ONLUS. Quarta Relazione Annuale sull attività svolta dall Agenzia per le Organizzazioni. Non Lucrative di Utilità Sociale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ONLUS. Quarta Relazione Annuale sull attività svolta dall Agenzia per le Organizzazioni. Non Lucrative di Utilità Sociale"

Transcript

1 Relazione Annuale 2005 Quarta Relazione Annuale sull attività svolta dall Agenzia per le Organizzazioni Non Lucrative di Utilità Sociale (1 gennaio dicembre 2005) Redatta ai sensi del D.P.C.M. n. 329 del 21 marzo 2001, articolo 2, comma 2 Relazione Annuale 05 Agenzia per le Organizzazioni Non Lucrative di Utilità Sociale

2 Giugno 2006 Stampa: Arti Grafiche Fiorin - Milano

3 Quarta Relazione Annuale sull attività svolta dall Agenzia per le Organizzazioni Non Lucrative di Utilità Sociale (1 gennaio dicembre 2005) Redatta ai sensi del D.P.C.M. n. 329 del 21 marzo 2001, articolo 2, comma 2 Agenzia per le Organizzazioni Non Lucrative di Utilità Sociale

4 Relazione Annuale 05 Composizione del Consiglio dell Agenzia per le Organizzazioni non lucrative di utilità sociale: Lorenzo Ornaghi Gianpaolo Barbetta Erminio Borloni Stefania Fuscagni Presidente Consigliere Consigliere Consigliere Giammaria Galimberti Arturo Iannaccone Stefania Mancini Elio Massimo Palmizio Salvo Pettinato Paola Severini Vera Slepoj Consigliere Consigliere Consigliere Consigliere Consigliere Consigliere Consigliere 2

5 Presentazione Anche quest'anno la doverosa e puntuale esposizione dell'attività svolta dall'agenzia per le Onlus nel 2005 si accompagna a una sintetica valutazione del ruolo, delle potenzialità e anche dei limiti dell'agenzia stessa. Nelle pagine che seguono, infatti, vengono illustrate le iniziative della nostra istituzione ed evidenziate le principali motivazioni da cui esse sono scaturite, indicando il più precisamente possibile gli obiettivi, intermedi e finali, che ci si è proposto di conseguire. Nel contempo, si è cercato - in questa Relazione che già rappresenta quasi un bilancio conclusivo del mandato quinquennale - di sottolineare non solo i punti di forza, ma anche, proprio sulla base dell'esperienza maturata in questi anni, le insufficienze della posizione attuale dell'agenzia. L'attività svolta nel 2005 e i suoi risultati confermano la validità della decisione di istituire un organismo pubblico espressamente dedicato al mondo nonprofit e, soprattutto, ribadiscono l'utilità sociale di un organismo concepito e istituito con compiti non solo di controllo, ma anche di promozione dell'intero settore, oltre che di monitoraggio della complessa normativa che ne regola la presenza e l'attività. In questo ultimo anno, tuttavia, si è ulteriormente approfondito il senso della sproporzione tra le ampie attribuzioni assegnate dal DPCM 329/01 al nostro Ente e i mezzi a esso affidati per farvi fronte adeguatamente. Letta in successione a quelle che l'hanno preceduta, dunque, questa Relazione - oltre a costituire, come si è osservato poco fa, un quasi-bilancio dell'intero mandato - presenta le essenziali e fondate indicazioni per delineare una possibile e fruttuosa evoluzione. Rispetto alle precedenti, in questa Relazione non sono contenute le consuete riflessioni che l'agenzia per le Onlus, premettendole alla sintesi del lavoro effettuato, ha ogni anno elaborato sulla situazione generale e sulle principali dinamiche in atto del Terzo settore italiano. Il Libro bianco sul Terzo settore - che, risultato di un'accurata ricerca promossa e direttamente seguita dall'agenzia, verrà pubblicato tra poco - offre una disamina precisa e argomentata, in grado di consentire la corretta valutazione dei processi che maggiormente stanno coinvolgendo il mondo delle organizzazioni nonprofit. Inoltre, dopo la pubblicazione della ricerca I registri delle organizzazioni del Terzo settore: garanzie per i cittadini, trasparenza ed equità delle procedure, nel corso del 2006 vedrà la luce anche il Libro Verde dell'agenzia per le Onlus, che conterrà le concrete proposte per auspicabili riforme della normativa di settore. Nelle cinque parti e negli allegati della Relazione, l'attività svolta dall'agenzia nel 2005 è minuziosamente illustrata. Il resoconto di ciò che è stato fatto permette di constatare come gli impegni dell'agenzia siano cresciuti non solo quantitativamente, ma anche e soprattutto qualitativamente. Ed è anche un resoconto che ulteriormente ribadisce l'opportuna e ormai indi- Relazione Annuale 05 3

6 Relazione Annuale 05 spensabile funzione di raccordo esercitata dall'agenzia tra istituzioni pubbliche e Terzo settore. Assolvo, infine, nel licenziare questa Relazione, il gradito dovere di formulare alcuni ringraziamenti. Un grazie sincero rivolgo, in primo luogo, alla Presidenza del Consiglio dei Ministri, la quale, nel corso degli anni - specialmente attraverso la vigilante presenza del Dipartimento per il Coordinamento Amministrativo - ha sempre garantito alla nostra giovane istituzione una disponibile e fattiva collaborazione. Unisco, a questo primo ringraziamento, quello per il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali e quello per il Ministero della Funzione Pubblica che hanno seguito costantemente il nostro lavoro. A tutto il Consiglio e a tutti coloro che quotidianamente operano nell'agenzia per assicurarne il buon funzionamento e la crescita in termini di efficienza ed efficacia desidero infine indirizzare i più vivi sentimenti di gratitudine. Il Presidente Lorenzo Ornaghi Milano, lì 1 marzo

7 INDICE Presentazione PARTE PRIMA VIGILANZA E ISPEZIONE Capitolo I Novità principali Capitolo II I dati generali Relazione Annuale 05 PARTE SECONDA INDIRIZZO 27 Capitolo I - Pareri emessi e tematiche di interesse generale 29 Capitolo II Atti di indirizzo 33 PARTE TERZA PROMOZIONE Capitolo I - Studi e ricerche 1.1 Progetti di ricerca annuali conclusi nel Progetti di ricerca annuali attivati nel

8 Relazione Annuale Prosecuzione della ricerca sul rapporto tra Unione Europea ed economia sociale 1.4 Il Progetto di ricerca I registri delle organizzazioni del Terzo settore 1.5 Il Libro bianco sul Terzo settore 1.6 Sondaggio su: La figura dell'amministratore di Sostegno 1.7 Altre ricerche e indagini attivate nel corso del 2005 Capitolo II - Il Progetto Cittadinanza Europea Attiva e Solidale (CEAS) 2.1 Premessa 2.2 Prime valutazioni sui quattro percorsi del Progetto CEAS 2.3 Elaborazione del programma di sviluppo e consolidamento per l'anno Aree e servizi attivati nel sito Capitolo III - Eventi, relazioni esterne e comunicazione 3.1 Iniziative pubbliche promosse dall'agenzia 3.2 Partecipazione a eventi di rilevanza nazionale 3.3 Partecipazione ad altri eventi pubblici 3.4 Comunicazione istituzionale Capitolo IV - Collaborazioni interistituzionali e partecipazione a organismi esterni 4.1 Collaborazione con Ministero dell'economia e delle Finanze (Direzione V - Valutario, antiriciclaggio ed antiusura), Ufficio Italiano Cambi e Fondo Monetario Internazionale 4.2 Sottoscrizione del Protocollo d'intesa tra Guardia di Finanza e Agenzia per le Onlus

9 4.3 Osservatorio Nazionale per il Volontariato 4.4 Prosecuzione della collaborazione relativa al Protocollo di Intesa con il Comune di Avellino 4.5 Collaborazione con il Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca 4.6 Tavolo interistituzionale USR Lombardia 4.7 Collaborazione e confronto con Agenzia delle Entrate Capitolo V - Patrocini PARTE QUARTA ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO Relazione Annuale 05 Capitolo I - Struttura e sede dell Agenzia 1.1 Strumenti di gestione, funzionamento e personale 1.2 Nuova sede dell'agenzia Capitolo II - Attività collegiale e amministrativa 141 Conclusioni 143 Allegati Numero 1 - Attività collegiali (sedute di Consiglio e Commissioni) Numero 2 - Deliberazioni adottate nel 2005 Numero 3 - Atto di Indirizzo in relazione alla possibilità per le Onlus di detenere o acquistare azioni o partecipazioni in società di capitale

10 Relazione Annuale 05 Numero 4 - Atto di Indirizzo sulla deducibilità tributaria delle liberalità erogate ai soggetti non lucrativi, di cui all'articolo 14, commi 1-5, del decreto legge n. 35 del 2005 convertito con modificazioni nella legge n. 80 del

