Risoluzione n. 87 del Start-up innovativa: i requisiti. Risoluzione n. 88 del Pec: nessuna comunicazione al 31.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Risoluzione n. 87 del 14.10.2014 - Start-up innovativa: i requisiti. Risoluzione n. 88 del 14.10.2014 - Pec: nessuna comunicazione al 31."

Transcript

1 N In evidenza: Legge di stabilità 2015: ok del CdM Processo tributario. Novità legislative TASI: la tempistica di versamento Cassazione Penale, sentenza pubblicata il 15 ottobre Riciclaggio: commercialista ai domiciliari Sommario Il punto del Direttore Legislazione e Prassi Commercialisti e semplificazione: anno buono? Risoluzione n. 87 del Start-up innovativa: i requisiti Risoluzione n. 88 del Pec: nessuna comunicazione al Legge di stabilità 2015: ok del CdM Risoluzione n. 89 del Enti non commerciali: erogazioni alle Onlus detraibili Risoluzione n. 90 del Acquisto per usucapione di beni immobili Applicabilità delle agevolazioni prima casa Risoluzione n. 91 del Scomputabilità imposta sostitutiva rivalutazione partecipazioni esclusa per i donatari Giurisprudenza Cassazione Penale, sentenza depositata il 13 ottobre Reati fiscali. Amministratore punibile due volte Cassazione Penale, sentenza pubblicata il 13 ottobre Stop al sequestro dei conti della società Cassazione Penale, sentenza pubblicata il 14 ottobre Dichiarazione fraudolenta: responsabilità del socio ex CDA Cassazione Penale, sentenza pubblicata il 14 ottobre Sopravvenienza tassabile: sequestro se è omessa dichiarazione Cassazione Penale, sentenza pubblicata il 15 ottobre

2 Riciclaggio: commercialista ai domiciliari Cassazione Tributaria, sentenza pubblicata il 15 ottobre Induttivo: gli investimenti giustificano le perdite Cassazione Tributaria, sentenza pubblicata il 15 ottobre Registro: elusione il passaggio di quote Cassazione Tributaria, sentenza pubblicata il 16 ottobre Vendita e locazioni: la pubblicità in vetrina si paga Cassazione Penale, sentenza pubblicata il 16 ottobre Fatture false in diversi circondari: di chi la competenza? Cassazione Tributaria, sentenza pubblicata il 17 ottobre IRAP per giornalista-scrittore con proprio studio Cassazione Tributaria, sentenza pubblicata il 17 ottobre Autotutela: sì alla doppia rettifica con sanzione minore Commenti Fisco Per le nuove imprese aiuti a chi investe Rimborso Iva terzo trimestre Niente esterovestizione se c è il radicamento effettivo La comunicazione delle auto in comodato Successioni: come cambiano aliquote e franchigia Adesione al nuovo cassetto fiscale entro il 31 ottobre Le 10 azioni per i giovani imprenditori agricoli Rate condominiali: sotto i euro non è obbligatorio il bonifico Gli adempimenti per il bonus mobili Dichiarazione fraudolenta. Niente condanna se non si trovano i documenti falsi Liti fiscali. Elaborati peritali senza preclusioni Canoni di locazione non percepiti Rent to buy: profili fiscali Adempimento Ravvedimento del 730 o entro il 25 ottobre Lavoro & Previdenza Personale altamente qualificato: le Faq del MISE Minori invalidi: chiarimenti sull indennità di accompagnamento TFR di settembre: fissato il coefficiente di rivalutazione Garanzia Giovani: il bonus occupazione Cessazione attività: compatibilità degli indennizzi Società & Bilancio Nuovo OIC 29 (seconda parte) 2

3 Fiscal Focus risponde L agenda del professionista Scadenze settimana

4 Commercialisti e semplificazione: anno buono? Il punto del Direttore A cura di Antonio Gigliotti Cari amici, all indomani del Consiglio dei Ministri che ha dato il via libera alla nuova manovra finanziaria, non posso che soffermarmi su legittime riflessioni in merito alle misure oltreché alle dichiarazioni eclatanti alle quali ormai ci hanno abituati. Come ben sappiamo, ogni azione della squadra esecutiva è volta a semplificare (così dicono), le procedure burocratiche e fiscali al fine di snellire gli adempimenti in carico ai cittadini/contribuenti. Questo è lo slogan di fondo che sta accompagnando le scelte del governo Renzi, ma che era altresì presente anche durante i due esecutivi precedenti, quello di Monti e quello di Letta per intenderci. Snellire. Semplificare. Tagliare, sforbiciare. Ridurre. Parole chiave di un sistema che dev essere riformato. E su questa scia dovrebbe dirigersi anche il recentissimo DDL Stabilità, focalizzatosi (come si evince dalle indiscrezioni) sul taglio dei contributi per i neoassunti, sul fondo famiglia, sul fondo 'buona scuola', sulle partite Iva, sull ecobonus e su tanto altro ancora. In generale le misure sembrano buone, bisognerà però vedere se alle parole seguiranno i fatti e se questi fatti saranno veramente attuativi di tali disposizioni. Possiamo riassumere la manovra in pochi punti. Sostanzialmente, il governo intende tagliare i contributi per i neoassunti a tempo indeterminato con un limite massimo annuo di euro al fine di promuovere "forme di occupazione stabile". In maniera contestuale, sono state programmate agevolazioni fiscali per il 2015 indirizzate alle partite Iva a basso reddito. Per quel che concerne gli immobili, anche per il prossimo anno sarà possibile detrarre ai fini Irpef il 65% della spesa sostenuta per migliorare le prestazioni energetiche dell immobile. E poi ci sono le agevolazioni familiari e sul mondo del lavoro, come il fondo famiglia da 500 milioni di euro annui a decorrere dal 2015 da destinare al finanziamento di interventi a sostegno dei nuclei familiari o il bonus 80 euro e l incremento di 250 milioni all'anno a decorrere dal 2015 per la social card, per non parlare del TFR in busta paga. Insomma, questi e tanti altri sono gli interventi varati, per i quali però manca ancora un tassello: l attuazione. Solo allora potremo dire che il governo ha fatto qualcosa di utile. Per il momento possiamo solo giudicare in base all esperienza passata e, a fronte di ciò, sappiamo che spesso si dice ma non si fa. 4

5 Appurato che la manovra finanziaria potrà introdurre non pochi miglioramenti nel sistema Paese, dobbiamo altresì prendere atto che, stando a quanto affermato dal presidente Renzi, nell Italia da lui sognata non ci sarà più bisogno dei commercialisti! Il nostro ruolo, ridotto ai minimi termini, non sarà più utile! E sì, perché tutti i modelli verranno inviati dall Amministrazione Finanziaria in maniera precompilata. Si sa infatti che buona parte del lavoro dei commercialisti consiste in una mera compilazione dei modelli! Ma facciamola finita! Sia bene inteso: a me fa piacere che non si abbia più bisogno di noi per la compilazione di modelli quali appunto quelli relativi alla Tasi o al 730, perché si tratta di attività che ci fanno perdere del tempo e, vista poi l esiguità del risultato, non ci garantiscono alcun ritorno economico. Mi spiego meglio: se dopo un lungo calcolo vien fuori che il mio cliente deve pagare una Tasi di 12 euro, con quale coraggio potrei chiedergli un compenso? Pertanto, mi dichiaro soddisfatto che presto si possa fare a meno di noi per questi adempimenti. Ben vengano i modelli precompilati! Tra l altro, come ho più volte ripetuto, stanno parlando di un ritorno all imposta unica. D accordo! Ma qualcuno si ricorda anche la Iuc doveva essere un imposta unica e invece ne sono venute fuori tre? Sembra che qui tutti siano di memoria corta! Ma e sì, c è un ma! Prendiamo il caso del modello 730 precompilato. Questo arriverà al contribuente, che per esempio potrebbe essere mia madre. Dunque, non sappiamo ancora in che modo, ma il modello arriverà a mia madre, comprensivo di tutte le voci. Sempre a mia madre, contribuente inesperta in materia fiscale, viene chiesto di dare esatta conferma al Fisco circa la veridicità della compilazione. Io, in tutta franchezza, dubito che ne sia capace. Pertanto dovrà rivolgersi a un commercialista quantomeno per chiedergli un consiglio (gratuito!). E medesima falsa semplificazione è quella che intravedo nella questione dei minimi. Hanno modificato il regime dei minimi, lasciando inalterate le semplificazioni. Ed allora mi chiedo, basterà questo per spingere questi contribuenti a gestirsi da soli? Ma siamo un po' seri..non esiste un minimo in Italia che si gestisce da solo senza l'ausilio di un professionista. Quindi di quale tipo di snellimento stiamo parlando? Il punto è che con queste sedicenti semplificazioni noi commercialisti ci abbiamo sempre rimesso. Lungi da me fare il gufo, come il presidente del Consiglio potrebbe immaginare. Io sono solo realista. Apprezzo le novità e la voglia di semplificare, tuttavia il mio più vivo desiderio sarebbe che questa benedetta semplificazione sia reale e concreta, non una mera fantasticheria di chi scrive le leggi! 5

6 Legislazione e prassi Start-up innovativa: i requisiti Fiscal Flash n. 164 del L Agenzia delle Entrate con Risoluzione n. 87 del 14 ottobre 2014 ha fornito chiarimenti in merito al requisito alternativo previsto, ai fini della qualifica di start-up innovativa, dall'articolo 25, comma 2, lettera h), n. 2), del D.L. 179/2012 (Decreto crescita-bis). In particolare l Agenzia delle Entrate ha precisato che: gli amministratori-soci possono essere considerati forza lavoro, soltanto se anche soci-lavoratori o comunque aventi un impiego retribuito nella società a qualunque titolo, diverso comunque da quello organico; diversamente, qualora i soci avessero l amministrazione della società, ma non fossero in essa impiegati, gli stessi non potrebbero essere contati, atteso che la condizione relativa all impiego nella società non risulterebbe verificata. R.M. 87/E/2014 Pec: nessuna comunicazione al Fiscal Flash n. 165 del A pochi giorni dal termine del 31 ottobre per la trasmissione degli indirizzi Pec all Agenzia delle Entrate è stata pubblicata la Risoluzione 88/E del 14 ottobre 2014 con la quale si chiarisce che la comunicazione non dovrà essere più effettuata dai soggetti già presenti sull Ini-Pec. Come ormai noto, a seguito del Provvedimento congiunto dell Agenzia delle Entrate e del Comandate Generale della Guardia di Finanza dell 8 agosto, emanato in attuazione delle disposizioni introdotte dalla Legge europea per il 2013, i soggetti destinatari delle disposizioni antiriciclaggio saranno tenuti a trasmettere le informazioni sulle operazioni intercorse con l estero, dietro specifica richiesta da parte degli organi dell Amministrazione finanziaria. Entro il 31 ottobre 2014, tutti i potenziali soggetti destinatari delle richieste di cui al presente provvedimento avrebbero quindi dovuto comunicare all Agenzia delle Entrate il proprio indirizzo di PEC, utilizzando il servizio Entratel o Fisco on line. In considerazione di quanto chiarito dalla Risoluzione in oggetto, l indirizzo Pec non dovrà essere più trasmesso dai soggetti che sono già presenti sull Ini- Pec. R.M. 88/E/2014 6

7 Legge di stabilità 2015: ok del CdM Quotidiano Fiscal Focus del Il testo della legge di stabilità 2015 approda in Consiglio dei Ministri, per trovare la sua definitiva approvazione. Si tratta di una manovra da 30 miliardi, relativa alla programmazione dei conti del prossimo anno, con la quale il presidente Renzi si impegna a ridurre le imposte per 18 miliardi. I 30 miliardi avranno da un lato le "coperture", ossia voci specifiche che generano la disponibilità economica, e d altro canto dei capitoli di spesa, verso i quali i fondi vengono destinati. Perché vi sia il pareggio, le due voci devono essere equivalenti, anche se nella nuova legge di stabilità 2015 alcune misure risultano a costo zero, come quella dell anticipo mensile, su base volontaria, del Tfr in busta paga. Tra le fonti di finanziamento o coperture di natura "fiscale" spicca la lotta all'evasione, attraverso l'estensione del meccanismo di reverse charge e la riduzione dei premi sui giochi, come sulle slot machine (3 miliardi). Viene, inoltre, prevista una riorganizzazione delle detrazioni fiscali degli oneri detraibili al 19%, relativi alle spese sanitarie: viene introdotto un meccanismo secondo l aliquota al 19% degli oneri detraibili decresce al crescere del reddito. Tra le misure che portano alla riduzione delle tasse per 18 miliardi, vi è invece la conferma del bonus Irpef da 80 euro al mese in busta paga (10 miliardi) e il taglio dell'irap (6,5 miliardi). Inoltre, viene previsto iltaglio del versamento dei contributi per tre anni per i neo-assunti (1,5 miliardi). Ai Comuni è poi garantita la possibilità di fruire di un miliardo sul patto di Stabilità, da usare per smuovere le risorse necessarie agli investimenti, e la stessa cifra è destinata alla scuola, mentre si attende la conferma dei bonus per le ristrutturazioni. Gli ammortizzatori sociali vengono potenziati con 1,5 miliardi e mezzo miliardo viene destinato al ripristino della detrazione da 200 euro per la nuova tassa unica comunale sull abitazione principale. La tassa comunale unica Il Governo si impegna a revisionare la normativa inerente la tassazione immobiliare comunale, garantendo semplificazione e certezza della norma per i contribuenti, una maggiore autonomia tributaria ai comuni, un sistema armonizzato di agevolazioni sul territorio nazionale per le abitazioni principali. 7

8 Lavoro Importanti novità sono state previste anche in materia di lavoro. In particolare stiamo parlando dell operazione che consente ai lavoratori di usufruire su base volontaria il Tfr in busta paga, ma solo a partire dall anno corrente (è escluso dalla manovra il Tfr maturato negli anni passati). L intervento, che scatterà operativamente dalla seconda metà del 2015 e riguarderà anche i lavoratori che hanno scelto di spostare il Tfr verso i fondi pensione, concede sostanzialmente tre possibilità ai lavoratori: lasciare la liquidazione in azienda, convogliarla sui fondi pensione oppure beneficiarne nello stipendio in un unica soluzione o attraverso una spalmatura mese per mese. In entrambi i casi, il premier Matteo Renzi garantirà l attuale tassazione agevolata. Il ddl, inoltre, prevede sostanziali agevolazioni anche sul fronte Irap. Infatti, per le imprese sarà interamente deducibile il costo del lavoro per un valore di 6,5 miliardi di euro. Sempre sul lato delle imprese, occorre segnalare la decontribuzione triennale dei contributi per le assunzioni con contratto a tempo indeterminato, ossia quelle che saranno fatte con il contratto a tutele crescenti previsto dal Jobs act. Secondo le prime stime, su una retribuzione di 24 mila euro lordi l'azienda che stabilizza un contratto a tempo indeterminato risparmia euro l'anno sul costo del lavoro rispetto al ricorso a un contratto a termine. Quanto al famoso bonus 80 euro, la misura viene confermata anche per l anno 2015 e allargata ma solo per le famiglie numerose con un solo stipendio. In particolare, il tetto massimo di 26 mila euro lordi inizialmente fissati a giugno, sale ora a 31 mila euro con due figli a carico, a 40 mila con tre e a 50 mila con quattro. CDM Enti non commerciali: erogazioni alle Onlus detraibili Quotidiano Fiscal Focus Le liberalità in denaro erogate in favore delle ONLUS da parte degli enti non commerciali residenti devono continuare a considerarsi detraibili dall Ires dovuta dagli stessi nella misura del 19 per cento, così come fissata dall art. 147 del TUIR. E questa un importante precisazione fornita dall Agenzia delle entrate con la Risoluzione 89 /E del 17 ottobre R.M. 89/E/2014 8

9 Quotidiano Fiscal Focus Acquisto per usucapione di beni immobili Applicabilità delle agevolazioni prima casa Con la risoluzione 90 del , l Amministrazione Finanziaria ha chiarito che nel caso in cui le dichiarazioni necessarie per fruire delle agevolazioni prima casa non siano state rese nella sentenza e negli atti del procedimento relativi all acquisto di un immobile per usucapione, i contribuenti interessati potranno, comunque, beneficiare delle predette agevolazioni mediante integrazione dell atto giudiziario, con dichiarazione autenticata nelle firme, da autorità anche diversa da quella che aveva redatto il provvedimento giudiziario, da allegare al provvedimento stesso nelle more della sua registrazione (cfr. circolare 12 agosto 2005, n. 38). R.M. 90/E/2014 Quotidiano Fiscal Focus Scomputabilità imposta sostitutiva rivalutazione partecipazioni esclusa per i donatari Con la risoluzione 91 del , l Amministrazione Finanziaria ha chiarito che in caso di rideterminazione del costo di acquisto della partecipazione posseduta alla data del 1 gennaio 2014, i donatari non possano scomputare l imposta sostitutiva corrisposta dai donanti. R.M. 91/E/2014 9

10 Reati fiscali. Amministratore punibile due volte Giurisprudenza Quotidiano Fiscal Focus Giurisprudenza Non c è violazione del principio del ne bis in idem se l amministratore di società viene condannato una prima volta per il reato di omessa dichiarazione e una seconda volta per quello di distruzione od occultamento delle scritture contabili. È quanto emerge dalla sentenza 13 ottobre 2014 n della Corte di Cassazione Terza Sezione Penale. Gli ermellini hanno confermato la condanna alla pena (condizionalmente sospesa) di mesi 8 di reclusione inflitta dalla Corte d appello di Lecce all amministratore di una SRL, imputato del reato di cui all articolo 10 del D.Lgs. 74 del La difesa aveva fatto presente che il ricorrente aveva già subito un processo per il reato di omessa dichiarazione ex art. 5 D.Lgs. n. 74/2000 che si era chiuso con la sentenza versata in atti; sicché, nel condannarlo per il reato di cui all articolo 10 del medesimo D.Lgs., la Corte d appello leccese era incorsa nella violazione dell articolo 649 del codice di procedura penale secondo cui l imputato prosciolto o condannato con sentenza o decreto penale divenuti irrevocabili non può essere di nuovo sottoposto a procedimento penale per il medesimo fatto, neppure se questo è diversamente considerato per il titolo, per il grado o per le circostanze. Ebbene, la S.C. ha ritenuto la doglianza infondata perché, ai fini della preclusione connessa al principio del ne bis in idem, l'identità del fatto sussiste quando vi sia corrispondenza storico naturalistica nella configurazione del reato, considerato in tutti i suoi elementi costitutivi (condotta, evento e nesso causale) e con riguardo alle circostanze di tempo di luogo e di persona (cfr. SS.UU. n /05); corrispondenza che giustamente non è stata ravvisata dal giudice di merito, posto che la violazione in relazione alla quale è stata resa, nel 2010, dal Tribunale di Brindisi la sentenza prodotta dalla difesa ha riguardato una condotta (l omessa dichiarazione) del tutto distinta e autonoma, sia sul piano naturalistico che su quello giuridico, rispetto a quella dedotta nel presente giudizio. Cassazione Penale, sentenza depositata il 13 ottobre

11 Stop al sequestro dei conti della società Quotidiano Fiscal Focus Giurisprudenza Nei confronti di una persona giuridica è consentito il sequestro preventivo, finalizzato alla confisca, di denaro o di altri beni fungibili oppure di beni comunque direttamente riconducibili al profitto del reato; mentre non è consentito il sequestro preventivo finalizzato alla confisca per equivalente nei confronti di altri beni della persona giuridica, salvo che questa non rappresenti un mero apparato fittizio utilizzato per commettere il reato fiscale. È quanto emerge della sentenza 13 ottobre 2014 n con cui la Corte di Cassazione (precisamente la Terza Sezione Penale) ha annullato con rinvio un ordinanza del Tribunale del Riesame di Napoli, poiché non conforme ai principi espressi dalle Sezioni Unite, in tema di applicabilità del sequestro preventivo, funzionale alla confisca per equivalente, ai beni appartenenti a una società per reati fiscali commessi dal legale rappresentante. Ad avviso della S.C., l ordinanza impugnata soffre del vizio di motivazione lamentato dai ricorrenti perché il Tribunale partenopeo non specifica che quanto assoggettato a vincolo presso le diverse società o in capo ai singoli indagati rappresenta il profitto del reato tributario per cui si procede, limitandosi a ritenere corretto l operato del GIP nel disporre il sequestro per equivalente fino alla concorrenza dell imposta evasa delle somme presenti sui conti correnti bancari intestati alle persone giuridiche e, solo in caso di incapienza, sui conti correnti personali degli amministratori pro tempore. Da qui il rinvio per nuovo esame. Cassazione Penale, sentenza depositata il 13 ottobre 2014 Quotidiano Fiscal Focus Giurisprudenza Dichiarazione fraudolenta: responsabilità del socio ex CDA Il socio è responsabile del reato di dichiarazione fraudolenta ex art. 2 del D.Lgs. n. 74 del 2000 se nel periodo in cui è stato consigliere di amministrazione ha consentito l utilizzo delle fatture per operazioni inesistenti. È quanto emerge dalla sentenza 14 ottobre 2014 n della Corte di Cassazione Quinta Sezione Penale. Ad avviso degli Ermellini, il rilievo difensivo, finalizzato a escludere la sussistenza del contributo materiale del ricorrente al reato, della presentazione delle dichiarazioni fiscali per i periodi di imposta 1999 e 2000 in epoca successiva alla sua uscita dal CDA 11

12 della SPA, non tiene conto del fatto che il concorso nel reato di cui all'articolo 2 del D.Lgs. 74/2000 è configurabile anche nei confronti di coloro che - anche se addirittura estranei o privi di cariche nella società a cui si riferisce la dichiarazione fraudolenta - abbiano, in qualsivoglia modo, partecipato a creare il meccanismo fraudolento. Nella specie, il prevenuto ha consentito all amministratore della società, sottoscrittore della dichiarazione fraudolenta, di avvalersi della documentazione fiscale fittizia, e tanto basta, sulla base del richiamato principio, a legittimare il giudizio di responsabilità. Affinchè si configuri il concorso di persone nel reato è sufficiente la consapevole partecipazione anche a un segmento della linea unitaria della condotta criminosa, allorché, consentendo il raggiungimento dell evento, essa abbia avuto efficacia decisiva nella realizzazione del piano ideato dal correo. Cassazione Penale, sentenza depositata il 14 ottobre 2014 Quotidiano Fiscal Focus Giurisprudenza Sopravvenienza tassabile: sequestro se è omessa dichiarazione Il credito ottenuto dopo l apertura della procedura concorsuale, a titolo di risarcimento del danno, costituisce sopravvenienza tassabile. Pertanto, in ipotesi di cessione a terzi di detto credito, la mancata indicazione della plusvalenza in dichiarazione, con conseguente mancato pagamento della relativa imposta, giustifica il sequestro preventivo, finalizzato alla confisca. È quanto emerge dalla sentenza 14 ottobre 2014 n della Corte di Cassazione Terza Sezione Penale. Cassazione Penale, sentenza depositata il 14 ottobre

13 Riciclaggio: commercialista ai domiciliari Quotidiano Fiscal Focus Giurisprudenza Rischia gli arresti domiciliari il commercialista indagato per riciclaggio, anche se è incensurato. È quanto emerge dalla sentenza n /14, pubblicata il 15 ottobre presso la Seconda Sezione Penale della Cassazione. Una professionista, indagata con altri soggetti per fatti di riciclaggio, ha impugnato l ordinanza con cui il Tribunale del riesame, accogliendo l appello del PM, ha disposto nei suoi confronti la misura cautelare degli arresti domiciliari con divieto di comunicare con persone diverse da quelle coabitanti. Contrariamente al GIP, il Tribunale ha ravvisato il pericolo della reiterazione della condotta criminosa. Di diverso avviso la difesa, che quindi ha portato la vicenda all attenzione dei Supremi Giudici, i quali, però, hanno disatteso il ricorso (in sentenza si legge che lo stato di incensuratezza non dimostra automaticamente l assenza di pericolosità, potendo questa essere desunta, come prevede l articolo 274 lett c) c.p.p., dai comportamenti e dagli atti concreti dell agente quale specifico elemento significativo per valutare la sua personalità. Il giudice di merito ha individuato le specifiche modalità delle condotte ascritte all indagata, in particolare, lo svolgimento di prestazioni non riconducibili all ordinaria attività professionale di commercialista, una radicata ed elevata inclinazione delinquenziale alla commissione di fattispecie criminose analoghe, facilità, sfrontatezza e propensioni non comuni ad ideare e attuare meccanismi ingannevoli e complessi volti a creare situazioni simulate e artificiose per ripulire denaro di illecita provenienza. Il giudice d appello cautelare non ha poi mancato di evidenziare che la professionista non aveva negato la sua disponibilità per un operazione illecita analoga, da attuare con le medesime modalità, come si evinceva dalla conversazione telefonica intercettata [ ], richiamata anche dal giudice per le indagini preliminari nell ordinanza appellata. Insomma, il Tribunale ha operato una valutazione che, in modo globale, ha preso in considerazione entrambi i criteri direttivi indicati dall articolo 274, lett. c) cit., ossia le specifiche modalità e circostanze del fatto e la personalità della persona sottoposta a indagini, desunta da comportamenti o atti concreti). Cassazione Penale, sentenza depositata il 15 ottobre

14 Induttivo: gli investimenti giustificano le perdite Quotidiano Fiscal Focus Giurisprudenza Lo scostamento dalle medie di settore e le continue perdite di esercizio non sempre legittimano l accertamento induttivo dei ricavi: la società può superare la presunzione dell Ufficio se il giudice accerta l incidenza sulle perdite degli investimenti fatti per accrescere l'avviamento aziendale. È quanto emerge dalla sentenza 15 ottobre 2014 n della Sezione Tributaria della Cassazione. La S.C. si è pronunciata riguardo a un ricorso presentato da una SNC e dai suoi soci, in una controversia concernente un avviso di accertamento fondato sull asserita mancata fatturazione e contabilizzazione di ricavi, nonché sulla contabilizzazione di costi non inerenti. Nell accogliere il ricorso dei contribuenti, gli ermellini osservano che, in presenza di scritture contabili formalmente corrette, non è sufficiente, ai fini dell'accertamento di un maggior reddito d'impresa, il solo rilievo dell'applicazione da parte del contribuente di una percentuale di ricarico diversa da quella mediamente riscontrata nel settore di appartenenza, ma occorre invece che risulti qualche elemento ulteriore, incidente sull'attendibilità complessiva della dichiarazione, vale a dire la concreta ricorrenza di circostanze gravi, precise e concordanti. Nel caso in esame, la CTR meneghina ha individuato quale elemento ulteriore, incidente sull'attendibilità complessiva della dichiarazione, il fatto che la società contribuente aveva dichiarato dal 1997 al 2003 una perdita e ha ritenuto che tale dato fosse idoneo a conferire alla presunzione semplice, costituita dallo scostamento dei ricavi dalle media di settore, quei caratteri di gravità e precisione richiesti dall'articolo 2729 c.c., affermando altresì che la contribuente non aveva fornito spiegazioni valide e convincenti sui motivi delle perdite, continuate e ripetute, contrastanti con ogni logica imprenditoriale. Ma ad avviso dei giudici del Palazzaccio la motivazione della sentenza impugnata è carente e inidonea a giustificare la ripresa fiscale perché, - si legge in sentenza - a fronte delle specifiche giustificazioni della contribuente, astrattamente rilevanti e supportate da idonea documentazione, in ordine alle ragioni delle perdite di esercizio, imputate, in particolare, ai notevoli investimenti effettuati ai fini di accrescere l'avviamento aziendale, la CTR ha omesso di verificare, dandone conto in motivazione, la fondatezza, rilevanza, e incidenza causale di dette giustificazioni, e di fornire sostegno argomentativo alla generica affermazione di inidoneità delle giustificazioni fornite dalla contribuente. La vicenda dovrà pertanto essere riesaminata. Cassazione Tributaria, sentenza depositata il 15 ottobre

15 Registro: elusione il passaggio di quote Quotidiano Fiscal Focus Giurisprudenza È legittimo il recupero della maggiore imposta di registro in caso di cessione a terzi delle quote e degli immobili della società appena costituita. È quanto emerge dalla sentenza 15 ottobre 2014 n della Corte di Cassazione Sezione Tributaria. Gli Ermellini hanno rigettato il ricorso proposto da due contribuenti, in una controversia concernente alcuni avvisi di liquidazione con cui venivano richieste le maggiori imposte di registro, ipotecaria e catastale in relazione a un atto di costituzione di società con conferimento di azienda riqualificato come compravendita d azienda, ai sensi dell articolo 20 del D.P.R. n. 131/86. Secondo la S.C., la disposizione antielusiva di cui all articolo 20 del D.P.R. 131/86 vincola l interprete a privilegiare, nell'individuazione della struttura del rapporto giuridico tributario, la sostanza sulla forma, cioè il dato giuridico reale conseguente alla natura intrinseca degli atti e ai loro effetti giuridici, rispetto a ciò che formalmente è enunciato, anche in maniera frazionata, in uno o più atti. L articolo 20 non è solo una norma interpretativa degli atti registrati, ma una disposizione volta a identificare l elemento strutturale del rapporto giuridico tributario, che è dato dall oggetto e che viene fatto coincidere con gli effetti giuridici indicativi della capacità contributiva dei soggetti che li compiono. Ebbene, la decisione impugnata è conforme a questi principi, laddove la CTR emiliana ha riconosciuto gli effetti giuridici derivanti dal collegamento negoziale tra l'atto di costituzione di società e la successiva vendita a terzi delle quote della società di persone, costituita appena un mese prima dai signori [.] mediante conferimento dell'azienda e degli immobili sopra descritti come quelli propri di una compravendita immobiliare, anche tenendo conto quindi del comportamento delle parti successivo all'atto di costituzione della società stessa. Ai contribuenti non resta che pagare le spese processuali. Cassazione Tributaria, sentenza depositata il 15 ottobre

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 206 23.07.2013 Sospensione feriale dei termini processuali Categoria: Contenzioso Sottocategoria: Processo tributario Anche quest anno, come di

Dettagli

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE VISTI gli articoli 76 e 87 della Costituzione; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA VISTA la

Dettagli

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014 SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI Bologna, 22 luglio 2014 INQUADRAMENTO NORMATIVO FISCALE La nuova disciplina sulle società tra professionisti non contiene alcuna norma in merito

Dettagli

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 12 febbraio 2014 OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna 14 Confronto di convenienza, anche fiscale,

Dettagli

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015)

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015) Procedura relativa alla gestione delle adesioni contrattuali e delle contribuzioni contrattuali a Prevedi ex art. 97 del CCNL edili-industria del 1 luglio 2014 e ex art. 92 del CCNL edili-artigianato del

Dettagli

Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24

Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24 A cura di Raffaella Pompei, dottore commercialista, funzionario dell Ufficio fiscale Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24 Il Decreto Renzi ha ampliato i casi in cui è necessario

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE

DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE RIFERIMENTI NORMATIVI: Decreto legge n. 66 del 24 aprile 2014 Circolare Agenzia delle Entrate, 8/E/2014 ASPETTI GENERALI: Il DL 66/2014

Dettagli

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata STRALCIO DI ALTRE LEGGI IN CUI, SEMPRE INGRASSETTO, SONO EVIDENZIATI ALTRI BENEFICI VIGENTI A FAVORE DELLE VITTIME DEL TERRORISMO.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Circolare N. 21 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 18 marzo 2011 LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del DM 10 febbraio 2011, trovano piena attuazione

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI Comune di Cerignola Provincia di Foggia Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI INDICE Art. 1 - Art. 2 - Art. 3 - Art. 4 - Art. 5 - Art. 6 - Art. 7 - Art. 8 - Art. 9

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA NOTE ILLUSTRATIVE PER LA DETERMINAZIONE DEI CONTRIBUTI DOVUTI IN AUTOLIQUIDAZIONE - MOD. 5/2015 (Comunicazione obbligatoria ex artt. 17 e 18 della Legge n. 576/1980, artt. 9 e 10 della legge n. 141/1992

Dettagli

NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR

NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR Nell'ambito degli interventi sul prelievo fiscale, la finanziaria 2008 (legge 24 dicembre 2007, n. 244),

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Modifiche alla disciplina dell IRAP Legge di Stabilità 2015 2 INDICE Premessa... 3 1) Imprese operanti in concessione e a tariffa...

Dettagli

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008 CIRCOLARE N. 12/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 19 febbraio 2008 OGGETTO: Profili interpretativi emersi nel corso della manifestazione Telefisco 2008 del 29 Gennaio 2008 e risposte ad

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012 CIRCOLARE N.3/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 febbraio 2012 OGGETTO: Articolo 24, comma 31, del decreto-legge 6 dicembre 2011 n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011,

Dettagli

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI 1. Aspetti fiscali generali Gli enti di tipo associativo, di cui fanno parte anche le associazioni sportive dilettantistiche, sono assoggettate

Dettagli

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA PER CHI E PREDISPOSTA COSA OCCORRE PER VISUALIZZARLA QUANDO E ONLINE I DATI PRESENTI NELLA DICHIARAZIONE MODIFICA E PRESENTAZIONE I VANTAGGI DEL MODELLO PRECOMPILATO Direzione

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

Uscita dal regime dei minimi

Uscita dal regime dei minimi Fiscal Adempimento La circolare di aggiornamento professionale N. 08 03.03.2014 Uscita dal regime dei minimi A cura di Devis Nucibella Categoria: Regimi speciali Sottocategoria: Contribuenti minimi Dopo

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE VISTO l art. 1, comma 639 della Legge 27 dicembre 2013, n. 147, che ha istituito, a decorrere dal 1 gennaio 2014, l imposta

Dettagli

INTEGRAZIONE E DEFINIZIONE PER GLI ANNI PREGRESSI DEFINIZIONE DEI RITARDATI OD OMESSI VERSAMENTI

INTEGRAZIONE E DEFINIZIONE PER GLI ANNI PREGRESSI DEFINIZIONE DEI RITARDATI OD OMESSI VERSAMENTI 2003 AGENZIA DELLE ENTRATE INTEGRAZIONE E DEFINIZIONE PER GLI ANNI PREGRESSI DEFINIZIONE DEI RITARDATI OD OMESSI VERSAMENTI artt. 8, 9, 9-bis e 14 della legge 27 dicembre 2002, n. 289, e successive modificazioni

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi Le principali novità in materia di tassazione dei redditi fondiari Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 dicembre 2006 OGGETTO: IVA Applicazione del sistema del reverse-charge nel settore dell edilizia. Articolo 1, comma 44, della legge

Dettagli

Disciplina delle società «non operative» e «in perdita sistematica»

Disciplina delle società «non operative» e «in perdita sistematica» S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO DICHIARAZIONE DEI REDDITI 2013 Disciplina delle società «non operative» e «in perdita sistematica» Gianluca Cristofori 31 maggio 2013 Sala Orlando - Corso

Dettagli

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro Disciplina fiscale delle auto assegnate ai dipendenti Stefano Liali - Consulente del lavoro In quale misura è prevista la deducibilità dei costi auto per i veicoli concessi in uso promiscuo ai dipendenti?

Dettagli

IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO

IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale Come noto la Legge finanziaria del 2008 ha profondamente modificato

Dettagli

Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate

Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Legnano, 21/04/2015 Alle imprese assistite Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Come noto, ai sensi dell art. 1, D.Lgs. n. 175/2014, Decreto c.d. Semplificazioni,

Dettagli

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015 CIRCOLARE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 11 maggio 2015 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi pubblici relativi alle politiche attive del lavoro e alla formazione professionale

Dettagli

CIRCOLARE N. 26/E. Roma, 01 giugno 2011

CIRCOLARE N. 26/E. Roma, 01 giugno 2011 CIRCOLARE N. 26/E Direzione Centrale Normativa Roma, 01 giugno 2011 Oggetto: Cedolare secca sugli affitti Articolo 3 del decreto legislativo 14 marzo 2011, n. 23 (Disposizioni in materia di federalismo

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO RISOLUZIONE N. 42/E Direzione Centrale Normativa Roma, 27 aprile 2012 OGGETTO: Interpello (art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212) - Chiarimenti in merito alla qualificazione giuridica delle operazioni

Dettagli

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014 RISOLUZIONE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 14 febbraio 2014 OGGETTO: Tassazione applicabile agli atti di risoluzione per mutuo consenso di un precedente atto di donazione articolo 28 del DPR

Dettagli

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo ALL. 1) Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo 1. Sono eleggibili a sindaco, presidente della provincia, consigliere comunale, provinciale e circoscrizionale gli elettori di un qualsiasi

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 Bonus IRPEF 80 euro Nel nuovo modello 730/2015 trova spazio il bonus IRPEF 80 euro ricevuto nel 2014, essendo previsto l obbligo di

Dettagli

GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15)

GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15) GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15) Allegato alla Nota Informativa Pagina 2 di 8 - Pagina bianca Edizione 03.2015 Documento sul regime

Dettagli

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015 INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015 Di seguito, riepiloghiamo i principali campi della Certificazione Unica (CU) che DEVONO essere inseriti

Dettagli

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi Redditi diversi Redditi diversi - art. 67 Sono redditi diversi se non costituiscono redditi di capitale, ovvero se non sono conseguiti nell esercizio di arti e professioni o di imprese commerciali, o da

Dettagli

Dott. Massimiliano Teruggi. Studio Coda Zabetta, Mongiardini& Partners-Rag. Fabio Mongiardini, Dott. Massimiliano Teruggi

Dott. Massimiliano Teruggi. Studio Coda Zabetta, Mongiardini& Partners-Rag. Fabio Mongiardini, Dott. Massimiliano Teruggi IL TRATTAMENTO FISCALE DEI COMPENSI AGLI AMMINISTRATORI 1 Inquadramento degli amministratori persone fisiche: a. rapporto di collaborazione b. amministratore e lavoro dipendente c. amministratore e lavoro

Dettagli

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 Il Tribunale di Imperia, la Procura della Repubblica sede, l Ufficio Esecuzione Penale Esterna Sede di Imperia, l Ordine degli avvocati

Dettagli

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Introduzione Le Societá tra Professionisti, introdotte dalla legge 183/2010, sono una delle novitá

Dettagli

l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti

l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti 1 2008 l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti 1 2008 l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco

Dettagli

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA punto 94: ammontare corrisposto nel 2007: - al netto di quanto corrisposto in anni precedenti casella 95; - ridotto

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI Si esamina il trattamento dei benefici concessi a dipendenti, collaboratori e amministratori - collaboratori. I fringe benefits costituiscono la parte della

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Protocollo n. 195080/2008 Approvazione del formulario contenente i dati degli investimenti in attività di ricerca e sviluppo ammissibili al credito d imposta di cui all articolo 1, commi da 280 a 283,

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato A alla delibera n. 129/15/CONS REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

AGE.AGEDC001.REGISTRO UFFICIALE.0136693.19-11-2013-U

AGE.AGEDC001.REGISTRO UFFICIALE.0136693.19-11-2013-U COMUNICAZIONE POLIVALENTE (Comunicazione delle operazioni rilevanti ai fini IVA (art. 21 decreto legge n. 78/2010) - Comunicazione delle operazioni legate al turismo effettuate in contanti in deroga all

Dettagli

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE Circolare del 31 Marzo 2015 ABSTRACT Si fa seguito alla circolare FNC del 31 gennaio 2015 con la quale si sono offerte delle prime indicazioni

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969).

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969). Il commento 1. Premessa La sospensione feriale dei termini è prevista dall art. 1, co. 1, della L. 07/10/1969, n. 742 1, il quale dispone che: Il decorso dei termini processuali relativi alle giurisdizioni

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 (CIG ) (CPV ) Io sottoscritto... nato a... il...... nella mia

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti 08 Giugno 2015 Elisa Noto, Mariateresa Villani Sommario La prescrizione breve in materia di rapporto

Dettagli

ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI. Consigli

ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI. Consigli ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI In collaborazione con Assessorato Aree Cittadine e Consigli di Zona Consigli Quanto costa comprar casa CASA: LE TASSE DA

Dettagli

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO TARDIVO OD OMESSO VERSAMENTO SANZIONI - RICORSI IL RAVVEDIMENTO - COMPENSAZIONE RIMBORSI SCHEDA N. 3 Claudio Venturi Camera di Commercio Diritto Annuale

Dettagli

Parte viii> contenzioso e strumenti Per evitarlo

Parte viii> contenzioso e strumenti Per evitarlo Parte viii> contenzioso e strumenti Per evitarlo 1. come rimediare a errori e dimenticanze: il ravvedimento Il ravvedimento per imposte dirette e Iva Modalità di pagamento Presentazione della dichiarazione

Dettagli

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente"

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente LEGGE 27 LUGLIO, N.212 "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 177 del 31 luglio 2000 Art. 1. (Princìpi generali) 1. Le disposizioni della

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

Nuova detrazione IRPEF del 50% per l acquisto di mobili ed elettrodomestici - Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate

Nuova detrazione IRPEF del 50% per l acquisto di mobili ed elettrodomestici - Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Informativa ONB Nuova detrazione IRPEF del 50% per l acquisto di mobili ed elettrodomestici - Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate INDICE 1 Premessa... 2 2 Soggetti beneficiari... 2 3 Ambito oggettivo

Dettagli

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano La ricostituzione della pluralità dei soci nella s.a.s. In ogni numero della rivista trattiamo una questione dibattuta a cui i nostri esperti forniscono una soluzione operativa. Una guida indispensabile

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014

TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014 TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014 Sommario 1. Inquadramento normativo generale 2. Trasferimenti di fabbricati 3. terreni edificabili 4. terreni agricoli 5. Successioni

Dettagli

COMUNE DI MORGONGIORI. I.M.U. anno 2012

COMUNE DI MORGONGIORI. I.M.U. anno 2012 COMUNE DI MORGONGIORI PROVINCIA DI ORISTANO IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA I.M.U. anno 2012 VADEMECUM ILLUSTRATIVO Con l art. 13 del D.L. 6 dicembre 2011, n. 201, convertito in Legge 22 dicembre 2011, n. 214

Dettagli

La revisione dell accertamento doganale

La revisione dell accertamento doganale Adempimenti La revisione dell accertamento doganale di Marina Zanga L accertamento doganale delle merci L accertamento delle merci dichiarate in dogana nell ambito delle operazioni di import/ export da

Dettagli

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012,

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, RIFORMA DELLA LEGGE PINTO Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, riforma la legge Pinto (L. n. 89/2001) per l indennizzo per la durata del processo. Le nuove disposizioni

Dettagli

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Codice identificativo n. [numero progressivo da sistema] CONTRATTO per il riconoscimento degli incentivi per

Dettagli

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA Una circolare dell Agenzia delle entrate chiarisce il trattamento fiscale delle spese di rappresentanza Con la circolare in oggetto, l Agenzia delle

Dettagli

Roma, 21 maggio 2014. Alle Direzioni regionali e provinciali

Roma, 21 maggio 2014. Alle Direzioni regionali e provinciali CIRCOLARE N. 11/E Direzione Centrale Normativa Roma, 21 maggio 2014 Alle Direzioni regionali e provinciali Agli Uffici dell Agenzia delle entrate OGGETTO: Questioni interpretative in materia di IRPEF prospettate

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

IL REGIME FISCALE DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE E DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE (COMPRESE LE SOCIETÀ SPORTIVE DILETTANTISTICHE)

IL REGIME FISCALE DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE E DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE (COMPRESE LE SOCIETÀ SPORTIVE DILETTANTISTICHE) RIVISTA DI ISSN 1825-6678 DIRITTO ED ECONOMIA DELLO SPORT Vol. III, Fasc. 1, 2007 IL REGIME FISCALE DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE E DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE (COMPRESE LE SOCIETÀ SPORTIVE

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

A A GUIDA ALL INTERPELLO WWW.AGENZIAENTRATE.IT

A A GUIDA ALL INTERPELLO WWW.AGENZIAENTRATE.IT L A G E N Z I A I N F O R M A A A DELLE ENTRATE AGENZIA GENZI DELLE ENTRATE Progetto grafico: FULVIO RONCHI UFFICIO RELAZIONI ESTERNE GUIDA ALL INTERPELLO COME OTTENERE DALL AGENZIA DELLE ENTRATE LA RISPOSTA

Dettagli

CIRCOLARE N. 2/E. R RrRrrr. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 2/E. R RrRrrr. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 2/E R RrRrrr Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Modifiche alla tassazione applicabile, ai fini dell imposta di registro, ipotecaria e catastale, agli atti di trasferimento o di costituzione

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

CIRCOLARE N. 18/E. Roma, 28 aprile 2015

CIRCOLARE N. 18/E. Roma, 28 aprile 2015 CIRCOLARE N. 18/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 aprile 2015 OGGETTO: Addizionale IRES per il settore energetico (c.d. Robin Hood Tax) - Articolo 81, commi 16, 17 e 18, del decreto legge 25 giugno

Dettagli

CERTIFICAZIONE UNICA

CERTIFICAZIONE UNICA S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO CERTIFICAZIONE UNICA VITTORIA LETIZIA LEONE 06 Febbraio 2015 - ODCEC Milano S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Esempio 1 La Società Pollicino

Dettagli

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego La riforma Brunetta, introdotta dal D.Lgs. 150/09, ha modificato profondamente il sistema disciplinare nel pubblico impiego, intervenendo

Dettagli

OGGETTO: Videoconferenza del 14 maggio 2002 sui modelli di dichiarazione UNICO 2002. Risposte ai quesiti in materia di questioni interpretative.

OGGETTO: Videoconferenza del 14 maggio 2002 sui modelli di dichiarazione UNICO 2002. Risposte ai quesiti in materia di questioni interpretative. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 12 giugno 2002 CIRCOLARE N. 50/E OGGETTO: Videoconferenza del 14 maggio 2002 sui modelli di dichiarazione UNICO 2002. Risposte ai quesiti in materia di

Dettagli

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE TASSE IMPOSTE SANZIONI COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE (DA COMPILARE A CURA DEL CONCESSIONARIO DELLA BANCA O DELLE POSTE) FIRMA Autorizzo addebito sul conto corrente

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli