Evoluzione dei bisogni: risorse e prospettive del welfare locale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Evoluzione dei bisogni: risorse e prospettive del welfare locale"

Transcript

1 Evoluzione dei bisogni: risorse e prospettive del welfare locale CONFERENZA DEI SINDACI Bergamo, lì 26 ottobre 2010 UFFICIO SINDACI Via Gallicciolli, Bergamo - tel / fax / Cell web:

2 I COMUNI E LE POLITICHE SOCIALI PER IL TERRITORIO PREMESSA In questi ultimi decenni abbiamo assistito a profondi mutamenti sociali che hanno visto nascere nuove composizioni demografiche della popolazione (progressivo invecchiamento, presenza di stranieri ), nuove forme di famiglia (aumento di famiglie monocomponenti e monogenitoriali, famiglie di fatto ), nuovi modelli organizzativi dell attività economica e del lavoro (crescente precarietà, temporaneità, flessibilità e minori tutele) e nuovi sistemi abitativi (blocco dell edilizia sociale, irrigidimento del mercato della compravendita e dell affitto, aumento dei costi ). Queste grandi trasformazioni hanno generato un aumento della fragilità e vulnerabilità sia economica che socio relazionale. Il fenomeno, che riguarda fasce sempre più estese della popolazione, non si manifesta solamente con le problematiche classiche del disagio conclamato di chi è ai margini, ma sempre più colpisce persone integrate nei principali sistemi di organizzazione della società. Gli individui sperimentano, in questo modello sociale, una situazione di fragilità, un incertezza rispetto alla stabilità della propria situazione e la difficoltà di autodeterminarsi e progettare il proprio futuro. Emergono pertanto, accanto al problema già conosciuto ed evidenziato epidemidemiologicamente delle cronicità, nuovi profili di fragilità: giovani con percorsi lavorativi difficili e tormentati, famiglie non in grado di provvedere autonomamente alla cura di un componente non autosufficiente, giovani madri in difficoltà, anziani soli, famiglie con disagio abitativo. Una condizione, quella di vulnerabilità, che rappresenta un esperienza ordinaria nella vita degli individui e delle famiglie che vivono quelle situazioni intermedie, potenzialmente critiche, in cui l equilibrio precario può essere messo a repentaglio da eventi imprevisti: una malattia improvvisa, uno sfratto, una separazione, la perdita del lavoro. Queste forme di fragilità sociale risultano più difficili da individuare rispetto a condizioni di effettivo disagio, in quanto meno visibili e non riconducibili a evidenti emergenze sociali o sanitarie. A fronte di tale dimensione d insicurezza e instabilità lavorativa, economica, relazionale, identitaria si avverte una forte domanda di tutela, di supporto, di sicurezza, di servizi. Questo in un contesto economico, per gli enti locali, di contrazione delle risorse e con un quadro normativo incerto su diverse materie: la transizione verso un modello federalista, la definizione dei livelli di assistenza sociale, la compartecipazione delle famiglie alle spese per i servizi, la definizione delle competenza tra area sociale e sociosanitaria. In questo quadro la Conferenza dei Sindaci ha scelto di guardare avanti di proporre un possibile modello di sviluppo per le politiche sociali nell incerto contesto attuale, chiedendo, ma anche proponendo, possibili soluzioni e individuando priorità e possibili sviluppi. Il contesto sociale sta cambiando Accanto alla cronicità emergono nuovi profili di fragilità e vulnerabilità sociale Gli enti locali devono rispondere alla crescente domanda di tutela 2

3 LA CORNICE NORMATIVA La riforma della Costituzione ha determinato che (articolo 117) i livelli essenziali delle prestazioni civili e sociali devono essere garantiti in tutto il territorio nazionale e che (articolo 119) le risorse derivanti dalle fonti di cui ai commi precedenti (risorse proprie e risorse derivate dalla compartecipazione alle entrate erariali e al Fondo di perequazione) consentono ai Comuni, alle Province, alle Città metropolitane e alle Regioni di finanziare le funzioni pubbliche loro attribuite L obbligo costituzionale verso tutti i cittadini della Repubblica è vincolante per tutti i livelli istituzionali e, quindi, diviene un diritto esigibile, una volta definiti i livelli essenziali. La normativa stabilisce che siano definiti i livelli essenziali delle prestazioni sociali Queste fondamentali novità costituzionali ribaltano decisamente l attuale sistema delle compatibilità, secondo il quale le risorse finanziarie per il welfare erano e sono ancora residuali nel Bilancio dello Stato, dipendenti dalle scelte, sempre variabili, delle annuali leggi finanziarie. In sostanza, le norme costituzionali esigono che prima siano definiti e stimati, anche nel loro valore monetario, i livelli essenziali delle prestazioni sociali e contestualmente, ma conseguentemente, siano assicurate le risorse necessarie e le forme di autonomia finanziaria e di compartecipazione delle Regioni e degli Enti locali. Con l evoluzione del processo federalista assistenza, sanità, istruzione e trasporti saranno finanziati non più in base alla spesa storica, che riflette sia i fabbisogni reali sia eventuali inefficienze, ma sul costo standard dei livelli essenziali previsti. Questo significa, per il settore sociale, l individuazione dei livelli essenziali di assistenza (Liveas) da garantire a tutti i cittadini in termini di prestazioni e di servizi, ancor prima dell individuazione dei costi standard degli stessi. In futuro assistenza, sanità, istruzione e trasporti saranno finanziati in base al costo standard dei livelli essenziali Il settore dell assistenza ha una spesa disomogenea caratterizzata da una frammentazione degli interventi statali, da prestazioni prevalentemente monetarie, da variazioni evidenti di spesa procapite tra le Regioni. 3

4 Fonte: l indagine censuaria sugli interventi e i servizi sociali dei Comuni. Anno Roma, 2008 Se questo è il quadro di prospettiva normativa che ci attende è chiaro che i Comuni dovranno presidiare con attenzione l evoluzione del processo di decentramento, in quanto dalla individuazione dei livelli essenziali di assistenza e dalla definizione dei rispettivi costi standard dipenderà il profilo di garanzia dei diritti civili e sociali della nostra comunità e dell intero Paese. Dalla individuazione dei livelli essenziali di assistenza dipenderà il profilo di garanzia dei diritti civili e sociali del nostro Paese 4

5 L ANALISI DI CONTESTO, PROSPETTIVE DI SVILUPPO DEL WELFARE LOCALE Negli ultimi cinquant anni la popolazione italiana ha subito evidenti e rilevanti trasformazioni demografiche: la diminuzione della fecondità, l innalzamento della speranza di vita e la riduzione del tasso di mortalità sono tra i fattori che, più di altri, spingono la nostra popolazione verso un progressivo invecchiamento demografico. Le conseguenze di un cambiamento demografico così profondo si ripercuotono in modo significativo sulle politiche sociali del nostro paese. Assistiamo ad un progressivo invecchiamento della popolazione italiana Persone di 6 anni e più disabili per classi di età e sesso. Anno 2005 (per 100 persone dello stesso sesso e classe di età) Fonte: Condizioni di salute, fattori di rischio e ricorso ai servizi sanitari; Istat, 2005 Il carico sociale evidenziato dalla struttura demografica impressiona, così come le prospettive del fenomeno. Si stima che, in Italia, nel 2040 circa due milioni di persone (dai 65 anni in su) si troveranno in situazioni di non autonomia. L Invecchiamento della popolazione e il conseguente aumento delle patologie cronico - degenerative porterà, nel 2050, un incremento della spesa sanitaria dedicata all assistenza agli anziani che rappresenterà il doppio di quella destinata all acuzie. con un conseguente aumento della patologie cronico degenerative e un incremento della spesa sanitaria dedicata all assistenza Contemporaneamente al progressivo aumento dell età media della popolazione possiamo, con buona approssimazione, prevedere che 5

6 continuerà il trend, registrato negli ultimi decenni, di una progressiva riduzione del numero medio dei membri dei nuclei familiari, di un aumento del lavoro femminile e di una maggiore disgregazione della famiglia, con la conseguente caduta dell assistenza informale familiare. Contemporaneamente viene meno la rete di assistenza informale familiare Si unisce a questi fenomeni sociali la tendenza a sviluppare ospedali ad alta tecnologia ottimamente attrezzati a rispondere all emergenza clinica ed alla fase acuta della malattia. Gli scenari economici e socio-culturali sopra delineati (e confermati dal Piano Sanitario Nazionale , dal Patto della Salute anno 2010 e dalla proposta di Piano Socio-Sanitario Regionale ), rendono necessaria un azione di governo territoriale volta a creare reti e sinergie tra le diverse aree interessate alla salute e alla protezione sociale. La percezione della salute come bene primario da salvaguardare e il confermato grado di soddisfazione della popolazione lombarda per la sua rete ospedaliera NON può farci dimenticare l insofferenza della stessa per una rete territoriale di servizi effettivamente modesta e frammentata, tanto che spesso i problemi cominciano là dove l ospedalizzazione li ha parzialmente risolti (ultimata l acuzie, infatti, il cittadino deve fare i conti con lunghe attese e con una difficile integrazione degli interventi). Tali problemi si acuiscono ulteriormente nella relazione con i servizi psichiatrici e la specialistica territoriale che, ricomprese nell organizzazione ospedaliera, non riescono a soddisfare i bisogni del territorio. È fondamentale quindi puntare alla progettazione ed al potenziamento di strutture sanitarie di tipo post-acuto ma anche subacuto, finalizzate a gestire pazienti in uscita dalla fase acuta ma anche pazienti con patologie legate alla cronicità. È necessario creare strutture intermedie, o di low care: di tipo ospedaliero, per pazienti che superata la fase critica/acuta, vanno curati ed assistiti per stabilizzare, e possibilmente recuperare, le condizioni antecedenti l evento che ha reso necessario il ricovero ospedaliero. Logisticamente tali strutture devono essere situate in prossimità o all interno degli ospedali; di tipo territoriale, per pazienti stabilizzati con bisogni di intensità di cura e di assistenza ma le cui condizioni cliniche ancora non consentono un assistenza domiciliare o una collocazione residenziale. Logisticamente tali strutture devono essere collocati sul territorio, possibilmente vicino al domicilio. In mancanza di queste strutture il problema viene risolto prevalentemente con il prolungamento delle degenze ospedaliere, costose e poco organizzate a rispondere a bisogni soprattutto assistenziali, o con dimissioni percepite dalla popolazione come precoci. Si pensi ad esempio come, nella provincia di Bergamo, il Nuovo Ospedale Beato Giovanni XXIII pensato e modulato per intensità di L attuale rete territoriale di servizi non riesce a farsi carico dei problemi legati alla cronicità E necessario implementare e sviluppare strutture sanitarie di tipo post-acuto e sub-acuto. Strutture intermedie o di low care ospedaliero e territoriale 6

