crescere insieme n.1 aprile 2014 ECONOMIA SOCIETÀ E CULTURA LOCALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "crescere insieme n.1 aprile 2014 ECONOMIA SOCIETÀ E CULTURA LOCALE"

Transcript

1 Anno XIV - Numero 1 Quadrimestrale - Poste italiane SpA - Spedizione in AP 45% art 2 comma 20BL 662/96D.C.I. TRENTO -Aprile 2014 crescere insieme ECONOMIA SOCIETÀ E CULTURA LOCALE E D I Z I O N E S P E C I A L E A S S E M B L E A n.1 aprile 2014 foto Riccardo Demartin

2 crescere insieme ECONOMIA SOCIETÀ E CULTURA LOCALE n.1 aprile 2014 Editore/Proprietario: CASSA RURALE DI fiemme Predazzo, via Garibaldi 10 Tel fax Direttore Responsabile: MARIO felicetti Impaginazione: PRIMA SRL Stampa: LITOTIPOGRAfIA ALCIONE Comitato di redazione: GOffREDO ZANON PIERPAOLO DELLANTONIO PAOLO NONES TULLIO CAPOVILLA MASSIMILIANO DEfLORIAN DENIS VINANTE PAOLO DEfRANCESCO CHRISTIAN LARENTIS MASSIMO PIAZZI Foto: MARIO felicetti MASSIMO PIAZZI ARCHIVIO CASSA RURALE RICCARDO DEMARTIN Periodico di informazione della Cassa Rurale di fiemme Banca di Credito Cooperativo Autorizzazione Tribunale di Trento n del Gli interessati a ricevere il Crescere Insieme possono farne richiesta ai nostri sportelli

3 crescere insieme ECONOMIA SOCIETÀ E CULTURA LOCALE È necessario unirsi, non per stare uniti, ma per fare qualcosa insieme. Goethe

4 indice la banca la banca La banca 6 Il persidente Il direttore 10 ordinaria Goffredo Zanon la bancaassemblea generale 11 Il bilancio d esercizio 14 Preassemblee MARIO FELICETTI LA BANCA ECONOMIA COMUNITà E TERRITORIO GIOVANI ECONOMIA ECONOMIA comunità e territorio comunità e territorio In primo piano 16 Incontro con Coldiretti STEFANIA RIGONI 18 Fondi di rotazione LORENZO DELUGAN 20 Incontro con le Associazioni MARIO FELICETTI 23 Concorso fotografico MASSIMO PIAZZI comunità e territorio GIOVANI GIOVANI GIOVANI 24 Natale in Cassa Rurale laura gabrielli 25 Hello Fiemme! sara carneri 27 Open your mind STEFANIA RIGONI 29 Premi di studio laura gabrielli 31 GIOVANIViaggio-studio a Dublino DENIS VINANTE PERSONAGGIO PRODOTTI E SERVIZI CULTURA SALUTE POSTA

5 PERSONAGGIO PERSONAGGIO PRODOTTI E SERVIZI PRODOTTI E SERVIZI cultura Noi con voi 34 Arici Alessandro MARIO FELICETTI 39 Pio Capovilla MARIO FELICETTI 41 Smart POS UFFICIO MARKETING 42 Prodotti e servizi news UFFICIO MARKETING Coro Negritella MARIO FELICETTI salute POSTA 46 compagnia El Mesedò culturala MARIO FELICETTI 49 Federico Comini Marzia Comini Lorenza Gabrielli cultura Me recordo 52 Domenica Lazzeri culturamaria MARIO FELICETTI 54 Regina dei prati 57 La posta LA FOTO DI COPERTINA Al confine con il cielo, Riccardo Demartin cr-fiemme.net

6 > Cari Soci, l appuntamento con l Assemblea Generale, fissata per sabato 10 maggio, è ormai alle porte L editoriale del Presidente Goffredo Zanon È il momento più importante nella vita della nostra Cassa Rurale, in quanto verrà illustrato il bilancio annuale Stavo sfogliando i nostri periodici degli ultimi seisette anni e il tema di fondo è sempre lo stesso: crisi economica perdurante e difficoltà. Mi piacerebbe poter portare notizie più positive, di una situazione migliorata, ma non è così. Continua un clima d incertezza e di uno sviluppo che non riesce a ripartire. Il comparto edilizio ed immobiliare sta ancora soffrendo ed il mercato, nonostante il calo seppure limitato dei prezzi, è ancora fermo. Di uno scenario di questo tipo tutti ne stanno risentendo. L artigianato, che in gran parte dipende dagli investimenti nell edilizia, a sua volta è penalizzato da questa situazione. Come vedrete e sentirete anche in Assemblea, l utile della nostra Cassa Rurale è fortemente ridimensionato rispetto al bilancio del È una diretta conseguenza dei problemi sopra esposti. Abbiamo svalutato in maniera consistente crediti problematici, ma nello specifico, sarà più esaustivo il direttore in Assemblea. Nonostante tutto chiudiamo l esercizio con un utile netto di circa 800 mila Euro. Crediamo sia un bilancio positivo nel contesto economico di questo momento. Abbiamo deciso di mantenere pressoché invariata la cifra che destiniamo in beneficenza e sponsorizzazioni, una decisione che il C.d.A. ha voluto prendere considerando l alto Abbiamo deciso di mantenere pressoché invariata la cifra che destiniamo in beneficenza e sponsorizzazioni considerando l alto valore sociale che il mondo dell associazionismo rappresenta per il nostro territorio. pag 6 LA BANCA

7 Editoriale Presidente valore sociale che il mondo dell associazionismo rappresenta per il nostro territorio. In una particolare situazione, nella quale l apporto pubblico e privato a sostegno di queste realtà storiche che rappresentano con efficienza ed entusiasmo la nostra valle si sta notevolmente ridimensionando, vogliamo garantire quel supporto economico determinante per il sostegno delle nostre associazioni. Anche per illustrare le nostre linee guida nell erogazione di beneficenze e sponsorizzazioni, il 6 marzo scorso è stata organizzato un apposito incontro al quale sono state invitate tutte le associazioni. La presenza è stata quasi unanime ed è stato confermato l apprezzamento per il nostro impegno. Anche quest anno, in questi giorni, abbiamo organizzato le preassemblee in tutti i paesi della zona di nostra competenza. Abbiamo presentato il bilancio sociale, raccontato l organizzazione della nostra azienda ed illustrato le proposte di candidatura alla carica di amministratore da sottoporre all assemblea dei soci. Avere l occasione di incontrare i nostri soci nei loro paesi, facilita la possibilità di dialogo e confronto che nell Assemblea Generale sono più difficili. Il Consiglio d Amministrazione è stato particolarmente impegnato in questo esercizio proprio per le difficoltà che aziende e famiglie stanno vivendo. Garantire quel supporto economico che è indispensabile in situazioni di crisi generale è stato l impegno che il Consiglio si è preso in carico con serietà e consapevolezza. Il nostro compito è anche quello di amministrare con prudenza i risparmi che i nostri soci e clienti ci affidano e anche nel 2013 abbiamo partecipato ai corsi di formazione propedeutici a svolgere in maniera professionale il nostro mandato. Tutta la nostra struttura ha svolto un lavoro impegnativo con continuità ed entusiasmo, per questo voglio ringraziare tutti i nostri collaboratori a nome del Consilgio d Amministrazione ed anche a nome di tutti i nostri soci e clienti. Un particolare grazie alla Direzione che, con competenza ed impegno, ci garantisce una gestione attenta ed efficiente. Così come un grazie va al Collegio Sindacale per i puntuali suggerimenti, utili ed a tutela delle decisioni che di volta in volta dobbiamo prendere. La nostra è una Cassa Rurale dinamica, tesa sempre a migliorarsi per offrire i servizi che i nostri soci e clienti ci chiedono. Questo è l impegno che il Consiglio di Amministrazione e tutta la struttura garantirà anche per il futuro a tutti i nostri soci. A tutti voi il nostro più sentito grazie per la fedeltà e vicinanza che sempre ci dimostrate. pag 7 LA BANCA

8 > Il bilancio d esercizio 2013 che i soci esamineranno nella prossima assemblea è la sintesi del lavoro di un intero anno Pensieri e parole del Direttore Giornate che si sono succedute le une alle altre riempendosi di contatti e di relazioni, di soddisfazioni e di delusioni, di progetti realizzati e di altri ancora incompleti, di entusiasmi e di timori, di cose ben fatte e di altre meno riuscite, insomma di tante piccole azioni quotidiane che messe una in fila all altra concorrono a formare quello che è il risultato racchiuso in poche righe di sunto contabile. kk Più del 93% della nostra raccolta diretta è utilizzata per fare prestiti ai clienti Paolo Defrancesco È stato un anno indubbiamente impegnativo per tutti, sia per noi che per i nostri clienti. Provo qui a riassumerne, dal punto di vista tecnico, le principali dinamiche. La raccolta complessivamente ha tenuto (+1,70%). Confortante anche l andamento della nostra raccolta diretta (+0,60%) che è la materia prima per il credito. Infatti più del 93% della nostra raccolta diretta è utilizzata per fare prestiti ai clienti. La domanda di credito però continua a ristagnare, risentendo delle incertezze congiunturali e così, a fine 2013, lo stock dei prestiti erogati è diminuito del 4,59%. Sono invece ancora aumentati i crediti problematici e ciò, anche in considerazione della perdurante flessione del mercato immobiliare che compromette la tenuta delle garanzie sui finanziamenti erogati, ci ha pag 8 LA BANCA

