crescere insieme n.1 aprile 2014 ECONOMIA SOCIETÀ E CULTURA LOCALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "crescere insieme n.1 aprile 2014 ECONOMIA SOCIETÀ E CULTURA LOCALE"

Transcript

1 Anno XIV - Numero 1 Quadrimestrale - Poste italiane SpA - Spedizione in AP 45% art 2 comma 20BL 662/96D.C.I. TRENTO -Aprile 2014 crescere insieme ECONOMIA SOCIETÀ E CULTURA LOCALE E D I Z I O N E S P E C I A L E A S S E M B L E A n.1 aprile 2014 foto Riccardo Demartin

2 crescere insieme ECONOMIA SOCIETÀ E CULTURA LOCALE n.1 aprile 2014 Editore/Proprietario: CASSA RURALE DI fiemme Predazzo, via Garibaldi 10 Tel fax Direttore Responsabile: MARIO felicetti Impaginazione: PRIMA SRL Stampa: LITOTIPOGRAfIA ALCIONE Comitato di redazione: GOffREDO ZANON PIERPAOLO DELLANTONIO PAOLO NONES TULLIO CAPOVILLA MASSIMILIANO DEfLORIAN DENIS VINANTE PAOLO DEfRANCESCO CHRISTIAN LARENTIS MASSIMO PIAZZI Foto: MARIO felicetti MASSIMO PIAZZI ARCHIVIO CASSA RURALE RICCARDO DEMARTIN Periodico di informazione della Cassa Rurale di fiemme Banca di Credito Cooperativo Autorizzazione Tribunale di Trento n del Gli interessati a ricevere il Crescere Insieme possono farne richiesta ai nostri sportelli

3 crescere insieme ECONOMIA SOCIETÀ E CULTURA LOCALE È necessario unirsi, non per stare uniti, ma per fare qualcosa insieme. Goethe

4 indice la banca la banca La banca 6 Il persidente Il direttore 10 ordinaria Goffredo Zanon la bancaassemblea generale 11 Il bilancio d esercizio 14 Preassemblee MARIO FELICETTI LA BANCA ECONOMIA COMUNITà E TERRITORIO GIOVANI ECONOMIA ECONOMIA comunità e territorio comunità e territorio In primo piano 16 Incontro con Coldiretti STEFANIA RIGONI 18 Fondi di rotazione LORENZO DELUGAN 20 Incontro con le Associazioni MARIO FELICETTI 23 Concorso fotografico MASSIMO PIAZZI comunità e territorio GIOVANI GIOVANI GIOVANI 24 Natale in Cassa Rurale laura gabrielli 25 Hello Fiemme! sara carneri 27 Open your mind STEFANIA RIGONI 29 Premi di studio laura gabrielli 31 GIOVANIViaggio-studio a Dublino DENIS VINANTE PERSONAGGIO PRODOTTI E SERVIZI CULTURA SALUTE POSTA

5 PERSONAGGIO PERSONAGGIO PRODOTTI E SERVIZI PRODOTTI E SERVIZI cultura Noi con voi 34 Arici Alessandro MARIO FELICETTI 39 Pio Capovilla MARIO FELICETTI 41 Smart POS UFFICIO MARKETING 42 Prodotti e servizi news UFFICIO MARKETING Coro Negritella MARIO FELICETTI salute POSTA 46 compagnia El Mesedò culturala MARIO FELICETTI 49 Federico Comini Marzia Comini Lorenza Gabrielli cultura Me recordo 52 Domenica Lazzeri culturamaria MARIO FELICETTI 54 Regina dei prati 57 La posta LA FOTO DI COPERTINA Al confine con il cielo, Riccardo Demartin cr-fiemme.net

6 > Cari Soci, l appuntamento con l Assemblea Generale, fissata per sabato 10 maggio, è ormai alle porte L editoriale del Presidente Goffredo Zanon È il momento più importante nella vita della nostra Cassa Rurale, in quanto verrà illustrato il bilancio annuale Stavo sfogliando i nostri periodici degli ultimi seisette anni e il tema di fondo è sempre lo stesso: crisi economica perdurante e difficoltà. Mi piacerebbe poter portare notizie più positive, di una situazione migliorata, ma non è così. Continua un clima d incertezza e di uno sviluppo che non riesce a ripartire. Il comparto edilizio ed immobiliare sta ancora soffrendo ed il mercato, nonostante il calo seppure limitato dei prezzi, è ancora fermo. Di uno scenario di questo tipo tutti ne stanno risentendo. L artigianato, che in gran parte dipende dagli investimenti nell edilizia, a sua volta è penalizzato da questa situazione. Come vedrete e sentirete anche in Assemblea, l utile della nostra Cassa Rurale è fortemente ridimensionato rispetto al bilancio del È una diretta conseguenza dei problemi sopra esposti. Abbiamo svalutato in maniera consistente crediti problematici, ma nello specifico, sarà più esaustivo il direttore in Assemblea. Nonostante tutto chiudiamo l esercizio con un utile netto di circa 800 mila Euro. Crediamo sia un bilancio positivo nel contesto economico di questo momento. Abbiamo deciso di mantenere pressoché invariata la cifra che destiniamo in beneficenza e sponsorizzazioni, una decisione che il C.d.A. ha voluto prendere considerando l alto Abbiamo deciso di mantenere pressoché invariata la cifra che destiniamo in beneficenza e sponsorizzazioni considerando l alto valore sociale che il mondo dell associazionismo rappresenta per il nostro territorio. pag 6 LA BANCA

