RELAZIONE II CONGRESSO FILCTEM CGIL ROMA 2 XVII CONGRESSO CGIL

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RELAZIONE II CONGRESSO FILCTEM CGIL ROMA 2 XVII CONGRESSO CGIL"

Transcript

1 RELAZIONE II CONGRESSO FILCTEM CGIL ROMA 2 XVII CONGRESSO CGIL Gentilissime invitate e invitati, carissime compagne e compagni, vi ringrazio per la vostra partecipazione ai lavori del nostro congresso, nell auspicio che questo possa servire come contributo per riflessioni utili ad affrontare i prossimi anni, che saranno sicuramente complessi e delicati per il futuro del nostro Paese, delle lavoratrici e lavoratori, delle nostre aziende. La crisi economica internazionale e l Europa Questo nostro XVII Congresso, si colloca nel pieno di una crisi economica internazionale che, seppur con dati contraddittori, colpisce in particolar modo l Europa e mette in discussione i suoi modelli sociali. E una crisi che parte da lontano, esplosa con la bolla speculativa americana del 2008, quindi una crisi economica non congiunturale ma strutturale e che tuttavia stenta a trovare soluzioni durature, a stabilizzare i mercati, a fare riprendere cicli virtuosi, che siano capaci di rispondere alle nuove emergenze planetarie. Tanto per citarne qualcuna, quella geo-climatica, dell uso delle risorse energetiche, della fruizione di beni comuni come l acqua, delle problematiche ambientali. Negli ultimi trenta anni, l economia mondiale è stata indirizzata da modelli neoliberisti che sostengono la necessità di tenere libero il mercato, che gli Stati non devono intervenire nelle dinamiche economiche, poiché è lo stesso mercato a trovare soluzioni alle crisi. Sempre in questi ultimi decenni, la globalizzazione dei mercati e degli scambi, ha determinato elementi contradditori: da una parte hanno visto emergere nuovi paesi come potenze economiche nello scenario internazionale, dall altra la concentrazione di ricchezze e l aumento delle diseguaglianze e il conseguente impoverimento di interi ceti medi. Non vorrei sfidare la benevola pazienza della platea, ma queste tematiche, che solo apparentemente possono sembrare lontane dalle nostre discussioni e interessi, si riflettono con sempre maggiore frequenza nelle nostre vertenze, con le nostre aziende, nei nostri territori. 1

2 Infatti, qualche delegato presente mi può essere testimone, laddove le aziende ci comunicano cessioni di attività, spostamenti di produzioni, queste vengono giustificate con la magica frase: E la globalizzazione. Cosa ci possiamo fare!. Si badi bene, non voglio demonizzare assolutamente progresso e straordinarie innovazioni tecnologiche, non mi spaventa la velocità delle informazioni, la rapidità degli spostamenti, l utilità della rete e l e-commerce. Ma, dal nostro punto di vista, quello delle lavoratrici e lavoratori, dobbiamo registrare che questa economia globalizzata, che in sé può avere anche indubbi vantaggi, ad oggi ha globalizzato di tutto, dalle merci ai costumi, dalle guerre ai cibi, dai capitali alle finanze, ma non è ancora riuscita a globalizzare una cosa: eguali diritti e dignità di tutti i lavoratori in tutto il pianeta. Basti pensare, come ancora oggi, molti sindacalisti dall America Latina all Asia vengano ammazzati per la difesa dei diritti dei lavoratori, come in molti paesi cosiddetti emergenti bambini lavorino in miniera, come donne lavorino in capannoni anche per 12 ore al giorno senza nessuna tutela. Ma questa crisi economica, che per la sua durezza e lunghezza sta consumando speranze e prospettive di intere nuove generazioni, trova un altro elemento di preoccupante riflessione : il primato della finanza e la subalternità della politica. La crisi partita dal 2008 con lo scoppio della bolla speculativa finanziaria americana, velocemente trasmessasi su tutta l economia mondiale alla pari di un virus che infetta i computer in rete, non ha ancora terminato di influenzare ed ostacolare la ripresa economica. Tuttavia, le ingenti somme degli Stati sovrani messe a disposizione per il salvataggio delle banche e dei flussi finanziari, hanno impedito che quella crisi avesse gli stessi effetti dirompenti della famigerata crisi del 29. Quindi, miliardi di dollari e euro trasferiti dalle casse degli Stati alle banche. Che cosa hanno da dire quegli economisti che teorizzano l autoregolamentazione del mercato come feticcio per il perfetto funzionamento dell economia mondiale? La verità, purtroppo, è che la stessa determinazione e velocità, le stesse ingenti cifre destinate al sistema finanziario, non si sono realizzate per intervenire sulla salvaguardia dei sistemi di welfare sociale, della solidarietà nei confronti delle classi lavoratrici così duramente colpite dalla crisi. Gli effetti della crisi del 2008 si fanno sentire in particolar modo in Europa, che ha scelto una linea di ottusa austerità economica e meramente monetarista, di chiusura in stretti vincoli di bilancio che impediscono sviluppo e crescita, di primato della finanza sulla politica e sulla sua possibilità di progettare scenari di ripresa, di giustizia sociale, di speranze verso nuove generazioni, di solidarietà e coesione sociale. 2

3 E quando parlo di solidarietà, non penso ad un sentimento nobile che in qualche caso scivola in una smielata carità pelosa. Penso, piuttosto, al suo significato etimologico paragonandolo al funzionamento di uno orologio ed al movimento dei suoi meccanismi. Affinché l orologio funzioni e segni nuove ore, occorre che tutti i suoi ingranaggi si muovano in modo solidale. Se un ingranaggio si ferma, si ferma l orologio. Se milioni di giovani sono disoccupati, se interi ceti medi sono sulla soglia della povertà, si ferma la società, si ferma questa Europa. Credo che urgentemente bisogna passare da un Europa della moneta ad un Europa federale, con stessi diritti, con uguali politiche fiscali, con la piena capacità della politica di dare risposte alle nuove emergenze, ai nuovi bisogni. Insomma, una nuova Europa politica, capace con politiche anti cicliche e piani di sviluppo di ridisegnare una fase di new deal, di ripresa degli investimenti, di recupero del divario tra Nord e Sud Europa, di redistribuzione delle ricchezze, di politiche che ridiano centralità al lavoro e non alla finanza. Ad oggi, gli stretti vincoli imposti dalle autorità monetarie europee ai singoli Stati impediscono qualsiasi politica di rilancio degli investimenti. Il vincolo del rapporto PIL/ Deficit diventa l elemento dal quale non può prescindere nessuna manovra di bilancio di ogni singolo Stato. Così si mettono sullo stesso piano i disavanzi dovuti agli sprechi e alle inefficienze, con i disavanzi momentanei e virtuosi dovuti agli investimenti su infrastrutture, scuola, green economy. Sarebbe come mettere sullo stesso piano il capo famiglia che si indebita per colpa delle slot machine, con il capo famiglia che chiede un prestito per l acquisto della casa e lo studio per i propri figli. Se si nega la possibilità di credito alle due famiglie, è verosimile pensare che il primo capofamiglia per vizio continuerà ad indebitarsi e ricorrere all usura, mentre il secondo rinuncerà all acquisto della casa, agli studi per i figli e a prospettive che avrebbero comunque ripianato il debito. Il risultato comunque sarà un economia delle famiglie depressa. Per concludere, la cecità delle politiche monetariste europee, le ricette delle autorità bancarie volte a forzati pareggi di bilancio che negano qualsiasi intervento anticiclico, stanno determinando una depressione della domanda e anche la perdita di sovranità dei singoli Stati. In questo quadro, appare problematico e preoccupante l appuntamento elettorale europeo del prossimo Maggio. Esiste il rischio concreto che possano prevalere forze politiche anti europee e nazionaliste. L enorme insoddisfazione dei cittadini greci, portoghesi, spagnoli per il ruolo svolto da questa Europa capace solo di controllare i bilanci, l egoismo dei paesi nord europei che pensano che la crisi degli altri paesi del bacino mediterraneo non possa intaccare le loro economie, stanno facendo nascere sentimenti di nuovi egoismi nazionalisti, fenomeni di xenofobia e razzismo. 3

4 Si rischia dunque, di vedere naufragare il sogno dell Europa Unita sullo scoglio di politiche finanziarie monetariste : l Euro che doveva essere il simbolo di una nuova Europa può diventare la causa di fratture tra gli Stati europei, divisioni che nel recente passato non hanno portato a nulla di buono. Occorre rompere l ortodossia delle scelte monetariste, bisogna che la politica riprenda il primato sulla finanza che, avvantaggiandosi della mancanza di regole e con logiche speculative, prescinde dal lavoro, dal capitale, dalle scelte industriali, dalle condizioni materiali. Bisogna rivedere radicalmente le scelte fatte sul fiscal compact e l obbligo di pareggio in bilancio : tali scelte stanno riducendo i margini di manovra dei governi per politiche di investimenti, stanno mettendo in discussione le sovranità nazionali. Per queste ragioni la CGIL sostiene la proposta della CES (la Confederazione Europea dei Sindacati) di aprire una nuova stagione di mobilitazione al fine di convincere i governi ad attuare politiche di sviluppo e di investimenti, capaci di creare lavoro, di attaccare il dramma della disoccupazione giovanile. La situazione italiana. Nel nostro Paese, la crisi economica europea e le incertezze del mercato si abbattono in maniera drammatica. La lunghezza della crisi, l assenza da parte della politica di soluzioni e risposte, ci sta consegnando una Italia sempre più povera, più divisa, più precaria, più incerta e sfiduciata nel futuro. La CGIL, già nel 2002 denunciava che il nostro Paese rischiava un declino industriale. I dati di oggi ci danno purtroppo ragione. Non si è trattato di preveggenza o propensione iettatoria. Bastava leggere i fondamentali economici, bastava solo discutere di merito, bastava solo comprendere che questo Paese stava prediligendo rendite finanziarie a politiche di investimento, bastava solo avere un minimo di idee chiare sui piani industriali e in quale maniera rendere competitivo il sistema produttivo. Si sono scelte altre strade, quelle delle contrapposizioni ideologiche, dei tentativi di dividere il sindacato, di perseguire ostinatamente l isolamento della CGIL. Mentre in Germania, Danimarca, Svezia si investiva sulla scuola, università, ricerca e formazione, durante i Governi Berlusconi, si parlava di articolo 18 come unico elemento ostativo alla modernizzazione del Paese. Come se, in questi anni, le imprese non avessero potuto licenziare, chiudere, delocalizzare, spostare attività produttive. 4

5 Sempre in questi anni, mentre negli altri Paesi europei industrializzati si cercava di coniugare politiche giovanili di occupazione e stato sociale, in Italia il vero problema sembrava essere quello della liberalizzazione del mercato del lavoro che avrebbe reso il Paese più moderno e competitivo. Si invocava, e qualcuno lo fa ancora, la flessibilità del mercato del lavoro, sempre per rendere più moderno e competitivo il Paese. Abbiamo 42 tipologie di contratto di assunzione, i più disparati modi di stare dentro i posti di lavoro, nella maniere più atipica e più flessibile possibile. Tanto che molte imprese non sanno che cosa farsene di alcune tipologie di flessibilità. Tanto che la CGIL ha dovuto creare un apposita categoria: il NIDIL. Ebbene, ad oggi, quali sono i risultati di questa sventolata flessibilità? Il sistema delle imprese si è modernizzato? I giovani hanno trovato nuove possibilità di lavoro? I laureati trovano occasioni di impiego nelle nostre aziende? Siamo forse più competitivi? La verità, purtroppo, è che in questo nostro Paese un confronto serio, competente, onesto intellettualmente non è stato possibile e che per alcuni versi non è ancora possibile fare. Si confonde, volutamente o per ignoranza, flessibilità con precarietà. E i risultati sono sotto gli occhi di tutti : intere generazioni precarie, senza la possibilità di progettare futuro, di comprarsi una casa, di avere semplicemente diritto ad una vita serena. In questi anni, una certa classe dirigente, alcuni settori imprenditoriali, i governi di centro destra e quelli tecnici, ci hanno illuso che la scorciatoia della compressione dei diritti dei lavoratori e dei loro salari, fosse l unica strada che ci portava ad essere più competitivi. Ebbene, oggi raccogliamo gli amari risultati : non ha funzionato. Non può funzionare. E per quanto ci riguarda, ci troveranno sempre di traverso. Sarebbe interessante, con onestà intellettuale, esaminare quali sono le vere cause per le quali questo Paese stenta a restare nell orbita dei paesi più industrializzati, in termini quantitativi e qualitativi. Lo faccio provando a indossare i panni di un imprenditore, magari tedesco, che ha un suo portafoglio finanziario che già produce una rendita. Ebbene, se dovessi aprire un capannone industriale per attività inerenti a prodotti chimici, scoprirei che in Italia ci vorrebbero almeno 6 anni, in Germania 12 mesi. Poi scoprirei anche che i tempi di contenziosi giudiziari civili, importanti per determinare la certezza dell investimento, sono decennali e, per decenza, non faccio raffronti con altri paesi. E se la mia azienda producesse farmaci, noterei che occorrerebbero almeno due anni per ottenere l autorizzazione dell Agenzia del Farmaco mentre in Germania solo tre mesi. Approfondendo farei altre scoperte. Ad esempio, lavorando per la Pubblica Amministrazione dovrei attendere per i pagamenti dei miei farmaci una media di circa 600 giorni, mentre in Europa siamo a 60 giorni. Non parliamo di costi energetici : maggiori del 30 %. Lasciamo perdere il confronto con le reti internet, dove noterei che si attendono ancora investimenti per 5

6 la banda larga. E siccome siamo in Italia, le cose si complicherebbero molto se si dovesse tener conto di corruzione e di territori governati dalle organizzazioni criminali. Se fossi quell imprenditore tedesco non investirei in Italia. Ho la vaga sensazione, che quando non si riesce a dare risposte e trovare soluzioni concrete alle problematiche necessarie per la ripresa del Paese, c è sempre qualcuno che indica articoli 18 da sopprimere, diritti dei lavoratori da eliminare, salari da tagliare e requisiti pensionistici da allungare. E magari tutto ciò viene argomentato che è necessario per i giovani. Toppo facile. Troppo semplice. Dicevo prima, quanto sia difficile in Italia confrontarsi con serietà, competenza ed onestà intellettuale sui temi dell economia, del lavoro e del sociale. Per anni abbiamo parlato di un problema che non era un problema, anzi il problema, come quello dell articolo 18, per anni abbiamo confuso la flessibilità con la precarietà e da un biennio tecnici e alcuni politici forzano anche la traduzione dall inglese all italiano. E il caso di spending rewiev che, letteralmente, si traduce revisione della spesa. Ebbene, in questi anni, i governi che si sono succeduti hanno tradotto revisione della spesa con tagli alla spesa. Si sono attuati tagli verticali alla spesa pubblica. Si è buttato insieme all acqua sporca anche il bambino. Poco si è risparmiato sulle inefficienze del sistema burocratico italiano, su enti inutili, su consigli di amministrazione fittizi, su competenze doppie e triple, sui meccanismi di spesa clientelari. Invece, con stile meramente ragioneristico, molto si è tagliato su sanità, scuola, assistenza e sistemi di protezione sociale, pensioni ( basti pensare alla sciagurata riforma Fornero),spese fondamentali per infrastrutture e manutenzione del territorio. Tutto in nome di compatibilità di bilancio, direttive di autorità economiche europee, senza nessuna programmazione e progettazione per un serio rilancio del Paese. Troppo semplice. Troppo facile. Troppo insopportabilmente ingiusto, tanto che, la mannaia dei tagli verticali ha causato lo scivolamento di un quarto delle famiglie italiane sulle soglie della povertà. Tutto ciò con scarsi provvedimenti contro l economia sommersa, l evasione fiscale e contributiva. Un capitolo a parte meritano i costi della politica. Personalmente penso che la democrazia, per funzionare, deve avere costi. Mi preoccupano alcune derive qualunquistiche e populiste che finiscono per mettere in discussione la funzione della politica e quindi l essenza della democrazia, la necessità delle istituzioni e del loro funzionamento. Alcuni ragionamenti portano diritto a svolte autoritarie, al fatto che la politica la si può esercitare solo se si hanno in proprio risorse economiche. 6

7 Ma precisato ciò, un conto sono i costi della politica, un conto sono i privilegi. Un conto sono le spese per l esercizio di funzioni istituzionali, un conto sono gli sperperi poco trasparenti. Con quale autorevolezza si possono chiedere sacrifici agli italiani, se non si interviene a rendere sobrie le spese dei rappresentanti della politica? Gli scandali che quotidianamente leggiamo sui giornali che riguardano parlamentari e consiglieri regionali, non solo fanno un torto a chi onestamente vive la politica con sentimento e passione civica, ma gettano un ombra sinistra su tutte le istituzioni democratiche, sulla democrazia come modello. E mio convincimento che esiste un costo della politica difficile da contabilizzare ma mille vote più grande degli scandali apparsi sui giornali. E il costo dei provvedimenti necessari per il Paese e mai realizzati, è il costo delle decisioni rinviate, è il costo di leggi e normative poco chiare che confondono i cittadini e fanno scappare investimenti e posti di lavoro. Il quadro politico, le proposte della CGIL e della FILCTEM, i nostri settori. La crisi economica del nostro Paese, così profonda e drammatica, oltre a far calare una fitta nebbia sull orizzonte dei progetti futuri, si intreccia pericolosamente con una crisi politica, morale e istituzionale senza precedenti nella storia repubblicana. Conclusasi la fase dei governi berlusconiani che, nonostante una politica poderosa di tagli, hanno visto crescere il debito pubblico, screditata l immagine dell Italia nello scenario economico e politico internazionale, hanno provocato uno scadimento indegno del costume politico, prodotto gravi tensioni tra i poteri costituzionali, è iniziata una fase di governi tecnici sorretti da più o meno larghe intese. In questo scenario, le forze politiche appaiono indecise, frantumate, incerte su quali priorità assegnare alle azioni di governo, su quali assetti costruire riforme istituzionali utili al Paese. Le mancate risposte a questi urgenti problemi che colpiscono la vita quotidiana dei cittadini, delle lavoratrici e lavoratori, dei giovani, dei disoccupati, delle imprese, sta generando sentimenti di rabbia sociale, di antipolitica, di sterile ribellismo che non si trasforma in proposta e assunzione di responsabilità da parte di nuovi soggetti politici. Anche le forze di centro sinistra, uscite maggioritarie dalle ultime elezioni, appaiono titubanti e ingessate. Proprio a queste forze politiche, che tradizionalmente hanno guardato con attenzione le tematiche del lavoro, chiediamo di battere un colpo. 7

8 Occorre che si dia priorità nelle azioni di governo alle questioni dello sviluppo, del lavoro, della disoccupazione giovanile, alla possibilità delle imprese di innovarsi. Sono in gioco il futuro del Paese, il diritto ad una vita migliore di generazioni di precari, la coesione sociale, la tenuta democratica. Occorrono azioni urgenti in questo senso, perché ieri era già tardi e oggi è drammaticamente ineludibile. Crediamo ormai esaurita la stagione di ministeri tecnici, ipocritamente neutrali, con la politica spettatrice e non in grado di assumersi responsabilità e indicare progettualità. Insomma, la macchina Paese oltre a tecnici meccanici che sappiano ripararla, ha bisogno di benzina per potere viaggiare e non restare inutilmente ferma. Naturalmente seguiamo con attenzione l evolversi dell ultima crisi politica e il tentativo di costituire il nuovo Governo. Come sempre sarà il merito delle proposte a farci esprimere un giudizio, gelosi oggi più che mai della nostra autonomia. Oltre ai titoli dei programmi, oltre ai nomi più o meno illustri di nuovi ministri, attendiamo i contenuti. Attendiamo anche di comprendere se si voglia un vero confronto con le parti sociali e con il sindacato Confederale.. In questi anni è stato di moda considerare che bastasse un leader, magari fotogenico e simpatico o in alternativa con la battuta sobriamente sempre pronta, a risolvere i problemi del Paese. Queste qualità, da sole, non sono sufficienti a risolvere problemi complessi e complicati. Ci permettiamo di suggerire a chi si appresta a guidare l Italia in questa fase difficile, di rileggere la nostra storia recente. Soltanto quando si sono realizzati accordi con le parti sociali e si sono tenuti in conto le richieste del sindacato confederale unitario, si sono anche realizzate le condizioni di coesione sociale per uscire fuori dalle crisi. Ogni qualvolta si è tentato di spaccare le organizzazioni sindacali, di creare divisioni, di saltare passaggi di confronto e condivisioni, di eliminare i corpi intermedi, i problemi sono rimasti drammaticamente irrisolti, così come è successo con la riforma Fornero, tanto per citare uno degli ultimi esempi. In questi mesi, la CGIL con grande sforzo di analisi, di partecipazione delle categorie, dei territori, delle lavoratrici e lavoratori ha costruito la sua proposta per combattere la crisi, per aprire una nuova fase di ripresa e di crescita, tenendo conto dei fattori di innovazione, di cambiamento, di un economia sostenibile, capace di risposte qualitative e quantitative. Come fece Giuseppe Di Vittorio nel 1950, quando fu necessario ricostruire e far diventare più moderno, più giusto, più ricco il Paese che usciva da una guerra, anche noi abbiamo presentato il nostro Piano del Lavoro. Questa nostra proposta non è e non può diventare l elenco dei sogni e delle utopie. Lo vogliamo mettere a disposizione di tutte quelle forze sociali, imprenditoriali, della società civile. E il momento di unire tutte le energie innovative, per trovare nuove risposte, per tentare di ricostruire un Italia che dopo questa crisi non sarà più come prima. 8

9 Rimettere al centro il lavoro, comprendere le nuove produzioni e professionalità, sfruttare le nuove tecnologie per migliorare la qualità del lavoro e conciliarla con i temi di vita, rispettare le pari opportunità nelle aziende, favorire la formazione continua, innovare e non avere paura dei cambiamenti. Dobbiamo essere pronti a tutto questo e alle nuove sfide. Chiediamo alle aziende e al sistema dell imprese, se anche loro sono pronte ad abbandonare vecchi schemi, riflessi condizionati che scambiano la flessibilità con la precarietà, se sono pronte al contributo dei lavoratori nell organizzazione del lavoro, nelle esigibilità di veri piani industriali e della loro realizzazione, dei percorsi formativi. Per quanto mi riguarda qualcosa non quadra più nella gestione dei processi di riorganizzazione industriali. Ad esempio, si aprono procedure di mobilità, il sindacato ha 75 giorni di tempo per discuterla. Come sempre, chiediamo alle aziende i piani industriali, se questi ci sono. E quando ci sono, questi ci vengono forniti in virtù di affermate relazioni sindacali, qualche volta per tatticismo, altre volte per pura cortesia. Alla fine del 75 giorno, siamo chiamati a firmare un mancato accordo o un accordo se si trovano soluzioni. In ogni caso, ci assumiamo grosse responsabilità, senza aver potuto condizionare, partecipare alle scelte industriali all origine del processo. Penso a qualche modello in giro nel Nord Europa, penso all articolo 47 della nostra amata Costituzione: Ai fini della elevazione economica e sociale del lavoro in armonia con le esigenze della produzione, la Repubblica riconosce il diritto dei lavoratori a collaborare, nei modi e nei limiti stabiliti dalle leggi, alla gestione delle aziende. Ebbene, mi rivolgo alle aziende, almeno a quelle più grandi, a quelle a dimensione multinazionali, a quelle che tutti i giorni ci dicono che dobbiamo essere più moderni : siete pronti a raccogliere questa sfida che ci indica la Costituzione? Oppure per voi è più allettante e moderno un confuso articolo 8 DL 138/11? Come mai, da una parte incensate il modello tedesco e quando vi chiediamo i Consigli di sorveglianza, così come abbiamo fatto nelle nostre piattaforme contrattuali vi chiudete a riccio? Se parlate di aprire una nuova fase di dialogo tra capitale e lavoro, siete pronti ad affrontare tematiche di democrazia industriale, dove i lavoratori possano partecipare alle scelte dell impresa? Perché, guardate, siamo stanchi di registrare, in alcuni casi, che manager pagati profumatamente arrivano nelle aziende, sbagliano piani industriali, vanno via con bonus e a pagare scelte errate siano sempre i lavoratori Se vogliamo essere un Paese moderno occorre rafforzare e non raggirare la contrattazione collettiva, a partire dai Contratti nazionale di lavoro. Occorre qualificare la contrattazione decentrata, trovare le risposte per superare la crisi e qualificare le produzioni, porsi obiettivi di responsabilità sociale d impresa. In altri Paesi questi modelli funzionano, il sistema produttivo è più competitivo, il salario dei lavoratori più alto. 9