9 Editoriale Direttore indotto ad adottare politiche ancor più prudenziali in fase di valutazione dei nostri attivi. Lo testimonia il notevole aumento delle rettifiche di valore su crediti che registra il nostro conto economico. Questa voce negli ultimi anni ha affossato i bilanci di molte banche nazionali e regionali, ma nel nostro caso è stata compensata dai ricavi prodotti dal nostro portafoglio titoli che ci hanno permesso di chiudere con un utile ancora apprezzabile, per quanto notevolmente ridotto (- 65%) rispetto al risultato precedente. Questo utile d esercizio è destinato, oltre che ad alimentare il nostro fondo beneficenza, a rafforzare ancora un po il nostro già tranquillizzante patrimonio proprio in un momento in cui la vigilanza europea (che sta effettuando una specifica verifica sulla qualità degli attivi nelle principali banche del sistema, la cosidetta Asset Quality Review) innalza i livelli di quantità e qualità del capitale che le banche devono detenere a fronte dei rischi assunti. Ne sono la riprova i numerosi aumenti di capitale varati in questi mesi da molte banche italiane, che sono costrette a chiedere ai loro soci ed azionisti un ulteriore sostegno economico. Archiviamo quindi il bilancio 2013 con una moderata soddisfazione. È un consuntivo che testimonia indubbiamente le complicazioni del momento, ma anche la buona capacità di tenuta della nostra Cassa Rurale e la sua rassicurante solidità patrimoniale. Ed è un peccato che le cifre del bilancio non riescano a rappresentare anche gli aspetti intangibili della nostra cooperativa di credito: i nostri valori, il nostro impegno, la nostra volontà e le nostre idee. Ma anche i nostri dubbi e le nostre preoccupazioni, nonché la responsabilità che avvertiamo nei confronti dei nostri soci e delle nostre comunità. Peccato, perché sono assolutamente convinto che in questi ultimi difficili anni, è proprio di queste cose che i nostri bilanci, più poveri nei numeri, sarebbero stati assai ricchi. È un consuntivo che testimonia indubbiamente le complicazioni del momento, ma anche la buona capacità di tenuta della nostra Cassa Rurale e la sua rassicurante solidità patrimoniale. pag 9 LA BANCA

10 Avviso di convocazione I Soci della Cassa Rurale di Fiemme Banca di Credito Cooperativo società cooperativa con sede legale in Tesero sono convocati in Assemblea generale ordinaria indetta in prima convocazione per il giorno 30 aprile 2014 ad ore presso lo Sporting Center di Predazzo ed in seconda convocazione per il giorno 10 maggio 2014 ad ore presso lo SPORTING CENTER a Predazzo Via Venezia 28 per trattare il seguente ORDINE DEL GIORNO 1. Onorificenze a Soci. 2. Presentazione del bilancio al 31 dicembre 2013 e conseguenti obblighi informativi. Relazione sulla gestione del Consiglio di Amministrazione, relazione del Collegio dei Sindaci e del soggetto incaricato del controllo contabile. Approvazione del bilancio e destinazione degli utili. 3. Elezione delle cariche sociali: - elezione di n. 4 Amministratori: di cui n. 1 da eleggere tra i Soci residenti e/o operanti a Predazzo, n. 1 da eleggere tra i Soci residenti e/o operanti a Tesero, n. 1 da eleggere tra i Soci residenti e/o operanti a Panchià e n. 1 da eleggere tra i Soci residenti e/o operanti a Molina di Fiemme. 4. Politiche di remunerazione: informativa all assemblea. 5. Determinazione dei compensi agli amministratori. 6. Determinazione ai sensi dell art. 30, comma 2, dello Statuto, dell ammontare massimo delle posizioni di rischio che possono essere assunte nei confronti dei soci e clienti. 7. Determinazione ai sensi dell art. 30, comma 2, dello Statuto, dell ammontare massimo delle posizioni di rischio nei confronti dei singoli esponenti aziendali soci. Tesero, 15 aprile 2014 Il Presidente Goffredo Zanon La presentazione di proposte di candidatura per l elezione delle cariche sociali deve pervenire al Consiglio di Amministrazione almeno 7 giorni prima della data di svolgimento dell Assemblea. I moduli per la presentazione delle proposte di candidatura sono disponibili presso le sedi e le filiali della Cassa Rurale. Potranno prendere parte all assemblea tutti i soci che, alla data di svolgimento della stessa, risultino iscritti da almeno novanta giorni nel libro dei soci. Per l autentica delle deleghe, ai sensi dell articolo 25 dello Statuto sociale e dell articolo 5 del Regolamento assembleare, i soci potranno recarsi presso le sedi e le filiali della Cassa Rurale nell orario di apertura al pubblico. pag 10 LA BANCA

11 In primo piano Il bilancio d esercizio 2013 SOCI STATO PATRIMONIALE - ATTIVO Scostamento annuo Voci dell'attivo dicembre 2013 dicembre Cassa e disponibilità liquide Attività finanziarie detenute per la negoziazione 30. Attività finanziarie valutate al fair value 40. Attività finanziarie disponibili per la vendita 50. Attività finanziarie detenute - - sino alla scadenza 60. Crediti verso banche Crediti verso clientela Derivati di copertura Adeguamento di valore delle attività - - finanziarie oggetto di copertura generica () 100. Partecipazioni Attività materiali Attività immateriali di cui: - avviamento Attività fiscali a) correnti b) anticipate di cui alla L. 214/ Attività non correnti e gruppi - - di attività in via di dismissione 150. Altre attività Valore assoluto Valore percentuale ,06% ,38% ,40% ,02% - nc ,40% ,70% - nc - nc - nc ,84% ,84% - nc ,79% ,08% ,78% ,28% - nc ,00% PRESTITI RAPPORTO RACCOLTA DIRETTA/PRESTITI PRESTITI RACCOLTA DIRETTA PATRIMONIO 76,7 77,4 69,2 68,3 67,8 Totale dell'attivo ,04% pag 11 LA BANCA

12 Bilancio d esercizio STATO PATRIMONIALE - PASSIVO Scostamento annuo Voci del passivo e del patrimonio netto dicembre 2013 dicembre 2012 Valore assoluto Valore percentuale 10. Debiti verso banche Debiti verso clientela Titoli in circolazione Passività finanziarie di negoziazione Passività finanziarie valutate al fair value 60. Derivati di copertura Adeguamento di valore delle passività - - finanziarie oggetto di copertura generica () 80. Passività fiscali a) correnti b) differite Passività associate ad attività - - in via di dismissione 100. Altre passività Trattamento di fine rapporto del personale 120. Fondi per rischi e oneri a) quiescenza e obblighi simili - - b) altri fondi Riserve da valutazione Azioni rimborsabili Strumenti di capitale Riserve Acconti su dividendi (-) Sovrapprezzi di emissione Capitale Azioni proprie (-) Utile (Perdita) d'esercizio () ,13% ,45% ,06% ,84% ,33% ,76% - nc ,24% ,99% ,77% - nc ,95% ,31% ,78% - nc ,78% ,47% - nc - nc ,86% - nc ,38% 186 1,48% - nc ,12% RACCOLTA DIRETTA RACCOLTA INDIRETTA RACCOLTA COMPLESSIVA UTILE D ESERCIZIO Totale del passivo e del patrimonio netto ,04% pag 12 LA BANCA

13 Bilancio d esercizio Voci Conto economico dicembre 2013 dicembre Interessi attivi e proventi assimilati Interessi passivi e oneri assimilati ( ) ( ) 30. Margine di interesse Commissioni attive Commissioni passive ( ) ( ) 60. Commissioni nette Dividendi e proventi simili Risultato netto dell'attività di negoziazione (33.624) (51.320) 90. Risultato netto dell'attività di copertura (4.505) Utili (perdite) da cessione o riacquisto di: a) crediti - - b) attività finanziarie disponibili per la vendita c) attività finanziarie detenute sino alla scadenza - - d) passività finanziarie Risultato netto delle attività e passività finanziarie valutate al fair value Margine di intermediazione Rettifiche/riprese di valore nette per deterioramento di: ( ) ( ) a) crediti ( ) ( ) b) attività finanziarie disponibili per la vendita - - c) attività finanziarie detenute sino alla scadenza - - d) altre operazioni finanziarie Risultato netto della gestione finanziaria Spese amministrative: ( ) ( ) a) spese per il personale ( ) ( ) b) altre spese amministrative ( ) ( ) 160. Accantonamenti netti ai fondi per rischi e oneri (84.831) (25.975) 170. Rettifiche/riprese di valore nette su attività materiali ( ) ( ) 180. Rettifiche/riprese di valore nette su attività immateriali (3.770) (5.718) 190. Altri oneri/proventi di gestione Costi operativi ( ) ( ) 210. Utili (Perdite) delle partecipazioni Risultato netto della valutazione al fair value delle attività materiali e immateriali Rettifiche di valore dell'avviamento Utili (Perdite) da cessione di investimenti (616) (3.986) 250. Utile (Perdita) della operatività corrente al lordo delle imposte Imposte sul reddito dell'esercizio dell'operatività corrente ( ) ( ) 270. Utile (Perdita) della operatività corrente al netto delle imposte Utile (Perdita) dei gruppi di attività in via di dismissione al netto delle imposte Utile (Perdita) d'esercizio Scostamento annuo Valore assoluto Valore percentuale ( ) -1,53% ( ) 1,28% ( ) -4,03% (12.900) -0,36% (25.374) 5,03% (38.274) -1,26% (34.244) -21,19% ,48% (6.743) -301,30% ,54% - 0,00% ,93% - nc (19.425) -49,55% ,57% ,68% ( ) 167,07% ( ) 167,07% - nc - nc - nc ( ) -11,94% ( ) 6,52% ( ) 4,37% ( ) 9,45% (58.856) 226,59% ,64% ,07% ,02% ( ) 2,84% - nc - nc - nc ,55% ( ) -60,30% ,27% ( ) -65,12% - nc ( ) -65,12% pag 13 LA BANCA

