BANCA UBAE S.p.A. Bilancio Trentanovesimo Esercizio Sociale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "BANCA UBAE S.p.A. Bilancio 01.01.2011-29.02.2012 Trentanovesimo Esercizio Sociale"

Transcript

1 BANCA UBAE S.p.A. Bilancio Trentanovesimo Esercizio Sociale

2

3 Capitale Sociale Euro , int.vers. Riserve (al 29 febbraio 212): Euro , Libyan Foreign Bank, Tripoli 67,55% UniCredit SpA, Roma 1,79% Eni Adfin SpA (Gruppo ENI), Roma 5,39% Banque Centrale Populaire, Casablanca 4,66% Banque Marocaine du Commerce Extérieur, Casablanca 4,34% Sansedoni Siena SpA (Fondazione Monte dei Paschi di Siena), Siena 3,67% Intesa Sanpaolo SpA, Torino 1,8% Telecom Italia SpA, Milano 1,8% SEDE SOCIALE E SEDI OPERATIVE Recapiti ROMA MILANO Indirizzo Via Quintino Sella, 2 Piazza A. Diaz, Roma, Italia 2123 Milano, Italia Casella Postale Telefono generale Telegramma UBAE ROMA UBAE MILANO Telefax: Swift: UBAI IT RR UBAI IT RR MIL Sito Internet Telefono Tesoreria-Cambi: Reuters: UBAE TRIPOLI (Libia) Ufficio di Rappresentanza Omar Mukhtar Street Omar Mukhtar Investment Complex Telefono: / Fax:

4 COMMISSARI STRAORDINARI NOMINATI IN DATA (1) Corrado Casalino Attilio Zimatore COMITATO DI SORVEGLIANZA NOMINATO IN DATA (1) Raffaele Lener, Presidente Maurizio Lo savio Oliviero Pesce (1) in data 1 marzo 212, in seguito alla ricostituzione degli organi aziendali da parte dell Assemblea degli Azionisti ed alla ripresa della gestione ordinaria della Banca, si è conclusa la procedura dell amministrazione straordinaria di Banca UBAE SpA e sono pertanto decaduti gli organi ad essa preposti COMMISSARI PROVVISORI DAL AL Vincenzo Cantarella Maurizio Losavio CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE (2) Presidente, Abdullatif El Kib* Vice Presidente, Alberto Rossetti * Consiglieri Yousef A. Abdelmaula* Abdelrazak M. Elhoush Radaedin M. Banuga Ernesto Formichella * Mohamed Benchaaboun Saleh A. Keshlaf * Luigi Borri * Membro del Comitato Esecutivo Segretario del Consiglio di Amministrazione e del Comitato Esecutivo, Priscilla Simonetta COLLEGIO SINDACALE (2) Presidente Sindaci Effettivi Sindaci Supplenti Marco Leotta Fernando Carpentieri Fabio Gallassi Cosimo Vella Francesco Rocchi (2) Nominato dall Assemblea Ordinaria degli Azionisti tenutasi il 29 febbraio 212 convocata in forza del provvedimento autorizzativo di Banca d Italia del 24 febbraio

5 DIREZIONE Direttore Generale, Biagio Matranga Condirettore Generale, Jamal R. Elbenghazi Vice Direttore Generale Area Funzionamento, Marcello Fontana (1) Vice Direttore Generale Area Operativa, Adel Aboushwesha (1) dimessosi il 3 giugno 211 Responsabile dell Ufficio di Rappresentanza di Tripoli, Mahmud Ali Elesawi 3

6 Relazione dei Commissari Straordinari A seguito della nota crisi politica e istituzionale che ha investito la Libia nel 211 e della sua drammatica evoluzione in un conflitto militare interno, sono stati emanati, da parte di Autorità internazionali, comunitarie e nazionali provvedimenti di varia natura, volti a stabilire restrizioni di carattere soggettivo ed oggettivo, relative a categorie di soggetti libici (enti, società, privati) alle loro attività ed ai loro patrimoni all'estero. Tali provvedimenti hanno interessato Banca UBAE, sia in funzione del socio di maggioranza assoluta Libyan Foreign Bank 1, che per la preminente importanza dell operatività con soggetti libici, pubblici e privati, che caratterizzava, e tuttora caratterizza, l attività tradizionale della banca. La Procedura di amministrazione straordinaria di Banca UBAE si colloca in questo complesso scenario politico e normativo, come si desume chiaramente anche dai provvedimenti della Banca d'italia e del Ministero dell'economia che hanno disposto, dapprima, la gestione provvisoria della Banca, ai sensi dell art. 7 del T.U. Bancario (d.lgs , n. 385 e succ. mod.) con provvedimento della Banca d Italia del e poi con decreto del Ministero dell Economia e delle Finanze dell e successivo provvedimento della Banca d Italia del lo scioglimento degli organi di amministrazione e controllo della Banca e l apertura della procedura di amministrazione straordinaria, con la nomina dei relativi organi. Da tali provvedimenti si ricava, infatti, che il commissariamento della Banca non dipendeva (così come più comunemente accade; cfr. artt. 7 del T.U. Bancario cit.) da gravi irregolarità amministrative e gestionali o da perdite patrimoniali, bensì dalla esigenza di dare esecuzione ai provvedimenti che stabilivano restrizioni, anche di natura finanziaria, nei confronti di soggetti c.d. listati, e di presidiare la gestione della Banca in una situazione di grave incertezza nel Paese di riferimento, evitando che le risorse della Banca potessero essere utilizzate per finanziare attività di repressione della popolazione libica. Il complesso quadro normativo al quale si è fatto prima riferimento - che ha interessato anche l'attività di Banca UBAE - può essere sintetizzato nei termini che seguono, tenendo conto dei numerosi provvedimenti emessi da diverse Autorità internazionali, comunitarie e nazionali (Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite, OFAC, Consiglio dell'unione Europea, Banca d'italia, Comitato di Sicurezza finanziaria). 1 ) La Libyan Foreign Bank, controllata al 1% dalla Central Bank of Libya, detiene, infatti, il 67,55% del capitale sociale di Banca UBAE s.p.a. 4

