FACOLTÀ DI ECONOMIA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN ECONOMIA AZIENDALE TESI DI LAUREA ECONOMIA DELLE AZIENDE NON PROFIT

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "FACOLTÀ DI ECONOMIA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN ECONOMIA AZIENDALE TESI DI LAUREA ECONOMIA DELLE AZIENDE NON PROFIT"

Transcript

1 FACOLTÀ DI ECONOMIA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN ECONOMIA AZIENDALE TESI DI LAUREA IN ECONOMIA DELLE AZIENDE NON PROFIT DALLA FILANTROPIA ISTITUZIONALE ALL INTERMEDIAZIONE FILANTROPICA: IL CASO DELLE «FONDAZIONI DI COMUNITÀ» Relatore Prof.ssa ANTONIETTA COSENTINO Laureando MARCO CARONI Correlatore Prof.ssa DANIELA COLUCCIA Anno Accademico

2 «È un vero peccato che impariamo le lezioni della vita solo quando non ci servono più.» (Oscar Wilde, Il ventaglio di Lady Windermere)( 1 ) ( 1 ) WILDE O., Aforismi, Mondadori, Milano, 2010, pag. 4.

3 SIMONE MARTINI LA DIVISIONE DEL MANTELLO (Assisi, 1317)( 2 ) ( 2 ) La divisione del mantello è un affresco (265 x 230 cm) di Simone Martini (Siena, Avignone, 1344) facente parte della decorazione della Cappella di San Martino nella Basilica Inferiore di San Francesco ad Assisi. L opera ritrae una scena delle Storie di Martino, vescovo di Tours. In una fredda giornata invernale, Martino, mentre stava uscendo da una porta civica di Amiens, venne avvicinato da un pover uomo con pochi stracci addosso e molto infreddolito. Non appena Martino lo vide, con un deciso colpo di spada squarciò il suo mantello in due parti, offrendone una al mendicante, nel quale Gesù si era incarnato. Fonte: in

4 Alla cara memoria dei miei genitori

5 INDICE INDICE INTRODUZIONE PAG. XIII RINGRAZIAMENTI» XVIII CAPITOLO PRIMO LE AZIENDE NON PROFIT 1. IL TERZO SETTORE : LINEAMENTI SOCIOLOGICI» LE STRUTTURE DEL TERZO SETTORE 1.2. LA CULTURA 1.3. LA NORMATIVITÀ 1.4. L ORGANIZZAZIONE OPERATIVA 1.5. IL RUOLO SOCIETARIO» 4» 5» 5» 5» I CRITERI DEFINITORI» 8 2. LE ORGANIZZAZIONI AZIENDALI» I CRITERI DI CLASSIFICAZIONE» LA CLASSIFICAZIONE IN BASE AL SOGGETTO GIURIDICo LA CLASSIFICAZIONE IN BASE AL SOGGETTO ECONOMICO LA CLASSIFICAZIONE IN BASE AL FINE»»» LA CLASSIFICAZIONE IN BASE ALLA DESTINAZIONE DELLA PRODUZIONE» LA TIPOLOGIA DELLE AZIENDE NON PROFIT» L IMPRESA 3.2. L AZIENDA DI AUTOPRODUZIONE 3.3. L AZIENDA FILANTROPICO-EROGATIVA» 15» 17» 18 V

6 INDICE 3.4. L IMPRESA SOCIALE PAG LA QUALIFICAZIONE ECONOMICO-SOCIALE DELLE AZIENDE NON PROFIT» LE TEORIE SULLA FORMAZIONE DELLE AZIENDE NON PROFIT» LA TEORIA DEL FALLIMENTO DELLO STATO : IL MODELLO DELL ELETTORE MEDIANO DI WEISBROD» LA TEORIA DEL FALLIMENTO DEL CONTRATTO DI HANSMANN 5.3. ALTRE TEORIE SULLE AZIENDE NON PROFIT» 26» LE FONDAZIONI: DEFINIZIONE ED ELEMENTI COSTITUTIVI» L ATTO DI FONDAZIONE 6.2. LO STATUTO 6.3. IL PATRIMONIO 6.4. LO SCOPO» 33» 34» 34» LA TASSONOMIA DELLE FONDAZIONI» LA CLASSIFICAZIONE IN BASE AL CRITERIO FUNZIONALE» LE FONDAZIONI DI GESTIONE (OPERATING FOUNDATION) LE FONDAZIONI DI EROGAZIONE (GRANT-MAKING FOUNDATION) LE FONDAZIONI DI COMUNITÀ (COMMUNITY FOUNDATION) LE FONDAZIONI D IMPRESA (CORPORATE FOUNDATION) 7.2. LA CLASSIFICAZIONE IN BASE AI MODELLI GIURIDICI ADOTTATI LE FONDAZIONI DI DIRITTO COMUNE LE FONDAZIONI DI PARTECIPAZIONE LE FONDAZIONI DI DIRITTO SPECIALE»»»»»»»» VI

7 INDICE CAPITOLO SECONDO L INTERMEDIAZIONE FILANTROPICA 1. LA FILANTROPIA ISTITUZIONALE PAG GLI STRUMENTI DI PERSEGUIMENTO DEGLI OBIETTIVI FILANTROPICI» LA GESTIONE DIRETTA 2.2. LA DONAZIONE DELLE RISORSE AD UN ENTE SPECIFICO 2.3. LA COSTITUZIONE DI UN ASSOCIAZIONE 2.4. LA COSTITUZIONE DI UNA FONDAZIONE» 45» 45» 46» L INTERMEDIAZIONE FILANTROPICA» IL CONCETTO DI «COMUNITÀ» 3.2. L INFRASTRUTTURAZIONE SOCIALE DEL TERRITORIO» 47» LA TEORIA DEL CICLO DI VITA DELLE FONDAZIONI DI COMUNITÀ» IL CAPITALE SOCIALE DELLE FONDAZIONI DI COMUNITÀ» LE FONDAZIONI DI COMUNITÀ COME «INTERMEDIARI FIDUCIARI»» IL «MERCATO» DELLE DONAZIONI» LE DONAZIONI DIRETTE 7.2. LE DONAZIONI INDIRETTE DONAZIONI AD INTERMEDIARI OPERATIVI DONAZIONI AD INTERMEDIARI FINANZIARI FILANTROPICI» 56» 57» 57» LE CAUSE DI FORMAZIONE DEGLI INTERMEDIARI FILANTROPICI» LE ASIMMETRIE INFORMATIVE 8.2. I COSTI DI TRANSAZIONE» LE DIMENSIONI DELLE DONAZIONI» 58» I VANTAGGI FISCALI» I PROBLEMI DI AGENZIA TRA I DONATORI E L INTERMEDIARIO FINANZIARIO FILANTROPICO» INTERMEDIARI FINANZIARI FILANTROPICI NATI DA UNA SOLA GRANDE DONAZIONE» 64 VII

8 INDICE 9.2. INTERMEDIARI FINANZIARI FILANTROPICI NATI DA MOLTE PICCOLE DONAZIONI 9.3. VINCOLO DI NON DISTRIBUZIONE DEI PROFITTI LA TEORIA NEO-ISTITUZIONALISTA DELL IMPRESA IL CASO DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI FILANTROPICI 9.4. REGOLAZIONE DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI FILANTROPICI PAG.»»»» LE PROBLEMATICHE DI GOVERNANCE DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI FILANTROPICI» 70 CAPITOLO TERZO LE FONDAZIONI DI COMUNITÀ 1. LA GOVERNANCE DELLE FONDAZIONI DI COMUNITÀ» GLI STAKEHOLDERS DELLE FONDAZIONI DI COMUNITÀ LOCALI» I RAPPORTI TRA LA FONDAZIONE DI COMUNITÀ E GLI ENTI LOCALI» GLI ORGANI ISTITUZIONALI» IL PRESIDENTE E IL VICE PRESIDENTE 3.2. IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE 3.3. IL SEGRETARIO GENERALE (O DIRETTORE GENERALE) 3.4. IL COLLEGIO DEI REVISORI 3.5. IL COMITATO ESECUTIVO 3.6. IL COLLEGIO DEI PROBIVIRI 3.7. IL COMITATO DEI DONATORI» 82» 82» 85» 85» 86» 86» LE EROGAZIONI E LE DONAZIONI: ASPETTI INTRODUTTIVI» GLI STRUMENTI DELLE DONAZIONI» I BENEFICI FISCALI» LE TIPOLOGIE DI FONDI» 93 VIII

9 INDICE 7. LE PROCEDURE DI EROGAZIONE DEI CONTRIBUTI PAG L EROGAZIONE A SPORTELLO 7.2. IL BANDO APERTO 7.3. IL BANDO CHIUSO 7.4. IL BANDO CON RACCOLTA 7.5. L EROGAZIONE CON RISULTATO 7.6. L ATTIVITÀ EROGATIVA SOTTO ALTRE FORME 7.7. IL MODELLO OPERATIVO DELL ATTIVITÀ EROGATIVA DELLA FONDAZIONE COMUNITARIA NORD MILANO» 98» 98» 99» 99» 99» 100» I PROBLEMI DI GOVERNO DELLE FONDAZIONI DI COMUNITÀ» 102 CAPITOLO QUARTO LE FONDAZIONI COMUNITARIE IN ITALIA 1. IL PROGETTO FONDAZIONI DI COMUNITÀ DELLA FONDAZIONE CARIPLO» L ORIGINE 1.2. LE LINEE GUIDA DEL PROGETTO 1.3. LA MISSION 1.4. L «EROGAZIONE SFIDA» 2. LA PROCEDURA DI COSTITUZIONE DI UNA FONDAZIONE» 106» 107» 112» 113 COMUNITARIA» IL COMITATO D ONORE 2.2. IL COMITATO PROMOTORE» 115» I SETTORI DI INTERVENTO» L ACCOUNTABILITY» LA RENDICONTAZIONE ECONOMICO-FINANZIARIA NELLA NORMATIVA CIVILISTICA 4.2. LA RENDICONTAZIONE ECONOMICO-FINANZIARIA NELLA NORMATIVA FISCALE»» IX

