Il ruolo delle Fondazioni di Impresa nella Welfare Society L esperienza della Fondazione Vodafone Italia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il ruolo delle Fondazioni di Impresa nella Welfare Society L esperienza della Fondazione Vodafone Italia"

Transcript

1 Il ruolo delle Fondazioni di Impresa nella Welfare Society L esperienza della Fondazione Vodafone Italia Roma al 2015 Gli scenari per il futuro della citta gennaio 2005 Come sappiamo, negli ultimi anni, il modello del Welfare State (elemento che distingue e caratterizza le nazioni europee) è entrato in crisi: ciò è avvenuto non solo in Italia ma anche in tutto l occidente industrializzato. Gli esperti ci dicono che è una crisi motivata dalla necessità, da parte degli Stati, di destinare le proprie risorse finanziarie sempre più alle politiche del risanamento del debito, agli investimenti produttivi e infrastrutturali, alla ricerca applicata, alle spese militari e così via e sempre meno a sorreggere quella parte della popolazione incapace di inserirsi nel mercato del lavoro, marginalizzata dalla propria povertà o dalla propria malattia, o dal semplice fatto di essere anziano e solo. Non ci sono le risorse economiche sufficienti per i bambini ed i ragazzi vittime di un grave disagio sociale e che, se non aiutati, subiranno l attrazione della droga e della devianza criminale. Non ci sono soldi per l immigrazione disperata, per combattere il disagio psichiatrico, la tossicodipendenza e neanche per una efficace tutela del patrimonio artistico e culturale, dell ambiente, e per molto altro ancora. Se vogliamo mantenere e proteggere il Welfare che, come ricordato, ci caratterizza come europei, dobbiamo trovare nuove risorse e chiamare altri soggetti al compito di sorreggere un peso economico e organizzativo che il solo Stato non riesce più a sostenere. Da questo semplice concetto nasce la definizione di Welfare Society e non più Welfare State. È la società tutta ( Stato, organizzazioni private laiche e confessionali, imprese commerciali, singoli cittadini) che si fa carico del Welfare. Già oggi questo avviene. Vediamo i cittadini che collaborano, con donazioni, a finanziare istituzioni benefiche. Vediamo le aziende, o obbligatoriamente come nelle fondazioni bancarie, o con atti di pura liberalità, che sostengono azioni di pubblica utilità. Altre aziende, infine, hanno deciso di dare una struttura permanente e organizzata alle loro azioni a beneficio del welfare e, come Vodafone di cui faccio parte, hanno costituito e finanziato delle fondazioni: le fondazioni d impresa. Quale futuro allora? Noi della Fondazione Vodafone Italia crediamo che tutti questi apporti al Welfare possano essere ottimizzati solo con una stretta

2 collaborazione tra finanziatori privati, organizzazioni ed enti che operano sul territorio, istituzioni pubbliche e enti locali: I, II e III settore insieme. Solo con una rete integrata di soggetti che operano con una visione comune saranno possibili interventi efficaci e con poche diseconomie. Noi leggiamo questo come un vero e proprio cambiamento culturale che ha come punto di partenza, come elemento fondante, un insieme di valori, alti, condivisi, partecipati e, come nel caso della nostra azienda, valori presenti non solo nelle attività a scopo sociale ma addirittura in tutte le fasi della vita commerciale: processo non facile, a volte contraddittorio ma possibile. Cosa caratterizza la fondazione d impresa. La Fondazione d Impresa è l espressione della volontà di una impresa commerciale di destinare un complesso organizzato di beni ad uno scopo di pubblica utilità. Cioè non è un obbligo per l azienda ma un atto libero. È l azienda che stabilisce quali risorse impiegare, come, dove, quando. La moderna Fondazione d Impresa, nel raggiungimento dello scopo che si prefigge, utilizza prevalentemente l elemento patrimoniale (elemento costitutivo come in tutte le fondazioni) ma affianca ad esso anche le conoscenze, le tecnologie, la cultura d impresa e le risorse professionali ed umane che possiede. Ecco un aspetto innovativo e, per noi, molto importante. Una fondazione d impresa MODERNA, e noi pensiamo di esserlo, non impiega solo soldi nelle sue azioni di pubblica utilità ma molto di più. Coinvolge sistematicamente la azienda fondante e i suoi dipendenti, ne utilizza i migliori dirigenti, tecnici e analisti, chiama a collaborare personalità e manager esterni di grande autorevolezza e qualità. Poi cerca di trasferire il modello gestionale, le conoscenze, la cultura d impresa (elementi sviluppati negli anni con grandi investimenti) nel settore Welfare. Le Fondazioni di Impresa si dividono in due macro classi: Operating, sono quelle che gestiscono in proprio un attivita (case di cura, scuole, biblioteche, centri di riceca, ecc.) grantmaking, sono quelle che raggiungono lo scopo indirettamente, erogando sussidi e contributi (grant) a soggetti terzi. Questi ultimi, a loro volta, intervengono con la propria struttura per offrire beni/servizi alla collettivita. La FONDAZIONE VODAFONE ITALIA è una fondazione grantmaking multiscopo: interviene in ambito sociale, ambientale e culturale Il Gruppo Vodafone e quindi tutte le Vodafone locali nel mondo, si riconosce in quattro valori: la Passione per i clienti la Passione per le nostre persone la Passione per i risultati

3 La Passione per il mondo intorno a noi. I primi tre sono legati al business. Il quarto valore invece non è uno slogan pubblicitario e ha questo significato: Il Gruppo e le sue persone possono essere una grande forza per migliorare il mondo. Insomma, nel DNA di Vodafone è stato inserito il gene della Responsabilità Sociale d Impresa. Insieme agli altri tre, sono dall azienda imposti contrattualmente ai propri dipendenti. Da questo valore, dal senso quindi di responsabilita sociale di impresa, nasce la Fondazione Vodafone del Gruppo (la Fondazione internazionale madre, con sede a Londra) insieme alle Fondazioni di ogni Vodafone nel mondo (Fondazione Vodafone in Italia, Spagna, Germania, Sud Africa, Australia, ecc. fino alla Fondazione Vodafone Fiji ). La Fondazione e pertanto espressione della responsabilita sociale di impresa. Nella Dichiarazione di intenti si legge l impegno della Fondazione: restituire alla societa soluzioni, strumenti, mezzi, occasioni perche possa migliorare ed accrescersi Come opera la Fondazione Vodafone Italia. In sintesi: analizziamo i bisogni della società per capire cosa si deve fare, chi può offrire soluzioni operative, poi scegliamo quali progetti, associazioni, iniziative finanziare, eroghiamo i contributi e seguiamo la realizzazione del progetto monitorandone i risultati. Precedentemente dicevo, la Fondazione Vodafone Italia proviene da una impresa commerciale e le persone che la costituiscono possiedono una formazione orientata al marketing. Pensiamo che la nostra cultura non sia incompatibile con i temi del Welfare anzi.. e allora quando: in azienda il modello operativo segue la filiera: STUDIO DI MERCATO PROGETTAZIONE PRODOTTO RICERCA E SELEZIONE DEI FORNITORI ACCORDI CONTRATTUALI CONTROLLO QUALITA e L ASSISTENZA POST- VENDITA nella Fondazione si duplica questa metodologia adattandola al nuovo contesto e quindi la filiera diventa: ANALISI DELLO SCENARIO E DEI BISOGNI al quale segue ANALISI DEL PROGETTO CON UN ISTRUTTORIA APPROFONDITA poi LA SCELTA DEI PARTNER NONPROFIT ACCETTAZIONE DEL PROGETTO MISURAZIONE DELLA SOSTENIBILITA E DELL IMPATTO SOCIALE MONITORAGGIO E ANALISI DEI RISULTATI. La nostra esperienza ci dice che il metodo funziona e funziona molto bene.

