- 10 settembre

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "- 10 settembre 2007 -"

Transcript

1 Pagina 1/7 GRUPPO ASM, - 10 settembre Oggetto: Risultati al 30 giugno 2007 Presenti: Renzo Capra, Presidente e Amministratore Delegato Elio Tomasoni, Direttore Generale Leonardo Dabrassi, Direttore Finanza e Amministrazione Antonio Bonomo, Direttore Energia Paolo Rossetti Direttore Sviluppo Strategico PRESENTAZIONE Renzo Capra - Buonasera a tutti. Oltre a me, sono presenti il Direttore Generale, Elio Tomasoni, il Direttore Sviluppo Strategico, Paolo Rossetti, il Direttore Finanza e Amministrazione, Leonardo Dabrassi, e il Direttore Energia, Antonio Bonomo. Siamo qui per presentarvi i risultati del primo semestre 2007, risultati buoni considerata anche l annata che ha visto una deficienza di freddo e un clima molto mite che ha visto ridursi del 30% - e quindi di un entità rilevante i gradi giorno. Ciononostante i ricavi sono aumentati di oltre il 5%, il margine operativo lordo è cresciuto del 1,2%, e soprattutto è aumentato molto, del 12,4%, il risultato operativo. L utile netto, invece, è sceso in quanto l anno scorso abbiamo avuto un elevato contributo di terzi, in particolare da Endesa Italia che aveva operato una rivalutazione patrimoniale e messo in conto un ultima quota di strand of cost: maggiori indicazioni al riguardo potranno essere date dal Dottor Dabrassi. Io preciso solo che questo contributo straordinario - dell entità di 32 milioni di euro - ha certamente influito sull utile di gruppo del primo semestre nel 2006 che si è così attestato a 143 milioni di euro. Al netto di questo contributo, l utile netto del primo semestre 2007 sarebbe sostanzialmente in linea con quello dello stesso periodo dello scorso anno. L effetto climatico ha condizionato molto facendo riportare risultati minori rispetto a quelli realizzati nel 2006 in tutti i settori fatta eccezione per la Produzione di Elettricità, il Ciclo Idrico Integrato e le Altre Attività, settore che non abbiamo mai evidenziato perché di entità relativamente piccola ma che in questo semestre ha visto

2 Pagina 2/7 il margine operativo lordo andare da 0,9 milioni di euro a otre 6 milioni di euro. Il margine operativo lordo di Gruppo, per tanto, è passato da 207,9 milioni di euro a 210,5 milioni di euro, mostrando quindi un leggero aumento. Anche per il primo semestre del 2007 la struttura, in termini di stato patrimoniale, si è mostrata adeguata alle prospettive di sviluppo, sviluppo che quest anno ha avuto anche una punta di esborsi: sono in corso di costruzione due Gruppi da 800 MW ciascuno, uno è a Gissi, vicino a Vasto, l altro è a Scandale, vicino a Crotone. Le immobilizzazioni sono così cresciute soprattutto per gli investimenti realizzati pari a 179 milioni di euro, la cassa è risultata in riduzione anche per l impiego di liquidità nella realizzazione della centrale di Gissi ricordata poco fa. Il rapporto fra indebitamento finanziario netto e patrimonio netto è sotto controllo e adeguato al programma di investimenti per circa 500 milioni di euro e di dividendi straordinari per circa 85 milioni di euro collegati al concambio con Milano e previsti per la fine di quest anno. Tutto ciò dà luogo allo stato patrimoniale consolidato e ai relativi andamenti sia dei capitali investiti che dei debiti finanziari, a medio/lungo termine (che hanno subito un incremento di 42 milioni di euro, da 936 milioni di euro a 978 milioni di euro) e a quelli a breve termine (che invece si sono ridotti). L indebitamento finanziario netto è così passato da 802 milioni di euro a 873 milioni di euro e le coperture da milioni di euro a milioni di euro. L indebitamento netto rispetto al patrimonio netto è quindi aumentato da 0.52x a 0,58x, rimanendo sempre per altro in rapporto molto basso, a conferma della struttura finanziaria molto solida di ASM. Vi ringrazio; cedo la parola al Dottor Dabrassi per gli aspetti amministrativi e finanziari. Leonardo Dabrassi - Buongiorno a tutti. Inizio commentando la slide numero 6 della presentazione dichiarandomi, in qualità di Direttore Finanziario, complessivamente molto contento di come in ogni bilancio di ASM tutti i flussi di cassa interni vadano a coprire una grande parte degli investimenti netti. Come si vede infatti, l utile netto per 113 milioni di euro e gli ammortamenti, rispetto ai 181 milioni di euro di investimenti netti, sono la quasi totalità; rimangono da coprire, come ha detto il Presidente, i dividendi che, al saldo tra i dividendi ricevuti e i dividendi pagati, sono di circa 90 milioni di euro. La situazione finanziaria quindi, nonostante gli investimenti notevolmente in crescita, si limita a 873 milioni di euro, anche in ragione di una politica di disinvestimento sul capitale circolante - pur di carattere stagionale - per 81 milioni di euro in questo semestre. Passando alla slide successiva della presentazione che illustra l indebitamento, è evidente la forza del nostro bilancio: a fronte di un bilancio patrimoniale che esprime fra le attività un gradissimo impiego in asset fisici di lungo periodo, il nostro debito si esprime per gran parte come debito di medio e lungo periodo a fronte di un debito a breve che rappresenta un esigua minoranza. Questo rapporto fra debiti a lungo e breve termine, accanto all indicatore già citato dal Presidente relativo al rapporto fra indebitamento finanziario netto e patrimonio netto, rappresenta una delle forze del nostro bilancio. Per quanto riguarda gli aspetti economici dell indebitamento, e quindi l onere del denaro, si nota come, pur a fronte della recentissima variabilità dei tassi sui mercati finanziari, la nostra situazione al 30 giugno 2007 vede la presenza di tasso fisso per il 70%, di tassi variabili ma con coperture, e quindi assimilabili a tassi

3 Pagina 3/7 fissi, per il 15%: quindi, solo il 15% dell indebitamento soffre della variabilità dei mercati. Anche sotto questo profilo, quindi, il nostro conto economico si mantiene in uno stato di sicurezza. Grazie; passo la parola all Ingegner Tomasoni. Elio Tomasoni Buon pomeriggio a tutti. Vediamo qualche aspetto legato alle singole linee di attività cominciando dalla Produzione di Elettricità che è la parte più consistente della nostra attività. Come si può vedere dalla slide 8 della presentazione, nonostante si sia avuta una riduzione della produzione dagli impianti di proprietà per il 15% circa, il margine operativo lordo del settore ha ottenuto un incremento del 14%. Si vede, inoltre, come gli impianti abbiano registrato una sostanziale parità di produzione ad eccezione della centrale del Mincio che ha avuto una fermata tecnica a maggio e giugno e quindi ha riportato una riduzione del 35%. Tornando al valore positivo del margine operativo lordo, su questo incidono in maniera significativa i maggiori margini ottenuti dagli impianti di produzione energia elettrica da rifiuti, sia l impianto di Brescia che ha fornito un maggiore contributo di 10 milioni di euro rispetto al semestre del 2006, sia l impianto di Bergamo con un contributo di 800mila euro. La parte di maggior contribuito - soprattutto per l impianto di Brescia deriva sia da un incremento del prezzo dell energia elettrica sia dal trascinamento di un conguaglio sull energia da Cip6 relativo all anno precedente e che, per ragioni da noi indipendenti, è slittato al 2007 (per altro già contenuto nel primo trimestre di quest anno). Passiamo alla Vendita Energia Elettrica e Gas, e quindi alla slide successiva della presentazione. L energia elettrica ha avuto anche in questo caso un incremento del 24%: come si può vedere in basso a sinistra della slide, c è stata una forte crescita della parte di competenza di Ergon Energia (la società che abbiamo al 50% con Endesa), un forte incremento della fornitura e della vendita alle utenze industriali, e una riduzione della parte relativa ai residenziali. Quest ultima riduzione è stata in gran parte dovuta a una migrazione di scelte di contratto da residenziali a industriali, da vincolati a clienti liberi, e quindi a un passaggio interno tra queste due categorie. Per quanto riguarda il gas, è questo uno di quei settori a cui faceva riferimento il Presidente e che ha subito gli effetti del clima mite dell inverno scorso, registrando una riduzione di quasi il 14%. In questo caso è interessante notare come, mentre i residenziali hanno avuto una riduzione del 28%, le utenze industriali hanno evidenziato una crescita del 23%, a testimonianza che il motivo della riduzione è dovuto proprio all effetto climatico che influisce sulle scelte dei residenziali mentre non condiziona l industria che ovviamente segue altri criteri. Se guardiamo il margine operativo lordo del settore Vendita Energia Elettrica e Gas si è registrata una riduzione complessiva dell 11%. Per il gas il calo è stato poco significativo (del 6%) perchè mentre da un lato si è avuta, come detto, una riduzione delle vendite, dall altro si è ottenuto un effetto positivo per i minor costi di Plurigas (la società che abbiamo con Milano e Genova) che, proprio per l andamento climatico, ha ridotto il ricorso allo stoccaggio strategico rispetto allo scorso anno. Sull elettricità si è evidenziata invece una riduzione forte, del 20%, nonostante l incremento delle vendite: questo andamento è dovuto più a effetti contabili relativi a maggiori vantaggi dell anno scorso piuttosto che a una differenza di margini; si tratta quindi di un effetto che non ha un peso dal punto di vista della gestione