11 PARTE PRIMA Vigilanza e ispezione Relazione Annuale 05 9

12

13 Capitolo I Novità principali Preliminarmente alla presentazione delle attività di vigilanza e di ispezione svolte dall Agenzia per le Onlus nell anno 2005, è opportuno richiamare - seppure come semplice rinvio - quanto si era già avuto modo di esprimere nella premessa alla Parte Prima della Relazione Annuale concernente l anno Si deve infatti ribadire che, per le medesime ragioni evidenziate in quella sede, anche nel 2005 le suddette attività sono state realizzate congiuntamente e, in particolare, che i poteri ispettivi sono stati esercitati esclusivamente in relazione alla necessità di approfondire determinate questioni emerse nel corso della conduzione di istruttorie riferibili al compimento di azioni di vigilanza. Fatta questa doverosa premessa, occorre però sottolineare sin d ora che nel corso dello stesso anno, per quanto concerne l obiettivo della futura attivazione di un servizio ispettivo dell Agenzia, sono stati compiuti passi significativi e di grande rilevanza strategica. Oltre al prosieguo dell attività formativa interna alla struttura, infatti, è stato siglato un innovativo Protocollo d Intesa fra la nostra Istituzione e il Corpo della Guardia di Finanza, il quale - com è universalmente riconosciuto - vanta una lunga e robusta tradizione di competenza ed efficacia anche in merito alla conduzione di azioni ispettive e di controllo sulle molteplici forme attraverso cui si realizza l attività economica nel nostro Paese. Ed è per sottolineare il valore di tale accordo che si è scelto di sottoscrivere il relativo Atto in forma solenne nel corso di un apposita cerimonia tenutasi a Roma lo scorso 20 ottobre Relazione Annuale 05 Nell ambito della precitata intesa si è quindi potuta concordare una precisa modalità di azione al fine di garantire la possibilità - qualora si verifichi la giustificata esigenza, da parte dell Agenzia, di ottenere maggiori informazioni su determinati enti - di richiedere l attivazione del competente Comando della Guardia di Finanza per procedere all effettuazione degli opportuni controlli. Si tratta di una positiva e concreta conferma dell importanza (già più volte richiamata nelle precedenti Relazioni Annuali) della collaborazione sinergica fra i diversi organi dello Stato. Un importanza che si può tradurre, oltre che in termini di maggior efficacia del servizio reso ai cittadini a fronte di un contenimento della spesa pubblica, anche come maggiore consolidamento e valorizzazione del patrimonio di abilità, conoscenze e competenze proprio di ciascuna istituzione. Infine, rispetto al caso su cui ci si è soffermati, si deve sottolineare come l attivazione di questa nuova collaborazione potrebbe ovviare, almeno in parte, ad alcune criticità riferibili all assenza di poteri sanzionatori propri dell Agenzia. L azione concordata con il Corpo della Guardia di Finanza prevede innanzitutto una prima fase di presentazione dell intesa (incluse le modalità con cui 1 Agenzia per le Organizzazioni non lucrative di utilità sociale, RELAZIONE ANNUALE SULL'ATTIVITA' SVOLTA (1 gennaio dicembre 2004), Parte Prima, Premessa, pp

14 Relazione Annuale 05 la stessa deve venir attuata sul territorio sotto il coordinamento del Nucleo Speciale Entrate della Guardia di Finanza, che è appunto incaricato di seguirne da vicino l attuazione) e delle relative attività di controllo. Questi momenti di approfondimento saranno condotti in collaborazione con la stessa Agenzia e si svolgeranno presso le sedi dei Comandi regionali. Nel corso del 2006, infine, il progetto di collaborazione sarà ulteriormente ampliato e si potrà perciò avviare il primo programma di controlli. Sempre in tema di rapporti interistituzionali riferibili ai poteri di vigilanza ed ispezione, infine, è giusto ricordare che anche durante il 2005 è proseguito il confronto dialogico fra l Agenzia per le Onlus e l Agenzia delle Entrate. Si deve peraltro rimarcare che, a fronte della volontà di coordinare le rispettive azioni, permangono importanti divergenze in merito all interpretazione ed all applicazione di talune norme e di taluni regolamenti. Al di là delle novità concernenti il rapporto fra l Agenzia e le altre Pubbliche Amministrazioni, è giusto soffermarsi brevemente anche su quelle relative alla struttura interna dell Agenzia. Da questo punto di vista, vanno segnalati gli ulteriori mutamenti organizzativi realizzati all interno del Dipartimento Attività Giuridiche nel corso dell anno Da un lato, infatti, si è continuato a suddividere l attività tra due distinti uffici (Ufficio Vigilanza e Controllo e Ufficio Indirizzo Normativo), che hanno seguito, ciascuno, i lavori delle due relative Commissioni consiliari, attraverso il gruppo di lavoro formato nel corso degli ultimi tre anni. Dall altro, in considerazione del notevole incremento del lavoro (soprattutto in relazione alle richieste pervenute dalle Direzioni Regionali delle Entrate), si è deciso di inserire due nuove risorse in staff al responsabile dei due predetti uffici. Tale decisione si giustifica, peraltro, anche per la trasversalità delle funzioni svolte da tali uffici in seno al Dipartimento, il quale opera su entrambi i fronti avvalendosi delle medesime risorse. In particolare, le due nuove unità sono destinate ad assolvere specialmente attività di carattere amministrativo e comunicazionale. Il loro inserimento dovrebbe rendere più efficace il coordinamento di tutta l attività giuridica, potenziando le attività di segreteria e specializzando una parte della struttura nella redazione degli atti amministrativi necessari per l approvazione dei pareri, in numero sempre crescente. Inoltre, dovrebbe consentire di far fronte più adeguatamente alla nuova previsione, adottata con la modifica del regolamento organizzativo, di affidare al dipartimento Attività Giuridiche la cura della redazione del Bollettino informativo dell Agenzia. Tale scelta ha generato, vista la copiosità del materiale da pubblicare, la necessità di individuare una risorsa cui affidare questo compito al di fuori del gruppo di lavoro che si occupa stabilmente della disamina dei quesiti di carattere giuridico e della predisposizione dei relativi pareri. 12

15 Capitolo II I dati generali Come si è avuto modo di anticipare nel corso del primo capitolo, riguardo all attività di vigilanza si è avuto nel 2005 un significativo aumento delle istanze ricevute e registrate, che ammontano complessivamente a 1813 (tra le quali non sono state conteggiate le richieste inviate via ). Rispetto alle caratteristiche di tali richieste di parere, una prima distinzione interessante (visualizzata nel grafico numero 1) concerne la loro differente provenienza. Tra le 1813 istanze, infatti, soltanto 93 sono state inoltrate da soggetti privati contro le 1720 provenienti da enti pubblici. Anche quest anno, pertanto, come già era accaduto nel 2004, si è registrata una diminuzione percentuale delle richieste pervenute dai privati, la quale, tuttavia (anche su questo punto v è una continuità con l anno precedente), non si spiega in base a una diminuzione delle richieste dei privati (che sono anzi aumentate in termini assoluti), ma in forza del maggiore incremento delle richieste inviate all Agenzia dalle pubbliche amministrazioni. Relazione Annuale 05 RICHIESTE DI PARERE PERVENUTE NEL % SOGGETTI PUBBLICI (1720) 5% SOGGETTI PRIVATI (93) Grafico 1 13

16 Relazione Annuale 05 Per rendere meglio l idea di questo processo di incremento a due velocità, si è scelto di evidenziare (nel grafico n. 2) - riguardo alle richieste pervenute da enti pubblici - la differenza numerica tra le richieste protocollate negli anni 2003, 2004 e Una crescita davvero ragguardevole che, naturalmente, ha comportato un notevole aumento dell attività e dell impegno degli uffici preposti. GRAFICO DI COMPARAZIONE DELLE PRATICHE DI CANCELLAZIONE PERVENUTE E DELIBERATE NEGLI ANNI 2003/2004/ Pervenute Deliberate Grafico 2 Rispetto alle domande pervenute da parte di privati (che rappresentano il 5% del totale), invece, è opportuno segnalare che 28 su 77 coincidono con altrettante richieste di parere sulla devoluzione del patrimonio di organizzazioni senza fini di lucro 3, mentre le restanti richieste contengono quesiti interpretativi, dubbi applicativi e specifiche richieste di intervento. Nel grafico sottostante, infine, si dà conto anche delle diverse tipologie dei soggetti privati (organizzazioni e consulenti) che hanno inoltrato richieste all Agenzia. RICHIESTE PERVENUTE NEL 2005 DAI DIVERSI SOGGETTI PRIVATI 45% 25% 30% ORG. TERZO SETTORE (42) PROFESSIONISTI (23) DEVOLUZIONI (28) Grafico 3 14