10 Pesa anche in Italia, una situazione politica incerta e un quadro istituzionale simile ad un cantiere, elementi entrambi che producono quotidianamente fibrillazione e incertezza nelle dinamiche economiche e sociali del paese e che generano un clima di sfiducia e di antipolitica. Come voi, anch io sto cercando di seguire l evolversi della crisi. L altra sera riguardavo lo streaming del famoso duello tra il Presidente del Consigli designato e il leader di un movimento di opposizione. Devo ammettere che sono rimasto molto perplesso. In tutta la rissa verbale, non ho sentito nominare mai la parola lavoro. E così anche molti giornali del giorno dopo, sono stati concentrati su chi avesse vinto il vinto il duello, con argomenti e analisi raffinati. Qualsiasi analisi di merito su questioni concrete, ancora in secondo piano. Non vorremo essere alle solite. Attendiamo merito e contenuti sulle tematiche dello sviluppo e del lavoro, dell occupazione giovanile e della formazione, su un sistema di welfare universale e di protezione sociale, su piani industriali e ricerca. E tanto per riallacciarmi al nostro Piano del Lavoro, vorrei sentire cosa si vuole fare sulla scuola e sull Università. Perché la nostra Italia ha il più basso tasso di laureati tra i Paesi industrializzati. Quei pochi laureati che abbiamo li facciamo lavorare nei call center e i più coraggiosi, o disperati, scappano all estero. Se continua così, questo nostro Paese rischia di non avere più una classe dirigente degna di questo nome. Vogliamo inoltre conoscere, se il nuovo Governo che sta per nascere, ha in mente un Piano Industriale Nazionale che salvaguardi le eccellenze italiane e l industria manifatturiera ancora tra le prime nel mondo. E per restare nei nostri settori, vorremmo sapere cosa ne pensa sull industria chimica. Vorremmo sapere come si fa a restare tra le grandi nazioni industrializzate, se la chimica continua ad essere un buco nero dello scenario industriale nazionale. Proprio noi, che nel campo dei polimeri abbiamo fatto storia, basti pensare al premio Nobel Giulio Natta e la conseguente commercializzazione della plastica negli anni 60. Vorremmo sapere se si intende finanziare con investimenti pubblici la ricerca per la chimica verde o sgravare fiscalmente quelle imprese che investono in laboratori per la scoperta di nuove molecole e di nuovi farmaci. Sarebbe necessario un Piano Nazionale per le bonifiche delle aree industriali, per la loro riqualificazione. Come sarebbe interessante capire, nel settore della moda e dell eccellenza del Made in Italy, se si ha intenzione di difendere le nostre produzioni favorendo l innovazione e le politiche di distretto, guardando alla qualità delle produzioni e alla capacità di promozione. Così come, appare ineludibile dotarsi di un Piano Nazionale Energetico. I nostri costi energetici sono mediamente più alti del 30 % rispetto alla media europea. 10

11 Questo è uno degli elementi principali che ostacolano la ripresa economica, che non favorisce l entrata di capitali utili per nuovi investimenti. Dopo i processi di liberalizzazione riguardanti il comparto energetico, e non solo quello elettrico, questo settore soffre di notevoli contraddizioni, ad iniziare da una sovra capacità produttiva, alla scarsa domanda di energia per abbassamento dei consumi e della produzione industriale in crisi, ad una insufficiente efficienza della rete. Occorrerebbe pianificare e garantire l approvvigionamento di un mix di fonti primarie, dal gas al carbone, dal sole alle fonti endogene a disposizione, tutto ciò compatibilmente agli impatti ambientali e per ridurre sensibilmente la dipendenza dell Italia dall estero e dalle turbolenze geo-politiche. In questo senso, le nostre grandi imprese energetiche (ENI, ENEL, SNAM, TERNA) costituiscono un punto di forza irrinunciabile e strategica per la ripresa industriale e per favorire l innovazione tecnologica utile per gli anni futuri. Queste grandi società ogni anno contribuiscono alle entrate dello Stato con forti utili ( ENI da sola per due miliardi l anno). Il loro impegno è strategico per l Italia. Pertanto, oltre ad essere anti economico, non può essere accettabile una riduzione della presenza pubblica per soli fini di cassa. Vorremmo ancora chiedere, se si intende ancora continuare a favorire le rendite finanziarie e tassare il lavoro. Quanto tempo si è perso a parlare di cancellazione di Imu? Quelle risorse potevano essere destinate a una riduzione della pressione fiscale sul lavoro. Avrebbero ridistribuito reddito in una economia nazionale dove la caduta della domanda, la contrazione dei consumi, ci sta riportando indietro di 40 anni. Credo che si possa dire tranquillamente che i nostri salari siano tra i più bassi d Europa e in questo l Euro ci aiuta molto nei confronti. Pertanto, la soluzione per essere più competitivi non può essere trovata nel comprimere ancora i salari. Bisogna analizzare quali sono gli elementi che determinano il Costo per Unità Prodotta così poco competitivo. Li ho elencati all inizio della relazione e li riassumo : sono i costi energetici, lo scarso funzionamento di un sistema dei trasporti, una burocrazia asfissiante, una mancata certezza di regole, un sistema obsoleto delle comunicazioni, una tassazione elevata sul lavoro tanto per citarne qualcuno. Ebbene, se a questi fattori non si sanno trovare risposte, la compressione dei salari nominale non solo è la strada più ingiusta, ma è quella più dannosa e inutile, è quella che porterebbe ancora maggiormente a deprimere domanda e consumi, a fare avvitare la crisi su se stessa con riflessi sociali facilmente immaginabili. 11

