PROGRAMMA ELETTORALE LISTA MARUGGIO DEMOCRATICA ELEZIONI COMUNALI 2014

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROGRAMMA ELETTORALE LISTA MARUGGIO DEMOCRATICA ELEZIONI COMUNALI 2014"

Transcript

1 PROGRAMMA ELETTORALE LISTA MARUGGIO DEMOCRATICA ELEZIONI COMUNALI 2014 Maruggio città di tutti: la carta degli impegni Maruggio Democratica non è un cartello elettorale ma una rete civica fatta di cittadini attivi che vogliono scommettere su un nuovo modo di amministrare il territorio. Perché una lista civica? Perché si vuole mettere la persona al centro della politica e non le ideologie o i pregiudizi, partendo dall ascolto dei cittadini per definire insieme le soluzioni per il bene comune. Una grande aggregazione di forze politiche, movimenti e un pezzo importante della società civile che hanno deciso di stare insieme per inaugurare un nuovo corso politico-amministrativo all insegna della Partecipazione, Trasparenza e Legalità, affinchè i cittadini tornino a essere suggeritori, consiglieri e giudici vigili dell operato dei propri amministratori. Questa amministrazione uscente ha fatto cadere la nostra Maruggio nell immobilismo e quel che è peggio, che ha preso il sopravvento sui cittadini il pessimismo e la rassegnazione. Noi diciamo che cambiare si può e si deve. La prima sfida è, pertanto, quella di diventare un paese normale, e Maruggio ha tutte le potenzialità per esserlo: occorre solo uno sforzo, uno scatto d orgoglio e smettere di considerarsi subalterni o sudditi e scoprire in sè le risorse e la dignità per diventare cittadini. Un amministrazione comunale, che voglia volare alto, avvertendo il perso morale della sua missione nei riguardi dei cittadini, dovrà sempre dare risposte immediate, curando gli interessi diffusi, collettivi, promuovendo lo sviluppo, assumendo a parametro comportamentale il valore della solidarietà economica e sociale da indirizzare in primo luogo verso i soggetti più deboli. Una sana amministrazione dovrà inoltre garantire trasparenza amministrativa, rigore gestionale e partecipazione dei cittadini alla gestione della cosa pubblica. Efficienza ed efficacia, economicità e produttività, trasparenza e partecipazione sono dunque i criteri su cui sarà improntato il governo della città, ma prima di parlare di una qualsiasi programmazione di opere, è indispensabile che si faccia un attenta analisi delle disponibilità finanziarie per non scadere nelle facili promesse che non si potranno poi mantenere. Per questo motivo si propone una gradualità e una priorità negli interventi, calibrati sulla base delle reali disponibilità di bilancio, contenendo le spese superflue e cancellando completamente i tanti sprechi che in questi anni hanno assorbito risorse economiche importanti del bilancio comunale. Ma perché questo accada e per aumentare le risorse economiche per gli investimenti occorre, secondo lo slogan pagare tutti, pagare meno, condurre una lotta ferma contro l evasione e l elusione dei tributi comunali a Maruggio e sulla fascia costiera (vedi fenomeno false residenze nella marina). I settori produttivi (Turismo, Agricoltura, Artigianato) devono vedere l attenzione costante e fattiva dell Amministrazione attraverso incentivi economici per la promozione e la valorizzazione dei nostri prodotti locali. Tutto ciò, però, non potrà essere realizzato in modo organico se non sarà inquadrato in una pianificazione urbanistica del territorio e quindi impegno preminente e prioritario sarà dato alla rivisitazione del Piano Urbanistico Generale, alla riperimetrazione delle zone PAI e all approvazione del Piano comunale delle coste. Questo e altro ancora potrà essere concretizzato se ripristiniamo legalità e trasparenza per far ritornare al cittadino quella fiducia che man mano ha perso nella pubblica amministrazione. 1

2 Riteniamo che tutti i cittadini debbano contribuire alla buona amministrazione del nostro paese, facendoli partecipi e coinvolgendoli nelle decisioni più importanti e senza circoscrivere il loro compito alla mera delega in bianco nei confronti degli amministratori di turno. In quest ottica intendiamo proporre e sperimentare una forma particolare di bilancio e avviare un modo nuovo di prendere le decisioni che riguardano la collettività: il BILANCIO PARTECIPATO attraverso assemblee tematiche, in cui la partecipazione dei cittadini è diretta e deliberativa soprattutto nei settori della salute, dell educazione, dell assistenza sociale, dell abitazione e delle grandi opere pubbliche. Riteniamo che la popolazione possa decidere regole più giuste e più solidali rispetto ai bisogni sociali e quindi, al fine di spendere le risorse pubbliche in modo rispondente alle necessità della comunità. I professionisti, le donne, gli imprenditori, i lavoratori troveranno negli organi di governo e nella struttura comunale profondamente rinnovata, riferimenti certi e credibili. Profonderemo ogni energia per ricostruire il tessuto sociale oggi caratterizzato dalla rassegnazione, dalla disgregazione, dall indifferenza e dall individualismo, rifondandolo sull etica delle responsabilità, della civile convivenza e della partecipazione attiva dei cittadini. Il nostro impegno primario, la nostra rivoluzione, sarà di far diventare Maruggio un paese normale, incominciando dagli amministratori obbligandoli/ci a tenere i consigli comunali in orari accessibili ai cittadini, dandone la più ampia pubblicità, spostando le sedute più importanti in piazza. In questi mesi di incontri, di studio e di analisi ci siamo sforzati di offrirvi un programma partecipato, nato dalle idee di numerosi maruggesi, soprattutto giovani e donne che si sono incontrati e confrontati sulle varie tematiche che la prossima amministrazione comunale dovrà affrontare. Quanto segue, pertanto, è la sintesi di questo percorso aperto e condiviso perché la parola futuro si scrive insieme. TEMI PROGRAMMATICI TRASPARENZA, PARTECIPAZIONE, COMUNICAZIONE E DEMOCRAZIA Trasparenza, partecipazione, comunicazione e democrazia non possono essere e rimanere slogan. Il municipio di Maruggio non può essere gestito con stili da piccola azienda a conduzione familiare dove pochi decidono per tutti con modi paternalistici. Occorre ripristinare il clima di correttezza amministrativa attraverso nuove regole e controlli da parte dei cittadini. Perciò trasparenza e comunicazione saranno garantite mediante strumenti reali: Pubblicazione di una carta dei sevizi Istituzione di un Ufficio Relazioni con il Pubblico. Istituzione di una segreteria telefonica o mail per lasciare messaggi con suggerimenti e segnalazioni per il Sindaco e gli assessori. Sistemazione in piazza di una bacheca comunale. Rendicontazione semestrale del Sindaco ai cittadini. Promuovere la nascita di un bollettino d informazione comunale per stabilire un rapporto interattivo di comunicazione con i cittadini. Mailing list notizie comunali. Consigli comunali tenuti di sera e non di mattina, in orari più accessibili e quelli più importanti in piazza. 2

3 Apertura dei Consigli comunali all udienza e al contributo delle associazioni imprenditoriali, degli ordini professionali, delle organizzazioni sindacali, delle associazioni di volontariato cattoliche e laiche, delle comunità parrocchiali. Webcam nella Sala e nelle commissioni consiliari per permettere a tutti i cittadini di seguire l evento sul proprio pc. Conferenza stampa mensile aperta a tutti i cittadini. Progetto Conoscere il Comune rivolto alle scuole primarie in collaborazione con gli insegnanti per far conoscere ai più piccoli come viene gestita l amministrazione pubblica. Pubblicazione dell albo dei contributi economici ad enti ed associazioni. Tempi certi per rilascio permessi, autorizzazioni, concessioni. Partecipazione e democrazia Questa amministrazione favorirà la partecipazione popolare per rendere partecipi i cittadini delle scelte più rilevanti che si andranno ad assumere nel corso della consiliatura attraverso: l istituzione del referendum comunale, previsto dal nostro Comune e mai regolamentato e attuato. la somministrazione di questionari attraverso cui chiedere pareri, proposte ed opinioni prima di scelte importanti. Introduzione del bilancio partecipativo, il quale prevede che una parte consistente del bilancio comunale venga gestita direttamente dalla cittadinanza; ruolo fondamentale in questo percorso di coinvolgimento partecipato e dal basso, sarà quello dei pre-consigli, delle consulte, e dei forum dei giovani e degli anziani. la convocazione di assemblee cittadine consultive prima dell approvazione di bilanci o importanti strumenti di pianificazione (piano urbanistico, piano costa, piano commerciale, piano del traffico ecc.). Istituzione di commissioni tematiche permanenti e consulte comunali con poteri propositivi obbligatori e per alcune aree vincolanti. Istituzione della consigliera comunale di parità ( a costo zero). Istituzione di assessorati con proprio staff (a costo zero). Istituire forum, consulte cittadine e le commissioni consiliari. Istituire il consiglio comunale dei ragazzi. Il sindaco: a lavoro a tempo pieno Il sindaco dovrà avere un punto di ascolto per i cittadini localizzato al piano terra, dove riceverà la cittadinanza in orari e giorni certi durante la settimana. Il nostro sindaco, dopo essersi messo in aspettativa dal proprio lavoro, si dedicherà a tempo pieno al Comune e ai cittadini facendo gli stessi orari degli impiegati comunali. POLITICHE DI BILANCIO E POLITICA TRIBUTARIA La costruzione del bilancio che intendiamo realizzare insieme ai cittadini, diventa un elemento fondamentale per definire una seria politica redistributiva. Per questo vogliamo rivedere la politica tributaria sin qui seguita, basandoci sul principio costituzionale che prevede la partecipazione economica dei cittadini in base alla propria capacità contributiva e quindi in base alle proprie reali condizioni economiche. Sarà intensificata, pertanto, la lotta all evasione, ma anche agli sprechi e agli sperperi di denaro pubblico di cui abbiamo visto in questi anni di centro destra esempi clamorosi. Perseguiremo una politica differenziata delle tariffe con sgravi o servizi gratuiti per alcune categorie: giovani e giovani coppie, studenti, disoccupati, categorie socialmente svantaggiate. Pertanto proponiamo: 3

4 Un azione tesa a ridurre spese non sufficientemente giustificate, quali le consulenze esterne indiscriminate, i pareri legali, liti temerarie contenziosi, debiti fuori bilancio. Razionalizzare la spesa pubblica con una spending review comunale, al fine di evitare sprechi spese superflue e ottimizzare economie. Una azione tesa a promuovere una campagna per recuperare evasioni tributarie come l ICI, IMU e TARSU o altre imposte o tasse comunali, secondo il principio già menzionato pagare tutti, pagare meno. Riduzione dell IMU sulla prima casa per redditi medio bassi e su piccoli terreni direttamente coltivati e per le giovani coppie. Esenzione e riduzione addizionale IRPEF (aliquota massima in questi anni) per le famiglie a basso reddito. LE NOSTRE PRIORITÀ IL LAVORO AI MARUGGESI: ECCO IL NOSTRO PIANO PER L OCCUPAZIONE Il cattivo costume di fare assunzioni, stipulare convenzioni e dare incarichi in prospettiva elettorale o per premiare i propri seguaci, oltre ad essere assai diffuso comporta un vero e proprio spreco di energie e di fondi che utilizzati in maniera diversa potrebbero fare molto per alleviare la carenza di lavoro che colpisce le nostre realtà. Delle vere politiche del lavoro non saranno mai prese in considerazione fino a quando vigerà tale uso distorto del potere. -Creazione di una consulta del lavoro composta dal Comune, dalle imprese presenti sul territorio, dalle associazioni degli industriali e dei commercianti, dai sindacati, dalle scuole superiori (Istituto alberghiero e agrario), dagli enti formativi, dal Centro per l impiego (ex collocamento), da agenzie interinali, dalla scuola edile di Taranto, dalla Camera del commercio e dell artigianato, con lo scopo di monitorare l economia del territorio e a suggerire strategie e opportunità lavorative. -Creazione di uno sportello lavoro con attenzione particolare ai soggetti deboli e alle persone svantaggiate al fine di fornire informazioni relative alle tematiche del lavoro a livello locale e nazionale. -Affidamenti lavori, servizi e forniture: valorizzare le ditte, le maestranze e i fornitori maruggesi, se economicamente vantaggiosi, nell affidamento diretto di lavori e servizi sotto soglia (sotto i ), attraverso un albo delle ditte e dei fornitori di fiducia del comune per settori d intervento. -Affidamento incarichi legali sino a euro: valorizzare gli avvocati del territorio per il conferimento di incarichi legali su base fiduciaria, così come prevede il Regolamento comunale per gli incarichi agli avvocati esterni e il Regolamento comunale per lavori, forntiture e servizi in economia, approvati in consiglio comunale e mai applicati, attraverso l istituzione di un albo degli avvocati dal quale attingere secondo il criterio del campo di competenza e della rotazione. -Affidamenti incarichi a professionisti e tecnici: valorizzare i professionisti e i tecnici maruggesi per gli incarichi professionali a ingegneri, architetti, geometri attraverso l istituzione di un albo comunale. -Potenziare il servizio civico comunale per lavori occasionali (massimo 3 mesi l anno). -Istituire e regolamentare i buoni lavoro (voucher) per lavori occasionali accessori a disoccupati e inoccupati, fino a un massimo annuo di euro per prestatore. -Realizzazione dei lavori comunali sino a euro mediante amministrazione diretta, così come previsto dal Regolamento comunale per i lavori, le forniture e i servizi in economia (art. 12: Il 4

5 responsabile del comune richiede l assunzione di personale straordinario secondo il regolamento di accesso agli impieghi del Comune o mediante ricorso al lavoro interinale ). -Lotta agli sprechi al fine di istituire cantieri lavoro l inserimento reinserimento lavorativo per coloro che perdono il posto di lavoro. -Favorire la nascita di cooperative di lavoro alle quali affidare incarichi per la manutenzione del verde pubblico, per la pulizia degli uffici comunali, biblioteca e cinema e altri servizi, anziché affidarsi a cooperative o ditte forestiere. -Istituire un servizio di rimozione coatta in affidamento. -Ripristinare un servizio pesa pubblica (il bilico) da affidare in concessione. -Regolamentare e affidare in concessione aree pubbliche per realizzazione di chioschi. -Creare l officina delle arti e dei mestieri. -Allungare la stagione turistica partendo da una riprogrammazione degli eventi e attraverso un marketing di promozione del territorio. -Promuovere fuori da Maruggio i prodotti locali con un proprio marchio. -Accesso al microcredito per soggetti non bancabili: il comune si fa garante presso un istituto di credito di un prestito per l avvio di una attività lavorativa. -Rilanciare e programmare le politiche agricole locali e favorire la creazione di cooperative e aziende agricole attraverso fiere sagre enogastronomiche, mercati dei prodotti locali dei produttori diretti, istituzione di un marchio delle produzioni agro-alimentari autoctonie (Denominazione Comunale di Origine). -Formazione agricoltura: Istituire corsi professionali per l agricoltura e di qualifica per quelle attività specializzate in via d estinzione (si pensi ai potatori, ai mondatori, agli innestatori). -Incentivare la cessione di terreni incolti e produttivi a giovani disoccupati o a cooperative agricole a fronte di sgravi fiscali per i proprietari. -Formazione artigianato: organizzazione di corsi per arti e mestieri in via d estinzione per la costruzione di muretti a secco, per la lavorazione della cartapesta, del ferro battuto, per la realizzazione di cesti, panari e cannizzi, per calzolai. -Istituire l albo comunale delle badanti e delle babysitter qualificate attraverso corsi di formazione. -Favorire l apertura di nuove forme speciali di vendita al dettaglio: commercio elettronico, vendita per corrispondenza, vendita presso il domicilio dei consumatori, vendita per mezzo di apparecchi automatici. -Lidi giovani: rilasciare, dopo l approvaizone del Piano Coste, nuove concessioni demaniali stagionali (tramite bando pubblico) esclusivamente a giovani studenti e disoccupati per la realizzazione di piccole strutture balneari leggere e temporanee. POLITICHE AGRICOLE PER MARUGGIO Nella nostra realtà economica locale uno dei settori portanti, anche se attraversa un periodo di forte crisi, è l agricoltura. Non può ancora essere sottovalutata l importanza delle politiche agricole locali di un paese che si dice a vocazione agricola. Per questo è necessario rafforzare quest attività attraverso azioni mirate a partire dalle seguenti azioni: Attrezzare un efficiente ufficio comunale di servizio per gli agricoltori, un assessorato, una commissione o consulta agricola comunale al fine di coordinare e promuovere iniziative in materia di produzioni agricole, zootecniche e casearie e incontri per l informazione e la qualificazione degli operatori agricoli per la valorizzazione dei prodotti della nostra terra. Istituire un fondo apposito nel bilancio di previsione per cominciare a dare attuazione a un minimo di politiche agricole comunali. Istituzione di un albo comunale delle produzioni agro-alimentare autoctone e di un registro De.C.O. (Denominazione Comunale di Origine) e rilascio del marchio De.C.O. al fine di attestare l origine del prodotto e la sua composizione. 5

6 Connotare la nostra agricoltura con produzioni di qualità (D.O.C., D.O.P., biologico, biodinamico ). Favorire la creazione di un centro di stoccaggio dei prodotti locali o di un centro agroalimentare a partecipazione comunale. Istituire un mercatino settimanale dei prodotti agricoli locali a km 0 (mercato del contadino e mercati di Campagna Amica) per accorciare la filiera attraverso l individuazione di un area attrezzata. Utilizzo dei prodotti agricoli locali nella mensa scolastica da prevedere nei bandi di gara per l affidamento della refezione scolastica. Recupero del vasto patrimonio rurale (masserie, trulli, muretti a secco ) per favorirne l inserimento nel settore dell agriturismo, mettendo a conoscenza la cittadinanza di tutte le misure d intervento regionali ed europee. Istituire corsi professionali per l agricoltura e di qualifica per quelle attività specializzate in via d estinzione (si pensi ai potatori, ai mondatori, agli innestatori, per apicoltori). Convenzione con l Istituto per l agricoltura di Manduria, confederazioni di settore e organismi di controllo della qualità. Sistemazione delle vie rurali e interpoderali comunali attraverso l istituzione di un apposito capito di spesa nel bilancio di previsione. Ai fini della valorizzazione e salvaguardia del territorio anche a fini turistici si esenteranno dall imposta sugli immobili agricoli gli uliveti secolari che verranno recintati con muretti a secco. Incentivare i proprietari di terreni incolti che li metteranno a disposizione di coltivatori locali. Riduzione dell IMU alle aziende agricole o ai contadini che vivono di agricoltura. Favorire i produttori diretti attraverso l esenzione o l abbattimento della tassa per l occupazione del suolo pubblico per la vendita dei loro prodotti. Realizzazione di fiere enogastronomie, feste e manifestazioni per valorizzare e favorire la commercializzazione dei prodotti dell agricoltura locale (anche attraverso gemellaggi o la rete di maruggesi all estero): olio, vino, grano, prodotti caseari, fichi e pomodori secchi, le nostre frise, i pizzarieddi, gli aromi selvatici ecc. Favorire la creazione di percorsi didattici. Favorire la costituzione di cooperative agricole per la creazione di una cantina sociale, di un mulino o per sviluppare l apicoltura. Favorire l accesso al credito per investimenti nel campo dell agricoltura (il comune si fa garante nei confronti duna banca convenzionata). Favorire il commercio elettronico per saltare le intermediazioni. Ripensare gli spazi e i posteggi di vicinato per la vendita dei prodotti locali distribuiti su tutto il territorio comunale. Intendiamo inoltre promuovere le dovute iniziative allo scopo di recuperare il vasto patrimonio rurale (MASSERIE, TRULLI, MURI A SECCO), favorendo anche lo sviluppo dell agriturismo. ATTIVITÀ PRODUTTIVE: TURISMI, COMMERCIO E ARTIGIANATO Turismi Maruggio dovrebbe essere una città turistica. Il nostro impegno è quello di permettere che nel corso dei prossimi anni questa vocazione diventi sempre più una realtà a tutto vantaggio dei cittadini, di chi ci vive di turismo e del territorio. 6

7 I turismi, quelli sostenibili e compatibili, dovranno, pertanto, essere il settore trainante dell economia locale, per questo meritano la dovuta attenzione e il coinvolgimento degli operatori del settore di Maruggio e Campomarino al fine di sviluppare le sinergie necessarie con la pubblica amministrazione per rilanciare insieme il settore, individuare le priorità e le occasioni di investimento. A tal fine si istituiranno apposite consulte di settore. -Non si può parlare rilanciare questo settore se non si punta, in primis, alla destagionalizzazione del turismo attraverso una oculata programmazione di attività ed eventi estivi capaci di allungare la stagione dei vacanzieri e di attrarre a Maruggio e Campomarino flussi di turisti e frequentatori anche a maggio, giugno, luglio e settembre,, nei ponti programmati, nei periodi legati alla produzione dell olio. -Per intercettare i flussi turistici bisognerà favorire la nascita di strutture recettive compatibili con l ambiente e il territorio: alberghi, multiproprietà, bed & breakfast, ostelli della gioventù, agriturismo, aree di sosta attrezzata per camper o drive-in. -Studiare e favorire altre forme di turismo: da quello scolastico a quello rurale, da quello sportivo (Triathlon) al turismo della terza età, da quello per soggetti svantaggiati o disabili a quello religioso, da quello culturale a quello enogastronomico, dal cicloturismo al pesca turismo o turismo subacqueo attraverso il quale si accompagna il turista alle battute di pesca o all esplorazione dei fondali marini. -Altro aspetto trascurato è quello relativo alla formazione degli operatori turistici (ricettività, ristorazione, agenzie viaggi, guide turistiche) attraverso appositi corsi o stage promossi dall amministrazione comunale. Per questo istituiremo un albo delle guide turistiche, formate e qualificata appositamente. -Un altro strumento per promuovere il territorio sono i gemellaggi con altri paesi italiani e d Europa ed avviare scambi culturali e commerciali. -Attuare il piano spiagge per garantire la fruizione del mare e della spiaggia a tutti e attrezzare le spiagge libere con bagnini per rendere il nostro litorale sicure. -L amministrazione comunale si farà promotrice di un bollino di qualità da concedere ai privati che affitteranno le loro case nel periodo estivo garantendo minimi standard di qualità o che si formeranno per l accoglienza dei turisti. -Potenziare i collegamenti tra il paese e il litorale, rendendo fruibili alcune strade di campagna attraverso piste ciclabili e mediante l attuazione di un trasporto pubblico serale-notturno Maruggiomare durante la stagione estiva. -Pensare, infine, oltre al turismo estivo anche al turismo invernale ripristinando ad esempio il presepe vivente nelle tajate dello Spirito Santo. -La pubblica amministrazione, per promuovere l immagine del territorio, istituirà un portale del turista ove metterà in rete le varie attività, i servizi e le opportunità offerte sul territorio. Commercio e artigianato Uno dei primi impegni dell amministrazione comunale è la redazione e l approvazione di un nuovo Piano Commerciale condiviso dalle associazioni di categoria e dagli addetti al settore, per meglio individuare spazi e strumenti per le vendite al dettaglio, sia ambulanti che a posteggio fisso, mettendo fine al fenomeno della vendita selvaggia e abusiva. Nel contempo si procederà all istituzione di un tavolo permanente di concertazione sul commercio cittadino per l analisi delle sue criticità e l elaborazione di proposte al supporto del settore. Uno dei principali compiti del tavolo di concertazione dovrà essere il monitoraggio dei prezzi dei canoni d affitto delle botteghe degli esercizi commerciali di Maruggio e soprattutto Campomarino, il cui rincaro, in alcuni casi fuori mercato, costituisce una delle criticità principali sia nel centro urbano che nella marina. L amministrazione comunale promuoverà il distretto urbano del commercio ( distretto diffuso per comuni con popolazione inferiore a abitanti e con meno di 200 esercizi commerciali Legge regionale n. 15/2011) coinvolgendo gli operatori commerciali, degli enti e delle associazioni interessate, con l utilizzo di finanziamenti e agevolazioni di fondi strutturali europei. 7

8 Risolvere il problema del mercato settimanale con l individuazione di una apposita area mercatale attrezzata. Approvazione ed applicazione di un piano commerciale su aree pubbliche per evitare concessioni ad personam, ad oggi mai regolamentate e attuate (regolamento dei chioschi). Attivazione di un tavolo di concertazione per la nascita di consorzi e la promozione da parte dell Amministrazione comunale di distretti diffusi tra commercianti. Incoraggiare il ripristino di antiche fiere e sagre per la valorizzazione dei prodotti locali. Incentivare, attraverso la deburocratizzazione delle procedure amministrative e sgravi fiscali, la l apertura di nuove forme speciali di vendita al dettaglio: commercio elettronico, vendita per corrispondenza, vendita presso il domicilio dei consumatori, vendita per mezzo di apparecchi automatici. Favorire nel rilascio del posteggi i soggetti portatori di handicap o associazioni di commercio equo e solidale. Progetti di valorizzazione commerciale attraverso la riduzione degli oneri concessori per incentivare il recupero e il cambio di destinazione d uso ad attività commerciale e artigianale e l utilizzo della fiscalità locale. Valorizzazione e promozione di iniziative collaterali quali notte bianca, mercatini, artisti di strada, volte a incentivare l afflusso di utenti durante tutto l anno. Pensare un centro storico rivocato al turismo, all enogastronomia attraverso l applicazione di aliquote IMU agevolate, esenzioni di pagamento della TARSU, della tassa per l occupazione di suolo pubblico. Proponiamo, inoltre, la costruzione di un mercato comunale coperto, un mercatino dell antiquariato e del collezionismo. Promuovere corsi di specializzazione per arti e mestieri al fine di avviare i giovani verso un occupazione artigianale ed evitare di perdere importanti pezzi dell arte, della cultura e delle colture locali. POLITICHE SOCIALI: le famiglie e i soggetti più deboli al centro dell azione amministrativa Le politiche sociali non possono e non devono essere subordinate a una logica di bilancio, non possono essere un capitolo di spesa, ma un investimento, una scommessa sul benessere di chi sta soffrendo, perché la loro azione previene l insorgere del disagio sociale in tutte le sue forme (emarginazione, povertà, devianza minorile, microcriminalità). A Maruggio, però, si ha la forte sensazione che le politiche sociali vengano considerate un attività meramente assistenzialistica e clientelare, anziché essere, riteniamo noi, uno strumento che consenta di dare concreta applicazione ai principi di pari opportunità, di solidarietà, di equità sociale e di non discriminazione. La coalizione Maruggio Democratica, a tal fine, intende: -Predisporre un bilancio sociale che dia priorità alle povertà e ai bisogni diffusi sul territorio; -Riorganizzare e riprogrammare funzioni e interventi dell ufficio dei servizi sociali al fine di ottimizzare le risposte alle esigenze dei bisogni dei cittadini. - Promuovere un modello di welfare municipale caratterizzato dal principio della sussidiarietà. - Predisporre uno studio di settore e un censimento dei bisogni per la formazione di un Piano socio-assistenziale comunale in collaborazione con il Piano sociale di zona. -Regolamentare con criteri oggettivi la concessione di contributi economici alla famiglie in stato di bisogno al fine di intervenire con assoluta imparzialità. - Stabilire un tavolo di concertazione con il Terzo settore (associazioni di volontariato e associazioni caritatevoli parrocchiali). 8

9 - Aprire l InformaSociale (o segretariato sociale), uno sportello di prima accoglienza e orientamento ai servizi socio-assistenziali per i cittadini maruggesi in stato di disagio socioeconomico. -Potenziare il servizio civico per lavori occasionali di 3 mesi l anno. -Favorire la nascita di cooperative sociali alle quali affidare incarichi per l assunzione di soggetti svantaggiati. -Istituzione del voucher sociale per le prestazioni del servizio assistenza domiciliare. -Istituire un fondo sussidio abitativo utenze domestiche e morosità. - Contributo integrazione Carta Acquisti (social card) attraverso l adesione al Programma nazionale. -Sostegno alle famiglie che scelgono le varie forme di affido (minori, anziani, diversamente abili) POLITICHE ABITATIVE : Diritto alla casa A fronte di un disagio abitativo certificato e di una crisi economica che ha ridisegnato la soglia di povertà, Maruggio Democratica si propone di aumentare l offerta degli alloggi in affitto con canoni calmierati e agevolazioni tributarie per i proprietari. Per questo ci proponiamo di: -Riequilibrare il mercato degli affitti, riducendo il numero degli alloggi sfitti e aumentando il numero dei contratti a canone concordato attraverso agevolaizoni tributarie (IMU) per i proprietari che metteranno a disposizione i loro alloggi. -Assumere come amministrazione comunale un ruolo di intermediazione tra proprietari di alloggi sfitti e famiglie in difficoltà per l elevata incidenza del canone. -Integrazione il contributo regionale a sostegno delle case in affitto attraverso la creazione di un fondo nel bilancio preventivo del comune. -Creazione di una casa di primo intervento per far fronte alle emergenze. -Completamento e assegnazione delle due case popolari accanto al cinema. Oltre a questo ci sforzeremo di programmare un piano per l edilizia popolare, in proprietà ma anche in locazione agevolata, favorendo la soluzione del principale problema dei nostri tempi per le giovani coppie, per le famiglie medesime e gli anziani indigenti. INFANZIA e non solo -Predisporre un kit bebè (composto ad es. da pannolini, tettarelle, salviette, etc... in materiale ecocompatibile) per ogni nuovo nato. -Istituire nel bilancio comunale un bonus bebè per le famiglie a basso reddito per il primo anno di vita del bimbo. -Programmare nel corso dell anno il Cine ragazzi. -Istituire un albo delle baby sitter preparate e qualificate attraverso la frequenza di appositi corsi di formazione. -Istituire le figure dei mini vigili e delle sentinelle ecologiche. ANZIANI L aumento della popolazione anziana, e conseguentemente dei problemi connessi con la terza età, impongono ad ogni amministrazione uno studio e un riesame approfondito della propria politica sociale, con l inevitabile destinazione di maggiori risorse a questo settore di intervento. La realizzazione di vere politiche per gli anziani verrà concretizzata attraverso: -Un servizio civico volontario delle persone anziane alle quali affidare diverse mansioni: nonno vigile, attivazione del piedibus, sentinelle ecologiche. 9

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Cagliari 4 dicembre 2012 Centro di ricerca FO.CU.S. Progetto di ricerca a supporto dei territori per l individuazione

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno..

non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno.. Comune di Modena ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI SANITARIE E ABITATIVE non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno.. Cerchi casa e stai vivendo un momento

Dettagli

VÉÇá zä É exz ÉÇtÄx wxäät câzä t

VÉÇá zä É exz ÉÇtÄx wxäät câzä t LEGGE REGIONALE 20 MAGGIO 2014, N. 26 Disposizioni per favorire l accesso dei giovani all agricoltura e contrastare l abbandono e il consumo dei suoli agricoli 2 LEGGE REGIONALE Disposizioni per favorire

Dettagli

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT SAINT-MARCEL MARCEL Storia di un idea CONVEGNO INTERNAZIONALE Esperienze di turismo in ambiente alpino:

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it)

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) Oggetto:Richiesta di ammissione alla Consulta delle Organizzazioni che operano nel settore delle

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

PRESENTAZIONE PROGETTO

PRESENTAZIONE PROGETTO PRESENTAZIONE PROGETTO Serie di attività svolte per sollecitare : Un maggior impegno sociale, Coinvolgimento attivo nella vita cittadina, Crescita della cultura della solidarietà, Dedicazione di parte

Dettagli

COMUNE DI MULAZZO PROVINCIA DI MASSA CARRARA

COMUNE DI MULAZZO PROVINCIA DI MASSA CARRARA COMUNE DI MULAZZO PROVINCIA DI MASSA CARRARA REGOLAMENTO COMUNALE per la disciplina della concessione di sovvenzioni, contributi, sussidi ed ausili finanziari e l attribuzione di vantaggi economici 1 CAPO

Dettagli

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO in collaborazione con Il contesto di riferimento BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO L obiettivo fissato dall Unione Europea che si prefiggeva di raggiungere una ricettività del 33% dei nidi e in generale

Dettagli

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R.

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. /2007 Sommario PREMESSA COMUNE ALLE SEZIONI A E B...3 SEZIONE A - SERVIZI

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI Approvato con deliberazione di G.C. n. 232 in data 30.09.1998 Modificato con deliberazione di G.C. n. 102

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Buone prassi di conservazione del patrimonio BENESSERE GIOVANI COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando con scadenza 9 aprile 2015 Buone prassi di conservazione del

Dettagli

TITOLO I Ambito di applicazione. TITOLO II Disposizioni generali.

TITOLO I Ambito di applicazione. TITOLO II Disposizioni generali. Regolamento d uso del verde Adottato dal Consiglio Comunale nella seduta del 17.7.1995 con deliberazione n. 173 di Reg. Esecutiva dal 26.10.1995. Sanzioni approvate dalla Giunta Comunale nella seduta del

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Un po di storia Il seme dell affido è germogliato in casa Tagliapietra nel lontano 1984 su un esigenza di affido consensuale in ambito parrocchiale. Questo seme ha cominciato

Dettagli

PENSA CHE MENSA SCOLASTICA!

PENSA CHE MENSA SCOLASTICA! PENSA CHE MENSA SCOLASTICA! Buona, pulita e giusta Linee guida per una mensa scolastica di qualità 1 A cura di: Valeria Cometti, Annalisa D Onorio, Livia Ferrara, Paolo Gramigni In collaborazione con:

Dettagli

TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU. Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali LE ALIQUOTE

TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU. Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali LE ALIQUOTE TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali Aliquota ordinaria rurali LE ALIQUOTE Aliquota ordinaria I casa Aliquota ordinaria altri 2 per mille 4 per

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

Comune di Massa Lombarda

Comune di Massa Lombarda CdC CDR009 RESP. SEGRETERIA GENERALE PROGETTO RPP: AREA AFFARI GENERALI RESPONSABILE: CANTAGALLI PAOLO 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Area Affari Generali 1 UFFICIO SEGRETERIA

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM

Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM INDICE Premessa Adotta una Scuola per l EXPO 2015: obiettivi Tipologie di scuole La procedura di selezione delle scuole Le modalità per adottare la

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

Comune di Bagnacavallo

Comune di Bagnacavallo CdC CDR009 RESP. SEGRETERIA GENERALE PROGETTO RPP: SETTORE SEGRETERIA RESPONSABILE: GRATTONI ANGELA 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Settore Segreteria 1 SETTORE SEGRETERIA

Dettagli

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI PREMESSA Nell ambito del Programma Torino e le Alpi, la Compagnia di San Paolo ha promosso dal 12 al 14 settembre 2014,

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

2013-2018 ROMA CAPITALE

2013-2018 ROMA CAPITALE 2013-2018 ROMA CAPITALE Proposte per il governo della città Sintesi stampa IL VINCOLO DELLE RISORSE ECONOMICO-FINANZIARIE Il debito del Comune di Roma al 31/12/2011 ammonta a 12,1 miliardi di euro; di

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 Nuovo Piano Casa Regione Lazio Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 AMBITO DI APPLICAZIONE (Art. 2) La Legge si applica agli edifici: Legittimamente realizzati

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Protagonismo culturale dei cittadini BENESSERE COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando senza scadenza Protagonismo culturale dei cittadini Il problema La partecipazione

Dettagli

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo Valutazione Crediti e proposte Progetti Area Turismo a cura di Bruno Turra Questo documento intende affrontare l analisi delle priorità di valutazione nell area turismo individuandone le principali componenti

Dettagli

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Referenti: Coordinatore Scuole dott. Romano Santoro Coordinatrice progetto dott.ssa Cecilia Stajano c.stajano@gioventudigitale.net Via Umbria

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

Codice deontologico dell Assistente Sociale

Codice deontologico dell Assistente Sociale Codice deontologico dell Assistente Sociale Approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine Roma, 6 aprile 2002 TITOLO I Definizione e potestà disciplinare 1. Il presente Codice è costituito dai principi

Dettagli

6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI

6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI dell Ambiente del 6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI In questo capitolo esporremo i risultati che ci sembrano di maggior interesse tra quelli emersi dall elaborazione dei dati restituitici dagli

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI di Luigi Cenicola 1. Premessa. A decorrere dall anno 2014, per il servizio di raccolta dei rifiuti solidi urbani e per i servizi indivisibili comunali, si pagheranno

Dettagli

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche Comune di Parma Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche A vent anni dall entrata in vigore della più importante legge sull abbattimento delle barriere

Dettagli

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 NORME GENERALI Art. 1 Validità del regolamento interno Il presente regolamento, derivante dai principi espressi dallo Statuto da cui discende, rappresenta le regole e le concrete

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

QUALI RISCHI PER IL NOSTRO PAESE?

QUALI RISCHI PER IL NOSTRO PAESE? TERRITORIO BENE COMUNE IN MOVIMENTO Camerano, 30 GENNAIO 2015 QUALI RISCHI PER IL NOSTRO PAESE? Maurizio Sebastiani Italia Nostra Marche 1 I RISCHI DELLO «SBLOCCA ITALIA» Sblocca Italia, allarme di Bankitalia:

Dettagli

Comune di Fusignano ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Area Amministrativa. Sottoreport Comune

Comune di Fusignano ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Area Amministrativa. Sottoreport Comune CdC CDR009 RESP. SEGRETERIA GENERALE PROGETTO RPP: AREA AMMINISTRATIVA RESPONSABILE: GIANGRANDI TIZIANA 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Area Amministrativa 1 UFFICIO SEGRETERIA

Dettagli

Comune di Bagnara di Romagna

Comune di Bagnara di Romagna CdC ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - CDR009 PROGETTO RPP: RESPONSABILE: RESP. SEGRETERIA GENERALE AREA AMMINISTRATIVA (URP E SERVIZI DEMOGRAFICI - UFFICIO SEGRETERIA) CANTAGALLI PAOLO 100 Miglioramento e razionalizzazione

Dettagli

l_debellis@libero.it PUBBLICA AMMINSTRAZIONE - REGIONE MARCHE

l_debellis@libero.it PUBBLICA AMMINSTRAZIONE - REGIONE MARCHE CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome PASQUALE DE BELLIS Indirizzo Via Piave, nr. 20-60027 Osimo Stazione (AN) ITALIA Telefono 347 8228478 071 7819651 Fax E-mail pasquale.de.bellis@regione.marche.it

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI Art. 1 Oggetto. Il Comune di Varedo, nell ottica di garantire una sempre maggiore attenzione alle politiche sportive e ricordando i principi ispiratori del

Dettagli

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara PROMECO Progettazione e intervento per la prevenzione Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara Aprile 2006 Premessa Punti di forza, obiettivi raggiunti Elementi su cui

Dettagli

COMUNE DI ROVELLASCA

COMUNE DI ROVELLASCA COMUNE DI ROVELLASCA Provincia di COMO REGOLAMENTO SERVIZIO DI VOLONTARIATO CIVICO COMUNALE Approvato con deliberazione C.C. n. 5 del 13.04.2015 Ripubblicato all Albo pretorio dal 13.05.2015 al 28.05.2015

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

DELLA REGIONE DELL UMBRIA

DELLA REGIONE DELL UMBRIA Supplemento ordinario n. 1 al «Bollettino Ufficiale» - serie generale - n. 59 del 27 dicembre 2006 Spedizione in abbonamento postale Art. 2, comma 20/c, legge 662/96 - Fil. di Potenza REPUBBLICA ITALIANA

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI INDICE CAPO I - NORME GENERALI ART: 1 - FINALITA ART.

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE 6 PARTE PRIMA LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE Sezione I LEGGI REGIONALI LEGGE REGIONALE 17 settembre 2013, n. 16. Norme in materia di prevenzione delle cadute dall alto. Il Consiglio

Dettagli

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande 1. Quali sono le caratteristiche distintive dell impresa cooperativa? L impresa cooperativa è un impresa costituita da almeno 3 soci e può avere la forma della

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DEI SERVIZI PUBBLICI

CLASSIFICAZIONE DEI SERVIZI PUBBLICI CLASSIFICAZIONE DEI SERVIZI PUBBLICI Il presente documento contiene la classificazione dei servizi pubblici adottata per l iniziativa Mettiamoci la faccia. Si tratta di una classificazione e non di una

Dettagli

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6 54 Distretto Scolastico ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE AD INDIRIZZO MUSICALE De Amicis Baccelli di Sarno (Sa) Sede Legale: Corso G. Amendola, 82 - C.M.: SAIC8BB008 - C.F.:94065840657 E mail:saic8bb008@istruzione.it

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Società Cooperativa sociale onlus corso Torino 4/3 16129 Genova tel. 010 5956962 fax 010 5950871 info@cosgenova.com; coscooperativa@fastwebnet.it 1 Sede legale

Dettagli

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali AMBITO TERRITORIALE DI AGNONE AGNONE BELMONTE DEL SANNIO CAPRACOTTA CAROVILLI CASTEL DEL GIUDICE CASTELVERRINO PESCOPENNATARO PIETRABBONDANTE POGGIO SANNITA SAN PIETRO AVELLANA SANT ANGELO DEL PESCO VASTOGIRARDI

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 Sintesi DICEMBRE 2014 1. Inquadramento e motivazioni Il Ministero dei Beni, delle

Dettagli

Autonomia e parità in altri paesi: alcuni esempi

Autonomia e parità in altri paesi: alcuni esempi Autonomia e parità in altri paesi: alcuni esempi 1 FRANCIA Le Scuole sous contrat d association In Francia il sistema è centralistico con un Ministero forte che regola ogni aspetto. Ci sono tre tipologie

Dettagli

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI 1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI La Provincia è un istituzione pubblica territoriale; gli organi di governo sono eletti dalla popolazione residente nel territorio e hanno il compito

Dettagli

LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE

LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE 1. Definizione del Commercio Equo e Solidale Il Commercio Equo e Solidale e' un approccio alternativo al commercio convenzionale; esso promuove

Dettagli

CONTO DEL BILANCIO 2013

CONTO DEL BILANCIO 2013 CONTO DEL BILANCIO 03 IMPEGNI PER SPESE CORRENTI I N T E R V E N T I C O R R E N T I Personale Acquisto di beni di Consumo e/o di Materie Prime Prestazioni di servizi Utilizzo di Beni di terzi Trasferimenti

Dettagli

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI Agevolazioni all acquisto L acquisto di un montascale a poltroncina, a piattaforma e di una piattaforma elevatrice per l utilizzo in abitazioni

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC?

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC? La PAC che verrà: Smart change or business as usual? La posizione ufficiale IFOAM EU sulla prossima riforma PAC 2014 2020 Alessandro Triantafyllidis, IFOAM EU Group Siamo a metà dell attuale periodo di

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09 Unione Europea Regione Siciliana Dipartimento Regionale Azienda Foreste Demaniali Codice POR: 1999.IT.16.1.PO.011/1.11/11.2.9/0334 Ambito territoriale dei Monti di Trapani PIANO DI GESTIONE versione conforme

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI

IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI Con decreto direttoriale del 7 ottobre 2013, il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare ha adottato il Programma Nazionale di

Dettagli

Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio

Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio Cosa sono I buoni lavoro (o voucher) rappresentano un sistema di pagamento del lavoro occasionale accessorio, cioè di quelle prestazioni di lavoro svolte

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA PROTOCOLLO DI INTESA TRA L Associazione Fare Ambiente, Movimento Ecologista Europeo, già riconosciuta con Decreto del Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare del 27 febbraio 2009,

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA 1. A norma degli articoli 14 e seguenti del Codice Civile è costituita la Fondazione dell

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

Comune di Sant'Agata sul Santerno

Comune di Sant'Agata sul Santerno CdC CDR009 RESP. SEGRETERIA GENERALE PROGETTO RPP: AREA SERVIZI GENERALI RESPONSABILE: RAMBELLI STEFANO 100 Miglioramento e razionalizzazione attività ordinarie Area Servizi Generali 1 UFFICIO SEGRETERIA

Dettagli