LA POTATURA DEGLI ALBERI DA FRUTTO E LA DIFESA DALLE PRINCIPALI AVVERSITA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA POTATURA DEGLI ALBERI DA FRUTTO E LA DIFESA DALLE PRINCIPALI AVVERSITA"

Transcript

1 CORSO DI FRUTTICOLTURA LA POTATURA DEGLI ALBERI DA FRUTTO E LA DIFESA DALLE PRINCIPALI AVVERSITA Lezione 1- L albero da frutto: elementi di anatomia e fisiologia vegetale (dr. Giulio RE)

2 Le funzioni vitali dell albero Fotosintesi e produzione di composti organici A differenza degli animali le piante riescono a produrre composti organici complessi indispensabili per la vita (zuccheri, proteine, lipidi, vitamine, polifenoli, ) a partire da composti essenziali attraverso la fotosintesi. Con questo processo la pianta produce il glucosio (zucchero) composto organico basilare per poter produrre tutte le altre sostanze di cui necessità per vivere, crescere, svilupparsi e produrre. ANIDRIDE CARBONICA + ACQUA + energia GLUCOSIO + OSSIGENO (DALL ARIA) (DAL SUOLO) (LUCE SOLARE). Questo processo avviene nelle foglie, straordinari laboratori naturali in cui vengono prodotte tutte le sostanze utili alla pianta e permette la vita degli animali sul nostro pianeta. L anidride carbonica entra da aperture presenti sulla superficie delle foglie, chiamate stomi. I fattori che possono limitare il processo, riducendo la crescita e produttività della pianta sono: - Carenza di luce: ogni porzione della chioma dell albero deve ricevere adeguate quantità di luce per massimizzare l efficienza foto sintetica- evitare ombreggiamenti. - Scarsa disponibilità di acqua---- determina chiusura degli stomi sulle foglie - Temperature troppo basse o, più raramente nei nostri climi, troppo elevate. - Carenza di elementi nutritivi (N) Respirazione Parte del glucosio ottenuto con la fotosintesi viene respirato per ottenere energia sotto forma chimica, necessaria alla pianta per produrre altri composti organici (amminoacidi, proteine, lipidi, amido, polifenoli, ecc). Il processo è esattamente opposto a quello della fotosintesi, e richiede quindi la disponibilità di ossigeno. La pianta non dispone di un efficiente sistema di trasporto dell ossigeno come il nostro sistema circolatorio, (la linfa trasporta solo le sostanze nutritive) per cui l ossigeno deve essere presente in tutte le parti della pianta, dalla chioma alle radici. L eccesso di presenza di acqua nel suolo (terreni argillosi, asfittici, che non sono in grado di drenare l acqua) limita lo spazio a disposizione per l ossigeno e può determinare la morte dell apparato radicale e quindi della pianta per asfissia in occasione di ristagni prolungati. Evapotraspirazione La pianta assorbe continuamente dal suolo grandi quantità di acqua, e gran parte di questa, traspira ed evapora attraverso gli stomi delle foglie e si disperde nell atmosfera. Questa continua perdita di acqua è considerato un male necessario perché questo processo: - mantiene gli stomi aperti, condizione fondamentale perché possa avvenire la fotosintesi - permette di creare un flusso continuo dalle radici alle foglie, consentendo il trasporto degli elementi nutritivi presenti nella linfa;

3 - permette la regolazione della temperatura delle foglie evitando l eccessivo riscaldamento nella stagione estiva (l evaporazione assorbe calore) Il processo può essere limitato da scarsa disponibilità di acqua e bassa umidità relativa dell aria, che inducono la pianta a chiudere gli stomi per limitare le perdite di acqua, ma in questo modo anche la fotosintesi si riduce drasticamente. Assorbimento e trasporto degli elementi nutritivi Attraverso le radici la pianta assorbe acqua ed elementi nutritivi indispensabili per le proprie funzioni vitali (azoto, fosforo, potassio, calcio, magnesio, ferro, ecc) che disciolti nell acqua vanno a costituire la cosiddetta linfa grezza. Questa, attraverso canali presenti nel tronco (xilema, ultimo anello di legno prodotto) raggiunge le foglie grazie al flusso generato dall evapotraspirazione (flusso ascendente). Qui, grazie alla fotosintesi ed alla produzione di altri composti organici si origina linfa elaborata che contiene i nutrienti complessi necessari alla produzione ed allo sviluppo di tutti i tessuti e gli organi della pianta. Dalle foglie la linfa elaborata raggiunge quindi gli organi che necessitano di questi composti: - gemme ed apici vegetativi - giovani germogli ancora non autosufficienti - frutti - radici Tutti questi organi sono in competizione tra loro per la linfa elaborata e per il buon funzionamento della pianta è fondamentale l equilibrio tra i diversi organi della pianta. Il trasporto della linfa elaborata attraverso il tronco ed i rami avviene attraverso canali localizzati più esternamente, appena sotto la corteccia dell albero (floema). Quando viene asportata la corteccia in realtà si asporta anche il floema interrompendo il flusso discendente della linfa elaborata verso le radici. Nel caso dell asportazione di un anello completo di corteccia (es scortecciature da fauna selvatica, in particolare capriolo) le radici non possono più ricevere la linfa elaborata e sono destinate a morire determinando la morte dell intera pianta.

4 Sezione trasversale del tronco

5 I cicli delle piante da frutto Il ciclo vitale Fase giovanile: la pianta privilegia la crescita delle radici e la formazione dello scheletro; Rapporto carbonio/azoto basso; limitata fruttificazione ed entrata in produzione più o meno anticipata a seconda della vigoria della pianta. Maturità: raggiungimento graduale della piena produzione con differenziazione di fiori e frutti e rinnovo della vegetazione (Rapporto carbonio/azoto equilibrato =20) Senescenza: produzione di pochi rami e legno, molti frutti, ma piccoli e di scarsa qualità. Rapporto carbonio/azoto molto elevato a seguito dell invecchiamento delle radici. Il ciclo annuale Germogliamento: alla ripresa vegetativa dopo l inverno schiusura delle gemme che originano nuovi germogli o fiori. E determinato soprattutto dall aumento delle temperature. In questa fase la pianta utilizza le sostanze di riserva che ha accumulato in autunno nelle radici che vengono rimesse in circolazione con la linfa. Le piccole foglie che iniziano a svilupparsi non sono ancora in grado di effettuare la fotosintesi, finché non raggiungono 1/3 della dimensione finale. La vigoria dei germogli che si sviluppano dipende dalla quantità di sostanze di riserva che ogni gemma avrà a disposizione. Se la potatura invernale è stata troppo drastica il limitato numero di gemme rimaste rispetto alla situazione autunnale avrà a disposizione grandi quantità di sostanze di riserva e si potranno determinare eccessi di vigoria. Fioritura- impollinazione-allegagione: per una buona fioritura le gemme devono aver soddisfatto il fabbisogno in freddo proprio di ogni specie (aver superato un certo numero di ore con temperature inferiori ai 10 C). Alle nostre latitudini difficilmente questo costituisce un problema. Molte delle varietà sono autosterili e quindi necessitano del polline di varietà diverse perché possa avvenire la fecondazione. Successivamente alla caduta dei petali, nella fase di allegazione, dai fiori regolarmente fecondati inizia la formazione del seme e del frutto; i fiori che non sono stati fecondati cadono e non origineranno frutti. Piogge prolungate in questa fase ostacolano l impollinazione da parte degli insetti pronubi e riducono la percentuale di frutti che allegherà. Durante questo periodo la pianta interrompe l accrescimento dei germogli per concentrare tutti i nutrienti sulle delicate fasi che si stanno svolgendo. La fioritura ed ancor più la successiva allegagione sono le fasi più sensibili ai danni da gelate tardive; minime inferiori agli 0 C possono determinare gravi danni con morte dell ovario e cascola dei fiori o dei frutticini