4 Andando quindi avanti con il parallelismo, se per l AZIENDA lo scopo è creare profitto per se stessa, per LA FONDAZIONE lo scopo è creare un profitto, un guadagno cioe inteso come crescita sociale e civile, per la comunità tutta. Ecco la struttura della Fondazione Vodafone Italia: 3. La Fondazione Vodafone Italia: la struttura Consiglio di Amm.ne Approva le attivita della Fondazione Vodafone Omnitel NV Nomina i membri del CDA e del Collegio dei Revisori Presidente Rappresenta la Fondazione Segretario Generale Gestisce le attivita della Fondazione Collegio dei Revisori Controlla l Amm.ne Comitato Scientifico Staff Ufficio Studi Comunicazione Interna ed Esterna Gestione Erogazioni Gestione Operativa Roma, 18 gennaio Vorrei porre attenzione in particolare sul ruolo e sui componenti del nostro Comitato Scientifico. Comitato che approva il lavoro del nostro Ufficio Studi, vaglia i progetti selezionati dagli analisti della Fondazione, ne valuta le ricadute, la non sovrapponibilità con analoghi interventi di altri soggetti, l impatto positivo, ecc.. Sono le nostre cinque antenne sul territorio. Tutte e cinque, di elevata statura morale ed intellettuale, collaborano con noi a titolo gratuito. E sono: TITO BOERI, direttore della cattedra di Economia del Lavoro alla Bocconi FRANCO BOMPREZZI, giornalista professionista e scrittore FERRUCCIO DE BORTOLI, ora direttore del Sole 24 Ore DON GINO RIGOLDI, tra l altro cappellano del carcere minorile Beccaria da oltre 30 anni SIMONETTA MATONE, sostituto procuratore presso il tribunale dei minori di Roma e Consigliere di Cassazione

5 Questi criteri di selezione delle associazioni e dei progetti che finanziamo. Le associazioni sono valutate in base a: presenza di bilancio certificato trasparenza dei rapporti con i soci sostenitori, donatori ed erogatori attività certificata preferibilmente da almeno 5 anni neutralità politica una bassa % dei costi di gestione sui proventi I progetti che finanziamo, poi, devono rispondere a requisiti di: sostenibilità misurabilità dei risultati efficacia dell intervento replicabilità Cosa abbiamo fatto dal 2002 ad oggi: Abbiamo finanziato 54 progetti spendendo poco più di 11 milioni di euro. Oggi siamo impegnati principalmente in ambito sociale, a favore di: Minori che non usufruiscono di risorse sufficienti a garantire i loro diritti (dall istruzione alla protezione sociale da ambienti criminogeni e devianti) disagiati in carcere deboli mentali non accompagnati immigrati Immigrazione/Integrazione Anziani disagiati, con grandi difficolta in: mobilita cura delle proprie malattie funzioni di base Il Senso della Partnership Per quanto siano fondamentali le risorse finanziarie, ci rendiamo conto che senza un dialogo e una forte collaborazione con le associazioni nonprofit e con le istituzioni pubbliche il nostro intervento sarebbe molto meno incisivo. In questi pochi anni abbiamo capito che per sviluppare la Welfare Society è necessaria una strategia integrata, una vera e propria innovazione di processo che vede come elementi indispensabili:

6 Il dialogo tra le parti, La condivisione/coalizione di metodi, approcci e culture diverse, L utile combinazione di risorse e competenze Il comune monitoraggio L accordo sui risultati, attivita' e ruoli La rendicontazione trasparente dei risultati. LA PARTNERSHIP, IN QUESTO MODO, È PER NOI VALORE SOCIALE. Quali sono i punti di forza ed i limiti di una Fondazione di Impresa e quindi anche della nostra Fondazione. Allora, i punti di forza sono stati elencati ma sono qui riassunti: Espressione della Responsabilita Sociale dell Impresa fondatrice Si interviene non in forma episodica ma costante e organizzata con budget annuale Struttura e persone dedicate Utilizzo della tecnologia che proviene dal patrimonio aziendale Utilizzo della cultura di impresa, in senso manageriale-imprenditoriale (capacita' di misurare il grado di efficienza di un progetto) Possibile supporto e coinvolgimento dell intera forza lavoro dell azienda. Questi i limiti: Il primo limite è proprio La logica di impresa. Comprendiamo con difficoltà i dati non misurabili, o che possono essere misurato solo in archi temporali troppo lunghi (non posso gestire un progetto che, per esempio, vuole portare alla laurea i giovani Rom più dotati. I tempi di attuazione e di verifica dei risultati sono incompatibili con l orizzonte temporale della logica d impresa). Altro limite è la difficolta nel finanziarie progetti di associazioni non capaci di parlare il nostro stesso linguaggio tecnico-aziendale a cui siamo legati (ad esempio lavorare con associazioni incapaci di proporre un piano finanziario strutturato con professionalità) Infine, difficolta nel gestire progetti dove le azioni della Fondazione possono essere percepite come veicolo promozionale o pubblicitario dell azienda fondatrice. Questa la lista dei progetti finanziati sulla sola città di Roma. Sono stati assegnati oltre un milione di euro.

7 Comunita di Sant Egidio ( Viva gli anziani ): realizzazione di un centro operativo di monitoraggio per anziani a rischio di isolamento sociale euro Modello replicabile e Partnership con PA locale e PA centrale Fondazione Alberto Sordi ( Ambulatorio polispecialistico geriatrico e neurologico ): potenziamento del centro del Campus Bio-medico a Trigoria (RM) euro Polo di eccellenza rivolto alla cura degli anziani Associazione Culturale Controchiave ( Orchestra dell Arca ): creazione di un centro permanente di studio e formazione musicale per minori in condizioni di disagio ed emarginazione euro Prevenzione per minori a rischio di devianza Casa dei Diritti Sociali ( Hora ): creazione di un centro polivalente di accoglienza diurna per i minori a rischio euro Modello di rete integrata finalizzata all integrazione Biblioteche di Roma ( Prestito automatizzato ): realizzazione di un sistema di gestione automatizzato del prestito dei libri in 30 biblioteche della citta euro Velocizzazione del servizio grazie alla informatizzazione Scenario Futuro Quale collaborazione con Roma? La Fondazione Vodafone Italia ha una particolare attenzione per la città di Roma, non solo perche : e la capitale dello stato italiano e centro decisionale e legislativo del paese è punto d incontro e di dibattito tra la visione laica e quella cattolica sulle attivita di promozione dell uomo, sullo sviluppo di una società libera ma etica, sulla responsabilità individuale e collettiva nella ricerca di soluzioni ai problemi della società moderna ma anche perche Roma e la citta che contiene tutte le criticita sociali e culturali delle aree metropolitane. La Fondazione Vodafone Italia, che è istituzionalmente impegnata ad analizzare i bisogni e le emergenze sociali, ha in Roma una naturale e privilegiata fonte di informazioni e rete di contatti. Auspichiamo una piu sistematica collaborazione con gli enti locali, le istituzioni centrali e con le organizzazioni nonprofit che operano a Roma, per rendere possibili azioni e attività che, in accordo con gli scopi statutari della Fondazione, tendano alla promozione sociale, allo sviluppo delle culture, alla protezione dell ambiente inteso come nostra CASA comune Se uniamo risorse e conoscenze, potremo costruire una citta capace di affrontare in modo evoluto i bisogni di coloro che la vivono

