4. LA MICROFINANZA IN EUROPA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "4. LA MICROFINANZA IN EUROPA"

Transcript

1 45 4. LA MICROFINANZA IN EUROPA 4.1 La situazione attuale La microfinanza in Europa si sta progressivamente dimostrando uno strumento essenziale delle politiche sociali; un importante mezzo di promozione dell auto-impiego, di supporto nello sviluppo della microimpresa e di contrasto all esclusione finanziaria. Il ruolo della microfinanza nel nostro continente è stato riconosciuto anche a livello delle istituzioni europee: la Commissione Europea, attraverso il lancio di iniziative quali il programma JASMINE e la Progress Microfinance Facility ha assunto un ruolo primario nello sviluppo del settore in Europa. BOX 4.1: L iniziativa JASMINE JASMINE è un acronimo il cui significato è "Azione comune a sostegno degli istituti di microfinanza in Europa". Si tratta di una delle quattro nuove iniziative di ingegneria finanziaria introdotte dalla politica di coesione dell'ue per il periodo Con un bilancio complessivo di 50 milioni di euro, JASMINE è un'iniziativa pilota sviluppata congiuntamente dalla Commissione Europea, dalla Banca Europea per gli investimenti (BEI) e dal Fondo Europeo per gli investimenti (FEI). JASMINE è stata pensata per le microimprese e le persone soggette a emarginazione sociale (comprese le minoranze etniche) che desiderano avviare una propria attività, ma non possono accedere ai servizi bancari tradizionali: l'iniziativa cioè è diretta al segmento del mercato meno appetibile per le banche, e si propone di rendere più facilmente accessibili i piccoli prestiti (microcrediti) in Europa, per soddisfare la domanda inevasa. Nell'UE, per "microcredito" si intende un prestito inferiore ai euro, ma in genere la media è di per i 15 vecchi Stati membri e di per 12 nuovi. BOX 4.2: Il programma Progress Microfinance Facility Il programma punta ad agevolare l'accesso al credito da parte delle microimprese attraverso l erogazione di microcrediti alle piccole imprese e a chi ha perso il lavoro e vuole avviare una piccola impresa. Con una dotazione iniziale di 100 milioni di euro, verranno mobilitati finanziamenti per un importo di 500 milioni di euro in cooperazione con istituzioni finanziarie internazionali quali il gruppo BEI (Banca Europea per gli investimenti). Ciò potrebbe tradursi in circa 45 mila prestiti in un periodo massimo di 8 anni. Enti di erogazione locali sono banche, piccoli istituti di credito senza fini di lucro, istituti di garanzia e altri erogatori di micro-finanziamenti per le microimprese. Il Fondo Europeo per gli investimenti fornirà a questi soggetti le risorse necessarie per raggiungere i destinatari. La componente Microfinance del programma PROGRESS tende inoltre ad assistere i (potenziali) microimprenditori e rafforzare le capacità dei micro finanziatori. Lo Strumento si integrerà quindi con gli altri dispositivi esistenti, in particolare il Fondo sociale Europeo (FSE). L ultima indagine sul settore della microfinanza in Europea condotta nel 2009 dalla Rete Europea della Microfinanza, censisce 432 programmi 1. Quelli censiti in Italia sono 94, una concentrazione nettamente superiore rispetto agli altri paesi europei, anche se come vedremo in seguito a tale proliferazione del settore non ha fatto seguito una crescita proporzionale del numero di beneficiari serviti. Il numero di programmi di microfinanza censiti comprende le maggiori esperienze del settore a livello europeo ma non esaurisce il più vasto 1 Barbara Jayo; Anabel Gonzalez; Casey Conzett, Overview of the microcredit sector in the European Union, EMN, 2010

2 46 scenario di esperienze locali o informali che, pur non avendo un grande rilievo in termini di numero di beneficiari raggiunti, hanno tuttavia una certa importanza nei processi locali d inclusione sociale e finanziaria. Nello studio, il campione, rappresentato da 170 Istituzioni di Microfinanza (IMF), ha erogato nel 2009 un totale di prestiti (di cui in Italia, erogati dalle 33 IMF del campione per una media di 58 crediti per istituzione) per un valore di 828 milioni di euro (di cui in Italia quasi 11 milioni). Le IMF dell Est Europa hanno concesso il 26% dei crediti per un valore pari al 40% del totale. Nell Europa Occidentale, tale rapporto è invertito: 74% dei crediti per un valore totale pari al 60%. Ciò significa che nei paesi appartenenti a quest ultima area, tra cui l Italia, l ammontare medio per credito erogato è più bassa in rapporto all area orientale. I dati sul numero dei crediti erogati nel 2009 per paese (GRAF.1), così come il numero di clienti attivi nello stesso anno (GRAF.2), forniscono un immagine chiara dello sviluppo del settore nei diversi contesti considerati. Rispetto al primo indicatore, risulta evidente la posizione prevalente della Francia con ben crediti. Qui, il mercato è dominato da due istituzioni: France Initiative (48,7% dei crediti erogati nel 2009 a livello nazionale) e l Association pour le droit à l Initiative Economique - ADIE (48,5%). Un numero così elevato di beneficiari e una tale concentrazione di mercato sono elementi caratteristici di un settore ormai maturo (ADIE opera nel paese da vent anni), caratterizzato da istituzioni che operano a livello nazionale con forte radicamento locale, con metodologie e prodotti adatti al mercato di riferimento anche se in alcuni casi a condizioni ancora sussidiate. E questo il caso di France Initiative che nel 2009 ha erogato 133 milioni di euro a tasso zero grazie alla stretta collaborazione con il settore pubblico, banche e privati. TAB. 1: Numero di crediti erogati nel 2009 Fonte EMN (2009) Una conferma del livello di sviluppo del settore risulta dall analisi comparata tra i diversi paesi europei del numero di clienti attivi. Anche in questo caso, quello francese risulta essere il mercato più esteso con clienti attivi, seguito da Finlandia (19.600) e Romania (15.163). Molto inferiore il portafoglio attivo dei programmi di microfinanza in Italia, pari a clienti, nonostante, come osservato in precedenza, l elevato numero di programmi esistenti sul territorio italiano.

3 47 I limiti sulla sostenibilità del settore in termini economici sono dimostrati dal numero di crediti erogati nel 2009 per organizzazione. Il 57% delle istituzioni ha concesso meno di 50 crediti e solo il 13%, in Francia, Germania e Spagna, più di 400. Questi dati indicano come molte istituzioni europee siano ancora giovani o si siano appena affacciate sul mercato, non raggiungendo un volume di attività sufficiente a consentirne la sostenibilità. TAB. 2: Numero di clienti attivi nel 2009 giorni dalla richiesta formale; il 21% da 11 a 20 giorni e il 19% oltre i 30 giorni; solo il 26% è in grado di erogare il credito entro 10 giorni dalla richiesta. Il margine economico è ancor più ridotto se si considera che il tasso d interesse medio applicato dal campione considerato dallo studio di EMN (TAB. 3) è relativamente basso (9% a livello europeo e 3,7% in Italia) e l ammontare medio (TAB. 4) molto ridotto (9.600 euro a livello europeo e poco più di 6 mila euro in Italia). TAB. 3: Importo medio Fonte: EMN 2009 A ciò va aggiunto che la percentuale media di persone non-bancabili raggiunte dalle istituzioni europee è molto elevata (70%). Tale percentuale è ancora più elevata in Belgio, Regno Unito e Italia, dove i soggetti non-bancabili raggiungono rispettivamente il 94%, l 83% e l 81% della popolazione servita. Si tratta di un target particolarmente difficile da servire, che richiede tempi di lavorazione (pre-istruttoria, istruttoria, servizi di accompagnamento) molto lunghi e una struttura operativa pesante e capillarmente presente sul territorio. Il 31% delle istituzioni riesce ad erogare il credito solo dopo Fonte: EMN (2009) L impatto di tali limiti sulla sostenibilità economica del settore sono evidenti: solo il 60% delle microfinanziarie europee ha raggiunto l autosufficienza operativa. In particolare in Italia tale indice è molto basso ed è pari ad appena il 21%. Sotto il profilo della personalità giuridica il panorama a livello europeo è molto diversificato. Gli attori della microfinanza sono infatti prevalentemente fondazioni o ONG (26%) e per il 23% istituzioni di varia origine

4 48 quali associazioni di microfinanza ed enti religiosi (in particolare in Italia). Più in generale circa il 60% delle istituzioni sono organizzazioni non-profit. TAB. 4: Tasso di interesse medio Rispetto al target raggiunto, abbiamo già evidenziato come nella gran parte dei casi si tratti di soggetti non bancabili (70%). Rispetto all attività svolta (TAB. 5), si tratta spesso di imprese in fase di avviamento (78%), attività quasi mai finanziata dal settore bancario tradizionale. In altri casi si tratta di microimprese già avviate o in fase di preavviamento. In quest ultimo caso l IMF fornisce le risorse finanziarie necessarie per realizzare il business plan. Un ampia fascia di beneficiari (24%) appartiene al settore informale, nonostante le difficoltà nel contesto europeo ad operare nei confronti di tale tipologia di soggetti. TAB. 5: Tipi di attività finanziate Fonte: EMN (2009) Le banche commerciali sono sempre più presenti nel settore della microfinanza e coprono una fascia di mercato più alta rispetto a quella caratteristica delle ONG: l ammontare medio erogato è spesso vicino alla soglia dei 25 mila euro e il target è per il 60% rappresentato da soggetti rientranti nella categoria dei bancabili. I crediti attivi erogati dal settore bancario rappresentano il 40% del portafoglio totale a livello europeo e il numero di beneficiari attivi servito dalle banche è circa il 7% del totale. I paesi nei quali il settore bancario sta giocando un ruolo sempre più rilevante sono l Ungheria (9.500 crediti erogati nel 2009), la Spagna (4.190 crediti erogati nel 2009) e la Romania (1.047). In Italia i crediti erogati direttamente dal settore bancario (le due banche italiane che hanno partecipato allo studio di EMN sono Banca Popolare Etica ed Emilbanca) sono 165. Fonte: EMN (2009) Le categorie servite corrispondono alle fasce di popolazione più esposte ad esclusione sociale ed economica. Il 47% delle IMF ha come target persone non bancabili o soggette ad esclusione bancaria ossia prive di conto corrente o comunque che non hanno accesso a uno o più servizi finanziari considerati essenziali in Europa per la partecipazione alla vita economica. Un attenzione particolare è riservata al genere. Il 44% dei programmi di microfinanza europei indica come target privilegiato le donne. In particolare, in Francia nel 2009, sono stati

5 49 erogati 10 mila crediti a favore di tale fascia di popolazione (2 mila in Spagna, in Finlandia e 761 in Italia). Le IMF europee si dimostrano inoltre sensibili ai bisogni dei migranti e delle minoranze etniche (41%). In Francia nel 2009 sono stati erogati più di crediti in questa fascia; in Spagna e 564 in Italia. Tuttavia va segnalato che in paesi quali la Germania, l Olanda o il Regno Unito, con un elevata presenza di immigrati, il numero di crediti a questo target è particolarmente basso (rispettivamente: 106, 105 e 50). Rispetto alle condizioni e alle caratteristiche dei servizi e prodotti offerti, accanto al dato già riportato sul tasso d interesse, si registra una certa variabilità in termini di durata media del credito, pari a 3 anni nel 35% dei casi, 5 anni nel 21%, 4 anni nel 16%, 2 nel 15% e 1 nel 6% dei casi. Solo l 8% dei crediti ha una durata media uguale o superiore ai 6 anni. Il rischio di credito viene spesso mitigato attraverso la richiesta ai beneficiari di garanzie di diversa natura. Questo aspetto è particolarmente curato dalle IMF dell Europa Orientale, più attente all autosufficienza economica rispetto alle omologhe dell Europa Occidentale. Tuttavia va considerato che spesso la disponibilità di garanzie è l elemento discriminante tra soggetti bancabili e non. Per tale ragione, ben il 59% delle IMF europee non richiede alcun tipo di garanzia, sia essa reale o di firma. In altri casi la garanzia, non resa disponibile da parte del beneficiario, viene invece concessa attraverso fondi di garanzia esterni, solitamente creati grazie all intervento pubblico, sia a livello nazionale (fondi regionali o nazionali) che europeo (Programma di garanzia dell UE). In altri casi la garanzia può essere messa a disposizione da soggetti privati quali fondazioni o associazioni. La garanzia di gruppo, molto diffusa in altri contesti, non è invece diffusa in Europa (25%) a causa delle difficoltà di introdurre nei paesi considerati la metodologia del credito di gruppo, utilizzata solo dal 16% delle istituzioni. La metodologia più diffusa risulta essere quella del prestito individuale (88%). Il 42% delle istituzioni oltre al credito offre altri servizi di tipo finanziario e non. Per il 53% delle istituzioni i prestiti sociali, ossia non rivolti allo sviluppo d impresa ma al superamento di situazioni momentanee di difficoltà economica o finanziaria, rappresentano il 50% del portafoglio attivo. Alcune istituzioni completano la gamma di prodotti offerti grazie a servizi di money transfer, assicurazioni, prodotti di risparmio e garanzie. La gran parte delle istituzioni in Bulgaria, Ungheria e Italia offre servizi di educazione finanziaria e, spesso attraverso organizzazioni convenzionate, servizi di accompagnamento tecnico per l avvio o lo sviluppo d impresa. I business development services (BDS) rappresentano più in generale una componente considerata importante da buona parte delle microfinanziarie europee. Le metodologie utilizzate e i servizi offerti si traducono in un ancora basso livello di qualità del portafoglio sia in termini di tasso di rimborso che di portafoglio a rischio. Il settore della microfinanza risulta essere ancora fortemente dipendente da fonti finanziarie esterne, sia per quanto riguarda la copertura dei costi operativi e finanziari, che per l approvvigionamento finanziario. Il settore pubblico e privato contribuiscono alla copertura dei costi con una percentuale rispettivamente del 34% e 42%, mentre solo il 60% è garantito dai ricavi operativi.