7 Editoriale Presidente valore sociale che il mondo dell associazionismo rappresenta per il nostro territorio. In una particolare situazione, nella quale l apporto pubblico e privato a sostegno di queste realtà storiche che rappresentano con efficienza ed entusiasmo la nostra valle si sta notevolmente ridimensionando, vogliamo garantire quel supporto economico determinante per il sostegno delle nostre associazioni. Anche per illustrare le nostre linee guida nell erogazione di beneficenze e sponsorizzazioni, il 6 marzo scorso è stata organizzato un apposito incontro al quale sono state invitate tutte le associazioni. La presenza è stata quasi unanime ed è stato confermato l apprezzamento per il nostro impegno. Anche quest anno, in questi giorni, abbiamo organizzato le preassemblee in tutti i paesi della zona di nostra competenza. Abbiamo presentato il bilancio sociale, raccontato l organizzazione della nostra azienda ed illustrato le proposte di candidatura alla carica di amministratore da sottoporre all assemblea dei soci. Avere l occasione di incontrare i nostri soci nei loro paesi, facilita la possibilità di dialogo e confronto che nell Assemblea Generale sono più difficili. Il Consiglio d Amministrazione è stato particolarmente impegnato in questo esercizio proprio per le difficoltà che aziende e famiglie stanno vivendo. Garantire quel supporto economico che è indispensabile in situazioni di crisi generale è stato l impegno che il Consiglio si è preso in carico con serietà e consapevolezza. Il nostro compito è anche quello di amministrare con prudenza i risparmi che i nostri soci e clienti ci affidano e anche nel 2013 abbiamo partecipato ai corsi di formazione propedeutici a svolgere in maniera professionale il nostro mandato. Tutta la nostra struttura ha svolto un lavoro impegnativo con continuità ed entusiasmo, per questo voglio ringraziare tutti i nostri collaboratori a nome del Consilgio d Amministrazione ed anche a nome di tutti i nostri soci e clienti. Un particolare grazie alla Direzione che, con competenza ed impegno, ci garantisce una gestione attenta ed efficiente. Così come un grazie va al Collegio Sindacale per i puntuali suggerimenti, utili ed a tutela delle decisioni che di volta in volta dobbiamo prendere. La nostra è una Cassa Rurale dinamica, tesa sempre a migliorarsi per offrire i servizi che i nostri soci e clienti ci chiedono. Questo è l impegno che il Consiglio di Amministrazione e tutta la struttura garantirà anche per il futuro a tutti i nostri soci. A tutti voi il nostro più sentito grazie per la fedeltà e vicinanza che sempre ci dimostrate. pag 7 LA BANCA

8 > Il bilancio d esercizio 2013 che i soci esamineranno nella prossima assemblea è la sintesi del lavoro di un intero anno Pensieri e parole del Direttore Giornate che si sono succedute le une alle altre riempendosi di contatti e di relazioni, di soddisfazioni e di delusioni, di progetti realizzati e di altri ancora incompleti, di entusiasmi e di timori, di cose ben fatte e di altre meno riuscite, insomma di tante piccole azioni quotidiane che messe una in fila all altra concorrono a formare quello che è il risultato racchiuso in poche righe di sunto contabile. kk Più del 93% della nostra raccolta diretta è utilizzata per fare prestiti ai clienti Paolo Defrancesco È stato un anno indubbiamente impegnativo per tutti, sia per noi che per i nostri clienti. Provo qui a riassumerne, dal punto di vista tecnico, le principali dinamiche. La raccolta complessivamente ha tenuto (+1,70%). Confortante anche l andamento della nostra raccolta diretta (+0,60%) che è la materia prima per il credito. Infatti più del 93% della nostra raccolta diretta è utilizzata per fare prestiti ai clienti. La domanda di credito però continua a ristagnare, risentendo delle incertezze congiunturali e così, a fine 2013, lo stock dei prestiti erogati è diminuito del 4,59%. Sono invece ancora aumentati i crediti problematici e ciò, anche in considerazione della perdurante flessione del mercato immobiliare che compromette la tenuta delle garanzie sui finanziamenti erogati, ci ha pag 8 LA BANCA

9 Editoriale Direttore indotto ad adottare politiche ancor più prudenziali in fase di valutazione dei nostri attivi. Lo testimonia il notevole aumento delle rettifiche di valore su crediti che registra il nostro conto economico. Questa voce negli ultimi anni ha affossato i bilanci di molte banche nazionali e regionali, ma nel nostro caso è stata compensata dai ricavi prodotti dal nostro portafoglio titoli che ci hanno permesso di chiudere con un utile ancora apprezzabile, per quanto notevolmente ridotto (- 65%) rispetto al risultato precedente. Questo utile d esercizio è destinato, oltre che ad alimentare il nostro fondo beneficenza, a rafforzare ancora un po il nostro già tranquillizzante patrimonio proprio in un momento in cui la vigilanza europea (che sta effettuando una specifica verifica sulla qualità degli attivi nelle principali banche del sistema, la cosidetta Asset Quality Review) innalza i livelli di quantità e qualità del capitale che le banche devono detenere a fronte dei rischi assunti. Ne sono la riprova i numerosi aumenti di capitale varati in questi mesi da molte banche italiane, che sono costrette a chiedere ai loro soci ed azionisti un ulteriore sostegno economico. Archiviamo quindi il bilancio 2013 con una moderata soddisfazione. È un consuntivo che testimonia indubbiamente le complicazioni del momento, ma anche la buona capacità di tenuta della nostra Cassa Rurale e la sua rassicurante solidità patrimoniale. Ed è un peccato che le cifre del bilancio non riescano a rappresentare anche gli aspetti intangibili della nostra cooperativa di credito: i nostri valori, il nostro impegno, la nostra volontà e le nostre idee. Ma anche i nostri dubbi e le nostre preoccupazioni, nonché la responsabilità che avvertiamo nei confronti dei nostri soci e delle nostre comunità. Peccato, perché sono assolutamente convinto che in questi ultimi difficili anni, è proprio di queste cose che i nostri bilanci, più poveri nei numeri, sarebbero stati assai ricchi. È un consuntivo che testimonia indubbiamente le complicazioni del momento, ma anche la buona capacità di tenuta della nostra Cassa Rurale e la sua rassicurante solidità patrimoniale. pag 9 LA BANCA

