Norme di comportamento del personale autorizzato a lavorare nei locali del Servizio di Calcolo

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Norme di comportamento del personale autorizzato a lavorare nei locali del Servizio di Calcolo"

Transcript

1 Pag. 1 di 7 Norme di comportamento del personale autorizzato a lavorare nei locali del Servizio di Calcolo PREMESSA Questa nota e indirizzata al personale dipendente dell INFN e/o ad esso assimilato che lavora nei locali adibiti al Servizio Calcolo, ed ubicate presso il Dipartimento di Fisica in Via Celoria, 16, presso il laboratorio LASA, in Via Fratelli Cervi 205 Segrate e presso la sede dell Università Milano - Bicocca piazza della Scienza 3 Milano Edificio U-2 COMPORTAMENTO L accesso alle zone della sala macchine e riservato solo agli operatori autorizzati, i visitatori possono accedere solo agli spazi consentiti In queste zone, non si può realizzare alcun tipo di lavorazione e pertanto i pericoli possono definirsi nulli. Di norma il personale visitatore deve essere comunque fatto accomodare negli spazi riservati ad uso ufficio. Il visitatore sia esso dipendente o meno, potrà avvicinarsi alla zona di lavoro ed alla zona di riparazione dove si trova il tavolo da lavoro solo per motivi eccezionali e motivati, sotto la piena responsabilità del preposto. In assenza del preposto la responsabilità di tale operazione sarà sempre e soltanto attribuita all operatore che autorizzando tale comportamento se ne assume tutte le responsabilità. Il Preposto del laboratorio e/o il Responsabile del Servizio, devono invitare i visitatori ad allontanarsi immediatamente dalle zone non consentite. I lavori compiuti all interno delle zone adibite a sala calcolo dovranno essere preventivamente approvati e saranno concordati, se necessario, i piani e le procedure di lavorazione col Responsabile del Servizio e o in sua assenza dal Preposto. In mancanza di approvazione le eventuali operazioni compiute saranno a totale responsabilità dell operatore. Nelle zone di lavoro, non è ammesso l uso di fiamme libere, l uso di gas compresso in bombole ed altri prodotti pericolosi per la salute dei lavoratori in genere. Se necessarie tali lavorazioni dovranno essere concordate con il Responsabile del Servizio e/o con il Responsabile del Servizio Prevenzione e Protezione. Nel caso di inosservanza delle regole prescritte potranno essere adottati i provvedimenti previsti dalle leggi vigenti.

2 Pag. 2 di 7 LAVORAZIONI Tutti i lavori da eseguirsi nelle zone calcolo e negli uffici e/o zone adibite a progettazione devono essere sempre concordati prima con il Responsabile del Servizio, poi nella fase di realizzazione con il preposto della stessa al fine di razionalizzare l uso delle risorse disponibili e per individuare le procedure più corrette e sicure. Non potranno essere realizzati lavori senza avere seguito la procedura enunciata. Sono vietate tutte quelle operazioni che possono provocare odori e/o l emissione di polveri. Sono altresì vietate, senza autorizzazione del Responsabile del Servizio, tutte quelle lavorazioni che possono generare polveri e/o odori. Strumentazione Particolare attenzione si deve riporre nell'uso della strumentazione per controlli e/o verifiche, avendo cura di utilizzare strumentazione provvista di marcatura CE e priva di difetti. Ogni strumento deve essere utilizzato per le operazioni consentite e riportate dal proprio manuale d'uso, eventuali usi impropri non sono né consentiti né autorizzati. In caso di incidente causato da improprio usa della strumentazione i danni arrecati a sé e/o ad altri saranno esclusivamente addebitati a chi ha usato impropriamente la strumentazione. Assiemaggio di Computer Particolare attenzione si dovrà porre nelle operazioni di assiemaggio dei computer o di riparazione degli stessi. Si dovrà agire solo avendo cura di aver tolto prima la corrente, prima di aprire i pannelli di accesso agli apparati. Si dovrà comunque porre la massima attenzione anche durante le fasi di sostituzione dei vari pezzi. Operazioni in quota Questa situazione non rara ai centri di calcolo per via dello sfruttamento del volume più che della superficie, comporta alcune volte la movimentazione di apparati operando su scale. Si fa presente che per questo tipo di operazione e essenziale utilizzare scale a libro adeguate, marcate secondo la normativa vigente. Tale operazione non potrà mai essere compiuta da una singola persona é sempre necessaria la presenza di altro componente del servizio. Le stesse precauzioni valgono nel caso di verifica ad apparati posti ad altezza tale che l intervento debba richiedere l uso di una scala. Apertura dei pavimenti flottanti In caso di interventi che richiedano l apertura dei pavimenti flottanti, è indispensabile circoscrivere la zona dell intervento con apposite segnalazioni mobili, ed indicare il rischio d inciampo con apposita segnaletica all ingresso dei locali interessati dai lavori. Anche questi interventi non devono essere compiuti da una singola persona, ma richiedono

3 Pag. 3 di 7 l assistenza di altre persone, anche con il compito di segnalare ed indicare i rischi connessi al personale in transito nell area. Sistemazione cavi di collegamento Durante le varie operazioni di installazione si dovrà anche tener conto dei cavi di collegamento che alla fine si avranno. E fatto obbligo di raggrupparli e di contenerli in modo che non creino intralcio, anche temporaneo, alle lavorazioni ed al passaggio del personale che opera nelle adiacenze. L obbligo deriva anche dal fatto che si opera in ambienti ristretti ed ad altezze diverse. Rischio elettrico Tutte le persone che frequentano a qualunque titolo le sale macchine del Servizio Calcolo sono esposte ad un rischio elettrico. Infatti tutti gli apparati sono alimentati da corrente elettrica e spesso si interviene per riparazioni e/o modifiche asportando parte delle protezioni di involucro per accedere all interno riparando i guasti. Queste operazioni devono essere eseguite spegnendo la macchina ed assicurandosi di aver tolto il cavo di alimentazione al fine di evitare che anche accidentalmente si ripristini l alimentazione. Non deve essere realizzato alcun cavo di collegamento elettrico. Gli stessi devono essere realizzati da personale competente, meglio se acquistati con l indicazione del doppio isolamento (doppio quadrato) Monitor video CRT Data la pericolosità degli stessi, per la presenza di alta tensione per l alimentazione del tubo catodico, non è consentito a nessuno intervenire su questi tipi di apparato. Se un monitor è diagnosticato come guasto, lo stesso va riposto in luogo adatto, avvertendo chi di competenza per il relativo smaltimento dopo l operazione di disinventario. Movimentazione dei carichi Per lo svolgimento di attività legate al Servizio, può rendersi necessario movimentare carichi, anche in condizioni e posizioni alcune volte disagiate. Per fare ciò si deve sempre valutare il peso dell apparato da movimentare, la possibilità di presa, lo spazio circostante e la stabilità del corpo dell operatore in questa fase. Anche nel caso di carichi sollevabili da una singola persona, sarebbe bene non realizzare da soli alcuno spostamento al fine di evitare di incorrere in possibili incidenti. Si deve tener conto che oltre al danno diretto che possiamo causare a noi stessi, potremmo causare anche danni indiretti ad altre persone, e danni al materiale presente nella zona. Tutti sono quindi invitati a valutare correttamente ogni lavorazione prima di intraprenderla. ACCORGIMENTI Il personale che essendo afferente al servizio svolge normalmente la propria opera all interno delle zone riservate, deve garantire un comportamento adeguato al fine di evitare ove possibile gli infortuni sul lavoro.

4 Pag. 4 di 7 Il personale è tenuto ad utilizzare i Dispositivi di Protezione Individuale (DPI) in dotazione, risultato della valutazione del rischio, quali guanti, calzature, occhiali ed elmetto, ecc. I DPI devono essere tenuti con cura ed in caso di loro deterioramento deve essere fatta tempestiva segnalazione al preposto al fine di provvedere con l ausilio del SPP alla sua sostituzione. L uso di prodotti chimici dovrà avvenire dopo aver preso conoscenza delle caratteristiche tecniche e del grado di pericolosità degli stessi. Nelle zone interessate, dovranno essere custodite le Schede di Sicurezza dei prodotti in uso. I prodotti chimici devono essere riposti negli armadi di stoccaggio dopo ogni turno di lavoro. LAVORO STRAORDINARIO Il lavoro svolto fuori dalle ore usuali (lavoro straordinario), dovrà essere preventivamente autorizzato, per il lavoro svolto nei vari locali del calcolo ne dovrà essere informato il Responsabile del Servizio ed il Preposto. Non è ammessa la presenza di un solo operatore in laboratorio per evidenti motivi di sicurezza LAVORI IN MISSIONE Si ritiene di dover attirare l attenzione degli operatori sulle situazione che si potrebbero verificare in luoghi diversi dai locali adibiti al Servizio Calcolo che si sono presi in esame. Il Responsabile della missione ed il tecnico devono valutare la possibilità di incidente in operazioni a lui non abituali o congeniali e per le quali non e stato mai sottoposto a formazione specifica, quali ad esempio lavori in quota, operazioni con utensili e/o attrezzature non di nostra proprietà e lavorazioni con utensili e/o attrezzature non adatti allo scopo ecc. In questi casi, una volta a conoscenza delle lavorazioni da eseguire all esterno del proprio ambiente, il tecnico dovrà esporre le eventuali problematiche sia al suo Preposto che al Responsabile del servizio ed al SPP per la valutazione non solo delle attrezzature necessarie ma anche per una informazione e formazione di base. La mancata osservanza di tale procedura, comporta una assunzione di responsabilità diretta da parte del lavoratore e del suo referente in loco. Lavorazioni senza i necessari DPI assegnati al lavoratore comportano da parte dello stesso e del suo Preposto in loco assunzione di responsabilità diretta. Siete tenuti ad informarvi prima di realizzare operazioni delle quali non avete la assoluta padronanza, prima di maneggiare solventi e/o prodotti chimici in genere, prima di operare con liquidi o gas criogenici e, per ogni operazione di cui non si abbia completa conoscenza. UTILIZZO DELLE ATTREZZATURE: NORME DI SICUREZZA E COMPORTAMENTO

5 Pag. 5 di 7 NORME DI SICUREZZA GENERALI LEGGETE IL MANUALE D'ISTRUZIONE PRIMA DI UTILIZZARE LO STRUMENTO - Imparate le applicazioni ed i limiti, così come i possibili pericoli. USARE LE PROTEZIONI - E mantenerle funzionali. COLLEGARE A TERRA LA STRUMENTAZIONE - La strumentazione deve essere collegata a terra elettricamente in modo certo. TENERE PULITO IL POSTO DI LAVORO - Aree ingombrate e disordinate possono provocare incidenti. NON UTILIZZARE IN LUOGHI PERICOLOSI - Non usare macchine e/o attrezzature elettriche in luoghi umidi o bagnati; il posto di lavoro deve essere ben illuminato. TENERE LONTANO GLI ESTRANEI - i visitatori devono rimanere a distanza di sicurezza. NON UTILIZZARE LA STRUMENTAZIONE OLTRE I PARAMETRI DI FUNZIONAMENTO- La stessa lavorerà in modo migliore e più sicuro se usata correttamente. USARE IL GIUSTO UTENSILE - Relativamente alle lavorazioni da eseguire. NON UTILIZZARE LA STRUMENTAZIONE PER UTILIZZI IMPROPRI DELIMITARE IL LUOGO DURANTE I LAVORI Nel caso dell esecuzioni di lavorazioni in quota e/o in luoghi ristretti e/o comportanti l apertura del pavimento flottante e/o in zone protette da sistemi di vario genere è bene indicare la proprio presenza nell esecuzioni di lavori delimitandone la zona. INDOSSARE OCCHIALI PROTETTIVI - E maschere antipolvere, se necessario, in funzione alle operazioni che state compiendo. LAVORARE IN SICUREZZA -. Dovendo intervenire su attrezzature elettriche, si deve avere l avvertenza prima di togliere tensione poi di iniziare a lavorare. E ASSOLUTAMENTE VIETATO LAVORARE CON APPARATI IN TENSIONE NON ESTENDERSI TROPPO - Mantenere sempre una posizione stabile e ben bilanciata in particolar modo durante le operazioni di sollevamento o spostamento di materiale. TENERE GLI UTENSILI IN BUONE CONDIZIONI Utilizzare solo gli utensili manuali adatti alle singole operazioni, curare la pulizia per ottenerne le migliori prestazioni INTERVENTI SULLA STRUMENTAZIONE Non sottoporre mai a manutenzione di propria iniziativa ed in modo artigianale la strumentazione se non si è autorizzati, e non compiere operazioni non previste dai manuali d istruzione

6 Pag. 6 di 7 USARE ACCESSORI RACCOMANDATI - L'uso di accessori impropri può provocare danni ed incidenti EVITARE ACCENSIONI ACCIDENTALI - Assicurarsi che l'interruttore sia nella posizione "off" prima di collegare Il cavo elettrico. VERIFICARE L'EFFICIENZA DELLA STRUMENTAZIONE - Prima di usare la strumentazione verificarne il funzionamento eseguendo le operazioni indicate dai manuali operativi. Se una protezione o qualsiasi altra parte è danneggiata, questa deve essere riparata o sostituita.

7 Pag. 7 di 7 NORME DI SICUREZZA D'USO Assicurarsi che tutte le macchine siano adagiate su piani solidi ed in modo adeguato. Nel caso di esecuzioni di riparazioni su macchine poste su scaffali e/o in sistemi rack, assicurarsi che l uso della strumentazione manuale e/o elettrica non arrechi danno a se ed ad altri. Le norme di buona tecnica DEVONO essere sempre rispettate da tutti evitando azioni che possano determinare pericoli di sorta. ISTRUZIONI D'USO Usare sempre utensili adatti per ogni lavorazione. Utilizzare sempre materiale a norma, in caso di problemi interpellate il SPP. MANUTENZIONE In genere la strumentazione non necessita di particolare manutenzione, tuttavia ricordare di: pulire costantemente la strumentazione. sottoporre a manutenzione periodica in modo da non compromettere le prestazioni o la durata dello strumento. sostituire, alle scadenze raccomandate, gli accessori che si possono deteriorare usando quelli consigliati e/o in dotazione alla strumentazione.

Norme di sicurezza e comportamentali del personale autorizzato a lavorare nei locali adibiti a Camera Pulita

Norme di sicurezza e comportamentali del personale autorizzato a lavorare nei locali adibiti a Camera Pulita Pag. 1 di 5 Norme di sicurezza e comportamentali del personale autorizzato a lavorare nei locali adibiti a Camera Pulita Premessa Questa nota è indirizzata al personale, dipendente e/o associato, autorizzato

Dettagli

Norme di comportamento del personale autorizzato a lavorare nei locali officina del Servizio di Progettazione e Officina Meccanica

Norme di comportamento del personale autorizzato a lavorare nei locali officina del Servizio di Progettazione e Officina Meccanica Pag. 1 di 6 Norme di comportamento del personale autorizzato a lavorare nei locali officina del Servizio di Progettazione e Officina Meccanica PRESSA Questa nota e indirizzata al personale dipendente dell

Dettagli

Norme di comportamento del personale autorizzato a lavorare nei laboratori del Servizio di Elettronica

Norme di comportamento del personale autorizzato a lavorare nei laboratori del Servizio di Elettronica Pag. 1 di 7 Norme di comportamento del personale autorizzato a lavorare nei laboratori del Servizio di Elettronica PREMESSA Questa nota e indirizzata al personale dipendente dell INFN e/o ad esso assimilato

Dettagli

RISCHI DERIVANTI DALL USO DI APPARECCHIATURE ELETTRICHE

RISCHI DERIVANTI DALL USO DI APPARECCHIATURE ELETTRICHE Pagina 1 di 5 INDICE Scopo Riferimenti normativi Campo di applicazione Responsabilità ed aggiornamento Rischi derivanti dall uso di apparecchiature a funzionamento elettrico Cautele e misure di prevenzione

Dettagli

ISTRUZIONI PREVENTIVE ANTINCENDIO A TUTTO IL PERSONALE

ISTRUZIONI PREVENTIVE ANTINCENDIO A TUTTO IL PERSONALE ISTRUZIONI PREVENTIVE ANTINCENDIO A TUTTO IL PERSONALE MISURE PREVENTIVE PER TUTTI I LAVORATORI E vietato depositare e manipolare sostanze infiammabili in quantità superiori alla normale dotazione prevista.

Dettagli

LA SICUREZZA NELLA MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI E DELLE APPARECCHIATURE ELETTRICHE

LA SICUREZZA NELLA MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI E DELLE APPARECCHIATURE ELETTRICHE LA SICUREZZA NELLA MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI E DELLE APPARECCHIATURE ELETTRICHE Scopo della tesi Questa tesi si propone di fornire una serie di procedure per l esecuzione IN SICUREZZA dei lavori elettrici,

Dettagli

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali Lettera Rischi Interferenziali Spett.le Ditta Appaltatrice Ditta Subappaltatrice Luogo, Data 2 OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali In relazione alla necessità di una possibile

Dettagli

LAVORI DI MANUTENZIONE SU IMPIANTI ELETTRICI. Disposizioni per l esecuzione di lavori in tensione -- Programma LEONARDO

LAVORI DI MANUTENZIONE SU IMPIANTI ELETTRICI. Disposizioni per l esecuzione di lavori in tensione -- Programma LEONARDO LAVORI DI MANUTENZIONE SU IMPIANTI ELETTRICI Lavori di manutenzione su impianti elettrici Manutenzione Atto, effetto, insieme delle operazioni volte allo scopo di mantenere efficiente ed in buono stato,

Dettagli

SEDE DEI LAVORI Via Celoria, 16-20133 Milano Via F.lli Cervi 201 20090 Segrate - MI

SEDE DEI LAVORI Via Celoria, 16-20133 Milano Via F.lli Cervi 201 20090 Segrate - MI Istituto Nazionale di Fisica Nucleare Sezione di Milano Persone di Riferimento: Datore di lavoro: Giuseppe Battistoni SEDE DEI LAVORI Via Celoria, 16-20133 Milano Via F.lli Cervi 201 20090 Segrate - MI

Dettagli

PER L'USO E LA MANUTENZIONE

PER L'USO E LA MANUTENZIONE MANUALE PER L'USO E LA MANUTENZIONE DI QUADRI ELETTRICI SECONDARI DI DISTRIBUZIONE INDICE: 1) AVVERTENZE 2) CARATTERISTICHE TECNICHE 3) INSTALLAZIONE 4) ACCESSO AL QUADRO 5) MESSA IN SERVIZIO 6) OPERAZIONI

Dettagli

È assolutamente vietato utilizzare apparecchiature elettriche non a norma. Evitare l uso di prese multiple. Non utilizzare apparecchiature

È assolutamente vietato utilizzare apparecchiature elettriche non a norma. Evitare l uso di prese multiple. Non utilizzare apparecchiature LAVORO ELETTRICO In Italia la norma CEI 11-48 del 1998 stabilisce le prescrizioni generali per l esercizio sicuro degli impianti elettrici e per l esecuzione dei lavori su od in prossimità di tali impianti.

Dettagli

Procedure per lo svolgimento delle mansioni professionali in condizioni di sicurezza. Assistente Amministrativo e D.S.G.A.

Procedure per lo svolgimento delle mansioni professionali in condizioni di sicurezza. Assistente Amministrativo e D.S.G.A. A cura del Responsabile S.P.P.- 2010-2011 ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE F. M. GENCO Procedure per lo svolgimento delle mansioni professionali in condizioni di sicurezza Assistente Amministrativo e D.S.G.A.

Dettagli

MINI FRANTUMATORE PER MATERIALI INERTI MANUALE D USO

MINI FRANTUMATORE PER MATERIALI INERTI MANUALE D USO Split 460 MINI FRANTUMATORE PER MATERIALI INERTI MANUALE D USO BMG sas - GAETANO GOBBI & C - Via Conche, 34 36026 Pojana Maggiore (VI) info@bmgmixer.it - Tel. 0444 896648 - Fax. 0444 797182 1 Sommario

Dettagli

CITTA DI RIVOLI. UNICO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DELLE INTERFERENZE D. Lgs. 81/08 e s.m.i. art. 26 comma 5 Allegato 1

CITTA DI RIVOLI. UNICO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DELLE INTERFERENZE D. Lgs. 81/08 e s.m.i. art. 26 comma 5 Allegato 1 CITTA DI RIVOLI UNICO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DELLE INTERFERENZE Documento n. : RT-105-105 Arch. Inf. : 08RI04-105-0 Data : 31.03.2011 Pagina 1 di 5 ALLEGATO 1 Programma lavori e individuazione

Dettagli

Informazione e Formazione. Regolamento sull uso e conservazione dei

Informazione e Formazione. Regolamento sull uso e conservazione dei Regolamento sull uso e conservazione dei prodotti di pulizia Il presente Regolamento si prefigge di fornire utili indicazioni ai collaboratori scolastici: sulla prevenzione contro il rischio chimico derivante

Dettagli

Ferrara Fiere Congressi Fascicolo Sicurezza - Allegato scheda 1 Informazioni sui rischi. Fascicolo Sicurezza. Allegato scheda 1

Ferrara Fiere Congressi Fascicolo Sicurezza - Allegato scheda 1 Informazioni sui rischi. Fascicolo Sicurezza. Allegato scheda 1 Ferrara Fiere Congressi Fascicolo Sicurezza - Allegato scheda 1 Informazioni sui rischi Fascicolo Sicurezza Allegato scheda 1 INFORMAZIONI SUI RISCHI Informazione sui rischi presenti durante le fasi di

Dettagli

REGOLAMENTO AZIENDALE DI ACCESSO DEPURATORE DI BASSANO DEL GRAPPA

REGOLAMENTO AZIENDALE DI ACCESSO DEPURATORE DI BASSANO DEL GRAPPA Reg. n. 05 REGOLAMENTO AZIENDALE DI ACCESSO DEPURATORE DI BASSANO DEL GRAPPA (Art. 26 D.Lgs. 81/08) In relazione alle disposizioni previste dall art. 26 del D.Lgs. n. 81/2008 comma 1, il quale prevede

