PMI. SCADENZARIO RAGIONATO DELLE OPPORTUNITÀ CONTENUTE NEI BANDI COMUNITARI E REGIONALI Febbraio 2015

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PMI. SCADENZARIO RAGIONATO DELLE OPPORTUNITÀ CONTENUTE NEI BANDI COMUNITARI E REGIONALI Febbraio 2015"

Transcript

1 Finanziamenti PMI SCADENZARIO RAGIONATO DELLE OPPORTUNITÀ CONTENUTE NEI BANDI COMUNITARI E REGIONALI Febbraio 2015 a cura di CINZIA BOSCHIERO Per domande o segnalazioni: LEGENDA - Grado di anticipazione della notizia rispetto all uscita in Gazzetta Ufficiale dell Unione Europea espresso in numero di stelle HHHHH (5 stelle = massima anticipazione) - Grado di difficoltà nella partecipazione: livello espresso da 1 a 5 (L. 1 ecc.). La valutazione del livello fa riferimento alla tipologia della modulistica (complicata ecc.), ai tempi di attesa (tra l inoltro e la comunicazione di avvenuto vaglio e approvazione), ai tempi per l arrivo dei fondi ecc. Aiuti finanziari contro la contraffazione, per la ricerca cooperativa e per investimenti strategici

2 In questo inserto molti bandi per progetti di ricerca, iniziative contro la contraffazione dei prodotti, cofinanziamenti per il turismo e la mobilità. «Grazie ai nuovi criteri stabiliti nel Fondo europeo per gli investimenti strategici, dopo tanti anni la parola flessibilità è diventata più importante della parola rigore», spiega Patrizia Toia, parlamentare europeo, «vista la approvazione del regolamento del Feis». Il Fondo europeo per gli investimenti strategici, istituito in stretto partenariato con la Banca europea per gli investimenti costituisce il principale veicolo di mobilitazione di almeno 315 miliardi di euro di investimenti aggiuntivi nell economia reale nei prossimi tre anni. Finanzia progetti dal profilo di rischio più elevato, in modo da massimizzare l impatto della spesa pubblica e da sbloccare gli investimenti privati. Sono sostenuti soprattutto gli investimenti strategici, per esempio nella banda larga e nelle reti energetiche, le imprese di dimensioni più piccole che contano un massimo di 3 mila dipendenti. È istituito anche un Polo europeo di consulenza sugli investimenti per contribuire all individuazione, la preparazione e lo sviluppo di progetti in tutta l Unione. 2 BANDI E FONDI COMUNITARI HHH L. 2 Contenuto: si possono presentare progetti per il sostegno alle vittime di violenza e di reato e rispondere così a un bando congiunto dei programmi comunitari denominati Giustizia e Diritti, uguaglianza e cittadinanza. Il bando è articolato in due con uno strand relativo ai servizi specializzati di assistenza per le donne, i giovani e i bambini vittime di violenza e per altre vittime di violenza domestica per il quale vengono cofinanziati progetti transnazionali per attività quali lo sviluppo delle capacità del personale che fornisce assistenza specializzata alle vittime attraverso strutture di accoglienza o altre forme di alloggio alternativo sicuro, consulenza legale, counselling medico e psicologico, hotline o altri servizi essenziali per le vittime e le loro famiglie; lo sviluppo delle capacità, in relazione alle questioni di genere e alle questioni riguardanti i minori, dei punti di primo contatto rivolti alle vittime di violenza, in modo che possano meglio soddisfare le esigenze specifiche delle vittime vulnerabili, tra cui l indirizzamento a servizi di supporto più specialistici; lo sviluppo di strategie mirate e integrate per rafforzare la cooperazione multidisciplinare e interdipartimentale tra i principali attori che forniscono assistenza alle vittime, anche nei settori della sanità, dell istruzione, dell occupazione e dell assistenza sociale; l avvio di programmi specifici di sostegno che contribuiscano all empowerment delle vittime, in particolare di quelle più vulnerabili (come persone con disabilità, migranti, rom, persone appartenenti a minoranze etniche, Lgbt, donne anziane, bambini in strutture alternative di assistenza, bambini che vivono e/o lavorano in strada). Poi il secondo strand del bando riguarda invece l applicazione della Direttiva 2012/29/Ue e sulle norme minime in materia di diritti, assistenza e protezione delle vittime di reato ( rif. articoli della Direttiva 8 e 9 - assistenza alle vittime; 22 - valutazione individuale di specifiche esigenze di protezione; 25 - formazione degli operatori; 26 - cooperazione e coordinamento dei servizi). Possono essere cofinanziati progetti nazionali e transnazionali quali la creazione di strutture a livello nazionale che forniscano alle vittime l accesso a servizi di assistenza aventi copertura nazionale e un adeguata distribuzione geografica; progetti che sviluppino metodologie per meccanismi di riferimento di ampiezza nazionale per la creazione di un sistema di riferimento nazionale rapido, confidenziale ed efficace tra polizia o altra entità di primo contatto e organizzazioni di assistenza alle vittime; progetti di cooperazione per migliorare le strategie di intervento; lo scambio di best practice e lo sviluppo di strumenti di valutazione e protocolli più efficaci; lo sviluppo di strumenti di valutazione del rischio (rischio di vittimizzazione secondaria o ripetuta, di intimidazioni o ritorsioni). Inoltre possono essere cofinanziate anche attività di formazione per gli operatori che possono entrare in contatto con le vittime, tra i quali agenti di polizia, personale dei tribunali, giudici, pubblici ministeri, avvocati e personale dei servizi di assistenza alle vittime e dei servizi della giustizia riparatrice. Fondi sono destinati anche alla creazione di reti multidisciplinari di agenzie competenti a livello nazionale, regionale o locale per la condivisione di conoscenze ed esperienze e per migliorare la cooperazione nei casi transfrontalieri. Possono rispondere al bando organizzazioni pubbliche e private legalmente costituite e aventi sede in uno degli Stati comunitari, pmi. I fondi europei coprono sino all 80% dei costi per ogni singolo progetto approvato e danno da un minimo di 75 mila euro. Un organizzazione può presentare più progetti. Ogni progetto deve avere una durata massima di 24 mesi. Sono stati stanziati in totale 5 milioni e mezzo di euro. A chi rivolgersi: Commissione europea Direzione Generale Giustizia - it.htm#newsroom-tab HHH L. 3 CONTRAFFAZIONE Contenuto: è aperto un bando relativo al tema della proprietà intellettuale. Vengono cofinanziate azioni di sensibilizzazione sul suo valore e sui danni

3 provocati dalla sua contraffazione e contro la pirateria (GR/001/15). Possono essere elargiti fondi per attività di sensibilizzazione sul valore della proprietà intellettuale e sui danni provocati da contraffazione e pirateria, sul valore e i benefici della proprietà intellettuale, sui danni provocati dalle violazioni (rif. Guue C 13/3 del 16/1/2015). L intento è quello di spiegare bene ai cittadini dell Unione Europea la nozione di proprietà intellettuale, informandoli sui pericoli della contraffazione e della pirateria, mostrare loro l impatto sulla vita di tutti i giorni, far comprendere bene i danni che provocano la contraffazione e la pirateria sulle aziende, sul mercato e relativamente alla tutela dei consumatori. Le azioni devono essere misurabili e valutabili alla luce di indicatori di rendimento chiave predefiniti. Sono incoraggiate le azioni con una dimensione interattiva, tra cui collegamenti con media sociali/piattaforme online. Possono essere cofinanziate attività quali progetti rivolti agli organi d informazione e ai media sociali; produzione e divulgazione di materiali audiovisivi, pubblicazioni, comunicazioni elettroniche; organizzazione di eventi, fiere, mostre, attività di formazione ecc.; eventi di «infotainment» quali dibattiti, programmi giovanili, quiz, programmi musicali etc; innovativi strumenti web e attività online. Possono presentare domanda enti pubblici o privati, organizzazioni, associazioni senza scopo di lucro, ong, enti pubblici a livello locale, regionale o nazionale, università, fondazioni ecc. che abbiano sede legale in uno dei 28 Stati membri dell Unione europea minimo da due anni. I progetti approvati potranno avere coperti i costi sino a un massimo dell 80% e con un importo massimo a progetto di 50 mila euro. Non saranno presi in considerazione progetti che richiedano un contributo inferiore a 15 mila euro. I progetti devono svolgersi in uno o più dei 28 Stati dell Unione europea e avere una durata massima di 12 mesi. In totale per questo bando sono stati stanziati 500 mila euro. A chi rivolgersi: UAMI - Ufficio per l Armonizzazione nel Mercato Interno - Avenida de Europa Alicante Spagna - https://oami.europa.eu/ohimportal/en/grants HHHH L. 4 CULTURA Contenuto: sono aperti quattro bandi che disciplinano l iter inerente alle proposte di candidatura al Patrimonio Immateriale Mondiale dell Unesco. Il Patrimonio Culturale Immateriale include elementi appartenenti a molteplici ambiti: le tradizioni orali, le lingue, le arti performative, le pratiche sociali e rituali, le conoscenze e le pratiche che riguardano la natura e l universo, le conoscenze e le abilità artigiane e gli spazi a essi associati, che le comunità, i gruppi e anche gli individui riconoscono come parte del loro Patrimonio culturale.«come Stati generali delle donne», dice Isa Maggi, Presidente Business Innovation Centre Italia e organizzatrice degli Stati generali permanenti delle donne,«il lavoro e l artigianalità femminile sono un valore da far conoscere e preservare e vi parteciperemo con enti pubblici e privati, aziende e donne manager anche di start up innovative in tutta Italia collaborando con le Regioni». A chi rivolgersi: H L. 1 CULTURA Contenuto: si può partecipare a un bando per piattaforme culturali europee. I fondi intendono promuovere lo sviluppo dei talenti emergenti e stimolare la mobilità transnazionale degli operatori culturali e creativi e la circolazione delle opere, con la possibilità di influenzare grandemente questi settori e produrre effetti duraturi; contribuire ad accrescere la visibilità e il riconoscimento di artisti e creatori fortemente impegnati in termini di programmazione europea, attraverso attività di comunicazione e strategie di brandina, compresa, se opportuno, la creazione di un marchio di qualità europeo. Possono essere cofinanziati per esempio progetti per promuovere la mobilità e la visibilità di creatori e artisti; favorire una vera e propria programmazione europea delle attività culturali; contribuire a un maggiore audience development attraverso l uso estensivo delle tecnologie dell informazione e della comunicazione e approcci innovativi; dare visibilità ai valori e alle diverse culture europee, favorendo in tal modo una maggiore sensibilizzazione del pubblico sull Unione europea. Gli aiuti finanziari vengono elargiti per due anni 2015 e Possono presentare domanda organizzazioni attive nei settori culturali e creativi che siano legalmente costituite con personalità giuridica da almeno due anni in uno dei Paesi ammissibili al Sottoprogramma Cultura ovvero nei Paesi comunitari, nei Paesi Efta/See (solo Islanda e Norvegia), nei Paesi candidati e potenziali candidati (solo Albania, Bosnia-Erzegovina, ex Repubblica jugoslava di Macedonia, Montenegro, Serbia), pmi. Possono essere elargiti sino a un massimo di 500 mila euro a progetto. Le piattaforme devono essere costituite da almeno undici organizzazioni culturali e creative, ossia da un coordinatore più almeno dieci organizzazioni membri stabilite in dieci diversi Paesi ammissibili al Sottoprogramma Cultura; almeno cinque delle organizzazioni membri devono essere stabilite in uno degli Stati comunitari o dei Paesi Efta/See ammissibili. I progetti devono avere inizio tra agosto e dicembre Il budget totale ammonta a 3 milioni e 400 mila euro. A chi rivolgersi: ec.europa.eu - Agenzia esecutiva per l istruzione, gli audiovisivi e la cultura (Eacea) HH L. 2 CULTURA Contenuto: è aperto un bando del sottoprogramma Cultura (rif. bando Eacea 46/2014). Vengono cofinanzia- 3

