La moda delle Fondazioni di partecipazione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La moda delle Fondazioni di partecipazione"

Transcript

1 La moda delle Fondazioni di partecipazione Massimo Greco Funzionario Direttivo Regione Siciliana - Cultore in Politiche pubbliche locali Sommario: 1. La Fondazione - 2. La Fondazione di origine bancaria - 3. La Fondazione di partecipazione - 4. La Fondazione di sviluppo - 5. La Fondazione per la sus - sidiarietà - 6. La Fondazione per il Sud - 7. Conclusioni 1. La Fondazione La fondazione è, di per sé, un ottima (e antichissima) invenzione giuridica. Costituisce uno dei capisaldi della presenza organizzata della società civile, quindi del pluralismo, della partecipazione, dell utilizzo di risorse di origine privata per finalità di carattere collettivo. Ciò vale in particolare per le fondazioni che sono incentrate sull idea del dono, quelle che chiameremmo filantropiche, nell accezione anglosassone. La dottrina colloca la fondazione alla metà del milleduecento: Il concetto di fondazione risale assai indietro nel tempo. E ben conosciuto dal diritto canonico fin dalla metà del milleduecento, dai tempi cioè di Papa Innocenzo IV: nelle universitas rerum, che oggi possiamo chiamare fondazioni, il fondo patrimoniale è ben in evidenza nella sua autonomia dal fondatore o dai fondatori. Di qui la sintetica definizione globalmente accettata, che denomina fondazione come un patrimonio per uno scopo 1. Seppure datato, l istituto della fondazione ha avuto una fortuna alterna nella sua effettiva attuazione: assai presente nel mondo anglosassone, tipicamente più attento a strutture sociali differenziate, ha stentato invece a trovare corpo nell Europa latina dopo la messa al bando napoleonica, la cui filosofia politica non concedeva spazi fra il cittadino e lo Stato, lasciando solo qualche spazio a multiformi soggetto di origine religiosa. Così anche in Italia, la fondazione è uscita dalla marginalità istituzionale solo negli ultimi tempi, in parte sostituendosi alle Ipab (Istituzioni di pubblica assistenza e beneficenza), in parte sostituendosi ad altri soggetti pubblici come enti lirici o altri enti culturali e, in parte ancora, presentandosi autonomamente sulla scena economica, sociale e politica della società italiana. Al censimento del 2001 le fondazioni in Italia erano di cui 88 sono le fondazioni di origine bancaria 2. Non tutte le fondazioni riescono però a raggiungere gli 1 Paolo Legrenzi e Giuliano Segre, A che cosa servono le fondazioni bancarie, Il Mulino, n. 2/ Istat

2 obiettivi che si prefiggono, Le fondazioni che hanno successo - che cioè producono un buon servizio alla collettività nel rispetto delle intenzioni dei fondatori - debbono potersi valere di almeno due fattori: una fonte autonoma e stabile di reddito (generalmente, ma non esclusivamente, di fonte patrimoniale); l esistenza di un consenso di fondo sostanziale sugli obiettivi istituzionali e sulle modalità di perseguirli all interno degli organi di governo e con - trollo. In mancanza di queste due caratterizzazioni - come suggerisce il monitoraggio del settore in Italia da parte del Centro di documentazione sulle fondazioni della Fondazione Agnelli - le fondazioni rischiano di vivere una vita grama e di produrre assai più problemi di quanti non riescano a risolverne 3. Sotto l aspetto della genesi giuridica, le fondazioni possono essere di diritto civile (nazionali o regionali) e fondazioni nate in seguito a (e in parte regolate da) specifici provvedimenti legislativi, siano essi di sistema o interventi ad hoc. 2. La Fondazione di origine bancaria La legge Amato 4 ha avviato il percorso di privatizzazione delle Casse di risparmio e degli istituti di credito di diritto pubblico ed ha conferito finalità di interesse pubblico e di utilità sociale alle fondazioni di origine bancaria, collocandole all interno del Terzo settore. Secondo il rapporto ACRI (Associazione fra le Casse di risparmio italiane) il patrimonio delle 89 fondazioni bancarie nel nostro Paese è di 487,8 milioni di euro e, nel corso dell anno, sono stati erogati 354 miliardi di vecchie lire suddivisi in iniziative. Il settore arte, attività e beni culturali costituisce oggi il principale ambito di intervento delle fondazioni bancarie nel quadro dei settori ammessi, ex art. 1, comma c-bis, decreto legislativo 17 maggio 1999, n. 153 ( Disciplina civilistica e fiscale degli enti conferenti di cui all articolo 11, comma 1, del decreto legislativo 20 novembre 1990, n. 356, e disciplina fiscale delle operazioni di ristrutturazione bancaria, a norma dell articolo 1 della legge 23 dicembre 1998, n. 461 ). Pur trattandosi di processi riformatori alquanto differenti e lontani, essi sono comunque testimoni di una nuova tendenza, volta a ridimensionare complessivamente il ruolo ed il peso dell intervento pubblico, e che esprime sempre più una netta preferenza per il mercato, ormai evidentemente considerato capace di agire mediante mezzi meno intrusi - vi delle libertà e dei diritti dei singoli e delle formazioni sociali 6. 3 Marco Demarie, Fondazione, formula non per tutti, Il Sole 24 Ore, 20/06/ Legge n. 218/ ACRI (a cura di), Dodicesimo rapporto sulle fondazioni di origine bancaria, disponibile sul sito 6 Matteo Motroni, Ruolo e funzione delle fondazioni bancarie nel settore arte, attività e beni culturali, Amministrazione in Cammino,

3 Le fondazioni di origine bancaria, presenti nell ordinamento italiano dal 1990, rappresentano oggi una realtà di grande rilievo, sia per la quantità di denaro posseduto e investito, sia per la loro presenza sul territorio, dove, regione per regione, sono un fenomeno consolidato, in molti casi decisivo per le sorti di altri enti e istituzioni e, tra l altro, per lo stesso patrimonio culturale italiano. Le fondazioni di origine bancaria sono a tutti gli effetti un corpo intermedio della società. Un corpo intermedio che ha radici antiche nel concetto di comunità, cioè la categoria il cui senso non solo si è riprodotto, ma si è anche innovato 7. Una definizione questa che, in linea con la sentenza della Corte Costituzionale n. 301/ che definisce le fondazioni di origine bancaria come soggetti di organizzazione delle libertà sociali, colloca le fondazioni in mezzo tra società ed economia, tra società ed istituzioni, insomma tra soggetto forte della società di mezzo, cioè di quella società che, rappresentando il mondo del lavoro e dell impresa e il mutualismo dei soggetti sociali, ha dato vita a libere associazioni riconosciute e regolamentate per il loro peso sociale come i sindacati, le associazioni di rappresentanza, le Camere di commercio, le organizzazioni non governative. L essere società di mezzo non significa non occupare spazi pubblici perché non istituzionali, ma partecipare degli interessi di un intero territorio. Un modello innovativo nel panorama italiano è quello delle community foundation, originario degli Stati Uniti. Lanciato nel 1997 dalla Fondazione Cariplo, il progetto conta 12 fondazioni in Lombardia che hanno accumulato un patrimonio di oltre 114 milioni di euro. Le fondazioni comunitarie, spiega Bernardino Casadei responsabile del progetto, non sono filiali della Fondazione Cariplo, sono soggetti autonomi che rispondono alla comunità locale 9. Ne deriva - secondo lo stesso Bonomi - che la logica di Community Foundation è ben più complessa di quella delle tradizionali Fondazioni bancarie. Infatti, non solo con - sente una presenza più radicata nel territorio, e dunque un rapporto più stretto e trasparen - te con la comunità, ma soprattutto consente una maggiore sensibilizzazione sugli investi - menti e sulle realizzazioni. Tra le prime fondazioni che si è ridisegnata come grande gruppo non profit c è la Compagnia San Paolo, che oggi ha sei strutture stabili alle quali ha trasferito oltre 20 milio- 7 Aldo Bonomi in occasione della V Giornata della Fondazione Sussidiarietà, Sviluppo e Corpi Intermedi della Società del 2 giugno La Corte Costituzionale con questa importante, anche se isolata, sentenza, ha affermato che - anche in considerazione di quanto previsto dall art. 118 co. 4, Cost. - non è possibile invocare funzioni attribuite alla competenza di istituzioni pubbliche (in quel caso le Regioni) per rivendicare a esse il potere di ingerenza nell organizzazione di soggetti che appartengono a un ambito diverso da quello pubblicistico che il loro. Con tale argomentazione il Giudice delle leggi ha reso concreto un principio che appare fondamentale per impostare in modo corretto il problema del complesso rapporto tra stato e società civile, tra cittadini e autorità costituite. 9 Alessia Maccaferri, Fondazioni, i grandi gruppi del no-profit, Il Sole 24 Ore, 23/07/

4 ni di euro nel 2004, circa il 18% degli stanziamenti effettuati. Per la fondazione torinese questo processo affonda le radici nella sua stessa storia. L antica Compagnia di San Paolo, nata come Confraternita, creò già alla fine del 500 l Ufficio Pio per fornire assistenza ai poveri e le case del soccorso per dare un istruzione alle giovani donne. Le fondazioni di origine bancaria rafforzano annualmente il loro impegno a favore del Mezzogiorno. Nell ottobre 2005 è stato infatti promosso il Progetto Sud, un piano di infrastrutturazione sociale. Si tratta di un alleanza tra fondazioni e volontariato. L intesa è stata siglata dal Presidente dell Acri Giuseppe Guzzetti, e dai portavoce del Forum permanente del Terzo Settore, Edoardo Patriarca e Giampiero Rasimelli. Obiettivo dell accordo è il rafforzamento (in particolare la patrimonializzazione) e la valorizzazione delle strutture di supporto socia - le del Mezzogiorno. A tal fine saranno messi a disposizione 323,7 milioni di euro una tan - tum nel 2006 e successivamente circa 40 milioni all anno. Tali risorse serviranno allo svi - luppo di forti reti di solidarietà, al potenziamento di quelle esistenti, alla creazione di nuove e al supporto, alla crescita di servizi di promozione e qualificazione del volontariato, senza peraltro sostituirsi al necessario ruolo delle istituzioni pubbliche 10. Più recentemente, nel contesto di un rilancio del processo di privatizzazione delle imprese locali di pubblici servizi, si registra un orientamento dell Antitrust che riconosce un ruolo importate alle fondazioni di origine bancaria. Infatti, Mentre non sarebbe neppure proponibile un trasferimento di beni di eccezionale valenza sociale ed ambientale, quali appunto sono i servizi pubblici locali, ad investitori speculativi o orientati ad una pura logica di mercato, diverso sarebbe l approccio delle fondazioni bancarie, soggetti strutturalmente legati al territorio, orientati a investimenti solidi e profittevoli nel lungo periodo, il cui reddito è destinato a finalità sociali capaci di creare sviluppo per i territori dei quali sono storica emanazione. Soggetti privati sul piano giuridico ma solidamente ancorati a interessi sociali e comunitari 11. Ancora, In un simile contesto, le fondazioni di origine bancaria rappresentano il soggetto ideale che può investire nelle infrastrutture di rete di supporto all erogazione dei servizi pubblici locali, in ragione della loro particolare natura e finalità, del consolidato rapporto che hanno con i territori di origine, e di conseguenza per la valenza che tale intervento verrebbe ad assu - mere, consentendo alla collettività la possibilità di smobilizzare parte dell investimento pub - blico nelle reti, per destinarlo ad altri impieghi a sostegno della comunità locale Nicoletta Di Molfetta, Le fondazioni bancarie partner del terzo settore, Il Sole 24 Ore, 19/10/ Linda Lanzillotta, La svolta privata delle fondazioni per liberare i servizi pubblici locali, Il Sole 24 Ore, 05/07/ Angelo Miglietta e Federico Testa, Reti sulle ali delle fondazioni, Il Sole 24 Ore, 22/07/

5 3. La Fondazione di partecipazione Le fondazioni di origine bancarie hanno aperto le porte a nuovi modelli di fondazione con innovative funzioni nel campo dei servizi di pubblica utilità. Il completamento della gamma delle fondazioni con le fondazioni grant-making 13 di origine bancaria o corporate si accompagna a una stabile nascita di nuovi soggetti privati (sebbene spesso insufficiente - mente patrimonializzati) finalizzati alla gestione: diventano musei, ospedali, teatri, infrastrut - ture, progetti di sviluppo locale 14. Sul sostrato giuridico classico delle fondazioni si sono quindi innestati nel tempo altri elementi, tipici del fenomeno associativo, che hanno contribuito a generare fondazioni che ormai sono conosciute con il termine di fondazioni di partecipazione 15 ovvero fondazioni associative, quali strumenti di gestione dei servizi pubblici locali pensati dal notaio milanese Enrico Bellezza 16. Si tratta di fondazioni non più istituite ad opera di un singolo soggetto, sia esso persona fisica ovvero impresa, ma costituite da una pluralità di soggetti (privati e/o pubblici), che condividono una medesima finalità. La par - ticolare composizione mista, pubblico-privato, la disponibilità di un patrimonio vincolato ad uno scopo di pubblico interesse, l agilità gestionale, nonché una governance interna sempli - ce e facilmente identificabile, rendono la fondazione di partecipazione uno strumento giuri - dico-organizzativo in grado di trovare applicazione in diversi settori di intervento e di azione, tra i quali spicca quello sanitario 17. Rispetto alla fondazione tradizionale di diritto comune, la fondazione di partecipazione è caratterizzata da un particolare rapporto tra i fondatori e la gestione della fondazione: il conferimento di beni all atto di costituzione della fondazione da parte dei fondatori non spezza, come normalmente nella fondazione classica, il rapporto tra tali soggetti e l ente. I primi, infatti, continuano ad esercitare un controllo sulle sue attività e si ingeriscono nella gestione 18. La possibilità giuridica di questo tipo di fondazione è data dal fatto che accanto ad associazioni e fondazioni, il codice civile del 1942 abbia previsto le altre istituzioni di carattere privato (art. 12 c.c. abr.). Anche il D.P.R. 10/02/2000, n. 361, 13 Il più importante criterio di classificazione delle fondazioni è basato sulle modalità operative, ovvero sul tipo di servizi erogati. In questo ambito si distingue tra il modello grand-making (o granting ) ed il modello operating. Le fondazioni del primo tipo perseguono le proprie finalità attraverso la devoluzione a terzi di contributi finanziari per il sovvenzionamento di determinate attività; quelle del secondo tipo si propongono invece di perseguire i propri scopi assumendosi direttamente la responsabilità operativa diretta dei singoli interventi. In Italia lo strumento della fondazione è inteso soprattutto come produttore diretto di specifici beni e servizi, e meno come organo di promozione e sostegno finanziario di iniziative realizzate da terzi. 14 Marco Demarie, Attenzione alle fondazioni pret-à-porter, Il Sole 24 Ore, 25/01/ D. Mori, Dalle fondazioni alle fondazioni di partecipazione, Trieste, A.A. 2003/ Scarselli, Aedon, 3/2000, mulino.it/archivio/2000/3/franchi.htm. 17 Alceste Santuari, Trasformazione di una società a responsabilità limitata in fondazione di partecipazione, Persona e Danno, 12/06/ P. Manes, Le nuove prospettive in materia di fondazioni, Contratto e Impresa,

6 abrogativo dell art. 12 c.c., ha mantenuto intatta la dizione di altre istituzioni di carattere privato (art. 1). Infatti lo strumento è idoneo ad essere applicato non solo a figure giuridiche tipiche, come fondazioni ed associazioni, ma anche a figure giuridiche atipiche, ovvero alle altre istituzioni di carattere privato. A tal proposito, il modello a cui fare riferimento in campo comunitario potrebbe essere quello del charitable trust anglosassone; si deve notare come il perseguimento di scopi charitable è divenuto per molta parte del mondo produttivo un modo efficace di collegarsi alla società civile, superando il classico strumento della sponso - rizzazione. Per altri aspetti la fondazione di partecipazione è assimilabile alle community foundations, soggetti che hanno la caratteristica tipica di essere fondazioni senza fondato - ri ma con forti radici nel territorio, che poi è la strada per certi aspetti intrapresa dalle Casse di Risparmio 19. Che la fondazione di partecipazione sia uno strumento alla moda lo dimostra il fatto che lo stesso è stato mutuato dal decreto legislativo recante norme sul Riordino della disciplina degli istituti di ricovero e cura a carattere scientifico a norma dell art. 42, c. 1, della legge 16/01/2003, n. 3, col quale si è favorita la trasformazione degli istituti di diritto pubblico in fondazioni di rilievo nazionale, con enti fondatori il ministero della salute, la regione e il comune di riferimento, aperta alla partecipazione di altri enti pubblici e privati 20. Stessa logica sembra essere seguita dal legislatore all art. 16 della legge n. 133/2008 di conversione del D.L. 25/06/2008 n. 112 con particolare riferimento alla facoltà riconosciuta agli atenei italiani di deliberare la propria trasformazione in fondazioni di diritto privato. Peraltro la legge 448/2001 delinea il ricorso al modello-fondazione come soluzione preferenziale anche in relazione alla trasformazione del panorama delle agenzie ed autorità del centro (come evidenziato dall art. 28), rappresentando comunque il filo conduttore di un approccio strategico senza dubbio immediato: ricorso a persone giuridiche di diritto privato con struttu - razione forte e con evidenziazione dei settori di intervento perfettamente aderente ad un ampia serie di politiche pubbliche La Fondazione di sviluppo Un modello di fondazione che cerca di rispondere all esigenza di collaborazione tra il settore pubblico ed il settore privato e di dare loro una legittimazione fatta di regole quanto di capacità operativa, è rappresentato dalla Fondazione di sviluppo. Il nome è stato attribui- 19 Giancamillo Palmerini, La Fondazione di partecipazione come ipotesi di gestione dei servizi pubblici locali, Diritto.it, 08/06/ R. Balduzzi, La riforma degli IRCCS: una sperimentazione gestionale topo-down che disattende la Costituzione?, in G. Fiorentini, I servizi sanitari in Italia, 2004, Il Mulino, Bologna, Alberto Barbiero, Le Fondazioni come modulo operativo per la gestione di spazi di azione riconducibili all Amministrazione Locale, Diritto.it, aprile

7 to da Alberto Quadro Curzio durante l osservazione della realtà della Fondazione Fiera Milano. Le fondazioni di sviluppo nascono sul territorio come espressione di un bisogno della società civile. Sono una via per dare soluzioni permanenti a mancanze strutturali e infrastrutturali di base per il Paese, perché vanno letteralmente a coprire dei vuoti Una governance della sussidiarietà, che possiede due output: uno a livello nazionale, dove è la politica a definire i confini delle azioni di questi nuovi soggetti, e l altro a livello locale, dove dà voce a portatori di interessi particolari e si fa garante dello sviluppo territoriale La Fondazione per la sussidiarietà Recentemente si è pure registrata la proposta della Fondazione per la sussidiarietà 23 di aprire al non profit il settore delle reti di pubblica utilità. Da anni l Italia è impegnata nel dibat - tito tra pubblico e privato - sottolinea Paola Garrone, economista e responsabile del Dipartimento public utilities della Fondazione per la sussidiarietà - e con una valutazione atten - ta si potrebbe sperimentare un modello di questo tipo per il servizio idrico e per il trasporto pub - blico locale. Le esperienze estere, come quelle in Gran Bretagna o negli Usa dimostrano che le non profit utilities funzionano La vera rivoluzione è rappresentata dalla governance. La fon - dazione permette un efficace rappresentanza dei diversi stakeholder. Nel Cda, accanto ai rap - presentanti degli enti locali o a quelli degli utenti industriali, siedono i cittadini residenti che potranno dire la loro sugli investimenti o sugli aumenti tariffari. Il finanziamento dell attività è realizzato con l emissione di titoli di debito a lungo termine sui mercati finanziari. La proposta prevede poi per le fondazioni in vincolo a reinvestire gli utili o a restituirli in parte ai clienti sotto forma di sconto tariffario, ma anche a consultare i cittadini in caso di vendita della proprietà La Fondazione per il Sud Un altro modello di fondazione è quello promosso dal Governo Prodi: la Fondazione per il Sud. Nata dal protocollo d intesa tra le fondazioni di origine bancaria, il terzo settore e il mondo del volontariato è stata istituita con decreto firmato dai ministri dell economia e della Solidarietà sociale il 13 settembre Per Pezzotta, presidente della Fondazione per il Sud, Si vuole creare un economia di relazioni articolata sulle reti del volontariato, sui vari soggetti del terzo settore, sulle università, per tentare di stimolare la capacità della società civile meridionale di attivare al meglio le proprie risorse 25. Secondo il direttore 22 Luigi Roth, Lo sviluppo chiamato fondazione, Il Sole 24 Ore, 03/11/ Proposta consegnata il 19 maggio 2007 al Ministro per gli affari regionali nel corso della tavola rotonda che ha chiuso la Scuola internazionale di sussidiarietà alla Venice International University. 24 Chiara Bussi, Utlities gestite da non profit, Il Sole 24 Ore, 21/05/ Roberto Valguarnera, Pezzotta: Sviluppare la cultura del dono, La Sicilia, 12/05/

8 generale Giorgio Righetti, attraverso le linee di azione individuate dal comitato tecnico verranno erogati 20 milioni di euro per progetti sull educazione e la formazione dei giovani. Altri 6 milioni saranno invece destinati per il raggiungimento dell obiettivo di far nascere nuove fondazioni di comunità quali soggetti attivi della sussidiarietà sociale che nel Mezzogiorno stentano a decollare Conclusioni La fondazione può divenire così uno strumento gestionale di primo piano nel panorama del nuovo Welfare, se correttamente applicata per forme di partnership pubblico-privato o fra Enti pubblici perché consente di superare alcune ambiguità delle società di capitale a controllo pubblico, che in molti casi sono esposte a interferenze della politica. Può consentire altresì al sistema pubblico di usufruire di maggiori disponibilità finanziarie e di management nella gestione dei servizi sociali, venendosi così a ridurre il rischio aziendale, associato a qualunque attività di produzione di servizi. Se l impianto originario della legge Amato prevedeva solo quattro settori di intervento, il percorso fatto negli ultimi anni dalle esperienze pratiche, è stato quello di rendere disponibile una serie di varianti delle fondazioni tradizionali previste dal Codice Civile, capace di permettere un efficace quadro operativo sinergico tra pubblico e privato, indirizzato al duplice scopo di utilità sociale e di promozione dello sviluppo economico. In questo secondo caso l operatività può spingersi fino ad identifica - re la fondazione come un soggetto interamente agente nel settore, con le stesse modalità dell imprenditore commerciale, con la sola fondamentale differenza che l eventuale profitto non può essere distribuito. Per il resto la fondazione diviene un imprenditore che può anche - e questo è il punto di svolta - definitivamente abbandonare il modello grant-making per abbracciare quello operativo, investendo direttamente nel capitale di soggetti operativi e quotati in borsa 27. Rimane, tuttavia, aperta la questione in ordine alla possibilità che le fondazioni hanno di erogare servizi alla stregua di un imprenditore. Per la giurisprudenza infatti, Non v è quindi ragione di escludere che anche soggetti economici senza scopo di lucro, quali le fondazioni, possano soddisfare i necessari requisiti ed essere qualificati come imprenditori, fornitori, o prestatori di servizi ai sensi delle disposizioni vigenti in mate - ria, attese la personalità giuridica che le fondazioni vantano e la loro capacità di esercitare anche attività di impresa, qualora funzionali ai loro scopi e sempre che quest ultima possi - bilità trovi riscontro nella disciplina statutaria del singolo soggetto giuridico 28. Un approc- 26 Fondazione per il Sud: tre piani da 26 milioni, Il Sole 24 Ore, 22/06/ Paolo Legrenzi e Giuliano Segre, A che cosa servono le fondazioni bancarie, Il Mulino, n. 2/ Cons. St., sez. VI, sent. 15/06/2009 n

9 cio siffatto può però presentare il rovescio della medaglia: le fondazioni bancarie, con particolare riferimento a quelle nata dalla citata riforma Amato del 1990, non possono godere degli sconti fiscali perché non equiparabili agli enti del mondo non profit. Piuttosto devono essere considerate a tutti gli effetti come banche, se è vero che nell ordinamento italiano esiste una presunzione di esercizio dell attività d impresa bancaria in capo a coloro che in ragione della entità della partecipazione al capitale sociale sono in grado di influire sull at - tività dell ente creditizio 29. Gli operatori delle politiche pubbliche sono quindi chiamati ad una costante riflessione in ordine al ruolo e all identità da ritagliare alle fondazioni nel contesto del nuovo Welfare. Numerosi fattori mostrano che la forte riproposizione e presenza delle fondazioni in Italia non sia semplicemente riconducibile ad una moda, ma si caratterizzi piuttosto come l affermarsi di soggetti in grado di affrontare tematiche difficili, nuove e delicate con una sempre maggiore consapevolezza del proprio ruolo di strumento produttivo, di crescita non solo civile, ma anche economica Corte Cass. sez. unite, sent. 1576/ Laura Danzi e Marco Demarie, Fondazioni, una specie in via di estinzione, Astrid, gennaio

La Fondazione della Comunità della Provincia di Mantova

La Fondazione della Comunità della Provincia di Mantova Corso di laurea in economia delle imprese coop. e delle org. non-profit La Fondazione della Comunità della Provincia di Mantova Una Governance Multistakeholders Cosa sono le Fondazioni? UNA FONDAZIONE

Dettagli

Il rapporto tra l Università Kore di Enna ed i suoi Padri fondatori

Il rapporto tra l Università Kore di Enna ed i suoi Padri fondatori Il rapporto tra l Università Kore di Enna ed i suoi Padri fondatori Sommario: 1. Il riconoscimento statale della Libera Università Kore - 2. La natura pubblicistica della Fondazione Kore 3. La natura partecipativa

Dettagli

LE FONDAZIONI. Struttura del patrimonio, bilancio e devoluzione del patrimonio in caso di scioglimento ELENA DEMARZIANI

LE FONDAZIONI. Struttura del patrimonio, bilancio e devoluzione del patrimonio in caso di scioglimento ELENA DEMARZIANI S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LE FONDAZIONI Struttura del patrimonio, bilancio e devoluzione del patrimonio in caso di scioglimento ELENA DEMARZIANI 24 marzo 2015 Sala Convegni C.so Europa,

Dettagli

LE FONDAZIONI DI PARTECIPAZIONE

LE FONDAZIONI DI PARTECIPAZIONE LE FONDAZIONI DI PARTECIPAZIONE NOZIONE La Fondazione di partecipazione (da ora F.d.P.) costituisce un modello atipico di Fondazione che accoglie e razionalizza l evoluzione de facto che l istituto ha

Dettagli

aspetti aziendali e di gestione del ASP E FONDAZIONI personale Forlì 14 dicembre 2004

aspetti aziendali e di gestione del ASP E FONDAZIONI personale Forlì 14 dicembre 2004 ASP E FONDAZIONI aspetti aziendali e di gestione del personale Forlì 14 dicembre 2004 1 Le fondazioni come soggetto dell economia aziendale l economia aziendale ha per oggetto l ordine economico degli

Dettagli

NOTA TECNICA SUL PIANO CASA

NOTA TECNICA SUL PIANO CASA NOTA TECNICA SUL PIANO CASA L art. 11 della legge 133/08 ha inteso rilanciare un Piano Casa per realizzare un offerta di alloggi in proprietà e in locazione prima casa nelle aree di bisogno abitativo,

Dettagli

La rendicontazione economico-finanziaria e il controllo negli enti non profit

La rendicontazione economico-finanziaria e il controllo negli enti non profit RENDICONTAZIONE ECONOMICO-FINANZIARIA E SOCIALE DELLE AZIENDE NON PROFIT: I PRINCIPI CONTABILI PER IL TERZO SETTORE Prof. Matteo Pozzoli Vercelli 12 Ottobre 2010 Ufficio studi della Presidenza del Consiglio

Dettagli

La mutualità integrativa volontaria in campo sanitario

La mutualità integrativa volontaria in campo sanitario RUOLO E PROSPETTIVE DELLA MUTUALITÀ NEL SISTEMA SANITARIO ITALIANO La mutualità integrativa volontaria in campo sanitario Placido Putzolu - Presidente FIMIV Federazione Italiana Mutualità Integrativa Volontaria

Dettagli

COSTRUIRE L HUB CAMERALE DEL CREDITO E DELLA FINANZA PIANO DI RIPOSIZIONAMENTO STRATEGICO PER IL TRIENNIO 2015-2017

COSTRUIRE L HUB CAMERALE DEL CREDITO E DELLA FINANZA PIANO DI RIPOSIZIONAMENTO STRATEGICO PER IL TRIENNIO 2015-2017 COSTRUIRE L HUB CAMERALE DEL CREDITO E DELLA FINANZA 1 PIANO DI RIPOSIZIONAMENTO STRATEGICO PER IL TRIENNIO 2015-2017 Premessa Le recenti iniziative varate dal Governo per il riordino del sistema camerale

Dettagli

Piccolo imprenditore

Piccolo imprenditore Piccolo imprenditore Art. 2083 c.c.: «Sono piccoli imprenditori i coltivatori diretti del fondo, gli artigiani, i piccoli commercianti e coloro che esercitano un attività professionale organizzata prevalentemente

Dettagli

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo Ridurre i divari Il problema Fino alla fine degli anni sessanta, la cooperazione allo sviluppo si identificava esclusivamente con la cooperazione economica o con l aiuto umanitario di emergenza. Questa

Dettagli

21 CONGRESSO NAZIONALE ACRI IDENTITA, RADICI DEL FUTURO Siena, 10-11 giugno 2009 Sessione dedicata alle Fondazioni ore 14,15 Saluto i relatori ed i

21 CONGRESSO NAZIONALE ACRI IDENTITA, RADICI DEL FUTURO Siena, 10-11 giugno 2009 Sessione dedicata alle Fondazioni ore 14,15 Saluto i relatori ed i 21 CONGRESSO NAZIONALE ACRI IDENTITA, RADICI DEL FUTURO Siena, 10-11 giugno 2009 Sessione dedicata alle Fondazioni ore 14,15 Saluto i relatori ed i congressisti, e sono lieto di presiedere la sessione

Dettagli

Aggiornamenti in merito alla trasformazione delle IPAB in ASP

Aggiornamenti in merito alla trasformazione delle IPAB in ASP Dopo molti progetti di legge e ad oltre 20 anni dal DPR 616 del 1977, è stata emanata la legge quadro sul sistema integrato degli interventi e dei servizi sociali (L.. 328/2000). In questo contesto si

Dettagli

BILANCIO SOCIALE 2012 1. PREMESSA

BILANCIO SOCIALE 2012 1. PREMESSA BILANCIO SOCIALE 2012 1. PREMESSA 1.1 Metodologia Il bilancio sociale 2012 di MxIT-Microcredito per l Italia è stato realizzato da un gruppo di lavoro composto dal CdA e dai dipendenti, con il supporto

Dettagli

Imprenditorialità sociale: potenzialità e promozione in rete

Imprenditorialità sociale: potenzialità e promozione in rete Imprenditorialità sociale: potenzialità e promozione in rete Alberto Valentini. Universitas Mercatorum, Unioncamere e Università la Sapienza di Roma. (Relazione tenuta a Bertinoro l 8 novembre 2012) 9

Dettagli

NOTA INTEGRATIVA. Premessa

NOTA INTEGRATIVA. Premessa FONDAZIONE COMUNITARIA DEL NORD MILANO Sede legale: Corso Europa, 291 20017 Rho (MI) Sede operativa: Viale Casiraghi, 600-20099 Sesto San Giovanni (MI) DPGR Lombardia n. 5015 del 16/05/2007 C.F. 05475200969

Dettagli

FEDERAZIONE NAZIONALE SOCIETA DI SAN VINCENZO DE PAOLI. Senigallia,Sabato 25 ottobre 2014

FEDERAZIONE NAZIONALE SOCIETA DI SAN VINCENZO DE PAOLI. Senigallia,Sabato 25 ottobre 2014 FEDERAZIONE NAZIONALE SOCIETA DI SAN VINCENZO DE PAOLI Senigallia,Sabato 25 ottobre 2014 Di cosa parleremo? Che cos è il non profit? Le ONP: le Fonti normative Le Organizzazioni di Volontariato 2 CHE COS

Dettagli

LE FONDAZIONI DI ORIGINE BANCARIA

LE FONDAZIONI DI ORIGINE BANCARIA LE FONDAZIONI DI ORIGINE BANCARIA Capitalismo, liberismo, economia sociale di mercato, profit, non profit Dove collocare le Fondazioni di origine bancaria (Fob)? Questa è una domanda inespressa, presente,

Dettagli

AUDIZIONE DEL PRESIDENTE DELL AUTORITÀ GARANTE

AUDIZIONE DEL PRESIDENTE DELL AUTORITÀ GARANTE AUDIZIONE DEL PRESIDENTE DELL AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO Prof. Giovanni Pitruzzella nell ambito dell istruttoria legislativa sul disegno di legge C.2844, di conversione in legge del

Dettagli

Stato patrimoniale al 31/12/n

Stato patrimoniale al 31/12/n Tema d esame Gestione economica delle imprese ristorative, analisi di bilancio e fonti di finanziamento di Grazia BATARRA ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 MATERIE ECONOMICHE (Classe 5 a IP Tecnico servizi ristorativi)

Dettagli

CONSULTAZIONE SU UN POSSIBILE STATUTO PER UNA FONDAZIONE EUROPEA. Contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Loreto

CONSULTAZIONE SU UN POSSIBILE STATUTO PER UNA FONDAZIONE EUROPEA. Contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Loreto CONSULTAZIONE SU UN POSSIBILE STATUTO PER UNA FONDAZIONE EUROPEA Contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Loreto Introduzione La Fondazione Cassa di Risparmio di Loreto condivide l iniziativa

Dettagli

LA CASA DELLE PORTE GIREVOLI

LA CASA DELLE PORTE GIREVOLI LA CASA DELLE PORTE GIREVOLI PROGETTO OLTRE NOI Largo Sindelfingen 16 23100 Sondrio Tel. e fax 0342 510977 segreteria@anffassondrio.it www.anffassondrio.it LA CASA DELLE PORTE GIREVOLI - APRILE 2014 1

Dettagli

DISCIPLINA DELL ASSETTO ISTITUZIONALE, ORGANIZZATIVO E GESTIONALE DEGLI IRCCS BURLO GAROFOLO DI TRIESTE E C.R.O. DI AVIANO

DISCIPLINA DELL ASSETTO ISTITUZIONALE, ORGANIZZATIVO E GESTIONALE DEGLI IRCCS BURLO GAROFOLO DI TRIESTE E C.R.O. DI AVIANO DISCIPLINA DELL ASSETTO ISTITUZIONALE, ORGANIZZATIVO E GESTIONALE DEGLI IRCCS BURLO GAROFOLO DI TRIESTE E C.R.O. DI AVIANO TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI Art.1 (Oggetto) 1. La presente legge riordina

Dettagli

IL RECENTE ORIENTAMENTO DELLA CASSAZIONE A SEZIONI UNITE IN TEMA DI AGEVOLAZIONI FISCALI ALLE FONDAZIONI BANCARIE

IL RECENTE ORIENTAMENTO DELLA CASSAZIONE A SEZIONI UNITE IN TEMA DI AGEVOLAZIONI FISCALI ALLE FONDAZIONI BANCARIE IL RECENTE ORIENTAMENTO DELLA CASSAZIONE A SEZIONI UNITE IN TEMA DI AGEVOLAZIONI FISCALI ALLE FONDAZIONI BANCARIE Nel corso del 2009 sono state pubblicate numerose sentenze delle Sezioni Unite della Suprema

Dettagli

Linee guida e schemi di redazione dei bilanci di esercizio degli Enti non profit

Linee guida e schemi di redazione dei bilanci di esercizio degli Enti non profit ENTI NON PROFIT Linee guida e schemi di redazione dei D I L U C A P A G L I O T T A 1. Introduzione Dopo aver esaminato in un recente intervento (vedi Notizie Sintesi n. 265 di Dicembre 2008, pag. 2) gli

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

DOCUMENTO PROGRAMMATICO PREVISIONALE 2013

DOCUMENTO PROGRAMMATICO PREVISIONALE 2013 DOCUMENTO PROGRAMMATICO PREVISIONALE 2013 II Documento programmatico previsionale annuale determina le finalità, le priorità, le risorse disponibili e le modalità operative della Fondazione nello svolgimento

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia/189/2015/PAR REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Gianluca Braghò dott.ssa Laura De Rentiis dott. Donato Centrone

Dettagli

LA CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

LA CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO LA CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO C A R TA D E I VA L O R I 2 0 0 9 LA CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO C A R TA D E I VA L O R I 2 0 0 9 LA CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO La Carta dei valori è

Dettagli

documento Le società miste (pubblicoprivato) servizi pubblici locali

documento Le società miste (pubblicoprivato) servizi pubblici locali documento Le società miste (pubblicoprivato) per la gestione dei servizi pubblici locali maggio 2010 A cura delle Commissioni Servizi pubblici e Governance delle partecipate Presidenti Giuseppina Greco

Dettagli

1. Il welfare locale. 1. 1 Contesto normativo

1. Il welfare locale. 1. 1 Contesto normativo 1. 1 Contesto normativo L evoluzione normativa, avvenuta negli ultimi trentanni a livello nazionale in materia sanitaria e sociale e a livello regionale (dalle Leggi Regionali n. 78/1979, n. 13/ 1980,

Dettagli

Fondazioni grant making : l esperienza della Compagnia di San Paolo

Fondazioni grant making : l esperienza della Compagnia di San Paolo Università di Torino Dipartimento di Scienze Economiche e Finanziarie G. Prato PRIMO WORKSHOP SULLE FONDAZIONI Torino, 10 maggio 2007 Fondazioni grant making : l esperienza della Compagnia di San Paolo

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE MODIFICHE ALLA LEGGE QUADRO PER IL VOLONTARIATO 266/91

PROPOSTA DI LEGGE MODIFICHE ALLA LEGGE QUADRO PER IL VOLONTARIATO 266/91 PROPOSTA DI LEGGE MODIFICHE ALLA LEGGE QUADRO PER IL VOLONTARIATO 266/91 Art. 1. Finalità e oggetto della legge 1. La Repubblica italiana riconosce il valore sociale e la funzione dell attività di volontariato

Dettagli

Rilancio dei project bond, Pf per l edilizia carceraria e nuove regole per il subentro

Rilancio dei project bond, Pf per l edilizia carceraria e nuove regole per il subentro 6 n 5 2012 Dopo il decreto Salva-Italia anche il Dl sulle liberalizzazioni interviene sulla disciplina del project financing. Altre novità riguardano le norme sulla progettazione, quelle sulle concessioni

Dettagli

Guglielmo Faldetta LA GOVERNANCE DELLE UNIVERSITÁ STATALI E NON STATALI PRIMA E DOPO LA RIFORMA GELMINI

Guglielmo Faldetta LA GOVERNANCE DELLE UNIVERSITÁ STATALI E NON STATALI PRIMA E DOPO LA RIFORMA GELMINI Guglielmo Faldetta LA GOVERNANCE DELLE UNIVERSITÁ STATALI E NON STATALI PRIMA E DOPO LA RIFORMA GELMINI Il tema della governance è stato ed è tuttora certamente uno dei punti al centro del dibattito sulla

Dettagli

Deliberazione n. 1/pareri/2005

Deliberazione n. 1/pareri/2005 Deliberazione n. 1/pareri/2005 REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Enrico Gustapane (relatore) dott. Mario Donno dott.

Dettagli

INDICE CAPITOLO PRIMO LE LEGGI SULLA SANITÀ CHE HANNO PRECEDUTO LA COSTITUZIONE REPUBBLICANA

INDICE CAPITOLO PRIMO LE LEGGI SULLA SANITÀ CHE HANNO PRECEDUTO LA COSTITUZIONE REPUBBLICANA INDICE Prefazione... Pag. XIII CAPITOLO PRIMO LE LEGGI SULLA SANITÀ CHE HANNO PRECEDUTO LA COSTITUZIONE REPUBBLICANA 1.1. La concezione arcaica della salute pubblica... Pag. 1 1.2. Le prime leggi amministrative

Dettagli

Ha la direzione dell impresa. È responsabile per i cd. reati fallimentari

Ha la direzione dell impresa. È responsabile per i cd. reati fallimentari Capitolo 1 L impresa L IMPRESA E LE SOCIETÀ La nozione di impresa si desume implicitamente dal codice civile che delinea la figura dell imprenditore. Manca, infatti, nel nostro codice, una definizione

Dettagli

COMUNE DI GAETA Provincia di Latina DELIBERAZIONE DI GIUNTA

COMUNE DI GAETA Provincia di Latina DELIBERAZIONE DI GIUNTA COPIA COMUNE DI GAETA Provincia di Latina DELIBERAZIONE DI GIUNTA N 339 del 03/12/2015 OGGETTO Protocollo d'intesa tra il Comune di Gaeta ed il CESV - Centro di Servizi del Volontariato - finalizzato alla

Dettagli

Lavoro autonomo in cooperativa Dario Vedani

Lavoro autonomo in cooperativa Dario Vedani Lavoro autonomo in cooperativa Dario Vedani La forma a progetto della collaborazione coordinata e continuativa è compatibile con la figura di socio lavoratore? È possibile per un socio eletto alla carica

Dettagli

E LE SUE STRATEGIE COMUNICATIVE.

E LE SUE STRATEGIE COMUNICATIVE. ALMA MATER STUDIORUM UNIVERSITÀ DI BOLOGNA FACOLTÀ DI LETTERE E FILOSOFIA Corso di laurea specialistica in: Scienze della Comunicazione Pubblica, Sociale e Politica LA RESPONSABILITÀ SOCIALE D IMPRESA

Dettagli

UMANA MENTE SUMMER SCHOOL

UMANA MENTE SUMMER SCHOOL UMANA MENTE SUMMER SCHOOL WEBINAIR Grautità e intermediazione filantropica Relatore: Bernardino Casadei Segretario Generale Assifero 11 SETTEMBRE 2012 L intermediazione filantropica Un ente, di norma una

Dettagli

NOTA OPERATIVA N. 14/2013 1

NOTA OPERATIVA N. 14/2013 1 NOTA OPERATIVA N. 14/2013 1 OGGETTO: Le Fondazioni di origine bancaria tendenze evolutive; spunti operativi dalla 89 giornata mondiale del risparmio 2. - Introduzione La riforma del sistema bancario italiano

Dettagli

19 MARZO 2015 URBINO (PU)

19 MARZO 2015 URBINO (PU) Patrimonio Netto OIC 28 : Analisi degli aspetti contabili, civilistici e fiscali cenni 19 MARZO 2015 URBINO (PU) Dott. Luca Ghironzi Dottore Commercialista Revisore Legale Consigliere dell ODCEC - Presidente

Dettagli

AGENZIA PER IL TERZO SETTORE ATTO DI INDIRIZZO. ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001, n. 329

AGENZIA PER IL TERZO SETTORE ATTO DI INDIRIZZO. ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001, n. 329 AGENZIA PER IL TERZO SETTORE ATTO DI INDIRIZZO ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001, n. 329 in relazione alla configurabilità di un Trust Onlus Approvato dalla Commissione

Dettagli

Le novità per le società di mutuo soccorso

Le novità per le società di mutuo soccorso Le novità per le società di mutuo soccorso di Sebastiano Di Diego e Giorgio Gentili La novità Con le modifiche apportate dal decreto «Crescita bis» alla legge istitutiva delle società di mutuo soccorso

Dettagli

Auser: Sistemi di Welfare e Comunità

Auser: Sistemi di Welfare e Comunità Auser: Sistemi di Welfare e Comunità 1. Ricomporre i Bisogni della Persona Provando a declinare alcune problematiche dall'agenda sociale, sembra che il tema degli anziani, dei mutamenti demografici, delle

Dettagli

IMPRENDITORIALITÀ SOCIALE: POTENZIALITÀ E PROMOZIONE IN RETE

IMPRENDITORIALITÀ SOCIALE: POTENZIALITÀ E PROMOZIONE IN RETE NOTA ISRIL ON LINE N 2-2013 IMPRENDITORIALITÀ SOCIALE: POTENZIALITÀ E PROMOZIONE IN RETE Presidente prof. Giuseppe Bianchi Via Piemonte, 101 00187 Roma gbianchi.isril@tiscali.it www.isril.it IMPRENDITORIALITÀ

Dettagli

CORTE DI GIUSTIZIA DELL UNIONE EUROPEA OSSERVAZIONI GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA,

CORTE DI GIUSTIZIA DELL UNIONE EUROPEA OSSERVAZIONI GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA, CT 18178/12 Avv. Ferrante CORTE DI GIUSTIZIA DELL UNIONE EUROPEA OSSERVAZIONI del GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA, in persona dell Agente designato per il presente giudizio, domiciliato presso l Ambasciata

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE CONCORSO ANNUALE Il più bel lavoro del mondo

REGOLAMENTO GENERALE CONCORSO ANNUALE Il più bel lavoro del mondo REGOLAMENTO GENERALE CONCORSO ANNUALE Il più bel lavoro del mondo ART 1 Definizione Il concorso "Il più bel lavoro del mondo" (di seguito indicato come "Concorso") è una competizione promossa annualmente

Dettagli

C e n s i m e n t o n o n p r o f i t

C e n s i m e n t o n o n p r o f i t C e n s i m e n t o n o n p r o f i t D o m a n d e & R i s p o s t e A cura di in collaborazione con il con il supporto di S e c o n d a e d i z i o n e 2 6 o t t o b r e 2 0 1 2 LE DATE Chi compila il

Dettagli

FONDAZIONE PROVINCIALE DELLA COMUNITA COMASCA ONLUS A) ASSISTENZA ANZIANI B) DISAGIO GIOVANILE C) INTERVENTI SOCIO-SANITARI OBIETTIVI DEL BANDO

FONDAZIONE PROVINCIALE DELLA COMUNITA COMASCA ONLUS A) ASSISTENZA ANZIANI B) DISAGIO GIOVANILE C) INTERVENTI SOCIO-SANITARI OBIETTIVI DEL BANDO FONDAZIONE PROVINCIALE DELLA COMUNITA COMASCA ONLUS 4 BANDO ANNO 2015 SETTORI A) ASSISTENZA ANZIANI B) DISAGIO GIOVANILE C) INTERVENTI SOCIO-SANITARI DA PRESENTARE ON LINE OBIETTIVI DEL BANDO Migliorare

Dettagli

Lucio Toma Dottore Commercialista e Revisore Legale dei Conti. Le nuove potenzialità finanziarie nelle s.r.l. dopo la riforma

Lucio Toma Dottore Commercialista e Revisore Legale dei Conti. Le nuove potenzialità finanziarie nelle s.r.l. dopo la riforma Le nuove potenzialità finanziarie nelle s.r.l. dopo la riforma INDICE Introduzione pag. 2 1 Il quadro normativo 1.1 La nuova Srl dopo la Riforma» 3 1.2 Analisi del decreto legislativo n. 6/2003» 4 2 I

Dettagli

Lo scopo. Finalità sociale ed efficienza economica possono camminare insieme.

Lo scopo. Finalità sociale ed efficienza economica possono camminare insieme. Èsotto gli occhi di tutti: nella realtàsociale che ci circonda il disagio e le difficoltàeconomiche stanno crescendo, coinvolgendo persone, famiglie, gruppi sociali. Cresce il bisogno ma non crescono le

Dettagli

IMPACT FINANCE: COMPETENZE PER ACCEDERVI

IMPACT FINANCE: COMPETENZE PER ACCEDERVI Position Paper ASVI IMPACT FINANCE: COMPETENZE PER ACCEDERVI a cura di R. Randazzo e M. Crescenzi, 11 luglio 2012. Indice 1. Alcune domande d impatto sociale, M. Crescenzi, R. Randazzo p. 2 2. Abstract

Dettagli

Intervento Avv. Giuseppe Guzzetti Presidente Acri Associazione di Fondazioni e di Casse di Risparmio Spa

Intervento Avv. Giuseppe Guzzetti Presidente Acri Associazione di Fondazioni e di Casse di Risparmio Spa Intervento Avv. Giuseppe Guzzetti Presidente Acri Associazione di Fondazioni e di Casse di Risparmio Spa Aga - Efc Roma - 16 Maggio 2009 Buon giorno a tutti: ai Colleghi delle Fondazioni italiane e, soprattutto,

Dettagli

PIANO TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2014 2016

PIANO TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2014 2016 COMUNE DI FERRERA DI VARESE PROVINCIA DI VARESE PIANO TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2014 2016 Approvato con deliberazione di G.C. n. del INDICE 1. PREMESSA NORMATIVA 2. CONTENUTO DEL PROGRAMMA

Dettagli

LA SOGGETTIVITA DELLE ASSOCIAZIONI DI AZIONE CATTOLICA

LA SOGGETTIVITA DELLE ASSOCIAZIONI DI AZIONE CATTOLICA LA SOGGETTIVITA DELLE ASSOCIAZIONI DI AZIONE CATTOLICA 1 Persone giuridiche e soggetti no profit nel sistema giuridico italiano Nel sistema giuridico italiano sono previsti enti che hanno una soggettività

Dettagli

Le organizzazioni nella rete dei servizi sociali

Le organizzazioni nella rete dei servizi sociali Università degli Studi di Milano Bicocca Facoltà di Sociologia Corso di laurea in Servizio Sociale Anno Accademico 2008/09 Corso Organizzare un servizio Le organizzazioni nella rete dei servizi sociali

Dettagli

Sezione Regionale di Controllo per la Toscana composta dai magistrati:

Sezione Regionale di Controllo per la Toscana composta dai magistrati: Del. n. 17/2010/PAR Sezione Regionale di Controllo per la Toscana composta dai magistrati: - Pres. Sez. Silvio AULISI Presidente - Cons. Paolo SCARAMUCCI Componente - Cons. Paolo PELUFFO Componente - Cons.

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia/672/2010/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua dott. Antonio Caruso dott. Angelo Ferraro

Dettagli

La rendicontazione e il controllo indipendente degli enti non profit

La rendicontazione e il controllo indipendente degli enti non profit Bergamo 28 Giugno 2011 Rendicontazione economico-finanziaria e sociale degli enti non profit Prof. Matteo Pozzoli Ufficio studi della Presidenza del Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti e degli

Dettagli

Lombardia/1138/2009/PAR

Lombardia/1138/2009/PAR Lombardia/1138/2009/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua dott. Antonio Caruso dott. Giuliano

Dettagli

Lombardia/52/2009/PAR

Lombardia/52/2009/PAR Lombardia/52/2009/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Giorgio Cancellieri dott. Giuliano Sala dott. Giancarlo Penco

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Presentazione... V Introduzione... 1 PARTE PRIMA ASPETTI GIURIDICI CAPITOLO 1 LE ASSOCIAZIONI RICONOSCIUTE

INDICE SOMMARIO. Presentazione... V Introduzione... 1 PARTE PRIMA ASPETTI GIURIDICI CAPITOLO 1 LE ASSOCIAZIONI RICONOSCIUTE Presentazione...................................... V Introduzione...................................... 1 PARTE PRIMA ASPETTI GIURIDICI CAPITOLO 1 LE ASSOCIAZIONI RICONOSCIUTE 1.1. Nozioni generali................................

Dettagli

AGEVOLAZIONI PER PROCESSI DI RICAPITALIZZAZIONE AZIENDALE

AGEVOLAZIONI PER PROCESSI DI RICAPITALIZZAZIONE AZIENDALE C i r c o l a r e d e l 3 m a g g i o 2 0 1 2 P a g. 1 di 7 Circolare Numero 16/2012 Oggetto ACE _ AIUTO ALLA CRESCITA ECONOMICA - AGEVOLAZIONI PER PROCESSI DI RICAPITALIZZAZIONE AZIENDALE Sommario 1_

Dettagli

IL TRUST PER SOGGETTI DEBOLI

IL TRUST PER SOGGETTI DEBOLI IL TRUST PER SOGGETTI DEBOLI Prof. Alceste Santuari Docente di diritto dell economia degli enti non profit Università di Bologna sede di Forlì @ alceste.santuari@unibo.it Il Trust Per trust s'intendono

Dettagli

UNPLI Toscana - Commento alla Legge 7 dicembre 2000, n. 383 pagina 1 "Disciplina delle associazioni di promozione sociale"

UNPLI Toscana - Commento alla Legge 7 dicembre 2000, n. 383 pagina 1 Disciplina delle associazioni di promozione sociale UNPLI Toscana - Commento alla Legge 7 dicembre 2000, n. 383 pagina 1 Alcune Precisazioni sulla legge 383 : 1) La Legge 383/2000 non è una legge che si applica automaticamente, ma per usufruire dei vantaggi

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER IL PIEMONTE Deliberazione n. 190/2014/SRCPIE/PAR

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER IL PIEMONTE Deliberazione n. 190/2014/SRCPIE/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER IL PIEMONTE Deliberazione n. 190/2014/SRCPIE/PAR composta dai Magistrati: Dott. Mario PISCHEDDA Dott. Giuseppe Maria MEZZAPESA

Dettagli

Circolare Legge di Stabilità 2014 - Principali misure in materia di credito e finanza

Circolare Legge di Stabilità 2014 - Principali misure in materia di credito e finanza Circolare Legge di Stabilità 2014 - Principali misure in materia di credito e finanza INDICE 1. Premessa 2. Garanzie pubbliche per l accesso al credito 3. Patrimonializzazione dei confidi 4. Operatività

Dettagli

E possibile migliorare il controllo e la governance delle imprese pubbliche? L esperienza del Comune di Roma

E possibile migliorare il controllo e la governance delle imprese pubbliche? L esperienza del Comune di Roma E possibile migliorare il controllo e la governance delle imprese pubbliche? L esperienza del Comune di Roma Marco Causi Facoltà di Economia Federico Caffè Università degli Studi Roma Tre L argomento della

Dettagli

AVVOCATI COMUNITARI IN ITALIA, IL GIUDIZIO DELLA CORTE EUROPEA

AVVOCATI COMUNITARI IN ITALIA, IL GIUDIZIO DELLA CORTE EUROPEA (esercitazioni della giovane avvocatura) AVVOCATI COMUNITARI IN ITALIA, IL GIUDIZIO DELLA CORTE EUROPEA La Corte di Giustizia europea ha recentemente affrontato il tema che riguarda la possibilità della

Dettagli

Da sempre abbiamo creduto in un sogno, la nascita di una Società Finanziaria attenta ai desideri dei nostri clienti.

Da sempre abbiamo creduto in un sogno, la nascita di una Società Finanziaria attenta ai desideri dei nostri clienti. 13 1 2 Da sempre abbiamo creduto in un sogno, la nascita di una Società Finanziaria attenta ai desideri dei nostri clienti. Credion Società Finanziaria Spa nasce nel 2006 grazie alla grinta e alla determinazione

Dettagli

Società di mutuo soccorso: come cambia la normativa

Società di mutuo soccorso: come cambia la normativa Società di mutuo soccorso: come cambia la normativa di Sebastiano Di Diego, Giorgio Gentili e Sandro Turina La novità Il decreto «crescita bis» ha riscritto la disciplina delle società di mutuo soccorso,

Dettagli

Testata Diritto 24 - Data 14/04/11

Testata Diritto 24 - Data 14/04/11 La responsabilità da reato degli enti nel settore sanitario: i destinatari della normativa Stefano Crisci, Avvocato, Studio Legale Crisci - a cura di Lex24 14 aprile 2011 Tra i destinatari dell ormai celebre

Dettagli

Doniamo un futuro alla nostra Comunità

Doniamo un futuro alla nostra Comunità Doniamo un futuro alla nostra Comunità La Fondazione Comunitaria Nord Milano è un intermediario filantropico che opera sul territorio per migliorare la qualità della vita della propria Comunità; rendere

Dettagli

Linee guida per una Riforma del Terzo Settore

Linee guida per una Riforma del Terzo Settore Linee guida per una Riforma del Terzo Settore UN VERO E PROPRIO CIVIL ACT: GLI OBIETTIVI Per realizzare il cambiamento economico, sociale, culturale, istituzionale di cui il Paese ha bisogno, è necessario

Dettagli

Riordino delle Istituzioni Pubbliche di Assistenza e Beneficenza, fusione e trasformazione in Aziende Regionali di Servizi alla Persona (ARSP)

Riordino delle Istituzioni Pubbliche di Assistenza e Beneficenza, fusione e trasformazione in Aziende Regionali di Servizi alla Persona (ARSP) PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA DELLA GIUNTA REGIONALE DEL LAZIO N. 88 DEL 17 OTTOBRE 2013 Sistema Integrato degli interventi e dei servizi sociali della Regione Lazio Proposta emendativa-integrativa a

Dettagli

Le parole chiave: Per non svuotare la sussidiarietà

Le parole chiave: Per non svuotare la sussidiarietà LINEE GUIDA PER UN PATTO PER IL RICONOSCIMENTO E LA VALORIZZAZIONE DELL APPORTO DEL TERZO SETTORE ALLA RETE DI SOSTEGNO AL WELFARE DI BOLOGNA E PROVINCIA Le parole chiave: 1. SUSSIDIARIETA 2. STABILE REGIA

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO FAMIGLIA E MINORI VI COMMISSIONE. Il Diritto di crescere Costi e sviluppo sostenibile dei servizi educativi per l infanzia

GRUPPO DI LAVORO FAMIGLIA E MINORI VI COMMISSIONE. Il Diritto di crescere Costi e sviluppo sostenibile dei servizi educativi per l infanzia GRUPPO DI LAVORO FAMIGLIA E MINORI VI COMMISSIONE Il Diritto di crescere Costi e sviluppo sostenibile dei servizi educativi per l infanzia Roma, 2 dicembre 2009 cons. Giancarlo Panero Presidente Commissione

Dettagli

ASSOCIAZIONI e FONDAZIONI: aspetti costitutivi, aspetti contabili e fiscali. Dott. Marco Beolchi

ASSOCIAZIONI e FONDAZIONI: aspetti costitutivi, aspetti contabili e fiscali. Dott. Marco Beolchi ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DI BERGAMO ASSOCIAZIONI e FONDAZIONI: aspetti costitutivi, aspetti contabili e fiscali Dott. Marco Beolchi La scelta del tipo di ente (i registri

Dettagli

LE POLITICHE SOCIOSANITARIE Relative alle IPAB - ASP CON RIFERIMENTO ALLA MAPPA-RETE

LE POLITICHE SOCIOSANITARIE Relative alle IPAB - ASP CON RIFERIMENTO ALLA MAPPA-RETE LE POLITICHE SOCIOSANITARIE Relative alle IPAB - ASP CON RIFERIMENTO ALLA MAPPA-RETE POLITICHE SOCIOSANITARIE I.P.A.B. - Istituzioni pubbliche di assistenza e beneficenza SCHEDA ISTITUZIONALE ENTI AUTONOMI

Dettagli

OGGETTO: cittadini extracomunitari accesso al lavoro alle dipendenze della pubblica amministrazione.

OGGETTO: cittadini extracomunitari accesso al lavoro alle dipendenze della pubblica amministrazione. Dipartimento della funzione pubblica Ufficio per il personale delle pubbliche amministrazioni Prot. n. 23/11 Roma, Parere n. 196/04 Al Ministero dell interno Dipartimento per gli affari interni e territoriali

Dettagli

DOMANDA DI AMMISSIONE A SOCIO

DOMANDA DI AMMISSIONE A SOCIO 1.. MORTIS CAUSA 2.. INTER VIVOS NOMINATIVO: NDG RICHIEDENTE: C/C N AGENZIA DI APPARTENENZA: DOCUMENTAZIONE DA ALLEGARE PER IL COMPLETAMENTO DELLA PRATICA MORTIS CAUSA: 1) CERTIFICATO DI MORTE; 2) CERTIFICATO

Dettagli

Il microcredito per lo sviluppo delle microimprese turistiche nelle Regioni Calabria, Campania, Puglia, Sicilia

Il microcredito per lo sviluppo delle microimprese turistiche nelle Regioni Calabria, Campania, Puglia, Sicilia Il microcredito per lo sviluppo delle microimprese turistiche nelle Regioni Calabria, Campania, Puglia, Sicilia POIn (FESR) 2007-2013 - Attrattori culturali, naturali e turismo Asse II - Linea di intervento

Dettagli

DISCIPLINA DELLE OBBLIGAZIONI BANCARIE GARANTITE

DISCIPLINA DELLE OBBLIGAZIONI BANCARIE GARANTITE VIGILANZA CREDITIZIA E FINANZIARIA SERVIZIO CONCORRENZA NORMATIVA E AFFARI GENERALI Divisione Normativa DISCIPLINA DELLE OBBLIGAZIONI BANCARIE GARANTITE Il presente documento fornisce uno schema di disposizioni

Dettagli

Le Cooperative e gli strumenti finanziari

Le Cooperative e gli strumenti finanziari Le Cooperative e gli strumenti finanziari Dr. Pier Luigi Passoni Il Prestito sociale Le azioni di finanziamento Il prestito obbligazionario Gli strumenti finanziari ibridi Tipologia, modalità operative,

Dettagli

LIFE09ENVIT000188-EnvironmentalCOoperation model for Cluster - Acronimo: ECO-CLUSTER

LIFE09ENVIT000188-EnvironmentalCOoperation model for Cluster - Acronimo: ECO-CLUSTER -EnvironmentalCOoperation model for Cluster - Acronimo: ECO-CLUSTER Linee Guida Modello di gestione ambientale ECO-CLUSTER: requisiti del Comitato di gestione Comune di Collagna Responsabile dell azione

Dettagli

La questione traeva spunto da un infortunio accaduto ad uno studente durante una competizione sportiva scolastica.

La questione traeva spunto da un infortunio accaduto ad uno studente durante una competizione sportiva scolastica. Sul diritto all indennità per inabilità temporanea a favore di uno studente infortunatosi durante l attività scolastica Nota a Corte di Cassazione Sezione Lavoro, Sentenza 20 luglio 2011, n 15939 Dott.

Dettagli

BANDO CON RACCOLTA N. 3 ANNO 2015 PER LA PROMOZIONE DI ATTIVITA CULTURALI E ARTISTICHE A FAVORE DI GIOVANI SETTORI DI INTERVENTO: ARTE E CULTURA

BANDO CON RACCOLTA N. 3 ANNO 2015 PER LA PROMOZIONE DI ATTIVITA CULTURALI E ARTISTICHE A FAVORE DI GIOVANI SETTORI DI INTERVENTO: ARTE E CULTURA BANDO CON RACCOLTA N. 3 ANNO 2015 PER LA PROMOZIONE DI ATTIVITA CULTURALI E ARTISTICHE A FAVORE DI GIOVANI SETTORI DI INTERVENTO: ARTE E CULTURA BUDGET COMPLESSIVO : Euro 50.000 messi a disposizione dalla

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE. ATTO N. 44 del 19.12.2013

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE. ATTO N. 44 del 19.12.2013 COMUNE DI MARZIO PROVINCIA DI VARESE Via Marchese Menefoglio n. 3 - CAP. 21030 - TEL 0332.727851 FAX 0332.727937 E-mail: info@comunemarzio.it PEC:comune.marzio@pec.regione.lombardia.it COPIA VERBALE DI

Dettagli

Art. 41 (Immobili uso abitativo)

Art. 41 (Immobili uso abitativo) Articolo 41 (Incremento del patrimonio immobiliare destinato alla locazione di edilizia abitativa) Per incrementare il patrimonio immobiliare destinato alla locazione di edilizia abitativa, con particolare

Dettagli

Legge 11 agosto 1991, n. 266. "Legge-quadro sul volontariato" (Pubblicata in G.U. 22 agosto 1991, n. 196)

Legge 11 agosto 1991, n. 266. Legge-quadro sul volontariato (Pubblicata in G.U. 22 agosto 1991, n. 196) Legge 11 agosto 1991, n. 266 "Legge-quadro sul volontariato" (Pubblicata in G.U. 22 agosto 1991, n. 196) 1. Finalità e oggetto della legge. - 1. La Repubblica italiana riconosce il valore sociale e la

Dettagli

Ministero, dell'istruzione, dell Università e della Ricerca Consiglio Universitario Nazionale

Ministero, dell'istruzione, dell Università e della Ricerca Consiglio Universitario Nazionale Ministero, dell'istruzione, dell Università e della Ricerca Consiglio Universitario Nazionale Audizione presso la VII Commissione della Camera dei Deputati 14 marzo 2012 Schema di decreto legislativo recante:

Dettagli

INTERESSI MORATORI E USURA A proposito di Abf Napoli, n. 125/2014

INTERESSI MORATORI E USURA A proposito di Abf Napoli, n. 125/2014 Febbraio 2014 INTERESSI MORATORI E USURA A proposito di Abf Napoli, n. 125/2014 Non si può porre in relazione la misura degli interessi moratori con il c.d. tasso soglia. Ciò per due ordini di ragioni.

Dettagli