PROGRAMMA ELETTORALE LISTA MARUGGIO DEMOCRATICA ELEZIONI COMUNALI 2014

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROGRAMMA ELETTORALE LISTA MARUGGIO DEMOCRATICA ELEZIONI COMUNALI 2014"

Transcript

1 PROGRAMMA ELETTORALE LISTA MARUGGIO DEMOCRATICA ELEZIONI COMUNALI 2014 Maruggio città di tutti: la carta degli impegni Maruggio Democratica non è un cartello elettorale ma una rete civica fatta di cittadini attivi che vogliono scommettere su un nuovo modo di amministrare il territorio. Perché una lista civica? Perché si vuole mettere la persona al centro della politica e non le ideologie o i pregiudizi, partendo dall ascolto dei cittadini per definire insieme le soluzioni per il bene comune. Una grande aggregazione di forze politiche, movimenti e un pezzo importante della società civile che hanno deciso di stare insieme per inaugurare un nuovo corso politico-amministrativo all insegna della Partecipazione, Trasparenza e Legalità, affinchè i cittadini tornino a essere suggeritori, consiglieri e giudici vigili dell operato dei propri amministratori. Questa amministrazione uscente ha fatto cadere la nostra Maruggio nell immobilismo e quel che è peggio, che ha preso il sopravvento sui cittadini il pessimismo e la rassegnazione. Noi diciamo che cambiare si può e si deve. La prima sfida è, pertanto, quella di diventare un paese normale, e Maruggio ha tutte le potenzialità per esserlo: occorre solo uno sforzo, uno scatto d orgoglio e smettere di considerarsi subalterni o sudditi e scoprire in sè le risorse e la dignità per diventare cittadini. Un amministrazione comunale, che voglia volare alto, avvertendo il perso morale della sua missione nei riguardi dei cittadini, dovrà sempre dare risposte immediate, curando gli interessi diffusi, collettivi, promuovendo lo sviluppo, assumendo a parametro comportamentale il valore della solidarietà economica e sociale da indirizzare in primo luogo verso i soggetti più deboli. Una sana amministrazione dovrà inoltre garantire trasparenza amministrativa, rigore gestionale e partecipazione dei cittadini alla gestione della cosa pubblica. Efficienza ed efficacia, economicità e produttività, trasparenza e partecipazione sono dunque i criteri su cui sarà improntato il governo della città, ma prima di parlare di una qualsiasi programmazione di opere, è indispensabile che si faccia un attenta analisi delle disponibilità finanziarie per non scadere nelle facili promesse che non si potranno poi mantenere. Per questo motivo si propone una gradualità e una priorità negli interventi, calibrati sulla base delle reali disponibilità di bilancio, contenendo le spese superflue e cancellando completamente i tanti sprechi che in questi anni hanno assorbito risorse economiche importanti del bilancio comunale. Ma perché questo accada e per aumentare le risorse economiche per gli investimenti occorre, secondo lo slogan pagare tutti, pagare meno, condurre una lotta ferma contro l evasione e l elusione dei tributi comunali a Maruggio e sulla fascia costiera (vedi fenomeno false residenze nella marina). I settori produttivi (Turismo, Agricoltura, Artigianato) devono vedere l attenzione costante e fattiva dell Amministrazione attraverso incentivi economici per la promozione e la valorizzazione dei nostri prodotti locali. Tutto ciò, però, non potrà essere realizzato in modo organico se non sarà inquadrato in una pianificazione urbanistica del territorio e quindi impegno preminente e prioritario sarà dato alla rivisitazione del Piano Urbanistico Generale, alla riperimetrazione delle zone PAI e all approvazione del Piano comunale delle coste. Questo e altro ancora potrà essere concretizzato se ripristiniamo legalità e trasparenza per far ritornare al cittadino quella fiducia che man mano ha perso nella pubblica amministrazione. 1

2 Riteniamo che tutti i cittadini debbano contribuire alla buona amministrazione del nostro paese, facendoli partecipi e coinvolgendoli nelle decisioni più importanti e senza circoscrivere il loro compito alla mera delega in bianco nei confronti degli amministratori di turno. In quest ottica intendiamo proporre e sperimentare una forma particolare di bilancio e avviare un modo nuovo di prendere le decisioni che riguardano la collettività: il BILANCIO PARTECIPATO attraverso assemblee tematiche, in cui la partecipazione dei cittadini è diretta e deliberativa soprattutto nei settori della salute, dell educazione, dell assistenza sociale, dell abitazione e delle grandi opere pubbliche. Riteniamo che la popolazione possa decidere regole più giuste e più solidali rispetto ai bisogni sociali e quindi, al fine di spendere le risorse pubbliche in modo rispondente alle necessità della comunità. I professionisti, le donne, gli imprenditori, i lavoratori troveranno negli organi di governo e nella struttura comunale profondamente rinnovata, riferimenti certi e credibili. Profonderemo ogni energia per ricostruire il tessuto sociale oggi caratterizzato dalla rassegnazione, dalla disgregazione, dall indifferenza e dall individualismo, rifondandolo sull etica delle responsabilità, della civile convivenza e della partecipazione attiva dei cittadini. Il nostro impegno primario, la nostra rivoluzione, sarà di far diventare Maruggio un paese normale, incominciando dagli amministratori obbligandoli/ci a tenere i consigli comunali in orari accessibili ai cittadini, dandone la più ampia pubblicità, spostando le sedute più importanti in piazza. In questi mesi di incontri, di studio e di analisi ci siamo sforzati di offrirvi un programma partecipato, nato dalle idee di numerosi maruggesi, soprattutto giovani e donne che si sono incontrati e confrontati sulle varie tematiche che la prossima amministrazione comunale dovrà affrontare. Quanto segue, pertanto, è la sintesi di questo percorso aperto e condiviso perché la parola futuro si scrive insieme. TEMI PROGRAMMATICI TRASPARENZA, PARTECIPAZIONE, COMUNICAZIONE E DEMOCRAZIA Trasparenza, partecipazione, comunicazione e democrazia non possono essere e rimanere slogan. Il municipio di Maruggio non può essere gestito con stili da piccola azienda a conduzione familiare dove pochi decidono per tutti con modi paternalistici. Occorre ripristinare il clima di correttezza amministrativa attraverso nuove regole e controlli da parte dei cittadini. Perciò trasparenza e comunicazione saranno garantite mediante strumenti reali: Pubblicazione di una carta dei sevizi Istituzione di un Ufficio Relazioni con il Pubblico. Istituzione di una segreteria telefonica o mail per lasciare messaggi con suggerimenti e segnalazioni per il Sindaco e gli assessori. Sistemazione in piazza di una bacheca comunale. Rendicontazione semestrale del Sindaco ai cittadini. Promuovere la nascita di un bollettino d informazione comunale per stabilire un rapporto interattivo di comunicazione con i cittadini. Mailing list notizie comunali. Consigli comunali tenuti di sera e non di mattina, in orari più accessibili e quelli più importanti in piazza. 2

3 Apertura dei Consigli comunali all udienza e al contributo delle associazioni imprenditoriali, degli ordini professionali, delle organizzazioni sindacali, delle associazioni di volontariato cattoliche e laiche, delle comunità parrocchiali. Webcam nella Sala e nelle commissioni consiliari per permettere a tutti i cittadini di seguire l evento sul proprio pc. Conferenza stampa mensile aperta a tutti i cittadini. Progetto Conoscere il Comune rivolto alle scuole primarie in collaborazione con gli insegnanti per far conoscere ai più piccoli come viene gestita l amministrazione pubblica. Pubblicazione dell albo dei contributi economici ad enti ed associazioni. Tempi certi per rilascio permessi, autorizzazioni, concessioni. Partecipazione e democrazia Questa amministrazione favorirà la partecipazione popolare per rendere partecipi i cittadini delle scelte più rilevanti che si andranno ad assumere nel corso della consiliatura attraverso: l istituzione del referendum comunale, previsto dal nostro Comune e mai regolamentato e attuato. la somministrazione di questionari attraverso cui chiedere pareri, proposte ed opinioni prima di scelte importanti. Introduzione del bilancio partecipativo, il quale prevede che una parte consistente del bilancio comunale venga gestita direttamente dalla cittadinanza; ruolo fondamentale in questo percorso di coinvolgimento partecipato e dal basso, sarà quello dei pre-consigli, delle consulte, e dei forum dei giovani e degli anziani. la convocazione di assemblee cittadine consultive prima dell approvazione di bilanci o importanti strumenti di pianificazione (piano urbanistico, piano costa, piano commerciale, piano del traffico ecc.). Istituzione di commissioni tematiche permanenti e consulte comunali con poteri propositivi obbligatori e per alcune aree vincolanti. Istituzione della consigliera comunale di parità ( a costo zero). Istituzione di assessorati con proprio staff (a costo zero). Istituire forum, consulte cittadine e le commissioni consiliari. Istituire il consiglio comunale dei ragazzi. Il sindaco: a lavoro a tempo pieno Il sindaco dovrà avere un punto di ascolto per i cittadini localizzato al piano terra, dove riceverà la cittadinanza in orari e giorni certi durante la settimana. Il nostro sindaco, dopo essersi messo in aspettativa dal proprio lavoro, si dedicherà a tempo pieno al Comune e ai cittadini facendo gli stessi orari degli impiegati comunali. POLITICHE DI BILANCIO E POLITICA TRIBUTARIA La costruzione del bilancio che intendiamo realizzare insieme ai cittadini, diventa un elemento fondamentale per definire una seria politica redistributiva. Per questo vogliamo rivedere la politica tributaria sin qui seguita, basandoci sul principio costituzionale che prevede la partecipazione economica dei cittadini in base alla propria capacità contributiva e quindi in base alle proprie reali condizioni economiche. Sarà intensificata, pertanto, la lotta all evasione, ma anche agli sprechi e agli sperperi di denaro pubblico di cui abbiamo visto in questi anni di centro destra esempi clamorosi. Perseguiremo una politica differenziata delle tariffe con sgravi o servizi gratuiti per alcune categorie: giovani e giovani coppie, studenti, disoccupati, categorie socialmente svantaggiate. Pertanto proponiamo: 3

4 Un azione tesa a ridurre spese non sufficientemente giustificate, quali le consulenze esterne indiscriminate, i pareri legali, liti temerarie contenziosi, debiti fuori bilancio. Razionalizzare la spesa pubblica con una spending review comunale, al fine di evitare sprechi spese superflue e ottimizzare economie. Una azione tesa a promuovere una campagna per recuperare evasioni tributarie come l ICI, IMU e TARSU o altre imposte o tasse comunali, secondo il principio già menzionato pagare tutti, pagare meno. Riduzione dell IMU sulla prima casa per redditi medio bassi e su piccoli terreni direttamente coltivati e per le giovani coppie. Esenzione e riduzione addizionale IRPEF (aliquota massima in questi anni) per le famiglie a basso reddito. LE NOSTRE PRIORITÀ IL LAVORO AI MARUGGESI: ECCO IL NOSTRO PIANO PER L OCCUPAZIONE Il cattivo costume di fare assunzioni, stipulare convenzioni e dare incarichi in prospettiva elettorale o per premiare i propri seguaci, oltre ad essere assai diffuso comporta un vero e proprio spreco di energie e di fondi che utilizzati in maniera diversa potrebbero fare molto per alleviare la carenza di lavoro che colpisce le nostre realtà. Delle vere politiche del lavoro non saranno mai prese in considerazione fino a quando vigerà tale uso distorto del potere. -Creazione di una consulta del lavoro composta dal Comune, dalle imprese presenti sul territorio, dalle associazioni degli industriali e dei commercianti, dai sindacati, dalle scuole superiori (Istituto alberghiero e agrario), dagli enti formativi, dal Centro per l impiego (ex collocamento), da agenzie interinali, dalla scuola edile di Taranto, dalla Camera del commercio e dell artigianato, con lo scopo di monitorare l economia del territorio e a suggerire strategie e opportunità lavorative. -Creazione di uno sportello lavoro con attenzione particolare ai soggetti deboli e alle persone svantaggiate al fine di fornire informazioni relative alle tematiche del lavoro a livello locale e nazionale. -Affidamenti lavori, servizi e forniture: valorizzare le ditte, le maestranze e i fornitori maruggesi, se economicamente vantaggiosi, nell affidamento diretto di lavori e servizi sotto soglia (sotto i ), attraverso un albo delle ditte e dei fornitori di fiducia del comune per settori d intervento. -Affidamento incarichi legali sino a euro: valorizzare gli avvocati del territorio per il conferimento di incarichi legali su base fiduciaria, così come prevede il Regolamento comunale per gli incarichi agli avvocati esterni e il Regolamento comunale per lavori, forntiture e servizi in economia, approvati in consiglio comunale e mai applicati, attraverso l istituzione di un albo degli avvocati dal quale attingere secondo il criterio del campo di competenza e della rotazione. -Affidamenti incarichi a professionisti e tecnici: valorizzare i professionisti e i tecnici maruggesi per gli incarichi professionali a ingegneri, architetti, geometri attraverso l istituzione di un albo comunale. -Potenziare il servizio civico comunale per lavori occasionali (massimo 3 mesi l anno). -Istituire e regolamentare i buoni lavoro (voucher) per lavori occasionali accessori a disoccupati e inoccupati, fino a un massimo annuo di euro per prestatore. -Realizzazione dei lavori comunali sino a euro mediante amministrazione diretta, così come previsto dal Regolamento comunale per i lavori, le forniture e i servizi in economia (art. 12: Il 4

5 responsabile del comune richiede l assunzione di personale straordinario secondo il regolamento di accesso agli impieghi del Comune o mediante ricorso al lavoro interinale ). -Lotta agli sprechi al fine di istituire cantieri lavoro l inserimento reinserimento lavorativo per coloro che perdono il posto di lavoro. -Favorire la nascita di cooperative di lavoro alle quali affidare incarichi per la manutenzione del verde pubblico, per la pulizia degli uffici comunali, biblioteca e cinema e altri servizi, anziché affidarsi a cooperative o ditte forestiere. -Istituire un servizio di rimozione coatta in affidamento. -Ripristinare un servizio pesa pubblica (il bilico) da affidare in concessione. -Regolamentare e affidare in concessione aree pubbliche per realizzazione di chioschi. -Creare l officina delle arti e dei mestieri. -Allungare la stagione turistica partendo da una riprogrammazione degli eventi e attraverso un marketing di promozione del territorio. -Promuovere fuori da Maruggio i prodotti locali con un proprio marchio. -Accesso al microcredito per soggetti non bancabili: il comune si fa garante presso un istituto di credito di un prestito per l avvio di una attività lavorativa. -Rilanciare e programmare le politiche agricole locali e favorire la creazione di cooperative e aziende agricole attraverso fiere sagre enogastronomiche, mercati dei prodotti locali dei produttori diretti, istituzione di un marchio delle produzioni agro-alimentari autoctonie (Denominazione Comunale di Origine). -Formazione agricoltura: Istituire corsi professionali per l agricoltura e di qualifica per quelle attività specializzate in via d estinzione (si pensi ai potatori, ai mondatori, agli innestatori). -Incentivare la cessione di terreni incolti e produttivi a giovani disoccupati o a cooperative agricole a fronte di sgravi fiscali per i proprietari. -Formazione artigianato: organizzazione di corsi per arti e mestieri in via d estinzione per la costruzione di muretti a secco, per la lavorazione della cartapesta, del ferro battuto, per la realizzazione di cesti, panari e cannizzi, per calzolai. -Istituire l albo comunale delle badanti e delle babysitter qualificate attraverso corsi di formazione. -Favorire l apertura di nuove forme speciali di vendita al dettaglio: commercio elettronico, vendita per corrispondenza, vendita presso il domicilio dei consumatori, vendita per mezzo di apparecchi automatici. -Lidi giovani: rilasciare, dopo l approvaizone del Piano Coste, nuove concessioni demaniali stagionali (tramite bando pubblico) esclusivamente a giovani studenti e disoccupati per la realizzazione di piccole strutture balneari leggere e temporanee. POLITICHE AGRICOLE PER MARUGGIO Nella nostra realtà economica locale uno dei settori portanti, anche se attraversa un periodo di forte crisi, è l agricoltura. Non può ancora essere sottovalutata l importanza delle politiche agricole locali di un paese che si dice a vocazione agricola. Per questo è necessario rafforzare quest attività attraverso azioni mirate a partire dalle seguenti azioni: Attrezzare un efficiente ufficio comunale di servizio per gli agricoltori, un assessorato, una commissione o consulta agricola comunale al fine di coordinare e promuovere iniziative in materia di produzioni agricole, zootecniche e casearie e incontri per l informazione e la qualificazione degli operatori agricoli per la valorizzazione dei prodotti della nostra terra. Istituire un fondo apposito nel bilancio di previsione per cominciare a dare attuazione a un minimo di politiche agricole comunali. Istituzione di un albo comunale delle produzioni agro-alimentare autoctone e di un registro De.C.O. (Denominazione Comunale di Origine) e rilascio del marchio De.C.O. al fine di attestare l origine del prodotto e la sua composizione. 5

6 Connotare la nostra agricoltura con produzioni di qualità (D.O.C., D.O.P., biologico, biodinamico ). Favorire la creazione di un centro di stoccaggio dei prodotti locali o di un centro agroalimentare a partecipazione comunale. Istituire un mercatino settimanale dei prodotti agricoli locali a km 0 (mercato del contadino e mercati di Campagna Amica) per accorciare la filiera attraverso l individuazione di un area attrezzata. Utilizzo dei prodotti agricoli locali nella mensa scolastica da prevedere nei bandi di gara per l affidamento della refezione scolastica. Recupero del vasto patrimonio rurale (masserie, trulli, muretti a secco ) per favorirne l inserimento nel settore dell agriturismo, mettendo a conoscenza la cittadinanza di tutte le misure d intervento regionali ed europee. Istituire corsi professionali per l agricoltura e di qualifica per quelle attività specializzate in via d estinzione (si pensi ai potatori, ai mondatori, agli innestatori, per apicoltori). Convenzione con l Istituto per l agricoltura di Manduria, confederazioni di settore e organismi di controllo della qualità. Sistemazione delle vie rurali e interpoderali comunali attraverso l istituzione di un apposito capito di spesa nel bilancio di previsione. Ai fini della valorizzazione e salvaguardia del territorio anche a fini turistici si esenteranno dall imposta sugli immobili agricoli gli uliveti secolari che verranno recintati con muretti a secco. Incentivare i proprietari di terreni incolti che li metteranno a disposizione di coltivatori locali. Riduzione dell IMU alle aziende agricole o ai contadini che vivono di agricoltura. Favorire i produttori diretti attraverso l esenzione o l abbattimento della tassa per l occupazione del suolo pubblico per la vendita dei loro prodotti. Realizzazione di fiere enogastronomie, feste e manifestazioni per valorizzare e favorire la commercializzazione dei prodotti dell agricoltura locale (anche attraverso gemellaggi o la rete di maruggesi all estero): olio, vino, grano, prodotti caseari, fichi e pomodori secchi, le nostre frise, i pizzarieddi, gli aromi selvatici ecc. Favorire la creazione di percorsi didattici. Favorire la costituzione di cooperative agricole per la creazione di una cantina sociale, di un mulino o per sviluppare l apicoltura. Favorire l accesso al credito per investimenti nel campo dell agricoltura (il comune si fa garante nei confronti duna banca convenzionata). Favorire il commercio elettronico per saltare le intermediazioni. Ripensare gli spazi e i posteggi di vicinato per la vendita dei prodotti locali distribuiti su tutto il territorio comunale. Intendiamo inoltre promuovere le dovute iniziative allo scopo di recuperare il vasto patrimonio rurale (MASSERIE, TRULLI, MURI A SECCO), favorendo anche lo sviluppo dell agriturismo. ATTIVITÀ PRODUTTIVE: TURISMI, COMMERCIO E ARTIGIANATO Turismi Maruggio dovrebbe essere una città turistica. Il nostro impegno è quello di permettere che nel corso dei prossimi anni questa vocazione diventi sempre più una realtà a tutto vantaggio dei cittadini, di chi ci vive di turismo e del territorio. 6

7 I turismi, quelli sostenibili e compatibili, dovranno, pertanto, essere il settore trainante dell economia locale, per questo meritano la dovuta attenzione e il coinvolgimento degli operatori del settore di Maruggio e Campomarino al fine di sviluppare le sinergie necessarie con la pubblica amministrazione per rilanciare insieme il settore, individuare le priorità e le occasioni di investimento. A tal fine si istituiranno apposite consulte di settore. -Non si può parlare rilanciare questo settore se non si punta, in primis, alla destagionalizzazione del turismo attraverso una oculata programmazione di attività ed eventi estivi capaci di allungare la stagione dei vacanzieri e di attrarre a Maruggio e Campomarino flussi di turisti e frequentatori anche a maggio, giugno, luglio e settembre,, nei ponti programmati, nei periodi legati alla produzione dell olio. -Per intercettare i flussi turistici bisognerà favorire la nascita di strutture recettive compatibili con l ambiente e il territorio: alberghi, multiproprietà, bed & breakfast, ostelli della gioventù, agriturismo, aree di sosta attrezzata per camper o drive-in. -Studiare e favorire altre forme di turismo: da quello scolastico a quello rurale, da quello sportivo (Triathlon) al turismo della terza età, da quello per soggetti svantaggiati o disabili a quello religioso, da quello culturale a quello enogastronomico, dal cicloturismo al pesca turismo o turismo subacqueo attraverso il quale si accompagna il turista alle battute di pesca o all esplorazione dei fondali marini. -Altro aspetto trascurato è quello relativo alla formazione degli operatori turistici (ricettività, ristorazione, agenzie viaggi, guide turistiche) attraverso appositi corsi o stage promossi dall amministrazione comunale. Per questo istituiremo un albo delle guide turistiche, formate e qualificata appositamente. -Un altro strumento per promuovere il territorio sono i gemellaggi con altri paesi italiani e d Europa ed avviare scambi culturali e commerciali. -Attuare il piano spiagge per garantire la fruizione del mare e della spiaggia a tutti e attrezzare le spiagge libere con bagnini per rendere il nostro litorale sicure. -L amministrazione comunale si farà promotrice di un bollino di qualità da concedere ai privati che affitteranno le loro case nel periodo estivo garantendo minimi standard di qualità o che si formeranno per l accoglienza dei turisti. -Potenziare i collegamenti tra il paese e il litorale, rendendo fruibili alcune strade di campagna attraverso piste ciclabili e mediante l attuazione di un trasporto pubblico serale-notturno Maruggiomare durante la stagione estiva. -Pensare, infine, oltre al turismo estivo anche al turismo invernale ripristinando ad esempio il presepe vivente nelle tajate dello Spirito Santo. -La pubblica amministrazione, per promuovere l immagine del territorio, istituirà un portale del turista ove metterà in rete le varie attività, i servizi e le opportunità offerte sul territorio. Commercio e artigianato Uno dei primi impegni dell amministrazione comunale è la redazione e l approvazione di un nuovo Piano Commerciale condiviso dalle associazioni di categoria e dagli addetti al settore, per meglio individuare spazi e strumenti per le vendite al dettaglio, sia ambulanti che a posteggio fisso, mettendo fine al fenomeno della vendita selvaggia e abusiva. Nel contempo si procederà all istituzione di un tavolo permanente di concertazione sul commercio cittadino per l analisi delle sue criticità e l elaborazione di proposte al supporto del settore. Uno dei principali compiti del tavolo di concertazione dovrà essere il monitoraggio dei prezzi dei canoni d affitto delle botteghe degli esercizi commerciali di Maruggio e soprattutto Campomarino, il cui rincaro, in alcuni casi fuori mercato, costituisce una delle criticità principali sia nel centro urbano che nella marina. L amministrazione comunale promuoverà il distretto urbano del commercio ( distretto diffuso per comuni con popolazione inferiore a abitanti e con meno di 200 esercizi commerciali Legge regionale n. 15/2011) coinvolgendo gli operatori commerciali, degli enti e delle associazioni interessate, con l utilizzo di finanziamenti e agevolazioni di fondi strutturali europei. 7

8 Risolvere il problema del mercato settimanale con l individuazione di una apposita area mercatale attrezzata. Approvazione ed applicazione di un piano commerciale su aree pubbliche per evitare concessioni ad personam, ad oggi mai regolamentate e attuate (regolamento dei chioschi). Attivazione di un tavolo di concertazione per la nascita di consorzi e la promozione da parte dell Amministrazione comunale di distretti diffusi tra commercianti. Incoraggiare il ripristino di antiche fiere e sagre per la valorizzazione dei prodotti locali. Incentivare, attraverso la deburocratizzazione delle procedure amministrative e sgravi fiscali, la l apertura di nuove forme speciali di vendita al dettaglio: commercio elettronico, vendita per corrispondenza, vendita presso il domicilio dei consumatori, vendita per mezzo di apparecchi automatici. Favorire nel rilascio del posteggi i soggetti portatori di handicap o associazioni di commercio equo e solidale. Progetti di valorizzazione commerciale attraverso la riduzione degli oneri concessori per incentivare il recupero e il cambio di destinazione d uso ad attività commerciale e artigianale e l utilizzo della fiscalità locale. Valorizzazione e promozione di iniziative collaterali quali notte bianca, mercatini, artisti di strada, volte a incentivare l afflusso di utenti durante tutto l anno. Pensare un centro storico rivocato al turismo, all enogastronomia attraverso l applicazione di aliquote IMU agevolate, esenzioni di pagamento della TARSU, della tassa per l occupazione di suolo pubblico. Proponiamo, inoltre, la costruzione di un mercato comunale coperto, un mercatino dell antiquariato e del collezionismo. Promuovere corsi di specializzazione per arti e mestieri al fine di avviare i giovani verso un occupazione artigianale ed evitare di perdere importanti pezzi dell arte, della cultura e delle colture locali. POLITICHE SOCIALI: le famiglie e i soggetti più deboli al centro dell azione amministrativa Le politiche sociali non possono e non devono essere subordinate a una logica di bilancio, non possono essere un capitolo di spesa, ma un investimento, una scommessa sul benessere di chi sta soffrendo, perché la loro azione previene l insorgere del disagio sociale in tutte le sue forme (emarginazione, povertà, devianza minorile, microcriminalità). A Maruggio, però, si ha la forte sensazione che le politiche sociali vengano considerate un attività meramente assistenzialistica e clientelare, anziché essere, riteniamo noi, uno strumento che consenta di dare concreta applicazione ai principi di pari opportunità, di solidarietà, di equità sociale e di non discriminazione. La coalizione Maruggio Democratica, a tal fine, intende: -Predisporre un bilancio sociale che dia priorità alle povertà e ai bisogni diffusi sul territorio; -Riorganizzare e riprogrammare funzioni e interventi dell ufficio dei servizi sociali al fine di ottimizzare le risposte alle esigenze dei bisogni dei cittadini. - Promuovere un modello di welfare municipale caratterizzato dal principio della sussidiarietà. - Predisporre uno studio di settore e un censimento dei bisogni per la formazione di un Piano socio-assistenziale comunale in collaborazione con il Piano sociale di zona. -Regolamentare con criteri oggettivi la concessione di contributi economici alla famiglie in stato di bisogno al fine di intervenire con assoluta imparzialità. - Stabilire un tavolo di concertazione con il Terzo settore (associazioni di volontariato e associazioni caritatevoli parrocchiali). 8

9 - Aprire l InformaSociale (o segretariato sociale), uno sportello di prima accoglienza e orientamento ai servizi socio-assistenziali per i cittadini maruggesi in stato di disagio socioeconomico. -Potenziare il servizio civico per lavori occasionali di 3 mesi l anno. -Favorire la nascita di cooperative sociali alle quali affidare incarichi per l assunzione di soggetti svantaggiati. -Istituzione del voucher sociale per le prestazioni del servizio assistenza domiciliare. -Istituire un fondo sussidio abitativo utenze domestiche e morosità. - Contributo integrazione Carta Acquisti (social card) attraverso l adesione al Programma nazionale. -Sostegno alle famiglie che scelgono le varie forme di affido (minori, anziani, diversamente abili) POLITICHE ABITATIVE : Diritto alla casa A fronte di un disagio abitativo certificato e di una crisi economica che ha ridisegnato la soglia di povertà, Maruggio Democratica si propone di aumentare l offerta degli alloggi in affitto con canoni calmierati e agevolazioni tributarie per i proprietari. Per questo ci proponiamo di: -Riequilibrare il mercato degli affitti, riducendo il numero degli alloggi sfitti e aumentando il numero dei contratti a canone concordato attraverso agevolaizoni tributarie (IMU) per i proprietari che metteranno a disposizione i loro alloggi. -Assumere come amministrazione comunale un ruolo di intermediazione tra proprietari di alloggi sfitti e famiglie in difficoltà per l elevata incidenza del canone. -Integrazione il contributo regionale a sostegno delle case in affitto attraverso la creazione di un fondo nel bilancio preventivo del comune. -Creazione di una casa di primo intervento per far fronte alle emergenze. -Completamento e assegnazione delle due case popolari accanto al cinema. Oltre a questo ci sforzeremo di programmare un piano per l edilizia popolare, in proprietà ma anche in locazione agevolata, favorendo la soluzione del principale problema dei nostri tempi per le giovani coppie, per le famiglie medesime e gli anziani indigenti. INFANZIA e non solo -Predisporre un kit bebè (composto ad es. da pannolini, tettarelle, salviette, etc... in materiale ecocompatibile) per ogni nuovo nato. -Istituire nel bilancio comunale un bonus bebè per le famiglie a basso reddito per il primo anno di vita del bimbo. -Programmare nel corso dell anno il Cine ragazzi. -Istituire un albo delle baby sitter preparate e qualificate attraverso la frequenza di appositi corsi di formazione. -Istituire le figure dei mini vigili e delle sentinelle ecologiche. ANZIANI L aumento della popolazione anziana, e conseguentemente dei problemi connessi con la terza età, impongono ad ogni amministrazione uno studio e un riesame approfondito della propria politica sociale, con l inevitabile destinazione di maggiori risorse a questo settore di intervento. La realizzazione di vere politiche per gli anziani verrà concretizzata attraverso: -Un servizio civico volontario delle persone anziane alle quali affidare diverse mansioni: nonno vigile, attivazione del piedibus, sentinelle ecologiche. 9

PROGRAMMA ELETTORALE MOVIMENTO 5 STELLE 2015-2020

PROGRAMMA ELETTORALE MOVIMENTO 5 STELLE 2015-2020 PROGRAMMA ELETTORALE MOVIMENTO 5 STELLE 2015-2020 PUNTO (3) SANITA E SERVIZI SOCIALI 1 2 SANITA' E SERVIZI SOCIALI L indirizzo sociale, ovvero il cittadino al centro del progetto comunale, è un punto fondamentale

Dettagli

Montecassiano Bene Comune

Montecassiano Bene Comune Montecassiano Bene Comune Programma per l amministrazione comunale 2014-2019 non abbiamo bisogno di chissà quali grandi cose o chissà quali grandi uomini; abbiamo solo bisogno di più gente onesta (b.c.)

Dettagli

PROGETTO ORTO SOLIDALE. Orto del Sorriso

PROGETTO ORTO SOLIDALE. Orto del Sorriso PROGETTO ORTO SOLIDALE Orto del Sorriso INDICAZIONI GENERALI DEL PROGETTO: Il progetto di Orto Solidale Orto del Sorriso nasce dal desiderio di riscattare il termine LAVORO dandogli una valenza positiva.

Dettagli

LEGGE GIOVANI: Provvedimenti per l inserimento lavorativo, la disponibilità abitativa, lo sviluppo culturale, la partecipazione attiva dei giovani

LEGGE GIOVANI: Provvedimenti per l inserimento lavorativo, la disponibilità abitativa, lo sviluppo culturale, la partecipazione attiva dei giovani Consigliere provinciale MAURO MINNITI Via Perathoner, 10 39100 BOLZANO Tel. 0471-946209 www.minnitimauro.it info@minnitimauro.it DISEGNO DI LEGGE PROVINCIALE LEGGE GIOVANI: Provvedimenti per l inserimento

Dettagli

Progetto giovani, oggi e domani

Progetto giovani, oggi e domani Progetto giovani, oggi e domani Progetto per le Politiche Giovanili nei comuni di Ceresole d Alba (cn) Pocapaglia (cn) Sanfrè (cn) Sommariva Perno (cn) In collaborazione con Consorzio Socio Assistenziale

Dettagli

Programma Amministrativo Alla gente di Ranica chiederemo sempre di partecipare e di esprimere le opinioni e le proposte di ciascuno sui vari problemi: sarà per noi il punto di partenza per risolverli.

Dettagli

Comunità della Paganella

Comunità della Paganella COMUNITÀ della PAGANELLA PROGETTO Sportello Donna Comunità della Paganella Gennaio 2013 PREMESSE Nel 2011 la Comunità della Paganella ha elaborato il progetto intitolato La conoscenza delle donne, nell

Dettagli

BRUXELLES 6 GIUGNO 2012

BRUXELLES 6 GIUGNO 2012 BRUXELLES 6 GIUGNO 2012 Chi siamo Il Forum nasce con l assemblea di Firenze il 21 maggio 2011. Il Forum sta raccogliendo le idealità, il lavoro, le esperienze, maturate in tutta Italia negli ultimi 10

Dettagli

Lista Civica CAVALIER GORGO NAVOLE - OBIETTIVO COMUNE

Lista Civica CAVALIER GORGO NAVOLE - OBIETTIVO COMUNE Lista Civica CAVALIER GORGO NAVOLE - OBIETTIVO COMUNE Programma Elettorale Elezioni Amministrative 25 Maggio 2014 1 Presentazione La lista civica OBIETTIVO COMUNE nasce dalla volontà di una numerosa squadra

Dettagli

AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTA ANNO 2012

AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTA ANNO 2012 Allegato n. 2 alla Delib.G.R. n. 19/4 del 8.5.2012 AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTA ANNO 2012 PREMESSA Con il presente programma, parte essenziale del più complessivo programma di interventi a favore delle

Dettagli

ASSESSORATO ALL ISTRUZIONE RELAZIONE AL BILANCIO DI PREVISIONE DELL ESERCIZIO 2011 E BILANCIO PLURIENNALE 2011-2013.

ASSESSORATO ALL ISTRUZIONE RELAZIONE AL BILANCIO DI PREVISIONE DELL ESERCIZIO 2011 E BILANCIO PLURIENNALE 2011-2013. ASSESSORATO ALL ISTRUZIONE RELAZIONE AL BILANCIO DI PREVISIONE DELL ESERCIZIO 2011 E BILANCIO PLURIENNALE 2011-2013. La scuola rappresenta un campo privilegiato per la formazione dei cittadini di domani.

Dettagli

Un progetto per l autonomia l giovani: PERCHE

Un progetto per l autonomia l giovani: PERCHE Un progetto per l autonomia l dei giovani: PERCHE I giovani sono coinvolti da alcuni cambiamenti dovuti sia a fattori socio economici che culturali: Il prolungamento della gioventù Il ritardo nell accesso

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA REGIONE EMILIA-ROMAGNA E LE ASSOCIAZIONI PENSIONATI DEL LAVORO AUTONOMO ADERENTI AL CUPLA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA REGIONE EMILIA-ROMAGNA E LE ASSOCIAZIONI PENSIONATI DEL LAVORO AUTONOMO ADERENTI AL CUPLA PROTOCOLLO DI INTESA TRA REGIONE EMILIA-ROMAGNA E LE ASSOCIAZIONI PENSIONATI DEL LAVORO AUTONOMO ADERENTI AL CUPLA Le associazioni dei pensionati del lavoro autonomo aderenti al CUPLA esprimono un giudizio

Dettagli

Grafico 1 Suddivisione percentuale per fasce di età della popolazione di Barlassina (2008) Fonte: Istat

Grafico 1 Suddivisione percentuale per fasce di età della popolazione di Barlassina (2008) Fonte: Istat Capitolo 4 Politiche sociali Servizi alla persona e alla famiglia Il contesto di Barlassina Composizione della popolazione per fasce di età Grafico 1 Suddivisione percentuale per fasce di età della popolazione

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA CITTADINA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE AUTONOME STATALI E PARITARIE DELL INFANZIA E DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE

REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA CITTADINA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE AUTONOME STATALI E PARITARIE DELL INFANZIA E DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA CITTADINA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE AUTONOME STATALI E PARITARIE DELL INFANZIA E DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Finalità 1.1 Il

Dettagli

PROGETTO SCUOLA SPORT E DISABILITA UN OCCASIONE DI INCONTRO E CRESCITA

PROGETTO SCUOLA SPORT E DISABILITA UN OCCASIONE DI INCONTRO E CRESCITA PROGETTO SCUOLA SPORT E DISABILITA UN OCCASIONE DI INCONTRO E CRESCITA PRESENTAZIONE Il presente progetto costituisce un iniziativa volta a promuovere un percorso di crescita dei ragazzi nel confronto,

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO EDUCATIVA TERRITORIALE

REGOLAMENTO SERVIZIO EDUCATIVA TERRITORIALE REGOLAMENTO SERVIZIO EDUCATIVA TERRITORIALE Allegato alla determinazione direttoriale n. 681/000/DIG/14/0024 del 06.06.2014 ART. 1 PRINCIPI GENERALI Il servizio Educativa Territoriale si inserisce come

Dettagli

Istituto "Michele Giua" - Cagliari - Assemini CARTA DEI SERVIZI

Istituto Michele Giua - Cagliari - Assemini CARTA DEI SERVIZI CARTA DEI SERVIZI PREMESSA Articolo 1 L Istituto considera finalità generali del proprio operare pedagogico i principi di cui agli artt. 3, 33, 34, della Costituzione Italiana. Articolo 2 La seguente carta

Dettagli

Partecipazione. Pianificazione. Responsabilità

Partecipazione. Pianificazione. Responsabilità Programma Elezioni Comunali Rimini 2011 Partecipazione Non ci sono politici di mestiere, i cittadini partecipano al governo della città Pianificazione Si condivide un progetto complessivo, si attua per

Dettagli

Art. 2 Finalità. LEGGE REGIONALE 4 dicembre 2009, n. 31. Norme regionali per l esercizio del diritto all istruzione

Art. 2 Finalità. LEGGE REGIONALE 4 dicembre 2009, n. 31. Norme regionali per l esercizio del diritto all istruzione Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 196 del 7-12-2009 25631 LEGGE REGIONALE 4 dicembre 2009, n. 31 Norme regionali per l esercizio del diritto all istruzione e alla formazione. La seguente legge:

Dettagli

PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE

PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE SOGGETTI PROPONENTI IL PROGETTO 1) Denominazione Cooperativa Servizi & Formazione Indirizzo Viale

Dettagli

CENTRI DI PROMOZIONE GIOVANILE AUTOGESTITI

CENTRI DI PROMOZIONE GIOVANILE AUTOGESTITI All. B10 REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO SICUREZZA E SOLIDARIETA SOCIALE R.Gio/CPA AMBITO ZONALE ALTO AGRI CENTRI DI PROMOZIONE GIOVANILE AUTOGESTITI Art.1 Definizione Il centro di aggregazione giovanile

Dettagli

PIANO DIRITTO ALLO STUDIO Anno Scolastico 2014-2015

PIANO DIRITTO ALLO STUDIO Anno Scolastico 2014-2015 PIANO DIRITTO ALLO STUDIO Anno Scolastico 214-215 SCHEMI E TABELLE PER UNA LETTURA SINTETICA DEL PIANO IN FASE DI APPROVAZIONE L Assessore alla Pubblica Istruzione (Mariella Smiroldo) Popolazione residente

Dettagli

NUOVE LINEE PER LO SVILUPPO DELLE IMPRESE DEL SETTORE COMMERCIALE

NUOVE LINEE PER LO SVILUPPO DELLE IMPRESE DEL SETTORE COMMERCIALE Gruppo Consiliare NUOVE LINEE PER LO SVILUPPO DELLE IMPRESE DEL SETTORE COMMERCIALE INDICE Obiettivi... pag. 4 Per le imprese... pag. 5 Per i consumatori... pag. 8 Indirizzi generali per l insediamento

Dettagli

Un progetto per l autonomia dei giovani: perchè

Un progetto per l autonomia dei giovani: perchè Un progetto per l autonomia dei giovani: perchè I giovani sono coinvolti da alcuni cambiamenti dovuti sia a fattori socio economici che culturali: il prolungamento della gioventù, il ritardo nell accesso

Dettagli

REGIONE LIGURIA LEGGE REGIONALE 3 NOVEMBRE 2009 N. 48 PROMOZIONE E VALORIZZAZIONE DELL INVECCHIAMENTO ATTIVO

REGIONE LIGURIA LEGGE REGIONALE 3 NOVEMBRE 2009 N. 48 PROMOZIONE E VALORIZZAZIONE DELL INVECCHIAMENTO ATTIVO REGIONE LIGURIA LEGGE REGIONALE 3 NOVEMBRE 2009 N. 48 PROMOZIONE E VALORIZZAZIONE DELL INVECCHIAMENTO ATTIVO (BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LIGURIA N. 19 DEL 4 NOVEMBRE 2009) Il Consiglio regionale

Dettagli

ALLEGATO alla delibera C.P. nn. 76/67066 del 13-9-2012

ALLEGATO alla delibera C.P. nn. 76/67066 del 13-9-2012 INDICE ALLEGATO alla delibera C.P. nn. 76/67066 del 13-9-2012 L.R. 1/2000 e successive modifiche Indirizzi provinciali per lo sviluppo, il consolidamento e la qualificazione dei servizi educativi rivolti

Dettagli

1. DESTINATARI 2. FINALITA GENERALI DEGLI INTERVENTI:

1. DESTINATARI 2. FINALITA GENERALI DEGLI INTERVENTI: BANDO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI PER I MIGLIORI PROGETTI PRESENTATI DALLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE AUTONOME FINALIZZATI AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE E DELLA SALUTE DELL INFANZIA ED ADOLESCENZA E

Dettagli

LA CITTA AMICA DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI

LA CITTA AMICA DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI LA CITTA AMICA DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Azioni positive per lo sviluppo dei diritti di cittadinanza delle bambine e dei bambini e loro partecipazione attiva alla vita della comunità. OBIETTIVI DEL PROGETTO

Dettagli

Carta dei servizi camst ristorazione scolastica

Carta dei servizi camst ristorazione scolastica Carta dei servizi camst ristorazione scolastica Camst. Il gusto di una bella storia. Camst è tra i più importanti gruppi di ristorazione in Italia ed è interamente costituito da capitale italiano. Nasce

Dettagli

PROGRAMMA ELETTORALE AMMINISTRATIVE 2014

PROGRAMMA ELETTORALE AMMINISTRATIVE 2014 PROGRAMMA ELETTORALE AMMINISTRATIVE 2014 Linee guida, criteri e principi ispiratori della lista N. 2 per le elezioni amministrative 25.05.2014 SOMMARIO: PREMESSA LINEE PROGRAMMATICHE CONCLUSIONI PREMESSA

Dettagli

Comune di Castiglione del Lago (Provincia di Perugia) REGOLAMENTO PER L ALBO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI ED ISTITUZIONE DELLE CONSULTE.

Comune di Castiglione del Lago (Provincia di Perugia) REGOLAMENTO PER L ALBO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI ED ISTITUZIONE DELLE CONSULTE. Comune di Castiglione del Lago (Provincia di Perugia) REGOLAMENTO PER L ALBO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI ED ISTITUZIONE DELLE CONSULTE. INDICE TITOLO I ALBO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI art. 1 Finalità

Dettagli

Comune di Ponte San Nicolò

Comune di Ponte San Nicolò Comune di Ponte San Nicolò SERVIZIO PUBBLICA ISTRUZIONE E SPORT Il Servizio è finalizzato a rendere effettivo il diritto allo studio, alla promozione e valorizzazione delle attività sportive, motorie e

Dettagli

La mappa delle esigenze del territorio

La mappa delle esigenze del territorio La mappa delle esigenze del territorio Settembre - Ottobre 2014 Luoghi di aggregazione Valorizzando strutture già esistenti, serve la creazione di nuovi luoghi di socializzazione e integrazione, per favorire

Dettagli

ASSOCIAZIONE 100 CASCINE

ASSOCIAZIONE 100 CASCINE ASSOCIAZIONE 100 CASCINE RIQUALIFICAZIONE E MESSA A SISTEMA DELLE CASCINE LOMBARDE ACCOGLIENZA PER EXPO 2015 V. 20110926 IL PATRIMONIO: LA RETE 320 Cascine hanno manifestato il loro interesse 106 Cascine

Dettagli

COMUNE DI CHIGNOLO D ISOLA

COMUNE DI CHIGNOLO D ISOLA COMUNE DI CHIGNOLO D ISOLA SETTORE SERVIZI SOCIALI REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Premessa 1. Il Comune di Chignolo d Isola con il presente regolamento intende disciplinare il servizio

Dettagli

Prot. n. 56 /14 UL/RG/dlm Roma, 29 maggio 2014

Prot. n. 56 /14 UL/RG/dlm Roma, 29 maggio 2014 Prot. n. 56 /14 UL/RG/dlm Roma, 29 maggio 2014 Alle Aziende ed Enti Associati Loro Sedi FEDERCULTURE SERVIZIO LEGISLATIVO CIRCOLARE 3/14 Oggetto: Disposizioni urgenti per la tutela del patrimonio culturale,

Dettagli

RIGENERAZIONE URBANA EX OSPEDALE PSICHIATRICO DI QUARTO

RIGENERAZIONE URBANA EX OSPEDALE PSICHIATRICO DI QUARTO CONFERENZA STAMPA IL FUTURO DI QUARTO, A CHE PUNTO SIAMO 6 FEBBRAIO 2015, ORE 12:00, SALA GIUNTA NUOVA RIGENERAZIONE URBANA EX OSPEDALE PSICHIATRICO DI QUARTO UN DIALOGO INTER-ISTITUZIONALE APERTO ALLA

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI Elaborazione Ufficio Servizi Culturali Ottobre 2007 INDICE Art. 1 Principi ispiratori Art. 2 Consulta delle Associazioni Art. 3 Finalità ed attività Art. 4

Dettagli

Progetto di cittadinanza attiva

Progetto di cittadinanza attiva Comune di Sant Antioco Progetto di cittadinanza attiva Il Consiglio Comunale dei ragazzi Il Consiglio Comunale dei ragazzi Nell'ambito del programma dell Amministrazione comunale di Sant Antioco, in particolar

Dettagli

LE RISORSE FINANZIARIE E LA DOTAZIONE PATRIMONIALE. Il Rendiconto della Gestione 2007 Gli Indicatori Il patrimonio del Comune

LE RISORSE FINANZIARIE E LA DOTAZIONE PATRIMONIALE. Il Rendiconto della Gestione 2007 Gli Indicatori Il patrimonio del Comune LE RISORSE FINANZIARIE E LA DOTAZIONE Il Rendiconto della Gestione 2007 Gli Indicatori Il patrimonio del Comune LE RISORSE FINANZIARIE E DOTAZIONE L elevata varietà e complessità di servizi e funzioni

Dettagli

FOMULARIO L. R. DELLA CALABRIA N. 8/88 ISTANZE CONTRIBUTI COMUNI PER CENTRI POLIVALENTI GIOVANI SCADENZA 30 MARZO 2012

FOMULARIO L. R. DELLA CALABRIA N. 8/88 ISTANZE CONTRIBUTI COMUNI PER CENTRI POLIVALENTI GIOVANI SCADENZA 30 MARZO 2012 COMUNE DI LONGOBARDI ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI Con delibera di giunta n. 25 del 29 marzo 2012, il comune di Longobardi, di cui è sindaco Giacinto Mannarino, ha presentato istanza alla Regione,

Dettagli

CITTA DI PADERNO DUGNANO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI ASILI NIDO COMUNALI

CITTA DI PADERNO DUGNANO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI ASILI NIDO COMUNALI CITTA DI PADERNO DUGNANO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI ASILI NIDO COMUNALI APPROVATO CON DELIBERAZIONE CONSILIARE N 78 del 26 settembre 1997 e N 13 del 12 marzo 1998 TITOLO 1 Finalità

Dettagli

PROVINCIA DI MILANO ASSESSORATO ISTRUZIONE ED EDILIZIA SCOLASTICA

PROVINCIA DI MILANO ASSESSORATO ISTRUZIONE ED EDILIZIA SCOLASTICA PROVINCIA DI MILANO ASSESSORATO ISTRUZIONE ED EDILIZIA SCOLASTICA Assessorato Istruzione ed Edilizia Scolastica PROGRAMMAZIONE TERRITORIALE CONDIVISA AMBITI TERRITORIALI Referente Progetto: Piera Saita

Dettagli

Pubblica Amministrazione Turistica. Aspetti generali Compiti

Pubblica Amministrazione Turistica. Aspetti generali Compiti Pubblica Amministrazione Turistica Aspetti generali Compiti Cenni storici Nel periodo tra le due guerre iniziò a maturare una maggiore consapevolezza del ruolo che il turismo poteva svolgere nell economia

Dettagli

AREA MINORI. Gli interventi espletati comprendono attività come:

AREA MINORI. Gli interventi espletati comprendono attività come: AREA MINORI PREMESSA Nel Piano Regionale Socio Assistenziale l area dei minori viene definita anche Area dell età evolutiva e del disadattamento, dove l obiettivo primario è quello di fornire elementi

Dettagli

PROGETTO ADOTTA UNO STUDENTE

PROGETTO ADOTTA UNO STUDENTE PROGETTO ADOTTA UNO STUDENTE CARTA ETICA Giampaolo Marras Sergio Tobia Perugia 24 settembre 2013. 1 RELAZIONE ILLUSTRATIVA 1. PREMESSA Adotta uno studente è il progetto dell Associazione Ricreativa e Culturale

Dettagli

10. SEGRATE UN COMUNE PIU VICINO AL CITTADINO

10. SEGRATE UN COMUNE PIU VICINO AL CITTADINO 10. SEGRATE UN COMUNE PIU VICINO AL CITTADINO Ancora più efficienza della macchina comunale grazie alla costante estensione dei servizi ottenuta mediante l ottimizzazione dei costi e dei tempi. Il Comune

Dettagli

ITALIA: suddivisione amministrativa. 20 regioni di cui 5 a statuto speciale. oltre 100 province. oltre 8000 comuni

ITALIA: suddivisione amministrativa. 20 regioni di cui 5 a statuto speciale. oltre 100 province. oltre 8000 comuni ITALIA: suddivisione amministrativa 20 regioni di cui 5 a statuto speciale oltre 100 province oltre 8000 comuni informazioni turistiche musei, geografia, hotel ristoranti su tutte le province italiane

Dettagli

COMUNE DI MARANO SUL PANARO (PROVINCIA DI MODENA)

COMUNE DI MARANO SUL PANARO (PROVINCIA DI MODENA) COMUNE DI MARANO SUL PANARO (PROVINCIA DI MODENA) REGOLAMENTO COMUNALE PER L ISTITUZIONE DELL ALBO DEI SINGOLI VOLONTARI CIVICI Il presente regolamento(composto da n. 10 articoli) è stato approvato dal

Dettagli

PER CRESCERE INSIEME PROGRAMMA ELETTORALE 2011

PER CRESCERE INSIEME PROGRAMMA ELETTORALE 2011 PER CRESCERE INSIEME PROGRAMMA ELETTORALE 2011 ELEZIONI COMUNALI AL COMUNE DI FISCIANO - 15/16 MAGGIO 2011 Programma 1 Area Politiche Sociali e Servizi alla Persona 2 Ambiente e Territorio 3 Giovani -

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE

REGOLAMENTO COMUNALE COMUNE DI ORZIVECCHI PROVINCIA DI BRESCIA REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI SOVVENZIONI, CONTRIBUTI, SUSSIDI ED AUSILI FINANZIARI E L ATTRIBUZIONE DI VANTAGGI ECONOMICI DI QUALUNQUE GENERE A PERSONE

Dettagli

AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTA ANNO 2011

AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTA ANNO 2011 ALLEGATO N. 2 ALLA DELIBERAZIONE N. DEL AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTA ANNO 2011 PREMESSA Con il presente programma, parte essenziale del più complessivo programma di interventi a favore delle politiche

Dettagli

Nome dell Associazione, Nome e Cognome del Responsabile dell Associazione, Telefono ; Fax. e-mail (o indirizzo di posta elettronica certificata)

Nome dell Associazione, Nome e Cognome del Responsabile dell Associazione, Telefono ; Fax. e-mail (o indirizzo di posta elettronica certificata) Spett.le Comune di Trezzo sull Adda Servizio cultura, sport, politiche giovanili Via Roma 5 20056 Trezzo sull Adda OGGETTO: CENSIMENTO DELLE ASSOCIAZIONI LOCALI Nome dell Associazione, Nome e Cognome del

Dettagli

Via Bassa, 1 Arzergrande 35020 (PD) Tel 049, 9720205 Fax 049.9720690 E-mail coop.germoglio@libero.it

Via Bassa, 1 Arzergrande 35020 (PD) Tel 049, 9720205 Fax 049.9720690 E-mail coop.germoglio@libero.it NSA Via Bassa, 1 Arzergrande 35020 (PD) Tel 049, 9720205 Fax 049.9720690 E-mail coop.germoglio@libero.it La Cooperativa Germoglio è una Cooperativa Sociale nata nel 1989 ad opera di una decina soci fondatori,

Dettagli

Educando nella Provincia di Varese 2012

Educando nella Provincia di Varese 2012 Scheda progetto Educando nella Provincia di Varese 2012 ANCI Lombardia coordina e organizza le azioni degli enti associati in materia di servizio civile definendo una precisa strategia metodologica comune

Dettagli

COMUNE DI GALLIATE PROVINCIA DI NOVARA

COMUNE DI GALLIATE PROVINCIA DI NOVARA COMUNE DI GALLIATE PROVINCIA DI NOVARA ART. 12 L. 7.8.1990 N. 241 REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CESSIONE DI FINANZIAMENTI E DI BENEFICI ECONOMICI A PERSONE, AD ENTI PUBBLICI E SOGGETTI PRIVATI Approvato

Dettagli

Attuazione Asse VI SVILUPPO URBANO SOSTENIBILE avviso seconda fase Incontri tecnici Catania, 15 marzo 2010 Palermo, 16 marzo 2010

Attuazione Asse VI SVILUPPO URBANO SOSTENIBILE avviso seconda fase Incontri tecnici Catania, 15 marzo 2010 Palermo, 16 marzo 2010 Attuazione Asse VI SVILUPPO URBANO SOSTENIBILE avviso seconda fase Incontri tecnici Catania, 15 marzo 2010 Palermo, 16 marzo 2010 Assessorato Beni Culturali e Identità Siciliana Dipartimento Beni Culturali

Dettagli

CAPISTRELLO AMMINISTRATIVE 2015 PROGRAMMA ELETTORALE MOVIMENTO 5 STELLE CANDIDATO SINDACO ANGELO BISEGNA

CAPISTRELLO AMMINISTRATIVE 2015 PROGRAMMA ELETTORALE MOVIMENTO 5 STELLE CANDIDATO SINDACO ANGELO BISEGNA CAPISTRELLO AMMINISTRATIVE 2015 PROGRAMMA ELETTORALE MOVIMENTO 5 STELLE CANDIDATO SINDACO ANGELO BISEGNA Sommario PREMESSA... 3 1. GIOVANI... 3 2. TERRITORIO E DECORO URBANO... 3 3. TRASPERENZA E PARTECIPAZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO INTERVENTI DI MUTUALITA E SOLIDARIETA

REGOLAMENTO INTERVENTI DI MUTUALITA E SOLIDARIETA REGOLAMENTO INTERVENTI DI MUTUALITA E SOLIDARIETA Principi Ispiratori e Obiettivi Gli interventi di mutualità e solidarietà rientrano nella missione della Cassa Rurale che, come realtà radicata sul territorio,

Dettagli

LE SPESE CORRENTI E LE SPESE DI INVESTIMENTO PER PROGRAMMI

LE SPESE CORRENTI E LE SPESE DI INVESTIMENTO PER PROGRAMMI LE SPESE CORRENTI E LE SPESE DI INVESTIMENTO PER PROGRAMMI Il bilancio di previsione si articola in Programmi che corrispondono ai grandi temi di attività di cui il comune si occupa. Ogni programma è suddiviso

Dettagli

PROGRAMMA UNIONE EUROPEA OPERATIVO REGIONE LAZIO FONDI EUROPEI COMUNE DI FONDI

PROGRAMMA UNIONE EUROPEA OPERATIVO REGIONE LAZIO FONDI EUROPEI COMUNE DI FONDI PROGRAMMA UNIONE EUROPEA OPERATIVO REGIONE LAZIO FONDI EUROPEI COMUNE DI FONDI LETTERA AI CITTADINI Cari concittadini, il presente lavoro è redatto per approfondire la conoscenza degli interventi previsti

Dettagli

LINEE D INDIRIZZO REGIONALE PROGETTO ETA LIBERA INVECCHIAMENTO ATTIVO - EDIZIONE 2011 -

LINEE D INDIRIZZO REGIONALE PROGETTO ETA LIBERA INVECCHIAMENTO ATTIVO - EDIZIONE 2011 - LINEE D INDIRIZZO REGIONALE PROGETTO ETA LIBERA INVECCHIAMENTO ATTIVO - EDIZIONE 2011 - 1. AZIONI DI PROTEZIONE delle persone anziane con fragilità fisiche e sociali: Azione 1.1 Consolidamento del Call

Dettagli

AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI LECCE

AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI LECCE CONSULTAZIONE PUBBLICA Pianificazione Urbanistica Partecipata La Città non è fatta di soli edifici e piazze, ma è fatta di memoria, di segni, di linguaggi, di desideri, che sono a loro volta l espressione

Dettagli

PROGRAMMA ELETTORALE ELEZIONI COMUNALI 25 MAGGIO 2014

PROGRAMMA ELETTORALE ELEZIONI COMUNALI 25 MAGGIO 2014 PROGRAMMA ELETTORALE ELEZIONI COMUNALI 25 MAGGIO 2014 La politica non è nelle competizioni degli uomini; non è nei sonanti discorsi. È, o dovrebbe essere, nell interpretare l epoca in cui si vive (..).

Dettagli

CITTA-DIAMOCI. Descrizione progetti 1. La Casa dell accoglienza per senza dimora Archè a Merano

CITTA-DIAMOCI. Descrizione progetti 1. La Casa dell accoglienza per senza dimora Archè a Merano CITTA-DIAMOCI La Caritas di Bolzano-Bressanone offre ai giovani interessati al Servizio Civile Nazionale tre posti all interno di strutture che lavorano con persone senza dimora. Descrizione progetti 1.

Dettagli

1) Titolo del progetto: 2) Settore ed area di intervento del progetto con relativa codifica (vedi allegato 3): 3) Obiettivi del progetto:

1) Titolo del progetto: 2) Settore ed area di intervento del progetto con relativa codifica (vedi allegato 3): 3) Obiettivi del progetto: 1) Titolo del progetto: Pronto Intervento Sociale 2) Settore ed area di intervento del progetto con relativa codifica (vedi allegato 3): Area: Assistenza Settori: Anziani (A01) Assistenza Disabili (A06)

Dettagli

Contro la crisi accanto alle famiglie

Contro la crisi accanto alle famiglie Contro la crisi accanto alle famiglie Coesione sociale Servizi educativi Sicurezze Coesione sociale e sostegno alle persone in difficoltà Misure anticrisi e sostegno alle famiglie Protocollo d intesa fra

Dettagli

C o m u n e d i C o s t a d e N o b i l i P r o v i n c i a d i P a v i a P I A N O D I G O V E R N O D E L T E R R I T O R I O

C o m u n e d i C o s t a d e N o b i l i P r o v i n c i a d i P a v i a P I A N O D I G O V E R N O D E L T E R R I T O R I O C o m u n e d i C o s t a d e N o b i l i P r o v i n c i a d i P a v i a P I A N O D I G O V E R N O D E L T E R R I T O R I O Q U E S T I O N A R I O C O N O S C I T I V O P A R T E C I P A Z I O N E

Dettagli

PROGETTO GIOVANI CITTA. Percorsi di cittadinanza attiva per uno sviluppo sociale sostenibile SCHEDA DI DETTAGLIO DEL

PROGETTO GIOVANI CITTA. Percorsi di cittadinanza attiva per uno sviluppo sociale sostenibile SCHEDA DI DETTAGLIO DEL PROGETTO GIOVANI CITTA Percorsi di cittadinanza attiva per uno sviluppo sociale sostenibile REALIZZAZIONE DELL AZIONE 2 Promuovere stili di vita sani e modelli positivi di comportamento. Educare alla legalità.

Dettagli

Premessa. Articolo 1 - Impegni dell Amministrazione Comunale

Premessa. Articolo 1 - Impegni dell Amministrazione Comunale Premessa L Amministrazione Comunale di Mariglianella, riconosciuta l importanza: - del coinvolgimento dei giovani, quale presenza attiva e propositiva, nell ambito delle iniziative di carattere sociale

Dettagli

Educando nelle Province di Cremona e Mantova

Educando nelle Province di Cremona e Mantova Scheda progetto Educando nelle Province di Cremona e Mantova Il progetto si sviluppa in cinque comuni delle province di Cremona e Mantova. OBIETTIVI GENERALI La realizzazione del progetto si pone i seguenti

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. ABI: al via la Fondazione per l Educazione Finanziaria e al Risparmio

COMUNICATO STAMPA. ABI: al via la Fondazione per l Educazione Finanziaria e al Risparmio COMUNICATO STAMPA ABI: al via la Fondazione per l Educazione Finanziaria e al Risparmio Il nuovo organismo creato per sviluppare la cultura al risparmio e alla legalità economica in Italia è stato presentato

Dettagli

Consiglio regionale Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia

Consiglio regionale Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia Consiglio regionale Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia IX LEGISLATURA - ATTI CONSILIARI - PROGETTI DI LEGGE E RELAZIONI PROPOSTA DI LEGGE N. 12 Presentata dai Consiglieri Ritossa, Di Natale Presentata

Dettagli

GIARDINI CONDIVISI LE REGOLE PER IL NON PROFIT

GIARDINI CONDIVISI LE REGOLE PER IL NON PROFIT GIARDINI CONDIVISI LE REGOLE PER IL NON PROFIT A cura di Giulia Oriani, Franco Beccari Redazione Ciessevi Con la collaborazione di Legambiente Milano Si ringrazia il Comune di Milano per il contributo

Dettagli

Fondo per lo Sviluppo e la Coesione 2007 2013: Stato di attuazione e Best practices

Fondo per lo Sviluppo e la Coesione 2007 2013: Stato di attuazione e Best practices Fondo per lo Sviluppo e la Coesione 2007 2013: Stato di attuazione e Best practices Ancona 30 novembre 2012 Fabrizio Recchi P. F. Autorità di gestione del FAS, autorità di certificazione e pagamento e

Dettagli

Pagina 1 di 7 CARTA DEL SERVIZIO CAD VIA PIO VII, 61 TORINO

Pagina 1 di 7 CARTA DEL SERVIZIO CAD VIA PIO VII, 61 TORINO Pagina 1 di 7 CARTA DEL SERVIZIO CAD VIA PIO VII, 61 TORINO Pagina 2 di 7 Denominazione del presidio: CAD Laboratori via Pio Ubicazione/Indirizzo: via PIO VII, 61 (zona lingotto) Come si raggiunge: linee

Dettagli

Comune di San Vito al Tagliamento Consiglio Comunale dei Ragazzi

Comune di San Vito al Tagliamento Consiglio Comunale dei Ragazzi Comune di San Vito al Tagliamento Consiglio Comunale dei Ragazzi Soggetti Coinvolti Alunni Scuola Primaria delle classi 4^ 5^ dei plessi di San Vito, Ligugnana e Prodolone per un totale di 12 classi e

Dettagli

REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DELLA CITTA DI LENDINARA

REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DELLA CITTA DI LENDINARA REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DELLA CITTA DI LENDINARA Adottato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 74 del 29 Settembre 2006 Modificato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 66

Dettagli

IL PIANO DI SVILUPPO LOCALE SVILUPPO DELL OLTREPO PAVESE. Uno strumento per lo sviluppo delle imprese e del territorio

IL PIANO DI SVILUPPO LOCALE SVILUPPO DELL OLTREPO PAVESE. Uno strumento per lo sviluppo delle imprese e del territorio IL PIANO DI SVILUPPO LOCALE DELLA FONDAZIONE PER LO SVILUPPO DELL OLTREPO PAVESE Uno strumento per lo sviluppo delle imprese e del territorio LA FONDAZIONE PER LO SVILUPPO DELL OLTREPO PAVESE La Fondazione

Dettagli

Allegato 4 Tabella di raccordo tra dimensioni del BES, funzioni e obiettivi della provincia

Allegato 4 Tabella di raccordo tra dimensioni del BES, funzioni e obiettivi della provincia Allegato 4 Tabella di raccordo tra dimensioni del BES, funzioni e obiettivi della provincia Dimensione/dominio Funzioni Piano strategico Tema Descrizione Standard materiali di vita (reddito,consumi,ricchezz

Dettagli

COMUNE DI VITTUONE (Provincia di Milano) CONVENZIONE PER L AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEL CENTRO RICREATIVO DIURNO 2015 SCRITTURA PRIVATA

COMUNE DI VITTUONE (Provincia di Milano) CONVENZIONE PER L AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEL CENTRO RICREATIVO DIURNO 2015 SCRITTURA PRIVATA COMUNE DI VITTUONE (Provincia di Milano) CONVENZIONE PER L AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEL CENTRO RICREATIVO DIURNO 2015 SCRITTURA PRIVATA L anno duemilaquindici, addì del mese di., in Vittuone presso la

Dettagli

Progetto BES delle Province (PSU-00003) maggio 2013, abstract. Diffusione dell innovazione tecnologica. Combattere la delocalizzazione del lavoro

Progetto BES delle Province (PSU-00003) maggio 2013, abstract. Diffusione dell innovazione tecnologica. Combattere la delocalizzazione del lavoro Standard materiali di vita/ Benessere economico Salute/ Salute attivita' in collaborazione con i Comuni nel settore economico, produttivo, commerciale e turistico Servizi sanitari, di igiene e profilassi

Dettagli

Servizio Assistenza Domiciliare S. A. D.

Servizio Assistenza Domiciliare S. A. D. Servizio Assistenza Domiciliare S. A. D. (Approvato con Delibera Consiglio Comunale n. 11 del 22/01/08 ) Indice Art. 1 Definizione del servizio pag. 2 Art. 2 Finalità ed obiettivi pag. 2 Art. 3 Destinatari

Dettagli

Sviluppo sostenibile locale: Agenda 21 come processo partecipato e condiviso del nostro territorio

Sviluppo sostenibile locale: Agenda 21 come processo partecipato e condiviso del nostro territorio CoMoDo. Comunicare Moltiplica Doveri (art direction, grafica, fotografia Marco Tortoioli Ricci) Provincia di Terni in collaborazione con i Comuni della provincia Sviluppo sostenibile locale: Agenda 21

Dettagli

1. REDDITO MINIMO GARANTITO

1. REDDITO MINIMO GARANTITO 1. REDDITO MINIMO GARANTITO 28% delle famiglie pugliesi vivono in condizioni di povertà relativa La Puglia è al quartultimo posto per reddito medio in Italia Fonte: Dati Svimez 2012 e ISTAT 2013 2. DIRITTO

Dettagli

COMUNE DI GORNO Provincia di Bergamo

COMUNE DI GORNO Provincia di Bergamo COMUNE DI GORNO Provincia di Bergamo REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELL ECOMUSEO DELLE MONTAGNE E DELLE MINIERE DI GORNO Le montagne, le miniere e la gente di Gorno: cultura e tradizioni locali per

Dettagli

PREMESSA. Il programma individua tre linee di indirizzo:

PREMESSA. Il programma individua tre linee di indirizzo: PREMESSA Gli eventi traumatici e l'instabilità amministrativa che hanno dolorosamente segnato gli ultimi quaranta anni della nostra città hanno disperso le già labili tracce della sua tradizione comunale

Dettagli

REGOLAMENTO LUDOTECA COMUNALE. - Approvato con del. C.C. n. 71-446 del 3.10.2005;

REGOLAMENTO LUDOTECA COMUNALE. - Approvato con del. C.C. n. 71-446 del 3.10.2005; CITTA DI CONEGLIANO PROVINCIA DI TREVISO REGOLAMENTO LUDOTECA COMUNALE - Approvato con del. C.C. n. 71-446 del 3.10.2005; - Data entrata in vigore: 14.10.2005 1 REGOLAMENTO LUDOTECA COMUNALE ARTICOLO 1

Dettagli

STANDARD DI QUALITA DEI SERVIZI INFORMAGIOVANI SIRG REGIONE CAMPANIA

STANDARD DI QUALITA DEI SERVIZI INFORMAGIOVANI SIRG REGIONE CAMPANIA SETTORE POLITICHE GIOVANILI E DEL FORUM REGIONALE DELLA GIOVENTU STANDARD DI QUALITA DEI SERVIZI INFORMAGIOVANI SIRG ALLEGATO REGIONE 1 CAMPANIA AZIONE A DI SISTEMA COMUNE DI Allegato F SETTORE POLITICHE

Dettagli

L Assessore Sara Grigis

L Assessore Sara Grigis RELAZIONE AL PIANO PER IL DIRITTO ALLO STUDIO ANNO SCOLASTICO 2011/2012 I comuni sono chiamati a svolgere una funzione sempre più importante nell ambito dell Istruzione e della Formazione, elementi universalmente

Dettagli

ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti. www.trevisovolontariato.org

ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti. www.trevisovolontariato.org ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti www.trevisovolontariato.org Il Laboratorio Scuola & Volontariato è un iniziativa del Coordinamento delle associazioni di volontariato della Provincia

Dettagli

ASSOCIAZIONE DEI COMUNI DEL MIRANESE

ASSOCIAZIONE DEI COMUNI DEL MIRANESE ASSOCIAZIONE DEI COMUNI DEL MIRANESE PER IL COORDINAMENTO DELLE POLITICHE GIOVANILI CONVENZIONE 2015 2017 Testo approvato con deliberazioni consiliari di Martellago del, n., Mirano del, n., Noale del,

Dettagli

Regolamento del Consiglio per la Cooperazione Internazionale, Solidarietà e Accoglienza Città di Genova

Regolamento del Consiglio per la Cooperazione Internazionale, Solidarietà e Accoglienza Città di Genova Regolamento del Consiglio per la Cooperazione Internazionale, Solidarietà e Accoglienza Città di Genova Approvato con deliberazione C.C. n. 48 del 08/09/2015 In vigore dal 9 ottobre 2015 www.comune.genova.it

Dettagli

Progetti di legge regionali e nazionali

Progetti di legge regionali e nazionali CONSIGLIO REGIONALE DELL EMILIA ROMAGNA OSSERVATORIO LEGISLATIVO INTERREGIONALE Roma 8-9 febbraio 2007 Progetti di legge regionali e nazionali A cura di: di Giovanni Fantozzi PROPOSTA DI LEGGE N. 108 Di

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL CENTRO SOCIO-CULTURALE GAMBARO. ARTICOLO 1 Oggetto e Finalità

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL CENTRO SOCIO-CULTURALE GAMBARO. ARTICOLO 1 Oggetto e Finalità REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL CENTRO SOCIO-CULTURALE GAMBARO ARTICOLO 1 Oggetto e Finalità Il presente regolamento disciplina l uso e la gestione del Centro Socio Culturale Gambaro, denominato

Dettagli

PROVINCIA DI LECCE STATUTO

PROVINCIA DI LECCE STATUTO PROVINCIA DI LECCE FORUM PROVINCIALE DEI GIOVANI STATUTO TITOLO 1 COSTITUZIONE FINALITÀ E PRINCIPI GENERALI ART. 1 COSTITUZIONE E istituito il Forum Provinciale dei Giovani, di seguito Forum, della Provincia

Dettagli

Prove Esame di Stato

Prove Esame di Stato Prove Esame di Stato 2012 SEZ. A 1 Prova L Assistente Sociale specialista responsabile di un servizio sociale riceve dal proprio riferimento politico (Assessore alle politiche sociali) l incarico di redigere

Dettagli

Programma di sviluppo della partecipazione comunitaria alla definizione del PlUS 2016/2018

Programma di sviluppo della partecipazione comunitaria alla definizione del PlUS 2016/2018 Tavoli TemaTiCi 2015 Programma di sviluppo della partecipazione comunitaria alla definizione del PlUS 2016/2018 Comunità solidale, welfare di tutti: costruiamo insieme il piano dei servizi alla persona

Dettagli