Procedura di adesione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Procedura di adesione"

Transcript

1 Questa è la traduzione delle Domande più frequenti che potete trovare nella sua versione originale in lingua inglese all indirizzo: Che cos è il Patto dei Sindaci? Il Patto dei Sindaci è la prima e più ambiziosa iniziativa della Commissione Europea che ha come diretti destinatari le autorità locali ed i loro cittadini per assumere la direzione della lotta contro il riscaldamento globale. Ogni firmatario del Patto dei Sindaci assume un impegno volontario ed unilaterale per andare oltre gli obiettivi dell Unione Europea (EU) in termini di riduzione in emissioni di CO2. Quali impegni devono adempiere i firmatari del Patto? I firmatari del Patto puntano a ridurre le loro emissioni di CO2 più del 20% entro il 2020 attraverso azioni di energia efficiente e di energia rinnovabile. Per raggiungere questo obiettivo, le autorità locali si impegnano a: Preparare un Inventario delle emissioni (BEI Baseline Emission Inventory), Predisporre, entro l'anno successivo alla loro adesione ufficiale al Patto dei Sindaci, un Piano d'azione dell'energia Sostenibile (SEAP) approvato dal Consiglio Comunale che delinei le misure e le politiche che verranno sviluppate per realizzare i loro obiettivi; Pubblicare regolarmente ogni 2 anni dopo la predisposizione del loro SEAP un report di attuazione che riporti il grado di avanzamento della realizzazione dei programmi e i risultati provvisori; Promuovere le loro attività e coinvolgere i propri cittadini / stakeholders, includendo le organizzazioni, per la realizzazione di Giornate dell Energia Locale; Diffondere il messaggio del Patto dei Sindaci, in particolare incoraggiando le altre autorità locali ad aderirvi e contribuendo alla realizzazione di eventi ( Cerimonia annuale del patto dei Sindaci e workshop tematici). In caso di mancata presentazione nei termini prestabiliti dei diversi documenti tecnici (SEAP e report di attuazione), i firmatari accettano la fine dell adesione al Patto dei Sindaci. Cosa ricevono in cambio i firmatari del Patto? La Commissione europea sostiene la autorità locali coinvolte nel Patto dei Sindaci offrendo visibilità pubblica. In primo luogo, la Commissione ha creato l Ufficio Patto dei Sindaci (COMO) che assiste i firmatari del Patto per ogni domanda tramite l Helpdesk e promuove le loro azioni locali attraverso il Media Desk. Il COMO coordina anche il lavoro con le terze parti e negozia l'appoggio dei relativi stakeholders. Il Centro Unico di Ricerca della Commissione Europea lavora in stretta cooperazione con il COMO per offrire in modo chiaro orientamenti tecnici e suggerimenti per assistere i lavori del Patto dei Sindaci così come per monitorare la realizzazione dei lavori e dei risultati. infine, la Commissione europea ha commissionato la creazione di aiuti finanziari e appoggio politico al livello di Unione Europea.

2 Procedura di adesione Chi può aderire? Il Patto dei Sindaci è aperto a tutte le autorità locali costituite democraticamente tramite elezioni, qualunque sia la loro dimensione e qualunque sia lo stato di attuazione delle loro politiche climatiche o di energia. Poiché l'iniziativa richiede il disegno e la realizzazione di un Piano dell'azione dell'energia Sostenibile (SEAP), le autorità governative firmatarie dovrebbero avere competenze adeguate nei vari campi, come trasporti, edifici, pianificazione territoriale ecc. Se un'autorità locale è interessata ma le mancano competenze o risorse per preparare il suo piano di azione, dovrebbe essere sostenuto da amministrazioni con tali capacità, cioè da Strutture di Sostegno o Agenzie di Energia locali e regionali. Come aderire? Le Autorità locali che vogliono sottoscrivere un Patto dei Sindaci devono presentare e discutere la proposta in Consiglio Comunale. Una volta che l adesione è stata ufficializzata formalmente, le autorità locali devono informare la Commissione Europea inviando una comunicazione all indirizzo dell Ufficio del Patto dei Sindaci utilizzando l allegato modulo di adesione debitamente compilato e sottoscritto. L Autorità locale sarà poi inclusa nell'elenco pubblico dei firmatari del Patto. Nota: il Patto dei Sindaci è un impegno volontario. Perciò l'adesione è completamente gratuita. Quando aderire? Le Autorità locali possono aderire al Patto dei Sindaci quando vogliono, non essendoci termine massimo! La cerimonia del Patto dei Sindaci ha luogo annualmente con tutti i Sindaci, ed offre un'opportunità di visibilità ed una sottoscrizione pubblica. Nota: la data di adesione di riferimento è la data di delibera del Consiglio Comunale (o Assemblea equivalente). Ufficio del Patto dei Sindaci Cos è l Ufficio del Patto Sindaci (COMO)? La Commissione europea ha sviluppato e creato l Ufficio del patto dei Sindaci (COMO Covenant Of Mayor Office) per assistere tutte le autorità locali coinvolte nel Patto dei Sindaci. Il COMO è amministrato da un consorzio di reti europee che rappresenta autorità locali e regionali, diretto ad Energie Cités e composto da CEMR, CLIMATE ALLIANCE, EUROCITIES, Fedarene e Pracsis. Cosa aspettarsi dal COMO? L Ufficio del patto dei Sindaci opera come interfaccia primaria per tutti i governi locali attraverso il Patto dei Sindaci. Punta a: assistere tutte le autorità locali interessate ad aderire all'iniziativa attraverso il processo di adesione; aiuta i firmatari con richieste generali o tecniche riferite al Patto dei Sindaci e ai suoi compiti, assegnando a ciascun firmatario un contatto personalizzato; sostenere la realizzazione della comunicazione e delle attività promozionali; facilitare e coordinare le relazioni con terze parti e relativi stakeholders (es.: sostenendo strutture, Parametri di Eccellenza, Agenzie Locali e Regionali di Energia). Il Centro comune di Ricerca dà appoggio per domande specifiche in relazione alla compilazione di inventari di emissioni di CO2, SEAP e loro valutazione.

3 Inventario delle emissioni di base (BEI) Cos è un inventario delle emissioni di base? L inventario delle emissioni di base quantifica l'ammontare di CO2 emesse a causa di consumo di energia nel territorio del firmatario del Patto. Permette di identificare le fonti principali delle emissioni di CO2 e le loro possibili riduzioni. È possibile usare parametri esistenti per calcolare le emissioni di CO2? Tutti i firmatari del Patto possono scegliere i loro parametri per il calcolo. Ad ogni modo, occorre essere sicuri che gli inventari siano in linea con i principi generali sotto specificati e dettagliati sia nelle istruzioni del SEAP e negli orientamenti disponibile nella nostra biblioteca. Qual è l'anno di base per calcolare le emissioni di CO2? L'anno base raccomandato per l inventario è il Se l'autorità locale non ha dati per compilare un inventario per il 1990, dovrebbe scegliere l ultimo anno per il quale può trovare i dati più completi e affidabili. Qual è lo scopo dell inventario delle emissioni di base? L inventario di base dovrebbe essenzialmente essere basato sui dati finali di consumo di energia, ad esempio su ciò che è stato consumato dagli utenti finali (includendo l'elettricità, riscaldamento/condizionamento e combustibile) all'interno dei confini dell'autorità locale. La produzione di energia locale può essere inclusa nell'inventario se il Piano d Azione di Energia Sostenibile presenta azioni riferite ad essa (ad esempio sviluppo di PV s, energia eolica, district heating o Combined Heat and Power). Gli orientamenti attualmente in fase di preparazione offriranno ulteriori informazioni su questa scelta. Quale metodo si può scegliere quando si stabilisce l Inventario delle emissioni di base? Possono essere scelti due metodi diversi nello stabilire l inventario delle Emissioni di Base a livello locale, vale a dire: Il metodo territoriale o IPCC, che copre tutte le emissioni di CO2 dovute al consumo di energia finale nel territorio dell'autorità locale. Il metodo'accertamento del Ciclo della Vita (LCA), che considera ciclo di vita complessivo dei carburanti/elettricità. Questo perciò include tutte le emissioni della catena di energia che ha luogo anche fuori del territorio (come perdite di trasporto, emissioni di raffineria o perdite di conversione di energia). Quali fattori di emissione di CO2 dovrebbero essere usati? Le emissioni di CO2 devono essere calcolate per ogni fonte di energia moltiplicando il consumo di energia per il corrispondente fattore di emissione. Esiste una varietà di fattori di emissione, che dipendono dalle fonti di energia il metodo selezionato: Per il metodo territoriale": l'ipcc offre fattori di emissione predefiniti, disponibili dalla Guida IPCC 2006(Volume 2, Capitolo 2 tabella 2.2. pagina 16). Questi fattori di emissione predefiniti potrebbero essere sostituiti da fattori di emissione specifici del paese che tengono conto dei dati specifici di ogni paese. I firmatari del Patto possono sviluppare anche i propri fattori di emissione basati sulle proprietà particolareggiate dei combustibili usati nel loro territorio. Per il metodo LCA : i fattori di emissioni sono disponibili da fonti o metodi diversi, come il database di ELCD, Ecoinvent CH, Software di GEMIS ecc.

