ONLUS. Quarta Relazione Annuale sull attività svolta dall Agenzia per le Organizzazioni. Non Lucrative di Utilità Sociale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ONLUS. Quarta Relazione Annuale sull attività svolta dall Agenzia per le Organizzazioni. Non Lucrative di Utilità Sociale"

Transcript

1 Relazione Annuale 2005 Quarta Relazione Annuale sull attività svolta dall Agenzia per le Organizzazioni Non Lucrative di Utilità Sociale (1 gennaio dicembre 2005) Redatta ai sensi del D.P.C.M. n. 329 del 21 marzo 2001, articolo 2, comma 2 Relazione Annuale 05 Agenzia per le Organizzazioni Non Lucrative di Utilità Sociale

2 Giugno 2006 Stampa: Arti Grafiche Fiorin - Milano

3 Quarta Relazione Annuale sull attività svolta dall Agenzia per le Organizzazioni Non Lucrative di Utilità Sociale (1 gennaio dicembre 2005) Redatta ai sensi del D.P.C.M. n. 329 del 21 marzo 2001, articolo 2, comma 2 Agenzia per le Organizzazioni Non Lucrative di Utilità Sociale

4 Relazione Annuale 05 Composizione del Consiglio dell Agenzia per le Organizzazioni non lucrative di utilità sociale: Lorenzo Ornaghi Gianpaolo Barbetta Erminio Borloni Stefania Fuscagni Presidente Consigliere Consigliere Consigliere Giammaria Galimberti Arturo Iannaccone Stefania Mancini Elio Massimo Palmizio Salvo Pettinato Paola Severini Vera Slepoj Consigliere Consigliere Consigliere Consigliere Consigliere Consigliere Consigliere 2

5 Presentazione Anche quest'anno la doverosa e puntuale esposizione dell'attività svolta dall'agenzia per le Onlus nel 2005 si accompagna a una sintetica valutazione del ruolo, delle potenzialità e anche dei limiti dell'agenzia stessa. Nelle pagine che seguono, infatti, vengono illustrate le iniziative della nostra istituzione ed evidenziate le principali motivazioni da cui esse sono scaturite, indicando il più precisamente possibile gli obiettivi, intermedi e finali, che ci si è proposto di conseguire. Nel contempo, si è cercato - in questa Relazione che già rappresenta quasi un bilancio conclusivo del mandato quinquennale - di sottolineare non solo i punti di forza, ma anche, proprio sulla base dell'esperienza maturata in questi anni, le insufficienze della posizione attuale dell'agenzia. L'attività svolta nel 2005 e i suoi risultati confermano la validità della decisione di istituire un organismo pubblico espressamente dedicato al mondo nonprofit e, soprattutto, ribadiscono l'utilità sociale di un organismo concepito e istituito con compiti non solo di controllo, ma anche di promozione dell'intero settore, oltre che di monitoraggio della complessa normativa che ne regola la presenza e l'attività. In questo ultimo anno, tuttavia, si è ulteriormente approfondito il senso della sproporzione tra le ampie attribuzioni assegnate dal DPCM 329/01 al nostro Ente e i mezzi a esso affidati per farvi fronte adeguatamente. Letta in successione a quelle che l'hanno preceduta, dunque, questa Relazione - oltre a costituire, come si è osservato poco fa, un quasi-bilancio dell'intero mandato - presenta le essenziali e fondate indicazioni per delineare una possibile e fruttuosa evoluzione. Rispetto alle precedenti, in questa Relazione non sono contenute le consuete riflessioni che l'agenzia per le Onlus, premettendole alla sintesi del lavoro effettuato, ha ogni anno elaborato sulla situazione generale e sulle principali dinamiche in atto del Terzo settore italiano. Il Libro bianco sul Terzo settore - che, risultato di un'accurata ricerca promossa e direttamente seguita dall'agenzia, verrà pubblicato tra poco - offre una disamina precisa e argomentata, in grado di consentire la corretta valutazione dei processi che maggiormente stanno coinvolgendo il mondo delle organizzazioni nonprofit. Inoltre, dopo la pubblicazione della ricerca I registri delle organizzazioni del Terzo settore: garanzie per i cittadini, trasparenza ed equità delle procedure, nel corso del 2006 vedrà la luce anche il Libro Verde dell'agenzia per le Onlus, che conterrà le concrete proposte per auspicabili riforme della normativa di settore. Nelle cinque parti e negli allegati della Relazione, l'attività svolta dall'agenzia nel 2005 è minuziosamente illustrata. Il resoconto di ciò che è stato fatto permette di constatare come gli impegni dell'agenzia siano cresciuti non solo quantitativamente, ma anche e soprattutto qualitativamente. Ed è anche un resoconto che ulteriormente ribadisce l'opportuna e ormai indi- Relazione Annuale 05 3

6 Relazione Annuale 05 spensabile funzione di raccordo esercitata dall'agenzia tra istituzioni pubbliche e Terzo settore. Assolvo, infine, nel licenziare questa Relazione, il gradito dovere di formulare alcuni ringraziamenti. Un grazie sincero rivolgo, in primo luogo, alla Presidenza del Consiglio dei Ministri, la quale, nel corso degli anni - specialmente attraverso la vigilante presenza del Dipartimento per il Coordinamento Amministrativo - ha sempre garantito alla nostra giovane istituzione una disponibile e fattiva collaborazione. Unisco, a questo primo ringraziamento, quello per il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali e quello per il Ministero della Funzione Pubblica che hanno seguito costantemente il nostro lavoro. A tutto il Consiglio e a tutti coloro che quotidianamente operano nell'agenzia per assicurarne il buon funzionamento e la crescita in termini di efficienza ed efficacia desidero infine indirizzare i più vivi sentimenti di gratitudine. Il Presidente Lorenzo Ornaghi Milano, lì 1 marzo

7 INDICE Presentazione PARTE PRIMA VIGILANZA E ISPEZIONE Capitolo I Novità principali Capitolo II I dati generali Relazione Annuale 05 PARTE SECONDA INDIRIZZO 27 Capitolo I - Pareri emessi e tematiche di interesse generale 29 Capitolo II Atti di indirizzo 33 PARTE TERZA PROMOZIONE Capitolo I - Studi e ricerche 1.1 Progetti di ricerca annuali conclusi nel Progetti di ricerca annuali attivati nel

8 Relazione Annuale Prosecuzione della ricerca sul rapporto tra Unione Europea ed economia sociale 1.4 Il Progetto di ricerca I registri delle organizzazioni del Terzo settore 1.5 Il Libro bianco sul Terzo settore 1.6 Sondaggio su: La figura dell'amministratore di Sostegno 1.7 Altre ricerche e indagini attivate nel corso del 2005 Capitolo II - Il Progetto Cittadinanza Europea Attiva e Solidale (CEAS) 2.1 Premessa 2.2 Prime valutazioni sui quattro percorsi del Progetto CEAS 2.3 Elaborazione del programma di sviluppo e consolidamento per l'anno Aree e servizi attivati nel sito Capitolo III - Eventi, relazioni esterne e comunicazione 3.1 Iniziative pubbliche promosse dall'agenzia 3.2 Partecipazione a eventi di rilevanza nazionale 3.3 Partecipazione ad altri eventi pubblici 3.4 Comunicazione istituzionale Capitolo IV - Collaborazioni interistituzionali e partecipazione a organismi esterni 4.1 Collaborazione con Ministero dell'economia e delle Finanze (Direzione V - Valutario, antiriciclaggio ed antiusura), Ufficio Italiano Cambi e Fondo Monetario Internazionale 4.2 Sottoscrizione del Protocollo d'intesa tra Guardia di Finanza e Agenzia per le Onlus

9 4.3 Osservatorio Nazionale per il Volontariato 4.4 Prosecuzione della collaborazione relativa al Protocollo di Intesa con il Comune di Avellino 4.5 Collaborazione con il Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca 4.6 Tavolo interistituzionale USR Lombardia 4.7 Collaborazione e confronto con Agenzia delle Entrate Capitolo V - Patrocini PARTE QUARTA ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO Relazione Annuale 05 Capitolo I - Struttura e sede dell Agenzia 1.1 Strumenti di gestione, funzionamento e personale 1.2 Nuova sede dell'agenzia Capitolo II - Attività collegiale e amministrativa 141 Conclusioni 143 Allegati Numero 1 - Attività collegiali (sedute di Consiglio e Commissioni) Numero 2 - Deliberazioni adottate nel 2005 Numero 3 - Atto di Indirizzo in relazione alla possibilità per le Onlus di detenere o acquistare azioni o partecipazioni in società di capitale

10 Relazione Annuale 05 Numero 4 - Atto di Indirizzo sulla deducibilità tributaria delle liberalità erogate ai soggetti non lucrativi, di cui all'articolo 14, commi 1-5, del decreto legge n. 35 del 2005 convertito con modificazioni nella legge n. 80 del

11 PARTE PRIMA Vigilanza e ispezione Relazione Annuale 05 9

12

13 Capitolo I Novità principali Preliminarmente alla presentazione delle attività di vigilanza e di ispezione svolte dall Agenzia per le Onlus nell anno 2005, è opportuno richiamare - seppure come semplice rinvio - quanto si era già avuto modo di esprimere nella premessa alla Parte Prima della Relazione Annuale concernente l anno Si deve infatti ribadire che, per le medesime ragioni evidenziate in quella sede, anche nel 2005 le suddette attività sono state realizzate congiuntamente e, in particolare, che i poteri ispettivi sono stati esercitati esclusivamente in relazione alla necessità di approfondire determinate questioni emerse nel corso della conduzione di istruttorie riferibili al compimento di azioni di vigilanza. Fatta questa doverosa premessa, occorre però sottolineare sin d ora che nel corso dello stesso anno, per quanto concerne l obiettivo della futura attivazione di un servizio ispettivo dell Agenzia, sono stati compiuti passi significativi e di grande rilevanza strategica. Oltre al prosieguo dell attività formativa interna alla struttura, infatti, è stato siglato un innovativo Protocollo d Intesa fra la nostra Istituzione e il Corpo della Guardia di Finanza, il quale - com è universalmente riconosciuto - vanta una lunga e robusta tradizione di competenza ed efficacia anche in merito alla conduzione di azioni ispettive e di controllo sulle molteplici forme attraverso cui si realizza l attività economica nel nostro Paese. Ed è per sottolineare il valore di tale accordo che si è scelto di sottoscrivere il relativo Atto in forma solenne nel corso di un apposita cerimonia tenutasi a Roma lo scorso 20 ottobre Relazione Annuale 05 Nell ambito della precitata intesa si è quindi potuta concordare una precisa modalità di azione al fine di garantire la possibilità - qualora si verifichi la giustificata esigenza, da parte dell Agenzia, di ottenere maggiori informazioni su determinati enti - di richiedere l attivazione del competente Comando della Guardia di Finanza per procedere all effettuazione degli opportuni controlli. Si tratta di una positiva e concreta conferma dell importanza (già più volte richiamata nelle precedenti Relazioni Annuali) della collaborazione sinergica fra i diversi organi dello Stato. Un importanza che si può tradurre, oltre che in termini di maggior efficacia del servizio reso ai cittadini a fronte di un contenimento della spesa pubblica, anche come maggiore consolidamento e valorizzazione del patrimonio di abilità, conoscenze e competenze proprio di ciascuna istituzione. Infine, rispetto al caso su cui ci si è soffermati, si deve sottolineare come l attivazione di questa nuova collaborazione potrebbe ovviare, almeno in parte, ad alcune criticità riferibili all assenza di poteri sanzionatori propri dell Agenzia. L azione concordata con il Corpo della Guardia di Finanza prevede innanzitutto una prima fase di presentazione dell intesa (incluse le modalità con cui 1 Agenzia per le Organizzazioni non lucrative di utilità sociale, RELAZIONE ANNUALE SULL'ATTIVITA' SVOLTA (1 gennaio dicembre 2004), Parte Prima, Premessa, pp