Dettagli

Manutenzione di macchine e impianti Lista di controllo

Manutenzione di macchine e impianti Lista di controllo Manutenzione di macchine e impianti Lista di controllo Nella vostra azienda si garantisce la sicurezza durante gli interventi di manutenzione? Le persone più a rischio sono i manutentori e gli operatori

Dettagli

ISTRUZIONE PER L ESECUZIONE IN SICUREZZA DI SPOSTAMENTI PARTICOLARI CON CARROPONTE (GROSSE LAMIERE)

ISTRUZIONE PER L ESECUZIONE IN SICUREZZA DI SPOSTAMENTI PARTICOLARI CON CARROPONTE (GROSSE LAMIERE) RISCHI SPECIFICI DELLA LAVORAZIONE Talvolta è necessario spostare GROSSE LAMIERE con il carroponte. I principali rischi durante queste operazioni sono: Possibile caduta dei carichi pesanti (lamiere) durante

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA Servizio di Prevenzione e Protezione PIANO DI EMERGENZA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA Servizio di Prevenzione e Protezione PIANO DI EMERGENZA PIANO DI EMERGENZA Identificazione delle emergenze e delle situazioni incidentali Le emergenze e le situazioni incidentali ipotizzate ai fini di questo piano sono relative allo sversamento di prodotti

Dettagli

Procedure di sicurezza per lo svolgimento delle mansioni professionali

Procedure di sicurezza per lo svolgimento delle mansioni professionali Procedure di sicurezza per lo svolgimento delle mansioni professionali Profilo Assistente Amministrativo e D.S.G.A. In questo documento informativo vengono indicati per ciascuna mansione professionale

Dettagli

D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici

D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Servizio Prevenzione e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro Servizio Impiantistica Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Mantova D.Lgs 81/08 art. 96 c.1 Contenuti minimi del POS in presenza di rischi

Dettagli

COMUNE DI LONGARE. Provincia di Vicenza Area Lavori Pubblici Gestione e Manutenzione Patrimonio Ambiente

COMUNE DI LONGARE. Provincia di Vicenza Area Lavori Pubblici Gestione e Manutenzione Patrimonio Ambiente Provincia di Vicenza Area Lavori Pubblici Gestione e Manutenzione Patrimonio Ambiente Via G. Marconi 26 36023 Longare(VI) cod. fisc. 00415090240 tel. 0444/555444 fax 0444/953441 SERVIZIO DI MANUTENZIONE

Dettagli

1. CONSIDERAZIONI GENERALI SUL GRUPPO 2. DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE (DPI) ELETTROGENO PORTATILE

1. CONSIDERAZIONI GENERALI SUL GRUPPO 2. DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE (DPI) ELETTROGENO PORTATILE Unione 1. CONSIDERAZIONI GENERALI SUL GRUPPO ELETTROGENO PORTATILE La seguente scheda mostra le norme di sicurezza che deve seguire l operatore di un GRUPPO ELETTROGENO PORTATILE. Le norme qui di seguito

Dettagli

MODALITÀ DI UTILIZZO DELLA SALA PROVE MUSICALE del Centro d Aggregazione Giovanile Via Giardini n. 31- Zoppola

MODALITÀ DI UTILIZZO DELLA SALA PROVE MUSICALE del Centro d Aggregazione Giovanile Via Giardini n. 31- Zoppola MODALITÀ DI UTILIZZO DELLA SALA PROVE MUSICALE del Centro d Aggregazione Giovanile Via Giardini n. 31- Zoppola (approvate con delibera della Giunta Comunale n. 190 del 28.09.2009) Premessa Il Comune di

Dettagli

MISURE DI EVACUAZIONE PER LA SEZIONE INFN DI MILANO RELATIVAMENTE AL LABORATORIO LASA REGOLAMENTO

MISURE DI EVACUAZIONE PER LA SEZIONE INFN DI MILANO RELATIVAMENTE AL LABORATORIO LASA REGOLAMENTO MISURE DI EVACUAZIONE PER LA SEZIONE INFN DI MILANO RELATIVAMENTE AL LABORATORIO LASA REGOLAMENTO Qualora si verichi un incidente tale da rendere necessario l abbandono cautelativo dell edificio (p. es.

Dettagli

LABORATORIO AUTOMAZIONI INDUSTRIALI

LABORATORIO AUTOMAZIONI INDUSTRIALI I.T.I.S. Max Planck Lancenigo di Villorba (TV) LABORATORIO AUTOMAZIONI INDUSTRIALI A) Aspetti generali REGOLAMENTO DEL LABORATORIO 1) Tutti i docenti che, a qualsiasi titolo, utilizzano il laboratorio

Dettagli

DUVRI. Per ciascun lotto, i costi della sicurezza, non soggetti a ribasso sono quantificati in 35,00

DUVRI. Per ciascun lotto, i costi della sicurezza, non soggetti a ribasso sono quantificati in 35,00 PROCEDURA, IN ECONOMIA, PER LA SOTTOSCRIZIONE DI ACCORDI QUADRO PER L ACQUISIZIONE DEI SERVIZI DI ASSISTENZA ALLE ATTIVITÁ DI VIGILANZA DELL UFFICIO METROLOGIA LEGALE DELLA CCIAA DI VERONA Lotto 1: CIG

Dettagli

I lavori elettrici dal D.Lgs 81/2008 alle Norme Tecniche

I lavori elettrici dal D.Lgs 81/2008 alle Norme Tecniche Sezione Toscana e Umbria I lavori elettrici dal D.Lgs 81/2008 alle Norme Tecniche Dott. Ing. Emilio Giovannini Direttore UO Prevenzione Protezione dai Rischi ASL1 di Massa Carrara Consigliere AEIT sezione

Dettagli

RICERCA, CERTIFICAZIONI E VERIFICHE UNITA OPERATIVA TERRITORIALE BERGAMO

RICERCA, CERTIFICAZIONI E VERIFICHE UNITA OPERATIVA TERRITORIALE BERGAMO RICERCA, CERTIFICAZIONI E VERIFICHE UNITA OPERATIVA TERRITORIALE BERGAMO Ing. Angelo Romanelli, Direttore Dipartimento RCV Bergamo Data 12 settembre 2014 INTRODUZIONE IL COMMITTENTE Soggetto individuato

Dettagli

PROCEDURA DI SICUREZZA UTILIZZO DELLE APPARECCHIATURE ELETTRICHE NEGLI UFFICI

PROCEDURA DI SICUREZZA UTILIZZO DELLE APPARECCHIATURE ELETTRICHE NEGLI UFFICI SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI Pagina 1 di 6 PROCEDURA DI SICUREZZA 1. UTILIZZO DELLE APPARECCHIATURE ELETTRICHE NEGLI UFFICI 2. Revisione numero Data emissione e/o ultima modifica Approvata

Dettagli

2) REGOLAMENTO D ACCESSO E COMPORTAMENTO ALL INTERNO DEL CENTRO DI RACCOLTA

2) REGOLAMENTO D ACCESSO E COMPORTAMENTO ALL INTERNO DEL CENTRO DI RACCOLTA ALLEGATO B 1) SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE La presente procedura ha lo scopo di realizzare le condizioni di massima sicurezza per tutti coloro che intendono conferire materiali/rifiuti nel CENTRO DI RACCOLTA

Dettagli

GUIDA ALLA MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI

GUIDA ALLA MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI NORME CEI 0-10 GUIDA ALLA MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI La guida contiene le indicazioni relative alla manutenzione degli impianti elettrici di bassa tensione allo scopo di favorire il mantenimento

