CAPITOLO V GIOCO A DISTANZA CONTRATTO TELEMATICO DI GIOCO. 1. Lo sviluppo del gioco con partecipazione a distanza in Italia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CAPITOLO V GIOCO A DISTANZA CONTRATTO TELEMATICO DI GIOCO. 1. Lo sviluppo del gioco con partecipazione a distanza in Italia"

Transcript

1 CAPITOLO V GIOCO A DISTANZA CONTRATTO TELEMATICO DI GIOCO 1. Lo sviluppo del gioco con partecipazione a distanza in Italia Il massiccio e crescente utilizzo della rete internet ha determinato considerevoli novità sotto il profilo giuridico ed economico. Internet, nata prima come rete militare, poi accademica e scientifica, 1 ha conservato per lungo tempo le caratteristiche di una rete chiusa, dotata di una forma di autoregolamentazione non scritta ma universalmente osservata da un insieme ristretto di utenti. La crescente disponibilità sul mercato di potenti tecnologie informatiche a costi sempre più ridotti e la straordinaria diffusione della rete internet ha con il tempo determinato l affermarsi del commercio e della contrattazione telematica, basati sullo sfruttamento della rete e sull elaborazione e trasmissione dei dati per via elettronica 2. In tale quadro si è sviluppato, specie negli ultimi anni, il gioco on line ossia il gioco raccolto mediante internet 3, al quale si affianca il gioco raccolto attraverso la televisione interattiva e la telefonia fissa e mobile. Tali tipologie di gioco costituiscono la più ampia fattispecie del gioco con partecipazione a distanza. La locuzione raccolta a distanza indica, dunque, una particolare modalità di raccolta ed accettazione delle scommesse da parte del concessionario. Nel caso del gioco on line, essa è caratterizzata dall utilizzazione di un determinato sito internet, collegandosi al quale lo scommettitore, dopo essersi registrato e dopo avere aperto un conto di gioco personale, può effettuare le giocate (scommesse) sugli eventi del palinsesto ufficiale gestito da AAMS. Invece, nel caso della raccolta telefonica il giocatore, sempre previa registrazione, apertura del conto di gioco nonché previa identificazione, detta 1 Sito Benché sia un fenomeno che sta caratterizzando l inizio di questo nuovo millennio, internet nasce nel 1973 negli Stati Uniti: il progetto prende origine dalla preesistente rete scientifica Arpanet realizzata alla fine degli anni 60 per permettere lo scambio di informazioni tra università ed enti scientifici. Da allora la crescita del sistema continua in modo esponenziale e insieme ad un numero ristretto di professionisti ed appassionati, diviene un vero e proprio mezzo di comunicazione di massa. 2 La direttiva 2000/31/CE dell 8 giugno 2000, attuata in Italia con la legge comunitaria 39/2002, relativa a taluni aspetti giuridici dei servizi della società d informazione, si occupa in particolare di commercio elettronico. Secondo tale direttiva, per servizi della società d informazione devono intendersi tutti quei servizi prestati normalmente dietro retribuzione, a distanza, per via elettronica, mediante apparecchiature di elaborazione e di memorizzazione di dati, su richiesta individuale del destinatario dei servizi. 3 Il gioco on line ha avuto una grande diffusione specie negli ultimi anni probabilmente dovuta al fatto che il giocatore può giocare direttamente da casa dopo aver compilato un formulario con i propri dati personali e numero di carta di credito e ricevuto la login name password. 53

2 le scommesse ad un operatore del call center gestito dal concessionario, con conseguente trasferimento a quest ultimo delle singole giocate, preceduto dal relativo addebito sul conto di gioco dello scommettitore degli importi delle puntate effettuate. La raccolta a distanza delle scommesse si distingue dalla raccolta tradizionale presso le agenzie ossia presso i locali gestiti dai concessionari per la raccolta delle scommesse ippiche o sportive 4. La raccolta tradizionale presso le agenzie è, in primo luogo, obbligata nel senso che è la conseguenza necessaria del rilascio della concessione e della relativa convenzione, a differenza della raccolta a distanza che è il frutto di una scelta imprenditoriale del concessionario ed è quindi eventuale. La modalità di raccolta presso le agenzie si distingue da quella a distanza soprattutto perché la prima si caratterizza per il completo anonimato dello scommettitore, il quale non ha un obbligo di identificazione e può effettuare scommesse presso l agenzia per importi illimitati, anche in contanti. La raccolta a distanza, come detto, presuppone, invece, la preventiva identificazione dello scommettitore, il quale è tenuto ad esibire la copia del documento d identità e a dare le proprie generalità complete ed il proprio codice fiscale. Inoltre, nel caso di raccolta a distanza, lo scommettitore deve aprire un conto di gioco personale, al quale viene attribuito un codice identificativo. Tale conto di gioco viene gestito dal concessionario e su di esso vengono registrati tutti i movimenti di accredito, ossia le ricariche, ed i movimenti di addebito, ossia le poste, le vincite ed i rimborsi di eventi non conclusi. Questi movimenti, associati a singoli codici univoci, vengono trasmessi, in tempo reale, dal Service Provider, al Totalizzatore Nazionale, gestito da SOGEI spa, nell interesse di AAMS. La normativa del gioco a distanza comprende alcuni provvedimenti a carattere generale riguardanti la generalità dei giochi ed altri provvedimenti che introducono e regolano i singoli giochi e disciplinano i regimi concessori e le modalità di svolgimento 5. Nell ordinamento italiano il primo riferimento normativo al gioco con partecipazione a distanza è dato dal decreto del Presidente della Repubblica 4 Locali che devono presentare particolari dotazioni tecnologiche e rispondere a specifici requisiti definiti dall AAMS negli allegati tecnici alla Convenzione di Concessione. 5 Nell ordinamento italiano, in linea generale, l introduzione di nuovi giochi e la definizione dei relativi prelievi erariali è prerogativa del Parlamento e, quindi è richiesta, a tal fine, una norma primaria; è prerogativa del Ministro dell economia e delle finanze l emanazione dei regolamenti dei giochi; tali provvedimenti definiscono l impianto regolamentare, disciplinano le modailtà ed i tempi di gioco, la corresponsione di aggi, diritti e compensi dovuti a qualsiasi titolo, nonché l ammontare del prellevo complessivo ; stabiliscono conseguentemente le regole di definizione dei montepremi; stabiliscono, altresì gli ambiti di intervento normativo del livello amministrativo, circoscrivendone i confini; spetta ad AAMS la definizione dei provvedimenti di attuazione del gioco, nei termini indicati dalle norme primarie e secondarie. 54

3 dell 8 aprile 1998, n. 169, recante norme per il riordino della disciplina dei giochi e delle scommesse relative alle corse dei cavalli. Tale decreto, tuttora vigente, prevede, infatti, che la tipologia delle scommesse effettuabili, anche a mezzo telefonico o telematico è stabilita con decreti del Ministro delle finanze, di concerto con il Ministro delle Politiche agricole. Successivamente viene pubblicato il decreto del Ministro delle finanze 2 giugno 1998, n. 174, recante norme per l organizzazione e l esercizio delle scommesse a totalizzatore e a quota fissa su competizioni sportive. Si premette che il D.M. n. 174/98 (recentemente sostituito dal D.M. n. 111/2006) 6 costituisce il regolamento fondante il settore delle scommesse sportive. Infatti, in Italia, fino al 1999, anno in cui viene introdotta, sebbene in via sperimentale e limitata, la raccolta delle scommesse sportive, era vietato scommettere su eventi diversi dalle corse dei cavalli 7 ed erano, dunque, escluse le scommesse su eventi sportivi. In tale panorama normativo e fino al 2000 il mercato delle scommesse era rappresentato e dominato, di fatto, dall attività degli allibratori illegali e da bookmakers stranieri che si avvalevano illecitamente della rete Internet e di diversi centri di trasmissione operanti sul territorio nazionale (i c.d. centri di trasmissione dati), e raccoglievano le scommesse su qualunque evento sportivo e non sportivo dai medesimi quotato, movimentando verso l estero centinaia di miliardi di lire all anno. Fatta questa precisazione, si evidenzia che nell ambito del D.M. n. 174/98 è prevista, in particolare, la fattispecie del gioco con partecipazione a distanza e viene dettata così la relativa disciplina, con la previsione delle nuove modalità di accettazione, anche a mezzo telefonico e telematico, anche su proposta del CONI, con decreto del Ministro delle finanze. A seguito dei provvedimenti citati le convenzioni relative alle concessioni delle scommesse, ippiche e sportive, assegnate nell anno 1999 ed attivate nell anno , attribuiscono al concessionario, in forza della concessione, la 6 Il D.M. n. 174 dei 1998 è stato sostituito dal D.M. dell 1 marzo 2006, n. 111, recante la disciplina delle scommesse a quota fissa su eventi sportivi e su altri eventi diversi dalle corse dei cavalli. 7 L attività di raccolta ed accettazione delle scommesse ippiche veniva svolta in regime concessorio (in quanto attività riservata allo Stato ex D.Lgs 14 aprile 1948, n. 496 e successive modifiche e integrazioni), su delega dell UNIRE, cui ne era affidata la gestione per legge, ad opera di concessionari delegati da tale ente (ossia 329 agenzie di scommesse ippiche distribuite sul territorio nazionale e gestite da un unico service provider in regime di monopolio praticamente assoluto). 8 I relativi rapporti concessori, aventi originariamente durata di sei anni, sono stati di recentemente rinnovati (ex. art. 2.3 del D.M. n. 174/98 e art. 5.2 della Convenzione/sport e art. 2.3 del D.P.R. n. 169/98 e art della Convenzione/ippica) per un eguale periodo (ossia fino al 31 dicembre 2012). 55