4 Pagina 4/7 industriale. Infine, desidero fare una considerazione sul risultato operativo che ha mostrato un deciso incremento soprattutto perché il semestre dell anno scorso risentiva dell accantonamento prudenzialmente fatto di 12 milioni di euro relativo alla vertenza con l Autorità e che, vista l evoluzione di questa materia, non ha richiesto un ulteriore accantonamento per il semestre di cui stiamo parlando. Per quanto riguarda le Reti Elettricità e Gas, alla slide 10 della presentazione, nonostante il calo del 5,7% dell energia elettrica distribuita si è avuto un allineamento, una leggera crescita anzi, del margine operativo lordo soprattutto grazie al contenimento dei costi. Come viene evidenziato nella tabella in alto, infatti, i costi fissi, sia del gas che dell elettricità, passano da 80 milioni di euro a 68 milioni di euro: la riduzione notevole si riferisce alla distribuzione elettrica su cui stiamo operando riduzioni di costi più significative, come per altro era previsto dopo l acquisizione delle reti dall Enel e che stiamo a poco a poco portando a una maggiore efficienza grazie all integrazione tra le nostre reti e quelle che abbiamo acquisito dall Enel. Per quanto riguarda il gas si è avuta una riduzione dei volumi distribuiti di quasi il 19% che in questo caso si ripercuote anche sul margine operativo lordo: come nel caso del settore Vendite Gas, anche per le Reti Gas la riduzione è stata sui residenziali e sul trasporto, e non sugli industriali. Passando alla slide successiva della presentazione, il teleriscaldamento è un altro settore che, come si può immaginare, è legato in modo netto all andamento climatico: in questo caso si è registrata una riduzione del 18% del calore venduto con un valore molto linea con la diminuzione del gas - e anche dell energia elettrica prodotta in quanto è connessa alla cogenerazione che viene fatta in questo impianto. Il risultato è la riduzione di circa il 30% del margine operativo lordo del settore. Per quanto riguarda l ambiente, la riduzione del margine operativo lordo è dipesa sostanzialmente dalla riduzione di circa il 30% delle quantità smaltite in discarica. Stiamo adottando una serie di iniziative legate al trattamento dei rifiuti, e cioè altre attività legate a questo settore. Per esempio, come evidenzia l immagine in basso a sinistra, si è avuto un aumento del 18% dei volumi trattati, un valore che non conta moltissimo in termini assoluti ma che è indicativo perché è dipeso interamente da un nuovo impianto attivato che consente il trattamento delle terre di spazzamento dei rifiuti derivanti dallo spazzamento meccanico. Con questo trattamento si riesce ad estrarre ghiaia e sabbia e a purificarla in modo da renderla nuovamente commerciale. Abbiamo in programma altre attività simili anche per quanto riguarda le scorie del termovalorizzatore e l umido: si tratta di azioni in fase di progettazione e realizzazione che consentiranno a questo settore di rimediare in termini di risultati alla progressiva riduzione degli smaltimenti in discarica. L ultima attività è rappresentata dal Ciclo Idrico Integrato che ha visto un ottima crescita del margine operativo lordo, da 6 milioni di euro a quasi 11 milioni di euro. Questo incremento significativo è dipeso dall incremento dei volumi venduti sia per quanto riguarda l acquedotto che per la depurazione quasi il 20% - e la fognatura, ma anche dalla crescita della tariffa media che è aumentata in tutte e tre le attività del settore in conseguenza dell avvio della nuova regolamentazione delle tariffe da parte dell Ambito Territoriale Ottimale di Brescia (che, come era atteso da alcuni anni, consente di avere dei margini in grado di remunerare sia le attività sia gli investimenti nel settore). Ho concluso anche io la presentazione; siamo disponibili a rispondere a vostre eventuali domande.

5 Pagina 5/7 SESSIONE DOMANDE E RISPOSTE D: Ci potete aggiornare sull accordo con Enel relativo alla suddivisione di Endesa Italia? R: La questione di Endesa Italia è a valle dell Opa lanciata da Enel su Endesa: una risposta sul futuro assetto di Endesa Italia deve per tanto aspettare la conclusione dell operazione Enel-Endesa D: Vale ancora la data di fine ottobre per la presentazione del business plan ASM-AEM o è prevedibile uno slittamento visto che le Assemblee non sono ancora state convocate? R: Il nostro programma sta procedendo secondo i tempi previsti. Con tutta probabilità le Assemblee saranno convocate intorno alla seconda settimana di ottobre, indicativamente tra il 20 e il 25 ottobre, giusto in tempo per poter firmare gli atti entro la fine dell anno. Per quanto riguarda il piano di sviluppo, questo è in fase di formazione e sarà presentato certamente nel mese di novembre, così come il budget 2008 e le prospettive della nuova società per i 4 anni successivi. D: Potete fornire qualche dettaglio sui margini della Produzione? I margini sono dovuti alla politica commerciale o dipendono da altri effetti? R: Una parte dei margini, come è stato rilevato, è dovuta agli impianti waste to energy, sia di Brescia che di Bergamo, che hanno funzionato molto bene e avuto un utilizzazione molto alta. Per quanto riguarda invece la produzione nelle centrali termoelettriche, pur in presenza di calo di produzione abbiamo una sostanziale invarianza del margine totale perché la nostra politica, come evidenziato in occasioni precedenti, è orientata a massimizzare il margine complessivo. Quindi, in termini semplici, abbiamo prodotto maggiormente in ore di pregio e abbiamo limitato la produzione anche con alcune fermate brevi nelle ore in cui questa produzione vale molto meno e nelle quali si ottiene una penalizzazione rispetto ai costi variabili (ovvero il prezzo è inferiore ai costi variabili). L insieme di questi elementi, unito a un gioco favorevole della dinamica dei combustibili che però ha inciso in misure minori, ha determinato questo risultato. D: E possibile quantificare l effetto climatico sul margine operativo lordo? R: Il calcolo è semplice. L effetto climatico, infatti, incide sui clienti residenziali del Gas e del Teleriscaldamento, oltre che sulla Distribuzione del gas, settore nuovamente legato ai residenziali. Siccome non si sono avute variazioni sui residenziali collegati alle nostre reti in quanto in questi settori non si sono avute acquisizioni né perdite di attività, il valore del margine operativo lordo sarebbe stato esattamente quello dall anno scorso, come per altro si era previsto a budget. L effetto climatico, quindi, che al momento non saprei quantificare esattamente, è calcolabile in modo matematico. Sottolineo comunque che l impatto

