P.O.R. MARCHE Obiettivo 2 FSE 2007/2013 Assi I, II e III Annualità 2010 e 2011

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "P.O.R. MARCHE Obiettivo 2 FSE 2007/2013 Assi I, II e III Annualità 2010 e 2011"

Transcript

1 PROVINCIA DI FERMO SETTORE FORMAZIONE PROFESSIONALE, SCUOLA E POLITICHE DEL LAVORO P.O.R. MARCHE Obiettivo FSE 007/013 Assi I, II e III Annualità 010 e 011 SCADENZA 15/04/011 AVVISO PUBBLICO INCENTIVI ALLE PERSONE PER IL LAVORO AUTONOMO (CREAZIONE DI IMPRESA) D.D. n. 13 del 15/03/011, pubblicata all Albo Pretorio provinciale il 15/03/011 1 Obiettivi e contenuti dell azione e risorse disponibili L azione ha come obiettivo l erogazione di incentivi al lavoro autonomo mirati alle politiche di creazione di nuova impresa innovativa finalizzata a favorire, l occupazione e l adattabilità dei lavoratori anche mediante il sostegno agli spin off aziendali nonché l inserimento lavorativo di soggetti appartenenti a categorie svantaggiate. Commento [PA1]: Sono ammesse solo le imprese iscritte alla camera di commercio. Chi avvia una libera professione non può presentare domanda Sono da considerarsi come nuova impresa innovativa quelle imprese che si costituiscono successivamente alla data di pubblicazione del presente Avviso all albo pretorio provinciale, al fine di assicurare il massimo effetto incentivante dell intervento. La data di costituzione è rappresentata dalla data di iscrizione alla Camera di Commercio. Asse Obiettivo Specifico Categoria di spesa Attività di intervento Beneficiario Risorse disponibile I Adattabilità c 6 Sostegno agli spin off Imprese ,00 aziendali anche attraverso incentivi per la creazione di impresa II Occupabilità e 68 Sostegno alla creazione Imprese ,00 di impresa (aiuti, misure di accompagnamento, consulenze, formazione) anche cooperativa III Inclusione sociale g 68 Sostegno alla creazione Imprese ,00 d i i m p r e s a e d i microimprese da parte di soggetti svantaggiati Totale Euro ,00 Commento [PA]: Le imprese costituite prima del 15/3/011 non possono presentare domanda. Alla data di presentazione della domanda non è richiesto che la ditta sia già costituita. Commento [PA3]: I fondi stanziati non sono molti Pagina 1 di 9

2 Requisiti dei soggetti richiedenti Le domande di contributo ai sensi del presente Avviso possono essere presentate, in riferimento agli specifici Assi del POR, dai soggetti indicati nella tabella seguente e nelle misure come di seguito stabilito: ASSI Richiedenti Asse I- Adattabilità Lavoratori dipendenti Lavoratori in CIGO o CIGS Lavoratori con contratti di lavoro atipici e a causa mista Lavoratori sospesi, che usufruiscono di ammortizzatori sociali in deroga Libero professionisti iscritti ad ordini/albi professionali riconosciuti a livello nazionale. Asse II - Occupabilità Disoccupati e inoccupati Lavoratori in mobilità Asse III Inclusione sociale Soggetti disabili e svantaggiati di cui alle D.G.R Marche 491/08 e 99/08 Commento [PA4]: La domanda può essere presentata dalla singola persona fisica. L impresa deve essere comunque costituita entro 60 gg dalla comunicazione di accettazione della richiesta. Commento [PA5]: Ogni asse ha determinati fondi stanziati. Vedere la tabella precedente. Commento [PA6]: E agevolabile il libero professionista che è intenzionato ad avviare una attività d impresa. L avvio della libera professione non è comunque agevolabile Nel caso di ditta individuale, il richiedente dovrà rientrare in una delle tipologie previste dall Asse di riferimento per il quale presenta la richiesta di incentivo. Nel caso di costituzione di una società, almeno il 51% dei soci deve appartenere al medesimo asse di riferimento per il quale si presenta la richiesta. La suddetta maggioranza, inoltre, deve detenere almeno il 51% delle quote societarie. Nel caso di costituzione di una cooperativa, con eccezione di quanto stabilito nel successivo punto 4, paragrafo, lett. b), almeno il 51% dei soci deve appartenere al medesimo Asse di riferimento per il quale si presenta la richiesta di incentivo. Il richiedente, cioè il firmatario della domanda, del progetto e delle altre dichiarazioni attinenti alla richiesta di contributo, deve, obbligatoriamente, appartenere alle tipologie di previste dai singoli Assi di riferimento per il quale si presenta la domanda di incentivo (vedere tabella sopra riportata). Requisiti soggettivi dei richiedenti (titolare e/o rappresentanti legali) e degli altri soggetti coinvolti (soci): Tutti i soggetti richiedenti ed tutti i soggetti coinvolti, anche quelli di minoranza, devono possedere i seguenti requisiti: - essere maggiorenni; - essere residenti nella Regione Marche; Ciascun soggetto non può presentare più di una domanda ai sensi del presente Avviso. Il possesso dei requisiti deve sussistere al momento della presentazione della domanda di ammissione a contributo (vale la data del timbro postale di spedizione). Commento [PA7]: I soggetti richiedenti possono anche non risiedere nella Provincia di Fermo. L unità produttiva deve essere localizzata nel territorio della Provincia. 1 Per interessato richiedente deve intendersi: - il titolare o rappresentante legale dell impresa, se già costituita al momento della presentazione della domanda; - il futuro titolare della ditta individuale da attivarsi o il potenziale rappresentante legale della società o cooperativa da costituirsi. Pagina di 9

3 4 Imprese Beneficiarie Possono beneficiare dei contributi le imprese, costituite successivamente alla data di approvazione del presente Avviso Pubblico, come di seguito specificate, iscritte alla CCIAA aventi almeno sede operativa nel territorio della Provincia di Fermo (risultante da documentazione CCIAA). Le imprese devono ricadere esclusivamente fra le Microimprese, così come definite nel Decreto del 18/04/005 del Ministero delle attività Produttive, Pubblicata sulla G.U.R.I. n.106 del 09/05/005 che recepisce la raccomandazione della CE 003/361/CE del 06/05/003, pubblicata sulla G.U.C.E. L 14 del 0/05/003 (Allegato 8). Commento [PA8]: La sede operativa deve essere in Provincia di Fermo. La sede legale può essere fuori Provincia. 1) Le imprese beneficiarie degli interventi previsti negli assi I e II devono avere le seguenti forme: a) impresa individuale; b) società di persone; c) società di capitali con esclusione delle S.p.a e S.a.p.a.; d) c o o p e r a t i v e. ) Le imprese beneficiarie dell asse III devono avere le seguenti forme: a) cooperative sociali di cui all art. 1, comma 1, lettera b) della legge 08/11/1991, n. 381, iscritte nell albo delle cooperative sociali di cui alla legge regionale n. 34/001; b) società (con esclusione di S.p.a. e S.a.p.a.) ed altre cooperative nelle quali il 100% dei soci previsti nella compagine sociale ed il 51% dei soggetti attuatori (ovvero i soggetti considerati per l attribuzione del punteggio all indicatore OCC occupazione creata ) rientrino tra i soggetti disabili o svantaggiati di cui alla DGR 491/08 e 99/08, ovvero in una delle seguenti categorie: I) soggetti disabili ai sensi dell art. 1 della legge n. 68/1999; II) soggetti riconosciuti affetti al momento o in passato da una dipendenza, ai sensi della legislazione nazionale vigente, con certificazione sanitaria rilasciata dal competente servizio pubblico; III) soggetti caratterizzati da impedimenti accertati dipendenti da un handicap fisico, mentale o psichico ai sensi della legge n. 104/1 99; IV) soggetti espulsi dai processi produttivi o in mobilità o CIGS; V) soggetti inoccupati o disoccupati da almeno 6 mesi; VI) soggetti ultracinquantenni in stato di disoccupazione; VII) extracomunitari in possesso di regolare certificato di soggiorno che si spostino all interno di stati membri dell Unione Europea alla ricerca di occupazione; VIII) soggetti detenuti oppure in esecuzione penale esterna che beneficiano di una misura alternativa; IX) soggetti che, dopo essere stati sottoposti ad una pena detentiva, non abbiano ancora ottenuto il primo impiego retribuito regolarmente; X) donne vittime della tratta; c) imprese individuali i di cui titolari rientrino nelle categorie di cui al precedente punto b. Saranno considerate inammissibili le domande che: - non risultino conformi e rispondenti a tutto quanto previsto ai precedenti punti 1, e 4; - prevedano una spesa inferiore ad 5.000,00. Commento [PA9]: Investimento Minimo Non saranno, infine, ammissibili a finanziamento le domande che non raggiungano il punteggio finale minimo di 60/1 00. Commento [PA10]: E molto importate verificare preventivamente questo punteggio. Pagina 3 di 9

