Insieme rinnoviamo Castano

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Insieme rinnoviamo Castano"

Transcript

1 Elezioni del Sindaco e del Consiglio Comunale del Comune di Castano Primo 25 Maggio 2014 PROGRAMMA ELETTORALE PER IL MANDATO AMMINISTRATIVO DELLA LISTA Insieme rinnoviamo Castano 1

2 "Cominciate col fare ciò che è necessario, poi ciò che è possibile e all'improvviso vi sorprenderete a fare l'impossibile" - San Francesco CASTANO PRIMO E IL NOSTRO PASSATO E IL NOSTRO PRESENTE, VOGLIAMO LAVORARE AFFINCHE POSSA ESSERE ANCHE IL NOSTRO FUTURO. RINNOVAMENTO, TRAPARENZA E PARTECIPAZIONE La lista dei candidati al consiglio comunale e alla carica di Sindaco, è contraddistinta dal simbolo: In un cerchio circoscritto da tre bande concentriche di colori che sfumano rispettivamente, da quello interno a quello esterno, da rosso al verde, dal giallo al bianco e dall arancione al rosso, è stilizzato un castello di colore arancione con al centro un albero dello stesso colore. In mezzo, quattro figure umane stilizzate di colore blu, viola, verde e rosso. Sotto alle figure umane stilizzate, due bande di colore arancione e rosso. Sotto la scritta in rosso: insieme rinnoviamo Castano ************************ Ogni candidato si impegna a perseguire il seguente programma elettorale che è stato sottoscritto contestualmente alla dichiarazione di accettazione della candidatura. Ogni candidato è soggetto moralmente ineccepibile e si impegna a rimettere il mandato elettorale ricevuto, nel caso in cui dovesse perdere, nel corso del mandato, i requisiti di oggettiva rettitudine etica e morale. ************************ Premessa La nostra idea di amministrazione è inscindibile da quella che presuppone il sistematico coinvolgimento dei cittadini nelle scelte che si renderanno necessarie. Il voto NON è una delega in bianco bensì strumento della democrazia rappresentativa quale è la nostra. Saremo amministratori al servizio dei cittadini per perseguire finalità di utilità pubblica. Lo faremo nel rispetto delle leggi e dei regolamenti cercando di raggiungere alte performance con il minore utilizzo di risorse. Il governo della città, i bilanci annuali, il piano regolatore ed altro ancora, ancorché nelle loro peculiari specificità che implicano processi tecnici necessari e ineludibili, non saranno materia per pochi addetti. Troveremo sistemi per renderli accessibili e comprensibili anche per favorire il processo di crescita individuale di ogni cittadino. Daremo vita alle forme di partecipazione popolare (istituti di democrazia diretta) previsti dalla legge anche attraverso i mezzi veloci che la tecnologia consente. Il nuovo modo di fare politica sarà basato sul dialogo e sul confronto tra amministratori ed amministrati. Aderiremo al Patto dei Sindaci : rete di amministrazioni locali che con senso civico e lungimiranza puntano a realizzare ed ottimizzare alcuni settori di intervento: gestione del territorio, impronta ecologica della macchina comunale, rifiuti, mobilità, nuovi stili di vita. Andare nella direzione del fare è la spinta propulsiva che anima la lista Insieme rinnoviamo Castano. Per questa finalità utilizzeremo ogni risorsa in modo ponderato e scrupoloso. Parte dei compensi previsti per il sindaco e gli assessori saranno accantonati in un fondo per la realizzazione di progetti a favore della nostra comunità. ************************ 2

3 PROGRAMMA AMMINISTRATIVO 1. ATTIVITA' ISTITUZIONALI E PARTECIPAZIONE POPOLARE 2. EDUCAZIONE ALLA LEGALITA 3. POLITICA ENERGETICA 4. ECOLOGIA E AMBIENTE 5. TERRITORIO, EDILIZIA E URBANISTICA 6. VIABILITA' E TRAFFICO 7. ATTIVITA' PRODUTTIVE E COMMERCIALI 8. BENI COMUNI 9. POLITICHE SOCIALI 10. SCUOLA E CULTURA, SPORT E TEMPO LIBERO 11. INTERNET E TECNOLOGIE 3

4 1. ATTIVITA' ISTITUZIONALI E PARTECIPAZIONE POPOLARE Il Comune è una casa trasparente L'Amministrazione Comunale opererà in termini di effettiva trasparenza assicurando: La pubblicità di tutti gli atti inerenti l amministrazione sugli organi di comunicazione istituzionale (internet e stampa); La sistematica comunicazione alla cittadinanza dei progetti, dei metodi di intervento, degli iter e dello stato di attuazione di ogni intervento per favorire la massima conoscenza dell attività amministrativa ai cittadini; La trasmissione in diretta delle riunioni del Consiglio Comunale (streaming), al fine di garantire la massima informazione e visibilità delle attività del parlamento cittadino anche a coloro che siano impossibilitati a presenziarvi direttamente, consentendo altresì la verifica della partecipazione dei propri rappresentanti eletti; Il primario utilizzo delle risorse interne, valorizzando competenze lavorative meritevoli ed incentivando la formazione professionale. Si ricorrerà residualmente a consulenze esterne solo nei casi di effettiva e oggettiva assenza di professionalità interne L attivazione delle forme di partecipazione democratica, come referendum consultivi o assemblee tematiche, su questioni di particolare rilevanza strategica. L attivazione di sistemi di comunicazione via mail per informare in modo immediato i cittadini sulle attività del Comune: L utilizzo anche delle tecnologie telematiche per favorire i processi di consultazione dei cittadini La valorizzazione delle consulte esistenti allargandone le competenze e trasformandole in veri e propri gruppi di studio a supporto delle attività assessorili; L attivazione di nuove consulte là dove quelle già istituite non fossero adeguate o fossero insufficienti L attivazione di un BLOG dove tutti i cittadini possano postare commenti/articoli sulla vita cittadina e utilizzo di ogni strumento utile per la comunicazione con la cittadinanza. La definizione di una delega consigliare per gestire le piccole cose ; ossia la focalizzazione su aspetti di dettaglio, che spesso sfuggono, al fine di cementare il necessario rapporto tra la cittadinanza e il consiglio comunale in tutti quei piccoli grandi problemi che ogni giorno si è costretti ad affrontare. 4

5 2. PROMOZIONE ED EDUCAZIONE ALLA LEGALITA Una città sicura è una città viva. L Amministrazione interverrà su aspetti legati alla legalità che ormai non possono essere più differiti. Furti in appartamento e non solo sono ormai una costante e diventa indispensabile intervenire affinché la nostra città possa tornare ad essere un luogo sicuro ove poter vivere. Sarà interesse prioritario fare di tutto per migliorare le condizioni di sicurezza del paese, con il conseguente aumento della vivibilità cittadina incrementando, nei limiti del possibile, la presenza di agenti di polizia locale sul territorio. Attenzione particolare dovrà essere riservata al controllo del territorio negli orari più a rischio. Occorre sfatare il mito che la sicurezza si realizzi soltanto come prodotto del potenziamento dei corpi di polizia. La sicurezza è anche tutela dei diritti delle minoranze e delle fasce deboli della società. Una realtà urbana che riconosca tali diritti si coniuga in maniera determinante come sinonimo di pace e tranquillità per i cittadini. Per concepire la sicurezza come indice di qualità della vita, è importante: L Istituzione di corsi formativi rivolti al riconoscimento di azioni illegittime, disoneste e malavitose, indirizzati a tutta la cittadinanza e con particolare attenzione alle fasce più deboli. Il miglioramento dell'illuminazione pubblica in quelle aree oggi scarsamente illuminate e poco frequentate, luoghi di possibili atti contro la proprietà, la morale e la persona. Promozione alla fruizione della città in tutti i suoi angoli perché una città vissuta è una città sicura. Saranno assicurati e implementati i servizi di vigilanza comunale. Gli obiettivi saranno orientati: A incrementare i sistemi di video sorveglianza nelle zone più sensibili ed esposte alla delinquenza locale; A ottimizzare i controlli esistenti sul territorio e istituirne di nuovi attraverso l utilizzo della Polizia Locale. A sviluppare servizi di sorveglianza intercomunale attraverso adeguate convenzioni, al fine di una migliore efficienza generale derivante dalla condivisione degli oneri con le realtà territoriali dei comuni limitrofi; A creare la migliore sinergia con le forze dell ordine presenti sul territorio anche favorendo l accesso alla banca dati del Comune (carte d identità, permessi di soggiorno, ecc); A favorire ogni attività associativa presente sul territorio (dalla Protezione civile agli Scout) che abbia lo scopo di sensibilizzare, attraverso varie iniziative, l intera cittadinanza e le scuole al bisogno di LEGALITA. Si istituirà un osservatorio territoriale sulla legalità e si implementeranno tutti i possibili strumenti di lotta e prevenzione delle infiltrazioni mafiose nel tessuto economico territoriale tematiche. Si attiverà uno stretto monitoraggio anche sull assegnazione degli appalti pubblici. L Amministrazione si muoverà inoltre nella direzione di adottare tutte le misure consentite dalla legge per arginare la piaga che si va diffondendo con il proliferare del gioco d azzardo legalizzato come le slot machine che trascina nella ludopatia concittadini fragili con incalcolabili ricadute sulle famiglie e sulla comunità. 5

