PILLAR III INFORMATIVA AL PUBBLICO 2013

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PILLAR III INFORMATIVA AL PUBBLICO 2013"

Transcript

1 PILLAR III INFORMATIVA AL PUBBLICO 2013 Il presente documento è stato redatto ai sensi della Circolare di Banca d Italia 216/96, Capitolo V, Sezione XII COOPFIDI Confidi unitario per l artigianato e la piccola e media impresa Soc. Coop. Consortile Promosso da Acai CNA Confartigianato - Aderente a Fedart Fidi Cod. Fiscale P. IVA C.C.I.A.A A.I.A Iscritta all Elenco Speciale di cui all art. 107 D.lgs. 385/93 al n Sede Legale e Direzione: Roma Viale G. Massaia, 33 Tel fax / 200 / 221 sito Internet:

2 Sommario Premessa... 3 TAVOLA 1 ADEGUATEZZA PATRIMONIALE... 5 Informativa qualitativa... 5 Informativa quantitativa... 7 TAVOLA 2 RISCHIO DI CREDITO: INFORMAZIONI GENERALI Informativa qualitativa Informativa quantitativa TAVOLA 3 RISCHIO DI CREDITO: INFORMAZIONI RELATIVE AI PORTAFOGLI ASSOGGETTATI AL METODO STANDARDIZZATO Informativa qualitativa Informativa quantitativa TAVOLA 4 TECNICHE DI ATTENUAZIONE DEL RISCHIO Informativa qualitativa Informativa quantitativa TAVOLA 5 OPERAZIONI DI CARTOLARIZZAZIONE TAVOLA 6 RISCHIO TASSO DI INTERESSE SULLE POSIZIONE INCLUSE NEL PORTAFOGLIO IMMOBILIZZATO Informativa qualitativa Informativa quantitativa TAVOLA 7 - ESPOSIZIONI IN STRUMENTI DI CAPITALE: INFORMAZIONI SULLE POSIZIONI INCLUSE NEL PORTAFOGLIO IMMOBILIZZATO

3 Premessa Coopfidi, in qualità di confidi iscritto da marzo 2012 nell Elenco Speciale degli Intermediari Finanziari di cui all ex art. 107 del D. Lgs. 385/93, è tenuta a pubblicare le informazioni inerenti l adeguatezza patrimoniale, l esposizione ai rischi e e le caratteristiche generali dei sistemi preposti all identificazione, alla misurazione e alla gestione degli stessi. La regolamentazione prudenziale si basa su tre pilastri previsti dalla disciplina di Basilea: Il primo pilastro introduce un requisito patrimoniale per fronteggiare i rischi tipici dell attività finanziaria (di credito, di controparte, di mercato, di cambio e rischi operativi); a tal fine sono previste metodologie alternative di calcolo dei requisiti patrimoniali, caratterizzate da diversi livelli di complessità nella misurazione dei rischi e nei requisiti organizzativi e di controllo; Il secondo pilastro richiede agli Intermediari di dotarsi di processi e strumenti (Internal Capital Adequacy Assessment Process, ICAAP) per determinare il livello di capitale interno adeguato a fronteggiare ogni tipologia di rischio, anche diversi da quelli presidiati dal requisito patrimoniale complessivo (primo pilastro), nell ambito di una valutazione dell esposizione, attuale e prospettica, che tenga conto delle strategie e dell evoluzione del contesto di riferimento. All Autorità di Vigilanza è rimesso il compito di verificare l affidabilità e la coerenza dei relativi risultati e di adottare, ove la situazione lo richieda, le opportune misure correttive; Il terzo pilastro introduce obblighi d informativa al pubblico riguardanti l adeguatezza patrimoniale, l esposizione ai rischi e le caratteristiche generali dei relativi sistemi di gestione e di controllo. In ottemperanza alle suddette disposizioni regolamentari, Coopfidi in qualità di intermediario finanziario con sede in Italia, non appartenente ad un gruppo soggetto agli obblighi di informativa su base consolidata né controllato da una capogruppo extra comunitario, pubblica il presente documento seguendo i criteri di esposizione indicati nel capitolo V Sez. XII della circolare n 216. In osservanza al principio di proporzionalità sancito dalle Disposizioni di Vigilanza di Banca d Italia, il dettaglio delle informazioni riportate nel presente documento è commisurato alla ridotta complessità organizzativa di Coopfidi. L Informativa è organizzata in tavole, a loro volta articolate nelle seguenti sezioni descrittive: informazioni qualitative, mirate a fornire una descrizione delle metodologie, dei processi e delle policy adottate nella misurazione e gestione dei rischi rilevanti ; informazioni quantitative, aventi l obiettivo di definire la consistenza patrimoniale di Coopfidi, i rischi ai quali è esposto e il risultato delle tecniche di Credit Risk Mitigation (CRM) adottate. 3

4 Le informazioni quantitative riportate all interno delle tavole informative fanno riferimento alla situazione contabile al 31 dicembre Per completezza si specifica altresì che le informazioni relative al patrimonio di vigilanza ed agli assorbimenti patrimoniali sono pubblicate anche nella Parte D Altre Informazioni - della Nota Integrativa del bilancio, secondo gli schemi previsti dalle disposizioni di Banca d Italia. Il presente documento viene emesso in ottemperanza di quanto indicato dalla circolare di Banca d Italia n 216 del 5/8/ aggiornamento del 9/7/2007 e risulta articolata nelle seguenti tabelle: Tavola 1: Adeguatezza patrimoniale; Tavola 2: Rischio di credito - informazioni generali; Tavola 3:Rischio di credito - informazioni relative ai portafogli assoggettati al metodo standardizzato; Tavola 4: Tecniche di attenuazione del rischio; Tavola 5: Operazioni di cartolarizzazione; Tavola 6: Rischio di tasso di interesse sulle posizioni incluse nel portafoglio immobilizzato; Tavola 7: Esposizione in strumenti di capitale: informazioni sulle posizioni incluse nel portafoglio immobilizzato. L informativa è resa nota al pubblico attraverso la sua diffusione sul sito internet di Coopfidi ( 4

5 TAVOLA 1 ADEGUATEZZA PATRIMONIALE Informativa qualitativa (a) Sintetica descrizione del metodo adottato dall intermediario nella valutazione dell adeguatezza del proprio capitale interno per il sostegno delle attività correnti e prospettiche. In ottemperanza con le disposizioni in materia di vigilanza prudenziale, Coopfidi ha definito un processo di autovalutazione dell adeguatezza patrimoniale (ICAAP Internal Capital Adequacy Assessment Process) allo scopo di valutare la capacità della dotazione patrimoniale di supportare l operatività corrente e le strategie aziendali in rapporto ai rischi assunti in chiave attuale e prospettica. Il processo di controllo prudenziale si conforma al principio di proporzionalità, in base al quale i sistemi di governo societario, i processi di gestione dei rischi, i meccanismi di controllo interno e di determinazione del capitale ritenuto adeguato alla copertura dei rischi devono essere commisurati alle caratteristiche, alle dimensioni ed alla complessità dell attività svolta dall intermediario. Coopfidi, in particolare, rientrando nella classe 3 1, ha adottato per il calcolo del capitale interno complessivo 2 le metodologie standard previste da Banca d Italia. Il processo interno di determinazione dell adeguatezza patrimoniale è suddiviso in specifiche fasi, delle quali sono responsabili funzioni operative diverse, ed è disciplinato da un apposito regolamento interno. In particolare questo si articola nelle seguenti fasi: 1) Individuazione dei rischi da sottoporre a valutazione; 2) Misurazione/valutazione dei singoli rischi e del relativo capitale interno; 3) Misurazione del capitale interno complessivo; 4) Determinazione del capitale complessivo e riconciliazione con il patrimonio di vigilanza. L individuazione dei rischi da sottoporre a valutazione è avvenuta attraverso un attività di mappatura di questi classificandoli in due distinte tipologie: Rischi quantificabili in termini di capitale interno: in relazione ai quali l intermediario adotta specifiche metodologie di misurazione dell assorbimento patrimoniale; Rischi non quantificabili in termini di capitale interno: per i quali, in ottemperanza con le Disposizioni di Vigilanza, vengono predisposte misure di controllo ed attenuazione. In merito ai rischi quantificabili la determinazione del capitale interno è avvenuta utilizzando le metodologie standard definite a livello regolamentare. 1 Rientrano in tale categoria i soggetti finanziari che utilizzano metodologie standardizzate e che dispongono di un attivo, rispettivamente, consolidato o individuale pari o inferiore a 3,5 miliardi di euro. 2 Per capitale interno complessivo si intende il capitale interno riferito a tutti i rischi rilevanti assunti dall intermediario,incluse le eventuali esigenze di capitale interno dovute a valutazioni di carattere strategico. 5

6 Nella tabella seguente si riportano nel dettaglio i rischi quantificabili e la relativa metodologia di misurazione utilizzata. PILASTRO RISCHIO METODOLOGIA DI MISURAZIONE I PILASTRO II PILASTRO Rischio di credito Rischio operativo Rischio di concentrazione Rischio di tasso di interesse Metodologia standardizzata Metodo base (B.I.A.) Algoritmo granularityadjustment (GA) Modello di calcolo semplificato Come si evince dalla tabella non è stato considerato il rischio di mercato in quanto Coopfidi non detiene alcun portafoglio di negoziazione di vigilanza, pertanto non è tenuto alla determinazione del relativo requisito patrimoniale. Per quanto riguarda, invece, i rischi non quantificabili in termini di capitale interno, Coopfidi ha già predisposto o si sta dotando di adeguati presidi interni di controllo ed attenuazione. Nello specifico sono da classificare in tale categoria i seguenti rischi: rischio di liquidità rischio residuo rischio strategico rischio di reputazione rischio di compliance Nell ambito delle attività di misurazione, sono, altresì definite ed eseguite prove di stress in termini di analisi semplificate di sensibilità riguardo ai principali rischi quantificabili assunti. I risultati, opportunamente analizzati, conducono ad una migliore valutazione dell esposizione ai rischi stessi e del grado di vulnerabilità del Confidi al verificarsi di eventi eccezionali ma plausibili. La determinazione del capitale interno complessivo 3 determinato secondo l approccio building block 4 viene effettuata con riferimento tanto alla situazione attuale quanto a quella prospettica. La determinazione del capitale complessivo è ottenuta dal calcolo del Patrimonio di Vigilanza in quanto l intermediario non ha individuato ulteriori componenti di capitale complessivo che possano concorrere alla sua determinazione. 3 Rappresenta il capitale interno riferito a tutti i rischi rilevanti assunti dall intermediario, incluse le eventuali esigenze di capitale interno dovute a considerazioni di carattere strategico. 4 Tale approccio consiste nel sommare ai requisiti regolamentari a fronte dei rischi del primo pilastro (o al capitale interno relativo a tali rischi calcolato sulla base di metodologie interne) l eventuale capitale interno relativo agli altri rischi rilevanti. 6

7 L intero processo di autovalutazione dell adeguatezza patrimoniale viene sintetizzato in un documento (Resoconto I.C.A.A.P.) che, con cadenza annuale, viene trasmesso all Organo di Vigilanza previa approvazione del Consiglio di Amministrazione. La dotazione patrimoniale di Coopfidi risulta adeguata all esposizione complessiva ai rischi con riferimento al 31 dicembre 2013 ed a quella stimata al 31 dicembre Di conseguenza, il capitale libero, determinato come differenza tra il capitale complessivo, ossia il Patrimonio di Vigilanza, ed il capitale interno complessivo, risulta essere adeguato a fronteggiare eventuali manifestazioni negative future generate dai rischi non quantificati. Informativa quantitativa (b) Requisito patrimoniale a fronte del rischio di credito Per rischio di credito si intende il rischio di subire perdite sulle posizioni di credito, in e fuori bilancio, derivante dall inadempienza o dal peggioramento della qualità creditizia della controparte. In altre parole, il rischio di credito si identifica nel rischio che una controparte non adempia alle proprie obbligazioni, per cui il soggetto creditore, ovvero in questo specifico caso l Intermediario, non è in grado di ricevere in tutto o in parte l oggetto del contratto. Il rischio di credito è il principale rischio a cui Coopfidi è esposto in relazione alla propria attività caratteristica di concessione di garanzie. Il requisito patrimoniale a fronte del rischio di credito viene misurato utilizzando la metodologia standardizzata, che comporta la suddivisione delle esposizioni in diverse classi ( portafogli ), a seconda della natura della controparte e l applicazione a ciascun portafoglio di coefficienti di ponderazione diversificati, con particolare riguardo alle posizioni scadute applicando una ponderazione del 100% o 150% a seconda della rettifica di valore rispettivamente pari-superiore o minore al 20%. Esposizione Requisito Patrimoniale Rischio di Credito Risk Weighted Asset Coefficiente Patrimoniale Requisito Patrimoniale Cassa Fonte: Elaborazione dati Segnalazione di vigilanza con data riferimento 31/12/2013. Garanzie ed impegni 31/12/2013 Totale % 6% 6% (c) Requisiti patrimoniali a fronte dei rischi di mercato Coopfidi non è tenuto al rispetto dei requisiti patrimoniali a fronte del rischio in questione in quanto non detiene un portafoglio di trading, ovvero non svolge attività di negoziazione finanziaria, né detiene posizioni in divisa estera o posizioni su merci. 7

8 (d) Requisito patrimoniale a fronte dei rischi operativi Il rischio operativo riguarda il rischio di subire perdite derivanti dall inadeguatezza o dalla disfunzione di procedure, risorse umane e sistemi interni, o da eventi esterni; in particolare, rientrano in tale tipologia le perdite derivanti da frodi, errori umani, interruzioni dell operatività, indisponibilità dei sistemi, inadempienze contrattuali. La seguente tabella indica il requisito patrimoniale a fronte del rischio operativo determinato secondo il metodo base (B.I.A.). Requisito Patrimoniale Rischio Operativo 31/12/2013 Margine di intermediazione Coefficiente Patrimoniale Fonte: Elaborazione dati Segnalazione di vigilanza con data riferimento 31/12/2013. Requisito Margine d'intermediazione % Margine d'intermediazione % Margine d'intermediazione % Requisito Patrimoniale % (e) Ammontare del patrimonio di vigilanza A fronte del capitale interno assorbito dai rischi misurabili, Coopfidi identifica le risorse necessarie alla relativa copertura. In particolare, il patrimonio di base di Coopfidi pari ad è costituito dalla somma algebrica del capitale sociale versato, della riserva legale, di altre riserve di bilancio (di cui contributi in conto capitale), delle immobilizzazioni immateriali, della perdita d esercizio e dei filtri prudenziali positivi e negativi. Tali voci sono identificabili nel bilancio d esercizio al 31/12/2013. Il patrimonio di vigilanza di Coopfidi è costituito solamente dal patrimonio di base, in quanto non sono presenti al 31/12/2013 gli elementi indicati nella Circolare n. 216 del 5 agosto aggiornamento del 9 luglio 2007 che alimentano il patrimonio supplementare e di 3 livello. L esposizione complessiva ai rischi del Confidi, con riferimento tanto alla situazione rilevata al 31 dicembre 2013 risulta adeguata rispetto alla dotazione patrimoniale corrente e prospettica. (f) Coefficienti patrimoniali totale e di base Nello schema sottostante vengono riportati i coefficienti patrimoniali totali e di base (Total Capital Ratio e Tier 1 Capital Ratio), indici che nascono dal raffronto fra il patrimonio di vigilanza con le attività di rischio ponderate ed il patrimonio di base con le attività di rischio ponderate. Il risultato mostra che Coopfidi risulta in linea con quanto richiesto dalla normativa di Banca d Italia. 8

9 Analisi interna capitale 2013 Patrimonio di Base Patrimonio di Vigilanza (capitale Complessivo) Rischio di Credito Rischio Operativo Capitale interno Complessivo Pillar I Rischio di Tasso Rischio di Concentrazione Capitale interno Complessivo Pillar II Capitale interno Complessivo Eccedenza del Patrimonio di Vigilanza rispetto ai requisiti minimi richiesti (Excess Capital) Attività di rischio ponderate Total Capital Ratio 13,91% Tier 1 Capital Ratio 13,91% Fonte: Elaborazione dati Segnalazione di vigilanza con data riferimento 31/12/2013. (g) Ammontare del Patrimonio di Vigilanza di Terzo Livello Non sono presenti elementi annoverabili nel Patrimonio di Vigilanza di Terzo Livello. 9

10 TAVOLA 2 RISCHIO DI CREDITO: INFORMAZIONI GENERALI Informativa qualitativa (a) i) Le definizioni di crediti scaduti e deteriorati utilizzate a fini contabili Le definizioni dei crediti scaduti e deteriorati utilizzate ai fini contabili da Coopfidi, coincidono con quelle indicate dalla normativa di Banca d Italia attualmente in vigore. L intermediario ha adottato un regolamento per la valutazione, gestione e classificazione dei crediti anomali, deliberato dal Consiglio di Amministrazione in data 11 marzo 2013 e successivamente revisionato. La gestione delle posizioni deteriorate nonché le attività connesse sono di competenza dell Ufficio Legale e Contenzioso. Le esposizioni deteriorate, considerata l operatività del Confidi e la normativa di riferimento, sono articolate nelle seguenti classi di rischio: Sofferenze di cassa: rientrano in tale categoria esposizioni nei confronti di quei soggetti che si trovano in stato di insolvenza (anche non accertato giudizialmente) o situazioni sostanzialmente equiparabili, indipendentemente dalle eventuali previsioni di perdita formulate dall azienda. In particolare, Coopfidi, sulla base della normativa di B.I., classifica a sofferenze le esposizioni per cassa quando l Istituto di credito ha escusso la garanzia a titolo definitivo e solo previa valutazione, da parte del Consiglio di Amministrazione del Confidi, della complessiva situazione finanziaria del cliente, sulla base delle indicazioni fornite dall Ufficio Legale e Contenzioso. Soltanto in tal caso la posizione viene segnalata in C.R. tra le sofferenze ed il Confidi nel rispetto della Circolare n. 139 dell 11febbraio 1991 ultimo aggiornamento, provvede ad informare il cliente. Sofferenza di firma: posizioni creditorie nei confronti di un soggetto in stato di insolvenza e per le quali è stata avanzata una richiesta di escussione da parte dell Istituto di Credito. Rientrano in tale categoria le posizioni censite a sofferenza dall intermediario finanziario a cui è stata rilasciata la garanzia, nonché dal sistema bancario in generale come da flusso della Centrale Rischi. Incagli: posizioni creditorie nei confronti di soggetti in temporanea situazione di obiettiva difficoltà, che sia prevedibile possa essere rimossa in un congruo periodo di tempo. Crediti ristrutturati: tale classificazione prevede la presenza di alcuni elementi ed in particolare: - deterioramento delle condizioni economico-finanziarie del debitore; - modifica delle originarie condizioni contrattuali; - presenza di una perdita. I requisiti relativi al deterioramento delle condizioni economico-finanziarie del debitore" e alla presenza di una perdita si presumono soddisfatti qualora la ristrutturazione riguardi esposizioni già classificate nelle classi di anomalia incagli o esposizioni scadute deteriorate. 10