6 appena allegati. Il rischio è legato alla localizzazione (zone di pianura o fondovalle più esposte rispetto alle aree collinari per il fenomeno dell inversione termica) ed alla precocità di fioritura delle diverse specie (albicocco-pesco- susino-ciliegio-pero-melo). Accrescimento dei frutti e dei germogli: questo periodo è caratterizzato dalla competizione di diversi organi della pianta per le sostanze nutritive prodotte con al fotosintesi: - frutti: dapprima si accrescono per moltiplicazione cellulare, segue una pausa ed un successivo accrescimento per distensione cellulare (aumento delle dimensioni delle singole cellule) - apici dei germogli in accrescimento: la crescita dei germogli riprende dopo la fioritura, prosegue per tutto il mese di giugno e rallenta per quasi arrestarsi nella seconda metà di luglio, riprendendo poi dalla metà di agosto. Osservando il ramo di un anno è possibile distinguere le due fasi dell accrescimento. - gemme che si stanno differenziando e che germoglieranno nell anno successivo, in particolare quelle a frutto che necessitano di quantità superiori di nutrienti - radici: soprattutto nel periodo estivo, in corrispondenza di una pausa nell accrescimento di germogli e frutti, avviene un sensibile accrescimento delle radici. Il ciclo biennale di fruttificazione e l alternanza di produzione E fondamentale mantenere un equilibrio tra fruttificazione e vegetazione (rapporto foglie/frutti) per evitare l avvio di fenomeni negativi come l alternanza di produzione. La pianta inizia la differenziazione delle gemme a frutto che determineranno la produzione dell anno successivo già all inizio dell estate. In pratica decide quanto potrà produrre nel 2013 già nel giugno del Un eccesso di frutti sottrae nutrienti alle gemme che si stanno formando determinando una drastica riduzione del numero di frutti nell anno seguente, quando si potranno formare tantissime gemme per un nuovo eccesso di produzione. L alternanza può scaturire anche da annate con produzione scarsa o nulla a seguito di gelate tardive o condizioni sfavorevoli. Particolarmente sensibili al fenomeno sono il melo, il pero (varietà tardive) ed alcune varietà di albicocco. In generale l eccesso di azoto in questa fase favorisce lo sviluppo della vegetazione a scapito della differenziazione delle gemme a frutto che viene drasticamente ridotta. Maturazione dei frutti: si verificano trasformazioni a livello di composizione (aumento zuccheri, riduzione dell acidità) e della morfologia di frutti fino alla maturazione fisiologica. Fase successiva alla raccolta: nel periodo autunnale, dopo la raccolta dei frutti, tutte le sostanze organiche che la pianta produce con la fotosintesi vengono trasportate attraverso il floema alle radici, dove si accumulano costituendo le riserve che la pianta rimetterà in circolazione ed utilizzerà per il germogliamento primaverile.

7 Riposo vegetativo: con la caduta delle foglie la pianta entra in una fase di quiescenza che durerà per tutto l inverno. La caduta delle foglie è un fenomeno attivo ed il segnale che la determina è costituito dalla riduzione del numero di ore di luce nell arco delle 24 ore (fotoperiodo), se non si verificano gelate precoci che anticipano il fenomeno. Lo sviluppo della chioma si arresta completamente, ma le radici, se il suolo non è gelato, manifestano un minimo di accrescimento (per questo motivo è vantaggiosa la messa a dimora delle piante a fine autunno (da metà novembre) per una più rapida ripresa vegetativa in primavera. Per descrivere ed individuare ogni singola fase dello sviluppo annuale delle piante si utilizzano specifici termini. Di seguito si riportano le fasi fenologiche delle pomacee. Lo sviluppo della chioma

8 La struttura della chioma è formata dalle branche primarie che si dipartono dal tronco principale, da branche secondarie e terziarie, fino ad arrivare ai rami di un anno. Ogni anno avviene la formazione di nuovi germogli e dei fiori sempre a partire dalle gemme. Possiamo individuare diversi tipi di gemme: - in base agli organi vegetativi e produttivi che origineranno: gemme a legno: originano solo rami a legno che non fruttificheranno (almeno nell anno in cui si sviluppano) gemme a frutto: daranno origine alla produzione e si distinguono in: a) gemme a fiore originano solo fiori e sono presenti nelle drupacee albicocco, pesco, susino, ciliegio) b) gemme miste: originano sia rami che fiori e rappresentano le gemme a frutto delle pomacee (melo e pero) e del Kiwi. In base alla posizione sulla pianta: - gemme apicali, site all apice dei rami, - gemme ascellari, all ascella delle foglie, - gemme avventizie, senza una precisa collocazione, in quanto si differenziano ex novo sui rami, sulle branche e sul tronco. In base al periodo di schiusura rispetto a quello di formazione: dormienti o normali o ibernanti: si sviluppano nella primavera successiva all anno della loro formazione (caso più frequente) Sono le normali gemme a frutto e a legno. pronte: si sviluppano nell anno della loro formazione e originano i rami anticipati (presenti soprattutto in pesco e albicocco) solo gemme a legno latenti: piccole e poco visibili, rimangono ferme anche per molti anni, presenti sul legno vecchio, e si schiudono solo a seguito di particolari situazioni (rottura accidentale di grosse branche, potature drastiche), producono solo rami a legno. I diversi tipi di rami delle piante da frutto Le gemme sono portate su diversi tipi di rami ed occorre saper distinguere rami a frutto e rami a legno per una razionale potatura.

9 Rami a legno: portano sul loro asse solamente gemme a legno e sono pertanto improduttivi, quantomeno nell anno del loro sviluppo. Nelle piante vigorose raggiungono lunghezze molto elevate ed assumono un portamento verticale (succhioni), con rapido sviluppo e notevole sottrazione di linfa alle branche su cui sono inseriti. Rami a frutto Pomacee (melo e pero) Lamburda ramo di due anni, circa 2 cm di lunghezza. Gemma mista terminale e rosetta di circa 8-12 foglie. Formazione tipica su cui fruttificano i meli spur. Può formarsi in seguito al prolungamento del dardo (piccolo ramo di 0,5 1 cm che termina con una gemma a legno che evolve in gemma mista nel secondo anno) oppure direttamente su un ramo di media o bassa vigoria dell anno precedente (lamburda annuale o dardo fiorifero) Brindillo ramo sottile, cm o più. Termina con una gemma mista all apice e presenta gemme a legno lungo l asse. Ramo misto ramo lungo simile al brindillo, da cui si differenzia per la gemma apicale a legno e gemme lungo l asse miste e a legno. Borsa deriva dall ingrossamento della lamburda dopo aver fruttificato e contiene sostanze di riserva. Zampa di gallo insieme di nuovi dardi e brindilli formatisi su una borsa, formazione fruttifera invecchiata che produce frutti di bassa qualità

10 Drupacee (pesco-albicocco-susino- ciliegio) Dardo fiorifero spesso riuniti in formazioni dette mazzetti di maggio (soprattutto ciliegio, albicocco e susino). Lungo 1-2 cm e spesso, porta all apice una gemma a legno circondata da gemme a fiore. Brindillo sottile e più lungo di quello delle pomacee. Gemma a legno all apice, gemme a fiore in prevalenza lungo l asse. Ramo misto formazione di un anno, più lunga rispetto alle pomacee, (anche cm). Gemma a legno all apice e lungo l asse, in corrispondenza di ogni nodo, gruppi di 3 gemme, quella centrale piccola a legno e quelle laterali a fiore. Tipica formazione fruttifera del pesco, ma presente anche nelle altre specie.

11

Vivaio aperto - Perugia

Vivaio aperto - Perugia Vivaio aperto - Perugia Corso di potatura dei frutti INTRODUZIONE ALLA POTATURA 13 e 20 Febbraio 2010 - Bricocenter Perugia Estratto lezione dott. Agronomo Luca Crotti Questo documento è un estratto del

Dettagli

Giornate tecniche 2011

Giornate tecniche 2011 Giornate tecniche 2011 Seminario: Aspetti teorici e applicativi della potatura delle piante da frutto Relatore: dott. agr. Salvatore Gaudio Data: 12 febbraio 2011 Aspetti teorici ed applicativi della potatura

Dettagli

corso di potatura e innesto la potatura

corso di potatura e innesto la potatura CONSORZIO DELLA QUARANTINA Associazione per la Terra e la Cultura Rurale casella postale 40 ufficio GE/06 16149 Genova tel. 347.9534511 posta elettronica: scrivi@quarantina.it corso di potatura e innesto

Dettagli

TECNICHE DI POTATURA: Le Piante da Frutto. Martedì 23 ottobre 2012 Dr. Agr. Simone Tofani

TECNICHE DI POTATURA: Le Piante da Frutto. Martedì 23 ottobre 2012 Dr. Agr. Simone Tofani TECNICHE DI POTATURA: Le Piante da Frutto Martedì 23 ottobre 2012 Dr. Agr. Simone Tofani Attenzione!! Cenni di potatura di alcune piante da frutto: Pomacee Drupacee Vite Olivo Agrumi Ma prima.un po di...riscaldamento

Dettagli

TECNICHE DI POTATURA: Le Piante da Frutto. Giovedì 1 dicembre 2011 Dr. Agr. Simone Tofani

TECNICHE DI POTATURA: Le Piante da Frutto. Giovedì 1 dicembre 2011 Dr. Agr. Simone Tofani TECNICHE DI POTATURA: Le Piante da Frutto Giovedì 1 dicembre 2011 Dr. Agr. Simone Tofani Cenni di potatura di alcune piante da frutto: Pomacee Drupacee Vite Olivo Agrumi Ma prima.un po di...riscaldamento

Dettagli

Concimazione post-raccolta di frutteto e vigneto: un investimento per la qualità dei frutti e dei vini

Concimazione post-raccolta di frutteto e vigneto: un investimento per la qualità dei frutti e dei vini Concimazione post-raccolta di frutteto e vigneto: un investimento per la qualità dei frutti e dei vini Scegliere concimi di elevata qualità ed efficienza La concimazione del vigneto e del frutteto riveste

Dettagli

Edizioni L Informatore Agrario

Edizioni L Informatore Agrario www.vitaincampagna.it Edizioni L Informatore grario Tutti i diritti riservati, a norma della Legge sul Diritto d utore e le sue successive modificazioni. Ogni utilizzo di quest opera per usi diversi da

Dettagli

Le piante. Sulla terra esistono vari tipi di piante: legnose ed erbacee a seconda delle dimensioni e della forma del fusto.

Le piante. Sulla terra esistono vari tipi di piante: legnose ed erbacee a seconda delle dimensioni e della forma del fusto. di Gaia Brancati Le piante Sulla terra esistono vari tipi di piante: legnose ed erbacee a seconda delle dimensioni e della forma del fusto. Il fusto Il fusto tende a crescere verso l alto. Quando esso

Dettagli

Formazioni fruttifere. Drupacee (pesco, ciliegio, susino, albicocco, mandorlo) - Rami misti - Brindilli - Dardi vegetativi - Mazzetti di maggio

Formazioni fruttifere. Drupacee (pesco, ciliegio, susino, albicocco, mandorlo) - Rami misti - Brindilli - Dardi vegetativi - Mazzetti di maggio Formazioni fruttifere Drupacee (pesco, ciliegio, susino, albicocco, mandorlo) - Rami misti - Brindilli - Dardi vegetativi - Mazzetti di maggio Formazioni fruttifere Pomacee (melo, pero, ) - Rami misti

Dettagli

IL LEGNO. Che cos è il legno? Il legno è un materiale da costruzione che si ricava dal tronco degli alberi.si chiama anche:

IL LEGNO. Che cos è il legno? Il legno è un materiale da costruzione che si ricava dal tronco degli alberi.si chiama anche: IL LEGNO 1 Perché è importante il legno? E stato il primo combustibile usato dall uomo per scaldarsi, per cuocere i cibi e fondere i metalli. E stato il primo materiale utilizzato per costruire case, recinti,

Dettagli

Cenni sulle principali operazioni di potatura TECNICHE GENERALI. 17 novembre 2011 Dr. Agr. Simone Tofani

Cenni sulle principali operazioni di potatura TECNICHE GENERALI. 17 novembre 2011 Dr. Agr. Simone Tofani Cenni sulle principali operazioni di potatura TECNICHE GENERALI 17 novembre 2011 Dr. Agr. Simone Tofani Definizione La potatura comprende quelle operazioni che direttamente applicate alla parte epigea

Dettagli

Verifica - Conoscere le piante

Verifica - Conoscere le piante Collega con una linea nome, descrizione e disegno Verifica - Conoscere le piante Erbe Hanno il fusto legnoso che si ramifica vicino al terreno. Alberi Hanno il fusto legnoso e resistente che può raggiungere

Dettagli

Le piante. Piante senza fiori Piante con fiori. La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi

Le piante. Piante senza fiori Piante con fiori. La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi Le piante Le piante Piante senza fiori Piante con fiori La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi Piante senza fiori Milioni di anni fa esistevano sulla Terra soltanto piante senza fiori

Dettagli

CORSO DI FRUTTICOLTURA

CORSO DI FRUTTICOLTURA COMUNE DI CAMPONOGARA ASSESSORATO ALLE POLITICHE AMBIENTALI DENIS COMPAGNO CORSO DI FRUTTICOLTURA 2006 ARGOMENTI ANATOMIA E FISIOLOGIA DELLE PIANTE ARBOREE TECNICHE DI PROPAGAZIONE POMACEE (MELO, PERO)

Dettagli

APPROCCI INNOVATIVI NELLA GESTIONE DEGLI IMPIANTI DI ALBICOCCO

APPROCCI INNOVATIVI NELLA GESTIONE DEGLI IMPIANTI DI ALBICOCCO SEMINARIO TECNICO ALBICOCCHE DI QUALITA :tecniche agronomiche, innovazione varietale e strategie di mercato APPROCCI INNOVATIVI NELLA GESTIONE DEGLI IMPIANTI DI ALBICOCCO Sala Consiliare Comune di Scanzano

Dettagli

LA POTATURA DELLE PIANTE ORNAMENTALI

LA POTATURA DELLE PIANTE ORNAMENTALI LA POTATURA DELLE PIANTE ORNAMENTALI la potatura in sintesi (Testo ispirato al decalogo delle potature della Scuola di Agraria del Parco di Monza, modificato e integrato) a cura di GIOVANNI NALIN TRA ERRATE

Dettagli

OSSIGENO DISCIOLTO ED EUTROFIZZAZIONE

OSSIGENO DISCIOLTO ED EUTROFIZZAZIONE OSSIGENO DISCIOLTO ED EUTROFIZZAZIONE Un esempio di misure di ossigeno e ph in acque contenenti piante acquatiche (alla luce e al buio) Misura (con un ossimetro) dell ossigeno disciolto all inizio di un

Dettagli

Alcune malattie fungine dell olivo

Alcune malattie fungine dell olivo Alcune malattie fungine dell olivo Massimo Pilotti CRA- Centro di Ricerca per la Patologia Vegetale ROMA Malattia fungina nota già nel dopoguerra nelle zone di coltivazione meridionali. Segnalazioni del

Dettagli

ACQUA, ARIA E TERRENO

ACQUA, ARIA E TERRENO ACQUA, ARIA E TERRENO PREMESSA Gli impianti d irrigazione a goccia svolgono un ruolo fondamentale negli apporti irrigui alle colture. Se utilizzato correttamente permette un sano sviluppo della pianta

Dettagli

(funghi, muffe e batteri) alle radici ed al colletto della pianta. Al contrario, la carenza d acqua, porta la pianta a stress da appassimento ed a

(funghi, muffe e batteri) alle radici ed al colletto della pianta. Al contrario, la carenza d acqua, porta la pianta a stress da appassimento ed a L ACQUA L elemento acqua è costituente degli esseri viventi, sia animali che vegetali, superando in alcuni casi anche il 90% della composizione. L acqua per le piante è un elemento indispensabile in quanto

Dettagli

La natura in autunno Le foglie cambiano colore e cadono

La natura in autunno Le foglie cambiano colore e cadono La natura in autunno Le foglie cambiano colore e cadono L autunno è una stagione con caratteristiche sue proprie, non è soltanto un periodo di passaggio tra le calde giornate estive e i primi geli invernali.

Dettagli

LE PIANTE. acqua anidride carbonica

LE PIANTE. acqua anidride carbonica Unità La foglia e la fotosintesi La foglia è la parte principale della pianta, perché nelle foglie la pianta produce il proprio cibo. luce solare acqua anidride carbonica clorofilla glucosio ossigeno Nella

Dettagli

Giornate tecniche 2011

Giornate tecniche 2011 Giornate tecniche 2011 Seminario: Aspetti applicativi della potatura delle piante ornamentali Relatore: dott. agr. Antonio Sagaria Data: 13 febbraio 2011 DICHIO vivai garden DICHIO vivai garden Un albero

Dettagli

Relatore: Dott. Giovanni Alberton Collaboratori: Agrotecnico Andrea Capuzzo Agrotecnico Laura Schiavon

Relatore: Dott. Giovanni Alberton Collaboratori: Agrotecnico Andrea Capuzzo Agrotecnico Laura Schiavon IL PICCOLO MANUALE DE LA POTATURA DELLE PIANTE DA FRUTTO Relatore: Dott. Giovanni Alberton Collaboratori: Agrotecnico Andrea Capuzzo Agrotecnico Laura Schiavon La potatura consiste in una gamma di interventi

Dettagli

FRUTTICOLTURA: La scelta dei portainnesti.

FRUTTICOLTURA: La scelta dei portainnesti. FRUTTICOLTURA: La scelta dei portainnesti. I portainnesti hanno una importanza fondamentale sullo sviluppo e la produttività delle piante. Devono essere scelti con criteri di adattamento all ambiente,

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI. Scheda tecnica triticale

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI. Scheda tecnica triticale UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI DIPARTIMENTO di AGRARIA - SACEG Scheda tecnica triticale Dott. Giovanni Pruneddu Tecnica colturale triticale Tipi di triticale Fra le varietà disponibili sul mercato possiamo

Dettagli

FISIOLOGIA VEGETALE. Gli ormoni vegetali

FISIOLOGIA VEGETALE. Gli ormoni vegetali FISIOLOGIA VEGETALE Gli ormoni vegetali Lo sviluppo delle piante in tutte le sue varie fasi (crescita, fioritura, fruttificazione, formazione e caduta delle foglie) è regolato dall integrazione di stimoli

Dettagli

MIGLIORAMENTO DEI SISTEMI D IRRIGAZIONE E DELLE TECNICHE COLTURALI (2015-2018)

MIGLIORAMENTO DEI SISTEMI D IRRIGAZIONE E DELLE TECNICHE COLTURALI (2015-2018) Centro Trasferimento Tecnologico MIGLIORAMENTO DEI SISTEMI D IRRIGAZIONE E DELLE TECNICHE COLTURALI (2015-2018) Stefano Pedò Franco Michelotti Riva del Garda - 26 febbraio 2016 Premesse Premessa La riorganizzazione

Dettagli

Periodo di potature? Fate attenzione...

Periodo di potature? Fate attenzione... Periodo di potature? Fate attenzione... Gli alberi non sono tutti uguali e non si potano tutti allo stesso modo o con la stessa frequenza. La potatura delle specie arboree viene, infatti, effettuata per

Dettagli

I funghi hanno la funzione di decomporre le sostanze morte e così consentono alla sostanza organica di mettersi in circolo nel terreno.

I funghi hanno la funzione di decomporre le sostanze morte e così consentono alla sostanza organica di mettersi in circolo nel terreno. I funghi hanno la funzione di decomporre le sostanze morte e così consentono alla sostanza organica di mettersi in circolo nel terreno. L eccesso di piogge (forze lunari) in presenza di calore, aumenta

Dettagli

Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti inorganici organici

Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti inorganici organici Prof. Carlo Carrisi Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti: servono a nutrire l organismo, derivano dalla digestione, vengono

Dettagli

SCELTA DELL AMBIENTE DI COLTIVAZIONE E VOCAZIONALITÀ

SCELTA DELL AMBIENTE DI COLTIVAZIONE E VOCAZIONALITÀ CILIEGIO Le indicazioni contenute nelle Norme Generali devono essere considerate preliminarmente alla lettura delle presenti Norme Tecniche di Coltura. SCELTA DELL AMBIENTE DI COLTIVAZIONE E VOCAZIONALITÀ

Dettagli

Ammendante Compostato Misto

Ammendante Compostato Misto Ammendante Compostato Misto Cos è il Compost? Il Compost deriva da rifiuti, come buona parte dei fertilizzanti, dal letame alla farina di carne, dal cuoio idrolizzato al solfato ammonico. Il Compost non

Dettagli

Corso di potatura base

Corso di potatura base Corso di potatura base Fattoria La Quercia 16 gennaio 2016 Punto Uva Cenni storici 9.000 a.c : addomesticamento di Vitis vinifera silvestris in Asia centrale 3.000 a.c. : in un testo sumerico si parla

Dettagli

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015.

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni favorevoli per il taglio di legname da costruzione e uso falegnameria. Gli alberi dai quali si ricava legname da costruzione e per la fabbricazione

Dettagli

PROGRAMMA MANUTENZIONE GIARDINO

PROGRAMMA MANUTENZIONE GIARDINO Operazioni PREPARAZIONE DEL TERRENO Il terreno ideale da giardino è quello con tessitura argillosa-sabbiosa, friabile. Se il terreno dovesse essere pesante e compatto bisognerà correggerlo incorporando

Dettagli

Il controllo della produzione in olivo mediante forma di allevamento e potatura (Parte VI)

Il controllo della produzione in olivo mediante forma di allevamento e potatura (Parte VI) Pannelli G., Pandolfi S., 2006. Storia della potatura. 6) Vegetazione e prodotto. Gli equilibri decisivi. Olivo e Olio, 10: 40-44. Il controllo della produzione in olivo mediante forma di allevamento e

Dettagli

ALBERI. Conoscerli per Riconoscerli. Giovanni Regiroli, Biologo. LIONS CLUB BOLLATE Distretto 108-Ib4 - Italy

ALBERI. Conoscerli per Riconoscerli. Giovanni Regiroli, Biologo. LIONS CLUB BOLLATE Distretto 108-Ib4 - Italy ALBERI Conoscerli per Riconoscerli LIONS CLUB BOLLATE Distretto 108-Ib4 - Italy Giovanni Regiroli, Biologo Locandina commissionata dal Lions Club Bollate per la conferenza: creata dall allievo creata dall

Dettagli

Agrital Ricerche Stefano Carrano marzo 2006

Agrital Ricerche Stefano Carrano marzo 2006 Impianto e cure colturali di Lampone e Rovo Agrital Ricerche Stefano Carrano marzo 2006 Propagazione Introduzione - lampone Questo lavoro è nato da una precedente raccolta di diapositive destinata ad un

Dettagli

Il pirodiserbo in frutti-viticultura:

Il pirodiserbo in frutti-viticultura: Il pirodiserbo in frutti-viticultura: l innovazione tecnologica per favorire la sostenibilità ambientale. www.pirodiserbo.it La nuova Organizzazione Comune di Mercato per il settore ortofrutticolo (Reg.

Dettagli

LA CAPITOZZATURA: COME ROVINARE UN ALBERO

LA CAPITOZZATURA: COME ROVINARE UN ALBERO LA CAPITOZZATURA: COME ROVINARE UN ALBERO LA CAPITOZZATURA Per capitozzatura si intende il taglio della parte apicale del fusto e di grossi rami la capitozzatura NON E UNA TECNICA DI POTATURA ma UN DANNEGGIAMENTO

Dettagli

La nutrizione e il metabolismo

La nutrizione e il metabolismo La nutrizione e il metabolismo 1. Le sostanze nutritive, o nutrienti 2. Definizione di metabolismo 3. Il metabolismo dei carboidrati 4. Il metabolismo dei lipidi 1 L apparato respiratorio 5. Il metabolismo

Dettagli

IL MONDO DELLE PIANTE

IL MONDO DELLE PIANTE PROVINCIA DI BERGAMO Settore Politiche Sociali e Salute IL MONDO DELLE PIANTE 2010 Realizzato dall Istruttore Educativo: Colella Anna 1 INDICE Classificazione delle piante pag. 3 Le parti della pianta

Dettagli

Incremento delle rese e della produttività del suolo. Migliore infiltrazione dell acqua

Incremento delle rese e della produttività del suolo. Migliore infiltrazione dell acqua ACIDO CARBOSSILICO CARBOSOIL PROMOTORE DELLA RADICAZIONE E DELLO SVILUPPO DELLE PIANTE A BASE DI ACIDI CARBOSSILICI STIMOLA LA DIVISIONE CELLULARE PRODUCE LA FORMAZIONE DI GERMOGLI RALLENTA L INVECCHIAMENTO

Dettagli

IL PROBLEMA DELLE CAPITOZZATURE SUGLI ALBERI NEI CENTRI URBANI E LUNGO LE STRADE

IL PROBLEMA DELLE CAPITOZZATURE SUGLI ALBERI NEI CENTRI URBANI E LUNGO LE STRADE IL PROBLEMA DELLE CAPITOZZATURE SUGLI ALBERI NEI CENTRI URBANI E LUNGO LE STRADE Una quercia capitozzata e ridotta a un albero dalla forma innaturale, privo di valore estetico e ambientale La potatura

Dettagli

( Da Marcuzzo, modificata )

( Da Marcuzzo, modificata ) ( Da Marcuzzo, modificata ) Curva cumulata N P K ( foglie, grappoli e germogli ) Macroeleme nti (Da Porro) Elemento N P K Ca Mg Funzioni fisiologiche per la Vite ( da Fregoni, rielaborata) Elemento che

Dettagli

Altri materiali biodegradabili: segatura, trucioli di legno non trattato, tovagliolini di carta bianchi

Altri materiali biodegradabili: segatura, trucioli di legno non trattato, tovagliolini di carta bianchi 1. Cos è Il compostaggio è il risultato di un nuovo modo di trattare i rifiuti organici e vegetali. È semplice: noi tutti produciamo una certa quantità di rifiuti ogni giorno. Parte dei rifiuti prodotti

Dettagli

Azione 1- Italiano come L2-La lingua per studiare

Azione 1- Italiano come L2-La lingua per studiare Azione 1- Italiano come L2-La lingua per studiare Disciplina:Scienze Livello:A2-B1 COME SI NUTRE UNA PIANTA? Gruppo 6 Autori:Albanello Aida, Peretti Chiara, Pontara Susanna, Pignataro Stefania. Destinatari:Percorso

Dettagli

si comporta come perenne grazie alla sua propagazione attraverso i tuberi

si comporta come perenne grazie alla sua propagazione attraverso i tuberi LA PATATA Famiglia delle solanacee Genere solanum Pianta erbacea coltivata come annuale ma che in natura si comporta come perenne grazie alla sua propagazione attraverso i tuberi I fiori sono riuniti a

Dettagli

La macchia mediterranea. Creato da Francesco e Samuele.

La macchia mediterranea. Creato da Francesco e Samuele. La macchia mediterranea Creato da Francesco e Samuele. La macchia mediterranea La macchia mediterranea si chiama così perché é formata da vegetazione che ama i terreni asciutti, il sole, molta luce, un

Dettagli

La prima cosa che dovremmo ricordarci pensando ad un

La prima cosa che dovremmo ricordarci pensando ad un COME FUNZIONA UN ALBERO di Mario Carminati e Massimo Ranghetti La prima cosa che dovremmo ricordarci pensando ad un albero è che si tratta di un essere vivente, proprio come noi. È un fatto scontato, certo,

Dettagli

La difesa antibrina soprachioma

La difesa antibrina soprachioma Breve nota di tecnica di difesa attiva antibrina Arpa-Simc Area Agrometeorologia e Territorio (Dai risultati del progetto DISGELO) Le tecniche di difesa attiva di maggior interesse si basano principalmente

Dettagli

Misura del vento: la velocità

Misura del vento: la velocità Il vento Il vento si origina in seguito a differenze di pressione, che ne rappresentano la forza motrice, a loro volta derivanti principalmente da differenze di temperatura tra masse di aria. Il vento

Dettagli

Alla ricerca delle piante minacciate

Alla ricerca delle piante minacciate Estinzione e conservazione Unità didattica 4 Alla ricerca delle piante minacciate Durata 4 ore (1 ora al giorno) Materiali - Liste rosse (vedi nelle note per gli insegnanti) - computer - quaderno di scienze

Dettagli

IL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

IL COMPOSTAGGIO DOMESTICO IL COMPOSTAGGIO DOMESTICO EMERGENZA RIFIUTI RACCOLTA DIFFERENZIATA IL PESO DEI RIFIUTI Le sostanze organiche rappresentano circa 1/3 dei rifiuti prodotti, aumentando così la già ingente quantità di rifiuti

Dettagli

Finalmente una soluzione semplice e affidabile per il dirado di melo e pero: Brevis per ottimizzare il tuo profitto grazie a produzioni di qualità.

Finalmente una soluzione semplice e affidabile per il dirado di melo e pero: Brevis per ottimizzare il tuo profitto grazie a produzioni di qualità. Finalmente una soluzione semplice e affidabile per il dirado di melo e pero: Brevis per ottimizzare il tuo profitto grazie a produzioni di qualità. Scheda tecnica N. registrazione n. 16084 del 16/05/2014

Dettagli

Modalità di potatura del pioppeto per l ottimizzazione della qualità del legno. Gianni Facciotto

Modalità di potatura del pioppeto per l ottimizzazione della qualità del legno. Gianni Facciotto CRA-PLF FUORI FORESTA Incontro tecnico sulla pioppicoltura Modalità di potatura del pioppeto per l ottimizzazione della qualità del legno Gianni Facciotto Martedì 13 dicembre 201 Cremona Sommario La ramificazione

Dettagli

CICLO DELL ACQUA. Marco Carozzi

CICLO DELL ACQUA. Marco Carozzi CICLO DELL ACQUA Marco Carozzi Sommario Ciclo biogeochimico La molecola d acqua: breve introduzione Ciclo dell acqua ed elementi del ciclo evaporazione, evapotraspirazione, condensazione, precipitazioni,

Dettagli

MAIS CICLO BIOLOGICO

MAIS CICLO BIOLOGICO MAIS CICLO BIOLOGICO 1 C I C L O B I O L O G I C O 2 3 GERMINAZIONE - EMERGENZA In condizioni adatte di umidità, di temperatura e di arieggiamento, il seme assorbe acqua e inizia la mobilitazione delle

Dettagli

Unità di Apprendimento ideata da Sabrina Ercolani nell'ambito dell'attività per l'integrazione.

Unità di Apprendimento ideata da Sabrina Ercolani nell'ambito dell'attività per l'integrazione. Unità di Apprendimento ideata da Sabrina Ercolani nell'ambito dell'attività per l'integrazione. Destinatario: alunno con deficit cognitivo di grado lieve e sindrome ipercinetica da danno cerebrale lieve

Dettagli

DALLA MATURAZIONE DEL POLLINE AL SUO ATTERRAGGIO

DALLA MATURAZIONE DEL POLLINE AL SUO ATTERRAGGIO DALLA MATURAZIONE DEL POLLINE AL SUO ATTERRAGGIO ASPETTI ECOFISIOLOGICI Da una lezione tenuta nel 2010 a UniFE del Prof. ETTORE PACINI dell Università di Siena 1 2 Sezione trasversale di antera di Allium

Dettagli

C E INCENDIO E INCENDIO

C E INCENDIO E INCENDIO C E INCENDIO E INCENDIO Generalmente si distinguono due tipi di incendio per stabilire chi deve intervenire per lo spegnimento: incendi che bruciano le cose dell uomo - si chiama ed intervengono i incendi

Dettagli

Foliage. gli alberi e i colori dell autunno

Foliage. gli alberi e i colori dell autunno Foliage gli alberi e i colori dell autunno Dopo l estate arriva una stagione critica anche se le foglie sono ancora perfettamente funzionanti, l albero sa che deve allontanarle da sé Lo abbiamo visto nei

Dettagli

PIANTE ARBOREE: ORGANOGRAFIA DELLA PARTE EPIGEA

PIANTE ARBOREE: ORGANOGRAFIA DELLA PARTE EPIGEA PIANTE ARBOREE: ORGANOGRAFIA DELLA PARTE EPIGEA La parte epigea (al disopra della superficie del terreno) è collegata alla parte ipogea della pianta attraverso il COLLETTO È composta da organi legnosi

Dettagli

2.1.2 Arboricoltura da legno con specie di pregio e cicli produttivi medio lunghi. RISPOSTE ALLA POTATURA DI SPECIE DI PREGIO NOCE E CILIEGIO

2.1.2 Arboricoltura da legno con specie di pregio e cicli produttivi medio lunghi. RISPOSTE ALLA POTATURA DI SPECIE DI PREGIO NOCE E CILIEGIO 2.1.2 Arboricoltura da legno con specie di pregio e cicli produttivi medio lunghi. RISPOSTE ALLA POTATURA DI SPECIE DI PREGIO NOCE E CILIEGIO Responsabile: Mario Pividori - Dip. TESAF (UNIPD) 049 8272711

Dettagli

H2O ACCADUEO 2014. Acqua e produzioni alimentari: scenari, tecnologie, politiche

H2O ACCADUEO 2014. Acqua e produzioni alimentari: scenari, tecnologie, politiche H2O ACCADUEO 2014 Acqua e produzioni alimentari: scenari, tecnologie, politiche IL PUNTO DI VISTA DEI PRODUTTORI Sala Madrigale Bologna Fiere 23 Ottobre 2014 Giampiero Reggidori APOCONERPO-OP Filiera dell

Dettagli

Il controllo della produzione in olivo mediante forma di allevamento e potatura (Parte VII)

Il controllo della produzione in olivo mediante forma di allevamento e potatura (Parte VII) Pannelli G., Pandolfi S., 2007. Storia della potatura. 7) Vaso dicotomico come riformarlo. Olivo e Olio, 2: 40-44. Il controllo della produzione in olivo mediante forma di allevamento e potatura (Parte

Dettagli

Bollettino Agrometeorologico Viticoltura

Bollettino Agrometeorologico Viticoltura Viale Bornata 11 25123 Brescia tel 3.362285-3677 assistenzatecnica@centrovitivinicoloprovinciale.it Bollettini e schede del Manuale di Viticoltura del CVP su: www.centrovitivinicoloprovinciale.it - BOLLETTINO

Dettagli

Modalità di potatura del pioppeto per l ottimizzazione della qualità del legno. Gianni Facciotto

Modalità di potatura del pioppeto per l ottimizzazione della qualità del legno. Gianni Facciotto CRA-PLF FUORI FORESTA Incontro tecnico sulla pioppicoltura Modalità di potatura del pioppeto per l ottimizzazione della qualità del legno Gianni Facciotto Martedì 13 dicembre 201 Cremona Sommario La ramificazione

Dettagli

BUSINESS PLAN IMPIANTO DI PAULOWNIA

BUSINESS PLAN IMPIANTO DI PAULOWNIA BUSINESS PLAN IMPIANTO DI PAULOWNIA BUSINESS PLAN IMPIANTO DI PAULOWNIA clone 112. La coltivazione di paulownia, presenta le seguenti principali caratteristiche: a) Facilità colturale; b) Adattabilità

Dettagli

A COSA SERVE IL FUSTO? Il fusto si trova fuori dal terreno e serve a

A COSA SERVE IL FUSTO? Il fusto si trova fuori dal terreno e serve a A COSA SERVE IL FUSTO? Il fusto si trova fuori dal terreno e serve a sostenere la pianta contenere i vasi in cui scorre la linfa Il fusto tende sempre a crescere verso l alto. Ci sono diversi tipi di fusto:

Dettagli

S MAP Notizie SINTOMI DEGLI SCOPAZZI DEL MELO. Scopazzi del melo - Apple proliferation. Anno 1 Numero 2 Octobre 2006

S MAP Notizie SINTOMI DEGLI SCOPAZZI DEL MELO. Scopazzi del melo - Apple proliferation. Anno 1 Numero 2 Octobre 2006 S MAP Notizie Scopazzi del melo - Apple proliferation Anno 1 Numero 2 Octobre 2006 Sommario Istituto Agrario di San Michele Centro Sperimentale Via E. Mach 1 38010 San Michele all Adige (TN) SINTOMI DEGLI

Dettagli

MA OLTRE ALLE VARIETA E MOLTO IMPORTANTE CONOSCERE IL CICLO VEGETATIVO DELL OLIVO E LA SUA COLTIVAZIONE

MA OLTRE ALLE VARIETA E MOLTO IMPORTANTE CONOSCERE IL CICLO VEGETATIVO DELL OLIVO E LA SUA COLTIVAZIONE MA OLTRE ALLE VARIETA E MOLTO IMPORTANTE CONOSCERE IL CICLO VEGETATIVO DELL OLIVO E LA SUA COLTIVAZIONE IN..PRIMAVERA. LA PRIMAVERA CORRISPONDE AL RISVEGLIO VEGETATIVO DELLA PIANTA DOPO LA PAUSA DEI MESI

Dettagli

Cenni sulle principali operazioni di potatura di alcune piante da frutto. 1 febbraio 2014

Cenni sulle principali operazioni di potatura di alcune piante da frutto. 1 febbraio 2014 Cenni sulle principali operazioni di potatura di alcune piante da frutto 1 febbraio 2014 Ma prima.un po di. Riscaldamento intellettuale... Cosa sono.. Le gemme? Sono organi vegetativi che rappresentano

Dettagli

II incontro autunnale-2e

II incontro autunnale-2e ALBERI nel loro ambiente II incontro autunnale-2e UTE aa 2014-2015 Bollate - Novate Giovanni Regiroli - biologo Ultimo capitolo: le buone e le cattive pratiche nell impianto, nella potatura, nel mantenimento,

Dettagli

Famiglia delle. Cucurbitaceae. Melone Cucumis melo L.

Famiglia delle. Cucurbitaceae. Melone Cucumis melo L. Famiglia delle Cucurbitaceae Melone Cucumis melo L. - Ortaggio di importante valore diatetico per l elevato contenuto di Vitamina A e Vitamina C, e per la ridotta quantità di calorie (33 calorie per 100

Dettagli

SCIENZE CLASSE PRIMA

SCIENZE CLASSE PRIMA CLASSE PRIMA IL MONDO ATTRAVERSO I CINQUE SENSI 1. Conoscere lo schema corporeo: individuare e denominare le parti principali del corpo umano. 2. Conoscere i cinque sensi: sperimentare, attraverso attività

Dettagli

POTATURA DEL PLATANO A SENIGALLIA

POTATURA DEL PLATANO A SENIGALLIA POTATURA DEL PLATANO A SENIGALLIA Gruppo di lavoro Davide Neri (prof. Arboricoltura Università Politecnica delle Marche) Alberto Minelli (prof. Parchi e giardini Università di Bologna) Stefano Api (geometra

Dettagli

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni favorevoli per il taglio di legname da costruzione e uso falegnameria.

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni favorevoli per il taglio di legname da costruzione e uso falegnameria. Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni favorevoli per il taglio di legname da costruzione e uso falegnameria. Gli alberi dai quali si ricava legname da costruzione e per la fabbricazione

Dettagli

GIARDINO. Come potare tecniche ed attrezzi

GIARDINO. Come potare tecniche ed attrezzi GIARDINO 00 Come potare tecniche ed attrezzi 1 Le tecniche di potatura 1. I tagli devono essere praticati con utensili ben affilati altrimenti si formano bordi schiacciati e sfrangiati che cicatrizzano

Dettagli

PERCORSO DIDATTICO SUL FUSTO E SULLA GEMMA

PERCORSO DIDATTICO SUL FUSTO E SULLA GEMMA PERCORSO DIDATTICO SUL FUSTO E SULLA GEMMA Daniela Basosi, Lucia Lachina 1 2011 1) DESCRIVERE UN FUSTO LEGNOSO Procuratevi un ramo di albero da frutto e chiedete ai ragazzi di descriverlo. Fate discutere

Dettagli

COMUNE DI CREAZZO (VI) Incontri pubblico COMPOSTAGGIO DOMESTICO

COMUNE DI CREAZZO (VI) Incontri pubblico COMPOSTAGGIO DOMESTICO COMUNE DI CREAZZO (VI) Incontri pubblico COMPOSTAGGIO DOMESTICO SCOPO DEGLI INCONTRI Fornire informazioni sulle modalità operative per la realizzazione del compostaggio domestico Fornire indicazioni sulle

Dettagli

APPLICAZIONI PRATICHE SULLE SPECIE AGRARIE COLTURE ORTICOLE

APPLICAZIONI PRATICHE SULLE SPECIE AGRARIE COLTURE ORTICOLE APPLICAZIONI PRATICHE SULLE SPECIE AGRARIE COLTURE ORTICOLE Cipolla La sensibilità della cipolla nei confronti della disponibilità di acqua è notevole. Ciò è determinato dall apparato radicale che tende

Dettagli

BOSCHI E BIODIVERSITÀ. Rete Natura 2000

BOSCHI E BIODIVERSITÀ. Rete Natura 2000 BOSCHI E BIODIVERSITÀ Introduzione I boschi sono un patrimonio di tutti. Li vediamo, li attraversiamo, li ammiriamo e li utilizziamo. Ma vanno anche tutelati: sono ecosistemi complessi dove molte forme

Dettagli

ACTINIDIA E GELATE: METODI DI PREVISIONE E MEZZI DI DIFESA. Andrea Cicogna Centro Servizi Agrometeorologici ERSA

ACTINIDIA E GELATE: METODI DI PREVISIONE E MEZZI DI DIFESA. Andrea Cicogna Centro Servizi Agrometeorologici ERSA ACTINIDIA E GELATE: METODI DI PREVISIONE E MEZZI DI DIFESA Andrea Cicogna Centro Servizi Agrometeorologici ERSA Mariangela Sandra Università di Udine PREMESSA Le gelate, pur non rappresentando un avversità

Dettagli

Guida alla concimazione

Guida alla concimazione Guida alla concimazione OLIVO 1 PREMESSA La Guida alla Concimazione, di breve e semplice consultazione, scientificamente corretta, non vuole essere un strumento esaustivo per tutti i casi verificabili

Dettagli

RICCADONA OSCAR DANIELE Centro Forniture Giardinaggio

RICCADONA OSCAR DANIELE Centro Forniture Giardinaggio RICCADONA OSCAR DANIELE Centro Forniture Giardinaggio Via Volpare 104/B - 37069 Villafranca di Verona (VR) IT tel. / fax (+39) 045 6300192 - cell. (+39) 348 0069434 website: www.riccadona.it e-mail: info@riccadona.it

Dettagli

Soia. (Glicine max (L.) Merr.)

Soia. (Glicine max (L.) Merr.) Soia (Glicine max (L.) Merr.) Soia (Glicine max (L.) Merr.) La soia è la più importante fonte vegetale di olio e di proteine per uso alimentare a livello mondiale In Italia la coltura della soia oggi è

Dettagli

ANIMALI. Gli ormoni sono sostanze organiche naturali che, a basse concentrazioni, influenzano profondamente dei processi fisiologici

ANIMALI. Gli ormoni sono sostanze organiche naturali che, a basse concentrazioni, influenzano profondamente dei processi fisiologici GLI ORMONI VEGETALI ANIMALI Gli ormoni sono sostanze organiche naturali che, a basse concentrazioni, influenzano profondamente dei processi fisiologici sono sintetizzati in organi o tessuti specifici sono

Dettagli

Concimare senza sprechi, con la massima efficacia, salvaguardando la natura. melo, pero, kiwi. schede colturali - volume 4

Concimare senza sprechi, con la massima efficacia, salvaguardando la natura. melo, pero, kiwi. schede colturali - volume 4 Concimare senza sprechi, con la massima efficacia, salvaguardando la natura melo, pero, kiwi schede colturali - volume 4 I prodotti che AGM fabbrica con destinazione speciale per frutteti, sono stati testati

Dettagli

Danni da neve sulla quercia da sughero Tipologia e interventi di recupero.

Danni da neve sulla quercia da sughero Tipologia e interventi di recupero. Agenzia regionale per la ricerca in agricoltura Dipartimento della ricerca per il sughero e la silvicoltura Tempio Pausania Danni da neve sulla quercia da sughero Tipologia e interventi di recupero. Rilievi

Dettagli

CORSI DIDATTICI PER AMATORI 2010-2011

CORSI DIDATTICI PER AMATORI 2010-2011 PROGRAMMA DEI CORSI DIDTICI PER AMORI 2010-2011 Uffici e Laboratori: Via delle Vignazze, 1-21010 GOLASECCA (VA) - ITALY 1/9 PROPOSTA DI CORSI DIDTICI DI GIARDINAGGIO Il settore del giardinaggio e della

Dettagli

Forme Di allevamento e tecniche Di Potatura nuovi orientamenti Per Gli impianti Di melo scelta Del materiale ViVaistico

Forme Di allevamento e tecniche Di Potatura nuovi orientamenti Per Gli impianti Di melo scelta Del materiale ViVaistico NUOVI ORIENTAMENTI PER GLI IMPIANTI DI MELO SCELTA DEL MATERIALE VIVAISTICO Il continuo miglioramento delle tecniche vivaistiche nella moltiplicazione delle piante da frutto ha portato all ottenimento

Dettagli

Newsletter frumento tenero e duro Newsletter n 4 2015 Piacenza, 8 aprile

Newsletter frumento tenero e duro Newsletter n 4 2015 Piacenza, 8 aprile Newsletter frumento tenero e duro Newsletter n 4 2015 Piacenza, 8 aprile Gentile utente, grano.net e granoduro.net sono servizi web interattivi sviluppati da Horta e nati con la funzione di fornire supporti

Dettagli

CASO-STUDIO 1 Coltivazione di mais NON-IRRIGUO su cover-crop di leguminosa (VECCIA)

CASO-STUDIO 1 Coltivazione di mais NON-IRRIGUO su cover-crop di leguminosa (VECCIA) SEMINA su SODO CASO-STUDIO 1 Coltivazione di mais NON-IRRIGUO su cover-crop di leguminosa (VECCIA) Il presente caso studio è stato sviluppato da AIPAS nell ambito di un progetto europeo di educazione ambientale

Dettagli

23 luglio. 9 luglio. 27 settembre. 27 agosto. 6 agosto

23 luglio. 9 luglio. 27 settembre. 27 agosto. 6 agosto 9 luglio 23 luglio 6 agosto 27 agosto 27 settembre il tasso di sviluppo e la qualità delle gemme a fiore decresce con : stress idrico alte temperature carenze nutrizionali defogliazione danni da freddo

Dettagli

La scuola integra culture. Scheda3c

La scuola integra culture. Scheda3c Scheda3c Gli ELEMENTI DEL CLIMA che caratterizzano le condizioni meteorologiche di una regione sono: la temperatura, la pressione atmosferica, i venti, l umidità e le precipitazioni. La temperatura è data

Dettagli

SERRA SUD AFRICA: NOTE DI COLTIVAZIONE

SERRA SUD AFRICA: NOTE DI COLTIVAZIONE SERRA SUD AFRICA: NOTE DI COLTIVAZIONE La Serra Nuova dedicata ad alcuni ambienti del Sud Africa rappresenta una delle sfide più ardue per chi lavora nell Orto Botanico di Torino. Su una superficie di

Dettagli

Il metodo Peyracchia. Fig. 1 I fratelli Peyracchia di Verzuolo

Il metodo Peyracchia. Fig. 1 I fratelli Peyracchia di Verzuolo Actinidia Il metodo Peyracchia Coltivata in Piemonte, in particolare nel cuneese da quasi un trentennio, l actinidia non ha subito grossi mutamenti per quanto riguarda la forma di allevamento: infatti

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNO SCOLASTICO 2014/2015

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 L Isola che non c è Asilo Nido Via Dublino, 34 97100 Ragusa Partita Iva: 01169510888 Tel. / Fax 0932-25.80.53 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 1 Prima unità di apprendimento: Settembre

Dettagli