6 Buone pratiche. ADIE: l importanza della rete territoriale. L Association pour le droit à l Initiative Economique ADIE è assieme a France Initiative, il più grande programma di microfinanza europeo. Nata nel 1989 per volontà dell economista Maria Novak, l ADIE è un programma di microfinanza a copertura nazionale con ben clienti attivi, un portafoglio al 31/12/2009 di 61,5 milioni di euro, un tasso di crescita del portafoglio nel 2009 del 14%. L ADIE, rappresenta un esempio unico a livello europeo di programma di microfinanza a dimensione nazionale. Grazie alla sua rete di 16 direzioni regionali e 130 antenne, il programma riesce a svolgere un azione capillare su tutto il territorio francese. La rete territoriale può contare su un equipe di 481 addetti e ben volontari, vera anima dell organizzazione. Questi ultimi dedicano a questa attività di volontariato 3,8 giorni al mese, pari a ben 1/3 della forza lavoro dell ADIE. Si consideri che il valore economico attribuito ad una giornata di lavoro di un volontario dell ADIE è di circa 315 euro e il valore complessivo del lavoro svolto a titolo volontario nel 2009 è stato pari a 15,75 milioni di euro. La maggior parte dei volontari si dedica all accompagnamento sul territorio dei beneficiari, anche se molti di loro partecipano anche ai comitati di credito o si occupano di mansioni amministrative. Tutti i membri del consiglio d amministrazione sono volontari. I volontari sono costantemente formati e nel 2009 l organizzazione ha dedicato a tale attività 1400 giorni a favore di 630 persone. Grazie alla presenza dei servizi di prossimità offerti dalla rete territoriale, l azione dell istituzione risulta particolarmente efficace, soprattutto se paragonata ad altri programmi anche di grandi dimensioni a livello europeo. Il tasso di non rimborso era a fine 2009 l 8,3%, i prestiti cancellati erano il 2,2%; il PAR>30 era al 6,58 nel 2008 e 8,36% nel La forte collaborazione tra IMF e società civile nel successo del modello proposto dall ADIE è dimostrata anche dalla partecipazione al programma da parte degli enti pubblici sia centrali che locali. I finanziamenti pubblici rappresentano il 60% del budget dell organizzazione. Di questi, il 20% provengono dalle Regioni, il 19% da enti pubblici nazionali di varia natura, il 18% dallo Stato, il 16% dai Dipartimenti e il 5% dai Comuni. Il restante 22% deriva da fondi europei. La convenienza per il settore pubblico allo sviluppo del programma è dimostrato dai risultati ottenuti in termini di ricadute sociali per la collettività. L ADIE ha infatti da sempre sostenuto l importanza di una misurazione delle esternalità sociali (in particolare sull occupazione) del programma ed è quindi oggi in grado di determinare il risparmio per il sistema nazionale e locale di welfare derivante da una sua azione sul territorio: in seno al programma ADIE, il costo dell accompagnamento alla creazione di un impresa è in media di euro; i costi diretti di un disoccupato per la collettività sono pari a euro all anno, che salgono a euro, se si considerano i costi indiretti. 4.3 Buone pratiche. Il social lending. Il social lending, spesso definito anche come peer-to-peer lending, consiste in uno scambio finanziario che avviene direttamente tra persone fisiche, senza alcuna intermediazione da parte di istituzioni finanziarie di tipo tradizionale ma attraverso l utilizzo di una piattaforma tecnologica accessibile attraverso internet. Il social lending sfrutta l opportunità data da

7 51 Internet di superare i confini delle comunità chiuse e localizzate per formare comunità virtuali a livello nazionale o internazionale unite dalla comunione e/o funzionalità reciproca di interessi. Nella maggior parte dei casi non sono richieste garanzie per l ottenimento del credito. Questo elemento, assieme all ammontare ridotto del credito e alla velocità di erogazione, è il principale fattore che accomuna il modello del social lending ai principi di base della microfinanza. Attraverso la piattaforma su internet i prestatari (coloro che richiedono un prestito) e i gli investitori (coloro che prestano il proprio denaro ad altri) possono interagire direttamente tra loro, senza ricorrere ad intermediari, ottenendo così condizioni migliori per entrambi: tassi più bassi per chi ottiene il prestito e interessi più alti per chi presta denaro. Nel modello operativo sviluppato ad esempio da Zopa, il merito di credito viene classificato (A+, A, B o C) dal personale di Zopa sulla base delle informazioni immesse nel sistema dai richiedenti stessi attraverso la piattaforma in internet. Dal lato dell offerta gli investitori fanno contemporaneamente sul sito le loro offerte relativamente all importo che intendono prestare e al rendimento atteso. Il richiedente valuta quindi i tassi offerti che saranno tanto più alti quanto più elevato sarà il suo profilo di rischio. Allo scopo di frazionare il rischio di credito in capo ad ogni beneficiario, gli investitori di Zopa prestano solo piccole porzioni ad un singolo richiedente. Zopa partecipa a tutti i prestiti con una quota di 10 euro. In caso di accettazione, il richiedente firma il contratto di prestito riconoscendosi debitore dei prestatori e di Zopa che applicherà una commissione sia al debitore che al creditore. Nonostante in Italia il social lending abbia subito una significativa battuta d arresto nel 2009 a causa della sospensione da parte di Banca d Italia del maggiore operatore (Zopa Italia), in Europa questo modello ha avuto una significativa espansione negli ultimi tre anni. La crescita del peer- to- peer lending è da attribuirsi oltre che ad una maggiore conoscenza del modello presso il pubblico anche alla contrazione dell attività creditizia da parte delle banche dovuta alla crisi internazionale. In molti paesi questo servizio ha consentito ad ampie fasce di popolazione di accedere al credito altrimenti non disponibile. A gennaio 2009 i maggiori operatori europei avevano erogato crediti per circa 119 milioni di USD 2. La sola Kokos (Polonia) a un anno di avvio delle attività, aveva erogato circa 57,9 milioni di USD. Il volume erogato da Zopa era pari a 45,6 milioni di USD. Anche il rendimento per gli investitori e la performance del modello sono incoraggianti. La tedesca SMAVA, lanciata nel 2007 e che a marzo 2009 aveva erogato crediti per un totale di 7,9 milioni di euro, già nel 2008, in piena crisi internazionale, poteva offrire al 99% dei suoi investitori un guadagno netto di 210 euro, mentre per l 1% di essi che ha subito una perdita essa è stata di appena 60 euro. Il ROI nel 2008 era compreso tra il 5% e il 10%. 2 A. Ashta and D. Assadi, An Analysis of European Online microlending Websites, CEB Working Paper N 09/059, 2009

Il quinto e ultimo capitolo quinto è dedicato al caso italiano. Nel nostro paese, la domanda di

Il quinto e ultimo capitolo quinto è dedicato al caso italiano. Nel nostro paese, la domanda di I SINTESI Questo numero di Osservatorio monetario viene interamente dedicato all analisi delle implicazioni derivanti dallo sviluppo della microfinanza. Il primo capitolo descrive le ragioni del successo

Dettagli

La gestione delle donazioni in Abruzzo dopo il terremoto del 2009

La gestione delle donazioni in Abruzzo dopo il terremoto del 2009 La gestione delle donazioni in Abruzzo dopo il terremoto del 2009 Nei mesi successivi al terremoto il Dipartimento di Protezione Civile, per gestire al meglio le offerte ricevute vis sms per il terremoto

Dettagli

Sommario: Questionario Studio del Settore del Microcredito nell Unione Europe 2010-2011 ; Versione 06.03.2012 pag 1

Sommario: Questionario Studio del Settore del Microcredito nell Unione Europe 2010-2011 ; Versione 06.03.2012 pag 1 Rete Europea di Microfinanza Studio del Settore del Microcredito nell Unione Europea 2010-2011 Questionario per l indagine sulle istituzioni di microfinanza Sommario: I. Caratteristiche istituzionali chiave

Dettagli

Rete Europea di Microfinanza Studio del Settore del Microcredito nell Unione Europea 2010 2011

Rete Europea di Microfinanza Studio del Settore del Microcredito nell Unione Europea 2010 2011 Rete Europea di Microfinanza Studio del Settore del Microcredito nell Unione Europea 2010 2011 Questionario per l indagine sulle istituzioni di microfinanza Sommario: I. Caratteristiche istituzionali chiave

Dettagli

SINTESI DEI PRINCIPALI RISULTATI DELL ULTIMA EDIZIONE DEL MONITORAGGIO DEL MICROCREDITO (dati 2014)

SINTESI DEI PRINCIPALI RISULTATI DELL ULTIMA EDIZIONE DEL MONITORAGGIO DEL MICROCREDITO (dati 2014) SINTESI DEI PRINCIPALI RISULTATI DELL ULTIMA EDIZIONE DEL MONITORAGGIO DEL MICROCREDITO (dati 2014) A cura dell Ente Nazionale per il Microcredito, Team di monitoraggio Il monitoraggio condotto dall Ente

Dettagli

LE ESPERIENZE DI MICROCREDITO IN EMILIA ROMAGNA

LE ESPERIENZE DI MICROCREDITO IN EMILIA ROMAGNA «Il Microcredito: la buona economia» Dal denaro alla cura. Lo strumento Microcredito sul territorio Carpi, 12 Aprile 2013 LE ESPERIENZE DI MICROCREDITO IN EMILIA ROMAGNA Realizzazione di una Guida pratica

Dettagli

CREDITO AL FUTURO. Osservare, ascoltare e animare per un credito a misura di persona. Incontri formativi per operatori dei Centri di Ascolto

CREDITO AL FUTURO. Osservare, ascoltare e animare per un credito a misura di persona. Incontri formativi per operatori dei Centri di Ascolto CREDITO AL FUTURO Osservare, ascoltare e animare per un credito a misura di persona 1 Incontri formativi per operatori dei Centri di Ascolto Andria, 26 e 27 Aprile, 3 Maggio 2012 Clara Marrone clara.marrone@gmail.com

Dettagli

progredire con gli strumenti finanziari ESIF Il Fondo Sociale Europeo Strumenti finanziari

progredire con gli strumenti finanziari ESIF Il Fondo Sociale Europeo Strumenti finanziari progredire con gli strumenti finanziari ESIF Il Fondo Sociale Europeo Gli strumenti finanziari co-finanziati dal Fondo Sociale Europeo permettono di investire, in modo sostenibile ed efficiente, per rafforzare

Dettagli

EMERGENZA LAVORO E MICROCREDITO

EMERGENZA LAVORO E MICROCREDITO EMERGENZA LAVORO E MICROCREDITO il LAVORO: la più grande emergenza del nostro tempo!!! Parte 2, Allegati PROGETTO DISTRETTUALE 2060 A.R. 2014-2015, 2015-2016, 2016-2017 Allegati 1. Il microcredito nel

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE D iniziativa dei Deputati PEZZOTTA, BARETTA, BERNINI. Misure per favorire la promozione e la diffusione del microcredito

PROPOSTA DI LEGGE D iniziativa dei Deputati PEZZOTTA, BARETTA, BERNINI. Misure per favorire la promozione e la diffusione del microcredito PROPOSTA DI LEGGE D iniziativa dei Deputati PEZZOTTA, BARETTA, BERNINI Misure per favorire la promozione e la diffusione del microcredito Onorevoli Colleghi! - Negli ultimi anni il settore della microfinanza

Dettagli

Finanza Etica e microcredito

Finanza Etica e microcredito Finanza Etica e microcredito! Il movimento della finanza etica in Italia nasce alla fine degli anni settanta con la costituzione delle MAG (mutue di autogestione) e si sviluppa fino ai giorni nostri con

Dettagli

La programmazione europea. per lo sviluppo della filiera turistica nel Mezzogiorno

La programmazione europea. per lo sviluppo della filiera turistica nel Mezzogiorno La programmazione europea 2014 2020 per lo sviluppo della filiera turistica nel Mezzogiorno POIn (FESR) 2007-2013 - Attrattori culturali, naturali e turismo Asse II - Linea di intervento II.2.1 Intervento:

Dettagli

EaSI Employment and Social Innovation. Assi PROGRESS e EURES

EaSI Employment and Social Innovation. Assi PROGRESS e EURES Provincia di Pistoia EaSI Employment and Social Innovation Assi PROGRESS e EURES Potenzialità per il lavoro e l integrazione sociale su scala europea Carla Gassani Servizio Politiche attive del Lavoro,

Dettagli

66 UNA NUOVA CHANCE PER I PROFESSIONISTI

66 UNA NUOVA CHANCE PER I PROFESSIONISTI 66 UNA NUOVA CHANCE PER I PROFESSIONISTI di FRANCESCO VERBARO Èdifficile trovare dei legami immediati tra microcredito e libere professioni. Eppure non è impossibile. Come ben sintetizzato dal Presidente

Dettagli

Data: 19/10/2015 Pagina: 12

Data: 19/10/2015 Pagina: 12 Data: 19/10/2015 Pagina: 12 Data: 26/10/2015 237 milioni per ventimila imprese europee. CNA: "Azione utile per agevolare la nascita di nuove attività" La Commissione europea e il Fondo europeo per gli

Dettagli

Strumenti finanziari CIP. Programma per l innovazione e l imprenditorialità. Commissione europea Imprese e industria CIP

Strumenti finanziari CIP. Programma per l innovazione e l imprenditorialità. Commissione europea Imprese e industria CIP Strumenti finanziari CIP Programma per l innovazione e l imprenditorialità Commissione europea Imprese e industria CIP Strumenti finanziari CIP Programma per l innovazione e l imprenditorialità Quasi un

Dettagli

Fondo Europeo degli Investimenti

Fondo Europeo degli Investimenti European Progress Microfinance Facility Fondo Europeo degli Investimenti This presentation was prepared by EIF. The information included in this presentation is based on figures available as of July, 2010

Dettagli

La microfinanza in America Latina: il punto di vista degli operatori del settore

La microfinanza in America Latina: il punto di vista degli operatori del settore La microfinanza in America Latina: il punto di vista degli operatori del settore Un indagine esplorativa condotta dalla Fondazione Giordano Dell Amore e dalla Rete Italia America Latina sulle sfide attuali

Dettagli

Microcredito. La soluzione di Intesa Sanpaolo per il microcredito imprenditoriale

Microcredito. La soluzione di Intesa Sanpaolo per il microcredito imprenditoriale Microcredito La soluzione di Intesa Sanpaolo per il microcredito imprenditoriale Gennaio 2016 Normativa relativa al Microcredito in Italia. Il Microcredito è stato oggetto negli anni di continue evoluzioni

Dettagli

2. Iniziative comunitarie per agevolare l accesso ai finanziamenti - BERS. BANCA EUROPEA per la RICOSTRUZIONE e lo SVILUPPO

2. Iniziative comunitarie per agevolare l accesso ai finanziamenti - BERS. BANCA EUROPEA per la RICOSTRUZIONE e lo SVILUPPO BANCA EUROPEA per la RICOSTRUZIONE e lo SVILUPPO P R E M E S S A La Banca Europea per la Ricostruzione e lo Sviluppo è stata creata nel 1991. Con sede a Londra, la BERS è un istituzione internazionale

Dettagli

LE IMPRESE CHE FANNO GRANDE L EUROPA

LE IMPRESE CHE FANNO GRANDE L EUROPA LE IMPRESE CHE FANNO GRANDE L EUROPA NUMERI IN PILLOLE Roma - 08 maggio 2014 Sommario Il valore delle imprese che creano valore 3 Le piccole e medie imprese, esploratrici del mondo 8 Il dualismo del credito

Dettagli

LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI

LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI Aggiornamento del 29 maggio 2015 I CONTENUTI IL SISTEMA ECONOMICO LA FINANZA PUBBLICA LA SANITA IL SISTEMA ECONOMICO LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI IL PIL PIL: DINAMICA E PREVISIONI NEI PRINCIPALI PAESI UE

Dettagli

IL QUADRO DEL CREDITO IN UMBRIA

IL QUADRO DEL CREDITO IN UMBRIA IL QUADRO DEL CREDITO IN UMBRIA Perugia, 24 ottobre 2014 In collaborazione con Impieghi: il quadro al 30/06/2014 (dati in mln di e composizione %) IMPIEGHI (in milioni di euro) 1 - IMPRESE 2 - FAMIGLIE

Dettagli

LA BANCA EUROPEA PER GLI INVESTIMENTI

LA BANCA EUROPEA PER GLI INVESTIMENTI LA BANCA EUROPEA PER GLI INVESTIMENTI La Banca europea per gli investimenti (BEI) promuove gli obiettivi dell'unione europea fornendo finanziamenti, garanzie e consulenza a lungo termine in relazione a

Dettagli

La moneta. La definizione di moneta esula dalla forma fisica assunta dalla stessa.

La moneta. La definizione di moneta esula dalla forma fisica assunta dalla stessa. La moneta La definizione di moneta esula dalla forma fisica assunta dalla stessa. ECONOMIA MONETARIA E FINANZIARIA La moneta e le istituzioni monetarie Le forme fisiche assunte dalla moneta sono diverse,

Dettagli

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo Ridurre i divari Il problema Fino alla fine degli anni sessanta, la cooperazione allo sviluppo si identificava esclusivamente con la cooperazione economica o con l aiuto umanitario di emergenza. Questa

Dettagli

Opportunità d impresa ed esclusione dal credito: il caso italiano

Opportunità d impresa ed esclusione dal credito: il caso italiano Opportunità d impresa ed esclusione dal credito: il caso italiano Rapporto RITMI (Rete Italiana della Microfinanza) Francesco Terreri, Microfinanza srl Luigi Galimberti Faussone, Microfinanza srl Con il

Dettagli

Corso di Economia degli Intermediari Finanziari

Corso di Economia degli Intermediari Finanziari Giulio Tagliavini - Massimo Regalli Corso di Economia degli Intermediari Finanziari Il microcredito Ma i poveri risparmiano? Si osservi la seguente tabella (ripresa dal sito www.manitese.it) Popolazione

Dettagli

MICRO-WORK. Microimpresa e nuova occupazione

MICRO-WORK. Microimpresa e nuova occupazione MICRO-WORK Microimpresa e nuova occupazione Le (micro)-imprese in Italia A fine 2014 le microimprese individuali attive sono in termini assoluti 3.161.195, cioè il 61% del totale delle imprese italiane

Dettagli

LAZIO. AGEA "OCM Vino Investimenti 2015/2016" SCADENZA: 29/02/2016. MINISTERO TRASPORTI "Investimenti nel settore dell'autotrasporto"

LAZIO. AGEA OCM Vino Investimenti 2015/2016 SCADENZA: 29/02/2016. MINISTERO TRASPORTI Investimenti nel settore dell'autotrasporto AGEA "OCM Vino Investimenti 2015/2016" Sono previsti finanziamenti a fondo perduto a favore delle imprese attive nel settore vitivinicolo (ad esclusione di quelle di commercializzazione) che effettuano

Dettagli

Risparmio e Investimento

Risparmio e Investimento Risparmio e Investimento Risparmiando un paese ha a disposizione più risorse da utilizzare per investire in beni capitali I beni capitali a loro volta fanno aumentare la produttività La produttività incide

Dettagli

Il sistema creditizio in provincia di Pisa

Il sistema creditizio in provincia di Pisa Il sistema creditizio in provincia di Pisa Consuntivo anno 2013 Pisa, 31 luglio 2014. La presenza bancaria in provincia di Pisa risente del processo di riorganizzazione che sta attraversando il sistema

Dettagli

l imprenditoria sociale

l imprenditoria sociale L iniziativa per l imprenditoria sociale della Commissione europea Mercato interno e servizi L iniziativa per l imprenditoria sociale della Commissione europea Presidente della Commissione europea, José

Dettagli

COME CRESCERE IL MICROCREDITO IN ITALIA

COME CRESCERE IL MICROCREDITO IN ITALIA COME CRESCERE IL MICROCREDITO IN ITALIA 61 di TEODORO FULGIONE * Intervista ad Alessandro Luciano capo del progetto Monitoraggio delle politiche del lavoro con le politiche di sviluppo locale dei sistemi

Dettagli

COMPORTAMENTI VIRTUOSI ANTI-CRISI

COMPORTAMENTI VIRTUOSI ANTI-CRISI LAMEZIA TERME 2012-11-17 FQTS sud COMPORTAMENTI VIRTUOSI ANTI-CRISI Tommaso Marino Coordinatore dei Soci della Calabria di Banca Popolare Etica ALCUNE PRECISAZIONI legislative DECRETO LEGISLATIVO 13 agosto

Dettagli

Il microcredito per lo sviluppo delle microimprese turistiche nelle Regioni Calabria, Campania, Puglia, Sicilia

Il microcredito per lo sviluppo delle microimprese turistiche nelle Regioni Calabria, Campania, Puglia, Sicilia Il microcredito per lo sviluppo delle microimprese turistiche nelle Regioni Calabria, Campania, Puglia, Sicilia POIn (FESR) 2007-2013 - Attrattori culturali, naturali e turismo Asse II - Linea di intervento

Dettagli

Studio di fattibilità sulle opportunità di microcredito in favore dei titolari di protezione internazionale

Studio di fattibilità sulle opportunità di microcredito in favore dei titolari di protezione internazionale Progetto co-finanziato dall Unione Europea Fondo Europeo per i Rifugiati Programma annuale 2009 Azione 1.B Ministero dell Interno Studio di fattibilità sulle opportunità di microcredito in favore dei titolari

Dettagli

progredire con gli strumenti finanziari ESIF Il Fondo Europeo Agricolo per lo Sviluppo Rurale Strumenti finanziari

progredire con gli strumenti finanziari ESIF Il Fondo Europeo Agricolo per lo Sviluppo Rurale Strumenti finanziari progredire con gli strumenti finanziari ESIF Il Fondo Europeo Agricolo per lo Sviluppo Rurale Gli strumenti finanziari co-finanziati dal Fondo Europeo Agricolo per lo Sviluppo Rurale permettono di investire,

Dettagli

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Volume 16 DICEMBRE 2010 Microimprese ancora in affanno ma emergono i primi timidi segnali di miglioramento negli investimenti Calano

Dettagli

Il fare impresa dei migranti in Italia

Il fare impresa dei migranti in Italia Il fare impresa dei migranti in Italia Natale Forlani direttore generale immigrazione ministero del Lavoro, Salute e Politiche Sociali L Italia è stata per quasi un secolo e mezzo un Paese a forte emigrazione.

Dettagli

Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole

Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole XIII Commissione Agricoltura Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole Giorgio Gobbi Servizio Studi di struttura economica e finanziaria della Banca d Italia Camera dei Deputati

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO LOCALE DI TIPO PARTECIPATIVO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le leggi che regolano il ciclo successivo

Dettagli

Il microcredito: risorse ed opportunità per le microimprese

Il microcredito: risorse ed opportunità per le microimprese Il microcredito: risorse ed opportunità per le microimprese E 1. IL RUOLO DELLE PMI E DELLE MICROIMPRESE MARIO BACCINI PRESIDENTE DELL ENTE NAZIONALE PER IL MICROCREDITO E NOTO COME IL SISTEMA PRODUTTIVO

Dettagli

Fondo MICROCREDITO FSE. P.O. Campania FSE 2007-2013

Fondo MICROCREDITO FSE. P.O. Campania FSE 2007-2013 Fondo MICROCREDITO FSE P.O. Campania FSE 2007-2013 Finalità del Fondo Microcredito FSE La Regione Campania ha istituito il Fondo Microcredito FSE con una dotazione finanziaria di 65 milioni di euro incrementabile

Dettagli

CAMERA DI COMMERCIO DI MILANO TERZA EDIZIONE DEL FORUM ECONOMICO E FINANZIARIO PER IL MEDITERRANEO

CAMERA DI COMMERCIO DI MILANO TERZA EDIZIONE DEL FORUM ECONOMICO E FINANZIARIO PER IL MEDITERRANEO CAMERA DI COMMERCIO DI MILANO TERZA EDIZIONE DEL FORUM ECONOMICO E FINANZIARIO PER IL MEDITERRANEO Politiche e strumenti di sostegno alle piccole e medie imprese Intervento del Presidente del CNEL On.

Dettagli

LAZIO. REGIONE LAZIO "Finanziamenti agevolati per efficienza energetica" SCADENZA: fino ad esaurimento risorse

LAZIO. REGIONE LAZIO Finanziamenti agevolati per efficienza energetica SCADENZA: fino ad esaurimento risorse "Finanziamenti agevolati per efficienza energetica" Pubblicato il bando per la concessione di finanziamenti agevolati alle PMI che investono in efficienza energetica e produzione di energia rinnovabile.

Dettagli

FONDO NAZIONALE INNOVAZIONE

FONDO NAZIONALE INNOVAZIONE DIPERTIMENTO PER L IMPRESA E L INTERNALIZZAZIONE DIREZIONE GENERALE PER LA LOTTA ALLA CONTRAFFAZIONE UFFICIO ITALIANO BREVETTI E MARCHI FONDO NAZIONALE INNOVAZIONE Direzione Generale Lotta alla Contraffazione

Dettagli

Nel modello organizzativo di Intesa Sanpaolo è più volte affermato il. ruolo centrale della relazione con il cliente. Essere una delle più

Nel modello organizzativo di Intesa Sanpaolo è più volte affermato il. ruolo centrale della relazione con il cliente. Essere una delle più Nel modello organizzativo di Intesa Sanpaolo è più volte affermato il ruolo centrale della relazione con il cliente. Essere una delle più importanti banche del Paese (In Italia: 5.809 sportelli, 11,4 mln.

Dettagli

Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma

Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma Documento basato sui risultati della Conferenza di Roma, 17 e 18 novembre 2014 In occasione della Presidenza

Dettagli

Caro Lettore, Buona lettura!

Caro Lettore, Buona lettura! GUIDA PRATICA Caro Lettore, Semplificare e agevolare l accesso al credito. In questo momento di difficile congiuntura economica, sono queste le parole d ordine che hanno portato governo, banche e imprese

Dettagli

L evoluzione della normativa comunitaria e le ricadute sui programmi

L evoluzione della normativa comunitaria e le ricadute sui programmi Microcredito e programmi comunitari L evoluzione della normativa comunitaria e le ricadute sui programmi Tiziana Lang L Unione Europea ha avviato da tempo una riflessione sul contributo del microcredito

Dettagli

La classifica dei sistemi sanitari europei, secondo l EHCI

La classifica dei sistemi sanitari europei, secondo l EHCI Fonte: pubblicato su: La classifica dei sistemi sanitari europei, secondo l EHCI Miriam Levi L Euro Health Consumer Index (EHCI) 2014 mette a confronto le performance dei sistemi sanitari europei, partendo

Dettagli

per micro PERCORSI DI MICROCREDITO

per micro PERCORSI DI MICROCREDITO per micro PERCORSI DI MICROCREDITO Siamo nati per accompagnare, fianco a fianco, con competenza ed entusiasmo, chi ha deciso di investire su se stesso, di intraprendere un attività di impresa un percorso

Dettagli

Progetto. Seminario per la formazione congiunta degli operatori. Fonti di finanziamento comunitarie, nazionali e regionali.

Progetto. Seminario per la formazione congiunta degli operatori. Fonti di finanziamento comunitarie, nazionali e regionali. Progetto Seminario per la formazione congiunta degli operatori Fonti di finanziamento comunitarie, nazionali e regionali Ida Leone 30-31 Gennaio 2013 Uno sguardo sui Fondi UE Fondo Europeo Agricoltura

Dettagli

Flussi di cittadini nella UE

Flussi di cittadini nella UE Flussi di cittadini nella UE Immigrazione UE-27, 2009-2011. Fonte Eurostat. Immigrati ogni 1000 abitanti, 2011. Fonte Eurostat. Quota di immigrati per gruppo cittadinanza, UE-27, 2011. Fonte Eurostat.

Dettagli

2. Iniziative comunitarie per agevolare l accesso ai finanziamenti - Garanzie GARANZIE

2. Iniziative comunitarie per agevolare l accesso ai finanziamenti - Garanzie GARANZIE GARANZIE Il FEI ha elaborato una varietà di prodotti di garanzia per i finanziamenti alle PMI. Le operazioni possibili in tale contesto vanno dalla garanzia diretta del portafoglio crediti alla cartolarizzazione

Dettagli

ROADSHOW PMI CREDITO E PMI. IMPRESE, CREDITO E CRISI DELL ECONOMIA. Ricerca a cura di Confcommercio Format

ROADSHOW PMI CREDITO E PMI. IMPRESE, CREDITO E CRISI DELL ECONOMIA. Ricerca a cura di Confcommercio Format ROADSHOW PMI CREDITO E PMI. IMPRESE, CREDITO E CRISI DELL ECONOMIA Ricerca a cura di Confcommercio Format Milano 22 maggio 2009 Il 73,7% delle imprese avverte un peggioramento della situazione economica

Dettagli

Agosto 2012. Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011

Agosto 2012. Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011 Agosto 2012 Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011 Aumentano le imprese con Ebitda insufficiente per sostenere oneri e debiti finanziari Alla ricerca della marginalità perduta Sintesi dei risultati

Dettagli

L imprenditoria femminile: una opportunità di cambiamento e di crescita

L imprenditoria femminile: una opportunità di cambiamento e di crescita FORUM PA 28 MAGGIO 2014 -Come favorire lo sviluppo di un imprenditoria moderna e innovativa fondata sulla collaborazione, la digitalizzazione e le reti di impresa L imprenditoria femminile: una opportunità

Dettagli

CONFINDUSTRIA-CERVED: RAPPORTO PMI MEZZOGIORNO 2015

CONFINDUSTRIA-CERVED: RAPPORTO PMI MEZZOGIORNO 2015 CONFINDUSTRIA-CERVED: RAPPORTO PMI MEZZOGIORNO 2015 Duro l impatto della crisi, ma anche dalle PMI del Sud arrivano primi segnali di ripartenza. Servono più imprese gazzelle per trainare ripresa. Più di

Dettagli

Banca europea per gli investimenti

Banca europea per gli investimenti Banca europea per gli investimenti La banca dell UE Il sostegno della BEI e del FEI alle imprese Anna Fusari 26 settembre 2013 La Banca europea per gli investimenti La Banca per i finanziamenti a lungo

Dettagli

Fiom Cgil Basilicata

Fiom Cgil Basilicata Osservatorio sull industria metalmeccanica Fiom Cgil Basilicata PRODUTTIVITA e PRODUZIONI FIAT SATA 1 Davide Bubbico (Università di Salerno) Giuseppe Cillis Osservatorio sull industria metalmeccanica (Fiom

Dettagli

RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO

RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO OTTOBRE 2010 a cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi e dell Ufficio Lavori all Estero e Relazioni Internazionali

Dettagli

EaSI: il programma dell Unione europea per l occupazione e l innovazione sociale*

EaSI: il programma dell Unione europea per l occupazione e l innovazione sociale* EaSI: il programma dell Unione europea per l occupazione e l innovazione sociale* Il programma Occupazione e innovazione sociale (EaSI- Employment and Social Innovation) è il nuovo strumento finanziario

Dettagli

Una via sostenibile per raggiungere gli obiettivi economici e sociali dell UE

Una via sostenibile per raggiungere gli obiettivi economici e sociali dell UE Una via sostenibile per raggiungere gli obiettivi economici e sociali dell UE Gli strumenti finanziari co-finanziati dai Fondi Strutturali e di Investimento Europei permettono di investire, in modo sostenibile

Dettagli

Carta delle Attività

Carta delle Attività Carta delle Attività L associazione VO.B.I.S. VO.B.I.S. è un associazione senza scopo di lucro nata il 1 luglio del 2009 per volontà di ex dipendenti del Gruppo Bancario Intesa Sanpaolo che hanno voluto

Dettagli

JEREMIE Settembre 2006

JEREMIE Settembre 2006 JEREMIE Settembre 2006 Presentazione Il Il FEI e le le politiche dell Unione Europea JEREMIE Conclusione 2 Il Fondo Europeo per gli Investimenti Creato nel 1994, il FEI fa parte del gruppo BEI ed è l istituzione

Dettagli

PRESENTAZIONE RISULTATI PRELIMINARI DELL INDAGINE FONDAZIONI D IMPRESA PER I GIOVANI COME FAR CRESCERE IL VIVAIO

PRESENTAZIONE RISULTATI PRELIMINARI DELL INDAGINE FONDAZIONI D IMPRESA PER I GIOVANI COME FAR CRESCERE IL VIVAIO PRESENTAZIONE RISULTATI PRELIMINARI DELL INDAGINE FONDAZIONI D IMPRESA PER I GIOVANI COME FAR CRESCERE IL VIVAIO 11 febbraio 2015, Senato della Repubblica Il contesto di riferimento Due principali criticità

Dettagli

BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE FAMIGLIE

BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE FAMIGLIE BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE FAMIGLIE Ad aprile continua la flessione della domanda di credito da parte di famiglie e imprese: -3% i prestiti, -9% i mutui richiesti dalle famiglie;

Dettagli

Sarà perché la popolarità delle

Sarà perché la popolarità delle Banca etica Adulta a 15 anni Nata nel 1999, è ormai una struttura consolidata, che finanzia 7.500 progetti coniugando solidarietà e mercato di Nerina Trettel Sarà perché la popolarità delle banche continua

Dettagli

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013 Sintesi per la stampa Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013 Industria: caduta del fatturato nel biennio 2012-13 (-8,3% pari a 56,5 miliardi di euro a prezzi costanti), causata dal previsto

Dettagli

Febbraio 2016. market monitor. Analisi del settore edile: performance e previsioni

Febbraio 2016. market monitor. Analisi del settore edile: performance e previsioni Febbraio 2016 market monitor Analisi del settore edile: performance e previsioni Esonero di responsabilità I contenuti del presente documento sono forniti ad esclusivo scopo informativo. Ogni informazione

Dettagli

INTERVENTI. L ACCORDO DI BASILEA 2 Nuovi rapporti tra imprese e banche

INTERVENTI. L ACCORDO DI BASILEA 2 Nuovi rapporti tra imprese e banche INTERVENTI L ACCORDO DI BASILEA 2 Nuovi rapporti tra imprese e banche di MAURIZIO CALELLO È arrivato a conclusione dopo un lungo e intenso lavoro il nuovo accordo internazionale sui requisiti patrimoniali

Dettagli

Intervento Convegno: Strumenti di Microfinanza per la prevenzione dell Usura e l inclusione Sociale. Venerdì 24 Gennaio, ore 10:00

Intervento Convegno: Strumenti di Microfinanza per la prevenzione dell Usura e l inclusione Sociale. Venerdì 24 Gennaio, ore 10:00 Intervento Convegno: Strumenti di Microfinanza per la prevenzione dell Usura e l inclusione Sociale Venerdì 24 Gennaio, ore 10:00 Sala delle Assemblee del Banco di Napoli di Ercole P. Pellicanò L'alto

Dettagli

PROGETTO ABITARE. donne sole e/o con figli in condizioni di fragilità o vulnerabilità sociale a seguito di eventi spiazzanti;

PROGETTO ABITARE. donne sole e/o con figli in condizioni di fragilità o vulnerabilità sociale a seguito di eventi spiazzanti; PROGETTO ABITARE OBIETTIVI GENERALI Il quadro di riferimento e l origine del Progetto Abitare è rappresentato dal Protocollo di Intesa stipulato tra la Città di Torino, la Compagnia di San Paolo e l Ufficio

Dettagli

UNA NUOVA STAGIONE DI CRESCITA. Presentazione Piano Strategico "Poste 2020"

UNA NUOVA STAGIONE DI CRESCITA. Presentazione Piano Strategico Poste 2020 UNA NUOVA STAGIONE DI CRESCITA Presentazione Piano Strategico "Poste 2020" Roma, 16 dicembre 2014 Il piano 2015-2019 Una nuova fase di sviluppo per il Gruppo in un nuovo contesto di mercato e tecnologico

Dettagli

ACCORDO DI PROGRAMMA TRA IL MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO E L UNIONE ITALIANA DELLE CAMERE DI COMMERCIO

ACCORDO DI PROGRAMMA TRA IL MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO E L UNIONE ITALIANA DELLE CAMERE DI COMMERCIO ACCORDO DI PROGRAMMA TRA IL MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO E L UNIONE ITALIANA DELLE CAMERE DI COMMERCIO PROTOTIPO PROGETTUALE RELATIVO ALL ARTICOLO 3 - LETTERA B) I SERVIZI INTEGRATI PER LA NUOVA

Dettagli

Scheda n. 3 PER COSA SARANNO UTILIZZATI I FONDI?

Scheda n. 3 PER COSA SARANNO UTILIZZATI I FONDI? Scheda n. 3 PER COSA SARANNO UTILIZZATI I FONDI? Il piano di investimenti per l Europa consisterà in un pacchetto di misure volte a sbloccare almeno 315 miliardi di euro di investimenti pubblici e privati

Dettagli

SCHEDA DATI STATISTICO-ECONOMICI NOVEMBRE 2013. La crisi economica colpisce soprattutto i lavoratori.

SCHEDA DATI STATISTICO-ECONOMICI NOVEMBRE 2013. La crisi economica colpisce soprattutto i lavoratori. SCHEDA DATI STATISTICO-ECONOMICI NOVEMBRE 2013 1 La crisi economica colpisce soprattutto i lavoratori. A luglio 2013 gli occupati sono il 55,9% ossia 22 milioni 509 mila, mentre i disoccupati sono 3 milioni

Dettagli

I servizi finanziari per gli investimenti in ricerca e innovazione. Fondo Europeo per gli Investimenti

I servizi finanziari per gli investimenti in ricerca e innovazione. Fondo Europeo per gli Investimenti I servizi finanziari per gli investimenti in ricerca e innovazione Fondo Europeo per gli Investimenti Il Fondo Europeo per gli Investimenti Il FEI è un istituzione leader nel finanziamento a sostegno della

Dettagli

La Commissione europea e la Banca europea per gli investimenti lanciano un nuovo strumento per finanziare la rete europea di trasporto

La Commissione europea e la Banca europea per gli investimenti lanciano un nuovo strumento per finanziare la rete europea di trasporto EUROPEAN COMMISSION COMMISSION EUROPEENNE EUROPÄISCHE KOMMISSION BEI/08/5 Bruxelles-Lussemburgo, 11 gennaio 2008 La Commissione europea e la Banca europea per gli investimenti lanciano un nuovo strumento

Dettagli

DI INFORMATIVO GARANZIA PER LE PMI. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca. Ministero dello Sviluppo Economico

DI INFORMATIVO GARANZIA PER LE PMI. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca. Ministero dello Sviluppo Economico FONDO LIBRETTO DI INFORMATIVO GARANZIA PER SUL FONDO LE PICCOLE E DI MEDIE GARANZIA IMPRESE PER LE PMI Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dello Sviluppo Economico IL FONDO

Dettagli

Capital Markets Union

Capital Markets Union Capital Markets Union Obiettivi, proposte e posizioni ABI Giovanni Sabatini Direttore Generale ABI Milano, 17 Settembre 2015 Capital Markets Union: cosa è? La CMU mira a creare entro il 2019 un mercato

Dettagli

CREDITO E SVILUPPO delle PMI nel Lazio: opportunità, vincoli e proposte per il sistema regionale

CREDITO E SVILUPPO delle PMI nel Lazio: opportunità, vincoli e proposte per il sistema regionale CREDITO E SVILUPPO delle PMI nel Lazio: opportunità, vincoli e proposte per il sistema regionale Realizzato dall EURES Ricerche Economiche e Sociali in collaborazione con il Consiglio Regionale dell Economia

Dettagli

L intervento della BEI a sostegno delle Pmi

L intervento della BEI a sostegno delle Pmi Agevolazioni Finanziarie 7 di Tommaso Zarbo (1) Esperto in materia di finanziamenti agevolati Finanziamenti comunitari L intervento della BEI a sostegno delle Pmi Con le recenti turbolenze finanziarie

Dettagli

Versione 2.0. PROGETTO ESECUTIVO Giugno 2011

Versione 2.0. PROGETTO ESECUTIVO Giugno 2011 Versione 2.0 PROGETTO ESECUTIVO Giugno 2011 Qualsiasi ipotesi di crescita e di sviluppo non può prescindere dal considerare il valore del capitale umano. Ormai ogni ricerca in merito, sottolinea che la

Dettagli

Economia, lavoro e società

Economia, lavoro e società 1 importanza delle micro, piccole e medie imprese in Europa, sia in termini economici che sociali, negli ultimi anni ha trovato la sua principale affermazione con la Comunicazione della Commissione europea

Dettagli

Prestiamoci: una comunità per i prestiti tra persone. Agata S.p.A. Mariano Carozzi, AD Prestiamoci www.prestiamoci.it

Prestiamoci: una comunità per i prestiti tra persone. Agata S.p.A. Mariano Carozzi, AD Prestiamoci www.prestiamoci.it Prestiamoci: una comunità per i prestiti tra persone Agata S.p.A. Mariano Carozzi, AD Prestiamoci www.prestiamoci.it Prestiamoci è la prima comunità di prestiti tra persone nata in Italia per il mercato

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO LOCALE DI TIPO PARTECIPATIVO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A ottobre 2011, la Commissione europea ha adottato alcune proposte legislative per la politica di coesione 2014-2020 La presente scheda

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO E LA CRESCITA DELLE IMPRESE A PREVALENTE PARTECIPAZIONE FEMMINILE E DELLE LAVORATRICI AUTONOME PREMESSO CHE

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO E LA CRESCITA DELLE IMPRESE A PREVALENTE PARTECIPAZIONE FEMMINILE E DELLE LAVORATRICI AUTONOME PREMESSO CHE PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO E LA CRESCITA DELLE IMPRESE A PREVALENTE PARTECIPAZIONE FEMMINILE E DELLE LAVORATRICI AUTONOME PREMESSO CHE l Unione Europea incoraggia la partecipazione delle donne

Dettagli

Esperienze e progetti di microcredito di un gruppo bancario. Dir. Rossano Bagnai. ABI Forum CSR Roma, 4 ottobre 2005

Esperienze e progetti di microcredito di un gruppo bancario. Dir. Rossano Bagnai. ABI Forum CSR Roma, 4 ottobre 2005 ABI Forum CSR Roma, 4 ottobre 2005 BANCA MONTE DEI PASCHI DI SIENA SPA BANCA DAL 1472 Esperienze e progetti di microcredito di un gruppo bancario Dir. Rossano Bagnai IL PROGRAMMA DI MICROCREDITO DELLA

Dettagli

VALORI ECONOMICI DELL AGRICOLTURA 1

VALORI ECONOMICI DELL AGRICOLTURA 1 VALORI ECONOMICI DELL AGRICOLTURA 1 Secondo i dati forniti dall Eurostat, il valore della produzione dell industria agricola nell Unione Europea a 27 Stati Membri nel 2008 ammontava a circa 377 miliardi

Dettagli

Lo studio di fattibilità di un programma di MF

Lo studio di fattibilità di un programma di MF Lo studio di fattibilità di un programma di MF Georgia Bertagna 18 e 19 novembre 2009 L identificazione Fase di IDENTIFICAZIONE le idee per la creazione o variazione del progetto e le azioni necessarie

Dettagli

Domanda e offerta di credito

Domanda e offerta di credito 2/5/2013 Domanda e offerta di credito La situazione registrata nel 2012 in provincia di Nel 2012 si è registrata una contrazione della domanda di credito. Rispetto alla media regionale le imprese modenesi

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA LINEE GUIDA AI PRODOTTI CDP PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE IMPRESE E LE ESPORTAZIONI

PROTOCOLLO D INTESA LINEE GUIDA AI PRODOTTI CDP PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE IMPRESE E LE ESPORTAZIONI PROTOCOLLO D INTESA LINEE GUIDA AI PRODOTTI CDP PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE IMPRESE E LE ESPORTAZIONI Associazione Bancaria Italiana, con sede legale in Roma, Piazza del Gesù 49, Codice Fiscale

Dettagli

MICROCREDITO E QUALITÀ DELLA VITA

MICROCREDITO E QUALITÀ DELLA VITA Firenze, 29-31 Luglio 2013 Primo Convegno Nazionale Aiquav MICROCREDITO E QUALITÀ DELLA VITA Valentina Savini Università degli studi G. d Annunzio Chieti-Pescara Dipartimento di Lettere Arti e Scienze

Dettagli

10. Mercato immobiliare

10. Mercato immobiliare 10. Mercato immobiliare I prezzi relativi al mercato immobiliare residenziale, dopo un periodo di forte crescita (fig. 10.1), negli anni 90 hanno subito un decremento; poi, con la fine del decennio, la

Dettagli

MIGLIORA PER LE IMPRESE ITALIANE L ACCESSO AI FINANZIAMENTI

MIGLIORA PER LE IMPRESE ITALIANE L ACCESSO AI FINANZIAMENTI MIGLIORA PER LE IMPRESE ITALIANE L ACCESSO AI FINANZIAMENTI Silvano Carletti * Nei suoi primi cinque appuntamenti (l ultimo a fine settembre 2015) il Targeted Longer-Term Refinancing Operations (TLTRO)

Dettagli

Microcredito e microfinanza, tra teoria e pratica. Dall estero all Italia, differenze, opportunità e criticità per sfidare la crisi locale e globale.

Microcredito e microfinanza, tra teoria e pratica. Dall estero all Italia, differenze, opportunità e criticità per sfidare la crisi locale e globale. Microcredito e microfinanza, tra teoria e pratica. Dall estero all Italia, differenze, opportunità e criticità per sfidare la crisi locale e globale. Relazione della dottoressa Simona Lanzoni Chi è Fondazione

Dettagli

Master di I livello In MICROCREDITO. I edizione I sessione

Master di I livello In MICROCREDITO. I edizione I sessione Master di I livello In MICROCREDITO NASCITA E SVILUPPO DELLA MICROIMPRESA (1500 h 60 cfu) Anno Accademico 2014/2015 I edizione I sessione Art. 1 - ATTIVAZIONE L Università degli Studi Niccolò Cusano attiva,

Dettagli