Unidea - UniCredit Foundation Sede: Milano, Via San Protaso, 3 Iscrizione nel registro delle persone giuridiche della Prefettura di Milano al numero

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Unidea - UniCredit Foundation Sede: Milano, Via San Protaso, 3 Iscrizione nel registro delle persone giuridiche della Prefettura di Milano al numero"

Transcript

1 Relazione e Bilancio dell esercizio 2009

2 Unidea - UniCredit Foundation Sede: Milano, Via San Protaso, 3 Iscrizione nel registro delle persone giuridiche della Prefettura di Milano al numero d ordine 414 in data 21 maggio 2003 Codice fiscale:

3 Relazione e Bilancio dell esercizio 2009

4

5 Organi della Fondazione Consiglio di Amministrazione (al 31 dicembre 2009) Paola Pierri Presidente Maria Antonella Massari Vice Presidenti Salvatore Piazzolla Francesco Giacomin Consigliere Paolo Cocchi Segretario Generale Giorgio Loli Presidente Collegio dei Revisori dei Conti Elisabetta Magistretti Membri effettivi Michele Paolillo Unidea - UniCredit Foundation Relazione e Bilancio dell esercizio

6

7 Indice Relazione di Bilancio 7 Introduzione 8 Dati di sintesi 9 Progetti 10 Bilancio al 31 dicembre Stato Patrimoniale al 31 dicembre Rendiconto di Gestione per l esercizio Nota integrativa per l esercizio Allegati 55 Relazione del Collegio dei Revisori dei Conti 57 Unidea - UniCredit Foundation Relazione e Bilancio dell esercizio

8

9 Relazione di Bilancio Introduzione 8 Dati di sintesi 9 Progetti 10 Il Social Business 10 La cooperazione allo sviluppo 15 Migrations Program 21 Employee Community Involvement (ECI) 33 Eventi 38 Unidea - UniCredit Foundation Relazione e Bilancio dell esercizio

10 Relazione di Bilancio Introduzione Unidea - UniCredit Foundation ha chiuso nel 2009 il secondo triennio di attività, confermando la propria strategia orientata allo sviluppo di una filantropia di impresa professionale, consapevole e fortemente collegata, seppur nel rispetto delle reciproche sfere di azione, all identità e ai valori del Gruppo UniCredit, suo fondatore. La continuità con il passato, nel perseguimento di una continua accumulazione di competenze e di esperienze, è stata rappresentata in particolare dalla prosecuzione delle attività legate al tema delle migrazioni internazionali, dai progetti di cooperazione internazionale in due paesi dell Africa Sub-Sahariana occidentale, Burkina Faso e Benin, e dall approfondimento sui temi dell impresa sociale. La partnership con la Grameen Bank del Premio Nobel Muhammad Yunus (annunciata nel febbraio 2009) ha, inoltre, ampliato gli interventi di Unidea - UniCredit Foundation nel microcredito, rafforzandone la presenza nel mondo del social business, affiancandosi agli interventi di supporto all impresa sociale nei paesi dell est europeo. Nel 2010 sarà avviata l iniziativa congiunta UniCredit - Grameen per l erogazione di microcrediti in Italia sulla base del modello sviluppato da Muhammad Yunus in Bangladesh e già esportato con successo in altri paesi. Nell ambito delle relazioni con il Gruppo UniCredit sono proseguite le attività di coinvolgimento del personale del Gruppo, soprattutto attraverso l ormai consueto Gift Matching Program, che nel 2009 ha visto la partecipazione di 16 paesi, e la ripetizione di Passage to Benin, il viaggio di 10 dipendenti di diverse nazionalità alla scoperta dei progetti sanitari di Unidea in Africa. Sono state inoltre realizzate altre iniziative quali, ad esempio, la partecipazione dei dipendenti di UniCredit Bank Serbia alla Giornata del rifugiato, in occasione della Giornata mondiale del rifugiato, che si tiene il 20 giugno di ogni anno. La presenza di Unidea - UniCredit Foundation sui temi delle migrazioni internazionali procede con l approfondimento di alcuni temi specifici, come, ad esempio, l analisi degli effetti dell emigrazione sulle società di provenienza, con particolare riguardo a giovani e anziani lasciati da genitori migranti nei paesi di origine: tale specifica tematica è al centro dei progetti varati nel corso del 2009 in Ucraina e Bulgaria. Il Migrations Program è, inoltre, stato rafforzato dal funzionamento a pieno regime del sito web dedicato a questo tema e attraverso il quale i dipendenti del Gruppo UniCredit - e chiunque sia interessato - possono informarsi, partecipare e anche impegnarsi in prima persona. I progetti sanitari in Africa, che nel 2010 avranno un importante momento di verifica, hanno ricevuto un considerevole apprezzamento da parte delle autorità pubbliche dei due paesi dove Unidea opera; continuano, inoltre, ad essere un potente strumento di conoscenza e comprensione di realtà e tematiche complesse, che, pur nella loro lontananza geografica, rappresentano una testimonianza di come una grande impresa possa interpretare in concreto la sua responsabilità di cittadinanza globale. Le attività relative allo sviluppo dell imprenditoria sociale, in particolare nei paesi dell Europa Orientale, si sono ampliate con la creazione in Serbia della prima impresa sociale che vede coinvolti rifugiati e sfollati (Internal Displaced People - IDP provenienti dal Kosovo) assistiti nell ambito del progetto sulle migrazioni forzate in quel paese. È stata, inoltre, conclusa l analisi sulle prospettive dell imprenditoria sociale in alcuni paesi europei (Polonia, Romania e Ucraina) e avviata la riflessione su un programma di più lungo termine che dovrà definire la priorità degli interventi nei diversi paesi ed il collegamento con il più ampio concetto di Social Business promosso nell ambito della partnership con Grameen. L importante iniziativa Milano Si-cura, tre giorni di incontri e dibattiti su diversi temi della vita civile organizzati anche in luoghi dall alto valore simbolico, quali ad esempio il Carcere di Bollate e il Tribunale di Milano, ha rappresentato quest anno la continuità di quello sforzo di approfondimento culturale e di dialogo con la società civile che Unidea ha sempre cercato di realizzare in partnership con la Casa della carità di Milano. La focalizzazione di Unidea - UniCredit Foundation su alcuni temi specifici, quali migrazioni internazionali e imprenditoria sociale, testimonia la volontà di acquisire competenze e diventare un attore esperto e credibile in settori complessi e, a volte, controversi del sociale. La bussola di Unidea - UniCredit Foundation continua a essere, quindi, non la dispersione di un grant-making di stampo più tradizionale, bensì l apporto al terzo settore, anche in ambito internazionale, di un contributo professionale su temi strutturali importanti, nel nome di una filantropia di impresa moderna in grado di coniugare nel sociale le istanze e le potenzialità di una grande azienda quale il Gruppo UniCredit. 8 Relazione e Bilancio dell esercizio 2009 Unidea - UniCredit Foundation

11 Dati di sintesi La ripartizione dei fondi nell esercizio 2009 vede il 66% delle risorse destinate all ideazione, implementazione e gestione dei progetti che Unidea - UniCredit Foundation realizza in Africa Sub- Sahariana, nei paesi dell Europa Centrale e Orientale, in Austria, Germania e Italia. Il 24% è invece destinato alle attività che la Fondazione propone ai dipendenti del Gruppo UniCredit attraverso le iniziative di Employee Community Involvement. Il 10% delle risorse, infine, viene impiegato per la copertura degli oneri di supporto generale. Ripartizione complessiva dei fondi (%) Progetti e studi di fattibilità Attività per il personale del Gruppo UniCredit (ECI - Employee Community Involvement) Oneri di supporto generale Unidea - UniCredit Foundation Relazione e Bilancio dell esercizio

12 Relazione di Bilancio Progetti Il Social Business Dal 2007 Unidea - UniCredit Foundation ha avviato alcune attività centrate sul concetto di imprenditoria sociale, che rappresenta un naturale anello di congiunzione tra il for profit e il non profit, una forma intermedia - spesso infatti definita not only for profit - che cerca di proporre una coniugazione virtuosa tra metodologie e tecniche del for profit da una parte e aspirazioni ideali del non profit dall altra. Per imprenditoria sociale si intende la gestione di un attività economica d impresa, sottoposta quindi ai vincoli di economicità e sostenibilità, che sia però finalizzata a dare risposta ad un preciso bisogno sociale. Le imprese sociali, quindi, non hanno come fine ultimo lo scopo di lucro e hanno l obbligo di reinvestire nell attività gli utili della gestione, senza distribuire dividendi ai soci. La finalità sociale può essere perseguita attraverso la produzione diretta di servizi sociali, quali assistenza, educazione, sanità, ecc. o attraverso la produzione di beni e servizi qualsiasi, destinata però alla creazione di opportunità di lavoro per soggetti vulnerabili (ex carcerati, disabili, ex tossicodipendenti, ecc.). L Italia vanta una lunga tradizione nella cooperazione sociale, supportata anche da un quadro normativo favorevole. In particolare la legge 381/1991 sulle Cooperative Sociali rappresenta un modello di riferimento in Europa, mentre più recentemente (2005) è stata anche introdotta una normativa specifica sull impresa sociale. Unidea, in linea con la vocazione internazionale propria e del Gruppo UniCredit, ha iniziato ad occuparsi dello sviluppo dell imprenditoria sociale in Est Europa, alla luce dell interesse di molti paesi dell area per il recupero di forme di economia sociale abbandonate dopo il In tali paesi non esiste di norma una legislazione ad hoc in materia e uno degli obiettivi primari dei progetti di Unidea è quello di contribuire allo sviluppo di un contesto normativo ed istituzionale favorevole allo sviluppo dell imprenditoria sociale, prendendo spunto anche dall esperienza italiana. In questo contesto si inseriscono alcuni progetti avviati negli anni scorsi e che nel 2009 hanno visto ulteriori sviluppi, in particolare la creazione di un impresa sociale pilota in Serbia nell ambito del progetto EaSIER, l avvio della seconda fase del progetto Piattaforma per l Impresa Sociale nei paesi dell Est Europeo con l identificazione di uno o più progetti pilota in Polonia e la creazione in Serbia di un organismo ad hoc che si occupi di monitorare e implementare lo sviluppo dell impresa sociale. Osservatorio sull Impresa Sociale in Serbia Nell ambito del progetto EaSIER - Economic and Social Integration Enhancement for Refugees and IDPs living in Collective Centers (vedi pag. 30) in Serbia, il cui scopo è quello di promuovere l integrazione sociale ed economica dei rifugiati e degli sfollati ospiti dei Centri Collettivi, accanto all attività di assistenza è stato avviato un progetto pilota di creazione di un impresa sociale nell area di Belgrado che offra la possibilità di inserimento lavorativo ai beneficiari. Nel 2009 la società (denominata Bizian grupa) è stata formalmente costituita e ha iniziato l attività di formazione dei lavoratori, nei settori specifici del giardinaggio e delle pulizie (marchio Green&Clean) che, dopo attenta analisi di mercato, hanno evidenziato un potenziale di crescita. L obiettivo di medio periodo di Bizian grupa è di diventare una sorta di incubatore per lo sviluppo dell imprenditoria sociale nel paese, grazie anche alla continua attività di advocacy mirata a creare un contesto normativo, istituzionale ed economico favorevole. In questo contesto si inserisce la decisione (condivisa con i partner locali Grupa 484 e Ian e con il Consorzio Gino Mattarelli) di costituire un organismo ad hoc (Osservatorio sull Impresa Sociale), finanziato da Unidea, che si possa occupare di monitorare ed implementare lo sviluppo dell impresa sociale, grazie all individuazione di percorsi virtuosi di formazione, accompagnamento e sensibilizzazione. Attività principali dell Osservatorio (che inizierà la sua attività nel corso del 2010) saranno la ricerca sull evoluzione dell economia sociale nel paese, anche in confronto con altri paesi, la sensibilizzazione per l introduzione di un impianto legislativo più favorevole e, più in generale, tutte le attività che possano favorire uno sviluppo sostenibile nel medio periodo dell economia sociale. 10 Relazione e Bilancio dell esercizio 2009 Unidea - UniCredit Foundation

13 Progetto Piattaforma per l Impresa Sociale nei paesi dell Europa Centrale e Orientale Il progetto, avviato nel dicembre 2007, prevedeva una prima fase di ricerca-azione volta a valutare le condizioni per lo sviluppo dell economia sociale in Polonia, Romania e Ucraina. La fase di ricerca-azione si è conclusa nel settembre 2009 evidenziando la Polonia come territorio più favorevole per lo sviluppo di un progetto di impresa sociale, grazie a un contesto legislativo avanzato in materia di cooperative sociali e all evoluzione in corso del modello tradizionale di welfare verso una ricerca di collaborazione tra il pubblico e il privato sociale. Nel dicembre 2009 è stata approvata la seconda fase del progetto, che prevede l identificazione di uno o più progetti pilota e l avvio di processi di accompagnamento, gemellaggio e, più in generale, di una consulenza più ampia sull impresa sociale. In particolare, il percorso di accompagnamento e gemellaggio prevede: assistenza per la costituzione e l avvio delle nuove imprese sociali; assistenza alla elaborazione del progetto imprenditoriale; assistenza nella gestione dei rapporti istituzionali e commerciali; assistenza nella definizione del servizio e del business plan. Le attività consulenziali saranno anche volte a far sì che il progetto della singola impresa sociale sia collegato con quelli delle altre imprese sociali, in una logica di rete tipica del mondo della cooperazione sociale avanzata. Il primo progetto pilota identificato in Polonia è la costruzione di un centro residenziale per persone anziane ad Opole, capoluogo del voivodato Opolskie. Tale ipotesi di lavoro è in linea con quanto emerso dai risultati della ricerca-azione che ha evidenziato come aree di intervento preferenziali lo sviluppo di strutture residenziali e/o di servizi di riabilitazione per anziani e l area dei servizi per l infanzia (asili nido). Il progetto prevede la collaborazione con il Consorzio Gino Mattarelli (Cgm) e con Aaster, coinvolta solo nella fase di ricercaazione. Unidea - UniCredit Foundation Relazione e Bilancio dell esercizio

14 Relazione di Bilancio Progetti (SEGUE) Il Social Business (SEGUE) L accordo con Grameen Trust (annunciato nel febbraio del 2009 in collaborazione con il Gruppo UniCredit e l Università di Bologna) per la creazione in Italia di un iniziativa di microcredito sul modello di Social Business promosso dal Nobel per la Pace Muhammad Yunus, rafforza ulteriormente la centralità del tema nell ambito delle strategie di Unidea. Il Premio Nobel Muhammad Yunus e il Social Business Muhammad Yunus, Premio Nobel per la Pace nel 2006 e fondatore di Grameen Bank, è internazionalmente riconosciuto come uno dei pionieri del microcredito. I microcrediti sono prestiti erogati (in assenza di qualsiasi garanzia reale o personale) alle persone meno abbienti con difficoltà di accesso al credito ordinario ed hanno come finalità il finanziamento di attività di lavoro autonomo o auto-impiego. Obiettivo delle iniziative di microfinanza è lo sviluppo sociale ed economico delle fasce più deboli della popolazione. Il microcredito è, di fatto, il primo esempio di Social Business implementato da Yunus, che oggi dedica la sua attività alla promozione di questa nuova tipologia di impresa, che consente di trovare una soluzione alle problematiche sociali grazie ai meccanismi del libero mercato. Le caratteristiche del Social Business sono riflesse nei Sette Principi, stilati dallo stesso Yunus: 1. Il primo scopo del Social Business è sconfiggere la povertà e risolvere le problematiche sociali (come la difesa dell ambiente e la difficoltà di accesso all istruzione, all assistenza medica, ai mezzi informatici ed elettronici) che minacciano la vita degli esseri umani e la società; lo scopo del Social Business non è la massimizzazione dei profitti. I sette principi del Social Business di Muhammad Yunus 2. Sostenibilità economica e finanziaria. 3. Non sono distribuiti dividendi. Gli investitori rientrano solamente del capitale investito. 4. I profitti sono reinvestiti nell espansione e nel miglioramento delle attività. 5. Coscienza ambientale. 6. I lavoratori sono remunerati a prezzo di mercato e godono di migliori condizioni lavorative. 7. Do it with joy. 12 Relazione e Bilancio dell esercizio 2009 Unidea - UniCredit Foundation

15 Già dal 2008, Unidea - UniCredit Foundation aveva dedicato particolare attenzione al tema del microcredito quale unico strumento rilevante di lotta alla povertà e di inclusione sociale basato sui meccanismi propri del mondo bancario. Nel giugno di quell anno, era stato quindi avviato uno studio, insieme all Università di Bologna e a Grameen Trust, per verificare l opportunità di realizzare in Italia un iniziativa di microfinanza secondo la best practice di Grameen. Nel febbraio del 2009 si è convenuto che esistessero i presupposti per poter implementare efficacemente il progetto e si è avviata la seconda fase, volta a definirne gli aspetti societari, finanziari e organizzativi. Obiettivo del progetto Grameen Italia è lo sviluppo sociale delle fasce più deboli della popolazione tramite la concessione di crediti di ridotte dimensioni, senza alcuna richiesta di garanzia tradizionale e destinati a finanziare piccole attività di lavoro autonomo. Il progetto Grameen Italia Il progetto Grameen Italia si inserisce in un contesto di crescente interesse verso il microcredito anche nel nostro paese, testimoniato dalle numerose iniziative nate recentemente. Le statistiche disponibili mostrano, tuttavia, che i programmi di microfinanza attualmente esistenti in Italia sono di dimensioni ridotte, con un numero di clienti spesso limitato a qualche decina. L obiettivo di Grameen Italia è di lanciare un iniziativa di più ampio respiro, nella convinzione che anche in un paese occidentale come l Italia (sulla base di altre esperienze internazionali - quali ad esempio Grameen America) ci sia la possibilità di utilizzare efficacemente il microcredito come strumento di lotta alla povertà e di inclusione sociale. Nel corso del 2009 i partner hanno lavorato alle modalità di implementazione dell iniziativa Grameen Italia, con l obiettivo di creare l impianto organizzativo e societario più consono all avvio di un progetto con rilevante impatto sociale. Sebbene la struttura societaria e i cardini dell iniziativa siano ormai stati condivisi, il rispetto dei requisiti normativi e di vigilanza richiede processi autorizzativi le cui tempistiche non sono ancora definite. Obiettivo è di cercare di accelerare i tempi per poter erogare quanto prima il primo microprestito. La clientela di riferimento sarà rappresentata dalle fasce più povere della popolazione che non hanno accesso al sistema bancario tradizionale, sia perché non sono in grado di fornire garanzie reali sia perché la redditività attesa di questo segmento non sarebbe in grado di coprire gli elevati costi di struttura di una banca convenzionale. Sulla base di analoghe esperienze di Grameen in altri paesi, si può ipotizzare che una quota rilevante di clientela sarà rappresentata da immigrati. Coerentemente con la metodologia sviluppata da Grameen Bank, Grameen Italia richiederà ai potenziali clienti di organizzarsi autonomamente in gruppi, basati sulla fiducia reciproca tra i membri. I membri del gruppo si incontreranno regolarmente, incoraggiando una cultura di responsabilizzazione e di supporto reciproco, pur nel rispetto della responsabilità individuale di ciascun cliente per il prestito ottenuto. Tale modello è stato implementato con successo in Bangladesh da Grameen Bank, ma anche in paesi occidentali quali la Turchia e gli Stati Uniti consentendo di raggiungere in tali paesi tassi di rimborso vicini al 98%. Il fabbisogno finanziario del progetto nei primi anni di sviluppo dell attività sarà sostenuto da Unidea e da UniCredit, con l obiettivo, in linea con i principi del Social Business, che l iniziativa raggiunga, dopo la necessaria fase di start-up, la sostenibilità economica. Unidea - UniCredit Foundation Relazione e Bilancio dell esercizio

16 Relazione di Bilancio Progetti (SEGUE) Il Social Business (SEGUE) Grameen Bank Grameen Bank è una istituzione di microfinanza - nata in Bangladesh nel 1976 da un progetto di inclusione finanziaria sviluppato da Muhammad Yunus e registrata come banca nel che finanzia le iniziative produttive della popolazione più povera, tradizionalmente non servita dalle banche. Attualmente (dati a dicembre 2009) Grameen Bank in Bangladesh ha un portafoglio crediti di USD 792 milioni e quasi 8 milioni di clienti. Più recentemente Grameen ha iniziato ad operare anche nei paesi occidentali: nel febbraio del 2008 ha avviato le attività di Grameen America, con una prima iniziativa nella città di New York (Queens, Brooklyn e Manhattan) e successiva apertura in Nebraska. Ad oggi Grameen America ha erogato prestiti per oltre USD 5 milioni ad oltre clienti. Grameen Bank e il suo fondatore, Muhammad Yunus, hanno ricevuto il Nobel per la Pace nel Relazione e Bilancio dell esercizio 2009 Unidea - UniCredit Foundation

17 La cooperazione allo sviluppo Unidea - UniCredit Foundation realizza dal 2003 in Africa Sub-Sahariana progetti di cooperazione allo sviluppo, e, per sua precisa scelta, non opera in situazioni di emergenza. Queste due forme di intervento implicano infatti approcci e professionalità sensibilmente diversi: l emergenza richiede di intervenire tempestivamente, focalizzando la propria attenzione sull immediata risoluzione dei problemi, lasciando in secondo piano gli aspetti legati alle possibili conseguenze indirette; la cooperazione allo sviluppo, invece, presuppone interventi di lungo periodo, ponendo l accento sul coinvolgimento dei partner locali e sul dialogo con i governi e le istituzioni, privilegiando, rispetto alla risoluzione immediata, l analisi del contesto sociale e culturale e dell impatto su settori anche diversi da quello di intervento. La cooperazione internazionale allo sviluppo, così come la conosciamo oggi, ha origine nel secondo dopoguerra con la nascita delle Nazioni Unite e delle grandi agenzie di cooperazione internazionale, che sottolineano l aspetto ideale della cooperazione e traggono ispirazione da una nuova idea di solidarietà e, in maniera più concreta, dalla Dichiarazione Universale dei Diritti dell Uomo. Nel corso dei decenni, lo spirito, gli strumenti e i soggetti della cooperazione sono mutati radicalmente; negli anni 60 e 70 largo spazio è dato alle motivazioni di carattere sociale, con il richiamo a una forte partecipazione dal basso e la successiva nascita delle prime organizzazioni non governative (ONG) di ispirazione politica o religiosa; negli anni 80 si comincia a intravedere nella cooperazione allo sviluppo la possibilità di migliorare non soltanto le economie povere del sud del mondo, ma anche le economie dei paesi occidentali; negli anni 90 si tenta una rivisitazione strutturale di tutto il settore, puntando sulla professionalità, con l obiettivo di dare un taglio definitivo agli errori del passato. In risposta agli sprechi e agli scandali del decennio precedente, l approccio degli anni 90 risente anche di un progressivo calo delle risorse pubbliche, che spinge le agenzie di cooperazione, dalle piccole ONG alle grandi agenzie internazionali, a rivolgersi a donatori privati (multinazionali, fondazioni, imprese, singoli cittadini), sviluppando, in molti casi, un sofisticato e costoso sistema di marketing. Oggi è opinione comune la necessità di un cambio di paradigma per superare l idea tradizionale di aiuto. Del resto, con riferimento ai paesi africani, è evidente e ormai sotto gli occhi di tutti che, negli ultimi cinquanta anni, la somma di tanti interventi singolarmente valutati in maniera positiva ha portato a un risultato complessivamente negativo; la forbice economica e sociale fra i paesi occidentali e i cosiddetti paesi in via di sviluppo è andata via via allargandosi anziché riducendosi. Nell analisi del sistema di aiuti internazionale, c è chi si spinge oltre: Gli aiuti occidentali all Africa - scrive Dambisa Moyo nel suo recente libro Dead Aid - hanno avuto il solo effetto di trasformare una terra già povera in una ancora più povera. Oggi il 50% degli africani vive con meno di un dollaro al giorno, vent anni fa la percentuale era la metà. Naturalmente non tutte le colpe possono essere attribuite alla cooperazione internazionale, tuttavia sempre più studiosi riconoscono in questa una sorta di peccato originale, che la rende, a lungo andare, complice dell incapacità dei paesi del sud, e in particolare dell Africa, di uscire dal suo stato di sotto sviluppo. In quanto operatore di cooperazione internazionale, Unidea - UniCredit Foundation non è potuta restare estranea al dibattito di questi ultimi anni, valutando con estrema attenzione, da un lato il ruolo delle corporate foundations, divenuto via via sempre più decisivo nel settore della cooperazione internazionale, dall altro i profondi mutamenti che hanno caratterizzato tale settore, richiedendo a tutti i soggetti, privati o pubblici, una sempre maggiore professionalità. Grazie al lavoro svolto da oltre sei anni in Burkina Faso e Benin, Unidea - UniCredit Foundation ha potuto definire una propria visione e una propria specifica metodologia di intervento. In tal senso, si ritiene che gli interventi di cooperazione non si giustifichino unicamente per i risultati diretti che possono ottenere - anche nel caso in cui questi siano indiscutibilmente positivi - ma debbano puntare a costituire uno strumento di analisi utile alle istituzioni nazionali (Ministeri competenti) e internazionali (Agenzie delle Nazioni Unite) con l obiettivo di definire protocolli e politiche più appropriate. Il progetto cessa dunque di essere un mero trasferimento di risorse e competenze, e diventa un importante strumento di lavoro nelle mani delle istituzioni locali, pubbliche e private. Nell elaborazione dei propri interventi Unidea - UniCredit Foundation ha dunque focalizzato la propria attenzione, più che sui risultati diretti a breve termine, sull impatto nel lungo periodo, anche in ambiti non strettamente correlati alle attività progettuali. Di qui la scelta di integrarsi in maniera sempre maggiore con le istituzioni pubbliche, seguendone le indicazioni e le priorità di intervento, e rinunciando ad operare in maniera autonoma attraverso proposte progettuali predefinite. Unidea - UniCredit Foundation Relazione e Bilancio dell esercizio

18 Relazione di Bilancio Progetti (SEGUE) La cooperazione allo sviluppo (SEGUE) PROGETTO: Tata Somba PAESE: Benin Porto Novo Regione: Atacora Durata: 01/01/ /12/2010 Partner: Zona Sanitaria di Tanguiéta, Ospedale Saint Jean de Dieu di Tanguiéta, AMCES (Association des œuvres médicales privées confessionnelles et sociales au Benin). Obiettivi e beneficiari: L obiettivo del progetto Tata Somba è di contribuire al miglioramento della salute di base delle popolazioni del Dipartimento dell Atacora, nel nordovest del Benin, e, in particolare, delle donne in età fertile e dei bambini da 0 a 5 anni. Unidea collabora con le Direzioni Sanitarie per promuovere il miglioramento dell offerta medica, il rafforzamento dei sistemi di gestione e di governance, l attuazione di protocolli previsti a livello governativo. Il progetto Tata Somba coinvolge i servizi sanitari sia a livello periferico che a livello centrale, con un attenzione costante alla partecipazione degli attori locali e una stretta collaborazione con i responsabili sanitari della pubblica amministrazione. Attività: Dopo una prima fase di interventi maggiormente mirati alla ristrutturazione e all equipaggiamento delle strutture sanitarie esistenti, il progetto, nel secondo triennio, ha focalizzato la propria attenzione principalmente sul supporto al sistema sanitario pubblico attraverso la messa in atto delle procedure e dei protocolli già previsti a livello ministeriale ma non ancora introdotti. Il progetto ha altresì sostenuto una componente di ricerca e sperimentazione di nuove procedure, tanto di carattere gestionale-amministrativo che tecnico-sanitario, sia a livello regionale che nazionale. L intervento ha supportato inoltre le attività di formazione del personale sanitario e il consolidamento istituzionale dei partner. Una particolare attenzione è stata posta, infine, sulle attività a base comunitaria, attraverso campagne di sensibilizzazione, di formazione degli Agenti di Salute a base comunitaria e di formazione dei Comitati di Gestione dei Centri Sanitari sulle procedure di gestione dei centri sanitari stessi. Focus 2009: Le variabili in grado di influenzare, in maniera più o meno diretta, la salute delle popolazioni oggetto dell intervento sono molte e variegate. Per valutare il miglioramento della salute di base, sono stati presi in considerazione alcuni indicatori che vanno nella direzione dell obiettivo inizialmente definito: tra questi, il tasso di frequentazione dei centri di salute di base, che è passato dal 35% nel 2005 (anno di avvio del progetto) al 51% nel 2009, e quello dei parti assistiti che è aumentato, nello stesso periodo, dal 48% al 56%. Fra i risultati qualitativi, è importante ricordare la messa in atto, a livello regionale, della PCIME (Presa in Carico Integrata delle Malattie dei Bambini) e del sistema di Agenti di Salute di base, e la realizzazione di ricerche, coordinate con il Ministero della Salute, sullo stato della malnutrizione e sulla diagnosi della malaria. 16 Relazione e Bilancio dell esercizio 2009 Unidea - UniCredit Foundation

19 Progetto Tata Somba - consuntivo triennio 2008/ anno 2009 TOTALE COSTI 2 TRIENNIO - ANNO 2009 TOTALE COSTI 2 TRIENNIO - ANNO 2009 % 1 Risorse umane , Personale , Consulenze scientifiche , Per diem ,77 2 Viaggi e mobilità , Viaggi internazionali a/r Italia/Benin , Mobilità interna , Assicurazioni personale , Spese istituzionali ,73 3 Logistica , Affitto locali , Acquisto attrezzature ed arredi ufficio/abitazione , Costi di gestione ufficio/abitazione ,43 4 Costruzioni ,72 5 Attrezzature e materiale per attività progetto (Sanità) ,16 6 Attività di formazione sanitaria ,24 7 Fattibilità, ricerche e pubblicazioni ,38 8 Comunicazione e sensibilizzazione ,52 9 Attività di microcredito 0 0,00 10 Altre attività ,38 11 Depositi cauzionali 0 0,00 12 Liquidità disponibile per impegni di spesa assunti in Benin ,03 TOTALE ,00 Fondi deliberati dal CDA del: Totale fondi deliberati Rimanenza del 1 triennio 2005/2007 da utilizzare per monitoraggi ecc Totale consuntivo 2 triennio 2008/ anno Rimanenza da utilizzare per le annualità successive al 31/12/ Liquidità disponibile per impegni di spesa assunti in Benin al 31/12/ Totale consuntivo 2 triennio 2008/ anno Rimanenza da utilizzare per le annualità successive (vedi voce di bilancio Debiti per contributi ancora da erogare - Progetti nei paesi in via di sviluppo-tata Somba, Benin triennio 2008/2010 ) Unidea - UniCredit Foundation Relazione e Bilancio dell esercizio

20 Relazione di Bilancio Progetti (SEGUE) La cooperazione allo sviluppo (SEGUE) 1.1 Personale Comprende il personale italiano che opera sul progetto (rappresentante di Unidea in Benin, capo progetto), il personale amministrativo locale (amministratore, segreteria) e il personale di supporto alle attività (autisti, guardiani, ecc.). 1.2 Consulenze scientifiche Comprende le attività dei consulenti medici e scientifici in Italia (medici, esperto di economia sanitaria, ecc.). 1.3 Per diem Sono i rimborsi spese in loco del personale del progetto, sia locale che italiano. 2.1 Viaggi internazionali a/r Italia-Benin Sono i costi dei biglietti aerei, in classe economica, del personale espatriato, dei consulenti e del personale Unidea in missione in Benin. 2.2 Mobilità interna Comprende principalmente l acquisto di quattro veicoli (due a disposizione dello staff del progetto, due a disposizione della Zona Sanitaria) e tutte le relative spese di funzionamento (carburante, manutenzione e assicurazioni). 2.3 Assicurazioni personale Comprende le assicurazioni per il personale espatriato e per i consulenti di Unidea in missione breve in Benin. 2.4 Spese istituzionali Sono le spese per incontri istituzionali con le autorità locali e in Italia (alberghi, viaggi, ecc.). 3.1 Affitto locali Affitto dell ufficio/foresteria di Unidea a Natitingou e della foresteria di Unidea a Cotonou. 3.2 Acquisto attrezzature e arredi ufficio/abitazione Comprende l arredo dell ufficio/foresteria di Unidea a Natitingou e della foresteria di Unidea a Cotonou, l acquisto di materiale informatico (computer, stampanti, fax, ecc.) e il materiale di consumo dell ufficio. 3.3 Costi di gestione ufficio/abitazione Utenze (acqua, elettricità, internet, rifiuti, ecc.) e spese telefoniche. 4 Costruzioni Comprende le costruzioni e ristrutturazioni per il potenziamento delle infrastrutture sanitarie (dispensari e maternità) del distretto sanitario di Tanguiéta, Matéri, Cobly, delle infrastrutture dell ospedale di Tanguietà e della sede dell AMCES. 5 Attrezzature e materiale per attività del progetto (Sanità) Comprende i costi relativi all acquisto, fra l altro, di: attrezzature mediche per i centri salute e per l ospedale, un ambulanza per la Zona Sanitaria, equipaggiamento per la diagnosi e cura delle endemie, sistema radio alimentato da pannelli solari per i dispensari, computer e sistema Internet per la biblioteca dei medici del distretto. 6 Attività di formazione sanitaria Comprende i costi relativi ai corsi di formazione sanitaria rivolti al personale locale (Primary Health Care, Salute Riproduttiva, Gestione delle strutture sanitarie, ecc.), ad alcune borse di studio e alla formazione degli agenti di villaggio sui temi della salute pubblica, in particolare delle principali malattie dei bambini da 0 a 5 anni. 7 Fattibilità, ricerche e pubblicazioni Comprende i costi relativi agli studi di fattibilità delle diverse componenti del progetto (malnutrizione, inchiesta sulla copertura e utilizzo delle zanzariere, ecc.), nonché gli studi sul test rapido della malaria. 8 Comunicazione e sensibilizzazione Comprende le attività di comunicazione del progetto in Benin (realizzazione di reportage sulle attività del progetto, stampa in loco di alcune pubblicazioni scientifiche) e le attività di sensibilizzazione della popolazione del Distretto Sanitario sulla prevenzione della malaria. 9 Attività di microcredito Comprendono principalmente lo studio di fattibilità sul microcredito in collaborazione con la ONG belga Louvain Développement. 10 Altre attività Comprendono attività di progetto inizialmente non previste quali il sostegno al centro di formazione di Porga e la creazione di una rete di associazioni rurali femminili. 11 Depositi cauzionali Depositi e cauzioni richiesti in loco. 12 Liquidità disponibile per impegni di spesa assunti in Benin Risorse da utilizzare nel corso dell anno successivo a saldo dei fornitori delle operazioni di costruzione e per attività di ricerca medica in fase di chiusura del progetto. 18 Relazione e Bilancio dell esercizio 2009 Unidea - UniCredit Foundation

