BANCA UBAE S.p.A. Bilancio Trentanovesimo Esercizio Sociale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "BANCA UBAE S.p.A. Bilancio 01.01.2011-29.02.2012 Trentanovesimo Esercizio Sociale"

Transcript

1 BANCA UBAE S.p.A. Bilancio Trentanovesimo Esercizio Sociale

2

3 Capitale Sociale Euro , int.vers. Riserve (al 29 febbraio 212): Euro , Libyan Foreign Bank, Tripoli 67,55% UniCredit SpA, Roma 1,79% Eni Adfin SpA (Gruppo ENI), Roma 5,39% Banque Centrale Populaire, Casablanca 4,66% Banque Marocaine du Commerce Extérieur, Casablanca 4,34% Sansedoni Siena SpA (Fondazione Monte dei Paschi di Siena), Siena 3,67% Intesa Sanpaolo SpA, Torino 1,8% Telecom Italia SpA, Milano 1,8% SEDE SOCIALE E SEDI OPERATIVE Recapiti ROMA MILANO Indirizzo Via Quintino Sella, 2 Piazza A. Diaz, Roma, Italia 2123 Milano, Italia Casella Postale Telefono generale Telegramma UBAE ROMA UBAE MILANO Telefax: Swift: UBAI IT RR UBAI IT RR MIL Sito Internet Telefono Tesoreria-Cambi: Reuters: UBAE TRIPOLI (Libia) Ufficio di Rappresentanza Omar Mukhtar Street Omar Mukhtar Investment Complex Telefono: / Fax:

4 COMMISSARI STRAORDINARI NOMINATI IN DATA (1) Corrado Casalino Attilio Zimatore COMITATO DI SORVEGLIANZA NOMINATO IN DATA (1) Raffaele Lener, Presidente Maurizio Lo savio Oliviero Pesce (1) in data 1 marzo 212, in seguito alla ricostituzione degli organi aziendali da parte dell Assemblea degli Azionisti ed alla ripresa della gestione ordinaria della Banca, si è conclusa la procedura dell amministrazione straordinaria di Banca UBAE SpA e sono pertanto decaduti gli organi ad essa preposti COMMISSARI PROVVISORI DAL AL Vincenzo Cantarella Maurizio Losavio CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE (2) Presidente, Abdullatif El Kib* Vice Presidente, Alberto Rossetti * Consiglieri Yousef A. Abdelmaula* Abdelrazak M. Elhoush Radaedin M. Banuga Ernesto Formichella * Mohamed Benchaaboun Saleh A. Keshlaf * Luigi Borri * Membro del Comitato Esecutivo Segretario del Consiglio di Amministrazione e del Comitato Esecutivo, Priscilla Simonetta COLLEGIO SINDACALE (2) Presidente Sindaci Effettivi Sindaci Supplenti Marco Leotta Fernando Carpentieri Fabio Gallassi Cosimo Vella Francesco Rocchi (2) Nominato dall Assemblea Ordinaria degli Azionisti tenutasi il 29 febbraio 212 convocata in forza del provvedimento autorizzativo di Banca d Italia del 24 febbraio

5 DIREZIONE Direttore Generale, Biagio Matranga Condirettore Generale, Jamal R. Elbenghazi Vice Direttore Generale Area Funzionamento, Marcello Fontana (1) Vice Direttore Generale Area Operativa, Adel Aboushwesha (1) dimessosi il 3 giugno 211 Responsabile dell Ufficio di Rappresentanza di Tripoli, Mahmud Ali Elesawi 3

6 Relazione dei Commissari Straordinari A seguito della nota crisi politica e istituzionale che ha investito la Libia nel 211 e della sua drammatica evoluzione in un conflitto militare interno, sono stati emanati, da parte di Autorità internazionali, comunitarie e nazionali provvedimenti di varia natura, volti a stabilire restrizioni di carattere soggettivo ed oggettivo, relative a categorie di soggetti libici (enti, società, privati) alle loro attività ed ai loro patrimoni all'estero. Tali provvedimenti hanno interessato Banca UBAE, sia in funzione del socio di maggioranza assoluta Libyan Foreign Bank 1, che per la preminente importanza dell operatività con soggetti libici, pubblici e privati, che caratterizzava, e tuttora caratterizza, l attività tradizionale della banca. La Procedura di amministrazione straordinaria di Banca UBAE si colloca in questo complesso scenario politico e normativo, come si desume chiaramente anche dai provvedimenti della Banca d'italia e del Ministero dell'economia che hanno disposto, dapprima, la gestione provvisoria della Banca, ai sensi dell art. 7 del T.U. Bancario (d.lgs , n. 385 e succ. mod.) con provvedimento della Banca d Italia del e poi con decreto del Ministero dell Economia e delle Finanze dell e successivo provvedimento della Banca d Italia del lo scioglimento degli organi di amministrazione e controllo della Banca e l apertura della procedura di amministrazione straordinaria, con la nomina dei relativi organi. Da tali provvedimenti si ricava, infatti, che il commissariamento della Banca non dipendeva (così come più comunemente accade; cfr. artt. 7 del T.U. Bancario cit.) da gravi irregolarità amministrative e gestionali o da perdite patrimoniali, bensì dalla esigenza di dare esecuzione ai provvedimenti che stabilivano restrizioni, anche di natura finanziaria, nei confronti di soggetti c.d. listati, e di presidiare la gestione della Banca in una situazione di grave incertezza nel Paese di riferimento, evitando che le risorse della Banca potessero essere utilizzate per finanziare attività di repressione della popolazione libica. Il complesso quadro normativo al quale si è fatto prima riferimento - che ha interessato anche l'attività di Banca UBAE - può essere sintetizzato nei termini che seguono, tenendo conto dei numerosi provvedimenti emessi da diverse Autorità internazionali, comunitarie e nazionali (Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite, OFAC, Consiglio dell'unione Europea, Banca d'italia, Comitato di Sicurezza finanziaria). 1 ) La Libyan Foreign Bank, controllata al 1% dalla Central Bank of Libya, detiene, infatti, il 67,55% del capitale sociale di Banca UBAE s.p.a. 4

7 Nel fornire una sintesi di tale sistema disciplinare e della sua successiva evoluzione si evidenzieranno anche i riflessi dei detti provvedimenti sulle attività di Banca UBAE. 1. Il 26 febbraio 211 il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite ha approvato la Risoluzione 197 (211) che ha disposto un embargo sulle armi, un divieto relativo alle attrezzature atte alla repressione interna, il divieto di transito nel territorio libico nonché il congelamento dei fondi, delle attività finanziarie e di ogni altro tipo di risorse economiche, posseduti o controllati, direttamente o indirettamente, da persone fisiche o giuridiche espressamente designate coinvolte nella commissione di gravi violazioni dei diritti umani a danno di persone in Libia. Peraltro, il 25 febbraio 211 l OFAC (Office of Foreign Assets Control, presso il Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti) aveva già pubblicato un Executive Order del Presidente che imponeva il blocco delle proprietà degli enti collegati al governo libico, della Central Bank of Libya e di soggetti chiaramente individuati, con il conseguente divieto di effettuare qualsiasi tipo di transazione con queste controparti. Nei giorni immediatamente successivi, il Consiglio dell Unione Europea ha adottato il Regolamento UE n. 24 del 2 marzo 211 (pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale dell Unione Europea del 3 marzo 211, data in cui è anche entrato in vigore) che, al fine di garantire il rispetto dei diritti fondamentali del popolo libico, imponeva misure restrittive in conformità a quanto prescritto dalla Risoluzione ONU 197. In particolare, l embargo sulle armi si sostanziava nel divieto di vendere o acquistare, esportare o importare attrezzature che potessero essere usate per la repressione interna (elencate in allegato allo stesso Regolamento). Inoltre, veniva disposto il congelamento dei fondi e delle risorse economiche appartenenti, posseduti, detenuti o controllati dai soggetti (in parte già indicati nella Risoluzione ONU) inclusi nelle liste allegate al Regolamento, tra i quali il leader libico Muammar Mohamed Gheddafi, i membri della sua famiglia ed altri soggetti ritenuti responsabili delle violazioni dei diritti umani a danno di persone in Libia. Scopo ultimo del Regolamento era far sì che nessun fondo o risorsa economica fossero messi a disposizione delle entità indicate negli elenchi. A seguito delle disposizioni della Risoluzione 197 e del Regolamento n. 24, il 7 marzo 211 la Banca d Italia richiamava l attenzione degli intermediari sui comunicati dell Unità di Informazione Finanziaria (UIF) e del Comitato di Sicurezza Finanziaria (CSF), concernenti le misure restrittive imposte nei confronti della Libia, con speciale riferimento all obbligo di segnalare le operazioni sospette connesse all attività dei soggetti inseriti nelle liste e, in caso di esecuzione di transazioni o operazioni, di effettuare preventivi controlli sull origine e sulla destinazione dei fondi utilizzati nonché una verifica rafforzata di identificazione del titolare effettivo, in modo da poter escludere che il beneficiario fosse uno dei soggetti designati. Nei mesi successivi, l Unione Europea ha emanato diversi altri Regolamenti con i quali, di volta in volta, venivano integrati gli elenchi delle entità soggette alle misure restrittive. Il primo è stato il Regolamento di Esecuzione n. 233/211 del 1 marzo 211 (pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale dell Unione Europea dell 11 marzo 211) che ha inserito nelle liste, tra gli altri, la Central Bank of Libya, la Libyan Foreign Bank, la 5

8 Libyan Investment Authority, controparti di Banca UBAE in una rilevante e variegata attività commerciale oltre che titolari di rapporti di conto corrente. Con provvedimento n /11 del 12 marzo 211 la Banca d Italia ha disposto la gestione provvisoria di Banca UBAE, ai sensi dell art. 76 del D.Lgs. n. 385 del 1993 (Testo Unico delle leggi in materia bancaria e Creditizia - TUB), con conseguente sospensione degli organi con funzioni di amministrazione e di controllo e contestuale nomina dei Commissari, dr. Vincenzo Cantarella e dr. Maurizio Losavio, insediatisi in data 14 marzo 211. Il provvedimento dell Organo di Vigilanza trovava fondamento nell inserimento tra i nominativi listati della Central Bank of Libya e della Libyan Foreign Bank, soggetti controllanti e principali controparti di Banca UBAE ed era volto a presidiare la gestione di quest ultima, con specifico riguardo all esigenza di assicurare il rispetto delle misure internazionali. Con comunicazione del 25 marzo 211 il Comitato di Sicurezza Finanziaria (CSF) presso il Ministero dell Economia e delle Finanze (MEF), confermava ai Commissari preposti alla gestione provvisoria che non sussistevano ostacoli alla normale prosecuzione dell attività di Banca UBAE inclusa quella verso la clientela ordinaria e delle controparti bancarie, fermo restando il rispetto di quanto previsto dal regolamento UE n. 24/211 sul divieto di mettere fondi e risorse economiche a disposizione delle persone fisiche e giuridiche, delle entità o organismi soggetti a misure restrittive. Con Regolamento n. 272/211 del 21 marzo 211 (pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale dell Unione Europea del 22 marzo 211) è stato disposto, tra l altro, il congelamento dei fondi appartenenti alla National Commercial Bank, alla Gumhouria Bank e alla Sahara Bank (istituti di proprietà dello stato libico) e alla Gaddafi International and Development Foundation, ritenuta potenziale fonte di finanziamento del regime. In applicazione dei provvedimenti internazionali e in ossequio alle menzionate comunicazioni dell autorità di vigilanza, Banca UBAE provvedeva tempestivamente a congelare i rapporti esistenti con i soggetti libici sopra richiamati, dandone informativa all UIF, secondo quanto disposto dal D. Lgs. 22 giugno 27, n. 19 (recante misure per prevenire, contrastare e reprimere il finanziamento del terrorismo). A questa attività si è, peraltro, dato seguito ogniqualvolta un soggetto detentore di conto presso UBAE è risultato essere inserito nelle liste. Le prime criticità hanno cominciato ad emergere già all indomani della entrata in vigore dei Regolamenti comunitari, con particolare riferimento alla operatività delle lettere di credito e di garanzia che, sebbene emesse anteriormente alla data di imposizione delle misure restrittive, vedevano coinvolti soggetti libici listati. Il Regolamento n. 24/211 prevedeva, un complesso iter procedurale che, in deroga al previsto congelamento, consentiva di ottenere dalle autorità competenti degli Stati membri l autorizzazione a scongelare taluni fondi o risorse economiche, a condizione che ricorressero determinati presupposti, ovvero, in estrema sintesi, che i fondi fossero necessari per soddisfare le esigenze di base dei soggetti designati (compresi i pagamenti relativi a generi alimentari, cure mediche, affitti ecc.) per effettuare pagamenti di onorari e spese legali, per eseguire il pagamento di spese straordinarie e, ancora, che i fondi fossero oggetto di un vincolo o di una sentenza giudiziaria o 6

9 fossero destinati a pagamenti dovuti da un entità listata in forza di un contratto o di un accordo concluso prima della data di designazione. Fin dal mese di marzo Banca UBAE dava l avvio ad una intensa attività volta ad ottenere il rilascio di apposite autorizzazioni da parte del CSF all utilizzo di fondi congelati che i soggetti listati detenevano presso la Banca, soprattutto a fronte di lettere di credito o di garanzia già in essere e rispetto alle quali l intervento delle misure restrittive aveva impedito il pagamento o la consegna di merce già pagata. Nel contempo, il 4 marzo 211 l OFAC pubblicava un provvedimento che comportava una deroga (General License no. 1A) alle disposizioni dell Executive Order del 25 febbraio che permetteva a soggetti bancari controllati dalla Libia non listati soggetti alla vigilanza delle autorità di un paese diverso dalla Libia di effettuare transazioni. Questa licenza consentiva a Banca UBAE di operare senza alcuna restrizione con controparti statunitensi. Intanto, con riferimento all attività militare, l ONU, con la Risoluzione 1973 (211) del 17 marzo 211, imponeva il divieto di volo sui cieli della Libia e invitava gli Stati membri ad adottare tutte le necessarie misure per proteggere la popolazione civile (ad esclusione di invasioni via terra). Le disposizioni della Risoluzione ONU 1973 venivano recepite dal Regolamento UE n. 296/211 del 25 marzo 211 (pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale dell Unione Europea del 26 marzo 211) che inaspriva le misure già intraprese attraverso l imposizione di un divieto relativo agli aeromobili libici nello spazio aereo dell Unione nonché un divieto per gli aeromobili dell Unione relativo ai voli nello spazio aereo libico. Inoltre, in deroga al congelamento, consentiva che taluni fondi fossero messi a disposizione di soggetti listati qualora fosse necessario per scopi umanitari (fornitura di medicinali, alimenti ecc.), sempre previa autorizzazione della competente autorità. Venivano poi adottati altri provvedimenti (Reg. n. 288/211 del 23 marzo 211; Reg. n. 52/211 del 23 maggio 211) volti ad ampliare ulteriormente gli elenchi delle entità soggette a restrizioni. 2. A seguito del provvedimento del 12 marzo 211 con il quale la Banca d Italia aveva sottoposto Banca UBAE alla gestione provvisoria, il Ministero dell Economia e delle Finanze, con decreto dell 8 aprile, disponeva lo scioglimento degli organi con funzioni di amministrazione e di controllo di Banca UBAE, sottoponendola ad amministrazione straordinaria, secondo le norme di cui al Titolo IV, Capo I, Sezione I del Testo Unico delle leggi in materia bancaria e Creditizia (TUB). La Banca d Italia, con provvedimento del 12 aprile 211, nominava Commissari Straordinari il rag. Corrado Casalino e il prof. Attilio Zimatore, con i poteri di amministrazione della Banca; mentre il prof. Lener, il dr. Losavio ed il dr. Pesce venivano nominati quali componenti del Comitato di sorveglianza di Banca UBAE con l attribuzione di funzioni di controllo e consultive. Gli organi della procedura di amministrazione straordinaria si insediavano in Banca UBAE il 18 aprile 211. Anche la procedura di amministrazione straordinaria, così come la gestione provvisoria, era stata disposta non a motivo di irregolarità gestionali o di gravi perdite patrimoniali, ma in conseguenza della crisi socio-politica che stava interessando la Libia. Pertanto, la procedura non ha comportato la riduzione 7

10 dell attività svolta da Banca UBAE, che ha continuato ad essere condotta nel rispetto delle misure restrittive imposte dalle autorità nazionali e internazionali, ma al tempo stesso in modo proattivo e dinamico, particolarmente ma non esclusivamente - nell interesse della clientela italiana, con tutti i paesi del nord Africa, Medio Oriente e sub continente Indiano con i quali la Banca storicamente intrattiene importanti relazioni e detiene un importante know-how specifico per attivitá di trade finance e contrattistica, garanzia e finanziamento di commesse internazionali. Parallelamente all evolversi della crisi libica, da luglio ad ottobre 211, Banca UBAE si faceva promotore di istanze e otteneva autorizzazioni da parte del CSF per lo scongelamento dei fondi libici da destinare all apertura di lettere di credito per l esportazione in Libia di beni di prima necessità, al pagamento di borse di studio in favore di giovani libici residenti all estero, per provvedere alle spese di soggetti non listati e per il regolamento di forniture necessarie alle esigenze di base della popolazione libica. Il Regolamento UE n. 872/211 del 1 settembre 211 (pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale dell Unione Europea del 2 settembre 211) eliminava dall elenco dei soggetti sottoposti alle misure restrittive diverse entità, tra cui la National Commercial Bank, la Gumhouria Bank, la Sahara Bank ed alcune importanti compagnie petrolifere (Brega, Sirte Oil Company, Tamoil Africa Holdings Ltd, ecc.). A decorrere dal 17 settembre 211 veniva inoltre, disposto lo sblocco dei fondi posseduti, detenuti o controllati dalla Central Bank of Libya, dalla Libyan Foreign Bank, dalla Libyan Investment Authority e dalla Libyan Africa Investment Portfolio. Di converso, il blocco dei suddetti fondi permaneva fino al 16 settembre e l utilizzo degli stessi era consentito soltanto per i fini espressamente previsti dalla norma e cioè per scopi umanitari e civili, per sostenere la ripresa delle attività nei settori petrolifero e bancario e per agevolare la costituzione di un nuovo governo in Libia, naturalmente sempre dietro autorizzazione delle autorità. Anche l OFAC pubblicava provvedimenti che riducevano la portata delle restrizioni precedentemente imposte dall Executive Order di febbraio, fra cui anche la General License no. 8A, che dal 19 settembre 211 consentiva l effettuazione di transazioni con la Central Bank of Libya e con i soggetti controllati dal governo libico. Il 1 novembre 211, con Regolamento UE 1139/211, il Consiglio dell Unione Europea rimuoveva il divieto per gli aeromobili libici di utilizzare gli aeroporti dell Unione. Il 16 dicembre 211, il Comitato di Sicurezza delle Nazioni Unite disponeva la fine delle misure restrittive riguardanti la Central Bank of Libya e la Libyan Foreign Bank. In linea con queste disposizioni, il Consiglio dell Unione Europea emanava il Regolamento UE n. 136/211 del 2 dicembre 211 (pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale dell Unione Europea del 22 dicembre 211) con il quale venivano scongelati i fondi e gli assets della Central Bank of Libya e della Libyan Arab Foreign Bank, ponendo quindi le basi per consentire ai Commissari straordinari di predisporre e inoltrare le necessarie istanze alla Banca d Italia per definire la cessazione del regime 8

11 di amministrazione straordinaria e consentire la convocazione dell assemblea dei soci per la ricostituzione degli organi ordinari di amministrazione e controllo. In data i Commissari straordinari, dopo avere trasmesso, ai sensi dell art. 75 del Testo Unico Bancario, la loro Relazione finale datata , hanno presentato istanza alla Banca d Italia affinchè quest ultima volesse disporre la cessazione del regime di amministrazione straordinaria di Banca UBAE e volesse autorizzarli ai sensi dell art. 72, VI comma, del Testo Unico Bancario - a convocare l assemblea ordinaria degli azionisti, ponendo all ordine del giorno la nomina del Consiglio di amministrazione e del Collegio sindacale. A seguito di conforme autorizzazione della Banca d Italia del 24 febbraio 212, i Commissari straordinari hanno quindi provveduto alla convocazione dell assemblea ordinaria, che si è regolarmente svolta in data 29 febbraio 212, provvedendo alla nomina dei nuovi organi di amministrazione e controllo. I nuovi organi di amministrazione e controllo hanno preso in carico la gestione della banca dai Commissari straordinari in data 1 marzo 212. Ai sensi dell art. 75 del Testo Unico Bancario e nei termini ivi previsti, i cessati Commissari straordinari provvedono ora alla redazione del bilancio riferito a tutto l esercizio in corso all inizio dell amministrazione straordinaria (anno 211) la cui durata ai sensi della norma citata è protratta ex lege fino al termine della procedura (29 febbraio 212), costituendo un unico periodo di imposta. Tale bilancio viene quindi presentato alla Banca d Italia per la sua approvazione. Roma, 12 giugno 212 I COMMISSARI STRAORDINARI Rag. Corrado Casalino Prof. Avv. Attilio Zimatore 9

12 Rapporto del Comitato di Sorveglianza Il Comitato di Sorveglianza della Procedura, nominato in data 12 aprile 211, è composto dai Sigg.: prof. avv. Raffaele Lener, presidente, dott. Maurizio Losavio e dott. Oliviero Pesce. Il Comitato si è insediato il 18 aprile 211 e ha svolto, nel periodo, i compiti ad esso attribuiti dalla legge, mantenendosi in continuo contatto con i Commissari Straordinari e con gli uffici della Banca, formulando osservazioni e fornendo pareri, ai sensi dell art. 72, comma 2, TUB e delle istruzioni applicative della Banca d Italia. E opportuno premettere che la procedura di amministrazione straordinaria, così come la gestione provvisoria che l ha preceduta, non è stata disposta per irregolarità gestionali o gravi perdite patrimoniali, bensì in ragione della crisi politica della Libia e dei conseguenti provvedimenti restrittivi assunti dalle autorità internazionali e domestiche. In ragione di ciò la Banca ha continuato a operare, pur se nel rispetto delle ricordate misure restrittive. Il Comitato ha, per ciò, svolto le proprie funzioni tenendo conto delle specificità della gestione commissariale. Dopo il suo insediamento, il Comitato si è formalmente riunito, in contraddittorio con i Commissari, nelle seguenti date: 5 maggio 211, 18 maggio 211, 22 giugno 211, 2 luglio 211, 6 settembre 211, 9 novembre 211, 2 gennaio 212, 1 febbraio 212. Il Comitato ha operato in constante raccordo con le strutture di internal auditing della Banca, in particolare conducendo accertamenti circa presunte rilevazioni anonime segnalate al Comitato stesso, in relazione alle quali non sono state peraltro riscontrate anomalie. In data 22 giugno 211 il Comitato, previa visione della situazione dei conti della Banca acquisita dai Commissari Straordinari, nonché del progetto di bilancio relativo all esercizio 21, non approvato ma oggetto di relazione della società di revisione BDO s.p.a., ha depositato il proprio rapporto, ai sensi dell art. 73, comma 4, TUB. Il Comitato ha attentamente seguito lo svolgersi della gestione dell azienda bancaria nel periodo, apprezzandone i risultati, che hanno consentito di preservarne, per come possibile, il valore e il posizionamento sul mercato. Nel gennaio 212, venute meno tutte le misure restrittive nei confronti della Libia, è stato possibile cominciare a porre in essere le misure propedeutiche al ritorno in bonis della Banca. A seguito di autorizzazione della Banca d Italia del 24 febbraio 212, i Commissari straordinari hanno provveduto alla convocazione dell assemblea ordinaria, che si è 1

13 svolta in data 29 febbraio 212, procedendo alla nomina dei nuovi organi di amministrazione e controllo. I nuovi organi sociali hanno preso in carico la gestione della banca dai Commissari straordinari in data 1 marzo 212. Ai sensi dell art. 75 del testo unico bancario e nei termini ivi previsti, i cessati Commissari straordinari hanno provveduto alla redazione del bilancio riferito all esercizio in corso all inizio dell amministrazione straordinaria (anno 211), la cui durata è protratta ex lege fino al termine della procedura (29 febbraio 212), costituendo unico periodo di imposta. Il Comitato ritiene siffatto bilancio corretto, in linea con le previsioni di legge e tale da rappresentare in modo trasparente l intero periodo della gestione straordinaria. In sintesi il bilancio al 29 febbraio 212 chiude con le seguenti risultanze (Euro/): ATTIVO PASSIVO PATRIMONIO NETTO UTILE DELL ESERCIZIO Si ritiene opportuno, al riguardo, sottolineare come esso appaia altresì coerente con il bilancio per il 21, non approvato per motivi tecnici contingenti, e a sua volta in linea con quello dell esercizio 29 Roma, 18 giugno 212 IL COMITATO DI SORVEGLIANZA Prof. Avv. Raffaele Lener, presidente Dott. Maurizio Losavio, componente Dott. Oliviero Pesce, componente 11

14 Relazione della Società di Revisione 12

15 13

16 14

17 RELAZIONE SULLA GESTIONE ESERCIZIO /

18 INTERSCAMBIO COMMERCIALE ITALIA CON I PAESI DI RIFERIMENTO E LAVORO UBAE EUR/mn IMPORTS EXPORTS IMPORTS EXPORTS IMPORTS EXPORTS 1) TURCHIA ) UAE ) INDIA ) ARABIA SAUDITA ) TUNISIA ) ALGERIA ) COREA DEL SUD ) EGITTO ) IRAN ) MAROCCO ) MALTA ) LIBANO ) SIRIA ) QATAR ) CIPRO ) GIORDANIA ) LIBIA ) KUWAIT ) PAKISTAN ) IRAQ ) OMAN ) BANGLADESH ) SRI LANKA ) BAHRAIN ) SUDAN ) YEMEN ) BURKINA FASO ) MAURITANIA ) CHAD TOTALE LAVORO UBAE % ,62 2,59 4,52 4,68 12,8 5,61 16

19 L'ATTIVITA' DELLA BANCA nell ESERCIZIO / QUADRO DI SINTESI 17

20 QUADRO DI SINTESI L ATTIVITA DELLA BANCA NELL ESERCIZIO QUADRO DI SINTESI Il bilancio, come da disposizione normative in materia (ex art TUB) per le aziende che terminano il periodo dell amministrazione straordinaria è stato predisposto al 29 febbraio 212 (fine della amministrazione straordinaria) ed è stato comparato con quello, presentato ai Commissari straordinari nonché all Organo di Sorveglianza, redatto al 31 dicembre 21 e depositato in data 11 luglio 211. Il bilancio chiuso al 29 febbraio 212, come stabilito dalle disposizioni vigenti in materia, verrà presentato dai Commissari Straordinari alla Banca d Italia per la relativa approvazione L ATTIVITÀ COMMERCIALE Finanziamenti a clientela L attività della Banca è rivolta in prevalenza a favorire interventi di intermediazione finanziaria a sostegno delle operazioni commerciali con controparti che operano nell attività di import/export o di lavori di opere strutturali nei paesi tradizionalmente di riferimento della UBAE, con limitazione delle operazioni sul mercato retail. Nell esercizio in esame, pur nelle difficoltà generali del mercato e della posizione della Banca gli impieghi verso la Clientela sono aumentati significativamente con un minimo contenimento verso la chiusura dell esercizio legata principalmente alla esigenza di riposizionare l attività di questo comparto e riequilibrare meglio la struttura degli impieghi della Banca M n Feb-8 M ay-8 Aug-8 Nov-8 Feb-9 M ay-9 Aug-9 Nov-9 Feb-1 M ay-1 Aug-1 Nov-1 Feb-11 M ay-11 Aug-11 Nov-11 Feb-12 Financings to Customers Financings to Banks Securities 18

21 In considerazione della loro rischiosità e scarsa redditività, ma soprattutto per la loro non attinenza con il core business della Banca, i finanziamenti a breve termine con controparti Corporate, per operazioni non commerciali sono assunti solo marginalmente, e con Clientela che normalmente già opera con la Banca. In generale, il rischio di credito si presenta contenuto. L operatività estera L attività commerciale nei confronti dei paesi di interesse ha rappresentato come sempre il maggior impegno dell Istituto nell esercizio, permettendo di fronteggiare brillantemente le problematiche dei diversi mercati che si sono susseguite in un momento storico di estrema difficoltà per le realtà bancarie. Nello scenario di estrema incertezza che ha caratterizzato il periodo in esame, incentrato maggiormente negli eventi bellici che hanno colpito il Popolo libico, ed in generale le vicissitudini che hanno interessato tutto il Nord-Africa ed il Medio Oriente, la Banca, grazie anche alla posizione di stabilità e sicurezza trasmessa ai mercati con l intervento degli Organi di Vigilanza, ha saputo reagire prontamente e con estrema efficacia. La riduzione dei flussi di attività in Lettere di Credito ha visto contrapporsi, a livello operativo, il necessario forte aumento dei punti di controllo e di attenzione onde fronteggiare i possibili rischi che potevano sorgere dal mancato rispetto dei diversi provvedimenti di varia natura emanati dalle autorità internazionali e comunitarie volti ad indicare i comportamenti da assumere nei confronti dei Paesi sottoposti a misure restrittive. In particolare la Banca sin da quando sono state emanate le prime misure restrittive nei confronti del Paese Libia (Regolamento UE 24/211 del 2 marzo 211) si è attivata presso gli organi di vigilanza in materia (Comitato di Sicurezza finanziaria CSF - presso il Dipartimento del Tesoro) al fine di ottenere le giuste autorizzazioni miranti alla gestione dei fondi libici, detenuti presso le nostre casse e sottoposti a misure di congelamento. Tali autorizzazioni erano finalizzate, in modo particolare, a far fronte all emergenza umanitaria del popolo libico. La Banca UBAE è stata infatti tra le prime banche in Europa a poter svincolare parte dei fondi per destinarli agli scopi di cui sopra. Una volta terminata la crisi libica e venuti meno i provvedimenti restrittivi - per la maggior parte delle entità libiche - la stessa Banca ha saputo inoltre sostenere e guidare, per la propria parte, la ripartenza delle proprie attività, in un quadro di estrema incertezza legato alla riorganizzazione in corso nelle Istituzioni finanziarie del nuovo corso libico Si è tornati velocemente ad una piena operatività, con volumi mensili di sicuro interesse. Nel 212, grazie anche ad una rinnovata spinta commerciale dovuta ad una riorganizzazione del settore competente è ripresa una intensa azione promozionale non solo nei paesi di nostro interesse, al fine di mantenere in alcuni le proprie quote di mercato e contrastando in altri la concorrenza esercitata da aziende bancarie, ma avviando anche l apertura di nuovi mercati di prossima espansione. 19

REVISIONE DELLA DISCIPLINA SECONDARIA IN MATERIA DI GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO

REVISIONE DELLA DISCIPLINA SECONDARIA IN MATERIA DI GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO Vigilanza bancaria e finanziaria REVISIONE DELLA DISCIPLINA SECONDARIA IN MATERIA DI GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO MODIFICHE AL REGOLAMENTO SULLA GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO IN MATERIA DI APPROVAZIONE

Dettagli

LA BANCA D ITALIA. Vista la legge 17 gennaio 2000, n. 7, in materia di disciplina del mercato dell oro;

LA BANCA D ITALIA. Vista la legge 17 gennaio 2000, n. 7, in materia di disciplina del mercato dell oro; Regolamento per l organizzazione e il funzionamento della Unità di Informazione Finanziaria (UIF), ai sensi dell art. 6, comma 2, del d.lgs. 21 novembre 2007, n. 231 LA BANCA D ITALIA Viste la direttiva

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA Deliberato dalla Giunta Comunale con atto n. 177 del 11.05.2001 Modificato ed integrato

Dettagli

MARKETING E CREDITO Credito e Incentivi. Normativa antiriciclaggio. Circolare esplicativa del Ministero dell Economia e Finanze n.

MARKETING E CREDITO Credito e Incentivi. Normativa antiriciclaggio. Circolare esplicativa del Ministero dell Economia e Finanze n. MARKETING E CREDITO Credito e Incentivi Prot. n. 00062 Roma, 4 gennaio 2008 Com. n. 3 OGGETTO: Normativa antiriciclaggio. Circolare esplicativa del Ministero dell Economia e Finanze n. 125367/07 Il Ministero

Dettagli

GRUPPO BANCA MARCHE: IL CDA APPROVA I RISULTATI DI BILANCIO DEL PRIMO SEMESTRE 2013

GRUPPO BANCA MARCHE: IL CDA APPROVA I RISULTATI DI BILANCIO DEL PRIMO SEMESTRE 2013 GRUPPO BANCA MARCHE: IL CDA APPROVA I RISULTATI DI BILANCIO DEL PRIMO SEMESTRE 2013 - Risultato economico netto consolidato dei primi sei mesi 2013 pari a -232 milioni di euro (perdita per l esercizio

Dettagli

RELAZIONI SULLE MATERIE ALL'ORDINE DEL GIORNO EX ART. 125 TER TUF E RELATIVE PROPOSTE DI DELIBERAZIONE

RELAZIONI SULLE MATERIE ALL'ORDINE DEL GIORNO EX ART. 125 TER TUF E RELATIVE PROPOSTE DI DELIBERAZIONE RELAZIONI SULLE MATERIE ALL'ORDINE DEL GIORNO EX ART. 125 TER TUF E RELATIVE PROPOSTE DI ZIONE RELAZIONE AL PUNTO N. 1 ALL ODG DELL ASSEMBLEA ORDINARIA: Bilancio individuale e consolidato chiuso al 31

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI

ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI COMUNICATO STAMPA ESAMINATI DAL CONSIGLIO I RISULTATI CONSOLIDATI DEL PRIMO TRIMESTRE GRUPPO ITALMOBILIARE: RICAVI: 1.386,4 MILIONI DI EURO (1.452,5 MILIONI NEL PRIMO TRIMESTRE

Dettagli

Approvato dal Consiglio di Amministrazione il Resoconto intermedio sulla gestione del Gruppo Tod s relativo ai primi tre mesi del 2013

Approvato dal Consiglio di Amministrazione il Resoconto intermedio sulla gestione del Gruppo Tod s relativo ai primi tre mesi del 2013 Sant Elpidio a Mare, 14 maggio TOD S S.p.A. Forte crescita dei ricavi all estero (Cina: +55,4%, Americhe: +31%). Italia: -26,7%. Solida crescita nei DOS (+16,8%). Confermata l ottima redditività del Gruppo,

Dettagli

Regolamento del Comitato Controllo e Rischi di Eni S.p.A.

Regolamento del Comitato Controllo e Rischi di Eni S.p.A. Regolamento del Comitato Controllo e Rischi di Eni S.p.A. Regolamento del Comitato Controllo e Rischi di Eni S.p.A. 1 Il presente Regolamento, approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 1 giugno

Dettagli

La fusione per incorporazione del Credito Bergamasco

La fusione per incorporazione del Credito Bergamasco Il Banco Popolare semplifica e razionalizza ulteriormente la struttura societaria del Gruppo: approvato il progetto di fusione per incorporazione del Credito Bergamasco e di Banca Italease Verona, 26 novembre

Dettagli

IL DIRETTORIO DELLA BANCA D ITALIA

IL DIRETTORIO DELLA BANCA D ITALIA REGOLAMENTO DEL 18 LUGLIO 2014 Regolamento per l organizzazione e il funzionamento della Unità di Informazione Finanziaria per l Italia (UIF), ai sensi dell art. 6, comma 2, del d.lgs. 21 novembre 2007,

Dettagli

Investimento e Sviluppo Mediterraneo spa. Il CdA approva i risultati al 31 marzo 2008

Investimento e Sviluppo Mediterraneo spa. Il CdA approva i risultati al 31 marzo 2008 Comunicato Stampa Investimenti e Sviluppo Mediterraneo S.p.A.: Il CdA approva i risultati al 31 marzo 2008 Trimestre: gennaio 2008 marzo 2008 Margine di interesse pari a euro 327.660 Margine di intermediazione

Dettagli

Articolo 7. (Patrimonio dello Stato S.p.a.) Articolo 8. (Società per il finanziamento delle infrastrutture)

Articolo 7. (Patrimonio dello Stato S.p.a.) Articolo 8. (Società per il finanziamento delle infrastrutture) SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA N. 1425 DISEGNO DI LEGGE presentato dal Presidente del Consiglio dei ministri (BERLUSCONI) e dal Ministro dell economia e delle finanze (TREMONTI) di concerto col

Dettagli

Decreto 13 maggio 1999, n. 219. Disciplina dei mercati all ingrosso dei titoli di Stato.

Decreto 13 maggio 1999, n. 219. Disciplina dei mercati all ingrosso dei titoli di Stato. Decreto 13 maggio 1999, n. 219 Disciplina dei mercati all ingrosso dei titoli di Stato. IL MINISTRO DEL TESORO DEL BILANCIO E DELLA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA Visto il decreto legislativo 24 febbraio 1998,

Dettagli

FORTINVESTIMENTI SIM S.P.A. BASILEA 2 III PILASTRO - INFORMATIVA AL PUBBLICO. In ottemperanza al Regolamento Banca d Italia del 24 ottobre 2007

FORTINVESTIMENTI SIM S.P.A. BASILEA 2 III PILASTRO - INFORMATIVA AL PUBBLICO. In ottemperanza al Regolamento Banca d Italia del 24 ottobre 2007 FORTINVESTIMENTI SIM S.P.A. BASILEA 2 III PILASTRO - INFORMATIVA AL PUBBLICO In ottemperanza al Regolamento Banca d Italia del 24 ottobre 2007 Al 31 dicembre 2008 INTRODUZIONE 3 TAVOLA 1 - REQUISITO INFORMATIVO

Dettagli

BASILEA II. Il ruolo del Dottore Commercialista consulente d impresa. Milano, 12 maggio 2004

BASILEA II. Il ruolo del Dottore Commercialista consulente d impresa. Milano, 12 maggio 2004 BASILEA II Il ruolo del Dottore Commercialista consulente d impresa Relatore: Aldo Camagni Presidente commissione finanza, controllo di gestione e contabilità d impresa dell Ordine dei Dottori Commercialisti

Dettagli

(290,8 milioni il dato depurato dalle componenti non ricorrenti) Utile netto di periodo: 103,2 milioni (36,1 milioni al 30.6.2007)

(290,8 milioni il dato depurato dalle componenti non ricorrenti) Utile netto di periodo: 103,2 milioni (36,1 milioni al 30.6.2007) CREDITO BERGAMASCO: il Consiglio di Amministrazione approva la relazione finanziaria semestrale. Crescono i ricavi. Continua espansione dei prestiti a piccole e medie imprese e della raccolta diretta complessiva.

Dettagli

Approvato dal Consiglio di Amministrazione il Resoconto intermedio sulla gestione del Gruppo Tod s relativo ai primi nove mesi del 2013

Approvato dal Consiglio di Amministrazione il Resoconto intermedio sulla gestione del Gruppo Tod s relativo ai primi nove mesi del 2013 Milano, 13 novembre 2013 TOD S S.p.A. Solida crescita dei ricavi all estero (Greater China: +28%, Americhe: +14%). Confermata l ottima redditività del Gruppo (margine Ebitda: 26,5%). Aumentate le disponibilità

Dettagli

Punto 5 all ordine del giorno dell Assemblea Straordinaria

Punto 5 all ordine del giorno dell Assemblea Straordinaria Punto 5 all ordine del giorno dell Assemblea Straordinaria Modifica del regolamento del Prestito Obbligazionario Convertendo BPM 2009/2013 6,75%. Conseguente attribuzione al Consiglio di Amministrazione

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31 DICEMBRE 2013

INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31 DICEMBRE 2013 INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31 DICEMBRE 2013 Sintesi del documento pubblicato ai sensi del Titolo IV della Circolare 263/06 della Banca d Italia L Informativa al pubblico adempie all obbligo

Dettagli

Il CDA ha approvato il resoconto intermedio di gestione al 31 marzo 2010 GRUPPO BANCA IFIS

Il CDA ha approvato il resoconto intermedio di gestione al 31 marzo 2010 GRUPPO BANCA IFIS Comunicato stampa Mestre, 29 aprile 2010 Il CDA ha approvato il resoconto intermedio di gestione al 31 marzo 2010 GRUPPO BANCA IFIS UTILI IN FORTE CRESCITA: +107,8% SUL 4 TRIMESTRE 2009, +13,9% SUL 1 TRIMESTRE

Dettagli

ROAD SHOW 2008 Company Results

ROAD SHOW 2008 Company Results ROAD SHOW 2008 Company Results Milano, 24 marzo 2009 1 Relatori Luca Bronchi Direttore Generale Ugo Borgheresi Investor Relator 2 Agenda Company Highlights 31 Dicembre 2008 Linee Guida Piano Industriale

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI VERCELLI

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI VERCELLI REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI VERCELLI Approvato dall Organo di indirizzo in data 17 dicembre 2015 2 SOMMARIO TITOLO I - PREMESSE Art. 1 (Ambito di applicazione)

Dettagli

La privatizzazione della Borsa e il nuovo quadro normativo

La privatizzazione della Borsa e il nuovo quadro normativo La Privatizzazione della Borsa e il nuovo Quadro normativo Il processo di riorganizzazione e sviluppo dei mercati finanziari avviato con la legge 1/1991 - relativa alla disciplina dell attività di intermediazione

Dettagli

Relazione sulla gestione Bilancio ordinario al 31/12/2014

Relazione sulla gestione Bilancio ordinario al 31/12/2014 COLFERT S.P.A. Sede legale: VIA DEI MILLE N. 32 - FRESCADA PREGANZIOL (TV) Iscritta al Registro Imprese di TREVISO C.F. e numero iscrizione: 00401460266 Iscritta al R.E.A. di TREVISO n. 120644 Capitale

Dettagli

STATO PATRIMONIALE AL 31/12/2012

STATO PATRIMONIALE AL 31/12/2012 STATO PATRIMONIALE AL 31/12/2012 31/12/2011 31/12/2012 A ATTIVO Crediti verso soci per versamenti ancora dovuti B Immobilizzazioni 274.850,12 204.984,48 I Immobilizzazioni immateriali II Immobilizzazioni

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL PROVVEDIMENTO BANCA D ITALIA 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1

INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL PROVVEDIMENTO BANCA D ITALIA 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1 INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL PROVVEDIMENTO BANCA D ITALIA 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1 Premessa Il Regolamento della Banca d Italia in materia di vigilanza prudenziale per le SIM (Titolo

Dettagli

REGOLAMENTO COMITATO CONTROLLO, RISCHI, REMUNERAZIONE E NOMINE

REGOLAMENTO COMITATO CONTROLLO, RISCHI, REMUNERAZIONE E NOMINE REGOLAMENTO COMITATO CONTROLLO, RISCHI, REMUNERAZIONE E NOMINE 24 Luglio 2015 1 ARTICOLO 1 PREMESSA 1.1. Conto tenuto delle raccomandazioni contenute nel Codice di Autodisciplina di Borsa Italiana S.p.A.,

Dettagli

Tavola 1 Requisito informativo generale

Tavola 1 Requisito informativo generale Tavola 1 Requisito informativo generale (a) Il Consiglio di Amministrazione di Finlabo SIM. (di seguito anche la SIM o la Società ), ha definito le politiche di gestione dei rischi all interno delle quali

Dettagli

Rendiconto Gestionale

Rendiconto Gestionale RELAZIONE DEL COLLEGIO SINDACALE AL BILANCIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2013 CITTADINANZATTIVA ONLUS Signori Associati, il Rendiconto gestionale relativo all esercizio chiuso al 31 dicembre 2013 è stato redatto

Dettagli

COMUNICATO STAMPA Risultati preliminari di bilancio consolidati al 31 dicembre 2015

COMUNICATO STAMPA Risultati preliminari di bilancio consolidati al 31 dicembre 2015 Società per Azioni con Sede Legale in Cagliari Viale Bonaria, 33 Codice fiscale e n di iscrizione al Registro delle Imprese di Cagliari 01564560900 Partita IVA 01577330903 Iscrizione all Albo delle Banche

Dettagli

BANCA CARIGE Società per Azioni - Via Cassa di Risparmio,15-16123 Genova 1

BANCA CARIGE Società per Azioni - Via Cassa di Risparmio,15-16123 Genova 1 Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione al punto secondo dell ordine del giorno dell Assemblea Straordinaria dei Soci convocata per il giorno 23 aprile 2015 in unica convocazione, in merito

Dettagli

Comunicato Stampa. SMI Società Metallurgica Italiana S.p.A cod.abi 107683 www.smi.it BILANCIO DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2002

Comunicato Stampa. SMI Società Metallurgica Italiana S.p.A cod.abi 107683 www.smi.it BILANCIO DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2002 Comunicato Stampa SMI Società Metallurgica Italiana S.p.A cod.abi 107683 www.smi.it BILANCIO DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2002 Il Gruppo: il fatturato consolidato, pari a Euro 2.054,4 milioni,

Dettagli

COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A

COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A. HA APPROVATO IL BILANCIO CONSOLIDATO E IL PROGETTO DI BILANCIO INDIVIDUALE AL 31 DICEMBRE 2007 DATI DI BILANCIO

Dettagli

POLICY SINTETICA ADOTTATA DA BANCA LEONARDO S.P.A

POLICY SINTETICA ADOTTATA DA BANCA LEONARDO S.P.A POLICY SINTETICA ADOTTATA DA BANCA LEONARDO S.P.A. PER L INDIVIDUAZIONE E LA GESTIONE DEI CONFLITTI DI INTERESSE NELLA PRESTAZIONE DEI SERVIZI E DELLE ATTIVITA DI INVESTIMENTO E DEI SERVIZI ACCESSORI 1.

Dettagli

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali COMUNICATO STAMPA CREDITO, CATANIA: NUOVI STRUMENTI PER L AGRICOLTURA ITALIANA Il nostro Paese sta attraversando una congiuntura difficile ed uno

Dettagli

A) Scheda identificativa

A) Scheda identificativa Pioneer Fondi Italia Regolamento Unico di Gestione dei Fondi comuni di investimento mobiliare aperti armonizzati appartenenti al Sistema Pioneer Fondi Italia Valido a decorrere dal 01 marzo 2009 Il presente

Dettagli

REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO PROGETTO SMART

REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO PROGETTO SMART REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO PROGETTO SMART 1 Denominazione CNP UniCredit Vita al fine di adempiere agli obblighi assunti nei confronti degli Aderenti, in base a quanto stabilito dal Regolamento e dalle

Dettagli

2) il trasferimento della sede legale con relative modifiche statutarie;

2) il trasferimento della sede legale con relative modifiche statutarie; Relazione dei Liquidatori sul valore di liquidazione delle azioni per l esercizio del diritto di recesso predisposta ai sensi e per gli effetti dell art. 2437 e dell art. 2437-ter del c.c. Signori Azionisti,

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. RISULTATO DELLA GESTIONE OPERATIVA Euro 44,4 milioni (ex Euro 2 milioni)

COMUNICATO STAMPA. RISULTATO DELLA GESTIONE OPERATIVA Euro 44,4 milioni (ex Euro 2 milioni) COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA BANCA POPOLARE DI SPOLETO S.P.A. HA APPROVATO IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 30 SETTEMBRE 2015 NOTA: A SEGUITO DELL AVVENUTO CONFERIMENTO

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO MOBILIARE

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO MOBILIARE REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO MOBILIARE INDICE Art. 1 - Ambito di applicazione Ambito di applicazione 1 TITOLO I PRINCIPI GENERALI Art. 2 - Finalità del processo di gestione del patrimonio

Dettagli

Vigilanza bancaria e finanziaria

Vigilanza bancaria e finanziaria Vigilanza bancaria e finanziaria DISPOSIZIONI DI VIGILANZA IN MATERIA DI POTERI DI DIREZIONE E COORDINAMENTO DELLA CAPOGRUPPO DI UN GRUPPO BANCARIO NEI CONFRONTI DELLE SOCIETÀ DI GESTIONE DEL RISPARMIO

Dettagli

Le banche LA STRUTTURA DEL SISTEMA FINANZIARIO ITALIANO LA STRUTTURA DEL SISTEMA FINANZIARIO

Le banche LA STRUTTURA DEL SISTEMA FINANZIARIO ITALIANO LA STRUTTURA DEL SISTEMA FINANZIARIO LA STRUTTURA DEL SISTEMA FINANZIARIO ITALIANO Banche Intermediari creditizi non bancari Intermediari della securities industry Assicurazioni LA STRUTTURA DEL SISTEMA FINANZIARIO Fonte Banca d Italia, Relazione

Dettagli

TOD S S.p.A. crescita dei ricavi del 6,2% nei primi nove mesi del 2015 con margine EBITDA del 20,3%

TOD S S.p.A. crescita dei ricavi del 6,2% nei primi nove mesi del 2015 con margine EBITDA del 20,3% Milano, 11 novembre 2015 TOD S S.p.A. crescita dei ricavi del 6,2% nei primi nove mesi del 2015 con margine EBITDA del 20,3% Approvato dal Consiglio di Amministrazione il Resoconto intermedio sulla gestione

Dettagli

POLICY CONFLITTI D INTERESSE

POLICY CONFLITTI D INTERESSE POLICY CONFLITTI D INTERESSE Documento per la clientela 13/01/2014 INDICE 1. PREMESSA 3 1.1 Definizioni 4 2. OBIETTIVI 5 3. ANALISI E VALUTAZIONI: IDENTIFICAZIONE DELLE SITUAZIONI DI POTENZIALE CONFLITTO

Dettagli

BANCA MONTE DEI PASCHI DI SIENA: APPROVATO IL PIANO INDUSTRIALE 2013-2017

BANCA MONTE DEI PASCHI DI SIENA: APPROVATO IL PIANO INDUSTRIALE 2013-2017 COMUNICATO STAMPA BANCA MONTE DEI PASCHI DI SIENA: APPROVATO IL PIANO INDUSTRIALE 2013-2017 Il documento declina le linee strategiche e operative del Piano di Ristrutturazione presentato il 7 ottobre 2013

Dettagli

INFORMATIVA PER I CLIENTI

INFORMATIVA PER I CLIENTI INFORMATIVA PER I CLIENTI INFORMATIVA AI SENSI DELL'ART. 13 DEL D. LGS. 196/2003 ( Codice in materia di protezione dei dati personali o anche Codice Privacy ) I) Finalità e Modalità del trattamento cui

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA Crédit Agricole Vita

REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA Crédit Agricole Vita REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA Crédit Agricole Vita 1. Denominazione Viene attuata una speciale forma di gestione degli investimenti, distinta dagli altri attivi detenuti dall impresa di assicurazione,

Dettagli

Regolamento del fondo interno A.G. Italian Equity Pagina 1 di 5. = oéöçä~ãéåíç= ÇÉä=ÑçåÇç= áåíéêåç=^kdk= fí~äá~å=bèìáíó=

Regolamento del fondo interno A.G. Italian Equity Pagina 1 di 5. = oéöçä~ãéåíç= ÇÉä=ÑçåÇç= áåíéêåç=^kdk= fí~äá~å=bèìáíó= = oéöçä~ãéåíç= ÇÉä=ÑçåÇç= áåíéêåç=^kdk= fí~äá~å=bèìáíó= A) Obiettivi e descrizione del fondo Il fondo persegue l obiettivo di incrementare il suo valore nel lungo termine, attraverso l investimento in

Dettagli

Punto 3 all Ordine del Giorno dell Assemblea Ordinaria

Punto 3 all Ordine del Giorno dell Assemblea Ordinaria Punto 3 all Ordine del Giorno dell Assemblea Ordinaria Autorizzazione all acquisto e alla disposizione di azioni proprie. Delibere inerenti e conseguenti. 863 Relazione del Consiglio di Gestione sul punto

Dettagli

Pioneer Fondi Italia. Valido a decorrere dal 2 maggio 2012.

Pioneer Fondi Italia. Valido a decorrere dal 2 maggio 2012. Pioneer Fondi Italia Regolamento Unico di Gestione dei Fondi comuni di investimento mobiliare aperti armonizzati appartenenti al Sistema Pioneer Fondi Italia Valido a decorrere dal 2 maggio 2012. . A)

Dettagli

Pioneer Fondi Italia. Valido a decorrere dal 2 Luglio 2012.

Pioneer Fondi Italia. Valido a decorrere dal 2 Luglio 2012. Pioneer Fondi Italia Regolamento Unico di Gestione dei Fondi comuni di investimento mobiliare aperti armonizzati appartenenti al Sistema Pioneer Fondi Italia Valido a decorrere dal 2 Luglio 2012. . A)

Dettagli

Offerta al pubblico di LIFE INCOME 360 prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto UL14UI) Regolamento dei Fondi interni

Offerta al pubblico di LIFE INCOME 360 prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto UL14UI) Regolamento dei Fondi interni Offerta al pubblico di LIFE INCOME 360 prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto UL14UI) Regolamento dei Fondi interni REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO CREDITRAS INCOME 360 1

Dettagli

Relazione del Consiglio di Amministrazione sul secondo punto all ordine del giorno della parte straordinaria

Relazione del Consiglio di Amministrazione sul secondo punto all ordine del giorno della parte straordinaria Relazione del Consiglio di Amministrazione sul secondo punto all ordine del giorno della parte straordinaria Aumento di capitale sociale ai sensi dell art. 2441, quarto comma, secondo periodo, c.c.; deliberazioni

Dettagli

COMUNICATO STAMPA RIVISTE PREVISIONI PER IL 2009 E APPROVATO PIANO INDUSTRIALE 2010/2015

COMUNICATO STAMPA RIVISTE PREVISIONI PER IL 2009 E APPROVATO PIANO INDUSTRIALE 2010/2015 COMUNICATO STAMPA RIVISTE PREVISIONI PER IL 2009 E APPROVATO PIANO INDUSTRIALE 2010/2015 IMPEGNI DELLA CONTROLLANTE MERIDIANA PER GARANTIRE LA CONTINUITA AZIENDALE ALLO STUDIO L INTEGRAZIONE CON LE ATTIVITA

Dettagli

il margine di interesse risulta stabile, attestandosi a 30,6 Milioni di Euro

il margine di interesse risulta stabile, attestandosi a 30,6 Milioni di Euro COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione di Banca Intermobiliare di Investimenti e Gestioni S.p.A. approva il Bilancio consolidato ed il Bilancio d esercizio al 31 dicembre 2012: Raccolta complessiva

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO INDICE Art. 1 Ambito di applicazione TITOLO I PRINCIPI GENERALI Art. 2 Finalità del processo di gestione del patrimonio Art. 3 Fondo stabilizzazione erogazioni

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL FONDO BANCOPOSTA LIQUIDITÀ EURO

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL FONDO BANCOPOSTA LIQUIDITÀ EURO appartenente al Gruppo Poste Italiane REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL FONDO BANCOPOSTA LIQUIDITÀ EURO Collocatore Pagina 1 di 12 A) SCHEDA IDENTIFICATIVA funzionamento. Denominazione, tipologia e durata del

Dettagli

Aedes S.p.A. Bastioni di Porta Nuova 21 20121 Milano Tel. +39 02 62431 Fax +39 02 29002719

Aedes S.p.A. Bastioni di Porta Nuova 21 20121 Milano Tel. +39 02 62431 Fax +39 02 29002719 Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Aedes S.p.A. sulla proposta di acquisto e disposizione di azioni proprie, ai sensi e per gli effetti degli artt. 2357 e 2357-ter del Codice Civile,

Dettagli

COMUNICAZIONE AI PARTECIPANTI AL FONDO COMUNE D INVESTIMENTO MOBILIARE APERTO ARMONIZZATO DENOMINATO BANCOPOSTA OBBLIGAZIONARIO FEBBRAIO 2014

COMUNICAZIONE AI PARTECIPANTI AL FONDO COMUNE D INVESTIMENTO MOBILIARE APERTO ARMONIZZATO DENOMINATO BANCOPOSTA OBBLIGAZIONARIO FEBBRAIO 2014 COMUNICAZIONE AI PARTECIPANTI AL FONDO COMUNE D INVESTIMENTO MOBILIARE APERTO ARMONIZZATO DENOMINATO BANCOPOSTA OBBLIGAZIONARIO FEBBRAIO 2014 LA SOSTITUZIONE DELLA SOCIETÀ GESTORE A partire dal 3 giugno

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE 2015

BILANCIO DI PREVISIONE 2015 BILANCIO DI PREVISIONE 2015 Organismo per la gestione degli elenchi degli Agenti in attività finanziaria e dei Mediatori creditizi Il Direttore Generale Federico Luchetti Il Presidente Maurizio Manetti

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO Approvato dal Consiglio di Indirizzo nella seduta del 14 febbraio 2014 1 SOMMARIO AMBITO DI APPLICAZIONE Pag. 3 1. PRINCIPI GENERALI Pag. 3 1.1. Finalità del

Dettagli

COMUNICATO STAMPA INWIT: APPROVATI DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE I RISULTATI AL 30 GIUGNO 2015

COMUNICATO STAMPA INWIT: APPROVATI DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE I RISULTATI AL 30 GIUGNO 2015 COMUNICATO STAMPA INWIT: APPROVATI DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE I RISULTATI AL 30 GIUGNO 2015 Principali risultati al 30 giugno 2015 della neocostituita Infrastrutture Wireless Italiane S.p.A. RICAVI:

Dettagli

GRUPPO BANCO DESIO RELAZIONE TRIMESTRALE CONSOLIDATA

GRUPPO BANCO DESIO RELAZIONE TRIMESTRALE CONSOLIDATA GRUPPO BANCO DESIO RELAZIONE TRIMESTRALE CONSOLIDATA AL 31 MARZO 2006 1 INDICE Prospetti contabili pag. 03 Note di commento ed osservazioni degli Amministratori pag. 04 Nota informativa pag. 04 La struttura

Dettagli

RELAZIONE RELATIVA ALL ANALISI E REVISIONE DELLE PROCEDURE DI SPESA (ai sensi dell articolo 9 del D.L. 78/2009 convertito in L.

RELAZIONE RELATIVA ALL ANALISI E REVISIONE DELLE PROCEDURE DI SPESA (ai sensi dell articolo 9 del D.L. 78/2009 convertito in L. RELAZIONE RELATIVA ALL ANALISI E REVISIONE DELLE PROCEDURE DI SPESA (ai sensi dell articolo 9 del D.L. 78/2009 convertito in L. 102/2009) L art. 9, comma 1, lettera a), del D.L. 78/2009, convertito con

Dettagli

GAS PLUS S.p.A. DOCUMENTO INFORMATIVO

GAS PLUS S.p.A. DOCUMENTO INFORMATIVO GAS PLUS S.p.A. DOCUMENTO INFORMATIVO redatto ai sensi dell art. 5 del Regolamento Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 come successivamente modificato e integrato Rimborso del Finanziamento Soci a favore

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE PESCARABRUZZO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE PESCARABRUZZO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE PESCARABRUZZO Approvato dal Comitato di Indirizzo nella seduta del 20 marzo 2015 Sommario TITOLO I - PREMESSE... 3 1. Ambito di applicazione...

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Visto il decreto-legge 22 giugno 2012, n. 83, convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012, n. 134, recante Misure urgenti per la crescita del Paese, e,

Dettagli

Regolamento per la gestione del patrimonio

Regolamento per la gestione del patrimonio Regolamento per la gestione del patrimonio Approvato dall Organo di indirizzo nella seduta del 19 aprile 2013 Art. 1 (Ambito di applicazione) Il presente regolamento, adottato ai sensi dell'art. 6 dello

Dettagli

SISTEMA SYMPHONIA REGOLAMENTO UNICO DEI FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO APERTI ARMONIZZATI APPARTENENTI AL GESTITI DA SYMPHONIA SGR

SISTEMA SYMPHONIA REGOLAMENTO UNICO DEI FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO APERTI ARMONIZZATI APPARTENENTI AL GESTITI DA SYMPHONIA SGR REGOLAMENTO UNICO DEI FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO APERTI ARMONIZZATI APPARTENENTI AL SISTEMA SYMPHONIA GESTITI DA SYMPHONIA SGR validità 1 gennio 2012 TESTO A FRONTE PER CONFRONTO VARIAZIONI REGOLAMENTARI

Dettagli

Regolamento del fondo interno A.G. Euro Blue Chips Pagina 1 di 5. = oéöçä~ãéåíç= ÇÉä=ÑçåÇç= áåíéêåç=^kdk= bìêç=_äìé=`üáéë=

Regolamento del fondo interno A.G. Euro Blue Chips Pagina 1 di 5. = oéöçä~ãéåíç= ÇÉä=ÑçåÇç= áåíéêåç=^kdk= bìêç=_äìé=`üáéë= = oéöçä~ãéåíç= ÇÉä=ÑçåÇç= áåíéêåç=^kdk= bìêç=_äìé=`üáéë= A) Obiettivi e descrizione del fondo Il fondo persegue l obiettivo di incrementare il suo valore nel lungo termine, attraverso l investimento in

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA Doc. XVIII n. 57 RISOLUZIONE DELLA 6ª COMMISSIONE PERMANENTE (Finanze e tesoro) (Estensore FERRARA) approvata nella seduta del 20 ottobre 2010 SULLA PROPOSTA DI

Dettagli

FERCREDIT spa. Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al pubblico Esercizio 2008

FERCREDIT spa. Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al pubblico Esercizio 2008 FERCREDIT spa Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al pubblico Pag. 1/12 Premessa La Circolare della Banca d Italia n. 216 del 5 agosto 1996 7 aggiornamento del 9 luglio 2007 al capitolo V ha introdotto

Dettagli

Regolamento del fondo interno A.G. Global Equity Pagina 1 di 5. = oéöçä~ãéåíç= ÇÉä=ÑçåÇç= áåíéêåç=^kdk= däçä~ä=bèìáíó=

Regolamento del fondo interno A.G. Global Equity Pagina 1 di 5. = oéöçä~ãéåíç= ÇÉä=ÑçåÇç= áåíéêåç=^kdk= däçä~ä=bèìáíó= = oéöçä~ãéåíç= ÇÉä=ÑçåÇç= áåíéêåç=^kdk= däçä~ä=bèìáíó= A) Obiettivi e descrizione del fondo La gestione ha come obiettivo la crescita del capitale investito in un orizzonte temporale lungo ed è caratterizzata

Dettagli

Nomos Appalti srl Servizio di Consulenza agli Enti Locali

Nomos Appalti srl Servizio di Consulenza agli Enti Locali Roma, 12 maggio 2010 Circolare n. 123/2010 Al SIG. PRESIDENTE CONFSERVIZI MARCHE A TUTTI GLI ASSOCIATI AL SIG. PRESIDENTE CONSIGLIO NAZIONALE DEGLI INGEGNERI E A TUTTI GLI ALTRI ENTI, AZIENDE E SOCIETA

Dettagli

COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE

COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE Ai sensi della Circolare Banca d Italia n 285 del 17 dicembre 2013, 1 aggiornamento del 6 maggio 2014: Titolo IV, Capitolo 1 Governo

Dettagli

Elenco Intermediari operanti nel settore finanziario n. 27193. RELAZIONE SULLA GESTIONE AL BILANCIO AL 31.12.2012

Elenco Intermediari operanti nel settore finanziario n. 27193. RELAZIONE SULLA GESTIONE AL BILANCIO AL 31.12.2012 CITHEF S.C. a R.L. Sede Legale: Via Santa Lucia, 81 80132 Napoli Capitale Sociale:euro 610.330 i.v. R.E.A. Napoli n.507434 Registro Imprese di Napoli e C.F. 06629110633 Elenco Intermediari operanti nel

Dettagli

Cerved Information Solutions S.p.A.

Cerved Information Solutions S.p.A. Cerved Information Solutions S.p.A. Relazione del Consiglio di Amministrazione all Assemblea degli Azionisti Unica convocazione: 27 aprile 2015 CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA ORDINARIA Gli aventi diritto di

Dettagli

2. Rendiconto (produzione e distribuzione del valore aggiunto)

2. Rendiconto (produzione e distribuzione del valore aggiunto) 2. Rendiconto (produzione e distribuzione del valore aggiunto) 2.1. Dati significativi di gestione Nelle pagine che seguono sono rappresentate le principali grandezze economico-patrimoniali, ottenute dalla

Dettagli

GRUPPO COFIDE: NEL 2014 RIDUCE PERDITA A 14,5 MLN ( 130,4 MLN NEL 2013)

GRUPPO COFIDE: NEL 2014 RIDUCE PERDITA A 14,5 MLN ( 130,4 MLN NEL 2013) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 dicembre 2014 GRUPPO COFIDE: NEL 2014 RIDUCE PERDITA A 14,5 MLN ( 130,4 MLN NEL 2013) Il risultato è influenzato dagli oneri

Dettagli

Sistema Anima. Regolamento di gestione Regolamento di gestione semplificato dei Fondi comuni di investimento mobiliare gestiti da ANIMA SGR S.p.A.

Sistema Anima. Regolamento di gestione Regolamento di gestione semplificato dei Fondi comuni di investimento mobiliare gestiti da ANIMA SGR S.p.A. Sistema Anima Regolamento di gestione Regolamento di gestione semplificato dei Fondi comuni di investimento mobiliare gestiti da ANIMA SGR S.p.A. Linea Mercati Anima Liquidità Euro Anima Riserva Dollaro

Dettagli

Relazione Annuale - Appendice. Roma, 31 maggio 2007. anno 2006 CENTOTREDICESIMO ESERCIZIO. esercizio CXIII

Relazione Annuale - Appendice. Roma, 31 maggio 2007. anno 2006 CENTOTREDICESIMO ESERCIZIO. esercizio CXIII Relazione Annuale - Roma, 31 maggio 2007 anno 2006 CENTOTREDICESIMO ESERCIZIO esercizio CXIII Relazione Annuale - Presentata all Assemblea Ordinaria dei Partecipanti anno 2006 - centotredicesimo esercizio

Dettagli

VERBALE DI ACCORDO. tra. premesso che

VERBALE DI ACCORDO. tra. premesso che VERBALE DI ACCORDO Il giorno 22 aprile 2010, in Siena tra Banca CR Firenze S.p.A. (di seguito CRF) Banca Monte dei Paschi di Siena S.p.A. (di seguito BMPS) e le sottoscritte Organizzazioni Sindacali premesso

Dettagli

Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi

Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi 3 Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi 1. Premessa Il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi di Fiat S.p.A. (la Società ) costituisce elemento

Dettagli

CASSA DI RISPARMIO DI CENTO S.P.A.

CASSA DI RISPARMIO DI CENTO S.P.A. CASSA DI RISPARMIO DI CENTO S.P.A. Iscritta all albo delle Banche: 5099 Sede legale e Direzione generale: Via Matteotti 8/b - 44042 CENTO (Fe) Capitale Sociale: Euro 67.498.955,88 Codice Fiscale, Partita

Dettagli

rendiconto economico 2

rendiconto economico 2 rendiconto economico 034 rendiconto economico 2 In questa sezione del bilancio sociale Finpiemonte rappresenta, attraverso appositi prospetti, la dimensione economica e monetaria della gestione, secondo

Dettagli

8a+ Investimenti Sgr. Latemar

8a+ Investimenti Sgr. Latemar 8a+ Investimenti Sgr Fondo Comune d Investimento Mobiliare Aperto Latemar RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2007 Sede Legale: Varese, Piazza Monte Grappa 4 Tel 0332-251411 Telefax 0332-251400 Capitale

Dettagli

Factoring tour: Torino Imprese e finanza nella prospettiva della ripresa economica e di Basilea 3: il ruolo del factoring

Factoring tour: Torino Imprese e finanza nella prospettiva della ripresa economica e di Basilea 3: il ruolo del factoring Factoring tour: Torino Imprese e finanza nella prospettiva della ripresa economica e di Basilea 3: il ruolo del factoring La finanza delle imprese tra crisi e ripresa Mario Valletta Università degli Studi

Dettagli

SOGEFI: RISULTATI SEMESTRALI IN CALO PER LA MINORE PRODUZIONE DI AUTO, RICAVI E MARGINI IN RIPRESA NEL SECONDO TRIMESTRE

SOGEFI: RISULTATI SEMESTRALI IN CALO PER LA MINORE PRODUZIONE DI AUTO, RICAVI E MARGINI IN RIPRESA NEL SECONDO TRIMESTRE COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva la relazione al 30 giugno 2009 SOGEFI: RISULTATI SEMESTRALI IN CALO PER LA MINORE PRODUZIONE DI AUTO, RICAVI E MARGINI IN RIPRESA NEL SECONDO TRIMESTRE

Dettagli

Dicembre 2013. Ampliamento delle fonti di finanziamento per le PMI e Minibond nel Piano Destinazione Italia

Dicembre 2013. Ampliamento delle fonti di finanziamento per le PMI e Minibond nel Piano Destinazione Italia Dicembre 2013 Ampliamento delle fonti di finanziamento per le PMI e Minibond nel Piano Destinazione Italia Cristiano Tommasi, Annalisa Dentoni-Litta e Francesco Bonichi, Allen & Overy Nell ambito del documento

Dettagli

REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO CREDITRAS E AZIONARIO EUROPA

REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO CREDITRAS E AZIONARIO EUROPA REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO Il presente Regolamento è composto dall'allegato al Regolamento del Fondo interno e dai seguenti articoli specifici per il Fondo interno. 1 - PROFILI DI RISCHIO DEL FONDO

Dettagli

Relazioni illustrative degli Amministratori

Relazioni illustrative degli Amministratori Relazioni illustrative degli Amministratori Parte ordinaria punto 4 all ordine del giorno Relazione illustrativa degli Amministratori Autorizzazione all acquisto e disposizione di azioni proprie, ai sensi

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Massimo Zanetti Beverage Group: il C.d.A. approva la relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2015.

COMUNICATO STAMPA. Massimo Zanetti Beverage Group: il C.d.A. approva la relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2015. COMUNICATO STAMPA Massimo Zanetti Beverage Group: il C.d.A. approva la relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2015. Fatturato consolidato a Euro 450,5 milioni, in crescita del 29,0% rispetto allo

Dettagli

GRUPPO MEDIOLANUM Risultati 1 semestre 2012

GRUPPO MEDIOLANUM Risultati 1 semestre 2012 COMUNICATO STAMPA GRUPPO MEDIOLANUM Risultati 1 semestre 2012 UTILE NETTO: Euro 217,5 milioni, +125% MASSE AMMINISTRATE: Euro 49,1 miliardi, +5% RACCOLTA NETTA BANCA MEDIOLANUM: Euro 1.760 milioni CARLO

Dettagli

CIRCOLARE N. 38/E. Roma, 23 dicembre 2013

CIRCOLARE N. 38/E. Roma, 23 dicembre 2013 CIRCOLARE N. 38/E Direzione Centrale Normativa Settore Imposte sui Redditi e sulle Attività Produttive Roma, 23 dicembre 2013 OGGETTO: Le nuove disposizioni in materia di monitoraggio fiscale. Adempimenti

Dettagli

COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A

COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A. HA APPROVATO LA RELAZIONE FINANZIARIA SEMESTRALE CONSOLIDATA AL 30 GIUGNO 2009 DATI CONSOLIDATI AL 30 GIUGNO

Dettagli

Piano degli investimenti finanziari - 2016 art.3, comma 3, del decreto legislativo 30 giugno 1994, n. 509

Piano degli investimenti finanziari - 2016 art.3, comma 3, del decreto legislativo 30 giugno 1994, n. 509 Piano degli investimenti finanziari - 2016 art.3, comma 3, del decreto legislativo 30 giugno 1994, n. 509 Piano strategico di investimento e di risk budgeting art. 4.3 e art. 7.4 del Regolamento per la

Dettagli

CODICE PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI RICERCA, SELEZIONE ED INSERIMENTO DEL PERSONALE

CODICE PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI RICERCA, SELEZIONE ED INSERIMENTO DEL PERSONALE CODICE PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI RICERCA, SELEZIONE ED INSERIMENTO DEL PERSONALE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI... 3 Art. 1 Principi generali...3 Art. 2 Regole generali di condotta per le procedure

Dettagli

Operazioni di finanziamento alla controllata FAST FINANCE SPA

Operazioni di finanziamento alla controllata FAST FINANCE SPA Sede legale in Via Terraglio 63, 30174 Venezia Mestre Numero di iscrizione al Registro delle Imprese di Venezia e codice fiscale 02505630109 Partita IVA 02992620274 - Numero REA: VE - 0247118 Capitale

Dettagli