Progetto di una Slot Machine da sala scommesse implementata in VHDL e C# Andrea Manganaro Elio Romanelli

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Progetto di una Slot Machine da sala scommesse implementata in VHDL e C# Andrea Manganaro Elio Romanelli"

Transcript

1 Progetto di una Slot Machine da sala scommesse implementata in VHDL e C# Andrea Manganaro Elio Romanelli

2 Regolamentazioni AAMS Descrizione del progetto GAMEGAME RANDOM RANDOM GAME GAME 2 FINALFINAL TRASCODIFICA Strumenti utilizzati

3 Grafico TOTALE(VHDL):

4 Entità SLOT MACHINE (VHDL):

5 Combinazione vincite (C#):

6 Entità SLOT MACHINE (C#):

7 Conversione valori (C#): // Conformazione Rulli di Default int[] R1 = new int[8] { 6, 5, 4, 4, 3, 2, 2, 1 }; int[] R2 = new int[8] { 6, 5, 4, 3, 3, 2, 2, 1 }; int[] R3 = new int[8] { 6, 5, 4, 3, 3, 2, 2, 1 }; // Put random pictures in display picbandit1.image = choices[r1[r1]].image; picbandit2.image = choices[r2[r2]].image; picbandit3.image = choices[r3[r3]].image; private void timstop1_tick(object sender, EventArgs e) { // Stop spinning of first display timstop1.enabled = false; final[1] = R1[r1]; picbandit1.image = choices[final[1]].image; picbandit1.refresh(); }

8 Combinazione vincite (C#): if (final[1] == dragon && final[2] == dragon && final[3] == dragon) { winnings = 50; gotospin = 0; jackpot.play(); } if (final[1] == hero && final[2] == hero && final[3] == hero) { winnings = 30; gotospin = 0; jackpot.play(); }

9 Bonus(C#): int[] Bonus = new int[3] { 100, 50, 10 }; if (final[1] == star && final[2] == star && final[3] == star) { MessageBox.Show("BONUS"); button2.visible = true; button3.visible = true; button4.visible = true; Hold1.Visible = false; Hold2.Visible = false; Hold3.Visible = false; spin++; }

10 Modulo TRASCODIFICA (C#): if (winnings > 0 && spin == 1 && gotospin==0) { Hold1.Visible = false; Hold2.Visible = false; Hold3.Visible = false; button1.visible = true; winnings = 0; spin++; gotospin = 1; } if (winnings >= 0 && spin == 0) { spin = 2; a = 0; b = 0; winnings = 0; }

11 Modulo GAME (VHDL):

12 Modulo TRASCODIFICA (VHDL): T:=CONV_INTEGER(Credit); if T=0 then Dd:=0; Du:=63; elsif T=1 then Dd:=0; Du:=9; elsif T=2 then Dd:=0; Du:=94; elsif T=3 then Dd:=0; Du:=91; elsif T=4 then Dd:=0; Du:=105;

13 Modulo RANDOM(VHDL):

14 Modulo RANDOM (VHDL): begin process(clk1) -- processo che gestisce l'evoluzione dei numeri casuali variable rand_temp : std_logic_vector(width-1 downto 0):=(6 => '1',others => '0'); variable temp : std_logic := '0'; begin if(rising_edge(clk1)) then temp := rand_temp(width-2) xor rand_temp(width-5); rand_temp(width-1 downto 1) := rand_temp(width-2 downto 0); rand_temp(0) := temp; end if; random_num <= rand_temp after 1 ps; end process;

15 Conversioni valori (VHDL): begin if (exit_num1 = "000") then col1 <="000"; --mage elsif (exit_num1 = "001") then col1 <="001"; --dragon elsif (exit_num1 = "010") then col1 <="010"; --hero elsif (exit_num1 = "011") then col1 <="010"; --hero elsif (exit_num1 = "100") then col1 <="011"; --elf elsif (exit_num1 = "101") then col1 <="100"; --orc elsif (exit_num1 = "110") then col1 <="100"; --orc elsif (exit_num1 = "111") then col1 <="101"; --death (anche 110 e 111) end if; end process conversione_col1;

16 Modulo GAME2 (VHDL):

17 Modulo GAME2 (VHDL): In questo modulo possiamo svolgere due operazioni: 1.Hold dei rulli e riproporre il random nei restanti lasciati liberi 2.Passare direttamente al modulo FINAL in caso di giocata DOUBLE elsif (hold1='1') and (hold2='1') then col1final <= col1; col2final <= col2; col3final <= new_col3; start3 <= temp2; elsif (hold1='1') and (hold2='1') and (hold3='1') then if (double='1') then col1final <= col1; col2final <= col2; col3final <= col3; start3 <= temp2; col1final <= col1; col2final <= col2; col3final <= col3; start3 <= temp2;

18 Modulo FINAL (VHDL): In questo modulo possono verificarsi due scenari: 1.Pagamenti in base alla configurazione (doppi o se c è DOUBLE) 2.Apertura del sottogioco (BONUS) begin if (start3'event) and (start3 = '1') then if (col1final="001") and (col2final="001") and (col3final="001") then if (double = '1') then credit_win <= " "; enable <= temp3; else credit_win <= " "; enable <= temp3; end if;

19 Combinazione vincite (VHDL): begin if (start3'event) and (start3 = '1') then if (col1final="001") and (col2final="001") and (col3final="001") then if (double = '1') then credit_win <= " "; enable <= temp3; else credit_win <= " "; enable <= temp3; end if; elsif (col1final="001") and (col2final="001") and (col3final= not "001") then if (double = '1') then credit_win <= " "; enable <= temp3; else credit_win <= " "; enable <= temp3; end if;

20 Bonus(VHDL): elsif (col1final= "000") and (col2final="000") and (col3final= "000") then bonus_sign <= bonus_temp; end if; else credit_win <= " "; enable <= temp3; end if; Begin if (bonus_sign'event) and (bonus_sign='1') and (hold1='1')then if (clk1 = '1') then credit_win <= " "; enable <= temp3; elsif (clk = '1') then credit_win <= " "; enable <= temp3; else credit_win <= " "; enable <= temp3; end if; end if;

21 Simulazione FASE RANDOM (VHDL): begin start1 <= '0'; clk1 <= '0'; wait for clk_period/2; clk1 <= '1'; wait for clk_period/2; begin if (start1' event) then exit_temp(2) := random_num(5); exit_temp(1) := random_num(3); exit_temp(0) := random_num(1); exit_num1 (2 downto 0) <= exit_temp (2 downto 0); end if;

22 Simulazione TRASCODIFICA (VHDL): variable T: integer:=0; Begin wait for 100 ns; T:=0; Credit_temp <= CONV_STD_LOGIC_VECTOR(T,7); Begin T:=CONV_INTEGER(Credit); if T=0 then Dd:=0; Du:=63; elsif T=1 then Dd:=0; Du:=9; elsif T=2 then Dd:=0; Du:=94;

23 Simulazione GAME2(VHDL):

24 Simulazione FINAL (VHDL):

25 Simulazione Totale (VHDL):

Progetto di una Slot Machine da sala scommesse implementata in VHDL e C#.

Progetto di una Slot Machine da sala scommesse implementata in VHDL e C#. UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI BOLOGNA FACOLTA' DI INGEGNERIA Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Informatica Calcolatori Elettronici M Prof. Giovanni Neri, Prof. Stefano Mattoccia Progetto di Calcolatori

Dettagli

Descrizioni VHDL Behavioral

Descrizioni VHDL Behavioral 1 Descrizioni VHDL Behavioral In questo capitolo vedremo come la struttura di un sistema digitale è descritto in VHDL utilizzando descrizioni di tipo comportamentale. Outline: process wait statements,

Dettagli

Introduzione al VHDL. Alcuni concetti introduttivi

Introduzione al VHDL. Alcuni concetti introduttivi Introduzione al VHDL Alcuni concetti introduttivi Riferimenti The VHDL Cookbook, Peter J. Ashenden, Reperibile nel sito: http://vlsilab.polito.it/documents.html The VHDL Made Easy, David Pellerin, Douglas

Dettagli

Facoltà di Ingegneria Corso di Studi in Ingegneria Informatica. Metodologie e strumenti per il reengineering del workflow management

Facoltà di Ingegneria Corso di Studi in Ingegneria Informatica. Metodologie e strumenti per il reengineering del workflow management Descrizione di Macchine a Stati finiti in VHDL Descrizioni di Macchine a Stati finiti in VHDL In questa lezione vedremo come un sistema digitale sequenziale può essere descritto in VHDL. Outline: Macchine

Dettagli

Calcolatori Elettronici M Modulo 2. 02 - Linguaggio VHDL Parte 1/2

Calcolatori Elettronici M Modulo 2. 02 - Linguaggio VHDL Parte 1/2 Calcolatori Elettronici M Modulo 2 02 - Linguaggio VHDL Parte 1/2 1 Caratteristiche dei linguaggi HDL Gli HDL, essendo linguaggio di programmazione finalizzati a modellare l HARDWARE, presentano delle

Dettagli

Reti Logiche A. Introduzione al VHDL

Reti Logiche A. Introduzione al VHDL Reti Logiche Introduzione al VHDL Gianluca Palermo Politecnico di Milano Dipartimento di Elettronica e Informazione e-mail: gpalermo@fusberta.elet.polimi.it 1 Sommario Introduzione Struttura di un modello

Dettagli

Nonostante l avvento delle più moderne

Nonostante l avvento delle più moderne di terminati ad entrambe le estremità con un impedenza di questo valore. Come già detto se si vuole ottenere la massima luminosità di uno dei segnali di colore occorre fornire circa 0.7V. Per fare questo

Dettagli

Progetto Lauree Scientifiche Liceo Classico L.Ariosto, Ferrara Dipartimento di Matematica Università di Ferrara 24 Gennaio 2012

Progetto Lauree Scientifiche Liceo Classico L.Ariosto, Ferrara Dipartimento di Matematica Università di Ferrara 24 Gennaio 2012 Progetto Lauree Scientifiche Liceo Classico L.Ariosto, Ferrara Dipartimento di Matematica Università di Ferrara 24 Gennaio 2012 Concetti importanti da (ri)vedere Programmazione imperativa Strutture di

Dettagli

Sintesi Logica dal livello RTL. FPGA Xilinx Virtex II

Sintesi Logica dal livello RTL. FPGA Xilinx Virtex II Sintesi Logica dal livello RTL FPGA Xilinx Virtex II 1 Sintesi Logica dal livello RTL La Sintesi Logica si occupa di trasformare la descrizione di un circuito a livello RTL (Register Transfer Level) in

Dettagli

Visual Basic for Applications (VBA) Francesco Brun Fondamenti di Informatica a.a. 2014/2015

Visual Basic for Applications (VBA) Francesco Brun Fondamenti di Informatica a.a. 2014/2015 Francesco Brun Fondamenti di Informatica a.a. 2014/2015 Scopo di questo approfondimento Lo scopo di questo approfondimento è rispondere alla domanda: e se nella vita mi troverò a dover utilizzare un linguaggio

Dettagli

Descrizione VHDL di componenti combinatori

Descrizione VHDL di componenti combinatori Descrizione VHDL di componenti combinatori 5 giugno 2003 1 Decoder Il decoder è un componente dotato di N ingressi e 2 N uscite. Le uscite sono poste tutte a 0 tranne quella corrispondente al numero binario

Dettagli

Calcolatori Elettronici M Modulo 2. 05 - Progetto VHDL e Sintesi su FPGA di un processore RISC pipelined a 32 bit

Calcolatori Elettronici M Modulo 2. 05 - Progetto VHDL e Sintesi su FPGA di un processore RISC pipelined a 32 bit Calcolatori Elettronici M Modulo 2 05 - Progetto VHDL e Sintesi su FPGA di un processore RISC pipelined a 32 bit 1 Introduzione In questa parte del corso verrà descritto il progetto VHDL di un processore

Dettagli

Politecnico di Milano. Reti Wireless. Seminari didattici. Dalla teoria alla soluzione. Ilario Filippini

Politecnico di Milano. Reti Wireless. Seminari didattici. Dalla teoria alla soluzione. Ilario Filippini Politecnico di Milano Reti Wireless Seminari didattici Dalla teoria alla soluzione Ilario Filippini 2 Approccio euristico 3 Obiettivo dell approccio euristico 4 Tipi di euristiche Dalla teoria alla soluzione

Dettagli

Università Federico II - Napoli - A.A. 2011/2012 Corso di Laurea in Ingegneria Elettronica

Università Federico II - Napoli - A.A. 2011/2012 Corso di Laurea in Ingegneria Elettronica Università Federico II - Napoli - A.A. 2011/2012 Corso di Laurea in Ingegneria Elettronica Architettura dei Sistemi Integrati Elaborato Progettazione microprocessore Pico16 Alunno X X Professore Antonio

Dettagli

Elaborato di Architettura dei Sistemi Integrati

Elaborato di Architettura dei Sistemi Integrati Elaborato di Architettura dei Sistemi Integrati Indice Indice... 1 Prima Esercitazione: Adder a 16bit... 3 Seconda Esercitazione: ALU del processore... 7 Modulo aritmetico... 7 Modulo logico...11 ALU Unità

Dettagli

CORSO DI PROGRAMMAZIONE

CORSO DI PROGRAMMAZIONE ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE G. M. ANGIOY SASSARI CORSO DI PROGRAMMAZIONE ELEMENTI STATICI E CLASSI STATICHE DISPENSA 15.03 15-03_OOP_Static_[15] Questa dispensa è rilasciata sotto la licenza Creative

Dettagli

Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria delle Telecomunicazioni. Relazione Progetto del Corso di Elettronica Dei Sistemi Digitali

Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria delle Telecomunicazioni. Relazione Progetto del Corso di Elettronica Dei Sistemi Digitali Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria delle Telecomunicazioni Relazione Progetto del Corso di Elettronica Dei Sistemi Digitali Decodificatore Morse Professore: Prof. R. Passerone. Studenti:

Dettagli

Sottoprogrammi: astrazione procedurale

Sottoprogrammi: astrazione procedurale Sottoprogrammi: astrazione procedurale Incapsulamento di un segmento di programma presente = false; j = 0; while ( (j

Dettagli

BLACK SLOT COME SI GIOCA A BLACK SLOT:

BLACK SLOT COME SI GIOCA A BLACK SLOT: BLACK SLOT COME SI GIOCA A BLACK SLOT: Questo videogioco utilizza quattro display per informare il giocatore lungo tutto il corso della partita. Indicheremo questi display con le lettere A) B) C) D) per

Dettagli

Introduzione a Visual Basic Lezione 1 Concetti base e istruzioni condizionali

Introduzione a Visual Basic Lezione 1 Concetti base e istruzioni condizionali a Visual Basic Lezione 1 Concetti base e istruzioni condizionali Mario Alviano Introduzione all informatica Università della Calabria http://alviano.net/introinfo A.A. 2008/09 Introduzione Un esempio:

Dettagli

Università degli Studi di Padova. Corso di Laurea in Ingegneria Elettronica

Università degli Studi di Padova. Corso di Laurea in Ingegneria Elettronica Università degli Studi di Padova Corso di Laurea in Ingegneria Elettronica Sviluppo di un sistema anti intrusione su scheda FPGA Laureando: Loris Pretto Relatore: Prof. Daniele Vogrig Sommario Scopo della

Dettagli

GESTIONE INFORMATICA DEI DATI AZIENDALI

GESTIONE INFORMATICA DEI DATI AZIENDALI GESTIONE INFORMATICA DEI DATI AZIENDALI Alberto ZANONI Centro Vito Volterra Università Tor Vergata Via Columbia 2, 00133 Roma, Italy zanoni@volterra.uniroma2.it Rudimenti di programmazione Programming

Dettagli

Synchronized (ancora)

Synchronized (ancora) Synchronized (ancora) Riscriviamo l esempio di prima. Usiamo una struttura modulare, con una classe Notificatore che ha opportuni metodi. La classe ha due campi privati, la lista buftext e un suo thread.

Dettagli

12 - Introduzione alla Programmazione Orientata agli Oggetti (Object Oriented Programming OOP)

12 - Introduzione alla Programmazione Orientata agli Oggetti (Object Oriented Programming OOP) 12 - Introduzione alla Programmazione Orientata agli Oggetti (Object Oriented Programming OOP) Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java Paolo Milazzo Dipartimento di Informatica,

Dettagli

Tipi di Dato Ricorsivi

Tipi di Dato Ricorsivi Tipi di Dato Ricorsivi Luca Abeni September 2, 2015 1 Tipi di Dato Vari linguaggi di programmazione permettono all utente di definire nuovi tipi di dato definendo per ogni nuovo tipo l insieme dei suoi

Dettagli

Progettazione in VHDL del Vertex Shader

Progettazione in VHDL del Vertex Shader Progettazione in VHDL del Vertex Shader Pag. 75 PARTE TERZA Progettazione in VHDL del Vertex Shader Autori: Gian Maria Ricci La presente parte è organizzata nei seguenti capitoli: Capitolo 3. Realizzare

Dettagli

MONDIAL REGOLAMENTO Regole del gioco Simbolo WILD Simbolo Scatter

MONDIAL REGOLAMENTO Regole del gioco Simbolo WILD Simbolo Scatter MONDIAL REGOLAMENTO Regole del gioco MONDIAL è una video slot con 5 rulli e 3 righe con simboli Wild, Instant Win, Bonus e Scatter. Puoi giocare da 1 a 25 linee di gioco, da 1 fino a 5 gettoni per linea,

Dettagli

Controllo degli accessi

Controllo degli accessi Il linguaggio Java Il controllo degli accessi alle classi ed ai membri di una classe Controllo degli accessi Accesso alle classi Accesso alle classi package package miopackage; public public class class

Dettagli

CORSO DI PROGRAMMAZIONE

CORSO DI PROGRAMMAZIONE ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE G. M. ANGIOY SASSARI CORSO DI PROGRAMMAZIONE OBJECT ORIENTED PROGRAMMING: I METODI DISPENSA 15.02 15-02_OOP_Metodi_[15] Questa dispensa è rilasciata sotto la licenza Creative

Dettagli

Realizzazione di Politiche di Gestione delle Risorse: i Semafori Privati

Realizzazione di Politiche di Gestione delle Risorse: i Semafori Privati Realizzazione di Politiche di Gestione delle Risorse: i Semafori Privati Condizione di sincronizzazione Qualora si voglia realizzare una determinata politica di gestione delle risorse,la decisione se ad

Dettagli

Misuratore di frequenza

Misuratore di frequenza UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA Misuratore di frequenza Tesi di laurea triennale in ingegneria dell Informazione Antonio Rizzo Matricola: 610143 28/09/2012 Relatore: Daniele Vogrig Realizzazione di un

Dettagli

esercizi Esercizi / problemi

esercizi Esercizi / problemi Sistemi informativi applicati (reti di calcolatori): esercizi 1 Esercizi / problemi 1. Creare un applicazione che calcoli la media aritmetica dei seguenti valori interi: 35, 117, 23 e ne visualizzi il

Dettagli

Laboratorio di Calcolatori Elettronici

Laboratorio di Calcolatori Elettronici Laboratorio di Calcolatori Elettronici Introduzione al VHDL Progettare utilizzando VHDL: dall esempio al costrutto 1 di 72 Ringraziamenti Questo dispensa è stata sviluppata nell ambito del corso di Calcolatori

Dettagli

Unità B3 Strutture di controllo

Unità B3 Strutture di controllo (A) CONOSCENZA TERMINOLOGICA Dare una breve descrizione dei termini introdotti: I/O su console Package Blocco di controllo Oggetto System.out Oggetto System.in Oggetto Tastiera Metodo readline() Strutture

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FIRENZE. Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Informatica !" #$ & +

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FIRENZE. Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Informatica ! #$ & + UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FIRENZE Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Informatica!" #$ %&&'()* & + + Sommario INTRODUZIONE... 2 1.1 UN ESEMPIO... 3 PRINCIPALI CARATTERISTICHE DEL LINGUAGGIO...

Dettagli

La selezione binaria

La selezione binaria Andrea Marin Università Ca Foscari Venezia Laurea in Informatica Corso di Programmazione part-time a.a. 2011/2012 Introduzione L esecuzione di tutte le istruzioni in sequenza può non è sufficiente per

Dettagli

Esercizio 6 Realizzare una classe astratta per le Figure piane e due sottoclassi, la sottoclasse Quadrato e la sottoclasse Rettangolo.

Esercizio 6 Realizzare una classe astratta per le Figure piane e due sottoclassi, la sottoclasse Quadrato e la sottoclasse Rettangolo. Esercizio 6 Realizzare una classe astratta per le Figure piane e due sottoclassi, la sottoclasse Quadrato e la sottoclasse Rettangolo. public abstract class FiguraPiana2{ private double base; public FiguraPiana2(double

Dettagli

Hardware Open Source per sistemi embedded

Hardware Open Source per sistemi embedded Hardware Open Source per sistemi embedded Leandro Fiorin OSLab ALaRI, Facoltà di Informatica Università della Svizzera italiana fiorin@alari.ch Outline Introduzione Hardware open source Licenze per Hardware

Dettagli

FreeNX @ ENEA GRID Gestione e Amministrazione. Samuele Pierattini ENEA

FreeNX @ ENEA GRID Gestione e Amministrazione. Samuele Pierattini ENEA FreeNX @ ENEA GRID Gestione e Amministrazione Samuele Pierattini ENEA Sommario Cos è FreeNX Architettura Installazione in ENEA GRID Configurazione in ENEA GRID Amministrazione FreeNX e VirtualGL Troubleshooting

Dettagli

L algoritmo di ricerca binaria. Daniele Varin LS Ing. Informatica Corso di Informatica teorica Docente: prof. Paolo Sipala

L algoritmo di ricerca binaria. Daniele Varin LS Ing. Informatica Corso di Informatica teorica Docente: prof. Paolo Sipala L algoritmo di ricerca binaria Daniele Varin LS Ing. Informatica Corso di Informatica teorica Docente: prof. Paolo Sipala L algoritmo di ricerca binaria (o dicotomica) In informatica,, la ricerca dicotomica

Dettagli

Introduzione alla Programmazione e Applicazioni per la Finanza M2 (Prodotti Derivati) Lezione 13

Introduzione alla Programmazione e Applicazioni per la Finanza M2 (Prodotti Derivati) Lezione 13 Introduzione alla Programmazione e Applicazioni per la Finanza M2 (Prodotti Derivati) Lezione 13 Anno accademico 2006-07 Titolare corso: Prof. Costanza Torricelli Docente: Dott.ssa Marianna Brunetti I

Dettagli

Laboratorio di Sistemi Digitali M A.A. 2010/11

Laboratorio di Sistemi Digitali M A.A. 2010/11 begin if (RESET_N = '0') then for col in 0 to BOARD_COLUMNS-1 loop for row in 0 to BOARD_ROWS-1 loop... elsif (rising_edge(clock)) then... Laboratorio di Sistemi Digitali M 2 Introduzione Altera Quartus

Dettagli

Corso di Laurea in Ingegneria Gestionale Esame di Informatica a.a. 2012-13 14 giugno 2013

Corso di Laurea in Ingegneria Gestionale Esame di Informatica a.a. 2012-13 14 giugno 2013 Cognome Nome Matricola Postazione PC Corso di Laurea in Ingegneria Gestionale Esame di Informatica a.a. 2012-13 14 giugno 2013 Testo Il database di una banca è costituito da due vettori paralleli. Il primo

Dettagli

Il blog di Emanuele Mattei in ambito Database

Il blog di Emanuele Mattei in ambito Database Il blog di Emanuele Mattei in ambito Database Programmazione database, ado.net e database mobile Come visualizzare ed inserire le immagini in un database Microsoft Access tramite Ado.Net Riporto l'articolo

Dettagli

Descrizione di un algoritmo

Descrizione di un algoritmo Descrizione di un algoritmo Un algoritmo descrive due tipi fondamentali di oper: calcoli ottenibili tramite le oper primitive su tipi di dato (valutazione di espressioni) che consistono nella modifica

Dettagli

SAPIENZA Università di Roma Facoltà di Ingegneria

SAPIENZA Università di Roma Facoltà di Ingegneria SAPIENZA Università di Roma Facoltà di Ingegneria Tesina di Metodi formali nell ingegneria del software Autori: Piacentini Vanda - Rocco Germano Anno accademico 2006/2007 MODELLAZIONE DEL SISTEMA DI COMUNICAZIONE

Dettagli

slot machines come giocare

slot machines come giocare slot machines come giocare Indice Le slot machines al Casinò di Lugano 4 Come si gioca alle slot machines? 7 Tipologie di Jackpot 8 Progressive Jackpot 8 Mystery Jackpot 8 I punti CashCard 9 Si desidera

Dettagli

Algoritmi di Ricerca. Esempi di programmi Java

Algoritmi di Ricerca. Esempi di programmi Java Fondamenti di Informatica Algoritmi di Ricerca Esempi di programmi Java Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1 Ricerca in una sequenza di elementi Data una sequenza di elementi, occorre verificare

Dettagli

Ottava Esercitazione. introduzione ai thread java mutua esclusione

Ottava Esercitazione. introduzione ai thread java mutua esclusione Ottava Esercitazione introduzione ai thread java mutua esclusione Agenda Esempio 1 Concorrenza in Java: creazione ed attivazione di thread concorrenti. Esercizio 2 da svolgere Concorrenza in Java: sincronizzazione

Dettagli

Un esercizio d esame. Flavio De Paoli

Un esercizio d esame. Flavio De Paoli Un esercizio d esame e note sulla gestione dei dati Flavio De Paoli Il testo (Appello 22 ottobre 2001) Una stazione di servizio dispone di n distributori di benzina. I clienti si presentano a uno dei distributori

Dettagli

CAPITOLO 2. 2.1 Evoluzione nella progettazione dei circuiti integrati

CAPITOLO 2. 2.1 Evoluzione nella progettazione dei circuiti integrati CAPITOLO 2 Questo capitolo contiene una breve storia sull evoluzione nella progettazione dei circuiti integrati, seguita da una approfondita analisi dei mezzi che vengono usati attualmente a tale scopo,

Dettagli

id permanente dell apparecchio CODEID _

id permanente dell apparecchio CODEID _ APPARECCHIO ELETTRONICO DA INTRATTENIMENTO Conforme all art. 110, comma 6a, del Testo Unico delle leggi di Pubblica Sicurezza, Omologato dalla Amministrazione Autonoma dei Monopoli di Stato id permanente

Dettagli

13 - Gestione della Memoria nella Programmazione Orientata agli Oggetti

13 - Gestione della Memoria nella Programmazione Orientata agli Oggetti 13 - Gestione della Memoria nella Programmazione Orientata agli Oggetti Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java Paolo Milazzo Dipartimento di Informatica, Università di Pisa http://www.di.unipi.it/

Dettagli

APPARECCHIO ELETTRONICO DA INTRATTENIMENTO

APPARECCHIO ELETTRONICO DA INTRATTENIMENTO APPARECCHIO ELETTRONICO DA INTRATTENIMENTO Conforme all art. 110, comma 6a, del Testo Unico delle leggi di Pubblica Sicurezza, Omologato dalla Amministrazione Autonoma dei Monopoli di Stato SCHEDA ESPLICATIVA

Dettagli

Esercitazione n 4. Obiettivi

Esercitazione n 4. Obiettivi Esercitazione n 4 Obiettivi Progettare e implementare per intero un componente software in Java Linguaggio Java: Classi astratte Utilizzo di costruttori e metodi di superclasse Polimorfismo Esempio guida:

Dettagli

Blocchi funzione: FbModbusAsciiMs

Blocchi funzione: FbModbusAsciiMs Pagina 1 di 6 ELSIST Srl, www.elsist.it Blocchi funzione MNL041Q000 FbModbusAsciiMs Questo blocco funzione permette lo scambio di dati tra due sistemi, uno master ed uno slave, utilizzando una connessione

Dettagli

PL/SQL PL/SQL. Ordine degli elementi dei triggers di Oracle. Differenze nei triggers. Versione dei trigger e PSM di Oracle

PL/SQL PL/SQL. Ordine degli elementi dei triggers di Oracle. Differenze nei triggers. Versione dei trigger e PSM di Oracle Versione dei trigger e PSM di Oracle Lucidi derivati da quelli di Jeffrey D Ullman Oracle usa una variante di SQL/PSM che si chiama non consente solo di creare e memorizzare procedure e funzioni, ma puo

Dettagli

slot machines come giocare

slot machines come giocare slot machines come giocare Indice Le slot machine al Casinò di Lugano 4 Come si gioca alle slot machine? 7 Cos è il mystery jackpot? 8 Cos è il bonus jackpot? 8 Cos è un jackpot progressivo? 9 I punti

Dettagli

Lo Schaff indicator. Fabio Pacchioni ed Enrico Malverti Fabio.paccioni@gmail.com Info@enricomalverti.com

Lo Schaff indicator. Fabio Pacchioni ed Enrico Malverti Fabio.paccioni@gmail.com Info@enricomalverti.com Lo Schaff indicator Fabio Pacchioni ed Enrico Malverti Fabio.paccioni@gmail.com Info@enricomalverti.com Lo Schaff Trend Cycle Indicator (STC) è il prodotto della combinazione di uno stocastico lento con

Dettagli

ARRAY BIDIMENSIONALI float [][] mx = new float[3][4]; (float []) [] mx = new float[3][4];

ARRAY BIDIMENSIONALI float [][] mx = new float[3][4]; (float []) [] mx = new float[3][4]; ARRAY BIDIMENSIONALI Si possono definire array di qualunque tipo di dato, quindi anche di altre array float [][] mx = new float[3][4]; ovvero.. (float []) [] mx = new float[3][4]; La loro motivazione (storica)

Dettagli

Esercizio di Sincronizzazione tra Processi: Ponte a Senso Unico Alternato con Capacità Limitata

Esercizio di Sincronizzazione tra Processi: Ponte a Senso Unico Alternato con Capacità Limitata Esercizio di Sincronizzazione tra Processi: Ponte a Senso Unico Alternato con Capacità Limitata Supponiamo sempre di avere un ponte stretto che permette il passaggio delle auto solo in un verso per volta,

Dettagli

PL/SQL Uso di un linguaggio procedurale per un database

PL/SQL Uso di un linguaggio procedurale per un database PL/SQL Uso di un linguaggio procedurale per un database Roberto Basili Corso di Basi Di Dati 1 a.a. 2000-2001 Abstract Questa breve dispensa descrive piu etesamente i contenuti della esercitazione del

Dettagli

Processi parte V. Processi parte V. Sincronizzazione dei processi mediante monitor: Sintassi Funzionamento Implementazione

Processi parte V. Processi parte V. Sincronizzazione dei processi mediante monitor: Sintassi Funzionamento Implementazione Processi parte V Processi parte V Sincronizzazione dei processi mediante monitor: Sintassi Funzionamento Implementazione Monitor Il costrutto monitor permette di definire un tipo di dato astratto e di

Dettagli

Meccanismi di sincronizzazione: Semafori e Monitor

Meccanismi di sincronizzazione: Semafori e Monitor Meccanismi di sincronizzazione: Semafori e Monitor 1 Introduzione Nelle prossime lezioni vedremo alcuni meccanismi dei sistemi operativi e dei linguaggi di programmazione sviluppati per facilitare la scrittura

Dettagli

Connessione ad internet

Connessione ad internet Introduzione al C++ Connessione ad internet Istruzioni per la connessione internet: - una volta connessi, aprire un browser (firefox) - in Modifica/preferenze/avanzate/rete/impostazioni - attivare la modalità

Dettagli

Università degli Studi di Napoli Parthenope Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di Laurea in Informatica Generale

Università degli Studi di Napoli Parthenope Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di Laurea in Informatica Generale Università degli Studi di Napoli Parthenope Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di Laurea in Informatica Generale Progetto realizzato per l esame di Programmazione III e Laboratorio di Programmazione

Dettagli

Triggers. Basi dati attive. Trigger. Indipendenza della conoscenza

Triggers. Basi dati attive. Trigger. Indipendenza della conoscenza Basi dati attive Triggers Antonella Poggi Domenico Lembo Dipartimento di informatica e Sistemistica SAPIENZA Università di Roma Progetto di Applicazioni Software Anno accademico 2009-2010 Una base di dati

Dettagli

BALDAZZI STYL ART S.p.A. - Via dell artigiano 17-40065 Pianoro (BO) Tel. 051-6516102 - Fax 051-6516142 info@baldazzi.com

BALDAZZI STYL ART S.p.A. - Via dell artigiano 17-40065 Pianoro (BO) Tel. 051-6516102 - Fax 051-6516142 info@baldazzi.com BALDAZZI STYL ART S.p.A. Via dell artigiano 17 40065 Pianoro (BO) Tel. 0516516102 Fax 0516516142 info@baldazzi.com 1.f Regole che governano il gioco All avvio della partita si gioca sempre nei 5 rulli.

Dettagli

Serduino - SERRA CON ARDUINO

Serduino - SERRA CON ARDUINO Serduino - SERRA CON ARDUINO 1 Componenti Facchini Riccardo (responsabile parte hardware) Guglielmetti Andrea (responsabile parte software) Laurenti Lorenzo (progettazione hardware) Rigolli Andrea (reparto

Dettagli

Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica 2

Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica 2 Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica 2 Dispensa 12 ADT: Lista, Pila, Coda A. Miola Marzo 2008 http://www.dia.uniroma3.it/~java/fondinf2/ ADT: Lista, Pila, Coda 1 Contenuti!Tipo

Dettagli

Parcheggio.rtf 1/8 6 gennaio 2009. Prova di programmazione: parcheggio a pagamento

Parcheggio.rtf 1/8 6 gennaio 2009. Prova di programmazione: parcheggio a pagamento Parcheggio.rtf 1/8 6 gennaio 2009 Prova di programmazione: parcheggio a pagamento Si sviluppi il codice per la gestione di un parcheggio a pagamento mediante la classe Parcheggio, che ospita le auto rappresentate

Dettagli

Programmazione. Prima lezione sugli oggetti: agenda

Programmazione. Prima lezione sugli oggetti: agenda Programmazione A.A. 2002-03 I Programmazione Orientata agli Oggetti (1): Principi generali ( Lezione XXV ) Prof. Giovanni Gallo Dr. Gianluca Cincotti Dipartimento di Matematica e Informatica Università

Dettagli

Algoritmi e Strutture Dati

Algoritmi e Strutture Dati schifano@fe.infn.it Laurea di Informatica - Università di Ferrara 2011-2012 [1] Strutture dati Dinamiche: Le liste Una lista è una sequenza di elementi di un certo tipo in cui è possibile aggiungere e/o

Dettagli

Linguaggi Corso M-Z - Laurea in Ingegneria Informatica A.A. 2007-2008. Esercitazione. Programmazione Object Oriented in Java

Linguaggi Corso M-Z - Laurea in Ingegneria Informatica A.A. 2007-2008. Esercitazione. Programmazione Object Oriented in Java Linguaggi Corso M-Z - Laurea in Ingegneria Informatica A.A. 2007-2008 Alessandro Longheu http://www.diit.unict.it/users/alongheu alessandro.longheu@diit.unict.it Programmazione Object Oriented in Java

Dettagli

Plus srl :: www.conplus.it :: info@conplus.it :: Via Morgagni, 4/A 37135 Verona :: Tel. +39 045 580 491 :: Fax 045 82 78 722

Plus srl :: www.conplus.it :: info@conplus.it :: Via Morgagni, 4/A 37135 Verona :: Tel. +39 045 580 491 :: Fax 045 82 78 722 PMF Web-Service Quick-Start Guide Guida Introduttiva Cliente Redatto da Francesco Buratto Redatto il 01 gennaio 2011 Riferimento PMF 2011 Introduzione PMFWS è un web-service HTTP che espone un interfaccia

Dettagli

Corso di Informatica Applicata. Lezione 7. Università degli studi di Cassino

Corso di Informatica Applicata. Lezione 7. Università degli studi di Cassino Università degli studi di Cassino Corso di Laurea in Ingegneria della Produzione Industriale Corso di Informatica Applicata Lezione 7 Ing. Saverio De Vito e-mail: saverio.devito@portici.enea.it Tel.: +39

Dettagli

Introduzione ai tipi di dato astratti: applicazione alle liste

Introduzione ai tipi di dato astratti: applicazione alle liste Universitàdegli Studi di L Aquila Facoltàdi Scienze M.F.N. Corso di Laurea in Informatica Corso di Laboratorio di Algoritmi e Strutture Dati A.A. 2005/2006 Introduzione ai tipi di dato astratti: applicazione

Dettagli

La ricorsione. Politecnico di Milano Sede di Cremona

La ricorsione. Politecnico di Milano Sede di Cremona La ricorsione Politecnico di Milano Sede di Cremona Gianpaolo Cugola Dipartimento di Elettronica e Informazione cugola@elet.polimi.it http://www.elet.polimi.it/~cugola Definizioni ricorsive Sono comuni

Dettagli

STRUTTURE (O COSTRUTTI) DI CONTROLLO

STRUTTURE (O COSTRUTTI) DI CONTROLLO Le strutture di controllo Le strutture di controllo STRUTTURE (O COSTRUTTI) DI CONTROLLO determinano l ordine con cui devono essere eseguite le istruzioni sono indipendenti dalla natura delle istruzioni

Dettagli

Esercizi Java. class somma2 { static int somma(int a,int b) {return a+b; }

Esercizi Java. class somma2 { static int somma(int a,int b) {return a+b; } Java è un linguaggio di programmazione c indipendente dalla piattaforma, ovvero un linguaggio di programmazione che permette di compilare i programmi una volta sola e di installarli su computer che usano

Dettagli

Middleware Laboratory. Dai sistemi concorrenti ai sistemi distribuiti

Middleware Laboratory. Dai sistemi concorrenti ai sistemi distribuiti Dai sistemi concorrenti ai sistemi distribuiti Problemi nei sistemi concorrenti e distribuiti I sistemi concorrenti e distribuiti hanno in comune l ovvio problema di coordinare le varie attività dei differenti

Dettagli

Lezione 8. Metadati, Viste e Trigger

Lezione 8. Metadati, Viste e Trigger Lezione 8 Metadati, Viste e Trigger Pag.1 Metadati e catalogo di sistema I metadati sono dati a proposito dei dati (quali tabelle esistono?, quali campi contengono?, quante tuple contengono?, ci sono vincoli

Dettagli

Fate il vostro gioco!

Fate il vostro gioco! Slot-machine Fate il vostro gioco! Fate il vostro gioco! Una visita al Casinò promette ore emozionanti in un ambiente esclusivo: Momenti unici ed entusiasmanti, e naturalmente tantissime possibilità di

Dettagli

Progettazione di circuiti digitali e linguaggio VHDL

Progettazione di circuiti digitali e linguaggio VHDL Progettazione di circuiti digitali e linguaggio VHDL Sergio Ricciarini ~ INFN Firenze Corso di Elettronica Generale I Laurea Specialistica in Scienze Fisiche e Astrofisiche Dip. di Fisica - Università

Dettagli

Aritmetica. Progetto dei programmi

Aritmetica. Progetto dei programmi Aritmetica Un approccio metodologico alla costruzione dei programmi. Tipi di dati primitivi. int, float, double Variabili, dichiarazioni e operazioni Progetto dei programmi 2 Definizione del problema Scenario

Dettagli

Universita' di Ferrara Dipartimento di Matematica e Informatica. Algoritmi e Strutture Dati. Rappresentazione concreta di insiemi e Hash table

Universita' di Ferrara Dipartimento di Matematica e Informatica. Algoritmi e Strutture Dati. Rappresentazione concreta di insiemi e Hash table Universita' di Ferrara Dipartimento di Matematica e Informatica Algoritmi e Strutture Dati Rappresentazione concreta di insiemi e Hash table Copyright 2006-2015 by Claudio Salati. Lez. 9a 1 Rappresentazione

Dettagli

Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica

Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica Dispensa E04 Esempi di algoritmi e programmi C. Limongelli - A. Miola Novembre 2011 1 Contenuti q Somma di una sequenza di numeri interi

Dettagli

La progettazione di un database non ha un unica soluzione. Quella proposta può essere quindi variata in base all esperienza del programmatore.

La progettazione di un database non ha un unica soluzione. Quella proposta può essere quindi variata in base all esperienza del programmatore. Esame di Stato Istituto Tecnico Commerciale Proposta di soluzione della Seconda Prova Indirizzo: PROGRAMMATORI Tema di: INFORMATICA GENERALE E APPLICAZIONI GESTIONALI (Testo valevole anche per i corsi

Dettagli

Semantica dei programmi. La semantica dei programmi è la caratterizzazione matematica dei possibili comportamenti di un programma.

Semantica dei programmi. La semantica dei programmi è la caratterizzazione matematica dei possibili comportamenti di un programma. Semantica dei programmi La semantica dei programmi è la caratterizzazione matematica dei possibili comportamenti di un programma. Semantica operazionale: associa ad ogni programma la sequenza delle sue

Dettagli

Corso di Tecniche di Programmazione

Corso di Tecniche di Programmazione Corso di Tecniche di Programmazione Corsi di Laurea in Ingegneria Informatica ed Automatica Anno Accedemico 003/004 Proff. Giuseppe De Giacomo, Luca Iocchi, Domenico Lembo Dispensa : Algoritmi di Ordinamento

Dettagli

Linguaggio Java. Robusto. Orientato agli oggetti. Protegge e gestisce dagli errori. Non permette costrutti pericolosi

Linguaggio Java. Robusto. Orientato agli oggetti. Protegge e gestisce dagli errori. Non permette costrutti pericolosi Linguaggio Java Robusto Non permette costrutti pericolosi Eredità Multipla Gestione della Memoria Orientato agli oggetti Ogni cosa ha un tipo Ogni tipo è un oggetto (quasi) Protegge e gestisce dagli errori

Dettagli

Algoritmi e Strutture Dati. Tipo di dato astratto e Strutture dati elementari

Algoritmi e Strutture Dati. Tipo di dato astratto e Strutture dati elementari Algoritmi e Strutture Dati Tipo di dato astratto e Strutture dati elementari 1 Argomenti della lezione Tipi di dato astratto Strutture dati elementari Liste o Implementazione di liste in Java Stack Code

Dettagli

Corso di Laurea in Ingegneria Gestionale Esame di Informatica - a.a. 2012-13 25 luglio 2013

Corso di Laurea in Ingegneria Gestionale Esame di Informatica - a.a. 2012-13 25 luglio 2013 Cognome Nome Matricola Postazione PC Corso di Laurea in Ingegneria Gestionale Esame di Informatica - a.a. 2012-13 25 luglio 2013 Testo Il database di una banca è costituito da due vettori paralleli. Il

Dettagli

Progetto Ingegneria del Software. Anno Accademico 2014-2015. Sessione invernale. SoSolitario. Una tipologia di solitario come tante

Progetto Ingegneria del Software. Anno Accademico 2014-2015. Sessione invernale. SoSolitario. Una tipologia di solitario come tante Progetto Ingegneria del Software Anno Accademico 2014-2015 Sessione invernale SoSolitario Una tipologia di solitario come tante Giulia Talamonti n 248899 Indice 2 1. Specifica del problema 4 2. Specifica

Dettagli

Prof. Giuseppe Chiumeo. Avete già studiato che qualsiasi algoritmo appropriato può essere scritto utilizzando soltanto tre strutture di base:

Prof. Giuseppe Chiumeo. Avete già studiato che qualsiasi algoritmo appropriato può essere scritto utilizzando soltanto tre strutture di base: LA STRUTTURA DI RIPETIZIONE La ripetizione POST-condizionale La ripetizione PRE-condizionale INTRODUZIONE (1/3) Avete già studiato che qualsiasi algoritmo appropriato può essere scritto utilizzando soltanto

Dettagli

Esercitazione CLIPS (I)

Esercitazione CLIPS (I) Esercitazione CLIPS (I) 1 Dati: IL PROBLEMA DELL AGRICOLTORE, IL CAVOLO, LA PECORA, IL LUPO Situazione Iniziale: Sulla riva di un fiume ci sono un agricoltore, una pecora, un lupo ed un cavolo. Situazione

Dettagli

Sistemi Operativi Sincronizzazione tra Processi

Sistemi Operativi Sincronizzazione tra Processi Sistemi Operativi Processi Docente: Claudio E. Palazzi cpalazzi@math.unipd.it Crediti per queste slides al Prof. Tullio Vardanega 1 Processi indipendenti possono avanzare concorrentemente senza alcun vincolo

Dettagli

Corso di Laurea in INFORMATICA

Corso di Laurea in INFORMATICA Corso di Laurea in INFORMATICA Algoritmi e Strutture Dati MODULO 2. Algebre di dati Dati e rappresentazioni, requisiti delle astrazioni di dati, costrutti. Astrazioni di dati e dati primitivi. Specifica

Dettagli

Progetto Automi e Linguaggi Parser svliluppato con JLex e cup

Progetto Automi e Linguaggi Parser svliluppato con JLex e cup Progetto Automi e Linguaggi Parser svliluppato con JLex e cup Sviluppato da Santoro Carlo Maurizio Matricola:0108/528 Sviluppo terminato il: 18/06/06 TRACCIA DEL PROGETTO Si costruisca, utilizzando la

Dettagli

Esercizi di Algoritmi e Strutture Dati

Esercizi di Algoritmi e Strutture Dati Esercizi di Algoritmi e Strutture Dati Moreno Marzolla marzolla@cs.unibo.it 18 marzo 2011 Problema basato su 10.5 del libro di testo La CINA (Compagnia Italiana per il Noleggio di Automobili) dispone di

Dettagli