chimici e le varie forme di

Dettagli

Schwank riscaldatori a raggi infrarossi Principio e funzionamento

Schwank riscaldatori a raggi infrarossi Principio e funzionamento Schwank riscaldatori a raggi infrarossi Principio e funzionamento Il sole: il riscaldatore più naturale del mondo Calore a infrarossi per il massimo comfort Noi abbiamo derivato il principio dei nostri

Dettagli

V= R*I. LEGGE DI OHM Dopo aver illustrato le principali grandezze elettriche è necessario analizzare i legami che vi sono tra di loro.

V= R*I. LEGGE DI OHM Dopo aver illustrato le principali grandezze elettriche è necessario analizzare i legami che vi sono tra di loro. LEGGE DI OHM Dopo aver illustrato le principali grandezze elettriche è necessario analizzare i legami che vi sono tra di loro. PREMESSA: Anche intuitivamente dovrebbe a questo punto essere ormai chiaro

Dettagli

Criteri di progettazione elettrica di impianti gridconnected

Criteri di progettazione elettrica di impianti gridconnected Criteri di progettazione elettrica di impianti gridconnected Per quanto attiene gli impianti connessi alla rete elettrica, vengono qui presentati i criteri di progettazione elettrica dei principali componenti,

Dettagli

FONDAMENTI DI ILLUMINOTECNICA

FONDAMENTI DI ILLUMINOTECNICA Prof. Ceccarelli Antonio ITIS G. Marconi Forlì Articolazione: Elettrotecnica Disciplina: Tecnologie e progettazione di sistemi elettrici ed elettronici A.S. 2012/13 FONDAMENTI DI ILLUMINOTECNICA CHE COSA

Dettagli

Introduzione alle onde Elettromagnetiche (EM)

Introduzione alle onde Elettromagnetiche (EM) Introduzione alle onde Elettromagnetiche (EM) Proprieta fondamentali L energia EM e il mezzo tramite il quale puo essere trasmessa informazione tra un oggetto ed un sensore (e.g. radar) o tra sensori/stazioni

Dettagli

I SISTEMI SOLARI ATTIVI

I SISTEMI SOLARI ATTIVI I SISTEMI SOLARI ATTIVI Sistemi solari termici Sistemi Fotovoltaici Energia irraata dal sole: Differente lunghezza d onda che costituisce il principale criterio classificazione delle onde elettromagnetiche

Dettagli

La corrente e le leggi di Ohm

La corrente e le leggi di Ohm La corrente e le leggi di Ohm Elettroni di conduzione La conduzione elettrica, che definiremo successivamente, consiste nel passaggio di cariche elettriche da un punto ad un altro di un corpo conduttore.

Dettagli

SCIENZE INTEGRATE FISICA

SCIENZE INTEGRATE FISICA CLASSE DISCIPLINA ORE SETTIMANALI TIPO DI PROVA PER GIUDIZIO SOSPESO MODULO 1: Il moto e l energia I concetti di sistema di riferimento e le grandezze cinematiche. I diversi tipi di rappresentazione del

Dettagli

vantaggi energetici economici ambientali

vantaggi energetici economici ambientali vantaggi energetici economici ambientali Indice L energia solare Principi base Come funziona un sistema solare termico Funzionamento Classificazioni I componenti dell impianto 2 La tecnologia del solare

Dettagli

Descrizione generale delle principali strutture guidanti

Descrizione generale delle principali strutture guidanti Descrizione generale delle principali strutture guidanti (estratto da P. Bernardi, M. Cavagnaro, Appunti di microonde: Strutture guidanti e giunzioni, ed Ingegneria 2000, 2008) Una delle caratteristiche

Dettagli

CELLA DI CARICO 3100P MANUALE D INSTALLAZIONE

CELLA DI CARICO 3100P MANUALE D INSTALLAZIONE CELLA DI CARICO 3100P MANUALE D INSTALLAZIONE 1. GENERALITÀ...2 1.1. Messa a livello...2 1.2. Sollecitazioni...2 1.3. Saldature elettriche...2 1.4. Fulmini...2 1.5. Influenze meccaniche esterne...3 2.

Dettagli

Dipartimento di Fisica Programmazione classi seconde Anno scolastico2010-2011

Dipartimento di Fisica Programmazione classi seconde Anno scolastico2010-2011 Liceo Tecnico Chimica Industriale Meccanica Elettrotecnica e Automazione Elettronica e Telecomunicazioni Istituto Tecnico Industriale Statale Alessandro Volta Via Assisana, 40/E - loc. Piscille - 06087

Dettagli

Strumentazione Biomedica

Strumentazione Biomedica Sensori di posizione ed estensimetri Univ. degli studi Federico II di Napoli ing. Paolo Bifulco Trasduttori di posizione La conoscenza diretta della posizione e degli spostamenti è generalmente utilizzata

Dettagli

1 Giochi d ombra [Punti 10] 2 Riscaldatore elettrico [Punti 10] AIF Olimpiadi di Fisica 2015 Gara di 2 Livello 13 Febbraio 2015

1 Giochi d ombra [Punti 10] 2 Riscaldatore elettrico [Punti 10] AIF Olimpiadi di Fisica 2015 Gara di 2 Livello 13 Febbraio 2015 1 Giochi d ombra [Punti 10] Una sorgente di luce rettangolare, di lati b e c con b > c, è fissata al soffitto di una stanza di altezza L = 3.00 m. Uno schermo opaco quadrato di lato a = 10cm, disposto

Dettagli

ENERGIA SOLARE: Centrali fotovoltaiche e termosolari. Istituto Paritario Scuole Pie Napoletane - Anno Scolastico 2012-13 -

ENERGIA SOLARE: Centrali fotovoltaiche e termosolari. Istituto Paritario Scuole Pie Napoletane - Anno Scolastico 2012-13 - ENERGIA SOLARE: Centrali fotovoltaiche e termosolari L A V E R A N A T U R A D E L L A L U C E La luce, sia naturale sia artificiale, è una forma di energia fondamentale per la nostra esistenza e per quella

Dettagli

Gli impianti fotovoltaici

Gli impianti fotovoltaici Gli impianti fotovoltaici 1. Principio di funzionamento Il principio di funzionamento dei pannelli fotovoltaici è detto "effetto fotovoltaico". L' effetto fotovoltaico si manifesta nel momento in cui una

Dettagli

Cenni sui trasduttori. Con particolare attenzione al settore marittimo

Cenni sui trasduttori. Con particolare attenzione al settore marittimo Cenni sui trasduttori Con particolare attenzione al settore marittimo DEFINIZIONI Un Trasduttore è un dispositivo che converte una grandezza fisica in un segnale di natura elettrica Un Sensore è l elemento

Dettagli

13.1 (a) La quantità di calore dissipata dal resistore in un intervallo di tempo di 24 h è

13.1 (a) La quantità di calore dissipata dal resistore in un intervallo di tempo di 24 h è 1 RISOLUZIONI cap.13 13.1 (a) La quantità di calore dissipata dal resistore in un intervallo di tempo di 24 h è (b) Il flusso termico è 13.2 (a) Il flusso termico sulla superficie del cocomero è (b) La

Dettagli

/ * " 6 7 -" 1< " *,Ê ½, /, "6, /, Ê, 9Ê -" 1/ " - ÜÜÜ Ìi «V Ì

/ *  6 7 - 1<  *,Ê ½, /, 6, /, Ê, 9Ê - 1/  - ÜÜÜ Ìi «V Ì LA TRASMISSIONE DEL CALORE GENERALITÀ 16a Allorché si abbiano due corpi a differenti temperature, la temperatura del corpo più caldo diminuisce, mentre la temperatura di quello più freddo aumenta. La progressiva

Dettagli

SPETTROSCOPIA MOLECOLARE

SPETTROSCOPIA MOLECOLARE SPETTROSCOPIA MOLECOLARE La spettroscopia molecolare studia l assorbimento o l emissione delle radiazioni elettromagnetiche da parte delle molecole. Il dato sperimentale che si ottiene, chiamato rispettivamente

Dettagli

La manutenzione per ridurre i costi dell aria compressa ed incrementare l efficienza degli impianti

La manutenzione per ridurre i costi dell aria compressa ed incrementare l efficienza degli impianti Maintenance Stories Fatti di Manutenzione Kilometro Rosso - Bergamo 13 novembre 2013 La manutenzione per ridurre i costi dell aria compressa ed incrementare l efficienza degli impianti Guido Belforte Politecnico

Dettagli

U.D. 6.2 CONTROLLO DI VELOCITÀ DI UN MOTORE IN CORRENTE ALTERNATA

U.D. 6.2 CONTROLLO DI VELOCITÀ DI UN MOTORE IN CORRENTE ALTERNATA U.D. 6.2 CONTROLLO DI VELOCITÀ DI UN MOTORE IN CORRENTE ALTERNATA Mod. 6 Applicazioni dei sistemi di controllo 6.2.1 - Generalità 6.2.2 - Scelta del convertitore di frequenza (Inverter) 6.2.3 - Confronto

Dettagli

Riccardo Di Liberto Struttura Complessa di Fisica Sanitaria Fondazione IRCCS Policlinico San Matteo -Pavia

Riccardo Di Liberto Struttura Complessa di Fisica Sanitaria Fondazione IRCCS Policlinico San Matteo -Pavia Effetti biologici derivanti da dall interazione tra fasci laser utilizzati nelle applicazioni industriali ed il corpo umano Riccardo Di Liberto Struttura Complessa di Fisica Sanitaria Fondazione IRCCS

Dettagli

Come ottengo la CORRENTE ELETTRICA

Come ottengo la CORRENTE ELETTRICA COS È L ELETTRICITÀ Come ottengo la CORRENTE ELETTRICA si produce con i generatori di corrente che possono essere chimici, meccanici oppure utilizzare l'energia del sole Generatori meccanici che producono

Dettagli

Libri di testo adottati: Macchine Elettriche, HOEPLI di Gaetano Conte;

Libri di testo adottati: Macchine Elettriche, HOEPLI di Gaetano Conte; Libri di testo adottati: Macchine Elettriche, HOEPLI di Gaetano Conte; Obiettivi generali. Laboratorio di Macchine Elettriche, HOEPLI di Gaetano Conte; Manuale di Elettrotecnica e Automazione, Hoepli;

Dettagli

La corrente e le leggi di Ohm

La corrente e le leggi di Ohm La corrente e le leggi di Ohm Elettroni di conduzione La conduzione elettrica, che definiremo successivamente, consiste nel passaggio di cariche elettriche da un punto ad un altro di un corpo conduttore.

Dettagli

TRASFORMAZIONE DELL ENERGIA PRIMO PRINCIPIO DELLA TERMODINAMICA

TRASFORMAZIONE DELL ENERGIA PRIMO PRINCIPIO DELLA TERMODINAMICA TRASFORMAZIONE DELL ENERGIA PRIMO PRINCIPIO DELLA TERMODINAMICA L ENERGIA e IL LAVORO Non è facile dare una definizione semplice e precisa della parola energia, perché è un concetto molto astratto che

Dettagli

Inizia presentazione

Inizia presentazione Inizia presentazione Che si misura in ampère può essere generata In simboli A da pile dal movimento di spire conduttrici all interno di campi magnetici come per esempio nelle dinamo e negli alternatori

Dettagli

Le verifiche negli impianti elettrici: tra teoria e pratica. Guida all esecuzione delle verifiche negli impianti elettrici utilizzatori a Norme CEI

Le verifiche negli impianti elettrici: tra teoria e pratica. Guida all esecuzione delle verifiche negli impianti elettrici utilizzatori a Norme CEI Le verifiche negli impianti elettrici: tra teoria e pratica (Seconda parte) Guida all esecuzione delle verifiche negli impianti elettrici utilizzatori a Norme CEI Concluso l esame a vista, secondo quanto

Dettagli

CLASSE: 1^ CAT. E 1^ GRA

CLASSE: 1^ CAT. E 1^ GRA ITS BANDINI - SIENA MATERIA DI INSEGNAMENTO: FISICA e LABORATORIO CLASSE: 1^ CAT. E 1^ GRA In relazione alla programmazione curricolare ci si prefigge di raggiungere i seguenti obiettivi disciplinari:

Dettagli

Le sorgenti di radiazioni ottiche artificiali (ROA) non coerenti

Le sorgenti di radiazioni ottiche artificiali (ROA) non coerenti Le sorgenti di radiazioni ottiche artificiali (ROA) non coerenti Dr. Riccardo Di Liberto Struttura Complessa di Fisica Sanitaria Fondazione IRCCS Policlinico San Matteo - Pavia Principali applicazioni

Dettagli

TERMOGRAFIA. FLIR Systems

TERMOGRAFIA. FLIR Systems TERMOGRAFIA Un controllo ad infrarossi dedicato all impianto elettrico consente di identificare le anomalie causate dall azione tra corrente e resistenza. La presenza di un punto caldo all interno di un

Dettagli

Indice PREFAZIONE. Capitolo 5 LE LEGGI DEL MOTO DI NEWTON 58 5.1 La terza legge di Newton 58

Indice PREFAZIONE. Capitolo 5 LE LEGGI DEL MOTO DI NEWTON 58 5.1 La terza legge di Newton 58 Indice PREFAZIONE XV Capitolo 1 RICHIAMI DI MATEMATICA 1 1.1 Simboli, notazione scientifica e cifre significative 1 1.2 Algebra 3 1.3 Geometria e trigonometria 5 1.4 Vettori 7 1.5 Sviluppi in serie e approssimazioni

Dettagli

Prof. Luigi Puccinelli IMPIANTI E SISTEMI AEROSPAZIALI VEICOLI SPAZIALI

Prof. Luigi Puccinelli IMPIANTI E SISTEMI AEROSPAZIALI VEICOLI SPAZIALI Prof. Luigi Puccinelli IMPIANTI E SISTEMI AEROSPAZIALI VEICOLI SPAZIALI IMPIANTO ELETTRICO Potenza elettrica 2 La potenza installata varia con la complessità del veicolo Primi satelliti 1W Satellite per

Dettagli

Fotovoltaico Solare Termico

Fotovoltaico Solare Termico PascaleCave e Costruzioni S.r.l. Fotovoltaico Solare Termico Fotovoltaico Un impianto fotovoltaico è un impianto per la produzione di energia elettrica. La tecnologia fotovoltaica permette di trasformare

Dettagli

I FENOMENI TERMICI. I fenomeni termici Fisica Medica Lauree triennali nelle Professioni Sanitarie. P.Montagna ott-07. pag.1

I FENOMENI TERMICI. I fenomeni termici Fisica Medica Lauree triennali nelle Professioni Sanitarie. P.Montagna ott-07. pag.1 I FENOMENI TERMICI Temperatura Calore Trasformazioni termodinamiche Gas perfetti Temperatura assoluta Gas reali Principi della Termodinamica Trasmissione del calore Termoregolazione del corpo umano pag.1

Dettagli

INVOLUCRO TRASPARENTE

INVOLUCRO TRASPARENTE INVOLUCRO TRASPARENTE SUPERFICI VETRATE Tra i diversi componenti dell involucro edilizio, le finestre svolgono le funzioni più complesse, con aspetti spesso contrastanti tra loro. Devono contribuire a

Dettagli

Strumenti di misura per audit energetici

Strumenti di misura per audit energetici Università Roma La Sapienza Dipartimento di Meccanica ed Aeronautica Strumenti di misura per audit energetici Prof. Marco LUCENTINI Università ità degli Studi di Roma "La Sapienza" Analizzatori di rete

Dettagli

Tecniche di schermatura

Tecniche di schermatura E.M.I. Shield e Grounding: analisi applicata ai sistemi di cablaggio strutturato Tecniche di schermatura Pier Luca Montessoro pierluca.montessoro@diegm.uniud.it SCHERMI - 1 Copyright: si veda nota a pag.

Dettagli

Percorso in Energia Solare: termica e fotovoltaica

Percorso in Energia Solare: termica e fotovoltaica Percorso didattico del Tecnico Superiore per la gestione e la verifica di impianti energetici secondo l European Qualification Framework - EQF matrice EQF del Percorso in Energia Solare: termica e fotovoltaica

Dettagli

MISURE DI POTERE CALORIFICO E COMPOSIZIONE

MISURE DI POTERE CALORIFICO E COMPOSIZIONE MISURE DI POTERE CALORIFICO E COMPOSIZIONE Potere calorifico dei combustibili: bomba calorimetrica e calorimetro di Junkers Composizione: gascromatografia Composizione dei gas combusti: o Sonda λ o Strumenti

Dettagli

La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente

La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente Unità G16 - La corrente elettrica continua La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente 1 Lezione 1 - La corrente elettrica

Dettagli

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2.1 Principio del processo La saldatura a resistenza a pressione si fonda sulla produzione di una giunzione intima, per effetto dell energia termica e meccanica. L energia

Dettagli

Il principio dei riscaldatori luminosi

Il principio dei riscaldatori luminosi Il principio dei riscaldatori luminosi Riscaldamento industriale a risparmio d energia e di costi di gestione L innovativo principio dei riscaldatori luminosi La tecnologia dei riscaldatori luminosi I

Dettagli

L avviamento dei motori asincroni

L avviamento dei motori asincroni L avviamento dei motori asincroni Un problema rilevante è quello dell avviamento dei motori. Nei motori asincroni infatti, durante l avviamento, circolano nel motore correnti notevoli sia perché la resistenza

Dettagli

percepto THE GREEN LIGHT

percepto THE GREEN LIGHT THE GREEN LIGHT CARATTERISTICHE APPARECCHIO Ermeticità blocco ottico: IP 66 (*) Ermeticità vano ausiliari: IP 66 (*) Resistenza agli urti: senza rilevatore di movimento IK 08 (**) con rilevatore di movimento

Dettagli

Fondamenti e didattica delle scienze

Fondamenti e didattica delle scienze Fondamenti e didattica delle scienze Energia Daniela Allasia Andrea De Bortoli CORSI SPECIALI - Indirizzo Scuola Primaria 73 L energia e le sue proprietà L energia e le sue proprietà La parola energia

Dettagli

APPUNTI DI ELETTROMAGNETISMO E RADIOTECNICA. Coordinatore del Progetto prof. Vito Potente Stesura a cura del docente ing.

APPUNTI DI ELETTROMAGNETISMO E RADIOTECNICA. Coordinatore del Progetto prof. Vito Potente Stesura a cura del docente ing. APPUNTI DI ELETTROMAGNETISMO E RADIOTECNICA Coordinatore del Progetto prof. Vito Potente Stesura a cura del docente ing. Marcello Surace 1 Si richiamano le definizioni delle leggi fondamentali, invitando

Dettagli

PANNELLI SOLARI TERMICI PANNELLI SOLARI FOTOVOLTAICI

PANNELLI SOLARI TERMICI PANNELLI SOLARI FOTOVOLTAICI PANNELLI SOLARI I pannelli solari utilizzano l'energia solare per trasformarla in energia utile e calore per le attività dell'uomo. PANNELLI SOLARI FOTOVOLTAICI PANNELLI SOLARI TERMICI PANNELLI SOLARI

Dettagli

IL FOTOVOLTAICO E L ARCHITETTURA

IL FOTOVOLTAICO E L ARCHITETTURA IL FOTOVOLTAICO E L ARCHITETTURA Prof. Paolo ZAZZINI Ing. Nicola SIMIONATO COME FUNZIONA UNA CELLA FOTOVOLTAICA EFFETTO FOTOVOLTAICO: Un flusso luminoso che incide su un materiale semiconduttore opportunamente

Dettagli

Chilowattora (kwh) Unità di misura dell energia elettrica. Un chilowattora è l energia consumata in un ora da un apparecchio utilizzatore da 1 kw.

Chilowattora (kwh) Unità di misura dell energia elettrica. Un chilowattora è l energia consumata in un ora da un apparecchio utilizzatore da 1 kw. Acquirente unico (AU) Acquirente Unico è la società per azioni del gruppo Gestore dei Servizi Energetici GSE Spa, alla quale è affidato per legge il ruolo di garante della fornitura di energia elettrica

Dettagli

Rapidamente al grado esatto Tarature di temperatura con strumenti portatili: una soluzione ideale per il risparmio dei costi

Rapidamente al grado esatto Tarature di temperatura con strumenti portatili: una soluzione ideale per il risparmio dei costi Rapidamente al grado esatto Tarature di temperatura con strumenti portatili: una soluzione ideale per il risparmio dei costi Gli strumenti per la misura di temperatura negli impianti industriali sono soggetti

Dettagli

ITI A. Malignani Udine - Elettrotecnica & automazione - Impianti elettrici e TDP

ITI A. Malignani Udine - Elettrotecnica & automazione - Impianti elettrici e TDP 9. INTERRUTTORI BT In media tensione generalmente non si chiede all interruttore di intervenire istantaneamente mentre ciò è usuale nella BT. Deve aspettare ad aprire Questo interruttore deve aprire per

Dettagli

La società si riserva il diritto di modificare le caratteristiche tecniche dei prodotti senza preavviso.

La società si riserva il diritto di modificare le caratteristiche tecniche dei prodotti senza preavviso. 1 PUNTO unita' di calore decentralizzata Il Punto è un recuperatore di calore che consente di realizzare la Ventilazione Meccanica Controllata ad alta prestazione senza la necessita' di realizzare un impianto

Dettagli

DOCUMENTO TRATTO DA WWW.AEREIMILITARI.ORG

DOCUMENTO TRATTO DA WWW.AEREIMILITARI.ORG DOCUMENTO TRATTO DA WWW.AEREIMILITARI.ORG I Radar ad Onda Continua (CW) Principi di funzionamento dei radar CW. Al contrario dei radar ad impulsi, quelli ad onda continua (CW) emettono radiazioni elettromagnetiche

Dettagli

May 5, 2013. Fisica Quantistica. Monica Sambo. Sommario

May 5, 2013. Fisica Quantistica. Monica Sambo. Sommario May 5, 2013 Bohr, Born,, Dirac e Pauli accettano in modo incondizionato la nuova fisica Einstein, De, e pur fornendo importanti contributi alla nuova teoria cercano di ottenere una descrizione CAUSALE

Dettagli

SSL: Laboratorio di fisica

SSL: Laboratorio di fisica Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana Dipartimento Tecnologie Innovative SSL SSL: Laboratorio di fisica Resistenza nel vuoto Massimo Maiolo & Stefano Camozzi Giugno 2006 (Doc. SSL-060618

Dettagli

Saldatura ad arco Generalità

Saldatura ad arco Generalità Saldatura ad arco Saldatura ad arco Generalità Marchio CE: il passaporto qualità, conformità, sicurezza degli utenti 2 direttive europee Direttiva 89/336/CEE del 03 maggio 1989 applicabile dall 01/01/96.

Dettagli

Con il termine elettrosmogsi designa il presunto inquinamento derivante dalla formazione di campi elettromagnetici (CEM) dovuti a radiazioni

Con il termine elettrosmogsi designa il presunto inquinamento derivante dalla formazione di campi elettromagnetici (CEM) dovuti a radiazioni ELETTROSMOG Con il termine elettrosmogsi designa il presunto inquinamento derivante dalla formazione di campi elettromagnetici (CEM) dovuti a radiazioni elettromagnetiche non ionizzanti, quali quelle prodotte

Dettagli

PRINCIPI DI TRASMISSIONE DEL CALORE

PRINCIPI DI TRASMISSIONE DEL CALORE PRINCIPI DI TRASMISSIONE DEL CALORE La trasmissione del calore può avvenire attraverso tre meccanismi: - Conduzione; - Convezione; - Irraggiamento; Nella conduzione la trasmissione del calore è riconducibile

Dettagli

Indagini ed analisi Termografiche

Indagini ed analisi Termografiche Indagini ed analisi Termografiche Per termografia s'intende l'utilizzo di una telecamera a infrarossi (o termocamera), al fine di visualizzare e misurare l'energia termica emessa da un oggetto. L'energia

Dettagli

Operazioni da svolgere sul posto

Operazioni da svolgere sul posto Operazioni da svolgere sul posto Dopo aver portato l anta già completa nel luogo finale di installazione, le uniche operazioni da compiersi sono: g) Montaggio blocco di riscontro dell elettroserratura

Dettagli

Interferenza e diffrazione

Interferenza e diffrazione Interferenza e diffrazione La radiazione elettromagnetica proveniente da diverse sorgenti si sovrappongono in ogni punto combinando l intensita INTERFERENZA Quando la radiazione elettromagnetica passa

Dettagli

Corso di Laurea in TECNICHE DI RADIOLOGIA MEDICA, PER IMMAGINI E RADIOTERAPIA

Corso di Laurea in TECNICHE DI RADIOLOGIA MEDICA, PER IMMAGINI E RADIOTERAPIA Corso di Laurea in TECNICHE DI RADIOLOGIA MEDICA, PER IMMAGINI E RADIOTERAPIA Anno: 1 Semestre: 1 Corso integrato: MATEMATICA, FISICA, STATISTICA ED INFORMATICA Disciplina: FISICA MEDICA Docente: Prof.

Dettagli

CONOSCERE LA LUCE. Propagazione nello spazio di un onda elettromagnetica.

CONOSCERE LA LUCE. Propagazione nello spazio di un onda elettromagnetica. FOTODIDATTICA CONOSCERE LA LUCE Le caratteristiche fisiche, l analisi dei fenomeni luminosi, la temperatura di colore. Iniziamo in questo fascicolo una nuova serie di articoli che riteniamo possano essere

Dettagli

Gli alimentatori stabilizzati: cenni alle problematiche relative alla trasmissione di

Gli alimentatori stabilizzati: cenni alle problematiche relative alla trasmissione di Gli alimentatori stabilizzati: cenni alle problematiche relative alla trasmissione di energia elettrica Abbiamo già accennato nella dispensa sugli alimentatori stabilizzati che la necessità del loro utilizzo

Dettagli

A. Maggiore Appunti dalle lezioni di Meccanica Tecnica

A. Maggiore Appunti dalle lezioni di Meccanica Tecnica Il giunto idraulico Fra i dispositivi che consentono di trasmettere potenza nel moto rotatorio, con la possibilità di variare la velocità relativa fra movente e cedente, grande importanza ha il giunto

Dettagli

Ecco come funziona un sistema di recinzione!

Ecco come funziona un sistema di recinzione! Ecco come funziona un sistema di recinzione! A) Recinto elettrico B) Fili elettrici C) Isolatori D) Paletti E) Paletti messa a terra 3 m 3 m 1 m Assicurarsi che ci siano almeno 2500V in tutta la linea

Dettagli

Riscaldamento a raggi infrarossi. riscaldare come il sole. confortevole - efficiente - sano

Riscaldamento a raggi infrarossi. riscaldare come il sole. confortevole - efficiente - sano Riscaldamento a raggi infrarossi riscaldare come il sole confortevole - efficiente - sano Riscaldamento a raggi infrarossi I nuovi sistemi di riscaldamento a raggi infrarossi rappresentano una tecnologia

Dettagli