10 INDICE 4.3. LA CLASSIFICAZIONE DEI BILANCI «ETICI» 4.4. IL BILANCIO DI MISSIONE 4.5. IL RAPPORTO ANNUALE DELLE FONDAZIONI DI COMUNITÀ PAG. 5. UN MODELLO ITALIANO DI COMMUNITY FOUNDATION?» LA PROCEDURA DI NOMINA DEI CONSIGLIERI DI AMMINISTRAZIONE» IL REGOLAMENTO DEL COMITATO DI NOMINA 6.2. LA PROCEDURA DI EVIDENZA PUBBLICA PER L ELEZIONE DEI»» CONSIGLIERI DI DIRETTA COMPETENZA DELLE DIVERSE AUTORITÀ PUBBLICHE» L ASSOCIAZIONE ITALIANA FONDAZIONI ED ENTI DI EROGAZIONE (ASSIFERO)» LE LINEE STRATEGICHE» LE POSSIBILI DIRETTRICI DI SVILUPPO» 142 CAPITOLO QUINTO I MODELLI FONDAZIONALI: UN CONFRONTO TRA ESPERIENZE INTERNAZIONALI 1. L ADATTABILITÀ DEL MODELLO AI DIVERSI CONTESTI SOCIALI, CULTURALI ED ECONOMICI» LE COMMUNITY FOUNDATIONS NEGLI STATI UNITI» LA CLEVELAND FOUNDATION 2.2. LINEAMENTI GENERALI» 149» LE COMMUNITY FOUNDATIONS IN GRAN BRETAGNA» LE BÜRGERSTIFTUNG IN GERMANIA» LA STADT STIFTUNG GÜTERSLOH» LA FONDATION DE FRANCE» 161 CONCLUSIONI» 165 X

11 INDICE BIBLIOGRAFIA 1. AGENZIA PER IL TERZO SETTORE PAG AGENZIA DELLE ENTRATE» ASSOCIAZIONE DI FONDAZIONI E DI CASSE DI RISPARMIO» MONOGRAFIE» SAGGI» ARTICOLI, RIVISTE E PERIODICI» ATTI DI CONVEGNI E SEMINARI» RAPPORTI E RICERCHE» ENCICLICHE PAPALI» ALTRE FONTI» STATUTI, REGOLAMENTI E RAPPORTI ANNUALI» SITI INTERNET ISTITUZIONALI DELLE FONDAZIONI DI COMUNITÀ» 198 NOTA REDAZIONALE: QUESTA TESI SI COMPONE DI 220 PAGINE. XI

12 INTRODUZIONE

13 INTRODUZIONE La crisi finanziaria( 1 ) che dagli anni settanta ha colpito lo Stato, ha determinato la progressiva crisi del welfare state( 2 ) e dei modelli di intervento che esso aveva sviluppato. La crisi dello stato sociale è profonda e ben difficilmente potrà essere superata senza un radicale ripensamento dell intero modello di welfare che coinvolga anche il «paradigma che ha guidato la costruzione dello stato sociale in questi ultimi secoli, la cui pietra angolare deve essere cercata proprio nel concetto di diritto soggettivo. [ ] L idea che la giustizia possa essere perseguita attraverso la soddisfazione dei diritti soggettivi si è infatti rivelata un astrazione.»( 3 Questa situazione ha aperto la strada all introduzione di nuove metodologie di azione in campo sociale che s ispirano ai modelli sviluppati dalla filantropia( istituzionale americana all inizio del XX. La società civile( attore sociale: le community foundations. 5 ). ) italiana, pertanto, è stata recentemente innervata da un nuovo 4 ) ( 1 ) La crisi finanziaria del settore pubblico, o crisi fiscale dello Stato, si manifesta nel fatto che, mentre le spese pubbliche aumentano progressivamente, le corrispondenti entrate tributarie non aumentano in misura corrispondente. In particolare «l attività economica pubblica deve essere in qualche modo finanziata. [ ] la crescita assai sostenuta delle attività pubbliche ha posto il problema di una adeguata crescita delle entrate tributarie necessarie al loro finanziamento. Anche se le entrate tributarie sono molto cresciute, esse non sono state sufficienti a finanziare completamente la spesa, e si è dovuto quindi ricorrere all emissione di moneta e all indebitamento pubblico per colmare il deficit. [ ] Ciò significa che [ ] un terzo della spesa pubblica è stato finanziato col ricorso al debito o con l emissione di moneta. [ ] la massa di debito pubblico adesso in circolazione ha quasi raggiunto la consistenza del reddito nazionale; la pericolosità della situazione è evidente se si pensa da un lato all ingente massa di interessi da pagare sul debito pubblico, e dall altro al fatto che l equilibrio finanziario dello Stato dipende, ogni anno, dalla propensione dei detentori di debito a rinnovare i titoli in scadenza, e a sottoscriverne di nuovi per un ammontare pari al deficit dell anno stesso.»: FOSSATI A., Economia Pubblica, FrancoAngeli, Milano, 1999, pagg ( 2 ) Il termine welfare viene «sovente usato con riferimento al concetto di Stato del benessere, ovvero quell insieme di processi decisionali, azioni e contesti istituzionali, variamente organizzati, attraverso cui gli Stati sviluppano politiche sociali orientate a creare situazioni di sicurezza per i cittadini e a ridurre le disuguaglianze nell accesso alle risorse.»: AGENZIA PER IL TERZO SETTORE (a cura di), Il Terzo settore dalla A alla Z. Parole e volti del non profit, Editrice San Raffaele, Milano, 2011, pag ( 3 ) CASADEI B., Filantropia istituzionale e dignità della persona, in «Studi Zancan», Fondazione «Emanuela Zancan», Padova, n. 6, novembre/dicembre 2011, pag ( 4 ) La parola filantropia «deriva dal greco e indica un sentimento di amore (philía) nei confronti dell uomo (ánthropos). La filantropia è, dunque, un sentimento di amore e interesse per il prossimo, che si traduce in atti di fattiva solidarietà, normalmente nell elargizione di una somma di denaro a favore di una determinata causa o persona.»: AGENZIA PER IL TERZO SETTORE (a cura di), Il Terzo settore dalla A alla Z. Parole e volti del non profit, op. cit., pag ( 5 ) L espressione società civile connota il «rapporto tra la soggettività dei cittadini e dello Stato e si caratterizza per il riconoscimento, da parte dell ordinamento, di una serie di diritti di libertà, garantiti costituzionalmente e politicamente attraverso il riconoscimento di diritti politici attivi e passivi.»: IBIDEM, op. cit., pag XIII

14 INTRODUZIONE Queste entità costituiscono una forma particolare di fondazione il cui raggio d azione è circoscritto alla comunità locale( 6 ). Le fondazioni di comunità rappresentano un modello evoluto di intermediario filantropico i cui obiettivi sono la promozione della «cultura del dono»( 7 ) e il miglioramento della qualità della vita degli abitanti di una determinata area geografica attraverso il finanziamento dei progetti promossi dalle organizzazioni appartenenti al cosiddetto terzo settore ( 8 ) nei campi scientifico, culturale e dell assistenza sociosanitaria. Per promuovere le donazioni, le fondazioni di comunità offrono ai potenziali donatori servizi diversi che li agevolino nel perseguimento dei propri scopi filantropici. Esse inoltre si «coinvolgono in numerose iniziative fungendo da facilitatori, catalizzatori e collaboratori per la soluzione di problemi particolarmente rilevanti per la comunità locale.»( 9 ). La fondazione di comunità combina nella stessa struttura due funzioni, quella di raccolta dei fondi, il cosiddetto fund raising, e quella di erogazione dei contributi, il cosiddetto grant-making, in precedenza svolte da organismi diversi. L autonomia e l indipendenza dalla sfera pubblica e da quella privata e la trasparenza e la rendicontabilità (accountability) della loro attività nei confronti dell opinione pubblica, sono i loro elementi caratteristici che vengono declinati in modo specifico a seconda del contesto locale di riferimento. Le fondazioni di comunità rappresentano una «forma organizzativa leggera e particolarmente flessibile, sia in termini strutturali sia in termini operativi.»( In base agli schemi tecnico-economici elaborati dalla dottrina aziendalistica, le fondazioni di comunità sono organizzazioni intermedie che raccolgono le donazioni da 10 ). ( 6 ) FERRUCCI F., Capitale sociale e partnership tra pubblico, privato e terzo settore, Vol. II, Il caso delle fondazioni di comunità, FrancoAngeli, Milano, 2010, pag. 53. ( 7 ) BENEDETTO XVI, Caritas in veritate, Libreria Editrice Vaticana, Città del Vaticano, 2009, pag. 52, sul sito «La carità nella verità pone l uomo davanti alla stupefacente esperienza del dono. La gratuità è presente nella sua vita in molteplici forme, spesso non riconosciute a causa di una visione solo produttivistica e utilitaristica dell esistenza. L essere umano è fatto per il dono, che ne esprime ed attua la dimensione di trascendenza.». ( 8 ) La locuzione «Terzo settore (traduzione del corrispettivo inglese Third Sector) indica quell insieme, vasto ed eterogeneo, di aggregazioni collettive che sotto un profilo strettamente funzionale intendono collocarsi su una terza via rispetto allo Stato e al mercato.»: AGENZIA PER IL TERZO SETTORE (a cura di), Il Terzo settore dalla A alla Z. Parole e volti del non profit, op. cit., pag ( 9 ) FERRUCCI F., Capitale sociale e partnership tra pubblico, privato e terzo settore, op. cit., pag. 55. ( 10 ) IBIDEM, op. cit., pag. 56. XIV

