QUADRO DI CONSULTAZIONE MODIFICATO SOLVIBILITÀ II

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "QUADRO DI CONSULTAZIONE MODIFICATO SOLVIBILITÀ II"

Transcript

1 COMMISSIONE EUROPEA DG Mercato interno e servizi ISTITUZIONI FINANZIARIE Assicurazioni e pensioni Aprile 2006 MARKT/2515/06 QUADRO DI CONSULTAZIONE MODIFICATO SOLVIBILITÀ II Finalità del presente documento Il presente documento contiene un quadro di consultazione rivisto destinato al comitato delle autorità europee di vigilanza delle assicurazioni e delle pensioni aziendali o professionali (CEIOPS) e ad altre parti interessate riguardante lo sviluppo di un nuovo sistema di solvibilità (Solvibilità II) per le imprese di assicurazione vita, non vita e di riassicurazione. Il quadro di consultazione riguarda il progetto Solvibilità II nel suo complesso e contiene i principi e gli orientamenti in base ai quali il CEIOPS dovrebbe fornire la propria consulenza per il progetto Solvibilità II. In aggiunta al quadro di consultazione, il CEIOPS è stato invitato a fornire una consulenza su alcuni aspetti specifici del nuovo sistema di solvibilità nell ambito di Richieste specifiche di consulenza, che sono allegate al presente quadro. Il quadro di consultazione può essere rivisto e aggiornato in futuro dopo la consultazione dell EIOPC.

2 QUADRO DI CONSULTAZIONE SOLVIBILITÀ II La Commissione europea, dopo aver consultato il comitato europeo delle assicurazioni e delle pensioni aziendali o professionali (EIOPC), chiede al CEIOPS ed alle altri parti interessate di fornire la propria consulenza in merito allo sviluppo di un nuovo sistema di solvibilità per le imprese di assicurazione vita, non vita e di riassicurazione, che gli Stati membri e le imprese vigilate siano in grado di applicare in modo efficace, coerente e armonizzato. Il sistema di solvibilità mira alla protezione degli assicurati e dei beneficiari e dovrebbe migliorare la competitività degli assicuratori della UE ed assicurare una migliore allocazione delle risorse patrimoniali, senza causare distorsioni significative del mercato ed ostacolare l innovazione del settore assicurativo. SOGGETTO alle condizioni seguenti: Caratteristiche generali 1. Il nuovo sistema di solvibilità dovrebbe fornire alle autorità di vigilanza gli strumenti e i poteri adeguati per valutare la solvibilità globale di tutte le imprese 1 sulla base di un approccio prospettico e orientato al rischio. Esso non dovrebbe consistere soltanto di elementi quantitativi, bensì dovrebbe anche tenere conto di aspetti qualitativi che influenzano la situazione dell impresa in termini di rischio (capacità manageriale, processi di controllo interno del rischio e di monitoraggio del rischio, ecc.). È probabile che il nuovo sistema di solvibilità comporti modifiche per la maggior parte delle attuali direttive sulle assicurazioni. 2. Questo sistema di solvibilità in senso ampio dovrebbe avere come punto di partenza una struttura a tre pilastri ispirata al modello Basilea II/CRD (direttiva sui requisiti patrimoniali): requisiti quantitativi (pilastro 1), attività di vigilanza (pilastro 2), sistema delle comunicazioni alle autorità di vigilanza e informativa al pubblico (pilastro 3). Ciò implica che si presti particolare attenzione all interazione tra vigilanza quantitativa e qualitativa, nonché al ruolo dell informativa al pubblico. Deve essere evidenziata l importanza del processo di revisione attuato dalla vigilanza di cui al pilastro 2 e va osservato che la portata dei singoli pilastri non deve essere identica a Basilea II. 3. Nel pilastro 1 il nuovo sistema di solvibilità contiene due requisiti patrimoniali, i quali perseguono obiettivi diversi e sono calcolati di conseguenza: il requisito patrimoniale di solvibilità (SCR) e il requisito patrimoniale minimo (MCR). L SCR non può essere inferiore all MCR. 1 Imprese di assicurazione vita, assicurazione non vita e riassicurazione quali definite nelle direttive rilevanti.

3 4. Il sistema di solvibilità deve essere congegnato in modo tale da incentivare le imprese vigilate a misurare e gestire adeguatamente i loro rischi. Sotto questo profilo devono essere sviluppati principi comunitari sulla gestione del rischio e sulla revisione attuata dalla vigilanza. Inoltre il requisito patrimoniale di solvibilità deve coprire i rischi quantificabili ai quali è esposta un impresa vigilata. Questo approccio orientato al rischio implica il riconoscimento dei modelli interni (parziali o completi) purché questi migliorino la gestione del rischio dell impresa, riflettano il suo reale profilo di rischio meglio della formula standard e possano essere adeguatamente convalidati. 5. Un modello interno può produrre un SCR superiore o inferiore a quello basato sulla formula standard, fermo restando un livello minimo (MCR). Le autorità di vigilanza possono prescrivere di sviluppare un modello interno alle imprese le cui attività si discostano considerevolmente dalle ipotesi sottostanti alla formula standard. 6. Il progetto Solvibilità II è incentrato principalmente sui requisiti patrimoniali e la revisione attuata dalla vigilanza a livello del singolo soggetto giuridico. Tuttavia devono essere affrontate anche le questioni relative ai gruppi assicurativi e ai conglomerati finanziari, comprese le conseguenze per la legislazione esistente (ad esempio per la direttiva sui gruppi assicurativi (98/78/CE) e la direttiva sui conglomerati finanziari (2002/87/CE)) L applicazione dei modelli interni nel contesto di un gruppo o di un conglomerato è un aspetto fondamentale in questo ambito, insieme ai possibili benefici/costi di diversificazione e alle relative modalità di allocazione Occorre riconoscere che le decisioni gestionali vengono prese in misura crescente dall impresa madre al vertice. Le regole rilevanti devono pertanto essere fissate al livello pertinente. In questo ambito è importante in particolare un adeguata ripartizione delle responsabilità tra le autorità di vigilanza che partecipano alla vigilanza supplementare dei gruppi finanziari, in particolare per quanto concerne la convalida dei modelli interni La vigilanza su base individuale continua ad essere di competenza dell autorità di vigilanza nazionale. Tutte le regole sull adeguata distribuzione del capitale dovrebbero essere rafforzate, in modo da assicurare che a livello individuale l impresa disponga di capitale sufficiente. Tuttavia, ciò non esclude una razionalizzazione delle attività di vigilanza per i gruppi soggetti a vigilanza in diversi Stati membri.

4 7. Il regime Solvibilità II conterrà regole di valutazione prudenziale per le attività e le passività delle imprese di assicurazione e regole sul sistema di comunicazioni alla vigilanza e sull informativa al pubblico. Per assicurare la convergenza delle regole di valutazione, del sistema di comunicazioni alla vigilanza e dell informativa al pubblico, e per limitare gli oneri amministrativi gravanti sulle imprese vigilate, il regime Solvibilità II dovrebbe essere compatibile con i principi contabili elaborati dallo International Accounting Standards Board (IASB). In questo ambito occorre fornire le seguenti precisazioni:

5 7.1. Lo IASB sta lavorando attualmente alla fase II del suo progetto Contratti di assicurazione, ma la presentazione del principio finale non è imminente. È pertanto probabile che le regole del sistema Solvibilità II in materia di valutazione, sistema di comunicazioni alla vigilanza e informativa al pubblico saranno elaborate prima dell adozione dell IFRS. Tuttavia si dovrebbe tenere conto del probabile risultato dei lavori dello IASB (cfr. punto 7.2). È possibile peraltro proporre aggiunte e aggiustamenti alle regole dello IASB, purché vengano fornite ragioni precise. Le regole del sistema Solvibilità II potranno essere aggiustate quando lo IASB avrà finalizzato la fase II del suo progetto Contratti di assicurazione Il futuro IFRS sulle assicurazioni potrebbe prevedere gli elementi seguenti: l uso di un approccio di valutazione attività/passività prospettico; le metodologie di valutazione dovrebbero rendere ottimale l uso delle informazioni fornite dai mercati finanziari; lo sconto dei flussi di cassa relativi alle attività e passività; la conoscibilità per le riserve tecniche della migliore stima 2 e del margine di rischio Attualmente solo le imprese di assicurazione quotate della UE sono tenute a redigere il bilancio consolidato conformemente agli IAS/IFRS omologati, sebbene gli Stati membri possano ampliare l ambito di applicazione. Il sistema Solvibilità II non imporrà l uso completo degli IAS/IFRS da parte di tutte le imprese di assicurazione. Talune regole in materia di valutazione prudenziale, sistema di comunicazioni alle autorità di vigilanza e informativa al pubblico possono tuttavia essere simili alle regole degli IAS/IFRS ed in tali casi non è improbabile un uso più ampio dei metodi analoghi agli IAS/IFRS da parte delle imprese di assicurazione. Talune semplificazioni possono applicarsi a determinati tipi di imprese di assicurazione, ma i principi generali devono applicarsi a tutte le imprese di assicurazione. 8. L obiettivo di raggiungere un livello appropriato di armonizzazione, più elevato di quello attuale, deve tradursi in regole di solvibilità che non impongano requisiti aggiuntivi. Il nuovo sistema di solvibilità dovrebbe assicurare un applicazione uniforme e un grado sufficiente di tutela dei consumatori, promuovendo nel contempo un equa concorrenza. 9. Il sistema di solvibilità stabilisce un livello uniforme di prudenza, sia per le riserve tecniche che per il requisito patrimoniale di solvibilità. 2 Nei forum internazionali si utilizzano anche le stime correnti e centrali. Tuttavia questi termini possono non avere sempre lo stesso significato.

6 10. Per assicurare uniformità tra i settori finanziari, la configurazione generale del sistema di solvibilità dovrebbe essere, per quanto necessario e possibile, compatibile con l approccio e le regole utilizzate nel settore bancario. I prodotti che presentano rischi analoghi dovrebbero essere soggetti in linea di massima allo stesso tipo di vigilanza e agli stessi requisiti di adeguatezza patrimoniale o solvibilità. Il nuovo sistema di solvibilità dovrebbe essere concepito in modo tale da agevolare una vigilanza efficace dei gruppi assicurativi e dei conglomerati finanziari e da evitare un arbitraggio regolamentare tra i settori finanziari e al loro interno. Tuttavia, occorre incoraggiare l uso di un approccio più accurato e appropriato per misurare i rischi. 11. Inoltre la convergenza internazionale viene promossa attraverso la compatibilità del nuovo sistema di solvibilità con i lavori dell'associazione internazionale delle autorità di vigilanza assicurativa (IAIS) e del Gruppo consultivo attuariale europeo/associazione internazionale degli attuari (IAA). Il Framework for insurance supervision e i Cornerstones for the formulation of regulatory financial requirements della IAIS costituiscono una base utile per lo sviluppo di un nuovo sistema. 12. Per valutare l impatto del nuovo sistema di solvibilità sugli assicuratori, dovranno essere fatti uno o più studi d impatto quantitativo (QIS). La coerenza dei dati è un requisito fondamentale per eseguire tali studi. I requisiti per la raccolta dei dati, la metodologia e la tempistica di questi QIS devono essere oggetto di analisi. Al CEIOPS è stato chiesto di eseguire questi studi d impatto quantitativo in collaborazione con gli operatori del settore. I servizi della Commissione forniranno una valutazione d'impatto che accompagnerà la proposta di direttiva e che avrà un ambito di applicazione più ampio e sarà meno dettagliata dei QIS. 13. I sistemi di garanzia sono l ultima possibilità di cui dispongono gli assicurati e i beneficiari per ottenere l indennizzo delle loro perdite. La messa a punto del nuovo sistema di solvibilità non dovrebbe tenere conto dell esistenza dei sistemi di garanzia. Il nuovo sistema di solvibilità dovrebbe garantire sufficiente sicurezza e fiducia nell industria assicurativa senza che ci si debba affidare ai sistemi di garanzia. 14. Solvibilità II non dovrebbe essere eccessivamente costoso per le piccole imprese, ma non prevede per loro un trattamento del tutto speciale. Le piccole imprese dovrebbero rispettare gli stessi principi di base di tutte le altre imprese. Tuttavia in talune aree potrebbe essere necessario emanare talune regole ad hoc. 15. Solvibilità II dovrebbe tenere conto delle particolarità delle imprese di riassicurazione.

7 Requisiti quantitativi (Pilastro 1) 16. Un maggiore livello di armonizzazione delle riserve tecniche è uno dei punti chiave del nuovo sistema di solvibilità. Le riserve tecniche hanno la funzione di garantire che l impresa adempia ai propri impegni di (ri)assicurazione nei confronti degli assicurati e dei beneficiari, tenendo conto delle spese. In linea con i Cornerstones della IAIS ed i previsti sviluppi dei lavori in sede IASB, le riserve tecniche devono essere prudenti, affidabili e obiettive e consentire di fare raffronti tra (ri)assicuratori. Dovrebbero essere basate su un uso ottimale ed essere coerenti con le informazioni fornite dai mercati finanziari e i dati generalmente disponibili sui rischi tecnici dell assicurazione. Esse rappresentano la somma della migliore stima 3 e del margine di rischio La migliore stima è pari al valore attuale atteso dei flussi di cassa futuri, calcolato tramite la curva di rendimento senza rischio rilevante, sulla base di informazioni attuali e credibili e di ipotesi realistiche. L uso di ipotesi realistiche implica che i valori minimi di riscatto non dovrebbero applicarsi al calcolo delle riserve tecniche Il margine di rischio copre i rischi collegati ai futuri flussi di cassa delle passività lungo tutto il loro orizzonte temporale. Dovrebbe essere determinato in modo tale da consentire che gli impegni di (ri)assicurazione siano trasferiti o vadano ad esaurimento. Questo approccio protegge i diritti degli assicurati e tiene conto dell incertezza della valutazione della migliore stima. Come ipotesi di lavoro per il calcolo di questo margine di rischio vanno considerate due possibili alternative. Il margine di rischio può essere calcolato come la differenza tra il 75 percentile della distribuzione di probabilità sottostante fino all esaurimento e la migliore stima. Tuttavia il margine di rischio dovrebbe essere almeno pari a metà deviazione standard, in modo da tenere conto di distribuzioni fortemente asimmetriche. In alternativa, il margine di rischio può essere calcolato sulla base del costo del capitale SCR fornito a sostegno dell attività in essere fino all esaurimento. Dovrebbero essere raccolte maggiori informazioni sull impatto quantitativo per valutare i pro e i contro dei due metodi. Sarebbe preferibile che lo stesso metodo si applicasse a tutte le imprese, indipendentemente dalle loro dimensioni, dalla loro complessità o dal tipo di attività svolta. Tuttavia le specificità dell assicurazione vita e non vita potrebbero richiedere trattamenti diversi. Le piccole imprese potrebbero essere autorizzate ad utilizzare una versione semplificata di tale metodo. L uso di metodi diversi in determinate circostanze, qualora dovesse risultare opportuno, sarà basato su criteri obiettivi e non sarà lasciato alla discrezionalità degli Stati membri. 3 Nei forum internazionali si utilizzano anche le stime correnti e centrali. Tuttavia questa terminologia può non avere lo stesso significato.

8 17. Il requisito patrimoniale di solvibilità (SCR) riflette un livello di capitale che consente ad un impresa di assorbire perdite impreviste rilevanti e che fornisce garanzie ragionevoli agli assicurati e ai beneficiari. Quando un impresa non rispetta l SCR, è tenuta a ricostituire l importo di capitale a copertura dell SCR nel tempo assegnato, sulla base di un piano concreto e realizzabile presentato all autorità di vigilanza per l approvazione. I parametri nell SCR dovrebbero essere calibrati in modo tale che i rischi quantificabili ai quali è esposta un impresa con un portafoglio diversificato di rischi siano presi in considerazione e basati sull importo di capitale economico corrispondente ad una probabilità di rovina dello 0,5% (Valore a Rischio VaR - del 99,5%) ed un orizzonte temporale di un anno. Questa percentuale riflette un ipotesi di lavoro. La rovina si verifica quando l importo delle attività ammissibili è inferiore all importo delle riserve tecniche quale definito al punto 16. I metodi utilizzati per controllare che questo livello sia efficace devono essere definiti. L SCR deve basarsi sul presupposto della continuità aziendale. Questi principi devono applicarsi indipendentemente dal fatto che venga utilizzata una formula standard o un modello interno. 18. La formula standard per calcolare il requisito patrimoniale di solvibilità (SCR) può fondarsi su una varietà di metodi: si va da una formula basata su fattori a una formula basata su una distribuzione di probabilità o ad una formula basata su scenari o loro combinazioni. Occorre analizzare quale sia la formula standard più adeguata tenendo conto delle specificità dell assicurazione vita, non vita e della riassicurazione, che variano a seconda del settore. 19. Il requisito patrimoniale minimo (MCR) riflette un livello di capitale al di sotto del quale si innescherebbe un azione perentoria da parte della vigilanza. Il livello dell MCR verrà fissato una volta che sono stati realizzati gli studi d impatto quantitativo. Sarà calcolato in modo più semplice e robusto dell SCR in quanto l eventuale intervento della vigilanza può necessitare dell autorizzazione dei tribunali nazionali. Per facilitare e stabilizzare la transizione al nuovo sistema di solvibilità globale, l MCR dovrebbe essere costruito in modo diretto, come nell ambito delle attuali direttive Solvibilità I, pur mantenendo un livello sufficiente di prudenza. Esso avrà un valore minimo assoluto. 20. I rischi coperti dai requisiti patrimoniali dovrebbero basarsi sulla classificazione dei rischi della IAA ed includere: il rischio di sottoscrizione, il rischio di credito, il rischio di mercato, il rischio operativo e il rischio di liquidità. È possibile peraltro proporre aggiunte e aggiustamenti alla classificazione dei rischi della IAA, purché vengano fornite ragioni precise. Nella misura in cui questi rischi non sono quantificabili, verranno presi in considerazione nel pilastro I modelli interni possono essere utilizzati per sostituire la formula standard dell SCR se il modello interno è stato convalidato a tal fine. I criteri e il processo di convalida dovrebbero essere sviluppati ed armonizzati. Può inoltre essere autorizzato un uso parziale dei modelli, qualora questi ultimi soddisfino le condizioni per la convalida, compresa la compatibilità con la formula standard.

9 Attività di vigilanza (pilastro 2) 22. Le attività di vigilanza dovrebbero mirare ad identificare le imprese con caratteristiche finanziarie, organizzative o di altro tipo tali da determinare un profilo di rischio più elevato. Tali imprese possono essere tenute a detenere un capitale di solvibilità più elevato dell SCR e/o ad adottare misure per ridurre i rischi sostenuti. In aggiunta dovrebbero accrescere il livello di armonizzazione dei metodi, degli strumenti e dei poteri di vigilanza, sviluppando standard e metodi comuni, ad esempio per il processo di convalida dei modelli interni. L ambito di applicazione va pertanto oltre quello del processo di revisione attuato dalla vigilanza definito nel quadro di Basilea II. Le attività di vigilanza includono inoltre una maggiore cooperazione tra le autorità di vigilanza unita a revisioni inter pares. Sistema delle comunicazioni alla vigilanza e informativa al pubblico (pilastro 3) 23. Un sistema armonizzato di comunicazioni dalle imprese di assicurazione alle loro autorità di vigilanza sarà una parte importante del futuro quadro normativo della UE. Il sistema di comunicazioni alla vigilanza va oltre le comunicazioni finanziarie ed include diversi tipi di informazioni di cui un autorità di vigilanza necessita per assolvere le proprie funzioni. Queste informazioni non sono normalmente di dominio pubblico. In aggiunta, la trasparenza e l informativa al pubblico da parte delle imprese serviranno a rafforzare i meccanismi e la disciplina di mercato. 24. Nel quadro di Basilea II, i requisiti del Pilastro 3 riguardano soltanto l informativa al pubblico, mentre il sistema delle comunicazioni alla vigilanza viene armonizzato solo in misura limitata. Purché resti compatibile, è necessario includere esplicitamente entrambe le aree nell esercizio Solvibilità II. 25. I requisiti in materia di sistema di comunicazioni alle autorità di vigilanza e informativa al pubblico dovrebbero essere in linea con quelli elaborati dalla IAIS e dallo IASB in modo da ridurre gli oneri amministrativi gravanti sulle imprese vigilate. Essi dovrebbero essere altresì compatibili con i requisiti di informativa al pubblico del settore bancario. È possibile peraltro proporre aggiunte e aggiustamenti, purché vengano fornite ragioni precise. Gli aspetti di confidenzialità inerenti ai requisiti di informativa al pubblico dovranno essere oggetto di attenta valutazione.

10 IN AGGIUNTA, Revisione del quadro di consultazione 26. Questo quadro di consultazione può essere rivisto dalla Commissione dopo la consultazione del comitato europeo delle assicurazioni e delle pensioni aziendali o professionali (EIOPC). Il quadro di consultazione servirà pertanto come documento di riferimento dinamico per i criteri di sviluppo del nuovo sistema di solvibilità. 27. Il CEIOPS è chiamato a svolgere un ruolo particolarmente importante nello sviluppo del nuovo sistema di solvibilità. Se nelle sue deliberazioni il CEIOPS decide che i termini di riferimento stabiliti dal quadro di consultazione necessitano di una revisione o che occorre fare una scelta tra determinate alternative, ne informerà la Commissione analizzando i vantaggi e gli svantaggi di ciascuna alternativa. Pensioni/IORP 28. I requisiti di solvibilità degli enti pensionistici aziendali o professionali (IORP) sono collegati a quelli delle imprese di assicurazione vita tramite l articolo 17 della direttiva 2003/41/CE. Tuttavia i requisiti di solvibilità degli IORP sono un punto importante e distinto che verrà considerato nuovamente al momento delle revisioni previste dalla direttiva IORP. Richieste specifiche di consulenza 29. Questo quadro di consultazione è integrato da Richieste specifiche di consulenza al CEIOPS su singole questioni che sono di particolare importanza per lo sviluppo del nuovo sistema di solvibilità. La Commissione si consulterà con l EIOPC prima di indirizzare una Richiesta specifica di consulenza al CEIOPS. 30. Le Richieste specifiche di consulenza saranno considerate come parte integrante di questo quadro di consultazione e vi saranno allegate. 31. Le Richieste specifiche di consulenza possono essere riviste secondo le stesse modalità applicate al quadro di consultazione. Presentazione di relazioni 32. Il CEIOPS presenterà ogni quadrimestre una relazione sullo stato di avanzamento dei lavori riguardante le consulenze alla Commissione sul nuovo sistema di solvibilità. Laddove giustificato, le relazioni dovrebbero essere più frequenti, ad esempio qualora debbano essere prese decisioni sulla politica da adottare.

11 33. Dopo la preparazione della direttiva quadro, sarà necessario mettere a punto regole e orientamenti più dettagliati, a seconda dei casi tramite misure di esecuzione dettagliate e/o tramite istruzioni di vigilanza. Di conseguenza il CEIOPS dovrebbe continuare a sviluppare e ad approfondire la propria analisi. Per assistere la Commissione nella preparazione dei potenziali mandati per queste misure di esecuzione, e per tenere l EIOPC informato sui suoi lavori, il CEIOPS dovrebbe continuare a presentare relazioni periodiche ogni quattro mesi. A condizione del raggiungimento degli obiettivi delle Richieste specifiche di consulenza, il CEIOPS beneficerà di una generale discrezionalità nella stesura di queste relazioni quadrimestrali, a meno che non venga richiesto altrimenti. Pubblicazione 34. Nell interesse della trasparenza, dopo la consultazione dell EIOPC la Commissione pubblicherà sul suo sito assicurazioni il presente quadro di consultazione e le Richieste specifiche di consulenza.

Orientamenti sui fondi separati

Orientamenti sui fondi separati EIOPA-BoS-14/169 IT Orientamenti sui fondi separati EIOPA Westhafen Tower, Westhafenplatz 1-60327 Frankfurt Germany - Tel. + 49 69-951119-20; Fax. + 49 69-951119-19; email: info@eiopa.europa.eu site: https://eiopa.europa.eu/

Dettagli

Orientamenti sulla solvibilità di gruppo

Orientamenti sulla solvibilità di gruppo EIOPA-BoS-14/181 IT Orientamenti sulla solvibilità di gruppo EIOPA Westhafen Tower, Westhafenplatz 1-60327 Frankfurt Germany - Tel. + 49 69-951119-20; Fax. + 49 69-951119-19; email: info@eiopa.europa.eu

Dettagli

Gazzetta ufficiale dell'unione europea. (Atti non legislativi) REGOLAMENTI

Gazzetta ufficiale dell'unione europea. (Atti non legislativi) REGOLAMENTI 3.4.2014 L 100/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. 342/2014 DELLA COMMISSIONE del 21 gennaio 2014 che integra la direttiva 2002/87/CE del Parlamento europeo e del Consiglio

Dettagli

OSSERVAZIONI PRINCIPALI

OSSERVAZIONI PRINCIPALI Roma, 3 novembre 2011 OSSERVAZIONI SUL DOCUMENTO CONSULTAZIONE SULLO SCHEMA DI REGOLAMENTO MINISTERIALE DI ATTUAZIONE DELL ARTICOLO 7-BIS, COMMA 2, DEL DECRETO LEGISLATIVO 5 DICEMBRE 2005, N. 252, RECANTE

Dettagli

89588/15 Alle Imprese di assicurazione e riassicurazione con sede legale in Italia LORO SEDI

89588/15 Alle Imprese di assicurazione e riassicurazione con sede legale in Italia LORO SEDI SERVIZIO NORMATIVA E POLITICHE DI VIGILANZA Roma 28 luglio 2015 Prot. n. All.ti n. 89588/15 Alle Imprese di assicurazione e riassicurazione con sede legale in Italia Alle Imprese capogruppo e, p.c. Rappresentanze

Dettagli

BANCA CENTRALE EUROPEA

BANCA CENTRALE EUROPEA 19.2.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea C 47/1 III (Atti preparatori) BANCA CENTRALE EUROPEA PARERE DELLA BANCA CENTRALE EUROPEA del 24 maggio 2012 in merito a una proposta di regolamento delegato

Dettagli

Orientamenti ABE in materia di. valore a rischio in condizioni di stress (VaR in condizioni di stress) EBA/GL/2012/2

Orientamenti ABE in materia di. valore a rischio in condizioni di stress (VaR in condizioni di stress) EBA/GL/2012/2 Orientamenti ABE in materia di valore a rischio in condizioni di stress (VaR in condizioni di stress) EBA/GL/2012/2 Londra, 16.05.2012 1 Oggetto degli orientamenti 1. Il presente documento contiene una

Dettagli

Trattandosi di un semplice strumento di documentazione, esso non impegna la responsabilità delle istituzioni

Trattandosi di un semplice strumento di documentazione, esso non impegna la responsabilità delle istituzioni 2002R1606 IT 10.04.2008 001.001 1 Trattandosi di un semplice strumento di documentazione, esso non impegna la responsabilità delle istituzioni B REGOLAMENTO (CE) N. 1606/2002 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL

Dettagli

LE PRINCIPALI DISPOSIZIONI DELLO SCHEMA bis d.lgs. n. 252/2005 COMMENTI ED EFFETTI SUL PANORAMA DELLE FORME PENSIONISTICHE COMPLEMENTARI

LE PRINCIPALI DISPOSIZIONI DELLO SCHEMA bis d.lgs. n. 252/2005 COMMENTI ED EFFETTI SUL PANORAMA DELLE FORME PENSIONISTICHE COMPLEMENTARI IL QUADRO NORMATIVO LE PRINCIPALI DISPOSIZIONI DELLO SCHEMA DI REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE DELL art. 7-7 bis d.lgs. n. 252/2005 COMMENTI ED EFFETTI SUL PANORAMA DELLE FORME PENSIONISTICHE COMPLEMENTARI D.

Dettagli

Sovency II. Contesto e sfide della riforma. Per ottenere la presentazione completa, scrivere a: blog.italia@sia-conseil.com

Sovency II. Contesto e sfide della riforma. Per ottenere la presentazione completa, scrivere a: blog.italia@sia-conseil.com Sovency II Contesto e sfide della riforma Per ottenere la presentazione completa, scrivere a: blog.italia@sia-conseil.com Indice Introduzione Sintesi della riforma Contesto del mercato assicurativo Calendario

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA Crédit Agricole Vita

REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA Crédit Agricole Vita REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA Crédit Agricole Vita 1. Denominazione Viene attuata una speciale forma di gestione degli investimenti, distinta dagli altri attivi detenuti dall impresa di assicurazione,

Dettagli

Trattandosi di un semplice strumento di documentazione, esso non impegna la responsabilità delle istituzioni

Trattandosi di un semplice strumento di documentazione, esso non impegna la responsabilità delle istituzioni 2009L0138 IT 23.05.2014 005.003 1 Trattandosi di un semplice strumento di documentazione, esso non impegna la responsabilità delle istituzioni B DIRETTIVA 2009/138/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO

Dettagli

Principi per la vigilanza sugli stabilimenti esteri delle banche

Principi per la vigilanza sugli stabilimenti esteri delle banche Principi per la vigilanza sugli stabilimenti esteri delle banche (Maggio 1983) I. Introduzione Il presente documento 1 delinea alcuni principi ai quali il Comitato ritiene dovrebbe essere informata la

Dettagli

BANCA CENTRALE EUROPEA

BANCA CENTRALE EUROPEA 1.12.2009 Gazzetta ufficiale dell Unione europea C 291/1 I (Risoluzioni, raccomandazioni e pareri) PARERI BANCA CENTRALE EUROPEA PARERE DELLA BANCA CENTRALE EUROPEA del 12 novembre 2009 su una proposta

Dettagli

INTERVENTI. L ACCORDO DI BASILEA 2 Nuovi rapporti tra imprese e banche

INTERVENTI. L ACCORDO DI BASILEA 2 Nuovi rapporti tra imprese e banche INTERVENTI L ACCORDO DI BASILEA 2 Nuovi rapporti tra imprese e banche di MAURIZIO CALELLO È arrivato a conclusione dopo un lungo e intenso lavoro il nuovo accordo internazionale sui requisiti patrimoniali

Dettagli

Orientamenti sul sottomodulo del rischio di catastrofe per l assicurazione malattia

Orientamenti sul sottomodulo del rischio di catastrofe per l assicurazione malattia EIOPA-BoS-14/176 IT Orientamenti sul sottomodulo del rischio di catastrofe per l assicurazione malattia EIOPA Westhafen Tower, Westhafenplatz 1-60327 Frankfurt Germany - Tel. + 49 69-951119-20; Fax. +

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA 4CAVITA

REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA 4CAVITA REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA 4CAVITA 1. Denominazione Viene attuata una speciale forma di gestione degli investimenti, distinta dagli altri attivi detenuti dall impresa di assicurazione, denominata

Dettagli

Roma, 4 novembre 2011. Mefop Tel: 06 48073530 Fax: 06 48073548 E-mail: mefop@mefop.it

Roma, 4 novembre 2011. Mefop Tel: 06 48073530 Fax: 06 48073548 E-mail: mefop@mefop.it Roma, 4 novembre 2011 Osservazioni sullo Schema di regolamento ministeriale di attuazione dell art. 7-bis, comma 2, del d.lgs. 252/05, recante i principi per la determinazione dei mezzi patrimoniali di

Dettagli

Fondi Pensione Aperti

Fondi Pensione Aperti Fondi Pensione Aperti Massimo Nicoletti Milano 07 novembre, 2014 2 Cenni sulla Previdenza Fonte 3 Cenni sulla Previdenza Fonte Insurance Companies 4 FPA: elementi identificativi e modalità di costituzione

Dettagli

DIRETTIVA 2009/138/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO

DIRETTIVA 2009/138/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO 17.12.2009 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 335/1 I (Atti adottati a norma dei trattati CE/Euratom la cui pubblicazione è obbligatoria) DIRETTIVE DIRETTIVA 2009/138/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E

Dettagli

PARERE DELLA BANCA CENTRALE EUROPEA

PARERE DELLA BANCA CENTRALE EUROPEA IT ECB-PUBLIC PARERE DELLA BANCA CENTRALE EUROPEA del 30 luglio 2012 in merito alla riforma della vigilanza sulle assicurazioni e sul risparmio previdenziale (CON/2012/61) Introduzione e base giuridica

Dettagli

L analisi del d. m. n. 259/2012: criticità interpretative e proposte di soluzione: aspetti attuariali

L analisi del d. m. n. 259/2012: criticità interpretative e proposte di soluzione: aspetti attuariali Associazione Italiana per la Previdenza e Assistenza Complementare LA SOLVIBILITÀ DEI FONDI PENSIONE: NORMATIVA ITALIANA E SITUAZIONE IN AMBITO UE L analisi del d. m. n. 259/2012: criticità interpretative

Dettagli

visto il trattato sul funzionamento dell Unione europea,

visto il trattato sul funzionamento dell Unione europea, 17.11.2012 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 320/3 REGOLAMENTO (UE) N. 1077/2012 DELLA COMMISSIONE del 16 novembre 2012 relativo a un metodo di sicurezza comune per la supervisione da parte delle

Dettagli

PARLAMENTO EUROPEO PROGETTO DI PARERE. Commissione per i problemi economici e monetari PROVVISORIO 2004/0256(COD) 10.6.2005

PARLAMENTO EUROPEO PROGETTO DI PARERE. Commissione per i problemi economici e monetari PROVVISORIO 2004/0256(COD) 10.6.2005 PARLAMENTO EUROPEO 2004 ««««««««««««2009 Commissione per i problemi economici e monetari PROVVISORIO 2004/0256(COD) 10.6.2005 PROGETTO DI PARERE della commissione per i problemi economici e monetari destinato

Dettagli

Standard qualitativi in Solvency 2 G I A MPAOLO CRENCA E MIF - E X E CUTIVE MASTER IN INSURANCE & F I NANCE

Standard qualitativi in Solvency 2 G I A MPAOLO CRENCA E MIF - E X E CUTIVE MASTER IN INSURANCE & F I NANCE Standard qualitativi in Solvency 2 G I A MPAOLO CRENCA E MIF - E X E CUTIVE MASTER IN INSURANCE & F I NANCE MILANO 28/03 / 2015 Indice 1. Solvency 2 2. Data quality 3. Riassicurazione 4. Modello interno

Dettagli

MANDATO DI AUDIT DI GRUPPO

MANDATO DI AUDIT DI GRUPPO MANDATO DI AUDIT DI GRUPPO Data: Ottobre, 2013 UniCredit Group - Public MISSION E AMBITO DI COMPETENZA L Internal Audit è una funzione indipendente nominata dagli Organi di Governo della Società ed è parte

Dettagli

Dott. Antonio Renzi. Banca d Italia Servizio Vigilanza sugli Enti Creditizi Vigilanza Creditizia e Finanziaria

Dott. Antonio Renzi. Banca d Italia Servizio Vigilanza sugli Enti Creditizi Vigilanza Creditizia e Finanziaria Il quadro di riferimento per l entrata in vigore delle nuove disposizioni di Vigilanza per le Banche e per gli Intermediari Finanziari iscritti nell Assilea, Assifact, Assofin Le nuove

Dettagli

La gestione finanziaria dei Fondi Pensione

La gestione finanziaria dei Fondi Pensione La gestione finanziaria dei Fondi Pensione Il ruolo dell attuario tra passato presente e futuro Fabio Baione Roma, 06 giugno 2013 Fabio Baione La gestione finanziaria dei Fondi Pensione Il ruolo dell attuario

Dettagli

IL MINISTRO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE IL MINISTRO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI

IL MINISTRO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE IL MINISTRO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI Schema di regolamento ministeriale di attuazione dell articolo 6, comma 5-bis, del decreto legislativo 5 dicembre 2005, n. 252, recante norme sui criteri e i limiti di investimento delle risorse dei fondi

Dettagli

Revisione della comunicazione sull assicurazione del credito all esportazione a breve termine. Documento di consultazione

Revisione della comunicazione sull assicurazione del credito all esportazione a breve termine. Documento di consultazione Revisione della comunicazione sull assicurazione del credito all esportazione a breve termine 1. Introduzione Documento di consultazione In alcuni Stati membri esistono agenzie ufficiali di credito all

Dettagli

Consultazione pubblica

Consultazione pubblica Consultazione pubblica sull approccio da adottare per il riconoscimento dei sistemi di tutela istituzionale a fini prudenziali Guida 1 Introduzione 1. Il documento di consultazione espone l approccio che

Dettagli

ORIENTAMENTI DI CONFINDUSTRIA, CONFCOMMERCIO, CONFARTIGIANATO, CONFAPI, CGIL, CISL, UIL E UGL PER L EMANAZIONE DEL

ORIENTAMENTI DI CONFINDUSTRIA, CONFCOMMERCIO, CONFARTIGIANATO, CONFAPI, CGIL, CISL, UIL E UGL PER L EMANAZIONE DEL ORIENTAMENTI DI CONFINDUSTRIA, CONFCOMMERCIO, CONFARTIGIANATO, CONFAPI, CGIL, CISL, UIL E UGL PER L EMANAZIONE DEL DECRETO LEGISLATIVO ATTUATIVO DELLA LEGGE 243/04 IN MATERIA DI PREVIDENZA COMPLEMENTARE

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO IN BOLOGNA

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO IN BOLOGNA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO IN BOLOGNA Approvato dal Collegio di Indirizzo In data 21 dicembre 2015 AMBITO DI APPLICAZIONE TITOLO I PRINCIPI GENERALI

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA Doc. XVIII n. 57 RISOLUZIONE DELLA 6ª COMMISSIONE PERMANENTE (Finanze e tesoro) (Estensore FERRARA) approvata nella seduta del 20 ottobre 2010 SULLA PROPOSTA DI

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria. Rapporto sullo stato di avanzamento nell attuazione di Basilea 3

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria. Rapporto sullo stato di avanzamento nell attuazione di Basilea 3 Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Rapporto sullo stato di avanzamento nell attuazione di Basilea 3 Ottobre 2011 Il presente documento è stato redatto in lingua inglese. In caso di dubbio, si

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO MOBILIARE

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO MOBILIARE REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO MOBILIARE INDICE Art. 1 - Ambito di applicazione Ambito di applicazione 1 TITOLO I PRINCIPI GENERALI Art. 2 - Finalità del processo di gestione del patrimonio

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO Approvato dal Consiglio di Indirizzo nella seduta del 14 febbraio 2014 1 SOMMARIO AMBITO DI APPLICAZIONE Pag. 3 1. PRINCIPI GENERALI Pag. 3 1.1. Finalità del

Dettagli

BANCA CENTRALE EUROPEA

BANCA CENTRALE EUROPEA 22.2.2014 Gazzetta ufficiale dell Unione europea C 51/3 III (Atti preparatori) BANCA CENTRALE EUROPEA PARERE DELLA BANCA CENTRALE EUROPEA del 19 novembre 2013 in merito a una proposta di direttiva del

Dettagli

MARKT/2508/02 IT Orig. EN VIGILANZA SULLA RIASSICURAZIONE: APPROCCIO BASATO SU UNA PROCEDURA ACCELERATA ( FAST-TRACK APPROACH)

MARKT/2508/02 IT Orig. EN VIGILANZA SULLA RIASSICURAZIONE: APPROCCIO BASATO SU UNA PROCEDURA ACCELERATA ( FAST-TRACK APPROACH) MARKT/2508/02 IT Orig. EN VIGILANZA SULLA RIASSICURAZIONE: APPROCCIO BASATO SU UNA PROCEDURA ACCELERATA ( FAST-TRACK APPROACH) Il progetto di vigilanza sulla riassicurazione è giunto ad un punto in cui

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE RECANTE RATIFICA ED ESECUZIONE DELLA CONVENZIONE SULLA SALUTE E LA SICUREZZA DEI LAVORATORI, N. 187, FATTA A GINEVRA IL 15 GIUGNO

DISEGNO DI LEGGE RECANTE RATIFICA ED ESECUZIONE DELLA CONVENZIONE SULLA SALUTE E LA SICUREZZA DEI LAVORATORI, N. 187, FATTA A GINEVRA IL 15 GIUGNO DISEGNO DI LEGGE RECANTE RATIFICA ED ESECUZIONE DELLA CONVENZIONE SULLA SALUTE E LA SICUREZZA DEI LAVORATORI, N. 155, FATTA A GINEVRA IL 22 GIUGNO 1981, E RELATIVO PROTOCOLLO, FATTO A GINEVRA IL 22 GIUGNO

Dettagli

IL PRINCIPIO DELLA PROGRAMMAZIONE. Prof. Riccardo Mussari

IL PRINCIPIO DELLA PROGRAMMAZIONE. Prof. Riccardo Mussari IL PRINCIPIO DELLA PROGRAMMAZIONE Prof. Riccardo Mussari INDICE Il principio della programmazione I documenti della programmazione: DUP PEG Il principio della programmazione La programmazione nella riforma

Dettagli

Risposta alla consultazione di Banca d Italia sul Programma dell attività normativa dell Area Vigilanza per l anno 2011

Risposta alla consultazione di Banca d Italia sul Programma dell attività normativa dell Area Vigilanza per l anno 2011 Risposta alla consultazione di Banca d Italia sul Programma dell attività normativa dell Area Vigilanza per l anno 2011 Dicembre 2010 DOCUMENTI 1. Considerazioni preliminari Il Programma di attività normativa

Dettagli

Linee guida per la regolamentazione dei mercati finanziari

Linee guida per la regolamentazione dei mercati finanziari 3 luglio 2013 Linee guida per la regolamentazione dei mercati finanziari Einsteinstrasse 2, 3003 Berna Tel. +41 (0)31 327 91 00, fax +41 (0)31 327 91 01 www.finma.ch A18124 Indice Obiettivi della regolamentazione

Dettagli

RACCOMANDAZIONI COMMISSIONE

RACCOMANDAZIONI COMMISSIONE 28.12.2007 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 344/65 RACCOMANDAZIONI COMMISSIONE RACCOMANDAZIONE DELLA COMMISSIONE del 17 dicembre 2007 relativa ai mercati rilevanti di prodotti e servizi del settore

Dettagli

LA MATEMATICA FINANZIARIA DELLE ASSICURAZIONI SULLA VITA. Aspetti applicativi e recenti sviluppi

LA MATEMATICA FINANZIARIA DELLE ASSICURAZIONI SULLA VITA. Aspetti applicativi e recenti sviluppi LA MATEMATICA FINANZIARIA DELLE ASSICURAZIONI SULLA VITA Aspetti applicativi e recenti sviluppi IL RISCHIO COME AFFARE ALLA BASE DEL BUSINESS DI UNA COMPAGNIA DI ASSICURAZIONI C Ѐ IL RISCHIO LA PROBABILITÀ

Dettagli

Orientamenti sull informativa ai fini della stabilità finanziaria

Orientamenti sull informativa ai fini della stabilità finanziaria EIOPA-BoS-15/107 IT Orientamenti sull informativa ai fini della stabilità finanziaria EIOPA Westhafen Tower, Westhafenplatz 1-60327 Frankfurt Germany - Tel. + 49 69-951119-20; Fax. + 49 69-951119-19; email:

Dettagli

L ISVAP (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo)

L ISVAP (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo) REGOLAMENTO N. 39 DEL 9 GIUGNO 2011 REGOLAMENTO RELATIVO ALLE POLITICHE DI REMUNERAZIONE NELLE IMPRESE DI ASSICURAZIONE L ISVAP (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo)

Dettagli

IL RISCHIO DI RISERVAZIONE IN OTTICA SOLVENCY II: MODELLI E STRATEGIE

IL RISCHIO DI RISERVAZIONE IN OTTICA SOLVENCY II: MODELLI E STRATEGIE Crenca & Associati IL RISCHIO DI RISERVAZIONE IN OTTICA SOLVENCY II: MODELLI E STRATEGIE Ufficio Studi Aprile 2008 SISTEMA INTEGRATO DI VALUTAZIONE DELLA COMPAGNIA AL FAIR VALUE Tecniche VaR Analisi della

Dettagli

Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi

Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi 3 Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi 1. Premessa Il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi di Fiat S.p.A. (la Società ) costituisce elemento

Dettagli

Esercizio della vigilanza nell MVU Le procedure comuni

Esercizio della vigilanza nell MVU Le procedure comuni Le procedure comuni! Nel regolamento sull MVU si parla della creazione di un meccanismo di vigilanza realmente integrato. Nella pratica ciò implica " che i processi chiave siano generalmente gli stessi

Dettagli

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE N. 19/2015

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE N. 19/2015 DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE N. 19/2015 EMANAZIONE DEL REGOLAMENTO IVASS N. DEL CONCERNENTE LE REGOLE APPLICATIVE PER LA DETERMINAZIONE DELLE RISERVE TECNICHE DI CUI ALL ARTICOLO 36-BIS, DEL DECRETO LEGISLATIVO

Dettagli

D.M. 166/2014 MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE. Visto il decreto 10 maggio 2007 n. 62, adottato dal Ministero dell economia e delle finanze

D.M. 166/2014 MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE. Visto il decreto 10 maggio 2007 n. 62, adottato dal Ministero dell economia e delle finanze MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DECRETO 2 settembre 2014, n. 166 (G.U. 13 novembre 2014, n.264) Regolamento di attuazione dell articolo 6, comma 5-bis del decreto legislativo 5 dicembre 2005, n.

Dettagli

REGOLAMENTO DI ESECUZIONE (UE) N. 725/2011 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO DI ESECUZIONE (UE) N. 725/2011 DELLA COMMISSIONE 26.7.2011 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 194/19 REGOLAMENTO DI ESECUZIONE (UE) N. 725/2011 DELLA COMMISSIONE del 25 luglio 2011 che stabilisce una procedura di approvazione e certificazione di

Dettagli

III PILASTRO INFORMATIVA AL PUBBLICO AL 31/12/2014

III PILASTRO INFORMATIVA AL PUBBLICO AL 31/12/2014 III PILASTRO INFORMATIVA AL PUBBLICO AL 31/12/2014 1 Premessa Le disposizioni contenute nella Circolare della Banca d Italia n.216 del 5 agosto 1996 7 aggiornamento del 9 luglio 2007, Capitolo V - Vigilanza

Dettagli

ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE

ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE Allegato B alla delibera n. 642/06/CONS ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE L analisi dell impatto regolamentare richiede di valutare: a) l ambito dell intervento regolamentare proposto, con particolare

Dettagli

ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE

ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE Allegato B alla delibera n. 380/06/CONS ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE L analisi dell impatto regolamentare richiede di valutare: a) l ambito dell intervento regolamentare proposto, con particolare

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ PREMESSA Le recenti e numerose modifiche normative nell ambito del vasto progetto di riforma della Pubblica Amministrazione impongono agli Enti Locali

Dettagli

IL SERVIZIO DI CONSULENZA FINANZIARIA. Avv. Luca Zitiello, 22 settembre 2011

IL SERVIZIO DI CONSULENZA FINANZIARIA. Avv. Luca Zitiello, 22 settembre 2011 IL SERVIZIO DI CONSULENZA FINANZIARIA Avv. Luca Zitiello, 22 settembre 2011 1 Inquadramento normativo - la Mifid La Mifid ha introdotto nuove ed importanti modifiche alla disciplina del servizio di consulenza

Dettagli

Estratto dell Informativa sulla strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini.

Estratto dell Informativa sulla strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini. Estratto dell Informativa sulla strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini. 1. Introduzione - La Direttiva 2004/39/CE (MIFID) e le relative misure di attuazione emanate dalla Commissione europea

Dettagli

C 188/6 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 11.8.2009

C 188/6 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 11.8.2009 C 188/6 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 11.8.2009 Comunicazione della Commissione Criteri per l'analisi della compatibilità degli aiuti di stato a favore dei lavoratori svantaggiati e disabili soggetti

Dettagli

Piano d azione per l Unione dei Mercati dei Capitali. Lente sull UE n. 35

Piano d azione per l Unione dei Mercati dei Capitali. Lente sull UE n. 35 Piano d azione per l Unione dei Mercati dei Capitali Lente sull UE n. 35 5 ottobre 2015 Background Il 30 settembre 2015, la Commissione europea ha presentato il suo piano d azione per creare un Unione

Dettagli

Avvertenza: il presente Regolamento è in attesa di pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana.

Avvertenza: il presente Regolamento è in attesa di pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana. Avvertenza: il presente Regolamento è in attesa di pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana. Regolamento recante la disciplina dell adozione degli atti di natura normativa o di

Dettagli

MARKT/2513/02 IT Orig. EN. PROGETTO DI PUNTI DI DECISIONE E DI CONCLUSIONI DELLA 30a RIUNIONE DEL COMITATO DELLE ASSICURAZIONI

MARKT/2513/02 IT Orig. EN. PROGETTO DI PUNTI DI DECISIONE E DI CONCLUSIONI DELLA 30a RIUNIONE DEL COMITATO DELLE ASSICURAZIONI MARKT/2513/02 IT Orig. EN PROGETTO DI PUNTI DI DECISIONE E DI CONCLUSIONI DELLA 30a RIUNIONE DEL COMITATO DELLE ASSICURAZIONI Bruxelles, 16 aprile 2002 1. Ordine del giorno L'ordine del giorno della riunione

Dettagli

Il sistema di contabilità pubblica in Italia La riforma della contabilità in Italia: la situazione attuale

Il sistema di contabilità pubblica in Italia La riforma della contabilità in Italia: la situazione attuale Progetto di Gemellaggio TR 08 IB FI 02 Improving Data Quality in Public Accounts Workshop internazionale Public accounting data quality and IPSAS implementation strategies in UE countries Istanbul, 3-5

Dettagli

La Funzione di Compliance tra Basilea II e MiFID

La Funzione di Compliance tra Basilea II e MiFID III Incontro Compliance AICOM-Dexia Crediop Strategies, governance, compliance: le sfide della direttiva MiFID e l integrazione del mercato finanziario europeo La Funzione di Compliance tra Basilea II

Dettagli

(Atti adottati a norma dei trattati CE/Euratom la cui pubblicazione è obbligatoria) REGOLAMENTI

(Atti adottati a norma dei trattati CE/Euratom la cui pubblicazione è obbligatoria) REGOLAMENTI 5.1.2008 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 3/1 I (Atti adottati a norma dei trattati CE/Euratom la cui pubblicazione è obbligatoria) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (CE) N. 3/2008 DEL CONSIGLIO del 17 dicembre

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI FANO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI FANO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI FANO 1 INDICE AMBITO DI APPLICAZIONE p. 3 TITOLO I: PRINCIPI GENERALI Art. 1 Finalità del processo di gestione del patrimonio

Dettagli

Osservatorio Solvency II

Osservatorio Solvency II Divisione Ricerche Claudio Dematté Osservatorio Solvency II Operational Transformation Risk & capital management Prof.ssa Simona Cosma 02.02.201 Agenda Il Framework di riferimento Obiettivi dell indagine

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO INDICE Art. 1 Ambito di applicazione TITOLO I PRINCIPI GENERALI Art. 2 Finalità del processo di gestione del patrimonio Art. 3 Fondo stabilizzazione erogazioni

Dettagli

PROGETTO DI 18.05.2006 COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE. relativa alla revisione delle modalità di fissazione dei tassi di riferimento

PROGETTO DI 18.05.2006 COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE. relativa alla revisione delle modalità di fissazione dei tassi di riferimento IT PROGETTO DI 18.05.2006 COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE relativa alla revisione delle modalità di fissazione dei tassi di riferimento 1. TASSI DI RIFERIMTO E TASSI DI ATTUALIZZAZIONE Nell ambito del

Dettagli

COVIP COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE

COVIP COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE COVIP COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE Deliberazione del 31 gennaio 2008 Istruzioni per la redazione del Progetto esemplificativo: stima della pensione complementare LA COVIP Visto il decreto

Dettagli

POSIZIONE DEL COPA E DELLA COGECA SUI SISTEMI DI ASSICURAZIONE DELLA QUALITÀ NELL AMBITO DELLA CATENA ALIMENTARE

POSIZIONE DEL COPA E DELLA COGECA SUI SISTEMI DI ASSICURAZIONE DELLA QUALITÀ NELL AMBITO DELLA CATENA ALIMENTARE Comitato delle Organizzazioni Professionali Agricole dell'ue Confederazione Generale delle Cooperative Agricole dell UE PR(06)249F1 6 dicembre 2006 P(06)222F1 POSIZIONE DEL COPA E DELLA COGECA SUI SISTEMI

Dettagli

Elenco dei moduli di vigilanza relativi al bilancio consolidato (Allegato 6 al Regolamento ISVAP n. 7/2007)

Elenco dei moduli di vigilanza relativi al bilancio consolidato (Allegato 6 al Regolamento ISVAP n. 7/2007) Elenco dei moduli di vigilanza relativi al bilancio consolidato (Allegato 6 al Regolamento ISVAP n. 7/2007) Modulo 1 Dettaglio delle società incluse nell area di consolidamento Modulo 2 Dettaglio delle

Dettagli

Guida agli investimenti

Guida agli investimenti 19 Ottobre 2012 Guida agli investimenti Cos è l ESMA? L ESMA è l Autorità europea degli strumenti finanziari e dei mercati. È un autorità di regolamentazione indipendente dell Unione europea, con sede

Dettagli

Orientamenti. sulla. gestione dei reclami da parte delle. imprese di assicurazione

Orientamenti. sulla. gestione dei reclami da parte delle. imprese di assicurazione EIOPA-BoS-12/069 IT Orientamenti sulla gestione dei reclami da parte delle imprese di assicurazione 1/8 1. Orientamenti Introduzione 1. Ai sensi dell'articolo 16 del regolamento EIOPA (Autorità europea

Dettagli

Ministero dell economia e delle finanze Dipartimento del Tesoro Direzione IV Ufficio IV

Ministero dell economia e delle finanze Dipartimento del Tesoro Direzione IV Ufficio IV Ministero dell economia e delle finanze Dipartimento del Tesoro Direzione IV Ufficio IV Consultazione sullo schema di regolamento ministeriale di attuazione dell articolo 14, comma 3, del decreto legge

Dettagli

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 520 PROCEDURE DI ANALISI COMPARATIVA

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 520 PROCEDURE DI ANALISI COMPARATIVA PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 520 PROCEDURE DI ANALISI COMPARATIVA (In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano dal 15 dicembre 2009

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA DG Concorrenza. Bruxelles, 01/03/2012 COMP/DG/2012/022543

COMMISSIONE EUROPEA DG Concorrenza. Bruxelles, 01/03/2012 COMP/DG/2012/022543 COMMISSIONE EUROPEA DG Concorrenza Il direttore generale Bruxelles, 01/03/2012 COMP/DG/2012/022543 Modernizzazione degli aiuti di Stato dell UE Documento di discussione Il presente documento espone a grandi

Dettagli

Corso di Finanza aziendale

Corso di Finanza aziendale Basilea II Corso di Finanza aziendale Elementi del nuovo accordo di Basilea Basilea II? Si tratta della recente revisione del complesso di norme regolamentari che dal 1988 sono imposte alle banche dalla

Dettagli

IAS 37 - OIC 31: Accantonamenti, attività e passività potenziali

IAS 37 - OIC 31: Accantonamenti, attività e passività potenziali IAS 37 - OIC 31: Accantonamenti, attività e passività potenziali Roma, marzo/maggio 2015 Finalità dei due principi IAS 37 OIC 31 Assicurare che agli accantonamenti e alle passività e attività potenziali:

Dettagli

Orientamenti sulla valutazione delle riserve tecniche

Orientamenti sulla valutazione delle riserve tecniche EIOPA-BoS-14/166 IT Orientamenti sulla valutazione delle riserve tecniche EIOPA Westhafen Tower, Westhafenplatz 1-60327 Frankfurt Germany - Tel. + 49 69-951119-20; Fax. + 49 69-951119-19; email: info@eiopa.europa.eu

Dettagli

IORP II Quali opportunità per la previdenza complementare italiana?

