REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione VI) contro

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione VI) contro"

Transcript

1 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione VI) N. 1201/2010 REG.DEC. N. 1942/2009 REG.RIC. ha pronunciato la presente DECISIONE sul ricorso numero di registro generale 1942 del 2009, proposto dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali e dalla Soprintendenza per i Beni Architettonici e Paesaggio di Parma; rappresentati e difesi dall Avvocatura Generale dello Stato, presso i cui uffici sono per legge domiciliati in Roma, via dei Portoghesi 12; contro Immobiliare V. s.r.l., rappresentata e difesa dagli avv.ti L.M. e L.M., con domicilio eletto presso lo studio di quest ultimo in (omissis); per la riforma, previa sospensione della esecuzione, della sentenza del TAR Emilia Romagna - Parma, n. 105/2008, resa tra le parti, concernente DICHIARAZIONE DI INTERESSE CULTURALE DI FABBRICATO DA RISTRUTTURARE. Visto il ricorso in appello con i relativi allegati; Visto l atto di costituzione in giudizio e vista la memoria della Immobiliare V. s.r.l.; Visti tutti gli atti della causa; Nell udienza pubblica del giorno 15 dicembre 2009, relatore il Consigliere Domenico Cafini, uditi per le parti l avv.to dello Stato Paola Saulino e l avv.to M.; Ritenuto e considerato in fatto e diritto quanto segue. FATTO 1.Con il ricorso di primo grado la Immobiliare V. s.r.l. adiva il T.a.r. dell Emilia Romagna, Sezione di Parma, impugnando la nota , n della Soprintendenza per i Beni Architettonici e per il Paesaggio delle Province di Parma e Piacenza, recante avvio del procedimento di dichiarazione di interesse culturale del fabbricato ex ENEL, di proprietà della medesima società, sito in Parma, piazzale Della Chiesa, nonché la nota n della stessa Soprintendenza, concernente la sospensione dei lavori di ristrutturazione del menzionato fabbricato. Nel proposto gravame esponeva, in particolare, la società ricorrente che, quale proprietaria del menzionato edificio - classificato nel vigente strumento urbanistico come attrezzatura confermata e di progetto, con possibilità anche di interventi di demolizione e ricostruzione - aveva presentato, in data , apposita DIA finalizzata alla ristrutturazione del detto fabbricato, per adibirlo agli accennati usi, e che, tuttavia, a distanza di vari mesi dalla data di inizio lavori di ristrutturazione, la Soprintendenza per i Beni Architettonici e per il Paesaggio delle Province di Parma e Piacenza aveva comunicato alla società istante l avvio del 1

2 procedimento di dichiarazione di interesse culturale del fabbricato in parola, disponendo la sospensione dei lavori medesimi. Ciò premesso, la società ricorrente chiedeva l annullamento degli atti suddetti, deducendo i seguenti motivi in diritto: a) violazione degli artt. 13 e segg. del D.Lgs. n. 42 del 2004; eccesso di potere per contraddittorietà ed illogicità; violazione del principio dell affidamento; b) eccesso di potere per illogicità manifesta, violazione del principio dell affidamento e del principio di proporzionalità, travisamento di fatto; c) eccesso di potere per difetto di istruttoria; d) eccesso di potere per falso presupposto di fatto e per travisamento. La ricorrente avanzava, altresì, richiesta di risarcimento dei danni subiti, essendole derivato dagli atti impugnati un notevole pregiudizio economico, attesi i cospicui investimenti effettuati e gli ingenti danni causati all impresa per essere stata costretta al non utilizzo delle proprie maestranze. Successivamente, con motivi aggiunti, la s.r.l. Immobiliare V. impugnava anche il provvedimento del , con cui la Direzione regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici dell Emilia-Romagna aveva dichiarato l interesse culturale del detto fabbricato ex ENEL di Parma, deducendo i seguenti ulteriori rilievi: e) violazione dell art. 10 L. n. 241/1990 e dell art. 14 D.Lgs. n. 42/2004; eccesso di potere per difetto di motivazione e falso presupposto di fatto; f) eccesso di potere per contraddittorietà, illogicità, falso presupposto di fatto, difetto di istruttoria e violazione del principio di proporzionalità. Ribadiva, in ogni caso, la società ricorrente la richiesta di risarcimento dei danni subiti, derivando dal provvedimento impugnato ingenti danni economici nei propri confronti. Il Ministero per i Beni e le Attività Culturali, costituitosi in giudizio, chiedeva la reiezione sia del ricorso principale che di quello per motivi aggiunti in quanto ritenuti infondati. 2. Con la sentenza in epigrafe specificata, l adito T.a.r. accoglieva la proposta impugnativa, ritenendo fondati il secondo e il terzo motivo del ricorso principale, nonché il primo dei motivi aggiunti come sopra specificati. 3. Avverso tale sentenza è stato interposto l odierno appello, affidato dal Ministero per i Beni e per le Attività Culturali e dalla Soprintendenza per i Beni Culturali e Paesaggistici dell Emilia- Romagna ai seguenti motivi di diritto: A) eccesso di potere per difetto di istruttoria e falso presupposto; e ciò in quanto, da una parte, la comunicazione di avvio del procedimento e il decreto impositivo del vincolo culturale sul fabbricato in questione sono stati motivati per relationem, mediante espresso richiamo alla relazione storico artistica della Soprintendenza, allegata ad entrambi gli atti, e in quanto avrebbe errato il T.a.r. nel ritenere che la relazione anzidetta risultava oggettivamente carente nella descrizione e valutazione tecnica dell immobile riferite alla situazione attuale del bene, essendo stata fornita, al contrario, nella detta relazione un accurata descrizione dello stato attuale del fabbricato; dall altra, la trasformazione subita nel tempo dall immobile in questione non è stata giudicata tale da avere cancellato l interesse culturale e architettonico di cui il menzionato palazzo ex ENEL è testimonianza ed, inoltre, sarebbe errata l affermazione del T.a.r. circa la mancanza nella relazione artistica di osservazioni e valutazioni degli interventi di rimaneggiamento e delle modificazioni subite dall edificio di cui trattasi nel periodo in cui è stato adibito a sede permanente dell ENEL; 2

3 B) eccesso di potere sotto il profilo della non congruità della motivazione in riferimento alle osservazioni presentate dalla società, atteso che deve escludersi nel caso in esame che l Amministrazione abbia ignorato le osservazioni e le controdeduzioni formulate dalla società medesima, non potendosi affermare, in mancanza di adeguate prove, che non abbia valutato eventuali punti di vista della proprietà, ed avendo comunque preso in considerazione sia la sussistenza degli interventi edilizi già effettuati che di quelli in corso nell immobile sopra indicato. Ricostituitosi il contraddittorio nell attuale fase processuale, la società appellata ha replicato nell atto di costituzione e nella successiva articolata memoria ai motivi ex adverso formulati nel ricorso in esame, riproducendo anche i motivi assorbiti in primo grado e chiedendo, nelle conclusioni, la reiezione della proposta impugnativa. Nella camera di consiglio del l esame della istanza cautelare è stato rinviato alla trattazione nel merito della controversia. 4. La causa è stata assunta, infine, in decisione nella pubblica udienza del 15 dicembre 2009, su concorde richiesta delle parti. DIRITTO 1. Va premesso in punto di fatto che la società Immobiliare V., dovendo ristrutturare per un utilizzo residenziale, consentito dai vigenti strumenti urbanistici, un immobile (già appartenuto all ENEL) di cui era proprietaria in Parma, aveva presentato in data ai competenti uffici comunali apposita DIA, integrata da un richiesta di variante datata , ottenendo dal Comune di Parma i necessari titoli per procedere alla detta ristrutturazione, ma che, tuttavia, mentre erano in corso i relativi lavori, la Soprintendenza per i Beni Culturali e Paesaggistici dell Emilia-Romagna, aveva comunicato, con nota in data , alla società richiedente l avvio del procedimento di dichiarazione di interesse culturale del fabbricato suddetto (basata su specifica relazione storico-artistica) e, dopo circa un mese, anche un ordine di sospensione dei lavori in corso nel medesimo fabbricato. Dal che derivava, da un canto, il giudizio introdotto innanzi al T.a.r. dell Emilia Romagna, Sezione di Parma, da parte della società interessata, nel corso del quale, veniva svolto apposito sopralluogo (da cui emergeva lo stato avanzato dei lavori da eseguire nell immobile in questione, oltre alla circostanza che nello stesso erano state effettuate in precedenza varie modifiche, soprattutto nel corso della pregressa destinazione ad uffici dell ENEL, e veniva effettuato anche un incontro, con successivo scambio di corrispondenza conclusosi con l invio in data di ulteriori documentate osservazioni, e, dall altro, la notifica del decreto n della Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici dell Emilia Romagna che dichiarava l interesse culturale del menzionato immobile, provvedimento poi contestata dalla interessata attraverso i motivi aggiunti sopra descritti. Occorre premettere, altresì, che dopo la pubblicazione della sentenza in epigrafe, di accoglimento del ricorso di primo grado, la società istante ha continuato la esecuzione dei programma di lavori edilizi, portandoli in fase di ultimazione. 2. Ciò premesso, occorre procedere all esame dell odierno appello, con il quale si criticano, con i due motivi di diritto come sopra formulati al punto 3 lett. A) e B), le statuizioni rese dai primi 3

4 giudici nell accogliere il secondo e il terzo motivo del ricorso principale, oltre che il primo dei motivi aggiunti, statuizioni secondo le quali, da un lato, vi sarebbe stata una evidente carenza della relazione storico artistica alla base dell atto di avvio del procedimento ed allegata al provvedimento impugnato, con riguardo allo stato attuale del fabbricato in questione, trasformato nel tempo per via della sua adibizione ad uffici dell ENEL e per via anche delle modifiche apportate nel frattempo dalla società ricorrente (per rendere il fabbricato stesso idoneo ai fini residenziali sulla base dei progetti presentati agli uffici comunali); e, dall altro, non sarebbe stata corretta l affermazione del gravato decreto di vincolo secondo cui l odierna appellata non aveva presentato alcuna osservazione nel termine assegnato, in quanto, successivamente alla comunicazione dell avvio del procedimento, la s.r.l. Immobiliare V., nel corso del suddetto sopralluogo in contraddittorio tra le parti, aveva avanzato invece le proprie osservazioni in relazione alla situazione esistente, osservazioni delle quali doveva tenersi comunque conto anche se pervenute in ritardo all Amministrazione procedente. 3. Più specificamente, l Amministrazione appellante osserva nei propri rilievi che i primi giudici avrebbero errato: - nel considerare la suddetta relazione (allegata sia all atto di comunicazione dell avvio del procedimento sia al conclusivo decreto di vincolo) carente nella descrizione e valutazione tecnica dell immobile riferita alla situazione attuale, giacché la relazione medesima, al contrario, faceva cenno alla presenza perdurante di molte delle sue significative originarie caratteristiche architettoniche (ad esempio: scalinata e vestibolo su prospetto principale) che giustificherebbero l imposizione del vincolo; - nel ritenere la mancanza nella menzionata relazione della indicazione delle modifiche apportate nel periodo precedente all acquisto dell edificio di cui trattasi da parte dell Immobiliare V. s.r.l., atteso che in essa si dà atto, al contrario, dei diversi usi a cui era stato adibito l edificio stesso; - nel mancare di far cenno alla ristrutturazione in corso di svolgimento al momento dell avvio del procedimento, essendosi dato atto dei lavori effettuati; - nel prendere in considerazione il contraddittorio suddetto, in ordine al quale non esiste un verbale idoneo a rappresentare tempestivamente all Amministrazione le ragioni della società, giacché il sopralluogo a cui il contraddittorio si riferisce sarebbe stato esclusivamente propedeutico alla sicurezza del cantiere; - nel considerare irrilevante il ritardo nella presentazione delle osservazioni da parte della società immobiliare anzidetta; - nel ritenere sussistente a carico della P.A. un obbligo giuridico di confutare le osservazioni pervenute dal privato e nel non aver tenuto conto delle deduzioni svolte nel ricorso originario avverso l atto di avvio, risultando lo stato dell immobile accertato al di fuori di ogni dubbio. 4. Tali censure non possono essere condivise Ed invero, quanto al rilievo con cui si sostiene che, diversamente da quanto rilevato dai primi giudici, la relazione storico artistica suddetta non sarebbe carente con riguardo alla situazione attuale, il Collegio deve osservare come dal detto documento emerga invece, con chiarezza, che l Amministrazione, oltre a non dare puntualmente atto di tutte le consistenti modifiche già realizzate, si sia soffermata in effetti unicamente, come evidenziato nella gravata pronuncia, su alcuni residui elementi, persistenti anche dopo l avvio della ristrutturazione. 4

5 La medesima relazione non indica in alcun modo, peraltro, le ragioni per cui i detti residuali elementi avrebbero potuto indurre ad imporre il vincolo di cui trattasi su un immobile che nel frattempo si era del tutto snaturato, specialmente sotto il profilo architettonico da tutelare, per effetto dei rimaneggiamenti subiti nel corso di oltre un mezzo secolo ; come evidenziato appunto dalla parte appellata; né può ritenersi sufficiente il generico riferimento a lavori di ristrutturazione in corso al momento dell avvio del procedimento, specialmente se si tiene conto che nella specie si trattava di lavori autorizzati, svolti, da vari mesi, nel rispetto delle previsioni urbanistiche vigenti, da parte della società interessata. Sulla base di quanto ora esposto non può essere, dunque, positivamente valutate le censure sopra indicate, sintetizzate nel dedotto eccesso di potere per difetto di istruttoria e falso presupposto Ad analoghe conclusioni deve pervenirsi con riguardo alla circostanza rilevata dalla parte appellante che nella relazione suddetta era stato fatto esplicito accenno alle pregresse utilizzazioni dell immobile, circostanza che, invero, deve ritenersi priva di rilievo, atteso che ciò che deve avere rilevanza sono le trasformazioni effettuate nel corso degli anni all edificio per renderlo man mano idoneo agli usi a cui era destinato, delle quali invece non vi è traccia nel decreto di vincolo e nemmeno nella relazione sopra menzionata, come sottolineato nella memoria della società odierna appellata Anche la tesi dell insussistenza del vizio procedimentale proposta nell odierno appello deve essere, infine, disattesa. Correttamente, infatti, il Giudice di primo grado ha ritenuto nella specie che l Amministrazione sia tenuta a valutare le osservazioni comunque pervenute dal destinatario del provvedimento conclusivo del procedimento, ancorché in ritardo e senza rispettare, dunque, l assegnato termine, ma prima comunque dell adozione dell atto finale del relativo procedimento, secondo un orientamento che appare coerente sia col principio di cui all art. 97 Cost, sia con quello di trasparenza, al quale l azione amministrativa deve ispirarsi; e ciò prescindere dalla considerazione che dall inosservanza del termine di trenta giorni indicato, all art. 14, dal D.Lgs. n. 42/2004, non deriva alcuna comminatoria di decadenza, sicché il termine stesso deve ritenersi non perentorio. In definitiva i primi giudici, nello statuire che nel decreto di imposizione del vincolo non veniva fatta menzione delle osservazioni espresse dalla soc. Immobiliare V. (rappresentate anche in occasione del sopralluogo svoltosi in contraddittorio con la Soprintendenza e della proposizione del ricorso avverso l atto di avvio del procedimento) hanno giustamente ritenuto violati nella specie i principi dettati in materia di partecipazione al procedimento dalla legge n.241/1990. Pertanto anche la censura di eccesso di potere sotto il profilo della non congruità della motivazione in riferimento alle osservazioni presentate dalla società originaria ricorrente non può essere positivamente valutata. 5. Alla stregua delle considerazioni che precedono il ricorso in appello deve essere respinto. Quanto alle spese del giudizio, ritiene il Collegio che sussistano nella specie, in relazione alla 5

6 particolarità della controversia, giusti motivi per disporne, tra le parti in causa, la integrale compensazione. P.Q.M. Il Consiglio di Stato, in sede giurisdizionale, Sezione VI, definitivamente pronunciando sul ricorso in epigrafe specificato, lo respinge. Spese compensate. Ordina che la presente decisione sia eseguita dall autorità amministrativa. Così deciso in Roma nella camera di consiglio del giorno 15 dicembre 2009 con l intervento dei Signori: Claudio Varrone, Presidente Paolo Buonvino, Consigliere Domenico Cafini, Consigliere, Estensore Roberto Chieppa, Consigliere Roberto Garofoli, Consigliere L ESTENSORE IL PRESIDENTE Il Segretario DEPOSITATA IN SEGRETERIA Il 02/03/2010 (Art. 55, L. 27/4/1982, n. 186) Il Dirigente della Sezione 6

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato DECISIONE

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato DECISIONE REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato la seguente N.1909/2007 Reg.Dec. N. 4884 Reg.Ric. ANNO 2002 DECISIONE sul ricorso

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato DECISIONE

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato DECISIONE REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato la seguente N. 5628/2009 Reg. Dec. N. Reg. Ric. 3179 ANNO 2009 DECISIONE (resa

Dettagli

Consiglio di Stato: le dimissioni accettate non sono revocabili unilateralmente

Consiglio di Stato: le dimissioni accettate non sono revocabili unilateralmente Consiglio di Stato: le dimissioni accettate non sono revocabili unilateralmente http://www.dplmodena.it/04-10-11consstatodimisspubb.html Il Consiglio di Stato, con sentenza n. 5384 del 27 settembre 2011,

Dettagli

Consiglio di Stato. Sentenza 13 marzo 2008, n. 1082: IRC: concorso riservato e titoli di qualificazione professionali richiesti.

Consiglio di Stato. Sentenza 13 marzo 2008, n. 1082: IRC: concorso riservato e titoli di qualificazione professionali richiesti. Consiglio di Stato. Sentenza 13 marzo 2008, n. 1082: IRC: concorso riservato e titoli di qualificazione professionali richiesti. www.gildavenezia.it Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione

Dettagli

www.ildirittoamministrativo.it

www.ildirittoamministrativo.it N. 01148/2012 REG.PROV.COLL. N. 00968/2012 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Veneto (Sezione Prima) ha pronunciato la presente SENTENZA

Dettagli

Consiglio di Stato, n. 11/2010 Incentivi alle fonti di energia rinnovabile

Consiglio di Stato, n. 11/2010 Incentivi alle fonti di energia rinnovabile Consiglio di Stato, n. 11/2010 Incentivi alle fonti di energia rinnovabile Ai sensi del D.Lgs n. 79/1999, non vi è decadenza dalle incentivazioni previste per le fonti di energia rinnovabile se le autorizzazioni

Dettagli

Il gravame è fondato.

Il gravame è fondato. Poiché la lett. g) del comma 1 del cit. art. 38 del D.Lgs. n. 163/2006 commina l esclusione dalla gara e la preclusione alla stipulazione del conseguente contratto ai concorrenti che hanno commesso violazioni,

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato DECISIONE

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato DECISIONE REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato la seguente N. 5091/06 Reg.Dec. N. 7869 Reg.Ric. ANNO 2001 DECISIONE sul ricorso

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio. (Sezione Seconda Quater)

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio. (Sezione Seconda Quater) N. 03963/2015 REG.PROV.COLL. N. 02235/2011 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio (Sezione Seconda Quater) ha pronunciato la presente

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato DECISIONE

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato DECISIONE REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato la seguente N.5016/08 Reg.Dec. N. 4177 Reg.Ric. ANNO 2005 DECISIONE sul ricorso

Dettagli

R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE

R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE N. 03349/2010 REG.DEC. N. 01524/2006 REG.RIC. N. 02314/2006 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A ha pronunciato la presente IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale

Dettagli

R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Quinta) SENTENZA

R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Quinta) SENTENZA N. 05193/2015REG.PROV.COLL. N. 07885/2015 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Quinta) ha pronunciato la presente

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio. (Sezione Seconda Bis) SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio. (Sezione Seconda Bis) SENTENZA T.A.R. Lazio, Roma, sez. II-bis, 3 giugno 2013, n. 5538 Edilizia e urbanistica - Rilascio permesso di costruire in assenza di piano attuativo - Possibilità qualora previsto dalle norme di piano regolatore,

Dettagli

Consiglio di Stato Sentenza del 11 settembre 2015, n. 4253 REPUBBLICA ITALIANA

Consiglio di Stato Sentenza del 11 settembre 2015, n. 4253 REPUBBLICA ITALIANA Consiglio di Stato Sentenza del 11 settembre 2015, n. 4253 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Quinta) ha pronunciato la presente SENTENZA

Dettagli

R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio. (Sezione Seconda Quater) SENTENZA

R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio. (Sezione Seconda Quater) SENTENZA N. 10136/2014 REG.PROV.COLL. N. 10666/2011 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio (Sezione Seconda Quater) ha pronunciato

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) SENTENZA N. 00044/2013REG.PROV.COLL. N. 01094/2008 REG.RIC. ha pronunciato la presente REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) SENTENZA sul

Dettagli

Ordine di demolizione di opere abusive del giudice penale

Ordine di demolizione di opere abusive del giudice penale Ordine di demolizione di opere abusive del giudice penale CONSIGLIO DI STATO, SEZ. VI sentenza 24 novembre 2015 n. 5324 (sull insussistenza dell obbligo per il Comune di eseguire in via amministrativa

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Quinta) SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Quinta) SENTENZA Consiglio di Stato, sez. V, 3 giugno 2013, n. 3028 Edilizia e urbanistica - Diniego autorizzazione installazione di una insegna pubblicitaria - Ordine di rimozione della stessa - Legittimità - Limitazione

Dettagli

ha pronunciato la presente

ha pronunciato la presente N. 02226/2015REG.PROV.COLL. N. 01681/2015 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato la presente

Dettagli

TAR Sardegna: sentenza n 104 del 24/01/2005 L ordinanza per la rimozione dei rifiuti abbandonati non è di competenza del Sindaco ma del Dirigente

TAR Sardegna: sentenza n 104 del 24/01/2005 L ordinanza per la rimozione dei rifiuti abbandonati non è di competenza del Sindaco ma del Dirigente TAR Sardegna: sentenza n 104 del 24/01/2005 L ordinanza per la rimozione dei rifiuti abbandonati non è di competenza del Sindaco ma del Dirigente REPUBBLICA ITALIANA 104/2005 IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

Dettagli

ha pronunciato la presente

ha pronunciato la presente Pagina 1 di 6 N. 10119/2014 REG.PROV.COLL. N. 19506/2000 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio (Sezione Seconda Bis)

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Toscana. (Sezione Terza) SENTENZA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Toscana. (Sezione Terza) SENTENZA R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Toscana ha pronunciato la presente (Sezione Terza) SENTENZA sul ricorso numero di registro generale

Dettagli

ha pronunciato la presente

ha pronunciato la presente N. 02212/2012REG.PROV.COLL. N. 01572/2008 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato la presente

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato la DECISIONE

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato la DECISIONE REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato la seguente N.2532/2007 Reg.Dec. N. 263 Reg.Ric. ANNO 2002 DECISIONE sul ricorso

Dettagli

ha pronunciato la presente

ha pronunciato la presente Pagina 1 di 5 N. 01295/2013 REG.PROV.COLL. N. 01456/2013 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Veneto (Sezione Seconda) ha

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Puglia. (Sezione Seconda) ha pronunciato la presente

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Puglia. (Sezione Seconda) ha pronunciato la presente N. 01730/2012 REG.PROV.COLL. N. 00698/2011 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Puglia (Sezione Seconda) ha pronunciato la presente SENTENZA

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio. (Sezione Seconda Quater) SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio. (Sezione Seconda Quater) SENTENZA REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio ha pronunciato la presente (Sezione Seconda Quater) SENTENZA sul ricorso numero di registro generale 3344

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE DEL LAZIO SEZIONE TERZA QUATER SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE DEL LAZIO SEZIONE TERZA QUATER SENTENZA REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE DEL LAZIO SEZIONE TERZA QUATER ha pronunciato la seguente SENTENZA sui ricorsi riuniti n. 9338 e n. 9505 del 2005 proposti

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato la DECISIONE

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato la DECISIONE REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato la seguente N.4928/2007 Reg.Dec. N. 12138 Reg.Ric. ANNO 2003 DECISIONE sul ricorso

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale, Quinta Sezione ANNO 1996

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale, Quinta Sezione ANNO 1996 Sintesi: Con la sentenza 5144/2003 il Consiglio di Stato, chiamato a decidere una questione concernente il riconoscimento di un rapporto di lavoro dipendente con la P.A. cerca di fare ulteriore chiarezza

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato DECISIONE

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato DECISIONE REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato la seguente N.1520/2007 Reg.Dec. N. 6378 Reg.Ric. ANNO 2002 DECISIONE sul ricorso

Dettagli

www.ildirittoamministrativo.it

www.ildirittoamministrativo.it N. 04642/2012REG.PROV.COLL. N. 07602/2010 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Lombardia. sezione staccata di Brescia (Sezione Seconda)

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Lombardia. sezione staccata di Brescia (Sezione Seconda) N. 00031/2015 REG.PROV.COLL. N. 01106/2005 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Lombardia sezione staccata di Brescia (Sezione Seconda)

Dettagli

CONSIGLIO DI STATO, SEZ. IV, 10 APRILE 2008, n. 1551: sanzioni pecuniarie per realizzazione di opere abusive in zona demaniale

CONSIGLIO DI STATO, SEZ. IV, 10 APRILE 2008, n. 1551: sanzioni pecuniarie per realizzazione di opere abusive in zona demaniale CONSIGLIO DI STATO, SEZ. IV, 10 APRILE 2008, n. 1551: sanzioni pecuniarie per realizzazione di opere abusive in zona demaniale N.1551/2008 Reg. Dec. N. 9747 Reg. Ric. R E P U B B L I C A I T A L I A N

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Liguria. (Sezione Prima) SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Liguria. (Sezione Prima) SENTENZA T.A.R. Liguria, sez. I, 15 gennaio 2014, n. 96 Edilizia e urbanistica - Sanatoria edilizia - Reiezione di concessione in sanatoria per mancanza requisiti di abitabilità - Legittimità. REPUBBLICA ITALIANA

Dettagli

R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio

R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio N. 00194/2014 REG.PROV.COLL. N. 00241/2013 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio sezione staccata di Latina (Sezione

Dettagli

www.ildirittoamministrativo.it

www.ildirittoamministrativo.it N. 02195/2015REG.PROV.COLL. N. 05534/2012 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Quinta) ha pronunciato la presente SENTENZA sul

Dettagli

ha pronunciato la presente

ha pronunciato la presente 1 di 6 31/05/2013 7.40 N. 00781/2013 REG.PROV.COLL. N. 01322/2012 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Puglia (Sezione Prima) ha pronunciato

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Anno 2009 IL CONSIGLIO DI STATO IN SEDE GIURISDIZIONALE

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Anno 2009 IL CONSIGLIO DI STATO IN SEDE GIURISDIZIONALE REPUBBLICA ITALIANA N.2737 Reg.Sent. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Anno 2009 IL CONSIGLIO DI STATO IN SEDE GIURISDIZIONALE N. 24 Reg.Ric. Sezione Quinta Anno 2005 ha pronunciato la seguente DECISIONE sul

Dettagli

Corte di Cassazione Sezione Lavoro civile

Corte di Cassazione Sezione Lavoro civile Corte di Cassazione Sezione Lavoro civile Sentenza 11 dicembre 2013, n. 27651 Integrale Lavoro ed occupazione - licenziamento - individuale REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA

Dettagli

sul ricorso numero di registro generale 2249 del 2007, proposto da:

sul ricorso numero di registro generale 2249 del 2007, proposto da: N. 01874/2013REG.PROV.COLL. N. 02248/2007 REG.RIC. N. 02249/2007 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Anno 2004 IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE. PER LA BASILICATA Anno 2004

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Anno 2004 IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE. PER LA BASILICATA Anno 2004 REPUBBLICA ITALIANA N. 748 Reg.Sent. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Anno 2004 IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE N. 305 Reg.Ric. PER LA BASILICATA Anno 2004 ha pronunciato la seguente SENTENZA sul ricorso

Dettagli

Consiglio di Stato, sez. VI, sentenza 15 maggio 2012, n. 2789. Impianto fotovoltaico Applicazione dispositivo di interfaccia Fine lavori Necessità

Consiglio di Stato, sez. VI, sentenza 15 maggio 2012, n. 2789. Impianto fotovoltaico Applicazione dispositivo di interfaccia Fine lavori Necessità Consiglio di Stato, sez. VI, sentenza 15 maggio 2012, n. 2789 Impianto fotovoltaico Applicazione dispositivo di interfaccia Fine lavori Necessità Sussiste. N. 02789/2012REG.PROV.COLL. N. 00697/2012 REG.RIC.

Dettagli

TAR di Torino: un impianto fotovoltaico è un edificio?

TAR di Torino: un impianto fotovoltaico è un edificio? TAR di Torino: un impianto fotovoltaico è un edificio? La conferenza di servizi ha la funzione di sintetizzare plurime espressioni di volontà ugualmente e distintamente necessarie per il corretto espletamento

Dettagli

R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale della Campania. (Sezione Quarta) SENTENZA

R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale della Campania. (Sezione Quarta) SENTENZA N. 01215/2014 REG.PROV.COLL. N. 00587/2013 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale della Campania (Sezione Quarta) ha pronunciato

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio. Sezione Seconda SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio. Sezione Seconda SENTENZA REPUBBLICA ITALIANA N. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio Sezione Seconda composto dai Signori: Luigi TOSTI Silvestro Maria RUSSO Stefano TOSCHEI Presidente

Dettagli

Tar Campania Napoli n. 1147 del 18.02.2015

Tar Campania Napoli n. 1147 del 18.02.2015 MASSIMA Obbligo di indicazione degli oneri per la sicurezza interferenziali. Offerta con ribasso di quasi 80%, offerta inattendibile. Tar Campania Napoli n. 1147 del 18.02.2015 N. 01147/2015 REG.PROV.COLL.

Dettagli

sul ricorso numero di registro generale 1686 del 2015, proposto da:

sul ricorso numero di registro generale 1686 del 2015, proposto da: N. 01486/2015 REG.PROV.CAU. N. 01686/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Terza) ha pronunciato la presente ORDINANZA sul ricorso numero di registro

Dettagli

Il Direttore di Sezione

Il Direttore di Sezione Tar Veneto, sentenza n. 3663 del 13 ottobre 2005 - sulla inapplicabilità dell art. 10 bis della Legge 15/2005 alle procedure di gara e sull esclusione dalla gara disposta per dichiarazioni non conformi

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato la DECISIONE

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato la DECISIONE REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato la seguente N.1515/2007 Reg.Dec. N. 376 Reg.Ric. ANNO 2001 DECISIONE sul ricorso

Dettagli

DECISIONE. Eurotel Rapallo - SOGER s.r.l., rappresentata e difesa dall avv. Ludovico Villani, elettivamente domiciliata presso il medesimo.

DECISIONE. Eurotel Rapallo - SOGER s.r.l., rappresentata e difesa dall avv. Ludovico Villani, elettivamente domiciliata presso il medesimo. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL CONSIGLIO DI STATO IN SEDE GIURISDIZIONALE N. 431/07 Reg.Sent Anno N.9134 Reg.Ric. Sezione Quinta Anno 2005 ha pronunciato la seguente DECISIONE sul ricorso

Dettagli

Prot. n 6 Salerno, lì 8 Gennaio 2016

Prot. n 6 Salerno, lì 8 Gennaio 2016 COLLEGIO DEI PERITI AGRARI E DEI PERITI AGRARI LAUREATI DELLA PROVINCIA DI SALERNO www.collegioperitiagrarisa.it - e-mail:collegio.salerno@pec.peritiagrari.it - collegio.salerno@peritiagrari.it Prot. n

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Quarta) ha pronunciato DECISIONE

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Quarta) ha pronunciato DECISIONE R E P U B B L I C A I T A L I A N A N.294/2008 Reg. Dec. N. 6113 Reg. Ric. Anno 2005 IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Quarta) ha pronunciato la seguente

Dettagli

Per quanto sopra esposto, al fine di correttamente applicare la legge regionale, si chiede di avere risposta alle seguenti domande:

Per quanto sopra esposto, al fine di correttamente applicare la legge regionale, si chiede di avere risposta alle seguenti domande: QUESITO indirizzato alla Direzione Generale Territorio e Urbanistica della Regione Lombardia. * * * * * La presente per chiedere l'interpretazione autentica circa la portata del termine "ristrutturazione

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato la seguente DECISIONE - sul ricorso in opposizione di terzo n. 6540/07, proposto

Dettagli

PER L'EMILIA-ROMAGNA SEZIONE DI PARMA. Dott. Italo CASO Consigliere. ha pronunciato la seguente

PER L'EMILIA-ROMAGNA SEZIONE DI PARMA. Dott. Italo CASO Consigliere. ha pronunciato la seguente R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE N.60/97 REG.RIC. N.32 REG.SEN. ANNO 2007 composto dai Signori: PER L'EMILIA-ROMAGNA SEZIONE DI PARMA

Dettagli

R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il CONSIGLIO DI GIUSTIZIA AMMINISTRATIVA PER LA REGIONE SICILIANA

R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il CONSIGLIO DI GIUSTIZIA AMMINISTRATIVA PER LA REGIONE SICILIANA Cons. Giust. Amm.va Reg. Siciliana, sentenza 16.4.2015, n. 312 Materia: Riconoscimento medaglia oro valor militare - risarcimento danni. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

Dettagli

www.ildirittoamministrativo.it

www.ildirittoamministrativo.it N. 04054/2014REG.PROV.COLL. N. 03730/2013 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato la presente

Dettagli

sul ricorso numero di registro generale 1850 del 2014, proposto da:

sul ricorso numero di registro generale 1850 del 2014, proposto da: N. 05856/2015REG.PROV.COLL. N. 01850/2014 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato la presente SENTENZA sul

Dettagli

www.ildirittoamministrativo.it

www.ildirittoamministrativo.it N. 02724/2013REG.PROV.COLL. N. 03709/2012 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato la presente SENTENZA sul

Dettagli

Consiglio di Stato n. 3887/2012 del 03/07/2012

Consiglio di Stato n. 3887/2012 del 03/07/2012 MASSIMA - L istituto dell avvalimento consente ad un impresa che non possiede determinate caratteristiche di partecipare ad una gara d appalto per le quali tali caratteristiche sono richieste a pena d

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Quinta) ha pronunciato la presente DECISIONE

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Quinta) ha pronunciato la presente DECISIONE La somm.ne di medicine particolari (antiepilettici, cardiotonici, psicofarmaci) a soggetti disabili, richiede la valutazione del momento della loro somministrazione e perciò una qualifica, con la conseguenza

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) SENTENZA. contro

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) SENTENZA. contro N. 00510/2011REG.PROV.COLL. N. 06055/2008 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato la presente

Dettagli

R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Quinta) DECISIONE

R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Quinta) DECISIONE 5721/2010 R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Quinta) ha pronunciato la presente DECISIONE Sul ricorso numero di registro

Dettagli

ha pronunciato la presente

ha pronunciato la presente 1 di 6 25/01/2012 13.16 N. 00095/2012REG.PROV.COLL. N. 01694/2008 REG.RIC. ha pronunciato la presente REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione

Dettagli

R E P U B B L I C A I T A L I A N A. Consiglio di Stato. Sezione Seconda. Adunanza di Sezione del 14 gennaio 2015

R E P U B B L I C A I T A L I A N A. Consiglio di Stato. Sezione Seconda. Adunanza di Sezione del 14 gennaio 2015 Consiglio di Stato, Sez. II, parere, 20.02.2015 n. 518 Materia: riconoscimento causa di servizio R E P U B B L I C A I T A L I A N A Consiglio di Stato Sezione Seconda Adunanza di Sezione del 14 gennaio

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Sardegna. (Sezione Prima) SENTENZA. contro. per l'annullamento

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Sardegna. (Sezione Prima) SENTENZA. contro. per l'annullamento N. 00720/2014 REG.PROV.COLL. N. 00202/2014 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Sardegna (Sezione Prima) ha pronunciato

Dettagli

R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio

R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio Pagina 1 di 6 N. 00449/2015 REG.PROV.COLL. N. 00152/2015 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio sezione staccata di

Dettagli

R E P U B B L I C A IT A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE PER L'EMILIA-ROMAGNA SEZIONE DI PARMA

R E P U B B L I C A IT A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE PER L'EMILIA-ROMAGNA SEZIONE DI PARMA R E P U B B L I C A IT A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE PER L'EMILIA-ROMAGNA SEZIONE DI PARMA N.269 /98 REG.RIC. N. 183 REG.SEN. ANNO 2002 composto dai Signori:

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato DECISIONE

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato DECISIONE REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato la seguente N.4951/2007 Reg.Dec. N. 3378 Reg.Ric. ANNO 2007 DECISIONE sul ricorso

Dettagli

R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio. (Sezione Terza Ter) SENTENZA

R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio. (Sezione Terza Ter) SENTENZA N. 10269/2012 REG.PROV.COLL. N. 08214/2011 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio (Sezione Terza Ter) ha pronunciato

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato DECISIONE

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato DECISIONE REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato la seguente N. 506/07 Reg.Dec. N. 3974 Reg.Ric. ANNO 2001 DECISIONE sul ricorso

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale, Sezione Quinta ANNO 1997

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale, Sezione Quinta ANNO 1997 Equo indennizzo e pensione privilegiata: confermato il divieto di cumulo (Consiglio di Stato, Sentenza 24.8.2007 n. 4487) REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. 4487/07 REG.DEC. N. 6706 REG.RIC.

Dettagli

Urbanistica.Definizione di ristrutturazione edilizia TAR Piemonte Torino, Sez. I n. 1319 del 11 dicembre 2012 commento e testo

Urbanistica.Definizione di ristrutturazione edilizia TAR Piemonte Torino, Sez. I n. 1319 del 11 dicembre 2012 commento e testo Urbanistica.Definizione di ristrutturazione edilizia TAR Piemonte Torino, Sez. I n. 1319 del 11 dicembre 2012 commento e testo Lex ambiente.it La ristrutturazione edilizia, per essere tale e per non coincidere

Dettagli

Ric. 82/2005 R.G.R. Sent. n. Reg. Sent. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

Ric. 82/2005 R.G.R. Sent. n. Reg. Sent. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Ric. 82/2005 R.G.R. Sent. n. Reg. Sent. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Friuli Venezia Giulia costituito da: Vincenzo Borea Oria Settesoldi

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato la presente SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato la presente SENTENZA N. 01105/2015REG.PROV.COLL. N. 02829/2013 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato la presente SENTENZA sul

Dettagli

TAR LAZIO: LE PARAFARMACIE POSSONO USARE INSEGNE DIVERSE DALLA CROCE VERDE

TAR LAZIO: LE PARAFARMACIE POSSONO USARE INSEGNE DIVERSE DALLA CROCE VERDE TAR LAZIO: LE PARAFARMACIE POSSONO USARE INSEGNE DIVERSE DALLA CROCE VERDE Avv. Monica Lupo Pochi giorni fa il TAR del Lazio si è pronunciato con sentenza in merito alle insegne luminose che le parafarmacie

Dettagli

R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) SENTENZA

R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) SENTENZA Page 1 of 9 N. 04563/2012REG.PROV.COLL. N. 07065/2008 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato

Dettagli

R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) SENTENZA.

R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) SENTENZA. N. 00866/2014REG.PROV.COLL. N. 09003/2013 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato la presente

Dettagli

R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Terza) SENTENZA

R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Terza) SENTENZA N. 04086/2014REG.PROV.COLL. N. 05358/2014 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Terza) ha pronunciato la presente

Dettagli

R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Veneto. (Sezione Prima) SENTENZA.

R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Veneto. (Sezione Prima) SENTENZA. N. 00391/2014 REG.PROV.COLL. N. 02333/2003 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Veneto (Sezione Prima) ha pronunciato la

Dettagli

www.ildirittoamministrativo.it

www.ildirittoamministrativo.it N. 00058/2014REG.PROV.COLL. N. 06861/2013 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Terza) ha pronunciato la presente

Dettagli

R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE PER L EMILIA-ROMAGNA SEZIONE DI PARMA SENTENZA

R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE PER L EMILIA-ROMAGNA SEZIONE DI PARMA SENTENZA R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE PER L EMILIA-ROMAGNA SEZIONE DI PARMA composto dai Signori: Dott. Ugo Di Benedetto Dott. Umberto Giovannini

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA ANNO 1999

REPUBBLICA ITALIANA ANNO 1999 REPUBBLICA ITALIANA N. 2545 REG. RIC. ANNO 1999 IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. 255 REG. SENT.. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Toscana ANNO 2008 Sezione Seconda composto dai Signori: Giuseppe

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente SENTENZA Massima:...L esclusione, disposta per tardività della presentazione dell offerta (pervenuta oltre il termine di capitolato), è stata ritenuta legittima dalla sentenza impugnata,......non ha alcun fondamento

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Emilia Romagna

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Emilia Romagna T.A.R. Emilia Romagna, Parma, sez. I, 08.01.08, n. 1 Pres. Papiano, Est. Giovannini - Buscarini (Avv.ti Franchi, Manfredi e Monegatti Ziliotti) c. Comune di Gossolengo (Avv. Ferrari) Rifiuti Altre sentenze

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Terza) SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Terza) SENTENZA N. 05477/2015REG.PROV.COLL. N. 07065/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Terza) ha pronunciato la presente SENTENZA sul

Dettagli

R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Emilia Romagna

R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Emilia Romagna N. 00405/2011 REG.PROV.COLL. N. 00133/2011 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Emilia Romagna sezione staccata di Parma

Dettagli

ha pronunciato la presente

ha pronunciato la presente Pagina 1 di 7 N. 01041/2014 REG.PROV.COLL. N. 00844/2014 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Emilia Romagna (Sezione Prima)

Dettagli

ha pronunciato la presente

ha pronunciato la presente N. 00547/2013 REG.PROV.COLL. N. 01978/2011 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale della Campania (Sezione Quinta) ha pronunciato

Dettagli

CONSIGLIO DI STATO, SEZ. V sentenza 29 ottobre 2014 n. 5336

CONSIGLIO DI STATO, SEZ. V sentenza 29 ottobre 2014 n. 5336 CONSIGLIO DI STATO, SEZ. V sentenza 29 ottobre 2014 n. 5336 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Quinta) ha pronunciato la presente SENTENZA

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Lombardia. (Sezione Seconda) SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Lombardia. (Sezione Seconda) SENTENZA T.A.R. Lombardia, Milano, sez. II, 19 febbraio 2014, n. 497 Edilizia e urbanistica - Legittimità annullamento DIA per impianto di cogenerazione non conforme allo strumento urbanistico. REPUBBLICA ITALIANA

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Tribunale Amministrativo Regionale della Campania- Napoli. Prima Sezione S E N T E N Z A

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Tribunale Amministrativo Regionale della Campania- Napoli. Prima Sezione S E N T E N Z A n. 1276/07 Reg. Sent. Fonte: www.giustizia-amministrativa.it REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Tribunale Amministrativo Regionale della Campania- Napoli Prima Sezione composto dai Signori:

Dettagli

N. 05715/2015REG.PROV.COLL. N. 03252/2014 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato

N. 05715/2015REG.PROV.COLL. N. 03252/2014 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato N. 05715/2015REG.PROV.COLL. N. 03252/2014 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Terza) ha pronunciato la presente SENTENZA sul

Dettagli

N. 01262/2014 REG.PROV.COLL. N. 00941/2014 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

N. 01262/2014 REG.PROV.COLL. N. 00941/2014 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. 01262/2014 REG.PROV.COLL. N. 00941/2014 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Veneto (Sezione Prima) ha pronunciato la presente SENTENZA

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato la DECISIONE

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato la DECISIONE REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato la seguente N.4954/2007 Reg.Dec. N. 3399 Reg.Ric. ANNO 2007 DECISIONE sul ricorso

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato DECISIONE

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato DECISIONE REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato la seguente DECISIONE N.2761/2008 Reg.Dec. N.6575 Reg.Ric. ANNO 2003 Disp.vo

Dettagli

contro ha pronunciato la presente

contro ha pronunciato la presente N. 01220/2012 REG.PROV.COLL. N. 01774/2003 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Veneto (Sezione Prima) ha pronunciato la

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE DEL LAZIO -SEZIONE III - SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE DEL LAZIO -SEZIONE III - SENTENZA REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE DEL LAZIO -SEZIONE III - N. RS Anno 2009 N.7088 RGR Anno 1996 ha pronunciato la seguente SENTENZA sul ricorso n.7088

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Quinta) SENTENZA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Quinta) SENTENZA N. 05040/2013REG.PROV.COLL. N. 06705/2012 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A ha pronunciato la presente IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Quinta)

Dettagli