17 In generale, le istanze pervenute, oltre all approvazione con provvedimento deliberativo dei pareri emessi in merito alle richieste delle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Entrate riguardanti le cancellazioni di organizzazioni dall anagrafe delle Onlus 4, hanno comportato anche l esame di quesiti di interesse generale che, in taluni casi, hanno dato impulso all emanazione di successivi atti di indirizzo. Nei restanti casi si è provveduto, invece, attraverso note di risposta la cui estensione e cura è stata demandata dal Consiglio esclusivamente all Ufficio competente e che, pertanto, non rientrano nel novero delle deliberazioni assunte nel corso dell anno. Nel grafico di seguito riportato viene raffigurata la divisione delle richieste pervenute da parte di enti pubblici RICHIESTE PERVENUTE NEL 2005 DA SOGGETTI PUBBLICI ENTI TERRITORIALI GUARDIA DI FINANZA AMM. STATALI AGENZIA ENTRATE DIREZ.CENTRALE DIREZ. REGIONALI DELLE ENTRATE Relazione Annuale 05 0 Grafico 4 In particolare, a fronte delle 1700 circa richieste di parere inviate dall Agenzia delle Entrate, l Agenzia per le Onlus ha approvato, con apposito provvedimento, 1696 pareri. Tra questi ultimi, 6 esaminano testi di circolari, mentre gli altri 1690 provengono dalle diverse sedi delle Direzioni regionali dell Agenzia delle Entrate e riguardano i controlli sull Anagrafe condotti in base al regolamento emanato con DM n. 266 del Non si è ritenuto particolarmente significativo inserire in tale confronto anche i dati del 2002 (in cui pure si è avuta una prima attività di vigilanza dell'agenzia), in quanto il periodo temporale di riferimento non era congruo con quelli successivi. L'Agenzia infatti si insediò solo l'8 marzo e all'incirca per i primi due mesi non fu in grado di operare in tale direzione. Le informazioni sull'attività di vigilanza svolta dall'agenzia nel 2002 si possono peraltro rinvenire in: Agenzia per le Organizzazioni non lucrative di utilità sociale, RELAZIONE ANNUALE SULL'ATTIVITA' SVOLTA (8 marzo dicembre 2002), Parte Seconda, Capitolo II, pp Non sfuggirà ai lettori l'adozione di un criterio classificatorio tanto delle richieste pervenute quanto dei pareri emessi ancora provvisorio e in parte difforme da quello adottato successivamente. 3 A questo proposito, si rammenta che secondo le previsioni contenute nel DPCM n. 329 del 21 marzo 2001, art. 3, comma 1, lettera k)... nei casi di scioglimento degli enti o organizzazioni, [l'agenzia] rende parere vincolante sulla devoluzione del loro patrimonio ai sensi, rispettivamente, degli articoli 10, comma 1, lettera f) del decreto legislativo 4 dicembre 1997, n. 460, e 111, comma 4-quinquies, lettera b) del testo unico delle imposte sui redditi, approvato con decreto del Presidente della Repubblica 22 dicembre 1986, n. 917, e 4, settimo comma, lettera b) del decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 1972, n. 633, fatte salve le normative relative a specifiche organizzazioni ed enti. E' questa la sola fattispecie in cui i pareri obbligatori dell'agenzia rivestono natura vincolante. 4 È opportuno ricordare che la cancellazione di un'organizzazione dall'anagrafe delle Onlus implica la perdita della qualificazione stessa di Onlus e con essa il venir meno di significative agevolazioni fiscali (anche con effetto retroattivo). 15

18 Relazione Annuale 05 Come indicato nel grafico di seguito riportato, tra i pareri della nostra Istituzione in merito alle richieste di cancellazione dall Anagrafe delle Onlus inoltrate dalle Direzioni Regionali delle Entrate, si nota che: 1434 pareri recano nelle conclusioni un giudizio favorevole alla cancellazione; 153 pareri esprimono un parere negativo alla cancellazione; 103 pareri richiedono un supplemento d indagine. Si segnalano, infine, 3 casi aggiuntivi in cui si è proceduto all archiviazione senza emissione di parere in quanto l ente la cui posizione era in corso di valutazione ha richiesto, nel frattempo, la cancellazione dall Anagrafe CLASSIFICAZIONE DEI PARERI EMESSI NEL POSITIVO NEGATIVO SUPPLEMENTO INDAGINE AUTOCANCELLAZIONE ** CIRCOLARI 0 1 Grafico 5 Nel grafico n. 6 si propone un raffronto degli esiti delle istruttorie condotte nell anno 2005 con quelli relativi agli anni 2003 e COMPARAZIONE ESITI PRATICHE DELIBERATE ANNI 2003/2004/ Positive Negative Supplemento d'indagine Grafico 6 16

19 Come evidenziato dal grafico sopra riportato, i pareri relativi alla richiesta di un supplemento d indagine nel corso del 2005 sono stati 103, contro i 21 del 2004 e i 6 del Si deve segnalare, a questo proposito, che, in generale, l Agenzia per le Onlus ha registrato una bassissima percentuale di riscontri in termini di nuova proposizione delle richieste di parere da parte delle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Entrate. In alcuni di questi casi si è ottenuto il riscontro sostanziale di un effettiva attività solidaristica che nello statuto era stata espressa in maniera inadeguata, mentre, in altri, si è avuta la conferma che la genericità con la quale era stata espressa l attività statutaria denunciava in sé una carenza effettiva del precitato requisito. In ogni caso, soprattutto in talune regioni, è andata via via crescendo la risposta alle richieste di supplemento d indagine che servono sicuramente a contenere il contenzioso. D altro canto, il Decreto Ministeriale n. 266 del 2003 sui controlli prevede che si proceda a verifiche formali, ma anche sostanziali, prima di ricorrere all emissione del provvedimento di cancellazione e, pertanto, come riscontrato in diversi casi, il modo migliore con cui procedere di fronte a uno statuto generico sembra essere quello di raccogliere maggiori elementi di giudizio onde non incorrere in errori amministrativi. Nel grafico sottostante sono evidenziate, in numeri assoluti, le richieste di supplemento d indagine inoltrate dall Agenzia per le Onlus e le relative risposte pervenute dall Amministrazione Finanziaria in questi anni. Relazione Annuale 05 SUPPLEMENTI D'INDAGINE RIFERITI ALLE PRATICHE PERVENUTE NEGLI ANNI 2003/2004/ Richieste di S.I Risposte a S.I

20 Relazione Annuale 05 Il grafico seguente mostra invece le percentuali di risposta giunte dall Amministrazione Finanziaria a fronte di pareri contenenti la richiesta di supplemento d indagine emessi dall Agenzia per le Onlus nell anno 2005 ed evidenzia l incremento dell attività d indagine suppletiva operata dall Amministrazione Finanziaria a fronte di tali richieste. RISPOSTE ALLE RICHIESTE DI S.I. NELL'ANNO 2005 Risposte a S.I. 18% Richieste di S.I. 82% Richieste di S.I. Risposte a S.I. Grafico 8 Se si suddividono le varie tipologie di pareri favorevoli alla cancellazione, è possibile evidenziare, secondo quanto riporta il grafico successivo, che 48 di essi risultano positivi in quanto le richieste vertevano su Onlus di diritto che, in base a quanto previsto dal D.Lgs. 460/97, non necessitano di iscrizione nel registro delle Onlus e che vi sono stati 60 organismi che, essendo privi di autonomia in quanto mere articolazioni territoriali di enti a carattere nazionale, non possono essere iscritti autonomamente nell Anagrafe. CLASSIFICAZIONE DEI PARERI EMESSI RISULTATI POSITIVI Onlus di diritto Non autonomia Positivo per carenza di requisiti Grafico 9 18

21 Infine, sempre con riguardo ai pareri espressi con giudizio positivo alla cancellazione, va evidenziato che dei 1326 emessi in quanto gli organismi risultano carenti dei requisiti, 753 sono quelli formulati ai sensi dell art. 6 (norma transitoria) del DM 266/03 sopra richiamato; si tratta di quegli organismi che sono stati cancellati per non aver inviato documentazione idonea a consentire il controllo del possesso dei requisiti formali come prevede la norma citata. Il controllo, in questi casi, si è limitato alla verifica della correttezza della procedura di acquisizione documentale esperita dall amministrazione finanziaria. Di seguito, si riportano i grafici che illustrano questi dati, suddivisi anche per la provenienza regionale. RICHIESTE CANCELLAZIONI EX ART. 4 D.P.C.M. 329/01 (DIVISE PER SETTORI DI ATTIVITA') RICHIESTE EX ART. 6 DM ALTRE TIPOLOGIE DI COMUNICAZIONE INOLTRATE DALLE DRE ass. soc./socio san. sanitaria beneficenza istruzione formazione sport dilettantistico tut. art./storico tut. natura/ambiente prom. cultura e arte tut. diritti civili ric. scientifica più settori non indicati ex. Art. 6 DM 266 altre tipologie di comunicazione Relazione Annuale 05 Grafico 10 RICHIESTE CANCELLAZIONI EX ART. 6 DM. 266 PERVENUTE NEL 2004/2005 E DELIBERATE NEL Abruzzo Calabria Campania Bolzano Trento Lazio Liguria Marche Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Umbria PRATICHE DELIBERATE NEL 2005 PRATICHE PERVENUTE NEL 2004/2005 Grafico 11 19

22 Relazione Annuale 05 Le Direzioni regionali che hanno inviato il maggior numero di istanze sono quelle della Puglia, del Lazio e della Calabria, rispettivamente con 308, 287 e 203 richieste di parere, mentre resta la Direzione regionale della Valle d Aosta l unica a non aver mai richiesto alcun parere su enti iscritti nel registro. I settori di iscrizione per i quali si è registrato il maggior numero di verifiche sono stati quello dell assistenza sociale e socio sanitaria con 211 istanze e quello della promozione della cultura e dell arte con RICHIESTE PERVENUTE NEL 2005 DALLE DIVERSE DIREZIONI REGIONALI DELLE ENTRATE Abruzzo Calabria Campania Bolzano Trento Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Umbria Veneto Grafico 12 ABRUZZO ass. soc./socio san. sanitaria sport dilettantistico tut. natura/ambiente prom. cultura e arte più settori nessun settore Grafico 13 20

23 CALABRIA CAMPANIA ass. soc./socio san. sanitaria beneficenza istruzione formazione sport dilettantistico tut. art./storico tut. natura/ambiente prom. cultura e arte tut. diritti civili ric. scientifica più settori nessun settore Grafico 14 Relazione Annuale ass. soc./socio san. sanitaria formazione sport dilettantistico prom. cultura e arte più settori nessun settore 4 Grafico 15 EMILIA ROMAGNA ass. soc./socio san. 3 Grafico 16 21

24 Relazione Annuale FRIULI VENEZIA GIULIA 4 8 ass. soc./socio san. 3 istruzione tut. natura/ambiente prom. cultura e arte 3 tut. diritti civili ric. scientifica più settori 10 Grafico 17 LAZIO ass. soc./socio san. sanitaria istruzione formazione sport dilettantistico tut. art./storico tut. natura/ambiente prom. cultura e arte tut. diritti civili ric. scientifica più settori nessun settore Grafico 18 LIGURIA ass. soc./socio san beneficenza istruzione formazione 2 1 tut. art./storico tut. natura/ambiente 1 3 prom. cultura e arte tut. diritti civili ric. scientifica più settori nessun settore Grafico 19 22

25 1 1 LOMBARDIA MARCHE 1 ass. soc./socio san. prom. cultura e arte nessun settore Grafico 20 Relazione Annuale ass. soc./socio san. 1 beneficenza 1 istruzione 2 formazione tut. natura/ambiente 2 prom. cultura e arte ric. scientifica 10 più settori nessun settore Grafico 21 PIEMONTE 2 ass. soc./socio san. 4 8 beneficenza istruzione formazione sport dilettantistico 4 1 tut. natura/ambiente prom. cultura e arte più settori nessun settore Grafico 22 23

26 Relazione Annuale PUGLIA SARDEGNA ass. soc./socio san. sanitaria beneficenza istruzione formazione sport dilettantistico tut. art./storico tut. natura/ambiente prom. cultura e arte tut. diritti civili ric. scientifica più settori nessun settore Grafico 23 ass. soc./socio san beneficenza istruzione formazione sport dilettantistico tut. art./storico tut. natura/ambiente prom. cultura e arte ric. scientifica più settori nessun settore Grafico 24 SICILIA ass. soc./socio san. sanitaria formazione sport dilettantistico beneficenza tut. natura/ambiente prom. cultura e arte tut. diritti civili più settori nessun settore Grafico 25 24

27 TOSCANA 2 UMBRIA 10 ass. soc./socio san. istruzione formazione prom. cultura e arte tut. diritti civili ric. scientifica nessun settore Grafico 26 Relazione Annuale ass. soc./socio san. beneficenza sport dilettantistico tut. art./storico tut. natura/ambiente prom. cultura e arte più settori nessun settore Grafico 27 VENETO ass. soc./socio san. formazione sport dilettantistico prom. cultura e arte più settori nessun settore 9 Grafico 28 25

AGENZIA PER IL TERZO SETTORE ATTO DI INDIRIZZO. ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001, n. 329

AGENZIA PER IL TERZO SETTORE ATTO DI INDIRIZZO. ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001, n. 329 AGENZIA PER IL TERZO SETTORE ATTO DI INDIRIZZO ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001, n. 329 in relazione alla configurabilità di un Trust Onlus Approvato dalla Commissione

Dettagli

CIRCOLARE N. 56/E. OGGETTO: Chiarimenti in merito ai soggetti destinatari della quota del cinque per mille dell Irpef

CIRCOLARE N. 56/E. OGGETTO: Chiarimenti in merito ai soggetti destinatari della quota del cinque per mille dell Irpef CIRCOLARE N. 56/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 10 dicembre 2010 OGGETTO: Chiarimenti in merito ai soggetti destinatari della quota del cinque per mille dell Irpef 2 INDICE PREMESSA

Dettagli

Roma, 31 ottobre 2007

Roma, 31 ottobre 2007 CIRCOLARE N. 59/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 31 ottobre 2007 OGGETTO: Organizzazioni non lucrative di utilità sociale (ONLUS). Decreto Legislativo 4 dicembre 1997, n. 460. Indirizzi

Dettagli

ATTO DI INDIRIZZO ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001, n. 329

ATTO DI INDIRIZZO ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001, n. 329 AGENZIA PER LE ONLUS ATTO DI INDIRIZZO ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001, n. 329 in relazione alle partecipazione di controllo detenute da Onlus in enti societari aventi

Dettagli

AGENZIA PER LE ONLUS. ATTO DI INDIRIZZO ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001, n. 329

AGENZIA PER LE ONLUS. ATTO DI INDIRIZZO ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001, n. 329 AGENZIA PER LE ONLUS ATTO DI INDIRIZZO ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001, n. 329 in relazione alla contestuale iscrizione di un associazione di promozione sociale nel Registro

Dettagli

ATTO DI INDIRIZZO ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001, n. 329

ATTO DI INDIRIZZO ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001, n. 329 ATTO DI INDIRIZZO ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001, n. 329 in relazione alla contestuale iscrizione di un associazione di promozione sociale nel Registro di cui all art.

Dettagli

OGGETTO: Risposte a quesiti in merito all articolo 8 DL 13 maggio 2011, n. 70 - Titoli di risparmio per l economia meridionale.

OGGETTO: Risposte a quesiti in merito all articolo 8 DL 13 maggio 2011, n. 70 - Titoli di risparmio per l economia meridionale. CIRCOLARE N. 10/E Direzione Centrale Normativa Roma, 30 aprile 2013 OGGETTO: Risposte a quesiti in merito all articolo 8 DL 13 maggio 2011, n. 70 - Titoli di risparmio per l economia meridionale. Premessa

Dettagli

Bando Sostegno a Programmi e Reti di volontariato 2011 LA FONDAZIONE CON IL SUD

Bando Sostegno a Programmi e Reti di volontariato 2011 LA FONDAZIONE CON IL SUD Bando Sostegno a Programmi e Reti di volontariato 2011 LA FONDAZIONE CON IL SUD Invita a presentare iniziative di Sostegno a Programmi e reti di volontariato nelle Regioni del Sud Italia Sommario Sezione

Dettagli

IL CONSIGLIO DELL AGENZIA PER LE ONLUS

IL CONSIGLIO DELL AGENZIA PER LE ONLUS DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO N. 60 del 11/02/2009 Approvazione, ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001, n. 329 dell Atto di Indirizzo di carattere generale contenente chiarimenti

Dettagli

(Finalità e oggetto)

(Finalità e oggetto) Delega al Governo per la riforma del Terzo settore, dell impresa sociale e per la disciplina del Servizio civile universale Art. 1. (Finalità e oggetto) 1. Il Governo è delegato ad adottare, entro dodici

Dettagli

RISOLUZIONE N.126/E QUESITO

RISOLUZIONE N.126/E QUESITO RISOLUZIONE N.126/E Roma, 16 dicembre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Consulenza giuridica - Adempimenti contabili degli enti non commerciali ed obbligo di rendicontazione di cui all'art. 20

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA RELAZIONE SULL ATTIVITÀ SVOLTA DALL AGENZIA PER LE ORGANIZZAZIONI NON LUCRATIVE DI UTILITÀ SOCIALE

SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA RELAZIONE SULL ATTIVITÀ SVOLTA DALL AGENZIA PER LE ORGANIZZAZIONI NON LUCRATIVE DI UTILITÀ SOCIALE SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA Doc. CXCII n. 1 RELAZIONE SULL ATTIVITÀ SVOLTA DALL AGENZIA PER LE ORGANIZZAZIONI NON LUCRATIVE DI UTILITÀ SOCIALE (Periodo 8 marzo - 31 dicembre 2002) (Articolo

Dettagli

Le Onlus. Le ONLUS: Organizzazioni non lucrative di utilità sociale...51. Anagrafe delle ONLUS e procedura di iscrizione...53

Le Onlus. Le ONLUS: Organizzazioni non lucrative di utilità sociale...51. Anagrafe delle ONLUS e procedura di iscrizione...53 Le Onlus Le ONLUS: Organizzazioni non lucrative di utilità sociale...51 Anagrafe delle ONLUS e procedura di iscrizione...53 Obblighi formali e contabili delle ONLUS...54 Le principali agevolazioni fiscali

Dettagli

controllo da parte degli organi a vario titolo deputati al controllo dell azienda non profit, Lo scopo della raccomandazione

controllo da parte degli organi a vario titolo deputati al controllo dell azienda non profit, Lo scopo della raccomandazione I sistemi e le procedure di controllo negli enti non profit di Giorgio Gentili Sireco srl di Roma e Hepta Consulenza Srl di San Severino Marche (MC) L a Commissione aziende non profit del Consiglio nazionale

Dettagli

PROGETTI DI LEGGE REGIONALI DI PARTICOLARE INTERESSE

PROGETTI DI LEGGE REGIONALI DI PARTICOLARE INTERESSE PROGETTI DI LEGGE REGIONALI DI PARTICOLARE INTERESSE Regione Piemonte Proposta di legge regionale d iniziativa consiliare Oggetto n. 248 Istituzione dell anagrafe degli eletti Con il presente progetto

Dettagli

Legge Regionale 13 novembre 2009 n. 40 Disciplina delle Associazioni di Promozione Sociale ( B. U. REGIONE BASILICATA N. 51 bis del 16 novembre 2009)

Legge Regionale 13 novembre 2009 n. 40 Disciplina delle Associazioni di Promozione Sociale ( B. U. REGIONE BASILICATA N. 51 bis del 16 novembre 2009) Legge Regionale 13 novembre 2009 n. 40 Disciplina delle Associazioni di Promozione Sociale ( B. U. REGIONE BASILICATA N. 51 bis del 16 novembre 2009) Articolo 1 Finalità e oggetto della legge 1. La Regione,

Dettagli

L ISCRIZIONE NELL ELENCO DEI BENEFICIARI DEL 5 PER IL 2013

L ISCRIZIONE NELL ELENCO DEI BENEFICIARI DEL 5 PER IL 2013 INFORMATIVA N. 087 29 MARZO 2013 ADEMPIMENTI L ISCRIZIONE NELL ELENCO DEI BENEFICIARI DEL 5 PER IL 2013 Art. 2, commi da 4-novies a 4-undecies, DL n. 40/2010 DPCM 23.4.2010 Art. 23, comma 2, DL n. 95/2012

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 50/24 DEL 21.12.2012

DELIBERAZIONE N. 50/24 DEL 21.12.2012 Oggetto: Interventi a favore del sistema cooperativistico regionale. - Modifica parziale della Delib.G.R. n. 23/2 del 29.5.2012. POR FSE 2007-2013. L Assessore del Lavoro, Formazione Professionale, Cooperazione

Dettagli

IL CONSIGLIO REGIONALE

IL CONSIGLIO REGIONALE 16 LEGGE REGIONALE 18 dicembre 2007, n. 39 Norme di attuazione della legge 7 dicembre 2007, n. 383 (Disciplina delle associazioni di promozione sociale). IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE

Dettagli

RISOLUZIONE N. 10/E. Roma 14 gennaio

RISOLUZIONE N. 10/E. Roma 14 gennaio RISOLUZIONE N. 10/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso 2008 Roma 14 gennaio Oggetto: Istanza di interpello - Alfa - Rilevazione dei ricavi e dei costi relativi all attività di raccolta e accettazione

Dettagli

Linee Guida di cui all articolo 13, comma 1-quinquies del decreto legge 31 gennaio 2007, n. 7, convertito dalla legge 2 aprile 2007, n.

Linee Guida di cui all articolo 13, comma 1-quinquies del decreto legge 31 gennaio 2007, n. 7, convertito dalla legge 2 aprile 2007, n. Linee Guida di cui all articolo 13, comma 1-quinquies del decreto legge 31 gennaio 2007, n. 7, convertito dalla legge 2 aprile 2007, n. 40 Premessa Il presente documento contiene indicazioni e orientamenti

Dettagli

IL BILANCIO SOCIALE E IL SUO RADICAMENTO NELLE ASSOCIAZIONI LINEE GUIDA E RIFLESSIONI SULLE METODOLOGIE

IL BILANCIO SOCIALE E IL SUO RADICAMENTO NELLE ASSOCIAZIONI LINEE GUIDA E RIFLESSIONI SULLE METODOLOGIE di Sergio Ricci 1 IL BILANCIO SOCIALE E IL SUO RADICAMENTO NELLE ASSOCIAZIONI LINEE GUIDA E RIFLESSIONI SULLE METODOLOGIE Intervento per il Convegno Turismo Sociale e Bilancio Sociale : contributi in un

Dettagli

LEGGE N.144/1999 ART. 4: FONDO PROGETTAZIONE PRELIMINARE IL CIPE

LEGGE N.144/1999 ART. 4: FONDO PROGETTAZIONE PRELIMINARE IL CIPE LEGGE N.144/1999 ART. 4: FONDO PROGETTAZIONE PRELIMINARE IL CIPE VISTA la legge 11 febbraio 1994, n. 109, recante Legge quadro in materia di lavori pubblici, nel testo aggiornato pubblicato nel supplemento

Dettagli

RISOLUZIONE N. 9/E. Lo ha chiarito. Roma, 22 gennaio 2015

RISOLUZIONE N. 9/E. Lo ha chiarito. Roma, 22 gennaio 2015 RISOLUZIONE N. 9/E Lo ha chiarito Direzione Centrale Normativa Roma, 22 gennaio 2015 OGGETTO: Interpello - Art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212 - Articolo 29 decretolegge 18 ottobre 2012, n. 179 Incentivi

Dettagli

Procedimenti per l adozione di atti di regolazione

Procedimenti per l adozione di atti di regolazione Procedimenti per l adozione di atti di regolazione Risposta alla consultazione Consob sul progetto di regolamento di attuazione dell articolo 23 della legge n. 262/2005 1. Introduzione La Consob ha sottoposto

Dettagli

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO PARERE N. 18 DEL 11.12.2009 IL QUESITO

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO PARERE N. 18 DEL 11.12.2009 IL QUESITO FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO PARERE N. 18 DEL 11.12.2009 SCUDO FISCALE E ATTIVITÀ ALL ESTERO DA PARTE DEI LAVORATORI DIPENDENTI IL QUESITO Nella circolare n. 48 del 2009 l Agenzia delle entrate

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E LA TENUTA DELL ALBO COMUNALE DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO;

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E LA TENUTA DELL ALBO COMUNALE DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO; REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E LA TENUTA DELL ALBO COMUNALE DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO; Approvato con deliberazione di G.M. n. 57 del 24/03/2003 REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E LA TENUTA DELL

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 22 luglio 2009

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 22 luglio 2009 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 22 luglio 2009 OGGETTO: Modifiche alla disciplina della deducibilità degli interessi passivi dal reddito di impresa Articolo 96 del TUIR.

Dettagli

Con l interpello specificato in oggetto, concernente l interpretazione dell articolo 109, comma 9, lettera b), del Tuir, è stato esposto il seguente

Con l interpello specificato in oggetto, concernente l interpretazione dell articolo 109, comma 9, lettera b), del Tuir, è stato esposto il seguente RISOLUZIONE N. 192/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Interpello. Articolo 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Disciplina fiscale applicabile al contratto di associazione in partecipazione

Dettagli

N. CIRCOLARE N. 39/E. Roma, 19 agosto 2005. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso

N. CIRCOLARE N. 39/E. Roma, 19 agosto 2005. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso N. CIRCOLARE N. 39/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 19 agosto 2005 OGGETTO: Imposte sui redditi. ONLUS e terzo settore. Erogazioni liberali. Articolo 14 del decreto-legge 14 marzo 2005,

Dettagli

Documento di studio e approfondimento.

Documento di studio e approfondimento. Documento di studio e approfondimento. Insufficiente versamento del saldo dovuto con riferimento alla dichiarazione dei redditi; ravvedimento parziale, conseguenze 1. La fattispecie 1.1 Premessa Le disposizioni

Dettagli

ASSOCIAZIONI DI PROMOZIONE SOCIALE (APS): ASPETTI INTRODUTTIVI

ASSOCIAZIONI DI PROMOZIONE SOCIALE (APS): ASPETTI INTRODUTTIVI ASSOCIAZIONI DI PROMOZIONE SOCIALE (): ASPETTI INTRODUTTIVI Nel nostro Paese l associazionismo sociale è un fenomeno in continua espansione. Le Associazioni di Promozione Sociale rappresentano quei soggetti

Dettagli

OGGETTO: Interpello 954-541/2006 Art. 11 della legge 27 luglio 2000, n. 212 Università Telematica Pegaso

OGGETTO: Interpello 954-541/2006 Art. 11 della legge 27 luglio 2000, n. 212 Università Telematica Pegaso RISOLUZIONE N. 6/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 24 gennaio 2007 OGGETTO: Interpello 954-541/2006 Art. 11 della legge 27 luglio 2000, n. 212 Università Telematica Pegaso Con l interpello

Dettagli

Gli obblighi di bilancio

Gli obblighi di bilancio IL BILANCIO DELLE SOCIETA DI MUTUO SOCCORSO di Massimo Avincola e Giorgio Gentili Premessa Negli ultimi anni sono state costituite numerose Società di Mutuo Soccorso, molte delle quali, sono state promosse

Dettagli

Relazione sullo schema di bilancio annuale di previsione per l esercizio finanziario 2015 e pluriennale 2015-2017

Relazione sullo schema di bilancio annuale di previsione per l esercizio finanziario 2015 e pluriennale 2015-2017 Relazione sullo schema di bilancio annuale di previsione per l esercizio finanziario 2015 e pluriennale 2015-2017 Lo schema di bilancio annuale di previsione per l esercizio 2015 è stato predisposto ai