14 Relazione Annuale 05 la stessa deve venir attuata sul territorio sotto il coordinamento del Nucleo Speciale Entrate della Guardia di Finanza, che è appunto incaricato di seguirne da vicino l attuazione) e delle relative attività di controllo. Questi momenti di approfondimento saranno condotti in collaborazione con la stessa Agenzia e si svolgeranno presso le sedi dei Comandi regionali. Nel corso del 2006, infine, il progetto di collaborazione sarà ulteriormente ampliato e si potrà perciò avviare il primo programma di controlli. Sempre in tema di rapporti interistituzionali riferibili ai poteri di vigilanza ed ispezione, infine, è giusto ricordare che anche durante il 2005 è proseguito il confronto dialogico fra l Agenzia per le Onlus e l Agenzia delle Entrate. Si deve peraltro rimarcare che, a fronte della volontà di coordinare le rispettive azioni, permangono importanti divergenze in merito all interpretazione ed all applicazione di talune norme e di taluni regolamenti. Al di là delle novità concernenti il rapporto fra l Agenzia e le altre Pubbliche Amministrazioni, è giusto soffermarsi brevemente anche su quelle relative alla struttura interna dell Agenzia. Da questo punto di vista, vanno segnalati gli ulteriori mutamenti organizzativi realizzati all interno del Dipartimento Attività Giuridiche nel corso dell anno Da un lato, infatti, si è continuato a suddividere l attività tra due distinti uffici (Ufficio Vigilanza e Controllo e Ufficio Indirizzo Normativo), che hanno seguito, ciascuno, i lavori delle due relative Commissioni consiliari, attraverso il gruppo di lavoro formato nel corso degli ultimi tre anni. Dall altro, in considerazione del notevole incremento del lavoro (soprattutto in relazione alle richieste pervenute dalle Direzioni Regionali delle Entrate), si è deciso di inserire due nuove risorse in staff al responsabile dei due predetti uffici. Tale decisione si giustifica, peraltro, anche per la trasversalità delle funzioni svolte da tali uffici in seno al Dipartimento, il quale opera su entrambi i fronti avvalendosi delle medesime risorse. In particolare, le due nuove unità sono destinate ad assolvere specialmente attività di carattere amministrativo e comunicazionale. Il loro inserimento dovrebbe rendere più efficace il coordinamento di tutta l attività giuridica, potenziando le attività di segreteria e specializzando una parte della struttura nella redazione degli atti amministrativi necessari per l approvazione dei pareri, in numero sempre crescente. Inoltre, dovrebbe consentire di far fronte più adeguatamente alla nuova previsione, adottata con la modifica del regolamento organizzativo, di affidare al dipartimento Attività Giuridiche la cura della redazione del Bollettino informativo dell Agenzia. Tale scelta ha generato, vista la copiosità del materiale da pubblicare, la necessità di individuare una risorsa cui affidare questo compito al di fuori del gruppo di lavoro che si occupa stabilmente della disamina dei quesiti di carattere giuridico e della predisposizione dei relativi pareri. 12

15 Capitolo II I dati generali Come si è avuto modo di anticipare nel corso del primo capitolo, riguardo all attività di vigilanza si è avuto nel 2005 un significativo aumento delle istanze ricevute e registrate, che ammontano complessivamente a 1813 (tra le quali non sono state conteggiate le richieste inviate via ). Rispetto alle caratteristiche di tali richieste di parere, una prima distinzione interessante (visualizzata nel grafico numero 1) concerne la loro differente provenienza. Tra le 1813 istanze, infatti, soltanto 93 sono state inoltrate da soggetti privati contro le 1720 provenienti da enti pubblici. Anche quest anno, pertanto, come già era accaduto nel 2004, si è registrata una diminuzione percentuale delle richieste pervenute dai privati, la quale, tuttavia (anche su questo punto v è una continuità con l anno precedente), non si spiega in base a una diminuzione delle richieste dei privati (che sono anzi aumentate in termini assoluti), ma in forza del maggiore incremento delle richieste inviate all Agenzia dalle pubbliche amministrazioni. Relazione Annuale 05 RICHIESTE DI PARERE PERVENUTE NEL % SOGGETTI PUBBLICI (1720) 5% SOGGETTI PRIVATI (93) Grafico 1 13

16 Relazione Annuale 05 Per rendere meglio l idea di questo processo di incremento a due velocità, si è scelto di evidenziare (nel grafico n. 2) - riguardo alle richieste pervenute da enti pubblici - la differenza numerica tra le richieste protocollate negli anni 2003, 2004 e Una crescita davvero ragguardevole che, naturalmente, ha comportato un notevole aumento dell attività e dell impegno degli uffici preposti. GRAFICO DI COMPARAZIONE DELLE PRATICHE DI CANCELLAZIONE PERVENUTE E DELIBERATE NEGLI ANNI 2003/2004/ Pervenute Deliberate Grafico 2 Rispetto alle domande pervenute da parte di privati (che rappresentano il 5% del totale), invece, è opportuno segnalare che 28 su 77 coincidono con altrettante richieste di parere sulla devoluzione del patrimonio di organizzazioni senza fini di lucro 3, mentre le restanti richieste contengono quesiti interpretativi, dubbi applicativi e specifiche richieste di intervento. Nel grafico sottostante, infine, si dà conto anche delle diverse tipologie dei soggetti privati (organizzazioni e consulenti) che hanno inoltrato richieste all Agenzia. RICHIESTE PERVENUTE NEL 2005 DAI DIVERSI SOGGETTI PRIVATI 45% 25% 30% ORG. TERZO SETTORE (42) PROFESSIONISTI (23) DEVOLUZIONI (28) Grafico 3 14

17 In generale, le istanze pervenute, oltre all approvazione con provvedimento deliberativo dei pareri emessi in merito alle richieste delle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Entrate riguardanti le cancellazioni di organizzazioni dall anagrafe delle Onlus 4, hanno comportato anche l esame di quesiti di interesse generale che, in taluni casi, hanno dato impulso all emanazione di successivi atti di indirizzo. Nei restanti casi si è provveduto, invece, attraverso note di risposta la cui estensione e cura è stata demandata dal Consiglio esclusivamente all Ufficio competente e che, pertanto, non rientrano nel novero delle deliberazioni assunte nel corso dell anno. Nel grafico di seguito riportato viene raffigurata la divisione delle richieste pervenute da parte di enti pubblici RICHIESTE PERVENUTE NEL 2005 DA SOGGETTI PUBBLICI ENTI TERRITORIALI GUARDIA DI FINANZA AMM. STATALI AGENZIA ENTRATE DIREZ.CENTRALE DIREZ. REGIONALI DELLE ENTRATE Relazione Annuale 05 0 Grafico 4 In particolare, a fronte delle 1700 circa richieste di parere inviate dall Agenzia delle Entrate, l Agenzia per le Onlus ha approvato, con apposito provvedimento, 1696 pareri. Tra questi ultimi, 6 esaminano testi di circolari, mentre gli altri 1690 provengono dalle diverse sedi delle Direzioni regionali dell Agenzia delle Entrate e riguardano i controlli sull Anagrafe condotti in base al regolamento emanato con DM n. 266 del Non si è ritenuto particolarmente significativo inserire in tale confronto anche i dati del 2002 (in cui pure si è avuta una prima attività di vigilanza dell'agenzia), in quanto il periodo temporale di riferimento non era congruo con quelli successivi. L'Agenzia infatti si insediò solo l'8 marzo e all'incirca per i primi due mesi non fu in grado di operare in tale direzione. Le informazioni sull'attività di vigilanza svolta dall'agenzia nel 2002 si possono peraltro rinvenire in: Agenzia per le Organizzazioni non lucrative di utilità sociale, RELAZIONE ANNUALE SULL'ATTIVITA' SVOLTA (8 marzo dicembre 2002), Parte Seconda, Capitolo II, pp Non sfuggirà ai lettori l'adozione di un criterio classificatorio tanto delle richieste pervenute quanto dei pareri emessi ancora provvisorio e in parte difforme da quello adottato successivamente. 3 A questo proposito, si rammenta che secondo le previsioni contenute nel DPCM n. 329 del 21 marzo 2001, art. 3, comma 1, lettera k)... nei casi di scioglimento degli enti o organizzazioni, [l'agenzia] rende parere vincolante sulla devoluzione del loro patrimonio ai sensi, rispettivamente, degli articoli 10, comma 1, lettera f) del decreto legislativo 4 dicembre 1997, n. 460, e 111, comma 4-quinquies, lettera b) del testo unico delle imposte sui redditi, approvato con decreto del Presidente della Repubblica 22 dicembre 1986, n. 917, e 4, settimo comma, lettera b) del decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 1972, n. 633, fatte salve le normative relative a specifiche organizzazioni ed enti. E' questa la sola fattispecie in cui i pareri obbligatori dell'agenzia rivestono natura vincolante. 4 È opportuno ricordare che la cancellazione di un'organizzazione dall'anagrafe delle Onlus implica la perdita della qualificazione stessa di Onlus e con essa il venir meno di significative agevolazioni fiscali (anche con effetto retroattivo). 15

18 Relazione Annuale 05 Come indicato nel grafico di seguito riportato, tra i pareri della nostra Istituzione in merito alle richieste di cancellazione dall Anagrafe delle Onlus inoltrate dalle Direzioni Regionali delle Entrate, si nota che: 1434 pareri recano nelle conclusioni un giudizio favorevole alla cancellazione; 153 pareri esprimono un parere negativo alla cancellazione; 103 pareri richiedono un supplemento d indagine. Si segnalano, infine, 3 casi aggiuntivi in cui si è proceduto all archiviazione senza emissione di parere in quanto l ente la cui posizione era in corso di valutazione ha richiesto, nel frattempo, la cancellazione dall Anagrafe CLASSIFICAZIONE DEI PARERI EMESSI NEL POSITIVO NEGATIVO SUPPLEMENTO INDAGINE AUTOCANCELLAZIONE ** CIRCOLARI 0 1 Grafico 5 Nel grafico n. 6 si propone un raffronto degli esiti delle istruttorie condotte nell anno 2005 con quelli relativi agli anni 2003 e COMPARAZIONE ESITI PRATICHE DELIBERATE ANNI 2003/2004/ Positive Negative Supplemento d'indagine Grafico 6 16

19 Come evidenziato dal grafico sopra riportato, i pareri relativi alla richiesta di un supplemento d indagine nel corso del 2005 sono stati 103, contro i 21 del 2004 e i 6 del Si deve segnalare, a questo proposito, che, in generale, l Agenzia per le Onlus ha registrato una bassissima percentuale di riscontri in termini di nuova proposizione delle richieste di parere da parte delle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Entrate. In alcuni di questi casi si è ottenuto il riscontro sostanziale di un effettiva attività solidaristica che nello statuto era stata espressa in maniera inadeguata, mentre, in altri, si è avuta la conferma che la genericità con la quale era stata espressa l attività statutaria denunciava in sé una carenza effettiva del precitato requisito. In ogni caso, soprattutto in talune regioni, è andata via via crescendo la risposta alle richieste di supplemento d indagine che servono sicuramente a contenere il contenzioso. D altro canto, il Decreto Ministeriale n. 266 del 2003 sui controlli prevede che si proceda a verifiche formali, ma anche sostanziali, prima di ricorrere all emissione del provvedimento di cancellazione e, pertanto, come riscontrato in diversi casi, il modo migliore con cui procedere di fronte a uno statuto generico sembra essere quello di raccogliere maggiori elementi di giudizio onde non incorrere in errori amministrativi. Nel grafico sottostante sono evidenziate, in numeri assoluti, le richieste di supplemento d indagine inoltrate dall Agenzia per le Onlus e le relative risposte pervenute dall Amministrazione Finanziaria in questi anni. Relazione Annuale 05 SUPPLEMENTI D'INDAGINE RIFERITI ALLE PRATICHE PERVENUTE NEGLI ANNI 2003/2004/ Richieste di S.I Risposte a S.I

20 Relazione Annuale 05 Il grafico seguente mostra invece le percentuali di risposta giunte dall Amministrazione Finanziaria a fronte di pareri contenenti la richiesta di supplemento d indagine emessi dall Agenzia per le Onlus nell anno 2005 ed evidenzia l incremento dell attività d indagine suppletiva operata dall Amministrazione Finanziaria a fronte di tali richieste. RISPOSTE ALLE RICHIESTE DI S.I. NELL'ANNO 2005 Risposte a S.I. 18% Richieste di S.I. 82% Richieste di S.I. Risposte a S.I. Grafico 8 Se si suddividono le varie tipologie di pareri favorevoli alla cancellazione, è possibile evidenziare, secondo quanto riporta il grafico successivo, che 48 di essi risultano positivi in quanto le richieste vertevano su Onlus di diritto che, in base a quanto previsto dal D.Lgs. 460/97, non necessitano di iscrizione nel registro delle Onlus e che vi sono stati 60 organismi che, essendo privi di autonomia in quanto mere articolazioni territoriali di enti a carattere nazionale, non possono essere iscritti autonomamente nell Anagrafe. CLASSIFICAZIONE DEI PARERI EMESSI RISULTATI POSITIVI Onlus di diritto Non autonomia Positivo per carenza di requisiti Grafico 9 18

21 Infine, sempre con riguardo ai pareri espressi con giudizio positivo alla cancellazione, va evidenziato che dei 1326 emessi in quanto gli organismi risultano carenti dei requisiti, 753 sono quelli formulati ai sensi dell art. 6 (norma transitoria) del DM 266/03 sopra richiamato; si tratta di quegli organismi che sono stati cancellati per non aver inviato documentazione idonea a consentire il controllo del possesso dei requisiti formali come prevede la norma citata. Il controllo, in questi casi, si è limitato alla verifica della correttezza della procedura di acquisizione documentale esperita dall amministrazione finanziaria. Di seguito, si riportano i grafici che illustrano questi dati, suddivisi anche per la provenienza regionale. RICHIESTE CANCELLAZIONI EX ART. 4 D.P.C.M. 329/01 (DIVISE PER SETTORI DI ATTIVITA') RICHIESTE EX ART. 6 DM ALTRE TIPOLOGIE DI COMUNICAZIONE INOLTRATE DALLE DRE ass. soc./socio san. sanitaria beneficenza istruzione formazione sport dilettantistico tut. art./storico tut. natura/ambiente prom. cultura e arte tut. diritti civili ric. scientifica più settori non indicati ex. Art. 6 DM 266 altre tipologie di comunicazione Relazione Annuale 05 Grafico 10 RICHIESTE CANCELLAZIONI EX ART. 6 DM. 266 PERVENUTE NEL 2004/2005 E DELIBERATE NEL Abruzzo Calabria Campania Bolzano Trento Lazio Liguria Marche Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Umbria PRATICHE DELIBERATE NEL 2005 PRATICHE PERVENUTE NEL 2004/2005 Grafico 11 19

22 Relazione Annuale 05 Le Direzioni regionali che hanno inviato il maggior numero di istanze sono quelle della Puglia, del Lazio e della Calabria, rispettivamente con 308, 287 e 203 richieste di parere, mentre resta la Direzione regionale della Valle d Aosta l unica a non aver mai richiesto alcun parere su enti iscritti nel registro. I settori di iscrizione per i quali si è registrato il maggior numero di verifiche sono stati quello dell assistenza sociale e socio sanitaria con 211 istanze e quello della promozione della cultura e dell arte con RICHIESTE PERVENUTE NEL 2005 DALLE DIVERSE DIREZIONI REGIONALI DELLE ENTRATE Abruzzo Calabria Campania Bolzano Trento Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Umbria Veneto Grafico 12 ABRUZZO ass. soc./socio san. sanitaria sport dilettantistico tut. natura/ambiente prom. cultura e arte più settori nessun settore Grafico 13 20

23 CALABRIA CAMPANIA ass. soc./socio san. sanitaria beneficenza istruzione formazione sport dilettantistico tut. art./storico tut. natura/ambiente prom. cultura e arte tut. diritti civili ric. scientifica più settori nessun settore Grafico 14 Relazione Annuale ass. soc./socio san. sanitaria formazione sport dilettantistico prom. cultura e arte più settori nessun settore 4 Grafico 15 EMILIA ROMAGNA ass. soc./socio san. 3 Grafico 16 21

24 Relazione Annuale FRIULI VENEZIA GIULIA 4 8 ass. soc./socio san. 3 istruzione tut. natura/ambiente prom. cultura e arte 3 tut. diritti civili ric. scientifica più settori 10 Grafico 17 LAZIO ass. soc./socio san. sanitaria istruzione formazione sport dilettantistico tut. art./storico tut. natura/ambiente prom. cultura e arte tut. diritti civili ric. scientifica più settori nessun settore Grafico 18 LIGURIA ass. soc./socio san beneficenza istruzione formazione 2 1 tut. art./storico tut. natura/ambiente 1 3 prom. cultura e arte tut. diritti civili ric. scientifica più settori nessun settore Grafico 19 22

25 1 1 LOMBARDIA MARCHE 1 ass. soc./socio san. prom. cultura e arte nessun settore Grafico 20 Relazione Annuale ass. soc./socio san. 1 beneficenza 1 istruzione 2 formazione tut. natura/ambiente 2 prom. cultura e arte ric. scientifica 10 più settori nessun settore Grafico 21 PIEMONTE 2 ass. soc./socio san. 4 8 beneficenza istruzione formazione sport dilettantistico 4 1 tut. natura/ambiente prom. cultura e arte più settori nessun settore Grafico 22 23

26 Relazione Annuale PUGLIA SARDEGNA ass. soc./socio san. sanitaria beneficenza istruzione formazione sport dilettantistico tut. art./storico tut. natura/ambiente prom. cultura e arte tut. diritti civili ric. scientifica più settori nessun settore Grafico 23 ass. soc./socio san beneficenza istruzione formazione sport dilettantistico tut. art./storico tut. natura/ambiente prom. cultura e arte ric. scientifica più settori nessun settore Grafico 24 SICILIA ass. soc./socio san. sanitaria formazione sport dilettantistico beneficenza tut. natura/ambiente prom. cultura e arte tut. diritti civili più settori nessun settore Grafico 25 24

27 TOSCANA 2 UMBRIA 10 ass. soc./socio san. istruzione formazione prom. cultura e arte tut. diritti civili ric. scientifica nessun settore Grafico 26 Relazione Annuale ass. soc./socio san. beneficenza sport dilettantistico tut. art./storico tut. natura/ambiente prom. cultura e arte più settori nessun settore Grafico 27 VENETO ass. soc./socio san. formazione sport dilettantistico prom. cultura e arte più settori nessun settore 9 Grafico 28 25

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

RELAZIONE SULL ATTIVITA SVOLTA 2012-2013

RELAZIONE SULL ATTIVITA SVOLTA 2012-2013 Direzione Generale per il Terzo Settore e le Formazioni Sociali RELAZIONE SULL ATTIVITA SVOLTA 2012-2013 A seguito della soppressione dell Agenzia per il Terzo Settore (ex Agenzia per le Onlus), le relative

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014 SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI Bologna, 22 luglio 2014 INQUADRAMENTO NORMATIVO FISCALE La nuova disciplina sulle società tra professionisti non contiene alcuna norma in merito

Dettagli

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta Le ONLUS Secondo le previsioni dell'art. 10 del decreto 460/97 possono assumere la qualifica di Onlus le associazioni riconosciute e non, i comitati, le fondazioni, le società cooperative e tutti gli altri

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA FORMAZIONE PER LA PA FINANZIATA DAL FSE PARTE II - CAPITOLO 2 LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA PROGRAMMAZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia 300/2014/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone dott. Andrea Luberti

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo.

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. Consiglio dei Ministri: 05/04/2007 Proponenti: Esteri ART. 1 (Finalità

Dettagli

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia;

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia; DECRETO LEGISLATIVO RECANTE ULTERIORI DISPOSIZIONI DI ATTUAZIONE DELLA DELEGA DI CUI ALL ARTICOLO 33, COMMA 1, LETTERA E), DELLA LEGGE 7 LUGLIO 2009, N. 88 Visti gli articoli 76 e 87 della Costituzione;

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito

Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito OdV Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito di Sebastiano Di Diego* Nell articolo viene descritto il variegato regime fiscale, ai fini IRES, delle associazioni

Dettagli

1) Progetti di Servizio civile nazionale da realizzarsi in ambito regionale per l avvio di complessivi 3.516 volontari.

1) Progetti di Servizio civile nazionale da realizzarsi in ambito regionale per l avvio di complessivi 3.516 volontari. Avviso agli enti. Presentazione di progetti di servizio civile nazionale per complessivi 6.426 volontari (parag. 3.3 del Prontuario contenente le caratteristiche e le modalità per la redazione e la presentazione

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA Una circolare dell Agenzia delle entrate chiarisce il trattamento fiscale delle spese di rappresentanza Con la circolare in oggetto, l Agenzia delle

Dettagli

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015)

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015) Procedura relativa alla gestione delle adesioni contrattuali e delle contribuzioni contrattuali a Prevedi ex art. 97 del CCNL edili-industria del 1 luglio 2014 e ex art. 92 del CCNL edili-artigianato del

Dettagli

INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI

INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI Rete Nazionale Gruppi di Acquisto Solidali www.retegas.org INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI Febbraio 2007 INTRODUZIONE I Gruppi di Acquisto Solidali (GAS) sono gruppi di persone

Dettagli

CIRCOLARE N. 23/E. OGGETTO: Ravvedimento Articolo 13, comma 1, lettera a-bis), del decreto legislativo 18 dicembre 1997, n. 472 Chiarimenti.

CIRCOLARE N. 23/E. OGGETTO: Ravvedimento Articolo 13, comma 1, lettera a-bis), del decreto legislativo 18 dicembre 1997, n. 472 Chiarimenti. CIRCOLARE N. 23/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Ravvedimento Articolo 13, comma 1, lettera a-bis), del decreto legislativo 18 dicembre 1997, n. 472 Chiarimenti. La legge di

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

I trasferimenti ai Comuni in cifre

I trasferimenti ai Comuni in cifre I trasferimenti ai Comuni in cifre Dati quantitativi e parametri finanziari sulle attribuzioni ai Comuni (2012) Nel 2012 sono stati attribuiti ai Comuni sotto forma di trasferimenti, 9.519 milioni di euro,

Dettagli

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015 CIRCOLARE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 11 maggio 2015 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi pubblici relativi alle politiche attive del lavoro e alla formazione professionale

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

Istituto per il Credito Sportivo

Istituto per il Credito Sportivo Istituto per il Credito Sportivo REGOLAMENTO SPAZI SPORTIVI SCOLASTICI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SUI MUTUI AGEVOLATI DELL ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO INDICE 1. Perché vengono concessi contributi

Dettagli

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO RISOLUZIONE N. 42/E Direzione Centrale Normativa Roma, 27 aprile 2012 OGGETTO: Interpello (art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212) - Chiarimenti in merito alla qualificazione giuridica delle operazioni