4 Per informazioni sia sulle metodologie sia sui loro rispettivi fattori di emissione, vi chiediamo di riferirvi all allegato tecnico del documento SEAP o alla guida SEAP. Piano d Azione dell'energia sostenibile (SEAP) Cos è un SEAP? Un Piano d Azione dell'energia Sostenibile è il documento chiave che mostra come i firmatari del Patto giungeranno al loro obiettivo di riduzione di CO2 entro il2020. Definisce le attività e le misure atte al raggiungimento degli obiettivi, i tempi e le responsabilità assegnate. I firmatari del Patto possono scegliere la configurazione del loro Piano d'azione dell'energia Sostenibile (specialmente se già hanno fatto un piano di azione in passato). Ad ogni modo è necessario assicurarsi che il loro piano di azione sia in linea coi principi generali in seguito specificati e dettagliati sia nelle istruzioni di SEAP e nelle guide SEAP disponibili nella nostra biblioteca. Quale è lo scopo del SEAP? Il Patto Dei Sindaci riguarda l'azione a livello locale all'interno della competenza delle autorità locali coinvolta. Perciò ci si aspetta che i firmatari del Patto realizzeranno azioni in molti o in tutti i loro possibili ruoli: Consumatore e modello: tutte le autorità locali sono responsabili per il proprio consumo di energia. Allo stesso tempo loro giocano un ruolo d esempio incoraggiando i cittadini e gli altri stakeholders ad usare più efficientemente l energia. Progettista, sviluppatore e moderatore: tutte le autorità locali sono di solito responsabili per le politiche di costruzione, trasporto e pianificazione territoriale. Hanno il potere di ottimizzare il consumo di energia nelle nuove realizzazioni e di integrare le strategie di prevenzione di traffico nella pianificazione di sviluppo. Regolano l efficienza traffico/energia di traffic/energy tramite leggi e strumenti di regolazione. Produttore e fornitore: le Autorità locali possono agire anche come enti erogatori o fornitori di servizi promuovendo la produzione di energia locale e usando fonti di energia rinnovabile (ad esempio Calore e energia combinata/chps, sistemi distrettuali di riscaldamento). Consulente e motivatore: le azioni conoscitive sono importanti per impegnare l intera comunità a sostenere politiche di energia sostenibili. Le Autorità locali possono agire come consulenti ed educatori per cittadini e gli altri stakeholders (es.: architetti, progettisti o artigiani). Quali settori/campi di azione sono presi in considerazione nel SEAP? Siccome gli impegni del Patto riguardano l'intera area geografica dell'autorità locale, il SEAP dovrebbe includere le azioni che concernono sia i settori pubblici che quelli privati. I firmatari del Patto sono liberi di scegliere le loro aree chiave di azione. In linea di principio, si prevede che la maggior parte del SEAP coprirà i settori che sono presi in considerazione all'interno dell'inventario: gli edifici (inclusi i nuovi edifici e le maggiori ristrutturazioni), le infrastrutture municipali (incluso il distretto di calore e l illuminazione pubblica), il trasporto urbano e la mobilità, l industria e le imprese. Dovrebbe essere basato anche su quelle aree dove l'autorità locale conduce un specifico ruolo, tipo: Pianificazione territoriale (Autorità Locale come progettista), Approvvigionamento pubblico di prodotti energetici efficienti e servizi (Autorità Locale come consumatore e modello), Lavoro con i cittadini e gli stakeholders (Autorità Locale come consulente e motivatore).

5 Quando presentare il SEAP? Entro un anno dalla firma del Patto dei Sindaci, le città firmatarie sottoporranno il loro Piano d'azione dell'energia Sostenibile dove verranno elencati gli obiettivi e le misure e per conseguirli. Il SEAP deve essere approvato formalmente dal Consiglio Comunale. Come presentare il SEAP? I firmatari del Patto dei Sindaci sono invitato a caricare il loro Piano d'azione dell'energia Sostenibile completo nella loro lingua nazionale (formato PDF) tramite web (area riservata). E richiesto allo stesso tempo di completare in una maschera con informazioni di base in inglese. Questa maschera permette ai firmatari del Patto di fare un compendio delle azioni chiave del loro Inventario Emissioni e gli elementi chiave del loro SEAP (includendo le aree di chiave di azione, l'emissione di CO2, gli obiettivi di emissione previsti, i tempi di realizzazione, l'attribuzione di personale e fondi finanziari, ecc). E semplicemente un documento internet che i firmatari del Patto possono riempire autonomamente. Una sintesi delle informazioni raccolte sarà mostrata on line sul sito web del Patto dei Sindaci Tutti i firmatari del Patto possono accedere on line alla maschera di SEAP attraverso l'angolo dei Firmatari (area riservata) collegandosi a: / (login/password verranno inviati direttamente ad ogni firmatario del Patto). Una copia pubblica del modello del SEAP (formato PDF e Excel)), accompagnata da una lettera con chiare istruzioni su come usarlo (PDF), è disponibile nella libreria web di CoM. Rapporto di attuazione Cos è un report di attuazione? Due anni dopo avere realizzato un Piano d'azione dell'energia Sostenibile, i firmatari del Patto devono relazionare sulla sua realizzazione. Questo rapporto serve a controllare la conformità dei risultati provvisori con gli obiettivi previsti. La procedura sarà facilitata da una esempio di monitoraggio on line, collegata all esempio di SEAP. Mostrerà agevolmente i risultati raggiunti, sia in termini di misure perfezionate e di riduzione di emissioni di CO2. Giornate locali dell Energia Cos è una giornata locale dell Energia? Il giorno dell Energia è un evento locale che punta a diffondere al pubblico la consapevolezza di temi come l efficienza di energia, l uso di fonti di energia rinnovabili ed i collegamenti tra energia e cambio di clima. Generalmente organizzate per un periodo specificato, i tipi di eventi possono variare, ma normalmente includono attività come workshops, fiere, visite guidate e open day. Perché organizzare giornate locali dell Energia? Poiché il 20% di riduzione delle emissioni di CO2 è un obiettivo riguardante l intero territorio, non solo gli edifici municipali ed i veicoli ma anche case private, settore terziario e trasporti, è cruciale coinvolgere stakeholders locali e cittadini alla preparazione e alla realizzazione del Piano d'azione dell'energia Sostenibile. Ogni firmatario del patto può aumentare il livello del loro coinvolgimento attraverso una comunicazione efficiente e la consapevolezza delle attività di marketing focalizzate sull energia e sugli obiettivi di clima.

