DOCUMENTO PROGRAMMATICO TRIENNALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DOCUMENTO PROGRAMMATICO TRIENNALE 2014-2016"

Transcript

1 DOCUMENTO PROGRAMMATICO TRIENNALE Organo di Indirizzo 28 ottobre 2013

2 LE FONDAZIONI DI ORIGINE BANCARIA: QUADRO GENERALE Le fondazioni di origine bancaria, nate ormai da più di vent anni dalla privatizzazione delle banche pubbliche, sono soggetti di diritto privato, senza scopo di lucro, che perseguono finalità di promozione dello sviluppo economico e di utilità sociale operando nei diversi settori individuati dalla legge. In questi anni, le fondazioni sono andate ben al di là del disegno originario, svolgendo appieno e senza esitazione il ruolo di soggetti no profit dediti al sostegno dei bisogni delle comunità di riferimento, che sanno coniugare la loro duplice anima di investitore e di corpi intermedi della società. I patrimoni e l attività erogativa sono costantemente cresciuti negli anni fino alla crisi del 2008 che ha provocato un inversione di tendenza i cui effetti non sono ancora terminati, visto che a fine 2012 il patrimonio complessivo delle fondazioni che ammonta a circa 42 miliardi di euro, ha registrato una flessione del 2% rispetto all esercizio precedente. Ciò si è ovviamente riflesso in un minor volume di interventi che in qualche caso ha portato addirittura alla sospensione dell attività erogativa. Il sistema delle fondazioni ha comunque complessivamente erogato nel 2012 circa 929 milioni di euro al netto di circa 37 milioni di euro destinati per legge al Volontariato. Il contesto economico deteriorato ha maggiormente portato in evidenza inopportuni intrecci tra fondazioni e banche partecipate. A dicembre 2012 su 88 fondazioni 22 non hanno più partecipazioni dirette nelle banche conferitarie, 13 di piccole dimensioni, coerentemente con la vigente normativa, detengono oltre il 50% del capitale della banca e 53 hanno una quota di partecipazione inferiore al 50%. I problemi di un esiguo numero di fondazioni hanno però attirato l attenzione dei media, con ripercussioni sull immagine di ognuna di esse alimentando talora attacchi alla loro reputazione da parte della politica e dei media, come accaduto sul tema dell Imu, utilizzato in maniera pretestuosa per rimettere in discussione l identità delle fondazioni. Inoltre, nonostante le sentenze della Corte Costituzionale che avevano sancito la natura privata delle fondazioni vertessero proprio su un tentativo del legislatore di ricondurle sotto un controllo pubblico, in alcuni casi si è assistito ad una sorta di acquiescenza al desiderio di poteri esterni alla realtà delle fondazioni di dettarne le scelte, anziché considerarle, come la legge prescrive, soggetti terzi che, secondo proprie autonome logiche, concorrono a soddisfare bisogni di interesse generale. Il sistema delle fondazioni ha quindi avviato una profonda riflessione al suo interno ed ha cercato una risposta efficace e concreta alle critiche che sono state e continuano a essere mosse nei loro confronti, denotando una limitata conoscenza della loro attività e del ruolo determinante che esse svolgono nei territori di riferimento. Per questo motivo, dopo un percorso partecipato e coinvolgente che ha visto protagoniste la gran parte delle fondazioni, l Assemblea ACRI ha approvato all unanimità un nuovo documento, la Carta delle fondazioni che si pone l obiettivo di definire orientamenti e linee guida condivise cui le fondazioni possano volontariamente ispirarsi, nel rispetto dell autonomia di ciascuna. In concreto, si tratta di 1

3 formalizzare e rendere visibili orientamenti diretti a garantire trasparenza, indipendenza e responsabilità nei confronti dei territori di riferimento in tema di governance, attività erogativa e gestione del patrimonio. Come indicato dall ACRI, proprio in virtù del ruolo acquisito, le fondazioni devono rafforzare la propria posizione e guardare con serenità alle sfide future, operando essenzialmente in due direzioni: da una parte devono ribadire l autonomia e l indipendenza rispetto a ingerenze esterne e salvaguardare la loro indipendenza attraverso forme di autoregolazione che diano prova di buon governo e di non autoreferenzialità; dall altra, devono promuovere comportamenti e azioni di sistema che consentano di affrontare con compattezza gli interlocutori pubblici e privati, nonché di sviluppare sinergie che ne rafforzino l operato e promuovano la coesione sociale. Nonostante tutti gli sforzi compiuti in tal senso, ancora oggi si profila all orizzonte l ipotesi di un intervento del legislatore sulle fondazioni mirato a ridurne il peso partecipativo nei gruppi bancari (peraltro in larga misura beneficiati dalle ricapitalizzazioni effettuate proprio dalle fondazioni successivamente alla crisi del 2008) per approdare ad una forte diversificazione del patrimonio. Non è un mistero d altra parte che il cospicuo patrimonio delle fondazioni ciclicamente formi oggetto di attenzioni sia per manovre governative di natura fiscale o finanziaria, sia per operazioni perequative territoriali (disparità Nord-Sud) e sia ancora per liberare risorse da destinare agli investimenti pubblici, anche attraverso la Cassa Depositi e Prestiti. E invece auspicabile, ed è attesa dall intero sistema delle fondazioni, che venga avviata una riforma della legislazione civilistica che assegni una moderna normativa agli enti non profit, il cui contributo alla crescita economica e della società civile sta divenendo via via più rilevante. LA FONDAZIONE CRUP In questo quadro generale si inserisce naturalmente anche la storia della nostra Fondazione, che ha vissuto direttamente e condiviso le tormentate vicende brevemente sopra ricordate in costante sintonia con la linea tempo per tempo tracciata dall ACRI. La nostra Fondazione si è quindi attivata per recepire gli orientamenti guida ed i dettami della Carta delle fondazioni, dopo aver compiuto un attenta analisi della sua struttura istituzionale, operativa e finanziaria (sistema di governance e di accountability; l attività istituzionale, la gestione del patrimonio). In tema di governance la Carta delle Fondazioni prevede che le fondazioni svolgano la loro attività interpretando le esigenze e corrispondendo alle istanze del proprio territorio, e operino le loro scelte libere da ingerenze e condizionamenti esterni che ne possano limitare l autonomia. Il rapporto con gli attori locali, pubblici e privati, è informato da spirito di collaborazione, nel reciproco rispetto delle autonomie e prerogative decisionali. Proprio in attuazione di questi principi, la Fondazione CRUP ha approvato le modifiche statutarie (Consiglio del 17 febbraio 2013 ed Organo di Indirizzo dell 11 marzo 2013) ed i tre regolamenti interni: regolamento nomine, regolamento per il perseguimento delle finalità istituzionali, regolamento per la 2

4 gestione del patrimonio. Tali documenti sono stati adottati al fine di rendere operativi i principi della Carta, precedendo, come auspicato dall ACRI, il rinnovo del Consiglio di Amministrazione e del Collegio Sindacale. Nel corso del 2013, applicando i nuovi criteri previsti dalle modifiche statutarie, si è quindi proceduto al rinnovo degli organi istituzionali (Organo di Indirizzo, Consiglio di Amministrazione, Collegio Sindacale, Presidente, Direttore) e delle Commissioni consultive (Istruzione formazione e ricerca; Arte Attività e Beni Culturali; Salute, Medicina, Assistenza, Volontariato) e tecniche (Commissione Finanza e Commissione Immobili). Il presente documento vuole dare conto dell attività che la Fondazione intende svolgere nel corso del triennio , mediante anche l analisi dei risultati raggiunti in rapporto agli obiettivi prefissati: risultare capace ed abile a captare i bisogni della comunità di riferimento, comprenderne le esigenze, identificare le priorità di intervento; insomma, divenire un antenna sul territorio, aperta e pronta al dialogo con gli attori, pubblici e privati, che si prefiggono la crescita delle comunità secondo i valori della solidarietà e dell interesse generale. Nello svolgimento della sua missione istituzionale, la Fondazione dovrà rispettare un generale criterio di sussidiarietà rispetto all intervento pubblico, sempre più in affanno rispetto ai bisogni della società civile, trattandosi di un ente che interviene nei settori definiti dalla legge con un ruolo sussidiario e non sostitutivo degli organismi pubblici. Verrà quindi privilegiata la coprogettazione delle iniziative e la realizzazione di iniziative intersettoriali. La Fondazione ha puntato a divenire un ente catalizzatore, che con autorevolezza e neutralità svolge un ruolo di coordinamento e di responsabilità. Ma la Fondazione si propone anche come propulsore di innovazione, in grado di stimolare direttamente o in partnership con altri soggetti operanti sul territorio processi di innovazione in campo sociale, culturale e formativo. Nel contribuire attraverso la propria azione al miglioramento delle condizioni della comunità, la Fondazione si atterrà a criteri di pubblicità e trasparenza. Le previsioni sulle entrate diffusamente descritte nel paragrafo riguardante il patrimonio costringono ad effettuare nei prossimi esercizi un ulteriore ripiegamento sul fronte dei contributi. Il quadro economico di una crisi oramai persistente, la collegata riduzione dei dividendi della banca conferitaria, nonché, in minor misura, la riduzione del capitale finanziario medio disponibile, fanno sì che le risorse prodotte in ciascun esercizio possano sostenere un livello di erogazioni di circa 6,2 milioni/anno. Si propone di elevare tale importo ad una cifra non superiore a 7,5 milioni anno attraverso l utilizzo dei fondi all uopo costituiti. E evidente che tale utilizzo deve costituire un fatto eccezionale e se dovesse confermarsi il ridotto livello di rendimento del patrimonio si dovrà senz altro procedere ad un ulteriore riduzione delle erogazioni. Ciò pone il problema di un equilibrato rapporto tra ciò che viene restituito al territorio e i costi di struttura della Fondazione. Ovviamente lo scenario descritto obbliga ad un ancor più rigoroso controllo dell efficienza della politica delle erogazioni che implica non una riduzione proporzionale dell importo dei progetti 3

5 finanziati quanto una rivisitazione dell approccio al sistema delle relazioni con il territorio sulla base di nuovi criteri. Va sottolineato che, senza voler invadere la sfera delle attività e dei compiti delle istituzioni, enti e agenzie pubblici e privati operanti nei settori oggetto di intervento, una politica di erogazioni atta a fungere anche da catalizzatore di progettualità del territorio e di investimenti tesi ad aumentare la produttività in tali settori avrà a gioco lungo un effetto altrettanto benefico di quello dell aumento diretto della capacità erogatoria. Nel triennio la Fondazione intende continuare ad operare con le modalità già avviate nei precedenti esercizi, finanziando progetti promossi da terzi, ovvero tramite bandi su specifici ambiti di attività che verranno definiti nel corso del triennio, o ancora realizzando progetti a regia propria, che il Consiglio di Amministrazione potrebbe deliberare di promuovere, progettare e realizzare, talvolta in partnership con altri soggetti. Tra questi ultimi si fa menzione dei progetti Le Frecce Tricolori a scuola (vengono organizzati incontri tra gli studenti di alcune scuole selezionate e i piloti delle Frecce Tricolori, ai quali è affidato il compito di raccontare come e perché si possono raggiungere traguardi importanti con il senso del dovere e lo spirito di sacrificio) e Mostre itineranti (una selezione di opere d arte di proprietà della Fondazione vengono esposte in alcuni comuni della destra e sinistra Tagliamento, con lo scopo di valorizzare il patrimonio artistico e renderlo fruibile alla comunità). Potrebbero poi nel corso del triennio essere deliberati altri progetti al momento non previsti, come pubblicazioni o iniziative di rappresentanza, da realizzare in proprio o in collaborazione con altri soggetti. Da sottolineare come oggi più che mai sia importante la collaborazione tra le fondazioni per il raggiungimento di obiettivi comuni, in particolare per la realizzazione di progetti articolati volti a rispondere efficacemente alle numerose emergenze sociali. E il fatto che l unione fa la forza tra le fondazioni di origine bancaria è testimoniato dal fatto che nel corrente anno è nata la Consulta del Triveneto, che raggruppa dieci fondazioni di origine bancaria del Triveneto (Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo, Fondazione Cariverona, Fondazione Cassamarca, Fondazione di Venezia, Fondazione Cassa di Risparmio di Udine e Pordenone, Fondazione Cassa di Risparmio di Bolzano, Fondazione Cassa di Risparmio di Trieste, Fondazione Cassa di Risparmio di Trento e Rovereto, Fondazione Cassa di Risparmio di Gorizia, Fondazione Banca del Monte di Rovigo). Si tratta di uno strumento per favorire lo scambio d informazioni, lo studio di problematiche di comune interesse, l elaborazione di proposte di eventuali iniziative comuni nell ambito dei settori di attività statutaria delle Fondazioni medesime, con particolare riguardo a quelli della cultura, dell arte, della ricerca scientifica, dell istruzione, della sanità, dell assistenza e beneficenza. La Fondazione riconferma anche per il prossimo triennio una grande attenzione nei confronti dei giovani (nella scuola e nella famiglia), assicurando la sua presenza fattiva in tutte le iniziative che li vedono protagonisti e che sollecitano la loro creatività e i loro talenti. 4

6 Inoltre una rinnovata attenzione verrà posta alle fragilità sociali (disabili, indigenti, anziani, minori in difficoltà), che non ricevono sufficiente sostegno dall Ente pubblico, sempre più in affanno a causa delle numerose emergenze sociali. In particolare si ricorda che tra le iniziative per i giovani la Fondazione sostiene convintamente, ricomprendendolo nel proprio piano di comunicazione, il progetto didattico Messaggero Veneto Scuola, inizialmente destinato esclusivamente ai ragazzi dell ultimo anno delle scuole secondarie di secondo grado e ormai esteso anche alle scuole primarie, secondarie di primo grado delle province di Udine e Pordenone e all Università. I ragazzi si rapportano direttamente o tramite mail con il giornalista responsabile sia per l esposizione dell iniziativa sia per l affiancamento nella redazione, correzione e rilettura dei testi che formeranno il fascicolo. L inserto diventa così voce degli studenti e insieme strumento formativo di collegamento tra il giornale e la scuola, una palestra per tutti i partecipanti. In particolare gli studenti delle scuole superiori e gli universitari hanno la possibilità di partecipare a tutti gli eventi ai quali la redazione ragazzi è invitata e sono accreditati come veri giornalisti, mettendosi alla prova con recensioni di film, spettacoli teatrali, libri, manifestazioni sportive, convegni, mostre, dibattiti e personaggi di rilievo. La comunicazione va assumendo sempre più importanza anche per le fondazioni bancarie, che hanno strutturato un attività di comunicazione organica e integrata rispetto all attività svolta ed agli obiettivi prefissati. Ecco allora che è stata posta maggiore attenzione alle relazioni esterne e all attività di rendicontazione, posto che la stessa Carta delle Fondazioni suggerisce precisi criteri di pubblicità, trasparenza e visibilità alla governance, all attività erogativa e alla gestione del patrimonio. Per questo motivo è intendimento della Fondazione organizzare per il futuro la comunicazione in maniera ancora più organica e integrata, puntando molto sulle relazioni con i giornalisti e i media e utilizzando ancor più il sito internet, quale strumento di operatività gestionale interna oltre che di evidenza esterna. Verranno anche intensificati i contatti con gli uffici stampa delle Associazioni più rappresentative, che dando comunicazione delle loro attività dovranno spiegare il significato e la portata dei sostegni dati dal nostro Ente. 5

7 IL PATRIMONIO Il patrimonio finanziario La gestione del patrimonio ha lo scopo sia di preservarlo e incrementarlo per garantire risorse anche alle generazioni future, sia di produrre il reddito necessario per sostenere iniziative e progetti. * * * * * * * * * * Ai sensi dell art.5 del D.Lgs.153/99 Le Fondazioni, nell'amministrare il patrimonio, osservano criteri prudenziali di rischio, in modo da conservarne il valore ed ottenerne una redditività adeguata. Le finalità da perseguire nella gestione del patrimonio e nella politica degli investimenti sono esplicitate dal Regolamento per la gestione del patrimonio che le individua: nella salvaguardia del valore del patrimonio attraverso l adozione di idonei criteri prudenziali di diversificazione del rischio; nel conseguimento di un rendimento che consenta di destinare all attività istituzionale un flusso di risorse finanziarie coerente con gli obiettivi pluriennali stabiliti dalla Fondazione; nella stabilizzazione nel tempo del livello delle risorse da destinare alle finalità istituzionali attraverso opportune politiche di accantonamento; nel collegamento funzionale con le attività istituzionali ed in particolare con lo sviluppo del territorio. Gli introiti della Fondazione sono rappresentati dai dividendi rivenienti dalle partecipazioni detenute in Intesa San Paolo S.p.A., Cassa Depositi e Prestiti S.p.A. e da Sinloc - Sistema Iniziative Locali S.p.A., nonché dagli utili derivanti dalla gestione finanziaria del patrimonio non immobilizzato affidato in parte ad intermediari abilitati e in parte gestito direttamente. Per quanto attiene al dividendo derivante dalla partecipazione in Intesa San Paolo S.p.A. - costituita da azioni ordinarie iscritte ad un valore pari a 1,30 euro/azione dopo la rettifica di valore operata con l ultimo bilancio e corrispondenti allo 0,50% del capitale sociale di Intesa San Paolo S.p.A, si ritiene prudenziale prefigurare nel triennio, tenuto conto dei dati storici della banca, un incasso da dividendi pari a circa 11,718 milioni di euro (3,906 milioni di euro all anno, corrispondenti a 0,05 centesimi per azione, ovvero quanto incassato per l anno in corso). La Partecipazione in Intesa San Paolo è stata oggetto di una approfondita riflessione sulla quale anche l Organo di Indirizzo, cui compete la definizione delle linee generali della gestione patrimoniale, si è 6

8 espresso con la delibera del 30 settembre u.s. La rilevanza di tale partecipazione che ammonta al 37% dell intero patrimonio, costituisce una eccessiva esposizione nel settore bancario perdipiù concentrata in un unico titolo azionario. Anche dal punto di vista della redditività persistono profili di incertezza sull ammontare dei futuri dividendi. L Organo di indirizzo, anche sulla scorta di riflessioni sul valore strategico della partecipazione in riferimento al territorio, ha quindi valutato positivamente la possibilità di operare sulla quota detenuta in maniera attiva in modo da aumentarne la redditività e ridurne progressivamente il peso. Sono state valutate alcune strategie, non necessariamente alternative tra loro, per la gestione e valorizzazione della partecipazione: attivazione di operazioni che, salvaguardando la proprietà e la disponibilità del titolo azionario, consentano una profittabilità aggiuntiva al mero incasso del dividendo (gestione attiva della partecipazione attraverso l impostazione di opzioni put e opzioni call, allo scopo di aumentare la redditività attraverso l incasso dei premi); iscrizione nell attivo circolante di 20 milioni di azioni ordinarie Intesa San paolo S.p.a., sulle quali operare una gestione attiva, implementando opzioni put, call, eventuali vendite programmate, etc che potrebbero portare anche ad esaminare l ipotesi di un eventuale vendita parziale o totale di questa parte di asset entro il 31 dicembre 2014 ad un prezzo comunque superiore rispetto al valore attualmente iscritto in bilancio. Sulla base delle previsioni sull andamento del titolo nel prossimo triennio, tenuto conto delle proposte pervenute, dell esperienza acquisita nella gestione attiva del pacchetto di azioni costituite dall aumento di capitale, della relazione effettuata dall advisor, si è stimato un introito lordo per ciascuno dei prossimi tre esercizi pari a 2, 5 milioni di euro. In via prudenziale si è ritenuto di non prevedere alcun componente positivo di reddito derivante dalla cessione del titolo ISP; va in ogni caso rilevato che un eventuale cessione di 20 milioni di azioni - con le quotazioni attuali, pari a circa 1,70/azione - farebbe registrare un utile di 8 milioni di euro che andrebbe ad aggiungersi all incasso di premi e dividendi. Dall investimento in Cassa Depositi e Prestiti S.p.A. - costituita da n azioni, corrispondenti allo 0,157% - di rilevanza strategica e sociale, poiché diretta a sostenere lo sviluppo dell economia locale attraverso il finanziamento degli enti locali, degli organismi di diritto pubblico, radicati sul territorio di appartenenza, viene stimato un introito annuo pari all 11,00% del capitale nominale investito, per complessivi ,00 ( euro ad anno pari a quanto incassato nel Infine, l investimento in Sinloc Sistema Iniziative Locali S.p.A., società di partecipazione e di consulenza al servizio delle Amministrazioni locali per la valutazione economico-finanziaria di progetti di investimento finalizzati allo sviluppo del territorio di competenza, è rappresentato dal 10% del capitale della società, pari a quote del valore di circa 5 milioni di euro e rappresenta una forma di diversificazione degli investimenti tra settori e soggetti di appartenenza, nonché un utile strumento a supporto di progetti 7

9 finalizzati allo sviluppo del territorio friulano. Sebbene durante l anno in corso Sinloc non abbia staccato dividendo, si ipotizza di trarre l incasso di un dividendo pari a ,00, ovvero 150 mila euro per il prossimo triennio. Da ciò discende che per tutti i dividendi da partecipazione viene ipotizzato un incasso almeno corrispondente al dividendo percepito durante l anno in corso (esclusa Sinloc). La dotazione patrimoniale non costituita da partecipazioni è oggi pari a circa 140 milioni di euro, di cui 19,8 milioni acquisiti tramite finanziamento. Nel prossimo triennio si prevede di dar corso ad una serie di operazioni immobiliari e finanziare (ristrutturazione dell ufficio di rappresentanza di Pordenone, richiamo fondi, contribuzione per il parcheggio di Piazza Primo Maggio, nonché, eventualmente, ristrutturazione della sede) per cui si stima che la Fondazione potrà contare su una dotazione patrimoniale media di 129 milioni/anno, da gestire secondo le linee guida dettate dall Organo di Indirizzo e in linea con il Regolamento per la Gestione del Patrimonio. Secondo le analisi sviluppate in collaborazione con l advisor finanziario, si ritiene di stimare un ritorno in termini reddituali medi pari al 3% annuo, pari a oltre 11,64 milioni di euro per l intero triennio. Le strategie di investimento adottate saranno inevitabilmente condizionate dall evoluzione degli scenari economici, politici e finanziari dei mercati nazionali ed internazionali. Il flusso di cassa generato dall intero comparto finanziario al lordo degli oneri fiscali in via prudenziale - risulta pari a circa 11,8 milioni di euro annui. Nella seguente tabella si riassumono i proventi finanziari lordi previsti per il triennio. 8

