LA PROMOZIONE DELLE VENDITE (sales promotion)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA PROMOZIONE DELLE VENDITE (sales promotion)"

Transcript

1 LA PROMOZIONE DELLE VENDITE (sales promotion) Corso di Marketing Operativo 2009/2010 Prof.ssa Cristina Ziliani ARGOMENTI TRATTATI La promozione delle vendite: definizione e classificazione Il contesto: fenomeni che determinano lo sviluppo delle promozioni Obiettivi e logica economica delle promozioni per l azienda industriale e commerciale Il conflitto verticale sulle promozioni Efficacia ed effetti delle promozioni Sviluppi recenti e tendenze future 1

2 Definizione La promozione delle vendite è un attività che utilizza un insieme di tecniche e mezzi di comunicazione allo scopo di suscitare nel target prescelto la nascita o l evoluzione di un comportamento di acquisto o di consumo, tipicamente a breve termine, tramite l offerta temporanea di un vantaggio supplementare detto incentivo Attori e destinatari della promozioni Industria, verso i consumatori (consumer promotion), con o senza la collaborazione del dettagliante Industria, verso il trade o la forza vendita (trade promotion) Azienda commerciale (retail promotion) Caratteristiche Dà risultati immediati A differenza della pubblicità non viene centralizzata Viene usata nei periodi di silenzio pubblicitario per non interrompere il rapporto con il consumatore Non deve compromettere la brand equity nel lungo periodo Trade e consumer promotions devono essere coordinate perchè hanno lo stesso fine Ha il ruolo di far compiere l ultimo passo, mentre la pubblicità lavora sulle fasi a monte Può diventare la ragione dell acquisto--- pericolo 2

3 Classificazione delle promozioni Le tecniche di promozione delle vendite differiscono per: Natura dell incentivo Di prezzo/non di prezzo (Fig. 1) Certezza/incertezza, immediatezza/differimento, condizionato o meno, temporaneità Durata Frequenza Mezzo di comunicazione Periodo di propagazione degli effetti Progressiva integrazione e convergenza tra tipologie di promozione Fig. 1 Le tipologie di promozione in base alla natura del vantaggio offerto Promozioni di prezzo Offerte speciali Sconto periodico Sconto per evento speciale Sconto subordinato a comportamenti (quantità, cassa ecc.) Buoni sconto (distribuiti in vari modi) Reduced loss Promozioni non di prezzo Area dell omaggio Campioni (prova prodotto) Raccolta punti Regali in/on pack Direct give away Self liquidating offer Extra Servizi (partecipazione evento, gain seminario, corso ecc.) Area del gioco Concorsi a estrazione Cancella e vinci Slot machine 3

4 Il contesto: fenomeni che determinano lo sviluppo delle promozioni TRENDS IN CPG MARKETING MIX (As Percent of Sales) 23% Total Marketing Spend 15% 11% Trade Promotion 5% 4% 6% Consumer Promotion 6% 6% Advertising/ Media Source: Donnelly Marketing; Accenture; Zipatoni, via Promo, March 01; IBM Strategy & Change analysis Il fenomeno promozioni Da 20 anni in lenta ma costante crescita worldwide In USA i produttori di FMCG investono il 25% del marketing budget In Italia nel 2000 il 20% dei FMCG era venduto in promozione (IRI), nel 2006 il 25% Spending in crescita Col micromarketing i piani promozionali diventano più complessi e onerosi (Fig.3) 4

5 3. Il piano di micromarketing di GS-Carrefour al dal settimana CRM ON LINE CRM NAZIONALI SCEGLIAMO INSIEME CRM SI 1-03 CRM SI 2-03 CRM SI 3-03 CRM SI 4-03 CRM SI 5-03 CRM SI 6-03 CRM NAZIONALI "SPECIALI" CRM SPEC IALE 1-03 PET 2-03 BABY 2-03 CRM SPEC IALE 3-03 (*) PARTENZA PROMO AL MARTEDI' CRM LOCALI (Effort) CM EFFO RT 1-03 CM EFFO RT 2-03 CM EFFO RT 3-03 CM EFFO RT 4-03 CM EFFO RT 5-03 CM EFFO RT 6-03 Fonte: aziendale Il contesto: fenomeni che determinano lo sviluppo delle promozioni Modernizzazione dei sistemi distributivi e aumento dell autonomia di marketing della distribuzione Sviluppo del trade marketing Maturità dei mercati di consumo, riduzione del grado di differenziazione intrinseca dell offerta, proliferazione alternative Riduzione dell efficacia dei mass media, a fronte di costi in crescita Evoluzione dei comportamenti di consumo e di acquisto e aumento dell importanza del punto vendita nel determinare le scelte del cliente Disponibilità di mezzi di comunicazione diretta a basso costo Disponibilità di ICT per la raccolta di dati sui clienti, segmentazione e targeting In alcuni paesi, congiuntura economica negativa e crisi dei consumi Fenomeni imitativi ( moda del loyalty marketing) 5

6 Obiettivi della promozione delle vendite di breve periodo di più lungo periodo OBIETTIVI INCENTRATI SULLE VENDITE aumento quantità venduta e fatturato aumento della quota di mercato mantenimento quantità venduta consolidamento della quota di mercato recupero quota di mercato aumento del numero di consumatori della marca risposta ad azione della concorrenza aumento dell esclusività di utilizzo smaltimento scorte in eccesso creazione di barriere all entrata o alla mobilità OBIETTIVI INCENTRATI SUL CONSUMATORE stimolare la prova di un prodotto/categoria/ecc. sviluppo della fedeltà spingere al riacquisto aumento stabile della quantità consumata aumento della quantità acquistata aumento dell esclusività di utilizzo aumento della frequenza di acquisto impieghi alternativi del prodotto mantenimento dell attenzione su un prodotto modifica del posizionamento modifica del formato acquistato di solito supporto allo sviluppo dell immagine di marca aumento dello stock in home ampliamento della share of wallet incentivo all acquisto d impulso raccolta di informazioni sui consumatori OBIETTIVI INCENTRATI SUL TRADE aumento scorte del trade aumento numerica motivazione del trade a referenziare il prodotto aumento ponderata ottenimento visibilità in p.v. aumento quota trattanti Obiettivi e logica economica delle promozioni di prezzo per l azienda commerciale Con la promozione di prezzo l azienda commerciale si propone di attirare nuovi consumatori al punto vendita (traffico) e di stoccare i consumatori abituali, stimolando le vendite dei prodotti in offerta normale Il retailer riduce selettivamente e temporaneamente il prezzo di un paniere di prodotti di marca industriale che varia continuamente nel tempo L efficacia non si misura tanto con riferimento alla marca promozionata, quanto sulla base dell incremento delle vendite dell intero assortimento Le basi economiche della promozione di prezzo Interdipendenza delle domande parziali Asimmetria degli effetti di un aumento / riduzione Nessuna rigidità e incoraggiamento della sperimentazione e riduzione selettiva 6

7 I prodotti fatti oggetto della promo sono pochi perchè ciò permette di: offrire uno sconto più consistente, ergo più percepibile rinnovare continuamente la proposta, ampliando il numero dei consumatori interessati ovviare alla perdita di interesse del consumatore stoccato catturare la (limitata) attenzione del consumatore sul prezzo Consistenza dello sconto Più è elevata, maggiore la quota di consumatori attratta unicamente dalle referenze in oggetto Sotto il prezzo di acquisto dei rivali genera arbitraggio Non conoscenza del prezzo normale Assenza di imitazione al ribasso Trade off tra misura dello sconto e comunicazione dello stesso La scelta delle marche da scontare dipende: Dagli obiettivi della promozione (traffico e trasparenza vs penetrazione e stoccaggio del consumatore) Dai contributi dei fornitori Dalla stoccabilità Dalla sensibilità della domanda allo stock La scelta del momento e della durata E un attività permanente e strategica, per soddisfare con continuità la domanda di convenienza, informare sul livello dei prezzi e catturare il segmento marginale dei clienti sensibili alle promozioni Aumentarne la frequenza non diminuisce necessariamente l efficacia Non sostituisce lo sforzo di creazione dell immagine di convenienza, se l insegna soffre un pesante svantaggio nel prezzo dell assortimento 7

8 Obiettivi e logica economica della promozione di prezzo nell azienda industriale La prospettiva industriale è di prodotto, non di assortimento Misura l efficacia della promo con riferimento alla propria marca Subisce maggiormente l impatto delle rotture di stock La promozione di prezzo è una scelta soprattutto tattica Deve essere temporanea, non permanente, chè in tal caso perderebbe efficacia e smentirebbe la stessa strategia di marca, basata sulla differenziazione, non sul prezzo Preferisce la comunicazione interna al punto vendita L azienda industriale mira alla penetrazione e allo stoccaggio del consumatore per aumentare la propria quota di vendite nell insegna Ruolo e obiettivi della promozione sulla marca industriale mutano nel tempo perchè muta la struttura del processo di acquisto/consumo, da sperimentazione a routine Generalizzazioni empiriche sugli effetti delle promozioni Diminuzioni temporanee di prezzo generano un significativo e immediato incremento delle vendite L elasticità delle vendite al taglio-prezzo non è uguale per tutte le marche L elasticità delle vendite al taglio-prezzo di una marca non è uguale per tutte le categorie La frequenza dei ribassi di prezzo determina conseguenze sulla loro efficacia Gli effetti incrociati tra marche sono asimmetrici La promozione di una marca in una categoria di prodotti stimola le vendite di altri prodotti complementari 8

9 Efficacia delle promozioni Efficacia: grado di raggiungimento delle finalità perseguite dall impresa attraverso l azione promozionale in un dato intervallo di tempo Vendite Anticipazione/ lead Misurarla è complesso Più obiettivi Inespressi o conflittuali Vendite normali periodo promozionale Depressione/ Stock up Gli effetti si manifestano anche al di fuori del periodo promozionale Ricadute su altri prodotti e categorie Effetto puzzle di diversi elementi Interferenza con le altre attività di marketing dell impresa, dell insegna e dei competitors Tempo Effetti delle promozioni Vendite Anticipazione/ lead Vendite normali periodo promozionale Depressione/ Stock up Tempo Consumatore Costi di sostituzione e stoccaggio Comportamenti opportunistici Noia Immagine percepita della marca e dell insegna Retailer Scorte Out of stock Acquisti speculativi Fornitore Inefficienze produzione, stoccaggio, consegna Brand equity Margine di contribuzione Mercato Imitazione Aumento/eccesso intensità promozionale Innovare/sottrarsi al confronto 9

10 Le misure di efficacia Le vendite incrementali Teoria (vendite periodo promo normali +- lead e lag) vs. pratica (vendite periodo promo/baseline*100) Stima della presenza di una promozione Impiego di una settimana senza promozioni congetturata Periodi standard di confronto tipicamente brevi Difficile/non immediato misurare: Effetto lead Effetto stock up Intrabrand switching Interbrand switching Category switching Store switching Impatto rotture di stock Persistenza effetti nel tempo La quota di mercato La redemption Quali informazioni posso avere sul cliente tramite la carta fedeltà? Chi è il nostro cliente Quali sono i suoi comportamenti d acquisto Età Sesso Professione Stile di consumo Composizione del nucleo famigliare Indirizzo A cosa possono servire? Livello minimo per ogni cliente spesa totale mensile numero di visite nel mese Almeno 13 mesi in linea Livello max per ogni cliente spesa per EANbase settimanale acquisti valore volume Almeno 13 mesi in linea 10

11 Creare un archivio di conoscenza sulle azioni promozionali dell impresa scorte testing insegne/p.v. messaggio mezzo categoria/marca target timing meccanismo beneficio Beneficio SCONTRINO MEDIO >X Bonus Punti su Soglia 100 Bonus Punti su Soglia 50 Punti Tripli Bonus Punti su Soglie di Scontrino Differenziate > Z SCONTRINO MEDIO 0 Sconto 10% 0 - Y BASSA (< a) MEDIO/ALTA (>= a) FREQUENZA Fonte: GS-Carrefour 11

12 Programmi fedeltà un customer club o programma fedeltà è un gruppo di clienti creato da un impresa con la volontà di contattarli regolarmente e in modo diretto per offrire loro un pacchetto di benefici dall elevato valore percepito, nell intento di generare una risposta e di incrementarne la fedeltà sviluppando un legame emozionale (Butscher 2002). Tecnologie abilitanti (carta, DB) Durata Soglie di accesso Natura della reward e meccanismo Grado di segmentazione della base clienti (graduale) Presenza di partners e funzionamento del network Attivazione di comunicazione mirata Micromarketing Sviluppo e diffusione del loyalty marketing 1896 La Sperry & Hutchinson Company e i bollini (Figg) Le vendite per corrispondenza, su catalogo e il direct marketing 12

13 Un po di storia Fig. 1 Storia dello sviluppo del direct&database marketing nei diversi settori in USA Diffusione Miglia Affinity aeree Carte di credito Hotel Benzine Grocery Grandi magazzini Dettaglio spec. Telefonia Coalizioni Banche Utilities Tempo Fonte: Osservatorio Università di Parma 13

14 1980: AAdvantage di American Airlines e le miglia aeree Anni 90: la fase di introduzione Si adotta lo strumento della carta Segmentazione di base tra chi ha la carta e chi non ce l ha I clienti vengono ricompensati con punti, sconti, premi Non si usano i dati Eccessiva fiducia nella modifica di comportamento Vantaggio del primo entrante Abbandoni Anni 2000: imitazione e diffusione I programmi fedeltà sono diffusi in diversi settori Oggi: la maturità I database di marketing in USA, tra diversi settori, contano oltre 1,8 miliardi di record di cliente (Colloquy, 2009) I financial services sono dal 2007 il primo singolo settore (+77% tra 2006 e 2008), dopo avere superato le airlines I vari comparti retail costituiscono il primo macrosettore per importanza, nel loyalty marketing, con il 39% del totale Qui, il 93% dei retailers ha un loyalty program (Aberdeen Group, 2008) 14

15 Fig. 2 Lo sviluppo del loyalty marketing in USA Numero clienti partecipanti a loyalty program Milioni programmi per *famiglia 14 programmi per *famiglia Totale mercato loyalty 153 milioni *Tasso medio di attività: circa 40% Fonte: elaborazioni Osservatorio Carte Fedeltà su dati Colloquy 2009 Fig 3 Il loyalty marketing nei diversi settori in USA, financial services airline specialty retail hotel grocery mass merchandise gaming department stores drugstore fuel/convenience restaurant car rental others 0 Fonte: elaborazioni Osservatorio Carte Fedeltà su dati Colloquy

16 Fig 16 Le carte più diffuse in Italia (% possessori) super/ipermercati benzina librerie elettronica, informatica profumeria trasporti centro estetico luce-gas farmacie abbigliamento giocattoli altro Fonte: Nextplora 2009 Perchè oggi tanta attenzione? I fenomeni che stimolano l adozione del loyalty marketing Ridotta crescita della domanda, sostituibilità tra prodotti, affollamento competitivo, necessità di differenziazione Componente informativa dei prodotti/servizi Loyalty Effect, ricerche sulla retention della clientela -> la storia dei paradigmi di marketing Crescente importanza dei servizi e della distribuzione -> Empowerment dei clienti Disponibilità di tecnologie di raccolta dati e contatto con il cliente ->Information Revolution Investimenti in customer service Multicanalità (Web) Crisi rapporto costo/efficacia old mass media Moda 16

17 Fig. 9 - Le caratteristiche dei programmi fedeltà della GDO in Europa Sconti/Coupon 55% 88% Servizi riservati 35% 66% Italia Europa Catalogo premi 21% 90% Fonte: indagine Osservatorio Carte Fedeltà 2009 Fig Numero di Programmi Fedeltà a cui aderiscono i consumatori nel mondo 100% 90% 80% 70% 60% Nessuno 50% 40% 30% 20% 10% 0% Japan Switzerland France Austria Belgium Italy Malaysia Turkey Germany Thailand US Portugal Philippines Czech Republic Egypt Fonte: Nielsen Worldwide Survey

18 Fig. 11 La partecipazione dei consumatori ai programmi fedeltà Fig. 8 I modelli di programma fedeltà Dove vengono redenti i punti retailer A altri II I retailer A IV III altri Dove vengono emessi i punti 18

19 Gli elementi costitutivi di un programma loyalty misure di successo integrazione con l azienda e con le altre attività mktg obiettivi target group giusta scelta benefici IT/database financial concept processi interni / esterni; gestione Centro servizi Comunicazione col target Gli obiettivi del programma loyalty Aumentare Migliorare immagine Frequenza visita Fedeltà Aumentare Frequenza d uso Creare opportunità Clienti nuovi altro Di comunicazione Accrescere fatturato,profitti e quota di mercatofarsi un database Dare supporto clienti Alla rete commerciale Supportare Altre funzioni Aggiungere capacità aziendali Di customer care Sviluppare soluzioni Fare PR Obiettivi secondari Obiettivi primari Obiettivo centrale 19

20 Obiettivi Per raggiungere gli obiettivi finali di medio-lungo, il programma deve passare per tappe intermedie: Obiettivi principali Obiettivi secondari Preparare misure di performance dall inizio Misure esempio della radio rimando al concetto di fedeltà Dimensione temporale: pur avendo obiettivi in comune con le campagne di DM e offerte speciali, i programmi fedeltà non creano gli stessi effetti di breve, i singoli effetti sono difficili da isolare, anche se con dati di singolo cliente si possono fare misure significative Gli obiettivi assegnati alla raccolta punti con catalogo premi, indagine Osservatorio 2008 % risposte Accrescere la fedeltà del cliente Stabilizzare/regolarizzare le vendite Aumentare il fatturato Aumentare lo scontrino medio Aumentare il numero di card attive Differenziarsi rispetto ai competitors Non ci sono obiettivi specifici, il catalogo è fatto per abitudine 80% 50% 30% 20% 20% 20% 20% Mantenere attive le carte Fidelizzare tramite approccio integrato con il micromarketing 5% 5% 20

21 Target group Il gruppo target di un programma è formato dai clienti con i quali l azienda vuole sviluppare una relazione di lungo periodo Non è una scelta semplice ma è molto importante perchè incide sulla scelta dei benefici da offrire, perchè ogni target ha prefererenze proprie e fattori che determinano il valore Definire il target group in modo diverso, anche di poco, può portare a diverse liste di benefici desiderati, diversi partner esterni e modelli diversi di programma (e maggiori costi) Piùampio e vago èiltarget piùampiadovràesserela rosadei benefici per soddisfare tutti Non è possibile nè efficiente raggiungere tutti con lo stesso programma. A volte la partecipazione va ristretta per dare impronta elitaria Scelta tra clienti potenziali o attuali L esclusione può essere ex ante o per autoselezione, o programmi multilivello Target group Vogliamo rivolgerci a tutto il target o a segmenti? Se piccolo o molto omogeneo non ha senso I segmenti devono avere delle caratteristiche: Stabilità Misurabilità Consistenza Raggiungibilità Rendimenti decrescenti Reazioni altri Considerazioni competitive Ciclo di vita della relazione 21

22 Tipo di programma Chiuso o aperto è l unica distinzione significativa Chiuso: non tutti possono entrare, bisogna rispondere a criteri o pagare una fee. Adatto per aziende che: Cercano di raggiungere e premiare I clienti migliori Preferiscono approccio focalizzato Hanno budget più contenuti Operano in mercati chiaramente segmentati, o B2B I programmi aperti sono adatti alle aziende che: Sanno pochissimo dei clienti attuali e potenziali Seguono un approccio più generico Hanno budget di lungo termine più elevati Operano in mercati non segmentati Con prodotti commodity Chiuso o aperto? La fee aiuta a coprire I costi I prerequisiti per entrare aiutano la focalizzazione La limitazione dell accesso rende di maggior valore l appartenenza Una struttura di appartenenza definita con chiarezza rende più efficace la comunicazione La presenza di prerequisiti limita il numero di partecipanti e I costi Nel database ci saranno solo clienti che hanno un interesse per il prodotto superiore alla media Pagare una fee alza le aspettative, il programma deve dare maggior valore aggiunto Si possono raggiungere più clienti Il database sarà più completo E più facile arrivare a clienti potenziali e dei concorrenti La completezza del database può consentire segmentazione e comunicazione targettizzata Si raggiunge più facilmente la massa critica e l efficienza 22

23 I benefici (rewards) Il pacchetto di vantaggi è l elemento principale che decreta il successo del programma e la sua capacità di raggiungere gli obiettivi. Poichè il programma punta nel lungo periodo a una relazione, bisogna considerare anche il valore emozionale dei benefici Per decidere di partecipare, i clienti attivano l algebra mentale che pesa gli obblighi contro i vantaggi. Solo se questi sono maggiori I clienti entrano, cosicchè i vantaggi devono avere valore percepito superiore dal punto di vista del cliente Bisogna condurre indagini per determinare il valore che benefici diversi hanno per i clienti, il che non si fa quasi mai Combinare benfici hard e soft Quelli hard portano a risparmi e sono tangibili e comprensibili a tutti, ma non fanno retention. Se proprio ci devono essere bisogna farli guadagnare I soft consistono in trattamento speciale, sono intangibili, fidelizzano e non si copiano. Il costo si può coprire in vari modi (partners, altre funzioni aziendali, farli pagare etc) Il valore di un beneficio è determinato da: Valore economico: risparmi-costi Valore per il cliente appropriato e rilevante Facilità con cui il cliente lo ottiene 23

24 Le rewards rewards soft hard privilegi charity punti sconti regali mirati non-mirati Il conto economico del programma Dopo i vantaggi per il cliente, il business plan è la seconda cosa più importante Quali costi possono insorgere? Quali possibilità di creare ricavi generati dal programma che possano coprire almeno parzialmente I costi? Un programma fedeltà è un impegno finanziario di lungo termine 24

25 Costi Costi iniziali di progettazione, sviluppo e realizzazione Pubblicità e promozione per il lancio Investimenti in IT, CRM e database Infrastruttura tecnica, organizzativa e personale Centro servizi Acquisto, stoccaggio e spedizione premi Sconti Comunicazione interna e esterna Misure e miglioramento continuo del programma Ricavi Fee di ingresso/partecipazione Vendita di prodotti Commissioni dei partner esterni Ricavi da pubblicità nei media del programma Fee di partecipazione ad eventi speciali Fee per benefici speciali La comunicazione Tra gli obiettivi principali del programmi vi è quello di creare opportunità per comunicare. In 4 contesti: 1) Membri del programma. La comunicazione deve essere: esclusiva informativa Deve spingere all azione Regolare e per occasioni speciali Welcome pack, che ha l obiettivo di: inviare le componenti personalizzate del prodotto esplicitare l ampiezza dell offerta rafforzare gli elementi di tangibilità del prodotto Other direct media 2) Dipendenti e managers (Tesco) 3) Ambiente esterno (media, partners, settore). Ri-lanciare 4) Tra partecipanti 25

26 La Comunicazione Comunicazione di lancio e adesione al Loyalty - canali attivati Target CLUSTER 1: UTILIZZATORI Tot: CLUSTER 2: DORMIENTI Tot: CLUSTER 3: INCONSAPEVOLI Tot: CLUSTER 4: ATTIVABILI Tot: * CLUSTER 5: NUOVI Tot: CANALI DI COMUNICAZIONE Ad hoc Ad hoc Ad hoc MAILING A Presentazione Loyalty B Presentazione Loyalty + utilizzo Carta C Presentazione Carta XXX + Loyalty C Presentazione Carta XXX + Loyalty Parte C Presentazione integrante Carta XXX + del mail Loyalty Massivi TELEMKTG Integrato nel TeleMktg di campagna Integrato nel TeleMktg di campagna Integrato nel TeleMktg di campagna / attivazione AD HOC su ca il 50% Integrato nel TeleMktg di campagna CANALI DI ADESIONE MODULO SI NO CALL CENTER INBOUND Call center Cims con operatore, dedicato al Loyalty Customer care : riceve l attivazione nuova carta e raccoglie l iscrizione al Programma IVR : riceve l attivazione nuova carta, ricorda l iscrizione al Programma Allegato a mail programmato TELE- MARKETING SI propone e raccoglie l iscrizione al Programma SI propone e raccoglie l iscrizione al Programma * ulteriore campagna a clienti programmata per ott 04 + da valutare eventuale campagna su clienti residuali 26

27 Il centro servizi Per garantire la soddisfazione dei partecipanti e raggiungere gli obiettivi del programma è necessario darsi una struttura organizzativa adeguata Il centro servizi del programma coordina, supervisiona e organizza tutti gli aspetti dell attività del programma Flussi diversi di informazioni Staffing adeguato Il programma deve avere una propria identità, carta intestata, biglietti da visita, linea telefonica e sito web Insourcing vs. outsourcing Focalizzazione Controllo e indipendenza 27

28 L organizzazione del programma Gestione programma Indagini sui partecipanti, Valutazione benefici Sviluppo e controllo del concept Fatture e bolle Richieste di informazioni, Domande, richiesta premi Moduli di ordine, indirizzari delivery, lettere Centro servizi programma - contatti con i partecipanti - amministrazione - logistica e fatturazione premi - gestione database Partner esterni -Spedizione e uso premi Controllo di qualità e training Call Centre -Gestisce la comunicazio incoming Membri Integrazione con l azienda e il marketing 1. Integrare il programma nella struttura organizzativa aziendale All nterno di quale funzione A quale funzione risponde E una divisione indipendente Dovrebbe essere indipendente: I manager del programma devono avere l autorità di prendere decisioni relative al programma come I benefici e la sua organizzativa senza chiedere a terze parti 2. Ottimizzare la cooperazione con le altre funzioni per sfruttare tutto il potenziale del programma in quanto fonte di informazioni, di dati e di accesso ai clienti 28

29 La misura dell efficacia La cultura della misurazione del marketing relazionale in Italia è ancora acerba Indagine Eurisko 2007 la redemption non è il ROI solo il 10% misura il ROI, e sembra che siano solo le multinazionali Difficoltà di isolamento delle variabili che determinano l efficacia, tipica delle iniziative promozionali Richiamo delle misure utilizzate da Payback Misure utilizzate in Italia secondo l indagine dell Osservatorio 2008 Confronto con gli obiettivi Alcuni casi concreti Diffusione degli strumenti per la misurazione del ROI del marketing diretto redemption conversion rate retention arricchimento database sell out aggiuntivo cross selling upselling giudizio consumatori lead generation ROI Eurisko, ottobre

30 I partecipanti a Payback hanno valori superiori al gruppo di controllo in tutti gli aspetti della fedeltà [scala da 1 a 6] 4,4 3,9 4,0 3,2 4,4 3,4 4,9 4,3 2,3 2,1 Control group Will shop again Will purchase more Will recommend Attitiude to company Price sensitivity* Source: Nicola Glusac, Hans H. Hinterhuber. The effect of bonus programmes on the buying behaviour and customer loyalty of consumers,harvard Business Manager of 22 November 2005), research project at the University of Innsbruck, survey of a total of 923 consumers * Scale explanation: high value = low price sensitivity 59 Le famiglie Payback spendono di più e I partner ne traggono vantaggio Development of household spendings at partner A (in p.a.) 1) Base: PAYBACK members who joined the programme in PAYBACK households + 29 % "Customer intensification effect" Control group % 1) Source: GfK Group, PAYBACK Efficiency Recording, May

31 I clienti possono redimere I punti più velecemente I punti totali medi accumulati dai titolari sono aumentati del 50% dal 2003 al 2006 Ø Avg. no. of points per account/ no. of partners ,3 2,5 2,7 3, Un mese sì e un mese no possono ottenere un premio, vista la soglia di 200 punti 61 Il piano di una singola campagna promozionale 1. Obiettivi 2. Destinatari 3. Prodotti coinvolti Uno solo Una linea Diverse linee 4. Durata 5. Budget e sua allocazione Definizione dello stanziamento per la campagna Supporto pubblicitario Comunicazione nel punto vendita Pubbliche relazioni 6. Incentivi Tipi di incentivi Valore degli incentivi Numerosità Progressione Restrizioni al godimento degli incentivi 7. Selezione fornitori Agenzie promozionali Fornitori di premi 8. Cooperazione Con clienti distributori Con altri produttori di prodotti complementari 31

IL FUTURO DELLE PROMOZIONI FEDELTÀ

IL FUTURO DELLE PROMOZIONI FEDELTÀ IL FUTURO DELLE PROMOZIONI FEDELTÀ Indagine Multisettoriale dell Osservatorio Carte Fedeltà Università di Parma Cristina Ziliani Università di Parma VII Convegno Il Futuro del Micromarketing Facoltà di

Dettagli

Le promozioni fedeltà in Italia:

Le promozioni fedeltà in Italia: Il Futuro del Micromarketing Creare fedeltà attraverso la partnership VI edizione Le promozioni fedeltà in Italia: efficacia dei cataloghi e orientamenti strategici Cristina Ziliani e Chiara D Onofrio

Dettagli

LE POLITICHE DI COMUNICAZIONE. Prof. Giancarlo Ferrero 1

LE POLITICHE DI COMUNICAZIONE. Prof. Giancarlo Ferrero 1 LE POLITICHE DI COMUNICAZIONE Prof. Giancarlo Ferrero 1 FINALITA Le politiche di comunicazione sono principalmente rivolte a: far conoscere, differenziare e fare memorizzare il prodotto e la marca ad accrescerne

Dettagli

Lo scenario internazionale del loyalty marketing

Lo scenario internazionale del loyalty marketing Lo scenario internazionale del loyalty marketing Cristina Ziliani Osservatorio Fedeltà Università di Parma XI Convegno Il Futuro del Micromarketing Parma, 21 ottobre 2011 Fonti e metodologia L Osservatorio

Dettagli

Marketing avanzato. Facoltà di Economia Università degli Studi di Roma 3 A.A. 2008/09. Prof. Michela Addis. 14 sessione: 9/6/2009

Marketing avanzato. Facoltà di Economia Università degli Studi di Roma 3 A.A. 2008/09. Prof. Michela Addis. 14 sessione: 9/6/2009 Economia & Management Marketing avanzato Facoltà di Economia Università degli Studi di Roma 3 A.A. 2008/09 Prof. Michela Addis 14 sessione: 9/6/2009 1 Il settore finanziario Campione: 130 istitituzioni

Dettagli

17 aprile 2011. Antonio Votino. Responsabile Divisione Loyalty & Direct Marketing. @ICTeam_loyalty

17 aprile 2011. Antonio Votino. Responsabile Divisione Loyalty & Direct Marketing. @ICTeam_loyalty Università degli Studi di Macerata Facoltà di Economia Ciclo seminari Idee e strumenti per il management 2012 Seminario: Percorsi della loyalty nella distribuzione, applicazioni al settore farmacie. La

Dettagli

Lezione 8: Direct Marketing. Stella Romagnoli

Lezione 8: Direct Marketing. Stella Romagnoli Lezione 8: Direct Marketing Direct Marketing Definizione Obiettivi Misurazione dell efficacia 2 Obiettivo fondamentale del Direct Marketing (DM) è quello di realizzare un rapporto diretto ed interattivo

Dettagli

Soluzioni. e CRM per Grandi Aziende

Soluzioni. e CRM per Grandi Aziende Soluzioni di LOYALTY e CRM per Grandi Aziende NEXUSCOM Nexuscom è un agenzia nata nel 2005 e focalizzata nella realizzazione di progetti che consentono alle aziende di entrare in contatto con i propri

Dettagli

IL MARKETING RELAZIONALE APPLICATO AI BENI DI CONSUMO

IL MARKETING RELAZIONALE APPLICATO AI BENI DI CONSUMO IL MARKETING RELAZIONALE APPLICATO AI BENI DI CONSUMO 1 LE ORIGINI I primi studi sul marketing relazionale risalgono alla seconda metà degli anni ' 70 e sono riferiti al settore dei beni industriali negli

Dettagli

IL TRADE MARKETING. Prof. Giancarlo Ferrero - Università di Urbino

IL TRADE MARKETING. Prof. Giancarlo Ferrero - Università di Urbino IL TRADE MARKETING 1 DEFINIZIONE Il trade marketing è l insieme delle attività che puntano a conoscere, pianificare, organizzare e gestire il processo distributivo in modo da massimizzare la redditività

Dettagli

Indagine 2012 sul direct marketing multicanale in Italia: evoluzione, soddisfazioni ed attese

Indagine 2012 sul direct marketing multicanale in Italia: evoluzione, soddisfazioni ed attese Indagine 2012 sul direct marketing multicanale in Italia: evoluzione, soddisfazioni ed attese Ricerca di CRIBIS D&B con il patrocinio di AIDiM, Associazione Italiana Direct Marketing e di ANVED,Associazione

Dettagli

I servizi di Marketing. Marco Vecchiotti - Director

I servizi di Marketing. Marco Vecchiotti - Director I servizi di Marketing Marco Vecchiotti - Director 2012 Data4Value: Soluzioni di Marketing nel gruppo CRIF 2 3 2012 I servizi Data4Value Ottimizzazione delle performance di business sul territorio Ottimizzazione

Dettagli

CRM E GESTIONE DEL CLIENTE

CRM E GESTIONE DEL CLIENTE CRM E GESTIONE DEL CLIENTE La concorrenza è così forte che la sola fonte di vantaggio competitivo risiede nella creazione di un valore superiore per i clienti, attraverso un investimento elevato di risorse

Dettagli

IL MARKETING RELAZIONALE APPLICATO AI BENI DI LARGO CONSUMO

IL MARKETING RELAZIONALE APPLICATO AI BENI DI LARGO CONSUMO IL MARKETING RELAZIONALE APPLICATO AI BENI DI LARGO CONSUMO 1 LE ORIGINI q I primi studi sul marketing relazionale risalgono alla seconda metà degli anni ' 70 e sono riferiti al settore dei beni industriali

Dettagli

La fidelizzazione dei diversi segmenti di clientela nei Monitoraggi dell ABI: il caso delle Donne

La fidelizzazione dei diversi segmenti di clientela nei Monitoraggi dell ABI: il caso delle Donne Roma, Palazzo Altieri 12/13 febbraio 2007 La fidelizzazione dei diversi segmenti di clientela nei Monitoraggi dell ABI: il caso delle Donne (Centro Studi e Ricerche ABI - Associazione Bancaria Italiana)

Dettagli

Conoscere il cliente e le sue potenzialità: l importanza della business intelligence in banca

Conoscere il cliente e le sue potenzialità: l importanza della business intelligence in banca Conoscere il cliente e le sue potenzialità: l importanza della business intelligence in banca Luca Molteni Elena Feltrinelli Università Bocconi Milano Convegno ABI Dimensione Cliente Roma, 13 febbraio

Dettagli

Indice. Autori Prefazione Ringraziamenti dell Editore XIII XV XIX

Indice. Autori Prefazione Ringraziamenti dell Editore XIII XV XIX Autori Prefazione Ringraziamenti dell Editore XIII XV XIX Capitolo 1 Il marketing nell economia e nella gestione d impresa 1 1.1 Il concetto e le caratteristiche del marketing 2 1.2 L evoluzione del pensiero

Dettagli

Il canale on-line di Coop La spesa che non pesa

Il canale on-line di Coop La spesa che non pesa Il canale on-line di Coop La spesa che non pesa Bologna 19 Febbraio 2003 1 Il mercato Internet Il numero totale degli utenti varia a seconda delle fonti ma è stimabile intorno a 9/10 milioni di persone.

Dettagli

La pubblicità 1. Le strategie di comunicazione 1. Le strategie di comunicazione 2

La pubblicità 1. Le strategie di comunicazione 1. Le strategie di comunicazione 2 Le strategie di comunicazione 1 Pubblicità Promozione delle vendite Forza vendita Azioni x notorietà marca (advertising) (promotion) (sale force) (publicity) Ricerca del promotion mix per garantire immediata

Dettagli

Marketing & Sales: le reazioni alla crisi

Marketing & Sales: le reazioni alla crisi Marketing & Sales: le reazioni alla crisi I risultati di un indagine empirica 1 1. IL CAMPIONE ESAMINATO 2 Le imprese intervistate Numero imprese intervistate: 14 Imprese familiari. Ruolo centrale dell

Dettagli

I dati loyalty a supporto del volantino e i nuovi media di veicolazione della promozione

I dati loyalty a supporto del volantino e i nuovi media di veicolazione della promozione I dati loyalty a supporto del volantino e i nuovi media di veicolazione della promozione Cristina Ziliani Osservatorio Fedeltà Università di Parma Convegno Promozioni efficaci? Il volantino: istruzioni

Dettagli

Perché Un progetto di e-mail marketing

Perché Un progetto di e-mail marketing Il momento giusto per una mail! ASSOLOMBARDA VI Giornata Comunicazione D D Impresa L e-mail marketing manda in vacanza il turista Expedia Inc. è la società leader a livello mondiale nel settore del turismo

Dettagli

Corso di Marketing Industriale

Corso di Marketing Industriale U N I V E R S I T A' D E G L I S T U D I D I B E R G A M O Corso di Prof Ferruccio Piazzoni ferruccio.piazzoni@unibg.it CRM & micromarketing per la creazione di fedeltà e valore I Mktg-L12 CRM "Il CRM

Dettagli

L efficacia delle promozioni di prezzo

L efficacia delle promozioni di prezzo L efficacia delle promozioni di prezzo Communication promotion o taglio prezzo? Lavorare sui volumi di vendita o sulla brand equity? Difficile dare una risposta netta. Nel Largo Consumo sembra che la soluzione

Dettagli

Il Modello di Orientamento Commerciale

Il Modello di Orientamento Commerciale Il Modello di Orientamento Commerciale Un importante strumento di indirizzo strategico che, classificando clienti e prospect in base alle loro potenzialità di sviluppo, supporta azioni mirate su segmenti

Dettagli

Marketing relazionale e email marketing. Massimo Bosi. Presidente. www.moreco.it

Marketing relazionale e email marketing. Massimo Bosi. Presidente. www.moreco.it Marketing relazionale e email marketing Massimo Bosi Presidente www.moreco.it Il Consumatore Cambia IL CONSUMATORE CAMBIA I consumatori sono always on Esiste un overload di messaggi TO DO conoscere a fondo

Dettagli

DEFINIZIONE DI CANALE DI DISTRIBUZIONE

DEFINIZIONE DI CANALE DI DISTRIBUZIONE DEFINIZIONE DI CANALE DI DISTRIBUZIONE Il canale di distribuzione di un bene è il percorso che questo segue nel suo trasferimento dal produttore (industriale o agricolo) al consumatore finale o all utilizzatore

Dettagli

Capitolo 9: Gestire il ciclo di vita del cliente: Sviluppo e Retention UNIVERSITÀ LUMSA

Capitolo 9: Gestire il ciclo di vita del cliente: Sviluppo e Retention UNIVERSITÀ LUMSA Capitolo 9: Gestire il ciclo di vita del cliente: Sviluppo e Retention UNIVERSITÀ LUMSA IL CICLO DI VITA DEL CLIENTE RETENTION SVILUPPO Mantenere un elevata percentuale di clienti di valore riducendo le

Dettagli

La conoscenza del Cliente come fonte di profitto

La conoscenza del Cliente come fonte di profitto La conoscenza del Cliente come fonte di profitto Giorgio Redemagni Responsabile CRM Convegno ABI CRM 2003 Roma, 11-12 dicembre SOMMARIO Il CRM in UniCredit Banca: la Vision Le componenti del CRM: processi,

Dettagli

La gestione delle relazioni: quando il CRM interpreta collection, loyalty program e promozioni.

La gestione delle relazioni: quando il CRM interpreta collection, loyalty program e promozioni. La gestione delle relazioni: quando il CRM interpreta collection, loyalty program e promozioni. Sara Fusco Presidente F.P.E. Srl Milano, 14 maggio 2010 KIDS. GENERAZIONE 0-12 MILANO, 14-15 MAGGIO 2010

Dettagli

IL TRADE MARKETING. Prof. Giancarlo Ferrero Corso di marketing Università di Urbino

IL TRADE MARKETING. Prof. Giancarlo Ferrero Corso di marketing Università di Urbino IL TRADE MARKETING 1 DEFINIZIONE Il trade marketing è l insieme delle attività che puntano a conoscere, pianificare, organizzare e gestire il processo distributivo in modo da massimizzare la redditività

Dettagli

Il CRM operativo. Daniela Buoli. 2 maggio 2006

Il CRM operativo. Daniela Buoli. 2 maggio 2006 Il CRM operativo 2 maggio 2006 1. Il marketing relazionale Il marketing relazionale si fonda su due principi fondamentali che è bene ricordare sempre quando si ha l opportunità di operare a diretto contatto

Dettagli

LE POLITICHE DI COMUNICAZIONE

LE POLITICHE DI COMUNICAZIONE LE POLITICHE DI COMUNICAZIONE FINALITA far conoscere, differenziare e fare memorizzare il prodotto e la marca ad accrescerne il valore percepito (significati simbolici, segnali di valore) La differenziazione

Dettagli

L APPROCCIO COSTUMER-FOCUSED ALLA MISURA DELL EFFICACIA DELLA PROMOZIONE AL CONSUMO. Corso di Marketing Progredito Università di Urbino

L APPROCCIO COSTUMER-FOCUSED ALLA MISURA DELL EFFICACIA DELLA PROMOZIONE AL CONSUMO. Corso di Marketing Progredito Università di Urbino L APPROCCIO COSTUMER-FOCUSED ALLA MISURA DELL EFFICACIA DELLA PROMOZIONE AL CONSUMO 1 2 Il CUSTOMER DATABASE è la nostra bussola 3 Il patrimonio delle informazioni ci indica la direzione giusta da intraprendere

Dettagli

EDGAR, DUNN & COMPANY

EDGAR, DUNN & COMPANY PATRICK DESMARES - Vice Direttore 1 Schema della presentazione Il piano della ricerca I risultati della ricerca u Gestione della redditività cliente - Il contesto strategico u Misurazione della redditività

Dettagli

OPEN B2B OPENCLUB BY ARCADELPHI HOLDING S.R.L. www.vacanzeopenclub.com booking@vacanzeopenclub.com

OPEN B2B OPENCLUB BY ARCADELPHI HOLDING S.R.L. www.vacanzeopenclub.com booking@vacanzeopenclub.com OPENCLUB BY ARCADELPHI HOLDING S.R.L. www.vacanzeopenclub.com booking@vacanzeopenclub.com OPEN B2B L OFFERTA DEDICATA A TUTTI I PARTNER COMMERCIALI DI OPENCLUB BY ARCADELPHI HOLDING S.R.L. La nostra parola

Dettagli

Il Marketing Analitico

Il Marketing Analitico Il Marketing Analitico Terza Lezione Bari, 19 Novembre 2007 Agenda Il mercato (follow-up) Le performance interne Esercitazione interattiva 2 Il Marketing Analitico 1 2 3 Il consumatore Il mercato Le performance

Dettagli

I valori distintivi della nostra offerta di BPO:

I valori distintivi della nostra offerta di BPO: Business Process Outsourcing Partner 3M Software è il partner di nuova generazione, per la progettazione e la gestione di attività di Business Process Outsourcing, che offre un servizio completo e professionale.

Dettagli

Lo scenario del Loyalty Marketing. Retail e Industria a confronto

Lo scenario del Loyalty Marketing. Retail e Industria a confronto Lo scenario del Loyalty Marketing Retail e Industria a confronto Cristina Ziliani Osservatorio Fedeltà Università di Parma Relazione presentata al XII convegno dell Osservatorio, Venerdì 26 ottobre 2012

Dettagli

LE POLITICHE DI COMUNICAZIONE. Prof. Giancarlo Ferrero Corso di Marketing Università di Urbino

LE POLITICHE DI COMUNICAZIONE. Prof. Giancarlo Ferrero Corso di Marketing Università di Urbino LE POLITICHE DI COMUNICAZIONE 1 FINALITA Le politiche di comunicazione sono principalmente rivolte a: far conoscere, differenziare e fare memorizzare il prodotto e la marca ad accrescerne il valore percepito

Dettagli

La sinergia fra il programma di loyalty iosi e le attività di micromarketing di CartaSi

La sinergia fra il programma di loyalty iosi e le attività di micromarketing di CartaSi La sinergia fra il programma di loyalty iosi e le attività di micromarketing di CartaSi Marco Bianchi Crema - CartaSi Responsabile Marketing Customer Base Francesco Renne - ICTeam Amministratore Delegato

Dettagli

Introduzione: La Responsabilità Sociale ed Ambientale

Introduzione: La Responsabilità Sociale ed Ambientale Introduzione: La Responsabilità Sociale ed Ambientale ECR Italia, nel 2002, ha sviluppato una prima iniziativa sul tema della Responsabilità Sociale ed Ambientale (RS&A). Obiettivo principale dell iniziativa

Dettagli

Cap.5 La comunicazione di marketing. Corso di Comunicazione d impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.

Cap.5 La comunicazione di marketing. Corso di Comunicazione d impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb. Cap.5 La comunicazione di marketing Corso di Comunicazione d impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.it La comunicazione di marketing: definizione Strumento di governo delle

Dettagli

Lo sviluppo della comunicazione di marketing e del CRM nelle imprese. Evidenze empiriche e il progetto CRM in Camomilla Milano

Lo sviluppo della comunicazione di marketing e del CRM nelle imprese. Evidenze empiriche e il progetto CRM in Camomilla Milano Facoltà di lingua e cultura italiana CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN COMUNICAZIONE PUBBLICITARIA Lo sviluppo della comunicazione di marketing e del CRM nelle imprese. Evidenze empiriche e il progetto CRM

Dettagli

CRESCITA DELLA DISTRIBUZIONE COMMERCIALE E NASCITA DI NUOVE TIPOLOGIE DI MARKETING

CRESCITA DELLA DISTRIBUZIONE COMMERCIALE E NASCITA DI NUOVE TIPOLOGIE DI MARKETING CRESCITA DELLA DISTRIBUZIONE COMMERCIALE E NASCITA DI NUOVE TIPOLOGIE DI MARKETING Dalla fine degli anni 70 la distribuzione commerciale italiana è stata protagonista di un imponente processo di cambiamento

Dettagli

L innovazione della fidelity nel mondo retail

L innovazione della fidelity nel mondo retail Relatore: Vincenzo Tondolo L innovazione della fidelity nel mondo retail Panoramica sul mondo fidelity Come funziona A chi si rivolge Quali strumenti sono in circolazione Differenze tra i vari sistemi

Dettagli

LOYALTY PROGRAM il sistema integrato al CRM per incentivare la clientela

LOYALTY PROGRAM il sistema integrato al CRM per incentivare la clientela LOYALTY PROGRAM il sistema integrato al CRM per incentivare la clientela ABI CRM 2005 Roma, 14 dicembre 2005 Il Gruppo Banca CR Firenze Cassa di Risparmio di Firenze Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia

Dettagli

Come utilizzare la conoscenza del cliente per incrementare la profittabilità dei servizi finanziari: le esperienze di UniCredito Italiano

Come utilizzare la conoscenza del cliente per incrementare la profittabilità dei servizi finanziari: le esperienze di UniCredito Italiano Come utilizzare la conoscenza del cliente per incrementare la profittabilità dei servizi finanziari: le esperienze di UniCredito Italiano Maurizio Perego Responsabile Comunicazione e Marketing Relazionale

Dettagli

I driver della loyalty nelle tlc e nei media Carlo Stefanini Busacca & Associati Loyalty Forum 2001 Milano, 06/11/01

I driver della loyalty nelle tlc e nei media Carlo Stefanini Busacca & Associati Loyalty Forum 2001 Milano, 06/11/01 I driver della loyalty nelle tlc e nei media Carlo Stefanini Loyalty Forum 2001 Milano, 06/11/01 SUMMARY Il modello di business vede un integrazione sempre più stretta fra tlc e media Fedeltà al brand

Dettagli

LE CARTE NELLA GRANDE DISTRIBUZIONE: IL PAGAMENTO QUALE ELEMENTO DI FIDELIZZAZIONE. Cristina Botter

LE CARTE NELLA GRANDE DISTRIBUZIONE: IL PAGAMENTO QUALE ELEMENTO DI FIDELIZZAZIONE. Cristina Botter LE CARTE NELLA GRANDE DISTRIBUZIONE: IL PAGAMENTO QUALE ELEMENTO DI FIDELIZZAZIONE Cristina Botter CHI SIAMO Trade Business è testata leader del commercio moderno, letto dai protagonisti dell'industria

Dettagli

VII CONVEGNO ANNUALE SUI CONTACT CENTER Milano, 7 giugno 2012. Elisa Fontana

VII CONVEGNO ANNUALE SUI CONTACT CENTER Milano, 7 giugno 2012. Elisa Fontana VII CONVEGNO ANNUALE SUI CONTACT CENTER Milano, 7 giugno 2012 Elisa Fontana 1 Contenuti Chi siamo CRM, Customer experience, Customer Engagement Il consumatore e i Social Network I social network generano

Dettagli

ACQUISTO D'IMPULSO ACQUISTO SUGGERITO. Glossario essenziale della GDO

ACQUISTO D'IMPULSO ACQUISTO SUGGERITO. Glossario essenziale della GDO A ACQUISTO D'IMPULSO Acquisto da parte del consumatore non programmato; effettuato in seguito alla percezione di uno stimolo, senza che abbia tenuto conto di fattori di effettivo bisogno. ACQUISTO SUGGERITO

Dettagli

Analisi sullo strumento direct per eccellenza. Email Marketing Check up

Analisi sullo strumento direct per eccellenza. Email Marketing Check up Analisi sullo strumento direct per eccellenza Email Marketing Check up Workshop 26 Novembre 2014 26 Novembre 2014, Iab Forum, Milano Agenda Workshop Email Marketing Check up Analisi sullo strumento direct

Dettagli

STRATEGIE PER LA CRESCITA PROFITTEVOLE Gestire le vendite e il servizio per sostenere prezzi e margini

STRATEGIE PER LA CRESCITA PROFITTEVOLE Gestire le vendite e il servizio per sostenere prezzi e margini STRATEGIE PER LA CRESCITA PROFITTEVOLE Gestire le vendite e il servizio per sostenere prezzi e margini Vicenza, 5 marzo 2013 Relatore: FABIO VENTURI Consulente di direzione e formatore. Testimonianza:

Dettagli

Marketing Il modello del ciclo di vita del prodotto

Marketing Il modello del ciclo di vita del prodotto Marketing Il modello del ciclo di vita del prodotto Michele Gorgoglione m.gorgoglione@poliba.it Perché alcuni personaggi di film per ragazzi crescono? Perché nel 2009 Disney decide di realizzare un nuovo

Dettagli

La gestione operativa della promozionalità omnichannel, la soluzione Di.Tech

La gestione operativa della promozionalità omnichannel, la soluzione Di.Tech Claudio Lattanzi La gestione operativa della promozionalità omnichannel, la soluzione Di.Tech Bologna, 23 giugno 2015 Perché siamo qui oggi a parlare di couponing? Per due principali motivi! 1. Innanzi

Dettagli

RICERCA SUL MERCATO DELLA PROMOZIONE

RICERCA SUL MERCATO DELLA PROMOZIONE AssAP CULTURA RICERCA SUL MERCATO DELLA PROMOZIONE PROMOZIONE AL CONSUMO SERVIZI DI MARKETING OPERATIVO INCENTIVAZIONE VENDITE Quinta edizione 19 Ottobre 2004 PRESENTAZIONE DEI RISULTATI 1 OBIETTIVI Analizzare

Dettagli

1. Orientamento al prodotto 2. Orientamento alle vendite 3. Orientamento al mercato 4. Orientamento al marketing

1. Orientamento al prodotto 2. Orientamento alle vendite 3. Orientamento al mercato 4. Orientamento al marketing L ATTIVITA COMMERCIALE DELL AZIENDA: MARKETING Attività e processi mediante i quali l azienda è presente sul mercato reale su cui colloca i propri prodotti. Solitamente il marketing segue un preciso percorso,

Dettagli

VERY YOUNG PERSON MARKETING RELAZIONALE E FIDELIZZAZIONE NEL SEGMENTO GIOVANI

VERY YOUNG PERSON MARKETING RELAZIONALE E FIDELIZZAZIONE NEL SEGMENTO GIOVANI VERY YOUNG PERSON MARKETING RELAZIONALE E FIDELIZZAZIONE NEL SEGMENTO GIOVANI Andrea Chierici Responsabile Prodotti Retail Cariparma e Piacenza S.p.A. - Gruppo Intesa ABI CRM 2003. Strategie di valorizzazione

Dettagli

LE STRUTTURE ORGANIZZATIVE DI TRADE MARKETING. Beatrice Luceri Facoltà di Economia Anno Accademico 2000/01

LE STRUTTURE ORGANIZZATIVE DI TRADE MARKETING. Beatrice Luceri Facoltà di Economia Anno Accademico 2000/01 LE STRUTTURE ORGANIZZATIVE DI TRADE MARKETING Beatrice Luceri Facoltà di Economia Anno Accademico 2000/01 La configurazione della funzione di Trade Marketing I fenomeni che hanno influito sui processi

Dettagli

Tecniche avanzate di vendita Livello avanzato. OBIETTIVI: Padroneggiare le tecniche di vendita e migliorarle con metodi di negoziazione affermati

Tecniche avanzate di vendita Livello avanzato. OBIETTIVI: Padroneggiare le tecniche di vendita e migliorarle con metodi di negoziazione affermati Tecniche avanzate di vendita Livello avanzato Padroneggiare le tecniche di vendita e migliorarle con metodi di negoziazione affermati Direttori e Commerciali; Tutti coloro che devono gestire un gruppo

Dettagli

LEZIONE 3 CUSTOMER RELATIONSHIP ICT GOVERNANCE. ECONOMIA dell ICT ECONOMIA DELL ICT 1. Facoltà di Ingegneria Università di Roma Tor Vergata

LEZIONE 3 CUSTOMER RELATIONSHIP ICT GOVERNANCE. ECONOMIA dell ICT ECONOMIA DELL ICT 1. Facoltà di Ingegneria Università di Roma Tor Vergata LEZIONE 3 CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT (CRM) ICT GOVERNANCE ECONOMIA dell ICT ECONOMIA DELL ICT 1 Sviluppo storico del CRM 50 60 Avvento dei brand items e delle agenzie di pubblicità 70 Avvento del

Dettagli

ScontiBancoPosta: l evoluzione della specie per i Loyalty program

ScontiBancoPosta: l evoluzione della specie per i Loyalty program ScontiBancoPosta: l evoluzione della specie per i Loyalty program FISIONOMIA DEL PROGRAMMA ScontiBancoPosta è un programma di comarketing coalition finalizzato ad acquisition & loyalty, che utilizza come

Dettagli

Quanto investire in comunicazione? Francesco Potenza

Quanto investire in comunicazione? Francesco Potenza Quanto investire in comunicazione? Francesco Potenza Marketing Club, 4 dicembre 2010 Gli investimenti in adv La crisi ha toccato gli investimenti che sono più facilmente e rapidamente manovrabili: la pubblicità

Dettagli

COME VALUTARE LA PROFITTABILITA DI CLIENTI E PROSPECT: STRATEGIE PER ACQUISIRE NUOVI CLIENTI E ACCRESCERE IL VALORE DI QUELLI ESISTENTI.

COME VALUTARE LA PROFITTABILITA DI CLIENTI E PROSPECT: STRATEGIE PER ACQUISIRE NUOVI CLIENTI E ACCRESCERE IL VALORE DI QUELLI ESISTENTI. COME VALUTARE LA PROFITTABILITA DI CLIENTI E PROSPECT: STRATEGIE PER ACQUISIRE NUOVI CLIENTI E ACCRESCERE IL VALORE DI QUELLI ESISTENTI. 1. Introduzione: Gli obiettivi dell implementazione di un sistema

Dettagli

Marketing Industriale e Direzione d Impresa Introduzione al marketing. Ing. Marco Greco m.greco@unicas.it Tel.0776.299.

Marketing Industriale e Direzione d Impresa Introduzione al marketing. Ing. Marco Greco m.greco@unicas.it Tel.0776.299. Marketing Industriale e Direzione d Impresa Introduzione al marketing Ing. Marco Greco m.greco@unicas.it Tel.0776.299.3641 Stanza 1S-28 L evoluzione del marketing Dal marketing per addetti ai lavori, al

Dettagli

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing ANALIZZARE LA STRUTTURA E IL FUNZIONAMENTO DEI CANALI DI MARKETING

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing ANALIZZARE LA STRUTTURA E IL FUNZIONAMENTO DEI CANALI DI MARKETING LEZIONI N. 13 e 14 La Gestione dei Canali di Marketing Alessandro De Nisco Università del Sannio Corso OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO DELLA LEZIONE ANALIZZARE LA STRUTTURA E IL FUNZIONAMENTO DEI CANALI DI

Dettagli

Giochi di Design. Una proposta per

Giochi di Design. Una proposta per Giochi di Design Una proposta per 3 ragioni per investire in marketing digitale 1. Bacino di utenza 2 miliardi di persone connesse nel mondo. 16,5 milioni di italiani possiedono uno smartphone nel 2013

Dettagli

Dal Cost Plus Pricing al Value Based Price. Pricing Strategy

Dal Cost Plus Pricing al Value Based Price. Pricing Strategy Dal Cost Plus Pricing al Value Based Price Pricing Strategy Approfondimenti tematici settembre 2013 Le informazioni contenute nel presente documento sono classificate riservate e confidenziali ad esclusivo

Dettagli

I N D I C E 1 [ PRODUTTORI E DISTRIBUTORI AL BIVIO ] 2 [ LA SFIDA SI VINCE IN DUE ] 3 [ UN APPROCCIO SINERGICO ] 4 [ INSIEME PER INNOVARE ]

I N D I C E 1 [ PRODUTTORI E DISTRIBUTORI AL BIVIO ] 2 [ LA SFIDA SI VINCE IN DUE ] 3 [ UN APPROCCIO SINERGICO ] 4 [ INSIEME PER INNOVARE ] PRODUTTORE CHIAMA DISTRIBUTORE L UNIONE FA LA FORZA I N D I C E 1 [ PRODUTTORI E DISTRIBUTORI AL BIVIO ] 2 [ LA SFIDA SI VINCE IN DUE ] 3 [ UN APPROCCIO SINERGICO ] 4 [ INSIEME PER INNOVARE ] 1. [PRODUTTORI

Dettagli

29/01/2015 - Camera di Commercio Macerata

29/01/2015 - Camera di Commercio Macerata 29/01/2015 - Camera di Commercio Macerata Cos è? Il Customer Relationship Management (CRM) è una strategia per la gestione di tutte le interazioni che hanno luogo con i clienti potenziali ed esistenti.

Dettagli

Marketing Operativo: Distribuzione

Marketing Operativo: Distribuzione Fondamenti di Marketing Turistico Università degli Studi di Roma Tor Vergata Marketing Operativo: Distribuzione Dott. Mario Liguori Comunicazione Martedì 14 e Mercoledì 15 no lezione 1 Canali distributivi

Dettagli

1.3.1. Elementi caratterizzanti il marketing diretto interattivo

1.3.1. Elementi caratterizzanti il marketing diretto interattivo 1. IL MARKETING DIRETTO 1.1. Concetto e definizione di marketing diretto pag. 3 1.1.1. Direct e data base di marketing pag. 5 1.2. Evoluzione del concetto di marketing diretto pag. 8 1.2.1. La comunicazione

Dettagli

Strategie di impresa, Tattiche operative e Piano di Marketing. Come essere competitivi, affrontare i mercati e i concorrenti

Strategie di impresa, Tattiche operative e Piano di Marketing. Come essere competitivi, affrontare i mercati e i concorrenti MA.VE.CO. Consulting www.maveco-consulting.it Viale Stazione,43-02013 Antrodoco (Rieti) Tel. 0746-578699 e-mail : info@maveco-consulting.it Strategie di impresa, Tattiche operative e Piano di Marketing

Dettagli

L'utilizzo dell e-mail e mobile marketing nella Grande Distribuzione - Il caso GS-SpesAmica Club

L'utilizzo dell e-mail e mobile marketing nella Grande Distribuzione - Il caso GS-SpesAmica Club L'utilizzo dell e-mail e mobile marketing nella Grande Distribuzione - Il caso GS-SpesAmica Club Salvatore Pane Milano, 30 settembre 2004 Carrefour Mondo: 10.270 pdv in 30 nazioni Dati aggiornati al 31/03/2004

Dettagli

CRM (CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT) CRM CRM CRM

CRM (CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT) CRM CRM CRM (CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT) Marco Pironti - Università di Torino 1 Executive summary Introduzione Obiettivi Fasi Architettura Tendenze evolutive Piano operativo Considerazioni Marco Pironti - Università

Dettagli

Zurich Connect. Presentazione Partnership. Compagnia diretta di assicurazione. Maggio 2009

Zurich Connect. Presentazione Partnership. Compagnia diretta di assicurazione. Maggio 2009 Zurich Connect Compagnia diretta di assicurazione Presentazione Partnership Maggio 2009 Contenuti della presentazione Presentazione del Gruppo Zurich Financial Services e di Zurich Connect in Italia Illustrazione

Dettagli

Primi risultati di sintesi

Primi risultati di sintesi INDAGINE ABI-UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PARMA Approcci di CRM e di gestione delle relazioni con la clientela del settore bancario Primi risultati di sintesi (Dicembre 2003) 1 2 BANCHE RISPONDENTI: 84 RAPPRESENTATIVE

Dettagli

VALUE LAB CONSULENZA DI DIREZIONE AZIENDALE

VALUE LAB CONSULENZA DI DIREZIONE AZIENDALE VALUE LAB CONSULENZA DI DIREZIONE AZIENDALE LOYALTY PROGRAM Le fasi di definizione di un programma fedeltà Di Marco Di Dio Roccazzella Partner di Value Lab marcodidio@valuelab.it 2 Numerose aziende si

Dettagli

Il prodotto percepito è il risultato di un processo dinamico d identificazione del prodotto nelle sue componenti e prestazioni valutato in base:

Il prodotto percepito è il risultato di un processo dinamico d identificazione del prodotto nelle sue componenti e prestazioni valutato in base: Capitolo 9 Il prodotto Il prodotto Il prodotto Per il consumatore è la soluzione a un problema specifico Per il produttore è un insieme i di attributi ti tangibili e intangibili che caratterizzano l offerta

Dettagli

In-Store Communication: come aumentare la visibilità sul punto vendita! www.aladino-net.com. pag.

In-Store Communication: come aumentare la visibilità sul punto vendita! www.aladino-net.com. pag. 1 Le marche cercano quotidianamente visibilità, per poter essere immediatamente riconoscibili dal proprio consumatore nel momento in cui sta per compiere l atto d acquisto. Le leve su cui agire per raggiungere

Dettagli

IN TEMPO DI CRISI. la loyalty paga COVER STORY

IN TEMPO DI CRISI. la loyalty paga COVER STORY COVER STORY IN TEMPO DI CRISI la loyalty paga Stefania Lorusso Il loyalty marketing oggi ha due facce: quella ben visibile delle carte fedeltà, dei club, delle raccolte punti e dei cataloghi premi, e quella

Dettagli

LE SCELTE DELLE IMPRESE UTILIZZATRICI DI PRODOTTI PROMOZIONALI

LE SCELTE DELLE IMPRESE UTILIZZATRICI DI PRODOTTI PROMOZIONALI LE SCELTE DELLE IMPRESE UTILIZZATRICI DI PRODOTTI PROMOZIONALI I risultati della ricerca di Promotion Magazine condotta dal Larem (Laboratorio di Ricerca Economica e Manageriale) dell Università di Udine

Dettagli

Case history gestione del CRM il caso di un azienda di trasporti

Case history gestione del CRM il caso di un azienda di trasporti Case history gestione del CRM il caso di un azienda di trasporti Obiettivo Carta fedeltà Carta sconto Abbonamenti Reclami Database integrato Vendite Produzione Magazzino/logistica/ consegne/fatturazioni

Dettagli

PIANO STRATEGICO MARKETING

PIANO STRATEGICO MARKETING PIANO STRATEGICO di MARKETING a che serve il Piano strategico? ad individuare ed esprimere in modo chiaro e sistematico le SCELTE aziendali a MEDIO e LUNGO TERMINE DECISIONI E PROGRAMMI DI AZIONE per giungere,

Dettagli

I trend del 2011 si sono accentuati nel 2012

I trend del 2011 si sono accentuati nel 2012 Quale percorso per migliorare la performance del volantino? Gianpiero Lugli Università degli Studi di Parma Dipartimento di Economia I trend del 2011 si sono accentuati nel 2012 Menopubblicitàepiùpromozione(dal26,4al27,4)

Dettagli

Lezione 19: Comunicazione di Marketing Stella Romagnoli

Lezione 19: Comunicazione di Marketing Stella Romagnoli Lezione 19: Comunicazione di Marketing Definizione Target e contenuto della comunicazione di marketing Gli obiettivi Il processo di apprendimento I principali strumenti di comunicazione La promozione delle

Dettagli

Modulo Campaign Activator

Modulo Campaign Activator Modulo Campaign Activator 1 Che cosa è Market Activator Market Activator è una suite composta da quattro diversi moduli che coprono esigenze diverse, ma tipicamente complementari per i settori marketing/commerciale

Dettagli

L E-commerce per le imprese umbre: Nuove opportunità di vendita in Italia e nel Mondo

L E-commerce per le imprese umbre: Nuove opportunità di vendita in Italia e nel Mondo L E-commerce per le imprese umbre: Nuove opportunità di vendita in Italia e nel Mondo Giulio Finzi Segretario Generale Netcomm Perugia- 15 Dicembre 2011 La nostra missione è contribuire allo sviluppo dell

Dettagli

Business Intelligence @ Work Applicazioni Geografiche e su Palmare per il CRM e la Sales Force Automation

Business Intelligence @ Work Applicazioni Geografiche e su Palmare per il CRM e la Sales Force Automation Business Intelligence @ Work Applicazioni Geografiche e su Palmare per il CRM e la Sales Force Automation Nuovi approcci e nuovi strumenti Marco Di Dio Roccazzella Director marco.didio@valuelab.it www.valuelab.it

Dettagli

Le funzioni di gestione dell impresa: il marketing (1) Gli argomenti del corso. Gli obiettivi del corso. Economia e gestione delle imprese

Le funzioni di gestione dell impresa: il marketing (1) Gli argomenti del corso. Gli obiettivi del corso. Economia e gestione delle imprese Economia e gestione delle imprese Le funzioni di gestione dell impresa: il marketing (1) dott. Matteo Rossi Benevento, 7 gennaio 2008 Gli argomenti del corso ANALISI DELLE FUNZIONI PRIMARIE DELL IMPRESA

Dettagli

Marketing dei servizi. Alessandro Danovi

Marketing dei servizi. Alessandro Danovi Alessandro Danovi Concetto di servizi Servizi = effetti economicamente utili di beni materiali o attività umane di cui beneficiano altri beni o gli uomini Classificazioni Servizi reali -Servizi personali

Dettagli

Retail & Consumer Summit 2011

Retail & Consumer Summit 2011 www.pwc.com/it Retail & Consumer Summit 2011 La gestione della discontinuità e del cambiamento: sfide e opportunità 11 ottobre 2011 1 1 Discontinuità nei consumi: come sta cambiando il comportamento d

Dettagli

Company Profile. www.valuelab.it

Company Profile. www.valuelab.it Company Profile www.valuelab.it 1 Profilo VALUE LAB è una innovativa società di consulenza di management e IT solutions specializzata in Marketing, Vendite e Retail. Aiutiamo le Aziende di produzione,

Dettagli

Business Intelligence @ Work Applicazioni Geografiche e su Palmare per il CRM e la Sales Force Automation

Business Intelligence @ Work Applicazioni Geografiche e su Palmare per il CRM e la Sales Force Automation Business Intelligence @ Work Applicazioni Geografiche e su Palmare per il CRM e la Sales Force Automation Nuovi approcci e nuovi strumenti Marco Di Dio Roccazzella Partner marco.didio@valuelab.it www.valuelab.it

Dettagli

Marketing- Unità Didattica 4 L analisi delle forze conìcorrenziali

Marketing- Unità Didattica 4 L analisi delle forze conìcorrenziali ANALISI DELLE FORZE CONCORRENZIALI Un impresa detiene un vantaggio competitivo sui concorrenti quando ha una redditività più elevata (o, a seconda dei casi, quando può conseguire una maggiore quota di

Dettagli

LE POLITICHE DI COMUNICAZIONE DELLE IMPRESE COMMERCIALI

LE POLITICHE DI COMUNICAZIONE DELLE IMPRESE COMMERCIALI LE POLITICHE DI COMUNICAZIONE DELLE IMPRESE COMMERCIALI Comunicazione esterna Comunicazione interna I target group della comunicazione: la domanda finale il personale di vendita i fornitori i concorrenti.

Dettagli

ACQUISIZIONE DI NUOVI CLIENTI E CANALE DIGITALE: LA SFIDA DEL MARKETING B2B E' IL CUSTOMER ENGAGEMENT

ACQUISIZIONE DI NUOVI CLIENTI E CANALE DIGITALE: LA SFIDA DEL MARKETING B2B E' IL CUSTOMER ENGAGEMENT I risultati dell'osservatorio sul Marketing B2B realizzato da CRIBIS D&B con la collaborazione di AISM. ACQUISIZIONE DI NUOVI CLIENTI E CANALE DIGITALE: LA SFIDA DEL MARKETING B2B E' IL CUSTOMER ENGAGEMENT

Dettagli

Risorse, capacità e competenze per fare impresa

Risorse, capacità e competenze per fare impresa Risorse, capacità e competenze per fare impresa Renato Fiocca Parma - 21 marzo 2014 Gli argomenti di oggi: Le relazioni impresa-mercato e la centralità del cliente Individuare e generare valore per il

Dettagli