MoVimento 5 Stelle Finale Ligure

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MoVimento 5 Stelle Finale Ligure"

Transcript

1 MoVimento 5 Stelle Finale Ligure Il MoVimento 5 stelle è una libera associazione di cittadini, non ha ideologie di destra o di sinistra, ma solo idee volte al bene comune. IL COMUNE E' DEI CITTADINI E DEVE DIVENTARE UNA CASA DI VETRO! I nostri valori principali sono: 1 Nessuno deve rimanere indietro 2 Trasparenza e legalità 3 Partecipazione dei cittadini 4 Taglio agli sprechi 5 Tutela e valorizzazione del territorio Si tratta di un programma che si affianca e si ispira a quello nazionale, aperto al cambiamento, rendendo i cittadini direttamente partecipi dei processi amministrativi e decisionali del Comune. Questo è il progetto della lista del MoVimento 5 stelle di Finale Ligure: Per maggiori informazioni : www. meetup. com/ Finale5 Stelle/ Pagina Facebook: www. facebook. com/ finale5stelle Sito internet: www. finale5 stelle. it 1

2 SOCIALE: PIAGGIO La Piaggio rimane una questione complessa, gestita in maniera discutibile dai sindacati, dai partiti e dai politici che hanno amministrato la nostra città negli ultimi venti anni sulla pelle dei lavoratori. Tutti sono e erano al corrente della mancanza di un piano industriale. Il gioco delle parti si è prolungato nel tempo, tra ricatti e compromessi. Il reale credere ancora alla storia della buona occasione edilizio/commerciale in un momento di crisi come questo è assurdo! Noi intendiamo preservare in primis l'occupazione e tutti i posti di lavoro,salvo restando che tra i cittadini l'idea che p revale è la contrarietà dello spostamento della Piaggio! (SEGUE NELLA SEZIONE URBANISTICA ). GIOVANI COPPIE Favorire l'insediamento nel tessuto urbano di giovani coppie, oggi cosa molto difficile, facendosi garante del canone d'affitto, nei confronti dei proprietari delle moltissime unità abitative sfitte, con l'aiuto di sgravi fiscali. ATTENZIONE AI PIU' DEBOLI Attuare politiche sociali attente ai bisogni di tutti, rivolte in particolare alle fasce più deboli, demandando ad associazioni presenti sul territorio o anche direttamente mediante risorse umane del Comune. PARTECIPAZIONE POPOLARE Utilizzo di referendum e/o sondaggi comunali propositivi senza quorum come strumento decisionale per i cittadini. LUOGHI DI AGGREGAZIONE Recuperare e valorizzare gli spazi pubblici come luoghi di aggregazione, creando uno o più centri per i ragazzi e attività sociali varie, che possano coinvolgere tutta la cittadinanza in interessi di vario genere. POTENZIARE IL MERCATO SOCIALE Prosecuzione e potenziamento del progetto Finale Social Market, già presentato in Comune dal Meetup Amici di Beppe Grillo del Finalese, in sinergia con le associazioni di volontariato del finalese. ASSISTENZA AGLI ANZIANI Potenziare l'assistenza al domicilio degli anziani per aiutarli nelle loro necessità, che riguardano sia la sfera dell'autonomia fisica sia mentale, intellettiva e ricreativa. A tal proposito, avvalendosi di un piccolo bus, sarà istituito un servizio che settimanalmente accompagnerà gli anziani della nostra città a visitare e conoscere il territorio. 2

3 BANCA DEL TEMPO La Banca del tempo è uno scambio gratuito di servizi tra tutti gli iscritti, dove l'oggetto dello scambio è il tempo, indipendentemente dal valore monetario e dal tipo di prestazione svolta e dove la valuta di scambio è appunto il tempo. Questo servizio è già in funzione a Parma e a Sant'Arcangelo di Romagna. SPORTELLO DEL CITTADINO Creazione dello sportello del cittadino per consulenze amministrative e per eventuali segnalazioni concernenti problemi e disfunzioni della macchina comunale. TUTELA E BENESSERE DEGLI ANIMALI Un paese civile non può prescindere dal riconoscimento e dalla tutela degli animali. A tal fine la nostra Amministrazione volgerà una particolare attenzione anche a loro. Sono in corso i lavori di costruzione del nuovo canile, punto di partenza per una gestione consapevole e di contenimento del fenomeno del randagismo. E' altresì fondamentale l'organizzazione di iniziative pet/uomo: si tratta di organizzare eventi a beneficio degli animali, ma anche delle persone in difficoltà, rapportandosi quindi con disabilità, solitudine e depressione. Studi oramai decennali hanno ampiamente dimostrato i benefici risultati derivanti dalla pet teraphy. VOLONTARIATO Maggiore attenzione al volontariato e potenziamento delle consulte (volontariato, sport, territorio e ambiente). URBANISTICA RIDURRE IL CONSUMO DEL SUOLO Ridurre in modo drastico il consumo del suolo e del territorio, incentivando la ristrutturazione del patrimonio esistente, contrastando e ostacolando eventuali speculazioni edilizie e cementificazioni selvagge. Rivedere il vigente PUC nei confronti delle aree ad oggi non ancora compromesse dal punto di vista edilizio: 1)Conservazione e valorizzazione dei terreni non edificati e dei suoli agricoli; 2)Contenimento del consumo del suolo e riqualificazione dei terreni abbandonati. PREVENZIONE DAL RISCHIO IDROGEOLOGICO La nostra proposta è quella di attuare in maniera decisa una prevenzione del rischio idrogeologico analizzando sul campo le aree maggiormente esposte a tale rischio e operando attraverso: 1) La regimazione delle acque; 2) La messa in sicurezza dei versanti; 3) Una generale, ma costante pulizia dei torrenti; 4) Valorizzando il compito della protezione civile e individuando aree sicure per l'accoglienza dei cittadini in caso di calamità 5) Prevedere informativa dettagliata alla popolazione, da programmarsi almeno due volte l'anno con incontri, volantini, informative e brochures; 6) Implementazione della segnaletica circa le aree a rischio idrogeologico; 3

4 7) Promuovere iniziative con alunni della scuola primaria e secondaria di primo grado; ad es. attività pratiche e teoriche con tecnici specializzati e volontari della protezione civile, sui rischi del territorio e sulle norme comportamentali da tenersi in caso di alluvioni, frane o calamità. PIAGGIO (La Piaggio rimane una questione complessa, gestita in maniera discutibile da sindacati, partiti e dai politici che hanno amministrato la nostra città negli ultimi venti anni, sulla pelle dei lavoratori. Tutti sono e erano al corrente della mancanza di un piano industriale. Il gioco delle parti si è prolungato nel tempo, tra ricatti e compromessi. Il reale credere ancora alla storia della buona occasione edilizio/commerciale in un momento di crisi come questo è assurdo! Noi intendiamo preservare in primis l'occupazione e tutti i posti di lavoro, salvo restando che tra i cittadini l'idea che prevale è la contrarietà dello spostamento della Piaggio!). La speculazione edilizia in atto graverà su Finale per sempre e stravolgerà l'identità della città. E' arrivato il momento delle responsabilità. La nuova Amministrazione dovrà ricostruire il percorso svolto sin d'ora con totale trasparenza e condivisione, in nome del bene reale dei lavoratori e della città stessa. Lo spostamento in corso a Villanova dovrà garantire tutti i dipendenti senza esubero o licenziamenti. La società Finalmare avrà in cambio un profitto altissimo e se non garantirà l'occupazione, Finale in cambio avrà una drastica diminuzione di abitanti e una nuova, enorme colata di cemento. Di tutto questo ne risentiranno anche le diverse attività presenti ad essa collegate. PIAZZA ABAZIA Pedonalizzare Piazza Abazia a Finalpia, creando un centro di aggregazione per i cittadini (la Piazza). ORGANIZZAZIONE COMUNALE: ORGANICO COMUNALE Riassetto della gestione delle risorse economiche e dell'organico comunale, avvalendosi di criteri meritocratici per una più corretta efficienza, investendo nella formazione e nella crescita professionale dei dipendenti del Comune. Riduzione degli stipendi di Sindaco e Assessori. Rivedere il criterio delle consulenze/incarichi esterni ed interni, evitando consulenze superflue e incentivando le professionalità già presenti all'interno della struttura comunale di fatto già adeguatamente formate per lo svolgimento di determinati incarichi. SEMPLIFICAZIONE DELLE PROCEDURE COMUNALI Istituzione dello Sportello Unico per l' edilizia. Incentivare l'utilizzo della trasmissione telematica oltre a quelle cartacea (posta certificata, ordinaria, fax e trasmissione a mano). 4