6 3. POLITICA ENERGETICA La riduzione degli sprechi: la miglior fonte di energia è il risparmio. Una progressiva riduzione dei consumi di energia, oltre che un risparmio economico tangibile, ha come effetto un minor inquinamento ambientale e di conseguenza una migliore qualità della vita. Alcune forme di miglioramento che l Amministrazione intende realizzare sono: Rinnovamento dell illuminazione pubblica, ove possibile, con lampade a risparmio energetico. Creazione di un ufficio informativo apposito (eco-sportello) gestito da personale qualificato e formato in materia. Dare corso ad un registro che cataloghi ogni immobile comunale in base a parametri energetici prestabiliti, al fine di rispettare o adeguare le strutture alle prestazioni richieste. Accesso a forme di incentivazione fiscale, ove possibile, per premiare comportamenti virtuosi e degni di nota. Adozione di ogni patto intercomunale, provinciale o europeo che possa favorire con incentivi e aiuti i Comuni più virtuosi. Istituzione di premi simbolici annuali per coloro che si distingueranno nell attuazione delle politiche di risparmio energetico. Studi attenti che intervengano sulla reale e fattiva possibilità di progettazione e realizzazione di impianti fotovoltaici su edifici idonei. 6

7 4. ECOLOGIA E AMBIENTE Per un futuro sempre più pulito. Prioritario impegno sarà rivolto verso una revisione sostanziale dei metodi di incentivazione, raccolta e smaltimento dei rifiuti solidi urbani. Consapevoli che molto ancora può essere fatto in questa direzione, porremo particolare attenzione a : Incentivare tutte quelle modalità di differenziazione delle raccolte, attuando controlli specifici e minuziosi sull operato di ognuno. Incrementare sempre più l educazione e la sensibilizzazione della cittadinanza alla raccolta dei rifiuti e a una quotidianità attenta all ambiente. studi che sappiano adeguare la tassa rifiuti alla reale capacità produttiva dei singoli soggetti e alla effettiva tendenza verso comportamenti virtuosi. progettare di una casa dell acqua, che migliori la fruizione di questo bene prezioso e il risparmio ecologico. Attivare un controllo capillare sul territorio per arginare il degrado provocato da una minoranza che lo deturpa con rifiuti abbandonati nei boschi e atteggiamenti contrari al comune sentire. Modernizzare l eco-centro comunale, dotandolo di sistemi di controllo e verifica che permettano soltanto ai privati residenti di accedervi e di usufruire dei propri servizi. L'unica vera eredità che lasciamo ai nostri figli è la cura per l ambiente; in questa direzione ci impegneremo a: controllare la qualità dell'aria, con particolare riferimento alle polveri ultrasottili. favorire sempre lo studio approfondito di possibili relazioni tra inquinamento e patologie perché la salute dei nostri concittadini è per noi di fondamentale importanza. controllare attentamente ogni possibile nuova attività inquinante possa richiedere di sviluppare la propria attività sul territorio castanese. MASTERPLAN MALPENSA continuazione delle attività di contrasto con le organizzazioni del territorio, intervento a vari livelli decisionali con azioni mirate a smontare il progetto nel dettaglio, noi non siamo contrari allo sviluppo e al progresso, siamo contrari a progetti inutili e dannosi. CITTA METROPOLITANA: partecipazione attiva all'allestimento delle strutture decisionali per evidenziare le problematiche del nostro territorio in modo che rientrino nelle priorità di intervento. 7

8 5. TERRITORIO, EDILIZIA E URBANISTICA Recupero dell edificato esistente, uso ragionato del territorio, spazi verdi di qualità Revisione del documento di piano dell attuale PGT che partendo dalle mutate condizioni socio economiche metta al centro una prospettiva di crescita della città che coniughi ambiente e sviluppo e tenga conto della necessità di infrastrutture atte a garantire una sempre migliore qualità di vita dei cittadini. Recupero aree verdi con lo strumento della perequazione urbanistica Favorire gli interventi sulle aree dismesse con bonus volumetrico a fronte di realizzazioni che contengano requisiti sociali o servizi in aree sprovviste (nord città) Utilizzo degli strumenti previsti dalla legge per la verifica della compatibilità ambientale di insediamenti di rilevante impatto territoriale. Rivisitazione del NAF (centro storico) al fine di favorire ed indirizzare gli interventi di recupero e risanamento, ripristino dell'abaco dei materiali, ripensamento sulle norme che regolano l'edificabilità ed i rapporti di utilizzo degli edifici, indirizzi con progettazione di massima al fine di meglio armonizzare gli interventi nei comparti del centro storico. studio di possibilità, anche con comuni del castanese di costituzione di ufficio di piano sovracomunale che affronti problematiche di pianificazione derivanti dagli interventi in grossi ambiti, piani di lottizzazione o Piani integrati di intervento. Velocizzazione dell iter burocratico delle pratiche edilizie e commerciali (SUAP) Forme di contribuzione e sgravi (oneri, Tasi, contributi) per interventi nel NAF tesi a realizzare progetti che riqualifichino e/o riportino il commercio nel centro. Revisione delle imposizioni fiscali dei terreni inseriti negli ambiti di trasformazione del PGT, che tenga conto del reale valore di mercato. 8

9 6. VIABILITA' E TRAFFICO Frenare il traffico, muovere le persone La mobilità è un'esigenza e una libertà fondamentale ma regolamentare e perfezionare tali aspetti è priorità imprescindibile per la sicurezza di tutti i cittadini. Le soluzioni ai vari problemi vanno ricercate ascoltando gli abitanti che vivono nei molteplici quartieri che caratterizzano il nostro comune, cercando e trovando in loro un valido aiuto per monitorare il territorio. Le maggiori priorità andranno ricercante con le seguenti modalità di intervento: Incentivazione e precedenza alla mobilità ecosostenibile, creando aree specifiche e riservate al posteggio di biciclette nelle zone commercialmente attive, dando così il conseguente beneficio anche agli esercizi connessi ad esse. Ricerca ed abbattimento delle barriere architettoniche che impediscano la mobilità preferenziale per le persone diversamente abili. Implementazione di piste ciclabili sostenibili, interconnesse e condivise con i quartieri. Sostanziale revisione della viabilità del centro storico con la collaborazione di tutti i commercianti e residenti interessati. Progressiva adozione di autoveicoli comunali a basso impatto ambientale. 9

10 7. ATTIVITA' PRODUTTIVE E COMMERCIALI Soluzioni comuni per rinascere. Nello scenario imposto dalla riforma, la nostra amministrazione intende valorizzare ed incentivare le attività commerciali e produttive presenti sul territorio, ponendo particolare attenzione ai seguenti aspetti: Sostegno e incentivazione di eventi culturali e ricreativi promossi dalle realtà commerciali e associative presenti sul territorio finalizzati alla rivitalizzazione e valorizzazione del centro storico Incentivazione dei mercati di prodotti delle filiere corte e della produzione biologica per ridurre la distanza tra produttore e consumatore e abolire le intermediazioni. Realizzazione in piazza Mazzini di apposite aree destinate agli esercizi commerciali per la disposizione di tavoli all aperto o strutture complementari alle attività. Collaborazione diretta con le associazioni dei commercianti per migliorare la produttività di tutto il settore. Introduzione di modalità varie che possano favorire le classi sociali più in difficoltà (anziani, disoccupati, ecc.) L Amministrazione Comunale supporterà le attività commerciale e imprenditoriali che opereranno nella direzione di creare posti di lavoro e conseguente benessere nel territorio, naturalmente nel pieno rispetto delle regole, dell ambiente e del territorio. 10

