Strategie per il sociale Il fundraising Le fondazioni bancarie Le fondazioni d impresa

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Strategie per il sociale Il fundraising Le fondazioni bancarie Le fondazioni d impresa"

Transcript

1 Strategie per il sociale Il fundraising Le fondazioni bancarie Le fondazioni d impresa 7-8 lezione - 6 ottobre 2011

2 Il fundraising

3 Definizione di fundraising Il fundraising è la scienza della sostenibilità finanziaria di una causa sociale. Pertanto è una conseguenza degli obiettivi e dei benefici sociali che un organizzazione intende raggiungere. H.A. Rosso Il fundraising è soprattutto la gestione efficace ed efficiente dei legami fra un organizzazione e soggetti (individuali e collettivi) presenti nell ambiente in cui essa opera: esso è principalmente relationshipfundraising. K. Burnett Il fund raising è la nobile arte di insegnare alle persone la gioia di donare H.A. Rosso

4 Fundraising: principi comuni ed elementi chiave ha una natura strategica per definizione (in quanto scienza della sostenibilità economica di una causa sociale ) ha una natura relazionale perché lo scambio economico cui dà origine è di reprocità, cioè non è obbligato ma libero e volontario (tale scambio è possibile solo tramite un rapporto relazionale e l instaurarsi di una relazione di fiducia) ha una natura tecnica, è cioè costituito da un insieme di pratiche e strumenti che permettono di governare efficacemente le azioni di raccolta è in stretto rapporto con la cultura filantropica, cioè con la tradizione solidaristica dell ambiente nel quale viene praticato è affidato al management, perché nella sua pratica di progettazione e pianificazione strategica permette il controllo delle competenze e delle azioni in un unico quadro di gestione e sviluppo dell attività dell organizzazione non profit.

5 Mappa degli stakeholder Legislatore Grande pubblico Mass media Istituzioni ed enti Organi sociali Imprese ONP Beneficiari Personale Fornitori Donatori Intermediari Concorrenti

6 La piramide del fundraising investimento Eredità e lasciti impegno coinvolgimento Grandi donazioni crescita interesse Piccole donazioni pianificate e/o Impegno alla donazione mensile informazione Rinnovo e aumento donazione identificazione Quota associativa, prima donazione, partecipazione eventi speciali contatto

7 Gli strumenti promocard dialogo diretto Direct marketing eventi CRM Media relations FUNDRAISING advertising blog direct mailing social network ing

8 Cos è il ciclo del fundraising L efficacia del fundraising dipende dalla capacità di programmare, ancor prima di eseguire, le attività previste. Secondo i maggiori studiosi del settore (e i più esperti fundraiser che hanno adottato i loro principi), la raccolta fondi è un processo ciclico che prevede alcuni step e che ricomincia quando si sono raggiunti gli obiettivi individuati. Il ciclo completo comprende 14 fasi e la sollecitazione della donazione arriva solo alla tredicesima fase: la pianificazione di tale sollecitazione dura quindi per le precedenti 12 fasi.

9 Ciclo del fundraising Pianificazione: esaminare la buona causa Azione: attivare i volontari Azione: sollecitare le donazioni Pianificazione: proporre il piano di comunicazione Pianificazione: Preparare piano generale di sviluppo del fundraising Punto strategico: dimostrare un amministrazione etica di quanto ricevuto e rinnovo delle donazioni Pianificazione: Analizzare richieste mercati Pianificazione: sviluppare ed elaborare il caso da proporre per raccogliere fondi Pianificazione: definire obiettivi operativi Azione: coinvolgere i volontari Pianificazione/azione: convalidare il Documento di Buona Causa Pianificazione: Individuare eventuali fonti di donazione Pianificazione: esaminare la buona causa Pianificazione: Valutare i mercati della donazione Fonte: The Fund Raising School of Indiana State University, 2002, p. 1-65

10 Metodologie e strumenti per un fundraising efficace 1. Pianificazione: esaminare la buona causa 2. Pianificazione: analizzare richieste mercati 3. Pianificazione: sviluppare ed elaborare il caso da proporre per raccogliere fondi 4. Pianificazione: definire obiettivi operativi 5. Azione: coinvolgere i volontari 6. Pianificazione/Azione: convalidare il Documento Buona Causa

11 1) PIANIFICAZIONE: esaminare la buona causa La Buona Causa, la summa delle ragioni e delle azioni dell associazione, viene definita attraverso la diagnosi: interna: punti di forza e debolezza dell associazione esterna: opportunità e minacce dell ambiente esterno. La Buona Causa risponde agli interrogativi: perché? Spiega la missione che cosa fare? Chiarisce quali sono gli obiettivi strategici come farlo? Definisce gli obiettivi operativi

12 2) PIANIFICAZIONE: analizzare le richieste dei mercati Lo scopo di questa analisi è capire quanto è conforme l attività dell associazione al mercato della richiesta. Maggiore è l efficacia dell azione a dare risposte al bisogno sociale, maggiore sarà il posizionamento sul mercato dell associazione. La legittimazione del mercato è essenziale per un fundraising di successo. Su quali mercati (settori o bisogni) l associazione decide di puntare per realizzare la sua missione? Su quali elementi, caratteristiche del servizio intende puntare l associazione?

13 3) PIANIFICAZIONE: sviluppare ed elaborare il caso da proporre per raccogliere fondi Il Documento di Buona Causa (DBC) è il piano di lavoro che esplicita il fabbisogno economico costi e risorse necessario alla realizzazione della Buona Causa. Definisce quindi: gli obiettivi strategici gli obiettivi operativi le risorse necessarie

14 4) PIANIFICAZIONE: definire gli obiettivi operativi Il programma definito nel Documento di Buona Causa deve essere tradotto in specifici azioni misurabili. In questa fase: si trasformano gli obiettivi strategici in forma operativa e misurabile si definiscono le risorse necessarie si individuano le attività più idonee si specificano i responsabili delle azioni si stabiliscono i tempi di realizzazione Gli obiettivi operativi devono essere: specifici, misurabili, possibili, orientati ai risultati, limitati nel tempo.

15 5) AZIONE: coinvolgere i volontari Nelle precedenti fasi di pianificazione i soggetti decisionali erano i membri del direttivo. In questa fase di azione è previsto il diretto coinvolgimento anche dei volontari. Attraverso il coinvolgimento e la persuasione, i volontari vengono chiamati a sostenere gli obiettivi strategici e le azioni di raccolta di risorse economiche contenuti nel Documento di Buona Causa. Questo è un passaggio fondamentale per un fundraising efficace.

16 6) AZIONE / PIANIFICAZIONE: convalidare il DBC Con convalida del DBC si intende la sua legittimazione da parte del direttivo e dei volontari. Questa fase è necessaria perché: nessuna campagna di raccolta è possibile se direttivo e volontari non riconoscono più la legittimità del DBC il loro impegno a favore del fundraising, come la loro fidelizzazione all associazione, sono possibili solamente mediante un continuo coinvolgimento. Per ottenere la validazione è necessario operare attraverso: la sollecitazione continua e costante all analisi e alla validità del DBC il riconoscimento che il DBC è la summa delle ragioni (missione) e delle azioni (risposte ai bisogni) dell associazione l uso delle singole competenze e capacità del volontario che solo il DBC può valorizzare nel modo più opportuno.

17 7) PIANIFICAZIONE: valutare i mercati della donazione Questa fase analizza i mercati, elabora giudizi informati sui possibili donatori e quantifica l ammontare delle donazioni da richiedere in base alle informazioni raccolte. I mercati della donazione sono: le persone fisiche, gli enti pubblici, le imprese profit, le fondazioni e associazioni erogatrici. Tutti i mercati devo essere valutati perché il fundraising è un investimento che deve essere diversificato per evitare che, mancando una fonte di risorse, non se ne conoscano altre cui rivolgersi.

18 8) PIANIFICAZIONE: selezionare gli strumenti del fundraising In questa fase si valutano e si scelgono le strategie e/o gli strumenti di fundraising più opportuni ed efficaci per ciascun mercato e/o donatore a cui l associazione ha deciso di rivolgersi dopo il risultato dell analisi al punto precedente. Strategie di fundraising sono: la raccolta annuale la raccolta di capitale la raccolta di grandi donazioni o donazioni straordinarie la raccolta attraverso donazioni pianificate etc.