4 facoltà di esercizio delle scommesse anche a mezzo telefonico e telematico 9. In particolare, con il decreto interministeriale del 15 giugno 2000, in attuazione di quanto disposto dal decreto del Presidente della Repubblica n. 169 del 1998 citato, viene introdotta la disciplina di accettazione telefonica o telematica delle scommesse ippiche. Con tale provvedimento si consente così alle agenzie di scommesse di servire a distanza la propria clientela abituale, accettando scommesse dettate dal cliente per via telefonica; innovazione di grande rilievo, posto che in Italia il gioco mediante internet era all epoca quasi sconosciuto. Negli anni a seguire le novità tecnologiche consentono un rapido sviluppo del gioco telematico, che ha quindi la sua evoluzione sulla base del predetto impianto normativo. Con il decreto del Ministro delle finanze 15 febbraio 2001, n. 156, l apertura nei confronti del gioco telefonico e telematico viene estesa alla generalità dei giochi. Quest ultimo decreto assegna al Ministero delle finanze la facoltà di autorizzare i concessionari alla raccolta telefonica e telematica delle giocate relative a scommesse, giochi e concorsi pronostici, mediante sistemi, centri di servizio o operatori di telecomunicazioni che utilizzino linee telefoniche ordinarie. In seguito, con il decreto direttoriale n. 128 del 31 maggio 2002, viene introdotta, con uno schema identico a quello del provvedimento riguardante l ippica, la disciplina tecnica e di dettaglio di accettazione per via telefonica e telematica delle scommesse sportive da parte dei concessionari. Il decreto direttoriale n. 128/2002 prevede, in particolare, all art. 1: Le scommesse a totalizzatore e a quota fissa sulle competizioni sportive riservate al CONI e su quelle diverse dalle corse di cavalli e dagli eventi sportivi organizzati dal CONI, possono essere accertate, da parte dei concessionari autorizzati, anche mediante apparati telefonici o telematici, con le modalità e con l osservanza degli adempimenti previsti dal presente decreto. L art. 2 del decreto in esame dispone, al comma 1, che: La facoltà di cui all art. 1 è subordinata alla stipula con lo scommettitore di apposito contratto, univocamente numerato nell ambito della concessione, che acquista efficacia con l apertura di un conto personale intestato allo scommettitore medesimo. Il contratto reca l informativa per il trattamento dei dati personali e indica specifiche modalità per l osservanza degli obblighi previsti dalla legge 3l dicembre1996, n. 675 Lo schema tipo dei contratti prodotto dall Amministrazione finanziaria per i controlli relativi alla loro conformità al contenuto del presente decreto e della Direttiva del Ministro dell Economia e delle Finanze di cui costituisce attuazione. I commi da 2 a 6 9 Nell aprile 2000 venne lanciato anche il servizio del lotto telefonico, accompagnato da un apposita normativa; dato il suo scarso successo, il servizio è stato successivamente sospeso. 56

5 disciplinano nel dettaglio le modalità di accettazione delle scommesse sportive con il mezzo telematico o per via telefonica. Ciò posto, nel 2003, AAMS (alla quale, nel frattempo, con d.l. n. 138/02, erano state trasferite ex lege tutte le funzioni in materia di giochi, scommesse e concorsi pronostici) avvia la raccolta, in via sperimentale delle scommesse telefoniche e telematiche, autorizzando singolarmente i concessionari richiedenti. Per quanto riguarda i concessionari, essi avviano la raccolta delle scommesse per via telefonica e telematica in virtù delle autorizzazioni rilasciate da AAMS, avvalendosi della collaborazione di soggetti terzi, incaricati, tramite contratti ad hoc, di stipulare in nome e per conto del concessionario, i nuovi contratti di gioco (conti di gioco) e di effettuare il servizio di ricarica degli stessi conti di gioco intestati agli scommettitori. Sia il decreto direttoriale n. 128/2002 che il decreto analogo e parallelo relativo all ippica introducono lo strumento del conto di gioco nominativo, la cui apertura è subordinata alla stipula di un apposito contratto tra giocatore e concessionario. Infatti, come già rilevato in precedenza, il gioco a distanza viene delineato dal legislatore come gioco che presuppone, in primo luogo, un obbligo di identificazione (a differenza di quello tradizionale presso le agenzie, completamente anonimo) nonché l apertura di un conto di gioco personale, al quale viene attribuito un codice identificativo, gestito dal concessionario e sul quale vengono registrati tutti i movimenti di accredito (le ricariche) e di addebito (le poste, le vincite ed i rimborsi di eventi non conclusi); movimenti, associati a singoli codici univoci, che vengono trasmessi, in tempo reale, dal Service Provider, al Totalizzatore Nazionale, gestito da SOGEI spa, nell interesse di AAMS. Il gioco a distanza ed, in particolare, il mercato della raccolta telefonica e telematica delle scommesse si sviluppa, dunque, in Italia durante gli anni , sulla base della predetta disciplina sperimentale dettata da AAMS. Peraltro, va osservato che la citata normativa non prevede una specifica regolazione di alcuni aspetti e problematiche del gioco a distanza che, con il tempo e quindi con lo svilupparsi del fenomeno, si presentano. In particolare i decreti del gioco a distanza dell epoca, dando probabilmente per scontato l esaurirsi dei processi di gioco, nel rapporto tra la singola agenzia ed i suoi clienti e frequentatori, e quindi a livello locale, trascurano di disciplinare le modalità di sottoscrizione dei contratti, quelle di apertura dei conti di gioco nonché le modalità di ricarica dei conti di gioco e di prelievo delle vincite contabilizzate in capo ad essi. Tali lacune, peraltro, in un primo periodo, non si manifestano in tutta la loro evidenza poiché i giocatori interessati aderiscono all offerta a distanza del concessionario prevalentemente mediante il canale telefonico; ciò in quanto lo stato della tecnologia non mette a disposizione bande di trasmissione di notevole ampiezza; inoltre, l utilizzazione di internet non si è ancora sviluppata appieno e, soprattutto, vi è, per il timore di truffe, una certa resistenza all uso dei mezzi di pagamento elettronici su internet. 57

6 Con il tempo, peraltro, il gioco a distanza rivela tutte le sue potenzialità ed, in particolare, l attitudine a superare i limiti di mercato propri del ristretto bacino territoriale facente capo alla singola agenzia. Accade allora che, con ampia pubblicità e organizzazione distributiva, viene, da un lato, realizzata su tutto il territorio nazionale un azione di marketing e di pubblicità di grande rilievo per la promozione del marchio e dell offerta di gioco; dall altro lato, viene assicurata la distribuzione dei contratti, la loro raccolta e la vendita di ricariche del conto di gioco presso una rete capillare di punti di distribuzione territoriali 10. In tal modo viene a crearsi sul territorio nazionale una nuova offerta di gioco ed il concessionario si trova ad avere accesso ad un mercato di dimensione nazionale, con la possibilità di raggiungere livelli di raccolta mai avuti dalle agenzie tradizionali. Tra il 2003 e il 2005 AAMS dà diversi chiarimenti sugli aspetti non disciplinati dai decreti citati, attraverso circolari interpretative, legittimando in via sperimentale - la distribuzione delle ricariche e confermando il divieto di intermediazione delle scommesse e di pagamento delle vincite presso i punti di distribuzione delle ricariche stesse. Con la circolare di AAMS del 14 luglio l Amministrazione fornisce alcune indicazioni al fine di chiarire alcuni dubbi applicativi ed in particolare: - le caratteristiche dell autorizzazione; - le attività che possono essere svolte dai c.d. punti remoti, questione di notevole importanza posto che AAMS, nonostante il divieto di intermediazione della raccolta delle scommesse ex art. 7, D.M. n. 174/98, afferma che le attività di promozione della raccolta delle scommesse a distanza tramite centri di servizi incaricati di promuovere la vendita delle schede telematiche 12 (peraltro con carica zero) non integrano gli estremi di esercizio abusivo del gioco tramite intermediari, trattandosi di servizi di supporto tecnico che non concretizzano l attività di organizzazione della scommessa e non ledono, di conseguenza, la riserva di legge a favore dello Stato; - il luogo di conclusione dei contratti; - il luogo in cui devono essere trasmessi i dati relativi alle scommesse tramite apparati telematici. Sulla base della circolare di AAMS del 14 luglio 2003, diversi concessionari per le scommesse sportive decidono di specializzarsi nella raccolta di scommesse a distanza investendo in pubblicità e comunicazione. 10 La progressiva evoluzione delle tecnologie di telecomunicazione ha permesso di effettuare la ricarica dei conti di gioco, oltre che a mezzo di carte di ricarica, anche attraverso transazioni on-line, presso reti commerciali dedicate, in analogia con quanto accade per le ricariche della telefonia cellulare. 11 In detta nota AAMS ha fornito la propria interpretazione dei D.M. 15 febbraio 2001 e D.D. 30 maggio In particolare l Amministrazione, in relazione alla caratteristiche dell autorizzazione ad accettare per via telefonica e telematica le scommesse sportive ha dichiarato che la stessa si perfeziona con l emanazione da parte dell Amministrazione scrivente di un provvedimento che accerti la conformità dello schema del contratto di cui all art.2 sopra richiamato e con l osservanza di fatto dei presupposti di legge imposti dal medesimo decreto da parte del concessionario 58

7 Con riferimento alla problematica dello strumento di pagamento del gioco a distanza, la legge finanziaria 30 dicembre 2004 n. 311 per l anno 2005 prevede l adozione da parte di AAMS dei provvedimenti necessari per la definizione, diffusione e gestione, con organizzazione propria o di terzi, dei mezzi di pagamento specifici per la partecipazione al gioco a distanza, dando anche facoltà, e tal fine, di costituire società di scopo, ovvero di individuare uno o più soggetti cui affidare l esercizio delle attività. Si apre così la strada ad un mezzo di pagamento gestito direttamente da AAMS, soluzione che, peraltro, viene accantonata essendosi nel frattempo diffuso il pagamento del concessionario, dovuto anche alla crescente propensione dei giocatori ad utilizzare la carta di credito per il caricamento del conto di gioco (cash in) ed alla diffusione delle carte prepagate emesse dai principali istituti di credito nonché dalle Poste Italiane. Nel 2005, con la legge finanziaria 23 dicembre 2005 n. 266 per l anno 2006, viene disposta la disciplina del gioco a distanza per tutti i giochi del portafoglio di AAMS. Con legge 2 dicembre 2005 n. 248 (art. 11), di conversione con modifiche del D.L n. 203/2005 il legislatore delega AAMS ad emanare una regolamentazione della raccolta on line dei giochi e delle scommesse. In ottemperanza a tale delega ed alla previsione contenuta nel D.M. 1 marzo 2006 n. 111 ( Norme concernenti la disciplina delle scommesse a quota fissa su eventi sportivi diversi dalle corse dei cavalli e su eventi non sportivi da adottare ai sensi dell art. 1, comma 286, della legge 30 dicembre 2004, n. 311 ), art. 19, AAMS emana il Decreto Direttoriale 21 marzo 2006 (pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 70 del 24 marzo 2006) recante Misure per la regolamentazione della raccolta a distanza delle scommesse, del bingo e delle lotterie, con il quale definisce in modo unitario ed organico le misure per la regolamentazione della raccolta a distanza delle scommesse, del bingo e delle lotterie, da adottare nel periodo che precede la definizione dei provvedimenti di riordino complessivo delle modalità di pagamento del gioco a distanza, ai sensi dell art. 1, commi 290 e 291, della legge n. 311 del Il decreto direttoriale del 21 marzo 2006, tuttora in vigore, modifica, dunque, la disciplina del gioco a distanza, sostituendo i precedenti provvedimenti del 2000 e del 2002, riguardanti, rispettivamente, le scommesse ippiche e le scommesse sportive. Il decreto direttoriale in esame estende la disciplina del conto di gioco anche alle lotterie telematiche ed al bingo, ed infatti ai sensi di quanto previsto dall art. 1, comma 1, del provvedimento in menzione sono individuate le misure per la regolamentazione della raccolta a distanza: a. delle scommesse a quota fissa ed a totalizzatore, diverse da quelle previste dal regolamento di cui al decreto del Ministro delle Finanze 2 agosto 1999, n. 278, e dell articolo 1, comma 498, della legge 30 dicembre 2004, n. 311; b. del gioco del bingo; 59

8 c. delle lotterie istantanee e differite. 13 Ed inoltre vengono: - disciplinate le modalità di ricarica e di prelievo dal conto di gioco (cash in e cash out); - regolate le modalità di esercizio dell attività dei c.d. punti di commercializzazione ; - stabilite le responsabilità del concessionario per il controllo sull attività dei propri punti di commercializzazione 14. In particolare, con riguardo alle modalità di ricarica e di prelievo dal conto di gioco il decreto direttoriale del 21 marzo 2006 prevede, all art. 4, che l esercizio dell attività di raccolta a distanza delle scommesse è: 1. subordinato alla stipula di un contratto di conto di gioco tra il giocatore ed il titolare di sistema. 2. Lo schema di contratto di conto di gioco è trasmesso ad AAMS per l approvazione. Il titolare di sistema è tenuto ad accertare le generalità del giocatore contraente e la sua maggiore età, nonché ad acquisirne il codice fiscale. Il titolare di sistema può stipulare un solo contratto con ciascun giocatore. Il contratto è univocamente numerato nell ambito del rapporto concessorio instaurato con il titolare di sistema. La durata del contratto non può superare il termine di scadenza della concessione del titolare di sistema. L art. 5, inoltre, stabilisce: 1. Le operazioni derivanti dall esecuzione del contratto di conto di gioco, relative a giocate, vincite e rimborsi di giocate, ricariche, bonus e riscossioni, sono registrate su un conto di gioco. 2. Il titolare di sistema attiva il conto di gioco all atto della trasmissione al giocatore del codice identificativo e del codice personale. 3. Il titolare di sistema è tenuto a controllare i conti di gioco ed effettuare verifiche costanti circa il corretto utilizzo degli stessi, segnalando immediatamente ad AAMS, 13 I soggetti ammessi alla raccolta dei giochi utilizzando tecniche a comunicazione a distanza ai sensi dell art. 2 del decreto direttoriale del 21 marzo 1. La raccolta a distanza delle scommesse sulle corse dei cavalli, a totalizzatore, diverse da quelle previste dall articolo 1, comma 498, delle legge 30 dicembre 2004 n. 311, nonchè a quota fissa, può essere esercitata dai titolari di concessione per l esercizio delle scommesse sulle corse dei cavalli. 2. La raccolta a distanza delle scommesse a quota fissa su eventi sportivi diversi dalle corse dei cavalli e su eventi non sportivi può essere esercitata dai titolari di concessione per l esercizio delle predette scommesse. 3. La raccolta a distanza del gioco del bingo con partecipazione a distanza può essere esercitata dai titolari di concessione per il gioco del bingo di cui al decreto del Ministro delle finanze 31 gennaio 2000 n La raccolta a distanza delle lotterie istantanee e differite con partecipazione a distanza previste dall art. 1, comma 292, della legge 30 dicembre 2004, n. 311, può essere esercitata dai titolari di concessione per l esercizio dei giochi, concorsi o scommesse riservati allo Stato. 14 (...)2. Il titolare di sistema verifica e garantisce il possesso dei requisiti da parte del soggetto con il quale stipula contratto di affidamento dell attività di commercializzazione. 3. Su richiesta di AAMS e con le modalità da essa definite, il titolare di sistema fornisce ad AAMS stessa, per ciascun punto di commercializzazione, i dati relativi all ubicazione del locale nel quale sarà esercitata l attività di commercializzazione, gli altri elementi necessari ad identificare in modo univoco il suddetto locale e gli incaricati dell attività, nonchè eventuali altre informazioni richiesta da AAMS ex art. 9 del decreto direttoriale del 21 marzo

9 con le modalità da essa definite, violazioni delle norme vigenti, nonché anomalie di utilizzo del conto di gioco corrispondenti ai profili indicati da AAMS stessa. 4.Il titolare di sistema è tenuto a rendere disponibili ad AAMS, con le modalità da essa definite, i rapporti dei conti di gioco dei giocatori prevedendone opportuna clausola nel contratto di conto di gioco. L art. 7 del decreto de quo prevede che: Il titolare di sistema può consentire l acquisto di ricariche presso la propria sede, anche mediante interconnessione telematica o telefonica nonché presso le sale dei concessionari e presso i punti di commercializzazione. Il pagamento può essere effettuato con gli strumenti di pagamento finanziari, bancari e postali, ovvero per contanti. In ordine ai c.d. punti di commercializzazione, l art. 1 individua l attività consentita ai punti di commercializzazione come: attività di commercializzazione di ricariche, nonché di distribuzione dello schema di contratto di conto di gioco, e di trasmissione al titolare di sistema del contratto di conto di gioco sottoscritto dal giocatore. Sono, invece, inibite al punto di commercializzazione altre attività ed, in particolare resta fermo il divieto di raccolta di giocate, di riscossione di poste di gioco e di liquidazione di vincite e di rimborsi presso i punti di commercializzazione. E vietata la liquidazione di importi di credito di gioco presso i punti di commercializzazione. L art. 9, comma 1, prevede che l attività di commercializzazione può essere esercitata presso gli esercizi commerciali o pubblici, in possesso dei seguenti requisiti: a) assenza, a carico del titolare o degli amministratori nel caso di attività esercitata in forma societaria, di condanne con sentenza passata in giudicato per i reati di cui alla legge 13 dicembre 1989, n. 401, per reati di natura fiscale, per reati per cui vi sia stata condanna non inferiore a sei anni, nonché per reati diversi dai precedenti che incidano sull affidabilità del soggetto; b) assenza di situazioni di inadempimento e di obblighi nei confronti di AAMS. Circa le responsabilità del concessionario per il controllo sull attività dei propri punti di commercializzazione, l art. 9, comma 2, stabilisce che il titolare di sistema, oltre a verificare e garantire il possesso dei requisiti da parte del soggetto con il quale stipula il contratto di affidamento dell attività di commercializzazione è tenuto ad adottare adeguate misure al fine di verificare l affidabilità del soggetto con il quale stipula il contratto di affidamento di attività di commercializzazione, ad effettuare periodici controlli ed a controllare la correttezza dell attività esercitata dal punto di commercializzazione. In difetto delle predette condizioni il concessionario è tenuto a risolvere immediatamente il contratto (art. 9, comma 7). L art. 12 stabilisce inoltre che: Fermo restando quanto previsto dalle convenzioni per l affidamento in concessione dell esercizio dei giochi, concorsi e scommesse, AAMS procede alla decadenza od alla revoca delle concessioni per l esercizio dei giochi nei casi di inottemperanza degli obblighi e di violazione delle disposizioni di cui all art. 9, commi 6-bis e 7, 61

10 nonché nei casi di violazione delle altre disposizioni di cui al presente decreto. Infine, il decreto del 21 marzo 2006 stabilisce misure di flessibilità nell utilizzo del conto di gioco, al fine di favorire tanto l operatore quanto il giocatore, prevedendo, in particolare: l utilizzabilità di un unico conto di gioco per la partecipazione a distanza ai differenti giochi esercitati dal concessionario; la possibilità per il concessionario, previo accordo con altro concessionario, di consentire al consumatore l utilizzo del credito di gioco disponibile sul proprio conto di gioco per l acquisto di giocate presso l altro concessionario e per l accredito delle relative vincite. Dunque, dopo una prima fase di raccolta, in via sperimentale delle scommesse telefoniche e telematiche, con il decreto direttoriale del 21 marzo 2006 AAMS definisce in modo unitario ed organico le misure per la regolamentazione della raccolta a distanza delle scommesse ed avvia un sistema di raccolta a distanza in cui assume particolare rilievo la figura del punto di commercializzazione, figura di operatore commerciale già affermatasi sul mercato nella fase sperimentale, incaricato dal concessionario, sulla base di un contratto tipo approvato da AAMS (art. 9, comma 12) di svolgere una serie di attività preordinate alla promozione e vendita delle proprie scommesse, quali la commercializzazione delle ricariche del conto di gioco e la distribuzione dello schema dei contratti di conto gioco. Vengono rinnovate le Convenzioni di Concessione sino al 31 dicembre Le innovazioni apportate dal decreto direttoriale del 21 marzo 2006, caratterizzate da una particolare flessibilità di utilizzo del conto di gioco, costituiscono un anticipazione del modello successivamente proposto con il decreto legge 4 luglio 2006, n. 248 (c.d. decreto Visco - Bersani ), convertito dalla legge 4 agosto 2006, n Con il c.d. decreto Visco Bersani vengono altresì introdotti nuovi giochi: i giochi di abilità a distanza. Il decreto in esame, inoltre, introduce le concessioni dei giochi pubblici sportivi e dei giochi pubblici ippici, tramite le quali è assegnata in esercizio al concessionario una vasta gamma di giochi, accessibili al giocatore, nel caso del canale a distanza, tramite un unico conto di gioco. In attuazione del decreto Visco - Bersani, convertito dalla legge 4 agosto 2006, n. 266, viene successivamente emanato il decreto del Ministro dell economia e delle finanze del 17 settembre 2007, n. 186, che disciplina i giochi di abilità a distanza. Con la legge finanziaria 27 dicembre 2006, n. 296 per l anno 2007 vengono introdotte le scommesse su eventi simulati. 62

11 2. Il Decreto Direttoriale del 25 giugno 2007 e il suo annullamento Nel 2006 il volume di raccolta delle scommesse on line cresce rapidamente, sino a raggiungere circa 800 milioni di euro, pari a circa il 40% dell intera raccolta delle scommesse sportive per il Nel contempo, peraltro, si manifestano diversi problemi legati alla legittimità dell attività dei punti di commercializzazione. La normativa di cui al decreto direttoriale del 21 marzo 2006 non risulta, infatti, sufficiente a contrastare alcuni comportamenti irregolari dei punti di commercializzazione delle ricariche. Si assiste, in particolare ad un utilizzo distorto del sistema dei conti di gioco da parte di molti punti di commercializzazione che, con l accordo di alcuni concessionari, danno origine ad una sorta di rete parallela di punti fisici di intermediazione del gioco, generando un iniqua concorrenza rispetto ai punti di vendita regolari dei concessionari. Diviene, infatti, prassi di molti punti di commercializzazione l accettazione irregolare di scommesse, tramite PC, utilizzando conti di gioco intestati al gestore del punto ovvero a prestanomi. In altri casi le giocate vengono dettate (sempre in contrasto con la normativa di riferimento) dal consumatore al gestore del punto e da questo effettuate, mediante addebito su conto di gioco formalmente intestato al giocatore ma, a tutti gli effetti, utilizzato per suo conto dal gestore. Stante la situazione sopra des critta, al fine di contrastare i comportamenti irregolari di tali soggetti, nell anno 2007, anche dietro la sollecitazione dei concessionari titolari dei punti fisici autorizzati alla raccolta dei giochi, AAMS adotta il Decreto Direttoriale del 25 giugno 2007 (pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 163 del 16 luglio 2007) che reca: Integrazioni e modifiche alle misure per la regolamentazione della raccolta a distanza delle scommesse, del bingo e delle lotterie (decreto che, come si dirà in prosieguo è stato di recente annullato dal TAR Lazio, con sentenza del 7 maggio 2008). Con tale provvedimento AAMS apporta una serie di integrazioni al Decreto Direttoriale del 21 marzo 2006, disponendo quanto segue. Con riferimento ai punti di commercializzazione, l attività di commercializzazione può essere esercitata esclusivamente in locali in cui l attività prevalente, come riscontrabile dall organizzazione adottata nonché dalla destinazione delle risorse e del loro utilizzo è diversa dall attività di commercializzazione stessa. L attività di commercializzazione è svolta esclusivamente presso il locale individuato come sede dell attività nell apposito contratto di affidamento di attività di commercializzazione (art.9, comma 1-bis, D.D. 21 marzo 2006, aggiunto dal D.D. 25 giugno 2007). Il punto di commercializzazione può pubblicizzare l attività di commercializzazione esclusivamente all interno del locale ed utilizzando 63

12 materiali predisposti dal titolare di sistema (art.9, comma 2-bis, D.D. 21 marzo 2006, aggiunto dal D.D. 25 giugno 2007); Il punto di commercializzazione, ai sensi dell art. 4 della legge 13 dicembre1989, n.401, non può favorire l accettazione o in qualsiasi modo la raccolta, anche per via telefonica o telematica, di giochi ovvero di scommesse di qualsiasi genere anche attraverso: a) l adozione di insegne; di vetrine, di arredi, di strutture di targhe, di affissioni ovvero di dotazioni che pubblicizzano i giochi o le scommesse; b) la messa a disposizione al giocatore di stampati, di pubblicazioni, di documentazione o di materiali in genere che illustrano offerte di gioco ovvero che forniscono informazione a supporto del gioco; c) la prestazione di assistenza operativa al giocatore, in qualsiasi forma o modalità, per l effettuazione dei giochi ovvero delle scommesse (art.9, comma 4-ter, aggiunto dal D.D. 25 giugno 2007). In ordine ai rapporti tra concessionario e titolare di sistema, il corrispettivo che il titolare di sistema riconosce al punto di commercializzazione è commisurato all ammontare delle ricariche commercializzate, con divieto del riconoscimento di bonus, incentivi o diverse modalità di definizione del corrispettivo (art. 9, comma 6-bis, aggiunto dal D.D. 25 giugno 2007). I contratti di affidamento dell attività di commercializzazione in atto alla data di adozione del decreto in esame o stipulati successivamente ad essa, sono efficaci non oltre il 31 dicembre 2007 (art.9, comma 13 bis, aggiunto dal D.D. 25 giugno 2007). In ordine agli obblighi di vigilanza e controllo in capo al concessionario il decreto in esame prevede che qualora venga rilevata presso un punto di commercializzazione l inadempienza del medesimo alla normativa di cui all art. 9, tale accertamento costituisce prova di inadempienza agli obblighi di vigilanza e controllo di cui al comma 7 da parte del titolare di sistema (art.9, comma 7 ter, aggiunto dal D.D. 25 giugno 2007). In tal caso, AAMS dispone la sospensione cautelativa delle concessioni (art.9, comma 2-ter, aggiunto dal D.D. 25 giugno 2007). Il Decreto Direttoriale del 25 giugno 2007 viene impugnato con ricorso avanti il Tribunale Amministrativo Regionale (TAR) per il Lazio da alcuni concessionari nonché da un c.d. service provider (fornitore di servizi telematici di connettività). I ricorrenti deducono, in primo luogo, che l amministrazione non può modificare con atti provvedimentali il contenuto sinallagmatico di accordi negoziali e che, in ogni caso, qualsiasi intervento normativo volto a modificare situazioni sinallagmatiche in corso, deve fare salvi i cc.dd. diritti quesiti. In secondo luogo, i ricorrenti lamentano un eccesso di potere deducendo che il decreto impugnato è diretto a limitare la raccolta a distanza delle scommesse in evidente contrasto con l indirizzo prescelto dal legislatore, risultante dal complesso della normativa di settore, ispirata ad una politica di massima espansione del settore dei giochi. 64

13 In terzo luogo, i ricorrenti svolgono specifiche contestazioni nei confronti: a) della norma che dispone che l attività di commercializzazione possa essere esercitata esclusivamente in locali in cui l attività prevalente è diversa da quella di gestione di scommesse (comma 1 bis dell art.9 del decreto impugnato); b) della norma che stabilisce che l attività di commercializzazione debba essere svolta esclusivamente all interno del locale a ciò adibito ed utilizzando materiali predisposti dal titolare del sistema (comma 2 bis dell art.9 del citato decreto); c) della norma che vieta di pubblicizzare e/o di evidenziare al pubblico i punti di commercializzazione mediante insegne, targhe, affissioni etc., e di fornire agli utenti servizi di supporto al gioco (comma 4 ter dell art.9 del decreto impugnato). I ricorrenti lamentano, in particolare, un eccesso di potere per perplessità ed indeterminatezza, sviamento, contraddittorietà ed illogicità, nonché eccesso di potere per violazione del giusto procedimento e del principio di proporzionalità, deducendo che le prime due disposizioni ostacolano, senza alcuna ragione, l incentivazione e lo svolgimento del servizio di raccolta a distanza; e che la terza mira ad introdurre, con una fonte normativa impropria, un vero e proprio precetto penale (cfr. parte in fatto della sentenza emessa nel procedimento de quo dal TAR Lazio 7 maggio 2008). Alle doglianze dei ricorrenti replicano l amministrazione e le altre parti intervenute ad opponendum evidenziando che lo scopo perseguito da AAMS con il decreto impugnato è quello di contrastare un fenomeno illegale: la creazione di una rete parallela di raccolta delle scommesse, non contemplata dalla normativa e dai regolamenti del settore. Le resistenti rilevano, in particolare che ai sensi dell art. 2 del D.M. n. 111/06: La raccolta delle scommesse è effettuata attraverso luoghi di vendita o attraverso modalità a distanza, ovvero attraverso canale telefonico, fisso o mobile, internet o TV interattiva 4. AAMS può autorizzare il concessionario, in occasione di manifestazioni di particolare rilievo limitatamente allo svolgimento degli stessi, all apertura di suoi luoghi di vendita temporanei per la raccolta e l accettazione delle scommesse; AAMS con proprio provvedimento, stabilisce i criteri per il rilascio di detta autorizzazione. 5. Fermo restando quanto previsto dal presente regolamento, è vietata ogni forma di intermediazione nella raccolta delle scommesse. Ciò posto, da un lato, le resistenti evidenziano che i predetti canali di raccolta non vengono modificati dal provvedimento impugnato, che quindi non altera in alcun modo il mercato del gioco Le resistenti contestano, inoltre, la tesi delle ricorrenti, secondo la quale il decreto impugnato porrebbe indirettamente degli obblighi conformativi ai concessionari, così ovviando a un preteso obbligo di rinegoziazione della convenzione della concessione. Al riguardo, le resistenti replicano affermando che lo stesso schema tipo di convenzione stipulato tra AAMS ed i concessionari prevede l impegno a carico di questi ultimi ad osservare, oltre alla presente concessione, le disposizioni vigenti del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, tutte le norme di legge, le disposizioni vigenti, di ogni altra Autorità in materia presenti o future... (cfr. art. 3, comma 1 lett. b, dello Schema tipo di convenzione di concessione per la commercializzazione delle scommesse a quota fissa su eventi sportivi, diversi dalle corse dei cavalli ed eventi non sportivi ). Pertanto, rilevano le resistenti, che anche nella denegata ipotesi in cui si ritenesse che il decreto in esame modifichi il rapporto concessorio, non sussisterebbero i presupposti per svolgere eccezioni sul punto. 65

14 Dall altro lato, esse rilevano che con il provvedimento impugnato vengono semplicemente fornite precisazioni in ordine alla rete di distribuzione dei giochi pubblici e alle caratteristiche operative dei punti di commercializzazione, tenuto conto della precedente normativa che sancisce il principio cardine secondo il quale i punti di commercializzazione non possono essere punti di gioco ma possono solo svolgere: a) attività di commercializzazione di ricariche di conto di gioco; b) attività di distribuzione dello schema di contratto di conto di gioco e di trasmissione al titolare di sistema del contratto di conto di gioco sottoscritto dal giocatore (ex art. 1, punto b del decreto direttoriale del 21 marzo 2006). Il tutto a tutela dei concessionari degli esercenti degli stessi punti di commercializzazione e dei consumatori. In altri termini, le resistenti evidenziano che AAMS, con il D.D. impugnato, non modifica l assetto già dato dall art. 4 della legge n. 401/89 e dall art. 9, comma 4 del decreto direttoriale del 21 marzo 2006, ma fa delle precisazioni in ordine alle attività vietate all interno dei punti di commercializzazione (ossia le attività di raccolta di giocate, riscossione di poste di gioco, liquidazione di vincite e di rimborsi e liquidazione di importi di credito di gioco). Il tutto a tutela del consumatore, che deve essere messo in grado di conoscere senza incertezze che, all interno dei punti di commercializzazione, non è possibile effettuare la propria giocata. Rilevano, inoltre, i resistenti che le disposizioni del provvedimento impugnato sono in ogni caso declinazione della riserva originaria del sistema e della successiva normativa, per effetto della quale tutte le competenze in materia di giochi sono state attribuite ad AAMS: si richiama, in particolare il D.L. n. 138/02, che afferma la competenza esclusiva di AAMS per lo svolgimento di tutte le funzioni in materia di organizzazione ed esercizio dei giochi, scommesse e concorsi pronostici e specifica che "per i giochi, le scommesse ed i concorsi pronostici connessi con manifestazioni sportive, ferma restando la riserva del Comitato olimpico nazionale prevista dall'art. 6 del D.L. n. 496/48, le predette funzioni sono attribuite all'amministrazione autonoma dei Monopoli di Stato in concessione". Ed ancora, nell ambito del complessivo riordino del settore, la lettera i) del comma 287 della L. n. 311/2004, che attribuisce ad AAMS il compito di adottare provvedimenti relativi a nuove modalità di distribuzione del gioco con specifico riferimento a quello a distanza. E poi il D.M. n. 111/06 Norme concernenti la disciplina delle somme a quota fissa su eventi sportivi diversi dalle corse dei cavalli e su eventi non sportivi da adottare ai sensi dell art. 1, comma 286, della legge 30 dicembre 2004 n. 311 in base al quale è obbligo di AAMS individuare le caratteristiche delle reti distributive dei concessionari. Le resistenti evidenziano quindi la sussistenza del potere in capo ad AAMS di emanare provvedimenti che forniscano delle indicazioni in relazione ai canali di raccolta dei giochi legalizzati. In quest ottica, le resistenti illustrano la ratio dell art. 3 bis del provvedimento in esame, che interdice agli interessati ai punti di commercializzazione di avere propri conti di gioco. Esse evidenziano che tale previsione non costituisce una limitazione alla libertà di commercializzazione ma un adeguato rimedio per evitare che attraverso il conto di gioco del titolare del 66

15 punto di commercializzazione si effettui il gioco (precisazione ritenuta necessaria a fronte del fenomeno elusivo, verificatosi medio tempore, per cui i giocatori, attraverso il conto gioco del titolare dell esercizio, giocano mantenendo l anonimato e riscuotono le vincite appoggiando le loro scommesse su tale conto). Il tutto in sintonia, fra l altro, con la normativa antiriciclaggio. Rilevano, inoltre, le resistenti che già nel decreto del 21 marzo 2006 era previsto che l attività di commercializzazione dovesse svolgersi in un esercizio commerciale pubblico e che la novità, contenuta nel decreto impugnato, è costituita solo dalla previsione che nell ambito dell attività svolta vi sia una prevalenza dell attività diversa da quella di commercializzazione posto che, diversamente, il punto di commercializzazione esclusivo diverrebbe assimilabile ad un punto di vendita delle scommesse, in contrasto con la normativa che esclude tale tipo di attività. Per quanto riguarda la pubblicità, le resistenti evidenziano che se il punto di commercializzazione pubblicizza giochi e scommesse o mette a disposizione del giocatore stampati pubblicitari o documentazione riguardante offerte di gioco, crea una illegittima confusione fra quella che è e deve essere - la sua attività e quella dei punti di raccolta di gioco. In tale ottica, secondo le resistenti, AAMS, con il decreto impugnato si preoccupa che nei punti di commercializzazione non sia esposto il logo AAMS o il logo Gioco sicuro proprio per evitare che i giocatori siano indotti in confusione, percependo i punti di commercializzazione come un punto di gioco. Rilevano poi le resistenti che la normativa impugnata consente alcune forme di pubblicità, seppure con specifiche modalità, ai punti di commercializzazione, posto che l art. 9, comma 2 bis stabilisce che: l offerta di attività di commercializzazione può essere pubblicizzata presso il punto di commercializzazione esclusivamente all interno del locale ed utilizzando materiali predisposti dal titolare del sistema, che riportano la denominazione i segni distintivi commerciali ed il codice di concessione del titolare di sistema stesso nonché il logo Gioco sicuro di AAMS ) si evince che l attività di commercializzazione può essere pubblicizzata seppure con specifiche modalità (ex art. 9, comma 4 ter) a tutela del consumatore. Con riferimento al comma 6 bis del decreto in esame, con il quale AAMS, esclude che il corrispettivo possa essere determinato sulla raccolta del gioco, le resistenti evidenziano che la norma de qua mette in luce il collegamento esistente tra corrispettivo e attività prestata dal punto di commercializzazione ed evidenzia che non può essere erogato corrispettivo sotto qualsiasi forma, per attività di gioco che non hanno nulla a che fare con quelle dei punti di commercializzazione. Le resistenti rilevano, infine, in ordine alle doglianze relative all art. 7, che impone periodici controlli del concessionario sull attività del punto di commercializzazione, che la presenza di un rapporto concessorio tra AAMS e il titolare di sistema impone di per sé un obbligo di controllo sul punto di commercializzazione nonché un obbligo di risoluzione del contratto con il punto di commercializzazione che svolge un attività non consentita. 67

16 Evidenziano, inoltre, alcune delle resistenti, che è addirittura ultronea la previsione che dalla violazione delle norme in questione possa derivare la revoca o la decadenza dalla concessione, trattandosi di violazioni così gravi che automaticamente fanno venir meno il rapporto fiduciario dell AAMS con il concessionario e che legittimano l amministrazione, anche in assenza di previsione, ad adottare i citati provvedimenti. Dunque, secondo le resistenti, con la normativa in esame, AAMS non innova alcunché 16. Con riferimento alla norma del provvedimento in esame, che dispone che i contratti con punti di commercializzazione, già in vigore, non possano avere scadenza successiva al 31 dicembre 2007, alcune delle parti resistenti evidenziano che non vi è norma che preveda per i punti di commercializzazione una data di scadenza al 2012, riguardando, tale data di scadenza, solo i concessionari. Né risulta una norma che attribuisca ai concessionari il diritto o la facoltà di avvalersi dei punti di commercializzazione fino alla data di scadenza della concessione. Ciò posto, l amministrazione, in virtù della riserva di legge e dei poteri attribuiti ad AAMS, può modificare le modalità organizzative del sistema stesso, fermi restando i diritti quesiti dei concessionari (e non quelli dei punti di commercializzazione). Il TAR Lazio, con sentenza del 7 maggio 2008 accoglie il ricorso, annullando il decreto direttoriale del 25 giugno Con la sentenza de qua il TAR rileva che, a fronte delle doglianze delle ricorrenti, secondo le quali: - l Amministrazione non può modificare con semplici atti amministrativi, ancorché generali, il contenuto sinallagmatico di accordi negoziali; - qualsiasi intervento normativo volto a modificare situazioni sinallagmatiche in corso deve fare salvi i diritti quesiti ; va riconosciuto che il decreto impugnato non si limita a disciplinare il rapporto fra la Pubblica Amministrazione e concessionari, ma si spinge fino a imporre modifiche sostanziali al contenuto sinallagmatico di accordi negoziali intercorrenti fra questi ultimi ed i titolari dei cc.dd. punti di commercializzazione, formalmente qualificabili come terzi, estranei al 16 Le ricorrenti lamentano, altresì, che dall accertamento da parte di AAMS della violazione della normativa in esame (ai sensi del comma 7-ter dell art. 9 novellato) consegue, come effetto automatico, la decadenza della concessione in capo al titolare di sistema, con conseguente violazione del principio di proporzionalità. Rilevano, al riguardo, alcune resistenti che dalla lettura del combinato disposto del comma 7 dell art. 9, ante novella, e del comma 7 ter, introdotto dal provvedimento impugnato, non deriva necessariamente la sanzione della decadenza della concessione, ma è contemplato in capo ad AAMS il potere di valutazione di eventuali irrogazioni di ulteriori sanzioni. Inoltre, la decadenza o la revoca delle concessioni presuppongono un procedimento instaurato ai sensi della legge n. 241/90 e successive modifiche, procedimento nel quale è garantito il contraddittorio tra le parti (AAMS ed il concessionario), con esclusione di un potere in capo all amministrazione di irrogare dette sanzioni sic et simpliciter. 68

17 rapporto concessorio ; accordi conclusi sulla base dell affidamento che le parti contraenti private avevano riposto sulla disciplina di settore - e sulla disciplina dei rapporti concessori - introdotta dal precedente decreto; ed in forza della stessa. Secondo il TAR l Amministrazione non ha tenuto conto del fatto: - che, nel sistema del diritto civile, i casi in cui l Amministrazione può limitare l autonomia negoziale sono sempre stabiliti direttamente ex lege o comunque in forza di legge (com è dimostrato - tra l altro - dalla disciplina dell inserzione automatica di clausole, di prezzi o di condizioni contrattuali e della contrattazione collettiva); - e che la stessa Costituzione ha confermato tale sistema, fissando (all art.41) il principio della c.d. riserva di legge in tema di limitazione dell autonomia negoziale e di regolazione dell attività economica pubblica e privata. Ben vero è che la riserva di legge insita nel sistema codicistico e confermata dalla Costituzione non è assoluta, e che quindi la compressione dell autonomia negoziale può avvenire anche in forza di normazione di secondo grado. Non può essere tuttavia ignorato che in tal caso è sempre necessario: - che la devoluzione del potere (conformativo) all Amministrazione avvenga mediante legge (o atto di eguale rango); - e che lo strumento previsto per incidere sui rapporti sia un atto formalmente regolamentare. Osserva, altresì, il TAR che, per incidere su rapporti obbligatori in corso, modificando imperativamente condizioni negoziali stipulate in forza di norme vigenti al momento del contratto è necessario, inoltre, che l atto regolamentare sia espressamente munito anche di forza delegificante, cosa che, secondo il TAR, non si riscontra, nel caso del decreto impugnato, essendo tale provvedimento privo delle caratteristiche sostanziali e formali di un vero e proprio atto regolamentare ( Nell intestazione non è stato formalmente denominato come regolamento ; e, ciò che più conta, è stato adottato senza il previo parere del Consiglio di Stato.) Osserva ancora il TAR che nessuna legge ha espressamente devoluto all AAMS il potere di adottare atti regolamentari idonei a disciplinare la c.d. raccolta a distanza ed a predeterminare, in tutto o in parte, il contenuto negoziale del contratto fra concessionari e titolari dei punti di commercializzazione e che, anche in ultimo, simili fattispecie sono state regolamentate con decreto ministeriale, a conferma della mancanza di potestà regolamentare in subjiecta materia in capo all AAMS. Parimenti, rileva il TAR, nessuna norma di legge ha espressamente devoluto all AAMS il potere di adottare atti regolamentari a contenuto delegificante idonei a modificare i rapporti già in corso fra concessionari e titolari dei punti di commercializzazione. Prosegue il TAR rilevando che il provvedimento impugnato deve qualificarsi come semplice provvedimento amministrativo, seppur a contenuto generale. con il quale l Amministrazione ha inteso regolare, in evidente carenza di potere, fattispecie la cui disciplina è riservata a fonti di rango superiore. Né, secondo la sentenza impugnata, il decreto in esame potrebbe considerarsi legittima espressione del potere regolamentare conferito all Amministrazione dall art. 11 quinquiesdecies della legge n. 285/2005, posto che tale normativa, 69

18 nell elencare le materie oggetto di disciplina regolamentare, non fa riferimento ad un potere di incidere sulle convenzioni in atto. Rileva poi il TAR che anche se si qualificasse il provvedimento in esame come atto a contenuto regolamentare, esso sarebbe comunque illegittimo sotto un altro profilo. Osserva, in particolare il TAR che l atto in questione ha assunto una sostanziale efficacia retroattiva in quanto ha inciso su situazioni in corso sorte e regolamentate dalla precedente normativa. Ciò posto,... poiché dottrina e giurisprudenza sono concordi nell affermare che gli atti amministrativi, ancorché regolamentari, non possono avere efficacia retroattiva (salvo che nel caso di regolamenti delegificanti, ma si è già rilevato che il decreto in questione non può essere qualificato tale), e che anche nel caso di sopravvenienza di una legge ad efficacia retroattiva i cc.dd. diritti quesiti dei cittadini vanno comunque salvaguardati, non si comprende come si possa ritenere che i diritti dei contraenti, nascenti da atti negoziali ormai perfezionatisi (in conformità alla normativa esistente alla data della conclusione dei contratti) e già in corso di esecuzione - e trattasi, si badi, di diritti soggettivi di stampo privatistico formalmente qualificabili come diritti di obbligazione - possano essere legittimamente compressi, in maniera autoritativa, da norme sopravvenienti (id est: da jus superveniens). Conclude infine la sentenza rilevando che nel nostro Ordinamento il principio di tutela dell affidamento costituisce un valore che anche la Pubblica Amministrazione è tenuta a rispettare, specie quando agisce come Autorità regolatrice di rapporti fra privati. Secondo il TAR, con la decretazione in esame la P.A. ha inteso predeterminare il contenuto di un rapporto contrattuale, nel quale essa stessa era in qualche modo coinvolta come parte contraente ed interessata a percepire un lucro, agendo come Autorità regolatrice e, nel contempo, come parte contraente in evidente posizione di superiorità perché dotata di ineguagliabile forza contrattuale. Pertanto, osserva il TAR, le norme dei decreti che si sono succeduti hanno assunto la valenza di disposizioni autoritative e, al tempo stesso, di norme contrattuali. D altra parte, si osserva nella sentenza, i cittadini hanno fatto affidamento su tali norme, affidamento riposto sulla duplice considerazione: - che a nessuna parte contraente è consentito di modificare unilateralmente le norme sinallagmatiche mentre il rapporto contrattuale è in corso; - che anche l Amministrazione è tenuta al rispetto delle norme contrattuali, oltrechè delle norme che essa stessa pone. D altro canto, rileva il TAR, la circostanza che l Amministrazione abbia previsto la stipula di convenzioni fra concessionari e terzi, dotate di clausole e di scadenze, non poteva essere interpretato che come volontà di dare certezza contenutistica e continuità temporale ai rapporti che sarebbero sorti dalla regolazione pubblicistica del settore. A fronte della pronuncia del TAR Lazio del 7 maggio 2008 e dell annullamento del D.D. del 25 giugno 2007, la normativa di riferimento torna dunque ad essere quella antecedente al D.D. annullato e restano quindi ferme le disposizioni sopra richiamate e, tra esse, quelle contenute nel decreto direttoriale del 21 marzo

19 3. Le principali caratteristiche del gioco a distanza italiano Attraverso gli interventi normativi, sopra richiamati, che si sono succeduti a partire dall anno 2002, in seguito all unificazione in capo ad AAMS delle competenze in materia di giochi, ha preso progressivamente forma un nuovo sistema italiano dei giochi con vincita in denaro e, nell ambito di questo, del gioco a distanza 17. Tale sistema si è sviluppato sulla base di alcuni principi cardine che, peraltro, si sono dovuti applicare ad un sistema regolamentare e concessorio molto articolato e complesso. Si è così resa necessaria una notevole opera di armonizzazione, soprattutto rispetto a situazioni pregresse, riguardanti i regimi concessori di alcuni giochi ed i connessi diritti acquisiti dai concessionari. Il gioco a distanza italiano presenta le seguenti caratteristiche. 3.1 Autorizzazione dell esercizio del gioco esclusivamente ai titolari di concessione rilasciata da AAMS In Italia, il gioco a distanza (come, peraltro, il gioco in generale), è subordinato alla titolarità di una concessione regolarmente assegnata da AAMS. L acquisizione della concessione è consentita a tutti i soggetti in possesso dei requisiti minimi stabiliti dalle norme (e dai bandi di gara), con pari diritto e indipendentemente dalla nazionalità di appartenenza. E invece esclusa la raccolta transfrontaliera del gioco da parte di soggetti che non dispongono di concessione rilasciata da AAMS. Lo Stato italiano contrasta, infatti, l offerta transfrontaliera irregolare di gioco tramite siti Internet esteri, da parte di operatori che non dispongono di concessione rilasciata da AAMS, obbligando i fornitori di servizi di rete ( internet service provider ) al c.d. oscuramento dei siti esteri di gioco Non tutti i principi che definiscono tale modello sono specifici del solo gioco a distanza. Alcuni di essi riguardano in modo generale il gioco con vincita in denaro, indipendentemente dal canale e dalla modalità di distribuzione. Al fine di fornire al lettore un quadro organico sono qui illustrati unitariamente sia i principi a carattere generale sia quelli specifici del gioco a distanza. 18 Al riguardo si evidenzia che AAMS, per far fronte al fenomeno, dando attuazione alla normativa contenuta nella legge n. 266/05 (legge finanziaria per l anno 2006), aveva adottato, nel gennaio 2006, un decreto di rimozione dei casi di offerta di gioco attraverso la rete telematica, in assenza di autorizzazione. Tale decreto imponeva ai fornitori di servizi di rete ( internet service provider ) di inibire ai propri utenti sul territorio italiano l accesso ai siti degli operatori non autorizzati riportati in apposito elenco predisposto da AAMS. La Commissione Europea Direzione Generale per il Mercato interno - aprì una procedura di infrazione nei confronti del predetto provvedimento, evidenziando la violazione dell obbligo di preventiva informazione a tutti i soggetti interessati nei Paesi membri, in base a quanto previsto dalla Direttiva comunitaria n. 8948CE. Trattandosi quindi di violazione meramente procedurale, alla fine del 2006, veniva data preliminare informazione del futuro inserimento 71

20 Tale esclusione, come rilevato anche in ambito comunitario 19, pur costituendo una limitazione della libera circolazione dei servizi prevista dall art. 49 del Trattato CE, è tuttavia ammissibile 20 quando sia necessaria per la tutela dell ordine pubblico e, quindi, costituisca una misura volta alla prevenzione delle attività criminali e fraudolente, purché siano rispettati i principi di necessità, di proporzionalità e di non-discriminazione. Sulla questione del c.d. oscuramento si rimanda al capitolo. 3.2 Estensione del gioco con partecipazione a distanza a tutto il portafoglio dei giochi di AAMS I giochi autorizzati dalla legge italiana vengono offerti sia attraverso la rete di distribuzione fisica sia attraverso la rete di distribuzione a distanza, salvo il caso in cui le caratteristiche intrinseche del gioco stesso precludano l utilizzo di uno di tali canali 21. Come già rilevato in precedenza, con l articolo 11-quinquiesdecies del decreto-legge 30 settembre 2005, n. 203, convertito con modificazioni ed integrazioni dalla legge 2 dicembre 2005, n. 248, il legislatore ha disposto l introduzione della modalità di distribuzione a distanza per la generalità dei giochi del portafoglio di AAMS e, a seguito ed in attuazione di tale norma primaria, sono stati adottati i provvedimenti che disciplinano il gioco a distanza per le lotterie telematiche e per il bingo. Inoltre, è imminente la disciplina del gioco a distanza per i concorsi pronostici, per le scommesse a totalizzatore e per la c.d. ippica nazionale. Infine, è attesa la disciplina del gioco a distanza per i giochi numerici a totalizzatore nazionale ( Superenalotto ) e per i giochi numerici a quota fissa ( Lotto ). nella legge finanziaria per l anno 2007, di una normativa identica a quella contestata nonchè dell abrogazione della norma contestata stessa contenuta nella legge finanziaria per l anno 2006; inoltre, veniva data comunicazione della futura emanazione di un provvedimento di AAMS (adottato il 2 gennaio 2007) per il ripristino dell oscuramento dell anno precedente, negli stessi termini previsti in precedenza. 19 Corte di Giustizia 21 ottobre 1999, causa C 67/98 Zennatti; 20 La Corte di Giustizia europea aggiunge (cfr. sentenza Zenatti cit.) che non spetta alla Corte stessa ma bensì alla Magistratura nazionale stabilire se il regime concessorio adottato da un Paese della UE abbia effettivamente l obiettivo della prevenzione delle attività criminali e fraudolente. Si osserva che la sostenibilità dell esistenza di condizioni che legittimano la permanenza di regimi concessori nell ambito della UE, quale misura di prevenzione della attività criminali e fraudolente, potrebbe mutare nel tempo, in relazione ai cambiamenti del contesto UE. 21 Quale eccezione alla suddetta regola non è prevista, almeno per il momento, l introduzione delle slot machine con partecipazione a distanza. Peraltro le lotterie telematiche possono costituire un prodotto in parte alternativo alle slot stesse, considerata la flessibilità consentita della grafica e dell animazione e anche tenuto conto che esse, come le slot, restituiscono in vincite al giocatore la quota prestabilita della raccolta entro un ciclo pari ad un numero predefinito di giocate. 72

IL DIRETTORE. VISTO il decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, e successive modificazioni;

IL DIRETTORE. VISTO il decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, e successive modificazioni; Prot. n. 4084 AGENZIA DELLE DOGANE E DEI MONOPOLI IL DIRETTORE VISTO il decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, e successive modificazioni; VISTO l articolo 12, comma 1, lettera m), del decreto-legge

Dettagli

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI Tratto dalla rivista IPSOA Pratica Fiscale e Professionale n. 8 del 25 febbraio 2008 A cura di Marco Peirolo Gruppo di studio Eutekne L

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015 CIRCOLARE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 11 maggio 2015 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi pubblici relativi alle politiche attive del lavoro e alla formazione professionale

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO RISOLUZIONE N. 42/E Direzione Centrale Normativa Roma, 27 aprile 2012 OGGETTO: Interpello (art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212) - Chiarimenti in merito alla qualificazione giuridica delle operazioni

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Vista la legge 23 dicembre 1996, n. 662 e, in particolare, l articolo 2, comma 100, lettera a), che ha istituito il Fondo di garanzia per le piccole e medie imprese;

Dettagli

Agenzia delle Dogane e dei Monopoli

Agenzia delle Dogane e dei Monopoli Prot. R.U. 20990 IL DIRETTORE DELL AGENZIA Visto il Regolamento generale delle lotterie nazionali approvato con Decreto del Presidente della Repubblica 20 novembre 1948, n.1677 e successive modificazioni;

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente"

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente LEGGE 27 LUGLIO, N.212 "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 177 del 31 luglio 2000 Art. 1. (Princìpi generali) 1. Le disposizioni della

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Protocollo n. 195080/2008 Approvazione del formulario contenente i dati degli investimenti in attività di ricerca e sviluppo ammissibili al credito d imposta di cui all articolo 1, commi da 280 a 283,

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Codice identificativo n. [numero progressivo da sistema] CONTRATTO per il riconoscimento degli incentivi per

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali?

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali? Domanda: Risposta (a cura di Maurizio Santoloci): Oggi un impresa edile che trasporta in proprio i rifiuti non pericolosi con proprio mezzo al contrario di quanto accadeva nella previdente disciplina deve

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE IL DIRETTORE GENERALE VISTO il decreto del Ministro dello sviluppo economico, di concerto con il Ministro dell economia

Dettagli

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego La riforma Brunetta, introdotta dal D.Lgs. 150/09, ha modificato profondamente il sistema disciplinare nel pubblico impiego, intervenendo

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 febbraio 2015 OGGETTO: IVA. Ambito soggettivo di applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti Articolo 1, comma 629, lettera b), della

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 12 febbraio 2014 OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia;

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia; DECRETO LEGISLATIVO RECANTE ULTERIORI DISPOSIZIONI DI ATTUAZIONE DELLA DELEGA DI CUI ALL ARTICOLO 33, COMMA 1, LETTERA E), DELLA LEGGE 7 LUGLIO 2009, N. 88 Visti gli articoli 76 e 87 della Costituzione;

Dettagli

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici?

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quali regolamenti si applicano per gli appalti sopra soglia? Il decreto legislativo n. 163 del 12 aprile 2006, Codice dei

Dettagli

Pubblicata in G.U. n. 265 del 13.11.2012

Pubblicata in G.U. n. 265 del 13.11.2012 Ministero delle Infrastrutture e dei trasporti DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE, GLI AFFARI GENERALI ED IL PERSONALE Direzione Generale per la regolazione e dei contratti pubblici Circolare prot. n.

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE E LA PROMOZIONE DEGLI SCAMBI IL DIRETTORE GENERALE Visto l articolo 30 del Decreto Legge 12 settembre 2014,

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1 Pagina 1 di 8 REGOLAMENTO SULL USO DI INTERNET E DELLA POSTA ELETTRONICA MESSO A DISPOSIZONE DEI DIPENDENTI PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI D UFFICIO () Approvato con deliberazione del Consiglio di Istituto

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Circolare N. 21 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 18 marzo 2011 LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del DM 10 febbraio 2011, trovano piena attuazione

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO.

DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO. 5 del consiglio di Amministrazione 242 Allegato A DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO. Art. 1 Oggetto

Dettagli

CONTRIBUTO AGLI AUTOTRASPORTATORI PER L ACQUISTO DI VEICOLI NUOVI

CONTRIBUTO AGLI AUTOTRASPORTATORI PER L ACQUISTO DI VEICOLI NUOVI CONTRIBUTO AGLI AUTOTRASPORTATORI PER L ACQUISTO DI VEICOLI NUOVI Art. 1, comma 89, Legge n. 147/2013 DM n. 307/2014 Circolare MIT 22.9.2014, n. 18358 Modena, 07 ottobre 2014 La Finanziaria 2014 ha previsto

Dettagli

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*)

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) «Rinvio pregiudiziale Articolo 99 del regolamento di procedura della Corte Politica sociale Direttiva 1999/70/CE Clausola 5 dell accordo quadro

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto

IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto La questione inerente il rinnovo dei contratti pubblici è una questione piuttosto complessa e, in parte, anche controversa, soprattutto all esito dell

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06 PROCEDURA APERTA, AI SENSI DELL ART. 124 DEL D.LGS. 163/2006 E DELL ART. 326 DEL DPR 207/2010, PER L AFFIDAMENTO QUADRIENNALE DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO. CIG: 30590339E1 DICHIARAZIONE

Dettagli

Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24

Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24 A cura di Raffaella Pompei, dottore commercialista, funzionario dell Ufficio fiscale Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24 Il Decreto Renzi ha ampliato i casi in cui è necessario

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato A alla delibera n. 129/15/CONS REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

Aviva Top Valor Contratto di Assicurazione a Vita Intera a Premio Unico a Prestazioni Rivalutabili

Aviva Top Valor Contratto di Assicurazione a Vita Intera a Premio Unico a Prestazioni Rivalutabili Aviva Top Valor Contratto di Assicurazione a Vita Intera a Premio Unico a Prestazioni Rivalutabili IL PRESENTE FASCICOLO INFORMATIVO CONTENENTE: Scheda Sintetica; Nota Informativa; Condizioni di Assicurazione

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali CIRCOLARE N. 36/2013 Roma, 6 settembre 2013 Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Direzione generale per l Attività Ispettiva Prot. 37/0015563 Agli indirizzi in allegato Oggetto: art. 31 del D.L.

Dettagli

PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE

PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 41 DEL 5 SETTEMBRE 2006 1 PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE REGOLAMENTI DELLA GIUNTA REGIONALE REGOLAMENTO N. 2 del 31 luglio 2006 Regolamento per l accesso

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI 28 luglio 2014 Sommario 1 Cos è la certificazione dei crediti... 3 1.1 Quali crediti possono essere certificati... 3 1.2 A quali amministrazioni o

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea straordinaria, recante: Attribuzione al Consiglio di Amministrazione

Dettagli

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI AVVISO PUBBLICO PER L USO TEMPORANEO E SUPERFICIARIO DI UN AREA PUBBLICA SITA NEL PZ9 POLIGONO DEL GENIO Vista: IL DIRIGENTE la presenza

Dettagli

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE Deliberazione del 15 luglio 2010, modificata ed integrata con deliberazione del 7 maggio 2014 (Testo consolidato) 1. Regolamento sulle procedure relative all

Dettagli

Termini e Condizioni di Prenotazione Valide da Aprile 2015

Termini e Condizioni di Prenotazione Valide da Aprile 2015 Termini e Condizioni di Prenotazione Valide da Aprile 2015 1 CONDIZIONI GENERALI DI NOLEGGIO Termini e Condizioni di Prenotazione I servizi di noleggio di veicoli Europcar in Italia sono erogati da Europcar

Dettagli

INPS - Messaggio 12 febbraio 2015, n. 1094

INPS - Messaggio 12 febbraio 2015, n. 1094 INPS - Messaggio 12 febbraio 2015, n. 1094 Decreto n. 85708 del 24 ottobre 2014 del Ministro del lavoro e delle politiche sociali di concerto con il Ministro dell'economia e delle finanze per il prolungamento

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 dicembre 2006 OGGETTO: IVA Applicazione del sistema del reverse-charge nel settore dell edilizia. Articolo 1, comma 44, della legge

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

Adotta il seguente regolamento:

Adotta il seguente regolamento: REGOLAMENTO RECANTE MODIFICAZIONI AL DECRETO DEL MINISTRO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE 19 GIUGNO 2003, n. 179 RECANTE NORME CONCERNENTI I CONCORSI PRONOSTICI SU BASE SPORTIVA, AI SENSI DELL ARTICOLO 16

Dettagli

Documento. 10 Novembre 2011

Documento. 10 Novembre 2011 Documento 10 Novembre 2011 Rimborso della Tassa di concessione governativa sull utilizzo dei telefoni cellulari: un quadro d insieme delle interpretazioni in essere e sulle possibili soluzioni operative

Dettagli

CIRCOLARE N. 2/DF. Ai Comuni

CIRCOLARE N. 2/DF. Ai Comuni CIRCOLARE N. 2/DF MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DIPARTIMENTO DELLE FINANZE Roma, 11 maggio 2010 DIREZIONE FEDERALISMO FISCALE PROT. 10968/2010 Ai Comuni Alle Regioni Friuli-Venezia Giulia e Valle

Dettagli

Regolamento del Concorso a premi Con Penny vinci 20 Toyota Ai sensi dell art. 11 del Decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 2001 n 430.

Regolamento del Concorso a premi Con Penny vinci 20 Toyota Ai sensi dell art. 11 del Decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 2001 n 430. Regolamento del Concorso a premi Con Penny vinci 20 Toyota Ai sensi dell art. 11 del Decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 2001 n 430. Ditta Promotrice Billa Aktiengesellschaft sede secondaria

Dettagli

Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici

Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Visto l art. 5, comma 2, lettere b), e) ed f), della legge 23 agosto 1988, n. 400; Ritenuta

Dettagli

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali 121 TITOLO III - DELL ATTIVITÀ SINDACALE ART. Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali Rappresentanze sindacali aziendali possono essere costituite ad iniziativa dei lavoratori in ogni unità

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Modifiche alla disciplina dell IRAP Legge di Stabilità 2015 2 INDICE Premessa... 3 1) Imprese operanti in concessione e a tariffa...

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo ALL. 1) Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo 1. Sono eleggibili a sindaco, presidente della provincia, consigliere comunale, provinciale e circoscrizionale gli elettori di un qualsiasi

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico VISTO il Decreto Legge 12 settembre 2014, n. 133 convertito con modificazioni dalla Legge 11 novembre 2014, n. 164 recante Misure urgenti per l'apertura dei cantieri, la realizzazione delle opere pubbliche,

Dettagli

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Programma di Compliance Antitrust Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 19 febbraio 2015 Rev 0 del 19 febbraio

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE Circolare 10 febbraio 2014, n. 4567 Termini e modalità di presentazione delle domande per la concessione e l erogazione

Dettagli

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Ordinativo informatico locale - Revisione e normalizzazione del protocollo sulle regole tecniche ed obbligatorietà dell utilizzo nei servizi di tesoreria PREMESSA L

Dettagli

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI ART. 1 Campo di applicazione e definizioni 1. Il presente regolamento

Dettagli

NORME E CONDIZIONI DEL SERVIZIO TELEPASS PYNG

NORME E CONDIZIONI DEL SERVIZIO TELEPASS PYNG NORME E CONDIZIONI DEL SERVIZIO TELEPASS PYNG Premessa TELEPASS S.p.A. Società per Azioni, soggetta all attività di direzione e coordinamento di Autostrade per l Italia S.p.A., con sede legale in Roma,

Dettagli

Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa

Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa A cura della Dott.ssa Stefania Pallotta L art. 5 della legge n. 24 novembre 1981, n. 689

Dettagli

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Introduzione Le Societá tra Professionisti, introdotte dalla legge 183/2010, sono una delle novitá

Dettagli

Il Ministro del Lavoro e della Previdenza Sociale

Il Ministro del Lavoro e della Previdenza Sociale Visto l articolo 2120 del codice civile; Visto l articolo 3 della legge 29 maggio 1982, n. 297; Visto il decreto legislativo 5 dicembre 2005, n. 252; Visto l articolo 1, comma 755, della legge 27 dicembre

Dettagli

CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014. Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti. OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014

CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014. Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti. OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014 CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014 Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014 2 INDICE PREMESSA 1. ADEMPIMENTI 1.1 Enti del volontariato 1.2

Dettagli

SCIA valida anche ai fini dell art. 86 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, approvato con R.D. 18/6/1931, n. 773.

SCIA valida anche ai fini dell art. 86 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, approvato con R.D. 18/6/1931, n. 773. Modulo di segnalazione certificata di inizio attività per la somministrazione di alimenti e bevande all' interno dei circoli privati da presentare in carta libera Spazio per apporre il timbro di protocollo

Dettagli

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari Circ.-CFB 98/2 Commerciante di valori mobiliari Pagina 1 Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari (Commerciante di valori mobiliari)

Dettagli

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 (CIG ) (CPV ) Io sottoscritto... nato a... il...... nella mia

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015

REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015 REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015 REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELLA BANCA DATI ATTESTATI DI RISCHIO E DELL ATTESTAZIONE SULLO STATO DEL RISCHIO DI CUI ALL ART. 134 DEL DECRETO LEGISLATIVO 7 SETTEMBRE

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Codice di Comportamento Genesi Uno Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Caro Collaboratore, vorrei sollecitare la tua attenzione sulle linee guida ed i valori di integrità e trasparenza che

Dettagli

ACCORDO DI LICENZA GRATUITA PER L'UTILIZZO DI SISTEMA GESTIONALE E/O APPLICAZIONE SMARTPHONE/TABLET

ACCORDO DI LICENZA GRATUITA PER L'UTILIZZO DI SISTEMA GESTIONALE E/O APPLICAZIONE SMARTPHONE/TABLET ACCORDO DI LICENZA GRATUITA PER L'UTILIZZO DI SISTEMA GESTIONALE E/O APPLICAZIONE SMARTPHONE/TABLET Il presente Accordo è posto in essere tra: Maiora Labs S.r.l. ( Maiora ), in persona del legale rappresentante

Dettagli

SEZIONE I - DISPOSIZIONI GENERALI. 1 di 5

SEZIONE I - DISPOSIZIONI GENERALI. 1 di 5 CONTRATTO QUADRO PER LO SVOLGIMENTO DEI SERVIZI DI PAGAMENTO A VALERE SUL CONTO CORRENTE (Contratto per persone fisiche che agiscono per scopi estranei all attività imprenditoriale o professionale) Mod.

Dettagli

DICHIARAZIONE DI CUI ALL'ART. 14.2 DELLA LETTERA D'INVITO

DICHIARAZIONE DI CUI ALL'ART. 14.2 DELLA LETTERA D'INVITO Modello B Comune di Saluzzo Via Macallè, 9 12037 SALUZZO PROCEDURA NEGOZIATA PER L AFFIDAMENTO DELLA POLIZZA DI ASSICURAZIONE A FAVORE DEL COMUNE DI SALUZZO RELATIVA A INCENDIO E ALTRI EVENTI, FURTO E

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

Regolamento di Accesso agli atti amministrativi

Regolamento di Accesso agli atti amministrativi ISTITUTO COMPRENSIVO DANTE ALIGHIERI 20027 RESCALDINA (Milano) Via Matteotti, 2 - (0331) 57.61.34 - Fax (0331) 57.91.63 - E-MAIL ic.alighieri@libero.it - Sito Web : www.alighierirescaldina.it Regolamento

Dettagli

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O AUTODICHIARAZIONE Oggetto: Appalto n. FNN2012/0003

Dettagli

Analisi della comunicazione del gioco nella sua evoluzione

Analisi della comunicazione del gioco nella sua evoluzione Nel nostro Paese il gioco ha sempre avuto radici profonde - Caratteristiche degli italiani in genere - Fattori difficilmente riconducibili a valutazioni precise (dal momento che propensione al guadagno

Dettagli

Chiarimenti in materia di rilascio di garanzie

Chiarimenti in materia di rilascio di garanzie Chiarimenti in materia di rilascio di garanzie L andamento del ciclo economico e le numerose norme che, a vario titolo, richiedono la presentazione di garanzie a supporto di obbligazioni assunte hanno

Dettagli

A A GUIDA ALL INTERPELLO WWW.AGENZIAENTRATE.IT

A A GUIDA ALL INTERPELLO WWW.AGENZIAENTRATE.IT L A G E N Z I A I N F O R M A A A DELLE ENTRATE AGENZIA GENZI DELLE ENTRATE Progetto grafico: FULVIO RONCHI UFFICIO RELAZIONI ESTERNE GUIDA ALL INTERPELLO COME OTTENERE DALL AGENZIA DELLE ENTRATE LA RISPOSTA

Dettagli

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO AVVERTENZE PER LA REDAZIONE 1. La bozza di contratto proposta è da utilizzare come linea guida, potrà essere integrata e/o ridotta in funzione alle specifiche necessità.

Dettagli

Regolamento del Club IoSi creato da CartaSi SpA con Sede Legale in Milano, Corso Sempione 55 (qui di seguito CartaSi ).

Regolamento del Club IoSi creato da CartaSi SpA con Sede Legale in Milano, Corso Sempione 55 (qui di seguito CartaSi ). Regolamento del Club IoSi creato da CartaSi SpA con Sede Legale in Milano, Corso Sempione 55 (qui di seguito CartaSi ). 1 ADESIONE A IOSI 1.1 Possono aderire al Club IoSi (qui di seguito IoSi ) tutti i

Dettagli

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI eprice s.r.l. con Socio Unico (di seguito denominata "SITONLINE") con sede legale in Milano, via degli Olivetani 10/12, 20123 - Italia, Codice Fiscale e Partita I.V.A

Dettagli

Su gentile concessione di D&L - Rivista Critica di Diritto del Lavoro. Le riforme del contratto a termine: non solo Legge Fornero.

Su gentile concessione di D&L - Rivista Critica di Diritto del Lavoro. Le riforme del contratto a termine: non solo Legge Fornero. Le riforme del contratto a termine: non solo Legge Fornero Milano, 31/1/13 1. Premessa - 2. L art. 32 L. 183/10-3. La riforma Fornero - L art. 28 DL 179/12. 1. Premessa Il contratto a termine detiene un

Dettagli

CIRCOLARE N. 23/E. OGGETTO: Ravvedimento Articolo 13, comma 1, lettera a-bis), del decreto legislativo 18 dicembre 1997, n. 472 Chiarimenti.

CIRCOLARE N. 23/E. OGGETTO: Ravvedimento Articolo 13, comma 1, lettera a-bis), del decreto legislativo 18 dicembre 1997, n. 472 Chiarimenti. CIRCOLARE N. 23/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Ravvedimento Articolo 13, comma 1, lettera a-bis), del decreto legislativo 18 dicembre 1997, n. 472 Chiarimenti. La legge di

Dettagli