6 Come trovare sostegno? I firmatari del Patto otterranno un pieno supporto dalla Campagna europea dell'energia Sostenibile che ha raccolto un numero enorme di buoni esempi nel campo della comunicazione e dell'organizzazione di giornate dell energia. Tutte le città del Patto interessate a trovare sostegno per l'organizzazione di giornate dell Energia ed una visibilità europea per il loro evento sono invitate a contattare l Ufficio Energia a: Agevolazioni finanziarie Quali agevolazioni finanziarie utilizzare? La Commissione Europea sta attualmente negoziando con società finanziarie. Verrà realizzato un network finanziario che fornirà alle città del Patto l'appoggio cruciale di cui hanno bisogno per raggiungere gli obiettivi previsti nei loro Piani d'azione dell'energia Sostenibile. Fondi Europei del valore di 15 milioni saranno a disposizione delle città del Patto attraverso l Ufficio Assistenza tecnica della Banca Europea degli Investimenti (EIB). Questo ufficio è stato fondato tramite il programma dell'energia Intelligente Europea (IEE) e offrirà appoggio finanziario per lo sviluppo degli investimenti comunali o dei programmi riguardanti i Piani d'azione dell'energia Sostenibile che contribuiscono agli obiettivi complessivi di energia dell Unione Europea. Ulteriori informazioni su potenziali finanziamenti saranno molto presto disponibili sul sito web. Strutture di supporto Cos è una Struttura di Supporto? Le Strutture di supporto sono definite come quelle entità che sono in grado di offrire guide strategiche, appoggio tecnico e/o finanziario a città con la volontà politica per firmare il patto dei Sindaci, ma carenti di strutture e /o risorse per adempiere ai requisiti, vale a dire la preparazione e la realizzazione del Piano d Azione dell'energia Sostenibile. La Commissione Europea riconosce 2 tipi di Strutture di sostegno nel quadro del patto dei Sindaci: la pubblica amministrazione (enti pubblici nazionali e regionali, province, unioni di Comuni) e le reti di autorità locali e regionali. Cosa puoi aspettarti dalle Strutture di supporto? Le Strutture di supporto hanno lo scopo di tenere un contatto con la Commissione europea per assicurare la migliore realizzazione del Patto. Sono riconosciuti dalla Commissione come alleati chiave per la comunicazione ed aumentare l'impatto dell'alleanza. Compiti tipici intrapresi da una Struttura di supporto includono: per la prima categoria di Strutture di Supporto (pubbliche amministrazioni) o Promozione dell accesso al patto dei Sindaci fra città nella stessa area, offrendo appoggio e coordinamento alle città firmatarie; o Fornitura di assistenza tecnica e strategica alle città che faranno parte del Patto ma a cui mancano le risorse necessarie per preparare un piano d azione dell energia sostenibile; o Fornitura di appoggio finanziario o consigli alle città per le spese riferite alla preparazione del SEAP; o Agevolare la realizzazione del SEAP e l organizzazione delle giornate locali dell energia per portare a conoscenza i problemi;

7 o Presentare regolarmente alla Commissione i risultati ottenuti partecipando alla realizzazione strategica del Patto. per la seconda categoria (reti di autorità locali e regionali) o Promozione dell accesso al patto dei Sindaci fra i loro membri, o Dialogo con i loro membri facilitando scambi di esperienze, o Difesa di interessi comuni nell area di competenza, o Sollecitazione della realizzazione del Patto dei Sindaci attraverso i suoi membri, o Presentare regolarmente alla Commissione i risultati ottenuti partecipando alla realizzazione strategica del Patto. Come divenire una Struttura di sostegno? Tutte le amministrazioni pubbliche o reti di autorità locali e regionali che sono interessate al Patto, possono contattare l Ufficio Patto dei Sindaci. Agenzie di Energia locali e Regionali (LAREAs) Perché LAREAs dovrebbe essere coinvolto nel patto dei Sindaci? Il raggiungimento e la realizzazione degli obiettivi del Patto dei Sindaci non solo richiede impegno politico, ma anche capacità tecniche. Le Agenzie di energia locali e regionali sono state attive in questi campi da tempo e la loro conoscenza e perizia in materia di energia locale potrebbe essere molto utile per i firmatari del Patto. Perciò il patto dei Sindaci rappresenta una buona opportunità per le Agenzie dell energia per avere il loro ruolo meglio riconosciuto e far avere più visibilità alle loro azioni. Quali sono i ruoli potenziali e i compiti del LAREAs? Le Agenzie di energia locali e regionali sono riconosciute come organizzazioni operative che devono avere un duplice ruolo derivante dalle loro missioni: primo, come promotori del Patto dei Sindaci verso i paesi e le città nelle loro aree, e secondo, come fornitori di perizie tecniche per i firmatari del Patto, specialmente per quelli a cui mancano le necessarie risorse finanziarie e/o umane per adempiere ai loro impegni. Perciò il LAREAs è incoraggiato a fornire e rinnovare accordi di cooperazione direttamente con l autorità pubblica del loro territorio per sostenerli nel realizzare i requisiti ed obiettivi del Patto dei Sindaci. LAREAs può lavorare anche in vicina cooperazione con le Strutture di supporto, comportandosi come ala armata per fornire assistenza tecnica ai firmatari del Patto. Come essere coinvolto nel processo di Patto dei Sindaci? A livello locale/regionale, le agenzie di energia dovrebbero contattare le autorità pubbliche all'interno dei loro territori per promuovere le iniziative del Patto dei Sindaci fra i non firmatari ed assistere i firmatari nella preparazione e nella realizzazione dell inventario base di emissione e nel Piano d'azione dell'energia Sostenibile. Per identificare quali autorità pubbliche già hanno firmato, si può controllare l'elenco dei firmatari. Per ulteriori informazioni, contatti l Ufficio LAREAs ). A livello europeo, le agenzie di energia attive con i firmatari del Patto dei Sindaci sono caldamente invitate a comunicare regolarmente con l Ufficio Patto dei Sindaci (COMO). In cambio, i COMO sosterranno queste agenzie di energia promuovendo le loro iniziative migliori e le migliori pratiche, attraverso workshops, ecc. ecc.

LE DOMANDE PIÙ FREQUENTI SUL PATTO DEI SINDACI (FONTE SITO UFFICIALE EUROPEO )

LE DOMANDE PIÙ FREQUENTI SUL PATTO DEI SINDACI (FONTE SITO UFFICIALE EUROPEO ) LE DOMANDE PIÙ FREQUENTI SUL PATTO DEI SINDACI (FONTE SITO UFFICIALE EUROPEO ) 1. Cos è il Patto dei Sindaci? Il Patto dei Sindaci è la prima e ambiziosa iniziativa della Commissione europea che coinvolge

Dettagli

Oggetto: Adesione al Patto dei Sindaci (Covenant of Mayors) per l'energia sostenibile.

Oggetto: Adesione al Patto dei Sindaci (Covenant of Mayors) per l'energia sostenibile. C.C. n. 12 del 14/04/2010 Oggetto: Adesione al Patto dei Sindaci (Covenant of Mayors) per l'energia sostenibile. Il Sindaco-Presidente riferisce che: 1. nel novembre 2005 la Commissione Europea ha lanciato

Dettagli

Cristian Roverato Servizio Ambiente COMUNE DI ROVERETO. Il PATTO DEI SINDACI E IL PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE. 13 dicembre 2012 Trento

Cristian Roverato Servizio Ambiente COMUNE DI ROVERETO. Il PATTO DEI SINDACI E IL PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE. 13 dicembre 2012 Trento Cristian Roverato Servizio Ambiente COMUNE DI ROVERETO Il PATTO DEI SINDACI E IL PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE 13 dicembre 2012 Trento Il Patto dei Sindaci Il Patto dei Sindaci è la prima iniziativa

Dettagli

MAYORS ADAPT. Promuovere la leadership locale nell adattamento ai cambiamenti climatici

MAYORS ADAPT. Promuovere la leadership locale nell adattamento ai cambiamenti climatici MAYORS ADAPT Promuovere la leadership locale nell adattamento ai cambiamenti climatici Webinar, Pratiche di sostenibilità, 30 Aprile 2014 Karl-Ludwig Schibel, Alleanza per il Clima Italia Indice presentazione

Dettagli

Relazione illustrativa sul SEAP. (Sustainable Energy Action Plan) Piano d Azione per l Energia Sostenibile

Relazione illustrativa sul SEAP. (Sustainable Energy Action Plan) Piano d Azione per l Energia Sostenibile Relazione illustrativa sul SEAP (Sustainable Energy Action Plan) Piano d Azione per l Energia Sostenibile Il Parlamento Europeo nel dicembre 2008 ha approvato il pacchetto clima-energia volto a conseguire

Dettagli

La Provincia di Genova come Struttura di Supporto per il Patto dei Sindaci

La Provincia di Genova come Struttura di Supporto per il Patto dei Sindaci La Provincia di Genova come Struttura di Supporto per il Patto dei Sindaci Dario Miroglio Direzione Ambiente Energia Ufficio Pianificazione e Sviluppo Sostenibile La dimensione del problema In un anno

Dettagli

L Inventario delle Emissioni del Comune di Padova

L Inventario delle Emissioni del Comune di Padova L Inventario delle Emissioni del Comune di Padova Padova verso il Piano Clima Michele Zuin Settore Ambiente Comune di Padova Adesione al Patto dei sindaci e alla Campagna SEE Con deliberazione di Consiglio

Dettagli

ELENA. European Local Energy Assistance

ELENA. European Local Energy Assistance ELENA European Local Energy Assistance SOMMARIO 1. Obiettivo 2. Budget 3. Beneficiari 4. Azioni finanziabili 5. Come partecipare 6. Criteri di selezione 7. Contatti OBIETTIVI La Commissione europea e la

Dettagli

Avv. CUOMO Nicola. Arch. QUINTAVALLE Lea. Ing. SCIANNIMANICA Bartolomeo

Avv. CUOMO Nicola. Arch. QUINTAVALLE Lea. Ing. SCIANNIMANICA Bartolomeo Sindaco Assessore all Urbanistica R.U.P. Energy Manager Coordinamento Avv. CUOMO Nicola Arch. D AURIA Alessio Arch. QUINTAVALLE Lea Arch. SCOGNAMIGLIO Antonella Ing. SCIANNIMANICA Bartolomeo Gruppo di

Dettagli

Sfida del clima e crisi energetica Il ruolo degli Enti Locali. Giuseppe Gamba - Presidente AzzeroCO2

Sfida del clima e crisi energetica Il ruolo degli Enti Locali. Giuseppe Gamba - Presidente AzzeroCO2 Sfida del clima e crisi energetica Il ruolo degli Enti Locali Giuseppe Gamba - Presidente AzzeroCO2 Il livello locale Dimensione su cui incide l azione del Governo Locale e dei cittadini La dimensione

Dettagli

Il Patto dei Sindaci: una grande opportunita' di cambiamento

Il Patto dei Sindaci: una grande opportunita' di cambiamento Provincia Autonoma di Bolzano, 20 marzo 2015 L'Alto Adige verso KlimaLand - 2 giornata dell'energia in Alto Adige Il Patto dei Sindaci: una grande opportunita' di cambiamento Paolo Zancanella European

Dettagli

ATLANTE DELLE ENERGIE RINNOVABILI ALTA UMBRIA

ATLANTE DELLE ENERGIE RINNOVABILI ALTA UMBRIA Presentazione del volume ATLANTE DELLE ENERGIE RINNOVABILI ALTA UMBRIA La campagna Energia sostenibile per l Europa (SEE) e il Patto dei Sindaci (Perugia, 18 Gennaio 2010 ) Antonio Lumicisi Ministero dell

Dettagli

Come sviluppare il SEAP: l esperienza del Comune di Forlì. Francesca Ravaioli

Come sviluppare il SEAP: l esperienza del Comune di Forlì. Francesca Ravaioli Come sviluppare il SEAP: l esperienza del Comune di Forlì Francesca Ravaioli Comune di Forlì Patto dei Sindaci Patto dei Sindaci: cos'è? Il Patto Il Patto dei Sindaci è il principale movimento europeo

Dettagli

INVENTARIO DI BASE DELLE EMISSIONI DEL COMUNE DI TERAMO

INVENTARIO DI BASE DELLE EMISSIONI DEL COMUNE DI TERAMO INVENTARIO DI BASE DELLE EMISSIONI DEL COMUNE DI TERAMO Documento redatto da INTRODUZIONE La Provincia di Teramo ha aderito, in qualità di struttura di supporto, al Patto dei Sindaci e, attraverso la sottoscrizione

Dettagli

INVENTARIO DI BASE DELLE EMISSIONI DEL COMUNE DI TORRICELLA SICURA

INVENTARIO DI BASE DELLE EMISSIONI DEL COMUNE DI TORRICELLA SICURA INVENTARIO DI BASE DELLE EMISSIONI DEL COMUNE DI TORRICELLA SICURA Documento redatto da INTRODUZIONE La Provincia di Teramo ha aderito, in qualità di struttura di supporto, al Patto dei Sindaci e, attraverso

Dettagli

Politiche locali per l energia: il Patto dei Sindaci e i Piani di Azione per l Energia Sostenibile Ing. Irene De Piccoli Infoenergia

Politiche locali per l energia: il Patto dei Sindaci e i Piani di Azione per l Energia Sostenibile Ing. Irene De Piccoli Infoenergia GUIDARE LE AMMINISTRAZIONI LOCALI OLTRE GLI OBIETTIVI DELL UE AL 2020 Politiche locali per l energia: il Patto dei Sindaci e i Piani di Azione per l Energia Sostenibile Ing. Irene De Piccoli Infoenergia

Dettagli

Il Patto dei Sindaci e il Piano di Azione per l Energia Sostenibile - PAES -

Il Patto dei Sindaci e il Piano di Azione per l Energia Sostenibile - PAES - Il Patto dei Sindaci e il Piano di Azione per l Energia Sostenibile - PAES - Smart City Comuni in classe A 1 Indice 1. Il Patto dei Sindaci 2. Il Piano di Azione per l Energia Sostenibile PAES 3. Il progetto

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE Allegato A alla delibera di Giunta n del. PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE PREMESSO CHE: Il 10 dicembre 1997, nell ambito della Convenzione Quadro sui Cambiamenti

Dettagli

COMUNE DI MEANA SARDO PROVlNClA DI NUORO

COMUNE DI MEANA SARDO PROVlNClA DI NUORO N. 02 Registro Generale delle Deliberazioni in seduta del 22.02.2013 Prot. Gen. N. 861 del 25.02.2013 COMUNE DI MEANA SARDO PROVlNClA DI NUORO DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: PAES - ADESIONE

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 60. COMUNE DI CAMUGNANO (Provincia di Bologna) Adunanza straordinaria di prima convocazione Sessione pubblica

DELIBERAZIONE N. 60. COMUNE DI CAMUGNANO (Provincia di Bologna) Adunanza straordinaria di prima convocazione Sessione pubblica DELIBERAZIONE N. 60 COMUNE DI CAMUGNANO (Provincia di Bologna) Adunanza straordinaria di prima convocazione Sessione pubblica C O P I A VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Oggetto: ADESIONE

Dettagli

Assessorato Politiche Ambientali Provincia di Venezia

Assessorato Politiche Ambientali Provincia di Venezia IL PATTO DEI SINDACI LA PROVINCIA DIVENEZIA COME ENTE DI COORDINAMENTO MOBILITÀ ETURISMO SOSTENIBILE: SINERGIE IN ADRIATICO 25 maggio 2013 Assessorato Politiche Ambientali Provincia di Venezia Pacchetto

Dettagli

Le azioni di efficienza energetica degli edifici nel PAES Piano di Azione per l Energia Sostenibile

Le azioni di efficienza energetica degli edifici nel PAES Piano di Azione per l Energia Sostenibile Le azioni di efficienza energetica degli edifici nel PAES Piano di Azione per l Energia Sostenibile 21 Ottobre 2015 Efficienza energetica degli edifici: il valore della casa, il valore dell ambiente con

Dettagli

PATTO DEI SINDACI E PIANI D AZIONE. ESPERIENZE EUROPEE E POTENZIALE IN ITALIA. Maria Berrini, Presidente Ambiente Italia

PATTO DEI SINDACI E PIANI D AZIONE. ESPERIENZE EUROPEE E POTENZIALE IN ITALIA. Maria Berrini, Presidente Ambiente Italia PATTO DEI SINDACI E PIANI D AZIONE. ESPERIENZE EUROPEE E POTENZIALE IN ITALIA Maria Berrini, Presidente Ambiente Italia Città in movimento Oltre 3.200 governi locali negli ultimi 15 anni hanno aderito

Dettagli

TORINOSMARTCITY. ROMA - 9 Febbraio 2012

TORINOSMARTCITY. ROMA - 9 Febbraio 2012 TORINOSMARTCITY DAL PATTO DEI SINDACI A SMART CITY: IL PERCORSO DELLA CITTA DI TORINO ROMA - 9 Febbraio 2012 1 LE TAPPE 29 gennaio 2008 nell ambito della seconda edizione della Settimana Europea dell energia

Dettagli

Introduzione alla norma UNI EN CEI ISO 50001:2011

Introduzione alla norma UNI EN CEI ISO 50001:2011 Ordine degli Ingegneri della Provincia di Roma Seminario di introduzione alla norma ISO 50001 ed ai Sistemi di Gestione per l Energia Integrazione con la legislazione Roma, 16/03/2016 Introduzione alla

Dettagli

L esperienza del Comune di Reggio Emilia

L esperienza del Comune di Reggio Emilia Convegno di presentazione IL PATTO DEI SINDACI PER I COMUNI DELL UNIONE VAL D ENZA L esperienza del Comune di Reggio Emilia Montecchio, 16 febbraio 2013 I firmatari del Patto si impegnano a ridurre di

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COPIA N. 29 Reg. Verbali COMUNE DI CASTELLO DELL ACQUA PROVINCIA DI SONDRIO DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DELL'IMPIANTO DI ILLUMINAZIONE PUBBLICA - ATTO DI INDIRIZZO

Dettagli

Ferrara, l energia e il clima: dal Patto al Piano di Azione per l Energia Sostenibile

Ferrara, l energia e il clima: dal Patto al Piano di Azione per l Energia Sostenibile Ferrara, l energia e il clima: dal Patto al Piano di Azione per l Energia Sostenibile SUNSHINE Training Workshop on Energy Maps Ferrara, 25 settembre 2015 Valentina Caroli Comune di Ferrara Per le Comunità

Dettagli

Tavola rotonda Fotovoltaico tra sviluppo industriale e sviluppo sostenibile

Tavola rotonda Fotovoltaico tra sviluppo industriale e sviluppo sostenibile Tavola rotonda Fotovoltaico tra sviluppo industriale e sviluppo sostenibile Garaguso Scalo (Mt), 29 Gennaio 2011 La campagna SEE e il Patto dei Sindaci: iniziative a supporto degli obiettivi europei al

Dettagli

Il Patto dei Sindaci e il PAES L Inventario Base delle Emissioni (IBE)

Il Patto dei Sindaci e il PAES L Inventario Base delle Emissioni (IBE) Febbraio 2014 n.b. il documento del PAES è in fase di valutazione da parte del CCR della Commissione Europea. 1 Il Patto dei Sindaci e il PAES L Inventario Base delle Emissioni (IBE) Comune di Latina -

Dettagli

IL PIANO D AZIONE ITALIANO PER L EFFICIENZA ENERGETICA

IL PIANO D AZIONE ITALIANO PER L EFFICIENZA ENERGETICA PERCORSI PER UN COMUNE ILLUMINATO L EFFICIENZA ENERGETICA, IL PIANO D AZIONE ITALIANO PER L EFFICIENZA ENERGETICA, IL PATTO DEI SINDACI, IL PROGETTO ENEA LUMIERE, LE ESCO, E TANTO ALTRO ANCORA Spendiamo

Dettagli

WORKSHOP. Bilanci energetici e stima delle emissioni di gas serra alla scala locale: potenzialità e criticità (Milano, 17 Maggio 2010)

WORKSHOP. Bilanci energetici e stima delle emissioni di gas serra alla scala locale: potenzialità e criticità (Milano, 17 Maggio 2010) WORKSHOP Bilanci energetici e stima delle emissioni di gas serra alla scala locale: potenzialità e criticità (Milano, 17 Maggio 2010) Politiche di mitigazione dei cambiamenti climatici alla scala locale:

Dettagli

Effetto serra e il Patto dei Sindaci. [k]people

Effetto serra e il Patto dei Sindaci. [k]people Effetto serra e il Patto dei Sindaci L effetto serra Fenomeno naturale che intrappola il calore del sole nell atmosfera per via di alcuni gas. Riscalda la superficie del pianeta Terra rendendo possibile

Dettagli

Progettazione/Redazione Contributi/Coordinamento Versione Visto. Ing. Massimiliano Bagagli Rev. 0

Progettazione/Redazione Contributi/Coordinamento Versione Visto. Ing. Massimiliano Bagagli Rev. 0 Studio preliminare sull ipotesi di introduzione di un Sistema di Gestione dell Energia in ARPA Umbria Ottobre 2010 La norma UNI EN 16001 sul Sistema di Gestione dell Energia... 3 La Pubblica Amministrazione

Dettagli

Vo l p a g o d e l M o n t e l l o, 07 m a r zo 2016. PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE del COMUNE DI VOLPAGO DEL MONTELLO

Vo l p a g o d e l M o n t e l l o, 07 m a r zo 2016. PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE del COMUNE DI VOLPAGO DEL MONTELLO Vo l p a g o d e l M o n t e l l o, 07 m a r zo 2016 PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE del COMUNE DI VOLPAGO DEL MONTELLO IL PAES e GLI OBIETTIVI Ricognizione su tutto il territorio comunale degli

Dettagli

L INIZIATIVA PATTO DEI SINDACI. Giovanni Vicentini

L INIZIATIVA PATTO DEI SINDACI. Giovanni Vicentini L INIZIATIVA PATTO DEI SINDACI Giovanni Vicentini La strategia europea al 2020 20% di fonti rinnovabili nei consumi energetici per usi finali 20% in meno (rispetto al livello tendenziale al 2020) nei consumi

Dettagli

AGGIORNAMENTO DELLA PIATTAFORMA CLEXi

AGGIORNAMENTO DELLA PIATTAFORMA CLEXi AGGIORNAMENTO DELLA PIATTAFORMA CLEXi Aggiornamento del 1.12.2015, versione 1.9.1 Sommario In breve, cosa cambia...2 L aggiornamento per gli account CLEXi già attivi...2 L aggiornamento per chi attiva

Dettagli

PATTO DEI SINDACI Cosa e Quali obiettivi Le procedure - Gli strumenti Quali finanziamenti e contributi

PATTO DEI SINDACI Cosa e Quali obiettivi Le procedure - Gli strumenti Quali finanziamenti e contributi PATTO DEI SINDACI Cosa e Quali obiettivi Le procedure - Gli strumenti Quali finanziamenti e contributi A21 -- Ambiente nel 21 secolo Tel. 030 7995986 - Cell. 335 8130355 mail: info@a21.it - www.a21.it

Dettagli

Risultati del bando Promuovere la sostenibilità energetica nei comuni piccoli e medi Presentazione della Banca Dati PAES

Risultati del bando Promuovere la sostenibilità energetica nei comuni piccoli e medi Presentazione della Banca Dati PAES Risultati del bando Promuovere la sostenibilità energetica nei comuni piccoli e medi Presentazione della Banca Dati PAES Elena Jachia Direttore Area Ambiente Fondazione Cariplo Milano, 24 novembre 2010

Dettagli

Le politiche della Commissione per l Energia. Silvia Zinetti Comitato Economico e Sociale Europeo Bergamo, 03 Ottobre 2014

Le politiche della Commissione per l Energia. Silvia Zinetti Comitato Economico e Sociale Europeo Bergamo, 03 Ottobre 2014 Le politiche della Commissione per l Energia Silvia Zinetti Comitato Economico e Sociale Europeo Bergamo, 03 Ottobre 2014 Indice Il contesto Gli obiettivi Art. 194 TFUE Quadro generale Obiettivo EE Le

Dettagli

Patto dei Sindaci Il ruolo della Regione del Veneto

Patto dei Sindaci Il ruolo della Regione del Veneto Patto dei Sindaci Il ruolo della Regione del Veneto giuliano vendrame sezione energia regione del veneto Treviso, 25 marzo 2015 Dal 2008 attraverso il Patto dei Sindaci, le città firmatarie si sono impegnate

Dettagli

La stesura del PAES, dal recupero dei dati al coinvolgimento dei portatori di interessi: problematiche riscontrate e soluzioni adottate.