4 4 ti progetti per sostenere la circolazione della letteratura europea al fine di garantirne la più ampia accessibilità possibile; iniziative volte a promuovere la letteratura europea, incluso l uso appropriato delle tecnologie digitali, per distribuire e promuovere le opere; progetti per incoraggiare la traduzione e la promozione a lungo termine della letteratura europea di elevata qualità. I progetti devono essere biennali e riguardare la traduzione e la promozione di un pacchetto di minimo tre sino a dieci opere letterarie. Sono ammissibili opere in tutte le lingue ufficiali comunitarie compreso latino e greco. Al fine di contribuire a una più ampia circolazione delle opere, è particolarmente incoraggiata la traduzione dalle lingue meno diffuse in inglese, tedesco, francese e spagnolo (castigliano). Inoltre, è incoraggiata la traduzione e promozione delle opere degli autori vincitori del Premio dell Unione europea per la letteratura. Possono presentare domanda editori o case editrici che siano legalmente costituiti con personalità giuridica da almeno due anni in uno dei Paesi ammissibili al Sottoprogramma Cultura. Possono partecipare a pieno titolo al Sottoprogramma Cultura sono i 28 Paesi dell Unione Europea, i Paesi Efta/See (solo Islanda e Norvegia), i Paesi candidati e potenziali candidati (solo Albania, Bosnia-Erzegovina, ex Repubblica jugoslava di Macedonia, Montenegro, Serbia). L aiuto finanziario della Commissione europea può coprire fino al 50% dei costi totali ammissibili del progetto per un massimo di 100 mila euro. I progetti devono avere inizio tra settembre e dicembre 2015 con durata massima di 24 mesi. In tutto sono stati stanziati 3 milioni e 700 mila euro. A chi rivolgersi: ec.europa.eu/education/participants - Agenzia esecutiva per l istruzione, gli audiovisivi e la cultura (EACEA) HHH L. 3 DIRITTI Contenuto: si possono presentare progetti nel quadro del programma «Diritti, uguaglianza e cittadinanza». Possono essere cofinanziati dalla Commissione europea iniziative nazionali e transnazionali che contribuiscano a promuovere e rafforzare l esercizio dei diritti derivanti dalla cittadinanza dell Unione Europea in particolare sull esercizio del diritto alla libera circolazione e sui diritti elettorali conseguenti all essere cittadini dell Unione. I fondi sono destinati a progetti che si concentrino su due priorità ovvero accrescere la consapevolezza e migliorare la conoscenza delle norme comunitarie, specie della Direttiva Ce 2004/38; favorire l inclusione e la partecipazione dei cittadini che si muovono nell Unione Europea alla vita civile e politica del Paese di accoglienza. Possono essere coperte le spese per iniziative che consentano di migliorare la conoscenza e le competenze delle autorità nazionali/regionali/locali coinvolte nell attuazione delle norme comunitarie, in particolare sulla Direttiva Ce 2004/38; e vengono coperti i costi per progetti che intendano accrescere la consapevolezza dei cittadini comunitari e la loro capacità di far valere efficacemente i propri diritti; fondi sono destinati a tutte quelle azioni che consentano di sviluppare, individuare e promuovere lo scambio e la diffusione delle migliori pratiche per esempio attraverso servizi di informazione one-stop-shop rivolti ai nuovi arrivati, oppure la promozione della partecipazione dei cittadini comunitari provenienti da altri Stati membri alle elezioni locali. Ogni progetto proposto deve avere una durata massima di 24 mesi. Possono aderire organizzazioni pubbliche e private legalmente costituite in uno degli Stati comunitari e in Islanda ed è aperto anche a organizzazioni internazionali, pmi. Il proponente di ogni progetto deve essere un organizzazione senza scopo di lucro. Sono stati stanziati un milione e mezzo di euro e ogni progetto potrà ottenere un minimo di 75 mila euro. A chi rivolgersi: ec.europa.eu - eu/justice/grants1/calls/just_2014_rcit_ag_citi_ en.htm HH L. 2 FORMAZIONE Contenuto: è aperto un bando denominato Europa per i cittadini sulla Memoria europea, progetti di gemellaggio di città, di reti di città e progetti della società civile. Ci sono due assi del bando, uno riguarda la memoria europea e cofinanzia progetti di riflessione sulle cause dei regimi totalitari nella storia moderna dell Europa (es. il nazismo, l olocausto, il fascismo, lo stalinismo e i regimi totalitari comunisti); progetti volti a commemorare le vittime dei loro crimini; iniziative riguardanti altri momenti cruciali e punti di riferimento nella recente storia europea. I progetti devono includere diversi tipi di organizzazioni quali autorità locali, ong, istituti di ricerca, imprese ecc.) o sviluppare differenti tipologie di attività (ricerca, istruzione non formale, dibattiti pubblici, mostre ecc.) e/o coinvolgere diversi gruppi target di cittadini. I fondi sono destinati ad attività che promuovano la tolleranza, la comprensione reciproca, il dialogo interculturale e la riconciliazione per superare il passato e costruire il futuro, in particolare al fine di raggiungere le giovani generazioni. Viene data preferenza a progetti transnazionali. La durata massima di un progetto deve essere di 18 mesi. Mentre il secondo Asse del bando è suddiviso in più misure ovvero la misura 1 riguarda attività di gemellaggio di città che facciano partecipare i cittadini a livello locale ed europeo a dibattiti, opportunità di approfondimento culturale, di impegno civico e di volontariato. Ciascun progetto deve coinvolgere municipalità di almeno due Paesi partecipanti al programma, dei quali almeno uno sia Stato dell Unione Europea e prevedere un minimo di venticinque partecipanti internazionali provenienti dalle municipalità partner. Gli incontri devono avere una durata massima di ventun giorni. Mentre la misura 2 offre contributi a sostegno di progetti per la creazione di reti tematiche tra città gemellate. Poi c è la misura 3 che cofinazia progetti della società civile. Si tratta di progetti promossi da partenariati e reti transnazionali che coinvolgano direttamente i cittadini su temi connessi all agenda politica europea. Ogni progetto deve comprendere almeno due attività quali promozione dell impegno sociale e della solidarietà,

5 attività volte a promuovere il dibattito/campagne/azioni su tematiche d interesse comunitario; raccolta di opinioni: attività volte a raccogliere le opinioni individuali dei cittadini su una tematica specifica, privilegiando un approccio dal basso verso l alto facendo anche ricorso alle reti sociali, a webinair, ecc. e progetti di alfabetizzazione mediatica; attività di volontariato per promuovere la solidarietà tra i cittadini dell Unione Europea. Ciascun progetto deve coinvolgere almeno tre Paesi di cui almeno uno sia comunitario e deve durate 18 mesi. Possono beneficiare dei fondi organismi pubblici, organizzazioni non-profit, pmi e per l asse 1, autorità locali/ regionali organizzazioni della società civile, associazioni dei sopravvissuti, organizzazioni culturali, giovanili, educative e di ricerca, le associazioni di città gemellate. Mentre per l Asse 2, misura 1 possono presentare domanda città/comuni o i loro comitati di gemellaggio o altre organizzazioni non-profit che rappresentano le autorità locali. Per la misura 2 possono beneficiare dei fondi città/comuni o i loro comitati o reti di gemellaggio; altri livelli di autorità locali/regionali; federazioni/ associazioni di autorità locali; organizzazioni non-profit rappresentanti le autorità locali, pmi. Per la misura 3 possono presentare domanda di cofinanziamento organizzazioni non-profit, comprese le organizzazioni della società civile, imprese, le istituzioni educative, culturali o di ricerca partner quali autorità locali/regionali organizzazioni della società civile, istituzioni educative, culturali o di ricerca, i comitati e le reti di gemellaggio di città. I fondi sono elargiti per l asse 1 con un contributo massimo di 100 mila euro a progetto; per l asse 2, misura 1 è previsto un aiuto comunitario di massimo 25 mila euro a progetto. Per l Asse 2 per le misure 2 e 3 viene elargito per ogni progetto approvato un massimo 150 mila euro. Le scadenze sono differenziate pertanto per esempio per l asse 2 misura 1 e 2 c è una scadenza al primo settembre A chi rivolgersi: ec.europa.eu/education - Agenzia esecutiva per l`istruzione, gli audiovisivi, la cultura (EACEA) H L. 1 MOBILITÀ Contenuto: sono aperti bandi della Commissione europea, Direzione Generale Mobilità e trasporti, nell ambito del programma di lavoro pluriennale per la rete transeuropea di trasporto (Ten-T) per il periodo I fondi sono destinati a progetti per accrescere l interoperabilità ferroviaria e, in particolare, migliorare le tratte transfrontaliere. Vengono cofinanziati progetti quali i corridoi della rete principale (ferrovie, vie d acqua interne, strade, porti interni e marittimi); interventi su altri settori della rete principale (ferrovie, vie d acqua interne, strade, porti interni e marittimi); interoperabilità dei binari; gli Ertms, sistemi di gestione europei del traffico ferroviario. È stato stanziato un budget di 5.954,786 milioni di euro. Inoltre vengono cofinanziati nel lungo periodo progetti relativi a sistemi di trasporto sostenibili ed efficienti, al fine di prepararsi ai futuri flussi di trasporto previsti e di consentire la decarbonizzazione di tutti i modi di trasporto. Sono stati stanziati 249 milioni di euro per progetti quali lo spiegamento di nuove tecnologie e innovazione in tutti i modi di trasporto. Le priorità sono relative a: Cielo unico europeo Sesar; Servizi informazione sui fiumi (Ris); Servizi di trasporto intelligente per la strada (Its); Autostrade del mare (MoS); Azioni per l attuazione delle infrastrutture di trasporto nei nodi della rete principale, compresi i nodi urbani; connessioni alle piattaforme logistiche multimediali e sviluppo delle stesse. Per tali progetti sono stati stanziati 731,24 milioni di euro. Mentre il budget di 3984,08 rappresenta la dotazione del fondo di coesione. I finanziamenti saranno assegnati ai progetti più competitivi e si concentreranno sui nove principali corridoi di trasporto in Europa. Il «meccanismo per collegare l Europa» (rif. Guue C 308/4 del 11/09/2014) ha dieci priorità per i progetti da cofinanziare. Tra i progetti cofinanziabili ci sono lo sviluppo dei sistemi telematici diversi da quelli che rientrano nel programma di lavoro pluriennale; azioni per una migliore accessibilità delle infrastrutture di trasporto da parte dei disabili. Possono beneficiare dei fondi organizzazioni internazionali, imprese comuni, imprese pubbliche o private o enti con sede negli Stati membri. A chi rivolgersi: cef_transport/apply_for_funding/2014-cef-transportannual-call.htm HHH L. 4 OCCUPAZIONE Contenuto: è aperto un bando per giovani imprenditori e chi ha appena avviato un attività o intende farlo, può chiedere di partecipare al programma di scambi Erasmus per giovani imprenditori, che consente di ottenere un aiuto da professionisti già affermati di un altro paese europeo durante un soggiorno all estero parzialmente finanziato dall Unione Europea. Per poter partecipare, la start-up deve essere stata creata da meno di tre anni oppure bisogna essere già in possesso di un business plan quale prova della ferma intenzione di avviare un attività. Occorre avere la residenza permanente in un paese dell Unione Europea ed essere in grado d integrare il sostegno offerto dall Ue con fondi propri per coprire tutte le spese del soggiorno all estero. Il periodo da trascorrere in un altro paese dell Unione Europea presso un imprenditore esperto può durare da uno a sei mesi. Il soggiorno può essere suddiviso i più parti (per esempio, due settimane al mese), a condizione che il programma venga concluso entro 12 mesi dalla data di inizio. Dalla Commissione europea vengono coperte le spese di viaggio e di alloggio. Segnaliamo anche che sono stati modificati i bandi ErasmusPlus per l Azione chiave 2 relativa ai partenariati strategici nel settore dell istruzione e della formazione (rif. Guue 23 ottobre 2014, n. C 376) con nuove scadenze ovvero per partenariati strategici nel settore dell istruzione e della formazione al 31 marzo 2015; per Partenariati strategici nel settore della gioventù al 30 aprile e al primo ottobre. A chi rivolgersi: - 5

6 6 H L. 1 SPERIMENTAZIONE Contenuto: è aperto un bando Erasmusplus (rif. Eacea/30/2014) per progetti di sperimentazione di innovative politiche per migliorare l istruzione scolastica (rif. Fonte Guue C 455/10 del 18/12/2014). Vengono cofinanziati progetti di sperimentazione e di riforme in materia di avvio alla professione di insegnante attraverso percorsi alternativi che abilitino all insegnamento. In particolare i fondi sono destinati a progetti per migliorare, rafforzare il reclutamento, la selezione e l avviamento dei migliori candidati idonei alla professione di insegnante; progetti per creare e sviluppare percorsi alternativi per l insegnamento. Inoltre ogni progetto deve inserire delle attività di analisi e valutazione della efficacia, efficienza e dell impatto della misura verificata, ma anche della metodologia di sperimentazione, delle condizioni per la scalabilità e il trasferimento transnazionale delle lezioni apprese e delle buone prassi (apprendimento tra pari) avviate e proposte. I fondi prevedono anche la copertura per attività di sensibilizzazione, diffusione e utilizzo dell idea del progetto e dei suoi risultati a livello regionale, nazionale ed europeo, promuovendone la trasferibilità tra settori, sistemi e politiche differenti. Possono partecipare al bando autorità pubbliche; enti responsabili per l istruzione e la formazione sia in ambito nazionale che regionale; organizzazioni, istituzioni pubbliche o private nel campo dell istruzione della formazione, reti legalmente costituite o associazioni; organizzazioni o istituzioni pubbliche o private, pmi, che svolgano attività legate all istruzione e alla formazione anche in altri settori socioeconomici quali per esempio Camere di commercio, organizzazioni culturali, organismi di valutazione, aziende, organismi di ricerca ecc.). La Commissione europea può coprire per ogni progetto approvato sino al 75% dei costi totali ammissibili sino a un importo massimo di 2 milioni e mezzo di euro. Ogni progetto deve essere realizzato da una partnership costituita da almeno quattro partner di tre diversi Paesi ammissibili, di cui almeno un autorità pubblica o un organismo delegato e almeno un organismo pubblico o privato con esperienza nella valutazione dell impatto politico. Le proposte devono includere almeno un autorità pubblica proveniente da uno Stato membro dell Unione Europea. Ogni progetto deve durare tra i 24 e i 36 mesi, con inizio tra il primo dicembre 2015 e il primo marzo Inizialmente basta inviare una proposta preliminare entro il 20 marzo 2015 a cui possa seguire poi il progetto dettagliato in una seconda fase. Il budget totale ammonta a 5 milioni di euro. A chi rivolgersi: ec.europa.eu/education/ participants/portal/desktop/en Eacea Agenzia esecutiva per l`istruzione, l`audiovisivo, la cultura eacea.ec.europa.eu FINANZIAMENTI PMI INNOVAZIONE HHH L. 3 INNOVAZIONE Contenuto: per il pilastro denominato Sfide per la società che fa capo al programma Horizon 2020 ci sono altri bandi aperti che è bene ricordare. Per il settore per esempio Salute, cambiamento demografico e benessere c è il bando (rif. H2020-HCO-2015) che cofinanzia attività di coordinamento nella salute; il bando (rif. H2020-PHC-2015-single-stage) e il bando H2020-PHC-2015-single-stage_RTD per progetti di personalizzazione della salute e dell assistenza. «I bandi europei nel settore della ricerca cooperativa in sanità», dice il prof. Giorgio Maria Calori, Presidente SLOTO e Presidente ESTROT (European Society Tissue Regeneration in Orthopaedies Traumatology),«sono strategici per convogliare le risorse in progetti di qualità e che mettano assieme centri di eccellenza come hub ospedalieri collegati alle università quali il Cor di cui io sono primario e che si occupa tra l altro di patologie complesse come le infezioni osteoarticolari che sono in aumento in Europa». Mentre ricordiamo due bandi (rif. bando H2020-ISIB ; bando H2020-ISIB ) relativi alla bio-economia innovativa, sostenibile e inclusiva. Utili e interessanti anche i due bandi (rif. H2020-BG e il bando H2020-BG ) sul tema della cosiddetta crescita blu per sbloccare il potenziale dei mari e degli oceani. Inoltre per la sicurezza alimentare sostenibile si ricordano due bandi (rif. bando H2020-SFS ; bando H2020-SFS ). Molti i bandi aperti anche nel settore dell efficienza energetica tra cui un bando (rif. H2020-SCC-2015) sulle Smart Cities; e due bandi (rif. bando H2020-LCE ; bando H2020- LCE ) per progetti di energia competitiva a basse emissioni di carbonio. Per quanto concerne il settore dei trasporti intelligenti, verdi e integrati sono aperti altri tre bandi che ricordiamo (bando H2020-MG Singlestage-A; bando H2020-MG-2015-Singlestage-B; H2020-MG-2015_TwoStages) per progetti per la cosiddetta mobilità per la crescita. Per il bando sul tema del clima si segnalano due bandi (rif. bando H2020-SC one-stage; bando H2020-SC two-stage) per progetti verso un economia efficiente sotto il profilo delle risorse, a basse emissioni di carbonio, con un approvvigionamento sostenibile di materie prime con scadenza all 8 settembre; due bandi (bando H2020-WATER one-stage, bando H2020-WATER-2015-two-stage) per progetti di innovazione per l acqua; due bandi ( rif. bando H2020-WASTE-2015-one-stage; bando H2020- WASTE-2015-two-stage per il settore rifiuti (progetti per riciclare, riutilizzare e recuperare materie). La Commissione europea punta anche su progetti di ricerca per avviare nuove forme di innovazione nella voce «Europa in un mondo che cambia: società inclusive, innovative e riflessive» e sono aperti diversi bandi tra cui i due bandi (bando H2020-INSO-2015-CNET; bando H2020-IN- SO-2015) per nuove forme di innovazione e due bandi (rif. H2020-REFLECTIVE ; bando H2020-RE- FLECTIVE-SOCIETY-2015) per progetti sul patrimonio culturale e le identità europee. Dopo i fatti di cronaca attuali risulta anche più importante sapere che anche per la ricerca sono attivi fondi (rif. bando H2020-FCT-2015)

7 per progetti appositi di lotta contro la criminalità e il terrorismo e anche bandi (rif. bando H2020-BES-2015) per progetti sulla sicurezza alle frontiere e la sicurezza esterna. Fondi pure (rif. bando H2020-DRS-2015) per progetti di tutela e sicurezza della società, incluso l adattamento al cambiamento climatico e bandi (rif. bando H2020-DS ) per la sicurezza digitale (informatica, privacy e fiducia online). A chi rivolgersi: html INNOVAZIONE HH L. 2 RICERCA Contenuto: sono aperti diversi bandi Horizon 2020 in particolare inerenti ai vari ambiti tra cui le tecnologie dell informazione e della comunicazione (H2020-ICT-2015). Per il settore Ict ricordiamo che il budget ammonta a 561 milioni di euro e riguarda diverse aree tra cui (rif. ICT ) customised & low power computing; (rif. ICT ) robotica e altri bandi che avevamo già specificato nell inserto precedente. Inoltre sempre per Horizon 2020 sono aperti bandi anche in altri settori quali due inviti a presentare candidature finalizzate alla creazione di una banca dati di esperti indipendenti che potranno essere chiamati ad assistere i servizi della Commissione europea nello svolgimento di compiti legati al nuovo programma quadro per la ricerca e l innovazione HORIZON 2020; al nuovo programma di ricerca e formazione dell energia atomica ( ) che integra HORIZON 2020; e al Fondo di ricerca carbone e acciaio (RFCS). Il primo invito è rivolto a singoli individui, il secondo invece a organizzazioni, tra cui agenzie e istituti di ricerca, università, organismi di standardizzazione, organizzazioni della società civile e imprese. Mentre ci sono altri bandi relativi per esempio alle sovvenzioni del Consiglio europeo della ricerca quali il bando (ERC-2015-StG) per gli starting grant; il bando (ERC-2015-CoG) per i cosiddetti consolidator grant e il bando (ERC-2015-AdG) per gli advanced grant; oltre che i bandi (ERC-2015-PoC) per prove di concetto. Mentre per l area delle tecnologie future ed emergenti (bando H2020-FETOPEN-2015-CSA) ci sono fondi per progetti relativi a tecnologie radicalmente nuove e la copertura finanziaria di azioni di sostegno e coordinamento specifiche anche per progetti di ricerca (rif. H2020-FETOPEN RIA. Si segnalano anche il bando nuovo delle azioni Marie Sklodowska Curie (H2020-MSCA-RISE che incentiva progetti con scambi di personale della ricerca e innovazione e il bando (H2020-MSCA-IF-2015) per le borse individuali. Ci sono anche fondi per il bando (H2020-MSCA-COFUND-2015) di cofinanziamento di programmi regionali, nazionali e internazionali. Interessanti e cospicui anche i fondi per le infrastrutture di ricerca quali il bando (rif. H2020-INFRADEV ) per lo sviluppo di nuove infrastrutture di ricerca di altissima qualità e il bando (rif. H2020-INFRASUPP ) per il sostegno all innovazione, alle risorse umane, alle politiche e alla cooperazione internazionale. Altri, ricordiamolo, sono i bandi interessanti nel quadro del pilastro denominato Leadership industriale di Horizon Quali il bando per le tecnologie dell informazione e della comunicazione (Rif. H2020-EUB-2015) che cofinanzia progetti di cooperazione tra Unione europea e Brasile in infrastrutture informatiche avanzate; il bando per il settore delle biotecnologie (rif. H2020-LEIT-BIO ); il bando (rif. H2020-FoF-2015) per le fabbriche del futuro, il bando (H2020-EeB-2015) per gli edifici energeticamente efficienti; il bando (H2020-NMP-ERA-NET-2015) per le nanotecnologie, produzione e materiali avanzati (ERA NET 2015); il bando (rif. H2020-NMP-PILOTS-2015) per il settore nanotecnologie, produzione e materiali avanzati (PILOTS); il bando (H2020-SPIRE per industrie di processo sostenibili. Ad aprile le prime scadenze per i bandi del settore spaziale quali il bando (rif. H2020-Galileo ) per applicazioni nella navigazione satellitare; il bando (rif. H2020-PROTEC per la protezione delle risorse europee in e dallo spazio. «Mentre», spiega il dott. Alberto Pieri, segretario generale della Federazione delle associazioni scientifiche e tecniche (www.fast.mi.it), che fa parte della rete EEN della Commissione europea,«di sicura validità per le piccole e medie aziende ci sono i bandi aperti per l innovazione quali il bando (rif. H2020-INNOSUP ) per progetti di cluster per nuove catene industriali; il bando (rif. H2020-INNOSUP per capitalizzare il potenziale della collaborazione on line; il bando (H2020-INNOSUP ) per migliorare la capacità di innovazione delle piccole e medie aziende». Utile è anche partecipare ai bandi relativi a quello che è denominato Strumento per le piccole e medie aziende, quali il bando (rif. H2020-SMEINST ) che ha varie scadenze tra cui il 16 giugno e il 16 dicembre 2015; e il bando (rif. H2020-SMEINST Strumento dedicato alle pmi) - Fase 2 con scadenze varie tra cui il 17 settembre e il 16 dicembre A chi rivolgersi: H L. 1 TURISMO Contenuto: ci sono fondi e bandi aperti per il settore turistico della Commissione europea, Direzione Generale imprese e industria. Si tratta di Cosme, il programma per le pmi, che contiene misure specifiche per il turismo; il programma Life, lo strumento finanziario per l ambiente; I fondi Horizon 2020, destinato alla ricerca; il programma Europa Creativa con fondi per la cultura e la creatività; il programma Erasmusplus in particolare le azioni dedicate alla formazione ed Easi, per l occupazione e l innovazione sociale, assieme ai Fondi Strutturali e di Investimento. I fondi sono i finanziamenti diretti (tipicamente erogati attraverso inviti a presentare proposte (call for proposals) e i finanziamenti indiretti, erogati attraverso intermediari finanziari. Per il settore turismo il programma Cosme nel 2015 sovvenziona azioni tese a incrementare i flussi turistici in bassa stagione, a diversificare 7

8 8 l offerta e i prodotti turistici europei, a migliorare la qualità, l accessibilità, la sostenibilità del turismo, le sue competenze, le informazioni e l innovazione; a migliorare le conoscenze socioeconomiche del settore e ad aumentare la visibilità dell Europa come destinazione turistica che riunisce molteplici e diversificate destinazioni turistiche. In particolare la Commissione europea ha stanziato un milione e 700 mila euro per progetti di promozione dei flussi turistici di giovani e anziani; stesso budget è stato stanziato per la promozione di prodotti turistici tematici transnazionali. Mentre un budget di 600 mila euro sono stati stanziati per progetti relativi alle destinazioni europee di eccellenza (Eden) con cofinanziamenti per le azioni di sensibilizzazione e promozione. Inoltre un ammontare di 900 mila euro è destinato al sostegno all accessibilità del turismo per progetti atti a migliorare le strutture e i servizi per turisti con bisogni specifici (disabili, famiglie, anziani). Si segnala anche l azione 4 della Strategia europea per una maggiore crescita e occupazione nel turismo costiero e marittimo promuove progetti con le pmi. Con quasi 3,2 milioni di addetti, questo settore genera complessivamente un valore aggiunto lordo di 183 miliardi di euro e rappresenta oltre un terzo dell economia marittima. A chi rivolgersi: ec.europa.eu ALIMENTARE BANDI E FONDI regionali e strutturati Contenuto: è aperto un bando di concorso denominato «New talented italian chef for Expo 2015» per la selezione di cento giovani qualificati/diplomati nel settore della ristorazione. Possono aderire al bando gli studenti che hanno conseguito nell a.f. 2013/2014, presso le istituzioni formative iscritte nella sezione A dell Albo dei soggetti accreditati, una qualifica di operatore della ristorazione - profilo preparazione pasti; operatore della ristorazione - servizi di sala e bar; operatore della trasformazione agroalimentare - panificazione pasticceria; o quelli che hanno un Diploma di tecnico di cucina, tecnico dei servizi di sala e bar, tecnico della trasformazione agroalimentare con una votazione minima di 85/100.Ogni giovane dovrà scegliere come tema da sviluppare uno dei cluster che saranno presenti in Expo Milano 2015 e presentare un piatto/bevanda/prodotto di panificazione o pasticceria rielaborando una ricetta della tradizione. I giovani selezionati faranno parte di un Albo d oro che costituirà una vetrina dei migliori studenti dei centri di formazione lombardi, da mettere a disposizione degli operatori del settore ristorazione quale opportunità per significative esperienze sia nell ambito dell evento Expo Milano 2015, sia per successive occasioni di inserimento nel mondo del lavoro o di potenziamento delle competenze professionali. Riferimenti: FINANZIAMENTI PMI Contenuto: per le azioni di rete per il lavoro rivolte a gruppi di lavoratori in situazioni di crisi o in cerca di occupazione la Regione Lombardia offre finanziamenti. Le azioni di rete sono finalizzate all accompagnamento alla governance territoriale e i progetti potranno essere presentati nell ambito di due tipologie di intervento ovvero il contrasto alla crisi con azioni di accompagnamento alla ricollocazione di lavoratori in uscita da specifiche crisi aziendali, crisi settoriali o di filiera produttiva, legate a processi di transizione economica a livello locale; azioni di attrattività e sviluppo con progetti di accompagnamento all inserimento occupazionale di lavoratori in una o più aziende in crescita o di nuovo insediamento, in particolare in connessione con l evento Expo 2015 e l indotto da questo generato. Possono presentare domanda dei partenariati territoriali in cui il soggetto capofila sia un operatore accreditato da Regione Lombardia ai servizi al lavoro e la rete deve comprendere almeno tre soggetti tra aziende; enti locali territoriali; parti sociali; distretti e metadistretti industriali; distretti commerciali; oppure camere di commercio; fondazioni grant making; advisor o consulenti direzionali o di outplacement; consulenti/società di outplacement; operatori accreditati (al lavoro e/o alla formazione); operatori autorizzati nazionali; agenzie per il lavoro (APL); organizzazioni del terzo settore; istituzioni scolastiche, formative e universitarie. Tutti i soggetti della rete devono avere sede operativa nel territorio della Regione Lombardia. Riferimenti : MARCHE Contenuto: si può partecipare a un bando per la realizzazione di impianti di produzione, utilizzo e vendita di energia o calore da fonti rinnovabili di potenza massima di 1 MW elettrico. Fa riferimento all azione D della misura b del P.S.R. La modifica riguarda l elevazione della potenza massima consentita, ai fini dell ammissibilità ai benefici, per gli impianti fotovoltaici che viene elevata a 500 kwe rispetto ai 200 kwe precedentemente fissati. Riferimenti: D. Dirig. 29 dicembre 2014, n. 1261/ AFP, Regione Marche TOSCANA Contenuto: si possono richiedere fondi per la copertura delle spese relative all utilizzo di servizi di consulenza. Possono presentare domanda gli imprenditori agricoli e forestali. Il bando riguarda la misura del P.S.R , approvato con D. Dirig. 24 novembre 2014, n Il sostegno viene elargito in forma di contributo a fondo perduto nella misura massima dell 80% dei costi per l acquisizione dei servizi di consulenza per attività quali sicurezza sui luoghi di lavoro, miglioramento globale del rendimento aziendale. Riferimenti: D. Dirig. 23 dicembre 2014, n. 6298, Regione Toscana

9 Contenuto: si può partecipare al Progetto MECA- MEX Meccanica italiana in Messico. Il progetto è definito e finanziato dalle Regioni Lombardia, Emilia- Romagna, Piemonte e Veneto con il Ministero Sviluppo economico e la collaborazione di ICE-Agenzia per il Commercio Estero ed ha lo scopo di contribuire a rafforzare il posizionamento competitivo dell industria italiana dei macchinari in Messico. Si tratta di un intervento di promozione delle aziende italiane in Messico rivolto al settore macchinari industriali (automazione industriale, macchine utensili lavorazione metalli, macchine per la lavorazione della plastica e della gomma, macchine per la lavorazione del legno, macchine per l edilizia macchine per la lavorazione della ceramica, meccanica agricola, macchine per produzione e imballaggio di alimentari e bevande). Le domande saranno prese in considerazione in base all ordine cronologico di arrivo, e saranno valutate tenendo conto della struttura aziendale e dell adeguatezza dell impresa al mercato messicano. Riferimenti : lombardia.it FORMAZIONE SARDEGNA Contenuto: è aperto un bando-avviso pubblico intitolato 7 Petali di Loto per tirocini di orientamento e formazione per soggetti svantaggiati. Possono essere sviluppati percorsi integrati e per migliorare il reinserimento lavorativo dei soggetti svantaggiati. Sono state stanziate risorse a valere sul POR FSE pari a un milione e mezzo di euro. Le proposte progettuali possono essere presentate dai soggetti pubblici e/o privati quali enti pubblici, organizzazioni di volontariato, cooperative sociali. I soggetti ospitanti devono obbligatoriamente avere almeno una sede operativa in Sardegna e un dipendente a tempo indeterminato. Il beneficiario potrà presentare un numero massimo di sette proposte progettuali e l importo complessivo non potrà essere superiore a euro. I progetti dovranno concludersi entro e non oltre il 30 ottobre 2015, mentre i tirocini di orientamento e formazione dovranno concludersi entro e non oltre il 30 settembre I destinatari delle azioni del presente avviso sono persone affette da patologie psichiatriche, con particolare attenzione a soggetti affetti da disturbo dello spettro autistico che abbiano compiuto 18 anni; giovani dimessi da strutture residenziali che devono completare la fase di transizione verso la piena autonomia e integrazione sociale; inoltre, persone inserite in un programma terapeutico-riabilitativo condotto presso i servizi per le tossicodipendenze delle aziende sanitarie locali o che abbiano completato un programma presso le strutture residenziali e semiresidenziali per le tossicodipendenze regolarmente accreditate; cittadini in carico ai servizi sociali comunali per il soddisfacimento di bisogni primari privi di reddito di età compresa tra i 18 e i 29 anni; adulti coinvolti in reati e/o sottoposti a provvedimenti limitativi parziali o totali della libertà personale. A ogni destinatario/tirocinante verrà erogato direttamente dal beneficiario un rimborso FINANZIAMENTI PMI sotto forma di voucher per un importo mensile lordo di euro seicento per sei mesi di tirocinio a titolo di indennità forfettaria. Il finanziamento sarà erogato al 90% a seguito della stipula della polizza fideiussoria, della comunicazione di inizio attività; 10% alla conclusione del percorso di tirocinio o di tutti i percorsi di tirocinio se il progetto ne prevede più di uno. Riferimenti: Regione Autonoma di Sardegna - Assessorato Dell igiene Sanità Direzione Politiche Sociali - Direzione Attuazione Politiche Sociali, Comunitarie Nazionali, Regionali - via Roma Cagliari - Det. 1 dicembre 2014, n /687, Regione Sardegna, B.U.R. 11 dicembre 2014, n. 58 INNOVAZIONE Contenuto: si chiama Jeremie FESR - credito in cassa B2B, con DGR n. X/2378 del 19 settembre 2014 la Regione Lombardia ha istituito questa nuova linea d intervento che prevede tra l altro l attivazione della sottomisura A «liquidità alle micro, piccole e medie aziende». La sottomisura prevede un fondo di garanzia di importo pari a 20 milioni di euro a valere sulla misura di ingegneria finanziaria denominata «Fondo di investimento Jeremie FESR» istituito con DGR n. VIII/7687 del 24 luglio 2008 nell ambito del POR Competitività FESR La sottomisura è rivolta alle micro. piccole e medie aziende che, alla data della domanda di partecipazione abbiano sede legale e/o almeno una sede operativa in Lombardia, siano iscritte al registro delle imprese, risultino attive e siano appartenenti a uno qualsiasi dei settori di attività ATECO Riferimenti: Finlombarda spa - linkhttp://www.finlombarda.it/finanziamentieservizi/creditoincassab2b INNOVAZIONE Contenuto: è aperto un bando per la concessione di incentivi per l accesso a piattaforme di Open Innovation. La Regione Lombardia ha previsto una misura per le micro, piccole e medie aziende. La misura si propone di mettere in atto specifiche azioni, finalizzate alla creazione di un contesto adatto alla nascita di iniziative avanzate di innovazione. Tale obiettivo è perseguito sia attraverso una serie di interventi che puntano a rendere il sistema della ricerca orientato all applicazione dei risultati sia attraverso azioni che mirino a rendere le imprese più aperte alla collaborazione con gli organismi di ricerca e più in generale con il network di operatori del sistema dell innovazione. Ogni impresa può ricevere una sola agevolazione a valere sul presente bando. I progetti di supporto all innovazione d impresa diretti a promuovere e sostenere l acquisizione di servizi qualificati per sviluppare la competitività - anche a livello internazionale - attraverso la concessione di agevolazioni per l accesso a piattaforme di Open Innovation e relativi servizi di brokeraggio. Le attività per le quali si prevede il contributo sono attività preparatorie (qualificazione della sfida); attività direttamente connesse con l utilizzo della piattaforma (oggetto di accordo contrat- 9

10 tuale con il soggetto gestore); attività finalizzate alla valutazione delle risposte ottenute e all integrazione dei risultati nel progetto di innovazione. I costi ammissibili corrispondono ai costi per l acquisizione di servizi e/o di consulenza prestati da soggetti esterni all impresa. L agevolazione è concessa nella forma di contributo diretto con un intensità fino al 50% delle spese ammissibili e con un massimale di 20 mila euro. La dotazione finanziaria è di 500 mila euro. Riferimenti: - Lombardia Informatica - numero verde INTERNAZIONALIZZAZIONE PUGLIA Contenuto: è stata prorogata la scadenza di un bando a sostegno di progetti di promozione internazionale per le piccole e medie aziende. Vengono cofinanziati progetti di inserimento e di presidio sui principali mercati internazionali, a valere sull azione dell Asse VI - Programma Operativo Puglia FESR Riferimenti: Det. Dirig. 26 settembre 2014, n. 23, Regione Puglia LAVORO Contenuto: è aperto un bando della Regione Lombardia relativo alle azioni di rete rivolte a gruppi di lavoratori in situazioni di crisi o in cerca di occupazione. Le azioni di rete sono finalizzate all accompagnamento alla governance territoriale e i progetti potranno essere presentati nell ambito di due tipologie di intervento che sono contrasto alla crisi (azioni di accompagnamento alla ricollocazione di lavoratori in uscita da specifiche crisi aziendali, crisi settoriali o di filiera produttiva, legate a processi di transizione economica a livello locale); attrattività e sviluppo (accompagnamento all inserimento occupazionale di lavoratori in una o più aziende in crescita o di nuovo insediamento, in particolare in connessione con l evento Expo 2015 e l indotto da questo generato). Possono beneficiare dei fondi aziende, enti locali territoriali, parti sociali, distretti e metadistretti industriali, distretti commerciali, camere di commercio, fondazioni grant making, advisor o consulenti direzionali o di outplacement, consulenti/società di outplacement; operatori accreditati (al lavoro e/o alla formazione); operatori autorizzati nazionali; agenzie per il lavoro (APL); organizzazioni del terzo settore; istituzioni scolastiche, formative e universitarie. Tutti i soggetti della rete devono avere sede operativa nel territorio della Regione Lombardia. Riferimenti: PESCA Contenuto: è aperto un bando di attuazione della misura 2.3 denominata «Investimenti nei settori della trasformazione e commercializzazione» relativa al Fondo Europeo per la Pesca (FEP). Il bando 10 (rif. decreto del Dirigente di Struttura 24 dicembre 2014 n ) della Regione Lombardia riguarda il settore dei prodottici ittici dell Asse 2 del FEP, con uno stanziamento pari a ,89 euro. Al bando «Investimenti nei settori della trasformazione e commercializzazione» possono accedere le micro, piccole e medie imprese del settore della pesca professionale, dell acquacoltura e della trasformazione e commercializzazione dei prodotti ittici, e le imprese del settore che occupano meno di 750 persone o che realizzano un fatturato inferiore a 200 milioni di euro. Gli investimenti devono perseguire più obiettivi tra cui il miglioramento delle condizioni di lavoro; il miglioramento e monitoraggio delle condizioni di igiene o della qualità dei prodotti; la produzione di prodotti di alta qualità destinati a nicchie di mercato; la riduzione dell impatto negativo sull ambiente; l incentivazione dell uso delle specie poco diffuse, dei sottoprodotti e degli scarti; la produzione o commercializzazione di nuovi prodotti; acquisto di nuove attrezzature per la trasformazione e la commercializzazione dei prodotti della pesca e dell acquacoltura; adeguamento igienico-sanitario delle strutture e degli impianti; ampliamento/ammodernamento di linee di produzione esistenti. Gli investimenti ammessi possono fruire di un contributo pubblico a fondo perduto pari al 40 o 20% dell investimento ammesso a contributo, a seconda della categoria dell impresa. L investimento minimo ammissibile è di 30 mila euro. Il contributo pubblico massimo erogabile è di 150 mila euro. I progetti devono essere conclusi entro il 30 ottobre Riferimenti: Direzione Generale Agricoltura - U. O. Sviluppo di sistemi forestali, agricoltura di montagna, uso e tutela del suolo agricolo - Struttura Sviluppo dell Agricoltura di Montagna e dell Utilizzo Sostenibile dei Terreni Agricoli - RICERCA Contenuto: è aperto un bando di ricerca e innovazione che offre contributi per i processi di brevettazione. Il bando ha l obiettivo di favorire i processi di innovazione delle micro, piccole e medie imprese lombarde, avvicinandole ai temi dello sviluppo tecnologico e dell innovazione, realizzando un sistema in cui i diversi soggetti dell ecosistema dell innovazione partecipano attivamente alla realizzazione di processi innovativi. Regione Lombardia e le Camere di Commercio Lombarde, nell ambito dell Accordo di programma per lo sviluppo economico e la competitività del sistema lombardo, intendono favorire i processi di innovazione delle micro, piccole e medie imprese lombarde. Vengono elargiti voucher a fondo perduto per stimolare l innovazione tecnologica di processo e di prodotto, tramite l introduzione e la creazione di nuove tecnologie digitali e la messa a disposizione di servizi di trasferimento tecnologico, anche in vista di Expo; accompagnare le imprese alla partecipazione a programmi di ricerca, sviluppo e innovazione europei, promuovendo esperienze di successo nei paesi dell Ue e favorendo la nascita e la crescita di reti di imprese; valorizzare il capitale umano inserendo in impresa ricercatori e personale altamente qualifica-

11 to capaci di guidare l impresa in percorsi complessi di innovazione; sostenere i processi volti all ottenimento di brevetti/modelli europei/internazionali. Vengono finanziate diverse misure ovvero la misura A adozione di tecnologie digitali impresa smart; la misura B creazione e sviluppo di nuove tecnologie digitali; misura C micro, piccole e medie aziende per Expo; misura D supporto alla partecipazione a programmi della Commissione Europea; misura E capitale umano qualificato in impresa; misura F sostegno ai processi di brevettazione. Ogni impresa può richiedere al massimo tre voucher di cui non più di uno per misura e una sola richiesta di contributo nell ambito della misura F. Per le misure A-B-C potrà essere presentata una sola domanda: per esempio, se si presenta una domanda sulla misura B, non potrà essere presentata dallo stesso soggetto richiedente domanda sulle misure A e C. Beneficiarie dei fondi sono le imprese lombarde micro, piccole e medie. Sono stati stanziati 6 milioni e 800 mila euro. Riferimenti: per i voucher A, B, C, D ed E - sito https://gefo.servizirl. it per la Misura F - sito RILANCIO AZIENDALE Contenuto: è aperto un bando per la manifestazione d interesse relativa ai fornitori dei piani di rilancio aziendale. Il bando riguarda l Asse 1 POR FERS - linea di intervento sostegno alla crescita della capacità competitiva delle imprese lombarde - Azione E - Piani di rilancio aziendale. La manifestazione di interesse è finalizzata all istituzione di un elenco di fornitori qualificati di servizi, con esperienza acquisita in tema di redazione di piani di rilancio aziendale. Possono partecipare al bando singoli professionisti, da società di persone, da società di capitali, da studi professionali associati, attivi sul mercato, che abbiano svolto incarichi riguardanti la redazione di piani attestati e/o accordi di ristrutturazione e/o concordati con continuità (rif. Regio Decreto 16 marzo 1942, n. 267 e ss.mm.ii.). Riferimenti: https://gefo.servizirl.it/fesr/ - Struttura Innovazione, Economia della Conoscenza e Reti d Impresa, della Direzione Generale Industria, Artigianato, Edilizia e Cooperazione di Regione Lombardia - Milano - Piazza Città di Lombardia, 1 - Call Center di Lombardia Informatica - numero verde SALUTE TOSCANA Contenuto: è aperto un bando FAS Salute in Toscana. In tutto sono stati stanziati euro da destinare al finanziamento di progetti di ricerca, da svilupparsi in partenariato fra centri di ricerca pubblici e privati, aziende ospedaliero-universitarie e con la partecipazione delle imprese più innovative dei settori strategici toscani. Gli ambiti sono quelli di varie discipline tra cui neuroscienze; chirurgia minimamente invasiva e robotica, bio-robotica, simulazione chirurgica; malattie rare e orfane; nuove frontiere della medicina personalizzata e preventiva. Si punta a sostenere la ricerca per stimolare processi di innovazione in materia di scienze della vita. Possono partecipare aziende, organismi di ricerca aventi natura privata, Riferimenti: Sviluppo Toscana S.p.A. - D. Dirig. 28 novembre 2014, n. 5534, Regione Toscana - SVILUPPO Contenuto: è aperto un bando nell ambito della strategia Innovalombardia per la ricerca e l innovazione delle imprese, attivata con dgr 2448/2014 in anticipazione sulle risorse del POR FESR Il bando è relativo alla nuova Linea R&S per micro, piccole e medie aziende (FRIM FESR 2020) diretta a sostenere progetti di ricerca, sviluppo e innovazione. Possono presentare domanda micro, piccole, medie aziende aventi Sede operativa attiva in Lombardia o che intendano costituire una sede operativa attiva in Lombardia; operanti, con codice Istat Ateco primario e/o secondario nel settore manifatturiero e delle costruzioni, dei servizi alle imprese. I fondi sono destinati a progetti di ricerca, sviluppo e innovazione in aree quali aerospazio, agroalimentare, eco-industria, industrie creative e culturali, industria della salute, manifatturiero avanzato, mobilità sostenibile. Sono ammissibili progetti che comportino attività di ricerca industriale, sviluppo sperimentale e innovazione a favore di micro, piccole e medie aziende. Ciascun progetto deve fare riferimento a una sola delle aree di specializzazione; essere finalizzato all introduzione di innovazione di prodotto e/o di processo; essere realizzato nell ambito di sedi operative localizzate nel territorio di Regione Lombardia. Sono ammissibili a finanziamento progetti che comportino spese totali ammissibili per un importo non inferiore a 100 mila euro. I progetti dovranno essere realizzati nel termine massimo di 18 mesi dalla data del decreto di concessione dell agevolazione. Possono essere coperte per attività di ricerca industriale e sviluppo sperimentale per esempio le spese di personale relative a ricercatori, tecnici e altro personale ausiliario; i costi della ricerca contrattuale, delle competenze tecniche e dei brevetti acquisiti o ottenuti in licenza da fonti esterne, di consulenza o di servizi equivalenti. Mentre per le attività di innovazione a favore di micro, piccole e medie aziende possono essere coperti i costi per il deposito di brevetti e/o per la convalida dei brevetti, fino a un massimo del 15% delle spese totali ammissibili del progetto. Il finanziamento viene concesso nella forma tecnica di un finanziamento a medio termine erogato a valere sulla linea; può concorrere sino al 100% della spesa complessiva ammissibile del progetto e non potrà essere superiore a un milione di euro; la durata è compresa tra i tre e i sette anni. La linea, attuata tramite procedimento valutativo a sportello, rimarrà aperta sino a esaurimento della dotazione finanziaria pari a 30 milioni di euro e comunque non oltre il 31 dicembre Riferimenti: - www. regione.lombardia.it. 11

12 EUROAPPUNTAMENTI Ogni mese vengono evidenziati alcuni eventi, manifestazioni, iniziative, progetti a cui le aziende possono partecipare gratuitamente e che riguardano finanziamenti e settori di ricerca europei. Area tematica: INNOVAZIONE Data: 26 marzo 2015 Sede: Colonia, Germania Contenuto: si terrà un evento B2B organizzato dall Enterprise Europe Network con il network Tradeit durante la manifestazione Anuga FoodTec a Colonia. Il 26 marzo si terrà una conferenza e dei meeting bilaterali, mentre il 27 marzo sono previsti dei demotours. Il tutto è indirizzato a imprese del settore agroalimentare, aziende legate al settore delle tecnologie eco-sostenibili, ai produttori di alimenti, ad aziende interessate a progetti di risparmio energetico, idrico e a iniziative/ progetti per migliorare la catena produttiva, lo smaltimento intelligente dei rifiuti etc. La partecipazione è gratuita e i partecipanti potranno avere libero accesso anche alla fiera. Riferimenti: https://www.b2match.eu/tradeitfoodsustainability - Area tematica: INNOVAZIONE Data: 9 aprile 2015 Sede: Londra, Gran Bretagna Contenuto: è previsto un evento di brokerage matchmaking gratuito per le aziende, i centri di ricerca, le università, le organizzazioni che si occupano di salute, ambiente, agrifood, le associazioni di categoria degli agricoltori ecc. sul tema dei biopesticidi. È il terzo Greenwich Bio-pesticides Event organizzato dall Enterprise Europe Network SE UK e dall European Centre for IPM in partnership con il Bio-Resources Group di SCI. È previsto un Forum e un evento di brokerage proprio per facilitare lo scambio di best FINANZIAMENTI PMI practices e l avvio di progetti di cooperazione tra i vari player del settore. Riferimenti: - Area tematica: INNOVAZIONE Data:14-16 aprile 2015 Sede: Hannover, Germania Contenuto: in occasione della importante Fiera di Hannover si terrà un evento di brokerage gratuito organizzato dalla rete EEN della Commissione europea. Si tratta dei «Technology Cooperation Days» che si focalizzano sul tema delle Smart factories e dell industria manifatturiera. La fiera di Hannover è di rilievo mondiale e l evento di brokerage offre alle piccolo e medie aziende l opportunità di incontrare centri di ricerca, altre imprese di vari settori tra cui la logistica, l ingegneria, l Ict etc., organizzazioni europee con cui stilare accordi commerciali, o di ricerca e sviluppo e di progetti di cooperazione. L evento è organizzato da Enterprise Europe Network Niedersachsen (NBank) in cooperazione con gli altri partner Enterprise Europe Network. Riferimenti: - Area tematica: SICUREZZA Data: 22 aprile 2015 Sede: Kortrijk, Belgio Contenuto: è previsto un incontro di matchmaking per il settore sicurezza, emergenza, per le aziende di vari settori tra cui le telecomunicazioni, il settore audiovisivo, mobile, di network security ecc. all interno della fiera che si svolge ogni due anni Infopol/XPO112 che coinvolge tutti gli ambiti della sicurezza dai trasporti, alla mobilità, ai parcheggi, alla sicurezza stradale ai servizi innovativi per la sicurezza ecc. Questa edizione il matchmaking evento è organizzato da Enterprise Europe Network Fiandre di Bruxelles e della Vallonia. Riferimenti: - https://www.b2match.eu/infopol-xpo112 12

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Ricerca comunitaria idee cooperazione persone euratom capacità IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Guida tascabile per i nuovi partecipanti Europe Direct è un servizio

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile INVITO A PRESENTARE MANIFESTAZIONI DI INTERESSE 1. COSA SONO I LABORATORI DAL BASSO I Laboratori dal

Dettagli

Avviso Pubblico Giovani Attivi

Avviso Pubblico Giovani Attivi All. A Avviso Pubblico Giovani Attivi P.O.R. Campania FSE 2007-2013 Asse III Obiettivo Specifico: g) Sviluppare percorsi di integrazione e migliorare il (re)inserimento lavorativo dei soggetti svantaggiati

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO

IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO La ricerca europea in azione IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO (7º PQ) Portare la ricerca europea in primo piano Per alzare il livello della ricerca europea Il Settimo programma quadro per la ricerca e lo sviluppo

Dettagli

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF www.progettoverde.info - pv@ progettover de.i nfo 1 COS E IL PROGETTO INTEGRATO DI FILIERA (PIF) Il progetto integrato

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

più credito per la tua impresa

più credito per la tua impresa Sei un impresa che vuole acquistare nuovi macchinari, impianti o attrezzature? più credito per la tua impresa : Agevolazioni anche per i settori di pesca e agricoltura Beni strumentali, l agevolazione

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 Sintesi DICEMBRE 2014 1. Inquadramento e motivazioni Il Ministero dei Beni, delle

Dettagli

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale Il Fondo sociale europeo al lavoro Aiutare le persone a trovare lavoro Il Fondo sociale europeo (FSE) finanzia progetti in tutta l UE per consentire a più persone di trovare posti di lavoro migliori, attraverso

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

GESTIONE OPERATIVA DEI PROGETTI FINANZIATI CON FONDI EUROPEI. Dott. Nicola ZERBONI

GESTIONE OPERATIVA DEI PROGETTI FINANZIATI CON FONDI EUROPEI. Dott. Nicola ZERBONI GESTIONE OPERATIVA DEI PROGETTI FINANZIATI CON FONDI EUROPEI Dott. Nicola ZERBONI Dottore Commercialista in Milano Finanziamenti europei 2007/2013 e contrasto alle irregolarità e alle frodi nei fondi Diretta

Dettagli

Culture Programme. Nuoro, 9 Novembre 2010. Marzia Santone-CCP Italy

Culture Programme. Nuoro, 9 Novembre 2010. Marzia Santone-CCP Italy Culture Programme 2007- -2013 Nuoro, 9 Novembre 2010 Marzia Santone-CCP Italy Intro From a cultural point of view Perché l UE si interessa alla cultura? Fattori simbolici L Unità nella Diversità L UE caratterizzata

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO LA NOSTRA VISIONE COMUNE Noi, governi locali europei, sostenitori della Campagna delle Città Europee Sostenibili, riuniti alla conferenza di Aalborg+10, confermiamo la nostra

Dettagli

DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015

DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015 DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015 Identificativo Atto n. 191 DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO Oggetto APPROVAZIONE DELL AVVISO FORMAZIONE CONTINUA COMPETITIVITA EXPO E L'atto si compone

Dettagli

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO in collaborazione con Il contesto di riferimento BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO L obiettivo fissato dall Unione Europea che si prefiggeva di raggiungere una ricettività del 33% dei nidi e in generale

Dettagli

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano N UCLEO DI VALUTAZIONE E VERIFICA DEGLI I NVESTIMENTI PUBBLICI Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano Melania Cavelli Sachs NVVIP regione Campania Conferenza AIQUAV, Firenze,

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti pubblici ecologici Olbia, 17 maggio 2013 Gli appalti pubblici coprono una quota rilevante del PIL, tra il 15 e il 17%: quindi possono

Dettagli

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 7.1.2014 C(2013) 9651 final REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE del 7.1.2014 recante un codice europeo di condotta sul partenariato nell'ambito dei fondi strutturali

Dettagli

Torno Subito è un'iniziativa della Regione Lazio Assessorato alla Formazione, Ricerca, Scuola e Università

Torno Subito è un'iniziativa della Regione Lazio Assessorato alla Formazione, Ricerca, Scuola e Università COS'È TORNO SUBITO Torno Subito è un'iniziativa della Regione Lazio Assessorato alla Formazione, Ricerca, Scuola e Università finanziata con fondi POR FSE Lazio 2007-2013 Asse II Occupabilità; Asse V Transnazionalità

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO. relativa ad orientamenti strategici comunitari per lo sviluppo rurale

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO. relativa ad orientamenti strategici comunitari per lo sviluppo rurale COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 5.7.2005 COM(2005) 304 definitivo 2005/0129 (CNS) Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO relativa ad orientamenti strategici comunitari per lo sviluppo rurale

Dettagli

BANDO DEV REPORTER NETWORK

BANDO DEV REPORTER NETWORK BANDO DEV REPORTER NETWORK Premessa La Federazione Catalana delle Ong per lo Sviluppo (FCONGD), il Consorzio delle Ong Piemontesi (COP) e la Rete Rhône-Alpes di appoggio alla cooperazione (RESACOOP) realizzano

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

VADEMECUM Finanziamenti diretti europei. Come redigere un progetto di successo

VADEMECUM Finanziamenti diretti europei. Come redigere un progetto di successo VADEMECUM Finanziamenti diretti europei Come redigere un progetto di successo redazione: Petra Sevvi, Renata Tomi Info Point Europa della Provincia autonoma di Bolzano Alto Adige Ripartizione Europa Ufficio

Dettagli

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 Giuseppe Gargano Rete Rurale Nazionale - INEA Varzi, 18 giugno 2014 Priorità dell'unione in materia

Dettagli

ELENA. European Local Energy Assistance

ELENA. European Local Energy Assistance ELENA European Local Energy Assistance SOMMARIO 1. Obiettivo 2. Budget 3. Beneficiari 4. Azioni finanziabili 5. Come partecipare 6. Criteri di selezione 7. Contatti OBIETTIVI La Commissione europea e la

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI PREMESSA Nell ambito del Programma Torino e le Alpi, la Compagnia di San Paolo ha promosso dal 12 al 14 settembre 2014,

Dettagli

Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM

Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM INDICE Premessa Adotta una Scuola per l EXPO 2015: obiettivi Tipologie di scuole La procedura di selezione delle scuole Le modalità per adottare la

Dettagli

Direzione Generale dell Industria

Direzione Generale dell Industria PO R FESR 2007-2013 A sse VI C om petitività- Linee di attività 6.2.2.i) e 6.2.3.a) D eliberazione della G iunta Regionale n. 51/25 del 24.09.2008 Interventi per favorire l'innovazione del sistem a delle

Dettagli

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO Questo documento descrive le principali fasi del progetto congiuntamente promosso dalla Provincia di Torino e da Forma.Temp nei termini

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico VISTO il Decreto Legge 12 settembre 2014, n. 133 convertito con modificazioni dalla Legge 11 novembre 2014, n. 164 recante Misure urgenti per l'apertura dei cantieri, la realizzazione delle opere pubbliche,

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

SOGGETTI AMMISSIBILI E CARATTERISTICHE DEI PROGETTI

SOGGETTI AMMISSIBILI E CARATTERISTICHE DEI PROGETTI BANDO SVILUPPO DI RETI LUNGHE PER LA RICERCA E L INNOVAZIONE DELLE FILIERE TECNOLOGICHE CAMPANE - FAQ Frequent Asked Question : Azioni di sistema per l internazionalizzazione della filiera tecnologica

Dettagli

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres.

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. Regolamento attuativo dell articolo 9, commi da 26 a 34 della

Dettagli

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC?

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC? La PAC che verrà: Smart change or business as usual? La posizione ufficiale IFOAM EU sulla prossima riforma PAC 2014 2020 Alessandro Triantafyllidis, IFOAM EU Group Siamo a metà dell attuale periodo di

Dettagli

Manifesto dei diritti dell infanzia

Manifesto dei diritti dell infanzia Manifesto dei diritti dell infanzia I bambini costituiscono la metà della popolazione nei paesi in via di sviluppo. Circa 100 milioni di bambini vivono nell Unione europea. Le politiche, la legislazione

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

Avviso prot. n. AOODGAI/11666 del 31.07.2012 conferenze informative territoriali

Avviso prot. n. AOODGAI/11666 del 31.07.2012 conferenze informative territoriali Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Puglia Direzione Generale UFFICIO III - Politiche formative e rete scolastica U.O. 2: Fondi Strutturali dell

Dettagli

BANDI 2015 2. 1) Come presentare un progetto sui bandi della Fondazione. 2) La procedura di selezione e valutazione dei progetti

BANDI 2015 2. 1) Come presentare un progetto sui bandi della Fondazione. 2) La procedura di selezione e valutazione dei progetti BANDI 2015 2 Guida alla presentazione La Fondazione Cariplo è una persona giuridica privata, dotata di piena autonomia gestionale, che, nel quadro delle disposizioni della Legge 23 dicembre 1998, n. 461,

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Protagonismo culturale dei cittadini BENESSERE COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando senza scadenza Protagonismo culturale dei cittadini Il problema La partecipazione

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA PROTOCOLLO DI INTESA TRA L Associazione Fare Ambiente, Movimento Ecologista Europeo, già riconosciuta con Decreto del Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare del 27 febbraio 2009,

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA FORMAZIONE PER LA PA FINANZIATA DAL FSE PARTE II - CAPITOLO 2 LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA PROGRAMMAZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

Dettagli

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione AVVISO DI SELEZIONE PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA LEONARDO DA VINCI Progetto M.E.D. Progetto nr. LLP-LdV-PLM-11-IT-254 Titolo M.E.D. (N. LLPLink 2011-1-IT1-LEO02-01757) Destinazione: IRLANDA art. 1 SOGGETTO

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale

Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale La biblioteca multiculturale Porta di accesso a una società di culture diverse in dialogo Tutti viviamo in una società sempre più eterogenea. Nel mondo vi

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

Chi può presentare la domanda

Chi può presentare la domanda BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER FAVORIRE LA CRESCITA DELLE IMPRESE SUI MERCATI INTERNAZIONALI II QUADRIMESTRE 2014 AFRQ2/14 La Camera di Commercio di Frosinone, attraverso ASPIN, Azienda Speciale

Dettagli

COORDINAMENTO Regione VENETO. LA REGIONE CHE VOGLIAMO Le proposte dei manager per il Veneto

COORDINAMENTO Regione VENETO. LA REGIONE CHE VOGLIAMO Le proposte dei manager per il Veneto COORDINAMENTO Regione VENETO LA REGIONE CHE VOGLIAMO Le proposte dei manager per il Veneto 1 1) CONTESTO ISTITUZIONALE, RIFORME E ORGANIZZAZIONE AMMINISTRATIVA La governabilità del sistema Paese, la sua

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

Guida alle opportunità di finanziamento dell Unione europea 2014-2020

Guida alle opportunità di finanziamento dell Unione europea 2014-2020 Guida alle opportunità di finanziamento dell Unione europea 2014-2020 Il contenuto di questa pubblicazione non riflette l opinione ufficiale dell Unione europea. La responsabilità delle informazioni in

Dettagli

SCHEDA OPERATIVA SOGGETTI AMMISSIBILI

SCHEDA OPERATIVA SOGGETTI AMMISSIBILI Avviso pubblico - Puglia Sviluppo - Regione Puglia in attuazione della DGR n. 1788 del 06 Agosto 2014. Pagina 1 COMMISSIONE EUROPEA REGIONE PUGLIA Area Politiche per lo Sviluppo Economico, Lavoro e Innovazione

Dettagli

AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015

AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015 AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015 DATA DI PUBBLICAZIONE DELL ESTRATTO DEL BANDO SULLA GURI: DATA DI SCADENZA

Dettagli

10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA

10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA 1 10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA MEMORANDUM SULL EASS L' Educazione all Ambientale e allo Sviluppo Sostenibile, una necessità! L'Educazione Ambientale

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Vista la legge 17 febbraio 1982, n. 46 che, all articolo 14, ha istituito il Fondo speciale rotativo per l innovazione tecnologica; Visto il decreto-legge 22 giugno

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

Programma di Sviluppo Rurale per il Veneto 2007-2013 Asse 4 LEADER. 2. GAL Prealpi e Dolomiti

Programma di Sviluppo Rurale per il Veneto 2007-2013 Asse 4 LEADER. 2. GAL Prealpi e Dolomiti FEASR REGIONE DEL VENETO Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale: l Europa investe nelle zone rurali SCHEDA INTERVENTO A REGIA GAL Approvata con Deliberazione del Consiglio Direttivo del GAL n. 16

Dettagli

Il Fondo di Garanzia per le PMI L. 662/96

Il Fondo di Garanzia per le PMI L. 662/96 Il Fondo di Garanzia per le PMI L. 662/96 Incontro formativo con gli operatori del territorio Lo stato dell arte del Fondo di Garanzia per le PMI Le attività di informazione e formazione operativa per

Dettagli

Concorso per le scuole primarie e secondarie di I e II grado - LA SCUOLA PER EXPO 2015 -

Concorso per le scuole primarie e secondarie di I e II grado - LA SCUOLA PER EXPO 2015 - Concorso per le scuole primarie e secondarie di I e II grado - LA SCUOLA PER EXPO 2015 - Dal 1 maggio al 31 ottobre 2015 Milano ospiterà l Esposizione Universale dal tema Nutrire il Pianeta, Energia per

Dettagli

PROGETTO REGIONALE IN-DIPENDENTI Per un effettivo reinserimento delle persone svantaggiate e la promozione della salute negli ambienti di lavoro

PROGETTO REGIONALE IN-DIPENDENTI Per un effettivo reinserimento delle persone svantaggiate e la promozione della salute negli ambienti di lavoro REGIONE VENETO Assessorato alle Politiche Sociali, Volontariato, e Non-Profit Direzione Regionale per i Servizi Sociali - Servizio Prevenzione delle devianze D.G.R. 4019 del 30/12/2002 FONDO REGIONALE

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA PARTECIPAZIONE AI PROGRAMMI A GESTIONE DIRETTA DELL UNIONE EUROPEA (2014-2020)

LINEE GUIDA PER LA PARTECIPAZIONE AI PROGRAMMI A GESTIONE DIRETTA DELL UNIONE EUROPEA (2014-2020) LINEE GUIDA PER LA PARTECIPAZIONE AI PROGRAMMI A GESTIONE DIRETTA DELL UNIONE EUROPEA (2014-2020) PREMESSA Per l attuazione delle proprie politiche la Commissione europea finanzia un ampio numero di programmi/strumenti

Dettagli

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione)

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione) Raccomandazione CM/Rec(2010)7 del Comitato dei Ministri agli stati membri sulla Carta del Consiglio d Europa sull educazione per la cittadinanza democratica e l educazione ai diritti umani * (adottata

Dettagli

PROGRAMMA VINCI Bando 2015

PROGRAMMA VINCI Bando 2015 PROGRAMMA VINCI Bando 2015 L Università Italo Francese / Université Franco Italienne (UIF/UFI) emette il quindicesimo bando Vinci, volto a sostenere le seguenti iniziative: I. Corsi universitari binazionali

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E FINANZA MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ECONOMIA DELLA CULTURA: POLITICHE, GOVERNO E GESTIONE modalità didattica mista presenza/distanza

Dettagli

IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI

IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI Con decreto direttoriale del 7 ottobre 2013, il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare ha adottato il Programma Nazionale di

Dettagli

Progetti per l Inclusione Sociale

Progetti per l Inclusione Sociale Unione Europea Fondo Sociale Europeo Repubblica Italiana ASSESSORADU DE S'IGIENE E SANIDADE E DE S'ASSISTÈNTZIA SOTZIALE ASSESSORATO DELL IGIENE, SANITA E DELL ASSISTENZA SOCIALE Direzione Generale delle

Dettagli

Progetto Borse Studio/Lavoro 2014

Progetto Borse Studio/Lavoro 2014 Progetto Borse Studio/Lavoro 2014 RACCOLTA DI MANIFESTAZIONI DI INTERESSE DA PARTE DI IMPRESE ED ENTI OPERANTI SUL TERRITORIO DELLA PROVINCIA DELL AQUILA AD OSPITARE GIOVANI DESTINATARI DI BORSE DI STUDIO/LAVORO

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Buone prassi di conservazione del patrimonio BENESSERE GIOVANI COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando con scadenza 9 aprile 2015 Buone prassi di conservazione del

Dettagli

Progetto Rubiera Centro

Progetto Rubiera Centro LE POLITICHE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA PER LA QUALIFICAZIONE DEI CENTRI COMMERCIALI NATURALI Progetti anno 2013 (D.G.R. n. 1822/2013) Bologna, 1 luglio 2014 Progetto Rubiera Centro Il progetto del comune

Dettagli

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato 1 Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Dalle aule parlamentari alle aule di scuola. Lezioni di Costituzione

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

ENTERPRISE EBG EUROPEAN BUSINESS GAME

ENTERPRISE EBG EUROPEAN BUSINESS GAME Associazione Provinciale di Ravenna ENTERPRISE EBG EUROPEAN BUSINESS GAME COME PENSARE ALLA PROPRIA IDEA D IMPRESA IN 5 STEP 1 STEP UNO RIFLESSIONI PER INDIVIDUARE LE BUSINESS IDEA ALCUNI MODI PER INDIVIDUARE

Dettagli

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA Noi, i Ministri dell Energia di Canada, Francia, Germania, Italia,

Dettagli

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande 1. Quali sono le caratteristiche distintive dell impresa cooperativa? L impresa cooperativa è un impresa costituita da almeno 3 soci e può avere la forma della

Dettagli

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria di UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria Master di I livello in Manager delle imprese sociali e delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale Indirizzi: - Manager delle Imprese

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

02/05/2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 35. Regione Lazio

02/05/2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 35. Regione Lazio Regione Lazio DIREZIONE SVILUPPO ECONOMICO E ATTIVITA PRODUTTIVE Atti dirigenziali di Gestione Determinazione 23 aprile 2014, n. G06045 POR FESR LAZIO 2007-2013 ASSE I - Attività I.1 "Potenziamento e messa

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA REALIZZAZIONE DI OPERAZIONI COFINANZIATE DAL FONDO SOCIALE EUROPEO

LINEE GUIDA PER LA REALIZZAZIONE DI OPERAZIONI COFINANZIATE DAL FONDO SOCIALE EUROPEO LINEE GUIDA PER LA REALIZZAZIONE DI OPERAZIONI COFINANZIATE DAL FONDO SOCIALE EUROPEO Direzione centrale lavoro, formazione, commercio e pari opportunità Servizio programmazione e gestione interventi formativi

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Cagliari 4 dicembre 2012 Centro di ricerca FO.CU.S. Progetto di ricerca a supporto dei territori per l individuazione

Dettagli

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER TITOLI ED ESAMI A N. 5 POSTI A TEMPO PIENO ED

Dettagli

BANDO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER FAVORIRE LA REGISTRAZIONE DI MARCHI COMUNITARI E INTERNAZIONALI

BANDO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER FAVORIRE LA REGISTRAZIONE DI MARCHI COMUNITARI E INTERNAZIONALI Dipartimento per l impresa e l internazionalizzazione Direzione Generale per la Lotta alla Contraffazione Ufficio Italiano Brevetti e Marchi BANDO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER FAVORIRE

Dettagli

Sintesi modifiche apportate alle Disposizioni Attuative Specifiche della Mis. 123 - Accrescimento del valore aggiunto del settore agricolo e forestale

Sintesi modifiche apportate alle Disposizioni Attuative Specifiche della Mis. 123 - Accrescimento del valore aggiunto del settore agricolo e forestale REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana ASSESSORATO REGIONALE DELLE RISORSE AGRICOLE E ALIMENTARI DIPARTIMENTO REGIONALE INTERVENTI STRUTTURALI Programma di Sviluppo Rurale Regione Sicilia 2007-2013 Reg.

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli