Rassegna Stampa. Martedì 19 giugno 2012

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Rassegna Stampa. Martedì 19 giugno 2012"

Transcript

1 Rassegna Stampa Martedì 19 giugno 2012 Rassegna Stampa realizzata da SIFA Srl Servizi Integrati Finalizzati alle Aziende Milano Via Mameli, 11 Tel Fax

2 Rassegna del 19 giugno 2012 ASL BRESCIA Bresciaoggi 12 ESCALATION DEL GIOCO D'AZZARDO, BRESCIA È IN OSTAGGIO DEL VIZIO Manuel Venturi 3 Il Giorno Bergamo_brescia 5 BRESCIA SOFFRE: I MEDICI SON TROPPO POCHI 5 Corriere Della Sera (bs) 4 STRETTA DELL'ASL SULLE FESTE POPOLARI Silvia Ghilardi 7 SANITÀ LOMBARDIA Bresciaoggi 23 ROCCAFRANCA, RIFIUTI CHIMICI LUNGO L'OGLIO Massimiliano Magli 9 Corriere Della Sera (bs) 4 DEMENZA, LO STUDIO DEL FATEBENEFRATELLI 10 Il Giornale Di Brescia 54 EMATOLOGIA, MALATTIUE DEL SANGUE, PASSI IN AVANTI VERSO LA GUARIGIONE 11 Il Giornale Di Brescia 54 REGATE, PROGETTO ITACA: "VELA-TERAPIA" PER I PAZIENTI 12 Il Giornale Di Brescia 54 PREVENZIONE, TUMORI DELLA PELLE, ATTENZIONE AL SOLE Anna Della Moretta 13 Il Giornale Di Brescia 6 MORTALITÀ MATERNA FRA LE PIÙ ALTE D'EUROPA 14

3 DIBATTITO ALLA FESTA DELLE AGLI. Si punta una media di mille euro a famiglia e crescono gli scommettitori «precoci» E li ji * TI TI ^ 19 Ti ^ B US * fflf IH flffff»s ira lai ali In ^P jffjf IHB lis IBj IH s sf al "! lh Uff 8S, BiB Hfj; SS lllj SK Est imtor _ rf {$y»»g ISi rai mi MH ISi mlr BHMffiiTlIll illffir ^ Js ÌI iflsff^ jjjt""^» ÉJa^^li rfflr ^^ti "UBB """Sfp/iSà itflr ìwh ^8 il Tllll fls) *I.ij^Bf wjm, jflsfjf riffi flfii iìsr ìfo> ll$» TP» imr*^ f "THH"' "ìfthit W """ IMP'^Iflff illftr»jìti jfj SljL ^ jibiiiimnf^ ^Shr / JWlilij Tfcin'^nliy^ ^Tlhi«llf<y Jia4 JjULii.ilfL- ^TlinillP^ L m # ^fcr ^fcr^mnr ^mmibfc ^BHUBilii *"IB-. ^HL«II^ TwafnllMiiiii ^%»lli.r^»ill&- 1» iiillltiiii IM wlr inalijjjlm ^%_jr^ Ringhini lancia una provocazione «Una piaga sociale simile all'aids» Fasoli del Sert- «La rete d'aiuto è ok» fb «V a b Manuel Venturi 1 S(10Tì rì Tri T*P TR1TPVPTÌ 71OT1P)^ O -IL JL Il gioco d'azzardo è come l'aids. La provocazione è arrivata dal sociologo Gabriele Ringhini, nel corso dell'incontro «A che gioco stai giocando?», organizzato dalla Lega Consumatori di Brescia nell'ambito della festa provinciale delle Acli, a Gussago. Il gioco è stata definita «la peste del XXI secolo», e dai dati emersi nel corso della serata si è capito che è una patologia sottovalutata, ma in grado di rovinare la vita di migliaia di persone e delle loro famiglie. Alla tavola rotonda hanno partecipato anche il presidente della Lega Consumatori, Fabio Scozzesi, la responsabile del Sert dell'asl di Brescia, Maria Grazia Fasoli, e il docente di informatica della Cattolica di Brescia, Matteo Temporin. IL GIOCO D'AZZARDO muove una notevole quantità di denaro, pericolosamente aumentata negli ultimi anni. Nel solo 2011 in Italia sono stati scommessi 90 miliardi di euro, il 50% in più rispetto al 2010, quando ne vennero puntati 60. Una media di circa mille euro afamiglia. IL FENOMENO È preoccupante soprattutto in Lombardia, e i dati riferiti al primo trimestre del 2012 non fanno che confermare l'allarme: dei sette miliardi e settecento milioni scommessi sul territorio nazionale, quasi un miliardo e mezzo proviene dalla nostra regione. Di questi, 920 milioni sono stati giocati nelle slot machine installate in bar, centri commerciali, case da gioco. Basandosi su unaricercadel 2010, condotta da Lega consumatori e Camera di Commercio su un campione di seicento studenti bresciani tra i 18 e i 19 anni, Ringhini ha presentato dati allarmanti: tutti gli intervistati hanno avuto un' esperienza di gioco, sia on line che alle slot machine. «Il gioco d'azzardo non è un passatempo per divertirsi, ma una filosofia di vita che si basa sul pensare di poter vivere bene solo contanti soldi, senza la fatica di guadagnarseli: è una nefasta concezione a-laboristica del reddito, che deriva non da lavoro e sacrificio, ma da furbizia, imbroglio, evasione fiscale» ha rimarcato il sociologo. A giocare si inizia molto presto, a volte addirittura alle elementari: lo si fa per curiosità, divertimento, plagio sociale: «E di questa situazione sono responsabili sia i mass media che lo Stato» ha accusato Ringhini. INJfEL SESSJkl^T^li IPIUIR, CEINIT&J OPI casi si ci trova di fronte a un «giocatore sociale»: ha sufficiente autocontrollo, e può smettere quando vuole. Laverà disgrazia, secondo il sociologo, è quando si vince la prima volta, soprattutto in maniera «agevolata»: i siti Internet offrono spesso bonus, e facilitano le vincite dei neogiocatori, invogliandoli a puntare ancora. Tra i giocatori sociali e quelli patologici ci sono quelli «problematici», che giocano perrifarsidelle perdite, chiedono prestiti ad amici e fanno piccoli furti, soprattutto in casa, con comportamenti che propendono sempre di più alrischio.infine, arrivano i «patologici», caratterizzati da forte compulsività, perdita totale dell'autocontrollo, processi autodistruttivi che possono portare al suicidio. Per frenare queste dipendenze, la Asl ha aperto un centro ad Orzinuovi (le altre zone di Brescia e provincia sono coperte da strutture private), a cui dall'inizio del 2012 si sono giàrivolti23 giocatori patologici. Con buoni risultati: «Il programma prevede otto incontri, e il 75 per cento di chi ha frequentato il nostro centro è astinente da un anno» ha spiegato Maria Grazia Fasoli. Certo è che rimane difficile contrastare questo fenomeno, anche per una naturale propensione dell'essere umano al rischio: «Il nostro cervello è spinto dal desiderio di provare emozioni forti, e il gioco dà la possibilità di esercitarsi a provarle in maniera non pericolosa - ha affermato Maria Grazia Fasoli -. Gli interventi più efficaci sarebbero una corretta informazione, la restrizione dei punti di gioco e di alcuni tipi di gioco, quellipiù veloci, chepossono indurre questo tipo di dipenden- ASL BRESCIA Pag. 3

4 za nei soggetti predisposti». IN AIUTO ALLA PREVENZIONE potrebbe intervenire anche la tecnologia. Temporin ha infatti elaborato un software applicabile ai giochi on line a alle slot machine, che insieme rappresentano il 55 per cento delle giocate complessive. Dalla rilevazione, effettuata in collaborazione con Aams e i concessionari, sono emerse cifre ancora più preoccupanti: sono risultati ludopatici il dieci per cento di chi gioca in rete, uno su cinque nei casinò e uno su tre nei bar. «Mancala consapevolezza della gravità del problema, ma ora anche i concessionari cominciano ad interrogarsi sul loro servizio» ha concluso Temporin. ASL BRESCIA Pag. 4

5 Brescia soffre: 1 medici son troppo pochi Le carenze dì Asl e ospedali di PAOLO CITTADINI - BRESCIA - «A BRESCIA e provincia tra aziende ospedaliere e Asl mancano circa 300 medici». Il grido d'allarme arriva da Francesco Falsetti presidente delpumi, l'unione dei medici italiani, che nel corso del convegno tenutosi l'altra mattina a Palazzo Loggia ha portato alla luce alcune delle criticità della sanità pubblica sul territorio. «Questa carenza di organico ha proseguito Falsetti in questi anni è stata coperta grazie all'impegno orario aggiuntivo da parte dei medici che non sempre sono stati retribuiti. I medici del Civile, giusto per fare un esempio, hanno un credito di 1 milione di ore accumulato in circa 20 anni. Si tratta di circa 120mila ore all'anno». ALTRO SEGNO della carenza di organico per Falsetti è il taglio delle attività durante l'estate per consentire le ferie al personale e questa chiusura come spiega lo stesso presidente dell'unii «sarà forse estesa anche nei periodi festivi di Natale e Pasqua. Il rischio è quindi quello di arrivare a chiusure programmate di circa 5 mesi all'anno, nella migliore delle ipotesi». Una mancanza di organico dovuta anche alla mancanza di figure Francesco Falsetti Il deficit d'organico in questi anni è stato compensato con l'impiego dell'orario aggiuntivo specializzate. «Pediatria è uno dei settori più colpiti spiega Falsetti ma assistiamo a una drastica riduzione dei medici in generale. Numero chiuso e mancanza di finanziamenti per le Università sono i due fattori che stanno mettendo in difficoltà un sistema cha a Brescia e provincia (Valcamonica : esclusa) vede la presenza di circa medici pubblici: i dirigenti dipendenti, quelli convenzionati. Il momento di crisi economica che ha sta colpendo duramente le famiglie ha portato gli italiani a ridurre la richiesta di prestazioni mediche. «Sono circa 9 milioni gli italiani che nell'ultimo anno hanno drasticamente ridotto se non abbandonato le cure mediche. Un numero che deve far riflettere», commenta Ottavio Di Stefano presidente dell'ordine dei medici chirurghi e odontoiatri di Brescia. Cresce per questo la quota di quanti si rivolgono, soprattutto per quanto riguarda le cure dentarie, a cliniche straniere. Sul chi va là stanno i medici bresciani. «Monitoriamo la qualità dei servizi offerti spiega Di Stefano Se low cost significa qualità inferiore noi non ci stiamo». Anche per Di Stefano serve rivedere l'organizzazione della Sanità italiana. «Lo vuole l'80% dei medici spiega ora è arrivato il momento però che siano gli stessi medici a far sentire la propria voce per mettere in ordine l'intera sistema». SITUAZIONE CARENZA DI PERSONALE E DI ALCUNE SPECIALISTI: QUESTI I PROBLEMI CRISI L'ORDINE PROFESSIONALE STA VIGILANDO SULLE CURE "LOW COST" ASL BRESCIA Pag. 5

6 INS Sotto di 30 questo il dato durante un co di medici a Una grave me *i-''.w ^: s r7l ASL BRESCIA Pag. 6

7 11 caso Requisiti sempre più meticolosi per ie iniziative di piazza; tante piccole realtà sono costrette a rinunciare Slrptta rlplf À^l oiillp fp#p nonni ari azi attrezzati eercansi. I ristoratori: «Bene, norme uguali per rutti» in piana D'estate le tavolate e le feste di piazza sono diventate un must in molti comuni e per tante associazioni rappresentano un importante canale di finanziamento Le regole più rigide con la conseguenza penuria di spazi attrezzati ha spinto molti a rinunciare Di rinunciare, neanche a parlarne. Al massimo ci si or- H3.IÌ1ZZCL IH CSlBXc paxc Clic proprio nessuno se la senta di evitare a pane e salamina a una festa popolare all'aperto. E nonostante da un anno l'asl di Brescia abbia inasprito i requisiti sanitari per le manifestazioni temporanee, associazioni, parrocchie e comuni organizzeranno le tradizionali feste di piazza. Un giro di vite cherispondea canoni igienico-sanitari sempre più vincolanti e che costringono, in nome della salute, a qualche salto mortale. A pagare il prezzo più alto delle nuove disposizioni sono soprattutto le piccole realtà. Che dovranno scegliere se rinunciare all'evento che però l'intera comunità attende con ansia, o rimboccarsi le maniche e bussare a qualche porta. Come hanno fatto gli alpini di Pezzoro e Magno di Bovegno, in alta Valtrompia. Ogni estate la festa di tre giorni che i gruppi organizzano (formati da non più di una quindicina di persone)riescea raccogliere 400 euro circa Un esiguo ricavo, proporzionale alle dimensioni della manifestazione. «Sì, ce la facciamo sottolinea Giovanni Ambrosi, responsabile della zona ma le nuove regole ci hanno tagliato le gambe. Per recuperare tappeti, lavastoviglie e quant'altro dobbiamo metterci insieme in tre o quattro gruppi». Modus operandi confermato anche dal presidente della sezione Ana di Brescia, Davide Forlani. «C'è stato qualche caso di piccoli grappi che hanno rinunciato per limiti organizzativi, ma in 99 casi su 100 spiega hanno trovato, magari mugugnando, il modo di adeguarsi». I controlli non scarseggeranno. «Visto che la normativa si è fatta più stringente conferma Aristide Peli, assessore provinciale all'associazionismo è molto probabile che ci saranno maggiori verifiche e segnalazioni». i gg i^mhaj'éib w >\ La tecnica della «collaborazione» passa molto spesso anche dall'aiuto delle amministrazioni comunali. «Abbiamo creato per tutte le associazioni uno spazio attrezzato che risolve il problema» commenta Elvio Bertoletti, sindaco di Villachiara. Lo stesso metodo è adottato da parecchi comuni bresciani. Tutto tranquillo anche per le associazioni legate al Forum del terzo settore di Brescia dove la portavoce, Margherita Rocco, spiega che «a limitare le feste non è l'asl, ma piuttosto la mancanza di soldi». La spinta a inasprire le misure di sicurezza igienico-alimentare per le manifestazioni popolari, come è noto, è arovaia anciie eia numerose associazioni di categoria. Ristoratori e negozianti non erano per nulla «contenti» di doversi sobbarcare i costi di una gestione sanitaria «a regola d'arte» mentre, durante i tre mesi estivi, un pullulare di feste popolari facevano cassetto in barba ad alcuni requisiti richiesti. «Noi non siamo contrari a priori alle feste in piazza sottolinea Carlo Massoletti, presidente Ascom ma se esistono regole che tu- ASL BRESCIA Pag. 7

8 TcIHilO 13. SSJXÌlc CXcl ClTTHCllXìl devono valere per tutti». C'è poi, tra gli esercenti, chi si lamenta anciie per ie reste ail'aperto che tanto temporanee non sono. «Le manifestazioni si devono chiudere in un breve lasso di tempo continua Massoletti altrimenti diventano uno strumento di promozione di attività commerciali e questo non va bene». Marco Stellini, anima delle tavolate in piazza di Brescia In, è stato per mesi al centro delle polemiche con i ristoratori, «Anche per quest'anno abbiamo fatto il corso Haccp per tutti i nostri 40 volontari e tante associazioni più piccole si sono appoggiate a noi perché da sole non ce la facevano». Silvia Ghlfardi jjjjtettinjjj H jjj^jpfg j j!$ $k fllii 9sr $3Ì Le regole dell' Asl Risale all'estate 2011 la stretta dell'asi di Brescia sull'organizzazione di «manifestazioni temporanee» che prevedono la somministrazione di generi alimentari e bevande. Le associazioni che desiderano fare una festa all'aperto, oltre a compilare il Modello A e la Scheda 2, devono attenersi a una serie di requisiti tecnico strutturali. Cucine e cibi Questi riguardano, tra le altre cose, la gestione dell'acqua potabile, le zone dove si somministrano e preparano i cibi, la disponibilità di servizi igienici per il personale e per la clientela. In un vademecum l'asl di Brescia ricorda anche che «il personale va formato in materia ai igiene alimentare in relazione alle mansioni svolte». Inoltre, chi presta volontariato e durante le manifestazioni prepara gli alimenti, deve essere dotato di abbigliamento idoneo. A creare i maggiori problemi sono le disposizioni per le cucine, che devono essere piastrellate, coperte da una tettoia e fornite di tutti gli elettrodomestici del caso. ASL BRESCIA Pag. 8

9 ROCCAFRANCA. Nell'area fluviale smaltiti persino mobili. Accanto alle rogge sono state trovate anche tracce di calcite MJMUU OSTIMI onostante 1 controlli aerei svolh grazie ah Airpol si moltiplicano le microdiscariche abusive nell'oasi fwtx 51 fi! JÌTTl 151 IlTJì I Ifif^Jl fil 11TÌ GLi-*Y*\71 r 71 f\ C\~\ \T\(t\ I5ÌTÌ 7JÌ \JL LlAJb UJL CXLLIJLQJLILQJ JL ÌAJLOCX ULI XÀJLI. Ì3\I/JL V JLZJIAJ UJL VIsiJULdIJLiLfCL Massimiliano Magli Abbandonati come nelle peggiori discariche, quelle dove per un'assurda pigrizia i rifiuti vengono lasciati fuori dai cancelli. E a Roccafranca questo capita già regolarmente fuori dai cassonetti - come fuori dall'isola ecologica - dove non è insolito trovare persino interi salotti, in primis per ignoranza oltre che per inciviltà: in troppi pensano che i rifiuti voluminosi non abbiano un sostegno logistico dal Comune che, invece, è a disposizione anche per il trasporto di materiale ingombrante. Ma trovare addirittura rifiuti chimici nel parco dell'oglio è a dir poco inquietante. Il verde roccafranchese meriterebbe vere ronde di sorveglianza ma il parco non dispone di un adeguato numero di guardie e il Comune, con due vigili, non può certo fare miracoli. ALCUNE AZIENDE EDILI lasciano regolarmente rifiuti inerti nelle rogge o in mezzo alla campagna. Nei giorni scorsi si è passato il segno, con materiale fortemente inquinante, abase di calcite e di aggrappanti, ossia materiale chimico che fa- Trovati rifiuti edili e chimici nel parco dell'oglio a Roccafranca vorisce la tenuta successiva di applicazioni alle pareti. A dispetto dei controlli che l'ente Parco afferma di avere attivato - anche con il super leggero Airpol che, in base al Patto di pubblica sicurezza, è in forza a Chiari - il cuore dell'area Oglio Nord appariva più controllato negli anni '80, quando gli agricoltori avevano il terrore di prelevare ghiaia dalla zona. Sentimenti che sembrano tristemente superati, nonostante due anni fa si fosse annunciata l'assunzione di guardie non volontarie. Nel parco, almeno a Roccafranca, è inoltre scomparsa la segnaletica di tutela, compresi i divieti di accensione fuochi. Ed è impressionante il numero di roghi accesi in questi giorni proprio all'interno dell' area di tutela del fiume: veri e propri barbecue improvvisati ricavati nella radura. Sull'inquinamento ambientale già in passato il sindaco Marina Murachelli ha parlato di «sforzo improbo trattandosi di aree immense difficilmente controllabili». Analoga risposta del precedente primo cittadino. Ma il dato di fatto è sconsolante: più che un parco, l'area sembra terra di nessuno, m SANITÀ LOMBARDIA Pag. 9

10 RICERCA Demenza, lo studio del Fatebenefratelli C'è il difetto di una proteina, la progranulina, in un quinto dei casi di demenza frontotemporale analizzati dal Fatebenefratelli di Brescia, dove «un messaggio di 'stop' le impedisce di riprodursi», spiega Luisa Benussi. Con «una misurazione semplice a basso costo», dice Roberta Gradoni, unità proteomica, è possibile «un pre-screening dei casi a rischio». SANITÀ LOMBARDIA Pag. 10

11 passi in avanti verso la guarigione 11 professor Mandelli: «Ci seno pazienti con forme croniche ili leucemia o linfoma in cura da anni ; stanno bene e detono sottoporsi a cure non impegnatile» Professor Mandelli, la Giornata nazionale per la lotta contro Leucemie, Linfomi e Mieloma è l'occasione per parlare con i cittadini, perfare il punto sui progressi fatti e sulla strada ancora da fare: qual è il messaggio che l'ail intende promuovere quest'anno? È più che mai valido il messaggio che ormai da anni diamo ai pazienti, ai loro familiari e a tutti i cittadini: le malattie del sangue, leucemie, linfomi e mieloma, non devono essere più considerate malattie non curabili. Anche per le forme più gravi, abbiamo una possibilità di cura che ci permette anche di migliorare la qualità di vita dei pazienti. Oggi per la maggioranza dei malati c'è quasi sempre una speranza e del tutto eccezionali sono i casi nei quali, purtroppo, il medico possa fare poco o nulla. Questo risultato è stato ottenuto in anni e anni di battaglie, soprattutto grazie alla Ricerca Scientifica. La Ricerca Scientifica ha reso possibile progressi straordinari nella cura dei malati ematologici: quali sono i risultati di maggior interesse ottenuti in questi ultimi tempi? Uno dei casi più significativi resta quello della leucemia mieloide cronica, una malattia che fino a pochi anni fa poteva essere curata solo con il trapianto di cellule staminali. Adesso abbiamo una nuova famiglia di farmaci, gli inibitori della tirosinchinasi, che ci offrono possibilità di cura straordinarie, sino alla guarigione completa, senza dover ricorrere al trapianto. Il capostipite di questi farmaci è stato imatinib, al quale sono seguite altre molecole, ancora più attive ed efficaci. È più vicino oggi l'obiettivo della guarigione completa per alcune forme di leucemia? La guarigione è il sogno di tutti noi e di tutti i malati: la prima domanda che ci viene rivolta dopo la diagnosi è «guarirò»? Non sempre possiamo rispondere affermativamente perché la guarigione non è ancora un obiettivo possibile pertutte le patologie ematologiche. Ma i pazienti colpiti da alcuni tipi di malattie del sangue nella maggioranza dei casi oggi riescono a guarire. Basta pensare alle leucemie acute del bambino, dove nell'80% dei casi si ottiene una guarigione vera, completa, o ad alcune forme di leucemia acuta promielocitica, di cui si sono occupati in modo specifico i ricercatori italiani attraverso il Gimema, fin dai tempi nei quali le cure non davano alcun risultato: oggi invece guarisce il 70-80% dei pazienti, bambini, adulti ed anziani affetti datale malattia. E poi le numerose forme di linfoma, sia Hodgkin che non-hodgkin, dove una buona parte dei pazienti guarisce. La guarigione oggi si ottiene dunque pertante malattie del sangue. Maanche per le forme dove non riusciamo a ottenerla c'è molto che possiamo fare perassicurare e migliorare la durata della sopravvivenza: abbiamo pazienti con forme croniche di leucemia o linfoma che sono in cura da quindici, venti o trenta anni, stanno bene e devono sottoporsi solo per brevi periodi a cure per nulla impegnative, consentendo così al paziente di mantenere intatte le possibilità di vivere, lavorare, avere una vita sociale. La qualità di vita a volte può essere altrettanto più importante della guarigione definitiva. Quali sono le iniziative che l'ail organizza il 21 giugno per sostenerci pazienti affetti da leucemie, linfomi e mieloma? Anche quest'anno, in occasione della Giornata Nazionale, l'ail promuove due grandi iniziative per i pazienti: la prima è il Numero Verde, attraverso il quale illustri ematologi italiani il 21 giugno risponderanno direttamente alle domande dei pazienti o dei loro familiari. Un'occasione unica per poterfare domande ai medici, senza barriere, cosa che non sempre è possibile non solo negli ospedali ma anche in ambulatorio o nel day hospital. L'altra è «Sognando Itaca», iniziativa di vela-terapia, la regata in barca a vela che sta già solcando le onde dell'adriatico per permettere ad alcuni pazienti di realizzare il sogno di dimenticare la malattia e andare incontro al vento della speranza. MEDICINA & FARMACOLOGIA SANITÀ LOMBARDIA Pag. 11

12 La Giornata nazionale per la lotta contro le leucemie, linfomi e mieloma che si celebra il 21 giugno, ha l'obiettivo di ricordare ai cittadini rimportanzadi continuare asostenere la ricerca per il trattamento di leucemie, linfomi e mieloma. La risposta molecolare completa nel trattamento della Leucemia mieloide cronica è al centro dell'edizione di quest'anno. Dopodomani, giovedì, sarà possibile rivolgersi agli esperti attraverso il Numero Verde Ail-Problemi ematologie! : dalle 8 alle 20 illustri ematologi italiani risponderanno ai pazienti e ai familiari. Ma la Giornata sarà anche occasione di presentare la IV Edizione di «Sognando Itaca - Regata per la vita», un'iniziativa Ail dedicata ai pazienti ematologici e che vuole diffondere la vela-terapia per il miglioramento della loro qualità di vita: una barca a vela sta navigando nel mar Adriatico e approderà ad Ancona il 23 giugno. In ogni porto toccato dalla barca a vela con a bordo un equipaggio formato da skipper professionisti, pazienti in fase riabilitativa, medici, infermieri e psicologi, si svolge la giornata «Itaca Day» durante la quale i pazienti dei Centri di Ematologia locale possono imbarcarsi per vivere l'esperienza di una regata amatoriale. Itaca rappresenta la meta del viaggio di Ulisse diretto verso la propria patria, ma è anche «metafora» molto vicina alla realtà che spesso vive chi è affetto da una malattia onco-ematologica. Come Ulisse, i pazienti si trovano ad affrontare un mare aperto, sconosciuto, pieno di insidie e di luoghi pericolosi. Durante il viaggio incontrano «nuovi territori», ma scoprono anche nuove risorse, vicinanze e solidarietà. In questa cornice, la navigazione rappresenta l'occasione in cui ogni persona può mettere alla prova se stessa, prendere decisioni, confrontarsi con problemi da risolvere e con situazioni improvvise ed impreviste; esegue degli ordini, fa delle scelte in rapida sequenza, tutto in vista di un obiettivo comune: arrivare al prossimo porto. Nella composizione dell'equipaggio, formato da 2-3 pazienti, un medico, un infermiere, un volontario oltre ovviamente ad uno skipper, si tende a riproporre quella situazione che il contesto onco-ematologico presenta durante il percorso di cura, ma in un nuovo contesto. In questo modo, la barca a vela smette di essere solo uno sport e diventa un modo diverso per affrontare e superare gli ostacoli. Del resto, la vela, come il percorso terapeutico, impone spazi ristretti, necessità di collaborare, necessità di stare insieme... Finché non si ritorna a terra! Mentre la regata nazionale dell'ail approderà ad Ancona sabato prossimo, a livello bresciano l'iniziativa si articolerà in otto uscite in barca, programmate per alcuni weekend fino al mese di settembre, a partire da alcuni dei più importanti Circoli vela del Garda: Gargnano, Salò, Desenzano, Portese, Peschiera, Bardolino e Acquafresca. Collegandosi al sito itsi possono leggere le date e le informazioni per partecipare alle regate di «Progetto Itaca» sul lago di Garda. SANITÀ LOMBARDIA Pag. 12

13 Tumori della pelle attenzione al sole Cresce in tutto il mondo l'incidenza dei tumori della pelle: ogni anno si registrano dai 2 ai 3 milioni di nuovi casi di tumori-non melanoma mentre oltre persone vengono colpite da un melanoma. Una corretta prevenzione e lo screening di nei e macchie cutanee permettono di ridurre i casi o diagnosticarli precocemente, aumentando le probabilità di successo della terapia. Uno dei più importanti fattori di rischio per questi tumori è la prolungata e non protetta esposizione ai raggi solari. E alla vigilia dell'arrivo dell' estate, per invitare i cittadini a non esagerare con il sole e a non dimenticare la diagnosi precoce, scendono in campo gli onorevoli: domani a Montecitorio si svolge una giornata di screening. I risultati saranno presentati il prossimo ottobre. Oltre all'esposizione al sole senza adeguate misure di protezione, altri fattori di rischio per i tumori della pelle sono un fototipo I o II, con pelle e occhi chiari, la familiarità per melanoma, alcune malattie genetiche e unastoria pregressa di ustioni causate da una eccessiva e prolungata esposizione al sole: è provato che coloro che hanno avuto ustioni solari nel periodo 0-12 anni sono più suscettibili a sviluppare un melanoma. L'autocontrollo e la pronta segnalazione delle anomalie della nostra pelle sono le indicazioni da seguire. Quali sono le più importanti misure di prevenzione? Oltre a evitare la prolungata e non protetta esposizione ai raggi solari, bisogna fare attenzione ad alcuni errori frequenti, come dimenticare di riapplicare lo scherme solare, ritenere che non sia possibile scottarsi nelle giornate nuvolose, sotto l'ombrellone o in acqua e fare un uso frequente delle lampade solari. Per i campanelli di allarme, i dermatologi ricordano la «Regola dell' ABCDE». «A» sta per Asimmetria: qualsiasi forma irregolare del neo dovrebbe essere sottoposta almenc una volta all'analisi del dermatologo. «B» segnala un Bordo irregolare, «C» indica Colore non uniforme, «D» sta per un Diametro del neo superiore a 6 mm, «E» segnala l'evoluzione: questo è un fattore determinante, poiché un'evoluzione rapida (cambiamenti del neo nel giro di qualche mese) costituisce infatti un importante segnale di allarme. Pagine a cura di ANNA DELLA MORETTA SANITÀ LOMBARDIA Pag. 13

14 Mortalità materna fra le più alte d'europa I dati dell'istituto superiore di sanità su 5 regioni d'italia sulla base dei nuovi parametri: 11,8 morti ogni loomila parti. Fra le cause, l'elevata età media delle mamme e il cesareo ROMA Non siamo i migliori al mondo per la mortalità materna legata alparto. Anzi, asorpresa, il nostro tasso è uno dei più alti dell'europa occidentale. Colpa dell'età sempre più avanzata delle neomamme. A contraddire la classifica stilata dalla rivista «Lancet» - e pubblicata nel è l'istituto superiore di sanità, che ha posto la lente di ingrandimento su cinque regioni rappresentative del 32% delle donne italiane in età fertile con criteri diversi. Oltre ai certificati di morte dell'istat, sono state analizzate le schede di dimissione ospedaliere. Dalla sovrapposizione dei due documenti, ilnuovo quadro: il valore di riferimento per il Belpaese non è più di quattro morti ogni loomila parti, bensì di 11,8 decessi, vale a dire il 63% in più. Un dato, questo, che si scontra con una media europea compresa fra 7 e 8. Lo studio, condotto dal Reparto salute della donna e dell'età evolutiva del Cnesps-Iss, ha raccolto i dati dal 2000 al 2007 di Piemonte, Emilia Romagna, Toscana, Lazio, Sicilia. Tra il 2000 e il 2007 in queste Regioni sono stati registrati nati vivi e 260 morti materne con un' età media di 33 anni. La mortalità materna è tre volte più alta in Sicilia (24,1) rispetto a Toscana ed EmiliaRomagna (7,6), ma influiscono anche fattori come l'età e il taglio cesareo. Per le donne con gravidanza oltre i 35 anni il pericolo di morire risulta infatti doppio, mentre è triplo per chi fa il taglio cesareo, anche se in molti casi il cesareo è indicato per donne a rischio per patologie. Anche il basso livello di istruzione e la cittadinanza straniera sono associati ad un maggior rischio di mortalità. «Il valore di 11,8 non è un dato nazionale, ma di queste cinque regioni, ed è una valore medio tra i paesi sviluppati occidentali - spiega Serena Donati, ricercatrice Cnesps-Iss -. L'Europa dell'est ha valori peggiori dei nostri, mentre Francia e Danimarca migliori. La Gran Bretagna è poco migliore di noi con 11,4. Il 50% delle morti è evitabile, in parte perché legate a casi di emorragia ostetrica, preeclampsia e tromboembolia, che possono essere ridotte». Le cause più frequenti di mortalità sono emorragie e disordini ipertensivi in gravidanza in caso di complicazioni legate al parto; e neoplasie, patologie cardiovascolari e suicidi tra cause indirette (malattie preesistenti o insorte durante la gestazio - ne). Per Nicola Surico, presidente della Società italiana di Ginecologia e ostetricia (Sigo), «questi dati non sono una sorpresa. L'età avanzata delle partorienti, soprattutto in chi ricorre a procreazione assistita, è in crescita e molte donne non vengono studiate adeguatamente prima della gestazione. Inoltre, l'accordo Stato-Regioni sui punti nascita è rimasto sulla carta, tranne che in Puglia e Sicilia. Come Sigo stiamo formando i ginecologi per ridurre le emorragie postpartum». Il Ministero della Salute ha ora finanziato un progetto pilota dell'iss di sorveglianza della mortalità materna in sette regioni. SANITÀ LOMBARDIA Pag. 14

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE REGIONE LAZIO Direttore Generale Dott. Vittorio Bonavita U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE Ospedale Sandro Pertini Direttore: Prof. Vincenzo Di Cintio Gentile paziente, Le diamo il benvenuto nella nostra Struttura

Dettagli

DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE CURE MEDICO-SANITARIE Studenti / stagiaires (DI PROVENIENZA DA UN PAESE NON CE/AELS)

DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE CURE MEDICO-SANITARIE Studenti / stagiaires (DI PROVENIENZA DA UN PAESE NON CE/AELS) CANTONE TICINO DIPARTIMENTO DELLA SANITÀ E DELLA SOCIALITÀ Istituto delle assicurazioni sociali TEL: 0041 / (0)91 821 92 92 FAX: 0041 / (0)91 821 93 99 DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE

Dettagli

Deceduti Regione LOMBARDIA

Deceduti Regione LOMBARDIA Tumore della vescica Di maggior rilievo nei maschi (più di 3/4 dei casi), presenta variazioni geografiche di entità modestissima, minori di ogni altro tipo di carcinoma. Il 9-95% circa è costituito da

Dettagli

MA 28. DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MISSIONE E VALORI

MA 28. DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MISSIONE E VALORI pag. 7 DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MA 28 Rev. 1 del 22/10/2011 Pagina 1 di 6 MISSIONE E VALORI L U.O.C. di Oncologia Medica si prende

Dettagli

La disassuefazione dal fumo

La disassuefazione dal fumo Piano regionale del Veneto per la prevenzione delle malattie legate al fumo La disassuefazione dal fumo Obiettivi Nei paesi industrializzati occidentali gli interventi che riducono i danni da fumo sono

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Introduzione Gli indicatori calcolati sugli anni di vita persi per morte prematura (PYLLs) combinano insieme le informazioni relative alla numerosità

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio.

La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio. Che cos è la Degenerazione Maculare correlata all Età (DME)? La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio. Essa porta a una limitazione o alla perdita

Dettagli

Analisi della comunicazione del gioco nella sua evoluzione

Analisi della comunicazione del gioco nella sua evoluzione Nel nostro Paese il gioco ha sempre avuto radici profonde - Caratteristiche degli italiani in genere - Fattori difficilmente riconducibili a valutazioni precise (dal momento che propensione al guadagno

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

Migliorare la gestione del paziente con BPCO in Medicina Generale.

Migliorare la gestione del paziente con BPCO in Medicina Generale. Progetto di audit clinico. Migliorare la gestione del paziente con BPCO in. Razionale. Numerose esperienze hanno dimostrato che la gestione del paziente con BPCO è subottimale. La diagnosi spesso non è

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia Pag. 1 di 6 Rev Data Redatto e elaborato Approvato Firma 0 04/03/2011 Coord.Infermieristico M.Renovi Dirigente Medico Resp. Dr. A. Stefanelli Direttore U.O.C. Medicina Generale Dott.ssa P. Lambelet Direttore

Dettagli

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie?

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie? L allattamento al seno esclusivo è il nutrimento ideale per il bambino, sufficiente per garantire un adeguata crescita per i primi 6 mesi; il latte materno è unanimemente considerato il gold standard in

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

"Ogni persona, indipendentemente dal grado di. disabilità, ha il diritto fondamentale di influenzare

Ogni persona, indipendentemente dal grado di. disabilità, ha il diritto fondamentale di influenzare "Ogni persona, indipendentemente dal grado di disabilità, ha il diritto fondamentale di influenzare mediante la comunicazione le condizioni della sua vita". Questo è l'incipit della Carta dei Diritti della

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

L Operatore Locale di Progetto OLP

L Operatore Locale di Progetto OLP L Operatore Locale di Progetto OLP L Operatore Locale di Progetto CHI E? Qualcuno piu esperto del volontario, con il quale stabilisce un rapporto da apprendista a maestro, dal quale imparera, sara seguito,

Dettagli

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può!

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! Pag. 1/3 Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! (Articolo tratto da ALCER n 153 edizione 2010) Conoscere posti nuovi, nuove culture e relazionarsi con persone di altri paesi, di altre città

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 Arrivi 2.016.536 Presenze 8.464.905 PROVINCIA IN COMPLESSO Arrivi: superata

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

GLI ITALIANI E LO STATO

GLI ITALIANI E LO STATO GLI ITALIANI E LO STATO Rapporto 2014 NOTA INFORMATIVA Il sondaggio è stato condotto da Demetra (sistema CATI) nel periodo 15 19 dicembre 2014. Il campione nazionale intervistato è tratto dall elenco di

Dettagli

COS È IL PRONTO SOCCORSO?

COS È IL PRONTO SOCCORSO? AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA COS È IL PRONTO SOCCORSO? GUIDA INFORMATIVA PER L UTENTE SEDE OSPEDALIERA BORGO TRENTO INDICE 4 COS È IL PRONTO SOCCORSO? 6 IL TRIAGE 8 CODICI DI URGENZA

Dettagli

LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA

LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA . LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA Gruppo di esperti costituito presso l Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione (INRAN)

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI COGNOME, Nome NAGAR BERNARDO Data di nascita 12/03/1955 Posto di lavoro e indirizzo ASP PALERMO U.O.C.Coordinamento Staff Strategico U.O.S.Coordinamento Screening

Dettagli

ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli

ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli (Gustav Klimt, 1905) CONSULTORIO FAMILIARE RIETI Responsabile: Dr. Attilio Mozzetti ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli (Immagini tratte dal web e utilizzate per finalità istituzionali)

Dettagli

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO La riorganizzazione dell ospedale dev essere affrontata in Consiglio In Consiglio comunale si parlerà ancora di riorganizzazione ospedaliera.

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome SCALA UMBERTO Nazionalità Italiana Data di nascita 28/02/1956 ESPERIENZA LAVORATIVA ATTUALE Dal 01-05-2003 a tutt oggi Indirizzo sede

Dettagli

Croce Rossa Italiana Sala Operativa Nazionale. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014. Oggetto: Ebola.

Croce Rossa Italiana Sala Operativa Nazionale. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014. Oggetto: Ebola. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014 protocollo elettronico n. CRI/CC/0084024/2014 Oggetto: Ebola. Ai DRAE, loro sedi Ai Presidenti, loro sedi Ai Comitati Regionali, loro sedi All Ispettorato

Dettagli

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Società Cooperativa sociale onlus corso Torino 4/3 16129 Genova tel. 010 5956962 fax 010 5950871 info@cosgenova.com; coscooperativa@fastwebnet.it 1 Sede legale

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

La cooperativa Fai compie 30 anni

La cooperativa Fai compie 30 anni Anziani e assistenza La cooperativa Fai compie 30 anni TRENTO Fai, la prima cooperativa sociale che si occupa di assistenza domiciliare in Trentino, si prepara a festeggiare ben 30 anni di attività. Sabato

Dettagli

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo Malattia Renale Cronica Stadiazione Stadio Descrizione VFG (ml/min/1.73

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Fabrizio Muscas Firenze, 1 Luglio 2011 ANCoM chi rappresenta? 8 Consorzi regionali 98 Cooperative di MMG 5000 Medici di Medicina Generale (MMG)

Dettagli

Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina

Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina UN ESPERIENZA Dott.ssa Stefania Bracci Datré S.r.l via di Vorno 9A/4 Guamo (Lucca) s.bracci@datre.it Sommario In questo contributo presentiamo

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

Epidemiologia & Salute pubblica

Epidemiologia & Salute pubblica Epidemiologia & Salute pubblica a cura del Medico cantonale vol. VI nr. 3 La medicina non è una scienza esatta Con questo slogan il Dipartimento delle opere sociali è entrato nelle case dei ticinesi. L

Dettagli

CHE COS E L EUTANASIA?

CHE COS E L EUTANASIA? CHE COS E L EUTANASIA? Che cosa si intende per eutanasia? Il termine eutanasia deriva dal greco: eu=buono, e thanatos=morte. Interpretato letteralmente quindi, esso significa: buona morte. Nel significato

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014

Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014 Conferenza Stampa Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014 Lunedì 6/07/2015 ore 11.00 Sala Riunioni - Direzione Generale AUSL Strada del Quartiere 2/A - Parma Alla Conferenza Stampa

Dettagli

Obblighi dei medici nei casi di infortunio e malattia professionale

Obblighi dei medici nei casi di infortunio e malattia professionale Obblighi dei medici nei casi di infortunio e malattia professionale A cura di: - Inail Direzione Regionale Lombardia - Regione Lombardia - Direzione Generale Sanità Documento realizzato nell ambito della

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO L USO DEI NOMI A DOMINIO di Maurizio Martinelli Responsabile dell Unità sistemi del Registro del cctld.it e Michela Serrecchia assegnista di ricerca

Dettagli

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale SERVIZIO SANITARIO REGIONALE BASILICATA Azienda Sanitaria Locale di Potenza INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP Relazione Generale A cura degli Uffici URP

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Cagliari 4 dicembre 2012 Centro di ricerca FO.CU.S. Progetto di ricerca a supporto dei territori per l individuazione

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

ALLENARSI CON LA FASCIA CARDIO

ALLENARSI CON LA FASCIA CARDIO ALLENARSI CON LA FASCIA CARDIO Come effettuare il monitoraggio dei nostri allenamenti? Spesso è difficile misurare il livello di sforzo di una particolare gara o sessione di allenamento. Come vi sentite?

Dettagli

L analisi dei villi coriali

L analisi dei villi coriali 12 L analisi dei villi coriali Testo modificato dagli opuscoli prodotti dal Royal College of Obstetricians and Gynaecologists dell Ospedale Guy s and St Thomas di Londra. www.rcog.org.uk/index.asp?pageid=625

Dettagli

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA?

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? La scuola è obbligatoria dai 6 ai 16 anni e comprende: 5 anni di scuola primaria (chiamata anche elementare), che accoglie i bambini da 6 a 10 anni 3 anni di scuola secondaria

Dettagli

ENTERPRISE EBG EUROPEAN BUSINESS GAME

ENTERPRISE EBG EUROPEAN BUSINESS GAME Associazione Provinciale di Ravenna ENTERPRISE EBG EUROPEAN BUSINESS GAME COME PENSARE ALLA PROPRIA IDEA D IMPRESA IN 5 STEP 1 STEP UNO RIFLESSIONI PER INDIVIDUARE LE BUSINESS IDEA ALCUNI MODI PER INDIVIDUARE

Dettagli

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time Decreto Part-time Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time ARTICOLO 1 Definizioni 1.Nel rapporto di lavoro subordinato l assunzione

Dettagli

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza Dipartimento di Sanità Pubblica S a l u t e è S a p e r e Azioni di Prevenzione n. 2 28 Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Indice Presentazione Strutture Sanitarie Introduzione Contesto Risultati

Dettagli

La Fame: una sfida da affrontare

La Fame: una sfida da affrontare La Fame: una sfida da affrontare La fame nascosta La fame è tra le minacce più grandi dell'umanità. Colpisce oltre 850 milioni di persone in tutto il mondo. Ciononostante, quante volte i giornali pubblicano

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Il Direttore Sanitario Dr.ssa Renata Vaiani

CARTA DEI SERVIZI. Il Direttore Sanitario Dr.ssa Renata Vaiani CARTA DEI SERVIZI Questa Carta dei Servizi ha lo scopo di illustrare brevemente il nostro Poliambulatorio per aiutare i cittadini a conoscerci, a rendere comprensibili ed accessibili i nostri servizi,

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

Legge 22 maggio 1978, n. 194. Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza

Legge 22 maggio 1978, n. 194. Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza Legge 22 maggio 1978, n. 194 Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza (Pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale Gazzetta Ufficiale del 22 maggio 1978, n. 140)

Dettagli

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale.

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione - CNR progetto internazionale "La città dei bambini" Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Non mi mancava la memoria o l intelligenza,

Dettagli

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV)

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo guardate le informazioni di base contenute in Alcune informazioni sull esame per il papilloma

Dettagli

Cos è un analisi genetica (test genetico)?

Cos è un analisi genetica (test genetico)? 12 Cos è un analisi genetica (test genetico)? Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra Luglio 2008 Questo lavoro è sponsorizzato dal Consorzio EU-FP6 EuroGentest,

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42 Parliamo di diabete N. 42 Revisione agosto 2010 Cos è il diabete? What is diabetes? - Italian Diabete è il nome dato a un gruppo di diverse malattie in cui vi è troppo glucosio nel sangue. Il pancreas

Dettagli

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF Finalmente una buona notizia in materia di tasse: nel 2015 la stragrande maggioranza dei Governatori italiani ha deciso di non aumentare l addizionale regionale

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu Collaboriamo con i pazienti, le famiglie e i professionisti sanitari per offrire assistenza e informazioni sulla sincope e sulle convulsioni anossiche riflesse Soffre di episodi inspiegati di Lista di

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

Ereditarietà legata al cromosoma X

Ereditarietà legata al cromosoma X 16 Ereditarietà legata al cromosoma X Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra e dal Parco tecnologico di Londra IDEAS Genetic Knowledge Park in accordo alle

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE DATI ASSISTITO Cognome Nome Data di nascita Cod. fiscale INDICATORE ADEGUATEZZA CONDIZIONE AMBIENTALE (Valutazione rete assistenziale + valutazione economica di base + valutazione

Dettagli

Staff - S.C. Neuropsichiatria Infantile

Staff - S.C. Neuropsichiatria Infantile INFORMAZIONI PERSONALI Nome Attilio Vercelloni Data di nascita 28/01/1960 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio dirigente medico ASL DI VERCELLI Staff - S.C. Neuropsichiatria

Dettagli

LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA DELLA REGIONE PIEMONTE

LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA DELLA REGIONE PIEMONTE VIII Convegno IL CONTRIBUTO DELLE UNITA VALUTAZIONE ALZHEIMER NELL ASSISTENZA DEI PAZIENTI CON DEMENZA LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA

Dettagli

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E Assistenza sanitaria e sociale a domicilio Servizio medico specialistico: Cardiologi, Chirurghi, Dermatologi Ematologi, Nefrologi, Neurologi Pneumologi, Ortopedici,

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

Cosa sappiamo sui costi dell assistenza sanitaria agli immigrati?

Cosa sappiamo sui costi dell assistenza sanitaria agli immigrati? Cosa sappiamo sui costi dell assistenza sanitaria agli immigrati? Patrizia Carletti, Osservatorio sulle Diseguaglianze nella Salute / ARS Marche Giovanna Valentina De Giacomi, Ares 118 Lazio Norma Barbini,

Dettagli

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Associazione per la Ricerca sulla Depressione C.so G. Marconi 2 10125 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Nella

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della Sardegna e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile

Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della Sardegna e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile Fonti: Eurostat - Regional statistic; Istat - Politiche di Sviluppo e

Dettagli

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI Daniela Livadiotti Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita INVECCHIAMENTO L invecchiamento può essere definito come la regressione

Dettagli

UN MONDO MIGLIORE: ne abbiamo il diritto

UN MONDO MIGLIORE: ne abbiamo il diritto Provincia di Ravenna Album fotografico UN MONDO MIGLIORE: ne abbiamo il diritto CONSIGLI/CONSULTE DEI COMUNI PARTECIPANTI SCUOLA Consulta ragazzi di Alfonsine Michelacci Andrea Scuola Primaria "Matteotti

Dettagli

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio cloruro cloruro Data Revisione Redazione Approvazione Autorizzazione N archiviazione 00/00/2010 e Risk management Produzione Qualità e Risk management Direttore Sanitario 1 cloruro INDICE: 1. Premessa

Dettagli

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port Cattedra e Divisione di Oncologia Medica Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Il Port Dott. Roberto Sabbatini Dipartimento Misto di Oncologia ed Ematologia Università degli Studi di Modena

Dettagli

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 2 La mamma diceva che ero dimagrito e così mi portò dal medico. Il dottore guardò le urine, trovò dello

Dettagli

al via 1 Percorsi guidati per le vacanze di matematica e scienze UNITÀ CAMPIONE Edizioni del Quadrifoglio Evelina De Gregori Alessandra Rotondi

al via 1 Percorsi guidati per le vacanze di matematica e scienze UNITÀ CAMPIONE Edizioni del Quadrifoglio Evelina De Gregori Alessandra Rotondi Evelina De Gregori Alessandra Rotondi al via 1 Percorsi guidati per le vacanze di matematica e scienze per la Scuola secondaria di primo grado UNITÀ CAMPIONE Edizioni del Quadrifoglio Test d'ingresso NUMERI

Dettagli

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA DE ACCESO A LA UNIVERSIDAD MAYORES DE 25 Y 45 AÑOS PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA 2013ko MAIATZA MAYO 2013 L incontro con Guido Dorso Conobbi Dorso quando ero quasi un ragazzo. Ricordo che un amico

Dettagli