La stesura del PAES, dal recupero dei dati al coinvolgimento dei portatori di interessi: problematiche riscontrate e soluzioni adottate. Piani d Azione per l Energia Sostenibile Aspetti tecnici ed operativi Trento, 15 maggio 2014 SalaBelli,PiazzaDanten.15 La stesura del PAES, dal recupero dei dati al coinvolgimento dei portatori di interessi:

Dettagli

EUROPEAN ENTERPRISES CLIMATE CUP (EECC)

EUROPEAN ENTERPRISES CLIMATE CUP (EECC) EUROPEAN ENTERPRISES CLIMATE CUP (EECC) La competizione Europea per il risparmio energetico nelle PMI Adriano Pessina SPES Consulting srl SPES è una Società privata di consulenza che opera nel settore

Dettagli

Il Sistema Informativo Regionale Energia e Ambiente di Regione Lombardia

Il Sistema Informativo Regionale Energia e Ambiente di Regione Lombardia Il Sistema Informativo Regionale Energia e Ambiente di Regione Lombardia Lo strumento conoscitivo a misura di Patto dei Sindaci Diamo valore al Clima: Efficienza, Sostenibilità, Competitività Stefania

Dettagli

Piano d Azione Energia Sostenibile di Città di Castello Luca Secondi, Assessore Ambiente e Mobilità

Piano d Azione Energia Sostenibile di Città di Castello Luca Secondi, Assessore Ambiente e Mobilità Piano d Azione Energia Sostenibile di Città di Castello Luca Secondi, Assessore Ambiente e Mobilità Patto dei Sindaci Il Comune di Città di Castello ha da tempo riconosciuto la sostenibilità come variabile

Dettagli

Politiche energetiche e Comuni. Maurizio Mangialardi

Politiche energetiche e Comuni. Maurizio Mangialardi Politiche energetiche e Comuni Maurizio Mangialardi 1 L eccellenza del nostro territorio marchigiano è fatta di sapiente equilibrio tra la sua crescita, la necessaria innovazione, e la curadel suo prezioso

Dettagli

L anno il giorno ( ) del mese di, TRA

L anno il giorno ( ) del mese di, TRA CONVENZIONE DI INCARICO PROFESSIONALE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI REDAZIONE DEL SEAP (Sustainable Energy Action Plan)- PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE DEL COMUNE DI L anno il giorno ( )

Dettagli

le strutture di supporto trasformano il patto in realtà Per tutti i comuni www.eumayors.eu 1

le strutture di supporto trasformano il patto in realtà Per tutti i comuni www.eumayors.eu 1 le strutture di supporto trasformano il patto in realtà Per tutti i comuni www.eumayors.eu 1 INDICE Pubblicazione diretta da l Ufficio del Patto dei Sindaci. E gestita da un consorzio di governi locali

Dettagli

Un progetto territoriale condiviso. Giovanna Rossi Enrico Bartoletti Provincia di Livorno

Un progetto territoriale condiviso. Giovanna Rossi Enrico Bartoletti Provincia di Livorno Il Piano di Azione Congiunto per l Energia sostenibile dell Isola d Elba Un progetto territoriale condiviso Giovanna Rossi Enrico Bartoletti Provincia di Livorno LA RISPOSTA DEL JRC 2 Gli Interventi previsti

Dettagli

Sommario. Premessa... 3. 1. Obiettivi... 4. 2. Soggetti coinvolti... 6. 3. Erogazione del servizio informativo... 7

Sommario. Premessa... 3. 1. Obiettivi... 4. 2. Soggetti coinvolti... 6. 3. Erogazione del servizio informativo... 7 Carta dei Servizi Sommario Premessa... 3 1. Obiettivi... 4 2. Soggetti coinvolti... 6 3. Erogazione del servizio informativo... 7 4. Descrizione operativa del servizio... 9 5. Compiti e responsabilità

Dettagli

CAPITOLO 5: IL PATTO DEI SINDACI

CAPITOLO 5: IL PATTO DEI SINDACI CAPITOLO 5: IL PATTO DEI SINDACI 5.1 Aspetti organizzativi Il Comune di Bitonto ha aderito formalmente al Patto dei Sindaci, con apposita Deliberazione Consiliare il 20 marzo 2013, ed ha avviato le procedure

Dettagli

Inventario Emissioni per il Patto dei Sindaci

Inventario Emissioni per il Patto dei Sindaci Inventario Emissioni per il Patto dei Sindaci Michele Sansoni Arpa Emilia-Romagna michelesansoni@arpa.emr.it 1 IBE: FATTORE DI SUCCESSO DI UN PAES 2 QUAL È IL SIGNIFICATO DI IBE? L inventario di base delle

Dettagli

Associazione Intercomunale Terre Estensi PAES. Piano d Azione per l Energia Sostenibile dell Associazione intercomunale Terre Estensi

Associazione Intercomunale Terre Estensi PAES. Piano d Azione per l Energia Sostenibile dell Associazione intercomunale Terre Estensi Associazione Intercomunale Terre Estensi PAES Piano d Azione per l Energia Sostenibile dell Associazione intercomunale Terre Estensi ABSTRACT- il ruolo degli stakeholder Aprile 2013 Comune di Masi torello

Dettagli

PATTO DI INDIRIZZO PER LE SMART CITY

PATTO DI INDIRIZZO PER LE SMART CITY PATTO DI INDIRIZZO PER LE SMART CITY PREMESSO CHE: Il Panel Inter-Governativo sui Cambiamenti Climatici (IPCC) ha confermato che il cambiamento climatico é una realtà e la cui causa principale é l utilizzo

Dettagli

Il Patto dei Sindaci

Il Patto dei Sindaci Il Patto dei Sindaci Il Patto dei Sindaci Il Patto dei Sindaci è la principale iniziativa europea che unisce le autorità locali e regionali in un impegno comune per contribuire (raggiungendoli e superandoli)

Dettagli

1. AUDIT ENERGETICO DEI 250 EDIFICI PUBBLICI DELLA PROVINCIA DELLA SPEZIA E REALIZZAZIONE DI UNA PIATTAFORMA INFORMATICA Audit GIS

1. AUDIT ENERGETICO DEI 250 EDIFICI PUBBLICI DELLA PROVINCIA DELLA SPEZIA E REALIZZAZIONE DI UNA PIATTAFORMA INFORMATICA Audit GIS Titolo: Dal Censimento dei consumi energetici degli edifici pubblici all attuazione dei PAES della Provincia della Spezia Arch. Paola Giannarelli 18 marzo 2011 ISOLA DI SAN SERVOLO - VENEZIA DAL CENSIMENTO

Dettagli

ALLEGATO _B_ Dgr n. 573 del 15/04/2014 pag. 19/51

ALLEGATO _B_ Dgr n. 573 del 15/04/2014 pag. 19/51 ALLEGATO _B_ Dgr n. 573 del 15/04/2014 pag. 19/51 MISURA 114 UTILIZZO DEI SERVIZI DI CONSULENZA AZIONE 1 Servizi di consulenza agricola rivolti agli imprenditori agricoli 1. DESCRIZIONE DELLA MISURA 1.1

Dettagli

Opportunità per le imprese: il Catalogo Energiapiù. Paola Carbone 23 novembre 2010

Opportunità per le imprese: il Catalogo Energiapiù. Paola Carbone 23 novembre 2010 Opportunità per le imprese: il Catalogo Energiapiù Paola Carbone 23 novembre 2010 CAMERA DI COMMERCIO E PROMOZIONE DELL ECONOMIA Logistica L'attività della Camera di Commercio nel campo della logistica

Dettagli

UN ALTRO MOVIMENTO PER LE CITTA

UN ALTRO MOVIMENTO PER LE CITTA UN ALTRO MOVIMENTO PER LE CITTA Città a mobilità elettrica è un progetto sperimentale che attraverso l utilizzo dei mezzi alimentati ad energia pulita, vuole dimostrare concretamente che un altro modo

Dettagli

Patto dei sindaci Comune di Genova

Patto dei sindaci Comune di Genova Patto dei sindaci Comune di Genova Pinuccia Montanari Città e cambiamento climatico: l'azione locale Dati caratteristici della città di Genova Superficie città Superficie urbanizzata Superficie agglomerato

Dettagli

Strumenti operativi a disposizione dei Comuni per l elaborazione dei PAES

Strumenti operativi a disposizione dei Comuni per l elaborazione dei PAES Strumenti operativi a disposizione dei Comuni per l elaborazione dei PAES La Regione Emilia Romagna per agevolare gli Enti locali coinvolti nell iniziativa Patto dei Sindaci, ha messo a disposizione dei

Dettagli

Efficienza per pianificare l energia

Efficienza per pianificare l energia Efficienza per pianificare l energia Simona Murroni - Assessorato Industria - Servizio Energia La RAS - Assessorato Industria Servizio Energia Sta redigendo il Piano Energetico Regionale Ambientale di

Dettagli

IL PATTO DEI SINDACI: DEL COMUNE DI NOVARA

IL PATTO DEI SINDACI: DEL COMUNE DI NOVARA IL PATTO DEI SINDACI: L INVENTARIO DI BASE DELLE EMISSIONI DEL COMUNE DI NOVARA il Patto dei Sindaci Il Patto dei Sindaci Il percorso L inventario delle emissioni (anno di riferimento) I consumi energetici

