Modular Safety Integrated Controller. Catalogo n.11

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Modular Safety Integrated Controller. Catalogo n.11"

Transcript

1 Modular Safety Integrated Controller Catalogo n.11

2

3 MODULAR SAFETY INTEGRATED CONTROLLER Modular Safety Integrated Controller Mosaic è un controllore di sicurezza modulare e configurabile che consente di gestire il sistema di controllo di sicurezza di una macchina o un impianto. A Mosaic possono essere collegati sensori e comandi di sicurezza quali: sensori optoelettronici (barriere, scanner, fotocellule), interruttori meccanici, tappeti sensibili, pulsanti di arresto di emergenza, comandi bi-manuali, concentrandone la gestione su un unico dispositivo flessibile ed espandibile. Rispetto ai circuiti di sicurezza realizzati con componenti tradizionali moduli di sicurezza a relè -, Mosaic presenta molti vantaggi: Riduce il numero di componenti e quindi l ingombro e la quantità dei cablaggi Velocizza i tempi di costruzione del quadro elettrico Fornisce la configurazione logica necessaria attraverso un unica, semplice programmazione Software, quindi facilmente modificabile dal progettista della macchina Permette la realizzazione di sistemi di sicurezza resistenti ai tentativi di manomissione Semplifica la manutenzione della macchina grazie alla scheda di memoria MCM che permette il trasferimento del programma di configurazione in un nuovo Mosaic con poche semplici operazioni. Mosaic è certificato per il massimo livello di sicurezza previsto dalle norme sulla sicurezza industriale: SIL 3, SILCL 3, PL e, Cat. 4. Mosaic è costituito da un unità principale M1, configurabile tramite l interfaccia grafica MSD - in dotazione con ciascuna unità Master senza costi aggiuntivi - e da un numero massimo di 7 espansioni, collegabili ad M1 tramite il bus proprietario MSC. L unità master M1 è utilizzabile anche stand-alone e dispone di 8 ingressi di sicurezza e 2 uscite bicanale a stato solido indipendenti e programmabili. Le espansioni disponibili sono: MI8O2 con input e output, MI8 e MI16 con soli input, MO2 e MO4 con soli output, MR2 e MR4 con relè di sicurezza a contatti guidati. Sono inoltre disponibili espansioni per il collegamento a scopo diagnostico ai principali bus di automazione: MBP (Profibus DP), MBC (CANopen), MBD (DeviceNET), MBE (Ethernet). Il sistema Mosaic può disporre al massimo di 72 ingressi e 8 uscite bicanale di sicurezza. Il modulo master e le espansioni comunicano tramite il bus MSC a 5 vie (REER proprietary), collocato fisicamente sul retro di ciascun modulo. Tramite il software MSD, installato su PC, è possibile creare logiche complesse, con l utilizzo di operatori logici e di funzioni di sicurezza quali muting, timer, contatori, memorie, ecc. grazie ad un interfaccia grafica semplice ed intuitiva. La configurazione effettuata viene trasferita al modulo M1 tramite un collegamento USB. Il progetto che risiede su M1 può anche essere memorizzato sulla scheda di memoria proprietaria MCM (opzionale), che consente un rapido trasferimento della configurazione su altri moduli M1. Livello di sicurezza: SIL 3 SILCL 3 PL e Cat. 4 Tipo 4 Safety level: SIL 3 SIL 3 SILCL 3 PL e Cat. 4 Conforme alle seguenti Direttive e Norme: 2006/42/CE Direttiva Macchine 2004/108/CE Direttiva Compatibilità Elettromagnetica 2006/95/CE Direttiva Bassa Tensione CEI EN : Controllori programmabili, parte 2: Specificazioni e prove delle apparecchiature EN ISO : Sicurezza del macchinario: Parti dei sistemi di comando legate alla sicurezza Parte 1: Principi generali per la progettazione EN ISO : Sicurezza del macchinario: Parti dei sistemi di comando legate alla sicurezza Parte 2: Validazione EN 954-1: Sicurezza del macchinario Parti dei sistemi di comando legate alla sicurezza Principi generali di progettazione IEC/EN : Sicurezza del macchinario: Dispositivi Elettrosensibili di protezione, Parte 1: Requisiti generali e test IEC/EN Sicurezza funzionale dei sistemi elettrici, elettronici ed elettronici programmabili per i sistemi di controllo delle macchine IEC : Sicurezza funzionale dei sistemi elettrici/elettronici/programmabili legati alla sicurezza: Requisiti generali IEC : Sicurezza funzionale dei sistemi elettrici/elettronici/programmabili legati alla sicurezza: Prescrizioni per sistemi elettrici/elettronici/programmabili legati alla sicurezza IEC : Sicurezza funzionale dei sistemi elettrici/elettronici/programmabili legati alla sicurezza: Prescrizioni per il Software IEC : Comunicazione di dati digitali per la misurazione e controllo: profili di sicurezza funzionale per la comunicazione nelle reti industriali IEC/TS Ed. 2 Sicurezza del macchinario - Applicazione dei dispositivi di protezione per il rilevamento della presenza delle persone 1

4 Caratteristiche Principali del Sistema 99 mm 22.5 mm Design compatto: ogni singolo modulo misura soltanto 22.5 x 99 x mm Morsetti estraibili, contatti a vite Utilizzabile con i principali sensori e comandi di sicurezza Software grafico di configurazione facile ed intuitivo (MSD - Mosaic Safety Designer), in dotazione con M1 senza costi aggiuntivi Ampia scelta di funzioni di sicurezza e operatori logici configurabili via software Scheda di memoria estraibile per il salvataggio dei dati di configurazione (MCM - Mosaic Configuration Memory) Comunicazione tra i diversi moduli attraverso bus proprietario ad alta velocità (MSC - Mosaic Safety Communication) Max. 7 moduli di espansione oltre al modulo Master M1, esclusi i moduli relè Max. 72 input e 8 coppie di OSSD Ingressi digitali di sicurezza programmabili sia singolarmente che a coppie, con possibilità di monitoraggio tramite segnali di uscita dedicati Possibilità di programmare filtri e ritardi per ogni singolo ingresso Possibilità di programmare ritardi di attivazione e disattivazione delle uscite Possibilità di controllo indipendente delle coppie di uscite Segnali di uscita per diagnostica programmabili Efficace diagnostica fornita dai led frontali, dal software di configurazione, dai moduli di espansione bus mm 108 mm Descrizione del Modulo Master MOSAIC M1 Unità principale Stand alone, in grado di controllare gli altri moduli di espansione Configurabile tramite software MSD da PC, via interfaccia USB 8 input digitali 2 coppie di OSSD con uscite da 400mA 4 uscite di test per il monitoraggio dei sensori 2 uscite digitali di segnalazione programmabili 2 ingressi per Start/Restart interlock e controllo dei relè esterni (EDM) Scheda di memoria di configurazione MCM (opzionale) File di LOG contenente le ultime 5 modifiche di configurazione eseguite in ordine cronologico, con data dell avvenuta modifica 24 connettori in 22.5 mm Possibile connessione con Bus posteriore ReeR MSC per il collegamento con gli altri moduli. Mosaic master M1 è dotato di una connessione USB 2.0 (come indicato in figura) per consentire il collegamento ad un Personal Computer sul quale risiede il SW di configurazione MSD (Mosaic Safety Designer). CONNETTORE USB Mosaic Configuration Memory MCM Mosaic MCM è una scheda di memoria estraibile proprietaria che può essere utilizzata per salvare i dati di configurazione di Mosaic per poi trasferirli, senza l utilizzo di un PC, su di un nuovo dispositivo. La configurazione presente su MCM prevale su quella eventualmente presente su M1, che sarà cancellata e sostituita da quella contenuta in MCM. Tramite il software di configurazione MSD (Mosaic Safety Designer) è possibile disabilitare su M1 tale funzione di sostituzione della configurazione. Le operazioni di sovrascrittura saranno registrate, in ordine cronologico, all interno del file di LOG presente su MOSAIC M1. 2

5 MODULAR SAFETY INTEGRATED CONTROLLER Mosaic Safety Communication MSC Mosaic MSC assicura la comunicazione tra i vari moduli attraverso un Bus di sicurezza proprietario a 5 vie ad alta velocità. È possibile utilizzare i connettori modulari di MSC per collegare i vari moduli di espansione ad M1. I connettori sono collocati fisicamente sul retro di ciascun modulo e trovano posto nella barra omega del quadro. Descrizione dei Moduli Espansione MOSAIC MI8O2 Modulo espansione I/O 8 ingressi digitali 2 coppie di OSSD con uscite da 400mA 4 uscite di test per il monitoraggio dei sensori 2 uscite digitali di segnalazione programmabili 2 ingressi per lo Start/Restart interlock e controllo dei relè esterni (EDM) 24 connettori in 22.5 mm Collegabile ad M1 tramite Bus proprietario MSC. MOSAIC MI8 MI16 Modulo espansione ingressi: - MI8 8 ingressi digitali - MI16 16 ingressi digitali 4 uscite di test per il monitoraggio dei sensori 16/24 connettori in 22.5 mm Collegabile ad M1 tramite Bus proprietario MSC. MOSAIC MO2 MO4 Moduli espansione uscite: - MO2-2 coppie di OSSD - MO4-4 coppie di OSSD Corrente di uscita di 400 ma 2/4 uscite digitali di segnalazione programmabili 2/4 ingressi per Start/Restart interlock e controllo dei relè esterni (EDM) 16/24 connettori in 22.5 mm Collegabile ad M1 tramite Bus proprietario MSC. MOSAIC MR2 MR4 Moduli relè di sicurezza - MR2-2 relè 2 NA + 1 NC Collegabile a una coppia di OSSD - MR4-4 relè 4 NA + 2 NC Collegabile a 2 coppie indipendenti di OSSD 2/4 relè di sicurezza con contatti guidati 6 A 250 Vca 1/2 contatti NC per il controllo dei relè esterni (EDM) 16/24 connettori in 22.5 mm. Ogni contatto NA è interrotto 2 volte da 2 relè di sicurezza. Mosaic MR2 e MR4 sono unità passive, utilizzabili anche non integrate nel sistema Mosaic. Le espansioni MR non necessitano di MSC in quanto si collegano direttamente alle OSSD prescelte. MOSAIC MB Modulo di espansione per la connessione ai più comuni bus di campo industriali per la diagnostica e l invio di dati: MBP Profibus DP MBD DeviceNET MBC CANopen MBE Ethernet (in corso di sviluppo). I moduli MB sono collegabili ad M1 tramite Bus proprietario MSC. 3

6 Dati Tecnici Modulo M1 MI8O2 MI8 - MI16 MO2 MO4 MR2 - MR4 MBx Descrizione Modulo Master programmabile Espansione input e output Espansioni input Espansioni output Espansioni uscite relè a contatti guidati Ingresso USB sì Alloggiamento per MCM sì Collegamento con Bus MSC Connettore MSC in dotazione Livello di sicurezza Espansioni diagnostica su bus sì sì sì sì - sì no sì sì sì - sì SIL 3 SILCL 3 secondo IEC IEC PL e Cat. 4 secondo ISO Ingressi di sicurezza Uscite di sicurezza (OSSD) Uscite di segnalazione programmabili 2 coppie PNP - 400mA 2 PNP - 100mA 2 coppie PNP - 400mA 2 PNP - 100mA 2 4 coppie PNP 400mA 2 4 PNP - 100mA Uscite di test Uscite relé di sicurezza Ingressi Start/Restart e controllo relé esterni (EDM) 2 NA + 1 NC 6A 250Vca 4 NA + 2 NC 6A 250Vca Segnalazione led Stato ingresso/uscite e diagnosi anomalie Stato uscite Alimentazione (Vcc) 24 ± 20% Connessioni elettriche Temperatura operativa ( C) Temperatura di stoccaggio ( C) Grado di protezione Morsetti estraibili, contatti a vite Da -10 a +55 Da -20 a +85 IP 20 per contenitore IP 2X per morsettiera Fissaggio Su barra omega secondo norma EN Dimensioni h x l x p (mm) 99 x 22,5 x Diagnosi anomalie 4

7 MODULAR SAFETY INTEGRATED CONTROLLER Mosaic Safety Designer - MSD MSD è il software di configurazione di MOSAIC M1, dall utilizzo facile ed intuitivo. È fornito con ciascuna unità M1 senza costi aggiuntivi. Le caratteristiche principali di MSD sono: Funzionalità di Drag&Drop per la configurazione di tutte le funzioni di sicurezza Validazione funzionale del progetto Gestione di password a 2 livelli per la prevenzione agli accessi non autorizzati e conseguenti modifiche accidentali o manomissioni della configurazione del sistema Configurazione dei parametri dei blocchi funzionali come ad esempio: - ingressi monocanale o bicanale NA o NC - uscite di test per il monitoraggio di sensori elettromeccanici e fotocellule e i relativi collegamenti elettrici - restart automatico, manuale e manuale monitorato - controllo contemporaneità tra due canali - filtri antirimbalzo contatti e timer - test all avvio Blocchi funzionali di Muting con logica mono e bidirezionale a 2 o 4 sensori Monitor in tempo reale dello stato degli I/O Funziona su ambiente PC. Requisiti minimi del sistema: - Memoria RAM : 256 MB - Disco fisso: spazio libero > 100Mbyte - Connettore USB: 1.1 o Windows XP SP3 / Vista / Windows 7 - Microsoft Framework 3.5 (o superiori) Principali Blocchi Funzionali OGGETTI INPUT E STOP - ARRESTO DI EMERGENZA E-STOP verifica lo stato degli ingressi collegati a un dispositivo di arresto di emergenza. È possibile l utilizzo delle uscite di test. Ingressi configurabili per contatti: 1 NC oppure 2 NC. E-GATE - DISPOSITIVO PER RIPARI MOBILI E-GATE verifica lo stato degli ingressi collegati a un dispositivo per ripari mobili come porte e cancelli. È possibile l utilizzo delle uscite di test. Ingressi configurabili per contatti: 2 NC oppure 1 NC + 1NA. ENABLE - CHIAVE DI ABILITAZIONE ENABLE verifica lo stato degli ingressi collegati a un dispositivo di comando manuale a chiave. È possibile l utilizzo delle uscite di test. Ingressi configurabili per contatti: 1 NA oppure 2 NA. ESPE - BARRIERA OPTOELETTRONICA O LASER SCANNER DI SICUREZZA ESPE verifica lo stato degli ingressi di una barriera optoelettronica o di un laser scanner di sicurezza con due uscite statiche autocontrollate. FOOTSWITCH - PEDALE DI SICUREZZA FOOTSWITCH verifica lo stato degli ingressi collegati a un dispositivo di comando a pedale di sicurezza. È possibile l utilizzo delle uscite di test. Ingressi configurabili per contatti: 1 NC oppure 1 NA oppure 2 NC oppure 1 NA + 1 NC. PHOTOCELL - FOTOCELLULA DI SICUREZZA PHOTOCELL verifica lo stato dell ingresso collegato a una fotocellula optoelettronica di sicurezza, o una serie di due fotocellule, non auto controllate. È necessario l utilizzo delle uscite di test. MOD-SEL - SELETTORE DI SICUREZZA MOD-SEL verifica lo stato degli ingressi collegati a un selettore di modo di funzionamento (fino a 4 ingressi). Ingressi configurabili per selettori a due, tre o quattro posizioni. TWO-HAND COMANDO BIMANUALE DI SICUREZZA TWO-HAND verifica lo stato degli ingressi collegati a un dispositivo di comando di sicurezza a due mani. È possibile l utilizzo delle uscite di test. Ingressi configurabili per contatti: 2 NC oppure 2 NA + 2 NC. 5

8 S-MAT - TAPPETO DI SICUREZZA S-MAT verifica lo stato degli ingressi collegati a un tappeto di sicurezza o a un bordo sensibile. È necessario l utilizzo delle uscite di test. Non utilizzabile con componenti a 2 fili e resistenza di terminazione. SWITCH - INTERRUTTORE SWITCH verifica lo stato dell ingresso collegato a un pulsante o interruttore (non di sicurezza). È possibile l utilizzo di una uscita di test. SENSOR SENSORE SENSOR verifica lo stato dell ingresso collegato a un sensore (non di sicurezza). È possibile l utilizzo di una uscita di test. OGGETTI OUTPUT OSSD (uscite di sicurezza) OSSD è una coppia di uscite di sicurezza di tipo statico PNP. Per ogni uscita OSSD mediante un ingresso dedicato è ossibile ottenere il ripristino manuale o automatico ed il controllo EDM di relè esterni. STATUS (uscita di segnalazione programmabile) Attraverso l uscita programmabile STATUS (non di sicurezza) è possibile monitorare qualsiasi punto dello schema logico del progetto. Blocchi Funzionali Operatori OPERATORI MUTING La funzione di Muting è l esclusione temporanea, automatica ed effettuata in condizioni di sicurezza dell ESPE di protezione in relazione al ciclo macchina. Esistono fondamentalmente due tipologie di applicazioni: 1 - Permettere l accesso di persone all interno dell area pericolosa durante la parte non pericolosa del ciclo macchina. 2 - Permettere il transito del materiale ed impedire l accesso della persona. Es.:palettizzatori. Attraverso l MSD è possibile configurare i seguenti parametri relativi alle differenti funzioni di Muting: - Tempo sensori: è possibile regolare il controllo di contemporaneità di attivazione dei sensori. - Timeout: è il tempo, espresso in secondi, entro il quale deve terminare il ciclo di Muting. - Muting Enable: dà la possibilità di abilitare la funzione di Muting solo quando necessario (per esempio solo quando il convogliatore è in movimento). - Direzione: nel caso di Muting Bidirezionale è possibile impostare una direzione obbligata di transito. - Chiusura Muting: nel caso di Muting a 4 sensori è possibile selezionare se il Muting deve terminare alla liberazione dall ESPE oppure dei sensori. - Blind Time: nei casi in cui il muting viene terminato dall ESPE, è possibile attivare un ritardo della chiusura del muting. Es.: oggetti sporgenti dal pallet. - Tempo di fine Muting: nel caso di logica a L permette di impostare il tempo limite di fine del muting dopo la liberazione del primo sensore. MUTING L a 2 sensori per transito mono-direzionale solo uscita L operatore MUTING con logica L permette di effettuare il muting mediante 2 sensori esterni (S1 e S2) la cui occupazione contemporanea determina il muting. La chiusura del muting è determinata dalla liberazione dell ESPE. MUTING. T Sequenziale a 4 sensori per transito bi-direzionale L operatore MUTING con logica Sequenziale permette di effettuare il muting mediante 4 sensori esterni (S1, S2, S3 e S4) dei quali viene controllata la sequenza logica di occupazione. MUTING T a 2 sensori per transito bi-direzionale L operatore MUTING con logica T permette di effettuare il muting mediante 2 sensori esterni (S1 e S2) la cui occupazione contemporanea determina il muting. MUTING T Contemporaneo a 4 sensori per transito bi-direzionale L operatore MUTING con logica Contemporanea permette di effettuare il muting mediante 2 coppie di sensori esterni (S1, S2 e S3, S4). Viene controllata la contemporaneità di occupazione dei sensori delle singole coppie. 6

9 MODULAR SAFETY INTEGRATED CONTROLLER OPERATORI MEMORIE Gli operatori MEMORIE consentono all utente di mantenere memorizzati i segnali che provengono dagli oggetti componenti il progetto. D FLIP FLOP SR FLIP FLOP D FLIP FLOP permette di memorizzare sull uscita Q SR FLIP FLOP permette di memorizzare sull uscita Q lo stato presente all ingresso D sul fronte di salita lo stato impostato tramite Set e Reset. dell ingresso Ck. USER RESTART MANUAL USER RESTART MONITORED USER RESTART MANUAL permette di memorizzare USER RESTART MONITORED permette di memorizzare il segnale di Restart su di un fronte di salita il segnale di Restart su di un fronte di salita seguito dell ingresso Res. da uno di discesa dell ingresso Res. OPERATORI TIMER Gli operatori TIMER consentono di generare un segnale per la durata impostata. CLOCKING RITARDO CLOCKING fornisce in uscita un segnale con il periodo RITARDO permette di applicare un ritardo ad un segnale impostato se l ingresso è a 1. commutando l uscita dopo il tempo impostato, a fronte di una variazione di stato del segnale sull ingresso. PASSING MAKE CONTACT MONOSTABILE PASSING MAKE CONTACT fornisce un uscita che replica MONOSTABILE fornisce in uscita un segnale a partire dal fronte di salita sull ingresso, con durata pari al tempo impostato il segnale presente sull ingresso. Quando il segnale in ingresso rimane a 1 per un tempo superiore a quello impostato, l uscita va comunque a 0. OPERATORE CONTATORE L operatore CONTATORE consente di generare un segnale non appena viene raggiunto il numero impostato. COUNTER COUNTER è un contatore di impulsi che porta a 1 l uscita Q non appena viene raggiunto il numero impostato. OPERATORI LOGICI AND OR XOR NOT AND dà in uscita 1 se tutti gli ingressi sono a 1. OR dà in uscita 1 se almeno uno degli ingressi è a 1. XOR dà in uscita 0 se tutti gli ingressi sono allo stesso stato logico. NOT inverte lo stato logico dell ingresso. NAND NOR NOR dà in uscita 0 se almeno uno degli ingressi è a 1. XNOR MULTIPLEXER NAND dà in uscita 0 se tutti gli ingressi sono a 1. XNOR dà in uscita 1 se tutti gli ingressi sono allo stesso stato logico. MULTIPLEXER permette di trasferire in uscita uno dei segnali in ingresso in base al corrispondente ingresso di selezione attivo. 7

10 Esempio di Applicazione 1 GESTIONE DELLA SICUREZZA DI IMPIANTO DI PALETTIZZAZIONE CON DUE CELLE ROBOTIZZATE L impianto è composto da un trasportatore che convoglia le scatole a due celle robotizzate di palletizzazione. La macchina è completamente protetta da una recinzione provvista di tre porte di accesso (una per ogni cella robotizzata e una per la zona trasportatore) dotate di interruttore di sicurezza. L apertura della porta della cella robotizzata provoca l arresto del robot corrispondente mentre l aperura della porta zona trasportatore provoca l arresto dell impianto. I pallet completi vengono prelevati da un carrello trasportatore attraverso il varco di accesso protetto da una barriera fotoelettrica di sicurezza. In prossimità di ogni barriera è presente il relativo comando di restart manuale. L occupazione di ogni barriera comporta l arresto del robot relativo. Solo quando il robot corrispondente è fermo in posizione di riposo è consentito l attraversamento di una barriera senza interrompere la lavorazione. L impianto è provvisto di quattro pulsanti di arresto di emergenza. In totale i componenti di sicurezza sono: 2 barriere fotoelettriche 2 pulsanti di restart barriere 3 interruttori per cancelli 4 pulsanti di arresto di emergenza Realizzando il circuito di sicurezza con componenti tradizionali moduli di sicurezza a relè sarebbe necessario l utilizzo di un numero minimo di sei moduli di sicurezza, cablati tra di loro al fine di realizzare le funzioni necessarie: 2 moduli di sicurezza per le barriere 3 moduli di sicurezza per i cancelli 1 modulo di sicurezza per l arresto di emergenza 8

11 MODULAR SAFETY INTEGRATED CONTROLLER ESEMPIO DI APPLICAZIONE 1 - SOLUZIONE CON MOSAIC Realizzando il circuito di sicurezza con Mosaic è sufficiente l utilizzo di: 1 modulo principale M1 1 modulo di espansione MI8O2 che forniscono in totale: 16 input, 4 coppie di uscite di sicurezza, 8 uscite di test, 4 uscite di segnalazione. 9

12 Esempio di Applicazione 2 GESTIONE DELLA SICUREZZA DI UN CENTRO DI LAVORO CON CARICO/SCARICO ALTERNATO L operatore deve provvedere al posizionamento o alla rimozione del pezzo da lavorare. La macchina è protetta da due barriere fotoelettriche di sicurezza poste in posizione orizzontale. In questo caso è prevista la presenza della funzione di muting per ciascuna barriera per permettere l accesso di persone all interno dell area pericolosa durante la parte non pericolosa del ciclo macchina. In relazione alla posizione dell utensile, che è l elemento pericoloso, una delle due barriere (quella di fronte alla zona di lavoro utensile) è attiva mentre l altra è in Muting per consentire all operatore di procedere alle operazioni di carico / scarico del pezzo da lavorare. La condizione di Muting delle due barriere verrà poi invertita quando l utensile dovrà lavorare nella parte opposta della macchina. La macchina è completamente protetta da una recinzione provvista di una porta di accesso dotata di interruttore di sicurezza. L apertura della porta provoca l arresto della macchina. In prossimità di ogni barriera è presente il relativo comando di restart manuale. L impianto è provvisto di tre pulsanti di arresto di emergenza il cui azionamento arresta la macchina. In totale i componenti di sicurezza sono: 2 barriere fotoelettriche 2 pulsanti di restart barriere 1 interruttore per cancelli 3 pulsanti di arresto di emergenza Realizzando il circuito di sicurezza con componenti tradizionali moduli di sicurezza a relè sarebbe necessario l utilizzo di quattro moduli di sicurezza: 2 moduli di sicurezza con funzione di Muting per le barriere 1 modulo di sicurezza per il cancello 1 modulo di sicurezza per l arresto di emergenza 10

13 MODULAR SAFETY INTEGRATED CONTROLLER ESEMPIO DI APPLICAZIONE 2 - SOLUZIONE CON MOSAIC Realizzando il circuito di sicurezza con Mosaic è sufficiente l utilizzo di: 1 modulo principale M1 1 modulo di espansione MI8 che forniscono in totale: 16 input, 2 coppie di uscite di sicurezza, 8 uscite di test, 2 uscite di segnalazione. Osservazioni: Usando MOSAIC tutta la logica di sicurezza è realizzata attraverso l uso dell interfaccia grafica, e non cablando tra di loro le uscite dei moduli a relè. Il funzionamento della logica viene verificato durante la fase di progetto dalla funzione di VALIDAZIONE e può essere testato attraverso la funzione di MONITOR in fase di installazione. Durante la fase di progetto è semplice aggiungere e togliere funzioni di sicurezza, per esempio aggiungendo altri sensori o zone. È possibile inserire controlli (test all avvio) tali da rilevare manomissioni (by-pass), sempre possibili con i classici moduli a relè. Modifiche non autorizzate del progetto sono di fatto rese impossibili attraverso una protezione con due livelli di password. Conclusioni: I due esempi sono volontariamente molto semplificati. Nella realtà è spesso necessaria l implementazione di funzioni più complesse, come ritardi, filtri, o logiche di sicurezza più complesse che combinano tra loro segnali provenienti da più sorgenti. Questo comporterebbe l utilizzo di molti moduli a relé e complicherebbe ulteriormente la realizzazione della logica, il cablaggio ed il costo finale. Con MOSAIC, il progettista ha invece a disposizione tutte le funzioni logiche di sicurezza e può immediatamente combinarle tra loro attraverso l uso della sola interfaccia grafica MSD. 11

14 MOSAIC Codici di ordinazione Modello Codice ordinazione Descrizione M Unità principale 8 ingressi 2 coppie OSSD MI8O Modulo espansione 8 ingressi 2 coppie OSSD MI Modulo espansione 8 ingressi MI Modulo espansione 16 ingressi MO Modulo espansione 2 coppie OSSD MO Modulo espansione 4 coppie OSSD MR Modulo 2 Relè di sicurezza 2NA+1NC MR Modulo 4 Relè di sicurezza 4NA+2NC MBP Modulo PROFIBUS DP MBD Modulo DeviceNet MBC Modulo CANopen MCM Mosaic Configuration Memory Scheda Memoria MSC Mosaic Safety Communication Connettore CSU Cavo USB A mini B, lunghezza 1,8 mt INFORMAZIONI PER LE ORDINAZIONI Con ogni modulo principale M1 viene fornito in dotazione un CD Rom contenente il Software di configurazione MSD e il manuale istruzioni multilingue completo di dichiarazione di conformità CE. Il modulo master M1 viene fornito senza il connettore MSC (non necessario in caso di utilizzo senza espansioni). Per collegare il modulo M1 alla prima espansione è necessario ordinare un solo connettore MSC accessorio. Ogni modulo di espansione è infatti già dotato del proprio connettore MSC. I moduli relè di sicurezza MR2 e MR4 sono connessi agli altri moduli unicamente tramite cablaggio elettrico e non necessitano quindi del connettore MSC. 12

15 MODULAR SAFETY INTEGRATED CONTROLLER 13

16 REER S.p.A TORINO - Italy Via Carcano, 32 Tel Fax Ottobre

Modular Safety Integrated Controller. Catalogo n.18

Modular Safety Integrated Controller. Catalogo n.18 Modular Safety Integrated Controller Catalogo n.18 INTRODUZIONE Mosaic è un controllore di sicurezza modulare e configurabile che consente di gestire il sistema di controllo di sicurezza di una macchina

Dettagli

Modular Safety Integrated Controller. Catalogo n.22

Modular Safety Integrated Controller. Catalogo n.22 Modular Safety Integrated Controller Catalogo n.22 Mosaic è un controllore di sicurezza modulare e configurabile che consente di gestire il sistema di controllo di sicurezza di una macchina o un impianto.

Dettagli

CONTROLLORE MODULARE CONFIGURABILE DI SICUREZZA

CONTROLLORE MODULARE CONFIGURABILE DI SICUREZZA CONTROLLORE MODULARE CONFIGURABILE DI SICUREZZA Documentazione Marketing Febb. 2015 Rev. 7.0 Modular Safety Integrated Controller MOSAIC è certificato per il massimo livello di sicurezza previsto dalle

Dettagli

EOS4. Livello di sicurezza: Tipo 4 SIL 3 SILCL 3 PL e Cat. 4

EOS4. Livello di sicurezza: Tipo 4 SIL 3 SILCL 3 PL e Cat. 4 è un importante evoluzione nel mondo delle barriere optoelettroniche di sicurezza. Tra le sue innovative caratteristiche evidenziamo: Dimensioni sezione di soli 28 x 30 mm. Nessuna zona morta su di un

Dettagli

Dispositivi di sicurezza per rilevamento presenza

Dispositivi di sicurezza per rilevamento presenza Dispositivi di sicurezza per rilevamento presenza DISPOSITIVI ELETTROSENSIBILI La IEC TS 62046 Ed.2-2008-02 02-2222 fornisce indicazioni per la selezione e la corretta integrazione dei seguenti dispositivi

Dettagli

SAFETY SERIE SG-BWS APPLICAZIONI. www.automation.datalogic.com

SAFETY SERIE SG-BWS APPLICAZIONI. www.automation.datalogic.com SAFETY centraline di sicurezza SERIE SG-BWS La serie SG-BWS si compone di due modelli: SG-BWS-T4: centralina di sicurezza in contenitore plastico per montaggio su guida DIN/OMEGA dotata di 48 morsetti

Dettagli

DESCRIZIONE DEI MODI DI FUNZIONAMENTO... 4. AUTOMATICO... 4 MANUALE... 5 COLLEGAMENTO CONTATTORI ESTERNI K1 e K2... 5 ESEMPI DI COLLEGAMENTO...

DESCRIZIONE DEI MODI DI FUNZIONAMENTO... 4. AUTOMATICO... 4 MANUALE... 5 COLLEGAMENTO CONTATTORI ESTERNI K1 e K2... 5 ESEMPI DI COLLEGAMENTO... INDICE DESCRIZIONE DEI MODI DI FUNZIONAMENTO... 4 AUTOMATICO... 4 MANUALE... 5 COLLEGAMENTO CONTATTORI ESTERNI K1 e K2... 5 ESEMPI DI COLLEGAMENTO... 6 COLLEGAMENTI DI AUS X CON 2 COPPIE DI FOTOCELLULE

Dettagli

SICUREZZA AUTOMAZIONE MISURA E CONTROLLO. Catalogo Short Form. Catalogo n.15

SICUREZZA AUTOMAZIONE MISURA E CONTROLLO. Catalogo Short Form. Catalogo n.15 SICUREZZA AUTOMAZIONE MISURA E CONTROLLO Catalogo Short Form Catalogo n.15 SOMMARIO SENSORI DI SICUREZZA EOS4 Barriere di tipo 4 Pag. 2 ADMIRAL Barriere di tipo 4 Pag. 4 JANUS Barriere di tipo 4 Pag. 6

Dettagli

Caratteristiche tecniche. Alimentazione. Tensioni di alimentazione nominale (Un): 24 Vac/dc; 50...60 Hz

Caratteristiche tecniche. Alimentazione. Tensioni di alimentazione nominale (Un): 24 Vac/dc; 50...60 Hz Modulo di sicurezza CS AR-01 Caratteristiche tecniche Custodia Custodia in poliammide PA 6.6, autoestinguente V0 secondo UL 94 Grado di protezione IP40 (custodia), IP20 (morsettiera) Dimensioni vedere

Dettagli

Safety is a SIRIUS business

Safety is a SIRIUS business Dispositivi di sicurezza SIRIUS 3SK Safety is a SIRIUS business Soluzioni per applicazioni di sicurezza compatte Macchine sicure in modo semplice e rapido siemens.it/safety Sicurezza funzionale delle macchine:

Dettagli

COMPRENDERE LA NORMA EN ISO 13849-1 e il ritiro della EN 954-1

COMPRENDERE LA NORMA EN ISO 13849-1 e il ritiro della EN 954-1 Aprile 2010 Buongiorno siamo lieti di inviarle la presente Newsletter per aggiornarla sulle novità presentate da Rockwell Automation che riteniamo possano essere di Suo interesse. Nel ricordarle che Sitec

Dettagli

SICUREZZA AUTOMAZIONE MISURA E CONTROLLO

SICUREZZA AUTOMAZIONE MISURA E CONTROLLO Nuove barriere ATEX Nuovi modelli Admiral e MOSAIC SICUREZZA AUTOMAZIONE MISURA E CONTROLLO Catalogo Short Form Catalogo Nr. 23 INTRODUZIONE INTRODUZIONE ReeR è il leader italiano e uno dei più importanti

Dettagli

EOS BARRIERE DI SICUREZZA TIPO 4 TIPO 2. Documentazione Marketing - Febbraio 2015 EOS - Rev. 2.0

EOS BARRIERE DI SICUREZZA TIPO 4 TIPO 2. Documentazione Marketing - Febbraio 2015 EOS - Rev. 2.0 EOS BARRIERE DI SICUREZZA TIPO 4 TIPO 2 Documentazione Marketing - Febbraio 2015 EOS - Rev. 2.0 Barriere di Sicurezza Tipo 4 e Tipo 2 EOS4 e EOS2 una importante evoluzione nel mondo delle barriere optoelettroniche

Dettagli

SICUREZZA AUTOMAZIONE MISURA E CONTROLLO

SICUREZZA AUTOMAZIONE MISURA E CONTROLLO N S4 ovit 14 à m m EO SICUREZZA AUTOMAZIONE MISURA E CONTROLLO Catalogo Short Form 2009 SOMMARIO SENSORI DI SICUREZZA EOS4 Barriere di tipo 4 Pag. 2 ADMIRAL Barriere di tipo 4 Pag. 4 JANUS Barriere di

Dettagli

Caratteristiche tecniche. Circuito di controllo. 40 ms Tempo di ricaduta in mancanza di alimentazione t R. Circuito d uscita

Caratteristiche tecniche. Circuito di controllo. 40 ms Tempo di ricaduta in mancanza di alimentazione t R. Circuito d uscita di espansione CS ME01 Caratteristiche tecniche Custodia Custodia in poliammide PA 6.6, autoestinguente V0 secondo UL 94 Grado di protezione IP40 (custodia), IP20 (morsettiera) Dimensioni vedere pagina

Dettagli

Moduli di sicurezza multifunzione programmabili serie CS MP GEMNIS. versione 11

Moduli di sicurezza multifunzione programmabili serie CS MP GEMNIS. versione 11 Moduli di sicurezza multifunzione programmabili serie CS MP GEMNIS versione 11 Moduli di sicurezza multifunzione programmabili Introduzione Un modulo della serie Gemnis è un dispositivo di sicurezza programmabile

Dettagli

Sistema di collegamento per elettrovalvole e distributori, compatibile con i bus di campo PROFIBUS-DP, INTERBUS-S, DEVICE-NET

Sistema di collegamento per elettrovalvole e distributori, compatibile con i bus di campo PROFIBUS-DP, INTERBUS-S, DEVICE-NET ValveConnectionSystem Sistema di collegamento per elettrovalvole e distributori, compatibile con i bus di campo PROFIBUS-DP, INTERBUS-S, DEVICE-NET P20.IT.R0a IL SISTEMA V.C.S Il VCS è un sistema che assicura

Dettagli

Collegamento dei Sistemi SLC come I/O remoti ai Processori PLC 5

Collegamento dei Sistemi SLC come I/O remoti ai Processori PLC 5 Guida di Riferimento Collegamento dei Sistemi SLC come I/O remoti ai Processori PLC 5 Questo documento utilizza la documentazione disponibile sui PLC e SLC per mostrare come è possibile comunicare tra

Dettagli

Semplicemente logica. La centralina di sicurezza configurabile CES-CB

Semplicemente logica. La centralina di sicurezza configurabile CES-CB Semplicemente logica. La centralina di sicurezza configurabile CES-CB Centralina di sicurezza configurabile CES-CB La centralina CES-B completa la serie delle già note centraline CES-AZ con una versione

Dettagli

Dispositivi per l'arresto di emergenza e per i ripari mobili

Dispositivi per l'arresto di emergenza e per i ripari mobili Caratteristiche del dispositivo ripari mobili Gertebild ][Bildunterschrift Modulo di sicurezza per il controllo dei pulsanti di arresto di emergenza e dei ripari mobili Certificazioni Gertemerkmale Uscite

Dettagli

NV780. Manuale d installazione V2.51. (Cod. PXNV780) Rivelatore digitale a doppia visione laterale da esterno con 4x sensori doppi DT02168DI0612R00

NV780. Manuale d installazione V2.51. (Cod. PXNV780) Rivelatore digitale a doppia visione laterale da esterno con 4x sensori doppi DT02168DI0612R00 NV780 (Cod. PXNV780) Rivelatore digitale a doppia visione laterale da esterno con 4x sensori doppi Manuale d installazione V2.51 DT02168DI0612R00 Introduzione Il rivelatore NV780 incorpora due rivelatori

Dettagli

MODULAR SAFETY INTEGRATED CONTROLLER

MODULAR SAFETY INTEGRATED CONTROLLER MODULAR SAFETY INTEGRATED CONTROLLER Installazione e uso (Original instructions) 1 8540780 25/02/2015 Rev.22 Dichiarazione CE di conformità EC declaration of conformity REER SpA via Carcano 32 10153 Torino

Dettagli

Barriere ottiche in Classe 4 C4000 Micro/Basic

Barriere ottiche in Classe 4 C4000 Micro/Basic C 4000 Micro/Basic Barriere ottiche in Classe 4 C4000 Micro/Basic Caratteristiche Risoluzione: 14mm, 0-5m 30mm, 0-6m Versione con Restart (Micro) e EDM (Micro e Basic) Facile allineamento e diagnostica

Dettagli

CENTRALE ALLARME ANTINTRUSIONE G8 PLUS

CENTRALE ALLARME ANTINTRUSIONE G8 PLUS CENTRALE ALLARME ANTINTRUSIONE G8 PLUS Le centrali di allarme G-Quattro plus (4 zone) e G-Otto plus (8 zone) nascono con lo scopo di facilitare la realizzazione e la gestione di impianti di allarme di

Dettagli

BOX A3 TEST 3 20-07-2012. REV. DATA Verifica ed Approvazione R.T.

BOX A3 TEST 3 20-07-2012. REV. DATA Verifica ed Approvazione R.T. BOX A3 TEST 3 20-07-2012 REV. DATA Verifica ed Approvazione R.T. INDICE 1 - PREMESSA...Pag. 3 2 - BOX A3 TEST PER ASCENSORI IDRAULICI...Pag. 3 2.1 FUNZIONAMENTO GENERALE...Pag. 3 2.2 MODALITA DI ESECUZIONE

Dettagli

SERIE 90 EIB. Apparecchi per la domotica

SERIE 90 EIB. Apparecchi per la domotica Apparecchi per la domotica 179 IL SISTEMA BUS KNX/ E LA SUA ARCHITETTURA I sistemi BUS costituiscono una moderna tecnologia per la realizzazione degli impianti negli edifici residenziali, in quelli dedicati

Dettagli

INSTALLAZIONE DEI CANCELLI SCORREVOLI IN CONFORMITÀ ALLA DIRETTIVA MACCHINE 98/37/CE E ALLE PARTI APPLICABILI DELLE NORME EN 13241-1 EN 12453 - EN

INSTALLAZIONE DEI CANCELLI SCORREVOLI IN CONFORMITÀ ALLA DIRETTIVA MACCHINE 98/37/CE E ALLE PARTI APPLICABILI DELLE NORME EN 13241-1 EN 12453 - EN Installatore: (Nome, indirizzo, telefono) INSTALLAZIONE DEI CANCELLI SCORREVOLI IN CONFORMITÀ ALLA DIRETTIVA MACCHINE 98/37/CE E ALLE PARTI APPLICABILI DELLE NORME EN 13241-1 EN 12453 - EN 12445 Con la

Dettagli

MVK METALLICO SAFETY. Tecnologia safety attiva. Sicurezza. Robustezza. Ermeticità

MVK METALLICO SAFETY. Tecnologia safety attiva. Sicurezza. Robustezza. Ermeticità MVK METALLICO SAFETY Tecnologia safety attiva Sicurezza Robustezza Ermeticità 02 MVK METALLICO SAFETY Massima protezione per uomo e macchina 03 MASSIMA SICUREZZA IN CONDIZIONI ESTREME Protezione ottimale

Dettagli

TERMINALE PER IL CONTROLLO ACCESSI 2745

TERMINALE PER IL CONTROLLO ACCESSI 2745 TERMINALE PER IL CONTROLLO ACCESSI 2745 Il controllo accessi rappresenta un metodo importante per la risoluzione dei problemi legati al controllo e alla verifica della presenza e del passaggio delle persone

Dettagli

Modello D 440 IS. Caratteristiche generali

Modello D 440 IS. Caratteristiche generali Caratteristiche generali Terminale principale in acciaio Inox, corredato di alimentatore separato costituito da apposito contenitore, che può essere collocato in zona pericolosa fino ad una distanza di

Dettagli

Interfaccia contatti a 2 ingressi indipendenti

Interfaccia contatti a 2 ingressi indipendenti Il dispositivo è utilizzato per collegare al sistema antintrusione i contatti magnetici di allarme normalmente chiusi, contatti elettromeccanici a fune per la protezione di avvolgibili e tapparelle e sensori

Dettagli

Caratteristiche tecniche. Alimentazione. Circuito di controllo. < 50 ms Tempo di ricaduta t R1

Caratteristiche tecniche. Alimentazione. Circuito di controllo. < 50 ms Tempo di ricaduta t R1 Modulo di sicurezza CS DM-01 Caratteristiche tecniche Custodia Custodia in poliammide PA 6.6, autoestinguente V0 secondo UL 94 Grado di protezione IP40 (custodia), IP20 (morsettiera) Dimensioni vedere

Dettagli

Alimentazione V CC 12 30 ripple incluso - fusibile esterno 1,0 A. Assorbimento di corrente : ma 100 + potenza consumata dal sensore. V ma. V ma.

Alimentazione V CC 12 30 ripple incluso - fusibile esterno 1,0 A. Assorbimento di corrente : ma 100 + potenza consumata dal sensore. V ma. V ma. 89 550/110 ID EWM-PQ-AA SCHEDA DIGITALE PER IL CONTROLLO DELLA PRESSIONE / PORTATA IN SISTEMI AD ANELLO CHIUSO MONTAGGIO SU GUIDA TIPO: DIN EN 50022 PRINCIPIO DI FUNZIONAMENTO La scheda EWM-PQ-AA è stata

Dettagli

Tekno Simop. Il compito di questa stazione è quello di alimentare la catena produttiva di pezzi grezzi.

Tekno Simop. Il compito di questa stazione è quello di alimentare la catena produttiva di pezzi grezzi. UNI EN ISO 900:2000 Modulo A Stazione di Alimentazione Il compito di questa stazione è quello di alimentare la catena produttiva di pezzi grezzi. I pezzi vengono caricati manualmente all interno della

Dettagli

2.4.16 Isola robotizzata D.Lgs. 81/08 All. V e VI, DPR 459/96 All. I, UNI EN ISO 10218:2006

2.4.16 Isola robotizzata D.Lgs. 81/08 All. V e VI, DPR 459/96 All. I, UNI EN ISO 10218:2006 2.4.16 Isola robotizzata D.Lgs. 81/08 All. V e VI, DPR 459/96 All. I, UNI EN ISO 10218:2006 Macchina o insieme di macchine asservite nella manipolazione del materiale o nell esecuzione delle lavorazioni

Dettagli

Gateways AS-i 3.0 PROFIBUS con monitor di sicurezza integrato

Gateways AS-i 3.0 PROFIBUS con monitor di sicurezza integrato Gateways AS-i 3.0 PROFIBUS 2 / 1 master, esclavo PROFIBUS 1 monitor di sicurezza per 2 bus AS-i 1 unico programma monitor pilota gli slave di sicurezza su 2 bus AS-i interconnessione dei 2 bus diventa

Dettagli

Dimensioni. Allacciamento elettrico

Dimensioni. Allacciamento elettrico Dimensioni 55 27 Altezza del campo protettivo Lunghezza alloggiamento 85 28 52 Codifica d'ordine Barriera luminosa di sicurezza con 2 uscite semiconduttore separate e a prova di errore Allacciamento elettrico

Dettagli

Soluzioni di sicurezza per l automazione

Soluzioni di sicurezza per l automazione Guida alla scelta XPS Applicazioni Moduli Per controllo arresto d emergenza e protezioni mobili con uscite istantanee Per controllo arresto d emergenza e protezioni mobili con uscite temporizzate Categoria

Dettagli

MANUALE DI INSTALLAZIONE E MESSA IN SERVIZIO INDICE. Funzione. Dati tecnici Dimensioni Collegamenti elettrici. Caratteristiche funzionali

MANUALE DI INSTALLAZIONE E MESSA IN SERVIZIO INDICE. Funzione. Dati tecnici Dimensioni Collegamenti elettrici. Caratteristiche funzionali 28111.03 www.caleffi.com Regolatore digitale SOLCAL 1 Copyright 2012 Caleffi Serie 257 MANUALE DI INSTALLAZIONE E MESSA IN SERVIZIO INDICE Funzione 1 Dati tecnici Dimensioni Collegamenti elettrici 3 Caratteristiche

Dettagli

Manuale Controllo Accesso V 0.2

Manuale Controllo Accesso V 0.2 & Manuale Controllo Accesso V 0.2 Luglio 2012 Tutti le descrizioni legati al software si riferiscono al software mygekko living V1279. Si consiglia di aggiornare le vecchie versioni del sistema. Piccole

Dettagli

TERMINALE PER IL CONTROLLO ACCESSI LBR 2746/48

TERMINALE PER IL CONTROLLO ACCESSI LBR 2746/48 TERMINALE PER IL CONTROLLO ACCESSI LBR 2746/48 Il controllo accessi rappresenta un metodo importante per la risoluzione dei problemi legati al controllo e alla verifica della presenza e del passaggio delle

Dettagli

SAFETY AT WORK PRODOTTI E SOLUZIONI PER LA SICUREZZA

SAFETY AT WORK PRODOTTI E SOLUZIONI PER LA SICUREZZA SAFETY AT WORK PRODOTTI E SOLUZIONI PER LA SICUREZZA FINO AD ORA: MSS BASIC Sistema di sicurezza modulare 3RK3 Basic: - è un dispositivo di sicurezza modulare e parametrizzabile tramite software - offre

Dettagli

MISURARE CON INTELLIGENZA BARRIERA OPTOELETTRONICA DI MISURAZIONE LGM

MISURARE CON INTELLIGENZA BARRIERA OPTOELETTRONICA DI MISURAZIONE LGM MISURARE CON INTELLIGENZA BARRIERA OPTOELETTRONICA DI MISURAZIONE LGM Barriera optoelettronica di misurazione LGM Misurare con intelligenza - nuove dei materiali in tutti i mercati La nuova Serie LGM di

Dettagli

per PORTE AUTOMATICHE SCORREVOLI, VIE di ESODO ed USCITE di EMERGENZA

per PORTE AUTOMATICHE SCORREVOLI, VIE di ESODO ed USCITE di EMERGENZA per PORTE AUTOMATICHE SCORREVOLI, VIE di ESODO ed USCITE di EMERGENZA Operatore progettato per essere installato nelle vie di esodo e realizzato adottando soluzioni tecniche innovative che lo rendono

Dettagli

Porte automatiche a battente FACE

Porte automatiche a battente FACE Porte automatiche a battente FACE con motore Brushless ed alimentazione a range esteso 100-240 V (50/60 Hz) Tecnologia Switch Mode - apertura e chiusura a motore e apertura a motore e chiusura a molla

Dettagli

OS32C. Laser scanner per applicazioni di sicurezza. EtherNet/IP per dati di misura e stato del dispositivo

OS32C. Laser scanner per applicazioni di sicurezza. EtherNet/IP per dati di misura e stato del dispositivo Laser scanner per applicazioni di sicurezza OS32C Laser scanner per applicazioni di sicurezza tipo 3 conforme a IEC61496-1/-3. Disponibilità di 70 set di combinazioni di zone di sicurezza e zone di allarme

Dettagli

Verifica ed analisi dei rischi per cancelli scorrevoli

Verifica ed analisi dei rischi per cancelli scorrevoli Verifica ed analisi dei rischi per cancelli scorrevoli Rev 3.00 In conformità alla Direttiva Macchine 98/37/CE e alle parti applicabili delle norme EN 13241-1; EN 12453; EN 12445; EN 12635. 01/09/2007

Dettagli

Regolatori. Regolatori. DMC10 Controllo Multicanale Distribuito. Minimo Spazio Minimo Cablaggio Minimo Costo Massime Prestazioni

Regolatori. Regolatori. DMC10 Controllo Multicanale Distribuito. Minimo Spazio Minimo Cablaggio Minimo Costo Massime Prestazioni Regolatori Controllo Multicanale Distribuito Minimo Spazio Minimo Cablaggio Minimo Costo Massime Prestazioni Regolatori Il continuo sviluppo del prodotto può comportare la variazione di alcuni dei dati

Dettagli

Sicurezza macchine. Preventa. PLC di sicurezza. Configuratori di sicurezza. Moduli di sicurezza 8/0

Sicurezza macchine. Preventa. PLC di sicurezza. Configuratori di sicurezza. Moduli di sicurezza 8/0 Sicurezza macchine 8 Preventa Moduli di sicurezza Configuratori di sicurezza PLC di sicurezza 8/0 Sicurezza macchine Preventa, una soluzione globale di sicurezza per tutte le fasi del ciclo di vita delle

Dettagli

Moduli per arresto d'emergenza e ripari mobili

Moduli per arresto d'emergenza e ripari mobili Gertebild ][Bildunterschrift Modulo di sicurezza per il controllo dei pulsanti di arresto di emergenza e dei ripari mobili Certificazioni Caratteristiche del dispositivo Gertemerkmale Uscite a relé a conduzione

Dettagli

La soluzione innovativa CONSUMI IN TEMPO REALE SU CLOUD SEMPLICE E VELOCE DA INSTALLARE PER TUTTI I TIPI DI CONTATORE BASSO COSTO

La soluzione innovativa CONSUMI IN TEMPO REALE SU CLOUD SEMPLICE E VELOCE DA INSTALLARE PER TUTTI I TIPI DI CONTATORE BASSO COSTO NEW Gestione illuminazione pubblica da remoto e La soluzione innovativa CONSUMI IN TEMPO REALE SU CLOUD SEMPLICE E VELOCE DA INSTALLARE PER TUTTI I TIPI DI CONTATORE BASSO COSTO per controllare i consumi

Dettagli

QUADRO DI CONTROLLO MANUALE/AUTOMATICO (ACP) Serie GBW

QUADRO DI CONTROLLO MANUALE/AUTOMATICO (ACP) Serie GBW QUADRO DI CONTROLLO MANUALE/AUTOMATICO () Generalità Quadro di comando e controllo manuale/automatico () fornito a bordo macchina, integrato e connesso al gruppo elettrogeno. Il quadro utilizza un compatto

Dettagli

SAFETY Tecnica di sicurezza passiva

SAFETY Tecnica di sicurezza passiva SAFETY Tecnica di sicurezza passiva Cablaggio EMERGENCY-STOP MIRO SAFE Cube67 MVK Metallico MASI20/67/68 02 SAFETY Sicurezza innanzitutto 03 SAFETY TECNICA DI SICUREZZA PASSIVA INDIPENDENTE DAL BUS DI

Dettagli

Manuale Software e Hardware Control lights music 1.0. Sommario. Introduzione

Manuale Software e Hardware Control lights music 1.0. Sommario. Introduzione Sommario Introduzione... 1 Installazione del Software... 1 Collegamento Hardware... 2 Descrizione della schermata principale... 3 Impostazione della scheda Audio...4 Editare un gioco di luce... 5 Introduzione

Dettagli

MODULI DI SICUREZZA. Visione d insieme

MODULI DI SICUREZZA. Visione d insieme MODULI DI SICUREZZA Visione d insieme Con i moduli della serie MSI, a seconda dell'applicazione, si possono collegare al circuito dell'apparecchiatura di controllo della macchina sensori optoelettronici

Dettagli

IL PLC 1/9. permanente, la memoria volatile e i pin di I/O, oltre ad eventuali altri blocchi specializzati.

IL PLC 1/9. permanente, la memoria volatile e i pin di I/O, oltre ad eventuali altri blocchi specializzati. IL PLC 1/9 Storia Il motivo per il quale nacque il PLC fu la necessità di eliminare i costi elevati per rimpiazzare i sistemi complicatissimi basati su relè. Nel anni 70 la società Beadford Associates

Dettagli

Manuale Controllo Accesso V 0.3

Manuale Controllo Accesso V 0.3 & Manuale Controllo Accesso V 0.3 Ottobre 2013 Tutti le descrizioni legati al software si riferiscono al software mygekko living V1279. Si consiglia di aggiornare le vecchie versioni del sistema. Piccole

Dettagli

CS FS-1 Caratteristiche tecniche Custodia Generali Modulo temporizzatore di sicurezza con contatti ritardati all eccitazione Alimentazione

CS FS-1 Caratteristiche tecniche Custodia Generali Modulo temporizzatore di sicurezza con contatti ritardati all eccitazione Alimentazione odulo di sicurezza CS S-1 Caratteristiche tecniche Custodia Custodia in poliammide PA 6.6, autoestinguente V0 secondo UL 94 Grado di protezione IP40 (custodia, IP20 (morsettiera Dimensioni vedere pagina

Dettagli

Caratteristiche tecniche. Circuito di controllo. > 50 ms Tempo di eccitazione t A

Caratteristiche tecniche. Circuito di controllo. > 50 ms Tempo di eccitazione t A Modulo di sicurezza CS AR-91, conforme EN 81 Modulo per le manovre di livellamento al piano degli ascensori conforme EN 81 Caratteristiche principali o start controllato Collegamento dei canali d ingresso

Dettagli

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 2/0

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 2/0 /0 Sommario - I supporti Preventa e le funzioni per le macchine I supporti Preventa Guida Applicativa................................................. / Easy Safe Calculator..............................................

Dettagli

OPZIONE HARDWARE + SOFTWARE DI TELECOMUNICAZIONE BIDIREZIONALE FRA CNC E TELEFONI GSM BASATA SU MESSAGGI SMS

OPZIONE HARDWARE + SOFTWARE DI TELECOMUNICAZIONE BIDIREZIONALE FRA CNC E TELEFONI GSM BASATA SU MESSAGGI SMS SelCONTROL-2 OPZIONE HARDWARE + SOFTWARE DI TELECOMUNICAZIONE BIDIREZIONALE FRA CNC E TELEFONI GSM BASATA SU MESSAGGI SMS Il SelCONTROL è la risposta a quegli utilizzatori, stampisti in particolare, che

Dettagli

Unità intelligenti serie DAT9000

Unità intelligenti serie DAT9000 COMPONENTI PER L ELETTRONICA INDUSTRIALE E IL CONTROLLO DI PROCESSO Unità intelligenti serie DAT9000 NUOVA LINEA 2010 www.datexel.it serie DAT9000 Le principali funzioni da esse supportate, sono le seguenti:

Dettagli

Linea LINEA SYSTEMS vers. 4.0

Linea LINEA SYSTEMS vers. 4.0 Linea LINEA SYSTEMS vers. 4.0 Categoria COMPUTO E CAPITOLATO Famiglia SISTEMI DI CONTROLLO Tipologia SISTEMA DI SUPERVISIONE GEOGRAFICO Modello TG-2000 WIDE AREA Pubblicata il 01/09/2006 TESTO PER COMPUTO

Dettagli

Catalogo Prodotti per la Refrigerazione

Catalogo Prodotti per la Refrigerazione AZIENDA CERTIFICATA UNI EN ISO 9001: 2008 IDEA, SVILUPPO, PRODUZIONE Soluzioni innovative per l elettronica Catalogo Prodotti per la Refrigerazione Presentiamo una serie di sistemi elettronici di controllo

Dettagli

Descrizione. Caratteristiche tecniche

Descrizione. Caratteristiche tecniche brevettato Descrizione La CMO è un dispositivo atto a garantire la protezione di persone/cose da urti provocati da organi meccanici in movimento quali cancelli o porte a chiusura automatica. L ostacolo

Dettagli

2 Controllo e. 1.6 Punti dati decentralizzati. 1.6.1 Saia Smart PCD3.T66x RIO Pagina 70. 1.6.2 Profibus RIO Saia PCD3.

2 Controllo e. 1.6 Punti dati decentralizzati. 1.6.1 Saia Smart PCD3.T66x RIO Pagina 70. 1.6.2 Profibus RIO Saia PCD3. 69.6 Punti dati decentralizzati thernet Profibus RS-485 PCD3.T 665 PCD3.T 76 Regolatori di 2 Controllo e camera dedicati monitoraggio e Rilevamento dei dati di consumo 3 5 Componenti Stazioni di automazione.6.

Dettagli

Dichiarazione CE di conformità EC declaration of conformity

Dichiarazione CE di conformità EC declaration of conformity Dichiarazione CE di conformità EC declaration of conformity Torino, 1/1/2010 REER SpA via Carcano 32 10153 Torino Italy dichiara che i moduli di sicurezza AD SR1/AD SRM unitamente ad un sensore di sicurezza

Dettagli

Istruzioni per l uso Unità a schede di memoria

Istruzioni per l uso Unità a schede di memoria Istruzioni per l uso Unità a schede di memoria Modello n. AJ- E AJ-PCD10 Collegare l'unità a schede di memoria al personal computer prima di installare il software P2 nel computer dal CD di installazione.

Dettagli

NORME EN81.20 e EN81.50. www.giovenzana.com

NORME EN81.20 e EN81.50. www.giovenzana.com NORME EN81.20 e EN81.50 www.giovenzana.com La nuova EN 81-20 sostituisce EN 81-2 & EN 81-1. Contiene i requisiti per completare l installazione di ascensori per passeggeri e montacarichi indipendenti

Dettagli

hhb - Stop Time Meter Misurazione della velocità e del tempo d arresto su macchine

hhb - Stop Time Meter Misurazione della velocità e del tempo d arresto su macchine 1 Misurazione della velocità e del tempo d arresto su macchine 2 Misurazione del tempo d arresto mobile pratico Ottimo per il servizio mobile. Lo strumento e tutti componenti si trovano in una valigetta

Dettagli

CTR29 MANUALE TECNICO GENERALE

CTR29 MANUALE TECNICO GENERALE CTR29 MANUALE TECNICO GENERALE A) - Destinazione dell apparecchiatura Quadro elettronico adibito al comando di 1 motore asincrono monofase alimentato a 230 vac destinato all automazione di una tapparella

Dettagli

GUIDA UNAC N. 5 PER L INSTALLAZIONE DI PORTE A LIBRO IN CONFORMITÀ ALLA DIRETTIVA MACCHINE 98/37/CE E ALLE NORME EN 12453 - EN 12445

GUIDA UNAC N. 5 PER L INSTALLAZIONE DI PORTE A LIBRO IN CONFORMITÀ ALLA DIRETTIVA MACCHINE 98/37/CE E ALLE NORME EN 12453 - EN 12445 Installatore: (Nome, indirizzo, telefono) GUIDA UNAC N. 5 PER L INSTALLAZIONE DI PORTE A LIBRO IN CONFORMITÀ ALLA DIRETTIVA MACCHINE 98/37/CE E ALLE NORME EN 12453 - EN 12445 Con la presente pubblicazione

Dettagli

La configurazione e la messa in servizio dei dispositivi del sistema, si esegue facilmente e con poche operazioni: Fig. 2 2 a fase: trasmissione

La configurazione e la messa in servizio dei dispositivi del sistema, si esegue facilmente e con poche operazioni: Fig. 2 2 a fase: trasmissione Sistema RF comando e controllo Configurazione dei dispositivi a configurazione e la messa in servizio dei dispositivi del sistema, si esegue facilmente e con poche operazioni: A - Associazione tra i dispositivi

Dettagli

Luigi Piroddi piroddi@elet.polimi.it

Luigi Piroddi piroddi@elet.polimi.it Automazione industriale dispense del corso 2. Introduzione al controllo logico Luigi Piroddi piroddi@elet.polimi.it Modello CIM Un moderno sistema di produzione è conforme al modello CIM (Computer Integrated

Dettagli

Centralina di acquisizione dati e telecontrollo ECO2

Centralina di acquisizione dati e telecontrollo ECO2 Centralina di acquisizione dati e telecontrollo ECO2 Fascicolo centralina Eco2 Revisione: GG.01.05-04 Autore: Giorgio Gentili Centralina elettronica ECO2 La centralina ECO2 offre una ampia flessibilità

Dettagli

Controllo del muting bidirezionale di una barriera fotoelettrica con il controllore di sicurezza SmartGuard 600

Controllo del muting bidirezionale di una barriera fotoelettrica con il controllore di sicurezza SmartGuard 600 Esempio di applicazione di sicurezza Controllo del muting bidirezionale di una barriera fotoelettrica con il controllore di sicurezza SmartGuard 600 Applicazione di sicurezza in rete Classe di sicurezza:

Dettagli

System pro M compact. Comandi motorizzati e dispositivi autorichiudenti per interruttori 2CSC400013B0901

System pro M compact. Comandi motorizzati e dispositivi autorichiudenti per interruttori 2CSC400013B0901 System pro M compact Comandi motorizzati e dispositivi autorichiudenti per interruttori 2CSC400013B0901 Comandi motorizzati S2C-CM, F2C-CM e dispositivo autorichiudente F2C-ARI: funzioni e prestazioni

Dettagli

SCHEDA PRODOTTO CENTRALINA SCENARI (distribuiti).

SCHEDA PRODOTTO CENTRALINA SCENARI (distribuiti). SCHEDA PRODOTTO CENTRALINA SCENARI (distribuiti). SC28D SC416D SC835D SC1635D Descrizione Dispositivo per l esecuzione di scenari sequenziali sul bus di comunicazione, realizzato per il settore dell automazione

Dettagli

Mini sistema di controllo per reti LAN. versione 1.0

Mini sistema di controllo per reti LAN. versione 1.0 uwatched Mini sistema di controllo per reti LAN versione 1.0 Manuale Utente Revisione 1.00 Area SX s.r.l. - Via Stefano Longanesi 25, 00146 ROMA - Tel: +39.06.99.33.02.57 - Fax: +39.06.62.20.27.85 Manuale

Dettagli

CIM A CIM B. Computer-Integrated Manufacturing (CIM)

CIM A CIM B. Computer-Integrated Manufacturing (CIM) Computer-Integrated Manufacturing (CIM) Il Computer Integrated Manufacturing (CIM) è un metodo di produzione nel quale l'intero processo produttivo è controllato da un computer. Tipicamente, è composto

Dettagli

Winbeam/s Doorbeam/s

Winbeam/s Doorbeam/s Winbeam/s Doorbeam/s Barriere infrarosso seriali per protezione varchi Winbeam/s e Doorbeam/s rappresentano la soluzione ideale per la protezione di porte e finestre in ambito civile ed industriale. L

Dettagli

UTC Fire & Security. Centrali antincendio analogiche indirizzate serie 2X-F Guida Introduzione Prodotto

UTC Fire & Security. Centrali antincendio analogiche indirizzate serie 2X-F Guida Introduzione Prodotto UTC Fire & Security Centrali antincendio analogiche indirizzate serie 2X-F Informazioni Prodotto Descrizione Prodotto: Centrali analogiche antincendio serie 2X-F. Codice Prodotto: Vedere la parte finale

Dettagli

P R O G E T T O L A R S A A P P U N T I S U L P. L. C.

P R O G E T T O L A R S A A P P U N T I S U L P. L. C. P R O G E T T O L A R S A A P P U N T I S U L P. L. C. L automazione di un qualunque procedimento industriale si ottiene mediante un insieme d apparecchiature, opportunamente collegate tra loro, in modo

Dettagli

RBAND/OS RBAND/OSB INTRODUZIONE CARATTERISTICHE TECNICHE TRASMETTITORE DESCRIZIONE USO DEL SISTEMA - 1 -

RBAND/OS RBAND/OSB INTRODUZIONE CARATTERISTICHE TECNICHE TRASMETTITORE DESCRIZIONE USO DEL SISTEMA - 1 - INTRODUZIONE DESCRIZIONE Il sistema Radioband è stato concepito per applicazioni in porte e cancelli industriali, commerciali e residenziali nei quali venga installata una banda di sicurezza. Il sistema

Dettagli

Comandi pneumatici 6.0. Unità di comando. Sistema Compact M5. D06_00-pneumatic_control_systems. Comandi pneumatici

Comandi pneumatici 6.0. Unità di comando. Sistema Compact M5. D06_00-pneumatic_control_systems. Comandi pneumatici D06_00-pneumatic_control_systems 6.0 Sistema Compact M5 2003/10 Con riserva di modifiche Prodotti 2004/2005 4/6.0-1 D06_01_001_F-FFS_FSSC Caratteristiche Quickstepper Unità logica di comando Unità logica

Dettagli

Safety Chain Solution" Le funzioni di sicurezza certificate per le macchine

Safety Chain Solution Le funzioni di sicurezza certificate per le macchine Safety Chain Solution" Le funzioni di sicurezza certificate per le macchine Pierluca Bruna Product Manager Safety Sicurezza Macchine Molte le novità legislative e normative per la sicurezza delle macchine

Dettagli

PRODUZIONE E CONTROLLO DELL ENERGIA

PRODUZIONE E CONTROLLO DELL ENERGIA Quadri elettrici FOX PRODUZIONE E CONTROLLO DELL ENERGIA QUADRI ELETTRICI FOX INNOVAZIONE PRESTAZIONI VERSATILITÀ CONVENIENZA Un unico quadro per più applicazioni Svuotamento Riempimento Pressurizzazione

Dettagli

Installatore: (Nome, indirizzo, telefono)

Installatore: (Nome, indirizzo, telefono) Installatore: (Nome, indirizzo, telefono) GUIDA UNAC N. 8 PER L INSTALLAZIONE DI BARRIERE MOTORIZZATE IN CONFORMITÀ ALLA DIRETTIVA MACCHINE 98/37/CE E ALLE PARTI APPLICABILI DELLE NORME EN 13241-1, EN

Dettagli

KEYSTONE. OM8 - EPI 2 Modulo interfaccia AS-i Manuale di istruzione. www.pentair.com/valves. Indice 1 Modulo Opzionale OM8: Interfaccia AS-i 1

KEYSTONE. OM8 - EPI 2 Modulo interfaccia AS-i Manuale di istruzione. www.pentair.com/valves. Indice 1 Modulo Opzionale OM8: Interfaccia AS-i 1 KEYSTONE Indice 1 Modulo Opzionale OM8: Interfaccia AS-i 1 2 Installazione 1 3 Dettagli sulla comunicazione 1 5 Descrizione del modulo interfaccia AS-i OM8 2 5 Protocollo interfaccia AS-i 3 6 Interfaccia

Dettagli

EG4 Star CENTRALE A MICROPROCESSORE

EG4 Star CENTRALE A MICROPROCESSORE Curtarolo (Padova) Italy MANUALE DI INSTALLAZIONE EG4 Star CENTRALE A MICROPROCESSORE IST0571V1.3-1 - Generalità Indice Generalità... pag. 2 Caratteristiche tecniche... pag. 2 Scheda della centrale...

Dettagli

Installazione del trasmettitore. ACom6

Installazione del trasmettitore. ACom6 Installazione del trasmettitore CBC (Europe) Ltd. Via E.majorana, 21 20054 Nova Milanese (MI) tel: +39 (0)362 365079 fax: +39 (0)362 40012 1 Precauzioni Il dispositivo non deve essere esposto a pioggia

Dettagli

DD 1050i. Terminale di pesatura Serie Diade. Touch screen, mille dati con un dito.

DD 1050i. Terminale di pesatura Serie Diade. Touch screen, mille dati con un dito. DD 1050i Terminale di pesatura Serie Diade Touch screen, mille dati con un dito. Terminale di pesatura Serie Diade DD 1050i DIADE in matematica indica la combinazione di due elementi per raggiungere l

Dettagli

MGB. Tutto sotto controllo! Multifunctional Gate Box

MGB. Tutto sotto controllo! Multifunctional Gate Box MGB Tutto sotto controllo! Multifunctional Gate Box Multifunctional Gate Box MGB Il futuro sotto controllo L MGB (Multifunctional Gate Box) è un eccezionale sistema di interblocco e ritenuta per il controllo

Dettagli

CMTS SISTEMA DI MISURA PER MOTORI ELEVATORI E STERZO ELETTRICO Sistema di prova per motori elettrici per elevatori e sterzi guida elettrici

CMTS SISTEMA DI MISURA PER MOTORI ELEVATORI E STERZO ELETTRICO Sistema di prova per motori elettrici per elevatori e sterzi guida elettrici CMTS SISTEMA DI MISURA PER MOTORI ELEVATORI E STERZO ELETTRICO Sistema di prova per motori elettrici per elevatori e sterzi guida elettrici APPLICAZIONE Magtrol ha progettato questo sistema di test su

Dettagli

SINER ACCESS. Sistema per il controllo degli accessi

SINER ACCESS. Sistema per il controllo degli accessi SINER ACCESS Sistema per il controllo degli accessi INTRODUZIONE Sia in ambito civile che industriale, è da anni costantemente più avvertita l esigenza di sviluppare forme evolute di controllo di determinate

Dettagli

PA100. Pulsante manuale a riarmo wireless. Manuale Installazione/Uso

PA100. Pulsante manuale a riarmo wireless. Manuale Installazione/Uso I PA100 Pulsante manuale a riarmo wireless DS80SB32001 LBT80856 Manuale Installazione/Uso DESCRIZIONE GENERALE Il pulsante manuale a riarmo wireless PA100 è un dispositivo che consente di generare una

Dettagli

Programmatore scenari

Programmatore scenari Programmatore scenari scheda tecnica ART. MH00 Descrizione Questo dispositivo permette la gestione di scenari semplici e evoluti fino ad un numero massimo di 300. Grazie al programmatore scenari il sistema

Dettagli

INVERTER FOTOVOLTAICI SERIE INGECON SUN

INVERTER FOTOVOLTAICI SERIE INGECON SUN INVERTER FOTOVOLTAICI SERIE INGECON SUN Procedura di aggiornamento firmware inverter Ingeteam serie Ingecon Sun Lite Tel. + 39 0546 651490 Fax: +39 0546 655391 e-mail: italia.energy@ingeteam.com Pagina

Dettagli

1 Vademecum per lettore ACR-1001 (Rosslare AC-215): installazione hardware

1 Vademecum per lettore ACR-1001 (Rosslare AC-215): installazione hardware 1 Vademecum per lettore ACR-1001 (Rosslare AC-215): installazione hardware Il seguente diagramma è un esempio di sistema di controllo accessi con il software Veritrax AS-215 e i controllori AC- 215. 1.1

Dettagli

LEGENDA DEI RISCHI MECCANICI DOVUTI AL MOVIMENTO

LEGENDA DEI RISCHI MECCANICI DOVUTI AL MOVIMENTO Installatore: GUIDA TAU PER LA MOTORIZZAZIONE DEI CANCELLI SCORREVOLI IN CONFORMITÀ ALLA DIRETTIVA MACCHINE 2006/42/CE E ALLE PARTI APPLICABILI DELLE NORME EN 13241-1, EN 12453, EN 12445 Con la presente

Dettagli