REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ISPEZIONE SULL ESECUZIONE DELLE OPERE Mod. TEC-11

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ISPEZIONE SULL ESECUZIONE DELLE OPERE Mod. TEC-11"

Transcript

1 pag. 1 di 9 Pag.1 di 9 INDICE 1 CAMPO DI APPLICAZIONE 2 2 PROCEDURE DI ISPEZIONE CLASSIFICAZIONE DELLE CRITICITÀ IMPOSTAZIONE DELL ATTIVITÀ DI VERIFICA VERIFICA DOCUMENTALE EMISSIONE DEL PIANO DI CONTROLLO VERIFICA DEL PROGETTO VERIFICHE IN SITO RAPPORTO FINALE DI CONTROLLO TECNICO ISPEZIONI SU OPERE PARZIALMENTE O COMPLETAMENTE ESEGUITE INTERFACCIA 7 4 RECLAMI E RICORSI 7 5 RISERVATEZZA 7 6 RIFERIMENTI 8 ALLEGATO 1 9

2 pag. 2 di 9 Pag.2 di 9 1 CAMPO DI APPLICAZIONE Il presente documento definisce i rapporti tra SIRCUS - DIVISIONE PIRAMID ed i soggetti Clienti (Committenti) che intendono avvalersi del servizio di ispezione sull esecuzione delle opere effettuato da SIRCUS - DIVISIONE PIRAMID. Esso si applica ai controlli svolti da SIRCUS - DIVISIONE PIRAMID ai sensi della Legge 210/04 s.m.i. ed in conformità alla norma UNI CEI EN ISO/IEC 17020:2005, al fine di garantire una reale qualità del costruito. Lo scopo dell attività consiste nel controllo tecnico del progetto esecutivo e delle opere finalizzati a: verifica della conformità delle opere alle prescrizioni del progetto verifica dell adeguatezza dei materiali impiegati verifica della conformità delle opere alle regole di buona pratica esecutiva rilascio di polizza indennitaria decennale postuma. 2 PROCEDURE DI ISPEZIONE Ai fini assicurativi e su richiesta della committenza SIRCUS - DIVISIONE PIRAMID svolge i controlli in conformità con l oggetto della polizza assicurativa, come previsto dalla legge 210/04, e la norma UNI al fine di garantire una reale qualità del costruito. In particolare saranno evidenziati i rischi legati a : Stabilità e resistenza meccanica delle strutture Curabilità, manuntentibilità e vita utile di : 1. involucro 2. impermeabilizzazioni 3. rivestimenti interni 4. facciate continue ed infissi 5. finiture e impianti AGGIORNAMENTO COSTANTE E PREVENZIONE DEI RISCHI SIRCUS - DIVISIONE PIRAMID assicura il costante aggiornamento sullo svolgimento delle attività di cantiere in termini di conformità sia ai requisiti tecnici che programmatici, nonché tutte le informazioni necessarie per svolgere attività di prevenzione dei rischi e controllo del rispetto degli obblighi contrattuali. SIRCUS - DIVISIONE PIRAMID effettua controlli in corso d opera finalizzati alla : verifica della conformità delle opere alle prescrizioni del progetto verifica dell adeguatezza dei materiali impiegati verifica della conformità delle opere alle regole di buona pratica esecutiva L Ente di Accreditamento (Accredia, ex Sincert) può chiedere di partecipare - come osservatore - alle ispezioni effettuate da SIRCUS - DIVISIONE PIRAMID, al fine di verificare che le modalità di ispezione adottate siano conformi alle norme per esso applicabili. SIRCUS - DIVISIONE PIRAMID concorda previamente con il Committente la partecipazione dell Ente di Accreditamento. Qualora il Committente non conceda il benestare alla suddetta partecipazione,

3 pag. 3 di 9 Pag.3 di 9 sussistono i presupposti per l interruzione del processo di ispezione da parte di SIRCUS - DIVISIONE PIRAMID. 2.1 CLASSIFICAZIONE DELLE CRITICITÀ Con il termine criticità si intendono i riscontri effettuati da SIRCUS - DIVISIONE PIRAMID nel corso dell esame della documentazione e delle verifiche in sito. Le criticità si dividono in: NON CONFORMITÀ (NC) OSSERVAZIONI (OSS) RACCOMANDAZIONI (COM) NON CONFORMITÀ Mancato soddisfacimento di requisiti richiesti da leggi, normative vigenti, specifiche contrattuali, per le quali sono previste azioni correttive, se del caso anche il rifacimento delle opere eseguite. Le non conformità richiedono una risposta formale entro 10 giorni dal ricevimento delle medesime. OSSERVAZIONI Non completa osservanza di requisiti richiesti da leggi, normative vigenti, specifiche contrattuali, che non richiedono il rifacimento dell opera, ma un suo adeguamento/modifica. Richiesta di integrazioni su documentazione progettuale e/o specifiche sui materiali utilizzati. Le osservazioni richiedono una risposta formale entro 10 giorni dal ricevimento delle medesime. RACCOMANDAZIONI Suggerimenti/spunti di miglioramento, che non richiedono una risposta formale. 3. PROCEDURE DI ISPEZIONE

4 pag. 4 di 9 Pag.4 di IMPOSTAZIONE DELL ATTIVITÀ DI VERIFICA A seguito di richiesta da parte del Committente, SIRCUS - Divisione PIRAMID effettua un analisi di fattibilità tecnica ed economica e predispone un offerta che, se confermata per iscritto dal Committente, porta alla ratifica di un ordine. All accettazione dell ordine da parte del Committente, il Responsabile Tecnico di SIRCUS - DIVISIONE PIRAMID organizza un incontro con il Committente ed anche con l impresa per definire obiettivi, riferimenti e caratteristiche di approfondimento dell ispezione. Il Responsabile Tecnico, nel caso in cui intenda avvalersi della collaborazione di Esperti esterni, ne dà comunicazione al Committente, onde ottenere la Sua approvazione. In funzione dell incarico contrattuale (tipologia di opere da realizzare e richieste del Cliente) il controllo tecnico consiste in: verifica di tutti i documenti emessi in corso d opera e delle eventuali varianti, ai fini della valutazione della conformità alle prescrizioni della normativa applicabile e alle specifiche di buona pratica progettuale; emissione del Piano di Controllo; verifica del progetto, di tutti i documenti emessi in corso d opera e delle eventuali varianti, definendo i punti critici che possono influenzare in modo significativo il corretto compimento dell opera; verifiche in Sito, effettuate in corrispondenza alle fasi significative delle lavorazioni, secondo quanto previsto dal Piano di Controllo. 2.3 VERIFICA DOCUMENTALE Consiste in un esame approfondito della documentazione disponibile che consente di comprendere l oggetto da ispezionare: relazioni (generali e specialistiche ) calcoli esecutivi delle strutture e degli impianti elaborati grafici nelle scale adeguate, compresi gli eventuali particolari costruttivi capitolato speciale d appalto, prestazionale o descrittivo quadro economico e valutazione dei costi cronoprogramma piano di manutenzione dell opera e delle sue parti schema di contratto Tale esame documentale comporta l emissione di un documento, denominato Rapporto di verifica iniziale (mod. TEC-01), che contiene i seguenti dati: riferimenti di commessa elenco documenti disponibili principali criticità, progettuali e/o realizzative.

5 pag. 5 di 9 Pag.5 di EMISSIONE DEL PIANO DI CONTROLLO Sulla scorta delle criticità emerse nella fase precedente ed in funzione del programma dei lavori fornito dal Committente o dalla D.L., SIRCUS - DIVISIONE PIRAMID pianifica l insieme dei controlli da prevedere nel corso dell attività. Queste informazioni vengono condensate in un documento denominato PDC Piano di Controllo (mod. TEC-02), che specifica, per ciascuna criticità evidenziata, i controlli da eseguire e la relativa cadenza temporale, pianificando, in questo modo, le ispezioni da svolgere. 2.5 VERIFICA DEL PROGETTO In parallelo all attività di cui al 3.3, i documenti sono esaminati anche con riferimento al rispetto di norme e leggi vigenti, per una verifica di affidabilità progettuale, con particolare riferimento ai dimensionamenti strutturali, e per l individuazione dei punti critici che possono influenzare in modo significativo il corretto compimento dell opera Controllo documentazione progettuale verifica della completezza della documentazione progettuale, amministrativa e di controllo/collaudo presente in cantiere notifica alla committenza di eventuali ritardi rispetto al cronoprogramma lavori, con individuazione delle motivazioni e delle azioni correttive da porre in essere verifica delle procedure di collaudo e delle prove eseguite dall impresa e conseguente accettazione dei certificati di collaudo emessi. 2.6 VERIFICHE IN SITO La verifica in sito consiste nell effettuazione da parte degli ispettori di SIRCUS - DIVISIONE PIRAMID delle verifiche previste dal Piano di Controllo, per assicurare : corretta esecuzione di ogni unità dell opera e conformità alle specifiche di progetto impiego corretto dei materiali e dei processi di costruzione correttezza delle modifiche ( varianti in corso d opera) del progetto iniziale. Gli esiti della verifica in sito sono formalizzati in un documento denominato Rapporto di verifica intermedio (mod. TEC-05). In tale documento sono indicate: breve relazione sullo stato generale del cantiere nota sintetica sullo stato delle attività con evidenti problemi di rilievo incontrati nel periodo in esame elenco delle azioni in sospeso la cui mancata risoluzione impedisca il mantenimento del programma

6 pag. 6 di 9 Pag.6 di 9 programma dei lavori con registrazione dell avanzamento percentuale effettivo, basato sul rilevamento delle attività effettivamente realizzate e riscontrate in corso d opera alla data di verifica date effettive di inizio e fine di ogni attività del cronoprogramma nel periodo del rilevamento pareri tecnici eventuali non conformità riscontrate ed eventuali raccomandazioni circa le buone pratiche di realizzazione delle opere 2.7 RAPPORTO FINALE DI CONTROLLO TECNICO Al termine delle analisi della documentazione e delle verifiche in sito, SIRCUS - DIVISIONE PIRAMID emette un documento conclusivo, denominato RFC Rapporto Finale di Controllo Tecnico (mod. TEC-07). Ai fini del rilascio della polizza indennitaria decennale postuma il Rapporto Finale di Controllo Tecnico costituirà documento che attesta la conformità dell opera ai requisiti progettuali ed alla buona regola dell arte e vedrà riportate le non conformità eventualmente riscontrate. Il Committente sarà libero di utilizzare, esibire e citare il Rapporto Finale di Controllo Tecnico del progetto per tutti gli scopi di legge, promozionali, commerciali. 2.8 ISPEZIONI SU OPERE PARZIALMENTE O COMPLETAMENTE ESEGUITE Nei casi in cui, al momento dell accettazione dell incarico, le opere oggetto dell ispezione risultino parzialmente o completamente eseguite, SIRCUS - Divisione PIRAMID adotta le seguenti modalità operative: Opere parzialmente eseguite: il numero delle ispezioni in cantiere potrebbe risultare ridotto e comunque legato alle opere ancora da eseguire; l attività dell esperto in geologia potrebbe essere limitata all analisi documentale, se già eseguite le opere fondazionali dovrà richiedere l esecuzione di prove strumentali e/o di laboratorio Opere completamente eseguite: effettuerà una approfondita e critica verifica di corrispondenza tra la progettazione esecutiva e le opere realizzate dovrà richiedere l esecuzione di prove strumentali e/o di laboratorio

7 pag. 7 di 9 Pag.7 di 9 3 INTERFACCIA L interfaccia per il Committente è il Responsabile Tecnico / Coordinatore del Servizio di Ispezione o la figura da esso indicata. 4 RECLAMI E RICORSI Il Committente, ricevuto il Rapporto Finale di Controllo Tecnico, potrà fare ricorso a SIRCUS - DIVISIONE PIRAMID riguardo al contenuto ed alle risultanze dello stesso, esponendo le ragioni del dissenso, per iscritto, entro 30 giorni dalla data di ricevimento del Rapporto. Entro 60 giorni dal ricevimento del ricorso, SIRCUS - DIVISIONE PIRAMID deve rassegnare il proprio parere, sentendo eventualmente i Rappresentanti del Committente stesso. Il personale tecnico SIRCUS - DIVISIONE PIRAMID coinvolto nell esecuzione di attività di ispezione oggetto di un ricorso, non partecipa all elaborazione del parere di risposta allo stesso. Qualora il Committente intenda segnalare una non conformità relativa al lavoro eseguito, può inoltrare un reclamo scritto e motivato a SIRCUS - DIVISIONE PIRAMID. SIRCUS - DIVISIONE PIRAMID provvederà ad analizzare il reclamo ed a fornire una risposta scritta allo stesso. 5 RISERVATEZZA SIRCUS - DIVISIONE PIRAMID, nell esecuzione dei servizi oggetto dell incarico di ispezione, garantisce la riservatezza delle informazioni e la tutela dei diritti di proprietà del Committente, sia da parte del personale dipendente, sia da parte degli eventuali sub-fornitori e/o del personale ispettivo esterno.

8 pag. 8 di 9 Pag.8 di 9 6 RIFERIMENTI Norma UNI CEI EN ISO/IEC 17020:2005 EA IAF/ILAC-A4: 2004 EA IAF/ILAC Guidance on the Application of ISO/IEC 17020:1998 Regolamento SINCERT RG-03 Regolamento per l accreditamento degli Organismi di Ispezione Regolamento Tecnico SINCERT RT 07 Prescrizioni per l'accreditamento degli Organismi di Ispezione di tipo A e B ai sensi della norma UNI CEI EN ISO/IEC Norma UNI 10721:1998 Servizi di controllo tecnico per le nuove costruzioni UNI 10722/1: Edilizia Qualificazione e controllo del progetto edilizio di nuove costruzioni Criteri generali e terminologia UNI 10722/2: Edilizia Qualificazione e controllo del progetto di nuove costruzioni Definizioni del programma di intervento UNI 10722/3: Edilizia Qualificazione e controllo del progetto edilizio di nuove costruzioni Pianificazione del progetto e pianificazione ed esecuzione dei controlli del progetto in un intervento edilizio D.P.R. 21 dicembre 1999 N Regolamento d attuazione delle Legge Quadro in materia di Lavori Pubblici N.163:2006, e successive modificazioni Norme Tecniche di cui al Testo Unico 14/01/08 aggiornate secondo la Circolare 2 febbraio 2009 n. 617 C.S.LL.PP Manuale Qualità SIRCUS - DIVISIONE PIRAMID Allegati: DOCUMENTAZIONE INDISPENSABILE RICHIESTA AL CLIENTE AI FINI DEL RILASCIO DELLA POLIZZA DECENNALE POSTUMA (Allegato 1)

9 pag. 9 di 9 Pag.9 di 9 ALLEGATO 1 DOCUMENTAZIONE INDISPENSABILE RICHIESTA AL CLIENTE AI FINI DEL RILASCIO DELLA POLIZZA DECENNALE POSTUMA 1. Copia in formato elettronico del progetto esecutivo completo, comprensivo del progetto esecutivo strutturale e dei principali elaborati architettonici (incluse planimetrie) 2. copia di relazione di calcolo, relazione geotecnica ed indagini geognostiche 3. permesso di costruire 4. dichiarazione del progettista di rispetto delle normative 5. denuncia delle opere in c.a. 6. specifiche tecniche contrattuali riferite alle impermeabilizzazioni 7. schede tecniche dei materiali impiegati per il pacchetto di impermeabilizzazione 8. relazione sulla qualità e dosatura dei materiali impiegati (se non ricompresa in altre relazioni) 9. nomina del collaudatore 10. relazione a strutture ultimate da parte della D.L. 11. dichiarazione fine lavori 12. certificato di collaudo statico 13. verbale di collaudo provvisorio o certificato di collaudo finale 14. certificati di origine predalles, travetti e strutture prefabbricate 15. report fotografico della costruzione dell'opera (se disponibile)

Regolamento per lo svolgimento di attività di ispezione in qualità di Organismo di Ispezione di Tipo A.

