periodico indipendente

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "periodico indipendente"

Transcript

1 Attualità hotel ristorante meeting Anno XXXVI - n NOVEMBRE distribuzione gratuita Legnago (Verona) AL CASTELLO BEVILACQUA I VINCITORI DELLA XX EDIZIONE DEL PREMIO IL BASSO ADIGE E difficile anche per un estraneo rimanere impassibile davanti ad un premio che più invecchia e più è buono (rubando questa frase al detto legato ai più buoni vini degustati). Ed anche chi lo condivide dall interno come il sottoscritto non può rimanere distaccato quando il premio delle eccellenze del nostro territorio, riesce a strappare applausi e consensi da svariate parti. La cerimonia del 19 ottobre scorso ha rappresentato tutto questo e non solo le espressioni dei vincitori del premio ma anche quelle dei tanti presenti al Castello Bevilacqua hanno fatto capire la qualità e l importanza che questo prestigioso riconoscimento ha assunto. Ecco quindi che chi lo definisce amichevolmente, il Nobel del Basso Veronese essendo l evento che premia le eccellenze che si sono distinte nei vari settori, non sbaglia di tanto. Magistralmente condotto da Lucio Salgaro coadiuvato da Brunetta De Gasperi nella grande Sala Troni del Castello, il premio non ha voluto dimenticare tutti i vincitori delle passate edizioni ed il conduttore ha anche ricordato due dei premiati scomparsi proprio tra la XIX e la XX edizione: Quirido Castellani e Aleardo Merlin. Un caloroso applauso ha ricordato le due figure ed il loro lavoro svolto. Anche quest anno la commissione ha dovuto valutare vari nominativi giunti alla segreteria del premio e la scelta, di Francesco Occhi anche se non facile, è stata condivisa da tutti i commissari riuniti per decretare i vincitori di questa XX edizione e per premiare quelli che, come dice il regolamento, si siano contraddistinti in stile di modestia congiunta a sensibilità morale e perseveranza, si siano resi particolarmente benemeriti nella promozione e crescita sociale, culturale ed economica nei campi della ricerca e dello studio, nel lavoro produttivo, nella diffusione della cultura e dell arte. Un premio che raffigura una artistica e significativa scultura, opera realizzata dall artista Felice Naalin, che è il mulino natante sull Adige, mentre, per il premio speciale, il Torrione di Legnago. (continua a pagina 2) PARI OPPORTUNITÀ AL XX PREMIO IL BASSO ADIGE di Renata Nalin Due donne e due uomini i premiati di domenica 19 ottobre al castello di Bevilacqua: Perla Stancari, prefetto di Verona, e tre imprenditori, Luciana Breviglieri, Roberto Dalla Valle e Silvano Pedrollo. Rispettate le quote rosa. Al passo con i tempi, come sempre, l atteso Premio Il Basso Adige, giunto alla ventesima edizione. La giuria ha scelto quattro personalità di prestigio, idealmente unite da un comune denomitatore: elevate capacità congiunte a profonda modestia e attenzione al sociale. Quattro fari per il territorio che in questo periodo buio ha bisogno di luce. Il prefetto Perla Stancari, il cui nome di battesimo si è rivelato un presagio, nomen omen direbbero i latini, è stata premiata per la sua presenza costante in mezzo alla gente, per la gente. Indiscutibilmente meritati tutti i premi. Luciana Breviglieri, presidente dell omonima ditta di Nogara, è una donna della pianura con un ottica italiana, in costante ricerca dell eccellenza. Roberto Della Valle, fondatore della Stone Italiana a Zimella, ha escogitato il sistema di lavorare in modo artigianale per generare un prodotto industriale: una formula vincente. Silvano Pedrollo, ideatore di una ditta di elettropompe, con la sua laboriosità e la costante attenzione verso gli altri, ha offerto una speranza anche alle popolazioni più povere. Il testimonial, il figlio Giulio, ha affermato che il genitore gli ha insegnato a sognare il futuro e a trasformarlo in realtà. (continua a pagina 2) Foto Alberto Vangelista Messaggio pubblicitario con finalità promozionale. Prima della sottoscrizione leggere attentamente il Fascicolo Informativo disponibile sul sito PIANOLIBERO GUZZO VENICIO LEGNAGO - Via Matteotti, 75 - Tel. e Fax VENDITA S. VITO DI LEGNAGO - casa e magazzino con terreno; LEGNAGO VANGADIZZA - casa con terreno agricolo e rustici di pertinenza; LEGNAGO - TERRANEGRA - Appartamento in quadrifamiliare con doppio garage e taverna; LEGNAGO CENTRO - vendita garage di nuova costruzione a partire da ; LEGNAGO CENTRO - Ampio appartamento con garage; VILLABARTOLOMEA - Ampio fabbricato con notevole cubatura a varie destinazioni d uso. LEGNAGO - Rustico con mq di terreno, ottimo prezzo.

2 2 Anno XXXVI - n Novembre 2014 AL CASTELLO BEVILACQUA I VINCITORI DELLA XX EDIZIONE DEL PREMIO IL BASSO ADIGE (segue da pag. 1) La manifestazione ha registrato anche per quest anno il tutto esaurito con una Sala gremita di persone e personalità accolte dal presidente de Il Basso Adige Gianni Galetto e dal segretario Giuseppe Mutti che hanno curato e coordinato l intera manifestazione. A festeggiare i vincitori c erano il sindaco di Legnago Clara Scapin, il primo cittadino di Bevilacqua Valentino Girlanda, il neo presidente della Provincia Antonio Pastorello, il neo presidente di Crediveneto Piergiorgio Agostini, molte autorità militari, civili e religiose. Ad intrattenere musicalmente i presenti il maestro Angelo Gallocchio all Hang, definito lo strumento del terzo millennio. A portare il saluto dei presenti e dell associazione Il Basso Adige il suo presidente Gianni Galetto che ha rimarcato sia l importanza del premio, sia l alta presenza di eccellenze sul territorio segno di un Basso Veronese vivo, partecipe ma soprattutto qualificato e di assoluta eccellenza. A vincere l edizione del 2014 sono state tre real- Foto Alberto Vangelista tà significative nel panorama economico del territorio: LUCIANA Luciana Breviglieri riceve il premio dal sindaco di Nogara Luciano Mirandola. BREVIGLIERI, della Breviglieri Spa, Per aver continuato, da quel lontano 1949, a realizzare con entusiasmo, impegno e caparbietà, prodotti sempre innovativi per il mondo agricolo progettando attrezzature di nuova concezione e contribuendo ad agevolare il passaggio dall agricoltura Foto Alberto Vangelista Angelo Gallocchio all Hang. Foto Alberto Vangelista tradizionale a quella meccanizzata; un azienda, la Breviglieri spa, oggi presente in tutto il mondo e proiettata verso nuove soluzioni Foto Alberto Vangelista produttive che fanno della cultura d impresa il marchio di qualità di ogni processo innovativo. ROBERTO DELLA VALLE della Stone Italiana Per la modernità e l innovazione che da sempre ha caratterizzato il lavoro della ditta Stone Italiana che le ha permesso di realizzare prodotti e servizi altamente professionali e che ne fa una tra le migliori aziende al mondo, all avanguardia nella produzione di quarzo e marmo ricomposto. Un impegno che non ha mai comunque dimenticato la solidarietà e la vicinanza anche verso le persone più svantaggiate. SILVANO PEDROLLO della Pedrollo spa Per aver fatto del pensiero che l acqua non sia una comune merce da cui trarre profitto, ma una risorsa speciale che va garantita a tutti, una filosofia di vita che ha permesso alla Pedrollo spa, di essere presente in 160 Paesi nel mondo a testimoniare la qualità e l affidabilità della capacità imprenditoriale italiana. Convinto che l acqua sia la vera ricchezza dell umanità, ha dato con le proprie apparecchiature, una nuova speranza di vita anche alle popolazioni più povere conscio della responsabilità sociale che questo lavoro comporta. Premio speciale, invece, è stato conferito al prefetto Il presidente Gianni Galetto con Silvano Pedrollo che riceve il premio dal figlio Giulio, presidente Confindustria Verona. Perla Stancari riceve il premio da Giuseppe Riello, presidente della Camera di Commercio. Roberto Della Valle riceve il premio dal presidente della Provincia di Verona Antonio Pastorello. Foto Alberto Vangelista Foto Alberto Vangelista Foto Alberto Vangelista di Verona PERLA STANCARI, Prefetto di Verona dal 2009, è sempre riuscita a gestire con grande professionalità e profonda umanità le situazioni più difficili ed i momenti di maggior criticità della nostra terra. Massimo rappresentante dello Stato nella provincia di Verona, non ha mai dimenticato la propria missione dialogando sia con le istituzioni, tanto da ricevere le chiavi delle città di Soave e Monteforte d Alpone in occasione di una tremenda calamità naturale, sia rivolgendo la propria attenzione verso i cittadini anche quelli più sfortunati, divenendo in questo modo un costruttore di ponti nella realtà territoriale. Anche questa X X m a edizione Foto di gruppo dei premiati. è stata per noi una grande soddisfazione ha dichiarato il presidente de Il Basso Adige Gianni Galetto - ancora una volta la commissione ha lavorato bene ed il nostro grazie va ai suoi membri. Le candidature giunte alla segreteria organizzativa del premio erano molte e tutte qualificate e questo conferma ancora una volta l alta qualità del premio che testimonia le numerose eccellenza che vivono ed operano qui da noi e che vanno ad aggiungersi ai prestigiosi premiati delle edizioni precedenti. Ad oltre 30 anni dalla sua istituzione in quel ormai lontano 1981, il premio oggi non è mai cambiato ed ogni anno l entusiasmo e la gioia di vedere nuovi premiati fa accorrere alla cerimonia molte persone. Soddisfazione anche per il segretario dell associazione Giuseppe Mutti Il nostro grazie va al direttivo, alla commissione e, soprattutto agli sponsor - ha precisato Mutti - ed un grazie anche a Crediveneto che da sempre crede in questa manifestazione. E un piacevole ritrovarci tra le mura di questo importante maniero che è il castello Bevilacqua ed il nostro grazie più riconoscente va ai proprietari Roberto Iseppi e Miresi Cerato che ci permettono di organizzare questo premio per valorizzare e promuovere questa nostra terra. Foto Alberto Vangelista PARI OPPORTUNITÀ AL XX PREMIO IL BASSO ADIGE (segue da pag. 1) Con queste parole ha messo a nudo il sentimento filiale che riguarda tutti e, quindi, emoziona. Commozione per il grande padre, ma anche per tanti genitori e figli presenti in sala. Gli interventi musicali di Angelo Gallocchio all hang hanno scandito l emozionante fluire della cerimonia. Come in ogni edizione, ai segnalati è stata donata una scultura realizzata dall artista veronese Felice Naalin che rappresenta un mulino galleggiante sull Adige, simbolo di laboriosità e ingegno. Perla Stancari, premiata speciale, ha ricevuto una scultura a forma di Torrione dello stesso autore. I numerosi presenti hanno applaudito lungamente le scelte della giuria ed hanno avuto l occasione di riflettere sulla possibilità di promuovere il territorio in accordo con la promozione dell azienda. Acqua, terra, pietra, arte e musica sono gli elementi vitali che hanno nutrito l appuntamento, curato in ogni minimo dettaglio dagli instancabili organizzatori che ogni anno intrecciano i fili della riuscitissima cerimonia. Tutti e quattro i premiati hanno testimoniato le straordinarie potenzialità umane che possono raggiungere vertici meritevoli di elogio e degni di emulazione quando capacità, disponibilità, impegno e creatività si sincronizzano e si mettono in moto senza risparmio. - Cosa si può fare di più? - è la domanda che ha determinato il successo di queste persone e che continua a farle volare in alto. E questo potrebbe essere il messaggio da custodire nella nostra mente e nel nostro animo fino al prossimo appuntamento. SINCRONIA PERFETTA TECNOLOGIA INNOVAZIONE ESPERIENZA