7 cure, potrebbe ben rispondere alle esigenze descritte di possibile gestione dei pazienti. Un ospedale e un modello organizzativo così sviluppato non potrà che avere ripercussioni positive su una rete ospedaliera provinciale inevitabilmente, rispetto ai dati qui presentati, da ripensare. La proposta della Conferenza dei Sindaci della provincia di Bergamo, per Bergamo e più in generale per la Lombardia, è quella di prospettare un modello di sviluppo del sistema di protezione sociale che si ponga l obiettivo della qualità e dell appropriatezza del prendersi cura dell individuo nella sua globalità, integrando gli interventi sanitari e sociali, e superando il pre-esistente paradigma culturale, che vede nella gestione del malato acuto l espressione più qualificante e gratificante dell intervento sulla persona. In questo modello di sviluppo l efficacia degli interventi d integrazione tra sociale e sanitario non deve essere misurata semplicemente in termini di servizi erogati, ma, soprattutto, in base alla capacità di organizzare e gestire i percorsi di cura e di rispondere adeguatamente alla domanda di assistenza in un circuito di continuità assistenziale che accompagni l evolversi dei bisogni del cittadino e della sua famiglia. La rete ospedaliera provinciale è inevitabilmente da ripensare. Necessario prendersi cura dell individuo nella sua globalità Ci conforta in questo senso che la Regione Lombardia, attraverso la proposta di Piano Socio-Sanitario Regionale ipotizzi un sistema con un: approccio di tipo ospedaliero, nell area sanitaria, che prevede: gestione dell acuzie, creazione di strutture intermedie, potenziamento diagnostico e tecnologico; approccio territoriale, che prevede: nell area socio-sanitaria: la cura della persona da effettuare al domicilio o in strutture accreditate diurne o residenziali, di primo impatto e di bassa tecnologia; nell area socio-assistenziale: il prendersi cura dei bisogni sociali, assistenziali, relazionali della persona (reddito, casa, lavoro, istruzione) e della comunità. I Piani programmatici nazionali e regionali risponderanno effettivamente ai mutati scenari demografici e sociali se ridefiniranno, in modo particolare, il modello dell offerta sanitaria, socio-sanitaria e socio-assistenziale. Questo coincide con l obiettivo, già più volte espresso dalla Conferenza dei Sindaci, di progettare un modello integrato e strutturato d interventi sanitari e servizi assistenziali sinergici, in grado di fornire una risposta articolata e differenziata alle diverse necessità della popolazione. Per realizzare ciò bisogna: Modello integrato d interventi sanitari e servizi assistenziali per fornire una risposta alle necessità della popolazione definire un luogo in cui la comunità locale integri le dimensioni della cura (ospedali, Unità d Offerta sanitarie), la promozione della salute (Distretto socio-sanitario, Unità d offerta sociosanitarie, agenzie del territorio) e del benessere sociale (Ambiti territoriali Uffici di piano, Unità d offerta sociale, agenzie del territorio). Un luogo in cui trovano allocazione: funzioni ospedaliere 7

8 residue o intermedie e servizi territoriali in grado di erogare prestazioni sanitarie, sociali e socio-sanitarie integrate (possibilmente a livello domiciliare); disporre una modalità di accreditamento delle Unità d offerta di natura sanitaria, socio-sanitaria e sociale che esiga, da chi richiede di accreditarsi, la disponibilità ad entrare in rete con le altre unità d offerta accreditate; ri-equilibrare e ri-qualificare a favore del territorio le energie e le risorse del settore sanitario e socio-sanitario di competenza regionale. Un progetto, quindi, d ulteriore progressione verso l integrazione organizzativa e di governance condivisa tra gli attori del governo delle reti sanitarie e socio-sanitarie (Regione e ASL) e sociale (Ambiti Territoriali e Comuni). Deve essere inoltre valorizzato il ruolo dei Medici di assistenza primaria (MAP), dei pediatri di libera scelta e degli specialisti ambulatoriali quali primo snodo di accesso alle cure e punto di collegamento tra la programmazione regionale e lo sviluppo operativo locale. Fondamentale è anche la partecipazione al processo di condivisione e la suo sviluppo operativo delle diverse agenzie del territorio (terzo settore, volontariato ). La prospettiva di realizzazione di un modello integrato così strutturato, e governato congiuntamente dalle ASL e dai Comuni Associati, può finalmente consentire: un miglior utilizzo delle risorse, focalizzandole sulle priorità degli interventi concordati; La prospettiva rimane la realizzazione di un modello integrato degli interventi l integrazione dei livelli essenziali delle prestazioni socio-sanitarie tramite la contiguità operativa, e possibilmente spaziale, dei servizi e degli operatori una modalità organizzativa che diviene momento, ed auspicabilmente luogo, della ricomposizione e dell integrazione delle culture, delle competenze e delle responsabilità dei servizi sanitari e sociali, nel rispetto dell unitarietà e della centralità della persona. Per realizzare, quanto auspicato, si propone un PATTO PER BERGAMO, tra ASL Comuni Aziende Ospedaliere, sentite anche le altre istituzioni e agenzie del territorio, al fine di confermare le molte eccellenze presenti nell area sanitaria, socio-sanitaria e sociale nella nostra provincia e di intraprendere i passi concreti per la ridefinizione dell organizzazione e della modalità d intervento territoriale di questi importanti settori del welfare locale. Per realizzare, quanto auspicato, si propone un Patto per Bergamo 8

9 GLI STRUMENTI DI GOVERNO E OPERATIVI DEI COMUNI Al decimo anno dall emanazione della L.328/00 e alla terza annualità di realizzazione dei Piani di Zona il territorio bergamasco può esprimere la sua soddisfazione per un processo di ri-appropriazione a livello locale degli indirizzi e delle politiche sociali. La peculiarità di tale organizzazione è stata una risorsa vincente, perché ha saputo coniugare una rappresentatività provinciale con l attenzione alla comunità locale. Il prologo a carattere provinciale presente nei 14 Piani di Zona della provincia di Bergamo con l elencazione degli obiettivi a carattere provinciale e la descrizione di una governance sovracomunale delle politiche ha permesso la costruzione di strumenti comuni. La politica sociale intesa in senso stretto ha lasciato ormai da tempo i suoi confini tradizionali (recupero e sollievo delle marginalità) e si è allargata a comprendere temi più ampi e inclusivi della vita sociale, economica, culturale, e organizzativa di una comunità (sanità, lavoro, istruzione, casa...). Il territorio bergamasco può esprimere soddisfazione per un processo di riappropriazione a livello locale degli indirizzi e delle politiche sociali PIANO DI ZONA INTEGRAZIONE SOCIO-SANITARIA Infanzia e adolescenza LA PERSONA E LA FAMIGLIA anziani Povertà ed esclusione sociale immigrati disabili 9

10 Nel settore socio-assistenziale di competenza esclusiva dei Comuni, si riassumono le seguenti aree di intervento: AREA DI UTENZA FINALITÀ DI INTERVENTO TIPOLOGIE DI PRESTAZIONE Multiutenza Famiglia e minori Disabili Anziani Salute Mentale Dipendenze Immigrati Povertà e disagio adulti PREVENZIONE - PROMOZIONE PREVENZIONE - PROMOZIONE PREVENZIONE PROMOZIONE Servizi sociali che si rivolgono a più tipologie di utenti, le attività generali svolte dai Comuni e i costi sostenuti per esenzioni e agevolazioni offerte agli utenti delle diverse aree. Interventi e servizi di supporto alla crescita dei figli e alla tutela dei minori. Interventi e servizi a cui possono accedere utenti con problemi di disabilità fisica, psichica o sensoriale Interventi e servizi mirati a migliorare la qualità della vita delle persone anziane, nonché a favorire la loro mobilità, l integrazione sociale e lo svolgimento delle funzioni primarie. In quest area anche i servizi e gli interventi a favore di anziani malati del morbo di Alzheimer, e le prestazioni rivolte agli anziani non autosufficienti. Interventi e servizi per l integrazione sociale e lavorativa. Interventi e servizi rivolti a persone dipendenti da alcool e droghe. Interventi e servizi finalizzati all integrazione sociale, culturale ed economica degli stranieri Interventi e servizi per ex detenuti, donne maltrattate, persone senza fissa dimora, indigenti e altre persone in difficoltà non comprese nelle altre aree. Pronto intervento sociale Segretariato sociale Servizio sociale professionale, sostegno al reddito, contributi per l alloggio, mensa e trasporto Sostegno educativo scolastico. Sostegno socio-educativo territoriale e/o domiciliare, affido Servizi semiresidenziali: asili nido, ludoteche, centri di aggregazione per bambini e ragazzi, centri diurni estivi. Servizi residenziali: case famiglia, comunità alloggio, appartamento. Contributi scolastici mensa trasporto Servizio educativo domiciliare. Sostegno socio-educativo scolastico, accompagnamento e trasporto scolastico, voucher, assegni di cura o buoni socio-sanitari, mensa, trasporto. Servizi semiresidenziali: centri diurni, soggiorni estivi. Laboratori protetti Inserimento lavorativo Servizi residenziali: case alloggio,residenze disabili. Voucher, assegni di cura o buoni socio-sanitari, mensa, trasporto sociale, telesoccorso, teleassistenza, fornitura di pasti e/o lavanderia a domicilio, centri sociali e di aggregazione, soggiorni estivi. Assistenza domiciliare Assistenza domiciliare integrata Servizi semiresidenziali: centri diurni. Servizi residenziali: case di riposo. Inserimento lavorativo Sostegno al reddito Contributi per l alloggio Residenzialità leggera Inserimento lavorativo Sostegno al reddito Contributi per l alloggio Servizi residenziali: case famiglia, appartamento Inserimento lavorativo Percorsi formativi Mensa e trasporto sociale Inserimento lavorativo: borsa lavoro. Servizi residenziali: dormitori, appartamenti protetti. Per tutte queste aree di competenza è necessario condividere linee programmatiche e di indirizzo comuni, al fine di rendere più efficaci, efficienti ed equi gli intereventi sociali a favore dei nostri cittadini. Vanno rafforzati i luoghi di governo, di sintesi, di ri-composizione delle politiche e delle strategie a livello territoriale (Assemblee dei Sindaci degli Ambiti Territoriali) e a livello provinciale (Consiglio di Rappresentanza dei Sindaci) e, a livello operativo, sono richiesti 10