Regolamento per lo svolgimento di attività di ispezione in qualità di Organismo di Ispezione di Tipo A. Regolamento per lo svolgimento di attività di ispezione in qualità di Organismo di Ispezione di Tipo A. In vigore dal 06. 07. 2011 RINA Via Corsica 12 16128 Genova - Italia tel +39 010 53851 fax +39 010

Dettagli

Rev. Data Descrizione Redatto Verificato Approvato IDENTIFICAZIONE: 0020CR_00_IT

Rev. Data Descrizione Redatto Verificato Approvato IDENTIFICAZIONE: 0020CR_00_IT Regolamento per la gestione delle attività di ispezione di materiali, prodotti e servizi nel settore industriale per l impiantistica, le opere e le costruzioni 00 24/04/2013 Annulla e sostituisce il documento

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE ESAME CE DEL TIPO

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE ESAME CE DEL TIPO REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE ESAME CE DEL TIPO (Direttiva 95/16/CE Allegato V lettera B e Direttiva 2006/42/CE Allegato IX punto 16 e 17) INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 2. RIFERIMENTI LEGISLATIVI

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE ESAME CE DEL TIPO

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE ESAME CE DEL TIPO REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE ESAME CE DEL TIPO (Direttiva 2006/42/CE Allegato IX punto 16 e 17) INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 2. RIFERIMENTI LEGISLATIVI 3. NORME TECNICHE 4. GENERALITÀ 5.

Dettagli

CONTROLLO DOCUMENTALE E CONTROLLO OPERATIVO DEI PROGETTI E DEI PROCESSI IN EDILIZIA. Ing. Davide Natuzzi

CONTROLLO DOCUMENTALE E CONTROLLO OPERATIVO DEI PROGETTI E DEI PROCESSI IN EDILIZIA. Ing. Davide Natuzzi CONTROLLO DOCUMENTALE E CONTROLLO OPERATIVO DEI PROGETTI E DEI PROCESSI IN EDILIZIA. Ing. Davide Natuzzi Gruppo Mercurio - Via Parini 3, 22020 Cavallasca (CO) 1 Tel. 031/539163 Fax. 031/539160 PERCORSO

Dettagli

Controllo tecnico delle Costruzioni. Verifica del progetto ai della Validazione. Organismo di controllo indipendente accreditato ISP N 061E

Controllo tecnico delle Costruzioni. Verifica del progetto ai della Validazione. Organismo di controllo indipendente accreditato ISP N 061E Controllo tecnico delle Costruzioni ISP N 061E Membro degli Accordi di Mutuo Riconoscimento EA, IAF e ILAC Signatory of EA, IAF and ILAC Mutual Recognition Agreements Verifica del progetto ai della Validazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE ISPEZIONI DI SORVEGLIANZA PERIODICA

REGOLAMENTO PER LE ISPEZIONI DI SORVEGLIANZA PERIODICA REGOLAMENTO PER LE ISPEZIONI DI SORVEGLIANZA PERIODICA (Art. 13 D.P.R. 162/99) INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 2. RIFERIMENTI LEGISLATIVI 3. NORME TECNICHE 4. GENERALITÀ 5. PERSONALE IMPIEGATO

Dettagli

SCHEMA CESI-ISPEZIONI

SCHEMA CESI-ISPEZIONI Pagina 1 di 6 SCHEMA CESI-ISPEZIONI ISPEZIONI DI TIPO A REGOLAMENTO Documento approvato dal Comitato Tecnico per la Certificazione del CESI (CTC) nella riunione del 23 Novembre 2006 [D042.02-CTC(Segr)]

Dettagli

CHECK LIST mod CLG rev 00 del 2011-11-16

CHECK LIST mod CLG rev 00 del 2011-11-16 Data della verifica: Certificatore Verificato (specificare nome e cognome) Certificato Verificato (numero certificato, revisione e data rilascio) Responsabile del Gruppo di Verifica (specificare nome e

Dettagli

MANUALE PER LE ATTIVITÀ IN QUALITÀ DI ORGANISMO DI ISPEZIONE. REGOLAMENTO PER LE ATTIVITÀ ISPETTIVE SETTORE INDUSTRIALE Pagina 1 di 7

MANUALE PER LE ATTIVITÀ IN QUALITÀ DI ORGANISMO DI ISPEZIONE. REGOLAMENTO PER LE ATTIVITÀ ISPETTIVE SETTORE INDUSTRIALE Pagina 1 di 7 REGOLAMENTO PER LE ATTIVITÀ ISPETTIVE SETTORE INDUSTRIALE Pagina 1 di 7 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 2 2. TERMINI E DEFINIZIONI... 2 3. RESPONSABILITÀ... 3 4. DISTRIBUZIONE... 3 5. MODALITÀ DI SVOLGIMENTO

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE ATTIVITA DI ISPEZIONE

REGOLAMENTO PER LE ATTIVITA DI ISPEZIONE Pag. 1 di 6 INDICE 1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 2 2 TERMINI E DEFINIZIONI... 2 3 MODIFICHE AL REGOLAMENTO... 2 4 PROCESSO DI ISPEZIONE... 3 4.1 Richiesta di attività ispettive... 3 4.2 Erogazione

Dettagli

CORSO BREVE. Il Collaudo

CORSO BREVE. Il Collaudo Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Ordine degli Ingegneri della Provincia di Napoli CORSO BREVE sulla normativa inerente la PROGETTAZIONE e la REALIZZAZIONE di OPERE PUBBLICHE

Dettagli

SPECIFICA DI ASSICURAZIONE QUALITA

SPECIFICA DI ASSICURAZIONE QUALITA 1 di 8 1 PRESCRIZIONI PER LA GESTIONE DI SERVIZI DI PROGETTAZIONE SULLA BASE DI DOCUMENTI DI 2 Parte Titolo 3 PARTE I I.1 PREMESSA I.2 SCOPI I.3 PRESCRIZIONI RELATIVE ALL'ORGANIZZAZIONE AZIENDALE DELLA

Dettagli

Titolo. Istruzione operativa per l uso del Modulo DT-Mod-006: Rilievi individuati da ACCREDIA-DT e richiesta di trattamento

Titolo. Istruzione operativa per l uso del Modulo DT-Mod-006: Rilievi individuati da ACCREDIA-DT e richiesta di trattamento Titolo Sigla Istruzione operativa per l uso del Modulo DT-Mod-006: Rilievi individuati da ACCREDIA-DT e richiesta di trattamento IO-09-02-DT Revisione 02 Riservatezza 1 Data 2014-12-15 Redazione Approvazione

Dettagli

Titolo. Revisione 00. Data 2010-09-21. Redazione Approvazione Autorizzazione all emissione. Entrata in vigore. Il Coordinatore del Gruppo di Lavoro

Titolo. Revisione 00. Data 2010-09-21. Redazione Approvazione Autorizzazione all emissione. Entrata in vigore. Il Coordinatore del Gruppo di Lavoro Titolo Sigla Prescrizioni per l accreditamento di Organismi operanti le certificazioni dei Centri di contatto in accordo alla UNI EN 15838, seguendo i criteri della UNI 11200. Directives for accreditation

Dettagli

LA VALIDAZIONE DEL PROGETTO

LA VALIDAZIONE DEL PROGETTO Dipartimento di Architettura e Territorio darte Corso di Studio in Architettura quinquennale Classe LM-4 a.a. 2014-2015 Corso di Project Management, Gestione OO.PP e Cantiere - C prof. Renato G. Laganà

Dettagli

REGOLAMENTO ISPEZIONI DI TIPO A NEL SETTORE:

REGOLAMENTO ISPEZIONI DI TIPO A NEL SETTORE: REGOLAMENTO ISPEZIONI DI TIPO A NEL SETTORE: COSTRUZIONI EDILI E OPERE DI INGEGNERIA CIVILE IN GENERALE E RELATIVE OPERE IMPIANTISTICHE, OPERE DI PRESIDIO E DI DIFESA AMBIENTALE E DI INGEGNERIA NATURALISTICA

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE ISPEZIONI DI SORVEGLIANZA PERIODICA

REGOLAMENTO PER LE ISPEZIONI DI SORVEGLIANZA PERIODICA REGOLAMENTO PER LE ISPEZIONI DI SORVEGLIANZA PERIODICA (Art. 13 D.P.R. 162/99) INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 2. RIFERIMENTI LEGISLATIVI 3. NORME TECNICHE 4. GENERALITÀ 5. PERSONALE IMPIEGATO

Dettagli

Certificazione dei Sistemi di Gestione per la Qualità (Norma UNI EN ISO 9001:2008)

Certificazione dei Sistemi di Gestione per la Qualità (Norma UNI EN ISO 9001:2008) di Giampiero Mercuri Responsabile tecnico di certificazione CNIM rubrica Certificazione Certificazione dei Sistemi di Gestione per la Qualità (Norma UNI EN ISO 9001:2008) SECONDA PARTE: lo Stage 2 di Certificazione

Dettagli

FASI DELLA PROGETTAZIONE Preliminare Definitiva - Esecutiva

FASI DELLA PROGETTAZIONE Preliminare Definitiva - Esecutiva Università di Padova a.a. 2009-2010 FASI DELLA PROGETTAZIONE Preliminare Definitiva - Esecutiva Lezione 4/11/2009 Corso di Progetto Ambiente Viviana Salieri NORMATIVA LAVORI PUBBLICI LEGGE QUADRO in materia

Dettagli

I GRADI DI PROGETTAZIONE

I GRADI DI PROGETTAZIONE Università degli Studi di Cagliari A.A. 20012-2013 I GRADI DI PROGETTAZIONE SECONDO IL CODICE DEGLI APPALTI (Progetto esecutivo) approvato con il decreto legislativo n. 163 del 12 aprile 2006 ed aggiornato

Dettagli

Redazione Approvazione Autorizzazione all emissione Entrata in vigore. Il Direttore di Dipartimento Il Consiglio Direttivo Il Presidente 2013-09-30

Redazione Approvazione Autorizzazione all emissione Entrata in vigore. Il Direttore di Dipartimento Il Consiglio Direttivo Il Presidente 2013-09-30 Titolo Sigla Prescrizioni per l accreditamento di Organismi operanti le certificazioni del servizio di erogazione di corsi di formazione per personale addetto al recupero di determinati gas fluorurati

Dettagli

GD Srl CAPITOLATO GENERALE DI FORNITURA. N 1 Specificato il Foro Competente AQ DIR 05/02/15. Torchio. Barigazzi. Giannitti

GD Srl CAPITOLATO GENERALE DI FORNITURA. N 1 Specificato il Foro Competente AQ DIR 05/02/15. Torchio. Barigazzi. Giannitti PAG. / 9 GD Srl N Specificato il Foro Competente AQ CQ DIR 05/02/5 Barigazzi Torchio Giannitti N 0 Allineamento ai requisiti della norma UNI EN ISO 900:2008 e della specifica tecnica ISO/TS 6949:2009 AQ

Dettagli

1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE...2 2 RIFERIMENTI... 2 3 SIGLE E DEFINIZIONI... 2 4 RESPONSABILITA...3 5 PROCEDURA...3

1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE...2 2 RIFERIMENTI... 2 3 SIGLE E DEFINIZIONI... 2 4 RESPONSABILITA...3 5 PROCEDURA...3 del 13 11 2012 Pagina 1 di 6 INDICE 1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE...2 2 RIFERIMENTI... 2 3 SIGLE E DEFINIZIONI... 2 4 RESPONSABILITA...3 5 PROCEDURA...3 5.1 Programmazione delle attività...3 5.2 Documentazione...

Dettagli

A tutti gli Organismi di Certificazione accreditati schema PRS. Vostra e-mail. Ns. rif.: DC2014SSV089 Milano, 15/07/2014

A tutti gli Organismi di Certificazione accreditati schema PRS. Vostra e-mail. Ns. rif.: DC2014SSV089 Milano, 15/07/2014 A tutti gli Organismi di Certificazione accreditati schema PRS Vostra e-mail Ns. rif.: DC2014SSV089 Milano, 15/07/2014 Oggetto: Dipartimento Certificazione e Ispezione Accredia - Circolare N 11/2014 D.M.

Dettagli

S.A.C. Società Aeroporto Catania S.p.A.

S.A.C. Società Aeroporto Catania S.p.A. S.A.C. Società Aeroporto Catania S.p.A. Capitolato tecnico per Affidamento del servizio di consulenza per la progettazione, implementazione e certificazione di un Sistema di Gestione Integrato per la Qualità

Dettagli

SPECIFICA DI ASSICURAZIONE QUALITA

SPECIFICA DI ASSICURAZIONE QUALITA QUALITA 1 di 11 PRESCRIZIONI PER LA GESTIONE DI FORNITURE DI PRODOTTI SULLA BASE DI DOCUMENTI DI PIANIFICAZIONE DELLA Parte PARTE I I.1 PREMESSA Titolo I.2 SCOPI I.3 PRESCRIZIONI RELATIVE ALL'ORGANIZZAZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ATTESTAZIONE EX REGOLAMENTO (UE) N. 333/2011

REGOLAMENTO PER L ATTESTAZIONE EX REGOLAMENTO (UE) N. 333/2011 REGOLAMENTO (UE) N. PROCEDURA GENERALE GP01 333 REGOLAMENTO PER L ATTESTAZIONE EX 0 15/09/2011 LTM CSI 1 di 8 INDICE 1. SCOPO... 3 2. GENERALITA... 3 2.1. REQUISITI AGGIUNTIVI PER... 3 3. RIFERIMENTI...

Dettagli

ARTICOLO 1 Premesse Le premesse costituiscono parte integrante e sostanziale del presente atto.

ARTICOLO 1 Premesse Le premesse costituiscono parte integrante e sostanziale del presente atto. SCRITTURA PRIVATA TRA la Diocesi/Parrocchia di..., con sede in..., Via/Piazza,..., codice fiscale/partita iva..., in persona del legale rappresentante pro-tempore, di seguito denominato anche Committente

Dettagli

Matrice delle Revisioni: Pagina 1 di 6. Ed. 02 Rev.02 del 01-09-2013

Matrice delle Revisioni: Pagina 1 di 6. Ed. 02 Rev.02 del 01-09-2013 Applicazione RT 05 Accredia per il settore EA 28 Matrice delle Revisioni: 05 04 03 02 02 1/09/2013 02 01 10/01/2012 Conformità al RT-05 rev. 01 del 09.07.2013 Conformità al RT-05 rev. 00 del 29.11.2011

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL COMITATO TECNICO DI CERTIFICAZIONE

REGOLAMENTO PER IL COMITATO TECNICO DI CERTIFICAZIONE Pagina 1 di 5 Revisione Data Descrizione Redazione Approvazione Pagina 2 di 5 Indice 1 Scopo e campo di applicazione 2 Riferimenti normativi 3 Costituzione e funzionamento del Comitato di Certificazione

Dettagli

Regolamento per l esecuzione delle verifiche secondo i requisiti del DPR 462/01

Regolamento per l esecuzione delle verifiche secondo i requisiti del DPR 462/01 Regolamento per l esecuzione delle verifiche secondo i requisiti del DPR 462/01 In vigore dal 17 Marzo 2010 RINA SERVICES S.p.A. Società coordinata dal Socio unico RINA S.p.A. Via Corsica 12 16128 Genova

Dettagli

Presidenza del Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici Servizio Tecnico Centrale

Presidenza del Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici Servizio Tecnico Centrale Presidenza del Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici Servizio Tecnico Centrale PROCEDURA PER IL RILASCIO, DA PARTE DEL SERVIZIO TECNICO CENTRALE, DEL CERTIFICATO DI IDONEITÀ TECNICA ALL IMPIEGO, DI CUI

Dettagli

SCHEMA PER LA CERTIFICAZIONE DELLE SCAFFALATURE COMMERCIALI DI SERIE SECONDO LA NORMA UNI 11262-1:2008

SCHEMA PER LA CERTIFICAZIONE DELLE SCAFFALATURE COMMERCIALI DI SERIE SECONDO LA NORMA UNI 11262-1:2008 SCHEMA PER LA CERTIFICAZIONE DELLE SCAFFALATURE COMMERCIALI DI SERIE SECONDO LA NORMA UNI 11262-1:2008 Il presente documento è stato approvato dalla Commissione Prodotti il 06/10/2010. L originale è conservato

Dettagli

CONEGLIANO COMUNE DI. Approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. 211 del 10.04.2006. Data entrata in vigore: 27 aprile 2006.

CONEGLIANO COMUNE DI. Approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. 211 del 10.04.2006. Data entrata in vigore: 27 aprile 2006. COMUNE DI Provincia di CONEGLIANO Treviso REGOLAMENTO COMUNALE PER LA COSTITUZIONE E LA RIPARTIZIONE DELLA SOMMA INCENTIVANTE DI CUI ALL ARTICOLO 18 DELLA LEGGE 11 FEBBRAIO 1994, N. 109 e successive modifiche

Dettagli

CEPAS srl Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: esami@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu

CEPAS srl Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: esami@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: esami@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu PROCEDURA GESTIONALE sigla: PG45 Pag. 1 di 7 MODALITÀ DI VALUTAZIONE DEGLI ESPERTI

Dettagli

MANUALE di GESTIONE per la QUALITA

MANUALE di GESTIONE per la QUALITA Pagina 1 di 5 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE Scopo della presente sezione del MQ è definire le modalità e i criteri adottati dalla No Problem Parking spa per pianificare ed attuare i processi di misurazione

Dettagli

REGOLE DI BUONA PRASSI PER IL COORDINATORE DELLA SICUREZZA

REGOLE DI BUONA PRASSI PER IL COORDINATORE DELLA SICUREZZA REGOLE DI BUONA PRASSI PER IL COORDINATORE DELLA SICUREZZA IN RIFERIMENTO DELLA DIRETTIVA CANTIERI D.L.vo 494/96 e D.L.vo 528/99; DPR 222/03; D.L.vo 276/03 Le regole di seguito indicate rappresentano un

Dettagli

GESTIONE DELLE NON CONFORMITÀ E RECLAMI

GESTIONE DELLE NON CONFORMITÀ E RECLAMI Pagina 1 di 6 Procedura Rev. Data Descrizione modifica Approvazione 3 27.04.2003 Revisione generale (unificate NC e Reclami) C.V. 4 03.09.2007 Specificazione NC a carattere ambientale C.V. 5 07.03.2008

Dettagli

Redazione Approvazione Autorizzazione all emissione Entrata in vigore. Il Direttore di Dipartimento Il Consiglio Direttivo Il Presidente 2013-09-30

Redazione Approvazione Autorizzazione all emissione Entrata in vigore. Il Direttore di Dipartimento Il Consiglio Direttivo Il Presidente 2013-09-30 Titolo Sigla Prescrizioni per l accreditamento di Organismi operanti le certificazioni dei servizi di: - installazione, manutenzione o riparazione di apparecchiature fisse di refrigerazione, condizionamento

Dettagli

Sistema Edificio Seminario CAM - "Edilizia"

Sistema Edificio Seminario CAM - Edilizia Sistema Edificio Seminario CAM - "Edilizia" Ing. Roberto Garbuglio Coordinatore Operativo ICMQ Spa Roma 21 settembre 2012 presso il Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare Chi

Dettagli

PSC 05A - SERVIZIO DI VALUTAZIONE DELLA CONFORMITÀ: CERTIFICAZIONE SISTEMI DI GESTIONE ISO 9001 - REQUISITI ESSENZIALI -

PSC 05A - SERVIZIO DI VALUTAZIONE DELLA CONFORMITÀ: CERTIFICAZIONE SISTEMI DI GESTIONE ISO 9001 - REQUISITI ESSENZIALI - INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 2 2. REQUISITI ESSENZIALI RISPETTO AI QUALI È RICHIESTA LA VALUTAZIONE... 2 3. REQUISITI ESSENZIALI RELATIVI AL PROCESSO DI VALUTAZIONE... 2 4. SOSPENSIONE, REVOCA

Dettagli

SCOPO DELLA PROCEDURA E APPLICAZIONE

SCOPO DELLA PROCEDURA E APPLICAZIONE Art.1 Art.2 Art.3 Art.4 Art.5 Art.6 Art.7 Art.8 Art.9 Art.10 Art.11 Art. 12 Art. 13 Art. 14 Art. 15 Art. 16 INDICE SCOPO DELLA PROCEDURA E APPLICAZIONE RIFERIMENTI NORMATIVI TERMINI E DEFINIZIONI CONDIZIONI

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DI EMISSIONE ACUSTICA AMBIENTALE DELLE MACCHINE ED ATTREZZATURE DESTINATE A FUNZIONARE ALL APERTO APRILE 2012

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DI EMISSIONE ACUSTICA AMBIENTALE DELLE MACCHINE ED ATTREZZATURE DESTINATE A FUNZIONARE ALL APERTO APRILE 2012 DIRETTIVA 2000/14/CE REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DI EMISSIONE ACUSTICA AMBIENTALE DELLE MACCHINE ED ATTREZZATURE DESTINATE A FUNZIONARE ALL APERTO APRILE 2012 INDICE 1 - Generalità...2 2 - Applicabilità...2

Dettagli

SCHEMA PER LA CONCESSIONE DELLA LICENZA PER L EMISSIONE DELLA DICHIARAZIONE DI CONFORMITA DI UN PRODOTTO APPROVATA DA ACAE

SCHEMA PER LA CONCESSIONE DELLA LICENZA PER L EMISSIONE DELLA DICHIARAZIONE DI CONFORMITA DI UN PRODOTTO APPROVATA DA ACAE SCHEMA PER LA CONCESSIONE DELLA LICENZA PER L EMISSIONE DELLA DICHIARAZIONE DI CONFORMITA DI UN PRODOTTO APPROVATA DA ACAE 1. SCOPO La presente procedura descrive le fasi del processo per la concessione

Dettagli

UNI CEI EN ISO/IEC 17025 Sez. 4 e requisiti SINAL per l accreditamento dei laboratori

UNI CEI EN ISO/IEC 17025 Sez. 4 e requisiti SINAL per l accreditamento dei laboratori UNI CEI EN ISO/IEC 17025 Sez. 4 e requisiti SINAL per l accreditamento dei laboratori Struttura della norma ISO/IEC 17025 1. Scopo 2. Riferimenti normativi 3. Termini e definizioni 4. Requisiti gestionali

Dettagli

Certificazioni & Collaudi S.r.l.

Certificazioni & Collaudi S.r.l. Il presente documento è stato emesso dalla Direzione Generale il 08/05/2015. L originale firmato è conservato presso l ufficio del Responsabile Gestione Qualità INDICE GENERALE 1. SCOPO, CAMPO DI APPLICAZIONE

Dettagli

Regolamento per la certificazione di imprese che svolgono le attività di cui ai Regolamenti (CE) n. 303/2008, n. 304/2008

Regolamento per la certificazione di imprese che svolgono le attività di cui ai Regolamenti (CE) n. 303/2008, n. 304/2008 Regolamento per la certificazione di imprese che svolgono le attività di cui ai Regolamenti (CE) n. 303/2008, n. 304/2008 In vigore dal 01.01.2013 RINA Services S.p.A. Via Corsica, 12-16128 Genova - Italy

Dettagli

Procedura Gestionale PG-10. Audit - Certificazione di Prodotto. PG-10 Rev. 02 Audit - Certificazione di prodotto. Nome file:

Procedura Gestionale PG-10. Audit - Certificazione di Prodotto. PG-10 Rev. 02 Audit - Certificazione di prodotto. Nome file: Procedura Gestionale PG-10 Indice: 1. Scopo e campo di applicazione 2. Riferimenti e definizioni 3. Responsabilità 4. Attività REV. DATA DESCRIZIONE REDATTO COMPLIANCE MANAGER Angelo Parma APPROVATO DIRETTORE

Dettagli

2.2. Il modello di denuncia e la documentazione

2.2. Il modello di denuncia e la documentazione 2.2. Il modello di denuncia e la documentazione Per tutte le opere e gli interventi sottoposti a denuncia e sull intero territorio regionale, la denuncia è redatta ai sensi dell art. 93 del D.P.R. 380/2001

Dettagli

REGOLAMENTO VERIIFIICHE PERIIODIICHE E STRAORDIINARIIE VP_VS

REGOLAMENTO VERIIFIICHE PERIIODIICHE E STRAORDIINARIIE VP_VS REGOLAMENTO VERIIFIICHE PERIIODIICHE E STRAORDIINARIIE Rev. Data Descrizione della Modifica Elaborato Verificato Approvato 00 12/09/12 Riedizione del Sistema 01 22/04/13 Aggiornamenti in seguito all esame

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÁ VERIFICHE ELETTRICHE REGOLAMENTO PER LE VERIFICHE ELETTRICHE. 1. Scopo e campo di applicazione 2. 2. Termini e definizioni 2

MANUALE DELLA QUALITÁ VERIFICHE ELETTRICHE REGOLAMENTO PER LE VERIFICHE ELETTRICHE. 1. Scopo e campo di applicazione 2. 2. Termini e definizioni 2 1 di 7 INDICE 1. Scopo e campo di applicazione 2 2. Termini e definizioni 2 3. Responsabilità 3 4. Controllo del regolamento 3 5. Modalità di svolgimento delle verifiche 3 6. Verbale di verifica 4 7. Registro

Dettagli

VALUTARE, QUALIFICARE E MONITORARE I FORNITORI

VALUTARE, QUALIFICARE E MONITORARE I FORNITORI VALUTARE, QUALIFICARE E MONITORARE I FORNITORI Rev. Data Causale Redazione Verifica Approvazione 00 Xx/xx/xxxx Prima emissione INDICE SCOPO DELLA PROCEDURA RESPONSABILITÀ CAMPO DI APPLICAZIONE MODALITÀ

Dettagli

CAP04 Gestione del Processo di Consulenza Tecnica

CAP04 Gestione del Processo di Consulenza Tecnica CAP04 Gestione del Processo di Consulenza Tecnica 1 di 7 INDICE 1 Pianificazione della realizzazione del prodotto... 2 2 Processi relativi al cliente... 2 2.1 Analisi dei bisogni, determinazione dei requisiti

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE DELLE VERIFICHE PERIODICHE E STRAORDINARIE DEGLI ASCENSORI E MONTACARICHI

REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE DELLE VERIFICHE PERIODICHE E STRAORDINARIE DEGLI ASCENSORI E MONTACARICHI Pagina 1 REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE DELLE VERIFICHE PERIODICHE E STRAORDINARIE DEGLI ASCENSORI E MONTACARICHI TABELLA DELLE REVISIONI 2 18/08/2014 1 18/03/2014 0 01/01/2013 NUOVA EDIZIONE RESPONSABILE

Dettagli

REGIONE PUGLIA Area Politiche per l ambiente, le reti, la qualità urbana Servizio Lavori Pubblici

REGIONE PUGLIA Area Politiche per l ambiente, le reti, la qualità urbana Servizio Lavori Pubblici REGIONE PUGLIA Area Politiche per l ambiente, le reti, la qualità urbana AOO_064_06/07/2010-0063622 CIRCOLARE ESPLICATIVA da pubblicarsi sul B.U.R.P. e sul sito internet www.regione.puglia.it area tematica

Dettagli

D.1.8 ISTRUZIONI GENERALI. Regione Toscana Giunta Regionale

D.1.8 ISTRUZIONI GENERALI. Regione Toscana Giunta Regionale Allegato 1 Regione Toscana Giunta Regionale LEGGE 11.01.1996 N 23 NORME PER L EDILIZIA SCOLASTICA DELIBERA DI GIUNTA REGIONALE N 65 DEL 2.02.2004 III PIANO GENERALE TRIENNALE DI FINANZIAMENTO I E II PIANO

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER AUDITOR DI S.G.Q. NEL SETTORE COSTRUZIONI E IMPIANTI

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER AUDITOR DI S.G.Q. NEL SETTORE COSTRUZIONI E IMPIANTI Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.it sigla: SH84 Pag. 1 di 5 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER AUDITOR

Dettagli

ALLEGATO ALLA PROCEDURA PROCEDURA N. PQ 7.4-01

ALLEGATO ALLA PROCEDURA PROCEDURA N. PQ 7.4-01 N. SOMMARIO PAGINA 1 SCOPO 2 2 CAMPO DI APPLICAZIONE 2 3 RIFERIMENTI E DOCUMENTI RICHIAMATI 2 4 TERMINI E DEFINIZIONI 2 5 RESPONSABILITÀ 2 6 MODALITÀ OPERATIVE 2 TIPO COPIA N. COPIA DESTINATARIO/ UBICAZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE PER LA CERTIFICAZIONE DI PERSONE

REGOLAMENTO GENERALE PER LA CERTIFICAZIONE DI PERSONE REGOLAMENTO GENERALE PER LA CERTIFICAZIONE DI PERSONE Approvato dalla Direzione Generale in data 04.11.2014 INDICE Articolo 1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO... 2 Articolo 2 - CONDIZIONI GENERALI... 2 Articolo

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE INDICE. TALENTO CONSULTING SRL C.so Sempione, 169 20025 Legnano OdI di tipo A accreditato

REGOLAMENTO GENERALE INDICE. TALENTO CONSULTING SRL C.so Sempione, 169 20025 Legnano OdI di tipo A accreditato INDICE 0. PREMESSA.2 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 2 2. NORMATIVA DI RIFERIMENTO 2 3. DEFINIZIONI.3 4. RISORSE UMANE...3 5. FASE PRELIMINARE DELL ISPEZIONE OFFERTA..3 6. CONDIZIONI ECONOMICHE, DIRITTI

Dettagli

U T C D i r e z i o n e l a v o r i p u b b l i c i S O S T I T U Z I O N E I N F I S S I SCUOLA ELEMENTARE "PAPA GIOVANNI XXIII" e Comune di Vittoria

U T C D i r e z i o n e l a v o r i p u b b l i c i S O S T I T U Z I O N E I N F I S S I SCUOLA ELEMENTARE PAPA GIOVANNI XXIII e Comune di Vittoria Asse II "Qualità degli ambienti scolastici" Obiettivo C Accordo tra: Istituzione scolastica "Scuola elementare Papa G. GiovanniXXIII" e Comune di Vittoria per la realizzazione del progetto di : S O S T

Dettagli

Regolamento RG04 ISPEZIONI

Regolamento RG04 ISPEZIONI www.sferacert.it S e de: Vi a T r i t o n e 4 / A 9 0 1 4 7 P A L E RM O / 0 9 1 6 9 1 0 9 6 0 Regolamento RG04 ISPEZIONI Regolamento per la erogazione dei servizi di ispezione impianti ai sensi del D.P.R.

Dettagli

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI PROVVEDITORATO INTERREGIONALE PER LE OO.PP. DEL PIEMONTE E DELLA VALLE D AOSTA CIG ZAA0BF9AA1

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI PROVVEDITORATO INTERREGIONALE PER LE OO.PP. DEL PIEMONTE E DELLA VALLE D AOSTA CIG ZAA0BF9AA1 SCHEMA MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI PROVVEDITORATO INTERREGIONALE PER LE OO.PP. DEL PIEMONTE E DELLA VALLE D AOSTA CUP ASSEGNATO AL PROGETTO D31H12000140001 CIG ZAA0BF9AA1 Affidamento

Dettagli

Regolamento per la certificazione di sistemi di gestione sostenibile degli eventi

Regolamento per la certificazione di sistemi di gestione sostenibile degli eventi Regolamento per la certificazione di sistemi di gestione sostenibile degli eventi In vigore dal 25/06/2014 RINA Services S.p.A. Via Corsica, 12 16128 Genova Tel. +39 010 53851 Fax +39 010 5351000 E-MAIL:

Dettagli

LG - Linee Guida. Linee guida agli adempimenti per la qualitã del sito di Saluggia

LG - Linee Guida. Linee guida agli adempimenti per la qualitã del sito di Saluggia Elaborato Livello Tipo / S tipo LG - Linee Guida ETQ-038858 A Sistema / Edificio / Argomento AGQ - Attività di Garanzia Qualità Rev. Data 14/11/2014 Centrale / Impianto: SL - Saluggia Titolo Elaborato:

Dettagli

SOMMARIO. Allegato C al Manuale della Qualità ( MQ rev. 3 del 31.03.2014 )

SOMMARIO. Allegato C al Manuale della Qualità ( MQ rev. 3 del 31.03.2014 ) Pag. 1 di 6 SOMMARIO 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 2 2. NORMATIVE DI RIFERIMENTO... 2 3. TERMINI E DEFINIZIONI, CLASSIFICAZIONI E SIGLE... 2 4. RECLAMI... 3 5. RICORSI... 5 6. CONTENZIOSI... 5 7.

Dettagli

ANNEX SETTORE EA 28. personalemediamente presente in ciascun cantiere (compreso personale in subappalto e/o outsourcing).

ANNEX SETTORE EA 28. personalemediamente presente in ciascun cantiere (compreso personale in subappalto e/o outsourcing). ANNEX SETTORE EA 28 1. FORMULAZIONE OFFERTA Esclusivamente per il settore EA 28 l offerta viene formulata sulla base dei dati forniti dall organizzazione relativamente ai cantieri dichiarati nella richiesta

Dettagli

Certificazione del Personale e dell Azienda SITUAZIONE!!!!! SERVIZI

Certificazione del Personale e dell Azienda SITUAZIONE!!!!! SERVIZI Certificazione del Personale e dell Azienda SITUAZIONE!!!!! 1 Regolamento CE 303/2008 2aprile 2008 Si ricorda che deve essere certificato la persona fisica che svolge le seguenti attività: a) Controllo

Dettagli

PROCEDURA GESTIONALE MODALITÀ DI VALUTAZIONE DEGLI AUDITOR INTERNI DI SISTEMI DI GESTIONE QUALITA E AMBIENTE

PROCEDURA GESTIONALE MODALITÀ DI VALUTAZIONE DEGLI AUDITOR INTERNI DI SISTEMI DI GESTIONE QUALITA E AMBIENTE Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: esami@cepas.it Sito internet: www.cepas.it PROCEDURA GESTIONALE sigla: PG08 Pag. 1 di 6 0 01.10.2013 CEPAS srl R.A. Favorito

Dettagli

Nota informativa ISO/IEC 27001 Il processo di valutazione

Nota informativa ISO/IEC 27001 Il processo di valutazione Nota informativa ISO/IEC 27001 Il processo di valutazione Introduzione Questa nota informativa ha lo scopo di introdurre le fasi principali del processo di valutazione LRQA riferito al Sistema di Gestione

Dettagli

CAPITOLATO FORNITURA

CAPITOLATO FORNITURA D-CAPFOR CAPITOLATO FORNITURA EDIZIONE 03 01/09/2010 per UNI EN ISO9001:2008 VARIANTI EDIZIONE 02 Inserito paragrafo Scopo e Campo di applicazione + riferimento al documento Lavorazioni Esterne D-LAVEST

Dettagli

Regolamento per il servizio di Diagnosi Energetica

Regolamento per il servizio di Diagnosi Energetica Regolamento per il servizio di Diagnosi Energetica In vigore dal 27.10.2014 RINA SERVICES S.p.A. Via Corsica 12 16128 Genova - Italia tel +39 010 53851 fax +39 010 5351000 web site : www.rina.org Regolamenti

Dettagli

Milano, 16 marzo 2005 R0140P01756D10450

Milano, 16 marzo 2005 R0140P01756D10450 Giunta Regionale Direzione Generale Opere Pubbliche, Politiche per la Casa ed Edilizia Residenziale Pubblica Milano, 16 marzo 2005 Il Direttore Generale R0140P01756D10450 Oggetto: Chiarimenti in ordine

Dettagli

Comune di Prato. Concorso di progettazione in fase unica: Parco Cimiteriale e Tempio Crematorio a Chiesanuova, nel Comune di Prato

Comune di Prato. Concorso di progettazione in fase unica: Parco Cimiteriale e Tempio Crematorio a Chiesanuova, nel Comune di Prato Comune di Prato Servizio Edilizia Pubblica e Cimiteri Concorso di progettazione in fase unica: Parco Cimiteriale e Tempio Crematorio a Chiesanuova, nel Comune di Prato Allegato 11 - Schema disciplinare

Dettagli

PRESCRIZIONI PARTICOLARI PER LA CERTIFICAZIONE DI PERSONE AI SENSI DEL DISCIPLINARE DEL CAPO DELLA POLIZIA DEL 24 FEBBRAIO 2015 (NORMA UNI 10459)

PRESCRIZIONI PARTICOLARI PER LA CERTIFICAZIONE DI PERSONE AI SENSI DEL DISCIPLINARE DEL CAPO DELLA POLIZIA DEL 24 FEBBRAIO 2015 (NORMA UNI 10459) PRESCRIZIONI PARTICOLARI PER LA CERTIFICAZIONE DI PERSONE AI SENSI DEL DISCIPLINARE DEL CAPO DELLA POLIZIA DEL 24 FEBBRAIO 2015 (NORMA UNI 10459) INDICE Data di aggiornamento: Articolo 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE PER LA CONCESSIONE ED IL MANTENIMENTO DELLA CERTIFICAZIONE DI PRODOTTO SECONDO DIRETTIVA MACCHINE 2006/42/CE - ALLEGATI IV E X

REGOLAMENTO GENERALE PER LA CONCESSIONE ED IL MANTENIMENTO DELLA CERTIFICAZIONE DI PRODOTTO SECONDO DIRETTIVA MACCHINE 2006/42/CE - ALLEGATI IV E X MACCHINE_ Pagina 1 di 7 REGOLAMENTO GENERALE PER LA CONCESSIONE ED IL MANTENIMENTO DELLA CERTIFICAZIONE DI PRODOTTO SECONDO DIRETTIVA MACCHINE 2006/42/CE - ALLEGATI IV E X INDICE Art. 1 Premessa Art. 2

Dettagli

REV 07.00 in vigore dal 01 Agosto 2013. RINA Services SpA. Tel. +39 01053851 - Fax: +39 0105351000 E-MAIL info@rina.org - WEB www.rina.

REV 07.00 in vigore dal 01 Agosto 2013. RINA Services SpA. Tel. +39 01053851 - Fax: +39 0105351000 E-MAIL info@rina.org - WEB www.rina. Regolamento per la Certificazione del Servizio dei Corsi Professionali per personale addetto a svolgere attività nel settore degli impianti elettrici ed esecuzione delle relative prove d esame REV 07.00

Dettagli

Il Laboratorio Fotovoltaico del Cluster Tecnologico Energie Rinnovabili. Accreditamento del Laboratorio presso gli enti certificatori.

Il Laboratorio Fotovoltaico del Cluster Tecnologico Energie Rinnovabili. Accreditamento del Laboratorio presso gli enti certificatori. Il Laboratorio Fotovoltaico del Cluster Tecnologico Energie Rinnovabili Accreditamento del Laboratorio presso gli enti certificatori Gianluca Gatto Sommario Analisi di contesto Certificazione Pannelli

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE CE DI ASCENSORI

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE CE DI ASCENSORI Pagina 1 di 8 INDICE 1 SCOPO E PREMESSA... 2 2 ITER DI CERTIFICAZIONE... 2 2.1 Richiesta di certificazione e presentazione della domanda... 2 2.2 Obblighi da parte del richiedente... 2 2.3 Documentazione

Dettagli

PROCEDURA ORGANIZZATIVA AUDIT INTERNI

PROCEDURA ORGANIZZATIVA AUDIT INTERNI Pagina 1 di 9 INDICE: 1. SCOPO 2. APPLICABILITÀ 3. CONFORMITÀ 4. RESPONSABILITA 5. DOCUMENTI DI RIFERIMENTO 6 ACRONIMI UTILIZZATI NELLA PROCEDURA 7. DESCRIZIONE DELLA PROCEDURA 8. MODULISTICA 9 ALLEGATI

Dettagli

MODALITÀ DI VALUTAZIONE DEI CONSULENTI / CONSULENTI SENIOR DI - SISTEMI DI GESTIONE AMBIENTALE - SISTEMI DI GESTIONE DELLA SAFETY

MODALITÀ DI VALUTAZIONE DEI CONSULENTI / CONSULENTI SENIOR DI - SISTEMI DI GESTIONE AMBIENTALE - SISTEMI DI GESTIONE DELLA SAFETY Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: esami@cepas.it Sito internet: www.cepas.it PROCEDURA GESTIONALE sigla: PG26 Pag. 1 di 7 MODALITÀ DI VALUTAZIONE DEI CONSULENTI

Dettagli

Regolamento generale per la certificazione del personale e la qualificazione dei corsi. Indice

Regolamento generale per la certificazione del personale e la qualificazione dei corsi. Indice Indice 1 Scopo e campo di applicazione 2 2 Riferimenti normativi 2 3 Definizioni 2 4 Condizioni generali 3 4.1 Requisiti 3 4.2 Accesso agli schemi di certificazione/qualificazione 3 5 Processo di certificazione

Dettagli

IL PROCESSO EDILIZIO

IL PROCESSO EDILIZIO IL PROCESSO EDILIZIO RELATIVO A UNA OPERA DI ARCHITETTURA È INSIEME DI FASI E ATTIVITÀ IDEATIVE, OPERATIVE, ORGANIZZATIVE E GESTIONALI CONNESSE DA RELAZIONI LOGICHE E SUCCESSIONI TEMPORALI CHE FANNO CAPO

Dettagli

PROCEDURA SCR_PG. - 07.2 Prestazione del servizio di certificazione del Sistema di Gestione della Qualità in organizzazioni multisite.

PROCEDURA SCR_PG. - 07.2 Prestazione del servizio di certificazione del Sistema di Gestione della Qualità in organizzazioni multisite. PROCEDURA SCR_PG. - 07.2 Prestazione del servizio di certificazione del Sistema di Gestione della Qualità in organizzazioni multisite. STATO DEL DOCUMENTO REV. PAR. PAG. DESCRIZIONE Data REV. 01 Emissione

Dettagli

ESPERTO IN CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI EXPERT IN ENERGY CERTIFICATION OF BUILDINGS

ESPERTO IN CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI EXPERT IN ENERGY CERTIFICATION OF BUILDINGS ESPERTO IN CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI EXPERT IN ENERGY CERTIFICATION OF BUILDINGS IL PRESENTE SCHEMA È STATO REDATTO IN CONFORMITÀ ALLE NORME: UNI CEI EN ISO/IEC 17024:2012 REQUISITI GENERALI

Dettagli

CSP- CSE RSPP FSL - FFSL - CTS CTSS*

CSP- CSE RSPP FSL - FFSL - CTS CTSS* PROCEDURA GESTIONALE sigla:pd20 Pag. 1 di 5 DEL CSP- CSE RSPP FSL - FFSL - CTS CTSS* 0 1 emissione Rev. Data Motivazioni Convalida Approvazione Pag. 2 di 5 INDICE 1.0 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 2.0

Dettagli

REGOLAMENTO VIS SRL. 6 08.10.2014 Modifica a par. 5

REGOLAMENTO VIS SRL. 6 08.10.2014 Modifica a par. 5 REGOLAMENTO VIS SRL 1. Scopo e campo di applicazione 2. Termini e definizioni 3. Responsabilità 4. Distribuzione 5. Modalità di svolgimento dei controlli 6. Attestato finale e verbale di verifica periodica

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DI SISTEMI DI GESTIONE AMBIENTALE - UNI EN ISO 14001:2004

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DI SISTEMI DI GESTIONE AMBIENTALE - UNI EN ISO 14001:2004 REG-SGA pag. 2/8 INDICE PREMESSA... 3 2 - GENERALITÀ... 3 3 - REQUISITI GENERALI PER LA CERTIFICAZIONE DI UN SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE... 3 4 - RILASCIO DELLA CERTIFICAZIONE... 3 4.6. - STAGE1: Verifica

Dettagli

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI CATANIA. Seminario per candidati agli esami di abilitazione alla professione di ingegnere LAVORI PUBBLICI

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI CATANIA. Seminario per candidati agli esami di abilitazione alla professione di ingegnere LAVORI PUBBLICI ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI CATANIA Seminario per candidati agli esami di abilitazione alla professione di ingegnere LAVORI PUBBLICI Progetto, approvazione, affidamento dott. ing. Orazio

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE PER LA DIRETTIVA PED 97/23/CE

REGOLAMENTO GENERALE PER LA DIRETTIVA PED 97/23/CE Pagina 1 di 10 REGOLAMENTO GENERALE PER LA 97/23/CE INDICE Art. 1 Premessa Art. 2 Oggetto del regolamento Art. 3 Documenti di riferimento 3.1 Documenti di riferimento di DE 3.2 Documenti di riferimento

Dettagli

Procedura Documentale di Sistema

Procedura Documentale di Sistema INDICE 1. Scopo 2. Campo di Applicazione 3. Definizioni 4. Riferimenti Normativi 5. Descrizione del Processo 5.1 Reclami 5.1.1 Generalità 5.1.2 Forma del Reclamo 5.1.3 Ricezione del reclamo ed Analisi

Dettagli

REGOLAMENTO 02 VERIFICHE PERIODICHE E STRAORDINARIE DEGLI ELEVATORI

REGOLAMENTO 02 VERIFICHE PERIODICHE E STRAORDINARIE DEGLI ELEVATORI REGOLAMENTO 02 VERIFICHE PERIODICHE E STRAORDINARIE DEGLI ELEVATORI Copia controllata n :4 INDICE 1. Scopo e Campo Di Applicazione...2 2. Modalità di gestione del regolamento...2 3. Riferimenti normativi...2

Dettagli

Roma, 21 Ottobre 2011 Centro Congressi Cavour

Roma, 21 Ottobre 2011 Centro Congressi Cavour Verifica del progetto D.P.R. 207/2010 Controllo Qualità, Certificazione e Accreditamento Roma, 21 Ottobre 2011 Centro Congressi Cavour Sistema interno di controllo della qualità: dalla formazione alla

Dettagli

CEPAS srl Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: esami@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu

CEPAS srl Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: esami@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: esami@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu PROCEDURA GESTIONALE sigla: PG46 Pag. 1 di 10 AL FUOCO E/O PER IL CONTROLLO DELLA

Dettagli

PROCEDURA PR.07/03. Progettazione e sviluppo software STATO DI REVISIONE. Verificato da

PROCEDURA PR.07/03. Progettazione e sviluppo software STATO DI REVISIONE. Verificato da PROCEDURA PR.07/03 Progettazione e sviluppo software STATO DI REVISIONE NUMERO REVISIONE DATA Emesso da DT Fabio 0 15/07/03 Matteucci 1 22/12/03 Fabio Matteucci 2 Verificato da Rappresentante della Direzione

Dettagli

Linea Guida. Termini e Definizioni

Linea Guida. Termini e Definizioni Istituto Meridiana S.r.l. Linea Guida 03 Linea Guida Termini e Definizioni 2 27.02.12 Rilievo Accredia e adeguamento normativo RQ RQ CT 1 10.11.11 Prima Emissione RQ RQ DG Em. Data Descrizione Redazione

Dettagli

SPECIFICA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ

SPECIFICA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ PER LA QUALITÀ 1 di 17 PRESCRIZIONI PER LA GESTIONE DEGLI APPALTI DI LAVORI, MANUTENZIONI, OPERE E FORNITURE IN OPERA SULLA BASE DI DOCUMENTI DI Parte Titolo PARTE I I.1 PREMESSA I.2 SCOPI I.3 PRESCRIZIONI

Dettagli

SCHEMA. Mandato CEN M/120 - Prodotti metallici per impiego strutturale e loro accessori

SCHEMA. Mandato CEN M/120 - Prodotti metallici per impiego strutturale e loro accessori SCHEMA per la certificazione del controllo della produzione in fabbrica ai fini della marcatura CE di componenti per strutture di acciaio e d alluminio cui alla norma UNI EN 1090-1:2012 0 STORIA Edizione

Dettagli

INDICE. SERAM S.p.A Ispezioni ed Audit PR SGSL 12 Rev. 4

INDICE. SERAM S.p.A Ispezioni ed Audit PR SGSL 12 Rev. 4 INDICE INDICE... 2 1. SCOPO... 4 2. CAMPO DI APPLICAZIONE... 4 3. RIFERIMENTI... 5 4. DEFINIZIONI... 5 5. RESPONSABILITA'... 6 6. 1 AUDIT INTERNI... 7 6.1.1 Audit effettuati da RSGSL sul controllo operativo

Dettagli