Economics of the Private Welfare State at hard times : the role of Italian Foundations of banking origin

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Economics of the Private Welfare State at hard times : the role of Italian Foundations of banking origin"

Transcript

1 Economics of the Private Welfare State at hard times : the role of Italian Foundations of banking origin Angela Besana 1 Abstract Contemporary Welfare States are affected by the international financial crisis. Concentrated on deficit cutting and deleveraging, they have to limit their social spending and several good causes risk their survival. Next to the Public Welfare State, a Private One is emerging: especially, foundations play very important subsidiary roles. Analyzing the most recent (2009 and 2010) Financial Statements and Statements of Revenues and Expenses of the Italian Foundations of banking origin we empirically estimate their Welfare Role classifying five main groups thanks to the k- means cluster analysis. The research gives evidence that Italian good causes are surviving thanks to these very generous grant-makers, but these Welfare Players may contemporarily suffer of losses in their financial assets, therefore risking their future sustainability. JEL codes: C38, H11, H44, L33 Key Words: Welfare State, Private Welfare State, crisis, grant-making foundation, Italy, cluster analysis 1. Literature review on the contemporary Welfare State Subsidiary roles are very important in contemporary Public Welfare States: these ones concentrated on deleveraging and deficit cutting, their social spending and other merit investing are, nowadays granted by a wide range of philanthropists and Welfare Players. Public and private provisions of the social benefit can be complementary (Klein 2003; Hacker 2002): next to the Public Welfare State the competitive arena is crowded of the Private Welfare State of foundations, associations and other not-forprofit organizations, though endowments and resources of this Private Welfare State are, at the same time, partially affected by the international financial crisis, especially as regards financial assets. 1 Associate Professor of Economics, Institute of Economics and Marketing, IULM University, Milan, Italy. 154

2 The Welfare Role of the State is quite founded in the economic literature (Gough 2009; Armingeon and Beyeler 2008; Leibfried 2001; Kuhnle 2000; Barr 1993): the Welfare State is a solution to market failures imperfect competition, externalities, asymmetric information, etc. -. Otherwise, the retrenchment of the same Welfare State is now particularly debated as for pressing globalization, post-industrialism, European integration and, above all, the austerity that is following the financial collapse of public spending (Pitlik 2007; Korpi 2003; Palier and Sykes 2001; Bonoli and Taylor- Gooby 2000; Bowles and Wagman 1997). As a matter of fact, the global crisis is conditioning both Public and Private Welfare States (Salamon, Geller and Spence 2009) so that these ones are often matching their resources and efforts in order to maximize the public benefit. Projects that need a deep breath and are of great national impact, are today developed by both Public and Private grant-makers. Screening standards are therefore optimized on both sides. Common professional skills are developed, project efficiency and rationalization are encouraged and the risk of operational fragmentation is minimized (Gordon, Knoch and Neely 2009; Chhaochharia and Gosh 2008). Matching roles are not always possible and what is the most efficient roles allocation between the contemporary Public Welfare State and the Private One, it is particularly argued (Seaman and Young 2010; Ben-Ner 2003, 2002). As for the financial crisis, Governments cannot more provide directly products that for-profit firms fail to provide optimally next to efficient nonprofits and their role can be reduced to regulation in order to grant competition between for-profits and nonprofits. Nonprofits seek to provide collective-type products and services for the benefit of large communities rather than to generate maximum profits for their shareholders (Weisbrod 1975 and 1988) but their competitive advantage is dangerously constrained by diminishing resources. Nonprofits may amplify the value of merit goods they provide so that customers will buy more and the Private Welfare Players will be more inclined to subsidize their productions, the whole process allowing them to spread the range of resources, maximize their revenues and consolidate their market share (next to for-profits or public providers). The aim of this paper is the profiling of the Italian Foundations of banking origin as the most important Italian Private Welfare State in 2009 and The profiling will refer to their performances during the financial crisis, referring to data of Financial Statements and Statements of Revenues and Expenses: through a k-means cluster analysis, performances of relevant groups of contemporary Italian Welfare Players will emerge. The analysis of performances will include the contribution ratio, the weight of Contributions to Gains, in order to estimate the sustainability of their future grant-making. The next paragraph will be dedicated to the analysis of the whole universe of 89 Italian foundations of banking origin, looking at the annual reports of ACRI, ACRI being the association of all 89 foundations. The third paragraph will present the methodology, empirical results and discussion on main profiles of foundations of banking origin. 155

3 2. The Private Welfare of Italian Foundations of Banking origin: a first profiling In 2010 the Italian State paid 146,623 millions euro for the social benefit, including education and research, social spending, etc. Above all, 46% of this amount referred to retirement programs. In 2010 the 89 Italian Foundation of banking origin (IFBs) profited by a gain of 1,477.2 millions euro and they granted 1,366.6 millions euro to good causes of the same categories of the public social spending. These foundations are the biggest Italian Private Welfare State, ensuring only 0.93% of what is the capability of the Public Welfare State but there is no other not-for-profit universe with such a spending (or grant-making) power in Italy. For-profit corporations are the second most important Italian Grant-makers Sponsors - though with a slightly inferior philanthropic impact: sponsorships are 1,465 millions euro in At the end of the same year, the Italian State had exceeding liabilities of 1,444,360 millions euro while the IFBs had net assets of more than 50,000 millions euro, accounting for 84% of total assets that are more than 59 billions euro (ACRI Reports 2009, 2010 and 2011; Relazione illustrativa del conto del bilancio 2010). ISTAT the National Statistics Bureau counted 4720 foundations: 943 of them are grant-makers. The comprehensive endowment of all Italian Foundations sums up to more than 100 billion euro, with sixty percent concentrated in bank foundations. Twenty years ago the Italian Parliament approved the law that revived the idea of foundations of banking origin as spin-offs of savings banks. These ones had to separate their philanthropic role from their commercial (banking) role. Savings banks had been created in the 19th century with a focus on strong community vocation: they had been very connected to local administrations, they were consulted in order to encourage community projects and were responsible for donations and bequests for social assistance, social housing and the comprehensive growth of local communities. In 1990, the main local supporters of Italian territories were solely private institutions as a matter of fact, foundations not disregarding their civic roles and separating the not for profit affair (philanthropy) from the for profit one (commercial bank). In 2010, the five largest IFBs accounting for 49% of net assets of the whole universe - are: Fondazione Cariplo, Compagnia di San Paolo, Fondazione Monte dei Paschi di Siena, Fondazione Cassa di Risparmio di Verona, Vicenza, Belluno e Ancora and Fondazione Cassa di Risparmio di Torino. Most assets are financial investments or instruments, representing 42.5% of total assets. In 2010 IFBs had ordinary revenues of 1,986.3 million, with a 21.2% decrease from the previous year. Their leading roles in philanthropic initiatives becoming more relevant than in the past, IFB had an operating surplus of 1,941.5 millions euro in Possessing close connections to the sectors in which they operate, they acknowledge interventions in 21 eligible sectors, seven of them holding the major part of their fundgiving effort. In 2010 the Art, cultural activities and heritage sector was first, with 30.2% of allocated funds. The second sector was that of Social assistance with 12.8% of the total. Research received 12.6% of resources. Recipients of grants are always not-for-profits or public institutions, accounting for 64.9% of total funding and 66.8% of all projects. With their subsidiary and matching role IFBs, as a matter of fact, support local administrations, recovering their 156

4 capabilities to manage with main social (and public) goals. The next paragraph will explore details of their performances clustering the whole universe in five (2009) and three (2010) main groups whose average performances are in a few cases affected by losses on the financial market the average return on net assets went from 5.1% in 2009 to 4% in In the Table 7 in the next paragraph, they are ranked for the highest 2010 net asset but in the last column several negative variations of gains can be examined - though their philanthropic role is quite impressive and courageous despite of the crisis. 3. The cluster analysis of Italian Foundations of banking: methodology and empirical results Even if revenues are negatively affected by the collapse of financial investments in some of IFBs, the following analysis is giving evidence that the sustainability of their philanthropic activity cannot be repressed in the very next future. We clustered IFBs performances considering the following main accounting data of 2009 and 2010 reports, reports that are downloadable at : Total Assets, Financial Assets (Investments), Financial Assets that are not Investments (savings and temporary cash), Net Assets, Net Gain or Loss, Contributions. These data were indexed in order to focus on main indicators of financial stability and sustainability of the philanthropic activity. The indicators are: Net Assets/Total Assets, Gain or Loss/Total Assets, Financial Assets/Total Assets, Financial Assets that are not Investments/Total Assets, Contributions/Gain or Loss. Particularly, we adopted a k-means clustering method that uses an analysis of variance to evaluate the distances between clusters. K-means clustering is, above all, an iterative follow-the-leader strategy. First, the number of clusters, k, must be specified. Then a search algorithm goes out and finds k points in the data, called seeds, that are not close to each other. Each seed is then treated as a cluster center. The routine goes through the points (rows) and assigns each point to the cluster it is closest to. For each cluster, a new cluster center is formed as the means (centroid) of the points currently in the cluster. This process continues as an alternation between assigning points to clusters and recalculating cluster centers until the clusters become stable. The main tests are the F test that is the variance among groups divided by the variance inside of groups and the Significance test (Sig. less than 0.05). Higher is F, clearer is the separation among clusters Clustering IFBs performances with SPSS Statistical Software, we obtained five groups in 2009 and three groups in Tables 1, 2 and 3 refer to the 2009 analysis. Tables 4, 5 and 6 refer to the 2010 analysis. Appendixes 1 and 2 of the paper are listing members of every cluster emerging in the 2009 and 2010 analysis. 157

5 Table 1: Final Cluster Centers 2009 Cluster Contributions/Gain or Loss Gain or Loss/Total Assets Financial Assets that are not Investments/Total Assets Investments/Total Assets Net Assets/Total Assets Table 2: ANOVA 2009 Cluster Error F Sig. Mean Square df Mean Square df Contributions/Gain or Loss Gain or Loss/Total Assets Financial Assets that are not Investments/Total Assets Investments/Total Assets Net Assets/Total Assets Table 3: Members of every cluster 2009 Cluster Valid 89 Missing 0 Table 4: Final Cluster Centers 2010 Cluster Contributions/Gain or Loss Gain or Loss/Total Assets Financial Assets that are not Investments/Total Assets Investments/Total Assets Net Assets/Total Assets

6 Table 5: ANOVA 2010 Cluster Error F Sig. Mean Square df Mean Square df Contributions/Gain or Loss Gain or Loss/Total Assets Financial Assets that are not Investments/Total Assets Investments/Total Assets Net Assets/Total Assets Table 6: Members of every cluster 2010 Cluster Valid 89 Missing Source: our elaboration on Reports 2009 and 2010 In 2009, on one side, most IFBs have prevailing Investments: clusters 3 and 5 are percent of the universe. Thanks to this financial soundness clusters 3 83 percent of Assets are Investments - and 5 58 percent of Assets are Investments - can afford a contribution rate that is more than 50 percent of their gains. On the other side, representing only percent of the universe, clusters 2 and 4 have prevailing Assets that are not Investments though they are, anyway, financial instruments. For cluster 2 the contribution rate is 0.65 and for cluster 4 it is the lowest one, only In 2009, Fondazione e Istituto Banco di Napoli cluster 1 is suffering of a loss, this isolating this IFB from the universe. In 2010 Fondazione CR Ferrara cluster 3 - shows a contribution rate that is seven times the gain, this phenomenon isolating this IFB from the universe. Cluster 2 represents 73 percent of the universe: these IFBs have such a financial soundness deriving of Investments, that they can afford a contribution rate of 60 percent. This contribution rate is greater than that one of the cluster 3: these IFBs represent percent of the universe, they have prevailing Financial Assets that are not Investments and they can afford a contribution rate of 51 percent of their gain. Both analysis show that Net Assets/Total Assets is not a significant indicator (ANOVA Tables). The financial stability of this universe is unquestionable. In both 2009 and 2010 Net Assets are more than 80 percent of Total Assets. In 2010 the Gain or Loss/Total Assets is not significant too (ANOVA Table 2010). In 2009 only one IFB is suffering of a loss while in 2010 three IFBs are depressed by a loss, though these very few cases do not result significant in the cluster analysis. Nevertheless in the Table 7 diminishing Financial Assets - Invesments and Not-Investments -, Net Assets and Gains can be verified from 2009 to 2010 in several Foundations. 159

7 Table 7: Changing performances Investments Not- Investments Foundations FONDAZIONE MONTE PIETA' 0 - FONDAZIONE BANCA DEL FONDAZIONE BANCA DEL Net Assets Gain VICENZA MONTE ROVIGO MONTE E CR FAENZA FONDAZIONE CR CITTA' DI CASTELLO FONDAZIONE CR BRA FONDAZIONE CR LORETO FONDAZIONE BANCA DEL MONTE FOGGIA FONDAZIONE CR SAVIGLIANO FONDAZIONE CARIVIT FONDAZIONE CR E BANCA MONTE DI LUGO FONDAZIONE CR SALERNITANA FONDAZIONE CR SALUZZO FONDAZIONE CR PRATO 0 0 FONDAZIONE CR CIVITAVECCHIA FONDAZIONE CR FOSSANO FONDAZIONE CR CENTO FONDAZIONE CR SPOLETO FONDAZIONE CR ORVIETO FONDAZIONE CR FOLIGNO FONDAZIONE BANCA DEL 2.889E MONTE LUCCA FONDAZIONE CR CALABRIA E LUCANIA FONDAZIONE CR FABRIANO E CUPRAMONTANA FONDAZIONE CR VIGNOLA FONDAZIONE BANCA NAZIONALE COMUNICAZIONI FONDAZIONE CR PROVINCIA DI CHIETI FONDAZIONE CR FERMO FONDAZIONE VARRONE CR RIETI FONDAZIONE CR JESI FONDAZIONE CR VERCELLI FONDAZIONE CR PUGLIA FONDAZIONE ISTITUTO BANCO DI NAPOLI FONDAZIONE MONTE PARMA

8 FONDAZIONE CR CESENA FONDAZIONE CR MIRANDOLA FONDAZIONE CR PROVINCIA DELL'AQUILA FONDAZIONE CR RIMINI FONDAZIONE CR VOLTERRA FONDAZIONE CR RAVENNA FONDAZIONE CR TERNI E NARNI FONDAZIONE CR CARRARA FONDAZIONE CR FANO FONDAZIONE TERCAS FONDAZIONE CR IMOLA FONDAZIONE CR ASCOLI PICENO FONDAZIONE CR GORIZIA FONDAZIONE CR SAN MINIATO FONDAZIONE A. DE MARI-CR SAVONA FONDAZIONE CR REGGIO EMILIA E-07 - FONDAZIONE CR FERRARA FONDAZIONE CARISPE DELLA SPEZIA FONDAZIONE CR ASTI FONDAZIONE CR LIVORNO FONDAZIONE CR TORTONA FONDAZIONE PESCARABRUZZO FONDAZIONE CR BIELLA FONDAZIONE MONTE BOLOGNA RAVENNA FONDAZIONE CR MACERATA FONDAZIONE CR PESARO FONDAZIONE CR PISTOIA E PESCIA FONDAZIONE CR CARPI FONDAZIONE CR ALESSANDRIA FONDAZIONE CR TRENTO E ROVERETO FONDAZIONE PIACENZA VIGEVANO FONDAZIONE CR UDINE E PORDENONE E FONDAZIONE CR SAN MARINO FONDAZIONE VENEZIA FONDAZIONE CR FORLI' FONDAZIONE BANCO DI SICILIA FONDAZIONE CR TRIESTE

9 FONDAZIONE CARIPISA FONDAZIONE CR PERUGIA FONDAZIONE CR BOLZANO FONDAZIONE BANCA DEL MONTE DI LOMBARDIA FONDAZIONE CR BOLOGNA FONDAZIONE CR MODENA FONDAZIONE BANCO DI SARDEGNA FONDAZIONE CASSAMARCA FONDAZIONE CARIGE FONDAZIONE CARIPARMA FONDAZIONE CR LUCCA ENTE CASSA DI RISPARMIO DI FIRENZE FONDAZIONE CR CUNEO FONDAZIONE CR PADOVA E ROVIGO FONDAZIONE ROMA FONDAZIONE CR TORINO FONDAZIONE CR VERONA VICENZA BELLUNO ANCONA FONDAZIONE MONTE DEI PASCHI DI SIENA COMPAGNIA DI SAN PAOLO FONDAZIONE CARIPLO Source: our elaboration on Reports 2009 and IFBs are ordered for increasing 2010 Net Assets (euro). The financial soundness of IFBs may be depressed in the future if the international financial markets do not recover from their collapsing trends. Most assets of this universe are, in fact, equities or other investments in the bank and financial industry. From 2009 to percent of IFBs suffered of negative variations of Investments, percent of them had diminishing Not-Investments (Table 7). From 2009 to percent of these foundations experienced diminishing gains, only 8 of them showed diminishing Net Assets. They should, therefore, reconsider some shareholding though the flop is quite generalized and it was not foreseeable in the latest timing of financial trends. 4. Conclusions, limitations and future research At hard times both the Public Welfare State and the Private One have to support good causes who are struggling to survive with very scarce resources. The Italian Private Welfare Role is particularly played by grant-making foundations. The biggest ones are Foundations of Banking Origin. As the analysis has stressed, this origin can be a constraint: most of their assets are of a financial type, shares of banks or any other financial and credit industry. If the 162

10 financial industry is not flourishing, they can therefore suffer of diminishing returns. In this empirical research IFBs can ensure a very high contribution rate both in 2009 and 2010, as they can profit by gains that are, otherwise, diminishing for percent of them from This origin can be a binding commitment too. At hard times European rules and national policies are binding IFBs to sustain quotations of the bank industry. This can imply dangerous consequences: if assets of the bank industry are not recovering their pre-crisis quotations, losses will proliferate. There are some limitations associated to our study. First of all, the selected universe refers to a main Private Welfare State. Nevertheless, as mentioned in the second paragraph, Italian good causes survive also thanking corporations that love and sponsor them. The analysis should be extended to sponsorships considering that sponsors are not only of a bank origin but they also represent several industries of the so-called Made in Italy. They can be suffering of the international crisis or they can profit by high gains thanks to increasing Italian exports despite of the crisis. High gains could, as a consequence, determine high contributions. It could be interesting to verify the present and future philanthropic sustainability of Italian sponsors and compare it with IFBs experience. The exposure to financial markets can be a limit for IFBs and any other grantmaker. To understand the extent and implications of the profiling here investigated, it could be useful both to widen the philanthropic universe with other categories of grant-makers and considering a longer period, before and after the crisis. When the end of the crisis may be, it is not foreseeable and caution in financial investments is strongly recommended for all grant-makers. References ACRI-Associazione delle Casse di Risparmio italiane. ( ), Reports, online at Armingeon,K. - Beyeler,M., Eds. (2008), The OECD and European Welfare States. Cheltenham: Edward Elgar. Barr,N. (1993), The Economics of the Welfare State. Oxford University Press. Ben-Ner,A. (2002), The Shifting Boundaries of the Mixed Economy and the Future of the Nonprofit Sector, Annals of Public and Cooperative Economics, 73(1):5-40. Ben-Ner,A. (2003), For-Profit, State, and Nonprofit: How to Cut the Pie among the Three Sectors, paper presented at the Conference Public Sector, Private Sector: New National and International Frontiers, Paris, France, October 2-3, Bonoli,G. George,V. - Taylor-Gooby,P. (2000), European Welfare Futures: Towards a Theory of Retrenchment. Cambridge: Polity Press. Bowles,P. and Wagman,B. (1997), Globalisation and the Welfare State: Four Hypotheses and Some Empirical Evidence, Eastern Economic Journal, 23(3): Chhaochharia,V. - Gosh, S. (2008), Do Charity Ratings matter?, paper provided by Department of Economics, College of Business, Florida Atlantic University in its series Working Papers with number

11 Gordon,T.P. - Knoch,C.L. - Neely,D.G. (2009), The role of rating agencies in the market for charitable contributions: An empirical test, Journal of Accounting and Public Policy, 28: Gough,I. (2009), The Political Economy of the Welfare State briefly revisited, Working Paper of the European Research Institute, University of Bath. Hacker,J. (2002), The Divided Welfare State: The Battle over Public and Private Social Benefits in the United States. Cambridge University Press. Klein,J. (2003), For All These Rights: Business, Labor, and the Shaping of America s Public-Private Welfare State. Princeton University Press. Korpi,W. (2003), Welfare State Regress in Western Europe: politics, institutions, globalization and Europeanization, Working Paper 5/2003 of the Swedish Institute for Social Research, Stockholm University. Kuhnle,S. Ed. (2000), Survival of the European Welfare State. London: Routledge. Leibfried,S. Ed. (2001), Welfare State Futures. Cambridge: Cambridge University Press. Palier,B. - Sykes,R. (2001), Challenges and Change: Issues and Perspectives in the Analysis of Globalization and the European Welfare States in Globalization and European Welfare States: Challenges and Change (Palier, B., Prior P.M., Sykes R. eds), Basingstoke: Palgrave, Pitlik,H. (2007), A race to liberalization? Diffusion of economic policy reform among OECD-economies, Public Choice 132: Ragioneria generale dello Stato, Relazione illustrativa del conto del bilancio 2010, online at Salamon,L. - Geller,S. - Spence,K. (2009), Impact of the Economic Recession on Nonprofit Organizations. Baltimore, Johns Hopkins University, Listening Post Project. Seaman,B.A. - Young, D.R. (2010), Handbook of research on nonprofit economics and management. Cheltenham: Edward Elgar. Weisbrod,B.A. (1975), Towards a Theory of the Voluntary Nonprofit Sector in a Three Sector Economy in Altruism. Morality and Economic Theory (Phelps, E., Ed.), Weisbrod,B.A. (1988), The Nonprofit Economy. Cambridge, MA: Harvard University Press. 164

12 Appendix 1 Table: Membership of clusters 2009 Foundations Cluster FONDAZIONE ISTITUTO BANCO DI NAPOLI 1 FONDAZIONE CARIVIT 2 FONDAZIONE CARIPLO 2 FONDAZIONE CR FOLIGNO 2 FONDAZIONE CR IMOLA 2 FONDAZIONE PESCARABRUZZO 2 FONDAZIONE CR TORTONA 2 FONDAZIONE CR VIGNOLA 2 FONDAZIONE CR SALERNITANA 2 FONDAZIONE A. DE MARI-CR SAVONA 3 FONDAZIONE BANCA DEL MONTE FOGGIA 3 FONDAZIONE BANCA DEL MONTE ROVIGO 3 FONDAZIONE BANCA DEL MONTE E CR FAENZA 3 FONDAZIONE BANCO DI SARDEGNA 3 FONDAZIONE CR LIVORNO 3 FONDAZIONE CR PROVINCIA DI CHIETI 3 FONDAZIONE TERCAS 3 FONDAZIONE CR ALESSANDRIA 3 FONDAZIONE CR ASTI 3 FONDAZIONE CR BOLZANO 3 FONDAZIONE CR BRA 3 FONDAZIONE CR CESENA 3 FONDAZIONE CR CIVITAVECCHIA 3 FONDAZIONE CR FABRIANO E CUPRAMONTANA 3 FONDAZIONE CR FERMO 3 FONDAZIONE CR FERRARA 3 FONDAZIONE CR FOSSANO 3 FONDAZIONE CARIGE 3 FONDAZIONE CR LUCCA 3 FONDAZIONE CARIPARMA 3 FONDAZIONE CR RAVENNA 3 FONDAZIONE CARIPISA 3 FONDAZIONE CR PRATO 3 FONDAZIONE CR PUGLIA 3 FONDAZIONE CR REGGIO EMILIA 3 FONDAZIONE VARRONE CR RIETI 3 FONDAZIONE CR SAN MINIATO 3 FONDAZIONE CR SAVIGLIANO 3 FONDAZIONE CR TERNI E NARNI 3 FONDAZIONE CR TORINO 3 FONDAZIONE CR TRIESTE 3 FONDAZIONE CR VERONA VICENZA BELLUNO ANCONA 3 FONDAZIONE CR BOLOGNA 3 FONDAZIONE CASSAMARCA 3 FONDAZIONE MONTE BOLOGNA RAVENNA 3 FONDAZIONE PIACENZA VIGEVANO 3 FONDAZIONE VENEZIA 3 FONDAZIONE MONTE PIETA' VICENZA 3 FONDAZIONE CR SAN MARINO 3 FONDAZIONE MONTE DEI PASCHI DI SIENA 3 165

13 FONDAZIONE MONTE PARMA 3 FONDAZIONE BANCA NAZIONALE COMUNICAZIONI 4 FONDAZIONE BANCO DI SICILIA 4 FONDAZIONE CR ASCOLI PICENO 4 FONDAZIONE CR CALABRIA E LUCANIA 4 FONDAZIONE CR LORETO 4 FONDAZIONE CR MIRANDOLA 4 FONDAZIONE CR ORVIETO 4 FONDAZIONE ROMA 4 FONDAZIONE CR VERCELLI 4 COMPAGNIA DI SAN PAOLO 5 ENTE CASSA DI RISPARMIO DI FIRENZE 5 FONDAZIONE BANCA DEL MONTE DI LOMBARDIA 5 FONDAZIONE BANCA DEL MONTE LUCCA 5 FONDAZIONE CR FORLI' 5 FONDAZIONE CR PROVINCIA DELL'AQUILA 5 FONDAZIONE CR MACERATA 5 FONDAZIONE CARISPE DELLA SPEZIA 5 FONDAZIONE CR BIELLA 5 FONDAZIONE CR CARPI 5 FONDAZIONE CR CARRARA 5 FONDAZIONE CR CENTO 5 FONDAZIONE CR CITTA' DI CASTELLO 5 FONDAZIONE CR CUNEO 5 FONDAZIONE CR FANO 5 FONDAZIONE CR GORIZIA 5 FONDAZIONE CR JESI 5 FONDAZIONE CR PERUGIA 5 FONDAZIONE CR MODENA 5 FONDAZIONE CR PADOVA E ROVIGO 5 FONDAZIONE CR PESARO 5 FONDAZIONE CR PISTOIA E PESCIA 5 FONDAZIONE CR RIMINI 5 FONDAZIONE CR SALUZZO 5 FONDAZIONE CR SPOLETO 5 FONDAZIONE CR TRENTO E ROVERETO 5 FONDAZIONE CR UDINE E PORDENONE 5 FONDAZIONE CR VOLTERRA 5 FONDAZIONE CR E BANCA MONTE DI LUGO 5 166

14 Appendix 2 Table: Membership of clusters 2010 COMPAGNIA DI SAN PAOLO 1 FONDAZIONE BANCA DEL MONTE LUCCA 1 FONDAZIONE BANCA NAZIONALE COMUNICAZIONI 1 FONDAZIONE BANCO DI SICILIA 1 FONDAZIONE CARIVIT 1 FONDAZIONE CR FORLI' 1 FONDAZIONE CR MACERATA 1 FONDAZIONE CARISPE DELLA SPEZIA 1 FONDAZIONE CARIPLO 1 FONDAZIONE CR ASCOLI PICENO 1 FONDAZIONE CR CALABRIA E LUCANIA 1 FONDAZIONE CR CITTA' DI CASTELLO 1 FONDAZIONE CR FOLIGNO 1 FONDAZIONE CR IMOLA 1 FONDAZIONE CR LORETO 1 FONDAZIONE CR MIRANDOLA 1 FONDAZIONE CR PERUGIA 1 FONDAZIONE CR ORVIETO 1 FONDAZIONE PESCARABRUZZO 1 FONDAZIONE CR PISTOIA E PESCIA 1 FONDAZIONE ROMA 1 FONDAZIONE CR VIGNOLA 1 FONDAZIONE CR SALERNITANA 1 ENTE CASSA DI RISPARMIO DI FIRENZE 2 FONDAZIONE A. DE MARI-CR SAVONA 2 FONDAZIONE BANCA DEL MONTE FOGGIA 2 FONDAZIONE BANCA DEL MONTE DI LOMBARDIA 2 FONDAZIONE BANCA DEL MONTE ROVIGO 2 FONDAZIONE BANCA DEL MONTE E CR FAENZA 2 FONDAZIONE BANCO DI SARDEGNA 2 FONDAZIONE CR LIVORNO 2 FONDAZIONE CR PROVINCIA DELL'AQUILA 2 FONDAZIONE CR PROVINCIA DI CHIETI 2 FONDAZIONE TERCAS 2 FONDAZIONE CR ALESSANDRIA 2 FONDAZIONE CR ASTI 2 FONDAZIONE CR BIELLA 2 FONDAZIONE CR BOLZANO 2 FONDAZIONE CR BRA 2 FONDAZIONE CR CARPI 2 FONDAZIONE CR CARRARA 2 FONDAZIONE CR CENTO 2 FONDAZIONE CR CESENA 2 FONDAZIONE CR CIVITAVECCHIA 2 FONDAZIONE CR CUNEO 2 FONDAZIONE CR FABRIANO E CUPRAMONTANA 2 FONDAZIONE CR FANO 2 FONDAZIONE CR FERMO 2 FONDAZIONE CR FOSSANO 2 FONDAZIONE CARIGE 2 FONDAZIONE CR GORIZIA 2 FONDAZIONE CR JESI 2 FONDAZIONE CR LUCCA 2 FONDAZIONE CR MODENA 2 167

15 FONDAZIONE CR PADOVA E ROVIGO 2 FONDAZIONE CARIPARMA 2 FONDAZIONE CR PESARO 2 FONDAZIONE CR RAVENNA 2 FONDAZIONE CARIPISA 2 FONDAZIONE CR PRATO 2 FONDAZIONE CR PUGLIA 2 FONDAZIONE CR REGGIO EMILIA 2 FONDAZIONE VARRONE CR RIETI 2 FONDAZIONE CR RIMINI 2 FONDAZIONE CR SALUZZO 2 FONDAZIONE CR SAN MINIATO 2 FONDAZIONE CR SAVIGLIANO 2 FONDAZIONE CR SPOLETO 2 FONDAZIONE CR TERNI E NARNI 2 FONDAZIONE CR TORINO 2 FONDAZIONE CR TORTONA 2 FONDAZIONE CR TRIESTE 2 FONDAZIONE CR TRENTO E ROVERETO 2 FONDAZIONE CR UDINE E PORDENONE 2 FONDAZIONE CR VERCELLI 2 FONDAZIONE CR VERONA VICENZA BELLUNO ANCONA 2 FONDAZIONE CR VOLTERRA 2 FONDAZIONE CR E BANCA MONTE DI LUGO 2 FONDAZIONE CR BOLOGNA 2 FONDAZIONE CASSAMARCA 2 FONDAZIONE MONTE BOLOGNA RAVENNA 2 FONDAZIONE PIACENZA VIGEVANO 2 FONDAZIONE VENEZIA 2 FONDAZIONE MONTE PIETA' VICENZA 2 FONDAZIONE ISTITUTO BANCO DI NAPOLI 2 FONDAZIONE CR SAN MARINO 2 FONDAZIONE MONTE DEI PASCHI DI SIENA 2 FONDAZIONE MONTE PARMA 2 FONDAZIONE CR FERRARA 3 168

LE ASSOCIATE ACRI FONDAZIONI DI ORIGINE BANCARIA

LE ASSOCIATE ACRI FONDAZIONI DI ORIGINE BANCARIA LE ASSOCIATE ACRI FONDAZIONI DI ORIGINE BANCARIA Abruzzo Fondazione Cassa di Risparmio della Provincia dell Aquila Fondazione Cassa di Risparmio della Provincia di Chieti Fondazione Pescarabruzzo Fondazione

Dettagli

Comunicato stampa/press Release n. 62/2014

Comunicato stampa/press Release n. 62/2014 Comunicazione Esterna Ufficio Stampa Comunicato stampa/press Release n. 62/2014 CDP RETI: entrano investitori istituzionali italiani / CDP RETI: Italian institutional investors to acquire a stake Roma,

Dettagli

Bilancio 2012 Financial Statements 2012

Bilancio 2012 Financial Statements 2012 Bilancio Financial Statements IT La struttura di Medici con l Africa CUAMM è giuridicamente integrata all interno della Fondazione Opera San Francesco Saverio. Il bilancio, pur essendo unico, si compone

Dettagli

MISSION TEAM CORPORATE FINANCE BADIALI CONSULTING TAX & COMPANY NETWORK CONTATTI

MISSION TEAM CORPORATE FINANCE BADIALI CONSULTING TAX & COMPANY NETWORK CONTATTI MISSION TEAM BADIALI CONSULTING CORPORATE FINANCE TAX & COMPANY NETWORK CONTATTI MISSION "contribuire al successo dei nostri clienti attraverso servizi di consulenza di alta qualitá" "to contribute to

Dettagli

Strutture Sanitarie convenzionate da UniSalute per il Fondo mètasalute

Strutture Sanitarie convenzionate da UniSalute per il Fondo mètasalute Strutture Sanitarie convenzionate da UniSalute per il Fondo mètasalute ABRUZZO Case di cura / Ospedali / Day-Surgery CHIETI e provincia L'AQUILA e provincia PESCARA e provincia Centri diagnostici /Poliambulatori/Studi

Dettagli

E-Business Consulting S.r.l.

E-Business Consulting S.r.l. e Rovigo S.r.l. Chi siamo Scenario Chi siamo Missione Plus Offerti Mercato Missionedi riferimento Posizionamento Metodologia Operativa Strategia Comunicazione Digitale Servizi Esempidi consulenza Clienti

Dettagli

Participatory Budgeting in Regione Lazio

Participatory Budgeting in Regione Lazio Participatory Budgeting in Regione Lazio Participation The Government of Regione Lazio believes that the Participatory Budgeting it is not just an exercise to share information with local communities and

Dettagli

AGRIGENTO Ass. Amministrativo 584 561 23 2 ALESSANDRIA Ass. Amministrativo 332 307 25 2 ANCONA Ass. Amministrativo 451 380 71 5 AREZZO Ass. Amministrativo 337 270 67 5 ASCOLI PICENO Ass. Amministrativo

Dettagli

Abruzzo Basilicata Calabria. Reggio Calabria. Vibo Valentia. Grado di istruzione / Classe di concorso

Abruzzo Basilicata Calabria. Reggio Calabria. Vibo Valentia. Grado di istruzione / Classe di concorso Chieti L'Aquila Pescara Teramo Matera Potenza Catanzaro Cosenza Crotone 3 7 3 5 6 4 5 7 6 A03 CHIMICA E TECNOLOGIE CHIMICHE A06 COSTRUZIONI E TECNICO A07 DISCIPLINE ECONOMICO-AZIENDALI 3 A09 DISCIPLINE

Dettagli

- DISTRIBUZIONE TERRITORIALE IN ITALIA DEL NETWORK ODONTOIATRICO -

- DISTRIBUZIONE TERRITORIALE IN ITALIA DEL NETWORK ODONTOIATRICO - - DISTRIBUZIONE TERRITORIALE IN ITALIA DEL NETWORK ODONTOIATRICO - DISTRIBUZIONE TERRITORIALE IN ITALIA DEL NETWORK ODONTOIATRICO Previnet è in grado di mettere a disposizione dei propri clienti un network

Dettagli

AGIMEG Agenzia Giornalistica sul Mercato del Gioco

AGIMEG Agenzia Giornalistica sul Mercato del Gioco http://www.agimeg.it/?p=2768 AGIMEG Agenzia Giornalistica sul Mercato del Gioco Giochi 2012, Milano la provincia dove si è giocato di più. In sole 4 province finisce il 25% delle giocate Sul podio anche

Dettagli

Abruzzo Chieti 2 Abruzzo L' Aquila 2 Abruzzo Pescara 0 Abruzzo Teramo Totale Abruzzo. 12 Basilicata Matera 0 Basilicata Potenza Totale Basilicata

Abruzzo Chieti 2 Abruzzo L' Aquila 2 Abruzzo Pescara 0 Abruzzo Teramo Totale Abruzzo. 12 Basilicata Matera 0 Basilicata Potenza Totale Basilicata Mobilità professionale personale ATA profilo professionale DSGA Destinatari dei corsi di di cui all'art. 7 CCNI 3.12.29 - art. 1, comma 2, sequenza contrattuale 25.7.28 - (ex art. 48 CCNL/27) DSGA Personale

Dettagli

FONDAZIONE ENASARCO ORGANIZZAZIONE UFFICI PERIFERICI

FONDAZIONE ENASARCO ORGANIZZAZIONE UFFICI PERIFERICI FONDAZIONE ENASARCO ORGANIZZAZIONE UFFICI PERIFERICI ABRUZZO - MOLISE UFFICIO ISPETTIVO DI PESCARA Pescara, Chieti, L'Aquila, Teramo, Campobasso, Isernia Via Latina n.7 -. 65121 Pescara Telefono 06 5793.3110

Dettagli

PIANO DI STUDI. Primo anno di corso

PIANO DI STUDI. Primo anno di corso PIANO DI STUDI Laurea in Economia, commercio internazionale e mercati finanziari (DM 270/04) L-33 Bachelor degree in Italian and in English (2 curricula in English) 1) CURRICULUM: Economia internazionale

Dettagli

Tabelledettaglioscuolasecondaria.xls Secondaria di I grado

Tabelledettaglioscuolasecondaria.xls Secondaria di I grado PIEMONTE ALESSANDRIA A028 EDUCAZIONE ARTISTICA 1 PIEMONTE ALESSANDRIA A032 EDUCAZIONE MUSICALE NELLA SCUOLA MEDIA 1 PIEMONTE ALESSANDRIA A033 EDUCAZIONE TECNICA NELLA SCUOLA MEDIA 1 PIEMONTE ALESSANDRIA

Dettagli

Innovating in not metropolitan area C2C Final Conference Potsdam, 25/03/2014

Innovating in not metropolitan area C2C Final Conference Potsdam, 25/03/2014 Impact Hub Rovereto Innovating in not metropolitan area C2C Final Conference Potsdam, 25/03/2014 Impact Hub believes in power of innovation through collaboration Impact'Hub'is'a'global'network'of' people'and'spaces'enabling'social'

Dettagli

cmg FIRE ATTITUDE ABRUZZO BASILICATA ANDRIANÒ FABRIZIO Provincia: Chieti, L Aquila, Pescara, Teramo

cmg FIRE ATTITUDE ABRUZZO BASILICATA ANDRIANÒ FABRIZIO Provincia: Chieti, L Aquila, Pescara, Teramo ABRUZZO ANDRIANÒ FABRIZIO Provincia: Chieti, L Aquila, Pescara, Teramo Tel.: 338 7339896 mail: fabrizio.andriano@gmail.com BASILICATA DANIELE RAFFAELE & FIGLI sas Provincia: Potenza Tel.: 335 6226928 mail:

Dettagli

MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI. Prospetto Informativo on line

MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI. Prospetto Informativo on line MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI Prospetto Informativo on line Ricevuta del prospetto Tipo comunicazione Codice comunicazione 01 - Prospetto informativo 1001514C00394126 Data invio 13/02/2014

Dettagli

INFORMATIVA EMITTENTI N. 18/12

INFORMATIVA EMITTENTI N. 18/12 INFORMATIVA EMITTENTI N. 18/12 Data: 10/02/2012 Ora: 15:05 Mittente: UniCredit S.p.A. Oggetto: Risultati definitivi dell aumento di capitale in opzione agli azionisti ordinari e di risparmio / Final results

Dettagli

I Contratti di Rete. Rassegna dei principali risultati quantitativi. Elaborazioni Unioncamere su dati Infocamere (aggiornamento all 1 dicembre 2013)

I Contratti di Rete. Rassegna dei principali risultati quantitativi. Elaborazioni Unioncamere su dati Infocamere (aggiornamento all 1 dicembre 2013) I Contratti di Rete Elaborazioni Unioncamere su dati Infocamere (aggiornamento all 1 dicembre 2013) I contratti di rete Il monitoraggio sui Contratti di rete di Unioncamere, su dati Infocamere, mette in

Dettagli

MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI. Prospetto Informativo on line

MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI. Prospetto Informativo on line MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI Prospetto Informativo on line Ricevuta del prospetto Soggetto che effettua la comunicazione 011 - Consorzi e Gruppi di imprese (art. 31, d.lgs. 276/2003)

Dettagli

SINTESI DELLO STUDIO

SINTESI DELLO STUDIO SINTESI DELLO STUDIO CARO AFFITTI E COSTO PER LA CASA: DIFFICOLTA DA RISOLVERE Maggio 2009 Nel II semestre 2008 le famiglie italiane per pagare l affitto della casa in cui vivono hanno impiegato il 26,4%

Dettagli

Elenco soggetti abilitati da Poste Italiane al servizio di pagamento dei bollettini:

Elenco soggetti abilitati da Poste Italiane al servizio di pagamento dei bollettini: Elenco soggetti abilitati da Poste Italiane al servizio di pagamento dei bollettini: Tabaccai Convenzionati con Banca ITB; Bennet S.p.A; Esselunga S.p.A; Carrefour; Conad Adriatico Soc. Coop; Tigros S.p.A;

Dettagli

Fermo Potenza Firenze Prato Fonte: UIL Servizio Politiche Territoriali

Fermo Potenza Firenze Prato Fonte: UIL Servizio Politiche Territoriali LA MAPPA DELLE CITTA DOVE IL 16 OTTOBRE SI PAGHERA L ACCONTO TASI CITTA CITTA CITTA Agrigento Foggia Ragusa Alessandria Gorizia Ravenna Ascoli Piceno Grosseto Reggio Calabria Asti Imperia Rieti Avellino

Dettagli

Grafico 1: Distribuzione % premi del lavoro diretto italiano 2011

Grafico 1: Distribuzione % premi del lavoro diretto italiano 2011 GRAFICI STATISTICI Grafico 1: Distribuzione % premi del lavoro diretto italiano 211 RAMI VITA - Premi lordi contabilizzati per ramo di attività e per tipologia di premio: 73.869 milioni di euro Malattia,

Dettagli

OGGETTO: Verbale di Accordo del 16 luglio 2009 - inserimenti sportelleria.

OGGETTO: Verbale di Accordo del 16 luglio 2009 - inserimenti sportelleria. Risorse Umane ed Organizzazione Relazioni Industriali Alle Segreterie Nazionali delle OO.SS. SLC-CGIL SLP-CISL UIL-POST FAILP-CISAL CONFSAL. COM.NI UGL-COM.NI Roma, 2 dicembre 2009 OGGETTO: Verbale di

Dettagli

Consumo carburanti (litri procapite) % autovetture cilindrata > 2.000 cc 20.511,2 2.725 1.134 519,1 7,33 61,71 5,89 0,41 0,44

Consumo carburanti (litri procapite) % autovetture cilindrata > 2.000 cc 20.511,2 2.725 1.134 519,1 7,33 61,71 5,89 0,41 0,44 LA CLASSIFICA REGIONALE Il confronto tra reddito disponibile e i sette indicatori di consumo nel 2008 Posizione REGIONI Reddito disponibile (euro procapite) Consumi alimentari (euro) Consumo energia elettrica

Dettagli

Newborn Upfront Payment & Newborn Supplement

Newborn Upfront Payment & Newborn Supplement ITALIAN Newborn Upfront Payment & Newborn Supplement Female 1: Ormai manca poco al parto e devo pensare alla mia situazione economica. Ho sentito dire che il governo non sovvenziona più il Baby Bonus.

Dettagli

Il credit crunch nell economia italiana e per le piccole imprese

Il credit crunch nell economia italiana e per le piccole imprese 17 giugno 2013 Il credit crunch nell economia italiana e per le piccole imprese I dati desk sul credito alle imprese Dall avvento della crisi (dal 2008 in poi) l andamento dei prestiti alle imprese italiane

Dettagli

Competenza territoriale per le province di Ancona, Ascoli Piceno, Pesaro e Urbino, Macerata,

Competenza territoriale per le province di Ancona, Ascoli Piceno, Pesaro e Urbino, Macerata, ALESSANDRIA Competenza territoriale per le province di Alessandria, Asti Via A. Gramsci, 2 15121 Alessandria Tel. 0131/316265 e-mail: alessandria.r.dipartimento@inail.it-posta certificata: alessandriaricerca@postacert.inail.it

Dettagli

Breve sintesi - 2012

Breve sintesi - 2012 Breve sintesi - 2012 L Italia e l Europa nel 2012 Nel 2010 l Assemblea Generale delle Nazioni Unite ha proclamato un nuovo decennio di iniziative per la Sicurezza Stradale 2011-2020 al fine di ridurre

Dettagli

Corsi di Laurea Magistrale/ Master Degree Programs

Corsi di Laurea Magistrale/ Master Degree Programs Corsi di Laurea Magistrale/ Master Degree Programs Studenti iscritti al I anno (immatricolati nell a.a. 2014-2015 / Students enrolled A. Y. 2014-2015) Piano di studi 17-27 Novembre 2014 (tramite web self-service)

Dettagli

REGIONE UFFICIO INCARICO LIVELLO

REGIONE UFFICIO INCARICO LIVELLO ABRUZZO DR ABRUZZO AREA DI STAFF AL DIRETTORE REGIONALE ABRUZZO DR ABRUZZO CENTRO DI ASSISTENZA MULTICANALE DI PESCARA ABRUZZO DR ABRUZZO DIRETTORE REGIONALE AGGIUNTO 1 ABRUZZO DR ABRUZZO UFFICIO ACCERTAMENTO

Dettagli

On Line Press Agency - Price List 2014

On Line Press Agency - Price List 2014 On Line Press Agency - Price List Partnerships with Il Sole 24 Ore Guida Viaggi, under the brand GVBusiness, is the official publishing contents supplier of Il Sole 24 Ore - Viaggi 24 web edition, more

Dettagli

IMU: PENALIZZATI I PENSIONATI E I LAVORATORI DIPENDENTI E PENSIONATI, SALVAGUARDATI I SOLITI IGNOTI

IMU: PENALIZZATI I PENSIONATI E I LAVORATORI DIPENDENTI E PENSIONATI, SALVAGUARDATI I SOLITI IGNOTI : PENALIZZATI I PENSIONATI E I LAVORATORI DIPENDENTI E PENSIONATI, SALVAGUARDATI I SOLITI IGNOTI. ABITAZIONE PRINCIPALE DA 33 A 133 MEDI EURO L ANNO. SECONDE CASE SCONTI IN 59 CITTA PER I REDDITI MEDIO

Dettagli

3) Contributi integrativi volontari di cui all art.4 del D.P.R. N.1432/1971. a) Operai agricoli a tempo determinato;

3) Contributi integrativi volontari di cui all art.4 del D.P.R. N.1432/1971. a) Operai agricoli a tempo determinato; Versamenti volontari del settore agricolo - Anno 2005 (Inps, Circolare 29 luglio 2005 n. 98) Si illustrano di seguito le modalità di calcolo, per l anno in corso, dei contributi volontari relative alle

Dettagli

Diversity: un opportunità per il business Diversity: a key business opportunity. Che cos è Parks What is Parks?

Diversity: un opportunità per il business Diversity: a key business opportunity. Che cos è Parks What is Parks? Diversity: un opportunità per il business Diversity: a key business opportunity In un clima economico in cui ogni azienda si trova di fronte alla necessità di razionalizzare le proprie risorse e di massimizzare

Dettagli

Prof. Gustavo Piga EBRD International Master in Public Procurement Management, Director University of Rome Tor Vergata www.gustavopiga.

Prof. Gustavo Piga EBRD International Master in Public Procurement Management, Director University of Rome Tor Vergata www.gustavopiga. Appaltipubblicie professionalità. Il Master BERS-Tor Vergata Public Procurement in EBRD Projects September 26 th 2012 Chamber of Commerce of Trieste Trieste, Italy Prof. Gustavo Piga EBRD International

Dettagli

AMBITI del 1 RAGGRUPPAMENTO dell'all. 1 DM 226/2011

AMBITI del 1 RAGGRUPPAMENTO dell'all. 1 DM 226/2011 Tabella riportante per ciascun ambito le date aggiornate per l intervento sostitutivo della Regione di cui all'articolo 3 del, in caso di mancato avvio della gara da parte dei Comuni, in seguito a DL n.69/2013

Dettagli

SMART CITY INDEX. La misurazione del livello di «smartness» Marco Mena

SMART CITY INDEX. La misurazione del livello di «smartness» Marco Mena SMART CITY INDEX La misurazione del livello di «smartness» Marco Mena Lo Smart City Index Al fine di misurare il livello di smartness di una città, Between ha creato lo Smart City Index, un ranking delle

Dettagli

ATTESTATO DELL ATTIVITÀ DI VOLONTARIATO CERTIFICATE OF VOLUNTARY ACTIVITIES

ATTESTATO DELL ATTIVITÀ DI VOLONTARIATO CERTIFICATE OF VOLUNTARY ACTIVITIES ASSOCIAZIONE CONSORTI DIPENDENTI MINISTERO AFFARI ESTERI ATTESTATO DELL ATTIVITÀ DI VOLONTARIATO CERTIFICATE OF VOLUNTARY ACTIVITIES ASSOCIAZIONE CONSORT I DIPENDENTI MINISTE RO AFFARI ESTER I ATTESTATO

Dettagli

U Corso di italiano, Lezione Quindici

U Corso di italiano, Lezione Quindici 1 U Corso di italiano, Lezione Quindici U Buongiorno, anche in questa lezione iniziamo con qualche dialogo formale M Good morning, in this lesson as well, let s start with some formal dialogues U Buongiorno,

Dettagli

up date basic medium plus UPDATE

up date basic medium plus UPDATE up date basic medium plus UPDATE Se si potesse racchiudere il senso del XXI secolo in una parola, questa sarebbe AGGIORNAMENTO, continuo, costante, veloce. Con UpDate abbiamo connesso questa parola all

Dettagli

IN ARRIVO LO SPAURACCHIO TASI: CON LA PRIMA RATA DI GIUGNO I COMUNI INCASSERANNO 2,3 MILIARDI DI EURO

IN ARRIVO LO SPAURACCHIO TASI: CON LA PRIMA RATA DI GIUGNO I COMUNI INCASSERANNO 2,3 MILIARDI DI EURO IN ARRIVO LO SPAURACCHIO TASI: CON LA PRIMA RATA DI GIUGNO I COMUNI INCASSERANNO 2,3 MILIARDI DI EURO Con la scadenza della prima rata della Tasi prevista per il prossimo 16 giugno, i Comuni incasseranno

Dettagli

Investor Group Presentation

Investor Group Presentation Investor Group Presentation Lugano September 19th, 2014 «La prima parte del viaggio - Fact Sheet 2008-2014» (1/2) L acquisizione di DataService a metà 2007 guidata da Tamburi Investment Partner è origine

Dettagli

Attività di soccorso svolte dal Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco

Attività di soccorso svolte dal Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco Cod. ISTAT INT 00012 AREA: Ambiente e Territorio Settore di interesse: Ambiente Attività di soccorso svolte dal Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco Titolare: Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso

Dettagli

Il fabbisogno abitativo Rinnovata emergenza

Il fabbisogno abitativo Rinnovata emergenza Il fabbisogno abitativo Rinnovata emergenza 2 Rapporto Famiglia-reddito-casa A cura della UIL Servizio Politiche Territoriali Novembre 2008 1 INDICE Nota introduttiva pag. 3 Dati demografici pag. 4 Tabella

Dettagli

www.oktradesignal.com SANTE PELLEGRINO

www.oktradesignal.com SANTE PELLEGRINO www.oktradesignal.com SANTE PELLEGRINO Una semplice strategia per i traders intraday Simple strategy for intraday traders INTRADAY TRADER TIPI DI TRADERS TYPES OF TRADERS LAVORANO/OPERATE < 1 Day DAY TRADER

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO. Instructions to apply for exams ONLINE Version 01 updated on 17/11/2014

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO. Instructions to apply for exams ONLINE Version 01 updated on 17/11/2014 Instructions to apply for exams ONLINE Version 01 updated on 17/11/2014 Didactic offer Incoming students 2014/2015 can take exams of courses scheduled in the a.y. 2014/2015 and offered by the Department

Dettagli

IL DIRETTORE. VISTI lo Statuto e il Regolamento di amministrazione dell Agenzia delle dogane;

IL DIRETTORE. VISTI lo Statuto e il Regolamento di amministrazione dell Agenzia delle dogane; Prot. n. 29228 IL DIRETTORE VISTO il decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300; VISTO il decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165; VISTI lo Statuto e il Regolamento di amministrazione dell Agenzia delle

Dettagli

DOSSIER RIFIUTI 1 OSSERVATORIO PREZZI E TARIFFE DICEMBRE 2010

DOSSIER RIFIUTI 1 OSSERVATORIO PREZZI E TARIFFE DICEMBRE 2010 La produzione di rifiuti urbani in Italia DOSSIER RIFIUTI 1 OSSERVATORIO PREZZI E TARIFFE DICEMBRE 2010 L Osservatorio prezzi e tariffe di Cittadinanzattiva, ha svolto per la quarta annualità un indagine

Dettagli

Italian Derivatives Raffaele Mazzeo & Antonio Digiamma

Italian Derivatives Raffaele Mazzeo & Antonio Digiamma Www.ebitda.it Facebook:Ebitda Twitter: Ebitda Discussion Paper Italian Derivatives Raffaele Mazzeo & Antonio Digiamma Numero 10 Marzo 2014 Analysis methodology The fair value recognition of derivative

Dettagli

CRISI Confartigianato: La crisi del credito costa alle imprese 13,8 miliardi l anno

CRISI Confartigianato: La crisi del credito costa alle imprese 13,8 miliardi l anno NOTA PER LA STAMPA Roma, 17 aprile 2009 CRISI Confartigianato: La crisi del credito costa alle imprese 13,8 miliardi l anno Le imprese italiane pagano un prezzo sempre più alto per la crisi del credito:

Dettagli

Attività di soccorso svolte dal Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco

Attività di soccorso svolte dal Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco Cod. ISTAT INT 00012 AREA: Ambiente e Territorio Settore di interesse: Ambiente Attività di soccorso svolte dal Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco Titolare: Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso

Dettagli

APPENDICE A. DATI CLIMATICI

APPENDICE A. DATI CLIMATICI APPENDICE A. DATI CLIMATICI A.1 Temperature esterne invernali di progetto UNI 5364 Torino -8 Reggio Emilia -5 Alessandria -8 Ancona -2 Asti -8 Ascoli Piceno -2 Cuneo -10 Macerata -2 Alta valle cuneese

Dettagli

Copyright 2012 Binary System srl 29122 Piacenza ITALIA Via Coppalati, 6 P.IVA 01614510335 - info@binarysystem.eu http://www.binarysystem.

Copyright 2012 Binary System srl 29122 Piacenza ITALIA Via Coppalati, 6 P.IVA 01614510335 - info@binarysystem.eu http://www.binarysystem. CRWM CRWM (Web Content Relationship Management) has the main features for managing customer relationships from the first contact to after sales. The main functions of the application include: managing

Dettagli

Contributo per l assistenza all infanzia

Contributo per l assistenza all infanzia ITALIAN Contributo per l assistenza all infanzia Il governo australiano mette a disposizione una serie di indennità e servizi per contribuire ai costi che le famiglie sostengono per l assistenza dei figli

Dettagli

Elenco dei numeri dei conti correnti "Poste italiane Proventi di Filiale..." da utilizzare per l'acquisto di Stampati con recapito a domicilio

Elenco dei numeri dei conti correnti Poste italiane Proventi di Filiale... da utilizzare per l'acquisto di Stampati con recapito a domicilio AGRIGENTO 306928 POSTE ITALIANE SPA FILIALE AGRIGENTO - PROVENTI DI FILIALE IT75P0760116600000000306928 ALBA 15674286 POSTE ITALIANE SPA FILIALE ALBA PROVENTI FILIALE IT89P0760110200000015674286 ALESSANDRIA

Dettagli

TRASPARENZA E INFORMAZIONE: IL CASO DI COMUNI E REGIONI

TRASPARENZA E INFORMAZIONE: IL CASO DI COMUNI E REGIONI TRASPARENZA E INFORMAZIONE: IL CASO DI COMUNI E REGIONI Analisi della UIL sui siti internet dei Comuni Capoluogo di Provincia e delle Regioni Roma Agosto 2008 UIL- Servizio Politiche Territoriali TRASPARENZA

Dettagli

07-12-000181 SERVIZIO RAPPORTI INTERNAZIONALI E STUDI SEZIONE STUDI E STATISTICA

07-12-000181 SERVIZIO RAPPORTI INTERNAZIONALI E STUDI SEZIONE STUDI E STATISTICA SERVIZIO RAPPORTI INTERNAZIONALI E STUDI Roma 27 giugno 2012 Prot. n. All.ti n. 07-12-000181 12 Alle Imprese di assicurazione autorizzate all esercizio del ramo R.C. auto con sede legale in Italia LORO

Dettagli

Sponsorship opportunities

Sponsorship opportunities The success of the previous two European Workshops on Focused Ultrasound Therapy, has led us to organize a third conference which will take place in London, October 15-16, 2015. The congress will take

Dettagli

Impresa e innovazione nel settore energetico europeo: il contributo della conoscenza alla creazione di valore Silvia Bruzzi

Impresa e innovazione nel settore energetico europeo: il contributo della conoscenza alla creazione di valore Silvia Bruzzi ÉTUDES - STUDIES Impresa e innovazione nel settore energetico europeo: il contributo della conoscenza alla creazione di valore Silvia Bruzzi Polo Interregionale di Eccellenza Jean Monnet - Pavia Jean Monnet

Dettagli

La produzione di rifiuti urbani in Italia

La produzione di rifiuti urbani in Italia La produzione di rifiuti urbani in Italia DOSSIER 1 RIFIUTI OSSERVATORIO PREZZI E TARIFFE APRILE 2010 L Osservatorio prezzi e tariffe di Cittadinanzattiva, ha svolto per la terza annualità un indagine

Dettagli

Testi del Syllabus. Docente ZANGRANDI ANTONELLO Matricola: 004565. Insegnamento: 1004508 - ECONOMIA DELLE AZIENDE NON PROFIT

Testi del Syllabus. Docente ZANGRANDI ANTONELLO Matricola: 004565. Insegnamento: 1004508 - ECONOMIA DELLE AZIENDE NON PROFIT Testi del Syllabus Docente ZANGRANDI ANTONELLO Matricola: 004565 Anno offerta: 2013/2014 Insegnamento: 1004508 - ECONOMIA DELLE AZIENDE NON PROFIT Corso di studio: 5003 - AMMINISTRAZIONE E DIREZIONE AZIENDALE

Dettagli

RISTORANTI ETNICI. Quanti sono e dove sono?

RISTORANTI ETNICI. Quanti sono e dove sono? L INFLUSSO DELLA CUCINA ETNICA SULLE ABITUDINI ALIMENTARI DEGLI ITALIANI L integrazione alimentare coinvolge di più i giovani e i residenti al Nord e al Centro A Milano, Prato e Trieste la maggiore presenza

Dettagli

Condizioni tecniche ed economiche relative alla sperimentazione Postatarget Creative Sperimentale

Condizioni tecniche ed economiche relative alla sperimentazione Postatarget Creative Sperimentale Condizioni tecniche ed economiche relative alla sperimentazione Postatarget Creative Sperimentale EDIZIONE SETTEMBRE 2010 INDICE 1 CARATTERISTICHE DELLA SPERIMENTAZIONE... 3 2 CONDIZIONI DI ACCESSO ALLA

Dettagli

CODI/21 PIANOFORTE II // CODI/21 PIANO II

CODI/21 PIANOFORTE II // CODI/21 PIANO II MASTER di II livello - PIANOFORTE // 2nd level Master - PIANO ACCESSO: possesso del diploma accademico di II livello o titolo corrispondente DURATA: 2 ANNI NUMERO ESAMI: 8 (escluso l esame di ammissione)

Dettagli

SCHEDA DI ADESIONE AL PROGETTO LINGUE 2000 ANNO SCOLASTICO 2000/2001 (da inviare al Provveditorato entro il 30/09/2000)

SCHEDA DI ADESIONE AL PROGETTO LINGUE 2000 ANNO SCOLASTICO 2000/2001 (da inviare al Provveditorato entro il 30/09/2000) Lettera circolare n 195/2000 Allegato 1/1 SCHEDA DI ADESIONE AL PROGETTO LINGUE 2000 ANNO SCOLASTICO 2000/2001 (da inviare al Provveditorato entro il 30/09/2000) 1. DATI GENERALI DELLA SCUOLA DATI ANAGRAFICI

Dettagli

Dotazione di infrastrutture stradali sul territorio italiano

Dotazione di infrastrutture stradali sul territorio italiano Dotazione di infrastrutture stradali sul territorio italiano A cura dell Area Professionale Statistica L Automobile Club d Italia produce ormai da molti anni la pubblicazione Localizzazione degli Incidenti

Dettagli

Codice Iban Descrizione Conto Sede o Ufficio di Riferimento

Codice Iban Descrizione Conto Sede o Ufficio di Riferimento 000013255112 IT-48-J-07601-10400-000013255112 INPDAP CONTRIBUTI VARI ALESSANDRIA 000012080636 IT-47-Q-07601-02600-000012080636 INPDAP CONTRIBUTI VARI ANCONA 000011499654 IT-90-Y-07601-03600-000011499654

Dettagli

SOLUZIONI PER IL FUTURO

SOLUZIONI PER IL FUTURO SOLUZIONI PER IL FUTURO Alta tecnologia al vostro servizio Alta affidabilità e Sicurezza Sede legale e operativa: Via Bologna, 9 04012 CISTERNA DI LATINA Tel. 06/96871088 Fax 06/96884109 www.mariniimpianti.it

Dettagli

La struttura della ISO 26000. Antonio Astone 26 giugno 2007

La struttura della ISO 26000. Antonio Astone 26 giugno 2007 La struttura della ISO 26000 Antonio Astone 26 giugno 2007 Description of operational principles (1/2) Operational principles guide how organizations act. They include: Accountability an organization should

Dettagli

ARRANGEMENT FOR A STUDENT EXCHANGE between University College London and The Scuola Normale Superiore, Pisa

ARRANGEMENT FOR A STUDENT EXCHANGE between University College London and The Scuola Normale Superiore, Pisa ARRANGEMENT FOR A STUDENT EXCHANGE between and The Scuola Normale Superiore, Pisa Preamble 1. The Faculty of Arts and Humanities (FAH) of (UCL) and the Scuola Normale Superiore of Pisa (SNS) have agreed

Dettagli

2 MEETING INTERREGIONALE ANACI NORD OVEST BOARD OF CEPI-CEI

2 MEETING INTERREGIONALE ANACI NORD OVEST BOARD OF CEPI-CEI MILANO 2 MEETING INTERREGIONALE ANACI NORD OVEST BOARD OF CEPI-CEI MILANO 23/24/25 SETTEMBRE 2015 CON IL PATROCINIO LA CASA, L AMBIENTE, L EUROPA Nel corso dell Esposizione Universale EXPO2015 il 24 e

Dettagli

IL DIRETTORE GENERALE

IL DIRETTORE GENERALE ----------- IL DIRETTORE GENERALE Decreto n.5 VISTO il Contratto collettivo nazionale del Comparto scuola, sottoscritto il 26/05/99, ed in particolare l art.34, che ha delineato il profilo di Direttore

Dettagli

Esercizi Programming Contest

Esercizi Programming Contest Esercizi Programming Contest Alberto Montresor 22 maggio 2012 Alcuni degli esercizi che seguono sono associati alle rispettive soluzioni. Se il vostro lettore PDF lo consente, è possibile saltare alle

Dettagli

Estendere Lean e Operational Excellence a tutta la Supply Chain

Estendere Lean e Operational Excellence a tutta la Supply Chain Estendere Lean e Operational Excellence a tutta la Supply Chain Prof. Alberto Portioli Staudacher www.lean-excellence.it Dipartimento Ing. Gestionale Politecnico di Milano alberto.portioli@polimi.it Lean

Dettagli

A CURA DELL OSSERVATORIO PREZZI E TARIFFE DI. c è un nido? RILEVAZIONE ANNUALE SUi costi e numero degli ASILI NIDO in italia

A CURA DELL OSSERVATORIO PREZZI E TARIFFE DI. c è un nido? RILEVAZIONE ANNUALE SUi costi e numero degli ASILI NIDO in italia A CURA DELL OSSERVATORIO PREZZI E TARIFFE DI c è un nido? RILEVAZIONE ANNUALE SUi costi e numero degli ASILI NIDO in italia Settembre 2015 Asili nido comunali Dossier a cura dell Osservatorio prezzi &

Dettagli

Per i residenti di Torino: Potete portare l'oggetto Toshiba da riparare presso il nostro laborat orio, enza l'appuntamento nei orari di apertura.

Per i residenti di Torino: Potete portare l'oggetto Toshiba da riparare presso il nostro laborat orio, enza l'appuntamento nei orari di apertura. Riparazioni in garanzia: Per poter usufruire dell'assistenza tecnica in garanzia, il cliente deve contattare la sede Toshiba Italy Srl tramite il numero a pagamento messo a disposizione. 199... Gestione

Dettagli

AVVISO n.12437. 03 Luglio 2014 --- Mittente del comunicato : Borsa Italiana. Societa' oggetto dell'avviso

AVVISO n.12437. 03 Luglio 2014 --- Mittente del comunicato : Borsa Italiana. Societa' oggetto dell'avviso AVVISO n.12437 03 Luglio 2014 --- Mittente del comunicato : Borsa Italiana Societa' oggetto dell'avviso : -- Oggetto : Modifiche al Manuale delle Corporate Actions - Amendment to the Corporate Action -

Dettagli

INPS - Circolare 22 novembre 2007, n. 128

INPS - Circolare 22 novembre 2007, n. 128 INPS - Circolare 22 novembre 2007, n. 128 Oggetto: Versamenti volontari del settore agricolo - anno 2007. Sommario: 1) Lavoratori agricoli dipendenti 2) Coltivatori diretti, mezzadri e coloni e imprenditori

Dettagli

ANDAMENTO DEL MERCATO AUTOVETTURE IN ITALIA PER PROVINCIA E MACRO-AREA ANNO 2011

ANDAMENTO DEL MERCATO AUTOVETTURE IN ITALIA PER PROVINCIA E MACRO-AREA ANNO 2011 ANDAMENTO DEL MERCATO AUTOVETTURE IN ITALIA PER PROVINCIA E MACRO-AREA ANNO 2011 A CURA DELL AREA PROFESSIONALE STATISTICA FEBBRAIO 2012 A.G. ANDAMENTO MERCATO AUTOVETTURE IN ITALIA PER PROVINCIA E MACRO-AREA

Dettagli

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 11

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 11 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE ITALIA POPOLAZIONE Cose da sapere VOLUME 1 CAPITOLO 11 A. Le idee importanti l L Italia è uno Stato con 20 regioni e 103 province l In Italia ci sono molte città. Le

Dettagli

MINISTERO DELL INTERNO

MINISTERO DELL INTERNO MINISTERO DELL INTERNO DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI Direzione Centrale per la Documentazione e la Statistica PRESSO LE SOCIO-RIABILITATIVE ALLE DATE DEL 31 MARZO E 30 GIUGNO 2002

Dettagli

ISO 9001:2015. Ing. Massimo Tuccoli. Genova, 27 Febbraio 2015

ISO 9001:2015. Ing. Massimo Tuccoli. Genova, 27 Febbraio 2015 ISO 9001:2015. Cosa cambia? Innovazioni e modifiche Ing. Massimo Tuccoli Genova, 27 Febbraio 2015 1 Il percorso di aggiornamento Le principali novità 2 1987 1994 2000 2008 2015 Dalla prima edizione all

Dettagli

Quality Certificates

Quality Certificates Quality Certificates Le più importanti certificazioni aziendali, di processo e di prodotto, a testimonianza del nostro costante impegno ed elevato livello di competenze. Qualità * certificata * Certified

Dettagli

WWW.CENTOSTAZIONI.IT CENTO NUOVE PIAZZE ITALIANE.

WWW.CENTOSTAZIONI.IT CENTO NUOVE PIAZZE ITALIANE. WWW.CENTOSTAZIONI.IT CENTO NUOVE PIAZZE ITALIANE. LA STAZIONE. UNA NUOVA PIAZZA AL CENTRO DELLA CITTÀ. CENTOSTAZIONI. 103 stazioni ferroviarie riqualificate e gestite secondo un piano integrato per creare

Dettagli

LA STORIA STORY THE COMPANY ITI IMPRESA GENERALE SPA

LA STORIA STORY THE COMPANY ITI IMPRESA GENERALE SPA LA STORIA ITI IMPRESA GENERALE SPA nasce nel 1981 col nome di ITI IMPIANTI occupandosi prevalentemente della progettazione e realizzazione di grandi impianti tecnologici (termotecnici ed elettrici) in

Dettagli

Le ricerche del Laboratorio del 2010 e quelle in corso

Le ricerche del Laboratorio del 2010 e quelle in corso Le ricerche del Laboratorio del 2010 e quelle in corso Convegno di presentazione delle attività di ricerca e incontro con gli operatori Claudio Giannotti Direttore del Laboratorio Università LUM giannotti@lum.it

Dettagli

Ai Signori Presidenti Collegi dei Periti Industriali e dei Periti Industriali Laureati LORO SEDI

Ai Signori Presidenti Collegi dei Periti Industriali e dei Periti Industriali Laureati LORO SEDI CONSIGLIO NAZIONALE DEI PERITI INDUSTRIALI PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA Roma, 28 febbraio 2014 prot. n. 1479 Ai Signori Presidenti Collegi dei Periti Industriali e dei Periti Industriali Laureati

Dettagli

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO N

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO N CenTer - SCHEDA DOCUMENTO N 4824 TIPO DI DOCUMENTO: LIBRO TITOLO: Grandi patrimoni immobiliari italiani 2014 SOTTOTITOLO: Assicurazioni, Banche, Enti previdenziali privati, Fondazioni, Fondi pensione e

Dettagli

MODULO LOCALE. Quotidiani e periodici con diffusione locale

MODULO LOCALE. Quotidiani e periodici con diffusione locale MODULO LOCALE Quotidiani e periodici con diffusione locale ABRUZZO Chieti Centro (il) - ed. Chieti Lanciano-Vasto L Aquila Centro (il) - ed. l'aquila Avezzano Sulmona Pescara Centro (il) Pescara Centro

Dettagli

L impresa sociale come fattore trainante di innovazione sociale

L impresa sociale come fattore trainante di innovazione sociale L impresa sociale come fattore trainante di innovazione sociale Social enterprise as a driving factor of social innovation Giornata di studio / Study Day Martedì 19 maggio 2015 Aula Magna SUPSI Trevano

Dettagli

107/2015 e al D.D.G. 767/2015 Diffida ad adempiere.

107/2015 e al D.D.G. 767/2015 Diffida ad adempiere. RACCOMANDATA A/R Spett. MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA in persona del ministro pro tempore Viale Trastevere 76/A 00153 - ROMA OGGETTO: Domanda di ammissione alle Fasi del piano

Dettagli

L INDICE DEL RISCHIO DI POVERTA LOCALE. Rapporto concluso sulla base delle informazioni statistiche disponibili al 29-05-2009

L INDICE DEL RISCHIO DI POVERTA LOCALE. Rapporto concluso sulla base delle informazioni statistiche disponibili al 29-05-2009 L INDICE DEL RISCHIO DI POVERTA LOCALE Luglio 2009 Una analisi per i comuni capoluogo di provincia PUBBLICAZIONI Monografia A cura di Rapporto concluso sulla base delle informazioni statistiche disponibili

Dettagli

Il Consortium Agreement

Il Consortium Agreement Il Consortium Agreement AGENDA Il CA in generale La govenance Legal and Financial IPR Cos è il CA? Il CA è un accordo siglato fra i partecipanti ad un azione indiretta (ad es. un progetto) finanziata nell

Dettagli

Generali Investments Europe S.p.A.

Generali Investments Europe S.p.A. Mercoledì, 19 Giugno 2013 alle 11.30, San Giobbe, Aula 3A Tages Capital SGR Sebastiano Di Pasquale Executive Director Hedge Funds e Investimenti Alternativi: la possibile risposta al problema dei Risk

Dettagli

Europaconcorsi For architects only (/) Italian Liberty Free! 1 di 6 26/04/14 01.15. AdWords per i video

Europaconcorsi For architects only (/) Italian Liberty Free! 1 di 6 26/04/14 01.15. AdWords per i video Lingua: Italiano (/locales/set/it) English (/locales/set/en) Aggiungi un Progetto (/projects/new) Registrati (/signup) Accedi (/login) Europaconcorsi For architects only (/) Bandi (/competitions) Autori

Dettagli

ICT e Crescita Economica

ICT e Crescita Economica ICT e Crescita Economica Alessandra Santacroce Direttore Relazioni Istituzionali Seminario Bordoni - 12 Febbraio 2009 2005 IBM Corporation Agenda Il peso dell ICT nell economia del Paese Economic Stimulus

Dettagli

management industry in Italy

management industry in Italy Financial advice and the future of the asset management industry in Italy Giovanni Siciliano Tutela del Risparmiatore e modelli di Governance nell Asset Management Milano, 20 gennaio 2014 OUTLINE I. Trends

Dettagli