14 In vista dell assemblea generale annuale del 10 maggio, presso lo Sporting Center di Predazzo, la Cassa Rurale di Fiemme ha organizzato le preassemblee in tutti i paesi che fanno parte della sua area di competenza Interessante partecipazione alle preassemblee dei Soci [Un occasione di confronto e colloquio tra Soci e vertici aziendali] MARIO FELICETTI La prima si è svolta a Molina di Fiemme, in Sala Tisti, mercoledì 2 aprile, seguita da quelle di Tesero giovedì 3, presso l auditorium Luigi Canal, di Panchià venerdì 4, in teatro, di domenica 6 nella sala anziani di Valfloriana, di lunedì 7 presso il Centro Polifunzionale di Castello, di mercoledì 9 a Predazzo, nella sala della Casa Maria Immacolata, di giovedì 10 nel teatro di Capriana e infine di venerdì 11 aprile a Ziano, nel teatro parrocchiale. Una serie di incontri molto partecipati, nel corso dei quali il presidente Dino Zanon ed il vicedirettore Massimo Piazzi hanno illustrato i contenuti, le particolarità, i progetti, le caratteristiche operative dell istituto, anche attraverso una articolata serie di diapositive. In particolare, il presidente si è soffermato sul bilancio sociale (i soci, a fine 2013, erano 4.877, dei quali donne, uomini e 37 aziende), sull ammontare del risparmio per i soci, determinato dalle varie agevolazioni ( euro), sulle kk La Cassa Rurale di Fiemme ha preparato l assemblea generale del 10 maggio allo Sporting Center di Predazzo convocando i soci nei diversi paesi di residenza per illustrare il bilancio 2013 e l organizzazione dell istituto di credito pag 14 LA BANCA

15 Preassemblee dei Soci diverse iniziative promosse nell ultimo anno (tra esse i premi e le borse di studio, il benvenuto ai nuovi soci, i soci in viaggio, il servizio di compilazione del Modello 730), su numero dei clienti (13.790), di cui persone fisiche e aziende), sui rapporti in essere, pari a Leggermente in diminuzione, anche se ancora molto consistenti, le masse amministrate, pari a 902 milioni di euro, effetto di una crisi che non accenna a placarsi, le pratiche presentate l anno scorso (solo 26 quelle respinte), 73 i mutui prima casa, per 8, 5 milioni di euro, e 247 i prestiti personali, per 3.1 milioni. Il presidente ha anche ricordato le moratorie applicate a favore di quanti hanno difficoltà a rispettare le scadenze, le vantaggiose condizioni applicate per i tassi di interesse, le polizze assicurative, i contributi erogati (oltre euro) a beneficio delle numerose associazioni di volontariato. Massimo Piazzi ha quindi illustrato l organizzazione aziendale, ricordando gli 80 dipendenti (34 donne e 46 uomini), i nove sportelli distribuiti in tutta la valle (Predazzo, Centro Commerciale Predazzo, Ziano, Panchià, Tesero, Castello, Molina, Capriana e Valfloriana), i consulenti, i servizi specialistici, il settore marketing, lo sviluppo organizzativo, i diversi servizi, l amministrazione. Un organizzazione complessa ma perfettamente funzionante ed additata ad esempio anche a livello provinciale. Non sono mancate le richieste di chiarimenti da parte dei soci, con le puntuali precisazioni del direttore Paolo Defrancesco e degli amministratori. Ed ora, appuntamento a Predazzo per l assemblea del 10 maggio. kk le pratiche presentate l anno scorso (solo 26 quelle respinte), 73 i mutui prima casa, per 8, 5 milioni di euro, e 247 i prestiti personali, per 3.1 milioni pag 15 LA BANCA

16 L importanza di una previdenza complementare e le sue opportunità Conoscere il presente per progettare il futuro [Le Casse Rurali di Fiemme e Fassa incontrano la categoria dei coltivatori diretti e delle aziende zootecniche] Stefania Rigoni Il sistema pensionistico contributivo e l evoluzione demografica rendono necessario un cambiamento nel nostro modo di pensare. L attuale andamento della popolazione ha determinato infatti un aumento esponenziale del numero di pensionati rispetto a quello delle persone occupate. Per ovviare a questo squilibrio, il sistema pensionistico obbligatorio ha introdotto il sistema contributivo, in base al quale i contributi versati nel corso di una vita lavorativa inserita in un tessuto di previdenza sociale verranno accumulati, adeguatamente rivalutati e trasformati in rendita pensionistica. Il futuro non lascia adito a dubbi: le pensioni erogate dallo Stato saranno nei prossimi anni inferiori a quelle attuali. Se fino ad oggi abbiamo potuto contare sulla sicurezza di una pensione pubblica adeguata, ora dobbiamo assumerci la responsabilità di provvedere in prima persona alla nostra vecchiaia - spiega Gabriele Parisi, per anni responsabile del Patronato Epaca di Trento e continua è molto importante controllare la kk Martedì 25 marzo le Casse Rurali delle Valli di Fiemme e Fassa, in collaborazione con Coldiretti sez. di Tesero, hanno incontrato la categoria economica degli agricoltori per trattare il tema delicato e complesso della previdenza complementare. pag 16 ECONOMIA

17 Incontro con Coldiretti Una soluzione possibile è la previdenza complementare ovvero una pensione aggiuntiva, a integrazione della pensione pubblica, che si accumula nel corso della vita lavorativa mediante contribuzione volontaria propria posizione previdenziale per fare delle scelte consapevoli e corrette per colmare la riduzione della propria pensione. Una soluzione possibile è la previdenza complementare ovvero una pensione aggiuntiva, a integrazione della pensione pubblica, che si accumula nel corso della vita lavorativa mediante contribuzione volontaria. A sottolineare l importanza di una piano previdenziale integrativo ed incentivarne l utilizzo la Provincia Autonoma di Trento interviene con contributo, rivolto ai giovani delle categorie dei coltivatori diretti e delle aziende zootecniche operanti in zone svantaggiate, che consiste in un versamento annuale di euro 500 fino ad un massimo di 10 anni o fino al raggiungimento dei 40 anni di età del soggetto titolare di un fondo pensione integrativo. Cristiano Carlin, responsabile commerciale di Assicura srl, ha illustrato le principali caratteristiche e i vantaggi fiscali ed economici del prodotto Pensplan: la soluzione di previdenza complementare delle Casse Rurali Trentine. Tra il numeroso pubblico, c era anche un invitato speciale, Graziano Lozzer Consigliere Provinciale ed imprenditore agricolo, che ha portato il saluto del presidente del Consiglio Regionale e del presidente della Provincia Autonoma di Trento, lodando l iniziativa e sottolineando l importanza del settore agricolo nella nostra realtà. L incontro ha contribuito a sensibilizzare i giovani imprenditori agricoli sul proprio futuro e sul tema della previdenza complementare evidenziando il valore aggiunto delle azioni in sinergia tra le Casse Rurali e le categorie economiche del territorio. pag 17 ECONOMIA

18 Finanziamenti a favore delle imprese trentine a valere sul Fondo di Rotazione Provinciale Le risorse del Fondo di Rotazione [In data 11 ottobre 2013 la Giunta Provinciale di Trento ha deliberato la riattivazione dei Fondi di Rotazione a favore delle imprese trentine] Lorenzo Delugan Le risorse del Fondo di Rotazione rese disponibili dalla Provincia attraverso APIAE ammontano ad euro 40 milioni; a tali risorse si aggiungono altrettante disponibilità finanziarie assicurate dalle banche aderenti all iniziativa (fra cui la nostra cassa rurale) per un totale pertanto di euro 80 milioni. Possono accedere ai finanziamenti le imprese iscritte nel registro delle imprese di Trento o nel repertorio economico amministrativo (R.E.A) tenuto dalla camera di commercio, industria, artigianato e agricoltura di Trento con esclusione delle imprese bancarie, assicurative, agricole o aziende che hanno in corso procedure concorsuali. Sono ammissibili ai finanziamenti i progetti di spesa finalizzati allo sviluppo aziendale per l ammodernamento o ampliamento produttivo, la riqualificazione energetica, la ricerca e l innovazione, l internazionalizzazione e l acquisizione di servizi all esterno dell azienda. Le iniziative devono essere completate entro il secondo anno solare successivo all ammissione dei benefici del Fondo di Rotazione, fatta salva la possibilità di proroga per un massimo di 1 anno. kk Sono ammissibili ai finanziamenti i progetti di spesa finalizzati allo sviluppo aziendale per l ammodernamento o ampliamento produttivo, la riqualificazione energetica, la ricerca e l innovazione, l internazionalizzazione e l acquisizione di servizi all esterno dell azienda. pag 18 ECONOMIA

19 Fondi di Rotazione Le imprese potranno ottenere mutui a medio-lungo termine, eventualmente assistiti da garanzie prestate dai Confidi (massimo 50%) a tassi agevolati. L impresa interessata ad accedere ai benefici previsti dai Fondi di Rotazione deve presentare la domanda al CONFIDI di riferimento e alla propria Cassa Rurale e inoltrarla ai rispettivi indirizzi di posta elettronica certificata (PEC). Il modello di domanda e i relativi allegati sono disponibili sul sito APIAE. Riepiloghiamo di seguito le principale caratteristiche dei finanziamenti ammissibili. Importo del mutuo non superiore al 70% della spesa ritenuta ammissibile, da un minimo di euro ad un massimo di euro 2,5 mln. Nella spesa ammissibile può essere inserita una quota massima forfettaria del 30% della spesa stessa, relativa ad incremento dell operatività aziendale (circolante). Durata non inferiore ad anni 5 e non superiore ad anni 14, comprensiva eventualmente di un periodo di preammortamento massimo di 2 anni. Rimborso capitale in rate semestrali, comprensive di quota capitale e interessi, a scadenze fisse al 30 di giugno e al 31 dicembre di ciascun anno. Tasso fisso o variabile incrementato da uno spread previsto dalla Convenzione. La Cassa Rurale valuterà le richieste di finanziamento in piena autonomia, ivi comprese le garanzie che riterrà di acquisire, assumendo il rischio sull intero finanziamento concesso. Per ultimo ricordo che la convenzione avrà durata fino al e sarà rinnovata automaticamente di anno in anno salvo disdetta. Va infine tenuto presente che entro la data del dovranno essere restituite al Fondo tutte le risorse rese disponibili; pertanto la durata dei finanziamenti non potrà andare oltre tale data. Le nostre filiali e i nostri consulenti sono a vostra disposizione per illustrarvi e spiegarvi tale convenzione. pag 19 ECONOMIA

20 La Cassa Rurale di Fiemme intende mantenere l attenzione e la sensibilità di sempre nei confronti della realtà associativa della valle, in particolare nella propria area di competenza Contributi: cambiano le regole [Incontro a Tesero con le associazioni della valle] MARIO FELICETTI Ma nel contempo vuole valutare meglio le richieste di contributi, per una più oculata distribuzione delle risorse. È quanto emerso giovedì 6 marzo nel corso di una riunione che l Istituto di Credito ha convocato alle 18 presso l auditorium Luigi Canal di Tesero, per l occasione gremito da oltre un centinaio di rappresentanti delle diverse associazioni valligiane. Non è un momento facile ha fatto presente, aprendo incontro, il presidente Goffredo Zanon, affiancato dal vicedirettore Massimo Piazzi, da Cristian Larentis, responsabile del marketing e delle relazioni esterne, e da Stefania Rigoni dell Ufficio Marketing. In ogni caso ha assicurato il sostegno della Cassa Rurale di Fiemme alle associazioni di volontariato non verrà mai meno, visto che le consideriamo un grande patrimonio per tutta la valle. Resta il fatto che gli utili sono in calo e quindi bisogna approfondire di più il valore delle domande, adottando delle linee guida che tengano anche conto del grado di fedeltà nei confronti del nostro Istituto, da parte di chi le presenta. k k In ogni caso il sostegno della Cassa Rurale di Fiemme alle associazioni di volontariato non verrà mai meno, visto che le consideriamo un grande patrimonio per tutta la valle pag 20 COMUNITà E TERRITORIO

COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A

COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A. HA APPROVATO IL BILANCIO CONSOLIDATO E IL PROGETTO DI BILANCIO INDIVIDUALE AL 31 DICEMBRE 2007 DATI DI BILANCIO

Dettagli

In merito ai punti all ordine del giorno della parte Ordinaria, l Assemblea ha deliberato:

In merito ai punti all ordine del giorno della parte Ordinaria, l Assemblea ha deliberato: ASSEMBLEA ORDINARIA E STRAORDINARIA VENETO BANCA I Soci hanno approvato il bilancio al 31 dicembre 2014 e nominato quattro Consiglieri di Amministrazione. Si è svolta oggi a Villa Spineda, a Venegazzù

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Bilancio d esercizio consolidato al 31 dicembre 2009

COMUNICATO STAMPA. Bilancio d esercizio consolidato al 31 dicembre 2009 SOCIETÀ PER AZIONI Sede legale: Cagliari - Viale Bonaria 33 Sede amministrativa e Direzione generale: Sassari - Viale Umberto 36 Capitale sociale Euro 155.247.762,00 i.v. Cod. fisc. e num. iscriz. al Registro

Dettagli

TITOLO. Consiglio di amministrazione del 6 novembre 2013: approvazione del resoconto intermedio di gestione consolidato al 30 settembre 2013.

TITOLO. Consiglio di amministrazione del 6 novembre 2013: approvazione del resoconto intermedio di gestione consolidato al 30 settembre 2013. Società cooperativa per azioni - fondata nel 1871 Sede sociale e direzione generale: I - 23100 Sondrio So - Piazza Garibaldi 16 Iscritta al Registro delle Imprese di Sondrio al n. 00053810149 Iscritta

Dettagli

(290,8 milioni il dato depurato dalle componenti non ricorrenti) Utile netto di periodo: 103,2 milioni (36,1 milioni al 30.6.2007)

(290,8 milioni il dato depurato dalle componenti non ricorrenti) Utile netto di periodo: 103,2 milioni (36,1 milioni al 30.6.2007) CREDITO BERGAMASCO: il Consiglio di Amministrazione approva la relazione finanziaria semestrale. Crescono i ricavi. Continua espansione dei prestiti a piccole e medie imprese e della raccolta diretta complessiva.

Dettagli

Utile netto della capogruppo Anima Holding: 72,4 milioni di euro (+38% sul 2013)

Utile netto della capogruppo Anima Holding: 72,4 milioni di euro (+38% sul 2013) COMUNICATO STAMPA ANIMA Holding: risultati esercizio 2014 Ricavi totali consolidati: 226,9 milioni (+3% sul 2013) Utile netto consolidato: 84,9 milioni (-29% sul 2013 che includeva proventi straordinari)

Dettagli

CONAFI PRESTITO : APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2011

CONAFI PRESTITO : APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2011 CONAFI PRESTITO : APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2011 Margine di intermediazione consolidato pari a 5,68 milioni di euro (4,14 milioni di euro al IH2010) Risultato della gestione operativa

Dettagli

UNA LIM PER TUTTI PREMESSA

UNA LIM PER TUTTI PREMESSA UNA LIM PER TUTTI PREMESSA Nelle scuole dei Comuni di Tavarnelle Val di Pesa e Barberino Val d Elsa si è venuta rafforzando negli ultimi anni la collaborazione tra scuola e famiglie. La nascita del Comitato

Dettagli

Viene confermata la focalizzazione della Banca sulla concessione del credito e sulla gestione delle

Viene confermata la focalizzazione della Banca sulla concessione del credito e sulla gestione delle COMUNICATO STAMPA Il Consiglio d Amministrazione di Banca del Mezzogiorno MedioCredito Centrale approva il nuovo Piano Industriale Triennale 2015 2017 e la Relazione Semestrale al 30 giugno 2015 Roma,

Dettagli

APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2013. Dati Consolidati: Margine d Interesse 119,3 mln di euro (+6,7%)

APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2013. Dati Consolidati: Margine d Interesse 119,3 mln di euro (+6,7%) COMUNICATO STAMPA APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2013 Dati Consolidati: Margine d Interesse 119,3 mln di euro (+6,7%) Commissioni nette 41,1 mln di euro (-5,6%1*) Margine di intermediazione

Dettagli

IL NUOVO SISTEMA PENSIONISTICO

IL NUOVO SISTEMA PENSIONISTICO IL NUOVO SISTEMA PENSIONISTICO PENSIONI: DAL 1 GENNAIO 2012 è CAMBIAto TUTTO Una nuova riforma pensionistica L evoluzione demografica ha determinato un aumento esponenziale del numero dei pensionati rispetto

Dettagli

Relazione sulla gestione

Relazione sulla gestione PIANORO CENTRO SPA SOCIETA' DI TRASFORMAZIONE URBANA Sede legale: PIAZZA DEI MARTIRI 1 PIANORO (BO) Iscritta al Registro Imprese di BOLOGNA C.F. e numero iscrizione: 02459911208 Iscritta al R.E.A. di BOLOGNA

Dettagli

COMUNICATO STAMPA CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI IW BANK S.P.A.: APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2007

COMUNICATO STAMPA CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI IW BANK S.P.A.: APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2007 COMUNICATO STAMPA CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI IW BANK S.P.A.: APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2007 Utile netto a 5,0 milioni di euro (2,5 milioni di euro al 30 giugno 2006, +100%) Margine

Dettagli

Dati significativi di gestione

Dati significativi di gestione 182 183 Dati significativi di gestione In questa sezione relativa al Rendiconto Economico sono evidenziati ed analizzati i risultati economici raggiunti da ISA nel corso dell esercizio. L analisi si focalizza

Dettagli

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 25 ottobre 2013 INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 Audio da min. 12:00 a 20:45 su http://www.radio24.ilsole24ore.com/player.php?channel=2&idprogramma=focuseconomia&date=2013-10-25&idpuntata=gslaqfoox,

Dettagli

COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A

COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A. HA APPROVATO LA RELAZIONE FINANZIARIA SEMESTRALE CONSOLIDATA AL 30 GIUGNO 2009 DATI CONSOLIDATI AL 30 GIUGNO

Dettagli

BUSINESS PLAN e FINANZIAMENTI

BUSINESS PLAN e FINANZIAMENTI BUSINESS PLAN e FINANZIAMENTI 1 PREVENIRE I RISCHI si può? Sì, prima di avviare l impresa, con realismo e piedi per terra business plan (fatto da soli, vedi sito www. pd.camcom.it, miniguide) 2 PREVENIRE

Dettagli

Dati significativi di gestione

Dati significativi di gestione 36 37 38 Dati significativi di gestione In questa sezione relativa al Rendiconto economico sono evidenziati ed analizzati i risultati economici raggiunti da ISA nel corso dell esercizio. L analisi si focalizza

Dettagli

COMUNICATO STAMPA CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI IWBANK S.P.A.: APPROVATI I DATI DEL PRIMO SEMESTRE 2008

COMUNICATO STAMPA CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI IWBANK S.P.A.: APPROVATI I DATI DEL PRIMO SEMESTRE 2008 COMUNICATO STAMPA CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI IWBANK S.P.A.: APPROVATI I DATI DEL PRIMO SEMESTRE 2008 Confermato l ottimo trend di crescita del Gruppo Utile netto semestrale consolidato a circa 7,0

Dettagli

PROGETTO REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE

PROGETTO REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE PROGETTO per il finanziamento di progetti di sviluppo di imprese sociali, associazioni e cooperative culturali e sociali, destinati a creare nuova occupazione REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE L iniziativa

Dettagli

STATO PATRIMONIALE AL 31/12/2012

STATO PATRIMONIALE AL 31/12/2012 STATO PATRIMONIALE AL 31/12/2012 31/12/2011 31/12/2012 A ATTIVO Crediti verso soci per versamenti ancora dovuti B Immobilizzazioni 274.850,12 204.984,48 I Immobilizzazioni immateriali II Immobilizzazioni

Dettagli

A PLACE FOR RE-DESIGNING LIFE. appartamentolago.com

A PLACE FOR RE-DESIGNING LIFE. appartamentolago.com Ap par ta men to A PLACE FOR RE-DESIGNING LIFE. appartamentolago.com 5 www.lago.it L APPARTAMENTO È UNA NUOVA VISIONE SUL FUTURO L appartamento è un progetto Lago, nato dalla consapevolezza che il design

Dettagli

BILANCIO DELL ESERCIZIO 2009 PROSPETTI DEL BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2009

BILANCIO DELL ESERCIZIO 2009 PROSPETTI DEL BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2009 BILANCIO DELL ESERCIZIO 2009 PROSPETTI DEL BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2009 BANCA DI ROMAGNA SPA SEDE LEGALE IN FAENZA CORSO GARIBALDI 1. SOCIETÀ APPARTENENTE AL GRUPPO UNIBANCA SPA (ISCRITTO ALL'ALBO DEI

Dettagli

Il Controllo di gestione nella piccola impresa

Il Controllo di gestione nella piccola impresa Stampa Il Controllo di gestione nella piccola impresa admin in A cura di http://www.soluzionipercrescere.com La piccola impresa presenta generalmente un organizzazione molto snella dove l imprenditore

Dettagli

CREDITO ALLE INDUSTRIE

CREDITO ALLE INDUSTRIE CREDITO ALLE INDUSTRIE COFIRE: CONSORZIO FIDI DELL INDUSTRIA DI REGGIO EMILIA ASSEMBLEA DI BILANCIO 2015. OLTRE 36 MILIONI DI EURO EROGATI NELL ESERCIZIO NETTA CRESCITA SU ANNO PASSATO. RIPRESI GLI INVESTIMENTI

Dettagli

Azimut Holding. Progetto di Bilancio al 31 dicembre 2010: dividendo a 0,25 per azione

Azimut Holding. Progetto di Bilancio al 31 dicembre 2010: dividendo a 0,25 per azione COMUNICATO STAMPA Azimut Holding. Progetto di Bilancio al 31 dicembre 2010: dividendo a 0,25 per azione Ricavi consolidati: 358,4 milioni ( 347,4 milioni nel 2009) Utile netto consolidato: 94,3 milioni

Dettagli

SCHEMI DI BILANCIO DELL IMPRESA

SCHEMI DI BILANCIO DELL IMPRESA SCHEMI DI BILANCIO DELL IMPRESA Stato Patrimoniale Conto Economico Prospetto delle variazioni del Patrimonio Netto Rendiconto Finanziario Stato Patrimoniale Voci dell'attivo 2007 2006 10. Cassa e disponibilità

Dettagli

CREDEM, IL CDA HA APPROVATO I RISULTATI AL 30 SETTEMBRE 2013: UTILE +11,2% A/A, CORE TIER 1 AL 10%

CREDEM, IL CDA HA APPROVATO I RISULTATI AL 30 SETTEMBRE 2013: UTILE +11,2% A/A, CORE TIER 1 AL 10% CREDEM, IL CDA HA APPROVATO I RISULTATI AL 30 SETTEMBRE 2013: UTILE +11,2% A/A, CORE TIER 1 AL 10% Utile netto consolidato a 100,3 milioni di euro, +11,2% a/a; investimenti per lo sviluppo dei canali di

Dettagli

COMUNICATO STAMPA Risultati preliminari di bilancio consolidati al 31 dicembre 2015

COMUNICATO STAMPA Risultati preliminari di bilancio consolidati al 31 dicembre 2015 Società per Azioni con Sede Legale in Cagliari Viale Bonaria, 33 Codice fiscale e n di iscrizione al Registro delle Imprese di Cagliari 01564560900 Partita IVA 01577330903 Iscrizione all Albo delle Banche

Dettagli

PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI

PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI comunicato stampa PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI Le due società, attive in Lazio da alcuni anni, presentano il loro Rendiconto Sociale. Il documento rappresenta

Dettagli

HEAD OF THE BOARD 2015. Corso per Consiglieri di Amministrazione

HEAD OF THE BOARD 2015. Corso per Consiglieri di Amministrazione HEAD OF THE BOARD 2015 Corso per Consiglieri di Amministrazione Che cos è Head of the board Il progetto Head of the Board 2015 : - è il corso per consigliere di amministrazione finalizzato a sostenere

Dettagli

INSIEME PER IL VOLONTARIATO

INSIEME PER IL VOLONTARIATO INSIEME PER IL VOLONTARIATO FARE SISTEMA AL SERVIZIO DELLA COMUNITÀ BERGAMASCA Bergamo, 24 gennaio 2013 Intervento di Carlo Vimercati Presidente Comitato di Gestione Fondi Speciali Lombardia Il convegno

Dettagli

COMUNICATO STAMPA MID INDUSTRY CAPITAL APPROVA IL BILANCIO CONSOLIDATO 2013 CON UN UTILE DI 4,2 MILIONI (PERDITA DI 11,8 MILIONI NEL 2012)

COMUNICATO STAMPA MID INDUSTRY CAPITAL APPROVA IL BILANCIO CONSOLIDATO 2013 CON UN UTILE DI 4,2 MILIONI (PERDITA DI 11,8 MILIONI NEL 2012) COMUNICATO STAMPA MID INDUSTRY CAPITAL APPROVA IL BILANCIO CONSOLIDATO 2013 CON UN UTILE DI 4,2 MILIONI (PERDITA DI 11,8 MILIONI NEL 2012) La Holding chiude il 2013 con un utile di 0,5 milioni (perdita

Dettagli

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA HEAL YOUR LIFE WORKSHOP 4/5 OTTOBRE 2014 PRESSO CENTRO ESTETICO ERIKA TEMPIO D IGEA 1 E il corso dei due giorni ideato negli anni 80 da Louise Hay per insegnare il

Dettagli

bando per progetti sperimentali di innovazione didattica 2014-2016

bando per progetti sperimentali di innovazione didattica 2014-2016 bando per progetti sperimentali di innovazione didattica 2014-2016 rivolto a soggetti istituzionali rappresentativi del sistema delle scuole dell infanzia della provincia di Trento budget disponibile:

Dettagli

il margine di interesse risulta stabile, attestandosi a 30,6 Milioni di Euro

il margine di interesse risulta stabile, attestandosi a 30,6 Milioni di Euro COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione di Banca Intermobiliare di Investimenti e Gestioni S.p.A. approva il Bilancio consolidato ed il Bilancio d esercizio al 31 dicembre 2012: Raccolta complessiva

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. RISULTATO DELLA GESTIONE OPERATIVA Euro 44,4 milioni (ex Euro 2 milioni)

COMUNICATO STAMPA. RISULTATO DELLA GESTIONE OPERATIVA Euro 44,4 milioni (ex Euro 2 milioni) COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA BANCA POPOLARE DI SPOLETO S.P.A. HA APPROVATO IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 30 SETTEMBRE 2015 NOTA: A SEGUITO DELL AVVENUTO CONFERIMENTO

Dettagli

FONDAZIONE DI COMUNITÀ VICENTINA PER LA QUALITÀ DI VITA ONLUS. con sede in Montecchio Precalcino - via Europa Unita, 2 Codice Fiscale N.

FONDAZIONE DI COMUNITÀ VICENTINA PER LA QUALITÀ DI VITA ONLUS. con sede in Montecchio Precalcino - via Europa Unita, 2 Codice Fiscale N. FONDAZIONE DI COMUNITÀ VICENTINA PER LA QUALITÀ DI VITA ONLUS con sede in Montecchio Precalcino - via Europa Unita, 2 Codice Fiscale N. 00946860244 RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SUL BILANCIO

Dettagli

COMUNICATO STAMPA APPROVATI DAL CDA I DATI AL 30 SETTEMBRE 2007:

COMUNICATO STAMPA APPROVATI DAL CDA I DATI AL 30 SETTEMBRE 2007: COMUNICATO STAMPA APPROVATI DAL CDA I DATI AL 30 SETTEMBRE 2007: RICAVI AGGREGATI PRO-QUOTA * : 1.071,9 MLN DI EURO (+17%) RISULTATO OPERATIVO COMPRENSIVO DEI PROVENTI DA PARTECIPAZIONI: 164 MLN DI EURO;

Dettagli

GE Capital Interbanca: Risultati di Bilancio consolidati al 30.06.2010 (In conformità ai principi contabili internazionali IAS/IFRS)

GE Capital Interbanca: Risultati di Bilancio consolidati al 30.06.2010 (In conformità ai principi contabili internazionali IAS/IFRS) GE Capital Interbanca Corso Venezia 56 20121 Milano T +39 02 77311 F +39 02 784321 COMUNICATO STAMPA GE Capital Interbanca: Risultati di Bilancio consolidati al 30.06.2010 (In conformità ai principi contabili

Dettagli

Approvati i risultati dei primi nove mesi del 2015

Approvati i risultati dei primi nove mesi del 2015 Comunicato Stampa Approvati i risultati dei primi nove mesi del 2015 Utile netto consolidato a 7,6 milioni di Euro (+52,3% a/a) Ricavi consolidati a 44,8 milioni di Euro (+2,1% a/a) Risultato della gestione

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. ROSSS: il CdA approva bilancio consolidato e il progetto di bilancio al 31 dicembre 2014

COMUNICATO STAMPA. ROSSS: il CdA approva bilancio consolidato e il progetto di bilancio al 31 dicembre 2014 COMUNICATO STAMPA Scarperia (FI), 30 marzo 2015 ROSSS: il CdA approva bilancio consolidato e il progetto di bilancio al 31 dicembre 2014 Dati relativi al bilancio consolidato al 31 dicembre 2014 Ricavi

Dettagli

COMUNICATO STAMPA BANCA POPOLARE DI SPOLETO SPA: CIRCOLARE BANCA D ITALIA. BILANCIO 2005.

COMUNICATO STAMPA BANCA POPOLARE DI SPOLETO SPA: CIRCOLARE BANCA D ITALIA. BILANCIO 2005. COMUNICATO STAMPA BANCA POPOLARE DI SPOLETO SPA: CIRCOLARE BANCA D ITALIA. BILANCIO 2005. In data 3 aprile u.s. la Banca d Italia ha emanato una circolare a tutti gli intermediari creditizi con cui disciplina

Dettagli

L attenzione verso i collaboratori e la loro formazione, perché l azienda non cresce se i collaboratori restano indietro.

L attenzione verso i collaboratori e la loro formazione, perché l azienda non cresce se i collaboratori restano indietro. 1 Chi siamo Mericom è una delle più consolidate realtà nell ambito delle vendite, del marketing e della comunicazione. Siamo sul mercato con successo da 15 anni e abbiamo realizzato grandi progetti anche

Dettagli

Azimut Holding: Semestrale al 30 giugno 2011

Azimut Holding: Semestrale al 30 giugno 2011 Azimut Holding: Semestrale al 30 giugno 2011 COMUNICATO STAMPA Nel 1H11: Ricavi consolidati: 174,0 milioni di euro (+1,4% sul 1H10) Utile ante imposte: 48,6 milioni di euro (+2,7% sul 1H10) Utile netto

Dettagli

EUROFIDI ED EUROCONS RISULTATI 2007 NEL SEGNO DELLA REDDITIVITÀ

EUROFIDI ED EUROCONS RISULTATI 2007 NEL SEGNO DELLA REDDITIVITÀ Comunicato stampa EUROFIDI ED EUROCONS RISULTATI 2007 NEL SEGNO DELLA REDDITIVITÀ Le imprese associate a Eurogroup sono quasi 37 mila (+8,6% rispetto al 2006) L avanzo di gestione ante imposte è di 6,3

Dettagli

BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE

BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE Tema d esame BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 MATERIE AZIENDALI (classe 5 a ITC) Il tema proposto è articolato in tre parti, di cui l ultima con tre alternative

Dettagli

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING!

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING! COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING Grazie per aver scaricato questo EBOOK Mi chiamo Fabio Marchione e faccio network marketing dal 2012, sono innamorato e affascinato da questo sistema di business

Dettagli

RADICI DEL PRESENTE COLLEZIONE ARCHEOLOGICA ASSICURAZIONI GENERALI ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PROGETTO DIDATTICO PROMOSSO DA ASSICURAZIONI GENERALI

RADICI DEL PRESENTE COLLEZIONE ARCHEOLOGICA ASSICURAZIONI GENERALI ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PROGETTO DIDATTICO PROMOSSO DA ASSICURAZIONI GENERALI RADICI DEL PRESENTE COLLEZIONE ARCHEOLOGICA ASSICURAZIONI GENERALI ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PROGETTO DIDATTICO PROMOSSO DA ASSICURAZIONI GENERALI RADICI DEL PRESENTE Progetto promosso da Assicurazioni

Dettagli

IL SEGNO SOCIETA COOPERATIVA SOCIALE

IL SEGNO SOCIETA COOPERATIVA SOCIALE COOPERATIVA SOCIALE IL SEGNO PIANO STRATEGICO 2009-2012 INDICE Premessa 1) BASE SOCIALE Partecipazione Capitalizzazione 2) SEDE 3) BILANCIO SOCIALE 4) COMUNICAZIONE 5) SOSTENIBILITA E SVILUPPO PIANO STRATEGICO

Dettagli

Comunicato Stampa. SMI Società Metallurgica Italiana S.p.A cod.abi 107683 www.smi.it BILANCIO DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2002

Comunicato Stampa. SMI Società Metallurgica Italiana S.p.A cod.abi 107683 www.smi.it BILANCIO DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2002 Comunicato Stampa SMI Società Metallurgica Italiana S.p.A cod.abi 107683 www.smi.it BILANCIO DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2002 Il Gruppo: il fatturato consolidato, pari a Euro 2.054,4 milioni,

Dettagli

Il CDA de I GRANDI VIAGGI approva il progetto di bilancio 2015

Il CDA de I GRANDI VIAGGI approva il progetto di bilancio 2015 Comunicato Stampa Il CDA de I GRANDI VIAGGI approva il progetto di bilancio 2015 RISULTATI CONSOLIDATI Ricavi a 60,5 milioni (69,3 milioni nel 2014) EBITDA 1 a 2,9 milioni (0,4 milioni nel 2014) EBIT 2

Dettagli

APPROVATI I RISULTATI DEL PRIMO SEMESTRE 2013

APPROVATI I RISULTATI DEL PRIMO SEMESTRE 2013 COMUNICATO STAMPA APPROVATI I RISULTATI DEL PRIMO SEMESTRE 2013 UTILE NETTO CONSOLIDATO PARI A 171,5 MILIONI DI EURO (24,9 MILIONI AL 30 GIUGNO 2012) RACCOLTA DIRETTA COMPLESSIVA A 5.333 MILIONI DI EURO

Dettagli

2. Rendiconto (produzione e distribuzione del valore aggiunto)

2. Rendiconto (produzione e distribuzione del valore aggiunto) 2. Rendiconto (produzione e distribuzione del valore aggiunto) 2.1. Dati significativi di gestione Nelle pagine che seguono sono rappresentate le principali grandezze economico-patrimoniali, ottenute dalla

Dettagli

CONAFI PRESTITO : APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2010

CONAFI PRESTITO : APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2010 CONAFI PRESTITO : APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2010 Margine di intermediazione consolidato pari a Euro 4,14 milioni (Euro 5,96 milioni al IH2009) Perdita netta di competenza del gruppo

Dettagli

Sezione: 10. RIEPILOGO E COSTI DELLA PIATTAFORMA

Sezione: 10. RIEPILOGO E COSTI DELLA PIATTAFORMA Scopri come Creare e Vendere viaggi online! Sezione: 10. RIEPILOGO E COSTI DELLA PIATTAFORMA Tutto ciò che ti serve e quanto devi investire per cominciare Ricapitoliamo quali sono gli strumenti e le risorse

Dettagli

Renken, Chi siamo? migliorare la qualità di vita delle popolazioni Renken Senegal sull'ʹautofinanziamento

Renken, Chi siamo? migliorare la qualità di vita delle popolazioni Renken Senegal sull'ʹautofinanziamento ASSOCIAZIONE RENKEN Renken, Chi siamo? Renken nasce nell estate del 2006 quando Lara e Claudia, le due co- fondatrici, decisero di riunire in un progetto associativo le loro esperienze e relazioni costruite

Dettagli

CORSO di COACHING PROFESSIONALE CORSO RICONOSCIUTO DALLA PIÙ IMPORTANTE ASSOCIAZIONE ITALIANA COACH PROFESSIONISTI

CORSO di COACHING PROFESSIONALE CORSO RICONOSCIUTO DALLA PIÙ IMPORTANTE ASSOCIAZIONE ITALIANA COACH PROFESSIONISTI CORSO di COACHING PROFESSIONALE II EDIZIONE GENOVA Genova piazza colombo 3 - info@xelon.org CORSO RICONOSCIUTO DALLA PIÙ IMPORTANTE ASSOCIAZIONE ITALIANA COACH PROFESSIONISTI La figura in uscita dal percorso

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Consiglio di Amministrazione di Enervit S.p.A.:

COMUNICATO STAMPA. Consiglio di Amministrazione di Enervit S.p.A.: COMUNICATO STAMPA Consiglio di Amministrazione di Enervit S.p.A.: - Approvato il Progetto di Bilancio d esercizio e il Bilancio consolidato al 31 dicembre 2012 Principali Risultati del Gruppo Enervit al

Dettagli

E il momento di iniziare: le fondamenta del fundraising

E il momento di iniziare: le fondamenta del fundraising ENGAGEDin propone corsi di formazione per le organizzazioni che vogliono avviare o sviluppare la propria attività di raccolta fondi attraverso la crescita delle proprie competenze, la discussione di casi

Dettagli

Class Editori S.p.A. e società controllate Sede in Milano, Via Marco Burigozzo, 5 Note di commento ai prospetti contabili consolidati

Class Editori S.p.A. e società controllate Sede in Milano, Via Marco Burigozzo, 5 Note di commento ai prospetti contabili consolidati Class Editori S.p.A. e società controllate Sede in Milano, Via Marco Burigozzo, 5 Note di commento ai prospetti contabili consolidati La relazione trimestrale è redatta su base consolidata in quanto la

Dettagli

100 GIORNI, 100 PROPOSTE Call per l organizzazione di iniziative culturali in Cascina Triulza

100 GIORNI, 100 PROPOSTE Call per l organizzazione di iniziative culturali in Cascina Triulza 100 GIORNI, 100 PROPOSTE Call per l organizzazione di iniziative culturali in Cascina Triulza 1. PREMESSA Per la prima volta nella storia delle Esposizioni Universali, Milano ha ospitato un padiglione

Dettagli

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Breve saluto con tre slides. Chi siamo: fondamentalmente siamo genitori per genitori

Dettagli

RELAZIONE DEL PRESIDENTE FONDIMPRESA, GIORGIO FOSSA. Sono diversi anni che la nostra economia attraversa una fase di grande e diffusa difficoltà.

RELAZIONE DEL PRESIDENTE FONDIMPRESA, GIORGIO FOSSA. Sono diversi anni che la nostra economia attraversa una fase di grande e diffusa difficoltà. CONVEGNO IL FUTURO DEL LAVORO SI CHIAMA FORMAZIONE Roma, 19 aprile, Auditorium Parco della Musica RELAZIONE DEL PRESIDENTE FONDIMPRESA, GIORGIO FOSSA Sono diversi anni che la nostra economia attraversa

Dettagli

5.3.1.1.1 Azioni nel campo della formazione professionale e dell informazione

5.3.1.1.1 Azioni nel campo della formazione professionale e dell informazione 5.3.1.1.1 Azioni nel campo della formazione professionale e dell informazione Riferimenti normativi Codice di Misura Articoli 20 (a) (i) e 21 del Reg. (CE) N 1698/2005. Punto 5.3.1.1.1. dell allegato II

Dettagli

La gestione delle donazioni in Abruzzo dopo il terremoto del 2009

La gestione delle donazioni in Abruzzo dopo il terremoto del 2009 La gestione delle donazioni in Abruzzo dopo il terremoto del 2009 Nei mesi successivi al terremoto il Dipartimento di Protezione Civile, per gestire al meglio le offerte ricevute vis sms per il terremoto

Dettagli

PROGETTO Impari S. Impari S. Repubblica Italiana

PROGETTO Impari S. Impari S. Repubblica Italiana PROGETTO Interventi di informazione, formazione e azioni di sistema per le aree GAL della Sardegna PROGETTO Interventi di informazione, formazione e azioni di sistema per le aree GAL della Sardegna Lo

Dettagli

Da oggetto della comunicazione di massa a protagonisti della produzione di contenuti La nuova certificazione ECDL Multimedia

Da oggetto della comunicazione di massa a protagonisti della produzione di contenuti La nuova certificazione ECDL Multimedia Da oggetto della comunicazione di massa a protagonisti della produzione di contenuti La nuova certificazione ECDL Multimedia Pier Paolo Maggi, Gianmario Re Sarto AICA pierpaolomaggi@aicanet.it - g.resarto@aicanet.it

Dettagli

GRUPPO MEDIOLANUM Risultati 1 semestre 2012

GRUPPO MEDIOLANUM Risultati 1 semestre 2012 COMUNICATO STAMPA GRUPPO MEDIOLANUM Risultati 1 semestre 2012 UTILE NETTO: Euro 217,5 milioni, +125% MASSE AMMINISTRATE: Euro 49,1 miliardi, +5% RACCOLTA NETTA BANCA MEDIOLANUM: Euro 1.760 milioni CARLO

Dettagli

Consegna dei diplomi DFA 22 giugno 2012

Consegna dei diplomi DFA 22 giugno 2012 Consegna dei diplomi DFA 22 giugno 2012 Intervento di Franco Gervasoni, direttore SUPSI SALUTO - Consigliere di Stato, Manuele Bertoli - Capodicastero Educazione, culto e partecipazioni comunali del Municipio

Dettagli

GRUPPO MEDIOLANUM Risultati 2012

GRUPPO MEDIOLANUM Risultati 2012 COMUNICATO STAMPA GRUPPO MEDIOLANUM Risultati 2012 UTILE NETTO: Euro 351,0 milioni, +422% MASSE AMMINISTRATE: Euro 51,6 miliardi, +12% RACCOLTA NETTA BANCA MEDIOLANUM: Euro 2.258 milioni ACQUISIZIONE DI

Dettagli

Aci Brescia: il futuro dell Ente è un bene comune

Aci Brescia: il futuro dell Ente è un bene comune Aci Brescia: il futuro dell Ente è un bene comune di Attilio Camozzi Presidente Aci Brescia C i siamo lasciati alle spalle un anno complesso. Il 2014 va negli archivi della storia recente. Confido che

Dettagli

NEWSLETTER Periodico di informazione del Fondo Espero N 05/2014

NEWSLETTER Periodico di informazione del Fondo Espero N 05/2014 NEWSLETTER Periodico di informazione del Fondo Espero N 05/2014 Caro associato, con grande piacere ti informiamo che Fondo Espero ha raggiunto i 100.000 aderenti! Espero è da sempre un associazione in

Dettagli

Investimento e Sviluppo Mediterraneo spa. Il CdA approva i risultati al 31 marzo 2008

Investimento e Sviluppo Mediterraneo spa. Il CdA approva i risultati al 31 marzo 2008 Comunicato Stampa Investimenti e Sviluppo Mediterraneo S.p.A.: Il CdA approva i risultati al 31 marzo 2008 Trimestre: gennaio 2008 marzo 2008 Margine di interesse pari a euro 327.660 Margine di intermediazione

Dettagli

Bando di Concorso per le scuole superiori. Concorso Social Innovation...in Progress

Bando di Concorso per le scuole superiori. Concorso Social Innovation...in Progress Bando di Concorso per le scuole superiori Concorso Social Innovation...in Progress 1. Presentazione La Fondazione ÈBBENE, in collaborazione con l Incubatore Certificato Consorzio Sol.CO Rete di imprese

Dettagli

Comunicato stampa CONTINUA LA CRESCITA SOSTENIBILE E LA CREAZIONE DI VALORE

Comunicato stampa CONTINUA LA CRESCITA SOSTENIBILE E LA CREAZIONE DI VALORE Comunicato stampa GRUPPO CARIPARMA FRIULADRIA: I RISULTATI DI BILANCIO 2008 CONTINUA LA CRESCITA SOSTENIBILE E LA CREAZIONE DI VALORE Dati economici consolidati riclassificati Proventi Operativi Netti

Dettagli

GRUPPO EDITORIALE L ESPRESSO SPA COMUNICA:

GRUPPO EDITORIALE L ESPRESSO SPA COMUNICA: GRUPPO EDITORIALE L ESPRESSO SPA COMUNICA: Si è riunito oggi a Roma, presieduto da Carlo Caracciolo, il consiglio di amministrazione di Gruppo Editoriale l Espresso S.p.A. che ha esaminato i risultati

Dettagli

Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario. Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014

Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario. Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014 Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014 Il Piano Economico Finanziario Il piano economico-finanziario costituisce la porzione più

Dettagli

APPROVATI IL PROGETTO DI BILANCIO INDIVIDUALE E IL BILANCIO CONSOLIDATO RELATIVI ALL ESERCIZIO 2014

APPROVATI IL PROGETTO DI BILANCIO INDIVIDUALE E IL BILANCIO CONSOLIDATO RELATIVI ALL ESERCIZIO 2014 Risultati annuali APPROVATI IL PROGETTO DI BILANCIO INDIVIDUALE E IL BILANCIO CONSOLIDATO RELATIVI ALL ESERCIZIO 2014 - Confermati i risultati preliminari consolidati già approvati lo scorso 11 febbraio

Dettagli

ACQUE DEL BASSO LIVENZA PATRIMONIO S.P.A.

ACQUE DEL BASSO LIVENZA PATRIMONIO S.P.A. ACQUE DEL BASSO LIVENZA PATRIMONIO S.P.A. Sede ad Annone Veneto (VE), Viale Trieste, n. 11 Capitale sociale: 7.993.843, i.v. Codice fiscale, partita IVA e n. di iscrizione al Registro delle Imprese di

Dettagli

LIBERI DI INNOVARE, LIBERI DI SCEGLIERE. Manifesto per l energia del futuro

LIBERI DI INNOVARE, LIBERI DI SCEGLIERE. Manifesto per l energia del futuro LIBERI DI INNOVARE, LIBERI DI SCEGLIERE Manifesto per l energia del futuro È in discussione in Parlamento il disegno di legge sulla concorrenza, che contiene misure che permetteranno il completamento del

Dettagli

COME SPIEGARE AI PICCOLI LE COSE DEI GRANDI. Action 1 - Youth for Europe Sub-Action 1.2 - Youth Initiatives

COME SPIEGARE AI PICCOLI LE COSE DEI GRANDI. Action 1 - Youth for Europe Sub-Action 1.2 - Youth Initiatives COME SPIEGARE AI PICCOLI LE COSE DEI GRANDI Action 1 - Youth for Europe Sub-Action 1.2 - Youth Initiatives Prefazione Se mi fosse chiesto di indicare il senso di Fiabe giuridiche, lo rintraccerei nelle

Dettagli

**** Tel.: +39.02.29046441 Tel.: +39.02.7606741 Fax: +39.02.29046454 Fax: +39.02.76017251

**** Tel.: +39.02.29046441 Tel.: +39.02.7606741 Fax: +39.02.29046454 Fax: +39.02.76017251 Comunicato Stampa Il CDA de I GRANDI VIAGGI approva il progetto di bilancio 2013 Ricavi a 61,3 milioni (67,5 milioni nel 2012) EBITDA 1 a -2,1 milioni (-2,6 milioni nel 2012) EBIT 2 a -7,2 milioni (-8,0

Dettagli

40 - PREVIDENZA COMPLEMENTARE E INTEGRATIVA

40 - PREVIDENZA COMPLEMENTARE E INTEGRATIVA 40 - PREVIDENZA COMPLEMENTARE E INTEGRATIVA 40.1 NOZIONI GENERALI I numerosi interventi legislativi in materia di previdenza e le varie fusioni aziendali, hanno reso necessaria una continua contrattazione

Dettagli

- Principali dati economico-finanziari contabili consolidati espressi in migliaia di Euro:

- Principali dati economico-finanziari contabili consolidati espressi in migliaia di Euro: MITTEL S.P.A. Sede in Milano - Piazza A. Diaz 7 Capitale sociale 66.000.000 i.v. Codice Fiscale - Registro Imprese di Milano - P. IVA 00742640154 R.E.A. di Milano n. 52219 Iscritta all U.I.C. al n. 10576

Dettagli

RESTARTAPP. Missione. Obiettivo. Destinatari. Formula e contenuti

RESTARTAPP. Missione. Obiettivo. Destinatari. Formula e contenuti RESTARTAPP ReStartApp è il primo campus per le nuove imprese dell Appennino: un progetto dedicato ai giovani in possesso di idee d impresa o start up originali e innovative, che vedono nel territorio appenninico

Dettagli

La serenità si ottiene con una vera consapevolezza delle proprie scelte.

La serenità si ottiene con una vera consapevolezza delle proprie scelte. La serenità si ottiene con una vera consapevolezza delle proprie scelte. Dott. Roberto D Addario Dott.ssa Ida Pagnottella Per arrivare alla meta, serve una mappa Se la vostra vita finanziaria sembra essere

Dettagli

Servizi per il turismo e la cultura

Servizi per il turismo e la cultura Servizi per il turismo e la cultura Servizi per il turismo e la cultura Il meglio dell Italia cresce ogni giorno insieme a noi. Marketing del territorio Siamo un network di professionisti che integrano

Dettagli

ASSOCIAZIONE ITALIANA COACH PROFESSIONISTI

ASSOCIAZIONE ITALIANA COACH PROFESSIONISTI ASSOCIAZIONE ITALIANA COACH PROFESSIONISTI SEDE LEGALE IN MILANO VIA EMILIO E MARCO DEI PRAGA 8 BILANCIO PREVENTIVO ESERCIZIO 2013-2014 PIANO DI SVILUPPO DELL ESERCIZIO 1 settembre 2013 31 agosto 2014

Dettagli

catalogo formazione 2014/2015 lo scambio della conoscenza

catalogo formazione 2014/2015 lo scambio della conoscenza catalogo formazione 2014/2015 lo scambio della conoscenza 1 CHI SIAMO lab121 è un associazione nata per sostenere coloro che hanno sogni e progetti di lavoro, favorire le collaborazioni professionali,

Dettagli

! Perché si chiama Bridge? Perché rappresenta un ponte di collegamento tra la realtà universitaria e il mondo del lavoro.

! Perché si chiama Bridge? Perché rappresenta un ponte di collegamento tra la realtà universitaria e il mondo del lavoro. FAQ (frequently asked questions) DOMANDE GENERICHE! Cosa è IntesaBridge? È un nuovo servizio che i Politecnici propongono ai propri studenti: un prestito personale (sotto forma di scoperto di conto corrente)

Dettagli

ROAD SHOW 2008 Company Results

ROAD SHOW 2008 Company Results ROAD SHOW 2008 Company Results Milano, 24 marzo 2009 1 Relatori Luca Bronchi Direttore Generale Ugo Borgheresi Investor Relator 2 Agenda Company Highlights 31 Dicembre 2008 Linee Guida Piano Industriale

Dettagli

Milano, 30 marzo 2004

Milano, 30 marzo 2004 Milano, 30 marzo 2004 Gruppo TOD S: crescita del fatturato (+8.1% a cambi costanti). Continua la politica di forte sviluppo degli investimenti. 24 nuovi punti vendita nel 2003. TOD S Il Consiglio di Amministrazione

Dettagli

Audizione dell IVASS. Commissioni Riunite 10 a Commissione permanente (Industria, commercio, turismo)

Audizione dell IVASS. Commissioni Riunite 10 a Commissione permanente (Industria, commercio, turismo) Conversione in legge del decreto-legge 24 giugno 2014, n. 91, recante disposizioni urgenti per il settore agricolo, la tutela ambientale e l'efficientamento energetico dell'edilizia scolastica e universitaria,

Dettagli

1. Qual è l'idea e il progetto che si intende realizzare (il servizio o l'attività e le sue caratteristiche)?

1. Qual è l'idea e il progetto che si intende realizzare (il servizio o l'attività e le sue caratteristiche)? Il Progetto Caratteristiche del progetto 1. Qual è l'idea e il progetto che si intende realizzare (il servizio o l'attività e le sue caratteristiche)? L idea è di creare un centro giovani in Parrocchia

Dettagli

LA PIANIFICAZIONE FINANZIARIA flussi mensili

LA PIANIFICAZIONE FINANZIARIA flussi mensili LA PIANIFICAZIONE FINANZIARIA flussi mensili Non può mancare in una azienda, anche se di piccole dimensioni, una pianificazione finanziaria. La pianificazione finanziaria è indispensabile per tenere sotto

Dettagli

ASSOCIAZIONE BANCARIA ITALIANA BTP DAY

ASSOCIAZIONE BANCARIA ITALIANA BTP DAY ASSOCIAZIONE BANCARIA ITALIANA BTP DAY 28 NOVEMBRE e 12 DICEMBRE DOMANDE E RISPOSTE DOMANDE GENERALI Che cos è il Btp day? Il BTP-day è una iniziativa che ha l obiettivo di agevolare temporaneamente i

Dettagli

SOGEFI: RISULTATI SEMESTRALI IN CALO PER LA MINORE PRODUZIONE DI AUTO, RICAVI E MARGINI IN RIPRESA NEL SECONDO TRIMESTRE

SOGEFI: RISULTATI SEMESTRALI IN CALO PER LA MINORE PRODUZIONE DI AUTO, RICAVI E MARGINI IN RIPRESA NEL SECONDO TRIMESTRE COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva la relazione al 30 giugno 2009 SOGEFI: RISULTATI SEMESTRALI IN CALO PER LA MINORE PRODUZIONE DI AUTO, RICAVI E MARGINI IN RIPRESA NEL SECONDO TRIMESTRE

Dettagli

Pitagora SpA - Semestrale al 30/06/2014

Pitagora SpA - Semestrale al 30/06/2014 B i l a n c i o s e m e s t r a l e a l 3 0 g i u g n o 2 0 1 4 BILANCIO SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2014 Pitagora SpA - Semestrale al 30/06/2014 STATO PATRIMONIALE Voci dell'attivo 30/06/2014 31/12/2013

Dettagli

A cura di: AREA FORMAZIONE Istituzione G.F.Minguzzi Provincia di Bologna

A cura di: AREA FORMAZIONE Istituzione G.F.Minguzzi Provincia di Bologna A r e a F o r m a z i o n e U n a p r o p o s t a f o r m a t i v a p e r i l t e r z o s e t t o r e C o m e f a r e p r o g e t t a z i o n e A cura di: AREA FORMAZIONE Istituzione G.F.Minguzzi Provincia

Dettagli