15 INTRODUZIONE una pluralità di piccoli donatori, garantiscono una gestione indirizzata alla massimizzazione del rendimento del patrimonio, effettuano una selezione preventiva dei progetti da finanziare e un monitoraggio successivo degli obiettivi raggiunti. Il presente studio intende delineare quello che è stato il passaggio dalla tradizionale filantropia istituzionale alla moderna intermediazione filantropica e fornire un quadro d insieme sul poliedrico mondo delle fondazioni di comunità. La prima parte, costituita dal I capitolo, analizza sinteticamente le tipologie di aziende non profit operanti nell ambito del terzo settore, soffermandosi poi su un esplicitazione specifica delle medesime rappresentata dalle fondazioni che costituiscono ancora oggi delle «scatole nere poco conosciute e ancor meno comprese» (Diaz, 1999). La seconda parte, rappresentata dal II capitolo, è dedicata alla disamina del fenomeno della filantropia istituzionale e, più in particolare, dell intermediazione filantropica. Vengono, quindi, analizzate le cause di formazione degli intermediari filantropici che sono all origine dello sviluppo della fondazione di comunità. La terza parte comprende i capitoli III e IV e approfondisce il fenomeno delle fondazioni di comunità in Italia. L analisi dettagliata delle caratteristiche strutturali ed operative delle fondazioni comunitarie italiane è preceduta dalla descrizione della loro genesi nell ambito del progetto promosso dalla Fondazione Cariplo. La ricerca è orientata fondamentalmente sulle fondazioni di comunità che sono emanazione delle fondazioni di origine bancaria ed è svolta mediante l analisi dei loro statuti e regolamenti. La quarta parte, con l ultimo capitolo, completa il lavoro e, nell effettuare un parallelo tra i principali modelli internazionali di community foundations, dimostra che la «globalizzazione non necessariamente distrugge le comunità locali», ma innesca processi di adattamento alle diverse situazioni economiche e sociali da cui possono nascere nuovi attori collettivi capaci di mobilitare ulteriori risorse per la promozione del benessere locale( 11 ). «Le community foundations ricopriranno, con ogni probabilità, un ruolo sempre più importante nella costruzione di comunità in grado di vincere le sfide che ( 11 ) IBIDEM, op. cit., pag. 55. XV

16 INTRODUZIONE contraddistinguono la società contemporanea. Esse sembrano essere uno strumento agile e sufficientemente flessibile per rispondere alle esigenze della società civile»( 12 ). L ipotesi alla base di questo lavoro è quella che le fondazioni di comunità, inserite nel tessuto italiano, abbiano subito una forma di morfogenesi( 13 ) sviluppando uno specifico modello italiano in grado di implementare nuove tipologie d intervento di lungo periodo( 14 ) per promuovere il welfare societario( 15 ) a livello locale. La tesi che vogliamo verificare è se l azione delle fondazioni di comunità è circoscritta alla semplice redistribuzione di risorse economiche tra le organizzazioni locali del terzo settore ovvero se questo strumento può trasformarsi in un «vettore di sviluppo» economico e sociale non solo in aree caratterizzate da maturità economica ma anche in aree depresse e assumere un ruolo di leadership in ambito locale. L assunzione, pertanto, di un ruolo sistemico essenziale per lo sviluppo economico e sociale del paese. La metamorfosi di questo veicolo non è ancora completata ed è quindi di grande interesse cercare di comprendere quali sono le sue dinamiche di funzionamento. ( 12 ) CASADEI B., Le community foundations: una scelta strategia per le fondazioni delle casse di risparmio, in AA.VV, Fondazioni e organizzazioni non profit in USA, Maggioli, Rimini, 1997, pag ( 13 ) La differenziazione delle culture organizzative «può dar luogo a due esiti: la riproduzione delle strutture esistenti (morfostasi) oppure l elaborazione strutturale prodotta dall agire interattivo dei soggetti che modificano la struttura (morfogenesi)»: FERRUCCI F., Come pensano (e agiscono) le fondazioni italiane? Morfogenesi e morfostasi delle culture filantropiche, in «Politiche sociali e servizi», Vita & Pensiero, Milano, anno IX, n. 1, gennaio-giugno 2007, pag. 80. ( 14 ) «Le community foundations concentrandosi nel futuro, proprio mentre domina un enfasi nei confronti degli obiettivi di corto periodo, possono dare un importante contributo nel costruire una vera visione civile.»: CASADEI B., Le community foundations: una scelta strategia per le fondazioni delle casse di risparmio, op. cit., pag ( 15 ) Il welfare societario corrisponde «a un sistema sociale in cui l impegno per il benessere sociale, in qualche modo è parte integrante della vita di ogni giorno». Il welfare state corrisponde «a tutto ciò che un parlamento delibera e che un governo mette in atto». La prospettiva del welfare societario «riguarda invece le azioni, gli atteggiamenti e le opinioni della gente, rispetto le questioni che hanno rilevanza per il benessere della collettività» quindi «mette in evidenza come le politiche sociali non si identifichino più con gli interventi delle pubbliche amministrazioni volte alla promozione del benessere della collettività.»: FERRUCCI F., La promozione del welfare societario a livello locale: il ruolo delle Fondazioni Comunitarie, in BARTOLINI I. (a cura di), Capitale sociale, reti comunicative e culture di partecipazione, FrancoAngeli, Milano, 2008, pagg XVI

17 RINGRAZIAMENTI

18 RINGRAZIAMENTI Devo un sentito ringraziamento alla Dott.ssa Silvia Cordero Segretario Generale della Fondazione della Comunità di Mirafiori per il contributo di pensiero e per il materiale fornitomi. Rivolgo un ringraziamento all Arma dei Carabinieri e in particolare agli Ufficiali che si sono avvicendati negli incarichi di Capo dell Ufficio Personale Marescialli e di Capo della 1^ Sezione Impiego per la incondizionata disponibilità e fiducia dimostrata nei miei confronti. Ringrazio la Dott.ssa Elisabetta Bonocore Responsabile della Biblioteca del Dipartimento di Diritto ed Economia delle Attività Produttive della Facoltà di Economia dell Università Sapienza per la gentile disponibilità. In ultimo, perché in fondo a questa lista ma primi nella realtà, ringrazio gli studenti, tutti ben presenti nei miei pensieri, della Facoltà di Economia con cui ho condiviso sogni, speranze e difficoltà. XVIII

19 CAPITOLO PRIMO LE AZIENDE NON PROFIT SOMMARIO: 1. Il terzo settore : lineamenti sociologici 1.1. Le strutture del terzo settore 1.2. La cultura 1.3. La normatività 1.4. L organizzazione operativa 1.5. Il ruolo societario 1.6. I criteri definitori 2. Le organizzazioni aziendali 2.1. I criteri di classificazione La classificazione in base al soggetto giuridico La classificazione in base al soggetto economico La classificazione in base al fine La classificazione in base alla destinazione della produzione 3. La tipologia delle aziende non profit 3.1. L impresa 3.2. L azienda di autoproduzione 3.3. L azienda filantropico-erogativa 3.4. L impresa sociale 4. La qualificazione economico-sociale delle aziende non profit 5. Le teorie sulla formazione delle aziende non profit 5.1. La teoria del fallimento dello Stato : il modello dell elettore mediano di Weisbrod 5.2. La teoria del fallimento del contratto di Hansmann 5.3. Altre teorie sulle aziende non profit 6. Le fondazioni: definizione ed elementi costitutivi 6.1. L atto di fondazione 6.2. Lo statuto 6.3. Il patrimonio 6.4. Lo scopo 7. La tassonomia delle fondazioni 7.1. La classificazione in base al criterio funzionale Le fondazioni di gestione (operating foundation) Le fondazioni di erogazione (grant-making foundation) Le fondazioni di comunità (community foundation) Le fondazioni d impresa (corporate foundation) 7.2. La classificazione in base ai modelli giuridici adottati Le fondazioni di diritto comune Le fondazioni di partecipazione Le fondazioni di diritto speciale.

20 CAPITOLO PRIMO 1. IL TERZO SETTORE : LINEAMENTI SOCIOLOGICI( 1 ) Il termine terzo settore ( 2 ) identifica, nell accezione corrente, un complesso di valori, organizzazioni, culture e sistemi che presentano caratteri eterogenei. Questa circostanza rende l analisi della realtà del terzo settore estremamente complessa e problematica( 3 ). Il punto di partenza per definire il terzo settore, è rappresentato dall ottica in cui si pone l osservatore rispetto a questo fenomeno. Possiamo individuare due punti di osservazione quello: esterno in cui le altre istituzioni, presenti nella società, osservano il terzo settore e ne danno la propria definizione; interno in cui il terzo settore osserva la società e si autodefinisce rispetto a questa ultima. Le due prospettive, tuttavia, non sono complementari, ma possono essere dissomiglianti e contrastanti tra loro( 4 ). Da un punto di vista esterno e negativo, il terzo settore può essere definito come tutto ciò che non è ricompreso né nello Stato né nel mercato e quindi come il prodotto da un lato della crisi del welfare state e dall altro dei fallimenti del mercato. Questa prospettiva, tuttavia, è in grado di cogliere solo un aspetto della realtà. ( 1 ) DONATI P., Che cos è il terzo settore: cultura, normatività, organizzazione, ruolo societario, in DONATI P. (a cura di), Sociologia del terzo settore, Carocci, Roma, 1998, pagg ( 2 ) «Con il termine terzo settore si fa riferimento a un ambito sociale specifico entro il quale è inscrivibile una gamma articolata di organismi diversi. Tuttavia il dibattito scientifico vede la presenza di altre dizioni accanto a quella di terzo settore. Esse sono: privato sociale, terza dimensione, economia sociale, terzo sistema, settore delle organizzazioni non profit. Ognuna di queste definizioni, pur se con confini e motivazioni diverse, ha contribuito a identificare l area in questione e il suo specifico significato sociale.»: BOVA A. - ROSATI D., Il terzo settore e l impresa sociale: sostegni o sfide per il welfare state?, Apes, Roma, 2009, pagg ( 3 ) «Lo studio della realtà del terzo settore sotto un profilo economico-aziendale non è esente da complessità e anche da problematicità, considerata l eterogeneità delle organizzazioni che nel linguaggio comune si fanno rientrare nell espressione terzo settore. Ne consegue la necessità di definire l oggetto di studio, che sicuramente non risulta agevole, alla luce delle differenziate e molteplici tassonomie elaborate nelle diverse discipline.»: BUCCIONE C., Modelli di governance e prospettive di sviluppo manageriale nelle imprese non profit, FrancoAngeli, Milano, 2010, pag. 16. ( 4 ) «Si evince che definire i confini del terzo settore non risulta agevole, in quanto si tratta di un settore sui generis che può assolvere a ruoli anticipatori, complementari, ma anche concorrenziali rispetto alla Stato e al mercato e, infine, anche a ruoli residuali e di retroguardia, in relazione al contesto geografico e all ambito di attività. A loro volta lo Stato e il mercato possono creare condizioni favorevoli o sfavorevoli per lo sviluppo del terzo settore»: IBIDEM, op. cit., pag

21 LE AZIENDE NON PROFIT Da un punto di vista più ampio e positivo, il terzo settore dovrebbe essere considerato come il «prodotto della crisi del progetto illuministico moderno» che aveva tentato di costruire una società basata sull asse individuo-stato con la conseguente marginalizzazione di tutte quelle formazioni sociali intermedie che dal medioevo hanno caratterizzato l esistenza delle società occidentali. Per giungere alla definizione del fenomeno, dobbiamo quindi utilizzare un terzo punto di vista diverso da quello liberistico e da quello statuale che ci consenta di inquadrare le relazioni che si generano nella società prima del loro scambio sul mercato, come valore di scambio, o della loro regolazione politica da parte dello Stato. Il terzo settore, pertanto, non è qualcosa di estraneo, ma è una realtà connaturata alla società e prodotta dalla «differenziazione societaria in condizioni di crescente complessità sociale». In quest ottica, il terzo settore è un modo di essere «positivo e propositivo» della società e una «forma sociale emergente» che nasce dall esigenza di trovare nuove risposte a specifici problemi sociali determinati dall accresciuta articolazione della società. Le società moderne possono essere scomposte in quattro sotto-sistemi: a) economia (mercato); b) istituzioni politico-amministrative (Stato e sue articolazioni); c) terzo settore (organizzazioni di solidarietà sociale); d) settore informale (famiglia). Sulla base di questo schema interpretativo, il terzo settore si caratterizza in modo differente a seconda che lo osserviamo dall interno o dall esterno. Dall esterno il terzo settore corrisponde, dal punto di vista: economico, all economia sociale (efficienza del sistema societario); politico, a nuovi soggetti politici rappresentanti di identità e interessi e portatori di proprie strategie e finalità (efficacia del sistema societario); regolativo, a nuove reti di sociabilità (integrazione interna per il sistema societario); culturale, ad una nuova cultura civile (impegni di valore per il sistema societario). Dall interno, invece, il terzo settore deve assumere i seguenti requisiti, sotto l aspetto: economico, deve disporre di propri mezzi finanziari e operativi; 3

22 CAPITOLO PRIMO politico, deve essere in grado di mobilitare risorse umane e materiali per il perseguimento dei propri fini; regolativo, deve avvalersi di un particolare reticolo di norme formali e informali; culturale, deve ricorrere a determinate modalità di utilizzazione dei beni e delle relazioni sociali. Il terzo settore, quindi, si caratterizza per una propria cultura, normatività, operatività e funzione societaria anche se poi ogni singola organizzazione sociale valorizza una di queste categorie rispetto alle altre (ad esempio il volontariato accentua l altruismo) Le strutture del terzo settore Il terzo settore si sviluppa in maniera preponderante nelle società avanzate perché è solo dove lo Stato e il mercato sono già sufficientemente diversificati, che emergono altre esigenze. È solo quando lo Stato e il mercato si specializzano in determinate funzioni che nasce la necessità che le relazioni sociali, diverse da quelle basate sul valore di scambio e da quelle oggetto di regolazione politica, trovino una loro organizzazione. I processi che danno vita al terzo settore sono processi di «differenziazione reticolare» poiché rappresentano la creazione di reti sociali più complesse di quelle esistenti nella società precedente. Le reti del terzo settore si caratterizzano, quindi, per una maggiore mobilità e capacità di dotarsi di nuove forme di relazione che costituiscono l organizzazione del terzo settore. I movimenti sociali sono l humus su cui si sviluppano i soggetti sociali del terzo settore che rispondono alle esigenze di relazionalità degli individui. Pertanto le organizzazioni del terzo settore non possono presentare né un elevato grado di formalizzazione (paragonabile a quella delle strutture statali) né una gestione guidata esclusivamente da criteri di utilità economica (paragonabili a quelli del mercato). Il terzo settore è l elemento che caratterizza la società relazionale quella in cui il problema principale è costruire un nuovo contratto sociale su cui basare le società postmoderne. Gli attori del terzo settore sono portatori di una cittadinanza che non fa più riferimento allo Stato nazionale, ma a un nuovo sistema sociale che si collega a valori globalizzanti e a realtà multietniche radicate sul territorio. 4

I.2 L analisi economico-finanziaria: redditività conseguita, redditività attesa e creazione di valore economico

I.2 L analisi economico-finanziaria: redditività conseguita, redditività attesa e creazione di valore economico Introduzione I.1 Premessa Analizzare la situazione economico-finanziaria di un impresa significa poter affrontare alcune questioni critiche della gestione dell azienda e cioè essere in grado di poter rispondere

Dettagli

Il lavoro sulle risorse immateriali precede la ricerca delle risorse materiali

Il lavoro sulle risorse immateriali precede la ricerca delle risorse materiali IL FUND RAISING PER LE ORGANIZZAZIONI NON PROFIT Principi, strumenti e tecniche Il lavoro sulle risorse immateriali precede la ricerca delle risorse materiali Spesso, di fronte al tema delle risorse, chi

Dettagli

Welfare locale, Strutture di Servizi e Terzo settore

Welfare locale, Strutture di Servizi e Terzo settore Corso Laurea Politiche e Servizi Sociali Roma, 24 aprile 2013 Welfare locale, Strutture di Servizi e Terzo settore Marco Accorinti Titolo della lezione odierna: Gli attori del welfare: istituzionali, privati

Dettagli

Gestione delle risorse ed economia delle biblioteche. Paola Dubini

Gestione delle risorse ed economia delle biblioteche. Paola Dubini Gestione delle risorse ed economia delle biblioteche Paola Dubini Di che cosa parleremo Alcune premesse L individuazione delle funzioni obiettivo La configurazione dei processi e le scelte di presidio

Dettagli

La Fondazione di partecipazione

La Fondazione di partecipazione 29 Giugno 2011 Palmanova (Ud) La Fondazione di partecipazione Note sul regime tributario delle Fondazioni di Partecipazione Avv. Laura Bellicini La disamina delle peculiari caratteristiche delle Fondazioni

Dettagli

Indice. Prefazione PARTE PRIMA LE FONDAZIONI DI PARTECIPAZIONE NELLE STRATEGIE COLLABORATIVE TRA AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE ED IMPRESE

Indice. Prefazione PARTE PRIMA LE FONDAZIONI DI PARTECIPAZIONE NELLE STRATEGIE COLLABORATIVE TRA AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE ED IMPRESE Indice Prefazione XI PARTE PRIMA LE FONDAZIONI DI PARTECIPAZIONE NELLE STRATEGIE COLLABORATIVE TRA AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE ED IMPRESE Capitolo 1 Le partnership pubblico-privato nei nuovi modelli di gestione

Dettagli

Milano Sharing City. SETTORE INNOVAZIONE ECONOMICA, SMART CITY E UNIVERSITA Pag. 1

Milano Sharing City. SETTORE INNOVAZIONE ECONOMICA, SMART CITY E UNIVERSITA Pag. 1 Milano Sharing City Le sfide globali contemporanee possono, se ben gestite, determinare lo sviluppo di importanti processi di innovazione in grado di portare benessere e crescita economica diffusa. In