3 Anno XXXVI - n Novembre DECRESCITA FELICE? Sì, PURCHé DURI TRE SECOLI... Quando nel 1499 arrivò in Laguna la notizia che le navi di Vasco de Gama erano rientrate a Lisbona con le stive cariche di spezie, mentre ad Alessandria d Egitto i mercanti veneziani non avevano trovato un solo granello di pepe, la Serenissima fu presa dal panico: era il suo commercio principale, quello delle spezie appunto, ad essere andato in fumo, e con esso i traffici con i tedeschi, la ricchezza di centinaia di famiglie e della stessa Repubblica. I veneziani di allora, però, erano gente tenace, e non si dettero per vinti: il Senato progettò niente meno che lo scavo del canale di Suez, si cercò di rendere difficile la vita ai portoghesi armando e finanziando qualche staterello arabo, ma non c era niente da fare: quel lucroso traffico pareva morto per sempre. In realtà, come si vide poi, i traffici con l Oriente sarebbero continuati: tanto per dire, ad Aleppo, in Siria, nell anno 1603 il volume d affari dei commerci veneziani era valutato a ben un milione e mezzo di ducati d oro, ma i tempi d oro era comunque chiaro che non dovevano mai più tornare. Mi è venuto in mente questo paragone ascoltando in una trasmissione televisiva l ex ministro Giulio Tremonti, che smentiva amaramente chi ancora crede che anche questa crisi prima o poi finirà. Certo, le cose si rincammineranno, perché, come diceva il Manzoni nei Promessi Sposi, alla fine bisogna che si rincamminino, ma per noi i begli anni in cui si esportava facilmente in tutto il globo mentre i nostri mercati erano ermeticamente chiusi alla competizione con paesi ancora in via di sviluppo ovvero troppo arretrati per avere la forza di farci seriamente concorrenza, non li rivedremo più, e prima ci rassegneremo a questa realtà, meglio sarà. Tornando ai nostri veneziani, come se la cavarono, loro, di fronte alla minaccia di una crisi? In primo luogo, fecero quello che di solito fanno le persone coraggiose che subiscono una perdita irreparabile: la conta di cos è ancora rimasto. E nel caso della Serenissima, non era poco. Intanto, un buon sistema di governo, elastico ed efficiente, una giustizia rapida e a buon mercato, una classe dirigente capace e interessata al benessere comune, disposta anche ad assumersi dei doveri e sobbarcarsi dei sacrifici. Gente che si scannava per una carica da Procuratore di San Marco, ma mai avrebbe complottato con lo straniero per sgambettare un avversario politico. Quindi, una sufficiente osmosi fra classi dirigenti e popolo, unita a un sistema di welfare affidato a confraternite e associazioni di categoria che garantiva la pace sociale. Tutti elementi, questi, che da sempre attirano capitali e investitori. Venezia aprì dunque le braccia a chiunque, di qualunque parte del mondo, avesse qualcosa di utile da proporre e non costituisse una minaccia per la sicurezza dello Stato. Per restare all esempio manzoniano, parlando di Renzo Tramaglino, dice che il lavoro andava di giorno in giorno scemando; ma l emigrazione continua de lavoranti, attirati negli stati vicini da promesse, da privilegi e da grosse paghe, faceva sì che non ne mancasse ancora a quelli che rimanevano in paese. E come i filatori di seta milanesi, erano accolti ebrei e tedeschi, armeni e slavi, turchi e persiani, gente di ogni religione e lingua. Anche perché i veneziani erano abituati ad avere buone relazioni con tutti, pur essendo disposti a battersi con determinazione quando venivano messi con le spalle al muro. E poi, si cercarono nuovi mercati, si osservarono con attenzione le potenze emergenti, si sperimentarono nuove produzioni. Ma la Repubblica possedeva anche un territorio, costituito dalla Terraferma e dai domini da mar, vasto e non ancora sfruttato a dovere, su cui investire in edilizia, cura e valorizzazione delle campagne, imponenti lavori per arginare i fiumi, bonifica delle paludi; e ancora l equilibrio lagunare da tutelare deviando i fiumi e proteggendo Venezia con poderose barriere di pietra d Istria, i famosi murazzi. E poi l artigianato, dai vetri di Murano alle stoffe preziose, alla cantieristica; l arte e la cultura, l Università di Padova, l editoria, e ancora il turismo, soprattutto in occasione del carnevale. E così, Venezia poté non solo sopravvivere, ma prosperare e donare all umanità infiniti capolavori, creare una nazione in terraferma, diffondere la sua lingua, la cultura; vivere, insomma, e vivere bene per altri tre secoli, alla faccia della decadenza. La domanda a questo punto potrebbe essere: non ha niente da insegnare quell esperienza alla nostra Italia? Posto che certi tipi di produzione non hanno più senso qui da noi perché i costi non sono più competitivi, l unica possibilità che ci rimane è marciare sempre un metro avanti agli altri, essere come la famosa tartaruga del paradosso di Zenone, che nessuna lepre potrà mai raggiungere, perché nel frattempo il furbo animaletto è avanzato di un altro passettino. Oppure come i videogiochi in cui, ogni volta che hai ammazzato un mostro, ne compare uno di più grosso e veloce che devi abbattere. In fondo, da cosa nasce una civiltà, se non da una sfida? Lo diceva il grande storico Arnold Toynbee, ma ci potremmo arrivare anche con la nostra testa, pensando che chi deve solo staccare noci di cocco dall albero per mangiare non ha nessuno stimolo a costruire barche, a navigare, a commerciare: i grandi mercanti del passato, provenivano da terre povere: fenici, greci, normanni, olandesi. E cosa c era di più povero della laguna veneta? Eppure erano stati capaci di farvi nascere quello splendido fiore che è Venezia. Ci pensavo domenica 19 ottobre, in occasione della consegna dei premi Basso Adige : ci sono qui da noi aziende che ancora riescono a lavorare e ad assumere proprio perché, anziché rimpiangere i bei tempi passati, cercano di sollevarsi sulle punte dei piedi e guardare lontano, verso l orizzonte; e se vogliamo, lo stesso luogo dove ci trovavamo, il castello di Bevilacqua, è un esempio di come si possa proficuamente investire anche nella bellezza, ossia l unica materia prima che in Italia abbonda. Insomma se la decadenza dovesse durare tre secoli e produrre quello che ha prodotto a Venezia e nei suoi domini, sarebbe quasi da metterci la firma. Alberto Costantini CINEMA SALUS Sala cinematografica completamente rinnovata con nuovo proiettore digitale Sony 4K e nuovo impianto audio Dolby CINEFOURM GIOVEDI' ore 21 VENERDI' ore e RASSEGNA DEL WEEKEND SABATO DOMENICA - LUNEDI NOVEMBRE NOVEMBRE FONDATO NEL 1979 Direttore responsabile: ROBERTO TIRAPELLE Direttore editoriale: GIANNI GALETTO Autor. 462 del Tribunale di Verona. Sede in Legnago (VR) - Corso della Vittoria, 36 Pubblicità tel Foto di Paolo Pravadelli. Grafica, impaginazione e stampa: Grafiche Stella s.r.l. - Legnago (VR) Il Basso Adige è portavoce dell Associazione Culturale Il Basso Adige, fondata con atto notarile 6812 del , reg. a Legnago il il cui Consiglio Direttivo è così composto: Presidente: Gianni Galetto Presidente Onorario: Alessandro Belluzzo Vice Presidente: Francesco Occhi Segretario: Giuseppe Mutti Consiglieri: Armandino Bocchi Renzo Peloso

4 4 Anno XXXVI - n Novembre 2014 PARAFARMACIA Dott.ssa Caterina Girardello Piazza Garibaldi - Angolo Via G. Matteotti - Legnago - Tel ERBORISTERIA OMEOPATIA SANITARIA DERMOCOSMESI Il Natale è alle porte e anche quest anno si rinnova l appuntamento con la Magia delle Feste, ma inizia anche lo stress da regali perché tra un po si dovrà pensare: Quest anno cosa regalo?, A chi posso fare un piccolo pensiero e risparmiare?, Cosa potrebbe esserci di utile e gradito senza cadere sul banale?... A tutte queste cose abbiamo già pensato noi e abbiamo selezionato una serie di articoli di alta qualità che vi permetteranno di fare BELLA FIGURA, ma allo stesso tempo siamo state attente alla spesa. Vi consigliamo di pensare per tempo ai vostri acquisti natalizi evitando l inutile stress delle compere last minute... e ricordatevi che, mai come in questo caso, la fretta è cattiva consigliera!!! Non appena sono state annunciate qualche settimana fa le linee guida del DEF, il Documento di Economia e Finanza del 2015, che prevede tra le altre misure un taglio consistente dei trasferimenti agli Enti locali, Regioni Province e Comuni, si è levato un coro unanime di disapprovazione da parte di governatori, sindaci e amministratori vari. Si è detto che se il provvedimento non cambia verranno messi seriamente a rischio la quantità e la qualità dei servizi erogati ai cittadini, che sarà necessario aumentare le imposte locali, che le prestazioni sanitarie subiranno inevitabili ridimensionamenti, che gli asili nido costeranno più cari, che i previsti interventi per la tutela dell ambiente e del territorio non si potranno attuare. Sono passati solo pochi giorni e la Corte dei Conti, che da quest anno ha il compito di verificare e certificare i bilanci delle Regioni in forza di una Legge del governo Monti del 2012, ha tolto il velo su questo mare di ipocrisia mettendo in luce una impressionante mole di artifici contabili, di trucchi, omissioni, poste discutibili o fasulle che non di rado configurano vere e proprie falsificazioni. Si salvano in pochi, forse nessuno, e al di là della gravità delle diverse fattispecie il quadro che emerge è quello di un federalismo straccione, arruffone, clientelare, auto-referenziale e dissipatore delle risorse pubbliche. Partiamo da due dati di fatto che forse non tutti conoscono: ogni ASPETTANDO NATALE!!! Oltre ai classici prodotti per la cura del corpo puoi trovare anche delle originali infusiere con tisane che riscalderanno le feste con i tuoi cari. Ti aspetta inoltre un elegante diffusore di essenze per creare intorno a voi una piacevole e rilassante atmosfera che vi permetterà di lasciare alle spalle stress e tensioni accumulate durante la giornata. Per non parlare poi di tanti articoli elettromedicali di prima scelta quali: misuratori di pressione, aerosol, termometri digitali e tanto altro ancora... e poi simpatici cuscini termici con imbottitura naturale privi di controindicazione, durevoli nel tempo e di facile utilizzo. Se vuoi provare una sensazione nuova sulla pelle c è anche un nuovo modo di lavarsi con il sapone marino aromatizzato che ti lascerà una Da sinistra: Dott.ssa Ferrante Marzia, Dott.ssa Girardello Caterina, Dott.ssa Tedesco Chiara. Le Dott.sse della Parafarmacia Girardello vi aspettano per qualsiasi dubbio o chiarimento. IL LAMENTO DEL FALSARIO pelle pulita, morbida e profumata. Non abbiamo trascurato neanche i bambini dai più piccini ai più grandicelli perché anche per loro potrai trovare qualcosa di utile e allo stesso tempo divertente e simpatico. A volte si dice.. basta il pensiero! e noi abbiamo anche quello!!! Tanti pensierini di sicuro effetto, spesa contenuta, senza tralasciare l utilità. Nell augurarvi buone feste vi invitiamo a farci visita e nel ringraziarvi per averci scelto, riceverete un utile omaggio!!! Regione redige il bilancio sulla base di regole sue proprie, spesso differenti le une dalle altre e finora non era previsto alcun controllo di metodo e di merito da parte di organismi esterni. Lascio immaginare ai lettori cosa sarebbe potuto emergere se le verifiche fossero state estese agli anni precedenti, ma ahimé questa operazione verità non sarà mai attuata. Alcuni esempi chiariscono in termini esaustivi la questione, che va ben oltre l esercito dei forestali assunti dalla Sicilia in numero di gran lunga superiore a Regioni montane come il Trentino Alto Adige o il Piemonte, o la reiterata copertura delle perdite di società controllate o partecipate senza alcuna prospettiva futura e contro qualsiasi logica di efficienza e compatibilità economiche. Tralasciamo anche il malaffare diffuso dei rimborsi a piè di lista di qualsiasi spesa personale dei consiglieri di ogni parte politica e il costo degli appalti gonfiato per foraggiare esponenti dei vari partiti, noti e meno noti. Dalla lettura dei rilievi della Corte dei Conti apprendiamo che in molte Regioni è prassi dirottare i finanziamenti miliardari provenienti dal Tesoro su voci differenti rispetto ai debiti per i quali erano stati richiesti, che negli attivi risultano postati crediti milionari notoriamente inesigibili, che vengono contabilizzate operazioni su immobili o derivati somiglianti a partite di giro quantomeno sospette, che è consuetudine elargire ricchi bonus ad amministratori di ASL o società controllate sulla base di criteri di merito o di raggiungimento di obiettivi risibili, che a dispetto delle continue lamentele sulla scarsità delle risorse disponibili si registrano crescite esponenziali di personale dirigente a prescindere da ogni reale necessità dei ruoli. In alcuni casi la certificazione della Corte dei Conti viene negata sull intera struttura del bilancio, tali e tante sono le incongruenze da essa rilevate; vi sono alcune Regioni che non si sono neanche dotate degli strumenti per conoscere le loro effettive disponibilità di cassa e quindi operano nell impossibilità di accertare il rispetto dei vincoli tra entrate e uscite. Non è azzardato affermare che alcune di esse versino o si avvicinino ad una condizione oggettiva di default e che quasi ovunque vengano sistematicamente violate non soltanto le regole comunitarie e le leggi del nostro Parlamento, ma anche i più elementari principi contabili. Parafrasando Shakespeare, verrebbe da dire che c è del marcio nel nostro modello di federalismo; in realtà siamo di fronte ad un intreccio di malaffare, incompetenza, approssimazione, irresponsabilità. Il rispetto della res publica e la sua gestione con l avvedutezza del pater familias sono concetti estranei alla gran parte dei nostri amministratori locali e non saranno gli irosi lai di queste settimane a riqualificarne le pallide figure. Andrea Panziera

5 Anno XXXVI - n Novembre ANCHE GLI ADOLESCENTI NELLA RETE DELLE SLOT Un gratta e vinci preso per gioco o per portarsi a casa qualche euro. Una giocata con gli amici al bingo o al superenalotto. E poi, magari, il salto nel mondo del videopoker e delle slot machine. Secondo l indagine Swg condotta per l Autorità garante per l infanzia e l adolescenza, il 44 per cento dei ragazzi italiani ha provato un gioco d azzardo, mentre l 8 per cento punta soldi regolarmente. E sebbene il gratta e vinci sia il più praticato, le scommesse sportive rappresentano l azzardo più popolare tra gli adolescenti che si contagiano con il classico passaparola. La maggioranza di essi gioca con frequenza al massimo mensile e con modalità che non lasciano intravedere sintomi di dipendenza. Cioè, lo fa in compagnia, per divertirsi, per sentirsi grande e condividere l emozione con gli amici, ma senza avvertirne il bisogno. Il bacino di giocatori risulta però potenzialmente più ampio se si considera che sette adolescenti su dieci conoscono le regole di almeno un gioco, tre su quattro hanno a portata di mano un luogo dove poter giocare denaro e solo il 16 per cento non trova nulla di interessante nelle puntate. Per questo motivo, nel luglio scorso, la Commissione europea ha adottato una Raccomandazione sul gioco d azzardo on line che incoraggia gli Stati a realizzare un livello elevato di protezione per i consumatori con particolare attenzione per i minorenni. Ai governi, in pratica, viene chiesto di garantire che gli adolescenti non abbiano accesso all azzardo su Internet e di ridurre le occasioni di contatto che avvengono con la pubblicità. Bisogna poi considerare il comportamento delle famiglie di fronte a questo fenomeno. L atteggiamento ambivalente dei genitori è inquietante: percepiscono più o meno chiaramente che il gioco d azzardo potrebbe essere un problema, ma sembra quasi qualcosa che non li riguardi. Secondo il presidente della società italiana medici pediatri (Simpe) e dell Osservatorio nazionale sulla salute dell infanzia e dell adolescenza (Paidoss) bisogna togliere fascino a questi passatempi, perchè un bimbo che si gioca la paghetta alla sala giochi diventerà, molto probabilmente, un adulto che butterà lo stipendio in qualche sala scommesse. A leggere i dati dell Osservatorio, un adulto su tre afferma di non ricordare o non sapere se i propri figli giochino. Insomma, l azzardo preoccupa, ma le famiglie sembrano all oscuro delle abitudini dei figli. Il 90 per cento del campione (costituito da mille genitori di bambini e adolescenti) non conosce nemmeno il termine ludopatia. Nella latitanza delle famiglie, chi casca nella rete può essere aiutato da centri di cura specializzati. Perchè la ludopatia, la dipendenza dal gioco, è una malattia a tutti gli effetti e può essere paragonata alla tossicodipendenza. Infatti i rimedi per limitarne gli effetti sono gli stessi utilizzati per liberare i giovani dall uso di stupefacenti: le comunità terapeutiche. A Reggio Emilia è sorta la prima struttura residenziale pubblica dedicata al recupero dei giocatori con tendenze patologiche e compulsive. Inoltre anche i Sert, che un tempo accoglievano soltanto tossicodipendenti, da qualche anno accolgono anche i malati d azzardo. E difficile curare la dipendenza dal gioco, ancor di più che curare quella dalla droga o dall alcol. Un tossicodipendente o un alcolista si convincono prima della loro condizione di sudditanza verso le sostanze che assumono. Il giocatore, invece, pensa di poter smettere, grazie alla sola forza di volontà, ma questo non accade mai. Esistono anche trattamenti farmacologici ma sono sperimentali. Nelle comunità terapeutiche si preferisce un approccio morbido con il dipendente da gioco, cercando di tessere una rete di protezione e correzione fatta di parenti, amici e colleghi. Quando è pronto serve poi una terapia psicologica alla quale viene associata la creazione di nuove passioni che possano distogliere il paziente dal richiamo del gioco. E, come sempre, è meglio prevenire che curare: così la pensano alcuni comuni no slot, con Milano in prima fila che ha vietato l apertura di sale scommesse a meno di cinquanta metri da scuole, luoghi di culto, di aggregazione giovanile e impianti sportivi. Di contro però i sindaci che emettono ordinanze di questo tipo devono vedersela con i tribunali amministrativi che, quasi sempre, danno ragione ai concessionari e torto agli amministratori in nome del libero mercato. Infine anche molti gestori di bar tendono a togliere dai loro locali le macchinette infernali rinunciando a una fetta cospicua d incassi. A Pavia è partita un iniziativa che potrebbe far scuola nel resto del Paese: sotto l insegna Esercizio Etico si stanno radunando tutti quei bar ed esercizi commerciali che non somministrano alcolici ai minorenni e che hanno detto no alle slot machine. Occorre tener presente,però, che il problema si sta spostando dal contesto reale a quello virtuale del Web. E agire sui siti che promuovono il gioco d azzardo non è facile. Insomma siamo di fronte ad un dramma sociale che danneggia la salute delle persone, specie le più fragili che va arginato su più fronti e con l ausilio di molteplici soggetti. Mariapia De Carli Se volete esprimere il vostro parere su questo o altri argomenti trattati in precedenza mandatemi una mail a: BIBLIO FILIA - ALLA SCOPERTA DEI LIBRI di Sergio Bissoli - Parte 42 I GRANDI SCRITTORI ITALIANI DIMENTICATI GUERRIERO VITTORIO (Genova 1898). Tratto da: I GIOCATTOLI OSSIGENATI (Racconti. Editore Michele di Terlizzi Genova 1922). Non esiste nulla di più detestabile e antiestetico della bellezza completa. La bella donna assoluta, quella che trionfa nella policromia delle illustrazioni e nei manuali della storia dell arte, non è la donna più desiderabile da un uomo di buon gusto. La vera bellezza non deve essere un numero esatto, ma un numero approssimativo; non deve essere un colore unico e acceso, ma sfumatura, mezzatinta, quarto di tono. Osservate tutto quello che nella vita è ottimo e vedrete che esso è sempre qualcosa di meno della perfezione e non è la perfezione con la sua agghiacciate compattezza. Pensate all ideale e alla sua stessa mutabilità e vedrete che anche esso risponde a un concetto relativo. Osservate come l ideale è mutevole col variare degli anni: a nove anni l ideale può essere un soldatino di piombo; a quindici le intimità della cameriera; a venti la gloria; a trenta la ricchezza; a quaranta dei figli all università; a cinquanta anni l ideale può essere anche quello di poter orinare una volta al giorno senza catetere. L ideale vero, poi, non è mai l ideale in sè e per sè, ma l ideale meno qualcosa; non l ideale vestito a gran festa con cappello a cilindro e frack nero, ma l ideale più modestamente vestito in pigiama. Un piccolo pigiama dal colore non troppo violento. Osservate un momento i diversi quadri di questa imbecille festa che è la vita e vedrete. La gloria stessa per essere squisita deve essere a scartamento ridotto, ad approssimazione, in pigiama anche lei. Guardate invece le grandi glorie e ne vedrete subito tutta la infinita meschinità. La gloria tipo Dante Alighieri, per esempio, non è certo la più piacevole: essere ammirato da tutti, anche da quelli che non lo hanno mai letto e non lo leggeranno mai; subire un oceano di conferenze sulla sua opera; sopportare quella terribile e atroce ingiuria che è il plauso unanime e incondizionato della critica; non poter reagire di fronte a quelle diffamazioni eleganti che sono le traduzioni in lingua straniera; essere citato a sproposito dai ragionieri; finire colla propria effige sui francobolli commemorativi e sulle targhette delle acque purgative; e tutto questo per aver ottenuto dalla vita il dono della gloria suprema. Io non vorrei essere celebre come lui, se fossi un poeta; vorrei essere ignorato dal plotone degli imbecilli e adorato umilmente da pochi. Così nella mia arte; io cercherò di non fare mai il quadro troppo celebre per non finire nell orrore delle riproduzioni litografiche appese in tutte le camere ammobiliate che si affittano a mese, a notte o a quarti d ora. Io amo una gloria meno chiassosa, meno operettistica, più religiosamente limitata. Lo stesso succede per la bellezza di una donna; l eccesso è dannoso. Voi, gentile amica, realizzate dinanzi ai miei occhi questo tipo di bellezza in sottordine, che è poi la vera e la migliore bellezza; voi siete per me l ideale in pigiama, che è poi il vero ideale. Mi avete compreso?

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 25 ottobre 2013 INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 Audio da min. 12:00 a 20:45 su http://www.radio24.ilsole24ore.com/player.php?channel=2&idprogramma=focuseconomia&date=2013-10-25&idpuntata=gslaqfoox,

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA SANTA LUCIA - ISTITUTO COMPRENSIVO «GABRIELE ROSSETTI» IN COLLABORAZIONE CON LA CLASSE 4 C DEL LICEO DELLE SCIENZE UMANE

SCUOLA DELL INFANZIA SANTA LUCIA - ISTITUTO COMPRENSIVO «GABRIELE ROSSETTI» IN COLLABORAZIONE CON LA CLASSE 4 C DEL LICEO DELLE SCIENZE UMANE SCUOLA DELL INFANZIA SANTA LUCIA - ISTITUTO COMPRENSIVO «GABRIELE ROSSETTI» IN COLLABORAZIONE CON LA CLASSE 4 C DEL LICEO DELLE SCIENZE UMANE «PANTINI PUDENTE» VASTO (CH) IL MAGGIO DEI LIBRI nella SCUOLA

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 1 programmazionescinfdonmandirc14.15 ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 2 GIORNATA SCOLASTICA

Dettagli

Il trailer di Handy sbarca al cinema: una mano protagonista sul grande schermo

Il trailer di Handy sbarca al cinema: una mano protagonista sul grande schermo Il trailer di Handy sbarca al cinema: una mano protagonista sul grande schermo di Redazione Sicilia Journal - 09, ott, 2015 http://www.siciliajournal.it/il-trailer-di-handy-sbarca-al-cinema-una-mano-protagonista-sul-grandeschermo/

Dettagli

SCUOLA ITALIANA PIETRO DELLA VALLE TEHERAN

SCUOLA ITALIANA PIETRO DELLA VALLE TEHERAN 1 SCUOLA ITALIANA PIETRO DELLA VALLE TEHERAN Aprile 2013 ESAME FINALE LIVELLO 3 Nome: Cognome: E-mail & numero di telefono: Numero tessera: 1 2 1. Perché Maria ha bisogno di un lavoro? PROVA DI ASCOLTO

Dettagli

PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA

PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA Intervento dell Amministratore Delegato della Fiat, Sergio Marchionne Pomigliano d Arco (NA) - 14 dicembre 2011 h 9:00 Signore e signori, buongiorno a tutti. E un piacere

Dettagli

I giovani del Medio Campidano

I giovani del Medio Campidano I giovani del Medio Campidano Indagine sulla condizione giovanile nella Provincia Ufficio Provinciale Giovani - Associazione Orientare Pagina 1 Il questionario è stato predisposto e realizzato dall Associazione

Dettagli

Livello CILS A2 Modulo bambini

Livello CILS A2 Modulo bambini Livello CILS A2 Modulo bambini MAGGIO 2012 Test di ascolto numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI

Dettagli

PIANO DI ETTURA Dai 9 anni

PIANO DI ETTURA Dai 9 anni PIANO DI ETTURA Dai 9 anni Le arance di Michele Vichi De Marchi Illustrazioni di Vanna Vinci Grandi Storie Pagine: 208 Codice: 566-3270-5 Anno di pubblicazione: 2013 l autrice Vichi De Marchi è giornalista

Dettagli

Consegna dei diplomi DFA 22 giugno 2012

Consegna dei diplomi DFA 22 giugno 2012 Consegna dei diplomi DFA 22 giugno 2012 Intervento di Franco Gervasoni, direttore SUPSI SALUTO - Consigliere di Stato, Manuele Bertoli - Capodicastero Educazione, culto e partecipazioni comunali del Municipio

Dettagli

INTERVENTO ALLENATORI-DIRIGENTI CSR Introduzione ai tre appuntamenti di formazione 9 gennaio 2010.

INTERVENTO ALLENATORI-DIRIGENTI CSR Introduzione ai tre appuntamenti di formazione 9 gennaio 2010. INTERVENTO ALLENATORI-DIRIGENTI CSR Introduzione ai tre appuntamenti di formazione 9 gennaio 2010. Introduzione E appena passato il tempo delle feste. Tradizionale è lo scambio di regali Quale il regalo

Dettagli

Programmazione Didattica Scuola Primaria

Programmazione Didattica Scuola Primaria DIREZIONE DIDATTICA DI NAPOLI 5 E. MONTALE Viale della Resistenza 11K-80145 NAPOLI tel. e fax 081/5430772 Codice fiscale: 94023840633 Cod. Mecc. : NAEE005006 E-MAIL: naee005006@istruzione.it Web:www.5circolo.it

Dettagli

Maurizio Albanese DONARE È AMARE!

Maurizio Albanese DONARE È AMARE! Donare è amare! Maurizio Albanese DONARE È AMARE! raccolta di poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Maurizio Albanese Tutti i diritti riservati Ai miei genitori Santo e Maria L associazione Angeli

Dettagli

servizio civile volontario

servizio civile volontario c r i s t i n a Mi chiamo Cristina e ho svolto servizio presso una cooperativa SERVIZIO CIVILE NAZIONALE che ha sede a Ivrea, che mi ha selezionato per un progetto di supporto educativo ai minori per evitare

Dettagli

è con grande piacere che vi presentiamo la III edizione del concorso forma

è con grande piacere che vi presentiamo la III edizione del concorso forma Torino, 30 settembre 2013 Gentili Dirigenti Scolastici ed Insegnanti, è con grande piacere che vi presentiamo la III edizione del concorso forma il tuo Natale, promosso dalla Fondazione Ospedale Infantile

Dettagli

RUOLO E FINALITA DELLE ASSOCIAZIONI FEMMINILI IN UNA SOCIETA IN RAPIDA E CONTINUA EVOLUZIONE

RUOLO E FINALITA DELLE ASSOCIAZIONI FEMMINILI IN UNA SOCIETA IN RAPIDA E CONTINUA EVOLUZIONE Carissime amiche, nel ringraziare ancora per avermi eletta nel ruolo di vice Presidente del Distretto Sud Est, vi saluto augurandovi un Anno Sociale all insegna dell impegno e dell amicizia vera. Il mio

Dettagli

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ======================================================================

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ====================================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO 03.01.2016 Grado della Celebrazione: DOMENICA Colore liturgico: Bianco ============================================ II DOMENICA

Dettagli

laici collaborazione Chiesa

laici collaborazione Chiesa Preghiamo insieme Prendi, Signore, e ricevi tutta la mia libertà, la mia memoria, il mio intelletto, la mia volontà, tutto quello che possiedo. Tu me lo hai dato; a te, Signore, io lo ridono. Tutto è tuo:

Dettagli

Scuola Mater Gratiae. Anno Scolastico 2010/2011 EDUCAZIONE ALLA RELIGIOSITÀ

Scuola Mater Gratiae. Anno Scolastico 2010/2011 EDUCAZIONE ALLA RELIGIOSITÀ Scuola Mater Gratiae Anno Scolastico 2010/2011 EDUCAZIONE ALLA RELIGIOSITÀ ASCOLTIAMO INSIEME GESÙ MOTIVAZIONE Una delle priorità importanti nel nostro progetto educativo didattico della scuola dell infanzia

Dettagli

La mia famiglia non ha mai avuto così tanti amici

La mia famiglia non ha mai avuto così tanti amici La mia famiglia non ha mai avuto così tanti amici Come possono due genitori, entrambi lavoratori e con dei bambini piccoli, fare volontariato? Con una San Vincenzo formato famiglia! La Conferenza Famiglia

Dettagli

Gruppo G.R.E.M. Piemonte e Valle d Aosta. Attività di animazione: LA FAMIGLIA KIT DI ANIMAZIONE

Gruppo G.R.E.M. Piemonte e Valle d Aosta. Attività di animazione: LA FAMIGLIA KIT DI ANIMAZIONE Gruppo G.R.E.M Piemonte e Valle d Aosta Attività di animazione: LA FAMIGLIA KIT DI ANIMAZIONE Il kit, pensato per l animazione di bambini, ragazzi e adulti sul tema famiglia è così composto: - 1 gioco

Dettagli

INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012

INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012 INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012 Si può essere quotati in Borsa e avere un ottica di lungo periodo? E come recuperare un merito creditizio

Dettagli

1) ATTIVITA Giochi, filmati, web, immagini, quadri.

1) ATTIVITA Giochi, filmati, web, immagini, quadri. 1) ATTIVITA Giochi, filmati, web, immagini, quadri. 1) Andare a visitare gli anziani all ospedale 2) Attività in gruppo: vengono proposte diverse immagini sull amore per discutere sui vari tipi di amore

Dettagli

Proprietà letteraria riservata 2015 RCS Libri S.p.A., Milano Originariamente pubblicato da Casa Editrice San Rafaele nel 2010. ISBN 978-88-915-1545-2

Proprietà letteraria riservata 2015 RCS Libri S.p.A., Milano Originariamente pubblicato da Casa Editrice San Rafaele nel 2010. ISBN 978-88-915-1545-2 Una parola per te Proprietà letteraria riservata 2015 RCS Libri S.p.A., Milano Originariamente pubblicato da Casa Editrice San Rafaele nel 2010. ISBN 978-88-915-1545-2 Prima edizione Fabbri Editori: aprile

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO LECTIO DOCTORALIS. Maria Luisa Cosso. Aula Magna del Rettorato 24 luglio 2007. Via G.

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO LECTIO DOCTORALIS. Maria Luisa Cosso. Aula Magna del Rettorato 24 luglio 2007. Via G. UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO LECTIO DOCTORALIS Maria Luisa Cosso Aula Magna del Rettorato 24 luglio 2007 Via G. Verdi, 8 - Torino Magnifico Rettore, Signor Preside, Professor Conti, Signore e Signori,

Dettagli

Università degli Studi di Genova. Anno Accademico 2011/12 LIVELLO A1

Università degli Studi di Genova. Anno Accademico 2011/12 LIVELLO A1 Anno Accademico 2011/12 COGNOME NOME NAZIONALITA NUMERO DI MATRICOLA FACOLTÀ TEST Di ITALIANO (75 MINUTI) 3 ottobre 2011 LIVELLO A1 1. Completa le frasi con gli articoli determinativi (il, lo, la, l, i,

Dettagli

LA BIBLIOTECA DEL CLUB DEL LIBRO. Dai vita ai tuoi libri!

LA BIBLIOTECA DEL CLUB DEL LIBRO. Dai vita ai tuoi libri! LA BIBLIOTECA DEL CLUB DEL LIBRO Dai vita ai tuoi libri! "I libri. Sono stati i miei grandi amici, perché non c è di meglio che viaggiare con qualcuno che ha fatto già la stessa strada, che ti racconta

Dettagli

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA HEAL YOUR LIFE WORKSHOP 4/5 OTTOBRE 2014 PRESSO CENTRO ESTETICO ERIKA TEMPIO D IGEA 1 E il corso dei due giorni ideato negli anni 80 da Louise Hay per insegnare il

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA ALTINO

SCUOLA PRIMARIA ALTINO SCUOLA PRIMARIA ALTINO PROGETTO CONTINUITA : MANGIA SANO E VAI LONTANO Incontro con i bambini di 5 anni delle scuole dell infanzia di Altino Durante gli incontri di continuità con la Scuola dell Infanzia

Dettagli

1. Completa le frasi con l imperfetto e il passato prossimo dei verbi tra parentesi.

1. Completa le frasi con l imperfetto e il passato prossimo dei verbi tra parentesi. Nome studente Data TEST DI AMMISSIONE AL LIVELLO B1.1 (Medio 1) 1. Completa le frasi con l imperfetto e il passato prossimo dei verbi tra parentesi. Es. Ieri sera non ti (noi-chiamare) abbiamo chiamato

Dettagli

ASILI NIDO QUELLO CHE IL COMUNE NON DICE CONFERENZA STAMPA FP CGIL ROMA E LAZIO

ASILI NIDO QUELLO CHE IL COMUNE NON DICE CONFERENZA STAMPA FP CGIL ROMA E LAZIO ASILI NIDO QUELLO CHE IL COMUNE NON DICE CONFERENZA STAMPA FP CGIL ROMA E LAZIO 31 agosto 2010 Investire sui servizi all infanzia non è questione che riguarda le politiche familiari, e neppure èsolo questione

Dettagli

La Sagrada Famiglia 2015

La Sagrada Famiglia 2015 La Sagrada Famiglia 2015 La forza che ti danno i figli è senza limite e per fortuna loro non sanno mai fino in fondo quanto sono gli artefici di tutto questo. Sono tiranni per il loro ruolo di bambini,

Dettagli

ADOSITALIA onlus BRESCIA ASSOCIAZIONE DONNE OPERATE AL SENO BRESCIA. Via Tosio, N 1 Tel 03042155 brescia.adositalia@gmail.com

ADOSITALIA onlus BRESCIA ASSOCIAZIONE DONNE OPERATE AL SENO BRESCIA. Via Tosio, N 1 Tel 03042155 brescia.adositalia@gmail.com ADOSITALIA onlus BRESCIA ASSOCIAZIONE DONNE OPERATE AL SENO BRESCIA Via Tosio, N 1 Tel 03042155 brescia.adositalia@gmail.com ADOSITALIA ADOS = Associazione Donne Operate al Seno Siamo un associazione di

Dettagli

Unione Italiana Lavoratori Pubblica Amministrazione

Unione Italiana Lavoratori Pubblica Amministrazione Unione Italiana Lavoratori Pubblica Amministrazione Via Arenula 69/70-00186 ROMA - tel. 06 68852036 - fax 06 6869555 www.uidag.it - giustizia@uilpa.it AUDIZIONE PARLAMENTARE DISEGNO DI LEGGE C. 1248 Innanzitutto

Dettagli

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING!

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING! COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING Grazie per aver scaricato questo EBOOK Mi chiamo Fabio Marchione e faccio network marketing dal 2012, sono innamorato e affascinato da questo sistema di business

Dettagli

Zona Val di Chiana Senese IL REPARTO DI PEDIATRIA. i Pediatri di Famiglia, le Biblioteche, le Scuole. partecipano al progetto.

Zona Val di Chiana Senese IL REPARTO DI PEDIATRIA. i Pediatri di Famiglia, le Biblioteche, le Scuole. partecipano al progetto. Zona Val di Chiana Senese IL REPARTO DI PEDIATRIA i Pediatri di Famiglia, le Biblioteche, le Scuole partecipano al progetto Nati per Leggere Che cos è Nati per Leggere?...... è un progetto nazionale che

Dettagli

1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità

1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità 1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità Roma, 21 Gennaio 2009 Palazzo Marini Sala delle Colonne Discorso di apertura, Luciano Baggiani Presidente ANEA Illustri ospiti,

Dettagli

Colori e pensieri per i. bambini emiliani 04/06/2012. Colori e pensieri per i bambini emiliani 04/06/2012

Colori e pensieri per i. bambini emiliani 04/06/2012. Colori e pensieri per i bambini emiliani 04/06/2012 Colori e pensieri per i Colori e pensieri per i bambini emiliani bambini emiliani 04/06/2012 04/06/2012 Ass. Culturale B-Side in Spazio Luce, Milano. Da una idea di: Dott.ssa Anna La Guzza, Psicologa Noi

Dettagli

Riflessioni della classe IV^A dopo l'incontro con Padre Fabrizio

Riflessioni della classe IV^A dopo l'incontro con Padre Fabrizio Riflessioni della classe IV^A dopo l'incontro con Padre Fabrizio L incontro con padre Fabrizio è stato molto importante per capire che noi siamo fortunatissimi rispetto a tante altre persone e l anno prossimo

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

EBOOK GIAN PAOLO MONTALI CREDERE NEL GIOCO DI SQUADRA. www.forumeccellenze.it

EBOOK GIAN PAOLO MONTALI CREDERE NEL GIOCO DI SQUADRA. www.forumeccellenze.it EBOOK GIAN PAOLO MONTALI CREDERE NEL GIOCO DI SQUADRA. www.forumeccellenze.it 1. Del sogno dell essere sognatore Il primo dovere di un buon Capo è non accontentarsi, essere il più esigente possibile nella

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA Scuola dell Infanzia di VESTRENO A.S. 2013/2014

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA Scuola dell Infanzia di VESTRENO A.S. 2013/2014 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA Scuola dell Infanzia di VESTRENO A.S. 2013/2014 Insegnante: BARINDELLI PAOLA PREMESSA: L insegnamento della Religione Cattolica nella scuola dell Infanzia

Dettagli

Jerome Lejeune: il medico, lo scienziato, l uomo

Jerome Lejeune: il medico, lo scienziato, l uomo Jerome Lejeune: il medico, lo scienziato, l uomo Jerome Lejeuene 1923-199.. Viaggio alla scoperta di un grande genetista e di un grande uomo Jerome Lejeune (Montrouge, 13 giugno 1926 Parigi, 3 aprile 1994)

Dettagli

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA I A6 BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA Parrocchia Domenica CANTO D INIZIO NEL TUO SILENZIO Nel tuo silenzio accolgo il mistero venuto a vivere dentro di me, sei tu che vieni, o forse è più vero

Dettagli

Mario Basile. I Veri valori della vita

Mario Basile. I Veri valori della vita I Veri valori della vita Caro lettore, l intento di questo breve articolo non è quello di portare un insegnamento, ma semplicemente di far riflettere su qualcosa che noi tutti ben sappiamo ma che spesso

Dettagli

Cerimonia di conferimento della Laurea magistrale honoris causa in Scienze e Tecnologie Alimentari a Giovanni Ferrero

Cerimonia di conferimento della Laurea magistrale honoris causa in Scienze e Tecnologie Alimentari a Giovanni Ferrero Cerimonia di conferimento della Laurea magistrale honoris causa in Scienze e Tecnologie Alimentari a Giovanni Ferrero Laudatio Prof. Giacomo Rizzolatti Parma, 24 ottobre 2015 1 Magnifico Rettore Autorità

Dettagli

Le Donne: il motore della vita

Le Donne: il motore della vita Le Donne: il motore della vita Il team di questo progetto è composto da me stessa. Sono una giovane laureata in Giurisprudenza e praticante avvocato, molto sensibile e attenta al tema riguardante la violenza

Dettagli

Ciao, avevo bisogno di una mano per stare bene

Ciao, avevo bisogno di una mano per stare bene Cooperativa Sociale Mission. Promuovere e perseguire lo sviluppo d autonomie di persone con svantaggi psicofisici, favorendo l integrazione e la cultura dell accoglienza nella comunità locale, attraverso

Dettagli

Nicolò UGANDA Gapyear

Nicolò UGANDA Gapyear Nicolò, Diario dall Uganda Se c è il desiderio, allora il grande passo è compiuto, e non resta che fare la valigia. Se invece ci si riflette troppo, il desiderio finisce per essere soffocato dalla fredda

Dettagli

Tanti doni bellissimi!

Tanti doni bellissimi! Tanti doni bellissimi! Io sono dono di Dio e sono chiamato per nome. Progetto Educativo Didattico Religioso Anno Scolastico 2015 2016 Premessa Il titolo scelto per la programmazione religiosa 2015 2016

Dettagli

COLLANA CULTURA&SOLIDARIETÀ I bambini e le Istituzioni si parlano Caro Presidente, ti scrivo Chi è è un organizzazione senza fini di lucro che sostiene e divulga ogni espressione della cultura e della

Dettagli

L ESERCITO DEI BISCOTTI

L ESERCITO DEI BISCOTTI L ESERCITO DEI BISCOTTI Siamo gli alunni del Convitto Nazionale Paolo Diacono, un Istituzione Educativa dello Stato, presente a Cividale del Friuli dal 1876. L offerta formativa del Convitto comprende:

Dettagli

INAUGURAZIONE ANNO ACCADEMICO 2014/15 INTERVENTO DEL RAPPRESENTANTE DEGLI STUDENTI NEL CDA SIMONE MAGNANO

INAUGURAZIONE ANNO ACCADEMICO 2014/15 INTERVENTO DEL RAPPRESENTANTE DEGLI STUDENTI NEL CDA SIMONE MAGNANO INAUGURAZIONE ANNO ACCADEMICO 2014/15 INTERVENTO DEL RAPPRESENTANTE DEGLI STUDENTI NEL CDA SIMONE MAGNANO Castellanza, 10 novembre 2014 Signor Presidente, Magnifico Rettore, colleghi Studenti, Autorità

Dettagli

Roberto Ghiretti Presidente Studio Ghiretti & Associati

Roberto Ghiretti Presidente Studio Ghiretti & Associati Roberto Ghiretti Presidente Studio Ghiretti & Associati 1 Lo Sport come strumento educativo Lo sport per i bambini e ragazzi rappresenta una straordinaria opportunità di crescita. Grazie all attività motoria,

Dettagli

Carissimi Giovani, Ufficio di Pastorale Giovanile. ho pensato di invitarvi a fare sinodo, a camminare insieme per

Carissimi Giovani, Ufficio di Pastorale Giovanile. ho pensato di invitarvi a fare sinodo, a camminare insieme per Carissimi Giovani, ho pensato di invitarvi a fare sinodo, a camminare insieme per rivitalizzare la pastorale giovanile diocesana, confrontarvi su tali problemi, per scambiarci opinioni e suggerire rimedi,

Dettagli

Non riflette la qualità dell insegnamento Ma tornando adesso allora a chi sono i Contadini di adesso

Non riflette la qualità dell insegnamento Ma tornando adesso allora a chi sono i Contadini di adesso Intervistato: Sebastiano Villani, Dirigente Scolastico di Stigliano e Aliano Soggetto: «Luigini» e «Contadini» oggi Luogo e data dell intervista: Stigliano, agosto 2007 Audio file: Villani Il problema

Dettagli

Buona estate!! Newsletter alisolidali onlus N. 7/2015 del 14 Luglio 2015 INDICE AIUTIAMO I BAMBINI COLPITI DAL TORNADO

Buona estate!! Newsletter alisolidali onlus N. 7/2015 del 14 Luglio 2015 INDICE AIUTIAMO I BAMBINI COLPITI DAL TORNADO Newsletter alisolidali onlus N. 7/2015 del 14 Luglio 2015 Buona estate!! INDICE AIUTIAMO I BAMBINI COLPITI DAL TORNADO UN RIGRAZIAMENTO PER LE DONAZIONI RICEVUTE ALISOLIDALI AUGURA A TUTTI UNA BUONA ESTATE

Dettagli

...SULLA BUONA STRADA...

...SULLA BUONA STRADA... SCUOLA DELL INFANZIA SANT' EFISIO Via Vittorio Veneto, 28 Oristano PIANO ANNUALE DELLE ATTIVITA EDUCATIVO-DIDATTICHE DI RELIGIONE CATTOLICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA BAMBINI - 3-4-5 ANNI Numero sezioni:

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

«Io sono la via, la verità e la vita»

«Io sono la via, la verità e la vita» LECTIO DIVINA PER LA V DOMENICA DI PASQUA (ANNO A) Di Emio Cinardo «Io sono la via, la verità e la vita» Gv 14,1-12 Lettura del testo Dal Vangelo secondo Giovanni (14,1-12) In quel tempo, Gesù disse ai

Dettagli

Natale Ecco che giungono i giorni di festa e la gente a comprare i regali si affretta. Il Natale sta arrivando

Natale Ecco che giungono i giorni di festa e la gente a comprare i regali si affretta. Il Natale sta arrivando A Natale C è una strana sensazione che ti fa nascere un emozione di amicizia e unità e tanta felicità. Dentro gli occhi di un bambino si vede un mondo più carino, senza guerre e disuguaglianza un mondo

Dettagli

Donna Ì : un milione di no

Donna Ì : un milione di no Ì : un milione di no IL NOSTRO TEAM Siamo un trio ma siamo anche una coppia di fidanzati, due fratelli, due amici che da qualche anno convive e condivide esperienze di vita ma anche interessi sociali e

Dettagli

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Breve saluto con tre slides. Chi siamo: fondamentalmente siamo genitori per genitori

Dettagli

I 6 Segreti Per Guadagnare REALMENTE Con Internet... E Trasformare La Tua Vita

I 6 Segreti Per Guadagnare REALMENTE Con Internet... E Trasformare La Tua Vita I 6 Segreti Per Guadagnare REALMENTE Con Internet... E Trasformare La Tua Vita Come Guadagnare Molto Denaro Lavorando Poco Tempo Presentato da Paolo Ruberto Prima di iniziare ti chiedo di assicurarti di

Dettagli

DAL CORTILE. IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO

DAL CORTILE. IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO DAL CORTILE. IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO Struttura in 3 sezioni: 1. Il Cuore dell oratorio Le idee sintetiche che definiscono in termini essenziali e vitali

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST -

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - INIZIO Ricominciare una nuova vita da zero mi spaventa peró so che tante persone ce la fanno, posso farcela anch io! preferirei continuare

Dettagli

PRESENTAZIONE DEL LIBRO Siria MON AMOUR

PRESENTAZIONE DEL LIBRO Siria MON AMOUR PRESENTAZIONE DEL LIBRO Siria MON AMOUR Reading del libro a cura dei ragazzi della IIIA della scuola media n. 2 "S. Farina" Con la collaborazione della libreria Il Labirinto di Alghero Un matrimonio combinato,

Dettagli

LA PERLA IL TESORO PREZIOSO

LA PERLA IL TESORO PREZIOSO LA PERLA E IL TESORO PREZIOSO In quel tempo, Gesù disse alla folla: Il regno dei cieli è simile a un tesoro nascosto in un campo; un uomo lo trova e lo nasconde di nuovo, poi va, pieno di gioia, vende

Dettagli

Educare alla responsabilità per costruire la città dell uomo Educare alla vita buona del Vangelo.

Educare alla responsabilità per costruire la città dell uomo Educare alla vita buona del Vangelo. Carissimi, a nome dell Azione Cattolica diocesana un saluto e un ringraziamento per la vostra partecipazione a questo momento che nasce nell ambito di un Progetto formativo di Azione Cattolica che mira

Dettagli

I bambini vengono costretti a lavorare

I bambini vengono costretti a lavorare Un continente segnato dalle violenze, dai soprusi e dalle ingiustizie. Il destino di schiavitù che nei secoli scorsi ha colpito l'africa non si è esaurito nemmeno nel Terzo millennio. Nell'Ottocento, uomini

Dettagli

Amore in Paradiso. Capitolo I

Amore in Paradiso. Capitolo I 4 Amore in Paradiso Capitolo I Paradiso. Ufficio dei desideri. Tanti angeli vanno e vengono nella stanza. Arriva un fax. Lo ha mandato qualcuno dalla Terra, un uomo. Quando gli uomini vogliono qualcosa,

Dettagli

(Memoria dei santi e dei martiri della vita consacrata) (Fori Imperiali, Roma 19/09/15)

(Memoria dei santi e dei martiri della vita consacrata) (Fori Imperiali, Roma 19/09/15) SIATE SANTI COME IL PADRE VOSTRO è SANTO (Mt 5, 48) (Memoria dei santi e dei martiri della vita consacrata) (Fori Imperiali, Roma 19/09/15) Ci siamo riuniti nel cuore della città di Roma per fare un pellegrinaggio,

Dettagli

S T U D I O S P A Z I O

S T U D I O S P A Z I O S P A Z I O I nostri corsi 2014 La Cooperativa Co.Re.s.s. attraverso lo Spazio Arte 21, organizza percorsi dedicati alle persone che vogliono scoprire se stesse e le proprie emozioni attraverso l arte

Dettagli

La cenerentola di casa

La cenerentola di casa La cenerentola di casa Audrina Assamoi LA CENERENTOLA DI CASA CABLAN romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Audrina Assamoi Tutti i diritti riservati Questa storia è dedicata a tutti quelli che

Dettagli

CCR: ESPERIENZA DEL PRIMO BIENNIO 2007/2009

CCR: ESPERIENZA DEL PRIMO BIENNIO 2007/2009 CCR: ESPERIENZA DEL PRIMO BIENNIO 2007/2009 Presso la scuola media Consiglieri, insegnante ed eventuali operatori esterni 6/7 incontri all anno 1 Consapevolezza diritti e doveri 2 Funzioni propositive

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

Mafia, amore & polizia

Mafia, amore & polizia 20 Mafia, amore & polizia -Ah sì, ora ricordo... Lei è la signorina... -Francesca Affatato. -Sì... Sì... Francesca Affatato... Certo... Mi ricordo... Lei è italiana, non è vero? -No, mio padre è italiano.

Dettagli

Leggere, ascoltare, navigare

Leggere, ascoltare, navigare Leggere, ascoltare, navigare L AMORE CONTA di Maurizio Ermisino Fausto Podavini ha seguito per due anni una coppia: un marito malato di Alzheimer, una moglie che l ha seguito con devozione. È nato così

Dettagli

www.internetbusinessvincente.com

www.internetbusinessvincente.com Come trovare nuovi clienti anche per prodotti poco ricercati (o che necessitano di essere spiegati per essere venduti). Raddoppiando il numero di contatti e dimezzando i costi per contatto. Caso studio

Dettagli

scuola dell infanzia di Vado

scuola dell infanzia di Vado ISTITUTO COMPRENSIVO DI VADO-MONZUNO (BO) scuola dell infanzia di Vado PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI IRC sezione (5 anni) anno scolastico 2014/2015 ins: Formicola Luigi UNITA DIDATTICA 1 Alla scoperta del

Dettagli

27 GENNAIO 2016 GIORNATA DELLA MEMORIA

27 GENNAIO 2016 GIORNATA DELLA MEMORIA 27 GENNAIO 2016 GIORNATA DELLA MEMORIA Mostra e flash mob per non dimenticare l orrore della Shoah 27 Gennaio 1945 Vengono abbattuti i cancelli del lager di Auschwitz Il 20 luglio 2000, con la legge 211,

Dettagli

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL 1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL BENE COMUNE Una comunità di oltre 139 mila soci impegnati, nel quotidiano come nelle emergenze, in attività sociali e sanitarie di aiuto alle persone in difficoltà

Dettagli

Istituto Comprensivo "NOTARESCO"

Istituto Comprensivo NOTARESCO Istituto Comprensivo "NOTARESCO" Anno Scolastico 2015/2016 PROGETTO ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA DELL INFANZIA Insegnante Testa Maria Letizia MAPPA CONCETTUALE DIO HA POSTO IL MONDO NELLE NOSTRE

Dettagli

LE FINALITA DEL PROGETTO

LE FINALITA DEL PROGETTO AMBITO N 5 LE FINALITA DEL PROGETTO La finalità del progetto è quella di organizzare e realizzare interventi mirati in modo da prevenire stili e comportamento a rischio ed innalzare le capacità di comprensione

Dettagli

Sedotta dal mondo del POKER. il punto G del gioco SPECIALE ENADA. Il gioco ritorna in fiera. POKER FACE High Stakes con Fabrizio Baldassari

Sedotta dal mondo del POKER. il punto G del gioco SPECIALE ENADA. Il gioco ritorna in fiera. POKER FACE High Stakes con Fabrizio Baldassari NUMERO 04 MARZO 2010 il punto G del gioco ZERO ASSOLUTO CASINÒ DI SANREMO SPECIALE ENADA SPECIALE ENADA Il gioco ritorna in fiera POKER FACE High Stakes con Fabrizio Baldassari numero 04 marzo 2010 PAMELA

Dettagli

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità Programmazione IRC 2014-2015 1 INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità della Chiesa, sia perché

Dettagli

informa giugno 15 n. 1 I

informa giugno 15 n. 1 I DUE SGUARDI: UN AFRICA Mostra fotografica - Trento, piazza Fiera - 30 maggio - 2 giugno 2015 informa A febbraio 2012 noi studenti e studentesse trentine abbiamo potuto conoscere la realtà ugandese in un

Dettagli

Intelligenza o abilità?

Intelligenza o abilità? a Intelligenza o abilità? L apprendimento è stato spesso collegato con l intelligenza, e l intelligenza è stata misurata dagli psicologi con vari tipi di test. Ma come funziona un «tipico» test di intelligenza?

Dettagli

Il ministro Martina a cascina don Guanella: Voi, modello da imitare

Il ministro Martina a cascina don Guanella: Voi, modello da imitare Il ministro Martina a cascina don Guanella: Voi, modello da imitare di Claudio Bottagisi VALMADRERA Avete fatto passi non soltanto giusti ma addirittura straordinari e siete un modello nazionale e un esempio

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014. Scuola Primaria Classe 1^ - sez. B

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014. Scuola Primaria Classe 1^ - sez. B PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014 Scuola Primaria Classe 1^ - sez. A Disciplina Religione Cattolica Ins. STRIKA LUCIANA Presentazione della classe Livello cognitivo

Dettagli

LE SFIDE SULLE SPALLE!

LE SFIDE SULLE SPALLE! LE SFIDE Questo quarto incontro vuole aiutare a riflettere sulle sfide che l animatore si trova a vivere, sia in rapporto all educazione dei ragazzi, sia in riferimento alla propria crescita. Le attività

Dettagli

GENNAIO CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL SIENA. Giuseppe Di Vittorio 1954 MARTEDÌ MERCOLEDÌ GIOVEDÌ VENERDÌ DOMENICA

GENNAIO CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL SIENA. Giuseppe Di Vittorio 1954 MARTEDÌ MERCOLEDÌ GIOVEDÌ VENERDÌ DOMENICA GENNAIO 1 17 2 3 18 19 4 20 5 6 21 22 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 23 24 25 26 27 28 29 30 31 Vedo davanti a me tante facce, vedo dei neri,...dei bianchi, dei gialli, dei mezzi neri come me, ma tutti insieme,

Dettagli

DISCORSO DEL SINDACO DI MILANO GIULIANO PISAPIA ALLA CERIMONIA DEI GIUSTI DEL 17 APRILE 2012, GIARDINO DEI GIUSTI DI TUTTO IL MONDO, MILANO

DISCORSO DEL SINDACO DI MILANO GIULIANO PISAPIA ALLA CERIMONIA DEI GIUSTI DEL 17 APRILE 2012, GIARDINO DEI GIUSTI DI TUTTO IL MONDO, MILANO DISCORSO DEL SINDACO DI MILANO GIULIANO PISAPIA ALLA CERIMONIA DEI GIUSTI DEL 17 APRILE 2012, GIARDINO DEI GIUSTI DI TUTTO IL MONDO, MILANO Cari amici, oggi siamo qui per ricordare e per testimoniare la

Dettagli

Progetto e Concorso nazionale. Articolo 9 della Costituzione. Edizione a.s. 2014-15 BANDO E REGOLAMENTO

Progetto e Concorso nazionale. Articolo 9 della Costituzione. Edizione a.s. 2014-15 BANDO E REGOLAMENTO Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per il sistema educativo di istruzione e formazione Direzione generale per gli ordinamenti scolastici e la valutazione del sistema

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 2

Test di ascolto Numero delle prove 2 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e messaggi. In quale luogo puoi ascoltare i testi? Scegli una delle tre proposte che ti diamo. Alla fine del

Dettagli

I sette SACRAMENTI CATECHESI DI PAPA FRANCESCO

I sette SACRAMENTI CATECHESI DI PAPA FRANCESCO I sette SACRAMENTI CATECHESI DI PAPA FRANCESCO I sette SACRAMENTI CATECHESI DI PAPA FRANCESCO SHALOM 1 Editrice Shalom - 06.08.2014 Trasfigurazione del Signore 2008 Fondazione di Religione Santi Francesco

Dettagli

Discorso Ministro On. Prof. Maria Chiara Carrozza Inaugurazione anno scolastico 2013/2014 Palazzo del Quirinale

Discorso Ministro On. Prof. Maria Chiara Carrozza Inaugurazione anno scolastico 2013/2014 Palazzo del Quirinale Discorso Ministro On. Prof. Maria Chiara Carrozza Inaugurazione anno scolastico 2013/2014 Palazzo del Quirinale Signor Presidente della Repubblica, gentili Autorità, cari dirigenti scolastici, cari insegnanti,

Dettagli

Papà Missione Possibile

Papà Missione Possibile Papà Missione Possibile Emiliano De Santis PAPÀ MISSIONE POSSIBILE www.booksprintedizioni.it Copyright 2015 Emiliano De Santis Tutti i diritti riservati Non insegnate ai bambini la vostra morale è così

Dettagli

ai Genitori dei ragazzi che frequentano l'iniziazione Cristiana e l'azione Cattolica

ai Genitori dei ragazzi che frequentano l'iniziazione Cristiana e l'azione Cattolica PARROCCHIA S. Roberto Bellarmino - Taranto - Lettera del Parroco ai Genitori dei ragazzi che frequentano l'iniziazione Cristiana e l'azione Cattolica Carissimi Genitori, il nuovo Anno Catechistico segna

Dettagli