HR News. In questo numero: Le ultime novità in materia di Lavoro, Previdenza, Amministrazione e Gestione del Personale. n.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "HR News. In questo numero: Le ultime novità in materia di Lavoro, Previdenza, Amministrazione e Gestione del Personale. n."

Transcript

1 Le ultime novità in materia di Lavoro, Previdenza, Amministrazione e Gestione del Personale. n. 3-1 Aprile 2015 In questo numero: Contratto di lavoro a tempo indeterminato a tutele crescenti Nuova prestazione di Assicurazione Sociale per l Impiego (NASpI) Indennità disoccupazione per lavoratori con rapporto di collaborazione (DIS-COLL) I.N.A.I.L. - Nuova versione del modello di denuncia / comunicazione di infortunio I.N.A.I.L. - Obbligo assicurativo per il socio amministratore unico

2 Contratto di lavoro a tempo indeterminato a tutele crescenti Il 4 marzo 2015 è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale il D.Lgs. n. 23 recante disposizioni in materia di contratto di lavoro a tempo indeterminato a tutele crescenti. Il decreto, entrato in vigore lo scorso 7 marzo 2015, si applica ai lavoratori assunti con contratto di lavoro subordinato a tempo indeterminato, a partire da tale data, che rivestono la qualifica di operaio, impiegato o quadro, nonché nei casi di conversione, successivi a tale decorrenza, di contratto a tempo determinato o di apprendistato in contratto a tempo indeterminato. Il nuovo regime troverà applicazione anche nei confronti dei lavoratori che, benché assunti a tempo indeterminato prima dell entrata in vigore del presente decreto, prestino la propria attività presso un datore di lavoro che, dopo il 7 marzo 2015, attraverso successive assunzioni a tempo indeterminato, superi i 15 dipendenti. In questo caso, il contratto a tutele crescenti sarà obbligatoriamente applicabile a tutti i lavoratori presenti in azienda, indipendentemente dalla data di assunzione. Il contratto di lavoro a tempo indeterminato a tutele crescenti non introduce una nuova tipologia di lavoro subordinato, ma disciplina il solo regime di tutela in caso di licenziamento illegittimo di lavoratori assunti con contratto di lavoro a tempo indeterminato stipulati a far tempo dal 7 marzo Pertanto ai sensi del D.Lgs. 4 marzo 2015, n. 23 la reintegrazione del lavoratore nel posto di lavoro, avverrà unicamente per le fattispecie di seguito illustrate: licenziamento nullo (discriminatorio, intimato causa matrimonio, in violazione del divieto di licenziamento di cui alla normativa in materia di tutela della maternità e della paternità); licenziamento inefficacie (privo della forma scritta); licenziamento per motivo consistente nella disabilità fisica o psichica del lavoratore; licenziamento disciplinare per insussistenza del fatto materiale contestato al lavoratore. Prescindendo dalle dimensioni aziendali, il datore di lavoro verrà condannato: a) alla reintegra del lavoratore; b) al riconoscimento di un indennità commisurata all ultima retribuzione di riferimento per il calcolo del trattamento di fine rapporto, corrispondente al periodo che va dalla data del licenziamento sino a quella dell effettiva reintegrazione, dedotto quanto eventualmente percepito nel periodo di estromissione, per lo svolgimento di altre attività lavorative, comunque non inferiore a 5 mensilità; nel caso di reintegra, per insussistenza del fatto materiale nelle ipotesi di licenziamento disciplinare, dall indennità, calcolata come sopra, sarà dedotta anche di quanto il lavoratore avrebbe potuto percepire accettando una congrua offerta di lavoro, in questo caso l indennità non potrà essere superiore a 12 mesi dell ultima retribuzione di riferimento per il calcolo del trattamento di fine rapporto; c) al versamento dei contributi previdenziali ed assistenziali per il periodo compreso tra la fine del rapporto e la reintegra effettiva. Salvo l indennizzo di cui al punto b) che precede, in luogo di reintegra, al lavoratore è data la facoltà di chiedere al datore di lavoro un indennità sostitutiva, esente da imposizione contributiva, pari a 15 mensilità dell ultima retribuzione di riferimento per il calcolo del TRF entro 30 giorni dalla comunicazione del deposito della pronuncia giudiziaria, o dall invito del datore di lavoro a riprendere servizio, se anteriore. Il licenziamento produrrà comunque i suoi effetti se il lavoratore non riprenderà servizio entro 30 giorni dall invito del datore di lavoro. Al fine di evitare il giudizio, l articolo 6 del Decreto Legislativo consente al datore di lavoro di offrire al lavoratore, entro i termini di impugnazione stragiudiziale del licenziamento (60 giorni), innanzi ad una commissione di certificazione o in una delle sedi protette previste dal codice civile (es. Direzione Territoriale del Lavoro o in sede sindacale), un importo pari a una mensilità dell ultima retribuzione di riferimento per il calcolo del TFR per ogni anno di servizio, comunque in misura non inferiore a 2 mensilità e non superiore a 18 mensilità. La somma, il cui pagamento dovrà avvenire esclusivamente con assegno circolare, se accettata, comporterà l estinzione del rapporto di lavoro e la rinuncia all impugnazione, qualora il lavoratore l avesse già proposta. L importo erogato a seguito dell offerta conciliativa non costituisce reddito per il lavoratore ai fini dell imposta sul reddito delle persone fisiche e non è assoggettato a contribuzione previdenziale. Eventuali ulteriori somme pattuite nella stessa sede conciliativa a chiusura di ogni altra pendenza derivante dal rapporto di lavoro saranno soggette al regime fiscale ordinario. La procedura di cui all articolo 6 terminerà nel momento in cui il datore di lavoro comunicherà, entro 65 giorni dalla cessazione, l esito della conciliazione, integrando la comunicazione di cessazione precedentemente inviata. La nuova disciplina si applica anche ai datori non imprenditori, che svolgono senza fine di lucro attività di natura politica, sindacale, culturale, di istruzione ovvero di religione o culto. Nei casi di licenziamento per giustificato motivo oggettivo, giustificato motivo soggettivo e giusta causa per i quali il giudice accerti la mancanza degli estremi che giustifichino il ricorso al licenziamento stesso, il rapporto è comunque considerato estinto e il datore di lavoro viene condannato al pagamento di un indennità prevedibile e crescente in funzione dell anzianità di servizio del lavoratore, di importo pari a 2 mensilità dell ultima retribuzione di riferimento per il calcolo del trattamento di fine rapporto per ogni anno di servizio. L indennità non potrà comunque essere inferiore a 4 mensilità e non superiore a 24 mensilità, somma sulla quale non saranno calcolati i contributi. Per i datori di lavoro non imprenditori e per quelli che non raggiungono i requisiti dimensionali di cui all articolo 18, commi 8 e 9 della Legge 20 maggio 1970, n. 300, l ammontare di detta indennità è dimezzato e non può in ogni caso superare il limite delle 6 mensilità. Per effetto dell entrata in vigore della nuova norma in caso di licenziamento per giustificato motivo oggettivo intimato da datori di lavoro con più di 15 dipendenti non è più applicabile la procedura prevista dall articolo 7 della Legge 15 luglio 1966, n. 604 ovvero l invio della comunicazione per informare la DTL dell intenzione di procedere al recesso indicando i motivi del licenziamento nonché le eventuali misure di assistenza alla ricollocazione del lavoratore interessato. In ultima analisi la norma all articolo 4 disciplina i casi in cui il licenziamento sia intimato in violazione del requisito di motivazione ai sensi dell articolo 2, comma 2 Legge 15 luglio 1996, n. 604, o della procedura di cui all articolo 7 della Legge 20 maggio 1970, n. 300, afferente alle sanzioni disciplinari, in tale ipotesi il licenziamento si