4 6 Imprese escluse dai benefici di cui al presente intervento Sono escluse dal finanziamento: a) le società, anche cooperative, nonché i titolari di imprese individuali che abbiano già usufruito di contributi analoghi con le risorse della programmazione Ob. 3 FSE 000/006; b) le società, anche cooperative, nonché i titolari di imprese individuali che abbiano già usufruito di contributi analoghi con le risorse del POR Ob. FESR 007/013, come persone fisiche o come persone giuridiche, nei 1 (dodici) mesi antecedenti la domanda di ammissione a finanziamento, a valere sulla presente linea guida; c) le società, anche cooperative, nonché i titolari di imprese individuali che abbiano già usufruito dei seguenti contributi: prestito d onore regionale per il lavoro autonomo e per le microimprese previsto dalla delibera di Giunta n. 1115/004; d) le società e le cooperative nelle cui compagini sociali risultino persone fisiche che abbiano goduto, in qualità di soci di maggioranza di società oppure di cooperative o con compiti di direzione di queste ultime, dei benefici previsti dalle leggi e delibere di cui alla precedente lettera a), b) e c); e) imprese che non hanno sede operativa nel territorio della provincia di Fermo; f) imprese innovative costituite non successivamente alla data di pubblicazione del presente Avviso all albo pretorio provinciale; g) le imprese che non ricadano fra le microimprese come definite dalla disciplina europea degli aiuti di stato alle PMI così come definite nel Decreto del 18/04/005 del Ministero delle attività Produttive, Pubblicata sulla G.U.R.I. n.106 del 09/05/005 che recepisce la raccomandazione della CE 003/361/CE del 06/05/003, pubblicata sulla G.U.C.E. L 14 del 0/05/003; h) le imprese operanti in settori di attività dichiarati inammissibili ai sensi del Reg. (CE) 1998/006 (Allegato 7); i) le imprese che abbiano raggiunto il limite del de minimis ai sensi del Reg. (CE) n. 1998/006; In applicazione del principio riferibile alla circolare della Regione Marche, in qualità di Autorità di Gestione POR FSE, del 16/0/009, prot , relativamente al Prestito d onore Regionale approvato con D.G.R. 1115/004, si precisa che le imprese costituite a seguito del suddetto Prestito d Onore Regionale, che non hanno goduto del contributo (abbattimento del tasso di interesse), possono concorrere al finanziamento previsto dal presente Avviso Pubblico. Pagina 4 di 9

5 7 - Spese ammissibili a contributo Il progetto deve contenere l elenco delle spese (al netto dell IVA e di qualsiasi altro onere accessorio) ed i relativi costi per i quali si richiede il contributo, come da Allegato, stampabile da Siform. Il progetto di impresa può comprendere spese rientranti nel campo di intervento del FESR, di cui al successivo punto A). I contributi riconducibili alle spese ambito FESR sono consentiti fino ad un massimo del 50% del contributo pubblico complessivo riconosciuto. Sono ammissibili al FSE, inoltre, le spese come da successivo punto B). A) spese riconducibili al FESR: A1)spese per l'acquisto di macchinari, attrezzature e arredi; per l'acquisto di autoveicoli di tipo tecnico speciali o che comunque possano essere adibiti ad uso esclusivo della attività espletata; A)spese relative ai canoni di leasing dei beni di cui alla precedente lettera A1); A3)spese per l'acquisto di hardware e di software (finalizzati all informatizzazione e allacciamento a reti informatiche); A4) spese per l'acquisto di brevetti o licenze d'uso; A5) spese per impianti e ristrutturazioni. B) spese ammissibili al FSE: B1) spese di costituzione (parcella notarile e assicurazioni) B) spese per la fideiussione B3) spese relative alle consulenze tecniche (consulenza fiscale, gestionale e marketing); B4) spese per la frequenza di attività formative collettive o individuali dei soggetti coinvolti nel progetto di creazione di impresa, anche mediante l utilizzo di voucher, utilizzabili presso le strutture formative regionali accreditate ai sensi delle delibere n. 6/001 e n. 164/001 per attività previste nel catalogo regionale, se disponibili. B5) spese per affitto immobili; B6) spese promozionali connesse all avviamento di imprese; B7) spese per nuova occupazione entro gli importi di seguito specificati ed a condizione che non si cumuli con altri aiuti pubblici analoghi (D.G.R. n. 190/009), relativamente ai progetti inerenti gli Assi II e III: Addizionale per alcune categorie di soggetti + 10% (lavoratori/lavoratrici over 45 donne ) Totale incentivo concedibile per assunzione. Tipologia contratto Incentivi Tempo determinato 1 mesi.000, ,00.00,00 Tempo determinato 4 mesi 3.000, , ,00 Tempo indeterminato 7.000, , ,00 Commento [PA11]: QUESTI SONO I CONTRIBUTI per le spese di cui alle precedenti lettere A), e B1) del punto 7, contributo fino al 40%; per le spese di cui alle precedenti lettere da B a B6 fino al 100%, ad eccezione dei voucher formativi rivolti ai soggetti ricadenti negli assi I e II, che possono essere concessi fino ad un importo massimo dell 80% della spesa o comunque nei limiti stabiliti dalle norme vigenti; Commento [PA1]: Bisogna fare molta attenzione a questa condizione. Nei bandi della Provincia di Macerata si faceva riferimento al limite del 50% del costo complessivo del progetto. La provincia di Fermo ha fatto riferimento al 50% del contributo pubblico complessivo riconosciuto. Commento [PA13]: Questo incentivo non era presente nei bandi della Provincia di Macerata. Non ho approfondito questo aspetto del bando. Per la concessione del contributo di cui sopra si applicherà quanto stabilito dalla D.G.R. n. 190/009. Il contributo deve essere relativo a nuove assunzioni con contratto a tempo determinato ex L. 368/001 (1 o 4 mesi) o tempo indeterminato (con esclusione del contratto a chiamata), anche part-time, avvenute dalla data di pubblicazione del presente Avviso Pubblico, fino alla data di durata di realizzazione del progetto come di seguito individuata, di soggetti che al momento della assunzione risultino inoccupati/disoccupati ai sensi del D.Lgs 97/00 da almeno tre mesi. Le assunzioni devono garantire il passaggio dei destinatari dallo status di inoccupato/disoccupato a quello di occupato. Nel caso di assunzioni part-time, gli incentivi sono proporzionalmente ridotti. 8 Modalità di riconoscimento della spesa Pagina 5 di 9

6 Le spese di cui al precedente punto 7 devono essere sostenute e pagate a partire dalla data di pubblicazione del presente Avviso Pubblico all albo pretorio provinciale, fino alla data prevista per la conclusione del progetto, stabilita in 1 mesi decorrenti dalla data dell atto di approvazione dell ammissione a finanziamento, documentate con fatture o documenti contabili aventi valore probatorio equivalente. Detto termine può essere prorogato, a seguito di presentazione di richiesta formale e motivata, per un periodo non superiore a 4 mesi, da richiedersi entro 30 giorni dalla data prevista per la conclusione dell intervento. Commento [PA14]: Il termine ultimo per la realizzazione del progetto è il seguente: 1 mesi dalla data di approvazione della domanda Non sono ammissibili spese pagate in contanti, autofatture, fatture pro-forma e preventivi. 9 Spese non ammissibili Con riferimento a tutti i beni, si precisa che non sono ammissibili le spese relative a: - acquisti da persone fisiche, società od imprese con assetti proprietari coincidenti; - acquisti fra società, imprese o persone fisiche associate o collegate fra loro ai sensi del Codice Civile (si specifica che tra le spese non ammissibili sono da prevedersi anche gli acquisti effettuati tra coniugi, parenti ed affini); - spese che si configurano come apporto dei soci; - interessi passivi; - beni usati; - IRAP recuperabile; - IVA recuperabile. Commento [PA15]: Fare molta attenzione alle prime tre condizioni Commento [PA16]: Sono quindi agevolabili sono i beni nuovi di fabbrica 10 Ammontare del contributo I contributi sono concessi per un importo fino a 5.000,00, elevabile fino ad ,00 nel caso di nuova occupazione creata di soggetti disabili o soggetti espulsi dal mercato del lavoro a seguito di crisi aziendali documentate dal ricorso agli ammortizzatori sociali (anche in deroga), nelle percentuali di seguito indicate: per le spese di cui alle precedenti lettere A), e B1) del punto 7, contributo fino al 40%; per le spese di cui alle precedenti lettere da B a B6 fino al 100%, ad eccezione dei voucher formativi rivolti ai soggetti ricadenti negli assi I e II, che possono essere concessi fino ad un importo massimo dell 80% della spesa o comunque nei limiti stabiliti dalle norme vigenti; per le spese di cui alla precedente lettera B7, entro i limiti stabiliti dalla D.G.R. n. 190/009 e riportati al precedente punto 7. Possono essere finanziati progetti che prevedano una spesa minima pari o superiore ad 5.000,00. Pagina 6 di 9