8

Impresa e non profit: necessaria collaborazione

Impresa e non profit: necessaria collaborazione Impresa e non profit: necessaria collaborazione Tre interrogativi Vorrei sviluppare il tema del rapporto tra impresa ed enti non profit a partire da tre interrogativi, cui tentare di dare risposta per

Dettagli

Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto Umanitario dell Unione Europea

Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto Umanitario dell Unione Europea C A R T A D E L L E O N G D I S V I L U P P O Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto Umanitario dell Unione Europea 1 CARTA DELLE ONG DI SVILUPPO Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto

Dettagli

Le sponsorizzazione dal punto di vista dei finanziatori privati

Le sponsorizzazione dal punto di vista dei finanziatori privati LE AMMINISTRAZIONI LOCALI E LA VALORIZZAZIONE E GESTIONE DEI BENI CULTURALI Le sponsorizzazione dal punto di vista dei finanziatori privati Gianluca Comin 25 febbraio 2015 Quando parliamo di settore cultura,

Dettagli

PER UNA RESPONSABILITA SOCIALE D IMPRESA CHE SIA ELEMENTO STRUTTURALE DELLO SVILUPPO SOSTENIBILE

PER UNA RESPONSABILITA SOCIALE D IMPRESA CHE SIA ELEMENTO STRUTTURALE DELLO SVILUPPO SOSTENIBILE PER UNA RESPONSABILITA SOCIALE D IMPRESA CHE SIA ELEMENTO STRUTTURALE DELLO SVILUPPO SOSTENIBILE PREMESSA Per la prima volta quest anno la responsabilità sociale in Italia diventa un tema diffuso di dibattito

Dettagli

BANCO ALIMENTARE: UN CRM SENZA CUSTOMER

BANCO ALIMENTARE: UN CRM SENZA CUSTOMER BANCO ALIMENTARE: UN CRM SENZA CUSTOMER. BANCO ALIMENTARE ONLUS La Vision CONDIVIDERE I BISOGNI PER CONDIVIDERE IL SENSO DELLA VITA La Mission CONTRO LO SPRECO, CONTRO LA FAME raccogliere le eccedenze

Dettagli

SERVIZI DI GESTIONE PATRIMONIALE

SERVIZI DI GESTIONE PATRIMONIALE SERVIZI DI GESTIONE PATRIMONIALE Annuncio Pubblicitario CONOSCERE I NOSTRI CLIENTI I bisogni, le aspettative ed il modo di interpretare gli investimenti sono differenti per ogni Cliente. Siamo certi che

Dettagli

Intervento di Emanuela Properzj Responsabile Relazioni Esterne AIRC

Intervento di Emanuela Properzj Responsabile Relazioni Esterne AIRC Roma 4 marzo 2009 Le scienze della vita nel giornalismo e nei rapporti politico-istituzionali La comunicazione della scienza come informazione alla collettività e strumento di raccolta fondi. Il caso di

Dettagli

LO SPORT ITALIANO VERSO IL 2020

LO SPORT ITALIANO VERSO IL 2020 LO SPORT ITALIANO VERSO IL 2020 - DOCUMENTO PROGRAMMATICO - PREMESSA 1999 2011: DAL RIORDINO AL RISANAMENTO Sono trascorsi 12 anni dal riordino del CONI operato dal decreto-melandri (d.lgs. 242/99) e 9

Dettagli

FONDAZIONE MEMORIALE DELLA SHOAH DI MILANO ONLUS NOTA INTEGRATIVA Bilancio al 31 dicembre 2010

FONDAZIONE MEMORIALE DELLA SHOAH DI MILANO ONLUS NOTA INTEGRATIVA Bilancio al 31 dicembre 2010 FONDAZIONE MEMORIALE DELLA SHOAH DI MILANO ONLUS NOTA INTEGRATIVA Bilancio al 31 dicembre 2010 Finalità della Fondazione La Fondazione memoriale della Shoah di Milano Onlus (nel seguito Fondazione) è un

Dettagli

RESEARCH INSTITUTE FOR AGEING

RESEARCH INSTITUTE FOR AGEING RESEARCH INSTITUTE FOR AGEING Gli uomini, per vecchi, malati e fragili, sono persone che hanno il diritto di essere rispettate. Ho fatto tutto questo perché anch io ho raggiunto il traguardo della vecchiaia

Dettagli

Fa La Cosa Giusta Fieramilanocity 30 marzo 1 aprile 2012 IL GRUPPO COOPERATIVO NAZIONALE CGM PER LA PRIMA VOLTA PARTNER DI FA LA COSA GIUSTA

Fa La Cosa Giusta Fieramilanocity 30 marzo 1 aprile 2012 IL GRUPPO COOPERATIVO NAZIONALE CGM PER LA PRIMA VOLTA PARTNER DI FA LA COSA GIUSTA Fa La Cosa Giusta Fieramilanocity 30 marzo 1 aprile 2012 IL GRUPPO COOPERATIVO NAZIONALE CGM PER LA PRIMA VOLTA PARTNER DI FA LA COSA GIUSTA CONSORZI E COOPERATIVE SOCIALI ESPORRANNO, IN UNO STAND DI 90MQ,

Dettagli

BILANCIO SOCIALE 2012 1. PREMESSA

BILANCIO SOCIALE 2012 1. PREMESSA BILANCIO SOCIALE 2012 1. PREMESSA 1.1 Metodologia Il bilancio sociale 2012 di MxIT-Microcredito per l Italia è stato realizzato da un gruppo di lavoro composto dal CdA e dai dipendenti, con il supporto

Dettagli

Affianchiamo l imprenditore ed i suoi collaboratori nella gestione della complessità nella quale l azienda quotidianamente si muove

Affianchiamo l imprenditore ed i suoi collaboratori nella gestione della complessità nella quale l azienda quotidianamente si muove Dr. Mario Venturini Professionista operante in conformità alla Legge n. 4 del 14 /01/2013 Certified Management Consultant - Socio qualificato APCO-CMC n 2003/0042 Affianchiamo l imprenditore ed i suoi

Dettagli

COGENIAapprofondimenti

COGENIAapprofondimenti PREMESSA Questa presentazione ha diverse finalità:? Costituire un documento di presentazione sulla tematica della responsabilità sociale d impresa;? Essere un momento di riflessione critica sui rischi

Dettagli

La gestione delle donazioni in Abruzzo dopo il terremoto del 2009

La gestione delle donazioni in Abruzzo dopo il terremoto del 2009 La gestione delle donazioni in Abruzzo dopo il terremoto del 2009 Nei mesi successivi al terremoto il Dipartimento di Protezione Civile, per gestire al meglio le offerte ricevute vis sms per il terremoto

Dettagli

Carta d Identità del CNGEI

Carta d Identità del CNGEI Carta d Identità del CNGEI "Il nostro è un movimento libero, accanitamente, irriducibilmente libero da ingerenza politica, confessionale o di interesse e deve rimanere tale contro chiunque fosse di diverso

Dettagli

UN PROGETTO SOCIALMENTE RESPONSABILE

UN PROGETTO SOCIALMENTE RESPONSABILE UN PROGETTO SOCIALMENTE RESPONSABILE Dialogos - Voci di solidarietà : i vincitori del 2006 Monte Paschi Asset Management Sgr, la società di gestione del risparmio del Gruppo MPS, ha scelto di intraprendere

Dettagli

Progetto In.Volo. Iniziativa per il Volontariato in Lombardia

Progetto In.Volo. Iniziativa per il Volontariato in Lombardia Progetto In.Volo. Iniziativa per il Volontariato in Lombardia Le organizzazioni di volontariato in Lombardia La Lombardia è la regione italiana che detiene il maggior numero di organizzazioni iscritte

Dettagli

ore Sala Consiliare del Comune di Bellano

ore Sala Consiliare del Comune di Bellano ore Sala Consiliare del Comune di Bellano IL PERCORSO Valutazione del Piano di Zona 2009/2011 Definizione regole di partecipazione del Terzo Settore Definizione della nuova governance Definizione delle

Dettagli

ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti. www.trevisovolontariato.org

ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti. www.trevisovolontariato.org ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti www.trevisovolontariato.org Il Laboratorio Scuola & Volontariato è un iniziativa del Coordinamento delle associazioni di volontariato della Provincia

Dettagli

Controllo di gestione con Mago.NET

Controllo di gestione con Mago.NET logikasoftware.it Controllo di gestione con Mago.NET Una mattinata di formazione per scoprire come monitorare perfettamente la tua azienda attraverso i nuovi moduli di Mago.NET. Imparerai quali sono i

Dettagli

Fondazione Vodafone Italia Impresa a 360º Porte aperte all imprenditoria

Fondazione Vodafone Italia Impresa a 360º Porte aperte all imprenditoria Fondazione Vodafone Italia Impresa a 360º Porte aperte all imprenditoria Torino, 5 maggio 2011 1 Cosa e la Fondazione Vodafone Italia ORIGINI nasce nel 2002 struttura autonoma attività di servizio e di

Dettagli

Corso in Progettazione socio-culturale per Banche del tempo

Corso in Progettazione socio-culturale per Banche del tempo Corso in Progettazione socio-culturale per Banche del tempo Modulo 2 Principi e Tecniche di Fund Raising d.ssa Marta Buzzatti Fonte: Manuale di fund raising F. Ambrogetti, M.Coen Cagli, R. Milano FUND

Dettagli

INTEGRAZIONE SOCIOSANITARIA: EFFETTI DELLA CRISI, VALORI E SPUNTI PER PROPOSTE FEDERSANITA ANCI

INTEGRAZIONE SOCIOSANITARIA: EFFETTI DELLA CRISI, VALORI E SPUNTI PER PROPOSTE FEDERSANITA ANCI Roma 15 ottobre 2014 Lorenzo Terranova INTEGRAZIONE SOCIOSANITARIA: EFFETTI DELLA CRISI, VALORI E SPUNTI PER PROPOSTE FEDERSANITA ANCI percorso per un tentativo di lettura quadro di riferimento temi il

Dettagli

LINEE GUIDA. Premessa

LINEE GUIDA. Premessa LINEE GUIDA Premessa Poste Insieme Onlus nasce il 16 aprile 2015 dalla volontà di Poste Italiane SpA di promuovere e sviluppare una organica presenza istituzionale di ambito nazionale e territoriale a

Dettagli

Le opinioni personalmente condivise circa ingiustizia, emarginazione, disagio sociale

Le opinioni personalmente condivise circa ingiustizia, emarginazione, disagio sociale Le opinioni personalmente condivise circa ingiustizia, emarginazione, disagio sociale 0% 50% 100% sono indignato per le troppe ingiustizie della società 53.8% 34.6% 10.0% se tutti facessimo qualcosa insieme

Dettagli

FONDO GAETANO SESSA CRA BCC DI FISCIANO PRESSO LA FONDAZIONE DELLA COMUNITA SALERNITANA ONLUS

FONDO GAETANO SESSA CRA BCC DI FISCIANO PRESSO LA FONDAZIONE DELLA COMUNITA SALERNITANA ONLUS Art. 1 - Promotore FONDO GAETANO SESSA CRA BCC DI FISCIANO PRESSO LA FONDAZIONE DELLA COMUNITA SALERNITANA ONLUS 1 AVVISO ANNO 2015 Scuole aperte e promozione della cittadinanza attiva La Fondazione della

Dettagli

Liberi di fare la differenza.

Liberi di fare la differenza. Liberi di fare la differenza. 4 l azienda il profilo Consulenza, a pieno titolo. Valori & Finanza Investimenti è una SIM (Società di Intermediazione Mobiliare) indipendente che opera secondo un modello

Dettagli

Discipline di management per obiettivi etici

Discipline di management per obiettivi etici Discipline di management per obiettivi etici Il caso Cesvi Giangi Milesi, Presidente «L associazionismo in Italia esisteva ed era anche abbastanza vitale, ma sempre per lo più di chiara impronta religiosa

Dettagli

Il lavoro sulle risorse immateriali precede la ricerca delle risorse materiali

Il lavoro sulle risorse immateriali precede la ricerca delle risorse materiali IL FUND RAISING PER LE ORGANIZZAZIONI NON PROFIT Principi, strumenti e tecniche Il lavoro sulle risorse immateriali precede la ricerca delle risorse materiali Spesso, di fronte al tema delle risorse, chi

Dettagli

3 slide: CGM s partners

3 slide: CGM s partners PRESENTAZIONE CGM Intervento Susanna Rognini: testo per lettura Slide di copertine Mi presento brevemente: mi chiamo Susanna Rognini: sono un cooperatore, presidente di una cooperativa sociale attiva sul

Dettagli

ACCORDO QUADRO DI COLLABORAZIONE PER SVILUPPARE COMUNI AZIONI DI SOSTEGNO SOCIALE NELLE PRINCIPALI STAZIONI ITALIANE

ACCORDO QUADRO DI COLLABORAZIONE PER SVILUPPARE COMUNI AZIONI DI SOSTEGNO SOCIALE NELLE PRINCIPALI STAZIONI ITALIANE ACCORDO QUADRO DI COLLABORAZIONE PER SVILUPPARE COMUNI AZIONI DI SOSTEGNO SOCIALE NELLE PRINCIPALI STAZIONI ITALIANE TRA L ASSOCIAZIONE NAZIONALE COMUNI ITALIANI, con sede legale in Roma, Via dei Prefetti

Dettagli

PIANIFICAZIONE ED ORGANIZZAZIONE PIANIFICAZIONE ED ORGANIZZAZIONE

PIANIFICAZIONE ED ORGANIZZAZIONE PIANIFICAZIONE ED ORGANIZZAZIONE PIANIFICAZIONE ED ORGANIZZAZIONE un team di professionisti al servizio della tua banca La definizione degli obiettivi strategici e di sviluppo è da sempre un esigenza connaturata nella realtà di Cassa

Dettagli

Smart Data: La liberazione della Conoscenza a supporto delle Politiche di Sviluppo locale (e non solo)

Smart Data: La liberazione della Conoscenza a supporto delle Politiche di Sviluppo locale (e non solo) Smart Data: La liberazione della Conoscenza a supporto delle Politiche di Sviluppo locale (e non solo) L esperienza INPS Luigi Sculco Dirigente Area Business Intelligence e Datawarehouse 1 Le sfide del

Dettagli

Fideuram Vita Insieme Facile

Fideuram Vita Insieme Facile Fideuram Vita Insieme Facile OppORTUNITà RISpARmIO L innovazione di una proposta esclusiva. performance La piattaforma di investimento Fideuram Vita Insieme è una proposta originale nel panorama italiano

Dettagli

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT E quell insieme di organizzazioni che producono beni/servizi e gestiscono attività fuori dal mercato o, se operano nel mercato, agiscono con finalità non

Dettagli

Chiarezza e trasparenza dei bilanci dei Comuni italiani. Applicazione del modello di Rendicontazione Civicum

Chiarezza e trasparenza dei bilanci dei Comuni italiani. Applicazione del modello di Rendicontazione Civicum Chiarezza e trasparenza dei bilanci dei Comuni italiani Applicazione del modello di Rendicontazione Civicum LE FINALITA Rendere più semplice e comprensibile il bilancio per i cittadini, in linea con gli

Dettagli

MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio

MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio OLTRE LA CRISI MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio Nel nostro mondo sempre più globalizzato viviamo in una condizione di interdipendenza

Dettagli

INTELLIGENCE CULTURE AND STRATEGIC ANALYSIS I.C.S.A. ART. 1 COSTITUZIONE E DENOMINAZIONE. denominata "Intelligence Culture and Strategic Analysis" in

INTELLIGENCE CULTURE AND STRATEGIC ANALYSIS I.C.S.A. ART. 1 COSTITUZIONE E DENOMINAZIONE. denominata Intelligence Culture and Strategic Analysis in Pubblichiamo di seguito i principali articoli dello Statuto della Fondazione. INTELLIGENCE CULTURE AND STRATEGIC ANALYSIS I.C.S.A. ART. 1 COSTITUZIONE E DENOMINAZIONE È costituita per iniziativa dei Fondatori

Dettagli

ISTITUTO SUPERIORE STATALE LEARDI PROGETTO SCUOLE CHE FANNO LA DIFFERENZA CSR. Classe 3 B AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING

ISTITUTO SUPERIORE STATALE LEARDI PROGETTO SCUOLE CHE FANNO LA DIFFERENZA CSR. Classe 3 B AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING ISTITUTO SUPERIORE STATALE LEARDI PROGETTO SCUOLE CHE FANNO LA DIFFERENZA CSR Classe 3 B AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Anno Scolastico 2012-2013 1 LA CORPORATE SOCIAL RESPONSIBILITY (CSR) Partendo

Dettagli

Relazione sulla gestione del Comitato - Anno 2011 Nota integrativa al Bilancio e Relazione di Missione

Relazione sulla gestione del Comitato - Anno 2011 Nota integrativa al Bilancio e Relazione di Missione WWW.TORCARBONE-FOTOGRAFIA.IT COMITATO DI QUARTIERE TORCARBONE-FOTOGRAFIA Relazione sulla gestione del Comitato - Anno 2011 Nota integrativa al Bilancio e Relazione di Missione La nostra associazione Comitato

Dettagli

La Fondazione della Comunità di Monza e Brianza Onlus

La Fondazione della Comunità di Monza e Brianza Onlus O N L U S La Fondazione della Comunità di Monza e Brianza Onlus Nasce con atto pubblico il 18 dicembre 2000 dal progetto Fondazioni di Comunità di Fondazione Cariplo per promuovere la moderna filantropia.

Dettagli

MASSIMO SILUMBRA COORDINA DOMIZIANA AVANZINI

MASSIMO SILUMBRA COORDINA DOMIZIANA AVANZINI MASSIMO SILUMBRA COORDINA DOMIZIANA AVANZINI MONTESILVANO MARINA 23 MAGGIO 2015 Le basi del Fundraising Alcune brevi note per cercare di migliorare la raccolta fondi Fund = FONDO (non c entra con la parola

Dettagli

La nostra filosofia. L impresa crea più valore se lo fa per tutti

La nostra filosofia. L impresa crea più valore se lo fa per tutti La nostra filosofia L impresa crea più valore se lo fa per tutti Nata nel 2008, VerA offre consulenza specializzata nelle Relazioni Istituzionali e fornisce supporto e assistenza a tutte quelle realtà

Dettagli

LA CARTA DELLA DONAZIONE

LA CARTA DELLA DONAZIONE LA CARTA DELLA DONAZIONE 1 - PRINCIPI GENERALI La Carta della Donazione è il primo codice etico italiano per l autoregolamentazione della raccolta fondi nell ambito del non profit. Promossa da Solidaritas,

Dettagli

in collaborazione con BANDO 2013 UN ASILO NIDO PER OGNI BAMBINO Invito

in collaborazione con BANDO 2013 UN ASILO NIDO PER OGNI BAMBINO Invito in collaborazione con BANDO 2013 UN ASILO NIDO PER OGNI BAMBINO Invito Nel confermare il loro impegno di sviluppo e promozione sociale, la Fondazione aiutare i bambini Onlus ( Aiutare i Bambini ) e la

Dettagli

C O M U N E DI C A I V A N O. Provincia di Napoli SETTORE POLITICHE SOCIALI CORSO UMBERTO N. 413 80023 CAIVANO (NA) TEL. 0818800812/13 FAX 0818305224

C O M U N E DI C A I V A N O. Provincia di Napoli SETTORE POLITICHE SOCIALI CORSO UMBERTO N. 413 80023 CAIVANO (NA) TEL. 0818800812/13 FAX 0818305224 C O M U N E DI C A I V A N O Provincia di Napoli SETTORE POLITICHE SOCIALI CORSO UMBERTO N. 413 80023 CAIVANO (NA) TEL. 0818800812/13 FAX 0818305224 GUIDA AI SERVIZI 2011 Comune di Caivano - Guida ai Servizi

Dettagli

PATRIMONIO CULTURALE IN RETE: FONDAZIONI E PUBBLICA AMMINISTRAZIONE PER LO SVILUPPO TERRITORIALE INTEGRATO

PATRIMONIO CULTURALE IN RETE: FONDAZIONI E PUBBLICA AMMINISTRAZIONE PER LO SVILUPPO TERRITORIALE INTEGRATO PATRIMONIO CULTURALE IN RETE: FONDAZIONI E PUBBLICA AMMINISTRAZIONE PER LO SVILUPPO TERRITORIALE INTEGRATO IL BANDO «LE RISORSE CULTURALI E PAESAGGISTICHE DEL TERRITORIO: UNA VALORIZZAZIONE A RETE» DELLA

Dettagli

REGOLAMENTO SOCIETARIO

REGOLAMENTO SOCIETARIO Via Pietro del Pezzo,34 84100 Salerno Tel Fax 089 757051 e-mail : info@cooperativasociale.it REGOLAMENTO SOCIETARIO PREMESSA Il Regolamento societario, anche detto Regolamento Consortile è lo strumento

Dettagli

bando per progetti di inserimento lavorativo in campo sociale

bando per progetti di inserimento lavorativo in campo sociale bando per progetti di inserimento lavorativo in campo sociale programmati e realizzati con logiche di rete e di collaborazione tra più realtà per fronteggiare situazioni di disagio o esclusione sociale

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO voce 4 - TITOLO DEL PROGETTO:Unicità della persona nel sociale voce 5 - SETTORE e Area di Intervento: Assistenza: A1 - Anziani voce 7 - OBIETTIVI DEL PROGETTO:

Dettagli

Partenza Mercato Utente Idea Concetto Valutazione. Chi sono gli utenti target del tuo concetto di business?

Partenza Mercato Utente Idea Concetto Valutazione. Chi sono gli utenti target del tuo concetto di business? Utente Chi sono gli utenti target del tuo concetto di business? Specifica da 3 a 5 diversi gruppi di utenti per il tuo concetto e fai una dettagliata descrizione di una persona per ciascun gruppo. Fai

Dettagli

BANDO DI CONTRIBUTO (ristretto) Preambolo

BANDO DI CONTRIBUTO (ristretto) Preambolo BANDO DI CONTRIBUTO (ristretto) Preambolo Il progetto DUE SPONDE. Sviluppo economico e promozione di imprese socialmente orientate nei dipartimenti d origine dell immigrazione peruviana in Italia, ha come

Dettagli

FONDAZIONE COMUNITARIA NORD MILANO ONLUS MODELLO OPERATIVO DELL ATTIVITA EROGATIVA

FONDAZIONE COMUNITARIA NORD MILANO ONLUS MODELLO OPERATIVO DELL ATTIVITA EROGATIVA PREMESSE Per una fondazione grantmaking (di erogazione), l attività erogativa è per definizione l attività istituzionale insieme alla gestione del patrimonio. Per garantire un flusso puntuale e trasparente

Dettagli

Carta dei Servizi della Cooperativa Sociale Il Sogno

Carta dei Servizi della Cooperativa Sociale Il Sogno Carta dei Servizi della Cooperativa Sociale Il Sogno 1 PRESENTAZIONE Gentili lettori, la Cooperativa Sociale Il Sogno ha scelto da tempo di impostare il proprio lavoro nell'ottica di un alto livello di

Dettagli

FONDAZIONE INSIEME ALTOVI

FONDAZIONE INSIEME ALTOVI Art. 1 Denominazione STATUTO E costituita ai sensi del vigente codice civile una Fondazione di interesse collettivo, avente le caratteristiche di Organizzazione non lucrativa di utilità sociale onlus sotto

Dettagli

abase Revisioni Fondazione dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Forlì-Cesena

abase Revisioni Fondazione dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Forlì-Cesena CRISI DI IMPRESA E CONTINUITA AZIENDALE: LA DIAGNOSI ATTRAVERSO L ANALISI FINANZARIA, I DOVERI E POTERI DEGLI AMMINISTRATORI E DEI SINDACI, LA FORMAZIONE DEL GIUDIZIO DEL REVISORE Fondazione dei Dottori

Dettagli

Favorire l inserimento lavorativo di persone svantaggiate

Favorire l inserimento lavorativo di persone svantaggiate 12. Favorire l inserimento lavorativo di persone svantaggiate Favorire l inserimento lavorativo di persone svantaggiate Il problema Uno degli aspetti più preoccupanti del fenomeno della disoccupazione

Dettagli

Lotta alla povertà e all esclusione sociale

Lotta alla povertà e all esclusione sociale Giornata mondiale del Social Work 2010 I.F.S.W. Lotta alla povertà e all esclusione sociale Il CNOAS (Consiglio Nazionale Ordine Assistenti Sociali) sente il dovere deontologico di offrire il proprio contributo,

Dettagli

il welfare fa bene include unifica e crea lavoro

il welfare fa bene include unifica e crea lavoro il welfare fa bene include unifica e crea lavoro 1 WELFARE, DI COSA SI TRATTA?. di servizi rivolti alle persone (gratuiti o no che siano). di trasferimenti in denaro (pubblici o privati). di agevolazioni

Dettagli

Opportunità e Solidarietà, insieme. Fonditalia Ethical Investment

Opportunità e Solidarietà, insieme. Fonditalia Ethical Investment Opportunità e Solidarietà, insieme. Fonditalia Ethical Investment Un investimento tre volte etico Fonditalia Ethical Investment è una nuova soluzione di investimento promossa da Sanpaolo Invest che coniuga

Dettagli

ssociazione Cattolica internazionale al servizio della giovane casa di accoglienza

ssociazione Cattolica internazionale al servizio della giovane casa di accoglienza ssociazione Cattolica internazionale al servizio della giovane (PROTEZIONE DELLA GIOVANE) COMITATO DI PARMA casa di accoglienza L accoglienza è un modo di amare: solo chi ama sa accogliere 2 L Associazione

Dettagli

IMPACT FINANCE: COMPETENZE PER ACCEDERVI

IMPACT FINANCE: COMPETENZE PER ACCEDERVI Position Paper ASVI IMPACT FINANCE: COMPETENZE PER ACCEDERVI a cura di R. Randazzo e M. Crescenzi, 11 luglio 2012. Indice 1. Alcune domande d impatto sociale, M. Crescenzi, R. Randazzo p. 2 2. Abstract

Dettagli

MARIANNA MARTINONI Bologna, 26 maggio 2015

MARIANNA MARTINONI Bologna, 26 maggio 2015 Fundraising per la cultura MARIANNA MARTINONI Bologna, 26 maggio 2015 1 DI COSA PARLEREMO OGGI? Fundraising e crowfundingsostenitori/ Donatori/Prospects Processo di col+vazione del donatore Comunicazione

Dettagli

Consulta DS per l infanzia e l adolescenza Gianni Rodari. Adozione e Affido Familiare Una famiglia per ogni bambino

Consulta DS per l infanzia e l adolescenza Gianni Rodari. Adozione e Affido Familiare Una famiglia per ogni bambino I figli non sono vostri figli. Sono i figli e le figlie della sete che di sé stessa ha la vita... Voi siete gli archi da cui i figli, come frecce vive, sono scoccate in avanti. L'Arciere vede il bersaglio

Dettagli

ALTA SCUOLA IMPRESA E SOCIETÀ CONSULTING. Strategie sostenibili per il successo aziendale

ALTA SCUOLA IMPRESA E SOCIETÀ CONSULTING. Strategie sostenibili per il successo aziendale ALTA SCUOLA IMPRESA E SOCIETÀ CONSULTING Strategie sostenibili per il successo aziendale ALTIS Consulting è l unità di consulenza sviluppatasi all interno di ALTIS, l Alta Scuola Impresa e Società dell

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE DEGLI INTERVENTI DI COOPERAZIONE DECENTRATA ALLO SVILUPPO E SOLIDARIETÁ INTERNAZIONALE

PROGRAMMA TRIENNALE DEGLI INTERVENTI DI COOPERAZIONE DECENTRATA ALLO SVILUPPO E SOLIDARIETÁ INTERNAZIONALE CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO (SETTIMA LEGISLATURA) PROGRAMMA TRIENNALE DEGLI INTERVENTI DI COOPERAZIONE DECENTRATA ALLO SVILUPPO E SOLIDARIETÁ INTERNAZIONALE PERIODO 2004-2006 * Allegato alla deliberazione

Dettagli

O N L U S. Realizzazione MOVIDA per Sport&Management

O N L U S. Realizzazione MOVIDA per Sport&Management O N L U S Possono essere ONLUS le associazioni, i comitati, le fondazioni, le società cooperative e altri enti privati con o senza personalità giuridica O N L U S Non possono essere ONLUS gli enti pubblici,

Dettagli

Progetto TRA CASA E CITTA : PERCORSI DI INCLUSIONE SOCIALE

Progetto TRA CASA E CITTA : PERCORSI DI INCLUSIONE SOCIALE Progetto TRA CASA E CITTA : PERCORSI DI INCLUSIONE SOCIALE PREMESSA I concetti di cura e territorio sono al centro di iniziative ed interventi realizzati da più enti che aderiscono al sotto tavolo sulla

Dettagli

Statuto FONDAZIONE PER LA CULTURA TORINO - ONLUS

Statuto FONDAZIONE PER LA CULTURA TORINO - ONLUS n. mecc. 2012 03137/45 allegato 2 [testo coordinato con gli emendamenti approvati, ai sensi articolo 44 comma 2 del Regolamento Consiglio Comunale]. Statuto FONDAZIONE PER LA CULTURA TORINO - ONLUS Titolo

Dettagli

AVVISO PUBBLICO Selezione di un progetto per la promozione turistica della DESTINAZIONE FIRENZE (Approvato con DD. 2015/4376)

AVVISO PUBBLICO Selezione di un progetto per la promozione turistica della DESTINAZIONE FIRENZE (Approvato con DD. 2015/4376) AVVISO PUBBLICO Selezione di un progetto per la promozione turistica della DESTINAZIONE FIRENZE (Approvato con DD. 2015/4376) Premessa Nell ambito del programma di mandato 2014-2019 La città delle opportunità,

Dettagli

LEGGERE E ANALIZZARE IL BILANCIO D ESERCIZIO

LEGGERE E ANALIZZARE IL BILANCIO D ESERCIZIO B2corporate Maurizio Nizzola LEGGERE E ANALIZZARE IL BILANCIO D ESERCIZIO La lettura e la corretta interpretazione del bilancio d esercizio è di fondamentale importanza per valutare l andamento economico

Dettagli

Possiamo pertanto identificare due modelli di riferimento:

Possiamo pertanto identificare due modelli di riferimento: FINANZA AZIENDALE Appunti 5 - (9-6 CFU) Cap. 15 libro Project Financing La realizzazione di un progetto complesso (la costruzione di una centrale energetica, di una raffineria, di un oleodotto, di un impianto

Dettagli

ICT Consultant & Project Management

ICT Consultant & Project Management PROPOSTA DI COLLABORAZIONE GESTIONE SISTEMI INFORMATIVI COMUNE DI XXXXXXX Nome del Documento: PR01092014XXXXXXX V1.doc Versione: 2 Revisione: 1 Stato: FINALE Autore: Orazio Repetti Data Rilascio: Reggio

Dettagli

LA COMUNICAZIONE DELLA RESPONSABILITÀ SOCIALE

LA COMUNICAZIONE DELLA RESPONSABILITÀ SOCIALE FORUM CSR RESPONSABILITÀ SOCIALE D IMPRESA: IL VALORE DI RENDERE CONTO LA COMUNICAZIONE DELLA RESPONSABILITÀ SOCIALE PER L IMPRESA TRA STRATEGIA ED EMERGENZA INTERVENTO NELLA TAVOLA ROTONDA INFORMARE E

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE MUSICA VIVA CALAMANDREI ONLUS

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE MUSICA VIVA CALAMANDREI ONLUS STATUTO DELL ASSOCIAZIONE MUSICA VIVA CALAMANDREI ONLUS 1 Art. 1 Costituzione, denominazione, sede, durata 1.1 E costituita in data 15 aprile 2011 l Associazione di Volontariato ONLUS sotto la denominazione

Dettagli

CENTRO LA TENDA - Napoli

CENTRO LA TENDA - Napoli OSSERVATORIO NAZIONALE SUL DISAGIO E LA SOLIDARIETÀ NELLE STAZIONI ITALIANE CENTRO LA TENDA - Napoli STAZIONE DI NAPOLI CENTRALE SCHEDA DI PRESENTAZIONE DEL CENTRO E DEL PROGETTO HELP CENTER Referente

Dettagli

FONDAZIONE MEMORIALE DELLA SHOAH di MILANO ONLUS. Bilancio al 31/12/2012

FONDAZIONE MEMORIALE DELLA SHOAH di MILANO ONLUS. Bilancio al 31/12/2012 FONDAZIONE MEMORIALE DELLA SHOAH DI MILANO ONLUS FONDAZIONE MEMORIALE DELLA SHOAH di MILANO ONLUS Sede in via Sally Mayer,2 20146 Milano Codice Fiscale 97475500159 Bilancio al 31/12/2012 Situazione patrimoniale

Dettagli

O.N.L.U.S. Requisiti soggettivi ed oggettivi

O.N.L.U.S. Requisiti soggettivi ed oggettivi O.N.L.U.S. Requisiti soggettivi ed oggettivi Individuazione dei soggetti: Possono assumere la qualifica di o.n.l.u.s: - Associazioni - Comitati - Fondazioni - Società cooperative - Altri enti di carattere

Dettagli

DISAGIO SOCIALE E POVERTA' NELLA CITTA' DI BOLOGNA I

DISAGIO SOCIALE E POVERTA' NELLA CITTA' DI BOLOGNA I DISAGIO SOCIALE E POVERTA' NELLA CITTA' DI BOLOGNA I soggetti contatti dai servizi di prima necessità del comune di Bologna dal 2000 al 2004: Caratteristiche, contatti e percorsi attraverso i servizi A

Dettagli

STATUTO della FONDAZIONE FABRIZIO MEONI O.N.L.U.S.

STATUTO della FONDAZIONE FABRIZIO MEONI O.N.L.U.S. STATUTO della FONDAZIONE FABRIZIO MEONI O.N.L.U.S. Articolo 1 DENOMINAZIONE 1. E costituita una Fondazione denominata Fondazione Fabrizio Meoni Onlus. 2. La Fondazione è una Organizzazione Non Lucrativa

Dettagli

una grande famiglia modulo 1-31gennaio 2009 La famiglia nel sistema locale dei servizi alla persona docente Gabriele Di Bucchianico

una grande famiglia modulo 1-31gennaio 2009 La famiglia nel sistema locale dei servizi alla persona docente Gabriele Di Bucchianico una grande famiglia Corso di Formazione Le risorse per il ben-essere della famiglia, tra servizi di assistenza, strumenti di tutela e opportunità di integrazione nella comunità modulo 1-31gennaio 2009

Dettagli

Percorso del cambiamento della forma di gestione dei servizi del Piano di Zona del distretto di Mantova. Oristano 27 marzo 2007

Percorso del cambiamento della forma di gestione dei servizi del Piano di Zona del distretto di Mantova. Oristano 27 marzo 2007 Percorso del cambiamento della forma di gestione dei servizi del Piano di Zona del distretto di Mantova Oristano 27 marzo 2007 IL PERCORSO SEGUITO I motivi del cambiamento Le modalità del cambiamento L

Dettagli

COMUNE DI CISTERNA DI LATINA

COMUNE DI CISTERNA DI LATINA COMUNE DI CISTERNA DI LATINA MEDAGLIA D ARGENTO AL VALOR CIVILE REGOLAMENTO CENTRO DIURNO PER MINORI LA TARTARUGA INDICE CAP 1 - Principi generali Art. 1 Definizione del servizio Art. 2 Finalità e obiettivi

Dettagli

COMUNE DI SASSARI. 09 Politiche sociali e pari opportunità Dott. Salvatore Stangoni. Funzionario responsabile

COMUNE DI SASSARI. 09 Politiche sociali e pari opportunità Dott. Salvatore Stangoni. Funzionario responsabile n. 2 Centro di Responsabilità Centro di Costo Dirigente responsabile 09 Politiche sociali e pari opportunità Dott. Salvatore Stangoni Servizio Funzionario responsabile n. Denominazione obiettivo 2 Ampliare,

Dettagli

CONCLUSIONI. Nel presente lavoro si è concentrata l attenzione sul knowledge broker che opera. it Consult 2005. Conclusioni

CONCLUSIONI. Nel presente lavoro si è concentrata l attenzione sul knowledge broker che opera. it Consult 2005. Conclusioni CONCLUSIONI Nel presente lavoro si è concentrata l attenzione sul knowledge broker che opera all interno di un network. Si è svolta un attenta analisi della letteratura sui network, sulle conoscenze, sulla

Dettagli

1) PROMOTORI 2) OBIETTIVI 3) DESTINATARI E REQUISITI DI PARTECIPAZIONE

1) PROMOTORI 2) OBIETTIVI 3) DESTINATARI E REQUISITI DI PARTECIPAZIONE REGOLAMENTO The Social Challenge è un processo partecipato di individuazione e selezione di progetti sociali elaborati da Organizzazioni Non Profit operanti nelle province di Milano e Varese, a beneficio

Dettagli

18/01/2013. Il profilo economicoaziendale. aziende non profit LE ORIGINI PRIMA DELL UNIFICAZIONE LEGGE 6972/1890 DOPO L UNIFICAZIONE

18/01/2013. Il profilo economicoaziendale. aziende non profit LE ORIGINI PRIMA DELL UNIFICAZIONE LEGGE 6972/1890 DOPO L UNIFICAZIONE TERZO SETTORE: AZIENDE NON PROFIT, PRIVATO SOCIALE E OPPORTUNITÀ DI LAVORO CAMPUS DI MACCHIA ROMANA 9 GENNAIO 212 AULA MAGNA FACOLTÀ DI ECONOMIA POTENZA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELLA BASILICATA ORE 14.-17.

Dettagli

Turismo culturale per lo sviluppo dei territori

Turismo culturale per lo sviluppo dei territori 6ª edizione Turismo culturale per lo sviluppo dei territori Siracusa, 17 ottobre / 19 novembre 2011 PROFILO DEL CORSO 1. OBIETTIVI E METODI DELLA SCUOLA La Scuola di Alti Studi in Economia del Turismo

Dettagli

Fondazione Vodafone Italia

Fondazione Vodafone Italia TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Articolo I Denominazione, sede e durata É costituita una Fondazione sotto la denominazione Fondazione Vodafone Italia La Fondazione ha sede legale a Milano, Via Lorenteggio,

Dettagli

Adempimenti contabili e gestionali delle Onlus e degli enti non profit

Adempimenti contabili e gestionali delle Onlus e degli enti non profit ENTI NON PROFIT Adempimenti contabili e gestionali D I L U C A P A G L I O T T A Premessa La recente presentazione delle Linee Guida e schemi per la redazione dei Bilanci di esercizio degli Enti non profit

Dettagli

RISPARMIO GESTITO E COMPAGNIE ASSICURATIVE TRA MATEMATICA E REGOLAMENTI

RISPARMIO GESTITO E COMPAGNIE ASSICURATIVE TRA MATEMATICA E REGOLAMENTI RISPARMIO GESTITO E COMPAGNIE ASSICURATIVE TRA MATEMATICA E REGOLAMENTI Il contesto La complessità degli strumenti finanziari e assicurativi è andata crescendo negli ultimi anni, da una lato con effetti

Dettagli

Turismo culturale per lo sviluppo dei territori

Turismo culturale per lo sviluppo dei territori 9ª edizione Turismo culturale per lo sviluppo dei territori Siracusa, 27 ottobre / 6 dicembre 2014 PROFILO DEL CORSO 1. OBIETTIVI E METODI DELLA SCUOLA La Scuola di Alti Studi in Economia del Turismo Culturale

Dettagli

UN FUTURO MIGLIORE PER I PICCOLI PRODUTTORI

UN FUTURO MIGLIORE PER I PICCOLI PRODUTTORI UN FUTURO MIGLIORE PER I PICCOLI PRODUTTORI PROGRAMMA QUADRO SVILUPPO ECONOMICO LOCALE CHI SIAMO La Fondazione Giovanni Paolo II per il dialogo, la cooperazione e lo sviluppo nasce come risultante del

Dettagli

C.I.S. Iniziative Sociali o.n.l.u.s.

C.I.S. Iniziative Sociali o.n.l.u.s. Una breve presentazione: Relazione sulle caratteristiche ed il campo di attività della C.I.S. Cooperativa Sociale a r. l. onlus 1 PREMESSA C.I.S. Cooperativa Sociale a r. l. nasce a Latina nel 1996 al

Dettagli

Una sola voce tanti interventi

Una sola voce tanti interventi ... Una sola voce tanti interventi AGIRE, Agenzia Italiana per la Risposta alle Emergenze, ridefinisce il modo in cui gli italiani possono donare a favore delle popolazioni colpite da emergenze umanitarie

Dettagli

Scheda di partecipazione Quarta edizione

Scheda di partecipazione Quarta edizione Scheda di partecipazione Quarta edizione Per ogni progetto candidato occorre compilare la scheda di partecipazione, composta da tre sezioni: - sezione 1: descrizione sintetica del programma - sezione 2:

Dettagli

I DONATORI ITALIANI E IL TERZO SETTORE Paolo Anselmi, Vice Presidente GfK Eurisko

I DONATORI ITALIANI E IL TERZO SETTORE Paolo Anselmi, Vice Presidente GfK Eurisko I DONATORI ITALIANI E IL TERZO SETTORE Paolo Anselmi, Vice Presidente GfK Eurisko ROMA, 27 maggio 2011 Premessa 2 A quasi tre anni dall indagine sui donatori effettuata nel luglio 2008, l Istituto Italiano

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO

ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO L organizzazione di un progetto è la realizzazione del processo di pianificazione. In altre parole, organizzare significa far funzionare le cose. Nello specifico, implica una

Dettagli