Dettagli

RISOLUZIONE N. 57/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 57/E QUESITO RISOLUZIONE N. 57/E Direzione Centrale Normativa Roma, 23 giugno 2010 OGGETTO: Consulenza giuridica IRES Art. 90, comma 8, legge 27 dicembre 2002, n. 289 - Deducibilità dal reddito d impresa dei corrispettivi

Dettagli

Oggetto: Istanza di interpello - Ente Ecclesiastico civilmente riconosciuto - D.Lgs. n. 460 del 1997 Esenzione regionale dall IRAP

Oggetto: Istanza di interpello - Ente Ecclesiastico civilmente riconosciuto - D.Lgs. n. 460 del 1997 Esenzione regionale dall IRAP RISOLUZIONE N.79/E Roma,31 marzo 2003 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Oggetto: Istanza di interpello - Ente Ecclesiastico civilmente riconosciuto - D.Lgs. n. 460 del 1997 Esenzione regionale

Dettagli

Estratto dal D. L. 04/12/97 n. 460

Estratto dal D. L. 04/12/97 n. 460 Estratto dal D. L. 04/12/97 n. 460 1. RIFORMA DELLA DISCIPLINA TRIBUTARIA DEGLI ENTI NON COMMERCIALI E ISTITUZIONE DELLE ONLUS modifica la disciplina degli enti non commerciali in materia di imposte sul

Dettagli

Cinque per mille: trattamento contabile e fiscale del contributo e obbligo della rendicontazione

Cinque per mille: trattamento contabile e fiscale del contributo e obbligo della rendicontazione Cinque per mille: trattamento contabile e fiscale del contributo e obbligo della rendicontazione di Sergio Ricci Introduzione Come noto, il trattamento contabile (ed il conseguente trattamento fiscale)

Dettagli

AZIONI di COORDINAMENTO ORGANISMI REGIONALI ANFFAS ONLUS. programmi e stato dell arte. Consigliere Nazionale Cesarina Del Vecchio

AZIONI di COORDINAMENTO ORGANISMI REGIONALI ANFFAS ONLUS. programmi e stato dell arte. Consigliere Nazionale Cesarina Del Vecchio AZIONI di COORDINAMENTO ORGANISMI REGIONALI ANFFAS ONLUS programmi e stato dell arte Consigliere Nazionale Cesarina Del Vecchio 1 PROGRAMMA APPROVATO DALL ASSEMBLEA ASSEMBLEA MAGGIO 2010: Per quanto concerne

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato VIETTI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato VIETTI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 1090 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato VIETTI Delega al Governo per la riforma della disciplina delle persone giuridiche e delle

Dettagli

PROGETTO CULTURALMENTE REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE

PROGETTO CULTURALMENTE REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE PROGETTO CULTURALMENTE REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE 1. PREMESSA La cultura non è tanto un emergenza dimenticata, quanto una scelta di fondo trascurata per lunghissimo tempo Negli ultimi anni in tutta

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER IL MERCATO, LA CONCORRENZA, IL CONSUMATORE, LA VIGILANZA E LA NORMATIVA TECNICA Divisione XXI Registro delle imprese Roma, 29 settembre 2014, prot.

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE SUI CONTROLLI INTERNI

REGOLAMENTO COMUNALE SUI CONTROLLI INTERNI REGOLAMENTO COMUNALE SUI CONTROLLI INTERNI Articolo 1 OGGETTO 1. Il presente regolamento ha ad oggetto il sistema dei controlli interni come previsti dagli articoli 147 e seguenti del decreto legislativo

Dettagli

IL CIPE. Deliberazione n. 36 del 15 giugno 2007

IL CIPE. Deliberazione n. 36 del 15 giugno 2007 Deliberazione n. 36 del 15 giugno 2007 DEFINIZIONE DEI CRITERI DI COFINANZIAMENTO PUBBLICO NAZIONALE DEGLI INTERVENTI SOCIO STRUTTURALI COMUNITARI PER IL PERIODO DI PROGRAMMAZIONE 2007-2013 IL CIPE VISTA

Dettagli

COMUNE DI TAVERNERIO. Regolamento delle Associazioni

COMUNE DI TAVERNERIO. Regolamento delle Associazioni COMUNE DI TAVERNERIO Regolamento delle Associazioni Art. 1 - Finalità del regolamento 1. Il Comune di Tavernerio riconosce ed afferma il valore delle libere e autonome Associazioni e degli organismi di

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo.

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. Consiglio dei Ministri: 05/04/2007 Proponenti: Esteri ART. 1 (Finalità

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 11

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 11 Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 11 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori BIANCONI e CARRARA COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 29 APRILE 2008 Modifiche alla legge 11 agosto 1991, n. 266, in

Dettagli

COMUNE DI SAN GIOVANNI LUPATOTO Provincia di Verona

COMUNE DI SAN GIOVANNI LUPATOTO Provincia di Verona COMUNE DI SAN GIOVANNI LUPATOTO Provincia di Verona REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE DELL ALBO DELLE LIBERE ASSOCIAZIONI E DEGLI ORGANISMI DI PARTECIPAZIONE. INDICE Art. 1 Finalità Art. 2 Istituzione dell

Dettagli

RISOLUZIONE N. 60/E. Roma, 16 maggio 2005. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso

RISOLUZIONE N. 60/E. Roma, 16 maggio 2005. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso RR RISOLUZIONE N. 60/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 16 maggio 2005 OGGETTO: Istanza di interpello. X S.r.l. Trasformazione di società di capitali in società di persone e deducibilità

Dettagli

Modello di statuto per i musei di ente locale e di interesse locale

Modello di statuto per i musei di ente locale e di interesse locale REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ASSESSORATO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE, BENI CULTURALI, INFORMAZIONE, SPETTACOLO E SPORT Modello di statuto per i musei di ente locale e di interesse locale Articolo 1 Istituzione...

Dettagli

visto il Contratto collettivo nazionale di lavoro relativo al personale dipendente del comparto Scuola sottoscritto il 26 maggio 1999;

visto il Contratto collettivo nazionale di lavoro relativo al personale dipendente del comparto Scuola sottoscritto il 26 maggio 1999; Protocollo d intesa tra Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca (di seguito denominato Ministero) e Istituto Nazionale per l Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro (di seguito

Dettagli

CIRCOLARE N. 34/E. Roma, 21 novembre 2013

CIRCOLARE N. 34/E. Roma, 21 novembre 2013 CIRCOLARE N. 34/E Direzione Centrale Normativa Roma, 21 novembre 2013 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi erogati da amministrazioni pubbliche - Criteri generali per la definizione

Dettagli

CIRCOLARE N. 11 /E INDICE. Premessa...2. 1. Redditi dell anno 2012...3. 2. Determinazione dell imposta sostitutiva...4

CIRCOLARE N. 11 /E INDICE. Premessa...2. 1. Redditi dell anno 2012...3. 2. Determinazione dell imposta sostitutiva...4 CIRCOLARE N. 11 /E Direzione Centrale Normativa Roma, 30 aprile 2013 OGGETTO: Imposta sostitutiva sulla retribuzione di produttività - Art. 1, comma 481, della legge n. 228/2012 (legge di stabilità 2013)

Dettagli

Ministro per la Semplificazione Normativa Ufficio legislativo

Ministro per la Semplificazione Normativa Ufficio legislativo Ministro per la Semplificazione Normativa Ufficio legislativo p.c. Al dott. Daniele Belotti Assessore Territorio e Urbanistica Regione Lombardia Via Sassetti 32 20124 Milano Ministero dell economia e delle

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEL NOTARIATO

CONSIGLIO NAZIONALE DEL NOTARIATO CONSIGLIO NAZIONALE DEL NOTARIATO Studio n. 59-2006/I Acquisto di quote o azioni proprie da parte di un confidi operante in forma di società cooperativa Approvato dal Gruppo di Studio Consorzi Fidi il

Dettagli

Centro Studi Consiglio Nazionale Ingegneri

Centro Studi Consiglio Nazionale Ingegneri Centro Studi Consiglio Nazionale Ingegneri L estensione dell obbligo della formazione continua agli iscritti all Ordine degli Ingegneri (art. 3, comma 5, lettera b) del decreto-legge 13 agosto 2011, n.