10 Avviso di convocazione I Soci della Cassa Rurale di Fiemme Banca di Credito Cooperativo società cooperativa con sede legale in Tesero sono convocati in Assemblea generale ordinaria indetta in prima convocazione per il giorno 30 aprile 2014 ad ore presso lo Sporting Center di Predazzo ed in seconda convocazione per il giorno 10 maggio 2014 ad ore presso lo SPORTING CENTER a Predazzo Via Venezia 28 per trattare il seguente ORDINE DEL GIORNO 1. Onorificenze a Soci. 2. Presentazione del bilancio al 31 dicembre 2013 e conseguenti obblighi informativi. Relazione sulla gestione del Consiglio di Amministrazione, relazione del Collegio dei Sindaci e del soggetto incaricato del controllo contabile. Approvazione del bilancio e destinazione degli utili. 3. Elezione delle cariche sociali: - elezione di n. 4 Amministratori: di cui n. 1 da eleggere tra i Soci residenti e/o operanti a Predazzo, n. 1 da eleggere tra i Soci residenti e/o operanti a Tesero, n. 1 da eleggere tra i Soci residenti e/o operanti a Panchià e n. 1 da eleggere tra i Soci residenti e/o operanti a Molina di Fiemme. 4. Politiche di remunerazione: informativa all assemblea. 5. Determinazione dei compensi agli amministratori. 6. Determinazione ai sensi dell art. 30, comma 2, dello Statuto, dell ammontare massimo delle posizioni di rischio che possono essere assunte nei confronti dei soci e clienti. 7. Determinazione ai sensi dell art. 30, comma 2, dello Statuto, dell ammontare massimo delle posizioni di rischio nei confronti dei singoli esponenti aziendali soci. Tesero, 15 aprile 2014 Il Presidente Goffredo Zanon La presentazione di proposte di candidatura per l elezione delle cariche sociali deve pervenire al Consiglio di Amministrazione almeno 7 giorni prima della data di svolgimento dell Assemblea. I moduli per la presentazione delle proposte di candidatura sono disponibili presso le sedi e le filiali della Cassa Rurale. Potranno prendere parte all assemblea tutti i soci che, alla data di svolgimento della stessa, risultino iscritti da almeno novanta giorni nel libro dei soci. Per l autentica delle deleghe, ai sensi dell articolo 25 dello Statuto sociale e dell articolo 5 del Regolamento assembleare, i soci potranno recarsi presso le sedi e le filiali della Cassa Rurale nell orario di apertura al pubblico. pag 10 LA BANCA

11 In primo piano Il bilancio d esercizio 2013 SOCI STATO PATRIMONIALE - ATTIVO Scostamento annuo Voci dell'attivo dicembre 2013 dicembre Cassa e disponibilità liquide Attività finanziarie detenute per la negoziazione 30. Attività finanziarie valutate al fair value 40. Attività finanziarie disponibili per la vendita 50. Attività finanziarie detenute - - sino alla scadenza 60. Crediti verso banche Crediti verso clientela Derivati di copertura Adeguamento di valore delle attività - - finanziarie oggetto di copertura generica () 100. Partecipazioni Attività materiali Attività immateriali di cui: - avviamento Attività fiscali a) correnti b) anticipate di cui alla L. 214/ Attività non correnti e gruppi - - di attività in via di dismissione 150. Altre attività Valore assoluto Valore percentuale ,06% ,38% ,40% ,02% - nc ,40% ,70% - nc - nc - nc ,84% ,84% - nc ,79% ,08% ,78% ,28% - nc ,00% PRESTITI RAPPORTO RACCOLTA DIRETTA/PRESTITI PRESTITI RACCOLTA DIRETTA PATRIMONIO 76,7 77,4 69,2 68,3 67,8 Totale dell'attivo ,04% pag 11 LA BANCA

12 Bilancio d esercizio STATO PATRIMONIALE - PASSIVO Scostamento annuo Voci del passivo e del patrimonio netto dicembre 2013 dicembre 2012 Valore assoluto Valore percentuale 10. Debiti verso banche Debiti verso clientela Titoli in circolazione Passività finanziarie di negoziazione Passività finanziarie valutate al fair value 60. Derivati di copertura Adeguamento di valore delle passività - - finanziarie oggetto di copertura generica () 80. Passività fiscali a) correnti b) differite Passività associate ad attività - - in via di dismissione 100. Altre passività Trattamento di fine rapporto del personale 120. Fondi per rischi e oneri a) quiescenza e obblighi simili - - b) altri fondi Riserve da valutazione Azioni rimborsabili Strumenti di capitale Riserve Acconti su dividendi (-) Sovrapprezzi di emissione Capitale Azioni proprie (-) Utile (Perdita) d'esercizio () ,13% ,45% ,06% ,84% ,33% ,76% - nc ,24% ,99% ,77% - nc ,95% ,31% ,78% - nc ,78% ,47% - nc - nc ,86% - nc ,38% 186 1,48% - nc ,12% RACCOLTA DIRETTA RACCOLTA INDIRETTA RACCOLTA COMPLESSIVA UTILE D ESERCIZIO Totale del passivo e del patrimonio netto ,04% pag 12 LA BANCA

