Economics of the Private Welfare State at hard times : the role of Italian Foundations of banking origin

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Economics of the Private Welfare State at hard times : the role of Italian Foundations of banking origin"

Transcript

1 Economics of the Private Welfare State at hard times : the role of Italian Foundations of banking origin Angela Besana 1 Abstract Contemporary Welfare States are affected by the international financial crisis. Concentrated on deficit cutting and deleveraging, they have to limit their social spending and several good causes risk their survival. Next to the Public Welfare State, a Private One is emerging: especially, foundations play very important subsidiary roles. Analyzing the most recent (2009 and 2010) Financial Statements and Statements of Revenues and Expenses of the Italian Foundations of banking origin we empirically estimate their Welfare Role classifying five main groups thanks to the k- means cluster analysis. The research gives evidence that Italian good causes are surviving thanks to these very generous grant-makers, but these Welfare Players may contemporarily suffer of losses in their financial assets, therefore risking their future sustainability. JEL codes: C38, H11, H44, L33 Key Words: Welfare State, Private Welfare State, crisis, grant-making foundation, Italy, cluster analysis 1. Literature review on the contemporary Welfare State Subsidiary roles are very important in contemporary Public Welfare States: these ones concentrated on deleveraging and deficit cutting, their social spending and other merit investing are, nowadays granted by a wide range of philanthropists and Welfare Players. Public and private provisions of the social benefit can be complementary (Klein 2003; Hacker 2002): next to the Public Welfare State the competitive arena is crowded of the Private Welfare State of foundations, associations and other not-forprofit organizations, though endowments and resources of this Private Welfare State are, at the same time, partially affected by the international financial crisis, especially as regards financial assets. 1 Associate Professor of Economics, Institute of Economics and Marketing, IULM University, Milan, Italy. 154

2 The Welfare Role of the State is quite founded in the economic literature (Gough 2009; Armingeon and Beyeler 2008; Leibfried 2001; Kuhnle 2000; Barr 1993): the Welfare State is a solution to market failures imperfect competition, externalities, asymmetric information, etc. -. Otherwise, the retrenchment of the same Welfare State is now particularly debated as for pressing globalization, post-industrialism, European integration and, above all, the austerity that is following the financial collapse of public spending (Pitlik 2007; Korpi 2003; Palier and Sykes 2001; Bonoli and Taylor- Gooby 2000; Bowles and Wagman 1997). As a matter of fact, the global crisis is conditioning both Public and Private Welfare States (Salamon, Geller and Spence 2009) so that these ones are often matching their resources and efforts in order to maximize the public benefit. Projects that need a deep breath and are of great national impact, are today developed by both Public and Private grant-makers. Screening standards are therefore optimized on both sides. Common professional skills are developed, project efficiency and rationalization are encouraged and the risk of operational fragmentation is minimized (Gordon, Knoch and Neely 2009; Chhaochharia and Gosh 2008). Matching roles are not always possible and what is the most efficient roles allocation between the contemporary Public Welfare State and the Private One, it is particularly argued (Seaman and Young 2010; Ben-Ner 2003, 2002). As for the financial crisis, Governments cannot more provide directly products that for-profit firms fail to provide optimally next to efficient nonprofits and their role can be reduced to regulation in order to grant competition between for-profits and nonprofits. Nonprofits seek to provide collective-type products and services for the benefit of large communities rather than to generate maximum profits for their shareholders (Weisbrod 1975 and 1988) but their competitive advantage is dangerously constrained by diminishing resources. Nonprofits may amplify the value of merit goods they provide so that customers will buy more and the Private Welfare Players will be more inclined to subsidize their productions, the whole process allowing them to spread the range of resources, maximize their revenues and consolidate their market share (next to for-profits or public providers). The aim of this paper is the profiling of the Italian Foundations of banking origin as the most important Italian Private Welfare State in 2009 and The profiling will refer to their performances during the financial crisis, referring to data of Financial Statements and Statements of Revenues and Expenses: through a k-means cluster analysis, performances of relevant groups of contemporary Italian Welfare Players will emerge. The analysis of performances will include the contribution ratio, the weight of Contributions to Gains, in order to estimate the sustainability of their future grant-making. The next paragraph will be dedicated to the analysis of the whole universe of 89 Italian foundations of banking origin, looking at the annual reports of ACRI, ACRI being the association of all 89 foundations. The third paragraph will present the methodology, empirical results and discussion on main profiles of foundations of banking origin. 155

3 2. The Private Welfare of Italian Foundations of Banking origin: a first profiling In 2010 the Italian State paid 146,623 millions euro for the social benefit, including education and research, social spending, etc. Above all, 46% of this amount referred to retirement programs. In 2010 the 89 Italian Foundation of banking origin (IFBs) profited by a gain of 1,477.2 millions euro and they granted 1,366.6 millions euro to good causes of the same categories of the public social spending. These foundations are the biggest Italian Private Welfare State, ensuring only 0.93% of what is the capability of the Public Welfare State but there is no other not-for-profit universe with such a spending (or grant-making) power in Italy. For-profit corporations are the second most important Italian Grant-makers Sponsors - though with a slightly inferior philanthropic impact: sponsorships are 1,465 millions euro in At the end of the same year, the Italian State had exceeding liabilities of 1,444,360 millions euro while the IFBs had net assets of more than 50,000 millions euro, accounting for 84% of total assets that are more than 59 billions euro (ACRI Reports 2009, 2010 and 2011; Relazione illustrativa del conto del bilancio 2010). ISTAT the National Statistics Bureau counted 4720 foundations: 943 of them are grant-makers. The comprehensive endowment of all Italian Foundations sums up to more than 100 billion euro, with sixty percent concentrated in bank foundations. Twenty years ago the Italian Parliament approved the law that revived the idea of foundations of banking origin as spin-offs of savings banks. These ones had to separate their philanthropic role from their commercial (banking) role. Savings banks had been created in the 19th century with a focus on strong community vocation: they had been very connected to local administrations, they were consulted in order to encourage community projects and were responsible for donations and bequests for social assistance, social housing and the comprehensive growth of local communities. In 1990, the main local supporters of Italian territories were solely private institutions as a matter of fact, foundations not disregarding their civic roles and separating the not for profit affair (philanthropy) from the for profit one (commercial bank). In 2010, the five largest IFBs accounting for 49% of net assets of the whole universe - are: Fondazione Cariplo, Compagnia di San Paolo, Fondazione Monte dei Paschi di Siena, Fondazione Cassa di Risparmio di Verona, Vicenza, Belluno e Ancora and Fondazione Cassa di Risparmio di Torino. Most assets are financial investments or instruments, representing 42.5% of total assets. In 2010 IFBs had ordinary revenues of 1,986.3 million, with a 21.2% decrease from the previous year. Their leading roles in philanthropic initiatives becoming more relevant than in the past, IFB had an operating surplus of 1,941.5 millions euro in Possessing close connections to the sectors in which they operate, they acknowledge interventions in 21 eligible sectors, seven of them holding the major part of their fundgiving effort. In 2010 the Art, cultural activities and heritage sector was first, with 30.2% of allocated funds. The second sector was that of Social assistance with 12.8% of the total. Research received 12.6% of resources. Recipients of grants are always not-for-profits or public institutions, accounting for 64.9% of total funding and 66.8% of all projects. With their subsidiary and matching role IFBs, as a matter of fact, support local administrations, recovering their 156

4 capabilities to manage with main social (and public) goals. The next paragraph will explore details of their performances clustering the whole universe in five (2009) and three (2010) main groups whose average performances are in a few cases affected by losses on the financial market the average return on net assets went from 5.1% in 2009 to 4% in In the Table 7 in the next paragraph, they are ranked for the highest 2010 net asset but in the last column several negative variations of gains can be examined - though their philanthropic role is quite impressive and courageous despite of the crisis. 3. The cluster analysis of Italian Foundations of banking: methodology and empirical results Even if revenues are negatively affected by the collapse of financial investments in some of IFBs, the following analysis is giving evidence that the sustainability of their philanthropic activity cannot be repressed in the very next future. We clustered IFBs performances considering the following main accounting data of 2009 and 2010 reports, reports that are downloadable at : Total Assets, Financial Assets (Investments), Financial Assets that are not Investments (savings and temporary cash), Net Assets, Net Gain or Loss, Contributions. These data were indexed in order to focus on main indicators of financial stability and sustainability of the philanthropic activity. The indicators are: Net Assets/Total Assets, Gain or Loss/Total Assets, Financial Assets/Total Assets, Financial Assets that are not Investments/Total Assets, Contributions/Gain or Loss. Particularly, we adopted a k-means clustering method that uses an analysis of variance to evaluate the distances between clusters. K-means clustering is, above all, an iterative follow-the-leader strategy. First, the number of clusters, k, must be specified. Then a search algorithm goes out and finds k points in the data, called seeds, that are not close to each other. Each seed is then treated as a cluster center. The routine goes through the points (rows) and assigns each point to the cluster it is closest to. For each cluster, a new cluster center is formed as the means (centroid) of the points currently in the cluster. This process continues as an alternation between assigning points to clusters and recalculating cluster centers until the clusters become stable. The main tests are the F test that is the variance among groups divided by the variance inside of groups and the Significance test (Sig. less than 0.05). Higher is F, clearer is the separation among clusters Clustering IFBs performances with SPSS Statistical Software, we obtained five groups in 2009 and three groups in Tables 1, 2 and 3 refer to the 2009 analysis. Tables 4, 5 and 6 refer to the 2010 analysis. Appendixes 1 and 2 of the paper are listing members of every cluster emerging in the 2009 and 2010 analysis. 157

5 Table 1: Final Cluster Centers 2009 Cluster Contributions/Gain or Loss Gain or Loss/Total Assets Financial Assets that are not Investments/Total Assets Investments/Total Assets Net Assets/Total Assets Table 2: ANOVA 2009 Cluster Error F Sig. Mean Square df Mean Square df Contributions/Gain or Loss Gain or Loss/Total Assets Financial Assets that are not Investments/Total Assets Investments/Total Assets Net Assets/Total Assets Table 3: Members of every cluster 2009 Cluster Valid 89 Missing 0 Table 4: Final Cluster Centers 2010 Cluster Contributions/Gain or Loss Gain or Loss/Total Assets Financial Assets that are not Investments/Total Assets Investments/Total Assets Net Assets/Total Assets

6 Table 5: ANOVA 2010 Cluster Error F Sig. Mean Square df Mean Square df Contributions/Gain or Loss Gain or Loss/Total Assets Financial Assets that are not Investments/Total Assets Investments/Total Assets Net Assets/Total Assets Table 6: Members of every cluster 2010 Cluster Valid 89 Missing Source: our elaboration on Reports 2009 and 2010 In 2009, on one side, most IFBs have prevailing Investments: clusters 3 and 5 are percent of the universe. Thanks to this financial soundness clusters 3 83 percent of Assets are Investments - and 5 58 percent of Assets are Investments - can afford a contribution rate that is more than 50 percent of their gains. On the other side, representing only percent of the universe, clusters 2 and 4 have prevailing Assets that are not Investments though they are, anyway, financial instruments. For cluster 2 the contribution rate is 0.65 and for cluster 4 it is the lowest one, only In 2009, Fondazione e Istituto Banco di Napoli cluster 1 is suffering of a loss, this isolating this IFB from the universe. In 2010 Fondazione CR Ferrara cluster 3 - shows a contribution rate that is seven times the gain, this phenomenon isolating this IFB from the universe. Cluster 2 represents 73 percent of the universe: these IFBs have such a financial soundness deriving of Investments, that they can afford a contribution rate of 60 percent. This contribution rate is greater than that one of the cluster 3: these IFBs represent percent of the universe, they have prevailing Financial Assets that are not Investments and they can afford a contribution rate of 51 percent of their gain. Both analysis show that Net Assets/Total Assets is not a significant indicator (ANOVA Tables). The financial stability of this universe is unquestionable. In both 2009 and 2010 Net Assets are more than 80 percent of Total Assets. In 2010 the Gain or Loss/Total Assets is not significant too (ANOVA Table 2010). In 2009 only one IFB is suffering of a loss while in 2010 three IFBs are depressed by a loss, though these very few cases do not result significant in the cluster analysis. Nevertheless in the Table 7 diminishing Financial Assets - Invesments and Not-Investments -, Net Assets and Gains can be verified from 2009 to 2010 in several Foundations. 159

7 Table 7: Changing performances Investments Not- Investments Foundations FONDAZIONE MONTE PIETA' 0 - FONDAZIONE BANCA DEL FONDAZIONE BANCA DEL Net Assets Gain VICENZA MONTE ROVIGO MONTE E CR FAENZA FONDAZIONE CR CITTA' DI CASTELLO FONDAZIONE CR BRA FONDAZIONE CR LORETO FONDAZIONE BANCA DEL MONTE FOGGIA FONDAZIONE CR SAVIGLIANO FONDAZIONE CARIVIT FONDAZIONE CR E BANCA MONTE DI LUGO FONDAZIONE CR SALERNITANA FONDAZIONE CR SALUZZO FONDAZIONE CR PRATO 0 0 FONDAZIONE CR CIVITAVECCHIA FONDAZIONE CR FOSSANO FONDAZIONE CR CENTO FONDAZIONE CR SPOLETO FONDAZIONE CR ORVIETO FONDAZIONE CR FOLIGNO FONDAZIONE BANCA DEL 2.889E MONTE LUCCA FONDAZIONE CR CALABRIA E LUCANIA FONDAZIONE CR FABRIANO E CUPRAMONTANA FONDAZIONE CR VIGNOLA FONDAZIONE BANCA NAZIONALE COMUNICAZIONI FONDAZIONE CR PROVINCIA DI CHIETI FONDAZIONE CR FERMO FONDAZIONE VARRONE CR RIETI FONDAZIONE CR JESI FONDAZIONE CR VERCELLI FONDAZIONE CR PUGLIA FONDAZIONE ISTITUTO BANCO DI NAPOLI FONDAZIONE MONTE PARMA

8 FONDAZIONE CR CESENA FONDAZIONE CR MIRANDOLA FONDAZIONE CR PROVINCIA DELL'AQUILA FONDAZIONE CR RIMINI FONDAZIONE CR VOLTERRA FONDAZIONE CR RAVENNA FONDAZIONE CR TERNI E NARNI FONDAZIONE CR CARRARA FONDAZIONE CR FANO FONDAZIONE TERCAS FONDAZIONE CR IMOLA FONDAZIONE CR ASCOLI PICENO FONDAZIONE CR GORIZIA FONDAZIONE CR SAN MINIATO FONDAZIONE A. DE MARI-CR SAVONA FONDAZIONE CR REGGIO EMILIA E-07 - FONDAZIONE CR FERRARA FONDAZIONE CARISPE DELLA SPEZIA FONDAZIONE CR ASTI FONDAZIONE CR LIVORNO FONDAZIONE CR TORTONA FONDAZIONE PESCARABRUZZO FONDAZIONE CR BIELLA FONDAZIONE MONTE BOLOGNA RAVENNA FONDAZIONE CR MACERATA FONDAZIONE CR PESARO FONDAZIONE CR PISTOIA E PESCIA FONDAZIONE CR CARPI FONDAZIONE CR ALESSANDRIA FONDAZIONE CR TRENTO E ROVERETO FONDAZIONE PIACENZA VIGEVANO FONDAZIONE CR UDINE E PORDENONE E FONDAZIONE CR SAN MARINO FONDAZIONE VENEZIA FONDAZIONE CR FORLI' FONDAZIONE BANCO DI SICILIA FONDAZIONE CR TRIESTE

9 FONDAZIONE CARIPISA FONDAZIONE CR PERUGIA FONDAZIONE CR BOLZANO FONDAZIONE BANCA DEL MONTE DI LOMBARDIA FONDAZIONE CR BOLOGNA FONDAZIONE CR MODENA FONDAZIONE BANCO DI SARDEGNA FONDAZIONE CASSAMARCA FONDAZIONE CARIGE FONDAZIONE CARIPARMA FONDAZIONE CR LUCCA ENTE CASSA DI RISPARMIO DI FIRENZE FONDAZIONE CR CUNEO FONDAZIONE CR PADOVA E ROVIGO FONDAZIONE ROMA FONDAZIONE CR TORINO FONDAZIONE CR VERONA VICENZA BELLUNO ANCONA FONDAZIONE MONTE DEI PASCHI DI SIENA COMPAGNIA DI SAN PAOLO FONDAZIONE CARIPLO Source: our elaboration on Reports 2009 and IFBs are ordered for increasing 2010 Net Assets (euro). The financial soundness of IFBs may be depressed in the future if the international financial markets do not recover from their collapsing trends. Most assets of this universe are, in fact, equities or other investments in the bank and financial industry. From 2009 to percent of IFBs suffered of negative variations of Investments, percent of them had diminishing Not-Investments (Table 7). From 2009 to percent of these foundations experienced diminishing gains, only 8 of them showed diminishing Net Assets. They should, therefore, reconsider some shareholding though the flop is quite generalized and it was not foreseeable in the latest timing of financial trends. 4. Conclusions, limitations and future research At hard times both the Public Welfare State and the Private One have to support good causes who are struggling to survive with very scarce resources. The Italian Private Welfare Role is particularly played by grant-making foundations. The biggest ones are Foundations of Banking Origin. As the analysis has stressed, this origin can be a constraint: most of their assets are of a financial type, shares of banks or any other financial and credit industry. If the 162

10 financial industry is not flourishing, they can therefore suffer of diminishing returns. In this empirical research IFBs can ensure a very high contribution rate both in 2009 and 2010, as they can profit by gains that are, otherwise, diminishing for percent of them from This origin can be a binding commitment too. At hard times European rules and national policies are binding IFBs to sustain quotations of the bank industry. This can imply dangerous consequences: if assets of the bank industry are not recovering their pre-crisis quotations, losses will proliferate. There are some limitations associated to our study. First of all, the selected universe refers to a main Private Welfare State. Nevertheless, as mentioned in the second paragraph, Italian good causes survive also thanking corporations that love and sponsor them. The analysis should be extended to sponsorships considering that sponsors are not only of a bank origin but they also represent several industries of the so-called Made in Italy. They can be suffering of the international crisis or they can profit by high gains thanks to increasing Italian exports despite of the crisis. High gains could, as a consequence, determine high contributions. It could be interesting to verify the present and future philanthropic sustainability of Italian sponsors and compare it with IFBs experience. The exposure to financial markets can be a limit for IFBs and any other grantmaker. To understand the extent and implications of the profiling here investigated, it could be useful both to widen the philanthropic universe with other categories of grant-makers and considering a longer period, before and after the crisis. When the end of the crisis may be, it is not foreseeable and caution in financial investments is strongly recommended for all grant-makers. References ACRI-Associazione delle Casse di Risparmio italiane. ( ), Reports, online at Armingeon,K. - Beyeler,M., Eds. (2008), The OECD and European Welfare States. Cheltenham: Edward Elgar. Barr,N. (1993), The Economics of the Welfare State. Oxford University Press. Ben-Ner,A. (2002), The Shifting Boundaries of the Mixed Economy and the Future of the Nonprofit Sector, Annals of Public and Cooperative Economics, 73(1):5-40. Ben-Ner,A. (2003), For-Profit, State, and Nonprofit: How to Cut the Pie among the Three Sectors, paper presented at the Conference Public Sector, Private Sector: New National and International Frontiers, Paris, France, October 2-3, Bonoli,G. George,V. - Taylor-Gooby,P. (2000), European Welfare Futures: Towards a Theory of Retrenchment. Cambridge: Polity Press. Bowles,P. and Wagman,B. (1997), Globalisation and the Welfare State: Four Hypotheses and Some Empirical Evidence, Eastern Economic Journal, 23(3): Chhaochharia,V. - Gosh, S. (2008), Do Charity Ratings matter?, paper provided by Department of Economics, College of Business, Florida Atlantic University in its series Working Papers with number

11 Gordon,T.P. - Knoch,C.L. - Neely,D.G. (2009), The role of rating agencies in the market for charitable contributions: An empirical test, Journal of Accounting and Public Policy, 28: Gough,I. (2009), The Political Economy of the Welfare State briefly revisited, Working Paper of the European Research Institute, University of Bath. Hacker,J. (2002), The Divided Welfare State: The Battle over Public and Private Social Benefits in the United States. Cambridge University Press. Klein,J. (2003), For All These Rights: Business, Labor, and the Shaping of America s Public-Private Welfare State. Princeton University Press. Korpi,W. (2003), Welfare State Regress in Western Europe: politics, institutions, globalization and Europeanization, Working Paper 5/2003 of the Swedish Institute for Social Research, Stockholm University. Kuhnle,S. Ed. (2000), Survival of the European Welfare State. London: Routledge. Leibfried,S. Ed. (2001), Welfare State Futures. Cambridge: Cambridge University Press. Palier,B. - Sykes,R. (2001), Challenges and Change: Issues and Perspectives in the Analysis of Globalization and the European Welfare States in Globalization and European Welfare States: Challenges and Change (Palier, B., Prior P.M., Sykes R. eds), Basingstoke: Palgrave, Pitlik,H. (2007), A race to liberalization? Diffusion of economic policy reform among OECD-economies, Public Choice 132: Ragioneria generale dello Stato, Relazione illustrativa del conto del bilancio 2010, online at Salamon,L. - Geller,S. - Spence,K. (2009), Impact of the Economic Recession on Nonprofit Organizations. Baltimore, Johns Hopkins University, Listening Post Project. Seaman,B.A. - Young, D.R. (2010), Handbook of research on nonprofit economics and management. Cheltenham: Edward Elgar. Weisbrod,B.A. (1975), Towards a Theory of the Voluntary Nonprofit Sector in a Three Sector Economy in Altruism. Morality and Economic Theory (Phelps, E., Ed.), Weisbrod,B.A. (1988), The Nonprofit Economy. Cambridge, MA: Harvard University Press. 164

12 Appendix 1 Table: Membership of clusters 2009 Foundations Cluster FONDAZIONE ISTITUTO BANCO DI NAPOLI 1 FONDAZIONE CARIVIT 2 FONDAZIONE CARIPLO 2 FONDAZIONE CR FOLIGNO 2 FONDAZIONE CR IMOLA 2 FONDAZIONE PESCARABRUZZO 2 FONDAZIONE CR TORTONA 2 FONDAZIONE CR VIGNOLA 2 FONDAZIONE CR SALERNITANA 2 FONDAZIONE A. DE MARI-CR SAVONA 3 FONDAZIONE BANCA DEL MONTE FOGGIA 3 FONDAZIONE BANCA DEL MONTE ROVIGO 3 FONDAZIONE BANCA DEL MONTE E CR FAENZA 3 FONDAZIONE BANCO DI SARDEGNA 3 FONDAZIONE CR LIVORNO 3 FONDAZIONE CR PROVINCIA DI CHIETI 3 FONDAZIONE TERCAS 3 FONDAZIONE CR ALESSANDRIA 3 FONDAZIONE CR ASTI 3 FONDAZIONE CR BOLZANO 3 FONDAZIONE CR BRA 3 FONDAZIONE CR CESENA 3 FONDAZIONE CR CIVITAVECCHIA 3 FONDAZIONE CR FABRIANO E CUPRAMONTANA 3 FONDAZIONE CR FERMO 3 FONDAZIONE CR FERRARA 3 FONDAZIONE CR FOSSANO 3 FONDAZIONE CARIGE 3 FONDAZIONE CR LUCCA 3 FONDAZIONE CARIPARMA 3 FONDAZIONE CR RAVENNA 3 FONDAZIONE CARIPISA 3 FONDAZIONE CR PRATO 3 FONDAZIONE CR PUGLIA 3 FONDAZIONE CR REGGIO EMILIA 3 FONDAZIONE VARRONE CR RIETI 3 FONDAZIONE CR SAN MINIATO 3 FONDAZIONE CR SAVIGLIANO 3 FONDAZIONE CR TERNI E NARNI 3 FONDAZIONE CR TORINO 3 FONDAZIONE CR TRIESTE 3 FONDAZIONE CR VERONA VICENZA BELLUNO ANCONA 3 FONDAZIONE CR BOLOGNA 3 FONDAZIONE CASSAMARCA 3 FONDAZIONE MONTE BOLOGNA RAVENNA 3 FONDAZIONE PIACENZA VIGEVANO 3 FONDAZIONE VENEZIA 3 FONDAZIONE MONTE PIETA' VICENZA 3 FONDAZIONE CR SAN MARINO 3 FONDAZIONE MONTE DEI PASCHI DI SIENA 3 165

13 FONDAZIONE MONTE PARMA 3 FONDAZIONE BANCA NAZIONALE COMUNICAZIONI 4 FONDAZIONE BANCO DI SICILIA 4 FONDAZIONE CR ASCOLI PICENO 4 FONDAZIONE CR CALABRIA E LUCANIA 4 FONDAZIONE CR LORETO 4 FONDAZIONE CR MIRANDOLA 4 FONDAZIONE CR ORVIETO 4 FONDAZIONE ROMA 4 FONDAZIONE CR VERCELLI 4 COMPAGNIA DI SAN PAOLO 5 ENTE CASSA DI RISPARMIO DI FIRENZE 5 FONDAZIONE BANCA DEL MONTE DI LOMBARDIA 5 FONDAZIONE BANCA DEL MONTE LUCCA 5 FONDAZIONE CR FORLI' 5 FONDAZIONE CR PROVINCIA DELL'AQUILA 5 FONDAZIONE CR MACERATA 5 FONDAZIONE CARISPE DELLA SPEZIA 5 FONDAZIONE CR BIELLA 5 FONDAZIONE CR CARPI 5 FONDAZIONE CR CARRARA 5 FONDAZIONE CR CENTO 5 FONDAZIONE CR CITTA' DI CASTELLO 5 FONDAZIONE CR CUNEO 5 FONDAZIONE CR FANO 5 FONDAZIONE CR GORIZIA 5 FONDAZIONE CR JESI 5 FONDAZIONE CR PERUGIA 5 FONDAZIONE CR MODENA 5 FONDAZIONE CR PADOVA E ROVIGO 5 FONDAZIONE CR PESARO 5 FONDAZIONE CR PISTOIA E PESCIA 5 FONDAZIONE CR RIMINI 5 FONDAZIONE CR SALUZZO 5 FONDAZIONE CR SPOLETO 5 FONDAZIONE CR TRENTO E ROVERETO 5 FONDAZIONE CR UDINE E PORDENONE 5 FONDAZIONE CR VOLTERRA 5 FONDAZIONE CR E BANCA MONTE DI LUGO 5 166

14 Appendix 2 Table: Membership of clusters 2010 COMPAGNIA DI SAN PAOLO 1 FONDAZIONE BANCA DEL MONTE LUCCA 1 FONDAZIONE BANCA NAZIONALE COMUNICAZIONI 1 FONDAZIONE BANCO DI SICILIA 1 FONDAZIONE CARIVIT 1 FONDAZIONE CR FORLI' 1 FONDAZIONE CR MACERATA 1 FONDAZIONE CARISPE DELLA SPEZIA 1 FONDAZIONE CARIPLO 1 FONDAZIONE CR ASCOLI PICENO 1 FONDAZIONE CR CALABRIA E LUCANIA 1 FONDAZIONE CR CITTA' DI CASTELLO 1 FONDAZIONE CR FOLIGNO 1 FONDAZIONE CR IMOLA 1 FONDAZIONE CR LORETO 1 FONDAZIONE CR MIRANDOLA 1 FONDAZIONE CR PERUGIA 1 FONDAZIONE CR ORVIETO 1 FONDAZIONE PESCARABRUZZO 1 FONDAZIONE CR PISTOIA E PESCIA 1 FONDAZIONE ROMA 1 FONDAZIONE CR VIGNOLA 1 FONDAZIONE CR SALERNITANA 1 ENTE CASSA DI RISPARMIO DI FIRENZE 2 FONDAZIONE A. DE MARI-CR SAVONA 2 FONDAZIONE BANCA DEL MONTE FOGGIA 2 FONDAZIONE BANCA DEL MONTE DI LOMBARDIA 2 FONDAZIONE BANCA DEL MONTE ROVIGO 2 FONDAZIONE BANCA DEL MONTE E CR FAENZA 2 FONDAZIONE BANCO DI SARDEGNA 2 FONDAZIONE CR LIVORNO 2 FONDAZIONE CR PROVINCIA DELL'AQUILA 2 FONDAZIONE CR PROVINCIA DI CHIETI 2 FONDAZIONE TERCAS 2 FONDAZIONE CR ALESSANDRIA 2 FONDAZIONE CR ASTI 2 FONDAZIONE CR BIELLA 2 FONDAZIONE CR BOLZANO 2 FONDAZIONE CR BRA 2 FONDAZIONE CR CARPI 2 FONDAZIONE CR CARRARA 2 FONDAZIONE CR CENTO 2 FONDAZIONE CR CESENA 2 FONDAZIONE CR CIVITAVECCHIA 2 FONDAZIONE CR CUNEO 2 FONDAZIONE CR FABRIANO E CUPRAMONTANA 2 FONDAZIONE CR FANO 2 FONDAZIONE CR FERMO 2 FONDAZIONE CR FOSSANO 2 FONDAZIONE CARIGE 2 FONDAZIONE CR GORIZIA 2 FONDAZIONE CR JESI 2 FONDAZIONE CR LUCCA 2 FONDAZIONE CR MODENA 2 167

15 FONDAZIONE CR PADOVA E ROVIGO 2 FONDAZIONE CARIPARMA 2 FONDAZIONE CR PESARO 2 FONDAZIONE CR RAVENNA 2 FONDAZIONE CARIPISA 2 FONDAZIONE CR PRATO 2 FONDAZIONE CR PUGLIA 2 FONDAZIONE CR REGGIO EMILIA 2 FONDAZIONE VARRONE CR RIETI 2 FONDAZIONE CR RIMINI 2 FONDAZIONE CR SALUZZO 2 FONDAZIONE CR SAN MINIATO 2 FONDAZIONE CR SAVIGLIANO 2 FONDAZIONE CR SPOLETO 2 FONDAZIONE CR TERNI E NARNI 2 FONDAZIONE CR TORINO 2 FONDAZIONE CR TORTONA 2 FONDAZIONE CR TRIESTE 2 FONDAZIONE CR TRENTO E ROVERETO 2 FONDAZIONE CR UDINE E PORDENONE 2 FONDAZIONE CR VERCELLI 2 FONDAZIONE CR VERONA VICENZA BELLUNO ANCONA 2 FONDAZIONE CR VOLTERRA 2 FONDAZIONE CR E BANCA MONTE DI LUGO 2 FONDAZIONE CR BOLOGNA 2 FONDAZIONE CASSAMARCA 2 FONDAZIONE MONTE BOLOGNA RAVENNA 2 FONDAZIONE PIACENZA VIGEVANO 2 FONDAZIONE VENEZIA 2 FONDAZIONE MONTE PIETA' VICENZA 2 FONDAZIONE ISTITUTO BANCO DI NAPOLI 2 FONDAZIONE CR SAN MARINO 2 FONDAZIONE MONTE DEI PASCHI DI SIENA 2 FONDAZIONE MONTE PARMA 2 FONDAZIONE CR FERRARA 3 168

Elenco soggetti abilitati da Poste Italiane al servizio di pagamento dei bollettini:

Elenco soggetti abilitati da Poste Italiane al servizio di pagamento dei bollettini: Elenco soggetti abilitati da Poste Italiane al servizio di pagamento dei bollettini: Tabaccai Convenzionati con Banca ITB; Bennet S.p.A; Esselunga S.p.A; Carrefour; Conad Adriatico Soc. Coop; Tigros S.p.A;

Dettagli

APPENDICE A. DATI CLIMATICI

APPENDICE A. DATI CLIMATICI APPENDICE A. DATI CLIMATICI A.1 Temperature esterne invernali di progetto UNI 5364 Torino -8 Reggio Emilia -5 Alessandria -8 Ancona -2 Asti -8 Ascoli Piceno -2 Cuneo -10 Macerata -2 Alta valle cuneese

Dettagli

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM ALLEGATO 2 FULL PROJECT FORM FORM 1 FORM 1 General information about the project PROJECT SCIENTIFIC COORDINATOR TITLE OF THE PROJECT (max 90 characters) TOTAL BUDGET OF THE PROJECT FUNDING REQUIRED TO

Dettagli

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process)

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) All data aquired from a scan position are refered to an intrinsic reference system (even if more than one scan has been performed) Data

Dettagli

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011]

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] 2 Esegui il login: ecco la nuova Home page per il portale servizi. Log in: welcome to the new Peg Perego Service site. Scegli il servizio selezionando

Dettagli

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Versione 04 1/28 INTRODUZIONE La Guida ai Parametri contiene la disciplina relativa ai limiti di variazione

Dettagli

Rilascio dei Permessi Volo

Rilascio dei Permessi Volo R E P U B L I C O F S A N M A R I N O C I V I L A V I A T I O N A U T H O R I T Y SAN MARINO CIVIL AVIATION REGULATION Rilascio dei Permessi Volo SM-CAR PART 5 Approvazione: Ing. Marco Conti official of

Dettagli

Il Form C cartaceo ed elettronico

Il Form C cartaceo ed elettronico Il Form C cartaceo ed elettronico Giusy Lo Grasso Roma, 9 luglio 2012 Reporting DURANTE IL PROGETTO VENGONO RICHIESTI PERIODIC REPORT entro 60 giorni dalla fine del periodo indicato all Art 4 del GA DELIVERABLES

Dettagli

Informazioni su questo libro

Informazioni su questo libro Informazioni su questo libro Si tratta della copia digitale di un libro che per generazioni è stato conservata negli scaffali di una biblioteca prima di essere digitalizzato da Google nell ambito del progetto

Dettagli

c è un Italia che pedala. in 20 città performance di ciclabilità di livello europeo

c è un Italia che pedala. in 20 città performance di ciclabilità di livello europeo Roma, aprile 2015 c è un Italia che pedala. in 20 città performance di ciclabilità di livello europeo Bolzano, Pesaro, Ferrara e Treviso capitali della bici, almeno un quarto degli abitanti in bici tutti

Dettagli

General Taxonomy of Planology [Tassonomia generale della Planologia] (TAXOCODE) Reduced form [Forma ridotta] Classification Code for all sectors of

General Taxonomy of Planology [Tassonomia generale della Planologia] (TAXOCODE) Reduced form [Forma ridotta] Classification Code for all sectors of General Taxonomy of Planology [Tassonomia generale della Planologia] (TAXOCODE) Reduced form [Forma ridotta] Classification Code for all sectors of study and research according the Information System for

Dettagli

APPLICATION FORM 1. YOUR MOTIVATION/ LA TUA MOTIVAZIONE

APPLICATION FORM 1. YOUR MOTIVATION/ LA TUA MOTIVAZIONE APPLICATION FORM Thank you for your interest in our project. We would like to understand better your motivation in taking part in this specific project. So please, read carefully the form, answer the questions

Dettagli

POP ECONOMY Ovvero da dove allegramente vien la crisi e dove va

POP ECONOMY Ovvero da dove allegramente vien la crisi e dove va POP ECONOMY Ovvero da dove allegramente vien la crisi e dove va di Alberto Pagliarino e Nadia Lambiase Una produzione di Pop Economy Da dove allegramente vien la crisi e dove va Produzione Banca Popolare

Dettagli

Present Perfect SCUOLA SECONDARIA I GRADO LORENZO GHIBERTI ISTITUTO COMPRENSIVO DI PELAGO CLASSI III C/D

Present Perfect SCUOLA SECONDARIA I GRADO LORENZO GHIBERTI ISTITUTO COMPRENSIVO DI PELAGO CLASSI III C/D SCUOLA SECONDARIA I GRADO LORENZO GHIBERTI ISTITUTO COMPRENSIVO DI PELAGO CLASSI III C/D Present Perfect Affirmative Forma intera I have played we have played you have played you have played he has played

Dettagli

Il test valuta la capacità di pensare?

Il test valuta la capacità di pensare? Il test valuta la capacità di pensare? Per favore compili il seguente questionario senza farsi aiutare da altri. Cognome e Nome Data di Nascita / / Quanti anni scolastici ha frequentato? Maschio Femmina

Dettagli

MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM

MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM Under the Patronage of Comune di Portofino Regione Liguria 1ST INTERNATIONAL OPERA SINGING COMPETITION OF PORTOFINO from 27th to 31st July 2015 MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM Direzione artistica

Dettagli

GLI ALUNNI STRANIERI NEL SISTEMA SCOLASTICO ITALIANO A.S. 2013/2014. (Ottobre 2014)

GLI ALUNNI STRANIERI NEL SISTEMA SCOLASTICO ITALIANO A.S. 2013/2014. (Ottobre 2014) GLI ALUNNI STRANIERI NEL SISTEMA SCOLASTICO ITALIANO A.S. 2013/2014 (Ottobre 2014) I dati presenti in questa pubblicazione fanno riferimento agli studenti con cittadinanza non italiana dell anno scolastico

Dettagli

OSSERVATORIO SICUREZZA SUL LAVORO 18/01/2014 Rapporto morti bianche triennio 2011/12/13

OSSERVATORIO SICUREZZA SUL LAVORO 18/01/2014 Rapporto morti bianche triennio 2011/12/13 OSSERVATORIO SICUREZZA SUL LAVORO 18/01/2014 Rapporto morti bianche triennio 2011/12/13 ANALISI COMPARATIVA DATI 2011-2012-2013 ANALISI DATI AGGREGATI 2011-2012- 2013 ANDAMENTO INFORTUNI NEL QUADRIENNIO

Dettagli

Process automation Grazie a oltre trent anni di presenza nel settore e all esperienza maturata in ambito nazionale e internazionale, Elsag Datamat ha acquisito un profondo know-how dei processi industriali,

Dettagli

Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing

Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing Microsoft Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing Profile Redirezione dei documenti Offline files Server Presentation Management Desktop Windows Vista Enterprise Centralized Desktop Application

Dettagli

Il vostro sogno diventa realtà... Your dream comes true... Close to Volterra,portions for sale of "typical tuscan"

Il vostro sogno diventa realtà... Your dream comes true... Close to Volterra,portions for sale of typical tuscan Il vostro sogno diventa realtà... Vicinanze di Volterra vendita di porzione di fabbricato "tipico Toscano" realizzate da recupero di casolare in bellissima posizione panoramica. Your dream comes true...

Dettagli

Qual è l errore più comune tra i Trader sul Forex e come possiamo evitarlo? David Rodriguez, Quantitative Strategist drodriguez@dailyfx.

Qual è l errore più comune tra i Trader sul Forex e come possiamo evitarlo? David Rodriguez, Quantitative Strategist drodriguez@dailyfx. Qual è l errore più comune tra i Trader sul Forex e come possiamo evitarlo? David Rodriguez, Quantitative Strategist drodriguez@dailyfx.com Avvertenza di Rischio: Il Margin Trading su forex e/o CFD comporta

Dettagli

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso doc.4.12-06/03 Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso A belaying plate that can be used in many different conditions Una piastrina d'assicurazione che può essere utilizzata in condizioni diverse.

Dettagli

Granducato del Lussemburgo, 15 marzo 2013. Il consiglio di amministrazione di IVS Group S.A. approva i risultati al 31 dicembre 2012

Granducato del Lussemburgo, 15 marzo 2013. Il consiglio di amministrazione di IVS Group S.A. approva i risultati al 31 dicembre 2012 COMUNICATO STAMPA Granducato del Lussemburgo, 15 marzo 2013. Il consiglio di amministrazione di IVS Group S.A. approva i risultati al 31 dicembre 2012 Il Consiglio di Amministrazione di IVS Group S.A.

Dettagli

Smobilizzo pro-soluto di Lettere di Credito Import

Smobilizzo pro-soluto di Lettere di Credito Import definizione L operazione presuppone l emissione di una lettera di credito IMPORT in favore dell esportatore estero, con termine di pagamento differito (es. 180 gg dalla data di spedizione con documenti

Dettagli

AVVISO 2/14 1 Scadenza COMMERCIO TURISMO - SERVIZI PIANI FINANZIABILI, MA NON FINANZIATI PER MANCANZA DI RISORSE SETTORIALI/TERRITORIALI

AVVISO 2/14 1 Scadenza COMMERCIO TURISMO - SERVIZI PIANI FINANZIABILI, MA NON FINANZIATI PER MANCANZA DI RISORSE SETTORIALI/TERRITORIALI PIEMONTE - VALLE D'AOSTA LIGURIA UNIONE COMMERCIO E TURISMO PROVINCIA DI 1 PF1335_PR418_av214_1 SAVONA ASSOCIAZIONE COMMERCIANTI DELLA 2 PF1085_PR313_av214_1 PROVINCIA DI ALESSANDRIA ASCOM-BRA ASSOCIAZIONE

Dettagli

1. Che cos è. 2. A che cosa serve

1. Che cos è. 2. A che cosa serve 1. Che cos è Il Supplemento al diploma è una certificazione integrativa del titolo ufficiale conseguito al termine di un corso di studi in una università o in un istituto di istruzione superiore corrisponde

Dettagli

Narrare i gruppi. Rivista semestrale pubblicata on-line dal 2006 Indirizzo web: www.narrareigruppi.it - Direttore responsabile: Giuseppe Licari

Narrare i gruppi. Rivista semestrale pubblicata on-line dal 2006 Indirizzo web: www.narrareigruppi.it - Direttore responsabile: Giuseppe Licari Narrare i gruppi Etnografia dell interazione quotidiana Prospettive cliniche e sociali ISSN: 2281-8960 Narrare i gruppi. Etnografia dell'interazione quotidiana. Prospettive cliniche e sociali è una Rivista

Dettagli

Mario Sbriccoli, Ercole Sori. Alberto Grohmann, Giacomina Nenci, UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELLA REPUBBLICA DI SAN MARINO CENTRO SAMMARINESE

Mario Sbriccoli, Ercole Sori. Alberto Grohmann, Giacomina Nenci, UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELLA REPUBBLICA DI SAN MARINO CENTRO SAMMARINESE copertina univ. 21 11-04-2005 16:30 Pagina 1 A State and its history in the volumes 1-20 (1993-1999) of the San Marino Center for Historical Studies The San Marino Centre for Historical Studies came into

Dettagli

Proposition for a case-study identification process. 6/7 May 2008 Helsinki

Proposition for a case-study identification process. 6/7 May 2008 Helsinki Conférence des Régions Périphériques Maritimes d Europe Conference of Peripheral Maritime Regions of Europe ANALYSIS PARTICIPATION TO THE FP THROUGH A TERRITORIAL AND REGIONAL PERSPECTIVE MEETING WITH

Dettagli

I servizi per gli studenti: le opinioni dei laureati su università, città e diritto allo studio 1

I servizi per gli studenti: le opinioni dei laureati su università, città e diritto allo studio 1 I servizi per gli studenti: le opinioni dei laureati su università, città e diritto allo studio 1 di Andrea Cammelli, Serena Cesetti e Davide Cristofori 1. Aspetti introduttivi Dal 1998 AlmaLaurea, attraverso

Dettagli

Zeroshell come client OpenVPN

Zeroshell come client OpenVPN Zeroshell come client OpenVPN (di un server OpenVpn Linux) Le funzionalità di stabilire connessioni VPN di Zeroshell vede come scenario solito Zeroshell sia come client sia come server e per scelta architetturale,

Dettagli

Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO

Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO Lo Spallanzani (2007) 21: 5-10 C. Beggi e Al. Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO IL GRADIMENTO DEI DISCENTI, INDICATORE DI SODDISFAZIONE DELLE ATTIVITÀ FORMATIVE

Dettagli

Castello di San Donato in Perano Matrimoni nel Chianti Weddings in Chianti

Castello di San Donato in Perano Matrimoni nel Chianti Weddings in Chianti Castello di San Donato in Perano Matrimoni nel Chianti Weddings in Chianti Sede di Rappresentanza: Castello di San Donato in Perano 53013 Gaiole in Chianti (Si) Tel. 0577-744121 Fax 0577-745024 www.castellosandonato.it

Dettagli

INFORMATIVA EMITTENTI N. 22/2015

INFORMATIVA EMITTENTI N. 22/2015 INFORMATIVA EMITTENTI N. 22/2015 Data: 23/04/2015 Ora: 17:45 Mittente: UniCredit S.p.A. Oggetto: Pioneer Investments e Santander Asset Management: unite per creare un leader globale nell asset management

Dettagli

Nota Informativa Relativa alla Circolare 2009/1

Nota Informativa Relativa alla Circolare 2009/1 Nota Informativa Relativa alla Circolare 2009/1 In merito alla nuova circolare del Sottosegretariato per il Commercio Estero del Primo Ministero della Repubblica di Turchia, la 2009/21, (pubblicata nella

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Terni, 12 Marzo 20115

COMUNICATO STAMPA. Terni, 12 Marzo 20115 COMUNICATO STAMPA Terni, 2 Marzo 205 TERNIENERGIA: Il CDA della controllata Free Energia approva il progetto di bilancio al 3 Dicembre 204 Il CEO Stefano Neri premiato a Hong Kong per la sostenibilità

Dettagli

5 cabins (1 main deck+ 4 lower deck) Legno: essenza di rovere naturale Rigatino Wood: striped oak

5 cabins (1 main deck+ 4 lower deck) Legno: essenza di rovere naturale Rigatino Wood: striped oak Tipo: Type: 5 cabine (1 main deck+ 4 lower deck) 5 cabins (1 main deck+ 4 lower deck) Legno: essenza di rovere naturale Rigatino Wood: striped oak Tessuti: Dedar Fanfara, Paola Lenti Fabrics: Dedar Fanfara,

Dettagli

Ferroviario e dell Alta Velocità. Milano, 15 marzo 2014

Ferroviario e dell Alta Velocità. Milano, 15 marzo 2014 Lo sviluppo del Trasporto Ferroviario e dell Alta Velocità in Italia Milano, 15 marzo 2014 Lo sviluppo della mobilità in treno: i grandi corridoi europei La rete TEN (Trans European Network) gioca un ruolo

Dettagli

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE edizione/edition 04-2010 HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE DESCRIZIONE GENERALE GENERAL DESCRIPTION L'unità di controllo COBO è una centralina elettronica Multiplex Slave ; la sua

Dettagli

Elenco Aziende, Enti e istituti Regionali per il diritto allo studio universitario

Elenco Aziende, Enti e istituti Regionali per il diritto allo studio universitario Elenco Aziende, Enti e istituti Regionali per il diritto allo studio universitario Abruzzo Azienda per il diritto agli studi universitari (Adsu) Viale dell Unità d Italia, 32 66013 Chieti scalo Tel. +39

Dettagli

L OPPORTUNITÀ DEL RECUPERO DI EFFICIENZA OPERATIVA PUÒ NASCONDERSI NEI DATI DELLA TUA AZIENDA?

L OPPORTUNITÀ DEL RECUPERO DI EFFICIENZA OPERATIVA PUÒ NASCONDERSI NEI DATI DELLA TUA AZIENDA? OSSERVATORIO IT GOVERNANCE L OPPORTUNITÀ DEL RECUPERO DI EFFICIENZA OPERATIVA PUÒ NASCONDERSI NEI DATI DELLA TUA AZIENDA? A cura del Professor Marcello La Rosa, Direttore Accademico (corporate programs

Dettagli

Regioni, province e grandi comuni

Regioni, province e grandi comuni SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA 2 0 0 4 Settore Popolazione Tavole di mortalità della popolazione italiana Regioni, province e grandi comuni Anno 2000 Informazioni n. 28-2004

Dettagli

PRESTIGIOUS VILLAS. 1201 beverly hills - los angeles

PRESTIGIOUS VILLAS. 1201 beverly hills - los angeles OLIVIERI Azienda dinamica giovane, orientata al design metropolitano, da più di 80 anni produce mobili per la zona giorno e notte con cura artigianale. Da sempre i progetti Olivieri nascono dalla volontà

Dettagli

Il business risk reporting: lo. gestione continua dei rischi

Il business risk reporting: lo. gestione continua dei rischi 18 ottobre 2012 Il business risk reporting: lo strumento essenziale per la gestione continua dei rischi Stefano Oddone, EPM Sales Consulting Senior Manager di Oracle 1 AGENDA L importanza di misurare Business

Dettagli

COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA

COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA IL PRIMO GIORNO CON LA FAMIGLIA OSPITANTE FIRST DAY WITH THE HOST FAMILY Questa serie di domande, a cui gli studenti risponderanno insieme alle loro famiglie, vuole aiutare

Dettagli

PerformAzioni International Workshop Festival 22nd February 3rd May 2013 LIV Performing Arts Centre Bologna, Italy APPLICATION FORM AND BANK DETAILS

PerformAzioni International Workshop Festival 22nd February 3rd May 2013 LIV Performing Arts Centre Bologna, Italy APPLICATION FORM AND BANK DETAILS PerformAzioni International Workshop Festival 22nd February 3rd May 2013 LIV Performing Arts Centre Bologna, Italy APPLICATION FORM AND BANK DETAILS La domanda di partecipazione deve essere compilata e

Dettagli

UN BUON VIAGGIO INIZIA PRIMA DI PARTIRE 3 SERVIZI ALITALIA. SEMPRE DI PIÙ, PER TE.

UN BUON VIAGGIO INIZIA PRIMA DI PARTIRE 3 SERVIZI ALITALIA. SEMPRE DI PIÙ, PER TE. UN BUON VIAGGIO INIZIA PRIMA DI PARTIR 3 RVIZI ALITALIA. MPR DI PIÙ, PR T. FAT TRACK. DDICATO A CHI NON AMA PRDR TMPO. La pazienza è una grande virtù. Ma è anche vero che ogni minuto è prezioso. Per questo

Dettagli

4 to 7 funds 8 to 15 funds. 16 to 25 funds 26 to 40 funds. 41 to 70 funds

4 to 7 funds 8 to 15 funds. 16 to 25 funds 26 to 40 funds. 41 to 70 funds 4 to 7 funds 8 to 15 funds 16 to 25 funds 26 to 40 funds 41 to 70 funds 53 Chi siamo Epsilon SGR è una società di gestione del risparmio del gruppo Intesa Sanpaolo specializzata nella gestione di portafoglio

Dettagli

2. Le scuole con elevate percentuali di studenti stranieri

2. Le scuole con elevate percentuali di studenti stranieri 2. Le scuole con elevate percentuali di studenti stranieri 2.1 La concentrazione degli alunni con cittadinanza non italiana in specifiche scuole e nei differenti ordini e gradi scolastici Dall analisi

Dettagli

Rapporto statistico sulla falsificazione dell euro

Rapporto statistico sulla falsificazione dell euro Rapporto statistico sulla falsificazione dell euro 2013 MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE Ministero dell Economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro Direzione V, Ufficio VI (UCAMP) Ufficio Centrale

Dettagli

L ITALIA NELL ERA CREATIVA

L ITALIA NELL ERA CREATIVA CREATIVITYGROUPEUROPE presenta L ITALIA NELL ERA CREATIVA Irene Tinagli Richard Florida Luglio 00 Copyright 00 Creativity Group Europe L Italia nell Era Creativa fa parte del Progetto CITTÀ CREATIVE Promosso

Dettagli

Official Announcement Codice Italia Academy

Official Announcement Codice Italia Academy a c a d e m y Official Announcement Codice Italia Academy INITIATIVES FOR THE BIENNALE ARTE 2015 PROMOTED BY THE MIBACT DIREZIONE GENERALE ARTE E ARCHITETTURA CONTEMPORANEE E PERIFERIE URBANE cured by

Dettagli

Import-export. di riso: il ruolo dell Italia nel contesto europeo

Import-export. di riso: il ruolo dell Italia nel contesto europeo Import-export di riso: il ruolo dell Italia nel contesto europeo Il riso rappresenta dopo il frumento la coltura più diffusa al mondo. L Italia è il principale Paese produttore ed esportatore di riso dell

Dettagli

Gli Investitori Globali Ritengono che le Azioni Saranno La Migliore Asset Class Nei Prossimi 10 Anni

Gli Investitori Globali Ritengono che le Azioni Saranno La Migliore Asset Class Nei Prossimi 10 Anni é Tempo di BILANCI Gli Investitori Hanno Sentimenti Diversi Verso le Azioni In tutto il mondo c è ottimismo sul potenziale di lungo periodo delle azioni. In effetti, i risultati dell ultimo sondaggio di

Dettagli

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO L USO DEI NOMI A DOMINIO di Maurizio Martinelli Responsabile dell Unità sistemi del Registro del cctld.it e Michela Serrecchia assegnista di ricerca

Dettagli

NEUROSCIENZE EEDUCAZIONE

NEUROSCIENZE EEDUCAZIONE NEUROSCIENZE EEDUCAZIONE AUDIZIONE PRESSO UFFICIO DI PRESIDENZA 7ª COMMISSIONE (Istruzione) SULL'AFFARE ASSEGNATO DISABILITÀ NELLA SCUOLA E CONTINUITÀ DIDATTICA DEGLI INSEGNANTI DI SOSTEGNO (ATTO N. 304)

Dettagli

ETF Revolution: come orientarsi nel nuovo mondo degli investimenti

ETF Revolution: come orientarsi nel nuovo mondo degli investimenti ETF Revolution: come orientarsi nel nuovo mondo degli investimenti Emanuele Bellingeri Managing Director, Head of ishares Italy Ottobre 2014 La differenza di ishares La differenza di ishares Crescita del

Dettagli

CATENE E COMPONENTI DI GRADO 8-10-INOX, BRACHE DI POLIESTERE E ANCORAGGI, BRACHE DI FUNE

CATENE E COMPONENTI DI GRADO 8-10-INOX, BRACHE DI POLIESTERE E ANCORAGGI, BRACHE DI FUNE CATENE E COMPONENTI DI GRADO 8-10-INOX, BRACHE DI POLIESTERE E ANCORAGGI, BRACHE DI FUNE L esperienza e la passione per l ingegneria sono determinanti per la definizione della nostra politica di prodotto,

Dettagli

Strategie ISOVOL nella costruzione di

Strategie ISOVOL nella costruzione di FOR PROFESSIONAL INVESTORS Strategie ISOVOL nella costruzione di portafogli diversificati I vantaggi di un approccio fondato sulla contribuzione al rischio EFPA Italia Meeting 2014 Agenda Inter-temporal

Dettagli

Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009

Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009 Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009 SECCOTECH & S 8 SeccoTech & Secco Tecnologia al servizio della deumidificazione Technology at dehumidification's service Potenti ed armoniosi Seccotech

Dettagli

Presentazione per. «La governance dei progetti agili: esperienze a confronto»

Presentazione per. «La governance dei progetti agili: esperienze a confronto» Presentazione per «La governance dei progetti agili: esperienze a confronto» Pascal Jansen pascal.jansen@inspearit.com Evento «Agile Project Management» Firenze, 6 Marzo 2013 Agenda Due parole su inspearit

Dettagli

Principali prove meccaniche su materiali polimerici

Principali prove meccaniche su materiali polimerici modulo: Proprietà viscoelastiche e proprietà meccaniche dei polimeri Principali prove meccaniche su materiali polimerici R. Pantani Scheda tecnica di un materiale polimerico Standard per prove meccaniche

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Come si organizza un progetto di BPM 1 INDICE Organizzazione di un progetto di Business Process Management Tipo di intervento Struttura del progetto BPM Process Performance

Dettagli

Non solo benchmark: le prospettive nei modelli gestionali. Stefania Luzi Mefop Roma, 3 luglio 2013

Non solo benchmark: le prospettive nei modelli gestionali. Stefania Luzi Mefop Roma, 3 luglio 2013 Non solo benchmark: le prospettive nei modelli gestionali Stefania Luzi Mefop Roma, 3 luglio 2013 La cronistoria Pre 2009 Modello a benchmark basato su: Pesi delle asset class Benchmark costituito da indici

Dettagli

Quello che devi sapere sulle opzioni binarie

Quello che devi sapere sulle opzioni binarie Quello che devi sapere sulle opzioni binarie L ebook dà particolare risalto ai contenuti più interessanti del sito www.binaryoptionitalia.com ed in particolar modo a quelli presenti nell area membri: cosa

Dettagli

Materia: INGLESE Data: 24/10/2004

Materia: INGLESE Data: 24/10/2004 ! VERBI CHE TERMINANO IN... COME COSTRUIRE IL SIMPLE PAST ESEMPIO e aggiungere -d live - lived date - dated consonante + y 1 vocale + 1 consonante (ma non w o y) cambiare y in i, poi aggiungere -ed raddoppiare

Dettagli

FORMAZIONE IN INGRESSO PER DOCENTI NEOASSUNTI IN ANNO DI PROVA ANNO SCOLASTICO 2014-15 AVVIO PERCORSO FORMATIVO

FORMAZIONE IN INGRESSO PER DOCENTI NEOASSUNTI IN ANNO DI PROVA ANNO SCOLASTICO 2014-15 AVVIO PERCORSO FORMATIVO FORMAZIONE IN INGRESSO PER DOCENTI NEOASSUNTI IN ANNO DI PROVA ANNO SCOLASTICO 2014-15 AVVIO PERCORSO FORMATIVO VERSO UN CODICE DEONTOLOGICO DEL DOCENTE Paolo Rigo paolo.rigo@istruzione.it ALCUNE SEMPLICI

Dettagli

Aggiornamenti CIO Rivista ufficiale del Club Italiano Osteosintesi

Aggiornamenti CIO Rivista ufficiale del Club Italiano Osteosintesi Aggiornamenti CIO Rivista ufficiale del Club Italiano Osteosintesi Istruzioni per gli Autori Informazioni generali Aggiornamenti CIO è la rivista ufficiale del Club Italiano Osteosintesi e pubblica articoli

Dettagli

INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 DHCP Dynamic Host Configuration Protocol Fausto Marcantoni fausto.marcantoni@unicam.

INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 DHCP Dynamic Host Configuration Protocol Fausto Marcantoni fausto.marcantoni@unicam. Laurea in INFORMATICA INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 Dynamic Host Configuration Protocol fausto.marcantoni@unicam.it Prima di iniziare... Gli indirizzi IP privati possono essere

Dettagli

PANNELLO FRONTALE: QUERCIA STYLE CANNELLA PROFILO: PINO NERO PIANO DI SERVIZIO E ZOCCOLO: AGGLOMERATO MEROPE

PANNELLO FRONTALE: QUERCIA STYLE CANNELLA PROFILO: PINO NERO PIANO DI SERVIZIO E ZOCCOLO: AGGLOMERATO MEROPE Una proposta dall estetica esclusiva, in cui tutti gli elementi compositivi sono ispirati dalla geometria più pura e dalla massima essenzialità del disegno per un progetto caratterizzato da semplicità

Dettagli

Perché AIM Italia? (1/2)

Perché AIM Italia? (1/2) AIM Italia Perché AIM Italia? (1/2) AIM Italia si ispira ad un esperienza di successo già presente sul mercato londinese Numero di società quotate su AIM: 1,597 Di cui internazionali: 329 Quotazioni su

Dettagli

PMI. Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008

PMI. Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008 Nuovi standard PMI, certificazioni professionali e non solo Milano, 20 marzo 2009 PMI Organizational Project Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008 Andrea Caccamese, PMP Prince2 Practitioner

Dettagli

TODAY MORE PRESENT IN GERMANY

TODAY MORE PRESENT IN GERMANY TODAY MORE PRESENT IN GERMANY Traditionally strong in offering high technology and reliability products, Duplomatic is a player with the right characteristics to achieve success in highly competitive markets,

Dettagli

UNIVERSITÀ CATTOLICA DEL SACRO CUORE FACOLTÀ DI ECONOMIA REGOLAMENTO SUI REQUISITI E SULLA PROCEDURA DI (IL REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO )

UNIVERSITÀ CATTOLICA DEL SACRO CUORE FACOLTÀ DI ECONOMIA REGOLAMENTO SUI REQUISITI E SULLA PROCEDURA DI (IL REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO ) UNIVERSITÀ CATTOLICA DEL SACRO CUORE FACOLTÀ DI ECONOMIA ESTRATTO DA REGOLAMENTO SUI REQUISITI E SULLA PROCEDURA DI RECLUTAMENTO DI RICERCATORI E DOCENTI (IL REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO ) 1 Requisiti

Dettagli

Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche

Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche Versione 12.6.05 Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche 1 Il contesto del discorso (dalla lezione introduttiva)

Dettagli

CALDO SGUARDO GRECO PDF

CALDO SGUARDO GRECO PDF CALDO SGUARDO GRECO PDF ==> Download: CALDO SGUARDO GRECO PDF CALDO SGUARDO GRECO PDF - Are you searching for Caldo Sguardo Greco Books? Now, you will be happy that at this time Caldo Sguardo Greco PDF

Dettagli

Istruzione N. Versione. Ultima. modifica. Funzione. Data 18/12/2009. Firma. Approvato da: ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING IMBALLO. service 07.

Istruzione N. Versione. Ultima. modifica. Funzione. Data 18/12/2009. Firma. Approvato da: ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING IMBALLO. service 07. Istruzione N 62 Data creazione 18/ 12/2009 Versione N 00 Ultima modifica TIPO ISTRUZIONE ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING MODIFICA TEST FUNZIONALE RIPARAZIONE/SOSTITUZIONE IMBALLO TITOLO DELL ISTRUZIONE

Dettagli

I was not you were not he was not she was not it was not we were not you were not they were not. Was I not? Were you not? Was she not?

I was not you were not he was not she was not it was not we were not you were not they were not. Was I not? Were you not? Was she not? Il passato Grammar File 12 Past simple Il past simple inglese corrisponde al passato prossimo, al passato remoto e, in alcuni casi, all imperfetto italiano. Con l eccezione del verbo be, la forma del past

Dettagli

CURRICULUM VITAE MARIA CRISTINA ARCURI

CURRICULUM VITAE MARIA CRISTINA ARCURI CURRICULUM VITAE MARIA CRISTINA ARCURI DATI PERSONALI Luogo e data di nascita: Catanzaro 29/03/1984 Residenza/Domicilio: Viale G. Rustici, 52 43123 Parma (PR) Stato civile: Nubile POSIZIONE ATTUALE Assegnista

Dettagli

Lavorazione artigianale Italiana Handmade in Italy. da noi ogni sapone è unico. Authentically Made in Italy Florence

Lavorazione artigianale Italiana Handmade in Italy. da noi ogni sapone è unico. Authentically Made in Italy Florence Lavorazione artigianale Italiana Handmade in Italy da noi ogni sapone è unico alveare soap gori 1919 soap factory lavorazione artigianale italiana Handmade in Italy I nostri saponi sono il frutto di un

Dettagli

Manuale BDM - TRUCK -

Manuale BDM - TRUCK - Manuale BDM - TRUCK - FG Technology 1/38 EOBD2 Indice Index Premessa / Premise............................................. 3 Il modulo EOBD2 / The EOBD2 module........................... 4 Pin dell interfaccia

Dettagli

Evoluzione Risk Management in Intesa

Evoluzione Risk Management in Intesa RISCHIO DI CREDITO IN BANCA INTESA Marco Bee, Mauro Senati NEWFIN - FITD Rating interni e controllo del rischio di credito Milano, 31 Marzo 2004 Evoluzione Risk Management in Intesa 1994: focus iniziale

Dettagli

JUMP INTO THE PSS WORLD AND ENJOY THE DIVE EVOLUTION

JUMP INTO THE PSS WORLD AND ENJOY THE DIVE EVOLUTION JUMP INTO THE PSS WORLD AND ENJOY THE DIVE EVOLUTION PSS Worldwide is one of the most important diver training agencies in the world. It was created thanks to the passion of a few dedicated diving instructors

Dettagli

24V DC ±10% 0.5... 1 W. Fluido Fluid. 15 Nl/min

24V DC ±10% 0.5... 1 W. Fluido Fluid. 15 Nl/min elettropiloti 0 mm 0 mm solenoids Elettropilota Solenoid valve 0 mm 00.44.0 ACCESSORI - ACCESSORIES 07.049.0 Connettore per elettropilota 0 mm con cavetto rosso/nero, lunghezza 400 mm - connector for 0

Dettagli

Conjugate: prendere ammirare camminare entrare visitare sedersi divertirsi

Conjugate: prendere ammirare camminare entrare visitare sedersi divertirsi The IMPERFECT is used to express an action that took place in the past but whose duration cannot be specified. Its endings are identical in all three conjugations. io tu lui/lei noi voi loro -vo -vi -va

Dettagli

HIGH SPEED FIMER. HSF (High Speed Fimer)

HIGH SPEED FIMER. HSF (High Speed Fimer) HSF PROCESS HSF (High Speed Fimer) HIGH SPEED FIMER The development of Fimer HSF innovative process represent a revolution particularly on the welding process of low (and high) alloy steels as well as

Dettagli

Mod. VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES

Mod. VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES Mod VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES Mod VS/AM 65 1 2 VS/AM 65 STANDARD VS/AM 65 CON RACCORDI VS/AM 65

Dettagli

The Verification Process in the ASTRI Project: the Verification Control Document (VCD)

The Verification Process in the ASTRI Project: the Verification Control Document (VCD) The Verification Process in the ASTRI Project: the Verification Control Document (VCD) L. Stringhetti INAF-IASF Milano on behalf of the ASTRI Collaboration 1 1 Summary The ASTRI/CTA project The ASTRI Verification

Dettagli

Delta. Centro di progettazione e sviluppo. Research & Development Department. Controllo resistenza alla corrosione Corrosion resistance testing.

Delta. Centro di progettazione e sviluppo. Research & Development Department. Controllo resistenza alla corrosione Corrosion resistance testing. Delta PATENT PENDING Sistema di apertura per ante a ribalta senza alcun ingombro all interno del mobile. Lift system for doors with vertical opening: cabinet interior completely fittingless. Delta Centro

Dettagli

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls Information Technology General Controls Indice degli argomenti Introduzione agli ITGC ITGC e altre componenti del COSO Framework Sviluppo e manutenzione degli applicativi Gestione operativa delle infrastrutture

Dettagli

Considering that: Considerato che:

Considering that: Considerato che: PROGETTO COMUNE DI FUSIONE TRANSFRONTALIERA PREDISPOSTO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI: (1) FIAT INVESTMENTS N.V., una società per azioni (naamloze vennootschap) costituita ai sensi del diritto olandese,

Dettagli

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Il Framework ITIL e gli Standard di PMI : : possibili sinergie Milano, Venerdì, 11 Luglio 2008 IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Maxime Sottini Slide 1 Agenda Introduzione

Dettagli

1. SIMPLE PRESENT. Il Simple Present viene anche detto presente abituale in quanto l azione viene compiuta abitualmente.

1. SIMPLE PRESENT. Il Simple Present viene anche detto presente abituale in quanto l azione viene compiuta abitualmente. 1. SIMPLE PRESENT 1. Quando si usa? Il Simple Present viene anche detto presente abituale in quanto l azione viene compiuta abitualmente. Quanto abitualmente? Questo ci viene spesso detto dalla presenza

Dettagli

( ) ( ) 0. Entrata e uscita dal mercato. Entrata e uscita dal mercato. Libertà d entrata ed efficienza. Libertà d entrata e benessere sociale

( ) ( ) 0. Entrata e uscita dal mercato. Entrata e uscita dal mercato. Libertà d entrata ed efficienza. Libertà d entrata e benessere sociale Entrata e uscita dal mercato In assenza di comportamento strategico, le imprese decidono di entrare/uscire dal mercato confrontando i guadagni attesi con i costi di entrata. In assenza di barriere strategiche

Dettagli

LEZIONE 4: PRESENT SIMPLE / PRESENT CONTINUOUS

LEZIONE 4: PRESENT SIMPLE / PRESENT CONTINUOUS LEZIONE 4: PRESENT SIMPLE / PRESENT CONTINUOUS TEMPO PRESENTE In italiano non vi sono differenze particolari tra le due frasi: MANGIO UNA MELA e STO MANGIANDO UNA MELA Entrambe le frasi si possono riferire

Dettagli

TAL LIVELLO A2. Test scritto in 5 parti ( 50 minuti) Prova d ascolto (10 minuti) PARTE I: Comprensione del testo. PARTE II: Cloze test

TAL LIVELLO A2. Test scritto in 5 parti ( 50 minuti) Prova d ascolto (10 minuti) PARTE I: Comprensione del testo. PARTE II: Cloze test TAL LIVELLO A2 Test scritto in 5 parti ( 50 minuti) Prova d ascolto (10 minuti) PARTE I: Comprensione del testo PARTE II: Cloze test PARTE III: Grammatica PARTE IV: Scrittura guidata PARTE V: Scrittura

Dettagli