CAI CREMONA UNA SETTIMANA DI TREKKING SULLE ALPI GIULIE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CAI CREMONA UNA SETTIMANA DI TREKKING SULLE ALPI GIULIE"

Transcript

1 CAI CREMONA UNA SETTIMANA DI TREKKING SULLE ALPI GIULIE Il news magazine de La Provincia S.E.C.SPA - ANNO X - N.39 - SUPPLEMENTO AL NUMERO 284 DEL 15 OTTOBRE 2011 DE «LA PROVINCIA» -P.T.Italiane Sped.in A.P.D.L.353/03 (L. 46/04)Art.1C.1- Cremona FOTOGRAFIA Tramonto sul fiume Gli scatti in motonave AL CREMONAPO Per i lettori de La Provincia Ognigiornounregalo giorno regalo GUIDA TV PROGRAMMI DA SABATO 15 A VENERDÌ 21 OTTOBRE 2011

2

3 Rosa e Anna sono le testimonial del concorso Vieni e vinci subito! ideato dal centro commerciale CremonaPo Editoriale di Daniele Duchi Clienti e lettori premiati Il concorso del CremonaPo La copertina ed il servizio di apertura di questo numero sono dedicati al nuovo concorso a premi VIENI EVINCI SUBITO! ideato dal centro commerciale CREMONAPO di via Castelleone a Cremona e che da lunedì 17 ottobre a sabato 29 ottobre vedrà coinvolti non solo i clienti abituali dell ipermercato e dei negozi dello shopping center ma soprattutto i lettori de LA PROVINCIA che avranno l opportunità doppia di vincere i premi in palio quotidianamente. Questa settimana spazio anche alla prima edizione del MOON RIVER CLIC PARTY, con la pubblicazione delle fotografie selezionate dall apposita commissione tecnica per l iniziativa organizzata dall assessorato al Turismo del COMUNE DI CREMONA e dal CONSORZIO NAVIGARE L ADDA in collaborazione con il GRUPPO FOTOGRAFICO CREMONESE. E per chi volesse provare l ebbrezza del trekking, riportiamo il resoconto di due ragazze cremonesi che hanno partecipato in estate ad una escursione organizzata dal CAI DI CREMONA. RIPRODUZIONE RISERVATA 3

4 In questo numero IL MONDO Oroscopo 6 La gioia a 2 del Cancro di Redazione Più Primo piano 7 Vieni e vinci subito!. Al CremonaPo si gioca di Redazione Più 11 Il mio primo trekking col Cai di Veronica Danzi 14 Obiettivi sull orizzonte. Il fiume visto al tramonto di Riccardo Maruti Filatelia 19 Francia, omaggio a Pizzighettone di Giorgio Barbieri Economia 20 Genova: nautica in trincea. Al lavoro per la ripresa di Andrea Gandolfi Esteri 24 Afghanistan dieci anni dopo di Massimo Schettino Borsino 98 La fermezza del sindaco Perri di Redazione Più LA CULTURA Arte 32 Toulouse-Lautrec di Mariagrazia Teschi La nostra storia 34 Il carabiniere ucciso per sbaglio di Fulvio Stumpo Musica 36 Lirica per il Touring di Roberto Codazzi LA FAMIGLIA In cucina 39 Risotto al taleggio con pere noci e finferli di Tullio Vincenzi Ristoranti 40 Tre spade di Vittoriano Zanolli A tavola 43 Straordinaria vendemmia di Tullio Vincenzi Salute 56 La terapia Endoret sfrutta le piastrine di Luca Puerari Bellezza 58 Smalti magnetici di Redazione Più Amici animali 60 Patologie dell orecchio di Federico Rosa A pag. 47 INSERTO TELEVISIONE Tutti i Programmi dal 15 al 21 ottobre 2011 In copertina: Anna e Rosa al centro commerciale CremonaPo IL TEMPO LIBERO Turismo 62 Oman, terra di leggende di Cinzia Franciò Itinerari e luoghi 64 Trionfo di colori in Val Malenco di Paolo Reale Libri 66 Henrietta Lacks eroina ignota di Barbara Caffi Dischi 68 Alchimia perfetta di Daniele Duchi Internet 70 Windows primeggia di Ivan Ghigi Hi-Tech 71 Htc Sensation XL di Ivan Ghigi Games 72 Fifa 12 da record di Ivan Ghigi Cinema 74 Rockstar in crisi di Nicola Arrigoni Supplemento al quotidiano Direttore responsabile: Vittoriano Zanolli A cura di: Daniele Duchi Hanno collaborato: Nicola Arrigoni, Fabrizio Barbieri, Giorgio Barbieri, SimoneBiazzi, Barbara Caffi, Paolo Capelli, RobertoCodazzi, Cinzia Franciò, Andrea Gandolfi, IvanGhigi, RiccardoMaruti, Francesco Pavesi, Luca Puerari, Paolo Reale, Federico Rosa, Massimo Schettino, Fulvio Stumpo, Mariagrazia Teschi Progetto grafico: Synesis Graphic Forge - Milano Fotocomposizione: SEC via delle Industrie, 2 - Cremona Servis via delle Industrie, 2 - Cremona Pubblicità: PubliA l.go P. Sarpi, 19 - Cremona Stampa: Sel via de Berenzani - Cremona Chiuso in redazione il 12/10/11 Reg. Tribunale n. 382/2002 del 13/4/02 Discoteche 76 Suoni esoterici da Quinto di Riccardo Maruti Spettacoli 78 Sogni di ragazzi all università di Roberto Codazzi IL MASCHILE Auto & Motori 80 Peugeot 3008 HYbrid4 81 Hyundai Veloster di Paolo Capelli Dart 94 Via agli italiani a squadre di Fabrizio Barbieri bydott.armandorota Quando è l ora del piumino, scegli lo specialista: SPACCIO AZIENDALE NUOVE COLLEZIONI AUTUNNO-INVERNO 2011/2012 PIUMONI SFILABILI ANCHE ROTONDI - TRAPUNTE PREGIATE IN PIUMINO D OCA GUANCIALI, CUSCINI - BIANCHERIA DA LETTO (tutto anche su misura) SERVIZIO RIFACIMENTO PIUMONI DEL CLIENTE ABBIGLIAMENTO IN PIUMINO D OCA: VASTO ASSORTIMENTO PER UOMO - DONNA - BAMBINO PIUMINI D OCA D ALTA MODA - PIUMINI TAGLIE GRANDI ORARI: MATTINO: dalle 9 alle 12 da martedì a venerdì POMERIGGIO: dalle 16 alle 19 da lunedì a venerdì SABATO: dalle 9 alle 12 e dalle 14,30 alle 19,00 SPACCIO RETI, MATERASSI ED ACCESSORI PIUMONE Re di Piumino CICOGNOLO - Via Papa Giovanni XXIII, 2 - Tel. e fax L unico piumificio in Provincia di Cremona e tra i pochi in Italia 4

5

6

7 PrimoPiano Redazione Più Lunedì 17 ottobre parte il nuovo concorso del centro commerciale. In palio ogni giorno più di 300 premi. E per i lettori del giornale La Provincia le probabilità di vincita raddoppiano Vieni e vinci subito! Al CremonaPo si gioca porta un nuovo concorso del CremonaPo, agile e frizzante, che in L autunno due settimane di gioco consegnerà oltre 3 mila premi. Con Vieni e vinci subito si comincia a giocare lunedì 17 ottobre e si va avanti fino a sabato 29 ottobre. Partecipare è facile e divertente. Presso la galleria del Centro Commerciale CremonaPo (situato in via Castelleone 108 a Cremona) sarà allestito uno stand dedicato al concorso dove negli orari di apertura le hostess annulleranno con un timbro gli scontrini fiscali degli acquisti effettuati sia nei negozi dello shopping center sia nell ipermercato e consegneranno le cartoline concorso. L importo minimo dello scontrino deve essere di 10 euro. Più spendi più giochi! Ma saranno i lettori del giornale La Provincia i più fortunati perché anche quest anno avranno il doppio delle possibilità di vincere. Tutti i consumatori che, insieme agli scontrini fiscali degli acquisti effettuati, consegneranno alle hostess anche il coupon concorso presente sul quotidiano (che verranno pubblicati tutti i giorni nel periodo della promozione) riceveranno il doppio delle cartoline concorso previste. Ovviamente coupon e scontrini devono avere la stessa data. Gli scontrini fiscali potranno essere esibiti allo stand anche nei giorni successivi all acquisto, purché nel periodo di promozione, cioè sino e non oltre il 29 ottobre. Per dare una possibilità in più di vincita i clienti riceveranno un bonus concorso per ogni 50 euro di spesa effettuata presso sia l ipermercato sia i negozi della galleria presentando uno o più scontrini (purché della stessa giornata). E consegnando il bonus concorso alla hostess il giorno successivo al ricevimento dello stesso, si avrà diritto a ricevere una cartolina concorso senza avere la necessità di effettuare acquisti. Ogni giorno ci sono in palio circa 300 premi (prodotti alimentari, ingressi gratuiti al cinema eccetera) più due super premi: un buono acquisto da 150 euro da spendere nell ipermercato e un omaggio non-food (per fare solo qualche esempio una tv o uno smartphone). Ma attenzione: i premi in palio saranno pubblicati ogni giorno sul quotidiano La Provincia in una finestrella pubblicitaria dedicata al concorso. Anna e Rosa nel reparto multimedia dell Ipercoop del CremonaPo Le foto del servizio sono state realizzate dallo studio di Giada Passamonti 7

8

9

10 PRIMO PIANO Anna e Rosa all ingresso del negozio di abbigliamento Via Condotti In basso a sinistra: le due testimonial nel punto vendita BasicBeauty Qui sotto: nella galleria del CremonaPo Slot machine Giocare è facilissimo e molto divertente Giocare è semplicissimo e divertente, anche i più piccoli si appassioneranno. I consumatori potranno cimentarsi alla slot machine, cioè una sorteggiatrice elettronica, inserita in una scenografia utilizzando la cartolina concorso dedicata. Ognuno introdurrà nell apposita fessura la sua cartolina concorso e passerà sotto la scenografia predisposta, attivandone i sensori di passaggio. In caso di vincita un jingle audio avvertirà allegramente il fortunato e dalla sorteggiatrice elettronica verrà immediatamente stampato uno scontrino recante la data e la tipologia di premio vinto, indispensabile per il suo ritiro. Nel caso di vincita tramite Instant win il consumatore, dopo aver compilato con i propri dati anagrafici e consegnato la lettera di manleva, potrà ritirare il premio (se disponibile) direttamente dalla hostess. I premi non richiesti o non assegnati, diversi da quelli rifiutati, verranno devoluti in beneficenza all Onlus MEDeA Medicina e Arte, quelli rifiutati, verranno incamerati dalla società promotrice. 10

11 PrimoPiano di Veronica Danzi Il mio primo trekking col Cai Le cremonesi Veronica Danzi e Stefania Zorloni raccontano questa esperienza estiva sulle Alpi Giulie totalmente diversa dai propri canoni di vacanza Foto di gruppo al rifugio F.lli Grego dei partecipanti all escursione del Cai Dal 20 al 27 agosto 2011: sicuramente una settimana che, grazie al Cai di Cremona, ricorderò per sempre come un avventura densa di passione. La passione in questo contesto è quella voglia di condividere un esperienza resasi unica grazie all impegno di Moreno e Stefano, i due capigruppo che hanno regalato a tutti e 25 i partecipanti del viaggio momenti davvero indimenticabili. Ho 30 anni, primo anno di iscrizione al Cai grazie all entusiasmo profuso dai racconti di un amica, che mi ha convinto a fare questo grande passo ; lo nomino così perché non ho mai avuto, fino ad ora, anche solo la minima esperienza in montagna, nonostante abbia, negli ultimi anni, partecipato a 4-5 gare trail, competizioni che non hanno nulla a che vedere con lo spirito escursionistico del Cai. Devo ammettere che durante le settimane antecedenti la partenza ero un po tesa, con il dubbio di aver sbagliato ad iscrivermi ad un viaggio di una settimana molto lontano dai miei canoni di vacanza certamente più impegnativo delle escursioni in giornata o dei weekend fatti in precedenza con il Cai e la EE (Escursionisti Esperti) sul volantino non mi aveva sicuramente rassicurato! Alla fine si parte! Questo mio ricordo non tratterà di nomi di cime, di passaggi, di rifugi e bivacchi perché, anche volendo, non sarei in grado di elencare in modo cronologico i vari elementi, da tanti che ne abbiamo affrontati o nei quali ci siamo imbattuti. Oops rettifico! Come dimenticare la Cima del Cacciatore? Il tracciato in discesa, in un punto, causa l inesperienza e l avvento repentino dell ansia da principiante mi ha messo in difficoltà. La premurosa presenza di Luigi Monterosso, espertissimo qual è, mi ha aiutato sia psicologicamente che nei fatti a terminare la discesa. Non solo dura montagna in questa settimana nel viaggio di andata la tappa di avvicinamento è stata Aquileia, cittadina caratterizzata da spettacolari resti di epoca romana e dall imponente basilica medioevale; al ritorno invece Kranjsca Gora in Slovenia è stata una vera sorpresa, meta per eccellenza dello sci che anche in estate sa offrire le sue bellezze naturali e culturali ai numerosi turisti. Sono appunti dettati esclusivamente dall emozione il contorno umano di spessore che ho trovato mi ha permesso di preservare un bel ricordo della gita. Ringrazio tutto il gruppo nella sua interezza, a partire dalla presidentessa Clara Generali, che con il suo modo di fare discreto è sempre una presenza benvoluta e rassicurante. Ho conosciuto persone molto interessanti e piacevolmente di compagnia, ognuna con la propria storia, la propria esperienza, il proprio bagaglio fatto di camminate, imprevisti, incontri, aneddoti, ecc Una settimana che mi ha lasciato tanto. Ero partita a cuor leggero, sapendo che in ogni caso avrei avuto la possibilità di fare un esperienza tosta sono tornata rafforzata da un trekking che mi ha fatto vivere a mille ogni giornata. Tutto nuovo o quasi, sentir parlare di forcelle, vie attrezzate, stanzoni con letti a castello, rigorosi tappi alle orecchie per la notte, luce frontale, sacchi letto, lo studio accurato degli spazi dello zaino nei minimi dettagli, e tutte le diavolerie che ho scoperto esistere per questa fetta di mercato turistico a me sconosciuto. Ho iniziato questi appunti con quella che definisco la parola chiave che ha caratterizzato, ai miei occhi, questo viaggio sulle Alpi Giulie: la passione. Non servono tante definizioni per descrivere questa sensazione che mi ha invaso, bastava osservare i miei compagni di viaggio, animati da una grande forza emotiva e dalla voglia di vivere pienamente la natura. Inizialmente questo stato d animo mi ha stupito non poco, ma col passare dei giorni ho iniziato a comprendere quell entusiasmo, essendo immersa appieno in una realtà totalizzante. La particolarità del gemellaggio con gli escursionisti francesi (di Digne) ha reso ancora più interessante questa vacanza. Termino questo resoconto, abbastanza impalpabile sotto l aspetto tecnico ma spero più incisivo in quello inerente il sentimento e l emozione, rilevando che un esperienza inizialmente temuta si è invece svelata come una settimana indimenticabile che ricorderò per sempre. 11

12 Descrizione del percorso Clara Generali del Cai Cremona Sotto: gli escursionisti alla cappella Luca Vuerich A destra: un camoscio Gli escursionisti del Cai di Cremona in salita. Le foto sono di Gianni Mulattieri 20 AGOSTO 2011 Et voilà, finalmente ci siamo! E passato un anno dall esperienza francese nel Queyras, condivisa tra il CAI di Cremona ed il C.A.F. (Club alpino francese) di Digne les Bains (Alpi di Alta Provenza), e la magia della montagna ha nuovamente permesso l avvio di questo avventuroso trekking tutto italiano nelle Alpi Giulie! L entusiasmo e la vitalità del nutrito gruppo di partecipanti, composto da 19 italiani e 6 francesi perfettamente coordinati dai due capigruppo Moreno e Stefano, unito alla magia delle Alpi Giulie ha reso indimenticabile questa vacanza, caratterizzata da camminate affascinanti, bivacchi d epoca e accoglienti rifugi. Il primo giorno è stato dedicato al trasferimento con destinazione Valbruna (Udine), reso ulteriormente interessante dalla deviazione per la città di Aquileia, dove la Basilica Romana con la sua architettura e i suoi mosaici si è rivelata in tutto il suo splendore. Altro pit-stop, a grande richiesta dei francesi, è stata quello a Grado per un saluto e un bagno propiziatorio nel mare Adriatico. Verso sera l accogliente ospitalità della Casa Alpina Julius Kugy di Valbruna ha permesso una migliore amalgama del gruppo, nel quale le donne numericamente l hanno fatta da padrone, 14 rappresentanti del gentil sesso su un totale di 25 partecipanti! 21 AGOSTO (1 GIORNO) Zaino in spalla... si parte finalmente! Siamo tutti molto tranquillizzati da previsioni meteo a dir poco eccezionali, l unico timore è per il grande caldo che ci si prepara ad affrontare con notevoli dosi di acqua e variopinti copricapi. Il cammino previsto è ben impegnativo con i mt di salita per arrivare alla bella cima dello Jòf di Miezegnot (2089 mt), che ci offre il primo panorama mozzafiato. L intento è di arrivare al rifugio dei F.lli Grego, dove pernotteremo, entro le 14, visto l allettante programma di un concerto d archi in quel contesto da favola. I nostri eroi riusciranno nell impresa, e verranno premiati da un pomeriggio di arte musicale e narrativa davvero fuori dal comune. 22 AGOSTO (2 GIORNO) Con le gambe un po provate dal caldo e dalle salite di ieri, iniziamo ad affrontare questa seconda giornata che ci riporterà a metà pomeriggio al rifugio della prima notte in Valbruna. Saranno ore di piacevole cammino tra chiacchiere, boschi e un percorso un po impervio sicuramente non annoiante! Il bivacco dei fratelli Stuparich e la Val Sàisera, ben nota agli amanti dello sci di fondo, ci hanno accompagnato con un dislivello di 500 mt in salita e mt in discesa. Questa giornata si è chiusa piacevolmente sia con gli ottimi manicaretti della malga trovata lungo il percorso, sia con un bagno ristoratore nel gelido torrente di fondo valle. 23 AGOSTO (3 GIORNO) Oggi variazione di programma, seguendo le preziose indicazioni dell amico Federico, esperto della zona. La camminata partirà infatti dallo scenografico altopiano del Montasio, regno delle casere per la produzione dell omonimo e squisito formaggio, rendendo così il percorso ancora più suggestivo. La giornata è stata arricchita da un piacevole quanto inusuale momento poetico, reso possibile grazie all intraprendenza dei quattro bravi attori del gruppo, ovvero Enza, Giorgio, Federico e Gèrard. Al passo degli Scalini, in modo assolutamente improvvisato, hanno infatti messo in scena la poesia di Arthur Rimbaud L addormentato della valle ( Le dormeur du val ), quale ricordo in onore dei duri combattimenti che si sono succeduti nel teatro delle Alpi Giulie durante la Prima Guerra Mondiale. Il rifugio Corsi (1.874 mt), arroccato in un incantevole posizione, ha accolto il gruppo per il meritato riposo; parte della compagnia ha deciso di affrontare un ultimo sforzo per arrivare alla Forcella Lavinal dell Orso a mt, per uno spettacolare colpo d occhio sull adiacente vallata. L ingegnoso rifugista ha poi permesso ad alcuni temerari di godere di un improvvisata quanto spettacolare doccia en plein air, seguita di un ottima cena in onore del compleanno dell amico francese Philippe. 12

13 PRIMO PIANO Il bivacco dei fratelli Stuparich Sotto: rifugio Locanda al Convento sul Monte Santo di Lussari 24 AGOSTO (4 GIORNO) Si parte di buon mattino con l entusiasmo crescente per quella parte di escursionisti che si cimenterà nella via ferrata del Centenario (2.180 mt), mentre agli altri spetterà una discesa molto infida attraverso un ghiaione definito da tutti spacca gambe. Il ritrovo per l intero gruppo è al bivacco Gorizia (1.950 mt), dove un nutrito branco di camosci si è concesso ai nostri provetti fotografi. Il percorso è poi proseguito in discesa lungo il Rio Bianco fino alla strada, arricchito da scorci di cascate, pozze e boschi davvero incantevoli. Terminata la camminata piacevole sosta con la merenda di Federico ai laghi di Fusine e da lì, utilizzando l impianto di risalita di Camporosso, conclusione della giornata al rifugio Locanda al Convento (1.766 mt) sul Monte Santo di Lussari. Questa sistemazione si è rivelata particolarmente confortevole, in quanto la locanda non ha niente da invidiare ad alberghi classificati di medio-alto livello. Il paesino è meta di numerosi pellegrinaggi grazie alla presenza del Santuario della Madonna di Lussari, e l intera zona è caratterizzata dall armonica e costruttiva co-presenza delle culture tedesca, italiana e slovena. 25 AGOSTO (5 GIORNO) Partenza verso l impegnativa Cima del Cacciatore (2.048 mt), ascesa preceduta da un momento di forte commozione vissuto dal gruppo davanti alla piccola cappella dedicata alla memoria di Luca Vuerich, un giovane ma grande alpinista che ha perso la vita su una cascata di ghiaccio nel L emozione è intensa, essendo stato Luca un amico di Moreno e Clara: proprio lui aveva dato utili suggerimenti sui tracciati in occasione della preparazione di questo trekking. La discesa dalla cima ha messo a dura prova muscoli e gambe di tutti quanti attraverso un percorso a tratti attrezzato con funi di sicurezza, poste nei punti più critici. Arrivati alla Sella Prasnig (1.491 mt) abbiamo proseguito sul versante ovest del costone delle cime delle Rondini e con breve salita abbiamo raggiunto il nostro penultimo rifugio, il Pellarini. Da lì il panorama sull arcata delle Alpi Giulie è davvero incantevole e suggestivo. 26 AGOSTO (6 GIORNO) Di prima mattina si affronta la salita della Sella Carnizza (1.767 mt), risultata impegnativa per le caratteristiche morfologiche del terreno che peraltro hanno contraddistinto l itinerario di tutta la settimana: territorio selvaggio, incantevole e molto franoso. Ridiscesi nella valle di Riofreddo, dopo una lunga camminata attraverso sentieri sterrati, siamo ritornati alla piacevole Locanda del Convento che con le sue delizie da gran ristorante ha nuovamente conquistato il palato di tutti. 27 AGOSTO (7 GIORNO) Che dispiacere lasciare le Alpi Giulie! Aneddoti e resoconti di questa settimana si sono susseguiti come i passi che ci hanno riportato alle auto per la conclusione del trekking almeno questo ci ha rallegrato nella discesa! L ultimo saluto ce lo siamo scambiati davanti a succulenti cibi di un ristorante nella cittadina slovena di Kranjska Gora, quale arrivederci all anno prossimo nelle montagne francesi: l accordo è infatti quello di partecipare ad un trekking organizzato dal gruppo del C.A.F. di Digne les Bains, i cui particolari si potranno scoprire solo nel prossimo autunno/inverno. Un sentito grazie a Moreno, Stefano e Clara da tutti i simpatici e volonterosi partecipanti, che elenco in mero ordine alfabetico: Aldo, Anna, Benvenuto, Beppe, Enza, Gianni, Giorgio, Gèrard, Janine, Jean André, Juliette, Luciana, Luisa, Luigi, Marielle, Paola, Pia, Philippe, Rosa, Susan, Stefania, Veronica. Au revoir à tous! Stefania Zorloni Nello zaino Un concetto va capito il più in fretta possibile: tutto quello che entra nello zaino lo dobbiamo portare sulle nostre spalle e spostare con le nostre gambe. Dunque, meno cose inutili portiamo con noi, più si è leggeri, più ci godremo le escursioni e i trekking che facciamo. Per un trekking di una settimana, il peso dello zaino dovrebbe essere contenuto entro i 10 kg per le donne ed entro i 12 kg per gli uomini. Lo zaino per un trekking alpino di una settimana deve avere una capacità compresa tra i 50 e 60 litri e non deve pesare più di 2 kg. Meglio comprarne uno che si adatti perfettamente alla nostra fisionomia senza troppe fettucce e tasche laterali che rendono i movimenti impacciati e rischiano di impigliarsi ovunque. Cosa mettere nello zaino dipende dal tipo di escursione, dal periodo in cui si svolge e dalla quota cui ci troviamo. Di massima l'attività escursionistica si svolge in ambiente alpino, nel periodo estivo; lo zaino tipo per una settimana potrebbe contenere: coprizaino per la pioggia (meglio se integrato nello zaino) sacco lenzuolo per il pernottamento in rifugio (obbligatorio) torcia elettrica giacca impermeabile (meglio di tipo a guscio leggera e comprimibile) stringhe di ricambio piccolo pronto soccorso con farmaci personali (anti infiammatori, antipiretici ecc.) materiale per toilette occhiali da sole borraccia guanti e cappellino (alla sera in montagna fa sempre freddo) bastoncini regolabili da trekking accendino telefono cellulare barrette energetiche e/o frutta secca, cioccolato coltellino multiuso carta topografica (una per tutto il gruppo basta...) crema solare almeno 30 FP un pile pesante e uno leggero 2 t-shirt di tessuto tecnico un paio di pantaloni corti un paio di pantaloni lunghi slip e calze secondo i propri usi e costumi. Un utile consiglio è quello di racchiudere il vostro materiale in sacchetti di plastica, prima di inserirli nello zaino, gli indumenti/materiale resterà più asciutto anche in caso di forte pioggia. Facoltativi, anche se molto utili possono essere: bussola, altimetro, macchina fotografica, matita e fogli per appunti, binocolo compatto. 13

14 PrimoPiano di Riccardo Maruti Cronache dal Po MOON RIVER CLIC PARTY. Ecco le fotografie selezionate dall apposita commissione tecnica La fotografia di Roberto Bardelli Sotto: lo scatto vincitore realizzato da Annalisa Bocelli Scotti Lo scatto di Annalisa Bocelli Scotti cattura e racchiude il senso complessivo del Moon River Clic Party: il cielo che sparge una luce aranciata sulle acque del Po, il disco solare in parte già inghiottito da una boschina dal profilo nero, e, in primo piano, la Bourbon Street Band sulla prua della motonave Cicogna che impugna gli strumenti, mentre la campana del trombone riflette ciò che accade al di fuori della scena. Un immagine che è quasi sinestesia nella sua capacità di raccontare e di suggerire, di documentare e di evocare: è proprio questa la fotografia scelta per rappresentare la prima edizione dell iniziativa organizzata dall assessorato al Turismo del Comune di Cremona e dal Consorzio Navigare l Adda in collaborazione con il Gruppo Fotografico Cremonese e il quotidiano La Provincia. Lunedì 3 e martedì 4 ottobre la motonave è salpata dall attracco di Largo Marinai d Italia carica di fotografi cremonesi (sia professionisti che amatori) per un singolare reportage del tramonto: le immagini più belle selezionate da un apposita commissione sono pubblicate in queste pagine di Più. La panoramica di Roberto Bardelli abbraccia il fiume da sponda a sponda mentre il sole sfuma all orizzonte; Mino Boiocchi ha scelto un formato verticalissimo per unire cielo e terra in un evanescenza rosa-blu sormontata dalla virgola bianca di un aereo in volo; lo scatto di Alberto Bruschi è ambientato all interno della cabina di comando della Cicogna, mentre fuori la musica della Bourbon si fonde ai colori torri- 14

15 Obiettivi sull orizzonte Il fiume visto al tramonto Oltre 60 partecipanti Lo scatto di Roberto Caccialanza L immagine pubblicata qui accanto è stata realizzata da Roberto Caccialanza, fotografo innamorato del Po, tra i membri della commissione giudicante: la foto, fuori concorso, ritrae alcuni dei partecipanti (in tutto oltre 60) alla prima edizione del Moon River Clic Party. di dell imbrunire; Giancarlo Cattagni ha immortalato il clarinettista Beppe Corbari posseduto dal sacro fuoco della musica (e del fiume); l oro di un cielo solcato da un tumultuoso volo d uccelli si perde nel nero di un Po ormai notturno nell opera di Germano Coelli; l obiettivo di Vito Gerevini ha colto un barcaiolo nell ora del crepuscolo: una figura scura che pare annegata in una miscela accesa di giallo e di rosso; due canoisti pagaiano nella sera infuocata nello scatto fotografico di Gianpietro Guarneri, incantevole mosaico di schizzi d acqua e riflessi di luce; è una sorta di operazione metafotografica il flash di Antonio Scolari, che ha ritratto lo schermo di una fotocamera puntata sul tramonto. Alla crociera condotta dal comandante Claudio Ongari sono intervenuti anche il capitano Fulvio Regis e pure l assessore comunale Francesco Zanibelli, a sua volta capitano di regata. Un team di lupi di fiume che ha traghettato i fotografi alla (ri)scoperta delle bellezze del Po, rese più che mai magiche dalla luce obliqua del sole tramontante. Nel tragitto dall attracco al Cristo (e ritorno) il Grande Fiume sa offrire scorci in grado di far vibrare le corde più profonde dell anima. Angoli e vedute che hanno ispirato gli obiettivi dei tanti imbarcati sulla Cicogna per volare nel cuore di un mondo naturale che molto ha da dire. Per emozionare e per ricordare che Cremona e il Po sono una cosa unica. 15

16 16 Sopra: V. Gerevini A lato: M. Boiocchi A destra: A. Scolari Sotto: G. Guarneri

17 Qui a destra: l immagine di Alberto Buschi PRIMO PIANO Nelle immagini premiate si legge l amore per il Po dei fotografi cremonesi All imbrunire l acqua si colora di tinte accese per emozionare Sopra: G.Coelli A destra: G. Cattagni 17

18

19 Filatelia di Giorgio Barbieri Francia, omaggio a Pizzighettone Il Torrione su un francobollo del dicembre 2010 Si tratta di una emissione personalizzata, su richiesta di un socio della Pro Loco Il francobollo ha validità per la spedizione in tutta Europa e nei Paesi mediterranei A sinistra: il bollo francese A destra: il Torrione Sotto: cartolina affrancata e spedita dalla Francia Non tutti forse sanno che da qualche anno è possibile richiedere francobolli personalizzati. Le Poste olandesi, canadesi, della Repubblica Ceca e francesi hanno iniziato a produrre francobolli su richiesta. In Olanda e Repubblica Ceca qualsiasi cittadino può chiedere, ovviamente pagando, di mettere sul francobollo la sua fotografia, quella della fidanzata, dei genitori, del cane o del gatto. Le Poste francesi invece inseriscono in vignetta paesaggi, monumenti, particolari architettonici. E, grazie ad un socio della Pro Loco di Pizzighettone che ha fatto richiesta, è stato emesso un francobollo francese nel dicembre del In vignetta il Torrione, il logo della Pro Loco di Pizzighettone, la dicitura France, La Poste. Non è segnato il valore del francobollo ma c è la scritta 20 gr., che vuole dire che ha validità per tutte le spedizioni in Europa e nei paesi africani che si affacciano sul Mediterraneo. A Pizzighettone sono arrivate cartoline e lettere affrancate con il francobollo dedicato al paese rivierasco, con grande soddisfazione dei soci della Pro Loco. Il francobollo ha un valore filatelico nominale (60 centesimo nuovo, la metà o ancora meno timbrato) ma per Pizzighettone ha un grande valore affettivo e storico. La storia di Pizzighettone è profondamente legata al fiume Adda. La presenza di un guado determinò sin dall antichità preromana la sua rilevanza per il controllo della regione. Durante il Medioevo, nel XII secolo, il Comune di Cremona fondò l attuale Pizzighettone, realizzando una castrum sulla sponda orientale del fiume Adda. Pizzighettone diventò un importante caposaldo fortificato, potenziato sotto le signorie di Cavalcabò, Fondulo, Visconti, Sforza, Venezia, i sovrani di Francia, gli Asburgo di Spagna e d Austria, i Borbone, i Savoia, Napoleone. Le difese cittadine sono ancora bene conservate: la cerchia muraria sulla sponda sinistra del fiume, le difese bastionate sulla sponda destra. Accanto a questi, edifici antichi come la chiesa parrocchiale di San Bassiano (secolo XII) ed il palazzo comunale (secolo XV). Da segnalare che nel 1525 fu tenuto prigioniero nella Rocca di Pizzighettone il Re di Francia Francesco I di Valois. Catturato dalle truppe asburgiche dopo la sconfitta subita a Mirabello di Pavia, venne incarcerato nella torre detta del Guado, giunta integra e visitabile ai giorni nostri. Il francobollo su Pizzighettone è stato posto in vendita nel 2011 in occasione della festa della Pro Loco dedicata alla Giornata dei castelli domenica 29 maggio dell anno scorso. 19

20 PrimoPiano Economia di Andrea Gandolfi Limita i danni la 51ª edizione del Salone internazionale che ha chiuso i battenti domenica scorsa: visitatori in calo del 13%, ma considerando l andamento congiunturale si può guardare al futuro con cauto ottimismo. Il bilancio delle aziende cremonesi: Cantieri Capelli, Pagliarini Group, Paiardi e Yacht 2000 Genova: nautica in trincea Al lavoro per la ripresa Alla fine è andata meno peggio di quanto si temeva. Nonostante il calo che ha interessato sia i visitatori ( , meno 13% rispetto al 2010), che gli espositori, scesi di circa 400 unità e fino al livello di Tenendo conto di uno scenario congiunturale fortemente segnato dalla crisi, infatti, può parlare di bilancio sostanzialmente positivo e di disastro scongiurato l edizione 2011 del Salone Nautico internazionale di Genova, che ha chiuso i battenti domenica scorsa dopo nove giorni di programmazione. Il comparto che si è dato appuntamento al quartiere fieristico della città della Lanterna, conferma un andamento di mercato delineato da tempo: faticano ad uscire dalla crisi le piccole aziende rivolte alla domanda interna, mentre navigano in buone acque quelle che hanno potuto internazionalizzarsi ed operano sui mercati emergenti. «All apertura - ammette il presidente di Confindustria Nautica, Anton Francesco Albertoni - avevamo tali incertezze che temevano di dover annunciare per l anno prossimo un salone dimezzato. Invece non è stato così». «Visti i dati di partenza - aggiunge Sara Armella, presidente di Fiera Genova - e cioè un calo del fatturato nautico del 45% negli ultimi tre anni, l andamento negativo delle borse e la manovra economica (tutti fattori che deprimono la propensione all acquisto), temevamo un salone nautico fortemente ridimensionato. C era una seria preoccupazione. Ma ora possiamo parlare di un cauto ottimismo». Concordi gli espositori nel parlare di un primo fine settimana tutt alto che esaltante. «Complice anche - prosegue Armella - un caldo fuori dal comune che ha visto in sofferenza anche altre strutture turistiche in città, come l Acquario e Palazzo Ducale». Nel corso della settimana, tuttavia, si sono registrati «segnali di ripresa forti da parte di un pub- 20

21 In senso orario: il palasport di Genova, cuore del Salone Nautico; uno yacht Aifos, un imbarcazione targata Dubai e una veduta panoramica blico qualificato». Come a dire che il calo dei visitatori rispetto all edizione 2010, atteso e per diversi motivi fisiologico, alla fine ha inciso soprattutto sui semplici curiosi. E non è detto che sia un male. Una cosa è certa. «Su dieci prodotti venduti - ricorda Albertoni - otto sono andati a clienti stranieri. Quanto alle aziende, sono moderatamente soddisfatte. Certo, resta la distinzione fra piccole, medie e grandi. Il fatto però che tutti i grandi gruppi abbiano puntato sulla presentazione di modelli appartenenti alla gamma di prodotto medio, vale da dire la fascia più colpita, è un segnale significativo al quale i clienti hanno risposto positivamente. Insomma, la gamma media è andata meglio delle aspettative, anche se resta comunque quella più in difficoltà». Bilancio molto soddisfacente per i colloqui business to business tra operatori, organizzati nell ambito del Salone (700 gli incontri) e grande successo per GenovaInBlu, edizione numero zero di un programma di eventi fuori salone voluto per coinvolgere al meglio tutta la città nella kermesse nautica. Risposta positiva anche per le iniziative proposte nell ambito del Salone per intercettare il pubblico; come le prove in mare ed i corsi gratuiti organizzati con la Federazione Italiana Vela. Tutti appuntamenti che gli organizzatori intendono confermare al Salone «Da Genova - infatti - deve passare un idea di fondo: quella della nautica per tutti», conclude Armella. «La nostra non deve essere solo una vetrina per un segmento di nicchia». In questa prospettiva, l elemento positivo da segnalare riguarda la presenza dei bambini al sabato. Decuplicata rispetto allo scorso anno. Mentre non viene certo sottovalutato l altro segnale forte che sembra arrivare da Genova: un primo passo verso quell inversione di tendenza che aveva fatto capolino nel primo trimestre dell anno. (ansa) 21

22 Export da podio E lavoro per Fishing: Pagliarini è al top con due grandi marchi statunitensi da incorniciare è quella di due titolari, i cugini Cristina L immagine ed Omar Pagliarini (foto in alto), al loro stand insieme ai concessionari di zona ed a Paul Perry, vicepresidente vendite internazionali della Pursuit Boats (a destra del titolo). Dentro, c è tutta la squadra che ha rappresentato a Genova il cremonese Pagliarini Group ; cinque persone in pianta organica e quarant anni di storia iniziati nella sede storica sul Novantamila posti di lavoro, quinto comparto nella graduatoria dell export, un eccellenza qualitativa che fa scuola nel mondo: è l identikit della nautica italiana proposto al Salone di Genova da Ucina, la Confindustria del settore. Per sottolinearne la grande importanza economica; ma anche per dire che un comparto così importante va riconosciuto per ciò che realmente è, e non identificato in modo aprioristico nell esclusiva riserva di caccia di supermiliardiari ed evasori fiscali. Dunque, da sostenere. Anche perchè la crisi - comunque - si fa sentire: il fatturato 2010 si è fermato a quota 3,3 miliardi di euro (- 20,9% rispetto all anno precedente); e in confronto al 2008, l anno nel quale il settore ha raggiunto i suoi massimi storici, il calo è stato addirittura del 45,7%. L export, però, tiene bene: sempre nel 2010 ha rappresentato il 67% della produzione globale. Segnali relativamente confortanti arrivano anche dall occupazione. Tra il 2009 ed il 2010 gli addetti diretti sono calati solo dell 11%, anche grazie al ricorso alla cassa integrazione, che ha consentito alle aziende di non disperdere la manodopera specializzata. Po, per arrivare a quella attuale di via San Rocco, cui se ne affiancano due in terra di Liguria: Porto Mirabello presso La Spezia e Porto Carolina a Lerici. Al gruppo fanno riferimento due aziende. Pagliarini Group, appunto, importatore di due prestigiosi brand Usa: Pursuit Boats (in esclusiva per l Italia) e Rampage Sport Fishing Yacht (Italia, Francia e Croazia). Si tratta di fuoribordo ed entrobordo per la pesca d altura. E poi c è Pagliarini International Boats, concessionario dei cantieri Cranchi e Zodiac, dei motori Honda Marine, Mercury, Mercruiser, Volvo Penta; distributore del cantiere Tiara Yachts e officina autorizzata Yamaha Outboards. Al Salone dove i contatti sono stati buoni, ma certo si sono fatte sentire le difficoltà del mercato, e di una percezione mediatica che equipara la nautica ad un giochetto per ricchi evasori fiscali - Pagliarini ha presentato una novità su scala europea: il Pursuit ST 310, modello adatto sia per la pesca d altura che per crociere giornaliere, nella sua doppia versione center console ed offshore. E l interesse non è mancato; anche se, come sempre accade in questo tipo di manifestazioni, solo le prossime settimane permetteranno di stilare un bilancio concreto e reale della spedizione. L aria, comunque, è quella di un giustificato ottimismo. Per la qualità dei prodotti (i due brand Usa sono tra i più importanti al mondo nel settore del fishing), e per la capillarità di un organizzazione che copre buona parte della filiera : importazione, vendita, manutenzione. Con tre concessionari - a Noventa Padovana, Fiumicino e Corigliano Calabro - un distributore ad Olbia e due officine mobili attive su tutto il territorio nazionale.

23 Nunzia ed Umberto Capelli su una delle loro imbarcazioni. Qui a sinistra, lo stand al Salone di Genova PRIMO PIANO ECONOMIA «Il segreto? Internazionalizzare» Cantieri Capelli alleata con il colosso Yamaha Basta avvicinarsi allo stand tra i più grandi e visibili, proprio al centro del palasport che da sempre rappresenta il cuore del centro fieristico per capire di essere arrivati in visita ad uno dei protagonisti di Genova 2011: Cantieri Capelli di Spinadesco, fondata nel 1974 ed ora titolare di una posizione di grande rilievo nel mercato delle imbarcazioni medio piccole; a partire dai gommoni, nei quali è indiscusso leader mondiale per vendite. Ottantadue dipendenti a Spinadesco e 160 nello stabilimento di Monastir, in Tunisia («ma quella è solo un unità produttiva, mentre cervello e cuore, progettazione e sviluppo, restano ben saldi qui», spiegano i titolari Umberto e Nunzia Capelli), Cantieri Capelli ha tenuto testa alla difficile fase congiunturale anche grazie alla forte internazionalizzazione del suo raggio d azione. «Per quanto ci riguarda, la lieve flessione della domanda interna viene compensata dagli acquirenti d oltreconfine», precisa Umberto Capelli. «Come è andato il Salone? Possiamo dirci soddisfatti, nonostante un certo calo nei numeri della manifestazione. Ma la crisi è quella che tutti sappiamo; e - soprattutto - si paga l ingiusta criminalizzazione di un settore che invece ha grandi meriti: garantisce posti di lavoro, è il quinto comparto nella graduatoria dell export nazionale, manda in giro per il mondo prodotti che sono sinonimo di qualità, funzionalità e design tipicamente italiani. Eppure ci si ostina a vederlo come una nicchia di spreco per aristocratici (meglio ancora se disonesti...). Non è così: noi, ad esempio, con i nostri gommoni potremmo essere tranquillamente presi ad esempio di una nautica popolare, capace di soddisfare una passione a portata di molti. Yacht esclusi, ovviamente. Ma ci sono imbarcazioni da euro, il costo di un utilitaria. E - francamente - non riusciamo a capire perchè si voglia cucire addosso alla nautica un certo tipo di reputazione, quando giustamente nessuno obietta nulla al mercato dei gioielli o delle auto di lusso: che in Italia sono , contro imbarcazioni...». Orgogliosa del suo essere nata sul Po, e di un costante impegno per la qualità che garantisce un buon valore anche all usato, Cantieri Capelli trova in Francia, Nord Europa, Canada ed Australia alcuni tra i suoi principali mercati d oltreconfine di riferimento. Un punto di forza è la partnership stipulata con il colosso Yamaha, dal quale l impresa cremonese acquista i motori per le sue imbarcazioni, potendo contare in cambio sulla straordinaria rete distributiva del gruppo giapponese. «Il futuro? Quello del mercato non è facile, porterà un ulteriore selezione dei cantieristi, il governo non ci aiuta...eppure siamo quel mondo di piccole e medie imprese artigiane del quale tutti si riempiono la bocca, l 80% del parco nautico nazionale è formato da piccole barche. Perchè ci trattano da extraterrestri?». Barche a vela da Fiesco verso scuole e villaggi turistici Premio fedeltà per Angelo Paiardi Da dieci anni sempre presente al Salone Dieci anni di ininterrotta fedeltà al Salone di Genova meritano un premio. Quello che gli organizzatori della manifestazione hanno consegnato nei giorni scorsi ad Angelo Paiardi (nella foto), titolare dell impresa di Fiesco che porta il suo nome, un dipendente ed un esperienza pluridecennale - ha lavorato a lungo presso il cantiere ex Alpa di Salvirola - nella realizzazione di barche a vela e lavori in vetroresina. Il mercato non attraversa certo una buona fase, il lavoro in questa fase è calato, ma Paiardi tiene la scena con la grinta di sempre. I motivi di insoddisfazione sono gli stessi rilevati da tutti i suoi colleghi, a partire da certa disattenzione delle istituzioni al sostegno di un comparto che pure fa molto per l economia italiana. «Con i singoli si fa parecchia fatica, per fortuna tra i miei clienti c è una buona rete di villaggi turistici, circoli e scuole di vela: in Italia, Grecia, Spagna, Croazia e Svizzera. Con loro si lavora ancora in modo soddisfacente. Per quanto riguarda il Salone, è chiaro che a Genova bisogna esserci; anche se i risultati, ovviamente, si vedono solo in un secondo tempo. Il mio prodotto di punta? Qui ho portato la R18, versione riammodernata dell ex Alpa 5,50. Un modello di grande affidabilità, con scafo inaffondabile». Come la passionaccia che Paiardi mette - da sempre - nel suo lavoro. Fase difficile, ma a Genova non si rinuncia. E intanto... Yacht 2000: dopo due mesi di cassa ora la ripresa sembra a portatadi mano Per ora si tratta solo di una ragionevole speranza, ma potrebbe trasformarsi in realtà nel giro di qualche settimana. Dopo due mesi di blocco della produzione di barche a vela (con 15 dipendenti costretti alla cassa integrazione a zero ore), punta a riprendere l attività la Yacht 2000 di Salvirola, che nonostante la fase di difficoltà non ha voluto mancare all appuntamento con il Salone di Genova. «Sta maturando una situazione che autorizza un cauto ottimismo per la soluzione dei nostri problemi, essenzialmente di liquidità», spiega Gianluigi Deori (nella foto), uno dei quattro soci. «In fiera il calo di visitatori si è visto, i costi a carico degli espositori sono molto alti...insomma i problemi non mancano». E il bicchiere mezzo pieno? Tra chi varca i cancelli del Salone, «è molto aumentata la percentuale di persone realmente interessate; poi qui i contatti non si fanno attendere, e abbiamo avuto la soddisfazione di essere cercati e visitati da chi ci conosce». Segno che la reputazione è solida, il lavoro sin qui svolto di grande qualità; e superare il momento buio è possibile. Come recita lo stesso motto della Yacht 2000: dream becomes true, il sogno diventa realtà. Forse basta crederci fino in fondo. 23

24 PrimoPiano Esteri di Massimo Schettino Afghanistan dieci anni dopo Report: rischio successo talebano dopo il ritiro Nell anniversario dell inizio della guerra Obama rivendica: più vicini che mai a sconfiggere al Qaida. Ma gli integralisti: la vittoria è nostra, gli Usa se ne vanno In Afghanistan, a dieci anni dall inizio della guerra (7 ottobre 2001) e circa tre prima del previsto ritiro delle truppe occidentali, un rapporto commissionato dal governo britannico prevede un «rischio significativo» di guerra civile e lo spettro di una vittoria dei talebani nel sud e nell est del Paese quando il ritiro sarà completo. «La vittoria è con noi», ha del resto proclamato nei giorni scorsi un portavoce dei talebani, Zabihullah Mujahid, commentando il decimo anniversario e ribadendo che combatteranno fino a quando tutte le forze straniere si saranno ritirate dal Paese. La ricerca di Londra commissionata dal premier David Cameron la scorsa estate con la previsione di pubblicarne i risultati a metà novembre, è stata anticipata nelle linee generali nei giorni scorsi dal quotidiano Guardian. E il quadro tracciato è abbastanza scoraggiante: il rinforzo (surge) di uomini voluto lo scorso anno da Barack Obama, scrive il Guardian, ha in parte riconquistato i territori che i talebani si erano ripresi negli ultimi anni, ma a prezzo di un pesante sacrificio di vite umane. Con la partenza delle truppe occidentali questo «progresso faticosamente raggiunto» potrebbe essere vanificato da una guerra civile «multidimensionale» fra varie fazioni ribelli, milizie, gruppi tribali e regionali, alimentata dalle potenze confinanti, interessate a guadagnare influenza sullo scacchiere afghano. Uno scenario alternativo (o complementare) prospettato dal rapporto britannico è quello della «talebanizzazione» della «cintura Pashtun», cioè di quell area di tribale di etnia pashtun (quella che esprime i talebani) a cavallo fra Afghanistan e Pakistan, da Kandahar fino a Quetta, capace di destabilizzare ulteriormente il già debole stato pachistano. Nel migliore dei casi, prevedono gli esperti, l Afghanistan dopo il 2014 si presenterà come uno stato fragile, con sacche di violenza cronica e una minaccia terrori- Manifestazione a Londra per protestare contro l intervento in Afghanistan (Ansa) 24

25 Il corpo di un marine americano ucciso nella provincia di Helmand rientra in patria in una bara avvolta dalla bandiera (LaPresse) stica per il Regno Unito e l Occidente invariata rispetto a quella attuale. Chi ostenta ottimismo è il presidente americano Barack Obama che il giorno del decimo anniversario ha rivendicato: gli Stati Uniti sono «più vicini che mai a sconfiggere al Qaida e la sua rete di morte». Nello stesso giorno, da Kabul, i talebani hanno affermato che «la vittoria divina» è con loro e che gli Usa invece «riflettono sul loro ritiro». In un messaggio in occasione dell anniversario, Obama ha reso omaggio «alla memoria di patrioti americani e dei numerosi partner della coalizione e afghani che si sono sacrificati» nel corso della guerra, avviata «contro al Qaida e i suoi protettori talebani in Afghanistan» dieci anni fa, «in risposta agli attentati dell 11 Settembre». Ora, ha detto ancora, «dopo un difficile decennio, stiamo per mettere fine in modo responsabile alle guerre (in Afghanistan e Iraq) in una posizione di forza». Entro il 2011, gli Usa prevedono di ritirare 10mila soldati dall Afghanistan, e altri 23mila entro l estate prossima. Entro il 2014, la responsabilità della sicurezza dovrebbe essere totalmente nelle mani delle forze di sicurezza locali. Ma intanto il numero di civili uccisi nei primi sei mesi del 2011 è il più alto sin dalla caduta del governo dei talebani nel E secondo un rapporto di varie ong riunite sotto il cappello di Acbar, anche se in dieci anni sono stati aperti cliniche, scuole e ospedali, sono pochissime le persone che possono permetterseli, mancano medicine, libri di testo, medici e dottori con esperienza e la qualità del servizio è molto bassa. Uccisioni senza processo, polemiche Usa, droni contestati: creano un precedente La goccia che ha fatto traboccare il vaso è stata l eliminazione a settembre di Anwar al Awlaki, colonnello di al Qaida, colpito in Yemen da un drone della Cia. Per la prima volta un cittadino americano (Awlaki era nato e cresciuto negli Usa, in New Mexico) viene ucciso grazie all uso dei micidiali aerei senza pilota su cui l amministrazione Obama ha puntato per combattere il terrorismo: dall Afghanistan al Pakistan, dall Iraq allo Yemen. È proprio questa strategia adottata da Casa Bianca, Pentagono e Cia che ora finisce nel mirino sia di molti osservatori ed esperti di cose militari preoccupati per una scelta che presto, quando gli Usa non avranno più il monopolio dei droni, potrebbe ritorcersi contro il Paese sia di tutte le più importanti associazioni di difesa dei diritti civili, per le quali Washington mette in discussione il ruolo delle leggi e della stessa a stessa Costituzione americana. «Il problema è che si sta creando una norma internazionale», spiega sul New York Times Dennis Gormley, ricercatore all università di Pittsburgh e autore del saggio «Missile Contagion». Norma che si basa sul principio abbracciato dall amministrazione Obama per cui gli Stati Uniti possono inviare oltre confine droni armati per uccidere tutti coloro che sono considerati nemici e una minaccia per la sicurezza del Paese: anche se si tratta di cittadini americani. E anche se nessun processo li ha condannati per alcunchè. La Casa Bianca nega che si tratti di una nuova dottrina. Anche se fonti dell amministrazione informano che solo in Pakistan gli attacchi con i Predator o i Reapers della Cia sono già oltre Dietro l uccisione di Awlaki c è anche un documento segreto nel quale l Amministrazione Usa si sforza di giustificare dal punto di vista legale l azione: se una persona lavora per portare un attacco all America può essere eliminata, anche se l uccisione non avviene durante il temuto attacco. Ma questo sottolineano molti osservatori va palesemente contro il quarto e quinto emendamento della Costituzione, in particolare lì dove si dice che nessun cittadino americano può essere privato della vita senza giusto processo. La preoccupazione principale degli esperti, però, è un altra. Il monopolio americano su queste tecnologie sta finendo. Al Pentagono trapela come queste siano oramai diventate il primo obiettivo dei servizi segreti di mezzo mondo. E presto Paesi come Israele, Cina, Russia, India saranno in grado di realizzare anche loro droni armati per combattere il terrorismo: in Palestina o in Libano, in Tibet o in Kazakhstan, in Cecenia o in Kashmir. E a tracciare la strada, a creare una norma internazionale accusano i critici sarà stata proprio l amministrazione Obama. 25

26 LA FOTO della settimana PAKISTAN, 9 OTTOBRE 2011 La rifugiata afghana Lubna Neematuallah porta in braccio suo fratello Arman in una baraccopoli nei dintorni di Islamabad (LaPresse/Muhammed Muheisen)

27 Dal Mondo La prima volta? A Dio non frega nulla Pastore nella bufera Un pastore sui generis, per la Chiesa evangelica tedesca. Ha provato a vendere l acqua benedetta. Ha sostenuto, con due fidanzati, che Dio «se ne sbatte» della «prima volta». E una volta ha dato del «farabutto» al Padre Eterno, in una conversazione. Sono i tre «peccati» che costeranno un procedimento disciplinare a Juergen Fliege, un pastore evangelico in pensione, noto in tv in Germania. «Dio e la Chiesa non se ne fregano un c.. della prima volta», avrebbe detto Fliege in un incontro prematrimoniale. Non è il solo episodio per il quale il religioso è finito nei guai: per un periodo avrebbe anche sponsorizzato un acqua cui aveva dato il suo nome in grado di dare «forza e consolazione» a chi l avesse usata. La Chiesa evangelica gli ha ovviamente fatto notare che la «benedizione non si vende». Roba da cattolici, per così dire. Strage di sciamani Sindaco amazzonico ne ha uccisi 14 Negli ultimi 20 mesi, il sindaco di Balsapuerto, località amazzonica, ha presumibilmente ucciso «a colpi di fucile o machete, ascia e perfino lapidandoli o sgozzandoli almeno 14 sciamani dell etnia shawi». Lo ha detto il vice ministro per i rapporti inteculturali, Vicente Otta. Roger Rummil, un esperto in problemi amazzonici, ha precisato che il sindaco e suo fratello, «spinti da fanatismo religioso» in quanto convertiti al fondamentalismo protestante, hanno ucciso gli sciamani che curavano i membri dell etnia shavi. Il sindaco ha accusato gli sciamani di «stregoneria», decidendone l eliminazione. PRIMO PIANO ESTERI La strada è una miniera Londra, a caccia di minerali preziosi fra le polveri raccolte dagli spazzini Caccia alle terre rare dove meno te lo aspetti: sulle strade di Londra. Che non saranno pavimentate d oro ma sono ricoperte di platino. E di palladio. E di rodio. Tra mozziconi di sigarette, lattine, involucri di gomme americane e scatole di hamburger sono nascoste minutissime particelle di alcuni dei più preziosi minerali del mondo. C è da arricchirsi come ai tempi della Corsa all oro in California, questo è almeno quanto hanno pensato i manager di Veolia. La società di smaltimento dei rifiuti che ha l appalto della pulizia della capitale ha messo in cantiere un progetto pilota per estrarre palladio dalle decine di migliaia di tonnnellate di polveri fini recuperate ogni anno dalle strade e dai marciapiedi delle città britanniche. Il palladio, con un valore da 15 sterline a grammo, è usato nei cellulari, computer, otturazioni dentali e in gioielleria come parte della lega dell oro bianco. È anche un componente essenziale delle marmitte catalitiche delle auto per trasformare idrocarburi e biossido di carbonio in emissioni innocue. Platino e rodio hanno le stesse capacità: minuscole quantità di ciascun minerale entrano nell atmosfera con le emissioni pulite e si sedimentano sulle strade. Circa 300 tonnellate di palladio sono estratti ogni anno per lo più in siti come Sud Africa, Russia e Zimbabwe: due terzi vengono usato nei convertitori catalitici. Se lo schema pilota sul primo minerale avrà successo, il prossimo anno Veolia passerà a cercare di estrarre altri minerali rari dai rifiuti. «Abbiamo messo insieme due tecnologie: il lavaggio del marciapiede convenzionale che rimuove plastica, vetro e metallo e una tecnica con cui rimuoviamo il palladio dalle polveri fini che rimangono dopo che abbiamo lavato il terreno», ha detto al Sunday Times Richard Kirkman, responsabile per le nuove tecnologie di Veolia. Al cui avviso «i minerali preziosi sono presenti solo in tracce, ma sono comunque di grande valore». Un nuovo impianto è stato costruito vicino a Rugby nelle West Midlands: passerà al Minatori al lavoro in Sud Africa Sotto: uno spazzino al lavoro a Londra setaccio 30mila tonnellate di materiale spazzato ogni anno dalle strade consentendo il riciclaggio del 90 per cento del materiale. Pietre, vetro e plastica vengono rimossi prima che grandi magneti estraggano ferro e acciaio. Sono poi recuperate le lattine di alluminio mentre cinghie di trasmissione vibranti separeranno i frammenti di plastica più minuti, rametti e sabbia. Il materiale restante sarà mescolato all acqua e setacciato mentre «spugne intelligenti» provvederanno a rimuovere gli oli. Veolia ha stimato un bottino di 5 chili di metallo, pari a 80mila sterline ai prezzi attuali. 27

28 Speciale Pandino a cura di PubliA Autunno in fiera Il borgo è in festa Tre giorni di musica folclore gusto cultura Domani alle il taglio del nastro della manifestazione ospitata in centro Dopo le anticipazioni della sagra della frazione di Gradella di domenica scorsa, da oggi entra nel vivo Autunno in Fiera, la tre giorni di eventi che occuperà il borgo sino a lunedì. Come ogni anno il programma è molto ricco e l intero paese viene coinvolto in una manifestazione che propone appuntamenti musicali, folclore, gusto, arte e cultura, oltre agli spazi dedicati alle aziende, all artigianato e alle tradizionali bancarelle. Oggi pomeriggio il programma si aprirà con lo sport. La palestra di via Bovis ospiterà la seconda edizione del memorial di basket Franco Formis e Nando Nosotti. Sul campo alle 16,30 le under 14 di Abc basket e Vanoli Cremona e alle 18,30 i quintetti under 17 di Abc basket e Pallacanestro Settimo Milanese. Stasera alle 21,15 in parrocchiale si svolgerà il concerto d organo per il restauro del Serassi. A suonare il prezioso strumento, risalente alla seconda metà del XVIII secolo, sarà il professor Giancarlo Parodi. Domani alle 10,45 si terrà l inaugurazione della fiera con la sfilata per le vie cittadine delle autorità e la partecipazione del corpo bandistico di Pandino e del club majoretters. Le stesse formazioni si esibiranno poi alle 11,15 nell arena interna del castello. Un quarto d ora dopo, in biblioteca, si terrà la presenta- 28

29 zione dei servizi on-line e si darà il via alle nuove postazioni multimediali a disposizione degli utenti. Il tutto in collaborazione con il Lions club Gera d Adda Viscontea di Pandino. Alle 11,45, sempre in biblioteca, sarà illustrato il programma Un caldo inverno di cultura con le iniziative previste per la stagione, in collaborazione con Linee Infinite Edizioni e Informamusica. Lo spazio dedicato ai libri sarà ancora protagonista alle 16 con la presentazione del libro Al civico 6, in collaborazione con Todaro Editore. Per tutta la giornata nella corte interna del castello ci saranno gli stand del Club dei borghi più belli d Italia, dell associazione di gemellaggio Pandino-Saint Denis en Val, della banda del paese e del club majorettes. Inoltre si potrà trovare lo spazio profumi e sapori Alla corte di Regina e Bernabò: una tavola gastronomica e dello speziale. Ci sarà anche la visita guidata al castello, in occasione della recente apertura di cinque nuove sale: questi gli orari: 11,15, 14,30 e 18. I costi: fino ai 6 anni gratuito, dai 6 ai 18 1 euro a persona, dai 18 anni in su 3 euro. La scuola Casearia organizzerà uno stand con i formaggi di propria produzione. Non mancherà la Pro loco. Nella sala degli Affreschi spazio all area dimostrativa di giochi da tavolo a cura de La tana dei Goblin. Nel centro storico ci saranno le associazioni del territorio, tra via Umberto e via Castello, il motoclub, il mercatino e il luna park. RIPRODUZIONE RISERVATA AUTOSALONE VENDITA E ASSISTENZA AUTOVETTURE E FUORISTRADA VASTA SCELTA USATO CON GARANZIA PANDINO (CR) - Via Milano, 53 Telefono Fax

30 Speciale Pandino Una sagra contro la crisi economica Marazzi: «14mila euro per le due fiere Fondamentale il volontariato dei membri di associazioni e realtà no profit del paese» La crisi economica non ferma i promotori della tradizionale sagra d Autunno. Costringe però a valutare nuove forme di organizzazione che consentano di sviluppare comunque la fiera garantendone il futuro. L assessore al Commercio Alessio Marazzi (nel riquadro a sinistra) spiega come, negli ultimi anni, il Comune si sia mosso su questa strada. «Come tutti sanno Pandino ha due appuntamenti fieristici durante l anno: il primo è a marzo e il secondo cade proprio in questi giorni. Tra i due eventi c è una sostanziale differenza, sulla quale noi stiamo lavorando da tempo con l obiettivo di differenziare il più possibile la portata delle manifestazioni. Autunno in fiera è sicuramente la sagra tradizionale del paese, mentre l appuntamento di fine inverno interessa più da vicino l economia e la re- 30

31 altà produttiva locale e del territorio. Da qui la maggior concentrazione, in questi giorni, di eventi e manifestazioni culturali, che spaziano dallo sport alla presentazione di libri, dalla cucina alle classiche bancarelle. In entrambi i casi diventa fondamentale riuscire ad ottimizzare le risorse da investire, vista la difficile situazione economica». I soldi che l amministrazione destina alle manifestazioni fieristiche sono risicati: «Come Comune il budget totale per le due fiere è sceso negli anni a 14mila euro conferma Marazzi. Si capisce bene che si tratta di una cifra irrisoria, rispetto alla mole di lavoro e di eventi che vengono proposti. Diventa così fondamentale il lavoro volontario dei tanti pandinesi membri di associazioni e realtà no profit e l impegno e l abnegazione di tutti i dipendenti comunali. Questi ultimi, nonostante le loro incombenze quotidiane siano altre, non si tirano certo indietro nel prestarsi all organizzazione. Il venir meno delle risorse pubbliche ci sta anche spronando a ripensare l organizzazione di queste manifestazioni in un ottica più moderna. Privilegiamo le collaborazioni utilizzando strumenti diversi, ridefinendo aree e spazi e dedicando settori della fiera a tematiche specifiche. La nuova fase è più evidente nell appuntamento di marzo, dove, ad esempio, abbiamo creato un area per prodotti e aziende biologiche che viene sviluppata in maniera indipendente da questi soggetti terzi, senza gravare sul nostro budget risicato». Quest anno la sagra d autunno presenta alcune particolarità: «Innanzitutto continua l assessore essendo noi tornati proprietari del castello, dopo il trasferimento del convitto della Casearia nella nuova struttura, possiamo aprire nuove sale ai visitatori e diamo l opportunità di provare che cosa era il gusto e quali erano i profumi della cucina dei Visconti nel XIV secolo, quando venne costruito il nostro maniero. Avremo importanti novità in biblioteca con l inaugurazione delle nuove postazioni multimediali e la presentazione del volume Al civico 6 di Regina. Non mancheranno le iniziative di tradizione che mettono in risalto le realtà associative di Pandino e consentono ad associazioni ed enti di farsi conoscere ai tanti visitatori che intervengono alla nostra sagra autunnale». RIPRODUZIONE RISERVATA 31

32 Arte di Mariagrazia Teschi Toulouse-Lautrec La Parigi della Belle Epoque Magnani Rocca. Uno sguardo impietoso sui protagonisti di un epoca d oro, l influenza del japonisme e i confronti con gli impressionisti e con Picasso Una mostra su Henri de Toulouse-Lautrec mancava in Italia da parecchi anni. Un vuoto colmato ora dalla Fondazione Magnani Rocca che, fino all 11 dicembre nella sua sede di Mamiano di Traversetolo in provincia di Parma, propone una originale riflessione sul celebre artista francese. Una parte della produzione dell aristocratico Toulouse-Lautrec (Albi Malromé 1901), si sviluppa come è noto sulla scia del japonisme, ovvero l ispirazione all arte giapponese; è nell ambito delle sue celeberrime affiches, presenti in mostra nell intero corpus, che la rielaborazione dei temi e del linearismo grafico giapponese si esprime più evidentemente: dai profili degli uomini in cilindro, alle ombre nere alle spalle del soggetto, alla silhouette senza testa della cantante Yvette Guilbert nel notissimo Divan Japonais. I suoi manifesti, capolavori d arte e documenti di un epoca, conquistarono il pubblico. Ma sono tutti i suoi personaggi, colti nei caffè-concerto di Montmartre, nelle sale da ballo, nei postriboli, nel celebre Moulin Rouge, nei circhi, nei teatri, raccontati con caustica e rutilante malinconia, che ritroviamo nella mostra. Accanto al corpus delle affiches, la mostra propone una serie di confronti di particolare suggestione: sono accostati i dipinti di figura di Lautrec a quelli di paesaggio degli impressionisti Monet e Renoir, oltre a Cézanne conservate nella collezione permanente della Magnani Rocca, viene ricreato il clima di frizzante competizione che Lautrec ingaggia con Bonnard nell accaparrarsi le commesse pubblicitarie nella Parigi della Belle Époque, viene mostrata l influenza che Picasso riceve da lui in occasione dei primi soggiorni parigini. L arte di Lautrec nella Parigi di fine Ottocento non si allinea con quella degli impressionisti che di pochi anni lo avevano preceduto e ancora stavano lavorando in Francia; la sua pittura infatti non rivela interesse per il paesaggio e Il celeberrimo Divan Japonais e La fille per la luce, mentre esprime un fascino fortissimo per la figura umana. La tipologia dei soggetti rappresentati è la più varia: ballerine, habituès dei cafès, borghesi goderecci, prostitute e masse di derelitti che vivono ai margini della società, un umanità che anche Picasso, nel suo soggiorno parigino, rappresenterà proprio nel momento del commiato di Lautrec morto trentasettenne come Raffaello, Parmigianino, Watteau, Van Gogh da quel mondo e dalla vita. Catalogo Mazzotta, info /848148, RISERVATO ALLE AZIENDE Quando serve una comunicazione più diretta e personalizzata è il momento di poter contare su una struttura professionale di Telemarketing Promozioni commerciali Informazioni dirette ai clienti Comunicazione e ricordo di eventi commerciali Convegni e Meeting Per informazioni più dettagliate telefonare allo La nuova linea di servizi dinamici offerta alle aziende Cremona, Largo Paolo Sarpi, 19 - Tel Crema, Via Cavour, 53 - Tel Casalmaggiore, Via Pozzi, 15 - Tel

33 CREMONA EX SALA BORSA DI VIA SOLFERINO Cremona, acquerelli e dintorni con il Gruppo Artistico Schizzi di Tè. Oggi ultimo giorno. CIRCOLO CULTURALE IL TRIANGOLO vicolo Stella - Piero Pizzi Cannella, un artista della Nuova Scuola Romana, fino al 30 novembre. CREMONABOOKS largo Boccaccino Personale di Ulisse Gualtieri, fino al 20/10. STUDIO D ARTE LA SALETTA corso Mazzini 55 - I colori dei frutti, espongono Beniamino Ciccottelli e Adriano Artoni. PARROCCHIA DI SANT AMBROGIO Artisti cremonesi del secondo Novecento. Fino al 23 ottobre. Inaugurazione oggi sabato 15 ottobre alle 17. CRAC LICEO ARTISTICO MUNARI via XI Febbraio - Natasa Korosec: Paper Boat. Progetto itinerante/stazioni, fino al 10 novembre. GALLERIA PIKIDI ARTE via D. Chiesa/v. Cappelletti (dietro Palazzo Cittanova) - Oggetto: poesia. Mostra personale di Cristina Tomedi con la partecipazione di Anna Pozzali. Orario feriali 18-20, festivi Computer-grafic 70 Traversoni da Spazio Arte Alla Galleria Immagini Spazio Arte (via Beltrami 9) si è inaugurata una originale personale del giovane artista Nicola Traversoni, dal titolo Insert coin / immagini da vivere come un videogioco. Curata da Gianluigi Guarneri e Luca Tavani, la rassegna propone un nutrito gruppo di opere della computer-grafic degli anni 70, rivisitate e ricomposte in colte stratificazioni digitali. L artista opera come un archeologo digitale ricuperando i simboli bidimensionali dei primi videogiochi, creando un neo collage concettuale tra la memoria umana e quella virtuale. Insert Coin è la trasposizione di un percorso tra passato ciberntico e un futuro informatico ancora ignoto, dove il concetto di figurazione classica viene fortemente modificato pur mantenendo le medesime valenze espressive. Nicola Traversoni riscopre il suo passato da fruitore di videogiochi, creando una trasposizione tra la realtà, appena sintetizzata e i simboli informatici del vissuto. Affiora una realtà priva di figura umana, immobile e silente, animata apparentemente dai semplici ed inquietanti mainframe universali.(d.c.) GALLERIA IMMAGINI SPAZIO ARTE via Beltrami - Insert coin /immagini da vivere come un videogioco, personale di Nicola Traversoni. CAFFE IN PIAZZA piazza Stradivari - Cartoline dalla Toscana, foto di Agnese e Raffaele Maggi. Al 28/10. MUSEO LAURETANO DI S. ABBONDIO Ogni seconda domenica del mese aperto dalle 15,30 alle 18,30. Possibilità di visite guidate. SALA EX BORSINO via Solferino - Cremona: acquerelli e dintorni. Fino al 15 ottobre, dalle 17 alle 19. CASALMAGGIORE MUSEO DIOTTI via Formis, 17 - La collezione Pietro Mortara di Canneto sull Oglio. Orari martedì-venerdì 9-12,30, sabato e festivi SONCINO MUSEO DELLA STAMPA CASA STAMPATORI Misure, incisioni di Valentina Persico. Fino al 23/10. CREMA TEATRO SAN DOMENICO via Verdelli - Le storie di Geremia. Marco Sudati. Fino al 16 ottobre. ISOLA DOVARESE ORATORIO DI SAN GIUSEPPE Pistoja e il suo tempo: un protagonista indiscusso. Mostra storico-documentaria in occasione dei 150 anni dell Unità. Fino al 30/10, orari sabato e domenica SAN ZENO NAVIGLIO (BS) TUTTOLIBRI Personale di Giovanni Conti, fino al 28/10. RIVA DEL GARDA MAG-MUSEO ALTO GARDA NELLA ROCCA Il lago nel nell estate del 1910 in 202 scatti di Alessandro Oppi. Al 30/10. LE MOSTRE LE MOSTRE h Arte del 900 a S. Ambrogio Inaugurazione oggi alle 17 Una mostra quest anno particolarmente affascinante e importante, dedicata a quegli artisti cremonesi del Novecento che hanno lasciato tracce significative in città. Si inaugura oggi (sabato 15 ottobre) alle 17 presso la sala polivalente della parrocchia di Sant Ambrogio la mostra organizzata dal circolo Acli G. P. Conca. Si tratta del momento clou del tradizionale Ottobre culturale. Le opere esposte provengono da collezione private per ricordare coloro che, dagli anni 40 in poi, con la loro arte hanno dato lustro a Cremona. Tra questi figurano pittori e scultori la cui notorietà ha valicato le Alpi. Si potranno ammirare opere di: Carlo Acerbi, Renato Annoni, Francesco Arata, Alfeo Argentieri, Giacomo Balestreri, Ernesto Baroschi, Ugo Benini, Alessandro Bernardi, Mario Biazzi, Dario Bolzoni, Renzo Botti, Sergio Bozuffi, Mario Busini, Sereno Cordani, Emilio Duranti, Giorgio Facciocchi, Pietro Foglia, F. Gibelli, G. Grassi, Andrea Inzani, Pietro Marcotti, Giovanni Misani, Giovanni Missorini, Francesco Monti, Egisto Naponi, Giovanni Negroni, Virgilio Nolli, Luciano Pedroni, Ernesto Piroli, Luigi Riboldi, Piero Riccardi, R. Salanti, Ettore Signori, Giuseppe Tomè, Carlo Vittori. 33

34 g LE MOSTRE Onyango Kenya, mondo coloratissimo Inaugura oggi (sabato 15 ottobre alle ore 16) una mostra da non perdere: Cremona For Kenya, Caritas e Acli sono riusciti ad allestire nella sala Alabardieri del Comune di Cremona una selezione di opere del pittore kenyota Richard Onyango. L autore è nato negli altopiani occidentali del Kenya, vicino al lago Victoria. Da bambino, con la famiglia, si trasferì nelle regioni costiere, iniziando qui a far sedimentare l immaginario che più tardi esploderà coloratissimo nelle sue tele. Onyango è infatti il pittore dello sviluppo industriale africano. Camion, trattori, ruspe, aerei divengono elementi che punteggiano grandi cieli e terre sterminate popolate da una umanità varia. «Per mantenere impresse le immagini nella mente ho dovuto disegnarle visto che non avevo una macchina fotografica per registrarle nella mia memoria», ha spiegato l artista cercando di spiegare da un punto di vista biografico la genesi della propria arte. Tecnologia, umanità e un rapporto spesso ambivalente disegnano costantemente un mondo sull orlo della catastrofe. Innumerevoli le sue mostre tenute in Italia fra gli anni Novanta e Duemila. La mostra è aperta da martedì a sabato dalle ore alle 19. La domenica invece dalle 10 alle 18. L ingresso è libero. 34 BERGAMO GALLERIA MANZONI via san Tomaso 66, Da Mirò a Warhol, il segno grafico, fino al 28 ottobre. CASTELL ARQUATO (PC) PALAZZO DEL PODESTA Frammenti e tracce, mostra personale di Rino Valido. Fino al 31 ottobre. PIACENZA GALLERIA ROSSO TIZIANO via Taverna 41 - In cammino, dipinti di Daniela Righi. Fino al 15/10. BRESCIA GALLERIA AGNELLINI ARTE MODERNA Georges Mathieu , inaugurazione oggi 15 ottobre alle 18,30. Fino ad aprile MAMIANO DI TRAVERSETOLO (PR) FONDAZIONE MAGNANI ROCCA - Toulouse-Lautrec e la Parigi della Belle Époque. Dal 10 settembre all 11/12. MILANO PINACOTECA DI BRERA - Brera mai vista - Renato Guttuso, fino all 11/12. PAC- PADIGLIONE DI ARTE CONTEMPORANEA Silvio Wolf, sulla soglia, fino al 6 novembre. ROTONDA DI VIA BESANA e FABBRICA DEL VAPORE Anish Kapoor. Fino a gennaio FONDAZIONE STELLINE Opere dalla collezione Alessandro Grassi: pittura europea dagli anni 80 a oggi. Fino al 13 gennaio. MUSEO DIOCESANO Oro dai Visconti agli Sforza. Smalti e oreficeria nel Ducato di Milano. Fino al 29/1/2012. PAVIA SCUDERIE DEL CASTELLO VISCONTEO Degas, Lautrec, Zandò: les folies de Montmartre. Fino al 18 dicembre. Lanostra storia di Fulvio Stumpo Fu scambiato per un brigante Oggi cerimonia di intitolazione di una via a Dosimo Il carabiniere ucciso per sbaglio Pietro Guerra morto nel 1861 Qui sopra: il tratto della Via Brescia dove morì Pietro Guerra In alto: la chiesa di Bettenesco in cui venne eseguita l autopsia Nel riquadro a destra: la via che sarà intitolata al carabiniere

35 La curiosità dei due sindaci e dei due negozianti arrivò un anno dopo la trage- L assoluzione dia. Il processo fu gestito dalla Pretura di Casalbuttano, che ai tempi era competente per il territorio circostante, in sinergia col tribunale di Cremona. E la sentenza della Pretura venne confermata anche dalla Corte d appello a Milano. Caddero, dunque, le accuse dei quattro passeggeri della carrozza, che però furono costretti a versare due lire al giorno alla madre del giovane carabiniere rimasto ucciso, finché la donna fosse rimasta in vita. La decisione fu dettata dal fatto che Pietro Guerra rappresentava l unica fonte di sostentamento per la mamma. Il processo, ovviamente, fu preceduto da una serie di indagini, a partire dall autopsia sul corpo del militare, effettuata nell oratorio della chiesetta di Bettenesco. L esame rivelò che il carabiniere fu colpito tra il torace e l avambraccio sinistro da 56 pallini sparati da un fucile da caccia, che gli causarono il decesso pressoché istantaneo. Il carabiniere Pietro Guerra è morto nel 1861 per un tragico equivoco, ucciso sulla via Brescia a Bettenesco dai colpi di fucile sparati da una carrozza con a bordo due sindaci della zona e due commercianti di Cremona, traditi dall oscurità della notte e convinti che i militari fossero dei briganti pronti ad assalirli e a saccheggiarli. Stamattina il Comune il Persico Dosimo, per onorare la memoria del militare, gli intitolerà una via nella nuova zona residenziale di Dosimo, nei pressi del campo da calcio. La cerimonia comincerà alle 10 e vi parteciperanno autorità politiche e militari. Poi la folla si sposterà presso le scuole elementari dove il vice sindaco Fabrizio Superti, appassionato di storia locale, racconterà il tragico episodio che ha portato alla morte di Guerra. E stato proprio Superti, infatti, a ricostruire la storia della drammatica vicenda, avvenuta nella notte tra il 14 e il 15 agosto del Guerra era un carabiniere di 23 anni, originario di Barghe, un Comune della Valle Sabbia, in provincia di Brescia. La notte del dramma stava pattugliando a piedi la via Brescia insieme ad altri quattro militari della compagnia di Cremona, perché in quel periodo erano frequenti gli assalti alle carrozze di passaggio da parte di banditi assetati di soldi e oggetti di valore. Al confine tra l allora Comune di Bettenesco e quello di Pozzaglio, nei pressi della cascina Cà de Co, il gruppo di militari incrociò la carrozza con a bordo il sindaco di Quistro Gaetano Cadolini, quello di Castelnuovo Gherardi Giu- di Manfredi Paolo Rivenditore autorizzato seppe Guarneri e due negozianti di tessuti di Cremona. I carabinieri, secondo la ricostruzione di Superti, credettero che sulla carrozza ci fossero dei briganti, e viceversa i passeggeri si convinsero che il gruppo di militari fossero dei ladri. Il buio giocò un ruolo fondamentale, e probabilmente influì anche la difficoltà nella comunicazione legata al fatto che i carabinieri parlavano i loro dialetti e non quello cremonese. La cosa certa è che ne scaturì un cruento conflitto a fuoco che costò la vita al giovane carabiniere bresciano, morto nell anno dell Unità d Italia ma per motivi che col Risorgimento non avevano nulla a che fare. I sindaci e i commercianti erano armati proprio per difendersi in caso di assalto da parte dei briganti, che fra l altro, sempre stando agli studi di Superti, avevano assalito una carrozza sulla via Brescia proprio due ore prima del tragico episodio. Guerra fu l unica vittima del conflitto a fuoco, gli altri quattro militari non rimasero nemmeno feriti. «Non si sa con precisione chi sparò il colpo mortale spiega Superti perché i passeggeri della carrozza erano tutti armati. E dopo il processo furono tutti assolti». Simone Biazzi ferramenta colori fai da te tende da sole e per interni stufe a legna S. Giovanni in Croce (Cr) Via Matteotti, 34 tel. / fax

36 Musica di Roberto Codazzi Lirica per il Touring In S. Maria Maddalena Cremona. Domani sera alle 21 si tiene il concerto del Ponchielli-Vertova con l organista Bottini a favore della bella chiesa di via XI Febbraio Linguaggi espressivi a confronto domani (domenica 16 ottobre) alle 21 nella chiesa di Santa Maria Maddalena a Cremona, dove si terrà il concerto di chiusura dell attività 2011 dei Volontari del Touring Club Italiano per il Patrimonio Culturale sponsorizzato da Cassa Padana. Nell occasione verrà inaugurata la nuova illuminazione del quadro di Luca Cattapane realizzata grazie alla collaborazione di Ermes Villa Luci e con il contributo di Banca Cremonese. L ingresso è libero. Alla ribalta il Coro lirico Ponchielli-Vertova diretto da Patrizia Bernelich e l organista Paolo Bottini, il quale suonerà il pregevole organo Arturo Pedrini 1969 già appartenente alla collezione di strumenti di Gianfranco Carutti e recentemente donato dalle figlie dell indimenticato imprenditore-mecenate all Istituto Superiore di Studi Musicale Claudio Monteverdi. Sono già alcuni anni che la sezione cremonese del Touring il console onorario è Carla Spotti si occupa della Sulle note Scuola di musica di Sergnano Da oggi aperte le iscrizioni Oggi (sabato 15 ottobre) dalle ore 9.30 alle ore presso la Scuola media P. Levi di Sergnano si ricevono le iscrizioni ai corsi della Scuola di musica. Le lezioni individuali, in coppia o in gruppo, sono rivolte a bambini, ragazzi, giovani e adulti e partiranno nella seconda metà di ottobre. L iniziativa è a cura dell Associazione Culturale Musica sempre in collaborazione con la Scuola di Musica C. Monteverdi di Crema. Tel Ponchielli, la Concertistica è in fase di abbonamento Sino a venerdì 21 ottobre sarà possibile per gli ex abbonati alla Stagione concertistica 2010/11 esercitare il diritto di prelazione per la Stagione 2011/12 del Teatro Ponchielli di Cremona. I nuovi abbonamenti potranno essere sottoscritti da sabato 22 ottobre a venerdì 4 novembre. I biglietti per i singoli concerti verranno messi in vendita a partire da sabato 5 novembre. La Stagione si aprirà il 26 novembre. Info. tel /02. Note d organo a Fiorenzuola con Margherita Gianola Per la rassegna Antichi organi, questa sera (sabato 15 ottobre) alle ore 21 nella Collegiata di Fiorenzuola d Arda si tiene il concerto dell organista Margherita Gianola e della Corale Città di Fiorenzuola diretta da Fabrizio Cassi. Margherita Gianola è l organista titolare della basilica del Frari a Venezia. E direttore artistico del progetto Una Chiesa che si racconta per il quale organizza un ciclo di concerti nelle chiese veneziane. 36

37 I CD PIÙ VENDUTI Ben quattro le novità questa settimana in classifica, a partire dal primo posto, dove Marco Mengoni, idolo dei giovanissimi, si insedia con il nuovo album di inediti Solo 2.0. Al quinto posto si colloca un mito del rock, i Pink Floyd, con la versione rimasterizzata di un album storico del 1973, The Dark Side Of The Moon. Il quindicesimo album degli Stadio, Diamanti e caramelle, figura al settimo posto, mentre all ottavo c è Marco Masini con Niente di importante, un bel ritorno per il cantautore toscano che negli anni Novanta ha vissuto un momento di grandissima popolarità. A CREMONA 1 Marco Mengoni Solo 2.0 Rca Label/ Sony 20,50 2 Emma Sarò libera Universal/ Universal Music 20,50 3 Giorgia Dietro le apparenze Dischi di C./ Sony 20,50 4 Adele 21 Xl Recordings/ Self 20,50 5 Pink Floyd The Dark Side Of The Moon Emi Mktg/ Emi 20,50 6 Modà Viva i romantici Ultrasuoni/ Ultrasuoni 20,50 7 Stadio Diamanti e caramelle Capitol/Emi 20,50 8 Marco Masini Niente di importante Edel Local/ Edel 20,50 Red Hot Chili 9 Peppers I M With You Warner Bros/ Wmi 20,50 10 Jovanotti Ora Universal/ Universal Music 20,50 Il Coro lirico Ponchielli-Vertova diretto da Patrizia Bernelich specializzato nell esecuzione del grande repertorio operistico ottocentesco Nella pagina a fianco: l organista cremonese Paolo Bottini salvaguardia della bella chiesa di via XI Febbraio, non conosciutissima dai cremonesi ma scrigno di opere d arte di notevole valore. Con la complicità della musica, pian piano la cittadinanza ha imparato a frequentare questo luogo. Il programma del concerto prevede pagine di Verdi, Ponchielli, Puccini e Rossini, oltre alla Marcia reale di Nabuccodonosor dall oratorio In Israele di Federico Caudana. Il Coro lirico Ponchielli-Vertova nasce nel 1989 dalla fusione delle due corali Ottorino Vertova ed Amilcare Ponchielli e nel pieno rispetto della sua denominazione persegue, quale scopo principale, lo studio e l esecuzione di brani d opera, contribuendo a mantenere viva la tradizione operistica italiana. Ciò ha consentito lo sviluppo di un vasto repertorio, continuamente arricchito dallo studio di nuovi brani dei massimi autori e di opere liriche complete rappresentate sia in forma di spettacolo sia in forma di concerto. Il Coro, che attualmente si compone di circa 70 elementi, svolge principalmente la propria attività in ambito regionale ma è pronto, come già avvenuto, a toccare mete più lontane e prestigiose. Dal marzo 2004 con l inizio della nuova direzione di Patrizia Bernelich, il Coro amplia sempre più le proprie conoscenze e ottiene rilevanti successi in prestigiosi concerti con solisti importanti. Tra questi il concerto con il soprano Dimitra Theodossiou al teatro Ponchielli nel novembre 2006 e quello con il basso Michele Pertusi al teatro Verdi di Busseto nell aprile RIPRODUZIONE RISERVATA Phil Holland suona a Milano per il Capodanno celtico In occasione del Capodanno celtico, il 28 ottobre alle 21 al Castello Sforzesco si terrà una grande kermesse musicale alla quale partecipa, tra gli altri, la cantante e pluristrumentista Phil Holland, musicista britannica che per parecchi anni è vissuta in provincia di Cremona. La violinista e arpista suonerà in duo con il chitarrista inglese Dave Palmey, con cui ha già realizzato alcuni cd con composizioni originali di sapore celtico. Il Duo delle meraviglie suona a Turano Lodigiano Nell ambito del festival promosso dai Solisti Laudensi, domani (domenica 16 ottobre) alle ore 17 nella fastosa cornice di Palazzo Calderari, a Turano Lodigiano, si terrà il concerto del Duo Merveille. In programma musiche di Haendel, Tartini, Ysaye e Pleyel. L ensemble I Solisti Laudensi ha da poco festeggiato il 40 di attività, essendo nato nel 1970 quale progetto per valorizzare la musica dei secoli XVIII e XIX su strumenti dell epoca. La Fanfara dei Bersaglieri oggi in trasferta in Austria La Fanfara Provinciale Bersaglieri di Cremona Maggior Pietro Triboldi, diretta da Marco Nolli, a seguito dell invito ricevuto dalla Croce Nera austriaca, presenzierà alla manifestazione commemorativa internazionale che si terrà oggi (sabato 15 ottobre) al cimitero militare internazionale di Innsbruck Amras. Ad Amras si trova il più grande cimitero militare dell Austria occidentale, ove sono sepolte più di salme di caduti italiani. 37

38

39 Risotto al taleggio con pere noci e finferli Incucina di Tullio Vincenzi INGREDIENTI (per 4 persone) 320 g di riso superfino Cornaroli (o Arborio), 200 g di taleggio, 200 g di finferli, 1 pera, 4 gherigli di noci, 1 piccola cipolla, 1 rametto di rosmarino, 1 litro circa di brodo vegetale, 4 cucchiai di grana grattugiato, vino bianco secco, 80 g di burro, sale, pepe PREPARAZIONE Sbucciate la cipolla, tritatela finemente e fatela appassire dolcemente in casseruola con 30 grammi di burro. Unite il riso, fatelo insaporire mescolandolo al condimento, bagnate con una spruzzata di vino e fatelo evaporare completamente. Aggiungete due mestoli di brodo bollente e proseguite la cottura per 15 minuti circa, aggiungendo man mano il brodo necessario. Tagliate il taleggio a cubetti e tritate grossolanamente le noci. Pulite i funghi e fateli saltare in padella con 30 grammi di burro e una spolverizzata di rosmarino per tre minuti. A fine cottura salateli leggermente, pepateli e teneteli in caldo. Sbucciate la pera, tagliatela a fettine e aggiungetela al risotto insieme alle noci e al taleggio e mescolate bene. Proseguite la cottura per i pochi minuti rimasti, togliete dal fuoco e mantecate il risotto con il burro rimasto e il grana grattugiato. Distribuite il risotto in quattro piatti ben riscaldati, aggiungete i finferli e servite subito. Il vino Pelaverga di Verduno Parliamo di Piemonte nella settimana che precede il grande evento Langa a Cremona e lo facciamo prendendo spunto da questa piacevolissima ricetta, molto in tema con la stagione autunnale, per proporre un rosso molto originale, il Pelaverga di Verduno dei F.lli Alessandria. Siamo in piena Langa, nel piccolo Comune di Verduno, nome di derivazione celtica indicante una fertile località collinare vicina a Pollenzo e ad Alba, già abitata in epoca romana. Qui è terra di barolo e i F.lli Alessandria ne sono fedeli interpreti, ma non poteva mancare il vino esclusivo di Verduno, appunto il Pelaverga, divenuto Doc solo da 15 anni. Questo vino unico, si produce esclusivamente dal raro vitigno autoctono Pelaverga Piccolo. Che sia particolare, lo si intuisce sin dal colore, ma ciò che più affascina è l inconfondibile sentore speziato, di pepe in particolare, ecco perché l azienda lo ha chiamato Speziale. Nel passato questa uva veniva impiantata insieme alla Barbera e al Nebbiolo e solo a partire dagli anni settanta i viticoltori cuneesi hanno cominciato a coltivarlo e vinificarlo in purezza per ottenere questo vino particolare con odore intenso e fruttato. La lavorazione avviene in modo semplice e il vino matura solo in acciaio: è immediato, accattivante, molto piacevole e lega bene con la nota caratteristica dei funghi finferli, molto decisi e determinanti nell insieme di un risotto in cui la pera invece apporta una personalità più morbida seppur con una nota di freschezza. Molto bene anche una giovane Barbera e, perché no, anche un bianco di una certa eleganza, come un Roero Arneis. Patrizia Signorini 39

40 Ristoranti di Vittoriano Zanolli Tre Spade cremonesi e affilate La famiglia Zametta riapre lo storico locale La pagella 40 CUCINA 21/30 CANTINA 18/30 SERVIZIO 14/20 LOCALE 14/20 PREZZO MEDIO 30 euro Tutti i sapori e i profumi della cucina cremonese: alla trattoria Tre Spade di via Buoso da Dovara si è sempre masticato nostrano. Ora, dopo una lunga chiusura, il locale è tornato a dispensare i piatti tipici del territorio grazie a una nuova gestione che ha scelto di operare in continuità con una tradizione più che consolidata. A rilevare la storica trattoria, lo scorso febbraio, è stata la famiglia Zametta papà Silvano, mamma Laura e il figlio Cristiano, che ha riacceso i fornelli del Tre Spade per reinterpretare la Cremona culinaria in un elogio alla campagna e ai suoi prodotti. Una sfida tutt altro che scontata, considerando la congiuntura critica nel contesto di un settore quello della ristorazione locale saturo, se non addirittura inflazionato. «Nella mia vita lavorativa mi sono sempre occupato di tutt altro svela Silvano, che si muove in cucina al fianco di Cristiano. Ma è da quarant anni che faccio da mangiare per gli amici e, così, anziché andare in pensione, mi sono messo in testa di trasformare la mia grande passione in professione». L esperienza maturata tra le mura domestiche, applicata con grande impegno, si traduce nel sapore casalingo e genuino di piatti che parlano un cremonese verace. «Qui facciamo tutto in casa, dalla a alla z spiega nuovamente Silvano. Ogni giorno ci piace rimboccarci le maniche per offrire ai nostri clienti un assaggio di autentica Cremona». Oltre la soglia, sormontata dall antica insegna in ferro battuto, i gusti e i profumi vanno a braccetto con un atmosfera completamente rinnovata rispetto alla passata gestione che sprigiona un calore rustico. Il legno degli arredi (bellissimo l espositore dei vini al centro della sala), le fotografie di Tognazzi e di Mina, le suppellettili agresti: tutto parla di un amore incondizionato per la terra cremonese. Una volta messi i piedi sotto il tavolo, sulla tovaglia compare un sacchetto di carta ricolmo di pane di pasta dura e di crostini gustosamente caserecci. E solo il primo atto di un rito che sa di familiarità. Il menu non può che aprirsi con una selezione di salumi quantomai classica. D obbligo nell elenco dei primi, il posto d onore riservato ai marubini: il brodo è leggero, il ripieno saporito. Un altra ricetta da aggiungere alla lista delle innumerevoli variazioni sul tema della pasta che è gloria di Cremona. Fra i primi che omaggiano il territorio zuppa, di fagioli e culaccia (vecchia ricetta delle nonne), tortelli di zucca, tortelli di castagne, riis verze e pistum, trippa, crespella alla spalla di San Secondo; e poi, guardando oltre i confini locali, tortelli in carbonara di zucchine e arancini di riso al sugo di tonno. L offerta dei secondi rispetta il copio- Lo staff della trattoria Tre Spade: Laura Ghisolfi, Silvano Zametta e Cristiano Zametta Sotto: tre diversi angoli del locale di Cremona

41 Nome Trattoria Tre Spade Indirizzo via Buoso da Dovara, 4 - Cremona tel Caratteristiche Trattoria tipica Chiusura Mercoledì sera e domenica Patron Cristiano Zametta LA SCHEDA ne alla perfezione, tant è vero che molte delle portate parlano dialetto: magunséen trifulàat, uselìin scapàat alla cremonese, el pucìin de la nona; e ancora petto d anatra con castagne al miele d acacia, bolliti misti con salsa verde, lumache e spinaci, lo spezzatino della nonna Linda, i peperoni ripieni della zia Enrica, brasato con polenta, grigliata di carni su pietra ollare, oltre ad una più internazionale tagliata di roast beef brasiliano. Gli amanti dei dolci hanno di che gioire: fra crostate e dessert alle creme, spicca la torta ciucca, antica ricetta dei primi del Novecento da alcuni conosciuta come torta amùur che richiede una preparazione di 48 ore. La cantina propone l essenziale per accompagnare una cena semplice, ma meriterebbe di essere aggiornata: oltre ai vini dei dintorni (quelli piacentini e del Garda in primis), non manca comunque una selezione di etichette di respiro nazionale. La trattoria Tre Spade offre anche un ricchissimo menu di lavoro al prezzo di 12 euro. E per chi cerca un luogo confortevole per il pernottamento, il locale svela la sua veste di locanda con cinque camere (al piano superiore) dotate di riscaldamento a pavimento, condizionatore e televisore al plasma. «E presto saremo aperti anche di domenica» annuncia Silvano. (provato l 8 ottobre 2011) RIPRODUZIONE RISERVATA 41

42 Atavola di Isabella Radaelli Questionario Proust Il D O di Davide Oldani Lo chef Davide Oldani Il questionario di Proust era un gioco di società in voga nei salotti del XIX secolo, una specie di antenato dei test della personalità fatti per divertimento. Marcel Proust non l'ha inventato, lo ha solo reso celebre partecipando al gioco. Qui lo proponiamo in versione enogastronomica. Classe 1967, Davide Oldani, ex.calciatore di C2, rinuncia a giocare dopo un infortunio che gli costa tibia e perone e si butta nell altra sua grande passione: la cucina. Frequenta la scuola alberghiera Carlo Porta di Milano e, finito di studiare, comincia subito a lavorare da Gualtiero Marchesi diventando il suo allievo prediletto. Ma Marchesi non è il suo unico maestro: Oldani si forma anche da Albert Roux al Gavroche di Londra, da Alain Ducasse al Louis XV di Montecarlo e da Pierre Hermé pasticciere parigino famoso per i macarons. Ottiene la sua prima stella Michelin al ristorante Giannino di Milano. Dopo queste esperienze, ritorna a Cornaredo, dove acquista una vecchia trattoria che ristruttura in maniera semplice. Il ristorante si chiama D O che sembrano le iniziali del suo nome, ma che in realtà in giapponese significa via, tradotto da Davide in via giusta. Il successo non tarda ad arrivare. Oldani porta sul mercato l unica cosa che davvero mancava: l alta cucina accessibile a tutti. Una cucina popolare, insomma. Pop, per l appunto. E il suo segreto è intendere l arte dei fornelli come un gioco di squadra. Il cuoco pop preferisce i piatti poveri della tradizione, puntando molto sull accostamento tra dolce e salato e prediligendo il baccalà, le seppie e il guanciale di bue piuttosto che l astice e il filetto. Il suo piatto più famoso è la cipolla caramellata, servita sia come antipasto che come dessert a scelta del cliente. Il tratto principale del suo carattere? «Duro». La qualità che preferisce in un collega? «Onestà». E in una collega? «Onestà». Quello che apprezza di più nei tuoi clienti? «Chiarezza nel giudizi». Il suo principale difetto? «Dedicare poco tempo a me stesso». Il piatto per il quale vorrebbe essere ricordato? «Cipolla caramellata, grana caldo e freddo». L'ingrediente preferito in cucina? «Spezie in generale». E quello che proprio non sopporta? «Tutti gli ingredienti cucinati fuori stagione». L'incontro che le ha cambiato la vita? «La vita dipende dalla costanza del quotidiano». Il suo piatto preferito da cucinare? «Ogni cosa (carne, pesce, frutta e verdura)». Il suo piatto preferito da mangiare? «Riso». La cosa che proprio non mangia? «Cavallo». Lo chef che ammira di più? «Tutti i miei maestri: Alain Ducasse, Albert Roux, Gualtiero Marchesi e Pierre Hermé». Un libro di cucina da cui prendere spunti? «Escoffier 1860». Se non facesse lo chef? «Sicuramente avrei scelto un lavoro artigianale». Il suo sogno nel cassetto? «Crescere e far crescere la mia squadra con me» La colonna sonora per una cena speciale? «Sicuramente una canzone di Ligabue». Un viaggio enogastronomico: dove? «Parigi». Il sapore o il profumo in grado di evocare ricordi della sua infanzia? «Torta di pane e cacao». Il suo motto? «Sognare con i piedi per terra, pensare a ieri e vivere sul pezzo oggi». 42 VIA A. PORZIO, 124 CASALMAGGIORE (CR) Cell VENDITA AL PUBBLICO DI PRODOTTI DERIVATI DALL'APICOLTURA Ampia scelta di varieta' di miele Caramelle Tisane Polline Propoli Pappareale Candele a base di cera d'api Saponi Creme naturali al miele e non solo ATTREZZATURA APISTICA PRODOTTI PER LA SALUTE DELL'ALVEARE

43 Straordinaria vendemmia La vite più antica in Alto Adige Ed è la più grande del mondo A Castel Katzenzungen, a Prissiano, in Alto Adige, è stata raccolta la Versoaln dal 2006 sotto il patrocinio dei Giardini di Sissi a Merano e del Centro di Sperimentazione Agraria e Forestale Laimburg Una fase della vendemmia Si è conclusa a Castel Katzenzungen a Prissiano, in Alto Adige, la vendemmia del Versoaln, la vite più grande e quasi certamente più antica al mondo, dal 2006 sotto il patrocinio dei Giardini di Sissi a Merano e del Centro di Sperimentazione Agraria e Forestale Laimburg. E stata una grande festa quella che ha accompagnato la vendemmia del Versoaln, la vite più grande e quasi certamente più antica del mondo. Il sorprendente evento ha coinvolto un nutrito gruppo di persone che, a Castel Katzenzungen a Prissiano, hanno raccolto i piccoli e preziosi grappoli maturi prodotti dall'eccezionale vigna. Quest anno è stata un ottima annata: la quantità e la qualità del raccolto è stata buona, con un contenuto zuccherino di 17 gradi barbour scarsi. Il vino prodotto dal Versoaln è un vino bianco, leggermente fruttato con una struttura delicata e dalla spiccata acidità. L uva raccolta, circa 300 chili, viene lavorata dalla Cantina del Centro Sperimentale Laimburg, centro di competenza scientifica nell ambito dell agricoltura e della viticoltura in Alto Adige, e un piccolo numero di bottiglie di vino prodotte può essere acquistato presso Castel Katzenzungen. Il vino Versoaln è proposto anche in degustazione ai visitatori che aderiscono al pacchetto turistico Giardini & Vino (info su un pacchetto unico che, tramite la vite, patrimonio storico e culturale, approfondisce molti aspetti legati al vino, dalla storia della viticultura di 3000 anni all aspetto organolettico e multisensoriale. E sicuramente un monumento storico di grande interesse quello che si trova davanti il visitatore a Castel Katzenzungen, una vite che cresce a ridosso di un muro su terreno porfirico alluvionale con più di 350 anni alle spalle e 300 metri quadrati di superficie. L età di questo esemplare è stata stabilita scientificamente nel 2004, un età simile è stata attribuita finora soltanto alla vite che cresce a Maribor in Slovenia. Varie sono le supposizioni sulle origini del nome Versoaln, l antico vitigno originario della Val Venosta. La versione più accreditata fa riferimento alla posizione delle vigne, di solito situate in posti difficili da coltivare, che costringeva i contadini a trasportare le uve vendemmiate in cesti trattenuti da corde. La parola dialettale versoaln infatti significa assicurare il raccolto e trasportarlo per mezzo di corde. OSTERIA DI MURADOLO VENERDÌ 14, SABATO 15 E DOMENICA 16 OTTOBRE È GRADITA LA PRENOTAZIONE Osteria di Muradolo Via Papa Giovanni XXIII, 33 CAORSO (PC) Tel LA RASSEGNA DEDICATA AI FUNGHI PORCINI CONTINUA PER TUTTI I FINE SETTIMANA DI OTTOBRE INSALATA DI FUNGHI PORCINI GRATIN DI FUNGHI PORCINI TAGLIATELLE CON FUNGHI PORCINI FUNGHI AL FORNO DOLCE DELLA CASA VINO E ACQUA 29 EURO TUTTO COMPRESO 43

44 Atavola di Tullio Vincenzi L Enoteca Cremona e 7 ristoranti coinvolti di città e provincia Obiettivo è un percorso per far conoscere i produttori di Langa che utilizzano la tradizionale bottiglia Nel febbraio del 2012 grande wine tasting Strada del gusto & Albeisa Il progetto parte il 21 ottobre Il 21 ottobre parte il progetto che vede insieme la Strada del Gusto Cremonese e l Albeisa, l associazione che riunisce gli storici produttori di Langa che utilizzano la bottiglia tradizionale detta Albeisa. Il progetto è realmente una strada ideale che parte dal presupposto di coinvolgere tutti i soggetti in un percorso dedicato alla conoscenza e al gusto. L obiettivo finale sarà il grande Wine Tasting che nel febbraio 2012 porterà a Cremona tutti i produttori dell'albeisa, in una giornata dedicata ai vini ma anche ai prodotti tipici della Langa e della terra cremonese che metterà i territori e le varie realtà produttive al centro dell attenzione sia del pubblico dei professionisti che dei privati consumatori con degustazioni guidate all'interno della Sala Borsa della Camera di Commercio di Cremona. Prologo di questo evento è la serata del 21 ottobre prossimo. I Vini di Langa a Cremona ore 18.30: Presentazione ufficiale dell evento, incontro con tutti i produttori e piccolo aperitivo presso l Enoteca Cremona - Ingresso senza prenotazione euro 10 Dalle ore 20.30: prenotazione necessaria I grandi vini di Langa - Dolcetto, Barbera, Barolo, Barbaresco e Roero - verranno presentati in esclusiva nei seguenti locali: 1. Osteria del Melograno (Cremona) 2. Osteria La Sosta (Cremona) Mzza 3. Locanda il poeta contadino (Casalbuttano) 4. Osteria de l umbreleer (Cicognolo) 5. Trattoria il gabbiano (Corte de Cortesi) 6. Osteria dell Olmo (Olmeneta) 7. Trattoria il mappamondo (Vescovato). «Siamo o norati di far parte di questo Il logo della manifestazione che comincia il 21 ottobre a Cremona gruppo di lavoro e di avere ispirato" questo progetto: tutti ci stiamo impegnando per creare opportunità concrete di conoscenza, incontro, gusto, relazioni economiche interessanti per il territorio cremonese» commenta Patrizia Signorini, titolare dell Enoteca Cremona. 44

Trekking di più giorni

Trekking di più giorni SEZIONE DI MORTARA Trekking di più giorni Cosa portare nello zaino Escursioni di più giorni Per i trekking il discorso peso diventa ancora più importante delle escursioni di un giorno o due. Portare sulle

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958)

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958) NOTIZIARIO PARROCCHIALE Anno XC - N 8 dicembre 2012 - L Angelo in Famiglia Pubbl. mens. - Sped. abb. post. 50% Bergamo Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela di Kristiina Salmela Gole di Fara San Martino (CH) Hei! Ciao! Sono un bel TONTTU - uno gnometto mezzo finlandese mezzo abruzzese, e mi chiamo Cristian alias Rikke. Più di sei anni fa sono nato nel Paese

Dettagli

Hotel Parco dei Principi Lungomare Zara - Giulianova (TE) - Tel. 085 8008935 - Fax 085 8008773 www.giulianovaparcodeiprincipi.it -

Hotel Parco dei Principi Lungomare Zara - Giulianova (TE) - Tel. 085 8008935 - Fax 085 8008773 www.giulianovaparcodeiprincipi.it - Hotel Parco dei Principi Lungomare Zara - Giulianova (TE) - Tel. 085 8008935 - Fax 085 8008773 www.giulianovaparcodeiprincipi.it - info@giulianovaparcodeiprincipi.it La Vostra Vacanza Benvenuti La Famiglia

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

Dov eri e cosa facevi?

Dov eri e cosa facevi? Funzioni comunicative Produzione libera 15 marzo 2012 Livello B1 Dov eri e cosa facevi? Funzioni comunicative Descrivere, attraverso l uso dell imperfetto, azioni passate in corso di svolgimento. Materiale

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore Sac. Don Giuseppe Pignataro L oratorio: centro del suo cuore L'anima del suo apostolato di sacerdote fu l'oratorio: soprattutto negli anni di Resina, a Villa Favorita per circa un decennio, dal 1957 al

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può!

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! Pag. 1/3 Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! (Articolo tratto da ALCER n 153 edizione 2010) Conoscere posti nuovi, nuove culture e relazionarsi con persone di altri paesi, di altre città

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

EVENTI! LABORATORI! ESCURSIONI!

EVENTI! LABORATORI! ESCURSIONI! ESTATE 2015 EVENTI LABORATORI ESCURSIONI Con il patrocinio di: In collaborazione con www.sopraesottoilmare.net ESTATE 2015 UNA PROPOSTA INNOVATIVA SOPRA E SOTTO IL MARE PROPONE UN ATTIVITA UNICA IN ITALIA

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

PIAN DELLE BETULLE - L'ultimo Paradiso

PIAN DELLE BETULLE - L'ultimo Paradiso PIAN DELLE BETULLE - L'ultimo Paradiso L'ULTIMO PARADISO Lasciarsi alle spalle la vita caotica della città a partire alla volta di località tranquille, senza rumori nel completo relax sentendosi in paradiso,

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

NOVITÀ ASSOLUTA NEL PANORAMA DEL TURISMO SCOLASTICO SICILIANO, IN COLLABORAZIONE CON LA SCUOLA DELLA GIOIA- FAVOLANDIA

NOVITÀ ASSOLUTA NEL PANORAMA DEL TURISMO SCOLASTICO SICILIANO, IN COLLABORAZIONE CON LA SCUOLA DELLA GIOIA- FAVOLANDIA Il Museo Diocesano di Catania desidera, anche quest anno, proseguire con le scuole l impegno e la ricerca educativa con particolare attenzione ai Beni Culturali, Artistici e Ambientali. L alleanza fra

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

VENICE-SIMPLON ORIENT-EXPRESS

VENICE-SIMPLON ORIENT-EXPRESS : VENICE-SIMPLON ORIENT-EXPRESS Un Viaggio indimenticabile attraverso la Storia Venice-Simplon Orient-Express è il treno più famoso del mondo, con una storia ultracentenaria che nasce nel 1864 e prosegue

Dettagli

IL RIMARIO IL RICALCO

IL RIMARIO IL RICALCO Preparare un rimario: IL RIMARIO - gli alunni, a coppie o singolarmente, scrivono su un foglio alcune parole con una determinata rima; - singolarmente, scelgono uno dei fogli preparati e compongono nonsense

Dettagli

La bellezza è la perfezione del tutto

La bellezza è la perfezione del tutto La bellezza è la perfezione del tutto MERANO ALTO ADIGE ITALIA Il generale si piega al particolare. Ai tempi di Goethe errare per terre lontane era per molti tutt altro che scontato. I viandanti erano

Dettagli

"UN VERO EROE NON SI DIMOSTRA DALLA FORZA CHE

UN VERO EROE NON SI DIMOSTRA DALLA FORZA CHE GREST 2015 L estate ormai si avvicina e l Unità Pastorale Madre Teresa di Calcutta, organizza e propone il GrEst (Oratorio estivo), rivolto ai ragazzi delle classi elementari e medie delle nostre parrocchie.

Dettagli

Un workshop eccezionale

Un workshop eccezionale Un posto splendido Ischia, l isola bella nel Golfo di Napoli, nata da un vulcano. Al sud dell Isola si trova un albergo in mezzo alla natura, 200 m sopra il mare, in un giardino romantico con le palme,

Dettagli

Stabile la movimentazione passeggeri via traghetto negli scali considerati attesa a fine 2015 (+0,32% sul 2014).

Stabile la movimentazione passeggeri via traghetto negli scali considerati attesa a fine 2015 (+0,32% sul 2014). COMUNICATO STAMPA ADRIATIC SEA FORUM: al via oggi a Dubrovnik la seconda edizione di Adriatic Sea Forum cruise, ferry, sail & yacht, evento internazionale itinerante dedicato ai settori del turismo via

Dettagli

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia Scuola Primaria Istituto Casa San Giuseppe Suore Vocazioniste Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar Classe IV Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia È il 19 febbraio 2011

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Il traino olimpico porta il Piemonte sopra al tetto dei 10 milioni di presenze

COMUNICATO STAMPA. Il traino olimpico porta il Piemonte sopra al tetto dei 10 milioni di presenze COMUNICATO STAMPA Torino, 23 maggio 2006 Il traino olimpico porta il Piemonte sopra al tetto dei 10 milioni di presenze Il turismo in Piemonte continua a crescere. Nel 2005 gli arrivi di turisti che hanno

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

FEBBIO SUMMER CAMP - Estate 2015 UNA SETTIMANA DI DIVERTIMENTO IMMERSI NELLA NATURA!

FEBBIO SUMMER CAMP - Estate 2015 UNA SETTIMANA DI DIVERTIMENTO IMMERSI NELLA NATURA! FEBBIO SUMMER CAMP - Estate 2015 UNA SETTIMANA DI DIVERTIMENTO IMMERSI NELLA NATURA! Febbio (1200-2063 m.) Comune di Villa Minozzo, alle pendici del Monte Cusna; località inserita nel meraviglioso contesto

Dettagli

L attività più diffusa a livello mondiale è quella di inviare e ricevere SMS.

L attività più diffusa a livello mondiale è quella di inviare e ricevere SMS. SMS: usali per raggiungere i tuoi contatti... con un click! Guida pratica all utilizzo degli sms pubblicitari L attività più diffusa a livello mondiale è quella di inviare e ricevere SMS. 2 SMS: usali

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

Informazioni per gli spettatori

Informazioni per gli spettatori Informazioni per gli spettatori Fondazione Arena di Verona si riserva il diritto di apportare alla programmazione annunciata variazioni di data, orario e/o programma che si rendano necessarie. L acquisto

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI MATEMATICA Scuola Primaria Classe Quinta Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore g Dimore di La o Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore Dimore di Lago Dimore di Lago, terzo volume storico della Collana

Dettagli

lanzo torinese Gran Fondo Internazionale del Punt del Diau - 25 km (D+ 1450) 4 ottobre 2014 prova A PRENDERmi gara femminile - 1 a EDIZIONE

lanzo torinese Gran Fondo Internazionale del Punt del Diau - 25 km (D+ 1450) 4 ottobre 2014 prova A PRENDERmi gara femminile - 1 a EDIZIONE lanzo torinese Gran Fondo Internazionale del Punt del Diau - 25 km (D+ 1450) 4 ottobre 2014 prova A PRENDERmi gara femminile - 1 a EDIZIONE l originale www.casadelcammino.it for SI RINGRAZIANO IN MODO

Dettagli

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA EDUCARE OGGI/9 A CURA DI ANNA TERESA Borrelli PREFAZIONE DI MATTEO Truffelli Amare e far AMARE GESÙ CONTRIBUTI DI: Marco Ghiazza Luca Marcelli Paolo e Rita Seghedoni Marcello Semeraro Lucio Soravito De

Dettagli

LA STORIA DEL VECCHIO F di Patrizia Toia

LA STORIA DEL VECCHIO F di Patrizia Toia Patrizia Toia Patrizia Toia (born on 17 March 1950 in Pogliano Milanese) is an Italian politician and Member of the European Parliament for North-West with the Margherita Party, part of the Alliance of

Dettagli

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa L ITALIA E IL TURISMO INTERNAZIONALE NEL Risultati e tendenze per incoming e outgoing Venezia, 11 aprile 2006 I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE Caratteristiche e comportamento di spesa Valeria Minghetti CISET

Dettagli

TECO 13 Il Tavolo per la crescita

TECO 13 Il Tavolo per la crescita Componenti TECO 13 Il Tavolo per la crescita Assiot, Assofluid e Anie Automazione, in rappresentanza di un macro-settore che in Italia vale quasi 40 miliardi di euro, hanno deciso di fare un percorso comune

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi come Anno scolastico 2012-2013 Classe 2 a D 1 Istituto Comprensivo G. Mazzini Erice Trentapiedi Dirigente Scolastico: Filippo De Vincenzi Ideato e realizzato

Dettagli

Nuova edizione della Guida all Import-Export del Tessile-Abbigliamento-Moda

Nuova edizione della Guida all Import-Export del Tessile-Abbigliamento-Moda COMUNICATO STAMPA Nuova edizione della Guida all Import-Export del Tessile-Abbigliamento-Moda Al convegno L Italian Style nei paesi emergenti: mito o realtà? - Russia, India e Cina - presentata la quarta

Dettagli

ISERNIA. Il ponte ferroviario

ISERNIA. Il ponte ferroviario ISERNIA Caparbia, questo sembra Isernia: quanta determinazione dev essere costato far arrivare il treno nella parte alta della città, quanta opera di convincimento per ottenere un viadotto così grandioso

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

INFORMAZIONI VALIDE PER TUTTI I VIAGGI

INFORMAZIONI VALIDE PER TUTTI I VIAGGI INFORMAZIONI VALIDE PER TUTTI I VIAGGI Ogni programma è preceduto da una testatina contenente, in forma sintetica, le informazioni relative al viaggio. Lo spazio a disposizione nella scheda è limitato

Dettagli

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO La riorganizzazione dell ospedale dev essere affrontata in Consiglio In Consiglio comunale si parlerà ancora di riorganizzazione ospedaliera.

Dettagli

I numeri che si ottengono successivamente sono 98-2 = 96 4 = 92 8 = 84 16 = 68 32 = 36 e ci si ferma perché non possibile togliere 64

I numeri che si ottengono successivamente sono 98-2 = 96 4 = 92 8 = 84 16 = 68 32 = 36 e ci si ferma perché non possibile togliere 64 Problemini e indovinelli 2 Le palline da tennis In uno scatolone ci sono dei tubi che contengono ciascuno 4 palline da tennis.approfittando di una offerta speciale puoi acquistare 4 tubi spendendo 20.

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE.

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE. 1 SE UNA SORPRESA VOLETE TROVARE ATTENTAMENTE DOVETE CERCARE. VOI ALLA FINE SARETE PREMIATI CON DEI GOLOSI DOLCINI INCARTATI. SE ALLE DOMANDE RISPONDERETE E NON CADRETE IN TUTTI I TRANELLI, SE TROVERETE

Dettagli

Gran Fondo PUNT DEL DIAU

Gran Fondo PUNT DEL DIAU LANZO TORINESE - SABATO 04 OTTOBRE 2014 Gran Fondo PUNT DEL DIAU REGOLAMENTO LA GARA GRAN FONDO DI CORSA IN MONTAGNA PUNT DEL DIAU avrà una lunghezza di circa km.25 e un dislivello positivo di circa 1450

Dettagli

CONCERTO/ SPETTACOLO MUSICALE SULLA GRANDE GUERRA

CONCERTO/ SPETTACOLO MUSICALE SULLA GRANDE GUERRA CORO VALCAVASIA Cavaso del Tomba (TV) CONCERTO/ SPETTACOLO MUSICALE SULLA GRANDE GUERRA chi siamo Il progetto sulla grande guerra repertorio discografia recapiti, contatti Chi siamo Il coro Valcavasia

Dettagli

Elaidon Web Solutions

Elaidon Web Solutions Elaidon Web Solutions Realizzazione siti web e pubblicità sui motori di ricerca Consulente Lorenzo Stefano Piscioli Via Siena, 6 21040 Gerenzano (VA) Telefono +39 02 96 48 10 35 elaidonwebsolutions@gmail.com

Dettagli

1. Lo sport mens sana in corpore sano

1. Lo sport mens sana in corpore sano 1. Lo sport mens sana in corpore sano Mens sana in corpore sano è latino e vuol dire che lo sport non fa bene soltanto al corpo ma anche alla mente. E già ai tempi dei romani si apprezzavano le attività

Dettagli

Come è fatto un giornale?

Come è fatto un giornale? Come è fatto un giornale? 1. Com'è fatto un giornale? 2. Per iniziare o la testata è il titolo del giornale. o le manchette (manichette) sono dei box pubblicitari che le stanno al lato 3. La prima pagina

Dettagli

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) Savignano SI FEST 2014 a cura di Italo Zannier di Io sono una forza della natura.. Io sono una forza del Passato. Solo nella tradizione

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

Che cosa fai di solito?

Che cosa fai di solito? Che cosa fai di solito? 2 1 Ascolta la canzone La mia giornata, ritaglia e incolla al posto giusto le immagini di pagina 125. 10 dieci Edizioni Edilingua unità 1 2 Leggi. lindylindy@forte.it ciao Cara

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

L ASCENSORE. Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. COS È L ANACAM. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore.

L ASCENSORE. Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. COS È L ANACAM. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore. L ASCENSORE Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore. Cosa fare? Cosa non fare? Questo pieghevole è offerto dal vostro ascensorista

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

in evidenza 2013-2014

in evidenza 2013-2014 in evidenza 2013-2014 Liberty of the Seas, la nave più incredibile del Mediterraneo A inaugurare gli imbarchi da Napoli sarà Liberty of the Seas, una nave straordinaria in partenza per la prima volta dall

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE

MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE 66 Bologna, 11 febbraio 2015 MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE Per dare feste non serve sempre un motivo. Ma quelle di Meglio Così, il ciclo di eventi che si terrà a Bologna tra febbraio

Dettagli

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update MERCATO MONDIALE DEI BENI DI LUSSO: TERZO ANNO CONSECUTIVO DI CRESCITA A DUE CIFRE. SUPERATI I 200 MILIARDI DI EURO NEL 2012 Il mercato del

Dettagli

Flame of Hope maggio 2015

Flame of Hope maggio 2015 Flame of Hope maggio 2015 Cari amici, Quand è che si apprezza maggiormente la vita e si è consapevoli di essere vivi e ne siamo grati? Quando quel dono prezioso è minacciato e poi si apprezza la vita il

Dettagli

OSSIGENO. Perché un ennesimo osservatorio

OSSIGENO. Perché un ennesimo osservatorio OSSIGENO Osservatorio Fnsi-Ordine Giornalisti su I CRONISTI SOTTO SCORTA E LE NOTIZIE OSCURATE Perché un ennesimo osservatorio Alberto Spampinato* Il caso dei cronisti italiani minacciati, costretti a

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 INDICE Le tante facce della documentazione Pag.3 Il progetto per lo sviluppo e l apprendimento

Dettagli

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi La Scuola del Cuoio è stata fondata dopo la Seconda Guerra Mondiale grazie alla collaborazione dei Frati Francescani Minori Conventuali della Basilica di Santa Croce e delle famiglie Gori e Casini, artigiani

Dettagli

02. Nomi particolari. Nomi con plurale particolare. Gruppo in -a. Alcuni nomi in -a sono maschili e hanno il plurale in -i.

02. Nomi particolari. Nomi con plurale particolare. Gruppo in -a. Alcuni nomi in -a sono maschili e hanno il plurale in -i. Nomi con plurale particolare Gruppo in -a Alcuni nomi in -a sono maschili e hanno il plurale in -i. poeta (m) poeti problema (m) problemi programma (m) programmi I nomi in -ista sono maschili e femminili.

Dettagli

FAR EAST FILM FESTIVAL 16 Il più grande festivaldel cinema dall Estremo Oriente

FAR EAST FILM FESTIVAL 16 Il più grande festivaldel cinema dall Estremo Oriente FAR EAST FILM FESTIVAL 16 Il più grande festivaldel cinema dall Estremo Oriente un grande evento mondiale una grande festa popolare Che cos è Far east Film Festival? Un grande evento popolare Far East

Dettagli

Frisch. unità 1. 1 Leggi il testo

Frisch. unità 1. 1 Leggi il testo unità 1 1 Leggi il testo Frisch Frisch era un abitudinario, come lo sono del resto quasi tutte le persone della sua età. Ogni mattina nei tre giorni che passava alla villa si alzava puntualmente alle sette

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

Sitorna sul triciclo. da guidare e più sicuri. facili. Scooter a tre ruote. Laprova completa su Corriere.it

Sitorna sul triciclo. da guidare e più sicuri. facili. Scooter a tre ruote. Laprova completa su Corriere.it La Laprova completa su Corriere.it Piaggio MP3 LT 30o IE Sport Quadro 350S e Peugeot Metropolis : 400 tre scooter a tre ruote prova completa. con immagini e commenti è su motori.corriere.it Sitorna sul

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

L impatto della musica nei locali pubblici. L utilizzo della musica è sempre più un aspetto fondamentale per le attività commerciali

L impatto della musica nei locali pubblici. L utilizzo della musica è sempre più un aspetto fondamentale per le attività commerciali L impatto della musica nei locali pubblici L utilizzo della musica è sempre più un aspetto fondamentale per le attività commerciali Le cinque verità 1. Le persone attribuiscono alla musica un enorme importanza.

Dettagli

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte)

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte) La canzone dei colori Rosso rosso il cane che salta il fosso giallo giallo il gallo che va a cavallo blu blu la barca che va su e giù blu blu la barca che va su e giù Arancio arancio il grosso cappello

Dettagli

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO Art. 1 - L, con sede sociale in Villaricca (Napoli), alla

Dettagli

Porto di mare senz'acqua

Porto di mare senz'acqua Settembre 2014 Porto di mare senz'acqua Nella comunità di Piquiá passa un onda di ospiti lunga alcuni mesi Qualcuno se ne è già andato. Altri restano a tempo indeterminato D a qualche tempo a questa parte,

Dettagli

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ====================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia ====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

Dettagli

Bando - Avviso Grand Soleil Cup 30 Aprile 3 Maggio 2015

Bando - Avviso Grand Soleil Cup 30 Aprile 3 Maggio 2015 GRAND SOLEIL CUP CALA GALERA 2015 Bando - Avviso Grand Soleil Cup 30 Aprile 3 Maggio 2015 Il Circolo Nautico e della Vela Argentario, in collaborazione con il Marina Cala Galera, il Cantiere del Pardo,

Dettagli

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio CREDO IN GESÙ CRISTO, IL FIGLIO UNIGENITO DI DIO La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio Incominciamo a sfogliare il Catechismo della Chiesa Cattolica. Ce ne sono tante edizioni. Tra le mani abbiamo

Dettagli

wewelcomeyou fate la vostra scelta

wewelcomeyou fate la vostra scelta wewelcomeyou fate la vostra scelta State cercando la vostra prossima destinazione per l estate? Volete combinare spiagge splendide con gite in montagna e nella natura? Desiderate un atmosfera familiare

Dettagli

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA ANNARITA RUBERTO http://scientificando.splinder.com DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA per i piccoli Straws akimbo by Darwin Bell http://www.flickr.com/photos/darwinbell/313220327/ 1 http://scientificando.splinder.com

Dettagli