11 Non sono da considerarsi ristrutturate le esposizioni per le quali esiste un temporaneo congelamento, per cui le linee di credito oggetto di moratoria non possono essere classificate in questa categoria. Coopfidi non ha al momento crediti ristrutturati, ma ha comunque previsto tale categoria nella propria regolamentazione interna. Esposizioni scadute e/o sconfinanti da oltre 90 giorni: tra queste posizioni rientrano le esposizioni scadute deteriorate, con carattere continuativo, da oltre 90 giorni,che non rientrino tra le sofferenze, gli incagli e le esposizioni ristrutturate. (a) ii) La descrizione delle metodologie adottate per determinare le rettifiche di valore Periodicamente le garanzie rilasciate sono sottoposte alla valutazione di impairment per porre in evidenza eventuali perdite di valore e, di conseguenza, dare luogo a rettifiche di valore da imputare a conto economico. I criteri adottati per la valutazione di rischiosità delle posizioni deteriorate sono state definite in un apposito regolamento interno basato sulla diversificazione delle varie categorie di deteriorato; all interno di ogni classe si è stabilita una percentuale di accantonamento da effettuare in base alle previsioni di default e /o di escussione ipotizzate per le stesse. In particolare, la valutazione effettuata in modo analitico è sottoposta ad una duplice analisi: l una di carattere oggettivo connessa strettamente allo status della posizione in base ai flussi informativi di ritorno derivanti dagli Istituti di Credito; l altra di carattere soggettivo legata al sorgere di elementi pregiudizievoli attinenti all effettiva perdita attesa. Al riguardo si precisa che la valutazione analitica è stata utilizzata per l intero portafoglio deteriorato sulla base della prospettive di perdita attesa senza tener conto, in accordo con lo IAS 37, della tempistica degli eventuali esborsi al fine di calcolare il valore attuale degli stessi, poiché è ragionevole ritenere che in caso di finanziamenti garantiti in incaglio ed in sofferenza l uscita per escussione della garanzia possa manifestarsi entro breve termine in considerazione della situazione di difficoltà finanziaria del soggetto garantito. Per ogni posizione deteriorata viene aggiornata e rilevata la percentuale di rischiosità secondo quanto stabilito dalla procedura interna o sulla base delle indicazioni fornite dal CdA. Informativa quantitativa L attività caratteristica di Coopfidi è destinata ad un target di controparti rappresentato da piccolemedie imprese artigiane e commerciali operanti prevalentemente nel Lazio. Le seguenti tabelle indicano la distribuzione delle esposizioni creditizie di Coopfidi come disciplinato dalla normativa di vigilanza. (b) Esposizioni creditizie lorde relative al 31 dicembre 2013, distinte per principali tipologie di esposizione e di controparte La seguente tabella riporta i valori di esposizione al lordo delle tecniche di mitigazione del rischio: 11

12 Classe di attività ATTIVITA' DI RISCHIO PER CASSA Importo nominale al netto rettifiche valore Esposizioni verso soggetti sovrani e Banche Centrali Esposizioni verso intermediari vigilati Esposizioni verso imprese Esposizioni al dettaglio Esposizioni scadute (parte non garantita) Altre esposizioni TOTALE ESPOSIZIONI PER CASSA Classe di attività GARANZIE ED IMPEGNI Importo nominale lordo Importo nominale al netto rettifiche valore Esposizioni verso Imprese Esposizioni al dettaglio Esposizioni scadute (parte non garantita) TOTALE ESPOSIZIONI GARANZIE ED IMPEGNI (c) Distribuzione per aree geografiche significative delle esposizioni al 31 dicembre 2013, ripartite per principali tipologie di esposizione La distribuzione delle esposizioni verso la clientela per area geografica della controparte non risulta significativa, operando il Confidi esclusivamente nel territorio del Lazio. (d) Distribuzione per settore economico o per tipo di controparte delle esposizioni, ripartite per tipologia di esposizione Di seguito la distribuzione per settore economico delle esposizioni per cassa e fuori bilancio relativamente alle garanzie ed impegni (questi ultimi pari ad ). Gli importi indicati sono al lordo delle rettifiche di valore e della controgaranzia di MedioCredito Centrale. CODICE SETTORE ATTIVITA' ECONOMICA DESCRIZIONE SETTORE ATTIVITA' ECONOMICA IMPORTO GARANZIE ED IMPEGNI SOFF CASSA 430 Imprese produttive Società altre con meno di 20 addetti Artigiani Società artigiane con meno di 20 addetti Altre famiglie produttrici Altre unità pubbliche Unità o società altre con 20 o più addetti Famiglie consumatrici Unità o società artigiane con più di 5 e meno di 20 addetti Aziende municipalizzate, provincializzate e regionalizzate Unità o società altre con più di 5 e meno di 20 addetti Unità o società artigiane con 20 o più addetti Mediatori, agenti e consulenti di assicurazione

13 472 Imprese a partecipazione regionale o locale Promotori finanziari Unità non classificate Altri ausiliari finanziari Imprese partecipate dallo Stato Holding private 0 Totale complessivo Fonte: Elaborazione dati Segnalazione di vigilanza con data riferimento 31/12/2013. (e) Distribuzione per vita residua contrattuale dell intero portafoglio, ripartito per tipologia di esposizione La tabella sottostante evidenzia la distribuzione per vita residua relativamente alle garanzie attive in bonis risultanti al 31 dicembre 2013, in quanto per quelle deteriorate, sia per la natura della garanzia (sussidiaria e/o a prima richiesta) che per l aleatorietà nel rivedere l evolversi delle procedure giudiziali e/o stragiudiziali, si ritiene poco significativa la definizione di una scadenza predeterminata. Per le esposizioni per cassa sono state considerate solo quelle con effettiva vita residua, in particolare conti correnti e titoli. Nella tavola 6 l importo indicato per le attività per cassa differisce per da quello indicato nella tabella sottostante, in quanto per il rischio di tasso sono state considerate anche altre voci di bilancio che influenzano il rischio in questione. Gli importi sono al lordo della controgaranzia e delle rettifiche di valore. FASCIA TEMPORALE GAR. IN ESSERE IN BONIS ESPOSIZIONI PER CASSA A vista Fino a 1 mese Da oltre 1 mese a 3 mesi Da oltre 3 mese a 6 mesi Da oltre 6 mesi ad 1 anno Da oltre 1 anno a 2 anni Da oltre 2 anni a 3 anni Da oltre 3 anni a 4 anni Da oltre 4 anni a 5 anni Da oltre 5 anni a 7 anni Da oltre 7 anni a 10 anni Da oltre 10 anni a 15 anni Da oltre 15 anni a 20 anni Da oltre 20 anni Totale Fonte: Elaborazione dati Segnalazione di vigilanza con data riferimento 31/12/

14 (f) Distribuzione per settore economico o tipo di controparte al 31 dicembre 2013 dell ammontare delle esposizioni deteriorate e scadute e relative rettifiche di valore La tabella sottostante indica le esposizioni deteriorate per controparte, tenuto conto che le uniche controparti significative sono solo i clienti garantiti. Tipologie esposizioni/valori Esposizione lorda Rettifiche di valore specifiche Esposizione Netta Rettifiche di valore effettuate nell'anno Riprese di valore effettuate nell'anno A. ATTIVITA' DETERIORATE ESPOSIZIONI PER CASSA Sofferenze Incagli ESPOSIZIONI FUORI BILANCIO Sofferenze Incagli Esposizioni scadute deteriorate TOTALE A B. ESPOSIZIONI IN BONIS ESPOSIZIONI PER CASSA Altre esposizioni ESPOSIZIONI FUORI BILANCIO Esposizioni scadute non deteriorate - Altre esposizioni TOTALE B TOTALE A + B (g) Distribuzione per aree geografiche significative al 31 dicembre 2013 dell ammontare delle esposizioni deteriorate e scadute con relative rettifiche di valore La distribuzione dell ammontare delle esposizioni deteriorate e scadute per area geografica della controparte non risulta significativa, operando il Confidi quasi esclusivamente nel territorio del Lazio. 14

15 (h) Dinamica delle rettifiche di valore complessive a fronte delle esposizioni deteriorate Il Fondo Svalutazione viene stimato periodicamente e l adeguamento contabile avviene con frequenza almeno trimestrale. FONDO SVALUTAZIONE GARANZIE DETERIORATE A SOFFERENZA ED INCAGLIO Girofondo accantonamenti incagli passati a sofferenze per cassa Girofondo accantonamenti scaduti e sconfinanti Riprese di valore su maggiori accantonamenti effettuati e ripristini in bonis Utilizzo fondo per transazioni saldo e stralcio Accantonamenti incagli e sofferenze di firma FONDO SVALUTAZIONE GARANZIE DETERIORATE A SOFFERENZA ED INCAGLIO FONDO SVALUTAZIONE GARANZIE SCADUTE E SCONFINANTI NON DETERIORATI Girofondo accantonamenti scaduti/sconfinanti passati ad incaglio/soff Riprese di valore su maggiori accantonamenti effettuati e ripristini in bonis Accantonamenti scaduti/sconfinanti Girofondo acc.to sofferenze per cassa FONDO SVALUTAZIONE GARANZIE SCADUTE E SCONFINANTI DETERIORATE E SCADUTE E SCONFINANTI NON DETERIORATI

16 TAVOLA 3 RISCHIO DI CREDITO: INFORMAZIONI RELATIVE AI PORTAFOGLI ASSOGGETTATI AL METODO STANDARDIZZATO Informativa qualitativa Con riguardo al calcolo del capitale interno a fronte del rischio di credito ai fini delle segnalazioni di vigilanza, Coopfidi ha adottato la metodologia standardizzata prevista dalla normativa di Banca d Italia in base alla quale viene associata ad ogni esposizione esposta al rischio in oggetto una specifica ponderazione determinata in virtù della natura della controparte e del rating assegnato da un agenzia specializzata detta anche External Credit Assessment Institutions ECAI o Export Credit Agencies ECA riconosciuta dall Autorità di Vigilanza. A tal fine il Confidi utilizza la valutazione dell agenzia Moody s Investors Service quale ECAI per la valutazione dei portafogli in cui sono presenti controparti che beneficiano di rating. Al 31 dicembre 2013 l agenzia di rating esterna è stata utilizzata per il portafoglio intermediari vigilati. Informativa quantitativa Qui di seguito i valori delle esposizioni sia per cassa che fuori bilancio relativamente ai portafogli regolamentari con e senza l utilizzo di tecniche di attenuazione del rischio di credito (Credit RiskMitigation, CRM). CLASSI DI ATTIVITA' DI RISCHIO PER CASSA Classe di attività Importo nominale Importo ponderato Esposizioni verso soggetti sovrani e Banche Centrali Esposizioni verso intermediari vigilati Esposizioni verso imprese e altri soggetti Esposizioni al dettaglio (retail) Esposizioni scadute (past due loans) Altre esposizioni TOTALE ESPOSIZIONI PER CASSA GARANZIE ED IMPEGNI CON CRM Classe di attività Importo nominale Importo ponderato Esposizioni verso amministrazioni centrali e banche centrali Importo nominale SENZA CRM Importo ponderato Esposizioni verso Imprese e altri soggetti Esposizioni al dettaglio (retail) Esposizioni scadute (past due loans) TOTALE ESPOSIZIONI GARANZIE ED IMPEGNI

17 TAVOLA 4 TECNICHE DI ATTENUAZIONE DEL RISCHIO Informativa qualitativa Le vigenti disposizioni di vigilanza prudenziale permettono di riconoscere, ai fini del calcolo dei requisiti patrimoniali, forme tipiche di tecniche di mitigazione del rischio di credito (CRM). Per l utilizzo degli strumenti di CRM occorre che siano rispettati determinati requisiti di ammissibilità giuridici, economici e organizzativi. Il rispetto dei requisiti generali e specifici deve sussistere al momento della costituzione della protezione del credito e permanere per tutta la durata della stessa. La protezione del credito, reale e personale, deve essere, infatti, giuridicamente valida, efficace e vincolante nei confronti di colui che l ha fornita; deve essere, inoltre, opponibile a terzi in tutte le giurisdizioni rilevanti, e ciò anche in caso di insolvenza o di sottoposizione a procedura concorsuale del debitore principale e del fornitore di protezione. A tal fine, Coopfidi, mediante la propria struttura organizzativa, provvede: ad assicurarsi preventivamente che lo strumento di mitigazione gli conferisca un diritto pieno e liberamente azionabile in giudizio per l attivazione della protezione; provvede a tutti gli adempimenti richiesti per la validità, l efficacia, la vincolatività e l opponibilità della protezione del credito, acquisendo e conservando tutta la documentazione idonea ad attestarne la sussistenza, secondo quanto previsto dalla normativa vigente; si accerta che il fornitore di protezione non possa opporre, secondo la disciplina applicabile, eccezioni che posso inficiare la validità, l efficacia, la vincolatività e l opponibilità della protezione. Con riferimento alle politiche ed ai processi per la valutazione e la gestione delle tecniche di attenuazione del rischio di credito (Credit Risk Mitigation) attualmente il Confidi fa ricorso esclusivamente a garanzie personali riconducibili totalmente alla controgaranzia rilasciata dal Fondo Centrale di Garanzia L. 662/96. Si rammenta, che in virtù del fatto che tale controgaranzia è a valere su fondi di provenienza pubblica, per le esposizioni che ne beneficiano la quota parte relativa viene ponderata allo 0% ricomprendendole, al contempo, all interno del portafoglio regolamentare amministrazioni centrali e banche centrali. Coopfidi non ha in essere operazioni coperte da garanzie reali, non ha sottoscritto operazioni su derivati creditizi, né compensazioni in bilancio e fuori bilancio. Informativa quantitativa Al 31 dicembre 2013 risultano in essere controgaranzie per , di cui eligibili e garanzie rilasciate ma non ancora attivate per , di cui eligibili Lo stock in essere al 31 dicembre 2013 pari ad è coperto per il 14,73% da MedioCredito Centrale. 17

18 TAVOLA 5 OPERAZIONI DI CARTOLARIZZAZIONE L attività di Coopfidi non prevede operazioni di cartolarizzazione, pertanto la presente tabella non viene compilata. TAVOLA 6 RISCHIO TASSO DI INTERESSE SULLE POSIZIONE INCLUSE NEL PORTAFOGLIO IMMOBILIZZATO Informativa qualitativa (a) i) Natura del rischio di tasso di interesse Il rischio di tasso consiste nella possibilità che una variazione dei tassi di interesse si rifletta negativamente sulla situazione finanziaria dell Intermediario, determinando una variazione del valore economico dello stesso. (a )ii) Ipotesi di fondo utilizzate nella misurazione e gestione del rischio L esposizione al rischio di tasso d interesse è misurata con riferimento alle attività ed alle passività comprese nel portafoglio bancario5. Per la quantificazione della propria esposizione al rischio di tasso di interesse, Coopfidi, rientrando nella categoria degli intermediari di classe 3, utilizza la metodologia semplificata proposta da Banca d Italia nella circolare 216/ aggiornamento, cap. V, Sez. XI, Allegato M. Tale metodologia prevede la suddivisione delle attività e passività del portafoglio immobilizzato nelle diverse fasce temporali previste dalla normativa. Alla posizione netta di ogni fascia, ottenuta tramite la compensazione delle posizioni attive e passive ricadenti all interno di ciascuna fascia temporale, viene applicata la ponderazione prevista nella tavola 6 contenuta nell Allegato M della sopra citata normativa e, successivamente, vengono sommate tra di loro. L esposizione ponderata netta ottenuta in questo modo approssima la variazione del valore attuale delle poste denominate in una certa valuta nell eventualità dello shock di tasso ipotizzato (200 punti base). L importo ottenuto viene rapportato al patrimonio di vigilanza ottenendo in questo modo l indice di rischiosità, la cui soglia di attenzione è fissata al 20 %. a) iii) Frequenza di misurazione di questa tipologia di rischio La frequenza di misurazione e di monitoraggio del rischio di tasso d interesse è trimestrale in corrispondenza delle date segnaletiche. 5 Il portafoglio bancario (banking book) è il complesso delle attività e passività non rientranti nel portafoglio di negoziazione a fini di Vigilanza. Sono quindi da escludere tutte le posizioni intenzionalmente destinate ad una successiva dismissione a breve termine e/o assunte allo scopo di beneficiare, nel breve termine, di differenze tra i prezzi di acquisto ed i prezzi di vendita, o di altre variazioni di prezzo o di tasso di interesse. 18

19 Informativa quantitativa L esposizione al rischio tasso di interesse è pari ad , corrispondente ad un indice di rischiosità dell 1,60% del Patrimonio di Vigilanza ( ); tale valore risulta quindi ben al di sotto della soglia di sorveglianza stabilita dalla normativa di vigilanza pari al 20%. Rischio Tasso d'interesse 31/12/2013 Importo Posizione Netta Ponderato Indicatore di Rischiosità 1,60% Ipotesi Regolamentare: shock 200 bp Ipotesi Regolamentare Patrimonio di vigilanza 31/12/2013 Classe di attività Attività Passività Posizione Netta Fattore di Ponderazione Importo ponderato Fascia Temporale: A vista / Revoca % 0 Fascia Temporale: fino a 1 mese ,08% 309 Fascia Temporale: da oltre 1 mese a 3 mesi ,32% Fascia Temporale: da oltre 3 mesi a 6 mesi ,72% -248 Fascia Temporale: da oltre 6 mesi ad 1 anno ,43% Fascia Temporale: da oltre 1 anno a 2 anni ,77% Fascia Temporale: da oltre 2 anni a 3 anni ,49% Fascia Temporale: da oltre 3 anni a 4 anni ,14% Fascia Temporale: da oltre 4 anni a 5 anni ,71% Fascia Temporale: da oltre 5 anni a 7 anni ,15% Fascia Temporale: da oltre 7 anni a 10 anni ,26% Fascia Temporale: da oltre 10 anni a 15 anni ,84% Fascia Temporale: da oltre 15 anni a 20 anni ,43% Fascia Temporale: oltre 20 anni ,03% Totale Portafoglio Immobilizzato Fonte: Elaborazione dati Segnalazione di vigilanza con data riferimento 31/12/2013. TAVOLA 7 - ESPOSIZIONI IN STRUMENTI DI CAPITALE: INFORMAZIONI SULLE POSIZIONI INCLUSE NEL PORTAFOGLIO IMMOBILIZZATO Ai sensi della dalla Circ. 216/96 di Banca d Italia, Parte Prima, Capitolo V, Sezione XII, paragrafo 2 Ambito di applicazione, la pubblicazione della presente Tavola 7 è dovuta per le società che esercitano l attività di merchant banking. Coopfidi non esercitando tale attività non è tenuta all informativa di cui alla tavola 7. 19

INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31 DICEMBRE 2013

INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31 DICEMBRE 2013 INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31 DICEMBRE 2013 Sintesi del documento pubblicato ai sensi del Titolo IV della Circolare 263/06 della Banca d Italia L Informativa al pubblico adempie all obbligo

Dettagli

III PILASTRO INFORMATIVA AL PUBBLICO AL 31/12/2014

III PILASTRO INFORMATIVA AL PUBBLICO AL 31/12/2014 III PILASTRO INFORMATIVA AL PUBBLICO AL 31/12/2014 1 Premessa Le disposizioni contenute nella Circolare della Banca d Italia n.216 del 5 agosto 1996 7 aggiornamento del 9 luglio 2007, Capitolo V - Vigilanza

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO ANNO 2014

INFORMATIVA AL PUBBLICO ANNO 2014 INFORMATIVA AL PUBBLICO ANNO 214 Finanziaria Senese di Sviluppo S.P.A. Sede Legale Piazza Matteotti 3 531 Siena Capitale Sociale 16.572.177 i.v. Codice Fiscale e Partita Iva 721528 Società iscritta nell

Dettagli

CONAFI PRESTITO S.p.A. Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al Pubblico Situazione al 31/12/2011

CONAFI PRESTITO S.p.A. Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al Pubblico Situazione al 31/12/2011 CONAFI PRESTITO S.p.A. Basilea 2 Terzo Pilastro al Pubblico Situazione al 31/12/2011 CONAFI PRESTITO S.p.A Sede legale ed amministrativa: Torino, via Cordero di Pamparato 15 cap 10143 tel. 011/7710320

Dettagli

CONAFI PRESTITO S.p.A. Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al Pubblico Situazione al 31/12/2010

CONAFI PRESTITO S.p.A. Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al Pubblico Situazione al 31/12/2010 CONAFI PRESTITO S.p.A. Basilea 2 Terzo Pilastro al Pubblico Situazione al 31/12/2010 CONAFI PRESTITO S.p.A Sede legale ed amministrativa: Torino, via Cordero di Pamparato 15 cap 10143 tel. 011/7710320

Dettagli

ISA SpA III Pilastro Informativa al pubblico - Anno 2012

ISA SpA III Pilastro Informativa al pubblico - Anno 2012 PREMESSA La Circolare 216 di Banca d Italia del 5 agosto 1996 7 aggiornamento del 9 luglio 2007, al Capitolo V, al fine di rafforzare la disciplina prudenziale per gli Intermediari Finanziari iscritti

Dettagli

FERCREDIT spa. Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al pubblico Esercizio 2008

FERCREDIT spa. Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al pubblico Esercizio 2008 FERCREDIT spa Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al pubblico Pag. 1/12 Premessa La Circolare della Banca d Italia n. 216 del 5 agosto 1996 7 aggiornamento del 9 luglio 2007 al capitolo V ha introdotto

Dettagli

COGES FINANZIARIA SPA TERZO PILASTRO BASILEA 2 INFORMATIVA AL PUBBLICO AL 31/12/2009

COGES FINANZIARIA SPA TERZO PILASTRO BASILEA 2 INFORMATIVA AL PUBBLICO AL 31/12/2009 COGES FINANZIARIA SPA TERZO PILASTRO BASILEA 2 INFORMATIVA AL PUBBLICO AL 31/12/2009 COGES FINANZIARIA S.p.A. Capitale Sociale 15.000.000 i.v. Sede Sociale Roma, Via del Pianeta Venere n. 36 Sede Amministrativa

Dettagli

Informativa Pubblica

Informativa Pubblica Informativa Pubblica - (Terzo Pilastro) 31 Dicembre 2011 Sigla Srl Indice del documento PREMESSA... 3 TAVOLA 1: ADEGUATEZZA PATRIMONIALE... 4 Informativa Qualitativa... 4 Informativa Quantitativa... 6

Dettagli

MITTEL GENERALE INVESTIMENTI SPA

MITTEL GENERALE INVESTIMENTI SPA MITTEL GENERALE INVESTIMENTI SPA BASILEA 2 TERZO PILASTRO Informativa al pubblico Anno 2010 INDICE Premessa Tavola 1 - Adeguatezza patrimoniale Tavola 2 - Rischio di credito: informazioni generali Tavola

Dettagli

serfactoring Informativa al Pubblico Anno 2009

serfactoring Informativa al Pubblico Anno 2009 serfactoring Informativa al Pubblico Anno 2009 SERFACTORING S.p.A. Sede Legale in San Donato Milanese (MI), Via dell Unione europea 3 Capitale Sociale Euro 5.160.000 i. v. Registro Imprese di Milano Codice

Dettagli

Informativa al pubblico

Informativa al pubblico ZENITH SERVICE S.P.A. Informativa al pubblico In ottemperanza alle norme relative alla vigilanza prudenziale sugli intermediari inscritti nell Elenco speciale ex art. 107 TUB (Circolare della Banca d Italia

Dettagli

Informativa al pubblico - Pillar III -

Informativa al pubblico - Pillar III - Informativa al pubblico - Pillar III - Indice Premessa...2 Tavola 1 - Adeguatezza patrimoniale...3 Tavola 2 - Rischio di credito - Informazioni generali...5 Tavola 3 - Rischio di credito - Informazioni

Dettagli

Terzo Pilastro di Basilea 2 Informativa al pubblico

Terzo Pilastro di Basilea 2 Informativa al pubblico Terzo Pilastro di Basilea 2 Informativa al pubblico 31 dicembre 2012 0 Indice Premessa... 2 TAVOLA 1 ADEGUATEZZA PATRIMONIALE... 4 Informativa qualitativa... 4 Informativa quantitativa... 7 TAVOLA 2 RISCHIO

Dettagli

Informativa Pubblica

Informativa Pubblica Informativa Pubblica (Terzo Pilastro) 31 Dicembre 2014 Sigla Srl Indice del documento PREMESSA... 3 TAVOLA 1: ADEGUATEZZA PATRIMONIALE... 4 Informativa Qualitativa... 4 Informativa Quantitativa... 6 TAVOLA

Dettagli

TERZO PILASTRO DI BASILEA 2 - INFORMATIVA AL PUBBLICO al 31 dicembre 2011

TERZO PILASTRO DI BASILEA 2 - INFORMATIVA AL PUBBLICO al 31 dicembre 2011 TERZO PILASTRO DI BASILEA 2 - INFORMATIVA AL PUBBLICO al 31 dicembre 2011 La disciplina prudenziale per gli intermediari finanziari iscritti nell elenco speciale di cui all art. 107 TUB (Intermediari ex

Dettagli

Informativa al Pubblico. Ai sensi del Cap. V, Sez. XII, della Circolare della Banca d Italia n. 216/1996

Informativa al Pubblico. Ai sensi del Cap. V, Sez. XII, della Circolare della Banca d Italia n. 216/1996 Informativa al Pubblico Ai sensi del Cap. V, Sez. XII, della Circolare della Banca d Italia n. 216/1996 31 dicembre 2014 INDICE INTRODUZIONE... 2 1. ADEGUATEZZA PATRIMONIALE... 3 2. RISCHIO DI CREDITO:

Dettagli

FORTINVESTIMENTI SIM S.P.A. BASILEA 2 III PILASTRO - INFORMATIVA AL PUBBLICO. In ottemperanza al Regolamento Banca d Italia del 24 ottobre 2007

FORTINVESTIMENTI SIM S.P.A. BASILEA 2 III PILASTRO - INFORMATIVA AL PUBBLICO. In ottemperanza al Regolamento Banca d Italia del 24 ottobre 2007 FORTINVESTIMENTI SIM S.P.A. BASILEA 2 III PILASTRO - INFORMATIVA AL PUBBLICO In ottemperanza al Regolamento Banca d Italia del 24 ottobre 2007 Al 31 dicembre 2008 INTRODUZIONE 3 TAVOLA 1 - REQUISITO INFORMATIVO

Dettagli

III PILASTRO PREVISTO DALLA NORMATIVA DI BASILEA 2 INFORMATIVA AL PUBBLICO al 31 dicembre 2013

III PILASTRO PREVISTO DALLA NORMATIVA DI BASILEA 2 INFORMATIVA AL PUBBLICO al 31 dicembre 2013 III PILASTRO PREVISTO DALLA NORMATIVA DI BASILEA 2 INFORMATIVA AL PUBBLICO al 31 dicembre 2013 Premessa IRFIS Finanziaria per lo sviluppo della Sicilia Spa (di seguito anche Società o, in breve, IRFIS

Dettagli

ING Lease (Italia) S.p.A. Informativa al pubblico Pillar III 31/12/2013

ING Lease (Italia) S.p.A. Informativa al pubblico Pillar III 31/12/2013 ING Lease (Italia) S.p.A. Informativa al pubblico Pillar III INTRODUZIONE La disciplina di Basilea II è una iniziativa internazionale in base alla quale gli istituti finanziari dei Paesi aderenti vengono

Dettagli

Terzo Pilastro di Basilea 2 Informativa al Pubblico

Terzo Pilastro di Basilea 2 Informativa al Pubblico Terzo Pilastro di Basilea 2 Informativa al Pubblico 31 dicembre 2013 Indice Premessa... 2 TAVOLA 1 ADEGUATEZZA PATRIMONIALE... 4 Informativa qualitativa... 4 Informativa quantitativa... 7 TAVOLA 2 RISCHIO

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO 31 DICEMBRE 2012

INFORMATIVA AL PUBBLICO 31 DICEMBRE 2012 INFORMATIVA AL PUBBLICO 31 DICEMBRE 2012 In ottemperanza alla normative sulla vigilanza prudenziale degli Intermediari finanziari iscritti nell Elenco Speciale di cui all art. 107 del Testo Unico Bancario

Dettagli

Enel.factor espone l Informativa al Pubblico sul sito internet www.enelfactor.it. Premessa

Enel.factor espone l Informativa al Pubblico sul sito internet www.enelfactor.it. Premessa Enel.factor Spa Basilea 2 Terzo pilastro al pubblico Esercizio 2009 Premessa La normativa prudenziale Basilea 2 ha lo scopo di sviluppare all interno di banche e intermediari finanziari un sistema di controlli

Dettagli

Tavola 1 Requisito informativo generale

Tavola 1 Requisito informativo generale Tavola 1 Requisito informativo generale (a) Il Consiglio di Amministrazione di Finlabo SIM. (di seguito anche la SIM o la Società ), ha definito le politiche di gestione dei rischi all interno delle quali

Dettagli

FINDOMESTIC GRUPPO TERZO PILASTRO BASILEA 2

FINDOMESTIC GRUPPO TERZO PILASTRO BASILEA 2 FINDOMESTIC GRUPPO TERZO PILASTRO BASILEA 2 INFORMATIVA AL PUBBLICO AL 31 DICEMBRE 2011 Indice Introduzione... 2 Tavola 3 - Composizione del patrimonio di vigilanza... 4 Tavola 4 - Adeguatezza patrimoniale...

Dettagli

Pillar III Report Informativa al Pubblico. Aggiornamento Maggio 2010

Pillar III Report Informativa al Pubblico. Aggiornamento Maggio 2010 Pillar III Report Informativa al Pubblico Aggiornamento Maggio 2010 Circolare della Banca d'italia n. 216 del 5 agosto 1996 7 aggiornamento del 9 luglio 2007 INDICE PREMESSA... - 3 - TAVOLA 1 - ADEGUATEZZA

Dettagli

AGOS DUCATO S.p.A. III PILASTRO DI BASILEA 2

AGOS DUCATO S.p.A. III PILASTRO DI BASILEA 2 AGOS DUCATO S.p.A. III PILASTRO DI BASILEA 2 Informativa al pubblico sui requisiti patrimoniali individuali al 31 dicembre 2014 INDICE INTRODUZIONE... 3 TAVOLA 1 ADEGUATEZZA PATRIMONIALE... 4 INFORMATIVA

Dettagli

Informativa al pubblico. III Pilastro. Anno 2014

Informativa al pubblico. III Pilastro. Anno 2014 Informativa al pubblico III Pilastro Anno 2014 Indice Premessa... 3 Tavola 1 - Adeguatezza patrimoniale... 4 Tavola 2 - Rischio di credito: informazioni generali... 6 Tavola 3 - Rischio di credito: informazioni

Dettagli

TERZO PILASTRO BASILEA 2 ESERCIZIO 2009

TERZO PILASTRO BASILEA 2 ESERCIZIO 2009 TERZO PILASTRO BASILEA 2 ESERCIZIO 2009 EMILIA ROMAGNA FACTOR S.p.A. Abbreviato: EMIL-RO FACTOR S.p.A. Strada Maggiore, 29-40125 Bologna Tel 051 6482111 - Fax 051 6482199 - e-mail emilro@emilro.it Capitale

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31/12/2014. Sintesi del documento pubblicato ai sensi della normativa di vigilanza prudenziale

INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31/12/2014. Sintesi del documento pubblicato ai sensi della normativa di vigilanza prudenziale INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31/12/2014 Sintesi del documento pubblicato ai sensi della normativa di vigilanza prudenziale La nuova normativa di vigilanza prudenziale si basa, in linea con

Dettagli

Informativa al pubblico

Informativa al pubblico Informativa al pubblico Terzo pilastro di Basilea 2 al 31 dicembre 2009 Le disposizioni emanate dalla Banca d Italia in applicazione della normativa europea in materia di Convergenza internazionale della

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO

INFORMATIVA AL PUBBLICO 1 INFORMATIVA AL PUBBLICO Terzo Pilastro di Basilea 2 Dati al 31 dicembre 2013 2 INFORMAZIONI GENERALI Denominazione e forma giuridica: Cooperfidi S. C. - Cooperativa Provinciale Garanzia Fidi Società

Dettagli

PILLAR III INFORMATIVA AL PUBBLICO

PILLAR III INFORMATIVA AL PUBBLICO PILLAR III INFORMATIVA AL PUBBLICO 31 dicembre 2008 Veneto Sviluppo S.p.A. Via delle Industrie, 19/d 30175 Venezia Marghera Tel. +39 041 3967211 Fax +39 041 5383605 www.venetosviluppo.it Iscrizione al

Dettagli

Ai sensi del Cap. V, Sez. XII, della Circolare di Banca d Italia n. 216/1996 INFORMATIVA AL PUBBLICO

Ai sensi del Cap. V, Sez. XII, della Circolare di Banca d Italia n. 216/1996 INFORMATIVA AL PUBBLICO Ai sensi del Cap. V, Sez. XII, della Circolare di Banca d Italia n. 216/1996 INFORMATIVA AL PUBBLICO Situazione al 31/12/2013 ASCOMFIDI PIEMONTE Società Cooperativa Via Massena, 20-10128 Torino Tel. 011/5516267/5516297

Dettagli

Tavola 5 Rischio di credito: informazioni generali riguardanti tutte le banche

Tavola 5 Rischio di credito: informazioni generali riguardanti tutte le banche Tavola 5 Rischio di credito: informazioni generali riguardanti tutte le banche Informativa qualitativa La definizione a fini contabili delle esposizioni in default (sofferenza, incaglio, credito ristrutturato

Dettagli

HYPO ALPE-ADRIA-BANK

HYPO ALPE-ADRIA-BANK HYPO ALPE-ADRIA-BANK INFORMATIVA AL PUBBLICO Terzo pilastro di Basilea 3 Al 31 dicembre 2014 (Circ. n. 285 del 17 dicembre 2013) 1 Informativa al pubblico Dal 1 gennaio 2014 è entrata in vigore la nuova

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO. Ai sensi del Cap. V, Sez. XII, della Circolare della Banca d Italia n. 216/1996. 31-Dicembre-2013

INFORMATIVA AL PUBBLICO. Ai sensi del Cap. V, Sez. XII, della Circolare della Banca d Italia n. 216/1996. 31-Dicembre-2013 INFORMATIVA AL PUBBLICO Ai sensi del Cap. V, Sez. XII, della Circolare della Banca d Italia n. 216/1996 31-Dicembre-2013 Situazione al 31-12-2009 INDICE INTRODUZIONE... 3 1. TAVOLA 1 - ADEGUATEZZA PATRIMONIALE...

Dettagli

Terzo Pilastro di Basilea 2. Informativa al pubblico

Terzo Pilastro di Basilea 2. Informativa al pubblico Terzo Pilastro di Basilea 2 Informativa al pubblico Premessa Le Istruzioni di vigilanza per gli intermediari finanziari iscritti nell elenco speciale Circolare n. 216 del 5 Agosto 1996 e successivi aggiornamenti

Dettagli

MITTEL GENERALE INVESTIMENTI SPA

MITTEL GENERALE INVESTIMENTI SPA MITTEL GENERALE INVESTIMENTI SPA TERZO PILASTRO BASILEA 2 Informativa al pubblico al 30 settembre 2014 INDICE DEL DOCUMENTO PREMESSA... 3 1 TAVOLA 1 ADEGUATEZZA PATRIMONIALE... 4 1.1 INFORMAZIONE QUALITATIVA...

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO. Ai sensi del Cap. V, Sez. XII, della Circolare della Banca d Italia n. 216/1996. 31-Dicembre-2014

INFORMATIVA AL PUBBLICO. Ai sensi del Cap. V, Sez. XII, della Circolare della Banca d Italia n. 216/1996. 31-Dicembre-2014 INFORMATIVA AL PUBBLICO Ai sensi del Cap. V, Sez. XII, della Circolare della Banca d Italia n. 216/1996 31-Dicembre-2014 Situazione al 31-12-2009 INDICE INTRODUZIONE... 3 1. TAVOLA 1 - ADEGUATEZZA PATRIMONIALE...

Dettagli

Prof.ssa M. Intonti, Economia degli intermediari finanziari, Economia aziendale, a.a. 2015-2016

Prof.ssa M. Intonti, Economia degli intermediari finanziari, Economia aziendale, a.a. 2015-2016 Prof.ssa M. Intonti, Economia degli intermediari finanziari, Economia aziendale, a.a. 2015-2016 POLITICA DEI PRESTITI La valutazione dei fidi il controllo dei crediti concessi il recupero dei crediti problematici

Dettagli

Pillar III Report Informativa al Pubblico. Situazione al 31 Dicembre 2014

Pillar III Report Informativa al Pubblico. Situazione al 31 Dicembre 2014 Informativa al Pubblico Pillar III Report Pillar III Report Informativa al Pubblico Situazione al 31 Dicembre 2014 Circolare della Banca d'italia n. 216 del 5 agosto 1996 7 aggiornamento del 9 luglio 2007

Dettagli

FINDOMESTIC GRUPPO. Informativa al pubblico in materia di composizione del patrimonio di vigilanza e dell adeguatezza patrimoniale

FINDOMESTIC GRUPPO. Informativa al pubblico in materia di composizione del patrimonio di vigilanza e dell adeguatezza patrimoniale FINDOMESTIC GRUPPO Informativa al pubblico in materia di composizione del patrimonio di vigilanza e dell adeguatezza patrimoniale Aggiornamento al 31 dicembre 2013 * * * Terzo Pilastro dell accordo di

Dettagli

Utilizzo dei flussi di segnalazione di Vigilanza e di Centrale Rischi trasmessi e ricevuti dalla Banca d Italia a fini di controllo e di gestione

Utilizzo dei flussi di segnalazione di Vigilanza e di Centrale Rischi trasmessi e ricevuti dalla Banca d Italia a fini di controllo e di gestione Utilizzo dei flussi di segnalazione di Vigilanza e di Centrale Rischi trasmessi e ricevuti dalla Banca d Italia a fini di controllo e di gestione Claudia Pelliccia CO.BA.CO. Srl ROMA, 12-13 DICEMBRE 2012

Dettagli

Informativa al pubblico

Informativa al pubblico Ai sensi del Cap. V, Sez. XII, della Circolare della Banca d Italia n. 216/1996 Informativa al pubblico 31-Dicembre-2014 Artigianfidi Lombardia Società Cooperativa Viale Milano, 5-21100 Varese (VA) Tel.

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO 2013

INFORMATIVA AL PUBBLICO 2013 INFORMATIVA AL PUBBLICO 2013 (ai sensi della Circolare 216/1996 7 aggiornamento, Capitolo V, Sezione XII di Banca d Italia) Fidialtaitalia Società Cooperativa per Azioni Via Rovereto, 31 21052 Busto Arsizio

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO PILLAR III

INFORMATIVA AL PUBBLICO PILLAR III INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DELLE DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PER GLI INTERMEDIARI FINANZIARI ISCRITTI NELL ELENCO SPECIALE (CIRC. N. 216 DEL 5 AGOSTO 1996) PILLAR III Situazione al 31/12/2013 Sommario

Dettagli

Informativa al pubblico

Informativa al pubblico va Informativa al pubblico Ai sensi della Circolare di Banca d Italia n. 216/1996, 7 agg., Cap. V, Sez. XII 31 Dicembre 2014 Approvata dal CdA il 27/05/2015 1/22 --/--/---- INDICE GENERALE INTRODUZIONE...

Dettagli

L ADEGUAMENTO DELLA DOCUMENTAZIONE PUMA2 ALLA NUOVA NORMATIVA SEGNALETICA

L ADEGUAMENTO DELLA DOCUMENTAZIONE PUMA2 ALLA NUOVA NORMATIVA SEGNALETICA BANCA D ITALIA SERVIZIO INFORMAZIONI SISTEMA CREDITIZIO L ADEGUAMENTO DELLA DOCUMENTAZIONE PUMA2 ALLA NUOVA NORMATIVA SEGNALETICA Roberto Sabatini MILANO, 14 APRILE 2008 1 AMBITO E PRINCIPI DI RIFERIMENTO

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31/12/2010

INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31/12/2010 INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31/12/2010 (documento redatto in ottemperanza del Titolo IV, Capitolo 1 delle Nuove disposizioni di vigilanza prudenziale per le banche, circolare Banca d Italia

Dettagli

TAVOLA 1 ADEGUATEZZA PATRIMONIALE...

TAVOLA 1 ADEGUATEZZA PATRIMONIALE... INFORMATIVA AL PUBBLICO TERZO PILASTRO BASILEA II AL 31 DICEMBRE 2012 Indice 1 TAVOLA 1 ADEGUATEZZA PATRIMONIALE... 3 1.1 Informativa qualitativa... 3 1.1.1 Mappatura dei rischi... 3 1.1.2 Misurazione

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO. Ai sensi del Titolo IV della Circolare Banca d Italia n. 263 del 27/12/2006 (c.d. Terzo pilastro di Basilea 2)

INFORMATIVA AL PUBBLICO. Ai sensi del Titolo IV della Circolare Banca d Italia n. 263 del 27/12/2006 (c.d. Terzo pilastro di Basilea 2) INFORMATIVA AL PUBBLICO Ai sensi del Titolo IV della Circolare Banca d Italia n. 263 del 27/12/2006 (c.d. Terzo pilastro di Basilea 2) Aprile 2009 INTRODUZIONE La normativa emanata dalla Banca d Italia

Dettagli

III PILASTRO. Informativa al pubblico al 31.12.2014. www.gafisud.it Sede Legale: Napoli Piazza Carolina, 19 80132 Tel 081.7647967 - Fax 081.

III PILASTRO. Informativa al pubblico al 31.12.2014. www.gafisud.it Sede Legale: Napoli Piazza Carolina, 19 80132 Tel 081.7647967 - Fax 081. III PILASTRO Informativa al pubblico al 31.12.2014 Sede Legale: Napoli Piazza Carolina, 19 80132 Tel 081.7647967 Fax 081.7647967 1 Dir. Gen. e Sede Amm.: Caserta Via Unità Italiana, 19 81100 Tel 0823.353500

Dettagli

III PILASTRO Informativa al pubblico al 31.12.2012 CONFIDI LOMBARDIA

III PILASTRO Informativa al pubblico al 31.12.2012 CONFIDI LOMBARDIA III PILASTRO Informativa al pubblico al 31.12.2012 CONFIDI LOMBARDIA INDICE Premessa... 3 Tavola 1: Adeguatezza patrimoniale... 5 Informativa qualitativa... 5 Informativa quantitativa... 9 Tavola 2: Rischio

Dettagli

Informativa al pubblico Pillar 3

Informativa al pubblico Pillar 3 Informativa al pubblico Pillar 3 Situazione al 31-12-2012 INDICE INTRODUZIONE... 3 1. ADEGUATEZZA PATRIMONIALE... 5 2. RISCHIO DI CREDITO: INFORMAZIONI GENERALI... 9 3. RISCHIO DI CREDITO: INFORMAZIONI

Dettagli

Informativa al pubblico - pillar 3 Dati riferiti al 31 dicembre 2008

Informativa al pubblico - pillar 3 Dati riferiti al 31 dicembre 2008 Informativa al pubblico - pillar 3 Dati riferiti al 31 dicembre 2008 1 Indice Introduzione 3 Requisito informativo generale 4 Ambito di applicazione.11 Composizione del Patrimonio di Vigilanza..12 Adeguatezza

Dettagli

TERZO PILASTRO DI BASILEA 2

TERZO PILASTRO DI BASILEA 2 COOPERATIVA ARTIGIANA DI GARANZIA DELLA PROVINCIA DI TRENTO INFORMATIVA AL PUBBLICO TERZO PILASTRO DI BASILEA 2 31 DICEMBRE 2013 Cooperativa Artigiana di Garanzia della Provincia di Trento Società cooperativa

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO. al 31 Dicembre 2014. (Approvata dal Consiglio di Amministrazione del 18/06/2015)

INFORMATIVA AL PUBBLICO. al 31 Dicembre 2014. (Approvata dal Consiglio di Amministrazione del 18/06/2015) INFORMATIVA AL PUBBLICO al 31 Dicembre 2014 (Approvata dal Consiglio di Amministrazione del 18/06/2015) Indice Premessa... 3 Tavola 1: Adeguatezza Patrimoniale... 4 Informazione qualitativa... 4 a) Adeguatezza

Dettagli

La funzione di controllo dei rischi di II livello, un approccio metodologico sul rischio di credito con focus sul controllo andamentale.

La funzione di controllo dei rischi di II livello, un approccio metodologico sul rischio di credito con focus sul controllo andamentale. La funzione di controllo dei rischi di II livello, un approccio metodologico sul rischio di credito con focus sul controllo andamentale. 1 Rischio di credito: Il Framework Logico di Riferimento Rischio

Dettagli

Analisi della performance degli intermediari creditizi

Analisi della performance degli intermediari creditizi Analisi della performance degli intermediari creditizi Lezione 4 L analisi dei rischi e del patrimonio di vigilanza: il Terzo Pilastro di Basilea 2 Università di Bologna Facoltà di Economia, Forlì 11 dicembre

Dettagli

Il secondo pilastro: il processo di controllo prudenziale

Il secondo pilastro: il processo di controllo prudenziale : il processo di controllo prudenziale! Il processo di controllo prudenziale (Supervisory Review Process SRP) si articola in due fasi integrate! La prima è rappresentata dal processo interno di determinazione

Dettagli

IL RUOLO DEL RISK MANAGEMENT NEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI

IL RUOLO DEL RISK MANAGEMENT NEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI IL RUOLO DEL RISK MANAGEMENT NEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI Andrea Piazzetta Risk Manager Gruppo Banca Popolare di Vicenza Vicenza, 18 settembre 2009 Gruppo Banca Popolare di Vicenza Contesto regolamentare

Dettagli

Informativa al pubblico

Informativa al pubblico va Informativa al pubblico Ai sensi della Circolare di Banca d Italia n. 216/1996, 7 agg., Cap. V, Sez. XII 31 Dicembre 2012 Approvata dal CDA del 19/06/2013 1/21 19 Giugno 2013 INDICE GENERALE INTRODUZIONE...

Dettagli

ICAAP. Spunti di discussione Risk Management E Sintesi dati Resoconto 2009

ICAAP. Spunti di discussione Risk Management E Sintesi dati Resoconto 2009 ICAAP Spunti di discussione Risk Management E Sintesi dati Resoconto 29 Perché l ICAAP? (Internal Convergence of Capital Measurament and Capital Standards) Il secondo pilastro di Basilea II non è pensato

Dettagli

Simgenia SIM BASILEA 2 III PILASTRO INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL REGOLAMENTO BANCA D ITALIA DEL 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1

Simgenia SIM BASILEA 2 III PILASTRO INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL REGOLAMENTO BANCA D ITALIA DEL 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1 Simgenia SIM BASILEA 2 III PILASTRO INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL REGOLAMENTO BANCA D ITALIA DEL 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1 Consiglio di Amministrazione del 14 aprile 2015 1 INTRODUZIONE

Dettagli

I rischi operativi. Dott. Michele Lanotte

I rischi operativi. Dott. Michele Lanotte I rischi operativi Assilea, Assifact, Assofin Le nuove disposizioni di Vigilanza della Banca d Italia per le Banche e gli Intermediari Finanziari dell Elenco Speciale Milano, 14 aprile 2008 Dott. Michele

Dettagli

I.C.A.A.P. Internal Capital Adequacy Assessment Process

I.C.A.A.P. Internal Capital Adequacy Assessment Process Banca di Credito Cooperativo di S.Pietro in Vincio Regolamento del Processo I.C.A.A.P. Internal Capital Adequacy Assessment Process INDICE PREMESSA..... 3 1. RUOLO DEGLI ORGANI DI GOVERNO E CONTROLLO...

Dettagli

TERZO PILASTRO DELLA NORMATIVA PRUDENZIALE. INFORMATIVA AL PUBBLICO Data di riferimento: 31 dicembre 2013

TERZO PILASTRO DELLA NORMATIVA PRUDENZIALE. INFORMATIVA AL PUBBLICO Data di riferimento: 31 dicembre 2013 TERZO PILASTRO DELLA NORMATIVA PRUDENZIALE INFORMATIVA AL PUBBLICO Data di riferimento: 31 dicembre 2013 (CIRCOLARE BANCA D ITALIA n. 216/96, 7 AGGIORNAMENTO, SEZIONE XII) AOSTA FACTOR S.p.A. Soggetta

Dettagli

31 dicembre 2014. Approvato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 29.05.2015

31 dicembre 2014. Approvato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 29.05.2015 Terzo pilastro - Informativa al Pubblico 31 dicembre 2014 Approvato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 29.05.2015 Sede legale: Via Enzo Baldoni 23-97100 Ragusa (RG) Registro imprese/codice

Dettagli

BANCA CREMASCA. Credito Cooperativo Soc. Coop.

BANCA CREMASCA. Credito Cooperativo Soc. Coop. BANCA CREMASCA Credito Cooperativo Soc. Coop. POLICY DI PRICING E REGOLE INTERNE PER LA NEGOZIAZIONE/EMISSIONE DEI PRESTITI OBBLIGAZIONARI DELLA BANCA (Adottata ai sensi delle Linee guida interassociative

Dettagli

BASILEA II TERZO PILASTRO INFORMATIVA AL PUBBLICO

BASILEA II TERZO PILASTRO INFORMATIVA AL PUBBLICO BASILEA II TERZO PILASTRO INFORMATIVA AL PUBBLICO Situazione al 31.12.2009 Cassa Raiffeisen Lagundo Soc.coop. pag. 1 Indice Premessa pagina 3 Tavola 1 Requisito informativo generale pagina 4 Tavola 3 Composizione

Dettagli

Corso di Finanza aziendale

Corso di Finanza aziendale Basilea II Corso di Finanza aziendale Elementi del nuovo accordo di Basilea Basilea II? Si tratta della recente revisione del complesso di norme regolamentari che dal 1988 sono imposte alle banche dalla

Dettagli

*** Terzo pilastro dell accordo di Basilea II / Basilea III

*** Terzo pilastro dell accordo di Basilea II / Basilea III Informativa al pubblico in materia di adeguatezza patrimoniale, l esposizione ai rischi e le caratteristiche generali dei sistemi preposti all identificazione, alla misurazione e alla gestione di tali

Dettagli

BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI VERGATO (BO) S.c.

BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI VERGATO (BO) S.c. BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI VERGATO (BO) S.c. Metodologia di pricing e Regole Interne per la negoziazione dei prestiti obbligazionari emessi dalla BCC Adottata ai sensi delle Linee Guida interassociative

Dettagli

Le regole di Basilea II per il credito immobiliare

Le regole di Basilea II per il credito immobiliare Le regole di Basilea II per il credito immobiliare Convegno ABI Credito alle Famiglie 2008 Mario Marangoni Banca d Italia Roma, 10 giugno 2008 1 Le regole di Basilea II per il credito immobiliare L impatto

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. RISULTATO DELLA GESTIONE OPERATIVA Euro 44,4 milioni (ex Euro 2 milioni)

COMUNICATO STAMPA. RISULTATO DELLA GESTIONE OPERATIVA Euro 44,4 milioni (ex Euro 2 milioni) COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA BANCA POPOLARE DI SPOLETO S.P.A. HA APPROVATO IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 30 SETTEMBRE 2015 NOTA: A SEGUITO DELL AVVENUTO CONFERIMENTO

Dettagli

Pitagora S.p.A. PILLAR III INFORMATIVA AL PUBBLICO. Aprile 2013 Situazione al 31 dicembre 2012

Pitagora S.p.A. PILLAR III INFORMATIVA AL PUBBLICO. Aprile 2013 Situazione al 31 dicembre 2012 Pitagora S.p.A. PILLAR III INFORMATIVA AL PUBBLICO Aprile 2013 Situazione al 31 dicembre 2012 sensi di Legge. Pagina 1 SOMMARIO Premessa... 3 Tavola 1 ADEGUATEZZA PATRIMONIALE... 7 INFORMATIVA QUALITATIVA...

Dettagli

Attività di Consultazione sul documento contenente lo schema delle Disposizioni di vigilanza per gli intermediari finanziari

Attività di Consultazione sul documento contenente lo schema delle Disposizioni di vigilanza per gli intermediari finanziari Spett.le BANCA D ITALIA Servizio Normativa e politiche di vigilanza, Divisione Normativa prudenziale Via Nazionale, 91 00184 ROMA Roma, 8 marzo 2012 Prot. n. 72/12/afin_00012 Attività di Consultazione

Dettagli

ESPOSIZIONI SCADUTE E/O SCONFINANTI DETERIORATE: ADOZIONE DEL LIMITE DI 90 GIORNI IN LUOGO DI QUELLO DI 180 GIORNI

ESPOSIZIONI SCADUTE E/O SCONFINANTI DETERIORATE: ADOZIONE DEL LIMITE DI 90 GIORNI IN LUOGO DI QUELLO DI 180 GIORNI VIGILANZA BANCARIA E FINANZIARIA ESPOSIZIONI SCADUTE E/O SCONFINANTI DETERIORATE: ADOZIONE DEL LIMITE DI 90 GIORNI IN LUOGO DI QUELLO DI 180 GIORNI DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE Eventuali osservazioni,

Dettagli

Dott. Antonio Renzi. Banca d Italia Servizio Vigilanza sugli Enti Creditizi Vigilanza Creditizia e Finanziaria

Dott. Antonio Renzi. Banca d Italia Servizio Vigilanza sugli Enti Creditizi Vigilanza Creditizia e Finanziaria Il quadro di riferimento per l entrata in vigore delle nuove disposizioni di Vigilanza per le Banche e per gli Intermediari Finanziari iscritti nell Assilea, Assifact, Assofin Le nuove

Dettagli

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS IAS-IFRS E NON PERFORMING LOANS Verona, 9 giugno 2006 I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS Andrea Lionzo Università degli Studi di Verona andrea.lionzo@univr.it 1 Indice 1. I fondamenti

Dettagli

PARTE VI CRITERI DI VALUTAZIONE ECONOMICO-FINANZIARIA DELLE IMPRESE PER L AMMISSIONE DELLE OPERAZIONI

PARTE VI CRITERI DI VALUTAZIONE ECONOMICO-FINANZIARIA DELLE IMPRESE PER L AMMISSIONE DELLE OPERAZIONI ALLEGATO PARTE VI ECONOMICO-FINANZIARIA DELLE IMPRESE PER L AMMISSIONE DELLE OPERAZIONI Si esplicitano i criteri adottati, in via generale, dal Gestore per la presentazione delle proposte di delibera al

Dettagli

III PILASTRO. Informativa al pubblico al 31.12.2014 CONFIDI SARDEGNA

III PILASTRO. Informativa al pubblico al 31.12.2014 CONFIDI SARDEGNA III PILASTRO Informativa al pubblico al 31.12.2014 CONFIDI SARDEGNA INDICE Premessa... 3 Tavola 1: Adeguatezza patrimoniale... 5 Informativa qualitativa... 5 Informativa quantitativa... 9 Tavola 2: Rischio

Dettagli

LE GARANZIE DEI CONFIDI E LE NUOVE CONVENZIONI CON LE BANCHE

LE GARANZIE DEI CONFIDI E LE NUOVE CONVENZIONI CON LE BANCHE LE GARANZIE DEI CONFIDI E LE NUOVE CONVENZIONI CON LE BANCHE La struttura giuridica delle convenzioni vigenti ante Basilea 2 Negli ultimi trent anni la struttura giuridica delle convenzioni stipulate tra

Dettagli

PARCO NATURALE REGIONALE DELLE ALPI LIGURI (Provincia Imperia) REGOLAMENTO DI CONTABILITA ECONOMICO-PATRIMONIALE

PARCO NATURALE REGIONALE DELLE ALPI LIGURI (Provincia Imperia) REGOLAMENTO DI CONTABILITA ECONOMICO-PATRIMONIALE REGOLAMENTO DI CONTABILITA ECONOMICO-PATRIMONIALE TITOLO I DOCUMENTI CONTABILI E GESTIONE DEL BILANCIO Articolo 1 Contabilità economico-patrimoniale L Ente Parco adotta, quale sistema di rilevazione dei

Dettagli

Informativa al Pubblico

Informativa al Pubblico Informativa al Pubblico Ai sensi di quanto disposto dalle Istruzioni di Vigilanza per gli Intermediari Finanziari iscritti nell Elenco Speciale Capitolo V Vigilanza Prudenziale - Sezione XII 31 dicembre

Dettagli

Informativa al Pubblico. Basilea 2 Terzo Pilastro. 31 dicembre 2012

Informativa al Pubblico. Basilea 2 Terzo Pilastro. 31 dicembre 2012 Informativa al Pubblico Basilea 2 Terzo Pilastro 31 dicembre 2012 1 Indice Introduzione...3 Tavola 1 Requisito informativo generale...4 Tavola 3 Composizione del patrimonio di vigilanza......12 Tavola

Dettagli

Informativa al Pubblico

Informativa al Pubblico 1 Informativa al Pubblico Pillar 3 Informazioni al 31 Dicembre 2010 2 MPS Gestione Crediti Banca S.p.A. Sede Sociale in Siena, Piazza Salimbeni 3, www.mpsgestionecreditibanca.it Iscritta al Registro Imprese

Dettagli

Informativa al pubblico Situazione al 31 dicembre 2008

Informativa al pubblico Situazione al 31 dicembre 2008 Informativa al pubblico Situazione al 31 dicembre 2008 Pillar III Indice Premessa... 3 Tavola 1 Requisito informativo generale... 3 Tavola 2 Ambito di applicazione... 13 Tavola 3 Composizione del Patrimonio

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

Banca di Credito Cooperativo di Fiuggi INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31/12/2010

Banca di Credito Cooperativo di Fiuggi INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31/12/2010 INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31/12/2010 Indice TAVOLA 2 AMBITO DI APPLICAZIONE...3 TAVOLA 3 COMPOSIZIONE DEL PATRIMONIO DI VIGILANZA...3 TAVOLA 4 ADEGUATEZZA PATRIMONIALE...5 TAVOLA 5 RISCHIO

Dettagli

Progetto DAP Database delle Abitudini di Pagamento

Progetto DAP Database delle Abitudini di Pagamento Progetto DAP Database delle Abitudini di Pagamento Antonio De Martini Presidente Associazione Italiana per il Factoring (Assifact) Milano, 23 giugno 2009 Indice Le informazioni sulle abitudini di pagamento

Dettagli

Premessa. Tavola 1 Adeguatezza patrimoniale. Informativa qualitativa

Premessa. Tavola 1 Adeguatezza patrimoniale. Informativa qualitativa INFORMATIVA AL PUBBLICO - Terzo Pilastro di Basilea 2 - Situazione al 31 dicembre 2014 Premessa La Sezione XII Informativa al pubblico Cap. V Vigilanza Prudenziale 9 aggiornamento del 28/02/2008 della

Dettagli

TAVOLE PER L INFORMATIVA AL PUBBLICO DEL PROCESSO ICAAP

TAVOLE PER L INFORMATIVA AL PUBBLICO DEL PROCESSO ICAAP TAVOLE PER L INFORMATIVA AL PUBBLICO DEL PROCESSO ICAAP Ai sensi del Regolamento della Banca d Italia in materia di vigilanza prudenziale per le SIM del 24 ottobre 2007, Giotto SIM ha prodotto apposito

Dettagli

Equita SIM S.p.A. pubblica la presente Informativa al Pubblico sul proprio sito internet www.equitasim.it

Equita SIM S.p.A. pubblica la presente Informativa al Pubblico sul proprio sito internet www.equitasim.it INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31/12/2012 Introduzione Il Regolamento della Banca d Italia in materia di vigilanza prudenziale per le SIM (Titolo III, Capitolo 1), del 24 ottobre 2007, introduce

Dettagli

Politica di valutazione e pricing per la negoziazione/emissione dei prestiti obbligazionari emessi dalla

Politica di valutazione e pricing per la negoziazione/emissione dei prestiti obbligazionari emessi dalla Politica di valutazione e pricing per la negoziazione/emissione dei prestiti obbligazionari emessi dalla Banca di Credito Cooperativo San Giuseppe di Petralia Sottana Adottata con delibera del C.d.A. del

Dettagli

Istituto per il Credito Sportivo

Istituto per il Credito Sportivo Istituto per il Credito Sportivo INFORMATIVA AL PUBBLICO BASILEA 2-3 PILASTRO MAGGIO 2010 1 PILLAR III MAGGIO 2010 ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO INFORMATIVA AL PUBBLICO BASILEA 2 3 PILASTRO INTRODUZIONE

Dettagli

COMUNICATO STAMPA Risultati preliminari di bilancio consolidati al 31 dicembre 2015

COMUNICATO STAMPA Risultati preliminari di bilancio consolidati al 31 dicembre 2015 Società per Azioni con Sede Legale in Cagliari Viale Bonaria, 33 Codice fiscale e n di iscrizione al Registro delle Imprese di Cagliari 01564560900 Partita IVA 01577330903 Iscrizione all Albo delle Banche

Dettagli

Corso di Formazione. Aggiornamenti Normativi Antiriciclaggio e Adeguata Verifica. Padova, 04 Novembre 2014. L informatica per i Confidi

Corso di Formazione. Aggiornamenti Normativi Antiriciclaggio e Adeguata Verifica. Padova, 04 Novembre 2014. L informatica per i Confidi Corso di Formazione Aggiornamenti Normativi Antiriciclaggio e Adeguata Verifica Padova, 04 Novembre 2014 Ore 09.30 11.00 Antiriciclaggio Antiterrorismo Monitoraggio fiscale Privacy La normativa primaria,

Dettagli

Informativa al Pubblico. Terzo Pilastro di Basilea 2 Informativa al Pubblico

Informativa al Pubblico. Terzo Pilastro di Basilea 2 Informativa al Pubblico Terzo Pilastro di Basilea 2 Informativa al Pubblico Situazione al 31.12.2013 1 INDICE Introduzione. a3 Tavola 1 Requisito informativo generale.. a4 Tavola 2 Ambito di applicazione. 12 Tavola 3 Composizione

Dettagli