11 8. BENI COMUNI Un patrimonio da tutelare e da vivere. In tempi oggettivamente nefasti sotto il profilo della disponibilità delle risorse, la battaglia che intendiamo combattere e vincere consiste nel delicato equilibrio tra il mantenimento delle strutture, salvaguardia delle loro finalità originarie e piena fruibilità a tutta la popolazione e le forme di gestione che non possono più gravare sul bilancio del Comune. Ci impegneremo quindi: Per studiate e mettere in atto adeguate convenzioni con enti che potranno gestire direttamente le strutture comunali in modo da farle vivere con ridotto gravame economico sulle casse comunali e rivitalizzarle a vantaggio della comunità. Per l accorpamento dei luoghi culturali comuni come biblioteca e museo in modo da incentrare e coniugare le finalità dei servizi e al tempo stesso accedere ad un risparmio nella loro gestione. Per la ristrutturazione di tutti quegli spazi comunali attualmente in disuso e ricerca di soluzioni per farli rivivere (parco Villa Rusconi, centro anziani estivo, campo Sciaredo, campo Sportivo, ecc..). Per l esecuzione del censimento degli edifici pubblici con le relative funzioni per studiare il piano di efficienza e di utilizzo e valutare tra questi, l eventuale realizzazione di strutture da adibire a poliambulatori in affitto ai medici di base in relazione alle nuove leggi riguardanti la Sanità Pubblica. Per valutare una programmazione puntuale dei lavori di manutenzione delle strade con contestuali interventi sulle reti, in modo particolare sulla rete fognaria, programmando pulizie caditoie e tubazioni. 11

12 9. POLITICHE SOCIALI Al servizio dei cittadini. La rete dei servizi sociali e socio-sanitari territoriali deve essere costantemente in comunicazione, allo scopo di potenziare ed ottimizzare risorse e tempi di intervento soprattutto nelle situazioni di forte disagio e nei confronti delle categorie svantaggiate. Nel nostro comune già da tempo è presente una costituzione di servizi associati con altre amministrazioni denominata Azienda Sociale, il cui indiscusso valore deve essere tutelato ed incentivato alla crescita. Con la collaborazione di tutte le realtà ci adopereremo per: L attivazione immediata per eseguire un esatta mappatura del bisogno attraverso le strutture del Comune e per creare la massima sinergia con ogni realtà locale che agisce in questa direzione a qualsiasi livello. La revisione della politica del welfare con interventi sociali mirati e differenziati a seconda dei casi per orientare gli aiuti esclusivamente, in modo efficace e nella giusta direzione. La creazione di un fondo di solidarietà per rispondere ai bisogni crescenti della cittadinanza a causa del grave periodo di crisi che attraversiamo, favorendo prestazioni di pubblica utilità collegate alla corresponsione di una retribuzione in modo da aiutare i castanesi disoccupati a recuperare una giusta dignità lavorativa. La massima sinergia con gli esercizi commerciali per il trasferimento di alimenti in scadenza dagli scaffali alle mense per i più poveri, attraverso la creazione di una rete tra il Comune le organizzazioni di volontariato, i grandi magazzini e i piccoli negozianti. Attivazione del cinque per mille a favore del Comune per le iniziative di solidarietà sociale L utilizzazione del volontariato come forza aggiunta per rafforzare i servizi e non per sopperire alle difficoltà economiche della amministrazione pubblica l'attiva collaborazione con le realtà del terzo settore (cooperazione socialie e volontariato) per la costruzione di progetti ed interventi orientati a favorire la coesione sociale sul territorio, per la definizione di programmi, nell ambito delle previsioni normative vigenti, al fine di creare occasioni di inserimento lavorativo per le fasce deboli e per favorire efficaci politiche giovanili, FAMIGLIA: importanti proposte di sostegno al nucleo familiare: Facilitare l'accesso a punti di sostegno ed ascolto per famiglie in difficoltà, definendo parametri di possibili interventi condivisi. Revisione e ridiscussione delle convenzioni che normano i servizi di Scuola Primaria per l Infanzia, in modo da riformulare le modalità di accesso, soprattutto tenendo conto dei coefficienti ISEE a monte dell iter di domanda. Considerazione di ogni intervento che possa aiutare i cittadini castanesi nella gestione formativa dei propri figli favorendo, quando e se ce ne saranno le condizioni, la nascita di una Scuola Materna Statale che vada ad affiancarsi e a collaborare con l attuale Scuola Primaria per l Infanzia, che ha rappresentato e vogliamo rappresenti anche in futuro, una importante risorsa per la nostra cittadina. Miglioramento dei controlli manutentivi alle aree verdi già presenti sul territorio, favorendo convenzioni con i cittadini. 12

13 MINORI E GIOVANI: particolare attenzione alle generazioni future prevedendo: Collaborazione con le istituzioni scolastiche per effettuare programmi di educazione civica, ambientale e culturale Promozione di momenti e luoghi di aggregazione giovanile. Istituzione di commissioni che abbiano l obiettivo di organizzare eventi e manifestazioni in genere e che cerchino, nei limiti del possibile di favorire e valorizzare i nostri talenti. L amministrazione, per tali finalità, renderà fruibili le risorse disponibili Esistono tutte le condizioni per fare cultura anche utilizzando le nostre risorse e valorizzando le espressioni culturali e artistiche già espresse sul territorio. Convenzioni con palestre e centri sportivi ed associazioni per una corretta crescita psico-fisica. Istituzione della Giornata del Giovane, dove evidenziare e premiare i risultati di qualità ottenuti dai giovani castanesi in campo culturale, sportivo, formativo, lavorativo ecc. Ristrutturazione delle strutture sportive ricercando fondi regionali, statali o con sponsorizzazioni private, oppure coinvolgendo la popolazione in iniziative e raccolte fondi da destinare al bene pubblico. In un periodo dove non ci sono fondi non si può aspettare che cambi qualcosa ma bisogna fare perché le cose cambino. ANZIANI: tutela sistematica delle fasce disagiate, attuando interventi per: Favorire l'incontro tra le persone e la creazione di spazi di condivisione e mutuo aiuto, allo scopo di monitorare e contenere la situazione di una popolazione troppo spesso ridotta alla solitudine. Convenzioni con palestre e centri ricreativi per promuovere il mantenimento della salute psicofisica degli anziani. Creare e favorire momenti di aggregazione ed incontro. Collaborazione con gruppi organizzati per la gestione di parchi e aree pubbliche. Collaborazione con le associazioni che lavorano nel sociale, al fine di programmare in maniera mirata le azioni necessarie per affrontare le problematiche segnalate Studiare la possibilità di istituire l'università adulti/anziani come struttura aperta a tutte le persone adulte che hanno voglia di imparare a conoscere meglio la realtà che le circonda, mantenere viva la curiosità, acquisire conoscenze nuove, impadronirsi di capacità, di atteggiamenti, di strumenti utili nella vita di oggi. (es. collaborazione con progetti attivi in regione da parte di associazioni quali UNIVERSAUSER PERSONE DIVERSAMENTE ABILI E DEI SOGGETTI DEBOLI E SVANTAGGIATI: attivazione di tutti i mezzi per attuare una normalità non più diversa. Progressiva eliminazione di tutte le barriere architettoniche e verifica dell'accessibilità per uffici e locali pubblici. Favorire l integrazione dei soggetti disabili e dei soggetti deboli e svantaggiati attraverso il potenziamento dell inserimento lavorativo, al fine di valorizzare le capacità residue avvicinandosi all obiettivo di una vita sempre meno dipendente dai servizi, in un ottica di rispetto della dignità della persona.(es, potenziamento delle convenzioni dirette con le COOP sociali di tipo B in alcuni specifici appalti, costruzione di progetti specifici anche in previsione dell'expo e della valorizzazione dei serizi che la nostra città può offrire. 13

14 Verrà aperto uno Sportello aperto a chiunque sia interessato ad avere informazioni ed essere aiutato. Uno spazio che si occupi di monitorare costantemente il bisogno e le disponibilità abitative, tra i numerosi appartamenti sfitti; Educazione alle pari opportunità e creazione di uno sportello donna per progetti educativi e culturali volti all eradicazione di tutte le forme di violenza fondate sul genere, di quelle consumate tra le mura domestiche e all eliminazione degli stereotipi sessisti. 14

15 10. SCUOLA, CULTURA, SPORT E TEMPO LIBERO Ignoranza e immobilismo, aspetti da combattere. Anche in mancanza di risorse è necessario ogni sforzo e non trascurare gli ambiti fondamentali della formazione degli individui. Non intendiamo cadere nell errore fatale di far quadrare il bilancio con tagli insensati a settori che a torto taluni ritengono possano essere penalizzati. I tagli di spesa nella scuola o nella cultura si traducono fatalmente in gravi pregiudizi per le generazioni future. Sia pure nel limite che il bilancio comunale può consentire, assicureremo: Nei termini e per le finalità contemplate in atti di giunta e nei regolamenti, incentivi economici, riduzioni tariffarie e utilizzo delle strutture, alle associazioni presenti sul territorio. Convenzioni per la gestione diretta delle strutture redatte con la massima chiarezza sia riguardo ai costi che agli obblighi delle parti che le sottoscrivono. Monitoraggio sistematico sull utilizzo delle strutture. Ove possibile, interverremo per mettere a norma gli edifici scolastici e sportivi adattandoli alle adeguate esigenze e proponendo in aggiunta degli adeguamenti normativi sul risparmio energetico. Sostegno per l approfondimento di tematiche specifiche extra-curricolari, previa presentazione di progetti sostenibili dal punto di vista economico e organizzativo. Localizzazione di una sede che diventi una grande casa dello sport, in modo da riunire tutte le associazioni in un'unica casa condivisa e unitaria. L obiettivo è tendere a una sinergia delle forze e fattiva collaborazione per ridurre i costi di gestione e puntare alla nascita della Polisportiva Castanese. Utilizzo diretto di consulte e/o commissioni specifiche (Scuola e Cultura Sport e Tempo Libero), in cui sotto le direttive dell assessore competente, i rappresentanti di ogni associazione culturale/sportiva, e altri liberi delegati, concorreranno attivamente alla crescita costante di tutto il settore. Apertura a tutte le arti, con creazione di appositi spazi dedicati ai writers, spettacoli itineranti ed altre iniziative culturali recuperando aree sottoutilizzate e facendole rivivere. La ricerca di luoghi consoni per l istituzione di orti comunali destinati a pensionati e a nuclei familiari interessati. La ricerca di modalità alternative a quelle esistenti per garantire un piano del diritto allo studio adeguato e che tenga conto di esigenze attualmente trascurate come quelle dell ordinaria manutenzione delle aule scolastiche Rivisitazione degli attuali sistemi tariffari al fine di graduare coerentemente al reddito (ISEE) le quote a carico delle famiglie nel campo dei servizi a domanda individuale con particolare riferimento ai servizi connessi alle attività scolastiche. L amministrazione cercherà opportunità di crescita e arricchimento culturale sia attraverso eventi autogestiti sia agevolando e facilitando il lavoro delle realtà locali che alimentano in città, esperienze e pratiche culturali. Verranno valorizzate e stimolate le attività culturali di associazioni e singoli cittadini. L Amministrazione, rispetto a percorsi inclusivi e partecipativi, offrirà opportunità di coordinamento rispetto a tematiche o eventi che possano coinvolgere l'intera città. Il sito internet del Comune diventerà un efficace strumento di promozione e informazione per le associazioni rispetto ai bandi e alle opportunità di finanziamento spendibili sul territorio. 15

16 L Amministrazione avvierà un piano organico di sviluppo delle attività culturali viste come risorsa vitale per la comunità cittadina, come base dell educazione civica, della convivenza multietnica e come investimento nell educazione delle generazioni future. 16

17 11. INTERNET E TECNOLOGIA Multimedialità per una società multietnica. L accesso alla rete deve essere garantito a tutti, superando ogni ostacolo tecnico ed economico, favorendo la diffusione di reti senza fili comunali free WI-FI. Per perseguire tali obiettivi sarà prioritaria la ricerca di partner con cui stringere accordi e ricercare operatori di settore adeguati per coprire con la banda larga le zone prestabilite. Le tecnologie semplificano il rapporto tra cittadino e Comune: meno burocrazia, meno costi per i cittadini, meno tempo perso, più efficienza. Rendere stabili i corsi gratuiti organizzati dal Comune per l insegnamento di programmi informatici per ogni fascia di età. Il sito internet del Comune sarà completamente ridisegnato sia per adeguarlo alle vincolanti previsioni che la legge impone sia per renderlo realmente fruibile da parte dei cittadini INSIEME PER COSTRUIRE UN PAESE PER CHI LO VIVE E NON PER CHI LO GOVERNA! 17

Programma Amministrativo Alla gente di Ranica chiederemo sempre di partecipare e di esprimere le opinioni e le proposte di ciascuno sui vari problemi: sarà per noi il punto di partenza per risolverli.

Dettagli

Lista Civica CAVALIER GORGO NAVOLE - OBIETTIVO COMUNE

Lista Civica CAVALIER GORGO NAVOLE - OBIETTIVO COMUNE Lista Civica CAVALIER GORGO NAVOLE - OBIETTIVO COMUNE Programma Elettorale Elezioni Amministrative 25 Maggio 2014 1 Presentazione La lista civica OBIETTIVO COMUNE nasce dalla volontà di una numerosa squadra

Dettagli

Montecassiano Bene Comune

Montecassiano Bene Comune Montecassiano Bene Comune Programma per l amministrazione comunale 2014-2019 non abbiamo bisogno di chissà quali grandi cose o chissà quali grandi uomini; abbiamo solo bisogno di più gente onesta (b.c.)

Dettagli

PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE

PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE SOGGETTI PROPONENTI IL PROGETTO 1) Denominazione Cooperativa Servizi & Formazione Indirizzo Viale

Dettagli

PROGRAMMA ELETTORALE ELEZIONI COMUNALI 25 MAGGIO 2014

PROGRAMMA ELETTORALE ELEZIONI COMUNALI 25 MAGGIO 2014 PROGRAMMA ELETTORALE ELEZIONI COMUNALI 25 MAGGIO 2014 La politica non è nelle competizioni degli uomini; non è nei sonanti discorsi. È, o dovrebbe essere, nell interpretare l epoca in cui si vive (..).

Dettagli

Dichiarazione di Atene sulle Città Sane

Dichiarazione di Atene sulle Città Sane Dichiarazione di Atene sulle Città Sane (Athens Declaration for Healthy Cities) Atene, Grecia, 23 giugno 1998 Mondiale della Sanità possono sostenere le azioni su cui si fonda la salute per tutti a livello

Dettagli

REGIONE LIGURIA LEGGE REGIONALE 3 NOVEMBRE 2009 N. 48 PROMOZIONE E VALORIZZAZIONE DELL INVECCHIAMENTO ATTIVO

REGIONE LIGURIA LEGGE REGIONALE 3 NOVEMBRE 2009 N. 48 PROMOZIONE E VALORIZZAZIONE DELL INVECCHIAMENTO ATTIVO REGIONE LIGURIA LEGGE REGIONALE 3 NOVEMBRE 2009 N. 48 PROMOZIONE E VALORIZZAZIONE DELL INVECCHIAMENTO ATTIVO (BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LIGURIA N. 19 DEL 4 NOVEMBRE 2009) Il Consiglio regionale

Dettagli

ADOZIONE DELLA CONVENZIONE ONU SUI DIRITTI DELLE PERSONE CON DISABILITA. PREMESSO che:

ADOZIONE DELLA CONVENZIONE ONU SUI DIRITTI DELLE PERSONE CON DISABILITA. PREMESSO che: Sindaco Paolo Mascaro paolo.mascaro@comune.lamezia-terme.cz.it Presidente del consiglio comunale Francesco De Sarro francesco.desarro@comune.lamezia-terme.cz.it Oggetto: mozione ex art. 18 regolamento

Dettagli

TESTO DI LEGGE APPROVATO DAL CONSIGLIO REGIONALE ASSEMBLEA LEGISLATIVA REGIONALE DELLA LIGURIA NELLA SEDUTA DEL 6 MARZO 2007

TESTO DI LEGGE APPROVATO DAL CONSIGLIO REGIONALE ASSEMBLEA LEGISLATIVA REGIONALE DELLA LIGURIA NELLA SEDUTA DEL 6 MARZO 2007 REGIONE LIGURIA TESTO DI LEGGE APPROVATO DAL CONSIGLIO REGIONALE ASSEMBLEA LEGISLATIVA REGIONALE DELLA LIGURIA NELLA SEDUTA DEL 6 MARZO 2007 INTERVENTI DI PREVENZIONE DELLA VIOLENZA DI GENERE E MISURE

Dettagli

CENTRO SOCIO CUTURALE IL PALAZZONE. Proposta di azione sociale

CENTRO SOCIO CUTURALE IL PALAZZONE. Proposta di azione sociale CENTRO SOCIO CUTURALE IL PALAZZONE Proposta di azione sociale Breve descrizione dell Idea / Progetto /Proposta Il Centro Socio Culturale Il Palazzone nasce in una zona della città legata a doppio filo

Dettagli

Il welfare aziendale e l azione del Dipartimento per le Pari Opportunità

Il welfare aziendale e l azione del Dipartimento per le Pari Opportunità Conciliazione dei tempi di vita e di lavoro Il welfare aziendale e l azione del Dipartimento per le Pari Opportunità Dott.ssa Serenella Martini Dipartimento per le Pari Opportunità Presidenza del Consiglio

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA Premesso che il programma di Governo ha previsto una legislatura caratterizzata da profonde riforme istituzionali; che tale

Dettagli

'Ez año BU 5. Comune di Inverigo LINEE PROGRAMMATICHE DI GOVERNO 2011-2016 25 OTTOBRE 2011

'Ez año BU 5. Comune di Inverigo LINEE PROGRAMMATICHE DI GOVERNO 2011-2016 25 OTTOBRE 2011 L_ 1 `_ -F ' f. _ L/ 1 I BU 5 'Ez año Comune di Inverigo LINEE PROGRAMMATICHE DI GOVERNO 2011-2016 ELEZIONI DEL 15 E 16 MAGGIQ 2011 25 OTTOBRE 2011 ai. H/ úiscúíü"'7.7 i ÈL É' i ceurnonssrnn RIBOLDI SINDACO

Dettagli

Civiche per il Trentino Principi e linee programmatiche. diegomosna.it

Civiche per il Trentino Principi e linee programmatiche. diegomosna.it Civiche per il Trentino Principi e linee programmatiche diegomosna.it Civiche per il Trentino Principi e linee programmatiche segreteria@diegomosna.it facebook.com/diegomosna.it @diegomosna 3 La coalizione

Dettagli

La mappa delle esigenze del territorio

La mappa delle esigenze del territorio La mappa delle esigenze del territorio Settembre - Ottobre 2014 Luoghi di aggregazione Valorizzando strutture già esistenti, serve la creazione di nuovi luoghi di socializzazione e integrazione, per favorire

Dettagli

Ufficio di Servizio Sociale BANDO PUBBLICO PER LA PARTECIPAZIONE AL PROGETTO. Accompagnamento e integrazione sociale di persone con disabilità

Ufficio di Servizio Sociale BANDO PUBBLICO PER LA PARTECIPAZIONE AL PROGETTO. Accompagnamento e integrazione sociale di persone con disabilità Prot. nr. 1617 BANDO PUBBLICO PER LA PARTECIPAZIONE AL PROGETTO Accompagnamento e integrazione sociale di persone con disabilità In esecuzione della Determinazione del Responsabile dell Area Amministrativa

Dettagli

Partecipazione. Pianificazione. Responsabilità

Partecipazione. Pianificazione. Responsabilità Programma Elezioni Comunali Rimini 2011 Partecipazione Non ci sono politici di mestiere, i cittadini partecipano al governo della città Pianificazione Si condivide un progetto complessivo, si attua per

Dettagli

PROGETTO di ACCOMPAGNAMENTO EDUCATIVO POMERIDIANO Fuori Classe

PROGETTO di ACCOMPAGNAMENTO EDUCATIVO POMERIDIANO Fuori Classe Allegato DGC 110/2015 PROGETTO di ACCOMPAGNAMENTO EDUCATIVO POMERIDIANO Fuori Classe Premessa Negli ultimi anni si sta registrando una presenza di alunni che manifestano, all ingresso della scuola primaria

Dettagli

Programma elettorale lista civica Libertà e Partecipazione

Programma elettorale lista civica Libertà e Partecipazione Programma elettorale lista civica Libertà e Partecipazione La lista civica Libertà e Partecipazione, con il programma di seguito riportato, propone un cambiamento del concetto di politica adottato in passato,

Dettagli

C o m u n e d i C o s t a d e N o b i l i P r o v i n c i a d i P a v i a P I A N O D I G O V E R N O D E L T E R R I T O R I O

C o m u n e d i C o s t a d e N o b i l i P r o v i n c i a d i P a v i a P I A N O D I G O V E R N O D E L T E R R I T O R I O C o m u n e d i C o s t a d e N o b i l i P r o v i n c i a d i P a v i a P I A N O D I G O V E R N O D E L T E R R I T O R I O Q U E S T I O N A R I O C O N O S C I T I V O P A R T E C I P A Z I O N E

Dettagli

L ESPERIENZA DEL COMUNE DI REGGIO EMILIA NELLA DEFINIZIONE DELLE STRATEGIE E SELEZIONE DI INDICATORI

L ESPERIENZA DEL COMUNE DI REGGIO EMILIA NELLA DEFINIZIONE DELLE STRATEGIE E SELEZIONE DI INDICATORI L ESPERIENZA DEL COMUNE DI REGGIO EMILIA NELLA DEFINIZIONE DELLE STRATEGIE E SELEZIONE DI INDICATORI Mauro Bonaretti Direttore generale del Comune di Reggio Emilia IL CICLO DELLE POLITICHE PUBBLICHE BISOGNI

Dettagli

PROGETTO GIOVANI CITTA. Percorsi di cittadinanza attiva per uno sviluppo sociale sostenibile SCHEDA DI DETTAGLIO DEL

PROGETTO GIOVANI CITTA. Percorsi di cittadinanza attiva per uno sviluppo sociale sostenibile SCHEDA DI DETTAGLIO DEL PROGETTO GIOVANI CITTA Percorsi di cittadinanza attiva per uno sviluppo sociale sostenibile REALIZZAZIONE DELL AZIONE 2 Promuovere stili di vita sani e modelli positivi di comportamento. Educare alla legalità.

Dettagli

TRA PREMESSO. che il fenomeno della violenza nei confronti delle donne rappresenta un tema di grande attualità e particolare gravità;

TRA PREMESSO. che il fenomeno della violenza nei confronti delle donne rappresenta un tema di grande attualità e particolare gravità; PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DI STRATEGIE CONDIVISE FINALIZZATE ALLA PREVENZIONE ED AL CONTRASTO DEL FENOMENO DELLA VIOLENZA NEI CONFRONTI DELLE DONNE TRA l Amministrazione Provinciale di Vercelli,

Dettagli

Codice Etico v 1.0 del 09/12/2014 CODICE ETICO CODICE ETICO

Codice Etico v 1.0 del 09/12/2014 CODICE ETICO CODICE ETICO CODICE ETICO CODICE ETICO Sommario DESTINATARI DEL CODICE... 3 ETICITA DEL LAVORO... 4 ETICITA VERSO IL MERCATO... 5 ETICITA VERSO L AMBIENTE... 7 ATTUAZIONE DEL CODICE ETICO... 8 DESTINATARI DEL CODICE

Dettagli

Linee guida per un Patto Metropolitano Per una forte e condivisa politica contro gli inquinamenti

Linee guida per un Patto Metropolitano Per una forte e condivisa politica contro gli inquinamenti Provincia di Milano Linee guida per un Patto Metropolitano Per una forte e condivisa politica contro gli inquinamenti Giunta Provinciale 11 settembre 2006 Atti n. 187671/11.1/2006/9255 pag. 1 La Giunta

Dettagli

Un alleanza per i diritti dei bambini e degli adolescenti del Mezzogiorno

Un alleanza per i diritti dei bambini e degli adolescenti del Mezzogiorno Un alleanza per i diritti dei bambini e degli adolescenti del Mezzogiorno Crescere al Sud rappresenta un luogo d incontro tra realtà diverse, nazionali e locali, che hanno deciso di mettere in comune le

Dettagli

Regione Lombardia ti aiuta ad acquistare o a ristrutturare il tuo primo alloggio

Regione Lombardia ti aiuta ad acquistare o a ristrutturare il tuo primo alloggio Hai voglia di casa? Regione Lombardia ti aiuta ad acquistare o a ristrutturare il tuo primo alloggio Regione Lombardia presenta il bando per l erogazione del contributo per agevolare l accesso alla proprietà

Dettagli

Comune di Arluno. 21 Progetti

Comune di Arluno. 21 Progetti Comune di Arluno 21 Progetti Scheda di progetto 1/21 Tecnico settori urbanistica ed ecologia Piano regolatore generale con supervisione del PTCP e della VAS Tempi del progetto L intera comunità Il nuovo

Dettagli

COMUNE DI PAGLIETA Provincia di Chieti

COMUNE DI PAGLIETA Provincia di Chieti COMUNE DI PAGLIETA Provincia di Chieti PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE per la realizzazione delle pari opportunità tra uomo e donna 2010/2012 PIANO TRIENNALE AZIONI POSITIVE 2010 2012 Fonti normative:

Dettagli

A relazione dell'assessore Ferrari:

A relazione dell'assessore Ferrari: REGIONE PIEMONTE BU48 03/12/2015 Deliberazione della Giunta Regionale 9 novembre 2015, n. 21-2388 Approvazione Protocollo di Intesa fra la Caritas Diocesana di Vercelli, il Comune di Vercelli, la Provincia

Dettagli

Comune di CASTAGNETO PO (Prov. TORINO)

Comune di CASTAGNETO PO (Prov. TORINO) ELEZIONE DEL SINDACO E DEL CONSIGLIO COMUNALE (Art. 71, comma 2, D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267) (Comuni sino a 15.000 abitanti) Comune di CASTAGNETO PO (Prov. TORINO) Votazioni del giorno 25/05/2014 P

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

PROGRAMMA UNIONE EUROPEA OPERATIVO REGIONE LAZIO FONDI EUROPEI COMUNE DI FONDI

PROGRAMMA UNIONE EUROPEA OPERATIVO REGIONE LAZIO FONDI EUROPEI COMUNE DI FONDI PROGRAMMA UNIONE EUROPEA OPERATIVO REGIONE LAZIO FONDI EUROPEI COMUNE DI FONDI LETTERA AI CITTADINI Cari concittadini, il presente lavoro è redatto per approfondire la conoscenza degli interventi previsti

Dettagli

Educando nelle Province di Cremona e Mantova

Educando nelle Province di Cremona e Mantova Scheda progetto Educando nelle Province di Cremona e Mantova Il progetto si sviluppa in cinque comuni delle province di Cremona e Mantova. OBIETTIVI GENERALI La realizzazione del progetto si pone i seguenti

Dettagli

AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTA ANNO 2012

AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTA ANNO 2012 Allegato n. 2 alla Delib.G.R. n. 19/4 del 8.5.2012 AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTA ANNO 2012 PREMESSA Con il presente programma, parte essenziale del più complessivo programma di interventi a favore delle

Dettagli

BERGAMO SMART CITY &COMMUNITY

BERGAMO SMART CITY &COMMUNITY www.bergamosmartcity.com Presentazione Nasce Bergamo Smart City & Community, associazione finalizzata a creare una rete territoriale con uno scopo in comune: migliorare la qualità della vita dei cittadini

Dettagli

10. SEGRATE UN COMUNE PIU VICINO AL CITTADINO

10. SEGRATE UN COMUNE PIU VICINO AL CITTADINO 10. SEGRATE UN COMUNE PIU VICINO AL CITTADINO Ancora più efficienza della macchina comunale grazie alla costante estensione dei servizi ottenuta mediante l ottimizzazione dei costi e dei tempi. Il Comune

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE Allegato A alla delibera di Giunta n del. PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE PREMESSO CHE: Il 10 dicembre 1997, nell ambito della Convenzione Quadro sui Cambiamenti

Dettagli

Educando nella Provincia di Varese 2012

Educando nella Provincia di Varese 2012 Scheda progetto Educando nella Provincia di Varese 2012 ANCI Lombardia coordina e organizza le azioni degli enti associati in materia di servizio civile definendo una precisa strategia metodologica comune

Dettagli

ACCORDO VOLONTARIO DI AREA PER FAVORIRE LO SVILUPPO DEL DISTRETTO FAMIGLIA NELLA COMUNITA' ROTALIANA KÖNIGSBERG

ACCORDO VOLONTARIO DI AREA PER FAVORIRE LO SVILUPPO DEL DISTRETTO FAMIGLIA NELLA COMUNITA' ROTALIANA KÖNIGSBERG ACCORDO VOLONTARIO DI AREA PER FAVORIRE LO SVILUPPO DEL DISTRETTO FAMIGLIA NELLA ROTALIANA KÖNIGSBERG TRA LA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO, LA COMUNITA ROTALIANA KÖNIGSBERG, IL COMUNE DI LAVIS, IL COMUNE

Dettagli

Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Direzione generale. Progetto Attività Motoria e Sport nella Scuola

Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Direzione generale. Progetto Attività Motoria e Sport nella Scuola COMUNE DI ROMA MIUR Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Direzione generale Progetto Attività Motoria e Sport nella Scuola Protocollo D Intesa 2002-2005 1 Visto l art.21 della Legge 15 Marzo 1997

Dettagli

PREMESSA. Il programma individua tre linee di indirizzo:

PREMESSA. Il programma individua tre linee di indirizzo: PREMESSA Gli eventi traumatici e l'instabilità amministrativa che hanno dolorosamente segnato gli ultimi quaranta anni della nostra città hanno disperso le già labili tracce della sua tradizione comunale

Dettagli

Comunità della Paganella

Comunità della Paganella COMUNITÀ della PAGANELLA PROGETTO Sportello Donna Comunità della Paganella Gennaio 2013 PREMESSE Nel 2011 la Comunità della Paganella ha elaborato il progetto intitolato La conoscenza delle donne, nell

Dettagli

ALLEGATO alla delibera C.P. nn. 76/67066 del 13-9-2012

ALLEGATO alla delibera C.P. nn. 76/67066 del 13-9-2012 INDICE ALLEGATO alla delibera C.P. nn. 76/67066 del 13-9-2012 L.R. 1/2000 e successive modifiche Indirizzi provinciali per lo sviluppo, il consolidamento e la qualificazione dei servizi educativi rivolti

Dettagli

Allegato 4 Tabella di raccordo tra dimensioni del BES, funzioni e obiettivi della provincia

Allegato 4 Tabella di raccordo tra dimensioni del BES, funzioni e obiettivi della provincia Allegato 4 Tabella di raccordo tra dimensioni del BES, funzioni e obiettivi della provincia Dimensione/dominio Funzioni Piano strategico Tema Descrizione Standard materiali di vita (reddito,consumi,ricchezz

Dettagli

Denominazione Servizio : OSSERVATORIO PERMANENTE E SUPPORTO AL SERVIZIO SOCIALE TERRITORIALE DEL MUNICIPIO XIII

Denominazione Servizio : OSSERVATORIO PERMANENTE E SUPPORTO AL SERVIZIO SOCIALE TERRITORIALE DEL MUNICIPIO XIII Scheda di Progetto Mod. PRO rev. 0 del 04.10.06 Parte prima Denominazione Servizio : OSSERVATORIO PERMANENTE E SUPPORTO AL SERVIZIO SOCIALE TERRITORIALE DEL MUNICIPIO XIII Premessa: Un sistema integrato

Dettagli

Progetto BES delle Province (PSU-00003) maggio 2013, abstract. Diffusione dell innovazione tecnologica. Combattere la delocalizzazione del lavoro

Progetto BES delle Province (PSU-00003) maggio 2013, abstract. Diffusione dell innovazione tecnologica. Combattere la delocalizzazione del lavoro Standard materiali di vita/ Benessere economico Salute/ Salute attivita' in collaborazione con i Comuni nel settore economico, produttivo, commerciale e turistico Servizi sanitari, di igiene e profilassi

Dettagli

Legge regionale 14 maggio 2009, n. 1, 1

Legge regionale 14 maggio 2009, n. 1, 1 Oggetto: Legge regionale 14 maggio 2009, n. 1, 1, art. 3, comma 2, lett. e). Fondo di garanzia etica. L Assessore del Lavoro, Formazione Professionale, Cooperazione e Sicurezza Sociale riferisce in ordine

Dettagli

IL CONSIGLIO REGIONALE

IL CONSIGLIO REGIONALE 16 LEGGE REGIONALE 18 dicembre 2007, n. 39 Norme di attuazione della legge 7 dicembre 2007, n. 383 (Disciplina delle associazioni di promozione sociale). IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO URBANO SOSTENIBILE INTEGRATO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le leggi che regolano il ciclo successivo

Dettagli

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione.

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. La Compagnia Della Rinascita PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si

Dettagli

Laboratorio Servizi nell area DISABILI

Laboratorio Servizi nell area DISABILI Laboratorio Servizi nell area DISABILI 1 Studio sui servizi alla persona disabile a Roma Luglio 2007 Nella legislazione italiana, la tutela assistenziale del cittadino disabile si è avuta: 1. Negli anni

Dettagli

proposta di legge n. 405

proposta di legge n. 405 REGIONE MARCHE 1 ASSEMBLEA LEGISLATIVA proposta di legge n. 405 a iniziativa dei Consiglieri Marinelli, D Anna, Foschi, Natali, Bugaro presentata in data 20 marzo 2014 DISCIPLINA DELLA VALORIZZAZIONE E

Dettagli

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI 1. ASPETTI GENERALI Negli ultimi anni, in gran parte dei Paesi europei, si assiste a un crescente interesse verso l attuazione di una pianificazione locale del territorio

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN TOSCANA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN TOSCANA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN TOSCANA ENTE 1) Ente proponente il progetto: Comune di Firenze CARATTERISTICHE PROGETTO 2) Titolo del progetto: ENEA Interventi

Dettagli

PROGRAMMA ELETTORALE MOVIMENTO 5 STELLE 2015-2020

PROGRAMMA ELETTORALE MOVIMENTO 5 STELLE 2015-2020 PROGRAMMA ELETTORALE MOVIMENTO 5 STELLE 2015-2020 PUNTO (3) SANITA E SERVIZI SOCIALI 1 2 SANITA' E SERVIZI SOCIALI L indirizzo sociale, ovvero il cittadino al centro del progetto comunale, è un punto fondamentale

Dettagli

Inclusione dei disabili

Inclusione dei disabili Inclusione dei disabili Strategia europea per la parità delle opportunità Commissione europea Pari opportunità per pari diritti Il valore aggiunto europeo L Anno europeo dei cittadini disabili nel 2003

Dettagli

Presenta le tre proposte principali emerse al tuo tavolo, specifica le modalità e i tempi di realizzazione e dai un titolo ai progetti.

Presenta le tre proposte principali emerse al tuo tavolo, specifica le modalità e i tempi di realizzazione e dai un titolo ai progetti. TAVOLO MILANO È SICUREZZA Presenta le tre proposte principali emerse al tuo tavolo, specifica le modalità e i tempi di realizzazione e dai un titolo ai progetti. Sicurezza vuol dire bellezza, benessere,

Dettagli

NUORO (08/05/2015) SCHEMA DI PROTOCOLLO D INTESA PER LA FORMALIZZAZIONE DI UN ACCORDO

NUORO (08/05/2015) SCHEMA DI PROTOCOLLO D INTESA PER LA FORMALIZZAZIONE DI UN ACCORDO NUORO (08/05/2015) SCHEMA DI PROTOCOLLO D INTESA PER LA FORMALIZZAZIONE DI UN ACCORDO FINALIZZATO ALL' INDIVIDUAZIONE DI UN LUOGO IN CUI PROMUOVERE SCAMBI CULTURALI E PROCESSI DI INCLUSIONE E RELAZIONE

Dettagli

area tematica: QUALITA SOCIALE E WELFARE

area tematica: QUALITA SOCIALE E WELFARE Tabella A. sottotemi Analisi delle dinamiche e delle criticità Fenomeno nuove povertà e precarizzazioni sociali Precarizzazione mercato del lavoro INSICUREZZA SOCIALE E SCENARI SOCIO- ECONOMICI E DEMOGRAFICI

Dettagli

Comune di PARELLA (CITTÀ METROPOLITANA DI TORINO)

Comune di PARELLA (CITTÀ METROPOLITANA DI TORINO) ELEZIONE DEL SINDACO E DEL CONSIGLIO COMUNALE (Art. 71, comma 2, D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267) (Comuni sino a 15.000 abitanti) Comune di PARELLA (CITTÀ METROPOLITANA DI TORINO) Votazioni del giorno 31/05/2015

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

La comunicazione istituzionale rappresenta, da oltre un decennio, un tema di rilevante interesse per le amministrazioni pubbliche italiane.

La comunicazione istituzionale rappresenta, da oltre un decennio, un tema di rilevante interesse per le amministrazioni pubbliche italiane. ALLEGATO 1 PROVINCIA DI BRINDISI SERVIZIO 1 SETTORE AMMINISTRAZIONE GENERALE P R O G E T T O UFFICIO STAMPA E SUPPORTO UFFICIO COMUNICAZIONE ISTITUZIONALE DELLA PROVINCIA DI BRINDISI 1 MOTIVAZIONI La funzione

Dettagli

PERUGIA SMART CITY IDEE E PROGETTI PER IL FUTURO Martedì 3 marzo - Confindustria Umbria

PERUGIA SMART CITY IDEE E PROGETTI PER IL FUTURO Martedì 3 marzo - Confindustria Umbria PERUGIA SMART CITY IDEE E PROGETTI PER IL FUTURO Martedì 3 marzo - Confindustria Umbria VINCENZO PIRO Dirigente Area Risorse Ambientali, Smart City e Innovazione Comune di Perugia PERUGIA SMART CITY: IDEE

Dettagli

ACCORDO VOLONTARIO DI AREA PER FAVORIRE LO SVILUPPO DEL DISTRETTO FAMIGLIA NELLA VALLE DEI LAGHI

ACCORDO VOLONTARIO DI AREA PER FAVORIRE LO SVILUPPO DEL DISTRETTO FAMIGLIA NELLA VALLE DEI LAGHI ACCORDO VOLONTARIO DI AREA PER FAVORIRE LO SVILUPPO DEL DISTRETTO FAMIGLIA NELLA VALLE DEI LAGHI TRA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO, LA COMUNITA DELLA VALLE DEI LAGHI, IL COMUNE DI VEZZANO, IL COMUNE DI

Dettagli

Patto per il Biellese

Patto per il Biellese Patto per il Biellese INTEGRAZIONE TRA I PIANI DI SVILUPPO SOCIO ECONOMICO DELLE COMUNITA MONTANE DOCUMENTO REDATTO DAL GRUPPO DI LAVORO INTEGRAZIONE TRA I PSSE DELLE COMUNITÀ MONTANE (Approvato dal Tavolo

Dettagli

COMUNE DI CHIGNOLO D ISOLA

COMUNE DI CHIGNOLO D ISOLA COMUNE DI CHIGNOLO D ISOLA SETTORE SERVIZI SOCIALI REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Premessa 1. Il Comune di Chignolo d Isola con il presente regolamento intende disciplinare il servizio

Dettagli

PROGETTO ORTO SOLIDALE. Orto del Sorriso

PROGETTO ORTO SOLIDALE. Orto del Sorriso PROGETTO ORTO SOLIDALE Orto del Sorriso INDICAZIONI GENERALI DEL PROGETTO: Il progetto di Orto Solidale Orto del Sorriso nasce dal desiderio di riscattare il termine LAVORO dandogli una valenza positiva.

Dettagli

PER CRESCERE INSIEME PROGRAMMA ELETTORALE 2011

PER CRESCERE INSIEME PROGRAMMA ELETTORALE 2011 PER CRESCERE INSIEME PROGRAMMA ELETTORALE 2011 ELEZIONI COMUNALI AL COMUNE DI FISCIANO - 15/16 MAGGIO 2011 Programma 1 Area Politiche Sociali e Servizi alla Persona 2 Ambiente e Territorio 3 Giovani -

Dettagli

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale I beni culturali Il problema I beni culturali un elemento di estremo rilievo per la crescita della cultura e della qualità della vita dei cittadini - possono favorire lo sviluppo di alcune iniziative economiche

Dettagli

Allegato 3 PIANO DEGLI INDICATORI E DEI RISULTATI ATTESI DI BILANCIO

Allegato 3 PIANO DEGLI INDICATORI E DEI RISULTATI ATTESI DI BILANCIO PIANO DEGLI INDICATORI E DEI RISULTATI ATTESI DI BILANCIO Premessa Il presente documento, redatto in conformità alle linee guida generali definite con il D.P.C.M. del 18 settembre 2012, illustra gli obiettivi

Dettagli

LEGGE GIOVANI: Provvedimenti per l inserimento lavorativo, la disponibilità abitativa, lo sviluppo culturale, la partecipazione attiva dei giovani

LEGGE GIOVANI: Provvedimenti per l inserimento lavorativo, la disponibilità abitativa, lo sviluppo culturale, la partecipazione attiva dei giovani Consigliere provinciale MAURO MINNITI Via Perathoner, 10 39100 BOLZANO Tel. 0471-946209 www.minnitimauro.it info@minnitimauro.it DISEGNO DI LEGGE PROVINCIALE LEGGE GIOVANI: Provvedimenti per l inserimento

Dettagli

Diffondere e potenziare gli interventi di housing sociale temporaneo a favore di soggetti deboli

Diffondere e potenziare gli interventi di housing sociale temporaneo a favore di soggetti deboli Piano d azione: Favorire l accesso ad abitazioni dignitose (housing sociale) SERVIZI ALLA PERSONA Bando senza scadenza: Diffondere e potenziare gli interventi di housing sociale temporaneo a favore di

Dettagli

Disegno di Legge Regionale. Norme per contrastare e prevenire la violenza di genere. Art.1 Principi

Disegno di Legge Regionale. Norme per contrastare e prevenire la violenza di genere. Art.1 Principi Disegno di Legge Regionale Norme per contrastare e prevenire la violenza di genere Art.1 Principi La Regione Sicilia, in attuazione dei principi della Costituzione e delle leggi vigenti, delle risoluzioni

Dettagli

POLITICA PER LA QUALITÀ, L AMBIENTE, LA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO E LA RESPONSABILITA SOCIALE

POLITICA PER LA QUALITÀ, L AMBIENTE, LA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO E LA RESPONSABILITA SOCIALE POLITICA DEL SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATO La Cooperativa sociale ITALCAPPA è consapevole dell importanza e della necessità di avvalersi di un Sistema di Gestione integrato per la qualità, l ambiente,

Dettagli

Meeting nazionale sulle Politiche giovanili

Meeting nazionale sulle Politiche giovanili Meeting nazionale sulle Politiche giovanili PATTO APERTO PER LA GIOVENTU Oltre la Strategia di Lisbona: la dimensione culturale nello sviluppo sostenibile Urbino 13-14-15-16 Luglio 2005 Investire nella

Dettagli

PROGRAMMA ELETTORALE DELLA LISTA LA PRIMAVERA ROCCANA

PROGRAMMA ELETTORALE DELLA LISTA LA PRIMAVERA ROCCANA PROGRAMMA ELETTORALE DELLA LISTA LA PRIMAVERA ROCCANA I componenti della lista non provengono da diverse forze politiche, ma sono persone che con esperienze diverse hanno deciso di mettersi, con impegno

Dettagli

L età anziana si distingue in almeno due grandi aree: gli anziani giovani (60-75 anni), e gli anziani anziani o grandi anziani (76 e oltre).

L età anziana si distingue in almeno due grandi aree: gli anziani giovani (60-75 anni), e gli anziani anziani o grandi anziani (76 e oltre). Quando si diventa anziani? Quando la carriera lavorativa termina e ci si ritira dalla vita attiva. Il pensionamento, quindi, è convenzionalmente l inizio dell età anziana. L età anziana si distingue in

Dettagli

ACCORDO DI PROGRAMMA PER L ATTIVAZIONE DI UNA RETE DI COMUNI AMICI DELLA FAMIGLIA

ACCORDO DI PROGRAMMA PER L ATTIVAZIONE DI UNA RETE DI COMUNI AMICI DELLA FAMIGLIA Forum Lombardo delle Lombardia FeLCeAF Associazioni familiari ACCORDO DI PROGRAMMA PER L ATTIVAZIONE DI UNA RETE DI COMUNI AMICI DELLA FAMIGLIA La crisi in atto ormai da alcuni anni porta al contenimento

Dettagli

Progetto di cittadinanza attiva

Progetto di cittadinanza attiva Comune di Sant Antioco Progetto di cittadinanza attiva Il Consiglio Comunale dei ragazzi Il Consiglio Comunale dei ragazzi Nell'ambito del programma dell Amministrazione comunale di Sant Antioco, in particolar

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA REGIONE EMILIA-ROMAGNA E LE ASSOCIAZIONI PENSIONATI DEL LAVORO AUTONOMO ADERENTI AL CUPLA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA REGIONE EMILIA-ROMAGNA E LE ASSOCIAZIONI PENSIONATI DEL LAVORO AUTONOMO ADERENTI AL CUPLA PROTOCOLLO DI INTESA TRA REGIONE EMILIA-ROMAGNA E LE ASSOCIAZIONI PENSIONATI DEL LAVORO AUTONOMO ADERENTI AL CUPLA Le associazioni dei pensionati del lavoro autonomo aderenti al CUPLA esprimono un giudizio

Dettagli

Patto politiche attive del 16 giugno 2009

Patto politiche attive del 16 giugno 2009 Patto politiche attive del 16 giugno 2009 1 Premessa: per il lavoro oltre la crisi L'Accordo sottoscritto in Lombardia il 4 maggio 2009 prevede uno stretto rapporto tra le politiche passive, attraverso

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO LOCALE DI TIPO PARTECIPATIVO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A ottobre 2011, la Commissione europea ha adottato alcune proposte legislative per la politica di coesione 2014-2020 La presente scheda

Dettagli

III Conferenza Europea dei Servizi alla Persona

III Conferenza Europea dei Servizi alla Persona III Conferenza Europea dei Servizi alla Persona Un Piano Nazionale per lo sviluppo dei SAP in Italia Mario Conclave Italia Lavoro I fenomeni in corso in Italia Fenomeni di medio lungo periodo, che spingono

Dettagli

Dalla Pianificazione Energetica all attuazione degli interventi: il punto di vista delle PA e delle Imprese

Dalla Pianificazione Energetica all attuazione degli interventi: il punto di vista delle PA e delle Imprese Dalla Pianificazione Energetica all attuazione degli interventi: il punto di vista delle PA e delle Imprese Maria Paola Corona Presidente di Sardegna Ricerche Sardegna Ricerche: dove la ricerca diventa

Dettagli

Doveri della famiglia

Doveri della famiglia MINISTERO DELL ISTRUZIONE,UNIVERSITA E RICERCA Via Figurella, 27 Catona 89135 Reggio di Calabria (RC) Telefax 0965302500-0965600920 C.F. 92081350800 C.M. RCIC868003 PEC rcic868003@pec.istruzione.it A.S.

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA PROTOCOLLO DI INTESA TRA L Associazione Nazionale Comuni Italiani - ANCI, con sede in Via dei Prefetti n. 46, a Roma, C.F. 80118510587, rappresentata nel presente Protocollo dal Presidente f.f. Alessandro

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO LOCALE DI TIPO PARTECIPATIVO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le leggi che regolano il ciclo successivo

Dettagli

Contratto di Quartiere L. 662/96 L. 449/97. Quartiere Navile. Zona Pescarola Beverara

Contratto di Quartiere L. 662/96 L. 449/97. Quartiere Navile. Zona Pescarola Beverara Comune di Bologna Quartiere Navile Contratto di Quartiere L. 662/96 L. 449/97 Quartiere Navile Zona Pescarola Beverara La presenza di una elevata percentuale di anziani in età avanzata, di un numero sempre

Dettagli

LINNE GUIDA PROGETTO Aci Bonaccorsi Sei Tu Il Bilancio Partecipato Del Comune di Aci Bonaccorsi

LINNE GUIDA PROGETTO Aci Bonaccorsi Sei Tu Il Bilancio Partecipato Del Comune di Aci Bonaccorsi LINNE GUIDA PROGETTO Aci Bonaccorsi Sei Tu Il Bilancio Partecipato Del Comune di Aci Bonaccorsi PREMESSA DALL INFORMAZIONE ALLA PARTECIPAZIONE: UN PERCORSO PER LA DEMOCRAZIA AD ACI BONACCORSI Il Comune

Dettagli

CARTA EUROPEA DELLO SPORT

CARTA EUROPEA DELLO SPORT CONSIGLIO D EUROPA CDDS Comitato per lo Sviluppo dello Sport 7^ Conferenza dei Ministri europei responsabili dello Sport Rodi, 13 15 maggio 1992 CARTA EUROPEA DELLO SPORT Articolo 1 Scopo della Carta Articolo

Dettagli

Il materiale ripercorre i presupporti teorici legati al tema del welfare aziendale proponendo quanto emerso in occasione di un intervento in aula.

Il materiale ripercorre i presupporti teorici legati al tema del welfare aziendale proponendo quanto emerso in occasione di un intervento in aula. Il materiale ripercorre i presupporti teorici legati al tema del welfare aziendale proponendo quanto emerso in occasione di un intervento in aula. E possibile approfondire il tema consultando il sito La

Dettagli

Prove Esame di Stato

Prove Esame di Stato Prove Esame di Stato 2012 SEZ. A 1 Prova L Assistente Sociale specialista responsabile di un servizio sociale riceve dal proprio riferimento politico (Assessore alle politiche sociali) l incarico di redigere

Dettagli

CARTA della promozione della

CARTA della promozione della Il Forum è un'iniziativa del DSS e del DECS per migliorare la qualità della vita nella scuola CARTA della promozione della in Ticino c/o Centro didattico cantonale Viale Stefano Franscini 32 6500 Bellinzona

Dettagli

La Direttiva Quadro sulle Acque e la Nuova Cultura dell Acqua

La Direttiva Quadro sulle Acque e la Nuova Cultura dell Acqua RIASSUNTO Il fatto che più di un miliardo di persone non abbiano diritto all acqua potabile e che più di due miliardi non godano di servizi igienici adeguati, unitamente al degrado dell ecosistema acquatico

Dettagli

Alleanza contro la povertà

Alleanza contro la povertà Documento costitutivo della Alleanza contro la povertà - Tavolo regionale della Sardegna Le articolazioni regionali della Sardegna delle organizzazioni nazionali che aderiscono all Alleanza contro la povertà

Dettagli

1. Oggetto e struttura del disegno di legge

1. Oggetto e struttura del disegno di legge Delega al Governo per l attuazione dell articolo 117, secondo comma, lettera p) della Costituzione, per l istituzione delle Città metropolitane e per l ordinamento di Roma Capitale della Repubblica. Disposizioni

Dettagli

Giunta Regionale del a Campania - Ufficio Stampa

Giunta Regionale del a Campania - Ufficio Stampa Promozione dei percorsi inerenti l educazione alla legalità, alla democrazia, alla cittadinanza responsabile, al contrasto della criminalità organizzata per il triennio 2013-2015 PREMESSO CHE: La Regione

Dettagli

Struttura di Università e Città

Struttura di Università e Città Sine Putimu. Università e città_allegati In occasione del quarto laboratorio tematico Sine Putimu. Università e Città, si inviano tutti i cittadini a partecipare alla costruzione del PUG (Piano Urbanistico

Dettagli