5 TRASPARENZA TOTALE Introduzione di un controllo facile ed immediato sulla gestione delle casse comunali tra quanto previsto e gli obiettivi raggiunti, trasparenza totale del Bilancio e delle spese del Comune. NO CONFLITTO D'INTERESSI E NO CONDANNATI Attuare il divieto, già previsto dalla vigente normativa, di nomina a tutte le cariche amministrative per chi ha conflitti di interesse o condanne pendenti e in via definitiva. TAGLIO AGLI SPRECHI Dal taglio agli sprechi arriveranno nuove risorse economiche che potranno essere investite e ridistribuite in attività nuove e necessarie alla comunità. Un' Amministrazione competente ed efficiente deve assolutamente porre attenzione al taglio degli sprechi in qualunque modo essi vengano a manifestarsi. Il nostro primo impegno volgerà in questa direzione. CONSIGLI COMUNALI Per una migliore e più continuativa informazione alla cittadinanza istituire riprese in streaming dei Consigli Comunali e creare un archivio online. CONNETTIVITA' wi-fi libero negli uffici e palazzi pubblici. REFERENTE DI ZONA Al fine di rendere maggiore la partecipazione dei cittadini alla vita della propria città, saranno individuati dei Consiglieri che saranno referenti per le frazioni e località del Comune. I referenti saranno da ausilio all' operato dell' Amministrazione e raccoglieranno tutte le problematiche riguardanti le loro zone, per poi portarle all' Attenzione dell' Amministrazione stessa. Nello specifico: 1 Consigliere per Finalmarina; 1 Consigliere per Finalborgo; 1 Consigliere per Finalpia (incluso zona Monte-Monda); 1 Consigliere per Varigotti (incluso Pino, Kien, Ca dei Mori, La Selva); 1 Consigliere per Gorra/Perti; 1 Consigliere per Le Manie/Isasco; 1 Consigliere per Calvisio/Verzi UFFICI COMUNALI DI ZONA Presso le frazioni di Finalborgo, Finalpia e Varigotti sarà valutato se istituire degli uffici comunali periferici per erogare alcuni servizi essenziali quali: protocollo, anagrafe, un punto dell' Ufficio Turistico, uno della Polizia Municipale e un punto di appoggio per l' operatore della Finale Ambiente. 5

6 TRASPARENZA I Consiglieri e gli Assessori non avranno ufficio, solo il Sindaco manterrà l'ufficio istituzionale, aperto a ricevere tutti i cittadini, i luoghi di ricezione dei cittadini saranno l'ufficio del Sindaco, l'anticamera, la Sala Giunta e la Sala Consigliare, la strada e la piazza. Per le riunioni pubbliche saranno usate maggiormente tutte le sale della città, compreso l'auditorium ed ogni altro locale pubblico dove poter discutere pubblicamente. Tutti i cittadini che avranno necessità di fare richieste all' Amministrazione, dovranno farle per iscritto, previa compilazione dell'unico modulo che verrrà dato (cartaceo e/o digitale). Ogni richiesta sarà esaminata dalla Giunta, dal Consiglio o dalle Consulte, a seconda della competenza, previo eventuale sopralluogo e colloquio col richiedente. ASSISTENZA BAGNANTI SPIAGGE LIBERE Finale dispone di circa 9 km di spiagge (tra libere e in concessione), alcune delle quali molto affollate e prive di salvamento e pulizia. Al fine di sopperire a tale mancaza si fornirà, nelle maggiori spiagge libere, un servizio di salvataggio, vigilanza, pulizia e assistenza al bagnante. ECONOMIA E FINANZA: SPORTELLO ANTI USURA Sportello economico/finanziario di assistenza anti-usura e anti-anatocismo bancario (art 132 costituzione). CREDITO D'IMPOSTA COMUNALE Istituire un titolo a credito d'imposta comunale. Il Comune garantirà una rendita del 3% netto, il cittadino potrà comprare il titolo dal Comune e quando dovrà pagare una tassa (ad es. IMU) potrà utilizzare il credito comunale. Per sicurezza verrà istituito uno strumento con dei correttivi per un indebitamento del 50%. SUOLO PUBBLICO Rimodulazione del costo del suolo pubblico per i commercianti, basato su un principio di equità: se tutti pagano il giusto, tutti pagano meno. Registro online del suolo pubblico e massima trasparenza. PATRIMONIO COMUNALE IMMOBILIARE Il patrimonio comunale immobiliare, oggetto di eventuale locazione, deve essere assegnato a prezzi di mercato per quanto concerne l'uso commerciale, mentre per uso abitativo a scopo sociale a prezzo agevolato, per chi veramente ne ha bisogno e necessità, rendendo trasparenti le assegnazioni e i criteri di graduatoria. FINANZIAMENTI REGIONALI ED EUROPEI Promuovere una più attenta formazione professionale dei dipendenti comunali, propedeutica alla progettazione e nascita di idee innovative, che diano la possibilità ad attingere ai finanziamenti Regionali ed Europei a seguito dell'emanazione dei bandi di concorso. 6

7 FALSE RESIDENZE Controlli sulle false residenze. AMBIENTE: FINALE AMBIENTE Migliorare e rendere più trasparente la gestione di Finale Ambiente, rendendola una municipalizzata. Riduzione della rappresentanza politica (massimo una e dell'opposizione) nel CDA, inserendo figure non politiche ossia persone con compiti meramente tecnici, amministrativi e finanziari (sempre proposti e/o concertati con l'opposizione e nominati attraverso Delibera di Consiglio Comunale). La trasparenza si può avere solo se il controllore non coincide con il controllato. PIU' RACCOLTA DIFFERENZIATA Implementare su tutto il territorio i cassonetti della differenziata riducendo sistematicamente quelli della indifferenziata, senza aumentare le isole ecologiche, ove non possibile effettuare il Porta a Porta. Stessa cosa dicasi per i cestini gettacarta che attualmente sono insufficienti per attuare una politica tesa al rifiuto zero. Incentivare i commercianti a ridurre al minimo l'uso di sacchetti di plastica utilizzando sacchetti/borse riutilizzabili (tela e/o altro materiale). Acquistare prodotti con confezioni costituite da materiale riciclabile. Aumento della raccolta differenziata per arrivare da subito al tetto minimo previsto di legge del 65% dei rifiuti riciclati, per non incorrere nella sanzione previste dalla Legge. Lo scopo principale è però arrivare ai rifiuti zero e all'applicazione della tariffa puntuale : più ricicli, meno paghi e chi inquina paga di più. Prevedere il coinvolgimento delle scuole in un progetto sulla raccolta differenziata. MANUTENZIONE Operare per una Finale più pulita, per una efficiente manutenzione delle strade e dei marciapiedi, per una viabilità più sostenibile, migliorando la segnaletica stradale ed effettuando uno studio volto all'abbattimento delle barriere architettoniche per i diversamente abili su tutto il territorio finalese. ORGANIZZAZIONE DELLE GIORNATE ECOLOGICHE Pianificare, anche in collaborazione con gli Istituti scolastici, una serie di appuntamenti non estemporanei su siti prescelti del territorio (anche suggeriti da cittadini), atti alla pulizia degli stessi. Queste azioni devono avere non soltanto uno scopo ecologico, ma anche una valenza educativa per i giovani, volta al rispetto e alla cura dell'ambiente (nel rispetto della sicurezza e dell'igiene individuale). 7

8 ECOBANK E COMPOSTIERE Installazione di una Ecobank (macchina mangia plastica e vetro) per il riciclo dei contenitori di plastica e vetro, con rilascio di un bonus. Saranno distribuite compostiere per chi dispone di giardini e terreni. PATRIMONIO NATURALE Difendere e valorizzare l'ambiente, il territorio e il patrimonio naturale. Fondamentale il recupero delle aree agricole marginali, l' individuazione e il recupero delle aree caratteristiche esistenti, con una migliore gestione delle stesse, per esempio, regolandone l' accesso e l' utilizzo (vedi comprensorio della Rocca di Perti e Falesie del finalese, in condizioni di assoluto degrado e noncuranza). Il patrimonio naturale del nostro Comune è notevole, attraverso la sua salvaguardia e regolamentazione, non solo attueremo una politica di rispetto dell'ambiente (salvaguardia delle specie vegetali e della fauna autoctona), ma implementeremo la domanda turistica con conseguente creazione di nuovi posti di lavoro. Potenziamento dell'attività di vigilanza edilizia, attraverso la nomina di un tecnico esterno (meglio se non residente in Provincia di Savona e senza alcun vincolo di parentela con residenti) o la ripartizione delle maestranze all'interno del Comune allo stato attuale. Incentivazione delle attività che prevedono il recupero del patrimonio boschivo in area SIC (Sito di Interesse Comunitario). Promuovere iniziative ambientali e visite guidate ad organizzazione del Comune, che coinvolgano maggiormente le scuole. Pulizia e manutenzione della rete sentieristica, con la realizzazione di una cartellonistica e segnaletica dedicata e rivista. Realizzazione di un serio servizio fotografico relativo al territorio comunale, da predisporre su una piattaforma online interattiva, come promozione turistica visibile anche all'estero. Collegare agricoltura e ambiente in quanto, sostenute e incentivate, possono consentire nuovi posti di lavoro e avviare una seria politica di rilancio e protezione dell'ambiente. ACQUA PUBBLICA Mantenere e potenziare la gestione pubblica dei beni e dei servizi strategici come l'acqua. L'acqua è un bene comune e deve rimanere pubblica. Promuovere un'attenta manutenzione della rete idrica. 8