IORP II Quali opportunità per la previdenza complementare italiana? IORP II Quali opportunità per la previdenza complementare italiana? Roma, 20 novembre 2014 Elena Moiraghi DIRETTIVA 2003/41/CE PRINCIPALI TAPPE 1991 Prima proposta di direttiva della Commissione europea

Dettagli

Basilea 3 2012 Rischio operativo Convegno annuale DIPO

Basilea 3 2012 Rischio operativo Convegno annuale DIPO Basilea 3 2012 Rischio operativo Convegno annuale DIPO Solvency II: le nuove regole sul rischio operativo per le imprese di assicurazione Roma, 27 giugno 2012 Lucilla Caterini Grossi Indice v Solvency

Dettagli

Orientamenti. Orientamenti su alcuni aspetti dei requisiti di adeguatezza della direttiva MiFID. 25 giugno 2012 ESMA/2012/387

Orientamenti. Orientamenti su alcuni aspetti dei requisiti di adeguatezza della direttiva MiFID. 25 giugno 2012 ESMA/2012/387 Orientamenti Orientamenti su alcuni aspetti dei requisiti di adeguatezza della direttiva MiFID 25 giugno 2012 ESMA/2012/387 Data: 25 giugno 2012 ESMA/2012/387 Sommario I. Ambito di applicazione 3 II. Definizioni

Dettagli

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE N. 14/2015

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE N. 14/2015 DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE N. 14/2015 EMANAZIONE DEL REGOLAMENTO IVASS N. XX DEL XX/XX/XXXX CONCERNENTE L APPLICAZIONE DEL MODULO DI RISCHIO DI SOTTOSCRIZIONE PER L ASSICURAZIONE VITA AI FINI DELLA DETERMINAZIONE

Dettagli

Orientamenti per la trasmissione di informazioni alle autorità nazionali competenti

Orientamenti per la trasmissione di informazioni alle autorità nazionali competenti EIOPACP 13/010 IT Orientamenti per la trasmissione di informazioni alle autorità nazionali competenti EIOPA Westhafen Tower, Westhafenplatz 1 60327 Frankfurt Germany Tel. + 49 6995111920; Fax. + 49 6995111919;

Dettagli

Scegliere l abito. Laboratori gratuiti formativi ed informativi per la creazione d impresa 4 ORE

Scegliere l abito. Laboratori gratuiti formativi ed informativi per la creazione d impresa 4 ORE Scegliere l abito Distinguere le forme giuridiche per svolgere l attività imprenditoriale e individuare la forma più idonea in funzione dell idea d impresa Spesso le persone che intendono orientarsi all

Dettagli

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE N. 17/2015

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE N. 17/2015 DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE N. 17/2015 EMANAZIONE DEL REGOLAMENTO IVASS N. XX DEL XX/XX/XXXX CONCERNENTE L AGGIUSTAMENTO PER LA CAPACITA DI ASSORBIMENTO DELLE PERDITE DELLE RISERVE TECNICHE E DELLE IMPOSTE

Dettagli

PROVVEDIMENTO 2322 DEL 6 DICEMBRE 2004

PROVVEDIMENTO 2322 DEL 6 DICEMBRE 2004 PROVVEDIMENTO 2322 DEL 6 DICEMBRE 2004 Decreto legislativo 3 novembre 2003 n. 307, di attuazione delle direttive 2002/12 CE e 2002/13 CE, che modifica i decreti legislativi 17 marzo 1995 nn. 174 e 175

Dettagli

REGOLAMENTO (UE) N. 301/2013 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO (UE) N. 301/2013 DELLA COMMISSIONE L 90/78 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 28.3.2013 REGOLAMENTO (UE) N. 301/2013 DELLA COMMISSIONE del 27 marzo 2013 che modifica il regolamento (CE) n. 1126/2008 della Commissione che adotta taluni

Dettagli

Il Pricing nel Settore Finanziario: Tendenze e problemi aperti

Il Pricing nel Settore Finanziario: Tendenze e problemi aperti Il Pricing nel Settore Finanziario: Tendenze e problemi aperti La prospettiva dell offerta delle assicurazioni di Sergio Paci Università Bocconi 1 Il tema del pricing è molto complesso e articolato anche

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 14.3.2014 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 74/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. 240/2014 DELLA COMMISSIONE del 7 gennaio 2014 recante un codice europeo di condotta

Dettagli

REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI

REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI UNIONE MONTANA ALTA VAL DI CECINA PROVINCIA DI PISA REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI Approvato con delibera del Consiglio n. 1 del 07.01.2013 1 CAPO I PRINCIPI GENERALI INDICE Art. 1 Oggetto

Dettagli

Accordo di coordinamento in materia di identificazione e adeguatezza patrimoniale dei conglomerati finanziari

Accordo di coordinamento in materia di identificazione e adeguatezza patrimoniale dei conglomerati finanziari Accordo di coordinamento in materia di identificazione e adeguatezza patrimoniale dei conglomerati finanziari La Banca d Italia, la CONSOB e l ISVAP VISTA la direttiva 2002/87/CE del Parlamento europeo

Dettagli

RISPOSTE DEL CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILE ALLA CONSULTAZIONE DELLA COMMISSIONE EUROPEA IN MERITO ALL

RISPOSTE DEL CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILE ALLA CONSULTAZIONE DELLA COMMISSIONE EUROPEA IN MERITO ALL RISPOSTE DEL CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILE ALLA CONSULTAZIONE DELLA COMMISSIONE EUROPEA IN MERITO ALL ADOZIONE DEI PRINCIPI DI REVISIONE INTERNAZIONALI Settembre

Dettagli

R E L A Z I O N E. Premessa

R E L A Z I O N E. Premessa DECRETO LEGISLATIVO RECANTE RECEPIMENTO DELLE RACCOMANDAZIONI DELLA COMMISSIONE EUROPEA 2004/913/CE E 2009/385/CE IN MATERIA DI REMUNERAZIONE DEGLI AMMINISTRATORI DELLE SOCIETA QUOTATE. R E L A Z I O N

Dettagli

DOCUMENTO INTERPRETATIVO. L applicazione dei principi di revisione dopo il recepimento della direttiva 2006/43/CE

DOCUMENTO INTERPRETATIVO. L applicazione dei principi di revisione dopo il recepimento della direttiva 2006/43/CE DOCUMENTO INTERPRETATIVO L applicazione dei principi di revisione dopo il recepimento della direttiva 2006/43/CE 16 febbraio 2011 INTRODUZIONE Il decreto legislativo 27 gennaio 2010 n. 39 ha dato attuazione

Dettagli

1) Premessa. 2) Indicazioni di carattere generale

1) Premessa. 2) Indicazioni di carattere generale CONSIGLIO NAZIONALE DEGLI ATTUARI 00187 Roma - Via Sicilia, 57 tel. 06 3236373 CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI ATTUARI 00186 Roma Via del Corea, 3 tel. 06 3210350 REGOLE APPLICATIVE DEI PRINCIPI ATTUARIALI

Dettagli

Organismo Italiano di Contabilità Approvato Comitato Esecutivo in data 25 giugno 2003 00187 Roma, Via Poli 29 Tel. 06/6976681 Fax: 06/69766830

Organismo Italiano di Contabilità Approvato Comitato Esecutivo in data 25 giugno 2003 00187 Roma, Via Poli 29 Tel. 06/6976681 Fax: 06/69766830 L APPLICAZIONE IN ITALIA DEI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI E LA RIFORMA DELLA DISCIPLINA DEL BILANCIO INTERVENTI LEGISLATIVI RELATIVI ALLA DISCIPLINA DEL BILANCIO IN CONSIDERAZIONE DEL D.LGS. 17 GENNAIO

Dettagli

AGGIORNAMENTO NORMATIVO N. 30/2014. del 29 agosto 2014

AGGIORNAMENTO NORMATIVO N. 30/2014. del 29 agosto 2014 AGGIORNAMENTO NORMATIVO N. 30/2014 del 29 agosto 2014 1) OICVM: pubblicata nella Gazzetta Ufficiale dell Unione Europea la Direttiva 2014/91/UE di modifica della Direttiva 2009/65/CE 2) CRD IV: pubblicato

Dettagli