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio N. 44 del 24 Marzo 2015 Ai gentili clienti Loro sedi Soci amministratori unici con tutela assicurativa INAIL Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che

Dettagli

Bando Volontariato 2015. Reti Nazionali

Bando Volontariato 2015. Reti Nazionali Bando Volontariato 2015 Reti Nazionali SEZIONE 1. CARATTERISTICHE GENERALI DELL INIZIATIVA 1.1 Obiettivi Nell ambito delle numerose iniziative di sostegno al volontariato della Fondazione, il presente

Dettagli

LE FONDAZIONI. Struttura del patrimonio, bilancio e devoluzione del patrimonio in caso di scioglimento ELENA DEMARZIANI

LE FONDAZIONI. Struttura del patrimonio, bilancio e devoluzione del patrimonio in caso di scioglimento ELENA DEMARZIANI S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LE FONDAZIONI Struttura del patrimonio, bilancio e devoluzione del patrimonio in caso di scioglimento ELENA DEMARZIANI 24 marzo 2015 Sala Convegni C.so Europa,

Dettagli

Studio Legale Casella e Scudier

Studio Legale Casella e Scudier Circolare n. 2/2011 del 20 settembre 2011* SICUREZZA E SALUTE DEL LAVORO NELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO E NELLE COOPERATIVE SOCIALI: EMANATO IL DECRETO MINISTERIALE DI ATTUAZIONE DEL DECRETO 81/08

Dettagli

LA BANCA D ITALIA. Vista la legge 17 gennaio 2000, n. 7, in materia di disciplina del mercato dell oro;

LA BANCA D ITALIA. Vista la legge 17 gennaio 2000, n. 7, in materia di disciplina del mercato dell oro; Regolamento per l organizzazione e il funzionamento della Unità di Informazione Finanziaria (UIF), ai sensi dell art. 6, comma 2, del d.lgs. 21 novembre 2007, n. 231 LA BANCA D ITALIA Viste la direttiva

Dettagli

REGIONE EMILIA-ROMAGNA Atti amministrativi

REGIONE EMILIA-ROMAGNA Atti amministrativi REGIONE EMILIA-ROMAGNA Atti amministrativi ASSEMBLEA LEGISLATIVA Atto del Dirigente a firma unica: DETERMINAZIONE n 124 del 25/02/2015 Proposta: DAL/2015/128 del 24/02/2015 Struttura proponente: Oggetto:

Dettagli

RISOLUZIONE N. 83/E. Oggetto: Interpello - Componenti di reddito in valuta estera - Articoli 9, 109 e 110 del TUIR

RISOLUZIONE N. 83/E. Oggetto: Interpello - Componenti di reddito in valuta estera - Articoli 9, 109 e 110 del TUIR RISOLUZIONE N. 83/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 30 marzo 2009 A tutte le Direzioni Oggetto: Interpello - Componenti di reddito in valuta estera - Articoli 9, 109 e 110 del TUIR La

Dettagli

DIREZIONE CENTRALE DELLE PRESTAZIONI DIREZIONE CENTRALE DELLE ENTRATE CONTRIBUTIVE. Roma, 4 novembre 1999 Circolare n. 194

DIREZIONE CENTRALE DELLE PRESTAZIONI DIREZIONE CENTRALE DELLE ENTRATE CONTRIBUTIVE. Roma, 4 novembre 1999 Circolare n. 194 DIREZIONE CENTRALE DELLE PRESTAZIONI DIREZIONE CENTRALE DELLE ENTRATE CONTRIBUTIVE Roma, 4 novembre 1999 Circolare n. 194 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Coordinatori generali, centrali e periferici

Dettagli

VISTA la proposta formulata dal GSE in data 10 luglio 2014; VISTA la legge 7 agosto 1990, n. 241 e, in particolare, l articolo 1;

VISTA la proposta formulata dal GSE in data 10 luglio 2014; VISTA la legge 7 agosto 1990, n. 241 e, in particolare, l articolo 1; Il Ministro dello Sviluppo Economico VISTO l articolo 26, comma 2, del decreto-legge n. 91 del 2014, convertito dalla legge 11 agosto 2014, n. 116, (di seguito: decreto-legge n. 91 del 2014) il quale dispone

Dettagli

RISOLUZIONE N. 10/E. OGGETTO: Interpello Art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Attività consultoriale a pagamento - Qualificazione ONLUS.

RISOLUZIONE N. 10/E. OGGETTO: Interpello Art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Attività consultoriale a pagamento - Qualificazione ONLUS. RISOLUZIONE N. 10/E Direzione Centrale Normativa Roma, 23 gennaio 2015 OGGETTO: Interpello Art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Attività consultoriale a pagamento - Qualificazione ONLUS. Con l interpello

Dettagli

SOMMARIO 1. 2. 2.1. 2.2. 2.3. 2.4.

SOMMARIO 1. 2. 2.1. 2.2. 2.3. 2.4. SOMMARIO 1 1 1. Il Nuovo Apprendistato Professionalizzante 2 2. Riferimenti Normativi 5 2.1. D. Lgs. del 14 Settembre 2011 n. 167 e smi 5 2.2. Legge Regionale del 22 Ottobre 2012 n. 31 7 2.3. Circolare

Dettagli

PROFESSIONISTI AZIENDALI ASSOCIATI I PROFESSIONISTI PER L AZIENDA

PROFESSIONISTI AZIENDALI ASSOCIATI I PROFESSIONISTI PER L AZIENDA Informative e news per la clientela di studio Oggetto: IL 5 PER MILLE ENTRA A REGIME È partita lo scorso 26 marzo la procedura che enti e associazioni devono seguire per richiedere ai contribuenti la destinazione

Dettagli

CIRCOLARE N. 61/E. Roma, 27 dicembre 2010. OGGETTO: Ulteriori chiarimenti in merito alla disciplina fiscale dei Trust.

CIRCOLARE N. 61/E. Roma, 27 dicembre 2010. OGGETTO: Ulteriori chiarimenti in merito alla disciplina fiscale dei Trust. CIRCOLARE N. 61/E Direzione Centrale Normativa Roma, 27 dicembre 2010 OGGETTO: Ulteriori chiarimenti in merito alla disciplina fiscale dei Trust. PREMESSA Come noto, l articolo 1, commi da 74 a 76, della

Dettagli

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA ( EX MINISTERO DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA SCIENTIFICA E TECNOLOGICA)

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA ( EX MINISTERO DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA SCIENTIFICA E TECNOLOGICA) MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA ( EX MINISTERO DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA SCIENTIFICA E TECNOLOGICA) COMPARTO MINISTERI - PERSONALE DELLE AREE FUNZIONALI CONTRATTAZIONE

Dettagli

Oggetto: Istanza di interpello art. 11, legge 27 luglio 2000, n.212 EUR SPA - Trasformazione di un ente pubblico in s.p.a.

Oggetto: Istanza di interpello art. 11, legge 27 luglio 2000, n.212 EUR SPA - Trasformazione di un ente pubblico in s.p.a. RISOLUZIONE N. 313/E f Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,05 novembre 2007 Oggetto: Istanza di interpello art. 11, legge 27 luglio 2000, n.212 EUR SPA - Trasformazione di un ente pubblico

Dettagli

Il percorso della sicurezza per i volontari di protezione civile

Il percorso della sicurezza per i volontari di protezione civile Il percorso della sicurezza per i volontari di protezione civile Il decreto legislativo n. 81/2008, la legge che tutela la sicurezza dei lavoratori, si applica alle attività svolte dai volontari di protezione

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA. TRA L UNIONE LOMBARDA DEI CONSIGLI dell ORDINE DEGLI AVVOCATI. EQUITALIANORD S.p.A.

PROTOCOLLO DI INTESA. TRA L UNIONE LOMBARDA DEI CONSIGLI dell ORDINE DEGLI AVVOCATI. EQUITALIANORD S.p.A. Unione Lombarda dei Consigli dell Ordine degli Avvocati PROTOCOLLO DI INTESA TRA L UNIONE LOMBARDA DEI CONSIGLI dell ORDINE DEGLI AVVOCATI ed EQUITALIANORD S.p.A. L anno.. il giorno del mese di...presso

Dettagli

(i) richieda l iscrizione nell elenco speciale istituito dall Emittente alla data t0;

(i) richieda l iscrizione nell elenco speciale istituito dall Emittente alla data t0; Comunicazione n. 0080574 del 15-10-2015 inviata alla società ( ) e allo studio legale ( ) OGGETTO: ( società ) - Quesito in merito all applicazione della disciplina dell offerta pubblica di acquisto obbligatoria

Dettagli

STUDIO BD e ASSOCIATI Associazione Professionale Cod. Fisc. e Partita Iva 01727930354 web: www.bdassociati.it e-mail: info@bdassociati.