PROGRAMMA TRIENNALE DEGLI INTERVENTI DI COOPERAZIONE DECENTRATA ALLO SVILUPPO E SOLIDARIETÁ INTERNAZIONALE

PROGRAMMA TRIENNALE DEGLI INTERVENTI DI COOPERAZIONE DECENTRATA ALLO SVILUPPO E SOLIDARIETÁ INTERNAZIONALE CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO (SETTIMA LEGISLATURA) PROGRAMMA TRIENNALE DEGLI INTERVENTI DI COOPERAZIONE DECENTRATA ALLO SVILUPPO E SOLIDARIETÁ INTERNAZIONALE PERIODO 2004-2006 * Allegato alla deliberazione

Dettagli

PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE

PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE SOGGETTI PROPONENTI IL PROGETTO 1) Denominazione Cooperativa Servizi & Formazione Indirizzo Viale

Dettagli

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo Ridurre i divari Il problema Fino alla fine degli anni sessanta, la cooperazione allo sviluppo si identificava esclusivamente con la cooperazione economica o con l aiuto umanitario di emergenza. Questa

Dettagli

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale I beni culturali Il problema I beni culturali un elemento di estremo rilievo per la crescita della cultura e della qualità della vita dei cittadini - possono favorire lo sviluppo di alcune iniziative economiche

Dettagli

Nelle regioni meno sviluppate che si iscrivono nell obiettivo di convergenza, il Fondo Sociale Europeo sostiene:

Nelle regioni meno sviluppate che si iscrivono nell obiettivo di convergenza, il Fondo Sociale Europeo sostiene: FONDO SOCIALE EUROPEO IN ROMANIA Il Fondo Sociale Europeo (FSE) è lo strumento principale tramite il quale l Unione Europea finanzia gli obiettivi strategici delle politiche di occupazione. Da 50 anni,

Dettagli

AGENZIA CIVICA DI AVVIAMENTO AL CREDITO

AGENZIA CIVICA DI AVVIAMENTO AL CREDITO per l innovazione della città CHANGE MILANO è un iniziativa del Partito Democratico: un piano di progetti d innovazione per il governo della Città AGENZIA CIVICA DI AVVIAMENTO AL CREDITO Per aprire la

Dettagli

Manifesto dei diritti dell infanzia

Manifesto dei diritti dell infanzia Manifesto dei diritti dell infanzia I bambini costituiscono la metà della popolazione nei paesi in via di sviluppo. Circa 100 milioni di bambini vivono nell Unione europea. Le politiche, la legislazione

Dettagli

PROGETTO ABITARE. donne sole e/o con figli in condizioni di fragilità o vulnerabilità sociale a seguito di eventi spiazzanti;

PROGETTO ABITARE. donne sole e/o con figli in condizioni di fragilità o vulnerabilità sociale a seguito di eventi spiazzanti; PROGETTO ABITARE OBIETTIVI GENERALI Il quadro di riferimento e l origine del Progetto Abitare è rappresentato dal Protocollo di Intesa stipulato tra la Città di Torino, la Compagnia di San Paolo e l Ufficio

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE D iniziativa dei Deputati PEZZOTTA, BARETTA, BERNINI. Misure per favorire la promozione e la diffusione del microcredito

PROPOSTA DI LEGGE D iniziativa dei Deputati PEZZOTTA, BARETTA, BERNINI. Misure per favorire la promozione e la diffusione del microcredito PROPOSTA DI LEGGE D iniziativa dei Deputati PEZZOTTA, BARETTA, BERNINI Misure per favorire la promozione e la diffusione del microcredito Onorevoli Colleghi! - Negli ultimi anni il settore della microfinanza

Dettagli

Piano di Azione Educativa sugli OdM attraverso i Gemellaggi Scolastici Nord-Sud. Università Ca Foscari. Venezia, 10 febbraio 2010

Piano di Azione Educativa sugli OdM attraverso i Gemellaggi Scolastici Nord-Sud. Università Ca Foscari. Venezia, 10 febbraio 2010 Piano di Azione Educativa sugli OdM attraverso i Gemellaggi Scolastici Nord-Sud Università Ca Foscari Venezia, 10 febbraio 2010 Premesse In riferimento all obiettivo di sensibilizzare ed educare allo sviluppo

Dettagli

Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma

Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma Documento basato sui risultati della Conferenza di Roma, 17 e 18 novembre 2014 In occasione della Presidenza

Dettagli

La finanza sostenibile. Cos è e come funziona?

La finanza sostenibile. Cos è e come funziona? La finanza sostenibile Cos è e come funziona? Alberto Stival,, 13.01.2016 in breve (SSF) rafforza la posizione della Svizzera sul mercato globale per la finanza sostenibile, fornendo informazioni e formazione

Dettagli

A più voci contro la dispersione scolastica

A più voci contro la dispersione scolastica A più voci contro la dispersione scolastica 1. Contesto dell intervento Abbandoni, interruzioni formalizzate, frequenze irregolari, ripetenze, ritardi : hanno nomi diversi le disfunzioni che caratterizzano

Dettagli

CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE

CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE Premessa CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE La formazione è una delle leve cardine per il rilancio di un'efficace politica di sviluppo, dei diritti

Dettagli

Elementi di progettazione europea Le diverse tipologie di finanziamento europeo e le loro caratteristiche

Elementi di progettazione europea Le diverse tipologie di finanziamento europeo e le loro caratteristiche Elementi di progettazione europea Le diverse tipologie di finanziamento europeo e le loro caratteristiche Antonella Buja Coordinatrice Progetto Europa - Europe Direct - Comune di Modena Le diverse tipologie

Dettagli

Scheda sintetica del progetto. "Start-up della fondazione Senegal Italia per il Co-Sviluppo"

Scheda sintetica del progetto. Start-up della fondazione Senegal Italia per il Co-Sviluppo Scheda sintetica del progetto "Start-up della fondazione Senegal Italia per il Co-Sviluppo" Informazioni generali Nome del proponente IPSIA Milano Progetto congiunto presentato da: Associazione partner

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO URBANO SOSTENIBILE INTEGRATO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le leggi che regolano il ciclo successivo

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO NELL'AMBITO DELL'OBIETTIVO "INVESTIMENTI IN FAVORE DELLA CRESCITA E DELL'OCCUPAZIONE"

PROGRAMMA OPERATIVO NELL'AMBITO DELL'OBIETTIVO INVESTIMENTI IN FAVORE DELLA CRESCITA E DELL'OCCUPAZIONE Questo documento offre una sintesi del PON Inclusione 2014-2020 con particolare riferimento agli interventi previsti a favore degli immigrati. PROGRAMMA OPERATIVO NELL'AMBITO DELL'OBIETTIVO "INVESTIMENTI

Dettagli

1. Concetti chiave della formazione

1. Concetti chiave della formazione 1. Concetti chiave della formazione Obiettivi di apprendimento I partecipanti acquisiranno una conoscenza di base su: - l ONU e le istituzioni internazionali competenti sulla disabilità ed i diritti -

Dettagli

Il fare impresa dei migranti in Italia

Il fare impresa dei migranti in Italia Il fare impresa dei migranti in Italia Natale Forlani direttore generale immigrazione ministero del Lavoro, Salute e Politiche Sociali L Italia è stata per quasi un secolo e mezzo un Paese a forte emigrazione.

Dettagli

UNICEF. organizzazione. Paola Bianchi Presidente UNICEF Cosenza. 23 marzo 2010

UNICEF. organizzazione. Paola Bianchi Presidente UNICEF Cosenza. 23 marzo 2010 UNICEF Missione e organizzazione Paola Bianchi Presidente UNICEF Cosenza 23 marzo 2010 I momenti principali della storia dell UNICEF (1) 11 Dic. 1946: l Assemblea Generale dell ONU istituisce l UNICEF

Dettagli

DIPARTIMENTO PER LO SVILUPPO NEL TERRITORIO SCUOLA E VOLONTARIATO

DIPARTIMENTO PER LO SVILUPPO NEL TERRITORIO SCUOLA E VOLONTARIATO DIPARTIMENTO PER LO SVILUPPO NEL TERRITORIO D I R E Z I O N E G E N E R L E P E R L O S T A T U S D E L L O S T U D E N T E, L E P O L I T I C H E G I O V A N I L I E L E A T T I V I T A M O T O R I E

Dettagli

Corso di formazione gratuito. ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO A.MI.CO. Milano 2015

Corso di formazione gratuito. ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO A.MI.CO. Milano 2015 Corso di formazione gratuito ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO A.MI.CO. Milano 2015 Il corso di formazione Associazioni Migranti per il Co-sviluppo, promosso dall Organizzazione Internazionale

Dettagli

SINTESI DEI CONTRIBUTI RICEVUTI DALLE ASSOCIAZIONI SUL DOCUMENTO DI PROGRAMMAZIONE PLURIENNALE IN TEMA DI POLITICHE DEL LAVORO E DELL INTEGRAZIONE

SINTESI DEI CONTRIBUTI RICEVUTI DALLE ASSOCIAZIONI SUL DOCUMENTO DI PROGRAMMAZIONE PLURIENNALE IN TEMA DI POLITICHE DEL LAVORO E DELL INTEGRAZIONE SINTESI DEI CONTRIBUTI RICEVUTI DALLE ASSOCIAZIONI SUL DOCUMENTO DI PROGRAMMAZIONE PLURIENNALE IN TEMA DI POLITICHE DEL LAVORO E DELL INTEGRAZIONE 2015-2020 PREMESSA Il documento è stato inviato alle Associazioni

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 STRUMENTI FINANZIARI DELLA POLITICA DI COESIONE PER IL PERIODO 2014-2020 POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le

Dettagli

TRA PREMESSO. che il fenomeno della violenza nei confronti delle donne rappresenta un tema di grande attualità e particolare gravità;

TRA PREMESSO. che il fenomeno della violenza nei confronti delle donne rappresenta un tema di grande attualità e particolare gravità; PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DI STRATEGIE CONDIVISE FINALIZZATE ALLA PREVENZIONE ED AL CONTRASTO DEL FENOMENO DELLA VIOLENZA NEI CONFRONTI DELLE DONNE TRA l Amministrazione Provinciale di Vercelli,

Dettagli

EMERGENZA LAVORO E MICROCREDITO

EMERGENZA LAVORO E MICROCREDITO EMERGENZA LAVORO E MICROCREDITO il LAVORO: la più grande emergenza del nostro tempo!!! Parte 2, Allegati PROGETTO DISTRETTUALE 2060 A.R. 2014-2015, 2015-2016, 2016-2017 Allegati 1. Il microcredito nel

Dettagli

I NUOVI PROGRAMMI EUROPEI NELLE POLITICHE DI WELFARE. Milano, 11 Febbraio 2014

I NUOVI PROGRAMMI EUROPEI NELLE POLITICHE DI WELFARE. Milano, 11 Febbraio 2014 I NUOVI EUROPEI NELLE POLITICHE DI WELFARE Milano, 11 Febbraio 2014 CONTESTO DI RIFERIMENTO Nel marzo 2010 la Commissione Europea (CE) lancia la strategia EUROPA 2020 per una crescita intelligente, sostenibile

Dettagli

AREA IMMIGRATI. Azione 1: CENTRO SERVIZI IMMIGRATI (Servizi per l integrazione e il rispetto delle diverse culture)

AREA IMMIGRATI. Azione 1: CENTRO SERVIZI IMMIGRATI (Servizi per l integrazione e il rispetto delle diverse culture) AREA IMMIGRATI Azione 1: CENTRO SERVIZI IMMIGRATI (Servizi per l integrazione e il rispetto delle diverse culture) A - DESCRIZIONE SINTETICA DELL AZIONE Le finalità principali che il Centro Servizi Immigrati

Dettagli

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo L IFAD in breve Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni rurali povere in condizione di raggiungere una maggiore sicurezza alimentare,

Dettagli

Le opportunità della politica di sviluppo rurale

Le opportunità della politica di sviluppo rurale Le opportunità della politica di sviluppo rurale Fonte Inea Forme innovative di integrazione in agricoltura per favorire l insediamento dei giovani nel settore primario ) La politica di sviluppo rurale

Dettagli

Comunità della Paganella

Comunità della Paganella COMUNITÀ della PAGANELLA PROGETTO Sportello Donna Comunità della Paganella Gennaio 2013 PREMESSE Nel 2011 la Comunità della Paganella ha elaborato il progetto intitolato La conoscenza delle donne, nell

Dettagli

EMPOWERMENT OF MIGRANT ASSOCIATIONS FOR CO-DEVELOPMENT Corso di formazione gratuito: ASSOCIAZIONI DI IMMIGRATI PER IL CO-SVILUPPO

EMPOWERMENT OF MIGRANT ASSOCIATIONS FOR CO-DEVELOPMENT Corso di formazione gratuito: ASSOCIAZIONI DI IMMIGRATI PER IL CO-SVILUPPO EMPOWERMENT OF MIGRANT ASSOCIATIONS FOR CO-DEVELOPMENT Corso di formazione gratuito: ASSOCIAZIONI DI IMMIGRATI PER IL CO-SVILUPPO Il corso di formazione, promosso dall Organizzazione Internazionale per

Dettagli

Policy La sostenibilità

Policy La sostenibilità Policy La sostenibilità Approvato dal Consiglio di Amministrazione di eni spa il 27 aprile 2011. 1. Il modello di sostenibilità di eni 3 2. La relazione con gli Stakeholder 4 3. I Diritti Umani 5 4. La

Dettagli

Reti di sostegno a distanza costruiscono comunità solidali che rigenerano welfare

Reti di sostegno a distanza costruiscono comunità solidali che rigenerano welfare Reti di sostegno a distanza costruiscono comunità solidali che rigenerano welfare Primo incontro dei partner di progetto 17-18 ottobre 2014 Borgo Pio, 10, Roma Illustrazione del progetto: motivazioni,

Dettagli

Che cos è e a cosa serve l educazione allo sviluppo? giordano golinelli

Che cos è e a cosa serve l educazione allo sviluppo? giordano golinelli Che cos è e a cosa serve l educazione allo sviluppo? EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO alla pace, alla mondialità, all intercultura, all ambiente, allo sviluppo sostenibile, ai diritti umani Un po di storia...

Dettagli

VIII) FONDO INTERNAZIONALE PER LO SVILUPPO AGRICOLO

VIII) FONDO INTERNAZIONALE PER LO SVILUPPO AGRICOLO VIII) FONDO INTERNAZIONALE PER LO SVILUPPO AGRICOLO Cenni storici e aspetti generali 1. Il Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD), con sede a Roma, è stato creato nel 1977 a seguito di una

Dettagli

CREDITO AL FUTURO. Osservare, ascoltare e animare per un credito a misura di persona. Incontri formativi per operatori dei Centri di Ascolto

CREDITO AL FUTURO. Osservare, ascoltare e animare per un credito a misura di persona. Incontri formativi per operatori dei Centri di Ascolto CREDITO AL FUTURO Osservare, ascoltare e animare per un credito a misura di persona 1 Incontri formativi per operatori dei Centri di Ascolto Andria, 26 e 27 Aprile, 3 Maggio 2012 Clara Marrone clara.marrone@gmail.com

Dettagli

Finanza Etica e microcredito

Finanza Etica e microcredito Finanza Etica e microcredito! Il movimento della finanza etica in Italia nasce alla fine degli anni settanta con la costituzione delle MAG (mutue di autogestione) e si sviluppa fino ai giorni nostri con

Dettagli

Accordo di Programma Quadro Giovani protagonisti di sé e del territorio

Accordo di Programma Quadro Giovani protagonisti di sé e del territorio Accordo di Programma Quadro Giovani protagonisti di sé e del territorio L APQ Giovani protagonisti di sé e del territorio, sottoscritto in data 1/08/2008, costituisce uno strumento di programmazione integrata

Dettagli

CSR nelle istituzioni finanziarie:

CSR nelle istituzioni finanziarie: ATTIVITA DI RICERCA 2014 CSR nelle istituzioni finanziarie: strategia, sostenibilità e politiche aziendali PROPOSTA DI ADESIONE in collaborazione con 1 TEMI E MOTIVAZIONI La Responsabilità Sociale di Impresa

Dettagli

La microfinanza in America Latina: il punto di vista degli operatori del settore

La microfinanza in America Latina: il punto di vista degli operatori del settore La microfinanza in America Latina: il punto di vista degli operatori del settore Un indagine esplorativa condotta dalla Fondazione Giordano Dell Amore e dalla Rete Italia America Latina sulle sfide attuali

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

Diffondere e potenziare gli interventi di housing sociale temporaneo a favore di soggetti deboli

Diffondere e potenziare gli interventi di housing sociale temporaneo a favore di soggetti deboli Piano d azione: Favorire l accesso ad abitazioni dignitose (housing sociale) SERVIZI ALLA PERSONA Bando senza scadenza: Diffondere e potenziare gli interventi di housing sociale temporaneo a favore di

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO LOCALE DI TIPO PARTECIPATIVO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A ottobre 2011, la Commissione europea ha adottato alcune proposte legislative per la politica di coesione 2014-2020 La presente scheda

Dettagli

Ufficio di Servizio Sociale BANDO PUBBLICO PER LA PARTECIPAZIONE AL PROGETTO. Accompagnamento e integrazione sociale di persone con disabilità

Ufficio di Servizio Sociale BANDO PUBBLICO PER LA PARTECIPAZIONE AL PROGETTO. Accompagnamento e integrazione sociale di persone con disabilità Prot. nr. 1617 BANDO PUBBLICO PER LA PARTECIPAZIONE AL PROGETTO Accompagnamento e integrazione sociale di persone con disabilità In esecuzione della Determinazione del Responsabile dell Area Amministrativa

Dettagli

progredire con gli strumenti finanziari ESIF Il Fondo Sociale Europeo Strumenti finanziari

progredire con gli strumenti finanziari ESIF Il Fondo Sociale Europeo Strumenti finanziari progredire con gli strumenti finanziari ESIF Il Fondo Sociale Europeo Gli strumenti finanziari co-finanziati dal Fondo Sociale Europeo permettono di investire, in modo sostenibile ed efficiente, per rafforzare

Dettagli

Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma (dopo di noi)

Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma (dopo di noi) Sostenere i Il problema I temi che si definiscono dopo di noi legati alle potenzialità e autonoma dei disabili - hanno un impatto sociale estremamente rilevante. In primo luogo va sottolineato che, per

Dettagli

BASILEA II. Il ruolo del Dottore Commercialista consulente d impresa. Milano, 12 maggio 2004

BASILEA II. Il ruolo del Dottore Commercialista consulente d impresa. Milano, 12 maggio 2004 BASILEA II Il ruolo del Dottore Commercialista consulente d impresa Relatore: Aldo Camagni Presidente commissione finanza, controllo di gestione e contabilità d impresa dell Ordine dei Dottori Commercialisti

Dettagli

CENTRO ANTIVIOLENZA IN VALDARNO

CENTRO ANTIVIOLENZA IN VALDARNO CENTRO ANTIVIOLENZA IN VALDARNO Il progetto relativo alla creazione di un Centro antiviolenza nasce dalla sensibilità verso la violenza sulle donne da parte della Commissione Pari Opportunità di Montevarchi

Dettagli

Cooperazione sanitaria internazionale e salute dei migranti: l impegno della Regione Toscana per la salute globale

Cooperazione sanitaria internazionale e salute dei migranti: l impegno della Regione Toscana per la salute globale Cooperazione sanitaria internazionale e salute dei migranti: l impegno della Regione Toscana per la salute globale Firenze, 19 novembre 2015 Katia Belvedere La cooperazione sanitaria internazionale - OGGI

Dettagli

Giunta Regionale del a Campania - Ufficio Stampa

Giunta Regionale del a Campania - Ufficio Stampa Promozione dei percorsi inerenti l educazione alla legalità, alla democrazia, alla cittadinanza responsabile, al contrasto della criminalità organizzata per il triennio 2013-2015 PREMESSO CHE: La Regione

Dettagli

ACCORDO PIANI TRIENNALI DI AMBITO TERRITORIALE SOCIALE 2010-2012

ACCORDO PIANI TRIENNALI DI AMBITO TERRITORIALE SOCIALE 2010-2012 ACCORDO PIANI TRIENNALI DI AMBITO TERRITORIALE SOCIALE 2010-2012 In vista della predisposizione e dell approvazione dei Piani triennali di Ambito territoriale sociale 2010-2012, le Segreterie provinciali

Dettagli

INTRODUZIONE AL TEMA IL BENESSERE ORGANIZZATIVO

INTRODUZIONE AL TEMA IL BENESSERE ORGANIZZATIVO INTRODUZIONE AL TEMA IL BENESSERE ORGANIZZATIVO www.magellanopa.it INDICE INTRODUZIONE... 3 1. IL QUADRO STORICO DI RIFERIMENTO... 5 2. IL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLA PA... 7 www.magellanopa.it 2 INTRODUZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO INTERVENTI DI MUTUALITA E SOLIDARIETA

REGOLAMENTO INTERVENTI DI MUTUALITA E SOLIDARIETA REGOLAMENTO INTERVENTI DI MUTUALITA E SOLIDARIETA Principi Ispiratori e Obiettivi Gli interventi di mutualità e solidarietà rientrano nella missione della Cassa Rurale che, come realtà radicata sul territorio,

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO LOCALE DI TIPO PARTECIPATIVO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le leggi che regolano il ciclo successivo

Dettagli

QUADRO NAZIONALE DELL IMMIGRAZIONE

QUADRO NAZIONALE DELL IMMIGRAZIONE COSVILUPPO 1 e QUADRO NAZIONALE DELL IMMIGRAZIONE LORENZO TODESCHINI IMMIGRATI: PROBLEMA O RISORSA? L immigrazione è spesso percepita come fatto negativo e non è facile cambiare mentalità 2 solo di recente

Dettagli

bando per progetti sperimentali di innovazione didattica 2014-2016

bando per progetti sperimentali di innovazione didattica 2014-2016 bando per progetti sperimentali di innovazione didattica 2014-2016 rivolto a soggetti istituzionali rappresentativi del sistema delle scuole dell infanzia della provincia di Trento budget disponibile:

Dettagli

1 ROUND L impatto della migrazione sul sistema dei servizi alle persone: i bisogni e le opportunità

1 ROUND L impatto della migrazione sul sistema dei servizi alle persone: i bisogni e le opportunità Consultazione tra esperti su: Migrazione e servizi alle persone: opzioni strategiche per una politica di co-sviluppo sociale 1 ROUND L impatto della migrazione sul sistema dei servizi alle persone: i bisogni

Dettagli

VADEMECUM UFFICIO PACE

VADEMECUM UFFICIO PACE VADEMECUM UFFICIO PACE In questi ultimi anni, in molti comuni italiani, si è andata diffondendo la pratica dell istituzione di un ufficio pace. Ma che cosa sono questi uffici? E di cosa si occupano? Attraverso

Dettagli

PROGRAMMA N. 14: CITTÀ MULTIETNICA

PROGRAMMA N. 14: CITTÀ MULTIETNICA PROGRAMMA N. 14: CITTÀ MULTIETNICA 14. CITTA MULTIETNICA SUPPORTARE INSERIMENTO IMMIGRATI Confermando il ruolo che il Centro Servizi per Stranieri ha assunto all interno delle politiche per l immigrazione,

Dettagli

CENTRO LA TENDA - Napoli

CENTRO LA TENDA - Napoli OSSERVATORIO NAZIONALE SUL DISAGIO E LA SOLIDARIETÀ NELLE STAZIONI ITALIANE CENTRO LA TENDA - Napoli STAZIONE DI NAPOLI CENTRALE SCHEDA DI PRESENTAZIONE DEL CENTRO E DEL PROGETTO HELP CENTER Referente

Dettagli

Project for People ONLUS

Project for People ONLUS Project for People ONLUS Project for People è una ONLUS che dal 1993 realizza progetti di cooperazione e sviluppo in India, Benin (Africa) e Brasile. I valori dell Associazione sono il rispetto della cultura

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Il Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca d intesa con Il Forum delle Associazioni Nazionali dei Genitori VISTO l articolo 3 della Costituzione della Repubblica Italiana, al cui primo

Dettagli

DIREZIONE LAVORO SVILUPPO FONDI EUROPEI SMART CITY. PROGETTO FACILITO GIOVANI E INNOVAZIONE SOCIALE ( la struttura progettuale)

DIREZIONE LAVORO SVILUPPO FONDI EUROPEI SMART CITY. PROGETTO FACILITO GIOVANI E INNOVAZIONE SOCIALE ( la struttura progettuale) 5 DIREZIONE LAVORO SVILUPPO FONDI EUROPEI SMART CITY PROGETTO FACILITO GIOVANI E INNOVAZIONE SOCIALE ( la struttura progettuale) 1. FINALITA Torino Social Innovation (di seguito TSI) è un programma che

Dettagli

CONSORZIO TORINO INFANZIA COOPERATIVA SOCIALE O.N.L.U.S.

CONSORZIO TORINO INFANZIA COOPERATIVA SOCIALE O.N.L.U.S. Pagina 1 di 6 CONSORZIO TORINO INFANZIA COOPERATIVA SOCIALE O.N.L.U.S. Sede Legale in Torino (TO), Corso Lombardia n. 115 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO Allegato 1 Codice Etico ai sensi

Dettagli

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo L IFAD in breve Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere gli uomini e le donne poveri che vivono nelle aree rurali in condizione di raggiungere

Dettagli

Le persone con disabilità

Le persone con disabilità Mina Lomuscio Ministero Affari Esteri Direzione Generale Cooperazione allo Sviluppo Unità Tecnica Centrale Cooperazione internazionale e inclusione Rimini 9 novembre 2013 Le persone con disabilità Le persone

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE Allegato A alla delibera di Giunta n del. PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE PREMESSO CHE: Il 10 dicembre 1997, nell ambito della Convenzione Quadro sui Cambiamenti

Dettagli

IL CENTRO PARLA CON NOI

IL CENTRO PARLA CON NOI Pesaro, in via Diaz n. 10 Tel 0721 639014 1522 parlaconnoi@provincia.ps.it CARTA DEI SERVIZI del Centro Antiviolenza provinciale Parla Con Noi La Carta è lo strumento che permette ai cittadini il controllo

Dettagli

Versione 2.0. PROGETTO ESECUTIVO Giugno 2011

Versione 2.0. PROGETTO ESECUTIVO Giugno 2011 Versione 2.0 PROGETTO ESECUTIVO Giugno 2011 Qualsiasi ipotesi di crescita e di sviluppo non può prescindere dal considerare il valore del capitale umano. Ormai ogni ricerca in merito, sottolinea che la

Dettagli

Il Presidio Leggero in Corso Martiri della Libertà

Il Presidio Leggero in Corso Martiri della Libertà Titolo del progetto Il Presidio Leggero in Corso Martiri della Libertà Destinatari Nuclei familiari presenti in 3 insediamenti siti in Corso dei Martiri della Libertà a Catania: Nuclei familiari bulgari

Dettagli

IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA

IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA PRESENTAZIONE DELLA RICERCA IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA ROMA 23 OTTOBRE 2008 Vorrei ringraziare gli intervenuti, i relatori, le Istituzioni ed il GSE che con la sua collaborazione

Dettagli

Special project Newsletter 1

Special project Newsletter 1 PO F.S.E. Regione Abruzzo 2007-23, Obiettivo C.R.O. - Asse V Piano Operativo 2007-2008; Codice Identificativo (CIG) n. 64280FF5 L incremento dei fabbisogni di assistenza per non i autosufficienti ed il

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE SICILIA FONDO SOCIALE EUROPEO 2007-2013

PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE SICILIA FONDO SOCIALE EUROPEO 2007-2013 UNIONE EUROPEA REGIONE SICILIANA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA Assessorato regionale del Lavoro, della Previdenza Sociale, della Formazione Professionale e dell Emigrazione Dipartimento regionale

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Visto il decreto-legge 22 giugno 2012, n. 83, convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012, n. 134, recante Misure urgenti per la crescita del Paese, e,

Dettagli

MANI TESE. Report dell incontro

MANI TESE. Report dell incontro MANI TESE Laboratorio di idee sulla cooperazione internazionale 20 settembre - ore 15.00 17.30 Napoli, Fiera dei Beni Comuni, presso la Mostra d'oltremare Via Kennedy n. 54 Report dell incontro Programma:

Dettagli

Intervento del Prof. Carlo Pace all incontro Il Sud Est d Italia: nuovo polo europeo di attrazione degli investimenti produttivi

Intervento del Prof. Carlo Pace all incontro Il Sud Est d Italia: nuovo polo europeo di attrazione degli investimenti produttivi Intervento del Prof. Carlo Pace all incontro Il Sud Est d Italia: nuovo polo europeo di attrazione degli investimenti produttivi Bari, Fiera del Levante, 12 settembre 2002 Il programma di Sviluppo Italia

Dettagli

CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA.

CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA. CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA 18 Novembre, 2014 In occasione della Presidenza di turno del Consiglio dell Unione Europea,

Dettagli

ALLEGATO alla delibera C.P. nn. 76/67066 del 13-9-2012

ALLEGATO alla delibera C.P. nn. 76/67066 del 13-9-2012 INDICE ALLEGATO alla delibera C.P. nn. 76/67066 del 13-9-2012 L.R. 1/2000 e successive modifiche Indirizzi provinciali per lo sviluppo, il consolidamento e la qualificazione dei servizi educativi rivolti

Dettagli

III Conferenza Europea dei Servizi alla Persona

III Conferenza Europea dei Servizi alla Persona III Conferenza Europea dei Servizi alla Persona Un Piano Nazionale per lo sviluppo dei SAP in Italia Mario Conclave Italia Lavoro I fenomeni in corso in Italia Fenomeni di medio lungo periodo, che spingono

Dettagli

"FONDAZIONE DOPO DI NOI ONLUS"

FONDAZIONE DOPO DI NOI ONLUS 1. Titolo del progetto La Fondazione Dopo di noi 2. Informazioni generali La Fondazione ONLUS Dopo di noi, con sede in via dei cappuccini a Empoli, ha iniziato ad operare concretamente nel giugno del 2009.

Dettagli

Fondo per lo Sviluppo e la Coesione 2007 2013: Stato di attuazione e Best practices

Fondo per lo Sviluppo e la Coesione 2007 2013: Stato di attuazione e Best practices Fondo per lo Sviluppo e la Coesione 2007 2013: Stato di attuazione e Best practices Ancona 30 novembre 2012 Fabrizio Recchi P. F. Autorità di gestione del FAS, autorità di certificazione e pagamento e

Dettagli

Obiettivi Impegno degli ambiti distrettuali

Obiettivi Impegno degli ambiti distrettuali Allegato 3 Delibera di Giunta regionale n. 1206 del 30/7/2007 Linee di indirizzo per favorire la qualificazione e la regolarizzazione del lavoro di cura delle assistenti familiari nell ambito delle azioni

Dettagli

Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per. la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della

Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per. la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della sostenibilità nel settore delle attività portuali PREMESSO CHE Il Documento di

Dettagli

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA Premessa Nel marzo 2007 è stato approvato dalla Conferenza Stato-Regioni

Dettagli

Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà L IFAD IN BREVE

Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà L IFAD IN BREVE Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà L IFAD IN BREVE Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni

Dettagli

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI 1. ASPETTI GENERALI Negli ultimi anni, in gran parte dei Paesi europei, si assiste a un crescente interesse verso l attuazione di una pianificazione locale del territorio

Dettagli

da una parte dall altra

da una parte dall altra Area Generale di Coordinamento 17 - Istruzione, Educazione, Formazione Professionale, Osservatorio Regionale Settore 03 - Politiche Giovanili e del Forum Regionale della Gioventù Agenzia Nazionale per

Dettagli

VI Corso Multidisciplinare UNICEF di Educazione allo Sviluppo

VI Corso Multidisciplinare UNICEF di Educazione allo Sviluppo VI Corso Multidisciplinare UNICEF di Educazione allo Sviluppo Microcredito: una strategia per ridurre la povertà? Veronica Polin Università degli Studi di Verona 1 Esclusione finanziaria: dimensione 3

Dettagli

La gestione delle donazioni in Abruzzo dopo il terremoto del 2009

La gestione delle donazioni in Abruzzo dopo il terremoto del 2009 La gestione delle donazioni in Abruzzo dopo il terremoto del 2009 Nei mesi successivi al terremoto il Dipartimento di Protezione Civile, per gestire al meglio le offerte ricevute vis sms per il terremoto

Dettagli

Il Piano di Azione e Coesione: quali azioni, quali prospettive

Il Piano di Azione e Coesione: quali azioni, quali prospettive Il Piano di Azione e Coesione: quali azioni, quali prospettive Luciana Saccone Dipartimento per le politiche della famiglia Piano di Azione per la Coesione Nel corso del 2011, l azione del Governo nazionale

Dettagli

Gli obiettivi del progetto sono dunque molteplici: favorire la diffusione della cultura imprenditoriale dei ricercatori, in modo che la

Gli obiettivi del progetto sono dunque molteplici: favorire la diffusione della cultura imprenditoriale dei ricercatori, in modo che la REGIONE PIEMONTE BOLLETTINO UFFICALE N. 40 DEL 8/10/2009 Finpiemonte S.p.A. - Torino Avviso ad evidenza pubblica - Progetto Sovvenzione Globale "Percorsi integrati per la creazione di imprese innovative

Dettagli

www.mutuaperlamaremma.it info@mutuaperlamaremma.it

www.mutuaperlamaremma.it info@mutuaperlamaremma.it www.mutuaperlamaremma.it info@mutuaperlamaremma.it 1 La Mutua per la Maremma La Banca della Maremma che, coerentemente con i propri principi ispiratori, valorizza la centralità della persona, ha deli berato

Dettagli

MINISTERO DEGLI AFFARI ESTERI DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO

MINISTERO DEGLI AFFARI ESTERI DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO MINISTERO DEGLI AFFARI ESTERI DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO LINEE DI INDIRIZZO DEL CICS PER LO SVOLGIMENTO DI ATTIVITA DI COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO DA PARTE DELLE REGIONI, DELLE

Dettagli

ORGANIZZAZIONI di VOLONTARIATO

ORGANIZZAZIONI di VOLONTARIATO ALLEGATO B Direzione Generale Famiglia e Solidarietà Sociale Bandi 2006/2007 ORGANIZZAZIONI di VOLONTARIATO (Legge regionale n. 22/93) SCHEMA DI PRESENTAZIONE DEI PROGETTI N progetto (spazio riservato

Dettagli

Corso di formazione gratuito: ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO

Corso di formazione gratuito: ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO EMPOWERMENT OF MIGRANT ASSOCIATIONS FOR CO-DEVELOPMENT Corso di formazione gratuito: ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO Il corso di formazione Empowerment of Migrant Associations for Co-development,

Dettagli

Art. 1 (Interventi regionali a sostegno del diritto d'asilo)

Art. 1 (Interventi regionali a sostegno del diritto d'asilo) Legge regionale 12 giugno 2009, n. 18 Accoglienza dei richiedenti Asilo, dei rifugiati e sviluppo sociale, economico e culturale delle Comunità locali. (BUR n. 11 del 16 giugno 2009, supplemento straordinario

Dettagli

Piano di azione Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma Bando senza scadenza

Piano di azione Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma Bando senza scadenza Piano di azione Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma Bando senza scadenza SOSTENERE IL DOPO DI NOI DURANTE NOI IL PROBLEMA La famiglia non riesce a

Dettagli