DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE 598/2014/R/EEL

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE 598/2014/R/EEL"

Transcript

1 DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE 598/2014/R/EEL ORIENTAMENTI PER LA RIFORMA DELLE INTEGRAZIONI TARIFFARIE PER LE IMPRESE ELETTRICHE MINORI NON INTERCONNESSE Documento per la consultazone per la formazone d provvedment nell ambto del procedmento d cu alla delberazone dell Autortà per l energa elettrca l gas e l sstema drco 447/2014/R/EEL 4 dcembre 2014

2 Premessa L Autortà per l energa elettrca l gas e l sstema drco, (d seguto: Autortà), con la delberazone 18 settembre 2014, 447/2014/R/EEL (d seguto: delberazone 447/2014/R/EEL), ha avvato un procedmento fnalzzato all attuazone delle dsposzon del decreto-legge 24 gugno 91/14 (d seguto: decreto-legge 91/14), come convertto dalla legge 11 agosto 2014, n.116 n tema d rduzone delle bollette elettrche a favore de clent fornt n meda e bassa tensone. In partcolare, l artcolo 28 del decreto-legge 91/14 ha prevsto che l Autortà adott una revsone della regolazone de sstem elettrc ntegrat nsular d cu all artcolo 7 della legge 9 gennao 1991, n. 10 (d seguto: legge 10/91), che sa basata esclusvamente su crter d cost effcent e che sa d stmolo all effcenza energetca nelle attvtà d dstrbuzone e consumo fnale d energa, anche valutando soluzon alternatve alle esstent che mglorno la sostenbltà economca ed ambentale del servzo. Il presente documento llustra gl orentament dell Autortà n matera d rforma del sstema d ntegrazone tarffara per le mprese elettrche che operano n sole non nterconnesse, con partcolare rfermento alle c.d. mprese elettrche mnor d cu all art. 7 della legge 10/91. Il presente documento per la consultazone vene dffuso per consentre agl operator d valutare l adeguatezza delle msure proposte e d rappresentare le eventual crtctà che dovessero rlevare nell adozone delle msure. I soggett nteressat sono nvtat a far pervenre all Autortà osservazon e suggerment entro e non oltre l 15 gennao Al fne d agevolare la pubblcazone de contenut de document pervenut n rsposta alla presente consultazone, s chede d nvare tal document n formato elettronco attraverso l servzo nterattvo messo a dsposzone sul sto nternet dell Autortà. In alternatva, osservazon e proposte dovranno pervenre all ndrzzo e-mal sotto rportato. Qualora partecpant alla consultazone ntendano salvaguardare la rservatezza d dat e nformazo dovranno motvare tale rchesta contestualmente a quanto nvato n esto al presente documento. In tal caso, sarà necessaro nvare un ulterore documento, destnato alla pubblcazone e prvo delle part rservate. Autortà per l energa elettrca l gas e l sstema drco Drezone Infrastrutture, Unbundlng e Certfcazone pazza Cavour Mlano e-mal: sto nternet: 2

3 INDICE PARTE I... 4 Quadro normatvo d rfermento e oggetto della consultazone Introduzone e oggetto della consultazone Il quadro normatvo d rfermento...6 PARTE II Proposte n consultazone a fn della rforma del sstema d ntegrazone tarffara Prncp general per la rforma del sstema d ntegrazone tarffara La defnzone del costo rconoscuto Combustble ed effcentamento della produzone elettrca Il costo operatvo standard

4 PARTE I Quadro normatvo d rfermento e oggetto della consultazone 1 Introduzone e oggetto della consultazone 1.1 L artcolo 28 del decreto-legge 91/14 reca dsposzon n matera d rduzone de cost del sstema elettrco per le sole mnor non nterconnesse alla rete d trasmssone nazonale; n partcolare, l comma 1 prevede che, nelle more dell attuazone d quanto prevsto dall artcolo 1, comma 6-octes, del decretolegge 23 dcembre 2013, n.145 (d seguto: decreto-legge 145/13), convertto, con modfcazo dalla legge 21 febbrao 2014, n. 9, con rfermento alla progressva copertura del fabbsogno delle sole non nterconnesse attraverso energa da font rnnovabl, l Autortà adott una revsone della regolazone de sstem elettrc ntegrat nsular d cu all artcolo 7 della legge 10/91, che sa basata esclusvamente su crter d cost effcent e che sa d stmolo all effcenza energetca nelle attvtà d dstrbuzone e consumo fnale d energa, anche valutando soluzon alternatve alle esstent che mglorno la sostenbltà economca ed ambentale del servzo. 1.2 L Autortà, con la delberazone 447/2014/R/EEL, ha avvato un procedmento fnalzzato all attuazone delle dsposzon del decreto-legge 91/14, n tema d rduzone delle bollette elettrche a favore de clent fornt n meda e bassa tensone; nella delberazone, l Autortà ha precsato che, dato l regme attuale d ntegrazone tarffara a cu sono ammesse le mprese elettrche mnor, d cu all artcolo 7 della legge 10/91, gl effett de provvedment dell Autortà, prevst dall artcolo 28 del decreto-legge 91/14, non potranno dspegars prma del 1 gennao 2015, e comunque con effetto annuale. 1.3 Va noltre rlevato, come meglo llustrato nel proseguo del documento, che gl oner d sstema conness alle ntegrazon tarffare sopra rchamate attualmente dpendono, oltre che dall effcenza degl operator, anche da fattor esoge solo lmtatamente controllabl, e n partcolare dall andamento del costo de combustbl utlzzat per la produzone d energa elettrca. 1.4 In relazone al tema pù ampo della regolazone delle sole non nterconnesse, vale la pena qu rcordare che l Autortà, n fase d conversone n legge del decreto legge 91/14 (memora del 3 luglo 2014, 322/2014/I/eel per l audzone presso la 10a e 13a Commssone del Senato della Repubblca n relazone alla conversone n legge del decreto-legge 91/14) ha suggerto l opportuntà d rchedere alla Commssone europea l ammssone alle deroghe d cu 4

5 all artcolo 44 della drettva 2009/72/CE 1 per tutt mcrosstem solan non nterconness, al fne d consentre, n tal realtà, la gestone del servzo elettrco da parte d mprese vertcalmente ntegrate, n regme d regolazone completa del servzo, anche per le fas d produzone e vendta. In merto a tale possble rchesta d deroga, che può essere formulata solo dal Governo, l Autortà offre la propra collaborazone, anche al fne d declnarla n modo da non precludere lo svluppo della generazone dstrbuta da parte d operator terz anche n tal realtà. 1.5 Il presente documento llustra, alla luce della normatva e delle consderazon sopra rchamate, gl orentament dell Autortà n matera d rforma del sstema d ntegrazon tarffare prevsto per le sole non nterconnesse, con partcolare rfermento alle ntegrazon prevste dall art. 7 della legge 10/91 a favore delle mprese elettrche che svolgono, n manera ntegrata, le attvtà d produzone, dstrbuzone, msura e vendta dell energa elettrca sulle sole non nterconnesse alla rete d trasmssone elettrca e non gestte dal gruppo Enel S.p.A. (d seguto pù genercamente ndcate come mprese elettrche mnor) 2. A valle della consultazone, l Autortà adotterà l provvedmento fnale per la suddetta rforma, presumblmente entro l prmo trmestre del 2015, n modo che possa dspegare propr effett per l anno 2015 sulla base d un prncpo d prevalenza temporale, pur con gl opportun accorgment. 1.6 L Autortà rtene che l procedmento d rforma delle ntegrazon tarffare, oggetto del presente documento, debba rguardare anche l sola d Capr dove è attualmente n fase d costruzone l collegamento con la rete d trasmssone elettrca nazonale; nfatt, è solo a valle del suddetto collegamento che potranno essere attvat meccansm tarffar prevst per le altre mprese elettrche mnor che abbano cessato la produzone elettrca 3 o, comunque, meccansm prevst per la generaltà delle mprese d dstrbuzone elettrca operant sul terrtoro nazonale. A tale proposto, l Autortà rchederà formalmente al gestore della rete d trasmssone nazonale, Terna S.p.A., la predsposzone d anals cost/benefc per la valutazone della convenenza d nterconnessone d ulteror sole attualmente non nterconnesse alla rete d trasmssone nazonale. Un ulterore soluzone che potrebbe essere esplorata è l nterconnessone tra sole, n modo da rcercare forme d effcenza nterne ad arcpelagh d sole contgue. 1 Drettva 2009/72/CE del Parlamento europeo e del Consglo del 13 luglo 2009, relatva a norme comun per l mercato nterno dell energa elettrca. 2 Trattas delle seguent sole: Favgnana, Gglo e Gannutr, Lampedusa, Levanzo, Lnosa, Lpar, Marettmo, Pantellera, Ponza, Tremt, Ustca e Capr. 3 Ad esempo, l meccansmo d gradualtà prevsto dalla delberazone 22 marzo /2012/R/EEL. 5

6 2 Il quadro normatvo d rfermento La normatva relatva alle ntegrazon tarffare per le mprese elettrche mnor 2.1 Il quadro normatvo d rfermento relatvo al sstema d ntegrazon tarffare per le mprese elettrche mnor s deve far rsalre all artcolo 4, n. 8), della legge 6 dcembre 1962, n. 1643, d nazonalzzazone del servzo elettrco che aveva prevsto l esclusone del trasfermento all'enel delle mprese che avessero prodotto oppure prodotto e dstrbuto medamente nel benno , una quanttà d energa elettrca fno a 15 mlon d chlowattora per anno. 2.2 Per queste mprese, una sere d provvedment, emanat dal Comtato ntermnsterale de prezz (CIP), a completamento del processo d unfcazone delle tarffe elettrche sul terrtoro nazonale avvato nel 1953, avevano ntrodotto un meccansmo d ntegrazone tarffara per compensare le medesme mprese dalle perdte dervant dall applcazone delle tarffe unfcate. 2.3 Nel corso degl an la dscplna delle ntegrazon tarffare alle mprese elettrche mnor ha subto vare modfcazo fno al provvedmento CIP 13 gennao 1987 n. 2/87, con l quale la Cassa conguaglo per l settore elettrco (d seguto: Cassa) è stata nvestta della responsabltà delle struttore relatve alla determnazone delle ntegrazon tarffare spettant alle mprese elettrche mnor non trasferte all'enel. 2.4 Le funzon svolte dal CIP n matera d ntegrazon tarffare sono state trasferte con decreto del Presdente della Repubblca 20 aprle 1994, n. 373, al Mnstro dell ndustra, del commerco e dell artganato. Successvamente, con l sttuzone dell Autortà, a sens dell artcolo 3, comma 1, della legge n. 481/95, tal funzon sono state trasferte a quest ultma. 2.5 Il comma 1 dell'artcolo 7 della legge n. 10/91 ha precsato che la deroga all'obblgo d nazonalzzazone s applca alle mprese produttrc e dstrbutrc a condzone che l'energa elettrca prodotta venga dstrbuta entro confn terrtoral de Comun gà servt dalle medesme mprese produttrc e dstrbutrc alla data d entrata n vgore della legge. 2.6 Il medesmo artcolo 7 della legge n. 10/91 ha prevsto, altresì, che con cadenza annuale, la Cassa, n esto ad struttore condotte su blanc dell'anno precedente, present all'autortà, per la sua approvazone, una proposta volta a stablre l'acconto per l'anno n corso ed l conguaglo per l'anno precedente da corrspondere a ttolo d ntegrazone tarffara alle stesse mprese. Il fnanzamento del meccansmo delle ntegrazon tarffare rconoscute alle mprese elettrche mnor è attualmente garantto tramte la componente tarffara UC4 che almenta l conto d cu al comma 47.1, lettera h), dell'allegato A alla delberazone dell Autortà 29 dcembre 2011 ARG/elt 199/11 (d seguto: delberazone ARG/elt 199/11). 6

7 La regolazone dell Autortà n matera d ntegrazone tarffara per le mprese elettrche mnor 2.7 L Autortà, n conformtà alle dsposzon d legge, ha fno ad ogg emanato provvedment concernent le mprese elettrche mnor, n matera d ntegrazon tarffare, n attuazone d quanto prevsto dalla legge n. 10/91, con l ntroduzone d crter nnovatv rspetto alla precedente normatva, n matera d remunerazone del patrmono netto (delberazone dell Autortà 26 luglo n. 132/00) e d adeguamento automatco delle ntegrazon erogate n acconto per tener conto della varazone de cost d combustble (delberazone dell Autortà del 4 ottobre 2000 n. 182/00 e, successvamente, delberazone 23 dcembre 2005 n. 288/05 e delberazone 20 aprle 2006 n. 85/06). 2.8 Con delberazone 30 novembre 2011 n. 254/05, l Autortà ha avvato un procedmento fnalzzato a far rentrare le mprese elettrche mnor nell ambto d applcazone de crter general d rconoscmento de cost prevst dal sstema tarffaro; con la delberazone 27 settembre 2006 n. 208/06, l Autortà ha fatto conflure l suddetto procedmento nel procedmento per la formazone d provvedment n matera d tarffe per l erogazone de servz d trasmssone, dstrbuzone e msura dell energa elettrca per l perodo d regolazone Nell ambto del suddetto procedmento, con l documento per la consultazone 2 agosto 2007, l Autortà ha rbadto l opportuntà d estendere alle mprese elettrche mnor, crter d regolazone e rconoscmento de cost de servz d dstrbuzone e msura dell energa elettrca applcat alla generaltà delle mprese, n partcolare meccansm della perequazone generale e della perequazone specfca azendale Nell ambto de ctat provvedment fnalzzat ad una pù generale revsone de crter d regolazone tarffara per le mprese elettrche mnor, l Autortà, con la delberazone 18 maggo ARG/elt 72/10 (d seguto: delberazone ARG/elt 72/10), ha raperto termn per la presentazone dell stanza d ammssone al regme d perequazone specfca azendale d cu all artcolo 49.1 del Testo Integrato 2004/2007 4, preva rnunca da parte d queste mpresa alle ctate ntegrazon Con la delberazone 7 luglo ARG/elt 89/09, l Autortà ha dscplnato l erogazone del servzo d dspaccamento dell energa elettrca nell ambto delle ret non nterconnesse con la rete d trasmssone nazonale estendendo agl mpant d produzone d energa elettrca present n dette ret, la dscplna relatva agl mpant essenzal per la scurezza del sstema elettrco d cu agl artcol 63, 64 e 65 dell Allegato A della delberazone 9 gugno 2006 n. 111/06. La delberazone 7 luglo ARG/elt 89/09 è stata oggetto d contenzoso 4 Allegato A alla delberazone 30 gennao 2004, n. 5/04. 7

8 ammnstratvo che s è concluso con sentenza del Consglo d Stato 5 che ha confermato la valdtà dell mpanto ntrodotto dall Autortà con la suddetta delberazone Con la delberazone 22 marzo /2012/R/EEL (d seguto: delberazone 101/2012/R/EEL), l Autortà, n attuazone delle dsposzon del comma 38.4 del decreto legslatvo 1 gugno 2011, n. 93, ha ntrodotto un meccansmo d gradualtà per la valorzzazone delle effcenze consegute dalle mprese elettrche mnor, che abbano cessato l'attvtà d produzone e che abbano presentato stanza per l accesso al regme d perequazone specfca azendale a sens della delberazone ARG/elt 72/10; l meccansmo prevsto ha rguardato le mprese elettrche mnor Odoardo Zecca S.r.l. e SNIE Socetà Nolana per mprese elettrche S.p.A., che operano sul terrtoro contnentale, n aree elettrcamente nterconnesse con la rete d trasmssone elettrca nazonale. Attualmente le struttore per la defnzone del meccansmo prevsto dalla delberazone 101/2012/R/EEL sono ancora n corso Sempre nel rspetto del prncpo d copertura de cost sulla base delle rsultanze del blanco azendale posto dall artcolo 7 della legge 10/91, la Cassa ha svolto le struttore relatve alle ntegrazon tarffare delle mprese elettrche mnor valutando l attnenza de cost al servzo elettrco da queste svolto nonché, per partcolar tpologe d cost, la congrutà degl stess. Sulla base delle struttore svolte dalla Cassa, l Autortà ha qund proceduto, nel corso degl an ad emanare una sere d provvedment d fssazone delle alquote defntve d ntegrazone tarffara per le mprese elettrche mnor. Alcun d quest provvedment sono stat oggetto d contenzoso ammnstratvo conclusos anch esso con recent sentenze del Consglo d Stato A seguto della conclusone del contenzoso, l Autortà ha defnto per l anno 2011 e ha rdefnto per gl ann precedent le ntegrazon tarffare per alcune mprese elettrche mnor 6, recependo le pronunce gursprudenzal ntervenute; tal pronunce hanno, nella sostanza, confermato la correttezza del metodo adottato dall Autortà d rconoscmento delle ntegrazon tarffare basato sul rconoscmento de cost del blanco, seppur nel rspetto del prncpo d attnenza e n alcun cas d congrutà de cost sostenut dalle mprese elettrche mnor per lo svolgmento del servzo. Sono attualmente n corso da parte d Cassa le struttore per defnre le ntegrazon tarffare spettant alle altre mprese mnor fno al 2011 nonché per defnre le ntegrazon tarffare per tutte le mprese elettrche mnor per gl ann successv al Le altre mprese elettrche mnor non nterconnesse, dverse da quelle oggetto del presente documento, sono gestte dal gruppo Enel e la copertura de cost del 5 Sentenza n /2014 del 1 ottobre Delberazone 8 novembre /2012/R/EEL, delberazone 17 ottobre /R/EEL e delberazone 21 novembre /2013/R/EEL. 8

9 servzo è asscurata, per quanto rguarda l attvtà d dstrbuzone e msura, tramte le tarffe nazonal fssate dall Autortà e, per quanto rguarda l attvtà d produzone, tramte l applcazone del regme delle untà essenzal d produzone, regme regolato nello specfco dalla delberazone 28 settembre ARG/elt 161/10. 9

10 PARTE II Proposte n consultazone a fn della rforma del sstema d ntegrazone tarffara 3 Prncp general per la rforma del sstema d ntegrazone tarffara 3.1 Le dsposzon ntrodotte dall artcolo 28 del decreto-legge 91/14 comportano d fatto l superamento dell attuale regme d ntegrazone tarffara, basato sul rconoscmento de cost a pè d lsta sostenut per lo svolgmento del servzo elettrco n forma ntegrata da parte delle mprese elettrche mnor. In tal senso, l Autortà, nel dare attuazone alla nuova normatva, è orentata a defnre una remunerazone degl nvestment e modaltà standard d rconoscmento de cost del servzo svolto dalle mprese elettrche mnor che ncentvno l raggungmento, n un determnato arco temporale, d obettv d effcenza gestonale da parte d queste mprese. 3.2 Tuttava, l superamento dell attuale sstema d rconoscmento de cost del servzo, che come descrtto n precedenza s basa su cost a blanco delle mprese (attnent l servzo elettrco) non può che avvenre tramte un percorso graduale, che tenga conto dell equlbro economco-fnanzaro delle mprese destnatare delle nuove regole, pur sempre con l obettvo d raggungmento d cost effcent. Tal mprese, nfatt, molto dfferenzate tra loro n ragone delle caratterstche geografche e d svluppo economco del terrtoro servto (cfr. tabella d paragrafo 6.2), svolgono un servzo d pubblca utltà, caratterzzato da peculartà qual, ad esempo, la forte stagonaltà de consum, la necesstà d blancare domanda e produzone nell ambto de lmtat terrtor servt e della rete gestta, la necesstà d approvvgonare l combustble dal contnente (con cost che devono tenere conto della dstanza dalla costa e della dsponbltà d depost local); tal specfctà mpongono l ndvduazone d un percorso d effcentamento pù specfco rspetto alla generaltà delle mprese del settore. 3.3 In tal senso, l Autortà è orentata a fssare n 4-5 ann la durata del percorso che port gradualmente le mprese verso una gestone del servzo sulla base d cost effcent, prevedendo l 2015 come prmo anno d attuazone delle nuove regole d rconoscmento tarffaro. Nel 2018, l Autortà valuterà, alla luce degl effett della nuova regolazone, dopo l prmo trenno, l opportuntà d fare conflure, le mprese elettrche mnor nella regolazone generale prevsta per le altre mprese d dstrbuzone e msura elettrca operant sul terrtoro nazonale, tenendo tuttava n adeguata consderazone le specfctà delle medesme legata alla natura d mprese vertcalmente ntegrate che operano su mcrosstem solat. In 10

11 tal senso, nel proseguo del documento è altresì delneato l allneamento delle modaltà d ntegrazone de cost relatv alla produzone elettrca con le sole gestte da Enel. 3.4 L Autortà rtene, peraltro, che un arco temporale d 4-5 ann sa un perodo adeguato per consentre alle mprese destnatare del procedmento d arrvare al completo ammortamento degl mpant d produzone elettrca attualmente eserct 7 e qund, nel frattempo, d adottare decson d nvestmento e d relatvo fnanzamento de nuov mpant che meglo rspondano alle nuove esgenze normatve e regolatore. Un arco temporale così defnto, noltre, consentrebbe d attendere l defntvo assetto del settore a valle dell eventuale decsone d esenzone da parte della Commssone europea per le mprese elettrche mnor a sens dell artcolo 44 della Drettva 2009/72/CE. 3.5 La necesstà d favorre l processo d effcentamento nella gestone e d rnnovamento degl mpant da parte delle mprese elettrche mnor mpone l utlzzo da parte dell Autortà d strument, tpc della regolazone tarffara, che raggungano le fnaltà rcheste dal decreto legge 91/14 senza compromettere l equlbro economco-fnanzaro delle mprese. L Autortà rtene, n tal senso, che una metodologa tarffara basata su cost standard defnt n un ottca d regolazone per confronto (yardstck competton) possa rsultare effcace. 3.6 In tema d remunerazone de nuov nvestment, noltre, l Autortà rtene opportuno prevedere che questa sa allneata, n partcolare per le attvtà d dstrbuzone e d msura, a quella degl altr servz regolat, al fne d agevolare un percorso d convergenza con le altre mprese che operano sul terrtoro nazonale. Per quanto rguarda, nvece, la remunerazone de nuov nvestment relatv all attvtà d produzone elettrca, l Autortà è orentata ad utlzzare medesm meccansm prevst dalla regolazone, per le untà essenzal operant sulle sole non nterconnesse gestte dal gruppo Enel 8, data l evdente analoga mpantstca che accomuna le due tpologe d sole. 3.7 L ntroduzone d un sstema d ntegrazone tarffara basato, da un lato, sul rconoscmento d cost d tpo standard, che abba come obettvo l raggungmento d cost effcent n un determnato arco temporale e, dall altro, sulla remunerazone degl nvestment ha l vantaggo d: aumentare la stabltà del quadro regolatoro, tramte la defnzone d regole certe valevol per tutto l perodo d regolazone, così da ncentvare le 7 Dalle nformazon desumbl da blanc e da cont annual separat, gl mpant d produzone delle mprese elettrche mnor rsultano gà ammortzzat nella meda per crca l 50%, consderando la vta utle complessva degl stess par a 10 ann. 8 S tratta delle sole d Capraa, Ventotene, Strombol, Panarea, Alcud, Flcud, Salna e Vulcano. 11

12 mprese ad ntraprendere un percorso vrtuoso d ncremento dell effcenza, con benefc per l sstema elettrco nel suo complesso; rdurre l onere ammnstratvo n capo alle mprese e alla Cassa nella defnzone delle struttore volte alla copertura de cost delle mprese, caratterzzate da temp lungh d conclusone con conseguenze fnanzare ed economche per le stesse mprese nonché da elevato contenzoso ammnstratvo; favorre, tramte la remunerazone de nuov nvestment con crter stabl per uno o pù perod d regolazone, gl nvestment volt all ammodernamento degl mpant, con vantagg sa per le mprese che per gl utent fnal, anche n un ottca d progressva copertura del fabbsogno tramte font rnnovabl, prevst dall artcolo 1, comma 6-octes, del decreto-legge 145/13. Tale remunerazone, tra l altro, nduce le mprese all adozone d una struttura fnanzara pù equlbrata e a superare stuazon (ogg present) d sottocaptalzzazone delle mprese. E evdente, n ultma anals, che una metodologa d rconoscmento d cost d tpo standard ha come obettvo, almeno nel medo termne, così come peraltro nelle ntenzon del legslatore con le prevson dell artcolo 28 del decreto-legge 91/14, la rduzone del costo complessvo del servzo ntegrato svolto dalle mprese elettrche mnor a benefco del sstema elettrco e dell utente fnale. 3.8 S osserva, da ultmo, che l assocazone UNIEM 9, che rappresenta undc delle mprese elettrche mnor, ha fornto alcun contrbut 10 all Autortà n merto alla rforma del sstema d ntegrazone tarffara a sens dell artcolo 28 del decreto-legge 91/14. In tal contrbut vene argomentato, per quanto d rlevanza a fn della presente anals, che: nel perodo , cost delle attvtà svolte dalle mprese elettrche mnor avrebbero gà subto un processo d effcentamento anche n mancanza d una regolazone specfca applcata alla loro attvtà; eventual ulteror effcenze nella gestone delle mprese elettrche mnor rscherebbero d compromettere la scurezza e la qualtà del servzo offerto; l alta varabltà de cost delle dverse mprese elettrche mnor, data le peculartà del servzo da queste svolto, non permetterebbe d pervenre ad un modello unco per la standardzzazone de cost d tal mprese; 9 Unone Nazonale Imprese Elettrche Mnor. 10 Studo d anals statstca sulla standardzzazone de cost delle mprese UNIEM Art. 28 DL 91/2014 Recuper d effcenza: proposte UNIEM vs Regolazone Appendce: Comparazone cost Enel UNIEM, redatto da Nomsma Energa e Poston Paper UNIEM Garantre scurezza e sostenbltà energetca nelle sole mnor talane, redatto da UNIEM. 12