STUDIO BD e ASSOCIATI Associazione Professionale Cod. Fisc. e Partita Iva 01727930354 web: www.bdassociati.it e-mail: info@bdassociati. Circolare n. 1/2013 Pagina 1 di 7 A tutti i Clienti Loro sedi Circolare n. 1/2013 del 15 gennaio 2013 Deducibilità dall Irpef / Ires dell Irap relativa alle spese per il personale dipendente e assimilato

Dettagli

Tracciabilità dei pagamenti anche per associazioni no profit e pro-loco

Tracciabilità dei pagamenti anche per associazioni no profit e pro-loco Ipsoa Quotidiano LA RISOLUZIONE N. 102/E/2014 20 novembre 2014 ore 06:00 Tracciabilità dei pagamenti anche per associazioni no profit e pro-loco L obbligo di tracciabilità dei pagamenti e dei versamenti

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 28 del 16 Settembre 1996 REGIONE LOMBARDIA Promozione, riconoscimento e sviluppo dell' associazionismo

LEGGE REGIONALE N. 28 del 16 Settembre 1996 REGIONE LOMBARDIA Promozione, riconoscimento e sviluppo dell' associazionismo LEGGE REGIONALE N. 28 del 16 Settembre 1996 REGIONE LOMBARDIA Promozione, riconoscimento e sviluppo dell' associazionismo Pubblicata sul BOLLETTINO UFFICIALE della REGIONE LOMBARDIA n 38 del 21 settembre

Dettagli

RISOLUZIONE N. 124/E. Roma 07 novembre 2006

RISOLUZIONE N. 124/E. Roma 07 novembre 2006 , Direzione Centrale Normativa e Contenzioso RISOLUZIONE N. 124/E Roma 07 novembre 2006 Oggetto: Istanza di interpello Articolo 152 del Testo Unico delle Imposte sul Reddito, approvato con Decreto del

Dettagli

ULTIMI INTERVENTI DI PRASSI IN TEMA DI REDDITO D IMPRESA

ULTIMI INTERVENTI DI PRASSI IN TEMA DI REDDITO D IMPRESA ULTIMI INTERVENTI DI PRASSI IN TEMA DI REDDITO D IMPRESA Prof. ssa Loredana CARPENTIERI Diretta 17 maggio 2010 CIRCOLARE N. 46/E DEL 3 NOVEMBRE 2009 Adempimenti dichiarativi per costi da operazioni con

Dettagli

Deliberazione n.11/2003/p

Deliberazione n.11/2003/p Deliberazione n.11/2003/p REPUBBLICA ITALIANA la Corte dei conti In Sezione centrale di controllo di legittimità su atti del Governo e delle Amministrazioni dello Stato I Collegio *** Nell adunanza congiunta

Dettagli

RISOLUZIONE N. 107/E

RISOLUZIONE N. 107/E RISOLUZIONE N. 107/E Direzione Centrale Normativa Roma, 3 dicembre 2014 OGGETTO: Imposte sui redditi - Oneri deducibili - Contributi assistenziali versati al Fondo - Art. 10, comma 1, lettera e-ter) e

Dettagli

AVVISO PUBBLICO IL DIRETTORE GENERALE

AVVISO PUBBLICO IL DIRETTORE GENERALE Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per il sistema educativo di istruzione e formazione Direzione generale per gli ordinamenti scolastici e la valutazione del sistema

Dettagli

RISOLUZIONE N. 234/E

RISOLUZIONE N. 234/E RISOLUZIONE N. 234/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 24 agosto 2009 provinciali OGGETTO:Istanza di interpello - trasmissione delazione ereditaria obbligo di presentazione della dichiarazione

Dettagli

DISCIPLINA DELL ASSETTO ISTITUZIONALE, ORGANIZZATIVO E GESTIONALE DEGLI IRCCS BURLO GAROFOLO DI TRIESTE E C.R.O. DI AVIANO

DISCIPLINA DELL ASSETTO ISTITUZIONALE, ORGANIZZATIVO E GESTIONALE DEGLI IRCCS BURLO GAROFOLO DI TRIESTE E C.R.O. DI AVIANO DISCIPLINA DELL ASSETTO ISTITUZIONALE, ORGANIZZATIVO E GESTIONALE DEGLI IRCCS BURLO GAROFOLO DI TRIESTE E C.R.O. DI AVIANO TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI Art.1 (Oggetto) 1. La presente legge riordina

Dettagli

RISOLUZIONE N. 131/E. Roma, 22 ottobre 2004. Oggetto: Trattamento tributario delle forme pensionistiche complementari

RISOLUZIONE N. 131/E. Roma, 22 ottobre 2004. Oggetto: Trattamento tributario delle forme pensionistiche complementari RISOLUZIONE N. 131/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 22 ottobre 2004 Oggetto: Trattamento tributario delle forme pensionistiche complementari L Associazione XY (di seguito XY ), con nota

Dettagli

CIRCOLARE N. 11/E. Roma, 12 marzo 2010

CIRCOLARE N. 11/E. Roma, 12 marzo 2010 CIRCOLARE N. 11/E Direzione Centrale Normativa Roma, 12 marzo OGGETTO: Regolarizzazione delle omissioni relative al monitoraggio degli investimenti esteri e delle attività estere di natura finanziaria.

Dettagli

RISOLUZIONE N. 251/E

RISOLUZIONE N. 251/E RISOLUZIONE N. 251/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 14 settembre 2007 Oggetto: Interpello - Alfa S.p.a. - Disciplina applicabile, ai fini IRES e IRAP, agli indennizzi assicurativi spettanti

Dettagli

REGIONE EMILIA-ROMAGNA Atti amministrativi

REGIONE EMILIA-ROMAGNA Atti amministrativi REGIONE EMILIA-ROMAGNA Atti amministrativi ASSEMBLEA LEGISLATIVA Atto del Dirigente: DETERMINAZIONE n 732 del 28/11/2013 Proposta: DAL/2013/783 del 26/11/2013 Struttura proponente: Oggetto: Autorità emanante:

Dettagli

RISOLUZIONE N. 27/E. OGGETTO: Consulenza giuridica - Nozione di valore unitario, di cui al comma 2 dell articolo 108 del TUIR

RISOLUZIONE N. 27/E. OGGETTO: Consulenza giuridica - Nozione di valore unitario, di cui al comma 2 dell articolo 108 del TUIR RISOLUZIONE N. 27/E Direzione Centrale Normativa Roma, 12 Marzo 2014 OGGETTO: Consulenza giuridica - Nozione di valore unitario, di cui al comma 2 dell articolo 108 del TUIR Con la consulenza specificata

Dettagli

RISOLUZIONE N. 69/E. Oggetto: Interpello 954-6/2002- Art. 11, legge 27-7-2000, n. 212..

RISOLUZIONE N. 69/E. Oggetto: Interpello 954-6/2002- Art. 11, legge 27-7-2000, n. 212.. RISOLUZIONE N. 69/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 4 marzo 2002 Oggetto: Interpello 954-6/2002- Art. 11, legge 27-7-2000, n. 212.. Con l istanza di interpello di cui all oggetto concernente

Dettagli

Manuale di valutazione del personale non titolare di posizione organizzativa

Manuale di valutazione del personale non titolare di posizione organizzativa Manuale di valutazione del personale non titolare di posizione organizzativa 1 Premessa Il presente manuale è stato redatto al fine di fornire uno strumento, rapido e accessibile, per chiarire i presupposti

Dettagli

Regolamento per la Valorizzazione dell attività scientifica ed il Trasferimento dei risultati

Regolamento per la Valorizzazione dell attività scientifica ed il Trasferimento dei risultati Regolamento per la Valorizzazione dell attività scientifica ed il Trasferimento dei risultati Premessa L Ateneo svolge attività di diffusione e promozione della ricerca scientifica sostenendo la partecipazione

Dettagli

Circolare n. 1/2010 del 3 marzo 2010 *

Circolare n. 1/2010 del 3 marzo 2010 * Circolare n. 1/2010 del 3 marzo 2010 * SOCIO AMMINISTRATORE DI S.R.L. COMMERCIALE: GESTIONE COMMERCIANTI O GESTIONE SEPARATA? NO DELLA CORTE DI CASSAZIONE ALLA DUPLICE CONTRIBUZIONE INPS Con la sentenza

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l istruzione Direzione Generale per il personale scolastico IL DIRETTORE GENERALE Roma, 7 settembre 2011 Visto il Decreto Legislativo

Dettagli

ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE G.C. N. 38 DEL 27/03/2014. PIANO PER L UTILIZZO DEL TELELAVORO Anno 2014 PREMESSA

ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE G.C. N. 38 DEL 27/03/2014. PIANO PER L UTILIZZO DEL TELELAVORO Anno 2014 PREMESSA ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE G.C. N. 38 DEL 27/03/2014 PIANO PER L UTILIZZO DEL TELELAVORO Anno 2014 PREMESSA La possibilità per la Pubblica Amministrazione di avvalersi di forme di lavoro a distanza è

Dettagli

PRESTAZIONI PROFESSIONALI

PRESTAZIONI PROFESSIONALI PRESTAZIONI PROFESSIONALI fascicolo di supporto alla valutazione delle tariffe dei Revisori Contabili Iscritti all Istituto Nazionale Revisori Contabili Presentazione La prima formazione del Registro dei

Dettagli

L.R. 24 dicembre 2004, n. 30. Disciplina delle associazioni di promozione sociale. (B.U. 29 dicembre 2004, n. 12)

L.R. 24 dicembre 2004, n. 30. Disciplina delle associazioni di promozione sociale. (B.U. 29 dicembre 2004, n. 12) L.R. 24 dicembre 2004, n. 30. Disciplina delle associazioni di promozione sociale. (B.U. 29 dicembre 2004, n. 12) Settore: Regione: Materia: Codici regionali Liguria ordinamento ed organizzazione Sommario

Dettagli

TAR TOSCANA: NON SEM PRE BASTA LA SOA

TAR TOSCANA: NON SEM PRE BASTA LA SOA TAR TOSCANA: NON SEM PRE BASTA LA SOA di Massimo Gentile Il caso di specie Oggetto del presente approfondimento è una recentissima pronuncia del Tribunale Amministrativo Regionale per la Toscana (sentenza

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ASSOCIAZIONE INTERCOMUNALE ALTA VAL TAGLIAMENTO (Comuni di: Ampezzo, Forni di Sopra, Forni di Sotto, Preone, Sauris, Socchieve) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA PROGRAMMA TRIENNALE

Dettagli