7 11.3.Elaborazione delle graduatorie Entro 90 giorni dalla data di scadenza di presentazione delle domande verrà effettuata la selezione i cui esiti saranno comunicati ai diretti interessati con lettera raccomandata. Le domande ritenute ricevibili/ammissibili saranno valutate da una Commissione nominata dal Dirigente del Settore Formazione Professionale, Scuola e Politiche del Lavoro, sulla base degli indicatori riportati nella tabella seguente: Criteri approvati Indicatori dal CdS Descrizione Requisiti di Priorità Peso Descrizione Peso Descrizione Indicatore Punteggio Cooperativa, società di persone o ditta individuale 1)Impresa proponente (IMP) Società a responsabilità limitata 1 10 Commento [PA17]: E importante verificare il punteggio per verificare il limite di 60/100 Qualità 50 ) Grado di affidabilità del progetto (AFF) Altro 0 Molto affidabile 3 Affidabile Poco affidabile 1 Non affidabile 0 punti per ogni soggetto occupato di genere femminile, 6 fino ad un punteggio massimo di 6 punti (massimo n. 3 donne) ) Soggetti coinvolti (SOG) 10 1 punto per ogni soggetto coinvolto diplomato o laureato fino ad un massimo di 4 punti (massimo n. 4 diplomati/laureati) Efficacia Potenziale 50 4)Occupazione creata (OCC) 5) Settore di attività (SET) Verrà assegnato un punto per ogni posto di lavoro creato fino ad un massimo di 3 punti Servizi alle imprese, Terzo settore e servizi alla persona, Turismo, Cultura, Ambiente. Commercio, Attività Manifatturiera, Altro. 1 Affinché una domanda possa risultare ammissibile all aiuto previsto dal presente bando il punteggio finale ottenuto come appena indicato non dovrà risultare inferiore a 60/100. Pagina 7 di 9

8 Modalità previste per l assegnazione dei punteggi agli indicatori di dettaglio In riferimento all indicatore Grado di affidabilità del progetto (AFF), il relativo punteggio sarà attribuito tenendo conto dei seguenti aspetti:.prospettive di mercato o del portafoglio ordini.adeguatezza delle professionalità coinvolte rispetto al tipo di attività svolto.apporto di capitale proprio.esistenza di collegamenti produttivi e/o commerciali con altre imprese.potenzialità competitive.grado di innovazione del progetto come da Circolare Regione Marche n del 16/0/009 (innovazione di prodotto, innovazione di processo, innovazione di organizzazione, innovazione commerciale o di marketing) e D.G.R. n. 1039/008. Relativamente all indicatore Occupazione creata (OCC), per l assegnazione del punteggio saranno presi in considerazione:.i soci delle cooperative iscritti nei libri obbligatori come lavoratori a tempo indeterminato;.i dipendenti a tempo indeterminato, negli altri casi;.i titolari di imprese individuali iscritti alla gestione obbligatoria INPS oppure i soci di società che versano i contributi obbligatori;.i coadiuvanti di imprese familiari iscritti alla gestione INPS. Commento [PA18]: I dipendenti a tempo determinato non vengono conteggiati. Stesso discorso per gli apprendisti. Qualora si tratti di contratti part-time fino al 50% il punteggio corrispondente sarà dimezzato. Per i contratti che prevedono una prestazione lavorativa superiore al 50% il punteggio corrispondente sarà proporzionato alla percentuale lavorativa. Non saranno considerati, per l assegnazione del punteggio, gli apprendisti. Per posto di lavoro creato, con riferimento alla Circolare della Regione Marche, in qualità di Autorità di Gestione del POR FSE, del 16/0/009, prot , si deve intendere l occupazione di un soggetto che si trovi nello stato di inoccupazione o disoccupazione ai sensi dei D.lgs 181/000 e 97/00. In riferimento all indicatore Tipo di soggetto coinvolti (SOG) si deve intendere per soggetto coinvolto quello che ha già beneficiato di un punteggio per l indicatore dell Occupazione creata. Il punteggio, pertanto, è cumulabile, con quello per l occupazione creata. Sono cumulabili, inoltre, i punteggi interni all indicatore SOG, vale a dire per le donne e diplomati/laureati coinvolti nel progetto. Pagina 8 di 9

9 Le graduatorie saranno pubblicate sul sito internet della Provincia di Fermo all albo pretorio della stessa Provincia di Fermo, sul Bollettino Ufficiale della Regione Marche e presso gli uffici del Settore Formazione Professionale, Scuola e Politiche del Lavoro. Con specifico atto verrà concesso il finanziamento ai beneficiari, previa accettazione dello stesso e acquisizione della documentazione di seguito elencata che dovrà essere prodotta, pena la decadenza dall aiuto, entro i 60 giorni successivi al ricevimento della comunicazione di approvazione della graduatoria provinciale e di individuazione delle posizioni utili al finanziamento: 1. Certificato di iscrizione alla CCIAA;. Numero del codice fiscale e della partita I.V.A. della società o cooperativa o dell impresa individuale; 3. Atto costitutivo e statuto della società o cooperativa (se pertinente); Commento [PA19]: Entro questo termine l impresa deve essere costituita. Responsabile del procedimento è il Dr. Maurilio Cestarelli. Recapiti per informazioni, chiarimenti ed indicazioni: Tel.0734/ Fax 0734/3545; Modalità di erogazione del contributo Il contributo sarà liquidato agli aventi diritto in due soluzioni come di seguito indicato : - una quota pari al 50% del contributo concesso, previa accettazione del contributo da parte del beneficiario; la concessione del contributo avviene a favore dell impresa dopo la costituzione dell impresa stessa; l erogazione dell anticipo avviene dietro presentazione di apposita garanzia fideiussoria (come da Allegato 10); - una quota relativa al saldo alla conclusione dell intervento e dietro presentazione dei documenti inerenti la conclusione del progetto e apposita documentazione di rendicontazione finale. A richiesta dell impresa beneficiaria che abbia speso almeno il 50% del contributo entro n. 8 (otto) mesi della comunicazione di ammissione a finanziamento, prima dell erogazione del saldo, potrà ottenere un secondo anticipo, pari al 35% del contributo, dietro presentazione di apposita garanzia fideiussoria. Pagina 9 di 9

21.05.2012 Regione Lazio: incentivi alla creazione d impresa

21.05.2012 Regione Lazio: incentivi alla creazione d impresa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N.215 21.05.2012 Regione Lazio: incentivi alla creazione d impresa A cura di Carlo De Luca e Luca Savastano Categoria: Agevolazioni Sottocategoria:

Dettagli

CONTRIBUTI PER IL SOSTEGNO ALLA CREAZIONE DI NUOVA IMPRESA. Simona Pasqualini P.F Servizi per l Impiego e Mercato del Lavoro Regione Marche

CONTRIBUTI PER IL SOSTEGNO ALLA CREAZIONE DI NUOVA IMPRESA. Simona Pasqualini P.F Servizi per l Impiego e Mercato del Lavoro Regione Marche CONTRIBUTI PER IL SOSTEGNO ALLA CREAZIONE DI NUOVA IMPRESA Simona Pasqualini P.F Servizi per l Impiego e Mercato del Lavoro Regione Marche Ascoli Piceno 28 giugno 2010 1 PROGRAMMA AR.CO Programma Ministeriale

Dettagli

C.C.I.CA.A.DI VARESE - AGEVOLAZIONI A FAVORE DI PMI

C.C.I.CA.A.DI VARESE - AGEVOLAZIONI A FAVORE DI PMI C.C.I.CA.A.DI VARESE - AGEVOLAZIONI A FAVORE DI PMI INTERVENTI DI CREDITO AGEVOLATO PER I SETTORI ARTIGIANATO, COMMERCIO, INDUSTRIA Anno 2005 (di cui alla deliberazione della Giunta Camerale n. 14 del

Dettagli

Allegato n. 1. Manuale di Gestione della misura Autoimpiego destinata ai beneficiari del Reddito di cittadinanza

Allegato n. 1. Manuale di Gestione della misura Autoimpiego destinata ai beneficiari del Reddito di cittadinanza Allegato n. 1 Manuale di Gestione della misura Autoimpiego destinata ai beneficiari del Reddito di cittadinanza Paragrafo. 1 Definizioni Nel presente Documento, l espressione: a) «Autoimpiego» indica lo

Dettagli

BANDO PREMIO IDEA INNOVATIVA, LA NUOVA IMPRENDITORIALITA AL FEMMINILE QUARTA EDIZIONE ART. 1 FINALITA DELL INIZIATIVA

BANDO PREMIO IDEA INNOVATIVA, LA NUOVA IMPRENDITORIALITA AL FEMMINILE QUARTA EDIZIONE ART. 1 FINALITA DELL INIZIATIVA BANDO PREMIO IDEA INNOVATIVA, LA NUOVA IMPRENDITORIALITA AL FEMMINILE QUARTA EDIZIONE ART. 1 FINALITA DELL INIZIATIVA La Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura di Roma, in collaborazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER L AVVIO DI NUOVE ATTIVITA IMPRENDITORIALI