13 Bilancio d esercizio Voci Conto economico dicembre 2013 dicembre Interessi attivi e proventi assimilati Interessi passivi e oneri assimilati ( ) ( ) 30. Margine di interesse Commissioni attive Commissioni passive ( ) ( ) 60. Commissioni nette Dividendi e proventi simili Risultato netto dell'attività di negoziazione (33.624) (51.320) 90. Risultato netto dell'attività di copertura (4.505) Utili (perdite) da cessione o riacquisto di: a) crediti - - b) attività finanziarie disponibili per la vendita c) attività finanziarie detenute sino alla scadenza - - d) passività finanziarie Risultato netto delle attività e passività finanziarie valutate al fair value Margine di intermediazione Rettifiche/riprese di valore nette per deterioramento di: ( ) ( ) a) crediti ( ) ( ) b) attività finanziarie disponibili per la vendita - - c) attività finanziarie detenute sino alla scadenza - - d) altre operazioni finanziarie Risultato netto della gestione finanziaria Spese amministrative: ( ) ( ) a) spese per il personale ( ) ( ) b) altre spese amministrative ( ) ( ) 160. Accantonamenti netti ai fondi per rischi e oneri (84.831) (25.975) 170. Rettifiche/riprese di valore nette su attività materiali ( ) ( ) 180. Rettifiche/riprese di valore nette su attività immateriali (3.770) (5.718) 190. Altri oneri/proventi di gestione Costi operativi ( ) ( ) 210. Utili (Perdite) delle partecipazioni Risultato netto della valutazione al fair value delle attività materiali e immateriali Rettifiche di valore dell'avviamento Utili (Perdite) da cessione di investimenti (616) (3.986) 250. Utile (Perdita) della operatività corrente al lordo delle imposte Imposte sul reddito dell'esercizio dell'operatività corrente ( ) ( ) 270. Utile (Perdita) della operatività corrente al netto delle imposte Utile (Perdita) dei gruppi di attività in via di dismissione al netto delle imposte Utile (Perdita) d'esercizio Scostamento annuo Valore assoluto Valore percentuale ( ) -1,53% ( ) 1,28% ( ) -4,03% (12.900) -0,36% (25.374) 5,03% (38.274) -1,26% (34.244) -21,19% ,48% (6.743) -301,30% ,54% - 0,00% ,93% - nc (19.425) -49,55% ,57% ,68% ( ) 167,07% ( ) 167,07% - nc - nc - nc ( ) -11,94% ( ) 6,52% ( ) 4,37% ( ) 9,45% (58.856) 226,59% ,64% ,07% ,02% ( ) 2,84% - nc - nc - nc ,55% ( ) -60,30% ,27% ( ) -65,12% - nc ( ) -65,12% pag 13 LA BANCA

14 In vista dell assemblea generale annuale del 10 maggio, presso lo Sporting Center di Predazzo, la Cassa Rurale di Fiemme ha organizzato le preassemblee in tutti i paesi che fanno parte della sua area di competenza Interessante partecipazione alle preassemblee dei Soci [Un occasione di confronto e colloquio tra Soci e vertici aziendali] MARIO FELICETTI La prima si è svolta a Molina di Fiemme, in Sala Tisti, mercoledì 2 aprile, seguita da quelle di Tesero giovedì 3, presso l auditorium Luigi Canal, di Panchià venerdì 4, in teatro, di domenica 6 nella sala anziani di Valfloriana, di lunedì 7 presso il Centro Polifunzionale di Castello, di mercoledì 9 a Predazzo, nella sala della Casa Maria Immacolata, di giovedì 10 nel teatro di Capriana e infine di venerdì 11 aprile a Ziano, nel teatro parrocchiale. Una serie di incontri molto partecipati, nel corso dei quali il presidente Dino Zanon ed il vicedirettore Massimo Piazzi hanno illustrato i contenuti, le particolarità, i progetti, le caratteristiche operative dell istituto, anche attraverso una articolata serie di diapositive. In particolare, il presidente si è soffermato sul bilancio sociale (i soci, a fine 2013, erano 4.877, dei quali donne, uomini e 37 aziende), sull ammontare del risparmio per i soci, determinato dalle varie agevolazioni ( euro), sulle kk La Cassa Rurale di Fiemme ha preparato l assemblea generale del 10 maggio allo Sporting Center di Predazzo convocando i soci nei diversi paesi di residenza per illustrare il bilancio 2013 e l organizzazione dell istituto di credito pag 14 LA BANCA

15 Preassemblee dei Soci diverse iniziative promosse nell ultimo anno (tra esse i premi e le borse di studio, il benvenuto ai nuovi soci, i soci in viaggio, il servizio di compilazione del Modello 730), su numero dei clienti (13.790), di cui persone fisiche e aziende), sui rapporti in essere, pari a Leggermente in diminuzione, anche se ancora molto consistenti, le masse amministrate, pari a 902 milioni di euro, effetto di una crisi che non accenna a placarsi, le pratiche presentate l anno scorso (solo 26 quelle respinte), 73 i mutui prima casa, per 8, 5 milioni di euro, e 247 i prestiti personali, per 3.1 milioni. Il presidente ha anche ricordato le moratorie applicate a favore di quanti hanno difficoltà a rispettare le scadenze, le vantaggiose condizioni applicate per i tassi di interesse, le polizze assicurative, i contributi erogati (oltre euro) a beneficio delle numerose associazioni di volontariato. Massimo Piazzi ha quindi illustrato l organizzazione aziendale, ricordando gli 80 dipendenti (34 donne e 46 uomini), i nove sportelli distribuiti in tutta la valle (Predazzo, Centro Commerciale Predazzo, Ziano, Panchià, Tesero, Castello, Molina, Capriana e Valfloriana), i consulenti, i servizi specialistici, il settore marketing, lo sviluppo organizzativo, i diversi servizi, l amministrazione. Un organizzazione complessa ma perfettamente funzionante ed additata ad esempio anche a livello provinciale. Non sono mancate le richieste di chiarimenti da parte dei soci, con le puntuali precisazioni del direttore Paolo Defrancesco e degli amministratori. Ed ora, appuntamento a Predazzo per l assemblea del 10 maggio. kk le pratiche presentate l anno scorso (solo 26 quelle respinte), 73 i mutui prima casa, per 8, 5 milioni di euro, e 247 i prestiti personali, per 3.1 milioni pag 15 LA BANCA