9 CULTURA, ISTRUZIONE E TURISMO: PATRIMONIO CULTURALE Salvaguardare e valorizzare il patrimonio artistico-storico-culturale e farlo diventare una vera risorsa economica attraverso lo sviluppo di attività con conseguente creazione di nuovi posti di lavoro e sviluppo dell'indotto. Prevedere interventi di recupero con ricerca di finanziamenti; Fare l'inventario del patrimonio culturale e cercare di capire, caso per caso, come si possa intervenire. Apertura di un canale di comunicazione con Costa Crociere, per portare i croceristi a visitare le nostre bellezze artistiche e naturali. Maggiore collaborazione con i Comuni limitrofi, al fine di richiedere a Trenitalia una migliore offerta del trasporto su rotaia, da e per la Liguria, in particolare verso la nostra Riviera di Ponente e soprattutto nei fine settimana. MANUTENZIONE SCUOLA, SCUOLABUS, INIZIATIVE AMMINISTRATIVE Manutenzione ordinaria e straordinaria delle scuole, orientata al risparmio energetico e svolta in tempi congrui. Ristrutturazione delle scuole, utilizzando i fondi messi a disposizione dallo Stato, in particolar modo la scuola primaria di Finalpia, che versa in condizioni più disagiate delle altre. Mantenere e potenziare le attività e i progetti con le diverse realtà del territorio e le uscite gratuite con lo scuolabus. Incentivare l'utilizzo dello scuolabus a tariffe agevolate e uguali, senza disparità di trattamento. Organizzare attività pomeridiane comunali. Prevedere la partecipazione di giovani alle fasi progettuali di iniziative amministrative. Dotare tutti gli edifici scolastici e pubblici di A.P.E. Attestato di Prestazione Energetica (obbligo di Legge). Se in futuro si presenteranno finanziamenti, sarà valutata l'ipotesi di realizzare un plesso scolastico unico, nuovo, che raccolga tutte le scuole primarie presenti sul territorio di Finale, previa consultazione dei cittadini tramite assemblee pubbliche. COSTITUZIONE E LEGALITA' Incentivare incontri da parte del Comune, volti a sviluppare la conoscienza della Costituzione e il rispetto della legalità. C'è legalità dove tutti i cittadini italiani e stranieri rispettano le regole costituite. La legalità può essere garantita soprattutto attraverso la prevenzione: 1. rendendo consapevoli tutti i soggetti dei diritti e doveri individuali e collettivi; 2. promuovendo la cultura della civile convivenza e della pace; 3. per quanto riguarda le problematiche collegate alla presenza degli stranieri riteniamo che una società sia legittimata ad esigere il rispetto ed il rigore delle regole costituite, va da sé che le stesse regole debbano essere imperative per tutti. TEATRO E CINEMA Sostenere la cultura del Teatro e del Cinema, puntando sui nuovi metodi di condivisione e proposta degli spettacoli con il sistema di OPERA 2.0: dotando una sala degli strumenti per il collegamento in diretta via internet e la proiezione in tempo reale di grandi eventi e spettacoli. 9

10 Creare una "Casa della Cultura" e valorizzare il Teatro come istituto culturale e luogo aperto per la crescita sociale e culturale. TEATRO SIVORI Una volta ultimati i lavori di restauro, acquisendo fondi europei e stanziando una parte di fondi comunali, valorizzare il Teatro utilizzandolo per promozione culturale di vario genere (musica, teatro, spettacoli vari). FINALE CITTA' DELL'ARTE E DELLA MUSICA Creazione di un cartellone unificato delle manifestazioni musicali nel segno "Finale citta' dell'arte e della musica", creando un portale web dove il cartellone venga illustrato e i singoli eventi vengano pubblicizzati in tempo reale. Creazione/incentivazione di un locale o di uno spazio alternativo che faccia serate musicali e a tema (centro di socializzazione). EVENTI ARTISTICI NEI LOCALI Organizzare eventi artistici di qualità di ogni tipo (pittura estemporanea, musica, cabaret ecc..) coinvolgendo i locali finalesi e raccordandoli con gli artisti. INFO SU TUTTE LE MANIFESTAZIONI Predisporre un sistema informativo di tutte le manifestazioni e gli eventi di Finale Ligure, tramite la tecnologia della realtà aumentata. Maggiore pianificazione degli eventi, grandi e piccoli, al fine di coordinare su tutto il territorio ogni manifestazione e distribuirle in maniera maggiormente uniforme, pubblicizzando tutte le località di Finale e redigendo per tempo un calendario annuale che consenta una buona pianificazione e pubblicità delle manifestazioni. Diversificare le manifestazioni prevedendo una equa ripartizione tra le varie fasce d'età. PERIODI A TEMA Creare dei periodi a tema, anche per incentivare i turisti a venire a Finale nei momenti in cui la città è meno frequentata (ad esempio la "settimana del Vino e dell'olio", "Festa d'autunno", "Festa d'inverno", "Festa del Carnevale" ect...). Sviluppo del turismo congressuale nei periodi di bassa stagione. CIBO E GUSTO Istituzione di percorsi eno-gastronomici in diversi periodi dell'anno. Attivazione di una rete di strutture dove poter degustare i prodotti tipici del territorio. Organizzazione di laboratori di cultura alimentare, dieta mediterranea con particolare rilievo ai prodotti tipici e alla spesa informata. Creare un marchio di qualità/garanzia che caratterizzi i prodotti tipici del nostro territorio, caratterizzando in questa direzione anche l'offerta turistica. Ridare slancio all'iniziativa de "La strada del Vino e dell'olio", già esistente. La Strada del Vino e dell'olio non costituisce solo un itinerario enogastronomico per la valorizzazione di questi due prodotti di alta qualità, ma un vero e proprio percorso nell'arte, nella storia e nelle tradizioni del nostro territorio. 10

11 PARCO ARCHEOLOGICO E COLLABORAZIONE CON L'UNIVERSITA Finale ha un territorio ricchissimo di monumenti e siti archeologici, che andrebbero rivalutati e maggiormente tutelati. L' idea è quella di organizzare un "Ente Parco Archologico del Finalese" che coordini tutte le iniziative esistenti, collaborando con la sezione locale dell' Istituto di Studi Liguri, la Soprintendenza ai beni Archeologici e Monumentali, Il Museo Archeologico del Finale e il Comune di Finale Ligure. Il fine è quello di realizzare una rete organizzata che comprenda la speleologia, l' archeo trekking, la manutenzione dei siti, la tutela e la vigilanza degli stessi. Nell' ambito dell' iniziativa sarebbe auspicabile implementare la collaborazione con le Facoltà di Archeologia di Genova e d' Italia nonchè europee e internazionali, essendo il sito finalese molto importante a livello mondiale. Creazione di itinerari archeologici, avvalendosi della collaborazione delle Università (stages per laureandi con borse di studio), implementando la cartellonistica esistente per dare maggiore visibilità ai siti anche via web. ATTENZIONE ALL'ENTROTERRA Maggiore attenzione alle aree dell'entroterra finalese e ai suoi sentieri, che fanno scoprire panorami immaginabili, implementando la cartellonistica esistente e aumentando la promozione turistica tramite brochures e via web, per dare maggiore visibilità. Allestimento di aree attrezzate per pic-nic con dotazioni di servizi per escursionisti, rocciatori e bikers. Istituzione di un servizio di trasporto integrativo comunale tramite uno o più bus navetta, a gas o elettrici, che possano trasportare turisti e residenti a conoscere le nostre bellezze naturali dell'entroterra, a cadenza regolare. Incrementare il "turismo natura". VIABILITA' SEGNALETICA E BARRIERE ARCHITETTONICHE Rivedere la viabilità, la segnaletica della cittadina ed effettuare uno studio volto all'abbattimento delle barriere architettoniche. SICUREZZA STRADALE Nuovi passaggi pedonali e revisione della sicurezza stradale nei tratti più pericolosi. CITTA' A TUTTA BICI Vorremmo incentivare l'uso dei mezzi di trasporto da e verso le frazioni (Calvisio e Verzi, Gorra, Olle, Perti), al fine di ridurre l'uso dell'auto, attraverso il connubio Bus e Bici e l'uso di biciclette pieghevoli, ciò per invogliare i cittadini a utilizzare di più questo mezzo per gli spostamenti in città e di conseguenza servirsi di meno delll'auto. Bici vuole dire inquinare meno e risparmiare di più. Valutare la possibilità di istituire piste ciclabili o percorsi ad esse dedicati. Istituire nei punti di maggiore transito e affluenza aree park bici dotate di rastrelliere e video sorveglianza, così da invogliare le persone a recarsi in centro con le biciclette e depositarle in luoghi stabiliti, lasciando la macchina in periferia. Bike sharing con carta prepagata disponibile per tutti. 11

12 Almeno una decina di punti di raccolta bici: sistema di bassissimo costo ma vastissimo utilizzo e grande successo. AREA PARCHEGGIO PER OSPITI ALBERGHI Ipotesi di accordo tra la categoria degli albergatori e il Comune per individuare un'area di parcheggio periferica alla città, riservata agli ospiti degli alberghi e servita da bus navetta. PEDONALIZZAZIONE COMPLETA DEI CENTRI STORICI CITTADINI I maggiori centri storici di Finalmarina, Borgo e Pia devono essere completamente pedonalizzati, sarà vietato l' accesso a chi non necessariamente autorizzato (mezzi di soccorso e di pubblica sicurezza, commercianti, residenti e lavoratori che ne facciano saltuariamente richiesta per esigenze particolari). Basta camion, auto e moto che ogni giorno passano dentro i nostri centri, dissestando la pavimentazione e creando un rischio per i cittadini. Le consegne si faranno utilizzando i carico/scarico in zone prestabilite. COMMERCIO: VENDITE ABUSIVE Aumentare il controllo delle vendite abusive. ECONOMIA A FILIERA CORTA Promuovere i prodotti della filiera a Km 0 organizzando un mercato che offra una risposta enogastronomica del nostro territorio alla sempre più crescente domanda di prodotti genuini, anche attraverso la creazione di un marchio di garanzia che ne attesti la provenienza. Gli stessi prodotti potrebbero venire venduti nei negozi della città. A tale proposito incrementare il mercatino dei prodotti agricoli locali, già esistente a Finalmarina, anche negli altri rioni della città. AGEVOLAZIONI PER I CITTADINI RESIDENTI Al fine di incentivare i consumi da parte dei cittadini finalesi negli esercizi della città e ridurre o limitare la dispersione di potenziali acquirenti, si potrebbe adottare una sorta di scontistica sulla merce venduta nei confronti dei residenti. Si potrebbe inoltre rendere gratuiti, nei soli fine settimana dei periodi di bassa affluenza, i parcheggi pubblici all'aperto (Via Concezione e Via San Pietro, Piazza Vuillermin); PMI LOCALI Creazione di un fondo che investa esclusivamente nelle PMI (Piccole Medie Imprese) locali con massimo 15 lavoratori, che producano esclusivamente nel Comune di Finale Ligure. ASSISTENZA ANTI-ANATOCISMO Assistenza anti-anatocismo bancario per le PMI finalesi. OGM E GIOCO D'AZZARDO Proibizione degli OGM sul territorio finalese. Il nostro Comune, sentita la cittadinanza, si dichiarerà contrario agli OGM e all'installazione di nuove postazioni di slot machine. 12

13 ENERGIA DISTRIBUTORE DI BIODIESEL Installare un distributore di biodisel di seconda generazione da prodotti agricoli no-food e una serie di colonnine per auto elettriche. Richiedere ai gestori di distributori presenti sul territorio comunale di dotarsi di una pompa per la distribuzione di carburante BIO diesel, abbattendo i costi e aiutando l'ambiente con la medesima resa del motore. In alternativa, realizzare un nuovo eco-distributore. Gratuità del parcheggio in piazza dei Gabbiani per i mezzi completamente elettrici. RISPARMIO ENERGETICO Prima di ottimizzare la produzione di energia bisogna risparmiare energia! Incentivazione delle buone pratiche di risparmio energetico, intervenendo sul regolamento edilizio comunale, al fine di un'effettiva operatività delle leggi regionali e nazionali vigenti. ENERGIA SOLARE ED EOLICA Finale deve puntare sulle energie rinnovabili: sole e vento. Collaborazione con le Università per progetti volti alla produzione, ricerca, gestione e vendita alla rete dell' energia prodotta con sole e vento. Installazione di pale mini-micro eoliche ad asse verticale, meno impattanti e con una buona resa. La nostra idea è quella di dotare gli edifici comunali, ove possibile, e tutte le nuove costruzioni, di strutture per la produzione di energia alternativa e ridurre, a fronte di un iniziale investimento, i costi e i consumi energetici. SPORT SPORTELLO DELLO SPORT Finale non ha solo una vocazione turistica, ma anche sportiva, outdoor e indoor, che può diventare una risorsa economica con conseguente creazione di nuovi posti di lavoro. Lo sport non è solo un gioco, ma anche educazione dell'individuo e occasione di aggregazione. E' quindi importante istituire uno Sportello dello Sport che indirizzi i cittadini alla specialità che è più loro consona e che si possa occupare inoltre dell' organizzazione di eventi sportivi. Le nostre idee non sono "promesse elettorali", ma "intenzioni" che ci proponiamo di realizzare, da ampliare e/o modificare con l'aiuto dei cittadini, previa valutazioni dei fondi eventualmente disponibili. 13

Partecipazione. Pianificazione. Responsabilità

Partecipazione. Pianificazione. Responsabilità Programma Elezioni Comunali Rimini 2011 Partecipazione Non ci sono politici di mestiere, i cittadini partecipano al governo della città Pianificazione Si condivide un progetto complessivo, si attua per

Dettagli

Montecassiano Bene Comune

Montecassiano Bene Comune Montecassiano Bene Comune Programma per l amministrazione comunale 2014-2019 non abbiamo bisogno di chissà quali grandi cose o chissà quali grandi uomini; abbiamo solo bisogno di più gente onesta (b.c.)

Dettagli

Allegato 4 Tabella di raccordo tra dimensioni del BES, funzioni e obiettivi della provincia

Allegato 4 Tabella di raccordo tra dimensioni del BES, funzioni e obiettivi della provincia Allegato 4 Tabella di raccordo tra dimensioni del BES, funzioni e obiettivi della provincia Dimensione/dominio Funzioni Piano strategico Tema Descrizione Standard materiali di vita (reddito,consumi,ricchezz

Dettagli

PREMESSA. Il programma individua tre linee di indirizzo:

PREMESSA. Il programma individua tre linee di indirizzo: PREMESSA Gli eventi traumatici e l'instabilità amministrativa che hanno dolorosamente segnato gli ultimi quaranta anni della nostra città hanno disperso le già labili tracce della sua tradizione comunale

Dettagli

PROGRAMMA AMMINISTRATIVE 2014

PROGRAMMA AMMINISTRATIVE 2014 PROGRAMMA AMMINISTRATIVE 2014 TERRITORIO Potenziamento delle strutture sul territorio : Realizzazione di progetti ex novo e di ristrutturazione affiancati da richieste di assegnazione di fondi europei,

Dettagli

CAPISTRELLO AMMINISTRATIVE 2015 PROGRAMMA ELETTORALE MOVIMENTO 5 STELLE CANDIDATO SINDACO ANGELO BISEGNA

CAPISTRELLO AMMINISTRATIVE 2015 PROGRAMMA ELETTORALE MOVIMENTO 5 STELLE CANDIDATO SINDACO ANGELO BISEGNA CAPISTRELLO AMMINISTRATIVE 2015 PROGRAMMA ELETTORALE MOVIMENTO 5 STELLE CANDIDATO SINDACO ANGELO BISEGNA Sommario PREMESSA... 3 1. GIOVANI... 3 2. TERRITORIO E DECORO URBANO... 3 3. TRASPERENZA E PARTECIPAZIONE

Dettagli

PROGRAMMA N. 1: PER IL COMMERCIO, IL TURISMO, IL RILANCIO DEL CENTRO E DEI BORGHI

PROGRAMMA N. 1: PER IL COMMERCIO, IL TURISMO, IL RILANCIO DEL CENTRO E DEI BORGHI PROGRAMMA N. 1: PER IL COMMERCIO, IL TURISMO, IL RILANCIO DEL CENTRO E DEI BORGHI 7 8 PROGETTO 1.1: GLI INTERVENTI A FAVORE DELL ARTIGIANATO, DEL COMMERCIO, DEGLI ESERCIZI OBIETTIVI PER IL TRIENNIO 2014-2016

Dettagli

Progetto BES delle Province (PSU-00003) maggio 2013, abstract. Diffusione dell innovazione tecnologica. Combattere la delocalizzazione del lavoro

Progetto BES delle Province (PSU-00003) maggio 2013, abstract. Diffusione dell innovazione tecnologica. Combattere la delocalizzazione del lavoro Standard materiali di vita/ Benessere economico Salute/ Salute attivita' in collaborazione con i Comuni nel settore economico, produttivo, commerciale e turistico Servizi sanitari, di igiene e profilassi

Dettagli

PROGRAMMA ELETTORALE ELEZIONI COMUNALI 25 MAGGIO 2014

PROGRAMMA ELETTORALE ELEZIONI COMUNALI 25 MAGGIO 2014 PROGRAMMA ELETTORALE ELEZIONI COMUNALI 25 MAGGIO 2014 La politica non è nelle competizioni degli uomini; non è nei sonanti discorsi. È, o dovrebbe essere, nell interpretare l epoca in cui si vive (..).

Dettagli

Lista Civica CAVALIER GORGO NAVOLE - OBIETTIVO COMUNE

Lista Civica CAVALIER GORGO NAVOLE - OBIETTIVO COMUNE Lista Civica CAVALIER GORGO NAVOLE - OBIETTIVO COMUNE Programma Elettorale Elezioni Amministrative 25 Maggio 2014 1 Presentazione La lista civica OBIETTIVO COMUNE nasce dalla volontà di una numerosa squadra

Dettagli

PER CRESCERE INSIEME PROGRAMMA ELETTORALE 2011

PER CRESCERE INSIEME PROGRAMMA ELETTORALE 2011 PER CRESCERE INSIEME PROGRAMMA ELETTORALE 2011 ELEZIONI COMUNALI AL COMUNE DI FISCIANO - 15/16 MAGGIO 2011 Programma 1 Area Politiche Sociali e Servizi alla Persona 2 Ambiente e Territorio 3 Giovani -

Dettagli

Programma elettorale lista civica Libertà e Partecipazione

Programma elettorale lista civica Libertà e Partecipazione Programma elettorale lista civica Libertà e Partecipazione La lista civica Libertà e Partecipazione, con il programma di seguito riportato, propone un cambiamento del concetto di politica adottato in passato,

Dettagli

Programma Amministrativo Alla gente di Ranica chiederemo sempre di partecipare e di esprimere le opinioni e le proposte di ciascuno sui vari problemi: sarà per noi il punto di partenza per risolverli.

Dettagli

Lista GALLICANO CONCRETA E SOLIDALE

Lista GALLICANO CONCRETA E SOLIDALE ELEZIONI AMMINISTRATIVE DEL 6 E 7 GIUGNO 2009 PROGRAMMA ELETTORALE Lista GALLICANO CONCRETA E SOLIDALE Meglio conoscere un poco di tutto che tutto di una sola cosa. L universale è sempre migliore. Pascal

Dettagli

LIBRO BIANCO PALESE PROGETTIAMO IL FUTURO & PROGRAMMIAMO IL PRESENTE

LIBRO BIANCO PALESE PROGETTIAMO IL FUTURO & PROGRAMMIAMO IL PRESENTE INSIEME PER PALO Sede: 70027, Palo del Colle, Bari V.le Vittorio Veneto n. 20/3 Sito Web: http://www.insiemeperpalo.it/ mailto: insiemeperpalo@email.it Tel/fax: +39 080 627635 LIBRO BIANCO PALESE PROGETTIAMO

Dettagli

RIFORMA DELLA SCUOLA LE NOVITA DELLA LEGGE 107/2015

RIFORMA DELLA SCUOLA LE NOVITA DELLA LEGGE 107/2015 RIFORMA DELLA SCUOLA LE NOVITA DELLA LEGGE 107/2015 A cura di Alessandro Giuliani 1 1 AGOSTO 2015 TECNICA DELLA SCUOLA IL PROVVEDIMENTO IN SINTESI Un offerta formativa più ricca e flessibile per gli studenti

Dettagli

NUOVE LINEE PER LO SVILUPPO DELLE IMPRESE DEL SETTORE COMMERCIALE

NUOVE LINEE PER LO SVILUPPO DELLE IMPRESE DEL SETTORE COMMERCIALE Gruppo Consiliare NUOVE LINEE PER LO SVILUPPO DELLE IMPRESE DEL SETTORE COMMERCIALE INDICE Obiettivi... pag. 4 Per le imprese... pag. 5 Per i consumatori... pag. 8 Indirizzi generali per l insediamento

Dettagli

LINEE PROGRAMMATICHE DI GOVERNO rese dal Sindaco dott. Mario Battistuta nella seduta del 6 luglio 2011

LINEE PROGRAMMATICHE DI GOVERNO rese dal Sindaco dott. Mario Battistuta nella seduta del 6 luglio 2011 LINEE PROGRAMMATICHE DI GOVERNO rese dal Sindaco dott. Mario Battistuta nella seduta del 6 luglio 2011 Il sociale continuare l'associazione con gli altri Comuni del Distretto di Codroipo; sostenere l'operato

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE ATTIVITA DI SOMMINISTRAZIONE TEMPORANEA IN OCCASIONE DI SAGRE E FESTE PATROCINATE DAL COMUNE

REGOLAMENTO PER LE ATTIVITA DI SOMMINISTRAZIONE TEMPORANEA IN OCCASIONE DI SAGRE E FESTE PATROCINATE DAL COMUNE REGOLAMENTO PER LE ATTIVITA DI SOMMINISTRAZIONE TEMPORANEA IN OCCASIONE DI SAGRE E FESTE PATROCINATE DAL COMUNE Approvato con delibera consiliare n. 26 del 4 maggio 2015 1 INDICE Art. 1 - Oggetto... Pag.

Dettagli

BEPPE GRILLO IL 1 MAGGIO A CASELLE TORINESE AL PRATO FIERA DALLE ORE 17.00 ALLE ORE 19.00

BEPPE GRILLO IL 1 MAGGIO A CASELLE TORINESE AL PRATO FIERA DALLE ORE 17.00 ALLE ORE 19.00 BEPPE GRILLO IL 1 MAGGIO A CASELLE TORINESE AL PRATO FIERA DALLE ORE 17.00 ALLE ORE 19.00 PROGRAMMA ELETTORALE AMMINISTRATIVE 2012 Siamo cittadini qualunque; la nostra partecipazione a queste elezioni

Dettagli

5CHIACCIERE5. Quartiere, dove è?

5CHIACCIERE5. Quartiere, dove è? 5CHIACCIERE5 Anno 2014 2015 Quartiere, dove è? Non è sparito, c è e lavora, anche se avrebbe bisogno di più persone che diano il loro contributo. Partiamo da qua per affermare che spesso confondiamo un

Dettagli

Il Progetto Scuola è sempre stato un punto importante nel programma del Comune.

Il Progetto Scuola è sempre stato un punto importante nel programma del Comune. SCUOLA CULTURA SPORT ASSOCIAZIONISMO VOLONTARIATO Il Progetto Scuola è sempre stato un punto importante nel programma del Comune. L Amministrazione intenderà: garantire spazi sicuri, curati e funzionali

Dettagli

Cinque anni passati e la sfida per i cinque anni futuri

Cinque anni passati e la sfida per i cinque anni futuri Cinque anni passati e la sfida per i cinque anni futuri E un resoconto ampio quello che attiene ai cinque anni (2009-2013) della prima amministrazione guidata da Paolo Lucchi, così come è dettagliato il

Dettagli

I nostri obiettivi. www.matelica5stelle.it

I nostri obiettivi. www.matelica5stelle.it 1 I nostri obiettivi www.matelica5stelle.it 2 Ambiente Ogni aspetto della nostra vita - la sua stessa qualità - è riconducibile all ambiente a. Edilizia: promuovere un edilizia sostenibile, che punti al

Dettagli

PROGRAMMA ELETTORALE AMMINISTRATIVE 2014

PROGRAMMA ELETTORALE AMMINISTRATIVE 2014 PROGRAMMA ELETTORALE AMMINISTRATIVE 2014 Linee guida, criteri e principi ispiratori della lista N. 2 per le elezioni amministrative 25.05.2014 SOMMARIO: PREMESSA LINEE PROGRAMMATICHE CONCLUSIONI PREMESSA

Dettagli

PROGRAMMA AMMINISTRATIVO 2013-2018 SANTA MARIA A MONTE

PROGRAMMA AMMINISTRATIVO 2013-2018 SANTA MARIA A MONTE PROGRAMMA AMMINISTRATIVO 2013-2018 SANTA MARIA A MONTE DEMOCRAZIA DIRETTA E TRASPARENZA. Partecipazione diretta attraverso processi deliberativi popolari (petizioni, proposte e referendum); Referendum

Dettagli

Sintesi risultati tavoli tematici e prossimi passi. Incontro plenario 14 giugno 2005

Sintesi risultati tavoli tematici e prossimi passi. Incontro plenario 14 giugno 2005 Sintesi risultati tavoli tematici e prossimi passi Incontro plenario 14 giugno 2005 Il percorso partecipativo di questo secondo ciclo del Forum di Agenda 21 locale è stato articolato in tre differenti

Dettagli

La mappa delle esigenze del territorio

La mappa delle esigenze del territorio La mappa delle esigenze del territorio Settembre - Ottobre 2014 Luoghi di aggregazione Valorizzando strutture già esistenti, serve la creazione di nuovi luoghi di socializzazione e integrazione, per favorire

Dettagli

ELEZIONI REGIONALI PUGLIA 2015

ELEZIONI REGIONALI PUGLIA 2015 PROGRAMMA ELETTORALE 2015 ELEZIONI REGIONALI PUGLIA 2015 1 Reddito di cittadinanza regionale - 580 euro a persona per chi è nella soglia di povertà (ISEE fino a 3000 euro) - 1200 euro per nuclei familiari

Dettagli

Modello di statuto per i musei di ente locale e di interesse locale

Modello di statuto per i musei di ente locale e di interesse locale REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ASSESSORATO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE, BENI CULTURALI, INFORMAZIONE, SPETTACOLO E SPORT Modello di statuto per i musei di ente locale e di interesse locale Articolo 1 Istituzione...

Dettagli

PROGRAMMA ELETTORALE del CENTRO SINISTRA SCARPERIA E SAN PIERO

PROGRAMMA ELETTORALE del CENTRO SINISTRA SCARPERIA E SAN PIERO PROGRAMMA ELETTORALE del CENTRO SINISTRA COMUNE di SCARPERIA E SAN PIERO La fusione tra i comuni di Scarperia e San Piero a Sieve, conclusasi il 31/12/2013 con lo scioglimento dei rispettivi Consigli Comunale,

Dettagli

PERUGIA SMART CITY IDEE E PROGETTI PER IL FUTURO Martedì 3 marzo - Confindustria Umbria

PERUGIA SMART CITY IDEE E PROGETTI PER IL FUTURO Martedì 3 marzo - Confindustria Umbria PERUGIA SMART CITY IDEE E PROGETTI PER IL FUTURO Martedì 3 marzo - Confindustria Umbria VINCENZO PIRO Dirigente Area Risorse Ambientali, Smart City e Innovazione Comune di Perugia PERUGIA SMART CITY: IDEE

Dettagli

progetto scandellara interventi di trasformazione urbana in San Vitale

progetto scandellara interventi di trasformazione urbana in San Vitale progetto scandellara interventi di trasformazione urbana in San Vitale fe r ma t a S. R it a via ma ssaren ti Nella zona intorno a via Scandellara (tra via del Terrapieno, la ferrovia Sfm Veneta e la

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

PROGRAMMA ELETTORALE MOVIMENTO 5 STELLE 2015-2020

PROGRAMMA ELETTORALE MOVIMENTO 5 STELLE 2015-2020 PROGRAMMA ELETTORALE MOVIMENTO 5 STELLE 2015-2020 PUNTO (3) SANITA E SERVIZI SOCIALI 1 2 SANITA' E SERVIZI SOCIALI L indirizzo sociale, ovvero il cittadino al centro del progetto comunale, è un punto fondamentale

Dettagli

Unione regionale delle province del Veneto Il federalismo e il ruolo e l immagine delle province

Unione regionale delle province del Veneto Il federalismo e il ruolo e l immagine delle province Unione regionale delle province del Il federalismo e il ruolo e l immagine delle province PARTE PRIMA Il ruolo di coordinamento della Provincia Secondo Lei quanto è importante che la sua Provincia abbia

Dettagli

GUIDA - CONCESSIONE DEL SERVIZIO DI GESTIONE DELLA CITTADELLA DEI GIOVANI DI AOSTA PER IL PERIODO 01.11.2009/31.10.2014

GUIDA - CONCESSIONE DEL SERVIZIO DI GESTIONE DELLA CITTADELLA DEI GIOVANI DI AOSTA PER IL PERIODO 01.11.2009/31.10.2014 PROGETTO-GUIDA GUIDA - CONCESSIONE DEL SERVIZIO DI GESTIONE DELLA CITTADELLA DEI GIOVANI DI AOSTA PER IL PERIODO 01.11.2009/31.10.2014 Il progetto descrive i termini generali con i quali si concede il

Dettagli

ORGANIZZAZIONE MERCATI COMUNALI COPERTI

ORGANIZZAZIONE MERCATI COMUNALI COPERTI ORGANIZZAZIONE MERCATI COMUNALI COPERTI Il Comune di Milano costruisce ed esercita nel proprio territorio Mercati comunali coperti per la vendita al minuto di derrate alimentari e di altri generi di largo

Dettagli

PIU 2015 ONE SMART CITY. Un progetto di rigenerazione urbana per l'inclusione sociale. Comune di Vinci Comune di Cerreto Guidi

PIU 2015 ONE SMART CITY. Un progetto di rigenerazione urbana per l'inclusione sociale. Comune di Vinci Comune di Cerreto Guidi PIU 2015 ONE SMART CITY Un progetto di rigenerazione urbana per l'inclusione sociale Comune di Vinci Comune di Cerreto Guidi FINANZIAMENTO COMPLESSIVO DEL PROGETTO! 5.950.000 euro di investimento complessivo!

Dettagli

Prot. n. 56 /14 UL/RG/dlm Roma, 29 maggio 2014

Prot. n. 56 /14 UL/RG/dlm Roma, 29 maggio 2014 Prot. n. 56 /14 UL/RG/dlm Roma, 29 maggio 2014 Alle Aziende ed Enti Associati Loro Sedi FEDERCULTURE SERVIZIO LEGISLATIVO CIRCOLARE 3/14 Oggetto: Disposizioni urgenti per la tutela del patrimonio culturale,

Dettagli

'Ez año BU 5. Comune di Inverigo LINEE PROGRAMMATICHE DI GOVERNO 2011-2016 25 OTTOBRE 2011

'Ez año BU 5. Comune di Inverigo LINEE PROGRAMMATICHE DI GOVERNO 2011-2016 25 OTTOBRE 2011 L_ 1 `_ -F ' f. _ L/ 1 I BU 5 'Ez año Comune di Inverigo LINEE PROGRAMMATICHE DI GOVERNO 2011-2016 ELEZIONI DEL 15 E 16 MAGGIQ 2011 25 OTTOBRE 2011 ai. H/ úiscúíü"'7.7 i ÈL É' i ceurnonssrnn RIBOLDI SINDACO

Dettagli

Comune di CASTAGNETO PO (Prov. TORINO)

Comune di CASTAGNETO PO (Prov. TORINO) ELEZIONE DEL SINDACO E DEL CONSIGLIO COMUNALE (Art. 71, comma 2, D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267) (Comuni sino a 15.000 abitanti) Comune di CASTAGNETO PO (Prov. TORINO) Votazioni del giorno 25/05/2014 P

Dettagli

COMUNE DI SOLOFRA. Piano Urbanistico Comunale L.R. 16/2004

COMUNE DI SOLOFRA. Piano Urbanistico Comunale L.R. 16/2004 CONSULTAZIONI PER LA DEFINIZIONE CONDIVISA DEGLI OBIETTIVI E DELLE SCELTE STRATEGICHE DELLA PIANIFICAZIONE ( Legge 241/90, art. 5 L.R.16/04 e Regolamento di attuazione per il governo del territorio della

Dettagli

UNIONE EUROPEA Fondo europeo di sviluppo regionale

UNIONE EUROPEA Fondo europeo di sviluppo regionale UNIONE EUROPEA Fondo europeo di sviluppo regionale BENVENUTO! In questo viaggio attraverso la Lombardia che si prepara ad Expo, potrai scoprire molte cose che forse ancora non sai della tua regione e della

Dettagli

ITALIA: suddivisione amministrativa. 20 regioni di cui 5 a statuto speciale. oltre 100 province. oltre 8000 comuni

ITALIA: suddivisione amministrativa. 20 regioni di cui 5 a statuto speciale. oltre 100 province. oltre 8000 comuni ITALIA: suddivisione amministrativa 20 regioni di cui 5 a statuto speciale oltre 100 province oltre 8000 comuni informazioni turistiche musei, geografia, hotel ristoranti su tutte le province italiane

Dettagli

Gruppo di lavoro territorio. I questionari conoscitivi

Gruppo di lavoro territorio. I questionari conoscitivi Gruppo di lavoro territorio I questionari conoscitivi Aprile 2010 Presentazione Questionario sul "Puc Partecipato" a cura di Alessia Fracchia e Valentina Rivera In previsione della redazione del nuovo

Dettagli

PIA Turismo - Aiuti alle grandi imprese e alle PMI per programmi integrati di investimento

PIA Turismo - Aiuti alle grandi imprese e alle PMI per programmi integrati di investimento PIA Turismo - Aiuti alle grandi imprese e alle PMI per programmi integrati di investimento FINALITÀ Destagionalizzazione dei flussi turistici RISORSE DISPONIBILI Euro 15 milioni BENEFICIARI Grande impresa

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Basilicata Avviso relativo alle azioni previste dall Accordo operativo del 18 settembre 2012, tra il Ministero

Dettagli

Comune di Arluno. 21 Progetti

Comune di Arluno. 21 Progetti Comune di Arluno 21 Progetti Scheda di progetto 1/21 Tecnico settori urbanistica ed ecologia Piano regolatore generale con supervisione del PTCP e della VAS Tempi del progetto L intera comunità Il nuovo

Dettagli

BASE PROGRAMMATICA DELLA COALIZIONE PER IL RINNOVAMENTO DEL COMUNE DI CIVIDALE DEL FRIULI 2015-2020

BASE PROGRAMMATICA DELLA COALIZIONE PER IL RINNOVAMENTO DEL COMUNE DI CIVIDALE DEL FRIULI 2015-2020 ELEZIONI COMUNALI DI CIVIDALE DEL FRIULI DOMENICA 31 MAGGIO 2015 Candidato Sindaco: MASSIMO MARTINA Liste a sostegno: Partito Democratico Cittadini per Massimo Martina Sindaco Alternativa Libera Cividale

Dettagli

Il modello di sviluppo futuro del territorio di Pozzolengo

Il modello di sviluppo futuro del territorio di Pozzolengo Il modello di sviluppo futuro del territorio di Pozzolengo 1. I risultati della partecipazione Nell arco dei due giorni della Fiera di S. Giuseppe hanno preso parte alle attività di partecipazione 86 persone,

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO Provincia di Trapani QUARTA COMMISSIONE CONSILIARE PERMANENTE DI STUDIO E CONSULTAZIONE

COMUNE DI ALCAMO Provincia di Trapani QUARTA COMMISSIONE CONSILIARE PERMANENTE DI STUDIO E CONSULTAZIONE COMUNE DI ALCAMO Provincia di Trapani QUARTA COMMISSIONE CONSILIARE PERMANENTE DI STUDIO E CONSULTAZIONE Da inviare a: Sindaco Presidente del Consiglio Verbale N 107 del 05/09/2014 Ordine del Giorno: 1)

Dettagli

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO 1 ISTITUTO COMPRENSIVO - CASSINO (FR)

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO 1 ISTITUTO COMPRENSIVO - CASSINO (FR) Prot. n. 4723/A01 Cassino 19 settembre2015 Ai docenti dell istituto comprensivo Loro sedi Atti Oggetto: indicazioni e chiarimenti in merito al POF 2015/16 IL DIRIGENTE SCOLASTICO Vista la L. n.107/2015

Dettagli

1. REDDITO MINIMO GARANTITO

1. REDDITO MINIMO GARANTITO 1. REDDITO MINIMO GARANTITO 28% delle famiglie pugliesi vivono in condizioni di povertà relativa La Puglia è al quartultimo posto per reddito medio in Italia Fonte: Dati Svimez 2012 e ISTAT 2013 2. DIRITTO

Dettagli

POLITICHE E MISURE PER LA CRESCITA SOSTENIBILE DELL ITALIA

POLITICHE E MISURE PER LA CRESCITA SOSTENIBILE DELL ITALIA Il Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare POLITICHE E MISURE PER LA CRESCITA SOSTENIBILE DELL ITALIA IL QUADRO DI RIFERIMENTO EUROPEO Le politiche e misure per la crescita e lo

Dettagli

Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 62 del 13 ottobre 2009

Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 62 del 13 ottobre 2009 COMUNE DI ALZANO LOMBARDO ASSESSORATO AL GOVERNO DEL TERRITORIO REGOLAMENTO PER IL RICONOSCIMENTO DI INCENTIVI FINALIZZATI ALLA RIQUALIFICAZIONE DEI CENTRI STORICI DI ALZANO LOMBARDO Approvato con Deliberazione

Dettagli

PUC3 COMUNE DI PARRANO. Programmi Integrati di Sviluppo Urbano PUC3

PUC3 COMUNE DI PARRANO. Programmi Integrati di Sviluppo Urbano PUC3 PUC3 COMUNE DI PARRANO Programmi Integrati di Sviluppo Urbano PUC3 Interventi per la rivitalizzazione e rifunzionalizzazione delle aree urbane e dei centri storici Riqualificazione dell insediato storico

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PROGETTO CITTA SOSTENIBILI E AMICHE DEI BAMBINI E DEGLI ADOLESCENTI

PROTOCOLLO D INTESA PROGETTO CITTA SOSTENIBILI E AMICHE DEI BAMBINI E DEGLI ADOLESCENTI Inserire il Logo del Comune PROTOCOLLO D INTESA PROGETTO CITTA SOSTENIBILI E AMICHE DEI BAMBINI E DEGLI ADOLESCENTI Seconda annualità 2014/15 Premesso che i diritti dell Infanzia e dell Adolescenza sono

Dettagli

Toscana Turistica Sostenibile & Competitiva - Fase 2

Toscana Turistica Sostenibile & Competitiva - Fase 2 Toscana Turistica Sostenibile & Competitiva - Fase 2 Applicazione del Modello di Gestione sostenibile della Destinazione turistica Area di verifica AUTOVALUTAZIONE Elenco Domande per area tematica NECSTOUR

Dettagli

CRITERI DI UTILIZZO DEI LOCALI DELLA CASA DELLE CULTURE

CRITERI DI UTILIZZO DEI LOCALI DELLA CASA DELLE CULTURE CRITERI DI UTILIZZO DEI LOCALI DELLA CASA DELLE CULTURE TITOLO I. PREMESSE Allegato 1 Art. 1) Finalità La Casa delle Culture di Arezzo è un progetto complesso rivolto alla costruzione di una città inclusiva

Dettagli

5.3.3.1.1 MISURA 311 Diversificazione verso attività non agricole

5.3.3.1.1 MISURA 311 Diversificazione verso attività non agricole 5.3.3.1 MISURE INTESE A DIVERSIFICARE L ECONOMIA RURALE 5.3.3.1.1 MISURA 311 Diversificazione verso attività non agricole Riferimenti normativi Articolo 53 del Regolamento CE n.1698/05. Articolo 35 del

Dettagli

Rete Scuola che promuove salute. Referente coordinatore dei progetti salute. AZIONI INDICATORI ATTIVITA PREVISTE Comuni all IC Primaria Secondaria

Rete Scuola che promuove salute. Referente coordinatore dei progetti salute. AZIONI INDICATORI ATTIVITA PREVISTE Comuni all IC Primaria Secondaria ISTITUTO COMPRENSIVO E. FERMI PROGETTO DI PROMOZIONE DELLA SALUTE Il Progetto di Promozione della Salute dell Istituto Comprensivo E. Fermi di Porto Ceresio si ispira al Progetto della Rete delle scuole

Dettagli

Patto dei sindaci Comune di Genova

Patto dei sindaci Comune di Genova Patto dei sindaci Comune di Genova Pinuccia Montanari Città e cambiamento climatico: l'azione locale Dati caratteristici della città di Genova Superficie città Superficie urbanizzata Superficie agglomerato

Dettagli

Progetto di Mobilità Sostenibile per le Scuole Secondarie della Provincia di Livorno

Progetto di Mobilità Sostenibile per le Scuole Secondarie della Provincia di Livorno Progetto di Mobilità Sostenibile per le Scuole Secondarie della Provincia di Livorno 1. Premessa ed obiettivi Nel mese di marzo 2007 con il Piano d Azione Una politica energetica per l Europa, l Unione

Dettagli

SCHEDA DI PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA PARTE I

SCHEDA DI PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA PARTE I Allegato 1 SCHEDA DI PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA PARTE I Ente. 1. Ente proponente il progetto: Federsolidarietà Confcooperative 2. Indirizzo, numero telefonico, sito

Dettagli

DOCUMENTO del gruppo La città accessibile

DOCUMENTO del gruppo La città accessibile DOCUMENTO del gruppo La città accessibile TITOLO DELLA PROPOSTA: Bella e accessibile Follonica /problemi di ieri e di oggi Fino al 1836 poco più di uno stradello collegava il primo forno fusorio, Forno

Dettagli

ASOLA IMPEGNO COMUNE PROGRAMMA PER LE ELEZIONI AMMINISTRATIVE 2014

ASOLA IMPEGNO COMUNE PROGRAMMA PER LE ELEZIONI AMMINISTRATIVE 2014 ASOLA IMPEGNO COMUNE PROGRAMMA PER LE ELEZIONI AMMINISTRATIVE 2014 La situazione economico e sociale dalla quale partiamo per la elaborazione del nostro programma elettorale è completamente variata rispetto

Dettagli

COMUNE DI CRESPELLANO PROVINCIA DI BOLOGNA CONTO DEL BILANCIO - ELENCO RESIDUI ATTIVI E PASSIVI PER L'ANNO 2012

COMUNE DI CRESPELLANO PROVINCIA DI BOLOGNA CONTO DEL BILANCIO - ELENCO RESIDUI ATTIVI E PASSIVI PER L'ANNO 2012 PARTE ENTRATA E 00160 000 2012 IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA' 7.603,02 E 00191 000 2008 IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI ANNI PRECEDENTI 53.301,95 E 00191 000 2009 IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI ANNI

Dettagli

CANDIDATI ALLE ELEZIONI 2013 ISTITUTO COMPRENSIVO N. 3

CANDIDATI ALLE ELEZIONI 2013 ISTITUTO COMPRENSIVO N. 3 BERTOSSI FEDERICO INQUINAMENTO. Cercare di ridurre l inquinamento e di riciclare il più possibile, ridurre gli sprechi e fare la raccolta differenziata. ENERGIA POSITIVA. Cercare di produrre energia in

Dettagli

Un Cuore nuovo per Velletri

Un Cuore nuovo per Velletri Un Cuore nuovo per Velletri Programma Politico per la Città di Velletri Solitamente nei programmi elettorali si tende a fare un elenco di numerosi progetti e svariate proposte per cercare di accattivarsi

Dettagli

Città di Grosseto Il Comune che vogliamo. 2011-2016 - Programma di governo

Città di Grosseto Il Comune che vogliamo. 2011-2016 - Programma di governo 2011-2016 - Programma di governo GROSSETO OGGI La città ha superato gli 80 mila abitanti e la popolazione cresce velocemente. Si diffondono caratteri metropolitani e con essi gli elementi problematici

Dettagli

Struttura di Università e Città

Struttura di Università e Città Sine Putimu. Università e città_allegati In occasione del quarto laboratorio tematico Sine Putimu. Università e Città, si inviano tutti i cittadini a partecipare alla costruzione del PUG (Piano Urbanistico

Dettagli

PROGRAMMA UNIONE EUROPEA OPERATIVO REGIONE LAZIO FONDI EUROPEI COMUNE DI FONDI

PROGRAMMA UNIONE EUROPEA OPERATIVO REGIONE LAZIO FONDI EUROPEI COMUNE DI FONDI PROGRAMMA UNIONE EUROPEA OPERATIVO REGIONE LAZIO FONDI EUROPEI COMUNE DI FONDI LETTERA AI CITTADINI Cari concittadini, il presente lavoro è redatto per approfondire la conoscenza degli interventi previsti

Dettagli

Scuola Secondaria di Primo Grado P. Cafaro -Andria. PROGETTO di EDUCAZIONE AMBIENTALE

Scuola Secondaria di Primo Grado P. Cafaro -Andria. PROGETTO di EDUCAZIONE AMBIENTALE Scuola Secondaria di Primo Grado P. Cafaro -Andria Anno Scolastico 2009 / 2010 PROGETTO di EDUCAZIONE AMBIENTALE Referente del progetto Prof. ssa Arcangela Quacquarelli PROGETTO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE

Dettagli

Comune di Sclafani Bagni Provincia di Palermo

Comune di Sclafani Bagni Provincia di Palermo Comune di Sclafani Bagni Provincia di Palermo Progetto per l acquisizione ed integrazione di nuovi servizi informatici (Rimodulazione approvata con deliberazione Giunta comunale n. 81 del 12/12/2012) È

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA CITTADINA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE AUTONOME STATALI E PARITARIE DELL INFANZIA E DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE

REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA CITTADINA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE AUTONOME STATALI E PARITARIE DELL INFANZIA E DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA CITTADINA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE AUTONOME STATALI E PARITARIE DELL INFANZIA E DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Finalità 1.1 Il

Dettagli

ISTITUZIONE DELL AGENZIA PER L ENERGIA DELLA SARDEGNA

ISTITUZIONE DELL AGENZIA PER L ENERGIA DELLA SARDEGNA ISTITUZIONE DELL AGENZIA PER L ENERGIA DELLA SARDEGNA Disposizioni in materia di prestazione energetica degli edifici, disciplina dell installazione di impianti eolici in aree agricole Audizione presso

Dettagli

Contro la crisi accanto alle famiglie

Contro la crisi accanto alle famiglie Contro la crisi accanto alle famiglie Coesione sociale Servizi educativi Sicurezze Coesione sociale e sostegno alle persone in difficoltà Misure anticrisi e sostegno alle famiglie Protocollo d intesa fra

Dettagli

ELENCO CAPITOLI USCITA

ELENCO CAPITOLI USCITA ELENCO CAPITOLI USCITA DESCRIZIONE 2010 2011 Indennità a Sindaco, Assessori e Consiglieri Indennità missione e rimborso spese per amministratori Rimborso datori di lavoro permessi amm.ri 18.400,00 18.400,00

Dettagli

LA RACCOLTA DEGLI ABITI USATI A FIRENZE

LA RACCOLTA DEGLI ABITI USATI A FIRENZE LA RACCOLTA DEGLI ABITI USATI A FIRENZE Abiti usati : un rifiuto prezioso. Anche i vestiti smessi possono essere riciclati, al pari di altri rifiuti preziosi come carta, plastica, vetro e alluminio. Il

Dettagli

COMUNE DI TREBASELEGHE REGOLAMENTO DEL VOLONTARIATO IN ATTIVITA SOCIALMENTE UTILI

COMUNE DI TREBASELEGHE REGOLAMENTO DEL VOLONTARIATO IN ATTIVITA SOCIALMENTE UTILI COMUNE DI TREBASELEGHE CAP 35010 Codice Fiscale 80010250282 Partita IVA 00932400286 Provincia di Padova tel 049-9319511 Fax 049-9386455 REGOLAMENTO DEL VOLONTARIATO IN ATTIVITA SOCIALMENTE UTILI 1 Art.

Dettagli

SCUOLA E TERRITORIO LINEE DI INDIRIZZO PER UNA FATTIVA COLLABORAZIONE

SCUOLA E TERRITORIO LINEE DI INDIRIZZO PER UNA FATTIVA COLLABORAZIONE 21 SCUOLA E TERRITORIO LINEE DI INDIRIZZO PER UNA FATTIVA COLLABORAZIONE Il servizio offerto dalle Scuole dell Istituto Comprensivo si è caratterizzato negli anni anche per una diversificata ed organica

Dettagli

REGOLAMENTO 10.1.11. no PROTOCOLLO (data)

REGOLAMENTO 10.1.11. no PROTOCOLLO (data) definitivo (scheda basata sulla Relazione Finale) validata dal status scheda proponente Valdarno Inferiore - Società della salute PROPONENTE con i Comuni di San Miniato e Santa Croce PROVINCIA PI sull

Dettagli

COMUNE DI COMACCHIO. Provincia di Ferrara. Settore Territorio e Sviluppo Economico

COMUNE DI COMACCHIO. Provincia di Ferrara. Settore Territorio e Sviluppo Economico COMUNE DI COMACCHIO Provincia di Ferrara Settore Territorio e Sviluppo Economico Allegato A STUDI DI FATTIBILITA - PROGRAMMA MANUTENZIONI INTERVENTI PIANO OPERE PUBBLICHE ANNO 2014 0. PREMESSE Il programma

Dettagli

Concretamente crediamo che nel nostro Comune:

Concretamente crediamo che nel nostro Comune: Elezioni Primarie 11 GENNAIO 2015 Esprimi la tua preferenza CANDIDATO SINDACO ROBERTO GRAZIOLI Concretamente crediamo che nel nostro Comune: non si debba illudere nessuno nel proporre cose irrealizzabili

Dettagli

1 Il processo partecipativo per le decisioni operative

1 Il processo partecipativo per le decisioni operative 1 Il processo partecipativo per le decisioni operative Per individuare la vision e la strategia del PAES è stato realizzato un percorso di progettazione partecipata avvenuto principalmente attraverso la

Dettagli

LA MOBILITA SOSTENIBILE A ROMA TRE ESPERIENZE DI MOBILITY MANAGEMENT NELL UNIVERSITA

LA MOBILITA SOSTENIBILE A ROMA TRE ESPERIENZE DI MOBILITY MANAGEMENT NELL UNIVERSITA LA MOBILITA SOSTENIBILE A ROMA TRE ESPERIENZE DI MOBILITY MANAGEMENT NELL UNIVERSITA DECRETO 27 MARZO 1998 A seguito dell emanazione del Decreto 27 marzo 1998 del Ministero dell Ambiente, l Università

Dettagli

I Piani spostamento casa lavoro/scuola

I Piani spostamento casa lavoro/scuola La mobilità sostenibile ha fatto strada I Piani spostamento casa lavoro/scuola - Percorsi europei per la mobilità sostenibile Lucia Torino 25 Gola 26 febbraio Mobility 2009 Manager d Area del Comune di

Dettagli

Approvato con deliberazione del Consiglio comunale in data 13.10.2006 n.208/36843

Approvato con deliberazione del Consiglio comunale in data 13.10.2006 n.208/36843 COMUNE DI BRESCIA REGOLAMENTO PER L'INSTALLAZIONE E L ESERCIZIO DEGLI IMPIANTI PER LA TELEFONIA MOBILE Approvato con deliberazione del Consiglio comunale in data 13.10.2006 n.208/36843 INDICE CAPO I -

Dettagli

REGOLAMENTO PER L IMPIEGO DEL VOLONTARIATO IN ATTIVITÀ SOCIALMENTE UTILI

REGOLAMENTO PER L IMPIEGO DEL VOLONTARIATO IN ATTIVITÀ SOCIALMENTE UTILI COMUNE DI CANDA REGOLAMENTO PER L IMPIEGO DEL VOLONTARIATO IN ATTIVITÀ SOCIALMENTE UTILI Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 5 del 05.03.2009 Art. 1 Finalità 1. Il presente regolamento ha lo

Dettagli

PROGETTO PER L ACCOGLIENZA DEL TURISMO ITINERANTE

PROGETTO PER L ACCOGLIENZA DEL TURISMO ITINERANTE ASSOCIAZIONE IMPRENDITORI ED OPERATORI DEL TURISMO ALL ARIA APERTA In collaborazione con lo Studio Tecnico Dott. Agr. Massimo Badino PROGETTO PER L ACCOGLIENZA DEL TURISMO ITINERANTE Una grande risorsa

Dettagli

Le Province, l e-government e le politiche di sviluppo

Le Province, l e-government e le politiche di sviluppo AtoB Piemonte AtoB Piemonte è il progetto di e-government che le Province piemontesi hanno ideato per aziende, utenza e territorio al fine di semplificare, velocizzare e rendere più trasparenti i procedimenti

Dettagli

LEGGE GIOVANI: Provvedimenti per l inserimento lavorativo, la disponibilità abitativa, lo sviluppo culturale, la partecipazione attiva dei giovani

LEGGE GIOVANI: Provvedimenti per l inserimento lavorativo, la disponibilità abitativa, lo sviluppo culturale, la partecipazione attiva dei giovani Consigliere provinciale MAURO MINNITI Via Perathoner, 10 39100 BOLZANO Tel. 0471-946209 www.minnitimauro.it info@minnitimauro.it DISEGNO DI LEGGE PROVINCIALE LEGGE GIOVANI: Provvedimenti per l inserimento

Dettagli

PROGRAMMA DI ITALIA DEI VALORI

PROGRAMMA DI ITALIA DEI VALORI PROGRAMMA DI ITALIA DEI VALORI Noi del gruppo di Italia dei Valori vogliamo ridare forza alla coscienza civile della città di Sciacca, partendo dalle istanze dei cittadini siamo determinati a: Instaurare

Dettagli

Temi ambientali e tipologie di piani di area vasta

Temi ambientali e tipologie di piani di area vasta Temi ambientali e tipologie di piani di area vasta Piani territoriali urbanistici regionali orientati dal punto di vista paesistico ed ecologico (ex l. 431/85) Piani paesistici regionali (ex l. 431/85)

Dettagli

contratto di quartiere II un quartiere ad altezza d uomo

contratto di quartiere II un quartiere ad altezza d uomo città di venaria reale contratto di quartiere II un quartiere ad altezza d uomo obiettivo generale promuovere l integrazione del quartiere con il resto del tessuto urbano attraverso la riqualificazione

Dettagli

Dott. Francesco Petitto Direttore Area Rete e Commerciale. 3 Dicembre 2013

Dott. Francesco Petitto Direttore Area Rete e Commerciale. 3 Dicembre 2013 Dott. Francesco Petitto Direttore Area Rete e Commerciale 3 Dicembre 2013 Premessa In un momento di grande difficoltà come quello che stiamo vivendo, pensare alla nostra città ed in particolare alle nostre

Dettagli

REGOLAMENTO INTERVENTI DI MUTUALITA E SOLIDARIETA

REGOLAMENTO INTERVENTI DI MUTUALITA E SOLIDARIETA REGOLAMENTO INTERVENTI DI MUTUALITA E SOLIDARIETA Principi Ispiratori e Obiettivi Gli interventi di mutualità e solidarietà rientrano nella missione della Cassa Rurale che, come realtà radicata sul territorio,

Dettagli

Formazione tecnici di settore EFFICIENZA E RISPARMIO ENERGETICO

Formazione tecnici di settore EFFICIENZA E RISPARMIO ENERGETICO Formazione tecnici di settore EFFICIENZA E RISPARMIO ENERGETICO Particolare attenzione alla mobilità ciclabile QUESTIONI Difficoltà di realizzazione di piste ciclabili Ci sono i percorsi che servono? L

Dettagli

GLI INDICATORI. 1. I dati del comune di Casal di Principe. Processo di Attivazione Agenda 21 Locale Casal di Principe

GLI INDICATORI. 1. I dati del comune di Casal di Principe. Processo di Attivazione Agenda 21 Locale Casal di Principe GLI INDICATORI 1. I dati del comune di Casal di Principe Il comune di Casal di Principe ha prodotto i dati necessari per l elaborazione dei seguenti Indicatori Comuni Europei: 1, 3, 4 e 6, per i quali

Dettagli