FACOLTÀ DI ECONOMIA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN ECONOMIA AZIENDALE TESI DI LAUREA ECONOMIA DELLE AZIENDE NON PROFIT

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "FACOLTÀ DI ECONOMIA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN ECONOMIA AZIENDALE TESI DI LAUREA ECONOMIA DELLE AZIENDE NON PROFIT"

Transcript

1 FACOLTÀ DI ECONOMIA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN ECONOMIA AZIENDALE TESI DI LAUREA IN ECONOMIA DELLE AZIENDE NON PROFIT DALLA FILANTROPIA ISTITUZIONALE ALL INTERMEDIAZIONE FILANTROPICA: IL CASO DELLE «FONDAZIONI DI COMUNITÀ» Relatore Prof.ssa ANTONIETTA COSENTINO Laureando MARCO CARONI Correlatore Prof.ssa DANIELA COLUCCIA Anno Accademico

2 «È un vero peccato che impariamo le lezioni della vita solo quando non ci servono più.» (Oscar Wilde, Il ventaglio di Lady Windermere)( 1 ) ( 1 ) WILDE O., Aforismi, Mondadori, Milano, 2010, pag. 4.

3 SIMONE MARTINI LA DIVISIONE DEL MANTELLO (Assisi, 1317)( 2 ) ( 2 ) La divisione del mantello è un affresco (265 x 230 cm) di Simone Martini (Siena, Avignone, 1344) facente parte della decorazione della Cappella di San Martino nella Basilica Inferiore di San Francesco ad Assisi. L opera ritrae una scena delle Storie di Martino, vescovo di Tours. In una fredda giornata invernale, Martino, mentre stava uscendo da una porta civica di Amiens, venne avvicinato da un pover uomo con pochi stracci addosso e molto infreddolito. Non appena Martino lo vide, con un deciso colpo di spada squarciò il suo mantello in due parti, offrendone una al mendicante, nel quale Gesù si era incarnato. Fonte: in

4 Alla cara memoria dei miei genitori

5 INDICE INDICE INTRODUZIONE PAG. XIII RINGRAZIAMENTI» XVIII CAPITOLO PRIMO LE AZIENDE NON PROFIT 1. IL TERZO SETTORE : LINEAMENTI SOCIOLOGICI» LE STRUTTURE DEL TERZO SETTORE 1.2. LA CULTURA 1.3. LA NORMATIVITÀ 1.4. L ORGANIZZAZIONE OPERATIVA 1.5. IL RUOLO SOCIETARIO» 4» 5» 5» 5» I CRITERI DEFINITORI» 8 2. LE ORGANIZZAZIONI AZIENDALI» I CRITERI DI CLASSIFICAZIONE» LA CLASSIFICAZIONE IN BASE AL SOGGETTO GIURIDICo LA CLASSIFICAZIONE IN BASE AL SOGGETTO ECONOMICO LA CLASSIFICAZIONE IN BASE AL FINE»»» LA CLASSIFICAZIONE IN BASE ALLA DESTINAZIONE DELLA PRODUZIONE» LA TIPOLOGIA DELLE AZIENDE NON PROFIT» L IMPRESA 3.2. L AZIENDA DI AUTOPRODUZIONE 3.3. L AZIENDA FILANTROPICO-EROGATIVA» 15» 17» 18 V

6 INDICE 3.4. L IMPRESA SOCIALE PAG LA QUALIFICAZIONE ECONOMICO-SOCIALE DELLE AZIENDE NON PROFIT» LE TEORIE SULLA FORMAZIONE DELLE AZIENDE NON PROFIT» LA TEORIA DEL FALLIMENTO DELLO STATO : IL MODELLO DELL ELETTORE MEDIANO DI WEISBROD» LA TEORIA DEL FALLIMENTO DEL CONTRATTO DI HANSMANN 5.3. ALTRE TEORIE SULLE AZIENDE NON PROFIT» 26» LE FONDAZIONI: DEFINIZIONE ED ELEMENTI COSTITUTIVI» L ATTO DI FONDAZIONE 6.2. LO STATUTO 6.3. IL PATRIMONIO 6.4. LO SCOPO» 33» 34» 34» LA TASSONOMIA DELLE FONDAZIONI» LA CLASSIFICAZIONE IN BASE AL CRITERIO FUNZIONALE» LE FONDAZIONI DI GESTIONE (OPERATING FOUNDATION) LE FONDAZIONI DI EROGAZIONE (GRANT-MAKING FOUNDATION) LE FONDAZIONI DI COMUNITÀ (COMMUNITY FOUNDATION) LE FONDAZIONI D IMPRESA (CORPORATE FOUNDATION) 7.2. LA CLASSIFICAZIONE IN BASE AI MODELLI GIURIDICI ADOTTATI LE FONDAZIONI DI DIRITTO COMUNE LE FONDAZIONI DI PARTECIPAZIONE LE FONDAZIONI DI DIRITTO SPECIALE»»»»»»»» VI

7 INDICE CAPITOLO SECONDO L INTERMEDIAZIONE FILANTROPICA 1. LA FILANTROPIA ISTITUZIONALE PAG GLI STRUMENTI DI PERSEGUIMENTO DEGLI OBIETTIVI FILANTROPICI» LA GESTIONE DIRETTA 2.2. LA DONAZIONE DELLE RISORSE AD UN ENTE SPECIFICO 2.3. LA COSTITUZIONE DI UN ASSOCIAZIONE 2.4. LA COSTITUZIONE DI UNA FONDAZIONE» 45» 45» 46» L INTERMEDIAZIONE FILANTROPICA» IL CONCETTO DI «COMUNITÀ» 3.2. L INFRASTRUTTURAZIONE SOCIALE DEL TERRITORIO» 47» LA TEORIA DEL CICLO DI VITA DELLE FONDAZIONI DI COMUNITÀ» IL CAPITALE SOCIALE DELLE FONDAZIONI DI COMUNITÀ» LE FONDAZIONI DI COMUNITÀ COME «INTERMEDIARI FIDUCIARI»» IL «MERCATO» DELLE DONAZIONI» LE DONAZIONI DIRETTE 7.2. LE DONAZIONI INDIRETTE DONAZIONI AD INTERMEDIARI OPERATIVI DONAZIONI AD INTERMEDIARI FINANZIARI FILANTROPICI» 56» 57» 57» LE CAUSE DI FORMAZIONE DEGLI INTERMEDIARI FILANTROPICI» LE ASIMMETRIE INFORMATIVE 8.2. I COSTI DI TRANSAZIONE» LE DIMENSIONI DELLE DONAZIONI» 58» I VANTAGGI FISCALI» I PROBLEMI DI AGENZIA TRA I DONATORI E L INTERMEDIARIO FINANZIARIO FILANTROPICO» INTERMEDIARI FINANZIARI FILANTROPICI NATI DA UNA SOLA GRANDE DONAZIONE» 64 VII