7 Nel fornire una sintesi di tale sistema disciplinare e della sua successiva evoluzione si evidenzieranno anche i riflessi dei detti provvedimenti sulle attività di Banca UBAE. 1. Il 26 febbraio 211 il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite ha approvato la Risoluzione 197 (211) che ha disposto un embargo sulle armi, un divieto relativo alle attrezzature atte alla repressione interna, il divieto di transito nel territorio libico nonché il congelamento dei fondi, delle attività finanziarie e di ogni altro tipo di risorse economiche, posseduti o controllati, direttamente o indirettamente, da persone fisiche o giuridiche espressamente designate coinvolte nella commissione di gravi violazioni dei diritti umani a danno di persone in Libia. Peraltro, il 25 febbraio 211 l OFAC (Office of Foreign Assets Control, presso il Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti) aveva già pubblicato un Executive Order del Presidente che imponeva il blocco delle proprietà degli enti collegati al governo libico, della Central Bank of Libya e di soggetti chiaramente individuati, con il conseguente divieto di effettuare qualsiasi tipo di transazione con queste controparti. Nei giorni immediatamente successivi, il Consiglio dell Unione Europea ha adottato il Regolamento UE n. 24 del 2 marzo 211 (pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale dell Unione Europea del 3 marzo 211, data in cui è anche entrato in vigore) che, al fine di garantire il rispetto dei diritti fondamentali del popolo libico, imponeva misure restrittive in conformità a quanto prescritto dalla Risoluzione ONU 197. In particolare, l embargo sulle armi si sostanziava nel divieto di vendere o acquistare, esportare o importare attrezzature che potessero essere usate per la repressione interna (elencate in allegato allo stesso Regolamento). Inoltre, veniva disposto il congelamento dei fondi e delle risorse economiche appartenenti, posseduti, detenuti o controllati dai soggetti (in parte già indicati nella Risoluzione ONU) inclusi nelle liste allegate al Regolamento, tra i quali il leader libico Muammar Mohamed Gheddafi, i membri della sua famiglia ed altri soggetti ritenuti responsabili delle violazioni dei diritti umani a danno di persone in Libia. Scopo ultimo del Regolamento era far sì che nessun fondo o risorsa economica fossero messi a disposizione delle entità indicate negli elenchi. A seguito delle disposizioni della Risoluzione 197 e del Regolamento n. 24, il 7 marzo 211 la Banca d Italia richiamava l attenzione degli intermediari sui comunicati dell Unità di Informazione Finanziaria (UIF) e del Comitato di Sicurezza Finanziaria (CSF), concernenti le misure restrittive imposte nei confronti della Libia, con speciale riferimento all obbligo di segnalare le operazioni sospette connesse all attività dei soggetti inseriti nelle liste e, in caso di esecuzione di transazioni o operazioni, di effettuare preventivi controlli sull origine e sulla destinazione dei fondi utilizzati nonché una verifica rafforzata di identificazione del titolare effettivo, in modo da poter escludere che il beneficiario fosse uno dei soggetti designati. Nei mesi successivi, l Unione Europea ha emanato diversi altri Regolamenti con i quali, di volta in volta, venivano integrati gli elenchi delle entità soggette alle misure restrittive. Il primo è stato il Regolamento di Esecuzione n. 233/211 del 1 marzo 211 (pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale dell Unione Europea dell 11 marzo 211) che ha inserito nelle liste, tra gli altri, la Central Bank of Libya, la Libyan Foreign Bank, la 5

8 Libyan Investment Authority, controparti di Banca UBAE in una rilevante e variegata attività commerciale oltre che titolari di rapporti di conto corrente. Con provvedimento n /11 del 12 marzo 211 la Banca d Italia ha disposto la gestione provvisoria di Banca UBAE, ai sensi dell art. 76 del D.Lgs. n. 385 del 1993 (Testo Unico delle leggi in materia bancaria e Creditizia - TUB), con conseguente sospensione degli organi con funzioni di amministrazione e di controllo e contestuale nomina dei Commissari, dr. Vincenzo Cantarella e dr. Maurizio Losavio, insediatisi in data 14 marzo 211. Il provvedimento dell Organo di Vigilanza trovava fondamento nell inserimento tra i nominativi listati della Central Bank of Libya e della Libyan Foreign Bank, soggetti controllanti e principali controparti di Banca UBAE ed era volto a presidiare la gestione di quest ultima, con specifico riguardo all esigenza di assicurare il rispetto delle misure internazionali. Con comunicazione del 25 marzo 211 il Comitato di Sicurezza Finanziaria (CSF) presso il Ministero dell Economia e delle Finanze (MEF), confermava ai Commissari preposti alla gestione provvisoria che non sussistevano ostacoli alla normale prosecuzione dell attività di Banca UBAE inclusa quella verso la clientela ordinaria e delle controparti bancarie, fermo restando il rispetto di quanto previsto dal regolamento UE n. 24/211 sul divieto di mettere fondi e risorse economiche a disposizione delle persone fisiche e giuridiche, delle entità o organismi soggetti a misure restrittive. Con Regolamento n. 272/211 del 21 marzo 211 (pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale dell Unione Europea del 22 marzo 211) è stato disposto, tra l altro, il congelamento dei fondi appartenenti alla National Commercial Bank, alla Gumhouria Bank e alla Sahara Bank (istituti di proprietà dello stato libico) e alla Gaddafi International and Development Foundation, ritenuta potenziale fonte di finanziamento del regime. In applicazione dei provvedimenti internazionali e in ossequio alle menzionate comunicazioni dell autorità di vigilanza, Banca UBAE provvedeva tempestivamente a congelare i rapporti esistenti con i soggetti libici sopra richiamati, dandone informativa all UIF, secondo quanto disposto dal D. Lgs. 22 giugno 27, n. 19 (recante misure per prevenire, contrastare e reprimere il finanziamento del terrorismo). A questa attività si è, peraltro, dato seguito ogniqualvolta un soggetto detentore di conto presso UBAE è risultato essere inserito nelle liste. Le prime criticità hanno cominciato ad emergere già all indomani della entrata in vigore dei Regolamenti comunitari, con particolare riferimento alla operatività delle lettere di credito e di garanzia che, sebbene emesse anteriormente alla data di imposizione delle misure restrittive, vedevano coinvolti soggetti libici listati. Il Regolamento n. 24/211 prevedeva, un complesso iter procedurale che, in deroga al previsto congelamento, consentiva di ottenere dalle autorità competenti degli Stati membri l autorizzazione a scongelare taluni fondi o risorse economiche, a condizione che ricorressero determinati presupposti, ovvero, in estrema sintesi, che i fondi fossero necessari per soddisfare le esigenze di base dei soggetti designati (compresi i pagamenti relativi a generi alimentari, cure mediche, affitti ecc.) per effettuare pagamenti di onorari e spese legali, per eseguire il pagamento di spese straordinarie e, ancora, che i fondi fossero oggetto di un vincolo o di una sentenza giudiziaria o 6

9 fossero destinati a pagamenti dovuti da un entità listata in forza di un contratto o di un accordo concluso prima della data di designazione. Fin dal mese di marzo Banca UBAE dava l avvio ad una intensa attività volta ad ottenere il rilascio di apposite autorizzazioni da parte del CSF all utilizzo di fondi congelati che i soggetti listati detenevano presso la Banca, soprattutto a fronte di lettere di credito o di garanzia già in essere e rispetto alle quali l intervento delle misure restrittive aveva impedito il pagamento o la consegna di merce già pagata. Nel contempo, il 4 marzo 211 l OFAC pubblicava un provvedimento che comportava una deroga (General License no. 1A) alle disposizioni dell Executive Order del 25 febbraio che permetteva a soggetti bancari controllati dalla Libia non listati soggetti alla vigilanza delle autorità di un paese diverso dalla Libia di effettuare transazioni. Questa licenza consentiva a Banca UBAE di operare senza alcuna restrizione con controparti statunitensi. Intanto, con riferimento all attività militare, l ONU, con la Risoluzione 1973 (211) del 17 marzo 211, imponeva il divieto di volo sui cieli della Libia e invitava gli Stati membri ad adottare tutte le necessarie misure per proteggere la popolazione civile (ad esclusione di invasioni via terra). Le disposizioni della Risoluzione ONU 1973 venivano recepite dal Regolamento UE n. 296/211 del 25 marzo 211 (pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale dell Unione Europea del 26 marzo 211) che inaspriva le misure già intraprese attraverso l imposizione di un divieto relativo agli aeromobili libici nello spazio aereo dell Unione nonché un divieto per gli aeromobili dell Unione relativo ai voli nello spazio aereo libico. Inoltre, in deroga al congelamento, consentiva che taluni fondi fossero messi a disposizione di soggetti listati qualora fosse necessario per scopi umanitari (fornitura di medicinali, alimenti ecc.), sempre previa autorizzazione della competente autorità. Venivano poi adottati altri provvedimenti (Reg. n. 288/211 del 23 marzo 211; Reg. n. 52/211 del 23 maggio 211) volti ad ampliare ulteriormente gli elenchi delle entità soggette a restrizioni. 2. A seguito del provvedimento del 12 marzo 211 con il quale la Banca d Italia aveva sottoposto Banca UBAE alla gestione provvisoria, il Ministero dell Economia e delle Finanze, con decreto dell 8 aprile, disponeva lo scioglimento degli organi con funzioni di amministrazione e di controllo di Banca UBAE, sottoponendola ad amministrazione straordinaria, secondo le norme di cui al Titolo IV, Capo I, Sezione I del Testo Unico delle leggi in materia bancaria e Creditizia (TUB). La Banca d Italia, con provvedimento del 12 aprile 211, nominava Commissari Straordinari il rag. Corrado Casalino e il prof. Attilio Zimatore, con i poteri di amministrazione della Banca; mentre il prof. Lener, il dr. Losavio ed il dr. Pesce venivano nominati quali componenti del Comitato di sorveglianza di Banca UBAE con l attribuzione di funzioni di controllo e consultive. Gli organi della procedura di amministrazione straordinaria si insediavano in Banca UBAE il 18 aprile 211. Anche la procedura di amministrazione straordinaria, così come la gestione provvisoria, era stata disposta non a motivo di irregolarità gestionali o di gravi perdite patrimoniali, ma in conseguenza della crisi socio-politica che stava interessando la Libia. Pertanto, la procedura non ha comportato la riduzione 7

10 dell attività svolta da Banca UBAE, che ha continuato ad essere condotta nel rispetto delle misure restrittive imposte dalle autorità nazionali e internazionali, ma al tempo stesso in modo proattivo e dinamico, particolarmente ma non esclusivamente - nell interesse della clientela italiana, con tutti i paesi del nord Africa, Medio Oriente e sub continente Indiano con i quali la Banca storicamente intrattiene importanti relazioni e detiene un importante know-how specifico per attivitá di trade finance e contrattistica, garanzia e finanziamento di commesse internazionali. Parallelamente all evolversi della crisi libica, da luglio ad ottobre 211, Banca UBAE si faceva promotore di istanze e otteneva autorizzazioni da parte del CSF per lo scongelamento dei fondi libici da destinare all apertura di lettere di credito per l esportazione in Libia di beni di prima necessità, al pagamento di borse di studio in favore di giovani libici residenti all estero, per provvedere alle spese di soggetti non listati e per il regolamento di forniture necessarie alle esigenze di base della popolazione libica. Il Regolamento UE n. 872/211 del 1 settembre 211 (pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale dell Unione Europea del 2 settembre 211) eliminava dall elenco dei soggetti sottoposti alle misure restrittive diverse entità, tra cui la National Commercial Bank, la Gumhouria Bank, la Sahara Bank ed alcune importanti compagnie petrolifere (Brega, Sirte Oil Company, Tamoil Africa Holdings Ltd, ecc.). A decorrere dal 17 settembre 211 veniva inoltre, disposto lo sblocco dei fondi posseduti, detenuti o controllati dalla Central Bank of Libya, dalla Libyan Foreign Bank, dalla Libyan Investment Authority e dalla Libyan Africa Investment Portfolio. Di converso, il blocco dei suddetti fondi permaneva fino al 16 settembre e l utilizzo degli stessi era consentito soltanto per i fini espressamente previsti dalla norma e cioè per scopi umanitari e civili, per sostenere la ripresa delle attività nei settori petrolifero e bancario e per agevolare la costituzione di un nuovo governo in Libia, naturalmente sempre dietro autorizzazione delle autorità. Anche l OFAC pubblicava provvedimenti che riducevano la portata delle restrizioni precedentemente imposte dall Executive Order di febbraio, fra cui anche la General License no. 8A, che dal 19 settembre 211 consentiva l effettuazione di transazioni con la Central Bank of Libya e con i soggetti controllati dal governo libico. Il 1 novembre 211, con Regolamento UE 1139/211, il Consiglio dell Unione Europea rimuoveva il divieto per gli aeromobili libici di utilizzare gli aeroporti dell Unione. Il 16 dicembre 211, il Comitato di Sicurezza delle Nazioni Unite disponeva la fine delle misure restrittive riguardanti la Central Bank of Libya e la Libyan Foreign Bank. In linea con queste disposizioni, il Consiglio dell Unione Europea emanava il Regolamento UE n. 136/211 del 2 dicembre 211 (pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale dell Unione Europea del 22 dicembre 211) con il quale venivano scongelati i fondi e gli assets della Central Bank of Libya e della Libyan Arab Foreign Bank, ponendo quindi le basi per consentire ai Commissari straordinari di predisporre e inoltrare le necessarie istanze alla Banca d Italia per definire la cessazione del regime 8

11 di amministrazione straordinaria e consentire la convocazione dell assemblea dei soci per la ricostituzione degli organi ordinari di amministrazione e controllo. In data i Commissari straordinari, dopo avere trasmesso, ai sensi dell art. 75 del Testo Unico Bancario, la loro Relazione finale datata , hanno presentato istanza alla Banca d Italia affinchè quest ultima volesse disporre la cessazione del regime di amministrazione straordinaria di Banca UBAE e volesse autorizzarli ai sensi dell art. 72, VI comma, del Testo Unico Bancario - a convocare l assemblea ordinaria degli azionisti, ponendo all ordine del giorno la nomina del Consiglio di amministrazione e del Collegio sindacale. A seguito di conforme autorizzazione della Banca d Italia del 24 febbraio 212, i Commissari straordinari hanno quindi provveduto alla convocazione dell assemblea ordinaria, che si è regolarmente svolta in data 29 febbraio 212, provvedendo alla nomina dei nuovi organi di amministrazione e controllo. I nuovi organi di amministrazione e controllo hanno preso in carico la gestione della banca dai Commissari straordinari in data 1 marzo 212. Ai sensi dell art. 75 del Testo Unico Bancario e nei termini ivi previsti, i cessati Commissari straordinari provvedono ora alla redazione del bilancio riferito a tutto l esercizio in corso all inizio dell amministrazione straordinaria (anno 211) la cui durata ai sensi della norma citata è protratta ex lege fino al termine della procedura (29 febbraio 212), costituendo un unico periodo di imposta. Tale bilancio viene quindi presentato alla Banca d Italia per la sua approvazione. Roma, 12 giugno 212 I COMMISSARI STRAORDINARI Rag. Corrado Casalino Prof. Avv. Attilio Zimatore 9

12 Rapporto del Comitato di Sorveglianza Il Comitato di Sorveglianza della Procedura, nominato in data 12 aprile 211, è composto dai Sigg.: prof. avv. Raffaele Lener, presidente, dott. Maurizio Losavio e dott. Oliviero Pesce. Il Comitato si è insediato il 18 aprile 211 e ha svolto, nel periodo, i compiti ad esso attribuiti dalla legge, mantenendosi in continuo contatto con i Commissari Straordinari e con gli uffici della Banca, formulando osservazioni e fornendo pareri, ai sensi dell art. 72, comma 2, TUB e delle istruzioni applicative della Banca d Italia. E opportuno premettere che la procedura di amministrazione straordinaria, così come la gestione provvisoria che l ha preceduta, non è stata disposta per irregolarità gestionali o gravi perdite patrimoniali, bensì in ragione della crisi politica della Libia e dei conseguenti provvedimenti restrittivi assunti dalle autorità internazionali e domestiche. In ragione di ciò la Banca ha continuato a operare, pur se nel rispetto delle ricordate misure restrittive. Il Comitato ha, per ciò, svolto le proprie funzioni tenendo conto delle specificità della gestione commissariale. Dopo il suo insediamento, il Comitato si è formalmente riunito, in contraddittorio con i Commissari, nelle seguenti date: 5 maggio 211, 18 maggio 211, 22 giugno 211, 2 luglio 211, 6 settembre 211, 9 novembre 211, 2 gennaio 212, 1 febbraio 212. Il Comitato ha operato in constante raccordo con le strutture di internal auditing della Banca, in particolare conducendo accertamenti circa presunte rilevazioni anonime segnalate al Comitato stesso, in relazione alle quali non sono state peraltro riscontrate anomalie. In data 22 giugno 211 il Comitato, previa visione della situazione dei conti della Banca acquisita dai Commissari Straordinari, nonché del progetto di bilancio relativo all esercizio 21, non approvato ma oggetto di relazione della società di revisione BDO s.p.a., ha depositato il proprio rapporto, ai sensi dell art. 73, comma 4, TUB. Il Comitato ha attentamente seguito lo svolgersi della gestione dell azienda bancaria nel periodo, apprezzandone i risultati, che hanno consentito di preservarne, per come possibile, il valore e il posizionamento sul mercato. Nel gennaio 212, venute meno tutte le misure restrittive nei confronti della Libia, è stato possibile cominciare a porre in essere le misure propedeutiche al ritorno in bonis della Banca. A seguito di autorizzazione della Banca d Italia del 24 febbraio 212, i Commissari straordinari hanno provveduto alla convocazione dell assemblea ordinaria, che si è 1

13 svolta in data 29 febbraio 212, procedendo alla nomina dei nuovi organi di amministrazione e controllo. I nuovi organi sociali hanno preso in carico la gestione della banca dai Commissari straordinari in data 1 marzo 212. Ai sensi dell art. 75 del testo unico bancario e nei termini ivi previsti, i cessati Commissari straordinari hanno provveduto alla redazione del bilancio riferito all esercizio in corso all inizio dell amministrazione straordinaria (anno 211), la cui durata è protratta ex lege fino al termine della procedura (29 febbraio 212), costituendo unico periodo di imposta. Il Comitato ritiene siffatto bilancio corretto, in linea con le previsioni di legge e tale da rappresentare in modo trasparente l intero periodo della gestione straordinaria. In sintesi il bilancio al 29 febbraio 212 chiude con le seguenti risultanze (Euro/): ATTIVO PASSIVO PATRIMONIO NETTO UTILE DELL ESERCIZIO Si ritiene opportuno, al riguardo, sottolineare come esso appaia altresì coerente con il bilancio per il 21, non approvato per motivi tecnici contingenti, e a sua volta in linea con quello dell esercizio 29 Roma, 18 giugno 212 IL COMITATO DI SORVEGLIANZA Prof. Avv. Raffaele Lener, presidente Dott. Maurizio Losavio, componente Dott. Oliviero Pesce, componente 11

14 Relazione della Società di Revisione 12

15 13

16 14

17 RELAZIONE SULLA GESTIONE ESERCIZIO /

18 INTERSCAMBIO COMMERCIALE ITALIA CON I PAESI DI RIFERIMENTO E LAVORO UBAE EUR/mn IMPORTS EXPORTS IMPORTS EXPORTS IMPORTS EXPORTS 1) TURCHIA ) UAE ) INDIA ) ARABIA SAUDITA ) TUNISIA ) ALGERIA ) COREA DEL SUD ) EGITTO ) IRAN ) MAROCCO ) MALTA ) LIBANO ) SIRIA ) QATAR ) CIPRO ) GIORDANIA ) LIBIA ) KUWAIT ) PAKISTAN ) IRAQ ) OMAN ) BANGLADESH ) SRI LANKA ) BAHRAIN ) SUDAN ) YEMEN ) BURKINA FASO ) MAURITANIA ) CHAD TOTALE LAVORO UBAE % ,62 2,59 4,52 4,68 12,8 5,61 16

19 L'ATTIVITA' DELLA BANCA nell ESERCIZIO / QUADRO DI SINTESI 17

20 QUADRO DI SINTESI L ATTIVITA DELLA BANCA NELL ESERCIZIO QUADRO DI SINTESI Il bilancio, come da disposizione normative in materia (ex art TUB) per le aziende che terminano il periodo dell amministrazione straordinaria è stato predisposto al 29 febbraio 212 (fine della amministrazione straordinaria) ed è stato comparato con quello, presentato ai Commissari straordinari nonché all Organo di Sorveglianza, redatto al 31 dicembre 21 e depositato in data 11 luglio 211. Il bilancio chiuso al 29 febbraio 212, come stabilito dalle disposizioni vigenti in materia, verrà presentato dai Commissari Straordinari alla Banca d Italia per la relativa approvazione L ATTIVITÀ COMMERCIALE Finanziamenti a clientela L attività della Banca è rivolta in prevalenza a favorire interventi di intermediazione finanziaria a sostegno delle operazioni commerciali con controparti che operano nell attività di import/export o di lavori di opere strutturali nei paesi tradizionalmente di riferimento della UBAE, con limitazione delle operazioni sul mercato retail. Nell esercizio in esame, pur nelle difficoltà generali del mercato e della posizione della Banca gli impieghi verso la Clientela sono aumentati significativamente con un minimo contenimento verso la chiusura dell esercizio legata principalmente alla esigenza di riposizionare l attività di questo comparto e riequilibrare meglio la struttura degli impieghi della Banca M n Feb-8 M ay-8 Aug-8 Nov-8 Feb-9 M ay-9 Aug-9 Nov-9 Feb-1 M ay-1 Aug-1 Nov-1 Feb-11 M ay-11 Aug-11 Nov-11 Feb-12 Financings to Customers Financings to Banks Securities 18

21 In considerazione della loro rischiosità e scarsa redditività, ma soprattutto per la loro non attinenza con il core business della Banca, i finanziamenti a breve termine con controparti Corporate, per operazioni non commerciali sono assunti solo marginalmente, e con Clientela che normalmente già opera con la Banca. In generale, il rischio di credito si presenta contenuto. L operatività estera L attività commerciale nei confronti dei paesi di interesse ha rappresentato come sempre il maggior impegno dell Istituto nell esercizio, permettendo di fronteggiare brillantemente le problematiche dei diversi mercati che si sono susseguite in un momento storico di estrema difficoltà per le realtà bancarie. Nello scenario di estrema incertezza che ha caratterizzato il periodo in esame, incentrato maggiormente negli eventi bellici che hanno colpito il Popolo libico, ed in generale le vicissitudini che hanno interessato tutto il Nord-Africa ed il Medio Oriente, la Banca, grazie anche alla posizione di stabilità e sicurezza trasmessa ai mercati con l intervento degli Organi di Vigilanza, ha saputo reagire prontamente e con estrema efficacia. La riduzione dei flussi di attività in Lettere di Credito ha visto contrapporsi, a livello operativo, il necessario forte aumento dei punti di controllo e di attenzione onde fronteggiare i possibili rischi che potevano sorgere dal mancato rispetto dei diversi provvedimenti di varia natura emanati dalle autorità internazionali e comunitarie volti ad indicare i comportamenti da assumere nei confronti dei Paesi sottoposti a misure restrittive. In particolare la Banca sin da quando sono state emanate le prime misure restrittive nei confronti del Paese Libia (Regolamento UE 24/211 del 2 marzo 211) si è attivata presso gli organi di vigilanza in materia (Comitato di Sicurezza finanziaria CSF - presso il Dipartimento del Tesoro) al fine di ottenere le giuste autorizzazioni miranti alla gestione dei fondi libici, detenuti presso le nostre casse e sottoposti a misure di congelamento. Tali autorizzazioni erano finalizzate, in modo particolare, a far fronte all emergenza umanitaria del popolo libico. La Banca UBAE è stata infatti tra le prime banche in Europa a poter svincolare parte dei fondi per destinarli agli scopi di cui sopra. Una volta terminata la crisi libica e venuti meno i provvedimenti restrittivi - per la maggior parte delle entità libiche - la stessa Banca ha saputo inoltre sostenere e guidare, per la propria parte, la ripartenza delle proprie attività, in un quadro di estrema incertezza legato alla riorganizzazione in corso nelle Istituzioni finanziarie del nuovo corso libico Si è tornati velocemente ad una piena operatività, con volumi mensili di sicuro interesse. Nel 212, grazie anche ad una rinnovata spinta commerciale dovuta ad una riorganizzazione del settore competente è ripresa una intensa azione promozionale non solo nei paesi di nostro interesse, al fine di mantenere in alcuni le proprie quote di mercato e contrastando in altri la concorrenza esercitata da aziende bancarie, ma avviando anche l apertura di nuovi mercati di prossima espansione. 19

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

LINEE GUIDA PER IL CONTRASTO AI FENOMENI DI RICICLAGGIO E DI FINANZIAMENTO DEL TERRORISMO E PER LA GESTIONE DEGLI EMBARGHI

LINEE GUIDA PER IL CONTRASTO AI FENOMENI DI RICICLAGGIO E DI FINANZIAMENTO DEL TERRORISMO E PER LA GESTIONE DEGLI EMBARGHI LINEE GUIDA PER IL CONTRASTO AI FENOMENI DI RICICLAGGIO E DI FINANZIAMENTO DEL TERRORISMO E PER LA GESTIONE DEGLI EMBARGHI Normativa attinente ad aree sensibili relative al D.Lgs. 231/01 Area di rischio:

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato A alla delibera n. 129/15/CONS REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A.

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. E PROSPETTIVE 2001 S.P.A. IN SANPAOLO IMI S.P.A... Si presenta il progetto

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI 1) GENERALITA In conformità a quanto previsto dalla Direttiva 2004/39/CE (cd Direttiva Mifid), la Banca ha adottato tutte le misure

Dettagli

Misure restrittive dell'ue

Misure restrittive dell'ue SCHEDA INFORMATIVA Bruxelles, 29 aprile 2014 Misure restrittive dell'ue Le sanzioni sono uno degli strumenti dell'ue per promuovere gli obiettivi della politica estera e di sicurezza comune (PESC): pace,

Dettagli

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Programma di Compliance Antitrust Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 19 febbraio 2015 Rev 0 del 19 febbraio

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI 1 INTRODUZIONE Il Consiglio di Amministrazione di Kairos Julius Baer Sim (di seguito la KJBSIM ) ha approvato il presente documento al fine di formalizzare

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Liquidity Coverage Ratio: requisiti di informativa pubblica Gennaio 2014 (versione aggiornata al 20 marzo 2014) La presente pubblicazione è consultabile sul

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE Redatto ai sensi dell art. 5 della Delibera Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 (come modificata con Delibera n. 17389

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI Versione 9.0 del 9/03/2015 Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 Policy conflitti di interesse Pag. 1 di 14 INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1 Definizioni... 4 2. OBIETTIVI...

Dettagli

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso.