6 Pagina 6/7 del clima rappresenta un eccezione: il fatto che l anno precedente, per esempio, era stato per contro molto freddo non consente di interpretare l influenza climatica come un andamento, secondo un criterio in evoluzione. D: E realistica l ipotesi di un integrazione con Iride, e quindi a tre soggetti? R: L integrazione a tre sarebbe realizzabile ma si deve ricordare che sono gli azionisti quelli che comandano mentre noi siamo gli esecutori. D: Gli azionisti di Iride, e quindi i Comuni, sono favorevoli ad un eventuale operazione a tre? La difficoltà è da un punto di vista manageriale? R: Come già affermato, riteniamo che la fusione con AEM possa essere uno stimolo, un esempio di aggregazione per altre aggregazioni e operazioni. Come dichiarato anche dall Ingegner Zuccoli, tutto ciò è però valido in termini teorici e, chiaramente, deve fare i conti con la realizzazione operativa dell unione ASM- AEM la quale richiede un minimo assestamento prima che sia possibile guardare verso altre operazioni. Riteniamo comunque corretto aver esplicitato alle municipalità l interesse della compagine ASM-AEM verso Iride in modo che i Comuni, nelle loro scelte, sappiano che c è questa apertura. D: Potete fornire qualche indicazione in merito al controllo di Edison? Avete detto che volevate contare di più rispetto a quanto contato fino ad oggi: cosa intendete? Come pensate di farlo: fondere Delmi in ASM-AEM o riscrivere i patti con Edf? R: Questo sarà uno dei punti fondamentali su cui la nuova società dovrà trovare soluzione; sul tema ci sarà un confronto e probabilmente si potrà trovare già una prima risposta nel Piano Industriale di cui si parlava prima. Ad oggi, per tanto, non possiamo fare ipotesi unilaterali sulla questione Edison. D: Dopo la fusione cambierà il vostro piano di investimenti? Quando entreranno in funzione le Centrali di Gissi e di Scandale che state realizzando? R: I lavori continuano a buon ritmo per entrambi gli impianti: per quanto riguarda Gissi prevediamo l entrata in esercizio entro l inizio del prossimo anno, secondo quanto programmato; la previsione per Scandale invece è per la metà del Le tempistiche per l avvio delle due centrali, quindi, sono in linea con quanto previsto. D: Potete fornire un commento in merito al nuovo documento relativo alla Distribuzione Elettrica, in particolare alla perequazione specifica che stiamo aspettando ormai da 2 anni? R: Anche noi ci troviamo in una situazione simile alla vostra: eravamo fiduciosi che le nostre ragioni, che per altro avevano ottenuto riscontri positivi, potessero a ottenere breve una risposta puntuale che tuttavia, per ragioni da noi indipendenti ma relative all intero settore in Italia, tarda ad arrivare. Al momento, quindi,

7 Pagina 7/7 continuiamo, e l abbiamo fatto anche quest anno, ad inserire la perequazione specifica nel budget in quanto escluderla significherebbe sostenere che non ci sia dovuta. D: La differenza nell EBITDA del gas è dovuta soltanto al fatto che non ci sono più i costi di stoccaggio sostenuti lo scorso anno? R: Sì, non c è nessuna componente straordinaria; in effetti non abbiamo liberato nessuna parte del fondo per il quale avevamo fatto l accantonamento di 12 milioni di euro. D: Potete dare un indicazione degli spark spread della Generazione nel primo semestre del 2007 rispetto quelli del 2006? R: Essendo dati di consuntivo, più che guardare gli spark spread unitari è significativo fermarsi sul margine di contribuzione. Le deduzioni si possono fare conseguentemente: i volumi come detto sono minori e questo è stato un vantaggio in una certa misura per la parte dovuta alle scelte e quindi all opportunità di fare anche fermate brevi, di week-end o di periodi brevi. Lo spark spread quindi lo si può calcolare conseguentemente. D: L utilizzo del termovalorizzatore è stato molto elevato, quasi vicino al 90%: possiamo attenderci un andamento simile dell impianto nel secondo semestre 2007? R: Degli 11 milioni di euro in più rispetto all anno scorso bisogna tenere presente che 7,4 milioni di euro sono relativi al conguaglio sul Cip6 dello scorso anno. Il Cip6 viene pagato con dei criteri di calcolo dell acconto: solitamente a fine anno o a inizio dell anno successivo, viene calcolato il conguaglio e comunicato in tempo affinché venga inserito nell anno di competenza. Quest anno non è avvenuto così e quindi il conguaglio ha trovato posto nel 2007: questa parte è, come dicevo, di 7,4 milioni di euro, e quindi non è ripetibile né sommabile con analoghi eventi del secondo semestre Il resto - 3,6 milioni di euro può invece trovare riscontro anche nel secondo semestre. D: Avete spiegato che state attuando iniziative per compensare i minori smaltimenti in discarica: possiamo attenderci per i risultati al 31 dicembre 2007 una compensazione da parte di queste azioni e quindi un EBITDA più o meno in linea con quanto realizzato lo scorso anno? R: Non è ipotizzabile un recupero delle minori quantità smaltite in discarica; l andamento del secondo semestre 2007 rifletterà quello del primo semestre 2007.

Conference Call, 21 Marzo 2005. Risultati 2004 e Q4 04

Conference Call, 21 Marzo 2005. Risultati 2004 e Q4 04 Conference Call, 21 Marzo 2005 e Q4 04 Presidente Renzo Capra Il flottante a seguito della fusione con BAS è circa il 18% Azionariato A seguito della programmata fusione con BAS Bergamo, il Comune di Brescia

Dettagli

Gruppo IRIDE Il Consiglio di Amministrazione ha approvato i risultati dei primi nove mesi del 2009

Gruppo IRIDE Il Consiglio di Amministrazione ha approvato i risultati dei primi nove mesi del 2009 Gruppo IRIDE Il Consiglio di Amministrazione ha approvato i risultati dei primi nove mesi del RISULTATI OPERATIVI IN FORTE CRESCITA: - RICAVI: 1.625 MILIONI (1.740 NEI 9 MESI, -7%) - MARGINE OPERATIVO

Dettagli

comunicato stampa Bologna, 24 marzo 2015

comunicato stampa Bologna, 24 marzo 2015 comunicato stampa Bologna, 24 marzo 2015 Il Gruppo Hera approva i risultati al 31/12/2014 L anno si chiude con tutti i principali valori in crescita, migliorando la performance positiva dei trimestri precedenti.

Dettagli

Il Consiglio di Amministrazione approva il Resoconto Intermedio di Gestione al 30 settembre 2015

Il Consiglio di Amministrazione approva il Resoconto Intermedio di Gestione al 30 settembre 2015 COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva il Resoconto Intermedio di Gestione al 30 settembre 2015 Risultati progressivi in forte miglioramento (EBITDA +23%). Indebitamento finanziario

Dettagli

COMUNICATO STAMPA 30 Luglio 2015

COMUNICATO STAMPA 30 Luglio 2015 COMUNICATO STAMPA 30 Luglio 2015 Il Consiglio di Amministrazione di A2A S.p.A. ha esaminato e approvato la Relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2015 Margine Operativo Lordo, a 562 milioni di euro,

Dettagli

AEM E ASM APPROVANO IL PROGETTO DI FUSIONE

AEM E ASM APPROVANO IL PROGETTO DI FUSIONE AEM E ASM APPROVANO IL PROGETTO DI FUSIONE Nasce un importante operatore energetico, primo tra le local utilities italiane e con dimensioni di rilevanza europea. L incorporazione di ASM in AEM s inquadra

Dettagli

Cartella stampa. Sommario. Enìa pag. 2. La struttura pag. 5. Azionariato pag. 7. Informazioni finanziarie del Gruppo pag. 7. La storia pag.

Cartella stampa. Sommario. Enìa pag. 2. La struttura pag. 5. Azionariato pag. 7. Informazioni finanziarie del Gruppo pag. 7. La storia pag. Cartella stampa Sommario Enìa pag. 2 La struttura pag. 5 Azionariato pag. 7 Informazioni finanziarie del Gruppo pag. 7 La storia pag. 8 Scheda di sintesi pag. 11 Contact: Ufficio Stampa Enìa SpA Selina

Dettagli

La gestione del valore in un mercato in sviluppo e regolamentato

La gestione del valore in un mercato in sviluppo e regolamentato La gestione del valore in un mercato in sviluppo e regolamentato Massimo Levrino CFO Gruppo IREN Torino, 28 ottobre 2011 0 Diffusione territoriale delle local utilities A S P S.P.A. Pordenone AMPS Parma

Dettagli

fac simile di Relazione Illustrativa ad un BUSINESS PLAN Periodo n I dati contenuti nei prospetti sono casuali

fac simile di Relazione Illustrativa ad un BUSINESS PLAN Periodo n I dati contenuti nei prospetti sono casuali fac simile di Relazione Illustrativa ad un BUSINESS PLAN Periodo n I dati contenuti nei prospetti sono casuali INDICE ELABORATO 1) Illustrazione delle ipotesi alla base del Business Plan 2) Analisi sintetica

Dettagli

Esercizio 2014. Numero dipendenti 3.053 3.170

Esercizio 2014. Numero dipendenti 3.053 3.170 Cementir Holding: il Consiglio di Amministrazione approva i risultati 2014 Il Gruppo ha chiuso il 2014 superando gli obiettivi di margine operativo lordo e indebitamento finanziario netto Ricavi a 948,0

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Gruppo IREN: il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 30 settembre 2014 (*).

COMUNICATO STAMPA. Gruppo IREN: il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 30 settembre 2014 (*). COMUNICATO STAMPA Gruppo IREN: il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 30 settembre 2014 (*). 1 Ricavi a 2.071,4 milioni di euro (2.416,7 milioni di euro al 30/9/2013) Margine Operativo

Dettagli

Il Consiglio d'amministrazione approva i risultati al 31 dicembre 2009. Risultati industriali in crescita e dividendo confermato a 8 centesimi di Euro

Il Consiglio d'amministrazione approva i risultati al 31 dicembre 2009. Risultati industriali in crescita e dividendo confermato a 8 centesimi di Euro comunicato stampa Bologna, 29 marzo 2010 Il Consiglio d'amministrazione approva i risultati al 31 dicembre 2009 Risultati industriali in crescita e dividendo confermato a 8 centesimi di Euro Ricavi a 4.204,2

Dettagli

MERCATI DELL ENERGIA E TUTELA DEI CONSUMATORI

MERCATI DELL ENERGIA E TUTELA DEI CONSUMATORI MERCATI DELL ENERGIA E TUTELA DEI CONSUMATORI Dott. Marco Merler, Presidente Trenta S.p.A. Trento, Lunedì 4 giugno 2007 Sala Conferenze, Facoltà di Economia INDICE Il Gruppo Trentino Servizi Struttura

Dettagli

Relazione sulla gestione del bilancio al 31/12/2013

Relazione sulla gestione del bilancio al 31/12/2013 ESATTO S.P.A. Sede legale in Piazza unità d'italia 4, cap 34121 Trieste Capitale Sociale euro 1.800.000,00 i.v. Iscritta al Registro delle Imprese di Trieste 01051150322 Codice Fiscale 01051150322 Relazione

Dettagli

3.960.000 (+11,0%) i passeggeri transitati nel sistema aeroportuale di Venezia e Treviso.

3.960.000 (+11,0%) i passeggeri transitati nel sistema aeroportuale di Venezia e Treviso. COMUNICATO STAMPA SAVE AEROPORTO DI VENEZIA: approvata dal C.d.A. la Relazione Semestrale al 30 giugno 2007, ricavi e utile in crescita soprattutto per effetto delle acquisizioni di Airest e Ristop e della

Dettagli

Cembre SpA. Relazione trimestrale consolidata al 30 settembre 2002. Prospetti contabili

Cembre SpA. Relazione trimestrale consolidata al 30 settembre 2002. Prospetti contabili Cembre SpA Sede in Brescia - via Serenissima, 9 Capitale sociale euro 8.840.000 interamente versato Iscritta al Registro delle Imprese di Brescia al n.00541390175 Relazione trimestrale consolidata al 30

Dettagli

Milano, 30 marzo 2004

Milano, 30 marzo 2004 Milano, 30 marzo 2004 Gruppo TOD S: crescita del fatturato (+8.1% a cambi costanti). Continua la politica di forte sviluppo degli investimenti. 24 nuovi punti vendita nel 2003. TOD S Il Consiglio di Amministrazione

Dettagli

Bilancio Consolidato e Separato

Bilancio Consolidato e Separato Bilancio Consolidato e Separato 9 Gruppo Hera il Bilancio consolidato e d esercizio Introduzione Relazione sulla gestione capitolo 1 RELAZIONE SULLA GESTIONE Gruppo Hera Bilancio Consolidato e Separato

Dettagli

RELAZIONE E BILANCIO al 30 settembre 2007

RELAZIONE E BILANCIO al 30 settembre 2007 RELAZIONE E BILANCIO al 30 settembre 2007 RELAZIONE E BILANCIO DEL GRUPPO ASM al 30 settembre 2007 Relazione sulla gestione al 30 settembre 2007 Mission Produrre, sviluppare, vendere servizi nei settori

Dettagli

Gruppo. Semestrale al 30.06.2009

Gruppo. Semestrale al 30.06.2009 Gruppo Semestrale al 30.06.2009 28 Ago, 2009 1 Elementi principali Ricavi in diminuzione del 18,4% per effetto del trasferimento delle attività di trading in Sinergie Italiane L Ebitda in aumento del 6,7%,

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 31 MARZO 2009

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 31 MARZO 2009 COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 31 MARZO 2009 EBITDA positivo per 1 milione di Euro (negativo per 2,2 milioni di Euro nello stesso periodo

Dettagli

Solida redditività operativa Maggior utile netto

Solida redditività operativa Maggior utile netto Esercizio 2009 Fa stato il testo orale Solida redditività operativa Maggior utile netto Relazione di Beat Grossenbacher, responsabile Finanze e Servizi, in occasione della conferenza stampa annuale del

Dettagli

Elaborazione di un bilancio con dati a scelta a partir. tire e da indici

Elaborazione di un bilancio con dati a scelta a partir. tire e da indici Tracce di temi 2010 Scuola Duemila 1 Traccia n. 1 Elaborazione di un bilancio con dati a scelta a partir tire e da indici Olivia Leone Il candidato illustri brevemente quali sono i principali vincoli da

Dettagli

RELAZIONE E BILANCIO al 30 giugno 2007

RELAZIONE E BILANCIO al 30 giugno 2007 RELAZIONE E BILANCIO al 30 giugno 2007 RELAZIONE E BILANCIO DEL GRUPPO ASM al 30 giugno 2007 Relazione sulla gestione al 30 giugno 2007 Mission Produrre, sviluppare, vendere servizi nei settori dell energia,

Dettagli

ANALISI PER VETTORE ENERGETICO

ANALISI PER VETTORE ENERGETICO ANALISI PER VETTORE ENERGETICO Nel 2007 il gas naturale con 2.011,9 ktep risulta essere il vettore energetico più impiegato (44,4%) negli usi finali, seguito dall insieme dei prodotti petroliferi con 1.437,9

Dettagli

COMUNICATO STAMPA APPROVATI DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE I RISULTATI DELL ESERCIZIO 2006

COMUNICATO STAMPA APPROVATI DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE I RISULTATI DELL ESERCIZIO 2006 COMUNICATO STAMPA APPROVATI DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE I RISULTATI DELL ESERCIZIO 2006 2006 ANNO DI SVOLTA PER SEAT PAGINE GIALLE CON UN SECONDO SEMESTRE IN FORTE CRESCITA GRAZIE ALLE INNOVAZIONI

Dettagli

Il Consiglio di Amministrazione di Tiscali approva i risultati del 1 trimestre 2004 Ruud Huisman CEO del Gruppo

Il Consiglio di Amministrazione di Tiscali approva i risultati del 1 trimestre 2004 Ruud Huisman CEO del Gruppo Il Consiglio di Amministrazione di Tiscali approva i risultati del 1 trimestre 2004 Ruud Huisman CEO del Gruppo 267,1 milioni di Euro di ricavi, in crescita del 26% rispetto al primo trimestre 2003 Crescita

Dettagli

Risultati ed andamento della gestione

Risultati ed andamento della gestione Risultati ed andamento della gestione L esercizio 2011 si chiude con un risultato economico positivo, in quanto la distribuzione dei dividendi di Equitalia Nord ha consentito - insieme ai benefici fiscali

Dettagli

ANALISI E PIANIFICAZIONE FINANZIARIA

ANALISI E PIANIFICAZIONE FINANZIARIA L ANALISI FINANZIARIA Prof. Francesco Albergo Docente di PIANIFICAZIONE E CONTROLLO Corso di Laurea in Economia Aziendale Curriculum in Gestione Aziendale Organizzata UNIVERSITA degli Studi di Bari DOTTORE

Dettagli

COMUNICATO STAMPA (DRAFT4) GABETTI HOLDING S.p.A.: il Consiglio di Amministrazione approva la Relazione Trimestrale al 31 marzo 2005.

COMUNICATO STAMPA (DRAFT4) GABETTI HOLDING S.p.A.: il Consiglio di Amministrazione approva la Relazione Trimestrale al 31 marzo 2005. COMUNICATO STAMPA (DRAFT4) GABETTI HOLDING S.p.A.: il Consiglio di Amministrazione approva la Relazione Trimestrale al 31 marzo 2005. Risultato economico lordo del Gruppo negativo per 769 mila Euro (positivo

Dettagli

IL MERCATO DEI MUTUI SOTTO LA LENTE DEL GRUPPO TECNOCASA ANALISI DEL PRODOTTO

IL MERCATO DEI MUTUI SOTTO LA LENTE DEL GRUPPO TECNOCASA ANALISI DEL PRODOTTO IL MERCATO DEI MUTUI SOTTO LA LENTE DEL GRUPPO TECNOCASA ANALISI DEL PRODOTTO Nel 2015 raddoppia la scelta per il tasso fisso, il variabile perde appeal PREMESSA I segnali di ripartenza sul mercato del

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Gruppo IREN: il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2014 (1).

COMUNICATO STAMPA. Gruppo IREN: il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2014 (1). COMUNICATO STAMPA Gruppo IREN: il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2014 (1). 1 L andamento climatico e la nuova regolazione del settore gas impattano sulla dinamica delle performance

Dettagli

RELAZIONE TRIMESTRALE AL 31 MARZO 2003

RELAZIONE TRIMESTRALE AL 31 MARZO 2003 Corso Matteotti, 9 Milano Tel. 02.780611 Partita Iva 03650800158 RELAZIONE TRIMESTRALE AL 31 MARZO 2003 CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 15 MAGGIO 2003 INDICE Organi societari Gabetti Holding S.p.A....

Dettagli

Management Game 2011. Global Challenge Guida all uso

Management Game 2011. Global Challenge Guida all uso Management Game 2011 Global Challenge Guida all uso Indice LA BARRA DI NAVIGAZIONE ORIZZONTALE 3 LA HOME PAGE 4 CONDIZIONI DI MERCATO 5 DOMANDA 6 DOMANDA, MERCATO TOTALE E QUOTA DI MERCATO 7 PIANO DI PRODUZIONE

Dettagli

L obiettivo in materia di ricavi per il 2014 è stato indicato in circa 93 miliardi di euro, in aumento di circa il 7% rispetto al consuntivo 2013.

L obiettivo in materia di ricavi per il 2014 è stato indicato in circa 93 miliardi di euro, in aumento di circa il 7% rispetto al consuntivo 2013. Informazioni in materia di obiettivi 2014, cash flow 2014, merito di credito, accesso alle risorse finanziarie di Chrysler Group LLC e riorganizzazione societaria richieste da Consob Con lettera del 13

Dettagli

Esame di Stato Sessione ordinaria 2009 Indirizzo Igea

Esame di Stato Sessione ordinaria 2009 Indirizzo Igea tema 14 Controllo di gestione; costi di produzione per commessa. Bilancio con dati a scelta, budget e Nota integrativa. Analisi di bilancio per indici. Esame di Stato Sessione ordinaria 2009 Indirizzo

Dettagli

Relazione sulla gestione del bilancio al 31/12/2014

Relazione sulla gestione del bilancio al 31/12/2014 Gestione Multiservice Società consortile a responsabilità limitata Sede in Via Gallarate 58-20151 Milano (MI) Capitale sociale Euro 412.900,00 i.v. Codice fiscale e Reg. Imp. 08362130158 Rea 1220124 Relazione

Dettagli

PIRELLI Società per azioni. Sede in Milano, Viale Sarca n. 222. Capitale Sociale Euro 1.042.408.785,08

PIRELLI Società per azioni. Sede in Milano, Viale Sarca n. 222. Capitale Sociale Euro 1.042.408.785,08 Relazione Trimestrale al 31 Marzo 2001 PIRELLI Società per azioni Sede in Milano, Viale Sarca n. 222 Capitale Sociale Euro 1.042.408.785,08 Registro delle Imprese di Milano n. 00886890151 2 PIRELLI S.p.A.

Dettagli

CHI SIAMO ATTIVITÀ LA STORIA

CHI SIAMO ATTIVITÀ LA STORIA CHI SIAMO ATTIVITÀ LA STORIA STRUTTURA AZIONARIA RISORSE UMANE VALORE AGGIUNTO ENERGIA ELETTRICA STRUTTURA SOCIETARIA RISULTATI FINANZIARI IGIENE URBANA E CICLO IDRICO GAS E COGENERAZIONE Chi siamo Il

Dettagli

8.1 PROGRAMMAZIONE DEGLI INVESTIMENTI E PIANO ECONOMICO

8.1 PROGRAMMAZIONE DEGLI INVESTIMENTI E PIANO ECONOMICO 8.1 PROGRAMMAZIONE DEGLI INVESTIMENTI E PIANO ECONOMICO Come già scritto nei capitoli precedenti, tra gli interventi da realizzare, dell importo complessivo di 460.000.000 euro, si è individuato alcuni

Dettagli

OVS SpA - Il Consiglio di Amministrazione riunitosi oggi a Venezia ha approvato i risultati del primo semestre 2015 (1 Febbraio 2015 31 Luglio 2015).

OVS SpA - Il Consiglio di Amministrazione riunitosi oggi a Venezia ha approvato i risultati del primo semestre 2015 (1 Febbraio 2015 31 Luglio 2015). OVS SpA - Il Consiglio di Amministrazione riunitosi oggi a Venezia ha approvato i risultati del primo semestre 2015 (1 Febbraio 2015 31 Luglio 2015). OVS chiude il primo semestre 2015 con ottimi risultati

Dettagli

Milano 30.10.2008. Presentazione del progetto di fusione alla comunità finanziaria

Milano 30.10.2008. Presentazione del progetto di fusione alla comunità finanziaria Milano 30.10.2008 Presentazione del progetto di fusione alla comunità finanziaria Agenda Razionali del progetto di fusione Struttura ed elementi principali dell operazione Posizionamento e vantaggi competitivi

Dettagli

Nel prossimo esercizio se non vi sarà l introduzione di nuovi tributi come tutti auspicano la previsione di incasso potrà essere ovviamente più

Nel prossimo esercizio se non vi sarà l introduzione di nuovi tributi come tutti auspicano la previsione di incasso potrà essere ovviamente più Interventi dei Sigg. consiglieri Bilancio 2014 Ricognizione dello stato di attuazione dei programmi e salvaguardia degli equilibri (art. 193 d.lgs n. 267/00 e degli art. 82 del regolamento di contabilità.

Dettagli

Ufficio Stampa Tel. +39 02 6222.7331 Foro Buonaparte, 31 Fax. +39 02 6222.7379 20121 Milano ufficiostampa@edison.it

Ufficio Stampa Tel. +39 02 6222.7331 Foro Buonaparte, 31 Fax. +39 02 6222.7379 20121 Milano ufficiostampa@edison.it Edison Spa Ufficio Stampa Tel. +39 02 6222.7331 Foro Buonaparte, 31 Fax. +39 02 6222.7379 20121 Milano ufficiostampa@edison.it Comunicato stampa EDISON CHIUDE IL PRIMO TRIMESTRE CON RICAVI A 3,1 MILIARDI

Dettagli

Gefran, il CdA approva il progetto di bilancio al 31 dicembre 2014

Gefran, il CdA approva il progetto di bilancio al 31 dicembre 2014 Gefran, il CdA approva il progetto di bilancio al 31 dicembre 2014 Fatturato in crescita del 2,9% rispetto all anno precedente. EBITDA a 12,9 milioni di Euro, in aumento del 17% rispetto al 2013. EBIT

Dettagli

Approvati dal Consiglio di Amministrazione i risultati relativi al primo semestre 2011 del Gruppo Bipiemme 1.

Approvati dal Consiglio di Amministrazione i risultati relativi al primo semestre 2011 del Gruppo Bipiemme 1. Approvati dal Consiglio di Amministrazione i risultati relativi al primo semestre 2011 del Gruppo Bipiemme 1. L utile netto si posiziona a 42,7 milioni, mentre l utile netto normalizzato 2 si attesta a

Dettagli

FAR.COM. SRL. Relazione sulla gestione del bilancio al 31/12/2011

FAR.COM. SRL. Relazione sulla gestione del bilancio al 31/12/2011 FAR.COM. SRL Reg. Imp.04146750965 Rea 1729051 Sede in VIA MARTIRI DELLA LIBERTA', 18-20066 MELZO (MI) Capitale sociale Euro 130.000,00 i.v. Relazione sulla gestione del bilancio al 31/12/2011 Signori Soci

Dettagli

Il Gruppo: valore per il territorio

Il Gruppo: valore per il territorio Il Gruppo AEB-Gelsia rappresenta una tra le prime multiutility in Lombardia per fatturato e clienti serviti e si colloca tra i primi 20 operatori a livello nazionale. Il Gruppo ha voluto ribadire il proprio

Dettagli

Relazione trimestrale 31 marzo 2001

Relazione trimestrale 31 marzo 2001 Relazione trimestrale 31 marzo 2001 . Relazione trimestrale 31 marzo 2001 Enel Società per azioni Sede legale in Roma Viale Regina Margherita, 137 Capitale sociale Lire 12.126.150.379.000 interamente versato

Dettagli

EUROTECH: RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE CONSOLIDATO AL 30 SETTEMBRE 2015

EUROTECH: RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE CONSOLIDATO AL 30 SETTEMBRE 2015 EUROTECH: RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE CONSOLIDATO AL 30 SETTEMBRE 2015 Amaro (UD), 13 novembre 2015 Ricavi consolidati: da 45,95 milioni a 47,26 milioni Primo margine consolidato: da 22,15 milioni

Dettagli

Il Consiglio di Amministrazione di Gas Plus ha esaminato: Le Linee guida del prossimo Piano Industriale pluriennale

Il Consiglio di Amministrazione di Gas Plus ha esaminato: Le Linee guida del prossimo Piano Industriale pluriennale Milano, 5 Agosto 2011 COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione di Gas Plus ha esaminato: I dati consolidati del 1 semestre 2011 Le Previsioni 2011 Le Linee guida del prossimo Piano Industriale

Dettagli

Comunicato stampa della Giorgio Fedon & Figli S.p.A.

Comunicato stampa della Giorgio Fedon & Figli S.p.A. Comunicato stampa della Giorgio Fedon & Figli S.p.A. RAGIONE SOCIALE - SEDE LEGALE Giorgio Fedon & Figli S.p.A. Via dell Occhiale, 11 - Vallesella 32040 Domegge di Cadore (BL) Codice fiscale e Partita

Dettagli

ANALISI ANDAMENTO ECONOMICO

ANALISI ANDAMENTO ECONOMICO ANALISI ANDAMENTO ECONOMICO per passare all analisi del fabbisogno e della copertura finanziaria occorre terminare l analisi economica. i ricavi sono stati previsti nel dossier mercato alcuni costi sono

Dettagli

Rafforzamento patrimoniale, elevato presidio del rischio, crescita dei ricavi complessivi e della redditività ordinaria

Rafforzamento patrimoniale, elevato presidio del rischio, crescita dei ricavi complessivi e della redditività ordinaria Comunicato Stampa Risultati consolidati al 30 settembre 2006 Rafforzamento patrimoniale, elevato presidio del rischio, crescita dei ricavi complessivi e della redditività ordinaria Ricavi in crescita -

Dettagli

Seminario sui processi di aggregazione delle aziende dei servizi pubblici locali.

Seminario sui processi di aggregazione delle aziende dei servizi pubblici locali. Seminario sui processi di aggregazione delle aziende dei servizi pubblici locali. Bologna, 10 giugno 2008 Relazione introduttiva di Renato Matteucci Dip. Reti-Terziario Cgil nazionale Premessa Fin dall

Dettagli

50 Stoccaggio di gas naturale. Stoccaggio di gas naturale

50 Stoccaggio di gas naturale. Stoccaggio di gas naturale 50 Stoccaggio di gas naturale Stoccaggio di gas naturale Stoccaggio di gas naturale 51 PRINCIPALI INDICATORI DI PERFORMANCE (milioni di e) 2012 2013 2014 Var.ass. Var.% Ricavi totali (a) (b) 402 489 541

Dettagli

Gruppo ACTELIOS. Relazione trimestrale al 31 marzo 2007. Consiglio di Amministrazione Milano, 8 maggio 2007

Gruppo ACTELIOS. Relazione trimestrale al 31 marzo 2007. Consiglio di Amministrazione Milano, 8 maggio 2007 Gruppo ACTELIOS Relazione trimestrale al 31 marzo 2007 Consiglio di Amministrazione Milano, 8 maggio 2007 ACTELIOS SpA Capitale sociale Euro 67.680.000 int. versato Sede legale e domicilio fiscale 20121

Dettagli

III GLI INVESTIMENTI

III GLI INVESTIMENTI III GLI INVESTIMENTI Gli investimenti in immobilizzazioni materiali (incluse le migliorie su beni di terzi) sono pari complessivamente a 2.107 milioni di euro nel 2007 contro 2.128 milioni dell esercizio

Dettagli

Indagine conoscitiva sui prezzi dell'energia elettrica e del gas come fattore strategico per la crescita del sistema produttivo del Paese

Indagine conoscitiva sui prezzi dell'energia elettrica e del gas come fattore strategico per la crescita del sistema produttivo del Paese Indagine conoscitiva sui prezzi dell'energia elettrica e del gas come fattore strategico per la crescita del sistema produttivo del Paese Audizione Enel presso la 10ª Commissione Industria del Senato Roma,

Dettagli

Expert System: il CdA approva la Relazione Finanziaria al 30 giugno 2015

Expert System: il CdA approva la Relazione Finanziaria al 30 giugno 2015 Expert System: il CdA approva la Relazione Finanziaria al 30 giugno 2015 Prosegue la forte crescita internazionale per il consolidamento della leadership nell ambito del cognitive computing e dell analisi

Dettagli

Relazione trimestrale 31 MARZO 2002

Relazione trimestrale 31 MARZO 2002 3 Relazione trimestrale 31 MARZO 2002 INDICE Dati di sintesi 4 Il Gruppo Enel 5 I risultati del trimestre 6 Fatti di rilievo del trimestre e successivi 10 Forma e contenuto dei prospetti contabili consolidati

Dettagli

Convocata l Assemblea dei Soci per venerdì 25 e sabato 26 aprile, rispettivamente in prima e seconda convocazione.

Convocata l Assemblea dei Soci per venerdì 25 e sabato 26 aprile, rispettivamente in prima e seconda convocazione. Veneto Banca rafforza il patrimonio promuovendo un operazione di aumento di capitale in opzione ai soci fino ad un massimo di 500 milioni di euro e la conversione del prestito obbligazionario convertibile

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Gruppo IREN: il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 dicembre 2013.

COMUNICATO STAMPA. Gruppo IREN: il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 dicembre 2013. COMUNICATO STAMPA Gruppo IREN: il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 dicembre 2013. 1 Margine Operativo Lordo (Ebitda) in crescita a 646,0 milioni di euro (+2,6%) Risultato Operativo

Dettagli

Energia A2A: una forza che genera vantaggi.

Energia A2A: una forza che genera vantaggi. Energia A2A: una forza che genera vantaggi. Una solida realtà, un Gruppo che cresce. Diga di San Giacomo (SO) A2A: i numeri per un ruolo da leader. A2A, forte degli oltre 100 anni di attività di AEM Milano

Dettagli

Il controllo di gestione nelle società partecipate. L esperienza di Acea ATO2

Il controllo di gestione nelle società partecipate. L esperienza di Acea ATO2 Il controllo di gestione nelle società partecipate L esperienza di Acea ATO2 Albano, 2 marzo 2010 Dati principali Area servita: ATO2 Lazio Centrale Roma (112 Comuni) Popolazione servita: 3.695.734 Popolazione

Dettagli

COMUNICATO STAMPA APPROVATI DAL CONSIGLIO D AMMINISTRAZIONE I RISULTATI DELL ESERCIZIO 2009

COMUNICATO STAMPA APPROVATI DAL CONSIGLIO D AMMINISTRAZIONE I RISULTATI DELL ESERCIZIO 2009 COMUNICATO STAMPA APPROVATI DAL CONSIGLIO D AMMINISTRAZIONE I RISULTATI DELL ESERCIZIO 2009 EBITDA IN LINEA CON LA GUIDANCE E MANTENIMENTO DI UNA ELEVATA MARGINALITA GRAZIE ALL EFFICACE AZIONE DI CONTENIMENTO

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 6 maggio 2013 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 Nel 2013 si prevede una riduzione del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari all 1,4% in termini reali, mentre per il 2014, il recupero

Dettagli

Principali indici di bilancio

Principali indici di bilancio Principali indici di bilancio Descrizione Il processo di valutazione del merito creditizio tiene conto di una serie di indici economici e patrimoniali. L analisi deve sempre essere effettuata su un arco

Dettagli

GRUPPO ACSM AGAM RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE

GRUPPO ACSM AGAM RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE GRUPPO ACSM AGAM RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 30 SETTEMBRE I N DI C E Il Gruppo Le Attività gestite Organi sociali Dati significativi sintesi dati economici sintesi dati patrimoniali e finanziari

Dettagli

Relazione trimestrale 30 settembre 2001

Relazione trimestrale 30 settembre 2001 Relazione trimestrale 30 settembre 2001 . Relazione trimestrale 30 settembre 2001 Enel Società per azioni Sede legale in Roma Viale Regina Margherita, 137 Capitale sociale Euro 6.063.075.189 interamente

Dettagli

RELAZIONE TRIMESTRALE CONSOLIDATA AL 31 MARZO 2014

RELAZIONE TRIMESTRALE CONSOLIDATA AL 31 MARZO 2014 Gruppo Hera Relazione Trimestrale Consolidata al 31 marzo 2014 RELAZIONE TRIMESTRALE CONSOLIDATA AL 31 MARZO 2014 Progetto in approvazione nel Cda di Hera Spa del 14 maggio 2014 1 Gruppo Hera Relazione

Dettagli

Schema 1. Attrattività del cliente (da1 a 6)

Schema 1. Attrattività del cliente (da1 a 6) Schema 1 Gruppo di Prodotti/servizi Contributo alle vendite (percentuale) Contributo al profitto (percentuale) Attrattività del cliente (da1 a 6) Attrattività dei fornitori (da1 a 6) Attrattività della

Dettagli

Come leggere la bolletta dell acqua

Come leggere la bolletta dell acqua LE GUIDE DI IREN ACQUA GAS Come leggere la bolletta dell acqua Guida alla bolletta dell acqua a contatore per uso domestico LE GUIDE DI IREN ACQUA GAS La tariffa dell acqua per uso domestico Da quando

Dettagli

ESAMINATI DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE I RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 MARZO 2015

ESAMINATI DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE I RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 MARZO 2015 ESAMINATI DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE I RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 MARZO RICAVI IN PROGRESSO, IN PARTICOLARE IN INDIA E MAROCCO SOSTANZIALE STABILITA DEI VOLUMI DI VENDITA DI CEMENTO: LA DEBOLEZZA

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Focalizzazione su efficienza operativa del Gruppo» Costi amministrativi in calo dell 1,1% a termini omogenei

COMUNICATO STAMPA. Focalizzazione su efficienza operativa del Gruppo» Costi amministrativi in calo dell 1,1% a termini omogenei COMUNICATO STAMPA PRESS OFFICE Tel. +39.040.671180 - Tel. +39.040.671085 press@generali.com INVESTOR RELATIONS Tel. +39.040.671202 - Tel. +39.040.671347 - generali_ir@generali.com www.generali.com RISULTATI

Dettagli

Il Consiglio di Amministrazione di Tiscali approva i risultati al 30 settembre 2005

Il Consiglio di Amministrazione di Tiscali approva i risultati al 30 settembre 2005 Il Consiglio di Amministrazione di Tiscali approva i risultati al 30 settembre 2005 Crescita dei ricavi: 185,7 milioni di Euro nel trimestre (+16% su base annua) portano i ricavi nei nove mesi a 539,3

Dettagli

Il settore elettrico italiano: dal Monopolio alla Concorrenza

Il settore elettrico italiano: dal Monopolio alla Concorrenza Università degli Studi di Roma "Tor Vergata" Facoltà di Ingegneria Corso di Gestione ed Economia dell Energia e Fonti Rinnovabili Il settore elettrico italiano: dal Monopolio alla Concorrenza Ing. Tiziana

Dettagli

SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE - la metodologia EVA -

SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE - la metodologia EVA - CORSO DI PIANIFICAZIONE FINANZIARIA SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE - la metodologia EVA - Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2002 Cap. 9 (Dottor

Dettagli

II. Produzioni e consumi di energia elettrica in Italia

II. Produzioni e consumi di energia elettrica in Italia IMPATTO AMBIENTALE CAUSATO DALLA LIBERALIZ- ZAZIONE DEL MERCATO DELL'ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA II. Produzioni e consumi di energia elettrica in Italia di Marco CALDIROLI e Luigi MARA Queste note focalizzano

Dettagli

GRUPPO COFIDE: NEL 2014 RIDUCE PERDITA A 14,5 MLN ( 130,4 MLN NEL 2013)

GRUPPO COFIDE: NEL 2014 RIDUCE PERDITA A 14,5 MLN ( 130,4 MLN NEL 2013) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 dicembre 2014 GRUPPO COFIDE: NEL 2014 RIDUCE PERDITA A 14,5 MLN ( 130,4 MLN NEL 2013) Il risultato è influenzato dagli oneri

Dettagli

Progetto di integrazione Unipol Fondiaria SAI. Presentazione del Piano Congiunto alla comunità finanziaria

Progetto di integrazione Unipol Fondiaria SAI. Presentazione del Piano Congiunto alla comunità finanziaria Progetto di integrazione Unipol Fondiaria SAI Presentazione del Piano Congiunto alla comunità finanziaria Bologna, 20 Dicembre 2012 Premessa In data odierna i consigli di amministrazione di Unipol Assicurazioni,

Dettagli

COMUNICATO STAMPA ESAMINATA ED APPROVATA DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE LA RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2014

COMUNICATO STAMPA ESAMINATA ED APPROVATA DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE LA RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2014 COMUNICATO STAMPA ESAMINATA ED APPROVATA DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE LA RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2014 TELECOM ITALIA TORNA ALL UTILE DOPO 3 ANNI UTILE NETTO CONSOLIDATO: PARI A

Dettagli

BILANCIO AL 31/12/2007 NOTA INTEGRATIVA

BILANCIO AL 31/12/2007 NOTA INTEGRATIVA BILANCIO AL 31/12/2007 NOTA INTEGRATIVA La presente Nota Integrativa costituisce parte integrante del bilancio di esercizio al 31 dicembre 2007; è da considerarsi, pertanto, insieme allo schema di Stato

Dettagli

Brescia, 5 marzo 2015. www.pirolapennutozei.it

Brescia, 5 marzo 2015. www.pirolapennutozei.it Brescia, 5 marzo 2015 OIC 26 -Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC 28: Patrimonio Netto www.pirolapennutozei.it OIC 26 -Operazioni, attività e passività in valuta estera www.pirolapennutozei.it

Dettagli

LA RUOTA COMPAGNIA PER L INVESTIMENTO, LA GESTIONE, LA TUTELA E L AMMINISTRAZIONE DI PATRIMONI S.p.A.

LA RUOTA COMPAGNIA PER L INVESTIMENTO, LA GESTIONE, LA TUTELA E L AMMINISTRAZIONE DI PATRIMONI S.p.A. LA RUOTA COMPAGNIA PER L INVESTIMENTO, LA GESTIONE, LA TUTELA E L AMMINISTRAZIONE DI Reg. Imp. 02471620027 Rea 191045 Sede in VIA ALDO MORO 3/A -13900 BIELLA (BI) Capitale sociale Euro 255.021,13 i.v.

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

Ricordo subito a tutti che i lavori della giornata si svolgono in due sessioni:

Ricordo subito a tutti che i lavori della giornata si svolgono in due sessioni: QUALE FUTURO PER I SERVIZI PUBBLICI LOCALI? RELAZIONE INTRODUTTIVA Ass. alle partecipate del Comune di Rovigo Angelo Milan In primo luogo, é con piacere che porto il saluto dell amministrazione comunale

Dettagli

GRUPPO A.M.A.G. Relazione della Società di Revisione sulle procedure di verifica concordate relative alla predisposizione della Documentazione Economico/Finanziaria Aggiornamento Plan 2012-2015 Spettabile

Dettagli

RELAZIONE sulla GESTIONE. al Bilancio al 31 dicembre 2014. pag. 46

RELAZIONE sulla GESTIONE. al Bilancio al 31 dicembre 2014. pag. 46 RELAZIONE sulla GESTIONE al Bilancio al 31 dicembre 2014 pag. 46 Il bilancio al 31/12/2014, che viene sottoposto all attenzione dell Assemblea dei Soci per la sua approvazione, chiude con un utile di 520.153,47,

Dettagli

COMUNE DI ROSSANO VENETO

COMUNE DI ROSSANO VENETO COMUNE DI ROSSANO VENETO P.zza Marconi, 4-36028 ROSSANO VENETO (Vicenza) tel. 0424-547124-5-6- e-mail: llpp@comune.rossano.vi.it C.F. 00261630248 * * * * * * * * * * SERVIZIO TECNICO LAVORI PUBBLICI E

Dettagli

APPROVATI IL PROGETTO DI BILANCIO INDIVIDUALE E IL BILANCIO CONSOLIDATO RELATIVI ALL ESERCIZIO 2014

APPROVATI IL PROGETTO DI BILANCIO INDIVIDUALE E IL BILANCIO CONSOLIDATO RELATIVI ALL ESERCIZIO 2014 Risultati annuali APPROVATI IL PROGETTO DI BILANCIO INDIVIDUALE E IL BILANCIO CONSOLIDATO RELATIVI ALL ESERCIZIO 2014 - Confermati i risultati preliminari consolidati già approvati lo scorso 11 febbraio

Dettagli

Approvata la Relazione Finanziaria Semestrale Consolidata al 30 giugno 2010 Cala l indebitamento, secondo trimestre in ripresa

Approvata la Relazione Finanziaria Semestrale Consolidata al 30 giugno 2010 Cala l indebitamento, secondo trimestre in ripresa Comunicato stampa Cavriago, 27 agosto 2010 Approvata la Relazione Finanziaria Semestrale Consolidata al 30 giugno 2010 Cala l indebitamento, secondo trimestre in ripresa Valore della produzione consolidato:

Dettagli

Risultati di Gruppo 1H2013

Risultati di Gruppo 1H2013 Risultati di Gruppo 1H213 Conference Call Adolfo Bizzocchi 3 Agosto 213 Principali evidenze del semestre Margine di Intermediazione, al netto del risultato del Trading, in crescita sia trimestre su trimestre

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Il Gruppo Iren presenta l aggiornamento del Piano Industriale al 2015.

COMUNICATO STAMPA. Il Gruppo Iren presenta l aggiornamento del Piano Industriale al 2015. COMUNICATO STAMPA Il Gruppo Iren presenta l aggiornamento del Piano Industriale al 2015. Ebitda al 2015 di circa 670 milioni di euro, con una crescita media annua del 3,2%. Posizione finanziaria netta

Dettagli

Figura 3.22 - Evoluzione dei consumi totali di energia elettrica. Figura 3.23 - Ripartizione dei consumi totali di energia elettrica

Figura 3.22 - Evoluzione dei consumi totali di energia elettrica. Figura 3.23 - Ripartizione dei consumi totali di energia elettrica Figura 3.22 Evoluzione dei consumi totali di energia elettrica Figura 3.23 Ripartizione dei consumi totali di energia elettrica 67 Figura 3.24 Ripartizione dei consumi totali di energia elettrica (dati

Dettagli

Commento ai risultati di Gruppo per l esercizio 2014

Commento ai risultati di Gruppo per l esercizio 2014 Approvazione del Bilancio Consolidato di Gruppo e del Progetto di Bilancio Separato di Saras SpA per l esercizio 2014 1 Milano, 19 marzo 2015: Il Consiglio di Amministrazione di Saras SpA si è riunito

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Esaminati dal Consiglio di Amministrazione i risultati preliminari del primo semestre 2005

COMUNICATO STAMPA. Esaminati dal Consiglio di Amministrazione i risultati preliminari del primo semestre 2005 COMUNICATO STAMPA Esaminati dal Consiglio di Amministrazione i risultati preliminari del primo semestre 2005 Wireline: continua la crescita dei ricavi, +2,1% rispetto al primo semestre 2004 (+2,3% crescita

Dettagli

BULICATA S.r.l. RELAZIONE SULLA GESTIONE AL BILANCIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2014

BULICATA S.r.l. RELAZIONE SULLA GESTIONE AL BILANCIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2014 BULICATA S.r.l. Sede Via Garigliano, n. 1 50053 EMPOLI Capitale sociale Euro 40.000,00 interamente versato Codice fiscale e numero di iscrizione al Registro delle Imprese di Firenze 06290810487 Iscritta

Dettagli

Come leggere la bolletta dell acqua

Come leggere la bolletta dell acqua LE GUIDE DI IREN ACQUA GAS Come leggere la bolletta dell acqua Guida alla bolletta dell acqua a contatore per uso domestico LE GUIDE DI IREN ACQUA GAS La tariffa dell acqua per uso domestico Da quando

Dettagli

Premessa. Descrizione del Bilancio

Premessa. Descrizione del Bilancio Premessa Il Bilancio Preventivo 2011 è stato elaborato prendendo come riferimento i dati dell esercizio appena concluso e assumendo come obbiettivo la volontà di garantire la stessa impegnativa e intensa

Dettagli