COMUNE DI PIANORO SOSTENIBILITÀ PROGRAMMA DETTAGLIATO ABBINATO ALLA LISTA MOVIMENTO 5 STELLE ELEZIONI AMMINISTRATIVE 25 MAGGIO 2014 TRASPARENZA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE DI PIANORO SOSTENIBILITÀ PROGRAMMA DETTAGLIATO ABBINATO ALLA LISTA MOVIMENTO 5 STELLE ELEZIONI AMMINISTRATIVE 25 MAGGIO 2014 TRASPARENZA"

Transcript

1 COMUNE DI PIANORO PROGRAMMA DETTAGLIATO ABBINATO ALLA LISTA MOVIMENTO 5 STELLE ELEZIONI AMMINISTRATIVE 25 MAGGIO 2014 RIFIUTI ENERGIA TRASPARENZA MOBILITÀ TERRITORIO CULTURA EDUCAZIONE SCUOLA PARTECIPAZIONE SOSTENIBILITÀ

2 PREMESSA Questo programma è il risultato di un lavoro congiunto di cittadini che intendono partecipare in modo propositivo alla GESTIONE ETICA DELLA COSA PUBBLICA con particolare riguardo alla Trasparenza, alla Partecipazione ed alla Sostenibilità. Poniamo la nostra attenzione verso un idea di società solidale nei comportamenti e di un amministrazione in grado di adottare e promuovere comportamenti virtuosi, partecipazione, formazione e coinvolgimento dei cittadini verso un cambiamento possibile ed ormai doveroso nonché necessario in termini storici - culturali - civili ed ambientali. Riteniamo di voler indicare di seguito delle tematiche importanti che delineano l azione di governo che vorremmo intraprendere, ma lasciamo questo programma aperto alla partecipazione di tutti; desideriamo promuovere anche a Pianoro quel dialogo e quella partecipazione democratica che il MoVimento 5 Stelle sta sviluppando a livello Nazionale. Ri-programmando la quotidianità del nostro comune con atteggiamenti propositivi trasparenti competenti e partecipati. Il programma è stato votato liberamente da un assemblea di cittadini attivi che ne hanno costruito la struttura e delineato i punti chiave per stilarne una soluzione definitiva votata all unanimità. L impegno che i candidati del Movimento 5 Stelle di Pianoro prendono nei confronti dei cittadini Pianoresi è quello di rinnovare l'amministrazione comunale apportando vantaggi a favore di tutta la comunità Pianoro, Venerdì 25 Aprile 2014 Matteo Gatti Candidato Sindaco Elezioni Amministrative 2014 PROGRAMMA'ELETTORALE'+'pag.'2'di'12

3 1- AMMINISTRAZIONE PUBBLICA TRASPARENZA - per svilupparla intendiamo: Potenziare il sito internet comunale per una completa informazione al cittadino, prevedendo anche la diretta web con telecamere dinamiche del Consiglio Comunale Miglioramento della comunicazione preventiva delle azioni intraprese dall Amministrazione Puntuale e costante rendicontazione e pubblicizzazione delle attività svolte e dei risultati ottenuti Pubblicazione dei contratti di appalto Pubblicizzazione periodica comprensibile e diffusa delle spese comunali per affidamenti post-gara e per le forniture assegnate a trattativa privata, anche per importi modesti, con introduzione del principio di rotazione nell affidamento dei servizi Il Movimento nell ambito del proprio programma di governo intende contrastare la diffusione del gioco d azzardo, incentivando tutti gli esercizi che non installano le slot machine Creazione della Casa della Legalità per la sensibilizzazione al problema delle infiltrazioni mafiose ed il censimento dei beni sequestrati alla mafia, creazione di una rete con i Comuni limitrofi per la condivisione dei dati e la creazione di progetti integrati in materia di criminalità organizzata e reati mafiosi OTTIMIZZAZIONE DELLA MACCHINA COMUNALE - Riguardo questo punto i nostri obiettivi sono: Aumentare il livello generale di competenza, di efficacia e di efficienza del personale, dell'amministrazione nel suo insieme e dei singoli servizi offerti ai cittadini Qualificare e far crescere le professionalità di tutto il personale, ciò privilegiando le professionalità interne rispetto ai consulenti esterni nell'assegnazione dei nuovi incarichi che saranno necessari per il conseguimento degli obbiettivi del nostro programma; le consulenze saranno impiegate solo per l'approfondimento ed il supporto tecnico su temi specialistici e dovranno avere una incidenza economica particolarmente contenuta. Promuovere comportamenti virtuosi di tutta la popolazione residente, compresi i dipendenti dell'amministrazione. Sostituire gradualmente i mezzi comunali con versioni eco-sostenibili. Aumentare l'efficienza di tutto l apparato amministrativo-burocratico grazie a gruppi di lavoro che definiscano procedure più rapide e più efficaci, più attente alla riduzione dei consumi energetici e dei costi. PROGRAMMA'ELETTORALE'+'pag.'3'di'12

4 Riqualificare i luoghi di lavoro pubblici. Nell ambito previsto dalla Finanziaria 2010, eliminare la figura del Direttore Generale e re-distribuire i relativi compiti, nel rispetto della parità di accesso prevista da leggi e regolamenti vigenti PARTECIPAZIONE MOVIMENTO 5 STELLE - Pianoro Sviluppare il coinvolgimento del singolo cittadino affinché diventi parte attiva ed informata del processo decisionale e partecipi alla definizione ed al raggiungimento degli obbiettivi concordati Istituire i referendum consultivi, in particolare sui temi di forte impatto finanziario, sociale e territoriale, con eccezione delle materie inammissibili per legge, ovvero quelle che riguardano i tributi ed il bilancio. Riprogettare il sito on-line del Comune, rendendolo sì più gradevole e funzionale ma soprattutto introducendo una sezione per i sondaggi on-line. Istituire il Bilancio Partecipato, ovvero destinare a priori una quota del bilancio previsionale a ciascuna frazione, ciò in proporzione al numero di abitanti; saranno gli stessi cittadini, direttamante o tramite le consulte, a decidere gli interventi da farsi con tale denaro, le priorità ed a controllare che i lavori siano eseguiti come da loro richiesti 2- IL RIFIUTO COME VALORE In Materia di Rifiuti vogliamo Indirizzarci verso una gestione che ne massimizzi la differenziazione e di conseguenza la valorizzazione, ciò al fine di ridurre la tassazione a carico del singolo nucleo famigliare. Impegnarci a creare circuiti virtuosi nei quali il cittadino, come singolo ma anche come comunità, trovi un reale beneficio a differenziare i propri rifiuti. Sottolineare che tale scelta è obbligata, oltre che per i suoi risvolti economici e per la sua valenza etica ecologica, anche in quanto la legislazione europea imponeva il 65% di differenziata come obbiettivo al 31/12/2012 e che il mancato rispetto di tale obbiettivo potrà comportare pesanti sanzioni pecuniarie. Informare che la Raccolta Porta a Porta spinta, nell'ambito di un programma Rifiuti Zero e con un forte coinvolgimento della popolazione, ha già ampiamente dimostrato che permette di conseguire sia una elevata riduzione dei rifiuti indifferenziati che una altettanto elevata percentuale di rifiuti differenziati vendibili nel mercato delle materie prime secondarie, con importanti risultati nella riduzione dei costi di raccolta e smaltimento. Giungere alla gestione locale della raccolta e della lavorazione dei rifiuti differenziati, così da poter migliorare al massimo il servizio e di ridurre al minimo i costi di raccolta e di differenziazione, nonché spuntare il miglior prezzo nella vendita dei rifiuti differenziati. PROGRAMMA'ELETTORALE'+'pag.'4'di'12

5 Adottare i sistemi più adeguati a raggiungere i migliori risultati nella gestione dei rifiuti con i minori costi (raccolta porta a porta, dissipatori domestici, raccolta separata degli olii esausti, etc.), ciò anche con l obiettivo di creare posti di lavoro attraverso la selezione dei rifiuti in loco. Formare i cittadini alla valorizzazione del rifiuto sviluppando progetti educativi e di assistenza che coinvolgano tutte le fascie di età, dai giovani all'intenro delle scuole fino agli anziani, ciò con il coinvolgimento delle associazioni del territorio con bandi a progetto. Asseganere buoni sconto, da spendere presso aziende del territorio, per premiare comportamenti virtuosi di cittadini, imprese, associazioni e, in pratica, di tutte le realtà del territorio, cercando di coinvolgere anche i bambini. Sperimentare un sito comunale per il compostaggio nonché la diffusione di compostiere di quartiere o di condominio. MOVIMENTO 5 STELLE - Pianoro Sviluppare progetti per il recupero di alimenti umidi per ricavarne prodotti da utilizzare in diversi ambiti, ad esempio in agricolutura, per l'imballaggio, la produzione di carta etc etc. 3- TERRITORIO ED URBANISTICA Piano ha una estensione di circa 100 km quadrati, per il suo territorio desideriamo: Adottare i criteri della decrescita, quindi il recupero funzionale degli immobili, la loro valorizzazione ed il loro efficientamento energetico; vogliamo conservare e valorizzare il costruito a scapito dell'edificazione di nuovi edifici che comporterebbe consumo di suolo Incentivare il cittadino alla programmazione di interventi di recupero degli spazi esistenti favorendo i risparmio energetico, il benessere e l'impiego di materiali eco-sostenibili e di tecnologie costruttive innovative Evidenziare che la qualità che crea risparmio nel tempo è un valore da ricercare e da valorizzare nell ambito del territorio comunale Cercare reti di imprese virtuose a cui assegnare il processo di recupero ambientale Conservare il patrimonio storico e paesaggistico attraverso strumenti normativi semplici, sgravati della solita burocrazia, che semplificano la comprensione degli obiettivi e delle delibere; stilare atti di orientamento adeguatamente predisposti a spiegare le interpretazioni del Comune circa la vastissima giurisprudenza vigente, ciò in maniera tanto chiara da permetterne la comprensione e l'applicazione anche da parte dei singoli cittadini Digitalizzare in forma definitiva ed in maniera integrata dell archivio storico dell Ufficio Tecnico ai fini della creazione di un sito di settore funzionale all attività del Comune, del Professionista e del Cittadino in maniera integrata PROGRAMMA'ELETTORALE'+'pag.'5'di'12

6 Creare un tavolo d incontro tecnico fra Amministrazione ed operatori del settore per il miglioramento del servizio di gestione del territorio da parte dell utenza Creare incentivi via via crescenti in funzione del livello di sostenibilità e di incremento del benessere apportati dagli interventi di riqualificazione ambientale ed energetica.delle abitazioni Implementare la produzione di energia da fonti rinnovabili negli edifici pubblici oltreché del loro efficientamento anche in termini di fruibilità dei locali Promuovere e facilitare iniziative di co-abitazione (co-housing) Estendere le piste ciclabili e riqualificare il Lungo Savena. Fare sì che le aree attrezzate ed i percorsi lungo il fiume siano accessibili anche a persone con impedita o ridotta capacità motoria. Progettare interventi che valorizzino al massimo le sponde del fiume nei mesi estivi Installare in ogni singola frazione una sorgente urbana che distribuisca acqua refrigerata naturale gratuita e gasata a pagamento In collaborazione con imprese locali, promuovere incontri di formazione continua al fine di migliorare la conoscenza delle nuove tecnologie, nonché per promuovere il dialogo e la concertazione sulle scelte d ambito da promuovere sul territorio nel comune interesse Adottare il risultato del processo di armonizzazione delle normative interne avviato dalla regione Emilia Romagna, ciò interagendo con i Comuni limitrofi sulle tematiche di interesse comune Promuovere attività di pulizia del letto del Savena affinché vengano asportati frequentemente i tronchi d'albero ed i rami che si trovano spesso nell'alveo del fiume; ciò per prevenire intasamenti nelle arcate dei ponti che limitano i deflussi delle acque e sono causa di esondazioni Ripristinare il diritto d uso legnatico per il prelievo famigliare di legna da ardere lungo determinate aree lungo il fiume Fare pressioni su Hera per un più frequente controllo dello stato del collettore fognario che ha dato diversi problemi in occasione di nubifragi Mantenere attive e ben mantenute le fontane monumentali presenti nel territorio; a tal fine si creerà un tavolo di lavoro per trovare soluzioni che permettano di ridurre i costi conseguenti Ampliare le aree con fruibilità libera e gratuita del Wi-Fi Efficentare ed ampliare la produzione energetica pubblica puntando al minor costo ed al minor impatto ambientale Manutenere il territorio per sostenerne il decoro sia per il benessere dei suoi abitanti sia in funzione di uno sviluppo turistico MOVIMENTO 5 STELLE - Pianoro PROGRAMMA'ELETTORALE'+'pag.'6'di'12

7 4 - ASSOCIAZIONISMO - SPORT - CULTURA Valorizzare le oltre 50 associazioni presenti sul territorio promuovendo iniziative e sostenendo quelle attualmente in essere, promuovendo ed appoggiando un dialogo attivo su tematiche sociali che riteniamo di estrema importanza Tramite un concorso riservato ai giovani, creare un Portale ed una App per la promozione degli eventi sul territorio Recuperare i volumi edificati di proprietà comunale inutilizzati, o comunque sotto utilizzati, per renderli fruibili per utilità civiche e sociali, per incontri delle associazioni e per mostre temporanee (es. Loggia della Fornace) Rivedere i criteri di assegnazione dei fondi alle associazioni coinvolgendo anche le imprese Promuovere lo sviluppo del micro-credito sul nostro territorio in collaborazione con le associazioni Creare un Centro per il Baratto permanente Promuovere i Gruppi di Acquisto Solidale (GAS), fornendo sostegno e spazi all interno del territorio comunale, estendendoli a comitati di acquisto per beni e servizi non unicamente alimentari Creare una Banca del Tempo Ampliare l offerta e l orario d apertura della ludoteca di Pianoro. Introdurre il mercato Last Minute Market 5 - SALUTE Ripristinare la Guardia Medica a Pianoro Promuovere corsi di prevenzione primaria su alimentazione sana, attività fisica, etc Monitorare sistematicamente i vari tipi di inquinamento, specie nei punti nevralgici (es. Rastignano), pubblicandone i dati sul sito del Comune Aumentare la sensibilità dei Cittadini in merito alla legislazione vigente riguardo l eternit/amianto, ciò al fine di sollecitarne la bonifica anche nei contesti isolati Vietare la semina e la coltivazione di OGM, aderendo alla campagna ItaliaOgmFree promossa a livello nazionale dal Movimento 5 Stelle PROGRAMMA'ELETTORALE'+'pag.'7'di'12

8 6 - ASSISTENZA SOCIALE Estendere l'attività di supporto ai non abbienti con l'educazione ai comportamenti. Aumentare la vigilanza ed i controlli su quelle situazioni economiche che si sono normalizzate e che oggi privano terzi indigenti di usufruire dei servizi di aiuto pubblici. Riguardo alle case popolari, intendiamo rivedere i criteri di assegnazione, prevedere un'assegnazione temporanea della durata di 5 anni con il rinnovo subordinato alla permanenza dei requisiti, effettuare controlli sistematici sulla base di protocolli efficaci della veridicità delle dichiarazioni degli assegnatari, definire canoni di locazione differenziati a seconda delle situazioni economiche degli inquilini. Sviluppare una rete assistenziale/caritatevole che coinvolga le strutture ricettive, le mense e la ristorazione in genere, sviluppando procedure adeguate ad assistere le categorie disagiate. Creare una cooperativa di lavoro multi-servizi volta a dare lavoro alle fasce più deboli della popolazione, ciò al fine di ridurre il peso che grava sui Servizi Sociali e, nello stesso tempo, affrancare il maggior numero di nuclei famigliari da una situazione umiliante come quella di dover sopravvivere senza lavoro. 7 - ACCESSIBILITÀ Creare un'identità ben definita del territorio dal punto di vista turistico anche per persone con ridotta o impedita capacità motoria. Cooperare con i comuni limitrofi per la gestione dei due parchi naturali sul territorio: Parco dei Gessi Bolognesi e calanchi dell'abbadessa e, lungo il torrente Savena, la riserva del contrafforte Pliocenico Proporre un piano di marketing mix turistico per il territorio comunale da estendere ai comuni limitrofi e alle diverse Associazioni che vorranno sottoscrivere il nostro impegno di un turismo responsabile, sostenibile ed accessibile Aprire un tavolo di lavoro con Tper per aumentare le corse sul territorio nel periodo serale Creare un servizio di Piedibus notturno o almeno serale, soggetto a monitoraggio, per integrare e completare il servizio di Tper Revisionare la segnaletica ed i percorsi per favorire l accessibilità Promuovere corsi di formazione per il personale addetto all'informazione e all'accoglienza turistica Creare la "Lista delle professioni turistiche locali" PROGRAMMA'ELETTORALE'+'pag.'8'di'12

9 8 - MOBILITÀ E TRASPORTI Studiare ed implementare un Piano Urbano del Traffico (PUT) riguardante gli interventi realizzabili nel breve periodo (due anni) che andremo a rinnovare periodicamente alla scadenza attraverso studi aggiornati. Le finalità principali del PUT riguardano non solo la fluidificazione del traffico automobilistico ma, anche, il miglioramento radicale della sicurezza sia in ambito urbano che extraurbano, a partire da quella degli utenti deboli (pedoni, ciclisti, anziani, minusvalidi), nonché di garantire efficienza alle modalità di trasporto a minor impatto, di migliorare la qualità, e di conseguenza l attrattività, degli spazi pubblici, anche al di fuori dei consueti luoghi di centralità, ciò al fine di favorire la mobilità locale e la pedonalità In attesa della realizzazione di quello che oramai tristemente è noto come il "Nodo di Rastignano", attivare una discussione con i cittadini e le attività economiche interessate riguardo ad un progetto che, a basso costo, promette di ridurre l'inquinamento nel centro abitato Riorganizzare il trasporto pubblico per le scuole, utilizzando progetti di Piedi Bus o analoghi, al fine di razionalizzare le risorse ed ottimizzare i costi La SS 65 della Futa. Intendiamo promuovere manifestazioni a bassa velocità, limitare la velocità e contrastare i comportamenti pericolosi degli appassionati di moto, ciò senza voler limitare la loro autentica passione. E' necessario porre dei limiti per salvaguardare la vita dei piloti, dei passeggeri e degli altri utenti di questa bella strada, sopratutto intensificando i controlli nei periodi di maggior transito 9 - ECONOMIA E LAVORO Un tema oggi particolarmente scottante riguardo al quale desideriamo: Porre particolare attenzione alle attività economiche del territorio aiutandole a sopravvivere ed a svilupparsi nonostante la situazione di crisi. Per conseguire tale obbiettivo riteniamo importante valorizzare l'attività del SUAP promuovendo la concertazione con le realtà economiche locali, ciò al fine di sviluppare e sostenere aziende e posti di lavoro, ponendo particolare attenzione al comparto turistico ed eno-gastronomico Promuovere la nascita di una cooperativa multi-servizi che crei posti di lavoro, in particolare a favore degli inoccupati Incentivi alle aziende per l assunzione di cittadini Pianoresi disoccupati che saranno inseriti in apposito Albo dei Lavoratori presso il Comune Contributo in conto capitale ad imprese PMI che accendano un finanziamento per investimenti in macchinari o impianti produttivi PROGRAMMA'ELETTORALE'+'pag.'9'di'12

10 10 - SCUOLA I nostri figli sono il nostro futuro, per cui desideriamo: Intraprendere un percorso che porti nelle scuole tutti quei progetti della buona educazione che poi saranno applicati al governo del territorio Verificare lo stato di sicurezza degli edifici e, in caso, intervenire quanto prima alla loro messa a norma Istituire un Bonus per l'acquisto od il prestito di libri alle famiglie sulla base di una graduatoria di reddito e merito Creare una sorta di banca dei libri comunale dove si potranno chiedere in prestito per l'intera durata dell'anno scolastico libri e dizionari Sviluppare un progetto di orientamento "conosci te stesso" svolto da specialisti in appoggio alle maestre e a sostegno di scelte consapevoli per la prosecuzione degli studi e dell'inserimento lavorativo Ampliare l'orario di apertura della ludoteca Ri-calcolare gli importi per le singole fasce di contribuzione per il nido comunale EDUCAZIONE Dimostrare che per noi un futuro migliore non è uno spot ma un preciso impegno a coinvolgere nella crescita culturale tutte le fasce di età, dai più giovani ai più anziani.in particolare, per ogni età, desideriamo che vengano adottati gli strumenti più appropriati per incentivare la partecipazione civica le relazioni con gli altri per il conseguimento del bene comune Sviluppare un progetto di alfabetizzazione informatica ben curato a parte dalle scuole primarie Reintrodurre lo studio dell'educazione civica, attraverso bandi per creazione di progetti educativi specifici ed adattati alle diverse esigenze e fasce di età Creare corsi di educazione sessuale per i minori autorizzati dai genitori Sviluppare l'educazione tenendo in considerazione che le relazioni umane sono il primo passo verso una società più sostenibile Orti scolastici con autoconsumo in mensa: valori della terra, stagionalità dei prodotti, cura del territorio, impegno e dedizione alla cura degli orti e tanti altri valori utili PROGRAMMA'ELETTORALE'+'pag.'10'di'12

11 Inserire progetti di Zooantropologia Didattica che, attraverso protocolli di intesa fra gli organismi scolastici, l amministrazione ed i genitori, permettano agli allievi di approfondire temi educativi legati agli animali da compagnia, alla educazione civica etc MENSA Istituire corsi di educazione alla differenziazione dei rifiuti Riformulare i parametri della nostra FELICITA', andando oltre il PIL, cominciando ad istituire la misura del FIL, ovvero della Felicita' Interna Lorda Introdurre il pagamento dei soli pasti fruiti, con controllo mediante sistema elettronico Nell ambito del contratto di appalto in essere, introdurre dei miglioramenti nella gestione per avere più qualità o meno costi Programmare una maggiore quantità di controlli da parte del Comune, oltre a quelli eseguiti dal comitato mensa, sulla qualità dei cibi impiegati nella preparazione dei pasti Ridurre la retta per il secondo figlio e per i successivi nello stesso periodo di frequenza scolastica Puntare all'impatto Zero, ponendo la massima attenzione all'uso razionale dell'energia, alla cogenerazione, all'uso di materiali riciclabili, all'effettuazione della raccolta differenziata ed alla riduzione delle produzione di rifiuti solidi, liquidi e gassosi GIOVANI MOVIMENTO 5 STELLE - Pianoro Istituire un concorso riservato ai giovani per la creazione di una App per smartphone con il tema vivere Pianoro, ciò per raccogliere idee, opinioni e suggerimenti su quali siano le reali esigenze dei giovani Sviluppare un progetto per far loro conoscere il mondo del lavoro, in particolare quello delle attività economiche presenti sul territorio, ciò attraverso corsi e stage patrocinati dal Comune Implementare l'autogestione del centro giovani con ulteriori passi che mirino all'acquisizione di responsabilità e di esperienze, come ad esempio quella di saper realizzare attività culturali e musicali Avviare un progetto per il recupero del materiale informatico dismesso da enti, aziende, privati, e la sua riutilizzazione. Lo stesso sarà poi donato alle scuole del Comune o ad altre scuole della regione per aggiornare i propri laboratori informatici PROGRAMMA'ELETTORALE'+'pag.'11'di'12

12 11 - AMBIENTE - ENERGIA L'ambiente è il nostro habitat, dove dovranno vivere anche i nostri figli, nipoti e pronipoti ed è legato intimamente all energia; sono temi a cui teniamo molto e per i quali desideriamo: Sviluppare una politica molto più attenta al territorio ed alla sua salvaguardia promuovendo anche conferenze sui temi energetici ed ambientali, sull'uso dell acqua e sulla comunità e la sua transizione verso una diverso modo di vivere sul nostro pianeta Sviluppare strategie di insieme per incentivare le produzioni di energia da fonti rinnovabili, al fine di aumentare per quanto possibile la percentuale di indipendenza energetica del nostro territorio Porre particolare attenzione alla cura del territorio. Riguardo alla cura del Savena abbiamo già detto ma, visto che il nostro territorio è collinare, porremo particolare impegno anche alla salvaguardia ed al miglioramento della situazione idrogeologica dei terreni collinari. In particolare, attiveremo un tavolo di lavoro per studiare e realizzare tutti quegli interventi che potranno comportare costi sopportabili e nel contempo scongiurare danni gravi alla viabilità, danni che oltre a creare disservizi alla mobilità, sono sempre stati molto gravosi per il bilancio comunale Migliorare l equilibrio ambientale della vastissima area del Comune attraverso progetti per ristabilire flora e fauna in collaborazione con i centri coinvolti e le associazioni ambientaliste presenti nel nostro territorio Attivare una politica energetica volta sopratutto a sviluppare tutte le forme di risparmio andando ben oltre gli obbiettivi posti a Kyoto ed imposti dalla Comunità Europea Pianoro, 25 Aprile 2014 Pianoro a 5 Stelle Il Programma in Movimento PROGRAMMA'ELETTORALE'+'pag.'12'di'12

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo Valutazione Crediti e proposte Progetti Area Turismo a cura di Bruno Turra Questo documento intende affrontare l analisi delle priorità di valutazione nell area turismo individuandone le principali componenti

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Cagliari 4 dicembre 2012 Centro di ricerca FO.CU.S. Progetto di ricerca a supporto dei territori per l individuazione

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

l_debellis@libero.it PUBBLICA AMMINSTRAZIONE - REGIONE MARCHE

l_debellis@libero.it PUBBLICA AMMINSTRAZIONE - REGIONE MARCHE CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome PASQUALE DE BELLIS Indirizzo Via Piave, nr. 20-60027 Osimo Stazione (AN) ITALIA Telefono 347 8228478 071 7819651 Fax E-mail pasquale.de.bellis@regione.marche.it

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente. U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO

Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente. U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO ATTUAZIONE DEL PROGETTO REBIR Risparmio Energetico, Bioedilizia, Riuso Data 29.01.2009

Dettagli

QUALI RISCHI PER IL NOSTRO PAESE?

QUALI RISCHI PER IL NOSTRO PAESE? TERRITORIO BENE COMUNE IN MOVIMENTO Camerano, 30 GENNAIO 2015 QUALI RISCHI PER IL NOSTRO PAESE? Maurizio Sebastiani Italia Nostra Marche 1 I RISCHI DELLO «SBLOCCA ITALIA» Sblocca Italia, allarme di Bankitalia:

Dettagli

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO in collaborazione con Il contesto di riferimento BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO L obiettivo fissato dall Unione Europea che si prefiggeva di raggiungere una ricettività del 33% dei nidi e in generale

Dettagli

SMART MOVE: un autobus per amico

SMART MOVE: un autobus per amico SMART MOVE: un autobus per amico "SMART MOVE" è la campagna internazionale promossa dall'iru (International Road Transport Union) in tutti i Paesi europei con l'obiettivo di richiamare l'attenzione di

Dettagli

PENSA CHE MENSA SCOLASTICA!

PENSA CHE MENSA SCOLASTICA! PENSA CHE MENSA SCOLASTICA! Buona, pulita e giusta Linee guida per una mensa scolastica di qualità 1 A cura di: Valeria Cometti, Annalisa D Onorio, Livia Ferrara, Paolo Gramigni In collaborazione con:

Dettagli

IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI

IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI Con decreto direttoriale del 7 ottobre 2013, il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare ha adottato il Programma Nazionale di

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VENTURA Lorella Amministrazione

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO LA NOSTRA VISIONE COMUNE Noi, governi locali europei, sostenitori della Campagna delle Città Europee Sostenibili, riuniti alla conferenza di Aalborg+10, confermiamo la nostra

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI

Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI Approvato con Deliberazione consiliare n 94 del 21 giugno 2004 INDICE Articolo

Dettagli

LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE

LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE 1. Definizione del Commercio Equo e Solidale Il Commercio Equo e Solidale e' un approccio alternativo al commercio convenzionale; esso promuove

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti pubblici ecologici Olbia, 17 maggio 2013 Gli appalti pubblici coprono una quota rilevante del PIL, tra il 15 e il 17%: quindi possono

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

Progetto Rubiera Centro

Progetto Rubiera Centro LE POLITICHE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA PER LA QUALIFICAZIONE DEI CENTRI COMMERCIALI NATURALI Progetti anno 2013 (D.G.R. n. 1822/2013) Bologna, 1 luglio 2014 Progetto Rubiera Centro Il progetto del comune

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

Scheda Progetto: UN PIEDIBUS TARGATO RAVENNA

Scheda Progetto: UN PIEDIBUS TARGATO RAVENNA COMUNE DI RAVENNA Scheda Progetto: UN PIEDIBUS TARGATO RAVENNA Anno scolastico 2007/2008 PREMESSA Il Piedibus è il modo più sano, sicuro, divertente ed ecologico per andare e tornare da scuola. E un autobus

Dettagli

4. Processo di elaborazione: Descrivi brevemente il processo di elaborazione/creazione del vostro progetto/pratica

4. Processo di elaborazione: Descrivi brevemente il processo di elaborazione/creazione del vostro progetto/pratica Descrizione della pratica 1. Identificazione Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica ISIS A. GRAMSCI-J.M. KEYNES Nome della pratica/progetto Consumare meno per consumare tutti Persona referente

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche la legge sulla riqualificazione urbana è un tassello

Dettagli

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT SAINT-MARCEL MARCEL Storia di un idea CONVEGNO INTERNAZIONALE Esperienze di turismo in ambiente alpino:

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

Regolamento per l assegnazione dei contributi per "edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi" e per "centri civici e sociali

Regolamento per l assegnazione dei contributi per edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi e per centri civici e sociali Regolamento per l assegnazione dei contributi per "edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi" e per "centri civici e sociali attrezzature culturali e sanitarie." (Deliberazioni del Consiglio

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA PROTOCOLLO DI INTESA TRA L Associazione Fare Ambiente, Movimento Ecologista Europeo, già riconosciuta con Decreto del Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare del 27 febbraio 2009,

Dettagli

"IMPARIAMO A RICICLARE"

IMPARIAMO A RICICLARE COLLEGIO ARCIVESCOVILE Castelli PROGETTO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE "IMPARIAMO A RICICLARE" (progetto di durata annuale) Anno scolastico 2008/2009 Classi terze e quarte - Scuola primaria FINALITA' Il Progetto

Dettagli

+ CON. Il bando. Finalità. Destinatari

+ CON. Il bando. Finalità. Destinatari + CON Il bando AMNU e STET promuovono un bando rivolto alle scuole di ogni ordine e grado del territorio dell Alta Valsugana e Bersntol. Il bando sollecita l attivazione di progetti finalizzati al risparmio

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 111 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Modifiche al codice della strada, di cui al decreto

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

La privacy a scuola DAI TABLET ALLA PAGELLA ELETTRONICA. LE REGOLE DA RICORDARE

La privacy a scuola DAI TABLET ALLA PAGELLA ELETTRONICA. LE REGOLE DA RICORDARE La privacy DAI TABLET ALLA PAGELLA ELETTRONICA. LE REGOLE DA RICORDARE Temi in classe Non lede la privacy l insegnante che assegna ai propri alunni lo svolgimento di temi in classe riguardanti il loro

Dettagli

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 Nuovo Piano Casa Regione Lazio Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 AMBITO DI APPLICAZIONE (Art. 2) La Legge si applica agli edifici: Legittimamente realizzati

Dettagli

TITOLO I Ambito di applicazione. TITOLO II Disposizioni generali.

TITOLO I Ambito di applicazione. TITOLO II Disposizioni generali. Regolamento d uso del verde Adottato dal Consiglio Comunale nella seduta del 17.7.1995 con deliberazione n. 173 di Reg. Esecutiva dal 26.10.1995. Sanzioni approvate dalla Giunta Comunale nella seduta del

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

ASSOCIAZIONE ORTI URBANI TRE FONTANE

ASSOCIAZIONE ORTI URBANI TRE FONTANE ASSOCIAZIONE ORTI URBANI TRE FONTANE sede: Casella Postale N.6 C/O Ufficio Postale Rm 161 Via della Fotografia 107 00142 Roma Mail: orti.urbani.tre.fontane@gmail.com REGOLAMENTO INTERNO Art. 1 - Scopo

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it - C.F. 80072450374 Pec : boic86400n@pec.istruzione.it

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Buone prassi di conservazione del patrimonio BENESSERE GIOVANI COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando con scadenza 9 aprile 2015 Buone prassi di conservazione del

Dettagli

Allegato A COMUNE DI ALANO DI PIAVE Provincia di Belluno PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE PER LE PARI OPPORTUNITÀ 2015-2017 (ART. 48, COMMA 1, D.LGS. 11/04/2006 N. 198) Il Decreto Legislativo 11 aprile

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA 1. A norma degli articoli 14 e seguenti del Codice Civile è costituita la Fondazione dell

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI MANIFESTO PER L ENERGIA SOSTENIBILE DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI COSTRUISCI CON NOI UN SISTEMA ENERGETICO SOSTENIBILE PER L ITALIA Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale. FINALITà Favorire la

Dettagli

COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA

COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA REGOLAMENTO PER LA EROGAZIONE DI CONTRIBUTI, SOVVENZIONI ED ALTRE AGEVOLAZIONI ART. 1 FINALITA 1. Con il presente Regolamento la Comunità della Valle di Cembra, nell esercizio

Dettagli

6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI

6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI dell Ambiente del 6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI In questo capitolo esporremo i risultati che ci sembrano di maggior interesse tra quelli emersi dall elaborazione dei dati restituitici dagli

Dettagli

COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari

COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari UFFICIO DEL SEGRETARIO GENERALE Responsabile Settore Affari del Personale-Anticorruzione-Trasparenza CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO Il

Dettagli

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PIANO DISTRETTUALE DEGLI INTERVENTI del Distretto socio-sanitario di Corigliano Calabro Rif. Decreto Regione Calabria n. 15749 del 29/10/2008 ANALISI DELBISOGNO

Dettagli

l'?~/?: /;/UI,"lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ";1

l'?~/?: /;/UI,lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ;1 MIUR - Ministero dell'istruzione dell'untversùà e della Ricerca AOODGPER - Direzione Generale Personale della Scuola REGISTRO UFFICIALE Prot. n. 0006768-27/0212015 - USCITA g/~)/rir. (" J7rti///Nt4Ik0"i

Dettagli

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti L EUROPA E LE RISORSE AMBIENTALI, ENERGETICHE E ALIMENTARI BOLOGNA, 16 MARZO 2015 LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA Silva Marzetti Scuola di Economia, Management e Statistica Università

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

COMUNE DI MULAZZO PROVINCIA DI MASSA CARRARA

COMUNE DI MULAZZO PROVINCIA DI MASSA CARRARA COMUNE DI MULAZZO PROVINCIA DI MASSA CARRARA REGOLAMENTO COMUNALE per la disciplina della concessione di sovvenzioni, contributi, sussidi ed ausili finanziari e l attribuzione di vantaggi economici 1 CAPO

Dettagli

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Comune di San Giustino STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Presentazione pubblica del 19.02.2015 IPOTESI PROGETTUALI CONSIDERAZIONI PRELIMINARI TUTELARE L ACCESSIBILITÀ AI

Dettagli

Lista Civica NOI cittadini Programma Elettorale

Lista Civica NOI cittadini Programma Elettorale Lista Civica NOI cittadini Programma Elettorale elezioni amministrative 2014 Chi siamo Noi Cittadini ricerca la partecipazione di tutti come metodo per generare i contenuti delle proprie azioni: riteniamo

Dettagli

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA)

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA) La Valutazione di Impatto Ambientale e lo Studio di Impatto Ambientale VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA) http://people.unica.it/maltinti/lezioni Link: SIAeVIA

Dettagli

Un spazio vegan dedicato alla sperimentazione sociale ed ecologica

Un spazio vegan dedicato alla sperimentazione sociale ed ecologica Un spazio vegan dedicato alla sperimentazione sociale ed ecologica Siamo un gruppo di persone provenienti da ambienti diversi che condividono un sogno comune: vivere in armonia con la natura e di tutti

Dettagli

CARTA DEL PAESAGGIO MEDITERRANEO

CARTA DEL PAESAGGIO MEDITERRANEO CARTA DEL PAESAGGIO MEDITERRANEO Preambolo Le Regioni dell'andalusia, del Languedoc-Roussillon e della Toscana, agendo nel quadro degli obiettivi del Consiglio d'europa e condividendone l'obiettivo che

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

Attività e tempi Individuazione dei parametri di accesso SI Pubblicazione bando Acquisizione /verifica /accettazione domande

Attività e tempi Individuazione dei parametri di accesso SI Pubblicazione bando Acquisizione /verifica /accettazione domande NARDÒ SOCIALE Nel 2012 si sono dettate le linee guida per l attivazione della social card da attuarsi nel 2013 con lo scopo di andare incontro alle famiglie meno abbienti fornendo generi di prima necessità

Dettagli

II - COMPETENZE DELLA REGIONE E DEGLI ENTI LOCALI IN MATERIA DI TUTELA DELL'AMBIENTE DALL'INQUINAMENTO ACUSTICO

II - COMPETENZE DELLA REGIONE E DEGLI ENTI LOCALI IN MATERIA DI TUTELA DELL'AMBIENTE DALL'INQUINAMENTO ACUSTICO Legge Regionale n 12 del 20/03/1998 Disposizioni in materia di inquinamento acustico emanata da: Regione Liguria e pubblicata su: Bollettino. Uff. Regione n 6 del 15/04/1998

Dettagli

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 NORME GENERALI Art. 1 Validità del regolamento interno Il presente regolamento, derivante dai principi espressi dallo Statuto da cui discende, rappresenta le regole e le concrete

Dettagli

VADECUM PER IL CORSISTA

VADECUM PER IL CORSISTA VADECUM PER IL CORSISTA L organismo Formativo Dante Alighieri, con sede in Fasano alla Via F.lli Trisciuzzi, C.da Sant Angelo s.n. - Zona Industriale Sud, nel quadro del P.O. Puglia 2007-2013 AVVISO PR.BR

Dettagli

DECRETO 27 Marzo 1998 del Ministero dell'ambiente

DECRETO 27 Marzo 1998 del Ministero dell'ambiente DECRETO 27 Marzo 1998 del Ministero dell'ambiente Mobilita' sostenibile nelle aree urbane (GU n. 179 del 3-8-1998) Registrato alla Corte dei conti il 9 luglio 1998 Registro n. 1 Ambiente, foglio n. 212

Dettagli

La tariffa bioraria, quando conviene e consigli per il mercato libero

La tariffa bioraria, quando conviene e consigli per il mercato libero La tariffa bioraria, quando conviene e consigli per il mercato libero La nuova tariffa bioraria Il 1 luglio del 2010 entreranno in vigore le nuove tariffe biorarie fissate dall'autorità per l'energia Elettrica

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

Art.1. Oggetto del regolamento

Art.1. Oggetto del regolamento REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ALLE AMMINISTRAZIONI COMUNALI A SOSTEGNO DELLE INIZIATIVE SVOLTE PER L ORGANIZZAZIONE DELLA GI ORNATA DEL VERDE PULITO Art.1 Oggetto del regolamento Il presente

Dettagli

Comune di Sant'Agata sul Santerno

Comune di Sant'Agata sul Santerno CdC CDR009 RESP. SEGRETERIA GENERALE PROGETTO RPP: AREA SERVIZI GENERALI RESPONSABILE: RAMBELLI STEFANO 100 Miglioramento e razionalizzazione attività ordinarie Area Servizi Generali 1 UFFICIO SEGRETERIA

Dettagli

LA SALUTE VIEN MANGIANDO

LA SALUTE VIEN MANGIANDO Comune di Trino Assessorato Istruzione e Cultura Settore Extrascolastico-Culturale Istituto Comprensivo di Trino Scuola dell Infanzia e Scuola Primaria Asl 21 di Casale Dipartimento di Prevenzione Servizio

Dettagli

Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991

Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991 C 1 I V I T A S E M P L I T Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991 SCUOLA CIVICA DI MUSICA DI TEMPIO PAUSANIA In collaborazione con i comuni

Dettagli

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 Giuseppe Gargano Rete Rurale Nazionale - INEA Varzi, 18 giugno 2014 Priorità dell'unione in materia

Dettagli

COMUNE DI ROVELLASCA

COMUNE DI ROVELLASCA COMUNE DI ROVELLASCA Provincia di COMO REGOLAMENTO SERVIZIO DI VOLONTARIATO CIVICO COMUNALE Approvato con deliberazione C.C. n. 5 del 13.04.2015 Ripubblicato all Albo pretorio dal 13.05.2015 al 28.05.2015

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI INDICE CAPO I - NORME GENERALI ART: 1 - FINALITA ART.

Dettagli

Strutture a disposizione delle Parrocchie

Strutture a disposizione delle Parrocchie ARCIDIOCESI DI MILANO Ufficio Amministrativo Diocesano Strutture a disposizione delle Parrocchie MANUTENZIONE PROGRAMMATA DEGLI IMMOBILI: FASCICOLO TECNICO DEL FABBRICATO E PIANO DI MANUTENZIONE 1 Don

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

2013-2018 ROMA CAPITALE

2013-2018 ROMA CAPITALE 2013-2018 ROMA CAPITALE Proposte per il governo della città Sintesi stampa IL VINCOLO DELLE RISORSE ECONOMICO-FINANZIARIE Il debito del Comune di Roma al 31/12/2011 ammonta a 12,1 miliardi di euro; di

Dettagli

CINQUE IDEE PER LA P.A. DI DOMANI

CINQUE IDEE PER LA P.A. DI DOMANI FORUM PA 2014 Roma, 27 maggio 2014 CINQUE IDEE PER LA P.A. DI DOMANI PERCHÉ UNA P.A. DI TUTTI HA BISOGNO DI TUTTI 1 - TRASPARENZA 2.0 Per render conto ai cittadini Garantire l'accessibilità totale Siamo

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

Comune di Massa Lombarda

Comune di Massa Lombarda CdC CDR009 RESP. SEGRETERIA GENERALE PROGETTO RPP: AREA AFFARI GENERALI RESPONSABILE: CANTAGALLI PAOLO 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Area Affari Generali 1 UFFICIO SEGRETERIA

Dettagli

Opportunità e agevolazioni per gli studenti alla ricerca di casa

Opportunità e agevolazioni per gli studenti alla ricerca di casa Affitti in nero: convenienza ZERO Opportunità e agevolazioni per gli studenti alla ricerca di casa A cura del Comando Provinciale Guardia di Finanza Studia e vivi Roma Studia e vivi Roma è una guida di

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Settore Segreteria e Direzione generale Ufficio Trasparenza e Comunicazione PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Relazione anno 2014 a cura del Segretario Generale e della

Dettagli

LA VALUTAZIONE PUBBLICA. Altri ponti. di Pierluigi Matteraglia

LA VALUTAZIONE PUBBLICA. Altri ponti. di Pierluigi Matteraglia LA VALUTAZIONE PUBBLICA Altri ponti di Pierluigi Matteraglia «Meridiana», n. 41, 2001 I grandi ponti costruiti recentemente nel mondo sono parte di sistemi di attraversamento e collegamento di zone singolari

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli