Ministero della Giustizia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Ministero della Giustizia"

Transcript

1 NUCLEO TRADUZIONI PROVINCIALE DI FROSINONE Pagina 1 di 22

2 P A R T E P R I M A Capo I ISTITUZIONE NUCLEO TRADUZIONI PROVINCIALE 1. LIMITI DI COMPETENZA MATERIALE E TERRITORIALE AREA PROVINCIALE Nell area provinciale, conformemente a quanto stabilito con D.M. dell 8 febbraio 2012 e successivo modello operativo diramato con Circolare dipartimentale n. 3643/6093 del , è istituita una struttura operativa che assume la denominazione di Nucleo Traduzioni Provinciale per la Provincia di Frosinone (per brevità, indicato come Nucleo Provinciale). Pagina 2 di 22

3 Il Nucleo Provinciale provvede all espletamento dei servizi di traduzione e piantonamento che interessano più istituti nell area provinciale. La suddetta struttura operativa, che dipende direttamente dall Ufficio della Sicurezza e delle Traduzioni (U.S.T.) del Provveditorato Regionale del Lazio, è classificata servizio ai sensi dell articolo 32 del D.P.R. 82/99 ed è dotata di mezzi logistici atti a soddisfare le incombenze del servizio. Capo II AREA MACRO ORGANIZZATIVA 1. INDIRIZZO PROGRAMMATICO GENERALE ANNUALE Viste le disposizioni di legge disciplinanti gli incarichi di dirigenza generale dello Stato 1, il Provveditore Regionale del Lazio è titolare dell indirizzo direttivo 1 Articolo 16 del D. Lgv. n. 29 del 1993, come sostituito prima dall articolo 9 del D. Lgv. n. 546 del 1993 e poi dall articolo 11 del D. Lgv. n. 80 del 1998 e successivamente modificato dall articolo 4 Pagina 3 di 22

4 generale oltre che propulsivo di primo livello, adottando misure organizzative idonee a consentire la razionalizzazione, la rilevazione e l analisi dei costi/benefici nel quadro dell attività programmatica annuale. 2. CRITERI GUIDA Visto l articolo 2, comma 1, del D. Lgv. 165/2001 rubricato norme generali sull ordinamento del lavoro alle dipendenze delle amministrazioni pubbliche, l attività programmatica dovrà ispirarsi ai seguenti principi gestionali: perseguimento degli obiettivi di efficienza, efficacia ed economicità; flessibilità nelle determinazioni operative e gestionali; collegamento delle attività degli uffici; armonizzazione nella gestione delle risorse delle singole unità operative. 3. DOTAZIONE ORGANICA del D. Lgv. n. 387 del 1998 Pagina 4 di 22

5 L organico complessivo del Nucleo Provinciale è determinato in 113 unità articolato in 92 unità per i settori traduzioni e piantonamenti e 21 per l area servizi, oltre, le 3 unità appartenenti al ruolo direttivo del Corpo di Polizia Penitenziaria. Alla dotazione organica generale del Nucleo Provinciale concorrono e integrano le aliquote di personale di Polizia Penitenziaria presso gli elencati settori: Settore Provinciale e Interprovinciale di Frosinone con 27 unità; Settore Piantonamenti di Frosinone con 37 unità; Settore di Cassino 16 unità; Settore Collaboratori di Paliano con 12 unità. Capo III AREA INDIRIZZO OPERATIVO GESTIONALE 1. LIVELLO DIRIGENZIALE Per la peculiarità e la complessità delle funzioni rivestite, vista la novella di cui all articolo 7, punto 1), del D.M. dell 8 febbraio 2012, la competenza dei processi attuativi e/o di impulso e controllo per le politiche programmatiche annuali, di cui al capo 2, è accreditata al Direttore dell U.S.T. del Provveditorato Regionale del Lazio. Pagina 5 di 22

6 2. LIVELLO DIRETTIVO La funzione di coordinamento operativo, conformemente a quanto stabilito dal modello operativo traduzioni e piantonamenti, ai sensi dell articolo 31 del D.P.R. 82/99 è conferita a un appartenente al ruolo direttivo del Corpo di Polizia Penitenziaria, con provvedimento del Direttore Generale del Personale e della Formazione, su proposta del Provveditore e previo parere del Direttore dell U.S.T. La funzione vicariale, per la complessità dell ufficio svolto, è anch essa attribuita a due appartenenti al ruolo direttivo del Corpo, con le medesime modalità di cui al precedente comma. La temporanea supplenza delle figure direttive è disciplinata ai sensi dell articolo 32 del D.P.R. 82/99 ed è rivestita da un appartenente al ruolo degli Ispettori, con qualifica non inferiore ad Ispettore Capo. Capo IV Pagina 6 di 22

7 AREA ORGANIZZATIVA 1. QUADRO LOGISTICO STRUTTURALE Il Nucleo Provinciale ha sede logistica e operativa presso l Istituto di Frosinone. Esso si compone dell Area dei Settori e dell Area dei Servizi, suddivise rispettivamente in Settori ed Uffici classificati Unità Operative ai sensi dell articolo 33 del D.P.R. 82/99. L Area dei Settori è così articolata: 1. Settore Traduzioni Provinciali e Interprovinciali di Frosinone; 2. Settore Piantonamenti di Frosinone; 3. Settore di Cassino; 4. Settore Collaboratori di Paliano. L Area dei Servizi è così articolata: 1. Ufficio Segreteria; 2. Ufficio Servizi; Pagina 7 di 22

8 3. Ufficio Pianificazione; 4. Ufficio Comando; 5. Ufficio Notifiche; 6. Ufficio Automezzi. Il coordinamento dei suddetti Settori e Uffici è affidato ad appartenenti al ruolo degli Ispettori e/o dei Sovrintendenti. Capo V ORGANIGRAMMA E COMPETENZE 1. LIVELLI DIRETTIVI 1.1. COMANDANTE DEL NUCLEO PROVINCIALE Il coordinamento del Nucleo Provinciale è affidato ad un appartenente al ruolo direttivo del Corpo di Polizia Penitenziaria che, in conformità a quanto stabilito dal modello operativo, assume la denominazione di Comandante del Nucleo. Il Comandante del Nucleo espleta i seguenti orari e carichi di lavoro: Pagina 8 di 22

9 Orario di Servizio: 7:30 13:30 (lunedì al sabato). Carichi di lavoro: da ricondurre alle competenze previste dal modello operativo - traduzioni e piantonamenti nonché dalle altre vigenti disposizioni VICE COMANDANTE VICARIO DEL NUCLEO PROVINCIALE COORDINATORE DELL AREA SERVIZI Il coordinamento dei Servizi è affidato a un appartenente al ruolo direttivo del Corpo di Polizia Penitenziaria, in posizione vicariale alla funzione di comando, che assume la denominazione di Vice Comandante Vicario del Nucleo. La suddetta figura direttiva espleta i seguenti orari e carichi di lavoro: Orario di Servizio: 7:30 13:30 (lunedì al sabato). Carichi di lavoro: da ricondurre alle competenze previste dal modello operativo - traduzioni e piantonamenti nonché dalle altre vigenti disposizioni. Collabora direttamente con il Comandante del Nucleo Provinciale, che sostituisce in caso di assenza o impedimento, ed è responsabile dei Servizi. Pagina 9 di 22

10 1.3. VICE COMANDANTE VICARIO DEL NUCLEO PROVINCIALE COORDINATORE DEI SETTORI Il coordinamento di Settore è affidato ad un appartenente al ruolo direttivo del Corpo di Polizia Penitenziaria, in posizione vicariale alla funzione di comando, che assume la denominazione di Vice Comandante Vicario del Nucleo. La suddetta figura direttiva espleta i seguenti orari e carichi di lavoro: Orario di Servizio: 7:30 13:30 (lunedì al sabato). Carichi di lavoro: da ricondurre alle competenze previste dal modello operativo - traduzioni e piantonamenti nonché dalle altre vigenti disposizioni. Collabora direttamente con il Comandante del Nucleo Provinciale, che sostituisce in caso di assenza o impedimento, ed è responsabile delle seguenti articolazioni: 1. Settore Traduzioni Provinciali e Interprovinciali Frosinone; 2. Settore Piantonamenti di Frosinone; 3. Settore di Cassino; 4. Settore Collaboratori di Paliano. 2. AREA DEI SETTORI Pagina 10 di 22

11 2.1. SETTORE TRADUZIONI PROVINCIALI E INTERPROVINCIALI DI FROSINONE Il Settore Traduzioni Provinciali e Interprovinciali è costituito da un aliquota propria di personale pari a 27 unità, comprensiva della quota prevista per le assenze a vario titolo pari al 33% dell organico, verso le quali, possono concorrere, le unità assegnate presso i singoli settori della Provincia di Frosinone; di queste, 4 sono appartenenti al ruolo degli Ispettori/Sovrintendenti, e 23 appartenenti al ruolo Agenti/Assistenti, i quali, 10 in possesso di abilitazione di categoria D per la conduzione dei mezzi dell Amministrazione. Il Settore ha sede operativa presso il penitenziario di Frosinone ed è competente esclusivamente all espletamento dei seguenti servizi: a) all esecuzione di eventuali permessi con scorta; b) alle attività connesse alla consegna degli estradanti e degli estradati; c) alle attività di supporto alle traduzioni transitanti nel territorio di competenza; d) alle traduzioni provinciali e interprovinciali per esigenze di giustizia e/o sanitarie. Pagina 11 di 22

12 e) traduzione dei detenuti, ristretti nell Istituto di Frosinone, che devono essere scortati in luoghi esterni di cura per ricovero e/o esecuzione di visite ambulatoriali, programmate e/o urgenti; f) traduzione dei detenuti, ristretti negli Istituti della Provincia di Frosinone, che devono essere scortati agli arresti domiciliari; g) traduzione dei soggetti, già in regime degli arresti domiciliari, che devono essere scortati dal domicilio alle sedi giudiziarie della Provincia e/o zone limitrofe ovvero movimentati per qualsiasi ragione SETTORE DI CASSINO Il Settore Traduzioni di Cassino è costituito da un aliquota di 16 unità, comprensiva della quota prevista per le assenze a vario titolo pari al 33% dell organico, e delle quali, 4 appartenenti al ruolo degli Ispettori/Sovrintendenti, e 12 appartenenti al ruolo Agenti/Assistenti dei quali, 6 con patente di categoria D. Il Settore ha sede operativa presso la Casa Circondariale di Cassino ed è competente per l espletamento dei seguenti servizi: a) traduzioni dei detenuti e ristretti presso la Casa Circondariale di Cassino, che devono essere scortati presso la locale sede giudiziaria; Pagina 12 di 22

13 b) traduzioni dei detenuti, ristretti presso la Casa Circondariale di Cassino, che devono essere scortati in luoghi esterni di cura per ricovero e/o esecuzione di visite ambulatoriali, programmate e/o urgenti, entro il limite di 4 visite giornaliere; soglia, superata la quale, il Nucleo Provinciale fornirà autista e caposcorta mentre le restanti unità di scorta verranno integrate con personale del quadro permanete dell istituto, in applicazione di quanto previsto dal D.M. dell 8 febbraio 2012 (articolo 8, comma 3) SETTORE PIANTONAMENTI DI FROSINONE Il Settore Piantonamenti con sede presso il Nucleo Provinciale di Frosinone, è composto da un aliquota di personale di 37 unità comprensiva della quota prevista per le assenze a vario titolo pari al 33% dell organico, ancora, 2 appartenenti al ruolo degli Ispettori/Sovrintendenti, e 35 appartenenti al ruolo Agenti/Assistenti, con la previsione di almeno 8 unità femminili. Il Settore attende a tutti i servizi di piantonamento dei detenuti, ricoverati in luoghi esterni di cura, entro il limite di tre piantonamenti giornalieri nella Provincia di Frosinone; soglia, oltre la quale, i servizi verranno assicurati dalla Direzione Penitenziaria che ha in carico amministrativo il soggetto. In tal ultimo caso, il Nucleo Pagina 13 di 22

14 Provinciale continuerà a fornire supporto ai soli fini dell accompagnamento sul posto di servizio del personale operante. Il Settore Piantonamenti concorre, altresì, con il Settore Traduzioni per la movimentazione dei detenuti, che devono essere scortati in luoghi esterni di cura per l esecuzione di visite ambulatoriali, programmate e/o urgenti SETTORE COLLABORATORI DI PALIANO Il Settore Collaboratori è composto di 12 unità di personale delle quali, 3 appartenente al ruolo Ispettori/Sovrintendenti, e 9 al ruolo Agenti/Assistenti. Il Settore con sede presso l Istituto Penitenziario di Paliano attende fino a un massimo di 3 traduzioni qualificate per la presenza di collaboratori, oltre, vi provvederà il Nucleo Provinciale; in pari modo, il Settore Collaboratori di Paliano supporterà e integrerà il Nucleo Provinciale di Frosinone nelle giornate ove non sono programmati servizi da svolgere. 3. AREA DEI SERVIZI 3.1. UFFICIO SEGRETERIA Pagina 14 di 22

15 All Ufficio Segreteria, competente per la gestione amministrativa del personale, è composta di 2 addetti, ovvero, una 1 unità del ruolo degli Ispettori/Sovrintendenti e 1 unità del ruolo Agenti/Assistenti. Orario di Servizio: 7:30 15:42 (servizio articolato su cd. settimana compattata, dal lunedì al venerdì con chiusura il sabato, domenica e festivi). Carichi di lavoro: la tipologia dell orario di servizio viene incontro alle esigenze del personale in servizio per le attività di sportello. Le mansioni sono costituite da: pratiche di congedo straordinario e aspettativa per malattia; istruzione ed invio cause di servizio, redazione modello C ; invio presso la C.M.O. del personale di Polizia Penitenziaria; richieste visita fiscale alle A.S.L. competenti (solo nell arco dell orario di apertura); ricezione ed inoltro istanze presentate a vario titolo dal personale; redazione modelli 6 e 7 D.A.P. (rapporti informativi annuali); notifiche atti al personale; raccolta e smistamento lettere circolari del D.A.P. e P.R.A.P., nonché degli Ordini e Disposizioni di Servizio; adempimento mensile statistiche UFFICIO SERVIZI Pagina 15 di 22

16 All Ufficio Servizi, competente per la gestione dei servizi del personale, sono addette 4 unità, delle quali 1 appartenente al ruolo degli Ispettori/Sovrintendenti, con funzioni di responsabile dell Unità Operativa, e 3 appartenenti al ruolo degli Agenti/Assistenti con mansione di operatore. Orario di servizio: 8:00 14:00; 14:00 20:00 (dal lunedì al sabato, con chiusura la domenica e festivi). Carichi di lavoro: programmazione dei turni mensili per tutti i Settori ed Uffici del Nucleo Provinciale; pianificazione giornaliera dei posti di servizio relativi alle attività di traduzione e piantonamento, di concerto con i relativi Settori di competenza; sostituzione del personale assente per eventi imprevedibili e non programmabili (congedo straordinario, aspettativa per malattia etc.); elaborazione adempimenti mensili; contabilizzazione delle presenze, del lavoro straordinario, delle indennità desunte dai fogli di viaggio; inserimenti giornalieri dei dati destinati alla sala situazioni UFFICIO PIANIFICAZIONE All Ufficio Pianificazione, competente per l approntamento e la gestione dei servizi operativi, sono addette 4 unità, delle quali 1 appartenente al ruolo Pagina 16 di 22

17 Ispettori/Sovrintendenti, e 3 appartenenti al ruolo degli Agenti/Assistenti con mansioni di operatori. Orario di servizio: 8:00 14:00; 14:00 20:00 (dal lunedì al sabato, con chiusura la domenica e festivi). Carichi di lavoro: programmazione e pianificazione delle traduzioni, ivi comprese le visite ambulatoriali, di concerto con l Ufficio Servizi e l Ufficio Automezzi per la determinazione dell entità delle scorte e l impiego dei mezzi di trasporto; inserimenti S.I.A.T., anche di eventuali variazioni del personale e degli automezzi; ricezione e trasmissione fax, acquisizioni al protocollo; tenuta dell archivio delle traduzioni UFFICIO COMANDO Pagina 17 di 22

18 All Ufficio Comando sono addette 3 unità, delle quali 1 appartenente al ruolo degli Ispettori e/o Sovrintendenti, e 2 appartenenti al ruolo degli Agenti/Assistenti con mansioni di operatori. Orario di Servizio: 7:30 15:42 (servizio articolato su cd. settimana compattata alternata, dal lunedì al sabato, con chiusura la domenica e festivi); Carichi di lavoro: trattasi di Ufficio di staff del Comandante del Nucleo Provinciale, competente per l espletamento di attività di P.G., d iniziativa ovvero delegata dall A.G. (attività rispetto alla quale ne viene garantita l apertura anche il sabato); la tenuta dei registri e lo sviluppo dei relativi estratti; l istruttoria amministrativa dei procedimenti per sinistri automobilistici e per eventuali danni erariali da essi derivanti, in collaborazione con l Ufficio Automezzi UFFICIO NOTIFICHE All Ufficio Notifiche sono addette 5 unità, delle quali 1 appartenente al ruolo degli Ispettori/Sovrintendenti, e 4 al ruolo degli Agenti/Assistenti. Pagina 18 di 22

19 Orario di servizio: 8:00 14:00; 14:00 20:00 (dal lunedì al sabato, con chiusura la domenica e festivi). Carichi di lavoro: in ragione di quanto previsto dal modello operativo traduzioni e piantonamenti ( 3), l Ufficio è competente a eseguire notifiche ai sensi dell articolo 148 c.p.p. che risultino strumentali all espletamento dei compiti istituzionali del Corpo di Polizia Penitenziaria (es. notifiche a soggetti sottoposti alla misura cautelare personale degli arresti domiciliari) UFFICIO AUTOMEZZI All Ufficio Automezzi sono addette 3 unità del ruolo degli Agenti/Assistenti con mansioni di operatori. Orario di servizio: 8:00 14:00; 14:00 20:00 (dal lunedì al sabato, con chiusura la domenica e festivi.) Carichi di lavoro: tenuta dei registri ed istruzione pratiche relative a: Manutenzione Automezzi, Sinistri e Materiale Automezzi ; custodia e distribuzione delle carte carburante, buoni carburante e liquidi lubrificanti; tenuta della contabilità relativa alle spese sostenute per carburanti e lubrificanti; gestione degli interventi di riparazione e manutenzione degli Pagina 19 di 22

20 automezzi del Corpo tramite officine autorizzate, ove provvede al ricovero e il ritiro; acquisizione delle relazioni di servizio su eventuali sinistri e/o danneggiamenti agli automezzi; consegna e ricezione automezzi sia di nuova assegnazione che di temporanea cessione ad altri Nuclei T.P. o altre sedi dell Amministrazione; servizio del carro soccorso, anche su richiesta del P.R.A.P.; interazione con l Ufficio Comando relativamente ai sinistri stradali, nonché con l Ufficio Traduzioni per l individuazione di idonei automezzi da impiegare nei sevizi operativi; gestione magazzino dei diversi materiali in carico al Nucleo T.P. P A R T E S E C O N D A Capo I DISPOSIZIONI FINALI 1. DISPOSIZIONI ULTERIORI SUL PERSONALE Pagina 20 di 22

21 1.1. ATTUALE SITUAZIONE DEL PERSONALE NEI SINGOLI SETTORI OPERATIVI E STANDARD OPERATIVI L attuale situazione del personale assegnato presso i singoli settori è la seguente: a) Settore Provinciale e Interprovinciale di Frosinone 22 unità, distaccati presso altre sedi 24; b) Settore Cassino 6 unità, distaccati presso altre sedi 2; c) Settore Collaboratori di Paliano 5 unità, distaccati presso altre sedi 1; In ragione dei valori sopra espressi, al fine del raggiungimento degli standard operativi di efficienza richiesti, per l area dei settore e servizi, presso il Nucleo Provinciale, è prevista l integrazione del seguente personale: Personale già presente in servizio 33 unità Unità da integrare PERSONALE DI POLIZIA PENITENZIARIA FEMMINILE L organico del personale di Polizia Penitenziaria femminile ritenuto necessario per la funzionalità del Nucleo Provinciale è stabilito in 8 unità. Nel caso in cui il contingente femminile risultasse inferiore a quello sopra previsto, gli istituti penitenziari della Provincia dovranno comunque concorrere nei Pagina 21 di 22

22 servizi, garantendo la presenza di almeno una unità femminile per ciascuna delle diverse attività istituzionali demandate al Nucleo Provinciale (piantonamento, visita, traduzione, etc.) TURNOVER DEL PERSONALE Il turnover del personale, finalizzato al mantenimento dei parametri d organico necessari per garantire la capacità operativa del Nucleo Cittadino, verrà assicurato secondo i generali principi d interpello. A P P E N D I C E Allegati - Allegato A Organigramma generale; - Allegato A-1 Distribuzione del personale in ragione del carico lavorativo ; - Allegato B Diagramma di Ishikawa ; - Allegato C Semestrali Pagina 22 di 22

Ministero della Giustizia

Ministero della Giustizia NUCLEO TRADUZIONI CITTADINO Pagina 1 di 35 P A R T E P R I M A Capo I ISTITUZIONE NUCLEO TRADUZIONI CITTADINO 1. LIMITI DI COMPETENZA MATERIALE E TERRITORIALE AREA METROPOLITANA 1. Nell area metropolitana

Dettagli

09100 CAGLIARI VIA TUVERI, 22 TELEFONO (070) 40.12.94 40.15.13 TELEFAX 49.19.11

09100 CAGLIARI VIA TUVERI, 22 TELEFONO (070) 40.12.94 40.15.13 TELEFAX 49.19.11 OGGETTO: Informazione preventiva - Proposta elaborata dal Tavolo Tecnico di cui al Decreto n. 3 del 21.3.2013 del Provveditore Regionale con modifiche a seguito dell incontro sindacale del 10.5.2013. Assetto

Dettagli

REGOLAMENTO GRUPPO COMUNALE VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE G.C.V.P.V.

REGOLAMENTO GRUPPO COMUNALE VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE G.C.V.P.V. COMUNE DI ROCCARAINOLA PROVINCIA DI NAPOLI REGOLAMENTO GRUPPO COMUNALE VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE G.C.V.P.V. Il presente atto abroga e sostituisce il precedente regolamento approvato con delibera di

Dettagli

effettuato il passaggio graduale e progressivo del servizio di traduzione e

effettuato il passaggio graduale e progressivo del servizio di traduzione e MINISTERO DELLA GIUSTIZIA 3HTAmministrazione Penitenziaria CONFORME ' 'Ufficio CORTE DEI CONTI " { \ÌRì\. C-'^ ìt 0009314- la legge 15 dicembre 1990, n. 395, recante "Ordinamento del Corpo di polizia penitenziaria"

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI AUTOVEICOLI DI SERVIZIO INDICE:

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI AUTOVEICOLI DI SERVIZIO INDICE: REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI AUTOVEICOLI DI SERVIZIO INDICE: Art. 1 - Oggetto del regolamento Art. 2 - Definizioni Art. 3 - Destinazione degli autoveicoli Art. 4 - Uso degli autoveicoli destinati ai

Dettagli

SERVIZIO DI NOLEGGIO AUTO A LUNGO TERMINE SENZA CONDUCENTE REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLE AUTO ASSEGNATE

SERVIZIO DI NOLEGGIO AUTO A LUNGO TERMINE SENZA CONDUCENTE REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLE AUTO ASSEGNATE SERVIZIO DI NOLEGGIO AUTO A LUNGO TERMINE SENZA CONDUCENTE REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLE AUTO ASSEGNATE Approvato con Atto G.P. n. 149 del 5 marzo 2009 Modificato ed integrato con Atto G.P. n. 465 del

Dettagli

SEGRETERIA REGIONALE DELLA TOSCANA. Firenze, 4 dicembre 2008. Prot. 124/08/SR/SG

SEGRETERIA REGIONALE DELLA TOSCANA. Firenze, 4 dicembre 2008. Prot. 124/08/SR/SG Firenze, 4 dicembre 2008 Prot. 124/08/SR/SG Al Dott. Vincenzo Tedeschi Direttore della Casa Reclusione di San Gimignano (SI) E, p.c.: Alla Dr.ssa Maria Pia Giuffrida Provveditore Regionale della Toscana

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL AUTOPARCO DELLA PROVINCIA DI LATINA

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL AUTOPARCO DELLA PROVINCIA DI LATINA Provincia di Latina REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL AUTOPARCO DELLA PROVINCIA DI LATINA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL AUTOPARCO DELLA PROVINCIA DI LATINA Indice Articolo 1 - Oggetto Articolo 2 - Determinazione

Dettagli

COMUNE DI MENDICINO (Provincia di Cosenza) REGOLAMENTO AUTOMEZZI COMUNALI

COMUNE DI MENDICINO (Provincia di Cosenza) REGOLAMENTO AUTOMEZZI COMUNALI COMUNE DI MENDICINO (Provincia di Cosenza) REGOLAMENTO AUTOMEZZI COMUNALI Art. 1 Scopo del regolamento e disposizioni generali. Il seguente regolamento disciplina limiti, criteri e modalità per l acquisizione,

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL CORPO DI POLIZIA PROVINCIALE

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL CORPO DI POLIZIA PROVINCIALE REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL CORPO DI POLIZIA PROVINCIALE CAPO I ORGANIZZAZIONE DEL CORPO ART. 1 ORGANO DI GOVERNO Il presidente della Provincia, nell esercizio della funzione di indirizzo politico

Dettagli

Dipartimento dei Vigili del Fuoco del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile

Dipartimento dei Vigili del Fuoco del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile Dipartimento dei Vigili del Fuoco del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile Principi di costituzione di un modello di organizzazione dei Comandi provinciali: A livello territoriale il Corpo Nazionale

Dettagli

Comune di Galatina Provincia di Lecce. DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE Numero 8 del 09-01-2014 REGISTRO GENERALE DELLE DETERMINAZIONI

Comune di Galatina Provincia di Lecce. DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE Numero 8 del 09-01-2014 REGISTRO GENERALE DELLE DETERMINAZIONI Comune di Galatina Provincia di Lecce DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE Numero 8 del 09-01-2014 REGISTRO GENERALE DELLE DETERMINAZIONI PRATICA N. DT - 8-2014 del 09-01-2014 L ESTENSORE DOTT. OREFICE ANTONIO

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI DEI VOLONTARI IN SERVIZIO SOSTITUTIVO DI LEVA NELLA POLIZIA MUNICIPALE

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI DEI VOLONTARI IN SERVIZIO SOSTITUTIVO DI LEVA NELLA POLIZIA MUNICIPALE REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI DEI VOLONTARI IN SERVIZIO SOSTITUTIVO DI LEVA NELLA POLIZIA MUNICIPALE ( art. 46, Legge 27 Dicembre 1997, n. 449. ) Approvato con delibera del Consiglio Comunale

Dettagli

Prot n. 251 RS Roma, 03 giugno 2005. Al Signor Capo del Dipartimento dell Amministrazione Penitenziaria Pres. Giovanni Tinebra ROMA

Prot n. 251 RS Roma, 03 giugno 2005. Al Signor Capo del Dipartimento dell Amministrazione Penitenziaria Pres. Giovanni Tinebra ROMA Prot n. 251 RS Roma, 03 giugno 2005 Al Signor Ministro della Giustizia Sen. Roberto Castelli Al Signor Capo del Dipartimento dell Amministrazione Penitenziaria Pres. Giovanni Tinebra E, per conoscenza

Dettagli

COMUNE DI PONTOGLIO. Provincia di Brescia REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

COMUNE DI PONTOGLIO. Provincia di Brescia REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI PONTOGLIO Provincia di Brescia REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO Indice Art. 1 Servizio di Economato Art. 2 Economo Comunale Art. 3 Funzioni del Servizio di Economato Art. 4 Indennità

Dettagli

PROVINCIA DI LECCE. Regolamento per l uso degli automezzi

PROVINCIA DI LECCE. Regolamento per l uso degli automezzi PROVINCIA DI LECCE Regolamento per l uso degli automezzi Art. 1 Oggetto 1. Il presente regolamento disciplina l uso e la gestione degli autoveicoli a disposizione della Provincia di Lecce. Art. 2 Parco

Dettagli

PIANO ATTIVITÀ a.s. 2006/07

PIANO ATTIVITÀ a.s. 2006/07 PIANO ATTIVITÀ a.s. 2006/07 Allegato n. 2 ASSISTENTI AMMINISTRATIVI Unità di personale assegnato in Organico n. 8 Personale ITI: N. 8 Personale ITD: N. 0 ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO L orario di funzionamento

Dettagli

L Assessore degli Affari Generali, Personale e Riforma della Regione riferisce quanto segue.

L Assessore degli Affari Generali, Personale e Riforma della Regione riferisce quanto segue. Oggetto: Definizione dell assetto organizzativo della Direzione generale della Protezione Civile e modifica dell assetto organizzativo della Direzione generale del Corpo Forestale e di Vigilanza Ambientale.

Dettagli

Legge 23 aprile 2003, n. 109

Legge 23 aprile 2003, n. 109 Legge 23 aprile 2003, n. 109 "Modifiche ed integrazioni al decreto del Presidente della Repubblica 5 gennaio 1967, n. 18, recante ordinamento del Ministero degli affari esteri " (pubblicata nella Gazzetta

Dettagli

REGOLAMENTO DEL GRUPPO COMUNALE VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE (approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 9 del 28/1/2003)

REGOLAMENTO DEL GRUPPO COMUNALE VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE (approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 9 del 28/1/2003) REGOLAMENTO DEL GRUPPO COMUNALE VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE (approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 9 del 28/1/2003) Art. 1. Costituzione del Gruppo Comunale di Protezione Civile. E costituito

Dettagli

MANSIONARIO DEL PERSONALE ASSISTENTE AMMINISTRATIVO

MANSIONARIO DEL PERSONALE ASSISTENTE AMMINISTRATIVO ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI 1 GRADO VIA ROMANA N. 32 GORIZIA FRAZ. LUCINICO TEL. E FAX 0481 390161 E-MAIL goic81000r@istruzione.it MANSIONARIO DEL PERSONALE

Dettagli

in data 22/08/2008 i Sindaci dei medesimi Comuni hanno sottoscritto l atto costitutivo dell Unione VAL D ENZA ;

in data 22/08/2008 i Sindaci dei medesimi Comuni hanno sottoscritto l atto costitutivo dell Unione VAL D ENZA ; CONVENZIONE FRA I COMUNI DI BIBBIANO, CAMPEGINE, CANOSSA, CAVRIAGO, GATTATICO,, MONTECCHIO EMILIA, SAN POLO D ENZA, SANT ILARIO D ENZA, UNIONE VAL D ENZA PER IL TRASFERIMENTO E LA GESTIONE DEL SERVIZIO

Dettagli

Nome DEL BELLO Daniela Telefono ufficio 071/8064354 Cellulare 339/2175694 Fax 071/8064405 E-mail daniela.delbello@regione.marche.

Nome DEL BELLO Daniela Telefono ufficio 071/8064354 Cellulare 339/2175694 Fax 071/8064405 E-mail daniela.delbello@regione.marche. F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome DEL BELLO Daniela Telefono ufficio 071/8064354 Cellulare 339/2175694 Fax 071/8064405 E-mail daniela.delbello@regione.marche.it

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO ECONOMATO

REGOLAMENTO SERVIZIO ECONOMATO REGOLAMENTO SERVIZIO ECONOMATO (ART. 153, comma 7 d.lgs. 18 agosto 2000 n. 267 e successive modificazioni e integrazioni) Approvato dal Consiglio Comunale con atto n. del INDICE ANALITICO CAPO I DISPOSIZIONI

Dettagli

REGOLAMENTO DELL AUTOPARCO DEL CONSIGLIO REGIONALE DEL LAZIO 1

REGOLAMENTO DELL AUTOPARCO DEL CONSIGLIO REGIONALE DEL LAZIO 1 REGOLAMENTO DELL AUTOPARCO DEL CONSIGLIO REGIONALE DEL LAZIO 1 (Approvato con deliberazione dell Ufficio di presidenza 28 luglio 2010, n. 66) TESTO VIGENTE Il testo qui riportato, coordinato con le modifiche

Dettagli

SICUREZZA DEI CITTADINI

SICUREZZA DEI CITTADINI 3.4 PROGRAMMA N 2 N. EVENTUALI PROGETTI NEL PROGRAMMA RESPONSABILE DR. PAOLO GIROTTI. 3.4.1 Descrizione programma L anno 2012 è stato caratterizzato dalla stabilizzazione della organizzazione del Corpo

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER L ISTITUZIONE DELLO SPORTELLO UNICO PER IL RILASCIO DEL DOCUMENTO UNICO DI REGOLARITA CONTRIBUTIVA

PROTOCOLLO D INTESA PER L ISTITUZIONE DELLO SPORTELLO UNICO PER IL RILASCIO DEL DOCUMENTO UNICO DI REGOLARITA CONTRIBUTIVA PROTOCOLLO D INTESA PER L ISTITUZIONE DELLO SPORTELLO UNICO PER IL RILASCIO DEL DOCUMENTO UNICO DI REGOLARITA CONTRIBUTIVA L anno duemilatre il giorno tre del mese di dicembre, presso la Prefettura di

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI MONTECCHIO MAGGIORE Provincia di Vicenza REGOLAMENTO DEL SERVIZIO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE COMITATO VOLONTARIO PROTEZIONE CIVILE MONTECCHIO MAGGIORE Via del Vigo 336075 Montecchio Maggiore

Dettagli

CASA CIRCONDARIALE DI TORINO LE NUOVE

CASA CIRCONDARIALE DI TORINO LE NUOVE CASA CIRCONDARIALE DI TORINO LE NUOVE Casa Circondariale di Torino Centro clinico, infermeria, ufficio del sanitario Cartelle cliniche Diario clinico Documenti infermeria Pratiche per visite ambulatoriali

Dettagli

COMUNE DI ACCETTURA Provincia di Matera

COMUNE DI ACCETTURA Provincia di Matera COMUNE DI ACCETTURA Provincia di Matera REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI AUTOMEZZI COMUNALI (Approvato con delibera di C.C. n.34 del 37/11/2009 ) ARTICOLO 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO 1. Il presente Regolamento

Dettagli

Ministero della Giustizia Dipartimento dell Amministrazione Penitenziaria ORDINAMENTO PROFESSIONALE

Ministero della Giustizia Dipartimento dell Amministrazione Penitenziaria ORDINAMENTO PROFESSIONALE Allegato C (DAP) Ministero della Giustizia Dipartimento dell Amministrazione Penitenziaria ORDINAMENTO PROFESSIONALE del personale non dirigenziale dell Amministrazione Penitenziaria (SISTEMA DI CLASSIFICAZIONE)

Dettagli

A relazione dell'assessore Cavallera:

A relazione dell'assessore Cavallera: REGIONE PIEMONTE BU43 24/10/2013 Deliberazione della Giunta Regionale 30 settembre 2013, n. 21-6423 Applicazione D.P.R. 16.4.2013 n. 68 concernente "Regolamento recante modifiche all'art. 330 del D.P.R.

Dettagli

AREA SERVIZI AMMINISTRATIVI

AREA SERVIZI AMMINISTRATIVI ISTITUTO COMPRENSIVO DI CASALE SUL SILE Piazza All arma dei Carabinieri, 7/a 31032 Casale sul Sile (TV) AREA SERVIZI AMMINISTRATIVI Tutti i servizi di segreteria sono informatizzati. Gli uffici di segreteria,

Dettagli

Oggetto: Visita ai luoghi di lavoro della Casa Circondariale Trento in data 21.05.2012

Oggetto: Visita ai luoghi di lavoro della Casa Circondariale Trento in data 21.05.2012 Prot. n. 6731 All. Pres. Giovanni TAMBURINO Capo del DAP Roma lì, 23.05.12 Dr. ssa Simonetta MATONE Vice Capo Vicario del DAP Dr. Luigi PAGANO Vice Capo DAP Dr. Riccardo TURRINI VITA Direttore Generale

Dettagli

Indice. Regolamento per l'organizzazione ed il funzionamento delle attività amministrative e di supporto. ART. 1. Ambito di applicazione

Indice. Regolamento per l'organizzazione ed il funzionamento delle attività amministrative e di supporto. ART. 1. Ambito di applicazione Pag. 1 di 8 Indice ART. 1. Ambito di applicazione ART. 2. Funzioni e compiti del Dipartimento ART. 3. Direttore di Dipartimento ART. 4. L articolazione organizzativa del Dipartimento ART. 5. Funzioni e

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI AUTOMEZZI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI AUTOMEZZI COMUNE DI CERESETO PROVINCIA DI ALESSANDRIA REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI AUTOMEZZI (approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 28 in data 21/11/2008) I N D I C E Art. 1 Art. 2 - Oggetto

Dettagli

D.P.R. n. 119 del 22 giugno 2009

D.P.R. n. 119 del 22 giugno 2009 D.P.R. n. 119 del 22 giugno 2009 1 di 8 D.P.R. n. 119 del 22 giugno 2009 Regolamento recante disposizioni per la definizione dei criteri e dei parametri per la determinazione della consistenza complessiva

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO AUTOVETTURE DI PROPRIETA PROVINCIALE. Approvato con Deliberazione consiliare n. 8792/1 del 4 aprile 1984

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO AUTOVETTURE DI PROPRIETA PROVINCIALE. Approvato con Deliberazione consiliare n. 8792/1 del 4 aprile 1984 REGOLAMENTO DEL SERVIZIO AUTOVETTURE DI PROPRIETA PROVINCIALE Approvato con Deliberazione consiliare n. 8792/1 del 4 aprile 1984 Articolo 1 - Competenze degli uffici provinciali sul servizio autovetture

Dettagli

CITTÀ DI NOVI LIGURE SETTORE POLIZIA LOCALE PROTEZIONE CIVILE VIABILITÀ REGOLAMENTO DEL GRUPPO COMUNALE VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE

CITTÀ DI NOVI LIGURE SETTORE POLIZIA LOCALE PROTEZIONE CIVILE VIABILITÀ REGOLAMENTO DEL GRUPPO COMUNALE VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE CITTÀ DI NOVI LIGURE SETTORE POLIZIA LOCALE PROTEZIONE CIVILE VIABILITÀ REGOLAMENTO DEL GRUPPO COMUNALE VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n.16 in data 25/3/2002

Dettagli

Totale auto Tipologia auto. (leasing, noleggio, (per acquisto o riscatto)

Totale auto Tipologia auto. (leasing, noleggio, (per acquisto o riscatto) Direttiva n 6/211 Questionario finalizzato a rilevare le modalità di gestione finanziaria e logistica della flotta di rappresentanza e del parco macchine di servizio delle amministrazioni pubbliche nel

Dettagli

Regolamento aziendale

Regolamento aziendale Regolamento aziendale Premessa Scopo di tale regolamento è la definizione dei criteri secondo i quali Cooperativa Sociale Società Dolce intende trattare il riconoscimento delle spese connesse all utilizzo

Dettagli

IL DIRETTORIO DELLA BANCA D ITALIA

IL DIRETTORIO DELLA BANCA D ITALIA REGOLAMENTO DEL 18 LUGLIO 2014 Regolamento per l organizzazione e il funzionamento della Unità di Informazione Finanziaria per l Italia (UIF), ai sensi dell art. 6, comma 2, del d.lgs. 21 novembre 2007,

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI VIGILANZA FAUNISTICO - AMBIENTALE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI VIGILANZA FAUNISTICO - AMBIENTALE REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI VIGILANZA FAUNISTICO - AMBIENTALE Approvato con deliberazione della Giunta provinciale n. 52 del 02/04/2013 ART. 1 ORGANIZZAZIONE L Ente, nel rispetto dei principi stabiliti

Dettagli

1. (Economo regionale)

1. (Economo regionale) Allegato alla Delib.G.R. n. 37/12 del 30.7.2009 DIRETTIVE IN MATERIA DI ECONOMATO E CASSA. 1. (Economo regionale) L economo regionale ha compiti di consegnatario centrale e funzioni di coordinamento di

Dettagli

Comune di Signa Provincia di Firenze REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER LA GESTIONE IN FORMA ASSOCIATA DELL UFFICIO PENSIONI

Comune di Signa Provincia di Firenze REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER LA GESTIONE IN FORMA ASSOCIATA DELL UFFICIO PENSIONI Comune di Signa Provincia di Firenze REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER LA GESTIONE IN FORMA ASSOCIATA DELL UFFICIO PENSIONI Approvato con delibera di Giunta Comunale n. 116 del 29/07/2002 modificato con

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE DELL ATTIVITA DI REPERIBILITA DEI SERVIZI PROVINCIALI

REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE DELL ATTIVITA DI REPERIBILITA DEI SERVIZI PROVINCIALI REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE DELL ATTIVITA DI REPERIBILITA DEI SERVIZI PROVINCIALI Approvato con deliberazione della Giunta Provinciale n. 153 in data 29.05.2012, modificato con deliberazione G.P.

Dettagli

IL Dott. MAURO GUAITOLI nato a Soliera (MO) IL 11/2/1952 CF: GTLMRA52B11I802C, Medico successivamente denominato Professionista

IL Dott. MAURO GUAITOLI nato a Soliera (MO) IL 11/2/1952 CF: GTLMRA52B11I802C, Medico successivamente denominato Professionista CONTRATTO LIBERO PROFESSIONALE PER ATTIVITA DI MEDICO ADDETTO ALLE VISITE DI CONTROLLO SUI LAVORATORI IN STATO DI MALATTIA O MATERNITA TRA L Azienda Unità Sanitaria Locale di Modena, con sede in Modena,

Dettagli

Disciplinare Organizzativo della Sezione INFN di Bologna

Disciplinare Organizzativo della Sezione INFN di Bologna Allegato alla deliberazione del Consiglio Direttivo n. 12860/2013 Disciplinare Organizzativo della Sezione di Bologna (ai sensi dell art. 23, comma 1, lett. a), dello Statuto dell e dell art.1, comma 4,

Dettagli

AGENZIA REGIONALE PER LA PROTEZIONE AMBIENTALE DEL LAZIO ARPA LAZIO ORGANIZZAZIONE DELLE STRUTTURE DEFINIZIONE DELLE ATTRIBUZIONI DEI DIRIGENTI

AGENZIA REGIONALE PER LA PROTEZIONE AMBIENTALE DEL LAZIO ARPA LAZIO ORGANIZZAZIONE DELLE STRUTTURE DEFINIZIONE DELLE ATTRIBUZIONI DEI DIRIGENTI Allegato A deliberazione n. 15 del 28/02/2013 AGENZIA REGIONALE PER LA PROTEZIONE AMBIENTALE DEL LAZIO ARPA LAZIO ORGANIZZAZIONE DELLE STRUTTURE DEFINIZIONE DELLE ATTRIBUZIONI DEI DIRIGENTI INDICE Organizzazione

Dettagli

DISCIPLINARE PER L UTILIZZO DELLE MACCHINE DI RAPPRESENTANZA E DEGLI ALTRI AUTOMEZZI DI PROPRIETA DELLA PROVINCIA

DISCIPLINARE PER L UTILIZZO DELLE MACCHINE DI RAPPRESENTANZA E DEGLI ALTRI AUTOMEZZI DI PROPRIETA DELLA PROVINCIA I REGOLAMENTI PROVINCIALI: N. 43 PROVINCIA DI PADOVA Settore 011 Direzione Generale / Affari Generali DISCIPLINARE PER L UTILIZZO DELLE MACCHINE DI RAPPRESENTANZA E DEGLI ALTRI AUTOMEZZI DI PROPRIETA DELLA

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE DELL ATTIVITA DI REPERIBILITA DEI SERVIZI VIABILITA ed EDILIZIA DELLA PROVINCIA DI CHIETI

REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE DELL ATTIVITA DI REPERIBILITA DEI SERVIZI VIABILITA ed EDILIZIA DELLA PROVINCIA DI CHIETI REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE DELL ATTIVITA DI REPERIBILITA DEI SERVIZI VIABILITA ed EDILIZIA DELLA PROVINCIA DI CHIETI ARTICOLO N.1 DEFINIZIONE La reperibilità è l obbligo del lavoratore di porsi in

Dettagli

REGOLAMENTO DEL PERSONALE CONSORTILE

REGOLAMENTO DEL PERSONALE CONSORTILE REGOLAMENTO DEL PERSONALE CONSORTILE Approvato con delibera del Consiglio di Amministrazione n. 15 del 28 marzo 2011 1 Art. 1 - Oggetto del Regolamento 1. Il presente regolamento, in attuazione dello Statuto

Dettagli

PROVINCIA DI UDINE. Testo approvato dalla Giunta Provinciale nella seduta del 30/01/2003 con delibera n. di prot. 8685/03; in vigore dal 17/02/2003.

PROVINCIA DI UDINE. Testo approvato dalla Giunta Provinciale nella seduta del 30/01/2003 con delibera n. di prot. 8685/03; in vigore dal 17/02/2003. PROVINCIA DI UDINE Regolamento per la provvista, la destinazione e l uso degli automezzi, dei mezzi speciali e dei natanti di proprieta della provincia di udine Testo approvato dalla Giunta Provinciale

Dettagli

COMUNE DI TOIRANO. Provincia di Savona REGOLAMENTO DEL SERVIZIO ECONOMATO

COMUNE DI TOIRANO. Provincia di Savona REGOLAMENTO DEL SERVIZIO ECONOMATO COMUNE DI TOIRANO Provincia di Savona REGOLAMENTO DEL SERVIZIO ECONOMATO TITOLO I Disposizioni generali Art. 1 Oggetto e scopo del regolamento 1. Il presente regolamento disciplina le procedure di acquisto,

Dettagli

Prot. n. 24706 IL DIRETTORE. VISTO il decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300; VISTO il decreto legislativo 30 marzo 2001, n.

Prot. n. 24706 IL DIRETTORE. VISTO il decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300; VISTO il decreto legislativo 30 marzo 2001, n. Prot. n. 24706 IL DIRETTORE VISTO il decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300; VISTO il decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165; VISTI in particolare gli articoli 6, comma 3, e 1, comma 1, del decreto

Dettagli

COMUNE DI SUNO. Provincia di NOVARA. Processo verbale delle deliberazioni della Giunta Comunale

COMUNE DI SUNO. Provincia di NOVARA. Processo verbale delle deliberazioni della Giunta Comunale COPIA Delibera n 30/2014 COMUNE DI SUNO Provincia di NOVARA Processo verbale delle deliberazioni della Giunta Comunale Seduta del 22/04/2014 - delibera n.30 OGGETTO: APPROVAZIONE PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE

Dettagli

C.C. N.14 del 23.07.2009: APPROVAZIONE REGOLAMENTO PER L USO DEGLI AUTOMEZZI COMUNALI. CONSIGLIO COMUNALE

C.C. N.14 del 23.07.2009: APPROVAZIONE REGOLAMENTO PER L USO DEGLI AUTOMEZZI COMUNALI. CONSIGLIO COMUNALE C.C. N.14 del 23.07.2009: APPROVAZIONE REGOLAMENTO PER L USO DEGLI AUTOMEZZI COMUNALI. CONSIGLIO COMUNALE Premesso che l art. 7 del D.Lgs. n. 267/2000 e s.m.i, dispone che nel rispetto dei principi fissati

Dettagli

POLIZIA LOCALE DI ROMA CAPITALE

POLIZIA LOCALE DI ROMA CAPITALE POLIZIA LOCALE DI ROMA CAPITALE RIALLINEAMENTO ALLA NORMATIVA CONTRATTUALE NAZIONALE Ad integrazione e specifica di quanto rappresentato nella nota trasmessa a codesto Dipartimento in data 29 aprile 2014,

Dettagli

Prot. n. 30119 Roma, 04/07/2011. - Al Consiglio superiore dei lavori pubblici. - All Organismo indipendente di valutazione

Prot. n. 30119 Roma, 04/07/2011. - Al Consiglio superiore dei lavori pubblici. - All Organismo indipendente di valutazione Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE, GLI AFFARI GENERALI ED IL PERSONALE DIREZIONE GENERALE DEL PERSONALE E DEGLI AFFARI GENERALI Divisione 2 - Reclutamento

Dettagli

E) Rispetto delle normative Lʼimpresa sottoscritta dichiara di rispettare integralmente, ai sensi e per gli effetti dellʼart 10 L.

E) Rispetto delle normative Lʼimpresa sottoscritta dichiara di rispettare integralmente, ai sensi e per gli effetti dellʼart 10 L. C) Percentuali di conferma Nei precedenti 24 mesi sono stati mantenuti in servizio apprendisti corrispondenti a non meno del 80% dei rapporti cessati nel suddetto periodo. D) Formazione Il piano formativo

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA al PROGRAMMA ANNUALE ANNO FINANZIARIO 2015

RELAZIONE ILLUSTRATIVA al PROGRAMMA ANNUALE ANNO FINANZIARIO 2015 RELAZIONE ILLUSTRATIVA al PROGRAMMA ANNUALE ANNO FINANZIARIO 2015 La presente relazione viene presentata al Consiglio di Istituto, in allegato al Programma Annuale per l Esercizio finanziario 2015, in

Dettagli

ORGANIZZAZIONE E ORARIO DI LAVORO DEL PERSONALE ATA

ORGANIZZAZIONE E ORARIO DI LAVORO DEL PERSONALE ATA Atti preliminari ORGANIZZAZIONE E ORARIO DI LAVORO DEL PERSONALE ATA All inizio di ogni anno scolastico e comunque prima dell inizio delle lezioni, sulla base del POF e delle attività ivi previste:?? Il

Dettagli

M.A.S.C.I. R E G I O N E CAMPANIA

M.A.S.C.I. R E G I O N E CAMPANIA M.A.S.C.I. R E G I O N E CAMPANIA REGOLAMENTO REGIONALE Articolo 1 Finalità Il presente Regolamento Regionale del M.A.S.C.I. della Regione Campania, redatto in attuazione dell'art. 9 dello Statuto Nazionale

Dettagli

STATUTO DELLA SCUOLA CIVICA DI MUSICA

STATUTO DELLA SCUOLA CIVICA DI MUSICA STATUTO DELLA SCUOLA CIVICA DI MUSICA Art. 1 ( Scuola Civica di Musica ) E costituita nel Comune di Villacidro la Scuola Civica di Musica nella forma di cui all art. 114 del D. Lgs.vo n. 267 del 18 Agosto

Dettagli

Allegato F alla DGC n. 2/2014. COMUNE DI MONSERRATO Provincia di Cagliari PROFILI PROFESSIONALI

Allegato F alla DGC n. 2/2014. COMUNE DI MONSERRATO Provincia di Cagliari PROFILI PROFESSIONALI Allegato F alla DGC n. 2/2014 COMUNE DI MONSERRATO Provincia di Cagliari PROFILI PROFESSIONALI Approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 2 del 16.01.2014 1 CATEGORIA A VECCHI PROFILI NUOVI PROFILI

Dettagli

Prefettura -Ufficio territoriale del Governo di Brescia

Prefettura -Ufficio territoriale del Governo di Brescia PROTOCOLLO D INTESA Mille occhi sulle Città Tra Prefettura di Brescia Ufficio Territoriale del Governo Comune di Brescia e gli Istituti di Vigilanza privata della Provincia di Brescia sotto indicati: -

Dettagli

Ministero della Giustizia

Ministero della Giustizia Ministero della Giustizia Dipartimento dell Amministrazione Penitenziaria Provveditorato Regionale dell Emilia Romagna Decreto Nr. 1023 del 28 luglio 2005 individuazione degli Ufficio di livello dirigenziale

Dettagli

*** ALLEGATO "C" Funzionigramma

*** ALLEGATO C Funzionigramma COMUNE DI CAMMARATA PROVINCIA DI AGRIGENTO *** ALLEGATO "C" Funzionigramma FUNZIONIGRAMMA Struttura organizzativa del Comune : Segretario comunale Aree Servizi Unità operative o uffici Uffici speciali

Dettagli

ISTITUTO FERRANTE APORTI

ISTITUTO FERRANTE APORTI ISTITUTO FERRANTE APORTI Ferrante Aporti Centro clinico, infermeria, ufficio del sanitario Pratiche per visite ambulatoriali Registro carico/scarico dei medicinali Registro con elenco visite mediche dei

Dettagli

PROVINCIA DI ROMA Servizio I Gestione dei rifiuti Dipartimento IV Servizi di tutela ambientali. c.vesselli@provincia.roma.it

PROVINCIA DI ROMA Servizio I Gestione dei rifiuti Dipartimento IV Servizi di tutela ambientali. c.vesselli@provincia.roma.it PROVINCIA DI ROMA Servizio I Gestione dei rifiuti Dipartimento IV Servizi di tutela ambientali c.vesselli@provincia.roma.it Protocollo interno del Servizio I N 36 del 24/10/2007 UFFICIO DETERMINAZIONI

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DEGLI AUTOMEZZI COMUNALI APPROVATO

REGOLAMENTO PER L USO DEGLI AUTOMEZZI COMUNALI APPROVATO REGOLAMENTO PER L USO DEGLI AUTOMEZZI COMUNALI APPROVATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N. 13 DELL 08.04.2008 ARTICOLO 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO Il presente Regolamento disciplina la gestione e l uso

Dettagli

Ministero dell Interno

Ministero dell Interno LETTERA CIRCOLARE N Roma, data protocollo Alle Direzioni Centrali All Ufficio Centrale Ispettivo Alle Direzioni Regionali e Interregionali VV.F. Agli Uffici di Staff del Capo Dipartimento Agli Uffici di

Dettagli

Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 18 - Martedì 28 aprile 2015

Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 18 - Martedì 28 aprile 2015 Bollettino Ufficiale 5 D.g.r. 24 aprile 2015 - n. X/3453 Determinazione in ordine alle iniziative in favore dell inserimento socio-lavorativo delle persone con disabilità e integrazione delle linee di

Dettagli

LA BANCA D ITALIA. Vista la legge 17 gennaio 2000, n. 7, in materia di disciplina del mercato dell oro;

LA BANCA D ITALIA. Vista la legge 17 gennaio 2000, n. 7, in materia di disciplina del mercato dell oro; Regolamento per l organizzazione e il funzionamento della Unità di Informazione Finanziaria (UIF), ai sensi dell art. 6, comma 2, del d.lgs. 21 novembre 2007, n. 231 LA BANCA D ITALIA Viste la direttiva

Dettagli

e, Ai per Capo conoscenza: Sede Sede

e, Ai per Capo conoscenza: Sede Sede DIPARTIMENTO DELL 'AMMINISTRAZIONE Direzione Generale delle Risorse materiali, dei Ai Proweditori Loro Sedi Lettera Circolare e, Ai per Capo conoscenza: del Dipartimk. Amministrazione Penit Sede 1 Al Vice

Dettagli

MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

MINISTERO DELLA GIUSTIZIA / 2 / E 2 MINISTERO DELLA GIUSTIZIA DIPARTIMENTO DELL AMMINISTRAZIONE PEN TTEN7.TARL PROVVEDITORATO REGIONALE DEL PIEMONTE E VAI JJ. D AOSIA Ufficio della Segreteria e degli Affari Generali Utjìcio Relazioni

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

REGOLAMENTO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI LUCCA REGOLAMENTO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE Approvato con Delibera del Commissario Straordinario ai sensi dell art. 42 e 141 del D.lgs 267/00 n 33 del 06/03/2007 TITOLO

Dettagli

Statuto dell Ente Bilaterale Nazionale delle Società Concessionarie Autostrade e Trafori

Statuto dell Ente Bilaterale Nazionale delle Società Concessionarie Autostrade e Trafori Statuto dell Ente Bilaterale Nazionale delle Società Concessionarie Autostrade e Trafori Art. 1 Costituzione, sede e durata Conformemente a quanto previsto dall art. 48 del Contatto Collettivo Nazionale

Dettagli

Comune di Figino Serenza Provincia di Como REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE TRASFERTE E RIMBORSO SPESE VIAGGIO SOSTENUTE DAI DIPENDENTI

Comune di Figino Serenza Provincia di Como REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE TRASFERTE E RIMBORSO SPESE VIAGGIO SOSTENUTE DAI DIPENDENTI Comune di Figino Serenza Provincia di Como REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE TRASFERTE E RIMBORSO SPESE VIAGGIO SOSTENUTE DAI DIPENDENTI IN VIGORE DAL 01.06.2012 INDICE Premessa Art. 1 Oggetto del regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO AMMINISTRATIVO Associazione di Promozione Sociale:.

REGOLAMENTO AMMINISTRATIVO Associazione di Promozione Sociale:. REGOLAMENTO AMMINISTRATIVO Associazione di Promozione Sociale:. Al fine di chiarire l applicazione amministrativa dello Statuto vigente ed in ossequio allo stesso ed alle norme vigenti, nella seduta del

Dettagli

eco adhoc La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti

eco adhoc La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti eco adhoc 2000 La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti eco adhoc 2000 è la soluzione specifica per ogni impresa che opera nel settore rifiuti con una completa copertura funzionale e la

Dettagli

REGOLAMENTO DI AMMINISTRAZIONE E CONTABILITA DELLE OT

REGOLAMENTO DI AMMINISTRAZIONE E CONTABILITA DELLE OT REGOLAMENTO DI AMMINISTRAZIONE E CONTABILITA DELLE OT Deliberato dal Consiglio Federale il 30 marzo 2014 R.A.C. OT DELIBERATO DAL CF IL 30 MARZO 2014 1 INDICE CAPO I INTRODUZIONE ART. 1 PRINCIPI GENERALI..

Dettagli

3.2 Analisi del contesto interno. L organizzazione di Roma Capitale

3.2 Analisi del contesto interno. L organizzazione di Roma Capitale 3.2 Analisi del contesto interno L organizzazione di Roma Capitale L assetto organizzativo di Roma Capitale, determinato in linea con le funzioni di cui l Ente è titolare e con i programmi e progetti dell

Dettagli

Comune di Galatina. Provincia di Lecce. L estensore. Il responsabile del procedimento. Data. Il responsabile di servizio. Data Data Il Dirigente

Comune di Galatina. Provincia di Lecce. L estensore. Il responsabile del procedimento. Data. Il responsabile di servizio. Data Data Il Dirigente Provincia di Lecce REGISTRO DETERMINAZIONE Numero GENERALE 992 DELLE del DEL 08072014 DETERMINAZIONI DIRIGENTE Comune di Galatina PRATICA OREFICE del 08072014 N. DT 1028 2014 DATA 08072014 ANTONIO CLAUDIO

Dettagli

Decreto ministeriale 08 ottobre 2004 Assistenza spirituale al personale della Polizia di Stato

Decreto ministeriale 08 ottobre 2004 Assistenza spirituale al personale della Polizia di Stato Decreto ministeriale 08 ottobre 2004 Assistenza spirituale al personale della Polizia di Stato VISTO l articolo 69 della legge 1 aprile 1981, n. 121, concernente l assistenza religiosa al personale della

Dettagli

INDIVIDUAZIONE E ARTICOLAZIONE DEI SERVIZI AMMINISTRATIVI E GENERALI. DOTT.SSA Forgione Roberta responsabile dei servizi amministrativi e generali

INDIVIDUAZIONE E ARTICOLAZIONE DEI SERVIZI AMMINISTRATIVI E GENERALI. DOTT.SSA Forgione Roberta responsabile dei servizi amministrativi e generali INDIVIDUAZIONE E ARTICOLAZIONE DEI SERVIZI AMMINISTRATIVI E GENERALI DOTT.SSA Forgione Roberta responsabile dei servizi amministrativi e generali COGNOME E NOME ORARIO MANSIONI ATTRIBUITE Sigla DI BIASE

Dettagli

Pag. 1/6. Esercizio 2013. 11 dicembre 2013

Pag. 1/6. Esercizio 2013. 11 dicembre 2013 Pag. 1/6. DELIBERA N. 81 82 - Impianto organizzativo di ER.GO: stato di attuazione per l anno 2014 Il PRESIDENTE sottopone all'attenzione del Consiglio la seguente proposta di deliberazione IL CONSIGLIO

Dettagli

Servizio Sanitario Nazionale. Regione Emilia-Romagna AZIENDA U.S.L. DI IMOLA

Servizio Sanitario Nazionale. Regione Emilia-Romagna AZIENDA U.S.L. DI IMOLA Servizio Sanitario Nazionale Regione Emilia-Romagna AZIENDA U.S.L. DI IMOLA AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI N. 3 INCARICHI LIBERO- PROFESSIONALI DI MEDICO GENERICO ADDETTO ALL EFFETTUAZIONE DI CONTROLLI

Dettagli

Allegato alla Delibera di Giunta n.09 del 23 febbraio 2015

Allegato alla Delibera di Giunta n.09 del 23 febbraio 2015 Allegato alla Delibera di Giunta n.09 del 23 febbraio 2015 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ DELLA CAMERA DI COMMERCIO DI CALTANISSETTA TRIENNIO 2015-2017 (Articolo 11, comma 2, D.Lgs.

Dettagli

Modello Operativo - Traduzioni e Piantonamenti

Modello Operativo - Traduzioni e Piantonamenti -Premessa- Dal 31 maggio 1998, in ossequio alle previsioni del Decreto Interministeriale emanato in data 11 aprile 1997, il servizio delle traduzioni dei detenuti e degli internati è espletato, nella sua

Dettagli

Regolamento interno di contabilità e tesoreria del Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Pisa

Regolamento interno di contabilità e tesoreria del Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Pisa Regolamento interno di contabilità e tesoreria del Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Pisa PREMESSA Il Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Pisa, visto l art. 24, comma 3, L. 247/2012, che prevede

Dettagli

OGGETTO: Azienda USL RM/C parere positivo ai sensi dell art. 3 del Decreto Commissariale n. U0016 del 27 febbraio 2009. IL COMMISSARIO AD ACTA

OGGETTO: Azienda USL RM/C parere positivo ai sensi dell art. 3 del Decreto Commissariale n. U0016 del 27 febbraio 2009. IL COMMISSARIO AD ACTA DECRETO DEL COMMISSARIO AD ACTA DECRETO n. 4 del 18 01 2010 OGGETTO: Azienda USL RM/C parere positivo ai sensi dell art. 3 del Decreto Commissariale n. U0016 del 27 febbraio 2009. IL COMMISSARIO AD ACTA

Dettagli

4 MONITORAGGIO SUI COSTI DELLE AUTO DI SERVIZIO DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

4 MONITORAGGIO SUI COSTI DELLE AUTO DI SERVIZIO DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Stato: Definitivo 4 MONITORAGGIO SUI COSTI DELLE AUTO DI SERVIZIO DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE PARCO AUTO CENSITO AL 2012 Tabella 1 - Disponibilità di autovetture al 31/12/2012 - La disponibilità di

Dettagli

1. Motivazioni per le quali è richiesta l autorizzazione all acquisto e alla disposizione di azioni proprie

1. Motivazioni per le quali è richiesta l autorizzazione all acquisto e alla disposizione di azioni proprie Relazione del Consiglio di Amministrazione all Assemblea in sede ordinaria convocata per il giorno 30 aprile 2014, in unica convocazione, in merito al punto 6) dell ordine del giorno, concernente la proposta

Dettagli

Settore Segreteria Generale. Settore Servizi Amministrativi. Settore Polizia Provinciale. Settore Risorse Umane e Finanziarie. Settore Servizi Tecnici

Settore Segreteria Generale. Settore Servizi Amministrativi. Settore Polizia Provinciale. Settore Risorse Umane e Finanziarie. Settore Servizi Tecnici Settore Segreteria Generale Segretario Generale: Giulio Nardi e-mail: giulio.nardi@provincia.siena.it Telefono: 0577 241360 Fax: 0577 241321 Orario di ricevimento: su appuntamento Settore Servizi Amministrativi

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO, DEI PERMESSI, DEL LAVORO STRAORDINARIO E DELLE ASSENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE.

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO, DEI PERMESSI, DEL LAVORO STRAORDINARIO E DELLE ASSENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE. ALLEGATO A ALLA DELIBERA DI G.C. N. 71 DEL 05.11.2009 REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO, DEI PERMESSI, DEL LAVORO STRAORDINARIO E DELLE ASSENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE. ART. 1 NORME DI

Dettagli

Settore Gestione e Organizzazione Risorse Umane

Settore Gestione e Organizzazione Risorse Umane Settore Gestione e Organizzazione Risorse Umane REGOLAMENTO PER L USO DEI VEICOLI DELLA PROVINCIA DI BRESCIA REGOLAMENTO PER L USO DEI VEICOLI DELLA PROVINCIA DI BRESCIA. Art. 1 1. Il presente regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

REGOLAMENTO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI CASIER (Provincia di Treviso) REGOLAMENTO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 62 del 11/11/2002 A cura dell Ufficio Lavori Pubblici Ambiente e Protezione

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE SUI CONTROLLI INTERNI

REGOLAMENTO COMUNALE SUI CONTROLLI INTERNI REGOLAMENTO COMUNALE SUI CONTROLLI INTERNI Articolo 1 OGGETTO 1. Il presente regolamento ha ad oggetto il sistema dei controlli interni come previsti dagli articoli 147 e seguenti del decreto legislativo

Dettagli

L'Ente interessato individua le forme più opportune per incentivare l'adesione dei cittadini all'iniziativa.

L'Ente interessato individua le forme più opportune per incentivare l'adesione dei cittadini all'iniziativa. Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 30 in data 22.11.2002 Modificato Con deliberazione del Consiglio Comunale n. 20 del 23.09.2013 ART. 1 E' costituito presso apposita sede comunale destinata

Dettagli