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Adam Asmundo POLITICHE PUBBLICHE Attraverso confronti interregionali si presenta una analisi sulle diverse tipologie di trattamenti pensionistici e sul possibile

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF Finalmente una buona notizia in materia di tasse: nel 2015 la stragrande maggioranza dei Governatori italiani ha deciso di non aumentare l addizionale regionale

Dettagli

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano La ricostituzione della pluralità dei soci nella s.a.s. In ogni numero della rivista trattiamo una questione dibattuta a cui i nostri esperti forniscono una soluzione operativa. Una guida indispensabile

Dettagli

STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE (Sunto della C.M. n.31/2007)

STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE (Sunto della C.M. n.31/2007) STUDIO MINTO Associazione Professionale Commercialisti Revisori Contabili Consulenza del Lavoro Mirano (VE) Telefono 041/5701020 CIRCOLARE INFORMATIVA n. 16 Giugno 2007 STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI

Dettagli

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali?

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali? Domanda: Risposta (a cura di Maurizio Santoloci): Oggi un impresa edile che trasporta in proprio i rifiuti non pericolosi con proprio mezzo al contrario di quanto accadeva nella previdente disciplina deve

Dettagli

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE TASSE IMPOSTE SANZIONI COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE (DA COMPILARE A CURA DEL CONCESSIONARIO DELLA BANCA O DELLE POSTE) FIRMA Autorizzo addebito sul conto corrente

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

Linee guida per la predisposizione del rendiconto circa la destinazione delle quote del 5 per mille dell Irpef

Linee guida per la predisposizione del rendiconto circa la destinazione delle quote del 5 per mille dell Irpef Direzione Generale per il terzo settore e le formazioni sociali Linee guida per la predisposizione del rendiconto circa la destinazione delle quote del 5 per mille dell Irpef PREMESSA Fonti normative dell

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Modifiche alla disciplina dell IRAP Legge di Stabilità 2015 2 INDICE Premessa... 3 1) Imprese operanti in concessione e a tariffa...

Dettagli

CIRCOLARE N. 18/E. Roma, 28 aprile 2015

CIRCOLARE N. 18/E. Roma, 28 aprile 2015 CIRCOLARE N. 18/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 aprile 2015 OGGETTO: Addizionale IRES per il settore energetico (c.d. Robin Hood Tax) - Articolo 81, commi 16, 17 e 18, del decreto legge 25 giugno

Dettagli

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE CAPITOLO 19 IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE di Piero Pisoni, Fabrizio Bava, Donatella Busso e Alain Devalle 1. PREMESSA La relazione del revisore legale deve esprimere il giudizio sull attendibilità

Dettagli

Ai Signori Segretari Regionali

Ai Signori Segretari Regionali Venezia, 14 GEN. 1993, prot. n. 313/SGP Oggetto: L. 7 agosto 1990, n. 241 Ai Signori Segretari Regionali Ai Signori Assistenti Alla Segreteria Generale Ai Signori Assistenti Alla Segreteria per il Territorio

Dettagli

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it Il nuovo incentivo per la progettazione Aggiornamento e tavolo aperto di discussione Lino BELLAGAMBA Prima stesura 4 ottobre 2014 Cfr. D.L. 24 giugno 2014, n. 90, art. 13, comma 1, nella formulazione anteriore

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

L abuso edilizio minore

L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore di cui all art. 34 del D.P.R. 380/2001. L applicazione della sanzione pecuniaria non sana l abuso: effetti penali, civili e urbanistici. Brunello De Rosa

Dettagli

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI 1. Aspetti fiscali generali Gli enti di tipo associativo, di cui fanno parte anche le associazioni sportive dilettantistiche, sono assoggettate

Dettagli

Risoluzione n. 104/E

Risoluzione n. 104/E Risoluzione n. 104/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 21 aprile 2009 OGGETTO: Istanza di interpello ART. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Articolo 11, comma 1, lettera a), numero 5, del

Dettagli

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato 1 Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Dalle aule parlamentari alle aule di scuola. Lezioni di Costituzione

Dettagli

Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7

Allegato A al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE In Atto Art. 1) Ai sensi della Legge 7 Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7 dicembre 2000, n. 383 e delle norme del codice civile in tema

Dettagli

RISOLUZIONE N. 10/E. OGGETTO: Interpello Art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Attività consultoriale a pagamento - Qualificazione ONLUS.

RISOLUZIONE N. 10/E. OGGETTO: Interpello Art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Attività consultoriale a pagamento - Qualificazione ONLUS. RISOLUZIONE N. 10/E Direzione Centrale Normativa Roma, 23 gennaio 2015 OGGETTO: Interpello Art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Attività consultoriale a pagamento - Qualificazione ONLUS. Con l interpello

Dettagli

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO BANDO PUBBLICO N. 2 PER IL FINANZIAMENTO DI PERCORSI FORMATIVI INDIVIDUALI MEDIANTE ASSEGNAZIONE

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente"

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente LEGGE 27 LUGLIO, N.212 "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 177 del 31 luglio 2000 Art. 1. (Princìpi generali) 1. Le disposizioni della

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO 2014

RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO 2014 Nucleo di Valutazione RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO 2014 (ex art. 5, comma 21 della Legge 24 dicembre 1993 n. 537) - GIUGNO 2015 - DOC 07/15 Sommario: 1. Obiettivi e struttura

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Protocollo n. 195080/2008 Approvazione del formulario contenente i dati degli investimenti in attività di ricerca e sviluppo ammissibili al credito d imposta di cui all articolo 1, commi da 280 a 283,

Dettagli

Caratteristiche fisiche e modalità di gestione delle Tessere Sanitarie Carta nazionale dei servizi (TS-CNS) -documento tecnico-

Caratteristiche fisiche e modalità di gestione delle Tessere Sanitarie Carta nazionale dei servizi (TS-CNS) -documento tecnico- Caratteristiche fisiche e modalità di gestione delle Tessere Sanitarie Carta nazionale dei servizi (TS-CNS) -documento tecnico- PREMESSA... 3 1. CARATTERISTICHE FISICHE DELLE TS-CNS... 3 1.1. Fronte TS-CNS

Dettagli

per la partecipazione a Master di I e II livello Corsi universitari di perfezionamento Corsi universitari di specializzazione

per la partecipazione a Master di I e II livello Corsi universitari di perfezionamento Corsi universitari di specializzazione BANDO DI CONCORSO per l erogazione di borse di studio in favore dei figli e degli orfani dei dipendenti iscritti alla Gestione Unitaria delle prestazioni creditizie e sociali (art.1,c.245 della legge 662/96)

Dettagli

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE VISTI gli articoli 76 e 87 della Costituzione; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA VISTA la

Dettagli

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014 RISOLUZIONE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 14 febbraio 2014 OGGETTO: Tassazione applicabile agli atti di risoluzione per mutuo consenso di un precedente atto di donazione articolo 28 del DPR

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012 CIRCOLARE N.3/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 febbraio 2012 OGGETTO: Articolo 24, comma 31, del decreto-legge 6 dicembre 2011 n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011,

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI. Aggiornamento al 31 dicembre 2013

REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI. Aggiornamento al 31 dicembre 2013 REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI Aggiornamento al 31 dicembre 2013 Marzo 2014 REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI Aggiornamento

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Conti d ordine Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

l'?~/?: /;/UI,"lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ";1

l'?~/?: /;/UI,lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ;1 MIUR - Ministero dell'istruzione dell'untversùà e della Ricerca AOODGPER - Direzione Generale Personale della Scuola REGISTRO UFFICIALE Prot. n. 0006768-27/0212015 - USCITA g/~)/rir. (" J7rti///Nt4Ik0"i

Dettagli

CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014. Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti. OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014

CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014. Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti. OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014 CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014 Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014 2 INDICE PREMESSA 1. ADEMPIMENTI 1.1 Enti del volontariato 1.2

Dettagli

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE STATUTO L Associazione denominata CORILA - Consorzio per il coordinamento delle ricerche inerenti al sistema lagunare di Venezia, è costituita ai sensi degli artt. 14

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE)

VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE) Normativa VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE) a cura di Libero Tassella da Scuola&Scuola, 8/9/2003 Riferimenti normativi: artt. 7,8 legge 29.12.1988, N. 554; artt. 7,8 Dpcm 17.3.1989,

Dettagli

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT E quell insieme di organizzazioni che producono beni/servizi e gestiscono attività fuori dal mercato o, se operano nel mercato, agiscono con finalità non

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE E LA PROMOZIONE DEGLI SCAMBI IL DIRETTORE GENERALE Visto l articolo 30 del Decreto Legge 12 settembre 2014,

Dettagli

Istruzioni per la compilazione

Istruzioni per la compilazione ARBITRO BANCARIO FINANZIARIO ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL RICORSO - RISOLUZIONE STRAGIUDIZIALE DELLE CONTROVERSIE RICORSO ALL ARBITRO BANCARIO FINANZIARIO Istruzioni per la compilazione ATTENZIONE:

Dettagli

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande 1. Quali sono le caratteristiche distintive dell impresa cooperativa? L impresa cooperativa è un impresa costituita da almeno 3 soci e può avere la forma della

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l.

La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l. Il bilancio delle società di capitali La sua impugnazione Firenze 15 giugno 2010 La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l. Francesco D Angelo (Università di Firenze)

Dettagli

speciale Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli)

speciale Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli) 2013 Maggio Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli) Note introduttive Tabella Lordo Netto 2013 Il contributo di solidarietà Introdotto con il Dl n. 138/2011 (legge

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it - C.F. 80072450374 Pec : boic86400n@pec.istruzione.it

Dettagli

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni! Statuto del Politecnico di Torino TITOLO 2 - ORGANI DI GOVERNO DEL POLITECNICO Art. 2.3 - Senato Accademico 1. Il Senato Accademico è

Dettagli

ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE

ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE Articolo 1 Oggetto e Ambito di applicazione dell Accordo Le autorità

Dettagli

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO (Deliberazione ARG/com 202/08 - Primo report) Dal 1 luglio 2007 tutti i clienti

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013

LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013 LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013 DISPOSIZIONI IN MATERIA DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE SOCIETA PARTECIPATE DALLA REGIONE CAMPANIA DEL POLO SVILUPPO, RICERCA E I.C.T. IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato

Dettagli

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE STATUTO CIRCOLO TBLUE Art. 1 COSTITUZIONE - SEDE E costituito, come associazione culturale ricreativa non riconosciuta ai sensi dell art 36 e ss. Codice Civile ed art. 148 comma 3 D.P.R. 917/1986 (T.U.I.R.),

Dettagli

L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres.

L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres. L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres. LR 12/2006, articolo 6, commi da 82 a 89. Regolamento concernente i criteri

Dettagli

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna 14 Confronto di convenienza, anche fiscale,

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR

NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR Nell'ambito degli interventi sul prelievo fiscale, la finanziaria 2008 (legge 24 dicembre 2007, n. 244),

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE La Santa Sede ed il Governo della Repubblica Italiana, qui di seguito denominati anche Parti contraenti; tenuto conto

Dettagli

LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4

LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4 6232 LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4 Semplificazioni del procedimento amministrativo. Modifiche e integrazioni alla legge regionale 12 aprile 2001, n. 11 (Norme sulla valutazione dell impatto ambientale),

Dettagli

Una posta di bilancio che necessita particolare

Una posta di bilancio che necessita particolare Costi di ricerca e sviluppo: aspetti contabili e fiscali I principi contabili possono aiutare a interpretare correttamente le scarne istruzioni del legislatore in tema di deducibilità dei costi sostenuti

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Testo approvato definitivamente dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione rispettivamente

Dettagli