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER L AVVIO DI NUOVE ATTIVITA IMPRENDITORIALI REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER L AVVIO DI NUOVE ATTIVITA IMPRENDITORIALI (Approvato dalla Giunta camerale con atto n. 38 del 24/02/2014) Art. 1 Finalità Nel quadro delle proprie iniziative

Dettagli

GOAL Giovani Opportunità per Attività Lavorative. Intraprendo Incentivi per la creazione di nuove imprese

GOAL Giovani Opportunità per Attività Lavorative. Intraprendo Incentivi per la creazione di nuove imprese GOAL Giovani Opportunità per Attività Lavorative Intraprendo Incentivi per la creazione di nuove imprese GOAL Giovani Opportunità per Attività Lavorative A chi è rivolto iniziative strutturate sotto forma

Dettagli

COSA TROVI IN QUESTA SCHEDA

COSA TROVI IN QUESTA SCHEDA Regione Puglia START UP Scheda informativa sul nuovo bando della Regione Puglia Sostegno allo start up di microimprese di nuova costituzione realizzate da soggetti svantaggiati. COSA TROVI IN QUESTA SCHEDA

Dettagli

START UP DI IMPRESE INNOVATIVE ANNO 2016

START UP DI IMPRESE INNOVATIVE ANNO 2016 START UP DI IMPRESE INNOVATIVE ANNO 2016 Presentazione domande: a sportello dalle ore 10 del 1 marzo 2016 alle ore 17 del 30 settembre 2016 salvo esaurimento fondi TERRITORIO: Regione Emilia Romagna OBIETTIVI

Dettagli

STRUMENTI AGEVOLATIVI IN FAVORE DELL IMPRENDITORIA GIOVANILE Legge Regionale n. 57/1999

STRUMENTI AGEVOLATIVI IN FAVORE DELL IMPRENDITORIA GIOVANILE Legge Regionale n. 57/1999 STRUMENTI AGEVOLATIVI IN FAVORE DELL IMPRENDITORIA GIOVANILE Legge Regionale n. 57/1999 Disciplina di riferimento DGR 3929 del 4 dicembre 2007 (BUR n. 1 del 1 gennaio 2008) DGR 2096 del 7 luglio 2009 (BUR

Dettagli

Bando pubblico contenente modalità e criteri per l assegnazione di contributi a progetti d investimento delle imprese cooperative.

Bando pubblico contenente modalità e criteri per l assegnazione di contributi a progetti d investimento delle imprese cooperative. Allegato A Bando pubblico contenente modalità e criteri per l assegnazione di contributi a progetti d investimento delle imprese cooperative. 1. Soggetti beneficiari Sono beneficiarie di contributi di

Dettagli

PROVINCIA DI VICENZA

PROVINCIA DI VICENZA PROVINCIA DI VICENZA PATTO SOCIALE PER IL LAVORO VICENTINO AVVISO PUBBLICO PER LA CONCESSIONE, IN VIA SPERIMENTALE, DI CONTRIBUTI PER IL SOSTEGNO ALLA CREAZIONE DI NUOVA IMPRESA. 1. OGGETTO DEL BANDO Nell'ambito

Dettagli

Modalità Attuative Fondo Prestiti Rimborsabili

Modalità Attuative Fondo Prestiti Rimborsabili OBIETTIVO COMPETITIVITÀ REGIONALE E OCCUPAZIONE PROGRAMMA OPERATIVO 2007-2013 REGIONE LIGURIA Parte Competitività COFINANZIATO DAL F.E.S.R. - FONDO EUROPEO DI SVILUPPO REGIONALE ASSE 1 INNOVAZIONE E COMPETITIVITA

Dettagli

COMUNE DI DORGALI Viale Umberto, 37 CAP 08022 - TEL. 0784-927200 FAX 0784-94288 Provincia di Nuoro

COMUNE DI DORGALI Viale Umberto, 37 CAP 08022 - TEL. 0784-927200 FAX 0784-94288 Provincia di Nuoro COMUNE DI DORGALI Viale Umberto, 37 CAP 08022 - TEL. 0784-927200 FAX 0784-94288 Provincia di Nuoro Contributi alle iniziative produttive nell ambito del P.O.I.C. Progetto Operativo per l Imprenditorialità

Dettagli

Circolare N.140 del 19 Settembre 2013

Circolare N.140 del 19 Settembre 2013 Circolare N.140 del 19 Settembre 2013 Smart & Start. Incentivi ed agevolazioni fino a 500.000 euro per i progetti innovativi al sud Gentile cliente con la presente intendiamo informarla che Smart & Start

Dettagli

Progetto speciale multiasse INTRAPRENDO. Incentivi per la creazione di nuove imprese

Progetto speciale multiasse INTRAPRENDO. Incentivi per la creazione di nuove imprese Fondazione per la Promozione della Cultura Professionale e dello Sviluppo Economico Progetto speciale multiasse INTRAPRENDO Incentivi per la creazione di nuove imprese Azioni di sostegno allo start-up

Dettagli

BANDO PER LA CREAZIONE DI NUOVE IMPRESE GIOVANILI - ANNO 2014. Disposizioni generali

BANDO PER LA CREAZIONE DI NUOVE IMPRESE GIOVANILI - ANNO 2014. Disposizioni generali BANDO PER LA CREAZIONE DI NUOVE IMPRESE GIOVANILI - ANNO 2014 Disposizioni generali Art. 1 Finalità e destinatari Nell ambito delle iniziative promozionali volte a favorire lo sviluppo del sistema economico

Dettagli

Bando Attività di Vicinato

Bando Attività di Vicinato COMUNE DI FERRARA Città Patrimonio dell Umanità Servizio Attività Produttive, Commercio e Turismo ALLEGATO B alla Delibera di Giunta Comunale P.G. 87807/06 BANDO ATTUATIVO DI CONCESSIONE CONTRIBUTI ANNO

Dettagli

FONDO GARANZIA PER LE PMI DELLA CAMERA DI COMMERCIO DI CAGLIARI

FONDO GARANZIA PER LE PMI DELLA CAMERA DI COMMERCIO DI CAGLIARI FONDO GARANZIA PER LE PMI DELLA CAMERA DI COMMERCIO DI CAGLIARI Il Fondo di Garanzia è stato istituito dalla Camera di Commercio con apposito Regolamento, approvato con deliberazione del Consiglio camerale

Dettagli

Nuove misure di finanza agevolata a favore delle imprese calabresi

Nuove misure di finanza agevolata a favore delle imprese calabresi Nuove misure di finanza agevolata a favore delle imprese calabresi di Enrico Mazza Il 29 novembre scorso sono stati pubblicati sul BURC (n. 48 parte III) i Decreti che riguardano l approvazione degli Avvisi

Dettagli

AUTOIMPIEGO: decreto legislativo n. 185/2000 Titolo II MICROIMPRESA

AUTOIMPIEGO: decreto legislativo n. 185/2000 Titolo II MICROIMPRESA AUTOIMPIEGO: decreto legislativo n. 185/2000 Titolo II MICROIMPRESA La Microimpresa è una misura prevista dal Titolo II del Decreto 185/2000 pensata per chi vuole creare una piccola impresa nel settore

Dettagli

BANDO IMPRENDITORIA INNOVATIVA 2014

BANDO IMPRENDITORIA INNOVATIVA 2014 BANDO IMPRENDITORIA INNOVATIVA 2014 PREMESSE MagVenezia e Consorzio Finanza Solidale realizzano da oltre 20 anni sul territorio del veneziano un attività finanziaria a sostegno dello sviluppo dell imprenditoria

Dettagli

FONDO DI ROTAZIONE PER L INNOVAZIONE TECNOLOGICA POR Veneto 2007-2013

FONDO DI ROTAZIONE PER L INNOVAZIONE TECNOLOGICA POR Veneto 2007-2013 FONDO DI ROTAZIONE PER L INNOVAZIONE TECNOLOGICA POR Veneto 2007-2013 Disciplina di riferimento POR Veneto 2007-2013, parte FESR. Asse 1 Linea d intervento 1.2 Ingegneria Finanziaria Azione 1.2.3. DGR

Dettagli

INVITALIA (ex Sviluppo Italia) www.invitalia.it

INVITALIA (ex Sviluppo Italia) www.invitalia.it INVITALIA (ex Sviluppo Italia) www.invitalia.it La legge che agevola l Autoimpiego (D.L. n. 185/2000 - Titolo II) costituisce il principale strumento di sostegno alla realizzazione e all avvio di piccole

Dettagli

L.R. 9.3.2007, n. 4 INIZIATIVE A FAVORE DELL EDILIZIA SOSTENIBILE

L.R. 9.3.2007, n. 4 INIZIATIVE A FAVORE DELL EDILIZIA SOSTENIBILE giunta regionale 8^ legislatura ALLEGATO A Dgr n. 1579 del 17/06/2008 pag. 1/7 L.R. 9.3.2007, n. 4 INIZIATIVE A FAVORE DELL EDILIZIA SOSTENIBILE Modalità per la concessione e la liquidazione delle agevolazioni

Dettagli

Veneto: L. R. 5/2001 Fondo di Rotazione per i finanziamenti agevolati alle piccole e medie imprese (PMI) Sezione A, Sezione B

Veneto: L. R. 5/2001 Fondo di Rotazione per i finanziamenti agevolati alle piccole e medie imprese (PMI) Sezione A, Sezione B Veneto: L. R. 5/2001 Fondo di Rotazione per i finanziamenti agevolati alle piccole e medie imprese (PMI) Sezione A, Sezione B Scadenze Fino ad esaurimento fondi. In breve La SEZIONE A del Fondo di rotazione

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER IL SOSTEGNO E LA CREAZIONE DI NUOVE IMPRESE NELLA PROVINCIA DI TRAPANI

AVVISO PUBBLICO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER IL SOSTEGNO E LA CREAZIONE DI NUOVE IMPRESE NELLA PROVINCIA DI TRAPANI AVVISO PUBBLICO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER IL SOSTEGNO E LA CREAZIONE DI NUOVE IMPRESE NELLA PROVINCIA DI TRAPANI ARTICOLO 1 - Finalità La Camera di Commercio di Trapani, nell ambito del progetto

Dettagli

BANDO PER IL SOSTEGNO DELLA PICCOLA IMPRENDITORIA INNOVATIVA

BANDO PER IL SOSTEGNO DELLA PICCOLA IMPRENDITORIA INNOVATIVA BANDO PER IL SOSTEGNO DELLA PICCOLA IMPRENDITORIA INNOVATIVA PREMESSE MagVenezia e Consorzio Finanza Solidale realizzano da 20 anni sul territorio del veneziano un attività finanziaria a sostegno dello

Dettagli

PROGRAMMA P.A.R.I. INVITO A MANIFESTARE INTERESSE DIRETTO AI DATORI DI LAVORO

PROGRAMMA P.A.R.I. INVITO A MANIFESTARE INTERESSE DIRETTO AI DATORI DI LAVORO ALLEGATO A PROGRAMMA P.A.R.I. INVITO A MANIFESTARE INTERESSE DIRETTO AI DATORI DI LAVORO 1. FINALITA La Provincia del Medio Campidano, d intesa con l Assessorato Regionale al Lavoro, Formazione Professionale,

Dettagli

Le agevolazioni regionali per l imprenditoria giovanile, femminile e dei soggetti destinatari di ammortizzatori sociali (L.R.

Le agevolazioni regionali per l imprenditoria giovanile, femminile e dei soggetti destinatari di ammortizzatori sociali (L.R. Le agevolazioni regionali per l imprenditoria giovanile, femminile e dei soggetti destinatari di ammortizzatori sociali (L.R. 21/2008) 1 La L.R. 29 aprile 2008, n. 21 è stata modificata e ampliata in modo

Dettagli

BANDO PER IL FINANZIAMENTO DI VOUCHER AZIENDALI Legge 236/93, art. 9 D.M. 18 novembre 2009 Delibera n. 1325 del 06/09/2011

BANDO PER IL FINANZIAMENTO DI VOUCHER AZIENDALI Legge 236/93, art. 9 D.M. 18 novembre 2009 Delibera n. 1325 del 06/09/2011 BANDO PER IL FINANZIAMENTO DI VOUCHER AZIENDALI Legge 236/93, art. 9 D.M. 18 novembre 2009 Delibera n. 1325 del 06/09/2011 Art.1 Premessa Nel rispetto di quanto previsto dalla Legge 236/93, art. 9, comma

Dettagli

PIANO PROVINCIALE DISABILI DOTI DISABILI IN RETE RIAPERTURA BANDO N.3/2012: AZIONE DI SISTEMA INTRODUZIONE DI TECNOLOGIE ASSISTIVE

PIANO PROVINCIALE DISABILI DOTI DISABILI IN RETE RIAPERTURA BANDO N.3/2012: AZIONE DI SISTEMA INTRODUZIONE DI TECNOLOGIE ASSISTIVE PIANO PROVINCIALE DISABILI DOTI DISABILI IN RETE RIAPERTURA BANDO N.3/2012: AZIONE DI SISTEMA INTRODUZIONE DI TECNOLOGIE ASSISTIVE Riferimenti normativi e direttive - D.lgs. n. 469/97; - L. n. 68 /1999

Dettagli

MICROIMPRESA Pensare in grande da piccoli

MICROIMPRESA Pensare in grande da piccoli MICROIMPRESA Pensare in grande da piccoli SSOMMARIIO DESTIINATARII... 2 1.1 I destinatari 2 COSA SII PUO FFARE... 3 2.1 Cosa si può fare 3 LLE AGEVOLLAZIIONII PREVIISTE... 4 3.1 Le agevolazioni previste

Dettagli

MICROIMPRESA DECRETO LEGISLATIVO 185/00 TITOLO II

MICROIMPRESA DECRETO LEGISLATIVO 185/00 TITOLO II MICROIMPRESA DECRETO LEGISLATIVO 185/00 TITOLO II SOGGETTI BENEFICARI Questa agevolazione è rivolta a persone che intendono avviare un attività imprenditoriale di piccola dimensione in forma di società

Dettagli

FONDARE IMPRESA BANDO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI PER N. 10 PROGETTI DI IMPRESA

FONDARE IMPRESA BANDO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI PER N. 10 PROGETTI DI IMPRESA FONDARE IMPRESA BANDO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI PER N. 10 PROGETTI DI IMPRESA A. Obiettivo La Fondazione Cassa di Risparmio di Fano individua come obiettivo specifico per l anno 2012 la partecipazione

Dettagli

Comune di Sinnai Provincia di Cagliari

Comune di Sinnai Provincia di Cagliari Comune di Sinnai Provincia di Cagliari REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE IMPRESE DI NUOVA FORMAZIONE L.R. 24 dicembre 1998, n. 37, Art. 19 1 Art. 1 Oggetto del Regolamento Principi 1) Il

Dettagli

STUDIO COMMERCIALE ROBERTO MY

STUDIO COMMERCIALE ROBERTO MY AGEVOLAZIONI PER LA MICROIMPRESA A CHI SI RIVOLGE Questa agevolazione è rivolta a persone che intendono avviare un attività imprenditoriale di piccola dimensione in forma di società di persone. 1 Sono

Dettagli

PROVINCIA OGLIASTRA. PROGRAMMA P.A.R.I. Programma d Azione per il Re-Impiego di lavoratori svantaggiati

PROVINCIA OGLIASTRA. PROGRAMMA P.A.R.I. Programma d Azione per il Re-Impiego di lavoratori svantaggiati PROVINCIA OGLIASTRA PROGRAMMA P.A.R.I. Programma d Azione per il Re-Impiego di lavoratori svantaggiati INVITO A MANIFESTARE INTERESSE, DIRETTO AI DATORI DI LAVORO 1. FINALITA La Provincia dell Ogliastra,

Dettagli

COMUNE DI MONZA ASSESSORATO ATTIVITA PRODUTTIVE

COMUNE DI MONZA ASSESSORATO ATTIVITA PRODUTTIVE COMUNE DI MONZA ASSESSORATO ATTIVITA PRODUTTIVE Direzione Sviluppo Economico e Valorizzazione Asset Patrimoniali e Territoriali Servizio SUAP e Polizia Amministrativa INTERVENTI PER ATTIVITA COMMERCIALI

Dettagli

categoria) e successive modificazioni e del Reg. (CE) n. 1407/2013 della Commissione del 18 dicembre 2013 (Regolamento de minimis ).

categoria) e successive modificazioni e del Reg. (CE) n. 1407/2013 della Commissione del 18 dicembre 2013 (Regolamento de minimis ). Sostegno dei processi di internazionalizzazione delle Piccole e medie imprese del Lazio in forma aggregata Bando: L.R. n. 5 del 2008 Disciplina degli interventi regionali a sostegno Dell internazionalizzazione

Dettagli

COMUNE DI NULE PROVINCIA DI SASSARI

COMUNE DI NULE PROVINCIA DI SASSARI COMUNE DI NULE PROVINCIA DI SASSARI LR 37/98 ART. 19 INIZIATIVE PER LO SVILUPPO E L OCCUPAZIONE ANNUALITA 2006 OGGETTO CONCESSIONE CONTRIBUTI, NELLA FORMA DEL DE MINIMIS, PER LA COSTITUZIONE DI NUOVE IMPRESE.

Dettagli

BANDO A.I.D.A. APPORTARE INNOVAZIONE DIRETTAMENTE IN AZIENDA ANNO 2015

BANDO A.I.D.A. APPORTARE INNOVAZIONE DIRETTAMENTE IN AZIENDA ANNO 2015 BANDO A.I.D.A. APPORTARE INNOVAZIONE DIRETTAMENTE IN AZIENDA ANNO 2015 Art. 1 Finalità La Camera di Commercio di Frosinone, nell ambito delle proprie iniziative volte a favorire lo sviluppo dell economia

Dettagli

FININDUSTRIA srl Holding di partecipazione di Confindustria Taranto

FININDUSTRIA srl Holding di partecipazione di Confindustria Taranto Speciale - NIDI Nuove Iniziative D Impresa Regione Puglia PO FESR 2007 2013 Asse VI Competitività dei sistemi produttivi e occupazione Linea di intervento 6.1.5 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia

Dettagli

PROVINCIA DI LECCO. Programma Provinciale della Legge 236/93 art. 9 comma 3 e 7 INTERVENTI DI FORMAZIONE VOLTI ALLA RICOLLOCAZIONE

PROVINCIA DI LECCO. Programma Provinciale della Legge 236/93 art. 9 comma 3 e 7 INTERVENTI DI FORMAZIONE VOLTI ALLA RICOLLOCAZIONE ALLEGATO 1 PROVINCIA DI LECCO Programma Provinciale della Legge 236/93 art. 9 comma 3 e 7 INTERVENTI DI FORMAZIONE VOLTI ALLA RICOLLOCAZIONE Piano Provinciale Esecutivo 1. RIFERIMENTI NORMATIVI Legge 19

Dettagli

FONDO DI ROTAZIONE PER IL POLESINE - Sezione PMI Artigiane - DGR n. 362 del 20 febbraio 2007 (ex Misura 5.2 Obiettivo 2 1997-1999)

FONDO DI ROTAZIONE PER IL POLESINE - Sezione PMI Artigiane - DGR n. 362 del 20 febbraio 2007 (ex Misura 5.2 Obiettivo 2 1997-1999) FONDO DI ROTAZIONE PER IL POLESINE - Sezione PMI Artigiane - DGR n. 362 del 20 febbraio 2007 (ex Misura 5.2 Obiettivo 2 1997-1999) Disciplina di riferimento DGR 3985 del 16 dicembre 2008 (BUR n. 106 del

Dettagli

Microimpresa Pensare in grande, da piccoli

Microimpresa Pensare in grande, da piccoli Microimpresa Pensare in grande, da piccoli Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa SpA Microimpresa Pensare in grande, da piccoli Invitalia, l Agenzia nazionale per

Dettagli

FINANZIARIA & MEDIAZIONE CREDITIZIA

FINANZIARIA & MEDIAZIONE CREDITIZIA Finanza Agevolata - Regione Lombardia Fondo di Rotazione per l imprenditorialità Linea di intervento n. 8 : Start up d impresa di giovani, donne e soggetti svantaggiati BENEFICIARI PMI che alla data di

Dettagli

imprese in liquidazione o soggette a procedura concorsuale;

imprese in liquidazione o soggette a procedura concorsuale; B. CHI PUÒ PARTECIPARE A START UP? Per partecipare a Start Up, un impresa al momento della presentazione della domanda deve essere in possesso delle caratteristiche indicate di seguito ai punti 1, 2 e

Dettagli

Nuove imprese a tasso zero - finanziamenti agevolati per nuove cooperative di giovani e donne.

Nuove imprese a tasso zero - finanziamenti agevolati per nuove cooperative di giovani e donne. Nuove imprese a tasso zero - finanziamenti agevolati per nuove cooperative di giovani e donne. È entrata nella sua fase operativa il provvedimento del Ministero dello Sviluppo Economico che prevede la

Dettagli

COMUNE DI GONNOSTRAMATZA. Provincia di Oristano. Bando

COMUNE DI GONNOSTRAMATZA. Provincia di Oristano. Bando COMUNE DI GONNOSTRAMATZA Provincia di Oristano Bando per l assegnazione di contributi alle imprese per l inserimento lavorativo di giovani (L.R. n.1/2009 art. 3 e L.R. n.3/2009 art. 2) VISTE la L.R. n.1/2009

Dettagli

Fondo MICROCREDITO FSE

Fondo MICROCREDITO FSE Napoli 29 maggio 2012 Fondo MICROCREDITO FSE P.O. Campania FSE 2007-2013 Asse I Adattabilità Ob. Spec. c) Ob. Op. c.2 Asse II Occupabilità Ob. Spec. e) Ob. Op. e.3, e.4 Asse III Inclusione sociale Ob.

Dettagli

ENERGIE ALTERNATIVE PER UN TURISMO ED UNA AGRICOLTURA DI QUALITA

ENERGIE ALTERNATIVE PER UN TURISMO ED UNA AGRICOLTURA DI QUALITA ENERGIE ALTERNATIVE PER UN TURISMO ED UNA AGRICOLTURA DI QUALITA Erogazione di contributi in conto capitale alle P.M.I. del settore turistico e del settore agricolo localizzati nel territorio provinciale

Dettagli

FONDO DI GARANZIA PER IL MICROCREDITO MODALITA E PROCEDURE PER LA CONCESSIONE DI GARANZIE A FAVORE DI IMPRESE DI NUOVA COSTITUZIONE

FONDO DI GARANZIA PER IL MICROCREDITO MODALITA E PROCEDURE PER LA CONCESSIONE DI GARANZIE A FAVORE DI IMPRESE DI NUOVA COSTITUZIONE ALLEGATO A FONDO DI GARANZIA PER IL MICROCREDITO MODALITA E PROCEDURE PER LA CONCESSIONE DI GARANZIE A FAVORE DI IMPRESE DI NUOVA COSTITUZIONE 1. FINALITA` E OBIETTIVI L iniziativa prevede l utilizzo del

Dettagli

FONDO DI ROTAZIONE PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI AGEVOLATI ALLE PMI ARTIGIANE Legge Regionale n. 2/2002

FONDO DI ROTAZIONE PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI AGEVOLATI ALLE PMI ARTIGIANE Legge Regionale n. 2/2002 FONDO DI ROTAZIONE PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI AGEVOLATI ALLE PMI ARTIGIANE Legge Regionale n. 2/2002 Disciplina di riferimento DGR n. 3985 del 16 dicembre 2008 (BUR n. 106 del 26 dicembre 2008)

Dettagli

PROVINCIA REGIONALE DI ENNA

PROVINCIA REGIONALE DI ENNA PROVINCIA REGIONALE DI ENNA Regolamento PRESTITO D ONORE (Delibere C.P. 27/04, 4/05 ) ------------------------------- La Provincia Regionale di Enna, IV Settore Programmazione e Sviluppo Economico concede

Dettagli

32 70022 +39 080 3105531 06194250723 C.F. SLVNCL76R18C134X

32 70022 +39 080 3105531 06194250723 C.F. SLVNCL76R18C134X Start Up Settori di intervento Sono ammissibili gli investimenti riguardanti i settori di cui all allegato A del Regolamento. Sono validi i divieti e le limitazioni derivanti dalle vigenti normative dell

Dettagli

BANDO IMPRESA GIOVANI

BANDO IMPRESA GIOVANI BANDO IMPRESA GIOVANI Art. 1 Finalità Scopo della presente iniziativa è lo sviluppo ed il sostegno all imprenditorialità mediante l erogazione di pacchetti integrati di servizi (orientamento, formazione

Dettagli

Giovani Opportunità per Attività Lavorative

Giovani Opportunità per Attività Lavorative Fondazione per la Promozione della Cultura Professionale e dello Sviluppo Economico REGIONE ABRUZZO Direzione Politiche Attive del Lavoro, Formazione ed Istruzione, Politiche Sociali Giovani Opportunità

Dettagli

Spese ammissibili: spese per acquisto di macchinari, attrezzature, impianti, beni strumentali, hardware, software e tecnologie digitali

Spese ammissibili: spese per acquisto di macchinari, attrezzature, impianti, beni strumentali, hardware, software e tecnologie digitali Bando/Agevolazione: Beni strumentali ("Nuova Sabatini") Obiettivo: incrementare la competitività e migliorare l accesso al credito delle micro, piccole e medie imprese, attraverso l acquisto di nuovi macchinari,

Dettagli

SINTESI BANDI PACCHETTO LAVORO SUBITO. 1. GOAL - giovani opportunità per attività lavorative

SINTESI BANDI PACCHETTO LAVORO SUBITO. 1. GOAL - giovani opportunità per attività lavorative SINTESI BANDI PACCHETTO LAVORO SUBITO Pacchetto di interventi, finanziato con risorse del FSE e del Ministero del Lavoro, per superare le difficoltà di accesso al credito - Avviso Pubblico "Microcredito

Dettagli

Regolamento per la concessione di contributi in conto interesse alle imprese dei settori artigianato, commercio e turismo

Regolamento per la concessione di contributi in conto interesse alle imprese dei settori artigianato, commercio e turismo Regolamento per la concessione di contributi in conto interesse alle imprese dei settori artigianato, commercio e turismo Approvato con delibera consiliare n. 49 del 23 aprile 2004 Modificato con delibera

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA CORRETTA GESTIONE DEI PROGETTI PRIVATI

LINEE GUIDA PER LA CORRETTA GESTIONE DEI PROGETTI PRIVATI LINEE GUIDA PER LA CORRETTA GESTIONE DEI PROGETTI PRIVATI MISURA 4.2 AZIONE 4.2.1 POR MOLISE 2000-2006 AIUTI DE MINIMIS ALLE IMPRESE ARTIGIANE S.F.I.D.E. Sviluppo, formazione, ideazione di progetti per