12 La FILCTEM e il nostro territorio. La nostra è una categoria complessa con settori merceologici differenti. Con grandi gruppi aziendali, con multinazionali ma anche con piccole e medie aziende manifatturiere. Storie e condizioni diverse che si intrecciano in uno scenario di crisi. Abbiamo cercato di costruire una linea politico sindacale che unisca i lavoratori dell energia a quelli del tessile, i lavoratori del gas e dell acqua agli informatori medico scientifici e ai chimici, i lavoratori elettrici a quelli manifatturieri. Siamo partiti nel ricercare comuni denominatori che dovevano costituire l ossatura dei rinnovi dei contratti nazionali. Li abbiamo individuati in questi quattro punti: la questione del salario e la contrattazione di premi di risultato nel secondo livello; il rafforzamento del sistema delle relazioni industriali e delle informazioni; il consolidamento e l universalizzazione dei sistemi di welfare contrattuali; una particolare attenzione alle parti riguardanti la stabilizzazione e la difesa delle parti normative. Con queste grandi linee abbiamo aperto una stagione di rinnovi contrattuali che sono partiti dal chimico, all elettrico ed energia, per arrivare al Tessile/Abbigliamento, fino a quello complicato del gomma-plastica e per ultimo quello del gas-acqua. Stante le condizioni di crisi, pensiamo di aver raggiunto risultati dignitosi per difendere il reddito dei lavoratori, anche a costo di passaggi delicati come quello degli scatti d anzianità. Questo versante deve essere recuperato attraverso una nuova politica degli inquadramenti, che tenga conto dei cambiamenti intervenuti nei processi produttivi. L altro passaggio che si deve compiere e sul quale la nostra categoria si è impegnata, è quello di costruire contratti di filiera e settore. Crediamo che si debba giungere, già dai prossimi rinnovi, ad un unico contratto di settore per l energia che riunisca le aziende elettriche, del gas-acqua e del petrolio. Le aziende del settore come ad esempio ENI, ENEL, ACEA SNAM sono in grado di offrire i servizi del gas ed elettricità e la loro competizione non può basarsi su contratti al ribasso. Un unico contratto di settore, deve allineare i diritti di tutti i lavoratori, deve servire a stabilire regole comuni a tutte le aziende, deve garantire servizi efficienti a tutti i cittadini su beni primari. La FILCTEM cerca di dare un suo contributo partecipando attivamente ed in maniera propositiva a questa stagione congressuale. Lo fa toccando i temi dell energia, di una gestione pubblica ed industriale dell acqua, della necessità di rafforzare il ruolo dei Contratti Nazionali di Lavoro che devono essere in grado di 12

13 intercettare nuove professionalità nei vari settori e aprire una nuova fase di democrazia industriale. Sono tematiche importanti e nodali : dai nostri convincimenti, dalle risposte che ci verranno date dalle altre parti sociali, dalle decisioni che sarà in grado di assumere la politica, potremo capire se l Italia potrà continuare ad essere un grande e moderno Paese a vocazione industriale, capace di costruire nuove occasioni di sviluppo, di ricchezza, di giustizia sociale. Questi ultimi quattro anni sono stati anni difficili, e in molti casi drammatici, per le aziende del nostro territorio. Tutti i settori sono stati colpiti dalla crisi e dalle incertezze di piani industriali. Nel settore del Chimico Farmaceutico, tranne qualche rara azienda come la Baxter recentemente sindacalizzata, si è abbattuta la scure dei tagli sulla sanità, con ulteriori riduzioni della spesa sui farmaci e i processi di riorganizzazione di grandi multinazionali e piccole aziende. E una crisi durissima, che chiama in causa i vari governi che continuano a tagliare sul farmaco, giocando in maniera ragioneristica sulla salute dei cittadini : l Agenzia del Farmaco sembra dipendere più dal Ministero del Tesoro che da quello della Sanità. I ritardi sulle procedure di approvazione di nuove molecole, stanno facendo fuggire aziende e ricerca, stanno facendo diventare l Italia solo un paese che merita un attenzione commerciale da parte delle multinazionali. Anche le aziende farmaceutiche, seppure con fatturati che non aumentano a ritmi degli anni 90, in qualche caso mostrano pigrizie organizzative, ritrosie a nuove soluzioni. In pochi anni sono stati persi quasi quattrocento posti di lavoro nel nostro territorio e in questo settore, in prevalenza Informatori del Farmaco, con alta professionalità e alto livello di scolarizzazioni. In queste difficili vertenze, molte chiuse con accordi, abbiamo cercato di attutire l impatto sulla riduzione del reddito, attivando anche sistemi di welafare formativo. In altri casi, come in Takeda e in parte in Abbott, abbiamo concordato nuove professionalità, che hanno ridotto il numero degli esuberi. Nella dura vertenza della Bristol, oltre a soluzioni legate al reddito si sono recuperati lavoratori posti in mobilità, appena approvati nuovi farmaci dall Agenzia del Farmaco. In piccole aziende come Athena Pharma, condotta con logiche familiari e poco propense alle relazioni industriali, siamo riusciti ad ottenere l utilizzo di contratti di solidarietà, evitando la chiusura dell azienda. In un altra piccola azienda come la Polipharma, dopo uno stentato avvio delle relazioni sindacali, una serie di confronti ha modificato scenari di interventi aziendali, che hanno convinto a maggiori investimenti e formazione. 13

14 Nel settore del petrolio privato, la contrazione dei consumi e della domanda, l incertezza delle strategie aziendali uniti a processi di concentrazione, hanno pesato sulla tenuta occupazionale del settore. Se in Q8 e in Api siamo riusciti, almeno per il momento, a contenere esuberi attraverso mobilità agganciate a requisiti pensionistici o a complessi accordi ricorrendo a contratti di solidarietà, un discorso a parte merita il gruppo Total Erg. La chiusura della Raffineria di Roma, relegato a deposito di carburanti, con la perdita di più di un centinaio di posti di lavoro, vede cessare l attività di uno degli impianti industriali storici del territorio romano. Quando si parla di Piani Energetici, di approvvigionamenti di fonti energia, non riusciamo a comprendere a quale strategia risponde, il privare Roma e il suo grande aeroporto, il suo importante bacino di utenze di un importante impianto di raffinazione. Ma le fibrillazione del gruppo Total Erg non finiscono con la chiusura di questo impianto. L azienda ha comunicato ulteriori 135 esuberi, per il momento gestiti con individuali non opposizioni ai licenziamenti. Tuttavia, restano ancora imprecisi i piani industriali. Nel nostro territorio ha sede l ENI. Questo importante e strategico gruppo per il nostro Paese, da anni vede diminuire notevolmente la sua base occupazionale, seppur con l uso di ammortizzatori sociali e in termini volontari. In ogni caso, ci preoccupa molto una lenta e progressiva riduzione degli investimenti, un attenzione più spostata all estero e attività di commercializzazione e finanziarizzazione. L Eni è parte della storia di questo Paese. Crediamo che debba assumersi con più decisione il ruolo storico di volano per la ripresa industriale del nostro Paese, attraverso la ricerca e una più netta e marcata ripresa degli investimenti sulla chimica. Inoltre siamo preoccupati per le prospettive strategiche della presenza Eni nel territorio romano. Infatti, dopo la chiusura del centro di formazione e del centro ricerche, assistiamo ad una progressiva migrazione di attività direzionali e di staff, dal polo di Roma a quello di Milano. La conferma di SNAM RETE GAS-ITALGAS alla distribuzione del metano nella capitale, ci permette di guardare con relativa tranquillità l immediato futuro, vista anche la conferma di investimenti per il rinnovamento della rete. Tuttavia, anche questa azienda è interessata ad esodi incentivati e ad un insufficiente turn over, nonostante ad una generosa mobilitazione dei lavoratori di questa azienda che ha permesso nuove assunzioni. Negli ultimi quattro anni, un altra grande azienda come l ACEA, sta conoscendo momenti difficili e incerti che mettono in crisi la sua vocazione industriale. L entrata a gamba tesa di una certa politica e della precedente giunta Alemanno, ha fatto perdere il treno per includere anche la distribuzione del gas, oltre a quella dell acqua e dell elettricità, tra i servizi erogati. Se ciò non fosse accaduto, ACEA avrebbe avuto la possibilità di marcare maggiormente il ruolo di una delle più grandi multiutility d Italia e di poter competere anche con quelle Europee. 14

15 L incapacità manageriale e la gestione poco attenta degli ultimi periodi, ha messo in crisi i fondamentali di bilancio di questa storica azienda romana. Anche il cattivo funzionamento dei servizi resi ai cittadini, con fatturazioni pazze, enormi e snervanti file agli sportelli, sono un altro preoccupante segnale. Insomma, ACEA da risorsa per il Comune di Roma, rischia di diventare un problema. Soltanto la fermezza e la capacità di mobilitazione del sindacato, hanno impedito la sciagurata decisione di Alemanno di volere vendere e privatizzare ACEA, al fine di alleggerire i debiti comunali. Crediamo invece che ACEA, per il suo know how, debba essere il gestore idrico di tutta la nostra Regione, capace di gestire in maniera industriale ed efficiente, un bene prezioso come quello dell acqua. Anche ENEL vive un momento delicato di transizione. Dalla comunicazione di eccedenze dell Amministratore delegato nel settembre del 2012, con la dichiarata volontà di ricorrere a licenziamenti collettivi, si è passato ad un accordo quadro sulla occupabilità nel novembre dello stesso anno. La gestione degli esuberi attraverso la cosiddetta isopensione ha visto l adesione di circa 5400 lavoratori sul territorio nazionale, a fronte di un programma di 1500 assunzioni. Conclusioni e riflessioni Dal quadro che ho appena finito di illustrare, non è difficile evincere che si sono vissuti quattro anni difficili con vertenze durissime, di scontri con le Direzioni aziendali senza mai smettere di ricercare con ostinazione anche soluzioni nuove, di permanente dialogo con le Rsu, senza mai che venisse meno il confronto con i lavoratori, affinché si condividessero anche gli accordi più difficili, in maniera chiara e trasparente. La stretta di mano dei lavoratori alla fine di assemblee difficili come quelle della Bristol, il ringraziamento dei lavoratori della Shalcon dopo un assemblea fatta in un circolo fuori dall azienda perché si aveva paure di ritorsioni e alla fine la decisione di iscriversi al sindacato e iniziare una nuova strada, la frase che ogni tanto qualche lavoratore dice grazie di esserci, non solo leniscono qualche amarezza e momenti di stanchezza, ma sono il segnale che questo sindacato questa CGIL è ancora un punto di riferimento, di speranza per lavoratrici e lavoratori. E questo accade tutti i giorni. Accade quando alle sette di mattino i delegati dell Italgas sono a rispondere alle domande dei lavoratori nella saletta sindacale. Accade quando i compagni del Comitato degli Iscritti dell Eni organizzano gli appuntamenti per gli esodati cercando di risolvere i casi più disperati. Accade quando qualche compagno della segreteria incontra lavoratrici del tessile e di piccole aziende. Accade quando, un nuovo delegato appena iscritto ci chiama perché vuole formazione sindacale. Per tutto questo, permettetemi di dire che non sono d accordo con i compagni del secondo documento, quando presentano una CGIL comunque e sempre perdente. 15

16 Insomma, una CGIL che allo stesso tempo è causa e medicina dei mali che affliggono i lavoratori. La verità è che questa crisi ci consegna un Paese diverso da quello di qualche anno fa. Non è vero che in questi anni abbiamo rinunciato a lottare. Abbiamo proclamato sei scioperi generali da soli e due unitari. Abbiamo fatto decine di presidi in difesa dell articolo 18, contro la legge Fornero, contro le leggi finanziare di questi ultimi anni. Forse tutto ciò non basta da solo. Forse bisogna percorrere nuove strade, nuove modalità, senza avere paura del nuovo. La passione del militante della CGIL non si ravviva soltanto quando si ricordano le manifestazioni con milioni di lavoratori. Questa passione deve vivere ogni giorno, in ogni vertenza, in ogni situazione che siamo chiamati a trovare soluzioni e assumerci responsabilità di scelte difficili. L accordo sulla rappresentanza, della quale condivido l impalcatura, può essere uno di questi momenti. Non voglio entrare nel merito. Avremo altre occasioni per farlo e confrontarci. Questa nostra CGIL, ha conosciuto momenti delicati e complicati. Ha saputo fare anche scelte difficili, altrimenti non sarebbe ultracentenaria. La nostra è una organizzazione seria e affinché continui ad esserlo deve saper prendere decisioni. Ma siamo anche una organizzazione democratica e non possono esserci decisioni senza discussioni. A patto che le discussioni non siano infinite, non siano lo strumento per non decidere mai. Perché se succedesse ciò, saremmo destinati a essere immobili, a scomparire. Lo slogan del nostro congresso è Diritto al futuro e il futuro è comunque il nuovo. Vorrei che questo nuovo non fosse vuoto di diritti per le lavoratrici e i lavoratori. Vorrei che il nostro quadrato rosso non diventasse un rosso antico, vorrei che fosse rosso lucente per essere ben visibile ai giovani, che hanno diritto a un futuro più giusto, più ricco, più solidale. Viva la Filctem! Viva la CGIL! Viva la Repubblica fondata sul lavoro. 16

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia

Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia Tiziano Vecchiato Da dove partire Ripartire dai poveri (2008) è la risposta all interrogativo «Rassegnarsi alla povertà?».

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

LA STORIA DI UN VIAGGIO ACCIDENTATO PER LE SCELTE DELLA POLITICA.

LA STORIA DI UN VIAGGIO ACCIDENTATO PER LE SCELTE DELLA POLITICA. DOV'ERA LA CGIL? Al quesito post ideologico che as silla il presidente del consiglio dei ministri, Matteo Renzi, tentiamo di dare una risposta per i fatti e non per l'ideologia. Era il 2009 e la CGIL scriveva

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO La riorganizzazione dell ospedale dev essere affrontata in Consiglio In Consiglio comunale si parlerà ancora di riorganizzazione ospedaliera.

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA L Italia è in crisi, una crisi profonda nonostante i timidi segnali di ripresa del Pil. Ma non è un paese senza futuro. Dobbiamo

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

L ARCI ATTORE SOCIALE DEL CAMBIAMENTO. Contributo di Filippo Miraglia alla discussione congressuale dell'arci

L ARCI ATTORE SOCIALE DEL CAMBIAMENTO. Contributo di Filippo Miraglia alla discussione congressuale dell'arci L ARCI ATTORE SOCIALE DEL CAMBIAMENTO Contributo di Filippo Miraglia alla discussione congressuale dell'arci L ARCI attore sociale del cambiamento Per fare buona politica non c è bisogno di grandi uomini,

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE un indagine demoscopica svolta da Astra Ricerche per Telefono Amico Italia con il contributo di Nokia Qui di seguito vengono presentati i principali risultati

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione.

Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione. 1 Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione. Il ruolo della finanza nell economia. La finanza svolge un ruolo essenziale nell economia. Questo ruolo

Dettagli

COORDINAMENTO Regione VENETO. LA REGIONE CHE VOGLIAMO Le proposte dei manager per il Veneto

COORDINAMENTO Regione VENETO. LA REGIONE CHE VOGLIAMO Le proposte dei manager per il Veneto COORDINAMENTO Regione VENETO LA REGIONE CHE VOGLIAMO Le proposte dei manager per il Veneto 1 1) CONTESTO ISTITUZIONALE, RIFORME E ORGANIZZAZIONE AMMINISTRATIVA La governabilità del sistema Paese, la sua

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE Standard Eurobarometer European Commission EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 Standard Eurobarometer 63.4 / Spring 2005 TNS Opinion & Social RAPPORTO NAZIONALE ITALIA

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

CONSIGLI NON RICHIESTI A RENZI SU COME RIVOLUZIONARE L EUROPA GERMANIZZATA (Renato Brunetta per Il Foglio )

CONSIGLI NON RICHIESTI A RENZI SU COME RIVOLUZIONARE L EUROPA GERMANIZZATA (Renato Brunetta per Il Foglio ) 944 CONSIGLI NON RICHIESTI A RENZI SU COME RIVOLUZIONARE L EUROPA GERMANIZZATA (Renato Brunetta per Il Foglio ) 8 luglio 2015 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia Berlusconi

Dettagli

Humana comoedia. Una riflessione sulla condizione umana oggi

Humana comoedia. Una riflessione sulla condizione umana oggi Humana comoedia Una riflessione sulla condizione umana oggi Biagio Pittaro HUMANA COMOEDIA Una riflessione sulla condizione umana oggi saggio www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Biagio Pittaro Tutti

Dettagli

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Ci sono momenti nella storia in cui i popoli sono chiamati a compiere scelte decisive. Per noi europei, l inizio del XXI secolo rappresenta uno di

Dettagli

RASSEGNA STAMPA La Regione che vogliamo Toscana 29 Aprile 2015

RASSEGNA STAMPA La Regione che vogliamo Toscana 29 Aprile 2015 RASSEGNA STAMPA La Regione che vogliamo Toscana 29 Aprile 2015 COMUNICATO STAMPA La Regione che vogliamo: la CIDA organizza il confronto con i candidati alla Presidenza della regione Toscana 29 Aprile

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA ROTTAMARE?

LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA ROTTAMARE? NOTA ISRIL ON LINE N 8-2013 LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA ROTTAMARE? Presidente prof. Giuseppe Bianchi Via Piemonte, 101 00187 Roma gbianchi.isril@tiscali.it www.isril.it LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

GLI ITALIANI E LO STATO

GLI ITALIANI E LO STATO GLI ITALIANI E LO STATO Rapporto 2014 NOTA INFORMATIVA Il sondaggio è stato condotto da Demetra (sistema CATI) nel periodo 15 19 dicembre 2014. Il campione nazionale intervistato è tratto dall elenco di

Dettagli

Finanziarizzazione delle risorse naturali.

Finanziarizzazione delle risorse naturali. La finanziarizzazione dell acqua. Scheda preparata da CRBM in occasione dell incontro Europeo For the construction of the European Network of Water Commons Napoli, 10-11 dicembre 2011 a cura di Antonio

Dettagli

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI Risorse energetiche e struttura del mercato L Italia produce piccoli volumi di gas naturale

Dettagli

Il mondo in cui viviamo

Il mondo in cui viviamo Il mondo in cui viviamo Il modo in cui lo vediamo/ conosciamo Dalle esperienze alle idee Dalle idee alla comunicazione delle idee Quando sono curioso di una cosa, matematica o no, io le faccio delle domande.

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

REGOLAMENTI E PATTI TRUFFA. COSÌ È NATO L EURO TEDESCO

REGOLAMENTI E PATTI TRUFFA. COSÌ È NATO L EURO TEDESCO 943 REGOLAMENTI E PATTI TRUFFA. R. Brunetta per Il Giornale 5 luglio 2015 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 2 Di imbrogli,

Dettagli

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco?

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Le elezioni per il prossimo Parlamento europeo sono state fissate per il 22-25 maggio 2014. Fra pochi mesi quindi i popoli europei

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Linee guida per una Riforma del Terzo Settore

Linee guida per una Riforma del Terzo Settore Linee guida per una Riforma del Terzo Settore Esiste un Italia generosa e laboriosa che tutti i giorni opera silenziosamente per migliorare la qualità della vita delle persone. E l Italia del volontariato,

Dettagli

Agenda per uno sviluppo industriale sostenibile

Agenda per uno sviluppo industriale sostenibile Agenda per uno sviluppo industriale sostenibile Aprile 2015 Indice 1. Un nuovo approccio al tema della sostenibilità 1.1. Il Ruolo della manifattura per la crescita sostenibile 1.2. Politiche industriali

Dettagli

Di cosa parliamo quando parliamo di quote Alisa Del Re Università di Padova

Di cosa parliamo quando parliamo di quote Alisa Del Re Università di Padova Di cosa parliamo quando parliamo di quote Alisa Del Re Università di Padova Il capo del Governo Da almeno una decina d anni mi sono convinto che il passaggio delle quote è inevitabile. Una volta cambiato

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

QUANTI SONO GLI ISCRITTI AL SINDACATO IN ITALIA?

QUANTI SONO GLI ISCRITTI AL SINDACATO IN ITALIA? Allegato 1 Confederazione Sindacati Autonomi Lavoratori QUANTI SONO GLI ISCRITTI AL SINDACATO IN ITALIA? Sono oltre 3 milioni quelli fantasma Alcuni numeri Quando la stampa e gli enti di studio e di ricerca

Dettagli

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Maggio 2015 Scusi presidente, ma il commercio equo e solidale è profit o non profit? La

Dettagli

CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? Fabio Pammolli (Direttore CeRM)

CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? Fabio Pammolli (Direttore CeRM) Fabio Pammolli (Direttore CeRM) CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? 1 CeRM Competitività, Regole, Mercati Dopo anni di dibattito e anche qualche tentativo non riuscito,

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

ENERGIA PER L ITALIA. A cura di Giovanni Caprara SAGGI BOMPIANI

ENERGIA PER L ITALIA. A cura di Giovanni Caprara SAGGI BOMPIANI ENERGIA PER L ITALIA A cura di Giovanni Caprara SAGGI BOMPIANI 2014 Bompiani / RCS Libri S.p.A. Via Angelo Rizzoli, 8 20132 Milano ISBN 978-88-452-7688-0 Prima edizione Bompiani ottobre 2014 Introduzione

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

LA DECOLONIZZAZIONE. Nel 1947 l India diventa indipendente

LA DECOLONIZZAZIONE. Nel 1947 l India diventa indipendente LA DECOLONIZZAZIONE Nel 1939 quasi 4.000.000 km quadrati di terre e 710 milioni di persone (meno di un terzo del totale) erano sottoposti al dominio coloniale di una potenza europea. Nel 1941, in piena

Dettagli

Adesso una Italia nuova. Si può fare. www.partitodemocratico.it

Adesso una Italia nuova. Si può fare. www.partitodemocratico.it L ITALIA NEL MONDO CHE CAMBIA 1. L Italia del PD sceglie il multilateralismo: per le missioni internazionali di pace, contro il riarmo convenzionale e nucleare; per i diritti umani, contro il riscaldamento

Dettagli

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione Economia > News > Italia - mercoledì 16 aprile 2014, 12:00 www.lindro.it Sulla fame non si spreca La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo

Dettagli

LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri

LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri La ricerca promossa da ImpresaLavoro, avvalsasi della collaborazione di ricercatori e studiosi di dieci diversi Paesi europei,

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

La Carta dei diritti fondamentali : un testo essenziale per i diritti sociali e sindacali

La Carta dei diritti fondamentali : un testo essenziale per i diritti sociali e sindacali La Carta dei diritti fondamentali : un testo essenziale per i diritti sociali e sindacali I. Introduzione : una Carta essenziale per tutti i lavoratori europei II. Contesto storico : come è stata elaborata

Dettagli

Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza

Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza COMMISSIONE DELLE COMUNITA EUROPEE Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza Presentazione Con questa comunicazione (Bruxelles 05.02.2003 COM(203) 58 def.) la Commissione si propone di dare

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo SOMMARIO Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Dettagli

Dov è andata a finire l inflazione?

Dov è andata a finire l inflazione? 24 novembre 2001 Dov è andata a finire l inflazione? Sono oramai parecchi anni (dai primi anni 90) che la massa monetaria mondiale cresce ininterrottamente dell 8% all anno nel mondo occidentale con punte

Dettagli

Manifesto dei Valori del Partito Democratico

Manifesto dei Valori del Partito Democratico Manifesto dei Valori del Partito Democratico Approvato il 16 febbraio 2008 1. Le ragioni del Partito Democratico La nascita del Partito Democratico ha creato le condizioni per una svolta, non soltanto

Dettagli

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA Noi, i Ministri dell Energia di Canada, Francia, Germania, Italia,

Dettagli

I Militari possono far politica?

I Militari possono far politica? I Militari possono far politica? Il personale in servizio attivo delle Forze Armate (Esercito, Marina, Aeronautica, Arma dei Carabinieri e Guardia di Finanza) può fare politica? Siccome ci sono tanti mestatori,

Dettagli

INTERVENTI DELL ON. RENATO BRUNETTA E DELL ON. LAURA RAVETTO

INTERVENTI DELL ON. RENATO BRUNETTA E DELL ON. LAURA RAVETTO 916 INTERVENTI DELL ON. RENATO BRUNETTA E DELL ON. LAURA RAVETTO Comunicazioni del presidente del Consiglio dei Ministri in vista del Consiglio europeo straordinario del 23 aprile 2015 22 aprile 2015 a

Dettagli

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Università degli studi di Bergamo Anno accademico 2005 2006 IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Docente: Prof. Massimo Merlino Introduzione Il tema della gestione dell innovazione tecnologica è più che mai

Dettagli

CHE COS E L EUTANASIA?

CHE COS E L EUTANASIA? CHE COS E L EUTANASIA? Che cosa si intende per eutanasia? Il termine eutanasia deriva dal greco: eu=buono, e thanatos=morte. Interpretato letteralmente quindi, esso significa: buona morte. Nel significato

Dettagli

LO SVILUPPO SOSTENIBILE Il quadro generale di riferimento LA QUESTIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE La questione ambientale: i limiti imposti dall ambiente allo sviluppo economico Lo sviluppo sostenibile:

Dettagli

IL PIANO DEL LAVORO CREARE LAVORO PER DARE FUTURO E SVILUPPO AL PAESE. Conferenza di Programma CGIL 25-26 gennaio 2013

IL PIANO DEL LAVORO CREARE LAVORO PER DARE FUTURO E SVILUPPO AL PAESE. Conferenza di Programma CGIL 25-26 gennaio 2013 IL PIANO DEL LAVORO 2013 CREARE LAVORO PER DARE FUTURO E SVILUPPO AL PAESE Conferenza di Programma CGIL 25-26 gennaio 2013 Il testo del Piano del Lavoro è aperto al confronto e ai contributi delle strutture

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Un po di storia Il seme dell affido è germogliato in casa Tagliapietra nel lontano 1984 su un esigenza di affido consensuale in ambito parrocchiale. Questo seme ha cominciato

Dettagli

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee La riforma delle pensioni Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee Obiettivi Strumenti 2 Obiettivi e strumenti della riforma sostenibilità I REQUISITI DI PENSIONAMENTO SONO LEGATI ALLA LONGEVITA'

Dettagli

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,)

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,) Norme sulle Responsabilità delle Compagnie Transnazionali ed Altre Imprese Riguardo ai Diritti Umani, Doc. Nazioni Unite E/CN.4/Sub.2/2003/12/Rev. 2 (2003).* Preambolo (La Sotto-Commissione*,) Tenendo

Dettagli

Chi può prendere decisioni riguardo alla salute di un altra persona?

Chi può prendere decisioni riguardo alla salute di un altra persona? Chi può prendere decisioni riguardo alla salute di un altra persona? Nel Western Australia, la legge permette di redigere una dichiarazione anticipata di trattamento per stabilire quali cure si vogliono

Dettagli

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio.

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio, recita un noto proverbio africano. Perché la famiglia

Dettagli

Una nuova riforma?...no, meglio applicare quella già approvata Elsa Fornero (Università di Torino e CeRP)

Una nuova riforma?...no, meglio applicare quella già approvata Elsa Fornero (Università di Torino e CeRP) Una nuova riforma?...no, meglio applicare quella già approvata Elsa Fornero (Università di Torino e CeRP) Che il sistema previdenziale italiano sia un cantiere sempre aperto testimonia la profonda discrasia

Dettagli

C è un Italia profonda che è pronta a cambiare il sistema e che chiede alla politica risposte immediate alla sua voglia di dare il meglio.

C è un Italia profonda che è pronta a cambiare il sistema e che chiede alla politica risposte immediate alla sua voglia di dare il meglio. RELAZIONE DEL PRESIDENTE ASSEMBLEA PUBBLICA Roma, 3 luglio 2014 L INDUSTRIA FARMACEUTICA IN ITALIA, UN ECCELLENZA EUROPEA. Autorità, cari Amici imprenditori, Signore e Signori, grazie di cuore per aver

Dettagli

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying by Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying di Alberto Cattaneo Partner, Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying Ormai è diventato un

Dettagli

Prot. n. 55 Roma, 20 luglio 2012

Prot. n. 55 Roma, 20 luglio 2012 Prot. n. 55 Roma, 20 luglio 2012 A tutte le Strutture Filctem-Flaei-Uilcem Lor o Sedi Oggetto: Protocollo di Relazioni Industriali ENEL Nel pomeriggio del 17 luglio, in un incontro che, oltre le Segreterie

Dettagli

Dall italiano alla logica proposizionale

Dall italiano alla logica proposizionale Rappresentare l italiano in LP Dall italiano alla logica proposizionale Sandro Zucchi 2009-10 In questa lezione, vediamo come fare uso del linguaggio LP per rappresentare frasi dell italiano. Questo ci

Dettagli

Dalla crisi petrolifera agli anni 90: aspettative e problemi.

Dalla crisi petrolifera agli anni 90: aspettative e problemi. Dalla crisi petrolifera agli anni 90: aspettative e problemi. DI Borsatti Federico matr.552665 Uliano Giuseppina A. matr. 025653 Il valore della credibilità della politica economica nell economia italiana

Dettagli

TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL

TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL SCHEDA INFORMATIVA TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL EUROPEAN TRADE UNION CONFEDERATION (ETUC) SCHEDA INFORMATIVA TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVORO 01 Tendenze generali riguardanti l orario

Dettagli

Note di Alfredo Reichlin. Per il Congresso del Partito Democratico. Il problema che sta davanti al Congresso del PD è quello di una

Note di Alfredo Reichlin. Per il Congresso del Partito Democratico. Il problema che sta davanti al Congresso del PD è quello di una Note di Alfredo Reichlin Per il Congresso del Partito Democratico Il problema che sta davanti al Congresso del PD è quello di una svolta. La necessità di un grande cambiamento. Si tratta del fatto che

Dettagli

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni CONTESTO Dal punto di vista della DOMANDA... Consumatore postmoderno: attivo, esigente,

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

A cura della Servizio Politiche Territoriali e del Lavoro della Uil 27 Aprile 2015

A cura della Servizio Politiche Territoriali e del Lavoro della Uil 27 Aprile 2015 A cura della Servizio Politiche Territoriali e del Lavoro della Uil 27 Aprile 2015 AMMORTIZZATORI SOCIALI : LUCE E OMBRE PENALIZZATI LAVORATORI E LAVORATRICI STAGIONALI CON UN REDDITO NETTO MENSILE DI

Dettagli

Sono gocce, ma scavano il marmo

Sono gocce, ma scavano il marmo Sono gocce, ma scavano il marmo di Alberto Spampinato G occiola un liquido lurido e appiccicoso. Cade a gocce. A gocce piccole, a volte a goccioloni. Può cadere una sola goccia in due giorni. Possono caderne

Dettagli

2013-2018 ROMA CAPITALE

2013-2018 ROMA CAPITALE 2013-2018 ROMA CAPITALE Proposte per il governo della città Sintesi stampa IL VINCOLO DELLE RISORSE ECONOMICO-FINANZIARIE Il debito del Comune di Roma al 31/12/2011 ammonta a 12,1 miliardi di euro; di

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO Questo documento descrive le principali fasi del progetto congiuntamente promosso dalla Provincia di Torino e da Forma.Temp nei termini

Dettagli

Tesi per il Master Superformatori CNA

Tesi per il Master Superformatori CNA COME DAR VITA E FAR CRESCERE PICCOLE SOCIETA SPORTIVE di GIACOMO LEONETTI Scorrendo il titolo, due sono le parole chiave che saltano agli occhi: dar vita e far crescere. In questo mio intervento, voglio

Dettagli

a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 22 aprile 2015

a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 22 aprile 2015 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 917 RISOLUZIONE GRUPPO FORZA ITALIA Risoluzione presentata dal Gruppo Forza Italia

Dettagli

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02 Impar a il tr ading da i m aestr i Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale Cos'è l'analisi Fondamentale? L'analisi fondamentale esamina gli eventi che potrebbero influenzare il valore

Dettagli