Dettagli

Ripartizione Edilizia Pubblica e Lavori Pubblici

Ripartizione Edilizia Pubblica e Lavori Pubblici C O M UN E D I BARI Proposta di Deliberazione 2011/155/00058 Ripartizione Edilizia Pubblica e Lavori Pubblici Data Redazione Proposta: 24/06/2011 Assessore Proponente: Marco Lacarra Altri Settori: Estensore:

Dettagli

IL PATTO DEI SINDACI: PERCORSO E STRUMENTI Impegni ed opportunità per una Comunità Locale Portoferraio 21 Marzo 2012. Giovanna Rossi, Roberto Bianco

IL PATTO DEI SINDACI: PERCORSO E STRUMENTI Impegni ed opportunità per una Comunità Locale Portoferraio 21 Marzo 2012. Giovanna Rossi, Roberto Bianco IL PATTO DEI SINDACI: PERCORSO E STRUMENTI Impegni ed opportunità per una Comunità Locale Portoferraio 21 Marzo 2012 Giovanna Rossi, Roberto Bianco 1 INDICE: 1. Il Piano clima: il contesto europeo 1. Il

Dettagli

Sistemi di gestione energetica per i comuni

Sistemi di gestione energetica per i comuni Sistemi di gestione energetica per i comuni Sara Giona Presentazione Ökoinstitut Südtirol / Alto Adige Fondato nel 1989 da Hans Glauber Organizzazione senza scopo di lucro Campi di attività (locali ed

Dettagli

Il Patto dei Sindaci e il Piano d Azione per l Energia Sostenibile: un opportunità per le Amministrazioni locali. (Grosseto, 27 Maggio 2011)

Il Patto dei Sindaci e il Piano d Azione per l Energia Sostenibile: un opportunità per le Amministrazioni locali. (Grosseto, 27 Maggio 2011) Il Patto dei Sindaci e il Piano d Azione per l Energia Sostenibile: un opportunità per le Amministrazioni locali (Grosseto, 27 Maggio 2011) Il Patto dei Sindaci e il Piano d Azione per l Energia Sostenibile:

Dettagli

DISTRETTO DIFFUSO DEL COMMERCIO (BAREGGIO, CORBETTA E CISLIANO)

DISTRETTO DIFFUSO DEL COMMERCIO (BAREGGIO, CORBETTA E CISLIANO) Oggetto: Relazione sulle attività svolte dal Distretto del Commercio Data: 19 aprile 2011 L obiettivo di questo breve report è quello di offrire un quadro completo ed aggiornato sullo stato d avanzamento

Dettagli

Lo strumento ELENA per l assistenza tecnica agli investimenti energetici

Lo strumento ELENA per l assistenza tecnica agli investimenti energetici Lo strumento ELENA per l assistenza tecnica agli investimenti energetici Valle d Aosta verso il 2020, una Regione sostenibile Aosta, 31 marzo 2010 Marcello Antinucci, AESS Modena Perchè le città Le aree

Dettagli

LA RISOLUZIONE DI GÖTEBORG

LA RISOLUZIONE DI GÖTEBORG TERZA CONFERENZA AMBIENTALE DEI MINISTRI E DEI LEADER POLITICI REGIONALI DELL'UNIONE EUROPEA LA RISOLUZIONE DI GÖTEBORG Dopo l incontro di preparazione tenuto nella regione Rhône-Alpes, Francia, il 28

Dettagli

INVENTARIO DI BASE DELLE EMISSIONI

INVENTARIO DI BASE DELLE EMISSIONI INVENTARIO DI BASE DELLE EMISSIONI ALLEGATO 1 1) Anno di riferimento dell'inventario 2005 Indicare il numero di abitanti nell'anno di inventario: 598 2) Fattori di emissione Selezionare la voce corrispondente:

Dettagli

Il primo software di e-mail marketing pensato per i rivenditori IL SOFTWARE INCONTRA IL POTERE DELLA NEWSLETTER

Il primo software di e-mail marketing pensato per i rivenditori IL SOFTWARE INCONTRA IL POTERE DELLA NEWSLETTER Il primo software di e-mail marketing pensato per i rivenditori IL SOFTWARE INCONTRA IL POTERE DELLA NEWSLETTER Il software Cos è Mailing-Report? Mailing-Report è una piattaforma tecnologica semplice,

Dettagli

L analisi dei dati energetici come nuova declinazione dell approccio BigData. Piergabriele Andreoli, Modena 24/03/2015

L analisi dei dati energetici come nuova declinazione dell approccio BigData. Piergabriele Andreoli, Modena 24/03/2015 L analisi dei dati energetici come nuova declinazione dell approccio BigData. Piergabriele Andreoli, Modena 24/03/2015 31/03/2015 è una associazione no profit per lo sviluppo energetico sostenibile del

Dettagli

Sfide energetico-ambientali ed opportunità di business. Strumenti di gestione e bilanci integrati. Le iniziative del PAES

Sfide energetico-ambientali ed opportunità di business. Strumenti di gestione e bilanci integrati. Le iniziative del PAES Sfide energetico-ambientali ed opportunità di business. Strumenti di gestione e bilanci integrati Le iniziative del PAES Francesco Tutino - Comune di Bologna Settore Ambiente ed Energia -Ufficio Energia

Dettagli

NEWSLETTER N. 6 LUGLIO 2014

NEWSLETTER N. 6 LUGLIO 2014 NEWSLETTER N. 6 LUGLIO 2014 Caro lettore, La newsletter che hai nelle tue mani è l ultimo numero delle newsletter di MANERGY. Il progetto, iniziato nel Maggio del 2011, è infatti giunto al termine. Negli

Dettagli

La politica Europea e Italiana per l Efficienza Energetica

La politica Europea e Italiana per l Efficienza Energetica La politica Europea e Italiana per l Efficienza Energetica Unità Tecnica Efficienza Energetica -UTEE Sommario Direttiva Europea sull Efficienza Energetica Strategia Energetica Nazionale (sett. 2012) 2

Dettagli

PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE QUALITA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA. UNI EN ISO 9001 (ed. 2008) n. 03 del 31/01/09 Salvatore Ragusa

PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE QUALITA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA. UNI EN ISO 9001 (ed. 2008) n. 03 del 31/01/09 Salvatore Ragusa PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE QUALITA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA UNI EN ISO 9001 (ed. 2008) Revisione Approvazione n. 03 del 31/01/09 Salvatore Ragusa PROGETTO TECNICO SISTEMA QUALITA Il nostro progetto

Dettagli

Conoscere le f Conoscer e le f nti di emissione di CO2 L In v In e v ntario di Base delle Emissioni Dr. Dr Davide Lionello vide Lionello Servizio

Conoscere le f Conoscer e le f nti di emissione di CO2 L In v In e v ntario di Base delle Emissioni Dr. Dr Davide Lionello vide Lionello Servizio Conoscere le fonti di emissione di CO2 L Inventario di Base delle Emissioni Dr. Davide Lionello, Servizio Ambiente 08 Ottobre 2012 08 Ottobre 2012 San Donà di Piave VE L Inventario di Base delle Emissioni

Dettagli

Il Patto dei Sindaci: il ruolo della Commissione Europea -Centro

Il Patto dei Sindaci: il ruolo della Commissione Europea -Centro Il Patto dei Sindaci: il ruolo della Commissione Europea -Centro Comune di Ricerca Giulia Melica Commissione Europea Centro Comune di Ricerca (CCR) 1 Indice 1.Alcuni dati sull iniziativa 2.Il ruolo del

Dettagli

Piccole comunità sostenibili per l energia: best practices e modelli di sviluppo locali

Piccole comunità sostenibili per l energia: best practices e modelli di sviluppo locali Piccole comunità sostenibili per l energia: best practices e modelli di sviluppo locali Workshop rivolto ai Comuni beneficiari del progetto Alterenergy Udine, 30 maggio 2013 Sala Pasolini Silvia Stefanelli,

Dettagli

IL PATTO DEI SINDACI: IL PIANO DI AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE DEL COMUNE DI SCIACCA Sciacca Maggio 2015

IL PATTO DEI SINDACI: IL PIANO DI AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE DEL COMUNE DI SCIACCA Sciacca Maggio 2015 IL PATTO DEI SINDACI: IL PIANO DI AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE DEL COMUNE DI SCIACCA Sciacca Maggio 2015 SPES Consulting srl Ing. Adriano PESSINA LITOS Progetti srl Ing. Piero Lo Duca SPES Consulting

Dettagli

IL FONDO EUROPEO PER GLI INVESTIMENTI STRATEGICI

IL FONDO EUROPEO PER GLI INVESTIMENTI STRATEGICI Un piano di investimenti per l Europa IL FONDO EUROPEO PER GLI INVESTIMENTI STRATEGICI REG2015/1017 Audizione presso la XIV Commissione del Senato Politiche dell Unione europea Roma, 22 luglio 2015 Adozione

Dettagli

MANERGY PAES; esperienze di preparazione in MANERGY Sfide sulla raccolta dei dati energetici Qualità nella raccolta dei dati come base per l'efficienza energetica Treviso, 22 novembre 2013 Antonio Zonta,

Dettagli

FORUM PER LA CONCERTAZIONE DEL PAES TAVOLO TEMATICO: RISPARMIO ED EFFICIENZA ENERGETICA NEGLI EDIFICI RESIDENZIALI. 14 marzo 2012

FORUM PER LA CONCERTAZIONE DEL PAES TAVOLO TEMATICO: RISPARMIO ED EFFICIENZA ENERGETICA NEGLI EDIFICI RESIDENZIALI. 14 marzo 2012 FORUM PER LA CONCERTAZIONE DEL PAES TAVOLO TEMATICO: RISPARMIO ED EFFICIENZA ENERGETICA NEGLI EDIFICI RESIDENZIALI 14 marzo 2012 I settori d azione previsti dal Patto dei Sindaci Le Linee Guida del Joint

Dettagli

Piano d Azione per l Energia Sostenibile (PAES)

Piano d Azione per l Energia Sostenibile (PAES) Piano d Azione per l Energia Sostenibile (PAES) Dati preliminari e principali linee d azione Giugno 2012 Prof. Massimo Dentice d Accadia DETEC Università degli studi di Napoli Federico II COS E IL PATTO

Dettagli

La riqualificazione energetica delle città: l esperienza in corso dei Condomini Intelligenti a Genova. 27 giugno 2012 - Prato

La riqualificazione energetica delle città: l esperienza in corso dei Condomini Intelligenti a Genova. 27 giugno 2012 - Prato La riqualificazione energetica delle città: l esperienza in corso dei Condomini Intelligenti a Genova 27 giugno 2012 - Prato 1 L AMBITO I paesi industrializzati hanno l obiettivo di ridurre dell 80% entro

Dettagli

CONVEGNO. La diffusione dell energia solare in Regione Campania: stato dell arte e prospettive

CONVEGNO. La diffusione dell energia solare in Regione Campania: stato dell arte e prospettive 1 CONVEGNO La diffusione dell energia solare in Regione Campania: stato dell arte e prospettive Torre del Greco, 10 ottobre 2013 Palazzo Vallelonga Banca di Credito Popolare Ing. Michele MACALUSO Direttore

Dettagli

Carbon Footprint di un organizzazione

Carbon Footprint di un organizzazione CHE COSA E LA CARBON FOOTPRINT? La Carbon Footprint misura il contributo che le attività umane producono sull effetto serra, espresso in tonnellate di biossido di carbonio equivalente (CO 2 eq). Il tema

Dettagli

Il nuovo meccanismo ELENA

Il nuovo meccanismo ELENA Il nuovo meccanismo ELENA (European Local Energy Assistance) Sintesi Power house Italy - Toolkit (European Local Energy Assistance) La Commissione europea e la Banca europea per gli investimenti (BEI)

Dettagli

IL RUOLO DEGLI ENTI LOCALI PER LE POLITICHE DI RISPARMIO ENERGETICO Milano, 24 novembre 2011

IL RUOLO DEGLI ENTI LOCALI PER LE POLITICHE DI RISPARMIO ENERGETICO Milano, 24 novembre 2011 IL RUOLO DEGLI ENTI LOCALI PER LE POLITICHE DI RISPARMIO ENERGETICO Milano, 24 novembre 2011 Proprio in questi giorni è in discussione presso il Parlamento europeo la proposta di una nuova direttiva sul

Dettagli

Il PAES congiunto e l'analisi dei PAES con approccio raggruppato

Il PAES congiunto e l'analisi dei PAES con approccio raggruppato Covenant of Mayors Pescara, 7 maggio 2013 Primo incontro dei Coordinatori territoriali del Patto dei Sindaci in Italia Il PAES congiunto e l'analisi dei PAES con approccio raggruppato Paolo Zancanella

Dettagli

A relazione dell'assessore Giordano: Premesso che:

A relazione dell'assessore Giordano: Premesso che: REGIONE PIEMONTE BU26 28/06/2012 Deliberazione della Giunta Regionale 11 giugno 2012, n. 18-3996 Approvazione dello schema di Protocollo d'intesa tra la Citta' di Torino, la Fondazione Torino Smart City,

Dettagli

SISTEMA AZIENDALE DI GESTIONE ENERGETICA: UN MODELLO DI RIFERIMENTO

SISTEMA AZIENDALE DI GESTIONE ENERGETICA: UN MODELLO DI RIFERIMENTO SISTEMA AZIENDALE DI GESTIONE ENERGETICA: UN MODELLO DI RIFERIMENTO Marco Bandiera Gestione per la qualità, l ambiente e la sicurezza Bologna, 1 luglio 2009 1 Sommario Perché un sistema di gestione energetica?

Dettagli

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLO SCHEMA PER LA REDAZIONE DEI PROGETTI

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLO SCHEMA PER LA REDAZIONE DEI PROGETTI Legge regionale 7 febbraio 2010, n. 3 Norme per la definizione, riordino e promozione delle procedure di consultazione e partecipazione alla elaborazione delle politiche regionali locali GUIDA ALLA COMPILAZIONE

Dettagli

La soluzione energetica per le imprese

La soluzione energetica per le imprese egreen La soluzione energetica per le imprese La necessità per le imprese di essere sempre più competitive e di essere sempre più attente all ambiente in cui insiste l azienda stessa con i propri collaboratori,

Dettagli

Geol. MARCO REDINI COMUNE DI PISA Direzione Ambiente-Emas Palazzo Pretorio Vicolo del Moro,n. 2 (2 piano) 56125 PISA Tel: +39 050 910404-39 328

Geol. MARCO REDINI COMUNE DI PISA Direzione Ambiente-Emas Palazzo Pretorio Vicolo del Moro,n. 2 (2 piano) 56125 PISA Tel: +39 050 910404-39 328 Geol. MARCO REDINI COMUNE DI PISA Direzione Ambiente-Emas Palazzo Pretorio Vicolo del Moro,n. 2 (2 piano) 56125 PISA Tel: +39 050 910404-39 328 0126928 e-mail: m.redini@comune.pisa.it Segreteria Tel: +39

Dettagli

Il pacchetto clima energia, Obiettivi 20 20 20 e il Patto dei Sindaci. Ripartire dalle comunità locali.

Il pacchetto clima energia, Obiettivi 20 20 20 e il Patto dei Sindaci. Ripartire dalle comunità locali. Il ruolo della P.A. e degli enti locali nella riduzione delle emissioni di CO2. Strategie e incentivi. Il pacchetto clima energia, Obiettivi 20 20 20 e il Patto dei Sindaci. Ripartire dalle comunità locali.

Dettagli

Il monitoraggio dei Piani d Azione per l Energia Sostenibile Torino, 31 Marzo 2015 ARGOMENTI Il sito europeo e l accesso alla propria pagina personale monitoraggio: la strategia monitoraggio: il bilancio

Dettagli

30.12.2010 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 346/5

30.12.2010 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 346/5 30.12.2010 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 346/5 REGOLAMENTO (UE) N. 1233/2010 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 15 dicembre 2010 che modifica il regolamento (CE) n. 663/2009 che istituisce

Dettagli

2. GUIDA PER LO SVILUPPO DI UNA VALUTAZIONE MULTICRITERI DELLE POLITICHE

2. GUIDA PER LO SVILUPPO DI UNA VALUTAZIONE MULTICRITERI DELLE POLITICHE 2. GUIDA PER LO SVILUPPO DI UNA VALUTAZIONE MULTICRITERI DELLE POLITICHE In collaborazione con: Con il contributo di LIFE, Strumento finanziario per l'ambiente della Comunità europea Guida LAKs per lo

Dettagli