Dettagli

Premessa. Art. 1 Oggetto, importo e spese ammissibili al contributo camerale

Premessa. Art. 1 Oggetto, importo e spese ammissibili al contributo camerale Bando per la concessione di contributi alle imprese per interventi relativi alla progettazione in materia di efficienza energetica con elevati standard di qualità (es. CasaClima, Leed e simili) superiori

Dettagli

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI LIVORNO. Bando Provinciale a sostegno Imprenditoria Giovanile

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI LIVORNO. Bando Provinciale a sostegno Imprenditoria Giovanile PROVINCIA DI LIVORNO AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI LIVORNO Bando Provinciale a sostegno Imprenditoria Giovanile Premessa La Provincia promuove e finanzia interventi volti allo sviluppo di imprese giovanili

Dettagli

Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa SpA. Microimpresa

Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa SpA. Microimpresa Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa SpA Invitalia, l Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa, agisce su mandato del Governo

Dettagli

SCHEDA DELLE DIRETTIVE DI ATTUAZIONE

SCHEDA DELLE DIRETTIVE DI ATTUAZIONE PARERE n.21 "Approvazione delle Direttive di attuazione per sostenere la creazione e/o il potenziamento delle reti e dei cluster di imprese attraverso lo strumento del Contratto di Investimento ai sensi

Dettagli

Spett.le COMUNE di Cagliari Servizio Attività Produttive Ufficio Incentivi alle Imprese Via Sonnino 09100 Cagliari

Spett.le COMUNE di Cagliari Servizio Attività Produttive Ufficio Incentivi alle Imprese Via Sonnino 09100 Cagliari ALLEGATO A Spett.le COMUNE di Cagliari Servizio Attività Produttive Ufficio Incentivi alle Imprese Via Sonnino 09100 Cagliari DOMANDA PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI PER LO SVILUPPO DI PICCOLE E MEDIE

Dettagli

COMUNE DI PARMA CRITERI PER L ACCESSO ALLE FORME DI CONTRIBUZIONE ECONOMICA ED ALLE MISURE DI SOSTEGNO ALLE IMPRESE

COMUNE DI PARMA CRITERI PER L ACCESSO ALLE FORME DI CONTRIBUZIONE ECONOMICA ED ALLE MISURE DI SOSTEGNO ALLE IMPRESE COMUNE DI PARMA CRITERI PER L ACCESSO ALLE FORME DI CONTRIBUZIONE ECONOMICA ED ALLE MISURE DI SOSTEGNO ALLE IMPRESE Approvati con deliberazione di C.C. n. 88 del 08/07/2008, modificati con successiva deliberazione

Dettagli

Art. 1 Oggetto, importo e spese ammissibili al contributo camerale

Art. 1 Oggetto, importo e spese ammissibili al contributo camerale Bando per la concessione di contributi alle imprese per la realizzazione o integrazione di siti web con sistemi di gestione completa della transazione e pagamento elettronico (e-commerce) 1. La Camera

Dettagli

Regolamento Comunale per l istituzione e la gestione del Fondo Speciale destinato alla creazione di nuove imprese e di nuova occupazione.

Regolamento Comunale per l istituzione e la gestione del Fondo Speciale destinato alla creazione di nuove imprese e di nuova occupazione. CITTA DI OMEGNA PROVINCIA DEL VERBANO-CUSIO-OSSOLA Regolamento Comunale per l istituzione e la gestione del Fondo Speciale destinato alla creazione di nuove imprese e di nuova occupazione. (approvato con

Dettagli

Bando per la creazione ed il sostegno alle nuove imprese Bando aperto dal 17 settembre 2014 al 28 novembre 2014

Bando per la creazione ed il sostegno alle nuove imprese Bando aperto dal 17 settembre 2014 al 28 novembre 2014 Bando per la creazione ed il sostegno alle nuove imprese Bando aperto dal 17 settembre 2014 al 28 novembre 2014 Art. 1 - Finalità La Camera di Commercio di Rimini, nell ambito delle iniziative promozionali

Dettagli

Contributi per processi di aggregazione dei Consorzi Fidi. Regolamento di Attuazione

Contributi per processi di aggregazione dei Consorzi Fidi. Regolamento di Attuazione UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA ASSESSORATO ALLE ATTIVITÀ PRODUTTIVE Contributi per processi di aggregazione dei Consorzi Fidi Regolamento di Attuazione L.R. 7/2006 art. 25 L.R. n.

Dettagli

Opportunità e meccanismo di accesso ai fondi gestiti da Finpiemonte

Opportunità e meccanismo di accesso ai fondi gestiti da Finpiemonte Opportunità e meccanismo di accesso ai fondi gestiti da Finpiemonte Torino, 20 novembre 2014 L.R. 1/09 - Artigianato 1 FINALITA E RISORSE Sostegno agli investimenti finalizzati allo sviluppo e alla qualificazione

Dettagli

Prot. n. 4721 Osini, li 31/12/2012. Misure di sostegno dei piccoli comuni. L.R. 1/2011 Art. 3 bis L.R. 12/2011 - Art. 18 - Comma 31.

Prot. n. 4721 Osini, li 31/12/2012. Misure di sostegno dei piccoli comuni. L.R. 1/2011 Art. 3 bis L.R. 12/2011 - Art. 18 - Comma 31. Prot. n. 4721 Osini, li 31/12/2012 Misure di sostegno dei piccoli comuni L.R. 1/2011 Art. 3 bis L.R. 12/2011 - Art. 18 - Comma 31. Delibera della G.R. n. 48/38 del 01.12.2011 Misure attuative BANDO Assegnazione

Dettagli

Microimpresa. Pensare in grande, da piccoli

Microimpresa. Pensare in grande, da piccoli Microimpresa Pensare in grande, da piccoli Le agevolazioni previste per la microimpresa sono rivolte a società di persone di nuova costituzione che intendono avviare un attività imprenditoriale di piccola

Dettagli

COMUNE DI FLORIDIA. Provincia di Siracusa

COMUNE DI FLORIDIA. Provincia di Siracusa COMUNE DI FLORIDIA Provincia di Siracusa REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE AI GIOVANI DI AGEVOLAZIONI IN CONTO INTERESSI PER L APERTURA DI NUOVE ATTIVITA NEL TERRITORIO DI FLORIDIA DELIBERATO DAL CONSIGLIO

Dettagli

DISCIPLINARE DI CONCESSIONE

DISCIPLINARE DI CONCESSIONE Allegato 3B INVESTIAMO PER IL VOSTRO FUTURO INIZIATIVA COFINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO NELL AMBITO DEL PROGRAMMA OPERATIVO 2007-2013 DELLA REGIONE MOLISE DISCIPLINARE DI CONCESSIONE conforme allo

Dettagli

CITTA DI VIGEVANO REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI CONTRIBUTI SU MUTUI FINALIZZATI ALL ACQUISTO DELLA PRIMA CASA DA PARTE DI GIOVANI FAMIGLIE

CITTA DI VIGEVANO REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI CONTRIBUTI SU MUTUI FINALIZZATI ALL ACQUISTO DELLA PRIMA CASA DA PARTE DI GIOVANI FAMIGLIE CITTA DI VIGEVANO REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI CONTRIBUTI SU MUTUI FINALIZZATI ALL ACQUISTO DELLA PRIMA CASA DA PARTE DI GIOVANI FAMIGLIE Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale in data 19/12/2001

Dettagli

Nuovo Regime di Aiuto per le Imprese Artigiane della Regione Campania II Bando. Titolo I INVESTIMENTI PER LO SVILUPPO E L'INNOVAZIONE

Nuovo Regime di Aiuto per le Imprese Artigiane della Regione Campania II Bando. Titolo I INVESTIMENTI PER LO SVILUPPO E L'INNOVAZIONE UNIONE EUROPEA DOMANDA DI AMMISSIONE ALLE AGEVOLAZIONI Nuovo Regime di Aiuto per le Imprese Artigiane della Regione Campania II Bando Titolo I INVESTIMENTI PER LO SVILUPPO E L'INNOVAZIONE RISERVATO AL

Dettagli

Gli incentivi sono cumulabili fino a un contributo massimo di Euro 500.000 in quattro anni.

Gli incentivi sono cumulabili fino a un contributo massimo di Euro 500.000 in quattro anni. Palermo, 20 novembre 2013 Oggetto: SMART & START In relazione all ampia disponibilità di fondi ancora non utilizzati e considerato il buon esito dei progetti fin ora presentati si ripropongono di seguito

Dettagli

Art. 1 (Finalità e ambito di applicazione)

Art. 1 (Finalità e ambito di applicazione) REGOLAMENTO di ESECUZIONE dell articolo 8, comma 72, della legge regionale 18 gennaio 2006, n. 2, (legge finanziaria 2006), riguardante i criteri e le modalità di presentazione delle domande, di erogazione

Dettagli

Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 7 - Venerdì 14 febbraio 2014

Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 7 - Venerdì 14 febbraio 2014 11 D.g.r. 7 febbraio 2014 - n. X/1339 Incentivi per la riqualificazione degli ostelli della gioventù di proprietà di enti pubblici attraverso l adeguamento al regolamento regionale n. 2/2011 recante Definizione

Dettagli

DOCUMENTO DEGLI INTERVENTI DI POLITICA DEL LAVORO

DOCUMENTO DEGLI INTERVENTI DI POLITICA DEL LAVORO DOCUMENTO DEGLI INTERVENTI DI POLITICA DEL LAVORO 2011 2013 II parte INTERVENTI testo approvato dalla Commissione provinciale per l impiego con deliberazione n. 373 del 26 luglio 2011 ed adottato dalla

Dettagli

Scheda di sintesi Bando regionale Ricerca industriale delle imprese

Scheda di sintesi Bando regionale Ricerca industriale delle imprese Scheda di sintesi Bando regionale Ricerca industriale delle imprese 1. Oggetto dell intervento Sono finanziabili progetti che prevedono le seguenti attività: Ricerca industriale e Sviluppo sperimentale.

Dettagli

Organismo Intermediario per la gestione della Sovvenzione Globale BANDO PER LA CONCESSIONE DI PICCOLI SUSSIDI

Organismo Intermediario per la gestione della Sovvenzione Globale BANDO PER LA CONCESSIONE DI PICCOLI SUSSIDI BANDO PER LA CONCESSIONE DI PICCOLI SUSSIDI Sovvenzione Globale Piccoli Sussidi Misura III.1.E.1 - Programma Operativo Regione Basilicata 2000/2006 Azione 4 Azione di sostegno per una maggiore partecipazione

Dettagli

CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI SONDALO E LE SOCIETÀ ASCONFIDI LOMBARDIA e ARTGIANFIDI LOMBARDIA

CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI SONDALO E LE SOCIETÀ ASCONFIDI LOMBARDIA e ARTGIANFIDI LOMBARDIA CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI SONDALO E LE SOCIETÀ ASCONFIDI LOMBARDIA e ARTGIANFIDI LOMBARDIA CRITERI PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO ABBATTIMENTO INTERESSI A FAVORE DI AZIENDE DEL COMMERCIO, DI

Dettagli

CRITERI PER L'AMMISSIONE AI CONTRIBUTI IN FAVORE DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE DELLA REGIONE SARDEGNA

CRITERI PER L'AMMISSIONE AI CONTRIBUTI IN FAVORE DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE DELLA REGIONE SARDEGNA Allegato alla Delib.G.R. n. 32/32 del 7.8.2014 CRITERI PER L'AMMISSIONE AI CONTRIBUTI IN FAVORE DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE DELLA REGIONE SARDEGNA 1) Obiettivi Fornire alle

Dettagli

BANDO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATO DELLA PROTEZIONE CIVILE DI BRESCIA

BANDO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATO DELLA PROTEZIONE CIVILE DI BRESCIA COMUNE DI BRESCIA SETTORE SICUREZZA URBANA E PROTEZIONE CIVILE BANDO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATO DELLA PROTEZIONE CIVILE DI BRESCIA TERMINE DI PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE:

Dettagli

La Responsabile dell Area

La Responsabile dell Area BANDO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI STRAORDINARI A SOSTEGNO DELL AFFITTO IN FAVORE DI NUCLEI FAMILIARI CON LAVORATORI COLPITI DALLA CRISI ECONOMICA La Responsabile dell Area In applicazione

Dettagli

Norme per la concessione di contributi in conto interesse su finanziamenti concessi alle imprese della provincia di Campobasso

Norme per la concessione di contributi in conto interesse su finanziamenti concessi alle imprese della provincia di Campobasso Norme per la concessione di contributi in conto interesse su finanziamenti concessi alle imprese della provincia di Campobasso Art. 1 Finalità e risorse La Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura

Dettagli

SCHEDA SINTETICA LEGGE n. 215/1992 Azioni positive per l'imprenditoria femminile

SCHEDA SINTETICA LEGGE n. 215/1992 Azioni positive per l'imprenditoria femminile SCHEDA SINTETICA LEGGE n. 215/1992 Azioni positive per l'imprenditoria femminile SCOPO E OBIETTIVO DELLA LEGGE La Legge n. 215 del 25 febbraio 1992 riporta un ampio ventaglio di disposizioni con lo scopo

Dettagli

Allegato B alla Delibera di Giunta Provinciale n. 20 del 20/02/2013

Allegato B alla Delibera di Giunta Provinciale n. 20 del 20/02/2013 Allegato B alla Delibera di Giunta Provinciale n. 20 del 20/02/2013 INTEGRAZIONI AL PIANO DEGLI INTERVENTI PER LA REALIZZAZIONE DELLE POLITICHE DELL ISTRUZIONE, DELLA FORMAZIONE E DEL LAVORO INDICAZIONI

Dettagli

3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO Gli elementi utili per aprire un attività imprenditoriale Rovigo, 14 maggio 2008

3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO Gli elementi utili per aprire un attività imprenditoriale Rovigo, 14 maggio 2008 3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO Gli elementi utili per aprire un attività imprenditoriale Rovigo, 14 maggio 2008 FINANZA AGEVOLATA Dott. Giorgio Cavallari FINANZIAMENTI AGEVOLATI AUTOIMPIEGO

Dettagli

FINANZA AGEVOLATA. Obiettivo 2 = Imprese Avviare un attività: elementi fondamentali. Dott. Giorgio Cavallari. 16 ottobre 2007

FINANZA AGEVOLATA. Obiettivo 2 = Imprese Avviare un attività: elementi fondamentali. Dott. Giorgio Cavallari. 16 ottobre 2007 Obiettivo 2 = Imprese Avviare un attività: elementi fondamentali 16 ottobre 2007 FINANZA AGEVOLATA Dott. Giorgio Cavallari FINANZIAMENTI AGEVOLATI IMPRENDITORIA FEMMINILE AUTOIMPIEGO: Lavoro autonomo;

Dettagli

C i r c o l a r e d e l 1 7 s e t t e m b r e 2 0 1 4 P a g. 1 di 10. Il Fondo Unico di Veneto Sviluppo per le PMI

C i r c o l a r e d e l 1 7 s e t t e m b r e 2 0 1 4 P a g. 1 di 10. Il Fondo Unico di Veneto Sviluppo per le PMI C i r c o l a r e d e l 1 7 s e t t e m b r e 2 0 1 4 P a g. 1 di 10 Circolare Numero 31/2014 Oggetto Il Fondo Unico di Veneto Sviluppo per le PMI Sommario La Regione Veneto ha semplificato e razionalizzato

Dettagli

Bando Start. Diffusione della cultura imprenditoriale e supporto allo start up d impresa. www.start.lombardia.it

Bando Start. Diffusione della cultura imprenditoriale e supporto allo start up d impresa. www.start.lombardia.it Bando Start Diffusione della cultura imprenditoriale e supporto allo start up d impresa www.start.lombardia.it Finalità dell intervento Promuovere e sostenere la diffusione di cultura imprenditoriale per

Dettagli

Regolamento per il sostegno alle attività imprenditoriali mediante agevolazioni fiscali

Regolamento per il sostegno alle attività imprenditoriali mediante agevolazioni fiscali Comune di UTA Provincia di Cagliari Allegato A alla delibera C.C. n.31 del 04/10/2012 Regolamento per il sostegno alle attività imprenditoriali mediante agevolazioni fiscali Approvato con delibera di Consiglio

Dettagli

Autoimpiego (D.Lgs 185/2000 Tit. II)

Autoimpiego (D.Lgs 185/2000 Tit. II) 1 Autoimpiego (D.Lgs 185/2000 Tit. II) L'Agenzia sostiene la realizzazione e l'avvio di piccole attività imprenditoriali da parte di disoccupati o persone in cerca di prima occupazione attraverso le seguenti

Dettagli

FAQ. Art. 2. Art. 2. Sì, tutti i componenti dell aggregazione devono possedere i requisiti previsti nell Avviso.

FAQ. Art. 2. Art. 2. Sì, tutti i componenti dell aggregazione devono possedere i requisiti previsti nell Avviso. FAQ N. Quesito Risposta Riferim. Avviso 1 PRESENZA FEMMINILE: a pag.2: Nelle società cooperative e società di persone non è specificato se anche gli organi di amministrazione (oltre alla composizione numerica

Dettagli

REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO "LAVORO, POLITICHE DELLA FAMIGLIA, FORMAZIONE PROFESSIONALE, COOPERAZIONE E VOLONTARIATO"

REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO LAVORO, POLITICHE DELLA FAMIGLIA, FORMAZIONE PROFESSIONALE, COOPERAZIONE E VOLONTARIATO Regione Calabria REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO "LAVORO, POLITICHE DELLA FAMIGLIA, FORMAZIONE PROFESSIONALE, COOPERAZIONE E VOLONTARIATO" REGIONE CALABRIA GIUNTA REGIONALE DIPARTIMENTO POLITICHE DEL LAVORO,

Dettagli