Dettagli

Scaldameglio. Bagno Beghelli ISTRUZIONI PER L USOL

Scaldameglio. Bagno Beghelli ISTRUZIONI PER L USOL Scaldameglio Bagno Beghelli ISTRUZIONI PER L USOL Scaldameglio Bagno (cod. ordine 8497) 1. Ingresso aria 2. Uscita aria 3. Indicatore di presenza alimentazione 3 1 2 4. Selettore della temperatura (termostato)

Dettagli

REGOLAMENTO DI SICUREZZA PER GLI STUDENTI

REGOLAMENTO DI SICUREZZA PER GLI STUDENTI REGOLAMENTO DI SICUREZZA PER GLI STUDENTI Articolo 1 - Premessa 1. Di seguito sono riassunte le norme generali di prevenzione e quelle di emergenza, alle quali tutti gli studenti-ospiti dell Università

Dettagli

Istruzioni D Uso Tau Steril 2000 Automatic

Istruzioni D Uso Tau Steril 2000 Automatic Pag. 1 di 6 Istruzioni D Uso Tau Steril 2000 Automatic CEE 0426 DIRETTICTIVA 93/42 DISPOSITIVI MEDICI Pag. 2 di 6 INDICE Numero Titolo Pagina 1 Avvertenze 3 2 Introduzione 3 2.1 Riferimenti Normativi 3

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) LOTTO.. A) ANAGRAFICA DELL APPALTO

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) LOTTO.. A) ANAGRAFICA DELL APPALTO ALLEGATO D DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) LOTTO.. A) ANAGRAFICA DELL APPALTO CONTRATTO. DATORE DI LAVORO COMMITTENTE : MINISTERO DELL INTERNO DIPARTIMENTO DELLA PUBBLICA

Dettagli

SCHEMA DI REGOLAMENTO DI GESTIONE. dell esercizio di Bar del parcheggio interrato presso il Parco Novi Sad di Modena.

SCHEMA DI REGOLAMENTO DI GESTIONE. dell esercizio di Bar del parcheggio interrato presso il Parco Novi Sad di Modena. SCHEMA DI REGOLAMENTO DI GESTIONE dell esercizio di Bar del parcheggio interrato presso il Parco Novi Sad di Modena. DISPOSIZIONI PER LA GESTIONE DELL ESERCIZIO INTERNO DI BAR Art. 1. Oggetto del Regolamento

Dettagli

COMUNE DI VOLTURINO PROVINCIA DI FOGGIA APPALTO PER L AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA COMUNALE.

COMUNE DI VOLTURINO PROVINCIA DI FOGGIA APPALTO PER L AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA COMUNALE. COMUNE DI VOLTURINO PROVINCIA DI FOGGIA APPALTO PER L AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA COMUNALE. DUVRI Art. 26, comma 4, D.Lgs. 81/08 Committente: Comune di Volturino SPECIFICHE

Dettagli

Appalto per l affidamento dei Servizi relativi alle aree infanzia e adolescenza dei Comuni di Sotto il Monte Giovanni XXIII e Carvico

Appalto per l affidamento dei Servizi relativi alle aree infanzia e adolescenza dei Comuni di Sotto il Monte Giovanni XXIII e Carvico CITTA DI SOTTO IL MONTE GIOVANNI XXIII PROVINCIA DI BERGAMO Appalto per l affidamento dei Servizi relativi alle aree infanzia e adolescenza dei Comuni di Sotto il Monte Giovanni XXIII e Carvico Biennio

Dettagli

GARANZIA BATTERIE DI TRAZIONE INDUSTRIALE

GARANZIA BATTERIE DI TRAZIONE INDUSTRIALE GARANZIA BATTERIE DI TRAZIONE INDUSTRIALE Le batterie da trazione vengono normalmente fornite con acido già cariche e pronte per l impiego. Tuttavia prima di mettere in servizio una batteria nuova è sempre

Dettagli

COMUNE DI ROCCA PRIORA (Provincia di Roma)

COMUNE DI ROCCA PRIORA (Provincia di Roma) COMUNE DI ROCCA PRIORA (Provincia di Roma) APPALTO PER L AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE DEL SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA PER LE SCUOLE PUBBLICHE DELL INFANZIA, ELEMENTARI E MEDIE NEL TERRITORIO DEL COMUNE

Dettagli

Manuale d uso e manutenzione

Manuale d uso e manutenzione Manuale d uso e manutenzione Scaffalatura fissa TECFIX Documento generico riferito al prodotto Tecnofix. Per dettagli specifici riferiti ad ogni singolo impianto personalizzato contattare l Ufficio Tecnico

Dettagli

IMPIANTI ELETTRICI & Valutazione del RISCHIO ELETTRICO. Il RISCHIO ELETTRICO. Dal punto di consegna... D.Lgs 81 R.el. - Pagani 1

IMPIANTI ELETTRICI & Valutazione del RISCHIO ELETTRICO. Il RISCHIO ELETTRICO. Dal punto di consegna... D.Lgs 81 R.el. - Pagani 1 IMPIANTI ELETTRICI & Valutazione del RISCHIO ELETTRICO Dal punto di consegna... 2 Il RISCHIO ELETTRICO è da intendersi come il rischio di infortunio CAUSATO da un impianto elettrico Il danno conseguente

Dettagli

CAPITOLO 6 MISURE ORGANIZZATIVE

CAPITOLO 6 MISURE ORGANIZZATIVE Pagina 1 di 9 CAPITOLO 6 MISURE ORGANIZZATIVE Organizzazione del lavoro Contratti d appalto e contratti d opera Analisi, pianificazione e controllo Formazione ed informazione Partecipazione Documentazione

Dettagli

2.4.16 Isola robotizzata D.Lgs. 81/08 All. V e VI, DPR 459/96 All. I, UNI EN ISO 10218:2006

2.4.16 Isola robotizzata D.Lgs. 81/08 All. V e VI, DPR 459/96 All. I, UNI EN ISO 10218:2006 2.4.16 Isola robotizzata D.Lgs. 81/08 All. V e VI, DPR 459/96 All. I, UNI EN ISO 10218:2006 Macchina o insieme di macchine asservite nella manipolazione del materiale o nell esecuzione delle lavorazioni

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENZIALI (D.U.V.R.I.) COMUNITA ALTO GARDA e LEDRO. Attività di gestione dei CRM/CRZ

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENZIALI (D.U.V.R.I.) COMUNITA ALTO GARDA e LEDRO. Attività di gestione dei CRM/CRZ DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENZIALI (D.U.V.R.I.) COMUNITA ALTO GARDA e LEDRO Attività di gestione dei CRM/CRZ Via A. Rosmini, 5/b -38066 Riva del Garda Redazione: febbraio 2012 DECRETO

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DELL AULA INFORMATICA

REGOLAMENTO PER L USO DELL AULA INFORMATICA MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE ANTONINO CAPONNETTO Via Socrate, 11 90147 PALERMO 091-533124 Fax 091-6914389 - c.f.: 97164800829 cod. Min.: PAIC847003 email: paic847003@istruzione.it

Dettagli

D.U.V.R.I. Documento Unico di Valutazione del rischio per l eliminazione delle interferenze.

D.U.V.R.I. Documento Unico di Valutazione del rischio per l eliminazione delle interferenze. SERVIZIO LAVORI PUBBLICI SERVIZIO DI MANUTENZIONE ORDINARIA DEGLI IMPIANTI DI ILLUMINAZIONE PUBBLICA SUL TERRITORIO COMUNALE 2013-2018 D.U.V.R.I. Documento Unico di Valutazione del rischio per l eliminazione

Dettagli

SCHEDA TECNICA N 16 AZOTO LIQUIDO

SCHEDA TECNICA N 16 AZOTO LIQUIDO SCHEDA TECNICA N 16 AZOTO LIQUIDO SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE AZIENDALE V I A A L B E R T O N I, 1 5-4 0 1 3 8 B O L O G N A 0 5 1. 6 3. 6 1. 1 3 7 - FA X 0 5 1. 6 3. 6 1. 1 4 5 E-mail: spp@aosp.bo.it

Dettagli

LA SICUREZZA DEL TIROCINANTE IN CONTESTO LAVORATIVO. Informazioni per la prevenzione e la tutela della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro

LA SICUREZZA DEL TIROCINANTE IN CONTESTO LAVORATIVO. Informazioni per la prevenzione e la tutela della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro LA SICUREZZA DEL TIROCINANTE IN CONTESTO LAVORATIVO SPISAL Servizio Prevenzione Igiene Sicurezza negli Ambienti di Lavoro SIL Servizio integrazione lavorativa Opuscolo realizzato nell ambito di un percorso

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L UTILIZZAZIONE DELLA CASA DELLE ASSOCIAZIONI

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L UTILIZZAZIONE DELLA CASA DELLE ASSOCIAZIONI REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L UTILIZZAZIONE DELLA CASA DELLE ASSOCIAZIONI INDICE Articolo 1 - Articolo 2 - Articolo 3 - Articolo 4 - Articolo 5 - Articolo 6 - Articolo 7 - Articolo 8 - Articolo 9 - Articolo

Dettagli

COMUNE DI MONTE PORZIO CATONE

COMUNE DI MONTE PORZIO CATONE COMUNE DI MONTE PORZIO CATONE PROVINCIA DI ROMA APPALTO PER L AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA NELLE SCUOLE DEL TERRITORIO COMUNALE. DUVRI Art. 26, comma 4, D.Lgs. 81/08 Committente:

Dettagli

ISTITUTO ATERNO-MANTHONE'

ISTITUTO ATERNO-MANTHONE' ISTITUTO ATERNO-MANTHONE' INTRODUZIONE Il termine sicurezza nella comune accezione indica una caratteristica di ciò che non presenta pericoli o ne è ben difeso. Sicurezza è una caratteristica anche delle

Dettagli

La Casa Centro Assistenza Servizi per Anziani Via Baratto 39 36015 Schio (VI)

La Casa Centro Assistenza Servizi per Anziani Via Baratto 39 36015 Schio (VI) Ente committente: La Casa Centro Assistenza Servizi per Anziani Via Baratto 39 36015 Schio (VI) DOCUMENTO UNICO VALUTAZIONE RISCHI INTERFERENTI Art. 26 D.Lgs. 81/2008 Fornitura di generi alimentari per

Dettagli

7.2 Controlli e prove

7.2 Controlli e prove 7.2 Controlli e prove Lo scopo dei controlli e delle verifiche è quello di: assicurare che l ascensore sia stato installato in modo corretto e che il suo utilizzo avvenga in modo sicuro; tenere sotto controllo

Dettagli

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Servizio Prevenzione e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Mantova D.Lgs 81/08 art. 96 c.1 Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Azienda Sanitaria

Dettagli

NORME GENERALI DI COMPORTAMENTO

NORME GENERALI DI COMPORTAMENTO NORME GENERALI DI COMPORTAMENTO Il comportamento corretto e prudente di ognuno è il miglior modo di prevenzione contro ogni genere di infortunio - Non correre nei corridoi, scale, laboratori, ecc. - Non

Dettagli

BANDO PUBBLICO CIG: ZC005578E8 CUP: E49E10005480009 DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE

BANDO PUBBLICO CIG: ZC005578E8 CUP: E49E10005480009 DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE BANDO PUBBLICO CONTENENTE LE NORME PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIE PER GLI UFFICI DEL GAL SULCIS IGLESIENTE CAPOTERRA E CAMPIDANO DI CAGLIARI MISURA 431 DEL PSR SARDEGNA 2007-2013 CIG: ZC005578E8

Dettagli

Lista di controllo Lavori di manutenzione su veicoli ferroviari

Lista di controllo Lavori di manutenzione su veicoli ferroviari Sicurezza realizzabile Lista di controllo Lavori di manutenzione su veicoli ferroviari Gli interventi di manutenzione sui veicoli ferroviari vengono svolti in condizioni di sicurezza? La manutenzione dei

Dettagli

DUVRI DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DERIVANTI DA INTERFERENZA

DUVRI DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DERIVANTI DA INTERFERENZA DIPARTIMENTO CIRCOLAZIONE MONETARIA SERVIZIO BANCONOTE (855) DIVISIONE QUALITA', AMBIENTE E SICUREZZA SUL LAVORO (046) Rifer. a nota n. del Classificazione XIII 8 1 Oggetto DUVRI - Attività di dismissione

Dettagli

2. I mobili e gli arredi devono essere disposti in modo da consentire agevoli spostamenti, lasciando libero l accesso ai locali.

2. I mobili e gli arredi devono essere disposti in modo da consentire agevoli spostamenti, lasciando libero l accesso ai locali. DISPOSIZIONI IN MATERIA DI SICUREZZA PERSONALE DOCENTE E ATA: istruzioni sull uso di mobili ed arredi, attrezzature e macchine, apparecchiature elettriche. Si evidenziano di seguito le istruzioni sull

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE REDATTO AI SENSI DELL ART. 26, c. 3 ter DEL D.LGS. 81/2008 e s.m.i.

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE REDATTO AI SENSI DELL ART. 26, c. 3 ter DEL D.LGS. 81/2008 e s.m.i. REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA CAPITOLATO SPECIALE PER L ACQUISTO DI AUTOBUS CLASSE I Allegato 7 DUVRI DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE REDATTO AI SENSI DELL ART. 26, c.

Dettagli

A.O. Ospedale San Carlo Borromeo

A.O. Ospedale San Carlo Borromeo Pre -Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenze Servizio di Prevenzione e Protezione Servizio di assistenza infermieristica, tecnica di supporto e dei servizi alberghieri c/o le comunità riabilitative

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE DEI RISCHI N. 1

SCHEDA DI VALUTAZIONE DEI RISCHI N. 1 SCHEDA DI VALUTAZIONE DEI RISCHI N. 1 Descrizione delle attività: Scavi, sbancamenti e reinterri. Lavoratori esposti a rischi potenziali: Dipendenti delle imprese appaltatrici e lavoratori autonomi presenti

Dettagli

Molti di questi infortuni potrebbero essere evitati mettendo in atto adeguate misure preventive.

Molti di questi infortuni potrebbero essere evitati mettendo in atto adeguate misure preventive. Attenzione: la Guida che state stampando è aggiornata al 08/06/2006. I file allegati con estensione.doc,.xls,.pdf,.rtf, etc. non verranno stampati automaticamente; per averne copia cartacea è necessario

Dettagli

Collaboratore Scolastico

Collaboratore Scolastico A cura del Responsabile S.P.P.- 2010-2011 ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE F. M. GENCO Procedure per lo svolgimento delle mansioni professionali in condizioni di sicurezza Collaboratore Scolastico Vengono

Dettagli

DJ 431 EFFETTO LUCE. Manuale di istruzioni

DJ 431 EFFETTO LUCE. Manuale di istruzioni DJ 431 EFFETTO LUCE Manuale di istruzioni INTRODUZIONE Ci complimentiamo vivamente per la scelta del suo straordinario effetto luminoso, risultato delle più moderne tecniche costruttive. Questo apparecchio,

Dettagli

o Norma CEI EN 60903 (CEI 11-31) Specifica per guanti e muffole di materiale isolante per lavori sotto tensione ;

o Norma CEI EN 60903 (CEI 11-31) Specifica per guanti e muffole di materiale isolante per lavori sotto tensione ; LAVORI ELETTRICI Norme di riferimento: o Norma CEI EN 50110-1 (CEI 11-48) e variante V1 Esercizio degli impianti elettrici ; o Norma CEI EN 50110-2 (CEI 11-49) Esercizio degli impianti elettrici (allegati

Dettagli

D.Lgs. 81/08 TITOLO III CAPO I USO DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO E RISCHIO ELETTRICO

D.Lgs. 81/08 TITOLO III CAPO I USO DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO E RISCHIO ELETTRICO Dipartimento Sanità Pubblica SERVIZI PREVENZIONE SICUREZZA AMBIENTI DI LAVORO DALLA SCUOLA UN LAVORO SICURO Corso L ABC della Sicurezza e Igiene sul Lavoro STOP DALLA SCUOLA UN LAVORO SICURO Corso L ABC

Dettagli

VERBALE PRELIMINARE DI COORDINAMENTO

VERBALE PRELIMINARE DI COORDINAMENTO 1 di 5 DATA.. Referente di Commessa RdC Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione RSPP Direttore Lavori DL Direttore Operativo DO Ispettore di Cantiere IC Assistente lavori AL Collaudatore

Dettagli

ESTRATTO DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI (Applicazione disposizioni Art. 26 del D.Lgs. 81/08)

ESTRATTO DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI (Applicazione disposizioni Art. 26 del D.Lgs. 81/08) ESTRATTO DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI (Applicazione disposizioni Art. 26 del D.Lgs. 81/08) Appalto per RISTORAZIONE SCOLASTICA COMMITTENTE COMUNE DI CREAZZO DITTA APPALTATRICE

Dettagli

COMUNE DI CISLIANO. Provincia di Milano D.U.V.R.I. DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZ E (ART. 26 DEL D.LGS N.

COMUNE DI CISLIANO. Provincia di Milano D.U.V.R.I. DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZ E (ART. 26 DEL D.LGS N. D.U.V.R.I. DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZ E (ART. 26 DEL D.LGS N. 81/08) SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI IMMOBILI COMUNALI CIG Z7C0D7B416 1 Premessa Il presente documento unico di valutazione

Dettagli

Norme sicurezza e procedure LABORATORIO DI FISICA

Norme sicurezza e procedure LABORATORIO DI FISICA ! Norme sicurezza e procedure LABORATORIO DI FISICA FIRME PRESA VISIONE LABORATORIO DI FISICA NORME DI SICUREZZA Premessa Nel laboratorio di fisica, per il particolare tipo di operazioni che vi si eseguono

Dettagli

Peso: Kg 2. Pressione di esercizio :

Peso: Kg 2. Pressione di esercizio : Costruzione riparazione - assistenza Punzonatrici per alluminio Stampi per trancio lamiera Macchinari custom per la produzione in serie Contrada Tre Fontane SP 58 SN-95047-Paternò -CT Tel./Fax +390957570112

Dettagli

COMUNE DI PREONE. Provincia di Udine REGOLAMENTO PER L'UTILIZZO DELL AREA ATTREZZATA PER LA SOSTA TEMPORANEA DI CAMPERS CARAVAN AUTOCARAVAN

COMUNE DI PREONE. Provincia di Udine REGOLAMENTO PER L'UTILIZZO DELL AREA ATTREZZATA PER LA SOSTA TEMPORANEA DI CAMPERS CARAVAN AUTOCARAVAN COMUNE DI PREONE Provincia di Udine REGOLAMENTO PER L'UTILIZZO DELL AREA ATTREZZATA PER LA SOSTA TEMPORANEA DI CAMPERS CARAVAN AUTOCARAVAN Approvato con delibera C.C. n. 30 del 29 giugno 2012 REGOLAMENTO

Dettagli

Monitor automatico Spiratec R16C per scaricatore di condensa Istruzioni per l'operatore

Monitor automatico Spiratec R16C per scaricatore di condensa Istruzioni per l'operatore ...0 IM-P0- MI Ed. IT - 00 Monitor automatico Spiratec RC per scaricatore di condensa Istruzioni per l'operatore RC 0. Introduzione. Descrizione. Descrizione della tastiera. Funzionamento normale. Modo

Dettagli

INFORMATIVA RISCHI ESISTENTI ai sensi dell'art. 26 comma 1 lett. b del D.Lgs. 81/08 e s.m.i.

INFORMATIVA RISCHI ESISTENTI ai sensi dell'art. 26 comma 1 lett. b del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. INFORMATIVA RISCHI ESISTENTI ai sensi dell'art. 26 comma 1 lett. b del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. SEDE DI LAVORO Scheda riepilogativa sui rischi esistenti presso la sede di Via Vitorchiano, in cui operano i

Dettagli

www.karmaitaliana.it GT 1229 Megafono da 40W >> Manuale di istruzioni

www.karmaitaliana.it GT 1229 Megafono da 40W >> Manuale di istruzioni www.karmaitaliana.it GT 1229 Megafono da 40W >> Manuale di istruzioni Presentazione del prodotto Complimenti per la sua ottima scelta. Ci complimentiamo vivamente per la Sua scelta, il prodotto Karma da

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENZIALI (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENZIALI (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENZIALI (DUVRI) Ai sensi dell art. 26 comma 3 del D.Lgs. 81/2008 e s.m. Committente Datore di lavoro committente Ditta appaltatrice Datore di lavoro della

Dettagli

Buon Lavoro Questo apparecchio è conforme alle direttive: 97/23/CE, 2004/108/CE, 2006/42/CE

Buon Lavoro Questo apparecchio è conforme alle direttive: 97/23/CE, 2004/108/CE, 2006/42/CE PRECAUZIONE PER L UTILIZZO E AVVERTENZE PER LA SICUREZZA Dopo aver tolto l imballaggio assicurarsi dell integrità dell apparecchio. In caso di dubbio non utilizzare l apparecchio e rivolgersi al centro

Dettagli

Ma,.. sapete chi è il vero Responsabile della. Sicurezza?

Ma,.. sapete chi è il vero Responsabile della. Sicurezza? L Istituzione che vi ospita, l Università nel nostro caso, ha il compito di: mettervi a disposizione le condizioni per un lavoro sicuro fornirvi l equipaggiamento per operare in sicurezza provvedere alla

Dettagli

Asta motorizzata con testa rotativa di preparazione tubo. MANUALE D USO vers. 10/12/2013

Asta motorizzata con testa rotativa di preparazione tubo. MANUALE D USO vers. 10/12/2013 Asta motorizzata con testa rotativa di preparazione tubo MANUALE D USO vers. 10/12/2013 AVVERTENZE DI SICUREZZA GENERALI PER IL TRAPANO Leggere tutti gli avvisi di sicurezza e tutte le istruzioni. Se

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DEI PARCHEGGI PUBBLICI A PAGAMENTO NON CUSTODITI

REGOLAMENTO PER L USO DEI PARCHEGGI PUBBLICI A PAGAMENTO NON CUSTODITI C O M U N E D I B U S S E R O PROVINCIA DI MILANO P.IVA c.f. 03063770154 C.A.P. 20060 Piazza Diritti dei Bambini n. 1 TEL. 02 / 953331 - FAX. 02 / 9533337 REGOLAMENTO PER L USO DEI PARCHEGGI PUBBLICI A

Dettagli

MANUALE D'USO E PRIMA CONFIGURAZIONE. Telecamera IP Wireless

MANUALE D'USO E PRIMA CONFIGURAZIONE. Telecamera IP Wireless MANUALE D'USO E PRIMA CONFIGURAZIONE Telecamera IP Wireless Modello 090-IPW G.S.A. Elettronica www.gsaelettronica.com pag. 1 Indice Precauzioni... Pag. 3 Avvertenze e Note... Pag. 4 Software e collegamenti....

Dettagli

Regolamento Laboratori Multimediali

Regolamento Laboratori Multimediali M i n i s t e r o d e l l I s t r u z i o n e, d e l l U n i v e r s i t à e d e l l a R i c e r c a I s t i t u t o C o m p r e n s i v o di M o n t e c o m p a t r i P a o l o B o r s e l l i n o Via

Dettagli

www.karmaitaliana.it SINGLE LIGHT Faro Componibile 60W >> Manuale di istruzioni

www.karmaitaliana.it SINGLE LIGHT Faro Componibile 60W >> Manuale di istruzioni www.karmaitaliana.it SINGLE LIGHT Faro Componibile 60W >> Manuale di istruzioni Presentazione del prodotto Complimenti per la sua ottima scelta. Ci complimentiamo vivamente per la Sua scelta, il prodotto

Dettagli

EDISU PIEMONTE Servizio di Prevenzione e Protezione

EDISU PIEMONTE Servizio di Prevenzione e Protezione EDISU PIEMONTE Servizio di Prevenzione e Protezione Documento Unico di Valutazione dei Rischi da Interferenze redatto in relazione alle attività comprese nell appalto Servizio Ristorazione (art. 26, comma

Dettagli

Installatore: (Nome, indirizzo, telefono)

Installatore: (Nome, indirizzo, telefono) Installatore: (Nome, indirizzo, telefono) GUIDA UNAC N. 8 PER L INSTALLAZIONE DI BARRIERE MOTORIZZATE IN CONFORMITÀ ALLA DIRETTIVA MACCHINE 98/37/CE E ALLE PARTI APPLICABILI DELLE NORME EN 13241-1, EN

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INDIVIDUAZIONE DEI RISCHI SPECIFICI DEL LUOGO DI LAVORO E MISURE ADOTTATE PER ELIMINARE LE INTERFERENZE (L.123/07 - art. 26 del D.Lgs. 81/08) STAZIONE APPALTANTE:

Dettagli

Prot. 3806 /A23 del 3/12/2015. Ai Responsabili dei Laboratori di Fisica, Informatica, Chimica. Oggetto: divulgazione regolamenti di laboratorio.

Prot. 3806 /A23 del 3/12/2015. Ai Responsabili dei Laboratori di Fisica, Informatica, Chimica. Oggetto: divulgazione regolamenti di laboratorio. Oggetto: divulgazione regolamenti di laboratorio. Ai Responsabili dei Laboratori di Fisica, Informatica, Chimica In ottemperanza alle indicazioni relative alla sicurezza nei posti di lavoro (D.Lgs. 81/08),

Dettagli

La sicurezza personale e altrui è estremamente importante.

La sicurezza personale e altrui è estremamente importante. ISTRUZIONI DEL BOLLITORE ELETTRICO Sommario SICUREZZA DEL BOLLITORE ELETTRICO Precauzioni importanti... 5 Requisiti elettrici... 7 Smaltimento dell apparecchiatura elettrica... 7 COMPONENTI E FUNZIONI

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZA PER IL SERVIZIO DI ANIMAZIONE PRESSO LA LUDOTECA CITTADINA FANTASIA

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZA PER IL SERVIZIO DI ANIMAZIONE PRESSO LA LUDOTECA CITTADINA FANTASIA COMUNE DI SIENA Allegato B DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZA PER IL SERVIZIO DI ANIMAZIONE PRESSO LA LUDOTECA CITTADINA FANTASIA (ai sensi dell art. 26, comma 3 del D.lgs 81/2008)

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DELLA PALESTRA COMUNALE

REGOLAMENTO PER L USO DELLA PALESTRA COMUNALE REGOLAMENTO PER L USO DELLA PALESTRA COMUNALE Art. 1. PRINCIPI GENERALI E FINALITA 1) Il presente regolamento ha lo scopo di salvaguardare le strutture e identificare chiaramente le modalità per l utilizzo

Dettagli

GESTIONE IN SICUREZZA: PREVENZIONE DAL RISCHIO ELETTRICO

GESTIONE IN SICUREZZA: PREVENZIONE DAL RISCHIO ELETTRICO SIC13 Pag. 1/5 SOMMARIO 1. OGGETTO E SCOPO... 2 2. CAMPO E LUOGO DI APPLICAZIONE... 2 3. RESPONSABILITÀ... 2 3.1. Responsabilità di applicazione... 2 3.2. Responsabilità di redazione... 2 3.3. Responsabilità

Dettagli

ARGO LAB MIX Mixer per provette. Manuale d uso

ARGO LAB MIX Mixer per provette. Manuale d uso ARGO LAB MIX Mixer per provette Manuale d uso 1 Indice dei contenuti 1 Garanzia... 2 1. Istruzioni di sicurezza... 3 2 Uso corretto... 4 3 Controllo dello strumento... 4 4 Test di prova... 4 5 Comandi...

Dettagli

Documento di Valutazione dei Rischi ai sensi del D.Lgs. 81 del 9 aprile 2008

Documento di Valutazione dei Rischi ai sensi del D.Lgs. 81 del 9 aprile 2008 INTRODUZIONE Pagina 1 In applicazione del D.lgs. 81/08 e s.m.i. Titolo III, art. 69 che definisce le attrezzature di lavoro: 1. Agli effetti delle disposizioni di cui al presente titolo si intende per:

Dettagli

Come utilizzare. le scale. a mano o portatili.

Come utilizzare. le scale. a mano o portatili. Come utilizzare le scale a mano o portatili. SCALE A MANO NORME GENERALI Bisogna innanzitutto avere presente il concetto che le scale a mano devono servire esclusivamente per lavori assolutamente particolari

Dettagli

GESTIONE IN SICUREZZA: UTILIZZO TRANSPALLET ELETTRICI E MANUALI (CARRELLI ELEVATORI CON TIMONE)

GESTIONE IN SICUREZZA: UTILIZZO TRANSPALLET ELETTRICI E MANUALI (CARRELLI ELEVATORI CON TIMONE) Pag. 1/5 SOMMARIO 1. OGGETTO E SCOPO... 2 2. CAMPO E LUOGO DI APPLICAZIONE... 2 3. RESPONSABILITÀ... 2 3.1. Responsabilità di applicazione... 2 3.2. Responsabilità di redazione... 2 3.3. Responsabilità

Dettagli

MANUALE DI INSTALLAZIONE

MANUALE DI INSTALLAZIONE MANUALE DI INSTALLAZIONE INDICE 1. Introduzione 1.1. Revisione 1.2. Validità 1.3. A chi si rivolgono le seguenti istruzioni? 2. Linee guida sulla sicurezza 2.1. Norme di sicurezza 2.2. Qualifica del personale

Dettagli