10 PREVISIONE PROVENTI FINANZIARI LORDI (valori in migliaia di euro) DPT NOTE DIVIDENDI e PROVENTI DA PARTECIPAZIONI FINANZIARIE IMMOBILIZZATE Dividendi Intesa San Paolo ,0 5 /a zion e p er tu tto il trien n io Dividendi CDP % circa in linea con anno corrente Dividendi SINLOC 150 1% circa Gestione attiva ISP TOTALE ALTRI INTERESSI E PROVENTI FINANZIARI (gestione diretta + gestioni esterne) Risultato da strumenti finanziari Risultato da crediti e disponibilità liquide TOTALE % su un capitale medio annuo di 129,33 milioni di euro. TOTALE PROVENTI FINANZIARI LORDI Tenuto conto di oneri, spese e accantonamenti, come meglio specificato nel paragrafo relativo al quadro economico, appare possibile individuare una capacità erogativa media annua di circa 6,2 milioni di euro. Mediante un ragionato utilizzo dei fondi a supporto del processo erogativo (la cui consistenza al 1 gennaio 2013 ammonta a circa 20 milioni di euro) si ritiene di ipotizzare un volume di erogazioni annuale pari a 7,5 milioni di euro, che proiettato nel triennio produce un obiettivo erogativo complessivo di 22,5 milioni di euro. 9

11 Il patrimonio immobiliare Nel prossimo triennio la Fondazione proseguirà l attività avviata a fronte della progettualità comprendente il proprio patrimonio immobiliare. Il compendio immobiliare di proprietà in Udine comprende Palazzo Contarini - sede attuale della Fondazione - e gli adiacenti Palazzi ex Braida-Caratti, ex Pividori-Gori ed ex Gori-Caratti. Se per questo ultimo gruppo di immobili è già stato espresso un indirizzo di cessione, per palazzo Contarini, noto anche come palazzo d oro, le cui facciate secessioniste sono state recentemente riportate agli antichi splendori, occorrerà decidere se procedere nel triennio alla prospettata ristrutturazione per adibirlo definitivamente a sede della fondazione. Si tratta di un operazione complessa e onerosa sulla quale, viste le condizioni di mercato (che non suggeriscono la vendita dei fabbricati di cui sopra) e le possibili prospettive per altre opzioni (in particolare per il palazzo del Monte di Pietà di Udine sul quale è stato a suo tempo costituito un diritto di prelazione a favore della Fondazione) si ritiene per il momento di soprassedere. Nelle previsioni economiche si è comunque prudenzialmente previsto un esborso nel triennio di 10 milioni di euro per spese relative alla sede (ristrutturazione o acquisto). Nel corso del corrente anno la Fondazione ha acquisito parte del Palazzetto del Pordenone ove troverà collocazione l ufficio di rappresentanza, poiché l attuale sede (ubicata in locali in affitto) risulta non idonea ad assolvere alle funzioni operative e di rappresentanza cui viene adibita. L intero fabbricato necessita di importanti interventi di ristrutturazione per i quali è stata avviata la progettazione. Nel triennio troverà realizzazione anche il progetto del parcheggio sotterraneo di Piazza Primo Maggio a Udine, che ospiterà 480 posti macchina distribuiti su tre livelli. L opera i cui tempi di costruzione sono di circa 500 giorni - è stato cantierata nel corso dell estate L onere previsto a carico della Fondazione è pari a 1,5 milioni di euro, dei quali a fondo perduto e la differenza a fronte della concessione novantanovennale di 32 posti auto, posizionati sul primo livello. Il patrimonio artistico e archivistico Quanto al patrimonio artistico di proprietà - che si compone di oltre 500 opere tra quadri, stampe, incisioni e arredi appartenuti al Monte di Pietà e poi alla Cassa di Risparmio di Udine e Pordenone, acquistate nel dicembre 2006 dall allora Friulcassa SpA - la Fondazione è interessata a proseguire con le iniziative volte all utilizzo, alla pubblica fruizione e alla promozione dello stesso. In questo solco si colloca il progetto di allestire delle mostre itineranti nei Comuni delle due province di Udine e Pordenone, per portare sul territorio opere d arte che altrimenti rimarrebbero sconosciute al largo pubblico. Con riferimento alla collezione artistica, va ricordato che questa potrà essere implementata con alcune donazioni di artisti o eredi che vorranno cedere gratuitamente le opere al nostro Ente. Inoltre la nostra Fondazione continuerà a prestare opere d arte da esporre in mostre organizzate sul 10

12 territorio dalle Province, dai Comuni, dall Azienda Speciale Villa Manin di Passariano, dalla Triennale Europea dell Incisione, da Musei dislocati sul territorio. La Fondazione ha anche acquisito a titolo gratuito nel 2009 dalla Cassa di Risparmio del FVG l archivio storico costituito da una considerevole mole di documenti, che rappresentano un importante testimonianza per la storia socio-economica del nostro territorio dai Monti di Pietà ai tempi nostri. Attualmente la documentazione, riordinata e restaurata, si trova provvisoriamente ubicata in deposito esterno. Già nel corso del 2014 si prevede di realizzare il progetto di sistemazione del piano interrato della Sede per una sua opportuna collocazione. Si tratta di un adeguamento dei locali, ad un costo preventivato di circa 400 mila euro, che andrebbe comunque effettuato anche se in futuro si dovesse mutare la destinazione dei locali. 11

13 L ATTIVITA ISTITUZIONALE: I SETTORI DI INTERVENTO Attraverso la definizione di piani di durata triennale la Fondazione indica le linee guida d intervento nei settori di attività verso i quali sceglie di agire. Le strategie generali di medio periodo qui delineate, trovano poi una più puntuale definizione nel documento di programmazione annuale, al quale spetta il compito di rendere più dettagliate le previsioni riferite al singolo esercizio e di esplicitare gli obiettivi operativi e le modalità d intervento scelti per il perseguimento delle finalità istituzionali. Il presente documento è il risultato di un processo di pianificazione che è partito sia da una verifica dei risultati prodotti dall azione svolta nel corso del periodo di attuazione dell attuale piano programmatico (dati a consuntivo 2011 e 2012 e tendenze 2013), sia da un attenta analisi dei bisogni del territorio e delle possibili evoluzioni e che è maturato attraverso uno stretto dialogo con le istituzioni sociali e civili di riferimento. A fronte di un contesto in cui gli effetti del perdurare della crisi economica sono sempre più evidenti nelle crescenti e diffuse difficoltà materiali delle famiglie e nel sorgere di nuove situazioni di disagio e di forme di vulnerabilità sociale e civile, il nostro Ente intende concorrere allo sviluppo del territorio e più in generale alla crescita complessiva delle comunità di riferimento, assumendo un ruolo di interlocutore di primo piano sia nell elaborazione che nell attuazione di scelte fondamentali, tese a soddisfare vecchi e nuovi bisogni. Il contrasto alle dinamiche recessive dovrà avvalersi della capacità di sviluppare e sostenere progetti che sappiano produrre effetti di più lungo periodo sulle condizioni economiche e più in generale di benessere e qualità di vita del nostro territorio. Tuttavia, lo scenario economico attuale fa emergere il problema della sostenibilità dell attività erogativa nel medio-lungo termine; si conferma, pertanto, la necessità di effettuare una revisione di carattere economico, riconsiderando le quantità delle erogazioni da effettuare, al fine di amministrare con prudenza le risorse disponibili e garantire continuità di sostegno al territorio. Alla luce delle considerazioni svolte, la programmazione per il triennio viene impostata secondo criteri di coerente continuità con gli indirizzi e l operatività dei precedenti esercizi, con interventi nei principali settori d intervento che hanno tradizionalmente caratterizzato l attività erogativa. A partire dalle risorse generate dalla gestione del proprio patrimonio, la Fondazione intende continuare a operare lungo le due direttrici, rappresentate dall innalzamento dei livelli di conoscenza e competenza dei giovani, in particolare formazione-ricerca-cultura e dalla rinnovata attenzione alle indigenze e fragilità sociali, riprendendo e confermando le linee d indirizzo assunte dal precedente piano triennale. Promuovere la salute e favorire l integrazione delle fragilità sociali (famiglia, disabilità, minori, anziani), investire nella formazione scolastica ed universitaria, nella ricerca, impegnandosi a preservare i 12

14 valori del patrimonio culturale, artistico ed ambientale, soprattutto a favore delle future generazioni, sono linee ispirate da un progetto di società capace di accrescere e trasferire la conoscenza all intero sistema economico e sociale. Nel perseguire la propria missione, la Fondazione è tenuta ad agire all interno di determinati settori, ammessi per legge, e tra questi sceglierne al massimo cinque (settori rilevanti) a cui destinare in via prevalente l attività erogativa. Sulla base delle esigenze espresse dal territorio, per il prossimo triennio verranno mantenuti gli stessi settori individuati nella precedente programmazione: pertanto, nel periodo le risorse disponibili verranno canalizzate in larga prevalenza verso i seguenti settori rilevanti 1. Educazione, istruzione e formazione; Arte, attività e beni culturali; Salute pubblica, medicina preventiva e riabilitativa; Ricerca scientifica e tecnologica. Per rafforzare l azione proattiva, alle tradizionali erogazioni a favore di progetti promossi da terzi (attività grant making) e alla sperimentazione di forme di intervento diretto (attività operating), si affiancherà il finanziamento di bandi, riferiti ad uno specifico ambito di attività, con lo scopo di orientare il tessuto locale a presentare richieste coerenti con un obiettivo specifico individuato dalla Fondazione, stimolando gli enti operanti sul campo a crescere, confrontarsi tra di loro, fare progetti e realizzarli con il contributo del nostro Ente. L attività erogativa è disciplinata dal nuovo Regolamento per finalità istituzionali, recentemente rivisto alla luce delle indicazioni fornite dalla Carta delle Fondazioni con riferimento all attività istituzionale. Trasparenza, imparzialità delle decisioni, accessibilità delle informazioni, rendicontazione, disseminazione delle best practice sono - insieme alla piena autonomia e responsabilità - i principali criteri suggeriti dalla Carta per un corretto esercizio dell attività istituzionale, che non dovrà mai essere sostitutiva dell intervento pubblico, bensì complementare e capace di farsi catalizzatore per la mobilitazione di risorse di terzi. L individuazione delle iniziative da sostenere sottolinea la Carta - avviene sulla base di criteri definiti, che consentano di perseguire al meglio gli obiettivi di missione, escludendo situazioni di conflitto di interessi e ingerenze esterne. Inoltre: Nel processo di selezione delle iniziative attraverso bandi le Fondazioni procedono a una valutazione di merito sia assoluta sia comparativa rispetto ad altre iniziative di analogo contenuto. Similmente, i progetti propri sono realizzati a seguito della valutazione di possibili soluzioni alternative per perseguire con maggiore efficacia ed efficienza gli obiettivi programmati. La Carta, infatti, pone un particolare accento sulla necessità di operare secondo criteri di economicità, perseguendo obiettivi di efficienza e di efficacia, e di mettere in atto politiche attive di bilancio volte a stabilizzare le erogazioni nel tempo e a realizzare un equilibrata destinazione dei proventi tra impegni annuali, pluriennali e continuativi. Pur confermando la validità e l efficacia delle linee d intervento finora perseguite, le mutate condizioni economiche e sociali impongono oggi, una maggiore selettività dell intervento erogativo, sia nell analisi preliminare dei soggetti richiedenti, che nella disamina delle richieste, secondo criteri altamente 1 Si rammenta che la Fondazione indirizza la propria attività istituzionale esclusivamente nei settori ammessi ed opera in via prevalente nei settori rilevanti. Ai settori rilevanti è necessario destinare almeno il 50% del reddito che residua, dopo aver dedotti le spese di funzionamento, gli oneri fiscali e l accantonamento alla riserva obbligatoria, come previsto dal d.lgs. 153/99. 13

15 selettivi, con preferenza verso iniziative progettualmente ben definite, sinergiche con iniziative pregresse, di durata certa e di effetti duraturi (valutazione ex ante). Accanto alla previsione di criteri di selezione più rigorosi nella valutazione ex ante di tutti i progetti, nella trattazione di progetti piuttosto complessi, di durata pluriennale, potrebbe essere richiesta una valutazione in itinere al fine di verificare la presenza di eventuali deviazioni dal progetto originario e se il caso, definite le opportune azioni correttive e di adeguamento, oltre che una valutazione ex post in grado di rilevare l'effettiva capacità dell intervento progettuale di assicurare e garantire, in una prospettiva di mediolungo periodo, le utilità attese e conseguite attraverso la realizzazione dell'intervento, implementando nel contempo strumenti e modalità per rendere misurabili gli effetti prodotti. Sarà, pertanto, valutata l efficacia sociale (impatto sociale, capacità d innovazione, replicabilità) generata dalle risorse assegnate, ovvero si tenterà di misurare in che modo le risorse erogate si traducano concretamente in benefici per le persone e, quindi, per la collettività e l efficacia in termini di sostenibilità economica, rapporti costi benefici, capacità di fare sistema e recuperare coesione. Per ciascuna delle aree tematiche sopra individuate viene di seguito delineata la mappa del bisogno, allo scopo di rappresentare le esigenze reali della società e consenta di definire una strategia di azioni coordinate fra loro, promuovendo collaborazioni con interlocutori pubblici e privati qualificati a livello locale. SETTORE EDUCAZIONE, ISTRUZIONE E FORMAZIONE Scenario La scuola e l università sono le chiavi per far ripartire il Paese e porlo nelle condizioni per affrontare le sfide globali. Se a livello collettivo, investire in capitale umano è la strada per sfuggire alla morsa della competizione di Paesi con costi di manodopera più bassi, a livello individuale, avere un grado di istruzione adeguato e competenze appropriate è una carta fondamentale per trovare un lavoro e realizzare le proprie aspirazioni. Nondimeno, l Italia ha un elevato tasso di abbandono scolastico precoce, un livello di performance più basso rispetto alla media dei Paesi OCSE e un numero di laureati lontano dagli obiettivi fissati dall Unione Europea con la Strategia Europa E, pertanto, necessario ridurre il ritardo rispetto all Europa nelle percentuali di laureati e nella dispersione scolastica (18%) troppo alta con misure mirate e nuovi investimenti nelle strutture scolastiche. Occorre, altresì, assicurare a ogni adolescente che esce da un ciclo scolastico un servizio efficiente di orientamento scolastico e professionale. Fare un piano di investimenti in capitale umano rappresenta, dunque, una priorità per diventare un economia basata sulla conoscenza. Da ultimo, in Italia c è una nuova questione sociale, segnata dall aumento delle disuguaglianze: solo il 10% dei giovani italiani con il padre non diplomato riesce a laurearsi, mentre sono il 40% in Gran 2 La Strategia Europa 2020 costituisce un riferimento essenziale per l Unione Europea e per l Italia, prescrivendo obiettivi precisi per lo sviluppo di una società ed un economia basate sulla conoscenza. 14

16 Bretagna, il 35% in Francia, il 33% in Spagna. Bisogna finalmente dare piena attuazione all art. 34 della Costituzione, per il quale «i capaci e meritevoli, anche se privi di mezzi, hanno il diritto di raggiungere i gradi più alti degli studi». L uguaglianza più piena e destinata a durare nelle generazioni è oggi più che mai l uguaglianza delle opportunità. Obiettivi L Ente opererà per favorire la qualità e l efficienza dei sistemi d'istruzione e di formazione, i quali devono fornire i mezzi necessari per porre tutti i cittadini nelle condizioni di realizzare appieno le proprie potenzialità, nonché garantire una prosperità economica sostenibile e l'occupabilità, assicurando un insegnamento di alta qualità e la formazione degli insegnanti a tutti i livelli. Verrà incentivato lo sviluppo di strategie di adeguamento dei percorsi formativi per renderli idonei a rispondere in modo più efficace alla domanda di apprendimento permanente, contemplando l apprendimento in tutti i contesti, siano essi non formali o informali e a tutti i livelli, incentivando la mobilità degli studenti. Analogamente l azione sarà tesa a promuovere l equità, la coesione sociale e la cittadinanza attiva superando lo svantaggio educativo attraverso un istruzione della prima infanzia di elevata qualità, un sostegno più mirato e un istruzione inclusiva. Non si mancherà, infine, di incoraggiare la creatività e l innovazione a tutti i livelli di istruzione e della formazione, promuovendo l acquisizione di competenze trasversali fondamentali e avviando partenariati con il mondo imprenditoriale, affinchè gli istituti di istruzione e di formazione diventino più aperti e siano più in linea con i bisogni del mercato del lavoro e più in generale della società, migliorando la sostenibilità e l innovatività delle strutture scolastiche per valorizzare l offerta formativa. Linee programmatiche La Fondazione conferma il ruolo di centralità attribuito alla scuola e alla formazione in quanto momento di realizzazione e di crescita personale, operando affinchè la comunità di riferimento possa sviluppare al meglio le proprie capacità. In linea con il precedente strumento di programmazione, in un ottica di valorizzazione dell autonomia scolastica, verranno sostenute iniziative finalizzate ad integrare e completare l offerta formativa, favorendo progetti didattici quali lo studio delle lingue straniere, della musica e dell informatica, nonchè progetti di eccellenza promossi da singole scuole per elevare il grado di qualità dell offerta scolastica, con un attenzione particolare ai soggetti con disabilità e con disturbi dell apprendimento. Saranno destinate risorse per riorganizzare e potenziare l istruzione e la formazione tecnica superiore, attraverso la costituzione di istituti tecnici superiori per accrescere il numero di tecnici con livello di specializzazione e di competenza scientifico-tecnologica indispensabili a sostenere il rilancio dello sviluppo economico sul territorio e nel nostro Paese. Non si mancherà di dare impulso a iniziative volte a sviluppare la metodologia dell alternanza 15

17 scuola lavoro, quale strumento di innovazione didattica e organizzativa, soprattutto per diffondere una cultura del lavoro e far acquisire agli allievi delle competenze spendibili nel mondo del lavoro e delle professioni, favorendo la scelta di percorsi formativi adeguati alle esigenze delle singole persone e proiettati verso concrete opportunità lavorative (orientamento). Verranno, inoltre, promosse azioni volte ad educare alla convivenza e alla cultura dell accoglienza attraverso la valorizzazione delle diverse identità e radici culturali di ogni studente allo scopo di favorire l integrazione degli alunni stranieri e prevenire il disagio giovanile. Potranno essere realizzate, in collaborazione con gli organismi preposti, iniziative volte a promuovere l aggregazione giovanile attraverso la valorizzazione di specifici percorsi di attività motoria condotti in ambito scolastico. Per quanto riguarda la formazione superiore sarà confermata la partecipazione a favore di interventi (corsi di laurea, master, borse di studio) indirizzati all area dell istruzione universitaria e post-universitaria. Sarà, pertanto, forte il coinvolgimento nei programmi di espansione e consolidamento dell Ateneo udinese, ente istituzionalmente preposto a promuovere e svolgere attività di alta formazione e ricerca sul nostro territorio, e non mancherà il supporto alle attività del Consorzio Universitario di Pordenone. Buona parte delle risorse verrà, infine, indirizzata verso progetti di riqualificazione di edifici scolastici, potenziando le strutture per aumentare la funzionalità e l accessibilità ai soggetti diversamente abili. SETTORE ARTE, ATTIVITA E BENI CULTURALI Scenario Il patrimonio culturale del nostro Paese non ha eguali al mondo e in tempi di crisi costituisce un inestimabile ricchezza che può rappresentare la fonte principale per una crescita sociale ed economica diffusa. La cultura, infatti, è un fattore fondamentale di coesione e di integrazione sociale: le attività culturali stimolano l economia e le attività produttive, con ricadute positive su scambi, redditi e occupazione. Per il nostro Paese è dunque una scelta strategica naturale puntare sulla cultura, integrando arte e paesaggio, turismo e ambiente, agricoltura e artigianato, all insegna della sostenibilità e della valorizzazione delle nostre eccellenze. Le produzioni culturali e creative rendono uniche e riconoscibili le nostre attività all'estero. Musei, aree archeologiche, archivi, biblioteche devono essere accessibili ai cittadini e ai turisti in modo più agevole e la qualità dell offerta deve migliorare, soprattutto sperimentando forme di sinergia e collaborazione tra il privato sociale e le istituzioni statali. Investire nella cultura significa anche lavorare per rafforzare il potenziale del nostro turismo, poiché già oggi cultura, bellezze naturali e enogastronomia sono i pilastri della nostra attrattività, anche rispetto a Paesi che presentano il maggior potenziale di sviluppo turistico. La cultura innesca innovazione, e dunque crea occupazione, produce progresso e sviluppo. Purtroppo negli ultimi decenni nel nostro Paese a differenza di altri, come Francia, Germania, Stati Uniti oltre a economie recentemente "emerse" è accaduto esattamente l'inverso di ciò che era 16

18 necessario. Si è affermata la marginalità della cultura, considerata spesa improduttiva, da trattare con tagli trasversali. Per ritornare a crescere e ricominciare a costruire un'idea di cultura lo sviluppo deve passare obbligatoriamente per la valorizzazione dei saperi, delle culture, puntando in questo modo sulla capacità di guidare il cambiamento. L investimento in cultura rappresenta soprattutto una condizione imprescindibile per il futuro dei giovani. Pensare alla crescita senza ricerca, senza cultura, senza innovazione, ipotizza per loro un futuro da consumatori disoccupati, e inasprisce uno scontro generazionale senza vie d'uscita. Obiettivi Alla luce del lavoro fin qui svolto e dei nuovi elementi di contesto evidenziati, si presenta l opportunità di proseguire nel tempo, sedimentandone i contenuti, i programmi a suo tempo intrapresi sul fonte dell arte nelle sue diverse espressioni e più in generale della cultura nella sua più ampia accezione, con un occhio di riguardo alle giovani generazioni. Proseguirà dunque l opera di salvaguardia del patrimonio storico-artistico del territorio. Con tale azione si intende richiamare il tradizionale impegno nell opera di tutela e restauro di beni artistici, architettonici e monumentali del territorio, senza tuttavia limitarsi alle semplici attività di recupero di tali beni, ma impegnandosi attivamente per una loro adeguata valorizzazione e fruibilità da parte della collettività. Analogamente, verranno sostenute e valorizzate le attività creative nel campo della produzione artistica e culturale, promuovendo una programmazione che sappia incentivare la diffusione della conoscenza e offrire alla comunità maggiori occasioni di arricchimento culturale. Agli obiettivi di miglioramento dell offerta culturale e di ampliamento della sua fruizione saranno affiancati quello della valorizzazione delle competenze e della promozione della sostenibilità dell industria creativa e culturale del territorio. Linee programmatiche Il ricco e vasto patrimonio artistico e culturale locale, richiede per la sua conservazione e valorizzazione, l individuazione di strategie, obiettivi e strumenti operativi appropriati, per rendere l intervento efficace e capace di generare reale valore per il territorio e per i cittadini, in termini di crescita culturale, economica e civile. In tale quadro, poiché possono emergere enormi potenzialità di crescita non ancora valorizzate, gli interventi saranno mirati a promuovere la conoscenza del patrimonio storico-artistico e culturale e ad assicurarne le migliori condizioni di tutela e fruizione. Un attenzione speciale sarà riservata al potenziamento della rete museale per offrire alla collettività una visione unitaria del patrimonio artistico locale, nell ottica di una fruizione qualitativamente elevata volta a far acquisire maggior coscienza della propria storia e identità. 17

19 L Ente per la valorizzazione e il rilancio dell offerta culturale locale, si proporrà come fattore propulsivo per iniziative di tipo culturale nei campi delle più diffuse espressioni artistiche della cultura, quali la musica, l attività teatrale, la danza, il cinema e la fotografia, puntando in particolare sullo sviluppo professionale dei giovani e cercando, altresì, di migliorare le capacità organizzative degli enti operanti in tale settore al fine di garantirne una maggiore sostenibilità. Sulla scorta delle esperienze di successo già sperimentate negli anni passati e in quanto potente volano di crescita dell interesse culturale della collettività, si concorrerà all organizzazione di iniziative espositive di grande richiamo, senza trascurare quelle di portata minore in termini di richiamo o livello artistico, in grado di dare lustro ai centri che le ospitano, che sono una ricchezza dal punto di vista culturale, sociale e ambientale e come tali vanno difesi. Nell ambito del programma di valorizzazione dell editoria, si segnala l intendimento di confermare il ruolo di sostegno e di stimolo costante, in particolare verso lo studio di temi specifici, spesso dimenticati o trascurati per la loro singolarità, ma di grande importanza, sia per la ricerca, che per una conoscenza approfondita del patrimonio storico-artistico italiano, locale e non solo. SETTORE SALUTE PUBBLICA, MEDICINA PREVENTIVA E RIABILITATIVA Scenario Il welfare state dei principali paesi europei è sottoposto da tempo a una serie di pressioni, acuite dalla crisi degli ultimi anni. Le proiezioni per gli anni a venire segnalano la tendenza a un forte incremento della spesa sociale guidato da fattori non comprimibili d invecchiamento della popolazione, di progresso tecnico, di ampliamento della domanda di salute e di sostegno a larghe fasce di popolazione in difficoltà a causa di una crisi persistente e, in particolare delle sue ricadute occupazionali e sociali. Ciò nondimeno, se da un lato cresce la domanda sociale, dall altro si verifica una progressiva contrazione delle risorse pubbliche disponibili ai vari livelli, che rende difficile mantenere l attuale erogazione di servizi. La politica sanitaria e la più complessiva politica del welfare in atto nel nostro Paese richiedono un ripensamento complessivo. Nel Libro Verde e nel Libro Bianco sul futuro del modello sociale che dovrebbe realizzarsi nel nostro Paese, si propone di sostituire a quello attuale un il nuovo modello di welfare in cui dovrebbe mutare sensibilmente l attuale mix tra intervento pubblico e privato, ridimensionando il peso del primo a vantaggio del secondo. Andrebbe, poi, modificato l ambito territoriale delle responsabilità pubbliche, riducendo quelle centrali a favore di quelle locali (Regioni, Comuni). Nella nostra regione, pur a fronte del buon livello già raggiunto dal servizio sanitario complessivamente reso, permangono nelle diverse realtà territoriali, disparità di offerta e dunque aree di intervento e categorie di utenza non ancora adeguatamente coperte, sulle quali occorre intervenire maggiormente (malati cronici, anziani, disabili, coloro che risiedono in zone disagiate). 18

20 In questi anni la Regione Friuli Venezia Giulia ha elaborato ed approvato nell ambito del Piano sanitario e socio-sanitario regionale molteplici atti di pianificazione di interventi da realizzare in campo sanitario e socio sanitario proprio allo scopo di rispondere ai bisogni in evoluzione della società. In tale settore trovano collocazione sia gli interventi afferenti al campo della Sanità, che quelli riguardanti l ambito dell Assistenza e tutela delle categorie più deboli, indirizzati entrambi a garantire la salute e il benessere psicofisico. Obiettivi Sulla base di tale premessa la Fondazione esplorerà nuove modalità che possano affiancare al primo fondamentale welfare pubblico un secondo welfare, in grado di integrare i servizi offerti dal primo, svolgendo anche in questo settore un ruolo sussidiario e non sostitutivo rispetto al servizio pubblico, operando per grandi obiettivi e evitando per quanto possibile erogazioni frammentarie e dispersive: fare innovazione nel sociale non è più una scelta, ma un imperativo. In campo sociale si punterà a promuovere interventi di prevenzione e integrazione sociale che riducano il rischio di esclusione, promuovano l inclusione e l autonomia (sociale, lavorativa, abitativa), sperimentando servizi e interventi flessibili, di risposta ai nuovi bisogni incentrati sulla persona. L obiettivo di una sanità di migliore livello e maggiormente fruibile, verrà raggiunto potenziando e innovando la capacità diagnostica e terapeutica delle strutture, attraverso la dotazione di attrezzature essenziali e/o innovative, nel quadro della programmazione regionale e della valutazione dell appropriatezza tecnologica. Linee programmatiche In campo sanitario, si continuerà ad operare allo scopo di sviluppare il servizio pubblico per raggiungere obiettivi di qualità di maggior livello e renderlo il più possibile fruibile, intervenendo nell ambito dell adeguamento tecnologico delle apparecchiature diagnostiche e sanitarie, tenuto conto del programma degli investimenti delle Aziende sanitarie e ospedaliere, in coerenza con gli indirizzi di politica sanitaria regionale. L impegno verrà esteso all area riabilitativa, per quanti necessitano del supporto delle strutture ai fini del recupero fisico e mentale, all attivazione di nuovi servizi sanitari ed al sostegno alle attività di formazione e di qualificazione del personale, specie se connesse all uso delle nuove tecnologie e di una sempre più qualificata assistenza domiciliare di sostegno all ammalato, soprattutto nell immediato post ricovero. Anche in campo sociale, la Fondazione svolgerà un ruolo sussidiario di soggetto erogatore nei confronti delle organizzazioni ed associazioni che il territorio esprime spontaneamente con l obiettivo di soddisfare bisogni di impatto sociale rilevante, legati all emergere di nuovi tipi di disagio e da conseguenti crescenti difficoltà di risposta da parte di soggetti pubblici. 19

LE BANCHE PER LA CULTURA

LE BANCHE PER LA CULTURA LE BANCHE PER LA CULTURA PIANO D AZIONE 2014-2015 II AGGIORNAMENTO L OBIETTVO: VALORIZZARE L IMPEGNO NELLA CULTURA DELLE IMPRESE BANCARIE ABI, con la collaborazione degli Associati, promuove un azione

Dettagli

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA Premessa Nel marzo 2007 è stato approvato dalla Conferenza Stato-Regioni

Dettagli

(Testo coordinato con le modifiche e le integrazioni di cui alla L.R. 20 febbraio 2014, n. 5) CAPO I Principi generali

(Testo coordinato con le modifiche e le integrazioni di cui alla L.R. 20 febbraio 2014, n. 5) CAPO I Principi generali Legge regionale 18 dicembre 2013, n. 53 Disciplina del Sistema Regionale dell Istruzione e Formazione Professionale. (BUR n. 24 del 16 dicembre 2013, supplemento straordinario n. 6 del 27 dicembre 2013)

Dettagli

Master di I Livello in gestione ed innovazione nelle Amministrazioni Pubbliche:

Master di I Livello in gestione ed innovazione nelle Amministrazioni Pubbliche: 1 Master di I Livello in gestione ed innovazione nelle Amministrazioni Pubbliche: L attività istituzionale nelle Fondazioni di origine bancaria Verona, 12 maggio 2006 2 Verona, 12 maggio 2006 Fausto Sinagra

Dettagli

1.1 I corsi di laurea

1.1 I corsi di laurea 1. Didattica 1.1 I corsi di laurea All offerta formativa per l a.a. 2013/2014, in preparazione agli inizi del 2013, viene applicato il D.M. 47 del 30 gennaio 2013 Autovalutazione, accreditamento iniziale

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO Approvato dal Consiglio di Indirizzo nella seduta del 14 febbraio 2014 1 SOMMARIO AMBITO DI APPLICAZIONE Pag. 3 1. PRINCIPI GENERALI Pag. 3 1.1. Finalità del

Dettagli

Il sistema scolastico ed educativo

Il sistema scolastico ed educativo Il sistema scolastico ed educativo La scuola, in provincia di Siena, in questi ultimi anni, è cresciuta in quantità e qualità. La popolazione scolastica, che ammonta nel 2008-2009 a 32.861 studenti, dalla

Dettagli

REGOLAMENTO INTERVENTI DI MUTUALITA E SOLIDARIETA

REGOLAMENTO INTERVENTI DI MUTUALITA E SOLIDARIETA REGOLAMENTO INTERVENTI DI MUTUALITA E SOLIDARIETA Principi Ispiratori e Obiettivi Gli interventi di mutualità e solidarietà rientrano nella missione della Cassa Rurale che, come realtà radicata sul territorio,

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma (dopo di noi)

Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma (dopo di noi) Sostenere i Il problema I temi che si definiscono dopo di noi legati alle potenzialità e autonoma dei disabili - hanno un impatto sociale estremamente rilevante. In primo luogo va sottolineato che, per

Dettagli

BANDO STIAMO TUTTI BENE: EDUCARE BENE, CRESCERE MEGLIO

BANDO STIAMO TUTTI BENE: EDUCARE BENE, CRESCERE MEGLIO BANDO STIAMO TUTTI BENE: EDUCARE BENE, CRESCERE MEGLIO Premessa Le Linee Programmatiche della Compagnia hanno stabilito che, nell ambito del tema Istruzione, fosse emanato, nel corso del 2015, un bando

Dettagli

4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO

4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO 4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO 4. 1 LA MISSION La Direzione Didattica San Giovanni conferma le scelte educative delineate nel corso degli ultimi anni, coerenti con le finalità e gli obiettivi del sistema nazionale

Dettagli

VOLONTARIATO, FILANTROPIA E BENEFICENZA AVVISO UNICO PER L ANNO 2015 L avviso è rivolto a tutti i soggetti in possesso dei requisiti di

VOLONTARIATO, FILANTROPIA E BENEFICENZA AVVISO UNICO PER L ANNO 2015 L avviso è rivolto a tutti i soggetti in possesso dei requisiti di VOLONTARIATO, FILANTROPIA E BENEFICENZA AVVISO UNICO PER L ANNO 2015 L avviso è rivolto a tutti i soggetti in possesso dei requisiti di finanziabilità previsti dall art. 4 del Regolamento dell attività

Dettagli

Le parole chiave: Per non svuotare la sussidiarietà

Le parole chiave: Per non svuotare la sussidiarietà LINEE GUIDA PER UN PATTO PER IL RICONOSCIMENTO E LA VALORIZZAZIONE DELL APPORTO DEL TERZO SETTORE ALLA RETE DI SOSTEGNO AL WELFARE DI BOLOGNA E PROVINCIA Le parole chiave: 1. SUSSIDIARIETA 2. STABILE REGIA

Dettagli

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale I beni culturali Il problema I beni culturali un elemento di estremo rilievo per la crescita della cultura e della qualità della vita dei cittadini - possono favorire lo sviluppo di alcune iniziative economiche

Dettagli

Un progetto per l autonomia l giovani: PERCHE

Un progetto per l autonomia l giovani: PERCHE Un progetto per l autonomia l dei giovani: PERCHE I giovani sono coinvolti da alcuni cambiamenti dovuti sia a fattori socio economici che culturali: Il prolungamento della gioventù Il ritardo nell accesso

Dettagli

Quartiere San Donato

Quartiere San Donato Quartiere San Donato P.G. N.: 141598/2013 N. O.d.G.:.: 21/2013 2013 Data Seduta : 13/06/2013 Richiesta IE Dati Sensibili Adottato Oggetto: APPROVAZIONE DEI PROGRAMMI OBIETTIVO DEL QUARTIERE SAN DONATO

Dettagli

Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento

Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento Edizione 2015 40 anni di analisi e ricerca sulle trasformazioni economiche e sociali in Italia e in Europa:

Dettagli

Progetto di ricerca rilevante di Ateneo (PAR)

Progetto di ricerca rilevante di Ateneo (PAR) Progetto di ricerca rilevante di Ateneo (PAR) UNA CULTURA, UNA TRADIZIONE, UN SISTEMA PRODUTTIVO LOCALE: IL CASO DI CASTELLI (TE) Indicazioni progettuali per un analisi territoriale, per un progetto di

Dettagli

bando per progetti sperimentali di innovazione didattica 2014-2016

bando per progetti sperimentali di innovazione didattica 2014-2016 bando per progetti sperimentali di innovazione didattica 2014-2016 rivolto a soggetti istituzionali rappresentativi del sistema delle scuole dell infanzia della provincia di Trento budget disponibile:

Dettagli

Fondo per lo Sviluppo e la Coesione 2007 2013: Stato di attuazione e Best practices

Fondo per lo Sviluppo e la Coesione 2007 2013: Stato di attuazione e Best practices Fondo per lo Sviluppo e la Coesione 2007 2013: Stato di attuazione e Best practices Ancona 30 novembre 2012 Fabrizio Recchi P. F. Autorità di gestione del FAS, autorità di certificazione e pagamento e

Dettagli

REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE

REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE 1. PREMESSA Viviamo in un territorio ricco di cultura, con elevata potenzialità produttiva materiale e immateriale dove molti giovani trovano modo di esprimere la loro creatività

Dettagli

Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma

Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma Documento basato sui risultati della Conferenza di Roma, 17 e 18 novembre 2014 In occasione della Presidenza

Dettagli

Azioni messe in atto nell'a.s. 2013/14 a supporto del processo di miglioramento

Azioni messe in atto nell'a.s. 2013/14 a supporto del processo di miglioramento Azioni messe in atto nell'a.s. 2013/14 a supporto del processo di miglioramento L'a.s. 2013/14 oltre alla realizzazione della fase di, è stato dedicato all'avvio e al proseguimento di azioni di Miglioramento

Dettagli

Cittadinanza Attiva e Sostenibilità Ambientale

Cittadinanza Attiva e Sostenibilità Ambientale Cittadinanza Attiva e Sostenibilità Ambientale Progetto finanziato dal Dipartimento della Gioventù Contesto e giustificazione del progetto L idea progettuale nasce dalle analisi effettuate sulle esperienze

Dettagli

INTRODUZIONE. Unipol Gruppo Finanziario ha invece scelto di ascoltare tutti, offrendo a tutti l opportunità di partecipare.

INTRODUZIONE. Unipol Gruppo Finanziario ha invece scelto di ascoltare tutti, offrendo a tutti l opportunità di partecipare. CARTADEIVALORI INTRODUZIONE Questa Carta dei Valori rappresenta in se stessa un Valore perché è il frutto di un grande impegno collettivo. Alla sua stesura hanno concorso migliaia di persone: i dipendenti

Dettagli

PROGRAMMA PLURIENNALE DI ATTIVITA 2014-2016

PROGRAMMA PLURIENNALE DI ATTIVITA 2014-2016 MISSIONE E RUOLO PROGRAMMA PLURIENNALE DI ATTIVITA 2014-2016 L attività della Fondazione Cassa di Risparmio di Fermo è concentrata sul proprio territorio di riferimento ossia il comprensorio fermano su

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO IL REGOLAMENTO definisce gli obiettivi e i criteri, individua gli ambiti di azione e le responsabilità, e disciplina le procedure e le modalità della gestione patrimoniale e finanziaria della Fondazione,

Dettagli

MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio

MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio OLTRE LA CRISI MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio Nel nostro mondo sempre più globalizzato viviamo in una condizione di interdipendenza

Dettagli

Regione Toscana. Regione Toscana. Guida

Regione Toscana. Regione Toscana. Guida Regione Toscana Regione Toscana Guida Indice Presentazione Un progetto per l autonomia dei giovani Le opportunità di Giovanisì Tirocini Casa Servizio civile Fare impresa Lavoro Studio e formazione Info

Dettagli

UNA LIM PER TUTTI PREMESSA

UNA LIM PER TUTTI PREMESSA UNA LIM PER TUTTI PREMESSA Nelle scuole dei Comuni di Tavarnelle Val di Pesa e Barberino Val d Elsa si è venuta rafforzando negli ultimi anni la collaborazione tra scuola e famiglie. La nascita del Comitato

Dettagli

Prot. n. 4273 / A 2 Andria, 12 ottobre 2015

Prot. n. 4273 / A 2 Andria, 12 ottobre 2015 8 CIRCOLO DIDATTICO "A. ROSMINI" Corso Italia, 7-76123 ANDRIA C.F. 90000300724 Tel 0883/246459 - Fax 0883/292770 email: baee05600t@istruzione.it Sito web: www.circolodidatticorosmini.gov.it pec baee05600t@pec.istruzione.it

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO IN BOLOGNA

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO IN BOLOGNA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO IN BOLOGNA Approvato dal Collegio di Indirizzo In data 21 dicembre 2015 AMBITO DI APPLICAZIONE TITOLO I PRINCIPI GENERALI

Dettagli

PROCESSI DI MAPPATURA DELLE COMPETENZE FINALIZZATI ALLA VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE E ALLA GESTIONE DEI PROCESSI FORMATIVI

PROCESSI DI MAPPATURA DELLE COMPETENZE FINALIZZATI ALLA VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE E ALLA GESTIONE DEI PROCESSI FORMATIVI PROCESSI DI MAPPATURA DELLE COMPETENZE FINALIZZATI ALLA VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE E ALLA GESTIONE DEI PROCESSI FORMATIVI Progetto di Ricerca-intervento 1. Presentazione Della Proposta 1.1 La ricerca-intervento:

Dettagli

DOCUMENTO PROGRAMMATICO PREVISIONALE 2013

DOCUMENTO PROGRAMMATICO PREVISIONALE 2013 DOCUMENTO PROGRAMMATICO PREVISIONALE 2013 II Documento programmatico previsionale annuale determina le finalità, le priorità, le risorse disponibili e le modalità operative della Fondazione nello svolgimento

Dettagli

Obiettivi Impegno degli ambiti distrettuali

Obiettivi Impegno degli ambiti distrettuali Allegato 3 Delibera di Giunta regionale n. 1206 del 30/7/2007 Linee di indirizzo per favorire la qualificazione e la regolarizzazione del lavoro di cura delle assistenti familiari nell ambito delle azioni

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE DEGLI INTERVENTI DI COOPERAZIONE DECENTRATA ALLO SVILUPPO E SOLIDARIETÁ INTERNAZIONALE

PROGRAMMA TRIENNALE DEGLI INTERVENTI DI COOPERAZIONE DECENTRATA ALLO SVILUPPO E SOLIDARIETÁ INTERNAZIONALE CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO (SETTIMA LEGISLATURA) PROGRAMMA TRIENNALE DEGLI INTERVENTI DI COOPERAZIONE DECENTRATA ALLO SVILUPPO E SOLIDARIETÁ INTERNAZIONALE PERIODO 2004-2006 * Allegato alla deliberazione

Dettagli

Politiche di Ateneo e Programmazione Università di Ferrara

Politiche di Ateneo e Programmazione Università di Ferrara Politiche di Ateneo e Programmazione Università di Ferrara Le linee di indirizzo dell Università di Ferrara sono state definite già a partire dal piano strategico triennale 2010-2012: garantire la qualità

Dettagli

Meeting nazionale sulle Politiche giovanili

Meeting nazionale sulle Politiche giovanili Meeting nazionale sulle Politiche giovanili PATTO APERTO PER LA GIOVENTU Oltre la Strategia di Lisbona: la dimensione culturale nello sviluppo sostenibile Urbino 13-14-15-16 Luglio 2005 Investire nella

Dettagli

REGIONE PUGLIA Assessorato Sanità e Servizi Sociali Settore Servizi Sociali

REGIONE PUGLIA Assessorato Sanità e Servizi Sociali Settore Servizi Sociali REGIONE PUGLIA Assessorato Sanità e Servizi Sociali Settore Servizi Sociali PIANO REGIONALE DELLE POLITICHE SOCIALI Interventi e Servizi Sociali in Puglia (approvato con Del. G.R. n. 1104/2004 in attuazione

Dettagli

La crisi economica e finanziaria in Sicilia: elementi di scenario e opportunità del Terzo Settore

La crisi economica e finanziaria in Sicilia: elementi di scenario e opportunità del Terzo Settore La crisi economica e finanziaria in Sicilia: elementi di scenario e opportunità del Terzo Settore Vincenzo Provenzano Dipartimento di Scienze Economiche, Aziendali e Finanziarie Università degli Studi

Dettagli

Regolamento di organizzazione delle strutture amministrative dell Università degli Studi di Teramo

Regolamento di organizzazione delle strutture amministrative dell Università degli Studi di Teramo Regolamento di organizzazione delle strutture amministrative dell Università degli Studi di Teramo Articolo 1 Finalità ed obiettivi 1. Il presente regolamento definisce le linee fondamentali di organizzazione

Dettagli

Accordo Quadro tra Regione Abruzzo e Italia Lavoro S.p.A.

Accordo Quadro tra Regione Abruzzo e Italia Lavoro S.p.A. Accordo Quadro tra Regione Abruzzo e Italia Lavoro S.p.A. La Regione Abruzzo, rappresentata dal componente la Giunta preposto alle Politiche attive del lavoro, Formazione ed Istruzione, Politiche Sociali,

Dettagli

Il DIRIGENTE SCOLASTICO Prof.ssa Roberta Galassi ---------------------------------------------------------------------------------

Il DIRIGENTE SCOLASTICO Prof.ssa Roberta Galassi --------------------------------------------------------------------------------- Istituto Istruzione Superiore Sansi Leonardi - Volta Piazza Carducci, 1 06049 Spoleto (PG) Tel. 0743 22 35 05 Fax 0743 22 53 18 e-mail: pgis026007@istruzione.it sito web: www.liceospoleto.gov.it Circ.

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO MOBILIARE

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO MOBILIARE REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO MOBILIARE INDICE Art. 1 - Ambito di applicazione Ambito di applicazione 1 TITOLO I PRINCIPI GENERALI Art. 2 - Finalità del processo di gestione del patrimonio

Dettagli

CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE

CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE Premessa CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE La formazione è una delle leve cardine per il rilancio di un'efficace politica di sviluppo, dei diritti

Dettagli

Verso il. Il bene torna a essere comune

Verso il. Il bene torna a essere comune Verso il Bando Storico Artistico e Culturale 2014 Il bene torna a essere comune giugno 2014 Verso il Bando Storico-Artistico e Culturale 2014 1 Spett.le Ente, la Fondazione CON IL SUD ( Fondazione ), giunta

Dettagli

Piano per l accesso dei giovani al lavoro, la continuità dei rapporti di lavoro, il sostegno e la promozione del fare impresa

Piano per l accesso dei giovani al lavoro, la continuità dei rapporti di lavoro, il sostegno e la promozione del fare impresa Piano per l accesso dei giovani al lavoro, la continuità dei rapporti di lavoro, il sostegno e la promozione del fare impresa 1. Premessa Le criticità e le difficoltà che incontrano i giovani ad entrare

Dettagli

RIFORMA DELLA SCUOLA LE NOVITA DELLA LEGGE 107/2015

RIFORMA DELLA SCUOLA LE NOVITA DELLA LEGGE 107/2015 RIFORMA DELLA SCUOLA LE NOVITA DELLA LEGGE 107/2015 A cura di Alessandro Giuliani 1 1 AGOSTO 2015 TECNICA DELLA SCUOLA IL PROVVEDIMENTO IN SINTESI Un offerta formativa più ricca e flessibile per gli studenti

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

INFORMAGIOVANI CHIAVARI - VILLAGGIO DEL RAGAZZO - COMUNE DI CHIAVARI

INFORMAGIOVANI CHIAVARI - VILLAGGIO DEL RAGAZZO - COMUNE DI CHIAVARI CARTA DEI SERVIZI INTRODUZIONE Nel quadro, ampio e articolato, dei servizi e delle attività realizzate e promosse dal Villaggio del Ragazzo, il punto di riferimento è rappresentato dalla mission perseguita

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE PESCARABRUZZO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE PESCARABRUZZO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE PESCARABRUZZO Approvato dal Comitato di Indirizzo nella seduta del 20 marzo 2015 Sommario TITOLO I - PREMESSE... 3 1. Ambito di applicazione...

Dettagli

Delibera del Collegio dei Docenti. Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante

Delibera del Collegio dei Docenti. Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante Delibera del Collegio dei Docenti Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante Anno scolastico 2013/2014 IL COLLEGIO DEI DOCENTI VISTI CONSIDERATO ESAMINATE PRESO ATTO TENUTO CONTO

Dettagli

FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI BIELLA. ORGANO DI INDIRIZZO seduta del 28 ottobre 2004

FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI BIELLA. ORGANO DI INDIRIZZO seduta del 28 ottobre 2004 5. APPROVAZIONE DEL DOCUMENTO PROGRAMMATICO PREVISIONALE 2005 Il Presidente sottopone all esame dell Organo di Indirizzo il Documento Programmatico Previsionale, relativo all esercizio 1 gennaio 2005 31

Dettagli

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena UNIVERSITÀ, SCUOLE E ORIENTAMENTO IN ITALIA intervento al convegno Essenzialità dell Orientamento per il Futuro dei Giovani, Orvieto 9 11 dicembre

Dettagli

Auser: Sistemi di Welfare e Comunità

Auser: Sistemi di Welfare e Comunità Auser: Sistemi di Welfare e Comunità 1. Ricomporre i Bisogni della Persona Provando a declinare alcune problematiche dall'agenda sociale, sembra che il tema degli anziani, dei mutamenti demografici, delle

Dettagli

COMUNE DI MESSINA ASSESSORATO AI SERVIZI SOCIALI. Per un welfare di comunità partecipato: verso gli stati generali dei servizi sociali

COMUNE DI MESSINA ASSESSORATO AI SERVIZI SOCIALI. Per un welfare di comunità partecipato: verso gli stati generali dei servizi sociali Premessa COMUNE DI MESSINA ASSESSORATO AI SERVIZI SOCIALI Per un welfare di comunità partecipato: verso gli stati generali dei servizi sociali In un contesto di forte difficoltà economica e finanziaria

Dettagli

PARERE CRUI SULLO SCHEMA DEL DECRETO DI RIPARTO DEL FONDO DI FINANZIAMENTO ORDINARIO PER L ANNO 2015

PARERE CRUI SULLO SCHEMA DEL DECRETO DI RIPARTO DEL FONDO DI FINANZIAMENTO ORDINARIO PER L ANNO 2015 PARERE CRUI SULLO SCHEMA DEL DECRETO DI RIPARTO DEL FONDO DI FINANZIAMENTO ORDINARIO PER L ANNO 2015 L Assemblea della CRUI, riunitasi il giorno 7.5.2015, preso atto della nota MIUR del 6.5.2015, esprime,

Dettagli

Comune di Castelfiorentino

Comune di Castelfiorentino PROTOCOLLO D INTESA TRA COMUNE DI CASTELFIORENTINO CIRCOLO DIDATTICO CASTELFIORENTINO SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO BACCI-RIDOLFI CASTELFIORENTINO ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE F. ENRIQUES

Dettagli

2. Rendiconto (produzione e distribuzione del valore aggiunto)

2. Rendiconto (produzione e distribuzione del valore aggiunto) 2. Rendiconto (produzione e distribuzione del valore aggiunto) 2.1. Dati significativi di gestione Nelle pagine che seguono sono rappresentate le principali grandezze economico-patrimoniali, ottenute dalla

Dettagli

PROGETTO SCUOLA SPORT E DISABILITA UN OCCASIONE DI INCONTRO E CRESCITA

PROGETTO SCUOLA SPORT E DISABILITA UN OCCASIONE DI INCONTRO E CRESCITA PROGETTO SCUOLA SPORT E DISABILITA UN OCCASIONE DI INCONTRO E CRESCITA PRESENTAZIONE Il presente progetto costituisce un iniziativa volta a promuovere un percorso di crescita dei ragazzi nel confronto,

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Buone prassi di conservazione del patrimonio BENESSERE GIOVANI COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando con scadenza 9 aprile 2015 Buone prassi di conservazione del

Dettagli

"In Testa ai miei pensieri"

In Testa ai miei pensieri "In Testa ai miei pensieri" Documento tecnico e proposte operative per l adolescenza a Bologna documento cittadino Premessa Il presente documento è il frutto del confronto che si è avviato all interno

Dettagli

Un progetto per l autonomia dei giovani: perchè

Un progetto per l autonomia dei giovani: perchè Un progetto per l autonomia dei giovani: perchè I giovani sono coinvolti da alcuni cambiamenti dovuti sia a fattori socio economici che culturali: il prolungamento della gioventù, il ritardo nell accesso

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ASSOCIAZIONE INTERCOMUNALE ALTA VAL TAGLIAMENTO (Comuni di: Ampezzo, Forni di Sopra, Forni di Sotto, Preone, Sauris, Socchieve) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA PROGRAMMA TRIENNALE

Dettagli

Accordo di Programma Quadro Giovani protagonisti di sé e del territorio

Accordo di Programma Quadro Giovani protagonisti di sé e del territorio Accordo di Programma Quadro Giovani protagonisti di sé e del territorio L APQ Giovani protagonisti di sé e del territorio, sottoscritto in data 1/08/2008, costituisce uno strumento di programmazione integrata

Dettagli

LA STRUTTURA DEL RAV

LA STRUTTURA DEL RAV GUIDA PRATICA ALLA ELABORAZIONE DEL RAV IN FUNZIONE DEL MIGLIORAMENTO Dino Cristanini Vico Equense 30 Gennaio 2015 LA STRUTTURA DEL RAV 1 CONTESTO E RISORSE Quali vincoli presentano? Quali leve positive

Dettagli

bando per iniziative culturali ad ampia diffusione e con finalità divulgative

bando per iniziative culturali ad ampia diffusione e con finalità divulgative bando per iniziative culturali ad ampia diffusione e con finalità divulgative primo bando quadrimestrale 2014 per il sostegno di progetti proposti da realtà di volontariato culturale budget complessivo

Dettagli

SOCIETA, ENTI ED ORGANISMI PARTECIPATI OBIETTIVI GESTIONALI 2013

SOCIETA, ENTI ED ORGANISMI PARTECIPATI OBIETTIVI GESTIONALI 2013 SOCIETA, ENTI ED ORGANISMI PARTECIPATI OBIETTIVI GESTIONALI 2013 238 SOCIETA, ENTI ED ORGANISMI PARTECIPATI OBIETTIVI GESTIONALI 2013 (art. 147-quater del D.Lgs. n. 267/2000 e artt. 19-20-21 del regolamento

Dettagli

L organizzazione di un Sistema trasfusionale articolato, variegato e complesso come quello italiano non può prescindere da un progetto comune,

L organizzazione di un Sistema trasfusionale articolato, variegato e complesso come quello italiano non può prescindere da un progetto comune, 1 L organizzazione di un Sistema trasfusionale articolato, variegato e complesso come quello italiano non può prescindere da un progetto comune, globale e soprattutto condiviso, che coinvolga tutte le

Dettagli

NOTA ANCAb SUL PIANO CASA

NOTA ANCAb SUL PIANO CASA NOTA ANCAb SUL PIANO CASA Il Piano Casa del Governo, istituito dall art. 11 della legge n 133 del 2008, rivolto all incremento del patrimonio immobiliare ad uso abitativo attraverso l offerta di abitazioni

Dettagli

bando per progetti di riordino e valorizzazione di archivi

bando per progetti di riordino e valorizzazione di archivi bando per progetti di riordino e valorizzazione di archivi riguardanti la storia della comunità, dell economia e delle istituzioni trentine budget complessivo 150.000 euro termine per la presentazione

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. Educazione e Promozione culturale. Interventi di animazione nel territorio

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. Educazione e Promozione culturale. Interventi di animazione nel territorio ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: GlocalzzAzione SETTORE e Area di Intervento: ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO Educazione e Promozione culturale. Interventi di animazione nel territorio OBIETTIVI DEL PROGETTO

Dettagli

Il riordino del sistema d istruzione e formazione. Vera riforma? Razionalizzazione per ridurre la spesa? Restaurazione?

Il riordino del sistema d istruzione e formazione. Vera riforma? Razionalizzazione per ridurre la spesa? Restaurazione? Il riordino del sistema d istruzione e formazione Vera riforma? Razionalizzazione per ridurre la spesa? Restaurazione? di Paolo Gallana Marzo 2010 Dove nasce il riordino La fonte normativa d origine è

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato MOSCA

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato MOSCA Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2158 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato MOSCA Agevolazioni fiscali e contributive per l assunzione di temporary manager da parte

Dettagli

Città metropolitane e PON Metro

Città metropolitane e PON Metro Città metropolitane e PON Metro Corso di Pubblica Amministrazione e Sviluppo Locale Massimo La Nave 1 L area delle operazioni del PON Il pilastro del PON Metro è l identificazione dei Comuni capoluogo

Dettagli

Montecassiano Bene Comune

Montecassiano Bene Comune Montecassiano Bene Comune Programma per l amministrazione comunale 2014-2019 non abbiamo bisogno di chissà quali grandi cose o chissà quali grandi uomini; abbiamo solo bisogno di più gente onesta (b.c.)

Dettagli

Modello di statuto per i musei di ente locale e di interesse locale

Modello di statuto per i musei di ente locale e di interesse locale REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ASSESSORATO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE, BENI CULTURALI, INFORMAZIONE, SPETTACOLO E SPORT Modello di statuto per i musei di ente locale e di interesse locale Articolo 1 Istituzione...

Dettagli

Promuovere la formazione di capitale umano d eccellenza

Promuovere la formazione di capitale umano d eccellenza Promuovere Il problema In società sempre più basate sulla conoscenza, una delle condizioni necessarie ad affrontare con successo il processo di riqualificazione del sistema economico è la disponibilità

Dettagli

Approvazione del nuovo sistema di governo regionale per la Formazione Continua in Sanita' e costituzione relativi organismi.

Approvazione del nuovo sistema di governo regionale per la Formazione Continua in Sanita' e costituzione relativi organismi. REGIONE PIEMONTE BU28 14/07/2011 Deliberazione della Giunta Regionale 22 giugno 2011, n. 7-2208 Approvazione del nuovo sistema di governo regionale per la Formazione Continua in Sanita' e costituzione

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO Approvato dal Consiglio Generale nella seduta del 9 giugno 2014 e modificato dal Consiglio Generale nelle sedute del 13 luglio e del 28 settembre 2015 Regolamento

Dettagli

Dodicesimo Rapporto sul Servizio Civile in Italia. Sintesi Rapporto finale

Dodicesimo Rapporto sul Servizio Civile in Italia. Sintesi Rapporto finale Dodicesimo Rapporto sul Servizio Civile in Italia Sintesi Rapporto finale Dicembre 2010 EXECUTIVE SUMMARY Il dodicesimo rapporto della Conferenza degli Enti per il Servizio Civile si compone di due approfondimenti:

Dettagli

A V V I S O. Idee progettuali e manifestazioni di interesse per il Piano Integrato di Sviluppo Urbano Sostenibile (PISUS) del Comune di SPILIMBERGO

A V V I S O. Idee progettuali e manifestazioni di interesse per il Piano Integrato di Sviluppo Urbano Sostenibile (PISUS) del Comune di SPILIMBERGO A V V I S O Idee progettuali e manifestazioni di interesse per il Piano Integrato di Sviluppo Urbano Sostenibile (PISUS) del Comune di SPILIMBERGO Invito a contribuire alla formulazione del PISUS del Comune

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO TRIENNALE

PROGETTO EDUCATIVO TRIENNALE Scuole dell infanzia di Baraggiole e Calderara PROGETTO EDUCATIVO TRIENNALE Anni scolastici 2012-13/2014-15 Le scuole dell infanzia dell Istituto Comprensivo T. Croci si pongono come obiettivo, nel corso

Dettagli

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 La definizione del Programma Il Programma annuale è elaborato ai sensi del Regolamento concernente le istruzioni generali sulla gestione amministrativo -

Dettagli

ANNI SCOLASTICI 2015-2018

ANNI SCOLASTICI 2015-2018 LICEO DELLE SCIENZE UMANE Sofonisba Anguissola Anni scolastici 2015-2016/ 2016-17/ 2017-18 Prot. n 4169 / C40 del 14 settembre 2015 ANNI SCOLASTICI 2015-2018 ATTO D INDIRIZZO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO PER

Dettagli

Verifica qualità dati contabili Elaborazione e strutturazione dell informazione

Verifica qualità dati contabili Elaborazione e strutturazione dell informazione COMUNE DI TRENTO Servizio Programmazione e Controllo via Belenzani 22 38100 Trento Telefono: 0461-884162; Fax: 0461-884168 e_mail: servizio_programmazione@comune.trento.it Sito internet dell amministrazione:

Dettagli

FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI PESARO PIANO PROGRAMMATICO PLURIENNALE (P.P.P.) TRIENNIO 2014-2015-2016

FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI PESARO PIANO PROGRAMMATICO PLURIENNALE (P.P.P.) TRIENNIO 2014-2015-2016 FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI PESARO PIANO PROGRAMMATICO PLURIENNALE (P.P.P.) TRIENNIO 2014-2015-2016 INDICE Introduzione p. 1 Le risorse disponibili p. 1 La missione e le linee generali di indirizzo

Dettagli

ExpoTraining 2013-17 ottobre 2013 - Milano. Perché le aziende fanno fatica a trovare i talenti professionali di cui hanno bisogno?

ExpoTraining 2013-17 ottobre 2013 - Milano. Perché le aziende fanno fatica a trovare i talenti professionali di cui hanno bisogno? Lo sviluppo dei Talenti per la crescita. Un confronto tra aziende e istituzioni ExpoTraining 2013-17 ottobre 2013 - Milano L Italia cerca talenti. Sembra incredibile, ma in uno scenario di crisi del mercato

Dettagli

INSIEME PER IL VOLONTARIATO

INSIEME PER IL VOLONTARIATO INSIEME PER IL VOLONTARIATO FARE SISTEMA AL SERVIZIO DELLA COMUNITÀ BERGAMASCA Bergamo, 24 gennaio 2013 Intervento di Carlo Vimercati Presidente Comitato di Gestione Fondi Speciali Lombardia Il convegno

Dettagli

Evoluzione della professione di. Tecnico Sanitario di Radiologia Medica

Evoluzione della professione di. Tecnico Sanitario di Radiologia Medica BOZZA Evoluzione della professione di Tecnico Sanitario di Radiologia Medica TSRM con esperienze avanzate e professionista specialista Aree di competenza nei nuovi scenari sanitari e socio sanitari Tavolo

Dettagli

PROGETTO CULTURALMENTE REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE

PROGETTO CULTURALMENTE REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE PROGETTO CULTURALMENTE REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE 1. PREMESSA La cultura non è tanto un emergenza dimenticata, quanto una scelta di fondo trascurata per lunghissimo tempo Negli ultimi anni in tutta

Dettagli

PROGETTO REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE

PROGETTO REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE PROGETTO per il finanziamento di progetti di sviluppo di imprese sociali, associazioni e cooperative culturali e sociali, destinati a creare nuova occupazione REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE L iniziativa

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA OSSERVATORIO INTEGRATO D AREA IN MATERIA DI PREVENZIONE E RECUPERO DEL DISAGIO MINORILE

PROTOCOLLO D INTESA OSSERVATORIO INTEGRATO D AREA IN MATERIA DI PREVENZIONE E RECUPERO DEL DISAGIO MINORILE PROTOCOLLO D INTESA OSSERVATORIO INTEGRATO D AREA IN MATERIA DI PREVENZIONE E RECUPERO DEL DISAGIO MINORILE E DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA ISTITUZIONI SCOLASTICHE DEL TERRITORIO DI SCORDIA AZIENDA UNITÀ

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO URBANO SOSTENIBILE INTEGRATO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le leggi che regolano il ciclo successivo

Dettagli

1. Il welfare locale. 1. 1 Contesto normativo

1. Il welfare locale. 1. 1 Contesto normativo 1. 1 Contesto normativo L evoluzione normativa, avvenuta negli ultimi trentanni a livello nazionale in materia sanitaria e sociale e a livello regionale (dalle Leggi Regionali n. 78/1979, n. 13/ 1980,

Dettagli

DOCUMENTO DELLE POLITICHE AZIENDALI

DOCUMENTO DELLE POLITICHE AZIENDALI Azienda Pubblica Servizi alla Persona Città di Siena DOCUMENTO DELLE POLITICHE AZIENDALI Approvato dal Consiglio di Amministrazione nella seduta del 25 agosto 2010 Pag. 1 di 5 1. Denominazione, sede e

Dettagli

COSTRUIRE L HUB CAMERALE DEL CREDITO E DELLA FINANZA PIANO DI RIPOSIZIONAMENTO STRATEGICO PER IL TRIENNIO 2015-2017

COSTRUIRE L HUB CAMERALE DEL CREDITO E DELLA FINANZA PIANO DI RIPOSIZIONAMENTO STRATEGICO PER IL TRIENNIO 2015-2017 COSTRUIRE L HUB CAMERALE DEL CREDITO E DELLA FINANZA 1 PIANO DI RIPOSIZIONAMENTO STRATEGICO PER IL TRIENNIO 2015-2017 Premessa Le recenti iniziative varate dal Governo per il riordino del sistema camerale

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI VERCELLI

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI VERCELLI REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI VERCELLI Approvato dall Organo di indirizzo in data 17 dicembre 2015 2 SOMMARIO TITOLO I - PREMESSE Art. 1 (Ambito di applicazione)

Dettagli

nuove sfide per il volontariato

nuove sfide per il volontariato Povertà plurali, povertà invisibili: nuove sfide per il volontariato Un concorso di idee per creare nuovi intrecci tra cittadini e associazioni di volontariato 1. Premessa L Associazione Non Profit Network,

Dettagli