16 L importanza di una previdenza complementare e le sue opportunità Conoscere il presente per progettare il futuro [Le Casse Rurali di Fiemme e Fassa incontrano la categoria dei coltivatori diretti e delle aziende zootecniche] Stefania Rigoni Il sistema pensionistico contributivo e l evoluzione demografica rendono necessario un cambiamento nel nostro modo di pensare. L attuale andamento della popolazione ha determinato infatti un aumento esponenziale del numero di pensionati rispetto a quello delle persone occupate. Per ovviare a questo squilibrio, il sistema pensionistico obbligatorio ha introdotto il sistema contributivo, in base al quale i contributi versati nel corso di una vita lavorativa inserita in un tessuto di previdenza sociale verranno accumulati, adeguatamente rivalutati e trasformati in rendita pensionistica. Il futuro non lascia adito a dubbi: le pensioni erogate dallo Stato saranno nei prossimi anni inferiori a quelle attuali. Se fino ad oggi abbiamo potuto contare sulla sicurezza di una pensione pubblica adeguata, ora dobbiamo assumerci la responsabilità di provvedere in prima persona alla nostra vecchiaia - spiega Gabriele Parisi, per anni responsabile del Patronato Epaca di Trento e continua è molto importante controllare la kk Martedì 25 marzo le Casse Rurali delle Valli di Fiemme e Fassa, in collaborazione con Coldiretti sez. di Tesero, hanno incontrato la categoria economica degli agricoltori per trattare il tema delicato e complesso della previdenza complementare. pag 16 ECONOMIA

17 Incontro con Coldiretti Una soluzione possibile è la previdenza complementare ovvero una pensione aggiuntiva, a integrazione della pensione pubblica, che si accumula nel corso della vita lavorativa mediante contribuzione volontaria propria posizione previdenziale per fare delle scelte consapevoli e corrette per colmare la riduzione della propria pensione. Una soluzione possibile è la previdenza complementare ovvero una pensione aggiuntiva, a integrazione della pensione pubblica, che si accumula nel corso della vita lavorativa mediante contribuzione volontaria. A sottolineare l importanza di una piano previdenziale integrativo ed incentivarne l utilizzo la Provincia Autonoma di Trento interviene con contributo, rivolto ai giovani delle categorie dei coltivatori diretti e delle aziende zootecniche operanti in zone svantaggiate, che consiste in un versamento annuale di euro 500 fino ad un massimo di 10 anni o fino al raggiungimento dei 40 anni di età del soggetto titolare di un fondo pensione integrativo. Cristiano Carlin, responsabile commerciale di Assicura srl, ha illustrato le principali caratteristiche e i vantaggi fiscali ed economici del prodotto Pensplan: la soluzione di previdenza complementare delle Casse Rurali Trentine. Tra il numeroso pubblico, c era anche un invitato speciale, Graziano Lozzer Consigliere Provinciale ed imprenditore agricolo, che ha portato il saluto del presidente del Consiglio Regionale e del presidente della Provincia Autonoma di Trento, lodando l iniziativa e sottolineando l importanza del settore agricolo nella nostra realtà. L incontro ha contribuito a sensibilizzare i giovani imprenditori agricoli sul proprio futuro e sul tema della previdenza complementare evidenziando il valore aggiunto delle azioni in sinergia tra le Casse Rurali e le categorie economiche del territorio. pag 17 ECONOMIA

18 Finanziamenti a favore delle imprese trentine a valere sul Fondo di Rotazione Provinciale Le risorse del Fondo di Rotazione [In data 11 ottobre 2013 la Giunta Provinciale di Trento ha deliberato la riattivazione dei Fondi di Rotazione a favore delle imprese trentine] Lorenzo Delugan Le risorse del Fondo di Rotazione rese disponibili dalla Provincia attraverso APIAE ammontano ad euro 40 milioni; a tali risorse si aggiungono altrettante disponibilità finanziarie assicurate dalle banche aderenti all iniziativa (fra cui la nostra cassa rurale) per un totale pertanto di euro 80 milioni. Possono accedere ai finanziamenti le imprese iscritte nel registro delle imprese di Trento o nel repertorio economico amministrativo (R.E.A) tenuto dalla camera di commercio, industria, artigianato e agricoltura di Trento con esclusione delle imprese bancarie, assicurative, agricole o aziende che hanno in corso procedure concorsuali. Sono ammissibili ai finanziamenti i progetti di spesa finalizzati allo sviluppo aziendale per l ammodernamento o ampliamento produttivo, la riqualificazione energetica, la ricerca e l innovazione, l internazionalizzazione e l acquisizione di servizi all esterno dell azienda. Le iniziative devono essere completate entro il secondo anno solare successivo all ammissione dei benefici del Fondo di Rotazione, fatta salva la possibilità di proroga per un massimo di 1 anno. kk Sono ammissibili ai finanziamenti i progetti di spesa finalizzati allo sviluppo aziendale per l ammodernamento o ampliamento produttivo, la riqualificazione energetica, la ricerca e l innovazione, l internazionalizzazione e l acquisizione di servizi all esterno dell azienda. pag 18 ECONOMIA

19 Fondi di Rotazione Le imprese potranno ottenere mutui a medio-lungo termine, eventualmente assistiti da garanzie prestate dai Confidi (massimo 50%) a tassi agevolati. L impresa interessata ad accedere ai benefici previsti dai Fondi di Rotazione deve presentare la domanda al CONFIDI di riferimento e alla propria Cassa Rurale e inoltrarla ai rispettivi indirizzi di posta elettronica certificata (PEC). Il modello di domanda e i relativi allegati sono disponibili sul sito APIAE. Riepiloghiamo di seguito le principale caratteristiche dei finanziamenti ammissibili. Importo del mutuo non superiore al 70% della spesa ritenuta ammissibile, da un minimo di euro ad un massimo di euro 2,5 mln. Nella spesa ammissibile può essere inserita una quota massima forfettaria del 30% della spesa stessa, relativa ad incremento dell operatività aziendale (circolante). Durata non inferiore ad anni 5 e non superiore ad anni 14, comprensiva eventualmente di un periodo di preammortamento massimo di 2 anni. Rimborso capitale in rate semestrali, comprensive di quota capitale e interessi, a scadenze fisse al 30 di giugno e al 31 dicembre di ciascun anno. Tasso fisso o variabile incrementato da uno spread previsto dalla Convenzione. La Cassa Rurale valuterà le richieste di finanziamento in piena autonomia, ivi comprese le garanzie che riterrà di acquisire, assumendo il rischio sull intero finanziamento concesso. Per ultimo ricordo che la convenzione avrà durata fino al e sarà rinnovata automaticamente di anno in anno salvo disdetta. Va infine tenuto presente che entro la data del dovranno essere restituite al Fondo tutte le risorse rese disponibili; pertanto la durata dei finanziamenti non potrà andare oltre tale data. Le nostre filiali e i nostri consulenti sono a vostra disposizione per illustrarvi e spiegarvi tale convenzione. pag 19 ECONOMIA

20 La Cassa Rurale di Fiemme intende mantenere l attenzione e la sensibilità di sempre nei confronti della realtà associativa della valle, in particolare nella propria area di competenza Contributi: cambiano le regole [Incontro a Tesero con le associazioni della valle] MARIO FELICETTI Ma nel contempo vuole valutare meglio le richieste di contributi, per una più oculata distribuzione delle risorse. È quanto emerso giovedì 6 marzo nel corso di una riunione che l Istituto di Credito ha convocato alle 18 presso l auditorium Luigi Canal di Tesero, per l occasione gremito da oltre un centinaio di rappresentanti delle diverse associazioni valligiane. Non è un momento facile ha fatto presente, aprendo incontro, il presidente Goffredo Zanon, affiancato dal vicedirettore Massimo Piazzi, da Cristian Larentis, responsabile del marketing e delle relazioni esterne, e da Stefania Rigoni dell Ufficio Marketing. In ogni caso ha assicurato il sostegno della Cassa Rurale di Fiemme alle associazioni di volontariato non verrà mai meno, visto che le consideriamo un grande patrimonio per tutta la valle. Resta il fatto che gli utili sono in calo e quindi bisogna approfondire di più il valore delle domande, adottando delle linee guida che tengano anche conto del grado di fedeltà nei confronti del nostro Istituto, da parte di chi le presenta. k k In ogni caso il sostegno della Cassa Rurale di Fiemme alle associazioni di volontariato non verrà mai meno, visto che le consideriamo un grande patrimonio per tutta la valle pag 20 COMUNITà E TERRITORIO

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore IL CONTESTO L approvazione del Bilancio di previsione quest anno si pone esattamente a metà del mio mandato rettorale, iniziato tre anni fa,

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia Nel corso degli ultimi trent anni il sistema previdenziale italiano è stato interessato da riforme strutturali finalizzate: al progressivo controllo della spesa pubblica per pensioni, che stava assumendo

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC?

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC? La PAC che verrà: Smart change or business as usual? La posizione ufficiale IFOAM EU sulla prossima riforma PAC 2014 2020 Alessandro Triantafyllidis, IFOAM EU Group Siamo a metà dell attuale periodo di

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Proposto un dividendo di 8 centesimi di euro per azione (6 centesimi nel 2013)

COMUNICATO STAMPA. Proposto un dividendo di 8 centesimi di euro per azione (6 centesimi nel 2013) COMUNICATO STAMPA Conferma della solida patrimonializzazione del Gruppo: Common Equity Tier 1 ratio phased in al 31 dicembre 2014: 12,33% 1 (13% al 30/09/2014) Common Equity Tier 1 ratio pro forma stimato

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7

Allegato A al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE In Atto Art. 1) Ai sensi della Legge 7 Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7 dicembre 2000, n. 383 e delle norme del codice civile in tema

Dettagli

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Il profilo della Banca Fondata nel 1871, è una della prime banche popolari italiane ispirate

Dettagli

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris BANDO II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris Spiegami i diritti dell uomo: diritto all Educazione, diritto

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015 THE FUND RAISING SCHOOL Calendario Corsi 2015 www.fundraisingschool.it LA PRIMA SCUOLA ITALIANA DI RACCOLTA FONDI Nata nel 1999 The Fund Raising School è la prima scuola di formazione italiana dedicata

Dettagli

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi La Scuola del Cuoio è stata fondata dopo la Seconda Guerra Mondiale grazie alla collaborazione dei Frati Francescani Minori Conventuali della Basilica di Santa Croce e delle famiglie Gori e Casini, artigiani

Dettagli

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee La riforma delle pensioni Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee Obiettivi Strumenti 2 Obiettivi e strumenti della riforma sostenibilità I REQUISITI DI PENSIONAMENTO SONO LEGATI ALLA LONGEVITA'

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Bando speciale BORSE LAVORO 2015

Bando speciale BORSE LAVORO 2015 Bando speciale BORSE LAVORO 2015 PREMESSA La Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia considera la mancanza di occasioni di lavoro per i giovani, in misura non più conosciuta da decenni, come

Dettagli

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande 1. Quali sono le caratteristiche distintive dell impresa cooperativa? L impresa cooperativa è un impresa costituita da almeno 3 soci e può avere la forma della

Dettagli

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale.

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale. Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MEMIT Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture X Edizione 2013-2014 MEMIT Master in Economia e management

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A. delle Vie Francigene

AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A. delle Vie Francigene AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A delle Vie Francigene Pacchetto Soci 2015 1 MOSTRA DA CANTERBURY A ROMA: 1.800 KM ATTRAVERSO L EUROPA La mostra approfondisce, attraverso immagini supportate da testi

Dettagli

STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE Amici della Pedagogia Waldorf Emil Molt. Art. 1 (Costituzione, denominazione e sede)

STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE Amici della Pedagogia Waldorf Emil Molt. Art. 1 (Costituzione, denominazione e sede) STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE Amici della Pedagogia Waldorf Emil Molt Art. 1 (Costituzione, denominazione e sede) 1) E costituita, nel rispetto del Codice Civile, della Legge 383/2000 e della normativa in

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO Anno Accademico 2014 2015 X Edizione MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI In collaborazione con Federazione Relazioni Pubbliche Italiana DIRETTORE: Prof. Gennaro Iasevoli

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Referenti: Coordinatore Scuole dott. Romano Santoro Coordinatrice progetto dott.ssa Cecilia Stajano c.stajano@gioventudigitale.net Via Umbria

Dettagli

più credito per la tua impresa

più credito per la tua impresa Sei un impresa che vuole acquistare nuovi macchinari, impianti o attrezzature? più credito per la tua impresa : Agevolazioni anche per i settori di pesca e agricoltura Beni strumentali, l agevolazione

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

AVVISO VOLONTARI AGRONOMI E FORESTALI WAA FOR EXPO

AVVISO VOLONTARI AGRONOMI E FORESTALI WAA FOR EXPO AVVISO VOLONTARI AGRONOMI E FORESTALI WAA FOR EXPO AL VIA LA CAMPAGNA AGRONOMI E FORESTALI WAA FOR EXPO 1. ESSERE UN AGRONOMO E FORESTALE WAA for EXPO2015 Il grande appuntamento dell EXPO MILANO 2015 dal

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 Nel 2013 ingresso in 11 startup, di cui 6 startup innovative, una cessione, una

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l.

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Esercizio 2014 433 Dati di sintesi ed indicatori di bilancio della Banca Popolare di Milano 435 Schemi di bilancio riclassificati: aspetti generali

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA 1. A norma degli articoli 14 e seguenti del Codice Civile è costituita la Fondazione dell

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 SALES & MARKETING Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

STATUTO. Art. 1. Art. 2

STATUTO. Art. 1. Art. 2 STATUTO Art. 1 E costituita tra l Università Politecnica delle Marche e l Università degli Studi di Urbino Carlo Bo un associazione denominata UNIADRION. Art. 2 L associazione ha sede in Ancona, presso

Dettagli

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT edizione 2015 Foto di Benedetta Pitscheider Se il tuo futuro è lo spettacolo, il tuo presente è il Master in Performing Arts Management in collaborazione con OSMOSI

Dettagli

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione AVVISO DI SELEZIONE PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA LEONARDO DA VINCI Progetto M.E.D. Progetto nr. LLP-LdV-PLM-11-IT-254 Titolo M.E.D. (N. LLPLink 2011-1-IT1-LEO02-01757) Destinazione: IRLANDA art. 1 SOGGETTO

Dettagli

Lettera agli azionisti

Lettera agli azionisti Lettera agli azionisti Esercizio 24 2 Messaggio dei dirigenti del gruppo Gentili signore e signori Rolf Dörig e Patrick Frost Il 24 è stato un anno molto positivo per Swiss Life. Anche quest anno la performance

Dettagli

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE STATUTO CIRCOLO TBLUE Art. 1 COSTITUZIONE - SEDE E costituito, come associazione culturale ricreativa non riconosciuta ai sensi dell art 36 e ss. Codice Civile ed art. 148 comma 3 D.P.R. 917/1986 (T.U.I.R.),

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Roma, 29 maggio 2012 Indice Il Gestore dei Servizi Energetici GSE S.p.A. I nostri servizi Nuove attività 2012-2013 Evoluzione delle attività

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

Dai valore al tuo domani. fondo pensione

Dai valore al tuo domani. fondo pensione Dai valore al tuo domani fondo pensione fondo pensione E grande la soddisfazione per aver raggiunto l'obiettivo di realizzare il primo Fondo di Previdenza Complementare di categoria gestito da una Cassa

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO IL BILANCIO D ESERCIZIO E UN DOCUMENTO AZIENDALE DI SINTESI, DI DERIVAZIONE CONTABILE, RIVOLTO A VARI DESTINATARI, CHE RAPPRESENTA IN TERMINI CONSUNTIVI E

Dettagli

LA SALUTE VIEN MANGIANDO

LA SALUTE VIEN MANGIANDO Comune di Trino Assessorato Istruzione e Cultura Settore Extrascolastico-Culturale Istituto Comprensivo di Trino Scuola dell Infanzia e Scuola Primaria Asl 21 di Casale Dipartimento di Prevenzione Servizio

Dettagli

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi ONDI OMUNI: AI A CELTA IUSTA Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi CONOSCERE I FONDI D INVESTIMENTO, PER FARE SCELTE CONSAPEVOLI I fondi comuni sono

Dettagli

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR Le risposte alle domande più frequenti Scelta sulla 1. destinazione del Tfr Linee di investimento 2. dedicate al Tfr 3. Prestazioni Regime fiscale delle 4. prestazioni previdenziali

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

I VERSAMENTI VOLONTARI

I VERSAMENTI VOLONTARI I VERSAMENTI VOLONTARI Le Guide Inps Direttore Annalisa Guidotti Capo Redattore Iride di Palma Testi Daniela Cerrocchi Fulvio Maiella Antonio Silvestri Progetto grafico Peliti Associati Impaginazione Aldo

Dettagli

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE Premessa Impresa in azione è il programma didattico dedicato agli studenti degli ultimi anni della Scuola Superiore e pensato per valorizzare la creatività e lo spirito imprenditoriale

Dettagli

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958)

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958) NOTIZIARIO PARROCCHIALE Anno XC - N 8 dicembre 2012 - L Angelo in Famiglia Pubbl. mens. - Sped. abb. post. 50% Bergamo Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone

Dettagli

Il consolidamento negli anni successivi al primo

Il consolidamento negli anni successivi al primo Il consolidamento negli anni successivi al primo Il rispetto del principio della continuità dei valori richiede necessariamente che il bilancio consolidato degli esercizi successivi sia strettamente dipendente

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

Contribuite anche voi al nostro successo.

Contribuite anche voi al nostro successo. Entusiasmo da condividere. Contribuite anche voi al nostro successo. 1 Premi Nel 2009 e nel 2012, PostFinance è stata insignita del marchio «Friendly Work Space» per la sua sistematica gestione della salute.

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

Concorso Sulle vie dell Europa / On the routes of Europe

Concorso Sulle vie dell Europa / On the routes of Europe Concorso Sulle vie dell Europa / On the routes of Europe Anno Scolastico 2013-2014 PERSONE IN CAMMINO OLTRE LE FRONTIERE PER RICONQUISTARE IL FUTURO Premessa Il Concorso Sulle vie dell Europa è promosso

Dettagli

StarRock S.r.l. Bilancio 2014

StarRock S.r.l. Bilancio 2014 StarRock S.r.l. Bilancio 2014 Pagina 1 StarRock S.r.l. Sede legale in Milano 20135, Viale Sabotino 22 Capitale sociale sottoscritto Euro 35.910,84 i.v. Registro Imprese di Milano, Codice Fiscale, P.IVA

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

Milano, 6/5/15 AVVISO PROROGA E INTEGRAZIONE

Milano, 6/5/15 AVVISO PROROGA E INTEGRAZIONE Milano, 6/5/15 AVVISO PROROGA E INTEGRAZIONE Il bando relativo all iniziativa URSA AWARD: Best project for a better tomorrow si modifica e integra come segue: 1) la partecipazione viene prorogata fino

Dettagli

Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi

Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi Venga il Tuo Regno! COMISSIONE CENTRALE PER LA REVISIONE DEGLI STATUTI DEL REGNUM CHRISTI Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi Cari promotori

Dettagli

RASSEGNA STAMPA La Regione che vogliamo Toscana 29 Aprile 2015

RASSEGNA STAMPA La Regione che vogliamo Toscana 29 Aprile 2015 RASSEGNA STAMPA La Regione che vogliamo Toscana 29 Aprile 2015 COMUNICATO STAMPA La Regione che vogliamo: la CIDA organizza il confronto con i candidati alla Presidenza della regione Toscana 29 Aprile

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE ASSOCIAZIONE CULTURALE FERRARA OFF STATUTO DEFINIZIONE E FINALITA COSTITUZIONE, DENOMINAZIONE E SEDE. - ART.

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE ASSOCIAZIONE CULTURALE FERRARA OFF STATUTO DEFINIZIONE E FINALITA COSTITUZIONE, DENOMINAZIONE E SEDE. - ART. STATUTO DELL ASSOCIAZIONE ASSOCIAZIONE CULTURALE FERRARA OFF STATUTO DEFINIZIONE E FINALITA COSTITUZIONE, DENOMINAZIONE E SEDE. - ART. 1 E costituita, nello spirito della Costituzione della Repubblica

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E FINANZA MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ECONOMIA DELLA CULTURA: POLITICHE, GOVERNO E GESTIONE modalità didattica mista presenza/distanza

Dettagli

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Newsletter n.1 / presentazione ravenna 2013 / in distribuzione febbraio 2013 Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Info: Web: www.ravenna2013.it Mail: ravenna2013@labelab.it / Telefono: 366.3805000

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE PROPOSTE CONCERNENTI LE MATERIE POSTE ALL ORDINE DEL GIORNO DELLA ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI DEL

Dettagli

Stima della pensione complementare (Progetto Esemplificativo Standardizzato)

Stima della pensione complementare (Progetto Esemplificativo Standardizzato) (Progetto Esemplificativo Standardizzato) Il presente progetto esemplificativo contiene una stima della pensione complementare predisposta per consentirti una valutazione sintetica e prospettica del programma

Dettagli

Tutt uno con la natura: godetevi le squisite specialità di speck e salumi dalle falde del Massiccio dello Sciliar.

Tutt uno con la natura: godetevi le squisite specialità di speck e salumi dalle falde del Massiccio dello Sciliar. Tutt uno con la natura: godetevi le squisite specialità di speck e salumi dalle falde del Massiccio dello Sciliar. Tutto il fascino delle montagne dell Alto Adige, catturato nelle specialità L Alto Adige,

Dettagli

Elaidon Web Solutions

Elaidon Web Solutions Elaidon Web Solutions Realizzazione siti web e pubblicità sui motori di ricerca Consulente Lorenzo Stefano Piscioli Via Siena, 6 21040 Gerenzano (VA) Telefono +39 02 96 48 10 35 elaidonwebsolutions@gmail.com

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

LA PENSIONE DI VECCHIAIA

LA PENSIONE DI VECCHIAIA Le pensioni di vecchiaia e di invalidità specifica per i lavoratori dello spettacolo (Categorie elencate nei numeri da 1 a 14 dell art. 3 del Dlgs CPS n.708/1947) Questa scheda vuole essere un primo contributo

Dettagli

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO Questo documento descrive le principali fasi del progetto congiuntamente promosso dalla Provincia di Torino e da Forma.Temp nei termini

Dettagli

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI COMUNE DI ALA REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd. 19.06.2003 Modificato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd.

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia la gestione dei processi di comunicazione in quale scenario deve identificarsi un progetto di miglioramento, nella gestione dei beni digitali per

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA L epoca in cui viviamo, caratterizzata dalla velocità e dall informazione, vede limitate le nostre capacità previsionali. Non siamo più in grado

Dettagli