13 l raggungmento dell obettvo d effcenza nella gestone e l assolvmento degl obblgh d copertura del fabbsogno tramte font rnnovabl prevsto dall artcolo 1, comma 6-octes, del decreto-legge 145/13 dovrebbe comportare la prevsone, nella futura regolazone, d un adeguata remunerazone degl nvestment che verranno effettuat dalle mprese elettrche mnor; nfne, l eventuale deroga concessa dalla Commssone europea a sens dell artcolo 44 della drettva 2009/72/CE consentrebbe l superamento dell obblgo d rcorrere ad una standardzzazone de cost per le mprese elettrche mnor. 3.9 Rspetto a quanto sopra, un anals condotta su cont annual separat trasmess da cascuna mpresa elettrca mnore all Autortà a sens della delberazone 18 gennao 2007 n. 11/07, evdenza, come rportato nella tabella sottostante, una sostanzale nvaranza nel valore complessvo del costo della produzone, al netto d ammortament e accantonament, raggruppato sa per natura che per attvtà, sostenuto dalle mprese elettrche mnor, tra l eserczo 2008 e quello , per lo svolgmento del servzo elettrco n manera ntegrata. Tale stuazone, che s presenta tra l altro a lvello d sngola mpresa, data la natura prevalentemente fssa de cost del servzo elettrco (a parte l combustble), suggersce la possbltà d ndvduare confgurazon standard per l rconoscmento de cost che ncentvno recuper d effcenza gà nel breve/medo termne. 11 Confronto effettuato a moneta

14 Varazone N clent ,8% Energa dstrbuta MWh/anno ,9% n / Varazone Cost per natura Per matere prme, sussdare, d consumo e d merc ,5% Per servz ,4% Per godmento ben d terz ,4% Per l personale ,2% Oner dvers d gestone ,9% Totale ,2% 1 Espresso a valor corrent 2013 n / Varazone Cost per attvtà Produzone ,8% Dstrbuzone ,1% Msura ,8% Vendta ,4% Valor non attrbubl ,5% Totale ,2% 1 Espresso a valor corrent 2013 Tabella A parere dell Autortà, l ndvduazone d modaltà d rconoscmento standard de cost può avvenre tramte la regolazone per confronto sa all nterno dello stesso nseme d mprese elettrche mnor che d mprese sml operant sul terrtoro nazonale. La gradualtà prevsta per l processo d effcentamento, conugata alla remunerazone degl nvestment, asscura l equlbro economco-fnanzaro delle stesse mprese e, conseguentemente, la scurezza e la qualtà del servzo. S precsa, altresì, che nell anals del presente documento, non è stato effettuato un confronto con le altre mprese non nterconnesse operant sulle sole mnor, appartenent al gruppo Enel, a causa della mancanza d dat economco-patrmonal rfert specfcamente alle attvtà d dstrbuzone e msura svolte su queste sole Da ultmo, l Autortà rtene che l eventuale rchesta d deroga da formulare alla Commssone europea a senso dell artcolo 44 della drettva 2009/72/CE, seppur auspcable per le ragone gà esposte nella memora 322/2014/I/eel, non debba pregudcare le fnaltà della regolazone tarffara da parte dell Autortà che, a sens dell artcolo 28 del decreto-legge 91/14, deve tener conto d crter basat sull effcenza nella gestone. 14

15 S1 Osservazon n merto a prncp general d revsone del sstema d ntegrazone tarffara. 4 La defnzone del costo rconoscuto 4.1 Come antcpato nel precedente paragrafo, l Autortà è orentata a prevedere l superamento dell attuale regme d ntegrazone tarffara tramte la defnzone d un costo rconoscuto, su base annua, che prenda a rfermento cost standard che ncentvno le mprese ad un percorso d effcenza nella gestone del servzo nonché tramte la remunerazone degl nvestment. In partcolare, l Autortà è orentata a defnre un costo rconoscuto sulla base delle seguent component: costo operatvo standard per punto d prelevo, a copertura del complesso de cost relatv alle attvtà del servzo elettrco svolte dalle mprese, vale a dre dstrbuzone, msura, vendta e produzone d energa elettrca, ad esclusone del costo d combustble; costo d acqusto standard del combustble, defnto sulla base d un prezzo untaro d acqusto d rfermento e su quanttà effcent d combustble utlzzato per la produzone; remunerazone del captale nvestto sugl nvestment effettuat a partre dal 2015 n analoga con gl altr servz regolat, n partcolare, la dstrbuzone, msura e produzone dell energa elettrca tramte untà essenzal; ammortamento de nuov nvestment effettuat a partre dal 2015 secondo le vte utl defnte dall Autortà nell ambto della regolazone generale. 4.2 L Autortà è, altresì, orentata a mantenere, provvsoramente nel corso del prmo perodo d regolazone, l rconoscmento a pè d lsta d alcune component d costo, n partcolare: l ammortamento relatvo allo stock d captale esstente al 31 dcembre 2014 come rsultante dal blanco dell mpresa; gl oner fnanzar, al netto delle provent fnanzar, su fnanzament n essere al 31 dcembre 2014 come rsultante dal blanco dell mpresa; le mposte sul reddto scrtte nel blanco delle mprese. 4.3 Il mantenmento del rconoscmento delle suddette component d costo, secondo modaltà a pè d lsta, è gustfcato dal fatto che gl nvestment effettuat e fnanzament acces dalle mprese fno all eserczo 2014 sono frutto d scelte da queste effettuate n un contesto normatvo e regolatoro dfferente da quello prospettato dal dsposto normatvo d cu all artcolo 28 del decreto-legge 91/14, oltre alla presumbl dffcoltà da parte delle mprese a rcostrure l captale nvestto a fn regolator. Da qu la necesstà d prevedere un tempo adeguato, 15

16 par appunto alla durata del perodo regolatoro specfco per le mprese elettrche mnor, per portare al completo ammortamento dello stock d captale esstente o per l estnzone o l eventuale rnegozazone de fnanzament n essere. 4.4 Dverso approcco, nvece, dovrà essere tenuto dalle mprese n prevsone d nuov nvestment e relatv fnanzament a partre dall eserczo 2015 che dovranno tener conto delle nuove dsposzon regolatore a fn del loro rconoscmento n termn d remunerazone ed ammortamento. A tale proposto, l Autortà rtene opportuno superare la necesstà d rconoscmento, con l nuovo perodo regolatoro, della remunerazone del patrmono netto attualmente prevsta dalla delberazone 132/00 n quanto la stessa sarà sosttuta da quella prevsta per nuov nvestment a partre dal In aggunta, le mprese potranno, attvando necessar percors d effcenza prevst dal nuovo sstema d ntegrazone tarffara, consegure un ulterore reddtvtà che fno ad ogg l sstema basato sul rconoscmento de cost a pè d lsta non era n grado d asscurare; questo gustfca, appunto, l superamento della necesstà d rconoscmento d utl sul patrmono netto, necesstà evdenzata dalla gursprudenza ammnstratva. 4.5 In termn formal, l costo rconoscuto alle mprese elettrche mnor, per lo svolgmento del servzo elettrco ntegrato, per cascuno degl ann del perodo d regolazone, sarebbe par a: COR NI ds, ms = Std ( CO * NumCl ) * WACC ds, ms + AMM + COMB NI, ds, ms + + AMM QAR Blanco + Y + OF Blanco + IMP Blanco + laddove: n COR n, Std n è l ndce che va da 1 a n per dvers ann del perodo d regolazone; sono le sngole mprese elettrche mnor; è l costo rconoscuto, per cascuno degl ann n del perodo d regolazone e per cascuna mpresa, per lo svolgmento del servzo elettrco ntegrato; CO, è l costo operatvo medo standard rconoscuto, per cascuno degl ann n del perodo d regolazone e per cascuna mpresa, a copertura de cost operatv del servzo elettrco ntegrato, come meglo llustrato ne successv paragraf; 16

17 NumCl n, è l numero de clent attv 12 per cascun anno n d cascuna mpresa ; COMB n, Blanco n è l costo rconoscuto con modaltà standard, per cascuno degl ann del perodo d regolazone e per cascuna mpresa, a copertura de cost d acqusto del combustble per la produzone elettrca sulla base d un consumo specfco standard, come meglo llustrato ne successv paragraf; AMM, è l ammortamento scrtto ne cont annual separat d Blanco n cascuna mpresa per cascun anno relatvo alle mmoblzzazon materal ed mmateral afferent l servzo elettrco scrtte nel blanco d eserczo dell mpresa al 31 dcembre 2014; OF, sono gl oner fnanzar, al netto de provent, scrtt nel Blanco n blanco d eserczo da cascuna mpresa d cascun anno relatv a debt fnanzar rsultant nel blanco d eserczo dell mpresa al 31 dcembre 2014; IMP, sono le mposte sul reddto scrtte nel blanco d eserczo d cascuna mpresa n cascuno degl ann del perodo d regolazone; ds, ms NI n, sono nuov nvestment n mmoblzzazon materal ed mmateral, effettuat, da cascuna mpresa, a partre dal 2015 relatv all attvtà d dstrbuzone e msura dell energa elettrca valorzzat secondo crter stablt da provvedment tarffar dell Autortà; per l 2015 tal crter sono quell prevst dall Allegato A alla delberazone ARG/elt 199/11; WACC, è la remunerazone degl nvestment relatv all attvtà d ds ms dstrbuzone e msura dell energa elettrca fssato, per cascuno degl ann n del perodo d regolazone, n coerenza con corrspondent provvedment tarffar dell Autortà (per l 2015 tale remunerazone è stablta dagl Allegat A e B della delberazone ARG/elt 199/11) salvo quanto specfcato al paragrafo 4.6; 12 A fn del presente documento s assume che l numero d clent attv corrsponda al numero de punt d prelevo. 17

18 NI, ds, ms AMM n, è l ammortamento degl nvestment n mmoblzzazon materal ed mmateral, effettuat da cascuna mpresa, relatv all attvtà d dstrbuzone e msura dell energa elettrca, calcolato secondo le vte utl fssate e con crter, stablt per cascuno anno n del perodo d regolazone, da corrspondent provvedment tarffar dell Autortà; per gl nvestment l 2015 le vte utl sono stablte dagl Allegat A e B della delberazone ARG/elt 199/11; QAR n, Y n, è la remunerazone e l ammortamento relatvo agl nvestment n mmoblzzazon materal ed mmateral, effettuat dal 2015, relatv l attvtà d produzone dell energa elettrca, defnt a sens dell artcolo 65.14, e della delberazone 28 settembre ARG/elt 161/ Per l 2015 l valore del QARn è par a 11,7%; sono cost, al netto de relatv rcav, per cascuno degl ann n del perodo d regolazone e per cascuna mpresa, dovut ad event d natura eccezonale o straordnara, a varazone della normatva d rfermento o del permetro del servzo svolto. 4.6 A fn del rconoscmento della remunerazone su nuov nvestment, l Autortà è orentata a valutare l applcazone d un WACC al netto delle mposte per evtare un doppo rconoscmento d queste ultme tramte la componente Blanco IMP,. n 4.7 Per cascuno degl esercz a partre dal 2015, la Cassa provvede, nell anno successvo, ad ntegrare la dfferenza tra l costo rconoscuto del servzo svolto da cascuna mpresa nell anno, calcolato sulla base delle regole del nuovo sstema d ntegrazone tarffara sopra descrtto, e rcav ottenut dalla vendta dell energa elettrca e degl altr rcav afferent l settore elettrco consegut nel medesmo anno. 13 Crter per la determnazone de corrspettv da rconoscere agl mpant essenzal per la scurezza del sstema elettrco d cu agl artcol 64 e 65 della delberazone dell Autortà per l energa elettrca e l gas 9 gugno 2006, n. 111/06. 18

19 5 Combustble ed effcentamento della produzone elettrca 5.1 L acqusto del combustble (gasolo) per la produzone d energa elettrca rappresenta la voce pù sgnfcatva del conto economco delle mprese elettrche mnor; peraltro, l utlzzo d mpant d produzone a motor desel costtusce una delle caratterstche che contraddstngue l attvtà d produzone elettrca sulle sole non nterconnesse. Come desumble dalla Tabella 4 del paragrafo 6.3, l andamento medo regstrato dalla voce d acqusto del combustble sa n termn assolut che untar, nel perodo , sulla base de dat desumbl da cont annual separat, s presenta puttosto stable nel tempo e non rsulta varare n manera partcolare n relazone alla dmensone delle mprese. 5.2 Alla luce d quanto sopra, l Autortà rtene opportuno ndvduare appost meccansm, n un ottca d effcenza nella gestone dell attvtà d produzone elettrca, fnalzzat alla copertura de cost d combustble basat, da un lato, sull effcentamento della quanttà del combustble mpegato per la produzone e, dall altro, sulla valorzzazone della quanttà rtenuta effcente, tramte un prezzo standard. 5.3 In merto alla necesstà d effcentamento della quanttà d combustble utlzzato per la produzone d energa elettrca, al fne d tener conto della specfctà dmensonale d cascuna sola non nterconnessa 14, l Autortà è orentata a rconoscere una quanttà standard d combustble calcolata sulla base d una funzone d consumo specfco, msurata n Kg d gasolo per kwh prodotto, determnata come d seguto: Cons Im panto [ 5,461ln( kw ) 265,79] / Std = + laddove, per cascuno degl ann n del perodo d regolazone e per cascuna mpresa, l consumo specfco standard degl mpant d cascuna mpresa (msurato n Kg d gasolo per kwh d energa prodotta) vene determnato n funzone della tagla meda de medesm mpant (msurata n kw e par alla somma della potenza de motor prm stallata dvsa per l numero de grupp utlzzat), laddove: Std Cons n, è l consumo specfco standard per cascun anno d cascuna mpresa, msurato n Kg d gasolo per kwh d energa prodotta; 14 Occorre tenere presente che pù un sola è pccola, e pù è probable che nella stagone d bass consum (per mnore presenza d persone sull sola e conseguentemente d rdotte attvtà commercal) sa necessaro utlzzare gl mpant n condzon lontane dal punto d effcenza ottmale, con rendment qund puttosto bass. 19

20 panto kw Im n, è la potenza meda degl mpant dell mpresa nell anno msurata n kw ed è par alla somma della potenza de motor prm stallata dvsa per l numero de grupp utlzzat. 5.4 D conseguenza, l quanttatvo standard d combustble rconoscuto sarebbe par a: laddove: Std Std PG Kg = Cons * kwh Std Kg n, sono Kg d combustble rconoscut per l anno n a cascuna mpresa ; PG kwh n, sono kwh d energa elettrca prodott da cascuna mpresa nell anno n tramte gl mpant almentat a gasolo. 5.5 La funzone è stata ndvduata sulla base delle esperenze e de dat acqust dalla Cassa nel corso delle struttore svolte a fn delle ntegrazon tarffare a sens della legge 10/91 e dalla Drezone Osservatoro Vglanza e Controll dell Autortà nel corso delle spezon svolte presso le sole. La funzone logartmca, che meglo s presta a spegare la varanza delle osservazon n relazone alla assa dversa dmensone delle sole, è stata calcolata, nello specfco, sulla base de dat d produzone elettrca e potenza degl mpant present sulle sole, comuncat dalle mprese al Mnstero dello svluppo economco, tramte la Cassa 15, nell ambto del procedmento d cu all art. 1 comma 6-octes del decreto-legge 145/ Come evdenzato nella fgura sottostante, la funzone d regressone ndvduata, che rporta sull asse delle ascsse la potenza meda degl mpant n kw e sull asse delle ordnate l consumo specfco msurato n g/kwh, nterpola con un elevato grado d precsone (R 2 =0,8181) 16 valor d consumo specfco medo regstrat dalle mprese elettrche mnor nel perodo Comuncazone della Cassa del 12 agosto 2014 (prot. Autortà del 18/09/2014). 16 R 2 è l coeffcente d determnazone che msura la proporzone tra la varabltà de dat e la correttezza del modello statstco utlzzato. 20

21 Fgura E evdente, come s evnce dal grafco, che l rconoscmento d una quanttà standard d combustble per la produzone, sulla base della suddetta funzone, premerà le mprese pù effcent che stanno al d sotto della curva logartmca, nducendo le altre ad attvare un percorso d effcentamento nella gestone del consumo d combustble. 5.8 L Autortà ntende valutare l applcazone d opportun meccansm d proftsharng per le mprese che regstrano effcenze superor a quella prevsta dalla funzone logartmca e/o un graduale abbassamento della curva d consum verso valor pù effcent. Tal meccansm potrebbero nzare ad operare dal secondo o dal terzo anno del perodo regolatoro, per consentre un adeguata transzone dal regme esstente. 5.9 Per quanto rguarda la valorzzazone del combustble, l Autortà è orentata ad utlzzare un valore standard d rfermento, rappresentato n partcolare dal prezzo ndustrale 17 del gasolo per auto pubblcato dal Mnstero dello svluppo economco su base mensle sul quale è calcolato l ndce G em, ntrodotto dalla delberazone dell Autortà 23 dcembre 2005, n. 288/05 per l aggornamento bmestrale della quota parte d ntegrazone tarffara corrsposta n acconto alle mprese elettrche mnor. Come s evnce dalla tabella sottostante, l prezzo ndustrale medo del gasolo per auto, nel perodo , è rsultato costantemente superore al costo medo d acqusto del combustble sostenuto dalle mprese elettrche mnor desumble da cont annual separat trasmess all Autortà per medesm ann. 17 Al netto d accse e IVA. 21

22 /1000 kg Meda annua prezzo ndustrale del gasolo 1 844,96 578,69 713,29 903,51 974,62 910,28 Costo medo d acqusto d gasolo IEM 2 811,63 541,65 654,66 831,75 910,63 859,40 1 Dal sto 2 Dat calcolat sulla base de Cont Annual 3eparat Tabella Alla luce d quanto sopra, l Autortà è orentata ad ndvduare una funzone d rconoscmento del costo del combustble che tenga conto sa della dfferenza storca tra prezz ndustral del gasolo auto pubblcat e cost med d acqusto sostenut dalle mprese sa de cost d trasporto d cu s drà meglo nel paragrafo 5.12 che dell eventuale ncentvo per la rduzone delle perdte come descrtto nel paragrafo In termn formal: laddove: Comb n, 12 m Std Kg m, Comb = p( G m em )* Kg 1 * = * 1 +, Kg Perdte ( + Trasp) INC è l costo standard, rconoscuto per cascuno degl ann del perodo d regolazone a cascuna mpresa, a copertura de cost d acqusto del combustble per la produzone elettrca sulla base delle quanttà effcent; m p ( G em ) è l prezzo effcente funzone del prezzo ndustrale del gasolo per auto pubblcato nel mese m; Std Kg n, sono Kg d combustble rconoscut per l anno n a cascuna mpresa a sens del precedente paragrafo 5.4; Kg m, Kg n, Trasp sono Kg d combustble effettvamente acqustat dall mpresa mese m; sono Kg d combustble complessv effettvamente acqustat dall mpresa nell anno n; è l costo d trasporto stablto dall Autortà n manera percentuale rspetto al costo del combustble, come llustrato nel paragrafo 5.12; n 22

23 Perdte INC n, è l'ncentvo per la rduzone delle perdte rconoscuto a sens del paragrafo In relazone al costo d approvvgonamento del combustble, l Autortà rtene, altresì, auspcable una soluzone rappresentata dall adozone, a fn della valorzzazone della quanttà effcente d combustble, d un prezzo d acqusto untaro, ndcato dalle stesse mprese elettrche mnor, frutto d una procedura d acqusto centralzzata da parte d queste, possblmente avvalendos d una stazone appaltante specalzzata e ndpendente, commsurato, ad esempo, al fabbsogno d pù mprese per un determnato arco temporale. Infatt, l esstenza d un prezzo formatos tramte procedure d gara trasparent e svolte n manera centralzzata da parte delle mprese potrebbe confgurars come prezzo effcente, seppur dfferente da quello rsultante da prezz uffcal qual l prezzo ndustrale del gasolo auto Oltre all ndvduazone d un prezzo untaro d acqusto d combustble è necessaro, altresì, defnre un valore standard per la copertura de cost d trasporto dello stesso. Tal cost, per qual non sono dsponbl dat contabl da cont annual separat trasmess dalle mprese, sono storcamente molto varabl da mpresa a mpresa a causa d fattor qual la dstanza dalla costa, l esstenza d depost presso le sole e l utlzzo per dvers mezz d trasporto, sostanzalmente rconducbl alla bettolna o all autobotte su nave. Da anals svolte dall Autortà è emerso che cost d trasporto su autobotte varano da un mnmo del 5% ad un massmo del 15% del costo complessvo del combustble, mentre cost d trasporto tramte bettolna s avvcnano al valore medo del 15% del costo del combustble acqustato. L Autortà è, qund, orentata ad utlzzare una percentuale, decrescente nel corso del perodo d regolazone, nzalmente par a non pù del 10%, con rduzone d un punto percentuale su base annuale, a partre dal Il costo d trasporto sarà comunque oggetto d ulteror approfondment da parte dell Autortà al fne d verfcare che, nella contabltà delle mprese elettrche mnor, non sa gà rcompreso nel costo della matera prma, al fne d evtare un doppo rconoscmento dello stesso Sempre n tema d effcentamento de cost d produzone elettrca rleva, nfne, l valore dalle perdte d rete regstrato dalle mprese elettrche mnor nel corso degl ann; tale valore n alcun cas rsulta superore al valore d rfermento fssato dall Autortà per le utenze BT, par al 8% 18. In tal senso, l Autortà rtene necessaro, nell ambto della rforma del sstema d ntegrazone tarffara, prevedere un meccansmo per ncentvare le mprese elettrche mnor ad una rduzone progressva delle perdte d rete, consderando che azon n tal senso sono legate a decson d nvestmento e rnnovamento della rete e de relatv 18 Valore al netto delle perdte sulla rete AT e sul trasformatore AT/MT (Tabella 4 dell Allegato A alla delberazone 30 luglo ARG/elt 107/09, c.m..). 23

24 mpant che comportano decson d medo lungo perodo, nonché al contrasto delle perdte commercal A fn d ncentvare le mprese ad una rduzone delle perdte d rete, l Autortà ntende prevedere un meccansmo d prem postv nel caso n cu le mprese rducano per ogn anno del perodo d regolazone, la dfferenza tra l energa dstrbuta e l energa prodotta rspetto all anno precedente, prendendo come dato d partenza, per l prmo anno del perodo d regolazone, le perdte d rete dcharate dalle mprese per l 2013 al Mnstero dello svluppo economco, tramte la Cassa 19, nell ambto del procedmento d cu all art. 1 comma 6-octes del decreto-legge 145/ La rduzone n termn d energa (kwh) tra un anno e l altro verrebbe tradotta nella corrspondente (mnore) quanttà d combustble acqustato sulla base della funzone logartmca d consumo effcente d cu al paragrafo 5.3 e valorzzata utlzzando la funzone p(g em ) medo dell anno. In termn formal: INC Perdte kwh = kwh kwh Pr odott n 1, Dstrbut n 1, Pr odott n 1, kwh kwh kwh Pr odott Dstrbut Pr odott * kwh Pr odott * Cons S tan dard * p( G n em ) laddove: INC, rappresenta l ncentvo rconoscuto nell anno n del perodo Perdte n odott kwh Pr regolatoro a cascuna mpresa, esclusvamente nel caso d rduzone delle perdte tra un anno e l successvo; sono KWh d energa elettrca prodott, tramte qualsas mpanto (nclus quell eventualmente almentat da fonte rnnovable present sull sola), rspettvamente nell anno n e nell anno n-1, da cascuna mpresa ; Dstrbut kwh sono KWh d energa elettrca dstrbut rspettvamente nell anno n e nell anno n-1, da cascuna mpresa ; Cons tan S dard è l consumo specfco standard d cascuna mpresa calcolato a sens del precedente paragrafo 5.3; n p ( G em ) è l prezzo effcente funzone del prezzo ndustrale del gasolo per auto medo dell anno n. Per l prmo anno del perodo regolatoro, a fn dell applcazone della formula, dat d energa relatv all anno n-1 sono quell dell anno Comuncazone della Cassa del 12 agosto 2014 (prot. Autortà del 18/09/2014). 24

25 L Autortà ntende valutare l applcazone d un crtero d proft-sharng sulla rduzone delle perdte raggunte dalle mprese o, n alternatva, una revsone del meccansmo che preveda anche penaltà a fronte d un proft-sharng pù favorevole per le mprese, lascando la scelta alle mprese sul meccansmo da adottare. Anche tale meccansmo potrebbe nzare ad operare dal secondo o dal terzo anno del perodo regolatoro, per consentre un adeguata transzone dal regme esstente Alla luce d quanto sopra, l Autortà rtene che gl strument propost per l effcentamento della produzone elettrca sopra descrtt possano ulterormente motvare le mprese elettrche mnor a comportament vrtuos nella gestone della loro attvtà, nonché nelle future scelte d nvestmento anche alla luce degl obblgh che derveranno dall applcazone delle dsposzon d cu all art. 1 comma 6-octes del decreto-legge 145/ Alla fne del perodo regolatoro, l Autortà valuterà le maggor effcenze consegute dalle mprese nella gestone dell attvtà d produzone e potrà prevedere eventual meccansm d proft-sharng delle suddette effcenze da applcare nel successvo perodo d regolazone (secondo modell gù ampamente adottat nella regolazone ordnara delle attvtà d dstrbuzone e msura). S2 Osservazon n merto a crter d rconoscmento del costo del combustble. 6 Il costo operatvo standard 6.1 Secondo l nuovo sstema d ntegrazone tarffara delneato, l Autortà ntende defnre un costo operatvo standard per punto d prelevo a copertura de cost operatv, al netto del combustble, sostenut n cascun anno dall mpresa elettrca mnore per lo svolgmento delle dverse attvtà del servzo elettrco, vale a dre produzone, dstrbuzone, msura e vendta dell energa elettrca. 6.2 A fn della defnzone del costo operatvo standard, l Autortà ha defnto tre dfferent cluster all nterno dell nseme delle mprese elettrche mnor sulla base del numero de clent servt; questo, n consderazone del fatto che tale parametro rflette n manera suffcentemente adeguata la specfctà dmensonale d cascuna sola. Nella tabella seguente vengono raffrontat dat caratterstc delle sngole sole mnor con l ndvduazone de cluster consderat. 25

26 Capr Cluster 1 N clent 2 Superfce Dstanza dalla costa Km Denstà d rete (clent per Energa dstrbuta 2 Km d rete) 2 MWh/anno Levanzo 1 294,8 5,8 15,0 49,1 565,8 Lnosa 1 441,3 5,3 160,0 33, ,0 Tremt 1 532,2 2,5 16,0 19, ,7 Marettmo 1 729,8 12,4 37,0 38, ,5 Ustca ,7 8,2 67,0 47, ,5 Gglo ,8 21,5 15,0 107, ,7 Ponza ,2 7,6 23,0 101, ,2 Favgnana ,7 20,0 7,0 39, ,0 Lampedusa ,8 20,0 205,0 38, ,1 Pantellera ,8 84,8 120,0 32, ,8 Lpar ,2 37,6 78,0 103, ,2 Capr ,8 10,4 7,7 57, ,0 1 Il cluster 1 comprende le IEM che hanno fno a clent servt; l cluster 2 comprende IEM che hanno da a clent servt; l cluster 3 le IEM con oltre clent servt. 2 Valor med del perodo Tabella Nella tabella seguente sono presentat valor med 20 per clente de cost delle dverse attvtà svolte, relatv a cascun cluster d mprese, desunt da cont annual separat tramess dalle mprese per l perodo S fa rfermento, n partcolare, alle seguent tpologe d cost: cost per matere prme, escluso l combustble (gasolo) per la produzone; cost per servz; cost d godmento de ben d terz; cost d personale; oner dvers d gestone; cost ndrett attrbut da servz comun e dalle funzon operatve condvse 21 alle attvtà del settore elettrco. La tabella rporta, altresì, alcun ndcator monetar e tecnc, quest ultm desunt da dat fornt dalle mprese elettrche mnor a fn del procedmento d cu al all art. 1 comma 6-octes del decreto-legge 145/ Valor nomnal. 21 D cu all Allegato A alla delberazone 18 gennao 2007 n. 11/07. 26

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS Delberazone 20 ottobre 2004 Approvazone delle condzon general d accesso e d erogazone del servzo d rgassfcazone d gnl predsposte dalla socetà Gnl Itala Spa (delberazone n. 184/04) L AUTORITÀ PER L ENERGIA

Dettagli

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare MANUALE OPERATIVO PER IL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DEL PERSONALE

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare MANUALE OPERATIVO PER IL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DEL PERSONALE Mnstero dell Ambente e della Tutela del Terrtoro e del Mare MANUALE OPERATIVO PER IL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DEL PERSONALE INDICE 1. INTRODUZIONE 1.1. I RIFERIMENTI NORMATIVI 1.2. GLI OBIETTIVI

Dettagli

LEZIONE 2 e 3. La teoria della selezione di portafoglio di Markowitz

LEZIONE 2 e 3. La teoria della selezione di portafoglio di Markowitz LEZIONE e 3 La teora della selezone d portafoglo d Markowtz Unverstà degl Stud d Bergamo Premessa Unverstà degl Stud d Bergamo Premessa () È puttosto frequente osservare come gl nvesttor tendano a non

Dettagli

10-7-2009. GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 158. ALLEGATO 1 (Allegato A, paragrafo 2)

10-7-2009. GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 158. ALLEGATO 1 (Allegato A, paragrafo 2) ALLEGATO 1 (Allegato A, paragrafo 2) Indcazon per l calcolo della prestazone energetca d edfc non dotat d mpanto d clmatzzazone nvernale e/o d produzone d acqua calda santara 1. In assenza d mpant termc,

Dettagli

RELAZIONE TECNICA. Introduzione. 1 Finalità e requisiti delle attività di dispacciamento nel mercato elettrico liberalizzato

RELAZIONE TECNICA. Introduzione. 1 Finalità e requisiti delle attività di dispacciamento nel mercato elettrico liberalizzato Allegato n. 1 a Prot AU/01/130 RELAZIONE TECNICA PRESUPPOSTI PER L ADOZIONE DI SCHEMA DI CONDIZIONI PER L EROGAZIONE DEL PUBBLICO SERVIZIO DI DISPACCIAMENTO DELL ENERGIA ELETTRICA SUL TERRITORIO NAZIONALE

Dettagli

MACROECONOMIA A.A. 2014/2015

MACROECONOMIA A.A. 2014/2015 MACROECONOMIA A.A. 2014/2015 ESERCITAZIONE 2 MERCATO MONETARIO E MODELLO /LM ESERCIZIO 1 A) Un economa sta attraversando un perodo d profonda crs economca. Le banche decdono d aumentare la quota d depost

Dettagli

Edifici a basso consumo energetico: tra ZEB e NZEB

Edifici a basso consumo energetico: tra ZEB e NZEB Edfc a basso consumo energetco: tra ZEB e NZEB Prof. Ing. Percarlo Romagnon Dpartmento d Progettazone e Panfcazone n Ambent Compless Unverstà IUAV d Veneza Dorsoduro 2206 30123 Veneza perca@uav.t Modell

Dettagli

1. Una panoramica sui metodi valutativi

1. Una panoramica sui metodi valutativi . Una panoramca su metod valutatv La dottrna azendalstca rconosce l esstenza d var metod att a determnare l valore del captale economco d un mpresa. In partcolare, è possble ndvduare tre macro-tpologe

Dettagli

Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti

Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Il Mnstro delle Infrastrutture e de Trasport VISTO l decreto legslatvo 30 aprle 1992, n. 285, come da ultmo modfcato dal decreto legslatvo 18 aprle 2011, n. 59, recante Attuazone delle drettve 2006/126/CE

Dettagli

La contabilità analitica nelle aziende agrarie

La contabilità analitica nelle aziende agrarie 2 La contabltà analtca nelle azende agrare Estmo rurale ed element d contabltà (analtca) S. Menghn Corso d Laurea n Scenze e tecnologe agrare Percorso Economa ed Estmo Contabltà generale e cont. ndustrale

Dettagli

Ministero della Salute D.G. della programmazione sanitaria --- GLI ACC - L ANALISI DELLA VARIABILITÀ METODOLOGIA

Ministero della Salute D.G. della programmazione sanitaria --- GLI ACC - L ANALISI DELLA VARIABILITÀ METODOLOGIA Mnstero della Salute D.G. della programmazone santara --- GLI ACC - L ANALISI DELLA VARIABILITÀ METODOLOGIA La valutazone del coeffcente d varabltà dell mpatto economco consente d ndvduare gl ACC e DRG

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE CARLO GEMMELLARO CATANIA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ECONOMIA AZIENDALE A.S.: 2015/2016 Prof Pnzzotto Dana classe 5 b afm Obtv educatv OBTV ddattc trasversal Acqusre

Dettagli

Efficienza energetica nelle PMI esempi di problemi tipici e possibili soluzioni per un risparmio economico ed energetico

Efficienza energetica nelle PMI esempi di problemi tipici e possibili soluzioni per un risparmio economico ed energetico Opportuntà per le PMI d rsparmo economco ed energetco : dalla forntura alle buone pratche n azenda Effcenza energetca nelle PMI esemp d problem tpc e possbl soluzon www.europrogett.eu Effcenza energetca

Dettagli

COMUNE DI CASSANO DELLE MURGE Provincia di Bari

COMUNE DI CASSANO DELLE MURGE Provincia di Bari Allegato alla D.D. Area 3 - Terrtoro n 17 del 20.04.2009 COMUNE DI CASSANO DELLE MURGE Provnca d Bar DISCIPLINARE BANDO PUBBLICO PER L INCENTIVAZIONE DI INTERVENTI DI RECUPERO DELLE FACCIATE DI IMMOBILI

Dettagli

Relazione funzionale e statistica tra due variabili Modello di regressione lineare semplice Stima puntuale dei coefficienti di regressione

Relazione funzionale e statistica tra due variabili Modello di regressione lineare semplice Stima puntuale dei coefficienti di regressione 1 La Regressone Lneare (Semplce) Relazone funzonale e statstca tra due varabl Modello d regressone lneare semplce Stma puntuale de coeffcent d regressone Decomposzone della varanza Coeffcente d determnazone

Dettagli

DECRETA. ART. 3 Il compenso per l attività di collaborazione è fissato in 1.095,00 esente dall imposta sul reddito delle persone fisiche.

DECRETA. ART. 3 Il compenso per l attività di collaborazione è fissato in 1.095,00 esente dall imposta sul reddito delle persone fisiche. BANDO PER n. 64 BORSE DI COLLABORAZIONE PER IL SUPPORTO PRESSO IL C.I.A.O. DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA LA SAPIENZA NEL PERIODO DA SETTEMBRE 2010 A FINE GENNAIO 2011 000280 IL RETTORE VISTO VISTO

Dettagli

POR FESR Sardegna 2007-2013 Asse VI Competitività BANDO PUBBLICO. Voucher Startup Incentivi per la competitività delle Startup innovative

POR FESR Sardegna 2007-2013 Asse VI Competitività BANDO PUBBLICO. Voucher Startup Incentivi per la competitività delle Startup innovative POR FESR Sardegna 2007-2013 Asse VI Compettvtà BANDO PUBBLICO Voucher Startup Incentv per la compettvtà delle Startup nnovatve ALLEGATO 3 PIANO DI UTILIZZO DEL VOUCHER STARTUP INNOVATIVE 2014 3. Pano d

Dettagli

Bonus Cap Certificates con sottostante Allianz SE, AXA SA, Assicurazioni Generali S.p.A.

Bonus Cap Certificates con sottostante Allianz SE, AXA SA, Assicurazioni Generali S.p.A. Bonus Cap Certfcates con sottostante Allanz SE, AXA SA, Asscurazon General S.p.A. Dal 7 febbrao fno al 1 marzo solo su ISIN: DE000HV8AKJ8 Sottostante: Allanz SE, AXA SA, Asscurazon General S.p.A. Scadenza:

Dettagli

Ricerca Operativa e Logistica Dott. F.Carrabs e Dott.ssa M.Gentili. Modelli per la Logistica: Single Flow One Level Model Multi Flow Two Level Model

Ricerca Operativa e Logistica Dott. F.Carrabs e Dott.ssa M.Gentili. Modelli per la Logistica: Single Flow One Level Model Multi Flow Two Level Model Rcerca Operatva e Logstca Dott. F.Carrabs e Dott.ssa M.Gentl Modell per la Logstca: Sngle Flow One Level Model Mult Flow Two Level Model Modell d localzzazone nel dscreto Modell a Prodotto Sngolo e a Un

Dettagli

FORMAZIONE ALPHAITALIA

FORMAZIONE ALPHAITALIA ALPHAITALIA PAG. 1 DI 13 FORMAZIONE ALPHAITALIA IL SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA Quadro ntroduttvo ALPHAITALIA PAG. 2 DI 13 1. DEFINIZIONI QUALITA Grado n cu un nseme d caratterstche ntrnseche soddsfa

Dettagli

COMUNE DI SESTU. Vigilanza SETTORE : Deiana Pierluigi. Responsabile: DETERMINAZIONE N. 04/12/2015. in data

COMUNE DI SESTU. Vigilanza SETTORE : Deiana Pierluigi. Responsabile: DETERMINAZIONE N. 04/12/2015. in data COMUNE D SESTU SETTORE : Responsable: Vglanza Deana Perlug DETERMNAZONE N. n data 1926 04/12/2015 OGGETTO: Affdamento dretto alla dtta Racca Umberto & C. s.n.c. per la forntura d 6 chav elettronche per

Dettagli

Indicatori di rendimento per i titoli obbligazionari

Indicatori di rendimento per i titoli obbligazionari Indcator d rendmento per ttol obblgazonar LA VALUTAZIONE DEGLI INVESTIMENTI A TASSO FISSO Per valutare la convenenza d uno strumento fnanzaro è necessaro precsare: /4 Le specfche esgenze d un nvesttore

Dettagli

CIRCOLARE N. 9. CIRCOLARI DELL ENTE MODIFICATE/SOSTITUITE: nessuna. Firmato: ing. Carlo Cannafoglia

CIRCOLARE N. 9. CIRCOLARI DELL ENTE MODIFICATE/SOSTITUITE: nessuna. Firmato: ing. Carlo Cannafoglia PROT. N 53897 ENTE EMITTENTE: OGGETTO: DESTINATARI: DATA DECORRENZA: CIRCOLARE N. 9 DC Cartografa, Catasto e Pubblctà Immoblare, d ntesa con l Uffco del Consglere Scentfco e la DC Osservatoro del Mercato

Dettagli

Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti

Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Il Mnstro delle Infrastrutture e de Trasport VISTO l decreto legslatvo 30 aprle 1992, n. 285, come da ultmo modfcato dal decreto legslatvo 18 aprle 2011, n. 59, recante Attuazone delle drettve 2006/126/CE

Dettagli

A. AUMENTO DELLA SPESA PUBBLICA FINANZIATO ESCLUSIVAMENTE TRAMITE INDEBITAMENTO

A. AUMENTO DELLA SPESA PUBBLICA FINANZIATO ESCLUSIVAMENTE TRAMITE INDEBITAMENTO 4. SCHMI ALTRNATIVI DI FINANZIAMNTO DLLA SPSA PUBBLICA. Se l Governo decde d aumentare la Spesa Pubblca G (o Trasferment TR), allora deve anche reperre fond necessar per fnanzare questa sua maggore spesa.

Dettagli

PROVINCIA REGIONALE DI MESSINA

PROVINCIA REGIONALE DI MESSINA PROVNCA REGONALE D MESSNA Regolamento per l'erogazone delle rsorse fnanzare agl sttut scolastc Artcolo 1 - Prncp, defnzon e norme general 1. l presente regolamento da attuazone all'art.3 della Legge 11

Dettagli

Scenari di frenata per il comparto elettrico: il nodo della valorizzazione del prodotto

Scenari di frenata per il comparto elettrico: il nodo della valorizzazione del prodotto CRESME Scenar d frenata per l comparto elettrco: l nodo della valorzzazone del prodotto Il mercato elettrco rappresenta uno de pù nteressant compart economc del nostro paese, caratterzzato da profonde

Dettagli

COMI]Ntr DI BI]RGIO (PROVINCIA DI AGRIGENTO) Atto N. 09 del 05 03 20ls. il giorno, qll-qgg il sottoscritto dott. Vito Montana

COMI]Ntr DI BI]RGIO (PROVINCIA DI AGRIGENTO) Atto N. 09 del 05 03 20ls. il giorno, qll-qgg il sottoscritto dott. Vito Montana @ @ COMI]Ntr DI BI]RGIO (PROVINCIA DI AGRIGENTO) D etermnazone del Respons able dell' are a frnanzara Atto N. 09 del 05 03 20ls OGGETTO: Determnazone delf mporto della cassa vncolata alla data del 3lll2l20l4

Dettagli

McGraw-Hill. Tutti i diritti riservati. Caso 11

McGraw-Hill. Tutti i diritti riservati. Caso 11 Caso Copyrght 2005 The Companes srl Stma d un area fabbrcable n zona ndustrale nella cttà d Ferrara. La stma è effettuata con crter della comparazone e quello del valore d trasformazone. Indce Confermento

Dettagli

Lezione 10. L equilibrio del mercato finanziario: la struttura dei tassi d interesse

Lezione 10. L equilibrio del mercato finanziario: la struttura dei tassi d interesse Lezone 1. L equlbro del mercato fnanzaro: la struttura de tass d nteresse Ttol con scadenza dversa hanno prezz (e tass d nteresse) dfferent. Due ttol d durata dversa emess dallo stesso soggetto (stesso

Dettagli

* * * Nota inerente il calcolo della concentrazione rappresentativa della sorgente. Aprile 2006 RL/SUO-TEC 166/2006 1

* * * Nota inerente il calcolo della concentrazione rappresentativa della sorgente. Aprile 2006 RL/SUO-TEC 166/2006 1 APAT Agenza per la Protezone dell Ambente e per Servz Tecnc Dpartmento Dfesa del Suolo / Servzo Geologco D Itala Servzo Tecnologe del sto e St Contamnat * * * Nota nerente l calcolo della concentrazone

Dettagli

Il modello markoviano per la rappresentazione del Sistema Bonus Malus. Prof. Cerchiara Rocco Roberto. Materiale e Riferimenti

Il modello markoviano per la rappresentazione del Sistema Bonus Malus. Prof. Cerchiara Rocco Roberto. Materiale e Riferimenti Il modello marovano per la rappresentazone del Sstema Bonus Malus rof. Cercara Rocco Roberto Materale e Rferment. Lucd dstrbut n aula. Lemare 995 (pag.6- e pag. 74-78 3. Galatoto G. 4 (tt del VI Congresso

Dettagli

ALLEGATO B REQUISITI DI ORDINE GENERALE

ALLEGATO B REQUISITI DI ORDINE GENERALE PROCEDURA NEGOZIATA PER L'ACQUISIZIONE DEL SERVIZIO DI IDEAZIONE E PROGETTAZIONE GRAFICA PER LA PUBBLICAZIONE E DIVULGAZIONE DELLE INIZIATIVE CULTURALI DELL'ERT ALLEGATO B REQUISITI DI ORDINE GENERALE

Dettagli

Analisi di mercurio in matrici solide mediante spettrometria di assorbimento atomico a vapori freddi

Analisi di mercurio in matrici solide mediante spettrometria di assorbimento atomico a vapori freddi ESEMPIO N. Anals d mercuro n matrc solde medante spettrometra d assorbmento atomco a vapor fredd 0 Introduzone La determnazone del mercuro n matrc solde è effettuata medante trattamento termco del campone

Dettagli

Dove RF è la rendita catastale del fabbricato e f (RF ) la funzione che associa l indice economico del fabbricato alla rendita catastale.

Dove RF è la rendita catastale del fabbricato e f (RF ) la funzione che associa l indice economico del fabbricato alla rendita catastale. 4.4.2. Indc economc L ndce d natura economca, n base a quanto prevsto dalla lettera b), del comma 2 dell artcolo 36 della legge regonale deve essere rferto a reddt catastal rvalutat. S ha pertanto che:

Dettagli

Capitolo 7. La «sintesi neoclassica» e il modello IS-LM. 2. La curva IS

Capitolo 7. La «sintesi neoclassica» e il modello IS-LM. 2. La curva IS Captolo 7 1. Il modello IS-LM La «sntes neoclassca» e l modello IS-LM Defnzone: ndvdua tutte le combnazon d reddto e saggo d nteresse per le qual l mercato de ben (curva IS) e l mercato della moneta (curva

Dettagli

La tua area riservata Organizzazione Semplicità Efficienza

La tua area riservata Organizzazione Semplicità Efficienza Rev. 07/2012 La tua area rservata Organzzazone Semplctà Effcenza www.vstos.t La tua area rservata 1 MyVstos MyVstos è la pattaforma nformatca rservata a rvendtor Vstos che consente d verfcare la dsponbltà

Dettagli

Scelta dell Ubicazione. di un Impianto Industriale. Corso di Progettazione Impianti Industriali Prof. Sergio Cavalieri

Scelta dell Ubicazione. di un Impianto Industriale. Corso di Progettazione Impianti Industriali Prof. Sergio Cavalieri Scelta dell Ubcazone d un Impanto Industrale Corso d Progettazone Impant Industral Prof. Sergo Cavaler I fattor ubcazonal Cost d Caratterstche del Mercato Costruzone Energe Manodopera Trasport Matere Prme

Dettagli

Trigger di Schmitt. e +V t

Trigger di Schmitt. e +V t CORSO DI LABORATORIO DI OTTICA ED ELETTRONICA Scopo dell esperenza è valutare l ampezza dell steres d un trgger d Schmtt al varare della frequenza e dell ampezza del segnale d ngresso e confrontarla con

Dettagli

Visto l articolo 117, comma sesto, della Costituzione;

Visto l articolo 117, comma sesto, della Costituzione; 22 28.10.2013 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 50 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE 22 ottobre 2013, n. 59/R Modfche al regolamento emanato con decreto del Presdente della

Dettagli

Soluzione esercizio Mountbatten

Soluzione esercizio Mountbatten Soluzone eserczo Mountbatten I dat fornt nel testo fanno desumere che la Mountbatten utlzz un sstema d Actvty Based Costng. 1. Calcolo del costo peno ndustrale de tre prodott Per calcolare l costo peno

Dettagli

Esercitazioni del corso di Relazioni tra variabili. Giancarlo Manzi Facoltà di Sociologia Università degli Studi di Milano-Bicocca

Esercitazioni del corso di Relazioni tra variabili. Giancarlo Manzi Facoltà di Sociologia Università degli Studi di Milano-Bicocca Eserctazon del corso d Relazon tra varabl Gancarlo Manz Facoltà d Socologa Unverstà degl Stud d Mlano-Bcocca e-mal: gancarlo.manz@statstca.unmb.t Terza eserctazone Mlano, 8 febbrao 7 SOMMARIO TERZA ESERCITAZIONE

Dettagli

Corso di Laurea in Lingue e Culture Moderne

Corso di Laurea in Lingue e Culture Moderne Dpartmento d Stud Umanstc Corso d Laurea n Lngue e Culture Moderne (L-11 classe n Lngue e Culture Moderne) Manfesto degl Stud A.A. 2014/2015 ART. 1 Obettv formatv specfc e descrzone del corso formatvo

Dettagli

VA TIR - TA - TAEG Introduzione

VA TIR - TA - TAEG Introduzione VA TIR - TA - TAEG Introduzone La presente trattazone s pone come obettvo d analzzare due prncpal crter d scelta degl nvestment e fnanzament per valutare la convenenza tra due o pù operazon fnanzare. S

Dettagli

InfoCenter Product A PLM Application

InfoCenter Product A PLM Application genes d un fra o Gestone de crcolazone dell'nformazone sa crcoscrtta entro Pdetermnat ambt settoral. L'ntegrazone de sstem e de odpartment azendal rchede nuove modaltà operatve, nuove t competenze e nuov

Dettagli

Codice di Stoccaggio Capitolo 7 Bilanciamento e reintegrazione dello stoccaggio

Codice di Stoccaggio Capitolo 7 Bilanciamento e reintegrazione dello stoccaggio Codce d Stoccaggo Captolo 7 Blancamento e rentegrazone dello stoccaggo 7.4 Corrspettv per servz d stoccaggo L UTENTE è tenuto a corrspondere a STOGIT, per la prestazone de servz, gl mport dervant dall

Dettagli

Simulazione seconda prova Tema assegnato all esame di stato per l'abilitazione alla professione di geometra, 2006

Simulazione seconda prova Tema assegnato all esame di stato per l'abilitazione alla professione di geometra, 2006 Smulazone seconda prova Tema assegnato all esame d stato per l'abltazone alla professone d geometra, 006 roposte per lo svolgmento pubblcate sul ollettno SIFET (Socetà Italana d Fotogrammetra e Topografa)

Dettagli

ESERCIZIO N. 1. b) rendimenti reali dell azienda Gesis e del portafoglio di mercato:

ESERCIZIO N. 1. b) rendimenti reali dell azienda Gesis e del portafoglio di mercato: ESERCIZIO N. 1 Il canddato proceda a calcolare l tasso d congrua remunerazone reale dell azenda Gess al 31.12.2003 applcando l CAPM e l WACC della stessa azenda; dat d cu s dspone sono seguent: a) rendmento

Dettagli

... ... ... DI GIOIOSA MAREA (ME) PORTO TURISTICO NELLA FRAZIONE SAN GIORGIO DEL COMUNE. 3. RICAVI E COSTI DI GESTIONE... l

... ... ... DI GIOIOSA MAREA (ME) PORTO TURISTICO NELLA FRAZIONE SAN GIORGIO DEL COMUNE. 3. RICAVI E COSTI DI GESTIONE... l PORTO TURSTCO NELLA FRAZONE SAN GORGO DEL COMUNE D GOOSA MAREA (ME) PROGETTO PRELMNARE PANO ECOVOb'TCO E FNANZAF0 NDCE 1. PREMESSA...,.l 2. COSTO DELL'NTERVENTO...,...,...,..,,.,...,,.,,~...,.,.,.,,...l

Dettagli

Newsletter "Lean Production" Autore: Dott. Silvio Marzo

Newsletter Lean Production Autore: Dott. Silvio Marzo Il concetto d "Produzone Snella" (Lean Producton) s sta rapdamente mponendo come uno degl strument pù modern ed effcac per garantre alle azende la flessbltà e la compettvtà che l moderno mercato rchede.

Dettagli

Metodi e Modelli per l Ottimizzazione Combinatoria Progetto: Metodo di soluzione basato su generazione di colonne

Metodi e Modelli per l Ottimizzazione Combinatoria Progetto: Metodo di soluzione basato su generazione di colonne Metod e Modell per l Ottmzzazone Combnatora Progetto: Metodo d soluzone basato su generazone d colonne Lug De Govann Vene presentato un modello alternatvo per l problema della turnazone delle farmace che

Dettagli

Soluzione attuale ONCE A YEAR. correlation curve (ISO10155) done with, at least 9 parallel measurements

Soluzione attuale ONCE A YEAR. correlation curve (ISO10155) done with, at least 9 parallel measurements Torna al programma Sstema per la garanza della qualtà ne sstem automatc d msura alle emsson: applcazone del progetto d norma pren 14181:2003. Rsultat dell esperenza n campo presso due mpant plota. Cprano

Dettagli

2 Modello IS-LM. 2.1 Gli e etti della politica monetaria

2 Modello IS-LM. 2.1 Gli e etti della politica monetaria 2 Modello IS-LM 2. Gl e ett della poltca monetara S consderun modello IS-LM senzastatocon seguent datc = 0:8, I = 00( ), L d = 0:5 500, M s = 00 e P =. ) S calcolno valor d equlbro del reddto e del tasso

Dettagli

Hansard OnLine. Unit Fund Centre Guida

Hansard OnLine. Unit Fund Centre Guida Hansard OnLne Unt Fund Centre Guda Sommaro Pagna Introduzone al Unt Fund Centre (UFC) 3 Uso de fltr per la selezone de fond 4-5 Lavorare con rsultat del fltro 6 Lavorare con rsultat del fltro - Prezz 7

Dettagli

Variabili statistiche - Sommario

Variabili statistiche - Sommario Varabl statstche - Sommaro Defnzon prelmnar Statstca descrttva Msure della tendenza centrale e della dspersone d un campone Introduzone La varable statstca rappresenta rsultat d un anals effettuata su

Dettagli

Soluzioni per lo scarico dati da tachigrafo innovativi e facili da usare. http://dtco.it

Soluzioni per lo scarico dati da tachigrafo innovativi e facili da usare. http://dtco.it Soluzon per lo scarco dat da tachgrafo nnovatv e facl da usare http://dtco.t Downloadkey II Moble Card Reader Card Reader Downloadtermnal DLD Short Range and DLD Wde Range Qual soluzon ho a dsposzone per

Dettagli

Indici di misurazione del potere di mercato

Indici di misurazione del potere di mercato Indc d msurazone del potere d mercato Metod tradzonal: tass d rendmento, margn e q d Tobn Indc d concentrazone Metod presuntv d Ganmara Martn Introduzone Le teore de mercat concorrenzal e non concorrenzal

Dettagli

AVVISO PUBBLICO Costituzione di short list: Servizio di pulizie presso l Istituto di Ricerca Biogem s.c.ar.l. Via Camporeale, Ariano Irpino (AV)

AVVISO PUBBLICO Costituzione di short list: Servizio di pulizie presso l Istituto di Ricerca Biogem s.c.ar.l. Via Camporeale, Ariano Irpino (AV) AVVISO PUBBLICO Costtuzone d short lst: Servzo d pulze presso l Isttuto d Rcerca Camporeale, Arano Irpno (AV) In esecuzone della Determna Presdenzale n. 15/103 del 10/09/2015, la Bogem Scarl ntende procedere

Dettagli

/f*e*ékfu. utffi6úà/6r.** -r tèv {z l.e6ha. 6tro,gq ---4\ 9"* @y*d"-/%éé/ ,tr. Al Comune di Procida Via LibeÉà, L2-80079 Procida (NA1

/f*e*ékfu. utffi6úà/6r.** -r tèv {z l.e6ha. 6tro,gq ---4\ 9* @y*d-/%éé/ ,tr. Al Comune di Procida Via LibeÉà, L2-80079 Procida (NA1 Mod. 162 /f*e*ékfu utff6úà/6r.** DPARTMENTO PER LE RSORSE DRCHE DREZONE PER LA DFESA DEL MARE 6tro,gq Al Comune d Procda Va LbeÉà, L2-80079 Procda (NA1 % -r tèv {z l.e6ha @y*d"-/%éé/,tr 9"* ---4\ Oggetto:

Dettagli

Dipartimento di Economia Aziendale e Studi Giusprivatistici. Università degli Studi di Bari Aldo Moro. Corso di Macroeconomia 2014

Dipartimento di Economia Aziendale e Studi Giusprivatistici. Università degli Studi di Bari Aldo Moro. Corso di Macroeconomia 2014 Dpartmento d Economa Azendale e Stud Gusprvatstc Unverstà degl Stud d Bar Aldo Moro Corso d Macroeconoma 2014 1.Consderate l seguente grafco: LM Partà de tass d nteresse LM B A IS IS Y E E E Immagnate

Dettagli

Economia del Settore Pubblico 97. Economia del Settore Pubblico 99. Quale indice di diseguaglianza usare? il rapporto interdecilico PROBLEMA:

Economia del Settore Pubblico 97. Economia del Settore Pubblico 99. Quale indice di diseguaglianza usare? il rapporto interdecilico PROBLEMA: Economa del Settore Pubblco Laura Vc laura.vc@unbo.t www.dse.unbo.t/lvc/edsp_.htm LEZIONE 4 Rmn, 9 aprle 008 Economa del Settore Pubblco 96 I prncpal ndc d dseguaglanza: ndc d entropa generalzzata Isprata

Dettagli

consiglio Regionale della Campania

consiglio Regionale della Campania consglo Regonale della Campana Prot.n. 14872/A Al Sgnor Presdente della Gunta Regonale della Campana Va S. Luca, 81 NAPOLI A Presdent delle Commsson Conslar Permanent V e VI A Consgler Regonal Al Settore

Dettagli

TECNICHE DI PROGRAMMAZIONE

TECNICHE DI PROGRAMMAZIONE TECNICHE DI PROGRAMMAZIONE IPOTESI SOTTOSTANTE: TECNICHE LINEARI (COEFFICIENTI FISSI DI PRODUZIONE) PREVISIONI (vendte, prezz de ben e de fattor) medante tecnche estrapolatve, econometrche e d mercato

Dettagli

Capitolo 6 Risultati pag. 468. a) Osmannoro. b) Case Passerini c) Ponte di Maccione

Capitolo 6 Risultati pag. 468. a) Osmannoro. b) Case Passerini c) Ponte di Maccione Captolo 6 Rsultat pag. 468 a) Osmannoro b) Case Passern c) Ponte d Maccone Fgura 6.189. Confronto termovalorzzatore-sorgent dffuse per l PM 10. Il contrbuto del termovalorzzatore alle concentrazon d PM

Dettagli

COMUNE DI SOLARUSSA- (OR) Area_Finanziaria_Tributaria

COMUNE DI SOLARUSSA- (OR) Area_Finanziaria_Tributaria Responsable del provvedmento fnale : Solnas Grazella - tel.0783/378206 - ragonera@comune.solaru sto Acquszone d ben e servz d Fnanzaro Trbutaro Grazella Solnas 0783-378206 ragonera@comune.solaru preventv

Dettagli

TITOLO: L INCERTEZZA DI TARATURA DELLE MACCHINE PROVA MATERIALI (MPM)

TITOLO: L INCERTEZZA DI TARATURA DELLE MACCHINE PROVA MATERIALI (MPM) Identfcazone: SIT/Tec-012/05 Revsone: 0 Data 2005-06-06 Pagna 1 d 7 Annotazon: Il presente documento fornsce comment e lnee guda sull applcazone della ISO 7500-1 COPIA CONTROLLATA N CONSEGNATA A: COPIA

Dettagli

Il valore monetario del volontariato. Un esercizio sul caso napoletano

Il valore monetario del volontariato. Un esercizio sul caso napoletano Statstca & Socetà/Anno 2, N. 1/Lavoro, Economa, Fnanza 11 Il valore monetaro del volontarato. Un eserczo sul caso napoletano Marco Musella Drettore del Dpartmento d Scenze Poltche Unverstà degl Stud Federco

Dettagli

I SINDACATI E LA CONTRATTAZIONE COLLETTIVA. Il ruolo economico del sindacato in concorrenza imperfetta, in cui:

I SINDACATI E LA CONTRATTAZIONE COLLETTIVA. Il ruolo economico del sindacato in concorrenza imperfetta, in cui: I IDACATI E LA COTRATTAZIOE COLLETTIVA Il ruolo economco del sndacato n concorrenza mperfetta, n cu: a) le mprese fssano prezz de ben n contest d concorrenza monopolstca (con extra-proftt); b) lavorator

Dettagli

MILANO - VENERDÌ, 20 LUGLIO 2007. Sommario. Deliberazione Giunta regionale 26 giugno 2007 - n. 8/5018

MILANO - VENERDÌ, 20 LUGLIO 2007. Sommario. Deliberazione Giunta regionale 26 giugno 2007 - n. 8/5018 REPUBBLICA ITALIANA BOLLETTINO UFFICIALE MILANO - VENERDÌ, 20 LUGLIO 2007 3º SUPPLEMENTO STRAORDINARIO Sommaro Anno XXXVII - N. 147 - Poste Italane - Spedzone n abb. postale - 45% - art. 2, comma 20/b

Dettagli

Il patrimonio informativo aziendale come supporto alle attività di marketing

Il patrimonio informativo aziendale come supporto alle attività di marketing Unverstà degl Stud d RomaTre - Facoltà d Economa Corso d Rcerche d Marketng Il patrmono nformatvo azendale come supporto alle attvtà d marketng ng. Stefano Cazzella stefano.cazzella@datamat.t Agenda La

Dettagli

Verifica di efficacia di un Sistema di Gestione di Sicurezza e Salute sul lavoro: l OHSAS 18001

Verifica di efficacia di un Sistema di Gestione di Sicurezza e Salute sul lavoro: l OHSAS 18001 Relazone Verfca d effcaca d un Sstema d Gestone d Scurezza e Salute sul lavoro: l OHSAS 18001 Gl nfortun sul lavoro e le malatte professonal sono ad ogg uno de prncpal problem che afflggono l Itala e

Dettagli

Modelli di base per la politica economica

Modelli di base per la politica economica Marcella Mulno Modell d base per la poltca economca Corso d Poltca economca a.a. 22-23 Captolo 2 Modello - e poltche scal e monetare In questo captolo rchamamo brevemente l modello macroeconomco a prezz

Dettagli

PROTOCOLLO C'INTESA PER LA TUTELA E IL TRA: La Provincia di Avellino. Il Consorzio ASI di Avellino. La Società Irpiniambiente spa

PROTOCOLLO C'INTESA PER LA TUTELA E IL TRA: La Provincia di Avellino. Il Consorzio ASI di Avellino. La Società Irpiniambiente spa PROTOCOLLO C'NTESA PER LA TUTELA E L RSANAMENTO CELLA MEDA VALLE DEL "'''1.''' TRA: La Provnca d Avellno l Consorzo AS d Avellno La Socetà rpnambente spa l Comune d Atrpalda l Comune d Avellno l Comune

Dettagli

Economia del Lavoro. Argomenti del corso

Economia del Lavoro. Argomenti del corso Economa del Lavoro Argoment del corso Studo del funzonamento del mercato del lavoro. In partcolare, l anals economca nerente l comportamento d: a) lavorator, b) mprese, c) sttuzon nel processo d determnazone

Dettagli

Capitolo 3 Covarianza, correlazione, bestfit lineari e non lineari

Capitolo 3 Covarianza, correlazione, bestfit lineari e non lineari Captolo 3 Covaranza, correlazone, bestft lnear e non lnear ) Covaranza e correlazone Ad un problema s assoca spesso pù d una varable quanttatva (es.: d una persona possamo determnare peso e altezza, oppure

Dettagli

BANCA POPOLARE DI VICENZA S.C.P.A. OBBLIGAZIONI CON OPZIONE EUROPEA DI TIPO CALL O PUT PLAIN VANILLA, ASIATICA O DIGITALE

BANCA POPOLARE DI VICENZA S.C.P.A. OBBLIGAZIONI CON OPZIONE EUROPEA DI TIPO CALL O PUT PLAIN VANILLA, ASIATICA O DIGITALE Socetà cooperatva per azon Sede socale: Vcenza, Va Btg. Framarn n. 18 scrtta al n. 1515 dell Albo delle Banche e de Grupp Bancar, codce AB 5728.1 Capogruppo del "Gruppo Banca Popolare d Vcenza Captale

Dettagli

Dipartimento di Statistica Università di Bologna. Matematica finanziaria aa 2012-2013 lezione 13: 24 aprile 2013

Dipartimento di Statistica Università di Bologna. Matematica finanziaria aa 2012-2013 lezione 13: 24 aprile 2013 Dpartmento d Statstca Unverstà d Bologna Matematca fnanzara aa 2012-2013 lezone 13: 24 aprle 2013 professor Danele Rtell www.unbo.t/docent/danele.rtell 1/23? reammortamento uò accadere che, dopo l erogazone

Dettagli

A cura di: Barbara Di Vetta. Oggetto: Il regime dell IVA per cassa

A cura di: Barbara Di Vetta. Oggetto: Il regime dell IVA per cassa A cura d: Barbara D Vetta Oggetto: Il regme dell IVA per cassa Con l decreto del Mnstero dell Economa e delle fnanze del 26 marzo 2009 (n Gazzetta Uffcale n. 96 del 27 aprle 2009), prevsto dall artcolo

Dettagli

Calcolo della caduta di tensione con il metodo vettoriale

Calcolo della caduta di tensione con il metodo vettoriale Calcolo della caduta d tensone con l metodo vettorale Esempo d rete squlbrata ed effett del neutro nel calcolo. In Ampère le cadute d tensone sono calcolate vettoralmente. Per ogn utenza s calcola la caduta

Dettagli

Tipo materia ID P0 2000-2006. Misura/Azione ID. Privacy x Si. ID No Pubblicazione integrale ID Si x No

Tipo materia ID P0 2000-2006. Misura/Azione ID. Privacy x Si. ID No Pubblicazione integrale ID Si x No EtON 33LIA A,a Pohtche per la Rqualfcazone, la Tutela e la Scurezza Ambentale e per l Attuazone delle Opere Pubblche Servzo Ecologa ATTO DIRIGENZIALE ORIGINALE Codfca adempment L.R.15/08 (trasparenza)

Dettagli

L innovazione nella gestione della Qualità nelle PMI

L innovazione nella gestione della Qualità nelle PMI Centro essle Cotonero e bbglamento p L nnovazone nella gestone della Qualtà nelle PM La certfcazone come strumento d busness per le PM e le mcromprese 8 Novembre 2002 - ng. oberto Vannucc lcune notze recent

Dettagli

3. Esercitazioni di Teoria delle code

3. Esercitazioni di Teoria delle code 3. Eserctazon d Teora delle code Poltecnco d Torno Pagna d 33 Prevsone degl effett d una decsone S ndvduano due tpologe d problem: statc: l problema non vara nel breve perodo dnamc: l problema vara Come

Dettagli

LA SITUAZIONE ENERGETICA ITALIANA: PROPOSTE E SCENARI PER UNA RAZIONALIZZAZIONE DEI CONSUMI FINALI

LA SITUAZIONE ENERGETICA ITALIANA: PROPOSTE E SCENARI PER UNA RAZIONALIZZAZIONE DEI CONSUMI FINALI LA SITUAZIONE ENERGETICA ITALIANA: PROPOSTE E SCENARI PER UNA RAZIONALIZZAZIONE DEI CONSUMI FINALI Antono Salvatore Trevs e Domenco Laforga Centro Rcerche Energa ed Ambente (CREA) - Facoltà d Ingegnera

Dettagli

Risoluzione quesiti I esonero 2011

Risoluzione quesiti I esonero 2011 Rsoluzone quest I esonero 011 1) Compto 1 Q3 Un azenda a a dsposzone due progett d nvestmento tra d loro alternatv. Il prmo prevede l pagamento d un mporto par a 100 all epoca 0 e fluss par a 60 all epoca

Dettagli

EH SmartView. Una SmartView sui rischi e sulle opportunità. Servizio di monitoraggio dell assicurazione del credito. www.eulerhermes.

EH SmartView. Una SmartView sui rischi e sulle opportunità. Servizio di monitoraggio dell assicurazione del credito. www.eulerhermes. EH SmartVew Servz Onlne d Euler Hermes Una SmartVew su rsch e sulle opportuntà Servzo d montoraggo dell asscurazone del credto www.eulerhermes.t Cos è EH SmartVew? EH SmartVew è l servzo d Euler Hermes

Dettagli

IMPLEMENTAZIONE DI UN SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA SECONDO LO STANDARD OHSAS 18001

IMPLEMENTAZIONE DI UN SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA SECONDO LO STANDARD OHSAS 18001 IMPLEMENTAZIONE DI UN SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA SECONDO LO STANDARD OHSAS 18001 Prof. Maro Tucc, Ing. Lorenzo Gagnon, Ing. Gann Bettn, Dott. Ely Menchern Dpartmento d Energetca Sergo Stecco Sezone

Dettagli

Introduzione al Machine Learning

Introduzione al Machine Learning Introduzone al Machne Learnng Note dal corso d Machne Learnng Corso d Laurea Magstrale n Informatca aa 2010-2011 Prof Gorgo Gambos Unverstà degl Stud d Roma Tor Vergata 2 Queste note dervano da una selezone

Dettagli

Manuale di conservazione della Provincia di Verona (Articolo 8 DPCM 3 dicembre 2013)

Manuale di conservazione della Provincia di Verona (Articolo 8 DPCM 3 dicembre 2013) p_vr.p_vr.registro UFFICIALE.I.0045688.30-04-2014.h.13:15 Allegato alla determnazone organzzatva n. del PROVINCIA DI VERONA Settore drezone generale Servzo gestone nformatzzata de fluss documental e trattamento

Dettagli

Tutti gli strumenti vanno tarati

Tutti gli strumenti vanno tarati L'INCERTEZZA DI MISURA Anta Calcatell I.N.RI.M S eseguono e producono msure per prendere delle decson sulla base del rsultato ottenuto, come per esempo se bloccare l traffco n funzone d msure d lvello

Dettagli

I SETTORI DELLA MECCANICA E DELL ELETTRONICA: ANALISI DEGLI INDICATORI DI PREZZO-QUALITÀ

I SETTORI DELLA MECCANICA E DELL ELETTRONICA: ANALISI DEGLI INDICATORI DI PREZZO-QUALITÀ I SETTORI DELLA MECCANICA E DELL ELETTRONICA: ANALISI DEGLI INDICATORI DI PREZZO-QUALITÀ d: Andrea Cosso *, Manuela Nenna** e Ottavo Rcch *** ABSTRACT Il lavoro analzza l andamento de valor med untar (VMU)

Dettagli

Allegato A. Modello per la stima della produzione di una discarica gestita a bioreattore

Allegato A. Modello per la stima della produzione di una discarica gestita a bioreattore Modello per la stma della produzone d una dscarca gestta a boreattore 1 Produzone d Bogas Nella letteratura tecnca sono stat propost dvers modell per stmare la produzone d bogas sulla base della qualtà

Dettagli

Dipartimento di Statistica Università di Bologna. Matematica Finanziaria aa 2012-2013 Esercitazione: 4 aprile 2013

Dipartimento di Statistica Università di Bologna. Matematica Finanziaria aa 2012-2013 Esercitazione: 4 aprile 2013 Dpartmento d Statstca Unverstà d Bologna Matematca Fnanzara aa 2012-2013 Eserctazone: 4 aprle 2013 professor Danele Rtell www.unbo.t/docent/danele.rtell 1/41? Aula "Ranzan B" 255 post 1 2 3 4 5 6 7 8 9

Dettagli

CONTRIBUTI ISTAT. L utilizzazione delle surveys per la stima del valore monetario del danno ambientale: il metodo della valutazione contingente

CONTRIBUTI ISTAT. L utilizzazione delle surveys per la stima del valore monetario del danno ambientale: il metodo della valutazione contingente CONTRIBUTI ISTAT L utlzzazone delle surveys per la stma del valore monetaro del danno ambentale: l metodo della valutazone contngente Lda Brond(*) (**) (*) ISTAT Dpartmento per la produzone statstca e

Dettagli

Regolazione incentivante per i servizi di trasporto locale *

Regolazione incentivante per i servizi di trasporto locale * Regolazone ncentvante per servz d trasporto locale * d Andrea Botan e Carlo Cambn # Abstract La recente rforma de trasport pubblc local ha fssato un lmte superore a trasferment erogabl alle azende da parte

Dettagli

Circolare Decreto Legislativo 155/97 - Sistema HACCP e coinvolgimento dei comparti Imballaggi Ortofrutticoli e Sughero.

Circolare Decreto Legislativo 155/97 - Sistema HACCP e coinvolgimento dei comparti Imballaggi Ortofrutticoli e Sughero. Crolare Dereto Legslatvo 155/97 - Sstema HACCP e onvolgmento de ompart Imballagg Ortofruttol e Sughero. Sheda esplatva D.Lvo 155/97" Sopo del presente doumento è quello d llustrare gl aspett nerent alla

Dettagli

31/03/2012. Collusione (Cabral cap.8 PRN capp. 13-14) Il modello standard. Collusione nel modello di Bertrand. Collusione nel modello di Bertrand

31/03/2012. Collusione (Cabral cap.8 PRN capp. 13-14) Il modello standard. Collusione nel modello di Bertrand. Collusione nel modello di Bertrand Collusone (Cabral cap.8 PRN capp. 13-14) Accord tact o esplct per aumentare l potere d mercato e pratcare prezz pù elevat rspetto all equlbro non cooperatvo corrspondente Esste un vantaggo dalla collusone

Dettagli

Verifica termoigrometrica delle pareti

Verifica termoigrometrica delle pareti Unverstà Medterranea d Reggo Calabra Facoltà d Archtettura Corso d Tecnca del Controllo Ambentale A.A. 2009-200 Verfca termogrometrca delle paret Prof. Marna Mstretta ANALISI IGROTERMICA DEGLI ELEMENTI

Dettagli

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI MILANO ALLEGATA AL PROGETTO DI LAVORI DI COSTRUZIONE NUOVA PALESTRA SCOLASTICA POLIVALENTE

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI MILANO ALLEGATA AL PROGETTO DI LAVORI DI COSTRUZIONE NUOVA PALESTRA SCOLASTICA POLIVALENTE COMUNE DI SEREGNO PROVINCIA DI MONZA BRIANZA COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI MILANO ALLEGATA AL PROGETTO DI LAVORI DI COSTRUZIONE NUOVA PALESTRA SCOLASTICA POLIVALENTE ATTIVITÀ NORMATA (D.M. 18.03.1996

Dettagli

NR.400/Ct2008t Y*g tpt12.2r4.27brs VOCE: DECRETO LEGISLATIVO 10 AGOSTO 2007, N. 154 DI ATTUAZIONE ALLA DIRETTIVA 2OO4III ICF.

NR.400/Ct2008t Y*g tpt12.2r4.27brs VOCE: DECRETO LEGISLATIVO 10 AGOSTO 2007, N. 154 DI ATTUAZIONE ALLA DIRETTIVA 2OO4III ICF. -- ["-_lci.',,"*i;* j L.---i1"1î_:_ - i ti{}il 4 Ír ;ì.,-l,'..* Dl PÉLTMNTO []E[.[-.,\. PUBtsl-lC.r\ SCtiF-g /,'f.a NREZT$NN CF,NTfuq,E NH,T,'T\{Mfffu\ZONE h ]ÈN,.A P{JL7,A }Hì".,LH FR(}}-iT'Ti:;ÍT.JJ

Dettagli

Università degli Studi di Urbino Facoltà di Economia

Università degli Studi di Urbino Facoltà di Economia Unverstà degl Stud d Urbno Facoltà d Economa Lezon d Statstca Descrttva svolte durante la prma parte del corso d corso d Statstca / Statstca I A.A. 004/05 a cura d: F. Bartolucc Lez. 8/0/04 Statstca descrttva

Dettagli