11 maggiori investimenti sulle strutture tecniche dell Ufficio Sindaci (ufficio di supporto al Consiglio di Rappresentanza dei Sindaci) e degli Uffici di Piano, per una loro maggiore strutturazione e qualificazione. Vanno rafforzati i luoghi di governo, di sintesi, di ricomposizione delle politiche e delle strategie a livello territoriale SERVIZO DI SEGRETARIATO SOCIALE, FORMA DI GESTIONE: 1 = COMUNALE 2 = AMBITO TERRITORIALE 3 = CO-PRESENZA COMUNE AMBITO TERRITORIALE 4 = NON PRESENZA SERVIZIO La direzione da perseguire nei prossimi anni sarà quella di implementare la co-gestione Comuni-Ambiti Territoriali che ha portato in questi anni buoni risultati in termini di presenza capillare dei servizi, di qualità delle prestazioni, di risparmio delle risorse. Si pensi in quest ottica al risultato conseguito garantendo la presenza di un servizio sociale in tutti i 244 Comuni della provincia, quando solo fino a otto anni fa la presenza del servizio era limitata a 30/40 Comuni. La direzione da perseguire nei prossimi anni sarà quella di implementare la co-gestione Comuni-Ambiti Territoriali 11

12 DIREZIONI DI LAVORO PER I COMUNI ASSOCIATI Il tentativo di ri-disegnare il sistema locale di welfare, ri-partendo da un attenzione territoriale e da un allocazione delle risorse e dei servizi in una logica locale, esige un orizzonte comune ma anche investimenti in strutture sovra-comunali che riescano a produrre innovazione. L esempio più rilevante è sicuramente l approvazione di una modalità unica per l accreditamento sociale (che ha visto il lavoro e la partecipazione del Gruppo Tecnico Interistituzionale) da parte dei 14 Ambiti Territoriali che pone la provincia di Bergamo in una posizione avanzata di ripensamento delle forme e delle modalità di erogazione dei servizi sociali. Sempre in questa direzione, l obiettivo per l inizio del prossimo anno sarà quello di attrezzare i 14 Uffici di Piano di un software comune per la gestione dei servizi sociali comunali; un operazione questa che permetterà di condividere informazioni e di facilitarne lo scambio con le diverse istituzioni che sul territorio si occupano di welfare. Il tentativo di ridisegnare il sistema locale di welfare dei Comuni bergamaschi Un altro importante traguardo che si propone per l anno prossimo, anche in carenza di una normativa chiara di riferimento, è il tema della co-partecipazione alle spese per le prestazione sociali delle persone e delle loro famiglie. La scelta di utilizzare lo strumento dell ISEE di Ambito e a livello provinciale è una prospettiva ambiziosa ma anche un obiettivo che non possiamo eludere, come Comuni, al fine di un uniformità delle prestazioni e dei diritti del cittadino. Inoltre si devono approfondire i temi specifici della quotidianità, i piccoli e grandi problemi che preoccupano gli Amministratori tra riduzioni di bilancio ed appropriatezza degli interventi. Proprio per raccogliere e approfondire direttamente sui territori tali questioni, il Consiglio di Rappresentanza, in accordo con i Presidenti di Ambito ed in collaborazione con ASL, Provincia ed Università di Bergamo, ha messo in agenda per i primi mesi del prossimo anno un incontro con ognuna delle 14 Assemblee dei Sindaci di Ambito. Non ultimo occorre continuare a sostenere i tecnici, gli operatori, i componenti dei tanti tavoli di lavoro, il volontariato e tutti quelli che collaborano per garantire un sistema di protezione sociale alle persone in condizione di fragilità. In questo senso ha operato l Ufficio Sindaci (che ricomprende, a livello provinciale, anche i 14 Responsabili degli Uffici di Piano), lavorando continuamente alla ricerca delle sinergie possibili e garantendo un apporto di conoscenza e di analisi indispensabile per garantire al Consiglio dei Sindaci una maggior consapevolezza delle scelte. In questo quadro evolutivo permangono alcune aree di indubbia criticità per il sistema, ribadite tra l altro negli anni dai Comuni, e per le quali non si è ancora riusciti a ottenere delle risposte. 12

13 Tra questi è importante ricordare: la rete della riabilitazione che necessita di una rimodulazione dell offerta e del potenziamento della riabilitazione di mantenimento oltre che generale e geriatrica; Permangono aree di indubbia criticità l area della salute mentale, con la psichiatria (richiesta di adeguamento delle unità d offerta, di sviluppo delle strutture territoriali, di allungamento della temporalità di presa in carico del paziente da parte del sistema sanitario, di chiarimenti sui casi ritenuti a cavaliere) e con la neuropsichiatria (richiesta di risolvere il problema del sotto organico e delle interminabili liste d attesa per le prime visite); i servizi di tutela dei minori, con un chiarimento definitivo del contributo dell area sanitaria ai servizi integrati di tutela a titolarità comunale e di Ambito. Per la sfida dell integrazione con le politiche della salute (a gestione ASL e Aziende Ospedaliere), del lavoro (a gestione Provincia), dell istruzione (a gestione Ufficio Scolastico Provinciale) e quindi l integrazione socio sanitaria, in rete con le preziose risorse dell associazionismo, del volontariato delle diverse agenzie del territorio, abbiamo avanzato, come sistema comunale, i primi passi ed ottenuto anche qualche risultato: ma il tentativo di lavorare in rete ha prodotto risultati significativi con il settore sanitario e socio-sanitario - la realizzazione degli accordi per la continuità delle cure tra Aziende Ospedaliere, ASL, Ambiti Territoriali; la sottoscrizione di Patti tra l ASL e le Unità d Offerta socio-sanitarie; la costituzione dei Centri per l Assistenza Domiciliare tra ASL ed Ambiti Territoriali (CeAD); la programmazione condivisa dei PUA (punti unici d accesso alle informazioni per il cittadino dell area sanitaria, socio-sanitaria, sociale e del lavoro); con la collaborazione con la Provincia di Bergamo - la programmazione di un piano formativo a favore degli Amministratori locali; l affidamento agli Ambiti della gestione del Fondo della Provincia di Bergamo sulle famiglie colpite dalla crisi, economica; la sottoscrizione di un accordo per un parziale sostegno ai Comuni delle spese per il trasporto disabili delle scuole superiori; la governance da parte degli Ambiti Territoriali dei tavoli di indirizzo sul collocamento mirato disabili; con il Terzo Settore - il sostegno, anche economico, ad iniziative di carattere provinciale sulle problematiche dell emarginazione, della prevenzione e della promozione di iniziative sociali e culturali; con il Centro Servizi Bottega del Volontariato - l accordo per il sostegno e il supporto al variegato mondo del volontariato. 13

14 In questo contesto di parternship a livello provinciale il Consiglio dei Sindaci ha proposto alla Fondazione della Comunità Bergamasca di sostenere, insieme alla rappresentanza dei Comuni, una progettualità triennale sull area della povertà e della grave marginalità sociale. Il realizzarsi di questa collaborazione, porterebbe alla disponibilità di maggiori entità economiche per un area critica del welfare locale e alla possibilità di sperimentare concretamente modelli innovativi di sostegno alle politiche sociali. Appare indiscutibile, e lo si vedrà ancor meglio nel capitolo delle risorse, il dato per cui i Comuni, pur tra difficoltà ed incertezze, hanno garantito in questi anni un sostegno concreto ai servizi ed all implementazione di politiche e servizi sociali. E per questo motivo che i Sindaci non possono accettare di adempiere al ruolo di autorità sanitaria territoriale con azioni di mera sottoscrizione di ordinanze e di trattamenti sanitari obbligatori. Si continuerà quindi a pretendere (in coerenza con la norma) che i Comuni siano coinvolti, tramite le Assemblee dei Sindaci dell Ambito di riferimento,in tutte le questioni, anche di carattere ri-organizzativo, predisposte dalle aziende ospedaliere o sanitarie che abbiano una ricaduta sulla popolazione. È necessario che i Comuni siano coinvolti nelle decisioni che hanno una ricaduta sulla popolazione 14

15 LE RISORSE DEL SISTEMA SANITARIO, SOCIO-SANITARIO E SOCIALE Perseguire un indirizzo di programma con una forte centratura strategica territoriale si traduce anche nella necessità di maggiori risorse, non a scapito di altri comparti, ma a favore di una diversa organizzazione della risposta al bisogno espresso dalla persona e dalla famiglia in termini di cura. È evidente ad ogni singolo Amministratore che il tema delle risorse è un elemento essenziale nella programmazione delle politiche e dei servizi. Una fotografia dello stato della situazione, anche in termini economici e finanziari, tra i comparti sanitario, socio-sanitario e socio-assistenziale può contribuire a completare il quadro conoscitivo della realtà ed a sostenere le ipotesi in corso. La spesa sanitaria regionale è in continua crescita. Nell anno 2009 per il territorio dell ASL di Bergamo è stata pari a: Spesa sanitaria Bilancio Sanitario euro/ anno Fonte: bilancio ASL anni vari. Elaborazione Ufficio Controllo di gestione ASL Bergamo Tale cifra è ripartita tra le seguenti voci di spesa: Personale Libera professione 5% 0% Integrativa e protesica 2% Cure Primarie 8% Psichiatria NPI 3% IRAP personale Ammortamenti dipendente 0% 0%Beni e Servizi 2% Altri costi 1% Accantonamenti dell'esercizio 1% Oneri finanziari e straordinari 0% Drg 43% File F 4% Farmaceutica 16% Ambulatoriale 15% Fonte: bilancio ASL anni vari. Elaborazione Ufficio Controllo di gestione ASL Bergamo 15

16 La spesa socio-sanitaria regionale è in continua crescita. Nell anno 2009 la spesa per il territorio dell ASL di Bergamo è stata pari a: Spesa sociosanitaria Bilancio Socio Sanitario anno Fonte: bilancio ASL anni vari. Elaborazione Ufficio Controllo di gestione ASL Bergamo Tale cifra è ripartita tra le seguenti voci di spesa: ADI/voucher a carico FNA 0% Voucher SLA e terminali 1% Contributi/rimborsi care giver 0% Distribuzione costi socio-sanitario RSA 55% DISABILI 1% Tossicodipendenza 5% Voucher ADI 6% CDI 3% CDD 4% IDR 13% Consultori privati e potenziamento 1% RSD 10% Hospice 1% CSS 0% Fonte: bilancio ASL anni vari. Elaborazione Ufficio Controllo di gestione ASL Bergamo 16

17 Anche la spesa sociale è in continua crescita. Nell anno 2009 la spesa per i servizi sociali dei 244 Comuni e dei 14 Ambiti Territoriali della provincia di Bergamo è stata pari a: ,00 Spesa sociale , , , , ,00 Spesa sociale FNPS FSR FNA 0, Fonte: prima rielaborazione schede di rendicontazione della spesa sociale 244 Comuni e spesa sociale associata dei 14 Ambiti Territoriali della provincia di Bergamo Negli anni i Comuni hanno speso sempre di più per il settore sociale, anche a fronte delle diminuzioni dei contributi nazionali e regionali, ciò vuol dire che i Comuni hanno provveduto in proprio a compensare la mancanza di risorse. Le risorse sono state impiegate per rispondere alle seguenti aree di bisogno: La spesa sociale dei Comuni è aumentata a fronte di una diminuzione dei contributi nazionali Spesa sociale x aree di investimento Consuntivo 2009 A N Z IA N I 11,43% 9,68% 1,53% 15,93% D ISA B ILI M IN OR I-F A M IGLIA 0,67% 0,14% 4,70% IM M IGR A Z ION E EM A R GIN A Z ION E\ P OVER T A ' D IP EN D EN Z E SA LUT E M EN T A LE 1,14% 30,25% 24,53% C OM P. SP ESA SOC IOSA N IT SVZ SOC E SEGR E SOC P A R T EC IA P Z ION E C OST I 17

18 Canali di finanziamento Consuntivo ,09% 4,60% 1,29% 7,39% 1,52% Comune Utenza Altri EE.Locali Altre entrate 10,66% 67,45% Fondo Sociale Regionale Fondo Nazionale Politiche Sociali Fondo Non Autosufficenza La spesa per i servizi sociali è stata sostenuta nel 2009, in dimensione di media provinciale, dai Comuni (67,45%), dalle famiglie (10,66%), da fondi nazionali (8,92%) e regionali (7,09%). Per l anno finanziario 2011, che corrisponde al finanziamento dell operatività 2012, si ipotizza che il Fondo Nazionale per le Non Autosufficienze non sarà più rifinanziato e il Fondo Nazionale per le Politiche Sociali sarà ulteriormente ridimensionato. È chiaro che i Comuni non sono disponibili ad ulteriori ridimensionamenti del contributo nazionale e/o regionale, che i dati evidenziano già come fonte marginale di copertura della spesa sociale. I Comuni non sono disponibili ad ulteriori ridimensionamenti del contributo nazionale e/o regionale 18

19 ULTERIORI PROPOSTE DELLA CONFERENZA DEI SINDACI Coerentemente alle linee di indirizzo espresse si ritiene necessario coinvolgere, in sintonia con l ANCI Lombardia, i 14 presidenti delle Conferenze dei Sindaci delle ASL lombarde e il Comune di Milano per una proposta unitaria dei Comuni lombardi da presentare alla Regione Lombardia. Una proposta unitaria per i Comuni lombardi I punti da affrontare sono i seguenti: Sistema Richiesta di programmare i servizi in base a logiche e bisogni territoriali, implementare logiche di prossimità degli interventi e delle organizzazioni di risposta, mantenere le eccellenze ospedaliere ma, contemporaneamente, attrezzarsi per affrontare i problemi della cronicità e della vulnerabilità sociale. Rafforzare in questa prospettiva la struttura degli Ambiti Territoriali e degli Uffici di Piano, valorizzare i Distretti sociosanitari e la funzione Locale delle ASL. Risorse 1. La creazione di strutture intermedie, low care ospedaliere e territoriali (per cui si stima che, per le prime, il costo giornaliero di degenza sia pari alla metà di un posto letto utilizzato per l acuzie e, per le seconde, sia pari a un terzo) con il conseguente risparmio di risorse per il sistema sanitario. Si chiede che almeno parte di questi risparmi strutturali vengano assegnati agli Ambiti Territoriali per l implementazione delle attività di supporto territoriale alle degenze ed alla domiciliarizzazione delle attività di sostegno; 2. appare evidente che un travaso (sostenibile per il sistema della sanità) di parte del Fondo Sanitario Regionale, (pari a circa il 3% - 3,5% dei circa 16 miliardi di euro attualmente impegnati a livello regionale) al comparto socio-sanitario, sempre di competenza regionale, comporterebbe, in automatico, quasi il 30% in più delle disponibilità attuali di quest ultimo settore che aumenterebbe la sua capacità di bilancio dagli attuali, 1,5 miliardi di euro a 2 miliardi di euro circa. Questa operazione aprirebbe la possibilità di un adeguamento del contributo del Fondo Sanitario stesso a favore delle Unità d Offerta socio-sanitarie (RSA, CDD, CDI.o altre strutture sperimentali), consentendo così un loro incremento numerico e un automatico risparmio di risorse per l area socio-assistenziale (Comuni e famiglie in primis che vedrebbero ridursi la loro quota di copartecipazione ai servizi). Questa operazione per Bergamo significherebbe circa 42 milioni di a favore del PATTO PER BERGAMO auspicato e proposto precedentemente. Siamo convinti che questo orientamento di sistema porterà, in prospettiva, ulteriori risparmi allo stesso comparto sanitario 19 Risorse anche per il sistema sociale La razionalizzazione delle risorse tra sistema sanitario e sistema sociosanitario PATTO PER BERGAMO: una dote di di euro

20 ospedaliero, in quanto il potenziamento della rete di prestazioni ed offerta territoriale non potrà che contribuire a ridurre i ricoveri impropri e prestazioni artificiose. A questo il territorio (Comuni ed ASL in primo luogo) dovrebbe unire un azione promozionale a livello locale per implementare le risorse per il sistema di protezione e promozione sociale attraverso iniziative che coinvolgano le Fondazioni e le organizzazioni profit. In Lombardia sono presenti importanti fondazioni di origine bancaria e altre fondazioni grant making (tra cui le fondazioni di comunità) che svolgono un ruolo importante nel sostegno allo sviluppo del settore. Inoltre in Lombardia molte imprese industriali sostengono in vario modo realtà con finalità sociali operanti sul territorio di riferimento. Questo impegno deve essere intrapreso in collaborazione con le oltre 30mila istituzioni volontaristiche e associative e le 1600 Cooperative sociali che operano sul territorio regionale. Governance : Per favorire le azioni di governo del sistema proposte nel presente documento serve una riforma sostanziale delle Delibere di Giunta regionale che regolamentano il Consiglio di Rappresentanza e le Assemblee dei Sindaci di Ambito, in coerenza con la nuova normativa espressa anche nella LR 3/2008. Ciò al fine di mettere in condizione tali organismi di poter esprimere concretamente un azione di governo sulle politiche sociali, di indirizzo su quelle socio-sanitarie e almeno di carattere consultivo su quelle sanitarie. Inoltre si chiede alla Regione Lombardia l istituzione di un Tavolo di confronto strategico ed operativo quale luogo di riferimento delle relazioni Regione - territorio sull integrazione sociale e socio-sanitaria, dove siedano, accanto all ANCI Lombardia, i 14 Presidenti delle Conferenze dei Sindaci delle ASL lombarde e il Comune di Milano e dove siano trattati preliminarmente i temi della programmazione sociale e sociosanitaria che la Regione intende proporre. Il Tavolo potrebbe assolvere, tra l altro, alla funzione di raccolta del parere obbligatorio ANCI sugli atti regionali d indirizzo per l area d interesse. In questa direzione si può ancora pensare allo sviluppo di un sistema di welfare inclusivo nella provincia di Bergamo. L alternativa rimane, almeno per i Comuni, svuotati di risorse e possibilità progettuali, la creazione di un sistema di protezione sociale dei diritti minimi riservato solo ai casi estremi di fragilità sociale. Coinvolgimento di fondazioni, organizzazioni profit e no profit Istituzione di un Tavolo regionale di confronto strategico ed operativo Sviluppo di un sistema di welfare inclusivo nella nostra provincia 20

Accompagnare le cronicità e le fragilità IL NUOVO PATTO STATO-REGIONI: TRA TAGLI ED EFFICIENZA

Accompagnare le cronicità e le fragilità IL NUOVO PATTO STATO-REGIONI: TRA TAGLI ED EFFICIENZA Accompagnare le cronicità e le fragilità IL NUOVO PATTO STATO-REGIONI: TRA TAGLI ED EFFICIENZA Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale e Volontariato Milano, 01 Marzo 2014 La domanda Gli anziani

Dettagli

Evidenze e innovazioni del Servizio Socio Sanitario Lombardo. Milano, 28 Marzo 2014

Evidenze e innovazioni del Servizio Socio Sanitario Lombardo. Milano, 28 Marzo 2014 Evidenze e innovazioni del Servizio Socio Sanitario Lombardo Milano, 28 Marzo 2014 IL CAMBIAMENTO DEL CONTESTO E LE REGOLE DI SISTEMA 2014 Nel corso dell ultimo decennio molteplici sono stati i mutamenti

Dettagli

Osservatorio Settoriale sulle RSA 7 Convegno Annuale

Osservatorio Settoriale sulle RSA 7 Convegno Annuale «Da RSA a centro di servizi: una sfida da vincere» OSSERVATORIO SETTORIALE SULLE RSA 7 CONVEGNO ANNUALE RSA aperte al territorio nella prospettiva di Regione Lombardia Direzione Generale Famiglia, Solidarietà

Dettagli

La valutazione come occasione di confronto per la programmazione del Piano di Zona. Giovanni Bertin

La valutazione come occasione di confronto per la programmazione del Piano di Zona. Giovanni Bertin La valutazione come occasione di confronto per la programmazione del Piano di Zona Giovanni Bertin Il livello di conoscenza del sistema di offerta http://pdz.venetosociale.it La rilevazione Piani

Dettagli

Programmazione e governo della rete dei servizi socio sanitari e sociali Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale e Volontariato

Programmazione e governo della rete dei servizi socio sanitari e sociali Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale e Volontariato Programmazione e governo della rete dei servizi socio sanitari e sociali Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale e Volontariato Lecco 27 Febbraio 2014 IL CAMBIAMENTO DEL CONTESTO E LE REGOLE DI

Dettagli

ACCORDO PIANI TRIENNALI DI AMBITO TERRITORIALE SOCIALE 2010-2012

ACCORDO PIANI TRIENNALI DI AMBITO TERRITORIALE SOCIALE 2010-2012 ACCORDO PIANI TRIENNALI DI AMBITO TERRITORIALE SOCIALE 2010-2012 In vista della predisposizione e dell approvazione dei Piani triennali di Ambito territoriale sociale 2010-2012, le Segreterie provinciali

Dettagli

Regione Lombardia ed allarme demenze Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale, Volontariato e Pari Opportunità

Regione Lombardia ed allarme demenze Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale, Volontariato e Pari Opportunità Regione Lombardia ed allarme demenze Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale, Volontariato e Pari Opportunità Milano, 24 marzo 2015 IL CAMBIAMENTO DEL CONTESTO Gli anziani (dai 65 anni in su)

Dettagli

L ANZIANO FRAGILE E LA RETE PER LA CONTINUITA ASSISTENZIALE. I servizi territoriali LECCO, 01.10.2010

L ANZIANO FRAGILE E LA RETE PER LA CONTINUITA ASSISTENZIALE. I servizi territoriali LECCO, 01.10.2010 L ANZIANO FRAGILE E LA RETE PER LA CONTINUITA ASSISTENZIALE I servizi territoriali LECCO, 01.10.2010 II QUADRO DEMOGRAFICO Dal Rapporto 2010 sulla non autosufficienza in Italia In Italia le persone con

Dettagli

Politiche di contrasto della povertà e grave emarginazione: priorità di intervento

Politiche di contrasto della povertà e grave emarginazione: priorità di intervento 2.7 Politiche di contrasto della povertà e grave emarginazione: priorità di intervento Obiettivi di integrazione - Si rileva una disomogeneità nelle modalità di raccordo e collaborazione tra il Servizio

Dettagli

Associazione Regionale del Piemonte. Prot. 1906 Torino 9 novembre 2007

Associazione Regionale del Piemonte. Prot. 1906 Torino 9 novembre 2007 Prot. 1906 Torino 9 novembre 2007 PRIMA BOZZA DI OSSERVAZIONI ANCI PIEMONTE SULLA BOZZA DI LEGGE DELEGA AL GOVERNO IN MATERIA DI PROTEZIONE SOCIALE E CURA DELLE PERSONE NON AUTOSUFFICIENTI (TESTO DEL 6.11.2007)

Dettagli

Le linee guida regionali sui piani di zona 2011 2015: da Casa di Riposo a Centro di Servizio

Le linee guida regionali sui piani di zona 2011 2015: da Casa di Riposo a Centro di Servizio Le linee guida regionali sui piani di zona 2011 2015: da Casa di Riposo a Centro di Servizio Il quadro Istituzionale organizzativo in Regione Veneto Dirigente Regionale Servizi Sociali dott. Mario Modolo

Dettagli

III Conferenza Europea dei Servizi alla Persona

III Conferenza Europea dei Servizi alla Persona III Conferenza Europea dei Servizi alla Persona Un Piano Nazionale per lo sviluppo dei SAP in Italia Mario Conclave Italia Lavoro I fenomeni in corso in Italia Fenomeni di medio lungo periodo, che spingono

Dettagli

REGOLAMENTO UNITARIO PERLA GESTIONE DELLE UNITA DI VALUTAZIONE INTEGRATE E PER L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIOSANITARIE

REGOLAMENTO UNITARIO PERLA GESTIONE DELLE UNITA DI VALUTAZIONE INTEGRATE E PER L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIOSANITARIE REGOLAMENTO UNITARIO PERLA GESTIONE DELLE UNITA DI VALUTAZIONE INTEGRATE E PER L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIOSANITARIE Adottato con delibera G. C. n. 108 del 24.2.2005 Articolo 1 - L INTEGRAZIONE SOCIOSANITARIA

Dettagli

Prove Esame di Stato

Prove Esame di Stato Prove Esame di Stato 2012 SEZ. A 1 Prova L Assistente Sociale specialista responsabile di un servizio sociale riceve dal proprio riferimento politico (Assessore alle politiche sociali) l incarico di redigere

Dettagli

Interventi socio-assistenziali per il sostegno dell autonomia dell anziano

Interventi socio-assistenziali per il sostegno dell autonomia dell anziano Invecchiare in Trentino: aggiungere anni alla vita e vita agli anni Interventi socio-assistenziali per il sostegno dell autonomia dell anziano Il contesto Le trasformazioni sociali, economiche e demografiche

Dettagli

MAPPATURA PRINCIPALI SERVIZI PER ANZIANI IN REGIONE LOMBARDIA

MAPPATURA PRINCIPALI SERVIZI PER ANZIANI IN REGIONE LOMBARDIA MAPPATURA PRINCIPALI SERVIZI PER ANZIANI IN REGIONE LOMBARDIA PREMESSA Il presente documento è stato redatto in modo da offrire una panoramica dei principali servizi socio-sanitari e socio-assistenziali

Dettagli

ore Sala Consiliare del Comune di Bellano

ore Sala Consiliare del Comune di Bellano ore Sala Consiliare del Comune di Bellano IL PERCORSO Valutazione del Piano di Zona 2009/2011 Definizione regole di partecipazione del Terzo Settore Definizione della nuova governance Definizione delle

Dettagli

L Assistente Sociale e la Rete Oncologica

L Assistente Sociale e la Rete Oncologica L Assistente Sociale e la Rete Oncologica Tavola Rotonda Paola Giribaldi Torino, 14 settembre 2013 La Rete degli Assistenti Sociali E stata istituita con Determinazione Regionale n. 265 dell' 8 settembre

Dettagli

Cure Domiciliari. Corso Elettivo Malato a casa 23 gennaio 2012

Cure Domiciliari. Corso Elettivo Malato a casa 23 gennaio 2012 Cure Domiciliari Corso Elettivo Malato a casa 23 gennaio 2012 DEFINIZIONE DELLE CURE DOMICILIARI Le cure domiciliari consistono in trattamenti medici, infermieristici, riabilitativi, prestati da personale

Dettagli

1) Accreditamento dei servizi socio sanitari

1) Accreditamento dei servizi socio sanitari Allegato 17 Linee di indirizzo per i servizi socio-sanitari e di riabilitazione afferenti alla competenza della Direzione Generale Famiglia e Solidarietà Sociale 1) Accreditamento dei servizi socio sanitari

Dettagli

COSTRUIRE E ATTUARE UN PATTO PER UN WELFARE TERRITORIALE EFFICACE E SOSTENIBILE

COSTRUIRE E ATTUARE UN PATTO PER UN WELFARE TERRITORIALE EFFICACE E SOSTENIBILE UNA PROPOSTA ALL ASSEMBLEA DEI SINDACI DELLA BRIANZA COSTRUIRE E ATTUARE UN PATTO PER UN WELFARE TERRITORIALE EFFICACE E SOSTENIBILE Il contesto territoriale Il territorio della Provincia di Monza e della

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 2 DEL 25-02-2010 REGIONE PUGLIA

LEGGE REGIONALE N. 2 DEL 25-02-2010 REGIONE PUGLIA LEGGE REGIONALE N. 2 DEL 25-02-2010 REGIONE PUGLIA Istituzione del fondo regionale per il sostegno delle persone non autosufficienti e loro nuclei familiari Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE PUGLIA

Dettagli

L ESPERIENZA DELLE DIMISSIONI PROTETTE A MONZA

L ESPERIENZA DELLE DIMISSIONI PROTETTE A MONZA L ESPERIENZA DELLE DIMISSIONI PROTETTE A MONZA Milano 14 giugno 2012 Giornata di studio Re.SSPO Ordine AA.SS. Lombardia Comune di Monza Settore Servizi Sociali - Ufficio Anziani Cosa abbiamoevidenziato

Dettagli

SALUTE E ANZIANI IN ITALIA

SALUTE E ANZIANI IN ITALIA Definire la domanda di salute della popolazione anziani in Italia è un tema chiave da affrontare, specie in un paese come il nostro che invecchia sempre di più e che destina più della metà delle sue risorse

Dettagli

Associazione Regionale del Piemonte. Prot. 2041 Torino 5 dicembre 2007

Associazione Regionale del Piemonte. Prot. 2041 Torino 5 dicembre 2007 Prot. 2041 Torino 5 dicembre 2007 Osservazioni Anci Piemonte sullo schema di disegno di legge recante norme relative alle persone non autosufficienti, alle politiche sociali e alla famiglia. Approvato

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DISTRETTI SANITARI DELLA ASL ROMA H

REGOLAMENTO DEI DISTRETTI SANITARI DELLA ASL ROMA H REGOLAMENTO DEI DISTRETTI SANITARI DELLA ASL ROMA H INDICE Articolo 1- Ambito di applicazione... 3 Articolo 2- Fonti normative... 3 Articolo 3- Definizione... 3 Articolo 4- Obiettivi e finalità del Distretto...

Dettagli

IL RICONOSCIMENTO DELL INVALIDITA E DELLA L. 104/92

IL RICONOSCIMENTO DELL INVALIDITA E DELLA L. 104/92 IL RICONOSCIMENTO DELL INVALIDITA E DELLA L. 104/92 L'invalidità è la difficoltà a svolgere alcune funzioni tipiche della vita quotidiana o di relazione a causa di una menomazione o di un deficit fisico,

Dettagli

Convegno Pensare il Sociale Cagliari, 13 marzo 2009

Convegno Pensare il Sociale Cagliari, 13 marzo 2009 Convegno Pensare il Sociale Cagliari, 13 marzo 2009 L ESPERIENZA DELL ULSS 15 DEL VENETO : 25 ANNI DI INTEGRAZIONE SOCIOSANITARIA Gianfranco Pozzobon, direttore dei servizi sociali ULSS 15 - Padova Ho

Dettagli

Università degli Studi di Trento TEMI ESAMI DI STATO PER L ABILITAZIONE ALLA PROFESSIONE DI ASSISTENTE SOCIALE SPECIALISTA

Università degli Studi di Trento TEMI ESAMI DI STATO PER L ABILITAZIONE ALLA PROFESSIONE DI ASSISTENTE SOCIALE SPECIALISTA Università degli Studi di Trento TEMI ESAMI DI STATO PER L ABILITAZIONE ALLA PROFESSIONE DI ASSISTENTE SOCIALE SPECIALISTA I SESSIONE 2004 Illustri la candidata un progetto di intervento sociale, focalizzandone

Dettagli

Sentirsi parte della Comunità

Sentirsi parte della Comunità Nozze di Cana Il Veronese Sentirsi parte della Comunità Piano di zona 2012-2014 Comuni di Bergamo Gorle Orio al Serio Ponteranica Sorisole Torre Boldone Sentirsi parte della Comunità L anno 2012 si apre

Dettagli

L ASSISTENZA DOMICILIARE : PUBBLICO E PRIVATO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DELLA VITA

L ASSISTENZA DOMICILIARE : PUBBLICO E PRIVATO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DELLA VITA L ASSISTENZA DOMICILIARE : PUBBLICO E PRIVATO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DELLA VITA IL SERVIZIO ADI NEL TERRITORIO DELL ISOLA BERGAMASCA Coord. Sanitario Dott.ssa Porrati Luisa Infermiera CeAD

