MINERVA. Il piacere di parlar chiaro. Direttore Responsabile Olga Mammoliti Severi Direttore Editoriale Pierluigi Severi

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MINERVA. Il piacere di parlar chiaro. Direttore Responsabile Olga Mammoliti Severi Direttore Editoriale Pierluigi Severi"

Transcript

1 1 MINERVA Il piacere di parlar chiaro SOMMARIO 30 Anno Numero 337 Gennaio Mensile del Club delle Donne Aut. Trib. di Roma n. 436/82 del 31/12/82 edito dalla casa editrice Minerva Soc. Coop. Editore, iscritta al Registro delle Imprese al n e al R.O.C. al n Via A. Pacinotti, Roma Tel: fax: Mensile fondato da Annamaria Mammoliti Direttore Responsabile Olga Mammoliti Severi Direttore Editoriale Pierluigi Severi Foto e immagini di questo numero Archivio Minerva L abbonamento annuale a Minerva costa euro 10,00. Il pagamento può essere effettuato on line sul sito Via A. Pacinotti, Roma; per bonifico bancario a favore di Minerva Soc. Coop. presso Banca Monte dei Paschi di Siena Spa Ag. 3 Roma - IBAN IT77H ; direttamente, presso la sede di Minerva, in Via Pacinotti, Roma Tel: ; Fax: Il materiale pervenutoci non viene restituito. L Editore si riserva di ottemperare a involontarie omissioni. La testata fruisce dei contributi statali diretti di cui alla Legge 7 Agosto 1990, n. 250

2 2 Chiuso in Redazione il 27 Gennaio 2015 Il Responsabile del trattamento dei dati raccolti in banche dati ad uso redazionale è il Direttore Responsabile. Per esercitare i diritti previsti dal D.lgs n. 196/03 ci si può rivolgere alla redazione in Via A. Pacinotti, Roma - Tel/fax: Comunicazione all abbonato ai sensi del D.lgs n. 196/03. I suoi dati (nome, cognome, indirizzo) presenti nel nostro archivio informatico verranno da noi utilizzati esclusivamente per il rapporto editore-abbonato. Potrà chiederne l aggiornamento o la cancellazione. Il Responsabile del trattamento è: Olga Mammoliti Severi

3 3 Esteri Mutata strategia del terrorismo La Guerra dei Califfati di Pierluigi Natalia Il clamore suscitato dagli attentati a Parigi e l'attenzione prioritaria che la vicenda di «Charlie Hebdo» ha trovato sulla stampa europea e non solo rischia di distogliere l'attenzione da un aspetto, quello delle vicende di Boko Haram in Africa e dello Stato islamico (Isis) nel Vicino Oriente, nelle quali c'è uno sviluppo del radicalismo islamista che sarebbe riduttivo valutare come un mero inasprimento della ferocia terroristica. L'Isis dichiara già nel nome di considerarsi un'entità politica e non ha mai nascosto di voler realizzare un proprio califfato, su basi che negano ogni tutela dei diritti umani così come concepiti dalla comunità internazionali. Non a caso, il «mostruoso disprezzo della vita umana» mostrato nelle zone sotto il suo controllo in Iraq e Siria ha nelle donne istruite uno dei principali bersagli, come ha sottolineato la portavoce dell alto commissariato dell Onu per i Diritti umani, Ravina Shamdasani. «Le donne istruite, le professioniste, in particolare le donne che si sono candidate per ricoprire una carica pubblica ha avvertito Shamdasani sono particolarmente a rischio». L Isis è altrettanto feroce contro gli omosessuali, ha aggiunto, ricordando però che è esposto alle «punizioni crudeli e disumane» dei miliziani jihadisti è praticamente chiunque viene accusato di violare l interpretazione che il gruppo terrorista dà della sharia, la legge coranica. A questo si aggiunge la ferocia praticata sui bambini, ma anche l'uso criminalmente sapiente che i gruppi jihadisti ne fanno e che pubblicizzano.

4 4 In questa direzione, negli ultimi tempi, si sta muovendo anche Boko Haram, che pur avendo solo in parte la capacità di propaganda mediatica dell'orrore della quale ha dato prova l'isis, porta la sua sfida con modi sempre più sconvolgenti. Come i talebani afghani ai quali molti li hanno paragonati, i miliziani di Boko Haram hanno puntato da principio soprattutto sull opposizione all'occidente (lo stesso nome Boko Haram fa riferimento al fatto che l'educazione di tipo occidentale sarebbe peccato). I loro primi attacchi, dopo l uccisione nel 2009 del loro fondatore, Mohammad Yusuf, da parte dell esercito, oltre che contro le strutture governative erano infatti diretti contro gli interessi occidentali. A molti erano sembrati una prosecuzione delle violenze che nel nord della Nigeria, a maggioranza islamica, avevano preceduto e accompagnato le elezioni nella quali quattro anni fa era stato confermato alla presidenza Goodluck Jonathan, un cristiano del sud. In alcuni questo giudizio era rafforzato quando Boko Haram aveva incominciato a prendere di mira le comunità cristiane, con stragi praticamente ogni domenica nelle chiese del nord della Nigeria, trovando un qualche consenso, sia pur limitato, tra le frange dell'islam più radicale. Ma è evidente da tempo che le vittime principali del gruppo terrorista africano, come dell'is, siano proprio i musulmani, intere popolazioni che giudicano infedeli in base alle loro perverse interpretazioni del Corano. Sotto l aspetto del fanatismo religioso, islamico e non solo, non c è purtroppo nulla di nuovo rispetto alle analoghe situazioni che da decenni insanguinano tante parti del mondo. Per l'africa, basti citare la forsennata visione psudoreligiosa del cosiddetto Esercito di liberazione del Signore (Lra) fondato e guidato da Joseph Kony nel nord dell'uganda e da trent'anni protagonista nella regione dei Grandi Laghi di sistematiche atrocità. Tra l'altro, le modalità di reclutamento di bambini soldato da parte dell'lra fanno impallidire il cinismo dell'uso che oggi ne fanno Boko Haram e l'is. Ma le stragi di civili musulmani e da ultimo il ricorso a bambine usate come attentatrici suicide segnano una nuova fase del terrorismo nell Africa subsahariana, come da mesi denunciano i rappresentanti delle Chiese cristiane e gli stessi leader religiosi islamici. Non a caso, tra i bersagli di Boko Haram c'è stato l'emiro di Kano, cioè la massima autorità dell'islam nigeriano. L'emiro, scampato a un attentato, era stato tra i primi ad affermare l estraneità di Boko Haram all islam, prima che analoghe posizioni sull'is esprimessero fonti autorevoli del sunnismo, al quale dice di appartenere. Il primo attentato suicida compiuto in Nigeria da una giovane donna c'era stato proprio a Kano lo scorso luglio. Da allora decine di giovani, spesso bambine, che si sono fatte o sono state fatte esplodere nei mercati affollati o alle stazioni di autobus o davanti alle scuole. Quest'uso feroce dell'innocenza va di pari passo

5 5 con l arruolamento dei bambini soldato, una componente che conferma una strategia amplificata e diversificata. I rapimenti avvengono quasi sempre in attacchi armati che fanno strage in località sostanzialmente indifese. Bersaglio degli attentati sono invece soprattutto le città, con intenti anche propagandistica. Tra quelle più colpite c è infatti Maiduguri, la capitale del Borno, lo Stato nigeriano dove Boko Haram è nato e ormai controlla un territorio nel quale, stando al censimento del 2006, vivevano un milione e settecentomila persone, oggi in gran parte profughi. Il leader di Boko Haram, Abubakar Shekau, ha insediato la capitale del suo califfato proprio nel Borno, a Gwoza, sui monti Mandara, al confine con il Camerun, a sua volta sempre più spesso teatro di incursioni. A questo sviluppo sembrerebbe legata anche una componente etnica, secondo alcuni osservatori non marginale. Boko Haram, infatti è nato e ha tuttora il maggior numero di adepti tra l etnia kanuri, presente anche in parti del Camerun, del Ciad e del Niger. Né i Governi dell'area, a partire da quello nigeriano, né la comunità internazionale hanno finora individuato modi efficaci per arginare Boko Haram. Crescono comunque le pressioni, soprattutto sull Onu, per un'iniziativa di protezione delle popolazioni vittime di evidenti crimini di guerra e contro l'umanità. C'è infine da sottolineare che le milizie di Boko Haram appaiono sempre meglio armate. Il che solleva la questione del traffico d'armi e delle sue responsabilità. Soprattutto in un continente dove non esistono fabbriche di armi.

6 6 Costume & Società "In un giorno qualunque" il cortometraggio di Marilù Manzini per dire NO alla violenza sulle donne di Francesca Ceci Scrittura, fotografia, pittura, scultura. Marilù Manzini è un'artista poliedrica, dinamica, una sensibilità acuta e profonda la sua che l'ha portata a mettere l'arte al servizio delle altre donne. Si intitola «In un giorno qualunque» il cortometraggio diretto e curato dalla giovane modenese con il quale l artista vuole dare il suo contributo alla campagna di sensibilizzazione contro la violenza sulle donne. I protagonisti del cortometraggio sono una donna, interpretata dalla bravissima attrice Francesca Tasini e il bimbo che porta in grembo, frutto della violenza subita. Un corto intenso, carico di significati, delicato nella sua potenza, un ventaglio di colori e sfumature mai banali, dal colore rosso della violenza, passando per il nero della vendetta, fino al verde della speranza che giganteggia e restituisce alla tela il bianco del perdono che assolve e si realizza nel racconto di una nuova vita che sta per nascere. Minerva l'ha intervistata, ecco quello che ci ha raccontato.

7 7 La violenza sulle donne è un tema delicato e mai come in questo momento, centrale. 1 vittima ogni due giorni, 179 donne uccise nel corso dell'anno, sono i numeri di una guerra. La violenza si può raccontare in tanti modi. Mi racconti la tua prospettiva nell'avvicinarti a questa tematica? Io per fortuna non ho mai subito una violenza domestica nè altro genere di violenza, ho scelto però di raccontare la violenza domestica perchè sono cresciute moltissimo. Il cortometraggio va guardato tenendo presente che la fine è l'inizio, ossia il momento in cui lei viene stuprata dal suo compagno, che può essere anche un padre, un amico, un fratello. C'è la violenza del branco che è atroce, ma io volevo raccontare quella domestica perchè credo sia, per certi versi, la più subdola. Subire violenza da un fidanzato, un marito, un padre, un amico, è un evento destabilizzante, perchè, a differenza dello sconosciuto, tu gli dai il tuo amore ed era questo aspetto che io volevo raccontare. Per farlo mi sono ispirata ad Un giorno di ordinaria follia con Michael Douglas, rivisto però in chiave femminile, e cioè non rispondere alla violenza con violenza, ma immedesimarmi in una donna molto forte che è sopravvissuta e decide di vendicarsi con gli uomini che incontra in un giorno qualunque per strada. Ad una violenza si può rispondere con la paura o reagendo. Ecco, la donna che io racconto è una donna che non si spaventa, lei reagisce e decide di spaventare gli uomini che incontra, ma tengo a precisare, lei vuole spaventare, non uccidere come nel film perchè ho voluto conservare la femminilità che, di solito, a parte delle eccezioni, ti consente di non superare mai il limite della violenza pura. La protagonista del corto è incinta, per questo mi sono ispirata ad una canzone di Celentano, Il figlio del dolore, cantata con Nada, "la mia vendetta più grande è tenere quel figlio che un giorno ti disprezzerà per quel che tu uomo, mi hai fatto". La violenza di solito genera paura. La violenza domestica in particolare, anche perchè si tratta di uomini ai quali si dà fiducia, padri, fratelli, compagni.tante donne scelgono il silenzio, perchè? "La paura, ora senza voler fare psicologia spicciola, credo sia quello il meccanismo che scatta. C'è anche un senso di vergogna, di colpa, la donna in un certo senso si colpevolizza. Per quello io ho voluto raccontare una donna coraggiosa, una donna che reagisce, ho messo un po' del mio carattere, volevo emergesse la forza, non la rassegnazione". Il tuo corto è rivolto alle donne, ma anche agli uomini, come dire: " Attenti, non c'è sempre dall'altra parte una donna che abbassa la testa e rassegnata. Ci sono anche le donne forti che denunciano e lottano". Non tutte le donne si rinchiudono in casa, pensa all'avvocato che è stata sfregiata con l'acido (Lucia Annibali, ndr), è andata a parlare della sua storia, non ha avuto paura di mostrare il suo aspetto. Nel mio corto l'attrice è Francesca Tasini, un'amica che ha lavorato con un budget bassissimo, voglio dirlo, perchè per noi era importante realizzare un corto su questa tematica, lei è estremamente bella ed è entrata nella parte in modo perfetto ma poteva essere qualsiasi donna, volevamo un messaggio che arrivasse nella pancia come un pugno. Non volevo dire che alla violenza si risponde con altra violenza, al contrario, volevo una riflessione dura: ti

8 8 picchiano per giorni, poi ti portano dei fiori e il giorno dopo ti picchiano ancora. Ecco, in questo senso la mia è una donna che non ti dimentica, che non perdona e sceglie di vendicarsi, una vendetta che però alla fine si tramuta in futuro perchè sceglie di tenere il bambino, di non abortire. La vita è la più grande vendetta. Non la paura, non la colpa, ma la vita. Che messaggio vorresti passasse a una donna che guarda il tuo corto? "Coraggio, vorrei passasse il fatto di non chiudersi e colpevolizzarsi, bisogna avere e trovare il coraggio di reagire sempre, perchè è anche sull'esempio che si muovono altre donne". https://www.youtube.com/watch?v=xbqpv5hlqgq

9 9 Rubrica Percorsi di ieri e di oggi I Fiumi Solidi di Roberta Barone Che sia la scultura del Bernini nel bel mezzo di Piazza Navona, la fontana che dalla metà del seicento in piena epoca barocca, abbia dato un volto e una personalità ai fiumi, volendo raffigurare la potenza e la grazia divina effusa sui quattro continenti, è risaputo e fors'anche scontato. Come forse si conosce un po della sua storia: commissionata da Innocenzo X della casata Pamphilj, fu realizzata grazie all insistenza della sua avida cognata a discapito del concorrente Borromini e dall iniziale idea di realizzare i quattro colossi rappresentanti i fiumi allora più importanti della terra in bronzo, alla scelta finale in favore del travertino, non solo ne conseguì un aumento delle dimensioni, ma la sua spesa fu talmente elevata che per finanziarla il papa impose una tassa sul pane comportando inevitabilmente la riduzione del peso della pagnotta e l ira del popolo romano. Si sa, all arte non si comanda, ma al giudizio si dovrebbe. Ma in fondo, se così non fosse stato, se non ci fosse stato il grande sacrificio del popolo di quasi quattro secoli fa, a rendere solide le personificazioni del Nilo del Gange del Danubio e del Rio de la Plata, noi oggi non potremmo godere di così tanta magnificenza. Senza dubbio ciò che rimane è la valorizzazione dell acqua come elemento fondamentale della scultura.

10 10 Acqua che sgorga, a differenza di altre fontane in cui zampilla e al di là delle numerose e singolari simbologie legate all obelisco egizio di imitazione romana che la fontana sorregge, al di là delle varie leggende metropolitane che ancora oggi sopravvivono circa la diatriba fra il Bernini e il Borromini, rimane stupefacente la maestria con cui l architetto è riuscito a rendere solidi elementi naturali come acqua e vento. Come a Bernini venne l idea, beh forse è la parte davvero misteriosa della Fontana, a me piace pensare che l ispirazione gli venne suggerita dall opera ideata da Domenico Fontana, il gruppo di quattro sculture ricavate e incastonate negli spigoli dei quattro palazzi che sorgono su Piazza delle Quattro Fontane, due delle quali, rappresentati da soggetti maschili, ahimè realizzati da mediocri scultori fra il 1588 e 1593, che raffigurano il Tevere e L Arno. Idea ripresa dal Valadier nel 1823 nel gruppo marmoreo delle due fontane gemelle in Piazza del Popolo, in cui il Tevere insieme all Aniene, alla Dea Roma e alla Lupa, prendono corpo sul lato orientale della piazza. Questa idea di personificare fiumi oceani e mari, che dal Rinascimento si esalta nel Barocco e si amplifica nel settecento, donandogli un identità solida, umana o mitologica, cogliendone l anima fluida, impetuosa, talvolta tumultuosa, caratterizzando nelle forme l importanza vitale e sociale, per non dire sacra dell acqua, esaltandone le origini, (non dimentichiamo che nell antica Roma era considerata un vero e proprio dono degli dei ), arriva anche a noi oggi. Al di là delle numerose e meravigliose fontane che adornano le nostre piazze e strade, la ritroviamo come elemento di contemporaneità architettonica nel recentissimo MAXXI, il Museo per le arti del XXI secolo. L architetto anglo-irachena Zaha Hadid, scelta tra una rosa di 273 candidati, che si è aggiudicata la progettazione, ha concepito l intero complesso che si sviluppa orizzontalmente su un area di 30 mila metri quadri, come un grande delta in cui confluiscono diversi fiumi. Otto volumi longitudinali che si intrecciano tra di loro in un variare di quote, pareti lisce curvilinee, sinuose rampe che sembrano galleggiare in un complesso sistema di intersezioni, danno origine ad una spazialità articolata ma precisa, a percorsi sempre diversi e imprevisti, in cui il visitatore si sente immerso e trascinato, e come dice la stessa Hadid un mondo in cui tuffarsi e lasciarsi trasportare alla deriva. Anche il suo inserimento urbano si presenta come un innesto nel quartiere Flaminio, una confluenza tra gli spazi del museo e quelli urbani, grazie al ricreamento dei percorsi che collegano Via Reni Via Poletti e Via Masaccio, al di sotto dei volumi della costruzione, riprendendo il tema del Tevere, da lì poco distante, del suo abbraccio dolce armonico e sinuoso intorno alla città. Il MAXXI è un modo nuovo, moderno, futurista, l evoluzione di quel concetto antico di rendere solida l anima eterna ed eterea dei fiumi, l uomo non più solo spettatore, ma protagonista coinvolto nell opera.

11 11 Costume & Società MIUCCIA PRADA: l arte di essere anticonformista di Giulietta Rovera A capo di un impero che vanta dipendenti, 551 negozi in 70 Paesi, 11 fabbriche e 3,58 miliardi di fatturato annuo c è una donna che in gioventù era una comunista militante e sognava di fare l attrice: Miuccia Prada, di professione stilista. Alla fine degli anni 70, quando prende in mano le redini degli affari di famiglia l azienda è ancora la piccola ditta di articoli in pelle fondata dal nonno nel 1913, che fabbricava articoli da viaggio per l aristocrazia europea. Perduta la clientela facoltosa che in passato faceva a gara per procurarsi gli accessori di lusso vanto del marchio Prada, non è facile per la recalcitrante Miuccia individuare nuove strategie di mercato. Ma poco alla volta scopre la seduzione, il fascino, le potenzialità del misterioso mondo della moda. Nell 85 ha un intuizione geniale: utilizzare anziché il cuoio, il nylon nella fabbricazione di borse e zainetti. Nasce così il celeberrimo zaino nero realizzato con il nylon dei paracadute: pratico, elegante, leggerissimo. E l inizio di un successo che da allora non ha avuto pause. Nell 88 Miuccia disegna il primo prêt-à-porter, nel 94 i primi abiti da uomo, nel 97 inaugura la linea sportiva. Dedicata ai giovanissimi, crea la linea Miu Miu, tutta pizzi, body aderenti e pantaloncini da ciclista. In vent anni, la ragazzina ribelle, che si era laureata in Scienze politiche con una tesi su Il Partito comunista italiano e la

12 12 scuola e andava a vendere panini al festival dell Unità ma indossando Yves Saint Laurent, sostengono i maligni diventa non solo la donna più ricca d Italia, ma la donna più potente nel mondo della moda. Non a caso il Wall Street Journal l ha inclusa nella lista delle cinquanta donne più importanti del pianeta, la rivista Times Magazine le ha dedicato la copertina,il Metropolitan Museum di New York una mostra. Sessantasei anni ma ne dimostra venti di meno, capelli biondo miele, volto levigato senza traccia di trucco o di lifting, Miuccia Prada ha conservato l aria non affettata e disinvolta che aveva da ragazza. Il segreto del suo successo sta nell aver avuto il coraggio di fare scelte contro corrente l uso di materiali poveri come il nylon. Nell aver sposato colui che si è rivelato non solo il compagno ideale, ma un perfetto socio in affari: l imprenditore toscano Patrizio Bertelli che nella ditta si occupa del lato commerciale. Nella capacità di trarre idee nel disegnare le collezioni otto all anno per Prada (donne e uomini) e quattro per Miu Miu da qualsiasi cosa e in ogni momento. Nell aver capito che la moda non è un entità astratta, avulsa dalla realtà, ma uno specchio di quanto accade nella società. Un tempo guardavo dall alto in basso il mondo della moda, lo consideravo fatuo, superficiale ha sostenuto nel corso delle sue innumerevoli interviste. Ma ora lo rispetto e combatto contro l ipocrisia: perché nessuno critica quelli che vogliono vivere in un bel posto e dovrebbe invece essere stupido voler apparire più bella? A meno che tu non sia in un momento molto difficile, in una situazione di vita o di morte, la vanità fa parte della vita, sostiene. Ma Miuccia non si limita ad occuparsi di moda. I suoi negozi a New York e Tokio non sono negozi ma epicentri, opere di meravigliosa architettura create da architetti famosi. Ed è anche una dei più grandi collezionisti del mondo. Dodici anni fa ha dato inizio alla Fondazione Prada, ospitata in parte in un palazzo veneziano del 18esimo secolo. Uno dei suoi progetti più ambiziosi prevede la conversione di una ex fabbrica di liquori milanese

13 13 in una vasta galleria, museo, piazza e torre dalla quale godere di una vista spettacolosa. Quando aprirà, nel corso del 2015, conterrà la più ampia collezione di arte contemporanea della città. Non solo: commissiona anche film, che prevedono firme di Roman Polanski e Ben Kingsley. Uso il mio lavoro come una scusa per collaborare con persone intelligenti su soggetti che mi interessano, dice. E se le si domanda come si rilassa, risponde con un leggero senso di fastidio: rilassarmi non mi interessa. Io sono eternamente alla ricerca del divertimento, il divertimento intellettuale, di nuove idee e di qualcosa di eccitante, il che purtroppo accade assai di rado. Miuccia Prada non è tipo da trovare conforto e relax nelle beauty farm, ma non c è dubbio che quando si sente particolarmente stressata, le giovi recarsi al numero 63 nella Galleria Vittorio Emanuele II a due passi da Piazza del Duomo di Milano dove ancora esiste il primo negozio Prada di articoli di pelletteria creato dal nonno nel 1913.

14 14 Il 27 gennaio il mondo ricorda la Shoah. L inferno delle donne si chiamava Ravensbrück di Marzia Pomponio La 60ª Armata del Primo Fronte Ucraino guidata dal maresciallo Konev fu la prima ad entrare nella cittadina di Auschwitz, in Polonia, abbattendo i cancelli del più grande lager nazista anime ridotte a larve umane, abiti e oggetti vari sottratti ai prigionieri al momento dell ingresso, 8 tonnellate di capelli umani imballati pronti per il trasporto e cadaveri ammassati uno sopra l altro che i soldati delle SS nell evacuare il campo non avevano fatto in tempo a bruciare. Questo lo scenario che l armata sovietica si trovò di fronte il 27 gennaio 1945, una data che verrà istituita nel 2005 dall Assemblea Generale delle Nazioni Unite come la giornata della memoria, per ricordare oltre sei milioni di vittime della Shoah. Se il campo di Auschwitz è il più rappresentativo della tragedia dell Olocausto, ce n è un altro del quale si è sempre parlato poco, ed è l unico progettato solo per donne, quello di Ravensbrück, a 90 chilometri a nord di Berlino, sulla riva del lago di Fürstenberg/

