2. Il cliente può beneficiare dei vantaggi di una gestione professionale e della diversificazione tipica dell investimento collettivo.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "2. Il cliente può beneficiare dei vantaggi di una gestione professionale e della diversificazione tipica dell investimento collettivo."

Transcript

1 SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 14 1.I fondi comuni di investimento sono investitori istituzionali che raccolgono le risorse finanziarie dei risparmiatori per investirle in portafogli diversificati di attività. Si tratta di un investitore istituzionale in quanto effettua considerevoli investimenti in maniera sistematica e cumulativa, disponendo di ingenti possibilità finanziarie proprie o affidategli. Dagli scopi dell'acquisizione di titoli (quotati o meno) deve essere esclusa la loro rivendita al pubblico indistinto. 2. Il cliente può beneficiare dei vantaggi di una gestione professionale e della diversificazione tipica dell investimento collettivo. 3. I fondi di liquidità contengono in varie percentuali gli strumenti di mercato monetario con scadenza inferiore ai 12 mesi. Tali fondi offrono un opportunità di investimento alternativa rispetto ai depositi remunerati presso le banche commerciali, il che può spiegare la loro crescita all inizio del nuovo millennio. Entrambi gli investimenti sono abbastanza sicuri e hanno rendimenti comparabili. La principale differenza è che, sebbene i depositi bancari (inferiori a ,38) siano interamente assicurati dal FITD (Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi), di solito offrono rendimenti più bassi rispetto ai fondi comuni di investimento su titoli di credito non assicurati, a causa dei costi imposti dalla regolamentazione bancaria (riserve obbligatorie e requisito di adeguatezza del capitale). Perciò, il guadagno netto sui fondi comuni di investimento è dato dal rendimento maggiore a fronte della perdita di copertura assicurativa sui depositi fornita dal FITD. 4. Nella categoria dei fondi comuni di investimento a lungo termine, rientrano i fondi azionari (che investono prevalentemente in titoli azionari), i fondi obbligazionari (che investono prevalentemente in reddito fisso con scadenza superiore a 12 mesi), i fondi bilanciati (che investono sia in titoli azionari sia in titoli obbligazionari) e i fondi flessibili (per i quali non è prevista una composizione predeterminata). Ogni macrocategoria si distingue per la percentuale minima e massima di investimento azionario e obbligazionario, e può essere ulteriormente suddivisa al suo interno in altre sottocategorie che variano in funzione dello specifico oggetto di investimento e dello specifico fattore di rischio. Ponendo a confronto la crescita dei fondi comuni di investimento azionari, bilanciati, obbligazionari e flessibili e dei fondi comuni di investimento monetari dal 1984 al 2007, si osserva la preponderanza dei fondi obbligazionari, in termini di patrimonio gestito, lungo tutto il periodo considerato. Con il calo del mercato azionario all inizio del nuovo millennio, i fondi comuni di investimento monetari hanno cominciato ad avere una crescita più accelerata rispetto ai fondi a lungo termine. 5. I fondi a breve termine investono in titoli del mercato monetario e in Titoli di Stato, ossia strumenti per i quali il rischio di controparte è molto ridotto o nullo. 6. I fondi comuni di investimento consentono al cliente investitore di beneficiare dei vantaggi di una gestione professionale e della diversificazione tipica dell investimento collettivo. Inoltre, essi beneficiano di economie di scala nella raccolta di informazioni e nel monitoraggio degli investimenti, nonché di minori costi di transazione. 7. Il rendimento derivante dall investimento in quote di fondi comuni di investimento riflette tre aspetti del portafoglio di attività sottostanti il fondo: (a) il portafoglio ha profitti e dividendi su quelle attività; (b) il portafoglio riporta dei guadagni in conto capitale quando il fondo comune di investimento vende un attività a un prezzo superiore a quello originale di acquisto dell attività; (c) l apprezzamento dei valori delle attività presenti nel patrimonio va a incrementare il valore delle quote nei fondi comuni di investimento. 1

2 8. Il NAV (Net Asset Value, valore attivo netto pro quota del fondo) rappresenta il prezzo che gli investitori otterrebbero dal rimborso delle quote al fondo alla data in questione o il prezzo che dovrebbero pagare per la sottoscrizione di nuove quote alla data in questione. In Italia, il valore delle quote dei fondi comuni di diritto italiano è pubblicato quotidianamente (sui principali quotidiani di informazione finanziaria) al netto delle tasse e delle commissioni di gestione; ciò significa che il gestore deduce automaticamente la ritenuta fiscale (pari al 12,50% dell eventuale incremento di valore dell investimento) dal NAV di ogni quota, così come tutte le spese che gravano sul fondo. Il NAV viene calcolato come rapporto tra il valore totale di mercato delle attività nel portafoglio ed il numero di quote del fondo comune di investimento in circolazione. Con l espressione marking to market si intende il fatto che i gestori calcolano il valore corrente di ciascuna quota del fondo comune di investimento sommando il valore di mercato di ognuna delle attività presenti nel portafoglio e dividendo tale somma per il numero di quote in circolazione. Il valore che ne risulta rappresenta il NAV. 9. Il tasso di rendimento netto dell investimento è calcolato come segue: 1,50 + 2,00 + 2,50-2,00 = 4,00. 4/ 50 = 8%. 10. Un fondo chiuso è un fondo comune di investimento nel quale il diritto al rimborso delle quote è riconosciuto ai partecipanti solo a scadenze predeterminate; per tutta la durata dell investimento il numero di quote in circolazione rimane fisso. Il patrimonio è in genere investito in strumenti finanziari anche non quotati (per una percentuale pari ad almeno il 10%), in beni immobili, diritti reali immobiliari, azioni di società immobiliari, depositi bancari e altri beni per i quali esista un mercato e il valore dei quali sia determinato con certezza con una periodicità almeno semestrale. Se la società di gestione intende aumentare il volume della massa gestita, dovrà deliberare il collocamento di nuove quote secondo una procedura molto simile a quella prevista per gli aumenti di capitale delle società per azioni. Le quote dei fondi chiusi possono essere negoziate (ossia quotate) su un mercato regolamentato; in tal caso il loro valore dipende anche dall incontro della domanda e dell offerta. In un fondo comune di investimento aperto, il numero di quote in circolazione oscilla giorno per giorno in base non soltanto al valore del portafoglio investito, ma anche alla quantità di quote in circolazione. Nel caso dei fondi comuni di investimento aperti, gli investitori sottoscrivono e riscattano le quote nei confronti della società di gestione del risparmio. Perciò, il numero di quote in circolazione dipende dalla domanda di quote, mentre il valore delle quote dipende dal valore di mercato dei titoli sottostanti detenuti nel portafoglio del fondo comune di investimento diviso per il numero totale di quote in circolazione. I fondi chiusi tendono ad essere maggiormente specializzati. 11. a. NAV del Fondo A = ( 100 x x 50)/100 = /100 = NAV del Fondo B = ( 100 x x 100)/100 = /100 = 125,00 b. NAV del Fondo A = ( 100 x x 50)/100 = /100 = 225,00 c. NAV del Fondo A = ( 105 x x 50)/100 = /100 = 127,50 Incremento percentuale del NAV = ( 127,50-125,00)/ 125,00 = 2% NAV del Fondo B = ( 105 x x 100)/100 = /100 = 123,75 Decremento percentuale del NAV = ( 123,75-125,00)/ 125,00 = -1% 12. 2

3 a. NAV = ( 14 x x 200)/100 = /100 = 308 b. NAV = ( 18 x x 200)/100 = /100 = 256. Si ha una riduzione del 16,88% c. ( 18 x (P) x 200)/100 = 308 Risolvendo per P si ottiene 136. La riduzione massima di prezzo è Per gli investitori di età compresa tra i venti e i trent anni, le preferenze si orientano ad una tipologia di investimento aggressiva, ad alte potenzialità di rendiemnto. Nell età più matura (40 e 50 anni), le finalità di tipo previdenziale hanno il sopravvento, di conseguenza, le preferenze degli individui possono orientarsi verso fondi maggiormente bilanciati. In un età ancora più avanzata, prevale l obiettivo di conservazione del capitale. 14. Il rendimento si ottiene come segue: = 10. Quindi il tasso di rendiemnto è pari a 10/ 100 = 10%. 15. Le società di intermediazione mobiliare e le banche di investimento svolgono la funzione principale di assicurare che il trasferimento di fondi dai fornitori netti (per esempio, le famiglie) agli utilizzatori netti (per esempio, le società) sia effettuato a costi contenuti e con la massima efficienza. In tal senso, esse rappresentano una categoria di intermediari finanziari. 16. Per quanto concerne le banche di investimento, è possibile individuare tre diversi stadi della loro evoluzione che hanno progressivamente portato all attuale configurazione di mercato. Il primo stadio si colloca attorno alla seconda metà del XIX secolo (negli Stati Uniti) e vede la nascita delle società di investment banking orientate esclusivamente alla raccolta di fondi per le imprese non finanziarie e per gli enti statali tramite l organizzazione di operazioni di emissione e sottoscrizione (underwriting). Il secondo stadio si colloca nei primi anni del XX secolo e vede l espansione dell attività delle banche di investimento anche nel comparto del brokering, ossia dell intermediazione negli scambi di titoli, nel comparto delle gestioni private di fondi, in particolar modo del private banking, e nel campo del market making. Il terzo stadio prende avvio dopo gli anni Trenta e si caratterizza per una rapida crescita dei servizi di corporate finance e di ristrutturazione aziendale. Attualmente le banche di investimento presentano un operatività piuttosto allargata che si articola su numerosi servizi. Il core business di questi intermediari continua a essere concentrato attorno al reperimento di fondi sul mercato dei capitali, all assistenza nelle operazioni di emissione di titoli e alla consulenza finanziaria in generale; tuttavia a questa attività si affiancano numerosi altri servizi finanziari tra i quali il project financing, il private banking, la negoziazione sia in conto terzi sia in conto proprio su titoli. 17. Tra il 1997 e il 2005, il numero di SIM autorizzate alla prestazione di servizi di investimento è passato da 212 a 108 e la quota di mercato delle SIM relativamente ai servizi di investimento si è sensibilmente ridotta. Tale diminuzione è risultata essenzialmente legata ai numerosi fenomeni di fusione, scissione e liquidazione volontaria, mentre poco numerosi sono stati i casi di effettiva crisi, anche grazie all opera preventiva svolta dalla vigilanza di Consob e Banca d Italia. 18. Questi intermediari si articolano in due gruppi principali: il primo gruppo è costituito dalle imprese più grandi, ossia le banche di investimento polifunzionali che servono sia i clienti al 3

4 dettaglio (soprattutto in qualità di broker-dealer, fornendo assistenza nella negoziazione dei titoli in essere) sia i clienti societari (soprattutto in qualità di sottoscrittori, fornendo supporto nell emissione di nuovi titoli), al secondo gruppo appartengono, invece, le SIM. 19. Diversamente dalle banche, le società di intermediazione mobiliare e le banche di investimento non trasformano i titoli emessi dagli utilizzatori netti di fondi in titoli potenzialmente più appetibili per i fornitori netti di fondi (come, per esempio, fanno le banche con la creazione di depositi bancari). Esse fungono invece da broker, facendo da intermediari fra fornitori e utilizzatori di fondi. Le compagnie di assicurazione svolgono una funzione di trasferimento del rischio di un singolo soggetto ad un numero molto elevato di soggetti assicurati. 20. L arbitraggio puro consiste nell acquisto di attività su un mercato a un certo prezzo e la rivendita immediata su un altro mercato a un prezzo più elevato (quindi senza assumere una posizione netta). L arbitraggio di rischio, invece, consiste nell acquisto di titoli in previsione di diffusioni di informazioni (per esempio, l annuncio di incorporazioni o scalate o di variazioni dei tassi di interesse da parte della BCE). Nel caso in esame, si applica l arbitragio puro: l investitore potrebbe vendere allo scoperto l azione più costosa e impiegare il ricavato per acquistare l azione a minor prezzo, lucrando sullo spread. 21. L attività di investimento (realizzata in modo particolare dalle SIM) consiste nella gestione di portafogli finanziari individuali in quanto la gestione collettiva è riservata alle SGR in nome e per conto dei clienti. La gestione può avvenire su base totalmente personalizzata, laddove il portafoglio finanziario del cliente sia gestito in maniera del tutto autonoma rispetto agli altri portafogli affidati in gestione (private banking), oppure può avvenire in maniera maggiormente standardizzata; in questo secondo caso, al cliente è assegnato un certo profilo di investimento dipendente dal suo grado di avversione al rischio e dal suo orizzonte temporale, e il suo portafoglio sarà gestito in maniera simile ai portafogli di tutti gli investitori che appartengono al medesimo profilo di investimento. Con il termine attività di collocamento si intende l attività di sottoscrizione e distribuzione delle nuove emissioni di titoli di debito e di capitale, che possono essere le prime emissioni di titoli di debito o di capitale da parte di una società oppure le nuove emissioni di una società il debito e le azioni della quale sono già negoziati (in tal caso, si parla di emissioni stagionate). Questa attività è svolta principalmente dalle banche di investimento. 22. La sottoscrizione di titoli può essere effettuata sia tramite offerta pubblica sia privata. Nel caso di un offerta privata, una banca di investimento fa da agente di collocamento privato a fronte di una commissione, collocando i titoli presso uno o pochi grandi investitori istituzionali. Nel caso di un offerta pubblica, invece, il collocamento dei titoli può avvenire anche tramite sottoscrizione con impegno di garanzia o con impegno di assunzione a fermo, e può essere offerto al pubblico in generale. 23. Nel caso di collocamento tramite consorzio di garanzia, i membri del consorzio si impegnano a sottoscrivere gli eventuali titoli rimasti invenduti dopo la chiusura del periodo di sottoscrizione. Le modalità con le quali gli intermediari acquistano tali titoli dipendono dalle regole di organizzazione del consorzio stesso e possono essere di due tipi: accollo individuale oppure accollo solidale. Nel primo caso, ogni membro del consorzio si impegna a sottoscrivere la quota di titoli che non è riuscito a collocare presso il pubblico, mentre nel secondo caso la quantità totale di titoli invenduti è ripartita tra gli intermediari in base alla loro percentuale di partecipazione al consorzio; perciò, l intermediario che si era impegnato a collocare il maggior numero di titoli dovrà sottoscrivere una quota più elevata di invenduto. 4

5 Il consorzio di assunzione a fermo si caratterizza per il fatto che l operazione di collocamento è articolata in due stadi: innanzitutto, il consorzio si impegna a sottoscrivere immediatamente a un prezzo prestabilito i titoli che la società intende emettere, finanziando così l intera operazione; in un secondo momento, poi, il consorzio organizza il collocamento dei titoli acquistati presso il pubblico dei risparmiatori, fissando liberamente il periodo di collocamento, il prezzo di collocamento (che, in genere, è superiore rispetto al prezzo di acquisto) e tutte le altre caratteristiche dell operazione. A parità di condizioni, la società emittente preferirebbe l assunzione a fermo, che assicura che tutte le azioni siano vendute. La banca di investimento potrebbe concordare di acquistare le azioni ad un prezzo inferiore a quello che la società pensa che potrebbe ottenere nel caso di collocamento tramite consorzio di garanzia. 24. Il broker non assume una posizione in proprio, al contrario del dealer. In quest ultimo caso, il market maker si espone al rischio di prezzo. 25. L investitore potrebbe acquistare l oro a Londra al prezzo di $318 e venderlo a New York a $325, guadagnando $7 all oncia. Questo è un esempio di arbitraggio puro. Il successo della transazione potrebbe essere limitato dai costi di transazione e dalla velocità con cui l investitore riesce ad eseguire la transazione prima di altri. 26. La banca di investimento dovrebbe preoccuparsi di un aumento dei tassi interesse, che porterebbe ad una diminuzione del valore delle obbligazioni. 27. Gamma paga per acquistare le azioni and riceve dalla vendita. Il prfitto della banca di investimento è e il prezzo delle azioni di Gamma è 25, ossia il prezzo di vendita al pubblico. 28. Delta riceve (= ( 54-1,25) x ), il profitto per la banca di investimento è e il prezzo delle azioni è 54, ossia ciò che il pubblico paga. 29. In Italia, gli organismi di vigilanza sulle Sim e sulle banche di investimento sono la CONSOB e la Banca d Italia; la CONSOB è competente per quanto riguarda la trasparenza e la correttezza dei comportamenti, mentre la Banca d Italia è competente per quanto concerne il contenimento del rischio e la stabilità patrimoniale. 30. Il Regolamento di attuazione del decreto legislativo 24 febbraio 1998, n. 58, concernente la disciplina degli intermediari emanato dalla CONSOB (delibera 1 luglio 1998, n e successive modificazioni) riporta le regole di comportamento alle quali sono soggetti gli intermediari nella prestazione dei servizi di investimento; esse si basano sostanzialmente sui principi del rispetto dell interesse degli investitori e dell integrità del mercato mobiliare. Tale assetto regolamentare subirà alcune modifiche a partire da novembre 2007 quando entrerà in vigore la direttiva europea MiFID che introduce nuovi obblighi a carico degli intermediari soprattutto in materia di organizzazione interna e di regole di comportamento. Gli intermediari finanziari, e in particolar modo le SIM, sono tenute a conformarsi alle regole di funzionamento dei mercati, ad astenersi da comportamenti che possano avvantaggiare un investitore a danno di un altro, a eseguire tempestivamente gli ordini ricevuti, ad acquisire un grado di conoscenza e di professionalità adeguato al tipo di prestazione fornita, a operare in modo tale da contenere i costi a carico degli investitori e da realizzare i migliori risultati possibili in relazione al livello di rischio di ogni investitore. Esse devono inoltre contenere i possibili conflitti di interessi con la clientela servita; ciò significa che non possono effettuare operazioni con la clientela se hanno un interesse in conflitto, a 5

6 meno che non abbiano preventivamente informato per iscritto l investitore circa la natura e l estensione del loro interesse e l investitore non abbia acconsentito espressamente per iscritto. Sempre in vista della tutela degli investitori, all inizio di ogni rapporto con il cliente, l intermediario deve raccogliere tutta una serie di informazioni (circa la sua esperienza in materia di investimenti, la sua situazione finanziaria, i suoi obiettivi di investimento e la sua propensione al rischio) al fine di assegnare a ogni soggetto il corretto profilo di rischio e uno specifico orizzonte temporale di investimento al quale dovranno essere commisurati tutti gli investimenti posti in essere. L investitore può rifiutarsi di fornire tali indicazioni, ma l eventuale rifiuto dovrà risultare da un apposita dichiarazione sottoscritta. A carico dell intermediario vi è anche l obbligo di consegnare all investitore un documento sui rischi generali degli investimenti in strumenti finanziari predisposto dalla stessa CONSOB in modo tale da rendere il soggetto consapevole delle scelte che andrà a effettuare e delle modalità di investimento. La conoscenza del profilo di rischio caratteristico di ogni cliente è indispensabile, in quanto gli intermediari sono obbligati ad astenersi dall effettuare operazioni non adeguate allo specifico investitore per tipologia, oggetto, frequenza o dimensione e l adeguatezza è determinata proprio in funzione delle informazioni raccolte all atto dell inizio del rapporto. L autorizzazione a investire il patrimonio del cliente in strumenti derivati deve essere preventivamente rilasciata dallo stesso; in ogni caso, l intermediario dovrà informare prontamente e per iscritto l investitore quando le perdite generate dall operatività in strumenti derivati abbiano generato una perdita superiore al 50% dei mezzi che l investitore stesso ha fornito a garanzia dell operatività e quando il patrimonio affidato in gestione si sia ridotto di oltre il 30% rispetto al valore che aveva all inizio dell anno. Gli intermediari autorizzati possono fornire i propri servizi solo previa sottoscrizione di un apposito contratto scritto nel quale sono specificati i servizi forniti e le loro caratteristiche; il periodo di validità e le modalità di rinnovo del contratto; i criteri da adottare per le modificazioni del contratto stesso; le procedure attraverso le quali l investitore può impartire ordini e istruzioni. Il contratto deve poi prevedere la frequenza, il tipo e i contenuti della documentazione da fornire all investitore. Per quanto riguarda i singoli servizi, sono previste poi ulteriori regole di comportamento. Con riferimento all attività di negoziazione, vi è l obbligo per gli intermediari di eseguire gli ordini ricevuti rispettando la priorità di tempo e di comunicare prontamente l eventuale rifiuto di eseguire un ordine. Le negoziazioni dovranno avvenire alle migliori condizioni possibili (in termini di tempo, di prezzi e altri oneri sostenuti direttamente o indirettamente dall investitore) in base al momento, alle dimensioni e alla natura delle operazioni stesse. Nel caso nel quale l intermediario operi in qualità di dealer negoziando in contropartita diretta dell investitore (negoziazione in proprio), deve comunicare il prezzo al quale è disposto a comprare o a vendere, ed eseguire la negoziazione contestualmente all assenso dell investitore. Per quanto concerne il servizio di raccolta ordini, l intermediario ha l obbligo di trasmettere tempestivamente agli intermediari negoziatori gli ordini nella medesima sequenza con la quale sono stati ricevuti e senza compensare ordini di segno opposto né raggrupparli (a meno che ciò sia compatibile con la natura degli ordini e con le modalità di funzionamento del mercato). Nella prestazione del servizio di collocamento, gli intermediari autorizzati devono assicurare l uniformità delle procedure di offerta e di riparto (attenendosi alle disposizioni dettate dall offerente o dal soggetto che dirige il consorzio di collocamento). Il rispetto degli obblighi comportamentali posti a capo degli intermediari è anche assicurato dal funzionamento delle procedure interne delle quali ogni intermediario deve obbligatoriamente dotarsi e che disciplinano la corretta prestazione dei servizi di investimento. La disciplina stabilisce che tali procedure debbano essere idonee a ricostruire modalità, tempi e caratteristiche dei comportamenti seguiti in occasione della prestazione dei servizi; inoltre, per contenere i conflitti di interessi, occorre che le procedure interne mirino a evitare scambi di informazioni fra settori aziendali che devono essere tenuti separati (per esempio, il servizio che si occupa della gestione da quello che si occupa del collocamento). Ogni intermediario deve dotarsi anche di una funzione di controllo interno organizzata in una struttura indipendente e non sottoposta a livello gerarchico ad 6

7 alcuna delle attività sottoposte a controllo. I compiti di tale funzione sono stabiliti dalla normativa e riguardano, tra gli altri, la costante verifica dell idoneità delle procedure interne ad assicurare il rispetto delle disposizioni normative, il controllo dell effettivo rispetto di tali procedure, la gestione del registro dei reclami e alcune attività consulenziali e consultive. 31. Gli intermediari autorizzati adottano e rispettano un codice interno di autodisciplina nel quale vengono definite le regole di comportamento degli organi amministrativi e di controllo, dei dipendenti, dei promotori finanziari (ove presenti) e dei collaboratori. Il codice interno di comportamento regola, inoltre, l obbligo di riservatezza, i limiti e le modalità per l operatività in conto proprio, i rapporti con gli investitori, il divieto di ricevere utilità da soggetti terzi che possano indurre a tenere comportamenti contrari all interesse degli investitori. 7

SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 15

SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 15 987-88-386-6873-9 Saunders, Cornett, Anolli, Alemanni, Economia degli intermediari finanziari 4e 2015 McGraw-Hill Education (Italy) S.r.l. SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 15 1. Le società di intermediazione

Dettagli

Appunti sul libro Economia della banca I SERVIZI DI INVESTIMENTO

Appunti sul libro Economia della banca I SERVIZI DI INVESTIMENTO Appunti sul libro Economia della banca I SERVIZI DI INVESTIMENTO I SERVIZI DI INVESTIMENTO Tali investimenti danno origine alla raccolta bancaria indiretta, termine con il quale si identificano alcuni

Dettagli

REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO CREDITRAS UNIATTIVA (scad. 12/2017)

REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO CREDITRAS UNIATTIVA (scad. 12/2017) REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO CREDITRAS UNIATTIVA (scad. 12/2017) 1 - ISTITUZIONE, DENOMINAZIONE E CARATTERISTICHE DEL FONDO INTERNO CREDITRAS VITA S.p.A. (di seguito Società) ha istituito e gestisce,