19 9) PIANIFICAZIONE: individuare eventuali fonti di donazione In questa fase si raffina la valutazione dei mercati della donazione condensandola in apposite liste di potenziali donatori per ogni singolo mercato. I criteri di elaborazione delle liste possono essere: i collegamenti e relazioni con l associazione la capacità di elargire donazioni nella misura richiesta l interesse nei confronti dell associazione. Potrebbe essere utile in questa fase coinvolgere i volontari per: raccogliere un maggior numero di contatti personali aiutare la partecipazione attiva degli stessi sollecitarli a loro volta alla donazione.

20 10) PIANIFICAZIONE: preparare il piano generale di sviluppo del fundraising Gli obiettivi strategici ed operativi del DBC, insieme con i dati raccolti nelle precedenti fasi, sono gli elementi fondamentali per elaborare il piano generale di sviluppo del fundraising. Il piano generale di sviluppo del fundraising deve: quantificare le somme da raccogliere per ogni singolo programma specificare i tempi e i metodi della raccolta indicare il ruolo del personale retribuito e soprattutto volontario indicare a chi chiedere e quanto chiedere.

21 11) PIANIFICAZIONE: proporre il piano di comunicazione Per un fundraising efficace la comunicazione è necessaria per far conoscere il DBC all associazione e stimolare l identificazione di chi la realizza con i sentimenti e le convinzioni del potenziale donatore (deve essere uno scambio di valori). Il piano di comunicazione dovrà prevedere: la comunicazione interna verso i dirigenti, i volontari, il personale retribuito la comunicazione esterna verso i diversi pubblici e i potenziali donatori selezionati.

22 12) AZIONE: attivare i volontari I volontari che sono stati correttamente informati e coinvolti potranno sollecitare la donazione con buone possibilità di successo perché nessuna sollecitazione è più efficace di quella effettuata da un volontario che è anche donatore e che è fortemente impegnato con l associazione. È buona prassi attivare più team di volontari, selezionati secondo competenze, impegno e conoscenze personali per ogni mercato della donazione e/o gruppi simili di potenziali donatori.

23 13) AZIONE: sollecitare le donazioni Questa fase rappresenta la realizzazione del piano generale di sviluppo del fundraising. Va tenuto presente che: la sollecitazione viene fatta personalmente dai volontari la fase di sollecitazione è un azione onorevole deve trasmettere emozioni e sentimenti positivi deve trasmettere la gioia di condividere e partecipare.

24 14) PUNTO STRATEGICO: dimostrare un amministrazione etica di quanto ricevuto e rinnovo delle donazioni La fase finale è strategica in quanto solo dimostrando un amministrazione etica di quanto ricevuto si ha la possibilità di chiedere il rinnovo della donazione. Si dovrà quindi: ringraziare in tempi brevi e per lettera riferire dell uso fatto della donazione ottenuta dimostrare come la donazione sia stata impiegata per realizzare la Buona Causa per la quale era stata sollecitata dimostrare il massimo livello di efficacia ed efficienza dimostrare il massimo livello di affidabilità e trasparenza rispettare scrupolosamente ogni obbligo di legge.

25 14) PUNTO STRATEGICO: dimostrare un amministrazione etica di quanto ricevuto e rinnovo delle donazioni La redemption è l attività finale con la quale si valutano tutte le conseguenze ed i risultati ottenuti con il piano generale di sviluppo del fund raising; gli elementi emersi ed i risultati raggiunti saranno utili per migliorare le future strategie del fund raising. Il ciclo del fundraising termina e contemporaneamente riprende: la Buona Causa va rinnovata testandone nuovamente la validità con i costituenti.

26 Le regole del fundraising 1. DEFINISCI BENE IL TUO TARGET 2. CONOSCI QUANTO PUOI CHIEDERE 3. NCORAGGIA IL TUO DONATORE 4. SII ONESTO, APERTO, VERO 5. INCONTRA I BISOGNI 6. FARSI DEGLI AMICI VIENE PRIMA 7. COMUNICA I BISOGNI 8. LA PAROLA PIÙ IMPORTANTE È GRAZIE 9. LE PERSONE DONANO AD ALTRE PERSONE

27 Le fondazioni bancarie

28 Chi sono e quante sono Le fondazioni di origine bancaria sono soggetti non profit, privati e autonomi, che perseguono esclusivamente scopi di utilità sociale e di promozione dello sviluppo economico. In Italia sono 88 e dispongono di ingenti patrimoni, che investono in attività diversificate, prudenti e fruttifere. Dagli utili derivanti dalla buona gestione di questi investimenti traggono le risorse per sostenere attività d'interesse collettivo, in particolar modo nei settori della ricerca scientifica, dell'istruzione, dell'arte, della sanità, della cultura, della conservazione e valorizzazione dei beni ambientali e paesaggistici, dell'assistenza alle categorie sociali deboli e in tutti quei settori, fra quelli ammessi dalla legge, che ciascuna Fondazione ritenga di prevedere nel proprio statuto.

29 Le fondazioni bancarie Il patrimonio Al 31 dicembre 2010 il patrimonio complessivo delle Fondazioni di origine bancaria ammonta a 50,16 miliardi di euro 1 (+1,4% sul 2009) ed è pari all'84,3% del totale di bilancio, che assomma a 59,5 miliardi di euro (+1,4% rispetto ai 58,7 miliardi del 2009). E suddiviso fra 88 realtà molto diverse per dimensioni, oltre che per operatività territoriale. Le 5 maggiori (pari complessivamente al 49% del patrimonio) sono: Fondazione Cariplo Compagnia di San Paolo Fondazione Monte dei Paschi di Siena Fondazione Cassa di Risparmio di Verona Vicenza Belluno e Ancona Fondazione Cassa di Risparmio di Torino. Il patrimonio delle 18 Fondazioni di grande dimensione copre una quota del 76,8% del patrimonio complessivo del sistema, mentre le 18 Fondazioni di piccola dimensione pesano per poco più dell'1%.

30 Le fondazioni bancarie La collocazione geografica Segmentando le fondazioni in base all'area geografica di riferimento si può rilevare che: quelle che hanno sede nel Nord del Paese (47) hanno un patrimonio di oltre 34 miliardi di euro, pari al 67,8% del patrimonio complessivo in particolare quelle del Nord Ovest (6 delle 18 Fondazioni di grande dimensione) hanno un valore medio del patrimonio circa il doppio della media generale (1.145 milioni di euro contro 570) quelle del Sud e Isole sono solo 11 e il loro patrimonio medio si attesta sui 206 milioni di euro, al di sotto della metà del dato generale.

31 Le fondazioni bancarie Le erogazioni Fra i 21 "settori ammessi" dalla legge, 7 sono quelli su cui si concentra la maggior parte delle erogazioni delle Fondazioni. In base alla quantità di risorse ricevute il settore più importante è quello dell arte, attività e beni culturali, con una quota del 30,2% (29,4% nel 2009). In questo settore gli ambiti principali di intervento sono: conservazione e valorizzazione dei beni architettonici e archeologici (incide per il 33% sulle erogazioni al settore); le singole erogazioni hanno un importo medio quasi doppio della media di settore e la natura dei soggetti beneficiari registra una netta prevalenza di soggetti privati rispetto ai pubblici iniziative a sostegno di creazioni e interpretazioni artistiche e letterarie (18,1%) altre attività culturali e artistiche (15,4%) che comprende una molteplicità molto varia di iniziative, non classificabili nelle voci già codificate attività dei musei (6,6%) arti visive (5%) attività di biblioteche e archivi (2,9%) editoria e altri mezzi di comunicazione di massa (1,5%).

32 Le erogazioni Il secondo settore d'intervento è quello dell'assistenza sociale con il 12,8% delle erogazioni. La parte prevalente (90,5%) va al comparto Servizi sociali, seguito da Servizi di assistenza in caso di calamità naturale, di protezione civile e di assistenza ai profughi e ai rifugiati (2,8%). I destinatari sono in primo luogo i disabili (37,4%), quindi gli anziani (24,1%), i minori (13,6%) e i tossicodipendenti (0,7%); ad altri soggetti (famiglie a rischio di povertà, persone senza fissa dimora, detenuti, ecc.) va il 20,6%. Il terzo settore d'intervento è quello della Ricerca, a cui va il 12,6% (14,2% nel 2009) delle risorse. Al comparto della Ricerca e sviluppo sperimentale nel campo delle scienze naturali e tecnologico va il 32,6% delle erogazioni al settore, alla Ricerca e sviluppo sperimentale in campo medico il 19,8%, alla Ricerca e sviluppo sperimentale nel campo delle scienze sociali il 3,2%.

33 Le erogazioni Al quarto posto ci sono le erogazioni per Educazione, istruzione e formazione, con il 10,8% (11,7% nel 2009) degli importi totali. I comparti principali sono: Istruzione superiore, ovvero universitaria e parauniversitaria (37%); Istruzione primaria e secondaria (31,8%); Istruzione professionale e istruzione degli adulti (11,6%); Crescita e formazione giovanile (9,8%).Segue il settore Volontariato, filantropia e beneficenza, che ha ricevuto il 9,6% delle risorse erogate (10,1% nel 2009). La quota maggiore (32,3% del settore) pari a 42,2 milioni di euro è impiegata per gli Accantonamenti ai fondi speciali per il volontariato, seguono i Contributi a fondazioni grant-making ed altri intermediari filantropici (19,8%), cioè quei contributi che vanno a fondazioni come quelle di comunità o ad altri soggetti non profit del territorio che intermedino le risorse verso le organizzazioni del volontariato. Ci sono poi la Beneficenza (11,9%), l'attività di sostegno allo sviluppo e alle condizioni di vita dei paesi poveri (8,9%), Interventi diretti di promozione e sostegno del volontariato (6,1%), gli Scambi culturali e cooperazione internazionale (0,5%).

34 Le erogazioni Con il 9,1% di risorse (12,7% nel 2009) c'è il settore Sviluppo locale, che comprende iniziative per la Promozione dello sviluppo economico della comunità locale (62,3% del totale erogato al settore), l'edilizia popolare locale (5,4%), la Realizzazione di lavori pubblici o di pubblica utilità (4%). Infine, c'è il settore della Salute pubblica, che sul totale erogato incide per l'8,4% (7,3% nel 2009). In quest'ambito troviamo i comparti: Servizi ospedalieri (67,5%), che va dalla fornitura di apparecchiature mediche alla realizzazione di progetti specifici, alla costruzione e ristrutturazione di immobili; Altri servizi sanitari (21,9%), che va dall'assistenza domiciliare dei malati al sostegno per le cure di malati terminali e di disabili.

35 Le erogazioni Con uno stacco notevole rispetto a quelli sin qui esaminati, seguono altri settori, che complessivamente non raggiungono il 6,6% del totale erogato. Si segnalano: Protezione e qualità ambientale, in crescita, con una quota di risorse del 2,5% (1,7% nel 2009); Famiglia e valori connessi con il 2,4% (1,1% nel 2009); Sport e ricreazione con l'1,6% (1,4% nel 2009); infine, Diritti civili, Religione e sviluppo spirituale, Prevenzione della criminalità e sicurezza pubblica, a cui vanno complessivamente 1,9 milioni di euro, per un totale di 117 interventi.

36 Le fondazioni d impresa

37 Le fondazioni d impresa Chi sono e quante sono Secondo il rapporto "Le Corporate Foundations" in Italia sono 131 e gestiscono risorse annuali pari a 150 milioni di Euro. La ricerca Le Corporate Foundations in Italia - realizzata da Fondazione Sodalitas con ALTIS (Alta Scuola Impresa e Società dell Università Cattolica) è stata progettata negli obiettivi e nella struttura grazie al contributo di imprese aderenti alla Fondazione Sodalitas (ABB e Bracco), di fondazioni d impresa espressione di imprese che ne fanno parte (Fondazione ATM, Fondazione Coca Cola HBC Italia, Fondazione Italcementi, Fondazione Vodafone, Fondazione Unidea), nonché di Fondazione Eni Enrico Mattei e Fondazione Umana Mente.

38 Le fondazioni d impresa Alcuni dati Le 131 Fondazioni d impresa in Italia rappresentano il 2.8% del totale delle fondazioni italiane. Nate prevalentemente nell ultimo decennio, il 70% di loro ha sede nel Nord Italia (quasi il 50% nella sola Lombardia). Le imprese che scelgono di dare vita a una propria Fondazione d Impresa operano prevalentemente nel settore industriale (41.4%), seguito da quello bancario-finanziario (35.7%) e dalle utilities/servizi (18.8%). Quali le ragioni alla base della scelta di costituire una Fondazione d impresa? Prevalentemente il considerare l impegno a favore della comunità come naturale espressione della cultura aziendale (indicato come rilevante o molto rilevante dal 78.6% del campione), seguito dalla forte motivazione dell imprenditore o capo azienda (58.6%), dall opportunità di migliorare la reputazione dell azienda e le relazioni con la comunità (48.6%) e dall esigenza di conferire continuità e professionalità a iniziative filantropiche e di CSR (37.1%).

39 Alcuni dati - 2 La scelta di dar vita a una fondazione a cui affidare gli interventi filantropici non riguarda soltanto le grandi imprese, ma, soprattutto negli ultimi anni, si è diffusa anche tra le aziende di piccole e medie dimensioni1/5 del campione dispone di risorse comprese tra 500mila e 1 milione di Euro, il 17.9% si colloca tra 1 e 2 milioni di Euro, il 10.4% tra i 2 e i 5 milioni. Solo il 6.0% delle fondazioni d impresa gestisce oltre 5 milioni di Euro, mentre il 3.0% dispone di risorse annuali superiori ai 10 milioni di Euro. Nel 70% dei casi l impresa fondatrice dota la fondazione delle risorse per operare con un erogazione annuale definita dal Consiglio di Amministrazione. Confrontando i dati 2008 e 2009 emerge che la crisi dei mercati non ha avuto un grosso impatto sui budget delle fondazioni d impresa, rimasti stabili nel 78% dei casi e addirittura cresciuti nel 14%. Segno che costituire una fondazione è per l impresa una scelta strategica di intervento nel sociale.

40 Modalità di utilizzo delle risorse a disposizione Emerge chiaramente dalla ricerca una forte propensione delle Fondazioni d impresa a perseguire attività molteplici, sviluppando un approccio operativo misto, sia operating (gestione diretta di progetti) sia grantmaking (sostegno economico a progetti sviluppati da altre organizzazioni). Una carenza di focalizzazione che potrebbe indurre a riflettere sulle conseguenze in termini di efficienza ed efficacia nell uso delle risorse. Se ci si limita a considerare il solo profilo prevalente, ossia l attività che la fondazione ritiene rappresentare la sua missione più rilevante, risulta che il 60% è impegnato principalmente sul fronte operativo (con netta prevalenza alla promozione di ricerche, studi, borse di studio, conferenze in campo economico, sociale, scientifico, ambientale, culturale ) mentre il 40% svolge prevalentemente un attività grantmaking. Guardando al profilo organizzativo, la governance monistica (il solo Consiglio di Amministrazione con a volte un Comitato Esecutivo al suo interno) prevale in modo netto, essendo il sistema dualistico un eccezione (5.7% dei casi). Nel 39% dei casi la Fondazione si avvale di un Comitato scientifico.

41 Le fondazioni d impresa Gli staff sono decisamente snelli: un quinto delle Fondazioni d impresa non ha collaboratori, un terzo ne ha 1 o 2, un altro terzo ha uno staff che va da 3 a 5 persone, solo il 12% delle fondazioni d impresa ha 6 o più collaboratori. I ruoli presenti con maggiore frequenza sono il Segretario/Direttore (81.4%), il Program officer/project manager (41.4%), l Addetto ufficio studi (40%) e l Addetto alla comunicazione (31.4%). Se gli organici sono di norma contenuti, la Fondazione d Impresa può d altra parte contare su diversi supporti offerti dall impresa fondatrice: disponibilità di tempo del personale (nel 65.7% dei casi), disponibilità di uffici (54.2%), servizi specialistici offerti dalle funzioni dell impresa (40%).

42 Le fondazioni d impresa Il punto di riferimento della fondazione nell azienda fondatrice è di norma il Presidente o Consiglio di Amministrazione, a confermare ulteriormente la centralità della Fondazione d impresa nella strategia aziendale di CSR. I dati raccolti dalla ricerca Le Corporate Foundations in Italia confermano che la Fondazione d impresa si è affermata come modello organizzativo scelto dall impresa per attuare efficacemente la propria strategia di CSR, migliorando l impatto delle iniziative filantropiche di intervento nella comunità.

Fundraising: una storia di odio e amore

Fundraising: una storia di odio e amore Fundraising: una storia di odio e amore Le persone donano ad altre persone, non a organizzazioni o nemmeno a delle cause. Il fundraising è un affare che riguarda le persone. Ma cos è il fundraising?

Dettagli

Corso in Progettazione socio-culturale per Banche del tempo

Corso in Progettazione socio-culturale per Banche del tempo Corso in Progettazione socio-culturale per Banche del tempo Modulo 2 Principi e Tecniche di Fund Raising d.ssa Marta Buzzatti Fonte: Manuale di fund raising F. Ambrogetti, M.Coen Cagli, R. Milano FUND

Dettagli

La gestione finanziaria nelle Aziende Non Profit. La gestione finanziaria nelle ANP (tra cui rientrano le ASD) riguarda il.

La gestione finanziaria nelle Aziende Non Profit. La gestione finanziaria nelle ANP (tra cui rientrano le ASD) riguarda il. La gestione finanziaria nelle Aziende Non Profit La gestione finanziaria nelle ANP (tra cui rientrano le ASD) riguarda il. REPERIMENTO UTILIZZO dei mezzi monetari necessari al perseguimento dei fini istituzionali

Dettagli

L integrazione tra ciclo del fund raising e ciclo del grant making

L integrazione tra ciclo del fund raising e ciclo del grant making Raccolta fondi IDEE E STRUMENTI L integrazione tra ciclo del fund raising e ciclo del grant making di Valerio Melandri* e Francesco Santini** Fund raising e grant making sono due facce della stessa medaglia.

Dettagli

RASSEGNA STAMPA 2014

RASSEGNA STAMPA 2014 RASSEGNA STAMPA 2014 Indice: 10.01.2014 LegaCoop Fundraising strumento su misura per la cooperazione 3 06.02.2014 Tiscali Social Il fundraiser figura chiave del non profit e non solo 4 07.02.2014 Avvenire

Dettagli

Presentazione Perché i donatori investono?

Presentazione Perché i donatori investono? Presentazione Il fund raising è il carburante che alimenta il motore delle aziende nonprofit, permettendo loro di raggiungere la mission. Tuttavia, rappresenta soltanto un mezzo, non un fine. Il fine è

Dettagli

Il lavoro sulle risorse immateriali precede la ricerca delle risorse materiali

Il lavoro sulle risorse immateriali precede la ricerca delle risorse materiali IL FUND RAISING PER LE ORGANIZZAZIONI NON PROFIT Principi, strumenti e tecniche Il lavoro sulle risorse immateriali precede la ricerca delle risorse materiali Spesso, di fronte al tema delle risorse, chi

Dettagli

Che cos è il fund raising?

Che cos è il fund raising? Il fund raising per le associazioni Fiab Giusy Battain Che cos è il fund raising? La nobile arte di insegnare la gioia di donare Henry Rosso giusy.battain@abcburlo.i t Principio dello scambio di beni equivalenti

Dettagli

LE FONDAZIONI DI ORIGINE BANCARIA

LE FONDAZIONI DI ORIGINE BANCARIA LE FONDAZIONI DI ORIGINE BANCARIA Capitalismo, liberismo, economia sociale di mercato, profit, non profit Dove collocare le Fondazioni di origine bancaria (Fob)? Questa è una domanda inespressa, presente,

Dettagli

Il fundraiser questo s(conosciuto)

Il fundraiser questo s(conosciuto) ABBIAMO IL PALLINO PER IL FUNDRAISING Il fundraiser questo s(conosciuto) Chi è, cosa fa, quali strumenti utilizza, con chi si relaziona e quali obiettivi ha questa figura professionale complessa e specializzata

Dettagli

Cos è il fundraising 1

Cos è il fundraising 1 La Raccolta di fondi richiede competenze e investimenti. Ha senso sviluppare un progetto di fundraising per un gruppo di organizzazioni nonprofit? La Campagna Lasciti, una strada percorribile. Intervento

Dettagli

Settore di appartenenza

Settore di appartenenza Impresa e filantropia III^ edizione curata da Osservatorio IID di Sostegno al Non Profit Sociale settembre 2009 1 Anche per il 2009 l Istituto ha ripetuto la sua indagine sull universo di Aziende Socie

Dettagli

CSR nelle istituzioni finanziarie:

CSR nelle istituzioni finanziarie: ATTIVITA DI RICERCA 2014 CSR nelle istituzioni finanziarie: strategia, sostenibilità e politiche aziendali PROPOSTA DI ADESIONE in collaborazione con 1 TEMI E MOTIVAZIONI La Responsabilità Sociale di Impresa

Dettagli

Nascita e sviluppo delle fondazioni bancarie in Italia

Nascita e sviluppo delle fondazioni bancarie in Italia Nascita e sviluppo delle fondazioni bancarie in Italia Gian Paolo Barbetta Università Cattolica di Milano Primo workshop sulle fondazioni Torino, 10/5/2007 Nate per caso? La peculiarità del sistema bancario

Dettagli

Learning News Aprile 2011, anno V - N. 4

Learning News Aprile 2011, anno V - N. 4 Learning News Aprile 2011, anno V - N. 4 Le competenze di fundraising nel Non Profit Il Fundraising da tecnica di raccolta fondi ad attività di progettazione strategica: i cinque ambiti di applicazione

Dettagli

L andamento delle raccolte fondi: bilanci 2013 e proiezioni 2014

L andamento delle raccolte fondi: bilanci 2013 e proiezioni 2014 L andamento delle raccolte fondi: bilanci 2013 e proiezioni 2014 12^ rilevazione semestrale settembre 2014 La metodologia Compilazione questionario Campione: circa 200 ONP intervistate nel mese di luglio-agosto

Dettagli

8 Promuovere una fondazione dedicata alla raccolta fondi

8 Promuovere una fondazione dedicata alla raccolta fondi Presentazione Di anno in anno, alle aziende nonprofit si richiede di assistere sempre più persone, di offrire servizi sempre più completi, di essere sempre più coerenti e affidabili. Molte aziende nonprofit

Dettagli

I DONATORI ITALIANI E IL TERZO SETTORE Paolo Anselmi, Vice Presidente GfK Eurisko

I DONATORI ITALIANI E IL TERZO SETTORE Paolo Anselmi, Vice Presidente GfK Eurisko I DONATORI ITALIANI E IL TERZO SETTORE Paolo Anselmi, Vice Presidente GfK Eurisko ROMA, 27 maggio 2011 Premessa 2 A quasi tre anni dall indagine sui donatori effettuata nel luglio 2008, l Istituto Italiano

Dettagli

Catalogo 2010 Terzo settore e Associazionismo

Catalogo 2010 Terzo settore e Associazionismo Catalogo 2010 Terzo settore e Associazionismo PRESENTAZIONE CORSI PER LE ORGANIZZAZIONI DEL TERZO SETTORE Strategie di marketing, Comunicazione e Fund Raising: Una sfida e una necessita per le organizzazioni

Dettagli

Università degli Studi di Milano Bicocca Facoltà di Sociologia e Ricerca sociale Laurea triennale in turismo, territorio e sviluppo locale

Università degli Studi di Milano Bicocca Facoltà di Sociologia e Ricerca sociale Laurea triennale in turismo, territorio e sviluppo locale Laurea triennale in turismo, territorio e sviluppo locale Economia culturale dott.ssa Federica De Molli Giovedì 30 ottobre 2014 Economia culturale LEZIONE PASSATA UN MIGLIORAMENTO POSSIBILE 1. 2. 3. 4.