3 considera comunque estinto con pagamento, a carico del datore di lavoro, di un indennità, non soggetta a contribuzione, pari a una mensilità, dell ultima retribuzione di riferimento per il calcolo del TFR, per ciascun anno di servizio comunque non inferiore a 2 mensilità e non superiore a 12 mensilità. Nell ambito del licenziamento collettivo disciplinato dalla Legge 23 luglio 1991, n. 223, l articolo 10 prevede che se intimato senza l osservanza della forma scritta, si applica il regime sanzionatorio previsto per i licenziamenti nulli; mentre, in caso di violazione delle norme procedurali e dei criteri di scelta, si applica il regime delle tutele crescenti, pertanto il giudice dichiarerà comunque estinto il rapporto di lavoro e condannerà il datore di lavoro al pagamento di un indennità non assoggettata a contribuzione previdenziale di importo pari a due mensilità dell ultima retribuzione di riferimento per ogni anno di servizio, in misura non inferiore a 4 e non superiore a 24 mensilità. D.Lgs. 4 marzo 2015 n. 23. Nuova prestazione di Assicurazione Sociale per l Impiego (NASpI) Il 7 marzo 2015 è entrato in vigore il D.Lgs. 4 marzo 2015, n. 22 recante disposizioni in materia di ammortizzatori sociali in caso di disoccupazione involontaria e di ricollocazione dei lavoratori disoccupati, in attuazione della legge 10 dicembre 2014, n. 183 [cd, Jobs Act]. Il nuovo provvedimento introduce, in riferimento agli eventi di disoccupazione verificatisi a decorrere dal 1 maggio 2015 la Nuova prestazione di Assicurazione sociale per l Impiego - NASpI che sostituirà l ASpI e la mini-aspi, la nuova indennità riguarderà il medesimo ambito di applicazione soggettivo valido per l'aspi e la mini-aspi, pertanto, potranno accedere alla nuova prestazione i lavorati titolari di un rapporto subordinato, ovvero: i lavoratori dipendenti privati - con esclusione degli operai agricoli; i dipendenti pubblici a tempo determinato. Per poter fruire della NASpI i lavoratori che abbiano perduto involontariamente la propria occupazione (sono ricomprese le dimissioni per giusta causa e la risoluzione consensuale in ambito della procedura prevista dall articolo 7 della Legge 15 luglio 1966, n. 604) dovranno essere in possesso, congiuntamente, dei seguenti requisiti: stato di disoccupazione; tredici settimane di contribuzione nei quattro anni precedenti l'inizio del periodo di disoccupazione; trenta giornate di lavoro effettivo nei dodici mesi precedenti che precedono l inizio del periodo di disoccupazione. L articolo 4 del Decreto Legislativo 4 marzo 2015, n. 22 disciplina le modalità di calcolo della prestazione, che per il 2015 non può superare l importo mensile massimo di euro, rivalutato annualmente in base all indice ISTAT. La NASpI si riduce del 3% ogni mese a decorrere dal primo giorno del quarto mese di fruizione. L indennità è corrisposta per un numero di settimane pari alla metà delle settimane di contribuzione degli ultimi quattro anni, ai fini del calcolo della durata non sono computati i periodi contributivi che hanno già dato luogo ad erogazioni delle prestazioni di disoccupazione. A partire dal 1 gennaio 2017, la NASpI è corrisposta per un massimo di 78 settimane [18 mesi]. La domanda di NASpI deve essere presentata all I.N.P.S. in via telematica, entro il termine di decadenza di 68 giorni dalla cessazione del rapporto di lavoro e spetta a decorrere dall ottavo giorno successivo alla cessazione o, qualora la domanda sia presentata successivamente a tale data, dal primo giorno successivo alla data di presentazione della medesima. L erogazione della NASpI è condizionata alla regolare partecipazione alle iniziative di attivazione lavorativa nonché ai percorsi previsti di riqualificazione professionale proposti dai Servizi competenti. Il lavoratore avente diritto alla corresponsione della NASpI può richiedere la liquidazione anticipata dell importo complessivo del trattamento che gli spetta e che non gli è stato ancora erogato, a titolo di incentivo all avvio di una attività lavorativa autonoma o di impresa individuale, o per la sottoscrizione di una quota del capitale sociale di una cooperativa. In questa circostanza il lavoratore è tenuto a presentare all I.N.P.S., a pena di decadenza, domanda di anticipazione in via telematica entro trenta giorni dalla data di inizio dell attività lavorativa autonoma, dell impresa individuale, o di sottoscrizione del capitale sociale. Il lavoratore che instaura un rapporto di lavoro subordinato prima della scadenza del periodo per cui è riconosciuta la liquidazione anticipata della NASpI è tenuto a restituire per intero l anticipo. Se durante il periodo di fruizione della Nuova prestazione di Assicurazione Sociale per l Impiego, il lavoratore intraprende un attività lavorativa autonoma o di impresa individuale, ovvero instauri un rapporto di lavoro subordinato il cui reddito annuale sia superiore al reddito minimo escluso da imposizione fiscale, decade dalla prestazione. Qualora invece i redditi percepiti rimangono al di sotto di detti limiti, utili ai fini della conservazione dello stato di disoccupazione, il lavoratore deve darne comunicazione all I.N.P.S. entro trenta giorni dall inizio dell attività e la NASpI è ridotta di un importo pari all 80% del reddito previsto. Nel caso in cui la durata del rapporto di lavoro subordinato sia inferiore a sei mesi, la prestazione della NASpI è sospesa d ufficio per tutta la durata del rapporto di lavoro. Il lavoratore decade dalla fruizione della NASpI nei seguenti casi: a) perdita dello stato di disoccupazione; b) inizio di un attività lavorativa subordinata o in forma autonoma, senza provvedere alle comunicazioni; c) raggiungimento dei requisiti per il pensionamento di vecchiaia o anticipato; d) acquisizione del diritto all assegno ordinario di invalidità, salvo il diritto del lavoratore di optare per la NASpI. La corresponsione della NASPI dà luogo al riconoscimento della contribuzione figurativa rapportata alla retribuzione imponibile ai fini previdenziali impiegata per la determinazione della misura della prestazione, nel limite massimo di retribuzione pari a 1,4 volte l importo mensile della NAspI per l anno in corso, mentre non verrà presa in considerazione ai fini della determinazione della retribuzione pensionabile qualora siano di importo inferiore alla retribuzione media pensionabile ottenuta non considerando tali retribuzioni. Sempre a decorrere dal 1 maggio 2015 è istituito, in via sperimentale per l anno 2015, l Assegno di disoccupazione (ASDI) avente la funzione di fornire una tutela di sostegno al reddito ai lavoratori beneficiari della NASpI per l intera sua durata [entro il 31 dicembre 2015], siano privi di occupazione e si trovano in una situazione economica di bisogno, per l anno 2015 il trattamento sarà prioritariamente riservato ai lavoratori appartenenti a nuclei familiari con minorenni, ai lavoratori di età prossima alla pensione, in ogni caso nel limite dello stanziamento del fondo.

4 L ASDI è erogato mensilmente per una durata massima di sei mesi ed è pari al 75% dell ultima indennità NASpI percepita e, comunque, in misura non superiore all ammontare dell assegno sociale [5.830,76 euro annui nel 2015], incrementato per eventuali carichi familiari del lavoratore nella misura che verrà stabilita con apposito decreto ministeriale. La corresponsione dell ASDI è condizionata all adesione ad un progetto personalizzato redatto dai competenti Servizi per l impiego, contenente specifici impegni in termini di ricerca attiva di lavoro, disponibilità a partecipare ad iniziative di orientamento e formazione, accettazione di adeguate proposte di lavoro. L'assegno sarà concesso, in base all'ordine cronologico di presentazione delle domande nel rispetto della dotazione del Fondo pari a 200 milioni di euro per ciascuno degli anni 2015 e D.Lgs. 4 marzo 2015 n. 22. Indennità disoccupazione per lavoratori con rapporto di collaborazione (DIS-COLL) In via sperimentale per il 2015, in relazione agli eventi di disoccupazione verificatisi a decorrere dal 1 gennaio e sino al 31 dicembre 2015, ai lavoratori con rapporto di collaborazione coordinata e continuativa è concessa un indennità di disoccupazione - DIS-COLL, disciplinata dall'articolo 15 del D.Lgs. n. 22 del 4 marzo L indennità è riconosciuta ai collaboratori coordinati e continuativi, anche a progetto, con esclusione degli amministratori e dei sindaci, iscritti in via esclusiva alla Gestione separata, non pensionati e privi di partita IVA, che siano involontariamente disoccupati. La DIS-COLL è riconosciuta ai soggetti che presentino congiuntamente i seguenti requisiti: a) siano, al momento della domanda di prestazione, in stato di disoccupazione; b) possano far valere almeno tre mesi di contribuzione nel periodo che va dal 1 gennaio dell anno solare precedente l evento di cessazione del lavoro al predetto evento; c) possano far valere, nell anno solare in cui si verifica l evento di cessazione dal lavoro, un mese di contribuzione oppure un rapporto di collaborazione di durata pari ad almeno un mese e che abbia dato luogo ad un reddito almeno pari alla metà dell importo che da diritto all accredito di un mese di contribuzione. L importo della DIS-COLL, calcolata come disciplinato dall articolo 15, comma 4, non può in ogni caso per il 2015 superare l importo mensile massimo di euro, rivalutato annualmente in base all indice ISTAT. La DIS-COLL si riduce del 3% ogni mese a decorrere dal 1 giorno del quarto mese di fruizione. La DIS-COLL avrà una durata pari alla metà dei mesi di contribuzioni accreditati, in ogni caso non superiore a sei mesi. La domanda, per fruire della prestazione in esame, deve essere presentata all I.N.P.S. in via telematica, entro il termine di decadenza di 68 giorni dalla cessazione del rapporto di lavoro. Spetta a decorrere dell ottavo giorno successivo alla cessazione o, qualora la domanda sia presentata successivamente a tale data, dal primo giorno successivo alla data di presentazione della domanda. Come per la NASpI anche per la DIS-COLL l erogazione dell indennità è condizionata alla permanenza dello stato di disoccupazione e dalla regolare partecipazione alle iniziative di attivazione lavorativa nonché ai percorsi di riqualificazione professionale proposti dai Servizi competenti. Nel caso in cui il soggetto beneficiario trovi una nuova occupazione con contratto di lavoro subordinato di durata superiore a 5 giorni, il diritto alla DIS-COLL decade. Se il contratto di lavoro subordinato è inferiore a 5 giorni, la DIS-COLL viene sospesa e riprende a decorrere dopo la fine del contratto. Per i periodi di fruizione della DIS-COLL non sono riconosciuti i contributi figurativi. Viene prospettata un'eventuale estensione del nuovo istituto per gli eventi di disoccupazione successivi, in relazione al reperimento di ulteriori risorse finanziarie. Articolo 15 del D.Lgs. 4 marzo 2015 n. 22. I.N.A.I.L. - Nuova versione del modello di denuncia/comunicazione di infortunio L I.N.A.I.L. comunica che è disponibile on-line la nuova versione del modello di denuncia/comunicazione di infortunio (Mod. 4 bis, Prest.) con le relative istruzioni per la compilazione. La denuncia di infortunio deve essere inviata dal datore di lavoro per gli infortuni avvenuti sul lavoro entro due giorni dalla ricezione del certificato medico. Gli infortuni sul lavoro sono quelli occorsi alla generalità dei lavoratori dipendenti o assimilati soggetti all obbligo assicurativo, prognosticati non guaribili entro tre giorni escluso quello dell evento, indipendentemente da ogni valutazione circa la ricorrenza degli estremi di legge per l indennizzabilità. La denuncia/comunicazione deve essere trasmessa all I.N.A.I.L. esclusivamente in via telematica. Le novità introdotte nel modello sono le seguenti: sezione lavoratore: Inseriti nuovi campi per la comunicazione dei dati relativi ai contratti a tempo parziale (part-time); sezione datore di lavoro: Aggiunta la modalità vaglia postale per il rimborso delle indennità di inabilità temporanea assoluta al datore di lavoro ai sensi dell art. 70 d.p.r. 1124/65; sezione dati retributivi: Adeguati i campi relativi alla comunicazione delle retribuzioni per gli addetti ai servizi domestici e familiari e di riassetto e pulizia locali; inserita una nuova sottosezione per la comunicazione delle retribuzioni per i dipendenti con contratto di lavoro a tempo parziale (part-time). Il servizio online per l invio della denuncia/ comunicazione di infortunio è stato adeguato alle modifiche sopra indicate. I.N.A.I.L. comunicazione del 13 marzo 2015.

5 I.N.A.I.L. - Obbligo assicurativo per il socio amministratore unico L I.N.A.I.L. con la nota n. 1501/2015, ha risposto ad un quesito formulato dal Consiglio nazionale dei consulenti del lavoro inerente la sussistenza o meno dell obbligo assicurativo per un socio amministratore unico addetto a prestazioni amministrative. L istituto ha ricordato che, l amministratore unico è soggetto ad imposizione assicurativa e che l assicurazione obbligatoria contro gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali estende la tutela assicurativa in favore dei soci che svolgono un attività lavorativa, manuale o non manuale, in favore della società medesima con carattere di abitualità, professionalità e sistematicità. Tale rapporto viene qualificato dalla giurisprudenza come dipendenza funzionale che si identifica nel rapporto di collaborazione tecnica fra il socio e la società di appartenenza, finalizzato al conseguimento di un fine produttivo di beni o servizi senza che vi sia un rapporto di subordinazione vero e proprio ma lo svolgimento di un attività diretta al conseguimento dello scopo sociale, inserita nell interno dell organizzazione sociale e con gli strumenti da questa forniti. Lo svolgimento materiale dell attività da parte del socio comporta l obbligo della tutela assicurativa, anche se questi riveste, al contempo, il ruolo di amministratore unico con poteri di ordinaria e straordinaria amministrazione. L I.N.A.I.L. conclude puntualizzando che l amministratore unico socio della società che gestisce e nella quale svolge un attività manuale protetta, si trova in una posizione di dipendenza funzionale rispetto alla società da esso amministrata quando svolge manualmente una delle attività protette ai sensi dell articolo 1 del D.P.R. n. 1124/1965, necessarie al raggiungimento dello scopo sociale, in conformità alle direttive della società e all interno dell organizzazione sociale. I.N.A.I.L. nota n del 27 febbraio Ulteriori approfondimenti in materia di diritto di lavoro sono consultabili su Antex News

JOBS ACT I NUOVI AMMORTIZZATORI SOCIALI E IL CONTRATTO A TUTELE CRESCENTI

JOBS ACT I NUOVI AMMORTIZZATORI SOCIALI E IL CONTRATTO A TUTELE CRESCENTI NEWSLETTER n. 21 16 marzo 2015 JOBS ACT I NUOVI AMMORTIZZATORI SOCIALI E IL CONTRATTO A TUTELE CRESCENTI RIFERIMENTI: Legge 10 dicembre 2014 n.183 Decreto Legislativo 4 marzo 2015 n. 22 Decreto Legislativo

Dettagli

Tabelle di sintesi in materia di ammortizzatori sociali e disoccupazione involontaria D.L.vo n. 22/2015

Tabelle di sintesi in materia di ammortizzatori sociali e disoccupazione involontaria D.L.vo n. 22/2015 Tabelle di sintesi in materia di ammortizzatori sociali e disoccupazione involontaria D.L.vo n. 22/2015 Nuova prestazione di Assicurazione Sociale per l Impiego (NASpI) Argomento CAMPO DI APPLICAZIONE

Dettagli

DISCIPLINA NUOVA PRESTAZIONE DI ASSISTENZA SOCIALE PER L IMPIEGO (NASPI)

DISCIPLINA NUOVA PRESTAZIONE DI ASSISTENZA SOCIALE PER L IMPIEGO (NASPI) ISTITUTO TUTELA ASSISTENZA COMMERCIO TURISMO E SERVIZI CONFESERCENTI DISCIPLINA NUOVA PRESTAZIONE DI ASSISTENZA SOCIALE PER L IMPIEGO (NASPI) ART. 1 - NASPI A decorrere dal 1 Maggio 2015 è istituita una

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio N. 67 del 6 Maggio 2015 Ai gentili clienti Loro sedi Dall ASPI alla NASPI: da maggio sono cambiate le tutele dei lavoratori che hanno perso l impiego Gentile cliente, con

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio N. 33 del 4 Marzo 2015 Ai gentili clienti Loro sedi Jobs act: le novità in materia di tutele crescenti e ammortizzatori sociali Gentile cliente, con la presente desideriamo

Dettagli

www.inas.it febbraio 2015

www.inas.it febbraio 2015 www.inas.it febbraio 2015 Ammortizzatori sociali Il Jobs act prevede l istituzione di nuove prestazione a sostegno del reddito: si tratta di Naspi, Dis-coll e Asdi. La legge ha stabilito che, in caso di

Dettagli

La NASpI è riconosciuta ai lavoratori che hanno perduto involontariamente l occupazione e che presentano congiuntamente i seguenti requisiti:

La NASpI è riconosciuta ai lavoratori che hanno perduto involontariamente l occupazione e che presentano congiuntamente i seguenti requisiti: Schema di decreto legislativo recante Disposizioni per il riordino della normativa in materia di ammortizzatori sociali in caso di disoccupazione involontaria e di ricollocazione dei lavoratori disoccupati

Dettagli

GUIDA AGLI AMMORTIZZATORI SOCIALI 2015:

GUIDA AGLI AMMORTIZZATORI SOCIALI 2015: GUIDA AGLI AMMORTIZZATORI SOCIALI 2015: NASPI ASDI DIS-COLL 2015 Con il Jobs Act ideato dal Governo Renzi, l Aspi diventa Naspi, la Nuova prestazione di Assicurazione sociale dell impiego, l indennità

Dettagli

AGENS Agenzia confederale dei Trasporti e Servizi

AGENS Agenzia confederale dei Trasporti e Servizi Roma, 11 marzo 2015 Prot. n. 019/15/D.11. Alle Aziende associate L o r o S e d i OGGETTO: D.Lgs. 4 marzo 2015 n. 22 Disposizioni per il riordino della normativa in materia di ammortizzatori sociali in

Dettagli

ESONERO CONTRIBUTIVO PER LE NUOVE ASSUNZIONI A TEMPO INDETERMINATO (L. 190 23.12.2014 G.U. 300 29.12.2014 INPS,

ESONERO CONTRIBUTIVO PER LE NUOVE ASSUNZIONI A TEMPO INDETERMINATO (L. 190 23.12.2014 G.U. 300 29.12.2014 INPS, ESONERO CONTRIBUTIVO PER LE NUOVE ASSUNZIONI A TEMPO INDETERMINATO (L. 190 del 23.12.2014 G.U. 300 del 29.12.2014 INPS, Circolare n. 17 del 29.01.2015) L INPS è intervenuta fornendo i primi chiarimenti

Dettagli

Art. 2 Licenziamento discriminatorio, nullo e intimato in forma orale.

Art. 2 Licenziamento discriminatorio, nullo e intimato in forma orale. Schema di decreto legislativo recante disposizioni in materia di contratto di lavoro a tempo indeterminato a tutele crescenti, in attuazione della legge 10 dicembre 2014, n. 183. Art. 1 Campo di applicazione.

Dettagli

CIRCOLARE INFORMATIVA DEL 24.03.2015. Area Consulenza del Lavoro

CIRCOLARE INFORMATIVA DEL 24.03.2015. Area Consulenza del Lavoro CIRCOLARE INFORMATIVA DEL 24.03.2015 Area Consulenza del Lavoro SOMMARIO: Esonero contributivo per le nuove assunzioni con contratto di lavoro a tempo indeterminato nel corso del 2015 (Pag.2) Contratto

Dettagli

Il D.Lgs. n. 22/2015 sugli Ammortizzatori sociali in caso di disoccupazione

Il D.Lgs. n. 22/2015 sugli Ammortizzatori sociali in caso di disoccupazione Camera del Lavoro Territoriale di Alessandria Via Cavour, 27-15121 Alessandria - Tel. 0131 308111 e-mail: alessandria@cgil.al.it - Sito Internet www.cgil.al.it Il D.Lgs. n. 22/2015 sugli Ammortizzatori

Dettagli

Camera del Lavoro Territoriale di Alessandria. Il D.Lgs. n. 22/2015 sugli Ammortizzatori sociali in caso di disoccupazione

Camera del Lavoro Territoriale di Alessandria. Il D.Lgs. n. 22/2015 sugli Ammortizzatori sociali in caso di disoccupazione Camera del Lavoro Territoriale di Alessandria Il D.Lgs. n. 22/2015 sugli Ammortizzatori sociali in caso di disoccupazione NOTA PER I DELEGATI Lo scorso mese di dicembre è stata approvata la c.d. Legge

Dettagli

Ivrea, 8 maggio 2015

Ivrea, 8 maggio 2015 Ivrea, 8 maggio 2015 NUOVA PRESTAZIONE DI ASSICURAZIONE SOCIALE PER L IMPIEGO (NASPI) D.LGS 22 DEL 4 MARZO 2015 A decorrere dal 1 maggio 2015 è istituita presso la Gestione prestazioni temporanee ai lavoratori

Dettagli

CONTRATTO A TUTELE CRESCENTI. Ivrea, 8 maggio 2015

CONTRATTO A TUTELE CRESCENTI. Ivrea, 8 maggio 2015 CONTRATTO A TUTELE CRESCENTI Ivrea, 8 maggio 2015 Art. 1 Per i lavoratori che rivestono la qualifica di operai, impiegati o quadri, assunti con contratto di lavoro subordinato a tempo indeterminato a decorrere

Dettagli

NASpI ASDI DIS-COLL decreto legislativo n. 22 del 4/03/2015

NASpI ASDI DIS-COLL decreto legislativo n. 22 del 4/03/2015 NASpI ASDI DIS-COLL decreto legislativo n. 22 del 4/03/2015 NASpI ASDI DIS-COLL Decreto Legislativo n. 22 del 4/03/2015 (G.U. n. 54 de 6/03/2015) Disposizioni per il riordino della normativa in materia

Dettagli

Studio di Consulenza del Lavoro Pini & Associati

Studio di Consulenza del Lavoro Pini & Associati Oggetto: JOB ACT Contratto a tutele crescenti. Borgo San Lorenzo, lì 03/04/2015 Alla Clientela in indirizzo Il Governo ha approvato definitivamente il D.Lgs. 23/2015 che introduce nel nostro ordinamento

Dettagli

JOBS ACT: IL CONTRATTO A TEMPO INDETERMINATO A TUTELE CRESCENTI: CAMPO DI APPLICAZIONE.

JOBS ACT: IL CONTRATTO A TEMPO INDETERMINATO A TUTELE CRESCENTI: CAMPO DI APPLICAZIONE. DIPARTIMENTO DIRITTO DEL LAVORO APRILE 2015 JOBS ACT: IL CONTRATTO A TEMPO INDETERMINATO A TUTELE CRESCENTI: CAMPO DI APPLICAZIONE. Il 20 febbraio u.s. il Consiglio dei Ministri ha approvato in via definitiva

Dettagli

10 GIUGNO 2015 PRESSO ENFAP PIEMONTE

10 GIUGNO 2015 PRESSO ENFAP PIEMONTE Seminario Jobs Act PRESSO ENFAP PIEMONTE Jobs Act FLESSIBILITA IN ENTRATA E IN USCITA POLITICHE SOSTEGNO AL REDDITO POLITICHE ATTIVE PER IL LAVORO Jobs Act LEGGE 10 DICEMBRE 2014, N.183 (legge delega)

Dettagli

TICINIA CONSULTING SRL. Ai gentili Clienti Loro sedi. Oggetto: il contratto a tutele crescenti (sintesi) Campo di applicazione

TICINIA CONSULTING SRL. Ai gentili Clienti Loro sedi. Oggetto: il contratto a tutele crescenti (sintesi) Campo di applicazione TICINIA CONSULTING SRL Ai gentili Clienti Loro sedi Oggetto: il contratto a tutele crescenti (sintesi) Campo di applicazione Il regime di tutela nel caso di licenziamento illegittimo è disciplinato dalle

Dettagli

DLGS 4.3.2015 n. 23 : IL LICENZIAMENTO NEL CONTRATTO «A TUTELE CRESCENTI»

DLGS 4.3.2015 n. 23 : IL LICENZIAMENTO NEL CONTRATTO «A TUTELE CRESCENTI» DLGS 4.3.2015 n. 23 : IL LICENZIAMENTO NEL CONTRATTO «A TUTELE CRESCENTI» A cura dello studio legale Alberto Guariso Livio Neri Aggiornamento al 06.03.2015 A chi si applica il nuovo regime? 1) A tutti

Dettagli

Circolare di studio n. 1/2015 STUDIO COMMERCIALE E DEL LAVORO DANIELA DI CIOCCIO

Circolare di studio n. 1/2015 STUDIO COMMERCIALE E DEL LAVORO DANIELA DI CIOCCIO Circolare di studio n. 1/2015 STUDIO COMMERCIALE E DEL LAVORO DANIELA DI CIOCCIO Gentile_Cliente, pensando di fare cosa gradita, lo studio Di Cioccio Daniela, vi invia una circolare informativa, riguardante

Dettagli

TIPOLOGIA DI LICENZIAMENTO COSA PREVEDE il DECRETO DI ATTUAZIONE DEL JOBS ACT

TIPOLOGIA DI LICENZIAMENTO COSA PREVEDE il DECRETO DI ATTUAZIONE DEL JOBS ACT Scheda sul licenziamento nel contratto a tutele crescenti TIPOLOGIA DI LICENZIAMENTO COSA PREVEDE il DECRETO DI LICENZIAMENTO DISCRIMINATORIO, Reintegrazione: Il giudice, con la pronuncia NULLO E INTIMATO

Dettagli

JOBS ACT. Riforma del diritto del lavoro promossa ed attuata dal governo Renzi e identificata con una serie di norme approvate tra il 2014 e il 2015.

JOBS ACT. Riforma del diritto del lavoro promossa ed attuata dal governo Renzi e identificata con una serie di norme approvate tra il 2014 e il 2015. JOBS ACT Riforma del diritto del lavoro promossa ed attuata dal governo Renzi e identificata con una serie di norme approvate tra il 2014 e il 2015. STUDIO LEGALE FERRIERI Greta Ramella Alessandra Napetti

Dettagli

CONTRATTO DI LAVORO A TUTELE CRESCENTI. Ferrara, 09.12.2015

CONTRATTO DI LAVORO A TUTELE CRESCENTI. Ferrara, 09.12.2015 CONTRATTO DI LAVORO A TUTELE CRESCENTI Ferrara, 09.12.2015 Il d. lgs. n. 23 del 2015 di attuazione della legge delega n. 183 del 2014 ha introdotto il contratto di lavoro a tempo indeterminato a tutele

Dettagli

Ammortizzatori sociali NASPI INDICE Art 1 - NASpI Art 15 Indennità per Lavoratori in Co. Co. Co. e a progetto (DIS-COLL)

Ammortizzatori sociali NASPI INDICE Art 1 - NASpI Art 15 Indennità per Lavoratori in Co. Co. Co. e a progetto (DIS-COLL) Ammortizzatori sociali NASPI SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI PER IL RIORDINO DELLA NORMATIVA IN MATERIA DI AMMORTIZZATORI SOCIALI IN CASO DI DISOCCUPAZIONE INVOLONTARIA E DI RICOLLOCAZIONE

Dettagli

Milano Bologna Roma Catania. 17 marzo 2015 CIRCOLARE n. (3)

Milano Bologna Roma Catania. 17 marzo 2015 CIRCOLARE n. (3) 17 marzo 2015 CIRCOLARE n. (3) DECRETO LEGISLATIVO 4 MARZO 2015 N. 22 Disposizioni per il riordino della normativa in materia di ammortizzatori sociali in caso di disoccupazione involontaria e di ricollocazione

Dettagli

VITALE & ASSOCIATI, Studio legale e di consulenza del lavoro

VITALE & ASSOCIATI, Studio legale e di consulenza del lavoro Art. 1 Campo di applicazione Applicabile anche ai datori di lavoro non imprenditori, che svolgono senza fine di lucro attività di natura politica, sindacale, culturale, di istruzione ovvero di religione

Dettagli

OGGETTO: disegno di legge in materia di riforma del mercato del lavoro

OGGETTO: disegno di legge in materia di riforma del mercato del lavoro LINEA DI PRODOTTO PREVIDENZA PA OGGETTO: disegno di legge in materia di riforma del mercato del lavoro Nei giorni scorsi è stato varato dal Governo il disegno di legge recante disposizioni in materia di

Dettagli

Politiche del lavoro

Politiche del lavoro Politiche del lavoro insieme di interventi pubblici rivolti alla tutela dell interesse collettivo all occupazione Ampia gamma di politiche pubbliche, riconducibili a 3 tipi principali: 1) politiche per

Dettagli

ASSICURAZIONE SOCIALE PER L IMPIEGO (ASPI)

ASSICURAZIONE SOCIALE PER L IMPIEGO (ASPI) ASSICURAZIONE SOCIALE PER L IMPIEGO (ASPI) L Assicurazione Sociale per l Impiego (ASPI) costituisce il nuovo trattamento contro la disoccupazione ed entrerà in vigore il 1 gennaio 2013, sostituendo quindi:

Dettagli

Sostegno al reddito: la Nuova ASPI (NASPI) Dott. Giovanni Mottese

Sostegno al reddito: la Nuova ASPI (NASPI) Dott. Giovanni Mottese ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI circoscrizione del Tribunale di Catania Sostegno al reddito: la Nuova ASPI (NASPI) Dott. Giovanni Mottese CATANIA 27/03/2015 Il nuovo sistema

Dettagli

Incentivi alle assunzioni, politiche attive e NASpI

Incentivi alle assunzioni, politiche attive e NASpI Incentivi alle assunzioni, politiche attive e NASpI Dott. Salvatore Vitiello Consulente del lavoro Convegno «La riforma del lavoro - Jobs Act. COSA CAMBIA DAVVERO» Milano, 24 marzo 2015 www.hrcapital.it

Dettagli

La NASpI sostituisce le prestazioni di ASpI e mini ASpI

La NASpI sostituisce le prestazioni di ASpI e mini ASpI La NASpI sostituisce le prestazioni di ASpI e mini ASpI (articolo 1 comma 2 legge 183/2014) I nuovi Ammortizzatori Sociali: NASpI (Nuova prestazione di Assicurazione Sociale per l Impiego) ASDI (Assegno

Dettagli

Comunicato del 23.02.2015 JOBS ACT: il decreto per NASPI e ASDI

Comunicato del 23.02.2015 JOBS ACT: il decreto per NASPI e ASDI FEDERAZIONE ITALIANA TRASPORTI DIPARTIMENTO POLITICHE SOCIALI Comunicato del 23.02.2015 JOBS ACT: il decreto per NASPI e ASDI Come noto il Consiglio dei Ministri ha approvato i primi due decreti attuativi

Dettagli

Attuazione dell articolo 1 comma 2 legge 183/2014. Titolo I Disciplina della Nuova prestazione di Assicurazione Sociale per l Impiego (NASpI)

Attuazione dell articolo 1 comma 2 legge 183/2014. Titolo I Disciplina della Nuova prestazione di Assicurazione Sociale per l Impiego (NASpI) Attuazione dell articolo 1 comma 2 legge 183/2014 Titolo I Disciplina della Nuova prestazione di Assicurazione Sociale per l Impiego (NASpI) Art. 1 Nuova prestazione di Assicurazione Sociale per l Impiego

Dettagli

Strumenti di sostegno in caso di disoccupazione involontaria

Strumenti di sostegno in caso di disoccupazione involontaria I decreti attuativi del jobs act Il Governo, alla vigilia di Natale, ha approvato due schemi di D.Lgs, il primo sul contratto a tutele crescenti e il secondo sulla nuova prestazione sociale per l impiego

Dettagli

L appuntamento con l Esperto Jobs Act: il contratto a tempo indeterminato a tutele crescenti. Alberto Bosco

L appuntamento con l Esperto Jobs Act: il contratto a tempo indeterminato a tutele crescenti. Alberto Bosco L appuntamento con l Esperto Jobs Act: il contratto a tempo indeterminato a tutele crescenti Alberto Bosco La L. 10 dicembre 2014, n. 183, all art. 1, co. 7, lettera c) dispone che la delega va attuata,

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 76, 87, quinto comma, e 117, terzo comma, della Costituzione;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 76, 87, quinto comma, e 117, terzo comma, della Costituzione; SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI PER IL RIORDINO DELLA NORMATIVA IN MATERIA DI AMMORTIZZATORI SOCIALI IN CASO DI DISOCCUPAZIONE INVOLONTARIA E DI RICOLLOCAZIONE DEI LAVORATORI DISOCCUPATI,

Dettagli

CIRCOLARE L.114 ISTRUZIONI OPERATIVE DELLA NUOVA NASPI.

CIRCOLARE L.114 ISTRUZIONI OPERATIVE DELLA NUOVA NASPI. CIRCOLARE L.114 ISTRUZIONI OPERATIVE DELLA NUOVA NASPI. Con la Circolare 94/2015, pubblicata lo scorso 12 Maggio 2015, l INPS, dopo una lunga attesa ha reso note le istruzioni definitive per la presentazione

Dettagli

JOBS ACT il punto sullo stato di attuazione della riforma

JOBS ACT il punto sullo stato di attuazione della riforma JOBS ACT il punto sullo stato di attuazione della riforma Avv. Sergio Passerini Avv. Evangelista Basile Studio legale Ichino - Brugnatelli e Associati Varese, 16 marzo 2015 I testi della riforma Decreto

Dettagli

Speciale Jobs Act NEWSLETTER. i primi due decreti attuativi RUCELLAI&RAFFAELLI. Studio Legale

Speciale Jobs Act NEWSLETTER. i primi due decreti attuativi RUCELLAI&RAFFAELLI. Studio Legale RUCELLAI&RAFFAELLI Studio Legale Milano Via Monte Napoleone, 18 Telefono: +39 02 7645771 Fax: +39 02 783524 Roma Via dei Due Macelli, 47 Telefono: +39 06 6784778 Fax: +39 06 6783915 Bologna Via Cesare

Dettagli

http://www.gazzettaufficiale.it/atto/stampa/serie_generale/originario

http://www.gazzettaufficiale.it/atto/stampa/serie_generale/originario Pagina 1 di 6 DECRETO LEGISLATIVO 4 marzo 2015, n. 23 Disposizioni in materia di contratto di lavoro a tempo indeterminato a tutele crescenti, in attuazione della legge 10 dicembre 2014, n. 183. (15G00037)

Dettagli

STUDIO NEGRI E ASSOCIATI. NASpI E DIS-COLL

STUDIO NEGRI E ASSOCIATI. NASpI E DIS-COLL NASpI E DIS-COLL A tutte le Aziende Clienti Del settore paghe Con la riforma del lavoro, cd. JOBS ACT, il governo è stato incaricato di riordinare la normativa in materia di ammortizzatori sociali in caso

Dettagli

IL NUOVO CONTRATTO A TEMPO INDETERMINATO A TUTELE CRESCENTI? A CURA DEL DIPARTIMENTO POLITICHE DEL LAVORO CGIL VENETO

IL NUOVO CONTRATTO A TEMPO INDETERMINATO A TUTELE CRESCENTI? A CURA DEL DIPARTIMENTO POLITICHE DEL LAVORO CGIL VENETO JOBS ACT IL NUOVO CONTRATTO A TEMPO INDETERMINATO A TUTELE CRESCENTI? A CURA DEL DIPARTIMENTO POLITICHE DEL LAVORO CGIL VENETO CAMPO DI APPPLICAZIONE NEL CASO DI LICENZIAMENTO ILLEGITTIMO LE NUOVE ASSUNZIONI

Dettagli

ASpI Assicurazione Sociale per l Impiego

ASpI Assicurazione Sociale per l Impiego 11. ASSICURAZIONE SOCIALE PER L IMPIEGO di Barbara Buzzi Dal 1 gennaio 2013 è istituita una nuova prestazione di sostegno al reddito (Assicurazione Sociale per l Impiego ASpI) che sostituisce le attuali

Dettagli

Le novità del Jobs Act La riforma degli ammortizzatori sociali. Carlo Benedetti Consulente del Lavoro in Trento

Le novità del Jobs Act La riforma degli ammortizzatori sociali. Carlo Benedetti Consulente del Lavoro in Trento Le novità del Jobs Act La riforma degli ammortizzatori sociali Carlo Benedetti Consulente del Lavoro in Trento Legge 183/2014 La legge delega La legge è in vigore dal 16 dicembre 2014. Contiene deleghe

Dettagli

I Contributi dei Soci 2/2015 CENTRO STUDI

I Contributi dei Soci 2/2015 CENTRO STUDI I Contributi dei Soci 2/2015 CENTRO STUDI Marzo 2015 Carissimi amici e amiche, Ancora un contributo proveniente dal mondo produttivo, che sarà interessato molto dai decreti sugli ammortizzatori sociali,

Dettagli

Sgravi Contributivi per Nuove Assunzioni e nuove disposizioni in tema di Contratto del Lavoro

Sgravi Contributivi per Nuove Assunzioni e nuove disposizioni in tema di Contratto del Lavoro a Tutti i Clienti Loro sedi Oggetto: Sgravi Contributivi per Nuove Assunzioni e nuove disposizioni in tema di Contratto del Lavoro Tra la fine del 2014 e l inizio del 2015 sono state introdotte importanti

Dettagli

Speed Date Previdenziale ASPI MINI ASPI

Speed Date Previdenziale ASPI MINI ASPI Speed Date Previdenziale ASPI MINI ASPI I lavoratori hanno diritto che siano preveduti ed assicurati mezzi adeguati alle loro esigenze di vita in caso di infortunio, malattia, invalidità e vecchiaia, disoccupazione

Dettagli

L'Assicurazione Sociale per l'impiego

L'Assicurazione Sociale per l'impiego L'Assicurazione Sociale per l'impiego (ASpI) è la nuova forma di assicurazione istituita presso la Gestione prestazioni temporanee dei lavoratori dipendenti, finalizzata a garantire l'indennità mensile

Dettagli

IL LAVORO AI TEMPI DEL JOBS ACT I QUADERNI UNISIN. QUADERNO n 2-2015. I primi due decreti attuativi: il superamento dell art.

IL LAVORO AI TEMPI DEL JOBS ACT I QUADERNI UNISIN. QUADERNO n 2-2015. I primi due decreti attuativi: il superamento dell art. I QUADERNI UNISIN Approfondimenti tematici a cura del Gruppo Formazione QUADERNO n 2-2015 IL LAVORO AI TEMPI DEL JOBS ACT I primi due decreti attuativi: il superamento dell art. 18 e la NASpI Jobs Act

Dettagli

Indennità di disoccupazione per i collaboratori coordinati e continuativi

Indennità di disoccupazione per i collaboratori coordinati e continuativi @bollettinoadapt, 11 maggio 2015 Indennità di disoccupazione per i collaboratori coordinati e continuativi di Silvia Spattini Tag: #ammortizzatori #disoccupazione #DISCOLL #cococo #cocopro Con la circolare

Dettagli

Esonero contributivo triennale. Nuova Assicurazione Sociale per l Impiego - NASPI

Esonero contributivo triennale. Nuova Assicurazione Sociale per l Impiego - NASPI Esonero contributivo triennale Nuova Assicurazione Sociale per l Impiego - NASPI API Torino 5 marzo 2015 Beniamino Gallo Esonero triennale per le assunzioni a tempo indeterminato Il legislatore si è posto

Dettagli

JOBS ACT LEGGE 10 dicembre 2014, n. 183

JOBS ACT LEGGE 10 dicembre 2014, n. 183 JOBS ACT LEGGE 10 dicembre 2014, n. 183 Livorno, c/o CGIL Livorno Via Giotto Ciardi, 8 Porta a Terra JOBS ACT LEGGE 10 dicembre 2014, n. 183 (G.U. 15.12.2014, n. 290) Deleghe al Governo in materia di riforma

Dettagli

Assicurazione sociale per l impiego

Assicurazione sociale per l impiego Aspi Assicurazione sociale per l impiego La riforma del lavoro voluta dal Governo Monti Fornero ha introdotto una nuova prestazione Inps a sostegno dei disoccupati. Si tratta dell Assicurazione sociale

Dettagli

LEGGE DI STABILITA 2015 E JOBS ACT: quali opportunità per il lavoro.

LEGGE DI STABILITA 2015 E JOBS ACT: quali opportunità per il lavoro. LEGGE DI STABILITA 2015 E JOBS ACT: quali opportunità per il lavoro. Principali novità per i datori di lavoro. Stabilizzazione bonus 80 euro. Aumento soglia esenzione buoni pasto elettronici Deduzione

Dettagli

Il contratto a tutele crescenti - sintesi della disciplina

Il contratto a tutele crescenti - sintesi della disciplina Il contratto a tutele crescenti - sintesi della disciplina (d. lgs. 23/2015) Il governo Renzi, in attuazione di una delle deleghe contenute nella legge n. 183 del 10 dicembre 2014 (c.d. Jobs Act), ha definitivamente

Dettagli

Jobs Act : i nuovi ammortizzatori sociali NASPI ASDI DIS-COLL

Jobs Act : i nuovi ammortizzatori sociali NASPI ASDI DIS-COLL Testi a cura di Salvatore Martorelli e Paolo Zani Numero 114 Marzo 2015 Jobs Act : i nuovi ammortizzatori sociali NASPI ASDI DIS-COLL Riprendiamo l argomento sui nuovi ammortizzatori sociali già sommariamente

Dettagli

Il decreto legislativo n.23 del 4 marzo 2015. Avv. Prof. Francesco Rotondi LABLAW Studio Legale

Il decreto legislativo n.23 del 4 marzo 2015. Avv. Prof. Francesco Rotondi LABLAW Studio Legale Il decreto legislativo n.23 del 4 marzo 2015 Avv. Prof. Francesco Rotondi LABLAW Studio Legale Art. 4 Vizi formali e procedurali 1. Nell ipotesi in cui il licenziamento sia intimato con violazione del

Dettagli

Studio Consulenza del Lavoro Bonet Lepschy & Associati

Studio Consulenza del Lavoro Bonet Lepschy & Associati Mestre, 17 marzo 2015 Ai Sig.ri Clienti Loro Sedi Circolare n. 4/2015 1. LEGGE DI STABILITA 2015 Assunzioni a tempo indeterminato; 2. CONTRATTO A TUTELE CRESCENTI disciplina del licenziamento; 3. RIFORMA

Dettagli

INDENNITA DIS-COLL. Articolo 15, Decreto legislativo 4 marzo 2015, n. 22

INDENNITA DIS-COLL. Articolo 15, Decreto legislativo 4 marzo 2015, n. 22 INDENNITA DIS-COLL Articolo 15, Decreto legislativo 4 marzo 2015, n. 22 1 DESTINATARI Dal 1 gennaio 2015 è stata istituita, in via sperimentale, in relazione agli eventi di cessazione dal lavoro verificatisi

Dettagli

Indennità di disoccupazione Mini-ASpI

Indennità di disoccupazione Mini-ASpI Indennità di disoccupazione Mini-ASpI COSA E E una prestazione economica istituita dal 1 gennaio 2013 e che sostituisce l indennità di disoccupazione ordinaria non agricola con requisiti ridotti. E una

Dettagli

JOBS ACT. Servizio Politiche del Lavoro e della Formazione

JOBS ACT. Servizio Politiche del Lavoro e della Formazione JOBS ACT Riordino della normativa in materia di ammortizzatori sociali in caso di disoccupazione involontaria e di ricollocazione dei lavoratori disoccupati Roma 16 marzo 2015 Servizio Politiche del Lavoro

Dettagli

L ASPI NEGLI STUDI PROFESSIONALI. IL RUOLO DEL DATORE PROFESSIONISTA

L ASPI NEGLI STUDI PROFESSIONALI. IL RUOLO DEL DATORE PROFESSIONISTA L ASPI NEGLI STUDI PROFESSIONALI. IL RUOLO DEL DATORE PROFESSIONISTA L Assicurazione Sociale per l Impiego (ASPI) è il nuovo trattamento di disoccupazione destinato a tutti i lavoratori subordinati che

Dettagli

JOBS ACT. Servizio Politiche del Lavoro e della Formazione

JOBS ACT. Servizio Politiche del Lavoro e della Formazione JOBS ACT Riordino della normativa in materia di ammortizzatori sociali in caso di disoccupazione involontaria e di ricollocazione dei lavoratori disoccupati Roma 19 gennaio 2015 Servizio Politiche del

Dettagli

IL JOBS ACT È UNA VERA RIFORMA DEL LAVORO (è la riforma del lavoro attesa da tempo).

IL JOBS ACT È UNA VERA RIFORMA DEL LAVORO (è la riforma del lavoro attesa da tempo). IL JOBS ACT È UNA VERA RIFORMA DEL LAVORO (è la riforma del lavoro attesa da tempo). È un cambiamento radicale: si passa dalla tutela del posto di lavoro alla tutela del lavoratore. Basta precarietà. Abbiamo

Dettagli

Direzione Territoriale del Lavoro di Padova Direttore Dott.ssa Rosanna Giaretta

Direzione Territoriale del Lavoro di Padova Direttore Dott.ssa Rosanna Giaretta 09.09.2015 Direzione Territoriale del Lavoro di Padova Direttore Dott.ssa Rosanna Giaretta U.O. Relazioni Sindacali e Conflitti di Lavoro Dott.ssa Giulia De Paola Il presente lavoro, che non ha alcuna

Dettagli

I NUOVI AMMORTIZZATORI SOCIALI LE NOVITA SUI CONGEDI DI MATERNITA /PATERNITA IL CONTRATTO DI RICOLLOCAZIONE E IL VOUCHER I LICENZIAMENTI

I NUOVI AMMORTIZZATORI SOCIALI LE NOVITA SUI CONGEDI DI MATERNITA /PATERNITA IL CONTRATTO DI RICOLLOCAZIONE E IL VOUCHER I LICENZIAMENTI I NUOVI AMMORTIZZATORI SOCIALI LE NOVITA SUI CONGEDI DI MATERNITA /PATERNITA IL CONTRATTO DI RICOLLOCAZIONE E IL VOUCHER I LICENZIAMENTI NASPI ASDI DIS COLL CONGEDO MATERNITA /PATERNITA CONTRATTO E VOUCHER

Dettagli

CIRCOLARE N. 1/2015. del 9 gennaio 2015

CIRCOLARE N. 1/2015. del 9 gennaio 2015 CIRCOLARE N. 1/2015 del 9 gennaio 2015 OGGETTO: SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI CONTRATTO DI LAVORO A TEMPO INDETERMINATO A TUTELE CRESCENTI, IN ATTUAZIONE DELLA LEGGE

Dettagli

Confindustria Centro Sicilia Circolare n. 48 del 9 marzo 2015 Il Direttore

Confindustria Centro Sicilia Circolare n. 48 del 9 marzo 2015 Il Direttore Jobs Act. In vigore i primi due decreti delegati in materia di contratto di lavoro a tutele crescenti e di sostegno al reddito per i casi di disoccupazione involontaria Confindustria Centro Sicilia Circolare

Dettagli

GUIDA AGLI AMMORTIZZATORI SOCIALI PER I DIPENDENTI DEGLI STUDI PROFESSIONALI

GUIDA AGLI AMMORTIZZATORI SOCIALI PER I DIPENDENTI DEGLI STUDI PROFESSIONALI GUIDA AGLI AMMORTIZZATORI SOCIALI PER I DIPENDENTI DEGLI STUDI PROFESSIONALI ASpI 1) COS E? 2) A CHI SI APPLICA? 3) QUANDO SI PUO RICHIEDERE? 4) QUAL È LA RETRIBUZIONE DI RIFERIMENTO PER IL CALCOLO DELL

Dettagli

JOBS ACT i decreti attuativi. A cura del Sito Web Servizio Coordinamento Centri per l Impiego Marzo 2015

JOBS ACT i decreti attuativi. A cura del Sito Web Servizio Coordinamento Centri per l Impiego Marzo 2015 JOBS ACT i decreti attuativi A cura del Sito Web Servizio Coordinamento Centri per l Impiego Marzo 2015 Decreto legislativo in materia di AMMORTIZZATORI SOCIALI Tra i primi decreti attuativi della legge

Dettagli

Jobs Act: tutto quello che serve alle imprese. Una guida pratica sulle nuove regole che cambiano il mondo del lavoro

Jobs Act: tutto quello che serve alle imprese. Una guida pratica sulle nuove regole che cambiano il mondo del lavoro Jobs Act: tutto quello che serve alle imprese Una guida pratica sulle nuove regole che cambiano il mondo del lavoro Cos è il Jobs Act? Come cambia il lavoro? Decreto Poletti L. 16/5/2014 n. 78 Contratto

Dettagli

JOBS ACT. 9 febbraio 2015, Ancona. Dott. Stefano Carotti Consulente del Lavoro I PRIMI DECRETI. LE NOVITA PRINCIPALI. www.an.camcom.gov.

JOBS ACT. 9 febbraio 2015, Ancona. Dott. Stefano Carotti Consulente del Lavoro I PRIMI DECRETI. LE NOVITA PRINCIPALI. www.an.camcom.gov. JOBS ACT I PRIMI DECRETI. LE NOVITA PRINCIPALI 9 febbraio 2015, Ancona Dott. Stefano Carotti Consulente del Lavoro www.an.camcom.gov.it 1 IL CONTRATTO A TEMPO INDETERMINATO A TUTELE CRESCENTI Nonostante

Dettagli

MERCATODELLAVORO: COSACAMBIA? INAS CISL - NUMERO VERDE 800 249 307 - WWW.INAS.IT. quotidiano della Cisl Anno 64 n. 249 - Lunedì 29 ottobre 2012

MERCATODELLAVORO: COSACAMBIA? INAS CISL - NUMERO VERDE 800 249 307 - WWW.INAS.IT. quotidiano della Cisl Anno 64 n. 249 - Lunedì 29 ottobre 2012 TUTELA ottavo 10-2012:Layout 1 18-10-2012 14:44 Pagina 3 quotidiano della Cisl Anno 64 n. 249 - Lunedì 29 ottobre 2012 Tutela IISN 0010-6348 Sped. in abb. postale 45% Roma - art. 2 comma 20 b legge 662/96

Dettagli

LEGGE 92 DEL 28/6/2012 ART. 2. Nuove indennità di disoccupazione: ASPI e mini-aspi

LEGGE 92 DEL 28/6/2012 ART. 2. Nuove indennità di disoccupazione: ASPI e mini-aspi ASPI e MINI ASPI LEGGE 92 DEL 28/6/2012 ART. 2 Cessazioni dal 1/1/2013 Nuove indennità di disoccupazione: ASPI e mini-aspi sostituiscono disoccupazione ordinaria non agricola con requisiti normali disoccupazione

Dettagli

In caso di discordanze prevale il testo pubblicato sulla gazzetta uf iciale che si consiglia di leggere.

In caso di discordanze prevale il testo pubblicato sulla gazzetta uf iciale che si consiglia di leggere. La legge 92/2012, composta da 4 articoli, ha modificato ed eliminato numerosi istituti giuridici in materia di lavoro. Nelle pagine che seguono potrete trovare una sintesi delle principali novità contenute

Dettagli

Al Comitato di Presidenza Al Consiglio Direttivo Alla Commissione Legale Alla Commissione Sindacale Alle Associazioni Territoriali

Al Comitato di Presidenza Al Consiglio Direttivo Alla Commissione Legale Alla Commissione Sindacale Alle Associazioni Territoriali Roma, 9 marzo 2015 Al Comitato di Presidenza Al Consiglio Direttivo Alla Commissione Legale Alla Commissione Sindacale Alle Associazioni Territoriali Circolare n. 38/2015 Oggetto: Jobs Act - Contratto

Dettagli

Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giurislavoristici

Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giurislavoristici Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giurislavoristici N. 94 20.05.2015 NASpI: le istruzioni dell INPS Il periodo di contribuzione figurativa per NASpI è utile per la maturazione dell

Dettagli

SACHSALBER GIRARDI HUBER Arbeitsrechtsberater Consulenti del lavoro

SACHSALBER GIRARDI HUBER Arbeitsrechtsberater Consulenti del lavoro ASPI (assicurazione sociale per l impiego) la nuova di disoccupazione In sintesi: La legge n.92/2012 (c.d. Riforma Fornero ) ha previsto l istituzione, a decorrere dal 1 gennaio 2013, della nuova assicurazione

Dettagli

! C o n v e g n o 10 giugno 2015

! C o n v e g n o 10 giugno 2015 ! C o n v e g n o 10 giugno 2015 Jobs act Cosa è cambiato e cosa cambierà NASpI Dott. Ottavio Gonano e Dott.ssa Elisa Raina Studio Associato Barillari Lapolla Cavalleri Le nuove tipologie dal maggio 2015

Dettagli

LA NUOVA ASSICURAZIONE SOCIALE PER L'IMPIEGO (NASPI) Raggruppamento Schio-Thiene 11 febbraio 2015

LA NUOVA ASSICURAZIONE SOCIALE PER L'IMPIEGO (NASPI) Raggruppamento Schio-Thiene 11 febbraio 2015 LA NUOVA ASSICURAZIONE SOCIALE PER L'IMPIEGO (NASPI) Raggruppamento Schio-Thiene 11 febbraio 2015 LE FONTI NORMATIVE Legge 10 dicembre 2014 n.183 (Legge Delega c.d JOBS ACT ) art.1 comma 2 lettera b) Schema

Dettagli

Diritto in diretta ogni venerdì alle ore 9,00

Diritto in diretta ogni venerdì alle ore 9,00 Diritto in diretta dal 6 marzo l'avv. Daniela Bardoni risponderà ai quesiti degli ascoltatori. Per aiutarvi nelle controversie grandi e piccole della vita quotidiana Partecipa in diretta 06 899291 Sms/Wapp

Dettagli

A.S.P.I. : QUESTA SCONOSCIUTA?

A.S.P.I. : QUESTA SCONOSCIUTA? A.S.P.I. : QUESTA SCONOSCIUTA? A C U R A D I F R A N C E S C O G E R I A C O N S U L E N T E D E L L A V O RO W W W. L A B O R T R E. W O R D P RE S S. C O M In queste pagine potete trovare una breve sintesi

Dettagli

All indennità si applica una riduzione del 15% dopo i primi sei mesi di fruizione e di un ulteriore 15% dopo il dodicesimo mese di fruizione.

All indennità si applica una riduzione del 15% dopo i primi sei mesi di fruizione e di un ulteriore 15% dopo il dodicesimo mese di fruizione. CIRCOLARE SETTIMANALE N. 3 FEBBRAIO 2013 INDENNITA DI DISOCCUPAZIONE ASPI E MINI ASPI A decorrere dal 1 gennaio 2013 a tutti i lavoratori dipendenti (compresi gli apprendisti; i soci lavoratori di cooperativa

Dettagli

Pari alla metà delle settimane di contribuzione versate nei 4 anni precedenti, con una durata massima di 24 mesi.

Pari alla metà delle settimane di contribuzione versate nei 4 anni precedenti, con una durata massima di 24 mesi. Roma, 17 febbraio 2016 Oggetto: Indennità di disoccupazione NASpI 2016 L'indennità NASpI (Nuova prestazione di Assicurazione Sociale per l'impiego) è stata introdotta, con effetto dal 1 maggio 2015, dal

Dettagli

JOBS ACT. LEGGE 10 dicembre 2014, n. 183 D.lgs 4 marzo 2015, n. 22. Livorno, 9 aprile 2015 c/o CGIL Livorno Via Giotto Ciardi, 8 Porta a Terra

JOBS ACT. LEGGE 10 dicembre 2014, n. 183 D.lgs 4 marzo 2015, n. 22. Livorno, 9 aprile 2015 c/o CGIL Livorno Via Giotto Ciardi, 8 Porta a Terra JOBS ACT LEGGE 10 dicembre 2014, n. 183 D.lgs 4 marzo 2015, n. 22 Livorno, 9 aprile 2015 c/o CGIL Livorno Via Giotto Ciardi, 8 Porta a Terra JOBS ACT LEGGE 10 dicembre 2014, n. 183 (G.U. 15.12.2014, n.

Dettagli

IL CONTRATTO DI LAVORO A TEMPO INDETERMINATO A TUTELE CRESCENTI (*)

IL CONTRATTO DI LAVORO A TEMPO INDETERMINATO A TUTELE CRESCENTI (*) IL CONTRATTO DI LAVORO A TEMPO INDETERMINATO A TUTELE CRESCENTI (*) Foto dal sito www.nonsprecare.it (*) Fonte: Confagricoltura Nazionale Sommario Introduzione... 4 L ambito di applicazione: nuove assunzioni...

Dettagli

NUOVA PRESTAZIONE DI ASSICURAZIONE SOCIALE PER L IMPIEGO (NASPI) CIRCOLARE INPS

NUOVA PRESTAZIONE DI ASSICURAZIONE SOCIALE PER L IMPIEGO (NASPI) CIRCOLARE INPS NUOVA PRESTAZIONE DI ASSICURAZIONE SOCIALE PER L IMPIEGO (NASPI) CIRCOLARE INPS Come è noto, il decreto legislativo 4 marzo 2015 n. 22, pubblicato nella G.U. n. 54 del 6/3/2015, ha dettato nuove norme

Dettagli

I Decreti attuativi del Jobs Act Una rivoluzione copernicana oppure l ennesima occasione mancata? 27 marzo 2015, Confindustria Nord Sardegna

I Decreti attuativi del Jobs Act Una rivoluzione copernicana oppure l ennesima occasione mancata? 27 marzo 2015, Confindustria Nord Sardegna I Decreti attuativi del Jobs Act Una rivoluzione copernicana oppure l ennesima occasione mancata? 27 marzo 2015, Confindustria Nord Sardegna Avv. Maria Teresa Iannella Avv. Matteo Tamborini La riforma

Dettagli

LA RIFORMA DEL LAVORO. GLI AMMORTIZZATORI SOCIALI A cura di Provincia di Torino Servizio Coordinamento Centri per l Impiego 21/01/2013

LA RIFORMA DEL LAVORO. GLI AMMORTIZZATORI SOCIALI A cura di Provincia di Torino Servizio Coordinamento Centri per l Impiego 21/01/2013 LA RIFORMA DEL LAVORO GLI AMMORTIZZATORI SOCIALI A cura di Provincia di Torino Servizio Coordinamento Centri per l Impiego 21/01/2013 Fonti normative: RIFORMA DEL LAVORO: AMMORTIZZATORI SOCIALI Legge 28

Dettagli

PROVINCIA DI BENEVENTO Settore Avvocatura-Organizzazione del Personale e Politiche del Lavoro

PROVINCIA DI BENEVENTO Settore Avvocatura-Organizzazione del Personale e Politiche del Lavoro ASPI (Assicurazione Sociale per l Impiego) COSA E E una prestazione economica istituita per gli eventi di disoccupazione che si verificano a partire dal 1 gennaio 2013 e che sostituisce l indennità di

Dettagli

Confprofessionilavoro pubblica una tabella con gli incentivi - attualmente in vigore - in materia di assunzione.

Confprofessionilavoro pubblica una tabella con gli incentivi - attualmente in vigore - in materia di assunzione. Confprofessionilavoro pubblica una tabella con gli incentivi - attualmente in vigore - in materia di assunzione. INCENTIVO DESTINATARI Giovani (l.99/2013) L incentivo è pari: -ad 1/3 della retribuzione

Dettagli

Jobs act e primi decreti attuativi

Jobs act e primi decreti attuativi Jobs act e primi decreti attuativi Per l Osservatorio CCNL CRTV/SLC CGIL, FISTEL -CISL e UILCOM UIL A cura degli uffici Legale, PMI e Studi e Ricerche di CRTV 2015 1 2 Jobs Act La Legge delega N.183 del

Dettagli

Redazione a cura della Commissione Comunicazione del CPO di Napoli

Redazione a cura della Commissione Comunicazione del CPO di Napoli Redazione a cura della Commissione Comunicazione del CPO di Napoli 36/2015 Marzo/9/2015 (*) Napoli 17 Marzo 2015 Tanto tuonò che piovve!!!! Arrivano le tutele crescenti. I nuovi assunti dal 7 marzo scorso

Dettagli

Mini-A S P I. la prestazione che ha sostituito l indennità di disoccupazione a requisiti ridotti

Mini-A S P I. la prestazione che ha sostituito l indennità di disoccupazione a requisiti ridotti Mini-A S P I la prestazione che ha sostituito l indennità di disoccupazione a requisiti ridotti Vediamo come funziona la nuova prestazione sociale a favore dei disoccupati Sommario Lavoratori interessati

Dettagli

JOBS ACT E LA NUOVA DISCIPLINA DEI LICENZIAMENTI IL CONTRATTO A TUTELE CRESCENTI

JOBS ACT E LA NUOVA DISCIPLINA DEI LICENZIAMENTI IL CONTRATTO A TUTELE CRESCENTI JOBS ACT IL CONTRATTO A TUTELE CRESCENTI E LA NUOVA DISCIPLINA DEI LICENZIAMENTI Convegno «JOBS ACT La riforma del lavoro come funzione e cosa cambia» Padova, martedì 31 marzo 2015 COSA CAMBIA? INTRODUZIONE

Dettagli

Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza

Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza Informativa - ONB Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza INDICE 1 Premessa... 2 2 Sintesi delle principali novità in materia di lavoro e previdenza...

Dettagli