Dettagli

Offerta al pubblico di LIFE INCOME 360 prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto UL14UI) Regolamento dei Fondi interni

Offerta al pubblico di LIFE INCOME 360 prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto UL14UI) Regolamento dei Fondi interni Offerta al pubblico di LIFE INCOME 360 prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto UL14UI) Regolamento dei Fondi interni REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO CREDITRAS INCOME 360 1

Dettagli

Piano degli investimenti finanziari - 2016 art.3, comma 3, del decreto legislativo 30 giugno 1994, n. 509

Piano degli investimenti finanziari - 2016 art.3, comma 3, del decreto legislativo 30 giugno 1994, n. 509 Piano degli investimenti finanziari - 2016 art.3, comma 3, del decreto legislativo 30 giugno 1994, n. 509 Piano strategico di investimento e di risk budgeting art. 4.3 e art. 7.4 del Regolamento per la

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA Crédit Agricole Vita

REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA Crédit Agricole Vita REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA Crédit Agricole Vita 1. Denominazione Viene attuata una speciale forma di gestione degli investimenti, distinta dagli altri attivi detenuti dall impresa di assicurazione,

Dettagli

Prof. Carlo Salvatori 1. UNA VISIONE D ASSIEME 5. BANCA VERSUS MERCATO. UniversitàdegliStudidiParma

Prof. Carlo Salvatori 1. UNA VISIONE D ASSIEME 5. BANCA VERSUS MERCATO. UniversitàdegliStudidiParma UniversitàdegliStudidiParma Banca e Finanza in Europa Prof. 1 5. BANCA VERSUS MERCATO 1. Una visione d assieme 2. I mercati: le tipologie 3. I mercati creditizi: gli intermediari 4. Gli intermediari in

Dettagli

POLICY SINTETICA ADOTTATA DA BANCA LEONARDO S.P.A

POLICY SINTETICA ADOTTATA DA BANCA LEONARDO S.P.A POLICY SINTETICA ADOTTATA DA BANCA LEONARDO S.P.A. PER L INDIVIDUAZIONE E LA GESTIONE DEI CONFLITTI DI INTERESSE NELLA PRESTAZIONE DEI SERVIZI E DELLE ATTIVITA DI INVESTIMENTO E DEI SERVIZI ACCESSORI 1.

Dettagli

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI 1. INTRODUZIONE Come previsto dalla disciplina in materia di best execution della direttiva MiFID 2004/39/CE e della direttiva 2010/43/UE (recante modalità

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA 4CAVITA

REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA 4CAVITA REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA 4CAVITA 1. Denominazione Viene attuata una speciale forma di gestione degli investimenti, distinta dagli altri attivi detenuti dall impresa di assicurazione, denominata

Dettagli

MEDIOLANUM REAL ESTATE gestito da Mediolanum Gestione Fondi SGR p.a.

MEDIOLANUM REAL ESTATE gestito da Mediolanum Gestione Fondi SGR p.a. Offerta al pubblico e ammissione alle negoziazioni di quote del fondo comune di investimento immobiliare chiuso ad accumulazione ed a distribuzione dei proventi denominato MEDIOLANUM REAL ESTATE gestito

Dettagli

Direttiva di primo livello, 2004/39/CE, (MiFID) relativa ai mercati degli strumenti finanziari.

Direttiva di primo livello, 2004/39/CE, (MiFID) relativa ai mercati degli strumenti finanziari. Torniamo ai nostri lettori con una edizione del nostro Bollettino Informativo interamente dedicata alla nuova disciplina comunitaria che riguarda i mercati, gli strumenti finanziari ed i servizi di investimento:

Dettagli

MODI DI FINANZIAMENTO DELL ECONOMIA

MODI DI FINANZIAMENTO DELL ECONOMIA MODI DI FINANZIAMENTO DELL ECONOMIA 1 OPERATORI FINANZIARI ATTIVI E PASSIVI Gli operatori finanziari possono essere divisi in quattro gruppi: Le famiglie; Le imprese; La pubblica amministrazione; il resto

Dettagli

REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO CREDITRAS E AZIONARIO EUROPA

REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO CREDITRAS E AZIONARIO EUROPA REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO Il presente Regolamento è composto dall'allegato al Regolamento del Fondo interno e dai seguenti articoli specifici per il Fondo interno. 1 - PROFILI DI RISCHIO DEL FONDO

Dettagli

INFORMATIVA SUGLI STRUMENTI FINANZIARI OBBLIGAZIONI STEP-UP

INFORMATIVA SUGLI STRUMENTI FINANZIARI OBBLIGAZIONI STEP-UP CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUGLI STRUMENTI FINANZIARI OBBLIGAZIONI STEP-UP Banca Popolare del Lazio Step Up 11/12/2012-2015 59a DI 20.000.000,00 ISIN IT0004873235 Le presenti Condizioni

Dettagli

Estratto dell Informativa sulla strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini.

Estratto dell Informativa sulla strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini. Estratto dell Informativa sulla strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini. 1. Introduzione - La Direttiva 2004/39/CE (MIFID) e le relative misure di attuazione emanate dalla Commissione europea

Dettagli

Risparmio e Investimento

Risparmio e Investimento Risparmio e Investimento Risparmiando un paese ha a disposizione più risorse da utilizzare per investire in beni capitali I beni capitali a loro volta fanno aumentare la produttività La produttività incide

Dettagli

PROSPETTO BASE. CONDIZIONI DEFINITIVE relative al programma di prestiti obbligazionari denominato

PROSPETTO BASE. CONDIZIONI DEFINITIVE relative al programma di prestiti obbligazionari denominato CASSA RURALE DI TRENTO - Banca di Credito Cooperativo - Società Cooperativa con sede legale in Trento, via Belenzani 6. Iscritta all albo delle banche tenuto dalla Banca d'italia al n. 2987.6; al Registro

Dettagli

SCHEDA PRODOTTO TASSI/CEDOLE. Semestrale, al 01 maggio e 01 novembre sino al 01/11/2021 incluso. PREZZO/QUOTAZIONE

SCHEDA PRODOTTO TASSI/CEDOLE. Semestrale, al 01 maggio e 01 novembre sino al 01/11/2021 incluso. PREZZO/QUOTAZIONE Emittente Rating Emittente Denominazione delle Obbligazioni Codice ISIN Grado di Subordinazione del Prestito Autorizzazione all emissione Ammontare totale del prestito Valore Nominale e Taglio Minimo Periodo

Dettagli

Struttura e organizzazione del mercato mobiliare. soggetti funzioni forme organizzative presentazione degli strumenti

Struttura e organizzazione del mercato mobiliare. soggetti funzioni forme organizzative presentazione degli strumenti Struttura e organizzazione del mercato mobiliare soggetti funzioni forme organizzative presentazione degli strumenti Circuiti diretti e circuiti indiretti Mercati finanziari SF Circuito diretto Unità in

Dettagli

Banca di Credito Cooperativo di Alba, Langhe e Roero società cooperativa in qualità di Emittente

Banca di Credito Cooperativo di Alba, Langhe e Roero società cooperativa in qualità di Emittente Banca di Credito Cooperativo di Alba, Langhe e Roero società cooperativa in qualità di Emittente CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA BANCA D ALBA CREDITO COOPERATIVO TASSO VARIABILE

Dettagli

INFORMATIVA SUGLI STRUMENTI FINANZIARI OBBLIGAZIONI TASSO FISSO 3,50% 20/09/2011-20/09/2013 54ª DI MASSIMI 15.000.000,00 ISIN IT0004761448

INFORMATIVA SUGLI STRUMENTI FINANZIARI OBBLIGAZIONI TASSO FISSO 3,50% 20/09/2011-20/09/2013 54ª DI MASSIMI 15.000.000,00 ISIN IT0004761448 CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUGLI STRUMENTI FINANZIARI OBBLIGAZIONI TASSO FISSO Banca Popolare del Lazio 3,50% 20/09/2011-20/09/2013 54ª DI MASSIMI 15.000.000,00 ISIN IT0004761448 Le presenti

Dettagli

Sezione Terza I Fondi comuni di investimento

Sezione Terza I Fondi comuni di investimento Sezione Terza I Fondi comuni di investimento 369. Nella valutazione dei beni del fondo comune di investimento, il valore degli strumenti finanziari ammessi alle negoziazioni su mercati regolamentati è

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE

CONDIZIONI DEFINITIVE APPENDICE B - MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE DELLE OBBLIGAZIONI ZERO COUPON CONDIZIONI DEFINITIVE BANCA AGRICOLA POPOLARE DI RAGUSA Società Cooperativa per Azioni CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA

Dettagli

Banca di Credito Cooperativo di Alba, Langhe e Roero società cooperativa in qualità di Emittente

Banca di Credito Cooperativo di Alba, Langhe e Roero società cooperativa in qualità di Emittente Banca di Credito Cooperativo di Alba, Langhe e Roero società cooperativa in qualità di Emittente CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA BANCA D ALBA CREDITO COOPERATIVO TASSO FISSO BCC

Dettagli

info Prodotto Investment Solutions by Epsilon Valore Cedola x 5-11/2014 A chi si rivolge

info Prodotto Investment Solutions by Epsilon Valore Cedola x 5-11/2014 A chi si rivolge info Prodotto è un Comparto del fondo comune di diritto lussemburghese Investment Solutions by Epsilon, promosso da Eurizon Capital S.A. e gestito da Epsilon SGR. Il Comparto mira ad ottenere un rendimento

Dettagli

Twin Win. Opportunità generate da ogni oscillazione del mercato.

Twin Win. Opportunità generate da ogni oscillazione del mercato. Twin Win. Opportunità generate da ogni oscillazione del mercato. Banca IMI è una banca del gruppo Banca IMI offre una gamma completa di servizi alle banche, alle imprese, agli investitori istituzionali,

Dettagli

Cassa Padana 11/05/2009 11/11/2011 Tasso Fisso 2,50% ISIN IT0004490352

Cassa Padana 11/05/2009 11/11/2011 Tasso Fisso 2,50% ISIN IT0004490352 ALLEGATO 2 - MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE Cassa Padana Banca di Credito Cooperativo Società Cooperativa Sede Sociale: Via Garibaldi 25, Leno Brescia Iscritta all Albo delle Banche al n. 8340.2 Iscritta

Dettagli

GRUPPO CREDEM GLOSSARIO DEI TERMINI TECNICI UTILIZZATI NEL PROSPETTO

GRUPPO CREDEM GLOSSARIO DEI TERMINI TECNICI UTILIZZATI NEL PROSPETTO GRUPPO CREDEM GLOSSARIO DEI TERMINI TECNICI UTILIZZATI NEL PROSPETTO Agenzie di Rating: società indipendenti che esprimono giudizi (rating) relativi al merito creditizio degli strumenti finanziari di natura

Dettagli

Fondazione indipendente di libero passaggio di Zurigo. Regolamento di investimento

Fondazione indipendente di libero passaggio di Zurigo. Regolamento di investimento Fondazione indipendente di libero passaggio di Zurigo Regolamento di investimento Fondazione indipendente di libero passaggio di Zurigo Indice Articolo 1 Articolo 2 Articolo 3 Articolo 4 Articolo 5 Articolo

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE. Banca di Forlì Credito Cooperativo Obbligazioni a Tasso Step-Up

CONDIZIONI DEFINITIVE. Banca di Forlì Credito Cooperativo Obbligazioni a Tasso Step-Up CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA relativa al programma di emissioni denominato Banca di Forlì Credito Cooperativo Obbligazioni a Tasso Step-Up Banca di Forlì Credito Cooperativo 12/2007 12/2010

Dettagli

Caratteristiche del Fondo

Caratteristiche del Fondo REGOLAMENTO DEI FONDI INTERNI BAPfondi Gold Art. 1 Aspetti generali Denominazione dei Fondi La Compagnia ha istituito e gestisce, secondo le modalità di cui al presente Regolamento, un portafoglio di strumenti

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE. Banca di Forlì Credito Cooperativo Obbligazioni a Tasso Step-Up e Obbligazioni a Tasso Step-Up Callable.

CONDIZIONI DEFINITIVE. Banca di Forlì Credito Cooperativo Obbligazioni a Tasso Step-Up e Obbligazioni a Tasso Step-Up Callable. CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA relativa al programma di emissioni denominato Banca di Forlì Credito Cooperativo Obbligazioni a Tasso Step-Up e Obbligazioni a Tasso Step-Up Callable. Banca

Dettagli

Cassa Rurale ed Artigiana di Boves Banca Di Credito Cooperativo

Cassa Rurale ed Artigiana di Boves Banca Di Credito Cooperativo DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID Cassa Rurale ed Artigiana di Boves Banca Di Credito Cooperativo La Markets in Financial Instruments Directive

Dettagli

Prospetto tradotto fedelmente dall ultimo prospetto ricevuto dalla Commissione di Vigilanza del Settore Finanziario del Lussemburgo.

Prospetto tradotto fedelmente dall ultimo prospetto ricevuto dalla Commissione di Vigilanza del Settore Finanziario del Lussemburgo. EXTRA FUND SICAV TOTAL RETURN OPPORTUNITY Prospetto Informativo Semplificato Luglio 2009 Prospetto tradotto fedelmente dall ultimo prospetto ricevuto dalla Commissione di Vigilanza del Settore Finanziario

Dettagli

Strategia di Trasmissione ed Esecuzione degli ordini presso Hypo Alpe-Adria-Bank S.p.a.

Strategia di Trasmissione ed Esecuzione degli ordini presso Hypo Alpe-Adria-Bank S.p.a. Strategia di Trasmissione ed Esecuzione degli ordini presso Hypo Alpe-Adria-Bank S.p.a. Introduzione Hypo Alpe-Adria-Bank S.p.a. offre diverse tipologie di servizi d investimento tra cui la ricezione e

Dettagli

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto AREA FINANZA DISPENSE FINANZA Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto Prodotti finanziari a medio - lungo termine CTZ: Certificati del Tesoro zero coupon ORGANISMO BILATERALE

Dettagli

Risparmio, investimenti e sistema finanziario

Risparmio, investimenti e sistema finanziario Risparmio, investimenti e sistema finanziario Una relazione fondamentale per la crescita economica è quella tra risparmio e investimenti. In un economia di mercato occorre individuare meccanismi capaci

Dettagli

RISOLUZIONE N. 101/E

RISOLUZIONE N. 101/E RISOLUZIONE N. 101/E Direzione Centrale Normativa Roma, 19 novembre 2014 OGGETTO: Consulenza giuridica ai sensi dell articolo 11 della legge n. 212 del 2000 SOSTITUTO D IMPOSTA - CESSIONE QUOTE FONDI MOBILIARI

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PRESTITO OBBLIGAZIONARIO BCC Casalgrasso-S.Albano Tasso Variabile

CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PRESTITO OBBLIGAZIONARIO BCC Casalgrasso-S.Albano Tasso Variabile Banca di Credito Cooperativo di Casalgrasso e Sant Albano Stura Società Cooperativa in qualità di Emittente CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PRESTITO OBBLIGAZIONARIO BCC Casalgrasso-S.Albano

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE

CONDIZIONI DEFINITIVE BANCA POPOLARE DELL ALTO ADIGE SOCIETÀ COOPERATIVA PER AZIONI Sede Legale in Bolzano, Via del Macello n.55 Iscritta all Albo delle Banche al n. 3630.1 e Capogruppo del Gruppo Bancario Banca Popolare dell

Dettagli

COMUNICAZIONE AI PARTECIPANTI AL FONDO COMUNE D INVESTIMENTO MOBILIARE APERTO ARMONIZZATO DENOMINATO BANCOPOSTA OBBLIGAZIONARIO FEBBRAIO 2014

COMUNICAZIONE AI PARTECIPANTI AL FONDO COMUNE D INVESTIMENTO MOBILIARE APERTO ARMONIZZATO DENOMINATO BANCOPOSTA OBBLIGAZIONARIO FEBBRAIO 2014 COMUNICAZIONE AI PARTECIPANTI AL FONDO COMUNE D INVESTIMENTO MOBILIARE APERTO ARMONIZZATO DENOMINATO BANCOPOSTA OBBLIGAZIONARIO FEBBRAIO 2014 LA SOSTITUZIONE DELLA SOCIETÀ GESTORE A partire dal 3 giugno

Dettagli

BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE

BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE Tema d esame BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 MATERIE AZIENDALI (classe 5 a ITC) Il tema proposto è articolato in tre parti, di cui l ultima con tre alternative

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE NOTA INFORMATIVA

CONDIZIONI DEFINITIVE NOTA INFORMATIVA CONDIZIONI DEFINITIVE della NOTA INFORMATIVA relativa al programma di prestiti obbligazionari denominato BANCA DELLE MARCHE S.P.A. OBBLIGAZIONI A TASSO VARIABILE BANCA delle MARCHE SPA TV ASTA BOT A 6

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE

CONDIZIONI DEFINITIVE CONDIZIONI DEFINITIVE BANCA AGRICOLA POPOLARE DI RAGUSA Società Cooperativa per Azioni CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUGLI STRUMENTI FINANZIARI OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO BANCA AGRICOLA POPOLARE

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE relative al PROSPETTO DI BASE SUL PROGRAMMA

CONDIZIONI DEFINITIVE relative al PROSPETTO DI BASE SUL PROGRAMMA Società per Azioni Sede Legale in Aprilia (LT), Piazza Roma, snc Iscrizione al Registro delle Imprese di Latina e Codice Fiscale/Partita Iva n.00089400592 Capitale sociale al 31 dicembre 2009 Euro 6.671.440

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA

CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA SEZIONE 4 Società per Azioni CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA "BANCA CRV CASSA DI RISPARMIO DI VIGNOLA S.p.A. OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO BANCA CRV CASSA DI RISPARMIO DI VIGNOLA

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE TASSO FISSO

CONDIZIONI DEFINITIVE TASSO FISSO CONDIZIONI DEFINITIVE TASSO FISSO Per l offerta relativa al programma di emissione denominato ROVIGOBANCA - TASSO FISSO IT0004750425 RovigoBanca 01/08/2015 TF 3,60% Le presenti Condizioni Definitive sono

Dettagli

Condizioni Definitive alla Nota Informativa per l offerta di Banco di Sardegna S.p.A. Obbligazioni a Tasso Fisso

Condizioni Definitive alla Nota Informativa per l offerta di Banco di Sardegna S.p.A. Obbligazioni a Tasso Fisso BANCO DI SARDEGNA S.P.A. Sede legale: Cagliari - Viale Bonaria 33 Sede amministrativa e Direzione generale: Sassari - Viale Umberto 36 Capitale sociale al 31 dicembre 2007 euro 155.247.762,00 i.v. Cod.

Dettagli

MASSIMI 24/05/2011-24/05/2014 20.000.000.00 ISIN IT0004720865

MASSIMI 24/05/2011-24/05/2014 20.000.000.00 ISIN IT0004720865 CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUGLI STRUMENTI FINANZIARI OBBLIGAZIONI STEP-UP Banca Popolare del Lazio Step Up 24/05/2011-24/05/2014 50a DI MASSIMI 20.000.000.00 ISIN IT0004720865 Le presenti

Dettagli

I contratti finanziari. Corso di Economia degli Intermediari Finanziari

I contratti finanziari. Corso di Economia degli Intermediari Finanziari I contratti finanziari Corso di Economia degli Intermediari Finanziari Definizioni I contratti finanziari-detti anche attività finanziarie e strumenti finanziari-sono beni intangibili che costituiscono

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE. alla NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA

CONDIZIONI DEFINITIVE. alla NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA 9. MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE Società per Azioni CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA BANCA CRV CASSA DI RISPARMIO DI VIGNOLA S.p.A. OBBLIGAZIONI A TASSO VARIABILE BANCA CRV

Dettagli

ASSOCIAZIONE BANCARIA ITALIANA BTP DAY

ASSOCIAZIONE BANCARIA ITALIANA BTP DAY ASSOCIAZIONE BANCARIA ITALIANA BTP DAY 28 NOVEMBRE e 12 DICEMBRE DOMANDE E RISPOSTE DOMANDE GENERALI Che cos è il Btp day? Il BTP-day è una iniziativa che ha l obiettivo di agevolare temporaneamente i

Dettagli

INFORMATIVA SINTETICA SULLA POLITICA SEGUITA DALLA BANCA IN MATERIA DI CONFLITTI DI INTERESSE

INFORMATIVA SINTETICA SULLA POLITICA SEGUITA DALLA BANCA IN MATERIA DI CONFLITTI DI INTERESSE INFORMATIVA SINTETICA SULLA POLITICA SEGUITA DALLA BANCA IN MATERIA DI CONFLITTI DI INTERESSE 1. PREMESSA Il presente documento ha lo scopo di descrivere sinteticamente la politica che il Gruppo bancario

Dettagli

Fondi aperti Caratteri

Fondi aperti Caratteri Fondi aperti Caratteri Patrimonio variabile Quota valorizzata giornalmente in base al net asset value (Nav) Investimento in valori mobiliari prevalentemente quotati Divieti e limiti all attività d investimento

Dettagli

IL SISTEMA FINANZIARIO

IL SISTEMA FINANZIARIO IL SISTEMA FINANZIARIO 1 Premessa Lo studio del sistema finanziario si fonda sull analisi dei suoi elementi costitutivi. La struttura finanziaria dell economia individua l insieme dei circuiti di risorse

Dettagli

CEDOLARMENTE UNA SELEZIONE DI PRODOTTI CHE PREVEDE LA DISTRIBUZIONE DI UNA CEDOLA OGNI 3 MESI. REGOLARMENTE.

CEDOLARMENTE UNA SELEZIONE DI PRODOTTI CHE PREVEDE LA DISTRIBUZIONE DI UNA CEDOLA OGNI 3 MESI. REGOLARMENTE. CEDOLARMENTE UNA SELEZIONE DI PRODOTTI CHE PREVEDE LA DISTRIBUZIONE DI UNA CEDOLA OGNI MESI. REGOLARMENTE. PERCHÉ UN INVESTIMENTO CHE POSSA GENERARE UN FLUSSO CEDOLARE LE SOLUZIONI DI UBI SICAV Nell attuale

Dettagli

Regolamento del Fondo Interno Strategic Model Portfolio

Regolamento del Fondo Interno Strategic Model Portfolio Regolamento del Fondo Interno Strategic Model Portfolio Art. 1 - Aspetti generali Al fine di adempiere agli obblighi assunti nei confronti del Contraente in base alle Condizioni di Polizza, la Compagnia

Dettagli

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Prodotti finanziari a breve termine BOT: Buoni Ordinari del tesoro

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Prodotti finanziari a breve termine BOT: Buoni Ordinari del tesoro AREA FINANZA DISPENSE FINANZA Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto Prodotti finanziari a breve termine BOT: Buoni Ordinari del tesoro ORGANISMO BILATERALE PER LA FORMAZIONE

Dettagli

La consulenza in materia d investimenti : dalle tutele alle opportunità economiche. Alcune considerazioni della vigilanza.

La consulenza in materia d investimenti : dalle tutele alle opportunità economiche. Alcune considerazioni della vigilanza. CONVEGNO ASCOSIM Palazzo delle Stelline 1 FORUM NAZIONALE SULLA CONSULENZA FINANZIARIA La consulenza in materia d investimenti : dalle tutele alle opportunità economiche. Alcune considerazioni della vigilanza.

Dettagli

Offerta al pubblico di UNIOBIETTIVO INFLAZIONE 03/2018 prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto ULM11I)

Offerta al pubblico di UNIOBIETTIVO INFLAZIONE 03/2018 prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto ULM11I) Società del Gruppo ALLIANZ S.p.A. Offerta al pubblico di UNIOBIETTIVO INFLAZIONE 03/2018 prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto ULM11I) Regolamento del Fondo interno REGOLAMENTO

Dettagli

Banca della Bergamasca CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA BANCA DELLA BERGAMASCA CREDITO COOPERATIVO STEP UP/STEP DOWN

Banca della Bergamasca CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA BANCA DELLA BERGAMASCA CREDITO COOPERATIVO STEP UP/STEP DOWN Banca della Bergamasca - Credito Cooperativo - in qualità di Emittente CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA BANCA DELLA BERGAMASCA CREDITO COOPERATIVO STEP UP/STEP DOWN BANCA DELLA

Dettagli

Investimento e Sviluppo Mediterraneo spa. Il CdA approva i risultati al 31 marzo 2008

Investimento e Sviluppo Mediterraneo spa. Il CdA approva i risultati al 31 marzo 2008 Comunicato Stampa Investimenti e Sviluppo Mediterraneo S.p.A.: Il CdA approva i risultati al 31 marzo 2008 Trimestre: gennaio 2008 marzo 2008 Margine di interesse pari a euro 327.660 Margine di intermediazione

Dettagli

Prestito Obbligazionario Banca di Imola SpA 185^ Emissione 02/04/2007-02/04/2010 TV% Media Mensile (Codice ISIN IT0004219223)

Prestito Obbligazionario Banca di Imola SpA 185^ Emissione 02/04/2007-02/04/2010 TV% Media Mensile (Codice ISIN IT0004219223) MODELLO DI CONDIZIONI DEFINITIVE relative alla Nota Informativa sul Programma di Offerta di Prestiti Obbligazionari denominati Obbligazioni Banca di Imola SPA a Tasso Variabile Media Mensile Il seguente

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA

CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA Sede sociale: Via Principi di Piemonte n. 12-12042 Bra CN Iscritta all'albo delle Banche al n. 5087 Capitale sociale Euro 20.800.000,00 interamente versato Iscritta al Registro Imprese di Cuneo al n. 00200060044

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO Novembre 2010 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è

Dettagli

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Prodotti Finanziari a medio - lungo termine CCT: Certificati di Credito del Tesoro

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Prodotti Finanziari a medio - lungo termine CCT: Certificati di Credito del Tesoro AREA FINANZA DISPENSE FINANZA Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto Prodotti Finanziari a medio - lungo termine CCT: Certificati di Credito del Tesoro ORGANISMO BILATERALE

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE

CONDIZIONI DEFINITIVE BANCA ALPI MARITTIME CREDITO COOPERATIVO CARRU S.C.P.A. in qualità di Emittente CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PRESTITO OBBLIGAZIONARIO Banca Alpi Marittime Credito Cooperativo Carrù S.c.p.a.

Dettagli

Sistema Mediolanum Fondi Italia

Sistema Mediolanum Fondi Italia Informazioni chiave per gli Investitori (KIID) Sistema Mediolanum Fondi Italia Società di Gestione del Risparmio Collocatore Unico retro di copertina Informazioni chiave per gli investitori (KIID) Il presente

Dettagli

IL SISTEMA FINANZIARIO. Giuseppe G. Santorsola 1

IL SISTEMA FINANZIARIO. Giuseppe G. Santorsola 1 IL SISTEMA FINANZIARIO 1 Premessa Lo studio del sistema finanziario si fonda sull analisi dei suoi elementi costitutivi. La struttura finanziaria dell economia individua l insieme dei circuiti di risorse

Dettagli

Slides per il corso di ECONOMIA DEI MERCATI FINANZIARI

Slides per il corso di ECONOMIA DEI MERCATI FINANZIARI Slides per il corso di ECONOMIA DEI MERCATI FINANZIARI Nicola Meccheri (meccheri@ec.unipi.it) Facoltà di Economia Università di Pisa A.A. 2011/2012 ECONOMIA DEI MERCATI FINANZIARI: ASPETTI INTRODUTTIVI

Dettagli

PROSPETTO BASE. CONDIZIONI DEFINITIVE per il programma di emissione prestiti obbligazionari

PROSPETTO BASE. CONDIZIONI DEFINITIVE per il programma di emissione prestiti obbligazionari CASSA RURALE DI TRENTO - Banca di Credito Cooperativo - Società Cooperativa con sede legale in Trento, via Belenzani 6. Iscritta all albo delle banche tenuto dalla Banca d'italia al n. 2987.6; al Registro

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE. Banca di Forlì Credito Cooperativo Obbligazioni a Tasso Variabile e Obbligazioni a Tasso Variabile Callable.

CONDIZIONI DEFINITIVE. Banca di Forlì Credito Cooperativo Obbligazioni a Tasso Variabile e Obbligazioni a Tasso Variabile Callable. CONDIZIONI DEFINITIVE DELLA NOTA INFORMATIVA relativa al programma di emissioni denominato Banca di Forlì Credito Cooperativo Obbligazioni a Tasso Variabile e Obbligazioni a Tasso Variabile Callable. Banca

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL FONDO BANCOPOSTA LIQUIDITÀ EURO

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL FONDO BANCOPOSTA LIQUIDITÀ EURO appartenente al Gruppo Poste Italiane REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL FONDO BANCOPOSTA LIQUIDITÀ EURO Collocatore Pagina 1 di 12 A) SCHEDA IDENTIFICATIVA funzionamento. Denominazione, tipologia e durata del

Dettagli

Carilo - Cassa di Risparmio di Loreto SpA Tasso Fisso 2,00% 2010/2013

Carilo - Cassa di Risparmio di Loreto SpA Tasso Fisso 2,00% 2010/2013 CONDIZIONI DEFINITIVE della NOTA INFORMATIVA relativa al programma di prestiti obbligazionari denominato CARILO - CASSA DI RISPARMIO DI LORETO S.P.A. OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO CON EVENTUALE FACOLTA DI

Dettagli

Difesa del risparmio e rapporto con le banche

Difesa del risparmio e rapporto con le banche EDUCAZIONE FINANZIARIA Difesa del risparmio e rapporto con le banche CUCE Dr. Vincenzo Difesa del risparmio e rapporto con le banche Legenda: Il Risparmio, Manifesto per la tutela del risparmio Oltre la

Dettagli

IL PRESENTE MODELLO RIPORTA LE CONDIZIONI DEFINITIVE DELLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA DI EMISSIONE DENOMINATO CASSA PADANA TASSO FISSO

IL PRESENTE MODELLO RIPORTA LE CONDIZIONI DEFINITIVE DELLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA DI EMISSIONE DENOMINATO CASSA PADANA TASSO FISSO B.9 MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE CASSA PADANA Banca di Credito Cooperativo Società Cooperativa in qualità di Emittente IL PRESENTE MODELLO RIPORTA LE CONDIZIONI DEFINITIVE DELLA NOTA INFORMATIVA

Dettagli

INDICE-SOMMARIO II. L OFFERTA DI MERCATO. I FINANCIAL PRODUCTS E L APPELLO AL PUBBLICO RISPARMIO. MODI E FINALITÀ DELLA PUBBLICA VIGILANZA

INDICE-SOMMARIO II. L OFFERTA DI MERCATO. I FINANCIAL PRODUCTS E L APPELLO AL PUBBLICO RISPARMIO. MODI E FINALITÀ DELLA PUBBLICA VIGILANZA I. L INVESTIMENTO FINANZIARIO. LA MATERIA E LE SUE REGOLE. IL DIRITTO DEI MERCATI MOBILIARI 1. Lo scenario di insieme e l oggetto di studio. Un primo passo da orientare nella giusta direzione... 1 2. Che

Dettagli

Regolamento per la gestione del patrimonio

Regolamento per la gestione del patrimonio Regolamento per la gestione del patrimonio Approvato dall Organo di indirizzo nella seduta del 19 aprile 2013 Art. 1 (Ambito di applicazione) Il presente regolamento, adottato ai sensi dell'art. 6 dello

Dettagli

Copia della presente Policy è a disposizione della clientela presso tutte le Filiali e nel sito della Banca www.bancadiimola.it

Copia della presente Policy è a disposizione della clientela presso tutte le Filiali e nel sito della Banca www.bancadiimola.it INFORMATIVA SULLA TRATTAZIONE DELLE AZIONI EMESSE DALLA BANCA DI IMOLA S.P.A (Titolo illiquido ai sensi della Comunicazione Consob n. 9019104 del 2 marzo 2009) Copia della presente Policy è a disposizione

Dettagli

Il mercato mobiliare

Il mercato mobiliare Il mercato mobiliare E il luogo nel quale trovano esecuzione tutte le operazioni aventi per oggetto valori mobiliari, ossia strumenti finanziari così denominati per la loro attitudine a circolare facilmente

Dettagli

La pensione complementare

La pensione complementare La pensione complementare La pensione complementare Perché una pensione complementare A causa della diminuita copertura della pensione pubblica dopo la riforma del 1995 rispetto agli anni precedenti diventa

Dettagli

Banca di Credito Cooperativo di Alba, Langhe e Roero società cooperativa in qualità di Emittente

Banca di Credito Cooperativo di Alba, Langhe e Roero società cooperativa in qualità di Emittente Banca di Credito Cooperativo di Alba, Langhe e Roero società cooperativa in qualità di Emittente CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA BANCA D ALBA CREDITO COOPERATIVO TASSO VARIABILE

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA Banca di Anghiari e Stia - Tasso Fisso

CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA Banca di Anghiari e Stia - Tasso Fisso Banca di Anghiari e Stia Credito Cooperativo Società Cooperativa in qualità di Emittente CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA Banca di Anghiari e Stia - Tasso Fisso Banca di Anghiari

Dettagli

BANCA DI CESENA CREDITO COOPERATIVO DI CESENA E RONTA SOCIETA COOPERATIVA

BANCA DI CESENA CREDITO COOPERATIVO DI CESENA E RONTA SOCIETA COOPERATIVA BANCA DI CESENA CREDITO COOPERATIVO DI CESENA E RONTA SOCIETA COOPERATIVA CONDIZIONI DEFINITIVE della NOTA INFORMATIVA BANCA DI CESENA OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO BANCA DI CESENA 11/05/2009 11/11/2011 TF

Dettagli

Fondi aperti Caratteri

Fondi aperti Caratteri Fondi aperti Caratteri Patrimonio variabile Quota valorizzata giornalmente in base al net asset value (Nav) Investimento in valori mobiliari prevalentemente quotati Divieti e limiti all attività d investimento

Dettagli

REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO PROGETTO SMART

REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO PROGETTO SMART REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO PROGETTO SMART 1 Denominazione CNP UniCredit Vita al fine di adempiere agli obblighi assunti nei confronti degli Aderenti, in base a quanto stabilito dal Regolamento e dalle

Dettagli

POLICY PER LA NEGOZIAZIONE DI AZIONI EMESSE DALLA BANCA DI IMOLA S.P.A. Approvata dal CDA nella seduta del 30/07/2012

POLICY PER LA NEGOZIAZIONE DI AZIONI EMESSE DALLA BANCA DI IMOLA S.P.A. Approvata dal CDA nella seduta del 30/07/2012 POLICY PER LA NEGOZIAZIONE DI AZIONI EMESSE DALLA BANCA DI IMOLA S.P.A Approvata dal CDA nella seduta del 30/07/2012 INDICE PREMESSA...3 1.1. Fattori di Rischio...3 2.2. Funzionamento e formazione prezzi...4

Dettagli

Documento sulla politica di gestione dei conflitti di interesse e informativa ai clienti sui conflitti di interesse non eliminabili

Documento sulla politica di gestione dei conflitti di interesse e informativa ai clienti sui conflitti di interesse non eliminabili BANCA POPOLARE DEL LAZIO Soc. Coop. per azioni Sede sociale e Direzione Generale Via Martiri delle Fosse Ardeatine, 9 00049 VELLETRI (Roma) Iscr. Registro Imprese di Roma al n. 04781291002 Iscritta al

Dettagli

Banca della Bergamasca CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA BANCA DELLA BERGAMASCA CREDITO COOPERATIVO TASSO FISSO

Banca della Bergamasca CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA BANCA DELLA BERGAMASCA CREDITO COOPERATIVO TASSO FISSO Banca della Bergamasca - Credito Cooperativo - in qualità di Emittente CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA BANCA DELLA BERGAMASCA CREDITO COOPERATIVO TASSO FISSO BANCA DELLA BERGAMASCA

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO. PER L'OFFERTA DEL PRESTITO OBBLlGAZlONARlO BANCO DI LUCCA E DEL TIRRENO S.P.A. 20/05/2015 20/05/2021 TASSO FISSO 2.

DOCUMENTO INFORMATIVO. PER L'OFFERTA DEL PRESTITO OBBLlGAZlONARlO BANCO DI LUCCA E DEL TIRRENO S.P.A. 20/05/2015 20/05/2021 TASSO FISSO 2. DOCUMENTO INFORMATIVO PER L'OFFERTA DEL PRESTITO OBBLlGAZlONARlO BANCO DI LUCCA E DEL TIRRENO S.P.A. 20/05/2015 20/05/2021 TASSO FISSO 2.00% EMISSIONE N. 27/2015 CODICE lsln IT0005108672 Il presente documento

Dettagli

Prestito Obbligazionario (Codice ISIN )

Prestito Obbligazionario (Codice ISIN ) MODELLO DI CONDIZIONI DEFINITIVE relative alla Nota Informativa sul Programma di Offerta di Prestiti Obbligazionari denominati Obbligazioni Cassa di Risparmio di Ravenna SPA a Tasso Fisso Il seguente modello

Dettagli

CREDITO DI ROMAGNA S.p.A.

CREDITO DI ROMAGNA S.p.A. CREDITO DI ROMAGNA S.p.A. CONDIZIONI DEFINITIVE della NOTA INFORMATIVA CREDITO DI ROMAGNA OBBLIGAZIONI A STEP UP STEP DOWN CREDITO DI ROMAGNA S.p.A. STEP UP 02/02/2010 02/02/2013 SERIE 85 IT0004571151

Dettagli

info Prodotto Investment Solutions by Epsilon A chi si rivolge

info Prodotto Investment Solutions by Epsilon A chi si rivolge info Prodotto è un Comparto del fondo comune di diritto lussemburghese Investment Solutions by Epsilon, promosso da Eurizon Capital SA e gestito da Epsilon SGR. Il Comparto mira ad ottenere un rendimento

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE

CONDIZIONI DEFINITIVE CREDITO COOPERATIVO INTERPROVINCIALE VENETO SOCIETA COOPERATIVA Sede sociale in Via Matteotti 11, 35044 Montagnana (Padova) Iscritta all Albo delle Banche al n. 5411, all Albo delle Società Cooperative

Dettagli

INFORMATIVA SULLA TRATTAZIONE DELLE AZIONI EMESSE DALLA CASSA DI RISPARMIO DI RAVENNA S.P.A. Versione Aggiornata 28/11/2014

INFORMATIVA SULLA TRATTAZIONE DELLE AZIONI EMESSE DALLA CASSA DI RISPARMIO DI RAVENNA S.P.A. Versione Aggiornata 28/11/2014 INFORMATIVA SULLA TRATTAZIONE DELLE AZIONI EMESSE DALLA CASSA DI RISPARMIO DI RAVENNA S.P.A Versione Aggiornata 28/11/2014 Copia della presente Informativa è a disposizione della clientela presso tutte

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE alla

CONDIZIONI DEFINITIVE alla Società per azioni con unico Socio Sede sociale in Vignola, viale Mazzini n.1 Numero di iscrizione al Registro delle Imprese di Modena e Codice Fiscale/Partita I.V.A. 02073160364 Capitale sociale al 31

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE PESCARABRUZZO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE PESCARABRUZZO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE PESCARABRUZZO Approvato dal Comitato di Indirizzo nella seduta del 20 marzo 2015 Sommario TITOLO I - PREMESSE... 3 1. Ambito di applicazione...

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE

CONDIZIONI DEFINITIVE Credito Cooperativo ravennate e imolese Soc. Coop. Sede e Direzione Generale: Piazza della Libertà,14 48018 Faenza (RA) Iscritta all Albo delle Banche al n. 5387 Codice ABI: 8542-3 Capitale sociale Euro

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA. "BANCA DI SASSARI S.p.a. OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO " ISIN IT0004618051

CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA. BANCA DI SASSARI S.p.a. OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO  ISIN IT0004618051 APPENDICE B - MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA "BANCA DI SASSARI S.p.a. OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO " ISIN IT0004618051 Le presenti Condizioni

Dettagli