- 10 settembre

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "- 10 settembre 2007 -"

Transcript

1 Pagina 1/7 GRUPPO ASM, - 10 settembre Oggetto: Risultati al 30 giugno 2007 Presenti: Renzo Capra, Presidente e Amministratore Delegato Elio Tomasoni, Direttore Generale Leonardo Dabrassi, Direttore Finanza e Amministrazione Antonio Bonomo, Direttore Energia Paolo Rossetti Direttore Sviluppo Strategico PRESENTAZIONE Renzo Capra - Buonasera a tutti. Oltre a me, sono presenti il Direttore Generale, Elio Tomasoni, il Direttore Sviluppo Strategico, Paolo Rossetti, il Direttore Finanza e Amministrazione, Leonardo Dabrassi, e il Direttore Energia, Antonio Bonomo. Siamo qui per presentarvi i risultati del primo semestre 2007, risultati buoni considerata anche l annata che ha visto una deficienza di freddo e un clima molto mite che ha visto ridursi del 30% - e quindi di un entità rilevante i gradi giorno. Ciononostante i ricavi sono aumentati di oltre il 5%, il margine operativo lordo è cresciuto del 1,2%, e soprattutto è aumentato molto, del 12,4%, il risultato operativo. L utile netto, invece, è sceso in quanto l anno scorso abbiamo avuto un elevato contributo di terzi, in particolare da Endesa Italia che aveva operato una rivalutazione patrimoniale e messo in conto un ultima quota di strand of cost: maggiori indicazioni al riguardo potranno essere date dal Dottor Dabrassi. Io preciso solo che questo contributo straordinario - dell entità di 32 milioni di euro - ha certamente influito sull utile di gruppo del primo semestre nel 2006 che si è così attestato a 143 milioni di euro. Al netto di questo contributo, l utile netto del primo semestre 2007 sarebbe sostanzialmente in linea con quello dello stesso periodo dello scorso anno. L effetto climatico ha condizionato molto facendo riportare risultati minori rispetto a quelli realizzati nel 2006 in tutti i settori fatta eccezione per la Produzione di Elettricità, il Ciclo Idrico Integrato e le Altre Attività, settore che non abbiamo mai evidenziato perché di entità relativamente piccola ma che in questo semestre ha visto

2 Pagina 2/7 il margine operativo lordo andare da 0,9 milioni di euro a otre 6 milioni di euro. Il margine operativo lordo di Gruppo, per tanto, è passato da 207,9 milioni di euro a 210,5 milioni di euro, mostrando quindi un leggero aumento. Anche per il primo semestre del 2007 la struttura, in termini di stato patrimoniale, si è mostrata adeguata alle prospettive di sviluppo, sviluppo che quest anno ha avuto anche una punta di esborsi: sono in corso di costruzione due Gruppi da 800 MW ciascuno, uno è a Gissi, vicino a Vasto, l altro è a Scandale, vicino a Crotone. Le immobilizzazioni sono così cresciute soprattutto per gli investimenti realizzati pari a 179 milioni di euro, la cassa è risultata in riduzione anche per l impiego di liquidità nella realizzazione della centrale di Gissi ricordata poco fa. Il rapporto fra indebitamento finanziario netto e patrimonio netto è sotto controllo e adeguato al programma di investimenti per circa 500 milioni di euro e di dividendi straordinari per circa 85 milioni di euro collegati al concambio con Milano e previsti per la fine di quest anno. Tutto ciò dà luogo allo stato patrimoniale consolidato e ai relativi andamenti sia dei capitali investiti che dei debiti finanziari, a medio/lungo termine (che hanno subito un incremento di 42 milioni di euro, da 936 milioni di euro a 978 milioni di euro) e a quelli a breve termine (che invece si sono ridotti). L indebitamento finanziario netto è così passato da 802 milioni di euro a 873 milioni di euro e le coperture da milioni di euro a milioni di euro. L indebitamento netto rispetto al patrimonio netto è quindi aumentato da 0.52x a 0,58x, rimanendo sempre per altro in rapporto molto basso, a conferma della struttura finanziaria molto solida di ASM. Vi ringrazio; cedo la parola al Dottor Dabrassi per gli aspetti amministrativi e finanziari. Leonardo Dabrassi - Buongiorno a tutti. Inizio commentando la slide numero 6 della presentazione dichiarandomi, in qualità di Direttore Finanziario, complessivamente molto contento di come in ogni bilancio di ASM tutti i flussi di cassa interni vadano a coprire una grande parte degli investimenti netti. Come si vede infatti, l utile netto per 113 milioni di euro e gli ammortamenti, rispetto ai 181 milioni di euro di investimenti netti, sono la quasi totalità; rimangono da coprire, come ha detto il Presidente, i dividendi che, al saldo tra i dividendi ricevuti e i dividendi pagati, sono di circa 90 milioni di euro. La situazione finanziaria quindi, nonostante gli investimenti notevolmente in crescita, si limita a 873 milioni di euro, anche in ragione di una politica di disinvestimento sul capitale circolante - pur di carattere stagionale - per 81 milioni di euro in questo semestre. Passando alla slide successiva della presentazione che illustra l indebitamento, è evidente la forza del nostro bilancio: a fronte di un bilancio patrimoniale che esprime fra le attività un gradissimo impiego in asset fisici di lungo periodo, il nostro debito si esprime per gran parte come debito di medio e lungo periodo a fronte di un debito a breve che rappresenta un esigua minoranza. Questo rapporto fra debiti a lungo e breve termine, accanto all indicatore già citato dal Presidente relativo al rapporto fra indebitamento finanziario netto e patrimonio netto, rappresenta una delle forze del nostro bilancio. Per quanto riguarda gli aspetti economici dell indebitamento, e quindi l onere del denaro, si nota come, pur a fronte della recentissima variabilità dei tassi sui mercati finanziari, la nostra situazione al 30 giugno 2007 vede la presenza di tasso fisso per il 70%, di tassi variabili ma con coperture, e quindi assimilabili a tassi

3 Pagina 3/7 fissi, per il 15%: quindi, solo il 15% dell indebitamento soffre della variabilità dei mercati. Anche sotto questo profilo, quindi, il nostro conto economico si mantiene in uno stato di sicurezza. Grazie; passo la parola all Ingegner Tomasoni. Elio Tomasoni Buon pomeriggio a tutti. Vediamo qualche aspetto legato alle singole linee di attività cominciando dalla Produzione di Elettricità che è la parte più consistente della nostra attività. Come si può vedere dalla slide 8 della presentazione, nonostante si sia avuta una riduzione della produzione dagli impianti di proprietà per il 15% circa, il margine operativo lordo del settore ha ottenuto un incremento del 14%. Si vede, inoltre, come gli impianti abbiano registrato una sostanziale parità di produzione ad eccezione della centrale del Mincio che ha avuto una fermata tecnica a maggio e giugno e quindi ha riportato una riduzione del 35%. Tornando al valore positivo del margine operativo lordo, su questo incidono in maniera significativa i maggiori margini ottenuti dagli impianti di produzione energia elettrica da rifiuti, sia l impianto di Brescia che ha fornito un maggiore contributo di 10 milioni di euro rispetto al semestre del 2006, sia l impianto di Bergamo con un contributo di 800mila euro. La parte di maggior contribuito - soprattutto per l impianto di Brescia deriva sia da un incremento del prezzo dell energia elettrica sia dal trascinamento di un conguaglio sull energia da Cip6 relativo all anno precedente e che, per ragioni da noi indipendenti, è slittato al 2007 (per altro già contenuto nel primo trimestre di quest anno). Passiamo alla Vendita Energia Elettrica e Gas, e quindi alla slide successiva della presentazione. L energia elettrica ha avuto anche in questo caso un incremento del 24%: come si può vedere in basso a sinistra della slide, c è stata una forte crescita della parte di competenza di Ergon Energia (la società che abbiamo al 50% con Endesa), un forte incremento della fornitura e della vendita alle utenze industriali, e una riduzione della parte relativa ai residenziali. Quest ultima riduzione è stata in gran parte dovuta a una migrazione di scelte di contratto da residenziali a industriali, da vincolati a clienti liberi, e quindi a un passaggio interno tra queste due categorie. Per quanto riguarda il gas, è questo uno di quei settori a cui faceva riferimento il Presidente e che ha subito gli effetti del clima mite dell inverno scorso, registrando una riduzione di quasi il 14%. In questo caso è interessante notare come, mentre i residenziali hanno avuto una riduzione del 28%, le utenze industriali hanno evidenziato una crescita del 23%, a testimonianza che il motivo della riduzione è dovuto proprio all effetto climatico che influisce sulle scelte dei residenziali mentre non condiziona l industria che ovviamente segue altri criteri. Se guardiamo il margine operativo lordo del settore Vendita Energia Elettrica e Gas si è registrata una riduzione complessiva dell 11%. Per il gas il calo è stato poco significativo (del 6%) perchè mentre da un lato si è avuta, come detto, una riduzione delle vendite, dall altro si è ottenuto un effetto positivo per i minor costi di Plurigas (la società che abbiamo con Milano e Genova) che, proprio per l andamento climatico, ha ridotto il ricorso allo stoccaggio strategico rispetto allo scorso anno. Sull elettricità si è evidenziata invece una riduzione forte, del 20%, nonostante l incremento delle vendite: questo andamento è dovuto più a effetti contabili relativi a maggiori vantaggi dell anno scorso piuttosto che a una differenza di margini; si tratta quindi di un effetto che non ha un peso dal punto di vista della gestione

4 Pagina 4/7 industriale. Infine, desidero fare una considerazione sul risultato operativo che ha mostrato un deciso incremento soprattutto perché il semestre dell anno scorso risentiva dell accantonamento prudenzialmente fatto di 12 milioni di euro relativo alla vertenza con l Autorità e che, vista l evoluzione di questa materia, non ha richiesto un ulteriore accantonamento per il semestre di cui stiamo parlando. Per quanto riguarda le Reti Elettricità e Gas, alla slide 10 della presentazione, nonostante il calo del 5,7% dell energia elettrica distribuita si è avuto un allineamento, una leggera crescita anzi, del margine operativo lordo soprattutto grazie al contenimento dei costi. Come viene evidenziato nella tabella in alto, infatti, i costi fissi, sia del gas che dell elettricità, passano da 80 milioni di euro a 68 milioni di euro: la riduzione notevole si riferisce alla distribuzione elettrica su cui stiamo operando riduzioni di costi più significative, come per altro era previsto dopo l acquisizione delle reti dall Enel e che stiamo a poco a poco portando a una maggiore efficienza grazie all integrazione tra le nostre reti e quelle che abbiamo acquisito dall Enel. Per quanto riguarda il gas si è avuta una riduzione dei volumi distribuiti di quasi il 19% che in questo caso si ripercuote anche sul margine operativo lordo: come nel caso del settore Vendite Gas, anche per le Reti Gas la riduzione è stata sui residenziali e sul trasporto, e non sugli industriali. Passando alla slide successiva della presentazione, il teleriscaldamento è un altro settore che, come si può immaginare, è legato in modo netto all andamento climatico: in questo caso si è registrata una riduzione del 18% del calore venduto con un valore molto linea con la diminuzione del gas - e anche dell energia elettrica prodotta in quanto è connessa alla cogenerazione che viene fatta in questo impianto. Il risultato è la riduzione di circa il 30% del margine operativo lordo del settore. Per quanto riguarda l ambiente, la riduzione del margine operativo lordo è dipesa sostanzialmente dalla riduzione di circa il 30% delle quantità smaltite in discarica. Stiamo adottando una serie di iniziative legate al trattamento dei rifiuti, e cioè altre attività legate a questo settore. Per esempio, come evidenzia l immagine in basso a sinistra, si è avuto un aumento del 18% dei volumi trattati, un valore che non conta moltissimo in termini assoluti ma che è indicativo perché è dipeso interamente da un nuovo impianto attivato che consente il trattamento delle terre di spazzamento dei rifiuti derivanti dallo spazzamento meccanico. Con questo trattamento si riesce ad estrarre ghiaia e sabbia e a purificarla in modo da renderla nuovamente commerciale. Abbiamo in programma altre attività simili anche per quanto riguarda le scorie del termovalorizzatore e l umido: si tratta di azioni in fase di progettazione e realizzazione che consentiranno a questo settore di rimediare in termini di risultati alla progressiva riduzione degli smaltimenti in discarica. L ultima attività è rappresentata dal Ciclo Idrico Integrato che ha visto un ottima crescita del margine operativo lordo, da 6 milioni di euro a quasi 11 milioni di euro. Questo incremento significativo è dipeso dall incremento dei volumi venduti sia per quanto riguarda l acquedotto che per la depurazione quasi il 20% - e la fognatura, ma anche dalla crescita della tariffa media che è aumentata in tutte e tre le attività del settore in conseguenza dell avvio della nuova regolamentazione delle tariffe da parte dell Ambito Territoriale Ottimale di Brescia (che, come era atteso da alcuni anni, consente di avere dei margini in grado di remunerare sia le attività sia gli investimenti nel settore). Ho concluso anche io la presentazione; siamo disponibili a rispondere a vostre eventuali domande.

5 Pagina 5/7 SESSIONE DOMANDE E RISPOSTE D: Ci potete aggiornare sull accordo con Enel relativo alla suddivisione di Endesa Italia? R: La questione di Endesa Italia è a valle dell Opa lanciata da Enel su Endesa: una risposta sul futuro assetto di Endesa Italia deve per tanto aspettare la conclusione dell operazione Enel-Endesa D: Vale ancora la data di fine ottobre per la presentazione del business plan ASM-AEM o è prevedibile uno slittamento visto che le Assemblee non sono ancora state convocate? R: Il nostro programma sta procedendo secondo i tempi previsti. Con tutta probabilità le Assemblee saranno convocate intorno alla seconda settimana di ottobre, indicativamente tra il 20 e il 25 ottobre, giusto in tempo per poter firmare gli atti entro la fine dell anno. Per quanto riguarda il piano di sviluppo, questo è in fase di formazione e sarà presentato certamente nel mese di novembre, così come il budget 2008 e le prospettive della nuova società per i 4 anni successivi. D: Potete fornire qualche dettaglio sui margini della Produzione? I margini sono dovuti alla politica commerciale o dipendono da altri effetti? R: Una parte dei margini, come è stato rilevato, è dovuta agli impianti waste to energy, sia di Brescia che di Bergamo, che hanno funzionato molto bene e avuto un utilizzazione molto alta. Per quanto riguarda invece la produzione nelle centrali termoelettriche, pur in presenza di calo di produzione abbiamo una sostanziale invarianza del margine totale perché la nostra politica, come evidenziato in occasioni precedenti, è orientata a massimizzare il margine complessivo. Quindi, in termini semplici, abbiamo prodotto maggiormente in ore di pregio e abbiamo limitato la produzione anche con alcune fermate brevi nelle ore in cui questa produzione vale molto meno e nelle quali si ottiene una penalizzazione rispetto ai costi variabili (ovvero il prezzo è inferiore ai costi variabili). L insieme di questi elementi, unito a un gioco favorevole della dinamica dei combustibili che però ha inciso in misure minori, ha determinato questo risultato. D: E possibile quantificare l effetto climatico sul margine operativo lordo? R: Il calcolo è semplice. L effetto climatico, infatti, incide sui clienti residenziali del Gas e del Teleriscaldamento, oltre che sulla Distribuzione del gas, settore nuovamente legato ai residenziali. Siccome non si sono avute variazioni sui residenziali collegati alle nostre reti in quanto in questi settori non si sono avute acquisizioni né perdite di attività, il valore del margine operativo lordo sarebbe stato esattamente quello dall anno scorso, come per altro si era previsto a budget. L effetto climatico, quindi, che al momento non saprei quantificare esattamente, è calcolabile in modo matematico. Sottolineo comunque che l impatto

6 Pagina 6/7 del clima rappresenta un eccezione: il fatto che l anno precedente, per esempio, era stato per contro molto freddo non consente di interpretare l influenza climatica come un andamento, secondo un criterio in evoluzione. D: E realistica l ipotesi di un integrazione con Iride, e quindi a tre soggetti? R: L integrazione a tre sarebbe realizzabile ma si deve ricordare che sono gli azionisti quelli che comandano mentre noi siamo gli esecutori. D: Gli azionisti di Iride, e quindi i Comuni, sono favorevoli ad un eventuale operazione a tre? La difficoltà è da un punto di vista manageriale? R: Come già affermato, riteniamo che la fusione con AEM possa essere uno stimolo, un esempio di aggregazione per altre aggregazioni e operazioni. Come dichiarato anche dall Ingegner Zuccoli, tutto ciò è però valido in termini teorici e, chiaramente, deve fare i conti con la realizzazione operativa dell unione ASM- AEM la quale richiede un minimo assestamento prima che sia possibile guardare verso altre operazioni. Riteniamo comunque corretto aver esplicitato alle municipalità l interesse della compagine ASM-AEM verso Iride in modo che i Comuni, nelle loro scelte, sappiano che c è questa apertura. D: Potete fornire qualche indicazione in merito al controllo di Edison? Avete detto che volevate contare di più rispetto a quanto contato fino ad oggi: cosa intendete? Come pensate di farlo: fondere Delmi in ASM-AEM o riscrivere i patti con Edf? R: Questo sarà uno dei punti fondamentali su cui la nuova società dovrà trovare soluzione; sul tema ci sarà un confronto e probabilmente si potrà trovare già una prima risposta nel Piano Industriale di cui si parlava prima. Ad oggi, per tanto, non possiamo fare ipotesi unilaterali sulla questione Edison. D: Dopo la fusione cambierà il vostro piano di investimenti? Quando entreranno in funzione le Centrali di Gissi e di Scandale che state realizzando? R: I lavori continuano a buon ritmo per entrambi gli impianti: per quanto riguarda Gissi prevediamo l entrata in esercizio entro l inizio del prossimo anno, secondo quanto programmato; la previsione per Scandale invece è per la metà del Le tempistiche per l avvio delle due centrali, quindi, sono in linea con quanto previsto. D: Potete fornire un commento in merito al nuovo documento relativo alla Distribuzione Elettrica, in particolare alla perequazione specifica che stiamo aspettando ormai da 2 anni? R: Anche noi ci troviamo in una situazione simile alla vostra: eravamo fiduciosi che le nostre ragioni, che per altro avevano ottenuto riscontri positivi, potessero a ottenere breve una risposta puntuale che tuttavia, per ragioni da noi indipendenti ma relative all intero settore in Italia, tarda ad arrivare. Al momento, quindi,

7 Pagina 7/7 continuiamo, e l abbiamo fatto anche quest anno, ad inserire la perequazione specifica nel budget in quanto escluderla significherebbe sostenere che non ci sia dovuta. D: La differenza nell EBITDA del gas è dovuta soltanto al fatto che non ci sono più i costi di stoccaggio sostenuti lo scorso anno? R: Sì, non c è nessuna componente straordinaria; in effetti non abbiamo liberato nessuna parte del fondo per il quale avevamo fatto l accantonamento di 12 milioni di euro. D: Potete dare un indicazione degli spark spread della Generazione nel primo semestre del 2007 rispetto quelli del 2006? R: Essendo dati di consuntivo, più che guardare gli spark spread unitari è significativo fermarsi sul margine di contribuzione. Le deduzioni si possono fare conseguentemente: i volumi come detto sono minori e questo è stato un vantaggio in una certa misura per la parte dovuta alle scelte e quindi all opportunità di fare anche fermate brevi, di week-end o di periodi brevi. Lo spark spread quindi lo si può calcolare conseguentemente. D: L utilizzo del termovalorizzatore è stato molto elevato, quasi vicino al 90%: possiamo attenderci un andamento simile dell impianto nel secondo semestre 2007? R: Degli 11 milioni di euro in più rispetto all anno scorso bisogna tenere presente che 7,4 milioni di euro sono relativi al conguaglio sul Cip6 dello scorso anno. Il Cip6 viene pagato con dei criteri di calcolo dell acconto: solitamente a fine anno o a inizio dell anno successivo, viene calcolato il conguaglio e comunicato in tempo affinché venga inserito nell anno di competenza. Quest anno non è avvenuto così e quindi il conguaglio ha trovato posto nel 2007: questa parte è, come dicevo, di 7,4 milioni di euro, e quindi non è ripetibile né sommabile con analoghi eventi del secondo semestre Il resto - 3,6 milioni di euro può invece trovare riscontro anche nel secondo semestre. D: Avete spiegato che state attuando iniziative per compensare i minori smaltimenti in discarica: possiamo attenderci per i risultati al 31 dicembre 2007 una compensazione da parte di queste azioni e quindi un EBITDA più o meno in linea con quanto realizzato lo scorso anno? R: Non è ipotizzabile un recupero delle minori quantità smaltite in discarica; l andamento del secondo semestre 2007 rifletterà quello del primo semestre 2007.

Bilancio Consolidato e Separato

Bilancio Consolidato e Separato Bilancio Consolidato e Separato 9 Gruppo Hera il Bilancio consolidato e d esercizio Introduzione Relazione sulla gestione capitolo 1 RELAZIONE SULLA GESTIONE Gruppo Hera Bilancio Consolidato e Separato

Dettagli

Come leggere la bolletta dell acqua

Come leggere la bolletta dell acqua LE GUIDE DI IREN ACQUA GAS Come leggere la bolletta dell acqua Guida alla bolletta dell acqua a contatore per uso domestico LE GUIDE DI IREN ACQUA GAS La tariffa dell acqua per uso domestico Da quando

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione Luca Bilancini (Commercialista, Pubblicista, coordinatore scientifico MAP) OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione 1 OIC 23 - Principali novità Non ci sono più i paragrafi relativi alle commesse in valuta

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione COMUNICATO STAMPA AMPLIFON S.p.A.: L Assemblea degli azionisti approva il Bilancio al 31.12.2005 e delibera la distribuzione di un dividendo pari a Euro 0,30 per azione (+25% rispetto al 2004) con pagamento

Dettagli

Analisi e proiezioni finanziarie per i singoli Comuni

Analisi e proiezioni finanziarie per i singoli Comuni ALLEGATO 5 Analisi e proiezioni finanziarie per i singoli Comuni Scenario di investimento minimo (progetti di prima priorità) Confronto tra la proiezione finanziaria dei singoli Comuni 2001-2009 e lo scenario

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO IL BILANCIO D ESERCIZIO E UN DOCUMENTO AZIENDALE DI SINTESI, DI DERIVAZIONE CONTABILE, RIVOLTO A VARI DESTINATARI, CHE RAPPRESENTA IN TERMINI CONSUNTIVI E

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI Risorse energetiche e struttura del mercato L Italia produce piccoli volumi di gas naturale

Dettagli

Qual è il fine dell azienda?

Qual è il fine dell azienda? CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

Effetto reddito ed effetto sostituzione.

Effetto reddito ed effetto sostituzione. . Indice.. 1 1. Effetto sostituzione di Slutsky. 3 2. Effetto reddito. 6 3. Effetto complessivo. 7 II . Si consideri un consumatore che può scegliere panieri (x 1 ; ) composti da due soli beni (il bene

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE.

LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE. LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE. E COAN) Prof.ssa Claudia SALVATORE Università degli Studi del Molise

Dettagli

BILANCIO CONSOLIDATO GRUPPO ACEA

BILANCIO CONSOLIDATO GRUPPO ACEA 2013 BILANCIO DI ACEA SPA BILANCIO CONSOLIDATO GRUPPO ACEA 2013 BILANCIO DI ACEA SPA BILANCIO CONSOLIDATO DEL GRUPPO ACEA INDICE RELAZIONE SULLA GESTIONE MODELLO ORGANIZZATIVO DI ACEA 8 ORGANI SOCIALI

Dettagli

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 Arrivi 2.016.536 Presenze 8.464.905 PROVINCIA IN COMPLESSO Arrivi: superata

Dettagli

ENERGIA INDICATORI OBIETTIVI. Emissioni di gas serra da processi energetici. Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto

ENERGIA INDICATORI OBIETTIVI. Emissioni di gas serra da processi energetici. Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto OBIETTIVI Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto Valutare l andamento della domanda di energia del sistema economico lombardo Valutare l andamento settoriale e territoriale

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 Nel 2013 ingresso in 11 startup, di cui 6 startup innovative, una cessione, una

Dettagli

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Energia Italia 2012 Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Anche il 2012 è stato un anno in caduta verticale per i consumi di prodotti energetici, abbiamo consumato: 3 miliardi

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

CITTÀ DI TORINO DI AMIAT E CONTROLLATE, GRUPPO IRIDE, GTT, SAGAT E SMAT

CITTÀ DI TORINO DI AMIAT E CONTROLLATE, GRUPPO IRIDE, GTT, SAGAT E SMAT CITTÀ DI TORINO ANALISI ECONOMICO FINANZIARIA DEI BILANCI DI AMIAT E CONTROLLATE, GRUPPO IRIDE, GTT, SAGAT E SMAT Rapporto 2007 ANALISI ECONOMICO FINANZIARIA DEI BILANCI DI AMIAT E CONTROLLATE, GRUPPO

Dettagli

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore IL CONTESTO L approvazione del Bilancio di previsione quest anno si pone esattamente a metà del mio mandato rettorale, iniziato tre anni fa,

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

FUSIONE PROGETTO DI. rispetto al 1Q 2012) ) investimenti in. finanziario. Indebitamento. riconosciuta. decremento milioni di euro.

FUSIONE PROGETTO DI. rispetto al 1Q 2012) ) investimenti in. finanziario. Indebitamento. riconosciuta. decremento milioni di euro. Torino, 10 maggio 2013 COMUNICATO STAMPA RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE DEL GRUPPO SIASS AL 31 MARZO 2013 PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE DELLA D SOCIETÀ INTERAMENTE CONTROLLATA HOLDING PIEMONTE

Dettagli

6963 Lugano-Cureggia Telefono/Fax 091 966 03 35. L originale. Sterchi I Mattle I Helbling Piano dei conti svizzero per PMI

6963 Lugano-Cureggia Telefono/Fax 091 966 03 35. L originale. Sterchi I Mattle I Helbling Piano dei conti svizzero per PMI Associazione dei contabilicontroller diplomati federali 6963 Lugano-Cureggia Telefono/Fax 091 966 03 35 L originale Sterchi I Mattle I Helbling Piano dei conti svizzero per PMI Piano dei conti svizzero

Dettagli

L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena: le motivazioni delle scelte progettuali dal punto di vista dell Energy Manager

L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena: le motivazioni delle scelte progettuali dal punto di vista dell Energy Manager Workshop Tecnico Efficientamento energetico nelle strutture ospedaliere e residenziali sanitarie Area Science Park Padriciano, Trieste 29 aprile 2015 L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena:

Dettagli

Corso di Valutazioni d Azienda

Corso di Valutazioni d Azienda Andrea Cardoni Università degli Studi di Perugia Facoltà di Economia Dipartimento di Discipline Giuridiche e Aziendali Corso di Laurea Magistrale in Economia e Management Aziendale Corso di Valutazioni

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

Introduzione... 2 GLI INDICI DI BILANCIO... 2 Classificazione... 2 Indici finanziari... 3 Indici (finanziari) patrimoniali... 3 Indebitamento ed

Introduzione... 2 GLI INDICI DI BILANCIO... 2 Classificazione... 2 Indici finanziari... 3 Indici (finanziari) patrimoniali... 3 Indebitamento ed Appunti di Economia Capitolo 8 Analisi di bilancio Introduzione... 2 GLI INDICI DI BILANCIO... 2 Classificazione... 2 Indici finanziari... 3 Indici (finanziari) patrimoniali... 3 Indebitamento ed indipendenza

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA PER I SERVIZI IDRICI E RIFIUTI CAMB/2014/60 del 12 novembre 2014 CONSIGLIO D AMBITO Oggetto: Servizio Idrico Integrato - Approvazione della revisione tariffaria

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA Un impianto solare fotovoltaico consente di trasformare l energia solare in energia elettrica. Non va confuso con un impianto solare termico, che è sostanzialmente

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes)

IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes) IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes) INDICE INTRODUZIONE L EVOLUZIONE DELLO STANDARD OGGETTO, FINALITÀ ED AMBITO DI APPLICAZIONE DELLO STANDARD LA RILEVAZIONE DI IMPOSTE RILEVAZIONE DEGLI EFFETTI

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Modifiche alla disciplina dell IRAP Legge di Stabilità 2015 2 INDICE Premessa... 3 1) Imprese operanti in concessione e a tariffa...

Dettagli

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI Dall anno 2003 l Unione Province Piemontesi raccoglie, con la collaborazione

Dettagli

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2.

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. aziende collettive, quando il soggetto giuridico è costituito

Dettagli

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi dott. Gianluca Odetto Eutekne Tutti i diritti riservati Interessi passivi soggetti a monitoraggio AMBITO OGGETTIVO Tutti gli interessi passivi sostenuti

Dettagli

Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico

Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico COMUNICATO Energia: da aprile ancora in calo la bolletta elettricità, -1,1%, e forte riduzione per il gas -4,0% sull anno risparmi per 75 euro

Dettagli

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale Prof. Gianni Comini Direttore del Dipartimento di Energia e Ambiente CISM - UDINE AMGA - Iniziative per la Sostenibilità EOS 2013

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

IL BUDGET DEGLI INVESTIMENTI E IL BUDGET ECONOMICO. dott.ssa Annaluisa Palma 1

IL BUDGET DEGLI INVESTIMENTI E IL BUDGET ECONOMICO. dott.ssa Annaluisa Palma 1 IL BUDGET DEGLI INVESTIMENTI E IL BUDGET ECONOMICO dott.ssa Annaluisa Palma 1 Indice Il budget: documenti amministrativi in cui si estrinseca; Forma e contenuti del budget degli investimenti; Gli scopi

Dettagli

Bilancio separato Dada S.p.A. e Bilancio consolidato Gruppo Dada al 31 dicembre 2014

Bilancio separato Dada S.p.A. e Bilancio consolidato Gruppo Dada al 31 dicembre 2014 Bilancio separato Dada S.p.A. e Bilancio consolidato Gruppoo Dada al 311 dicembre 2014 PROGETTO BILANCIO SEPARATO DADAA S.P..A. E CONSOLIDATO GRUPPO DADA AL 31 DICEMBRE 2014 (REDATTO SECONDO I PRINCIPI

Dettagli

Approvvigionamento di energia elettrica per il servizio di maggior tutela

Approvvigionamento di energia elettrica per il servizio di maggior tutela Indagine conoscitiva sui prezzi dell energia elettrica e del gas come fattore strategico per la crescita del sistema produttivo del Paese Approvvigionamento di energia elettrica per il servizio di maggior

Dettagli

FASI DI VITA DELL AZIENDA

FASI DI VITA DELL AZIENDA AZIENDA ORGANIZZAZIONE DI PERSONE E BENI CHE SVOLGE ATTIVITA ECONOMICA IN VISTA DEL SODDISFACIMENTO DEI BISOGNI UMANI. Dalla definizione si estraggono le 3 componenti principali dell azienda. Abbiamo ciò

Dettagli

credito alle aziende Finanziamenti improntati alla semplicità e alla trasparenza

credito alle aziende Finanziamenti improntati alla semplicità e alla trasparenza credito alle aziende Finanziamenti improntati alla semplicità e alla trasparenza chiarezza e trasparenza State progettando un investimento? Oppure desiderate semplicemente conoscere quali possibilità vi

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE CAPITOLO 19 IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE di Piero Pisoni, Fabrizio Bava, Donatella Busso e Alain Devalle 1. PREMESSA La relazione del revisore legale deve esprimere il giudizio sull attendibilità

Dettagli

Lavori in corso su ordinazione

Lavori in corso su ordinazione OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Lavori in corso su ordinazione Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative 1 aspetti economici * gestione assicurativa * gestione

Dettagli

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Roma, 29 maggio 2012 Indice Il Gestore dei Servizi Energetici GSE S.p.A. I nostri servizi Nuove attività 2012-2013 Evoluzione delle attività

Dettagli

MONDO ACQUA S.P.A. Nota integrativa ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2013

MONDO ACQUA S.P.A. Nota integrativa ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2013 MONDO ACQUA S.P.A. Codice fiscale 02778560041 Partita iva 02778560041 VIA VENEZIA n. 6/B - 12084 MONDOVI' CN Numero R.E.A. 235902 - CN Registro Imprese di CUNEO n. 02778560041 Capitale Sociale 1.100.000,00

Dettagli

Risultato 2012. positivi. 1 A seguito

Risultato 2012. positivi. 1 A seguito Comunicato Stampa aii sensi del Regolamento CONSOB 11971/1999 e successive modifiche APPROVATI I RISULTATI DEL PRIMO TRIMESTREE 212: Ricavi consolidati a 22, mln (+ 5% vs v Q1 211 1 ) MOL 2 a 3,11 mln

Dettagli

Gli indici per l analisi di bilancio. Relazione di

Gli indici per l analisi di bilancio. Relazione di Gli indici per l analisi di bilancio Relazione di Giorgio Caprioli Gli indici di solidità Gli indici di solidità studiano il rapporto tra le parti alte dello Stato Patrimoniale, ossia tra Capitale proprio

Dettagli

L analisi economico finanziaria dei progetti

L analisi economico finanziaria dei progetti PROVINCIA di FROSINONE CIOCIARIA SVILUPPO S.c.p.a. LABORATORI PER LO SVILUPPO LOCALE L analisi economico finanziaria dei progetti Azione n. 2 Progetti per lo sviluppo locale LA FINANZA DI PROGETTO Frosinone,

Dettagli

Allegato A TESTO INTEGRATO

Allegato A TESTO INTEGRATO TESTO INTEGRATO DELLE DISPOSIZIONI DELL AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS PER L EROGAZIONE DEI SERVIZI DI TRASMISSIONE, DISTRIBUZIONE E MISURA DELL ENERGIA ELETTRICA Periodo di regolazione 2008-2011

Dettagli

2 Qual è il termine ultimo per passare alla misurazione netta? 3 Quali obblighi ha il produttore in relazione al passaggio alla misurazione netta?

2 Qual è il termine ultimo per passare alla misurazione netta? 3 Quali obblighi ha il produttore in relazione al passaggio alla misurazione netta? Pagina 1 di 7 FAQ passaggio dalla misurazione lorda a quella netta Con la revisione dell Ordinanza sull energia (OEn) e la sua entrata in vigore con effetto al 1 gennaio 2010 è stata introdotta, nell ambito

Dettagli

Consigli per la compilazione del questionario

Consigli per la compilazione del questionario Istruzioni per l accesso al SIAD e la compilazione della scheda Normativa Il Decreto Ministeriale del 14 gennaio 2012 ha definito che il GSE si occupi della rilevazione degli impianti con potenza fino

Dettagli

Guida alla Cogenerazione ad Alto Rendimento CAR

Guida alla Cogenerazione ad Alto Rendimento CAR Guida alla Cogenerazione ad Alto Rendimento CAR Edizione n.1 Marzo 2012 - 1 - INDICE GENERALE 1 Premessa... - 7-2 Cogenerazione ad Alto Rendimento (CAR)... - 8-2.1 Principi generali della... - 8 - Box:

Dettagli

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE Dott. Elbano De Nuccio L analisi di bilancio si propone di formulare un giudizio sull EQUILIBRIO ECONOMICO e FINANZIARIO/PATRIMONIALE della

Dettagli

RELAZIONE TECNICA MODALITÀ E CONDIZIONI TECNICO ECONOMICHE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI SCAMBIO SUL POSTO

RELAZIONE TECNICA MODALITÀ E CONDIZIONI TECNICO ECONOMICHE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI SCAMBIO SUL POSTO RELAZIONE TECNICA MODALITÀ E CONDIZIONI TECNICO ECONOMICHE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI SCAMBIO SUL POSTO Relazione tecnica alla deliberazione 20 dicembre 2012, 570/2012/R/efr Mercato di incidenza:

Dettagli

RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO 2014

RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO 2014 Nucleo di Valutazione RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO 2014 (ex art. 5, comma 21 della Legge 24 dicembre 1993 n. 537) - GIUGNO 2015 - DOC 07/15 Sommario: 1. Obiettivi e struttura

Dettagli

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE LINEE GUIDA PER UNA EFFICACE PRESENTAZIONE DI UN BUSINESS PLAN INTRODUZIONE ALLA GUIDA Questa breve guida vuole indicare in maniera chiara ed efficiente gli elementi salienti

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO:

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO: LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO: STATO PATRIMONIALE ATTIVO: + ATTIVO IMMOBILIZZATO: Investimenti che si trasformeranno in denaro in un periodo superiore ad un anno + ATTIVO CIRCOLANTE: Investimenti che

Dettagli

Progetto di Bilancio separato Dada S.p.A. e Bilancio consolidato Gruppo Dada al 31 dicembre 2012

Progetto di Bilancio separato Dada S.p.A. e Bilancio consolidato Gruppo Dada al 31 dicembre 2012 Progetto di Bilancio separato Dada S.p.A. e Bilancio consolidato Gruppo Dada al 311 dicembre 2012 BILANCIO SEPARATO DADA A S.P..A. E CONSOLIDATO GRUPPO DADA AL 31 DICEMBRE 2012 (REDATTO SECONDO I PRINCIPI

Dettagli

LA PENSIONE DI VECCHIAIA

LA PENSIONE DI VECCHIAIA Le pensioni di vecchiaia e di invalidità specifica per i lavoratori dello spettacolo (Categorie elencate nei numeri da 1 a 14 dell art. 3 del Dlgs CPS n.708/1947) Questa scheda vuole essere un primo contributo

Dettagli

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA Prospetto di cui all'art. 8, comma 1,D.L. 66/2014 (enti in contabilità finanziaria) Bilancio di Previsione 2015 E I Entrate correnti di natura tributaria, contributiva e perequativa 0 0 E II Tributi 0

Dettagli

Grafici di redditività BREAK-EVEN ANALYSIS

Grafici di redditività BREAK-EVEN ANALYSIS Grafici di redditività BREAK-EVEN ANALYSIS 1 Analisi del punto di equilibrio o di pareggio Consiste nella determinazione grafica o matematica del quantitativo di vendita al quale i costi totali e i ricavi

Dettagli

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 1 Rapporto Mensile sul Sistema Elettrico Consuntivo dicembre 2014 Considerazioni di sintesi 1. Il bilancio energetico Richiesta di energia

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

** NOT FOR RELEASE OR DISTRIBUTION OR PUBLICATION IN WHOLE OR IN PART INTO THE UNITED STATES, AUSTRALIA, CANADA OR JAPAN **

** NOT FOR RELEASE OR DISTRIBUTION OR PUBLICATION IN WHOLE OR IN PART INTO THE UNITED STATES, AUSTRALIA, CANADA OR JAPAN ** Il Consiglio di Amministrazione di Aeroporto Guglielmo Marconi di Bologna S.p.A. approva il Bilancio Consolidato Intermedio al 31 marzo 2015: Traffico passeggeri in crescita del 4,5% nel primo trimestre

Dettagli

L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A

L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A L azienda può essere considerata come: Un insieme organizzato di beni e persone che svolgono attività economiche stabili e coordinate allo scopo di

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS Deliberazione 21 febbraio 2008 - ARG/elt 18/08 Perequazione dei costi di approvvigionamento dell energia elettrica per il servizio di maggior tutela e definizione dei meccanismi di conguaglio tra l Acquirente

Dettagli

ACEL Service S.r.l. BILANCIO D ESERCIZIO al 31.12.2014

ACEL Service S.r.l. BILANCIO D ESERCIZIO al 31.12.2014 Sede in Lecco - Via Amendola, n 4 Capitale Sociale 2.473.194 interamente versato Registro Imprese di Lecco n 02686430139 Rea C.C.I.A.A. di Lecco n 295486 BILANCIO D ESERCIZIO al 31.12.2014 Bilancio 2014

Dettagli

Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti.

Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti. Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti. LINEA INVESTIMENTO GUIDA AI PRODOTTI Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti!

Dettagli

TARIFFE DI RIFERIMENTO PER LA FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA A CLIENTI NON DOMESTICI IN REGIME DI MAGGIOR TUTELA

TARIFFE DI RIFERIMENTO PER LA FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA A CLIENTI NON DOMESTICI IN REGIME DI MAGGIOR TUTELA TARIFFE DI RIFERIMENTO PER LA FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA A CLIENTI NON DOMESTICI IN REGIME DI MAGGIOR TUTELA Nell ambito del processo di completa liberalizzazione del mercato dell energia elettrica

Dettagli

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A.

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A. Milano, 4 giugno 2014 Perché TIPO? 1. Esiste un mercato potenziale interessante 2. Le imprese italiane hanno bisogno di equity 3. Attuale disponibilità di liquidità UNA CHIUSURA PROATTIVA DEL CIRCUITO

Dettagli

Food Cost e gestione informatizzata della cucina. Marco Terrile 2008 ChefMaTe - Software per la Ristorazione 1

Food Cost e gestione informatizzata della cucina. Marco Terrile 2008 ChefMaTe - Software per la Ristorazione 1 Food Cost e gestione informatizzata della cucina 1 Determinazione e controllo dei costi La locuzione economie di scala è usata in economia per indicare la relazione esistente tra aumento della scala di

Dettagli

Acquisizione Palazzo cielo/terra, Lipsia (Germania)

Acquisizione Palazzo cielo/terra, Lipsia (Germania) Acquisizione Palazzo cielo/terra, Lipsia (Germania) Business Plan KIG RE - DIOMA Valore acquisizioni immobiliari, gestione, sviluppo e ricollocazione assets immobiliari della società veicolo di investimento

Dettagli

Università di Pavia - Facoltà di Economia

Università di Pavia - Facoltà di Economia 0 Università di Pavia - Facoltà di Economia Il calcolo imprenditoriale per la trasformazione «finanziaria» Michela Pellicelli Le imprese possono essere considerate trasformatori finanziari in quanto: a)

Dettagli

2012: : 2011 1 ) semestre. Risultato. - 25,6 mln. giugno 2012. mercati. nonostante. di riferimentoo. e della visibilità. in Rete.

2012: : 2011 1 ) semestre. Risultato. - 25,6 mln. giugno 2012. mercati. nonostante. di riferimentoo. e della visibilità. in Rete. Comunicato Stampa aii sensi del Regolamento CONSOB 11971/1999 e successive modifiche APPROVATI I RISULTATI DEL PRIMO SEMESTRE 212: : Ricavi consolidati a 43,6 mln (+ 8% vs 1 semestre 211 1 ) MOL 2 a 6,1

Dettagli

Lezione n. 3. Le determinanti della dinamica finanziaria

Lezione n. 3. Le determinanti della dinamica finanziaria FINANZA AZIENDALE Lezione n. 3 Le determinanti della dinamica finanziaria 1 SCOPO DELLA LEZIONE Comprendere i principali fenomeni in grado di influenzare la dinamica finanziaria aziendale Sviluppare un

Dettagli

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici PREFAZIONE Il mercato italiano dei prodotti derivati 1. COSA SONO LE OPZIONI? Sottostante Strike

Dettagli

Il consolidamento negli anni successivi al primo

Il consolidamento negli anni successivi al primo Il consolidamento negli anni successivi al primo Il rispetto del principio della continuità dei valori richiede necessariamente che il bilancio consolidato degli esercizi successivi sia strettamente dipendente

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli