Insieme rinnoviamo Castano

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Insieme rinnoviamo Castano"

Transcript

1 Elezioni del Sindaco e del Consiglio Comunale del Comune di Castano Primo 25 Maggio 2014 PROGRAMMA ELETTORALE PER IL MANDATO AMMINISTRATIVO DELLA LISTA Insieme rinnoviamo Castano 1

2 "Cominciate col fare ciò che è necessario, poi ciò che è possibile e all'improvviso vi sorprenderete a fare l'impossibile" - San Francesco CASTANO PRIMO E IL NOSTRO PASSATO E IL NOSTRO PRESENTE, VOGLIAMO LAVORARE AFFINCHE POSSA ESSERE ANCHE IL NOSTRO FUTURO. RINNOVAMENTO, TRAPARENZA E PARTECIPAZIONE La lista dei candidati al consiglio comunale e alla carica di Sindaco, è contraddistinta dal simbolo: In un cerchio circoscritto da tre bande concentriche di colori che sfumano rispettivamente, da quello interno a quello esterno, da rosso al verde, dal giallo al bianco e dall arancione al rosso, è stilizzato un castello di colore arancione con al centro un albero dello stesso colore. In mezzo, quattro figure umane stilizzate di colore blu, viola, verde e rosso. Sotto alle figure umane stilizzate, due bande di colore arancione e rosso. Sotto la scritta in rosso: insieme rinnoviamo Castano ************************ Ogni candidato si impegna a perseguire il seguente programma elettorale che è stato sottoscritto contestualmente alla dichiarazione di accettazione della candidatura. Ogni candidato è soggetto moralmente ineccepibile e si impegna a rimettere il mandato elettorale ricevuto, nel caso in cui dovesse perdere, nel corso del mandato, i requisiti di oggettiva rettitudine etica e morale. ************************ Premessa La nostra idea di amministrazione è inscindibile da quella che presuppone il sistematico coinvolgimento dei cittadini nelle scelte che si renderanno necessarie. Il voto NON è una delega in bianco bensì strumento della democrazia rappresentativa quale è la nostra. Saremo amministratori al servizio dei cittadini per perseguire finalità di utilità pubblica. Lo faremo nel rispetto delle leggi e dei regolamenti cercando di raggiungere alte performance con il minore utilizzo di risorse. Il governo della città, i bilanci annuali, il piano regolatore ed altro ancora, ancorché nelle loro peculiari specificità che implicano processi tecnici necessari e ineludibili, non saranno materia per pochi addetti. Troveremo sistemi per renderli accessibili e comprensibili anche per favorire il processo di crescita individuale di ogni cittadino. Daremo vita alle forme di partecipazione popolare (istituti di democrazia diretta) previsti dalla legge anche attraverso i mezzi veloci che la tecnologia consente. Il nuovo modo di fare politica sarà basato sul dialogo e sul confronto tra amministratori ed amministrati. Aderiremo al Patto dei Sindaci : rete di amministrazioni locali che con senso civico e lungimiranza puntano a realizzare ed ottimizzare alcuni settori di intervento: gestione del territorio, impronta ecologica della macchina comunale, rifiuti, mobilità, nuovi stili di vita. Andare nella direzione del fare è la spinta propulsiva che anima la lista Insieme rinnoviamo Castano. Per questa finalità utilizzeremo ogni risorsa in modo ponderato e scrupoloso. Parte dei compensi previsti per il sindaco e gli assessori saranno accantonati in un fondo per la realizzazione di progetti a favore della nostra comunità. ************************ 2

3 PROGRAMMA AMMINISTRATIVO 1. ATTIVITA' ISTITUZIONALI E PARTECIPAZIONE POPOLARE 2. EDUCAZIONE ALLA LEGALITA 3. POLITICA ENERGETICA 4. ECOLOGIA E AMBIENTE 5. TERRITORIO, EDILIZIA E URBANISTICA 6. VIABILITA' E TRAFFICO 7. ATTIVITA' PRODUTTIVE E COMMERCIALI 8. BENI COMUNI 9. POLITICHE SOCIALI 10. SCUOLA E CULTURA, SPORT E TEMPO LIBERO 11. INTERNET E TECNOLOGIE 3

4 1. ATTIVITA' ISTITUZIONALI E PARTECIPAZIONE POPOLARE Il Comune è una casa trasparente L'Amministrazione Comunale opererà in termini di effettiva trasparenza assicurando: La pubblicità di tutti gli atti inerenti l amministrazione sugli organi di comunicazione istituzionale (internet e stampa); La sistematica comunicazione alla cittadinanza dei progetti, dei metodi di intervento, degli iter e dello stato di attuazione di ogni intervento per favorire la massima conoscenza dell attività amministrativa ai cittadini; La trasmissione in diretta delle riunioni del Consiglio Comunale (streaming), al fine di garantire la massima informazione e visibilità delle attività del parlamento cittadino anche a coloro che siano impossibilitati a presenziarvi direttamente, consentendo altresì la verifica della partecipazione dei propri rappresentanti eletti; Il primario utilizzo delle risorse interne, valorizzando competenze lavorative meritevoli ed incentivando la formazione professionale. Si ricorrerà residualmente a consulenze esterne solo nei casi di effettiva e oggettiva assenza di professionalità interne L attivazione delle forme di partecipazione democratica, come referendum consultivi o assemblee tematiche, su questioni di particolare rilevanza strategica. L attivazione di sistemi di comunicazione via mail per informare in modo immediato i cittadini sulle attività del Comune: L utilizzo anche delle tecnologie telematiche per favorire i processi di consultazione dei cittadini La valorizzazione delle consulte esistenti allargandone le competenze e trasformandole in veri e propri gruppi di studio a supporto delle attività assessorili; L attivazione di nuove consulte là dove quelle già istituite non fossero adeguate o fossero insufficienti L attivazione di un BLOG dove tutti i cittadini possano postare commenti/articoli sulla vita cittadina e utilizzo di ogni strumento utile per la comunicazione con la cittadinanza. La definizione di una delega consigliare per gestire le piccole cose ; ossia la focalizzazione su aspetti di dettaglio, che spesso sfuggono, al fine di cementare il necessario rapporto tra la cittadinanza e il consiglio comunale in tutti quei piccoli grandi problemi che ogni giorno si è costretti ad affrontare. 4

5 2. PROMOZIONE ED EDUCAZIONE ALLA LEGALITA Una città sicura è una città viva. L Amministrazione interverrà su aspetti legati alla legalità che ormai non possono essere più differiti. Furti in appartamento e non solo sono ormai una costante e diventa indispensabile intervenire affinché la nostra città possa tornare ad essere un luogo sicuro ove poter vivere. Sarà interesse prioritario fare di tutto per migliorare le condizioni di sicurezza del paese, con il conseguente aumento della vivibilità cittadina incrementando, nei limiti del possibile, la presenza di agenti di polizia locale sul territorio. Attenzione particolare dovrà essere riservata al controllo del territorio negli orari più a rischio. Occorre sfatare il mito che la sicurezza si realizzi soltanto come prodotto del potenziamento dei corpi di polizia. La sicurezza è anche tutela dei diritti delle minoranze e delle fasce deboli della società. Una realtà urbana che riconosca tali diritti si coniuga in maniera determinante come sinonimo di pace e tranquillità per i cittadini. Per concepire la sicurezza come indice di qualità della vita, è importante: L Istituzione di corsi formativi rivolti al riconoscimento di azioni illegittime, disoneste e malavitose, indirizzati a tutta la cittadinanza e con particolare attenzione alle fasce più deboli. Il miglioramento dell'illuminazione pubblica in quelle aree oggi scarsamente illuminate e poco frequentate, luoghi di possibili atti contro la proprietà, la morale e la persona. Promozione alla fruizione della città in tutti i suoi angoli perché una città vissuta è una città sicura. Saranno assicurati e implementati i servizi di vigilanza comunale. Gli obiettivi saranno orientati: A incrementare i sistemi di video sorveglianza nelle zone più sensibili ed esposte alla delinquenza locale; A ottimizzare i controlli esistenti sul territorio e istituirne di nuovi attraverso l utilizzo della Polizia Locale. A sviluppare servizi di sorveglianza intercomunale attraverso adeguate convenzioni, al fine di una migliore efficienza generale derivante dalla condivisione degli oneri con le realtà territoriali dei comuni limitrofi; A creare la migliore sinergia con le forze dell ordine presenti sul territorio anche favorendo l accesso alla banca dati del Comune (carte d identità, permessi di soggiorno, ecc); A favorire ogni attività associativa presente sul territorio (dalla Protezione civile agli Scout) che abbia lo scopo di sensibilizzare, attraverso varie iniziative, l intera cittadinanza e le scuole al bisogno di LEGALITA. Si istituirà un osservatorio territoriale sulla legalità e si implementeranno tutti i possibili strumenti di lotta e prevenzione delle infiltrazioni mafiose nel tessuto economico territoriale tematiche. Si attiverà uno stretto monitoraggio anche sull assegnazione degli appalti pubblici. L Amministrazione si muoverà inoltre nella direzione di adottare tutte le misure consentite dalla legge per arginare la piaga che si va diffondendo con il proliferare del gioco d azzardo legalizzato come le slot machine che trascina nella ludopatia concittadini fragili con incalcolabili ricadute sulle famiglie e sulla comunità. 5

6 3. POLITICA ENERGETICA La riduzione degli sprechi: la miglior fonte di energia è il risparmio. Una progressiva riduzione dei consumi di energia, oltre che un risparmio economico tangibile, ha come effetto un minor inquinamento ambientale e di conseguenza una migliore qualità della vita. Alcune forme di miglioramento che l Amministrazione intende realizzare sono: Rinnovamento dell illuminazione pubblica, ove possibile, con lampade a risparmio energetico. Creazione di un ufficio informativo apposito (eco-sportello) gestito da personale qualificato e formato in materia. Dare corso ad un registro che cataloghi ogni immobile comunale in base a parametri energetici prestabiliti, al fine di rispettare o adeguare le strutture alle prestazioni richieste. Accesso a forme di incentivazione fiscale, ove possibile, per premiare comportamenti virtuosi e degni di nota. Adozione di ogni patto intercomunale, provinciale o europeo che possa favorire con incentivi e aiuti i Comuni più virtuosi. Istituzione di premi simbolici annuali per coloro che si distingueranno nell attuazione delle politiche di risparmio energetico. Studi attenti che intervengano sulla reale e fattiva possibilità di progettazione e realizzazione di impianti fotovoltaici su edifici idonei. 6

7 4. ECOLOGIA E AMBIENTE Per un futuro sempre più pulito. Prioritario impegno sarà rivolto verso una revisione sostanziale dei metodi di incentivazione, raccolta e smaltimento dei rifiuti solidi urbani. Consapevoli che molto ancora può essere fatto in questa direzione, porremo particolare attenzione a : Incentivare tutte quelle modalità di differenziazione delle raccolte, attuando controlli specifici e minuziosi sull operato di ognuno. Incrementare sempre più l educazione e la sensibilizzazione della cittadinanza alla raccolta dei rifiuti e a una quotidianità attenta all ambiente. studi che sappiano adeguare la tassa rifiuti alla reale capacità produttiva dei singoli soggetti e alla effettiva tendenza verso comportamenti virtuosi. progettare di una casa dell acqua, che migliori la fruizione di questo bene prezioso e il risparmio ecologico. Attivare un controllo capillare sul territorio per arginare il degrado provocato da una minoranza che lo deturpa con rifiuti abbandonati nei boschi e atteggiamenti contrari al comune sentire. Modernizzare l eco-centro comunale, dotandolo di sistemi di controllo e verifica che permettano soltanto ai privati residenti di accedervi e di usufruire dei propri servizi. L'unica vera eredità che lasciamo ai nostri figli è la cura per l ambiente; in questa direzione ci impegneremo a: controllare la qualità dell'aria, con particolare riferimento alle polveri ultrasottili. favorire sempre lo studio approfondito di possibili relazioni tra inquinamento e patologie perché la salute dei nostri concittadini è per noi di fondamentale importanza. controllare attentamente ogni possibile nuova attività inquinante possa richiedere di sviluppare la propria attività sul territorio castanese. MASTERPLAN MALPENSA continuazione delle attività di contrasto con le organizzazioni del territorio, intervento a vari livelli decisionali con azioni mirate a smontare il progetto nel dettaglio, noi non siamo contrari allo sviluppo e al progresso, siamo contrari a progetti inutili e dannosi. CITTA METROPOLITANA: partecipazione attiva all'allestimento delle strutture decisionali per evidenziare le problematiche del nostro territorio in modo che rientrino nelle priorità di intervento. 7

8 5. TERRITORIO, EDILIZIA E URBANISTICA Recupero dell edificato esistente, uso ragionato del territorio, spazi verdi di qualità Revisione del documento di piano dell attuale PGT che partendo dalle mutate condizioni socio economiche metta al centro una prospettiva di crescita della città che coniughi ambiente e sviluppo e tenga conto della necessità di infrastrutture atte a garantire una sempre migliore qualità di vita dei cittadini. Recupero aree verdi con lo strumento della perequazione urbanistica Favorire gli interventi sulle aree dismesse con bonus volumetrico a fronte di realizzazioni che contengano requisiti sociali o servizi in aree sprovviste (nord città) Utilizzo degli strumenti previsti dalla legge per la verifica della compatibilità ambientale di insediamenti di rilevante impatto territoriale. Rivisitazione del NAF (centro storico) al fine di favorire ed indirizzare gli interventi di recupero e risanamento, ripristino dell'abaco dei materiali, ripensamento sulle norme che regolano l'edificabilità ed i rapporti di utilizzo degli edifici, indirizzi con progettazione di massima al fine di meglio armonizzare gli interventi nei comparti del centro storico. studio di possibilità, anche con comuni del castanese di costituzione di ufficio di piano sovracomunale che affronti problematiche di pianificazione derivanti dagli interventi in grossi ambiti, piani di lottizzazione o Piani integrati di intervento. Velocizzazione dell iter burocratico delle pratiche edilizie e commerciali (SUAP) Forme di contribuzione e sgravi (oneri, Tasi, contributi) per interventi nel NAF tesi a realizzare progetti che riqualifichino e/o riportino il commercio nel centro. Revisione delle imposizioni fiscali dei terreni inseriti negli ambiti di trasformazione del PGT, che tenga conto del reale valore di mercato. 8

9 6. VIABILITA' E TRAFFICO Frenare il traffico, muovere le persone La mobilità è un'esigenza e una libertà fondamentale ma regolamentare e perfezionare tali aspetti è priorità imprescindibile per la sicurezza di tutti i cittadini. Le soluzioni ai vari problemi vanno ricercate ascoltando gli abitanti che vivono nei molteplici quartieri che caratterizzano il nostro comune, cercando e trovando in loro un valido aiuto per monitorare il territorio. Le maggiori priorità andranno ricercante con le seguenti modalità di intervento: Incentivazione e precedenza alla mobilità ecosostenibile, creando aree specifiche e riservate al posteggio di biciclette nelle zone commercialmente attive, dando così il conseguente beneficio anche agli esercizi connessi ad esse. Ricerca ed abbattimento delle barriere architettoniche che impediscano la mobilità preferenziale per le persone diversamente abili. Implementazione di piste ciclabili sostenibili, interconnesse e condivise con i quartieri. Sostanziale revisione della viabilità del centro storico con la collaborazione di tutti i commercianti e residenti interessati. Progressiva adozione di autoveicoli comunali a basso impatto ambientale. 9

10 7. ATTIVITA' PRODUTTIVE E COMMERCIALI Soluzioni comuni per rinascere. Nello scenario imposto dalla riforma, la nostra amministrazione intende valorizzare ed incentivare le attività commerciali e produttive presenti sul territorio, ponendo particolare attenzione ai seguenti aspetti: Sostegno e incentivazione di eventi culturali e ricreativi promossi dalle realtà commerciali e associative presenti sul territorio finalizzati alla rivitalizzazione e valorizzazione del centro storico Incentivazione dei mercati di prodotti delle filiere corte e della produzione biologica per ridurre la distanza tra produttore e consumatore e abolire le intermediazioni. Realizzazione in piazza Mazzini di apposite aree destinate agli esercizi commerciali per la disposizione di tavoli all aperto o strutture complementari alle attività. Collaborazione diretta con le associazioni dei commercianti per migliorare la produttività di tutto il settore. Introduzione di modalità varie che possano favorire le classi sociali più in difficoltà (anziani, disoccupati, ecc.) L Amministrazione Comunale supporterà le attività commerciale e imprenditoriali che opereranno nella direzione di creare posti di lavoro e conseguente benessere nel territorio, naturalmente nel pieno rispetto delle regole, dell ambiente e del territorio. 10

11 8. BENI COMUNI Un patrimonio da tutelare e da vivere. In tempi oggettivamente nefasti sotto il profilo della disponibilità delle risorse, la battaglia che intendiamo combattere e vincere consiste nel delicato equilibrio tra il mantenimento delle strutture, salvaguardia delle loro finalità originarie e piena fruibilità a tutta la popolazione e le forme di gestione che non possono più gravare sul bilancio del Comune. Ci impegneremo quindi: Per studiate e mettere in atto adeguate convenzioni con enti che potranno gestire direttamente le strutture comunali in modo da farle vivere con ridotto gravame economico sulle casse comunali e rivitalizzarle a vantaggio della comunità. Per l accorpamento dei luoghi culturali comuni come biblioteca e museo in modo da incentrare e coniugare le finalità dei servizi e al tempo stesso accedere ad un risparmio nella loro gestione. Per la ristrutturazione di tutti quegli spazi comunali attualmente in disuso e ricerca di soluzioni per farli rivivere (parco Villa Rusconi, centro anziani estivo, campo Sciaredo, campo Sportivo, ecc..). Per l esecuzione del censimento degli edifici pubblici con le relative funzioni per studiare il piano di efficienza e di utilizzo e valutare tra questi, l eventuale realizzazione di strutture da adibire a poliambulatori in affitto ai medici di base in relazione alle nuove leggi riguardanti la Sanità Pubblica. Per valutare una programmazione puntuale dei lavori di manutenzione delle strade con contestuali interventi sulle reti, in modo particolare sulla rete fognaria, programmando pulizie caditoie e tubazioni. 11

12 9. POLITICHE SOCIALI Al servizio dei cittadini. La rete dei servizi sociali e socio-sanitari territoriali deve essere costantemente in comunicazione, allo scopo di potenziare ed ottimizzare risorse e tempi di intervento soprattutto nelle situazioni di forte disagio e nei confronti delle categorie svantaggiate. Nel nostro comune già da tempo è presente una costituzione di servizi associati con altre amministrazioni denominata Azienda Sociale, il cui indiscusso valore deve essere tutelato ed incentivato alla crescita. Con la collaborazione di tutte le realtà ci adopereremo per: L attivazione immediata per eseguire un esatta mappatura del bisogno attraverso le strutture del Comune e per creare la massima sinergia con ogni realtà locale che agisce in questa direzione a qualsiasi livello. La revisione della politica del welfare con interventi sociali mirati e differenziati a seconda dei casi per orientare gli aiuti esclusivamente, in modo efficace e nella giusta direzione. La creazione di un fondo di solidarietà per rispondere ai bisogni crescenti della cittadinanza a causa del grave periodo di crisi che attraversiamo, favorendo prestazioni di pubblica utilità collegate alla corresponsione di una retribuzione in modo da aiutare i castanesi disoccupati a recuperare una giusta dignità lavorativa. La massima sinergia con gli esercizi commerciali per il trasferimento di alimenti in scadenza dagli scaffali alle mense per i più poveri, attraverso la creazione di una rete tra il Comune le organizzazioni di volontariato, i grandi magazzini e i piccoli negozianti. Attivazione del cinque per mille a favore del Comune per le iniziative di solidarietà sociale L utilizzazione del volontariato come forza aggiunta per rafforzare i servizi e non per sopperire alle difficoltà economiche della amministrazione pubblica l'attiva collaborazione con le realtà del terzo settore (cooperazione socialie e volontariato) per la costruzione di progetti ed interventi orientati a favorire la coesione sociale sul territorio, per la definizione di programmi, nell ambito delle previsioni normative vigenti, al fine di creare occasioni di inserimento lavorativo per le fasce deboli e per favorire efficaci politiche giovanili, FAMIGLIA: importanti proposte di sostegno al nucleo familiare: Facilitare l'accesso a punti di sostegno ed ascolto per famiglie in difficoltà, definendo parametri di possibili interventi condivisi. Revisione e ridiscussione delle convenzioni che normano i servizi di Scuola Primaria per l Infanzia, in modo da riformulare le modalità di accesso, soprattutto tenendo conto dei coefficienti ISEE a monte dell iter di domanda. Considerazione di ogni intervento che possa aiutare i cittadini castanesi nella gestione formativa dei propri figli favorendo, quando e se ce ne saranno le condizioni, la nascita di una Scuola Materna Statale che vada ad affiancarsi e a collaborare con l attuale Scuola Primaria per l Infanzia, che ha rappresentato e vogliamo rappresenti anche in futuro, una importante risorsa per la nostra cittadina. Miglioramento dei controlli manutentivi alle aree verdi già presenti sul territorio, favorendo convenzioni con i cittadini. 12

13 MINORI E GIOVANI: particolare attenzione alle generazioni future prevedendo: Collaborazione con le istituzioni scolastiche per effettuare programmi di educazione civica, ambientale e culturale Promozione di momenti e luoghi di aggregazione giovanile. Istituzione di commissioni che abbiano l obiettivo di organizzare eventi e manifestazioni in genere e che cerchino, nei limiti del possibile di favorire e valorizzare i nostri talenti. L amministrazione, per tali finalità, renderà fruibili le risorse disponibili Esistono tutte le condizioni per fare cultura anche utilizzando le nostre risorse e valorizzando le espressioni culturali e artistiche già espresse sul territorio. Convenzioni con palestre e centri sportivi ed associazioni per una corretta crescita psico-fisica. Istituzione della Giornata del Giovane, dove evidenziare e premiare i risultati di qualità ottenuti dai giovani castanesi in campo culturale, sportivo, formativo, lavorativo ecc. Ristrutturazione delle strutture sportive ricercando fondi regionali, statali o con sponsorizzazioni private, oppure coinvolgendo la popolazione in iniziative e raccolte fondi da destinare al bene pubblico. In un periodo dove non ci sono fondi non si può aspettare che cambi qualcosa ma bisogna fare perché le cose cambino. ANZIANI: tutela sistematica delle fasce disagiate, attuando interventi per: Favorire l'incontro tra le persone e la creazione di spazi di condivisione e mutuo aiuto, allo scopo di monitorare e contenere la situazione di una popolazione troppo spesso ridotta alla solitudine. Convenzioni con palestre e centri ricreativi per promuovere il mantenimento della salute psicofisica degli anziani. Creare e favorire momenti di aggregazione ed incontro. Collaborazione con gruppi organizzati per la gestione di parchi e aree pubbliche. Collaborazione con le associazioni che lavorano nel sociale, al fine di programmare in maniera mirata le azioni necessarie per affrontare le problematiche segnalate Studiare la possibilità di istituire l'università adulti/anziani come struttura aperta a tutte le persone adulte che hanno voglia di imparare a conoscere meglio la realtà che le circonda, mantenere viva la curiosità, acquisire conoscenze nuove, impadronirsi di capacità, di atteggiamenti, di strumenti utili nella vita di oggi. (es. collaborazione con progetti attivi in regione da parte di associazioni quali UNIVERSAUSER PERSONE DIVERSAMENTE ABILI E DEI SOGGETTI DEBOLI E SVANTAGGIATI: attivazione di tutti i mezzi per attuare una normalità non più diversa. Progressiva eliminazione di tutte le barriere architettoniche e verifica dell'accessibilità per uffici e locali pubblici. Favorire l integrazione dei soggetti disabili e dei soggetti deboli e svantaggiati attraverso il potenziamento dell inserimento lavorativo, al fine di valorizzare le capacità residue avvicinandosi all obiettivo di una vita sempre meno dipendente dai servizi, in un ottica di rispetto della dignità della persona.(es, potenziamento delle convenzioni dirette con le COOP sociali di tipo B in alcuni specifici appalti, costruzione di progetti specifici anche in previsione dell'expo e della valorizzazione dei serizi che la nostra città può offrire. 13

14 Verrà aperto uno Sportello aperto a chiunque sia interessato ad avere informazioni ed essere aiutato. Uno spazio che si occupi di monitorare costantemente il bisogno e le disponibilità abitative, tra i numerosi appartamenti sfitti; Educazione alle pari opportunità e creazione di uno sportello donna per progetti educativi e culturali volti all eradicazione di tutte le forme di violenza fondate sul genere, di quelle consumate tra le mura domestiche e all eliminazione degli stereotipi sessisti. 14

15 10. SCUOLA, CULTURA, SPORT E TEMPO LIBERO Ignoranza e immobilismo, aspetti da combattere. Anche in mancanza di risorse è necessario ogni sforzo e non trascurare gli ambiti fondamentali della formazione degli individui. Non intendiamo cadere nell errore fatale di far quadrare il bilancio con tagli insensati a settori che a torto taluni ritengono possano essere penalizzati. I tagli di spesa nella scuola o nella cultura si traducono fatalmente in gravi pregiudizi per le generazioni future. Sia pure nel limite che il bilancio comunale può consentire, assicureremo: Nei termini e per le finalità contemplate in atti di giunta e nei regolamenti, incentivi economici, riduzioni tariffarie e utilizzo delle strutture, alle associazioni presenti sul territorio. Convenzioni per la gestione diretta delle strutture redatte con la massima chiarezza sia riguardo ai costi che agli obblighi delle parti che le sottoscrivono. Monitoraggio sistematico sull utilizzo delle strutture. Ove possibile, interverremo per mettere a norma gli edifici scolastici e sportivi adattandoli alle adeguate esigenze e proponendo in aggiunta degli adeguamenti normativi sul risparmio energetico. Sostegno per l approfondimento di tematiche specifiche extra-curricolari, previa presentazione di progetti sostenibili dal punto di vista economico e organizzativo. Localizzazione di una sede che diventi una grande casa dello sport, in modo da riunire tutte le associazioni in un'unica casa condivisa e unitaria. L obiettivo è tendere a una sinergia delle forze e fattiva collaborazione per ridurre i costi di gestione e puntare alla nascita della Polisportiva Castanese. Utilizzo diretto di consulte e/o commissioni specifiche (Scuola e Cultura Sport e Tempo Libero), in cui sotto le direttive dell assessore competente, i rappresentanti di ogni associazione culturale/sportiva, e altri liberi delegati, concorreranno attivamente alla crescita costante di tutto il settore. Apertura a tutte le arti, con creazione di appositi spazi dedicati ai writers, spettacoli itineranti ed altre iniziative culturali recuperando aree sottoutilizzate e facendole rivivere. La ricerca di luoghi consoni per l istituzione di orti comunali destinati a pensionati e a nuclei familiari interessati. La ricerca di modalità alternative a quelle esistenti per garantire un piano del diritto allo studio adeguato e che tenga conto di esigenze attualmente trascurate come quelle dell ordinaria manutenzione delle aule scolastiche Rivisitazione degli attuali sistemi tariffari al fine di graduare coerentemente al reddito (ISEE) le quote a carico delle famiglie nel campo dei servizi a domanda individuale con particolare riferimento ai servizi connessi alle attività scolastiche. L amministrazione cercherà opportunità di crescita e arricchimento culturale sia attraverso eventi autogestiti sia agevolando e facilitando il lavoro delle realtà locali che alimentano in città, esperienze e pratiche culturali. Verranno valorizzate e stimolate le attività culturali di associazioni e singoli cittadini. L Amministrazione, rispetto a percorsi inclusivi e partecipativi, offrirà opportunità di coordinamento rispetto a tematiche o eventi che possano coinvolgere l'intera città. Il sito internet del Comune diventerà un efficace strumento di promozione e informazione per le associazioni rispetto ai bandi e alle opportunità di finanziamento spendibili sul territorio. 15

16 L Amministrazione avvierà un piano organico di sviluppo delle attività culturali viste come risorsa vitale per la comunità cittadina, come base dell educazione civica, della convivenza multietnica e come investimento nell educazione delle generazioni future. 16

17 11. INTERNET E TECNOLOGIA Multimedialità per una società multietnica. L accesso alla rete deve essere garantito a tutti, superando ogni ostacolo tecnico ed economico, favorendo la diffusione di reti senza fili comunali free WI-FI. Per perseguire tali obiettivi sarà prioritaria la ricerca di partner con cui stringere accordi e ricercare operatori di settore adeguati per coprire con la banda larga le zone prestabilite. Le tecnologie semplificano il rapporto tra cittadino e Comune: meno burocrazia, meno costi per i cittadini, meno tempo perso, più efficienza. Rendere stabili i corsi gratuiti organizzati dal Comune per l insegnamento di programmi informatici per ogni fascia di età. Il sito internet del Comune sarà completamente ridisegnato sia per adeguarlo alle vincolanti previsioni che la legge impone sia per renderlo realmente fruibile da parte dei cittadini INSIEME PER COSTRUIRE UN PAESE PER CHI LO VIVE E NON PER CHI LO GOVERNA! 17

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

PRESENTAZIONE PROGETTO

PRESENTAZIONE PROGETTO PRESENTAZIONE PROGETTO Serie di attività svolte per sollecitare : Un maggior impegno sociale, Coinvolgimento attivo nella vita cittadina, Crescita della cultura della solidarietà, Dedicazione di parte

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche la legge sulla riqualificazione urbana è un tassello

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO LA NOSTRA VISIONE COMUNE Noi, governi locali europei, sostenitori della Campagna delle Città Europee Sostenibili, riuniti alla conferenza di Aalborg+10, confermiamo la nostra

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO in collaborazione con Il contesto di riferimento BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO L obiettivo fissato dall Unione Europea che si prefiggeva di raggiungere una ricettività del 33% dei nidi e in generale

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VENTURA Lorella Amministrazione

Dettagli

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia 2 La riforma dell ISEE (Indicatore della situazione economica equivalente) rappresenta un passo fondamentale per

Dettagli

COSTRUIRE CITTÀ AMICHE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Nove passi per l azione

COSTRUIRE CITTÀ AMICHE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Nove passi per l azione UNICEF Centro di Ricerca Innocenti COSTRUIRE CITTÀ AMICHE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Nove passi per l azione Per ogni bambino Salute, Scuola, Uguaglianza, Protezione Firenze, 15 marzo 2004 UNICEF Centro

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Protagonismo culturale dei cittadini BENESSERE COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando senza scadenza Protagonismo culturale dei cittadini Il problema La partecipazione

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

Linee guida per una Riforma del Terzo Settore

Linee guida per una Riforma del Terzo Settore Linee guida per una Riforma del Terzo Settore Esiste un Italia generosa e laboriosa che tutti i giorni opera silenziosamente per migliorare la qualità della vita delle persone. E l Italia del volontariato,

Dettagli

non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno..

non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno.. Comune di Modena ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI SANITARIE E ABITATIVE non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno.. Cerchi casa e stai vivendo un momento

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti)

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) La zona è destinata ad accogliere attrezzature e servizi pubblici o ad uso pubblico di interesse generale su scala territoriale: uffici pubblici o privati di interesse

Dettagli

MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO

MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO Allegato A alla deliberazione n. 11 dell 08/06/2012 MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO 1. COMPITI E FINALITA

Dettagli

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti pubblici ecologici Olbia, 17 maggio 2013 Gli appalti pubblici coprono una quota rilevante del PIL, tra il 15 e il 17%: quindi possono

Dettagli

2013-2018 ROMA CAPITALE

2013-2018 ROMA CAPITALE 2013-2018 ROMA CAPITALE Proposte per il governo della città Sintesi stampa IL VINCOLO DELLE RISORSE ECONOMICO-FINANZIARIE Il debito del Comune di Roma al 31/12/2011 ammonta a 12,1 miliardi di euro; di

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

Manifesto dei diritti dell infanzia

Manifesto dei diritti dell infanzia Manifesto dei diritti dell infanzia I bambini costituiscono la metà della popolazione nei paesi in via di sviluppo. Circa 100 milioni di bambini vivono nell Unione europea. Le politiche, la legislazione

Dettagli

Ministero dell Università e della Ricerca

Ministero dell Università e della Ricerca Statuto dei diritti e dei doveri degli Studenti Universitari In attuazione dell art. 34 della Costituzione della Repubblica Italiana, che sancisce il diritto per tutti i capaci e meritevoli, anche se privi

Dettagli

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE 6 PARTE PRIMA LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE Sezione I LEGGI REGIONALI LEGGE REGIONALE 17 settembre 2013, n. 16. Norme in materia di prevenzione delle cadute dall alto. Il Consiglio

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI INDICE CAPO I - NORME GENERALI ART: 1 - FINALITA ART.

Dettagli

Allegato A COMUNE DI ALANO DI PIAVE Provincia di Belluno PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE PER LE PARI OPPORTUNITÀ 2015-2017 (ART. 48, COMMA 1, D.LGS. 11/04/2006 N. 198) Il Decreto Legislativo 11 aprile

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI COMUNE DI ALA REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd. 19.06.2003 Modificato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd.

Dettagli

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI 1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI La Provincia è un istituzione pubblica territoriale; gli organi di governo sono eletti dalla popolazione residente nel territorio e hanno il compito

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it)

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) Oggetto:Richiesta di ammissione alla Consulta delle Organizzazioni che operano nel settore delle

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT SAINT-MARCEL MARCEL Storia di un idea CONVEGNO INTERNAZIONALE Esperienze di turismo in ambiente alpino:

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna A cura dell ABC Sardegna, ediz. rivista in ottobre 2005 L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna La Legge Nazionale 162/98 ha apportato modifiche alla legge quadro sull handicap L.104/1992, concernenti

Dettagli

Roger Read. Architetto e Urbanista Segretario Generale di METREX, la Rete delle Regioni e delle aree metropolitane europee

Roger Read. Architetto e Urbanista Segretario Generale di METREX, la Rete delle Regioni e delle aree metropolitane europee Quale governance per le Aree metropolitane europee? Roger Read. Architetto e Urbanista Segretario Generale di METREX, la Rete delle Regioni e delle aree metropolitane europee METREX Nye Bevan House 2 20

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L.

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. Il presente codice etico (di seguito il Codice Etico ) è stato redatto al fine di assicurare che i principi etici in base ai quali opera Cedam Italia S.r.l. (di seguito

Dettagli

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo Valutazione Crediti e proposte Progetti Area Turismo a cura di Bruno Turra Questo documento intende affrontare l analisi delle priorità di valutazione nell area turismo individuandone le principali componenti

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e 2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e Gruppo percorsi assistenziali Partecipanti al gruppo - Unità Funzionale Salute Mentale Infanzia

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Settore Segreteria e Direzione generale Ufficio Trasparenza e Comunicazione PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Relazione anno 2014 a cura del Segretario Generale e della

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it - C.F. 80072450374 Pec : boic86400n@pec.istruzione.it

Dettagli

Attività e tempi Individuazione dei parametri di accesso SI Pubblicazione bando Acquisizione /verifica /accettazione domande

Attività e tempi Individuazione dei parametri di accesso SI Pubblicazione bando Acquisizione /verifica /accettazione domande NARDÒ SOCIALE Nel 2012 si sono dettate le linee guida per l attivazione della social card da attuarsi nel 2013 con lo scopo di andare incontro alle famiglie meno abbienti fornendo generi di prima necessità

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA PROTOCOLLO DI INTESA TRA L Associazione Fare Ambiente, Movimento Ecologista Europeo, già riconosciuta con Decreto del Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare del 27 febbraio 2009,

Dettagli

Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI

Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI Approvato con Deliberazione consiliare n 94 del 21 giugno 2004 INDICE Articolo

Dettagli

Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis

Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis BANDO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI PER LA FORMAZIONE DEL PIANO OPERATIVO GIOVANI (POG) Anno 2015 PREMESSA:

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE E L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA Roma 3 luglio 2014 PREMESSA La legge 7 aprile 2014, n. 56, Disposizioni

Dettagli

ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI. Consigli

ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI. Consigli ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI In collaborazione con Assessorato Aree Cittadine e Consigli di Zona Consigli Quanto costa comprar casa CASA: LE TASSE DA

Dettagli

6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI

6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI dell Ambiente del 6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI In questo capitolo esporremo i risultati che ci sembrano di maggior interesse tra quelli emersi dall elaborazione dei dati restituitici dagli

Dettagli

Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde

Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde Articolo 1 Oggetto 1. Il presente disciplinare regolamenta la concessione e l utilizzo del Marchio La Sardegna Compra Verde.

Dettagli

COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO

COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO 6 Allegato 1 COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO Servizio Pianificazione e Programmazione del Territorio Via delle Torri n. 13 47100 Forlì Unità Segreteria mariateresa.babacci@comune.forli.fo.it

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE

LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE 1. Definizione del Commercio Equo e Solidale Il Commercio Equo e Solidale e' un approccio alternativo al commercio convenzionale; esso promuove

Dettagli

SCIA valida anche ai fini dell art. 86 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, approvato con R.D. 18/6/1931, n. 773.

SCIA valida anche ai fini dell art. 86 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, approvato con R.D. 18/6/1931, n. 773. Modulo di segnalazione certificata di inizio attività per la somministrazione di alimenti e bevande all' interno dei circoli privati da presentare in carta libera Spazio per apporre il timbro di protocollo

Dettagli

CONTO DEL BILANCIO 2013

CONTO DEL BILANCIO 2013 CONTO DEL BILANCIO 03 IMPEGNI PER SPESE CORRENTI I N T E R V E N T I C O R R E N T I Personale Acquisto di beni di Consumo e/o di Materie Prime Prestazioni di servizi Utilizzo di Beni di terzi Trasferimenti

Dettagli

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2009

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2009 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 009 Funzion 9 0 3 Servizio. Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di controllo 0 Organi istituzionali, partecipazione e decentramento 0 Segreteria

Dettagli

Allegato C REQUISITI ALTRI SERVIZI ALLA PERSONA. Requisiti Altri servizi alla persona

Allegato C REQUISITI ALTRI SERVIZI ALLA PERSONA. Requisiti Altri servizi alla persona REQUISITI ALTRI SERVIZI ALLA PERSONA Requisiti Altri servizi alla persona Note per la compilazione delle schede dei requisiti Il legale rappresentante o l'operatore individuale compila una scheda dei requisiti

Dettagli

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Cagliari 4 dicembre 2012 Centro di ricerca FO.CU.S. Progetto di ricerca a supporto dei territori per l individuazione

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

+ CON. Il bando. Finalità. Destinatari

+ CON. Il bando. Finalità. Destinatari + CON Il bando AMNU e STET promuovono un bando rivolto alle scuole di ogni ordine e grado del territorio dell Alta Valsugana e Bersntol. Il bando sollecita l attivazione di progetti finalizzati al risparmio

Dettagli

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI Luca Menini, ARPAV Dipartimento di Vicenza via Spalato, 14-36100 VICENZA e-mail: fisica.arpav.vi@altavista.net 1. INTRODUZIONE La legge 447 del 26/10/95 Legge

Dettagli

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione)

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione) Raccomandazione CM/Rec(2010)7 del Comitato dei Ministri agli stati membri sulla Carta del Consiglio d Europa sull educazione per la cittadinanza democratica e l educazione ai diritti umani * (adottata

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE Adottata all'unanimità a Parigi durante la 31esima sessione della Conferenza Generale dell'unesco, Parigi, 2 novembre 2001 La Conferenza

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

DISABILITY MANAGEMENT: INTEGRARE LE DIFFERENZE PER FARE LA DIFFERENZA

DISABILITY MANAGEMENT: INTEGRARE LE DIFFERENZE PER FARE LA DIFFERENZA DISABILITY MANAGEMENT: INTEGRARE LE DIFFERENZE PER FARE LA DIFFERENZA Simone Scerri INTRODUZIONE Questa proposta è rivolta alle aziende con un numero pendenti superiore a 15, le quali sono tenute ad assumere

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

Regolamento per l assegnazione dei contributi per "edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi" e per "centri civici e sociali

Regolamento per l assegnazione dei contributi per edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi e per centri civici e sociali Regolamento per l assegnazione dei contributi per "edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi" e per "centri civici e sociali attrezzature culturali e sanitarie." (Deliberazioni del Consiglio

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE DATI ASSTITO Cognome Nome Data di nascita Cod. fiscale INDICATORE ADEGUATEZZA CONDIZIONE AMBIENTALE (Valutazione rete assistenziale + valutazione economica di base + valutazione

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? Fondazione Comunità Solidale

approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? Fondazione Comunità Solidale Fondazione Comunità Solidale approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? chi è la persona senza dimora povertà assoluta e povertà relativa Di cosa parleremo:

Dettagli