Il ruolo del. nel Sistema di Protezione Civile Ambiti Operativi

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il ruolo del. nel Sistema di Protezione Civile Ambiti Operativi"

Transcript

1 Il ruolo del Volontariato nel Sistema di Protezione Civile Ambiti Operativi

2 Il relatore Antonello Mazza Provincia di Varese Struttura Protezione Civile Operativo

3 argomenti Collocazione del volontariato nel sistema di protezione civile Albo Regionale del Volontariato di Protezione Civile Requisiti L Elenco Nazionale - Benefici di legge L assicurazione Essere un volontario di Protezione Civile Ambiti operativi Codice Comportamentale

4 Collocazione del volontariato nel sistema di protezione civile Previsione Prevenzione Soccorso L. 225/92 attività di Superamento dell emergenza (ripristino delle normali condizioni di vita)

5 Collocazione del volontariato nel sistema di protezione Componenti del Servizio Nazionale della P.C. Le Amministrazioni dello Stato Le Regioni Le Province I comuni e le comunità montane Gli enti pubblici Gli istituti e i gruppi di ricerca scientifica con finalità di p.c. Ogni altra istituzione ed organizzazione anche privata I cittadini e i gruppi associati di volontariato civile Gli ordini e i collegi professionali

6 Collocazione del volontariato nel sistema di protezione civile LE STRUTTURE OPERATIVE Il Corpo nazionale dei vigili del fuoco (componente fondamentale) Le Forze armate Le Forze di polizia Il Corpo forestale dello Stato I Servizi tecnici nazionali I gruppi nazionali di ricerca scientifica La Croce rossa italiana Le strutture del Servizio sanitario nazionale Le organizzazioni di volontariato Il Corpo nazionale soccorso alpino CNSA (CAI)

7 Collocazione del volontariato nel sistema di protezione civile L.266/91 art 3 ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO Ogni organismo liberamente costituito al fine di svolgere attività di volontariato che si avvalga in modo determinante e prevalente di prestazioni personali, volontarie e gratuite dei propri aderenti.

8 Collocazione del volontariato nel sistema di protezione civile L.266/91 art 2 ATTIVITA DI VOLONTARIATO Prestata in modo personale, spontaneo e gratuito Senza fini di lucro Esclusivamente per fini di solidarietà

9 Collocazione del volontariato nel sistema di protezione civile L.266/91 art 2 ATTIVITA DI VOLONTARIATO non può essere retribuita in alcun modo, nemmeno dal beneficiario. è previsto soltanto il rimborso delle spese effettivamente sostenute

10 Collocazione del volontariato nel sistema di protezione civile L. 266/91 art 4 L ASSICURAZIONE Infortuni Malattie connesse all attività Responsabilità civile per danni causati a terzi

11 Albo regionale del volontariato di protezione civile 12 sezioni provinciali 1 sezione regionale BG BS CO CR LC LO MI MB MN PV SO VA

12 Albo regionale del volontariato di protezione civile Regolamento Regionale n. 9/2010 ASSOCIAZIONI di Volontariato di Protezione Civile GRUPPI COMUNALI O INTERCOMUNALI ELENCO dei VOLONTARI

13 Albo regionale del volontariato di protezione civile Provincia di Varese NUMERO TOTALE 2665 VOLONTARI OPERATIVI 2552 Associazioni 22 di cui 16 iscritte all Elenco Nazionale Gruppi Comunali/Intercomunali 95 di cui 69 iscritti all Elenco Nazionale

14 Albo regionale del volontariato di protezione civile L Operatività delle Organizzazioni Almeno 5 volontari operativi Almeno 80% volontari operativi Mezzi e attrezzature minime in proporzione ai volontari operativi iscritti Iscritta da almeno un anno Addestramento costante Almeno un esercitazione l anno

15 Albo regionale del volontariato di protezione civile L Operatività del Volontario REQUISITI PER L ISCRIZIONE Maggiore età Non aver riportato condanne penali per reati dolosi contro le persone o il patrimonio

16 Albo regionale del volontariato di protezione civile L Operatività del Volontario... inoltre i Volontari OPERATIVI DEVONO GARANTIRE: L operatività a favore di una sola Organizzazione di P.C. Lo svolgimento dell attività (specializzazione scelta) in Emergenza La Reperibilità secondo turnazioni stabilite dall Organizzazione Formazione conforme agli indirizzi della Giunta Regionale (D.G.R. 4036/2007)

17 Albo regionale del volontariato di protezione civile Le Specializzazioni LOGISTICA / GESTIONALE CINOFILI SUBACQUEI E SOCCORSO NAUTICO INTERVENTO IDROGEOLOGICO ANTINCENDIO BOSCHIVO TELE-RADIOCOMUNICAZIONI NUCLEO DI PRONTO INTERVENTO (ex art. 6 L.R. 16/2004) IMPIANTI TECNOLOGICI E SERVIZI ESSENZIALI UNITA EQUESTRI

18 Anagrafica Regionale del Volontariato di Protezione Civile Contenitore BG BS CO CR LC LO MI MB MN PV SO VA Contenuto Regolamento Regionale n. 9/2010 ASSOCIAZIONI di Volontariato di Protezione Civile GRUPPI COMUNALI O INTERCOMUNALI ELENCO dei VOLONTARI Database on-line

19 Il tesserino di riconoscimento CRISTINA SPECIA VOLONTARIO G.V.P.C. CAMBIAGO Tessera n Scadenza 00/00/0000 AD USO ESCLUSIVO PER ATTIVITA DI PROTEZIONE CIVILE PER EMERGENZA: SALA OPERATIVA REGIONALE IL REGOLAMENTO REGIONALE DEL VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE E DISPONIBILE SUL SITO:

20 Il tesserino di riconoscimento COMPONENTE VARIABILE il logo della provincia la foto del volontario le informazioni relative al volontario, secondo la sequenza: 1. il nome ed il cognome del volontario 2. la DENOMINAZIONE NORMALIZZATA della Associazione, su un massimo di tre righe, e senza troncamento di alcuna parola 3. il codice univoco regionale del volontario 4. la data di fine validità del tesserino di riconoscimento espressa come GG/MM/AAAA il bar code contenente il codice univoco regionale del volontario COMPONENTE STATICA il logo della regione il logo della protezione civile la dicitura Tessera ad uso esclusivo per attività di Protezione Civile

21 Il tesserino di riconoscimento Il retro non ha elementi variabili e prevede le diciture: Per emergenza: Sala Operativa regionale Il regolamento Regionale del Volontariato di Protezione Civile è disponibile sul sito:

22 Dipartimento Nazionale della Protezione Civile D.P.R. 194/01 Capo Dipartimento Prefetto Franco Gabrielli

23 Elenco Nazionale Benefici di legge IL VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE IN NUMERI ORGANIZZAZIONI NAZIONALI 20 organizzazioni VOLONTARI ORGANIZZAZIONI LOCALI 2800 organizzazioni VOLONTARI OPERATIVI

24 Elenco Nazionale Benefici di legge D.P.R. 8 febbraio 2001, n. 194 Regolamento recante nuova disciplina della partecipazione delle organizzazioni di volontariato alle attività di Protezione civile SI PUÒ APPLICARE SOLTANTO PER LE ORGANIZZAZIONE REGOLARMENTE ISCRITTE NELL ELENCO DEL DIPARTIMENTO

25 Elenco Nazionale Benefici di legge Volontariato in emergenza soccorso simulazione e formazione teorico-pratica Mantenimento del posto di lavoro Mantenimento del trattamento economico e previdenziale Copertura assicurativa a cura dell organizzazione di appartenenza

26 Elenco Nazionale Benefici di legge Volontariato in emergenza soccorso simulazione e formazione teorico-pratica Reintegro di attrezzature E mezzi perduti o danneggiati Spese di viaggio e rimborso carburante Altre necessità connesse alle attività

27 Ambiti operativi Finalità del Servizio Nazionale della Protezione Civile Tutelare l integrità della vita, i beni, gli insediamenti e l ambiente dai danni o dal pericolo di danni derivanti da calamità naturali, da catastrofi e da altri eventi calamitosi

28 Ambiti operativi Finalità del Servizio Nazionale della Protezione Civile Tale precetto normativo è stato riconfermato ed ampliato dalla L 401/01 che ha esteso ai predetti compiti il COORDINAMENTO dei GRANDI EVENTI che determinino situazioni di grave rischio

29 Ambiti operativi Finalità del Servizio Nazionale della Protezione Civile La dichiarazione di GRANDE EVENTO è deliberata con Ordinanza dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri

30 Ambiti operativi Finalità del Servizio Nazionale della Protezione Civile monitoraggio FUNZIONE CIVILE controllo difesa Del territorio dai RISCHI NATURALI

31 Ambiti operativi Finalità del Servizio Nazionale della Protezione Civile La funzione civile non deve essere confusa con il dovere civile Di ogni cittadino di supportare le forze dell ordine nelle attività finalizzate alla sicurezza (attività che esulano dalle competenze specifiche attribuite al volontariato di protezione civile)

32 Ambiti operativi Attività di competenza specifica Antincendio Boschivo Unità Cinofile da Soccorso Ricerca Persone Disperse Emergenza idrogeologica Manutenzione dei Corsi d Acqua (reticolo minore) Task Force Emergenze Meteo Partecipazione al Progetto Acque Sicure Disinfestazione da Imenotteri Emergenza Migranti Emergenza Idrica (presidio autobotti, recapito acqua ai disabili e anziani) Colonna Mobile Provinciale

33 Ambiti operativi Protocollo Ricerca Persone Disperse: Soggetti coinvolti Prefettura di Varese Provincia di Varese Polizia di Stato Carabinieri Guardia di Finanza Vigili del Fuoco Corpo Forestale dello Stato S.S.U.Em. 118 C.N.S.A.S. Croce Rossa Italiana

34 Ambiti operativi Protocollo Ricerca Persone Disperse: FASI DELLA RICERCA a) SEGNALAZIONE PERSONA DISPERSA b) PRIMA INDAGINE DI POLIZIA c) ATTIVAZIONE Strutture Operative d) COSTITUZIONE P.C.A. e) PIANIFICAZIONE INTERVENTO f) GESTIONE INTERVENTO g) SOSPENSIONE O CHIUSURA h) DEBRIEFING VALUTATIVO

35 R I C H I E S T A I N T E R V E N T O Ambiti operativi Altra fonte Protocollo Ricerca Persone Disperse: PREFETTURA CITTADINO N.U.E 112 PRIME INDAGINI DI POLIZIA S.O. VV.F. Sindaci

36 Ambiti operativi Protocollo Ricerca Persone Disperse: S.O. VV.F. In accordo con FdO PREFETTURA S.O. C.C./Polizia ATTIVA PIANO DI RICERCA Provincia CRI INDAGINE Sindaci CFS GdF 118 CNSAS POSTO COMANDO AVANZATO

37 Ambiti operativi Protocollo Ricerca Persone Disperse: IL R.O.S. DEI VVF con il supporto di R.O.S. C.N.S.A.S. R.O.S. C.F.S. R.O.S. G.d.F. R.O.S. PROVINCIA (*) PIANIFICAZIONE INTERVENTO CRI Assistenza logistica 118 Post. Sanitaria Gruppi Cinofili RICERCA Nuclei Volo (*) Responsabile delle risorse della Provincia compresi i volontari di protezione civile

38 Ambiti operativi Protocollo Ricerca Persone Disperse: RICERCA RECUPERO SOSPENSIONE CHIUSURA Temporanea Definitiva DEBRIEFING

39 Ambiti operativi Protocollo Ricerca Persone Disperse: Mettersi a disposizione del Funzionario della Provincia! Portare con sé Radio o Cellulare IMPORTANTE!

40 Ambiti operativi Progetto Acque Sicure: Perché? Territorio Laghi e Fiumi Affluenza Turistica

41 Ambiti operativi Servizio integrato Prefettura di Varese Polizia Provinciale

42 Ambiti operativi Progetto Acque Sicure: Assistenza Prevenzione Monitoraggio

43

44

45

46

47 Ambiti operativi Progetto Acque Sicure: risorse umane 20 organizzazioni 178 volontari

48 Ambiti operativi Progetto Acque Sicure: risorse strumentali 12 gommoni 3 imbarcazioni 1 motovedetta polizia provinciale

49

50

51 Ambiti operativi Disinfestazione da imenotteri: IL PROBLEMA.. Vigili del Fuoco N.U.E. 112 Competenza VVF Comune Coperto Provincia Comune/Ente capofila Volontari per l intervento Comune NON Coperto Ditte specializzate private

52 Ambiti operativi Emergenza Idrica Presidio Autobotti Recapito acqua a domicilio persone disabili o anziane

53 Ambiti operativi Colonna Mobile Provinciale Missioni operative su tutto Il territorio nazionale su Attivazione del D.P.C.

54 Ambiti operativi Attività collaterali Manifestazioni a carattere: Culturale Artistico Religioso Sportivo

55 Ambiti operativi Attività collaterali Presidio dei cancelli Solo dietro la transenna (ordinanza sindacale affissa) al fine di consentire il passaggio ai mezzi di soccorso Incroci solo se presidiati dalle forze dell ordine

56 Particolare attenzione a... Art ter. Codice penale Chiunque illecitamente detiene segni distintivi, contrassegni o documenti di identificazione in uso ai Corpi di polizia, ovvero oggetti (palette) o documenti che ne simulano la funzione è punito con la reclusione da 1 a 4 anni

57 I lampeggianti Art. 117 Codice della strada Il D.L. 172/2008 estende l utilizzo dei dispositivi di allarme a luce blu ai mezzi di protezione civile NESSUNO E AUTORIZZATO A TRASGREDIRE ALLE NORME DEL CODICE DELLA STRADA

58 I lampeggianti Decreto Ministro Trasporti 5 ottobre 2009 L utilizzo dei lampeggianti e della sirena è consentito per l espletamento dei servizi urgenti di istituto ai conducenti di autoveicoli e motoveicoli adibiti ai servizi di p.c. impegnati in caso di emergenza intervento richiesto dall Autorità di Protezione Civile con Comunicazione Scritta!

59 I lampeggianti Decreto Ministro Trasporti 5 ottobre 2009 In caso di SOMMA URGENZA: l Autorità competente autorizza per le vie brevi il conducente all utilizzo dei dispositivi il conducente sottoscrive l autocertificazione (modulo predisposto) l Autorità competente formalizza la richiesta entro 48 ore

60 I lampeggianti Decreto Ministro Trasporti 5 ottobre 2009 Tipologia veicolo e targa Estremi del documento Sindaco, Presidente Provincia, Presidente Giunta Regionale o Capo Dipartimento P. Civile Specificare sempre per quale Emergenza si è stati attivati Luogo, Ora partenza, Destinazione Data e FIRMA

61 Essere volontario di protezione civile

62 Essere volontario di protezione civile Potenziale Vittima Potenziale Soccorritore

63 Essere volontario di protezione civile Un soccorritore è una RISORSA e non deve diventare un PROBLEMA Autoprotezione (forma mentis e d.p.i.) Con i giornalisti parla solo l Autorità di p.c. o delegato Non ingaggiare polemiche/liti/scontri Autosufficienza Rispetto delle competenze Rispetto della catena di comando Rispetto delle procedure Gestione della propria emotività Evitare di scattare fotografie

64 Essere volontario di protezione civile Un soccorritore è una RISORSA e non deve diventare un PROBLEMA Massima professionalità Massima gentilezza Massima collaborazione Essere riconoscibili (si opera sempre in divisa) Non bere alcolici (nemmeno birra analcolica) Non fumare Non essere d intralcio al lavoro degli altri Non muoversi mai da soli Essere raggiungibili (cellulare Radio)

65 Essere volontario di protezione civile L obiettivo è fornire sempre un servizio di alta qualità Niente rambismo Non essere saccenti

66 Essere volontario di protezione civile Non perdere di vista il proprio ruolo

67 Poteri eccezionali del Sindaco art. 32 L n. 833 Ordinanze di carattere contingibile e urgente in materia di igiene e sanità pubblica e di polizia veteriaria

68 Poteri eccezionali del Sindaco art. 7 all. E della legge n e art. 835 del Codice Civile requisizione d urgenza della proprietà privata per grave necessità pubblica

69 Poteri eccezionali del Sindaco art. 49 del D.P.R. 8 giugno 2001 n. 327 occupazione d urgenza di beni immobili di privati per esigenze di grave necessità pubblica

70 Poteri eccezionali del Sindaco art. 4 del D.L. 18 giugno 1986 n. 282 adozione di provvedimenti cautelari per la tutela della salute pubblica, con la sospensione della produzione e della vendita di alimenti o bevande che risultino pericolosi per la salute

71 Poteri eccezionali del Sindaco artt. 3 e 12 del D.P.R. 24 maggio 1988 n. 236 divieto di potabilità delle acque destinate al consumo umano in caso di episodi di inquinamento

72 Poteri eccezionali del Sindaco art. 13 del D.L.vo n Decreto Ronchi ricorso a forme speciali di smaltimento di rifiuti in caso di comprovata necessità

73 Poteri eccezionali del Sindaco artt. 6 e 7 del D.Lgs n Nuovo Codice della Strada Regolazione della circolazione per motivi di sicurezza pubblica

74 Poteri eccezionali del Sindaco artt. 3 commi 16, 40, 41, 42, 43 Legge 16 luglio 2009 n. 94 ordinare il ripristino dello stato dei luoghi a spese degli occupanti in caso di indebita occupazione di suolo pubblico per motivi di sicurezza pubblica avvalersi di associazioni di cittadini non armati al fine di segnalare alle forze di polizia eventi che possano arrecare danno alla sicurezza urbana e situazioni di disagio sociale

75 riassumendo Collocazione del volontariato nel sistema Nazionale e Regionale di protezione civile Ambiti operativi propri del volontariato di protezione civile e attività collaterali Codice Comportamentale

Il ruolo del. nel Sistema di Protezione Civile Ambiti Operativi

Il ruolo del. nel Sistema di Protezione Civile Ambiti Operativi Il ruolo del Volontariato nel Sistema di Protezione Civile Ambiti Operativi Il relatore Antonello Mazza Provincia di Varese Struttura Protezione Civile Operativo argomenti Collocazione del volontariato

Dettagli

Albo Regionale del Volontariato. MANTENIMENTO dei REQUISITI adempimenti amministrativi

Albo Regionale del Volontariato. MANTENIMENTO dei REQUISITI adempimenti amministrativi Albo Regionale del Volontariato di Protezione Civile MANTENIMENTO dei REQUISITI adempimenti amministrativi argomenti Albo Regionale del Volontariato di Protezione Civile Regolamento Regionale del Volontariato

Dettagli

Il Volontariato di Protezione Civile nella Regione Lazio

Il Volontariato di Protezione Civile nella Regione Lazio Il Volontariato di Protezione Civile nella Regione Lazio Direzione regionale di Protezione Civile Lucrezia Casto Nella Regione Lazio il Volontariato di Protezione Civile è disciplinato da due Leggi regionali:

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA PROTEZIONE CIVILE! LEGISLAZIONE in MATERIA di PROTEZIONE CIVILE

INTRODUZIONE ALLA PROTEZIONE CIVILE! LEGISLAZIONE in MATERIA di PROTEZIONE CIVILE Corso Base per Volontari Operativi Generici di Protezione Civile Cassano D Adda - 07.05.2010 INTRODUZIONE ALLA PROTEZIONE CIVILE! LEGISLAZIONE in MATERIA di PROTEZIONE CIVILE Materiale didattico a cura

Dettagli

REGOLAMENTO DEL GRUPPO COMUNALE DI VOLONTARIATO DELLA PROTEZIONE CIVILE DI ALBIZZATE

REGOLAMENTO DEL GRUPPO COMUNALE DI VOLONTARIATO DELLA PROTEZIONE CIVILE DI ALBIZZATE REGOLAMENTO DEL GRUPPO COMUNALE DI VOLONTARIATO DELLA PROTEZIONE CIVILE DI ALBIZZATE ART. 1 COSTITUZIONE DEL GRUPPO COMUNALE E FINALITA Il Gruppo Comunale di volontariato di Protezione Civile del Comune

Dettagli

UNIONE DEI COMUNI LOMBARDA DELLA VALLETTA Provincia di Lecco. Regolamento del Gruppo Intercomunale di Volontari di Protezione Civile della Valletta

UNIONE DEI COMUNI LOMBARDA DELLA VALLETTA Provincia di Lecco. Regolamento del Gruppo Intercomunale di Volontari di Protezione Civile della Valletta UNIONE DEI COMUNI LOMBARDA DELLA VALLETTA Provincia di Lecco Regolamento del Gruppo Intercomunale di Volontari di Protezione Civile della Valletta APPROVATO CON DELIBERAZIONE DELL ASSEMBLEA DELL UNIONE

Dettagli

CITTA' DI CASTROVILLARI REGOLAMENTO DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVIE

CITTA' DI CASTROVILLARI REGOLAMENTO DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVIE CITTA' DI CASTROVILLARI REGOLAMENTO DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVIE Approvato con deliberazione di Consiglio comunale n.31 del 14 Maggio 2008 Articolo 1 È costituito, ai sensi della lettera c, punto,

Dettagli

SEZIONE CONEGLIANO VITTORIO VENETO

SEZIONE CONEGLIANO VITTORIO VENETO SEZIONE CONEGLIANO VITTORIO VENETO Elaborata a cura del U.N.U.C.I. Gruppo Provinciale Protezione Civile Ten. F. MESSINA Non dobbiamo mai dare per scontato che a risolvere i nostri problemi siano sempre

Dettagli

IL VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE CORSO BASE DI FORMAZIONE

IL VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE CORSO BASE DI FORMAZIONE IL VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE CORSO BASE DI FORMAZIONE «IL VOLONTARIATO E UN TEMPO LIBERATO DA ALTRE CURE» Madre Teresa CHI HA INVENTATO IL VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE IN ITALIA? FIRENZE

Dettagli

REGOLAMENTO DEL GRUPPO COMUNALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE G.C.V.P.C.

REGOLAMENTO DEL GRUPPO COMUNALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE G.C.V.P.C. C O M U N E D I C O D O G N O ( Provincia di Lodi ) REGOLAMENTO DEL GRUPPO COMUNALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE G.C.V.P.C. Approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione n. 30 del 26 marzo

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL FUNZIONAMENTO DEL GRUPPO VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE DI GAZZADA SCHIANNO

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL FUNZIONAMENTO DEL GRUPPO VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE DI GAZZADA SCHIANNO REGOLAMENTO COMUNALE PER IL FUNZIONAMENTO DEL GRUPPO VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE DI GAZZADA SCHIANNO Approvato con deliberazione consiliare n. 28 del 31.07.2014 Art. 1 Oggetto Il presente regolamento

Dettagli

COMUNE DI BOVEZZO REGOLAMENTO COMUNALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE

COMUNE DI BOVEZZO REGOLAMENTO COMUNALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI BOVEZZO REGOLAMENTO COMUNALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE Bovezzo Aprile 2004 COMUNE DI BOVEZZO REGOLAMENTO COMUNALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE ART.1 E costituito presso la

Dettagli

REGOLAMENTO INTERCOMUNALE DI VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE

REGOLAMENTO INTERCOMUNALE DI VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO INTERCOMUNALE DI VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE Art. 1.0 COSTITUZIONE 1. E costituito presso la sede municipale dei comuni di Mozzate e Limido Comasco il Gruppo Intercomunale di Volontari di

Dettagli

P R O V I N C I A D I NOVARA

P R O V I N C I A D I NOVARA P R O V I N C I A D I NOVARA SETTORE PROTEZIONE CIVILE CONVENZIONE TRA LA PROVINCIA DI NOVARA e CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO PROVINCIALE DI NOVARA CONVENZIONE TRA LA PROVINCIA DI NOVARA e CROCE ROSSA

Dettagli

CONVENZIONE PER L IMPIEGO DI RISORSE DEL VOLONTARIATO UMANE E STRUMENTALI, PER INTERVENTI PREVENTIVI ED IN EMERGENZA DI PROTEZIONE E DIFESA CIVILE

CONVENZIONE PER L IMPIEGO DI RISORSE DEL VOLONTARIATO UMANE E STRUMENTALI, PER INTERVENTI PREVENTIVI ED IN EMERGENZA DI PROTEZIONE E DIFESA CIVILE CONVENZIONE PER L IMPIEGO DI RISORSE DEL VOLONTARIATO UMANE E STRUMENTALI, PER INTERVENTI PREVENTIVI ED IN EMERGENZA DI PROTEZIONE E DIFESA CIVILE Tra La Città di Torino, rappresentata dal Dirigente pro

Dettagli

IL VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE E LA CAMPAGNA «IO NON RISCHIO»

IL VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE E LA CAMPAGNA «IO NON RISCHIO» IL VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE E LA CAMPAGNA «IO NON RISCHIO» DI COSA PARLEREMO: I VOLONTARI «Io non rischio» Il VOLONTARIATO e le ISTITUZIONI COLLABORARE: Numerose Associazioni un UNICO obiettivo

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE

REGOLAMENTO COMUNALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI TORBOLE CASAGLIA PROVINCIA DI BRESCIA REGOLAMENTO COMUNALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE Approvato con deliberazione consiliare n. 11 del 23-02-2007 SOMMARIO ART. 1 - Costituzione e denominazione

Dettagli

Comune di Nembro Provincia di Bergamo REGOLAMENTO DEL GRUPPO COMUNALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE. Pagina 1 di 6

Comune di Nembro Provincia di Bergamo REGOLAMENTO DEL GRUPPO COMUNALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE. Pagina 1 di 6 Comune di Nembro Provincia di Bergamo REGOLAMENTO DEL GRUPPO COMUNALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE Pagina 1 di 6 ART. 1 È costituito presso la sede municipale il GRUPPO COMUNALE DI VOLONTARIATO

Dettagli

Terralba, 31 gennaio 2014 IL MODELLO DI GESTIONE DELLE EMERGENZE

Terralba, 31 gennaio 2014 IL MODELLO DI GESTIONE DELLE EMERGENZE REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA PRESIDENZA IL MODELLO DI GESTIONE DELLE EMERGENZE Ing. Maria Antonietta Raimondo Servizio Pianificazione e gestione delle emergenze Legge n. 225 del 1992 > Istituzione del

Dettagli

Provincia di Padova Servizio di Protezione Civile. Il soccorso in acque fluviali: L esperienza della Provincia di Padova

Provincia di Padova Servizio di Protezione Civile. Il soccorso in acque fluviali: L esperienza della Provincia di Padova Il soccorso in acque fluviali: L esperienza della Provincia di Padova 1 PROTEZIONE CIVILE Insieme coordinato delle attività volte a fronteggiare eventi straordinari che non possono essere affrontati da

Dettagli

Regolamento Regionale 18 ottobre 2010, n. 9

Regolamento Regionale 18 ottobre 2010, n. 9 Regolamento Regionale 18 ottobre 2010, n. 9 Regolamento di attuazione dell'albo regionale del volontariato di protezione civile (ai sensi dell'art. 9-ter della legge regionale 22 maggio 2004, n. 16, 'Testo

Dettagli

in conformità alla d.g.r. n. X/1371 del

in conformità alla d.g.r. n. X/1371 del Corso Base Corso Base in conformità alla d.g.r. n. X/1371 del 14.02.2014 Collocazione del volontariato nel sistema di protezione civile Legge 24 febbraio 1992 n. 225 e Legge 12 luglio 2012 n. 100 Catastrofi

Dettagli

Il Volontariato di Protezione Civile Italiano. Massimo La Pietra

Il Volontariato di Protezione Civile Italiano. Massimo La Pietra Il Volontariato di Protezione Civile Italiano Massimo La Pietra Il volontariato si sviluppa in Italia tra gli anni 70 e 80 come esigenza dei cittadini di contribuire alla costruzione del bene comune impegnando

Dettagli

Il SERVIZIO NAZIONALE DI PROTEZIONE CIVILE 15 NOVEMBRE 2011. Dott. Elvezio Galanti Direttore Ufficio Relazioni Istituzionali

Il SERVIZIO NAZIONALE DI PROTEZIONE CIVILE 15 NOVEMBRE 2011. Dott. Elvezio Galanti Direttore Ufficio Relazioni Istituzionali Il SERVIZIO NAZIONALE DI PROTEZIONE CIVILE 15 NOVEMBRE 2011 Dott. Elvezio Galanti Direttore Ufficio Relazioni Istituzionali elvezio.galanti@protezionecivile.it prima del terremoto del 1980 DPR n 66 1981

Dettagli

Comune di Marigliano Provincia di Napoli

Comune di Marigliano Provincia di Napoli Comune di Marigliano Provincia di Napoli REGOLAMENTO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE (Approvato con Delibera del Commissario Straordinario n. 15 del 01/02/2002) Art. 1 Istituzione del Servizio E istituito

Dettagli

REGOLAMENTO PROTEZIONE CIVILE

REGOLAMENTO PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO PROTEZIONE CIVILE Art. 1. ISTITUZIONE DEL SERVIZIO È istituito il Servizio Comunale di Protezione Civile, con il compito di dare attuazione alle leggi nazionali e regionali in materia di Protezione

Dettagli

PROTEZIONE CIVILE A.N.A. PROTEZIONE CIVILE

PROTEZIONE CIVILE A.N.A. PROTEZIONE CIVILE PROTEZIONE CIVILE A.N.A. 3 RGPT SOTTOCOMMISSIONE INFORMATICA PROGETTO FORMAZIONE PERMANENTE 2011 SUPPORTO ALLE ATTIVITA DI COORDINAMENTO CORSO PER ADDETTI ALLA SEGRETERIA ED ALLA SALA OPERATIVA IL SISTEMA

Dettagli

PARTE PRIMA. LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 7. Sistema regionale di protezione civile. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO

PARTE PRIMA. LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 7. Sistema regionale di protezione civile. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO 9290 PARTE PRIMA Leggi e regolamenti regionali LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 7 Sistema regionale di protezione civile. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA

Dettagli

L'Ente interessato individua le forme più opportune per incentivare l'adesione dei cittadini all'iniziativa.

L'Ente interessato individua le forme più opportune per incentivare l'adesione dei cittadini all'iniziativa. Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 30 in data 22.11.2002 Modificato Con deliberazione del Consiglio Comunale n. 20 del 23.09.2013 ART. 1 E' costituito presso apposita sede comunale destinata

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA COMUNALE

PIANO DI EMERGENZA COMUNALE PIANO DI EMERGENZA COMUNALE DOC. 02 - GLOSSARIO E RIFERIMENTI NORMATIVI GRUPPO DI LAVORO PER LA REALIZZAZIONE DEL : Responsabile di Progetto Il Sindaco: Luigi Chiesa Gruppo Tecnico di Lavoro Arch. Paola

Dettagli

La protezione civile questa sconosciuta

La protezione civile questa sconosciuta * La protezione civile questa sconosciuta Legge 24 febbraio 1992 n. 225 Art. 1 (Servizio nazionale della protezione civile) È istituito il Servizio nazionale della protezione civile al fine di tutelare

Dettagli

ELABORAZIONE DEL MODELLO D INTERVENTO

ELABORAZIONE DEL MODELLO D INTERVENTO ELABORAZIONE DEL MODELLO D INTERVENTO COMUNE DI 1. FUNZIONALITA DEL SISTEMA DI ALLERTAMENTO LOCALE REPERIBILITA H 24. Il Piano deve contenere le informazioni necessarie e le modalità con cui la struttura

Dettagli

COMUNE DI MONTECATINI TERME Viale Verdi, 46-51016 Provincia di Pistoia - Tel. 0572/9181 - Fax 0572/918264 REGOLAMENTO

COMUNE DI MONTECATINI TERME Viale Verdi, 46-51016 Provincia di Pistoia - Tel. 0572/9181 - Fax 0572/918264 REGOLAMENTO COMUNE DI MONTECATINI TERME Viale Verdi, 46-51016 Provincia di Pistoia - Tel. 0572/9181 - Fax 0572/918264 REGOLAMENTO del Gruppo Comunale di Protezione Civile per il piano operativo di intervento sul territorio.

Dettagli

R E G O L A M E N T O

R E G O L A M E N T O COMUNE DI VENZONE UDINE PROVINCIA DI ************************************************************************************************ R E G O L A M E N T O PER LA COSTITUZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DEL GRUPPO

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE

REGOLAMENTO COMUNALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI BORGOSATOLLO provincia di Brescia REGOLAMENTO COMUNALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE approvato con D.C.C. n. 26 del 19/6/2006 ART. 1 E costituito presso la sede municipale, il gruppo comunale

Dettagli

COMUNE DI SANT ILARIO D ENZA (Provincia di Reggio Emilia) REGOLAMENTO DEL SERVIZIO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

COMUNE DI SANT ILARIO D ENZA (Provincia di Reggio Emilia) REGOLAMENTO DEL SERVIZIO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI SANT ILARIO D ENZA (Provincia di Reggio Emilia) REGOLAMENTO DEL SERVIZIO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n 65 del 29 novembre 2004 pubblicata

Dettagli

REGOLAMENTO DEL GRUPPO COMUNALE DI VOLONTARIATO DELLA PROTEZIONE CIVILE

REGOLAMENTO DEL GRUPPO COMUNALE DI VOLONTARIATO DELLA PROTEZIONE CIVILE 1 COMUNE DI USTICA Prov. di Palermo P R O T E Z I O N E C I V I L E REGOLAMENTO DEL GRUPPO COMUNALE DI VOLONTARIATO DELLA PROTEZIONE CIVILE 2 Indice Art.1 Finalità Art.2 Obiettivi Art.3 Modalità di adesione

Dettagli

COMUNE DI SAN COLOMBANO AL LAMBRO PROVINCIA MILANO

COMUNE DI SAN COLOMBANO AL LAMBRO PROVINCIA MILANO COMUNE DI SAN COLOMBANO AL LAMBRO PROVINCIA MILANO REGOLAMENTO COMUNALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE Art. 1 E costituito presso la sede municipale il gruppo comunale di volontari di protezione

Dettagli

PROGETTO CESVOB INTERVENTO FORMATIVO PER VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE

PROGETTO CESVOB INTERVENTO FORMATIVO PER VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE PROGETTO CESVOB INTERVENTO FORMATIVO PER VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE Benevento, 19 aprile 2013 Il ruolo delle Organizzazioni di Volontariato di Protezione Civile: I criteri di ges7one delle associazioni

Dettagli

REGOLAMENTO GRUPPO COMUNALE

REGOLAMENTO GRUPPO COMUNALE COMUNE DI CARPI (Provincia di Modena) REGOLAMENTO del GRUPPO COMUNALE di VOLONTARIATO di PROTEZIONE CIVILE Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 171 del 24/11/2011 Dichiarata immediatamente

Dettagli

STATUTO DEL GRUPPO COMUNALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE

STATUTO DEL GRUPPO COMUNALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE STATUTO DEL GRUPPO COMUNALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE STATUTO DEL GRUPPO COMUNALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE Art. 1 - Costituzione del Gruppo Comunale. E costituito il Gruppo Comunale

Dettagli

Comune di Guiglia Provincia di Modena

Comune di Guiglia Provincia di Modena Comune di Guiglia Provincia di Modena Regolamento Comunale di volontari di Protezione Civile Art.1 (Oggetto e Finalità) Oggetto del presente Regolamento è la costituzione e l organizzazione di una struttura

Dettagli

Gruppo Comunale Volontari di Protezione Civile

Gruppo Comunale Volontari di Protezione Civile Gruppo Comunale Volontari di Protezione Civile Iscritto nell elenco dei Gruppi Comunali di Protezione Civile Regione Lombardia con decreto n 2514 del 06.02.2001 Iscritto nell elenco dei Gruppi Comunali

Dettagli

CITTÀ DI NOVI LIGURE SETTORE POLIZIA LOCALE PROTEZIONE CIVILE VIABILITÀ REGOLAMENTO DEL GRUPPO COMUNALE VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE

CITTÀ DI NOVI LIGURE SETTORE POLIZIA LOCALE PROTEZIONE CIVILE VIABILITÀ REGOLAMENTO DEL GRUPPO COMUNALE VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE CITTÀ DI NOVI LIGURE SETTORE POLIZIA LOCALE PROTEZIONE CIVILE VIABILITÀ REGOLAMENTO DEL GRUPPO COMUNALE VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n.16 in data 25/3/2002

Dettagli

Città di Olgiate Comasco. Provincia di Como. Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. del

Città di Olgiate Comasco. Provincia di Como. Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. del Città di Olgiate Comasco Provincia di Como Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. del INDICE: Art. 1 COSTITUZIONE DEL GRUPPO COMUNALE Art. 2 SINDACO COORDINATORE UFFICIO PROTEZIONE CIVILE

Dettagli

C O M U N E D I ALTOFONTE PROVINCIA DI PALERMO. Regolamento Gruppo Comunale Volontari di Protezione Civile e Anticendio Boschivo

C O M U N E D I ALTOFONTE PROVINCIA DI PALERMO. Regolamento Gruppo Comunale Volontari di Protezione Civile e Anticendio Boschivo C O M U N E D I ALTOFONTE PROVINCIA DI PALERMO C.A.P 90030 Piazza Falcone e Borsellino Altofonte Regolamento Gruppo Comunale Volontari di Protezione Civile e Anticendio Boschivo Art.1 (Oggetto) Oggetto

Dettagli

REGOLAMENTO DEL GRUPPO COMUNALE VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE (approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 9 del 28/1/2003)

REGOLAMENTO DEL GRUPPO COMUNALE VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE (approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 9 del 28/1/2003) REGOLAMENTO DEL GRUPPO COMUNALE VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE (approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 9 del 28/1/2003) Art. 1. Costituzione del Gruppo Comunale di Protezione Civile. E costituito

Dettagli

COORDINAMENTO PROVINCIALE SQUADRA PROVINCIALE ANTINCENDIO BOSCHIVO (A.I.B.)

COORDINAMENTO PROVINCIALE SQUADRA PROVINCIALE ANTINCENDIO BOSCHIVO (A.I.B.) COORDINAMENTO PROVINCIALE SQUADRA PROVINCIALE ANTINCENDIO BOSCHIVO (A.I.B.) Provincia di Varese Atto costitutivo Sommario Art. 1. Premessa... 1 Art. 2. Costituzione, finalità e ambiti di competenza del

Dettagli

REGOLAMENTO GRUPPO COMUNALE VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE G.C.V.P.V.

REGOLAMENTO GRUPPO COMUNALE VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE G.C.V.P.V. COMUNE DI ROCCARAINOLA PROVINCIA DI NAPOLI REGOLAMENTO GRUPPO COMUNALE VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE G.C.V.P.V. Il presente atto abroga e sostituisce il precedente regolamento approvato con delibera di

Dettagli

COME PROCEDERE PER COSTITUIRE UN GRUPPO COMUNALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE

COME PROCEDERE PER COSTITUIRE UN GRUPPO COMUNALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE COME PROCEDERE PER COSTITUIRE UN GRUPPO COMUNALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE Indire un assemblea pubblica per pubblicizzare l intenzione dell Amministrazione Comunale di costituire un Gruppo Comunale

Dettagli

REGOLAMENTO DEL GRUPPO COMUNALE VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE

REGOLAMENTO DEL GRUPPO COMUNALE VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO DEL GRUPPO COMUNALE VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE Art. 1 - COSTITUZIONE GRUPPO E' costituito il Gruppo Comunale di Volontariato di Protezione Civile del Comune di Castelleone denominato CASTRUM

Dettagli

COMUNE DI CIGLIANO REGOLAMENTO DEL GRUPPO COMUNALE VOLONTARI PER LA PROTEZIONE CIVILE DI CIGLIANO. Versione del 22-12-2004

COMUNE DI CIGLIANO REGOLAMENTO DEL GRUPPO COMUNALE VOLONTARI PER LA PROTEZIONE CIVILE DI CIGLIANO. Versione del 22-12-2004 COMUNE DI CIGLIANO REGOLAMENTO DEL GRUPPO COMUNALE VOLONTARI PER LA PROTEZIONE CIVILE DI CIGLIANO Versione del 22-12-2004 IL SEGRETARIO COMUNALE IL SINDACO Approvato con deliberazione C.C. n 9 in data

Dettagli

REGOLAMENTO DI PROTEZIONE CIVILE

REGOLAMENTO DI PROTEZIONE CIVILE N. 313 REGOLAMENTO DI PROTEZIONE CIVILE (Approvato con deliberazione G.C. n. mecc. 2006 00591/028 del 31 gennaio 2006) INDICE TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 - Ambito di applicazione Articolo

Dettagli

Comune di Mentana Provincia di Roma REGOLAMENTO COMUNALE DI VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE

Comune di Mentana Provincia di Roma REGOLAMENTO COMUNALE DI VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE Comune di Mentana Provincia di Roma REGOLAMENTO COMUNALE DI VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 45 del 17.11.2010 Indice REGOLAMENTO COMUNALE DI VOLONTARI

Dettagli

COMUNE DI MIRANO REGOLAMENTO

COMUNE DI MIRANO REGOLAMENTO COMUNE DI MIRANO PROVINCIA DI VENEZIA 2 Settore Ufficio LL.PP. REGOLAMENTO disciplinante LE ATTIVITÀ COMUNALI DI PROTEZIONE CIVILE Approvato: con deliberazione di Consiglio Comunale n 42 del 9.04.2003

Dettagli

Il ruolo del. nel Sistema di Protezione Civile Ambiti Operativi

Il ruolo del. nel Sistema di Protezione Civile Ambiti Operativi Il ruolo del Volontariato nel Sistema di Protezione Civile Ambiti Operativi Il relatore Antonello Mazza Provincia di Varese Struttura Protezione Civile Operativo argomenti Collocazione del volontariato

Dettagli

ORDINANZA DEL SINDACO N. ORD-2015-376 DATA 27/10/2015

ORDINANZA DEL SINDACO N. ORD-2015-376 DATA 27/10/2015 117 11 0 - CORPO POLIZIA MUNICIPALE - SETTORE PROTEZIONE CIVILE E COMUNICAZIONE OPERATIVA ORDINANZA DEL SINDACO N. ORD-2015-376 DATA 27/10/2015 OGGETTO: MISURE DI SICUREZZA A TUTELA DELLA PUBBLICA INCOLUMITA

Dettagli

QUADRO NORMATIVO DI PROTEZIONE CIVILE - COMPITI DEI COMUNI

QUADRO NORMATIVO DI PROTEZIONE CIVILE - COMPITI DEI COMUNI QUADRO NORMATIVO DI PROTEZIONE CIVILE - COMPITI DEI COMUNI PROTEZIONE CIVILE La normativa nazionale sulla protezione civile Legge n. 225 del 24 febbraio 1992 (Istituzione del Servizio Nazionale di Protezione

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DEI VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE

REGOLAMENTO COMUNALE DEI VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI DELEBIO (Provincia di Sondrio) REGOLAMENTO COMUNALE DEI VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE Allegato alla deliberazione consiliare n. 24 del 07.10.2010 Il Segretario Comunale Art. 1 E costituito presso

Dettagli

NUOVO REGOLAMENTO GRUPPO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

NUOVO REGOLAMENTO GRUPPO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE NUOVO REGOLAMENTO GRUPPO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE 1 2 INDICE ART.1COSTITUZIONEDELGRUPPOECOMPOSIZIONE...4 ART.2AMMISSIONEEPARTECIPAZIONEDIALTRISOGGETTI...4 ART.3COMPITI,PRINCIPIESANZIONI...5 ART.4COMPITIDELSINDACO...6

Dettagli

COMUNE DI PREMARIACCO PROVINCIA DI UDINE REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA

COMUNE DI PREMARIACCO PROVINCIA DI UDINE REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA COMUNE DI PREMARIACCO PROVINCIA DI UDINE REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA REGOLAMENTO per la costituzione e il funzionamento del Gruppo Comunale di Volontari di Protezione Civile del Comune di Premariacco

Dettagli

I NUMERI PER L EMERGENZA

I NUMERI PER L EMERGENZA I NUMERI PER L EMERGENZA Il Comune di Gerenzano ha attivato, presso la sede in piazza XXV Aprile n.1 il servizio di Protezione Civile Comunale dedicato alle comunicazioni di emergenza. I numeri da comporre,

Dettagli

Regolamento Comunale. per l istituzione e la tenuta del registro Comunale. delle Associazioni di promozione sociale

Regolamento Comunale. per l istituzione e la tenuta del registro Comunale. delle Associazioni di promozione sociale Regolamento Comunale per l istituzione e la tenuta del registro Comunale delle Associazioni di promozione sociale Deliberazione C.C. n. Premessa e definizioni Il presente regolamento attua il Comma 2 dell

Dettagli

Regolamento per il Servizio di Volontariato di Difesa Ambientale e controllo, deposito, gestione, raccolta e smaltimento dei rifiuti

Regolamento per il Servizio di Volontariato di Difesa Ambientale e controllo, deposito, gestione, raccolta e smaltimento dei rifiuti Comune di Monteforte Irpino PROVINCIA DI AVELLINO Settore Ambiente Regolamento per il Servizio di Volontariato di Difesa Ambientale e controllo, deposito, gestione, raccolta e smaltimento dei rifiuti ^^^^

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DEL SISTEMA DELL EMERGENZA/URGENZA. Dott. Mirio Camuzzi

ORGANIZZAZIONE DEL SISTEMA DELL EMERGENZA/URGENZA. Dott. Mirio Camuzzi ORGANIZZAZIONE DEL SISTEMA DELL EMERGENZA/URGENZA Dott. Mirio Camuzzi L area relativa alla emergenza/urgenza rappresenta uno dei nodi più critici della programmazione sanitaria e si propone come una delle

Dettagli

COMUNE DI POZZAGLIO ED UNITI

COMUNE DI POZZAGLIO ED UNITI Deliberazione n. 11 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Adunanza straordinaria di prima convocazione - Seduta pubblica OGGETTO: APPROVAZIONE REGOLAMENTO COMUNALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE

Dettagli

Ecostress workshop ecostress dagli strumenti europei alle pratiche locali Gorizia 11.12.2015

Ecostress workshop ecostress dagli strumenti europei alle pratiche locali Gorizia 11.12.2015 Ecostress workshop ecostress dagli strumenti europei alle pratiche locali Gorizia 11.12.2015 La gestione del volontariato, l evoluzione normativa, l impiego in attività d emergenza, salute e sicurezza

Dettagli

Gli Uffici/Enti che possono intervenire nelle ricerche di persone scomparse con le proprie risorse disponibili:

Gli Uffici/Enti che possono intervenire nelle ricerche di persone scomparse con le proprie risorse disponibili: BOZZA DI TESTO C3.7 Ricerca persone scomparse Nelle operazioni di ricerca di persone scomparse nel territorio regionale, in ambito di pianura come pure nel territorio collinare e montano, ed in particolare

Dettagli

PIANO PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO GRUPPO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

PIANO PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO GRUPPO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE PIANO PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO GRUPPO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE INDICE Art. 1 Costituzione e finalità del Gruppo Comunale di Protezione Civile. Pag. 3 Art. 2 Criteri di iscrizione ed ammissione.pag.

Dettagli

COMUNE DI VIGNALE MONFERRATO Provincia di Alessandria REGOLAMENTO GRUPPO VOLONTARI DELLA PROTEZIONE CIVILE

COMUNE DI VIGNALE MONFERRATO Provincia di Alessandria REGOLAMENTO GRUPPO VOLONTARI DELLA PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI VIGNALE MONFERRATO Provincia di Alessandria REGOLAMENTO GRUPPO VOLONTARI DELLA PROTEZIONE CIVILE INDICE: ARTICOLO 1: ARTICOLO 2: ARTICOLO 3: ARTICOLO 4: ARTICOLO 5: ARTICOLO 6: ARTICOLO 7 : ARTICOLO

Dettagli

COMUNE DI CELICO PROVINCIA DI COSENZA REGOLAMENTO COMUNALE PER LA COSTITUZIONE E L ATTIVITA DEL GRUPPO COMUNALE DEI VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE

COMUNE DI CELICO PROVINCIA DI COSENZA REGOLAMENTO COMUNALE PER LA COSTITUZIONE E L ATTIVITA DEL GRUPPO COMUNALE DEI VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI CELICO PROVINCIA DI COSENZA REGOLAMENTO COMUNALE PER LA COSTITUZIONE E L ATTIVITA DEL GRUPPO COMUNALE DEI VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE Approvato con delibera consiliare n. 15 del 31/3/2006

Dettagli

dai danni o dal pericolo di danni derivanti da calamità naturali, da catastrofi e da altri eventi calamitosi:

dai danni o dal pericolo di danni derivanti da calamità naturali, da catastrofi e da altri eventi calamitosi: Comunità dell Isolotto Firenze, Domenica 13 Maggio 2012 (Elena, Gian Paolo, Giulia, Maria, Roberto, Sergio) Letture bibliche: Isaia 1, 1-9; 3, 13-26; 5, 1-7; 24, 1-3. La protezione civile Aspetti essenziali

Dettagli

Protezione Civile della Regione ANTINCENDIO BOSCHIVO AIB

Protezione Civile della Regione ANTINCENDIO BOSCHIVO AIB Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia Protezione Civile della Regione ANTINCENDIO BOSCHIVO AIB Palmanova, 31 marzo 2009 Normativa Regionale PERIODI DI ALTA PERICOLOSITA Secondo la L.R. n.3 /1991 i periodi

Dettagli

L albo regionale ed il tesserino del volontario di Protezione Civile. Regione Lombardia Como - 20 ottobre 2008

L albo regionale ed il tesserino del volontario di Protezione Civile. Regione Lombardia Como - 20 ottobre 2008 L albo regionale ed il tesserino del volontario di Protezione Civile Regione Lombardia Como - 20 ottobre 2008 Albo del Volontariato Postazione di Lavoro Banca Dati Flusso Operativo Tesserino del Volontario

Dettagli

COMUNE DI SAN DONATO DI LECCE

COMUNE DI SAN DONATO DI LECCE INDICE INDICE...1 Articolo 1 - Denominazione e sede...2 Articolo 2 Durata...2 Articolo 3 Finalità ed attività...2 Articolo 4 Requisiti dei volontari...3 Articolo 5 Diritti dei volontari...3 Articolo 6

Dettagli

Corso specializzazione per soccorritori/operatori CRI in protezione civile (1 Livello)

Corso specializzazione per soccorritori/operatori CRI in protezione civile (1 Livello) CROCE ROSSA ITALIANA PROGETTO FORMATIVO Corso specializzazione per soccorritori/operatori CRI in protezione civile (1 Livello) SECONDO LE LINEE GUIDA DEL DIPARTIMENTO DELLA PROTEZIONE CIVILE E DELLA CROCE

Dettagli

COMUNE DI COSIO VALTELLINO (PROVINCIA DI SONDRIO) Regolamento comunale dei Volontari della Protezione Civile

COMUNE DI COSIO VALTELLINO (PROVINCIA DI SONDRIO) Regolamento comunale dei Volontari della Protezione Civile COMUNE DI COSIO VALTELLINO (PROVINCIA DI SONDRIO) Regolamento comunale dei Volontari della Protezione Civile Allegato alla deliberazione C.C. 35/2007 Comune di Cosio Valtellino Provincia di Sondrio REGOLAMENTO

Dettagli

5 MODELLO DI INTERVENTO

5 MODELLO DI INTERVENTO Aggiornato al: 16.09.2009 MODELLO DI INTERVENTO pag. 5.1 5 MODELLO DI INTERVENTO Una parte fondamentale della redazione del Piano di Emergenza Comunale di Protezione Civile è la realizzazione dei Modelli

Dettagli

CONVENZIONE FRA LA PROVINCIA DI TORINO E LA CROCE ROSSA ITALIANA PER ATTIVITÀ DI COOPERAZIONE NEL SETTORE DELLA PROTEZIONE CIVILE.

CONVENZIONE FRA LA PROVINCIA DI TORINO E LA CROCE ROSSA ITALIANA PER ATTIVITÀ DI COOPERAZIONE NEL SETTORE DELLA PROTEZIONE CIVILE. CONVENZIONE FRA LA PROVINCIA DI TORINO E LA CROCE ROSSA ITALIANA PER ATTIVITÀ DI COOPERAZIONE NEL SETTORE DELLA PROTEZIONE CIVILE. Premesso che: - la Legge 24/02/1992, n. 225, istitutiva del servizio nazionale

Dettagli

COMUNE DI ASCOLI PICENO medaglia d oro al valor militare per attività partigiana

COMUNE DI ASCOLI PICENO medaglia d oro al valor militare per attività partigiana Comune di Ascoli Piceno Regolamento del gruppo comunale di volontariato di protezione civile COMUNE DI ASCOLI PICENO medaglia d oro al valor militare per attività partigiana REGOLAMENTO DEL GRUPPO COMUNALE

Dettagli

COMUNE DI COSSIGNANO Provincia di Ascoli Piceno

COMUNE DI COSSIGNANO Provincia di Ascoli Piceno COMUNE DI COSSIGNANO Provincia di Ascoli Piceno REGOLAMENTO Gruppo comunale di Volontariato di Protezione Civile Approvato con Deliberazione di Consiglio comunale n. 34 del 29/09/2010 1 Art. 1 Costituzione

Dettagli

REGOLAMENTO DEL GRUPPO COMUNALE DI VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE

REGOLAMENTO DEL GRUPPO COMUNALE DI VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE 13 REGOLAMENTO DEL GRUPPO COMUNALE DI VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE ADOTTATO DAL CONSIGLIO COMUNALE CON DELIBERAZIONE N. 222/48316 P.G. NELLA SEDUTA DEL 15/12/1997 Art. 1 E costituito presso il Comune

Dettagli

Procedura Operativa: ATTIVAZIONE DEL SERVIZIO DI PROTEZIONE CIVILE

Procedura Operativa: ATTIVAZIONE DEL SERVIZIO DI PROTEZIONE CIVILE Procedura Operativa: ATTIVAZIONE DEL SERVIZIO DI PROTEZIONE CIVILE Al verificarsi di un evento a carattere sovracomunale (Tipo B), o di un evento che interessa un singolo Comune ma che il Comune stesso

Dettagli

Riforma del reclutamento, avanzamento ed impiego del personale volontario del Corpo Nazionale Vigili del Fuoco. A cura di Valentino Prezzemolo

Riforma del reclutamento, avanzamento ed impiego del personale volontario del Corpo Nazionale Vigili del Fuoco. A cura di Valentino Prezzemolo Riforma del reclutamento, avanzamento ed impiego del personale volontario del Corpo Nazionale Vigili del Fuoco. A cura di Valentino Prezzemolo In collaborazione con la F.N.C.VV.F Revisione 05/2011 Capo

Dettagli

COMUNE DI VIGONE. Provincia di Torino REGOLAMENTO PER LA COSTITUZIONE DEL GRUPPO COMUNALE DI VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE

COMUNE DI VIGONE. Provincia di Torino REGOLAMENTO PER LA COSTITUZIONE DEL GRUPPO COMUNALE DI VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI VIGONE Provincia di Torino REGOLAMENTO PER LA COSTITUZIONE DEL GRUPPO COMUNALE DI VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 40 DEL 27 LUGLIO 2005 1

Dettagli

IL CONSIGLIO COMUNALE

IL CONSIGLIO COMUNALE IL CONSIGLIO COMUNALE Udita la relazione del Sindaco, dalla quale si evince la necessità di costituire il Gruppo Comunale di volontariato per fornire un contributo in termini di esperienza e di peculiarità

Dettagli

Comune di Sassoferrato. Regolamento del gruppo volontariato di protezione civile del Comune di Sassoferrato

Comune di Sassoferrato. Regolamento del gruppo volontariato di protezione civile del Comune di Sassoferrato Comune di Sassoferrato Regolamento del gruppo volontariato di protezione civile del Comune di Sassoferrato Deliberato con atto del Consiglio Comunale n. 68 del 26 novembre 2009. Pubblicato all Albo Pretorio

Dettagli

Statuto Regolamento. del Gruppo Comunale di Volontariato di Protezione Civile.

Statuto Regolamento. del Gruppo Comunale di Volontariato di Protezione Civile. Statuto Regolamento del Gruppo Comunale di Volontariato di Protezione Civile. approvato con delibera della Giunta Comunale n. 29 del 18.03.2004 modificato con delibera della Giunta Comunale n. 216 del

Dettagli

SISTEMA REGIONALE DI PRESIDIO TERRITORIALE IDROGEOLOGICO E IDRAULICO A SUPPORTO DELLA PIANIFICAZIONE DI PROTEZIONE CIVILE

SISTEMA REGIONALE DI PRESIDIO TERRITORIALE IDROGEOLOGICO E IDRAULICO A SUPPORTO DELLA PIANIFICAZIONE DI PROTEZIONE CIVILE SISTEMA REGIONALE DI PRESIDIO TERRITORIALE IDROGEOLOGICO E IDRAULICO A SUPPORTO DELLA PIANIFICAZIONE DI PROTEZIONE CIVILE SCHEMA DI PROTOCOLLO DI INTESA TRA REGIONE CAMPANIA E L ORDINE REGIONALE DEI GEOLOGI

Dettagli

REGOLAMENTO DEI VOLONTARI ANTINCENDIO BOSCHIVO

REGOLAMENTO DEI VOLONTARI ANTINCENDIO BOSCHIVO REGOLAMENTO DEI VOLONTARI ANTINCENDIO BOSCHIVO Approvato con deliberazione del Consiglio di Gestione n. 49 del 06.12.2012 Pubblicato all albo pretorio del Parco dal 13.12.2012 al 28.12.2012 1. FINALITÀ

Dettagli

COMUNE DI VALLE MOSSO Provincia di Biella REGOLAMENTO

COMUNE DI VALLE MOSSO Provincia di Biella REGOLAMENTO REGOLAMENTO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE (L.R. 14/4/2003, N. 7 D.P.G.R. 18/10/2004, nn. 7R e 8R) ART. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO Il presente regolamento disciplina, nel rispetto dei principi fondamentali

Dettagli

CITTA DI RECCO. REGOLAMENTO del GRUPPO COMUNALE VOLONTARI ANTINCENDIO BOSCHIVO PROTEZIONE CIVILE GRUPPO GABBIANO

CITTA DI RECCO. REGOLAMENTO del GRUPPO COMUNALE VOLONTARI ANTINCENDIO BOSCHIVO PROTEZIONE CIVILE GRUPPO GABBIANO CITTA DI RECCO REGOLAMENTO del GRUPPO COMUNALE VOLONTARI ANTINCENDIO BOSCHIVO PROTEZIONE CIVILE GRUPPO GABBIANO Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 45 del 20/10/2005 ARTICOLO 1 Normativa

Dettagli

Workshop per formatori di Protezione civile. La Scuola Superiore di Protezione Civile SSPC

Workshop per formatori di Protezione civile. La Scuola Superiore di Protezione Civile SSPC Workshop per formatori di Protezione civile. La Scuola Superiore di Protezione Civile SSPC Marco Lombardi Milano, 5 aprile 2014 SSPC Chi siamo Regione Lombardia con d.g.r. n. 14117 dell 8 agosto 2003 ha

Dettagli

La gestione del volontariato, l evoluzione normativa e l impiego in attività in emergenza

La gestione del volontariato, l evoluzione normativa e l impiego in attività in emergenza FORMAZIONE Per Organizzazioni di Volontariato di Protezione Civile Corso per operatori di protezione civile Scuola Regionale Protezione Civile E. Calcara REGIONE CAMPANIA Salerno 08/04/2013 La gestione

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE. Visto l articolo 121 della Costituzione (come modificato dalla legge costituzionale 22 novembre 1999, n.

IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE. Visto l articolo 121 della Costituzione (come modificato dalla legge costituzionale 22 novembre 1999, n. REGIONE PIEMONTE BU30 26/07/2012 Decreto del Presidente della Giunta Regionale 23 luglio 2012, n. 5/R Regolamento regionale del volontariato di protezione civile. Abrogazione del regolamento regionale

Dettagli

COMUNE DI CERRETO LAZIALE PROVINCIA DI ROMA

COMUNE DI CERRETO LAZIALE PROVINCIA DI ROMA COMUNE DI CERRETO LAZIALE PROVINCIA DI ROMA REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE DEL GRUPPO COMUNALE DEI VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE (approvato con deliberazione consiliare n. 4 del 21.02.2003) INDICE ART.1

Dettagli

COMUNE DI TORINO DI SANGRO

COMUNE DI TORINO DI SANGRO COMUNE DI TORINO DI SANGRO C.A.P. 66020 PROVINCIA DI CHIETI REGOLAMENTO PER LA COSTITUZIONE E L ORGANIZZAZIONE DEL GRUPPO COMUNALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE 1 ART. 1 Finalità ed ambito di applicazione

Dettagli

WINTER. D.Lgs 81/2008 PROTEZIONE CIVILE. Template. Adempimenti

WINTER. D.Lgs 81/2008 PROTEZIONE CIVILE. Template. Adempimenti WINTER Template D.Lgs 81/2008 PROTEZIONE CIVILE Adempimenti PROGRAMMA 1. Normativa 2. Scenari di Protezione Civile WINTER Template 3. Formazione, informazione e addestramento 4. DPI dotazione e formazione,

Dettagli

IL DIRETTORE GENERALE della tutela delle condizioni di lavoro del Ministero del lavoro e delle politiche

IL DIRETTORE GENERALE della tutela delle condizioni di lavoro del Ministero del lavoro e delle politiche MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI DECRETO 13 aprile 2011 Disposizioni in attuazione dell'articolo 3, comma 3-bis, del decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81, come modificato ed integrato

Dettagli

IL DIRETTORE GENERALE della tutela delle condizioni di lavoro del Ministero del lavoro e delle politiche

IL DIRETTORE GENERALE della tutela delle condizioni di lavoro del Ministero del lavoro e delle politiche Decreto 13 aprile 2011 Disposizioni in attuazione dell'articolo 3, comma 3-bis, del decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81, in materia di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro Pubblicato nella Gazzetta

Dettagli