8 INDICE 9.2. INTERMEDIARI FINANZIARI FILANTROPICI NATI DA MOLTE PICCOLE DONAZIONI 9.3. VINCOLO DI NON DISTRIBUZIONE DEI PROFITTI LA TEORIA NEO-ISTITUZIONALISTA DELL IMPRESA IL CASO DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI FILANTROPICI 9.4. REGOLAZIONE DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI FILANTROPICI PAG.»»»» LE PROBLEMATICHE DI GOVERNANCE DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI FILANTROPICI» 70 CAPITOLO TERZO LE FONDAZIONI DI COMUNITÀ 1. LA GOVERNANCE DELLE FONDAZIONI DI COMUNITÀ» GLI STAKEHOLDERS DELLE FONDAZIONI DI COMUNITÀ LOCALI» I RAPPORTI TRA LA FONDAZIONE DI COMUNITÀ E GLI ENTI LOCALI» GLI ORGANI ISTITUZIONALI» IL PRESIDENTE E IL VICE PRESIDENTE 3.2. IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE 3.3. IL SEGRETARIO GENERALE (O DIRETTORE GENERALE) 3.4. IL COLLEGIO DEI REVISORI 3.5. IL COMITATO ESECUTIVO 3.6. IL COLLEGIO DEI PROBIVIRI 3.7. IL COMITATO DEI DONATORI» 82» 82» 85» 85» 86» 86» LE EROGAZIONI E LE DONAZIONI: ASPETTI INTRODUTTIVI» GLI STRUMENTI DELLE DONAZIONI» I BENEFICI FISCALI» LE TIPOLOGIE DI FONDI» 93 VIII

9 INDICE 7. LE PROCEDURE DI EROGAZIONE DEI CONTRIBUTI PAG L EROGAZIONE A SPORTELLO 7.2. IL BANDO APERTO 7.3. IL BANDO CHIUSO 7.4. IL BANDO CON RACCOLTA 7.5. L EROGAZIONE CON RISULTATO 7.6. L ATTIVITÀ EROGATIVA SOTTO ALTRE FORME 7.7. IL MODELLO OPERATIVO DELL ATTIVITÀ EROGATIVA DELLA FONDAZIONE COMUNITARIA NORD MILANO» 98» 98» 99» 99» 99» 100» I PROBLEMI DI GOVERNO DELLE FONDAZIONI DI COMUNITÀ» 102 CAPITOLO QUARTO LE FONDAZIONI COMUNITARIE IN ITALIA 1. IL PROGETTO FONDAZIONI DI COMUNITÀ DELLA FONDAZIONE CARIPLO» L ORIGINE 1.2. LE LINEE GUIDA DEL PROGETTO 1.3. LA MISSION 1.4. L «EROGAZIONE SFIDA» 2. LA PROCEDURA DI COSTITUZIONE DI UNA FONDAZIONE» 106» 107» 112» 113 COMUNITARIA» IL COMITATO D ONORE 2.2. IL COMITATO PROMOTORE» 115» I SETTORI DI INTERVENTO» L ACCOUNTABILITY» LA RENDICONTAZIONE ECONOMICO-FINANZIARIA NELLA NORMATIVA CIVILISTICA 4.2. LA RENDICONTAZIONE ECONOMICO-FINANZIARIA NELLA NORMATIVA FISCALE»» IX

10 INDICE 4.3. LA CLASSIFICAZIONE DEI BILANCI «ETICI» 4.4. IL BILANCIO DI MISSIONE 4.5. IL RAPPORTO ANNUALE DELLE FONDAZIONI DI COMUNITÀ PAG. 5. UN MODELLO ITALIANO DI COMMUNITY FOUNDATION?» LA PROCEDURA DI NOMINA DEI CONSIGLIERI DI AMMINISTRAZIONE» IL REGOLAMENTO DEL COMITATO DI NOMINA 6.2. LA PROCEDURA DI EVIDENZA PUBBLICA PER L ELEZIONE DEI»» CONSIGLIERI DI DIRETTA COMPETENZA DELLE DIVERSE AUTORITÀ PUBBLICHE» L ASSOCIAZIONE ITALIANA FONDAZIONI ED ENTI DI EROGAZIONE (ASSIFERO)» LE LINEE STRATEGICHE» LE POSSIBILI DIRETTRICI DI SVILUPPO» 142 CAPITOLO QUINTO I MODELLI FONDAZIONALI: UN CONFRONTO TRA ESPERIENZE INTERNAZIONALI 1. L ADATTABILITÀ DEL MODELLO AI DIVERSI CONTESTI SOCIALI, CULTURALI ED ECONOMICI» LE COMMUNITY FOUNDATIONS NEGLI STATI UNITI» LA CLEVELAND FOUNDATION 2.2. LINEAMENTI GENERALI» 149» LE COMMUNITY FOUNDATIONS IN GRAN BRETAGNA» LE BÜRGERSTIFTUNG IN GERMANIA» LA STADT STIFTUNG GÜTERSLOH» LA FONDATION DE FRANCE» 161 CONCLUSIONI» 165 X

11 INDICE BIBLIOGRAFIA 1. AGENZIA PER IL TERZO SETTORE PAG AGENZIA DELLE ENTRATE» ASSOCIAZIONE DI FONDAZIONI E DI CASSE DI RISPARMIO» MONOGRAFIE» SAGGI» ARTICOLI, RIVISTE E PERIODICI» ATTI DI CONVEGNI E SEMINARI» RAPPORTI E RICERCHE» ENCICLICHE PAPALI» ALTRE FONTI» STATUTI, REGOLAMENTI E RAPPORTI ANNUALI» SITI INTERNET ISTITUZIONALI DELLE FONDAZIONI DI COMUNITÀ» 198 NOTA REDAZIONALE: QUESTA TESI SI COMPONE DI 220 PAGINE. XI

12 INTRODUZIONE

13 INTRODUZIONE La crisi finanziaria( 1 ) che dagli anni settanta ha colpito lo Stato, ha determinato la progressiva crisi del welfare state( 2 ) e dei modelli di intervento che esso aveva sviluppato. La crisi dello stato sociale è profonda e ben difficilmente potrà essere superata senza un radicale ripensamento dell intero modello di welfare che coinvolga anche il «paradigma che ha guidato la costruzione dello stato sociale in questi ultimi secoli, la cui pietra angolare deve essere cercata proprio nel concetto di diritto soggettivo. [ ] L idea che la giustizia possa essere perseguita attraverso la soddisfazione dei diritti soggettivi si è infatti rivelata un astrazione.»( 3 Questa situazione ha aperto la strada all introduzione di nuove metodologie di azione in campo sociale che s ispirano ai modelli sviluppati dalla filantropia( istituzionale americana all inizio del XX. La società civile( attore sociale: le community foundations. 5 ). ) italiana, pertanto, è stata recentemente innervata da un nuovo 4 ) ( 1 ) La crisi finanziaria del settore pubblico, o crisi fiscale dello Stato, si manifesta nel fatto che, mentre le spese pubbliche aumentano progressivamente, le corrispondenti entrate tributarie non aumentano in misura corrispondente. In particolare «l attività economica pubblica deve essere in qualche modo finanziata. [ ] la crescita assai sostenuta delle attività pubbliche ha posto il problema di una adeguata crescita delle entrate tributarie necessarie al loro finanziamento. Anche se le entrate tributarie sono molto cresciute, esse non sono state sufficienti a finanziare completamente la spesa, e si è dovuto quindi ricorrere all emissione di moneta e all indebitamento pubblico per colmare il deficit. [ ] Ciò significa che [ ] un terzo della spesa pubblica è stato finanziato col ricorso al debito o con l emissione di moneta. [ ] la massa di debito pubblico adesso in circolazione ha quasi raggiunto la consistenza del reddito nazionale; la pericolosità della situazione è evidente se si pensa da un lato all ingente massa di interessi da pagare sul debito pubblico, e dall altro al fatto che l equilibrio finanziario dello Stato dipende, ogni anno, dalla propensione dei detentori di debito a rinnovare i titoli in scadenza, e a sottoscriverne di nuovi per un ammontare pari al deficit dell anno stesso.»: FOSSATI A., Economia Pubblica, FrancoAngeli, Milano, 1999, pagg ( 2 ) Il termine welfare viene «sovente usato con riferimento al concetto di Stato del benessere, ovvero quell insieme di processi decisionali, azioni e contesti istituzionali, variamente organizzati, attraverso cui gli Stati sviluppano politiche sociali orientate a creare situazioni di sicurezza per i cittadini e a ridurre le disuguaglianze nell accesso alle risorse.»: AGENZIA PER IL TERZO SETTORE (a cura di), Il Terzo settore dalla A alla Z. Parole e volti del non profit, Editrice San Raffaele, Milano, 2011, pag ( 3 ) CASADEI B., Filantropia istituzionale e dignità della persona, in «Studi Zancan», Fondazione «Emanuela Zancan», Padova, n. 6, novembre/dicembre 2011, pag ( 4 ) La parola filantropia «deriva dal greco e indica un sentimento di amore (philía) nei confronti dell uomo (ánthropos). La filantropia è, dunque, un sentimento di amore e interesse per il prossimo, che si traduce in atti di fattiva solidarietà, normalmente nell elargizione di una somma di denaro a favore di una determinata causa o persona.»: AGENZIA PER IL TERZO SETTORE (a cura di), Il Terzo settore dalla A alla Z. Parole e volti del non profit, op. cit., pag ( 5 ) L espressione società civile connota il «rapporto tra la soggettività dei cittadini e dello Stato e si caratterizza per il riconoscimento, da parte dell ordinamento, di una serie di diritti di libertà, garantiti costituzionalmente e politicamente attraverso il riconoscimento di diritti politici attivi e passivi.»: IBIDEM, op. cit., pag XIII

14 INTRODUZIONE Queste entità costituiscono una forma particolare di fondazione il cui raggio d azione è circoscritto alla comunità locale( 6 ). Le fondazioni di comunità rappresentano un modello evoluto di intermediario filantropico i cui obiettivi sono la promozione della «cultura del dono»( 7 ) e il miglioramento della qualità della vita degli abitanti di una determinata area geografica attraverso il finanziamento dei progetti promossi dalle organizzazioni appartenenti al cosiddetto terzo settore ( 8 ) nei campi scientifico, culturale e dell assistenza sociosanitaria. Per promuovere le donazioni, le fondazioni di comunità offrono ai potenziali donatori servizi diversi che li agevolino nel perseguimento dei propri scopi filantropici. Esse inoltre si «coinvolgono in numerose iniziative fungendo da facilitatori, catalizzatori e collaboratori per la soluzione di problemi particolarmente rilevanti per la comunità locale.»( 9 ). La fondazione di comunità combina nella stessa struttura due funzioni, quella di raccolta dei fondi, il cosiddetto fund raising, e quella di erogazione dei contributi, il cosiddetto grant-making, in precedenza svolte da organismi diversi. L autonomia e l indipendenza dalla sfera pubblica e da quella privata e la trasparenza e la rendicontabilità (accountability) della loro attività nei confronti dell opinione pubblica, sono i loro elementi caratteristici che vengono declinati in modo specifico a seconda del contesto locale di riferimento. Le fondazioni di comunità rappresentano una «forma organizzativa leggera e particolarmente flessibile, sia in termini strutturali sia in termini operativi.»( In base agli schemi tecnico-economici elaborati dalla dottrina aziendalistica, le fondazioni di comunità sono organizzazioni intermedie che raccolgono le donazioni da 10 ). ( 6 ) FERRUCCI F., Capitale sociale e partnership tra pubblico, privato e terzo settore, Vol. II, Il caso delle fondazioni di comunità, FrancoAngeli, Milano, 2010, pag. 53. ( 7 ) BENEDETTO XVI, Caritas in veritate, Libreria Editrice Vaticana, Città del Vaticano, 2009, pag. 52, sul sito «La carità nella verità pone l uomo davanti alla stupefacente esperienza del dono. La gratuità è presente nella sua vita in molteplici forme, spesso non riconosciute a causa di una visione solo produttivistica e utilitaristica dell esistenza. L essere umano è fatto per il dono, che ne esprime ed attua la dimensione di trascendenza.». ( 8 ) La locuzione «Terzo settore (traduzione del corrispettivo inglese Third Sector) indica quell insieme, vasto ed eterogeneo, di aggregazioni collettive che sotto un profilo strettamente funzionale intendono collocarsi su una terza via rispetto allo Stato e al mercato.»: AGENZIA PER IL TERZO SETTORE (a cura di), Il Terzo settore dalla A alla Z. Parole e volti del non profit, op. cit., pag ( 9 ) FERRUCCI F., Capitale sociale e partnership tra pubblico, privato e terzo settore, op. cit., pag. 55. ( 10 ) IBIDEM, op. cit., pag. 56. XIV

15 INTRODUZIONE una pluralità di piccoli donatori, garantiscono una gestione indirizzata alla massimizzazione del rendimento del patrimonio, effettuano una selezione preventiva dei progetti da finanziare e un monitoraggio successivo degli obiettivi raggiunti. Il presente studio intende delineare quello che è stato il passaggio dalla tradizionale filantropia istituzionale alla moderna intermediazione filantropica e fornire un quadro d insieme sul poliedrico mondo delle fondazioni di comunità. La prima parte, costituita dal I capitolo, analizza sinteticamente le tipologie di aziende non profit operanti nell ambito del terzo settore, soffermandosi poi su un esplicitazione specifica delle medesime rappresentata dalle fondazioni che costituiscono ancora oggi delle «scatole nere poco conosciute e ancor meno comprese» (Diaz, 1999). La seconda parte, rappresentata dal II capitolo, è dedicata alla disamina del fenomeno della filantropia istituzionale e, più in particolare, dell intermediazione filantropica. Vengono, quindi, analizzate le cause di formazione degli intermediari filantropici che sono all origine dello sviluppo della fondazione di comunità. La terza parte comprende i capitoli III e IV e approfondisce il fenomeno delle fondazioni di comunità in Italia. L analisi dettagliata delle caratteristiche strutturali ed operative delle fondazioni comunitarie italiane è preceduta dalla descrizione della loro genesi nell ambito del progetto promosso dalla Fondazione Cariplo. La ricerca è orientata fondamentalmente sulle fondazioni di comunità che sono emanazione delle fondazioni di origine bancaria ed è svolta mediante l analisi dei loro statuti e regolamenti. La quarta parte, con l ultimo capitolo, completa il lavoro e, nell effettuare un parallelo tra i principali modelli internazionali di community foundations, dimostra che la «globalizzazione non necessariamente distrugge le comunità locali», ma innesca processi di adattamento alle diverse situazioni economiche e sociali da cui possono nascere nuovi attori collettivi capaci di mobilitare ulteriori risorse per la promozione del benessere locale( 11 ). «Le community foundations ricopriranno, con ogni probabilità, un ruolo sempre più importante nella costruzione di comunità in grado di vincere le sfide che ( 11 ) IBIDEM, op. cit., pag. 55. XV

16 INTRODUZIONE contraddistinguono la società contemporanea. Esse sembrano essere uno strumento agile e sufficientemente flessibile per rispondere alle esigenze della società civile»( 12 ). L ipotesi alla base di questo lavoro è quella che le fondazioni di comunità, inserite nel tessuto italiano, abbiano subito una forma di morfogenesi( 13 ) sviluppando uno specifico modello italiano in grado di implementare nuove tipologie d intervento di lungo periodo( 14 ) per promuovere il welfare societario( 15 ) a livello locale. La tesi che vogliamo verificare è se l azione delle fondazioni di comunità è circoscritta alla semplice redistribuzione di risorse economiche tra le organizzazioni locali del terzo settore ovvero se questo strumento può trasformarsi in un «vettore di sviluppo» economico e sociale non solo in aree caratterizzate da maturità economica ma anche in aree depresse e assumere un ruolo di leadership in ambito locale. L assunzione, pertanto, di un ruolo sistemico essenziale per lo sviluppo economico e sociale del paese. La metamorfosi di questo veicolo non è ancora completata ed è quindi di grande interesse cercare di comprendere quali sono le sue dinamiche di funzionamento. ( 12 ) CASADEI B., Le community foundations: una scelta strategia per le fondazioni delle casse di risparmio, in AA.VV, Fondazioni e organizzazioni non profit in USA, Maggioli, Rimini, 1997, pag ( 13 ) La differenziazione delle culture organizzative «può dar luogo a due esiti: la riproduzione delle strutture esistenti (morfostasi) oppure l elaborazione strutturale prodotta dall agire interattivo dei soggetti che modificano la struttura (morfogenesi)»: FERRUCCI F., Come pensano (e agiscono) le fondazioni italiane? Morfogenesi e morfostasi delle culture filantropiche, in «Politiche sociali e servizi», Vita & Pensiero, Milano, anno IX, n. 1, gennaio-giugno 2007, pag. 80. ( 14 ) «Le community foundations concentrandosi nel futuro, proprio mentre domina un enfasi nei confronti degli obiettivi di corto periodo, possono dare un importante contributo nel costruire una vera visione civile.»: CASADEI B., Le community foundations: una scelta strategia per le fondazioni delle casse di risparmio, op. cit., pag ( 15 ) Il welfare societario corrisponde «a un sistema sociale in cui l impegno per il benessere sociale, in qualche modo è parte integrante della vita di ogni giorno». Il welfare state corrisponde «a tutto ciò che un parlamento delibera e che un governo mette in atto». La prospettiva del welfare societario «riguarda invece le azioni, gli atteggiamenti e le opinioni della gente, rispetto le questioni che hanno rilevanza per il benessere della collettività» quindi «mette in evidenza come le politiche sociali non si identifichino più con gli interventi delle pubbliche amministrazioni volte alla promozione del benessere della collettività.»: FERRUCCI F., La promozione del welfare societario a livello locale: il ruolo delle Fondazioni Comunitarie, in BARTOLINI I. (a cura di), Capitale sociale, reti comunicative e culture di partecipazione, FrancoAngeli, Milano, 2008, pagg XVI

17 RINGRAZIAMENTI

18 RINGRAZIAMENTI Devo un sentito ringraziamento alla Dott.ssa Silvia Cordero Segretario Generale della Fondazione della Comunità di Mirafiori per il contributo di pensiero e per il materiale fornitomi. Rivolgo un ringraziamento all Arma dei Carabinieri e in particolare agli Ufficiali che si sono avvicendati negli incarichi di Capo dell Ufficio Personale Marescialli e di Capo della 1^ Sezione Impiego per la incondizionata disponibilità e fiducia dimostrata nei miei confronti. Ringrazio la Dott.ssa Elisabetta Bonocore Responsabile della Biblioteca del Dipartimento di Diritto ed Economia delle Attività Produttive della Facoltà di Economia dell Università Sapienza per la gentile disponibilità. In ultimo, perché in fondo a questa lista ma primi nella realtà, ringrazio gli studenti, tutti ben presenti nei miei pensieri, della Facoltà di Economia con cui ho condiviso sogni, speranze e difficoltà. XVIII

19 CAPITOLO PRIMO LE AZIENDE NON PROFIT SOMMARIO: 1. Il terzo settore : lineamenti sociologici 1.1. Le strutture del terzo settore 1.2. La cultura 1.3. La normatività 1.4. L organizzazione operativa 1.5. Il ruolo societario 1.6. I criteri definitori 2. Le organizzazioni aziendali 2.1. I criteri di classificazione La classificazione in base al soggetto giuridico La classificazione in base al soggetto economico La classificazione in base al fine La classificazione in base alla destinazione della produzione 3. La tipologia delle aziende non profit 3.1. L impresa 3.2. L azienda di autoproduzione 3.3. L azienda filantropico-erogativa 3.4. L impresa sociale 4. La qualificazione economico-sociale delle aziende non profit 5. Le teorie sulla formazione delle aziende non profit 5.1. La teoria del fallimento dello Stato : il modello dell elettore mediano di Weisbrod 5.2. La teoria del fallimento del contratto di Hansmann 5.3. Altre teorie sulle aziende non profit 6. Le fondazioni: definizione ed elementi costitutivi 6.1. L atto di fondazione 6.2. Lo statuto 6.3. Il patrimonio 6.4. Lo scopo 7. La tassonomia delle fondazioni 7.1. La classificazione in base al criterio funzionale Le fondazioni di gestione (operating foundation) Le fondazioni di erogazione (grant-making foundation) Le fondazioni di comunità (community foundation) Le fondazioni d impresa (corporate foundation) 7.2. La classificazione in base ai modelli giuridici adottati Le fondazioni di diritto comune Le fondazioni di partecipazione Le fondazioni di diritto speciale.

20 CAPITOLO PRIMO 1. IL TERZO SETTORE : LINEAMENTI SOCIOLOGICI( 1 ) Il termine terzo settore ( 2 ) identifica, nell accezione corrente, un complesso di valori, organizzazioni, culture e sistemi che presentano caratteri eterogenei. Questa circostanza rende l analisi della realtà del terzo settore estremamente complessa e problematica( 3 ). Il punto di partenza per definire il terzo settore, è rappresentato dall ottica in cui si pone l osservatore rispetto a questo fenomeno. Possiamo individuare due punti di osservazione quello: esterno in cui le altre istituzioni, presenti nella società, osservano il terzo settore e ne danno la propria definizione; interno in cui il terzo settore osserva la società e si autodefinisce rispetto a questa ultima. Le due prospettive, tuttavia, non sono complementari, ma possono essere dissomiglianti e contrastanti tra loro( 4 ). Da un punto di vista esterno e negativo, il terzo settore può essere definito come tutto ciò che non è ricompreso né nello Stato né nel mercato e quindi come il prodotto da un lato della crisi del welfare state e dall altro dei fallimenti del mercato. Questa prospettiva, tuttavia, è in grado di cogliere solo un aspetto della realtà. ( 1 ) DONATI P., Che cos è il terzo settore: cultura, normatività, organizzazione, ruolo societario, in DONATI P. (a cura di), Sociologia del terzo settore, Carocci, Roma, 1998, pagg ( 2 ) «Con il termine terzo settore si fa riferimento a un ambito sociale specifico entro il quale è inscrivibile una gamma articolata di organismi diversi. Tuttavia il dibattito scientifico vede la presenza di altre dizioni accanto a quella di terzo settore. Esse sono: privato sociale, terza dimensione, economia sociale, terzo sistema, settore delle organizzazioni non profit. Ognuna di queste definizioni, pur se con confini e motivazioni diverse, ha contribuito a identificare l area in questione e il suo specifico significato sociale.»: BOVA A. - ROSATI D., Il terzo settore e l impresa sociale: sostegni o sfide per il welfare state?, Apes, Roma, 2009, pagg ( 3 ) «Lo studio della realtà del terzo settore sotto un profilo economico-aziendale non è esente da complessità e anche da problematicità, considerata l eterogeneità delle organizzazioni che nel linguaggio comune si fanno rientrare nell espressione terzo settore. Ne consegue la necessità di definire l oggetto di studio, che sicuramente non risulta agevole, alla luce delle differenziate e molteplici tassonomie elaborate nelle diverse discipline.»: BUCCIONE C., Modelli di governance e prospettive di sviluppo manageriale nelle imprese non profit, FrancoAngeli, Milano, 2010, pag. 16. ( 4 ) «Si evince che definire i confini del terzo settore non risulta agevole, in quanto si tratta di un settore sui generis che può assolvere a ruoli anticipatori, complementari, ma anche concorrenziali rispetto alla Stato e al mercato e, infine, anche a ruoli residuali e di retroguardia, in relazione al contesto geografico e all ambito di attività. A loro volta lo Stato e il mercato possono creare condizioni favorevoli o sfavorevoli per lo sviluppo del terzo settore»: IBIDEM, op. cit., pag

21 LE AZIENDE NON PROFIT Da un punto di vista più ampio e positivo, il terzo settore dovrebbe essere considerato come il «prodotto della crisi del progetto illuministico moderno» che aveva tentato di costruire una società basata sull asse individuo-stato con la conseguente marginalizzazione di tutte quelle formazioni sociali intermedie che dal medioevo hanno caratterizzato l esistenza delle società occidentali. Per giungere alla definizione del fenomeno, dobbiamo quindi utilizzare un terzo punto di vista diverso da quello liberistico e da quello statuale che ci consenta di inquadrare le relazioni che si generano nella società prima del loro scambio sul mercato, come valore di scambio, o della loro regolazione politica da parte dello Stato. Il terzo settore, pertanto, non è qualcosa di estraneo, ma è una realtà connaturata alla società e prodotta dalla «differenziazione societaria in condizioni di crescente complessità sociale». In quest ottica, il terzo settore è un modo di essere «positivo e propositivo» della società e una «forma sociale emergente» che nasce dall esigenza di trovare nuove risposte a specifici problemi sociali determinati dall accresciuta articolazione della società. Le società moderne possono essere scomposte in quattro sotto-sistemi: a) economia (mercato); b) istituzioni politico-amministrative (Stato e sue articolazioni); c) terzo settore (organizzazioni di solidarietà sociale); d) settore informale (famiglia). Sulla base di questo schema interpretativo, il terzo settore si caratterizza in modo differente a seconda che lo osserviamo dall interno o dall esterno. Dall esterno il terzo settore corrisponde, dal punto di vista: economico, all economia sociale (efficienza del sistema societario); politico, a nuovi soggetti politici rappresentanti di identità e interessi e portatori di proprie strategie e finalità (efficacia del sistema societario); regolativo, a nuove reti di sociabilità (integrazione interna per il sistema societario); culturale, ad una nuova cultura civile (impegni di valore per il sistema societario). Dall interno, invece, il terzo settore deve assumere i seguenti requisiti, sotto l aspetto: economico, deve disporre di propri mezzi finanziari e operativi; 3

22 CAPITOLO PRIMO politico, deve essere in grado di mobilitare risorse umane e materiali per il perseguimento dei propri fini; regolativo, deve avvalersi di un particolare reticolo di norme formali e informali; culturale, deve ricorrere a determinate modalità di utilizzazione dei beni e delle relazioni sociali. Il terzo settore, quindi, si caratterizza per una propria cultura, normatività, operatività e funzione societaria anche se poi ogni singola organizzazione sociale valorizza una di queste categorie rispetto alle altre (ad esempio il volontariato accentua l altruismo) Le strutture del terzo settore Il terzo settore si sviluppa in maniera preponderante nelle società avanzate perché è solo dove lo Stato e il mercato sono già sufficientemente diversificati, che emergono altre esigenze. È solo quando lo Stato e il mercato si specializzano in determinate funzioni che nasce la necessità che le relazioni sociali, diverse da quelle basate sul valore di scambio e da quelle oggetto di regolazione politica, trovino una loro organizzazione. I processi che danno vita al terzo settore sono processi di «differenziazione reticolare» poiché rappresentano la creazione di reti sociali più complesse di quelle esistenti nella società precedente. Le reti del terzo settore si caratterizzano, quindi, per una maggiore mobilità e capacità di dotarsi di nuove forme di relazione che costituiscono l organizzazione del terzo settore. I movimenti sociali sono l humus su cui si sviluppano i soggetti sociali del terzo settore che rispondono alle esigenze di relazionalità degli individui. Pertanto le organizzazioni del terzo settore non possono presentare né un elevato grado di formalizzazione (paragonabile a quella delle strutture statali) né una gestione guidata esclusivamente da criteri di utilità economica (paragonabili a quelli del mercato). Il terzo settore è l elemento che caratterizza la società relazionale quella in cui il problema principale è costruire un nuovo contratto sociale su cui basare le società postmoderne. Gli attori del terzo settore sono portatori di una cittadinanza che non fa più riferimento allo Stato nazionale, ma a un nuovo sistema sociale che si collega a valori globalizzanti e a realtà multietniche radicate sul territorio. 4

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT E quell insieme di organizzazioni che producono beni/servizi e gestiscono attività fuori dal mercato o, se operano nel mercato, agiscono con finalità non

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito

Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito OdV Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito di Sebastiano Di Diego* Nell articolo viene descritto il variegato regime fiscale, ai fini IRES, delle associazioni

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Introduzione al corso 1 Inquadramento del corso 1996: Gruppo di ricerca sulle metodologie di analisi, sugli

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio.

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio, recita un noto proverbio africano. Perché la famiglia

Dettagli

I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche

I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche (versione provvisoria) Marisa Faggini Università di Salerno mfaggini@unisa.it I beni pubblici rappresentano un esempio

Dettagli

La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte.

La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte. 1. Premessa. La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte. La comunità dei docenti e ricercatori dell area di Economia Aziendale, rappresentata dalle società scientifiche

Dettagli

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale CAPITOLO PRIMO L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale SOMMARIO * : 1. Il ruolo dell innovazione tecnologica 2. L attività di ricerca e sviluppo: contenuti 3. L area funzionale della

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

Linee guida per una Riforma del Terzo Settore

Linee guida per una Riforma del Terzo Settore Linee guida per una Riforma del Terzo Settore Esiste un Italia generosa e laboriosa che tutti i giorni opera silenziosamente per migliorare la qualità della vita delle persone. E l Italia del volontariato,

Dettagli

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta Le ONLUS Secondo le previsioni dell'art. 10 del decreto 460/97 possono assumere la qualifica di Onlus le associazioni riconosciute e non, i comitati, le fondazioni, le società cooperative e tutti gli altri

Dettagli

Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7

Allegato A al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE In Atto Art. 1) Ai sensi della Legge 7 Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7 dicembre 2000, n. 383 e delle norme del codice civile in tema

Dettagli

Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia

Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia Tiziano Vecchiato Da dove partire Ripartire dai poveri (2008) è la risposta all interrogativo «Rassegnarsi alla povertà?».

Dettagli

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI LEGGE 11 agosto 2014, n. 125. Disciplina generale sulla cooperazione internazionale per lo sviluppo. La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato;

Dettagli

Capitolo II. GLI ISTITUTI, LE AZIENDE, LA SPECIALIZZAZIONE ECONOMICA

Capitolo II. GLI ISTITUTI, LE AZIENDE, LA SPECIALIZZAZIONE ECONOMICA Capitolo II. GLI ISTITUTI, LE AZIENDE, LA SPECIALIZZAZIONE ECONOMICA 1 LE SOCIETÀ UMANE E IL BENE COMUNE Ciascuna persona partecipa a più società umane di varia natura: famiglie, Stato, istituti pubblici

Dettagli

Tra reale e ideale: come gestire e far crescere un organizzazione non profit.

Tra reale e ideale: come gestire e far crescere un organizzazione non profit. Tra reale e ideale: come gestire e far crescere un organizzazione non profit. NID Non profit Innovation Day Università Bocconi Milano, 12 novembre 2014 18/11/2014 1 Mi presento, da dove vengo? E perché

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

ARTICOLI GENERALI Articolo 1 (Denominazione) Articolo 2 (Sede Legale) Articolo 3 (Finalità e attività) costruzione di un centro

ARTICOLI GENERALI Articolo 1 (Denominazione) Articolo 2 (Sede Legale) Articolo 3 (Finalità e attività) costruzione di un centro 1 ARTICOLI GENERALI Articolo 1 (Denominazione) È istituita per opera dei coniugi GASPARINI LUCIANO e PRAVATO CANDIDA, l Associazione UNA NUOVA SPERANZA O.N.L.U.S. con sede in Mirano (VE) Scaltenigo Via

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

LO SPORT PER TUTTI: BUONE PRATICHE DI BENESSERE

LO SPORT PER TUTTI: BUONE PRATICHE DI BENESSERE CAPITOLO V LO SPORT PER TUTTI: BUONE PRATICHE DI BENESSERE PREMESSA Questo capitolo affronta l analisi dello sport come diritto di cittadinanza non solo metaforico, emotivo, ma anche commerciale ed identitario.

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Conti d ordine Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

IL REGIME FISCALE DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE E DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE (COMPRESE LE SOCIETÀ SPORTIVE DILETTANTISTICHE)

IL REGIME FISCALE DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE E DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE (COMPRESE LE SOCIETÀ SPORTIVE DILETTANTISTICHE) RIVISTA DI ISSN 1825-6678 DIRITTO ED ECONOMIA DELLO SPORT Vol. III, Fasc. 1, 2007 IL REGIME FISCALE DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE E DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE (COMPRESE LE SOCIETÀ SPORTIVE

Dettagli

Lettera d invito... 3. SEZIONE 1. PREMESSA, OBIETTIVI E AREE DI INTERVENTO... 4 1.1 Premessa... 4 1.2 Obiettivi e Aree di intervento...

Lettera d invito... 3. SEZIONE 1. PREMESSA, OBIETTIVI E AREE DI INTERVENTO... 4 1.1 Premessa... 4 1.2 Obiettivi e Aree di intervento... Bando Ambiente 2015 Sommario Lettera d invito... 3 SEZIONE 1. PREMESSA, OBIETTIVI E AREE DI INTERVENTO... 4 1.1 Premessa... 4 1.2 Obiettivi e Aree di intervento... 4 SEZIONE 2. CRITERI PER LA PARTECIPAZIONE

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value A cura Alessio D'Oca Premessa Nell ambito dei principi che orientano la valutazione del bilancio delle società uno dei

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA 1. A norma degli articoli 14 e seguenti del Codice Civile è costituita la Fondazione dell

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO

L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO DISPENSA 1 Economia ed Organizzazione Aziendale L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO - Parte I - Indice Impresa: definizioni e tipologie Proprietà e controllo Impresa: natura giuridica Sistema economico: consumatori,

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Il lavoro per progetti

Il lavoro per progetti Il lavoro per progetti (personalizzati, di attività,, di servizio, ) nei servizi alla persona Gianmaria Gioga Padova, 7 giugno 2013 QUALI SERVIZI ALLA PERSONA? I servizi alla persona devono connotarsi

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

Indice sommario. PARTE PRIMA Il contratto e le parti

Indice sommario. PARTE PRIMA Il contratto e le parti Indice sommario Presentazione (di PAOLOEFISIO CORRIAS) 1 PARTE PRIMA Il contratto e le parti Capitolo I (di CLAUDIA SOLLAI) 13 Le fonti del contratto di agenzia 1. La pluralità di fonti. Il codice civile

Dettagli

EROGAZIONI LIBERALI: le agevolazioni fiscali

EROGAZIONI LIBERALI: le agevolazioni fiscali le agevolazioni fiscali aggiornata con la normativa in vigore al 30 novembre 2007 INDICE 1. PREMESSA 2 2. LE LIBERALITÀ ALLE ONLUS 4 La deducibilità dal reddito delle erogazioni liberali alle ONLUS 4 La

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

L azienda e le funzioni aziendali

L azienda e le funzioni aziendali UDA 5 TEMA 3 L operatore impresa L azienda e le funzioni aziendali a cura di Lidia Sorrentino Il concetto di azienda. Per soddisfare i propri bisogni, fin dall antichità l uomo si è associato con altre

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

La Valutazione degli Asset Intangibili

La Valutazione degli Asset Intangibili La Valutazione degli Asset Intangibili Chiara Fratini Gli asset intangibili rappresentano il patrimonio di conoscenza di un organizzazione. In un accezione ampia del concetto di conoscenza, questo patrimonio

Dettagli

La valutazione della formula imprenditoriale

La valutazione della formula imprenditoriale La valutazione della formula imprenditoriale Come si apprezza e si analizza il grado di successo di un impresa A cura di : Ddr Fabio Forlani Premessa Nel governo strategico delle imprese la valutazione

Dettagli

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione)

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione) Raccomandazione CM/Rec(2010)7 del Comitato dei Ministri agli stati membri sulla Carta del Consiglio d Europa sull educazione per la cittadinanza democratica e l educazione ai diritti umani * (adottata

Dettagli

BANDI 2015 2. 1) Come presentare un progetto sui bandi della Fondazione. 2) La procedura di selezione e valutazione dei progetti

BANDI 2015 2. 1) Come presentare un progetto sui bandi della Fondazione. 2) La procedura di selezione e valutazione dei progetti BANDI 2015 2 Guida alla presentazione La Fondazione Cariplo è una persona giuridica privata, dotata di piena autonomia gestionale, che, nel quadro delle disposizioni della Legge 23 dicembre 1998, n. 461,

Dettagli

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI)

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI) Pag. 1 di 16 PROCEDURE DEL MODELLO Pag. 2 di 16 Indice PROCEDURE DEL MODELLO... 1 PCI 01 - VENDITA DI SERVIZI... 3 PCI 02 PROCEDIMENTI GIUDIZIALI ED ARBITRALI... 5 PCI 03 AUTORIZZAZIONI E RAPPORTI CON

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria di UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria Master di I livello in Manager delle imprese sociali e delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale Indirizzi: - Manager delle Imprese

Dettagli

donare&ricevere Guida rapida alle norme sulla donazione + dai - versi!

donare&ricevere Guida rapida alle norme sulla donazione + dai - versi! Guida rapida alle norme sulla donazione + dai - versi! DONARE AL VOLONTARIATO Vantaggi e opportunità per imprese e persone!l attuale normativa, dopo l approvazione anche della legge Le Organizzazioni di

Dettagli

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA Una circolare dell Agenzia delle entrate chiarisce il trattamento fiscale delle spese di rappresentanza Con la circolare in oggetto, l Agenzia delle

Dettagli

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015 THE FUND RAISING SCHOOL Calendario Corsi 2015 www.fundraisingschool.it LA PRIMA SCUOLA ITALIANA DI RACCOLTA FONDI Nata nel 1999 The Fund Raising School è la prima scuola di formazione italiana dedicata

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Settore Segreteria e Direzione generale Ufficio Trasparenza e Comunicazione PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Relazione anno 2014 a cura del Segretario Generale e della

Dettagli

generazioni. Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove

generazioni. Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove generazioni. Nell aprile 2010 il Consiglio di Legislazione del Rotary International ha stabilito che le Nuove

Dettagli

Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza

Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza COMMISSIONE DELLE COMUNITA EUROPEE Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza Presentazione Con questa comunicazione (Bruxelles 05.02.2003 COM(203) 58 def.) la Commissione si propone di dare

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA REGOLAMENTO 16 luglio 2014, n. 6 Regolamento per la formazione continua IL CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE nella seduta del 16 luglio 2014 visto l art. 11 della legge 31 dicembre 2012, n. 247, rubricato Formazione

Dettagli

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Patrimoni destinati ad uno specifico affare A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Riferimenti normativi D.Lgs. Numero 6 del 17 gennaio 2003 Introduce con gli articoli 2447-bis e seguenti del

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

STATUTO del CNCP. Associazione CNCP: Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti

STATUTO del CNCP. Associazione CNCP: Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti STATUTO del CNCP Associazione CNCP: Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti ARTICOLO 1 DENOMINAZIONE E costituita ai sensi degli articoli 36 e seguenti del codice civile un Associazione di rappresentanza,

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

Divisione Studenti Divisione Studenti ciale Luigi Bocconi Università Commer Guida alla borsa di studio ISU Bocconi

Divisione Studenti Divisione Studenti ciale Luigi Bocconi Università Commer Guida alla borsa di studio ISU Bocconi Divisione Studenti Servizi agli Studenti Divisione Studenti ISU BOCCONI Università Commerciale Luigi Bocconi Guida alla borsa di studio ISU Bocconi Questo documento riassume le caratteristiche principali

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI

Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI Approvato con Deliberazione consiliare n 94 del 21 giugno 2004 INDICE Articolo

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 3

Economia monetaria e creditizia. Slide 3 Economia monetaria e creditizia Slide 3 Ancora sul CDS Vincolo prestatore Vincolo debitore rendimenti rendimenti-costi (rendimenti-costi)/2 Ancora sul CDS dove fissare il limite? l investitore conosce

Dettagli

VERSO UN'AUTENTICA UNIONE ECONOMICA E MONETARIA Relazione del presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy

VERSO UN'AUTENTICA UNIONE ECONOMICA E MONETARIA Relazione del presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy CONSIGLIO EUROPEO IL PRESIDENTE Bruxelles, 26 giugno 2012 EUCO 120/12 PRESSE 296 PR PCE 102 VERSO UN'AUTENTICA UNIONE ECONOMICA E MONETARIA Relazione del presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

ATTO DI INDIRIZZO LINEE GUIDA E SCHEMI PER LA REDAZIONE DEI BILANCI DI ESERCIZIO AGENZIA PER LE ONLUS DEGLI ENTI NON PROFIT

ATTO DI INDIRIZZO LINEE GUIDA E SCHEMI PER LA REDAZIONE DEI BILANCI DI ESERCIZIO AGENZIA PER LE ONLUS DEGLI ENTI NON PROFIT AGENZIA PER LE ONLUS ATTO DI INDIRIZZO ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001 n. 329 LINEE GUIDA E SCHEMI PER LA REDAZIONE DEI BILANCI DI ESERCIZIO DEGLI ENTI NON PROFIT Approvato

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

Gruppo PRADA. Codice etico

Gruppo PRADA. Codice etico Gruppo PRADA Codice etico Indice Introduzione 2 1. Ambito di applicazione e destinatari 3 2. Principi etici 3 2.1 Applicazione dei Principi etici: obblighi dei Destinatari 4 2.2 Valore della persona e

Dettagli

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015 CIRCOLARE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 11 maggio 2015 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi pubblici relativi alle politiche attive del lavoro e alla formazione professionale

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

BREVE GUIDA TECNICO GIURIDICO ALLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO

BREVE GUIDA TECNICO GIURIDICO ALLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO BREVE GUIDA TECNICO GIURIDICO ALLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO La guida è curata da: Alfredo Amodeo Mariella Gioiello, Manuela Lia - 2 - INDICE PREMESSA pag. 4 PARTE PRIMA: INQUADRAMENTO GIURIDICO DELLE

Dettagli

L analisi economico finanziaria dei progetti

L analisi economico finanziaria dei progetti PROVINCIA di FROSINONE CIOCIARIA SVILUPPO S.c.p.a. LABORATORI PER LO SVILUPPO LOCALE L analisi economico finanziaria dei progetti Azione n. 2 Progetti per lo sviluppo locale LA FINANZA DI PROGETTO Frosinone,

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU INTRODUZIONE ALLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE IN QUALSIASI FORMA COSTITUITE

Dettagli

Autonomia e parità in altri paesi: alcuni esempi

Autonomia e parità in altri paesi: alcuni esempi Autonomia e parità in altri paesi: alcuni esempi 1 FRANCIA Le Scuole sous contrat d association In Francia il sistema è centralistico con un Ministero forte che regola ogni aspetto. Ci sono tre tipologie

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo.

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. Consiglio dei Ministri: 05/04/2007 Proponenti: Esteri ART. 1 (Finalità

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? Fondazione Comunità Solidale

approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? Fondazione Comunità Solidale Fondazione Comunità Solidale approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? chi è la persona senza dimora povertà assoluta e povertà relativa Di cosa parleremo:

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

2013-2018 ROMA CAPITALE

2013-2018 ROMA CAPITALE 2013-2018 ROMA CAPITALE Proposte per il governo della città Sintesi stampa IL VINCOLO DELLE RISORSE ECONOMICO-FINANZIARIE Il debito del Comune di Roma al 31/12/2011 ammonta a 12,1 miliardi di euro; di

Dettagli

INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI

INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI Rete Nazionale Gruppi di Acquisto Solidali www.retegas.org INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI Febbraio 2007 INTRODUZIONE I Gruppi di Acquisto Solidali (GAS) sono gruppi di persone

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli