FAUSTO PRESUTTI. Analisi del Questionario Informativo degli EDUCATORI Parte 1

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "FAUSTO PRESUTTI. Analisi del Questionario Informativo degli EDUCATORI Parte 1"

Transcript

1 FAUSTO PRESUTTI Analisi del Questionario Informativo degli EDUCATORI Parte 1 Servizi d Infanzia di Monte Porzio Catone, Grottaferrata, Frascati Prima Applicazione - Novembre 2000 Sono riservati tutti i diritti di traduzione, di riproduzione, di adattamento, totale o parziale, con qualsiasi mezzo (compresi i microfilm e le copie fotostatiche). Ogni permesso deve avere il consenso scritto dell I.S.P.E.F. Istituto di Scienze Psicologiche dell Educazione e della Formazione, Ass. no profit. ISBN

2 Questionari per la Qualità Infanzia Area QUESTIONARI per la QUALITÀ INFANZIA Volume 5 Analisi del Questionario Informativo di EDUCATORI. Parte 1 Servizi d Infanzia di Monte Porzio Catone, Grottaferrata, Frascati Prima Applicazione - Novembre 2000 Il libro espone i risultati ottenuti nella applicazione del Questionario Informativo per Educatori di servizi della prima infanzia Parte 1 - che operano nel distretto dei Castelli Romani, suddivisi in 3 gruppi territoriali: Monte Porzio catone, Grottaferrata, e Frascati. I Questionari esposti in questo libro, sono stati realizzati nell anno educativo dall I.S.P.E.F. e dai coordinatori dei Nidi d Infanzia coinvolti all interno del percorso formativo del Progetto Qualità Infanzia, elaborato dall I.S.P.E.F. e fatto proprio dal Comune di Monte Porzio Catone (con delibera G.C. n.108 del 29 giugno 99), quale capofila per l esistente Protocollo d intesa con i Comuni dell Area Tuscolana: Monte Porzio, Frascati, Grottaferrata, presso i quali sono attivi Asili Nido Pubblici. Il progetto è stato finanziato dalla Regione Lazio con prot. n del ed è stato avviato e completato nel dicembre del Il libro permette di cogliere le metodologie e le analisi del sistema e dei servizi per l infanzia, che sono necessarie per realizzare la valutazione di:.- processi di qualità, - richieste e aspettative degli educatori, - soddisfazione dei servizi, - adeguatezza nell organizzazione del sistema, - punti critici e punti forti dell istituzione educativa, - percezione che gli educatori hanno rispetto ai bambini, alle famiglie, alla Direzione e al contesto sociale dove operano. Quindi, il libro è un valido strumento professionale, che permette di conoscere come valutare la qualità dei servizi per l infanzia e consente di far acquisire competenze tecniche indispensabili per chi lavora nel settore. Questo libro fa parte di una serie pubblicazioni dell I.S.P.E.F. ( fondamentali da conoscere per avere una panoramica più ampia e approfondita delle tematiche, trattate a livello: - generale: nel volume Il Modello Culturale dei Questionari ISPEF sulla Qualità, nella collana TEST,. ISBN specifico: i seguenti volumi, inseriti nell Area Questionari per la Qualità Infanzia della collana INFANZIA: - Analisi del Questionario Informativo degli Educatori. Parte 1. Servizi d Infanzia di Chieti, Francavilla, Lanciano, Vasto. Prima Applicazione - Novembre ISBN Analisi del Questionario Informativo degli Educatori. Parte 2. Servizi d Infanzia di Chieti, Francavilla, Lanciano, Vasto. Seconda Applicazione Maggio ISBN Analisi del Questionario Informativo delle Famiglie. Parte 1. Servizi d Infanzia di Chieti, Francavilla, Lanciano, Vasto. Prima Applicazione - Novembre ISBN Analisi del Questionario Informativo delle Famiglie. Parte 2. Servizi d Infanzia di Chieti, Francavilla, Lanciano, Vasto. Seconda Applicazione - Maggio ISBN Analisi dei Questionari Informativi delle Famiglie. Servizi d Infanzia di Monte Porzio Catone, Grottaferrata, Frascati. Novembre 2000 Maggio ISBN Analisi del Questionario Informativo dei Tirocinanti nei Servizi d Infanzia di Monte Porzio Catone, Grottaferrata, Marino, Ciampino, Genzano, Frascati. Maggio ISBN Fausto Presutti I.S.P.E.F. Associazione no profit, ISBN Via Domenico Comparetti, 55/A Roma ITALIA tel / fax / web: Hanno collaborato alle tabulazioni delle informazioni raccolte dai Questionari le dott.sse: Bonanni Claudia, di Mauro Francesca, Pompei Raffaela, Quero Maria, Scaturro Maria Grazia. L I.S.P.E.F. non è in alcun modo (né direttamente né indirettamente) responsabile degli eventuali copyright di testi o immagini. Testi e immagini sono stati liberamente creati dallo staff dell I.S.P.E.F. o scaricati in maniera freeware dal web mondiale, privi di copyright. Per qualsiasi problema al riguardo contattare l amministrazione all indirizzo, così da risolvere il problema, aggiungendo nuovi testi, immagini; variando gli stessi o rimuovendoli. 2 E vietata la riproduzione o la trasmissione. Copyright I.S.P.E.F. Tutti i diritti sono riservati

3 Fausto Presutti ANALISI DEI QUESTIONARI INFORMATIVI DEGLI EDUCATORI Servizi d Infanzia di Monte Porzio Catone, Grottaferrata e Frascati. Prima Applicazione - Novembre 2000 Area QUESTIONARI per la QUALITÀ INFANZIA Volume 5 INDICE Analisi del Questionario Informativo degli EDUCATORI. Parte 1 Servizi d Infanzia di Monte Porzio Catone, Grottaferrata, Frascati Prima Applicazione - Novembre 2000 Introduzione IL PERCORSO FORMATIVO PER LA REALIZZAZIONE DEI QUESTIONARI ISPEF NEI SERVIZI PER L INFANZIA A. Il Progetto Qualità Infanzia dei Castelli Romani B. I Questionari del Progetto Qualità Infanzia dei Castelli Romani C. Il Modello ISPEF del Progetto Qualità Infanzia D. La Direzione Educativa, la Qualità e l Osservatorio per l Infanzia di Ciampino (RM) D.1. Direttore Educativo Delle Scuole Materne Comunali del Comune di Ciampino (RM) D.2. Responsabile del Controllo di Qualità dei Servizi Educativi dell Infanzia (da 0 a 6 Anni) del Comune di Ciampino (RM) D.3. Responsabile del Progetto Educazione Comunità Sociale (PECS) del Comune di Ciampino (RM) e dei Castelli Romani E. Le pubblicazioni di riferimento nella sperimentazione dei Castelli Romani pag. 5 pag. 6 pag. 7 pag. 9 pag. 11 pag. 15 pag. 16 pag. 17 Capitolo 1: IL QUESTIONARIO ISPEF PER EDUCATORI PER VALUTARE LA QUALITÀ DEI SERVIZI PER L INFANZA A. Il contesto progettuale in cui è inserita l applicazione del Questionario B. Le finalità del Progetto Qualità Infanzia C. La Struttura del Questionario Informativo degli Educatori D. Linee guida dell indagine valutativa IL QUESTIONARIO INFORMATIVO PER EDUCATORI DEGLI ASILI NIDO - PARTE 1 pag. 19 pag. 20 pag. 21 pag. 23 pag. 25 Capitolo 2: VALUTAZIONE ANALITICA DEI DATI RACCOLTI DAGLI EDUCATORI SUI SERVIZI PER L INFANZA DEI CASTELLI ROMANI PRIMA APPLICAZIONE - NOVEMBRE 2000 Copyright I.S.P.E.F. Tutti i diritti sono riservati E vietata la riproduzione o la trasmissione. 3

4 Questionari per la Qualità Infanzia A. Informazioni relative al campione: composizione e sue caratteristiche B. Informazioni relative alla formazione professionale C. Informazioni relative alla professione D. Informazioni sugli aspetti strutturali e organizzativi del Nido E. Informazioni sulle finalità educative e sulla programmazione nel Nido F. Informazioni sulle aspettative e sulle Motivazioni Proposte e suggerimenti pag. 31 pag. 34 pag. 36 pag. 41 pag. 46 pag. 51 pag. 54 Capitolo 3: VALUTAZIONE COMPLESSIVA DELLE INFORMAZIONI DEGLI EDUCATORI SUI SERVIZI PER L INFANZA DEI CASTELLI ROMANI PRIMA APPLICAZIONE - NOVEMBRE 2000 A. Informazioni relative al campione: composizione e sue caratteristiche B. Informazioni relative alla formazione professionale C. Informazioni relative alla professione D. Informazioni sugli aspetti strutturali ed organizzativi del Nido E. Informazioni relative alle finalità educative ed alla programmazione del Nido F. Informazioni relative servizio pag. 55 pag. 56 pag. 56 pag. 57 pag. 58 pag. 59 Capitolo 4: RELAZIONE SINTETICA DELLA VALUTAZIONE DEGLI EDUCATORI SUI SERVIZI PER L INFANZA DEI CASTELLI ROMANI NOVEMBRE 2000 Confronto sui risultati ottenuti tra gli Educatori e le Famiglie dei Servizi per l Infanzia dei Castelli Romani - novembre 2000 pag. 60 pag E vietata la riproduzione o la trasmissione. Copyright I.S.P.E.F. Tutti i diritti sono riservati

5 Fausto Presutti ANALISI DEI QUESTIONARI INFORMATIVI DEGLI EDUCATORI Servizi d Infanzia di Monte Porzio Catone, Grottaferrata e Frascati. Prima Applicazione - Novembre 2000 Introduzione IL PERCORSO FORMATIVO PER LA REALIZZAZIONE DEI QUESTIONARI ISPEF NEI SERVIZI PER L INFANZIA Il Modello che sta alla base per la corretta realizzazione dei Questionari può essere conosciuto e approfondito con la lettura delle seguenti pubblicazioni dell I.S.P.E.F. ( fondamentali da conoscere per avere una panoramica più ampia e approfondita delle tematiche: - Il Modello ISPEF per la Qualità dei Servizi per l Infanzia e le Famiglie Italia, ISBN La Valutazione dei Servizi per la Qualità dell Infanzia negli anni 1990 in Italia, ISBN La Certificazione dei Servizi Educativi per l Infanzia negli anni 2000 in Italia, ISBN A. IL PROGETTO QUALITÀ INFANZIA DEI CASTELLI ROMANI Nel 1999, l I.S.P.E.F. ha elaborato il progetto La qualità negli Asili nido ricerca, formazione, verifica, valutazione e sviluppo (definito Progetto Qualità Infanzia ), fatto proprio dal Comune di Monte Porzio Catone (con delibera G.C. n.108 del 29 giugno 99), quale capofila per l esistente Protocollo d intesa con i Comuni dell Area Tuscolana: Monte Porzio, Frascati, Grottaferrata, presso i quali sono attivi Asili Nido Pubblici. Il progetto è stato finanziato dalla Regione Lazio con prot. n del ed è stato avviato e completato nel dicembre del Per la realizzazione del Progetto Qualità Infanzia, il Comune di Monte Porzio Catone ha affidato all I.S.P.E.F. la Direzione e il Coordinamento didattico e scientifico, la ricerca, la valutazione e il monitoraggio, in collaborazione con le strutture dei Comuni interessati del distretto RMH1 ed in particolare con il Comune capofila. Nell ambito del progetto è operativa una Commissione Tecnico-Scientifica per la creazione degli strumenti di rilevazione e valutazione della qualità nei servizi per l infanzia, e sono avviati dei corsi di formazione e aggiornamento per i gruppi educativi (La Qualità dei Servizi Educativi), per gli amministratori degli Enti locali e per i responsabili degli Asili Nido (La Qualità della gestione). Nel progetto, tramite apposita convenzione, sono coinvolte le studentesse tirocinanti dell Istituto Professionale per i Servizi Sociali Maffeo Pantaleoni di Frascati, e le psicologhe che svolgono tirocinio post-lauream presso l I.S.P.E.F. Nella fase preparatoria del Progetto Qualità Infanzia, l I.S.P.E.F. in collaborazione con il Comune di Monte Porzio Catone, ha organizzato il 9 dicembre 1999 un Seminario di Studio a Monte Porzio, sul tema La qualità del servizio nelle politiche dell infanzia nella Regione Lazio. All iniziativa, cui hanno partecipato oltre 250 operatori del settore, hanno aderito: il Ministero per le Pari Opportunità, la Regione Lazio, la Provincia di Roma, il GAL Colli Tuscolani, il QuOPLIF dei Castelli Romani, l Azienda USL RMH, i Comuni di Frascati, Grottaferrata, Montecompatri, Rocca di Papa, Rocca Priora. Copyright I.S.P.E.F. Tutti i diritti sono riservati E vietata la riproduzione o la trasmissione. 5

6 Questionari per la Qualità Infanzia B. I QUESTIONARI DEL PROGETTO QUALITÀ INFANZIA DEI CASTELLI ROMANI I Questionari per valutare la Qualità nei servizi per l Infanzia che sono esposti in questo libro derivano dalla realizzazione, nel 1999, del Progetto QUALITÀ INFANZIA (QI) gestito dal COMUNE DI MONTE PORZIO CATONE e dall ISPEF Istituto di Scienze Psicologiche dell Educazione e della Formazione, il cui obiettivo è stato quello di promuovere, di coordinare e di verificare la qualità dei servizi degli Asili Nido dei comuni di Frascati, Grottaferrata e Monteporzio Catone. Al progetto hanno aderito anche gli Asili Nido dei comuni di Ciampino e di Fiano Romano. I Questionari Informativi, che hanno avuto la finalità di monitorare la qualità dei servizi educativi rivolti all infanzia, sono stati parte integrante del progetto Qualità Infanzia, che ha coinvolto diversi Nidi del territorio dei Castelli Romani. I risultati dei Questionari sono stati raccolti in una dispensa in maniera che nel dicembre 2000 potessero essere analizzati e confrontati con gli educatori e i coordinatori degli Asili Nido. I temi trattati nella dispensa sono stati quelli esposti in questo libro. Qui si espone la copertina della dispensa presentata: REGIONE LAZIO Assessorato scuola, formazione e politiche per il lavoro I.S.P.E.F. Istituto di Scienze Psicologiche dell Educazione e della Formazione ANALISI DEI QUESTIONARI INFORMATIVI PER LE FAMIGLIE E DEGLI EDUCATORI DEGLI ASILI NIDO PROGETTO QUALITÀ INFANZIA Comuni di Monte Porzio Catone, Grottaferrata, Frascati Dicembre E vietata la riproduzione o la trasmissione. Copyright I.S.P.E.F. Tutti i diritti sono riservati

LA LINEA E LA STRADA DEI NUMERI ACQUISIZIONE MOTORIA DEL NUMERO

LA LINEA E LA STRADA DEI NUMERI ACQUISIZIONE MOTORIA DEL NUMERO Fausto Presutti Carmela Bordignon: LA LINEA E LA STRADA DEI NUMERI FAUSTO PRESUTTI CARMELA BORDIGNON LA LINEA E LA STRADA DEI NUMERI ACQUISIZIONE MOTORIA DEL NUMERO Sono riservati tutti i diritti di traduzione,

Dettagli

LA DIDATTICA DELLA LOGICA E DELLA MATEMATICA PER LA SCUOLA D INFANZIA E LA PRIMA CLASSE DI SCUOLA PRIMARIA

LA DIDATTICA DELLA LOGICA E DELLA MATEMATICA PER LA SCUOLA D INFANZIA E LA PRIMA CLASSE DI SCUOLA PRIMARIA FAUSTO PRESUTTI LA DIDATTICA DELLA LOGICA E DELLA MATEMATICA PER LA SCUOLA D INFANZIA E LA PRIMA CLASSE DI SCUOLA PRIMARIA Sono riservati tutti i diritti di traduzione, di riproduzione, di adattamento,

Dettagli

Corso di SPECIALIZZAZIONE METODOLOGIE E STRATEGIE PER L INSEGNAMENTO INFANTILE

Corso di SPECIALIZZAZIONE METODOLOGIE E STRATEGIE PER L INSEGNAMENTO INFANTILE Proposta 2 Corso di SPECIALIZZAZIONE METODOLOGIE E STRATEGIE PER L INSEGNAMENTO INFANTILE PERCORSO DI FORMAZIONE PER LO SVILUPPO DELLA PROFESSIONALITA DOCENTE PER L INFANZIA MEDIANTE LA REALIZZAZIONE DEL

Dettagli

GESTIONE DEL RAPPORTO CON LE FAMIGLIE

GESTIONE DEL RAPPORTO CON LE FAMIGLIE Gestione del rapporto con le famiglie 13ago15.doc Comune di Rimini P.za Cavour, 27 7921 Rimini Tel. 051/7026 Fax 051/70250 http://qualita.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale,

Dettagli

CONSORZIO PAN SERVIZI PER L INFANZIA.

CONSORZIO PAN SERVIZI PER L INFANZIA. CONSORZIO PAN SERVIZI PER L INFANZIA www.consorziopan.it info@consorziopan.it Il Consorzio Pan innovativa forma di Partnership sociale che prevede una collaborazione paritaria tra le più grandi Reti nazionali

Dettagli

European Center of Education

European Center of Education STRUTTURA DEL MASTER Il Master Training of Educators of Infancy TraE Infancy è composto da complessive 1.500 ore di formazione annue corrispondenti a 60 CFU (crediti formativi universitari) per ciascun

Dettagli

SEZIONE III: I DISTRETTI SOCIOSANITARI ED I SERVIZI TERRITORIALI. URP Carta dei Servizi Pagina 1

SEZIONE III: I DISTRETTI SOCIOSANITARI ED I SERVIZI TERRITORIALI. URP Carta dei Servizi Pagina 1 SEZIONE III: I DISTRETTI SOCIOSANITARI ED I SERVIZI TERRITORIALI Pagina 1 XV. I DISTRETTI SOCIOSANITARI AZIENDALI L Azienda USL RM H è divisa in SEI DISTRETTI SOCIOSANITARI. I Distretti Sociosanitari rappresentano

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R

F O R M A T O E U R O P E O P E R F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome DONATELLI EROS Indirizzo VIA OSTUNI, 38 65121 Pescara Italia Telefono 3202293159 Fax 0854481345 E-mail eros.donatelli@aziendasociale.it

Dettagli

FAUSTO PRESUTTI. Certification TCS TRAINING COMPETENCIES AND SKILLS TEACHING ACTIONS

FAUSTO PRESUTTI. Certification TCS TRAINING COMPETENCIES AND SKILLS TEACHING ACTIONS FAUSTO PRESUTTI Certification TCS TRAINING COMPETENCIES AND SKILLS Certificazione TCS - COMPETENZE ED ABILITÀ DOCENTE ATTIVITA D INSEGNAMENTO INDICE INTRODUZIONE : I LIVELLI PER LA FORMAZIONE E LA CERTIFICAZIONE

Dettagli

IL WELFARE E I SERVIZI AI CITTADINI

IL WELFARE E I SERVIZI AI CITTADINI IL WELFARE E I SERVIZI AI CITTADINI 92 IL SISTEMA EDUCATIVO 93 94 Linee programmatiche o Mantenere l'eccellenza nei servizi per l'infanzia aumentandone la quantità. Potenziare i servizi esistenti riducendo

Dettagli

SCHEDA DI MONITORAGGIO DEL PROGETTO N 4

SCHEDA DI MONITORAGGIO DEL PROGETTO N 4 SCHEDA DI MONITORAGGIO DEL PROGETTO N 4 PERIODO IN ESAME: Gennaio 2006 DICEMBRE 2006 DATA COMPILAZIONE SCHEDA: APRILE 2007 Nome Progetto BAMBINI E NUOVE CULTURE Mission (finalità del Progetto) Il progetto

Dettagli

Residenze turisticoalberghiere

Residenze turisticoalberghiere Tav. 13.1 - Alberghi per categoria nei delle Colline litoranee dei Colli Albani e nella pianura di Anzio e Nettuno - 2011 Alberghi per categoria * ** *** **** Residenze turisticoalberghiere Albano Laziale

Dettagli

1. Assetto del territorio

1. Assetto del territorio 1. Assetto del territorio Il Parco dei Castelli Romani, secondo la suddivisione in montagna, collina e pianura stabilita dall ISTAT, ha una prevalenza di comuni collinari, ovvero con caratteri altimetrici

Dettagli

European Center of Education STRUTTURA DEGLI INCONTRI DEI CORSI DI ALTA FORMAZIONE SULLA NORMA CEIF

European Center of Education STRUTTURA DEGLI INCONTRI DEI CORSI DI ALTA FORMAZIONE SULLA NORMA CEIF STRUTTURA DEGLI INCONTRI DEI CORSI DI ALTA FORMAZIONE SULLA NORMA CEIF I Corsi di Alta Formazione sulla Norma CEIF vengono erogati dall E.C.E. European Center of Education (www.eceducation.it) e sono strutturati

Dettagli

Corso di SPECIALIZZAZIONE METODOLOGIE E STRATEGIE PER L INSEGNAMENTO SCOLASTICO

Corso di SPECIALIZZAZIONE METODOLOGIE E STRATEGIE PER L INSEGNAMENTO SCOLASTICO Proposta 2 Corso di SPECIALIZZAZIONE METODOLOGIE E STRATEGIE PER L INSEGNAMENTO SCOLASTICO PERCORSO DI FORMAZIONE PER LO SVILUPPO DELLA PROFESSIONALITA DOCENTE SCOLASTICA MEDIANTE LA REALIZZAZIONE DEL

Dettagli

SISTEMA QUALITA' COMUNE DI MODENA

SISTEMA QUALITA' COMUNE DI MODENA SISTEMA QUALITA' COMUNE DI MODENA PIANO DI LAVORO 2009 1 PAQ: IL BENCHMARKING Q-CLUB E LE ATTIVITA ANNI 2008-2009 CONNESSE Le attività imminenti che ci propone di mettere in campo sono in parte connesse

Dettagli

Tav Trasporto pubblico: dati sul traffico ferroviario della linea Roma- Albano dal 2011 al anno

Tav Trasporto pubblico: dati sul traffico ferroviario della linea Roma- Albano dal 2011 al anno Tav. 10.1 - Trasporto pubblico: dati sul traffico ferroviario della linea Roma- Albano dal 2011 al 2013 anno 2011 2012 2013 Treni utilizzati in un giorno feriale 36 36 36 Treni-km effettuati nell'anno

Dettagli

tra la Regione Toscana e l Ufficio Scolastico Regionale per la Toscana Deliberazione GR 996 del 10 novembre 2014

tra la Regione Toscana e l Ufficio Scolastico Regionale per la Toscana Deliberazione GR 996 del 10 novembre 2014 ADOZIONE SCUOLA Percorso per l attuazione l del Protocollo d Intesa d tra la Regione Toscana e l Ufficio Scolastico Regionale per la Toscana Deliberazione GR 996 del 10 novembre 2014 LE FINALITA Promuovere

Dettagli

APPORTO DI RENDICONTAZIONE, AGGIORNAMENTO E MIGLIORAMENTO

APPORTO DI RENDICONTAZIONE, AGGIORNAMENTO E MIGLIORAMENTO Direzione Programmazione e Controllo Servizio Qualità Processi e Servizi APPORTO DI RENDICONTAZIONE, AGGIORNAMENTO E MIGLIORAMENTO Carta dei servizi del Servizio: ASILI NIDO Anno scolastico 2014-2015 Data

Dettagli

www.consorziopan.it info@consorziopan.it Il Consorzio è un Consorzio senza fini di lucro che si propone di creare e supportare servizi per la prima infanzia, accompagnando lo sviluppo dell imprenditoria

Dettagli

Il Progetto Climact Regions e il Protocollo d Intesa per il supporto all attuazione del Patto dei Sindaci

Il Progetto Climact Regions e il Protocollo d Intesa per il supporto all attuazione del Patto dei Sindaci Il Progetto Climact Regions e il Protocollo d Intesa per il supporto all attuazione del Patto dei Sindaci Maria Fabianelli Amministratore Delegato ARE Liguria SpA Genova, 29 Novembre 2012 Centro Congressi

Dettagli

BAMBINI E INSEGNANTI A SCUOLA

BAMBINI E INSEGNANTI A SCUOLA 6 RICERCHE DOTTORALI DOTTORATO DI RICERCA IN INNOVAZIONE E VALUTAZIONE DEI SISTEMI DI ISTRUZIONE UNIVERSITÀ ROMA TRE Francesca Corradi BAMBINI E INSEGNANTI A SCUOLA Modelli educativi, relazioni intergenerazionali

Dettagli

LA PARTECIPAZIONE CIVICA NELLA ASL ROMA 6

LA PARTECIPAZIONE CIVICA NELLA ASL ROMA 6 LA PARTECIPAZIONE CIVICA NELLA ASL ROMA 6 Nella sottostante tabella l elenco delle Associazioni di Volontariato che hanno sottoscritto il Protocollo di Intesa con l Azienda USL Roma6. Le Associazioni sono

Dettagli

Piazza I. Montanelli -Montesilvano.

Piazza I. Montanelli -Montesilvano. IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Maria Ruggieri Indirizzo Telefono 393/9585062 Fax 085/4481345 E-mail Piazza I. Montanelli -Montesilvano maria.ruggieri@aziendasociale.it Nazionalità Italiana

Dettagli

La valutazione partecipata nei servizi per l infanzia 1 - Problematiche

La valutazione partecipata nei servizi per l infanzia 1 - Problematiche La valutazione partecipata nei servizi per l infanzia 1 - Problematiche Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione Consiglio Nazionale delle Ricerche Regione Emilia-Romagna Corso di formazione per

Dettagli

(delibera del Collegio dei docenti del 01/09/2016) AREA 1

(delibera del Collegio dei docenti del 01/09/2016) AREA 1 (delibera del Collegio dei docenti del 01/09/2016) AREA 1 1. GESTIONE DEL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Stesura del P.O.F. (versione integrale e sintetica) PTOF, PdM, inclusi eventuali aggiornamenti in

Dettagli

Programmi di Finanziamento dell Unione Europea Le Politiche Comunitarie di interesse per il Consiglio dell Ordine degli Psicologi dell Abruzzo

Programmi di Finanziamento dell Unione Europea Le Politiche Comunitarie di interesse per il Consiglio dell Ordine degli Psicologi dell Abruzzo Programmi di Finanziamento dell Unione Europea Le Politiche Comunitarie di interesse per il Consiglio dell Ordine degli Psicologi dell Abruzzo Il Consiglio degli Psicologi dell Abruzzo - organizza il corso

Dettagli

CONSORZIO PAN.

CONSORZIO PAN. CONSORZIO PAN SERVZI PER L INFANZIA www.consorziopan.it info@consorziopan.it Il Consorzio Pan innovativa forma di Partnership sociale che prevede una collaborazione paritaria tra le più grandi Reti nazionali

Dettagli

ASSISTENZA ALLA COPPIA

ASSISTENZA ALLA COPPIA I.N.PE.F. ISTITUTO NAZIONALE di PEDAGOGIA FAMILIARE (Reg. Ag. Entrate Roma P.I. 11297531003 - Cod. Att. 855920 Formazione ed Aggiornamento Professionale) Corso Intensivo sulla Mediazione e Consulenza Coniugale

Dettagli

PROFILO DELL ANIMATORE AZIONE #28 DEL PNSD

PROFILO DELL ANIMATORE AZIONE #28 DEL PNSD Il Piano Nazionale Scuola Digitale (PNSD) è il documento di indirizzo del Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca per il lancio di una strategia complessiva di innovazione della scuola

Dettagli

PROGETTO Educazione al patrimonio culturale e scientifico della Valle d Aosta Anno scolastico 2008/2009

PROGETTO Educazione al patrimonio culturale e scientifico della Valle d Aosta Anno scolastico 2008/2009 Allegato 1 alla D.G.R. n. 201 del 1 febbraio 2008 PROGETTO Educazione al patrimonio culturale e scientifico della Valle d Aosta Anno scolastico 2008/2009 AMBITO: promozione della valorizzazione e della

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome DELIA MANFEROCE Indirizzo VIA MONTIXEDDU, 2 09123 CAGLIARI Telefono 070 271545 Fax 070 271545 E-mail dmanferoce@gmailcom deliamanferoce@comunecagliariit

Dettagli

Distretto Sociosanitario 1 Ventimigliese PROTOCOLLO D'INTESA

Distretto Sociosanitario 1 Ventimigliese PROTOCOLLO D'INTESA Provincia di Imperia Distretto Sociosanitario 1 Ventimigliese Distretto Sociosanitario 2 Sanremese Distretto Sociosanitario 3 Imperiese PROTOCOLLO D'INTESA Per l istituzione del Registro Pubblico Provinciale

Dettagli

ICOM Puglia Progettazione partecipata delle iniziative formative a regia regionale in materia di professioni museali

ICOM Puglia Progettazione partecipata delle iniziative formative a regia regionale in materia di professioni museali ICOM Puglia Progettazione partecipata delle iniziative formative a regia regionale in materia di professioni museali Linee guida per l organizzazione dei tavoli di discussione e l articolazione delle sessioni

Dettagli

1. Servizio / Ufficio. Ambiente. Viviana De Podestà. Vincenzo Terlizzi. 4. Referente per la comunicazione. Patrizia Dellavalle Claudia Berretta

1. Servizio / Ufficio. Ambiente. Viviana De Podestà. Vincenzo Terlizzi. 4. Referente per la comunicazione. Patrizia Dellavalle Claudia Berretta 1. Servizio / Ufficio Ambiente 2. Dirigente Viviana De Podestà 3. Account Vincenzo Terlizzi 4. Referente per la comunicazione Patrizia Dellavalle Claudia Berretta 5. Referente sito web Federico Valeri

Dettagli

Corso di Laurea Magistrale in Pedagogia

Corso di Laurea Magistrale in Pedagogia Corso di Laurea Magistrale in Pedagogia A.A. 2017/2018 Coordinatore prof.ssa Letizia Caronia Requisiti curricolari Avere conseguito la Laurea in una delle classi previste dal D.M. 270/04 o dal D.M. 509/99

Dettagli

Fare ricerca, consulenza e formazione all Istituto per la Ricerca Sociale CECILIA GUIDETTI MILANO 31 MAGGIO 2016

Fare ricerca, consulenza e formazione all Istituto per la Ricerca Sociale CECILIA GUIDETTI MILANO 31 MAGGIO 2016 Fare ricerca, consulenza e formazione all Istituto per la Ricerca Sociale CECILIA GUIDETTI CGUIDETTI@IRSONLINE.IT MILANO 31 MAGGIO 2016 CHE COS È IRS E COSA FA IRS È un istituto di ricerca privato, costituito

Dettagli

Facciamo il punto dei lavori

Facciamo il punto dei lavori dei lavori A cura di Rosalia Monaco Indice delle diapositive: 1. ATTIVITA SVOLTE aa. ss. 2007/2008 e 2008-09 3-12 2. ORGANIZZAZIONE O.Pe.R.Leg C&C e USR UMBRIA 13-19 3. SISTEMA FORMATIVO..20-24 4. COINVOLGIMENTO

Dettagli

Lavoro degli Assistenti Sociali nei contesti organizzativi

Lavoro degli Assistenti Sociali nei contesti organizzativi Lavoro degli Assistenti Sociali nei contesti organizzativi LABORATORIO DI TIROCINIO 3 CONTESTI ORGANIZZATIVI DEL LAVORO SOCIALE Unical 5 novembre 2015 - dott.ssa Isabella Saraceni UNICAL 5 N OV E MB RE

Dettagli

L educazione per l infanzia come bene comune.

L educazione per l infanzia come bene comune. L educazione per l infanzia come bene comune. I contributi delle educatrici. Lucia Balduzzi & Arianna Lazzari Dipartimento di Scienze dell Educazione Università di Bologna Il contesto Anni 70 Origini dei

Dettagli

PROTOCOLLO D'INTESA TRA. PROVINCIA DI VERONA, COMUNE DI VERONA, ULSS 20, ULSS 21, ULSS 22 e AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA,

PROTOCOLLO D'INTESA TRA. PROVINCIA DI VERONA, COMUNE DI VERONA, ULSS 20, ULSS 21, ULSS 22 e AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA, PROTOCOLLO D'INTESA TRA PROVINCIA DI VERONA, COMUNE DI VERONA, ULSS 20, ULSS 21, ULSS 22 e AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA, PER IL PROGETTO NATI PER LEGGERE (NPL) Premesso che: l'associazione

Dettagli

CORSO DI PERFEZIONAMENTO BIENNALE A.A. 2016/2017 e 2017/2018 (Legge 19/11/1990 n art. 6, co. 2, lett. C )

CORSO DI PERFEZIONAMENTO BIENNALE A.A. 2016/2017 e 2017/2018 (Legge 19/11/1990 n art. 6, co. 2, lett. C ) CORSO DI PERFEZIONAMENTO BIENNALE A.A. 2016/2017 e 2017/2018 (Legge 19/11/1990 n. 341- art. 6, co. 2, lett. C ) Corso di Perfezionamento Universitario BIENNALE Tecniche e metodologie didattiche innovative

Dettagli

REGISTRO PRESENZE PER TIROCINIO FINANZIATO. Azienda: Tirocinante:

REGISTRO PRESENZE PER TIROCINIO FINANZIATO. Azienda: Tirocinante: REGISTRO PRESENZE PER TIROCINIO FINANZIATO Azienda: Tirocinante: Pagina di Pagina di Pagina di Pagina di Pagina di Pagina di Pagina di Pagina 8 di Pagina 9 di Pagina 0 di Pagina di Pagina di Pagina di

Dettagli

COMUNE DI MASSA. DETERMINAZIONE del DIRIGENTE n del 26/09/2014. DIRIGENTE RESPONSABILE : Mercadante Fabio

COMUNE DI MASSA. DETERMINAZIONE del DIRIGENTE n del 26/09/2014. DIRIGENTE RESPONSABILE : Mercadante Fabio COMUNE DI MASSA DETERMINAZIONE del DIRIGENTE n. 3254 del 26/09/2014 DIRIGENTE RESPONSABILE : Mercadante Fabio SETTORE: Istruzione CENTRO DI RESPONSABILITA : Istruzione Oggetto: NIDI D INFANZIA COMUNALI.REALIZZAZIONE

Dettagli

LEZIONI DI ECONOMIA SANITARIA

LEZIONI DI ECONOMIA SANITARIA N. Persiani (a cura di) - Lezioni di economia sanitaria LEZIONI DI ECONOMIA SANITARIA a cura di Niccolò Persiani Niccolò Persiani Ordinario di Economia Aziendale presso la scuola di Scienze della Salute

Dettagli

DETERMINAZIONE N 254 del

DETERMINAZIONE N 254 del DETERMINAZIONE N 254 del 07.09.2012 Oggetto: 'LA SCUOLA NEL PARCO - SEMINARIO DI STUDI DOV È IL PROBLEMA? APPROFONDIRE IL RUOLO DI DIVERSE DISCIPLINE NEI PROCESSI DI COSTRUZIONE DELLA CONOSCENZA E DELLE

Dettagli

Funzioni strumentali al piano dell offerta formativa

Funzioni strumentali al piano dell offerta formativa Funzioni strumentali al piano dell offerta formativa 1) GESTIONE POF SOSTEGNO AL LAVORO DEI DOCENTI PROGRAMMAZIONE ATTIVAZIONE PERCORSI, ATTIVITA, PROGETTI VALORIZZAZIONE PROFESSIONALITA, FORMAZIONE, AGGIORNAMENTO

Dettagli

Il sistema di prenotazione (RECUP) è coordinato direttamente dalla Regione Lazio che ne ha affidato la gestione alla cooperativa sociale Capodarco.

Il sistema di prenotazione (RECUP) è coordinato direttamente dalla Regione Lazio che ne ha affidato la gestione alla cooperativa sociale Capodarco. Il sistema di prenotazione (RECUP) è coordinato direttamente dalla Regione Lazio che ne ha affidato la gestione alla cooperativa sociale Capodarco. L ATTIVITA DI SPORTELLO RECUP SONO: - Prenotazione, disdetta

Dettagli

MONITORAGGIO SU PROGETTO PILOTA

MONITORAGGIO SU PROGETTO PILOTA MONITORAGGIO SU PROGETTO PILOTA Progetto DSA: creare una buona scuola per un apprendimento facilitato degli allievi DSA Prof. Antonio Augenti, Dott.ssa Maria A. Geraci Dott.ssa M. Filomena Casale PREMESSA

Dettagli

PROGETTO SCUOLASALUTE

PROGETTO SCUOLASALUTE Progetto Interministeriale Scuola e Salute Incontro Referenti Regionali USR e Sanità - 22 giugno 2010 PROGETTO SCUOLASALUTE REGIONE LAZIO Dott.sa Anna De Santi: Responsabile scientifico Dott.sa Cristina

Dettagli

Collaborazioni didattiche teorico-pratiche nei Corsi di Formazione di Medicina Generale

Collaborazioni didattiche teorico-pratiche nei Corsi di Formazione di Medicina Generale PROTOCOLLO D INTESA tra Federazione Italiana Medici di Medicina Generale (di seguito denominata FIMMG) e Società Italiana di Igiene Medicina Preventiva e Sanità Pubblica (di seguito denominata SITI) Collaborazioni

Dettagli

Corso per volontari di Protezione civile, per promuovere competenze di autoprotezione

Corso per volontari di Protezione civile, per promuovere competenze di autoprotezione Corso nell ambito del Piano di formazione anno 2012 della Scuola Superiore di Protezione Civile Corso per volontari di Protezione civile, per promuovere competenze di autoprotezione (Codice: SPC2018/ME)

Dettagli

I centri per le famiglie in Piemonte. Antonella Caprioglio Maria Celeste Anglesio Direzione Coesione Sociale. 31 marzo 2016

I centri per le famiglie in Piemonte. Antonella Caprioglio Maria Celeste Anglesio Direzione Coesione Sociale. 31 marzo 2016 ASSESSORATO POLITICHE SOCIALI, DELLA FAMIGLIA E DELLA CASA I centri per le famiglie in Piemonte Antonella Caprioglio Maria Celeste Anglesio Direzione Coesione Sociale 31 marzo 2016 Italia e Piemonte: alcune

Dettagli

Direzione Cultura, Educazione e Gioventù 2014 06857/007 Area Servizi Educativi Servizio Sistema Educativo Integrato 0-6 anni

Direzione Cultura, Educazione e Gioventù 2014 06857/007 Area Servizi Educativi Servizio Sistema Educativo Integrato 0-6 anni Direzione Cultura, Educazione e Gioventù 2014 06857/007 Area Servizi Educativi Servizio Sistema Educativo Integrato 0-6 anni CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. Cronologico 238 approvata il

Dettagli

F ORMATO EUROPEO INFORMAZIONI PERSONALI. Marina Morelli. Italiana

F ORMATO EUROPEO INFORMAZIONI PERSONALI. Marina Morelli. Italiana INFORMAZIONI PERSONALI Nome Marina Morelli Indirizzo Via Girolamo Santacroce 3 Telefono 081.60.60.238 E-mail Nazionalità Data di nascita 18.11.1954 marinamorelli@arsan.campania.it Italiana ESPERIENZA LAVORATIVA

Dettagli

Com. N. 39 COMUNE Allegato 1 Venezia,

Com. N. 39 COMUNE Allegato 1 Venezia, ISTITUTO COMPRENSIVO SAN GIROLAMO Venezia, Cannaregio 3022/A, CAP 30121 Tel. 041 717336 fax 041 721789 e mail VEIC84200T@istruzione.it VEIC84200T@pec.istruzione.it Codice Scuola VEIC84200T VENEZIA Com.

Dettagli

ISTITUZIONI SCOLASTICHE:

ISTITUZIONI SCOLASTICHE: » LA FIGURA DEL REFERENTE DSA NELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE:» obiettivi e compiti» Padova, 4 settembre 2013 » -FIGURA DI SISTEMA?» - OTTICA MIDDLE MANAGEMENT?» -PROSPETTIVA LEADERSHIP PER» -PROSPETTIVA

Dettagli

CURRICULUM PROFESSIONALE DI DANIELE DE ANGELIS

CURRICULUM PROFESSIONALE DI DANIELE DE ANGELIS CURRICULUM PROFESSIONALE DI DANIELE DE ANGELIS Prof. Daniele De Angelis Nato a Sezze (LT) il 26/10/1984 DAL 2008 è Vice Presidente e Segretario dell Associazione Nazionale dei Ludotecari denominata FLAIG

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA ATTIVITA DI TIROCINIO FORMATIVO nella PROFESSIONE EDUCATIVA Il Corso di laurea in Scienze dell Educazione dell Università degli Studi di Perugia, si è prefisso l obiettivo di valorizzare e potenziare l

Dettagli

Studio: v. U.Bussi, Viterbo Tel cell

Studio: v. U.Bussi, Viterbo Tel cell Dr.ssa Elisa Fumarola 1 Il curriculum si articola in CURRICULUM VITAE A DATI ANAGRAFICI B - ESPERIENZE FORMATIVE C - ESPERIENZE LAVORATIVE E PROFESSIONALI Conduzione di attività di ricerca in ambito psicosociale;

Dettagli

Porta aperta alla Famiglia Presentazione del Servizio di Asilo Nido Domiciliare

Porta aperta alla Famiglia Presentazione del Servizio di Asilo Nido Domiciliare Porta aperta alla Famiglia Presentazione del Servizio di Asilo Nido Domiciliare Una nuova opportunità a sostegno delle famiglie Giovedi, 29 novembre 2012 Auditorium San Rocco Senigallia Requisiti strutturali

Dettagli

Piano di Miglioramento (PDM) dell'istituzione scolastica

Piano di Miglioramento (PDM) dell'istituzione scolastica Piano di Miglioramento (PDM) dell'istituzione scolastica Adattamento del Modello di Piano di Miglioramento INDIRE (Pagina 1 di 12) Indice Istituto Paritario Scuola Cattolica don Bosco Sommario 1. Obiettivi

Dettagli

IL SISTEMA QUALITA DEL COMUNE DI MODENA LE ATTIVITA REALIZZATE DAL 2009 AL 2014

IL SISTEMA QUALITA DEL COMUNE DI MODENA LE ATTIVITA REALIZZATE DAL 2009 AL 2014 IL SISTEMA QUALITA DEL COMUNE DI MODENA LE ATTIVITA REALIZZATE DAL 2009 AL 2014 Dott.ssa Daniela Migliozzi Resp.le ufficio organizzazione, formazione e qualità GIUGNO 2014 1 IL SISTEMA QUALITA DEL COMUNE

Dettagli

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 74 del

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 74 del 36628 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 74 del 26-6-2017 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 07 giugno 2017, n. 902 L.R. n. 33/2006 e s.m.i. Norme per lo Sviluppo dello Sport per Tutte e

Dettagli

Descrizione di Attività di Didattica o di Educazione Ambientale Istituto Foscari Massari Classi seconde

Descrizione di Attività di Didattica o di Educazione Ambientale Istituto Foscari Massari Classi seconde Descrizione di Attività di Didattica o di Educazione Ambientale Istituto Foscari Massari Classi seconde Denominazione: Ambiente a scuola Obiettivo/i: conoscenza dell ambiente, acquisizione di un metodo

Dettagli

PROGETTO TRIENNALE DI ATTUAZIONE DEL PNSD INTERVENTO DELL ANIMATORE DIGITALE

PROGETTO TRIENNALE DI ATTUAZIONE DEL PNSD INTERVENTO DELL ANIMATORE DIGITALE Premessa PROGETTO TRIENNALE DI ATTUAZIONE DEL PNSD INTERVENTO DELL ANIMATORE DIGITALE L Animatore Digitale è un docente che, insieme al Dirigente Scolastico e al Direttore Amministrativo, avrà il compito

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 15 DEL 14 APRILE 2008

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 15 DEL 14 APRILE 2008 REGIONE CAMPANIA - Giunta Regionale - Seduta del 15 febbraio 2008 - Deliberazione N. 288 - Area Generale di Coordinamento N. 20 - Assistenza Sanitaria N. 17 - Istruzione - Educazione - Formazione Professionale

Dettagli

INDIRIZZO SERVIZI SOCIO SANITARI

INDIRIZZO SERVIZI SOCIO SANITARI INDIRIZZO SERVIZI SOCIO SANITARI Questo indirizzo di studio fornisce allo studente, a conclusione del quinquennio, le competenze necessarie per organizzare e d attuare interventi adeguati alle esigenze

Dettagli

7. Descrizione delle attività e delle prestazioni erogate dal servizio

7. Descrizione delle attività e delle prestazioni erogate dal servizio SEGRETARIATO SOCIALE E P.U.A. PUNTO UNICO DI ACCESSO INTEGRATO 2. Progetto già avviato Sì No 3. Tipologia di servizio Istituzionale Servizi Essenziali Altro 4. Area tematica Multiarea 5. Macrotipologia

Dettagli

L Educazione Ambientale nelle scuole del Veneto: il primo monitoraggio regionale. I risultati dell indagine

L Educazione Ambientale nelle scuole del Veneto: il primo monitoraggio regionale. I risultati dell indagine L Educazione Ambientale nelle scuole del Veneto: il primo monitoraggio regionale. I risultati dell indagine A cura di: Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca - Direzione Generale del

Dettagli

Same PROfilesfor Unique Training. in ECEC service

Same PROfilesfor Unique Training. in ECEC service Same PROfilesfor Unique Training in ECEC service IL CASO ITALIANO La situazione dei servizi socio-educativi per l infanzia in Italia Nidi d infanzia (fascia 0-3) Scuole d infanzia (fascia 3-6) EDUCATORI

Dettagli

VALUTAZIONE DELL DELL IMPATTO IMPATTO DELLA IMPATTO

VALUTAZIONE DELL DELL IMPATTO IMPATTO DELLA IMPATTO LA VALUTAZIONE DELL IMPATTO DELLA FORMAZIONE ASL 5 SPEZZINA 1 Titolo del corso PROGETTO FORMATIVO AZIENDALE BASE sulla SICUREZZA DEI PAZIENTI E GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO: LINEE GUIDA REGIONE LIGURIA

Dettagli

Regione Lombardia Benvenuti INCONTRO DIRIGENTI/RESPONSABILI S.I.T.R.A.

Regione Lombardia Benvenuti INCONTRO DIRIGENTI/RESPONSABILI S.I.T.R.A. Benvenuti INCONTRO DIRIGENTI/RESPONSABILI S.I.T.R.A. Milano 14 Ottobre 2003 1 o.d.g. : Presentazione attività OPS Presentazione risultati questionario Febbraio 2003 2 D.G.R. 9490 21 Giugno 2002 Costituzione

Dettagli

ESITI RILEVAZIONE PROVINCIALE INDAGINE CONOSCITIVA PRESENZA ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI NELLE SCUOLE BRESCIANE ANNO SCOLASTICO 2015-2016

ESITI RILEVAZIONE PROVINCIALE INDAGINE CONOSCITIVA PRESENZA ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI NELLE SCUOLE BRESCIANE ANNO SCOLASTICO 2015-2016 ESITI RILEVAZIONE PROVINCIALE INDAGINE CONOSCITIVA PRESENZA ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI NELLE SCUOLE BRESCIANE ANNO SCOLASTICO 215-216 Premessa Con nota Prot. MIUR AOO USPBS R.U 16842 del 1/11/215

Dettagli

Corsi di Formazione-informazione

Corsi di Formazione-informazione LAZIOSANITÀ AGENZIA DI SANITÀ PUBBLICA. Direzione Regionale Programmazione Sanitaria. Direzione Regionale Politiche della Prevenzione e dell'assistenza Sanitaria Territoriale celiachia Corsi di Formazione-informazione

Dettagli

Ordine degli Architetti PPC di Roma e Provincia CONSULTA GIOVANI ARCHITETTI ROMA C.D.O. PROGRAMMA E CALENDARIO DEL CORSO

Ordine degli Architetti PPC di Roma e Provincia CONSULTA GIOVANI ARCHITETTI ROMA C.D.O. PROGRAMMA E CALENDARIO DEL CORSO Titolo del corso Periodo di svolgimento Sede del corso Direttore Scientifico Co-direttore Scentifico Tutor Ordine degli Architetti PPC di Roma e Provincia ARCHI MANAGEMENT: L ARCHITETTO IMPRENDITORE Dal

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Tinagli Maria Data di nascita 05/01/1950. Dirigente - Direzione Generale Ordinamenti Scolastici

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Tinagli Maria Data di nascita 05/01/1950. Dirigente - Direzione Generale Ordinamenti Scolastici INFORMAZIONI PERSONALI Nome Tinagli Maria Data di nascita 05/01/1950 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio II Fascia Dirigente - Direzione Generale Ordinamenti Scolastici

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA RETE PROMOS(S)I - SARDEGNA

PROTOCOLLO D INTESA RETE PROMOS(S)I - SARDEGNA PROTOCOLLO D INTESA RETE PROMOS(S)I - SARDEGNA PREMESSO CHE compete alle autonomia delle singole istituzioni scolastiche interpretare le norme sulla promozione, organizzazione, sostegno, valutazione e

Dettagli

La formazione del medico igienista. F. Auxilia Direttore Scuola di Specializzazione in Igiene e Medicina Preventiva Università degli Studi di Milano

La formazione del medico igienista. F. Auxilia Direttore Scuola di Specializzazione in Igiene e Medicina Preventiva Università degli Studi di Milano La formazione del medico igienista F. Auxilia Direttore Scuola di Specializzazione in Igiene e Medicina Preventiva Università degli Studi di Milano Decreto Ministeriale 1 agosto 2005 Riassetto Scuole di

Dettagli

TRIENNIO ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE SCUOLA INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA DI 1 GRADO Giovanni XXIII Monte San Biagio- Lenola (LT)

TRIENNIO ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE SCUOLA INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA DI 1 GRADO Giovanni XXIII Monte San Biagio- Lenola (LT) I Monte San Biagio- Lenola (LT) TRIENNIO 2016-19 1. Premessa L azione #28 del Piano Nazionale Scuola Digitale prevede la nomina di un docente ad animatore digitale ossia un docente che deve elaborare progetti

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome MATTIOLI MARIA ESPERIENZA LAVORATIVA Nome e indirizzo del datore di Tipo di impiego Principali mansioni e

Dettagli

OGGETTO: PROTOCOLLO DI INTESA CON LA BANCA DI CREDITO COOPERATIVO TUSCOLO DI ROCCA PRIORA

OGGETTO: PROTOCOLLO DI INTESA CON LA BANCA DI CREDITO COOPERATIVO TUSCOLO DI ROCCA PRIORA MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO COMPRENSIVO DON LORENZO MILANI - RMIC8AT005 Scuole: Infanzia LA TROTTOLA - Primaria G. CARDUCCI -

Dettagli

PROVINCIA DI BOLOGNA ACCORDO PROVINCIALE DI PROGRAMMA PER L INTEGRAZIONE SCOLASTICA E FORMATIVA DEGLI STUDENTI IN SITUAZIONE DI HANDICAP

PROVINCIA DI BOLOGNA ACCORDO PROVINCIALE DI PROGRAMMA PER L INTEGRAZIONE SCOLASTICA E FORMATIVA DEGLI STUDENTI IN SITUAZIONE DI HANDICAP PROVINCIA DI BOLOGNA ACCORDO PROVINCIALE DI PROGRAMMA PER L INTEGRAZIONE SCOLASTICA E FORMATIVA DEGLI STUDENTI IN SITUAZIONE DI HANDICAP (Legge 5/2/1992 n. 104) Nell'ambito delle competenze della Provincia

Dettagli

DELIBERAZIONE N. DEL. Direzione Regionale: SALUTE E POLITICHE SOCIALI Area: SUSSIDIARIETA' ORIZZONTALE, TERZO SETTORE E SPORT

DELIBERAZIONE N. DEL. Direzione Regionale: SALUTE E POLITICHE SOCIALI Area: SUSSIDIARIETA' ORIZZONTALE, TERZO SETTORE E SPORT REGIONE LAZIO DELIBERAZIONE N. DEL GIUNTA REGIONALE PROPOSTA N. 10835 DEL 12/06/2017 STRUTTURA PROPONENTE Direzione Regionale: SALUTE E POLITICHE SOCIALI Area: SUSSIDIARIETA' ORIZZONTALE, TERZO SETTORE

Dettagli

Istituto Comprensivo Anagni Primo Scuola dell infanzia Insegnante di ruolo a tempo indeterminato

Istituto Comprensivo Anagni Primo Scuola dell infanzia Insegnante di ruolo a tempo indeterminato F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome ORLANDINI PAOLA Indirizzo VIA DELLA PESCHIERA, 48, 03012 ANAGNI (FR) Telefono 0775/728853 Cellulare 347/3395716 Fax E-mail p.orlandini67@gmail.com

Dettagli

DIPARTIMENTO PROGRAMMAZ. ECONOMICA E SOCIALE DETERMINAZIONE. Estensore CIOFFI STEFANIA. Responsabile del procedimento MARIA GIOVANNA DI BIASE

DIPARTIMENTO PROGRAMMAZ. ECONOMICA E SOCIALE DETERMINAZIONE. Estensore CIOFFI STEFANIA. Responsabile del procedimento MARIA GIOVANNA DI BIASE REGIONE LAZIO Dipartimento: Direzione Regionale: Area: DIPARTIMENTO PROGRAMMAZ. ECONOMICA E SOCIALE POLITICHE SOCIALI E FAMIGLIA INTEGRAZIONE SOCIO-SANITARIA DETERMINAZIONE N. B07082 del 05/10/2012 Proposta

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SASSO MARCONI via Porrettana, SASSO MARCONI tel fax

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SASSO MARCONI via Porrettana, SASSO MARCONI tel fax ISTITUTO COMPRENSIVO DI SASSO MARCONI via Porrettana, 258 40037 SASSO MARCONI tel. 051 841185 fax 051 843224 Relazione finale dell insegnante Romanelli Silvia Titolare di incarico di Funzione Strumentale

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. MIUR Ministero dell Istruzione Università e Ricerca. AVIS Associazione Volontari Italiani del Sangue

PROTOCOLLO D INTESA. MIUR Ministero dell Istruzione Università e Ricerca. AVIS Associazione Volontari Italiani del Sangue PROTOCOLLO D INTESA MIUR Ministero dell Istruzione Università e Ricerca AVIS Associazione Volontari Italiani del Sangue VISTA la Legge quadro sul Volontariato 11 agosto 1991, n.266 ed in particolare l

Dettagli

VALUTARE L ACCOGLIENZA

VALUTARE L ACCOGLIENZA La valutazione pedagogica Corso di formazione rivolto ai coordinatori pedagogici del sistema regionale dei servizi 0-3 pubblici e privati VALUTARE L ACCOGLIENZA UNO STRUMENTO AD USO DEI SERVIZI PER LA

Dettagli

PIANO TRIENNALE. PER L ATTUAZIONE DEL PIANO NAZIONALE SCUOLA DIGITALE ANIMATORE DIGITALE Prof. Carmine Antonio Muraca TRIENNIO

PIANO TRIENNALE. PER L ATTUAZIONE DEL PIANO NAZIONALE SCUOLA DIGITALE ANIMATORE DIGITALE Prof. Carmine Antonio Muraca TRIENNIO ISTITUTO COMPRENSIVO SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA PRIMO GRADO Via G. Leopardi - Tel. 096881006 Fax 0968818921 - E-mail: czic813004@istruzione.it Sito web: www.icserrastretta.it tcodice Meccanografico:CZIC813004

Dettagli

Il Monitoraggio delle azioni di mobilità: finalità e strumenti

Il Monitoraggio delle azioni di mobilità: finalità e strumenti Il Monitoraggio delle azioni di mobilità: finalità e strumenti La gestione delle azioni di mobilità Leonardo da Vinci Seminario Progetti Approvati Annualità di Selezione 2011 Roma, 26 Ottobre 2011 Centro

Dettagli

Servizi per l infanzia - Regione Lombardia

Servizi per l infanzia - Regione Lombardia LAVORARE NEI SERVIZI PER L INFANZIA E LA GENITORIALITA LA RETE DEI SERVIZI PER L INFANZIA TRA LE UNITA DIOFFERTA SOCIALI DELLA REGIONE LOMBARDIA PERCORSO DAI SERVIZI TRADIZIONALI PER L INFANZIA AI SERVIZI

Dettagli

modelli innovativi di servizi di cura per l infanzia Proposta e sperimentazione di

modelli innovativi di servizi di cura per l infanzia Proposta e sperimentazione di PROGETTO Proposta e sperimentazione di modelli innovativi di servizi di cura per l infanzia da implementarsi nei comuni lucani con popolazione inferiore ai 3.000 abitanti 1 servizio educativo domiciliare

Dettagli

La scuola come Servizio Educativo. a cura del Servizio di Pastorale Scolastica della Diocesi di Milano

La scuola come Servizio Educativo. a cura del Servizio di Pastorale Scolastica della Diocesi di Milano La scuola come Servizio Educativo a cura del Servizio di Pastorale Scolastica della Diocesi di Milano P.E.I. e P.O.F. Conosciamoli meglio Il Progetto Educativo d Istituto (PEI) STRUMENTO INDISPENSABILE

Dettagli

ROBERTO MASTROFINI Avvocato Via Conca d oro 146, 00141 Roma TEL. 06/32110514 CELL. 347/5161589 FAX 06/32110514 e-mail: r.mastrofini@logospa.

ROBERTO MASTROFINI Avvocato Via Conca d oro 146, 00141 Roma TEL. 06/32110514 CELL. 347/5161589 FAX 06/32110514 e-mail: r.mastrofini@logospa. ROBERTO MASTROFINI Avvocato Via Conca d oro 146, 00141 Roma TEL. 06/32110514 CELL. 347/5161589 FAX 06/32110514 e-mail: r.mastrofini@logospa.it DATI ANAGRAFICI Luogo e data di nascita: Frascati (Rm), 26/02/1975

Dettagli

Il sistema ECM approvato per il Piemonte. Nadia Bonsignore- Referente responsabile ECM Regione Piemonte

Il sistema ECM approvato per il Piemonte. Nadia Bonsignore- Referente responsabile ECM Regione Piemonte Il sistema ECM approvato per il Piemonte Nadia Bonsignore- Referente responsabile ECM Regione Piemonte Sin dall ottobre 2007 con apposite delibere di Giunta si è avviata nella Regione Piemonte la fase

Dettagli

CREATIVITÀ LINGUISTICA STORIE DEL TEST FIGURE CREATIVE

CREATIVITÀ LINGUISTICA STORIE DEL TEST FIGURE CREATIVE Psicologia dell Educazione FAUSTO PRESUTTI CREATIVITÀ LINGUISTICA STORIE DEL TEST FIGURE CREATIVE Sono riservati tutti i diritti di traduzione, di riproduzione, di adattamento, totale o parziale, con qualsiasi

Dettagli

ISTITUTO SECONDARIA SUPERIORE LA FARINA-BASILE Messina

ISTITUTO SECONDARIA SUPERIORE LA FARINA-BASILE Messina AMBITI E AZIONI Il presente piano presenta le azioni ritenute prioritarie e percorribili nel triennio 2016 2019. Esse sono aggregate con riferimento ai tre ambiti progettuali assegnati dal PNSD all animatore

Dettagli

Se avessi dato retta ai miei clienti avrei dovuto allevare un cavallo più veloce. loredana leoni

Se avessi dato retta ai miei clienti avrei dovuto allevare un cavallo più veloce. loredana leoni Se avessi dato retta ai miei clienti avrei dovuto allevare un cavallo più veloce FINALITÀ Dare piena attuazione all autonomia delle istituzioni scolastiche per Innalzare il livello di competenze degli

Dettagli

di particolare interesse realizzate nell Istituto

di particolare interesse realizzate nell Istituto REPORT Attività di formazione di particolare interesse realizzate nell Istituto Titolo del progetto Stare bene a scuola E un esperienza di formazione attiva rivolta a tutti i docenti dell istituto. L idea

Dettagli