CONTRIBUTO CCIAA di MILANO MONZABRIANZA LODI BANDO AGEVOLACREDITO -

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CONTRIBUTO CCIAA di MILANO MONZABRIANZA LODI BANDO AGEVOLACREDITO -"

Transcript

1 SCHEDA INFORMATIVA MAGGIO 2011 CONTRIBUTO CCIAA di MILANO MONZABRIANZA LODI BANDO AGEVOLACREDITO - Intervento 1: Iniziativa in conto ABBATTIMENTO-TASSI a sostegno delle mpmi di Milano MonzaBrianza e Lodi PER LA REALIZZAZIONE DI PROGRAMMI DI INVESTIMENTI PRODUTTIVI. BENEFICIARI: PMI - Micro, Piccole e Medie Imprese con SEDE LEGALE o UNITÀ OPERATIVA iscritta al Registro Imprese o al REA della Camera di Commercio Milano-MonzaBrianza-Lodi e che operano in tutti i settori economici (Agricoltura, Industria, Artigianato, Commercio, Turismo e Servizi). SONO INVECE ESCLUSE le imprese che operano: nel settore della pesca ed acquacoltura, siderurgia, costruzione navale, settore carboniero e dei trasporti (PER LE AZIENDE DEL SETTORE TRASPORTI SONO ESCLUSI GLI AIUTI DESTINATI ALL ACQUISTO DI VEICOLI PER IL TRASPORTO DI MERCI SU STRADA PER CONTO TERZI). Importante: alla data di presentazione della domanda di finanziamento - tramite Organismo Fidi - e per tutta la durata dell intervento camerale le imprese richiedenti devono necessariamente: essere iscritte al Registro delle Imprese o al REA della Camera di Commercio di Milano MonzaBrianza Lodi; essere in regola con la denuncia di inizio attività; essere in regola con il pagamento del diritto camerale annuale essere in regola con il versamento dei contributi previdenziali dei dipendenti non essere in stato di liquidazione e sottoposti a procedure concorsuali. Importante: alla data di presentazione della domanda di agevolazione - tramite Organismo Fidi - le imprese richiedenti devono necessariamente: aver ottenuto, a far data dal 01 agosto 2017, tramite gli organismi fidi del settore di appartenenza [= FIDICOMET / ASCONFIDI LOMBARDIA per le imprese associate all Unione Confcommercio Milano - Lodi - Monza e Brianza], un finanziamento/leasing : garantito, con durata minima di 36 mesi, regolato ad un tasso di interesse non superiore a Euribor 6 mesi + 4,00% per i finanziamenti a tasso variabile 1 nel calcolo del beneficio non verranno prese in considerazione eventuali fasi di preammortamento. PROGRAMMI AMMISSIBILI: Sono ammissibili i piani di investimenti rivolti: A) all avvio di attività imprenditoriale e acquisto di attività preesistente; B) alla realizzazione di progetti aziendali concernenti l innovazione di prodotto, tecnologica o organizzativa; C) alla realizzazione di progetti aziendali innovativi che, attraverso l introduzione di nuove tecnologie o di originali soluzioni organizzative, portino a conseguire una misurabile e consistente riduzione, all interno e all esterno dell azienda, dell impatto ambientale in termini di emissioni di aria, acqua, rifiuti, rumore; 1 Per i finanziamenti a tasso fisso il tasso di interesse non può superare l IRS di periodo +4,00% di spread, come per le operazioni di leasing lo spread-massimo è pari al 4,00%.

2 D) all incremento e/o miglioramento della capacità produttiva attraverso l ammodernamento, l ampliamento dei processi aziendali e delle strutture operative; E) alla realizzazione di percorsi di certificazione inerenti sia l impresa che un prodotto specifico; F) all incremento/implementazione di sistemi di sicurezza e sorveglianza; G) al miglioramento organizzativo e gestionale attraverso l adeguamento strumentale o tecnologico del sistema informativo. SPESE AMMISSIBILI: Le tipologie di spesa agevolabili sono le seguenti: 1. acquisto e/o ristrutturazione di immobili (esclusi i terreni) e/o fabbricati solo se negli stessi si svolge l attività dell Impresa o questa verrà svolta entro 6 mesi dalla data di presentazione della domanda di agevolazione; 2. acquisto, rinnovo, adeguamento di impianti, macchinari, attrezzature industriali e commerciali; 3. acquisto di sistemi informatici di gestione (hardware e software) e per le applicazioni Internet; 4. spese per la realizzazione di siti e sistemi web propri dell azienda; all erogazione di propri servizi web su Internet; all attivazione di procedure di commercio elettronico; 5. acquisizioni di marchi e brevetti e fee d ingresso per franchising; 6. acquisizioni di aziende o di rami di azienda documentate da contratti di cessione, acquisizione di almeno il 70% di partecipazioni in aziende con attività connessa a quella dell acquirente; avviamento se acquisito a titolo oneroso; 7. acquisti di automezzi (per un importo pari al costo deducibile ai fini della determinazione del reddito di impresa); 8. acquisto di scorte entro il limite massimo del 20% -40% per le sole Nuove Imprese 5 dell ammontare complessivo dell investimento agevolato; 9. spese per consulenze specialistiche riferiti ai programmi di investimenti oggetto dell agevolazione e nel limite del 30% dei costi dei servizi stessi); 10. istallazione di impianti di allarme antintrusione, sorveglianza, etc.; 11. acquisto di nuove strutture, impianti, e attrezzature per la realizzazione di interventi di riduzione dell impatto ambientale; 12. spese per consulenze specialistiche riferite al passaggio da ditta individuale/società di persone a società di capitali nel limite del 30% dei costi dei servizi stessi; 13. spese notarili riferite al passaggio da ditta individuale/società di persone a società di capitali; 14. spese relative alla prototipazione; 15. spese relative a pubblicità, promozione e partecipazioni a eventi fieristici. SONO INVECE ESCLUSE dal contributo le spese relative ad opere di urbanizzazione, di manutenzione ordinaria, quelle relative a contratti di assistenza ed in generale le spese di gestione, nonché l IVA. Importante: i beni oggetto di agevolazione devono essere destinati alla Sede o all Unità Locale dell impresa iscritta al Registro Imprese o al REA della CCIAA di Milano-MonzaBrianza-Lodi; tutte le spese devono essere debitamente fatturate; tutte le fatture devono risultare pagate e quietanziate al momento di presentazione della domanda di agevolazione; tutti gli investimenti devono essere effettuati nell ambito della propria attività ed annotati nella contabilità aziendale ; i beni oggetto di agevolazione non possono essere alienati prima che sia decorso l ammortamento del finanziamento garantito (pena la decadenza dal beneficio camerale); gli investimenti non possono essere effettuati con imprese in alcun modo collegate /associate con il beneficiario del contributo. Inoltre, tra i Soci ed Amministratori delle imprese richiedenti non devono essere presenti Soci o Amministratori delle imprese fornitrici dei beni oggetto di investimento e viceversa e tra gli stessi non devono sussistere legami di parentela. TEMPISTICA: sono ammissibili ai benefici del bando le spese sostenute [cioè facendo riferimento alla data di quietanza delle fatture] : nei 3 mesi precedenti e nei 6 mesi successivi alla data di erogazione del finanziamento agevolabile;

3 per le sole nuove imprese 2 sono agevolabili anche le spese effettuate nei 6 mesi precedenti la data di erogazione del finanziamento, compresi gli studi di fattibilità, le ricerche di mercato, gli oneri di costituzione e le spese notarili. IMPORTANTE: Si raccomanda la massima rapidità nel presentare ai ns. Uffici la richiesta di contributo dopo l ottenimento di un finanziamento/leasing garantito. ENTITA DELL AGEVOLAZIONE: ABBATTIMENTO-TASSI così modulato : per la parte di spesa documentata fino a ,00: 2,00 punti percentuali del tasso passivo bancario; per la parte di spesa documentata eccedente i ,00 e fino a ,00: 1,5 punti percentuali del tasso passivo bancario. Importante: L'ammontare dell IMPORTO AGEVOLABILE (calcolato sulla base delle spese d'investimento documentate ed ammissibili, con esclusione dell IVA) non potrà essere inferiore a ,00 o superiore a ,00. L'importo ammesso all'agevolazione non potrà comunque eccedere l ammontare del finanziamento ottenuto presso l Istituto di credito e la durata dell agevolazione non potrà essere superiore a 60 mesi, qualunque sia la durata del finanziamento. (Non verranno prese in considerazione eventuali fasi di preammortamento). E PREVISTO L ABBATTIMENTO TOTALE DEGLI INTERESSI calcolati in sede di stipula del finanziamento per le micro e piccole imprese aventi sede legale o unità operativa localizzata in una delle aree del Comune di Milano in riqualificazione ai sensi della legge n.266 del LE NUOVE IMPRESE 5 che effettuano un operazione di investimento produttivo beneficiano di una premialità aggiuntiva, rispetto alle fasce previste per l intervento 1 secondo le seguenti modalità: - +1,00% di abbattimento per le imprese iscritte al Registro Imprese da non più di 24 mesi dalla data di presentazione della domanda, comunque entro il limite massimo dell abbattimento totale del tasso di interesse; - 0,5% di abbattimento per le imprese iscritte al Registro imprese da più di 24 mesi ma non oltre 48 mesi dalla data di presentazione della domanda, comunque entro il limite massimo dell abbattimento totale del tasso di interesse; IMPORTANTE: Ogni impresa può beneficiare di un contributo massimo complessivo, a valere sul bando, pari a euro ,00. PARTICOLARITÀ: NORMATIVA DE MINIMIS : il presente bando è soggetto alla normativa de minimis sugli aiuti di Stato alle imprese. Tale normativa prevede che l importo complessivo degli aiuti pubblici ad una medesima impresa non può essere superiore a ,00 negli ultimi 3 esercizi (questo limite può essere raggiunto anche tramite altre sovvenzioni pubbliche percepite dalla stessa impresa su diverse tipologie di investimenti per lo stesso periodo). DIVIETO DI CUMULO: Le spese ammissibili all intervento 1 non possono essere oggetto di altre agevolazioni pubbliche. 2 Ai fini del presente bando, si definiscono NUOVE IMPRESE quelle iscritte al Registro delle Imprese da non più di 48 mesi dalla data di presentazione della domanda di contributo.

4 PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA: le PMI interessate possono presentare domanda di ammissione al contributo solo dopo aver ottenuto, tramite FIDICOMET / ASCONFIDI LOMBARDIA, l erogazione di un finanziamento/leasing dagli Istituti di credito convenzionati, e comunque entro i 6 mesi successivi alla data di erogazione del finanziamento/leasing. PROCEDURA - Si articola in due momenti: 1) SEGNALAZIONE DELL AGEVOLAZIONE: le domande di contributo [corredate dell intera documentazione attestante gli investimenti effettuati e dalla specifica relazione tecnica] devono pervenire a Fidicomet / Asconfidi Lombardia dopo l erogazione del finanziamento/leasing garantito nel più breve tempo possibile e comunque entro i 6 mesi successivi la data di erogazione: Fidicomet / Asconfidi Lombardia provvede a verificarne la regolarità, la completezza e l ammissibilità all agevolazione, quindi le trasmette in via telematica alla Camera di Commercio di Milano. 2) LIQUIDAZIONE DELL AGEVOLAZIONE: l erogazione del contributo in abbattimento tassi verrà effettuata dalla CCIAA secondo l ordine di protocollo delle domande e fino ad esaurimento fondi - mediante bonifico bancario direttamente sui conti correnti delle imprese beneficiarie in un unica rata attualizzata. Al contributo è applicata la ritenuta d acconto del 4%. DECADENZA DEL BENEFICIO: Le imprese dovranno restituire il contributo in caso di: estinzione anticipata dell operazione bancaria; revoca dell operazione da parte dell istituto erogatore; apertura di procedure concorsuali; cancellazione dal Registro Imprese. MODULISTICA: I moduli di domanda per la segnalazione dell agevolazione vengono predisposti da Fidicomet Soc. Coop., unità operativa di Asconfidi Lombardia (riferimento: Sig.ra Piera Clerici, tel. 02/ ; fax 02/ ; bando AGEVOLACREDITO (D.G. n. 71 del 11 marzo 2013 e rifinanziamento D.G. del 9 febbraio 2015) (Addendum 2016) (Addendum 2017)

5 SCHEDA INFORMATIVA MAGGIO 2011 CONTRIBUTO CCIAA di MILANO-MONZABRIANZA-LODI BANDO AGEVOLACREDITO - Intervento 1 : 2.2] CONTRIBUTO A FONDO PERDUTO: per l abbattimento del costo della garanzia per PROGRAMMI DI INVESTIMENTO PRODUTTIVI Le imprese che ottengono il contributo in abbattimento tassi di interesse ai sensi dell intervento 1- INVESTIMENTI PRODUTTIVI, possono ottenere, sullo stesso finanziamento, un contributo a fondo perduto in abbattimento del costo della garanzia, pari al 50% del costo della stessa (al netto dell IVA) fino ad un massimo di 3.000,00 euro, al lordo della ritenuta d acconto del 4%. Ai fini dell ammissibilità al contributo, il costo della garanzia (comprensivo di spese di istruttoria e gestione pratica, parte variabile, fondo rischi non restituibile, eventuali fondi rischi resituibili in base alla rischiosità del portafoglio) non può essere in ogni caso superiore al 2,5% dell ammontare del finanziamento bancario erogato in ragione d anno elevato al 3% per le imprese start up. 4 Al fine di richiedere il contributo per l abbattimento del costo della garanzia è necessario presentare: La domanda di contributo a copertura delle spese di garanzia La documentazione attestante l ammontare del costo della garanzia agevolabile ai sensi del bando La CCIAA ha stanziato per l anno 2017 euro ,00 per il contributo in abbattimento del costo della garanzia prestata da Consorzi e Cooperative di garanzia collettiva fidi. MODULISTICA: I moduli di domanda per la segnalazione dell agevolazione vengono predisposti da Fidicomet Soc. Coop., unità operativa di Asconfidi Lombardia (riferimento: Sig.ra Piera Clerici, tel. 02/ ; fax 02/ ; 4 Imprese iscritte nel Registro imprese da non più di 48 mesi dalla data di presentazione della domanda di contributo.

6 SCHEDA INFORMATIVA MAGGIO 2011 CONTRIBUTO CCIAA di MILANO-MONZABRIANZA-LODI BANDO AGEVOLACREDITO - Intervento 2: Iniziativa in conto ABBATTIMENTO-TASSI (totale) a sostegno delle mpmi di Milano- MonzaBrianza-Lodi PER LA REALIZZAZIONE DI OPERAZIONI DI PATRIMONIALIZZAZIONE AZIENDALE. BENEFICIARI: mpmi - Micro, Piccole e Medie Imprese con sede legale iscritta al Registro delle imprese della Camera di Commercio di Milano-MonzaBrianza-Lodi. LIMITE DI INTERVENTO: saranno ammesse all agevolazione le operazioni di patrimonializzazione, per un importo compreso tra (IMPORTO MINIMO AGEVOLABILE) e (IMPORTO MASSIMO AGEVOLABILE). DURATA DELLA AGEVOLAZIONE: durata compresa tra i 36 e i 60 mesi, qualunque sia la durata del finanziamento. L'IMPORTO AMMESSO all'agevolazione non potrà comunque eccedere l ammontare del finanziamento ottenuto presso l Istituto di credito e la durata dell agevolazione non potrà essere superiore a 60 mesi, qualunque sia la durata del finanziamento. (NON verranno prese in considerazione eventuali fasi di preammortamento). ENTITA DELL AGEVOLAZIONE: ABBATTIMENTO TOTALE DEL TASSO DI INTERESSE APPLICATO AL FINANZIAMENTO AGEVOLABILE. IMPORTANTE: Ogni impresa può beneficiare di un contributo massimo complessivo, a valere sul bando, pari a euro10.000,00. REGIME DE MINIMIS: vanno dichiarati i contributi ricevuti, a qualsiasi titolo, da fonte pubblica, negli ultimi 3 anni. Liquidazione del contributo: L erogazione del contributo in abbattimento tassi verrà effettuata dalla CCIAA secondo l ordine di protocollo delle domande e fino ad esaurimento fondi - mediante bonifico bancario direttamente sui conti correnti delle imprese beneficiarie in un unica rata attualizzata. Al contributo è applicata la ritenuta d acconto del 4%. INTERVENTI AGEVOLABILI Verranno ammessi all agevolazione le operazioni di patrimonializzazione aziendale riguardanti: 1) AUMENTO DEL CAPITALE SOCIALE L aumento del capitale sociale deve essere già deliberato e sottoscritto per intero all atto della richiesta di finanziamento tramite il confidi; il versamento deve essere effettuato entro 6 mesi dalla data di presentazione della domanda. Qualora, a seguito di controlli a campione, si dovesse evidenziare che a tale data il versamento non è stato effettuato, si procederà alla revoca del contributo; qualora si dovesse evidenziare che a tale data il versamento non è stato completato, si procederà alla revoca della parte di contributo indebitamente percepita. Il capitale sociale risultante a seguito dell operazione dovrà essere mantenuto almeno per l intero periodo di ammortamento del finanziamento agevolato richiesto tramite i confidi, pena la revoca del contributo.

7 Non saranno agevolabili gli aumenti del capitale sociale destinati a ricostituire il capitale sociale per perdite d esercizio. Le somme percepite dalla società per l emissione di quote e/o di azioni ad un prezzo superiore al valore nominale, non possono essere distribuite finché la riserva legale non abbia raggiunto il limite stabilito di 1/5 del capitale sociale e per l intero periodo dell ammortamento del finanziamento bancario concesso. Il valore del sovrapprezzo sarà ricompreso nella quota di agevolazione in conto abbattimento tassi, ma sarà escluso, dal relativo contributo a fondo perduto. 2) VERSAMENTO DEI SOCI IN CONTO CAPITALE Il versamento dei soci in conto capitale deve essere deliberato e versato prima di procedere alla richiesta del finanziamento all istituto di credito. Sono ritenute agevolabili solo le somme versate dai soci nelle casse sociali in data stessa o successiva a quella di delibera. I fondi in tal modo vincolati non potranno essere utilizzati per tutto il periodo di durata del finanziamento bancario ottenuto, salvo incorporazione degli stessi nel Capitale Sociale ovvero su esplicita autorizzazione della banca, del confidi e della Camera di Commercio pena la revoca del contributo. 3) FINANZIAMENTO SOCI Il finanziamento soci deve essere deliberato e versato prima di procedere alla richiesta del finanziamento all istituto di credito. Sono ritenute agevolabili solo le somme versate dai soci nelle casse sociali in data stessa o successiva a quella di delibera. Nel verbale di assemblea ordinaria dei soci in cui si delibera il finanziamento soci deve essere riportata l intenzione di richiedere il finanziamento agevolato dal contributo camerale nonché l esplicito vincolo di possibile restituzione del finanziamento soci solo dopo aver regolarmente completato il rimborso del finanziamento bancario connesso. NOTA: In generale non viene ritenuta ammissibile nessuna operazione a titolo gratuito, che non comporti apporto di denaro nelle casse sociali, tranne la trasformazione del Finanziamento soci in Capitale Sociale o in Versamento Soci in conto Capitale. DOCUMENTAZIONE: verrà ammessa all istruttoria la seguente documentazione: l allegato modulo di domanda di ammissione al contributo a firma del legale rappresentante dell impresa; dichiarazione sostitutiva di certificazione e di atto di notorietà a firma del legale rappresentante dell impresa; copia del documento d identità in corso di validità del legale rappresentante dell impresa; copia del verbale di assemblea dei soci con cui si delibera l operazione di patrimonializzazione o per le società diverse dalle società di capitali, copia dell atto notarile; copia delle contabili dei versamenti effettuati dai soci per le operazioni di Versamento Soci in conto Capitale e di Finanziamento Soci con espressa causale di versamento; solo nel caso del sovrapprezzo delle azioni, la perizia giurata di un tecnico esterno copia del contratto di finanziamento stipulato con la banca debitamente sottoscritto dalle parti.

8 IMPORTANTE: alla data di presentazione della domanda di agevolazione - tramite Organismo Fidi - le imprese richiedenti devono necessariamente aver ottenuto, a far data dal 01 luglio 2016, tramite gli organismi fidi del settore di appartenenza [= FIDICOMET/ASCONFIDI LOMBARDIA per le imprese associate all Unione Confcommercio Milano ], un finanziamento : garantito, con durata minima di 36 mesi, regolato ad un tasso di interesse non superiore a Euribor 6 mesi + 3,70% per i finanziamenti a tasso variabile 3 nel calcolo del beneficio non verranno prese in considerazione eventuali fasi di preammortamento. IMPORTANTE: Ogni impresa può beneficiare di un contributo massimo complessivo, a valere sul bando, pari a euro ,00. REGIME DE MINIMIS: vanno dichiarati i contributi ricevuti, a qualsiasi titolo, da fonte pubblica, negli ultimi 3 anni. DECADENZA DEL BENEFICIO [in tutti questi casi l operatore dovrà rimborsare parte del contributo incassato]: estinzione anticipata dell operazione bancaria; revoca dell operazione da parte dell Istituto di credito erogatore; apertura di procedure concorsuali; cancellazione dal Registro Imprese; mancato versamento del capitale sociale entro 6 mesi dalla data di presentazione della domanda di ammissione al bando. DOCUMENTAZIONE AGGIUNTIVA: Fidicomet/ASCONFIDI LOMBARDIA potrà domandare integrazione della documentazione utile per l ottenimento della agevolazione. DOCUMENTAZIONE INCOMPLETA: non verrà esaminata e verrà integralmente ritornata all operatore. bando AGEVOLACREDITO (D.G. n. 71 del 11 marzo 2013 e rifinanziamento D.G. del 9 febbraio 2015) (Addendum 2016) (Addendum 2017) 3 Per i finanziamenti a tasso fisso il tasso di interesse non puo superare l IRS di periodo + 3,70% di spread.

9 SCHEDA INFORMATIVA MAGGIO 2011 CONTRIBUTO CCIAA di MILANO -MONZABRIANZA-LODI BANDO AGEVOLACREDITO - Intervento 2 : 2.2] CONTRIBUTO A FONDO PERDUTO: per l abbattimento del costo della garanzia per operazioni di PATRIMONIALIZZAZIONE AZIENDALE Le imprese che ottengono il contributo in abbattimento tassi di interesse ai sensi dell intervento 2 - PATRIMONIALIZZAZIONE AZIENDALE, possono ottenere, sullo stesso finanziamento, un contributo a fondo perduto in abbattimento del costo della garanzia, pari al 50% del costo della stessa (al netto dell IVA) fino ad un massimo di 3.000,00 euro, al lordo della ritenuta d acconto del 4%. Ai fini dell ammissibilità al contributo, il costo della garanzia (comprensivo di spese di istruttoria e gestione pratica, parte variabile, fondo rischi non restituibile, eventuali fondi rischi resituibili in base alla rischiosità del portafoglio) non può essere in ogni caso superiore al 2,5% dell ammontare del finanziamento bancario erogato in ragione d anno elevato al 3% per le imprese start up. 4 IMPORTANTE Le risorse per i contributi per l abbattimento del costo della garanzia previste da Bando Agevolacredito 2015/2016 si sono esaurite in data 23/03/2017. Con l Addendum 2017 al Bando Agevolacredito le risorse nuovamente stanziate per l abbattimento del costo della garanzia - pari ad euro ,00 - potranno essere utilizzate solo per richieste di contributo relative a finanziamenti erogati a partire dal 01/08/2017. Al fine di richiedere il contributo per l abbattimento del costo della garanzia è necessario presentare: La domanda di contributo a copertura delle spese di garanzia La documentazione attestante l ammontare del costo della garanzia agevolabile ai sensi del bando MODULISTICA: I moduli di domanda per la segnalazione dell agevolazione vengono predisposti da Fidicomet Soc. Coop., unità operativa di Asconfidi Lombardia (riferimento: Sig.ra Piera Clerici, tel. 02/ ; fax 02/ ; 4 Imprese iscritte nel Registro imprese da non piu di 48 mesi dalla data di presentazione della domanda di contributo.

Camera di Commercio di Milano INIZIATIVE A SOSTEGNO DELL ACCESSO AL CREDITO DELLE PMI MILANESI ANNO 2009

Camera di Commercio di Milano INIZIATIVE A SOSTEGNO DELL ACCESSO AL CREDITO DELLE PMI MILANESI ANNO 2009 Camera di Commercio di Milano INIZIATIVE A SOSTEGNO DELL ACCESSO AL CREDITO DELLE PMI MILANESI ANNO 2009 INIZIATIVE A SOSTEGNO DELL ACCESSO AL CREDITO DELLE PMI MILANESI ANNO 2009 2 milioni di euro per

Dettagli

INIZIATIVE A SOSTEGNO DELL ACCESSO AL CREDITO DELLE PMI CASERTANE PER L ANNO 2012

INIZIATIVE A SOSTEGNO DELL ACCESSO AL CREDITO DELLE PMI CASERTANE PER L ANNO 2012 INIZIATIVE A SOSTEGNO DELL ACCESSO AL CREDITO DELLE PMI CASERTANE PER L ANNO 2012 B A N D O Art. 1 Finalità Nel quadro delle proprie iniziative istituzionali, la Camera di Commercio di Caserta intende

Dettagli

LE INIZIATIVE A SOSTEGNO DELL ACCESSO AL CREDITO DELLE PMI MILANESI EDIZIONE Presentazione 28 aprile 2010

LE INIZIATIVE A SOSTEGNO DELL ACCESSO AL CREDITO DELLE PMI MILANESI EDIZIONE Presentazione 28 aprile 2010 LE INIZIATIVE A SOSTEGNO DELL ACCESSO AL CREDITO DELLE PMI MILANESI EDIZIONE 2010 Presentazione 28 aprile 2010 INIZIATIVE A SOSTEGNO DELL ACCESSO AL CREDITO EDIZIONE 2010 Le iniziative a sostegno dell

Dettagli

Bando AgevolaCredito 2015

Bando AgevolaCredito 2015 Bando AgevolaCredito 2015 Intervento 1 Programmi di investimenti produttivi Intervento 2 Operazioni di patrimonializzazione aziendale Intervento 3 Contributo per l abbattimento del costo della garanzia

Dettagli

INIZIATIVE A SOSTEGNO DELL ACCESSO AL CREDITO DELLE PMI MILANESI EDIZIONE 2011

INIZIATIVE A SOSTEGNO DELL ACCESSO AL CREDITO DELLE PMI MILANESI EDIZIONE 2011 CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA DI MILANO Via Meravigli 9/b - 20123 MILANO http://www.mi.camcom.it INIZIATIVE A SOSTEGNO DELL ACCESSO AL CREDITO DELLE PMI MILANESI EDIZIONE 2011

Dettagli

INIZIATIVA A SOSTEGNO DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE DELLA PROVINCIA DI ROMA PER LA REALIZZAZIONE DI PROGRAMMI DI INVESTIMENTO.

INIZIATIVA A SOSTEGNO DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE DELLA PROVINCIA DI ROMA PER LA REALIZZAZIONE DI PROGRAMMI DI INVESTIMENTO. INIZIATIVA A SOSTEGNO DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE DELLA PROVINCIA DI ROMA PER LA REALIZZAZIONE DI PROGRAMMI DI INVESTIMENTO. CONTRIBUTI IN CONTO ABBATTIMENTO TASSI SUI FINANZIAMENTI RICHIESTI. REGOLAMENTO

Dettagli

Bando per l erogazione di contributi alle PMI finalizzati al sostegno per l accesso al credito R E G O L A M E N TO

Bando per l erogazione di contributi alle PMI finalizzati al sostegno per l accesso al credito R E G O L A M E N TO Bando per l erogazione di contributi alle PMI finalizzati al sostegno per l accesso al credito Art. 1 Finalità R E G O L A M E N TO La Camera di Commercio di Como, nell ambito delle iniziative promozionali

Dettagli

Bando AgevolaCredito ADDENDUM 2016

Bando AgevolaCredito ADDENDUM 2016 Bando AgevolaCredito ADDENDUM 2016 Intervento 1 Programmi di investimenti produttivi Intervento 2 Operazioni di patrimonializzazione aziendale Intervento 3 Contributo per l abbattimento del costo della

Dettagli

LEGGE REGIONALE 23/2004 "Interventi per lo sviluppo e la promozione della cooperazione"

LEGGE REGIONALE 23/2004 Interventi per lo sviluppo e la promozione della cooperazione LEGGE REGIONALE 23/2004 "Interventi per lo sviluppo e la promozione della cooperazione" Provvedimento Numero provvedimento 23 Anno di provvedimento 2004 Tipo provvedimento Legge regionale Settori di Attività

Dettagli

Autoimpiego: agevolazioni per il lavoro autonomo

Autoimpiego: agevolazioni per il lavoro autonomo Autoimpiego: agevolazioni per il lavoro autonomo Descrizione In breve Agevolazione rivolta a persone fisiche che intendono avviare un'attività di lavoro autonomo in forma di ditta individuale. Con avviso

Dettagli

«Al Via» Lombardia Agevolazioni per la valorizzazione degli investimenti aziendali

«Al Via» Lombardia Agevolazioni per la valorizzazione degli investimenti aziendali «Al Via» Lombardia Agevolazioni per la valorizzazione degli investimenti aziendali 1 «Al Via» Agevolazioni Lombarde Finalità e avvio dell iniziativa: 13 giugno 2017: pubblicato il bando Dotazione finanziaria

Dettagli

Bando Agevola Microcredito d Impresa FWA

Bando Agevola Microcredito d Impresa FWA Bando Agevola Microcredito d Impresa FWA SOMMARIO Art. 1 - Finalità 2 Art. 2 - Dotazione finanziaria 2 Art. 3 - Soggetti beneficiari e caratteristiche dell attività 2 Art. 4 - Ambiti d intervento 3 Art.

Dettagli

NUOVA SABATINI-TER alla luce delle recenti modifiche del D.M. 25/01/2016 pubblicato sulla G.U. n.58 del LUNEDI 21 MARZO 2016

NUOVA SABATINI-TER alla luce delle recenti modifiche del D.M. 25/01/2016 pubblicato sulla G.U. n.58 del LUNEDI 21 MARZO 2016 NUOVA SABATINI-TER alla luce delle recenti modifiche del D.M. 25/01/2016 pubblicato sulla G.U. n.58 del 10-3-2016 LUNEDI 21 MARZO 2016 1 Obiettivo del bando Creazione di una nuova unità produttiva; Ampliamento

Dettagli

Regione Lombardia: Open Innovation e contributo a fondo perduto

Regione Lombardia: Open Innovation e contributo a fondo perduto Regione Lombardia: Open Innovation e contributo a fondo perduto Contributi a fondo perduto per l accesso da parte delle micro, piccole e medie imprese lombarde a piattaforme di Open Innovation Incentivi

Dettagli

Beni Strumentali - Nuova Sabatini (Ter)

Beni Strumentali - Nuova Sabatini (Ter) Beni Strumentali - Nuova Sabatini (Ter) GUIDA ALLA NUOVA SABATINI (TER) NORMATIVA ESSENZIALE DI RIFERIMENTO -Art.2 decreto-legge n.69/2013 -Art.1 della legge 23 dicembre 2014 n.190 (Legge di Stabilità

Dettagli

Provincia di Reggio Calabria Settore Lavoro e Politiche Sociali Politiche Giovanili Attività Produttive -Servizio

Provincia di Reggio Calabria Settore Lavoro e Politiche Sociali Politiche Giovanili Attività Produttive -Servizio 1 Provincia di Reggio Calabria Settore Lavoro e Politiche Sociali Politiche Giovanili Attività Produttive -Servizio Attività Produttive- CONVENZIONE SOSTEGNO allo SVILUPPO SCHEDA INFORMATIVA Marzo 2011

Dettagli

Opportunità di accesso al credito per le nuove imprese

Opportunità di accesso al credito per le nuove imprese Opportunità di accesso al credito per le nuove imprese Maria Paola Cometti Responsabile Settore Promozione Estero Tutela e regolazione del mercato IL FONDO CENTRALE DI GARANZIA PER LE PMI Il Fondo sostiene

Dettagli

FINANZIAMENTI E CONTRIBUTI - LE OPPORTUNITA PER LE IMPRESE AGGIORNAMENTO AL 07 GIUGNO 2017

FINANZIAMENTI E CONTRIBUTI - LE OPPORTUNITA PER LE IMPRESE AGGIORNAMENTO AL 07 GIUGNO 2017 FINANZIAMENTI E CONTRIBUTI - LE OPPORTUNITA PER LE IMPRESE AGGIORNAMENTO AL 07 GIUGNO 2017 ATTENZIONE! Le agevolazioni (tranne alcune eccezioni) sono da richiedere ad investimento ancora da iniziare INVESTIMENTI

Dettagli

autonomielocali srl unipersonale La società di consulenza per l internazionalizzazione delle imprese italiane

autonomielocali srl unipersonale La società di consulenza per l internazionalizzazione delle imprese italiane 1 Incentivi regionali a tutto campo Fondi per rinnovabili, macchinari e consolidare la passività Abruzzo: possibile consolidare le passività a breve. In Abruzzo, le pmi possono ancora accedere a una particolare

Dettagli

COMUNE DI CITTA DI CASTELLO PROVINCIA DI PERUGIA

COMUNE DI CITTA DI CASTELLO PROVINCIA DI PERUGIA COMUNE DI CITTA DI CASTELLO PROVINCIA DI PERUGIA CONTRIBUTI PER FAVORIRE LO SVILUPPO E L OCCUPAZIONE DI IMPRESE DEI SETTORI:INDUSTRIA, ARTIGIANATO, COMMERCIO, SERVIZI E TURISMO OPERANTI NEL TERRITORIO

Dettagli

Allegato parte integrante

Allegato parte integrante Allegato parte integrante Allegato d) - Modifiche ed integrazioni ai criteri e modalità per gli aiuti alla nuova imprenditorialità femminile e giovanile Modifiche ed integrazioni ai criteri e modalità

Dettagli

INTERVENTI DI CREDITO AGEVOLATO PER I SETTORI: ARTIGIANATO,COMMERCIO, INDUSTRIA

INTERVENTI DI CREDITO AGEVOLATO PER I SETTORI: ARTIGIANATO,COMMERCIO, INDUSTRIA INTERVENTI DI CREDITO AGEVOLATO PER I SETTORI: ARTIGIANATO,COMMERCIO, INDUSTRIA 2012/2013 (determinazione del Segretario Generale n. 358 del 07/11/2012) PREMESSA Nell ambito delle iniziative promozionali

Dettagli

L.N.215/92 Imprenditoria femminile

L.N.215/92 Imprenditoria femminile Imprenditoria femm L.N.215/92 Imprenditoria femminile [ Presentazione a bando ] SOGGETTI BENEFICIARI Piccole imprese aventi una delle seguenti forme giuridiche: - società cooperative, costituite per non

Dettagli

ELENCO AGEVOLAZIONI DEL MOMENTO

ELENCO AGEVOLAZIONI DEL MOMENTO ELENCO AGEVOLAZIONI DEL MOMENTO NUOVE IMPRESE E INVESTIMENTI PRODUTTIVI TITOLO IMPRESE BENEFICIARIE AGEVOLAZIONE PREVISTA TERMINI DI Finanziamenti agevolati e contributi a fondo perduto Nuove imprese con

Dettagli

TRANCHED COVER PUGLIA SVILUPPO 3 AVVISO. Soft Loans Contribution & Subsiedies

TRANCHED COVER PUGLIA SVILUPPO 3 AVVISO. Soft Loans Contribution & Subsiedies TRANCHED COVER PUGLIA SVILUPPO 3 AVVISO Soft Loans Contribution & Subsiedies Tranched Cover Puglia Sviluppo: che cosa è? Misura finalizzata alla realizzazione di un portafoglio di finanziamenti (tranched

Dettagli

Comitato Unitario delle Professioni in collaborazione con

Comitato Unitario delle Professioni in collaborazione con Le agevolazioni ai professionisti nella nuova programmazione 2014-20202020 Comitato Unitario delle Professioni in collaborazione con www.finanziamentinews.it Dal 2016, iliberi professionisti possono accedere

Dettagli

Lo Sportello Jeremie FESR in Confidi: novità e innovazioni della garanzia mutualistica. 14 maggio 2010 Sala Falck_Assolombarda

Lo Sportello Jeremie FESR in Confidi: novità e innovazioni della garanzia mutualistica. 14 maggio 2010 Sala Falck_Assolombarda Lo Sportello Jeremie FESR in Confidi: novità e innovazioni della garanzia mutualistica 14 maggio 2010 Sala Falck_Assolombarda Indice LO STRUMENTO IL TARGET LO SPORTELLO JEREMIE FESR LA DOMANDA I VANTAGGI

Dettagli

SCHEDA PRODOTTI INIZIATIVE AMMISSIBILI. Interventi di supporto finanziario ex Misura Anticrisi Mancati Pagamenti

SCHEDA PRODOTTI INIZIATIVE AMMISSIBILI. Interventi di supporto finanziario ex Misura Anticrisi Mancati Pagamenti DISPOSIZIONE UNICHE PER DISPOSIZIONE UNICHE PER DISPOSIZIONE UNICHE PER FONDO DI ROTAZIONE PER L IMPRENDITORIA FEMMINILE L.R. 1/2000 ATTUALMENTE SOSPESO PER MANCANZA DI FONDI Imprese individuali di cui

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO CO-FINANZIAMENTO (E LOCAZIONE FINANZIARIA) FONDO DI ROTAZIONE PER L IMPRENDITORIALITA (FRIM) LINEA DI INTERVENTO 7 COOPERAZIONE

FOGLIO INFORMATIVO CO-FINANZIAMENTO (E LOCAZIONE FINANZIARIA) FONDO DI ROTAZIONE PER L IMPRENDITORIALITA (FRIM) LINEA DI INTERVENTO 7 COOPERAZIONE FOGLIO INFORMATIVO CO-FINANZIAMENTO (E LOCAZIONE FINANZIARIA) FONDO DI ROTAZIONE PER L IMPRENDITORIALITA (FRIM) LINEA DI INTERVENTO 7 COOPERAZIONE Numero 2 Data ultimo aggiornamento 1 ottobre 2015 Sezione

Dettagli

CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARIGIANATO ED AGRICOLTURA DI VITERBO. Allegato all Atto del Consiglio N.48/100 del 16/03/2007

CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARIGIANATO ED AGRICOLTURA DI VITERBO. Allegato all Atto del Consiglio N.48/100 del 16/03/2007 Regolamento per l erogazione di contributi per l acquisizione delle Certificazioni di Qualità, di Responsabilità Sociale, delle Attestazioni Soa e per la predisposizione del piano di Controllo della Produzione

Dettagli

AIUTI AGLI INVESTIMENTI INIZIALI PER PICCOLE E MEDIE IMPRESE

AIUTI AGLI INVESTIMENTI INIZIALI PER PICCOLE E MEDIE IMPRESE AIUTI AGLI INVESTIMENTI INIZIALI PER PICCOLE E MEDIE IMPRESE TERMINI DI PRESENTAZIONE La presentazione avviene mediante la procedura a sportello, fino ad esaurimento risorse. BENEFICIARI 1) Microimprese

Dettagli

Adottato con delibera del Consiglio camerale n. 8 del 16 giugno 2005 e successive modifiche

Adottato con delibera del Consiglio camerale n. 8 del 16 giugno 2005 e successive modifiche Regolamento per la concessione di contributi alle PMI per l adozione di sistemi di gestione aziendale e/o della Responsabilità Sociale ISO 14001 EMAS - SA8000 Adottato con delibera del Consiglio camerale

Dettagli

INVESTIMENTI IN BENI STRUMENTALI LA NUOVA SABATINI

INVESTIMENTI IN BENI STRUMENTALI LA NUOVA SABATINI INVESTIMENTI IN BENI STRUMENTALI LA NUOVA SABATINI Dal 31 marzo 2014 è possibile inoltrare le domande per la richiesta dei finanziamenti e dei contributi Con la circolare del Ministero dello Sviluppo Economico

Dettagli

Bandi Camera di Commercio di Cuneo Autunno 2016

Bandi Camera di Commercio di Cuneo Autunno 2016 Bandi A cura del servizio Economia e Fisco di Confindustria Cuneo Speciale Bandi Camera di Commercio di Cuneo Autunno 2016 Bandi Camera di Commercio di Cuneo Autunno 2016 Sommario Introduzione p. 2 Information

Dettagli

ASCOM FIDI LANGHE E ROERO Soc.Coop.

ASCOM FIDI LANGHE E ROERO Soc.Coop. ASCOM FIDI LANGHE E ROERO Soc.Coop. A SERVIZIO DELL IMPRESA PRONTUARIO DELLE LEGGI ED AGEVOLAZIONI FINANZIARIE Alba c/o Associazione Commercianti Albesi - P.za San Paolo n. 3 tel. 0173/22.66.11 fax 0173/36.15.24

Dettagli

DOSSIER FINANZA AGEVOLATA Beni strumentali? Come favorirne l acquisto tramite le agevolazioni. - Aggiornato al 16 febbraio

DOSSIER FINANZA AGEVOLATA Beni strumentali? Come favorirne l acquisto tramite le agevolazioni. - Aggiornato al 16 febbraio DOSSIER FINANZA AGEVOLATA Beni strumentali? Come favorirne l acquisto tramite le agevolazioni - Aggiornato al 16 febbraio 2017 - TIPOLOGIA DI Finanziamento agevolato Contributo a fondo perduto Credito

Dettagli

Il regime degli Aiuti di Stato

Il regime degli Aiuti di Stato Le leggi a sostegno dell'imprenditorialità giovanile Relatore: Domenico Rossetto Torino, 6 luglio 2001 Il regime degli Aiuti di Stato MERCATO COMUNE = DIVIETO DI AIUTI (ART. 87-1 TRATTATO) DEROGHE GENERALI

Dettagli

Bando nuove imprese. Asse 2 Attività II.1.2

Bando nuove imprese. Asse 2 Attività II.1.2 Bando nuove imprese Asse 2 Attività II.1.2 Obiettivi Sostenere la creazione, il potenziamento e la crescita di imprese attraverso interventi di innovazione tecnologica, organizzativa e finanziaria. Sostenere

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA REGOLAMENTO GENERALE DEI REGIMI DI AIUTO IN ESENZIONE N.17 DEL 30/09/2014 PER LE IMPRESE TURISTICHE

SCHEDA INFORMATIVA REGOLAMENTO GENERALE DEI REGIMI DI AIUTO IN ESENZIONE N.17 DEL 30/09/2014 PER LE IMPRESE TURISTICHE SCHEDA INFORMATIVA REGOLAMENTO GENERALE DEI REGIMI DI AIUTO IN ESENZIONE N.17 DEL 30/09/2014 PER LE IMPRESE TURISTICHE TITOLO II - AIUTI AGLI INVESTIMENTI DELLE PMI NEL SETTORE TURISTICO- ALBERGHIERO SOGGETTI

Dettagli

AGEVOLAZIONI PER LE IMPRESE ANNO 2016

AGEVOLAZIONI PER LE IMPRESE ANNO 2016 AGEVOLAZIONI PER LE IMPRESE ANNO 2016 Informazioni estratte dal sito del Ministero dello Sviluppo Economico www.sviluppoeconomico.gov.it SUPER AMMORTAMENTO BENI STRUMENTALI Legge n. 208 del 2015 art. 1

Dettagli

MANIFATTURA 4.0: CREDITO D IMPOSTA SUGLI INVESTIMENTI IN RICERCA e SVILPPO. D.M. 27 MAGGIO 2015 (G.U. n. 174 del 29 luglio 2015) Modena, 30 marzo 2017

MANIFATTURA 4.0: CREDITO D IMPOSTA SUGLI INVESTIMENTI IN RICERCA e SVILPPO. D.M. 27 MAGGIO 2015 (G.U. n. 174 del 29 luglio 2015) Modena, 30 marzo 2017 MANIFATTURA 4.0: CREDITO D IMPOSTA SUGLI INVESTIMENTI IN RICERCA e SVILPPO D.M. 27 MAGGIO 2015 (G.U. n. 174 del 29 luglio 2015) Modena, 30 marzo 2017 FINALITA FAVORIRE GLI INVESTIMENTI IN RICERCA E SVILUPPO

Dettagli

CONDIZIONI DEI FINANZIAMENTI DI CUI ALL ACCORDO. DEL 17 luglio 2017

CONDIZIONI DEI FINANZIAMENTI DI CUI ALL ACCORDO. DEL 17 luglio 2017 CONDIZIONI DEI FINANZIAMENTI DI CUI ALL ACCORDO DEL 17 luglio 2017 Finalità Beneficiari Forme tecniche Durate Tassi e Condizioni economiche Tempistica per le risposte di finanziabilità operazioni finanza

Dettagli

SABATINI TER. Circolare n. 4 del

SABATINI TER. Circolare n. 4 del Circolare n. 4 del 29.03.2016 SABATINI TER La cd. Nuova Sabatini è finalizzata ad accrescere la competitività del sistema produttivo del Paese e a migliorare l accesso al credito delle micro, piccole e

Dettagli

FONDO DI GARANZIA PER LE PMI COSTIUITO PRESSO MCC (Art. 2, comma 100, lett. a) Legge 662/96)

FONDO DI GARANZIA PER LE PMI COSTIUITO PRESSO MCC (Art. 2, comma 100, lett. a) Legge 662/96) FONDO DI GARANZIA PER LE PMI COSTIUITO PRESSO MCC (Art. 2, comma 100, lett. a) Legge 662/96) Premessa Il Fondo di garanzia per le PMI (di seguito Fondo) è stato costituito presso MCC con Legge 662/96.

Dettagli

ANNO (Determinazione del Vice Segretario Generale n. 16 del 4 maggio 2016) ART. 1

ANNO (Determinazione del Vice Segretario Generale n. 16 del 4 maggio 2016) ART. 1 BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER L ABBATTIMENTO DEI TASSI IN CONTO INTERESSE E DEL COSTO DELLE COMMISSIONI SULLE GARANZIE RILASCIATE DAGLI ORGANISMI DI GARANZIA COLLETTIVA FIDI ANNO 2016 (Determinazione

Dettagli

Banca richiedente ABI CAB Data

Banca richiedente ABI CAB Data Allegato A) MEDIOCREDITO CENTRALE SPA 00187 ROMA Pos. M.C. (a cura del Mediocredito Centrale) Banca richiedente ABI CAB Data L. 228/97 RILOCALIZZAZIONE DI ATTIVITA PRODUTTIVE COLLOCATE IN AREE A RISCHIO

Dettagli

NORME PER LA CONCESSIONE DI INCENTIVI FINALIZZATI ALLA NASCITA DI NUOVE IMPRESE

NORME PER LA CONCESSIONE DI INCENTIVI FINALIZZATI ALLA NASCITA DI NUOVE IMPRESE NORME PER LA CONCESSIONE DI INCENTIVI FINALIZZATI ALLA NASCITA DI NUOVE IMPRESE Art. 1 Finalità La presente iniziativa rientra nelle attività previste dal Progetto Fondo perequativo Accordo di programma

Dettagli

CONTRIBUTI PER L ABBATTIMENTO TASSI IN CONTO INTERESSE E COMMISSIONI DI GARANZIA SU FINANZIAMENTI ALLE MPMI DELLA PROVINCIA DI PAVIA ANNO 2013

CONTRIBUTI PER L ABBATTIMENTO TASSI IN CONTO INTERESSE E COMMISSIONI DI GARANZIA SU FINANZIAMENTI ALLE MPMI DELLA PROVINCIA DI PAVIA ANNO 2013 CONTRIBUTI PER L ABBATTIMENTO TASSI IN CONTO INTERESSE E COMMISSIONI DI GARANZIA SU FINANZIAMENTI ALLE MPMI DELLA PROVINCIA DI PAVIA ANNO 2013 (Determinazione Segretario Generale n. 37 del 29/03/2013)

Dettagli

Circolare informativa 7/2016. ( a cura di Sara Razzi)

Circolare informativa 7/2016. ( a cura di Sara Razzi) Roma, 28 marzo 2016 Circolare informativa 7/2016 ( a cura di Sara Razzi) NUOVA LEGGE SABATINI È stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n 58 del 10 marzo 2016 il decreto interministeriale 25 gennaio

Dettagli

OPPORTUNITÁ AGEVOLATIVE PER LE IMPRESE: SABATINI TER 21 GIUGNO Federica Frattali U.O. Agevolazioni

OPPORTUNITÁ AGEVOLATIVE PER LE IMPRESE: SABATINI TER 21 GIUGNO Federica Frattali U.O. Agevolazioni OPPORTUNITÁ AGEVOLATIVE PER LE IMPRESE: SABATINI TER 21 GIUGNO 2016 Federica Frattali U.O. Agevolazioni Riferimenti normativi Decreto Beni Strumentali c.d. Sabatini Ter Prevede un contributo in c/impianti

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER LA PARTECIPAZIONE A FIERE E MOSTRE. Articolo 1. Finalità e tipologia degli interventi

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER LA PARTECIPAZIONE A FIERE E MOSTRE. Articolo 1. Finalità e tipologia degli interventi REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER LA PARTECIPAZIONE A FIERE E MOSTRE. Articolo 1 Finalità e tipologia degli interventi La Camera di Commercio di Matera, nell ambito delle iniziative promozionali

Dettagli

Linea Innovazione: Finanziamenti agevolati per l innovazione di prodotto e di processo. Milano, 13 febbraio 2017

Linea Innovazione: Finanziamenti agevolati per l innovazione di prodotto e di processo. Milano, 13 febbraio 2017 Linea Innovazione: Finanziamenti agevolati per l innovazione di prodotto e di processo Milano, 13 febbraio 2017 Indice 1. Linea Innovazione: cos è? 2. Quali vantaggi? 3. Lo strumento in dettaglio 4. Banche

Dettagli

ALL. A GENERALITA DOTAZIONE E RIPARTIZIONE FINANZIARIA

ALL. A GENERALITA DOTAZIONE E RIPARTIZIONE FINANZIARIA ALL. A CRITERI PER LA CONCESSIONE DEI CONTRIBUTI FINALIZZATI ALLA REALIZZAZIONE DI OPERE PUBBLICHE E SERVIZI SOCIALI NEI COMUNI OVE LE ESIGENZE MILITARI INCIDONO MAGGIORMANTE SULL USO DEL TERRITORIO E

Dettagli

COMUNE DI G A N G I Provincia di Palermo

COMUNE DI G A N G I Provincia di Palermo COMUNE DI G A N G I Provincia di Palermo REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER ATTIVITÀ TURISTICHE E DI PROMOZIONE Approvato con Delibera di C.C. n.60 del 24.10.2006 resa esecutiva in data 13/11/2006

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 GENNAIO 2001, N. 2 Titolo II

LEGGE REGIONALE 10 GENNAIO 2001, N. 2 Titolo II LEGGE REGIONALE 10 GENNAIO 2001, N. 2 Titolo II Contributi in conto interessi su prestiti concessi alle PMI aderenti ai Consorzi di garanzia collettiva Fidi Legge 27 ottobre 1994, n. 598, art.11 lett.

Dettagli

Finanziamento agevolato per macchinari e attrezzature (Sabatini-ter)

Finanziamento agevolato per macchinari e attrezzature (Sabatini-ter) Scheda Agevolazione Finanziamento agevolato per macchinari e attrezzature (Sabatini-ter) Oggetto: Finanziamento pari al 100% del progetto di investimento, disponibile prima della realizzazione dell investimento,

Dettagli

ALLEGATO B REGOLAMENTO PER INCENTIVI ALL ATTIVAZIONE DI TIROCINI FORMATIVI

ALLEGATO B REGOLAMENTO PER INCENTIVI ALL ATTIVAZIONE DI TIROCINI FORMATIVI ALLEGATO B REGOLAMENTO PER INCENTIVI ALL ATTIVAZIONE DI TIROCINI FORMATIVI 1) FINALITA L obiettivo del regolamento è quello di sostenere le imprese che favoriscono l inserimento nel mondo del lavoro attraverso

Dettagli

BANDO PER L OTTENIMENTO DI UN VOUCHER PER LA PARTECIPAZIONE ALLA FIERA ITALIAN FURNITURE DESIGN

BANDO PER L OTTENIMENTO DI UN VOUCHER PER LA PARTECIPAZIONE ALLA FIERA ITALIAN FURNITURE DESIGN BANDO PER L OTTENIMENTO DI UN VOUCHER PER LA PARTECIPAZIONE ALLA FIERA ITALIAN FURNITURE DESIGN ART. 1. - FINALITÁ La Camera di commercio di Monza e Brianza ha stanziato l importo complessivo di 24.500

Dettagli

Art. 3 Contributi per la patrimonializzazione Art. 4 Contributi per l adeguamento dell assetto organizzativo Art. 5 Erogazione dei contributi

Art. 3 Contributi per la patrimonializzazione Art. 4 Contributi per l adeguamento dell assetto organizzativo Art. 5 Erogazione dei contributi BANDO PER L AGEVOLAZIONE DELL ACCESSO AL CREDITO DELLE MPMI E PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER LA FUSIONE DEI CONFIDI MINORI E PER IL LORO CONSEGUENTE ADEGUAMENTO ORGANIZZATIVO Art. 1 Finalità La Camera

Dettagli

ELENCO AGEVOLAZIONI DEL MOMENTO

ELENCO AGEVOLAZIONI DEL MOMENTO ELENCO AGEVOLAZIONI DEL MOMENTO NUOVE IMPRESE E INVESTIMENTI PRODUTTIVI TITOLO IMPRESE BENEFICIARIE AGEVOLAZIONE PREVISTA TERMINI DI Finanziamenti agevolati e contributi a per nuove imprese Start up innovative

Dettagli

NASCITA E SVILUPPO DI SOCIETA' COOPERATIVE

NASCITA E SVILUPPO DI SOCIETA' COOPERATIVE NASCITA E SVILUPPO DI SOCIETA' COOPERATIVE Presentazione delle domande: a partire dal 20 luglio 2015, fino ad esaurimento delle risorse. TERRITORIO: Tutto il territorio nazionale. OBIETTIVI GENERALI Con

Dettagli

Fondo Rotativo Piccolo Credito. Fondo di Riassicurazione. Garanzia Equity. Voucher Garanzia

Fondo Rotativo Piccolo Credito. Fondo di Riassicurazione. Garanzia Equity. Voucher Garanzia FARE LAZIO La Regione dà credito ai tuoi progetti 62,5 milioni di euro per l accesso al credito di piccole e medie imprese e liberi professionisti CON FARE CREDITO QUATTRO STRUMENTI INNOVATIVI PER OFFRIRE

Dettagli

NOTIFICA DI REGIMI D AIUTO A NORMA DELL ART.88, PAR.3

NOTIFICA DI REGIMI D AIUTO A NORMA DELL ART.88, PAR.3 Patrizio Tancredi Responsabile Servizio Turismo e Sport Regione Toscana NOTIFICA DI REGIMI D AIUTO A NORMA DELL ART.88, PAR.3 19 aprile 2000 Stato membro: ITALIA 1. Regione interessata 1.1 Il regime in

Dettagli

Agevolazioni per il commercio elettronico di prodotti alimentari

Agevolazioni per il commercio elettronico di prodotti alimentari CIRCOLARE A.F. N. 156 del 10 Novembre 2015 Ai gentili clienti Loro sedi Agevolazioni per il commercio elettronico di prodotti alimentari Premessa Con il decreto interministeriale n. 273/2015 è stata introdotta

Dettagli

RIFORMA DEL DECRETO LEGISLATIVO N MISURE IN FAVORE DELLA NUOVA IMPRENDITORIALITÀ IN AGRICOLTURA

RIFORMA DEL DECRETO LEGISLATIVO N MISURE IN FAVORE DELLA NUOVA IMPRENDITORIALITÀ IN AGRICOLTURA Pubblicato in G.U. il decreto attuativo con i nuovi criteri di accesso ai finanziamenti a tasso zero per il ricambio generazionale in agricoltura e sui requisiti per le nuove agevolazioni a progetti di

Dettagli

Il/la sottoscritto/a. nato/a a (prov. ) il. C.F. residente a. Via n.

Il/la sottoscritto/a. nato/a a (prov. ) il. C.F. residente a. Via n. COMUNE DI PAVIA MODULO DI DOMANDA DI PARTECIPAZIONE AL BANDO A SOSTEGNO DELL OCCUPAZIONE Al Comune di Pavia Settore Commercio, Attività produttive Piazza Municipio, n.2 27100 PAVIA Il/la sottoscritto/a

Dettagli

Sabatini bis: per accedere agli incentivi invio delle domande al

Sabatini bis: per accedere agli incentivi invio delle domande al CIRCOLARE A.F. N. 38 del 13 Marzo 2014 Ai gentili clienti Loro sedi Sabatini bis: per accedere agli incentivi invio delle domande al 31.03.2014 Premessa L Art. 2 del DL n. 69/2013 ha previsto l introduzione

Dettagli

INIZIATIVA A SOSTEGNO DELLE PMI MILANESI PER LA REALIZZAZIONE DI PROGRAMMI DI INVESTIMENTO - CONTRIBUTI IN CONTO ABBATTIMENTO TASSI - edizione 2008

INIZIATIVA A SOSTEGNO DELLE PMI MILANESI PER LA REALIZZAZIONE DI PROGRAMMI DI INVESTIMENTO - CONTRIBUTI IN CONTO ABBATTIMENTO TASSI - edizione 2008 INIZIATIVA A SOSTEGNO DELLE PMI MILANESI PER LA REALIZZAZIONE DI PROGRAMMI DI INVESTIMENTO - CONTRIBUTI IN CONTO ABBATTIMENTO TASSI - edizione 2008 Per informazioni: Tel.: 0285.154.521-0285.154.933 CAMERA

Dettagli

ELENCO AGEVOLAZIONI PUBBLICHE AMMESSE A BENEFICIO. Breve descrizione dell agevolazione. Contributi in conto. finanziamenti per la realizzazione di

ELENCO AGEVOLAZIONI PUBBLICHE AMMESSE A BENEFICIO. Breve descrizione dell agevolazione. Contributi in conto. finanziamenti per la realizzazione di Oggetto: Adesione della Regione Sardegna al nuovo Accordo la ripresa 2015", sottoscritto dall'abi e dalle associazioni imprenditoriali in data 31 marzo 2015. Aggiornamento elenco strumenti finanziari oggetto

Dettagli

LEGGE 215/1992. Azioni positive per l imprenditoria femminile. Realizzazione Eureka Srl per Faimpresa Srl - Riproduzione riservata

LEGGE 215/1992. Azioni positive per l imprenditoria femminile. Realizzazione Eureka Srl per Faimpresa Srl - Riproduzione riservata LEGGE 215/1992 Azioni positive per l imprenditoria femminile Realizzazione Eureka Srl per Faimpresa Srl - Riproduzione riservata COS E LA L. 215/92 E uno strumento di agevolazione nazionale Si tratta di

Dettagli

BANDO PER INTERVENTI A FAVORE DEL SETTORE COMMERCIALE DI CUI ALL ART. 4, COMMA 3 TER DELLA LEGGE REGIONALE N. 13 DEL

BANDO PER INTERVENTI A FAVORE DEL SETTORE COMMERCIALE DI CUI ALL ART. 4, COMMA 3 TER DELLA LEGGE REGIONALE N. 13 DEL BANDO PER INTERVENTI A FAVORE DEL SETTORE COMMERCIALE DI CUI ALL ART. 4, COMMA 3 TER DELLA LEGGE REGIONALE N. 13 DEL 21.3.2000. **************************************** PREMESSA La Comunità Montana Valle

Dettagli

Studio Professionale AM Consulting

Studio Professionale AM Consulting INCENTIVI ALLE IMPRESE I FONDI INVITALIA PER L AUTOIMPRENDITORIALITA Invitalia promuove la creazione di nuove imprese o l'ampliamento di quelle già esistenti a condizione che la loro maggioranza, numerica

Dettagli

BANDO per i servizi integrati a supporto degli INVESTIMENTI MATERIALI E IMMATERIALI connessi allo start-up d impresa

BANDO per i servizi integrati a supporto degli INVESTIMENTI MATERIALI E IMMATERIALI connessi allo start-up d impresa Spett.le Azienda Speciale S.E.I. C.so Risorgimento 302 86170 Isernia aziendasei@is.legalmail.camcom.it NOTA La compilazione dei campi con asterisco è obbligatoria. Se mancanti la domanda verrà considerata

Dettagli

Legge Nuova Sabatini. Roma, 06/03/2014

Legge Nuova Sabatini. Roma, 06/03/2014 Legge Nuova Sabatini Roma, 06/03/2014 Agenda Contesto normativo Soggetti beneficiari Investimenti ammissibili Finanziamento Tipologia agevolazione Artigiancassa a sostegno delle imprese Gantt 2 Contesto

Dettagli

Documenti da allegare alla richiesta di erogazione

Documenti da allegare alla richiesta di erogazione C1 Documenti da allegare alla richiesta di erogazione a) Anticipazione 1 Certificazione ai sensi della vigente normativa antimafia 2. Fideiussione bancaria o polizza assicurativa 3. Certificato di vigenza

Dettagli

REGOLAMENTO PER RICHIESTA DI REINTEGRO DI ANTICIPAZIONI

REGOLAMENTO PER RICHIESTA DI REINTEGRO DI ANTICIPAZIONI Pag. 1 di 5 1. SCOPO DEL REGOLAMENTO 2. RIFERIMENTI NORMATIVI/REGOLAMENTARI 3. REGOLAMENTO 4. ALLEGATO Pag. 2 di 5 1. SCOPO DEL REGOLAMENTO L obiettivo del presente documento è disciplinare la facoltà

Dettagli

Contributi a fondo perduto per investimenti: apertura bandi POR FESR Azione Sub A e B

Contributi a fondo perduto per investimenti: apertura bandi POR FESR Azione Sub A e B Area Credito Finanza Assicurazioni Contributi a fondo perduto per investimenti: apertura bandi POR FESR 2014-2020 Azione 3.1.1. Sub A e B Seminario tecnico 5-6 ottobre 2016 Contributi a fondo perduto La

Dettagli

Millennium Consultants

Millennium Consultants A OGGETTO: INCENTIVI ALLE IMPRESE DELLE COSTRUZIONI PER LA CERTIFICAZIONE DI QUALITA. SETTORE: Edilizia. SEDE OPERATIVA: Como e Provincia. 1) Le Imprese edili. 2) Le Imprese impiantistiche. ENTE DI RIFERIMENTO:

Dettagli

FINANZIAMENTI E CONTRIBUTI - LE OPPORTUNITA PER LE IMPRESE AGGIORNAMENTO AL 2 GENNAIO 2018

FINANZIAMENTI E CONTRIBUTI - LE OPPORTUNITA PER LE IMPRESE AGGIORNAMENTO AL 2 GENNAIO 2018 FINANZIAMENTI E CONTRIBUTI - LE OPPORTUNITA PER LE IMPRESE AGGIORNAMENTO AL 2 GENNAIO 2018 ATTENZIONE! Le agevolazioni (tranne alcune eccezioni) sono da richiedere ad investimento ancora da iniziare INVESTIMENTI

Dettagli

POR 2000/2006 Misura 6.5

POR 2000/2006 Misura 6.5 POR 2000/2006 Misura 6.5 Bando per l internazionalizzazione delle PMI dei Distretti Industriali e Sistemi locali a vocazione Industriale SCHEDA TECNICA A corredo della Domanda di agevolazioni A) DATI SULL

Dettagli

Unione Provinciale Artigiani CASARTIGIANI

Unione Provinciale Artigiani CASARTIGIANI 1 Bando Regione Calabria Autoimpiego - Autoimprenditorialità La Regione Calabria ha pubblicato sul BURC n. 33 del 11/04/2017 il decreto n. 3755 Per il sostegno all autoimpiego e all autoimprenditorialità.

Dettagli

BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER L ABBATTIMENTO DEL TASSO D INTERESSI SU FINANZIAMENTI BANCARI

BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER L ABBATTIMENTO DEL TASSO D INTERESSI SU FINANZIAMENTI BANCARI BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER L ABBATTIMENTO DEL TASSO D INTERESSI SU FINANZIAMENTI BANCARI Art. 1- DESCRIZIONE E FINALITA DELL INIZIATIVA La Camera di Commercio di Avellino, per favorire

Dettagli

SOSTEGNO ALLO START UP DI NUOVE IMPRESE INNOVATIVE 2016

SOSTEGNO ALLO START UP DI NUOVE IMPRESE INNOVATIVE 2016 SOSTEGNO ALLO START UP DI NUOVE IMPRESE INNOVATIVE 2016 Attività 1.4.1del POR FESR 2014-2020 D.G.R. 11/2016 Regione Emilia-Romagna Gli strumenti della Regione rivolti alle nuove imprese POR FESR 2007-2013

Dettagli

Capo I DISPOSIZIONI GENERALI

Capo I DISPOSIZIONI GENERALI Regolamento per la concessione di contributi a favore delle associazioni di promozione sociale, ai sensi dell articolo 4, comma 35, della legge regionale 28 dicembre 2007, n. 30 (Legge strumentale 2008).

Dettagli

Bando BBL Brianza a Banda Larga VOUCHER PER LA DIFFUSIONE DELLA BANDA LARGA SATELLITARE

Bando BBL Brianza a Banda Larga VOUCHER PER LA DIFFUSIONE DELLA BANDA LARGA SATELLITARE Bando BBL Brianza a Banda Larga VOUCHER PER LA DIFFUSIONE DELLA BANDA LARGA SATELLITARE ART. 1. - FINALITÁ Nella società dell informazione la connettività a banda larga riveste un ruolo centrale ai fine

Dettagli

Provincia di Chieti. Articolo 1

Provincia di Chieti. Articolo 1 Provincia di Chieti CONTRIBUTI A FAVORE DEI CONFIDI PER AGEVOLARE L'ACCESSO AL CREDITO ALLE IMPRESE ARTIGIANE, PICCOLA INDUSTRIA, COMMERCIALI, TURISTICHE, DEI SERVIZI ED AGRICOLE Articolo 1 Il presente

Dettagli

MODULO PER LA PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA

MODULO PER LA PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA Artigianato e Servizi BANDO CONTRIBUTI ALLE IMPRESE ARTIGIANE DELLA LOMBARDIA PER L INTRODUZIONE DI PROCESSI E PRODOTTI A BASSO IMPATTO AMBIENTALE E IL SOSTEGNO AL RISANAMENTO AMBIENTALE NELL ESERCIZIO

Dettagli

1. Posso partecipare al presente bando le imprese della provincia di Ascoli Piceno che, al momento della presentazione della domanda:

1. Posso partecipare al presente bando le imprese della provincia di Ascoli Piceno che, al momento della presentazione della domanda: Allegato A alla D.G. n. 37 del 30 marzo 2015 BANDO INVESTIMENTI 2015 Bando per la concessione di contributi in conto capitale alle imprese della provincia di Ascoli Piceno su finanziamenti bancari finalizzati

Dettagli

POR MARCHE FESR Asse 1 OS 1 AZIONE 1.3 Manifattura e Lavoro 4.0 Sostegno ai processi di innovazione aziendale e all utilizzo di nuove

POR MARCHE FESR Asse 1 OS 1 AZIONE 1.3 Manifattura e Lavoro 4.0 Sostegno ai processi di innovazione aziendale e all utilizzo di nuove POR MARCHE FESR 2014-2020 - Asse 1 OS 1 AZIONE 1.3 Manifattura e Lavoro 4.0 Sostegno ai processi di innovazione aziendale e all utilizzo di nuove tecnologie digitali nelle MPMI marchigiane Bando 2017 DOTAZIONE

Dettagli

CIRCOLARE n. 5/2016 approvata con delibera del 18 ottobre 2016, ai sensi dell art. 14 del Decreto 7 settembre 2016

CIRCOLARE n. 5/2016 approvata con delibera del 18 ottobre 2016, ai sensi dell art. 14 del Decreto 7 settembre 2016 CIRCOLARE n. 5/2016 approvata con delibera del 18 ottobre 2016, ai sensi dell art. 14 del Decreto 7 settembre 2016 Finanziamenti agevolati per studi di prefattibilità e fattibilità e programmi di assistenza

Dettagli

SETTORE COMMERCIO (all art. 4 comma 3-ter della l.r. 13/2000)

SETTORE COMMERCIO (all art. 4 comma 3-ter della l.r. 13/2000) Bando Convenzione Regione Lombardia - Comunità Montane SETTORE COMMERCIO (all art. 4 comma 3-ter della l.r. 13/2000) Imprese commerciali Anno 2007 1 Scenario 2 In attuazione della Convenzione Regione Lombardia

Dettagli

Prime informazioni in merito alla presentazione dei modelli C e D di cui al Decreto alluvione

Prime informazioni in merito alla presentazione dei modelli C e D di cui al Decreto alluvione Prime informazioni in merito alla presentazione dei modelli C e D di cui al Decreto alluvione 1. Il soggetto deve aver presentato il modello E di segnalazione danni entro 20 giorni dal verificarsi dell

Dettagli

INCENTIVI INAIL ALLE IMPRESE PER LA SICUREZZA SUL LAVORO AVVISO REGIONALE (art. 11 c. 1 e 5 del decreto 81/2008 e s.m.i)

INCENTIVI INAIL ALLE IMPRESE PER LA SICUREZZA SUL LAVORO AVVISO REGIONALE (art. 11 c. 1 e 5 del decreto 81/2008 e s.m.i) INCENTIVI INAIL ALLE IMPRESE PER LA SICUREZZA SUL LAVORO AVVISO REGIONALE 2013 (art. 11 c. 1 e 5 del decreto 81/2008 e s.m.i) Entità del finanziamento A livello nazionale: 307 milioni di euro circa Per

Dettagli

più credito per la tua impresa

più credito per la tua impresa Sei un impresa che vuole acquistare nuovi macchinari, impianti o attrezzature? più credito per la tua impresa : Agevolazioni anche per i settori di pesca e agricoltura Beni strumentali, l agevolazione

Dettagli

BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI A FONDO PERDUTO ALLE IMPRESE COLPITE DALL ESONDAZIONE DEL FIUME SERCHIO NELLA PROVINCIA DI PISA CHIEDE

BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI A FONDO PERDUTO ALLE IMPRESE COLPITE DALL ESONDAZIONE DEL FIUME SERCHIO NELLA PROVINCIA DI PISA CHIEDE BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI A FONDO PERDUTO ALLE IMPRESE COLPITE DALL ESONDAZIONE DEL FIUME SERCHIO NELLA PROVINCIA DI PISA DOMANDA DI CONTRIBUTO Da consegnare a mano Allegato 1) Il/i sottoscritto/i

Dettagli

Agevolazioni per investimenti Industria 4.0. Agevolazioni nazionali

Agevolazioni per investimenti Industria 4.0. Agevolazioni nazionali Agevolazioni per investimenti Industria 4.0 Agevolazioni nazionali Incentivi per l acquisto/leasing di beni strumentali Nuova Legge Sabatini" (Art. 2 comma 2 D.L. n. 69/2013) Credito d imposta per spese

Dettagli

Obiettivo operativo linee di intervento (con procedura a graduatoria) Aiuti in favore delle Imprese artigiane

Obiettivo operativo linee di intervento (con procedura a graduatoria) Aiuti in favore delle Imprese artigiane Obiettivo operativo 5.1.3 linee di intervento 5.1.3.1-5.1.3.5 (con procedura a graduatoria) Aiuti in favore delle Imprese artigiane 1 Pubblicazione in Gazzetta - scadenza - risorse G.U.R.S. GIOVEDÌ 31

Dettagli

NORME PER LA CONCESSIONE DI INCENTIVI PER L INTRODUZIONE DI INNOVAZIONE DI PRODOTTO, DI PROCESSO ED ORGANIZZATIVE

NORME PER LA CONCESSIONE DI INCENTIVI PER L INTRODUZIONE DI INNOVAZIONE DI PRODOTTO, DI PROCESSO ED ORGANIZZATIVE NORME PER LA CONCESSIONE DI INCENTIVI PER L INTRODUZIONE DI INNOVAZIONE DI PRODOTTO, DI PROCESSO ED ORGANIZZATIVE ART. 1 Scopo La Camera di Commercio di Campobasso, nell ambito delle attività volte a favorire

Dettagli

BANDI CAMERA DI COMMERCIO DI CUNEO 2017

BANDI CAMERA DI COMMERCIO DI CUNEO 2017 Bandi A cura del servizio Economia e Fisco di Confindustria Cuneo Speciale Bandi Camera di Commercio di Cuneo 2017 BANDI CAMERA DI COMMERCIO DI CUNEO 2017 Sommario Introduzione... 2 Certificazioni volontarie

Dettagli

ACQUISIZIONE DI IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI E IMMATERIALI

ACQUISIZIONE DI IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI E IMMATERIALI ACQUISIZIONE DI IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI E IMMATERIALI o Acquisto di immobilizzazioni materiali oacquisizione delle immobilizzazioni immateriali o Il processo di ammortamento o La dismissione delle immobilizzazioni

Dettagli