VINCOLI E OPPORTUNITÀ DEL CAMBIAMENTO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "VINCOLI E OPPORTUNITÀ DEL CAMBIAMENTO"

Transcript

1 Giuliana Gemelli VINCOLI E OPPORTUNITÀ DEL CAMBIAMENTO ORGANIZZATIVO: LA GOVERNANCE DELLE FONDAZIONI TRA STRATEGIA E STRUTTURA DSS PAPERS SOC 4-06

2

3 INDICE 1. Premessa: denominazioni e pratiche... Pag I modelli organizzativi delle Fondazioni di origine bancaria e delle fondazioni comunitarie: adattamento senza evoluzione Modelli di governance evolutiva Riferimenti bibliografici... 32

4

5 1. Premessa: denominazioni e pratiche La fine del secolo scorso è stata caratterizzata da tre fenomeni di cambiamento sociale di grande rilievo. Il primo è la trasformazione dell organizzazione dell impresa da un modello centrato sulla gestione delle funzioni a un modello basato sul coordinamento dei processi, cui ha fatto riscontro la riconfigurazione del sistema impresa, da sistema centrato sulla produzione e sui suoi attori sociali di riferimento (la fabbrica, la proprietà, i salariati) ad organizzazione che apprende e che tende a generare valore al di fuori della sfera esclusiva del mercato. Il secondo è la crescita del ruolo delle fondazioni e delle organizzazioni non profit e il potenziamento del loro ruolo di generatori di giustizia distributiva e commutativa, cioè di potenziali elementi generativi di forze economiche sociali e culturali endogene, quali vettori dei processi di trasformazione in atto nella società civile (empowerment). Il terzo è il ridimensionamento del ruolo dello Stato come erogatore di servizi e l emergere di configurazioni residuali che hanno etichettato con la denominazione non tutte le organizzazioni che non si collocano nella sfera dello Stato o in quella del mercato. Queste tassonomie che si sono inevitabilmente irrigidite sul piano teorico hanno dovuto tuttavia confrontarsi con la crescita di fenomeni di articolazione e cooperazione tra settori attraverso lo sviluppo della Corporate Philanthropy e della CSR nell ambito delle imprese e il riemergere dell imprenditorialità civica e sociale come fattore trasversale alle dimensioni sopra indicate. La CSR nei suoi aspetti teorici e nelle sue applicazioni pratiche fa riferimento al consolidarsi di una visione dell impresa in base alla quale essa Vincoli e opportunità del cambiamento organizzativo 5

6 non deve essere finalizzata all esclusiva soddisfazione di un unico stakeholder, l azionista, bensì deve cercare di ottenere il massimo consenso sociale attraverso la comprensione e la soddisfazione degli interessi rappresentati dai soggetti, privati o pubblici, singoli ed organizzati, che intrattengono relazioni, dirette o indirette, formali o informali, con l azienda. La fase di sperimentazione di questo approccio è apparsa inizialmente assai promettente: numerose imprese inizialmente grandi, ma successivamente anche di piccole e medie dimensioni hanno realizzato iniziative di responsabilità sociale (dalla definizione di politiche e di prassi gestionali, alla comunicazione e al marketing) per testimoniare il proprio impegno. Sono rarissimi, tuttavia, i casi in cui questo orientamento si è imposto sull intera struttura aziendale, fino a produrre una ridefinizione della mission come processo a due registri di complessità, dal basso verso l alto e, in modo circolare, come discesa a cascata su tutta la struttura organizzativa, divenendo un strumento di governance e non un contingente adattamento alle pressioni ambientali o agli ammiccamenti del mercato. Il problema della ridefinizione degli assetti della governance e del suo allineamento alla definizione di una mission strategicamente orientata all articolazione dei rapporti tra assetto organizzativo interno dell impresa e finalità del suo operare responsabile all esterno, è qualcosa che accomuna fortemente le istanze di cambiamento sociale del profit e del non profit, è punto di tensione e al tempo stesso luogo di potenziale cooperazione competitiva orientata, nel migliore dei mondi possibili, alla crescita di equal partnership centrate sulle competenze e non sulle beneficenze da un lato ed i benefici dall altro. Il mio contributo è costruito attorno ad un interrogativo: la governance delle organizzazioni cosiddette non profit ed in particolare la governance delle fondazioni che - nelle loro diverse ed articolate coniugazioni statutarie 6 Vincoli e opportunità del cambiamento organizzativo

7 e nei loro diversi modelli organizzativi - intervengono in questo ambito con una particolare mission che è quella di agire da potenziali leve del settore, è in allineamento rispetto a questi processi di trasformazione macrostrutturale? I modelli di governance delle fondazioni favoriscono il loro ruolo propositivo rispetto alle sfide connesse all internalizzazione dell agire filantropico, in una pluralità di istituzioni pubbliche e private? Oppure risentono di scelte organizzative che ne vincolano la propositività entro modelli centrati sull amministrazione e sull aggregazione di queste ultime in un organigramma che é una semplice sommatoria di funzioni e non l espressione di una progettualità evolutiva? 2. I modelli organizzativi delle Fondazioni di origine bancaria e delle fondazioni comunitarie : adattamento senza evoluzione Einsten affermava che non si possono risolvere i problemi con le stesse categorie che li hanno generati. Negli ultimi quindici anni le Fondazioni in Europa, e in specie in Italia, dove il loro tasso di crescita numerica ha un e- quivalente solo in Spagna, hanno esplicitato la loro aspettativa di ruolo sulla base di un assetto organizzativo basato, da un lato sulla distinzione funzionale tra grant-making and operative dall altro su organigrammi gestionali centrati sul modello amministrativo che pongono al centro la figura del segretario generale e che, in molti casi, tendono alla deresponsabilizzazione del board, salvo poi innescare processi di continuo aggiustamento nelle scelte di concreta operatività che hanno fatto emergere, da un lato, in modo sempre più prevalente, modelli misti tra operating e grant-making, dall altro hanno generato nuovi tipi di fondazione, come le fondazioni di partecipa- Vincoli e opportunità del cambiamento organizzativo 7

8 zione, ovvero l importazione adattiva di modelli lungamente sperimentati oltreoceano, come le fondazioni comunitarie, che presentano configurazioni istituzionali non solo più variegate dal punto di vista dell organizzazione e della mission, con connotazioni diverse in rapporto alla configurazione territoriale e ai contesti socio-antropologici. Per ritornare alla metafora einsteniana le Fondazioni sono caratterizzate da una complessità istituzionale ed evolutiva che le mette a confronto coi vincoli organizzativi ricevuti dal passato (i modelli delle organizzazioni burocratiche intrecciate alla politics) e con le sfide organizzative del presente che le spingono ad orientarsi verso modelli di governance finalizzati alle policies, in un percorso a complessità crescente in cui la semplice adozione delle managerial capabilities sulla base dei modelli gestionali dell impresa è riduttiva. Secondo Carver e Wood la governance è un processo irriducibile ai meccanismi del management: It consists of decisions and action linked to defining an organization s mission to establishing its policies and to determining the control mechanism it will use to [ ] establish decision-making process and set up procedures for performing specific tasks (Wood 1996; si vedano anche Cavert 1990; Golenski 2002). A questa definizione va aggiunto il ruolo strategico del monitoraggio dell organizzazione oltre le dimensioni del tempo breve segnato dai rendiconti annuali e dai monitoraggi dei progetti e cioè la misurazione non solo quantitativa del suo concreto operare delle Fondazioni, nell inverarsi della loro cultura organizzativa come patrimonio dell istituzione stessa. Le Fon- 8 Vincoli e opportunità del cambiamento organizzativo

9 dazioni non sono solo delle organizzazioni che gestiscono un endowment ma delle organizzazioni che apprendono in un sistema di interazioni a complessità crescente. Necessitano dunque di sviluppare i propri processi decisionali attraverso percorsi di riflessività a flusso continuo e non attraverso meccanismi indotti dal calendario della rendicontazione di bilancio (sia esso un semplice conto economico o un più raffinato ed articolato bilancio sociale e/o di missione). Ciò che intendo dire è che la redazione del bilancio sociale o di missione come secondo bilancio rispetto al bilancio contabile è una condizione necessaria ma non sufficiente alla costruzione di una configurazione organizzativa basata sull allineamento tra mission, assetti organizzativi, economici e finanziari. E da tale allineamento infatti che può scaturire un modello originale di comunicazione integrata, che può esprimersi nel bilancio economico-sociale quale documento unico e come rivelatore della attivazione di un sistema di indicatori di performance sociali e non solo economiche. Da tale allineamento dipende infatti l attuazione di un processo di knowledge management che integra i percorsi sopra indicati: innovazione e progettualità come risultato di un agire istituzionale basato sull apprendimento, sulla riflessività e sulla interazione di aree decisionali orientate per problemi, secondo un percorso bottom up che faciliti l orizzontalità delle relazioni tra lo staff e il board e, a seguire, la diffusione a cascata delle best practices secondo un processo continuo e circolare e quindi non come ricette importate ma come modi di operare e di generare risorse in termini di capitale relazionale e di patrimonio culturale ed organizzativo della leadership. Nelle sue diverse aree di riferimento, la tassonomia della governance appare assai più complessa delle tradizionali funzioni manageriali o amministrative. La tabella che segue, senza pretesa di esaustività, illustra alcuni Vincoli e opportunità del cambiamento organizzativo 9

10 aspetti di tale complessità e gli effetti di rifocalizzazione organizzativa che ne possono derivare quando si tenga conto di tali tassonomie come fattori strategici di cambiamento strutturale. Tabella 1. Tassonomia della governance e cambiamento culturale. COMMUNICATION FINANCIAL LEGAL PLANNING POLICIES Annual report Audits Contracts Values vision mission Conflict resolution Budgeting Insurance Strategic Effective meeting Recognition Rewards Web implementation Business plan Financial responsibility Financial statement Liability Records Risk management Effectiveness Elaborazione a partire dal glossario redatto da Non-profit Good Practice Guide (http://www.npgoodpractice.org/). planning Affiliations alliances partnership Business plan Decisionmaking Accountability and Transparency Board Development Conduct Code Conflict Risk management Fundraising Evaluation Transparency Benché la classificazione grant-making e operating rimanga un parametro dominante nel delineare il profilo istituzionale delle fondazioni in Europa, occorre osservare che in modo più o meno strategicamente orientato, molte fondazioni hanno introdotto mutamenti procedurali (sviluppo di best 10 Vincoli e opportunità del cambiamento organizzativo

11 practices, consent agenda, financial reporting, international board recruitment, executive succession), strutturali (introduzione dello strategic planning, con la creazione di ad hoc committees, di board advocates o di board of goals) o interpersonali (chiarificazione delle regole di comportamento del Board, Nurturing the board), che sembrano tenere conto delle tassonomie indicate nella tabella Dal processo di internalizzazione adattiva e strategicamente orientata di tali tassonomie dipende la capacità delle fondazioni di assolvere ad uno dei principi fondamentali del loro ruolo di attori dell empowerment, quando esso emerge come componente del processo d incivilimento; quando esso è vettore di creazione di un singolo tra un azione sociale, volta alla creazione di una cittadinanza a part entière, e l obbligazione giuridico-istituzionale, cementata dalla rivitalizzazione di basi antropologiche e, dunque, consapevolmente orientata alla valorizzazione di processi di socializzazione di patrimoni relazionali culturalmente densi. E ciò in virtù del fatto che tali processi sono basati su una pluriappartenenza che è insieme locale, perché legata al territorio e alle comunità di riferimento, e globale, perché basata sulle risorse messe a disposizione da una bildung culturale a dimensione aperta, tecnologicamente e finanziariamente aggiornata ed agguerrita. Essa non confligge con le nuove dimensioni dell organizzazione, che apprende e si responsabilizza nei confronti del sociale, ma con essa coopera in modo competitivo (Axelrod 1984), in quanto la obbliga a riconfigurarsi in funzione degli obiettivi, trasformandola da organizzazione tendenzialmente burocratica e verticistica in adhocrazia che fonda la leadership sulle capacità organizzative, di gestione delle competenze e delle conoscenze e della loro disseminazione orizzontale in relazione agli scopi e agli obiettivi condivisi all interno ed all esterno della Fondazione. Vincoli e opportunità del cambiamento organizzativo 11

12 Resta da vedere se l assetto organizzativo della maggior parte delle Fondazioni italiane, in cui il modello della leadership rimane di tipo verticale, per non dire verticistico, con il persistere prevalente della delega del processo decisionale alla figura del segretario generale, risponda a tale istanza di cambiamento. Si pone, cioè, il problema dell allineamento tra strategia e struttura nel passaggio da una configurazione statica di rispecchiamento della struttura nella strategia ad un allineamento che, definendosi in maniera processuale, non può essere il prodotto di un modello imposto dall alto ma di un processo orientato dalle finalità dell agire istituzionale, in cui è la struttura che si modula in forma evolutiva in rapporto alle policies strategiche e non viceversa. Come ha osservato giustamente Gabriele Cioccarelli, la macrostruttura organizzativa della maggior parte delle Fondazioni italiane, in particolare quelle di origine bancaria, risponde a scelte di continuità con le strutture tradizionali Per quanto riguarda la microstruttura si focalizza l attenzione sull articolazione del processo erogativo e sulle criticità di quello di gestione del patrimonio (Cioccarelli e Previstali 2002). A conferma di quanto sostiene Cioccarelli va detto che, sino a tempi recenti, nella maggior parte delle Fondazioni di origine bancaria i sistemi operativi di comunicazione e di informazione, di coordinamento, di programmazione e di controllo, sono stati impostati secondo un approccio burocratico e poco manageriale. Cioccarelli rileva inoltre come, soprattutto nelle fondazioni di piccole dimensioni, vi sia ancora un elevato ricorso a personale distaccato dalla Banca per l assolvimento di gran parte delle funzioni operative (amministrazione, finanza, assistenza legale, comunicazione gestione del personale). Seppure si debba constatare che è in atto un processo di differenziazione tra le fondazioni bancarie a organigramma semplice e quelle a organi- 12 Vincoli e opportunità del cambiamento organizzativo

13 gramma elementare (si vedano Figure 1 e 2), caratterizzate da una maggiore strutturazione degli organi interni e da un minore ricorso alle competenze dell azienda di credito partecipata, è tuttavia evidente che, in entrambi i casi, è la scelta di una strategia focalizzata sul grant-making e sulla procedura di gestione di tipo lineare (selezione-erogazione-valutazione) che determina la configurazione organizzativa delle Fondazioni. Lo stesso dicasi a proposito di quella che Ciccarelli definisce la struttura funzionale, che presuppone un raggio di azione più ampio e un personale più numeroso (si veda Figura 3). Vincoli e opportunità del cambiamento organizzativo 13

14 Fonte delle figure: G. Cioccarelli (2001). Queste strutture più complesse non sono necessariamente più dinamiche rispetto ad un attività erogativa che si limiti all attribuzione del finanziamento e alla sua rendicontazione finale, sono semplicemente più specializzate e la loro governance è comunque orientata in modo specifico ad assolvere criteri di efficacia ed efficienza nel processo decisionale e gestionale interno. Significativamente Ciccarelli osserva che il principale aspetto negativo è dato dalla scarsa capacità di risposta alle dinamiche ambientali e dal 14 Vincoli e opportunità del cambiamento organizzativo

15 potenziale conflitto interfunzionale, nell ambito di una struttura che tende alla burocratizzazione e alla compartimentalizzazione: la focalizzazione specialistica e l enfasi sulla specializzazione inducono le unità organizzative a definire procedure interne relativamente rigide e ad assumere atteggiamenti settoriali conflittuali [ ] possibile fonte di [ ] inerzie organizzative che compromettono la rapidità nei tempi di risposta alle sfide e alle opportunità provenienti dal contesto competitivo di riferimento. L autore evidenzia le soglie critiche di questo tipo di assetto organizzativo, ed in particolare il fatto che esso riesce difficilmente ad assolvere allo specifico dei problemi di misurazione dell attività e dei risultati che non si riferiscono ad attività direttamente connesse alla trasformazione fisica dei beni, bensì ad attività di servizio il cui oggetto ha prevalentemente natura immateriale. È inoltre importante ricordare che per quanto riguarda il contesto italiano anche le community foundations, che per origini ed evoluzione storica sono un fenomeno istituzionale tipicamente nordamericano - la prima community foundation è stata creata a Cleveland nel hanno avuto un innesto molto recente quasi esclusivamente legato all ambito delle principali fondazioni di origine bancaria, da cui hanno ovviamente derivato alcuni vincoli inerenti il loro l assetto organizzativo ed alcune opportunità legate al forte radicamento di tali fondazioni nel contesto locale e territoriale tradizionale e al fatto che le fondazioni hanno assicurato loro un processo di consolidamento istituzionale dotandole sulla base di un sistema di matching della possibilità di dotarsi di un endowment. Come si può vedere dalla tabella 2, anche l organigramma delle Fondazioni comunitarie è centrato sulla figura del segretario generale, come fulcro del coordinamento delle funzioni gestionali. Vincoli e opportunità del cambiamento organizzativo 15

16 Tabella 2. Organigramma della fondazioni comunitarie Il Vescovo o altra autorità religiosa Il Prefetto Il Presidente della Provincia Il Sindaco del Capoluogo Il Presidente CCIAA Il Presidente del Tribunale Comitato di Nomina Nomina parzialmente o nella sua interezza il Consiglio d Amministrazione Può comprendere: Presidenti ordini avvocati, notai, commercialisti Il Rettore dell Università Rappresentate di altre fondazioni Presidente centro servizi per il volontariato Altre autorità e personaggi noti Collegio dei Revisori Controlla l amministrazione Collegio dei Probiviri Dirime le controversie Consiglio d Amministrazione Dirige la fondazione Presidente Rappresenta la Fondazione Comitato Esecutivo Garantisce l ordinaria amministrazione Segretario Generale Gestisce le attività della Fondazione Comitato Marketing Si preoccupa di preparare il piano di marketing e comunicazione e quindi di verificare che esso venga effettivamente applicato Comitato Erogazioni Individua le attività di utilità sociale da finanziare Eventuali sottocomitati specializzati in specifiche aree d interesse Comitato Risorse Responsabile della strategia per la raccolta fondi sia di natura patrimoniale che da erogare immediatamente Comitato di Gestione Supervisiona le attività della struttura operativa e si preoccupa di garantire la corretta tenuta dei verbali e dei libri contabili Comitato Investimenti Responsabile di elaborare i criteri che devono guidare l investimento del patrimonio e di verificare la loro realizzazione Ogni comitato, tranne il Comitato di Nomina, è di norma, presieduto da un membro del Consiglio d Amministrazione Fonte: Fondazione Cassa di Risparmio delle province lombarde. 16 Vincoli e opportunità del cambiamento organizzativo

17 Un aspetto che rischia di divenire critico quando le fondazioni sviluppano un assetto organizzativo di tipo processuale, è l ampiezza eccessiva dello span of control del segretario generale che, se da un lato riduce i costi di struttura, dall altro non solo crea delle diseconomie di controllo e dei ritardi nei processi decisionali legati ala capacità cognitiva dello stesso segretario generale, quale responsabile della conduzione generale della Fondazione (143) ma, a parere di chi scrive, disincentiva il committment dei membri del board, soprattutto se, per statuto, il segretario generale ha poteri di delega su tutti gli aspetti del decision-making inerenti l attività della fondazione. Diversi autori pongono l accento sulla crescente necessità delle Fondazioni bancarie di ricorrere ad aggiustamenti organizzativi come l outsourcing o a commissioni esterne per risolvere la complessità del loro agire istituzionale in contesti evolutivi ad elevato dinamismo. Il problema è particolarmente cruciale e determina soglie di criticità soprattutto per quanto riguarda le community foundations e le fondazioni di partecipazione che coinvolgono attori di varia natura istituzionale e che prevedono un articolazione tra attività di grant-making, definizione di programmi operativi finalizzati e l organizzazione di consolidati assetti di fundraising che deve risultare pienamente coordinato con le altre funzioni, inclusa, ovviamente, quella finanziaria, sempre più spesso in collaborazione con altre organizzazione pubbliche e private Nelle community foundations tale funzione si esprime anche in processi pro-attivi di creazione di fondi di investimento, finalizzati alla realizzazione di particolari programmi o progetti. I- noltre se nel caso delle community foundations l interazione con i grantees, sia nella fase di selezione dei progetti, sia nelle fasi di gestione, controllo e valutazione/misurazione/monitoraggio dei medesimi, è un processo ineludi- Vincoli e opportunità del cambiamento organizzativo 17

18 bile, è stato evidenziato che nelle fondazioni di origine bancaria i sistemi operativi non possono non rifarsi ad un approccio manageriale nella progettazione e al contempo al rigore burocratico nella loro formalizzazione. A questi irrigidimenti si tende ad ovviare con l implementazione di meccanismi di coordinamento che si avvalgono anche di raffinati strumenti informatici che hanno portato al rapido consolidarsi della e-philanthropy. Tali strumenti sono, tuttavia, davvero sufficienti a realizzare l allineamento processuale delle due anime delle fondazioni, quella economica e quella sociale, quella armoniosa della dimensione patrimoniale e quella dodecafonica derivata dal mettersi in ascolto rispetto al complesso universo degli stakeholders e dei grantees? Stante il persistere della necessità di coordinamento di tali anime nelle attività di grant-making, l allineamento sembra mantenere nella maggior parte dei casi un carattere meccanicistico, esprimendosi come una sommatoria di funzioni più che come un processo di crescita strategica, che prevede non solo la trasparenza nell attività erogativa ma anche l internalizzazione circolare dell esperienza da essa derivata. E interessante ricordare a questo proposito un documento prodotto dalla King Baudouin Foundation, nel quale a proposito di transparency ed accountability si sottolinea che: The accountability of the KBF is mainly to be found in its mission to act as a catalyst in society. Since the Foundation acts as a kind of risk investor, this means by definition that not all its activities come to an equally succesful conclusion That is the price that the Foundation is willing to pay in order to play its part as catalyst for lasting change Those who test out innovative ideas or walk new path know from the ouset that the results cannot always be positive. 18 Vincoli e opportunità del cambiamento organizzativo

19 Helmut Anheier (2001) propone un accattivante categorizzazione delle organizzazioni, distinguendo quelle votate alla costruzione di palazzi da quelle che sviluppano, invece, modelli a tenda. Le prime tendono alla stabilizzazione dell articolazione struttura-strategia, le altre tendono ad assicurarsi quella che potremmo definire, ampliando la metafora di Anheier e trasformandola in un ossimoro, una transumanza strategica, cioè l adattamento processuale della strategia al mutamento dei contesti di riferimento, mutamento che è insieme di natura storico-evolutiva e di tipo logistico-territoriale. Il primo modello si assesta su categorie di razionalità weberiana, il secondo tende a sviluppare modelli adhocratici, basati sull utilizzazione dell approccio euristico che non segue criteri di consistenza e coerenza unicamente interni ma si fonda sul matching between a strategy and an environment. L approccio a tenda, insomma, conduce alla creazione di un adaptive toolbox caratterizzato non da algoritmi a vasta applicabilità e generalità ma da euristiche qualitative appropriate alla natura dei contesti e non sull applicazione di ricette algoritmiche di tipo funzionale e routinario. Il problema della definizione di un modello organizzativo processuale, che conduca a forme di governance adattiva e strategicamente orientata ai progetti, non è dunque cruciale solo per le community foundations o per una tipologia altrettanto complessa come le fondazioni di partecipazione, le cui attività non possono risolversi in un assetto strategico centrato sul grantmaking. Tale problema esiste anche per le fondazioni private, corporate o family independent foundations più vicine al modello anglosassone e anche per quelle di origine bancaria soprattutto se sono di grandi dimensioni. E interessante rilevare come questa soglia critica risulti più incisiva soprattutto Vincoli e opportunità del cambiamento organizzativo 19

20 per le fondazioni che hanno al loro interno programmi inerenti le fondazioni comunitarie, come la King Boudouin Foundation in Belgio o la Cariplo in Italia, ovvero per Fondazioni che stanno potenziando processi di costituzione di ad hoc Committes o di think tank, come la Tercentennary Foundation of the Bank of Sweden e la Compagnia di San Paolo. In queste fondazioni tende a svilupparsi un processo di diversificazione con la creazione di contenitori adattivi relativi alle community foundations, alla creazione di think tanks, alla realizzazione di Company funds. La tabella 3 mi pare un interessante strumento di ricognizione sugli effetti di cambiamento nella struttura organizzativa delle fondazioni prodotti dalla tensione tra i due orientamenti sopra evocati, a palazzo e a tenda, con l avvertenza che non necessariamente questo tipo di orientamento strategico implica un aut-aut nella scelta tra il modello a palazzo e quello a tenda, bensì processi adattivi in cui le specifiche di ogni singolo modello fungano da strumenti euristici e non da tipizzazioni categoriali. Nella maggior parte dei casi, soprattutto quelli caratterizzati da processi di transizione organizzativa prevalgono infatti situazioni di ibridazione e di flessibilità, con la persistenza di nuclei tradizionali e di aree di sperimentazione innovativa. 20 Vincoli e opportunità del cambiamento organizzativo

21 Tabella 3. Confronto tra orientamenti organizzativi Organizzazione a Palazzo Organizzazione a Tenda Centralizzazione del decision making Decentralizzazione del decision making Top-down Bottom-up Enfasi sulle relazioni verticali Enfasi sulle relazioni orizzontali E molto specializzata Tende a ridurre i livelli di specializzazione E gerarchica Favorisce la creazione di team di lavoro interni e le relazioni tra staff e board Considera il confronto con Ha un approccio verso l ambiente di tipo autopoietico cioè selettivo rispetto al proprio orien- l ambiente come un fattore esterno tamento strategico e alle proprie configurazioni organizzative Il focus è sui vincoli Tende a prendere a prestito le soluzioni già sperimentate Valorizza i percorsi consolidati E task oriented ed Enfatizza le performance economiche Privilegia l accounting Routinizza le funzioni Stabilisce la divisione del lavoro e la orienta su principi di efficienza inputoutput Cerca di limitare e contenere al massimo esperimenti che possono generare contraddizioni all interno dell organizzazione Il focus è sulle opportunità Tende a trovare nuovi tipi di soluzione Cerca di percorrere nuove strade, favorisce la creatività e l interrazione interna È people oriented ed enfatizza gli aspetti, sociali, motivazionali, il ruolo delle persone Privilegia la flessibilità degli scopi e delle finalità Le definisce in modo flessibile Pone dei limiti temporali alla divisione del lavoro e la orienta sui problemi Privilegia una decisione strategica volta al cambiamento rispetto alla durata delle soluzioni prescelte Fonte: rielaborazione di Anheier (2001). Vincoli e opportunità del cambiamento organizzativo 21

22 3. Modelli di governance evolutiva Da riflessioni di questo tipo è derivata l esigenza di sperimentare nuovi modelli di governance che permettano l allineamento processuale tra una strategia in continua ridefinizione e una struttura che non può essere formalizzata in rigide compartimentalizzazioni, ma deve piuttosto trasformarsi in un sistema di coordinamento orizzontale di aree tra loro verticalmente integrate, a matrice e/o a cascata. Si trtta in questo caso di percorso bottom up, che tende a favorire scelte di network associativo imprescindibile framework in un momento di intensificazione dell evoluzione legislativa a livello europeo, della definizione delle best practices nei processi di autovalutazione della governance e di massimizzazione degli sforzi per conseguire cost sharing e trasferimenti di conoscenze mediante le tecniche dell information e communication technology. Significativamente, all emergere di questo orientamento ha fatto riscontro l ampliamento dei network europei e delle associazioni che, a livello nazionale, si sono poste il problema del coordinamento della riflessione teorica e procedurale sui modelli di governance. Particolarmente propositivo è stato l European Foundation Centre che ha animato tra tutti i suoi membri lo sforzo di promuovere i valori della trasparenza e della rendicontazione, della sostenibilità e dell'apertura, dell'integrità e dell'utilizzo il migliore possibile delle risorse, promuovendo anche l'importanza dell'attività di valutazione. Già nel 1993 i membri dell'efc dichiararono di perseguire questi obiettivi con la Dichiarazione di Praga. Questa attività è sfociata nel 1996 nella pubblicazione del Code of Practices, che delinea i principi e le procedure che le Fondazioni devono seguire nel rispetto di un'azione rivolta a conside- 22 Vincoli e opportunità del cambiamento organizzativo

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Il Framework ITIL e gli Standard di PMI : : possibili sinergie Milano, Venerdì, 11 Luglio 2008 IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Maxime Sottini Slide 1 Agenda Introduzione

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

La disclosure e il monitoraggio della corporate governance in Italia

La disclosure e il monitoraggio della corporate governance in Italia Comitato per la Corporate Governance La disclosure e il monitoraggio della corporate governance in Italia Gabriele Galateri di Genola e Carmine Di Noia Milano, 16 aprile 2014 1 La disclosure della corporate

Dettagli

Linee guida per il reporting di sostenibilità

Linee guida per il reporting di sostenibilità RG Linee guida per il reporting di sostenibilità 2000-2011 GRI Versione 3.1 2000-2011 GRI Versione 3.1 Linee guida per il reporting di sostenibilità RG Indice Prefazione Lo sviluppo sostenibile e l imperativo

Dettagli

IL PROGETTO MINDSH@RE

IL PROGETTO MINDSH@RE IL PROGETTO MINDSH@RE Gruppo Finmeccanica Attilio Di Giovanni V.P.Technology Innovation & IP Mngt L'innovazione e la Ricerca sono due dei punti di eccellenza di Finmeccanica. Lo scorso anno il Gruppo ha

Dettagli

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 1 L ASSETTO ORGANIZZATIVO, IL COMPORTAMENTO ORGANIZZATIVO In organizzazione il centro

Dettagli

Excellence Programs executive. Renaissance management

Excellence Programs executive. Renaissance management Excellence Programs executive Renaissance management Renaissance Management: Positive leaders in action! toscana 24.25.26 maggio 2012 Renaissance Management: positive leaders in action! Il mondo delle

Dettagli

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55 Gestione della Manutenzione e compliance con gli standard di sicurezza: evoluzione verso l Asset Management secondo le linee guida della PAS 55, introduzione della normativa ISO 55000 Legame fra manutenzione

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

La Valutazione degli Asset Intangibili

La Valutazione degli Asset Intangibili La Valutazione degli Asset Intangibili Chiara Fratini Gli asset intangibili rappresentano il patrimonio di conoscenza di un organizzazione. In un accezione ampia del concetto di conoscenza, questo patrimonio

Dettagli

General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1

General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1 General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1 Centralized control with decentralized responsibility (Johnson and Kaplan, 1987) 1. Dalla nascita fino al 1920 La General Motors,

Dettagli

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL Care Colleghe, Cari Colleghi, prosegue la nuova serie di Newsletter legata agli Schemi di Certificazione di AICQ SICEV. Questa volta la pillola formativa si riferisce alle novità dell edizione 2011 dello

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO Il presente testo di statuto è stato approvato dal Consiglio Episcopale Permanente nella sessione del 22-25 gennaio 2007. Si consegna ufficialmente

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

Progetto BPR: Business Process Reengineering

Progetto BPR: Business Process Reengineering Progetto BPR: Business Process Reengineering Riflessioni frutto di esperienze concrete PER LA CORRETTA INTERPRETAZIONE DELLE PAGINE SEGUENTI SI DEVE TENERE CONTO DI QUANTO ILLUSTRATO ORALMENTE Obiettivo

Dettagli

CAPITOLO 3. Elementi fondamentali della struttura organizzativa

CAPITOLO 3. Elementi fondamentali della struttura organizzativa CAPITOLO 3 Elementi fondamentali della struttura organizzativa Agenda La struttura organizzativa Le esigenze informative Tipologia di strutture Struttura funzionale Struttura divisionale Struttura per

Dettagli

Linee guida per una Riforma del Terzo Settore

Linee guida per una Riforma del Terzo Settore Linee guida per una Riforma del Terzo Settore Esiste un Italia generosa e laboriosa che tutti i giorni opera silenziosamente per migliorare la qualità della vita delle persone. E l Italia del volontariato,

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Edizione italiana a cura di G. Soda Capitolo 6 La progettazione della struttura organizzativa: specializzazione e coordinamento Jones, Organizzazione

Dettagli

Pronti per la Voluntary Disclosure?

Pronti per la Voluntary Disclosure? Best Vision GROUP The Swiss hub in the financial business network Pronti per la Voluntary Disclosure? Hotel de la Paix, 21 aprile 2015, ore 18:00 Hotel Lugano Dante, 22 aprile 2015, ore 17:00 Best Vision

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

Principi di stewardship degli investitori istituzionali

Principi di stewardship degli investitori istituzionali Corso di diritto commerciale avanzato a/ a/a2014 20152015 Fabio Bonomo (fabio.bonomo@enel.com fabio.bonomo@enel.com) 1 Indice Principi di stewardship degli investitori istituzionali La disciplina dei proxy

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management ITIL: I concetti chiave ed il livello di adozione nelle aziende italiane Matteo De Angelis, itsmf Italia (I) 1 Chi è itsmf italia 12 th May 2011 - Bolzano itsmf (IT Service Management

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

Fabio Ciarapica Director PRAXI ALLIANCE Ltd

Fabio Ciarapica Director PRAXI ALLIANCE Ltd Workshop Career Management: essere protagonisti della propria storia professionale Torino, 27 febbraio 2013 L evoluzione del mercato del lavoro L evoluzione del ruolo del CFO e le competenze del futuro

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

INTRODUZIONE 17. Introduzione

INTRODUZIONE 17. Introduzione INTRODUZIONE 17 Introduzione Questo libro nasce dal desiderio di raccogliere e condividere le idee elaborate dal nostro gruppo di lavoro nel corso della progettazione e realizzazione di progetti inerenti

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

Gli Standard hanno lo scopo di:

Gli Standard hanno lo scopo di: STANDARD INTERNAZIONALI PER LA PRATICA PROFESSIONALE DELL INTERNAL AUDITING (STANDARD) Introduzione agli Standard L attività di Internal audit è svolta in contesti giuridici e culturali diversi, all interno

Dettagli

Il CIO del futuro Report sulla ricerca

Il CIO del futuro Report sulla ricerca Il CIO del futuro Report sulla ricerca Diventare un promotore di cambiamento Condividi questo report Il CIO del futuro: Diventare un promotore di cambiamento Secondo un nuovo studio realizzato da Emerson

Dettagli

Capitolo II. GLI ISTITUTI, LE AZIENDE, LA SPECIALIZZAZIONE ECONOMICA

Capitolo II. GLI ISTITUTI, LE AZIENDE, LA SPECIALIZZAZIONE ECONOMICA Capitolo II. GLI ISTITUTI, LE AZIENDE, LA SPECIALIZZAZIONE ECONOMICA 1 LE SOCIETÀ UMANE E IL BENE COMUNE Ciascuna persona partecipa a più società umane di varia natura: famiglie, Stato, istituti pubblici

Dettagli

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time White Paper Operational DashBoard per una Business Intelligence in real-time Settembre 2011 www.axiante.com A Paper Published by Axiante CAMBIARE LE TRADIZIONI C'è stato un tempo in cui la Business Intelligence

Dettagli

Il lavoro per progetti

Il lavoro per progetti Il lavoro per progetti (personalizzati, di attività,, di servizio, ) nei servizi alla persona Gianmaria Gioga Padova, 7 giugno 2013 QUALI SERVIZI ALLA PERSONA? I servizi alla persona devono connotarsi

Dettagli

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls Information Technology General Controls Indice degli argomenti Introduzione agli ITGC ITGC e altre componenti del COSO Framework Sviluppo e manutenzione degli applicativi Gestione operativa delle infrastrutture

Dettagli

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:!

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:! Scrum descrizione I Principi di Scrum I Valori dal Manifesto Agile Scrum è il framework Agile più noto. E la sorgente di molte delle idee che si trovano oggi nei Principi e nei Valori del Manifesto Agile,

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE (In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano

Dettagli

Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking

Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking Seminario associazioni: Seminario a cura di itsmf Italia Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking Andrea Praitano Agenda Struttura dei processi ITIL v3; Il Problem

Dettagli

PMI. Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008

PMI. Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008 Nuovi standard PMI, certificazioni professionali e non solo Milano, 20 marzo 2009 PMI Organizational Project Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008 Andrea Caccamese, PMP Prince2 Practitioner

Dettagli

Security Governance. Technet Security Day Milano/Roma 2007 NSEC Security Excellence Day Milano 2007. Feliciano Intini

Security Governance. Technet Security Day Milano/Roma 2007 NSEC Security Excellence Day Milano 2007. Feliciano Intini Technet Security Day Milano/Roma 2007 NSEC Security Excellence Day Milano 2007 Security Governance Chief Security Advisor Microsoft Italia feliciano.intini@microsoft.com http://blogs.technet.com/feliciano_intini

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

il materiale contenuto nel presente documento non può essere utilizzato o riprodotto senza autorizzazione

il materiale contenuto nel presente documento non può essere utilizzato o riprodotto senza autorizzazione Reliability Management La gestione del processo di Sviluppo Prodotto Ing. Andrea Calisti www.indcons.eu Chi sono... Andrea CALISTI Ingegnere meccanico dal 1995 al 2009 nel Gruppo Fiat Assistenza Clienti

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

I profili con maggiore potenzialità occupazionale nel non profit in Europa, riscontrati attraverso le vacancy e nel recruitment passaparola

I profili con maggiore potenzialità occupazionale nel non profit in Europa, riscontrati attraverso le vacancy e nel recruitment passaparola I profili con maggiore potenzialità occupazionale nel non profit in Europa, riscontrati attraverso le vacancy e nel recruitment passaparola Europrogettista Il profilo è ricercato in particolare da ONG,

Dettagli

Master of Business Administration Programma MBA Collège des Ingénieurs Italia

Master of Business Administration Programma MBA Collège des Ingénieurs Italia Master of Business Administration Programma MBA Collège des Ingénieurs Italia NetworkNetwor erpreneurship Enterpreneu Network L Enterpreneurship Passion Leadership Istituzione indipendente per la formazione

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management L'importanza dell'analisi dei processi nelle grandi e medie realtà italiane Evento Business Strategy 2.0 Firenze 25 settembre 2012 Giovanni Sadun Agenda ITSM: Contesto di riferimento

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE Management Risorse Umane MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE La formazione di eccellenza al servizio dei Manager PRESENTAZIONE Il Master Triennale di Formazione Manageriale è un percorso di sviluppo

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Settore Segreteria e Direzione generale Ufficio Trasparenza e Comunicazione PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Relazione anno 2014 a cura del Segretario Generale e della

Dettagli

Gli immobili sono nel nostro DNA.

Gli immobili sono nel nostro DNA. Gli immobili sono nel nostro DNA. FBS Real Estate. Valutare gli immobili per rivalutarli. FBS Real Estate nasce nel 2006 a Milano, dove tuttora conserva la sede legale e direzionale. Nelle prime fasi,

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

Tra reale e ideale: come gestire e far crescere un organizzazione non profit.

Tra reale e ideale: come gestire e far crescere un organizzazione non profit. Tra reale e ideale: come gestire e far crescere un organizzazione non profit. NID Non profit Innovation Day Università Bocconi Milano, 12 novembre 2014 18/11/2014 1 Mi presento, da dove vengo? E perché

Dettagli

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI CSC ritiene che la Business Intelligence sia un elemento strategico e fondamentale che, seguendo

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

PRESENTAZIONE PROGETTO

PRESENTAZIONE PROGETTO PRESENTAZIONE PROGETTO Serie di attività svolte per sollecitare : Un maggior impegno sociale, Coinvolgimento attivo nella vita cittadina, Crescita della cultura della solidarietà, Dedicazione di parte

Dettagli

ITIL v3 e' parte di un processo teso a migliorare le best practices ITIL. In effetti, ITIL predica il "continuous improvement" ed e'

ITIL v3 e' parte di un processo teso a migliorare le best practices ITIL. In effetti, ITIL predica il continuous improvement ed e' ITIL v3 ITIL v3 e' parte di un processo teso a migliorare le best practices ITIL. In effetti, ITIL predica il "continuous improvement" ed e' giusto che lo applichi anche a se' stessa... Naturalmente una

Dettagli

LA PROGETTAZIONE AZIENDALE

LA PROGETTAZIONE AZIENDALE Riassunti del testo di H. Mintzberg, La progettazione dell'organizzazione aziendale A cura di Francesco Lo Piparo SDC LA PROGETTAZIONE AZIENDALE CAPITOLO PRIMO: gli elementi di base della progettazione

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

IL VANTAGGIO COMPETITIVO NEI SETTORI MATURI

IL VANTAGGIO COMPETITIVO NEI SETTORI MATURI IL VANTAGGIO COMPETITIVO NEI SETTORI MATURI Cap. XII di R. Grant A cura di: Paola Bisaccioni INDICE Maturità e peculiarità dei settori maturi I fattori critici di successo L implementazione strategica

Dettagli

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying by Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying di Alberto Cattaneo Partner, Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying Ormai è diventato un

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 5 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT: strumento per la comprensione di una

Dettagli

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità Armundia Group è un azienda specializzata nella progettazione e fornitura di soluzioni software e consulenza specialistica per i settori dell ICT bancario, finanziario ed assicurativo. Presente in Italia

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

MASTER MAGPA Argomenti Project Work

MASTER MAGPA Argomenti Project Work MASTER MAGPA Argomenti Project Work MODULO I LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE: PROFILO STORICO E SFIDE FUTURE Nome Relatore: Dott.ssa Ricciardelli (ricciardelli@lum.it) 1. Dal modello burocratico al New Public

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

generazioni. Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove

generazioni. Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove generazioni. Nell aprile 2010 il Consiglio di Legislazione del Rotary International ha stabilito che le Nuove

Dettagli

La disseminazione dei progetti europei

La disseminazione dei progetti europei La disseminazione dei progetti europei Indice 1. La disseminazione nel 7PQ: un obbligo! 2. Comunicare nei progetti europei 3. Target audience e Key Message 4. Sviluppare un dissemination plan 5. Message

Dettagli

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M REAL ESTATE GRUPPORIGAMONTI.COM 2 Rigamonti Real Estate La scelta giusta è l inizio di un buon risultato Rigamonti Founders Rigamonti REAL ESTATE Società consolidata nel mercato immobiliare, con più di

Dettagli

dei processi di customer service

dei processi di customer service WHITE PAPER APRILE 2013 Il Business Process Orchestrator dei processi di customer service Fonte Dati: Forrester Research Inc I marchi registrati citati nel presente documento sono di proprietà esclusiva

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 Sintesi DICEMBRE 2014 1. Inquadramento e motivazioni Il Ministero dei Beni, delle

Dettagli

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy IT Service Management: il Framework ITIL Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy Quint Wellington Redwood 2007 Agenda Quint Wellington Redwood Italia IT Service Management

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30

Iniziativa : Sessione di Studio a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30 Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza Gentili Associati, Il Consiglio Direttivo è lieto di informarvi che, proseguendo nell attuazione delle iniziative promosse dall' volte al processo di miglioramento,

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali Cos è un progetto? Un iniziativa temporanea intrapresa per creare un prodotto o un servizio univoco (PMI - Project Management

Dettagli

Comitato per la Corporate Governance CODICE DI AUTODISCIPLINA

Comitato per la Corporate Governance CODICE DI AUTODISCIPLINA Comitato per la Corporate Governance CODICE DI AUTODISCIPLINA Luglio 2014 2014 Comitato per la Corporate Governance Tutti i diritti di riproduzione, di adattamento totale o parziale e di memorizzazione

Dettagli

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Master in 2013 10a edizione 18 febbraio 2013 MANAGEMENT internazionale Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Durata

Dettagli

Analizzare le partnership: un ipotesi di lavoro

Analizzare le partnership: un ipotesi di lavoro Master in Politiche della cittadinanza e welfare locale Anno 2005-2006 Analizzare le partnership: un ipotesi di lavoro Dott.a Monica Ruffa Relatore: Chiar.mo Prof. Giovanni Moro Indice Introduzione 3 Cap.

Dettagli

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore IL CONTESTO L approvazione del Bilancio di previsione quest anno si pone esattamente a metà del mio mandato rettorale, iniziato tre anni fa,

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015 THE FUND RAISING SCHOOL Calendario Corsi 2015 www.fundraisingschool.it LA PRIMA SCUOLA ITALIANA DI RACCOLTA FONDI Nata nel 1999 The Fund Raising School è la prima scuola di formazione italiana dedicata

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

Le competenze per la gestione e lo sviluppo delle risorse umane nelle università e negli enti di ricerca

Le competenze per la gestione e lo sviluppo delle risorse umane nelle università e negli enti di ricerca Scuola di Management per le Università, gli Enti di ricerca e le Istituzioni Scolastiche Le competenze per la gestione e lo sviluppo delle risorse umane nelle università e negli enti di ricerca Dott. William

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di

Dettagli

ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1. http://www.sinedi.com

ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1. http://www.sinedi.com http://www.sinedi.com ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1 L estrema competitività dei mercati e i rapidi e continui cambiamenti degli scenari in cui operano le imprese impongono ai

Dettagli