Dettagli

Policy La sostenibilità

Policy La sostenibilità Policy La sostenibilità Approvato dal Consiglio di Amministrazione di eni spa il 27 aprile 2011. 1. Il modello di sostenibilità di eni 3 2. La relazione con gli Stakeholder 4 3. I Diritti Umani 5 4. La

Dettagli

Comunicare per crescere Corso di formazione su comunicazione e il marketing sociale

Comunicare per crescere Corso di formazione su comunicazione e il marketing sociale Comunicare per crescere Corso di formazione su comunicazione e il marketing sociale In collaborazione con 15 e 22 aprile 2015 Programma 15 aprile 2015 Tecniche e strumenti di marketing e comunicazione

Dettagli

E il momento di iniziare: le fondamenta del fundraising

E il momento di iniziare: le fondamenta del fundraising ENGAGEDin propone corsi di formazione per le organizzazioni che vogliono avviare o sviluppare la propria attività di raccolta fondi attraverso la crescita delle proprie competenze, la discussione di casi

Dettagli

RICERCA COMPARATIVA: IL FUND E PEOPLE RAISING POLITICO IN ITALIA, STATI UNITI D AMERICA E REGNO UNITO. (Ricerca completata in data 01/12/2010)

RICERCA COMPARATIVA: IL FUND E PEOPLE RAISING POLITICO IN ITALIA, STATI UNITI D AMERICA E REGNO UNITO. (Ricerca completata in data 01/12/2010) 1 RICERCA COMPARATIVA: IL FUND E PEOPLE RAISING POLITICO IN ITALIA, STATI UNITI D AMERICA E REGNO UNITO (Ricerca completata in data 01/12/2010) di Raffaele Picilli con la collaborazione di Flavio Giordano

Dettagli

Le organizzazioni nella rete dei servizi sociali

Le organizzazioni nella rete dei servizi sociali Università degli Studi di Milano Bicocca Facoltà di Sociologia Corso di laurea in Servizio Sociale Anno Accademico 2008/09 Corso Organizzare un servizio Le organizzazioni nella rete dei servizi sociali

Dettagli

Master di I Livello in gestione ed innovazione nelle Amministrazioni Pubbliche:

Master di I Livello in gestione ed innovazione nelle Amministrazioni Pubbliche: 1 Master di I Livello in gestione ed innovazione nelle Amministrazioni Pubbliche: L attività istituzionale nelle Fondazioni di origine bancaria Verona, 12 maggio 2006 2 Verona, 12 maggio 2006 Fausto Sinagra

Dettagli

SOMMARIO PARTE PRIMA: IDENTITÀ DEL COMITATO ITALIANO PER L UNICEF ONLUS 8 PARTE SECONDA: RELAZIONE SOCIALE 18

SOMMARIO PARTE PRIMA: IDENTITÀ DEL COMITATO ITALIANO PER L UNICEF ONLUS 8 PARTE SECONDA: RELAZIONE SOCIALE 18 SOMMARIO LETTERA DEL PRESIDENTE 4 NOTA INTRODUTTIVA E METODOLOGICA 6 IL COINVOLGIMENTO DEGLI STAKEHOLDER 7 PARTE PRIMA: IDENTITÀ DEL COMITATO ITALIANO PER L UNICEF ONLUS 8 1.1 CONTESTO DI RIFERIMENTO 9

Dettagli

MARIANNA MARTINONI Bologna, 26 maggio 2015

MARIANNA MARTINONI Bologna, 26 maggio 2015 Fundraising per la cultura MARIANNA MARTINONI Bologna, 26 maggio 2015 1 DI COSA PARLEREMO OGGI? Fundraising e crowfundingsostenitori/ Donatori/Prospects Processo di col+vazione del donatore Comunicazione

Dettagli

L andamento delle raccolte fondi: bilanci 2013 e proiezioni 2014

L andamento delle raccolte fondi: bilanci 2013 e proiezioni 2014 L andamento delle raccolte fondi: bilanci 2013 e proiezioni 2014 12^ rilevazione semestrale settembre 2014 La metodologia Compilazione questionario Campione: circa 200 ONP intervistate nel mese di luglio-agosto

Dettagli

Terzo settore. risorsa economica e sociale del VCO

Terzo settore. risorsa economica e sociale del VCO risorsa economica e sociale del VCO TERZO SETTORE: risorsa economica e sociale per il territorio Il censimento 2011, a 10 anni di distanza dal precedente, ci restituisce informazioni che mettono in luce

Dettagli

Il Piano di comunicazione

Il Piano di comunicazione Il Piano di comunicazione 23 lezione 11 novembre 2011 Cosa è un piano di comunicazione Il piano di comunicazione è uno strumento utilizzato da un organizzazione per programmare le proprie azioni di comunicazione

Dettagli

Un team di professionisti esperti a fianco dell imprenditore nelle molteplici sfide dei mercati

Un team di professionisti esperti a fianco dell imprenditore nelle molteplici sfide dei mercati Un team di professionisti esperti a fianco dell imprenditore nelle molteplici sfide dei mercati MECCANICA FINANZIARIA è una società ben strutturata, composta da un team altamente qualificato e dalla pluriennale

Dettagli

GLI ITALIANI E IL FUNDRAISING Chi sono, come si comportano e cosa desiderano i donatori I edizione / 2013

GLI ITALIANI E IL FUNDRAISING Chi sono, come si comportano e cosa desiderano i donatori I edizione / 2013 GLI ITALIANI E IL FUNDRAISING Chi sono, come si comportano e cosa desiderano i donatori I edizione / 2013 Milano, 24 ottobre 2013 Obiettivi e metodologia Obiettivo della ricerca è indagare sulle attitudini

Dettagli

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL 1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL BENE COMUNE Una comunità di oltre 139 mila soci impegnati, nel quotidiano come nelle emergenze, in attività sociali e sanitarie di aiuto alle persone in difficoltà

Dettagli

Centro Studi sul Non Profit

Centro Studi sul Non Profit RICERCA COMPARATIVA: IL FUND E PEOPLE RAISING PER LA SANITA IN ITALIA, NEGLI STATI UNITI D AMERICA E REGNO UNITO DI GRAN BRETAGNA E IRLANDA DEL NORD (Ricerca completata in data 30/09/2011) di Raffaele

Dettagli

Obiettivo strategico 6

Obiettivo strategico 6 Obiettivo strategico 6 Croce Rossa Italiana Operatore dell Area Sviluppo Gualandrini Giancarlo Finanze Adele Obiettivi strategici 2020 Obiettivo 6 Agiamo con una struttura capillare, efficace e trasparente,

Dettagli

VI RAPPORTO SULL IMPEGNO SOCIALE DELLE AZIENDE ITALIANE

VI RAPPORTO SULL IMPEGNO SOCIALE DELLE AZIENDE ITALIANE VI RAPPORTO SULL IMPEGNO SOCIALE DELLE AZIENDE ITALIANE Abstract del rapporto statistico QUANTE SONO LE AZIENDE CHE SI IMPEGNANO PER IL SOCIALE E LA SOSTENIBILITA IN ITALIA? E PERCHE INVESTONO? Nel 2011,

Dettagli

Master Universitario di II Livello in FUNDRAISING

Master Universitario di II Livello in FUNDRAISING Prot. n. 180/2012 D.R. n. 62 UNIVERSITA' TELEMATICA SAN RAFFAELE ROMA In convenzione con istudis.r.l. Istituto Studi Distribuzione Internazionale Uffici: Via San Giovanni sul Muro, 3 20121 Milano Italy

Dettagli

LA CRISI RAFFREDDA L ENTUSIASMO DEI MANAGER ITALIANI PER LA CORPORATE RESPONSIBILITY

LA CRISI RAFFREDDA L ENTUSIASMO DEI MANAGER ITALIANI PER LA CORPORATE RESPONSIBILITY LA CRISI RAFFREDDA L ENTUSIASMO DEI MANAGER ITALIANI PER LA CORPORATE RESPONSIBILITY 1 Quasi dimezzate rispetto al 2009 le imprese che considerano la Corporate Responsibility come parte integrante della

Dettagli

Osservatorio UBI BANCA su Finanza e Terzo Settore III Edizione

Osservatorio UBI BANCA su Finanza e Terzo Settore III Edizione Osservatorio UBI BANCA su Finanza e Terzo Settore III Edizione Indagine sui fabbisogni finanziari delle fondazioni in Italia Marzo 2014 Con il contributo scientifico di Indice Obiettivi 3 Metodologia 4

Dettagli

THE FUND RAISING SCHOOL. Calendario Corsi 2014. www.fundraisingschool.it

THE FUND RAISING SCHOOL. Calendario Corsi 2014. www.fundraisingschool.it THE FUND RAISING SCHOOL Calendario Corsi 2014 www.fundraisingschool.it LA PRIMA SCUOLA ITALIANA DI RACCOLTA FONDI Nata nel 1999 The Fund Raising School è la prima scuola italiana, promossa dall area alta

Dettagli

OSSERVATORIO COOPERAZIONE AGRICOLA ITALIANA

OSSERVATORIO COOPERAZIONE AGRICOLA ITALIANA OSSERVATORIO COOPERAZIONE AGRICOLA ITALIANA 2015 Cooperazione agroalimentare La cooperativa è un associazione autonoma di persone unite volontariamente per soddisfare le loro aspirazioni e bisogni economici,

Dettagli

L INDAGINE TECNOBORSA 2004: LE FAMIGLIE ITALIANE E IL MERCATO IMMOBILIARE - IL RICORSO ALLE ASTE IMMOBILIARI E AI MUTUI

L INDAGINE TECNOBORSA 2004: LE FAMIGLIE ITALIANE E IL MERCATO IMMOBILIARE - IL RICORSO ALLE ASTE IMMOBILIARI E AI MUTUI L INDAGINE TECNOBORSA 2004: LE FAMIGLIE ITALIANE E IL MERCATO IMMOBILIARE - IL RICORSO ALLE ASTE IMMOBILIARI E AI MUTUI a cura di Giovanni Chessa e Alice Ciani Centro Studi sull Economia Immobiliare di

Dettagli

LE BANCHE PER LA CULTURA

LE BANCHE PER LA CULTURA LE BANCHE PER LA CULTURA PIANO D AZIONE 2014-2015 II AGGIORNAMENTO L OBIETTVO: VALORIZZARE L IMPEGNO NELLA CULTURA DELLE IMPRESE BANCARIE ABI, con la collaborazione degli Associati, promuove un azione

Dettagli

Guida al fundraising con le fondazioni. grant making americane. international-funding.org

Guida al fundraising con le fondazioni. grant making americane. international-funding.org Guida al fundraising con le fondazioni grant making americane international-funding.org 601 International House 223 Regent Street London W1B 2QD U.K. info@international-funding.org Tel. +44 (0)7920 582

Dettagli

LE COMPETENZE DI FUNDRAISING (CF) INSEGNATE AL MASTER

LE COMPETENZE DI FUNDRAISING (CF) INSEGNATE AL MASTER LE COMPETENZE DI FUNDRAISING (CF) INSEGNATE AL MASTER Indice INTRODUZIONE... 3 CF1 - SVILUPPARE IL CASO PER IL FUNDRAISING... 4 CF 1.1 : INDIVIDUARE LE NECESSITÀ DI FUNDRAISING DI UN ORGANIZZAZIONE NONPROFIT;...

Dettagli

IL PROFILO DELLE ISTITUZIONI NON PROFIT

IL PROFILO DELLE ISTITUZIONI NON PROFIT 16 Aprile 2014 IL PROFILO DELLE ISTITUZIONI NON PROFIT ALLA LUCE DELL ULTIMO CENSIMENTO Prosegue il processo di diffusione dei dati del Censimento delle istituzioni non profit. Oggi viene presentato un

Dettagli

Imprese e mondo no profit: strategie win-win a base di crowdfunding

Imprese e mondo no profit: strategie win-win a base di crowdfunding Imprese e mondo no profit: strategie win-win a base di crowdfunding 1) Chi parla? 2) Partiamo dalla fine: kickended.com - Silvio Lorusso 2014 3) Tema: Cosa è il Crowdfunding dal punto di vista di un Fundraiser

Dettagli

Nonprofit: un pilastro del Paese

Nonprofit: un pilastro del Paese Banca Prossima 1 Nonprofit: un pilastro del Paese Il mondo nonprofit è fondamentale per l economia e la società italiane 250.000 organizzazioni «laiche» 26,4 milioni di utenti diretti (il 45% della popolazione)

Dettagli

Il fund rasing alcuni casi in Europa e negli Stati Uniti

Il fund rasing alcuni casi in Europa e negli Stati Uniti Il fund rasing alcuni casi in Europa e negli Stati Uniti Quella del fund raising universitario è una cultura che si è sviluppata in particolar modo nei paesi anglosassoni tanto che, per esempio, negli

Dettagli

NUMERO VALORE PERCENTUALE

NUMERO VALORE PERCENTUALE Le istituzioni non profit in provincia di Cremona al Censimento del 2011 L Istat ha svolto il 9 Censimento generale dell industria e dei servizi ed il Censimento delle istituzioni non profit, rilevando

Dettagli

Corso di Alta Formazione. PROJECT MANAGER NELLE ORGANIZZAZIONI NON PROFIT E NELLE IMPRESE SOCIALI IV edizione

Corso di Alta Formazione. PROJECT MANAGER NELLE ORGANIZZAZIONI NON PROFIT E NELLE IMPRESE SOCIALI IV edizione Corso di Alta Formazione PROJECT MANAGER NELLE ORGANIZZAZIONI NON PROFIT E NELLE IMPRESE SOCIALI IV edizione Un corso innovativo per far crescere le organizzazioni non profit e le imprese sociali Università

Dettagli

Le indagini dell IID. ASSIF 17 giugno 2015

Le indagini dell IID. ASSIF 17 giugno 2015 Le indagini dell IID ASSIF 17 giugno 2015 PERCHE IID INIZIA A FARE INDAGINI? Per rispondere ad una serie di domande da parte di attori diversi Da parte del non profit (associati e non) Da parte dei donatori

Dettagli

Dodicesimo Rapporto sul Servizio Civile in Italia. Sintesi Rapporto finale

Dodicesimo Rapporto sul Servizio Civile in Italia. Sintesi Rapporto finale Dodicesimo Rapporto sul Servizio Civile in Italia Sintesi Rapporto finale Dicembre 2010 EXECUTIVE SUMMARY Il dodicesimo rapporto della Conferenza degli Enti per il Servizio Civile si compone di due approfondimenti:

Dettagli

L andamento delle raccolte fondi: bilanci 2012 e proiezioni 2013

L andamento delle raccolte fondi: bilanci 2012 e proiezioni 2013 L andamento delle raccolte fondi: bilanci 2012 e proiezioni 2013 10^ rilevazione semestrale Giugno 2013 La metodologia Compilazione questionario Campione: 170 ONP intervistate nel mese di luglio-agosto

Dettagli

The. Fund Raising. School CALENDARIO CORSI 2012. www.fundraisingschool.it

The. Fund Raising. School CALENDARIO CORSI 2012. www.fundraisingschool.it The Fund Raising School CALENDARIO CORSI 2012 www.fundraisingschool.it LA PRIMA SCUOLA ITALIANA DI RACCOLTA FONDI Nata nel 1999 The Fund Raising School è la prima scuola italiana, promossa dall area alta

Dettagli

ACCADEMIA DI PROGETTAZIONE SOCIALE MAURIZIO MAGGIORA

ACCADEMIA DI PROGETTAZIONE SOCIALE MAURIZIO MAGGIORA Un nuovo modo di vivere la progettazione sociale... ACCADEMIA DI PROGETTAZIONE SOCIALE MAURIZIO MAGGIORA Diventare «progettista sociale esperto» Torino, 14 marzo 2013 Agenda Accademia di Progettazione

Dettagli

IL PROFILO DELLE ISTITUZIONI NON PROFIT

IL PROFILO DELLE ISTITUZIONI NON PROFIT 16 Aprile 2014 IL PROFILO DELLE ISTITUZIONI NON PROFIT ALLA LUCE DELL ULTIMO CENSIMENTO Prosegue il processo di diffusione dei dati del Censimento delle istituzioni non profit. Oggi viene presentato un

Dettagli

Le 12. guida. del fund raising* ConfiniOnline è vietata ogni riproduzione senza autorizzazione esplicita dell autore

Le 12. guida. del fund raising* ConfiniOnline è vietata ogni riproduzione senza autorizzazione esplicita dell autore Le 12 guida del fund raising* * da: fund raising per le organizzazioni non profit, V. Melandri, A. Masacci, Il Sole 24 Ore, Milano, 2000. 1. Il reciproco interesse: è importante capire quale sia l interesse

Dettagli

SPACE S.P.A. - POLITICA DI INVESTIMENTO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A.

SPACE S.P.A. - POLITICA DI INVESTIMENTO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A. SPACE S.P.A. - POLITICA DI INVESTIMENTO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A. 1. PREMESSE La presente politica di investimento è stata approvata dall assemblea

Dettagli

Identikit startup: giovani, orientate all estero e pronte a investire su lavoro e innovazione

Identikit startup: giovani, orientate all estero e pronte a investire su lavoro e innovazione Identikit startup: giovani, orientate all estero e pronte a investire su lavoro e innovazione - 26 maggio 2015 - Continua a crescere il numero di start-up innovative nel nostro Paese: a fine aprile avevano

Dettagli

IL PROJECT PLAN. Madonna della Strada 0984/502489; 348 0127345

IL PROJECT PLAN. Madonna della Strada 0984/502489; 348 0127345 IL PROJECT PLAN NOME GRUPPO RECAPITO PER CONTATTO: Madonna della Strada 0984/502489; 348 0127345 L IDEA E LE PERSONE Caratteristiche progetto: Descrivere brevemente il progetto e com è nata l idea. Valorizzazione

Dettagli

Glossario Dei Termini Previdenziali: La Previdenza Complementare

Glossario Dei Termini Previdenziali: La Previdenza Complementare Glossario Dei Termini Previdenziali: La Previdenza Complementare www.logicaprevidenziale.it A Albo (delle forme pensionistiche complementari): Elenco ufficiale tenuto dalla COVIP cui le forme pensionistiche

Dettagli

CORSO DI PERFEZIONAMENTO FUNDRAISING

CORSO DI PERFEZIONAMENTO FUNDRAISING CORSO DI PERFEZIONAMENTO Anno Accademico 2014-2015 FUNDRAISING in partnership con DIREZIONE: Massimo Coen Cagli, Stefania Cosci COMITATO SCIENTIFICO: Folco Cimagalli; Luigino Bruni; Giovanni Moro; Gregorio

Dettagli

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT E quell insieme di organizzazioni che producono beni/servizi e gestiscono attività fuori dal mercato o, se operano nel mercato, agiscono con finalità non

Dettagli

Corporate Social Responsibility: Il Ruolo delle Partensrhip Pubblico-Private

Corporate Social Responsibility: Il Ruolo delle Partensrhip Pubblico-Private Corporate Social Responsibility: Il Ruolo delle Partensrhip Pubblico-Private Giovanna Bottani I-CSR Foundation Fifth Annual Forum on Business Ethics and Corporate Social Responsibility in a Global Economy

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA FINANZA SOCIALE

INTRODUZIONE ALLA FINANZA SOCIALE INTRODUZIONE ALLA FINANZA SOCIALE INTRODUZIONE ALLA FINANZA SOCIALE 3 INDICE 1. INTRODUZIONE... 6 2. SINTESI... 8 3. QUADRO DI RIFERIMENTO... 10 3.1 Influenzatori del contesto... 11 3.2 Attori sociali...

Dettagli

II SESSIONE - 19 GENNAIO 2005 IDEE A CONFRONTO: PROTAGONISTI NAZIONALI. Desidero ringraziare il Sindaco dr. Veltroni per l invito rivoltomi ad

II SESSIONE - 19 GENNAIO 2005 IDEE A CONFRONTO: PROTAGONISTI NAZIONALI. Desidero ringraziare il Sindaco dr. Veltroni per l invito rivoltomi ad II SESSIONE - 19 GENNAIO 2005 IDEE A CONFRONTO: PROTAGONISTI NAZIONALI Matteo ARPE: Desidero ringraziare il Sindaco dr. Veltroni per l invito rivoltomi ad intervenire a questo Convegno, al quale, come

Dettagli

OBIETTIVO STRATEGICO 6

OBIETTIVO STRATEGICO 6 OBIETTIVO STRATEGICO 6 Cesare Giannetti operatore area sviluppo Croce Rossa Italiana Legnano (MI) La Strategia 2020 e il suo motto saving lives, changing minds Obiettivo 6 Agiamo con una struttura capillare,

Dettagli

Tecnologia & Innovazione come facilitatori per la SOLIDARIETÀ

Tecnologia & Innovazione come facilitatori per la SOLIDARIETÀ Tecnologia & Innovazione come facilitatori per la SOLIDARIETÀ Dott. Paolo Anselmi Vice Presidente GfK Eurisko Roma, 6 Novembre 2014 Obiettivi & Fonti dei risultati visione di scenario sul trend e sulle

Dettagli

Veneto Casa. Storia e prospettive future 19/11/2012. Fondo di Investimento Immobiliare Etico per l Housing Sociale.

Veneto Casa. Storia e prospettive future 19/11/2012. Fondo di Investimento Immobiliare Etico per l Housing Sociale. 19/11/2012 Veneto Casa Fondo di Investimento Immobiliare Etico per l Housing Sociale Storia e prospettive future 15 Novembre 2012 I.I. BENI Beni STABILI Stabili Gestioni GESTIONI S.P.A S.P.A. SGR - SGR

Dettagli

Il donatore: un amico, una garanzia, il futuro..se condiviso

Il donatore: un amico, una garanzia, il futuro..se condiviso Il donatore: un amico, una garanzia, il futuro..se condiviso A cura di Beatrice Lentati Past Presdient ASSIF Associazione Italiana Fundraiser 1 La raccolta di fondi non riguarda il denaro ma le persone

Dettagli

Bando senza scadenza HOUSING SOCIALE PER PERSONE FRAGILI

Bando senza scadenza HOUSING SOCIALE PER PERSONE FRAGILI Bando senza scadenza HOUSING SOCIALE PER PERSONE FRAGILI STRATEGIE NEL SETTORE HOUSING Contributi a fondo perduto Bando senza scadenza Housing sociale per persone fragili Fondazione Housing sociale Investimento

Dettagli

Fund raising e banche degli occhi: quali sinergie? VI Corso SIBO Genova, 21 aprile 2012

Fund raising e banche degli occhi: quali sinergie? VI Corso SIBO Genova, 21 aprile 2012 Fund raising e banche degli occhi: quali sinergie? VI Corso SIBO Genova, 21 aprile 2012 Enrico Vidale Responsabile Comunicazione e Relazioni Esterne enrico.vidale@fbov.it Cos è il fund raising? Esistono

Dettagli

Le prospettive della responsabilità sociale in Italia Una ricerca sui CEO delle imprese aderenti a Fondazione Sodalitas

Le prospettive della responsabilità sociale in Italia Una ricerca sui CEO delle imprese aderenti a Fondazione Sodalitas Fondazione Sodalitas GfK Eurisko Le prospettive della Responsabilità Sociale in Italia Aprile 2010 Le prospettive della responsabilità sociale in Italia Una ricerca sui CEO delle imprese aderenti a Fondazione

Dettagli

LE IMPRESE E LA SOSTENIBILITÀ INDAGINE CONDOTTA DA GFK EURISKO PER CONTO DI SODALITAS

LE IMPRESE E LA SOSTENIBILITÀ INDAGINE CONDOTTA DA GFK EURISKO PER CONTO DI SODALITAS LE IMPRESE E LA SOSTENIBILITÀ INDAGINE CONDOTTA DA GFK EURISKO PER CONTO DI SODALITAS 1 QUESTA INDAGINE Questa indagine è stata condotta nella prima metà di aprile 2012 su un campione di 153 imprese/enti/associazioni

Dettagli

AREA LAVORARE NEL SOCIALE

AREA LAVORARE NEL SOCIALE AREA LAVORARE NEL SOCIALE IL FUND RAISING PER LA GESTIONE DELL IMPRESA SOCIALE Obiettivo del corso è quello di comprendere le implicazioni sociali, organizzative ed etiche che accompagnano l attività di

Dettagli

E tu, lo sai chi è un filantropo?

E tu, lo sai chi è un filantropo? E tu, lo sai chi è un filantropo? Nel 2013 il Centro Ipsos ha chiesto agli italiani il significato del termine filantropia. Venne fuori che 2 su 3 lo ignoravano. Oggi la situazione è migliorata ma c è

Dettagli

MASSIMO SILUMBRA COORDINA DOMIZIANA AVANZINI

MASSIMO SILUMBRA COORDINA DOMIZIANA AVANZINI MASSIMO SILUMBRA COORDINA DOMIZIANA AVANZINI MONTESILVANO MARINA 23 MAGGIO 2015 Le basi del Fundraising Alcune brevi note per cercare di migliorare la raccolta fondi Fund = FONDO (non c entra con la parola

Dettagli

Art Bonus Mecenati di oggi per l Italia di domani. Carolina Botti Direttore Centrale ARCUS

Art Bonus Mecenati di oggi per l Italia di domani. Carolina Botti Direttore Centrale ARCUS Art Bonus Mecenati di oggi per l Italia di domani Carolina Botti Direttore Centrale ARCUS Cos è l Art Bonus Ai sensi dell'art.1 del D.L. 31.5.2014, n. 83 e s.m.i., è stato introdotto un credito d'imposta

Dettagli

OSSERVATORIO ECO-MEDIA. onlus

OSSERVATORIO ECO-MEDIA. onlus OSSERVATORIO ECO-MEDIA onlus Indice Scenario Istituzione e Missione Organizzazione Attività Ricerca teorica Monitoraggio Divulgazione e promozione Iniziative editoriali Credits Scenario I temi dell ambiente

Dettagli

Fondazione Vodafone Italia Impresa a 360º Porte aperte all imprenditoria

Fondazione Vodafone Italia Impresa a 360º Porte aperte all imprenditoria Fondazione Vodafone Italia Impresa a 360º Porte aperte all imprenditoria Torino, 5 maggio 2011 1 Cosa e la Fondazione Vodafone Italia ORIGINI nasce nel 2002 struttura autonoma attività di servizio e di

Dettagli

Master Universitario di I Livello in FUNDRAISING

Master Universitario di I Livello in FUNDRAISING Prot. n. 179/2012 D.R. n. 61 UNIVERSITA' TELEMATICA SAN RAFFAELE ROMA In convenzione con istudis.r.l. Istituto Studi Distribuzione Internazionale Uffici: Via San Giovanni sul Muro, 3 20121 Milano Italy

Dettagli

Prima sezione: Le imprese italiane e il loro rapporto con la Cultura

Prima sezione: Le imprese italiane e il loro rapporto con la Cultura Prima sezione: Le imprese italiane e il loro rapporto con la Cultura Le imprese comunicano e lo fanno utilizzando alcuni strumenti specifici. La comunicazione si distribuisce in maniera diversa tra imprese

Dettagli

Company Profile. www.irtop.com

Company Profile. www.irtop.com Company Profile www.irtop.com 2 > Valori > Mission > Profilo > Obiettivi > Servizi di consulenza > Track record > Pubblicazioni > Contatti 3 VALORI Passione Crediamo nelle storie imprenditoriali dei nostri

Dettagli

OFFERTA FORMATIVA - FUNDRAISING anno 2015

OFFERTA FORMATIVA - FUNDRAISING anno 2015 OFFERTA FORMATIVA - FUNDRAISING anno 2015 pag.1di12 Indice del Corso sul FUNDRAISING CALENDARIO FUNDRAISING 2015...3 MODULO BASE FARE FUNDRAISING NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE...4 MODULO BASE FARE FUNDRAISING

Dettagli

Le attività di comunicazione e diffusione dei risultati di progetto

Le attività di comunicazione e diffusione dei risultati di progetto Elena Giusta 1 Le attività di comunicazione e diffusione dei risultati di progetto La politica di comunicazione dell Unione Europea La comunicazione dei fondi strutturali Il piano di comunicazione di progetto

Dettagli

Pratiche socialmente responsabili

Pratiche socialmente responsabili Pratiche socialmente responsabili I risultati di un indagine tra 28 multinazionali europee Milano, 3 dicembre 2003 EUROPEAN UNION European Social Fund Article 6 Innovative Measures Prime evidenze dalla

Dettagli

Presentazione dei dati del VI Rapporto CSR. Roberto Orsi - 3 marzo 2015 Dipartimento di Management Università Ca Foscari Venezia

Presentazione dei dati del VI Rapporto CSR. Roberto Orsi - 3 marzo 2015 Dipartimento di Management Università Ca Foscari Venezia Presentazione dei dati del VI Rapporto CSR Roberto Orsi - 3 marzo 2015 Dipartimento di Management Università Ca Foscari Venezia L Osservatorio Socialis L Osservatorio Socialis è un cantiere di promozione

Dettagli

Codice etico del Consultorio UCIPEM Cremona- Fondazione ONLUS

Codice etico del Consultorio UCIPEM Cremona- Fondazione ONLUS Codice etico del Consultorio UCIPEM Cremona- Fondazione ONLUS Via Milano, 5/c 26100 Cremona Tel. 0372 20751/34402 Fax 0372-1960388 Codice fiscale 80011480193 Partita Iva 01273220192 mail: segreteria@ucipemcremona.it

Dettagli

Position paper sulla proposta di direttiva europea sulla rendicontazione di informazioni non finanziarie

Position paper sulla proposta di direttiva europea sulla rendicontazione di informazioni non finanziarie Position paper sulla proposta di direttiva europea sulla rendicontazione di informazioni non finanziarie PREMESSA L 11 ottobre 2013 si sono riuniti a Bologna i rappresentanti di diverse organizzazioni

Dettagli

NOTA INTEGRATIVA. la nostra Fondazione si è costituita in data 11 gennaio 2008 con atto a rogito notaio Marzani Dott.

NOTA INTEGRATIVA. la nostra Fondazione si è costituita in data 11 gennaio 2008 con atto a rogito notaio Marzani Dott. FONDAZIONE COMUNITARIA DELLA VALLE D AOSTA Sede in Aosta via San Giocondo, n. 16 Codice fiscale: 91051600079 Iscritta nel registro regionale delle persone giuridiche al n. 76 NOTA INTEGRATIVA Signori Consiglieri,

Dettagli

Project manager nelle organizzazioni non profi t e nelle imprese sociali III edizione 13 novembre 2008-23 gennaio 2009

Project manager nelle organizzazioni non profi t e nelle imprese sociali III edizione 13 novembre 2008-23 gennaio 2009 Corso di alta formazione Project manager nelle organizzazioni non profi t e nelle imprese sociali III edizione 13 novembre 2008-23 gennaio 2009 Un corso innovativo per far crescere le organizzazioni non

Dettagli

PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI

PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI comunicato stampa PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI Le due società, attive in Lazio da alcuni anni, presentano il loro Rendiconto Sociale. Il documento rappresenta

Dettagli

Raccolta fondi e 5xmille. Venerdì, 29 maggio 2009

Raccolta fondi e 5xmille. Venerdì, 29 maggio 2009 Raccolta fondi e 5xmille Venerdì, 29 maggio 2009 Che cos'è un evento speciale E' quello strumento di fund raising che rafforza l'immagine dell'organizzazione nella comunità. Gli eventi speciali possono

Dettagli

BANDO DI RICERCA 2010-2011: PROMUOVERE LA RICERCA D ECCELLENZA

BANDO DI RICERCA 2010-2011: PROMUOVERE LA RICERCA D ECCELLENZA BANDO DI RICERCA 2010-2011: PROMUOVERE LA RICERCA D ECCELLENZA Pavia, 9 luglio 2009 2 Finalità e principi In attuazione delle proprie finalità istituzionali, la Fondazione Alma Mater Ticinensis ha deciso

Dettagli

APPROVATI IL BILANCIO 2014 E PROTOCOLLO MEF CRESCE L IMPEGNO FILANTROPICO

APPROVATI IL BILANCIO 2014 E PROTOCOLLO MEF CRESCE L IMPEGNO FILANTROPICO APPROVATI IL BILANCIO 2014 E PROTOCOLLO MEF CRESCE L IMPEGNO FILANTROPICO Approvati il Bilancio 2014 di Fondazione Cariplo e il protocollo di autoriforma delle fondazioni di origine bancaria. L attività

Dettagli

Fund raising: una sfida (possibile) per le cooperative sociali

Fund raising: una sfida (possibile) per le cooperative sociali Fund raising: una sfida (possibile) per le cooperative sociali di Giosué Pasqua L appromento Le cooperative sociali, protagoniste nella creazione della coesione sociale e del welfare state, avvertono sempre

Dettagli

Il comportamento economico delle famiglie straniere

Il comportamento economico delle famiglie straniere STUDI E RICERCHE SULL ECONOMIA DELL IMMIGRAZIONE Il comportamento economico delle straniere Redditi, consumi, risparmi e povertà delle straniere in Italia nel 2010 Elaborazioni su dati Banca d Italia Perché

Dettagli

UN PROGETTO SOCIALMENTE RESPONSABILE

UN PROGETTO SOCIALMENTE RESPONSABILE UN PROGETTO SOCIALMENTE RESPONSABILE Dialogos - Voci di solidarietà : i vincitori del 2006 Monte Paschi Asset Management Sgr, la società di gestione del risparmio del Gruppo MPS, ha scelto di intraprendere

Dettagli