Corso di Laurea in Giurisprudenza

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Corso di Laurea in Giurisprudenza"

Transcript

1 FACOLTA DI GIURISPRUDENZA Corso di Laurea in Giurisprudenza CORSO DI LAUREA A CICLO UNICO (QUINQUENNALE) IN GIURISPRUDENZA Classe LMG/01 - Giurisprudenza Sede didattica: Reggio Calabria Presentazione del corso In ottemperanza alle disposizioni ministeriali, il corso di laurea a ciclo unico (quinquennale) in Giurisprudenza sostituisce, a partire dall anno accademico i vecchi corsi triennali e biennali di Scienze giuridiche, i quali permarranno solo ad esaurimento per gli studenti che non chiederanno di passare al nuovissimo ordinamento. Il nuovo corso di laurea che assorbe gli altri due ricordati, attraverso un organico e completo ciclo di studi quinquennale dà vita ad un ordinamento oggettivamente più funzionale all alta specializzazione richiesta nella formazione professionale del giurista e consente ai relativi laureati un accesso più diretto e qualificato al mondo del lavoro. Infatti, la laurea magistrale in Giurisprudenza per il carattere insieme generale e interdisciplinare degli studi giuridici consente l acquisizione di ricercate competenze specialistiche, sia nel settore pubblico che privato, e quindi può ancora dirsi tra quelle che offrono maggiori opportunità (avvocatura, magistratura, notariato, pubblica amministrazione, istituzioni nazionali, locali e comunitarie, imprese, ecc.) in un mercato del lavoro sempre più informatizzato, internazionale e competitivo. In tale quadro formativo, caratterizzato anche da innovative e avanzate modalità didattiche, saranno dunque forniti, fra gli altri, gli insegnamenti di base e caratterizzanti necessari ad acquisire la conoscenza di nozioni fondamentali su: la logica giuridica; la disciplina dei rapporti relativi alle principali istituzioni e organizzazioni, pubbliche e private, non solo nazionali; l organizzazione, anche processuale, relativa ai diversi ordinamenti giudiziari; la deontologia professionale e l argomentazione giuridico-forense; l informatica giuridica; il linguaggio giuridico di almeno una lingua straniera europea. Naturalmente, di fronte alla richiesta di un offerta formativa sempre più diversificata e qualificata, non si trascurano per altro le esigenze giuridico-professionali richieste dal territorio, con le cui istituzioni ci si prefigge di instaurare e/o mantenere un dialogo operativo e fecondo. In conformità alle normative vigenti, nei cinque anni indicati, il corso prevede l attribuzione di 300 crediti formativi complessivi, di cui 216 vincolati. In particolare, a tutto vantaggio degli iscritti al nuovissimo ordinamento quinquennale: i crediti sono stati distribuiti in modo che non superino i 60 all anno, tranne che nel primo, dividendo equamente gli oneri didattici fra due semestri, anche al fine di permettere di avere tendenzialmente periodi di studio dedicati solo agli esami; sono previste 6 sessioni ordinarie di esami più 1 appello straordinario dedicato agli studenti lavoratori, militari, svolgenti servizio civile e fuori corso; sono attribuiti 17 crediti per l unico esame finale (tesi) e 9 crediti per Tirocini ed altre attività formative; ogni studente ha la possibilità di scegliere 4 materie opzionali per un totale di 20 crediti; in tutto il quinquennio, le materie da studiare e gli esami da sostenere sono 27. 1

2 Piano degli Studi I SSD 1 Diritto costituzionale ( ) IUS/08 10 Istituzioni di diritto privato ( ) IUS/01 9 Filosofia del diritto IUS/20 9 Storia del diritto romano IUS/18 8 CFU I Semestre 36 Scienza delle finanze SECS-P/03 10 Istituzioni di diritto privato ( ) IUS/01 9 Storia del diritto medioevale e moderno IUS/19 8 Diritto costituzionale ( ) IUS/08 6 CFU II Semestre 33 cfu 69 II SSD Diritto romano IUS/18 12 Diritto commerciale ( ) IUS/04 8 Inglese 5 CFU I Semestre 25 Diritto dell Unione Europea IUS/14 10 Diritto commerciale ( ) IUS/04 7 Informatica INF/01 5 CFU II Semestre 27 cfu 52 III SSD Diritto amministrativo ( ) IUS/10 10 Diritto pubblico comparato IUS/21 7 Diritto privato comparato IUS/02 7 Diritto ecclesiastico IUS/11 7 CFU I Semestre 31 Diritto del lavoro IUS/07 14 Diritto amministrativo ( ) IUS/10 8 CFU II Semestre 27 cfu 58 IV SSD Diritto tributario IUS/12 9 Diritto Processuale civile ( ) IUS/15 9 Filosofia del diritto (bioetica) IUS/20 6 CFU I Semestre 29 Diritto civile IUS/01 12 Diritto internazionale IUS/13 10 Diritto processuale civile ( ) IUS/15 6 2

3 CFU II Semestre 28 cfu 57 V Diritto penale ( ) IUS/17 10 Diritto processuale penale ( ) IUS/16 7 CFU I Semestre 22 Diritto penale ( ) IUS/17 8 Diritto processuale penale ( ) IUS/16 8 CFU II Semestre 16 Esame finale (tesi) 17 cfu 55 Crediti complessivi totali (+ 9 crediti tirocini ed altre attività formative) SSD: Settore Scientifico-Disciplinare ( ) Ogni i insegnamento con l asterisco si svolge su due semestri e comporta un esame unico finale. Insegnamenti a scelta dello studente Lo studente può scegliere 4 materie opzionali, fra le seguenti, tutte da 5 CFU: Analisi economica del diritto; Biodiritto; Contabilità di Stato; Codice del consumo; Diritto amministrativo Comunitario; Diritto canonico; Diritto civile dell ambiente; Diritto di famiglia; Diritto degli enti locali; Diritto penale commerciale; Diritto processuale amministrativo; Diritto regionale; Diritto sportivo; Diritto urbanistico; Dottrina dello Stato; Epigrafia giuridica; Finanza regionale e degli enti locali; Giustizia costituzionale; Storia del diritto canonico. Termine per la presentazione delle domande di iscrizione Salvo possibili proroghe, secondo quanto stabilito nel Manifesto generale degli studi dell Università di Reggio Calabria, dal 1 Agosto al 1 Ottobre 2007, sono aperte le immatricolazioni e le iscrizioni al corso di laurea (a ciclo unico) in Giurisprudenza per l anno accademico Le domande di immatricolazione, o di iscrizione ad anni successivi al primo, devono essere presentate presso la Segreteria Studenti della Facoltà di Giurisprudenza, sita in Via dei Bianchi, n. 2 (Reggio Calabria). Trasferimenti da altre Facoltà o sedi universitarie Salvo possibili proroghe, il termine ultimo per l accoglimento della richiesta di trasferimento da altra sede universitaria è fissato al 31 ottobre Lo studente che si trasferisce da altra Facoltà o da altra sede universitaria potrà, contestualmente alla presentazione della domanda di iscrizione, chiedere la convalida degli esami eventualmente già sostenuti. Il Consiglio del corso di Laurea esaminerà le richieste presentate, proponendo sia i crediti attribuiti agli esami convalidati sia l anno di corso al quale lo studente verrà iscritto: il Consiglio di Facoltà delibererà in merito. Non saranno accettate richieste di trasferimento per i corsi di studio che non rientrino nella programmazione didattica a.a Gli studenti che hanno chiesto il trasferimento potranno sostenere gli esami dal primo appello autunnale, purché non li abbiano in precedenza sostenuti nella sessione estiva presso l originaria Università di provenienza. Una volta iscritti, in attesa dell approvazione del piano di studi individuale, potranno sostenere esami solo nelle materie obbligatorie. Trasferimenti da altro corso di laurea interno alla Facoltà Il termine ultimo per la presentazione della richiesta di passaggio ad un altro corso di studio della stessa sede universitaria è fissato dal Consiglio di facoltà con autonoma deliberazione. Nell ipotesi di trasferimento al nuovissimo ordinamento a ciclo unico quinquennale da parte di studenti appartenenti ad altri corsi della Facoltà di Giurisprudenza, fermi restando i tempi ricordati, bisogna distinguere: il caso di studenti provenienti dal Corso di laurea del vecchissimo ordinamento, per il quale vige il principio secondo cui le materie obbligatorie appartenenti allo stesso settore disciplinare saranno convertite nei crediti previsti per le corrispondenti materie del nuovissimo ordinamento; il caso di studenti provenienti dai Corsi triennali di Scienze giuridiche o dai Corsi biennali di laurea magistrale in Giurisprudenza, per il quale valgono i seguenti criteri: si riconosce l equipollenza dei crediti delle materie già date a quelli delle materie del nuovissimo ordinamento; 3

4 ove occorre quindi solo se i crediti non corrispondono si prevede nelle singole discipline l integrazione dei crediti mancanti. In merito si rinvia alle indicazioni fornite sui programmi e sui testi consigliati dai singoli docenti nelle materie del nuovissimo ordinamento (cfr. le norme transitorie indicate in ogni disciplina nella Guida dello studente di imminente pubblicazione); il caso di studenti che provengono dal Corso di laurea in Scienze economiche, per il quale valgono invece le indicazioni che seguono: se si tratta di materie appartenenti a Settori Scientifici Disciplinari previsti dal nuovissimo Corso di laurea quinquennale, si riconosce l equipollenza dei crediti delle materie già date; se si tratta invece di materie appartenenti a Settori Scientifici Disciplinari non previsti dal nuovissimo Corso di laurea quinquennale, circa eventuali equipollenze e/o integrazioni dovrà esprimersi di volta in volta, su proposta del Consiglio di corso di laurea, il Consiglio di Facoltà. Crediti Il credito è l unità di misura del lavoro dello studente universitario. Ogni credito rappresenta, in teoria, 25 ore di lavoro dello studente. La laurea si considera acquisita, dunque, alla fine del quinquennio, con il raggiungimento dei 300 crediti. Il rapporto ore/crediti per i docenti è di 6 a 1, ovvero sei ore di lezioni, seminari, ecc., per ogni credito assegnato alla materia insegnata. N.B.: ovviamente i crediti corrispondono ad attività formativa e non rappresentano il voto che lo studente si ritrova sul libretto (che continua ad essere espresso in 30/trentesimi). Allo stesso tempo, essi non sono un indice dell importanza della disciplina: il credito esprime, infatti, l impegno dello studente in ore/lavoro che possono essere ripartite tra lezioni, ore di studio a casa, esercitazioni, seminari, ecc. Gli studenti acquisiscono i crediti corrispondenti ad ogni attività formativa solo dopo averne superato il relativo esame. Esami di profitto e prova finale L accertamento della preparazione degli studenti avviene attraverso esami di profitto che determinano il superamento del corso e l acquisizione dei crediti assegnati. Tali prove consistono in esami (orali e/o scritti), la cui valutazione viene espressa in trentesimi. Nelle materie con più di 14 crediti (annuali) può prevedersi fra i due semestri il superamento di prove intermedie. Salvo possibili minori aggiustamenti, le sessioni di esami previste per l anno accademico tendenzialmente svolte in periodi in cui le lezioni sono sospese sono le seguenti: I sessione: dicembre 2007 II sessione: gennaio 2008 III sessione: febbraio 2008 IV e V sessione: due appelli tra maggio e luglio 2008 VI sessione: settembre un appello straordinario tra il 15 e il 31 ottobre per studenti fuori corso/militari/in servizio civile/lavoratori. Calendario delle lezioni: L organizzazione didattica del corso di laurea prevede la distribuzione degli insegnamenti in due semestri. Le materie con più di 14 crediti, avendo carattere tendenzialmente annuale, di solito vengono articolate su due semestri. Le lezioni si svolgeranno nei locali di Facoltà (Palazzo Zani, Archi, plessi forniti dall Ateneo ) e al Consiglio regionale nei seguenti periodi: I : 01 ottobre - 07 dicembre 2007 II : 11 febbraio - 30 aprile 2008 Informazioni Per ulteriori informazioni relative al Corso di Laurea a ciclo unico di Giurisprudenza e in attesa di una dettagliata Guida dello studente di Facoltà rivolgersi più in generale (in relazione alle immatricolazioni e alle modalità dei trasferimenti) agli uffici della Segreteria studenti [ /45/46, e in particolare (per chiarimenti sui piani di studio, ecc.) agli uffici della Segreteria didattica di Facoltà [tel , fax 0965/872861; o direttamente alla Segretaria del Consiglio di Corso di laurea, Sig.ra C.M. Priolo [ , Indicazioni anche sul sito e nelle bacheche delle sedi di Archi e Palazzo Zani. Disposizioni integrative (o transitorie) sul nuovissimo ordinamento (così come approvate e/o modificate nel corso del tempo) I I piani di studio individuali sono sottoposti all esame di una apposita Commissione del Consiglio di corso di laurea quinquennale, composta a turno da ricercatori della Facoltà, guidata dalla dott.ssa E. Caracciolo e dal Dott. A. Rauti, che poi li sottopone al Consiglio di Facoltà per l approvazione. II Gli studenti che chiedono il passaggio al nuovissimo corso di laurea quinquennale hanno due possibilità: a) possono chiedere l iscrizione all anno corrispondente al numero di crediti sicuramente già acquisiti (secondo quanto indicato nella Disp. XXIII); oppure b) in mancanza di una specifica richiesta, gli studenti saranno automaticamente iscritti all anno corrispondente a quello cui avrebbero avuto accesso ove non avessero aderito al nuovo ordinamento (es.: studente di III anno del corso triennale, che dovesse continuare il biennio, viene iscritto al IV anno del nuovissimo ordinamento; studente del I anno del corso biennale viene iscritto al V del nuovissimo ordinamento; ecc.). III 4

5 Gli studenti fuori corso del vecchissimo ordinamento e gli studenti fuori corso del Corso biennale che chiedono il trasferimento al nuovissimo Corso di laurea quinquennale continuano a godere dello status di fuori corso anche nel nuovo ordinamento. IV Gli studenti fuori corso del Corso triennale che chiedono il trasferimento al nuovissimo corso di laurea quinquennale continuano a godere dello status di fuori corso anche nel nuovo ordinamento solo se sono dal terzo anno fuori corso in poi. V Gli studenti che hanno superato Diritto della navigazione come materia fondamentale (da 6 crediti, e che chiedono il trasferimento al nuovissimo corso di laurea quinquennale, hanno diritto a dare una materia opzionale in meno (5 crediti), recuperando il credito mancante decurtandolo da quelli destinati ad attività formative. VI Gli studenti immatricolati fino all anno accademico , che chiedono il trasferimento al nuovissimo corso di laurea quinquennale e che hanno superato Storia del diritto medioevale e moderno con 10 crediti, potranno recuperare i due crediti residui della materia, attualmente di 8 crediti, decurtandoli da quelli destinati ad attività formative. VII Gli studenti immatricolati fino all anno accademico , che chiedono il trasferimento al nuovissimo corso di laurea quinquennale e che hanno superato Informatica con 6 crediti, potranno recuperare il credito residuo della materia, attualmente di 5 crediti, decurtandolo da quelli destinati ad attività formative. VIII Gli studenti immatricolati fino all anno accademico , che chiedono il trasferimento al nuovissimo corso di laurea quinquennale e che hanno superato Inglese con 6 crediti, potranno recuperare il credito residuo della materia, attualmente di 5 crediti, decurtandolo da quelli destinati ad attività formative. IX Nel caso di materie già superate i cui crediti dovranno essere integrati nel nuovissimo Corso di laurea quinquennale, poiché il voto ricevuto all esame di ciascuna materia è unico, esso alla fine risulterà dalla media fra il voto già ricevuto e quello relativo ai crediti mancanti. La valutazione sarà fatta automaticamente dalla Segreteria studenti, in sede di accertamento del voto di base per la laurea [es.: Diritto costituzionale 30/30, Diritto costituzionale (integrazione crediti): 18/30. Media finale - voto unico: 24/30]. X Ai fini del rispetto delle regole della propedeudicità, gli studenti che chiedono il trasferimento al nuovissimo corso di laurea quinquennale e che sono in debito di crediti in una materia propedeutica, devono colmare il debito dei crediti mancanti in tale materia prima di dare le materie legate a quella propedeutica. XI Il Consiglio di Facoltà ha disposto che il termine per il passaggio interno al nuovissimo ordinamento (laurea magistrale a ciclo unico) venga prorogato al 20 dicembre [disposizione in corso di aggiornamento per l a.a ] XII Fatte salve le indicazioni sulla propedeuticità della X norma integrativa, gli studenti, provenienti dai corsi precedenti, che effettuano il passaggio al nuovissimo ordinamento e che risultano in debito di materie o di crediti, possono superare gli esami in debito o integrare i debiti mancanti, già da dicembre 2007 gennaio 2008 XIII Gli studenti, provenienti dal corso triennale di Scienze giuridiche, che effettuano il passaggio al nuovissimo ordinamento e che hanno già dato Diritto privato I (8 crediti) e Diritto privato II (8 crediti) non devono più superare l esame di Diritto privato (18 crediti) del corso magistrale di Giurisprudenza. XIV Gli studenti, provenienti dal vecchio ordinamento (3+2), i quali effettuano il passaggio al nuovissimo ordinamento e che hanno già dato Diritto costituzionale al triennio (9 crediti) e Diritto costituzionale al biennio (6 crediti) non devono più superare l esame di Diritto costituzionale (16 crediti) del corso magistrale. XV Gli studenti dei corsi triennale e biennale (ad esaurimento) di Scienze giuridiche, indipendentemente dalla loro condizione di fuori corso, possono sostenere esami oltre che nelle sessioni previste per il corso di laurea magistrale di Giurisprudenza anche nell appello di febbraio da considerarsi ordinario [disposizione abrogata dalla successiva XVII] XVI Nelle more dell approvazione dei piani di studio e della consegna dello statone da cui si evincono crediti e materie già superate nel triennio; fermo restando il rispetto della tradizionali propedeuticità; fermo restando in assenza di diversa richiesta degli studenti il criterio dell automatismo nella determinazione dell anno di iscrizione (come da II disp. integrativa della brochure del Corso di laurea magistrale, lett. b), gli studenti trasferiti al nuovissimo ordinamento (quinquennale) magistrale in Giurisprudenza possono comunque prenotarsi presso la Segreteria didattica per gli esami del nuovissimo ordinamento sotto la loro responsabilità, a pena di annullamento degli esami stessi per eventuali dichiarazioni mendaci. XVII Si delibera l adozione di 6 appelli ordinari (dicembre, gennaio, febbraio + 2 appelli tra maggio e luglio + settembre) e 1 straordinario (fra 15 e il 31 ottobre). La disposizione entra in vigore da subito e si applica a tutti i corsi della Facoltà. XVIII Si estende lo status di studente lavoratore, militare e fuori corso anche agli studenti che svolgono certificata attività di servizio civile. XIX Si introduce l obbligo per gli studenti lavoratori di iscriversi all appello straordinario esclusivamente per via telematica (l unica che consente, grazie alle previste tecniche di accesso al nuovo sito di Facoltà, di accertare tale qualificazione dello studente attraverso l automatico riconoscimento delle matricole).[disposizione sospesa: sul punto il Consiglio dovrà ri-deliberare] XX 5

6 Si riconosce la propedeuticità del Diritto costituzionale e del Diritto privato per la disciplina complementare Diritto sportivo. XXI In esecuzione di quanto disposto dalla nota del Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca dell'1 marzo 2006 (prot. n. 874), gli studenti possono chiedere l iscrizione alla laurea specialistica (classe 22-s) solo ed esclusivamente se in possesso della laurea triennale in Scienze giuridiche (classe 31) o in Servizi giuridici (classe 2). Diversamente, se in possesso di laurea triennale appartenente ad una classe differente, lo studente può chiedere soltanto l iscrizione al corso di laurea magistrale quinquennale (LMG/01). XXII In esecuzione di quanto disposto dalla nota del Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca dell'1 marzo 2006 (prot. n. 874), a partire dall anno accademico , gli studenti possono chiedere l iscrizione non solo al corso di laurea magistrale (LMG/01), ma anche a quello triennale in scienze giuridiche (classe 31). In quest ultimo caso, gli studenti potranno sempre optare, con recupero dei crediti già accumulati, per il passaggio alla laurea magistrale (sia prima che dopo aver conseguito il titolo triennale), ma non sarà più consentita loro l iscrizione alla laurea specialistica (classe 22-s). XXIII Gli studenti decaduti da precedenti corsi di studio ed immatricolati nel corso di laurea magistrale che presentano formale richiesta di riconoscimento crediti e gli studenti del corso triennale in scienze giuridiche che chiedono il passaggio interno alla laurea magistrale in base al numero di crediti maturati o riconosciuti verranno iscritti all anno di corso determinato in base ai parametri indicati dalla seguente tabella: crediti riconosciuti o maturati Iscrizione al Iscrizione al I anno II anno (la soglia minima di 46 corrisponde ai 2/3 di 69 crediti del I anno) Iscrizione al III anno (la soglia minima di 82 corrisponde, in base ad arrotondamento per eccesso, ai 2/3 di 121 crediti complessivi del I e del II anno) Iscrizione al IV anno (la soglia minima di 119 corrisponde, in base ad arrotondamento per difetto, ai 2/3 di 179 crediti complessivi del I, del II e del III anno) Iscrizione al V anno (la soglia minima di 157 corrisponde, in base ad arrotondamento per difetto, ai 2/3 di 236 crediti complessivi del I, del II, del III e del IV anno) La valutazione dei crediti si effettua tenendo conto dei crediti riconosciuti per le materie sostenute, senza computare i crediti eventualmente riconoscibili o riconosciuti dalla commissione tirocini. XXIV Per l anno accademico , il termine ultimo di presentazione dei piani di studio è fissato al 15 giugno A partire dall anno accademico , la presentazione del piano di studio e delle domande di passaggio interno deve avvenire entro il 20 dicembre. Tuttavia, al fine di un celere esame delle pratiche da parte della Commissione piani di studio, si raccomanda, in special modo agli studenti trasferiti da altra sede ed a quelli che chiedono il passaggio interno, di presentare tali documenti in segreteria studenti già a partire dal 15 settembre e comunque non oltre il 15 ottobre. Ciò consentirà di poter compilare al più presto il proprio statone, in modo da utilizzarlo già per l appello di Dicembre. IL PRESIDE DELLA FACOLTA DI GIURISPRUDENZA Prof. Sebastiano Ciccarello IL PRESIDENTE DEL CORSO DI LAUREA Prof. Antonino Spadaro 6

FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA Manifesto degli Studi a.a. 2008-2009

FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA Manifesto degli Studi a.a. 2008-2009 FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA Manifesto degli Studi a.a. 200-2009 La Facoltà di Giurisprudenza dell Università degli Studi del Salento attiva, nell a.a. 200-2009, i seguenti Corsi di studio: Corso di Laurea

Dettagli

PASSAGGI DI CORSO E RICONOSCIMENTO CREDITI

PASSAGGI DI CORSO E RICONOSCIMENTO CREDITI PASSAGGI DI CORSO E RICONOSCIMENTO CREDITI (Riconoscimento di crediti conseguiti nel Corso di laurea in Scienze giuridiche (classe 31) dell Università di Messina) 1. Gli studenti che hanno conseguito la

Dettagli

CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN GIURISPRUDENZA GIURISPRUDENZA

CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN GIURISPRUDENZA GIURISPRUDENZA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN GIURISPRUDENZA GIURISPRUDENZA (Approvato con delibera del CdF del 03.05.06 e modificato con delibere del CdF del 07.03.07, del 12.03.08 e del 08.04.08) Regolamento didattico

Dettagli

FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN GIURISPRUDENZA, CLASSE LMG/01 REGOLAMENTO DIDATTICO

FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN GIURISPRUDENZA, CLASSE LMG/01 REGOLAMENTO DIDATTICO FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN GIURISPRUDENZA, CLASSE LMG/01 REGOLAMENTO DIDATTICO Art. 1 Definizioni 1. Ai sensi del presente Regolamento si intende: a) per Facoltà: la Facoltà

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN SCIENZE GIURIDICHE SCIENZE GIURIDICHE

CORSO DI LAUREA IN SCIENZE GIURIDICHE SCIENZE GIURIDICHE CORSO DI LAUREA IN SCIENZE GIURIDICHE SCIENZE GIURIDICHE (Approvato con delibera del CdS e CdF del 03.05.06 e modificato con delibera del CdS del 07.03.07 e del CdF del 04.04.07) Regolamento didattico

Dettagli

Corso di Laurea Specialistica in Giurisprudenza

Corso di Laurea Specialistica in Giurisprudenza UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Facoltà di Giurisprudenza Como Corso di Laurea Specialistica in Giurisprudenza Sede del corso: Como MANIFESTO DEGLI STUDI ANNO ACCADEMICO 2007/2008 Presentazione del

Dettagli

Regolamento Didattico del Corso di Laurea Magistrale a ciclo unico in Giurisprudenza (Classe LMG/01)

Regolamento Didattico del Corso di Laurea Magistrale a ciclo unico in Giurisprudenza (Classe LMG/01) Regolamento Didattico del Corso di Laurea Magistrale a ciclo unico in Giurisprudenza (Classe LMG/01) Art. 1 - Premesse e finalità 1. Il presente Regolamento disciplina gli aspetti organizzativi e didattici

Dettagli

Facoltà di Giurisprudenza

Facoltà di Giurisprudenza Facoltà di Giurisprudenza CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN GIURISPRUDENZA A CICLO UNICO (classe LMG/01) Anno accademico 2011-2012 1. Caratteri, finalità e sbocchi Il corso di laurea magistrale in Giurisprudenza

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN SCIENZE DEI SERVIZI GIURIDICI CONSULENTE DEL LAVORO ED ESPERTO DI RELAZIONI INDUSTRIALI

CORSO DI LAUREA IN SCIENZE DEI SERVIZI GIURIDICI CONSULENTE DEL LAVORO ED ESPERTO DI RELAZIONI INDUSTRIALI CORSO DI LAUREA IN SCIENZE DEI SERVIZI GIURIDICI CONSULENTE DEL LAVORO ED ESPERTO DI RELAZIONI INDUSTRIALI (Modificato con delibere del CdF e CdS del 22.01.03, del 07.05.2003, del 8.10.2003; del 25.02.2004;

Dettagli

b) studenti laureati in Scienze giuridiche di altro Ateneo

b) studenti laureati in Scienze giuridiche di altro Ateneo Sull ottavo punto all o.d.g.: Organizzazione didattica: a) accesso degli studenti lavoratori agli appelli riservati; b) passaggi al corso di laurea magistrale (da Servizi giuridici, da precedenti ordinamenti,

Dettagli

Manifesto degli studi del DIIES per l anno accademico 2014/2015

Manifesto degli studi del DIIES per l anno accademico 2014/2015 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA DIPARTIMENTO DIIES Manifesto degli studi del DIIES per l anno accademico 2014/ 1 Premessa L offerta formativa del DIIES dell Università degli Studi

Dettagli

Manifesto degli studi del DIIES per l anno accademico 2015/2016

Manifesto degli studi del DIIES per l anno accademico 2015/2016 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA DIPARTIMENTO DIIES Manifesto degli studi del DIIES per l anno accademico 2015/ 1 Premessa L offerta formativa del DIIES dell Università degli Studi

Dettagli

AMMINISTRAZIONE E LEGISLAZIONE AZIENDALE

AMMINISTRAZIONE E LEGISLAZIONE AZIENDALE .UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA DIPARTIMENTO DI ECONOMIA CLASSE DELLE LAUREE MAGISTRALI LM77 AI SENSI DEL D.M. 270/2004 CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN AMMINISTRAZIONE E LEGISLAZIONE AZIENDALE (Sede di

Dettagli

FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN GIURISPRUDENZA, CLASSE LMG/01 REGOLAMENTO DIDATTICO. Art. 1 Definizioni

FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN GIURISPRUDENZA, CLASSE LMG/01 REGOLAMENTO DIDATTICO. Art. 1 Definizioni FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN GIURISPRUDENZA, CLASSE LMG/01 1. Ai sensi del presente Regolamento si intende: REGOLAMENTO DIDATTICO Art. 1 Definizioni a) per Facoltà: la Facoltà

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CORSO DI STUDI IN GIURISPRUDENZA

REGOLAMENTO DEL CORSO DI STUDI IN GIURISPRUDENZA REGOLAMENTO DEL CORSO DI STUDI IN GIURISPRUDENZA TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO Art. 1 - Premesse e finalità 1. Il Corso di Laurea Magistrale in Giurisprudenza afferisce alla Classe delle Lauree

Dettagli

Regolamento Didattico del Corso di Laurea Magistrale a ciclo unico in Giurisprudenza (Classe LMG/01)

Regolamento Didattico del Corso di Laurea Magistrale a ciclo unico in Giurisprudenza (Classe LMG/01) Regolamento Didattico del Corso di Laurea Magistrale a ciclo unico in Giurisprudenza (Classe LMG/01) Art. 1 - Premesse e finalità 1. Il presente Regolamento disciplina gli aspetti organizzativi e didattici

Dettagli

Regolamento didattico del corso di laurea triennale in Giurista dell Impresa e dell Amministrazione. Parte generale

Regolamento didattico del corso di laurea triennale in Giurista dell Impresa e dell Amministrazione. Parte generale Regolamento didattico del corso di laurea triennale in Giurista dell Impresa e dell Amministrazione Capo I. Disposizioni generali Parte generale Art. 1. Ambito di competenza 1. Il presente Regolamento

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI ALDO MORO

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI ALDO MORO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI ALDO MORO DIPARTIMENTO DI STUDI AZIENDALI E GIUSPRIVATISTICI CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA E GESTIONE DELLE AZIENDE E DEI SERVIZI TURISTICI REGOLAMENTO DIDATTICO A.A. 2014-2015

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO Laurea triennale in Classe Facoltà ECONOMIA AZIENDALE XVII Scienze dell economia e della gestione aziendale Economia Art. 1. Finalità Il presente regolamento disciplina l articolazione

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA Facoltà di Psicologia Facoltà di Scienze matematiche fisiche e naturali LAUREA MAGISTRALE IN Teoria e tecnologia della comunicazione REGOLAMENTO DIDATTICO - ANNO

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO Laurea triennale in Classe Facoltà ECONOMIA E MANAGEMENT DELLE IMPRESE DI SERVIZI XVII Scienze dell economia e della gestione aziendale Economia Art. 1. Finalità Il presente regolamento

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA. Facoltà di Giurisprudenza. LAUREA MAGISTRALE IN Giurisprudenza

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA. Facoltà di Giurisprudenza. LAUREA MAGISTRALE IN Giurisprudenza UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA Facoltà di Giurisprudenza LAUREA MAGISTRALE IN Giurisprudenza REGOLAMENTO DIDATTICO - ANNO ACCADEMICO 2009-2010 DESCRIZIONE Presso la Facoltà di Giurisprudenza

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI FARMACIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI FARMACIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI FARMACIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE A CICLO UNICO IN CHIMICA E TECNOLOGIA FARMACEUTICHE (CLASSE LM-13 FARMACIA E FARMACIA

Dettagli

MANIFESTO DEGLI STUDI ANNO ACCADEMICO 2008/2009

MANIFESTO DEGLI STUDI ANNO ACCADEMICO 2008/2009 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Facoltà di Economia Varese MANIFESTO DEGLI STUDI ANNO ACCADEMICO 2008/2009 Corso di laurea magistrale in Economia e Commercio Corso di laurea magistrale in Economia

Dettagli

Corso di Laurea Specialistica in. Classe di laurea specialistica n. 91/S Statistica Economica, Finanziaria e Attuariale. Manifesto degli Studi

Corso di Laurea Specialistica in. Classe di laurea specialistica n. 91/S Statistica Economica, Finanziaria e Attuariale. Manifesto degli Studi UNIVERSITA DELLA CALABRIA Facoltà di Economia Corso di Laurea Specialistica in Statistica e Informatica per l Economia e la Finanza Classe di laurea specialistica n. 91/S Statistica Economica, Finanziaria

Dettagli

INSEGNAMENTI RICONOSCIUTI NEL NUOVO CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN GIURISPRUDENZA (LMG/01) 8 Istituzioni di diritto privato

INSEGNAMENTI RICONOSCIUTI NEL NUOVO CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN GIURISPRUDENZA (LMG/01) 8 Istituzioni di diritto privato TABELLA di equipollenza e di riconoscimento dei crediti per l accesso al Corso di laurea magistrale in Giurisprudenza (Classe LMG/01) da parte degli iscritti al Corso di laurea in Scienze Giuridiche (Classe

Dettagli

Università Cattolica del Sacro Cuore Facoltà di Medicina e Chirurgia

Università Cattolica del Sacro Cuore Facoltà di Medicina e Chirurgia Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea Magistrale in Scienze infermieristiche e Sede U.C.S.C. Manifesto degli studi Anno Accademico 2012-2013 CLASSE DI LAUREA DI APPARTENENZA: LM/SNT1 SCIENZE

Dettagli

DIZIONARIO UNIVERSITARIO

DIZIONARIO UNIVERSITARIO DIZIONARIO UNIVERSITARIO ANNO ACCADEMICO L anno accademico può essere suddiviso in due periodi dell anno in cui frequentare le lezioni e dare gli esami. In genere il primo periodo dura da ottobre a gennaio,

Dettagli

Corso di LAUREA IN CONSULENTE DEL LAVORO E SCIENZE DEI SERVIZI GIURIDICI (CLASSE L-14)

Corso di LAUREA IN CONSULENTE DEL LAVORO E SCIENZE DEI SERVIZI GIURIDICI (CLASSE L-14) Corso di LAUREA IN CONSULENTE DEL LAVORO E SCIENZE DEI SERVIZI GIURIDICI (CLASSE L-14) Curriculum in Consulente del lavoro PIANO DI STUDIO COORTE DI RIFERIMENTO A.A. 2014-2015 I anno II anno IUS 01 - Istituzioni

Dettagli

Regolamento Corso di Laurea Magistrale in ECONOMIA E GESTIONE DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI. (Classe LM-63, Scienze delle pubbliche amministrazioni)

Regolamento Corso di Laurea Magistrale in ECONOMIA E GESTIONE DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI. (Classe LM-63, Scienze delle pubbliche amministrazioni) Regolamento Corso di Laurea Magistrale in ECONOMIA E GESTIONE DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI (Classe LM-63, Scienze delle pubbliche amministrazioni) Art. 1 Istituzione La Facoltà di Economia istituisce

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN SCIENZE GIURIDICHE Classe 31 Scienze giuridiche

CORSO DI LAUREA IN SCIENZE GIURIDICHE Classe 31 Scienze giuridiche CORSO DI LAUREA IN SCIENZE GIURIDICHE Classe 31 Scienze giuridiche Art. 1 Le seguenti disposizioni disciplinano l organizzazione didattica del Corso di Laurea in Scienze giuridiche, in conformità alle

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO del Corso di Laurea Magistrale in Giurisprudenza (Classe LMG01)

REGOLAMENTO DIDATTICO del Corso di Laurea Magistrale in Giurisprudenza (Classe LMG01) REGOLAMENTO DIDATTICO del Corso di Laurea Magistrale in Giurisprudenza (Classe LMG01) TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Istituzione 1. E istituito presso la Facoltà di Giurisprudenza il Corso di Laurea

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRICA

CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRICA Università degli Studi di Cagliari Regolamento Didattico del Corso di Studi in Ingegneria Elettrica, A.A. 2007/08 CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRICA Art. 1. Articolazione del Corso di Laurea in Ingegneria

Dettagli

CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN GIURISPRUDENZA GIURISPRUDENZA

CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN GIURISPRUDENZA GIURISPRUDENZA CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN GIURISPRUDENZA GIURISPRUDENZA (Approvato con delibera del C.d.F. del 07.05.03, modificato con delibera del CdF del 8.10.03, del 12.05.04, del 01.06.2005, 21.12.2005) Regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN MARKETING E ORGANIZZAZIONE D IMPRESA (CLASSE L-18 Scienze dell economia e della gestione aziendale) Art. 1 Premesse e finalità 1. Il presente Regolamento disciplina

Dettagli

UNIVERSITY OF SIENA FACULTY OF POLITICAL SCIENCES ADVANCED PROGRAMME IN INTERNATIONAL STUDIES ACADEMIC REGULATIONS

UNIVERSITY OF SIENA FACULTY OF POLITICAL SCIENCES ADVANCED PROGRAMME IN INTERNATIONAL STUDIES ACADEMIC REGULATIONS UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SIENA FACOLTA DI SCIENZE POLITICHE REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN SCIENZE INTERNAZIONALI (Classe LM-52 Relazioni Internazionali) UNIVERSITY OF SIENA FACULTY

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO Laurea triennale in Classe Facoltà ECONOMIA E COMMERCIO XXVIII Scienze economiche Economia Art. 1. Finalità Il presente regolamento disciplina l articolazione dei contenuti e le modalità

Dettagli

CALENDARIO ACCADEMICO 2015/2016

CALENDARIO ACCADEMICO 2015/2016 CALENDARIO ACCADEMICO 2015/2016 Date e scadenze comuni Inizio dell Anno Accademico: 1 ottobre 2015. Inizio delle attività didattiche: 1 ottobre 2015. Per motivi di organizzazione ed efficacia della didattica,

Dettagli

CALENDARIO ACCADEMICO 2014/2015

CALENDARIO ACCADEMICO 2014/2015 CALENDARIO ACCADEMICO 2014/2015 Date e scadenze comuni Inizio dell Anno Accademico: 1 ottobre 2014 (mercoledì). Inizio delle attività didattiche: 1 ottobre 2014 (mercoledì). Nel rispetto delle scadenze

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE A CICLO UNICO IN GIURISPRUDENZA (CLASSE LMG/01 GIURISPRUDENZA) Art. 1 Premesse

Dettagli

Regolamento del Corso di laurea triennale in Scienze giuridiche (1) classe n. 31 delle Lauree in SCIENZE GIURIDICHE. I - Disposizioni generali

Regolamento del Corso di laurea triennale in Scienze giuridiche (1) classe n. 31 delle Lauree in SCIENZE GIURIDICHE. I - Disposizioni generali 1 Regolamento del Corso di laurea triennale in Scienze giuridiche (1) classe n. 31 delle Lauree in SCIENZE GIURIDICHE I - Disposizioni generali Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO Laurea specialistica in Classe Facoltà ECONOMIA E LEGISLAZIONE D IMPRESA 84/S Classe delle lauree specialistiche in Scienze economico-aziendali Economia Art. 1. Finalità Il presente

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO DI LAUREA MAGISTRALE A CICLO UNICO IN GIURISPRUDENZA CLASSE LMG/01

REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO DI LAUREA MAGISTRALE A CICLO UNICO IN GIURISPRUDENZA CLASSE LMG/01 REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO DI LAUREA MAGISTRALE A CICLO UNICO IN GIURISPRUDENZA CLASSE LMG/01 Art. 1 Definizioni 1. Ai sensi del presente Regolamento si intende: a) per Dipartimento: il Dipartimento di

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI FARMACIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI FARMACIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI FARMACIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE A CICLO UNICO IN FARMACIA (CLASSE LM-13 FARMACIA E FARMACIA INDUSTRIALE) Art. 1

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE INTERCLASSE IN FINANZA E METODI QUANTITATIVI PER L ECONOMIA CLASSI DELLE LAUREE MAGISTRALI LM-1 e LM-83 AI SENSI DEL D.M. 270/2004 (FIN) (Sede

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN SCIENZE DELL ECONOMIA LM 56

REGOLAMENTO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN SCIENZE DELL ECONOMIA LM 56 REGOLAMENTO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN SCIENZE DELL ECONOMIA LM 56 TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO Art. 1 - Premesse e finalità 1. Il Corso di Laurea Magistrale in Scienze dell Economia

Dettagli

ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA

ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA Pag 2 INDICE Parte Prima 1. MANIFESTO DEGLI STUDI PER GLI IMMATRICOLATI A.A. 2012-2013 1.1 Laurea Magistrale

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI ECONOMIA MARCO BIAGI

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI ECONOMIA MARCO BIAGI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI ECONOMIA MARCO BIAGI REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN ANALISI, CONSULENZA E GESTIONE FINANZIARIA (INTERCLASSE LM-16 FINANZA

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI 0BII I FACOLTA DI ECONOMIA 1BREGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA E COMMERCIO (Classe L33, D.M. 270/2004) 2BArt. 1 Finalità Il presente Regolamento didattico

Dettagli

Corso di laurea in SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE

Corso di laurea in SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE Corso di laurea in SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE A.A. 2014/2015 Anno Accademico 2014/2015 I ANNO II ANNO III ANNO E2401P - Scienze e tecniche psicologiche (Classe L-24 D.M. 270/2004) Attivato Attivato

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CORSO DI STUDI IN ECONOMIA AZIENDALE E MANAGEMENT L - 18

REGOLAMENTO DEL CORSO DI STUDI IN ECONOMIA AZIENDALE E MANAGEMENT L - 18 REGOLAMENTO DEL CORSO DI STUDI IN ECONOMIA AZIENDALE E MANAGEMENT L - 18 TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO Art. 1 - Premesse e finalità 1. Il Corso di Laurea in Economia aziendale e management

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE INTERCLASSE IN PUBBLICITA, EDITORIA E CREATIVITA D IMPRESA (Classe LM-19 Informazione e sistemi editoriali e Classe LM-59 Scienze della comunicazione

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CORSO DI STUDI MAGISTRALE IN RELAZIONI INTERNAZIONALI LM 52

REGOLAMENTO DEL CORSO DI STUDI MAGISTRALE IN RELAZIONI INTERNAZIONALI LM 52 REGOLAMENTO DEL CORSO DI STUDI MAGISTRALE IN RELAZIONI INTERNAZIONALI LM 52 TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO Art. 1 - Premesse e finalità 1. Il Corso di Studi Magistrale in Relazioni internazionali

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CORSO DI STUDI IN INGEGNERIA INDUSTRIALE L - 9

REGOLAMENTO DEL CORSO DI STUDI IN INGEGNERIA INDUSTRIALE L - 9 REGOLAMENTO DEL CORSO DI STUDI IN INGEGNERIA INDUSTRIALE L - 9 TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO Art. 1 - Premesse e finalità 1. Il Corso di Laurea in Ingegneria industriale afferisce alla Classe

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN ECONOMIA E FINANZA INTERNAZIONALE

REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN ECONOMIA E FINANZA INTERNAZIONALE REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN ECONOMIA E FINANZA INTERNAZIONALE 1. Il presente Regolamento specifica gli aspetti organizzativi del corso di laurea specialistica in Economia e finanza

Dettagli

Regolamento didattico del corso di studio MAGISTRALE in Economia e Management Marittimo Portuale

Regolamento didattico del corso di studio MAGISTRALE in Economia e Management Marittimo Portuale Regolamento didattico del corso di studio MAGISTRALE in Economia e Management Marittimo Portuale Art. 1 Premessa e ambito di competenza Art. 2 Requisiti di ammissione. Modalità di verifica Il presente

Dettagli

FACOLTA DI LINGUE E LETTERATURE STRANIERE

FACOLTA DI LINGUE E LETTERATURE STRANIERE UNIVERSITÀ DEL SALENTO FACOLTA DI LINGUE E LETTERATURE STRANIERE REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN TRADUZIONE LETTERARIA E TRADUZIONE TECNICO-SCIENTIFICA Classe 104/S La laurea

Dettagli

Dipartimento di Scienze Economiche, Aziendali, Ambientali e Metodologia Quantitative (SEAM) Università degli Studi di Messina

Dipartimento di Scienze Economiche, Aziendali, Ambientali e Metodologia Quantitative (SEAM) Università degli Studi di Messina Dipartimento di Scienze Economiche, Aziendali, Ambientali e Metodologia Quantitative (SEAM) Università degli Studi di Messina REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN SCIENZE ECONOMICHE E FINANZIARIE

Dettagli

UNIVERSITY OF SIENA FACULTY OF POLITICAL SCIENCES ACADEMIC REGULATIONS PROGRAMME IN ADMINISTRATION STUDIES

UNIVERSITY OF SIENA FACULTY OF POLITICAL SCIENCES ACADEMIC REGULATIONS PROGRAMME IN ADMINISTRATION STUDIES UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA FACOLTÀ DI SCIENZE POLITICHE REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN SCIENZE DELL AMMINISTRAZIONE (Classe L-16 Scienze dell amministrazione e dell organizzazione) UNIVERSITY

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA INTERFACOLTA (AGRARIA-MEDICINA VETERINARIA)

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA INTERFACOLTA (AGRARIA-MEDICINA VETERINARIA) UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA INTERFACOLTA (AGRARIA-MEDICINA VETERINARIA) in PRODUZIONI ANIMALI (Classe L-38) Ai sensi del D.M. 270/2004 Art. 1 Finalità 1.

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CORSO DI STUDI MAGISTRALE IN INGEGNERIA MECCANICA LM 33

REGOLAMENTO DEL CORSO DI STUDI MAGISTRALE IN INGEGNERIA MECCANICA LM 33 REGOLAMENTO DEL CORSO DI STUDI MAGISTRALE IN INGEGNERIA MECCANICA LM 33 TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO Art. 1 - Premesse e finalità 1. Il Corso di Studi Magistrale in Ingegneria meccanica afferisce

Dettagli

MANIFESTO DEGLI STUDI ANNO ACCADEMICO 2009/2010

MANIFESTO DEGLI STUDI ANNO ACCADEMICO 2009/2010 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali di Laurea in Scienze e Tecnologie dell Informazione Sede del corso: Como MANIFESTO DEGLI STUDI ANNO ACCADEMICO 2009/2010

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA. FACOLTÀ DI Medicina e Chirurgia

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA. FACOLTÀ DI Medicina e Chirurgia UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI Medicina e Chirurgia REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN SCIENZE INFERMIERISTICHE ED OSTETRICHE (CLASSE LM/SNT1 - SCIENZE

Dettagli

Facoltà di Giurisprudenza Corsi di laurea in: Scienze Giuridiche Giurisprudenza 22/S Giurisprudenza (LMG/01) Giurisprudenza (quadriennale)

Facoltà di Giurisprudenza Corsi di laurea in: Scienze Giuridiche Giurisprudenza 22/S Giurisprudenza (LMG/01) Giurisprudenza (quadriennale) Facoltà di Giurisprudenza Corsi di laurea in: Scienze Giuridiche Giurisprudenza 22/S Giurisprudenza (LMG/01) Giurisprudenza (quadriennale) Sede: Facoltà di Giurisprudenza Palazzo Ducale Piazza Cavour n

Dettagli

Pos. AG Decreto n. 449 IL RETTORE

Pos. AG Decreto n. 449 IL RETTORE Pos. AG Decreto n. 449 IL RETTORE Vista la legge 9.5.89, n. 168; Vista la legge 19.11.90, n. 341; Vista la legge 15.5.97, n. 127; il D.P.R. 27.1.98, n. 25; il D.M. 3.11.99, n. 509 recante norme concernenti

Dettagli

ART. 1 Oggetto del Regolamento

ART. 1 Oggetto del Regolamento REGOLAMENTO DELLA SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE IN DIDATTICA DELL ITALIANO COME LINGUA STRANIERA ART. 1 Oggetto del Regolamento Il presente regolamento disciplina, ai sensi dell articolo 1 comma 3 del Regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO Laurea specialistica in Classe Facoltà MARKETING E COMUNICAZIONE 84/S Classe delle lauree specialistiche in Scienze economico-aziendali Economia Art. 1. Finalità Il presente regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CORSO DI STUDI IN SCIENZE PSICOLOGICHE DEL LAVORO E DELLE ORGANIZZAZIONI L-24

REGOLAMENTO DEL CORSO DI STUDI IN SCIENZE PSICOLOGICHE DEL LAVORO E DELLE ORGANIZZAZIONI L-24 REGOLAMENTO DEL CORSO DI STUDI IN SCIENZE PSICOLOGICHE DEL LAVORO E DELLE ORGANIZZAZIONI L-24 TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO Art. 1 - Premesse e finalità 1. Il Corso di Studio che rilascia la

Dettagli

6 ore = 1 credito. 1 credito. 1 credito. 1 credito. Complementari Informatica A 5 IUS/14 Caratterizzanti Giuridico. 5 INF/01 Affiniintegrative

6 ore = 1 credito. 1 credito. 1 credito. 1 credito. Complementari Informatica A 5 IUS/14 Caratterizzanti Giuridico. 5 INF/01 Affiniintegrative UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Facoltà di Economia Varese MANIFESTO DEGLI STUDI ANNO ACCADEMICO 2004/2005 Corso di laurea specialistica in Economia e Commercio Corso di laurea specialistica in Economia

Dettagli

Facoltà: LETTERE E FILOSOFIA Corso: 0966 - CINEMA, TELEVISIONE E PRODUZIONE MULTIMEDIALE (LM) Ordinamento: DM270

Facoltà: LETTERE E FILOSOFIA Corso: 0966 - CINEMA, TELEVISIONE E PRODUZIONE MULTIMEDIALE (LM) Ordinamento: DM270 Page 1 of 5 Facoltà: LETTERE E FILOSOFIA Corso: 0966 - CINEMA, TELEVISIONE E PRODUZIONE MULTIMEDIALE (LM) Ordinamento: DM270 Titolo: CINEMA, TELEVISIONE E PRODUZIONE MULTIMEDIALE Testo: LAUREA MAGISTRALE

Dettagli

Corso di Laurea in Informatica

Corso di Laurea in Informatica Università degli Studi di Parma Dipartimento di Matematica e Informatica Corso di Laurea in Informatica Laurea di primo livello Classe L-31 Scienze e Tecnologie Informatiche (studenti immatricolati negli

Dettagli

1. Obiettivi Formativi

1. Obiettivi Formativi UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI Aldo Moro Manifesto degli studi A.A. 2013-2014 per Studenti a Tempo Pieno Classe delle Lauree n. L-31 Scienze e tecnologie informatiche LAUREA IN: INFORMATICA E COMUNICAZIONE

Dettagli

Corso di Laurea in Informatica. Manifesto degli Studi A.A. 2012-2013 (Regolamento didattico 2011)

Corso di Laurea in Informatica. Manifesto degli Studi A.A. 2012-2013 (Regolamento didattico 2011) Università degli Studi di Perugia Facoltà di Scienze Matematiche Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Informatica CLASSE L-31 (Lauree in Scienze e Tecnologie Informatiche) Manifesto degli Studi A.A. 2012-2013

Dettagli

Dipartimento di Scienze economiche, politiche e delle lingue moderne

Dipartimento di Scienze economiche, politiche e delle lingue moderne Classe di laurea L-18 in SCIENZE DELL'ECONOMIA E DELLA GESTIONE AZIENDALE Regolamento didattico del Corso di Laurea L - 18 in Economia aziendale e bancaria usiness administration and banking ai sensi dell

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI ALDO MORO

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI ALDO MORO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI ALDO MORO DIPARTIMENTO DI ECONOMIA, MANAGEMENT E DIRITTO DELL IMPRESA MANIFESTO DEGLI STUDI A.A. 2016-2017 REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA AZIENDALE

Dettagli

Facoltà: Farmacia Corso di Laurea Magistrale in Farmacia

Facoltà: Farmacia Corso di Laurea Magistrale in Farmacia Facoltà: Farmacia Corso di Laurea Magistrale in Farmacia viale Macario Muzio tel. 0737 402456 fax 0737 402456 e-mail: farmacia@unicam.it Consiglio di Facoltà Preside Prof. Maurizio Massi Corso di Laurea

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI FARMACIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI FARMACIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI FARMACIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN SCIENZE E TECNOLOGIE ERBORISTICHE (CLASSE L-29) Art. 1 Premesse e finalità 1. Il presente

Dettagli

MANIFESTO DEGLI STUDI A.A. 2014/2015

MANIFESTO DEGLI STUDI A.A. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI A.A. 2014/2015 Vengono riportati di seguito i prospetti dell organizzazione dei Corsi di Laurea e Laurea magistrale che saranno attivati presso il Dipartimento di Giurisprudenza nell

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CASSINO E DEL LAZIO MERIDIONALE CORSI DI STUDIO IN INGEGNERIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CASSINO E DEL LAZIO MERIDIONALE CORSI DI STUDIO IN INGEGNERIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CASSINO E DEL LAZIO MERIDIONALE CORSI DI STUDIO IN INGEGNERIA Dipartimento di Ingegneria Civile e Meccanica Regolamento didattico dei corsi di laurea magistrale in LM - 23 - Classe

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN SCIENZE GIURIDICHE E DELL ORGANIZZAZIONE

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN SCIENZE GIURIDICHE E DELL ORGANIZZAZIONE REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN SCIENZE GIURIDICHE E DELL ORGANIZZAZIONE FACOLTA DI SCIENZE POLITICHE DELLA LIBERA UNIVERSITA DEGLI STUDI PER L INNOVAZIONE E LE ORGANIZZAZIONI (LUSPIO) ROMA