Dettagli

IL NUOVO PATTO PER IL WELFARE

IL NUOVO PATTO PER IL WELFARE IL NUOVO PATTO PER IL WELFARE di REGIONE LOMBARDIA BOZZA documento da sottoporre all Assemblea dei Sindaci Ambito Valle Brembana per l inoltro in Regione Lombardia Regione Lombardia imposta tutta la sua

Dettagli

SERVIZI ESSENZIALI PICCOLI COMUNI

SERVIZI ESSENZIALI PICCOLI COMUNI SERVIZI ESSENZIALI PICCOLI COMUNI 2. Continuità dell intervento Nuovo X In continuità con servizio già attivato 3. Tipologia di servizio X LEPS Altri Servizi _ (specificare) 4. Se il servizio dà continuità

Dettagli

Appunti per una tavola rotonda Ponzano Veneto, 20 maggio 2011

Appunti per una tavola rotonda Ponzano Veneto, 20 maggio 2011 Appunti per una tavola rotonda Ponzano Veneto, 20 maggio 2011 TARGET persone non autosufficienti di norma anziani, con esiti di patologie fisici, psichici, sensoriali e misti non curabili a domicilio MISSION

Dettagli

PIATTAFORMA DEI SINDACATI PENSIONATI SPI-CGIL, FNP-CISL, UILP-UIL DELLA LOMBARDIA SULLA NON AUTOSUFFICIENZA

PIATTAFORMA DEI SINDACATI PENSIONATI SPI-CGIL, FNP-CISL, UILP-UIL DELLA LOMBARDIA SULLA NON AUTOSUFFICIENZA PIATTAFORMA DEI SINDACATI PENSIONATI SPI-CGIL, FNP-CISL, UILP-UIL DELLA LOMBARDIA SULLA NON AUTOSUFFICIENZA Con l allungamento della vita, l età media e le condizioni fisiche e psichiche le caratteristiche

Dettagli

LEGGE PROVINCIALE N. 8 DEL 22-07-2009 REGIONE TRENTO (Prov.)

LEGGE PROVINCIALE N. 8 DEL 22-07-2009 REGIONE TRENTO (Prov.) LEGGE PROVINCIALE N. 8 DEL 22-07-2009 REGIONE TRENTO (Prov.) Disposizioni per la prevenzione e la cura dell Alzheimer e di altre malattie neurodegenerative legate all invecchiamento e per il sostegno delle

Dettagli

Le Residenze Sanitarie Assistenziali Lombarde tra chiusura e apertura.

Le Residenze Sanitarie Assistenziali Lombarde tra chiusura e apertura. 07 Febbraio 2014 Le Residenze Sanitarie Assistenziali Lombarde tra chiusura e apertura. Corrado Carabellese Le misure Gli interventi di cui sopra saranno garantiti attraverso le seguenti misure: Buono

Dettagli

La crisi economica e finanziaria in Sicilia: elementi di scenario e opportunità del Terzo Settore

La crisi economica e finanziaria in Sicilia: elementi di scenario e opportunità del Terzo Settore La crisi economica e finanziaria in Sicilia: elementi di scenario e opportunità del Terzo Settore Vincenzo Provenzano Dipartimento di Scienze Economiche, Aziendali e Finanziarie Università degli Studi

Dettagli

Famiglie, Giovani ed opportunità, interventi sociali per l infanzia e l adolescenza in Emilia-Romagna:

Famiglie, Giovani ed opportunità, interventi sociali per l infanzia e l adolescenza in Emilia-Romagna: Famiglie, Giovani ed opportunità, interventi sociali per l infanzia e l adolescenza in Emilia-Romagna: la legislazione di riferimento, alcune priorità di lavoro e di prospettiva Ferrara 15 gennaio 2013

Dettagli

Gruppo 1 I SERVIZI PER LA NON AUTOSUFFICIENZA TRA NUOVE DINAMICHE SOCIALI E SOSTENIBILITA ECONOMICA

Gruppo 1 I SERVIZI PER LA NON AUTOSUFFICIENZA TRA NUOVE DINAMICHE SOCIALI E SOSTENIBILITA ECONOMICA Gruppo 1 I SERVIZI PER LA NON AUTOSUFFICIENZA TRA NUOVE DINAMICHE SOCIALI E SOSTENIBILITA ECONOMICA Il contesto demografico, epidemiologico e sociale Gli anziani a Cesena Aumento del 35% della popolazione

Dettagli

Protocollo operativo A.D.I. (Assistenza Domiciliare Integrata) AUSL /BA2 - COMUNE DI BARLETTA

Protocollo operativo A.D.I. (Assistenza Domiciliare Integrata) AUSL /BA2 - COMUNE DI BARLETTA Barletta, 16/02/05 8.24 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida Piano Sociale dell Ambito Distrettuale di Barletta Anni 2005 2007 Protocollo operativo

Dettagli

1. Quali sono le procedure per aprire una struttura che presta servizi socioassistenziali? 3. Quali sono le strutture socioassistenziali per minori?

1. Quali sono le procedure per aprire una struttura che presta servizi socioassistenziali? 3. Quali sono le strutture socioassistenziali per minori? 1. Quali sono le procedure per aprire una struttura che presta servizi socioassistenziali? Le procedure per aprire una struttura socioassistenziale sono definite dalla normativa regionale. Il rappresentante

Dettagli

Rete delle RSA. Rete sanitaria delle ASL. Reti della sussidiarietà. Le tre Reti a regime

Rete delle RSA. Rete sanitaria delle ASL. Reti della sussidiarietà. Le tre Reti a regime Rete sanitaria delle ASL Reti della sussidiarietà Rete delle RSA Le tre Reti a regime 1997 1999 2002 2004 2001 2004 2008 Soffermiamo l attenzione sul titolo: GOVERNO DELLA RETE DEGLI INTERVENTI E DEI SERVIZI

Dettagli

Città di Enna AREA 5 G.R.I.T.

Città di Enna AREA 5 G.R.I.T. Città di Enna AREA 5 G.R.I.T. SEZIONE 1. DATI ANAGRAFICI DELL ORGANIZZAZIONE Denominazione dell Organizzazione Acronimo (Sigla) Indirizzo della sede Presso¹ CAP Telefono Comune Fax E-mail PEC Sito web

Dettagli

Sarà premura, dell Associazione, di fornire le informazioni necessarie per accedere a tali fondi, non appena in possesso delle informazioni necessarie

Sarà premura, dell Associazione, di fornire le informazioni necessarie per accedere a tali fondi, non appena in possesso delle informazioni necessarie La Regione Lombardia in data 06 agosto 2008 con D.G.R.n. 8/7915 ha pubblicato il decreto relativamente a Determinazione in ordine al miglioramento quali-quantitativo dell assistenza garantita a persone

Dettagli

LINEE GUIDA PER I PIANI DI ZONA

LINEE GUIDA PER I PIANI DI ZONA Milano Milano LINEE GUIDA PER I PIANI DI ZONA La legge 328/00 attribuisce agli enti locali, alle regioni ed allo Stato il compito di realizzare la programmazione degli interventi e delle risorse del sistema

Dettagli

L ESPERIENZA DI ASL BERGAMO

L ESPERIENZA DI ASL BERGAMO BUONGIORNO CReG: UN PROGETTO INNOVATIVO PER MIGLIORARE LA GESTIONE TERRITORIALE DELLA CRONICITÀ L ESPERIENZA DI ASL BERGAMO Mara Azzi, Direttore Generale ASL BERGAMO ASL BERGAMO POPOLAZIONE RESIDENTE SUDDIVISA

Dettagli

TREND E COMPONENTI DI SPESA PUBBLICA IN MATERIA DI NON AUTOSUFFICIENZA

TREND E COMPONENTI DI SPESA PUBBLICA IN MATERIA DI NON AUTOSUFFICIENZA MODELLI DI PRESA IN CARICO DELLA DIPENDENZA IN ITALIA E IN EUROPA: IL DOPPIO RUOLO DI SERVIZIO SOCIO-SANITARIO E DI MOTORE PER LO SVILUPPO ECONOMICO TREND E COMPONENTI DI SPESA PUBBLICA IN MATERIA DI NON

Dettagli

Le strutture socio-assistenziali e socio-sanitarie nella provincia di Piacenza

Le strutture socio-assistenziali e socio-sanitarie nella provincia di Piacenza Provincia di Piacenza Osservatorio del sistema sociosanitario Le socio-assistenziali e socio-sanitarie nella provincia di Piacenza I dati riassuntivi di seguito esposti sono elaborati dal Settore Sistema

Dettagli

Glossario UNITÀ DI RILEVAZIONE

Glossario UNITÀ DI RILEVAZIONE INDAGINE SUGLI INTERVENTI E I SERVIZI SOCIALI DEI COMUNI SINGOLI O ASSOCIATI. ANNO 2011 1 Glossario UNITÀ DI RILEVAZIONE Comune: a questa categoria appartengono tutti i comuni italiani. Distretto/Ambito/Zona

Dettagli

IL NUOVO PATTO SOCIALE PER PARMA DOVE SIAMO ARRIVATI L ASSESSORE LAURA ROSSI INCONTRA LA CITTÀ

IL NUOVO PATTO SOCIALE PER PARMA DOVE SIAMO ARRIVATI L ASSESSORE LAURA ROSSI INCONTRA LA CITTÀ IL NUOVO PATTO SOCIALE PER PARMA DOVE SIAMO ARRIVATI L ASSESSORE LAURA ROSSI INCONTRA LA CITTÀ IL WELFARE PER GLI ANZIANI LA FAMIGLIA E I MINORI LE PERSONE VULNERABILI LE TUTELE PER LE DISABILITÀ LE POLITICHE

Dettagli

Indagine sugli interventi e i servizi sociali dei Comuni singoli o associati Anno 2006. Glossario

Indagine sugli interventi e i servizi sociali dei Comuni singoli o associati Anno 2006. Glossario Indagine sugli interventi e i servizi sociali dei Comuni singoli o associati Anno 2006 Glossario INTERVENTI E SERVIZI A) Attività di Servizio sociale professionale: Gli interventi di servizio sociale professionale

Dettagli

Azioni di sistema. FNPS 72.659,77 Totale 72.659,77

Azioni di sistema. FNPS 72.659,77 Totale 72.659,77 Comuni del Baianese: Avella Baiano Mugnano del C.le Quadrelle Sirignano Sperone Comuni del Vallo Lauro: Domicella Lauro Marzano di Nola Moschiano Pago del V.L. Quindici Taurano Ufficio di Piano Sede Via

Dettagli

Interventi a favore dei Minori

Interventi a favore dei Minori Interventi a favore dei Minori L ambito degli interventi a favore dei minori risulta strategico nel processo di ridefinizione del sistema di welfare locale. Il panorama dei servizi per minori che si offre

Dettagli

Welfare ed il welfare del Comune di Torino

Welfare ed il welfare del Comune di Torino Welfare ed il welfare del Comune di Torino a cura di Barbara Graglia Il welfare del Comune il sistema cittadino dei servizi sociali offre prestazioni aventi molto spesso caratteristiche di assoluta necessità

Dettagli

Auser: Sistemi di Welfare e Comunità

Auser: Sistemi di Welfare e Comunità Auser: Sistemi di Welfare e Comunità 1. Ricomporre i Bisogni della Persona Provando a declinare alcune problematiche dall'agenda sociale, sembra che il tema degli anziani, dei mutamenti demografici, delle

Dettagli

Sicurezza Sociale: Tutela del lavoro e del reddito

Sicurezza Sociale: Tutela del lavoro e del reddito Delega Assessorile in materia di Servizi Sociali, Rapporti con Azienda Ospedaliera e A.S.L., Casa Comunale di Soggiorno Anziani, La legge 328 del 2000, attesa per oltre un secolo, ha dotato il sistema

Dettagli

Si riportano alcune indicazioni generali sui principali interventi. Per informazioni potete rivolgervi alle sedi territoriali Cgil o Spi.

Si riportano alcune indicazioni generali sui principali interventi. Per informazioni potete rivolgervi alle sedi territoriali Cgil o Spi. Aiuti alle persone e alle famiglie in condizioni di fragilità - Misure concordate tra sindacato e Regione Lombardia.( a cura dipartimento welfare SPI Lombardia) Cgil, Cisl e Uil con i sindacati dei pensionati

Dettagli

In Breve. n. 8/2011. I servizi alla persona: le unità di offerta sociali e socio sanitarie in Lombardia. Informativa Breve. I servizi per gli anziani

In Breve. n. 8/2011. I servizi alla persona: le unità di offerta sociali e socio sanitarie in Lombardia. Informativa Breve. I servizi per gli anziani Servizio Studi e Valutazione Politiche regionali Ufficio Analisi Leggi e Politiche regionali Dicembre 2011 Informativa Breve In Breve 8/2011 I servizi per gli anziani I servizi per la disabilità I servizi

Dettagli

ALLEGATO 17 GLI INTERVENTI SOCIO SANITARI A SOSTEGNO DELLA FAMIGLIA

ALLEGATO 17 GLI INTERVENTI SOCIO SANITARI A SOSTEGNO DELLA FAMIGLIA ALLEGATO 17 GLI INTERVENTI SOCIO SANITARI A SOSTEGNO DELLA FAMIGLIA Le modificazioni - avvenute in questi ultimi anni - nella struttura sociale, la crisi economica, le manifestazioni di una debolezza dei

Dettagli

Bilancio dei Bambini

Bilancio dei Bambini Asili nido comunali: n iscritti 2009 2010 2011 Var. % anno 2011-2010 Numero di strutture Asili nido Capienza dei posti disponibili Numero posti attivati Numero iscritti 27 28 28-1.214 1.254 1.258 0,32%

Dettagli

1. DISABILI E FAMIGLIA

1. DISABILI E FAMIGLIA 1. DISABILI E FAMIGLIA COSA FA IL CISS OSSOLA PER LE PERSONE CON DISABILITA E LE LORO FAMIGLIE Contribuisce a garantire condizioni di benessere relazionale, ambientale e sociale che valorizzino le risorse

Dettagli

DOCUMENTO DI INTESA a cura del TAVOLO SALUTE MENTALE. del PIANO DI ZONA DELL AMBITO TERRITORIALE DI DALMINE - AGGIORNAMENTO 2010 -

DOCUMENTO DI INTESA a cura del TAVOLO SALUTE MENTALE. del PIANO DI ZONA DELL AMBITO TERRITORIALE DI DALMINE - AGGIORNAMENTO 2010 - DOCUMENTO DI INTESA a cura del TAVOLO SALUTE MENTALE del PIANO DI ZONA DELL AMBITO TERRITORIALE DI DALMINE - AGGIORNAMENTO 2010 - COMPOSIZIONE DEL TAVOLO Coordinatore del Tavolo Sara Ambivero (Comune di

Dettagli

favorire il ricorso a soluzioni alternative all istituzionalizzazione per i cittadini non autosufficienti, riconoscendo anche la cura e l assistenza

favorire il ricorso a soluzioni alternative all istituzionalizzazione per i cittadini non autosufficienti, riconoscendo anche la cura e l assistenza LA GIUNTA REGIONALE vista la legge 8 novembre 2000, n. 328 (Legge quadro per la realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali) e, in particolare gli articoli 2 (Diritto alle prestazioni),

Dettagli

COMUNE DI MESSINA ASSESSORATO AI SERVIZI SOCIALI. Per un welfare di comunità partecipato: verso gli stati generali dei servizi sociali

COMUNE DI MESSINA ASSESSORATO AI SERVIZI SOCIALI. Per un welfare di comunità partecipato: verso gli stati generali dei servizi sociali Premessa COMUNE DI MESSINA ASSESSORATO AI SERVIZI SOCIALI Per un welfare di comunità partecipato: verso gli stati generali dei servizi sociali In un contesto di forte difficoltà economica e finanziaria

Dettagli

Alcuni dati sul sistema di welfare bolognese

Alcuni dati sul sistema di welfare bolognese Alcuni dati sul sistema di welfare bolognese Sulla base dei dati del consuntivo di Contabilità Analitica 2009 pubblicati dal Comune di Bologna è possibile individuare le risorse dedicate dall Amministrazione

Dettagli

per tra ANFFAS BERGAMO

per tra ANFFAS BERGAMO PROTOCOLLO D INTESA per L ATTIVAZIONE DELLO SPORTELLO UNICO WELFARE tra AZIENDA SANITARIA LOCALE DELLA PROVINCIA DI BERGAMO CONSIGLIO DI RAPPRESENTANZA DEI SINDACI E ASSEMBLEE DISTRETTUALI DEI SINDACI

Dettagli

CITTÀ DI CLUSONE. Provincia di Bergamo. Ambito Territoriale n 9, Valle Seriana Superiore e Valle di Scalve

CITTÀ DI CLUSONE. Provincia di Bergamo. Ambito Territoriale n 9, Valle Seriana Superiore e Valle di Scalve CITTÀ DI CLUSONE Provincia di Bergamo Ambito Territoriale n 9, Valle Seriana Superiore e Valle di Scalve CRITERI PER L EROGAZIONE DEL VOUCHER SOCIO-EDUCATIVO ED ASSISTENZIALE PER L ACQUISTO DI PRESTAZIONI

Dettagli

1. Il welfare locale. 1. 1 Contesto normativo

1. Il welfare locale. 1. 1 Contesto normativo 1. 1 Contesto normativo L evoluzione normativa, avvenuta negli ultimi trentanni a livello nazionale in materia sanitaria e sociale e a livello regionale (dalle Leggi Regionali n. 78/1979, n. 13/ 1980,

Dettagli

TABELLA 1 ELENCO DELLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE, CONDIZIONATE ALL ISEE

TABELLA 1 ELENCO DELLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE, CONDIZIONATE ALL ISEE A LLEGATO TABELLA 1 ELENCO DELLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE, CONDIZIONATE ALL ISEE A1 - CONTRIBUTI ECONOMICI A1.01 Assegno per il nucleo familiare erogati dai comuni A1.02 Assegno Maternità erogato

Dettagli

RUOLO, FUNZIONI, SERVIZI

RUOLO, FUNZIONI, SERVIZI RUOLO, FUNZIONI, SERVIZI Il tema della disabilità mette a prova tutti i passaggi dei cicli di vita delle persone. Attraverso le vicende biografiche di chi attraversa questa particolare condizione è possibile

Dettagli

Progetto di legge regionale della consigliera Paola Marani: Norme per il riconoscimento ed il sostegno del caregiver familiare

Progetto di legge regionale della consigliera Paola Marani: Norme per il riconoscimento ed il sostegno del caregiver familiare Gruppo Assembleare Regione Emilia-Romagna Progetto di legge regionale della consigliera Paola Marani: Norme per il riconoscimento ed il sostegno del caregiver familiare 1 Relazione Il caregiver familiare

Dettagli

Valle Imagna Villa d Almè. Azienda Territoriale per i Servizi alla Persona Azienda Speciale Consortile

Valle Imagna Villa d Almè. Azienda Territoriale per i Servizi alla Persona Azienda Speciale Consortile Valle Imagna Villa d Almè Azienda Territoriale per i Servizi alla Persona Azienda Speciale Consortile Comunità Familiare di Berbenno CARTA DEL SERVIZIO E PIANO EDUCATIVO GENERALE INTRODUZIONE La Carta

Dettagli

ZONA SOCIALE DI CASTELNOVO NE MONTI

ZONA SOCIALE DI CASTELNOVO NE MONTI ZONA SOCIALE DI CASTELNOVO NE MONTI PIANO PROGRAMMATORIO ACCREDITAMENTO DEI SERVIZI SOCIO- SANITARI PER ANZIANI E DISABILI (DGR 514/) DEFINIZIONE FABBISOGNO AD INTEGRAZIONE DELLA PROGRAMMAZIONE TRIENNALE

Dettagli

Istituto di formazione politica PEDRO ARRUPE Centro Studi Sociali

Istituto di formazione politica PEDRO ARRUPE Centro Studi Sociali Istituto di formazione politica PEDRO ARRUPE Centro Studi Sociali Palermo 31 maggio 2013 Rita Costanzo LIVEAS Il concetto di livelli essenziali di assistenza è stato introdotto dalla legge n. 328/2000,

Dettagli

COMUNE DI MILANO PIANO DI ZONA: IL PIANO REGOLATORE DEI SERVIZI SOCIALI

COMUNE DI MILANO PIANO DI ZONA: IL PIANO REGOLATORE DEI SERVIZI SOCIALI COMUNE DI MILANO PIANO DI ZONA: IL PIANO REGOLATORE DEI SERVIZI SOCIALI Il Piano di Zona è lo strumento fondamentale attraverso cui i Comuni, in collaborazione con tutti i soggetti attivi sul territorio,

Dettagli

Obiettivi Impegno degli ambiti distrettuali

Obiettivi Impegno degli ambiti distrettuali Allegato 3 Delibera di Giunta regionale n. 1206 del 30/7/2007 Linee di indirizzo per favorire la qualificazione e la regolarizzazione del lavoro di cura delle assistenti familiari nell ambito delle azioni

Dettagli

MODULO 4 SERVIZI SVOLTI (Territorio, Rifiuti, Asili Nido e Sociale)

MODULO 4 SERVIZI SVOLTI (Territorio, Rifiuti, Asili Nido e Sociale) MODULO 4 SERVIZI SVOLTI (Territorio, Rifiuti, Asili Nido e Sociale) 1. GENERALITÁ Nel Modulo Servizi svolti Parte II, si chiede la quantificazione dei principali servizi svolti nell anno di rilevazione

Dettagli

Walter Di Munzio. Accreditamento definitivo in Sanità: Stato dell arte in Campania

Walter Di Munzio. Accreditamento definitivo in Sanità: Stato dell arte in Campania Walter Di Munzio Accreditamento definitivo in Sanità: Stato dell arte in Campania ACCREDITAMENTO /1 L accreditamento istituzionale ha l obiettivo di regolamentare l ingresso nel mercato sanitario dei soggetti

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO EDUCATIVA TERRITORIALE

REGOLAMENTO SERVIZIO EDUCATIVA TERRITORIALE REGOLAMENTO SERVIZIO EDUCATIVA TERRITORIALE Allegato alla determinazione direttoriale n. 681/000/DIG/14/0024 del 06.06.2014 ART. 1 PRINCIPI GENERALI Il servizio Educativa Territoriale si inserisce come

Dettagli

Conferenza Stampa. Cure intermedie: attivi 6 posti. all ASP Bassa Est San Mauro Abate di Colorno

Conferenza Stampa. Cure intermedie: attivi 6 posti. all ASP Bassa Est San Mauro Abate di Colorno Conferenza Stampa Cure intermedie: attivi 6 posti all ASP Bassa Est San Mauro Abate di Colorno Mercoledì 17 settembre 2014 - ore 11.30 Sala riunioni Servizio Attività Tecniche AUSL di Parma Via Spalato

Dettagli

Laboratorio Servizi nell area DISABILI

Laboratorio Servizi nell area DISABILI Laboratorio Servizi nell area DISABILI 1 Studio sui servizi alla persona disabile a Roma Luglio 2007 Nella legislazione italiana, la tutela assistenziale del cittadino disabile si è avuta: 1. Negli anni

Dettagli

Il sistema di governo della programmazione. Ruoli, compiti, responsabilità e funzioni dei soggetti coinvolti nel processo programmatorio

Il sistema di governo della programmazione. Ruoli, compiti, responsabilità e funzioni dei soggetti coinvolti nel processo programmatorio Il sistema di governo della programmazione Ruoli, compiti, responsabilità e funzioni dei soggetti coinvolti nel processo programmatorio Gli organismi coinvolti nel processo programmatorio Assemblea Distrettuale

Dettagli

La Regione Piemonte per concretizzare il progetto obiettivo nazionale Tutela della salute degli anziani ha istituito l Unità di Valutazione

La Regione Piemonte per concretizzare il progetto obiettivo nazionale Tutela della salute degli anziani ha istituito l Unità di Valutazione Perchè L A.S.L. deve farsi carico dei costi sanitari derivanti dagli interventi assistenziali rivolti ad anziani non autosufficienti, pertanto si avvale della Commissione per avere una valutazione tecnica

Dettagli

Traccia intervento sul ruolo della famiglia nel mondo del lavoro e nella società. di Pier Paolo Baretta Segretario confederale CISL

Traccia intervento sul ruolo della famiglia nel mondo del lavoro e nella società. di Pier Paolo Baretta Segretario confederale CISL Traccia intervento sul ruolo della famiglia nel mondo del lavoro e nella società di Pier Paolo Baretta Segretario confederale CISL Non c è dubbio che il tema della centralità della persona e della famiglia

Dettagli

Indagine sugli interventi e i servizi sociali dei Comuni singoli o associati Anno 2010

Indagine sugli interventi e i servizi sociali dei Comuni singoli o associati Anno 2010 Ministero Lavoro e le Politiche sociali Conferenza le Regioni e le Province Autonome Indagine sugli interventi e i servizi sociali dei Comuni singoli o associati Anno 2010 SEGRETO STATISTICO, OBBLIGO DI

Dettagli

COOPERATIVASOCIALE SOCIETA DOLCE LA DOMICILIARITA IN VAL CAVALLINA

COOPERATIVASOCIALE SOCIETA DOLCE LA DOMICILIARITA IN VAL CAVALLINA COOPERATIVASOCIALE SOCIETA DOLCE LA DOMICILIARITA IN VAL CAVALLINA 1 SERVIZI SOCIETA DOLCE PROVINCIA DI BERGAMO SAD ADI DALMINE E BERGAMO D.G.R. 2942 MISURA 2 e MISURA 4 SAD COMUNITA MONTANA LAGHI BERGAMASCHI

Dettagli

Glossario UNITÀ DI RILEVAZIONE

Glossario UNITÀ DI RILEVAZIONE INDAGINE SUGLI INTERVENTI E I SERVIZI SOCIALI DEI COMUNI SINGOLI O ASSOCIATI. ANNO 2012 1 Glossario UNITÀ DI RILEVAZIONE Comune: a questa categoria appartengono tutti i comuni italiani. Distretto/Ambito/Zona

Dettagli

ALLEGATO B UNA DEFINIZIONE DI DISTRETTO DI WELFARE: una offerta ampia e diversificata di servizi; una capacità di costruire filiere

ALLEGATO B UNA DEFINIZIONE DI DISTRETTO DI WELFARE: una offerta ampia e diversificata di servizi; una capacità di costruire filiere ALLEGATO B UNA DEFINIZIONE DI DISTRETTO DI WELFARE: una offerta ampia e diversificata di servizi; una capacità di costruire filiere (dal Bilancio Sociale di sistema del Consorzio Comunità Brianza 2012)

Dettagli

PIANO TERRITORIALE DISTRETTO F4 PER LE ESIGENZE DEI PICCOLI COMUNI

PIANO TERRITORIALE DISTRETTO F4 PER LE ESIGENZE DEI PICCOLI COMUNI Civitella San Paolo Filacciano Magliano Romano Nazzano Ponzano Romano Torrita Tiberina PIANO TERRITORIALE DISTRETTO F4 PER LE ESIGENZE DEI PICCOLI COMUNI PROGETTO INTEGRATIVO AL PIANO DI ZONA 2011 Distretto:

Dettagli

CURA E FAMIGLIA 2 convegno di approfondimento

CURA E FAMIGLIA 2 convegno di approfondimento CURA E FAMIGLIA 2 convegno di approfondimento Luca Romano Direttore Local Area Network ROMA, Martedì 13 Gennaio 2015 Auditorium del Lavoro via Rieti IL PERCORSO DEI FOCUS GROUP PIEMONTE Torino 3 Novembre

Dettagli

COMUNE DI CHIGNOLO D ISOLA

COMUNE DI CHIGNOLO D ISOLA COMUNE DI CHIGNOLO D ISOLA SETTORE SERVIZI SOCIALI REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Premessa 1. Il Comune di Chignolo d Isola con il presente regolamento intende disciplinare il servizio

Dettagli

Guide per i cittadini

Guide per i cittadini PIANO DI ZONA AREA DISABILI Guida per i cittadini - Anno 2011 Guide per i cittadini S c h e d e P r o g e t t i Interventi Massimo Pisu Abbiamo una gran voglia di far festa INDICE Interventi di accesso,

Dettagli

I disabili (di età superiore a 18 anni)

I disabili (di età superiore a 18 anni) 3.9 3.8 I disabili (di età superiore a 18 anni) ambiti bisogni SERVIZI C.I.S.S. DOMICILIARITà POVERTà LAVORO RESIDENZIALITà Continuare a vivere nel proprio ambiente di vita Avere un sostegno quando la

Dettagli

Dalla rianimazione al domicilio. SERVIZIO ANESTESIA RIANIMAZIONE MEDICINA IPERBARICA P.O. MARINO Paolo Castaldi Fabiana Matta

Dalla rianimazione al domicilio. SERVIZIO ANESTESIA RIANIMAZIONE MEDICINA IPERBARICA P.O. MARINO Paolo Castaldi Fabiana Matta Dalla rianimazione al domicilio SERVIZIO ANESTESIA RIANIMAZIONE MEDICINA IPERBARICA P.O. MARINO Paolo Castaldi Fabiana Matta Dalla rianimazione al domicilio Problema Bisogni Risposta Piano personalizzato

Dettagli

Stato di attuazione: Aspetti critici, positivi ecc. N. soci coinvolti N. e tipologia delle attività realizzate

Stato di attuazione: Aspetti critici, positivi ecc. N. soci coinvolti N. e tipologia delle attività realizzate D 1 - ANFFAS LABORATORIO IL FARO : interventi per contrastare l isolamento sociale e favorire la partecipazione attiva delle persone disabili e delle loro famiglie alla vita sociale. Pag. 333 ANFFAS Servizi

Dettagli

ALLEGATO alla delibera C.P. nn. 76/67066 del 13-9-2012

ALLEGATO alla delibera C.P. nn. 76/67066 del 13-9-2012 INDICE ALLEGATO alla delibera C.P. nn. 76/67066 del 13-9-2012 L.R. 1/2000 e successive modifiche Indirizzi provinciali per lo sviluppo, il consolidamento e la qualificazione dei servizi educativi rivolti

Dettagli

CERNUSCO SUL NAVIGLIO

CERNUSCO SUL NAVIGLIO 1 Area: Servizi al Cittadino Settore: Servizi Sociali Ufficio: Piano di Zona FONDO SOCIALE REGIONALE 2014 - CRITERI DI RIPARTO APPROVATI CON DELIBERA DELL ASSEMBLEA DEI SINDACI DEL 01.10.2014. DOCUMENTO

Dettagli

COMUNE DI MORBEGNO REGOLAMENTO INERENTE IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (S.A.D.) (Provincia di Sondrio)

COMUNE DI MORBEGNO REGOLAMENTO INERENTE IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (S.A.D.) (Provincia di Sondrio) APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE. N. DEL 21 )J2O1a REGOLAMENTO INERENTE DOMICILIARE (S.A.D.) IL SERVIZIO DI ASSISTENZA (Provincia di Sondrio) COMUNE DI MORBEGNO Art. 3 Finalità Art, 2

Dettagli

INSERIMENTO IN STRUTTURE RESIDENZIALI PER ANZIANI

INSERIMENTO IN STRUTTURE RESIDENZIALI PER ANZIANI INSERIMENTO IN STRUTTURE RESIDENZIALI PER ANZIANI Descrizione Gli anziani non autosufficienti che non possono essere più assistiti nel proprio ambiente di vita e familiare e che non necessitano di un ricovero

Dettagli