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE MODIFICHE DEGLI ARTICOLI 15, 17, 27 E 28 DELLO STATUTO SOCIALE, E SULL INTRODUZIONE DELL ART. 28 BIS. La presente Relazione ha lo scopo di illustrare in

Dettagli

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Versione 9.0 del 09/03/2015 Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 1 INDICE PREMESSA... 3 1. Significato di Best Execution... 3 2. I Fattori di

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli 008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari applicabili all esecuzione di transazioni su titoli Indice Preambolo... 3 A Direttive generali... 4 Art. Base legale... 4 Art. Oggetto... 5 B

Dettagli

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Aggiornamento del luglio 2013 1 PREMESSA La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal

Dettagli

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Fornite ai sensi degli artt. 46 c. 1 e. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob

Dettagli

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia;

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia; DECRETO LEGISLATIVO RECANTE ULTERIORI DISPOSIZIONI DI ATTUAZIONE DELLA DELEGA DI CUI ALL ARTICOLO 33, COMMA 1, LETTERA E), DELLA LEGGE 7 LUGLIO 2009, N. 88 Visti gli articoli 76 e 87 della Costituzione;

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

C O M U N E DI M O L I T E R N O

C O M U N E DI M O L I T E R N O C O M U N E DI M O L I T E R N O (Provincia di Potenza) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con delibera consiliare n.05 del 6/02/2013 modificato con delibera consiliare n. 54 del 30/11/2013 Indice

Dettagli

Principi d Azione. www.airliquide.it

Principi d Azione. www.airliquide.it Principi d Azione Codice Etico www.airliquide.it Il bene scaturisce dall'onestà; l'onestà ha in sè la sua origine: quello che è un bene avrebbe potuto essere un male, ciò che è onesto, non potrebbe essere

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

Pronti per la Voluntary Disclosure?

Pronti per la Voluntary Disclosure? Best Vision GROUP The Swiss hub in the financial business network Pronti per la Voluntary Disclosure? Hotel de la Paix, 21 aprile 2015, ore 18:00 Hotel Lugano Dante, 22 aprile 2015, ore 17:00 Best Vision

Dettagli

RELAZIONE SULL ATTIVITA SVOLTA 2012-2013

RELAZIONE SULL ATTIVITA SVOLTA 2012-2013 Direzione Generale per il Terzo Settore e le Formazioni Sociali RELAZIONE SULL ATTIVITA SVOLTA 2012-2013 A seguito della soppressione dell Agenzia per il Terzo Settore (ex Agenzia per le Onlus), le relative

Dettagli

MiFID - Markets in Financial Instruments Directive

MiFID - Markets in Financial Instruments Directive MiFID - Markets in Financial Instruments Directive STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI (EXECUTION & TRANSMISSION POLICY) (documento redatto ai sensi del Regolamento

Dettagli

OGGETTO: Articolo 23 del decreto legislativo 21 novembre 2007, n. 231, come modificato dal decreto legislativo 19 settembre 2012, n. 169.

OGGETTO: Articolo 23 del decreto legislativo 21 novembre 2007, n. 231, come modificato dal decreto legislativo 19 settembre 2012, n. 169. Ministero dell'economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro Direzione V Il Capo della Direzione OGGETTO: Articolo 23 del decreto legislativo 21 novembre 2007, n. 231, come modificato dal decreto legislativo

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini. (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob)

Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini. (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob) Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob) Novembre 2011 1 Indice PREMESSA ALLE LINEE GUIDA... 3 1 PRINCIPI GENERALI... 3

Dettagli

ANTIRICICLAGGIO: LE NOVITÀ DELLA IV DIRETTIVA E LA POSSIBILE EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA NAZIONALE.

ANTIRICICLAGGIO: LE NOVITÀ DELLA IV DIRETTIVA E LA POSSIBILE EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA NAZIONALE. ANTIRICICLAGGIO: LE NOVITÀ DELLA IV DIRETTIVA E LA POSSIBILE EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA NAZIONALE. Casi pratici sulla corretta registrazione delle operazioni attinenti la gestione collettiva del risparmio

Dettagli

Project Management Office per centrare tempi e costi

Project Management Office per centrare tempi e costi Project Management Office per centrare tempi e costi Il Project Management Office (PMO) rappresenta l insieme di attività e strumenti per mantenere efficacemente gli obiettivi di tempi, costi e qualità

Dettagli

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La sicurezza non è negoziabile Nestlé è convinta che il successo a lungo termine possa essere raggiunto soltanto grazie alle sue persone. Nessun

Dettagli

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE STATUTO L Associazione denominata CORILA - Consorzio per il coordinamento delle ricerche inerenti al sistema lagunare di Venezia, è costituita ai sensi degli artt. 14

Dettagli

8 ottobre 2013 LA PONTIFICIA COMMISSIONE PER LO STATO DELLA CITTA DEL VATICANO

8 ottobre 2013 LA PONTIFICIA COMMISSIONE PER LO STATO DELLA CITTA DEL VATICANO N. XVIII LEGGE DI CONFERMA DEL DECRETO N. XI DEL PRESIDENTE DEL GOVERNATORATO, RECANTE NORME IN MATERIA DI TRASPARENZA, VIGILANZA ED INFORMAZIONE FINANZIARIA, DELL 8 AGOSTO 2013 8 ottobre 2013 LA PONTIFICIA

Dettagli

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI)

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) - 1 - LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Codice di Comportamento Genesi Uno Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Caro Collaboratore, vorrei sollecitare la tua attenzione sulle linee guida ed i valori di integrità e trasparenza che

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

La funzione di Compliance: profili organizzativi e costi

La funzione di Compliance: profili organizzativi e costi La funzione di Compliance: profili organizzativi e costi Survey Risultati INDICE Pagina 1 Prefazione... 4 2 Premessa... 6 3 Informazioni generali...7 3.1 3.2 3.3 3.4 4 7 8 11 12 Organizzazione della funzione

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone: Prot. n. 2013/87896 Imposta sulle transazioni finanziarie di cui all articolo 1, comma 491, 492 e 495 della legge 24 dicembre 2012, n. 228. Definizione degli adempimenti dichiarativi, delle modalità di

Dettagli

RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO

RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO Mod. NAM FATT-PA Rev.7.0 RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO PREMESSE La presente Richiesta di attivazione del Servizio sottoscritta dal, Operatore Economico

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Proposto un dividendo di 8 centesimi di euro per azione (6 centesimi nel 2013)

COMUNICATO STAMPA. Proposto un dividendo di 8 centesimi di euro per azione (6 centesimi nel 2013) COMUNICATO STAMPA Conferma della solida patrimonializzazione del Gruppo: Common Equity Tier 1 ratio phased in al 31 dicembre 2014: 12,33% 1 (13% al 30/09/2014) Common Equity Tier 1 ratio pro forma stimato

Dettagli

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ********** Banca del Valdarno Credito Cooperativo 1 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID)

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano (Ultimo aggiornamento:10.04.2013) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

Regolamento per l'accesso agli atti amministrativi

Regolamento per l'accesso agli atti amministrativi MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO LICEO GINNASIO STATALE "M. T. CICERONE" RMPC29000G Via Fontana Vecchia, 2 00044 FRASCATI tel. 06.9416530 fax 06.9417120 Cod.

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011 STRATEGIA SINTETICA Versione n. 4 del 24/05/2011 Revisione del 24/05/2011 a seguito circolare ICCREA 62/2010 (Execution Policy di Iccrea Banca aggiornamento della Strategia di esecuzione e trasmissione

Dettagli

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y QATAR DISCIPLINA IMPORT EXPORT IN QATAR di Avv. Francesco Misuraca Regole dell import-export in Qatar Licenza d importazione, iscrizione nel Registro Importatori, altre regole La legge doganale del Qatar,

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE ai sensi dell art. 5 e dell art. 12 del Regolamento Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 e successivamente modificato

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

Format per la relazione sul governo societario e gli assetti proprietari

Format per la relazione sul governo societario e gli assetti proprietari Format per la relazione sul governo societario e gli assetti proprietari V Edizione (gennaio 2015) Premessa alla quinta edizione (gennaio 2015) Questa nuova edizione del format per la redazione della relazione

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO Novembre 2010 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Approvata con delibera CdA del 04/09/ 09 Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob 16190/2007. LA NORMATIVA MIFID

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE RURALE DI TRENTO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE RURALE DI TRENTO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID CASSA RURALE RURALE DI TRENTO Marzo 2014 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Le small cap e la raccolta di capitale di rischio Opportunità per il professionista. Il ruolo del Nomad.

Le small cap e la raccolta di capitale di rischio Opportunità per il professionista. Il ruolo del Nomad. S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Le small cap e la raccolta di capitale di rischio Opportunità per il professionista Il ruolo del Nomad. Marco Fumagalli Responsabile Capital Markets Ubi Banca

Dettagli

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano A.GE.S. S.p.A. Sede in Paderno Dugnano (Mi) Via Oslavia 21 Capitale sociale euro 850.000,00 interamente versato Codice fiscale e Partita Iva : 02286490962 Iscritta al Registro delle Imprese di Milano Società

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Introduzione al corso 1 Inquadramento del corso 1996: Gruppo di ricerca sulle metodologie di analisi, sugli

Dettagli

Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni

Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni Giugno 2012 Il presente documento è stato redatto in lingua inglese.

Dettagli

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità Armundia Group è un azienda specializzata nella progettazione e fornitura di soluzioni software e consulenza specialistica per i settori dell ICT bancario, finanziario ed assicurativo. Presente in Italia

Dettagli

LA CORRUZIONE TRA PRIVATI:

LA CORRUZIONE TRA PRIVATI: LA CORRUZIONE TRA PRIVATI: APPROFONDIMENTI In data 18 ottobre 2012, dopo un lungo iter parlamentare, il Senato ha approvato il maxi-emendamento al Disegno di Legge recante Disposizioni per la prevenzione

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE PROPOSTE CONCERNENTI LE MATERIE POSTE ALL ORDINE DEL GIORNO DELLA ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI DEL

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari Documento di Sintesi Documento redatto ai sensi dell art. 48, comma 3, del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo.

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. Consiglio dei Ministri: 05/04/2007 Proponenti: Esteri ART. 1 (Finalità

Dettagli

Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI"

Documento di sintesi STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI" Documento del 1 aprile 2011 1 1 INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Fornite ai sensi degli

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI COMMISSIONE PARITETICA PER I PRINCIPI DI REVISIONE LA COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

STRESS DA LAVORO CORRELATO

STRESS DA LAVORO CORRELATO STRESS DA LAVORO CORRELATO Il presente documento costituisce uno strumento utile per l adempimento dell obbligo di valutazione dei rischi da stress da lavoro correlato sancito dal Testo Unico in materia

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE

OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE FOGLIO INFORMATIVO OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione e forma giuridica Cassa di

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE ai sensi dell'art. 2 e dell'art. 6 delle disposizioni AIM Italia in tema di Parti Correlate del maggio 2012, nonché

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi -

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi - Direttiva 2004/39/CE "MIFID" (Markets in Financial Instruments Directive) Direttiva 2006/73/CE - Regolamento (CE) n. 1287/2006 Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA Aggiornamento dicembre 2014

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA Aggiornamento dicembre 2014 DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA Aggiornamento dicembre 2014 1. PRINCIPI GENERALI IN TEMA DI BEST EXECUTION Il presente documento descrive

Dettagli