15 15 Havel, usato spesso come discarica delle ceneri delle detenute. Fatto costruire nel 1938 dal capo delle SS Heinrich Himmler, ministro dell Interno del Reich dal 1943, al suo interno ospitava la fabbrica Siemens Werke di Berlino per la produzione dei missili V2 e la TexLed, una grande sartoria di proprietà delle SS nella quale le prigioniere erano addette al confezionamento del vestiario militare. Ritenute particolarmente vulnerabili, le donne venivano spesso picchiate, violentate e forzate a prestazioni sessuali in cambio di cibo o altri generi di conforto. Molte di loro, inoltre, erano impiegate per la prostituzione nei bordelli dei principali lager ed esposte a gravi infezioni veneree.nell estate del 1942, a causa di frequenti decessi di soldati tedeschi al fronte per gangrena gassosa, vennero autorizzati esperimenti medici sulle prigioniere, appositamente infettate dal virus al fine di testare farmaci efficaci per la cura delle infezioni da ferite. Gli esperimenti successivamente riguardarono lo studio del processo di rigenerazione di ossa, muscoli e nervi e la possibilità di trapiantare ossa da una persona all altra; esperimenti di congelamento/ raffreddamento prolungato; sterilizzazioni su donne e bambine per evitare il riprodursi della razza ritenuta inferiore; aborti forzati anche a gravidanza avanzata; studio sulle condizioni precancerose della cervice uterina. Molte donne morirono durante gli interventi o rimasero gravemente segnate nel fisico oltre che nella psiche. Il 30 giugno 1944 arrivò a Ravensbrück il primo trasporto di donne italiane alle quali spettò la stessa sorte. Furono le donne, provenienti da 20 nazioni diverse, incarcerate a Ravensbrück dalla sua apertura fino alla liberazione. Di queste, secondo quanto indicato sui pochi documenti non andati distrutti dai nazisti nell intento di eliminare le prove, circa trovarono la morte. A parlarne di recente è la giornalista inglese Sarah Helm, autrice del libro appena pubblicato dal titolo che richiama la celebre opera di Primo Levi, Ravensbrück: if this is a woman (Ravensbrück: se questa è una donna). A Ravensbrück, liberata tre mesi dopo Auschwitz, fu compiuto l ultimo sterminio di massa del regime nazista con l uccisione di 6000 donne asfissiate nella camera a gas. A ricordarle oggi è una statua di bronzo dal titolo Tragende (La portatrice), simbolo del Memoriale di Ravensbrück, realizzata dallo scultore tedesco Will Lammert ed eretta sulla riva del lago di Schwedt.

16 16 Rubrica L angolo della poesia contemporanea internazionale IL GRIDO E IL SUSSURRO a cura di Zingonia Zingone La poesia è sussurro divino e urlo che si alza dalle viscere dell uomo. È rigorosa ricerca della verità. Un linguaggio universale che spinge il lettore a spogliarsi del superfluo e penetrare in sé, in quello spazio interiore dove non esistono barriere e ciascuno è battito di un battito più forte. Il grido e il sussurro propone un viaggio attraverso le parole e i gesti del mondo. Ogni mese un poeta, un messaggio, uno spunto di riflessione. /---/ Radicate nella memoria, le poesie di Nikola Madzirov testimoniano la provvisorietà dell esistenza. È un poeta che viene da lontano, portatore di una tradizione spirituale ortodossa, dice il suo traduttore Piero Salabè, un nomade letterario che lascia la propria casa per costruirne una nuova nella memoria poetica. La sua voce è considerata una delle più potenti della poesia contemporanea europea. Nato a Strumica nel 1973, figlio di esuli delle guerre balcaniche, Madzirov cresce nella Yugoslavia sovietica governata dal Maresciallo Tito., e ne subisce il collasso all età di 18 anni. In seguito, inizia la sua ricerca d identità in un paese nuovo e contraddittorio, dalle radici culturali antichissime. Nell incontro con le vite e le opere dei poeti del dopo guerra, come Vasko Popa, Czeslaw Milosz e Zbigniew Herbert, trova la chiave che libera il suo pensiero e il vigore che accende i suoi versi in una dolce malinconia fiduciosa. Nelle parole di Salabè: è cosa rara leggere nei nostri giorni poesie così intrise di fede, senza pathos e senza certezza, così umili e dimesse, così coscienti della tradizione. Infine, la rivista tedesca Der Spiegel accosta la sua opera a quella del premio Nobel Tomas Tranströmer.

17 17 NIKOLA MADZIROV (Macedonia). poeta, saggista e traduttore. È autore di varie raccolte di poesia e vincitore di prestigiosi premi letterari, tra cui Locked in the City, 1999 (premio Studentski Zbor), Somewhere Nowhere, 1999 (premio Aco Karamanov), e Relocated Stone, 2007 (premio Hubert Burda European Award). Le sue poesie sono tradotte in oltre trenta lingue e i suoi libri sono pubblicati anche negli Stati Uniti (BOA Editions, 2011), Germania (Hanser Verlag, 2011), Inghilterra (Bloodaxe Books, 2013) e Spagna (Pre-Textos, 2013). Altri riconoscimenti: Miladinov Brothers Award (Struga Poetry Evenings) e la residenza per scrittori dell Università dell Iowa (International Writing Program), LCB a Berlino, KulturKontakt a Vienna, Passa Porta a Bruxelles, Villa Waldberta a Monaco e Marguerite Yourcenar in Francia. È uno dei coordinator della rete internazionale di poesia per Lyrikline.

18 18 Traduzioni di Piero Salabè -- СЕНКИТЕ НÈ ОДМИНУВААТ Еден ден ќе се сретнеме, како бротче од хартија и лубеница што се лади во реката. Немирот на светот ќе биде со нас. Со дланките ќе го помрачиме сонцето и со фенер ќе се доближуваме. Еден ден ветрот нема да го промени правецот. Брезата ќе испрати лисја во нашите чевли пред прагот. Волците ќе тргнат по нашата невиност. Пеперутките ќе го остават својот прав врз нашите образи. Една старица секое утро ќе раскажува за нас во чекалната. И ова што го кажувам е веќе кажано: го чекаме ветрот како две знамиња на граничен премин. Еден ден сите сенки ќе нè одминат. Le ombre ci sorpassano Un giorno ci incontreremo come una barca di carta e un anguria messa al fresco nel fiume. L ansia del mondo sarà con noi. Con le nostre palme oscureremo il sole e con le lanterne ci riavvicineremo. Un giorno il vento non cambierà direzione.

19 19 La betulla manderà foglie alle nostre scarpe sulla soglia. I lupi inseguiranno la nostra innocenza. Le farfalle lasceranno la loro polvere sulle nostre guance. Tutte le mattine un anziana racconterà storie su di noi, in sala d attesa. Anche quello che dico è già stato detto: aspettiamo il vento come due bandiere su un confine. Un giorno tutte le ombre ci sorpasseranno. -- БРЗ Е ВЕКОТ Брз е векот. Да бев ветер, ќе ги лупев корите на дрвјата и фасадите на периферните згради. Да бев злато, ќе ме криеја во подруми, во ровлива земја и меѓу скршени играчки, ќе ме заборавеа татковците, а нивните синови трајно ќе ме паметеа. Да бев куче, немаше да ми биде страв од бегалци, да бев месечина немаше да се плашам од смртни казни. Да бев ѕиден часовник ќе ги криев пукнатините на ѕидот. Брз е векот. Ги преживуваме слабите земјотреси гледајќи кон небото, а не кон земјата. Ги отвораме прозорците за да влезе воздух од местата каде што никогаш не сме биле. Војни не постојат, зашто секој ден некој го ранува нашето срце. Брз е векот. Побрз од зборот. Да бев мртов, сите ќе ми веруваа кога молчам. È rapido il secolo

20 20 È rapido il secolo. Se fossi vento avrei raschiato la corteccia dagli alberi e le facciate dai palazzi di periferia. Se fossi oro, mi avrebbero nascosto nelle cantine nella terra friabile e fra giocattoli rotti. Mi avrebbero dimenticato i padri, ma i loro figli mi ricorderebbero per sempre. Se fossi un cane, non avrei avuto paura dei rifugiati, se fossi la luna non avrei avuto paura delle esecuzioni. Se fossi un orologio sulla parete, ne avrei nascosto le crepe. È rapido il secolo. Sopravviviamo ai terremoti leggeri guardando in cielo ma non in terra. Apriamo le finestre perché entri aria dai luoghi mai visitati. Le guerre non esistono perché ogni giorno qualcuno ferisce il nostro cuore. È rapido il secolo. Più rapido che la parola. Se da morto tacessi tutti mi crederebbero. -- СÈ Сè е милување. Снегот ги склопуваше крилјата над ридовите, јас ги склопував дланките над твоето тело како метро што се одмотува само по должината на другите нешта. Вселената постоеше за да се родиме на различни места, татковина да ни биде виножитото што сврзува две градини кои не знаат една за друга. И така времето минуваше: страв во нас одгледувавме, восхит кај другите се раѓаше. Нашите сенки тонеа во отровните бунари, кажаните зборови се губеа

Il trailer di Handy sbarca al cinema: una mano protagonista sul grande schermo

Il trailer di Handy sbarca al cinema: una mano protagonista sul grande schermo Il trailer di Handy sbarca al cinema: una mano protagonista sul grande schermo di Redazione Sicilia Journal - 09, ott, 2015 http://www.siciliajournal.it/il-trailer-di-handy-sbarca-al-cinema-una-mano-protagonista-sul-grandeschermo/

Dettagli

SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO

SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO La mia vita ad Auschwitz-Birkenau e altri esili a cura di Marcello Pezzetti e Umberto Gentiloni Silveri Il volume è frutto della collaborazione della Provincia di Roma

Dettagli

Mafia, amore & polizia

Mafia, amore & polizia 20 Mafia, amore & polizia -Ah sì, ora ricordo... Lei è la signorina... -Francesca Affatato. -Sì... Sì... Francesca Affatato... Certo... Mi ricordo... Lei è italiana, non è vero? -No, mio padre è italiano.

Dettagli

Maschere a Venezia VERO O FALSO

Maschere a Venezia VERO O FALSO 45 VERO O FALSO CAP I 1) Altiero Ranelli è il direttore de Il Gazzettino di Venezia 2) Altiero Ranelli ha trovato delle lettere su MONDO-NET 3) Colombina è la sorella di Pantalone 4) La sera di carnevale,

Dettagli

Matrimonio e bambini per la coppia omosessuale

Matrimonio e bambini per la coppia omosessuale Matrimonio e bambini per la coppia omosessuale Oscar Davila Toro MATRIMONIO E BAMBINI PER LA COPPIA OMOSESSUALE www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Oscar Davila Toro Tutti i diritti riservati Dedicato

Dettagli

LOCUZIONI AL MONDO. Il mistero di ogni persona (22/4/2013 24/4/2013) Testi tradotti dai messaggi originali pubblicati sul sito Locutions to the World

LOCUZIONI AL MONDO. Il mistero di ogni persona (22/4/2013 24/4/2013) Testi tradotti dai messaggi originali pubblicati sul sito Locutions to the World LOCUZIONI AL MONDO Il mistero di ogni persona (22/4/2013 24/4/2013) Testi tradotti dai messaggi originali pubblicati sul sito Locutions to the World 2 Sommario 1. La decisione della SS. Trinità al tuo

Dettagli

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 25 ottobre 2013 INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 Audio da min. 12:00 a 20:45 su http://www.radio24.ilsole24ore.com/player.php?channel=2&idprogramma=focuseconomia&date=2013-10-25&idpuntata=gslaqfoox,

Dettagli

Perché un libro di domande?

Perché un libro di domande? Perché un libro di domande? Il potere delle domande è la base per tutto il progresso umano. Indira Gandhi Fin dai primi anni di vita gli esseri umani raccolgono informazioni e scoprono il mondo facendo

Dettagli

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA HEAL YOUR LIFE WORKSHOP 4/5 OTTOBRE 2014 PRESSO CENTRO ESTETICO ERIKA TEMPIO D IGEA 1 E il corso dei due giorni ideato negli anni 80 da Louise Hay per insegnare il

Dettagli

Poesie, filastrocche e favole per bambini

Poesie, filastrocche e favole per bambini Poesie, filastrocche e favole per bambini Jacky Espinosa de Cadelago Poesie, filastrocche e favole per bambini Ai miei grandi tesori; Elio, Eugenia ed Alejandro, coloro che ogni giorno mi fanno crescere

Dettagli

Maurizio Albanese DONARE È AMARE!

Maurizio Albanese DONARE È AMARE! Donare è amare! Maurizio Albanese DONARE È AMARE! raccolta di poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Maurizio Albanese Tutti i diritti riservati Ai miei genitori Santo e Maria L associazione Angeli

Dettagli

Nicolò UGANDA Gapyear

Nicolò UGANDA Gapyear Nicolò, Diario dall Uganda Se c è il desiderio, allora il grande passo è compiuto, e non resta che fare la valigia. Se invece ci si riflette troppo, il desiderio finisce per essere soffocato dalla fredda

Dettagli

UN VIAGGIO NEL VOLONTARIATO

UN VIAGGIO NEL VOLONTARIATO Associazione di Volontariato per la Qualità dell Educazione UN VIAGGIO NEL VOLONTARIATO Esplora con noi il mondo del volontariato! con il contributo della con il patrocinio Comune di Prepotto Club UNESCO

Dettagli

I bambini vengono costretti a lavorare

I bambini vengono costretti a lavorare Un continente segnato dalle violenze, dai soprusi e dalle ingiustizie. Il destino di schiavitù che nei secoli scorsi ha colpito l'africa non si è esaurito nemmeno nel Terzo millennio. Nell'Ottocento, uomini

Dettagli

Il Keisuke: Sono un ottimo studente e il senso della mia vita è studiare.

Il Keisuke: Sono un ottimo studente e il senso della mia vita è studiare. 1.1. Ognuno di noi si può porre le stesse domande: chi sono io? Che cosa ci faccio qui? Quale è il senso della mia esistenza, della mia vita su questa terra? Il Keisuke: Sono un ottimo studente e il senso

Dettagli

Livello CILS A2 Modulo bambini

Livello CILS A2 Modulo bambini Livello CILS A2 Modulo bambini MAGGIO 2012 Test di ascolto numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI

Dettagli

Donna Ì : un milione di no

Donna Ì : un milione di no Ì : un milione di no IL NOSTRO TEAM Siamo un trio ma siamo anche una coppia di fidanzati, due fratelli, due amici che da qualche anno convive e condivide esperienze di vita ma anche interessi sociali e

Dettagli

Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore

Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore grande, capace di affrontare il sacrificio per lasciarci. Enzo Baldoni non è solo. Ognuno di noi è Unico

Dettagli

Come italiani, salviamo esseri umani, perché crediamo nei valori umani e nel rispetto della vita umana.

Come italiani, salviamo esseri umani, perché crediamo nei valori umani e nel rispetto della vita umana. signore e signori, è un grande onore per il mio Paese, per l Italia, essere qui oggi. Vorrei ringraziare la Repubblica Federale Democratica d Etiopia e il Presidente dell Assemblea Generale, Sam Kutesa,

Dettagli

La Sagrada Famiglia 2015

La Sagrada Famiglia 2015 La Sagrada Famiglia 2015 La forza che ti danno i figli è senza limite e per fortuna loro non sanno mai fino in fondo quanto sono gli artefici di tutto questo. Sono tiranni per il loro ruolo di bambini,

Dettagli

Sedotta dal mondo del POKER. il punto G del gioco SPECIALE ENADA. Il gioco ritorna in fiera. POKER FACE High Stakes con Fabrizio Baldassari

Sedotta dal mondo del POKER. il punto G del gioco SPECIALE ENADA. Il gioco ritorna in fiera. POKER FACE High Stakes con Fabrizio Baldassari NUMERO 04 MARZO 2010 il punto G del gioco ZERO ASSOLUTO CASINÒ DI SANREMO SPECIALE ENADA SPECIALE ENADA Il gioco ritorna in fiera POKER FACE High Stakes con Fabrizio Baldassari numero 04 marzo 2010 PAMELA

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

Il Libro dei Sopravvissuti

Il Libro dei Sopravvissuti Il Libro dei Sopravvissuti Cathy Freeman: una GRANDE atleta Nel 2000 ha partecipato alle Olimpiadi di Sydney: è stata la porta bandiera e ha acceso la fiamma olimpica Ha vinto la gara dei 400 metri da

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N. 4 CHIETI Scuola Secondaria di Primo Grado Giuseppe Mezzanotte BIM. Biblioteca Interculturale Mobile. Nei libri il mondo

ISTITUTO COMPRENSIVO N. 4 CHIETI Scuola Secondaria di Primo Grado Giuseppe Mezzanotte BIM. Biblioteca Interculturale Mobile. Nei libri il mondo ISTITUTO COMPRENSIVO N. 4 CHIETI Scuola Secondaria di Primo Grado Giuseppe Mezzanotte BIM Biblioteca Interculturale Mobile Nei libri il mondo Classe I - II A docente referente: prof.ssa Patrizia Monetti

Dettagli

INTERVISTA LICIA TROISI ASTROFISICA CON UNA MARCIA IN PIÙ

INTERVISTA LICIA TROISI ASTROFISICA CON UNA MARCIA IN PIÙ INTERVISTA LICIA TROISI ASTROFISICA CON UNA MARCIA IN PIÙ Licia Troisi ASTROFISICA CON UNA MARCIA IN PIÙ Licia Troisi, di professione astrofisica, è senza dubbio l autrice fantasy italiana più amata. All

Dettagli

Il mercato dei figli

Il mercato dei figli Il mercato dei figli È una realtà veramente inquietante che finora non riguarda direttamente l Italia almeno dal punto di vista legislativo e ci auguriamo ardentemente non arrivi MAI ad essere permessa.

Dettagli

Cinema, La bugia bianca : il dramma dello stupro etnico raccontato da un siciliano

Cinema, La bugia bianca : il dramma dello stupro etnico raccontato da un siciliano Cinema, La bugia bianca : il dramma dello stupro etnico raccontato da un siciliano di Redazione Sicilia Journal - 25, ott, 2015 http://www.siciliajournal.it/cinema-la-bugia-bianca-il-dramma-dello-stupro-etnico-raccontato-da-unsiciliano/

Dettagli

33 poesie. una dedicata al calcio e una alla donna

33 poesie. una dedicata al calcio e una alla donna 33 poesie una dedicata al calcio e una alla donna Salvatore Giuseppe Truglio 33 POESIE una dedicata al calcio e una alla donna www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Salvatore Giuseppe Truglio Tutti

Dettagli

Giuseppe Ungaretti. Studiò a Parigi alla Sorbonne e collaborò con gli intellettuali d avanguardia del

Giuseppe Ungaretti. Studiò a Parigi alla Sorbonne e collaborò con gli intellettuali d avanguardia del Giuseppe Ungaretti Giuseppe Ungaretti nacque nel 1888 ad Alessandria d Egitto, dove i suoi genitori, che erano originari di Lucca, si erano trasferiti in quanto il padre lavorava alla realizzazione del

Dettagli

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ======================================================================

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ====================================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO 03.01.2016 Grado della Celebrazione: DOMENICA Colore liturgico: Bianco ============================================ II DOMENICA

Dettagli

Flavia Volta SOGNANDO LA FELICITÀ

Flavia Volta SOGNANDO LA FELICITÀ Flavia Volta SOGNANDO LA FELICITÀ Flavia Volta, Sognando la felicità Copyright 2014 Edizioni del Faro Gruppo Editoriale Tangram Srl Via Verdi, 9/A 38122 Trento www.edizionidelfaro.it info@edizionidelfaro.it

Dettagli

Mario Basile. I Veri valori della vita

Mario Basile. I Veri valori della vita I Veri valori della vita Caro lettore, l intento di questo breve articolo non è quello di portare un insegnamento, ma semplicemente di far riflettere su qualcosa che noi tutti ben sappiamo ma che spesso

Dettagli

Linguaggio del corpo per la seduzione (per donne che vogliono sedurre uomini)

Linguaggio del corpo per la seduzione (per donne che vogliono sedurre uomini) Linguaggio del corpo per la seduzione (per donne che vogliono sedurre uomini) Come scoprire i significati della comunicazione non verbale per sedurre gli uomini. IlTuoCorso - Ermes srl Via E.De Amicis

Dettagli

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL 1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL BENE COMUNE Una comunità di oltre 139 mila soci impegnati, nel quotidiano come nelle emergenze, in attività sociali e sanitarie di aiuto alle persone in difficoltà

Dettagli

venerdì 28 giugno 2013, 17:22

venerdì 28 giugno 2013, 17:22 A tutto Gas 1 Cambiare il mondo si può A tutto Gas Un modo semplice e rivoluzionario di fare la spesa venerdì 28 giugno 2013, 17:22 di Silvia Allegri A tutto Gas 2 A tutto Gas 3 A tutto Gas 4 A tutto Gas

Dettagli

TAVOLA ROTONDA Programmazione della gravidanza e diabete: i diversi punti di vista. PENSO ALLA GRAVIDANZA ed ho il diabete

TAVOLA ROTONDA Programmazione della gravidanza e diabete: i diversi punti di vista. PENSO ALLA GRAVIDANZA ed ho il diabete TAVOLA ROTONDA Programmazione della gravidanza e diabete: i diversi punti di vista PENSO ALLA GRAVIDANZA ed ho il diabete Una cosa sola è certa del mio futuro... VOGLIO avere dei figli! il diabete non

Dettagli

CLASSI 5 a A/B GLI ALTRI SIAMO NOI. Percorsi di educazione alla cittadinanza attiva. SCUOLA PRIMARIA BISSOLATI A.S. 2013-14

CLASSI 5 a A/B GLI ALTRI SIAMO NOI. Percorsi di educazione alla cittadinanza attiva. SCUOLA PRIMARIA BISSOLATI A.S. 2013-14 CLASSI 5 a A/B GLI ALTRI SIAMO NOI Percorsi di educazione alla cittadinanza attiva. SCUOLA PRIMARIA BISSOLATI A.S. 2013-14 GLI ALTRI SIAMO NOI Percorsi di educazione alla cittadinanza attiva. PERCORSO

Dettagli

So quello che voglio! Compro quello che voglio!

So quello che voglio! Compro quello che voglio! So quello che voglio! Compro quello che voglio! Le persone con disturbi dell apprendimento hanno la capacità di scegliere i loro servizi di assistenza. Questo libricino è scritto in modo che sia facile

Dettagli

LA RETE SIAMO NOI QUESTIONARIO N

LA RETE SIAMO NOI QUESTIONARIO N LA RETE SIAMO NOI QUESTIONARIO N CIAO! Abbiamo bisogno di te. Vogliamo sapere come i ragazzi e le ragazze della tua età usano il cellulare e la rete Internet. Non scrivere il tuo nome. 1. Sei? 1 Un ragazzo

Dettagli

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING!

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING! COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING Grazie per aver scaricato questo EBOOK Mi chiamo Fabio Marchione e faccio network marketing dal 2012, sono innamorato e affascinato da questo sistema di business

Dettagli

I RISULTATI DI UN QUESTIONARIO SUL TEMA

I RISULTATI DI UN QUESTIONARIO SUL TEMA COMUNICATO STAMPA PER L 8 MARZO TANTI GIOVANI SI SONO CONFRONTATI SUL TEMA DELLA VIOLENZA SULLE DONNE CON L INIZIATIVA DELLA COMMISSIONE PROVINCIALE PARI OPPORTUNITA, DI AMNESTY INTERNATIONAL E DELL L

Dettagli

Grido di Vittoria.it

Grido di Vittoria.it COME ENTRARE A FAR PARTE DELLA FAMIGLIA DI DIO La famiglia di Dio del Pastore Mario Basile Il mio intento è quello di spiegare in parole semplici cosa dice la Bibbia sull argomento, la stessa Bibbia che

Dettagli

ADE CERCA MOGLIE. Completa. Rispondi

ADE CERCA MOGLIE. Completa. Rispondi IL DIO ADE Il dio Ade è fratello del dio Zeus. Ade è il re dei morti. Per gli antichi greci, dopo la morte, gli uomini vanno negli Inferi. Gli Inferi sono un luogo buio e triste che si trova sotto terra.

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

www.internetbusinessvincente.com

www.internetbusinessvincente.com Come trovare nuovi clienti anche per prodotti poco ricercati (o che necessitano di essere spiegati per essere venduti). Raddoppiando il numero di contatti e dimezzando i costi per contatto. Caso studio

Dettagli

Scopri il piano di Dio: Pace e vita

Scopri il piano di Dio: Pace e vita Scopri il piano di : Pace e vita E intenzione di avere per noi una vita felice qui e adesso. Perché la maggior parte delle persone non conosce questa vita vera? ama la gente e ama te! Vuole che tu sperimenti

Dettagli

CONSIGLI PER GIOVANI NAVIGANTI (anche già navigati).

CONSIGLI PER GIOVANI NAVIGANTI (anche già navigati). CONSIGLI PER GIOVANI NAVIGANTI (anche già navigati). HEY! SONO QUI! (Ovvero come cerco l attenzione). Farsi notare su internet può essere il tuo modo di esprimerti. Essere apprezzati dagli altri è così

Dettagli

Claudio Bencivenga IL PINGUINO

Claudio Bencivenga IL PINGUINO Claudio Bencivenga IL PINGUINO 1 by Claudio Bencivenga tutti i diritti riservati 2 a mia Madre che mi raccontò la storia del pignuino Nino a Barbara che mi aiuta sempre in tutto 3 4 1. IL PINGUINO C era

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

Roberta Santi AZ200. poesie

Roberta Santi AZ200. poesie AZ200 Roberta Santi AZ200 poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Roberta Santi Tutti i diritti riservati T amo senza sapere come, né quando né da dove, t amo direttamente, senza problemi né orgoglio:

Dettagli

Papà Missione Possibile

Papà Missione Possibile Papà Missione Possibile Emiliano De Santis PAPÀ MISSIONE POSSIBILE www.booksprintedizioni.it Copyright 2015 Emiliano De Santis Tutti i diritti riservati Non insegnate ai bambini la vostra morale è così

Dettagli

Amicizia, amore, sesso: parliamone adesso.

Amicizia, amore, sesso: parliamone adesso. Anna Contardi Ass.Italiana Persone Down www.aipd.it Amicizia, amore, sesso: parliamone adesso. Esperienze di educazione sessuale per adolescenti con disabilità intellettiva Premessa Esisteun diritto alla

Dettagli

Mario Albertini. Tutti gli scritti IV. 1962-1964. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino

Mario Albertini. Tutti gli scritti IV. 1962-1964. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino Mario Albertini Tutti gli scritti IV. 1962-1964 a cura di Nicoletta Mosconi Società editrice il Mulino 822 Anno 1964 A Bernard Lesfargues Caro Bernard, Pavia, 28 novembre 1964 dato che non verrò a Lione

Dettagli

Amore in Paradiso. Capitolo I

Amore in Paradiso. Capitolo I 4 Amore in Paradiso Capitolo I Paradiso. Ufficio dei desideri. Tanti angeli vanno e vengono nella stanza. Arriva un fax. Lo ha mandato qualcuno dalla Terra, un uomo. Quando gli uomini vogliono qualcosa,

Dettagli

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Attimi d amore Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Distesa davanti alla collina Occhi verdi come il prato distesa e non pensi a nulla. Ricordo

Dettagli

PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA

PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA Intervento dell Amministratore Delegato della Fiat, Sergio Marchionne Pomigliano d Arco (NA) - 14 dicembre 2011 h 9:00 Signore e signori, buongiorno a tutti. E un piacere

Dettagli

EBOOK GIAN PAOLO MONTALI CREDERE NEL GIOCO DI SQUADRA. www.forumeccellenze.it

EBOOK GIAN PAOLO MONTALI CREDERE NEL GIOCO DI SQUADRA. www.forumeccellenze.it EBOOK GIAN PAOLO MONTALI CREDERE NEL GIOCO DI SQUADRA. www.forumeccellenze.it 1. Del sogno dell essere sognatore Il primo dovere di un buon Capo è non accontentarsi, essere il più esigente possibile nella

Dettagli

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 Zeta 1 1 2 NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 2010 by Bonfirraro Editore Viale Ritrovato, 5-94012 Barrafranca - Enna Tel. 0934.464646-0934.519716

Dettagli

A CHI HA VISTO IL PEGGIO DEGLI ADULTI OCCORRE DONARE IL MEGLIO. www.sositalia.it

A CHI HA VISTO IL PEGGIO DEGLI ADULTI OCCORRE DONARE IL MEGLIO. www.sositalia.it A CHI HA VISTO IL PEGGIO DEGLI ADULTI OCCORRE DONARE IL MEGLIO www.sositalia.it DIVENTA UN AMICO SOS. MOSTRA A QUESTI BAMBINI IL LATO MIGLIORE DEGLI ADULTI. In Italia circa 32.300 bambini sono allontanati

Dettagli

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013]

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] 1. La risposta a Dio che ci parla; a Dio che intende vivere con noi; a Dio che ci fa una proposta di vita, è la fede. Questa sera cercheremo

Dettagli

CANZONI: NIVEL INTERMEDIO: LAURA PAUSINI: NON C È

CANZONI: NIVEL INTERMEDIO: LAURA PAUSINI: NON C È ESCUELA OFICIAL DE IDIOMAS OVIEDO CENTRO DE AUTOAPRENDIZAJE IDIOMA: ITALIANO PRÁCTICA: COMPRENSIÓN ORAL NIVEL: NIVEL INTERMEDIO MATERIAL: CINTA / CUESTIONARIO / SOLUCIONES TEMA: PREPOSIZIONI/ LESSICO Grande

Dettagli

RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO

RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO OTTOBRE 2010 a cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi e dell Ufficio Lavori all Estero e Relazioni Internazionali

Dettagli

data, non solo i martiri di Nassiriya, morti per cercare di fermare la guerra civile presente in Iraq, ma anche tutti coloro che hanno perso la vita

data, non solo i martiri di Nassiriya, morti per cercare di fermare la guerra civile presente in Iraq, ma anche tutti coloro che hanno perso la vita Costituita in memoria di Piero Salvati, carabiniere e poi funzionario della Pubblica Amministrazione, ottimo maresciallo dell ANC di Tortona, mancato all affetto dei suoi cari e dei suoi tanti amici il

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

(Ricostruita con l uso delle fonti) Classe 2^B

(Ricostruita con l uso delle fonti) Classe 2^B (Ricostruita con l uso delle fonti) Classe 2^B A.s. 2010/2011 1 Con un genitore o di un adulto che ti conosce bene, rivivi il momento bellissimo della tua nascita e poi, con il suo aiuto, raccogli foto,

Dettagli

Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore

Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore Traccia: Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore Per la preghiera: vedi in allegato. Sviluppo dell

Dettagli

Come Creare un Guadagno Extra nel 2013

Come Creare un Guadagno Extra nel 2013 Come Creare un Guadagno Extra nel 2013 Tempo di lettura: 5 minuti Marco Zamboni 1 Chi sono e cos è questo Report Mi presento, mi chiamo Marco Zamboni e sono un imprenditore di Verona, nel mio lavoro principale

Dettagli

Brani tratti da Lettere di donne che amano troppo Robin Norwood

Brani tratti da Lettere di donne che amano troppo Robin Norwood Brani tratti da Lettere di donne che amano troppo Robin Norwood Giornata Mondiale per l Eliminazione delle Violenza sulle Donne Le vie della dipendenza relazionale sono spesso tracciate da un trauma infantile

Dettagli

LA BIBLIOTECA DEL CLUB DEL LIBRO. Dai vita ai tuoi libri!

LA BIBLIOTECA DEL CLUB DEL LIBRO. Dai vita ai tuoi libri! LA BIBLIOTECA DEL CLUB DEL LIBRO Dai vita ai tuoi libri! "I libri. Sono stati i miei grandi amici, perché non c è di meglio che viaggiare con qualcuno che ha fatto già la stessa strada, che ti racconta

Dettagli

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione I poeti generalmente amano i gatti, perché i poeti non nutrono dubbi sulla loro superiorità. Marion C. Garrety che per prima leggi nel mio dolore e silenziosamente ti offri a lenirlo senza chiedere nulla

Dettagli

Michele Pizzarotti: lezione di famiglia e visione del futuro

Michele Pizzarotti: lezione di famiglia e visione del futuro Michele Pizzarotti: lezione di famiglia e visione del futuro Guardando al domani mi sento di dire con certezza che continueremo a promuovere l'organizzazione perché possa esprimere sempre più le capacità

Dettagli

vivo, scrivo, immagino, rappresento Perugia

vivo, scrivo, immagino, rappresento Perugia vivo, scrivo, immagino, rappresento Perugia Un indagine poetica sull anima della città. Testi, disegni, immagini diventano linfa vitale di uno spettacolo. Perugia è la protagonista. Perugia sei tu. www.urbancreactivity.it

Dettagli

Avere coraggio! Dieci buoni motivi a favore del matrimonio Spunti di riflessione della Chiesa cattolica

Avere coraggio! Dieci buoni motivi a favore del matrimonio Spunti di riflessione della Chiesa cattolica Avere coraggio! Dieci buoni motivi a favore del matrimonio Spunti di riflessione della Chiesa cattolica 1. Tutti cercano l amore. Tutti anelano ad essere amati e a donare amore. Ognuno è creato per un

Dettagli

COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE

COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE Il Libro Bianco sul Welfare presentato dal Ministro del Lavoro si muove su uno scenario

Dettagli

L ITALIA IN EUROPA. 1 Voyager 5, pagina 172

L ITALIA IN EUROPA. 1 Voyager 5, pagina 172 L ITALIA IN EUROPA L Italia, con altri Stati, fa parte dell Unione Europea (sigla: UE). L Unione Europea è formata da Paesi democratici che hanno deciso di lavorare insieme per la pace e il benessere di

Dettagli

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo?

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? In Italia, secondo valutazioni ISTAT, i nonni sono circa undici milioni e cinquecento mila, pari al 33,3% dei cittadini che hanno dai 35 anni in su. Le donne

Dettagli

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA.

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. COME AL SOLITO CI SIAMO MESSI IN CERCHIO ABBIAMO ASCOLTATO LA FIABA DEI Mille

Dettagli

Gruppo G.R.E.M. Piemonte e Valle d Aosta. Attività di animazione: LA FAMIGLIA KIT DI ANIMAZIONE

Gruppo G.R.E.M. Piemonte e Valle d Aosta. Attività di animazione: LA FAMIGLIA KIT DI ANIMAZIONE Gruppo G.R.E.M Piemonte e Valle d Aosta Attività di animazione: LA FAMIGLIA KIT DI ANIMAZIONE Il kit, pensato per l animazione di bambini, ragazzi e adulti sul tema famiglia è così composto: - 1 gioco

Dettagli

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI L argomento che tratterò è molto discusso in tutto il mondo. Per introdurlo meglio inizio a darvi alcune informazioni sul matrimonio omosessuale, il quale ha sempre

Dettagli

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B.

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A. Ignone - M. Pichiassi unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A B 1. È un sogno a) vuol dire fare da grande quello che hai sempre sognato

Dettagli

Giovani poeti crescono.

Giovani poeti crescono. Giovani poeti crescono. L amicizia Passa un aereo Passa un treno Ma cosa si portano sul loro sentiero? E un qualcosa di luminoso Sarà la notte che fugge via o forse solo la vita mia?. Ora ho capito che

Dettagli

L ambiente in cui vivi

L ambiente in cui vivi L ambiente in cui vivi 1. Cosa vorresti fare da grande? (indica per esteso il lavoro che ti piacerebbe fare) 2. Potendo scegliere, cosa ti piacerebbe diventare? (1 sola risposta) Un divo televisivo o del

Dettagli

Io l ho risolta. dritte di conciliazione da genitore a genitore

Io l ho risolta. dritte di conciliazione da genitore a genitore Io l ho risolta così dritte di conciliazione da genitore a genitore La fretta e l ansia già di prima mattina Il problema: essere di corsa, e in ritardo, già alle otto di mattina. Sveglia alle 7.30, mezz

Dettagli

La cenerentola di casa

La cenerentola di casa La cenerentola di casa Audrina Assamoi LA CENERENTOLA DI CASA CABLAN romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Audrina Assamoi Tutti i diritti riservati Questa storia è dedicata a tutti quelli che

Dettagli

ALLEGATO P. O. F. QUESTIONARI CONOSCITIVI

ALLEGATO P. O. F. QUESTIONARI CONOSCITIVI ALLEGATO P. O. F. QUESTIONARI CONOSCITIVI 1 ISTITUTO COMPRENSIVO ALDO MORO / CAROSINO Anno scolastico 2013-2014 QUESTIONARIO CONOSCITIVO Nota: Il presente questionario è predisposto per gli alunni del

Dettagli

Sono stato crocifisso!

Sono stato crocifisso! 12 febbraio 2012 penultima dopo l epifania ore 11.30 con i fidanzati Sono stato crocifisso! Sia lodato Gesù Cristo! Paolo, Paolo apostolo nelle sue lettere racconta la sua storia, la storia delle sue comunità

Dettagli

spettacoli ANNO SCOLASTICO 2011/2012

spettacoli ANNO SCOLASTICO 2011/2012 spettacoli ANNO SCOLASTICO 2011/2012 Teatro D'Oltre Confine P.zza Giovanni XXIII, 1 20090 Corsico tel e fax 024400454 dolreconfine@libero.it www.teatrodoltreconfine.it "CUORE D'ALBERO" 3-10 anni ESIGENZE

Dettagli

In Africa muoiono milioni di persone a causa della mancanza di cibo.

In Africa muoiono milioni di persone a causa della mancanza di cibo. Pensieri.. In Africa muoiono milioni di persone a causa della mancanza di cibo. Simone Per me non è giusto che alcune persone non abbiano il pane e il cibo che ci spettano di diritto. E pensare che molte

Dettagli

Anno pastorale 2011-2012. Suggerimenti per l animazione in oratorio

Anno pastorale 2011-2012. Suggerimenti per l animazione in oratorio Anno pastorale 2011-2012 Suggerimenti per l animazione in oratorio Premessa: GIOCO E VANGELO Relazione Don Marco Mori, presidente Forum Oratori Italiani Il gioco può essere vangelo? Giocare può diventare

Dettagli

SANTA FAMIGLIA DI GESÙ, MARIA E GIUSEPPE (ANNO C)

SANTA FAMIGLIA DI GESÙ, MARIA E GIUSEPPE (ANNO C) SANTA FAMIGLIA DI GESÙ, MARIA E GIUSEPPE (ANNO C) Grado della Celebrazione: Festa Colore liturgico: Bianco INTRODUZIONE Il brano evangelico di oggi ci offre il ritratto di ogni famiglia nelle sue componenti

Dettagli

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris BANDO II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris Spiegami i diritti dell uomo: diritto all Educazione, diritto

Dettagli

DISCORSO DEL SINDACO DI MILANO GIULIANO PISAPIA ALLA CERIMONIA DEI GIUSTI DEL 17 APRILE 2012, GIARDINO DEI GIUSTI DI TUTTO IL MONDO, MILANO

DISCORSO DEL SINDACO DI MILANO GIULIANO PISAPIA ALLA CERIMONIA DEI GIUSTI DEL 17 APRILE 2012, GIARDINO DEI GIUSTI DI TUTTO IL MONDO, MILANO DISCORSO DEL SINDACO DI MILANO GIULIANO PISAPIA ALLA CERIMONIA DEI GIUSTI DEL 17 APRILE 2012, GIARDINO DEI GIUSTI DI TUTTO IL MONDO, MILANO Cari amici, oggi siamo qui per ricordare e per testimoniare la

Dettagli

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST -

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - INIZIO Ricominciare una nuova vita da zero mi spaventa peró so che tante persone ce la fanno, posso farcela anch io! preferirei continuare

Dettagli

200 Opportunities to Discover ITALIAN. www.second-language-now.com

200 Opportunities to Discover ITALIAN. www.second-language-now.com BASIC QUESTIONS 200 Opportunities to Discover ITALIAN Basic Questions Italian INDICE 1. SEI CAPACE DI?...3 2. TI PIACE?...4 3. COME?...5 4. QUANDO?...6 5. CHE?...7 6. COSA?...8 7. QUALE?...9 8. QUANTO?...10

Dettagli

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!!

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!! MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI Ciao e Benvenuta in questo straordinario percorso che ti permetterà di compiere un primo passo per IMPARARE a vedere finalmente il denaro in modo DIFFERENTE Innanzitutto

Dettagli

Come imparare a disegnare

Come imparare a disegnare Utilizzare la stupidità come potenza creativa 1 Come imparare a disegnare Se ti stai domandando ciò che hai letto in copertina è vero, devo darti due notizie. Come sempre una buona e una cattiva. E possibile

Dettagli

Coimbra, Portogallo DIARIO DI VIAGGIO

Coimbra, Portogallo DIARIO DI VIAGGIO Coimbra, Portogallo DIARIO DI VIAGGIO SETTEMBRE: Quando sono arrivata a Coimbra la prima sistemazione che ho trovato è stato un Ostello molto simpatico in pieno centro, vicino a Piazza della Repubblica.(http://www.grandehostelcoimbra.com/).

Dettagli

IL CAVALIERE DEL LAVORO Di Sigfrido Ranucci

IL CAVALIERE DEL LAVORO Di Sigfrido Ranucci IL CAVALIERE DEL LAVORO Di Sigfrido Ranucci Qualcosa che va nella direzione giusta ogni tanto c è. Domenica scorsa avevamo parlato del Cavalier Tanzi e del suo presunto tesoro nascosto. GIORNALISTA Io

Dettagli

Scuola elementare Vivaldi Spinea (VE) marzo 2002 Classe prima Ins. Nadia Paterno. 5 marzo 2002

Scuola elementare Vivaldi Spinea (VE) marzo 2002 Classe prima Ins. Nadia Paterno. 5 marzo 2002 . Associazione di insegnanti e ricercatori sulla didattica della storia Scuola elementare Vivaldi Spinea (VE) marzo 2002 Classe prima Ins. Nadia Paterno 5 marzo 2002 Ho comunicato ai bambini che avremo

Dettagli

La poesia per mia madre

La poesia per mia madre La poesia per mia madre Oggi scrivo una poesia per la mamma mia. Lei ha gli occhi scintillanti come dei diamanti i capelli un po chiari e un po scuri il corpo robusto come quello di un fusto le gambe snelle

Dettagli