Dettagli

Corso di Laurea Triennale in

Corso di Laurea Triennale in UNIVERSITA DELLA CALABRIA Facoltà di Economia Corso di Laurea Triennale in Discipline Economiche e Sociali per la cooperazione, lo Sviluppo e la Pace Classe di laurea n.35 Scienze Sociali per la Cooperazione,

Dettagli

Consiglio di Facoltà del 19.01.2012-allegato n.5 di 9 pagine

Consiglio di Facoltà del 19.01.2012-allegato n.5 di 9 pagine UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI INGEGNERIA ENZO FERRARI REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA INFORMATICA (CLASSE LM-32 INGEGNERIA INFORMATICA)

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CORSO DI STUDI MAGISTRALE IN PSICOLOGIA DELLE ORGANIZZAZIONI E DEI SERVIZI LM 51

REGOLAMENTO DEL CORSO DI STUDI MAGISTRALE IN PSICOLOGIA DELLE ORGANIZZAZIONI E DEI SERVIZI LM 51 REGOLAMENTO DEL CORSO DI STUDI MAGISTRALE IN PSICOLOGIA DELLE ORGANIZZAZIONI E DEI SERVIZI LM 51 TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO Art. 1 - Premesse e finalità 1. Il Corso di Studi Magistrale in

Dettagli

Università degli Studi dell'aquila Corso di Laurea in Scienze della Formazione Primaria (LM 85-bis) Criteri generali

Università degli Studi dell'aquila Corso di Laurea in Scienze della Formazione Primaria (LM 85-bis) Criteri generali Università degli Studi dell'aquila Corso di Laurea in Scienze della Formazione Primaria (LM 85-bis) MODALITA PER IL RICONOSCIMENTO CREDITI Dopo le fasi dell immatricolazione riportate nel Bando (http://www.univaq.it/section.php?id=1670&idcorso=574)

Dettagli

DIPARTIMENTO DI GIURISPRUDENZA PALERMO ANNO ACCADEMICO 2015/16

DIPARTIMENTO DI GIURISPRUDENZA PALERMO ANNO ACCADEMICO 2015/16 DA COMPILARE IN STAMPATELLO IN OGNI SUA PARTE Segreteria studenti Prot. N. DIPARTIMENTO DI GIURISPRUDENZA PALERMO ANNO ACCADEMICO 2015/16 Data: / / LAUREA IN MODULO DI VALUTAZIONE PREVENTIVA PER IL PASSAGGIO

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO DI STUDIO: Culture e tecniche del costume e della moda FACOLTÀ: Lettere e Filosofia CLASSE: 23 Art. 1 Coerenza tra crediti delle attività formative e obiettivi formativi programmati

Dettagli

ANNO ACCADEMICO 2012/13 FACOLTA

ANNO ACCADEMICO 2012/13 FACOLTA ANNO ACCADEMICO 2012/13 FACOLTA DI GIURISPRUDENZA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN GIURISPRUDENZA CON PERCORSO UNITARIO QUADRIENNALE SUCCESSIVO ALL ANNO DI BASE REGOLAMENTO ISCRIZIONI, PASSAGGI E TRASFERIMENTI

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA. Facoltà di Giurisprudenza. LAUREA IN Scienze per operatori dei servizi giuridici

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA. Facoltà di Giurisprudenza. LAUREA IN Scienze per operatori dei servizi giuridici UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA Facoltà di Giurisprudenza LAUREA IN Scienze per operatori dei servizi giuridici REGOLAMENTO DIDATTICO - ANNO ACCADEMICO 2007-2008 DESCRIZIONE Presso la Facoltà

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI ECONOMIA MARCO BIAGI

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI ECONOMIA MARCO BIAGI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI ECONOMIA MARCO BIAGI REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA AZIENDALE (CLASSE L-18 SCIENZE DELL ECONOMIA E DELLA GESTIONE AZIENDALE)

Dettagli

Regolamento Scuola di Decorazione

Regolamento Scuola di Decorazione Regolamento Scuola di Decorazione Corso di Diploma Accademico di Primo Livello Triennale in Decorazione Corso di Diploma Accademico di Primo Livello Triennale in Nuovi Linguaggi Plastici Corso di Diploma

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CORSO DI STUDI IN SCIENZE POLITICHE E DELLE RELAZIONI INTERNAZIONALI (L-36)

REGOLAMENTO DEL CORSO DI STUDI IN SCIENZE POLITICHE E DELLE RELAZIONI INTERNAZIONALI (L-36) REGOLAMENTO DEL CORSO DI STUDI IN SCIENZE POLITICHE E DELLE RELAZIONI INTERNAZIONALI (L-36) TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO Art. 1 - Premesse e finalità 1. Il Corso di Studi in Scienze Politiche

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA. FACOLTÀ DI INGEGNERIA sede di Reggio Emilia

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA. FACOLTÀ DI INGEGNERIA sede di Reggio Emilia UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI INGEGNERIA sede di Reggio Emilia REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA GESTIONALE (CLASSE L-9 INGEGNERIA INDUSTRIALE e L-8

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN PROGRAMMAZIONE E GESTIONE DEI SERVIZI EDUCATIVI E FORMATIVI (classe n.

REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN PROGRAMMAZIONE E GESTIONE DEI SERVIZI EDUCATIVI E FORMATIVI (classe n. 1 REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN PROGRAMMAZIONE E GESTIONE DEI SERVIZI EDUCATIVI E FORMATIVI (classe n. 56/S) Art. 1 - Denominazione del Corso di Studio (CdS) e classe di appartenenza

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI AGRARIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI AGRARIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI AGRARIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN Scienze e Tecnologie Agrarie e degli Alimenti (interclasse L-25 - Scienze e Tecnologie Agrarie

Dettagli

Regolamento didattico del corso di laurea magistrale in Servizio Sociale e Politiche Sociali. Parte generale

Regolamento didattico del corso di laurea magistrale in Servizio Sociale e Politiche Sociali. Parte generale Regolamento didattico del corso di laurea magistrale in Servizio Sociale e Politiche Sociali Capo I. Disposizioni generali Parte generale Art. 1. Ambito di competenza 1. Il presente Regolamento disciplina,

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI STUDIO PARTE NORMATIVA -

REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI STUDIO PARTE NORMATIVA - Scuola di Lettere e Beni culturali LAUREA MAGISTRALE IN CINEMA, TELEVISIONE E PRODUZIONE MULTIMEDIALE CLASSE LM-65 REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI STUDIO PARTE NORMATIVA - Art. 1 Requisiti per l'accesso

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI UDINE REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI LAUREA MAGISTRALE. Corso di laurea magistrale in Ingegneria meccanica

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI UDINE REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI LAUREA MAGISTRALE. Corso di laurea magistrale in Ingegneria meccanica UNIVERSITA DEGLI STUDI DI UDINE REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI LAUREA MAGISTRALE Corso di laurea magistrale in Ingegneria meccanica Classe di laurea magistrale n. LM-33 Ingegneria meccanica DM 270/2004,

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO Art. 1 Premesse e finalità 1. Il Corso di laurea magistrale in Scienze Storiche afferisce alla Classe delle lauree magistrali LM-84 in Scienze

Dettagli

Corso di Laurea in CONSULENTE DEL LAVORO REGOLAMENTO

Corso di Laurea in CONSULENTE DEL LAVORO REGOLAMENTO Università degli Studi di Siena Facoltà di Giurisprudenza Corso di Laurea in CONSULENTE DEL LAVORO REGOLAMENTO Art. 1 E istituito presso la Facoltà di Giurisprudenza il Corso di Laurea in Consulente del

Dettagli