Dettagli

IL BILANCIO SOCIALE E IL SUO RADICAMENTO NELLE ASSOCIAZIONI LINEE GUIDA E RIFLESSIONI SULLE METODOLOGIE

IL BILANCIO SOCIALE E IL SUO RADICAMENTO NELLE ASSOCIAZIONI LINEE GUIDA E RIFLESSIONI SULLE METODOLOGIE di Sergio Ricci 1 IL BILANCIO SOCIALE E IL SUO RADICAMENTO NELLE ASSOCIAZIONI LINEE GUIDA E RIFLESSIONI SULLE METODOLOGIE Intervento per il Convegno Turismo Sociale e Bilancio Sociale : contributi in un

Dettagli

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo Ridurre i divari Il problema Fino alla fine degli anni sessanta, la cooperazione allo sviluppo si identificava esclusivamente con la cooperazione economica o con l aiuto umanitario di emergenza. Questa

Dettagli

Tema d esame ATTRAVERSO IL BILANCIO ATTIVITÀ DIDATTICHE. di Luisa VENINI

Tema d esame ATTRAVERSO IL BILANCIO ATTIVITÀ DIDATTICHE. di Luisa VENINI Tema d esame ATTIVITÀ DIDATTICHE REDDITO, PATRIMONIO E ATTRAVERSO IL BILANCIO LORO RAPPRESENTAZIONE di Luisa VENINI MATERIE AZIENDALI (classe 5 IP Tecnico servizi sociali) Tecnica amministrativa Il candidato,

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato MELANDRI. Riconoscimento e disciplina delle comunità intenzionali

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato MELANDRI. Riconoscimento e disciplina delle comunità intenzionali Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 3891 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato MELANDRI Riconoscimento e disciplina delle comunità intenzionali Presentata il 23 novembre

Dettagli

RACCOMANDAZIONE RELATIVA ALLA PROMOZIONE DELLE COOPERATIVE, 2002 1

RACCOMANDAZIONE RELATIVA ALLA PROMOZIONE DELLE COOPERATIVE, 2002 1 Raccomandazione 193 RACCOMANDAZIONE RELATIVA ALLA PROMOZIONE DELLE COOPERATIVE, 2002 1 La Conferenza generale dell Organizzazione internazionale del Lavoro, Convocata a Ginevra dal Consiglio di amministrazione

Dettagli

SOMMARIO PARTE PRIMA: IDENTITÀ DEL COMITATO ITALIANO PER L UNICEF ONLUS 8 PARTE SECONDA: RELAZIONE SOCIALE 18

SOMMARIO PARTE PRIMA: IDENTITÀ DEL COMITATO ITALIANO PER L UNICEF ONLUS 8 PARTE SECONDA: RELAZIONE SOCIALE 18 SOMMARIO LETTERA DEL PRESIDENTE 4 NOTA INTRODUTTIVA E METODOLOGICA 6 IL COINVOLGIMENTO DEGLI STAKEHOLDER 7 PARTE PRIMA: IDENTITÀ DEL COMITATO ITALIANO PER L UNICEF ONLUS 8 1.1 CONTESTO DI RIFERIMENTO 9

Dettagli

ASSOCIAZIONI DI PROMOZIONE SOCIALE (APS): ASPETTI INTRODUTTIVI

ASSOCIAZIONI DI PROMOZIONE SOCIALE (APS): ASPETTI INTRODUTTIVI ASSOCIAZIONI DI PROMOZIONE SOCIALE (): ASPETTI INTRODUTTIVI Nel nostro Paese l associazionismo sociale è un fenomeno in continua espansione. Le Associazioni di Promozione Sociale rappresentano quei soggetti

Dettagli

INTRODUZIONE. Unipol Gruppo Finanziario ha invece scelto di ascoltare tutti, offrendo a tutti l opportunità di partecipare.

INTRODUZIONE. Unipol Gruppo Finanziario ha invece scelto di ascoltare tutti, offrendo a tutti l opportunità di partecipare. CARTADEIVALORI INTRODUZIONE Questa Carta dei Valori rappresenta in se stessa un Valore perché è il frutto di un grande impegno collettivo. Alla sua stesura hanno concorso migliaia di persone: i dipendenti

Dettagli

Configurazioni del Bilancio Sociale. Oggi più di ieri e sicuramente meno di domani, il centro di produzione, ovvero il centro di

Configurazioni del Bilancio Sociale. Oggi più di ieri e sicuramente meno di domani, il centro di produzione, ovvero il centro di Configurazioni del Bilancio Sociale Oggi più di ieri e sicuramente meno di domani, il centro di produzione, ovvero il centro di interessi, deve fare i conti con un contesto ampio e complesso che esprime,

Dettagli

Dalla responsabilità sociale di impresa all impresa sociale. Federica Bandini

Dalla responsabilità sociale di impresa all impresa sociale. Federica Bandini Dalla responsabilità sociale di impresa all impresa sociale Federica Bandini LE FINALITA AZIENDALI L ISTITUTO L AZIENDA GLI INTERESSI CONVERGENTI SULL AZIENDA Le finalità Perché le persone si aggregano?

Dettagli

Gli obblighi di bilancio

Gli obblighi di bilancio IL BILANCIO DELLE SOCIETA DI MUTUO SOCCORSO di Massimo Avincola e Giorgio Gentili Premessa Negli ultimi anni sono state costituite numerose Società di Mutuo Soccorso, molte delle quali, sono state promosse

Dettagli

IL RUOLO DELLE FONDAZIONI NEL SOSTEGNO E NELLA PROMOZIONE DELL INNOVAZIONE SOCIALE COME FATTORE DI SVILUPPO

IL RUOLO DELLE FONDAZIONI NEL SOSTEGNO E NELLA PROMOZIONE DELL INNOVAZIONE SOCIALE COME FATTORE DI SVILUPPO IL RUOLO DELLE FONDAZIONI NEL SOSTEGNO E NELLA PROMOZIONE DELL INNOVAZIONE SOCIALE COME FATTORE DI SVILUPPO (Relazione al Convegno: Fondazioni e Banche: i sistemi economici locali Fondazione Cassa di Risparmio

Dettagli

AGENZIA PER IL TERZO SETTORE ATTO DI INDIRIZZO. ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001, n. 329

AGENZIA PER IL TERZO SETTORE ATTO DI INDIRIZZO. ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001, n. 329 AGENZIA PER IL TERZO SETTORE ATTO DI INDIRIZZO ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001, n. 329 in relazione alla configurabilità di un Trust Onlus Approvato dalla Commissione

Dettagli

Progetto di ricerca rilevante di Ateneo (PAR)

Progetto di ricerca rilevante di Ateneo (PAR) Progetto di ricerca rilevante di Ateneo (PAR) UNA CULTURA, UNA TRADIZIONE, UN SISTEMA PRODUTTIVO LOCALE: IL CASO DI CASTELLI (TE) Indicazioni progettuali per un analisi territoriale, per un progetto di

Dettagli

Autoimprenditorialità

Autoimprenditorialità Autoimprenditorialità Aspetti giuridici e burocratici dell impresa Febbraio 2012 La figura giuridica dell imprenditore L art. 2082 del Codice Civile definisce imprenditore chi esercita professionalmente

Dettagli

Le organizzazioni nella rete dei servizi sociali

Le organizzazioni nella rete dei servizi sociali Università degli Studi di Milano Bicocca Facoltà di Sociologia Corso di laurea in Servizio Sociale Anno Accademico 2008/09 Corso Organizzare un servizio Le organizzazioni nella rete dei servizi sociali

Dettagli

I.I.S. LUCA SIGNORELLI CORTONA ITE F. LAPARELLI DI CORTONA E FOIANO DELLA CHIANA INDIRIZZO: AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING DIRITTO ED ECONOMIA

I.I.S. LUCA SIGNORELLI CORTONA ITE F. LAPARELLI DI CORTONA E FOIANO DELLA CHIANA INDIRIZZO: AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING DIRITTO ED ECONOMIA I.I.S. LUCA SIGNORELLI CORTONA ITE F. LAPARELLI DI CORTONA E FOIANO DELLA CHIANA INDIRIZZO: AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING DIRITTO ED ECONOMIA PRIMO BIENNIO COMUNE INDIRIZZI AFM e TURISMO collocare

Dettagli

BANDO 2015.9 ATTIVITÀ CULTURALI TUTELA E VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO STORICO E ARTISTICO

BANDO 2015.9 ATTIVITÀ CULTURALI TUTELA E VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO STORICO E ARTISTICO BANDO 2015.9 ATTIVITÀ CULTURALI TUTELA E VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO STORICO E ARTISTICO PER L INDIVIDUAZIONE DI PROGETTI DI UTILITÀ SOCIALE DA FINANZIARSI DALLA FONDAZIONE CON IL CONCORSO DI ALTRI SOGGETTI

Dettagli

CITTADINANZA ATTIVA. modo multiforme, di mobilitare risorse. modalità e strategie differenziate per. tutelare diritti, esercitando poteri e

CITTADINANZA ATTIVA. modo multiforme, di mobilitare risorse. modalità e strategie differenziate per. tutelare diritti, esercitando poteri e CITTADINANZA ATTIVA è la capacità dei cittadini di organizzarsi in modo multiforme, di mobilitare risorse umane tecniche e finanziarie, e di agire con modalità e strategie differenziate per tutelare diritti,

Dettagli

controllo da parte degli organi a vario titolo deputati al controllo dell azienda non profit, Lo scopo della raccomandazione

controllo da parte degli organi a vario titolo deputati al controllo dell azienda non profit, Lo scopo della raccomandazione I sistemi e le procedure di controllo negli enti non profit di Giorgio Gentili Sireco srl di Roma e Hepta Consulenza Srl di San Severino Marche (MC) L a Commissione aziende non profit del Consiglio nazionale

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Presentazione... V Introduzione... 1 PARTE PRIMA ASPETTI GIURIDICI CAPITOLO 1 LE ASSOCIAZIONI RICONOSCIUTE

INDICE SOMMARIO. Presentazione... V Introduzione... 1 PARTE PRIMA ASPETTI GIURIDICI CAPITOLO 1 LE ASSOCIAZIONI RICONOSCIUTE Presentazione...................................... V Introduzione...................................... 1 PARTE PRIMA ASPETTI GIURIDICI CAPITOLO 1 LE ASSOCIAZIONI RICONOSCIUTE 1.1. Nozioni generali................................

Dettagli

L azienda e le funzioni aziendali

L azienda e le funzioni aziendali UDA 5 TEMA 3 L operatore impresa L azienda e le funzioni aziendali a cura di Lidia Sorrentino Il concetto di azienda. Per soddisfare i propri bisogni, fin dall antichità l uomo si è associato con altre

Dettagli

Modello di statuto per i musei di ente locale e di interesse locale

Modello di statuto per i musei di ente locale e di interesse locale REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ASSESSORATO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE, BENI CULTURALI, INFORMAZIONE, SPETTACOLO E SPORT Modello di statuto per i musei di ente locale e di interesse locale Articolo 1 Istituzione...

Dettagli

Interventi sussidiari e forme organizzative protagoniste

Interventi sussidiari e forme organizzative protagoniste ALMA MATER STUDIORUM - UNIVERSITA' DI BOLOGNA SCUOLA DI LETTERE E BENI CULTURALI Corso di laurea magistrale in Scienze della Comunicazione pubblica e sociale Interventi sussidiari e forme organizzative

Dettagli

III Conferenza Europea dei Servizi alla Persona

III Conferenza Europea dei Servizi alla Persona III Conferenza Europea dei Servizi alla Persona Un Piano Nazionale per lo sviluppo dei SAP in Italia Mario Conclave Italia Lavoro I fenomeni in corso in Italia Fenomeni di medio lungo periodo, che spingono

Dettagli

Center for Near Space an IIF Competence Center. Codice Etico. Principi, valori e norme di comportamento

Center for Near Space an IIF Competence Center. Codice Etico. Principi, valori e norme di comportamento Center for Near Space an IIF Competence Center Codice Etico Principi, valori e norme di comportamento 1 CODICE ETICO Indice 1. Il Codice Etico del Center for Near Space (CNS) Art. 1 Definizione di Codice

Dettagli

10 domande e 10 risposte

10 domande e 10 risposte 10 domande e 10 risposte Lo sapevate che... Il factoring è uno strumento per gestire professionalmente i crediti ed è un complemento ideale del finanziamento bancario. Il factoring è utile per tutte le

Dettagli

La gestione finanziaria nelle Aziende Non Profit. La gestione finanziaria nelle ANP (tra cui rientrano le ASD) riguarda il.

La gestione finanziaria nelle Aziende Non Profit. La gestione finanziaria nelle ANP (tra cui rientrano le ASD) riguarda il. La gestione finanziaria nelle Aziende Non Profit La gestione finanziaria nelle ANP (tra cui rientrano le ASD) riguarda il. REPERIMENTO UTILIZZO dei mezzi monetari necessari al perseguimento dei fini istituzionali

Dettagli

COMUNE DI CORCIANO PROVINCIA DI PERUGIA REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI

COMUNE DI CORCIANO PROVINCIA DI PERUGIA REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI COMUNE DI CORCIANO PROVINCIA DI PERUGIA REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 10 DEL 19 MARZO 2015 CAPO I PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto

Dettagli

RAPPORTO TRA L AGESCI E LE NORME RIGUARDANTI IL VOLONTARIATO E L ASSOCIAZIONISMO

RAPPORTO TRA L AGESCI E LE NORME RIGUARDANTI IL VOLONTARIATO E L ASSOCIAZIONISMO RAPPORTO TRA L AGESCI E LE NORME RIGUARDANTI IL VOLONTARIATO E L ASSOCIAZIONISMO 1. LA PREMESSA 2. LA DEFINIZIONE GIURIDICA 3. LA STORIA 4. I PUNTI DA PONDERARE 5. LA SITUAZIONE ATTUALE 6. CI FERMIAMO

Dettagli

Bilancio Economico Pluriennale 2014 2015-2016

Bilancio Economico Pluriennale 2014 2015-2016 Regione Calabria Azienda Sanitaria Provinciale Cosenza Il Direttore Generale Bilancio Economico Pluriennale 2014 2015-2016 Il Direttore Generale Dott. Gianfranco Scarpelli RELAZIONE AL BILANCIO PLURIENNALE

Dettagli

PER UNA RESPONSABILITA SOCIALE D IMPRESA CHE SIA ELEMENTO STRUTTURALE DELLO SVILUPPO SOSTENIBILE

PER UNA RESPONSABILITA SOCIALE D IMPRESA CHE SIA ELEMENTO STRUTTURALE DELLO SVILUPPO SOSTENIBILE PER UNA RESPONSABILITA SOCIALE D IMPRESA CHE SIA ELEMENTO STRUTTURALE DELLO SVILUPPO SOSTENIBILE PREMESSA Per la prima volta quest anno la responsabilità sociale in Italia diventa un tema diffuso di dibattito

Dettagli

Delega al Governo per la riforma del Terzo settore, dell impresa sociale e per la disciplina del Servizio civile universale

Delega al Governo per la riforma del Terzo settore, dell impresa sociale e per la disciplina del Servizio civile universale VERSIONE PROVVISORIA Delega al Governo per la riforma del Terzo settore, dell impresa sociale e per la disciplina del Servizio civile universale Audizione dell Istituto nazionale di statistica: Dott. Manlio

Dettagli

Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto Umanitario dell Unione Europea

Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto Umanitario dell Unione Europea C A R T A D E L L E O N G D I S V I L U P P O Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto Umanitario dell Unione Europea 1 CARTA DELLE ONG DI SVILUPPO Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto

Dettagli

METODOLOGIA DELLA VALUTAZIONE DEI DIPENDENTI

METODOLOGIA DELLA VALUTAZIONE DEI DIPENDENTI All. A METODOLOGIA DELLA VALUTAZIONE DEI DIPENDENTI ai sensi del vigente Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro 26 SISTEMA DI VALUTAZIONE DEI DIPENDENTI AMBITO DI APPLICAZIONE: dipendenti CISSACA OBIETTIVO

Dettagli

Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità

Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità 2013-2015 INDICE 1. Introduzione: organizzazione e funzione dell Agenzia Regionale per la Tecnologica e l Innovazione - ARTI... 2 2. I dati... 4 2.1

Dettagli

COMUNE DI QUARTU SANT'ELENA Provincia di Cagliari

COMUNE DI QUARTU SANT'ELENA Provincia di Cagliari COMUNE DI QUARTU SANT'ELENA Provincia di Cagliari REGOLAMENTO PER ISTITUZIONE DEL REGISTRO COMUNALE DEL VOLONTARIATO, DELLE CONSULTE TEMATICHE E DEL FORUM DEL VOLONTARIATO. Approvato con deliberazione

Dettagli

LA FONDAZIONE PER IL SUD

LA FONDAZIONE PER IL SUD LA FONDAZIONE PER IL SUD Sostiene la costituzione di Fondazioni di Comunità nelle Regioni del Sud Italia che rientrano nelle regioni ammissibili all obiettivo prioritario 1 come da regolamento CE n. 1260

Dettagli

COMITATO PARITETICO DEL VOLONTARIATO DELLA PROVINCIA DI FORLI CESENA STATUTO - REGOLAMENTO

COMITATO PARITETICO DEL VOLONTARIATO DELLA PROVINCIA DI FORLI CESENA STATUTO - REGOLAMENTO COMITATO PARITETICO DEL VOLONTARIATO DELLA PROVINCIA DI FORLI CESENA ART. 1 Istituzione STATUTO - REGOLAMENTO E istituito ai sensi dell art. 23 della L.R. 21 Febbraio 2005, n.12 il Comitato Paritetico

Dettagli

aspetti aziendali e di gestione del ASP E FONDAZIONI personale Forlì 14 dicembre 2004

aspetti aziendali e di gestione del ASP E FONDAZIONI personale Forlì 14 dicembre 2004 ASP E FONDAZIONI aspetti aziendali e di gestione del personale Forlì 14 dicembre 2004 1 Le fondazioni come soggetto dell economia aziendale l economia aziendale ha per oggetto l ordine economico degli

Dettagli

CODICE ETICO. Premesse

CODICE ETICO. Premesse CODICE ETICO Premesse I. La Confederazione Generale Italiana delle Imprese, delle Attività Professionali e del Lavoro Autonomo, denominata in breve Confcommercio-Imprese per l Italia o anche Confederazione,

Dettagli

INSIEME PER IL VOLONTARIATO

INSIEME PER IL VOLONTARIATO INSIEME PER IL VOLONTARIATO FARE SISTEMA AL SERVIZIO DELLA COMUNITÀ BERGAMASCA Bergamo, 24 gennaio 2013 Intervento di Carlo Vimercati Presidente Comitato di Gestione Fondi Speciali Lombardia Il convegno

Dettagli

MANIFESTO per la Buona politica e per il Bene comune

MANIFESTO per la Buona politica e per il Bene comune Forum delle Persone e delle Associazioni di ispirazione cattolica nel Mondo del Lavoro MANIFESTO per la Buona politica e per il Bene comune I Promotori del Forum delle Persone e delle Associazioni di ispirazione

Dettagli

CENTRO ANZIANI DI PORCIA

CENTRO ANZIANI DI PORCIA Centro anziani di Porcia Associazione di volontariato O.N.L.U.S Iscritto al n 930 del Registro del Volontariato F.V.G Decreto iscrizione n. 1574 del 23.04.2015 Via delle Risorgive, 3-33080 Porcia (PN)

Dettagli

(Finalità e oggetto)

(Finalità e oggetto) Delega al Governo per la riforma del Terzo settore, dell impresa sociale e per la disciplina del Servizio civile universale Art. 1. (Finalità e oggetto) 1. Il Governo è delegato ad adottare, entro dodici

Dettagli

IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA

IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA PRESENTAZIONE DELLA RICERCA IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA ROMA 23 OTTOBRE 2008 Vorrei ringraziare gli intervenuti, i relatori, le Istituzioni ed il GSE che con la sua collaborazione

Dettagli

RISOLUZIONE N. 74/E. OGGETTO: Interpello art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Erogazioni liberali. Art. 100, comma 2, lettera a) del TUIR

RISOLUZIONE N. 74/E. OGGETTO: Interpello art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Erogazioni liberali. Art. 100, comma 2, lettera a) del TUIR RISOLUZIONE N. 74/E Direzione Centrale Normativa Roma, 29 luglio 2014 OGGETTO: Interpello art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Erogazioni liberali. Art. 100, comma 2, lettera a) del TUIR Con l interpello

Dettagli

L ECONOMICITÀ AZIENDALE

L ECONOMICITÀ AZIENDALE L ECONOMICITÀ AZIENDALE IMPRESA tende alla sopravvivenza (autonoma) nel tempo 1 a condizione: Equilibrio economico Risorse consumo (utilizzazione) Collocamento l azienda deve conseguire in volume di ricavi

Dettagli

Linee guida e schemi di redazione dei bilanci di esercizio degli Enti non profit

Linee guida e schemi di redazione dei bilanci di esercizio degli Enti non profit ENTI NON PROFIT Linee guida e schemi di redazione dei D I L U C A P A G L I O T T A 1. Introduzione Dopo aver esaminato in un recente intervento (vedi Notizie Sintesi n. 265 di Dicembre 2008, pag. 2) gli

Dettagli

UMANA MENTE SUMMER SCHOOL

UMANA MENTE SUMMER SCHOOL UMANA MENTE SUMMER SCHOOL WEBINAIR Grautità e intermediazione filantropica Relatore: Bernardino Casadei Segretario Generale Assifero 11 SETTEMBRE 2012 L intermediazione filantropica Un ente, di norma una

Dettagli

Le parole chiave: Per non svuotare la sussidiarietà

Le parole chiave: Per non svuotare la sussidiarietà LINEE GUIDA PER UN PATTO PER IL RICONOSCIMENTO E LA VALORIZZAZIONE DELL APPORTO DEL TERZO SETTORE ALLA RETE DI SOSTEGNO AL WELFARE DI BOLOGNA E PROVINCIA Le parole chiave: 1. SUSSIDIARIETA 2. STABILE REGIA

Dettagli

Regolamento per la Valorizzazione dell attività scientifica ed il Trasferimento dei risultati

Regolamento per la Valorizzazione dell attività scientifica ed il Trasferimento dei risultati Regolamento per la Valorizzazione dell attività scientifica ed il Trasferimento dei risultati Premessa L Ateneo svolge attività di diffusione e promozione della ricerca scientifica sostenendo la partecipazione

Dettagli

Un Contributo per una Interpretazione Attuale della Teoria Mazziniana dell Economia di Sergio d Errico

Un Contributo per una Interpretazione Attuale della Teoria Mazziniana dell Economia di Sergio d Errico Un Contributo per una Interpretazione Attuale della Teoria Mazziniana dell Economia di Sergio d Errico L approccio alle tematiche dello Sviluppo Economico sviluppa la percezione e la consapevolezza di

Dettagli

Dimensioni ed effetti della spesa pubblica

Dimensioni ed effetti della spesa pubblica MODULO 2 - La spesa pubblica LE DIMENSIONI DELLA SPESA PUBBLICA L insieme dei mezzi monetari che lo Stato e gli altri enti pubblici erogano per il raggiungimento dei fini di pubblico interesse costituisce

Dettagli

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT E quell insieme di organizzazioni che producono beni/servizi e gestiscono attività fuori dal mercato o, se operano nel mercato, agiscono con finalità non

Dettagli

Economia sociale e impresa sociale

Economia sociale e impresa sociale Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali DG Terzo settore e formazioni sociali Economia sociale e impresa sociale Intervento di Anna Chiara Giorio 9 gennaio 2014 Indice dell intervento Terzo settore,

Dettagli

Realizzazione Grafica a cura del Centro Servizi al Volontariato Daunia

Realizzazione Grafica a cura del Centro Servizi al Volontariato Daunia PRIMA GUIDA AL VOLONTARIATO della provincia di Foggia I diritti di traduzione, riproduzione, di memorizzazione elettronica e di adattamento totale e parziale con qualsiasi mezzo (compreso i microfilm e

Dettagli

rendiconto economico 2

rendiconto economico 2 rendiconto economico 034 rendiconto economico 2 In questa sezione del bilancio sociale Finpiemonte rappresenta, attraverso appositi prospetti, la dimensione economica e monetaria della gestione, secondo

Dettagli

L impresa sociale italiana

L impresa sociale italiana Milano, 5 maggio 2006 L impresa sociale italiana D Angelo G. Ferretti M. Fiorentini G. Zangrandi A. IMPRESA SOCIALE L.118/05 e decreto legislativo 155/06! Le imprese sociali sono organizzazioni private

Dettagli

Anno scolastico 2013/2014. Curricolo verticale. Servizi socio sanitario/ Servizi Commerciali

Anno scolastico 2013/2014. Curricolo verticale. Servizi socio sanitario/ Servizi Commerciali Istituto Istruzione Superiore 'Mattei Fortunato' Eboli (SA) Anno scolastico 2013/2014 Curricolo verticale Servizi socio sanitario/ Servizi Commerciali Disciplina: DIRITTO ED ECONOMIA Al termine del percorso

Dettagli

COME GESTIRE LA NUOVA IMPRESA: FORNIRE CONOSCENZE, METODI E SISTEMI DI DI LAVORO SULLE AREE DELLA GESTIONE AZIENDALE

COME GESTIRE LA NUOVA IMPRESA: FORNIRE CONOSCENZE, METODI E SISTEMI DI DI LAVORO SULLE AREE DELLA GESTIONE AZIENDALE COME GESTIRE LA NUOVA IMPRESA: FORNIRE CONOSCENZE, METODI E SISTEMI DI DI LAVORO SULLE AREE DELLA GESTIONE AZIENDALE PROF. VALTER CANTINO 1 L AZIENDA Soggetto unitario composto di più elementi diversi

Dettagli

Programmazione del dipartimento di Diritto e Economia. Biennio del Liceo delle Scienze Umane e del Liceo Economico Sociale. a.s.

Programmazione del dipartimento di Diritto e Economia. Biennio del Liceo delle Scienze Umane e del Liceo Economico Sociale. a.s. Programmazione del dipartimento di Diritto e Economia Biennio del Liceo delle Scienze Umane e del Liceo Economico Sociale a.s. 2015-2016 Premessa La seguente programmazione è stata sviluppata a partire

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE EROGAZIONI

REGOLAMENTO PER LE EROGAZIONI Redatto ai sensi della legge 23 dicembre 1998 n 461, del decreto legislativo n 153 del 17 maggio 1999 e dell'atto di indirizzo del Ministro del Tesoro, del Bilancio e della Programmazione Economica del

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE, L AGGIORNAMENTO ED I CREDITI FORMATIVI DEL PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE, L AGGIORNAMENTO ED I CREDITI FORMATIVI DEL PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE, L AGGIORNAMENTO ED I CREDITI FORMATIVI DEL PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO Premessa L Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia considera la formazione e l aggiornamento

Dettagli

Carta dei volontari Carta Europea sui diritti e i doveri

Carta dei volontari Carta Europea sui diritti e i doveri Carta dei volontari Carta Europea sui diritti e i doveri dei volontari YFJ_VolunteeringCharter_IT.indd 1 16/09/12 13:02 Editorial team Editor in Chief Giuseppe Porcaro Copy Editor Thomas Spragg Graphic

Dettagli

E possibile migliorare il controllo e la governance delle imprese pubbliche? L esperienza del Comune di Roma

E possibile migliorare il controllo e la governance delle imprese pubbliche? L esperienza del Comune di Roma E possibile migliorare il controllo e la governance delle imprese pubbliche? L esperienza del Comune di Roma Marco Causi Facoltà di Economia Federico Caffè Università degli Studi Roma Tre L argomento della

Dettagli

PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ

PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ La qualità dei servizi e delle politiche pubbliche è essenziale per la competitività del sistema economico e per il miglioramento delle condizioni di vita dei

Dettagli

FONDAZIONE VIALLI E MAURO PER LA RICERCA E LO SPORT - ONLUS

FONDAZIONE VIALLI E MAURO PER LA RICERCA E LO SPORT - ONLUS FONDAZIONE VIALLI E MAURO PER LA RICERCA E LO SPORT - ONLUS NOTA INTEGRATIVA AL BILANCIO AL 31.12.2007 La Fondazione Vialli e Mauro per la Ricerca e lo Sport Onlus, è un ente che non svolge attività commerciale

Dettagli

ASSE STORICO SOCIALE

ASSE STORICO SOCIALE ASSE STORICO SOCIALE 1 ASSE STORICO SOCIALE competenze attese d asse indicatori descrittori Competenze di asse Indicatori Descrittori 1. Comprendere il cambiamento e la diversità dei tempi storici in una

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Introduzione al corso 1 Inquadramento del corso 1996: Gruppo di ricerca sulle metodologie di analisi, sugli

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI COMMISSIONE AZIENDE NON PROFIT RACCOMANDAZIONE N.3 LA NOTA INTEGRATIVA E LA RELAZIONE DI MISSIONE CONSIGLIERE DELEGATO GIORGIO SGANGA PRESIDENTE MARCO ELEFANTI

Dettagli

CIRCOLARE N. 34/E. Roma, 21 novembre 2013

CIRCOLARE N. 34/E. Roma, 21 novembre 2013 CIRCOLARE N. 34/E Direzione Centrale Normativa Roma, 21 novembre 2013 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi erogati da amministrazioni pubbliche - Criteri generali per la definizione

Dettagli

Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma

Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma Documento basato sui risultati della Conferenza di Roma, 17 e 18 novembre 2014 In occasione della Presidenza

Dettagli

LA CARTA DELLA DONAZIONE

LA CARTA DELLA DONAZIONE LA CARTA DELLA DONAZIONE 1 - PRINCIPI GENERALI La Carta della Donazione è il primo codice etico italiano per l autoregolamentazione della raccolta fondi nell ambito del non profit. Promossa da Solidaritas,

Dettagli

Linee guida e Raccomandazioni per la II Fase - Studi di Fattibilità - II Edizione

Linee guida e Raccomandazioni per la II Fase - Studi di Fattibilità - II Edizione Linee guida e Raccomandazioni per la II Fase - Studi di Fattibilità - II Edizione RUOLI NELLA RETE Quali sono i ruoli che un ente può interpretare nell ambito del progetto? Un ente può essere partner oppure

Dettagli

6.2.4 REGOLAMENTO DELL ATTIVITA EROGATIVA SU BANDI 1

6.2.4 REGOLAMENTO DELL ATTIVITA EROGATIVA SU BANDI 1 6.2.4 REGOLAMENTO DELL ATTIVITA EROGATIVA SU BANDI 1 Articolo 1 Ambito di applicazione Il presente Regolamento disciplina, in attuazione di quanto previsto all articolo 13, lettera g), dello Statuto della

Dettagli

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE 2 OGGETTO: Definizione delle modalità per l iscrizione nel Registro regionale delle Associazioni di promozione sociale, modalità di cancellazione e modalità per la revisione del Registro regionale. L.R.

Dettagli

QUESTIONARIO 3: MATURITA ORGANIZZATIVA

QUESTIONARIO 3: MATURITA ORGANIZZATIVA QUESTIONARIO 3: MATURITA ORGANIZZATIVA Caratteristiche generali 0 I R M 1 Leadership e coerenza degli obiettivi 2. Orientamento ai risultati I manager elaborano e formulano una chiara mission. Es.: I manager

Dettagli

E LE SUE STRATEGIE COMUNICATIVE.

E LE SUE STRATEGIE COMUNICATIVE. ALMA MATER STUDIORUM UNIVERSITÀ DI BOLOGNA FACOLTÀ DI LETTERE E FILOSOFIA Corso di laurea specialistica in: Scienze della Comunicazione Pubblica, Sociale e Politica LA RESPONSABILITÀ SOCIALE D IMPRESA

Dettagli

MANTENERE LE RELAZIONI CON I CLIENTI FINALI

MANTENERE LE RELAZIONI CON I CLIENTI FINALI MANTENERE LE RELAZIONI CON I CLIENTI FINALI Il mantenimento delle relazioni con i clienti finali e il processo mediante il quale il fornitore soddisfa nel tempo le esigenze del cliente definite di comune

Dettagli

FONDAZIONE VIALLI E MAURO PER LA RICERCA E LO SPORT - ONLUS

FONDAZIONE VIALLI E MAURO PER LA RICERCA E LO SPORT - ONLUS FONDAZIONE VIALLI E MAURO PER LA RICERCA E LO SPORT - ONLUS NOTA INTEGRATIVA AL BILANCIO AL 31.12.2008 La Fondazione Vialli e Mauro per la Ricerca e lo Sport Onlus, è un ente che non svolge attività commerciale

Dettagli

La rendicontazione economico-finanziaria e il controllo negli enti non profit

La rendicontazione economico-finanziaria e il controllo negli enti non profit RENDICONTAZIONE ECONOMICO-FINANZIARIA E SOCIALE DELLE AZIENDE NON PROFIT: I PRINCIPI CONTABILI PER IL TERZO SETTORE Prof. Matteo Pozzoli Vercelli 12 Ottobre 2010 Ufficio studi della Presidenza del Consiglio

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA TRIENNIO 2013-2015 Approvato dal Consiglio di Amministrazione del 29/01/2013 con delibera n. 9 SOMMARIO Premessa Trasparenza come libertà di informazione

Dettagli

Programmazione e qualità della produzione statistica

Programmazione e qualità della produzione statistica Martedì 9 Novembre 2004, ore 16,45 Sala nord-ovest Sessione parallela Programmazione e qualità della produzione statistica coordinatore Giorgio Alleva Paola Baldi Il ruolo delle Regioni e degli Enti locali

Dettagli

ATTO DI INDIRIZZO ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001, n. 329

ATTO DI INDIRIZZO ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001, n. 329 AGENZIA PER LE ONLUS ATTO DI INDIRIZZO ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001, n. 329 in relazione alle partecipazione di controllo detenute da Onlus in enti societari aventi

Dettagli

La gestione del reclamo in Emilia-Romagna: una procedura concordata fra i rappresentanti dei cittadini e i servizi

La gestione del reclamo in Emilia-Romagna: una procedura concordata fra i rappresentanti dei cittadini e i servizi Programma a finanziamento ministeriale Percezione di qualità e risultato delle cure: costituzione di una rete integrata di osservatori regionali Seminario interregionale IL CIRCOLO VIRTUOSO DEL RECLAMO

Dettagli

Regolamento ANPAS Servizio Civile

Regolamento ANPAS Servizio Civile Regolamento ANPAS Servizio Civile Approvato dal Consiglio Nazionale ANPAS il 22 novembre 2003 e successivamente modificato nelle date 1 aprile 2006 e 12 aprile 2008 Premessa La realizzazione di una struttura

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO MOBILIARE

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO MOBILIARE REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO MOBILIARE INDICE Art. 1 - Ambito di applicazione Ambito di applicazione 1 TITOLO I PRINCIPI GENERALI Art. 2 - Finalità del processo di gestione del patrimonio

Dettagli

SOMMARIO 1. ENTI NON LUCRATIVI NEL CODICE CIVILE

SOMMARIO 1. ENTI NON LUCRATIVI NEL CODICE CIVILE SOMMARIO 1. ENTI NON LUCRATIVI NEL CODICE CIVILE INTRODUZIONE... 3 FONDAZIONI E ASSOCIAZIONI RICONOSCIUTE... 4 Costituzione di associazioni riconosciute e fondazioni... 4 Riconoscimento della personalità

Dettagli

Nota n. 17-2009. Presidente: Prof. Giuseppe Bianchi. Via Piemonte, 101 00187 Roma telefono 06.4818443 gbianchi.isril@tiscali.it

Nota n. 17-2009. Presidente: Prof. Giuseppe Bianchi. Via Piemonte, 101 00187 Roma telefono 06.4818443 gbianchi.isril@tiscali.it Nota n. 17-2009 Presidente: Prof. Giuseppe Bianchi Via Piemonte, 101 00187 Roma telefono 06.4818443 gbianchi.isril@tiscali.it 1 Il mondo dei lavoratori interinali, o in somministrazione o in affitto che

Dettagli

Il capitale sociale: prospettive sociologiche

Il capitale sociale: prospettive sociologiche Il capitale sociale: prospettive sociologiche Il punto di vista della sociologia relazionale Pierpaolo Donati 1 Testo teorico di riferimento P. DONATI (a cura di), L approccio relazionale al capitale sociale,

Dettagli

Fiscal News N. 117. Finanziamento soci postergato. La circolare di aggiornamento professionale 08.04.2015. Premessa. Codice civile

Fiscal News N. 117. Finanziamento soci postergato. La circolare di aggiornamento professionale 08.04.2015. Premessa. Codice civile Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 117 08.04.2015 Finanziamento soci postergato Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Varie Nonostante l entrata in vigore della riforma

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE D iniziativa dei Deputati PEZZOTTA, BARETTA, BERNINI. Misure per favorire la promozione e la diffusione del microcredito

PROPOSTA DI LEGGE D iniziativa dei Deputati PEZZOTTA, BARETTA, BERNINI. Misure per favorire la promozione e la diffusione del microcredito PROPOSTA DI LEGGE D iniziativa dei Deputati PEZZOTTA, BARETTA, BERNINI Misure per favorire la promozione e la diffusione del microcredito Onorevoli Colleghi! - Negli ultimi anni il settore della microfinanza

Dettagli